Page 1

21 novembre - 4 dicembre 2013 Anno III numero 25 Esce ogni due settimane: il prossimo giovedì 5 dicembre

Copia gratuita

Sito: www.piazzasalento.it

Prevale l'attesa sui metodi per bloccare Xylella, funghi e insetti. Effettuate analisi su 300 piante: la Ue ne vuole almeno 2.500. L'incubo-quarantena

Il dott. Almeida (centro) dell'Università di Berkeley tra gli ulivi

Scusate il ritardo. Per forza di Fernando D'Aprile

Esami e incontri gli ulivi aspettano a pag. 22

Di Casarano il bimbo "violentato"

Sarto di Parabita il processo è da rifare

a pag. 16

L.Compagnoni

Tagliato in due corso Roma a Gallipoli. Immagini da bufere tropicali. Danni per milioni di euro

Tornado da mare a mare Scatta la richiesta di calamità naturale con Galatone. Problemi pure a Ugento

Una cosa è vederlo al sicuro davanti alla tv o raccontarlo da lontano, in base a resoconti altrui. Ben altro è "vederlo" di persona, che preme davanti alla tua finestra a due passi dal lungomare Galilei, nella redazione di via Castromediano. Il muggito montante del tornado - chiamolo così tanto sappiamo adesso di che cosa stiamo parlando - ha interrotto il colloquio con Roberto, fatto rizzare le orecchie e sgranare gli occhi. Una cupa turbinosa nebbia è stata l'ultima immagine prima di abbassare le tapparelle. Una è rimasta a mezz'aria. Da lì abbiamo visto sulla piazzetta del complesso Edilcon arrivare di tutto: lamiere di rame (subito dopo sparite...), intere tettoie, robuste e pesantissime travi di legno che poco prima reggevano un grande gazebo due isolati più in là. Nel vortice di aria ed acqua tutto sembrava leggero e di ridotte dimensioni. Di grande c'era solo la nostra preoccupazione. Anche per la nostra stagista in giro in quel momento a Gallipoli, primi soccorsi in via Specolizzi dopo il passaggio del tornado fotografare i luoghi con più che probabili allagamenti. Dopo un paio di minuti si è cominciato a intuire più esattamente la realtà, con le strade sbarrate dai detriti, le auto safondate da mattoni e le altre dei genitori con i bimbi a bordo appena usciti dalla scuola in colonna paralizzate. A margine, il black out successivo ci ha impedito di procedere al completamento del giornale. Arriviamo a voi in ritardo. Per cause di forza maggiore. E che forza.

Ha tagliato in due la penisola gallipolina trattando come fossero fuscelli travi e auto, terrazze e barche: il 19 novembre raffiche da 170 km all'ora hanno travolto un pezzo di città, intorno a piazza Carducci e al Liceo. Cinque feriti e molti danni. A Galatone il tornado ha divelto mille alberi e devastato il cimitero. a pag. 2-3

I FATTI

Gallipoli riduce i poli scolastici a Casarano è sconto a pag. 7 e 19

Franco Simone e SprinGo ok a Roma

Apertura il 28 con un convegno su alta stagione, turismo legale e "Gallipoli d'eccellenza"

"Settimana" di 17 giorni tutta d'amore per il mare

Errico

Scommesse verdi del Matino di Greco a pag. 17

Il Basket Gallipoli trova casa a scuola vedi a pag. 8

a pag. 8

Vera Indino

Calcio rosa Pure Racale ha il suo ct: Vera Indino Dario Mauro

Ugento-Taurisano confini da rivedere 88 famiglie traslocano a pag. 28

SPORT

Francesco Pacella

a pag. 11 e 29

a pag. 24

a pag. 4

SIMU SALENTINI - "Mai pe' rinfacciu": i modi di dire dal significato tagliente. a pag. 21


In Evidenza

21 novembre - 4 dicembre 2013

2

Il prospetto dell’edificio investito dalle raffiche; infissi caduti sui banchi

Terrore al liceo. Con due feriti lievi Dirigenti sotto choc al “Quinto Ennio”. La loro prontezza di riflessi, facendo allontanare i ragazzi da finestre e balconi ha evitato il peggio: le vetrate spinte dal turbine si sono infrante sui banchi per fortuna vuonte. Divelte anche le porte della palestra. Scuola chiusa per due giorni

PUGNO su GALLIPOLI

Un tornado taglia corso Roma da parte a parte all’altezza di piazza Carduci e del liceo la “zona rossa” Ore 12,13 di martedì 19 novembre: Gallipoli viene attraversata da un tifone, un tornado, una tromba marina eccezionale. I nomi, alla ricerca del termine più appropriato, dicono della devastante forza del fenomeno meteorologico che, nato a 400 metri da terra come indica il sito meteogallipoli.it, ha tagliato in due corso Roma “occupando” le vie perpendicolari Castromediano, Mazzarella e 33 Baroni, travolgendo il liceo “Quinto Ennio” e scavalcando la stazione e il lungomare Marconi, per poi dirigersai verso Lido Conchiglie, Galatone e Nardò. L’epicentro, con la redazione di “Piazzasalento” in prima linea, è stato individuato in questa zona. E lo si è visto. Altre parti della città sono state toccate con alberi e insegne divelti (corso Roma per esempio), pali della luce piegati e spazzati via (il fronte sul lungomare Galilei ed anche in via Firenze), strutture pubbliche come la tettoia del mercato settimanale (per questo sospeso il 20) ma non così intensamente come nella zona rossa, attraversata da un turbine che procedeva alla velocità di quasi 170 km orari. Il Comune, da una prima stima, parla di 10 milioni di danni, per lo più ai privati, e della richiesta dello Stato di calamità naturale, richiesta già dai parlamentari Capone e Bellanova e da Galatone Galatone. Cinque i feriti lievi. @ la fotogallery su piazzasalento.it LA TRAVE Come un fuscello questa grossa e pesante trave in legno è stata divelta da un gazebo su di un palazzo di via 33 Baroni ed è stata scaraventata contro la vetrata di via Sigismondo Castromediano, tre isolati più in là

LUNGOMARE MARCONI Dopo aver attraversato corso Roma nel tratto di piazza Carducci e del liceo, la furia del vento si è scatenata sui natanti. Ma prima ha demolito il muricciolo della stazione ferroviaria danneggiando alcune auto. Il gommone riverso lungo 13 metri e con due motori è stato sollevato e rovesciato sui natanti vicini. Accanto il fenomeno si materializza in mare

Ulivi strappati al terreno; camposanto messo a soqquadro

Ugento, muretti e alberi abbattuti, vetrata in frantumi

Galatone nella morsa

Palasport e scuole ko

Camion ko (foto di Salvatore Bove) e Cimitero letteralmente sotto sopra dopo il passaggio della tempesta a Galatone. Sradicati mille alberi tra cui molti ulivi in contrada Abbazia e Spisari. Sott’acqua piazza S. Sebastiano, viale XXIV Maggio, le vie Torrente e Savoia. La Giunta comunale ha stanzato una prima somma (30mila euro) per i primi e più urgenti interventi; moltissimi muri di cinta sono finiti sulle strade.

In frantumi i muretti e le recinzioni metalliche delle scuole Elementare “Moro” e Media e Alberghiero “Silone” per i grandi pini abbattuti dalla furia degli eventi meteo. È caduta all’interno del PalaOzan framtumando una grande vetrata. Sul posto i volontari della Protezione civile


21 novembre - 4 dicembre 2013 ROVESCIATA LA BARCA DEL SINDACO ERRICO Tromba marina, tornado, “downburst” (rovesciamento repentino di una enorme massa d’aria

fredda) che sia, certo è che non ha guardato in faccia nessuno. Ecco che ne ha fatto della barca a motore del Sindaco di Gallipoli, Francesco Errico (nella foto con la chiglia bianca in

LIDO CONCHIGLIE Dal costone di Lido Conchiglie è venuta giù una piccola frana che ha raggiunto via Verrazzano. La furia del vento ha abbattuto alcuni alberi e cartelli stradali sul lungomare e fatto scomaprire tratti di arenile; ne ha fatto le spese anche un armadio elettrico

VIA SPECOLIZZI Il tratto compreso tra via 33 Baroni e via Castromediano ha presentato scene da paese in guerra, ocme si vede nella foto sopra. Con l’uscita degli alunni dalla vicina scuola di piazza Carducci si è creato nella zona un ingorgo che si è risolto solo dopo alcune ore.

LUNGOMARE GALILEI Come si presentava la stazione Q8 nel momento dell’arrivo della tromba marina sul lungomare Galilei

alto) nel porticciolo delle Fontanelle. Ha subito danni anche il capannone del cantiere Magno, mentre è stato rovesciato in mare anche il casotto del Portolano.

3

Scatti da una tempesta temuta CORSO ROMA Il lato nord di corso Roma ha subito i danni maggiori, con balconcini distrutti e i box degli ambulanti scoperchiati. Ma ci hanno rimesso anche alcuni alberi . Dal solaio della scuola di piazza Carducci sono caduti giù pezzi del rivestimento anti umido

Danni a terrazze e balconi in via Castromediano

VIA 33 BARONI Solo cinque feriti è un bilancio fortunato per qual che si è visto. Molto ha inciso il fatto che la tromba marina si è materializzata a terra in una fase di pioggia battente per cui in giro non c’era nessuno. Tra le insidie i numerosi cavi elettrici tranciati e a terra

Allagato come al solito il tratto finale di corso Roma

VIA MAZZARELLA L’arteria cittadina che collega il lungomare Galilei a corso Roma è stata a lungo interrotta per i calcinacci e i mattoni piovuti da balconi e terrazze. Ci sono voluti i vigili urbani e i volontari della Protezione civile (coadiuvati da gruppi dei paesi vicini) per sbrogliare la matassa Anche una moto trasportata dal tornado nella zona rossa


GALLIPOLI 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pag. 4

Parte il 28 la "Settimana" dedicata all'amico che circonda la città. Ma durerà 17 giorni

Alla scoperta del mare Raccolte nell'evento molte iniziative, dalla sagra ai convegni Quest'anno ha un cartellone di due settimane ma continuerà a chiamarsi "Settimana della cultura del mare” l'iniziativa del Comune di Gallipoli ideata dall’associazione culturale onlus "Puglia&Mare", editrice dell’omonima rivista diretta da Giuseppe Albahari, che ne curerà gli aspetti artistico-culturali. «La manifestazione intende recuperare ed esaltare le radici marinare della città, attuando un’operazione culturale che può però avere grande valenza turistica», sottolineano i promotori che nei prossimi giorni farano la presentazione ufficiale della manifestazione (il 23 novembre in Biblioteca S. Angelo), che s'inserisce nel lungo periodo prenatalizio che a Gallipoli comincia in ottobre. Se ne troverà eco tanto in una sagra (ex-mercato coperto di piazza Imbriani, 7-8 dicembre, pesce fritto) con scopi benefici a cura di una cooperativa di armatori di pescherecci, quanto in uno dei due concerti dell’Orchestra del Comprensivo Polo 1. Molte delle serate dal 28 novembre al 15 dicembre peraltro saranno concluse da concerti con pianoforte e voce. Libri, filmati, convegni (vedere qui a fianco) e con tre eventi

Si parte con la scommessa "Turismo d'eccellenza"

Mostra dei bimbi del Polo 2 sui paesaggi da curare Colonna sonora del Polo 1 "esterni" ai due luoghi centrali per le iniziative: l’inaugurazione della ristrutturata Torre S. Giovanni; la mostra "Racconti di luce" sui fari italiani dell'associazione “Vedetta sul Mediterraneo” di Giovinazzo (Bari), allestita al numero 21 di corso Roma; la mostra fotografi-

ca di Francesco Rastrelli "Dinghy, legni d'amare" nel Bellavista club, curata da "Caroli Hotels". Previste altre iniziative a cura di Attilio Caroli Caputo, Angelo Ria e Gigi Orione, prossimo gestore del castello angioino. Durante le “Giornate”, nei locali del Museo del mare potranno essere visionati filmati scientifici no-stop, mentre nell'ex Mercato coperto troverà ospitalità la mostra "I paesaggi della bellezza a Gallipoli" realizzata con gli elaborati degli allievi del Polo 2 nell'ambito dell'iniziativa Unesco.

"Ordine pubblico in alta stagione; turismo legale; Gallipoli 2020, destinazione d'eccellenza": con questi argomenti che rimandano a preoccupazioni reali e ad altrettanto realistici auspici, la "Settimana della cultura del mare" aprirà i battenti il 28 novembre alle ore 17 nel teatro Garibaldi. Invitati a intervenire il prefetto di Lecce Giuliana Perrotta, l'assessore regionale al Turismo, Silvia Godelli, il sindaco Francesco Errico, il prof. Enrico Paolini, docente di Marketing turistico all'Università di Teramo, il prof. Giorgio Castoldi, scrittore e docente di Turismo alla Iulm di Milano. Il cartellone prevede presentazione di libri e filmati nonché convegni (blue economy, vocazione e la cultura marinara di Gallipoli, coralli ed altro), con la partecipazione di docenti universitari (Nicolò Carnimeo, Fabio Pollice, Gianfranco D’Onghia), amministratori (Francesco Errico, Antonio Gabellone, Francesco Pacella) , scrittori (Enrica Simonetti, Ada Donno, Ilaria Ferranosca), registi (Caterina Gerardi, Chiara Idrusa Scrimieri), fotografi (Francesco Piras, Francesco Rastrelli), giornalisti, tra il Garibaldi e la sala convegni dell'ex Mercato coperto.

Dall'Australia con tanto amore firmato Graham "Salento, my love", si potrebbe dire leggendo gli articoli sempre più frequenti sui giornali australiani. Un vero cultore del Salento è, tra gli altri, il giornalista australiano Stephenson Graham, rimasto particolarmente colpito da Gallipoli, anche per la curiosità del nome che è uguale a quello dell’infausto luogo nel sud est della Turchia, campo di battaglia nella prima guerra mondiale. «Altra cosa è la “kale polis” che in greco significa città bellissima” - scrive Graham su "Gold Coast Sun" e "MX Escape" - il mare a Gallipoli è molto più di uno sfondo, è parte della vita. Con le barche dei pescatori, il pesce crudo e nella città vecchia la cappella dove i pescatori vanno a pregare, il castello, le 13 chiese con la cattedrale, i riti della settimana santa con silenziose e surreali processioni guidate da musicisti che suonano antichi strumenti di legno; alla fine di luglio la città celebra Santa Cristina con le luminarie e i fuochi di artificio, con barche in processione sul mare». Graham si dice particolarmente colpito dalle feste ed eventi, come i festeggiamenti per l’anno nuovo e il carnevale, e per le pietanze tipiche come la zuppa di pesce e la scapece gallipolina.

Il piano presto all'esame del Consiglio

Un piccolo albergo nei locali del faro Il mercato al dettaglio del pesce semichiuso

Il mercato del pesce? Non abita più qui Se n'è parlato durante la seguitissima trasmissione "Linea blu" sulla tv Rai di qualche giorno fa e subito è scoppiata la polemica: «Vogliono vendere l'isola!»; «Faranno un albergo sull'isola!». A dare inavvertitamente la stura una frase del responsabile di Legambiente, Maurizio Manna, che ha parlato di una "piccola foresteria" nel faro dell'isola di S. Andrea. L'idea non è nuova, anzi è ufficializzata nero su bianco nel piano economico-sociale del parco Punta Pizzo-Isola S. Andrea, consegnato in Comune quanche tempo fa ed in attesa di essere esaminato ed approvato dal Consiglio comunale. «Così come fanno in Francia e in Croazia, per periodi dell'anno che non interferiscono con la vita delle specie protette che albergano sull'isola e per dare al faro da restaurare risorse per la successiva gestione - dice Manna - abbiamo pensato di dedicare alcune delle dieci stanze disponibili a foresteria per pochissime persone che vogliano immergersi nella natura; le altre sono destinate ad un centro di ricerche sulle 150 specie che transitano dall'isola».

Il mercato del pesce, quello storico, dove si arrivava anche in treno? Semi chiuso. Di tutti i box disponibili, ne resistono appena tre o quattro. Gli altri sono inesorabilmnete e da tempo chiusi. Perchè? «Guardate là - dice uno dei pescivendoli ancora in attività con l'aria sconfortata, indicando cosa accade al di là dei binari e sulla banchina del porto commerciale - ecco dove si vende il pesce, con tanti abusivi che fanno i comodi loro». Come si può vedere ad occhio nudo in una domenica mattina nelle due foto qui sopra, la situazione è fin troppo evidente, nonostante i controlli periodici di vigili urbani e uomini della Capitaneria di porto, che dista poche decine di metri da entrambi i luoghi. «È vero che si pesca poco ormavi - continua il pescivendolo - ma così proprio non va bene».


Gallipoli

21 novembre - 4 dicembre 2013 SEQUESTRATO PARCHEGGIO DALLA FORESTALE

Sotto sequestro un parcheggio sulla litoranea sud dopo la zona degli alberghi, nel parco naturale. A eseguirlo gli uomini del nucleo investi-

C’è anche un gallipolino tra i sette studenti premiati durante la giornata inaugurale della 5^ “Fiera dell’Innovazione” di Lecce. Si chiama Gabriele Alfarano, studente di Biotecnologie mediche e nano-biotecnologie presso l’Università del Salento. Il Team Leccese di cui fa parte (insieme a Mattia Corvaglia, Giampiero Lazzari, Davide Magrì, Martina Montinaro, Emanuele Rizzo e Ludovica Scoletta) ha ricevuto la consegna del Sigillo dell’Università del Salento, per i meriti ottenuti nel campo della ricerca e delle iniziative innovative, il gruppo, infatti, ha messo a punto un dispositivo in grado di rilevare la presenza di nichel nell’acqua. Lo studio è già stato riconosciuto meritevole dalla giuria di esperti

gativo del corpo forestale di Lecce su richiesta del sostituto procuratore Emilio Arnesano. Durante un sopralluogo ad agosto scorso, la Forestale aveva accertato che su quel terreno erano in corso lavori di livellamento

con estirpazione di vegetazione. La zona ricade nel vincolo paesaggistico. Sono finiti sotto inchiesta due proprietari del terreno, un tecnico e il titolare della ditta che stava eseguendo i lavori.

La Fiera innovazione premia anche Gabriele

Gabriele Alfarano in primo piano

del Jamboree europeo di Lione, tenutosi lo scorso ottobre, dove il Team leccese si è classificato secondo. Il progetto “Igem – NickBusters crowdfunding per un progetto di ricerca indipendente” è stato infine presentato anche in occasione di un altro importante concorso internazionale “Igem” (International Genetically Engineered Machine). La competizione ha permesso il confronto con studenti provenienti da tutto il mondo in merito alla creazione di sistemi biologici MAQ integrati.

