Issuu on Google+

collana diretta da Antonio Paolucci


Museo d’arte sacra di San Francesco a Greve in Chianti Guida alla visita del museo e alla scoperta del territorio

a cura di Caterina Caneva

Edizioni Polistampa


Musei del Territorio: l’Anello d’oro Museums of the Territory: The Golden Ring

Museo d’arte sacra di San Francesco a Greve in Chianti Ente promotore / Promoted by Ente Cassa di Risparmio di Firenze In collaborazione con / In collaboration with Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico per le province di Firenze, Prato e Pistoia Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Firenze, Prato e Pistoia Opificio delle Pietre Dure di Firenze Comune di Greve in Chianti Comune di Impruneta Comune di Tavarnelle Val di Pesa Regione Toscana Provincia di Firenze Comitato scientifico / Scientific committee Presidente: Antonio Paolucci Cristina Acidini Luchinat, Caterina Caneva, Rosanna Caterina Proto Pisani, Paolo Galluzzi, Paola Grifoni, Carla Guiducci Bonanni, Leonardo Rombai, Bruno Santi, Maria Sframeli, Renato Stopani, Timothy Verdon Progetto e cura scientifica / Project and scientific supervision Cristina Acidini Luchinat, Caterina Caneva, Rosanna Caterina Proto Pisani, Leonardo Rombai, Renato Stopani, Timothy Verdon Testi di / Texts by Caterina Caneva, Lia Brunori Itinerari a cura di / Itineraries by Maria Pilar Lebole, Renato Stopani, Benedetta Zini Glossario a cura di / Glossary by Valentina Tiracorrendo


Coordinamento redazionale / Editorial coordination Lucia Mannini Traduzioni per l’inglese / English translation English Workshop Collaborazione alla schedatura delle opere / Collaboration on the drafting of the works of art cards Francesca Piani Immagine coordinata / Image coordination Rovaiweber design Progetto grafico / Graphic project Polistampa Referenze fotografiche / Photography Officine Fotografiche, Firenze Studio fotografico Tosi, Firenze Archivio fotografico Renato Stopani Archivio fotografico Andrea Ulivi Foto Lebole-Zini Foto Consorzio Chianti Classico www.piccoligrandimusei.it

In copertina: Ambito di Baccio da Montelupo, Compianto sul Cristo morto, part. secondo decennio del secolo xvi, terracotta policroma, cm 230x190

Š 2005 EDIZIONI POLISTAMPA Sede legale: Via Santa Maria, 27/r - 50125 Firenze - Tel. 055.233.7702 Stabilimento: Via Livorno, 8/31 - 50142 Firenze Tel. 055.7326.272 - Fax 055.7377.428 http://www.polistampa.com ISBN 88-8304-953-5


Presentazione

Edoardo Speranza Presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze

N

el 1986 veniva realizzato a San Martino a Gangalandi il primo museo di arte sacra nel quale la collaborazione tra enti locali, autorità ecclesiastiche e organi dello Stato preposti alla tutela trovava quel prezioso punto di equilibrio che sarebbe diventato il fattore saliente di una lunga serie di analoghe iniziative cui l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze avrebbe unito la propria condivisione e il sostegno economico. Quella data rappresentava uno dei primi segnali di inversione di una tendenza secondo la quale, vuoi per motivi logistici, vuoi per una non ancor ben affinata percezione della ricchezza delle risorse del territorio, si preferiva accentrare il patrimonio d’arte delle parrocchie foranee in luoghi considerati più sicuri e controllabili. L’idea oggi prevalente del “museo diffuso” ribalta quella vecchia impostazione per restituire al territorio – grazie anche all’introduzione delle nuove tecnologie che aiutano a migliorare le esigenze della sicurezza – ciò che era stato prudentemente sottratto all’attenzione del pubblico e alla pietas popolare. Il Museo di arte sacra di San Francesco a Greve in Chianti è di recente istituzione, essendo stato inaugurato nel 2002. L’Ente Cassa di Risparmio ha partecipato in modo determinante alla realizzazione dell’allestimento. Esso fa parte di una fortunata serie di centri espositivi che oggi può contare su di uno strumento in più, voluto e promosso dall’Ente Cassa, ma realizzato grazie anche alla partecipazione condivisa degli altri soggetti istituzionali,

7


ossia i Piccoli Grandi Musei, un sistema di comunicazione integrato che si avvale di un portale internet (www.piccoligrandimusei.it), di mostre organizzate periodicamente nelle località interessate dal progetto e di piccole guide a stampa dei musei coinvolti. La presente guida del museo di Greve si inserisce in questo contesto ed è volta, nello spirito del progetto Piccoli Grandi Musei, a far meglio conoscere e apprezzare questa bella realtà del nostro territorio.

edoardo speranza

8


Prefazione

Antonio Paolucci Direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Toscana

A

Tavarnelle Val di Pesa, nella raccolta vicariale di San Pietro a Bossolo, la Madre di Dio ci guarda regale e infinitamente malinconica. La Regina del Cielo sa che quel bambino che stringe al petto le sarà tolto per la salvezza degli uomini. L’autore di questa tavola dipinta, alta 98 cm e larga 75, è Meliore, ultimo alfiere in Occidente della civiltà bizantina. Il tempo di esecuzione è circa l’anno 1270, quando Firenze era un fulvo dado di pietra irto di torri circondato di boschi e paludi e ancora non c’erano né Palazzo Vecchio né la cupola di Santa Maria del Fiore. Santa Maria di Impruneta, insigne basilica, santuario mariano caro da almeno seicento anni ai fiorentini. L’icona miracolosa, che la tradizione leggendaria dice eseguita dall’evangelista Luca, è collocata nel tempietto che Michelozzo e Luca della Robbia hanno allestito per Lei. La Madonna di Impruneta è una Signora che conosce i suoi poteri e sa di essere l’infrangibile scudo di un popolo e di una nazione. E infatti la Vergine di Impruneta è stata designata, per pronunciamento popolare, regina repubblicana di Firenze. E ogni volta con gran concorso di popolo, riti solennissimi, suppliche e voti di autorità. L’ultimo evento politico che vide protagonista la Vergine di Impruneta risale a tempi relativamente recenti. Nell’estate del 1944, nei giorni della ritirata tedesca e della guerra civile, l’immagine della Madonna, rimasta incolume nel suo altare devastato, era stata portata via dalla chiesa e trasferita a Firenze dentro una ambulanza della Mi-

9


sericordia. Tre anni più tardi, dopo una accurata revisione curata dal laboratorio di Restauro della Soprintendenza, la venerabile icona tornava processionalmente a Impruneta. Almeno 50.000 persone si raccolsero in piazza Pitti, da dove partì il grandioso corteo, e in diecimila seguirono la processione fino al santuario. Come nei tempi antichi la Madonna stava su un carro infiorato trainato dai buoi, scortato da carabinieri a cavallo, seguito dal clero, dalle autorità, dal popolo salmodiante. Attraverso la città e la campagna ancora segnata dalle cicatrici della guerra, si ripeterono le scene di devozione e di fervore dei secoli passati. A peste fame et bello libera nos Domine: l’antica preghiera del popolo cristiano era stata esaudita. Forse – sarà sembrato ai più – non senza l’intercessione della Madre Misericordiosa. È naturale che intorno alla Vergine di Impruneta si siano raccolti nei secoli straordinari tesori d’arte: codici miniati, argenti e smalti preziosi, ex voto di principi e di granduchi, stoffe liturgiche di tale rarità e splendore che le diresti degne della Corte del Paradiso. Greve in Chianti, ospizio di San Francesco, posto sulla strada per Montefioralle a dominare la piazza della capitale chiantigiana. Abbiamo visto a Tavarnelle Val di Pesa la Madonna Madre di Dio, luogo del Verbo che si è fatto Carne, vertiginoso mistero teologico. A Impruneta, nel santuario che la celebra e nel museo che testimonia la devozione del suo popolo, la Madonna è la Regina, è lo scudo infrangibile, la Protettrice forte e misericordiosa. È il palladio di Firenze e della Toscana. A Greve in Chianti, nel museo che raccoglie le testimonianze religiose del capoluogo e del territorio, la Madonna si presenta a noi nella iconografia della Madre Dolorosa. È la Donna che, nel gruppo plastico di Baccio da Montelupo in terracotta invetriata e policroma raffiguantonio paolucci

10


rante il Compianto sul Cristo morto, rappresenta il dolore di tutte le donne, in ogni tempo. Tre iconografie della Vergine, tre rappresentazioni del suo ruolo nella storia della salvezza, in tre musei di arte sacra della provincia fiorentina che in questo otto settembre (festa memoriale della Natività di Maria) abbiamo voluto fornire di speciale visibilità. Gli amici che hanno lavorato all’impresa (Cristina Acidini e Bruno Santi con Caterina Caneva, Rosanna Caterina Proto Pisani, Maria Sframeli) e l’Ente Cassa di Risparmio che l’ha voluta e finanziata (Edoardo Speranza con Marcella Antonini e Barbara Tosti) avrebbero potuto scegliere altri musei di arte sacra. Fra i tanti che popolano la provincia fiorentina (da Vicchio di Mugello a Montespertoli, da Lastra a Signa a Castelfiorentino, da San Donnino a Certaldo) e che hanno visto la luce grazie ai generosi finanziamenti del nostro istituto bancario, abbiamo scelto questi tre perché ci sono sembrati particolarmente significativi sia della storia religiosa che della storia dell’arte e della civiltà in terra fiorentina e toscana. Le guide che le mie righe introducono illustrano i tesori d’arte conservati nei musei vicariali di Impruneta, di Greve e di Tavarnelle. Sappia tuttavia il visitatore che quello che i libri illustrano e i suoi occhi potranno ammirare, non è che la minima parte della Bellezza che l’Arte e la Fede hanno ovunque distribuito sotto il nostro cielo.

prefazione

11


Bottega degli Embriachi, Pace, particolare


Piccoli grandi musei: una risorsa culturale diffusa in terra toscana

Bruno Santi Soprintendente per il Patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico delle province di Firenze, Pistoia e Prato

C

hi vuole usufruire di un panorama compiuto dell’arte sorta e diffusasi nella terra toscana, scandito dalle personalità più rilevanti di una produzione figurativa che ha reso questa regione tra le più note, frequentate e ammirate del mondo, può e deve indirizzarsi verso i musei più rappresentativi delle sue città d’arte: a Firenze gli Uffizi, la Galleria dell’Accademia (e certo non solo per il David ), le varie collezioni di palazzo Pitti; la Pinacoteca nazionale a Siena; il Museo di Villa Guinigi a Lucca; il Museo di San Matteo a Pisa. In questi luoghi potrà avere un’idea esauriente di quello che hanno significato per la vicenda artistica italiana le scuole locali toscane, dalle origini fino ai giorni nostri: dalle Madonne romaniche o romanico-bizantine fino a Ottone Rosai, per sintetizzare banalmente un’esperienza artistica plurisecolare. Ma la Toscana presenta anche una rete fitta e diffusa di “piccoli” musei di arte sacra, ubicati in luoghi dalle caratteristiche più svariate e che raccolgono opere che forzatamente – per ragioni di sicurezza e conservazione o perché non più rispondenti agli scopi per cui erano state eseguite – hanno abbandonato le loro sedi di origine. Sono antiche canoniche, stanze di èremi e conventi, interni di oratori adibiti attualmente all’esposizione di immagini di carattere religioso o di oggetti di culto, alcuni di notevolissimo interesse. Essi – i “piccoli” musei, intendo – riscattano, con la loro presenza testimone di una produttività artistica sciama-

13


ta dai centri maggiori fino alle più remote frazioni rurali e collinari, la perdita irrimediabile di una valenza indispensabile per la comprensione completa di un’opera d’arte eseguita per devozione: il rapporto stretto con l’ambiente per cui fu realizzata. Grazie alla collaborazione tra gli enti locali, le proprietà ecclesiastiche, le soprintendenze e gli istituti finanziari, la provincia di Firenze ha assistito negli ultimi anni al rinnovamento di antichi musei o raccolte d’arte sacra nei luoghi prossimi al capoluogo: Impruneta, San Casciano, Montespertoli, Tavarnelle, Greve, Certaldo, Castelfiorentino, Lastra a Signa e altri: centri dalla storia secolare, dalle presenze monumentali e artistiche di primario interesse, hanno visto aggiornarsi e arricchirsi il patrimonio che già possedevano, lo hanno visto valorizzato e illustrato appropriatamente da veri e propri cataloghi scientifici, che han preso forma grazie a un’istituzione benemerita come gli Amici dei Musei, a cui tanto deve la diffusione della conoscenza del patrimonio culturale locale, in una collana di indubbio rigore di contenuto e di singolare eleganza editoriale: la Biblioteca dello “Studiolo”. Ora – grazie ancora all’impegno dei funzionari delle soprintendenze e alla disponibilità dell’Ente Cassa di Risparmio – su tre dei musei che abbiamo testé rammentato si è rivolta l’attenzione delle istituzioni interessate per rivitalizzarne la presenza, per una valorizzazione che possa ancora meglio attrarre quel pubblico che già da tempo non si ferma soltanto nelle grandi città d’arte, ma vuole approfondire la conoscenza territoriale rivolgendosi anche ai centri periferici, per scoprirne i patrimoni culturali, la vicenda storica e comunitaria, di cui proprio questi musei sono l’espressione più immediata e comprensibile, proprio perché affidata alla visività. È nata così questa iniziativa, dal significativo titolo appunto di Piccoli grandi musei, affidata nella sua realizbruno santi

14


zazione a due profonde conoscitrici del patrimonio artistico presente nel territorio provinciale fiorentino, Caterina Caneva e Rosanna Caterina Proto Pisani, funzionarie di soprintendenza ma anche – come è nella tradizione degli uffici di tutela – ricercatrici e studiose del patrimonio artistico loro affidato, che, con la cooperazione del gruppo operativo dell’Ente, hanno aggiornato i criteri espositivi dei musei di Impruneta, di Tavarnelle Val di Pesa e di Greve in Chianti e hanno preparato agili guide con cui avvicinarsi in piena sintonia al patrimonio colà esposto. Credo che la presidenza dell’Ente Cassa, la Diocesi fiorentina, detentrice della massima parte dei beni esposti nei musei che si sono indicati, gli enti locali ospitanti, la Direzione regionale toscana dei beni culturali e paesaggistici con il suo direttore (ed ex ministro, nonché impareggiabile conoscitore e sostenitore del patrimonio artistico territoriale, Antonio Paolucci), possano a buona ragione esprimere consapevole soddisfazione per questa iniziativa da loro voluta e organizzata, così come la “nuova” Soprintendenza per il Patrimonio storico-artistico (in realtà erede delle storiche Soprintendenze alle Gallerie e ai Beni artistici e storici), vede con soddisfazione realizzarsi – in mezzo all’impietosa realtà presente per la conservazione del patrimonio culturale nazionale – ulteriori, adeguati strumenti di salvaguardia e conoscenza di un tessuto connettivo d’arte che attesta ancora quelli che sono stati la vitalità, la creatività e l’ingegno della popolazione toscana.

piccoli grandi musei

15


Il Museo

d’arte sacra


Il Museo d’arte sacra

Caterina Caneva

L’ingresso del Museo

L

a sede del Museo d’arte sacra è l’antico ospizio di San Francesco, ubicato su una collinetta che domina il centro abitato di Greve sulla strada che conduce a Montefioralle, l’antico castello o meglio borgo fortificato già esistente nel 1260. Vi si accede in pochi minuti direttamente dalla bella piazza centrale a forma di triangolo allungato, caratterizzata dai portici che ricordano l’antica funzione di “mercatale” e da terrazzini fioriti. Sebbene la tradizione voglia costruito l’ospizio sull’antico castello degli Uberti, il più antico documento relativo al complesso è il manoscritto del 1581 di Dionisio Pulinari, che lo cita in relazione al convento della Santa Croce a San Casciano: «Questo luogo [il convento della Croce] ha due bellissimi ospizi: uno a Greve, otto miglia lontano, bellissimo, sopra un poggetto, fuori dalla villa di Greve. Questo credo lo desse comunità e lo fabbricasse, e non so, se pure i Ciampoli di Greve, che sono stati sempre Procuratori dei frati, ci avessero loro dato il sito o buonissima parte» (P. Roselli 1994, Il Tesoro di Santa Maria dell’Impruneta citato in R. Caterina Proto Pisani 2002). In quanto ospizio, questo insediamento di francescani non contava una comunità monastica fissa, ma solo qualche frate dal convento di San Casciano e un fratello laico: era utilizzato di fatto come luogo di sosta per i confratelli in viaggio o durante la questua. Un valido termine post quem per datare la sua edificazione è comunque il 1492, anno cui risale la fondazione del

19


convento della Santa Croce da cui, come conferma il documento citato, dipendeva. L’ospizio fu soppresso nel 1810 in epoca napoleonica e poi riaperto nel 1815, ma le successive soppressioni decretate nel 1866 dallo Stato unitario ebbero carattere definitivo: dapprima adibito a carcere, nel 1927 fu pesantemente trasformato e destinato ad abitazioni. Passato sotto la giurisdizione della prepositura di Santa Croce, l’oratorio annesso dotato in origine di tre altari fu restaurato nel 1848, ma le sue condizioni rimasero precarie fino ai lavori di ripristino dell’intero complesso in occasione dell’allestimento del museo, di cui è oggi parte integrante. Nel museo è confluita quasi una campionatura del patrimonio artistico diffuso sul territorio del Chianti fiorentino di cui Greve può considerarsi il capoluogo: ma le sue raccolte non rappresentano che la punta di un iceberg, un punto di riferimento che qui, forse più che in altri musei d’arte sacra, rimanda continuamente a realtà diffuse capillarmente nel comprensorio, ricchissime ancora d’arte e di storia e non solo dal punto di vista numerico, ma anche di un livello qualitativo straordinariamente alto e, argomento non trascurabile, legate a strutture architettoniche spesso di grande rilevanza. La collocazione geografica di Greve, così felicemente inserita nel territorio, ne ha determinato nel tempo l’importanza dal punto di vista della viabilità e dello sviluppo commerciale, per non parlare della particolare bellezza del paesaggio. Fattori tutti che hanno condotto alla stratificazione in loco di straordinari reperti storici e artistici: degli insediamenti etruschi e della successiva romanizzazione attraverso la via Cassia rimane, ad esempio, ampia traccia nei toponimi e nei reperti di molti suoi luoghi; così come delle vicende storiche dall’alto Medioevo fino a oggi, i castelli e museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

20


le pievi, le mura e le ville rinascimentali restano a documentare diffusamente la presenza di molte famiglie signorili, importanti per il patronato di chiese che soprattutto in età romanica venivano erette in posizioni suggestive e con forme armoniosamente austere. In queste, dal Duecento in avanti, si è venuto a concentrare un corredo pittorico con notevoli presenze artistiche e molti arredi liturgici di buona qualità con pezzi straordinari soprattutto delle epoche più antiche. Questo patrimonio è in buona parte fortunatamente sopravvissuto alle alterne vicende nelle quali Greve è stata coinvolta, come le lotte tra guelfi e ghibellini e quindi i contrasti tra Firenze e Siena, fino al predominio di Firenze e alla signoria medicea e oltre. Del patrimonio originale dell’ospizio è rimasta in loco la grande pala robbiana del Compianto, legata alla presenza francescana non solo per l’inserimento del santo fra i dolenti che si raccolgono intorno al corpo di Cristo, ma anche per il carattere di immediato coinvolgimento dei fedeli al dramma sacro, secondo i criteri che ispiravano le commissioni artistiche di quell’ordine. Altre opere hanno trovato nel nuovo museo una sede espositiva idonea essendo da tempo homeless per la distruzione della sede originale o perché rimosse da questa per motivi di sicurezza. Fra queste il dipinto più antico è la piccola Annunciazione di scuola fiorentina del Trecento, una delle poche testimonianze dell’antica chiesa di Santa Croce a Greve, sostituita nell’Ottocento dall’edificio neoclassico dell’architetto Cambray Digny. Una bella tavola di pittore fiorentino del Cinquecento, interessante anche iconograficamente per la presenza sullo sfondo della veduta del castello di Sezzate, viene dalla chiesa di quell’antico castello ora di proprietà privata ma un tempo feudo della famiglia Baril museo d’arte sacra

21


di, due dei quali si fecero probabilmente ritrarre nella stessa tavola in virtù del loro ruolo di committenti. Sempre da Sezzate viene una bella pianeta in damasco verde che reca lo stemma dei Bardi Strozzi. Se le sedi originali per cui queste opere erano state eseguite sono state distrutte o non sono più accessibili, molte delle altre opere e arredi esposti rimandano a chiese ancora esistenti che vale la pena visitare, in un amorevole pellegrinaggio che porterà a scoperte sorprendenti. Molti arredi provengono, ad esempio, da Santo Stefano a Montefioralle che, all’interno dell’antico castello che domina Greve e che da solo costituisce ancor oggi una mèta affascinante, custodisce ancora opere di grande importanza, come una tavola del Duecento di un maestro anonimo battezzato appunto Maestro di Montefioralle, una trecentesca Annunciazione riferibile al Maestro di Sant’Ivo, e ancora una grande tela di Orazio Fidani del 1647. Nel museo si può ammirare invece una preziosa e rara Croce trecentesca in cristallo di rocca. Dall’antica pieve di San Cresci, sempre a Montefioralle, che presenta particolari architettonici di grande interesse come un raro nartece sulla facciata, proviene invece il bel bassorilievo del Quattrocento che rappresenta San Francesco in un linguaggio semplice e diretto, non privo di eleganza. Molti altri arredi vengono dalla chiesa di San Silvestro a Convertoie, come la piccola vetrata di inizio Cinquecento e la Croce processionale in legno dipinto databile tra la fine del Cinque e l’inizio del Seicento. Anche San Donato a Mugnana ha fornito qualche bel pezzo al museo di Greve, ma conserva ancora, tra l’altro, una tavola di scuola fiorentina del Cinquecento e alcuni dipinti del Seicento; e ancora altre chiese vedomuseo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

22


no esposti qui alcuni dei loro antichi arredi, argenti o tessuti, che ricordano la generosità di patroni illustri e la perizia di artisti-artigiani. Fra queste, dal suggestivo borgo medievale di Cintoia la parrocchiale di Santa Maria e, da Torsoli, la moderna chiesa di San Gaudenzio, che aveva raccolto in passato le testimonianze artistiche della chiesa ormai chiusa al culto di Santa Maria a Canonica. Citiamo ancora dalla badia di San Cassiano a Montescalari, tra gli arredi più importanti, il turibolo e la navicella del 1611 in ottone sbalzato e il bel reliquiario a tempietto destinato a contenere i resti del martire titolare della badia, oggetti commissionati forse dall’abate Marco Lavacchi di Pelago. Una provenienza diversa, ma sempre legata comunque a un atto di grande munificenza, è quella che ha visto confluire al museo un bel gruppo di dipinti provenienti dall’ex ospedale voluto dalla nobildonna Rosa Libri Del Rosso. Fra le altre tele, per lo più del Seicento e di scuola non solo fiorentina, ci piace ricordare la suggestiva ed elegante raffigurazione di Santa Rosa, uno dei rari soggetti sacri di Michele Gordigiani, che dentro una bella cornice dorata e intagliata fornisce un notevole esempio di pittura di fine Ottocento, un secolo assai poco rappresentato nel patrimonio artistico delle chiese toscane. Dalla visita al museo di Greve, recentemente rinnovato, oltre all’ammirazione per la bella raccolta che vi ha trovato una degna sede, sembra di fatto derivare naturalmente lo stimolo ad approfondire la conoscenza del più grande museo disseminato sul suo territorio, un museo che si snoda in un paesaggio davvero unico, in un processo di osmosi da cui lo spirito trae nutrimento e bellezza.

il museo d’arte sacra

23


Pianta del museo

Ingresso

2

1

Piano terreno

5

3 4

Piano primo

6 Biglietteria / Bookshop Tickets / Bookshop

1

Oratorio Oratory

2

Sagrestia Sacristy

3

Sala delle oreficerie Hall of Precious Metal Works

4

Corridoio Hallway

5

Sala dei dipinti Hall of the Paintings

6

Sala delle esposizioni temporanee Hall of the Temporary Exhibitions


Visita al museo

Piano terreno

L

a porta di accesso al museo, laterale rispetto a quella dell’oratorio, introduce in un breve e stretto corridoio alle cui pareti sono appesi pannelli didattici che illustrano chiese e complessi architettonici diffusi sul territorio del Chianti. Se infatti nel museo sono confluite opere e oggetti che hanno perduto la loro sede primitiva, ne esistono ancora in gran numero, e di primissima qualità, ancora custoditi nei luoghi di origine, generalmente chiese che in questa parte della Toscana sono particolarmente numerose e suggestive. La prima porta a sinistra immette nella biglietteria con un piccolo ma ben fornito book-shop. La prima porta a destra immette invece nell’oratorio da cui inizia la visita al museo.

25


Oratorio L’antico oratorio di San Francesco, restaurato nel 1848 come ricorda una lapide in facciata, ha avuto un suo definitivo consolidamento e ripristino in occasione dei lavori per il museo. Nel pavimento si apre una botola per le sepolture. Sulla volta è visibile un grande affresco del secolo xviii che raffigura San Francesco in gloria; altri frammenti di affreschi coevi, con teste di cherubino, sono ricomparsi sotto l’intonaco sopra l’altare che secondo antichi documenti era il primo di tre, dei quali due laterali oggi scomparsi. Questo altare ha una mensa semplice in pietra, come le lesene sulle quali sono scolpiti a destra il monogramma di Cristo e a sinistra quello dei francescani. Ai lati si aprono due porte ad arco che immettono nella sagrestia e presentano le figure affrescate di San Bernardino e di Sant’Antonio da Padova. Sull’altare maggiore è stata ricomposta, con una cornice a fe-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

26

L’ingresso del Museo e l’oratorio


stone vegetale tipicamente robbiana ma non pertinente, la grande pala in terracotta policroma di scuola robbiana con il Compianto di Cristo, vero capolavoro del genere e vanto del museo, divisa dal resto della sala da una specie di grande arco serliano fiancheggiato da colonne. Il paliotto dell’altare è un interessante manufatto toscano del Settecento in paglia ritagliata e incollata su carta, mentre sulla mensa è visibile una serie di pregevoli carteglorie in legno intagliato dello stesso periodo. Sono stati qui sistemati i dipinti più antichi della collezione del museo, l’Annunciazione del Trecento subito a destra dell’altare e altre due tavole disposte simmetricamente sulle pareti laterali, a ricordare gli antichi altari originali: si tratta della bellissima pala di Francesco Granacci (a destra), proveniente dalla chiesa di Santa Maria a Cintoia e di quella di un pittore fiorentino del secolo xvi (a sinistra), un tempo nella chiesa di San Martino a Sezzate. Purtroppo entrambi i dipinti hanno molto sofferto nel tempo, sia per cattive condizioni di conservazione che per antichi incauti interventi di restauro, ma, pur impoverite nella loro sostanza pittorica, quanto rimane ha comunque una straordinaria nobiltà di impianto ed eleganza di segno. Accanto alla tavola di sinistra troviamo anche una tela particolarmente interessante sotto il profilo iconografico, opera del pittore senese soprannominato Il Francesino, attivo all’inizio del Seicento. Sulla parete di destra, accanto alla pala del Granacci, è visibile anche la scultura più antica del complesso: un pregevole bassorilievo marmoreo del secolo xv raffigurante San Francesco. Particolari sono anche i due confessionali ricavati uno di fronte all’altro con rustica semplicità e senso pratico nelle pareti vicine alla porta di ingresso dell’oratorio: presentano sportelli in legno dalla elegante sagoma riferibile al Settecento. oratorio

27


La visita ha inizio dalla parete a destra dell’ingresso 1. giovan battista giustammiani detto il francesino (attivo a Siena, 1608-1643) Immagine di san Domenico portata a Soriano dalla Madonna e dalle sante Maria Maddalena e Caterina d’Alessandria olio su tela; cm 134x95, cm 159x120 con cornice (inv. 5) chiesa di Santa Croce a Greve L’iconografia del dipinto segue la tradizione secondo la quale la Vergine, con le due sante qui raffigurate, apparve a un domenicano di Soriano (centro della Calabria nel quale a partire dal 1530 si sviluppò una grande devozione per san Domenico), per mostrargli come doveva essere raffigurato il santo con in mano un giglio e un libro dalla rilegatura rossa. Nel frate domenicano a sinistra è probabilmente riconoscibile un ritratto, data la forte caratterizzazione del volto. Il piacevole dipinto, dal soggetto così particolare, presenta caratteristiche tipiche della scuola senese del primo quarto del secolo.

i, particolare

i, particolare

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

28


1

oratorio

29


2. pittore fiorentino, secolo xvi Madonna col Bambino, i santi Antonio abate, Lucia, Giovanni Battista e i due committenti in preghiera secolo xvi tempera su tavola; cm 180x142 (inv. 3) chiesa di San Martino a Sezzate Il dipinto presenta diversi motivi di interesse iconografico, in particolare nei due scorci di paesaggio che si aprono ai lati del grande trono. A sinistra è riconoscibile il castello di Sezzate, descritto dettagliatamente così come doveva essere agli inizi del Cinquecento, prima cioè delle modifiche apportate nei secoli xvii e xviii: il recente ripristino del complesso si è basato infatti proprio su questa immagine. Sulla destra è invece un paesaggio che possiamo immaginare desunto da luoghi vicini, attraversato da un fiume, forse il rio Sezzate. Quanto ai committenti, bellissime figure concrete che ci riportano alla storia antica di questo lembo di Toscana, potrebbero appartenere alla famiglia Bardi, signori del feudo di Sezzate, dalla cui chiesa l’opera proviene. La tavola presenta caratteristiche di stile assai varie e commiste che assommano ricordi del Ghirlandaio a elementi umbri, tali da ricordare i modi di Raffaellino del Garbo e suggerire una collocazione cronologica al primo quarto del secolo xvi. museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

30

2, particolare

2, particolare

2, particolare


2

oratorio

31


Parete destra 3. francesco granacci (Firenze 1469-1543) Madonna col Bambino e i santi Bartolomeo e Francesco 1498 ca. tempera su tavola; cm 152x168 (inv. 2) chiesa di Santa Maria a Cintoia L’opera, citata dalla fine dell’Otto cento nella chiesa di Santa Maria a Cintoia, è stata collegata nel 1963 da Federico Zeri all’attività giovanile di Francesco Granacci; inserita nella monografia dell’artista dal von Holst (1974), la sua assegnazione al pittore è ormai accettata concordemente dalla critica. La sua presenza alla mostra Maestri e botteghe, tenutasi nel 1992 a palazzo Strozzi, ne ha consentito un inquadramento critico aggiornato fissandone la datazione al 1498 circa. Granacci iniziò il suo apprendistato negli anni Ottanta del Quattrocento: la sua attività giovanile risulta influenzata da Filippino Lippi, ma fondamentale risulta il suo soggiorno nella bottega del Ghirlandaio di cui fu tra i più stretti collaboratori negli affreschi della cappella Tornabuoni in Santa Maria Novella (14861490); amico di Michelangelo, con il quale aveva frequentato sia il giardino di San Marco dove i Medici museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

32

3, particolare

3, particolare


3

riunivano i giovani artisti, sia la bottega del Ghirlandaio, nella fase matura si rivela direttamente influenzato dalla lezione del Buonarroti. Questa bella tavola, purtroppo assai danneggiata da vecchi interventi di pulitura, presenta una solida impaginazione compositiva, sottolineata dagli elementi architettonici dalla perfetta simmetria: elementi riconducibili alla lezione ghirlandaiesca, anche se gli angioletti sul fastigio del trono rimandano al dipinto di Piero di Cosimo nel museo degli Inno-

centi a Firenze. Perfettamente equilibrate e di compostezza classica risultano le belle figure dei santi (Bartolomeo col libro e il coltello, Francesco col libro, la croce e la ferita sul costato), costruite con un sapiente disegno e un chiaroscuro che in origine doveva essere di grande incisivitĂ ; particolarmente toccante il gruppo della Vergine, che sembra cullare il Figlio tutto raccolto nelle sue braccia, assorti entrambi in un loro momento di tenerezza con le teste ravvicinate. oratorio

33


Presenze francescane a Greve

L’

ospizio di San Francesco costituì per secoli un significativo insediamento francescano nel territorio di Greve, rappresentando una dipendenza del più grande convento della Croce di San Casciano. Questo, insieme agli importanti insediamenti di San Vivaldo (Montaione) e del Vivaio (Incisa), fu tra i principali presidi francescani dell’Osservanza nell’area fiorentina meridionale. Nel piccolo complesso grevigiano tutto evoca la spiritualità francescana: dall’essenzialità delle strutture al repertorio iconografico delle immagini sacre presenti nell’oratorio, di quelle realizzate per lo stesso ospizio ma anche di quelle qui confluite dalle chiese del territorio. Vari sono i temi e i soggetti legati alla spiritualità di questo Ordine che artisti e artigiani hanno espresso con diversi caratteri e materiali per diffondere un messaggio di grande comunicatività: prime fra tutte sono le rappresentazioni di san Francesco che appare in posa rigidamente frontale, ma di aspetto solido e intensamente umano, nel bassorilievo in marmo della prima metà del XV secolo proveniente da San Pietro a Sillano (n. 4); si presenta assorto e più elegante nel portamento nella tavola tardo quattrocentesca del Granacci già sull’altare della chiesa di Santa Maria a Cintoia (n. 3); è infine trionfalmente sollevato nella gloria dei cieli nel settecentesco affresco che orna il soffitto del piccolo oratorio. Connesso con l’intensa attività di predicazione dei frati francescani è il ricorso a immagini di immediato impatto emotivo, di cui è un eccezionale esempio il gruppo scultoreo del Compianto presente sull’altare. Sia il soggetto di quest’opera (nella quale compare anche l’anacronistica, ma significativa presenza di san Francesco) che la tecnica adottata, in semplice ter-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

34


racotta dipinta, hanno costituito una produzione artistica privilegiata nelle commissioni dei francescani, che vedono nel ricorso a rappresentazioni artistiche emotivamente coinvolgenti un efficace tramite per l’evangelizzazione popolare, come testimoniano anche analoghi gruppi scultorei presenti nei conventi della Verna, in San Salvatore al Monte a Firenze e all’Osservanza di Siena. Nel presbiterio dell’oratorio il richiamo a immagini di forte popolarità è ribadito dagli affreschi con San Bernardino da Siena e Sant’Antonio da Padova, entrambi francescani e cari alla devozione popolare; in particolare Sant’Antonio è mostrato devotamente inginocchiato ai piedi di Maria anche nella tela seicentesca del Curradi che proviene da Santa Lucia a Barbiano (n. 83). Lia Brunori Cianti

oratorio

35


Parete di fronte all’ingresso

A destra dell’altare

4. scultore toscano, secolo xv San Francesco prima metà del secolo xv bassorilievo in marmo; cm 84x41 (inv. 15) chiesa di San Pietro a Sillano Approdato al museo di Greve dopo vicende che l’hanno visto anche trasferito impropriamente in proprietà privata, il bassorilievo ha un’origine misteriosa: non sappiamo, ad esempio, se inizialmente facesse parte di un monumento funebre o di un altare più complesso. Non è impropria comunque questa sua sistemazione in ambiente già appartenuto all’ordine francescano. L’impostazione della figura del santo è ancora tardo gotica, ma il movimento del cappuccio e la morbidezza del modellato collocano la scultura già nel Quattrocento: un raffronto plausibile è stato avanzato con la produzione di Pasquino da Montepulciano, collaboratore di Maso di Bartolomeo nel pulpito di Prato, la cui personalità artistica è ancora in gran parte da ricostruire. In particolare possiamo citare alcune assonanze con il bassorilievo che raffigura Il ritrovamento dell’immagine della Vergine dell’Impruneta, conservato nel museo di quella basilica, recentemente attribuito a Pasquino.

5. pittore fiorentino, secolo xiv Annunciazione 1350-1360 ca. tempera su tavola; cm 101x63 (inv. 1) chiesa di Santa Croce a Greve È il dipinto più antico del museo: la sua provenienza dalla chiesa di Santa Croce a Greve, sostituita nel 18331835 dall’edificio neoclassico di Luigi Cambray Digny, è confermata da una descrizione del 1789 nella quale è citato sull’altare dell’Annunziata. L’Annunciazione viene rappresentata qui secondo i canoni tradizionali: la sintesi operata sulla scena si arricchisce però di eleganti particolari descrittivi, nella semplice armonia con cui sono regolati i rapporti tra i personaggi e le strutture architettoniche non ancora razionalmente scandite. La Vergine, nel chiuso di una stanzetta tappezzata di prezioso tessuto rosso, ha sospeso la lettura cui era intenta e ascolta l’annuncio con le mani incrociate sul petto (sul libro è scritto: «ecce v/irgo c/onc piet/… nome»); l’angelo, in ginocchio all’esterno davanti a lei, sfoggia un mantello verde brillante foderato di rosso, così come rosse sono la corona sul suo capo e le piume esterne delle ali; dall’alto la mano di Dio Padre invia alla Vergine lo Spirito Santo. L’edifi-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

36


4

oratorio

37


5

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

38


cio è coronato da un tamburo poligonale di spiccato carattere tardogotico, così come lo stile della pittura di evidente tradizione fiorentina. La tavola è stata variamente attribuita: accostata al nome di Giovanni del Ponte dal Bencistà, viene dal Tartuferi considerata un riflesso dell’analogo soggetto realizzato da Andrea Orcagna nel 1346, avvicinandola semmai alla produzione di Puccio di Simone. 6. bottega toscana, secolo xviii Coppia di lampade pensili secolo xviii ottone; cm 26x22 (inv. 61) iscrizioni: «di limosine» chiesa di San Gaudenzio a Torsoli

Parete dell’altare 7. ambito di baccio da montelupo (1469-1523) Compianto sul Cristo morto secondo decennio del secolo xvi terracotta policroma (la pala) e invetriata (la cornice); cm 230x190 (inv. 17) ospizio di San Francesco a Greve 7a. bottega di benedetto e santi buglioni Cornice a festoni di frutta e fiori 1515-1520 ca. ospizio di San Francesco a Greve (?)

