Issuu on Google+

le a i c Spe zioni Ele XVII

Periodico d’Informazione e Cultura di Città S. Angelo e di Elice

C/0534/2010 rilasciata in data 02/11/2010

1

Si deve vincere Giovanni Legnini capolista alla Camera di Gabriele Florindi - Sindaco di Città Sant’Angelo

Giovanni Legnini è l’Abruzzo. Sindaco della sua città, Roccamontepiano, dal 1990 al 2002, in seguito presidente del consiglio comunale di Chieti, è candidato adesso, dopo tre legislature al Senato, alla Camera. Vede la politica come me, anche se apparteniamo a tradizioni politiche diverse, perché come me ha iniziato dal suo territorio. Non è un uomo di catapultato a Roma senza più tornare nel suo collegio, e spesso ho avuto il piacere di ospitarlo anche a Città Sant’Angelo, nei dibattiti a Teatro o nella Sala Consiliare. Quale dovrebbe essere la priorità assoluta del nuovo parlamento? Il lavoro per i giovani. Oggi molti giovani, penso soprattutto a quello che i miei figli raccontano dei loro amici, hanno perso la speranza, sono con-

vinti che non ce la faremo. Ecco, dobbiamo invertire questo convincimento prima che sia troppo tardi. Cosa serve per riuscirci? Prima di tutto un governo forte in Parlamento, con una maggioranza solida. Una vittoria zoppa sarebbe un guaio per il Paese e per noi abruzzesi. Il governo Bersani sarà amico della regione: bisogna ridare forza all’Abruzzo che negli ultimi cinque anni ha toccato il fondo. Colpa del terremoto? Ovviamente il terremoto è stato un disastro, una tragedia. Ma il modo in cui si è reagito alla calamità naturale rischia di provocare, negli anni futuri, ancora più danni al sistema economico del terremoto stesso. E’ necessario correggere la rotta finché siamo in tempo. continua a pag. 3

Paola Concia al senato per i diritti civili di Pina Rasetta - Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Città Sant’Angelo Anna Paola Concia è candidata al senato in Abruzzo per il Partito Democratico. Marsicana (è nata ad Avezzano il 4 luglio 1963), insegnante di educazione fisica e maestra di tennis, sin dai tempi dell'università (si è laureata in scienze motorie all'ISEF de L'Aquila) coltiva la passione per la politica. Da anni impegnata nelle lotte per i diritti civili e in particolare per i diritti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) e delle donne, si è unita in matrimonio lo scorso continua a pag. 3

Il 24 e il 25 febbraio si torna a votare per rinnovare il Parlamento Italiano. Dopo il fallimento della destra, anche il governo tecnico ha esaurito il suo compito. Si torna, finalmente, a dare voce ai cittadini. Purtroppo si voterà ancora con una pessima legge elettorale, voluta dalla destra che, ad arte, disincentiva l’afflusso alle urne e che nemmeno con il governo tecnico siamo riusciti a cambiare. Sarà quindi con il voto che i cittadini potranno tornare ad essere protagonisti del proprio futuro e di quello dei propri figli. Con il voto al centro sinistra si può riscrivere la storia degli ultimi anni, archiviare il passato e guardare avanti. Si deve vincere perché l’Italia sia all’altezza dell’Europa del presente e del futuro che avremo, oggi abbiamo visto che non siamo soli e che abbiamo una responsabilità che va oltre noi stessi. Per il candidato del Partito Democratico Pier Luigi Bersani si esce dalla crisi solo se l’Italia torna il paese dell’economia reale senza più incantatori di serpenti o specchietti per le allodole. Oltre ad una società più equa e a una nuova legge elettorale, le prime 5 azioni per l’economia reale che Bersani si è impegnato a intraprendere subito dopo le elezioni sono: 1) Liquidità per dare respiro alle imprese con un piano di 50 miliardi in 5 anni per il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione verso le imprese. La misura sarà finanziata con l’emissione di titoli ad hoc sul modello dei Btp Italiani; 2) Investimenti con un grande piano di piccole opere: 7,5 miliardi di euro in tre anni per mettere in sicurezza scuole e ospedali. Con meno spese per i cacciabombardieri, fondi strutturali europei e sgravi fiscali per i privati che investono; 3) Economia verde con lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili e con la riqualificazione degli immobili, per rivitalizzare l’edilizia senza consumare territorio; 4) Banda larga e Ict. Una grande opera infrastrutturale per sviluppare un sistema di servizi che dia lavoro ai giovani; 5) Industria 2020. Riprendendo il filo di Industria 2015, il piano Bersani che dava frutti ma che Berlusconi ha smantellato. Servirà a portare sviluppo tecnologico, internazionalizzazione e ricerca nei settori del saper fare italiano. Ecco perché il 24 e 25 febbraio bisogna andare a votare per il Partito democratico. Per dirla alla Bersani: “Adesso l’Italia giusta”. Rocco Del Duchetto Coordinatore PD Città Sant’Angelo