"Chiese aperte": i pensieri e le critiche dei visitatori sui registri dai visitatori

Giovane avvocato di origini gallipoline, Serena Piro, è fondatrice e attuale presidente dell’associazione “Avvocati di strada” di Parma. L’associazione, presente in oltre 30 città italiane, si occupa della difesa dei diritti delle persone più in difficoltà, come i senzatetto. Avendo studiato a Parma, poi fatto il praticantato a Bologna, Serena Piro, pur amando la città dalla quale proviene, si è stabilita in terra emiliana «Durante gli anni bolognesi - racconta - ho sentito dell'associazione e mi ha affascinato da subito l'attività svolta da tutti i volontari. Nel frattempo dei miei cari amici e colleghi di Lecce, gli avvocati Stefano Leuzzi e Annaleila Lisi, hanno aperto uno sportello a

5 Serena Piro, a Parma è l'"avvocato di strada" Lecce e mi hanno raccontato la loro esperienza. Così rientrata a Parma nel 2008 ho iniziato a valutare l'opportunità di aprire lo sportello su Parma». Ha contattato alcune associazioni e maggio di quest'anno è nato lo sportello di Parma. Sabato 16 novembre l’associazione ha partecipato all’evento culturale “Notte dei senza fissa dimora” organizzato da “Pane e vita”, con lo scopo di sensibilizzare la popolazione e le istituzioni alle problematiche vissute quotidianamente dai senzatetto. MCT

Serena Piro

Il problema, le soluzioni

Luci (molte) e ombre I vandali hanno distrutto di Rocco Merenda

Molto apprezzata dai visitatori provenienti da ogni parte del mondo l’iniziativa “Chiese aperte”, promossa dall’associazione “Gallipoli nostra”: cioè tenere aperte dalle ore 18 alle 22, a luglio agosto e settembre, le chiese di Gallipoli, in particolare la Cattedrale di Sant’Agata, la chiesa di San Francesco d’Assisi, la chiesa del Rosario e chiesa del Canneto. Il patrimonio culturale, artistico e religioso della città viene offerto gratuitamente come arricchimento dell’offerta turistica, per contribuire anche alla sua destagionalizzazione. L’alto gradimento è testimoniato soprattutto dai registri di presenza, dove i visitatori, oltre a scrivere il loro nome e città di provenienza, hanno potuto esprimere i loro commenti sia sulla bontà dell’iniziativa, sia sulla bellezza delle chiese visitate, e sulla competenza delle guide, non lesinando suggerimenti e critiche. Innanzitutto hanno espresso la loro gratitudine per l’iniziativa che ha offerto l’opportunità di combinare il momento spensierato e vacanziero con momenti di approfondimento artistico e culturale e religioso. Un’idea che si augurano possa essere fatta propria anche da tutte le altre città ricche di storia e di cultura come Gallipoli. In particolare la chiesa del Rosario si è rivelata una vera sorpresa, “una spettacolare preghiera sul mare” (Elena di Milano), con “un interno mai visto così stupendo” (Daniela da Teramo), ma anche con “restauri e pavimenti

le difese della Duna grande

In alto la chiesa del Rosario, la più visitata ed apprezzata. Qui sopra, la chiesa di San Francesco di Paola

Una "vera sorpresa" il Rosario: «Una spettacolare preghiera sul mare». «Restauri orrendi»

orrendi” (Laura da Roma); Il Canneto definito ”una piccola bomboniera sul mare” (Chiara da Ravenna); Sant’Agata così ricca di storia (Giulia di Cesena) e “dove si respira grande spiritualità (Giuseppe da Napoli); chiesa di San Francesco, “mix perfetto di tradizione e modernità (Raffaele da Crotone), ma anche minata dalle crepe (Cosimo da Torino) e “sprovvista di indicazioni” (Mario da Rimini). Ma è la preghiera l’elemento comune più intenso: l’apertura serale consente un “momento di riflessione sulla propria vita” (Cesare da Pescara), di richiesta d’aiuto per gli altri “ho detto una preghiera speciale per una bambina che domani si opera al cuore” (Luisa di Napoli) o per se stessi “Signore, fammi guarire” (Nunzia da Napoli). Sarebbe un peccato non continuare su questa strada considerati i numerosi consensi.

Ci vogliono risorse umane, prima ancora che finanziarie, per tenere un po' di più sotto tutela il parco naturale che arriva fino a punta Pizzo, senza dimenticare l'isola di Sant'Andrea che, con un binocolo, si può controllare anche da terra. Questa la considerazione dopo che ignoti vandali hanno divelto le palificazioni che i volontari di Legambiente avevano realizzato la scorsa estate intorno alla Duna grande, poco dopo la zona dei grandi alberghi, per difenderla da passaggi, incursioni con mezzi a due ruote e conseguenti smottamenti. Niente di nuovo, purtroppo, Duna grande e le palizzate realizzate dai volontari di Legambiente nel lungo elenco delle violazioni passare dalla più o meno sistefirma di un acmatiche dell'intecordo in calce ad grità dell'oasi na- Sarebbe necessario una convenzione turalistica, vero aumentare il personale praticamente già fiore all'occhiello pronta. «Potremdell'intero Salen- di tutela: si può fare mo farecela entro to e per l'assesCondanna definitiva l'anno», auspica sore regionale al (quattro mesi di reclusione) Maurizio Manna Turismo, Angela Barbanente, che per l’avvocato gallipolino di Legambiente. lo richiama con un buon esemMassimiliano Tuccio, acCosì come si potrebbe ricorpio. Ma ciò che fa un po' rabbia è cusato di esercizio abusivo anche il fatto che vigilanti e per- rere alle Guardie ecologiche vodi professione dal 2002 al 2008. Lo ha deciso la Corte sonale potrebbero pure arrivare lontarie, sempre tramite una condi cassazione. Il caso ebbe a costi zero per il Comune gal- venzione in questo caso con la inizio cinque anni fa quanlipolino. Basterebbe ad esempio Provincia. Sono già 5 i gallipolido un avvocato di Parabita sottoscrivere una convenzione tra ni che hanno prestato giuramento segnalò la necessità di veril'Ente Parco, presieduto da Fabio a Palazzo dei Celestini a Lecce. ficare se Tuccio, allora sua Vincenti, e l'Arif, l'agenzia re- Anche loro potrebbero contribucontroparte in un'udienza, gionale per le foreste, per vedere ire a controllare il territorio sotto fosse iscritto all’Ordine. arrivare quattro forestali e fondi protezione (circa 650 ettari), a Furono avviate le ricerche: per la gestione della vigilanza, "sconsigliare" di andare a racconon risultava iscritto. per ripiantare ginepri e rimuove- glierci i funghi o a scorrazzare re la massa secca. Bisogna però con le moto in zone marginali.

Condannato falso legale

Manifestazione di cross prima autorizzata e poi negata

Regala

Parco, bici e polemica Dopo lo "stop forzato" al trofeo di ciclocross "Ecoresort Le Sirenè", si levano gli interrogativi sullo sviluppo turistico del parco naturale di Punta Pizzo. La gara ciclistica non ha avuto luogo per il divieto del dirigente dell’Area Politiche territoriali del Comune il quale si è appellato alla legge istitutiva e di tutela del Parco (L.R. n. 20/2006) che, tra l’altro, prevede di “recuperare e salvaguardare la funzionalità del sistema dunale”. «La gara avrebbe, invece, potuto contribuire alla destagionalizzazione dell'offerta turistica salvaguardando l’ambiente visto che il tracciato non interessava le aree dunali», afferma Alfredo Pagliarulo, il tour-operator di Casarano tra gli

organizzatori della manifestazione che si sarebbe dovuta svolgere con il coinvolgimento della "Mtb Casarano". Proprio il rispetto delle dune aveva convinto anche la sezione gallipolina di Legambiente a dare il proprio benestare alla gara. In merito alle difficoltà di far coincidere la valorizzazione del territorio con la tutela dell’ambiente, gli stessi organizzatori ricordano come appena lo scorso aprile in oltre 800 presero parte ("senza alcun problema") alla "Marathon del Salento" all'interno del Parco naturale di Torre San Giovanni di Ugento mentre pochi giorni due motociclisti sono stati sorpresi nel parco di Portoselvaggio in una gara "improvvisata" di motocross. MAQ

Per far sentire più vicina questa terra alle persone che ami e che la amano CONTRIBUTO per ricevere Piazzasalento via posta:

Sopra gli oltre 800 partecipanti alla Marathon di primavera nel Parco naturale di Torre San Giovanni. Accanto Punta Pizzo nel parco di Gallipoli

6 mesi

Euro 25,00

12 mesi

Euro 35,00

Il pagamento si può effettuare:

- a mezzo c/c postale nr. 8168644 a favore di Indra srl Magenta (MI); - a mezzo assegno bancario barrato e non trasferibile a favore di “Indra srl”; - a mezzo bonifico bancario a favore di Indra srl iban: IT 74 H 02008 79671 000101272821 Per altre informazioni chiama lo 0833.1823575 oppure manda una mail a sostenitori@piazzasalento.it


Gallipoli

21 novembre - 4 dicembre 2013 SANDRO QUINTANA E DE MARINI ASSOLTI Il consigliere provinciale Sandro Quintana (Udc, ora indipendente) è stato assolto dall’accusa di voto di scambio dal Tribunale di Lecce.

6

Sono stati i suoi avvocati a provare che la realizzazione della strada periferica “oggetto” del voto di scambio, erano cominciati già nel maggio del 2009 mentre i fatti finiti sotto l’occhio della Magistratura erano successivi,

Consegnata al sindaco la petizione con 200 firme di Cosimo Perrone

L’associazione “Città nuova” ha fatto pervenire nei giorni scorsi al sindaco Francesco Errico la petizione popolare per la rinominazione del quartiere che comprende le attuali zone “Peep2” e “Peep 3”. La quasi totalità dei firmatari dell’ istanza ha espresso la volontà di dedicare il quartiere a San Gabriele. La zona, che oggi è abitata da oltre 5mila cittadini, va da via Giorgio da Gallipoli fino a via Pasolini-Santa Venardia, inclusi via Carlo Massa e parco Stanislao Senape de Pace. È dal 1999 (ma si iniziò a costruire nel 1993 con la realizzazione di oltre 700 alloggi), che la nuova zona viene conosciuta ed identificata come zona Peep, ovvero, il nuovo e popoloso quartiere costruito secondo il “Piano di edilizia economica e popolare”

Zona Peep 2 e Peep 3: le chiameremo S. Gabriele

situato nella periferia dela città. Ma oggi questa zona non può più essere considerata periferia. «Sin dalla sua costituzione,

questa associazione – si legge nella lettera – si è prefisso il compito di dare al nostro quartiere un nome appropriato». L’associazione, pertanto, si dichiara sin da subito disponibile “alla collaborazione con l’Amministrazione comunale, per il raggiungimento dell’obiettivo prefisso”. Alla petizione sono state allegate le circa 200 firme. Il sodalizio presieduto da Nicola Ripa chiede anche la riapertura della strada che congiunge via Grazia Deledda con la provinciale per Alezio e che collega l’ospedale di Gallipoli. Questa volta saranno i residenti della zona a chiederlo al Sindaco, con un’altra petizione.

Le spoglie di S. Gabriele dell’Addolorata in città fino al 24 Le sacre spoglie di San Gabriele dell’Addolorata sono a Gallipoli e rimarranno in città fino a domenica 24. Tanti gli eventi che caratterizzeranno l’evento; tra questi la mostra a fumetti, interattiva ed itinerante dal titolo “GeCS e Lele: camminando in santità”. Attraverso pannelli illustrati, la mostra offre una lettura contemporanea sulla santità. È possibile visitarla su prenotazione, con guide ed esperti oppure liberamente. Le visite guidate, preventivamente concordate, avverranno nelle giornate di giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 novembre dalle 10 alle 12, dalle 15 alle 18 e dalle 20 alle 21,30. Visite libere, se possibili, negli stessi giorni dalle 12 alle 13,30, dalle 17 alle 18 e dalle 19 alle ore 20. Il giorno 21 è dedicato alla famiglia. Si inizia alle 18 e alle 21 dopo la celebrazione eucaristica vi sarà l’esibizione del Coro polifoni-

Il 25 l’apertura; da dicembre attivi i primi 4 posti

Rianimazione adesso è vero Sembra davvero la volta buona per il “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli. Il fondamentale reparto di Rianimazione aprirà stavolta veramente il 25 novembre, data a suo modo storica per i gallipolini e per i potenziali utenti dell’intero arco jonico. «Stavolta davvero ci siamo - dicono trepidanti gli animatori dell’associazione “Ospedale Sacro Cuore” guidata da Giacinto Scigliuzzo - ma per scaramanzia (e non sfiorare il ridicolo, dato che ne sono state fatte già due o tre) non ci saranno inaugurazioni ufficiali». Ventotto persone animeranno (è il caso di dire) il reparto “che è un passo molto importante per arrivare a fare del “Sacro Cuore” un ospedale di eccellenza”, come rimarca Scigliuzzo: sei operatori sociosanitari, sei medici (quattro interni e due arrivati con la mobilità interna), 16 infermieri. Primario facente funzioni sarà il dottor Franco Mosticchio, che opera anche al “Ferrari” di Casarano e che ha coordinato tutte le ultime iniziative per attivare un reparto atteso fin dal 2004. I primi ricoveri per i primi quattro posti disponibili potranno essere accettati dalla settimana successiva all’apertura del 25. Altri quattro posti letto saranno attività come da programmi già concordati e ufficiali. «Intendiamo ringraziare il sindaco Francesco Errico e l’ex sindaco di Sannicola Sannicola, Giuseppe Nocera, per il costante impegno in questa vicenda, come il direttore generale Mellone, quello sanitario Narracci e quello amministrativo Vigna per aver mantenuto le promesse», dice il presidente Scigliuzzo. La torre A dell’ospedale jonico sarà così praticamente tutta occupata da servizi di cure intensive: al pianoterra il Pronto soccortso, al primo la Rianimazione, al secondo Radiologia, al quarto Cardiologia e al sesto Penumologia. VC

“Organo di valutazione comunale” da rifare Azzerate le nomine dell’Organo di valutazione comunale che dovranno essere riproposte. Così un decreto del sindaco Errico che ha revocato quello di nomina dell’Oiv di cui facevano parte Alfredo Caggiula, Andrea Baldari e Rocco Famà. Nei mesi scorsi l’opposizione consiliare era intervenuta con due interrogazioni: una di Petrucci (Gallipoli 2012) e l’altra di Coppola (Ppdt). La revoca del decreto era stata chiesta dalla Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza delle amministrazioni pubbliche.

Sabato 11 novembre si è svolto presso il teatro Garibaldi l’evento della Fidapa (federazione italiana donne arti professioni affari) sezione di Gallipoli, indirizzato a contrastare la violenza di cui troppo spesso le donne sono destinatarie. L’iniziativa è riuscita: il pubblico che ha affollato il teatro si è entusiasmato ed emozionato davanti allo spettacolo curato da Desiré Arlotta e ideato da Agostino De Angelis. Il tema era “Le donne nella storia tra amore e tragedia”, un cammino lungo secoli ripercorso con sullo sfondo le opere dell’artista gallipolina Paola Marzano. Presenti alla manifestazione il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, la segretaria distrettuale della Fidapa, Fiam-

C’è anche una mostra interattiva sulla santità

co della parrocchia San Gabriele dell’Addolorata. Il 22 è il giorno dell’associazionismo e delle confraternite. Il Santo e la sua reliquia aggiungeranno, processionalmente

la cattedrale di S. Agata nella città vecchia. Qui avrà luogo la benedizione della targa commemorativa del Centenario del riconoscimento del miracolo che il Santo operò al gallipolino Luigi Parisi. Subito dopo la veglia di preghiera, il santo ritornerà nella chiesa a lui dedicata, nel Peep 3. Sabato sarà la giornata dei giovani. Dopo la celebrazione eucaristica delle 18 vi sarà la rappresentazione della vita del santo, scritta, musicata ed eseguita dal parroco don Piero Nestola (nella foto nella processione di 12 anni fa ). Il commiato delle sacre spoglie domenica 24. San Gabriele tornerà ad Isola del Gran Sasso dopo la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Fernando Filograna.CP

Il caso tv digitale

Quando il televisore è solo un soprammobile Giuseppe Coppola

“Top Hundred” al Doxi Alezio “Sacro Cuore”, la torre A; sotto, Giacinto Scigliuzzo

cioè del giugno 2009. Oltre a Quintana è stato assolto anche Giovanni De Marini, 64 anni. indiziato di aver dato alla signora Monte duemila euro, ma per “regalo” personale e non per le elezioni in corso.

La Cantina Coppola si conferma nell’eccellenza della produzione vitivinicola italiana. Il Doxi Alezio Doc Rosso Riserva 2009 ha ottenuto il riconoscimento “Top Hundred” 2013 rientrando nella classifica del Golosario dei cento migliori vini italiani stilata dai giornalisti Paolo Massobrio e Marco Gatti. Un risultato frutto di un lavoro mirato, di una tradizione familiare che va avanti da 18 generazioni, e di cui Carlo Coppola ha segnato la svolta vincente, e della collaborazione con l’enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi. “Grandioso”, così Massobrio, che già lo aveva descritto come “il taglio più indovinato del Salento”, definisce il Doxi al momento della consegna del premio avvenuta domenica mattina a Milano davanti ad una platea di centinaia di produttori, estimatori, appassionati e buyer internazionali. «Il vino non è una moda effimera, è territorio, tradizione e attenta innovazione» sostiene Giuseppe Coppola . La cerimonia si è svolta nel corso della Fiera Golosaria, una rassegna di cultura e gusto promossa da Club di Papillon. La Cantina Coppola era l’unica rappresentante per la

Puglia, per la sezione “wine”, tra cento etichette provenienti da tutte le regioni d’Italia. RdB

Da due anni senza tv, o meglio la tv c’è, ma manca il segnale. È la situazione in cui si trovano molti cittadini di Gallipoli che dopo lo switch-off, cioè il passaggio dalla tv analogica a quella digitale, vivono quotidianamente l’impossibilità di guardare un film o seguire un telegiornale, perché puntualmente l’immagine svanisce e sullo schermo appare la nota “segnale debole o assente”. Sono partite così raccolta firme e lettere di protesta per stimolare chi di dovere a trovare una soluzione. A distanza di due anni dal passaggio, infatti, questo disagio è diventato un vero e proprio problema, soprattutto per coloro che utilizzano la tv come mezzo di compagnia. Maurizio Bono (foto) della tabaccheria di corso Roma ha avviato una raccolta firme (in 500 hanno sottoscritto) recapitata alle reti televisive Rai, Mediaset, La7 ed al Ministero delle telecomunicazioni. «È stata una mia personale iniziativa - dice - perché anch’io ho questo problema e sono stato costretto a passare a Sky». Come lui anche molti altri hanno dovuto rassegnarsi a questa decisione, che sembra l’unico modo per arginare il disturbo. Il problema, infatti, è da attribuire ai due ripetitori posizionati a Parabita e Martina Franca che creano su Gallipoli un cono d’ombra che limita il segnale (soprattutto durante le giornate in cui il tasso d’umidità è più alto). Anche la città vecchia non è risparmiata da questo disagio, ecco

perché il signor Gino Barba, diversamente abile, che vive con la moglie Mercedes, dopo le varie e vane segnalazioni telefoniche ha deciso di inviare una lettera alla sede regionale Rai nella quale, dopo aver presentato la situazione, ironicamente scrive: «Mi chiedo: del soprammobile di cui regolarmente pago il canone annuale che me ne faccio?» Anche i vicini non sanno più a chi rivolgersi e spesso il tentativo di risolvere da sé si è risolto nell’inutile e dispendioso acquisto di apparecchi e antenne di ultima generazione. Per effettuare segnalazioni si può contattare il centro di assistenza Rai Way al numero 800.111.555 oppure il numero verde del ministero dello Sviluppo economico 800.022.000. MAQ

La Fidapa contro la violenza sulle donne al “Garibaldi”

Iniziative della Cooperativa armatori jonica per le feste

Il rosa e il nero nella storia

Arriva il Premio al pescatore

metta Perrone, il vicesindaco di Gallipoli, Antonella Greco e l’assessore alla Cultura del Comune di Alezio Alezio, Walter De Santis. Nel corso della serata è stato presentato il nuovo direttivo

Iniziative natalizie a cura dalla “Cooperativa armatori jonica” con il patrocinio del Comune. Si inizia il 6 dicembre quando un Babbo Natale alto 6 metri sarà sistemato sul Rivellino. Il giorno successivo, dal piazzale antistante il municipio partirà un corteo con le cheerleaders fino al mercato coperto dove si potrà godere non solo della musica offerta dall’associazione “Santa Cecilia” ma si potranno gustare pesce fritto, baccalà e pittule. Nelle serate del 7 e dell’8 ci sarà l’esposizione dei presepi dell’artigianato gallipolino “Arte e…” Si sta preparando anche la serata del 24 dicembre quando ci sarà la processione con il Bambinello portato da un bambino e alla fine ci saranno doni per tutti i piccoli. Il 29 dicembre ci sarà poi la 1^ edizione del “Pre-

Fidapa,-Bpw Italy nelle persone della presidente Memè Micale, vicepresidente Anna Maria Mangia, segretaria Teresa Chianella, tesoriera Mariangela Adamo (nella foto un momento della serata).

mio del pescatore” presso il teatro Garibaldi (foto). Nella serata interverranno i musicisti Luigi Solidoro al pianoforte,Tommaso Passeri al violino e le cantanti liriche Antonella Marzi (soprano) e Antonella Colaianni (mezzosoprano). LC


Gallipoli

21 novembre - 4 dicembre 2013 DISCOVERING PUGLIA IL PROSSIMO 8 DICEMBRE Continuano gli appuntamenti con Discovering Puglia, il progetto promosso dall’assessorato al turismo della Regione Puglia organizzato

da Pugliapromozione. Il prossimo 8 dicembre “Natura e sport” è il tema guida della scoperta di Gallipoli e del suo territorio. Prevista una passeggiata in bicicletta conpartenza da Torre "La Pedata" , lungomare

Galilei e poi verso l’entroterra con pausa ad Alezio e al museo archeologico messapico. Passeggiata nel verde anche a Ugento nel parco naturale. Prossimo appuntamento il 29 dicembre.