L’imponente gruppo di terracotta policroma, che è una vera e propria pala d’altare in rilievo, si compone di sette personaggi: al centro è il triangolo composto dalla Madre, che in deliquio sostiene sulle ginocchia il corpo del Figlio ed è a sua volta sorretta dalla più anziana delle pie donne, Maria di Cleofa, in una composizione che ricorda quella della tradizionale sant’Anna Metterza. Ai lati sono inginocchiati san Giovanni (anch’egli raffigurato nella pietosa funzione di sorreggere il Cristo) e la Maddalena. In secondo piano, in piedi e in atteggiamento variamente dolente, si trovano a sinistra san Giovanni Battista e a destra san Francesco, presente il primo quasi certamente in quanto patrono di Firenze (se non legato al nome del committente), mentre il secondo stabilisce il legame del gruppo scultoreo con un ambiente francescano, in questo caso l’ospizio di San Francesco, sede oggi del museo. La datazione dell’opera, da collocarsi nel secondo decennio del Cinquecento, non contrasterebbe di fatto con quella della probabile costruzione dell’ospizio, dipendente dal convento della Croce di San Casciano e fondato nel 1492 su un terreno donato dalla famiglia Ciampoli. Come il recente restauro ha però confermato, il complesso scultoreo è stato oratorio

39


7 e 7a

rimontato (con qualche imprecisione) nella posizione attuale e pertanto non si può escludere che la sua ubicazione originale fosse diversa: la cornice robbiana di terracotta invetriata risulta tra l’altro un assem-

blaggio di frammenti di duplice provenienza, forse neppure pertinenti al gruppo del Compianto. Databile al 1515-1520, l’esecuzione di questo “fregio” può essere assegnata alla bottega di Benedetto di Santi Buglioni.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

40


7, particolare

oratorio

41


7, particolari

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

42


Il citato restauro (Gea Restauri 2002-2003, con analisi scientifiche e consulenza dell’Opificio delle Pietre Dure), oltre a risanare e consolidare il complesso scultoreo, ne ha riscoperto, grazie all’adeguata pulitura, l’intensa cromia originale prima offuscata e addirittura falsata dalle numerose ridipinture. Il recupero di una lettura più corretta dell’opera, con la possibilità di apprezzarne al meglio l’espressività e l’armonia compositiva e cromatica, ne ha anche messo in discussione le attribuzioni al Cieco da Gambassi, quindi a Giovanni della Robbia e, più di recente, all’ambito di Santi Buglioni, ultimo rappresentante e depositario della grande tradizione robbiana. Era questa l’assegnazione che Giancarlo Gentilini, autorevole esperto in materia, aveva in passato assai dubitativamente avanzata ma lo stesso studioso, dopo aver preso visione dell’opera restaurata, ha di recente suggerito di cercarne l’autore nell’ambito di Baccio da Montelupo, scultore attivo a cavallo dei due secoli, amico di Michelangelo Buonarroti, seguace di Girolamo Savonarola, presente con opere insigni eseguite anche in terracotta a Firenze, Bologna, Venezia, Lucca. Quanto rimane del Compianto eseguito nel 1494 da Baccio per San Domenico a Bologna ha in

effetti diversi punti di contatto con questo di Greve, mentre il san Giovanni Evangelista presenta affinità con il San Sebastiano di San Godenzo (1506) e il Cristo ricorda i molti Crocifissi eseguiti dallo scultore. Ritroviamo lo stesso modo di delineare i panneggi anche nel San Giovanni Evangelista di Orsanmichele (1515): elementi riferibili a una cultura figurativa matura e aggiornata dalla quale derivano la fluida ed elegante plasticità delle forme, l’armonia dei volti delineati con grande finezza e dei gesti espressivi. È la misurata classicità dell’inizio del Cinquecento a conferire alla scena la sua struttura equilibrata, anche se il tono di mesta rassegnazione, di meditazione composta sembra sul punto di cedere a un più drammatico patetismo grazie non solo ai forti contrasti di colore, ma anche alle attitudini degli astanti così emotivamente partecipi da rendere quasi visibile il passaggio tra loro di un flusso intenso di dolore cui mancano solo le parole di una sacra rappresentazione. La scelta di questo soggetto, così come quella del materiale policromo che imita da vicino la vita, idonei entrambi a suscitare una immediata risposta di devozione polare, ben si addicono a una committenza da parte dei Francescani, oratorio

43


Il tema del Compianto

F

ra le prime rappresentazioni artistiche nate per mostrare e affermare l’umanità del Cristo, quelle del Crocifisso, solo o contornato da dolenti o da scene della Passione, avevano conosciuto una progressiva diffusione a partire dal V secolo, utilizzando veicoli di natura e materia diversa: pittura su tavola, scultura, affresco, mosaico, avorio, smalto e via dicendo. Dal secolo XIII questa “umanizzazione” di Cristo progredisce ulteriormente in senso drammatico, assecondata dalle novità formali e tecniche che consentono un naturalismo più deciso e, saltuariamente, un forte patetismo. Anche i personaggi che assistono all’agonia di Cristo partecipano di questa drammatizzazione, assumendo atteggiamenti emotivi che vanno dal dolore contenuto, alla meditazione, alla disperazione in scene diversamente affollate e complesse. Fra queste trovano larga diffusione a partire dal X secolo le rappresentazioni del Distacco dalla Croce, che consente composizioni ancor più articolate anche dal punto di vista spaziale, con andamento verticale. Poco dopo il Mille si afferma con grande fortuna la composizione detta comunemente Compianto, nella quale il punto focale è il corpo di Gesù deposto a terra e circondato dalla disperazione di diversi astanti, tra i quali spicca per posizione preminente e intensità drammatica la Madre “dolorosa”. Essa trova piena corrispondenza in rappresentazioni sacre che danno voce al dolore muto. La variante successiva è la cosiddetta Pietà, che si riscontra nell’arte nordica fin dal secolo XIV, con il corpo di Cristo adagiato in braccio o sulle ginocchia della Vergine: una composizione che isola il nucleo centrale e umano del dramma per farne oggetto di intensa meditazione. Essa avrà più tardi una larghissima divulgazione anche in Italia, trovando grandi interpreti soprattutto nei secoli XV e XVI: si pensi a Cosmè Tura, Giovanni Bellini, Guido Mazzoni, Botticelli, Michelangelo, fra gli altri. I due temi, Compianto e Pietà, finiranno col tempo per intersecarsi nelle composizioni artistiche, che spesso troviamo oggi classificate con l’una o l’altra denominazione. Caterina Caneva

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

44


oratorio

45


La tradizione plastica robbiana

I

l monumentale gruppo scultoreo raffigurante il Compianto su Cristo morto che campeggia sull’altare dell’oratorio di San Francesco ha recuperato, dopo un recente e sapiente restauro, le raffinate cromie e l’armonia della composizione, che permettono di comporre l’intenso spirito drammatico del soggetto con la solennità delle forme tipica della migliore tradizione plastica fiorentina. Ciò perché questo rilevante manufatto, databile al secondo decennio del Cinquecento, si fa portavoce di una lunga e sperimentata cultura che trovò nel Rinascimento fiorentino applicazioni di grande qualità, ampiamente studiate da Giancarlo Gentilini, specialista in questo settore. A Firenze la scultura in terracotta conobbe sin dall’inizio del Quattrocento una vera rinascita all’insegna del recupero delle esperienze artistiche classiche; in questo contesto, intorno al 1440, Luca della Robbia (1399/1440-1482) sviluppò con intelligenza tecnica e sapienza artistica le potenzialità dei rilievi fittili ricoprendone la superficie con uno smalto ceramico che conferì loro nuovi valori espressivi e anche una maggiore resistenza agli agenti atmosferici. Proseguì la sua opera il nipote Andrea (1435-1525), che intensificando gli aspetti descrittivi e sentimentali delle composizioni, operò, su scala spesso monumentale una inedita sintesi fra valori plastici e pittorici portando il linguaggio robbiano a una eccezionale diffusione sul territorio. Dei cinque figli di Andrea che proseguirono l’attività nella bottega di via Guelfa, il più attivo e industrioso fu Giovanni (1469-1529), che sviluppò un’esuberante vena decorativa per arricchire le sue vivaci composizioni di gusto eclettico; più dotati e sensibili furono invece Luca il giovane

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

46


(1475-1550) e Girolamo (1487-1560), che diffusero la produzione robbiana in Francia alla corte di Francesco I. Gli altri figli, Marco (1468-1534) e Francesco (1477-1528), frati domenicani (fra Mattia e fra Ambrogio) nel convento savonaroliano di San Marco, declinarono lo stile di famiglia in spiccati caratteri devozionali che in seguito estesero anche nelle Marche. Talvolta le loro opere sono prive dell’invetriatura per privilegiare la policromia a freddo che, oltre a essere meno costosa, permetteva effetti di maggiore intensità espressiva, come risulta nel Compianto di Greve e nella Pietà di Terranova Bracciolini, attribuita a Marco, attivo anche a San Vivaldo intorno al 1510. In concorrenza alla bottega dei Della Robbia, Benedetto Buglioni (1460-1520), un modesto scultore che, secondo Vasari, si era impossessato del «segreto» dell’invetriatura, sviluppò la propria produzione riproponendo in modo semplificato ed eclettico le tipologie robbiane; il nipote Santi (1494-1576) ne ereditò l’attività producendo grandi composizioni di sapore già manierista. Produssero occasionalmente opere invetriate anche altri importanti scultori fiorentini come Benedetto da Maiano, Andrea e Jacopo Sansovino, Giovan Francesco Rustici, oltre naturalmente a Baccio da Montelupo, nell’ambito del quale è stato di recente accostato il Compianto di Greve. La tradizionale tecnica robbiana fu ripresa a Firenze anche nel corso del secolo XVII, in particolare dallo scultore Antonio Novelli. Lia Brunori Cianti

oratorio

47


ordine al quale apparteneva anche la chiesa di San Salvatore al Monte a Firenze. Qui è conservato un altro Compianto in terracotta policroma che presenta strette affinità col nostro, benché di intonazione più drammatica. Ancora in ambiente francescano, nelle cappelle del Sacro Monte del convento di San Vivaldo a Montaione ritroviamo forti affinità col Compianto di Greve in un gruppo di terracotta raffigurante Lo svenimento della Vergine nella cappella cosiddetta “dello Spasimo”, la cui esecuzione è attribuita ad Agnolo di Polo (1470 ca-1528). 8. manifattura toscana Paliotto d’altare seconda metà del secolo xviii paglia naturale, ritagliata, incollata su carta e riportata su tela;

cm 90x195 (inv. 26 ) chiesa di Santa Maria a Vicchiomaggio Il paliotto è un prodotto dell’artigianato locale che utilizza materiali poveri per riprodurre i sofisticati disegni realizzati solitamente in materia ben più preziosa, come il commesso di pietre dure o la scagliola. Al centro della grande specchiatura mistilinea, circondata da decori vegetali, è applicata una stampa che rappresenta la Vergine col Bambino. 9. manifattura toscana, secolo xviii Serie di tre carteglorie metà del secolo xviii legno intagliato, dorato e dipinto; cm 36,5x26 (la grande); cm 27x20,5 (le due piccole) (inv. 25) chiesa di San Cresci a Montefioralle

8

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

48


9

10. manifattura toscana, secolo xix Coppia di candelieri inizi del secolo xix legno intagliato, parzialmente dorato e tinto di bianco; cm 50x16 chiesa di Santo Stefano a Montefioralle 11. manifattura toscana, prima metĂ  del secolo xviii

Leggio legno intagliato e dorato; cm 17x39,5 (inv. 24) chiesa di San Cresci a Montefioralle 12. Missale romano, secolo xix tipografia Antonio Curti, Venezia 1801 carta e pelle; cm 45x27 chiesa di Santa Croce a Greve

oratorio

49


Sagrestia Ai lati dell’altare si aprono due porte che immettono nella piccola sagrestia: qui sono stati raccolti paramenti sacri dal secolo xvi al secolo xviii, di varia tipologia e provenienza, esposti entro le vetrine che corrono lungo le pareti. All’interno di queste troviamo anche alcuni arredi sacri di buona fattura (due croci, quattro candelieri, un calice) che ne arricchiscono il contenuto. Sono stati inoltre inseriti nella saletta due oggetti di grande rilevanza artistica e storica: nella parete d’ingresso, dentro una nicchia fiancheggiata da due robusti Angeli reggicandelabro in legno intagliato del secolo xviii, è collocata una preziosa e rara Croce reliquiario del Trecento in cristallo di rocca contenente diverse reliquie, la cui complessa struttura rimanda quasi certamente a una bottega veneziana. Al disopra è stato collocato un dipinto ovale raffigurante la Vergine Assunta della seconda metà dell’Ottocento: la sua bella cornice dorata ornata di intagli elaborati lo inserisce piacevolmente, nonostante il divario di data, nell’insieme prezioso di questa piccola camera dei tesori. Sulla parete di sinistra, inserita nella struttura di un piccolo confessionale analogo a quelli presenti nell’oratorio, si trova poi una piccola vetrata databile al primo decennio del secolo xvi e raffigurante San Silvestro. La visita inizia dalla parete destra.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

50


Prima vetrina 13. manifattura fiorentina, secolo xviii Pianeta primo quarto del secolo xviii; damasco broccato; cm 117x72 (inv. 32) chiesa di Santo Stefano a Montefioralle 14. bottega toscana, secolo xviii Croce astile secolo xviii ottone; cm 33x25 (inv. 72) chiesa di San Michele a Dudda Questa croce, come l’altra esposta

nella vetrina, è un prodotto semplice e severo, di quelli assai diffusi sul territorio con analoghe caratteristiche, stante la serialità della produzione. Nelle formelle polilobate con cui terminano i bracci sono raffigurati in alto Dio Padre, ai lati la Vergine e san Giovanni e in basso la Maddalena. 15. manifattura toscana (Firenze ?), secolo xviii Piviale metà del secolo xviii seta e ricamo in seta e filo d’oro; h cm 137 (inv. 33) chiesa di Santo Stefano a Montefioralle Si tratta di un manufatto assai pregevole. I ricami eseguiti in fili di colore azzurro, rosa, verde, carnicino e altri ancora, hanno disegni vari ed eleganti e riproducono uccelli, mazzi di fiori, gigli, ali a raggiera con un carattere naturalistico abbinato però a elementi fantastici di ispirazione orientale, assai in voga in questo periodo. 16. bottega toscana, secolo xviii Croce astile secolo xviii ottone; cm 37,5x27,5 (inv. 51) chiesa di San Silvestro a Convertoie (?)

14

sagrestia

51


Patronati e committenti

N

el territorio di Greve ebbero residenza alcune importanti famiglie nobiliari che acquisirono i diritti di patronato sulle chiese poste presso i loro possessi, assumendo così l’onore e l’onere di sostenerle nelle loro necessità economiche. Molto spesso i signori del luogo realizzarono in questi edifici opere importanti, come ristrutturazioni architettoniche, altari, dipinti e arredi liturgici, che se da un lato soccorrevano le modeste risorse delle piccole chiese di campagna, dall’altro rappresentavano un fenomenale strumento di “autopromozione” per consolidare e accrescere il proprio prestigio. Tali commissioni artistiche dovevano quindi mostrare con immediatezza la munificenza dei loro committenti attraverso alcuni segni distintivi, primi fra tutti gli stemmi nobiliari che venivano collocati ben in vista sulle opere e spesso replicati su più suppellettili. A questo proposito, fra le opere raccolte nel museo, si segnala la tela di Curradi proveniente dalla chiesa di Santa Lucia a Barbiano (n. 83) in quanto mostra in basso lo stemma della famiglia Anichini che nei secoli XVII e XVIII fu patrona di quella chiesa; un membro di questa casata, Olinto, fu anche parroco di Santa Lucia dal 1619 al 1660, così che può essere ritenuto il committente del dipinto e dell’altare stesso in cui era inserito, come ricordano altri due armi della sua famiglia scolpite sull’architrave. La cinquecentesca tavola di Sezzate (n. 2), poi, è tutta concepita in relazione alla famiglia Bardi, due membri della quale raffigurati in atteggiamento devoto ai piedi della Vergine e dei santi implorano protezione per sé e la propria casata, emblematicamente rappresentata con l’immagine del loro castello dipinto nel paesaggio dello sfondo. Ancora ai Bardi, che al culmine del proprio potere acquistarono dagli Amidei an-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

52


che il vicino castello di Mugnana, rimandano alcuni arredi sacri seicenteschi della chiesa di San Martino a Sezzate: un calice (n. 67) e una pianeta (n. 24) sui quali compaiono gli stemmi di famiglia inquartati con quelli degli Strozzi, in seguito al matrimonio di Carlo Bardi da Vernio con Maria Maddalena Strozzi (1601-1613). Alla liberalità della famiglia Capponi, patrona di San Martino a Uzzano, si deve il reliquiario a ostensorio (n. 34) donato nel 1848 dalla contessa Luisa e dalla stessa chiesa proviene anche il dipinto ottocentesco con la Vergine Assunta, che presenta sulla ricca cornice dorata l’arme gentilizia dei Masetti da Bagnano, proprietari del castello di Uzzano dal 1641 (n. 27). Emblematica, infine è la tela con l’ Immagine di san Domenico portata a Soriano dalla Madonna e dalle sante Maria Maddalena e Caterina d’Alessandria (n. 1) che, non essendo riconducibile a una specifica provenienza, lascia avvolte nel mistero le pur caratterizzate sembianze del frate domenicano raffigurato in primo piano, certamente un ritratto ma la cui identità, che oggi ci sfugge, fa riflettere sulla vanità dell’aspirazione umana a garantirsi con ogni mezzo fama imperitura. Lia Brunori Cianti

sagrestia

53


17. manifattura fiorentina, secoli xvi-xvii Pianeta fine del secolo xvi-inizi del secolo xvii broccatello; cm 119x70 (inv. 30) chiesa di San Cresci a Montefioralle La pianeta presenta in colore rosso cremisi su fondo bianco un motivo assai diffuso in area fiorentina: maglie ogivali che racchiudono due tipi di fiore di cardo. Esso si rifà a modelli spagnoli diffusi a seguito dell’arrivo a Firenze di Eleonora di Toledo, moglie dal 1539 di Cosimo i de’ Medici, e fu usato con variazioni di

dimensioni fino agli inizi del Seicento. Il cardo, come la melagrana simbolo di fertilità e di immortalità, era diffuso nei tessuti destinati sia a uso profano che ecclesiastico. 18. manifattura fiorentina, secolo xix Calice prima metà del secolo xix ottone argentato; cm 25x11,5 (inv. 45) chiesa di San Martino a Uzzano 19. manifattura italiana, secolo xiii Pianeta e stola terzo quarto del secolo xiii lampasso broccato; cm 117x72 (inv. 35) chiesa di San Leone a Melazzano 20. manifattura toscana, secolo xviii Reliquiario a ostensorio metà del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 46x24 (inv. 83) chiesa di San Martino a Uzzano

Seconda vetrina

17

21. Seta e ricamo in seta e fili d’oro cm 250x71 (inv. 34) chiesa di Santa Maria a Canonica, poi San Gaudenzio a Torsoli

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

54


22. bottega toscana, secolo xvii Quattro candelieri seconda metà del secolo xvii bronzo fuso e tornito; cm 28 (la serie) (inv. 62) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli

segno e indicazione dei colori: in questo caso la critica, dopo averne collocato l’autore nella bottega del Ghirlandaio, ha ulteriormente precisato un’attribuzione del disegno a Francesco Granacci (1469-1543), allievo di Ghirlandaio e amico di Michelangelo (D’Afflitto 1977).

Inserito nel confessionale 23. bottega dei frati gesuati, secolo xvi San Silvestro primo decennio del secolo xvi vetro dipinto, metallo; cm 37x22 (inv. 22) chiesa di San Silvestro a Convertoie Inserito in origine in una finestrella a destra dell’altar maggiore della chiesa di provenienza, il piccolo vetro raffigura il santo papa dentro una mandorla raggiata in atto di benedire. Nella mano sinistra regge una piccola immagine con i santi Pietro e Paolo. In basso una testa di cherubino. L’area di produzione è quella del laboratorio dei frati Gesuati di San Giusto alle Mura di Firenze, assai attivo negli ultimi vent’anni del Quattrocento: aveva tra l’altro collaborato alla realizzazione di vetrine per il Palazzo della Signoria e per la chiesa di San Marco. Collaboravano con i frati anche pittori importanti che fornivano di-

23

Terza vetrina 24. manifattura fiorentina Pianeta 1601-1613 damasco di seta; cm 123x73 (inv. 31) sagrestia

55


Parete di ingresso 25. scultore toscano, secolo xviii Coppia di angeli portaceri secolo xviii legno intagliato e brunito; h cm 154,5 (inv. 19) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli Palesemente eseguiti in coppia, anche se diversi per inclinazione del corpo e della testa, i due angeli facevano forse parte di un complesso ciborio monumentale. Lo stile delle due sculture si ispira ai modelli più illustri della scuola toscana del Cinquecento, con una palese matrice manieristica rielaborata nel Settecento con scioltezza ed eleganza. 24

chiesa di San Martino a Sezzate L’arme presente in basso appartiene ai Bardi di Vernio ed è inquartata con l’arme degli Strozzi: è dunque palese il riferimento al matrimonio avvenuto nel 1601 tra Carlo Bardi e Maria Maddalena Strozzi, morta nel 1613; tra queste due date si colloca ovviamente l’esecuzione della pianeta. La famiglia Bardi di Vernio era patrona delle chiese di Sezzate e di Mugnana, per le quali Carlo, legato alla corte del granduca Ferdinando i de’ Medici, fece realizzare alcuni arredi importanti. 25

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

56


26. bottega veneziana, secolo xiv Croce reliquiario seconda metà del secolo xiv rame inciso, traforato e dorato, smalti, cristallo di rocca; cm 45x25,5 (inv. 21) chiesa di Santo Stefano a Montefioralle Le molte iscrizioni diffuse sull’opera ricordano la presenza di reliquie diverse all’interno dei tubicini di vetro soffiato inseriti nel cristallo: tra queste, oltre ad alcune riferite al legno della Croce e a diversi santi, sono presenti reliquie di santo Stefano, cosa che ci aiuta a individuare la destinazione originale della croce nella chiesa del borgo medievale di

Motefioralle, dedicata appunto al protomartire. Se la forma della croce è tipica dell’area toscana, la sua esecuzione in cristallo di rocca, un quarzo limpido e incolore, va riferita a una bottega di Venezia, città nella quale è documentata la lavorazione del materiale fin dal secolo xiv. La datazione viene desunta in assenza di altre indicazioni dai caratteri gotici delle iscrizioni che rimandano alla seconda metà del Trecento. 27. pittore italiano, secolo xix Vergine Assunta seconda metà del secolo xix olio su tela; cm 72x56, 121x93 con cornice (inv. 13) chiesa di San Martino a Uzzano La tela, che presenta caratteri di gusto purista affini alla pittura di Antonio Ciseri, ha una cornice intagliata e dorata con decorazioni elaborate che comprendono in basso l’arme dei Masetti da Bagnano, proprietari del castello di Uzzano e delle sue terre nel 1641. Si tratta probabilmente di un dono che i discendenti (che hanno conservato la proprietà fino al 1999) fecero nel secolo xix alla chiesa di Ugnano.

26

sagrestia

57


Piano primo Uscendo dalla sagrestia si ritorna nel corridoio d’accesso dal quale, salendo le scale (a sinistra) o usando l’ascensore (a destra), si sale al piano superiore. Qui subito a sinistra è stata allestita una sala per mostre temporanee, già più volte utilizzata. A destra ci si trova in un secondo breve corridoio che in futuro consentirà l’accesso a nuovi locali che verranno recuperati per uso museale, destinati fra l’altro a esporre materiale di scavo recuperato nella zona di Greve, per il momento qui depositato in parte. Attualmente di qui si accede alla sala delle oreficerie e alla sala dei dipinti.

Sala delle oreficerie In questa sala sono raccolti, in una grande vetrina di fronte alla parete di ingresso, arredi sacri dei più tradizionali (reliquiari, ostensori, pissidi, candelieri, calici) provenienti dalle chiese del contado di Greve. Nella raccolta, generalmente di buon livello qualitativo e di epoca compresa fra il Trecento e l’Ottocento, spiccano alcuni oggetti: prima fra tutte la piccola pace in avorio uscita dalla bottega degli Embriachi alla fine del Trecento, un turibolo toscano in ottone del Quattrocento dalla tipica forma piramidale, da confrontare con l’altro assai più elaborato uscito nel 1611 da una bottega milanese, un bell’ostensorio d’argento del Settecento, e alcuni particolari reliquari a forma di tempietto circolare. Alle pareti, partendo da destra, si trovano alcune opere con caratteristiche particolari: una campana, un piccola croce dipinta, un dipinto e un bassorilievo sulle quali verranno dati di seguito cenni più dettagliati. museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

58


28. manifattura fiorentina, secolo xiv Campana 1312 bronzo; cm 63x45 (inv. 29) iscrizioni: «Ave Maria Gratia plena dominus tecum be. a:d.mcccxii» chiesa di Santa Maria a Vicchiomaggio La campana, rotta da più di trent’anni, fu sostituita nella chiesa di provenienza nel 1914. Il giglio sull’occhiello della presa indica che l’opera è uscita da una fonderia fiorentina. Si tratta di uno degli esemplari più antichi del genere ancora conservati.

28

29. manifattura toscana, secoli xvi-xvii Croce astile fine del secolo xvi-inizi del secolo xvii legno intagliato e dipinto; cm 58x40 (inv. 23) chiesa di San Silvestro a Convertoie La croce ripete una tipologia ricorrente fin dal secolo xv, con formelle polilobate in origine dotate di puntali come quelli ancora visibili nel potenziamento del braccio verticale. Sul fondo verde scuro sono raffigurati all’interno di ciascuna formella, a partire dall’alto verso destra: il pellicano che si lacera il petto per nutrire i figli, san Giovanni

29

sala delle oreficerie

59


Evangelista, sant’Anna con la Madonna e il Bambino, la Maddalena. Le pitture presentano caratteristiche tardo cinquecentesche. 30. Attribuito a ottaviano dandini (Firenze 1706 ca.-1740) San Bonaventura primi decenni del secolo xviii olio su tela; cm 98x69 (inv. 11) chiesa di Santa Croce a Greve Ultimo rappresentante della feconda famiglia dei pittori Dandini che a Firenze ebbero fama e commissioni importanti, Ottaviano era figlio di Piero, del quale in parte adottò alcune caratteristiche di linguaggio ma dal quale si distinse per un cauto aggiornamento sulla pittura del primo

Settecento fiorentino, quella ad esempio di Anton Domenico Gabbiani, che gli trasmise anche qualche sentore di pittura veneta. Nel San Bonaventura di Greve spicca la decisa illuminazione laterale e l’atto spontaneo con cui il santo sospende di scrivere, quasi interrotto all’improvviso. 31. nanni di bartolo (Firenze, notizie dal 1419 al 1451) Madonna col Bambino secondo decennio del secolo xv stucco dipinto; cm 65x45x10 (inv. 16) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli L’opera ha perduto quasi del tutto la sua policromia originale, ma resta comunque un toccante esempio di co-

30

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

60

31


me ancora nel Quattrocento veniva sviluppato il tema antico del rapporto affettuoso della Madre col Figlio. Lo scultore, pur aggiornato sulle novità del primo Rinascimento, conserva nell’andamento di panneggi un ricordo di eleganze tardo-gotiche che riportano a Ghiberti: il prototipo è infatti uno stucco policromo del Museo del Bargello riferito appunto alla bottega di Ghiberti. La critica ha assegnato quest’opera allo scultore Nanni di Bartolo, collaboratore di Donatello negli anni 1421-1422. Si ricorda, fra le sue opere, di poco anteriore a questa, il San Lorenzo della basilica di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Valdarno.

lamina d’argento sbalzata e incisa; legno intagliato e dorato; cm 40x18,5 (inv. 41) punzoni: sul fusto leone passante in campo circolare; gallo in campo ovale; torre in campo ovale. chiesa di Santa Croce a Greve

Nelle vetrine, procedendo da destra Primo settore 32. bottega toscana, secolo xviii Reliquiario di San Vincenzo Ferrer seconda metà del secolo xviii lamina d’ottone sbalzata e argentata; legno dorato; cm 55x25 (inv. 71) chiesa di San Michele a Dudda 33. bottega all’insegna della torre (Firenze), secolo xviii Reliquiario di Santa Cristina 1737-1740

33

34. bottega fiorentina, secolo xix Reliquiario di San Martino 1848 lamina d’argento sbalzata e cesellata; legno intagliato e dorato; cm 71x27,7 (inv. 46 ) iscrizioni sulla base: «Dono della sala delle oreficerie

61


Contessa Capponi, nata nei Duchi di S. Clemente fatto alla chiesa di Sa. Martino ad Uzzano l’anno 1848» chiesa di San Martino a Uzzano La contessa citata nell’iscrizione aveva sposato nel 1830 il marchese Giovanbattista Capponi, la cui famiglia era all’epoca patrona della chiesa di Uzzano. Il reliquiario è un interessante connubio di decorazione tardo settecentesca unita a motivi di gusto neoclassico, come la ghirlanda che circonda la teca ovale.

35. bottega toscana, secolo xviii Reliquiario di santa Maria Vergine seconda metà del secolo xviii lamina d’ottone sbalzata e argentata; legno dorato; cm 41x18 (inv. 70) chiesa di San Michele a Dudda

34

36

36. manifattura toscana, secolo xviii Reliquiario della Santissima Croce metà del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 51x20 (inv. 82) chiesa di San Cresci a Montefioralle

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

62


Secondo settore Vetrina bassa esagonale 37. manifattura toscana, secolo xviii Libro dei Capitoli fine del secolo xviii velluto, lega argentata e sbalzata; cm 31x21 (inv. 50) chiesa di San Silvestro a Convertoie Si tratta di una tipica custodia del libro dei capitoli, in questo caso contenente quelli della Compagnia del

37

santissimo Sacramento e di sant’Anna della chiesa di Convertoie, i cui originali risalgono al 1792. Sulla coperta è inserito un medaglione ovale con cornice entro il quale è un’in-

cisione raffigurante Sant’Anna che insegna a leggere alla Madonna bambina. Questi libri venivano generalmente protetti da custodie in quanto destinati a essere appesi al collo del camarlingo durante le processioni. 38. bottega toscana, secolo xviii Corona da statua seconda metà del secolo xviii argento sbalzato e cesellato; cm 8x6 (inv. 39) chiesa di Santa Croce a Greve

38

39. manifattura toscana Libro dei Capitoli della Compagnia di Santa Maria a Cintoia velluto, ottone argentato, sbalzato e inciso; sala delle oreficerie

63


Livello inferiore

42. bottega toscana, secolo xviii Navicella fine del secolo xviii argento sbalzato, cesellato; cm 9x15,2 (inv. 38) chiesa di Santa Croce a Greve

40. manifattura toscana, secolo xvi Secchiello per l’acqua benedetta prima metà del secolo xvi bronzo; cm 9x6,5 (inv. 58) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli

43. bottega toscana, secolo xvii Secchiello per l’acqua benedetta seconda metà del secolo xvii ottone; cm 15,5x9,8 (inv. 37) chiesa di Santa Croce a Greve

cm 32x23 (inv. 77) iscrizioni: al centro sul recto nel cartiglio «S. Maria a Cintola» chiesa di Santa Maria a Cintoia

40

41. bottega toscana, secolo xvii Aspersorio secolo xvii ottone; cm 24,5 (inv. 59) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli

43

Livello medio 44. bottega toscana, secolo xvii Reliquiario di San Cassiano prima metà del secolo xvii bronzo a fusione; rame cesellato e dorato; cm 35x9 (inv. 65) badia di San Cassiano a Montescalari

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

64


44

45

45. manifattura toscana, secolo xvii Reliquiario del legno della santa Croce metĂ  del secolo xvii legno intagliato e dorato; cm 59x24 (inv. 79) chiesa di Santa Croce a Greve 46. manifattura toscana, secolo xvii Reliquiario di santa Cristina prima metĂ  del secolo xvii legno intagliato e dorato; cm 38x11,6 (inv. 78) chiesa di San Martino a Uzzano La tipologia di reliquiario a tempietto, di cui il museo conserva tre begli

46

sala delle oreficerie

65


esemplari (oltre a questo, vedi n. 44 e 45), è assai diffusa in Toscana tra la fine del Cinquecento e la prima metà del secolo successivo: vi si riscontrano motivi decorativi desunti dall’architettura tardo manieristica. Caratteristica è la cupoletta a embrici.

Livello superiore 47. manifattura toscana, secoli xvii-xviii Due reliquiari fine del secolo xvii-inizi del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 19x10,7 (inv. 80) chiesa di San Martino a Uzzano

Terzo settore Livello inferiore 48. manifattura toscana, secolo xv Turibolo secolo xv ottone argentato; cm 18x6 (inv. 36) provenienza: chiesa di Stefano a Collegalli, poi Santo Stefano a Lucolena La forma del turibolo è comune agli esemplari (non rari) del secolo xv diffusi in Toscana: si noti il braciere a coppa sul quale appoggia la parte superiore a forma di piramide sfaccettata con i fori per il passaggio dei fumi di incenso.

48

49. bottega milanese, secolo xvii Navicella 1611 ottone sbalzato, cesellato e argentato; cm 19x7,5 (inv. 64) badia di San Cassiano a Montescalari

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

66

49


50. bottega toscana, secolo xv-xvi Navicella secolo xv-xvi ottone; cm 6x18 (inv. 57) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli

50

Livello superiore 51. bottega milanese, secolo xvii Turibolo di san Giovanni Gualberto 1611 ottone sbalzato, cesellato e argentato; cm 30x14 (inv. 63) badia di San Cassiano a Montescalari Il turibolo, dalla complessa decorazione eseguita senza troppa accuratezza, è abbinato alla navicella (n. 49) che presenta lo stesso partito decorativo di gusto tardo manieristico. I due oggetti sono forse da identificare con quelli commissionati a Milano nel 1611 per la badia vallombrosana di Montescalari, nel periodo in cui l’abate Marco Lavacchi da Pelago (probabile committente) vi faceva eseguire lavori di abbellimento, a seguito della ristrutturazione del monastero progettata da Alfonso Parigi.

51

52. bottega toscana, secolo xviii Ostensorio prima metà del secolo xviii; ottone argentato e dorato (piede); argento sbalzato, cesellato e parzialmente dorato (raggiera); cm 46x23 (inv. 43) chiesa di San Martino a Uzzano 53. bottega all’insegna del gallo (Firenze), secolo xviii Calice secondo quarto del secolo xviii argento sbalzato; cm 23x11,5 (inv. 55) iscrizioni: sotto il piede «539» punzoni: sull’orlo del piede, leone passante in campo circolare, torre in campo circolare, gallo in campo ovale chiesa di San Cresci a Montefioralle sala delle oreficerie

67


54. bottega toscana, secolo xviii Pisside secolo xviii rame dorato, sbalzato e fuso; cm 20,5x13 (inv. 60) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli 55. bottega fiorentina, secolo xvii Calice 1618 ottone a fusione, cesellato, inciso, argentato e dorato; cm 21,7x10,5 (inv. 42) iscrizioni: sotto il piede «m.d.c.xviii» punzoni: sull’orlo del piede, leone passante in campo circolare, torre in campo circolare, gallo in campo ovale chiesa di San Martino a Uzzano 56. bottega toscana, secolo xviii Ostensorio

seconda metà del secolo xviii bronzo argentato (piede); argento sbalzato e cesellato (raggiera); cm 44x23 (inv. 56) chiesa di San Cresci a Montefioralle

Quarto settore Livello inferiore 57. manifattura toscana, secolo xviii Due reliquiari a ostensorio prima metà del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 33x15 (inv. 81) chiesa di San Martino a Uzzano

56

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

68

57


58. manifattura di gerusalemme, secolo xviii Croce secolo xviii legno incrostato in madreperla e avorio; cm 32x13 (inv. 27) chiesa di San Gaudenzio a Torsoli La croce appartiene all’Ordine francescano e ricorda, nell’uso di materiali tipici come la madreperla e l’avorio, la produzione di oggetti devozionali diffusa in Terrasanta, a Gerusalemme, dove l’ordine francescano era designato custode del Santo Sepolcro.

cesellato e dorato; cm 24x12,3 (inv. 54) chiesa di San Cresci a Montefioralle

Livello superiore 59. bottega fiorentina, secolo xix Calice 1818-1832 argento sbalzato, cesellato e dorato; cm 22,5x12 (inv. 44) iscrizioni: sotto il piede «1609» punzoni: sull’orlo del piede, «g» entro losanga; parzialmente leggibile con il numero «2» chiesa di San Martino a Uzzano 60. bottega fiorentina, secolo xvii Calice seconda metà del secolo xvii argento sbalzato,

60

61. bottega fiorentina, secolo xvii Calice prima metà del secolo xvii bronzo dorato (piede); argento sbalzato, cesellato e dorato; cm 25,5x12,5 (inv. 53) iscrizioni: sotto il piede «Santi Filippo et Jacopo di Colognole» chiesa di San Cresci a Montefioralle Il calice è un bell’esemplare dell’epoca per forma elegante e fitta decorazione. Un’iscrizione sotto il piede ricorda la sua appartenenza originale alla chiesa dei Santi Filippo e Jacopo a Colognole, oratorio dipendente da San Cresci a Montefioralle. sala delle oreficerie

69


62. bottega all’insegna del gallo (Firenze), secolo xviii Ostensorio 1730-1740 argento sbalzato, cesellato e dorato; cm 56x16,5 (inv. 49) punzoni: sull’orlo esterno del piede, leone passante in campo circolare, punzone illeggibile, gallo in campo ovale chiesa di San Silvestro a Convertoie La decorazione lussureggiante, tipica del tardo barocco, risulta ancora in voga, come in questo caso, nei primi decenni del Settecento. Dei tre

punzoni presenti sull’orlo del piede, uno è identificabile col marchio rilasciato dall’Arte della Seta della città di Firenze dal 1695 al 1761 per il titolo legale dell’argenti, l’altro sembra rimandare alla bottega fiorentina all’insegna del Gallo, una delle più attive del periodo, che faceva capo all’argentiere Antonio Mazzi (morto nel 1747) e poi ad Angiolo Maria Alisi. Lo stesso punzone è riscontrabile nel bel calice (n. 33) che, eseguito nella bottega all’insegna della Torre, fu “saggiato” appunto dal Mazzi tra il 1737 e il 1740. 63. bottega fiorentina, secolo xvii Pisside prima metà del secolo xvii bronzo argentato (piede), rame argentato (coppa), bronzo dorato (croce); cm 22x7,3 (inv. 52) iscrizioni: sotto il piede «Della pieve di San Cresci» chiesa di San Cresci a Montefioralle 64. bottega toscana, secolo xix Calice 1895 lega di rame, argentata e dorata; cm 27x12,3 (inv. 40) iscrizione: sotto il piede «Per grazia ricevuta 18 maggio 1895» chiesa di Santa Croce a Greve

62

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

70


Quinto settore Livello medio 65. bottega toscana, secolo xvii Calice prima metà del secolo xvii rame sbalzato, cesellato e dorato; cm 25x11,5 (inv. 48) chiesa di San Silvestro a Convertoie

67. bottega fiorentina, secolo xvii Calice 1601-1613 ca. argento sbalzato e cesellato; cm 22,5x10,3 (inv. 75) chiesa di San Martino a Sezzate

65

67

66. bottega fiorentina secolo xviii Calice vii-viii decennio del secolo xviii argento sbalzato; cm 24,5x12 (inv. 74) iscrizioni: sul piede «f.p.» punzoni: sul gradino del piede, «g.m.» all’insegna della stella in campo rettangolare chiesa di San Donato a Mugnana

68. bottega fiorentina, secolo xviii Calice 1781-1808 argento sbalzato; cm 24,5x12 (inv. 76) iscrizioni: sul piede «p.p.» punzoni: sull’orlo del piede e nel sottocoppa, leone seduto su «f» in campo ovale chiesa di San Martino a Sezzate sala delle oreficerie

71


Livello superiore 69. bottega degli embriachi, secolo xiv Pace fine del secolo xiv; avorio intagliato, dipinto e dorato; legno intarsiato; cm 11,8x16,3 (inv. 20) chiesa di San Martino a Uzzano La bottega degli Embriachi, fondata a Firenze intorno al 1370-1380 dall’abile mercante fiorentino (ma di origini nobili) Baldassarre degli Ubriachi o Embriachi, era specializzata in manufatti di avorio e osso. Per qualche tempo fu diretta anche dallo scultore fiorentino Giovanni di Jacopo e dopo la morte del fondatore la sua attività continuò a Venezia fin verso il 1430. Le commissioni di opere di piccolo formato, nelle quali risaltava al meglio la preziosità della materia e l’abilità degli intagliatori, venivano tanto da parte ecclesiastica che profana, ma la bottega si cimentò anche in opere monumentali, come i dossali d’altare per la certosa di Pavia (unica opera databile, eseguita tra il 1396 e il 1400), per la priorale di Poissy e per l’abbazia di Cluny. I contatti del fondatore erano del resto di altissimo livello, sia con l’aristocrazia italiana, spagnola, inglese e francese, sia con i rappresentanti di spicco del rinnovamento umanistico fiorentino, come Coluccio Salutati. Alla fine del secolo xiv si può dire che la produzione

degli Embriachi aveva conquistato anche la Francia, detentrice fino ad allora del monopolio per la lavorazione dell’avorio, grazie anche a una produzione di tipo seriale che poteva far fronte con diversi specialisti e intagliatori alle richieste di un ampio mercato. Le caratteristiche tecniche e stilistiche di questa pregevole Pace ne suggeriscono l’appartenenza del periodo fiorentino degli Embriachi, collocandone l’esecuzione alla fine del Trecento. La Pace è purtroppo mutila: ai lati della Croce (rubata qualche anno fa) stanno tradizionalmente la Vergine e san Giovanni, stretti e ripiegati non solo dallo spazio esiguo ricavato per loro nell’avorio ma dal loro stesso dolore che li rende monumenti tragici sui basamenti decorati con lettere d’oro. Anche le aureole un tempo erano dorate. Dietro di loro si sviluppa in verticale uno sfondo roccioso sul quale sono dipinte piccole foglie stilizzate in rosso e nero. La cornice ha bordi in avorio ma il motivo centrale a corda è di legno intarsiato.

Sesto settore Vetrina bassa esagonale 70. manifattura toscana, secolo xviii Libro dei Capitoli fine del secolo xviii

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

72


69

sala delle oreficerie

73


cm 25x19,7 (inv. 47) iscrizioni: intorno al cavetto sotto la tesa «Eletta de’ Conti Capponi nata Giugni Canigiani donò alla chiesa di S. Martino a Uzzano» punzoni: sotto il bordo, marchio dell’argentiere illeggibile. In prossimità dell’iscrizione leone sedente su «f» in campo ovale chiesa di San Martino a Uzzano

velluto; lega argentata e sbalzata; cm 24x16,5 (inv. 73) chiesa di San Michele a Dudda

Livello inferiore 73. bottega toscana, secolo xvii Due candelieri secolo xvii bronzo fuso e tornito; cm 18 (inv. 67) chiesa di San Michele a Dudda 70

71. manifattura di doccia, secolo xix Vasetto e piatto 1865 porcellana; cm 14 (vasetto); cm 12,5 (piatto) (inv. 28) iscrizioni: sotto il piede del vasetto: «26 Ginori 1865» chiesa di San Gaudenzio a Torsoli 72. bottega fiorentina, secolo xix Vassoio 1858-1872 argento sbalzato e inciso;

74. manifattura toscana, secolo xviii Due reliquiari a ostensorio fine del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 47x10,5 (inv. 87) chiesa di San Martino a Uzzano 75. bottega toscana, secolo xvii Candeliere 1673 bronzo fuso e tornito; cm 20,5 (inv. 66 ) iscrizioni: sul nodo del fusto «Lim.(osi)ne» chiesa di San Michele a Dudda

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

74


78. manifattura toscana, secolo xviii Reliquiario a ostensorio seconda metĂ  del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 36x19 (inv. 85) chiesa di San Martino a Uzzano

Livello superiore 79. manifattura toscana, secolo xviii Reliquiario a ostensorio seconda metĂ  del secolo xviii legno intagliato, dorato e laccato; cm 23x11 (inv. 84) chiesa di San Martino a Uzzano

75

76. bottega toscana, secolo xvii Candeliere secolo xvii bronzo fuso e tornito; cm 19 (inv. 69) chiesa di San Michele a Dudda

Livello medio 77. manifattura toscana, secolo xviii Due reliquiari a ostensorio fine del secolo xviii legno intagliato e dorato; cm 45,8x17 (inv. 86 ) chiesa di San Martino a Uzzano

79

sala delle oreficerie

75


Settimo settore 80. bottega toscana, secolo xvii Candeliere secolo xvii bronzo fuso e tornito; cm 24 (inv. 68) chiesa di San Michele a Dudda 81. manifattura toscana, secolo xvii Madonna col Bambino seconda metà del secolo xvii legno intagliato e dipinto; cm 54x19 (inv. 18) chiesa di San Silvestro a Convertoie La statuetta, in parte mutila, è in realtà un reliquiario come rivela l’apertura sagomata in basso per la mostra delle reliquie. È un prodotto artigianale di buon livello che, come altri diffusi nel contado fiorentino tra la fine del Cinque e il Settecento, si rifà a un prototipo tardo manieristico aggiornato sulle novità formali del barocco.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

76

81


Corridoio Uscendo dalla saletta delle oreficerie si gira a destra percorrendo un piccolo corridoio che a sinistra presenta un suggestivo affaccio sull’oratorio sottostante. Sulla parete destra invece, oltre a pannelli illustrativi del patrimonio artistico sul territorio di Greve, è esposto un dipinto di cui si forniscono qui di seguito i dati. Si passa quindi alla sala dedicata a dipinti che sono quelli di epoca più tarda conservati nel museo. 82. Attribuito a giuseppe moriani (Firenze, documentato dal 1709 al 1739) Guarigione del cieco nato secondo decennio del secolo xviii olio su tela; cm 116,5x87,5 (inv. 12) chiesa di Santa Maria a Cintoia

Sala dei dipinti Le opere qui esposte offrono una buona campionatura di pittura toscana del Seicento, con riferimenti ai nomi ben noti agli specialisti di Sigismondo Coccapani, Jacopo Vignali, Francesco Curradi; non mancano però due buoni dipinti di scuola emiliana e (forse) napoletana della stessa epoca. Davvero importante è poi la tela del secolo xix raffigurante Santa Rosa, attribuita a Michele Gordigiani, che presenta una cornice dorata assai ricca di intagli. Molti di questi dipinti provengono ovviamente da chiese del territorio grevigiano, ma un piccolo gruppo costituisce un lascito proveniente dall’ex ospedale legato al nome della nobildonna Rosa Libri Del Rosso, che con generosità ne patrocinò la costruzione negli anni Ottanta del secolo xix, poi passato in proprietà del Comune.

77


Nella visita alla sala si proceda da destra 83. francesco curradi (Firenze 1570-1661) La Vergine Assunta e i santi Lucia e Antonio da Padova 1640 ca. olio su tela; cm 179x110 (inv. 8) chiesa di Santa Lucia a Barbiano I santi ai lati dell’Assunta sono riconoscibili dagli attributi iconografici tradizionalmente loro assegnati: Lucia (titolare della chiesa di provenienza) ha la palma del martirio e il piattino su cui mostra gli occhi, Antonio sorregge il libro su cui siede il Bambino e ha ai piedi il giglio. In basso a sinistra è lo stemma della famiglia Anichini, patrona della chiesa di Barbiano nei secoli xvii e xviii, ma presente anche nelle chiese di San Leone a Melazzano e di San Martino a Sezzate. All’epoca in cui possiamo approssimativamente datare il dipinto, il parroco di Santa Lucia era Olinto Anichini, che dovette commissionare l’opera al Curradi, il quale si firma al centro sotto la tonaca di Sant’Antonio «Il cav.re Curradi p.f.». Era infatti cavaliere dell’Ordine di Cristo, titolo conferitogli probabilmente nel 1633 da Urbano viii su proposta del re del Portogallo, rimasto particolarmente colpito da al-

cuni quadri dell’artista donatigli da un nobile portoghese. Il Curradi fu pittore assai prolifico, specializzato in soggetti devozionali che tradusse da una giovanile fedeltà al manierismo in forme e colori più tipicamente seicenteschi: impasti morbidi, luminosità di tinte e atmosfere ariose si riscontrano anche in quest’opera che possiamo per questi caratteri, afferenti alla maturità del pittore, datare intorno al 1640.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

78

83, particolare

83, particolare


83

sala dei dipinti

79


84. Ambito di jacopo vignali, forse giovanni montini (documentato dal 1600 al 1650 ca.) Vergine Assunta quinto decennio del secolo xvii olio su tela; cm 162x176 (inv. 7) chiesa di Santa Maria a Canonica, poi San Gaudenzio a Torsoli Il dipinto appartiene alla medesima temperie culturale del precedente: entrambi sono infatti buoni esempi di pittura fiorentina devozionale della prima metà del Seicento: Vignali (al quale l’opera era stata attribuita da Mannini) era stato del resto influenzato dallo stesso Curradi. Ma un’attribuzione più recente (Proto Pisani, su segnalazione di Cantelli, 2002) vedrebbe piuttosto incluso il dipinto nella produzione del Montini, allievo scarsamente documentato di Vignali. Sappiamo che dipinse per il cardinale Carlo de’ Medici e che si cimentò anche in soggetti ariosteschi dei quali uno (replica di Guido Reni) in collezione Corsini a Firenze. Vicini a questa tela appaiono le Storie di Tobia per l’oratorio della Misericordia di Firenze (1632-1633) e soprattutto il dipinto della badia fiesolana raffigurante l’Immagine di san Domenico portata a Soriano. Quest’ultimo, firmato e datato «164…», offre un punto fermo di paragone per l’opera di Greve. museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

80

84, particolare

84, particolare

84, particolare


84

sala dei dipinti

81


85. pittore emiliano, secolo xvii San Pietro in carcere olio su tela; cm 144 x135 (inv. 9) ex ospedale Rosa Libri, poi sala comunale di Greve L’ambiente del carcere in cui San Pietro è rinchiuso è suggerito dal soffitto a volta con mura a bozze di pietra. La luce improvvisa che illu-

mina il santo rivolto verso l’alto può essere riferita all’apparizione dell’angelo che giunge a liberarlo. Sull’area di produzione del dipinto è stata illuminante una scritta antica sul retro con il nome di Lanfranco che conferma una sua collocazione in area emiliana, ribadita da evidenti rimandi a santi eseguiti dai Car-

85

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

82


racci e dallo stesso Lanfranco, con soluzioni luministiche che rimandano anche al Guercino. Il dipinto fa parte del lascito di Rosa Libri, che dall’ospedale è passato di proprietà comunale: si giustifica con questa provenienza eccentrica la presenza del suggestivo dipinto di area non toscana.

