Page 260

Villa Vaj, il ninfeo (da Antiche terre di Prato. Una nuova Provincia, 1994)

prietà nella zona. Nella facciata si legge il passaggio della storia della villa: il portale è cinquecentesco, mentre il prospetto allungato è settecentesco, contraddistinto dal massiccio piano terreno rivestito in bugnato e suddiviso in lesene di arenaria. La facciata è coronata da un timpano arcuato, raccordato da volute e decorato da vasi. Il parco antistante presenta un aspetto ottocentesco, con grandi conifere, e si apre sulla strada con un monumentale portale settecentesco. Attraversata la pianura a Lastra a Signa, oltre a villa Caruso a Bellosguardo*, oggi proprietà del Comune e visitabile, è di grande rilevanza architettonicia e paesaggistica villa ville e giardini nei dintorni di firenze

260

le Selve. L’importanza del territorio di Lastra a Signa per questi aspetti viene già segnalata da Benedetto Varchi nel Cinquecento: «dopo Lastra chi va per la dritta trova il ponte, il castello e il porto di Signa, chiamato porto, perché infine qui possano le barche e li scafi che vengono carichi da Pisa, condursi. Sono d’intorno al castello assai piacevolissime ville e sopra l’altre quella di Filippo Strozzi, chiamata le Selve, e più lontano la pineta dei Frescobaldi». Sul nucleo di una casa da Signore già esistente all’inizio del Quattrocento, si sviluppa nel Cinquecento la monumentale villa, che appartiene in quel secolo a ben tre famiglie, gli Strozzi, i Vitelli e i Salviati. Dai primi anni

Ville e Giardini nei dintorni di Firenze  

Da Fiesole ad Artimino

Ville e Giardini nei dintorni di Firenze  

Da Fiesole ad Artimino

Advertisement