Page 6

mondo

La

storia di

Non ci restano che le Storie... a cura di A.D.

Mostafa K.approdato

a

Pinerolo

da

Moahammedia

Da extracomunitario “vu cumprà“ a cittadino pinerolese integrato attraverso le suore della Visitazione Un esempio di integrazione e di accoglienza: «Sono la mia seconda famiglia»

Mostafa K. è il giovane marocchino che in molti hanno incontrato al monastero della Visitazione come ospite e come tuttofare, che le suore hanno adottato quasi come un figlio e venendo considerate da lui come la sua famiglia italiana. Lo abbiamo incontrato per sentire la sua storia di immigrato. Per incominciare, ci racconti di te, della tua terra, della tua provenienza? Provengo da una famiglia di 9 persone: papà, mamma e 7 figli, 2 maschi e 5 femmine, tutti laureati. Io sono il più giovane e ho fatto solo le superiori, specializzandomi come tornitore. Nel mio paese lavoravo insieme a mio padre in una ditta di import-export, poi improvvisamente quando l’azienda è fallita ci siamo trovati in famiglia senza un reddito e così ho deciso di emigrare alla ricerca di lavoro. Dapprima ho tentato la via legale, ma di fronte alle difficoltà burocratiche mi sono arreso e ho ripiegato su quella clandestina.

Da quanti anni sei in Italia e come sei giunto a Pinerolo? Sono partito dal Marocco all’età di 19 anni e sono in Italia ormai da 10 anni. A Pinerolo sono giunto per caso, a forza di girovagare per l’Italia a vendere oggettistica di vario genere come di solito fanno gli extracomunitari per vivere. All’inizio ho dormito in macchina, ho fatto dei lavoretti a giornata e in questo periodo sono stato anche fermato più volte dalla polizia per mancanza di documenti. E poi hai conosciuto le suore della Visitazione. Come è successo? La prima volta sono andato in cerca di aiuto per le mie necessità di sostentamento. Ho parlato con la madre, si è informata della mia situazione e praticamente è nata una simpatia a prima vista: insieme a tutta la comunità si sono prese cura di me. Mi hanno dato anche un alloggetto nella foresteria, io in cambio facevo dei lavoretti di manutenzione. Nel frattempo tramite loro ho conosciuto tante persone, anche titolari di imprese edili, che mi hanno dato occasione di

6

Pineroloindialogo febbraio2014  

N.2 Magazine d'informazione e di cultura locale per il dialogo tra generazioni.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you