85, particolare

85, particolare

sala dei dipinti

83


86. francesco boldrini (attivo in Toscana nella prima metà del secolo xvii) Madonna del Rosario e santi 1615 olio su tela; cm 230x174 (inv. 4) chiesa di San Cresci a Montefioralle La tela, di dimensioni originali assai più ampie, è stata pesantemente rimaneggiata in passato e risulta oggi decurtata ai lati, mentre il frammento che, oltre alle figure degli angiolini, mostra la firma e la data dell’autore è stato tagliato ed è ora esposto a lato. L’apertura centinata al centro doveva essere occupata sull’altare da una Madonna col Bambino del Quattrocento in terracotta, come risulta da vecchie schede d’archivio. L’uso di inglobare piccole, antiche e venerate immagini in fastose tele aggiornate sul gusto dei secoli successivi è alquanto diffuso nelle chiese del contado fiorentino a partire dal tardo Cinquecento. La tela raffigura al centro la Vergine che porge il rosario a san Domenico: il Bambino a sua volta lo porge a santa Caterina da Siena. Gli altri santi distribuiti ai lati sono: a sinistra in alto san Giovanni Battista con accanto un altro santo, di cui rimane solo un braccio con la spada, e al disotto santa Marta con l’aspersorio con il quale sconfisse il drago;

a destra san Sebastiano (dietro santa Caterina) e al disotto, a coprire in parte un’altra figura forse vestita da prelato, santa Lucia col piattino degli occhi. Del Boldrini si sa ben poco: due altri suoi dipinti si trovano a Castelfiorentino e, come questo di Greve che sembra di poco anteriore, rivelano l’appartenenza dell’autore alla cultura tardomanieristica fiorentina (con influenze del Naldini), rinnovata anche sulla scorta dei dettami controriformistici con l’apporto di pittori più aggiornati, come il Curradi.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

84

86, particolare


86

sala dei dipinti

85


87. pittore italiano, metà del secolo xvii San Pietro olio su tela; cm 98x72,5 (inv. 10) ex ospedale Rosa Libri, poi sala comunale di Greve Anche questo, come altri dipinti del lascito Rosa Libri, mostra evidente l’appartenenza a un’area non toscana, che Proto Pisani (2002) suggerisce indicativamente, sulla scorta di assonanza visibili con santi dipinti da Jusepe Ribera, potersi forse individuare in Napoli. 88. michele gordigiani (Firenze 1835-1909) Santa Rosa 1880 olio su tela; cm 97x83, con cornice 192x137,5 (inv. 14) ex ospedale Rosa Libri, poi sala comunale di Greve La santa, estaticamente assorta in preghiera davanti al Crocifisso, può essere identificata con santa Rosa, come scritto sul fastigio della cornice e come suggeriscono l’abito domenicano, la presenza delle rose e la provenienza dall’ospedale Rosa Libri, fatto costruire appunto dalla nobildonna Rosa Libri Del Rosso. Da documenti d’epoca relativi all’ospedale (siamo nel 1880) e ora conservati presso l’Archivio dell’Azienda sanitaria del Presidio Ospedaliero Santa Maria An-

nunziata dell’Antella, il pittore Michele Gordigiani risulta avere contribuito alla costituzione dell’ospedale «con l’offerta di un quadro da collocarsi nell’oratorio»: si tratta verisimilmente del dipinto in esame, che nel soggetto voleva forse anche essere un omaggio alla munifica benefattrice. Lo confermano evidenti affinità con altre opere dell’artista che, assai apprezzato nella Firenze della seconda metà del secolo xix, divenne il ritrattista ufficiale dell’aristocrazia cittadina, attività nella quale trovava impiego perfetto la sua grande abilità tecnica e il suo tratto raffinato. Si veda anche in questo dipinto il gusto sapiente con cui è stata realizzata la natura morta composta dal libro e dal vaso di fiori a sinistra. L’opera costituisce una preziosa aggiunta al catalogo dell’artista nel quale rari appaiono i soggetti religiosi.

88, particolare

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

86


88

sala dei dipinti

87


89. sigismondo coccapani (Firenze 1583-1643) Apparizione di Cristo a un santo (sant’Alessio ?) 1620 ca. olio su tela; cm 225x155, cm 253x184 con cornice (inv. 6) ex ospedale Rosa Libri, poi sala comunale di Greve La grande tela, modificata in passato come la bella cornice coeva che pure è stata riadattata, raffigura un soggetto di incerta identificazione: il Cristo in gloria sostenuto e circondato da angeli appare a un giovane dietro al quale è visibile un grande letto matrimoniale, all’estrema sini-

stra compare una giovane donna. La presenza degli elementi su descritti con il letto matrimoniale in evidenza fa pensare che possa trattarsi di sant’Alessio, vissuto a Edessa nel secolo v, intorno al quale si è sviluppata una delle leggende più diffuse dell’agiografia cristiana. Figlio unico di due ricchi genitori, Alessio si sposò, ma la sera stessa delle nozze convinse la giovane moglie a vivere in castità e partì per Roma. Al suo ritorno a casa dopo diciassette anni non fu riconosciuto e visse fino alla morte come un povero mendicante. L’attribuzione dell’opera non è a sua volta priva di incertezze: di recente

89

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

88


Cantelli (come riferisce Proto Pisani, 2002) ha suggerito di inserirlo per motivi stilistici nel catalogo di Sigismondo Coccapani, del quale presenta alcune caratteristiche riscontrabili in altre opere. Va segnalata comunque una certa disomogeneità nella tenuta del dipinto, che accosta brani di grande qualità a dettagli poco curati.

Bibliografia C. Baldini-I. Baldini, Pievi, parrocchie e castelli di Greve in Chianti, Vicenza 1977. C. D’Afflitto, Schedatura ministeriale oa della chiesa di San Silvestro a Convertoie, presso Ufficio catalogo della Soprintendenza, 1977. M.P. Mannini, Schedatura ministeriale oa della chiesa di San Martino a Sezzate, presso Ufficio catalogo della Soprintendenza, 1977. M.P. Mannini, Schedatura ministeriale oa delle chiese di Santo Seafano e San Cresci a Montefioralle, San Gaudenzio a Torsoli, San Michele a Dudda, Santa Maria a Cintora, San Cassiano a Montescalari, Santo Stefano a Collegalle, presso Ufficio Catalogo della Soprintendenza, 1977. L. Ragusi, Schedatura ministeriale oa delle chiese di Santa Maria a Vicchiomaggio, San Martino a Uzzano, presso Ufficio catalogo della Soprintendenza, 1977. A. Falassi (a cura di), I santi del Chianti, Radda in Chianti-Firenze 1985. G. Gentilini, I Della Robbia. Scultura invetriata nel Rinascimento, 2 voll., Firenze 1992.

89, particolare

P. Roselli, Ospizio di San Francesco. Ricerca storica sulle origini dell’Ospizio di San Francesco, dattiloscritto presso il Comune di Greve, 1992. P. Torriti, Le chiese del Chianti, Firenze 1992. D. Liscia Bemporad, Argenti fiorentini, 3 voll., Firenze 1992-1993. R. Caterina Proto Pisani, Il patrimonio storico artistico nelle chiese della valle del Cintoia, in La Valle di Cintola. Storia-Arte-Archeologia, Poggibonsi 1997. C. Cinelli, Schedatura ministeriale oa della chiesa di Santa Croce a Greve, presso Ufficio Catalogo della Soprintendenza, 1997. I Della Robbia e l’Arte nuova della Scultura invetriata, catalogo della mostra a cura di G. Gentilini (Fiesole), Firenze 1998. R. Caterina Proto Pisani (a cura di), Il Museo d’Arte Sacra a Greve in Chianti, Firenze 2002 (con bibliografia precedente). C. Caneva-R. Passalacqua, Un bel recupero, una diversa ipotesi di attribuzione, in Il Compianto restaurato. Un’importante terracotta policroma del Museo di San Francesco a Greve in Chianti, 2003 (depliant pubblicato in occasione della presentazione del restauro). sala dei dipinti

89


Itinerari


Valdarno


Da Firenze al Museo d’arte sacra di Greve

Renato Stopani

A

l Bandino, antica borgatella ormai inglobata dalla periferia fiorentina, in una vecchia casa fa ancora mostra di sé una lapide settecentesca la cui iscrizione recita «Per Greve al Chianti». Un tempo iniziava di lì la via Chiantigiana, la principale arteria di penetrazione nella classica regione viticola della Toscana, che risaliva il corso del fiume Greve sino a Panzano, posto alla sommità di uno dei poggi che fanno da spartiacque tra le valle della Pesa e della Greve. Il primo tratto della strada si svolge tra le colline che «formano ghirlanda alla bella Firenze», per un ambiente che conserva ancora in buona misura i caratteri tipici del tradizionale paesaggio della campagna fiorentina, con i campi intensamente e promiscuamente coltivati a viti e olivi, punteggiati di cipressi e di costruzioni esprimenti la migliore tradizione architettonica toscana e percorsi da strette vie incassate tra muri, non di rado decorati da rustici graffiti. Inoltrandosi nella val di Greve il paesaggio va sempre più mostrando gli estesi vigneti che ogni dove hanno sostituito le coltivazioni promiscue tipiche dell’organizzazione agraria espressa dal sistema poderale. Ormai soltanto le case coloniche isolate con la loro presenza stanno a ricordare il paesaggio della mezzadria, che sino agli anni Cinquanta dominava incontrastato in tutta la regione chiantigiana. A Strada in Chianti appaiono le estreme propaggini della dorsale dei monti del Chianti, che si aprono a

93


ospitare il solco vallivo del torrente Sezzate: è la cosiddetta valle di Cintoia, che si insinua tra le groppe selvose dei monti. La strada che la risale sino alle sorgenti del corso d’acqua che dà nome alla vallata costituisce un itinerario alternativo di grande interesse storico e artistico, oltre che naturalistico. Avvicinandosi a Greve, e poi sulle pendici del colle di Panzano, il paesaggio agrario è ancor più dominato dalla presenza dei vigneti, conseguenza della riconversione agricola degli ultimi decenni. Qua e là rimane qualche relitto delle antiche sistemazioni idraulicoagrarie (i terrazzamenti collinari, un tempo diffusissimi) e, nel fondo valle, sopravvivono alcune superstiti “alberate” di viti maritate ad aceri campestri.

L’itinerario Dalla Badia di Ripoli, dove ha oggi propriamente inizio la strada statale n. 222 che ha conservato la denominazione di Chiantigiana, si affronta una lieve salita che prende nome dalla villa di Diacceto (fig. 1), una

Fig. 1. Villa di Diacceto museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

94


vetusta costruzione signorile merlata, conformata a corte, ben visibile dalla strada. Si digrada quindi dolcemente verso l’abitato di Ponte a Ema, che si distende sulla destra del torrente, nello stretto fondovalle contornato da ridenti colline punteggiate di ville. Si lascia a sinistra un breve tracciato che conduce all’oratorio di Santa Caterina dell’Antella (fig. 2), una chiesa trecentesca a un’unica navata con scarsella terminale, coperta con volte ogivali, le cui pareti sono coperte da un ciclo di pregevoli affreschi di Spinello Aretino raffiguranti la Vita di santa Caterina d’Alessandria e sulle volte Gli evangelisti. Altri affreschi trecenteschi, sempre con Storie di santa Caterina e figure di santi, sono poi nella scarsella. Al termine dell’abitato di Ponte a Ema s’incontra la chiesa, già monastero cluniacense, di San Pietro a Ema, completamente rinnovata alla fine dell’Ottocento. Nell’interno si conserva una Madonna col Bambino di scuola del Ghirlandaio, una Santissima Annunziata attribuita al Bronzino e un tabernacolo per gli Olea Sanctorum della scuola dei da Maiano. Sempre sulla sinistra un’altra diversione porta all’abi-

Fig. 2. Oratorio di Santa Caterina dell’Antella da firenze al museo d’arte sacra di greve

95


tato dell’Antella, il cui nucleo più antico accoglie la romanica pieve di Santa Maria. A un’unica navata coperta con capriate lignee, la chiesa fu ripristinata con alcune integrazioni in stile nei primi anni del Novecento. Nei muri ai lati del grande arco che dà nel presbiterio sono alcune tarsie marmoree e un duecentesco bassorilievo, scolpito entro una cornice a commesso, raffigurante un drago. Un’alta torre campanaria sorge a fianco della pieve: ha conservato sostanzialmente integri i caratteri originari, eccettuata la parte sommitale rialzata alla fine dell’Ottocento. Nell’interno, oltre a una serie di dipinti cinque e seicenteschi di scuola fiorentina, che sono negli altari laterali, si conserva una cinquecentesca Madonna col Bambino di bottega robbiana e un tabernacolo affrescato (Madonna col Bambino) di Paolo Schiavo. La strada, attraversata l’Ema, raggiunge Grassina, grosso abitato di aspetto moderno, sorto al punto di convergenza di più strade che risalgono le colline all’intorno, dove è tutto un succedersi di ville signorili che fungevano al contempo da fattorie: dalla villa Il Riposo, che conserva opere del Giambologna, all’elegante villa Malenchini; dalla villa di Mondeggi, circondata da un folto parco, alla villa di Lappeggi, che fu dimora dei cardinali di Casa Medici. Una diversione, sulla sinistra, risalendo il corso dell’Ema porta a San Polo di Robbiana, transitando per il piccolo borgo de Fig. 3. Castello di Quarate museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

96


La Capannuccia e permettendo di arrivare al castello di Quarate (fig. 3), del quale rimane una torre scapezzata alla sommità della quale è una pianta d’olivo, al Palagio dei Quaratesi, una casa padronale del xiv secolo, e a una serie di chiesette che hanno spesso conservato l’impianto delle primitive costruzioni romaniche (Sant’Andrea a Morgiano, San Donato a Campignalla, San Bartolomeo a Quarate, Santo Stefano di Tizzano) e che non di rado accolgono al loro interno opere d’arte di notevole rilievo. Ad esempio, un trecentesco trittico della Vergine Fig. 4. Pieve di San Mi- col Bambino e santi e una Croniato di Robbiana cifissione cinquecentesca (Sant’Andrea a Morgiano); una predella attribuita a Paolo Uccello, e una croce astile in rame del xiv secolo (San Bartolomeo a Quarate); due piccole tavole attribuite tradizionalmente al Cigoli (Santo Stefano a Tizzano). La strada raggiunge San Polo di Robbiana, borgata che si distende nello stretto fondo valle, per continuare poi il suo percorso in direzione del Valdarno. Nelle colline che sovrastano l’abitato, oltre alla parrocchiale, dedicata a San Paolo, sorge l’antica pieve di San Miniato di Robbiana (fig. 4). Quest’ultimo edificio conserva nella zona absidale le strutture della primitiva costruzione romanica e la lapide che ricorda la consacrazione della stessa, avvenuta nel 1077. Superata Grassina, la Chiantigiana prende a salire con serpentine; al termine della salita, dove la strada assuda firenze al museo d’arte sacra di greve

97


me un andamento pianeggiante, trova la chiesa di San Martino a Strada, ricostruita in stile dopo la sua rovina in conseguenza del terremoto del 1895. Nell’interno si conserva una tavola del Verrocchio raffigurante la Madonna in trono e santi, una Madonna del Rosario di Lorenzo Lippi e un residuo di affresco trecentesco rappresentante un Angelo annunziante. Dopo aver incontrato, in successione, due belle case coloniche d’impianto seicentesco, la strada transita dinanzi a quello che un tempo costituiva il retro della Villa de L’Ugolino Fig. 5. Villa de L’Ugolino (fig. 5), costruzione attribuita a Gherado Silvani. In prossimità della villa si estendono gli ondulati campi da golf dell’Ugolino, dominati dalla Casa del Golf, edificio degli anni Trenta dell’architetto Gherardo Bosio. Continuando con lievi ondulazioni sulla linea spartiacque tra val di Greve e val d’Ema, si giunge a Strada in Chianti, patria del poeta Zanobi, amico del Petrarca. L’abitato ha uno sviluppo assai allungato, che segue l’andamento della moderna via Chiantigiana. Sulla destra, lungo il primitivo tracciato della via, è il nucleo più antico di Strada, dove sorge la chiesa di San Cristoforo, una costruzione d’impianto romanico, alla quale nel 1933 fu aggiunta una facciata con portico in stile neo-medievale. Nell’interno è un bel Crocifisso ligneo di scuola fiorentina riferibile alla metà del xv secolo. museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

98


Poco dopo l’inizio del percorso s’incontra la mole imponente del castello di Mugnana, da secoli trasformato in villa-fattoria. La poderosa torre del cassero emerge su tutto il complesso, caratterizzato da un bel paramento murario a filaretti di alberese. Dirimpetto al castello di Mugnana, dall’altro versante della valle, è il castello di Sezzate, che nell’andamento avvolgente delle alte muraglie delle costruzioni che lo compongono ha conservato l’aspetto del medievale insediamento fortificato. La strada prosegue in un paesaggio che si fa sempre più silvestre, con boschi di conifere di recente impianto che si alternano a querceti governati a ceduo; incontra la settecentesca villa di Cintoia e lascia sulla sinistra il bivio che conduce al castello di Cintoia (fig. 6), che fu capoluogo della Lega con cui la repubblica fiorentina riunì i “popoli” della valle. Il castello si presenta oggi come un borgo dai caratteri medievali perfettamente

Fig. 6. Castello di Cintoia da firenze al museo d’arte sacra di greve

99


conservati, con alcuni resti delle strutture fortificate in un risalto che domina il piccolo abitato. La strada si immette nella provinciale per il Valdarno poco dopo l’abitato de La Panca, nella cui parrocchiale è stato sistemato il grande tabernacolo eucaristico con i Santi Pietro e Paolo, opera di Santi Buglioni, che si trovava nella vicina pieve di Cintoia. A La Panca una diramazione, sulla sinistra, risale Fig.7. Pieve di San Pietro a Cintoia il poggio di Montescalari, incontrando prima la pieve di San Pietro a Cintoia (fig. 7), quindi l’abbazia di Montescalari. Ricordata sin dall’viii secolo, la pieve di Cintoia è una costruzione romanica a un’unica grande navata conclusa da un’abside semicircolare. Rinnovato internamente nel Settecento, l’edificio manca della parte iniziale, rovinata a seguito del crollo della torre campanaria che determinò l’accorciamento della navata. Il complesso abbaziale di Montescalari (fig. 8), da anni in stato di abbandono, si trova quasi sul crinale dei poggi che dividono la val di Greve dal Valdarno. Si presenta con un grande quadrilatero di mura che racchiudono i vari corpi di fabbrica costituenti il complesso monastico, la maggior parte dei quali risale agli anni a cavallo tra xvi e xvii secolo. La chiesa, nonostante i numerosi rimaneggiamenti, conserva quei caratteri tardo-romanici che possedeva anche la torre campanaria, distrutta da eventi bellici. museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

100


Si attraversa l’abitato de Il Chiocchio, le cui case si distribuiscono dai due lati della strada, e si sale quindi verso il Poggio di Collegalle, alla cui sommità è il casale di Spedaluzzo, per discendere poi rapidamente verso il fondo valle della Greve dove si trova il piccolo abitato di Greti. Più strade si dipartono da Greti, consentendo di raggiungere le ville-fattorie che sono nei dintorni, per lo più ubicate alla sommità delle basse colline che sovrastano il corso della Greve. Un primo percorso porta al castello di Vicchiomaggio (già Vico de’ Lambardi), che consta di un’alta torre duecentesca, ai piedi della quale è una bella costruzione cinquecentesca circondata da un piccolo giardino all’italiana con terrapieno (poco fuori il castello è la chiesetta di Vicchiomaggio, d’impianto romanico, a un’unica navatella absidata).

Fig. 8. Particolare del complesso abbaziale di Montescalari da firenze al museo d’arte sacra di greve

101


Fig. 9. Castello di Verrazzano

Un’altra strada conduce al castello di Verrazzano (fig. 9), da cui trasse origine la famiglia del grande navigatore, Giovanni. Originariamente la località era sede di una medievale “casa da padrone”, della quale rimane una torre merlata, cui poi si aggiunse (xvii secolo) l’attuale villa-fattoria con il bel giardino all’italiana che la circonda. Appena superata la borgatella di Greti, un lungo viale di cipressi, sulla sinistra, punta verso la villa di Cal-

Fig. 10. Villa di Uzzano museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

102


cinaia (fig. 10), di antica origine, ma più volte rimaneggiata; anch’essa è dotata di un vasto giardino, parte romantico e parte all’italiana. Quindi, sulla destra, due strade in successione, portano entrambe al castello di Uzzano, famoso per aver dato nome alla famiglia fiorentina cui appartenne il celebre Niccolò. Del castello si conserva parte del circuito murario a pianta presso a poco rettangolare, all’interno del quale è la monumentale villa-fattoria con il vasto giardino all’italiana che digrada sul versante della collina che guarda la Greve. La via Chiantigiana prosegue con andamento pianeggiante entrando nell’abitato di Greve in Chianti. In corrispondenza delle prime case, una deviazione sulla destra porta alla villa di Zano, proseguendo poi per la Fattoria di Colognole, bell’esempio di duecentesca casa padronale turrita. La stessa strada, poco prima di Zano, incontra la pieve di San Cresci (fig. 11), che dell’originaria costruzione romanica conserva il piccolo nartece che stava anteposto alla facciata, con un portale affiancato da due finestre bifore. Una ulteriore deviazione permette di arrivare al castello di Montefioralle (già

Fig. 11. Pieve di San Cresci da firenze al museo d’arte sacra di greve

103


Monteficalle) (fig. 12), il cui abitato è ancora interamente compreso entro le mura medievali. L’interno, con le sue strette strade dall’andamento avvolgente, è ricco di valori ambientali e conserva non poche costruzioni medievali tra cui, nella parte più elevata, un poderoso edificio turrito. Nella parrocchiale, rinnovata nel xviii secolo, si conserva una preziosa tavola duecentesca raffigurante la Madonna col Bambino e due angeli, oltre a numerose altre opere d’arte, tra cui una quattrocentesca Trinità e santi, attribuita al Maestro dell’Epifania di Fiesole, una tavola della fine del Fig. 12. Porta di acTrecento con Annunciazione e santi, cesso al castello di Montefioralle e un ciborio cinquecentesco. Greve è una grossa borgata che si estende soprattutto a sinistra del fiume omonimo, in una verde conca. Quello che nel Medioevo non era che un villaggio, dovette il suo sviluppo all’aver esercitato la funzione di mercatale, formatosi nel punto in cui la strada di penetrazione al Chianti, proveniente da Firenze, s’incontrava con una via di collegamento tra il Valdarno superiore e l’antica area del Mercatale val di Greve. La struttura urbana dell’abitato riflette le origini dell’insediamento, articolandosi attorno all’ampia piazza a forma di triangolo allungato (fig. 13), sulla quale si aprono i loggiati un tempo usati per l’esposizione delle merci. Al vertice del triangolo della piazza è la chiesa parrocchiale, intitolata alla Santa Croce, ricostruita in forme neoclassiche alla metà dell’Ottocento. Nel suo interno si conserva un trittico di Bicci di Lorenzo e una Madonna e santi del cosiddetto Maestro di Gremuseo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

104


ve. Dal lato opposto della piazza si sviluppa il nucleo più antico di Greve (il borgo), da cui si diparte il breve tracciato che conduce al Museo d’arte sacra, i cui locali un tempo ospitavano un convento francescano.

I dintorni di Greve Si immette direttamente nell’antica piazza del mercatale la strada che porta al Valdarno, superando i monti del Chianti al facile passo del Sugame. Il percorso, assai panoramico, si svolge tra vigneti e colline terrazzate, che si alternano a tratti di bosco ceduo, e offre la possibilità di visitare fattorie (Melazzano, Querceto) e antichi insediamenti (Convertoie, Dudda). Con una diramazione la strada permette altresì di raggiungere la vetta del monte San Michele (la cima più elevata del Chianti), transitando per l’antico abitato di Lucolena e la villa-fattoria di Torsoli. S’inoltra invece nel Chianti la strada statale n. 222 che, uscita da Greve, prosegue con andamento rettilineo co-

Fig. 13. Greve. Piazza Matteotti, l’antica area del Mercatale da firenze al museo d’arte sacra di greve

105


Fig. 14. Villa di Vignamaggio, particolare

steggiando il corso del fiume, che supera in località Tirassegno, ove sorge un piccolo edificio neo-medievale a forma di castelletto. Un bivio, sulla sinistra, conduce al castello di Lamole, risalendo la dorsale chiantigiana sino alla cima del monte Querciabella. Tra campi terrazzati, spesso coltivati ancora promiscuamente a viti e olivi, la strada incontra alcune belle case coloniche con loggiato e torretta-piccionaia d’impianto settecentesco, e la monumentale villa rinascimentale di Vignamaggio, circondata da uno dei più bei giardini all’italiana del Chianti (fig. 14). Prosegue poi tortuosamente, toccando dapprima la frazione di Casole, quindi l’abitato di Lamole (fig. 15), frazionato in una serie di piccoli agglomerati distribuiti lungo la via. Risale alla metà dell’Ottocento la chiesa parrocchiale di Lamole, dedicata a san Donato, nel cui interno si conserva un trittico di scuola fiorentina del Trecento raffigurante la Madonna col Bambino e santi. Sulla destra, poco discosto dalla strada, su uno sperone che si eleva tra due affluenti della Greve, è il castello museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

106


di Lamole, che conserva parte del circuito murario e i resti di una torre poligonale a rinforzo delle mura dal lato più vulnerabile. Al Tirassegno inizia l’ascesa al colle di Panzano: la via Chiantigiana si svolge dapprima fra macchie di querceti che ben presto però cessano, permettendo alla vista di spaziare nello stupendo panorama offerto dalle propaggini collinari dei monti del Chianti, i cui dolci pendii, intensamente coltivati a viti e olivi, sono punteggiati di case coloniche e ville-fattorie. Si giunge a Panzano, attraversando la parte moderna dell’abitato (Campana) e lasciando sulla destra il nucleo più antico, raccolto attorno ai resti del castello, un’ampia costruzione quadrangolare che conserva parte della cinta muraria con la porta di accesso e, all’in-

Fig. 15. Castello di Lamole da firenze al museo d’arte sacra di greve

107


Fig. 16. Torre del cassero del castello di Panzano

terno, l’alta torre del cassero (fig. 16). Nell’area del castello è anche la chiesa parrocchiale di Panzano, dedicata all’Assunta, ricostruita alla fine dell’Ottocento. Nell’interno conserva una Madonna col Bambino, piccola tavola di scuola senese del Trecento, racchiusa entro una più grande tavola quattrocentesca con figure di santi. Contiguo alla chiesa è il piccolo oratorio della Santissima Annunziata, di schiette forme rinascimentali, nel cui interno è una Annunciazione di scuola di Ridolfo del Ghirlandaio. Oltre Panzano, che sorge a cavallo tra val di Pesa e val di Greve, continua il tipico paesaggio collinare del Chianti: si digrada verso il fondo valle del torrente Pesa, qui nella prima parte del suo corso, tra campi di olivi e vigneti che ormai hanno sostituito del tutto le coltivazioni promiscue. Un bivio, sulla sinistra, porta in breve alla pieve di San Leolino a Panzano, documentata sin dal x secolo (fig. 17). La chiesa è una bella comuseo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

108


struzione romanica che consta di tre navate divise da archeggiature nascenti da semplici pilastri quadrangolari. Un porticato su agili colonne in arenaria d’ordine tuscanico è anteposto alla facciata. L’interno è ricchissimo di opere d’arte; vi si conserva, tra l’altro: una tavola attribuita a Meliore e datata intorno al 1270 rappresentante la Madonna in trono col Bambino tra i santi Pietro e Paolo e storie della vita di questi; un trittico rappresentante anch’esso la Madonna col Bambino e i santi Pietro e Paolo, attribuito a un artista senese vicino al Barna e a Bartolo di Fedi; una piccola tavola cuspidata di scuola fiorentina del Quattrocento rappresentante la Madonna col Bambino fra due angeli; due tabernacoletti robbiani del primo Cinquecento, entrambi attribuiti a Giovanni della Robbia; un settecentesco busto-reliquiario in terracotta policroma raffigurante Sant’Eufrosino; un trittico di Mariotto di

Fig. 17. Interno della pieve di San Leolino a Panzano da firenze al museo d’arte sacra di greve

109


Fig. 18. Oratorio di Sant’Eufrosino

Nardo che raffigura la Madonna e i santi Francesco, Eufrosino, Giovanni Battista e Lorenzo; una fonte battesimale monolitico del Cinquecento; una lastra in arenaria del ix secolo, già parte di una recinzione presbiteriale, usata ora come basamento per la mensa dell’altare. Poco distante sorge l’oratorio di Sant’Eufrosino, dedicato al vescovo di origine orientale (probabilmente uno di quei missionari inviati da Roma nel vii secolo per convertire i longobardi ariani della Tuscia), che la tradizione vuole essere stato l’evangelizzatore del Chianti (fig. 18). Seppur riferibile al Quattrocento, con intemuseo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

110


Fig. 19. Pilastrino con sculture dell’VIII-IX secolo

Fig. 20. Pilastrino con sculture dell’VIII-IX secolo

grazioni sei-settecentesche, l’oratorio conserva elementi architettonici che consentono di ipotizzare la preesistenza di una chiesa altomedievale. La recente scoperta, sotto il pavimento della chiesa, di residui di suppellettili sacre con sculture a ornato depresso databili tra l’viii e il ix secolo, conferma l’ipotesi che l’oratorio risalga all’alto Medioevo e che sia nato in corrispondenza del sepolcro di sant’Eufrosino, costituito da un vano a pianta circolare e con volta a thòlos, sorta di cripta che si trovava sotto il presbiterio della primitiva chiesa (figg. 1920). L’oratorio è una vasta costruzione a un’unica navata conclusa da una scarsella quadrangolare. Una trecentesca edicola cuspidata in pietra serena è sistemata nella parete di fondo del presbiterio. Essa doveva servire per l’esposizione delle reliquie di sant’Eufrosino (una statua-reliquiario raffigurante il santo si conserva ancora nella chiesa, che era meta di pellegrinaggi). Virtù taumaturgiche erano riconosciute a sant’Eufrosino e, in particolare, all’acqua di un pozzo situato entro una cappellina a tergo dell’oratorio, dove si conserva un piccolo altare in arenaria comunicante col pozzo, prodotto di artigianato toscano del xiii secolo, scolpito con motivi decorativi ancora legati alla tradizione romanica. da firenze al museo d’arte sacra di greve

111


Valdarno


Artigianato artistico nel Chianti

Maria Pilar Lebole e Benedetta Zini

O

ggi nell’area del Chianti, l’artigianato non rappresenta sicuramente un settore trainante come quello dell’enogastronomia. Tuttavia il patrimonio tradizionale toscano, così ricco e articolato nelle molteplici specializzazioni, affonda anche in questa zona le sue antiche radici. Possiamo riconoscere che la tradizione rurale delle nostre dolci colline ha da sempre favorito un essenziale modo di produrre artigianato, che ben si accomuna a quei modelli produttivi nati un po’ per necessità pratiche e per autoconsumo: all’umile lavoro contadino erano utili oggetti funzionali per mezzo dei quali si esercitavano professioni come quella del fabbro, intento a forgiare gli strumenti di lavoro, o del bottaio, che costruiva i recipienti a doghe, o ancora quella del carradore, che si occupava della manutenzione di carri e barrocci, e del cestaio, che intrecciava diversi tipi di legno per produrre canestri di ogni tipo. Le caratteristiche di questo artigianato, di cui resta difficile riconoscere il valore artistico, sono un po’ quelle che si ritrovano negli oggetti d’uso quotidiano, privi di orpelli e decorazioni, pratici, essenziali e soprattutto funzionali. Lo stesso importante patrimonio originario della zona tra Firenze e Siena, le cui origini si rintracciano fin dai primi insediamenti etruschi, ha indubbiamente influenzato anche la produzione di oggetti e strumenti i quali, pur mantenendo uno stile autentico, scarno e li-

113


neare tipico di oggetti d’uso, attingono anche a modelli, stilemi e simbologie provenienti da una produzione equilibrata, ma più espressiva e ricca. In questo duplice sviluppo del comparto artigiano, che avvicina pratici oggetti d’uso a quelli ad alto contenuto artistico, il comune denominatore risiede probabilmente nell’imponente processo di trasformazione e recupero, di restauro e valorizzazione, di una dimensione rurale che ha definito la vera identità culturale del Chianti oggi. L’interesse per una produzione artigianale autoctona che metta in luce l’artisticità dei prodotti è rinato dopo gli anni Sessanta, quando alcune botteghe hanno assunto la valenza di piccole industrie e si sono specializzate nella produzione di cotto, ferro battuto, intaglio del mobile d’arte, ricamo e tessitura, vetrate artistiche, argenteria, oreficeria e maiolica. Le aree ad alta concentrazione artigianale sono prevalentemente quelle intorno a Greve in Chianti e nella vasta zona industriale di Sambuca. Sebbene l’artigianato artistico sia ridotto a poche unità produttive e gli addetti rispettino la funzionalità dei modelli tradizionali, il settore è in fase di ulteriore trasformazione con l’introduzione e l’ausilio di nuove tecnologie. Come più volte sottolineato, l’artigianato non rappresenta ancora il principale punto di forza dell’area economica chiantigiana, ma nel corso degli ultimi anni si è sviluppato un forte movimento di rivalutazione e organizzazione del settore del fatto a mano. Le idee sono partite in primo luogo dagli stessi artigiani, che si sono uniti per recuperare gli antichi valori della tradizione manifatturiera, tipizzandoli e promuovendoli a livello nazionale e internazionale. Una nota di merito particolare va data al professor Elio Massei, recentemente scomparso e infaticabile operatore dell’artigianato, che ha guidato con entusiasmo e museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

114


profonda competenza questo progetto. Massei è stato capace di trasformare in validi progetti collettivi quelle che erano le singole esigenze ed esperienze dei tanti piccoli artigiani locali, permettendo loro di “fare sistema”. Le idee di Massei, che tanto hanno costruito, rimangono per la loro lungimiranza alla base di tutto il futuro sviluppo dell’artigianato chiantigiano.

Lungo la via Chiantigiana: la tradizione del fatto a mano Percorrendo la bellissima via Chiantigiana, immersa in una delle campagne più caratteristiche della Toscana, mossa da balze e colline, impossibile non rimanere piacevolmente colpiti da questo territorio in cui castelli e aziende agricole hanno sapientemente reinterpretato le loro attività in funzione della vendita diretta di prodotti enogastronomici tipici della zona, conosciuti oramai in ogni parte del mondo e apprezzati come prodotti d’eccellenza. Trovandosi a passare per questa strada non è raro imbattersi in veri e propri spacci allestiti nelle vecchie aie delle ville. Questo è il cuore del Chianti, ancora profondamente legato alla sua tradizione contadina e rurale. Oggi, questa zona è considerata la patria della migliore produzione vinicola toscana, quella del Chianti Classico, esportata e conosciuta in tutto il mondo (fig. 1). Ha invece natali piuttosto recenti la diffusione di botteghe artigiane, che hanno saputo trasformare una produzione tradizionale legata all’uso quotidiano e locale in vere e proprie attività commerciali. La prima tappa del nostro itinerario si ferma oltre il paese di Strada in Chianti. Appena usciti dall’abitato, vale la pena una breve deviazione sulla sinistra in direartigianato artistico nel chianti

115


Fig. 1. Vigneti del Chianti

zione San Polo. Dopo aver percorso la strada che scende costeggiando campi e vigneti, si intravede una moderna zona artigianale-industriale costruita a capannoni. Siamo a Meleto, dove troviamo un gruppo di aziende artigiane prevalentemente produttrici di cotto pregiato di tipo imprunetino come Vivaterra, Enzo Zago e la falegnameria Andreoni. Dopo questa deviazione, immettendosi nuovamente nella via Chiantigiana per un lungo tratto che passa gli abitati di Chiocchio, Spedaluzzo e Greti, restiamo affascinati dalla molteplice e ordinata presenza di castelli, fattorie, case padronali, tutte rigorosamente ristrutturate e adibite a vendita diretta di prodotti vitivinicoli e caseari. Entrando nel paese di Greve, subito dopo il bivio, la Fornace Calcinaia espone la propria produzione in un terreno confinante con l’ingresso nel paese, dove si possono ammirare orci da olio, conche e vasi di varie dimensioni che attirano compratori italiani e stranieri. Siamo giunti a Greve, vero e proprio gioiello di questo itinerario. Innumerevoli le attività manifatturiere che museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

116


stanno fiorendo negli ultimi anni grazie soprattutto alla grande fama della cittadina che attira ogni anno numerosi turisti. Seppure quasi sempre incantato dalle gioie del palato, il visitatore è invitato a conoscere i prodotti tipici della zona nelle botteghe che si concentrano soprattutto in prossimità del centro storico. Si comincia dal ricamo, vero e proprio fiore all’occhiello del fatto a mano chiantigiano. Subito all’imbocco del paese la prima testimonianza in questo senso è la ditta artigianale Fantechi, a conduzione familiare, il cui laboratorio al piano interrato produce biancheria su misura per la casa: tovaglie e lenzuola ricamate, splendidi copriletto, asciugamani di ogni tipo, passamaneria e tendaggi. Alcuni di questi oggetti, come ci confessa la titolare, vengono ancora personalizzati dalle mani esperte delle ultime ricamatrici che lavorando esclusivamente a mano, utilizzano ancora i punti della più alta tradizione artistica. Del resto la tradizione del ricamo prevedeva fin dal secolo scorso una notevole varietà di punti tra i quali il punto festone, il fiorentino e il gigliuccio. Prima di raggiungere piazza Matteotti, sulla sinistra lungo la strada, sotto un panciuto orcio di terracotta lavorato a festoni dell’azienda Terrecotte artistiche d’Impruneta Enzo Zago, una targa recita: «il vaso è stato creato in 32 giorni di lavorazione, 60 di essiccazione e 80 ore di cottura a mille gradi» (fig. 2), a testimoniare l’orgoFig. 2. Greve. Orcio di terracotta all’ingresso glio degli abitanti della zona nei confronti di una lavorazione artidel paese artigianato artistico nel chianti

117


Fig. 3. Campagna pubblicitaria per il Giappone del Consorzio del Chianti Classico

Fig. 4. Greve, L’Inganno

gianale importante quanto laboriosa, troppo spesso paragonata ingiustamente a una produzione di tipo industriale. Proseguendo fino al bivio, ci inoltriamo tra i portici della triangolare piazza di Greve (piazza Matteotti), che sembrano custodire e offrire al visitatore alcune tra le botteghe più originali di artigianato artistico. Dopo l’antica macelleria Falorni che merita una visita con sosta per assaggi e degustazione, una bottega alquanto curiosa commercia oggetti del Consorzio del Marchio Storico del Chianti classico. Qui ogni oggetto o souvenir è contrassegnato dal notissimo Gallo Nero (fig. 3). A partire dai bicchieri per degustazione di ogni forma e dimensione fino alla biancheria per la casa e per la tavola e dissacranti boccali da birra. Proseguendo, si potranno acquistare cesti di ogni forma e misura, oggetti rivestiti in paglia, oggettistica intagliata in legno d’olivo, proveniente da tutto il territorio del Chianti. Interrompiamo per un attimo l’itinerario attorno alla piazza per dirigerci verso la chiesa di Santa Croce. Sul lato destro

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

118


della strada scorgiamo L’inganno, il negozio di una giovanissima artigiana che gestisce da sola una curiosa attività di decorazioni artistiche e trompe l’œil che vale la pena di visitare (fig. 4). Rientriamo in piazza e riprendiamo la piacevole passeggiata. Per gli appassionati di stampe, vale la pena una sosta alla bottega d’arte Il Birillo, dove si possono trovare stampe di ogni tipo e tra le quali riproduzioni primo-Novecento di riviste enologiche ed etichette del marchio storico, oppure curiose caricature del venerato gallo nero. A pochi passi la bottega artigiana Volpi, attiva da circa sei anni, produce oggetti in pelle e soprattutto accessori legati all’abbigliamento su disegni esclusivi. L’artigiano offre anche l’opportunità di visitare il suo laboratorio, sia per dare occasione al visitatore di personalizzare le proprie richieste sia per testimoniare la suggestiva atmosfera del fatto a mano. Di produzione tutta chiantigiana l’attigua bottega di ricami Grazia Giachi è giunta alla quarta generazione e fa bella mostra di tovagliati, asciugamani e soprattutto deliziosi abitini ricamati per bambine (fig. 5). A

Fig. 5. Greve, I Ricami di Grazia Giachi artigianato artistico nel chianti

119


seguire è l’esposizione di ceramica artistica Materia Crea, dove si possono acquistare prodotti con disegni di tradizione locale come acini d’uva, olive, foglie e fiori, ma anche una particolare produzione di modelli realizzati in tinte forti, come il rosso fuoco, e disegni astratti che l’artigiana crea personalmente nel piccolo laboratorio dalla parte opposta della piazza. Lasciamo il cuore di Greve per immetterci nuovamente nella via Chiantigiana, dove l’antico paese di Panzano ci offre un’altra particolare testimonianza della lavorazione della pelle. Questa volta parliamo di scarpe. La bottega artigiana di Carlo Fagiani, nata recentemente ma ugualmente fedele alla migliore tradizione della lavorazione del cuoio e della pelle, si trova costeggiando il paese in direzione del bivio per Mercatale. La sua produzione è specializzata in accessori e scarpe in cuoio e vacchetta, ma anche in vero cervo, nabuk, rettile, struzzo, pitone, coccodrillo, interamente fatti a mano. Percorrendo la caratteristica via Santa Maria, che procede salendo fino alla chiesa omonima, a metà percor-

Fig. 6. Panzano, Janine Louhuis museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

120


so si giunge in piazza Ricasoli. Qui, dietro una vecchia porta a doppio battente e una curiosa insegna fatta di un semplice biglietto da visita incollato sul vetro, si nasconde il piccolo laboratorio di porcellane Janine Loohuis (fig. 6). All’interno, piatti e suppellettili dalle forme tradizionali si mischiano a vasi da fiori dal design ricercato e particolarissimo. Lasciata la piazzetta e proseguendo verso la chiesa (fig. 7), ci si imbatte nella tipica bottega di falegnameria di Franco Guarducci. Qui, in mezzo a trucioli e segatura, gli artigiani assemblano sapientemente assi di ogni forma e dimensione per dar vita a mobili in stile. Ci tratteniamo a Panzano per fare visita a un’altra curiosa attività, dove la tradizione del tessuto si fonde con l’innovazione e la sperimentazione delle forme accompagnate dall’uso sapiente dei colori che il territorio del Chianti offre spontaneamente. I tessuti, tutti naturali de Il giardino delle Essenze, vengono dipinti o ricamati infatti rispecchiando le tonalità dei paesaggi circostanti: il giallo a richiamare i ciuffi di ginestre lun-

Fig. 7. Panzano, via Santa Maria artigianato artistico nel chianti

121


go i viottoli, il verde a ricordare le campagne e l’olivo, il rubino a celebrare gli acini d’uva, vera e prima ricchezza di questa terra, e ancora il viola della lavanda e il rosso ruggine della terra chiantigiana. L’amore per i tessuti naturali si allarga in questa bottega anche agli orditi più preziosi come seta e cashmere, prodotti artigianalmente e con ampia gamma di colori e fantasie. Per chi fosse appassionato di cashmere vale la pena di fare una piccola variante sull’itinerario e visitare il vicino paese di Radda. Qui si trova Tessuti cashmere company, l’unico allevamento italiano di capre da cashmere, allevate libere e alla vecchia maniera. La loro lana morbida e lucidissima viene tosata a mano e a mano lavorata a telaio senza l’utilizzo di alcun tipo di colorante e additivo. L’allevamento si è poi specializzato in un’attività collaterale tutta da scoprire: ad esempio, dal latte delle capre si ricavano ottimi prodotti naturali per la cura della pelle. Vuole infatti la tradizione che il latte di questa varietà di capre sia particolarmente ricco di proteine e grassi, preziosi elementi per favorire l’idratazione della pelle. In località Fonterutoli infine, nei pressi di Castellina, si consiglia la visita alla bottega di forgiatura di Bernabei. Il ferro è un materiale diffuso da sempre nella zona del Chianti e veniva impiegato per la costruzione degli attrezzi da lavoro. Vomeri, bidenti, zappe e vanghe, roncole erano gli oggetti in ferro più comuni. Oggi questo materiale ha allargato la sua produzione dalla dimensione rurale a quella degli arredi per interni ed esterni.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

122


La selezione delle aziende è stata realizzata a discrezione degli autori e non può considerarsi in alcun modo esaustiva rispetto alle aziende presenti nell’area citata. Si ringraziano le aziende artigiane per la disponibilità a collaborare durante la fase di ricerca. Grazie ad Aldemaro Becattini, Roberto Berti, Omero Soffici e Renato Stopani; il personale delle pro loco di Impruneta e di San Casciano, l’Ufficio turistico di Castellina in Chianti e per le immagini gentilmente concesse il Consorzio del Marchio Storico del Chianti Classico. Un ringraziamento particolare va a Rino Capezzuoli per il sostegno operativo generosamente offertoci. Per una lettura specifica sul territorio chiantigiano si invita alla lettura di: E. Massei, Artigianato del Chianti, radici, modelli e tradizioni, Viterbo 2000. E. Bosi-G. D’Eugenio-M. Lorenzi-I. Moretti, Chianti, storia e itinerari, Firenze 2003. Per le riviste: «Greve in Chianti 2005», con il patrocinio del Comune di Greve in Chianti; «InChianti» periodico bimestrale; «Chianti travel, Country life», con il patrocinio del Consorzio del Marchio Storico Chianti Classico. Foto di Benedetta Zini.

artigianato artistico nel chianti

123


Aziende artigiane sulla via Chiantigiana

Strada in Chianti (zona artigianale di Meleto) vivaterra srl via Provinciale Chiantigiana, 36 50022 Greve in Chianti tel 055.858671 fax 055.8590331 enzo zago Terrecotte artistiche d’Impruneta via di Meleto, 1 Località Palagione 50027 Strada in Chianti tel 055.8587253 fax 055.8589101 www.enzozago.it andreoni giorgio & c. Falegnameria via di Meleto, 2 50027 Strada in Chianti tel 055.858524 fax 055.858477 www.falegnameriaandreoni.it

Greve in Chianti fornace calcinaia di Carrai Paolo & figli via Giovanni da Verrazzano, 73 50022 Greve in Chianti tel 055.853724 fantechi Ricami tradizionali a mano via Giovanni Da Verrazzano, 25 50022 Greve in Chianti tel 055.854376

l’inganno Mobili dipinti – trompe l’œil piazzetta Santa Croce, 2-i 50022 Greve in Chianti tel 055.853431 il birillo Stampe piazza Matteotti, 50022 Greve in Chianti volpi Accessori in pelle piazza Matteotti 50022 Greve in Chianti grazia giachi Ricamo Vendita diretta: Piazza Matteotti 50020 Greve in Chianti Laboratorio: piazza Vittorio Veneto, 16/18 50022 Mercatale Val di Pesa (Firenze) tel 055.8218073 fax 055.8218928 materia crea piazza Matteotti 50022 Greve in Chianti Panzano carlo fagiani Lavorazione pelle e cuoio via Giovanni da Verrazzano, 17 50020 Panzano (Firenze) tel 055.852239 www.carlofagiani.com

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

124


janine loohuis Laboratorio porcellana piazza Ricasoli, 2 50020 Panzano (Firenze) tel 055.852526 franco guarducci Laboratorio: via Santa Maria, 4 50020 Panzano (Firenze) tel 055.852287 Mostra: via Chiantigiana, 10 50020 Panzano (Firenze) tel e fax 055.852458 www.francoguarducci.it il giardino delle essenze via Case Sparse, 39 50020 Panzano (Firenze) tel/fax 055.852440 www.giardinodelleessenze.com

Radda chianti cashmere company di Nora Desmond Kravis c/o Azienda Agricola La Penisola 53017 Radda in Chianti (Siena) tel/fax 0577.738080 www.chianticashmere.com Castellina bernabei eugenio Ferro forgiato LocalitĂ  Fonterutoli 53011 Castellina in Chianti (Siena) tel 0577.740953

artigianato artistico nel chianti

125


Valdarno


Alla scoperta del Chianti Classico

Maria Pilar Lebole e Benedetta Zini

Q

uesto itinerario sarà una passeggiata lungo la via Chiantigiana, alla scoperta dei sapori e dei profumi che hanno reso questa parte di Toscana uno dei luoghi più amati e conosciuti al mondo, sarà un po’ come tuffarsi in un tempo passato, carico di odori ormai dimenticati, di un gusto lontano, infantile. Sì, perché il Chianti conserva ancora stretto quell’amore per la genuinità che ha mantenuto i sapori e gli odori così come erano, come dovrebbero ancora essere. Qui i salumi sanno ancora di salumi, i formaggi ci inebriano con quel sapore acre del latte caprino, l’olio è verde intenso e punge la lingua come una lama che affonda; le carni sono una sfida per i palati più audaci, per non parlare dei vini che rievocano migliaia di sfaccettature profumate e intense. Il vino e l’olio si producono da sempre nella terra del Chianti, da quando i folti boschi di castagni furono abbattuti per dar spazio agli ordinati filari di vite e ai nodosi olivi. Risalgono addirittura al Trecento le prime testimonianze manoscritte di una coltivazione sistematica a vite e olivo che interessava tutta l’area del Chianti. Da allora e fino alla riforma agraria del Settecento, che razionalizzò le coltivazioni aumentandone qualità e quantità produttiva, gli agricoltori del Chianti continuarono a lavorare pazientemente questa terra generosa, realizzando un prodotto unico che l’ha resa famosa in tutto il mondo.