La messa in sicurezza di Palazzo Basile Sono stati completati i lavori per la messa in sicurezza di Palazzo Basile, nel centro storico di Città Sant’Angelo. Via Circonvallazione è di nuovo aperta alla viabilità e sono tornati regolarmente sui banchi di scuola gli studenti della scuola primaria “Pasquale Ritucci” e della scuola media “Nicola Giansante”. Il crollo parziale di un soffitto del Palazzo Basile, nella notte tra sabato 19 e domenica 20 gennaio, ha reso necessario lo stop alle lezioni, anche per verificare la staticità degli edifici e prevenire eventuali situazioni di pericolo per insegnanti, alunni e personale scolastico. La scuola media, in particolare, si trovava proprio di fronte all’area a rischio. Inoltre la chiusura al traffico di un lungo tratto di via Circonvallazione, in corrispondenza anche di Palazzo Coppa, non rendeva possibile il passaggio allo scuolabus. “Entro i primi di marzo” spiega l’amministrazione “saranno completati i lavori di restauro e rimosse le impalcature. Il cantiere, insomma, verrà chiuso presto. Nel frattempo però le lezioni riprenderanno in piena sicurezza per tutti, grazie ai controlli di tecnici e operai che hanno verificato in questi giorni la situazione”. Una situazione di emergenza affrontata con numerosi provvedimenti: i doppi turni nella media di Marina, al fine di non far perdere troppe ore di lezione alle classi terze del centro storico, prevedendo anche il servizio di trasporto; l’attivazione notturna dell’ascensore di collegamento tra via Circonvallazione e il Museo Laboratorio, utile ai residenti per raggiungere le automobili lasciate nel parcheggio.

SOS Tata a L’angolano Nicholas vince il Simoncelli Città Sant’Angelo

Nicholas Spinelli si è aggiudicato il Trofeo nazionale di minimoto Marco Simoncelli nella categoria Junior A: 10 gare in 5 tappe che hanno visto il giovane pilota di Città Sant'Angelo, 11 anni e già vincitore dell'ultimo campionato europeo, assoluto protagonista. Nella foto la premiazione ufficiale a Rimini con Paolo Simoncelli, il papà del pilota scomparso nell'ottobre 2011. A Nicholas la coppa e un ritratto su ceramica di Marco.

La famiglia angolana Evangelista - Di Zio è protagonista della puntata del programma SOS TATA con la novità di tato Martino. Già andata in onda su Sky, prossimamente in programmazione su La7. Le telecamere di Magnolia hanno iniziato a girare a Città Sant'Angelo lo scorso novembre per realizzare la puntata del famoso reality show. Sos Tata si propone di aiutare genitori con figli tra i 2 e i 12 anni: la Tata (in questo caso un "tato") impone quindi delle regole alla famiglia e in una settimana riporta l'armonia nelle abitazioni dei bambini più vivaci, realizzando così il sogno dei genitori più stressati.