7

Approvata dall'assise cittadina la delibera per mantenere invariata la destinazione d'uso dell'istituto

Il Comune trattiene il "Nautico" La volontà di salvare la vecchia sede del Nautico di via Gramsci e piazza Malta è stata espressa anche dal Consiglio comunale. In maniera non convincente solo per il capogruppo della "Puglia Prima di Tutto", Giuseppe Coppola e con l’astensione, in attesa di sviluppi concreti, del consigliere Aldo Petrucci, poi dimessosi dalla carica per motivi personali. Nella delibera approvata dall’assise, che riprende in buona sostanza anche l’atto simbolico sottoscritto nella riunione con il comitato pro Nautico, il Comune ha espresso la volontà di non cambiare la destinazione d’uso dell’edificio sito in via Gramsci ed ha chiesto sostanzialmente alla Provincia di adoperarsi per ristrutturarlo. Un’azione di recupero che per l’associazione "Gallipoli 2012" non può essere svincolata dalla conseguente variazione d’uso e alienazione ri-

L'istituto Nautico di via Gramsci

Per il consigliere Coppola la delibera è "concettualmente falsa e inefficace" chiesta sempre dalla Provincia per l’ex convento dei Francescani di via Pasca. Parte dei fondi da destinare al recupero della ex sede del Nautico dovrebbero, infatti, essere attinti proprio dalla vendita dell’ex monastero. E relativamente all’ex convento, alla luce di una rivendicazione da parte della parrocchia di sant’Agata che dichiara di essere proprietaria di una porzione dello stabile (e in conseguenza di una legge regionale che vieta di vendere un immobile di proprietà di più enti) la maggioranza del sindaco

Errico ha presentato un emendamento nel quale si chiede chiarezza alla Provincia e si rimanda la decisione sul cambio di destinazione d’uso del convento alla risoluzione della disputa con la stessa parrocchia. Una delibera nel complesso, e non formalmente, ma “concettualmente falsa e inefficace” secondo Coppola che con una interrogazione ha chiesto anche di sapere se “risulta vero che l’istituto Nautico è destinatario da parte della Capitaneria della consegna gratuita di una porzione di demanio marittimo in località San Leonardo, nella zona di Porto Gaio, utile e comodo da utilizzare ai fini didattici per le esercitazioni ed

il ricovero delle imbarcazioni di proprietà. E se risulta vero che è stata finanziata la ristrutturazione della succursale dell’istituto per un importo pari a 516 mila euro”. VC

Deciso nel Consiglio comunale del 15 novembre; poi è cambiato il criterio di ripartizione degli alunni Il cosiddetto ridimensionamento della rete scolastica costituisce un argomento importan te e strategico per gli attori che ne sono protagonisti: personale direttivo e docente, famiglie e soprattutto gli studenti al cui benessere scolastico dovrebbero essere indirizzati tutti gli sforzi delle istituzioni che hanno il dovere di garantire un ambiente di studio sereno. Il Comune, come le scuole, deve fare delle proposte che in seguito saranno approvate dai competenti organi provinciali e regionali. Di rimensionamento si è parlato nel Consiglio comunale del 15 novembre scorso e per quanto riguarda le scuole superiori è stato proposto l'accorpamento dell'istituto professionale "Leonardo da Vinci" al "Vespucci". Per la scuola primaria, che si suddivide in Poli, il Consiglio ha proposto la riduzione da tre a due poli, tenendo dapprima conto del principio della densità scolastica, come definito anche da criteri ministeriali. Così, il Polo 1 avrà sede in via Galatone-via Gorizia; il Polo 2 in piazza Carducci; il primo costituito da 1001 alunni e il secondo da 1022. In realtà il problema non è così semplice come sembra né può essere limitato a una pura e semplice questione di numeri. Infatti, mentre il giornale sta per uscire, il Consiglio gallipolino si accinge a rivedere in parte la propria decisione, perchè - sentiti i dirigenti ed i sindacati e valutate le loro osservazioni - il criterio da sposare sarà quello dell'interesse territoriale degli utenti. Ci sono infatti altri criteri, che secondo anche il parere dei

Scuole, restano due poli Invece del dato numerico si è scelto quello territoriale

Il Professionale "Da Vinci" da accorpare al "Vespucci"

L'Amministrazione accoglie le indicazioni avanzate da dirigenti e sindacati dirigenti scolastici, devono far leva sul territorio di provenienza. Questo anche per cercare di limitare al minimo le difficoltà dei bambini di raggiungere la scuola, alleggerendo anche i genitori dal compito di accompagnare i figli in un edificio molto distante da casa. Senza contare anche le ripercussioni sulla via-

Novità per la scuola quasi vuota nel centro storico

Un Centro a S. Chiara Nel quadro di una riorganizzazione complessiva non solo dei poli scolastici ma anche dei servizi di carattere sociale nel territorio cittadino, l'Amministrazione comunale guidata da Francesco Errico starebbe pensando ad una nuova destinazione per quel che resta della scuola "Santa Chiara" del centro storico, ridottasi a una classe di seconda e a due di terza. L'ipotesi sul tavolo della Giunta comunale è quella di farne un centro diurno per giovani ed anziani, allo scopo di contribuire anche così alla rianimazione della città vecchia soprattutto durante i mesi invernali, quando anche trovare un bar aperto può diventare un'impresa. Ma questa non è la sola idea in campo. Proprio l'assessore alle

Politiche sociali, Giovanni Fiore, ha indicato l'ex Ceduc di lungomare Galilei come il contenitore più adatto da mettere a disposizione di adolescenti e terza età, con un comunicato in cui si parla di residenza socioassistenziale aperta però anche ai giovani.

bilità cittadina con il traffico che impazzisce negli orari di inizio e fine delle lezioni. C'è da aggiungere che per evitare il caos traffico, in alcune città si sono adottati orari di ingresso e uscita differenziati e coordinati tra i vari istituti. In conclusione, i numeri alla fine non si dovbrebbero discostare di molto da quelli originari: nella prima ipotesi di riorganizzazione, la differenza tra l'uno e l'altro era di 21 unità; con la decisione successiva (22 novembre) lo scarto sarà di circa 50. Entrambi i poli risulteranno comunque piuttosto popolosi.

P. Carducci, topi e lavori: le proposte dei genitori Scuola di piazza "Carducci": topi, lavori e preoccupazioni. E i genitori dicono la loro. Il plesso è interessato dallo scorso agosto da lavori di ristrutturazione che riguardano infissi, tramezzature, cisterne e misure antincendio, ridipinture dei locali; proprio dal cantiere in corso (con relativi scavi e buchi) sono comparsi i topi, tanto da far chiudere la scuola prima per tre giorni e poi per due settimane fino a dopo il ponte dei primi di novembre con riapertura dal 4, mentre la Materna è ospite in via Milano fino a fine mese per poter imbiancare le aule. Per i rappresentanti dei genitori, che innanzitutto ringraziano il Comune per l'attenzione verso lo storico edificio che ospita i loro bambini, qualcosa è stato sbagliato nelle operazioni di derattizzazione (sarebbero state più efficaci cassette contenenti le esche) e qualcosa va fatto per tenere puliti al massimo possibile i locali durante i lavori, ricorrendo eccezional,mente ad altro personale esterno per interventi quotidiani. La lettera al Sindaco e al dirigente del Polo 2 è stata firmata da Marco Imperiale (foto), Anna Visconti, Aldo Pizzileo, Miriana Chetta, Antonia Sebaste, Lucia Taurino, Daniela Cataldi, Silvia Tumirello, Giorgio Giannone, Concetta Fattizzo, LuanaPiro e Antonio Tricarico.

Ci trovate pure qui • PRO LOCO Via Kennedy • SUPERMERCATO DOK via Lecce,5 • MARKET SIMPLY C.so Roma,39 • PARRUCCHIERI SCHIRÒ via San Sebastiano,9 • BAR LA PALMA c.so Roma • TEATRO ITALIA CINEMA c.so Roma • SPEAKEASY p.zza A. Moro,5 • BAR DEL PORTO area portuale • BAR LE VELE Lungomare Galilei • SNACK BAR c/o staz.di serv. IP s.p. per Alezio • Bar c/o ospedale "Sacro Cuore" • BAR TABACCHI SAULI OVEST c/o staz. serv. Esso s.s. 274 Gallipoli- Leuca • SMOKE SHOP via L. Ariosto (Lido san Giovanni)• IAT INFORMAZIONE ACCOGLIENZA TURISMO via A. De Pace,82 • PIZZERIA MALÙ via G.B. Vico• ANMI ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINAI D'ITALIA Lungomare Marconi,3 • DISTRETTO SANITARIO presso Ospedale vecchio lungomare Marconi • AGENZIA VIAGGI S. ANDREA via Lecce,70 • LAB. URBANO LIBERAL'ARTE riviera Nazario Sauro,131/a • MACELLERIA DA MIMINO viale Bari,52 • TABACCHERIA DEA BENDATA via Milano • MINIMARKET EUROPA viale Europa, 27 • BAR LA GALLERIA via Alfieri • INTERNET POINT via Gramsci,15 • SUPERMAC via Corazzini, zona Peep 3 • LA BOTTEGA DEL SALENTO via A. De Pace


Gallipoli

21 novembre - 4 dicembre 2013 VELA D'ALTURA, ANNULLATA LA TERZA PROVA Un contrattempo climatico ha portato all’annullamento della terza prova del Campionato invernale di Vela d’Altura, prevista per domenica 17: la mancanza

8

di vento. Nonostante il percorso sia stato ridotto a tre miglia di lunghezza, la manifestazione è stata sospesa in quanto le imbarcazioni sono venute meno al principio del “fuori tempo massimo”, ossia il tempo massimo calcolato per

Dodici formazioni gallipoline nel campionato di calcio a 7

Luana Boellis punta Roma

Un torneo tutto "Gallo" di Luigi Alemanno

Barcellona, Manchester United, Atletico Madrid, Borussia Dortmund, Porto, Juventus: a Gallipoli è sbarcata l’alter ego della Champions League ossia la “Lega Europea”. Dodici formazioni, tutte gallipoline, si stanno dando battaglia in questa prima edizione del torneo di calcio a 7 Aics (Associazione italiana cultura e sport), ospitato dal campo della parrocchia di San Gerardo, che le vedrà impegnate fino a maggio. «L’idea è nata - racconta Giorgio Della Ducata, l’organizzatore - dalla considerazione che Gallipoli è sempre stata carente circa l’organizzazione di manifestazioni sportive; così, prendendo spunto da un torneo visto

lo scorso anno, ho pensato di lavorare ad uno simile che potesse coinvolgere tutta la comunità. I fatti mi stanno dando ragione, perché oltre ai quasi 200 iscritti, durante ogni partita si registrano centinaia di presenze di persone interessate o che vengono a trascorrere del tempo libero, senza contare i numerosi contatti sul sito web del torneo (www.legaeuropea.it). Tutti i costi sono auto sovvenzionati, non c’è lucro ma solo spirito ricreativo». Non solo campionato, ci saranno anche due coppe con in palio un premio speciale: «I vincitori della Lega Champions League - conclude Giorgio Della Ducata - riceveranno in premio un viaggio in una capitale europea».

Potrà utilizzare la palestra del liceo il team di coach Pacella

Il Basket trova casa L’Asd Basket Gallipoli scalda i motori e presto scenderà in campo per una nuova stimolante sfida. Il coach Francesco Pacella, infatti, ha deciso di iscrivere i ragazzi della prima squadra al torneo di Serie D “Campionato Open”, il cui inizio è previsto per i primi di dicembre. «Siamo in dirittura d’arrivo - racconta Pacella - e penso che i ragazzi siano pronti; in questo pre-campionato abbiamo lavorato molto e bene, ho visto grandi applicazione ed entusiasmo. Anche la vittoria nell’ultima amichevole contro l’Ugento Ugento mi conforta. Credo che questa squadra sia forte ed abbia le carte in regola per fare bene, ma resta comunque la nostra prima stagione in questo torneo, per cui non carichiamoci di

La squadra per il torneo Open

pressioni: il nostro obiettivo è quello di creare le basi giuste per arrivare a vincere in un paio d’anni». Buone prospettive anche per la formazione Under-17, il cui campionato comin-

cerà intorno al 15 dicembre. «L’ossatura della squadra è rimasta quella dello scorso anno, con la consapevolezza di aver raggiunto un pizzico di maturazione in più. Infatti, alcuni di questi ragazzi fanno parte stabilmente della prima squadra». «Le buone notizie - prosegue Pacella - arrivano circa l’utilizzo, da parte nostra, della palestra dell’Istituto magistrale: manca solo l’ufficialità, ma abbiamo raggiunto un’intesa sia con la Provincia che con la scuola». La chiosa finale riguarda per i più piccoli del Mini-basket: «Il loro campionato è in fase di costruzione - conclude - ma i miei ragazzi sono già pronti». LA

tagliare il traguardo. <<Il campionato è valido con tre prove, sebbene ne preveda cinque - afferma il presidente della Lni, Bacile - per cui basterà farne un’altra. Poi decideremo se recuperare o meno questa annullata>>.

Il Manchester United, al momento primo in classifica e a sinistra Giorgio Della Ducata, organizzatore del torneo

Luana Boellis (foto), della società Atletica Anxa Gallipoli, ha ottenuto un buon secondo posto nella Salento Half Marathon disputatasi a Collepasso l’11 novembre, staccata solo un paio di minuti dalla vincitrice Paola Bernardo. Un piazzamento sicuramente positivo ma che non soddisfa del tutto la podista gallipolina. «Avevo programmato un altro risultato - ammette la Boellis ma durante la gara ho accusato dei problemi e sono stata costretta a fermarmi al quarto chilometro. Poi, sono riuscita a riprendere il giusto ritmo ma la rimonta non si è completata». Primo posto centrato, invece, domenica scorsa a Taurisano in una delle ultime prove della “Salento Tour”, di cui Luana comanda la classifica generale. E nel futuro prossimo, in primavera, un sogno da realizzare: «Stiamo pensando di partecipare - spiega - alla maratona di Roma, naturalmente se gli impegni di mamma me lo consentiranno». LA

Inizio alla grande ma con due sconfitte a tavolino

Minnie, grane burocratiche L’inizio della Minnie Gallipoli nel campionato Acli di calcio a 5 femminile è stato travolgente, con 7 punti raccolti nelle prime tre giornate, ma un’ingiustizia regolamentare sta penalizzando le ragazze joniche, che hanno dovuto subire due sconfitte a tavolino. Il motivo di tale sanzione, per un ricorso proposto dal Copertino, la presenza in squadra di tre tesserate Figc, delle quali due, di fatto, non giocano in alcun campionato federale. «Secondo la società che ha mosso il ricorso ed alcuni presidenti di altre squadre - spiega una delle ragazze chiamate in causa, Federica Fiamma (foto) - il regolamento prevede la presenza di due atlete tesserate Figc, delle quali una che non giochi in campionati federali, ma sia noi che altre squadre, ne abbiamo schierate due, non sapendo che il rinnovo dei cartellini federali è automatico e quindi in totale buona fede. L’ultima riunione, in presenza di tutti i presidenti, ha portato ad un nulla di fatto, confermando i provvedimenti adottati contro di noi. Costringere le ragazze in questa posizione a stare ferme un anno è una vera e propria discriminazione, peraltro in un campionato amatoriale. Siamo molto scontente, ma andremo avanti per la nostra strada. Perché pensiamo che questa situazione sia figlia di un complotto contro la Minnie Gallipoli e la forza che la squadra ha dimostrato in queste prime giornate, travolgendo le avversarie con passivi imbarazzanti». LA


NUMERI UTILI Guardia medica: 0833 231641; numero verde:8004565 Municipio: 0833 231430 fax 0833 233713; Sito ufficiale: www.comune. sannicola.le.it; E-mail: segretariogeneralesannicola.le@pec.rupar.puglia. it Polizia municipale: 0833 231430 Ufficio postale: 0833 232163

Con Metoxè e Ionia

SANNICOLA 21 novembre - 4 dicembre 2013

Ci trovate pure qui ● ELEGANCE CAFÈ via San Simone ● BAR TAZZA D’ORO via Roma ● STAZIONE DI SERVIZIO ERG S.P. per Lecce ● BAR 1973 via Delle Viole 47 ● BAR TABACCHI BUJA via Gallipoli ● ANTICO FORNO via Gallipoli ● TABACCHERIA PETRUZZI via Grassi ● SUPERMAC S.S. 101 ● TABACCHERIA DEA DELLA FORTUNA via R. Elena ● SUPERMERCATO PAM viale Stazione ● SUPERMERCATO SISA via Petrarca ● DANIEL’S CAFÈ via Tuglie ● SUPERMERCATO SIDIS via San Simone

Pag. 9

RESTYLING Una panoramica di Sannicola. Il “restyling” del paese prevede il basolato in via Madonna delle Grazie, via Oberdan e nei vicoli del centro. Nella frazione di San Simone verrà risistemata piazza Mercato