127


Oggi i vini del Chianti vengono serviti nei migliori ristoranti di New York e Londra come prodotti d’eccellenza e prestigiosi enologi di tutto il mondo vengono fin qui a gustare e acquistare i vini di questo piccolo angolo di Toscana. Ma non si tratta di una novità, di una moda momentanea ed effimera. Già nel Seicento alcuni documenti riferivano di una regolare esportazione dei vini chiantigiani verso l’Inghilterra. Quale dunque il motivo di tanto prestigio e interesse da parte di tutto il mondo? In primo luogo la qualità dei prodotti, che è fatta di una sapienza antica e di una terra generosa che, combinate insieme, hanno saputo fare dei prodotti enogastronomici la ricchezza assoluta e il principale motivo di interesse mondiale. Molto importante è anche la capacità imprenditoriale dei coltivatori della zona, che lavorano il loro prodotto seguendo standard di alta qualità e diversificano l’offerta con proposte sempre nuove, diffondono il marchio ovunque per proporlo in vesti sempre diverse e rinnovate, adatte a un pubblico che potremmo definire “universale”. L’ultima invenzione è il Gallo Nero Experience, un progetto nato nell’inverno del 2005, che intende diffondere la cultura del vino Chianti Classico Gallo Nero anche tra i più giovani. Una serie di incontri organizzati nei locali più noti e alla moda di quattro città campione (Firenze, Roma, Milano, Bologna) ha presentato gli ottimi vini del Chianti al lato del consueto aperitivo. L’iniziativa consiste nell’allestire speciali angoli da degustazione nei più frequentati locali per aperitivo delle città e offrire i prodotti a un prezzo contenuto, in modo da proporli a un pubblico generalmente non “enoappassionato”, ma dedito a tutt’altro genere di bevande. L’idea è piaciuta a tutti e il successo è stato tale che già si pensa a un altro gruppo di città itamuseo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

128


liane in cui proporre la stessa iniziativa. Il Chianti è divenuto oggi uno “stile di vita”, apprezzato e conosciuto nel mondo. Tante le persone che arrivano fin qui per apprezzare i gustosi prodotti della terra, per farsi inebriare dai vini robusti, per farsi rapire dai paesaggi di una campagna ancora intatta, per apprendere dalle massaie di qui tutti gli antichi segreti di una cucina fatta di semplicità e gusto.

Itinerario sulla strada per Greve La bella campagna attraversata dalla via Chiantigiana è continuamente interrotta da cartelli e insegne che ci invitano a visitare questa o quella fattoria. Spesso dalla strada non si vedono affatto questi paradisi enogastronomici, rimangono nascosti dal verde degli ulivi e dalla macchia arruffata che costeggia la strada. Ma questo è un pò lo spirito toscano: ritroso e ruvido, poco propenso a mettersi in evidenza, ma carico di accogliente calore una volta svelato (fig. 1).

Fig. 1. Vigneto sulla via Chiantigiana alla scoperta del chianti classico

129


La percorriamo tutta la via Chiantigiana, fin dalla prima salita che parte dalla trafficata Ponte a Ema e ci sentiamo subito in un posto nuovo, diverso. D’improvviso la città più confusionaria e caotica si fa campagna pacifica e ruvida, arsa dal sole in estate e mossa dal vento gelido in inverno. Un verde ordinato e ancora un po’ cittadino ci accompagna fino all’Ugolino, dove in mezzo agli ulivi possiamo intravedere le immense distese di prato occupate dai campi da golf. Subito dopo ecco che incontriamo le prime fattorie. Vecchie case coloniche e poderi, a volta addirittura castelli e belle ville, ci accolgono nelle loro aie o in piccoli capanni volutamente improvvisati, dove è possibile fare una degustazione e acquistare i prodotti locali, prevalentemente vino e olio, ma spesso anche miele, grappa, salumi e formaggi, tutti prodotti alla vecchia maniera. Incontriamo così il Podere Casanova, Ville i Cipressi, la Fattoria La Presura e tante altre. Entriamo nell’abitato di Strada in Chianti. Sulla destra della piccola piazza, salta all’occhio il Mastrocicciaio, un’antica macelleria nata ben centocinquanta anni fa, nel 1856 (fig. 2). Per gli amanti della carne, val la pena fare una sosta e abbandonarsi nella distesa rossa e invitante di bistecche e salsicce. Per chi invece prefe-

Fig. 2. Strada in Chianti, insegna della macelleria Mastrocicciaio museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

130


risce la pasta, Strada in Chianti nasconde una curiosità: l’antico Pastificio Fabbri produce infatti, in quantità limitata e numerata, una pasta speciale, ricavata dal miglior grano e tirata ancora con stampi di bronzo. Una vera rarità se si considera che anche la confezione viene realizzata con una carta speciale ottenuta con scarti di grano. Riprendiamo la via, sempre accompagnati da insegne che ci indicano fattorie nascoste nel verde. Tra queste il bel podere di Poggio ai Mandorli e l’Enoteca Falciani, dove si può acquistare un ottimo vino sfuso e dove si realizzano bottiglie con etichette personalizzate, per celebrare un evento particolare o semplicemente per fare un regalo a un amico. Proseguendo ancora, sulla destra, incontriamo il bivio per raggiungere il bellissimo Castello di Vicchiomaggio, che domina con la sua torre tutta la valle. Se ci inoltriamo nella piccola strada di campagna troviamo subito uno stabile adibito a degustazione e vendita dei prodotti dell’azienda agricola. Una casetta piccola e buia che nasconde però un animo carico di gustose specialità. Ma riprendiamo la strada Chiantigiana e passiamo la piccola frazione di Greti. Qui basta accostarsi al ciglio della strada per gustare l’ottimo vino del Castello da Verrazzano, che viene venduto in una piccola struttura ai piedi del castello stesso. Di grande prestigio anche il Castello di Uzzano che produce l’omonimo vino addirittura fin dal xiv secolo. Siamo quasi a Greve, indiscusso capoluogo di questa splendida zona. Poco prima di incontrare le prime case del paese però, conviene fare una piccola sosta alla Villa Calcinaia. Qui i padroni di casa hanno saputo sfruttare tutte le meraviglie della zona offrendo ai visitatori il meglio dell’enogastronomia e dell’artigianato grevigiano: terrecotte artistiche, agriturismo, vendita diretta alla scoperta del chianti classico

131


degli splendidi prodotti della fattoria, compreso uno speciale formaggio caprino prodotto artigianalmente. Arrivati a Greve, è d’obbligo una visita al salumiere Falorni, il cui negozio si affaccia direttamente sulla suggestiva piazza del paese (fig. 3). Questo è proprio un paradiso per i palati più esigenti. Squisiti e stagionati salumi di tutte le dimensioni ci inebriano con il loro profumo non appena varchiamo la porta. Finocchione, prosciutti e salsicce: la scelta è decisamente imbarazzante. Per non parlare dei pecorini, preparati in loco con le varianti più curiose e ardite: peperoncino, tartufo, addirittura frutta. Se si arriva a Greve all’ora di pranzo, o semplicemente se i profumi respirati dal Falorni hanno favorito un certo appetito, conviene una sosta ristoratrice da Nerbone, che sottotitola la sua imponente insegna con le parole «bollito e minestrone»: tutto un programma (fig. 4)! Qui basta dare un’occhiata al menù per rimanere quantomeno stupiti: saltano all’occhio lo spezzatino di pelliccia e la lingua all’arancia, ma val la pena

Fig. 3. Greve, Antica Macelleria Falorni museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

132


Fig. 4. Greve, Trattoria da Nerbone

Fig. 5. Greve, il Museo del Chianti Classico

non farsi impressionare dalla nomenclatura originale. Il primo deve infatti il suo nome a un vecchio detto toscano: «lo spezzatino del signor pelliccia: molte patate e poca ciccia», che sta a sottolineare la povertà degli ingredienti usati, mentre il secondo è una variante agrodolce della classica lingua salmistrata. Per gli appassionati di vino, ma non solo, una volta a Greve è d’obbligo una visita al Museo del Chianti Classico. Nato circa cinque anni fa, all’interno delle antiche cantine di Greve in Chianti, il museo è un enorme e modernissimo spazio di degustazione e offre un approccio tutto nuovo alla cultura del vino che risulta interessante anche ai più tradizionalisti. Una volta entrati, infatti si può scegliere la quantità delle degustazioni da fare (fig. 5). A questo punto, muniti di una tessera prepagata e di un calice ci avviciniamo alle bottiglie prescelte. Queste sono sistemate a gruppi di quattro o cinque, all’interno di particolari congegni che permettono di versare la giusta quantità di vino semplicemente premendo un bottone in corrispondenza dell’etichetta. Manca un po’ il rumore del tappo che esplode dalla bottiglia, manca un po’ il gorgoglio del vino che scende, ma è il mondo moderno e va preso così come è. Per conalla scoperta del chianti classico

133


solarci possiamo approfittare del ricco piatto di salumi e formaggi che viene servito insieme alla degustazione al fine di poter godere appieno del gusto del vino: quello è rimasto lo stesso di sempre. Sono circa centocinquanta i vini che possono essere assaggiati al Museo del Chianti Classico e se non riusciamo a scegliere ci vengo- Fig. 6. Azienda Agricola Il Cennatoio no in aiuto le quattro postazioni internet sistemate all’ingresso della cantina che permettono di accedere a una aggiornatissima eno-biblioteca online. È l’ora di ripartire. Riprendiamo la Chiantigiana e ci dirigiamo verso Panzano in Chianti. Prima di entrare nel centro abitato troviamo le indicazioni per il Cennatoio (fig. 6), azienda agrituristica che domina il paese dall’alto. Per raggiungerla dobbiamo affrontare una strada che si inerpica sulla montagna, non asfaltata e decisamente poco comoda, ma val la pena intraprendere la breve deviazione. Il Cennatoio si offre ai nostri occhi in modo quasi prepotente. In un angolo di campagna brullo e arruffato, colpiscono le sue mura imponenti color rosso acceso. Giunti alla villa, si può visitare l’esposizione dei prodotti. Qui, nella piccola stanza letteralmente soffocata da un muro carico di quadretti che ricordano i premi vinti dai vini locali, sono esposte le bottiglie, le grappe, il gustoso miele prodotto artigianalmente, l’olio e le deliziose conserve preparate alla vecchia maniera e con i prodotti di stagione: pomodori, funghi e quant’altro la generosa campagna toscana sia capace di offrire (fig. 7). museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

134


Rientriamo a Panzano, il paese ormai noto a tutti per la famosa «lapide alla bistecca con l’osso», ironico funerale platealmente celebrato dal goliardico macellaio Cecchini. È consigliata la visita alla sua bottega e non solo per osservare la lapide alla bistecca fiorentina esposta al lato dell’ingresso e Fig. 7. Il Cennatoio. Sala suggellata da una rosa rossa, degustazione posta fresca ogni mattina (fig. 8). A Panzano la carne è una vera tradizione: ce lo conferma il macellaio Checcucci che ha la sua bottega nella suggestiva Piazzetta Ricasoli, nel pieno centro storico della città. E lo sottolinea ulteriormente la Trattoria Oltre il Giardino, a pochi passi dalla stessa piazza, dove è possibile gustare una fiorentina prepotentemente alta, servita rigorosaFig. 8. Panzano, lapide mente al sangue, il cui prelialla “Bistecca con l’Osso” bato boccone si scioglie magicamente in bocca non appena vi entra. Assolutamente da assaggiare anche la ribollita, cucinata alla vecchia maniera toscana, con molto pane e pochi legumi. Infine, seppure forse poco attinente alla cucina toscana, non si può restare indifferenti di fronte a una fetta di torta al cioccolato della padrona di casa: un peccato che in fondo può considerarsi veniale dopo questa lunga passeggiata dedicata ai piaceri del palato. alla scoperta del chianti classico

135


La strada per Greve

podere casanova via Chiantigiana, 379 50015 Bagno a Ripoli tel 055.643164 fax 055.645584 www.ilpoderecasanova.it ville i cipressi via San Michele, 19-29 Località Dudda 50022 Greve in Chianti tel 055.8549016 fax 055.951060 www.villeicipressi.com info@villeicipressi.com fattoria la presura via della Montagnola, 191 50027 Greve in Chianti tel e fax 055.8588859 www.presura.it info@presura.it mastrocicciaio Antica Macelleria Secci borgo B. Paoli, 1 50027 Strada in Chianti tel e fax 055.858039 pastificio artigiano fabbri piazza Enrico Landi, 7 50027 Strada in Chianti tel 055.858013 fax 055.858413 www.pastafabbri.it poggio ai mandorli case sparse, 43 50027 Strada in Chianti

tel e fax 055.858492 poggioaimandorli@tiscali.it enoteca falciani via Chiantigiana, 40 50022 Greve in Chianti tel e fax 055.8572052 castello vicchiomaggio Tenuta Vicchiomaggio srl via Vicchiomaggio, 4 50022 Greve in Chianti tel 055.854079 fax 055.853911 www.vicchiomaggio.it vicchiomaggio@vicchiomaggio.it castello di verrazzano Località Verrazzano 50022 Greve in Chianti tel 055.854243 fax 055.854241 www.verrazzano.com info@verrazzano.com castello di uzzano via di Uzzano, 23 50022 Greve in Chianti tel 055.8544851 fax 055.8544851 www.agricolauzzano.com uzzano@val.it villa calcinaia via di Citille, 84 50022 Greve in Chianti tel e fax 055.854008 www.villacalcinaia.it villacalcinaia@villacalcinaia.it

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

136


antica macelleria falorni piazza Matteotti, 66-71 50022 Greve in Chianti tel 055.854363 fax 055.8544521 www.falorni.it info@falorni.it nerbone di greve piazza Matteotti, 22 50022 Greve in Chianti tel 055.853308 museo del chianti Le Cantine di Greve in Chianti galleria delle Cantine, 2/b 50022 Greve in Chianti tel e fax 055.8546404 www.lecantine.it info@lecantine.it

cennatoio inter vineas via San Leolino, 35 50020 Panzano in Chianti tel 055.852134 fax 055.852733 www.cennatoio.it info@cennatoio.it antica macelleria cecchini via xx luglio, 11r 50020 Panzano in Chianti tel 055.852020 fax 055.852700 trattoria oltre il giardino piazza G. Bucciarelli, 42 50020 Panzano in Chianti tel 055.852828 www.ristoranteoltreilgiardino.it

alla scoperta del chianti classico

137


Glossario


Affresco Tecnica di pittura su supporto murale che utilizza come legante la calce dell’intonaco con la quale il muro è preparato Altare Tavola sulla quale il sacerdote celebra il sacrificio eucaristico, che ha assunto la forma della mensa dell’Ultima cena. Nelle sue forme più complesse oltre alla mensa (la parte superiore piana) e al paliotto (la parte sottostante alla mensa, visibile dai fedeli), poggianti su una predella (il gradino o i gradini sui quali poggia l’altare), sono presenti anche una pala, e un ciborio che sovrasta l’altare stesso Ambone Tribuna rialzata, chiusa su tre lati da un parapetto e aperta nel quarto sulla scalinata d’accesso dove il sacerdote saliva per leggervi l’Epistola e il Vangelo

so lo Spirito Santo. L’episodio accoglie diverse varianti. In epoca bizantina l’Annunciata compare accanto a un pozzo, dove si era recata ad attingere acqua. Nella pittura rinascimentale italiana si svolge in una ambientazione architettonica che spesso diviene pretesto per numerosi dettagli descrittivi. I pittori nordici dello stesso periodo collocano frequentemente la Vergine all’interno di cattedrali, a richiamare la simbologia della Madonna come Chiesa cristiana. L’iconografia controriformista pone l’attenzione sulla colomba dello Spirito Santo che scende dal cielo avvolta in una luce abbagliante. L’arcangelo Gabriele è alato, con una veste bianca; solitamente regge un giglio o un ramo di ulivo. Attributi ricorrenti di Maria sono: il giglio bianco, segno di verginità e purezza; il vaso che spesso lo contiene, simbolo dell’Incarnazione; il libro del quale interrompe la lettura all’arrivo dell’angelo

Ampolla/ampollina Suppellettile sacra, solitamente ha corpo globulare e imboccatura strozzata; si intende sia i due contenitori, l’uno per il vino e l’altro per l’acqua, adoperati nell’eucarestia, sia i tre per gli olii sacri

Argentatura V. doratura

Annunciazione L’episodio è narrato nel Vangelo di Luca: Maria riceve nella sua casa di Nazareth la visita dell’arcangelo Gabriele che, inviato da Dio, le annuncia la nascita di un figlio concepito dallo Spirito Santo. Tre gli elementi essenziali: la Vergine, l’angelo e la colomba dello Spirito Santo, il cui tragitto, spesso tracciato da un fascio di luce, rappresenta l’incarnazione di Cristo attraver-

Aspersorio V. secchiello

Arme L’insieme costituito dallo scudo, dagli ornamenti e dai contrassegni onorifici di una famiglia o di un ente

Assunzione della Vergine L’Assunzione è il momento in cui l’anima della Vergine, riunita al corpo, viene insieme a questo sollevata dagli angeli verso il Paradiso. La Vergine è spesso rappresentata al centro di una mandorla. Nell’iconografia tradizionale è sormontata dal Padre benediglossario

141


cente; talvolta viene incoronata da parte del Figlio (Incoronazione della Vergine). Il soggetto, affermatosi per la prima volta nella scultura gotica, conosce grande diffusione durante la Controriforma cattolica

Baccio da Montelupo, Bartolomeo di Giovanni d’Astore dei Sinibaldi, detto (Montelupo Fiorentino 1469-1523). Scultore e architetto si forma presso la scuola d’arte del giardino di San Marco a Firenze, dove conosce Michelangelo Buonarroti; la sua opera costituisce una proposta di sintesi tra la tecnica scultorea del Quattrocento, ancora legata a schemi donatelliani, e la potente espressività della scuola michelangiolesca, che l’artista realizza sperimentando ogni genere di materiale, dal legno alla terracotta, dal marmo al bronzo. Delle numerose e prestigiose commissioni si ricorda il giovanile Compianto sul Cristo morto di San Domenico a Bologna (1494) e, a Firenze. il San Giovanni Evangelista, in bronzo, commissionato nel 1514 da parte dell’Arte della Seta per una delle nicchie della chiesa di Orsanmichele, capolavoro della maturità. Numerosi i monumenti funebri realizzati negli ultimi anni di attività, tra i quali si ricorda quello di Giano Grillo, nella chiesa di Santa Maria dei Servi a Lucca Bassorilievo V. rilievo Boldrini, Francesco (attivo in Toscana nella prima metà del secolo xvii) Pittore appartenente alla cultura tardomanieristica fiorentina, influenzato dal Naldini, la sua opera testimonia l’influenza di pittori più aggior-

nati, come il Curradi, sulla scorta dei dettami controriformistici; dell’autore ricordiamo soltanto la Madonna del Rosario (Museo di San Francesco di Greve in Chianti 1615)

Borsa (o busta) Custodia piatta per contenere il corporale, formata da due quadrati rigidi decorati. Si usava appoggiata sul calice. I suoi colori variano a seconda del calendario liturgico Broccato Tessuto a grandi disegni operati, di seta, lino, canapa, talvolta con fili d’oro e d’argento, i cui intrecci mostrano un caratteristico effetto in rilievo Brunitura Procedimento che segue quello della doratura con il metodo della lamina d’oro, per rendere lucente l’oro deposto in foglia sull’oggetto; consiste nello sfregare la foglia con il brunitoio, strumento costituito da un manico di legno con una pietra d’agata incastonata all’estremità. La particolare composizione della pietra e la sua levigatezza consentono infatti questa operazione di brillantatura della foglia d’oro. Esistono vari tipi di brunitoi, tutti in pietra d’agata, ma di fogge diverse a seconda che si debba lavorare su fondo liscio, parti tornite, incavi ed intagli Buglioni, Benedetto (Firenze 1461-1521) Scultore autore di terrecotte invetriate policrome nella bottega dei Della Robbia, fu largamente attivo in Toscana e nell’Italia centrale. Della sua feconda attività, che testimonia anche l’apertura agli influssi del Verrocchio, si ricorda la terracotta raffigu-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

142


rante Santa Cristina (Collegiata di Bolsena, 1495). V. anche Santi Buglioni

Buglioni, Santi (Firenze 1494-1576) Pittore allievo dello zio paterno Benedetto, vi collabora fino alla sua scomparsa (1521); alla morte di Giovanni Della Robbia (1529) rimane erede incontrastato del “segreto” robbiano; la predilezione per forme ricercate e virtuosismi tecnici, che emerge già nelle prime opere, si precisa, nel tempo, nei modi raffinati ed eleganti della produzione matura riscontrabili, ad esempio, nella pala policroma con San Pietro e San Paolo adoranti l’Eucarestia in Santa Maria a La Panca (Greve in Chianti, Firenze). Tra le opere della maturità ricordiamo soltanto i due Noli me tangere oggi presso il museo del Bargello di Firenze (1520-1525, 1530-1540) Bulino Utensile costituito da una piccola asta d’acciaio, con punta a becco e da un’impugnatura di legno; produce un taglio acuto, mentre quello della ciappola, strumento analogo, può essere di varie forme (tondo, piano, rigato). V. incisione; sbalzo Calice Suppellettile ecclesiastica costituita da una coppa sostenuta da uno stelo e provvista di base. Viene usato per il vino che, durante la celebrazione eucaristica, diviene il sangue di Cristo. V. anche patena Candelabro Grande candeliere, dotato di più bracci

Candeliere Sostegno in legno, metallo, ceramica o altro materiale, destinato a reggere una sola fiamma o, quando sia collocato sull’altare, anche più fiamme e di piccole dimensioni Capitolo Collegio e assemblea di canonici, frati o religiosi, appartenenti a una cattedrale o collegiata. Il termine indica anche il luogo in cui si tiene l’assemblea. Il libro dei c. è la raccolta delle deliberazioni di tale collegio Cartegloria Nome indicante ciascuna delle tre formule delle parti fisse della celebrazione eucaristica. Si intende anche la cartella che dal xvi secolo viene usata sull’altare durante la Messa, come promemoria delle formule Cartiglio Elemento decorativo, disegnato o scolpito, che riproduce una pergamena o un rotolo, disteso o avvolto, sul quale sono riportati passi biblici, iscrizioni o stemmi Cesellatura Operazione di modellatura della superficie di oggetti in metallo, eseguita mediante cesello Cesello Strumento non tagliente e di fogge differenziate che, battuto con un martelletto su una lastra metallica, abbassa la sua superficie senza asportarne la materia V. anche cesellatura, sbalzo e fusione Cherubino Esseri angelico con l’incarico di vigilare glossario

143


l’ingresso dell’Eden; due di essi, alati, venivano posti sull’Arca dell’Alleanza. Alcune figure colossali rappresentati i cherubini erano presenti nel Sanctum Sanctorum (luogo più santo e segreto) del tempio di Salomone. Generalmente il c. viene rappresentato da una figura composta di quattro facce raffiguranti: l’uomo, l’aquila, il leone e il toro alato

Ciborio Tabernacolo di marmo situato solitamente sopra l’altare maggiore, nel quale si custodisce la pisside; chiuso spesso da uno sportellino in materiali preziosi e variamente decorato. Con il temine si intende anche la pisside stessa Coccapani, Sigismondo (Firenze 1583-1643) Pittore, allievo del Cigoli, fu insieme al maestro attivo a Roma, dove studiò il naturalismo caravaggesco. La vivace analiticità propria alle sue scene di genere valse a distinguerlo nell’ambiente mediceo: tra le opere pubbliche fiorentine ricordiamo il solo Michelangelo incornato dalle Arti (1615-1617, Firenze, Museo di Casa Buonarroti) Codice Manoscritto antico composto da più carte rilegate a libro, prima di papiro e poi di pergamena, contrapposto al volumen, cioè a un insieme di fogli avvolti a rotolo. I c. accoglievano spesso ricche decorazioni miniate (V. miniatura). L’uso si diffuse dal i sec. d.C. e perdurò fino all’invenzione della stampa Commesso Indica qualsiasi lavoro realizzato mediante l’accostamento di elementi di

forme e colori diversi. Se riferito a un lavoro di legname, si dice tarsìa. L’espressione ha trovato largo uso, specialmente a Firenze, tra i secoli xvi e xvii, in riferimento alla tecnica di lavorazione di pietre dure

Compianto Tale iconografia, nella versione più completa, prevede sette figure adunate intorno al corpo di Cristo deposto. Si tratta infatti di tre uomini (Giovanni Evangelista; Giuseppe d’Arimatea, che regge quasi sempre il lenzuolo usato per deporre il Crocifisso; Nicodemo, raffigurato con un vaso di aromi) e quattro donne (la Madonna, santa Maria Maddalena e le due sorelle della Vergine) Confessionale Piccola costruzione in legno, dentro la quale si trova il seggio del confessore e, ai lati, gli inginocchiatoi per i penitenti, i quali comunicano con il sacerdote attraverso una grata Cornice Profilo aggettante che articola la superficie degli edifici segnando il bordo di un elemento architettonico (piani, finestre, porte ecc.); indica anche l’elemento impiegato per inquadrare e isolare un soggetto, pittorico o plastico, dall’ambiente circostante, generalmente in legno, stucco o disegnata Corporale Piccolo panno quadrato di lino, disteso al centro dell’altare durante e al termine della Comunione o quando si espone il Santissimo Sacramento. V. anche borsa

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

144


Croce Formata da due assi, uno verticale e uno orizzontale, che si intersecano fra loro, è divenuta, con o senza il Crocifisso, il simbolo principale del cristiano. C. d’altare: posta su piedistallo e appoggiata all’altare, con Cristo in rilievo. C. astile: sorretta da una lunga asta, è portatile e viene utilizzata per aprire le processioni. Ha due lati figurati: in quello anteriore è solitamente rappresentato il Cristo, in quello posteriore i simboli evangelici Crocifissione Culmine della Passione di Cristo, la sua rappresentazione mostra Gesù inchiodato a una croce eretta fra altre due, destinate a due ladroni. I quattro Vangeli variano nella descrizione di questo momento, ma tutti concordano sulla presenza di alcune donne all’accaduto, fra le quali Maria madre di Gesù, Maria madre di san Giacomo minore e Maria Maddalena. Giovanni solo indica la propria presenza alla Crocifissione. V. anche Compianto Cupola Struttura architettonica di copertura, a base circolare o poligonale. L’anello in muratura, che la raccorda all’edificio sottostante, è detto tamburo; alla sommità può aprirsi una piccola edicola, detta lanterna Curradi, Francesco (Firenze 1570-1661) Figlio del battirolo Taddeo ed allievo del tardomanierista Giovanni Battista Naldini fu tra gli esponenti più rappresentativi della pittura devozio-

nale fiorentina della prima metà del Seicento. L’attività giovanile dell’autore, della quale ricordiamo la Natività della Vergine (cattedrale di Volterra, 1598), testimonia analogie stilistiche con la pittura fiorentina riformata; successivamente, abbandonati gli stilemi tardomanieristici, si avvicina ai modi del Cigoli e del Passignano. Fra le numerose opere della maturità ricordiamo la monumentale Assunzione della Vergine eseguita per la pieve di Santa Maria a Dicomano (1613) e la Predica del Battista per la cappella Rondoni in Santa Trinita a Firenze (1649)

Damasco Tessuto operato di seta con ordito e trama dello stesso colore, che danno forma a disegni lucidi su fondo opaco. Di antichissima origine, tale arte raggiunge l’eccellenza verso il xii secolo nella città di Damasco Dandini, Ottaviano (Firenze 1706 ca.1740) Pittore, figlio di Piero, si distingue dalla maniera del padre per l’aggiornamento che la sua opera testimonia sulla pittura del primo Settecento fiorentino, in particolare sugli esempi di Anton Domenico Gabbiani. Della sua feconda attività si ricorda l’ovale della tela con San Bonaventura rappresentato in abiti francescani, opera dei primi decenni del secolo xviii (Museo di San Francesco di Greve in Chianti) De Cambray Digny, Luigi (Firenze 1778-1843) Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Firenze, fu uno degli architetti più influenti della città, dove fu eletto, nel 1801, professore di architettuglossario

145


ra; dal 1820 fu direttore delle Regie Fabbriche lorenesi. I suoi primi progetti risalgono al periodo francese e risultano influenzati dal gusto neoclassico dell’architettura dell’età napoleonica: tra questi ricordiamo quelli per gli Orti Oricellari e per il giardino Torrigiani a Firenze. Nella città, col ritorno dei Lorena, riceve numerose e prestigiose commissioni tra le quali i restauri per i locali della Dogana agli Uffizi (1815) e il progetto per la villa e il giardino di Scornio a Pistoia (1821-1827)

Doratura Tecnica usata per l’applicazione dell’oro su diversi supporti: su legno, pergamena, cuoio, carta, pareti ecc. L’oro può essere applicato in lamina o in polvere, secondo diverse procedure; per la doratura di superfici in metallo, analogamente alla tecnica dell’argentatura, si procede con l’amalgama: lega di oro puro, o argento, e mercurio che, stesa sul metallo opportunamente preparato e riscaldato, comporta l’evaporazione del mercurio e l’adesione del metallo prezioso al supporto Evangelici, simboli Nell’iconografia cristiana primitiva i quattro evangelisti sono raffigurati come creature alate e con protomi animali. San Girolamo, alla fine del iv secolo, per primo associa e giustifica l’accostamento degli animali agli autori dei Vangeli: Matteo è rappresentato da un angelo perché il suo Vangelo inizia con l’Incarnazione; Marco è un leone perché esordisce con la figura del Battista che “grida nel deserto” con voce potente come quella del

leone; Giovanni è rappresentato dall’l’aquila, l’uccello che vola più in alto nel cielo, perché la sua visione di Dio è la più diretta; Luca infine con il toro, animale sacrificale, perché il suo Vangelo inizia con il sacrificio del sacerdote Zaccaria. Con il Rinascimento gli animali e l’angelo continuarono a essere rappresentati soltanto come semplici attributi dei quattro evangelisti. Attributi secondari di tutti e quattro i santi sono il libro e il cartiglio

Festone Motivo decorativo che consiste in una fascia di fiori, frutti e foglie, sospesa per i due capi. Apparso nell’arte greca (iii secolo a.C.), fu poi largamente impiegato nell’arte romana e nel Rinascimento Fidani, Orazio (Firenze 1606-post 1656) Allievo di Bilivert e documentato nella sua bottega nel 1629, fu tra i pittori fiorentini dediti alla pittura di soggetti naturalistici. Dipinse anche soggetti sacri, nei quali ricorrono atmosfere cupe e forti contrasti coloristici di influenza caravaggesca, tendenza di gusto della quale l’artista è considerato uno dei più rappresentativi ed espressivi esponenti. Fu anche noto ritrattista. Dell’autore ricordiamo Angelica e Medoro (1634, Firenze, depositi di Palazzo Pitti) e gli affreschi nelle volte delle due prime campate nella Certosa del Galluzzo a Firenze Francesino, Giovan Battista Giustammiani detto il (documentato dal 1608 al 1643) Pittore attivo a Siena, forse di origine francese. Di lui sono noti alcuni Mi-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

146


racoli di santi benedettini nella sagrestia di San Domenico a Siena e due Glorie di Angeli nella sagrestia del duomo della stessa città

Fusione È il processo per ottenere sculture o rilievi mediante una colata di metallo fuso in uno stampo; comporta sempre una fase successiva di rifinitura con cesello o altri strumenti. Si distingue una “fusione a pieno”, quando lo stampo è aperto e il metallo liquido lo riempie completamente, e una “fusione in cavo”, che si avvale di forme chiuse e richiede uno spessore molto sottile del metallo. Giovanni del Ponte, Giovanni di Marco, detto (Firenze 1385-1437) Pittore, allievo di Agnolo Gaddi, formatosi sui neogiotteschi del tardo Trecento, quindi influenzato da Lorenzo Monaco e Masaccio, è testimone di una età di transizione tra gotico internazionale e Rinascimento; dell’autore si ricordano gli affreschi per la cappella di San Pietro in Santa Trinita a Firenze (1430-1434), la cui documentazione permise la ricostruzione della sua personalità artistica Gordigiani, Michele (Firenze 1835-1909) Pittore italiano, studiò dapprima scultura con Lorenzo Bartolini, poi passò alla pittura e fu allievo di Bezzuoli e Mussini. Noto ritrattista, gli si devono fra l’altro il Ritratto di Vittorio Emanuele II (1861) e quelli di tutta la famiglia reale. Lavorò anche a Londra, in Portogallo e nel Siam, sempre ritraendo personaggi illustri (Robert Browning ed Elizabeth Barrett Browning, Londra, National Portrait Gallery)

Granacci, Francesco (Firenze 1469-1543) Pittore allievo del Ghirlandaio nella sua produzione artistica testimonia la precoce accoglienza di stilemi propri all’amico Michelangelo Buonarroti, e l’influenza di Filippino Lippi, riscontrabile, ad esempio, nella giovanile Madonna in trono tra i Santi Michele e Giovanni Battista (Berlino, Staatliche Museen). Più spesso tuttavia sembra prediligere la maniera piana e garbata di fra’ Bartolomeo, in tavole di contenuto narrativo ricche di originali stilizzazioni non aliene ai modi di Pontormo; tra queste ricordiamo le Storie di Giuseppe oggi divise fra i musei degli Uffizi e di Palazzo Davanzati a Firenze (1515) Guarigione di un cieco L’unica fonte dettagliata per l’episodio è il Vangelo di Giovanni, che racconta la guarigione da parte di Cristo di un uomo nato cieco, gesto avvenuto di sabato nel tempio di Gerusalemme: Gesù sputò per terra, mescolò la saliva con la sabbia e stese quella poltiglia fangosa sugli occhi del cieco, dando lui la vista. L’episodio palesa il significato simbolico del passaggio salvifico dalle tenebre del passato alla nuova luce divina portata da Gesù ed ebbe una certa fortuna iconografica durante il periodo della Controriforma cattolica Incisione Disegno eseguito sopra una superficie dura, detta matrice, sia a mano, mediante uno strumento a punta (bulino, ciappola), sia chimicamente, mediante sostanze corrosive, a scopo decorativo o per riproduzione a stampa; si intende anche il prodotto ottenuto glossario

147


“inri” Acronimo della frase latina Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum (Gesù Nazareno re dei Giudei); secondo il Vangelo di Giovanni fu apposta da Pilato sulla croce a cui venne inchiodato Gesù Intaglio Tecnica di lavorazione a scavo. Si ottiene incidendo con strumenti metallici legno, marmo, avorio ecc. seguendo un disegno prestabilito Intarsio Tecnica di lavorazione del legno consistente nell’inserimento in una superficie lignea di pezzetti di legno di altro colore o scaglie di materiali pregiati, al fine di ottenere particolari effetti decorativi. La stessa tecnica si adopera nella decorazione del marmo e di alcuni metalli Invetriatura Detta anche “vetrina”: involucro vetroso V. Smalto

trame d’oro e d’argento, dall’aspetto pesante; costituito da una trama di fondo, solitamente in taffetà, con effetti di trame supplementari che formano sulla stoffa un particolare disegno

Leggìo Sostegno mobile su cui poggiano i libri liturgici, talvolta solidale con strutture del coro, da non confondere con l’ambone Lesena Semipilastro o semicolonna addossata al muro e poco aggettante, a volte liscia e a volta ornata, con funzione decorativa Liturgici, libri Contengono i testi e le prescrizioni per i gesti in uso nelle celebrazioni cattoliche: Messale, Breviario, Pontificale, Rituale, Martirologio, Cerimoniale e Memoriale dei riti Lunetta (o lunula) Supporto che sostiene l’ostia consacrata nell’ostensorio

Lampada La sua accensione è spesso legata ad atti liturgici, talvolta costituisce un ex voto; la luce emanata indica la presenza eterna di Dio tra gli uomini

Madonna col Bambino L’iconografia bizantina della Madonna ieratica e frontale, con in braccio il Bambino vestito e benedicente, in piedi e di spalle alla Madre è presente in Occidente già dal vii secolo. Intorno al xiv secolo si affermano invece tipologie che sottolineano l’aspetto terreno e intimo del rapporto tra la Madre e il Figlio, i cui vari atteggiamenti ed attributi identificano differenti tipi iconografici

Lampasso Tessuto operato in filati di seta di grande pregio, molte volte arricchito con

Madonna del Rosario Il tema deriva da quello della Madonna della Misericordia. La com-

Laccatura Tecnica antichissima mediante la quale oggetti in legno o in altri materiali vengono ricoperti con una sostanza resinosa a scopo protettivo e/o decorativo

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

148


plessa storia del rosario è intimamente legata all’ordine domenicano e giustifica l’origine domenicana di tale iconografia, che ebbe grande diffusione nel xvii secolo

Matrice Modello impiegato per ottenere la forma di stampa; realizzato in rame o ottone Mensa Il piano dell’altare Miniatura Arte di illustrare e decorare graficamente testi manoscritti. “Miniare” deriva dalla parola minium con la quale nel Medioevo si indicava il cinabro o solfuro di mercurio, di colore rosso vivo, usato per dipingere le iniziali degli antichi codici. Per estensione si intende qualsiasi dipinto di piccolo formato eseguito con minuzia di particolari Missale (o messale) Uno dei sei libri liturgici che contiene tutti i testi necessari per la celebrazione delle liturgie e delle celebrazioni dell’anno; contiene le orazioni del sacerdote, sia quelle fisse che quelle variabili Monogramma Unione o intreccio di due o più lettere. M. di Cristo: Intreccio delle lettere greche x (chì) e p (rho), iniziali della parola greca Christòs, cioè Cristo; oppure delle iniziali di ixtus (pesce) e xpistos (Cristo), due termini che al tempo stesso erano simboli convenzionali dei cristiani, in uso a partire dal ii secolo. La sigla può anche essere for-

mata dalle lettere latine i, h e s, a volte sormontate dalla croce, ad indicare l’espressione: «(vincerai) con questo segno», con riferimento alla croce sovrastante. M. francescano è detto quello che fece incidere San Bernardino da Siena (Massa Marittima 1380 - L’Aquila 1444), che fu banditore della devozione al santo nome di Gesù, e divenne uno dei principali propugnatori della riforma dei francescani osservanti in seno all’ordine. Tale m. presentava le lettere i, h e s, circondate da un disco solare raggiante, che il sacerdote faceva incidere su tavolette di legno, che dava a baciare al pubblico dei fedeli

Moriani, Giuseppe (Firenze, notizie dal 1709 al 1739) Pittore fiorentino, della sua attività, scarsamente documentata, si ricordano le Storie di santa Verdiana dipinte nelle dieci cupolette delle navate laterali della omonima chiesa fiorentina ed eseguite insieme a Camillo Sagrestani e Ranieri del Pace (1715) e l’affresco con Cristo che scende dalla Croce, invocato dalla Vergine per consolare i condannati, nella nicchia del tabernacolo sito in Borgo la Croce n. 13 a Firenze (1714) Nanni di Bartolo (Firenze, notizie dal 1419 al 1451) Scultore fiorentino, detto il “Rosso”; non vi sono notizie della formazione e degli esordi artistici dell’autore che testimonia tuttavia, nelle sue opere, inflessioni ed eleganze ritmiche tardogotiche di matrice ghibertiana. Della sua produzione si ricorda le due statue di Abramo e Isacco eseguiglossario

149


te per il campanile del duomo di Firenze (1421) insieme a Donatello e il Monumento Brenzoni eseguito intorno al 1426 per la chiesa di San Fermo a Verona