continua da pag. 1

Paola Concia al Senato per i diritti civili anno a Francoforte con Ricarda. E' l'unico parlamentare italiano omosessuale ad essersi sposata. Parlando con te è impossibile non partire dai diritti civili. Cosa ci possiamo aspettare nella prossima legislatura sulle unioni di fatto? Se vince il centro sinistra, come ovviamente mi auguro, una delle prime leggi che presenteremo sarà una regolamentazione delle unioni civili sul modello tedesco, quello che si avvicina di più al matrimonio da cui differisce solo per il diritto all'adozione e per l'equiparazione fiscale. Sempre in tema di diritti civili: proponiamo la legge contro omofobia e transfobia, cittadinanza ai figli degli immigrati nati qui, soluzione del problema delle carceri italiane. Sono pilastri centrali dell'idea di società che vogliamo costruire: più europea, più moderna, più aperta e più giusta.

Come mai sei candidata in Abruzzo? La precedente tornata elettorale sono stata eletta in Puglia, ma il partito questa volta voleva candidature su base territoriale e l'Abruzzo è la mia terra d'origine. Io però non sono ascrivibile a un territorio in particolare, ho girato l’Italia in lungo e in largo facendo iniziative in oltre seicento città. Al di là dei diritti civili, quali sono le battaglie che intende portare avanti nella prossima legislatura? Moltissime, in particolare sulle donne. C'è un problema di rappresentanza femminile in questo Paese che Pd e Sel contribuiranno a sanare portando in parlamento più donne rispetto agli altri paesi europei. Come te sento che c'è bisogno di fare un percorso per allargare i diritti, ma anche welfare e servizi sociali. Hai ragione, c'è ancora tanto da fare anche sul welfare: bisogna arrivare alle

percentuali nordiche per quanto riguarda l'utilizzo dei congedi parentali da parte dei maschi (in Europa stanno al 30 per cento, noi al 3 per cento). E poi servono provvedimenti per rilanciare l'occupazione, soprattutto quella giovanile. Il messaggio che ormai da cinque anni sto cercando di portare avanti è che diritti sociali e diritti civili devono camminare insieme senza gerarchie. E per l'Abruzzo? Serve impegno e determinazione per promuovere lo sviluppo della regione dove verrò eletta, e che intendo ringraziare per avermi dato il mio primo lavoro. Cos'altro vorresti fare? Voglio lavorare sullo sport, la mia grande passione insieme alla politica. Ho iniziato a giocare a tennis a sette anni, rincorrendo i miei fratelli maschi, attaccandomi come una "cozza" perché mi portassero con loro sui campi.

continua da pag. 1

Giovanni Legnini capolista alla Camera Altro che modello Teramo, se non ci fossimo stati noi a sostenere le battaglie in parlamento, non si sarebbe combinato nulla. Ti riferisci all’amministrazione del Pdl regionale, dove Gianni Chiodi ha trasportato la squadra che aveva formato quando era sindaco di Teramo. Certo, ma tutto il Pdl sta dimostrando di essere solo apparenza, e si sta sfaldando. I loro valori sono ben testimoniati da Chiodi, quando dice che preferisce Razzi alla Pezzopane. Con quali obiettivi andrai a Roma? Stiamo stilando una lista di impegni per l’Abruzzo, con l’obiettivo di far contare l’Abruzzo in Italia. Questo lo vogliamo fare sulla base di impegni precisi: il problema del dragaggio del porto di Pescara, senza dimenticare i problemi degli altri porti abruzzesi e in generale la sfida delle infrastrutture che sono le stesse da troppi anni. Poi ovviamente la ricostruzione, la sanità e l’edilizia sanitaria, la politica industriale e il lavoro. Il lavoro viene prima di tutto, non ci si può limitare ad affrontare le situazioni di crisi che pure sono importanti. Cosa vorresti aggiungere all’Abruzzo e cosa vorresti togliere? Vorrei più lavoro, più infrastrutture, più giustizia sociale. Vorrei togliere le

chiacchiere, la demagogia, il populismo, la celebrazione di risultati che sono solo apparenti come quelli che abbiamo visto celebrati nei manifesti 6x3 di Gianni Chiodi. E cioè che lui avrebbe ridotto le tasse quando invece le ha solo limate a fronte di un aumento che c’è stato in questa legislatura: è quindi come quei commercianti che fanno i saldi dopo aver aumentato i prezzi.