Scuole coinvolte

Scarpette San Simone, in piazza la fiera avrà per le donne il suo logo

Palazzetto e media a nuovo

Progetto “rimodulato” da Piccione: strade a nuovo Si conclude con l’evento “Scarpette rosse”, in piazza della Repubblica nella mattinata di domenica 24 novembre, il mese dedicato alle donne dall’associazione Metoxè in collaborazione con la Ionia (nella foto le due presidenti Simona Mosco,a sinistra, e Marilena De Stasio). Ad ogni paio di scarpette verrà associato un cartello indicante il nome di una donna vittima di violenza, spesso perpetrata da un carnefice da lei amato. Pannelli informativi daranno indicazioni sull’origine, a Città del Messico, di questo flash mob e sui metodi, indicati dagli psicologi per riconoscere in tempo il pericolo. Sabato 23 novembre, presso il frantoio ipogeo, Metoxè presenterà la mostra “Ma-donne” del fotografo Maurizio Sacquegno e, dalle 20, i racconti di Nadia Marra. Intanto molto partecipato è stato il convegno su “Violenza e abusi: regressione nella modernità” organizzato delle due associazioni domenica 17 con la partecipazione, tra gli altri, delle dottoresse Rossella Fatano, psicologa e psicoterapeuta, direttrice del “Consultorio specializzato interdistrettuale su maltrattamento abuso e violenza” della Asl di Lecce e Bruna Scarcia, ginecologa del consultorio di Gallipoli. Grande rilievo per l’iniziativa di Metoxè anche su Facebook dove ogni giorno, per tutto il mese di novembre, viene condivisa una foto con una frase contro la violenza. Intanto entrambe le associazioni lavorano ad altre iniziative culturali: la Metoxè ha bandito un concorso per scrittori di fiabe e favole mentre la Ionia ha avviato la seconda edizione del corso di scultura con l’argilla. MCT

Ben 500 euro in palio per l’ideatore del logo della Fiera di San Simone (foto). Si tratta di una borsa di studio ideata dall’Amministrazione comunale e riservata agli studenti della scuola Secondaria di primo grado di Sannicola iscritti all’anno scolastico in corso. “Giovani idee cambiano il nostro paese” è il nome del concorso che sarà attivo sino al 30 aprile 2014 e al quale i ragazzi potranno partecipare singolarmente, oppure riuniti in classi o gruppi di lavoro. Il progetto dovrà, comunque, essere originale e non dovrà essere divulgato e reso noto pubblicamente sino a che la giuria non si sarà espressa ufficialmente. La proprietà intellettuale del progetto vincitore resterà, in ogni caso, del comune di Sannicola che ne acquisirà i diritti di distribuzione e riproduzione. Per partecipare al bando, i ragazzi dovranno presentare un dvd contenente l’immagine del logo (in Jpeg ad alta definizione) e una stampa dell’immagine stessa, cui si aggiunge una relazione descrittiva dell’idea progettata con le motivazioni e la spiegazione delle ragioni che hanno portato alla creazione di quel particolare prodotto. Il nome del concorrente sarà in una busta, tutto il materiale che i giudici giudicheranno, in un’altra, in modo da garantire l’imparzialità. Il logo sarà utilizzato per tutte le comunicazioni della fiera di San Simone. Il concorso ha lo scopo di rinnovare e investire nella fiera e favorire la partecipazione e il coinvolgimento di gruppi giovanili in dialogo e sotto la direzione dell’autorità locale. MCT

Il combattente di Sannicola vince a Carrara

Sui 500mila euro arriva la firma di Rocco Merenda

Importante passo avanti per Sannicola verso la realizzazione dell’intervento di riqualificazione urbana, da realizzare con il finanziamento di 500mila euro (chiesto e ottenuto dalla precedente Amministrazione Nocera) ottenuto dalla Regione Puglia tramite i Por 2000-2006. Proprio nei giorni scorsi, a Bari, è stato firmato il disciplinare che regola lo svolgimento dei lavori, alla presenza dell’assessore regionale allo Sviluppo economico Loredana Capone e del sindaco Cosimo Piccione. Dopo la delibera dello scorso giugno (uno dei primi atti della nuova Amministrazione) con la quale è stato approvato il progetto esecutivo per “il miglioramento delle infrastrutture di supporto del settore turistico nel centro storico di Sannicola e frazioni”, in seguito a procedura di gara, i lavori sono stati affidati alla ditta “Edil strade” di De Luca Giuliano e Alessandro di Matino. Matino Di “nuovo restyling del paese” parla il Sindaco alla luce delle offerte migliorative ottenute, e già previste nel disciplinare, e del quadro d’insieme che ha intenzione di ottenere, attraverso l’adozione di opportune varianti che modificheranno, “in modo significativo”, il progetto originario e che sono dettate “sia da motivi tecnici che estetici”.

Il sindaco Piccione a Bari con l’assessore regionale Loredana Capone

«Da un sopralluogo con la ditta - afferma Piccione - ci si è resi conto che in alcune strade il livello delle soglie delle abitazioni è allo stesso piano se non addirittura sottoposto rispetto al piano della strada; ciò rende problematica la posa in opera di un basolato alto tra gli otto e i dieci centimetri, oltre alle difficoltà per gli scavatori di operare in stradine molto strette. Nostra intenzione è, quindi, quella di fare uno stralcio di alcune strade, come vico Pesce e via San Giuseppe, che comunque saranno sistemate con una pavimentazione diversa tra il 2014/2015». Saranno, quindi, pavimentate con basolato via Madonna

Il Motoclub programma la sua attività

delle Grazie (fino agli uffici parrocchiali), via Oberdan, la scalinata che dà su via Collina e, al posto delle opere stralciate, tutta la perimetrale di piazza della Repubblica, compresi i parcheggi e i vicoli Monittola, Fiorito e Trento, mentre a San Simone sarà sistemata con basolato tutta piazza Mercato. «È un disegno più organico, che sicuramente gioverà al centro storico in termini sia di visibilità che di fruizione turistica. Tra le offerte migliorative avremo, inoltre, dodici telecamere per il controllo del territorio, insieme alla tinteggiatura del palazzo comunale e del centro polivalente» conclude il Sindaco.

Palazzetto dello sport (foto) di via Collina a nuovo con con i lavori di manutenzione appaltati dalla Giunta comunale. Gli interventi (per 14.518 euro) sono realizzati dalla ditta “Maggio Tanasi Leucio Carlo” di Sannicola e riguardano la riparazione dei pavimenti e dei rivestimenti dei servizi igienici, la riparazione e la tinteggiatura delle pareti e degli infissi interni, la stuccatura del solaio e la posa in opera di intonaco deumidificante. Termine previsto per l’ultimazione dei lavori il 30 novembre. Stesso termine per la conclusione di altri due interventi presso la scuola media. Il primo riguarda la fornitura e posa in opera di un cancello in ferro zincato a quattro ante. La ditta incaricata dei lavori è la Teknicalfer di Davide Scrimieri di Sannicola, per un importo complessivo di 2.562 euro. Il secondo intervento riguarda lavori di verniciatura delle ringhiere della stessa scuola. I lavori, in un primo momento assegnati alla ditta Toma Gianfranco di Sannicola, non avendo quest’ultima fornito il Durc (“Documento unico di regolarità contributiva”), sono stati aggiudicati alla stessa Teknicalfer per un importo complessivo di 3416 euro, Iva compresa. RM

Pallamano

Fonsa karateca Giocattoli per Natale campione a Cremona e raduno per Alex E’ di Sannicola, anche se vive a Cremona, il nuovo campione italiano dei pesi massimi di “kudo”, specialità del karate. Si chiama Ludovico Fonsa (foto) e pratica questo sport da tre anni. Da combattimento è anche il suo lavoro da “brand manager” (sempre in lotta tra produzione e mercato) presso la Saila. Fonsa si è laureato campione lo scorso 3 novembre ai campionati tricolori di Carrara con l’associazione “Ronin clan” di Cremona. Il “kudo” unisce le tecniche del “karate kyokushin” e del judo integrandole con elementi di pugilato, ju-jitsu, thai-boxe. Il desiderio del neo-campione è quello di poter tornare, in futuro, nella sua terra. MCT

Giocattoli ai bambini in ospedale per Natale ed un maxiraduno in primavera sono i prossimi programmi del “Motoclub Alex”. L’associazione, che a gennaio lancerà la campagna di tesseramento, è dedicata al giovane Alex Picciolo tragicamente scomparso in un incidente in moto nel 2008. «Intendiamo portare i giocattoli in ospedale in accordo con medici e infermieri per non creare disagi riuscendo ad essere vicini ai bambini in quel giorno particolare», afferma la segretaria Annamaria Petruzzi.

«Per il raduno, invece, pensiamo ad una due-giorni che coinvolga un gran numero di bikers», afferma il presidente Cosimo Petruzzi (foto). MCT

A causa del maltempo non è stato possibile disputare in piazza della Repubblica l’attesa prima partita di campionato di serie B di pallamano per l’Antares. La gara d’esordio si è svolta, invece, nel palazzetto di Aradeo davanti ad un folto pubblico di tifosi. «Una bella cornice di pubblico ci ha incitato dall’inizio alla fine nonostante la partita si giocasse ad Aradeo», ha affermato l’allenatore Daniele Scarpa (il primo da sinistra nella foto). Malgrado il risultato non sia stato dei migliori, l’allenatore resta fiducioso per il futuro.


NUMERI UTILI Centro Prelievi: mercoledì 7,45-10 Guardia medica: 0833 596663 Municipio: 0833 596521 fax 0833 597124 Sito ufficiale: www.comune.tuglie.le.it; E-mail: comune.tuglie@pec.rupar. puglia.it; Polizia municipale: 0833 597644 Ufficio postale: 0833 596849

TUGLIE Pag. 10

21 novembre - 4 dicembre 2013

Vecchi rancori tra ex e spunta una mazza da baseball

Politica

Condanna ad un anno Fasano per la lite di condominio alla guida Via Pasubio, teatro della rissa scoppiata sul pianerottolo di un condominio. Il responsabile è stato anche, temporaneamente, allontanato dal paese

È costata una condanna ad un anno di reclusione la lite scoppiata nei giorni scorsi in un condominio di via Pasubio. Protagonista della vicenda il 49enne P.G., originiario di Gallipoli Gallipoli, condannato con il rito abbreviato (il Pm aveva chiesto un anno e otto mesi) dopo essere stato arrestato, con l'accusa di lesioni e danneggiamento aggravati. L'uomo avrebbe, infatti, aggredito con una mazza da baseball, il genero 38enne della ex compagna. I tre protagonisti della vicenda risiedono tutti nello stesso condominio ed a scatenare la lite sarebbe stata una dicussione (a quanto pare per motivi di gelosia) tra i due ex che avrebbero iniziato a litigare sul pianerottolo.

In difesa della donna sarebbe poi, intervenuto il genero di quest'ultima che, stando alla ricostruzione fatta dai carabinieri di Sannicola intervenuti per sedare la rissa, avrebbe avuto la peggio tanto da dover far ricorso alle cure dell'ospedale (per lui sette giorni di prognosi con ferite al naso e allo zigomo ed un risarcimento da duemila euro stabilito con sentenza). «Sono stato aggredito e mi sono solo difeso», avrebbe affermato il condannato verso il quale, subito dopo l'arresto, era stato anche disposto il divieto (poi revocato) di dimora a Tuglie, proprio per evitare altri spiacevoli episodi. L'ira dell'uomo, già noto alle forze dell'ordine,si sarebbe rivolta anche contro la porta dell'abitazione.

del Pd

Ci trovate pure qui ● BAR ARAGONA via V. Veneto,334/a ● CAFFÈ ORO NERO c/o stazione di servizio Guido Circunvallazione ● RED CAFE’ c/o stazione di servizio Q8 Circumvallazione Tuglie ● SUPERMERCATO GALILEI via Torino ● BIBLIOTECA COMUNALE via Risorgimento 17 ● LA PUTECA TE LI PAPAIONICA via V. Veneto 21 ● BARBABLU’ CAFÈ corso C. Vergine (Montegrappa) ● MERCEDES IGIENE CASA E PERSONA via Ambrogio Piccioli, 6 ● PIZZERIA FUEGO via Aldo Moro 71 ● TABACCHI DE SALVE via Trieste ● ALIMENTARI CAMILLO PASTORE p.zza Garibaldi ● CAFFÈ ILLOLLO' p.zzale Matteotti

Originale offerta culturale apprezzata pure dalle scuole

Due musei e ora una fermata Fse di Gianpiero Pisanello

Nuovo segretario per il Partito democratico a Tuglie. Antonio Fasano (foto), medico specialista in malattie infettive presso l’Asl di Brindisi, è stato eletto all’unanimità a capo della segreteria locale il 6 novembre scorso. «Nel mio discorso programmatico – afferma Fasano – ho sottolineato l'importanza della base e quindi dei circoli per ricucire il rapporto di fiducia tra la gente e la politica. Prediligerò in particolare i temi riguardanti lo sviluppo del territorio, l'ecologia e la salute pubblica. Mi piacerebbe aprire dei tavoli tematici con tutte le persone interessate a queste problematiche anche in maniera trasversale rispetto alle diverse posizioni politiche». GP

«Il museo è uno dei luoghi che danno l'idea più elevata dell'uomo». Con queste parole, André Malraux, scrittore e politico francese, parlava del museo ne “La psicologia dell'arte”, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Parliamo, infatti, del luogo dove, per eccellenza, il passato si rende testimone, diventando un’attenta chiave di lettura del presente e del futuro. Quando, poi, il museo sorge in una piccola comunità, diventa una vera e propria ricchezza per tutti i cittadini, in particolare per i giovani. Accade a Tuglie dove la contemporanea presenza di due esposizioni permanenti e di una fermata ferroviaria (anche storica e di recente rimessa a nuovo) rappresentano un motivo di rinnovata attrazione turistica apprezzata anche dalle scolaresche. Il Museo della Civiltà contadina del Salento è una struttura privata, gestita da Pippi Bernardi e dall’Associazione Culturale “Amici del Museo”, mentre il Museo della Radio è di proprietà comunale ed è

Il museo della Civiltà contadina

Esposizioni della radio e delle cultura contadina diretto da Salvatore Giuseppe Micali, mentre il presidente onorario è Otello Petruzzi. Il primo museo, fondato nel 1982, è ubicato nel seicentesco Palazzo Ducale e conserva una raccolta di testimonianze della civiltà contadina dal XVII secolo alla Seconda Guerra Mondiale.

Attualmente, il Palazzo Ducale è anche una masseria didattica, fattoria sociale e agriturismo. Questo vuol dire che sono molte le attività previste per i suoi visitatori come, per esempio, esperimenti e prove pratiche di analisi dell’olio, del mosto, del vino. A settembre, il Museo si è arricchito della nuova fermata ferroviaria, a servizio delle scolaresche e degli ospiti, ripristinando ciò il progetto già utilizzato nei primi anni del Novecento dal duca Ferdinando Venturi. Il Museo della Radio, invece, conserva una ricca collezione di radio d'epoca, frutto di una minuziosa e trentennale ricerca di Salvatore Giuseppe Micali. La collezione è costituita da oltre cento pezzi, comprese le prime sperimentazioni radiofoniche, quando le componenti degli apparecchi erano prodotti artigianali ingombranti, e pur di straordinaria funzionalità. Il Museo, inaugurato nell’aprile 2004 alla presenza di Pippo Baudo, è sito in via Vittorio Veneto, nell’ex Frantoio Marulli ed è composto dalle sale espositive e da un frantoio ipogeo.


CAPRARICA IN BIBLIOTECA “Il romanzo dei Windsor” è il libro di Antonio Caprarica che verrà presentato il 2 dicembre, alle 19 nei locali della Biblioteca Comunale, nell’ambito degli eventi collaterali della rassegna "Tuglie incontra" curata da Gianpiero Pisanello.

ALEZIO 21 novembre - 4 dicembre 2013

Il volume di Tramacere

Problemi ed imprevisti

Una storia Lavori fermi e una moneta nei due da raccontare "Municipi" Il ritrovamento, del tutto casuale, di una moneta del XIV secolo in aperta campagna ha ispirato il singolare lavoro di ricerca condotto da Michele Tramacere (foto) e sfociato in un volume. Otto anni di ricerca sul territorio per scoprire Tuglie e il Salento da un altro punto di vista, quello delle monete e della numismatica. “Una storia da raccontare. La comunità di Tuglie (e quelle del Salento) attraverso le monete tra il VI e il XV secolo” è il lavoro editoriale presentato, giovedì 14 novembre, presso la sala conferenze del Museo della Civiltà contadina e del Salento. Ad intervenire come relatori sono stati i docenti Luigi Scorrano ed Enzo Pagliara, l’archeologo Cristiano Donato Villani e Pietro Paolo Testa, segretario regionale Puglia del Nia (Numismatici italiani associati). A t t r a v e rso le monete, Michele Tramacere ha confrontato i testi pubblicati dagli storici locali e quelli custoditi nei tanti archivi della provincia scoprendo, così, aneddoti, storie particolari ed anche clamorosi "strafalcioni" storici. «La molla per scrivere questo libro – afferma l’autore – è scattata otto anni fa quando, casualmente, in una campagna sul territorio di Tuglie ho rinvenuto un’antica moneta risalente al 1480, ovvero all’epoca del "Sacco di Otranto". Inizialmente pensavo che il materiale raccolto potesse essere utilizzato per la pubblicazione di una tesi, poi mi è sopraggiunta l’idea di scrivere questo volume che vuole essere un quadro cronologico, attraverso le monete, dal periodo di Giustiniano I fino agli Aragonesi del 1500». Il libro si può prenotare via e-mail attraverso l’indirizzo infomicheletramacere@yahoo.it oppure acquistare direttamente presso la Cartolibreria Pamar, sita in via Vittorio Veneto, a Tuglie. GP

I due palazzi comunali, quello vecchio in piazza Vittorio Emanuele II (foto sopra) e il nuovo in via San Pancrazio (foto sotto), hanno entrambi “lavori in corso” momentaneamente interrotti. Per il primo esisteva un progetto originario di 100mila euro (Amministrazione Fernando D’Aprile), successivamente raddoppiato e modificato dall’Amministrazione Caroppo. Dopo l’avvio dei lavori, con il completamento dello scantinato, essendo sorti dei problemi con la ditta, il contratto fu risolto. Ora è stato fatto uno stralcio per utilizzare parte della rimanente somma (circa 120mila euro) per la realizzazione degli interventi ritenuti più urgenti, come l’ascensore. «Ma la legge di stabilità - sottolinea il sindaco Vincenzo Romano - impone delle scelte. Con un saldo positivo richiesto raddoppiato (da 100 a 198mila euro), 140mila euro in meno di trasferimenti statali e l’Imu sulla prima casa solo parzialmente rimborsata dallo Stato, la coperta è sempre più corta». Nell’ex municipio, invece, dove sono in corso lavori di ristrutturazione per trasformare l’edificio in Centro residenziale per minori, "sono sorti degli imprevisti tecnici, che hanno comportato piccole varianti ma l’opera dovrebbe essere ultimata entro marzo 2014", assicura il direttore dei lavori, l'ingegner Sebastiano RM Architetto.

Pag. 11

Attori e giornalisti protagonisti presso lo "Spazio arte Armonauti" il 22 sera

Penne affilate sul ring di Nicolas Pisanello

“Penne contro”, è la sfida che vedrà impegnati quattro giovani giornalisti di Piazzasalento e della Gazzetta del Mezzogiorno. La gara si terrà venerdì 22 novembre, presso la sede “Spazio arte Armonauti” di via Garibaldi ad Alezio (nei pressi della stazione ferroviaria), a partire dalle ore 20. I cronisti dovranno redigere un articolo di 20 righi, raccontando un fatto di cronaca, che tradotto in chiave drammaturgica da Danny H. Cortese, con la regia di Salvatore Coluccia, entrambi di Gallipoli Gallipoli, sarà messo in scena dai giovani attori del secondo e terzo anno della scuola teatrale Armonauti-Chinaski. Anna De Matteis, Pierangelo Tempesta, Maria Cristina Talà e Alessio Gianfreda, sono i nomi dei quattro giornalisti che si sfideranno e cercheranno di ottenere i voti più alti sia da parte del pubblico che della giuria. Quest’ultima sarà composta da Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento e ideatore dell’evento, Giuseppe Albahari, Claudia Minerva e Maria Rosaria De Lumè, rispettivamente giornalisti di Gazzetta del Mezzogiorno, Nuovo Quotidiano di Puglia e Piazzasalento. I trofei per la premiazione saranno offerti dalla ditta “Cri-

Fernando Nazaro, Fiorella Demitri, Gianni Alemanno, Vincenzo Grassi

Giurati altri giornalisti e il pubblico in sala La storia in 20 righe stalvetri” di Fernando Benvenga. La serata sarà allietata dalle note dei musicisti Viviana Casalino e Cristian Pagano, mentre

alla conclusione dell’evento si potranno degustare le tradizionali “pittule” e vino novello offerti dall’azienda “Vinolea” della signora Martina Romano. Già nei mesi scorsi lo "Spazio arte Armonauti" aveva ospitato , con successo, l'incontro a colpi di quartine in vernacolo, tra i poeti Franco Manni (di Racale) e Giuseppe Piro (di Gallipoli) svoltosi su di un ring immaginario.