Nartece Atrio porticato antistante l’ingresso della chiesa, dove, nell’antica liturgia cristiana, stavano i catecumeni e i penitenti Navata La parte di una chiesa delimitata da due file longitudinali di colonne o pilastri. Quando la chiesa non è scompartita in più navate si dice ad aula Navicella È il contenitore dell’incenso destinato a essere deposto sui carboni ardenti del turibolo, mediante un cucchiaino di metallo Nicchia Cavità aperta nel vivo di un muro che contiene il più delle volte una statua: può avere pianta semicircolare, rettangolare o poligonale Olio (pittura a) Tecnica di pittura su tela o tavola che utilizza pigmenti impastati con olii grassi, con l’aggiunta di olii essenziali al fine di rendere i colori più trasparenti e meno vischiosi. L’impiego dell’olio come emulsionante consente di ottenere un’ampia gamma di pigmenti e gradazioni cromatiche dovute anche alle diverse modalità di applicazione possibili del colore Ostensorio Arredo sacro, a forma di tempietto o, in tempi più recenti di disco solare

raggiante, entro il quale l’ostia consacrata è esposta all’adorazione dei fedeli

Pace Tavoletta spesso in metalli preziosi e decorata, raffigurante un’immagine sacra, utilizzata per la preghiera personale o presentata al bacio dei fedeli per il perdono Pala d’altare Grande tavola, dipinta o scolpita, situata sull’altare; talvolta si compone di più pannelli. Si trova spesso inserita in una ricca cornice oppure nella struttura architettonica dell’altare stesso. Paliotto Paramento anteriore dell’altare posto sotto la mensa, generalmente di marmo; può anche essere in avorio, argento, o anche in tessuti ornati e ricamati Palla Piccola tela inamidata di forma quadrata, collocata, prima dell’offertorio, sopra la patena e, dall’offertorio in poi, sopra il calice Paramento I p. liturgici sono l’insieme delle vesti indossate dai celebranti durante la liturgia cristiana e, per estensione, anche gli oggetti posti sull’altare e i drappi decorativi Pasquino da Montepulciano (attivo nella prima metà del secolo xv) Scultore formatosi nell’ambiente umanistico fiorentino, fu collaboratore di Filarete alle porte bronzee di San Pietro a Roma, nelle quali appose il proprio nome (1433-1445). Sua

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

150


anche la realizzazione del portale di San Domenico a Urbino. La sua attività, ad oggi ancora poco conosciuta, rivela anche l’influenza di Luca della Robbia

Patèna Piccolo piatto tondo, spesso in metallo prezioso, usato nella Messa per posarvi l’ostia consacrata e per coprire il calice Pianeta Ampia veste liturgica con un’apertura tonda per la testa, indossata dal sacerdote durante la Messa, deriva dal mantello da viaggio di antico uso romano Pisside Coppa di argento o di altro metallo prezioso, dorato all’interno e chiuso da un coperchio, in cui si conservano le ostie consacrate. Si conserva nel tabernacolo dell’altare. La tipologia più frequente è a forma di croce Piviale Lungo mantello aperto nella parte anteriore e trattenuto sul petto da un fermaglio, usato durante le benedizioni e altre cerimonie cattoliche Portico Parte di un edificio, generalmente sul piano del suolo, con un lato aperto ad arcate o ad architrave, poggiante su colonne o pilastri, con funzione decorativa o di riparo Presbiterio Spazio della chiesa intorno all’altare, riservato al clero officiante, spesso separato dal resto della navata mediante recinzione

Purificatoio Piccolo panno di lino che serve ad asciugare il bordo del calice e a pulire la patena Reliquia Parte del corpo di un santo oppure oggetto appartenente o legato alla persona di Cristo (la Croce), della Madonna o dei santi Reliquiario Custodia, di varie forme e materiali, per la conservazione delle reliquie. Le diverse tipologie sono spesso pensate per l’esposizione ai devoti Rilievo Tecnica scultorea di decorazione che consiste nel far emergere le figure dalla superficie sulla quale sono scolpite; quando la figura si stacca dal fondo per meno della metà del suo spessore si ha il bassorilievo; l’altorilievo invece quando sporge per più della metà. Quando le figure si staccano per metà del proprio spessore si parla di mezzorilievo Sant’Anna che insegna a leggere alla Madonna bambina Il culto di sant’Anna, madre della Vergine Maria, canonizzata definitivamente dalla Chiesa cattolica nel 1584, risale alla Chiesa orientale delle origini. Le uniche fonti per i racconti dell’infanzia di Maria sono raccolte nei Vangeli apocrifi. Raffigurata nell’arte bizantina sin dall’alto Medioevo, la sua fortuna iconografica si diffonde in Occidente a partire dal xiii secolo, soprattutto in seguito alle Crociate e in stretta connessione con il dibattito teologico intorno all’Immacolata Concezione. Rare sono glossario

151


tuttavia le immagini isolate della santa, insieme alla Madonna con in braccio il Bambino. Tale particolare iconografia è detta anche Sant’Anna Metterza, allusione alla posizione occupata dalla santa, letteralmente “messa terza”, dopo Cristo Bambino e la Madonna, in una sorta di legame trinitario che, anche dal punto di vista figurativo, tende ad avvicinarsi alla rappresentazione delle Tre Persone della Trinità (Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo). L’immagine si diffuse inizialmente soprattutto nell’arte toscana, poiché la santa era stata eletta protettrice del comune fiorentino, in ricordo della cacciata del duca di Atene che tiranneggiava la città, avvenuta nel 1343, il 26 luglio, giorno di sant’Anna

Sant’Anna Metterza V. Sant’Anna Sant’Antonio abate L’appellativo di abate gli deriva dall’essere considerato il patriarca del monachesimo orientale; è detto anche “l’eremita” o “padre del deserto”. Nato a Coma, in Egitto, verso la metà del iii secolo, intorno ai vent’anni si ritirò nel deserto dove si insediò una comunità monastica. Spinto dalla vocazione all’ascetismo, visse in solitudine e morì ultracentenario nel 356. Rappresentato con la veste da eremita, suo ricorrente attributo è il bastone del pellegrino; il diavolo, spesso presente ai suoi piedi, è simbolo della vittoria sulle tentazioni che costantemente minarono il suo eremitaggio; il maiale che lo accompagna richiama la consuetudine dei monaci medievali di allevare un porcellino per i pove-

ri. È protettore dei macellai, dei canestrai e degli animali domestici ed è invocato contro le malattie infettive, in particolare l’herpes zoster, popolarmente detto “fuoco di Sant’Antonio”

Sant’Antonio da Padova Al secolo Fernando Bullone, nato a Lisbona nel 1195, prese i voti nell’ordine dei canonici agostiniani di Coimbra, dove svolse studi di teologia. Quindi divenne il più valente predicatore francescano. Insegnante di teologia nelle università di Bologna, Tolosa e Montpellier, visse gli ultimi anni della sua vita a Padova, dove morì, a soli trentasei anni, nel 1231; un anno dopo fu canonizzato e venerato come santo patrono della città. L’agiografia del santo è ricca di miracoli, guarigioni miracolose ed episodi di carità, dai quali l’iconografia ha attinto nel corso dei secoli, privilegiando i racconti aneddotici ed esemplari: la predica ai pesci, il cuore dell’avaro, il miracolo dell’asino o quello del neonato. Tonsurato e vestito dell’umile saio marrone, i suoi attributi più comuni sono il giglio, il sacro Cuore di Gesù, il libro o l’ostensorio San Bartolomeo Uno dei dodici apostoli. Secondo quanto narrato dalla Legenda Aurea (secolo xiii) fu missionario in Oriente, spingendosi fino in India, dove predicò e fece opera di conversione. In Armenia guarì la figlia del sovrano locale; l’evento miracoloso fu suggellato dalla distruzione delle statue degli idoli dai quali fuoriuscirono figure demoniache. L’intera famiglia reale abbracciò il cristianesimo, tranne un fratello del re, che, istigato dai sa-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

152


cerdoti pagani, rapì l’apostolo, lo fece percuotere violentemente e, infine, scorticare vivo con un grosso coltello, suo abituale attributo. Raramente può essere raffigurato con in mano la sua stessa pelle

San Bonaventura (Bagnoregio, Viterbo 1218-Lione, Francia 1274) Tra i massimi esponenti del francescanesimo, autore della Legenda Maior (vita di san Francesco) e del Lignum Vitae (meditazioni sulla vita di Gesù Cristo), mistico e pensatore medievale, dottore allo studio di Parigi, diede forma di sintesi alla teologia scolastica, sulle orme di Agostino. Discepolo di san Francesco e fondatore di un proprio ordine, fu vescovo e cardinale di Albano, partecipò al secondo Concilio di Lione che segnò un riavvicinamento fra Chiesa latina e Chiesa greca. I più noti attributi iconografici sono il saio color cinerino, col cordone alla cintola, ed il libro aperto sulla mano destra. Effigiato anche in abiti vescovili e cardinalizi, con pastorale e piviale, fu annoverato fra i Dottori della Chiesa Latina; le immagini più antiche del santo hanno posto in rilievo quest’ultima posizione culturale di fedele figlio san Francesco San Cassiano Insegnante di ars notaria a Imola al tempo di Diocleziano (284-305), secondo il racconto di Prudenzio (primi anni del v secolo) fu condannato dal magistrato romano a essere ucciso dai suoi stessi scolari con gli stiletti per incidere le tavolette di cera. La venerazione del santo si diffonde fin dal v secolo, inizialmente a Ravenna, città della quale fu vescovo, poi a Ro-

ma, a Milano e in Tirolo. Il culto del santo è tuttavia frutto della contaminazione di varie leggende risalenti ai secoli xii e xiii. Nell’iconografia tradizionale, infatti, è spesso rappresentato in vesti episcopali, anche se più frequentemente viene raffigurato nella sua attività di insegnante o nell’atto di subire il leggendario martirio.

Santa Caterina Martirizzata su di una ruota dentata e dichiarata Dottore della Chiesa, per la disputa vittoriosa con i sapienti pagani, il suo culto, molto antico in Oriente, è documentato in Occidente dall’viii secolo. È rappresentata giovinetta in abito principesco. Suoi attributi sono il libro, la ruota dentata, la spada con la quale venne decapitata. È patrona delle giovinette, di tutte le arti liberali e di tutte le professioni che hanno a che fare con ruote, lame e ferri acuminati e protettrice di balie e nutrici Santa Cristina Martire, è patrona di Bolsena, città dove già sul finire del iv secolo sorse una basilica dedicata al suo culto, nei pressi della primitiva comunità cristiana. In età medievale nasce e si sviluppa il patrocinio di Cristina su mugnai, arcieri, balestrieri e marinai; la martire veniva invocata per scacciare dèmoni e impetrare la fecondità degli uomini e della terra; la sua immagine si distingue per gli attributi iconografici della macina da mulino e delle frecce San Domenico Domenico di Guzman, fondatore dell’ordine dei frati predicatori Doglossario

153


menicani, nacque a Calaroga (Castiglia), nel 1170 circa. Divenuto sacerdote, condusse una vita dedita alla preghiera e alla penitenza. La riconciliazione degli eretici albigesi e la conversione dei catari al cattolicesimo furono tra i risultati più importanti del suo apostolato. Rifiutò per tre volte il vescovato; sua intenzione era la creazione di comunità i cui membri fossero dediti, oltre che alla preghiera, allo studio, all’insegnamento, alla predicazione. Trascorse gli ultimi anni della sua vita (1216-1220) viaggiando in Italia, Spagna e a Parigi. Morì il 6 agosto del 1221, a Bologna. Gli emblemi iconografici che lo contraddistinguono sono: la stella dorata sulla fronte, simbolo della sapienza, un giglio e, in epoca più tarda, un cane bianco e nero (per un gioco di parole in cui i “Domini canis”, – dal latino “cani del signore” – ovvero i domenicani, sarebbero stati i fedeli di Domenico e del Signore)

San Francesco Nato nel 1181 o nel 1182 ad Assisi, figlio di un ricco mercante di stoffe, dopo aver ricevuto la chiamata divina inizia una vita di assoluta povertà dedita all’aiuto degli altri e alla preghiera. Ben presto si uniscono a lui alcuni discepoli e ad Assisi si forma una piccola comunità. La Regula prima dell’ordine fondato da Francesco viene approvata a Roma da Innocenzo iii nel 1210. Dal 1212 Francesco si dedica anche alla conversione degli infedeli; nel frattempo, deluso, dall’allontanamento della comunità dalla regola originaria, abbandona ogni incarico ufficiale per dedicarsi totalmente alla vita contemplativa e alla

preghiera. A questi anni (1224) risale probabilmente la composizione del Cantico delle creature e riceve, in estasi, le stimmate a La Verna. Muore alla Porziuncola nel 1226 e viene canonizzato due anni dopo da papa Gregorio ix. Patrono d’Italia, viene abitualmente rappresentato con il saio bruno o grigio con alla vita un cordone a tre nodi, simbolo dei voti di povertà, castità, obbedienza. È raffigurato come un uomo minuto, con la barba o senza, le stimmate alle mani, ai piedi e nel costato. Altri attributi sono il crocifisso, il giglio, simbolo di purezza e, dalla Controriforma, il teschio; comune è la sua rappresentazione in estasi, mentre riceve le stimmate o mentre prega

San Giovanni Il più giovane tra gli apostoli, Figlio di Zebedeo e Maria Salomè, è considerato l’autore di uno dei quattro Vangeli canonici e dell’Apocalisse, che avrebbe redatta durante l’esilio nell’isola di Patmos, dove si recò scampato alle persecuzioni dell’imperatore Domiziano (81-96): Quest’ultimo lo avrebbe fatto immergere in un calderone di olio bollente, dal quale il santo sarebbe uscito illeso. L’agiografia lo indica autore del miracolo della resurrezione di Drusiana e di quello, altrettanto diffuso, del veleno, al quale egli sopravvisse tramutandolo in un serpente, frequente attributo del santo. Nella rappresentazione dell’Ultima cena compare a volte con il capo appoggiato sul petto di Cristo ed in quella della Crocifissione è raffigurato accanto alla Madonna, che Cristo gli affida in punto di morte. Insieme a Pietro ed a suo fratello

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

154


Giacomo è tra gli apostoli che assistono alla Trasfigurazione sul monte Tabor. Il simbolo che lo contraddistingue è l’aquila. V. anche Evangelici, simboli

San Giovanni Battista Ultimo profeta, primo santo e precursore di Gesù Cristo. Istituì sulle rive del Giordano il sacramento del battesimo; battezzò anche Cristo e riconobbe in lui il Messia. Suoi attributi sono l’agnello e la veste di pelli. Può anche reggere la ciotola per l’acqua del battesimo o un favo di miele. Comune è la rappresentazione della sua testa mozzata portata su un vassoio da un’ancella o da Salomè che la aveva voluta in pegno San Giovanni Gualberto Fondatore dell’ordine monastico di Vallombrosa, appartenente alla nobile famiglia fiorentina Visdomini. Ebbe la vocazione da giovane: incontrando per strada l’assassino di suo fratello invece di ucciderlo, vendicando così il congiunto, gli concesse il perdono. Si fece quindi monaco ritirandosi a San Miniato al Monte. Dopo alcuni anni si spostò a Camaldoli e poi a Vallombrosa, dove fondò un nuovo monastero per contribuire alla salvaguardia della Regola di san Benedetto. Qui Giovanni Gualberto ripristinò le fondamentali disposizioni del silenzio, della povertà e della clausura e istituì anche un gruppo di frati laici. È solitamente rappresentato con l’abito monastico benedettino Santa Lucia Vergine e martire, visse a Siracusa al tempo dell’imperatore Diocleziano (284-305). In seguito a un voto fatto per

la guarigione della madre, la nobile fanciulla rifiutò di sposarsi e donò la sua dote ai poveri. Denunciata come cristiana, fu condannata ad andare in un postribolo. La leggenda racconta che nessuno riuscì a trascinare Lucia, investita di una forza divina, verso quel luogo. Suo tradizionale attributo sono gli occhi, di norma mostrati su un piattino tenuto in mano dalla santa: secondo il racconto agiografico le furono cavati dai suoi persecutori, mentre secondo una più tarda leggenda se li sarebbe strappati lei stessa per farli recapitare al suo innamorato respinto che non si rassegnava alla sua scelta di penitenza e castità. A volte reca in mano una lampada a olio accesa, riferimento al suo nome che significa luce. È universalmente nota quale protettrice della vista. Altri attributi generici possono essere il ramo di palma, prerogativa dei martiri, o la spada

Santa Maddalena Fin dal Medioevo, e soprattutto dopo la Controriforma, è l’esempio della penitente. Tra i suoi attributi compare sempre il vaso di unguento usato per cospargere i piedi di Gesù dopo la lavanda. Raffigurata con lunghi capelli rossi, è rappresentata principalmente in due modi: prima della conversione riccamente vestita e acconciata, dopo, in abiti stracciati, con un mantello ai suoi piedi e/o avvolta nei suoi stessi capelli. Altri attributi di questa seconda versione sono il teschio, il crocifisso, una frusta, la corona di spine, gli occhi pieni di lacrime San Martino Le numerose fonti di epoca tardo antica raccolte poi nella Legenda aurea glossario

155


(xiii secolo) lo indicano ufficiale romano, nato intorno al 316-317 a Sabaria in Pannonia (l’odierna Ungheria). Ancora giovane si ritira dall’esercito e diviene eremita; il vescovo Ilario lo chiamò a Poitiers, dove fondò un monastero; quindi, nel 371 fu eletto vescovo di Tours. Si racconta che, non volendo egli accettare per modestia e umiltà tale carica, si sarebbe nascosto in una stia per le oche, ma, tradito dai loro schiamazzi, sarebbe stato riportato in città per l’investitura. Durante la sua vita fece opera missionaria, convertì molti pagani al cristianesimo, guarì un lebbroso e salvò i condannati dall’imperatore Massimo (383-387). Viene rappresentato come soldato a cavallo, con mantello e spada, o come vescovo, con pastorale e libro, con un’oca e talvolta con una coppa, simboli che richiamano avvenimenti della sua leggenda

San Pietro Rappresentato nella tipologia dell’apostolo, talvolta indossa mitria e piviale, poiché fu il primo papa della Chiesa cattolica. L’attributo che lo identifica è quello delle chiavi, simbolo dell’incarico conferitogli da Gesù di custodire le porte del cielo; altri attributi sono: il gallo; la croce capovolta, strumento del suo martirio; più raramente la barca Santa Rosa Nell’iconografia artistica viene rappresentata come una giovane francescana terziaria, con un ramoscello di rose in mano (che allude al suo nome) e un’ampollina di vetro. Nata a Viterbo, intorno al 1234, da una fa-

miglia benestante, a 17 anni entra nell’ordine delle terziarie francescane, dopo aver avuto una visione in seguito ad una grave malattia e si dedica al pellegrinaggio predicando la fedeltà verso la Chiesa. Quando Viterbo, città ghibellina, venne occupata, nel 1240, da Federico II imperatore, la santa avrebbe condotto una campagna politica e cattolica contro l’imperatore e sarebbe stata pertanto esiliata. La tradizione viterbese vuole che Rosa in tale circostanza avesse procurato le pietre ai suoi concittadini per combattere contro l’invasore, Federico II, e che, colpita al braccio sinistro da una freccia, lei stessa la avrebbe estratta, strappandola con la bocca. Muore il 6 giugno del 1251. La fama di santità di Rosa crebbe nel tempo e Callisto III, nel 1457, ne dispose un processo di canonizazzione, che venne regolarmente svolto anche se interrotto dalla morte del Papa stesso

San Silvestro Fu Papa dal 314 al 335 durante il regno di Costantino il Grande il quale, secondo la leggenda della sua conversione, ricevette il battesimo proprio da Silvestro che lo guarì dalla lebbra. Sotto il lungo pontificato di papa Silvestro fu tenuto il primo concilio ecumenico di Nicea del 325, che si concluse con la condanna dell’eresia ariana e con la formulazione del credo. È raffigurato con i paramenti pontificali, con in mano il pastorale e talvolta un libro; spesso reca i ritratti di Pietro e Paolo e ai suoi piedi possono trovarsi un drago, simbolo del paganesimo sconfitto, oppure un bue, in allusione ad un miracolo da lui compiuto in gara con un mago,

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

156


quando resuscitò uno di questi animali. È considerato il protettore degli animali domestici, e dei muratori, perché fece costruire molte chiese

Santo Stefano Protomartire, già primo diacono della prima comunità apostolica di Gerusalemme, si distinse per eloquenza e ardore di fede e carità. Accusato di idolatria dalla comunità ebraica accusò a sua volta gli ebrei di aver assassinato il Messia e venne lapidato dall’uditorio. È comunemente ritratto come un giovane diacono, a volte tonsurato, vestito con la dalmatica. Suo attributo specifico sono le pietre con le quali subì la lapidazione, tenute in una mano o conficcate nel capo ancora sanguinante San Vincenzo Ferrer Domenicano, venne beatificato da Callisto iii e successivamente canonizzato da Pio ii nell’ottobre del 1458. È solitamente rappresentato nell’abito domenicano, reca sulla testa l’emblematica fiammella, allusiva al fuoco della sua predicazione e all’ispirazione profetica di cui era dotato, e tiene un libro aperto con una scritta tratta dall’Apocalisse, spesso è contornato da segni allusivi all’iconografia del Giudizio Universale Sbalzo Arte e tecnica di decorazione usata per i materiali preziosi, quali l’oro e l’argento, ma praticata anche per il rame e il bronzo. Consiste nel ridurre il metallo in lamina sottile per ricavarne la raffigurazione voluta a rilievo, modellandola in negativo, e operando quindi la rifinitura dal davanti con il cesello e il bulino

Secchiello Piccolo recipiente che contiene l’acqua benedetta. È usato insieme all’aspersorio, che è lo strumento con cui si asperge l’acqua, a forma di sferetta cava e bucherellata, con spugna interna e manico Smaltatura Tecnica di decorazione applicata a ceramica e metallo. I più diffusi procedimenti per la s. dei metalli sono il cloisonné, che prevede la stesura dello smalto entro zone delimitate da sottili fili metallici e il champievé, che prevede l’inserimento dello smalto entro piccoli alveoli praticati su una lastra metallica. Il termine indica anche il processo di impermeabilizzazione della terracotta che diviene di grande uso a partire dal xv secolo, dando luogo ad un particolare tipo di produzione, la maiolica Smalto Vernice vetrosa cui sono aggiunte componenti coloranti, che ha la proprietà di diventare una superficie lucida e compatta grazie alla cottura ad alte temperature. V. smaltatura Tabernacolo Edicola chiusa da uno sportello, posta sull’altare, in cui è conservata la pisside. Si intende anche una nicchia o una piccola cappella, posta lungo una strada o inserita nello spessore di un muro, contenente un’immagine sacra Teca Scatola metallica, dorata internamente, in cui si conserva la lunetta eucaristica glossario

157


Tela Costituisce una delle superfici più usate per la pittura a olio; di lino o di canapa, talvolta anche in cotone, juta, seta o altre fibre; la sua tipologia varia di grossezza e intreccio a seconda delle epoche, dei luoghi e delle esigenze espressive. Prima incollata su tavola, in seguito fu tesa su telaio per favorire il trasporto dei dipinti; quest’ultimo utilizzo si diffonde dalla seconda metà del xv secolo sostituendosi definitivamente a quello su tavola a partire dal xvii secolo. Il termine indica anche l’opera pittorica eseguita su tela Telaio Nell’arte della tessitura è il congegno che serve a intrecciare i fili dell’ordito con quelli della trama. Si intende anche l’inquadratura, in genere lignea, sulla quale viene tesa la tela per dipingere Tempio/tempietto Struttura architettonica solitamente a pianta centrale e copertura a cupola. Per estensione, ogni tipologia che ripropone tale struttura Terracotta Modellazione di un impasto di argille eseguita a mano, al tornio, o a stampo e poi cotta al sole o in forni speciali ad alta temperatura; la qualità e la quantità dei minerali contenuti ne determinano il maggiore o minore grado di porosità e la tonalità del colore; generalmente si intende anche ciascun oggetto (vaso, piatto, formella ecc.) che se ne ottiene Tessuto Tecnica e arte che consiste nell’intreccio di una serie di fili chiamati or-

dito e mantenuti paralleli e in tensione, con un’altra serie che vi si inserisce trasversalmente, chiamata trama, ottenuto mediante il telaio. I tessuti si dicono uniti quando l’intreccio non presenta disegni speciali, operati in caso contrario. Si distinguono tre tipi base di tessuto: la tela o taffetas, con due fili di ordito e due di trama, con uguale effetto al diritto e al rovescio; la saia, che sortisce un effetto diagonale inclinato a destra o sinistra; il raso (o satin): a seconda che sia più evidente l’ordito o la trama, si hanno rasi ad effetto di ordito o rasi ad effetto di trama

Turibolo Suppellettile sacra, spesso preziosamente argentata, formata da una coppa con coperchio, sollevabile mediante tre catenelle, che contiene un piccolo braciere (navicella), nel quale vengono fatti bruciare grani di incenso Vasi votivi Sono il calice, la pisside, l’ostensorio, la teca e la lunetta. Si possono intendere anche il corporale, la palla, il purificatoio, il mesciacqua, le ampolline, il turibolo, la navicella, la patèna, il secchiello e l’aspersorio, la borsa del corporale, il velo del calice, il campanello, le tre ampolle che contengono gli oli sacri ecc Velluto Tessuto con superficie coperta di pelo, costituito da due orditi, uno per il tessuto di base (grosso taffetas o raso) e l’altro per il pelo, ottenuto mediante l’inserimento di un filo di cui si possono tagliare le sporgenze a forma di anello

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

158


Velo Quadrato di stoffa degli stessi colori liturgici dei paramenti, bordato da galloni, ricamato e con al centro la croce o il monogramma di Cristo, impiegato per coprire il calice all’inizio e alla fine della Messa Velo omerale Striscia di stoffa indossata dal sacerdote sulle spalle, sia nel corso degli spostamenti con l’ostia consacrata, all’interno della chiesa, che durante solenni processioni eucaristiche Vergine col Bambino V. Madonna col Bambino Vignali, Jacopo (Pratovecchio, Arezzo 159-Firenze 1664) Pittore tra i più rappresentativi del Seicento fiorentino, allievo di Matteo Rosselli e suo collaboratore matura, nel tempo, uno stile proprio ca-

ratterizzato da colori accesi e dall’uso intensamente espressivo e drammatico della luce. Intorno agli anni Venti del xvii secolo esegue numerosi dipinti in onore di San Benedetto per la Confraternita di San Benedetto Bianco alla quale Vignali apparteneva dal 1614. Dell’autore si ricordano il Sogno di Giacobbe, affrescato sul soffitto della prima sala del Museo di Casa Buonarroti a Firenze e i cicli di affreschi per il Casino di San Marco (1622-1623)

Volta Copertura a superficie ricurva di un ambiente o di parte di esso, costituita da una estensione interna concava (intradosso) e una esterna convessa (estradosso). Caratteristica basilare della volta è di scaricare lateralmente la spinta del peso della copertura, che deve essere contenuta dagli appoggi della volta stessa.

glossario

159


English Translation


The Museum of Sacred Art of Greve in Chianti by Caterina Caneva The seat of the Museum of Sacred Art is the ancient hospice of San Francesco, located on a small hill that dominates Greve, on the road that leads to Montefioralle, the ancient castle or rather the fortified village already in existence in 1260. One gets there in a few minutes directly from the beautiful central square, an elongated triangle, characterized by arcades, that recall its ancient function as a “mercatale” (i.e. markettown), and by flowered balconies. Although tradition says the hospice was built in the site of the ancient Uberti castle, the oldest document related to the complex is the 1581 manuscript by Dionisio Pulinari which mentions it in relation to the Santa Croce Convent in San Casciano. “Questo luogo [il convento della Croce] ha due bellissimi ospizi: uno a Greve, otto miglia lontano, bellissimo, sopra un poggetto, fuori dalla villa di Greve. Questo credo lo desse comunità e lo fabbricasse, e non so, se pure i Ciampoli di Greve, che sono stati sempre Procuratori dei frati, ci avessero loro dato il sito o buonissima parte” (P. Roselli 1994, quoted in C. Proto Pisani 2002). As a hospice, this settlement of Franciscans did not have an established monastic community, but only some brothers from the San Casciano convent and a lay brother: it was actually used as a stopping place for traveling or begging friars. A valid post quem term to date its

construction is 1492, the year in which the Santa Croce convent, which controlled the hospice, was founded, as the above mentioned document confirms. The hospice was suppressed in 1810, during the Napoleonic era, and then reopened in 1815 but the subsequent suppressions decreed by the unitary State in 1866 were final: used at first as a prison, it was greatly transformed in 1927 and then used as housing. Passing under the jurisdiction of the Santa Croce provostry, the attached oratory, which originally had three altars, was restored in 1848, but its condition remained precarious until they began to restore the entire complex in order to create a museum, of which the oratory is today an integral part. An almost complete sampling of the artistic heritage dispersed throughout the Florentine Chianti area, of which Greve can be considered the chief town, has been gathered in the museum: but its collections represent only the tip of the iceberg, a point of reference that here, perhaps more than in other museums of sacred art, refers continually to the rich heritage scattered in every corner of the district, extremely rich in art and history testimonies and not only from a numerical point of view, but also for their extraordinarily high qualitative level, and last but not least, for being tied to architectural structures often of great importance. The geographical setting of Greve, so happily integrated in the territory, has determined over time its importance as to the road network and the commercial development, not to english translation

163


mention the landscape’s particular beauty. All factors that have led to a stratification, in loco, of extraordinary historical and artistic finds: abundant traces remain, for example, of Etruscan settlements and of the subsequent Romanization through the Via Cassia in the placenames and in the findings of many of its sites; as well as the presence of castles and parish churches, city walls and Renaissance villas document widely as to the historical events from the early Middle Ages until today, the existence of numerous courtly families, important for their patronage of churches that, especially in the Romanesque period, were built in suggestive locations and with harmoniously austere styles. These churches, from the 13th century onward, have gathered an abundant pictorial wealth consisting of remarkable artistic works and of many goodquality liturgical furnishings with extraordinary pieces especially from the earliest times. This heritage has in good part fortunately survived the ups and downs of Greve’s history, such as the struggles between the Guelphs and the Ghibellines and then the disagreements between Florence and Siena, up to the supremacy of Florence and the seigniory of the Medici and beyond. The large della Robbian altarpiece of the Mourning, belonging to the hospice’s original heritage, has remained in loco; tied to the Franciscan presence not only for the insertion of the saint among the mourners that gather around the body of Christ, but also for the character of immediate emotional

involvement of the faithful in the sacred drama, according to the criteria inspired by that order’s artistic commissions. Other works have found a suitable exhibition seat in the new museum, having been “homeless” for quite a long time because of the destruction of the original seat or because they were removed from there for reasons of security. Among them the oldest painting is the small Annunciation of the 14th century Florentine school, one of the few testimonies of the ancient church of Santa Croce in Greve, replaced in the 19th century with the neo-classical edifice of the architect Cambray Digny. A beautiful panel by a 16th century Florentine painter, also iconographically interesting for the presence in the background of a view of the Sezzate castle, comes from that ancient castle’s church, now in private hands, but once the fief of the Bardi family, two of whom probably had themselves portrayed in the same panel in their role as clients. Also from Sezzate comes a beautiful chasuble in green damask that bears the Bardi Strozzi coat-of-arms. If obviously the original seats for which these works were carried out have been destroyed or are no longer accessible, many of the other works and furnishings on display come from to churches still in existence that are worth visiting, on a loving pilgrimage that will lead to surprising discoveries. For example, many furnishings come from Santo Stefano in Montefioralle, that, within the ancient city walls of the

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

164


castle that dominates Greve and that still today is a fascinating destination, still houses works of great importance, such as a 13th century panel by the unknown master called the Master of Montefioralle because of the location of the work, a 14th century Annunciation related to the Master of Sant’Ivo, and also a large canvas by Orazio Fidani from 1647. In the museum, it is possible to admire a precious and rare 14th century rock crystal Cross. From the ancient parish church of San Cresci, in Montefioralle as well, which has especially interesting architectural details, such as an unusual narthex on the façade, comes a beautiful 15th century bas-relief that depicts Saint Francis in a simple and direct, but elegant, language. Many other furnishings come from the church of San Silvestro in Convertoie, such as the small early 16th century stained glass window and the processional Cross in painted wood that dates between the end of the 16th and the beginning of the 17th centuries. Also San Donato in Mugnana has provided the Greve museum with some beautiful pieces, but it still retains, among other things, a panel of the 16th century Florentine school and some 17th century paintings; and also other churches have on display here some of their antique furnishings, silver or fabrics, which bear witness to their illustrious patrons’ generosity and the skill of the artisan-artists. Among these churches we would like to mention the parish of Santa Maria in the striking medieval village of Cintoia, and, in Torsoli, the modern church of San

Gaudenzio which had gathered in the past the artistic testimonies from the disused church of Santa Maria in Canonica. Among the most important furnishings from the Abbey of San Cassiano in Montescalari, we would like to mention a thurible and incense boat from 1611 in embossed brass and the beautiful aedicule-shaped reliquary meant to hold the remains of the Abbey’s titular martyr, which were perhaps commissioned by the abbot, Marco Lavacchi from Pelago. Of a different provenance, but still linked all the same to an act of great munificence, is a beautiful group of paintings, coming from the ex-hospital founded by Rosa Libri Del Rosso, that are collected in the museum. Among the other canvases, mostly 17th century and also from a non-Florentine school, we would like to point out the suggestive and elegant portrayal of Saint Rose, one of the rare sacred subjects by Michele Gordigiani which, inside a beautiful gilded and carved frame, is a remarkable example of late 19th century painting, a century not well-represented in the artistic heritage of Tuscan churches. The visit to the recently renovated Greve museum, besides provoking one’s admiration for the beautiful collection which has found a proper seat there, seems, in fact, to spur one to deepen one’s acquaintance with the larger scattered museum in its area, a museum that unwinds in a truly unique landscape, in an osmotic process from which the spirit draws spiritual nourishment and beauty. english translation

165


A visit to the museum

The oratory

The entrance to the museum, sideways to the oratory’s, leads to a short narrow hall on whose walls are hung didactic panels that illustrate the churches and architectural complexes distributed in the Chianti area. If on one hand works and objects that had lost their original homes have been gathered in the museum, on the other there are many others, first-rate quality ones, still kept in their places of origin, generally churches that in this part of Tuscany are particularly numerous and suggestive. The first door to the left leads to the ticket office with a small but well-stocked book-shop. The first door to the right leads instead to the Oratory where the museum visit begins.

The ancient oratory of San Francesco, restored in 1848 as a plaque on the façade testifies, had its definitive consolidation and restoration during the work on the museum. There is a trapdoor in the floor that was used for burials. There is a large 18th century fresco of Saint Francis in Glory on the vault; fragments of other contemporary frescoes, with little cherub heads, have come to light under the plaster in the part over the altar that, according to ancient documents, was one of three, of which the other two, certainly side ones, are not there any more. This altar has a simple mensa (i.e. top surface) made of stone, like its side pilasters on which are sculpted: Christ’s monogram, to the right, and that of the Franciscans, to the left. On the two sides of the altar, there are two arch-shaped doors that lead to the sacristy depicting the frescoed figures of Saint Francis and Saint Anthony of Padua. On the main altar it has been reassembled, with a typically della Robbian frame with fruit and flower swags but not pertaining to it, the large polychrome terracotta altarpiece from the Della Robbias workshop representing the Mourning of Christ, a true masterpiece of its kind and the pride of the museum, it is divided from the rest of the hall by a sort of large Serlian arch flanked by columns. The altar frontal is an interesting and rare 18th century Tuscan handmade piece, made of straw that was cut and glued to paper, while there is a series

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

166


of valuable cartegloria (i.e. altar cards) in carved wood from the same period on the mensa. Here are the oldest paintings of the museum’s collection: the 14th century Annunciation immediately to the right of the altar and two other panels set symmetrically on the side walls, almost to replace symbollically the original ancient altars; one is the very beautiful altarpiece by Francesco Granacci (to the right), that comes from the church of Santa Maria in Cintoia and the other that of a 16th century Florentine painter (to the left), previously in the church of San Martino in Sezzate. Unfortunately both paintings have suffered greatly over time, both because of the poor preservation conditions and previous careless restoration interventions but notwithstanding the deterioration of their pictorial substance, what remains, however, has an extraordinary nobility of structure and an elegant line. Next to the panel on the left we also find a painting that is particularly interesting from the iconographic point of view, a work by a Sienese painter known as Il Francesino, who was active at the beginning of the 17th century. On the wall to the right, next to Granacci’s altarpiece, there is also the oldest sculpture in the complex: a valuable marble bas-relief from the 15th century representing Saint Francis. The two confessionals are also out of the ordinary, located with a rustic simplicity and a practical sense in the opposite walls close to the oratory’s entrance: however, their elegantly

shaped wooden doors are datable to the 18th century. The visit begins from the wall on the right of the entrance. 1. giovan battista giustammiani known as il francesino (active in Siena, 1608-1643) Image of Saint Dominic being carried to Soriano by the Madonna and the Saints Mary Magdalene and Catherine of Alexandria Oil on canvas; 134x95 cm.; 159x120 cm. with frame. (inv. 5) Provenance: Church of Santa Croce in Greve The painting’s iconography follows a tradition according to which the Virgin, with the two saints depicted here, appeared to a Dominican friar from Soriano (a town in Calabria in which a great devotion for Saint Dominic developed beginning from 1530), in order to show him how the saint should be portrayed with a lily and a book with a red binding in his hands. The Dominican brother to the left is probably a portrait, given the strong characterization of the face. This lovely painting, whose subject is so particular, displays typical characteristics of the Sienese school of the first quarter of the century. 2. florentine painter 16th century Madonna with Child, Saints Anthony the Abbot, Lucy and John the Baptist and the two clients in prayer. english translation

167


Tempera on a wooden panel; 180x142 cm. (inv. 3) Provenance: Church of San Martino in Sezzate The painting is, for various reasons, of iconographic importance, in particular for the two views of the landscape that appear at the sides of the large throne. On the left we can recognize, the castle of Sezzate, described in detail as it must have been at the beginning of the 16th century, that is, before the alterations carried out in the 17th and 18th centuries: the complex’s recent restoration, in fact, has been based exactly on this image. To the right, instead, there is a landscape crossed by a river, possibly, the Sezzate stream, which we imagine was inspired by nearby places. As for the clients, the beautiful realistic figures, that take us back to the ancient history of this strip of Tuscany, could belong to the Bardi family, lords of the fief of Sezzate, from whose church this work comes. The panel shows characteristics of many different and mixed styles that combine reminescences from Ghirlandaio together with Umbrian elements, such as to echo the ways of Raffaellino del Garbo and suggest a chronological dating to the first quarter of the 16th century. Right wall 3. francesco granacci (Florence 1469-1543) Madonna with Child and Saints Bartholomew and Francis 1498 ca.

Tempera on a wooden panel; 152x168 cm. (inv. 2) Provenance: Church of Santa Maria in Cintoia In 1963, this work, cited since the end of the 19th century as being in the church of Cintoia, was connected to Francesco Granacci’s early work by Federico Zeri; inserted into the monograph on the artist by von Holst(1974), now its attribution to the artist is unanimously accepted by the critics. Its presence in the exhibition Maestri e botteghe, (Masters and Workshops), held in 1992 at the Palazzo Strozzi, has permitted an updated critical setting fixing its dating around 1498. Granacci began his apprenticeship in the 1480’s: his early work was influenced by Filippino Lippi, but his time in Ghirlandaio’s workshop was fundamental, in fact he was among Ghirlandaio’s closest collaborators in the Tornabuoni Chapel’s frescoes in Santa Maria Novella (1486-1490); a friend of Michelangelo’s, with whom he attended both the San Marco garden, where the Medici family assembled young artists, and Ghirlandaio’s workshop, in his mature phase he was directly influenced by the example of Buonarroti. This beautiful panel, unfortunately very damaged by past cleaning interventions, has a solid compositional design, underlined by its architectural elements which are rigorously 15th century and perfectly symmetrical: elements ascribable to the influence of Ghirlandaio, even if the little angels on the throne’s pediment refer to Piero di

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

168


Cosimo’s painting in the museum of the Innocenti in Florence. The beautiful figures of the saints, perfectly balanced and in a classical pose (Bartholomew with a book and a knife, Francis with a book, a cross and a wound on his chest) are constructed by skillful drawing and a chiaroscuro that originally must have been of a great incisiveness; the group of the Virgin, who seems to cradle the Child all curled up in her arms, both absorbed in one of their tender moments with their heads close together, is especially touching.

critics have put forward a plausible comparison with Pasquino da Montepulciano’s works, who collaborated with Maso di Bartolomeo on the pulpit of Prato and whose artistic personality still needs to be reconstructed. In particular, we can mention some similarities to the bas-relief that represents The recovery of the image of the Virgin of Impruneta, in that basilica’s museum, recently attributed to Pasquino by Antonio Natali (1990, p. 59).

Wall in front of the entrance 4. tuscan sculptor 15th century Saint Francis First half of the 15th century Marble bas-relief; 84x41 cm. (inv. 15) Provenance: Church of San Pietro in Sillano Having come to the Greve museum after various vicissitudes including an improper conveyance into private hands, the bas-relief has a mysterious origin: we do not know, for example, if it was originally part of a funeral monument or of a more elaborate altar. Its new collocation in a place which formerly belonged to the Franciscan order, however, is not inappropriate. The depiction of the saint’s figure is still late Gothic, but the movement of the hood and the suppleness of the modeled figure already set the sculpture in the 15th century: some english translation

169


Franciscan Presence in Greve The hospice of San Francesco in Greve was, for centuries, a significant Franciscan settlement in the Greve area, subordinate to the larger Croce convent in San Casciano that, together with the important settlements of San Vivaldo (Montaione) and of Vivaio (Incisa), was among the principal Franciscan centers of the Strict Observance in the area south of Florence. Everything in the small complex in Greve evokes a Franciscan spirituality: from the simplicity of the structure to the iconographic repertory of the sacred images housed in the oratory, both in those carried out for the hospice itself but also in those that arrived here from other churches in the area. The themes and subjects are varied and tied to the order’s spirituality, which the artists and artisans expressed through different characteristics and materials in order to spread a message of great communicativity: first of all are the representations of Saint Francis who is portrayed in a rigidly frontal pose, but with a solid and intensely human appearance, in the marble bas-relief from the first half of the 15th century coming from San Pietro in Sillano (no. 4); the saint is deep in thought and has a more elegant bearing in the late 15th century panel by Granacci that was once on the altar of the church of Santa Maria in Cintoia (no.3); in the 18th century fresco that adorns the ceiling of the small oratory, finally, he is triumphantly raised into the glory of the heavens. Connected with the Franciscan friars’

intense preaching activity is the use of images having an immediate emotional impact, of which an exceptional example is the sculptural group of the Mourning on the altar. Both the subject of this work (with the anachronistic but significant presence of Saint Francis in it) and the technique adopted, in simple painted terracotta, constituted the privileged artistic production in the commissions of the Franciscans, who saw, in the use of emotionally involving artistic representations, an efficient means for popular evangelization, as also evidenced by the analogous sculptural groups in the convents of: La Verna, San Salvatore al Monte in Florence and the Osservanza in Siena. In the oratory’s presbytery, this reference to images of strong popular appeal is confirmed by the frescoes with Saint Bernard of Siena and Saint Anthony of Padua, both Franciscans and dear to popular devotion; in particular, Saint Anthony is also shown kneeling devotedly at Mary’s feet in the 17th century painting by Curradi that comes from Santa Lucia in Barbiano (no. 83).