65013 Città S. Angelo/Pe - Viale Petruzzi, 60

1

XVII

Stampa: Febbraio 2013 Tip. Angolana Srl - Città S. Angelo (Pe)


La medicina di gruppo a Marina

Grande successo per l’inaugurazione della Medicina di Gruppo a Marina in via Salara. Una vera e propria festa negli affollatissimi locali dell’ex scuola elementare: testimonia come fosse uno degli interventi più attesi dagli abitanti di questa parte del paese. “Questo posto sarà davvero utile”, “è un favore fatto ai cittadini”: sono stati i primi commenti, entusiasti, che la gente ha dedicato al polo sanitario. La struttura è operativa, ma gli orari dei medici di base sono provvisori: Cecilia Bellini 8.30-11 lunedì, martedì, venerdì, 1719 giovedì; Emidio Perazzetti 8.3011 lunedì, martedì, giovedì, venerdì, 15.30-18 mercoledì; Maurizio Valloreo 8-10 giovedì, 10.30-12 lunedì e venerdì, 16-18,30 lunedì, martedì e giovedì;

gli orari di Nicola Mariani, Josè Luis Mont Girbes e Claudia Patacchini sono da stabilire. “Si è riusciti a mettere insieme i malati”, ha ricordato con una battuta Don Camillo Lancia durante la benedizione, “ma mettere insieme i medici è più difficile. L’augurio è che lavorino insieme in armonia”. Ha preso la parola a nome dei medici Mont: “il progetto nasce 6 anni fa e coinvolge medici come Bellini, Perazzetti e Va l l o r e o , negli anni diventati il pilastro della sanità in questa zona. Una zona in crescita, difficile” ha evidenziato. “Una struttura come questa è un modello per tutto l’abruzzo e grande merito è del sindaco Gabriele

L’ascensore per i disabili E' attivo nel centro storico di Città Sant'Angelo l'ascensore di collegamento tra l'area delle scuole in via Circonvallazione e vico Lupinato, dove è presente l'ex Manifattura Tabacchi. Una struttura pensata per rendere il borgo più accessibile ai disabili, già sperimentata con successo in occasione dei mercatini di Natale.

Florindi, dell’ex sindaco Graziano Gabriele e degli assessori Franco Galli e Gino Di Bonaventura.” “Il primo pensiero non può che essere per Fernando Fabbiani, sono sicuro che anche lui oggi è contento” ha esordito Florindi, interrotto da un applauso rivolto al vicesindaco assente per motivi di salute. “Marina di Città Sant’Angelo aveva la necessità di colmare questa lacuna. L’altro grande problema da risolvere è quello delle a c q u e b i a n c h e, ci stiamo lavorando nella speranza che lo Stato ci dia la possibilità di accedere ai fondi”. Gli interventi di messa in sicurezza per scongiurare alluvioni e allagamenti a Marina, infatti, sono già stati progettati e finanziati ma le somme stanziate in cassa sono bloccate dal patto di stabilità. L’amministrazione ha già chiesto una deroga per motivi di prevenzione e per questo aspetta una risposta dal futuro governo. Ma per i residenti l’apertura del polo sanitario era ancora più importante. “Questa è per me una grande opera” ha detto addirittura una signora prima di abbracciare il sindaco. “Soprattutto per gli anziani, era un disagio raggiungere la medicina di gruppo nel centro storico”.

Studio Tecnico Associato

65013 Città S. Angelo (Pe) - Via della Scafa, 29/4 - Tel./Fax 085.959246 http//: www.geo-project.it e-mail: info@geo-project.it


Città Informa 17-01