Piovono libri rassegna nel museo Messapico Prosegue sino al 28 novembre la rassegna letteraria "Piovono libri" presso la biblioteca del museo civico Messapico di via Kennedy. Organizzato dagli assessorati alla Cultura ed alle Pari opportunità del Comune, l'evento proporrà "A volo di gabbiano", a cura di Vincenzo Prete (di Gallipoli Gallipoli), martedì 26 novembre e Rewind", a cura di Davide Simeone, giovedì 28 (entrambi gli incontri sono previsti alle ore 18). La rassegna ha già registrato la presenza di Paolo Paticchio (con il suo "Post"), nell'inaugurazione del 7 novembre, ed a seguire anche di Giorgio Tricarico ("Nc'è permessu?") e Luigi Saccomanno ("Scrittori brutta razza"), entrambi di Gallipoli (il secondo nella foto), Raffaele Polo e Danilo Siciliano.

Successo del gruppo aletino al Festival del cinema con "Stabat Mater" di Simone Presentato con successo al recente "Festival del cinema" di Roma, il videoclip “Stabat Mater”, realizzato dalla casa di produzione video "SprinGo Film" di Alezio, con la regia di Federico Mudoni. Il video verrà premiato, con la motivazione “Il cinema incontra la cultura in musica”, il prossimo 2 dicembre presso il "Nuovo cinema Aquila" di Roma per la rassegna "Videoclip 2013- Il cinema incontra la musica". Interpreti del video, ambientato nella suggestiva cornice delle Capo “Tajate” di Acquarica del Capo, i cantanti Franco Simone di Acquarica (anche autore delle musiche su testo originale in latino di Jacopone da Todi), Michele Cortese di Gallipoli (già vincitore di "X-factor" con "Aram quartet") e il tenore Gianluca Paganelli.

"SprinGo" conquista Roma

Da sinistra Cortese, Mudoni, Delia Stanca (trucco), Franco Simone, Paolo Manco (attrezzi), il presidente Gino Stanca, Paganelli e Andrea Barba (sceneggiatura)

Ci trovate pure qui • BREAKBAR c/o staz. di serv. via Sannicola • SUPERMERCATO CATALDI via M. Albina • CAFFÈ VILLA PICCIOTTI via M. Albina,26 • MACELLERIA PRIMAN via M. Albina,4 • SUPERMERCATO CONAD via Gallipoli, 51 • PASTICCERIA LUCIA via Gallipoli • GLAMOUR CAFÈ via Parabita • TABACCHERIA BRAY via Roma,232 • SUPERMERCATO PUNTO SIMPLY via Battisti,42 • BAR TABACCHI RAHELI via G. Matteotti,50 • LA PASTICCERIA via Garibaldi • MEDILUX edicola via Raggi • MATISPORT via Immacolata, 23

Tra le altre nomination per il premio finale personaggi come Mastandrea, Papaleo, Mengoni, Gazzé, Alessandro Gassman, Renga e altri. «È una grande soddisfazione per tutti noi», dice il regista Federico Mudoni, che così racconta il suo percorso artistico: «Tutto è iniziato quando vinsi una videocamera partecipando ad un torneo Sannicola. Poi i di ping-pong a Sannicola primi cortometraggi e parodie, il corso per video-maker a Lecce con Edoardo Winspeare, la nascita della SprinGo, i primi videoclip e collaborazioni con gruppi musicali salentini. Springo è il nome del cane di Paolo; ma per noi "Spring" indica la nascita di un progetto, Go è la spinta per il successo».


NUMERI UTILI Carabinieri 0836 554031 Guardia medica 0836 554819 Municipio: 0836 552283; fax: 0836 554008; Sito ufficiale: www. comune.aradeo.le.it

ARADEO 21 novembre - 4 dicembre 2013

e- mail: protocollo.comune.aradeo@pec.rupar. puglia.it Polizia municipale: 0836 554014 Protezione civile: 0836 551032 Ufficio postale: 0836 555311

Pag. 12

Artisti di strada e gruppi musicali con gli artigiani pronti ad insegnare i vari mestieri ai bambini

L'Autorità regionale di Bacino approva il Pai

Nuovo piano Misericordia per Natale per il territorio Concorso e lotteria per incentivare gli acquisti in paese artigiani, a comporre essi stessi un piccolo oggetto. Allieteranno la zona molti artisti di strada oltre a gruppi musicali che suoneranno arie natalizie. La manifestazione è strettamente solidale, affidata al volontariato dei soci della Misericordia. Il Gruppo bandisce anche il concorso “Vetrina natalizia più bella 2013”, per premiare la vetrina che meglio trasmetterà lo spirito del Natale. Come è ormai tradizione, verrà poi rinnovata l’iniziativa, cui tutti possono partecipare, di far recapitare da un “vero” Babbo Natale un dono ad una persona cara.

di Roberto Barone

Si avvicina il Natale e i volontari dell'associazione onlus "Misericordia" di Aradeo, sezione "Dott. Riccardo Caggia", è pronta a rinnovare le sue iniziative di solidarietà per far rivivere la magia di una festa che, malgrado tutto, continua ad essere la più sentita. Il progetto di quest’anno è “Insieme a Natale 2013”, da realizzare nei tre pomeriggi delle domeniche che precedono la grande festa. L’iniziativa parte in collaborazione con gli esercizi commerciali del paese. I cittadini saranno incoraggiati a fare i loro acquisti natalizi ad Aradeo ed in cambio riceveranno un biglietto della lotteria “Insieme a Natale 2013”, partecipando all’estrazione di numerosissimi premi. La zona che comprende via Congrua, via Tripoli, il vecchio quartiere di Santa Caterina, piazzetta Indipendenza, piazza Camine, via Salvo D’Acquisto, via Giusti, costituirà un’isola pedonale che sarà adibita al mercatino natalizio. In esposizione molti oggetti realizzati da abili artigiani del luogo. I bambini saranno incoraggiati, sotto la guida dei maestri

Volontari in azione durante le scorse festività di fine anno

Per Santa Cecilia concerti per strada e in parrocchia Concerto per Santa Cecilia venerdì 22 novembre per le vie del paese e presso la parrocchia di San Rocco con il “Concerto musicale-Città di Aradeo” e il “Coro polifonico-Amici della musica”. La banda e il coro (foto) fanno parte dell’associazione

Spettacoli al "Modugno" e ad Ugento

Il "Festival dei Popoli" fa tappa ad Aradeo di Sandra Signorella

Il messaggio che si vuole trasmettere è quello della “fraternità tra popoli che abitano le due sponde del Mediterraneo, in uno scambio di tradizioni, cultura, musica”. È con questo spirito, illustrato dal responsabile dell'ufficio Cultura Michele Bovino, che il Comune di Aradeo ha adottato, anche per il 2013, il progetto "Festival internazionale dei popoli" (nella foto nel 2012) proposto dal Centro turistico studentesco e giovanile “Lupiae” di Lecce. Ricco e articolato il programma che prevede l'arrivo ad Aradeo dei partecipanti al festival è previsto per la Vigilia di Natale. Il 26 avrà luogo un concerto Ugento, altro Comusicale al Museo archeologico di Ugento mune coinvolto nell’iniziativa insieme a Tricase. Il 27, al teatro Modugno, verrà inaugurata la mostra fotografica “Di colore africano” ed il 28 ci sarà il "Tour del Barocco" a Lecce ed il concerto a "Palazzo Principi Gallone" a Tricase con relativa festa e cena interculturale. Quindi il 29 e workshop e interazione musicale tra artisti ospiti e artisti italiani con un altro concerto al Modugno. Si prosegue il 30 con un tour alla scoperta della terracotta e delle ceramiche a Tricase e frazioni e, per chiudere in bellezza, con il Concerto di Capodanno a Lecce la notte di San Silvestro. Il progetto è finanziato dalla Regione con fondi comunitari.Il budget complessivo, come specificato nella determina n. 308 dello scorso 8 novembre della Giunta comunale, è pari a 86mila euro cui si fa fronte con gli apporti garantiti dal Comune di Aradeo per 15mila euro, Regione 25mila euro, altri Comuni 15mila euro, Cts 5mila euro, altri partner internazionali 23mila euro, Conservatorio musicale 3mila euro.

guidata da Enzo Aloisi che si è distinta per i tanti concerti anche fuori dal Salento ed all’estero. Quest’anno l’associazione si è aggiudicata il bando “Bollenti spiriti” con il progetto Orchestra e Banda Musicale riservato a tutti i ragazzi della scuola elementare.

Approvato definitivamente con deliberazione del Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino della Puglia il "Piano di assetto idrogeologico" per il territorio comunale di Aradeo. Il progetto nasce a livello regionale per la necessità di avere un quadro conoscitivo generale del territorio, individuando e perimetrando aree a rischio idrogeologico. Per un comune come Aradeo, collocato a valle rispetto a Neviano e Collepasso, e quindi sul percorso naturale di canali e scoline, l’attenzione per le aree a rischio non può, dunque, che essere al massimo. Lo attraversano, infatti, i canali Raschione e Fontana, lo costeggiano quelli dell’Asso e Ruga, oltre a scoline come quella denominata Tre Pile (che incideva su via Paolo VI). Le vicende legate al Pai del paese sono state abbastanza contorte. L’Autorità di Bacino, di sua iniziativa e in base a notizie non fornite dal Comune, basandosi su vecchie cartografie, adottò il primo Piano nel 2004, perimetrando e facendo scattare le misure di salvaguardia

Il Consiglio comunale torna a riunirsi dopo oltre cinque mesi. Rimane la Tarsu Protesta dei consiglieri di minoranza Stefano Chezzi, Pasquale Chiriatti e Luigi Arcuti. L'Assise cittadina è tornata a riunirsi lo scorso 14 novembre ma la precedente convocazione risaliva al 6 giugno: le minoranze hanno protestato anche perchè la recente riunione, pur se con caratteristiche "d'urgenza", non sarebbe stata convocata, a loro dire, nei termini previsti dal Regolamento e comunicano di aver informato il Prefetto dei loro diritti negati. Dopo aver respinto la loro proposta di rinvio della seduta, il Consiglio ha affrontato il problema del metodo da individuare per il pagamento dei tributi sui rifiuti solidi urbani. La Tares tiene principalmente conto del numero di persone che producono rifiuti, mentre la Tarsu è basata soprattutto sulla dimensione delle abitazioni. Su proposta dell’assessore al Bilancio Walter Arcuti, la maggioranza ha proposto (e poi approvato) di non adottare la Tares (come si era deliberato nel Consiglio di giugno) "perchè colpisce le famiglie numerose quali maggiori produttori di rifiuti e perchè colpisce in maniera eccessiva alcune categorie commerciali”.

Minoranze all'attaco su tasse e assunzioni

Stefano Chezzi e il Municipio

Negativa la posizione dei gruppi di minoranza che non votano la delibera "perchè non coinvolti nelle scelte da adottare". Le opposizioni hanno anche espresso "dubbi" sulla regolarità del bando per l'assunzione a tempo determinato (12 ore part-time) di quattro agenti di Polizia municipale per il 2013 e di due nel 2014, chiedendo la revoca, o la sospensione, della relativa delibera. «Occorre chiedere parere sulla correttezza della delibera alla Corte dei conti, all’Anci e all’Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni», hanno fatto sapere mentre la maggioranza ha respinto la proposta ribadendo “la certezza della puntuale osservanza e rispondenza del procedimento alle norme di legge e di contratto, come peraltro avallato da un insigne studioso della materia”. RB

su una zona non soggetta, però, a grandi rischi di allagamenti (piazza San Nicola, via Osanna, via Pozzi Dolci, via Tripoli). Il Comune ripropose poi la modifica identificando le zone effettivamente a rischio (via Cutrofiano, via Aldo Moro, via Paolo VI). A fine 2005 l’Autorità di bacino recepì, dunque, le modifiche, individuando le aree realmente ad alta e bassa pericolosità idraulica, ma senza rimuove il vincolo sulla prima perimetrazione. Nel 2006, poi, il Comune di Aradeo, insieme ad un’alra trentina di paesi fece ricorso al Tribunale superiore delle acque. Il vecchio Piano decade in tal modo e tutte le zone ritornano libere. Dovendo provvedere ad un nuovo Pai (indispensabile anche per la redazione del Piano urbanistico generale), dopo una serie di incontri tecnici, è stato definito il nuovo progetto (parametrato sulle aree effettivamente a rischio) adottato nel 2012, con l'Amministrazione retta da Daniele Perulli (foto) e ora ratificato. RB

Ufficio postale premiato Importante riconoscimento per l’Ufficio postale di Aradeo nell’ambito del recente meeting di "Poste italiane" e "Cassa depositi e prestiti" svoltosi a Marina di Ostuni. Al centro dei lavori i temi del risparmio postale e della qualità dei servizi. Tra i "risultati di eccellenza" anche quelli conseguiti dall'ufficio di Aradeo, rappresentato dalla direttrice Lorenza Perulli, che ha centrato, come specificato in una nota di Poste Italiane, “un significativo primato nella classifica assoluta”. Presente alla cerimonia anche Roberto Minicuci, responsabile dell’area territoriale Sud 1 che comprende Puglia, Basilicata e Molise.

Valentina Chetta nel segno dell'unità ritrovata tra i democratici

Incetta di vittorie ai Campionati nazionali esordienti

Nuovo segretario Pd: è una donna

La "Pesistica" in evidenza

Il nuovo segretario del Partito Democratico è Valentina Chetta (foto). La giovane ingegnere è stata scelta dal congresso cittadino che si è svolto lo scorso 6 novembre. «Sono felice di avere nel direttivo con me, in questo impegno, un gruppo coeso formato da uomini e donne che hanno deciso di mettere a disposizione tempo e competenze per concorrere alla risoluzione dei problemi di Aradeo. Di certo - ha dichiarato la neo eletta - occorre non ripetere gli errori del passato». Come lei stessa ci tiene a sottolineare, il circolo di Aradeo rivendica una sua autonomia, confermando le scelte già espresse nel congresso provinciale “di

fare politica a partire dai contenuti e non dai leader o dalle correnti”. Nonostante, quindi, la complessa vicenda delle comunali del maggio 2012, che vide il centrosinistra spaccato in due liste (“Aradeo domani” con 2149 voti e “Aradeo ora” con 1671 voti), favorendo di fatto l’elezione a sindaco di Daniele Perulli (con voti 2296), il circolo Pd sembra aver ritrovato una sua unità presentando un’unica lista per la candidatura del nuovo segretario. Il primo importante appuntamento con iscritti e simpatizzanti è ora l’8 dicembre, giorno delle primarie per la scelta del segretario nazionale del Pd. RB

Tutti sul podio i quattro atleti della Pesistica Aradeo nei recenti Campionati Italiani Esordienti che si sono svolti a Malpensa. Anche grazie a questo risultato, la società di Aradeo è ora al 2° posto della classifica nazionale. Alessia Rizzo ha vinto la medaglia d’oro nei 69 kg. Primo posto anche per Benedetto Minerba, seguito dal compagno Gabriel Sciumbarruto. Si è classificato al 3° posto, conquistando la medaglia di bronzo, Antonio Resta nella categoria 62 kg raggiungendo la considerevole misura di 50 kg nello strappo e 70 kg nello slancio.

Alessia Rizzo


SCRITTURA CREATIVA CON L'ARCI Termina il 15 dicembre il “Laboratorio di scrittura creativa” attivato dall'Arci club Gallery (nella foto la presidente Rossella Bruno). Il corso è rivolto ad appassionati scrittori dai 14 anni in su. I sei moduli previsti prevedono un incontro a settimana e vanno dall’analisi dei diversi generi letterari come poesia, prosa, teatro. Previsto anche un modulo di scrittura sul web.

SECL ECLÌÌ 21 novembre - 4 dicembre 2013

NUMERI UTILI Municipio: tel. 0836 554213 fax: 0836 554686; Sito ufficiale: www. comune.seclì.le.it Polizia municipale: tel. 0836 554376 Protezione civile: cell. 328 8483955 Pro loco: tel. 0836 551560

Pag. 13

Condannato un 24enne in azione a Galatina

Il documento programmatico deve tener conto anche delle difficoltà dell'Unione Serre salentine

Furti e minacce costano 4 anni

Bilancio tra debiti e tagli

È di quattro anni e cinque mesi la condanna inflitta al 24enne di Aradeo A.G. per una storia che non parla soltanto di di furti e rapine ma anche di minacce ed estorsioni. I fatti risalgono allo scorso aprile quando il giovane avrebbe sottratto ad un 49enne di Galatina una collana d’oro (d'ingente valore) con l’espediente di controllare se, per caso, non fosse proprio quella che gli era stata rubata. Di fatto la collana diventa il classico “cavallo di ritorno” con l’aradeino che, secondo le accuse mossegli in sede giudiziaria, inizia a minacciare il vero derubato avanzando continue richieste di denaro con frasi dal tenore poco equivoco e minacce anche telefoniche. Altro episodio quello compiuto a Galatina dove, dopo essersi introdotto nell’abitazione di un’anziana con la scusa di poter fare una telefonata, avrebbe poi portato via una borsa ed un bracciale d’oro strappato dal braccio della proprietaria di casa. Sulle sue tracce si sono subito orientati i poliziotti del Commissariato di Galatina che lo hanno colto "in flagranza di rea-

to" mentre era in piazza Aligheri, a Galatina, ovvero nel luogo concordato per telefono per lo scambio tra i soldi e la collana. Il 24enne, nei giorni scorsi, ha patteggiato una pena (nella foto il tribunale di Lecce) di reclusione di quattro anni e cinque mesi: le accuse nei suoi confronti sono state di estorsione, tentata e consumata, rapina aggravata e furti con destrezza. Il suo legale ha annunciato la presentazione di un’istanza per chiedere l’applicazione delle misure alternative alla carcerazione.