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

170

Lia Brunori Cianti


To the right of the altar 5. florentine painter 14th century Annunciation 1350-1360 ca. Tempera on a wooden panel; 101x63 cm. (inv. 1) Provenance: Church of Santa Croce in Greve This is the oldest painting in the museum: its provenance from the church of Santa Croce in Greve, which was replaced by Luigi Cambray Digny’s neo-classical building in 1833-1835, is confirmed by a 1789 description where it is cited as being on the altar of Our Lady of the Annunciation. The Annunciation is represented here according to traditional canons: the synthesis of the scene is enriched, however, by elegant descriptive details, in the simple harmony that regulates the relations among the figures and the still not rationally articulated architectural structures. The Virgin, inside a small room hung with precious red tapestry, has stopped the reading on which she was intent and she is listening to the angel’s announcement with her hands crossed on her breast (on the book is written “ecce v/irgo c/onc piet/… nome”); the angel, kneeling in front of her outside the room, wears a brilliant green cape lined in red, as well as red are the crown on his cape and the outer feathers on his wings; from on high the hand of God the Father sends the Holy Spirit to the Virgin. The building, almost a pavilion, is encircled by a polygonal tambour clearly of a late-

Gothic character just like the painting style, of evident Florentine tradition. The panel has had various attributions: Giovanni del Ponte’s name was proposed by Bencistà, while Tartufieri considers it another representation of the analogous subject carried out by Andrea Orcagna in 1346, finding a resemblance, if anything, to Puccio di Simone’s works. 6. tuscan workshop 18th century Pair of hanging lamps Brass; 26x22 cm. (inv. 61) Inscriptions: “di limosine” Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli

english translation

171


The theme of the mourning Among the early artistic representations created in order to show and affirm Christ’s humanity, those of the Crucified, alone or surrounded either by mourners or by scenes of the Passion, had experienced a progressive diffusion beginning from the 5th century, using artistic means of various types and materials: painting on panels, sculpture, fresco, mosaic, ivory, enamel and so on. From the 13th century onwards this “humanization” of Christ further progressed in a dramatic sense, supported by formal and technical innovations that permitted a more decided naturalism and, occasionally, a strong pathos. Even the witnesses to Christ’s agony participate in this dramatization, assuming emotional attitudes that range from a contained sorrow to meditation and despair in scenes which are differently crowded and complex. Among these, the representations of Christ being taken down from the Cross became very widespread beginning from the 10th century. This particular subject permitted even more wellarticulated compositions, also from a spatial point of view, with a vertical progression. Shortly after 1000 A.D. the composition commonly called the Mourning successfully imposed itself; in it the focal point is the body of Jesus laid on the ground and surrounded by the despair of various onlookers, among whom the “grieving” Mother (Mater dolorosa) stands out both for her pre-eminent position and her dramatic intensity. It was completely in line with the sacred representations that voiced the mute pain.

The subsequent version is the so-called Pietà, that appeared in northern art beginning from the 14th century, with Christ’s body lying either in the Virgin’s arms, or on her knees: a composition that isolates the central and human nucleus of the drama in order to make it the object of intense meditation. It would later become very widespread also in Italy, having wonderful interpreters especially in the 15th and 16th centuries: just think of Cosmè Tura, Giovanni Bellini, Guido Mazzoni, Botticelli, Michelangelo, among others. Over time the two themes of the Mourning and the Pietà would eventually intersect in the artistic compositions that today we often find classified under one name or the other.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

172

Caterina Caneva


Altar wall 7. circle of baccio da montelupo (1469-1523) Mourning over the Dead Christ Second decade of the 16th century Polychrome (the altarpiece) and glazed terracotta (the frame); 230x190 cm. (inv. 17) Provenance: hospice of San Francesco, Greve 7 a. workshop of benedetto and santi buglioni Frame with fruit and flower swags 1515-1520 ca. Provenance: hospice of San Francesco in Greve (?) This imposing group in polychrome terracotta, which is a true altarpiece in relief, consists of seven figures: in the center is a triangle created by the Mother who, almost in a faint, holds the body of her Son on her knees and who, in her turn, is held up by the oldest of the pious women, Mary of Cleophas, in a composition that is reminiscent of the traditional one of Saint Anne Metterza. Saint John (also portrayed in the pitiful role of holding Christ) and the Magdalene are kneeling at the sides. Behind them, there are Saint John the Baptist to the left and Saint Francis to the right, both standing and in different sorrowful attitudes: the former is almost certainly present as the patron saint of Florence (if not linked to the client’s name), while the latter establishes the sculptural group’s tie to a Franciscan place, in this case, the hospice of San

Francesco, today the museum’s seat. The dating of the work, to be set in the second decade of the 16th century, would not actually be in conflict with that of the probable construction of the hospice, subordinate to the Croce convent in San Casciano and founded in 1492 on a piece of land donated by the Ciampoli family. As the recent restoration has, however, confirmed, the sculptural group was reassembled (with some inexactitudes) in the current position and so it cannot be excluded that its original location was different: besides, the della Robbian frame of glazed terracotta is an assembly of fragments of double provenance, perhaps not even belonging to this Mourning group. Datable to 15151520, the execution of this “frieze” can be attributed to the workshop of Benedetto di Santi Buglioni. The above mentioned restoration (Gea Restauri 2002-2003, with scientific analyses and technical advice by Opificio delle Pietre Dure) as well as consolidating and reinforcing the sculptural group, has recovered, thanks to an adequate cleaning, the original intense coloring, previously concealed and even distorted by the numerous re-paintings. A more correct reading of the work after its restoration, which gave the possibility of appreciating its expressiveness, its compositional and chromatic harmony at their best, has also questioned the previous attributions first to Cieco da Gambassi, then to Giovanni della Robbia, and more recently to the circle of Santi Buglioni, the last repreenglish translation

173


sentative and keeper of the great della Robbia tradition. This was the attribution that Giancarlo Gentilini, an authoritative expert in this field, had very dubitatively advanced in the past, but the same scholar, after having seen the restored work, has recently suggested that it would be better to look for the artist in the circle of Baccio da Montelupo, who was a sculptor active at the turn of the two centuries, a friend of Michelangelo Buonarroti’s as well as a follower of Girolamo Savonarola and whose distinguished works, also in terracotta, are located in Florence, Bologna, Venice, and Lucca. What is left of the Mourning carried out in 1494 by Baccio for San Domenico in Bologna actually has various connections with this one from Greve, while the figure of Saint John the Evangelist shows a resemblance with the Saint Sebastian in San Godenzo (1506) and the Christ is reminiscent of the many Crucified ones executed by the sculptor. We again find the same way of outlining the drapery also in the Saint John the Evangelist in Orsanmichele (1515): elements related to a mature and up-todate figurative culture from which are derived a fluid and elegant plasticity of the forms, the harmony of the faces, which are outlined with great refinement, and of the expressive gestures. It is the measured classicism from the beginning of the 16th century which confers the balanced structure to the scene, even if the tone of mournful resignation, of composed meditation seems on the point of surrendering to

a more dramatic pathos, not only thanks to the strong color contrasts but also to the attitudes of the bystanders so emotionally involved as to make almost visible the passage among them of an intense flow of sorrow which lacks only the words of a sacred representation. The choice of this subject as well as that of the polychrome material which closely imitates life, both apt to provoke an immediate response of popular devotion, are appropriate to a commission on behalf of the Franciscan order, to which also the church of San Salvatore al Monte in Florence belonged. That church houses another Mourning in polychrome terracotta which shows close resemblances with ours, although the former has more dramatic overtones. In the Sacro Monte chapels of the San Vivaldo convent in Montaione, that is in another Franciscan milieu, we find again strong resemblances with the Greve Mourning in a terracotta group representing The Fainting Fit of the Virgin in the so-called Chapel “dello Spasimo” (i.e. of the Pang), whose execution is attributed to Agnolo di Polo (1470 ca.-1528).

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

174


The della Robbian plastic art tradition The monumental sculpture group representing The Mourning over the Dead Christ, that dominates the altar of the oratory of San Francesco has recovered, after a recent and skillful restoration, the refined tones and the compositional harmony that permit reconciliating the subject’s intense dramatic spirit with the solemnity of the forms typical of the best Florentine plastic art tradition. That is because this important work, datable to the second decade of the 16th century, is the epitome of a long and experienced culture that found unparalleled applications in the Florentine Renaissance, which were widely studied by Giancarlo Gentilini, a specialist in this sector. From the beginning of the 15th century, terracotta sculpture experienced in Florence a true rebirth characterized by the recovery of classical artistic experiences; in this context, around 1440, Luca della Robbia (1399/1440-1482) developed, with technical intelligence and artistic mastery, the potentialities of clay reliefs by covering their surfaces with a ceramic enamel thus giving them new expressive values as well as making them more resistant to atmospheric agents. Continuing his work, his nephew Andrea (1435-1525), who intensified the descriptive and sentimental aspects of the compositions, produced, often on a monumental scale, a fresh synthesis of plastic and pictorial values, causing the della Robbian language to become exceptionally widespread in the region. Of Andrea’s five sons who continued the

workshop’s production in Via Guelfa, the most active and industrious was Giovanni (1469-1529), who developed an exuberant decorative vein in order to enrich his lively compositions of an eclectic taste; Luca the Younger (1475-1550) and Girolamo (1487-1560), who carried the della Robbian works to the court of Francis I in France, were instead more gifted and sensitive. The other sons, Marco (1468-1534) and Francesco (1477-1528), Dominican brothers (Fra Mattia and Fra Ambrogio i.e. Brother Mattia and Brother Ambrogio) in the Savonarolian convent of San Marco, deviated from the family style with strong devotional characteristics that later they also spread in the Marche. At times their works are devoid of glazing so as to be able to use the cold polychromatic technique that, as well as being less expensive, produced effects of greater expressive intensity, as in the case of the Mourning in Greve and the Pietà in Terranova Bracciolini, the latter attributed to Marco, who was active also in San Vivaldo around 1510. In competition with the Della Robbia workshop, Benedetto Buglioni (14601520), a modest sculptor who, according to Vasari, had appropriated the “secret” of glazing, developed his own production reproposing the della Robbian typologies in a simplified and eclectic fashion; his nephew Santi (1494-1576) inherited the workshop, producing large compositions of a now manneristic style. Glazed works were occasionally produced also by other important Florentine sculptors, such as Benedetto da Maiano, Andrea e Jacopo Sansovino, Gioenglish translation

175


van Francesco Rustici, as well as naturally Baccio da Montelupo, to whose circle the Greve Mourning has recently been compared. The traditional della Robbian technique was resumed in Florence also during the 17th century, in particular by the sculptor Antonio Novelli. Lia Brunori Cianti

8. tuscan production second half of the 18th century Altar frontal Natural straw, cut, glued on paper and transferred to canvas; 90x195 cm. (inv. 26 ) Provenance: Church of Santa Maria in Vicchiomaggio. This frontal is a product of local craftsmanship that makes use of poor/ humble materials in order to reproduce sophisticated designs which are usually carried out with much more precious techniques, such as the commesso in semi-precious stones or the scagliola. At the center of the large mixtilinear space, surrounded by botanic decors, a print of the Virgin with Child is applied. 9. tuscan production mid-18th century Series of three cartegloria (altar cards) Gilded, painted and carved wood; 36.5x26 cm. (the largest); 27x20.5 cm. (the two small ones) (inv. 25) Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle 10. tuscan production beginning of the 19th century Pair of candlesticks Carved, white-painted and partially gilded wood; 50x16 cm. Provenance: Church of Santo Stefano in Montefioralle 11. tuscan production first half of the 18th century Lectern Carved and gilded wood, 17x39.5 cm. (inv. 24)

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

176


Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle 12. roman missal Printer Antonio Curti, Venice 1801 Paper and leather; 45x27 cm. Provenance: Church of Santa Croce in Greve

The Sacristy To the sides of the altar, there are two doors that lead to the small sacristy, in which sacred paraments, of various typologies and provenance, from the 16th to the 18th centuries, have been assembled, exhibited in display cases that run along the walls. Inside of them we also find some sacred furnishings of quality workmanship (two crosses, four candlesticks, a chalice), that make more precious the display cases’ content. Two objects of great historical and artistic relevance have been placed in the little hall though: on the entry wall, inside a niche flanked by two 18th century candelabrum-holders, in the shape of robust Angels, in carved wood, there is a precious and rare 14th century rock crystal Reliquary Cross that contains various relics, having an elaborate structure that was almost certainly carried out in a Venetian workshop. Above it, there is an oval painting that portrays the Virgin of the Assumption, from the second half of the 19th century: its beautiful gilded frame adorned by elaborate carving, makes it nicely part of the valuable ensemble of this small room of treasures, despite the wide gap in dates. On the lefthand wall, inside a small confessional similar to those in the oratory, there is a small stained glass window, datable to the first decade of the 16th century, that depicts Saint Sylvester. The visit begins along the wall on the right, with the first large display case in the corner. english translation

177


13. florentine production first quarter of the 18th century Chasuble Brocade damask; 117x72 cm. (inv. 32) Provenance: Church of Santo Stefano in Montefioralle 14. tuscan workshop 18th century Astylar cross Brass, 33x25 cm. (inv. 72) Provenance: Church of San Michele in Dudda This cross, like the other one found in the display case, is a simple and austere work, like those with similar characteristics which were very widespread in the area, due to the serial character of the production. In the polylobate panels with which the limbs end, God the Father is usually depicted in the upper part, with the Virgin and Saint John to the sides and the Magdalene below. 15. tuscan production (Florence ?) mid-18th century Cope Silk and embroidery with silk and gold thread; h 137 cm. (inv. 33) Provenance: Church of Santo Stefano in Montefioralle This is a very valuable work. The embroidery carried out using threads of azure, pink, green, flesh-color and still other colors, has various elegant designs and reproduces birds, bunches of flowers, lilies, radiating wings with a naturalistic character distinguished however by fantastic elements of ori-

ental inspiration, very much in fashion during that period. 16. tuscan workshop 18th century Astylar cross Brass; 37.5x27.5 cm. (inv. 51) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie (?) 17. florentine production end of the 16th century-beginning of the 17th century Chasuble Brocatelle; 119x70 cm. (inv. 30) Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle. The chasuble displays, in crimson red on a white background, a very widespread motif in the Florentine area: ogival patterns that enclose two types of thistle flowers. It follows the Spanish models that were common after the arrival in Florence of Eleonora di Toledo, the wife, from 1539, of Cosimo i de’ Medici, and were used with variations in size until the beginning of the 17th century. The thistle, just like the pomegranate, a symbol of fertility and immortality, was often used on fabrics intended for both profane and ecclesiastical uses. 18. florentine production first half of the 19th century Chalice Silver-plated brass; 25x11.5 cm. (inv. 45) Provenance: Church of San Martino in Uzzano

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

178


19. italian production third quarter of the 13th century Chasuble and stole Brocade lampas; 117x72 cm. (inv. 35) Provenance: Church of San Leone in Melazzano 20. tuscan production mid-18th century Monstrance-style reliquary Carved and gilded wood; 46x24 cm. (inv. 83) Provenance: Church of San Martino in Uzzano Second display case 21. florentine production second quarter of the 18th century Humeral veil Silk and embroidery with silk and gold threads; 250x71 cm. (inv. 34) Provenance: Church of Santa Maria in Canonica, later San Gaudenzio in Torsoli 22. tuscan workshop second half of the 17th century Four candlesticks Turned cast bronze; 28 cm. (the whole series). (inv. 62) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli In the confessional 23. gesuati brothers’ workshop first decade of the 16th century Saint Sylvester

Stained glass, metal; 37x22 cm. (inv. 22) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie. Originally placed in a small window to the right of the main altar of its church of provenance, the small stained pane represents the Pope inside a radial mandorla in the act of blessing. In his left hand, he holds a small image with Saints Peter and Paul. A small cherub’s head is depicted in the lower part. It comes from the Gesuati brothers’ workshop of San Giusto alle Mura in Florence. Their workshop was very active in the last twenty years of the 15th century: among other things, the workshop had collaborated in the making of the glass-cases for the Signoria Palace and the church of San Marco. They also collaborated with friar painters, also important ones, who furnished them with cartoons and coloring instructions: in this case, the critics, after having traced the artist as working in the Ghirlandaio workshop, have further on attributed the drawing to Francesco Granacci (1469-1543), a pupil of Ghirlandaio’s and a friend of Michelangelo’s (D’Afflitto 1977). Third display case 24. florentine production Chasuble 1601-1613 Silk damask; 123x73 cm. (inv. 31) Provenance: Church of San Martino in Sezzate The armorial bearings in the lower part belong to the Bardi family of Vernio english translation

179


and are quartered with the Strozzi arms: the reference to the 1601 marriage between Carlo Bardi and Maria Maddalena Strozzi, who died in 1613, is therefore evident; the chasuble was obviously carried out between these two dates. The Bardi family of Vernio were the patrons of the churches of Sezzate and of Mugnana, for which Carlo, connected to the court of Grand Duke Ferdinando i de’ Medici, had some important furnishings carried out.

Patronages and Clients Some important noble families had residences in the Greve area, acquiring the rights of patronage for the churches placed in the vicinity of their properties, thus, assuming the honor and the onus of supporting them as regards their financial needs. Very often the local lords had important works carried out in these buildings, such as architectural renovations, altars, paintings and liturgical furnishings, that, on one hand, helped the modest resources of the small country churches, but on the other, represented a phenomenal instrument of ‘self-promotion’ so as to consolidate and increase their own prestige. Such artistic commissions therefore had to show immediately the munificence of their clients through some distinctive signs, first of all the noble coats-of-arms that were set clearly in view on the works and often repeated on several furnishings. Concerning this, among the works assembled in the museum we would like to point out Curradi’s painting from the church of Santa Lucia in Barbiano (no. 8) since it shows, in the lower part, the Anichini family’s coat-of-arms who were the patrons of that church during the 17th and 18th centuries; a member of this family, Olinto, was also Santa Lucia’s parish priest from 1619 to 1660, and so he is thought to have been the client of the painting and the altar itself on which it was placed, as testified by two other of his family’s arms that are carved on the lintel. The 16th century panel of Sezzate (no. 2), moreover, was conceived completely with the Bardi family in mind, portraying two of its members in devotional pos-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

180


es, at the feet of the Virgin and the saints, imploring them for protection for themselves and their own family, symbolically represented by the image of their castle painted in the background landscape. To the Bardis again, who at the height of their own power also purchased the nearby castle of Mugnana from the Amidei family, refer some 17th century sacred furnishings from the church of San Martino in Sezzate: a chalice (no.75) and a chasuble (no.24) on which appear the family’s coats-of-arms quartered with those of the Strozzi family, following the marriage of Carlo Bardi da Vernio with Maria Maddalena Strozzi (1601-1613). The monstrance-style reliquary (no.34), donated by Countess Luisa in 1848 is the result of the Capponi family’s generosity, patrons of San Martino in Uzzano. Also from the same church comes the 19th century painting with the Virgin of the Assumption where on the rich gilded frame, there is the coat-of-arms of the Masetti family from Bagnano, who were the owners of the castle of Uzzano from 1641. Finally, there is the emblematic painting with the Image of Saint Dominic carried to Soriano by the Madonna and by the Saints Mary Magdalene and Catherine of Alexandria (no.1) that, not being ascribable to a specific provenance, leaves the identity of the well-characterized Dominican friar depicted in the foreground shrouded in mystery. It is certainly a portrait, whose identity, which is still unknown today, makes us ponder on the vanity of human aspirations to secure everlasting fame by any means. Lia Brunori Cianti

Entrance wall 25. tuscan sculptor 18th century Pair of large candle-holders in the shape of angels Burnished carved wood; h 154.5 cm. (inv. 19) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli Obviously made as a pair, even if the inclination of the bodies and heads are different, the two angels were, perhaps, once part of an elaborate largesized ciborium. The style of the two sculptures is inspired by the most illustrious models of the 16th century Tuscan school, with an evident manneristic matrix revised with ease and elegance in the 18th century. 26. venetian workshop second half of the 14th century Reliquary Cross Gilded, etched and fret-worked copper, enamels, rock crystal; 45x25.5 cm. (inv. 21) Provenance: Church of Santo Stefano in Montefioralle The many inscriptions on the work refer to the presence of various relics inside the small blown-glass tubes inserted in the crystal: among these, in addition to some of the wood from the Cross and of various saints, there are the relics of Saint Stephen, which helped to identify the original destination of the cross in the church of the medieval village of Montefioralle, dedicated to this protomartyr. If the form of the cross is typical of the Tusenglish translation

181


can area, its execution in rock crystal, a limpid and colorless quartz, must be traced to a workshop in Venice, a city in which the working of this material is documented beginning from the 14th century. Lacking other indications, the dating has been inferred by the inscriptions’ Gothic characters that refer to the second half of the 14th century. 27. italian painter second half of the 19th century Virgin of the Assumption Oil on canvas; 72x56 cm., 121x93 with frame (inv. 13) Provenance: Church of San Martino in Uzzano The painting, having characters of a purist taste similar to that of Antonio Ciseri, has a carved and gilded frame with elaborate decorations that include in the lower part the armorial bearings of the Masetti da Bagnano family, owners of the Uzzano castle and its lands in 1641. It was probably a gift that the descendants (the family owned the property until 1999) made to the Church of Ugnano in the 19th century.

First floor Leaving the sacristy one returns to the entry corridor from which, going up the staircase (to the left) or taking the elevator (to the right), one reaches the upper floor. Here immediately to the left, there is a hall set up for temporary exhibitions, which has already been used many times. To the right, there is a second short corridor that, in the future, will give access to new areas to be recovered for the museum’s use, and meant, among other things, to display findings recovered in the Greve area, part of which are currently here in storage. Currently from here one can enter the Hall of precious metal works and the Hall of Paintings.

Hall of Precious Metal Works In this hall, in a large display case in front of the entrance wall, there are the most traditional sacred furnishings (reliquaries, monstrances, pyxes, candlesticks, chalices) that come from the churches in the countryside around Greve. In the collection, on average of a fine quality level and from between the 14th and the 19th centuries included, some objects stand out: first of all the small ivory pax executed in the Embriachi workshop at the end of the 14th century; a 15th century Tuscan brass thurible in the typical pyramidal form, to be compared to the other much more elaborate one dated 1611 by a Milanese workshop; a beautiful 18th cen-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

182


tury silver monstrance, as well as some special reliquaries in the shape of a circular aedicule. On the walls, starting from the right, there are some works with special characteristics: a bell, a small painted cross, a painting and a bas-relief, of which a more detailed account will follow. 28. florentine production Bell 1312 Bronze; 63x45 cm. (inv. 29) Inscriptions: “Ave Maria Gratia plena dominus tecum be. a:d.mcccxii� Provenance: Church of Santa Maria in Vicchiomaggio The bell, which had been broken for more than thirty years, was replaced in the church of provenance in 1914. The lily on the eye of the grip indicates that the work came out of a Florentine foundry. It is one of the oldest exemplars of this type still preserved. 29. tuscan production end of the 16th century - beginning of the 17th century Astylar cross Painted and carved wood; 58x40 cm. (inv. 23) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie The cross repeats a typology recurring already from the 15th century, with poly-lobate panels originally having pointed ends like those still visible in the extension of the vertical limb. On the dark green background, inside each panel, beginning from the top

towards the right, there are: a pelican that has cut its breast in order to feed its joeys, Saint John the Evangelist, Saint Anne with the Madonna and Child, the Magdalene. The paintings show late 16th century characteristics. 30. Attributed to ottaviano dandini (Florence 1706 ca.-1740) Saint Bonaventure Early decades of the 18th century Oil on canvas; 98x69 cm. (inv. 11) Provenance: Church of Santa Croce in Greve The last representative of the prolific Dandini family of painters, which had fame and important commissions in Florence, was Ottaviano, the son of Piero from whom he adopted in part some characteristics of language but from which he differed owing to a cautious updating of the early 18th century Florentine painting, such as that of Anton Domenico Gabbiani, who also passed on him some influence of the Venetian painting. In the Saint Bonaventure of Greve the strong lateral illumination and the spontaneous act with which the saint breaks off writing, almost as if suddenly interrupted, stand out. 31. nanni di bartolo (Florence, historical news from 1419 to 1451) Madonna with Child Second decade of the 15th century Painted stucco; 65x45x10 cm. (inv. 16 ) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli english translation

183


The work has lost almost all of its original polychromy but remains however a touching example of how the old theme of the affectionate relationship between Mother and Son was still being developed in the 15th century. The sculptor, even if informed about the innovations of the early Renaissance, preserves in the style of the drapery a reminiscence of the late Gothic elegance that goes back to Ghiberti: the prototype is in fact a polychrome stucco in the Museum of the Bargello coming precisely from Ghiberti’s workshop. The critics have assigned this work to the sculptor Nanni di Bartolo, a collaborator of Donatello during the years 1421-1422. To be remembered, among his works, shortly before this one, there is the Saint Lawrence of the basilica of Santa Maria delle Grazie in San Giovanni Valdarno. In the display cases, proceeding from the right Sector I 32. tuscan workshop second half of the 18th century Reliquary of Saint Vincent Ferrer Embossed and silver-plated brass lamina; gilded wood; 55x25 cm. (inv. 71) Provenance: Church of San Michele in Dudda 33. workshop all’insegna della torre (Florence) Reliquary of Saint Christina

1737-1740 Embossed and engraved silver lamina; carved and gilded wood; 40x18.5 cm. (inv. 41) Stampings: on the stem a walking lion in a circular field; rooster in an oval field; tower in an oval field. Provenance: Church of Santa Croce in Greve 34. florentine workshop first half of the 19th century Reliquary of Saint Martin 1848 Embossed and carved silver lamina; carved and gilded wood; 71x27.7 cm. (inv. 46) Inscriptions: on the base: “Dono della Contessa Capponi, nata nei Duchi di S. Clemente fatto alla Chiesa di Sa. Martino ad Uzzano l’anno 1848” (i.e. “Donated by Countess Capponi, born in the S.Clemente Dukes’ family,to the church of San Martino in Uzzano in 1848”) Provenance: Church of San Martino in Uzzano The countess mentioned in the inscription had wed Marquis Giovanbattista Capponi in 1830, whose family was the patron of the church in Uzzano at the time. The reliquary is an interesting union of late 18th century decoration and neo-classical motifs, like the garland that surrounds the oval shrine. 35. tuscan workshop second half of the 18th century Reliquary of the Blessed Virgin Mary Embossed and silver-plated brass lam-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

184


ina; gilded wood; 41x18 cm. (inv. 70) Provenance: Church of San Michele in Dudda 36. tuscan production mid-18th century Reliquary of the Holy Cross Carved and gilded wood; 51x20 cm. (inv. 82) Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle Sector II Low hexagonal display case 37. tuscan production end of the 18th century Book of Chapters Velvet, silver-plated and embossed alloy; 31x21 cm. (inv. 50) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie This is a typical box for a book of chapters, in this case containing those of the Compagnia del santissimo Sacramento e di sant’Anna (Company of the Most Holy Sacrament and of Saint Ann) of the church in Convertoie, whose originals date back to 1792. On the cover, there is an oval medallion with a frame inside of which is an engraving portraying Saint Ann who teaches the Madonna as a child to read. These books were generally protected by cases as they were meant to be hung at the neck of the camerlingo during processions. 38. tuscan workshop second half of the 18th century

Statue’s crown Embossed and engraved silver; 8x6 cm. (inv. 39) Provenance: Church of Santa Croce in Greve 39. tuscan production Book of Chapters of the Compagnia di Santa Maria a Cintoia Velvet, embossed, engraved and silver-plated brass; 32x23 cm. (inv. 77) Inscriptions: in the center on the recto of the scroll decoration “S. Maria a Cintola” Provenance: Church of Santa Maria in Cintoia Lower level 40. tuscan production, first half of the 16th century Holy water pot Bronze; 9x6.5 cm. (inv. 58) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli 41. tuscan workshop, 17th century Aspergillum Brass; 24.5 cm. (inv. 59) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli 42. tuscan workshop end of the 18th century Incense boat Embossed, engraved silver; 9x15.2 cm. (inv. 38) Provenance: Church of Santa Croce in Greve english translation

185


43. tuscan workshop second half of the 17th century Holy water pot Brass; 15.5x9.8 cm. (inv. 37) Provenance: Church of Santa Croce in Greve Middle level 44. tuscan workshop first half of the 17th century Reliquary of Saint Cassianus Cast bronze; engraved and gilded copper; 35x9 cm. (inv. 65) Provenance: Abbey of San Cassiano in Montescalari

found there. The small flat tiled dome is characteristic. Upper level 47. tuscan production end of the 17th century - beginning of the 18th century Two reliquaries Carved and gilded wood; 19x10.7 cm. (inv. 80) Provenance: Church of San Martino in Uzzano Sector III

45. tuscan production mid-17th century Reliquary of the wood from the Holy Cross Carved and gilded wood; 59x24 cm. (inv. 79) Provenance: Church of Santa Croce in Greve 46. tuscan production first half of the 17th century Reliquary of Saint Christina Carved and gilded wood; 38x11.6 cm. (inv. 78) Provenance: Church of San Martino in Uzzano The typology of the aedicule reliquary, of which the museum has three beautiful exemplars (in addition to this, see no.44 and 45), was very widespread in Tuscany between the end of the 16th century and the first half of the next century: decorative motifs derived from late manneristic architecture are

Lower level 48. tuscan production 15th century Thurible Silver-plated brass; 18x6 cm. (inv. 36) Provenance: Church of Stefano in Collegalli, later Santo Stefano in Lucolena The thurible’s shape is common to the (not scarce) 15th century exemplars widespread in Tuscany: note the cupshaped brazier on which rests an upper faceted pyramid-shaped part with holes to let the incense smoke out. 49. milanese workshop Incense boat 1611 Embossed, engraved and silver-plated brass; 19x7.5 cm. (inv. 64) Provenance: Abbey of San Cassiano in Montescalari

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

186


50. tuscan workshop 15th century - xvi Incense boat Brass; 6x18 cm. (inv. 57) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli Upper level 51. milanese workshop beginning of the 17th century Thurible of Saint John Gualbert 1611 Embossed, engraved and silver-plated brass; 30x14 cm. (inv. 63) Abbey of San Cassiano in Montescalari The thurible, with an elaborate decoration carried out without too much care, is coupled with an incense boat (no.49) that presents the same late manneristic decorative scheme. The two objects are maybe the ones commissioned in Milan in 1611 for the Vallombrosan abbey of Montescalari, at the time when the abbot, Marco Lavacchi from Pelago (the probable client), was having work carried out there to embellish the structure, following the renovation of the monastery planned by Alfonso Parigi. 52. tuscan workshop first half of the 18th century Monstrance Silver-plated and gilded brass (base); embossed, engraved silver and partially gilded (rays); 46x23 cm. (inv. 43). Provenance: Church of San Martino in Uzzano

53. workshop all’insegna del gallo (Florence) second quarter of the 18th century Chalice Embossed silver; 23x11.5 cm. (inv. 55) Inscriptions: under the base “539” Stampings: on the edge of the base, walking lion in circular field, tower in circular field, rooster in oval field. Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle 54. tuscan workshop 18th century Pyx Cast, embossed and gilded copper; 20.5x13 cm. (inv. 60) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli 55. florentine workshop Chalice 1618 Gilded and silver-plated, chiseled and engraved cast brass; 21.7x10.5 cm. (inv. 42) Inscriptions: under the base “m.d.c.xviii”. Stampings: on the edge of the base, walking lion in circular field, tower in circular field, rooster in oval field. Provenance: Church of San Martino in Uzzano 56. tuscan workshop second half of the 18th century Monstrance Silver-plated bronze (base); embossed and engraved silver (rays); 44x23 cm. (inv. 56 ) english translation

187


Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle

“G” within a lozenge; partially legible with the number ”2” Provenance: Church of San Martino in Uzzano

Sector IV Lower level 57. tuscan production first half of the 18th century Two monstrance reliquaries Carved and gilded wood; 33x15 cm. (inv. 81) Provenance: Church of San Martino in Uzzano 58. production of jerusalem 18th century Cross Wood overlaid with mother-of-pearl and ivory; 32x13 cm. (inv. 27) Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli The cross belongs to the Franciscan Order and, with the use of typical materials such as mother-of-pearl and ivory, it recalls the devotional objects produced throughout the Holy Land, in Jerusalem, where the Franciscan order was the designated guardian of the Holy Sepulcher. Upper level 59. florentine workshop Chalice 1818-1832 Embossed, engraved and gilded silver; 22.5x12 cm. (inv. 44) Inscriptions: under the base “1609” Stampings: on the edge of the base,

60. florentine workshop second half of the 17th century Chalice Embossed, engraved and gilded silver; 24x12. 3 cm. (inv. 54) Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle 61. florentine workshop first half of the 17th century Chalice Gilded bronze (base); embossed, engraved and gilded silver; 25.5x12.5 cm. (inv. 53) Inscriptions: under the base “Santi Filippo et Jacopo di Colognole” Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle The chalice is a beautiful example of the period for its elegant form and heavy decoration. An inscription under the base states that it originally belonged to the church of Santi Filippo e Jacopo in Colognole, the oratory subordinate to San Cresci in Montefioralle. 62. workshop all’insegna del gallo (Florence) Monstrance 1730-1740 Embossed, engraved and gilded silver; 56x16.5 cm. (inv. 49) Stampings: on the external edge of the base, walking lion in circular field, illegible stamping, rooster in oval field.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

188


Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie The luxuriant decoration, typical of the late Baroque style, was still in vogue, as in this case, in the early decades of the 18th century. Of the three stampings on the edge of the base, one is identifiable with the mark released by the Arte della Seta (Silk Guild) in the city of Florence from 1695 to 1761 for legal title of silver. The other seems to refer to the Florentine workshop all’insegna del Gallo, one of the most active at the time, whose head was the silversmith Antonio Mazzi (died in 1747) and, later, Angiolo Maria Alisi. The same stamping is found in the beautiful chalice (no.33) that, executed in the Workshop all’insegna della Torre, was “stamped” by Mazzi himself between 1737 and 1740. 63. florentine workshop first half of the 17th century Pyx Silver-plated bronze (base), silverplated copper (cup), gilded bronze (cross); 22x7.3 cm. (inv. 52) Inscriptions: under the base “Della pieve di San Cresci” Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle 64. tuscan workshop Chalice 1895 Gilded and silver-plated copper alloy; 27x12.3 cm. (inv. 40) Inscription: under the base “Per grazia ricevuta 18 maggio 1895”

Provenance: Church of Santa Croce in Greve Sector V Middle level 65. tuscan workshop first half of the 17th century Chalice Embossed, engraved and gilded copper; 25x11.5 cm. (inv. 48) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie 66. florentine workshop 7th-8th decades of the 18th century Chalice Embossed silver; 24.5x12 cm. (inv. 74) Inscriptions: on the base “f.p.” Stampings: on the step of the base, “g.m.” characterized by a star in a rectangular field. Provenance: Church of San Donato in Mugnana 67. florentine workshop beginning of the 17th century Chalice 1601-1613 ca. Embossed and engraved silver; 22.5x10.3 cm. (inv. 75) Provenance: Church of San Martino in Sezzate 68. florentine workshop end of the 18th century-beginning of the 19th century Chalice 1781-1808 english translation

189


Embossed silver; 24.5x12 cm. (inv. 76) Inscriptions: on the base “p.p.” Stampings: on the edge of the base and in the saucer, a lion seated on an “F” in an oval field. Provenance: Church of San Martino in Sezzate Upper level 69. embriachi workshop end of the 14th century Pax Gilded, painted and carved ivory; inlaid wood; 11.8x16.3 cm. (inv. 20) Provenance: Church of San Martino in Uzzano The Embriachi workshop, founded in Florence between 1370-1380 by Baldassare degli Ubriachi, or Embriachi, the capable Florentine merchant (but of noble origins), specialized in handmade articles of ivory or bone. For some time, it was also managed by the Florentine sculptor Giovanni di Jacopo and, after its founder’s death, the business continued in Venice until around 1430. Commissions for small-sized works, in which the preciousness of the material and the skill of the carvers were most evident, came both from ecclesiastics and from laypeople, but the workshop also undertook large-scale works such as the altar-frontals for the charterhouse of Pavia (the only datable work, executed between 1396 and 1400), the ones for the Poissy priory and the Cluny Abbey. The founder had contacts, moreover, both with the very high levels of society, the Italian, Span-

ish, English and French aristocracies, and with the leading representatives of the Florentine humanistic renewal, such as Coluccio Salutati. At the end of the 14th century, it can be said that the Embriachi production had also conquered France, which previously had held the monopoly in ivory workmanship, also thanks to a type of serial production that could meet the requests of a large market, with various specialists and carvers. The technical and stylistic characteristics of this valuable Pax suggest that it belongs to the Embriachi’s Florentine period, placing its execution at the end of the 14th century. The Pax is unfortunately mutilated: the Virgin and Saint John are, as in the tradition, at the sides of the Cross (that unfortunately was stolen some years ago), narrow and bent over, not only because of the limited space meant for them in the ivory but because of their grief, that makes them tragic monuments on the base decorated with gold letters. Also the halos were once gilded. Behind them a rocky background rises on which small stylized leaves are painted in red and black. The frame has ivory edges but the central ropelike motif is made of inlaid wood. Sector VI Low hexagonal display case 70. tuscan production end of the 18th century Book of chapters

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

190


Velvet; silver-plated and embossed alloy; 24x16.5 cm. (inv. 73) Provenance: Church of San Michele in Dudda 71. doccia production Small vase and plate 1865 Porcelain; 14 cm. (small vase); 12.5 cm. (plate). (inv. 28) Inscriptions: under the base of the small vase: “26 Ginori 1865” Provenance: Church of San Gaudenzio in Torsoli 72. florentine workshop Tray 1858-1872 Embossed and engraved silver; 25x19.7 cm. (inv. 47) Inscriptions: around the cavetto under the brim “Eletta de’ Conti Capponi nata Giugni Canigiani donò alla Chiesa di S. Martino in Uzzano” Stampings: under the edge, illegible silversmith’s mark. Near the inscription a lion seated on an “F” in oval field. Provenance: Church of San Martino in Uzzano Lower level 73. tuscan workshop 17th century Two candlesticks Turned cast bronze; 18 cm. (inv. 67) Provenance: Church of San Michele in Dudda

74. tuscan production end of the 18th century Two monstrance-style reliquaries Carved and gilded wood; 47x10.5 cm. (inv. 87) Provenance: Church of San Martino in Uzzano 75. tuscan workshop Candlestick 1673 Turned cast bronze; 20.5 cm. (inv. 66 ) Inscriptions: on the knot of the stem “Lim.(osi)ne” Provenance: Church of San Michele in Dudda 76. tuscan workshop 17th century Candlestick Turned cast bronze; 19 cm. (inv. 69) Provenance: Church of San Michele in Dudda Middle level 77. tuscan production end of the 18th century Two monstrance-style reliquaries Carved and gilded wood; 45.8x17 cm. (inv. 86 ) Provenance: Church of San Martino in Uzzano 78. tuscan production second half of the 18th century Monstrance-style reliquary Carved and gilded wood; 36x19 cm. (inv. 85) Provenance: Church of San Martino in Uzzano english translation

191


Upper level

Corridor

79. tuscan production second half of the 18th century Monstrance-style reliquary Lacquered, gilded and inlaid wood; 23x11 cm. (inv. 84) Provenance: Church of San Martino in Uzzano

Leaving the small hall of precious metal works, turn right, go along a small corridor that, to the left, offers a striking view of the oratory below. On the wall to the right instead, in addition to illustrative panels on the artistic heritage of the Greve area, there is a painting which will be described subsequently. Then we pass into the hall dedicated to the museum’s collection of paintings from a later era.

Sector VII 80. tuscan workshop 17th century Candlestick Turned cast bronze; 24 cm. (inv. 68) Provenance: Church of San Michele in Dudda 81. tuscan production second half of the 17th century Madonna with Child Carved and painted wood; 54x19 cm. (inv. 18) Provenance: Church of San Silvestro in Convertoie The statuette, partly damaged, is actually a reliquary, as is shown by the opening in the lower part that was used to display the relics. It is a good quality craftmade product that, like others found in the Florentine countryside between the end of the 16th and the 18th centuries, refers to a late manneristic prototype brought abreast of the formal innovations of the baroque.

82. Attributed to giuseppe moriani (Florence, documented from 1709 to 1739) The Healing of the Man Born Blind Second decade of the 18th century Oil on canvas; 116.5x87.5 cm. (inv. 12) Provenance: Church of Santa Maria in Cintoia

Hall of the Paintings The works on display here offer a good sampling of 17th century Tuscan painting, with references to names well-known to experts such as Sigismondo Coccapani, Jacopo Vignali, Francesco Curradi; two fine paintings from, respectively, the Emilian and (perhaps) the Neapolitan school of the same period are included in the collection, too. A truly important work is the 19th century painting depicting Saint Rose, attributed to Michele Gordigiani, which has a gilded frame very rich with carving. Many of these paintings obviously come

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

192


from churches in the Greve area, but a small group constitutes a bequest that comes from the ex-hospital named after the noblewoman Rosa Libri Del Rosso, whose generosity sponsored its construction during the 1880’s, and which afterwards became property of the commune. The visit to the hall proceeds from the right 83. francesco curradi (Florence 1570-1661) The Virgin of the Assumption and Saints Lucy and Anthony of Padua 1640 ca. Oil on canvas, 179x110 cm. (inv. 8) Provenance: Church of Santa Lucia in Barbiano The saints to the sides of Our Lady of the Assumption are recognizable by their traditionally assigned iconographic attributes: Lucy (the titular of the church of provenance) has the palm of martyrdom and a saucer where she displays her eyes, while Anthony has a lily at his feet and he holds a book on which the Child is seated. In the lower part to the left, there is the Anichini family coat-of-arms, the patrons of the Barbiano church in the 17th and 18th centuries, but also present in the churches of San Leone in Melazzano and di San Martino in Sezzate At the time to which we can approximately date the painting, the parish priest of Santa Lucia was Olinto Anichini, who must have commissioned the work to Curradi, who signed it in

the center under Saint Anthony’s frock as “Il cav.re (i.e. Kt) Curradi P. F.”. He was, in fact, a knight of the Order of Christ, a title conferred on him probably in 1633 by Urban viii as suggested by the king of Portugal, who had been particularly impressed by some of the artist’s paintings that had been donated to him by a Portuguese nobleman. Curradi, a very prolific painter, specialized in devotional subjects that he expressed, due to his early allegiance to mannerism, into forms and colors that were more typically 17th century: soft impastos, bright colors and expansive atmospheres are also found in this work which, because of these characteristics typical of the painter’s maturity, we can date to about 1640. 84. Circle of jacopo vignali, perhaps giovanni montini (documented from 1600 to 1650 ca.) Virgin of the Assumption 1630-1640 ca. Oil on canvas; 162x176 cm. (inv. 7) Provenance: Church of Santa Maria in Canonica, later San Gaudenzio in Torsoli The painting belongs to the same cultural climate as the previous one: both are, in fact, good examples of Florentine devotional painting from the first half of the 17th century: Vignali, (to whom the work had been attributed by Mannini), had been, on the other hand, influenced by Curradi himself. But a more recent attribution (Proto Pisani, on Cantelli’s advice, 2002) would include the painting among english translation

193


Montini’s works, a poorly documented pupil of Vignali. We know that he painted for Cardinal Carlo de’ Medici and that he also measured himself with subjects taken from Ariosto’s works of which one (a copy from Guido Reni) is in the Corsini collection in Florence. Close to this painting are the Tales of Tobias for the oratory of the Misericordia of Florence (1632-1633) and especially the painting from the Fiesole abbey depicting the Image of Saint Dominic Being Carried to Soriano. The latter, signed and dated “164…”, offers a solid point of reference for the work in Greve. 85. emilian painter 17th century Saint Peter in prison Oil on canvas, 144x135 cm. (inv. 9) Provenance: ex-Rosa Libri hospital, later municipal hall of Greve The vaulted ceiling with stone ashlar walls suggests the ambience of the prison where Saint Peter is shut up. The sudden light that illuminates the saint, who is turned heavenward, may refer to the vision of the angel who has come to free him. Regarding the painting’s place of production, there is an illuminating ancient inscription on the back of it with the name Lanfranco that confirms its coming from the Emilian area, borne out by evident references to the saints represented by Carracci and Lanfranco himself, with luministic solutions that also refer to Guercino. The painting is part of Rosa Libri’s bequest that from the hospital passed in-

to communal property: the presence of this striking painting from outside of Tuscany is explained by its peculiar provenance. 86. francesco boldrini (active in Tuscany in the first half of the 17th century) Madonna of the Rosary and Saints 1615 Oil on canvas; 230x174 cm. (inv. 4) Provenance: Church of San Cresci in Montefioralle The painting, originally much larger, was heavily readjusted in the past and today it has shorter sides, while the fragment that shows the painter’s signature and the date, as well as the little angel figures, was cut out and is now displayed to the side. The curved opening in the center must have been occupied on the altar by a 15th century terracotta Madonna with Child, as noted on old archive files. The use of incorporating old, small and venerated images in sumptuous paintings updated to the tastes of the subsequent centuries was rather widespread in Florentine country churches beginning from the late 16th century. In its center, the painting depicts the Virgin who is giving a rosary to Saint Dominic: the Baby Jesus, in his turn, is passing it to Saint Catherine of Siena. The other saints to the sides are: on the upper left, Saint John the Baptist with another saint next to him, of whom only an arm with a sword remains, and, below, Saint Martha with an aspergillum which she used to defeat a dragon; to the right is Saint Se-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

194


bastian (behind Saint Catherine) and below, is Saint Lucy holding the plate with her eyes, who partly covers another figure, perhaps dressed as a prelate. Very little is known of Boldrini: two other paintings of his are found in Castelfiorentino and, like this one here in Greve that seems slightly earlier, they reveal that the artist belonged to Florence’s late manneristic culture (with influences from Naldini), enhanced also due to the counterreformist dictates with the contribution of more modern painters, such as Curradi. 87. italian painter mid-17th century Saint Peter Oil on canvas; 98x72.5 cm. (inv. 10) Provenance: ex-Rosa Libri hospital, later municipal hall of Greve It is evident that even this one, just like the other paintings that were part of Rosa Libri’s bequest, comes from an area outside of Tuscany that Proto Pisani (2002), due to its visible assonance with the saints painted by Jusepe Ribera, presumably locates perhaps in Naples. 88. michele gordigiani (Florence 1835-1909) Saint Rose 1880 Oil on canvas; 97x83 cm., with frame 192x137.5 (inv. 14) Provenance: ex-Rosa Libri hospital later municipal hall of Greve The saint, ecstatically absorbed in

prayer before the Crucified, can be identified as Saint Rose, as written on the pediment of the frame and as suggested by both the Dominican habit and the roses as well as the painting’s provenance from the Rosa Libri hospital, so called because the noblewoman Rosa Libri Del Rosso had it built. From documents of the past pertaining to the hospital (it is 1880) and now kept at the Archivio dell’Azienda sanitaria del Presidio Ospedaliero Santa Maria Annunziata dell’Antella, the painter Michele Gordigiani seems to have contributed to the establishment of the hospital “with the offer of a painting to be placed in the oratory”: it is probably the painting under consideration, whose subject wanted perhaps to be also a homage to the magnanimous benefactress. This is confirmed by the evident affinities with the artist’s other works. The painter, very appreciated in Florence during the second half of the 19th century, became the official portraitist for the city’s aristocracy, an occupation where his great technical skill and his refined style were fully expressed. In this painting, it is also to be remarked the skill with which he executed the still life which depicts the book and the vase of flowers to the left. The work is a valuable addition to the artist’s corpus in which religious subjects rarely appear. 89. sigismondo coccapani (Florence 1583-1643) Vision of Christ to a saint (Saint Alexius?) 1620 ca. english translation

195


Oil on canvas; 225x155 cm., 253x184 cm. with frame (inv. 6 ) Provenance: ex-Rosa Libri hospital, later municipal hall of Greve The large painting, modified in the past just like the beautiful contemporary frame which was re-adapted, portrays a figure of uncertain identity: Christ in glory supported and surrounded by angels appears to a young man behind whom a large double bed is visible; a young woman is depicted to the extreme left. The presence of the elements described above with the conspicuous double bed make one think of Saint Alexius, who lived in Edessa in the 5th century, and around whom developed one of the most widespread legends of Christian hagiography. Alexius, the only child of rich parents, got married, but on the same wedding night he convinced his young wife to live in chastity and left for Rome. He was not recognized upon his return home seventeen years later, and lived like a poor beggar until his death. The work’s attribution is not in its turn without reservations: recently Cantelli (as reported by Proto Pisani, 2002) has suggested that it should be included in Sigismondo Coccapani’s catalog for stylistic reasons, of whom it shows some characteristics that may be found in his other works. However, a certain lack of homogeneity is to be noted in the painting that juxtaposes areas of great quality with careless details.

