Page 1

Il Bangladesh  è  un  paese  poverissimo,  fra  i  più  poveri  al  mondo.   Non  esiste  un  sistema  sanitario  nazionale  e  soltanto  pochissimi  ricchi   possono   sostenere   le   spese   di   un   intervento   chirurgico   in   una   clinica   della  capitale,  Dhaka.   La   St.   Vincent   de   Paul's   Sick   Shelter   &   Clinic   è   un   piccolo   ospedale   interamente   sostenuto   e   reso   funzionante   da   volontari   italiani   e   gestito  dai  padri  Saveriani  e  da  alcune  suore  coreane.   Qui   trovano   la   possibilità   di   essere   operati   gratuitamente   tanti   bambini  affetti  da  labiopalatoschisi  (patologia  molto  diffusa  da  queste   parti),  le  cui  famiglie  non  possono  permettersi  cure  private.   Anche  gli  esiti  di  ustioni,  spesso  devastanti,  sono  molto  frequenti  visto   che   le   donne,   con   i   loro   ingombranti   sahri   e   i   bambini   fra   le   braccia,   cucinano   su   fuochi   di   legna,   accesi   dentro   buche   scavate   nel   terreno   all'interno  delle  abitazioni.   Siamo  a  Mymensing,  nel  nord  del  paese,  quasi  al  confine  con  l'India.   L'ospedale   è   fatto   di   ambienti   spartani,   un   collegio   d'altri   tempi,   con   materiali   d'altri   tempi.   Non   esiste   il   monouso   e,   fatta   eccezione   per   pochissimi   presìdi,   tutto   viene   sterilizzato   e   riusato.   Non   vi   sono   impianti   centralizzati   e   se   finisce   l'ossigeno   in   sala   operatoria   qualcuno  deve  correre  a  cambiare  la  bombola.   E'  una  strana  immagine  di  povertà,  dignitosa  tanto  nell'abbigliamento   quanto   nei   modi   di   fare   e   nei   costumi.   Non   vi   è   lo   squallore   che   si   ritrova  spesso  nella  povertà  che  affligge  le  metropoli  occidentali;  è  una   povertà  "antica".  

st-vincent-de-pauls-sick-shelter-clinic