Calcio

L'Atletico si presenta bene Al campo giovani e ragazze Non poteva iniziare meglio la nuova avventura calcistica dell’Atletico Aradeo: due partite, due vittorie. La pioggia ha un po’ rovinato la festa della partita interna di apertura del 10 novembre con il Taviano Taviano, ma la gradinata centrale del “Comunale” era ugualmente piena di tifosi giunti in oltre 400 ad applaudire la squadra, assente dalla scena calcistica dal 2009, anno in cui partecipò al campionato di 2ª categoria. Una tifoseria completamente nuova, fatta di molti giovanissimi e di numerose ragazze. La vittoria piena per 3 a 1 ( reti di Giulio Patera, Mauro Inguscio e Danilo Tommasi per l’Aradeo e di Simone D’Amilo per il Taviano) ha ripagato pienamente i presenti. Tifo alle stelle degli ultras che hanno costantemente incoraggiato con cori gli atleti in campo. Fumogeni, striscioni, palloncini e bandiere hanno contribuito ad aumentare il clima di festa. Vittoria anche nella seconda giornata (domenica 17 novembre) al “Comunale” di Collepasso (2 a 1 per l’Aradeo). Chiaramente soddisfatto il presidente Antonio Tramacere, sicuramente molto stimato nell’ambiente per il suo impegno decennale nel calcio. Non a caso ha avuto il pubblico elogio del presidente regionale della federazione Dilettanti Vito Tisci prima dell’inizio del torneo. La società e la squadra sono stati presentati al paese con una pubblica manifestazione tenutasi nella sala consiliare del Comune lo scorso 6 novembre. Dopo gli auguri del sindaco Daniele Perulli, il presidente Tramacere ha tracciato le linee lungo le quali si muoverà la società. "Costruire" è stata la parola più usata dai presenti. RB

fondi subito dal Bilancio dell’Unione dei Comuni delle Serre salentine. Nonostante questi elementi negativi, l’assessore Muscara dichiara la soddisfazione dell’Amministrazione “per essere riuscita in questi anni a contenere il prelievo comunale attraverso l'Imu e l'addizionale Irpef, applicando aliquote che risultano essere le più basse tra i Comuni della provincia e abbassando, al minimo stabilito dalla legge, le tariffe per l’occupazione del suolo pubblico nei mesi estivi, a vantaggio degli esercenti e delle attività commerciali e, per le opere pubbliche, attingendo sempre a finanziamenti europei senza costi a carico del Comune o al massimo, con compartecipazioni minime”.

di Roberto Barone

L’Amministrazione comunale prepara le ultime limature al Bilancio che verrà portato all’approvazione del Consiglio a fine novembre. «L’obiettivo è quello di reperire le risorse necessarie per evitare l’aumento dei tributi», afferma l'assessore al Bilancio Osvaldo Muscara. Anche Seclì, come tanti altri Comuni, è alle prese con la drastica riduzione delle somme messe a disposizione dal Governo centrale ed è costretto a cercare i fondi necessari direttamente sul territorio. Per Seclì, l’assessore Muscara fornisce i dati che condizionano le scelte dell’Amministrazione dal 2009: «Trasferimenti statali diminuiti di 110mila euro l’anno, altri 100mila euro l’anno utilizzati per sanare debiti del Comune ereditati dal passato». Ma i maggiori problemi vengono dalla gestione della raccolta dei rifiuti urbani e dal continuo aumento delle tariffe per lo smaltimento. Indipendentemente se il Comune rimarrà in regime di Tarsu o passerà alla Tares, dovrà in ogni caso riscuotere trenta centesimi di euro per ogni metro quadrato di superficie imponibile e versarli allo Stato. Inoltre il Bilancio comunale dovrà probabilmente farsi anche carico, in quota parte, di un taglio dei

Sportello turistico con il Sac Prende forma il Centro informativo turistico, una struttura che ha l’obiettivo di creare i presupposti per la valorizzazione ricettiva del territorio. Per Seclì, il progetto punta ad attirare i turisti dalla costa verso l’entroterra. L’idea di fondo nasce nell’ambito del Sac, i fondi culturali intercomunali che vedono Sannicola quale capofila. L’obiettivo è collegare i siti turistici locali a quelli regionali e nazionali. Seclì è un borgo medievale che aspira a farsi conoscere da un pubblico sempre maggiore. In questi anni le varie Amministrazioni comunali hanno lavorato molto per valorizzare i monumenti del paese. Una bella realtà è il Castello dei duchi D’Amato, in gran parte restaurato insieme ai suoi giardini. Per il futuro si punta al recupero del Convento dei frati minori, da utilizzare come collegio universitario per accogliere giovani provenienti da tutte le parti del mondo. Presto partiranno i lavori per il Museo dell’Arte contadina nell’ex Municipio di piazza San Paolo. Monumenti e percorsi ciclabili (attraverso i quali ammirare la campagna salentina) dovrebbero aprire le porte al grande turismo. RB

L'assessore Osvaldo Muscara ed il Comune

Parco delle Serre Ioniche c'è l'adesione alla costituzione Con una recente delibera di Consiglio, anche Seclì ha approvato lo schema di protocollo d’intesa per la costituzione del Parco delle Serre Ioniche. L’obiettivo è quello di creare "le condizioni per accedere a finanziamenti europei per la conservazione e la valorizzazione di tutti gli elementi caratterizzanti il paesaggio salentino, dai muretti a secco agli oliveti", che per Seclì riguardano la zona verso Sannicola. Fra gli obiettivi primari, la realizzazione del nicola progetto regionale “Patto città-campagna”.

La campagna in zona Lapiri

"Lu contrattu te lu matrimonio" in scena per le festività di fine anno

Tornano "Li Sichigliati" Il gruppo teatrale locale “Li Sichigliati e … non solo” è al lavoro per completare la nuova commedia in vernacolo “Lu contrattu te lu matrimoniu”, con l’obiettivo di metterla in scena a fine anno per le festività natalizie. Come in molti lavori precedenti, si attualizza uno spaccato di vicende e storie del passato, collegandole ad atteggiamenti e situazioni del mondo moderno. Ancora una volta capocomico, regista, cuore ed anima dell’iniziativa è Salvatore Cardinale. Con lui in questa nuova avventura la sua “grande famiglia” di attori troviamo Patrizia Casarano, Sonia Giaffreda, Sergio Cardinale, Salvatore Mighali, Patrizia Donadei, Leo Negro, Celestino Miglietta, Mirella Minerba, Mariangela Negro, Luigina Negro, Antonella Negro, Alessandro Carallo. Fanno anche parte del gruppo Vanessa Colazzo (vocalist), Mattia Carluccio (chitarra) ed Elena Stifani (scenografa e costumista). Al centro della storia messa in scena, la parte di “dote” spettante allo sposo e quella che, pena l'annullamento del matrimonio, sarà a carico della futura moglie. Fanno da cornice ai personaggi principali, il parroco, il sacrestano e le immancabili comari, in un susseguirsi di situazioni grottesche, equivoche e sicuramente comiche. Introduce lo spettacolo una canzone di Vanessa Colazzo, accompagnata da Mattia Carluccio alla chitarra. RB

Il gruppo teatrale dialettale

Le emozioni di Pantaleo Pepe per la festa del IV Novembre Ammirazione, rispetto, commozione… Poche parole che non bastano a descrivere i sentimenti suscitati da Pantaleo Pepe (foto) nel suo intervento , "non programmato", in occasione della Festa del 4 Novembre. L’uomo, che ha compiuto 98 anni ed è costretto su di una sedia a rotelle, ha recitato una poesia alla Patria imparata quando aveva 8 anni e frequentava la 3ª elementare. Anche se con la pronuncia, a momenti, stentata per l'età, quando ha pronunziato, con enfasi, le parole “libertà” e “Patria” si è avvertito tutto il travaglio di una vita.


NUMERI UTILI: Carabinieri: 0833 865010 Guardia medica: 0833 867190 Municipio: 0833 865053; Sito ufficiale: www.comune. galatone.le.it;e-mail: info@comune.galatone. le.it; Polizia municipale 0833 865028 Servizi sociali: 0833 880022

GALATONE 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pullman, i problemi dopo la protesta

infatti, capitato molto spesso che alcuni pullman non siano partiti proprio per problemi tecnici di vario genere, con moltissimi studenti rimasti a terra. E adesso che i giorni di pioggia si fanno più frequenti, i ragazzi lamentano addirittura di

Nisi sceglie Zacchino e Miglietta

«Tariffe invariate e maggiori costi»

I primi nomi dello staff del Sindaco

Maggioranza e Pd: è polemica sulla Tarsu

Sono Elena Zacchino (architetto) e Chiara Miglietta (laureata in Beni culturali) i primi due componenti dell’ufficio di staff selezionati dal sindaco Livio Nisi. Gli altri due nomi dovrebbero essere resi noti nei prossimi giorni. Tutti verranno assunti, chi come istruttore direttivo e chi come istruttore semplice, sino al 31 dicembre prossimo, “fatta salva la possibilità di successiva conferma, totale o parziale, anche part-time, da effettuarsi nei limiti di spesa consentiti dalla normativa”, come si legge nell’avviso pubblico per il conferimento degli incarichi pubblicato l’otto ottobre scorso. Al bando di Palazzo dei Domenicani hanno risposto in 68. A far discutere sono soprattutto le modalità di valutazione dei vari “curricula” e di successiva scelta dei candidati, ovvero l’“intuitu personae”, per qui è stato lo stesso Sindaco a valutare e scegliere i profili professionali a cui conferire l’incarico, e non, dunque, come molti auspicavano, una commissione esterna. Lo staff sarà al servizio di Sindaco e Giunta. DC

È sempre scontro tra maggioranza e Pd rispetto al capitolo “rifiuti e tasse”. «La raccolta differenziata ha permesso di non aumentare le tariffe 2012 e di conservare la Tarsu evitando il passaggio alla Tares», riporta una nota diffusa dal Comune nella quale si da notizia pure del risparmio di circa 400mila euro “che ha permesso di assorbire i maggiori costi del servizio, gli oneri presunti dell’anno in corso relativi alla revisione del contratto nonché i contributi che il comune di Galatone dovrà corrispondere al comune di Poggiardo”. Il Pd locale ha, tuttavia, sottolineato quanto la maggioranza abbia semplicemente confermato le tariffe già aumentate lo scorso anno. «I galatonesi, attraverso la raccolta differenziata, hanno prodotto un risparmio per l’Amministrazione di oltre 400mila euro ma i cittadini che tipo di risparmio hanno concretamente avuto sul proprio bilancio familiare? L’Amministrazione quanto fa risparmiare? Nulla», si legge nella nota del coordinamento cittadino del Pd. DC

Studenti sui mezzi di trasporto pubblico sempre affollati

Agli Allievi la Coppa disciplina A risollevare gli animi della società galatonese, che quest’anno cerca spazio nel difficile campionato di Promozione, ci pensano i giovani e il loro comportamento esemplare in campo. È stata infatti assegnata alla società, per la categoria degli “Allievi provinciali”, la “Coppa disciplina”, un riconoscimento che va alle società che si sono distinte, con i loro tesserati, per un gioco particolarmente corretto (poche ammonizioni e cartellini rossi). Per l’Us Galatone questo è il secondo anno consecutivo, e per di più ad essere stati premiati sono gli stessi ragazzi (foto) che l’anno scorso militavano tra i “Giovanissimi provinciali”. SR

● BAR ZODIACO via A. Colitta 1 ● TABACCHI POTENZA via Del Mare 3 ● STAZIONE DI SERVIZIO Q8 via Del Mare ● LA FRUTTA via XXIV Maggio ● TABACCHI TUNDO via A. Moro 66 ● IL BARETTO via Cairoli 9 ● BAR TABACCHI presso stazione di servizio Agip via Savoia ● CAFFETTERIA MIRO' via XX Settembre ● FASHION CAFE’ c/o TotalErg str. prov. Sannicola ● SUPERMERCATO CARREFOUR via Galatina ● SUPERMERCATO IPER SIMPLY via Appennini 8 ● BAR STOP largo Itria, 1 ● TABACCHERIA CANALIS via Scorrano, 12 ● AGENZIA VIAGGI FIFLA via Roma

Pag. 14

Si fa sentire l’assenza di una corsa per Galatina Dopo la grande ondata di denunce delle scorse settimane, la situazione dei trasporti pubblici per gli studenti che ogni mattina si spostano da Galatone a Galatina non sembra essere granchè cambiata. La società Ferrovie del Sud-Est, soprattutto tramite le lamentele inoltrate da alcuni autisti, si è limitata a spostare di qualche minuto gli orari di alcune corse, per cercare di raccogliere quanti più utenti possibili presso le tre fermate (due in via Savoia, una in piazza SS. Crocifisso). Ma la sostanziale mancanza di una corriera (una corsa mattutina è stata soppressa all’inizio dell’anno per carenza di veicoli), si fa ancora sentire, soprattutto attraverso le incresciose situazioni di sovraffollamento, sia nel viaggio di andata che in quello di ritorno. Ma si fa incalzante un altro problema: la manutenzione dei mezzi. Nelle ultime settimane è,

Ci trovate pure qui

“dover entrare nelle corriere con gli ombrelli”, a causa di un persistente problema di infiltrazioni. Diverse famiglie si sono, ormai, organizzate diversamente costrette come sono ad accompagnando i propri figli a scuola con le auto.

Lauree “honoris causa” a Luigia Rolli e Francesco Carone

Sabato 23 novembre, a partire dalle ore 17, presso il Palazzo Marchesale di Galatone si inaugura il settimo anno accademico della sezione locale dell’Unitre (l’Università della terza età), denominata “I Galati”. Il presidente Elio Alba, docente universitario di Genetica da quest’anno in pensione, presenterà le attività previste previste per quest’anno. «La nostra Università offre la possibilità di frequentare due corsi, uno di scienze dell’alimentazione e uno di beni culturali», spiega il fondatore del sodalizio. Accanto a questi due percorsi si inseriscono i corsi comuni, come quello di inglese, che lo scorso anno ha portato gli iscritti per quindici giorni in Inghilterra, o di informatica, cartapesta, ginnastica dolce, e molte attività, tra cui escursioni e visite culturali.

L’Unitre inaugura l’anno accademico

Elio Alba

Quest’anno l’inaugurazione sarà segnata dal conferimento della laurea “honoris causa” all’ottantottenne Luigia Rolli Hofbauer, ex docente liceale, ed al recentemente scomparso Francesco Carone, medico di

famiglia di molti galatei, entrambi selezionati dall’apposita commissione interna. La “lectio magistralis” d’apertura sarà tenuta dal rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara. «Partiti dai 27 iscritti del primo anno 2007-2008, oggi siamo in 84 registrati ufficialmente», afferma con soddisfazione il professor Alba che, durante la cerimonia, consegnerà gli attestati di partecipazione ai corsi agli “studenti”. Interverranno anche il sindaco Livio Nisi, l’assessore Giovanna Rizzo e il Presidente della Provincia Antonio Gabellone; la serata sarà allietata dalla violinista Daniela Aloisi. AG

CLICK

La sede del Comune ed il sindaco Livio Nisi. Sotto il comandante della Polizia municipale Agostino Terragno

L’Amministrazione comunale deve gestire un incasso da 200mila euro

Multe da investire di Daniele Colitta

Che fine fanno gli introiti delle multe galatee? Una delle ultime delibere di Giunta svela la quadruplice destinazione degli incassi. Secondo a quanto stabilito dall’esecutivo cittadino, l’introito totale dell’anno in corso ammonterebbe a circa 200mila euro; da questa somma, tuttavia, sono subito sottratti 40mila euro da destinare alla ditta “Park Signal s.r.l” (la società che gestisce le strisce blu in città) per la remunerazione dell’attività degli ausiliari del traffico. Dei 160mila euro restanti, solo la metà – così dispone la legge – può essere adoperata per vari interventi. Ad attribuire al Comune tutti i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni accertate dalla Polizia locale è l’articolo 208 del Codice della strada, il quale permette agli enti comunali di reinvestire al massimo il 50% di quanto incassato. Il Governo della città ha, allora, inteso destinare 20mila euro degli introiti delle multe ad interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale comunale; altri 20mila euro, invece, andranno al potenziamento delle attività di controllo e di

accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche mediante l’acquisto di automezzi e attrezzature della Polizia municipale; mentre i 40mila euro restanti verranno impiegati per migliorare la sicurezza stradale, garantire la manutenzione delle strade di proprietà del Comune e pianificare interventi per la sicurezza stradale degli utenti più deboli, in primis bambini, anziani, disabili e ciclisti.

La manifestazione il 24 in piazza Pertini

Giornata dell’Arte rinviata Il maltempo dei giorni scorsi ha solo rimandato l’appuntamento con la “Giornata dell’arte”, organizzata dall’associazione sportiva “Punto danza”. La presidente del sodalizio Patrizia Conte definisce la manifestazione come una “vetrina che nasce dal bisogno generale di esprimersi, dato che a volte non c’è molto ascolto verso chi vuole farlo”. E allora ce ne sarà per tutti i gusti e soprattutto tutte le età: domenica 24 novembre piazza Pertini accoglierà, nella mattinata, i bambini e i gruppi scolastici, con l’intrattenimento e le loro realizzazioni grafico-pittoriche e non solo. Il pomeriggio spazio ai giovani con le esibizioni di vari artisti e gruppi rock e i murales su una delle pareti del piazzale, “adottata” per l’occasione. I graffiti rimarranno ad adornare lo spazio anche dopo l’evento. E poi la carrellata, sul palco, di tutte le compagini intervenute, con annessa premiazione e consegna dell’attestato da parte di una simbolica commissione. «Ringrazio l’Amministrazione comunale per l’appoggio fornitoci», conclude la Conte.

“GRATTA&VINCI” RUBATI Con l’accusa di truffa, è stata denunciata a piede libero la 30enne di Galatone “sorpresa” dalle telecamere di sorveglianza nel rubare, nei giorni scorsi, una ventina di tagliandi del “gratta&vinci” in una tabaccheria del centro. Approfittando di un momento di distrazione del titolare, la donna ha afferrato i biglietti del “Maximiliardario” presenti sul bancone per un valore di circa 500 euro. La sua identificazione è avvenuta il giorno dopo il fatto. IL FURTO DOPO IL CAFFÈ La visita di cortesia si trasforma in furto e per una 23enne di Galatone scatta la denuncia. È accaduto nei giorni scorsi in città quando la giovane si è recata a casa di una donna conosciuta in passato grazie all’attività di venditrice porta a porta. Alcune ore dopo averle offerto il caffè, la proprietaria di casa ha però scoperto che dal cofanetto della camera da letto mancavano un anello con diamanti ed un paio di orecchini con brillanti. Dopo la denuncia alla polizia, la refurtiva è stata rinvenuta in un “compro oro” della zona e poi riconsegnata alla legittima proprietaria. per la 23enne (incensurata) la denuncia è per ricettazione. PRETENDE UN LAVORO E DEVASTA I SERVIZI SOCIALI Pretende un lavoro e devasta gli uffici dei Servizi sociali. Protagonista della vicenda un giovane disoccupato che, nei giorni scorsi, si è recato negli uffici di via Beato Egidio per chiedere informazioni su una sua richiesta avanzata da tempo: un lavoro o almeno un tirocinio formativo. Avendo ottenuto l’ennesimo rinvio, l’uomo si è scatenato contro le suppellettili arrivando, nella sua disperazione, a minacciare un addetto. In seguito all’intervento dei carabinieri, per lui è scattata una denuncia a piede libero per minacce e danneggiamento aggravato.


via Termiti, 11 392 3403176 349 1439041

movingsportfitness@libero.it

movingsportfitness

PARABITA 21 novembre - 4 dicembre 2013

A.S.D.

A.S.D.