From Florence to the Greve Museum of Sacred Art by Renato Stopani In Bandino, the ancient village now part of the Florentine suburbs, there is an old house that still displays an 18th century plaque on which the inscription reads Per Greve al Chianti (To Greve in Chianti). Once, the Via Chiantigiana began there, the main road across the classic wine-growing region of Tuscany that went up along the Greve River as far as Panzano, located at the top of one of the knolls that form the watershed between the valleys of Pesa and Greve. The first stretch of road winds among the hills that “form a garland around beautiful Florence,” because of an environment that still, in good measure, preserves the typical character of the traditional Florentine countryside, with fields intensely mixed farmed with grape vines and olive trees, dotted by cypresses and buildings that express the best of the Tuscan architectural tradition, and crossed by narrow roads set between walls, not infrequently decorated by rustic graffiti. Proceeding into the Greve valley, the landscape increasingly displays the extensive vineyards that everywhere have taken the place of the mixed farming typical of the agrarian organization of the tenant farming system. Now only the presence of isolated farmhouses recall the sharecropping

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

196


landscape that, until the 1950’s, unquestionably dominated the entire Chianti region. The far reaches of the Chianti mountain ridge come into sight at Strada in Chianti where it opens up into the gully of the Sezzate stream valley: it is the so-called Cintola Valley that slips between the wooded rounded tops of the mountains. The road that goes along it as far as the head of the stream that gives its name to the valley is an alternative itinerary of great historical and artistic, as well as naturalistic, interest. Approaching Greve, and then on the slopes of the hill of Panzano, the agrarian landscape is even more dominated by the presence of vineyards, a consequence of the agricultural conversion of the last few decades. Here and there some parts remain of the ancient agrohydraulic system (the, once, very widespread hill terracing) and, at the bottom of the valley, some “tree-supported” vines remain, survivors of the oldfashioned custom of having vines climbing up country maples. The Itinerary In Badia di Ripoli, where today State Road no. 222, that has kept the name Chiantigiana, actually begins, there is a gentle slope that takes its name from the Villa di Diacceto, an elegant old crenellated building, with a courtyard within two wings, easily seen from the road. You gradually descend towards Ponte a Ema that lies on the right of

the stream, in the narrow valley floor encircled by pleasant hills dotted with villas. On the left there is a short track that leads to the oratory of Santa Caterina dell’Antella, a 14th century single-nave church with an apse at the end, covered with pointed vaults, whose walls display a cycle of valuable frescoes by Spinello Aretino depicting the Life of Saint Catherine of Alexandria and, on the vaults, The Evangelists. Other 14th century frescoes, continuing with Stories of Saint Catherine of Alexandria, are in the apse. At the end of the residential area in Ponte a Ema, there is the church, once a Cluniac monastery, of San Pietro a Ema, that was completely renovated at the end of the 19th century. Inside there is a Madonna with Child from the workshop of Ghirlandaio, a Santissima Annunziata attributed to Bronzino and a tabernacle for the Olea Sanctorum from the da Maianos Workshop. Still on the left, there is another detour to the residential area of Antella, where the Romanesque parish church of Santa Maria stands in the old center. It has a single nave covered with wooden trusses, and it was restored with some integrations in style in the early years of the 20th century. In the walls at the sides of the large arch that leads into the presbytery are some marble tarsias and a 13th century carved bas-relief, inside a commesso frame, depicting a dragon. A high bell tower rises beside the parish church: its original features are english translation

197


substantially intact, except for the top part that was made higher at the end of the 19th century. Inside, besides a series of 16th and 17th century paintings of the Florentine school that are on the side altars, there is a 16th century Madonna with Child from the Della Robbias workshop and a frescoed tabernacle (Madonna with Child ) by Paolo Schiavo. The road, having crossed the Ema River, arrives in Grassina, a large, modern-looking residential area, rising at the meeting point of more roads that go up the hills around, where there are many elegant villas that served also as farms: from the Villa Il Riposo, with works by Giambologna to the elegant Villa Malenchini; from the Villa of Mondeggi, surrounded by a thick park, to the Villa of Lappeggi, that was the home of the cardinals from the Medici family. A detour on the left, following the course of the Ema goes to San Polo di Robbiana, passing through the little village of La Capannuccia, going past the Castle of Quarate, of which remains a lopped tower at the top of which is an olive tree, past the Palagio dei Quaratesi, a 14th century country house, and past a series of little churches that have often kept their structure of early Romanesque buildings (Sant’Andrea in Morgiano, San Donato in Campignalla, San Bartolomeo in Quarate, Santo Stefano in Tizzano) and often have noteworthy works of art inside. For example, a 14th century triptych of

the Virgin with Child and Saints and a 16th century Crucifixion (Sant’Andrea in Morgiano): a predella attributed to Paolo Uccello, a 14th century copper astylar cross (San Bartolomeo in Quarate) and two small wooden panels traditionally attributed to Cigoli (Santo Stefano in Tizzano). The road reaches San Polo di Robbiana, a village that stretches into the narrow bottom of the valley, to continue then towards Valdarno. In the hills dominating the residential area, besides the parish church, dedicated to Saint Paul, there rises the ancient parish church of San Miniato di Robbiana. This latter building has kept the early Romanesque structure in the apse as well as a plaque which recalls its consecration in 1077. After Grassona, the via Chiantigiana begins to zigzag upward; at the top of the climb, where the road becomes level, is the church of San Martino a Strada, reconstructed in its original style after it had collapsed as a result of the 1895 earthquake. Inside there is a panel by Verrocchio depicting the Madonna Enthroned and Saints, a Madonna of the Rosary by Lorenzo Lippi and the remains of a 14th century fresco portraying an Announcing Angel. After having encountered two beautiful 17th century farmhouses one after the other, the road runs in front of what was once the back of the Villa of Ugolino, whose construction is attributed to Gherardo Silvani. Near the villa, there is the undulating golf course of Ugolino, dominated by the

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

198


1930’s Golf Club by the architect Gherardo Bosio. Continuing with slight undulations along the watershed line between the Greve and Ema valleys, you reach Strada in Chianti, the home of the poet Zanobi, a friend of Petrarch’s. The residential area has a very long and narrow development that follows the route of the modern Via Chiantigiana. On the right, along the road’s former track, there is the oldest center of Strada, where the church of San Cristoforo stands, a Romanesque style building, to which a neo-Medieval style façade with an arcade was added in 1933. Inside is a beautiful wooden Crucifix of the Florentine school that dates to the mid 15th century. A little after the beginning of the journey, you see the imposing bulk of the Castle of Mugnana, which became a villa-farm centuries ago. The keep’s quarterdeck tower emerges above the complex, characterized by a beautiful walled face in alberese stone. Opposite the Castle of Mugnana, on the other side of the valley is the Castle of Sezzate, that, in the high walls encircling its buildings, has kept its aspect of a fortified medieval settlement. The road continues through a landscape that is increasingly woody, with recently planted conifer forests that alternate with copses of oak groves, it gets to the 18th century Villa of Cintoia, and on the left there is the fork that leads to the Castle of Cintola, that was the headquarters of the League through which the Florentine

Republic united the “peoples” of the valley. Today the castle is like a perfectly preserved medieval village, with some prominent remains of the fortified structures that dominate the small residential area. The road ends up in the provincial road to Valdarno a little after La Panca, in whose parish church the large Eucharistic tabernacle with Saints Peter and Paul, a work by Santi Buglioni, previously in the nearby parish of Cintoia, has been relocated. In La Panca a side road on the right goes up the hill of Montescalari, encountering first the parish church of San Pietro a Cintola, then the abbey of Montescalari. Recorded since the 8th century, the parish church of Cintoia is a Romanesque building with a single large nave ending in a semi-circular apse. Renovated internally in the 18th century, the front part of the building is missing, ruined following the collapse of the bell tower that caused the nave to be shortened. The Montescalar abbey complex, for years in a state of abandon, stands almost on the ridge of the hills that divide the Greve valley from the Valdarno. It has a large four-sided wall that encloses the various parts of the monastic complex, the majority of which date to the years at the turn of the 16th and 17th centuries. The church, despite the numerous readaptations, retains the late-Romanesque characteristics that also the bell tower, now destroyed because of war, had. english translation

199


You cross the residential area of Il Chiocchio, with houses on both sides of the road and then you go up towards Poggio di Collegalle, at whose summit is the hamlet of Spedaluzzo, then, rapidly going down towards the bottom of the Greve valley you find the small village of Greti. Many roads leave from Greti, so as to reach the villa-farms in the surrounding area, which are usually situated at the top of the low hills that overlook the course of the Greve river. One road leads to the Castle of Vicchiomaggio (formerly Vico de’ Lambardi), that consists of a high 13th century tower, at the foot of which is a beautiful 16th century building surrounded by a small Italian-style garden with an embankment (a little outside the castle is the little Romanesque church of Vicchiomaggio, with a small single apse nave). Another road leads to the Castle of Verrazzano, where the family of the great navigator, Giovanni, had its origins. The locality was formerly the seat of a medieval “lord’s house”, of which a crenellated tower remains, to which later the current villa-farm was added (17th century) together with the beautiful Italian-style garden surrounding it. Just past the little village of Greti, a long road lined with cypresses, on the left, leads towards the Villa of Calcinaia, of ancient origins but re-adapted many times; this too has a vast garden, partly Romantic and partly Italian-style. Then, on the right, two roads one after the other, both lead to

the Castle of Uzzano, famous for having given its name to the Florentine family to which the famous Niccolò belonged. Part of the castle’s walls, more or less rectangular-shaped, is preserved, inside of which is the monumental villa-farm with its large Italian-style garden that slopes down the hillside that looks onto the Greve river. The Via Chiantigiana proceeds on level ground entering Greve in Chianti. At the first houses, a detour to the right leads to the Villa of Zano, continuing then to the Fattoria di Colognole, a good example of a 13th century turreted country house. Along the same road, a little before Zano, is the parish church of San Cresci; which, of its original Romanesque construction, preserves the little narthex on the façade, with a portal, flanked by two twin lancet windows. A further detour takes us to the Castle of Montefioralle (formerly Monteficalle), whose residential area is still entirely within the medieval city walls. The inside with its narrow winding streets, is environmentally rich and preserves many medieval buildings among which stands, in the higher part, a mighty turreted building. The parish church, redecorated in the 18th century, houses a valuable 13th century wooden panel depicting the Madonna with Child and Two Angels, as well as numerous other works of art, among which is a 15th century Trinity and Saints, attributed to the Master of the Epiphany of Fiesole, a panel with the Annunciation

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

200


and Saints from the end of the 14th century, and a 16th century ciborium. Greve is a large village that extends mainly to the left of the homonymous river, in a green hollow. During the Middle Ages it was no more than a village, its development being due to having been a market town, located right at the point where the road crossing Chianti, coming from Florence, intersected a road connecting the upper Valdarno to the Greve valley. The urban structure of the residential area reflects the origins of the settlement, radiating from the wide elongated triangle-shaped square, on which there are the arcades that were once used to display merchandise. At the top of the square’s triangle is the parish church, called Santa Croce, reconstructed in a neo-Classical style in the mid-19th century. Inside there is a triptych by Bicci di Lorenzo and a Madonna with Saints by the so-called Master of Greve. On the opposite side of the square is the oldest part of Greve (the village), from which a short road leads to the Museum of Sacred Art, where a Franciscan convent was once housed.

Around Greve The road that leads to Valdarno, crossing the Chianti mountains through the easy pass of Sugame, enters directly the ancient market square. The very panoramic journey

winds among vineyards and terraced hills that alternate with tracts of coppice, and offers the possibility of visiting farms (Melazzano, Querceto) and ancient settlements (Convertoie, Dudda). A side road can also take you up to the top of Mount San Michele (the highest point in the Chianti area), crossing the ancient village of Lucolena and the villa-farm of Torsoli. State Road no. 222 goes forward, instead, into the Chianti area, out of Greve, it continues on a straight course along the river overtaking it in Tirassegno, where a small neo-medieval building, in the shape of a little castle, stands. A side road on the left leads to the Castle of Lamole, going up the Chianti ridge as far as the top of Mount Querciabella. Among the terraced fields, often still mixed farmed with grape vines and olive trees, the road encounters some beautiful farmhouses with open galleries and turrets from the 18th century, and the monumental Renaissance villa of Vignamaggio, surrounded by one of the most beautiful Italian-style gardens in the Chianti area. Continuing along the winding road, you first reach the hamlet of Casole, then the residential area of Lamole, subdivided into a series of small conglomerations along the road. The Lamole parish church, dedicated to Saint Donato, dates to the mid-19th century; inside there is a 14th century Florentine school triptych depicting the Madonna with Child and Saints. english translation

201


On the right, a little off the road, on a spur that rises between two tributaries of the Greve River, is the Castle of Lamole, that preserves part of its walls and the remains of a polygonal reinforcement tower along the most vulnerable side of the walls. The ascent to the hill of Panzano begins at Tirassegno: the Via Chiantigiana winds first among the thickets of oak groves that soon, however, come to an end, allowing the view to sweep across the stupendous panorama offered by the hilly reaches of the Chianti mountains, whose gentle slopes, intensely cultivated with grape vines and olive trees, are dotted by farmhouses and villa-farms. You reach Panzano, passing through the modern part of the residential area (Campana) and leaving its more ancient part to the right, gathered around the remains of the castle, a wide quadrangular building that preserves part of its walls with the access gate and, inside, the high tower of the keep. Near the castle is the Panzano parish church, dedicated to Our Lady of the Assumption, reconstructed at the end of the 19th century. Inside the church there is a Madonna with Child, a small panel of the 14th century Sienese school, enclosed in a larger 15th century panel with figures of saints. Adjoining the church is the small Renaissance oratory of the Santissima Annunziata, inside of which is an Annunciation from Ridolfo del Ghirlandaio workshop.

Beyond Panzano, that lies between the Pesa and Greve valleys, the typical hilly countryside of the Chianti area continues: it descends gradually towards the Pesa Stream in the bottom of the valley, here in the first part of its course, among fields of olive trees and vineyards that have now entirely substituted the mixed farming. A left-hand side road leads shortly to the parish of San Leolino a Panzano, recorded since the 10th century. The church is a beautiful Romanesque building with one nave and two aisles divided by a series of arches rising from simple quadrangular pillars. An arcade on nimble Tuscanic-order columns in sandstone is fitted to the façade. The interior is very rich in works of art, among which, there are: a panel attributed to Meliore and dated around 1270 depicting the Madonna Enthroned with Child between Saints Peter and Paul and Stories of their Lives, a triptych also depicting the Madonna with Child and the Saints Peter and Paul attributed to a Sienese artist close to Barna and Bartolo di Fedi; a small cuspidate panel of the 15th century Florentine school depicting the Madonna with Child between Two Angels, two small Della Robbian tabernacles from the early 16th century, both attributed to Giovanni della Robbia; an 18th century reliquary-bust in polychrome terracotta portraying Saint Euphrosynus; a triptych by Mariotto di Nardo that depicts the Madonna with Saints Francis, Euphrosynus, John the Baptist and Lawrence; a

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

202


monolithic 16th century baptismal font; a sandstone slab, from the 8th9th centuries, once part of the presbyterial fence, now used as the base for the mensa of the altar. A short distance away there stands the Oratory of Sant’Eufrosino, a bishop of eastern origins (probably one of the missionaries sent by Rome in the 7th century to convert the Aryan Lombards of Tuscia), that tradition says was the evangelist of the Chianti area. Even if datable to the 15th century, with 17th and 18th century integrations, the oratory preserves architectural elements that lead to hypothesize the pre-existence of an early-medieval church. The recent discovery, under the church floor, of the remains of sacred furnishings with decorations carved in the sculptures datable between the 8th and the 9th centuries, confirms the theory that the oratory goes back to the early Middle Ages and that it was built together with the sepulcher of Saint Euphrosynus, which consists of a circular-shaped room with a thòlos-style vault, kind of a crypt that was under the presbytery of the early church. The oratory is a large one nave building with a quadrangular apse. A 14th century cuspidate niche in pietra serena (a kind of grey sandstone) is set in the back wall of the presbytery. It must have been used to display the relics of Saint Euphrosynus (a reliquary-statue depicting the saint is still kept in the church, where people went on pilgrimage). Thau-

maturgical virtues were attributed to Saint Euphrosynus and, particularly, to the water from the well inside a little chapel behind the oratory, where there is a small sandstone altar communicating with the well, a piece of 13th century Tuscan handicrafts, carved with decorative motifs still linked to the Romanesque tradition.

english translation

203


Artistic handicrafts in the Chianti area by Maria Pilar Lebole and Benedetta Zini Today handicraft in the Chianti area is not surely a driving sector of the economy, unlike that of oenogastronomy. However the traditional Tuscan heritage, so rich and consisting of multiple specializations, has deep and ancient roots in this area, too. We can acknowledge that the rural tradition of our gentle hills has always favored the production of essential handicrafts, which has very much in common with those production models that originated partly from practical necessities and partly were created for self-consumption: for the humble rural laborer they were useful and functional objects which gave vent to various occupations such as the blacksmith (busy forging work-tools and farm implements) or the cooper (who produced stave containers) or even the wheelwright (who repaired carts and wagons) and the basket-maker (who wove any kind of baskets out of different types of wood). The characteristics of these handicrafts, whose artistic value is difficult to recognize, and those found in objects of everyday use are alike. They are both devoid of decorations and frills, practical, essential and, above all, functional. The important heritage itself indigenous to the area between Florence and

Siena, with origins going back to the early Etruscan settlements, also influenced undoubtedly the production of objects and tools that, while maintaining a genuine spare and linear style, so typical of objects of everyday use, also draw models, stylistic methods and symbols from a balanced production, which is nevertheless more expressive and elaborated. In this twofold development of the handicraft sector, which produces practical useful objects as well as those with a high artistic value, the common denominator probably resides in the impressive process of transformation and reclamation, as well as restoration and promotion, of the rural dimension that has determined the true cultural identity of today’s Chianti area. The interest in an autochthonous handicraft production highlighting the artistic value of its products was rediscovered during the 1960’s, when some workshops actually became small industries and they specialized in the production of terracotta items, wrought iron, intaglio furniture, embroidery and woven articles, stained glass windows, silver works, gold works and majolica ware. The large industrial area of Sambuca and the area around Greve in Chianti have a high concentration of artisan workshops. Although artistic handicraft is limited to a few production units and the craftsmen stick to the functionality of traditional models, the sector is being transformed through the introduc-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

204


tion of new technologies. As emphasized many times before, handicraft is not the most important strong point of the Chianti area economy, yet. Nevertheless a strong movement of revaluation and organization of the handmade sector has developed over the last few years. In the first place, the ideas came from the artisans themselves, who united in order to retrieve the ancient values of traditional workmanship typifying them and promoting them both at national and international levels. The recently deceased Professor Elio Massei an untiring organizer in the handicraft field, must be praised, for leading this project with enthusiasm and great expertise. Massei was capable of transforming the individual needs and experiences of many small local artisans into valuable collective projects, allowing them to “work together.” Massei’s ideas, which were so fruitful, still remain, because of their farsightedness, the basis of any future development of the Chianti area’s handicraft. Along the Via Chiantigiana: the handmade tradition Going along the beautiful Via Chiantigiana running through the characteristic rolling countryside of Tuscany, with its cliffs and hills, it is impossible not to be pleasantly struck by this land where castles and farms have wisely reinterpreted their sphere of activity in favour of the direct sale of the

area’s typical oenogastronomic products, which are by now known and appreciated for their excellence throughout the world. If you happen to find yourself going along this road, it is not unusual to run into real shops arranged in the old villa farmyards. This is the heart of the Chianti area, still deeply tied to its rural and folk tradition. Today, this area is considered the home of the best Tuscan wine production, that of Chianti Classico, exported and known worldwide. On the contrary, the spread of the artisan workshops, which have been able to develop a traditional production tied to local and daily use into proper commercial activities is of rather recent origin. The first stop on your itinerary is past the village of Strada in Chianti. Just outside the built-up area, a short detour to San Polo is worthwhile. After having gone along the road that descends along fields and vineyards, you can catch a glimpse of a modern industrial-handicraft area with sheds. It is Meleto, where you can find a group of handicraft businesses predominantly producing valuable Impruneta-style terracotta items, such as Il Palagio, Enzo Zago, and the Andreoni joiner’s workshop. After this detour, getting back onto the Via Chiantigiana for a long stretch that passes the villages of Chiocchio, Spedaluzzo and Greti, fascinated by the orderly presence of numerous castles, farms, country houses, all accurately renovated and arranged for the english translation

205


direct sale of dairy and oenological products. Entering the town of Greve, right after the fork, you find the Fornace Calcinaia which displays its own production outdoors near the entrance to town, where you can admire oil jars, earthenware basins and vases and pots of various sizes which attract Italian and foreign buyers. You are now in Greve, the /a real jewel of this itinerary. Innumerable craftsmanship activities have flourished in the last few years, especially thanks to the great fame of this town that attracts numerous tourists every year. Even if they are often delighted by the pleasures of the palate, visitors are invited to become acquainted with the area’s typical products in the workshops that are mainly situated close to the historical center. Let’s begin with embroidery, the real icing on the cake of handmade goods from the Chianti area. Right at the entrance to town, the first example of this is the artisan concern Fantechi, a family business, whose workroom, in the basement, produces linen made to measure for the house: embroidered sheets and tablecloths, splendid bedspreads, towels of every type, curtains and trimmings. Some of these objects, as the shopkeeper confides, are still personalized by the skilled hands of the last embroiderers who, working exclusively by hand, still use stitches of the highest artistic tradition. On the other hand, since the last century, the embroidery tradition has consisted of a wide variety of stitches among

which the buttonhole, the Florentine and the gigliuccio stitches. Before reaching Piazza Matteoti, on the left along the road, below a potbellied terracotta oil jar decorated with swags by the concern Terrecotte artistiche d’Impruneta Enzo Zago there is a plate that reads: “To make this vase, it took 32 days of work, 60 days of drying and 80 hours of firing at 1000 degrees” testifying to the pride of the area’s inhabitants in craftsmanship, both important and laborious, and that is all too often unjustly compared to industrial production. Continuing to the fork, proceed under the arcades of Greve’s egg-shaped square (Piazza Matteotti) that seem to house and to offer the visitor some of the most original of artistic handicraft workshops. Right after the ancient butcher’s shop Falorni, which is worth a visit to taste and relish its cold cuts (i.e. sausages, salami and hams), a rather curious shop trades in objects from the Consorzio del Marchio Storico del Chianti classico (Consortium of the Historical Trademark of Chianti Classico). Here every object or souvenir is countermarked with the extremely well-known Gallo Nero, i.e. Black Rooster. Ranging from winetasting glasses of every shape and size to linen, table linen and bizarre beer mugs. Continuing under the arcades, you can purchase baskets of every shape and size, straw-covered articles, as well as carved olive-wood gifts and fancy goods from throughout the

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

206


Chianti area. Interrupt for a little while your walking around the square and head towards the Church of Santa Croce. On the right side of the street, you find L’inganno, the curious workshop of artistic decorations and trompe l’oeil, run on her own by a very young craftswoman, that is definitely worth a visit. Return to the square and continue your pleasant walk. For those keen on prints, it is worth stopping at the art workshop, Il Birillo,– where you can find all kinds of prints including early 20th century reprints from oenological magazines and labels of the historical trademark, or even curious caricatures of the venerated gallo nero, i.e. black rooster. A few steps away is the handicraft workshop, Volpi. Opened about six years ago, it produces leather articles, mainly accessories for clothing based on exclusive designs. Here the craftsman also offers the visitors the opportunity to see his workroom, both to personalize their own requests and to make them experience the evocative atmosphere of handmade production. For four generations, the adjacent embroidery workshop Grazia Giachi has created items exclusively from the Chianti area. There is a beautiful display of napkins, towels and, especially lovely embroidered dresses for little girls. Next to this is the showroom of artistic ceramics of Materia Crea, where you can purchase articles with traditional local decorations, such as grapes, olives, leaves and

flowers as well as a special production of articles executed in lively colors, such as fiery red, and abstract decorations. The craftswoman personally creates both lines in her small workroom on the opposite side of the square. Now leave the heart of Greve and return to the Via Chiantigiana, where the ancient town of Panzano offers you another special example of leatherwork, but here we talk about shoes. Going along the town towards the crossroads for Mercatale you find the handicraft workshop of Carlo Fagiani, recently opened but all the same faithful to the best tradition of working with skins and leather. Its production specializes in entirely handmade leather and cowhide shoes and accessories, as well as in real deer, nubuck, reptile, ostrich, python, and crocodile skins. Going along the characteristic Via Santa Maria that goes on uphill as far as the church having the same name, halfway you reach Piazza Ricasoli. Here, concealed behind an old double door and a curious sign consisting of a simple visiting card glued to the glass, is the porcelain workshop of Janine Loohuis. Inside you find plates and furnishings of traditional shapes mixed with flower vases of very special and refined design. Leaving the little square and continuing towards the church, you find yourselves inside the joiner’s workshop of Franco Guarducci. Here, among wood shavings and sawdust, the craftsmen skillfully assemble all english translation

207


shapes and sizes of boards to create stylish furniture. Stay in Panzano a little longer to visit another curious activity, where the fabric tradition merges with the innovation and experimentation of forms accompanied by a masterly use of the colors that the Chianti countryside offers spontaneously. The all-natural fabrics of Il giardino delle Essenze are painted or embroidered mirroring the tonalities of the surrounding countryside: the yellow recalls the broom bushes along the lanes, the green both the countryside and the olive trees, the ruby celebrates the grapes, the real wealth of this area and also the violet of the lavender and the rust-red color of the Chianti earth. The love for natural fabrics in this workshop also extends to the most precious fabrics like silk and cashmere, which are handmade in a wide range of colors and patterns. For those of you who are fans of cashmere it is worth making a small change in your itinerary in order to visit the nearby small town of Radda. Here you find the Tessuti cashmere company, the only cashmere goat breeding farm in Italy, where the goats are reared free and in the old-fashioned way. Their soft and very shiny wool is shorn by hand and hand-woven without using any sort of coloring or additive. The farm has also freshly specialized in a side activity really worth discovering: for instance, goat’s milk is used to make excellent natural skin care products. In fact, tradition says that the milk of this breed

of goats is particularly rich in protein and fats, precious elements to moisturize the skin. Finally, in Fonterutoli, near Castellina, a visit to the Bernabei smithery is recommended. Iron has always been a widely used material in the Chianti area and was used to make work tools and implements. Plowshares, twopronged forks, hoes and spades, billhooks were the most common iron objects. Today this material is used not only to make farm tools and implements but also interior and exterior furnishings. The selection of the businesses has been made at the discretion of the authors and cannot be considered in any way exhaustive in respect to the businesses present in the area. We would like to thank the artisan concerns for their helpful collaboration during the research phase. Thanks to Aldemaro Becattini, Roberto Berti, Omero Soffici and Renato Stopani; the personnel of the Communal Tourist Boards of Impruneta and of San Casciano, the Tourist Office of Castellina in Chianti and the Consorzio del Marchio Storico del Chianti Classico for their kind concession of images. A Special thanks goes to Rino Capezzuoli for the operational support generously offered to us. For specific literature on the Chianti area, we suggest: E. Massei, Artigianato del Chianti, radici, modelli e tradizioni, Viterbo 2000.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

208


E. Bosi-G. D’Eugenio-M. LorenziI. Moretti, Chianti, storia e itinerari, Florence 2003. As to the magazines we suggest: “Greve in Chianti 2005”, with the patronage of the Comune di Greve in Chianti; the bimonthly periodical “InChianti”; “Chianti travel, Country life”, with the patronage of the Consorzio del Marchio Storico Chianti Classico. Photos by Benedetta Zini.

Handicraft businesses on the Via Chiantigiana Strada in Chianti (handicraft area of Meleto) vivaterra srl via Provinciale Chiantigiana, 36 50022 Greve in Chianti tel 055.858671 fax 055.8590331 enzo zago Artistic Imprunetan terracottas via di Meleto, 1 In Palagione 50027 Strada in Chianti tel 055.8587253 fax 055.8589101 www.enzozago.it andreoni giorgio & c. Joiner’s workshop via di Meleto, 2 50027 Strada in Chianti tel 055.858524 fax 055.858477 www.falegnameriaandreoni.it

english translation

209


Greve in Chianti fornace calcinaia di Carrai Paolo & figli via Giovanni da Verrazzano, 73 50022 Greve in Chianti tel 055.853724 fantechi Traditional handmade embroidery via Giovanni Da Verrazzano, 25 50022 Greve in Chianti tel 055.854376 l’inganno Painted furniture-trompe l’œil piazzetta Santa Croce 2-i 50022 Greve in Chianti tel 055.853431 il birillo Prints piazza Matteotti 50022 Greve in Chianti volpi Leather accessories piazza Matteotti 50022 Greve in Chianti grazia giachi Embroidery Direct sale: Piazza Matteotti 50020 Greve in Chianti Workroom: piazza Vittorio Veneto 16/18 50022 Mercatale Val di Pesa (Florence) tel 055.8218073 fax 055.8218928

materia crea piazza Matteotti, 50022 Greve in Chianti

Panzano carlo fagiani Leather and skin workmanship via Giovanni da Verrazzano, 17 50020 Panzano(Florence) tel 055.852239 www.carlofagiani.com janine loohuis Porcelain workshop piazza Ricasoli, 2 50020 Panzano (Florence) tel 055.852526 franco guarducci Workshop: via Santa Maria, 4 50020 Panzano (Florence) tel 055.852287 Showroom: via Chiantigiana, 10 tel and fax 055.852458 50020 Panzano (Florence) www.francoguarducci.it il giardino delle essenze via Case Sparse, 39 50020 Panzano (Firenze) tel/fax 055.852440 www.giardinodelleessenze.com

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

210


Radda

Discovering Chianti Classico

chianti cashmere company di Nora Desmond Kravis c/o Azienda Agricola La Penisola 53017 Radda in Chianti (Siena) tel/fax 0577.738080 www.chianticashmere.com

by Maria Pilar Lebole and Benedetta Zini

Castellina bernabei eugenio Forged iron in Fonterutoli 53011 Castellina in Chianti (Siena) tel 0577.740953

This itinerary is a ramble along the Via Chiantigiana, to discover the flavors and fragrances that have made this part of Tuscany one of the best loved and known in the world, it is a little like plunging into the past, filled with scents, now forgotten, of a long gone childhood taste. Right so, because the Chianti area still holds tight to its love for genuineness that has kept the flavors and scents as they once were, as they still should be. Here the various kinds of cold meats and salami even now taste as they once did, the cheeses intoxicate us with the sharp taste of goat’s milk and the olive oil is an intense green and has a pleasing bite, the meat is a challenge for the most audacious gourmets, not to mention the wines that evoke thousands of intense and perfumed memories. Wine and olive oil have always been produced in the Chianti area, since the chestnut woods were felled to make room for the ordered rows of vines and the knotted olive trees. From the 14th century, there are the first handwritten records of a systematic cultivation of vines and olive trees that involved all of the Chianti area. From that time until the 18th century agrarian reform that rationalized the cultivation increasing both the quality and quantity of production, the farmers in the english translation

211


Chianti area continued to patiently farm this generous land, achieving a unique product that made it famous throughout the world. Today the wines of Chianti are served in the best restaurants of New York and London as products of excellence and prestigious wine experts come here from all over the world to taste and buy the wines from this little corner of Tuscany. But this is not a question of a novelty, of an ephemeral and momentary fashion. Already in the 17th century, there are some documents that refer to the regular export of wines from Chianti to England. So what is the reason of so much prestige and interest on the part of the entire world? First of all, the quality of the products, that comes from an ancient knowledge and a generous land which, combined together, have been able to render oenogastronomic products the absolute wealth and the chief reason for world interest. The entrepreneurial skill of the area’s farmers is also very important, they make their products adhering to high standards of quality and diversify their production with ever new offers, and they have spread their trademark everywhere, always in new and different ways, suitable for a public that can be defined as “universal.” The latest creation is the Gallo Nero Experience, a project started in the winter of 2004 that intends to spread the wine culture of the Gallo Nero Chianti Classico, also among young people. A series of meetings organized in the most well-known and fashion-

able places in four trial cities (Florence, Rome, Milan, and Bologna) presented the excellent wines from Chianti alongside the usual aperitifs. The initiative consists in arranging special wine tasting corners in the most frequented places which serve aperitifs in these cities and to offer the products at a reasonable price, so as to present them to a public that is not particularly fond of wine, but usually drinks something completely different. Everyone liked the idea and it was such a success that it is being considered to extend the same initiative to another group of Italian cities. The Chianti area today has become a “style of life” that is known and appreciated in the whole world. So many people come here in order to appreciate the savoury agricultural produce, to let themselves become intoxicated by the strong wines, to let themselves be enraptured by the landscapes of a still uncontaminated countryside, to learn all the ancient secrets of a simple and good tasting cuisine from the local housewives. Itinerary on the road to Greve The beautiful countryside crossed by the Via Chiantigiana is continually interspersed with signs and notices that invite you to visit this or that farm. Often you cannot quite see these oenogastronomic paradises from the road, hidden as they are by the green of the olive trees and the tangled shrub that runs along the road. But this is

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

212


part of the Tuscan spirit: reluctant and rough, not inclined to show off but full of warmth once disclosed. You travel the Via Chiantigiana all way long, from the first slope in busy Ponte a Ema, and right away you feel in a new and different place. Suddenly even the most chaotic and noisy city becomes a peaceful and rough countryside, burnt by the summer sun and blown by the icy wind in winter. Well-ordered open spaces, with a touch of the city, are around you as far as Ugolino, where through the olive trees you can glimpse the immense green expanses of a golf course. Immediately afterwords, you come across the first farms. Old farms and farm houses, and, at times, even castles and beautiful country houses, they all welcome you into their farmyards or into small, deliberately makeshift sheds, where it is possible to taste and to buy local products, predominantly wine and olive oil, but often also honey, grappa, cheese, and various kinds of cold meats and salami, all made in the old-fashioned way. You come across Podere Casanova, Ville i Cipressi, the Fattoria La Presura and many others. You get to the village of Strada in Chianti. On the right of the small square, the ancient butcher’s shop of Mastrocicciaio catches your eye. It has been in business since 1856, for more than 150 years. For meat lovers, it is worth taking a break and abandoning oneself to the red and inviting expanse of steaks and sausages. For those who

prefer pasta, instead, Strada in Chianti hides a curiosity: there, the ancient Pastificio Fabbri (pasta factory), in fact, produces, in a limited and numbered quantity, a special pasta made from the best wheat and still produced using bronze draw plates. A true rarity if you consider that even the package is made with a special paper that uses wheat waste. You resume your journey, always seeing signs that point out farms hidden in the green. Among these, there is the beautiful farm of Poggio ai Mandorli and the Enoteca Falciani, a wine shop where you can buy an excellent wine by the glass and where you can buy bottles with personalized labels in order to celebrate a special event or simply to give a gift to a friend. Going on, you take the right-hand side street to get to the very beautiful Castello di Vicchiomaggio that dominates the valley with its tower. If you continue on the small country road, you immediately find a building used for the tasting and selling of the farm’s products. A little dark house that, however, hides a variety of savoury specialties. Once again on the Chiantigiana road, you pass through the little hamlet of Greti. Here you can stop on the side of the road to taste the excellent wine from the Castello da Verrazzano that is sold in a tiny little makeshift stand at the foot of the castle itself. Equally prestigious is the Castello di Uzzano that has produced the wine bearing the same name since the 14th century. english translation

213


You are almost in Greve, the undisputed chief town of this splendid area. Just before coming into town, it is worthwhile to make a quick stop at the Villa Calcinaia. Here the owners have been able to exploit all the wonders of the area, offering visitors the best of Greve’s handicrafts and oenogastronomy: artistic terracottas, farm holidays, direct sale of the farm’s wonderful products, including a special home-made goat cheese. Once in Greve, you cannot miss visiting the Falorni butcher’s shop, which overlooks the town’s striking square. It is a paradise for the most demanding palates. The exquisite and seasoned cold meats and salamis of all sizes will intoxicate you with their good smell as soon as you enter the door. Finocchione, (a type of sausage made with fennel), different types of prosciutto (ham) and sausages: the choice is decidedly every difficult. Not to mention the pecorino cheeses, prepared locally with the most curious and bold variations: hot pepper, truffle, even fruit. If you arrive in Greve at lunchtime, or if the aromas from Falorni have simply stimulated your appetite, it is worth having a restorative stop at Nerbone, that subtitles its imposing sign with the words “bollito and minestrone” (boiled meat and vegetable soup): What a suggestive invitation! Here it’s enough to take a quick look at the menu in order to be at least amazed: the spezzatino di pelliccia (fur stew) and the lingua all’arancia (tongue with orange sauce) strike you,

but it is worthy not being shocked by the original nomenclature. The first dish, in fact, owes its name to an old Tuscan saying: «lo spezzatino del signor pelliccia: molte patate e poca ciccia», (Mr. Fur’s stew: lots of potatoes and little meat), that underlines its origins as a poor people’s dish, while the latter is a sweet and sour variant of the classic corned tongue. Once in Greve a visit to the Museum of Chianti Classico, is a must, and not just for wine lovers. Set up about five years ago inside the ancient cellars of Greve in Chianti, the museum is an enormous and very modern space for wine tasting and it offers a totally new approach to the culture of wine that even the most traditional wine lovers will find interesting. Once inside, in fact, you can choose the number of wines to taste. At this point, with your prepaid card and your wine glass, you look for the bottles of wine you selected. They are organized in groups of four or five, inside special devices that pour the exact amount of wine by simply pressing the button that corresponds to the label. The “pop” of the cork as it comes out of the bottle and the gurgle of the wine as it is poured are missing, but this is the modern world and so it must be accepted as it is. To make it up, you can eat some of the cold meats, salamis and cheeses that are served at the wine tasting so as to fully enjoy the wine’s flavor, which has remained the same as it used to be in the past. There are about 150 wines that can be tasted at the Museum of the Chianti Classico and if you

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

214


find it impossible to choose, there are four Internet stations at the entrance to the cellar where you can access a very up-to-date online wine library. Now it is time to leave again. You go back onto the Via Chiantigiana and head towards Panzano in Chianti. Before entering the village, you will see the signs to il Cennatoio, a farm holidays that dominates the town from its position above. In order to reach it, you must face a road that climbs up the mountain, without tarmac and decidedly bumpy, but it is worth the trouble to take this short detour. Il Cennatoio is a rather overpowering sight. In a wild and bare corner of the countryside, its imposing bright red walls strike you. Upon arrival at the villa, you can visit a display of the products. Here, in a small room literally suffocated by a wall filled with small pictures recalling the prizes won by the local wines, there are bottles of wine, different types of grappa, delightful locally-produced honey, olive oil and delicious preserves made in the old-fashioned way using seasonal products: tomatoes, mushrooms and anything else that the generous Tuscan land can offer. We enter Panzano, now very wellknown for its famous “tombstone of the t-bone steak�, an ironic funeral blatantly celebrated by the goliardic butcher Cecchini. A visit to his shop is recommended and not only to see the tombstone of the Florentine steak displayed to the side of the entrance with a red rose in front of it that is replaced every morning. In Panzano,

meat is a real tradition: as confirmed by the butcher Checcucci that has his shop in the small suggestive Ricasoli Square, in the heart of the town’s historical center. And there is the Trattoria Oltre il Giardino, a few steps from the same square, that emphasizes this tradition too, here you can taste an incredibly thick Florentine steak, always served very rare, each delicious bite immediately melting magically in your mouth. Also, the ribollita is absolutely to die for, cooked in the old Tuscan way, with lots of bread and few legumes. Finally, even if not so typical of Tuscan cuisine, you cannot help being relished by a slice of chocolate cake by the landlady: a sin that, in the end, can be considered venial after this long ramble dedicated to the pleasures of the palate.

english translation

215


The road to Greve podere casanova via Chiantigiana, 379 50015 Bagno a Ripoli tel 055.643164 fax 055.645584 www.ilpoderecasanova.it

tel and fax 055.858492 poggioaimandorli@tiscali.it enoteca falciani via Chiantigiana, 40 50022 Greve In Chianti tel and fax 055.8572052

ville i cipressi via San Michele, 19-29 in Dudda 50022 Greve in Chianti tel 055.8549016 fax 055.951060 www.villeicipressi.com info@villeicipressi.com

castello vicchiomaggio Tenuta Vicchiomaggio srl via Vicchiomaggio, 4 50022 Greve in Chianti tel 055.854079 cell 055.854078 fax 055.853911 www.vicchiomaggio.it vicchiomaggio@vicchiomaggio.it

fattoria la presura via della Montagnola, 191 50027 Greve in Chianti tel e fax 055.8588859 www.presura.it info@presura.it

castello di verrazzano In Verrazzano 50022 Greve in Chianti tel 055.854243 fax 055.854241 www.verrazzano.com info@verrazzano.com

mastrocicciaio Antica Macelleria Secci Borgo B. Paoli, 1 50027 Strada in Chianti tel and fax 055.858039 pastificio artigiano fabbri piazza Enrico Landi, 7 50027 Strada in Chianti tel 055.858013 fax 055.858413 poggio ai mandorli Case sparse, 43 50027 Strada in Chianti

castello di uzzano via di Uzzano, 23 50022 Greve in Chianti tel 055.8544851 fax 055.8544851 www.agricolauzzano.com uzzano@val.it villa calcinaia via di Citille, 84 50022 Greve in Chianti tel 055.854008 fax 055.854008 www.villacalcinaia.it villacalcinaia@villacalcinaia.it

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

216


antica macelleria falorni piazza Matteotti, 66-71 50022 Greve in Chianti tel 055.854363 fax 055.8544521 www.falorni.it info@falorni.it nerbone di greve piazza Matteotti, 22 50022 Greve in Chianti tel 055.853308 museo del chianti Le Cantine di Greve in Chianti galleria delle Cantine, 2/b 50022 Greve in Chianti tel and fax 055.8546404 www.lecantine.it info@lecantine.it cennatoio inter vineas via San Leolino, 35 50020 Panzano in Chianti tel 055.852134 fax 055.852733 www.cennatoio.it info@cennatoio.it antica macelleria cecchini via xx Luglio, 11r 50020 Panzano in Chianti tel 055.852020 fax 055.852700 trattoria oltre il giardino piazza G. Bucciarelli,42 50020 Panzano in Chianti tel 055.852828 www.ristoranteoltreilgiardino.it

Glossary Altar Table on which the priest celebrates the Eucharistic sacrifice, which derived its shape from the Last Supper’s table. In its more elaborated forms, besides the mensa (the flat top surface) and the frontal (the part below the mensa, visible to the faithful) both resting on a predella (the step or steps on which the altar rests), there are also an altarpiece and a ciborium which stands above the altar itself. Altar piece Large panel, either painted or sculpted, situated on the altar; sometimes it is composed of more than one panel. It is often inserted in a rich frame, or in the architectural structure of the altar itself. Ambo A raised tribune, closed on three sides by a parapet and which in the fourth opens onto the access staircase. It was the place where the priest went in order to read the Epistle and the Gospel. Ampulla/ampullina A piece of sacred furnishings, usually with a globular body and a narrow neck. The term refers to the two containers, one for the wine and the other for the water, used during the Eucharist, as well as to the three containers for holy oils. Annunciation The episode is narrated in the Gospel of Luke: Mary receives a visit in her english translation

217


home in Nazareth from Archangel Gabriel who, sent by God, announces to her the birth of a son conceived through the Holy Spirit. There are three essential elements: The Virgin, the angel and the dove of the Holy Spirit, whose flight, often traced by a beam of light, represents the incarnation of Christ through the Holy Spirit. There are several versions of the episode. In the Byzantine era, Our Lady of the Annunciation stands next to a well, where she went to draw water. In Italian Renaissance painting, it takes place in an architectural setting that often becomes a pretext for numerous descriptive details. Northern painters of the same period frequently place the Virgin inside a cathedral, thus recalling the symbology of the Madonna as the Christian church. The Counter-Reformation iconography draws the attention to the dove of the Holy Spirit that comes down from heaven wrapped in a bright light. Archangel Gabriel is winged, with a white robe; he usually holds a lily or an olive branch. Mary’s recurrent attributes are: the white lily, a sign of virginity and purity; the vase that often contains the lily, a symbol of the Incarnation; the book that she is reading when interrupted by the angel’s arrival. Arcade Part of a building, generally on the ground floor, having one side open with arches or architraves, sitting on columns or pillars with either a decorative or a sheltering function.