TUGLIE

TUGLIE

via Termiti, 11 392 3403176 349 1439041

movingsportfitness@libero.it

movingsportfitness

Pag. 15

La fornitura sarà microfiltrata e anche frizzante

Serve una nuova sede per Centro anziani e Adovos

Mensa "Acqua alla spina" a scuola: con il nuovo distributore bando dopo La pinacoteca occuperà anche il piano terra le proteste nel parco comunale

Lavori a Palazzo

L'erogatore troverà posto all'interno del parco "Aldo Moro". L'acqua costerà cinque centesimi al litro. Resta ancora da individuare la società che garantirà il servizio

di Daniela Palma

Cominciano a prendere forma i corposi progetti di ristrutturazione che stanno interessando Palazzo Ferrari e l'annesa pinacoteca Giannelli. Classificatasi 29ª nell’elenco delle strutture finanziabili, con un punteggio di 57 su 100, la pinacoteca riceverà un contributo regionale da destinare alla riqualificazione dei sistemi museali. Un progetto che in tutta la Puglia ha avuto un impegno di spesa pari a 25 milioni di euro e che porterà a Parabita circa 330mila euro, utili a provvedere ad una manutenzione straordinaria dell’immobile e a migliorare l’allestimento della galleria d’opere pittoriche. Nel piano degli interventi figura anche il trasferimento di alcune sezioni della pinacoteca al piano terra di palazzo Ferrari, nelle sale di proprietà comunale dove oggi trovano posto il circolo anziani “Don Tonino Bello” e l’Adovos “Fiorentino Greco”, per le quali si prospetterebbe, dunque, il problema di trovare una nuova sistemazione. Particolare cura sarà dedicata anche ai lavori di adeguamento alle vigenti normative sulla

La facciata esterna e, sopra, l'atrio di palazzo Ferrari

sicurezza e alla correzione delle annose difficoltà dovute a infiltrazioni e umidità. Tutti i percorsi e gli accessi museali interni alla pinacoteca, poi, saranno resi fruibili anche da parte dei diversamente abili. Il risultato ottenuto, dunque, si andrà ad aggiungere a quello dei 34 mila euro già stanziati dalla Provincia di Lecce, con la compartecipazione del Comune, per la ristrutturazione di due coperture voltate situate al primo piano di Palazzo Ferrari e la manutenzione del montascale per disabili.

Scade il prossimo primo dicembre il termine ultimo per la partecipazione al bando di gara per la refezione scolastica. Dopo le recenti polemiche da parte di molti genitori per il ritardo nell’attivazione del servizio, l’Amministrazione comunale ha indetto una “procedura aperta” per il servizio di refezione scolastica per gli alunni delle scuole dell’Infanzia, statali e paritarie convenzionate e della sezione a tempo prolungato della Primaria. La durata del servizio sarà di due anni scolastici e comunque di 16 mesi decorrenti dall’attivazione del servizio. Il prezzo a base d’asta è di 3,94 euro a pasto (oltre Iva) e l’importo dell’appalto ammonta a 374.969,80 euro oltre Iva. Alla scadenza, come specificato nel bando, l’appalto potrà essere prorogato per ulteriori sei mesi solo nel caso di proroga tecnica nell’attesa di una nuova aggiudicazione.

Dissetarsi con l’acqua pubblica non sarà più un’incognita. Sbarcherà a breve anche a Parabita, infatti, “la casa dell’acqua”, un progetto di valorizzazione della rete idrica collettiva nato con l’obiettivo di ridurre la mole di rifiuti in plastica degli imballaggi delle confezioni acquistate. Un erogatore posizionato all’interno del parco comunale Aldo Moro (ingresso a nord-est) distribuirà "acqua alla spina" - di fatto la stessa dell’acquedotto ma microfiltrata e refrigerata, naturale e, per chi lo desidera, anche gassata, al costo di cinque centesimi di euro per litro. Un’iniziativa che ha già raccolto consensi e adesioni corpose in tutta Italia e che promette di essere sicura ed accuratamente monitorata perchè certificata da controlli e disinfezioni periodiche degli organi competenti. Già stilato da parte degli uffici comunali il disciplinare di affidamento del servizio e concessione del suolo pubblico, resta ora solo l’incombenza di individuare la società, tra tutte quelle che ne hanno già fatto richiesta, con la quale stipulare la convenzione per i prossimi 5 anni. Tutti i costi tecnici saranno a carico della ditta stessa, che provvederà al posizionamento dell’impianto, alla realizzazione degli allacciamenti, alla manutenzione e ai controlli sanitari e batteriologici, e che trarrà il suo utile sia da gettoniera, schede o chiavette elettroniche per l’erogazione che dalla vendita diretta di bottiglie. DP

L'anniversario celebrato alla presenza dei volontari arrivati da tutta la provincia

10 anni di Protezione civile La Protezione civile “C. B. C. Cover”, presieduta da Aldo Romano in ricorrenza dei suoi primi dieci anni di attività sul territorio parabitano, ha festeggiato lo scorso 10 novembre una ricca cerimonia, presso il salone parrocchiale di Sant’Antonio. «Era l’11 novembre 2003 quando l’associazione emise il primo vagito stendendo un regolamento, uno statuto e un atto costitutivo», affermano i soci fondatori Donato Negro, Tommaso Provenzano e don Antonio Bruno (l’ex guida della parrocchia di San Giovanni Battista, Seclì). oggi parroco a Seclì Oggi, il gruppo associativo in collaborazione con il "Raggruppamento associazioni operative nazionali", opera costantemente sul territorio con diversi enti quali polizia municipale, carabinieri, vigili del fuoco e guardia forestale per garantire la sicurezza di tutti i cittadini. Quella del 10 novembre è stata una grande festa per la “C.B.C. Cover” che attraverso un manifesto affisso nelle scorse settimane in paese, invitava tutta la cittadinanza a celebrare questa ricorrenza insieme a tutti i volontari dell’associazione. Nel corso della giornata, prima di aver dato il via ad un dibattito, moderato dal presentatore Luigi Donateo e al quale hanno preso la parola i referenti delle diverse associazioni di Protezione civile della Provincia, tra cui anche la presidente Lucia Sergi dell’associazione Subacquea “Paolo Pinto” di Gallipoli Gallipoli, il programma ha previsto nella prima parte della mattinata,

Volontari in festa per il decennale. Il presidente Aldo Romano è in piedi con la maglietta scura dietro la torta

il raduno delle associazioni di Protezione civile presso largo San Pasquale e a seguire un corteo per le strade del paese al cui termine si è tenuta la cerimonia dell’alzabandiera, organizzata

dagli stessi soci della “C.B.C. Cover” per valorizzare e dare maggiore importanza al decimo anno di attività, raggiunto dall’associazione. GF

Ci trovate pure qui

● STAZIONE DI SERVIZIO AGIP via Alezio ● STAZIONE DI SERVIZIO CAMER via Alezio ● SUPERMAC via Matino ● STAZIONE DI SERVIZIO ENI via Prov. Matino ,39 ● SUPERMERCATO SISA via Lombardia 22 ● CANTINE DUE PALME via Impero ● TABACCHERIA RIA via Impero 165/a ● ‘NA MOZZACATA via Prov.le Matino ● SNACK BAR presso stazione di servizio Esso S. P. 334 per Casarano ● ALIMENTARI LA PUTIA via Nizza 10 ● SUPERMERCATO CARREFOUR via Salentina 15 ● CIQUATRES CAFÈ via L. Ferrari 40


Parabita

21 novembre - 4 dicembre 2013 DOMENICA 24 NOVEMBRE ARRIVA IL NUOVO VESCOVO Il 24 novembre Parabita accoglierà per la prima volta il nuovo vescovo della diocesi di NardòGallipoli, monsignor Fernando Gallipoli

16 Annullati i dieci anni per abusi su un minore

Compagnoni: processo da rifare per la Cassazione Processo da rifare a carico di Luigi Compagnone (foto), il sarto (oggi 86enne) già condannato nei primi due gradi di giudizio per abusi sessuali a carico di un bambino di sette anni. La nuova decisione arriva dalla Corte di Cassazione che ha ritenuto l'accusa nei suoi confronti fondata sulle sole dichiarazioni del piccolo, tra l'altro ascoltato "senza le cautele previste dalla Convenzione su diritti del fanciullo". La decisione dei giudici romani riapre una vicenda dai contorni sconcertanti che sembrava chiusa per sempre, non certo nei ricordi dei protagonisti, ma almeno nelle carte processuali. La Corte d'Appello di Lecce, alla quale ritornano ora gli atti per un nuovo giudizio, nell'aprile del 2012 aveva confermato i dieci anni di reclusione inflitti all'anziano in primo grado per essere stato ritenuto responsabile di "molestie e violenze" ai danni del minore il quale frequentava il doposcuola della moglie Jolanda Provenzano. La brutta storia venne fuori proprio da quanto il piccolo allievo raccontò alla

madre, oggi 39enne, di Casarano. La donna, dopo aver ingurgitato quasi una bottiglia di whisky (malgrado fosse astemia) prese alcuni coltelli e si diresse nella casa dei due anziani coniugi, in via Dei Mille, per farsi giustizia. Nella baraonda che seguì, a morire sotto i colpi della giovane madre fu la 71enne moglie del sarto il quale, a sua volta, rimase gravemente ferito. Malgrado il "no" del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla sua richiesta di grazia, la donna ha ottenuto l'affidamento in prova ai Servizi sociali dal Tribunale di sorveglianza dopo aver scontato parte dei sette anni di pena inflittigli ai domiciliari. La donna, "pur nella consapevolezza di aver commesso un atto che non mi è proprio e che non può trovare il perdono della legge", si rivolgeva al Capo dello Stato "per concedere a mio figlio la possibilità di non perdere la madre in un momento così delicato della sua vita". Compagnone, da parte sua, si è sempre proclamato innocente.

Filograna (foto). Il programma prevede, alle 17, l’arrivo del vescovo presso la Basilica della Madonna della Coltura. Seguirà un suo saluto in forma privata alla Madonna e alle 17.30 le note

musicali del gruppo bandistico della parrocchia di Sant’Antonio accoglieranno il vescovo in piazza Umberto Iº con le Confraternite e le autorità. La celebrazione della messa alle 18 nella chiesa madre.

Nuova sede per Guardia medica, Consultorio, Centro prelievi e vaccinazioni di Daniela Palma

La guardia medica è finalmente pronta a cambiare sede. Cominceranno fra pochi giorni, infatti, i lavori di sistemazione dei locali attigui al palazzo municipale (foto) da adibire a Presidio sanitario territoriale. Soluzione che si era resa necessaria già da diverso tempo considerando le numerose segnalazioni di disagio, disorganizzazione ed irregolarità strutturali sullo storico plesso di via Giuseppe Ferrari. Ad annunciare la novità è stato lo stesso sindaco Alfredo Cacciapaglia, d’accordo con la Asl che si farà carico delle spese per l’esecuzione dei lavori di adeguamento. «La nuova sistemazione – ha spiegato il Primo cittadino – consentirà di migliorare l’offerta sia dei servizi sociali che sanitari resi ai cittadini, con notevoli benefici sia in termini di soddisfazione degli utenti che di risparmio gestionale». Nella nuova sede, oltre alla Guardia medica, troveranno posto il Consultorio familiare, il Centro prelievi e il punto vaccinazioni. A far tardare l’avvio delle operazioni di trasferimento, invocate e poi annunciate come imminenti già da anni, era stato, tra le altre cose, proprio il piano di riorganizzazione dei Consultori che, causa tagli economici, aveva escluso Parabita dalle sedi operanti a pieno regime, lasciando solo Casarano e Taurisano Taurisano. Decisione poi rivista in seguito alle proteste delle Amministrazioni e del personale delle

Il presidio sanitario in Comune restanti cittadine afferenti al diMatino, Superstretto, ovvero Matino sano, Collepasso e Ruffano. Tra le operazioni necessarie prima del trasferimento ci sarà la messa in sicurezza, la predisposizione di un impianto di videosorveglianza e illuminazione per scongiurare episodi di criminalità soprattutto notturni, e adeguamenti tecnici per isolarne l’accesso rispetto all’adiacente stazione di Polizia Municipale.

Il Pd conferma Alessandro Seclì Alessandro Seclì (foto) è stato riconfermato quale segretario del Pd a Parabita. Il giovane praticante avvocato già nel 2011 ricevette l'incarico di guidare il partito, in seguito alle dimissioni dell’allora segretario Stefano Prete, e nelle amministrative del 2010 si presentò come candidato consigliere comunale nella lista civica "Bene Comune" guidata dal candidato sindaco Gaetano Panese. Intanto nei giorni scorsi è stato il Tar di Lecce a confermare la sospensione dalla carica di consigliere comunale dello stesso Prete in seguito ad una condanna (ancorchè non definitiva) per abuso d'ufficio. Tale sospensione era stata già disposta dal Prefetto di Lecce.

CLICK TOMMASO PROVENZANO NUOVO PRESIDENTE DELLA PRO LOCO Tommaso Provenzano (foto) è il nuovo presidente della Pro Loco “Giovanni Vinci”. Succede al dimissionario Biagio Fasano (rimasto comunque nel direttivo). “Per motivi personali, ho preferito fare un passo indietro per il bene dell’associazione”, ha precisato l’ex presidente Fasano. Nel Consiglio direttivo restano la segretaria Manuela Milelli insieme agli altri componenti. Vice presidente è ora Carlo Nicoletti. Nelle prossime settimane la Pro Loco annuncerà il calendario delle iniziative natalizie. "CIRCO IN TASCA" CON L'ARCI Continuano gli spettacoli della rassegna "Circo in tasca" promossa dall'Arci "Freakout". Domenica 24 novembre sarà la volta del "Gran teatro del click" ed il primo dicembre di "Duo di due" (entrambi gli spettacoli sono in programma alle 18). La rassegna di teatro di strada è organizzata presso la zona Pip di Parabita.


MATINO 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pag. 17

La Fondazione della Banca popolare pugliese intitolata al presidente fondatore

Nel nome di Primiceri

Allo scopo di tutelare e promuovere "il patrimonio identitario pugliese", la Banca popolare pugliese ha dato vita alla Fondazione "Giorgio Primiceri". Il nuovo ente, con Parabita, è sorto nel sede a Parabita nome del suo fondatore (per 47 anni presidente della banca) con l’obiettivo di promuovere la raccolta di fondi da veicolare in iniziative di solidarietà, assistenza sanitaria, promozione del merito scolastico, valorizzazione dei beni culturali, tutela dell’ambiente e promozione della cultura, dell’arte e della ricerca scientifica.

Il presidente della Bpp Caforio

L'istituto dispone di una dotazione inziale di 100mila euro ma punta a coinvolgere partner ed istituzioni private ed istituzionali. I vari progetti da finanziare verranno vagliati dal Consiglio direttivo composto dal presidente Carmelo Caforio, dal suo vice Vitantonio Vinci, dal direttore generale Vito Primiceri e dai componenti esterni Giacinto Urso, già presidente e difensore civico della Provincia, e padre Tommaso Leopizzi, già

ministro provinciale dei Frati minori di Lecce al quale spettarà il compito di rapportarsi con il mondo dell'associazionismo. «Le motivazioni che hanno spinto il Consiglio di amministrazione della banca a compiere questo passo sono rappresentate dal bisogno di qualificare l'impegno sociale che l'istituto ha da sempre profuso a favore del territorio attraverso tante inziative a sfondo sociale», ha affermato Caforio.

L'appello a Napolitano e in tv a "Mi manda Rai Tre" di Maria A. Quintana

Non ha ancora avuto nessun risvolto positivo la storia che riguarda Marina Vitone e suo figlio Michele. La signora insegna matematica a Taranto ed è madre di Michele, un ragazzo di 21 anni affetto da “disturbi del comportamento con tratto di autismo ed epilessia” e da agosto, insieme a suo marito (anche lui insegnante a Taranto), vive un calvario fatto di quotidiane trasferte tra Matino e il capoluogo ionico. Il desiderio di trovare una struttura idonea ad assistere suo figlio, infatti, ha portato i coniugi presso la struttura “Amici di Nico” di Matino, ("l'unica idonea in Puglia"), dove Michele ha ottenuto in poco tempo importanti progressi. Dopo un anno di aspettativa la signora decide, quindi, di trasferirsi nella vicina Casarano e di chiedere il trasferimento della sede lavorativa in provincia di Lecce. Ad agosto scopre, però, di non poter ottenere lo spostamento "per mancanza di posti", pur essendo seconda in graduatoria. Dopo vari tentativi di cercare una soluzione tramite le istituzioni, la signora si rivolge anche al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. «Le scrivo perchè avverto sulla mia pelle il gravoso peso dell'abbandono istituzionale», si legge nell’accorato appello, fino ad ora rimasto inascoltato, nel quale la signora chiede “una rigorosa applicazione di quanto previsto dalla legge 104 del '92”. La sua storia raggiunge pure gli studi della trasmissione televisiva "Mi manda Rai Tre ". «In quest’occasione finalmente ho avuto modo di parlare con Franco Inglese, direttore

Il grido di Marina Lavoro a Taranto, cure al figlio qui Un aiuto ad anziani e disabili con "Abbasso il grigio" Anche quest’anno il Comune ha indetto un bando di selezione per il progetto del Servizio civile nazionale “Abbasso il grigio”. Dopo la presentazione delle istanze (scaduta il quattro novembre), nelle prossime settimane si procederà alla selezione dei volontari. Per il 2013 sono tre i posti a disposizione per un periodo totale di dodici mesi. Il progetto, di carattere sociale, si rivolge ad anziani e disabili che necessitano di assistenza. Attualmente nel Comune “i portatori di handicap minori o che ancora assolvono all’obbligo scolastico, sono circa 40, di cui 19 riconosciuti dalla L.104/92”, come scritto nel bando. Non solo per gli assistiti, dunque ma anche per le loro famiglie, il supporto dei volontari del Servizio civile è divenuto ormai un aiuto concreto nello svolgimento delle normali attività quotidiane o, a volte, anche solo per offrire un po’ di compagnia. MAQ La signora Vitone ospite di RaiTre

I disagi di una vita da pendolari per i genitori di un ragazzo ospite del centro diurno "Amici di Nico"

generale dell’Ufficio scolastico regionale, anche se - racconta la signora – non ha risolto la mia situazione rinviandomi al prossimo anno». Ma attendere il prossimo anno, per Marina e suo marito, vuol dire continuare a vivere da pendolari senza la possibilità di accompagnare serenamente i progressi del figlio. L’alternativa sa-

rebbe usufruire dell’ultimo anno di aspettativa di cui la signora dispone. «Non trovo giusto doverla chiedere quando c’è una legge che tutela la mia situazione», conclude la signora che non si abbatte ed anzi rilancia: «Non mi fermerò qui, andrò avanti perché la mia speranza è quella di non concludere l’anno scolastico in questo modo».