Armorial Bearings A group of items made up of a shield, ornaments and honorific identification marks of a family or an organization. Aspergillum or Sprinkler See holy water pot Assumption of the Virgin The Assumption is the moment in which the Virgin’s soul, reunited with her body, is lifted together with the latter by angels towards Heaven. The Virgin is often represented in the center of a mandorla. In traditional iconography, it is surmounted by the benedictory Father; sometimes she is crowned by her Son (Coronation of the Virgin). The subject, which imposed itself for the first time in Gothic sculpture, spread extensively during the Catholic Counter-Reformation. Baccio da Montelupo, born Bartolomeo di Giovanni d’Astore dei Sinibaldi (Montelupo Fiorentino 1469-? 1523) Sculptor and architect; he studied at the art school in the garden of San Marco in Florence, where he met Michelangelo. His work seems as a synthesis between sculptural techniques of the 1400’s inspired by Donatello, and the powerful expressiveness of Michelangelo. He experimented with every type of material from wood to terracotta and from marble to bronze. Among the numerous and prestigious works commissioned to him are his early Mourning over the Dead Christ (1494) for the church of San Domenico in

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

218


Bologna, and in Florence a Saint John the Baptist in bronze commissioned in 1514 by the Silk Guild for one of Orsanmichele’s niches, a mature masterpiece. His late work includes various funeral monuments, among which the tomb of Giano Grillo inside the church of Santa Maria dei Servi in Lucca. Bas-relief See relief Boldrini, Francesco (active in Tuscany in the first half of the 17th century) Painter of Florentine late-Mannerism style, influenced by Naldini, his work also reveals the influence of painters more abreast of the times, such as Curradi, who followed Counter-Reformist principles. To mention but one of his works: the Madonna with Rosary (1615) at the Museum of San Francesco in Greve in Chianti. Brocade A damask fabric with large patterns, in silk, linen, hemp, sometimes with gold and silver threads, woven so as to show a characteristic effect in relief. Buglioni, Benedetto (Florence, 14611521) Sculptor; creator of polychrome glazed terracotta in the Della Robbia workshops, he was very active in Tuscany and central Italy. His prolific activity reveals the influence of Verrocchio, among others. He is the author of the terracotta piece representing Saint Christina (1495) at the Collegiate church in Bolsena. See also Santi Buglioni

Buglioni, Santi (Florence, 1494-1576) Sculptor; pupil of his uncle Benedetto Buglioni with whom he worked until the latter’s death in 1521. Upon Giovanni Della Robbia’s death in 1529, he remained the uncontested heir of the Della Robbia “secret”. His predilection for elaborate shapes and highly-skilled techniques, visible from his early work, developped into a refined and elegant style in his mature work, as in the polychrome altar piece representing Saints Peter and Paul in Adoration of the Eucharist in Santa Maria a La Panca (Greve in Chianti). Among his mature work also figure two Noli me tangere (15201525, 1530-1540) today at the Bargello Museum in Florence. Burin Implement made up of a small steel rod with a beaked point and a wooden handle; it produces a sharp cut while that of the graver, a similar tool, may have various shapes (round, flat, ruled). See engraving; embossing Burnishing Procedure that follows gilding with the gold leaf method, so as to make the gold leaf placed on the object shiny; it consists in rubbing the leaf with a burnisher, an implement with a wooden handle and an agate stone mounted at the other end. In fact the particular composition of the stone as well as its smoothness allow this polishing procedure of the gold leaf. There are various types of burnishers, all of them in agate stone but of english translation

219


different shapes depending on whether one has to work on a smooth background or on turned, hollowed or incised parts. Burse (or case) A flat case to hold the corporal, formed by two rigid decorated squares; its colors vary according to the liturgical calendar. It was rested on the chalice. Candelabrum Large branched candlestick. Candlestick A support in wood, metal, ceramic or other materials, used to hold a single candle or, when it is placed on the altar, even several small-sized candles. Canvas It is one of the most used surfaces for oil painting; usually made of linen or hemp but sometimes also of cotton, jute, silk or other fibers; its typology varies by weight and weave according to the different eras, places and expressive needs. At first glued to a wooden panel, it was then stretched on stretcher bars to make the transportation of paintings easier; the latter procedure began to spread from the second half of the 15th century definitively substituting the one on wooden panel beginning from the 17th century. The term also refers to the pictorial work executed on canvas. Cartegloria or Altar Cards Term which refers to each of the three formulas for the fixed parts of the Eucharistic celebration. It also refers to the card that since the 16th century has

been used on the altar during the Mass as a memorandum of the formulas. Cartouche (or Scroll Ornament) Decorative element, either drawn or sculpted, that reproduces a parchment or a scroll, spread open or rolled up, on which Biblical passages are quoted and inscriptions or coats-of-arms are reproduced. Casket Metal box, gilded on the inside, where the Eucharistic lunette is kept. Casting It is a process used to create sculptures or reliefs through the pouring of molten metal into a mold; it always involves a subsequent finishing phase with a chisel or other implements. We call it “full relief casting” when the mold is open and the liquid metal fills it completely; whereas a “hollow casting” makes use of closed molds and requires a very thin layer of metal. Central and side aisles The part of a church delimited by two longitudinal rows of columns or pillars. When the church has only one broad aisle it is called nave. Chalice A piece of Ecclesiastical furnishings made up of a cup supported by a stem ending in a base. It is used for the wine that, during the Eucharistic celebration, becomes the blood of Christ. See also paten Chapter A college and an assembly of canons, friars or monks, belonging to a cathe-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

220


dral or a collegiate church. The term also refers to the place in which the assembly is held. The book of chapters is a collection of the resolutions of such a college. Chasuble (or Planet) Loose liturgical vestment with a round opening for the head, worn by the priest during the Mass. It is derived from the ancient Roman traveling cloak. Cherub Angelic beings entrusted with the task of watching over the entry into Eden: two of them, winged, were placed on the Ark of Covenant. Some colossal figures representing the cherubs were present in the Holy of Holies (the holiest and most secret place) in Solomon’s temple. Generally the cherub is depicted by a figure made up of four faces representing: a man, an eagle, a lion and a winged bull. Chisel Non-cutting implement in different shapes that, hit with a small hammer on a metal plate, lowers its surface without taking away the material. See also chisel work and embossing Chisel working Modeling the surfaces of metal objects, carried out by means of a chisel. Ciborium A marble tabernacle usually situated over the main altar, in which the pyx is kept; often closed by a little door made of precious materials and decorated in different ways. The same term also refers to the pyx itself.

Coccapani, Sigismondo (Florence 1583-1643) Painter and a pupil of Cigoli, he worked in Rome together with his master, where he studied naturalism in the style of Caravaggio. The vivid analytics peculiar to his genre-scenes distinguished him in the Medici milieu: among his public Florentine works we would just mention Michelangelo crowned by the Arts (1615-1617, Florence, Buonarroti House Museum). Codex Ancient manuscript composed of several leaves, first of papyrus and then of parchment, bound together as a book, as opposed to the volumen, namely, a group of sheets wound into a roll. Codices often contained rich illuminated decorations (See illumination). Their use began to spread as from the first century a.d. and lasted until the invention of printing. Commesso Italian term which refers to any work carried out by placing differently shaped and colored elements next to each other. When referring to a woodwork, it is called marquetry. The expression was used extensively, especially in Florence between the 16th and 17th centuries, with reference to the technique of working semiprecious stones. Confessional A small wooden booth inside of which there is the confessor’s seat and, at the sides, the kneeling stools for the penitents, who comenglish translation

221


municate with the priest through a grating. Cornice A projection that subdivides the surfaces of buildings marking the edge of an architectural element (floors, windows, doors, etc.); it also refers to the element used to frame and isolate a subject, either pictorial or plastic, from the surrounding environment, and which is generally in wood, stucco or drawn. Corporal A small square white linen cloth, spread at the center of the altar during and at the end of the Communion Service or when the Blessed Sacrament is exposed. See also burse. Cross Formed by two intersecting axes, one vertical and one horizontal, it became, with or without the Crucified Christ, Christianity’s principal symbol. Altar cross: standing on a pedestal and placed on the altar, with Christ in relief. Astylar cross: supported by a long staff, it is portable and used in order to lead a procession. With figures on both sides: Christ is usually portrayed on the front one, while evangelical symbols are represented on the back. Crucifixion It is the culmination of the Passion of Christ and it shows Jesus nailed to a cross raised between two others to be used for two thieves. The four Gospels differ from one an-

other in their descriptions of this moment, but all of them agree on the presence of some women at the event, among them are Mary, the mother of Jesus, Mary, the mother of Saint James the Less and Mary Magdalene. Only John mentions his own presence at the Crucifixion. See also Mourning Curradi, Francesco (Florence 15701661) Son of the gold-beater Taddeo and pupil of the Late-Mannerist painter Giovanni Battista Naldini, he figures among the most important exponents of Florentine devotional painting during the first half of the 1600’s. His early work, which includes a Nativity of the Virgin (Volterra’s cathedral, 1598) reveals stylistic similarities with reformed Florentine painting. Abandoning Late-Mannerism, he later adopted a style close to Cigoli and Passignano. His prolific mature work includes the monumental Assumption of the Virgin (1613) executed for the parish church of Santa Maria in Dicomano and the Sermon of John the Baptist (1649) for the Rondini Chapel inside Santa Trinita in Florence. Damask Fabric made of silk with warp and weft of the same color that create glossy patterns on an opaque background. Of a very ancient origin, such an art reached a level of excellence towards the 12th century in the city of Damascus. Dandini, Ottaviano (Florence ca. 1706-1740)

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

222


Painter; son of Piero, his style differs from his father’s by the awareness it reveals of early 18th century tendencies in Florentine painting, taking example in particular on Anton Domenico Gabbiani. His numerous works include the oval of a painting depicting Saint Bonaventura in Franciscan habit (first decades of the 18th century) at the Museum of San Francesco in Greve in Chianti. De Cambray Digny, Luigi (Florence 1778-1843) Trained at the Academy of Fine Arts in Florence, he was one of the most influential architects in the city, where he was appointed professor of architecture in 1801; from 1820 he was director of the Lorraine Regie Fabbriche. His early plans date back to the French period and were influenced by the neo-classical taste of Napoleonic architecture: among them we would like to mention those for the Oricellari Gardens and for the Torrigiani Garden in Florence. After the return of the Lorraines to Florence, he received numerous and prestigious commissions among which were the restoration of the Customs Rooms at the Uffizi (1815) and the design for the Scornio villa and its garden in Pistoia (1821-1827). Dome An architectural roofing structure with either a circular or polygonal base. The masonry ring that connects it to the building below, is called tambour; at the summit there

may be a small aedicule, called lantern. Embossing Art and technique of decoration used for precious materials such as gold and silver, but carried out also on copper and bronze. It consists in reducing the metal to a very thin lamina in order to obtain the desired representation in relief, modeling it from the back, and then giving the finishing touch from the front with a chisel and a burin. Enamel Vitreous paint to which are added coloring components, which has the property to become a shiny compact surface thanks to the high temperature firing. See enameling Enameling Decorative technique used both for ceramics and metals. The most widespread procedures for metal enameling are cloisonnĂŠ, that consists in spreading the enamel within areas bordered by fine metal wires and champievĂŠ that consists in inserting the enamel in small alveoli made on a metal plate. The term also refers to the process of terracotta waterproofing that became widely used beginning from the 15th century, leading to a particular type of production known as majolica. Engraving Drawing carried out on a hard surface, called matrix, either by hand, using a pointed instrument (burin, graving tool), or chemically, using corrosive substances, for decoration english translation

223


or printing reproduction; it is also the name of the resulting product. Eucharist flagon Receptacle with a lip that was used in solemn liturgies for the washing of hands together with a bowl, called basin. Evangelical, symbols In early Christian iconography, the four evangelists are portrayed as winged creatures with animal heads. Saint Jerome, at the end of the 4th century, first associated and justified the association of the animals with the authors of the Gospels: Matthew is represented by an angel because his Gospel begins with the Incarnation; Mark by a lion because he starts his with the figure of John the Baptist who “cries in the desert� with a powerful voice like that of a lion; John is represented by an eagle, the bird that flies the highest in the sky, because his vision of God is the most direct; and finally Luke by a bull, a sacrificial animal, because his Gospel commences with the sacrifice of the priest Zacharia. During the Renaissance the animals and the angel continued to be portrayed only as simple attributes of the four Evangelists. Secondary attributes for all four saints are a book and a cartouche. Fabric Technique and art that consists in weaving a series of yarns called warp, kept parallel and taut, with another series that is inserted crosswise called weft, carried out by means of a loom. The fabrics are called plain when the weave does

not present any special pattern, damask otherwise. There are three basic types of fabric: cloth or taffeta with two warp yarns and two weft ones, with the same effect both on the right side and the riverse side; twill, that achieves a diagonal effect slanting either right or left; satin: depending on whether the warp or the weft is more evident, satin may have either a weft or a warp effect. Fidani, Orazio (Florence 1606 - post 1656) A disciple of Bilivert and documented as being in his workshop in 1629, he was among the Florentine painters devoted to the painting of naturalistic subjects. He also painted sacred subjects, in which are recurrent dark atmospheres and strong color contrasts after the manner of Caravaggio, a stylistic feature for which the artist is considered one of the most representative and expressive exponents. He was also a renowned portraitist. Among his works we would like to mention Angelica and Medoro (1634, Florence, Palazzo Pitti storerooms) as well as the frescoes in the vaults of the first two bays of the Carthusian monastery of Galluzzo in Florence. Francesino, the nickname of Giovan Battista Giustammiani (documented from 1608 to 1643) A painter working in Siena, perhaps of French origin. He is known for some Miracles of Benedictine Saints in the sacristy of San Domenico and two Glorias of Angels in the sacristy of the cathedral, both in Siena.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

224


Fresco Painting technique on a wall support that makes use of the lime of the wall plaster as a binder. Frontal The front parament of the altar placed under the mensa, generally made of marble; it can also be made of ivory, silver or even of ornate embroidered fabrics. Gilding A technique used to apply gold on various supports: i.e. wood, parchment, leather, paper, walls, etc. The gold can be applied in leaves or in powder, according to different procedures; for gilding metal surfaces, similarly to the silvering technique, one begins with an amalgam: an alloy of pure gold, or silver, and mercury that, spread on a suitably prepared and heated metal, causes the mercury to evaporate and the precious metal to adhere to the support. Giovanni del Ponte, the nickname of Giovanni di Marco (Florence 13851437). A painter and a pupil of Agnolo Gaddi, trained in the neo-Giottesque style of the late 14th century, therefore influenced by Lorenzo Monaco and Masaccio, he is representative of an age of transition between international Gothic and Renaissance; the painter is remembered for the frescoes in the San Pietro Chapel in Santa Trinita in Florence (14301434), the papers of which made possible a reconstruction of his artistic personality.

Glazing Also called “ceramic glaze�: vitreous finishing. See Enamel Gordigiani, Michele (Florence 18351909) Italian painter, he at first studied sculpture with Lorenzo Bartolini, then took to painting and became a pupil of Bezzuoli and Mussini. A noted portraitist, his works include the Portrait of Vittorio Emanuele II (1861) and those of the entire royal family. He also worked in London, Portugal and Siam, always portraying famous people (Robert Browning and Elizabeth Barrett Browning, London, National Portrait Gallery). Granacci, Francesco (Florence, 14691543) Painter; a pupil of Ghirlandaio, from an early stage his artistic production reveals the influence of his friend Michelangelo and that of Filippino Lippi, as is visible in his early work Madonna Enthroned between Saints Michael and John the Baptist at the Staatliche Museen in Berlin. But he seems to have preferred Fra Bartolomeo’s graceful and gentle style, of which he gives examples in paintings on wood with narrative contents full of original stylizations reminiscent of Pontormo. Among these figures the Stories from the Life of Joseph (1515) part of which is now at the Uffizi, and part in Palazzo Davanzati in Florence. Healing of the blind man The only detailed source for this episode is the Gospel of John, who english translation

225


recounts the healing by Christ of a man born blind, an act that took place on the Sabbath in the temple of Jerusalem: Jesus spit on the ground, He mixed the saliva with sand and spread this muddy mixture on the blind man’s eyes, giving him sight. The episode reveals the symbolic meaning of the redeeming passage from the darkness of the past to the divine new light brought by Jesus and it had a certain iconographic success during the period of the Catholic Counter-reformation. Holy water pot A small receptacle that contains holy water. It is used together with the aspergillum, which is the implement, with which the water is sprinkled, in the shape of a hollow perforated spherule with an internal sponge and handle. Humeral veil A strip of fabric worn by the priest over the shoulders, when he carries the consecrated host both inside the church as well as during solemn Eucharistic processions. Illumination or Miniature The art of illustrating and decorating manuscripts. The verb, “to miniature”, that is to illuminate, derives from the word minium that was used in the Middle Ages to refer to cinnabar, that is mercury sulfide, a vivid red color, which was used to paint the initial letters in the ancient codeic. In a wider sense, the term miniature can refer to any small-sized painting executed with a meticulous attention to details.

Incense- boat It holds the incense that is eventually placed on the burning coals of the thurible, by means of a small metal spoon. Inlay A woodworking technique which consists in inserting either pieces of a differently colored wood or chips of valuable materials into a wooden surface, so as to obtain a particular decorative effect. The same technique is used to decorate marble as well as a few metals. inri “ ” Acronym of the Latin phrase Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum (Jesus of Nazareth, King of the Jews); according to the Gospel of John it was affixed by Pilate on the cross to which Jesus was nailed. Intaglio Technique of working by removing a part of the material. Wood, marble, ivory etc. are carved by using metal instruments following a preestablished design. Lacquering A very ancient technique through which objects made of wood or other materials are covered with a resinous substance for decorative and/or protective purposes. Lamp Often it is lit on occasion of liturgical acts, sometimes it is an ex voto offering; the light given off indicates the eternal presence of God among men. Lampas A damask fabric of great value made

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

226


with yarns of silk, embellished very often with wefts of gold and silver, with a heavy; appearance it is made up of a background weft, usually in taffeta, with supplementary weft effects that create a particular pattern on the material. Lectern A movable support on which liturgical books are placed; sometimes integral with choir structures. Not to be confused with the ambo. Liturgical books They contain the texts and prescriptions of the acts used in Catholic celebrations: Missal, Breviary, Pontifical, Ritual, Martyrology, Ceremonial and Memorial of the rites. Loom In the art of weaving, it is the machine that is used to weave the warp yarns with those of the weft. Lunette (or lunule) Receptacle that holds the consecrated host in the monstrance. Madonna of the Rosary The theme is derived from that of the Madonna of Mercy; the complex story of the rosary is intimately tied to the Dominican order and justifies the Dominican origin of such an iconography that was very widespread in the 17th century. Madonna with Child The Byzantine iconography of the hieratic and frontal Madonna, with the dressed and benedictory, child standing and turning His back to His mother, was introduced in Western art already from the 7th century. In-

stead around the 14th century, typologies underlining the earthly and intimate aspects of the relationship between Mother and Child prevailed, and their various attitudes and attributes identify different iconographic types. Matrix A mould used in the printing trade; made of either copper or brass. Mensa The top surface of an altar. Missal One of the six liturgical books that contains all the texts necessary for the celebration of the liturgies and the celebrations through the year; it contains the priest’s prayers, both the fixed and the variable ones. Monogram A union or intertwining of two or more letters. Christ’s monogram: an intertwining of the Greek letters x (chi ) and p (rho), the first letters of the Greek word Christòs, that is Christ; alternatively, the initials of ixtus (fish) and xpistos (Christ), two terms that were at the same time traditional symbols of Christians, in use beginning from the 2nd century on. The abbreviation can also be formed by the Latin letters i, h and s, at times surmounted by the cross, which stand for: “ In hoc signum” that is “(you will win) with this sign”, with reference to the cross above. Saint Bernard of Siena (Massa Marittima 1380 - L’Aquila 1444) had a monogram carved which was english translation

227


called Franciscan monogram. He was a preacher of the devotion to the holy name of Jesus, and became one of the principal supporters of the reform of the Observant Franciscans in the bosom of the order. Such a monogram consisting of the letters i, h and s, surrounded by a radiant sun’s disc, was carved on a small wooden board, that the priest handed around for the faithful to kiss. Monstrance A piece of sacred furnishings, in the shape of an aedicule or, in more recent times, of a radiant sun’s disc, in which the consecrated host is exposed to the adoration of the faithful. Moriani, Giuseppe (Florence, documented from 1709 to 1739) Florentine painter; poorly documented, his work includes the Stories from the Life of Saint Verdiana (1715) painted in collaboration with Camillo Sagrestani and Ranieri del Pace inside the ten little cupolas that top the side aisles of Santa Verdiana church in Florence, and the fresco depicting Christ Descending from the Cross, Invoked by the Virgin to Console the Damned (1714) in the tabernacle niche at no. 13 on Borgo la Croce in Florence. Mourning Such an iconography, in its most complete version, consists of seven figures gathered around the body of Christ after having been removed from the Cross. In fact, there are three men (John the Evangelist, Joseph of Arimathea, who often holds the sheet

used to lay down the Crucified Christ; Nicodemus, depicted with a jar of spices) and four women (the Madonna, Saint Mary Magdalene and the Virgin’s two sisters). Nanni di Bartolo (Florence, documented from 1419 to 1451) Florentine sculptor known as “il Rosso”. Nothing is known of his training or his beginnings as an artist, yet his work reveals lateGothic touches and a rhythmical elegance in the style of Ghiberti. His works include the two statues of Abraham and Isaac (1421) made for the bell tower of Florence’s cathedral in collaboration with Donatello, and the Brenzoni Monument made around 1426 for the church of San Fermo in Verona. Narthex A porticoed atrium in front of the entrance to a church, where, in the ancient Christian liturgy, the catechumens and the penitents used to stay. Niche An cavity made in a wall usually containing a statue: it can be semicircular, rectangular or polygonal. Oil (painting) A technique of painting on canvas or wooden panels using pigments mixed with thick oils, with essential oils added so as to make the colors more transparent and less viscous. The use of oil as an emulsion makes it possible to have a wide range of pigments and chromatic gradations also due to the different ways in which the color can be applied.

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

228


Pall A small starched square cloth, arranged, before the offertory, on the paten and from the offertory onward, on the chalice. Paraments The liturgical paraments are the set of vestments worn by the celebrants during the Christian liturgy and, in a wider sense, also the objects placed on the altar and the decorative drapes. Pasquino da Montepulciano (active in the first half of the 15th century) Sculptor trained in the milieu of Florentine humanism, he collaborated with Filarete on the bronze doors of Saint Peter’s in Rome, in which he wrote his own name (1433-1445). He also carried out the portal of San Domenico in Urbino. His work, still little known even today, reveals the influence of Luca della Robbia. Paten A small round plate, often of precious metal, used during the Mass to hold the consecrated host and to cover the chalice. Pax A small decorated board or plate, often made of precious metals, depicting a holy image, used for personal prayer or presented to the faithful for the “holy kiss” of forgiveness. See also Annunciation Pilaster Semi-pillar or semi-column attached to a wall and projecting slightly from it, sometimes smooth and sometimes ornate, having a decorative function.

Pluvial or Cope Long mantle open in the front and fastened at the breast with a clasp, used during the benedictions and other Catholic ceremonies. Presbytery The space of the church around the altar, reserved for the officiating ecclesiastics, often separated from the rest of the nave by means of an enclosure. Purificator Small linen cloth that is used to dry the brim of the chalice and to clean the paten. Pyx A cup made either of silver or of another precious metal, gilded on the inside and closed by a cover, in which the consecrated particles are kept. It is kept in the altar’s tabernacle. It is frequently in the shape of a cross. Relic Part of the body of a saint or an object belonging to or linked to the figure of Christ (the Cross), the Madonna or the saints. Relief A decorative sculptural technique that consists in making the figures come out from the surface on which they are being carved; it is called bas-relief when the figure stands out from the background by less than half of its thickness, instead we call it high-relief when it sticks out by more than half. When the figures are detached by half of their own thickness, it is called half-relief. english translation

229


Reliquary A receptacle, in various shapes and materials, used to hold relics. It can have different shapes, which are often conceived for displaying the relics to the devotees. Saint Anne teaching the Madonna as a child to read. The cult of Saint Anne, the mother of the Virgin Mary, definitively canonized by the Catholic Church in 1584, goes back to the early eastern Church. The only sources for tales about Mary’s childhood are the Apocryphal Gospels. Depicted in Byzantine art since the early Middle Ages, her iconographic success spread in the West beginning from the 13th century, especially in consequence of the Crusades and closely connected to the theological debate upon the Immaculate Conception. Isolated images of the saint together with the Madonna holding the Baby Jesus in her arms are nevertheless rare. This particular iconography is also known as Saint Anna Metterza, an allusion to the position occupied by the saint, literally, “placed third”, after the Christ Child and the Madonna, in a sort of trinity bond that, even from a figurative point of view, tends to approach the depiction of the Trinity (Father, Son and Holy Ghost). Initially the image spread mainly in Tuscan art, since the saint had been named the protectress of Florence, in memory of the expulsion of the Duke of Athens who had tyrannized the city,which took place on 26 July 1343, Saint Anne’s day.

Saint Anne Metterza See Saint Anne Saint Anthony of Padua Fernando Bullone, the saint’s real name, was born in Lisbon in 1195 and took his vows in the order of the Augustinian canons of Coimbra, where he studied theology. Afterwards, he became the most valiant Franciscan preacher. A teacher of theology at the Universities of Bologna, Toulouse and Montpellier, he lived the last years of his life in Padua, where he died in 1231 at the age of only thirty-six; one year later he was canonized and venerated as the patron saint of the city. The saint’s hagiography abounds in miracles, miraculous healings and charitable episodes, from which his iconography drew inspiration over the centuries, favoring anecdotical and exemplary tales: the sermon to the fish, the heart of the stingy man, the miracle of the donkey or that of the newborn baby. Tonsured and dressed in a humble brown habit, his most common attributes are a lily, the Sacred Heart of Jesus, a book or a monstrance. Saint Anthony the Abbot The appellation of abbot derives from his being considered the patriarch of eastern monasticism; he was also known as the hermit or the father of the desert. Born in Coma, Egypt, towards the middle of the 3rd century, he retired to the desert when he was about twenty where a monastic community was established. Impelled by an ascetic voca-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

230


tion, he lived in solitude and died in 356 a.d. when he was more than a century old. Represented in hermit’s clothes, his recurrent attribute is a pilgrim’s stick; the devil, often depicted at his feet, is the symbol of his victory over the temptations that constantly undermined his retreat; the pig that accompanies him recalls the habit of medieval monks to raise pigs for the poor. He is the protector of butchers, basket makers and sellers as well as domestic animals. Furthermore he is invoked against infective illnesses, in particular, herpes zoster, popularly known as “Saint Anthony’s fire”. Saint Bartholomew One of the twelve apostles. According to the Golden Legend (13th century), he was a missionary in the Orient, going as far as India, where he preached and did works of conversion. In Armenia he healed the daughter of the local sovereign; the miraculous event was sealed by the destruction of idolatrous statues from which demonic figures poured out. The entire royal family embraced Christianity, except onebrother of the king’s who, urged by the pagan priests, kidnapped the apostle, had him beaten violently and, in the end, flayed alive with a large knife, his usual attribute. On rare occasions, he can be depicted with his own skin in his hands. Saint Bonaventure (Bagnoregio, Viterbo 1218 - Lyons, France 1274) Among the great exponents of Franciscanism, author of the Legenda

Maior (the life of Saint Francis) and the Lignum Vitae (meditations on the life of Jesus), mystic and medieval thinker, doctor at the Studium of Paris, he wrote a synopsis of scholastic theology following in Augustine‘s footsteps. A disciple of Saint Francis and founder of his own order, he was bishop and cardinal of Albano, he attended the second Council of Lyons that marked a reconciliation between the Latin and the Greek Churches. His most renowned iconographic attributes are an ash-colored habit with a string at his waist, and an open book on his right hand. Also portrayed in his bishop’s and cardinal’s robes, with a pluvial and a crosier, he was counted among the Doctors of the Latin Church and the oldest images of the saint gave special emphasis to this cultural position as a faithful disciple of Saint Francis. Saint Cassianus Teacher of ars notaria in Imola at the time of Diocletian (3rd-4th centuries), according to Prudentius’ account, (early 5th century), he was condemned by a Roman magistrate to be killed by his own pupils with the stylets used to engrave their wax tablets. The veneration of the saint began to spread as from the 5th century, initially in Ravenna, the city where he had been bishop, then in Rome, Milan and the Tyrol. Nevertheless, the saint’s cult was the fruit of contamination of various legends going back to the 7th and 8th centuries. In his traditional iconograenglish translation

231


phy, in fact, he is often depicted in episcopal robes, even if more frequently he is represented in his role as a teacher or in the act of suffering his legendary martyrdom. Saint Catherine Martyried on a cogwheel and proclaimed a Doctor of the Church, for her victorious dispute with the pagan scholars, her cult, very ancient in the East, is documented in the West beginning from the 8th century. She is represented as a girl sumptously dressed. Her attributes are a book, the cogwheel and the sword of her decapitation. She is the patron saint of girls, of all the liberal arts and of all professions that are related to wheels, blades and acuminated instruments and she the protectress of nannies and wetnurses. Saint Christina A martyr, she is the patron saint of Bolsena, the city where already at the end of the 4th century a basilica dedicated to her cult was raised close to an early Christian community. In the Middle Ages, Christina’s patronage of millers, archers, crossbowmen and sailors was born and developed; the martyr was invoked to drive away demons and to impetrate the fertility of man and the earth; her image is characterised by her iconographic attributes of the mill’s grindstone and arrows. Saint Dominic Domenico di Guzman, founder of the order of preaching Dominican friars, was born in Calaroga (Castile) around 1170. After becoming a

priest, he led a life devoted to prayer and penitence. The reconciliation with the Albigensian heretics and the conversion of the Cathars to Catholicism were among the most important results of his apostolate. He refused the bishopric three times; he intended to create communities whose members were devoted to studying, teaching and preaching, as well as to praying. He spent the last years of his life (1216-1220) traveling in Italy, Spain and to Paris. He died on 6th August 1221 in Bologna. The iconographic emblems that characterize him are: the golden star on his forehead, a symbol of knowledge, a lily and, later on, a black and white dog (for a pun in which the “Domini canis”, or rather the Dominicans, were the faithful of Dominic and the Lord). Saint Francis Born in 1181 or 1182 in Assisi, son of a rich cloth merchant, after having received the divine call, he began a life of absolute poverty dedicated to helping others and to praying. Very soon a few disciples joined him and a small community was created in Assisi. The Regula prima of the order founded by Francis was approved in Rome by Innocent iii in 1210. From 1212 Francis devoted himself also to converting the infidels; meanwhile, disappointed at the community’s moving away from the original rule, he abandoned every official assignment in order to devote himself totally to the contemplative life and to prayer. He probably wrote the Can-

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

232


tico delle creature in these years (1224) and he received, in ecstasy, the stigmata at La Verna. He died in Porziuncola in 1226 and was canonized two years later by Pope Gregory ix. The patron saint of Italy, he is usually represented with a brown or gray habit tied at the waist by a string with three knots which are the symbols of the vows of poverty, chastity and obedience. He is portrayed as a small man, either with or without a beard and with the stigmata on his hands, feet and chest. Other attributes of his are a crucifix, a lily, symbol of purity and, from the Counter-Reformation on, a skull; his depiction in ecstasy while he is receiving the stigmata or praying is quite common. Saint John The youngest among the apostles, the son of Zebedee and Mary Salome, he is considered the author of one of the four canonical Gospels and of the Apocalypse, which he probably wrote during his exile on the Isle of Patmos where he had gone after surviving the emperor Domitian’s persecution (81-96) who had had him immersed in a cauldron of boiling oil from which he had come out unscathed. According to his hagiography he carried out the miracles of Drusiana’s resurrection and the equally wellknown one of the venom which he survived by transforming it into a snake, a common symbol of his. In the depiction of the Last Supper he is sometimes represented with his head leaning on Christ’s chest and

in the Crucifixion he is depicted beside the Virgin whom Christ entrusted to him on the point of dying. Together with Peter and his brother James he is among the apostles who witnessed the Transfiguration on Mount Tabor. The symbol which indicates him is the eagle. See also evangelists. Saint John Gualbert Founder of the monastic order of Vallombrosa, he belonged to the noble Florentine Visdomini family. He had his call when he was young: meeting his brother’s murderer on the road, instead of killing him, thus avenging his relative, he pardoned him. He then became a monk, retiring to San Miniato al Monte. After some years, he moved to Camaldoli and then to Vallombrosa, where he founded a new monastery to make a contribution towards to the protection of the Rule of Saint Benedict. There John Gualbert restored the fundamental rules of silence, poverty and seclusion and also founded a group of lay brothers. He is usually represented in a Benedictine monk’s habit. Saint John the Baptist The last of the prophets, the first saint and the forerunner of Jesus Christ. He instituted the sacrament of baptism on the banks of the Jordan; he also baptized Christ and recognized him as the Messiah. His attributes are a lamb and a hide garment. He also holds a bowl for the baptismal water or a honeycomb. Another common depiction of him english translation

233


is with his cut-off head being carried on a tray by a maidservant or by Salome who had wanted it out of revenge. Saint Lucy Virgin and martyr, she lived in Syracuse at the time of Emperor Diocletian (284-305). To keep a vow made for her mother’s recovery, the noble maiden refused to wed and gave her dowry to the poor. Denounced as a Christian, she was condemned to go to a brothel. The legend recounts that no one could move her towards that place because she had been given a divine strength. The saint’s traditional attribute are her eyes, normally shown on a small plate that she holds in her hands: according to the hagiographic tale, they were pulled out by her persecutors, while a later legend says that she herself tore them out in order to have them delivered to her rejected boyfriend who could not resign himself to her choice of penitence and chastity. At times, she carries a lighted oil lamp in her hand, a reference to her name which means light. She is universally known as the protectress of eyesight. Other general attributes are the palm frond, a feature of martyrs, or a sword. Saint Magdalene Beginning from the Middle Ages, and especially after the Counter-Reformation, she is the model of a penitent. Among her attributes is always a jar of unguent used to smear Jesus’

feet after washing them. Portrayed with long red hair, she is principally depicted in two ways: before her conversion richly dressed and adorned, and after it in ragged clothes, with a cloak at her feet and/or wrapped in her own hair. Other attributes of the latter version are a skull, a crucifix, a whip, a crown of thorns, eyes full of tears. Saint Martin In the numerous sources of late antiquity collected in the Golden Legend (13th century) he is said to have been a Roman official, born around 316-317 a.d. in Sabaria, in Pannonia (today’s Hungary). While still young, he retired from the army and became a hermit; Bishop Hilary summoned him to Poitiers where he founded a monastery; afterwards, in 371 he was elected the bishop of Tours. It is told that, not wanting to accept such a position for reasons of modesty and humility, he hid himself in a goose-pen, but betrayed by their racket, he was brought back to the city for his investiture. During his life, he did missionary work, converted many pagans to Christianity, healed a leper and saved those condemned by Emperor Maximus. He is depicted as a soldier on horseback with a cape and a sword, or as a bishop with a crosier and a book, with a goose and sometimes with a cup, symbols that recall events of his legend. Saint Peter Depicted as an apostle, sometimes he wears a mitre and a pluvial, since

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

234


he was the first pope of the Catholic church. The attribute that identifies him is that of the keys, a symbol of the task conferred on him by Jesus to guard the gates of Heaven; other attributes of his are the upside down cross, the instrument of his martyrdom, and less, frequently, a boat. Saint Rose In the artistic iconography she is portrayed as a young tertiary Franciscan sister, with a rose sprig in her hand (an allusion to her name) and a small glass ampulla. Born in Viterbo, around 1234, to a well-to-do family, she entered the order of the tertiary Franciscan sisters at 17, after having had a vision in consequence of a serious illness and she devoted herself to pilgrimages preaching faithfulness to the Church. When Viterbo, a Ghibelline city, was occupied in 1240 by Frederick ii, the saint conducted both a Catholic and a political campaign against the emperor and was therefore exiled. Tradition says that Rose procured stones for her fellow citizens to use to fight against the invaders and that for this reason she was struck in the arm by an arrow that she herself extracted, pulling it out with her mouth. She died on 6th of June 1251. The fame of Rose’s holiness increased over time and in 1457 Callistus iii decided to begin the process of canonization. Saint Stephen Protomartyr, already when he was the first deacon of the first apostolic

community in Jerusalem, he stood out for his eloquence as well as for his fervent faith and charity. Accused of idolatry by the Jewish community, in his turn, he accused the Jews of having murdered the Messiah, and so was stoned by his listeners. He is commonly portrayed as a young deacon, at times tonsured, dressed with a dalmatic. His specific attribute are the stones used for his lapidation, either held in a hand or stuck into his bleeding head. Saint Sylvester Pope from 314 to 335 during the reign of Constantine the Great who, according to the legend, was baptized by Sylvester himself, who had cured him of leprosy. During the long pontificate of Pope Sylvester there was in 325 the first ecumenical council of Nicea, which ended with the condemnation of the Arian heresy and the formulation of the Creed. He is portrayed in pontifical paraments with a crosier in his hands and sometimes a book; he often carries the portraits of Peter and Paul and at his feet, there may be either a dragon, a symbol of paganism defeated, or an ox, alluding to a miracle he worked while competing with a wizard, when he brought one of these animals back to life. He is considered the protector of domestic animals and masons because he had many churches built. Saint Vincent Ferrer A Dominican friar, he was beatified by Callistus iii and subsequently canenglish translation

235


onized by Pius ii in October 1458. He is usually depicted in the Dominican habit, bearing the emblematic flame on his head, alluding to the fire of his preaching as well as to the prophetic inspiration with which he was gifted. He also holds an open book with a quotation from the Apocalypse and he is often surrounded by signs alluding to the iconography of the Last Judgment. Silvering See gilding Stretcher Bars It refers to the framing, generally made of wood, on which a canvas is stretched to be painted. Swag Decorative motif that consists of a garland of flowers, fruits and leaves, suspended by the two ends. It first appeared in Greek art (3rd century b.c.), then it was largely used in Roman and Renaissance art. Tabernacle An aedicule closed by a door placed on the altar, in which the pyx is kept. It also refers to a niche or a small chapel, placed along a road or inserted into a wall and containing a holy image. Temple/Aedicule Architectural structure usually round with a cupola roof.In a wider sense, any typology that re-proposes such a structure. Terracotta A mixture of clays modelled by hand, potter’s wheel, or mold and then baked in the sun or fired in special ovens at a high temperature; the

quality and the quantity of the minerals contained determine the major and minor degrees of porosity and the color tones; generally the term is used also for each object (vase, plate, tile etc) that is made of it. Thurible A piece of sacred furnishings, often embellished with silver, formed by a cup with a cover,which can be raised by means of three small chains, and containing a small brazier (incense boat), in which grains of incense are burnt. Vault Curved surface covering a space or part of it, made by an internal concave extension (intrados) and an external convex one (estrados). A fundamental characteristic of the vault is to laterally discharge the thrust that must be carried by the supports of the vault itself. Veil A square cloth in the same liturgical colors as the paraments, edged by galloons, embroidered and with a cross or the monogram of Christ in the center, used to cover the chalice at the beginning and at the end of the mass. Velvet Fabric with a pile-covered surface, constituted of two warps, one for the base cloth (thick taffeta or satin) and another for the pile which is created by looped threads that can be cut. Vignali, Jacopo (Pratovecchio, Arezzo, 1592-Florence 1664) One of the most representative

museo d’arte sacra di san francesco a greve in chianti

236


artists of 17th century Florentine painting; pupil and collaborator of Matteo Rosselli, he developed his own style characterized by the use of vivid colors and an extremely expressive and dramatic use of light. Around the 1620’s he produced many paintings in honor of Saint Benedict for the Confraternita di San Benedetto Bianco of which he had been a member since 1614. His other works include the Dream of Jacob, the ceiling fresco inside the first hall of the Buonarroti House

Museum in Florence and the cycle of frescoes (1622-1623) for the Casino di San Marco. Votive vessels They are the chalice, the pyx, the monstrance, the casket and the lunette. In a wider sense also the corporal, the pall, the purificator, the Eurcharist flagon, the ampullinae, the thurible, the incense boat, the paten, the holy water pot and sprinkler, the burse of the corporal, the veil of the chalice, the bell, the three ampullae that contain holy oils etc.

english translation

237


Indice

7

Presentazione

9

Prefazione

di Edoardo Speranza di Antonio Paolucci

13

Piccoli grandi musei: una risorsa culturale diffusa in terra toscana di Bruno Santi

17 Il Museo d’arte sacra 19

Il Museo d’arte sacra

25

58 77

Visita al museo piano terreno • Oratorio • Sagrestia piano primo • Sala delle oreficerie • Corridoio / Sala dei dipinti

91 93

Da Firenze al Museo d’arte sacra di Greve

113

Artigianato artistico nel Chianti

di Caterina Caneva

26 50

Itinerari di Renato Stopani di Maria Pilar Lebole e Benedetta Zini

127

Alla scoperta del Chianti Classico di Maria Pilar Lebole e Benedetta Zini

139

Glossario

161

English Translation


Finito di stampare in Firenze presso la tipografia editrice Polistampa Novembre 2005


Museo d’arte sacra di San Francesco a Greve in Chianti