I bambini del "Gentile" a lezione in Comune A lezione in Comune. Questa l'esperienza degli alunni della 5ª B del plesso “Raffaele Gentile” che, nelle scorse settimane, si sono recati in Municipio accompagnati dall’insegnante Maria Carla Marsano e dagli assessori Pamela Lecci (Pari opportunità) e Fabrizio Coluccia (Pubblica istruzione). Gli alunni hanno visitato gli uffici dove i dirigenti hanno spiegato il funzionamento dei vari servizi. Al termine della mattinata la classe è stata accolta dal sindaco Tiziano Cataldi, dal presidente del Consiglio Elio Romano, dall'ex senatore Rosario Giorgio Costa e dal consigliere Massimiliano Romano. Tra le varie domande quella di Samuele che ha chiesto al Primo cittadino: «Consiglierebbe a qualcuno di intraprendere la vita politica?». «Certamente – è stata la risposta del Sindaco- ma prima di tutto è importante realizzarsi nel lavoro». MAQ

I cari "vecchi" amici per i 101 di nonno Cosimo

Dopo aver raggiunto il primo secolo di vita nel 2012, Cosimo Lezzi riparte da zero (o meglio da uno). Lo scorso 5 novembre ha, infatti, festeggiato il suo 101º compleanno insieme ad alcuni dei suoi “vecchi” amici, ovvero gli alunni della 5ª B (con lui nella foto) dell'Elementare "R. Gentile" che già lo scorso anno gli erano stati accanto. Anche questa volta i ragazzi sono ritornati presso la “FondazioCasarano, dove ne Filograna” di Casarano l'anziano risiede, consegnandogli dei messaggi. Inaspettata anche la

Campo con l'erbetta e collaborazione con la scuola calcio di Miccoli per l'Asd La stagione sportiva è già entrata nel vivo per l’Asd Matino. In "Seconda categoria" la squadra naviga a metà classifica ed è guidata dal nuovo tecnico Dario Mauro di Gallipoli Gallipoli, ex giocatore del Matino. Nomi nuovi anche nel direttivo della società con Cosimo Greco nel ruolo di presidente (al posto del dimissionario Antonio Gravinese) e Marco Romano, vicepresidente. «Puntiamo ai play off – afferma Greco - ed anche quest’anno investiremo molto nel settore giovanile». Il vivaio casalingo, da sempre punto di forza dell’Asd Matino è composto dai "Giovanissimi" allenati da Giovanni Toma, dagli "Esordienti" di Andrea Sicuro e dai "Pulcini" e "Piccoli amici" di Pasquale Greco. Anche per loro si è già dato via ai campionati e quest’anno ci sarà tanto da fare. L’ Asd Matino, infatti, ha avvia-

È verde il vivaio del Matino

La formazione degli Esordienti

to una collaborazione con la scuola calcio “Asd Fabrizio Miccoli” di San Donato. L’occasione per vederle insieme sarà l’inaugurazione del nuovo campetto in erba sintetica, riservato al settore giovanile. Un desiderio che si avvera per i dirigenti, ma anche per i piccoli giocatori come Manuel Barone, alunno della terza elementare del plesso “Nazario Sauro” che in un tema in classe dal titolo “Cosa faresti se avessi la bacchetta magica?” aveva parlato proprio di questo. «Un giorno con i miei amici stavamo giocando però un po’ scontenti, perché la terra si infilava dentro le scarpe e ci facevano male i piedi. Non ne potevo più presi la mia bacchetta e iniziai a trasformare il campo». A volte i sogni si avverano. MAQ

visita del sindaco Tiziano Cataldi il quale, insieme all’assessore Pamela Lecci, ha portato gli auguri della cittadinanza. Auguri "speciali" anche da parte del "Movimento cristiano lavoratori" che, con il presidente Rocco Vitali, ha inteso ricordare la sua lunga militanza consegnadogli una pergamena. Il nonno, circondato dall’affetto dei figli Rosario ed Antonio e dei nipoti, ha poi festeggiato insieme a tutti gli altri ospiti della casa di riposo. MAQ

Ci trovate pure qui ● BAR GREEN WOOD via Macchiavelli ● SUPERMERCATI FASANO (PAM) via F. Filzi ● BAR PINO via F. Filzi,69 ● CAFFETTERIA L’ARTE DEI SAPORI via Roma ● TABACCHERIA PASANISI piazza Giorgio Primiceri ● TONDO BAR via Del Mare ● BREAK CAFE’via Vittorio Veneto,105 ● CILLAS PUB viale Del mattino,2 ● TABACCHERIA PACELLA via Roma,429 ● TABACCHERIA ROMANO via Roma,135 ● TABACCHERIA ROMANO ROBERTO via Roma,221 ● COPIA@INCOLLA via Rimembranza,41 ● GALLERIA C.to Commerciale LE VELE


Far incontrare domande e offerte Qui si può

CASARANO 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pag. 18

Ci trovate pure qui ● CENTRO COMMERCIALE IPERMAC via Ezio Vanoni ● DIAMOND CAFE' viale Ferrari ● TABACCHERIA LEGGIO ANDREA viale Ferrari 43/e ● EDICOLA EDIZIONE STRAORDINARIA (ospedale) ● STAZIONE DI SERVIZIO PREITE via Matino ● TABACCHERIA FERRARO via Matino 152/b ● CAFFÈ EMAIL POINT via Messina ● CAFFÈ 7.5 via Poerio ● MACELLERIA FERRARO via Solferino ● TABACCHERIA TOMA viale Stazione ● TABACCHERIA FERRARI via XX Settembre 9 ● BAR SAN PAOLO piazza San Domenico ● CALZOLAIO IL VECCHIO SCARPONE via Concordia ● GLOBUS MAGAZZINO via Ruffano ● ALIMENTARI DA DEMETRIO via Ruffano ● PARRUCCHIERE DA EUGENIO via Roma 18 ● MERCATO COPERTO via Matino 38

Studenti e genitori sempre sul piede di guerra. Della questione trasporti pubblici si discute anche ad Acquarica del Capo di Ilaria Lia

"Il punto è che non ci sono risorse economiche per garantire il servizio di trasporto pullman per i ragazzi che vanno a scuola". Questo è quanto si è ripetuto anche durante il recente incontro che si è tenuto ad Acquarica del Capo con il sindaco, Francesco Ferraro, i ragazzi che frequentano gli istituti superiori di Casarano e i rispettivi genitori, per discutere, appunto, dei disagi legati al trasporto pubblico scolastico rinnovati ad anno scolastico già avviato. La riunione è stata solo l'ultima di una serie di manifestazioni svoltesi in tutto il Salento per chiedere "interventi immediati". Lo scorso 23 ottobre, proprio a Casarano era stato organizzato un corteo con la presenza degli studenti di tutti gli istituti superiori cittadini. Di fatto, però, non è cambiato nulla e continuano i malumori. Ad Acquarica sono stati rielencati i tanti disagi che rendono impossibile ai ragazzi il normale svolgimento dell'attività scolastica.

Bus pieni, i problemi restano

La protesta degli studenti in piazza Stazione

«I ragazzi oltre ai pullman sempre pieni, cosa frequente anche in passato, lamentano anche la scortesia del personale ed il mancato rispetto degli orari con gli studenti spesso lasciati a terra e le famiglie costrette, quando possibile, a sopperire», ha affermato ancora Ferraro. In passato era stato lo stesso Comune a porsi come interlocutore chiedendo risposte concrete. «Sappiamo che, per ristrettezze economiche, la Stp non ha piena disponibilità di mezzi e personale, ma non può abbandonare i ragazzi in questo stato. Si deve trovare una soluzione e questo spetta solo alla società di trasporti», conclude Ferraro. Intanto il consigliere provinciale (e comunale a Casarano) del Pd Gabriele Caputo torna a sollecitare la convocazione urgente delle competenti commissioni consiliari per discutere del problema.

La Giunta comunale ridisegna il perimetro urbano. Ecco cosa cambia di Mauro Stefàno

La città cresce, o meglio si espande, e necessita di una nuova “perimetrazione urbana”. Interi quartieri risultavano, finora, ancora in zona “extra-urbana” in quanto la precedente delimitazione risaliva, addirittura, a vent’anni addietro e necessitava di un aggiornamento che tenesse conto dello sviluppo, anche se in alcuni casi convulso e poco razionale, della città. L’intera operazione, oltre a dare un nome a strade finora prive di denominazione ed un numero civico ad abitazioni che finora non ne avevano, avrà come prime conseguenze anche l'applicazione delle relative norme del Codice della strada e comporterà, inoltre, il necessario adeguamento delle norme per alcuni servizi e tributi comunali. In vaste zone, non solo nel popoloso quartiere Pietrabianca ma anche nella zona adiacente l'ospedale, in direzione Matino, sulla collina della Campana, nella vasta area tra le stra-

La città che s'allarga Per le nuove strade in arrivo nomi e numeri civici limiti oltre i quali la città finisce per davvero. Sulla base delle istruzioni ricevute dall'Istat, tra l'altro, la distanza massima tra due eduifici o gruppi di edifici affinchè possano costituire un unico centro abitato è stata fissata in 75 metri lineari. Lo studio condotto, oltre a modificare i "capisaldi" di inzio e fine del centro abitato sulle strade provinciali di accesso, permette di apprezzare, con la sovrapposizione delle due planimetrie, quanto e come la città si è sviluppata nel corso dell'ultimo ventennio. Malgrado l'adozione del Piano regolatore generale, permane la frammentarietà delle nuove zone urbane venute a sorgere dov'era impensabile solo fino a poco tempo fa. Tante, più che altrove, restano le cosiddette "case sparse" realizzate in periferia o addirittura in piena campagna. Ciò comporta la necessità di prevedere nuove opere di "urbanizzazione primaria" con i servizi pubblici essenziali. Spetterà ora alla commissione comunale per la Toponomastica intervenire per dare i nomi alle strade. «Come abbiamo fatto già per la denominazione delle strade della zona industriale, anche per quelle del centro abitato ricorreremo alla consultazione dei cittadini», conclude l'assessore Parrotta.

«In molte zone è impossibile far arrivare la posta o il pronto intervento» de provinciali per Maglie e per Supersano nonchè oltre la linea ferroviaria in direzione di Melissano e nel nuovo quartiere tra via Salvemini e via Fabrizio De Andrè, può risultare difficile farsi recapitare una lettera o chiedere l'intervento dei mezzi di soccorso. «Al nostro insediamento abbiamo ricevuto continuamente segnalazioni di cittadini per problemi legati al fatto di abitare in una strada senza nome e senza un numero civico. Molti cittadini - afferma l'assessore ai Serivizi anagrafici Laura Parrotta - hanno difficoltà a ricevere la corrispondenza, e devono per esempio ricorrere ad una casella postale a pagamento ed inoltre potrà sembrare banale ma abitare in una strada non denominata o senza un numero civico a volte può causare problemi rilevanti quali la richiesta di intervento ad un mezzo di soccorso». Se la precedente delimitazione venne adottata con deliberazione di Giunta del 1995, l'attuale, effettuata dall'ufficio Tecnico comunale, è stata sviluppata con le "aerofotogrammetrie" ed anche con l'ausilio delle "ortofoto" ricavabili dal web per verificare i

La nuova planimetria urbana sovrapposta alla precedente. Accanto l'assessore Laura Parrotta

Lo studio sociologico evidenzia pregi e difetti di una comunità "in transizione"

Casarano allo specchio nella tesi di Villa Uno studio a 360 gradi sulla città, dalla sua storia allo sviluppo urbanistico, dagli aspetti ecomonici a quelli legati alla formazione del consenso politico. C’è questo, e molto altro, nella tesi di laurea "La politica a Smallville-Casarano, una comunità in transizione: dalla conquista della modernità alla condizione postmoderna" eleborata da Andrea Villa (foto), studente del corso di "Scritture giornalistiche e multimedialità" della facoltà di Lettere e filosofia dell'Università del Salento.

«Il lavoro di ricerca mi è stato ispirato da una simile indagine sociologica condotta agli inizi del '900 dai coniugi Lynd nella città americana di Muncie», afferma Villa. Ogni aspetto della vita cittadina è stato scandagliato, da quelli (solo apparentemente) futili a quelli più rilevanti, sino ad analizzare il modo in cui i casaranesi trascorrono il tempo libero o cercano occupazione (con il riferimento al precedente reportage di Villa dal titolo "Casarano: scarpari e call center").

Strade

Nuova viabilità con rondò, parcheggi e asfalto rifatto

Piccoli interventi per cambiare l'aspetto della città. Lo prevedono i progetti con i quali la Giunta comunale intende risistemare via San Domenico (foto), realizzare un rondò in zona Inps e mettere in sicurezza l'area di sosta nei pressi dell'ufficio postale centrale. Per via San Domenico (progetto da 80mila euro) si tratta di realizzare un nuova sede stradale visto che l'attuale è da tempo dissestata a causa delle prominenti radici degli alberi di pino. Sarà, invece, una "mini-rotatoria" urbana a regolare il transito nell'intricato crocevia tra le via Fabrizio De Andrè, Alto Agide ed Agnesi. La rotatoria in questione (da 62.789 euro) permetterà di avere svincoli più razionali ed adeguati alla notevole mole di traffico tra le strade che conducono alla zona industriale ed al popoloso quartire Pietrabianca. L'ultimo intervento è quello di sistemazione del parcheggio pubblico antistante l'ufficio postale di piazza Umberto I. In questo caso si prevede il "reimpianto delle essenze arboree allo stato non compatibili come posizionamento con gli stalli per il parcheggio da realizzare". In sostanza verranno estirpati gli alberi esistenti per permettere un maggior numero di parcheggi, tra l'altro quasi tutti a pagamento. Il progetto in questione, di ben 162mila euro, prevede il ripristino e la rifunzionalizzazione "a tutela della sicurezza e del corretto uso" dell'ampio marciapiede un tempo utilizzato solo dai residenti. Da segnalare come questi ultimi due interventi trovano copertura con il recupero di somme avanzate, e finora non utilizzate, da un finanziamento complessivo con la Cassa depositi e prestiti per 930mila euro.


Casarano

21 novembre - 4 dicembre 2013 TUMORI E RIFIUTI IL 24 UNA MARCIA SILENZIOSA Una fiaccolata silenziosa e senza simboli o vessilli per ricordare “le tante, troppe, persone care che ci hanno lasciato a causa di una pato-

Accanto alla Lodovini

Cura le coreografie

Bellisario Cantando e il suo Sud fa teatro nel primo film con Gullotta Si intitola “Il Sud è niente” la prima fatica cinematografica di Fabio Mollo, giovane calabrese all’esordio da regista. La pellicola narra una storia di silenzi, omertà e speranze. Del Sud. Un film raro nel panorama italiano, interpretato da Miriam Karlkvist, Vinicio Marchioni e Valentina Lodovini. E dal casaranese Andrea Bellisario (foto), giovane attore alla sua prima esperienza sul grande schermo. «Ringrazio Mollo per aver creduto in me, sono onorato di far parte di un cast di livello così alto», afferma Andrea, da poco diplomato al Centro sperimentale di cinematografia di Roma. «Ma la cosa che più mi gratifica è far parte di un progetto che parla del Meridione, della mia terra. Sono molto fortunato», continua Bellisario. L’emozione è quella di chi sente di aver compiuto il primo passo verso la realizzazione di un sogno: «Sin da bambino desideravo di entrare in questo mondo. La conferma che questa fosse la mia strada è arrivata quando, dopo varie selezioni, sono riuscito a conquistare un posto al Centro sperimentale, dove ho studiato per tre anni con un maestro d’eccezione come Giancarlo Giannini». Quella di Andrea è la storia a lieto fine di uno dei tanti talenti che questa terra è capace di offrire. Il Sud, in fondo, è anche questo. LP

nico. Di recente era stato il comitato intercomunale “Liberi dai veleni” (nella foto il dottor Giuseppe Serravezza) a chiedere “azioni concrete” per fare luce sull’abbandono dei rifiuti tossici sul territorio.

liogia tumorale”. Questa l’iniziativa che un gruppo spontaneo di cittadini ha organizzato per domencia 24 novembre con raduno alle 17 nella piazzetta antistante l’ospedale per poi raggiungere piazza San Dome-

C’è un pezzo di Casarano nello spettacolo “L’enigma dell’amore” che ha debuttato lo scorso 10 novembre al Teatro dei filodrammatici di Milano, riscuotendo plausi e consensi. Le coreografie, infatti, sono state curate dal casaranese Gabriele Cantando (a sinistra nella foto accanto a Gullotta). La pièce teatrale, dedicata al pioniere del movimento omosessuale Karl Heinrich Ulrichs, l’11 novembre ha fatto tappa a Brescia e sarà a Roma, al Teatro piccolo Eliseo, dal 13 al 18 maggio. “L’enigma dell’amore” è un lavoro di Saverio Aversa e Fabio Grossi, con Fabio Pasquini e Francesco Maccarinelli e la partecipazione in video di Leo Gullotta. La regia è affidata a Fabio Grossi, coadiuvato da Ugo Bencivenga. «Che dire? – commenta Cantando - Un’emozione grandissima. Ringrazio e faccio i complimenti a Grossi, sapiente regista che tanto mi sta insegnando, Ugo Bencivenga, per la sua professionalità e pazienza, Francesco Maccarinelli, per avermi “appicciat ‘e passione”, Fabio Pasquini, per il suo cuore e la sua grande capacità di essere “Karl”, tutti i tecnici e tutto lo staff». AN

Tra le ipotesi il trasferimento di dieci classi dal Comprensivo di via Messina a quello di Ruffano di Mauro Stefàno

Un corteo verso Palazzo di città ed una “lenzuolata” a scuola per dire “no” al ridimensionamento del loro Polo. Questo quanto deciso dai genitori dell’Istituto comprensivo di via Messina (1.200 iscritti) che protestano contro l’ipotizzato trasferimento di due intere sezioni di scuola Elementare per rafforzare il Polo 1 di via Ruffano (oggi a 594 iscritti). Malgrado l’Amministrazione abbia congelato la situazione rinviando ogni decisione alla Regione, genitori e docenti del Comprensivo più popoloso dei tre in città intendono andare avanti per reclamare la propria “autonomia e dignità”. «Abbiamo scelto questa scuola per i nostri figli e nessuno, con un atto d’imperio, potrà costringerci a cambiare. Piuttosto lasceremo i nostri bambini a casa», afferma-

Per bambini e ragazzi non solo spettacoli ma anche “Fiabe con merenda” ed un concorso di disegno

di Matino con “Marcovaldo”, e, per concludere, il 29 a Supersano con “Arcobaleni” al teatro dell’oratorio (tutti gli spettacoli sono alle 17.30 con ingresso gratuito).

Roberta Memmi miss Globe fa centro anche in Albania Ha incantato anche a Durazzo, non solo per la sua bellezza ma anche per le sue doti nel canto lirico, la studentessa del quinto anno del “Vanini” Roberta Memmi (foto) aggiudicandosi la fascia del Globe talent 2013. La ragazza ha indossato, per l’occasione, gli abiti delle collezioni di tre stilisti salentini, tra i quali anche Anna Maria Conte di Matino. La Memmi frequenta tino anche il conservatorio “Tito Schipa” di Lecce e in estate si è aggiudicata a Campomarino (Ta) la finale nazionale di Miss Motors Italy 2013.

Genitori davanti ai cancelli dell’Elementare di via Messina

Il “Vanini” vuole Pagliara

Teatro-ragazzi in auditorium

dicembre presso la sala consiliare di Taurisano con “Cappuccetto rosso”, il 14 a Collepasso, presso la scuola elementare, con “Mangiafuoco, Pinocchio e...”, il 21 al Teatro comunale

Torna la lite sui Poli

Il preside del liceo scientifico “Vanini” va in pensione e gli Con orgoglio e commostudenti protestano contro una zione, la dirigente scolastica decisione, quella del Giudice Filomena Giannelli (di Madel lavoro, che potrebbe portare tino) ha ritirato, lo scorso tino loro vari disagi. Su tutti la pos29 agosto, il premioe “Kalsibilità che i programmi i prolistos” 2013 l’Amminigetti didattici giàche avviati strazione possano esserecomunale interrotti manifestare proprio per le ha assegnato per il dall’arrivo di un nuovo chiedere la proroga del lavoro svolto, in cirdirigente. «Il cambio mandato sino a fine anno vent’anni, a capo - caammette Francesco scolastico». dell’istituto comStefàno, uno dei quattro Alle rimostranze deprensivo “Calvino” rappresentanti d’istitugli alunni, fanno eco queltodi- Alliste potrebbee Felline. compromettere la le dei professori che hanno inLa didattica Giannelli continuità e le ringrazia tante at- edirizzato una lettera al dirigente puntualizza: «Non sono da sola.dell’Ufficio regionale scolastico tività extracurriculari promosse unaAbbiamo squadradeciso e abbiamo daSiamo Pagliara. di in cui si legge: «Il personale

La rassegna dell’Ambito territoriale sociale con “Le Giravolte” di Aradeo

Fa tappa a Casarano, domenica 24 novembre alle 17.30 nell’auditorium comunale, la rassegna itinerante di teatro per ragazzi “Bagliori d’ombra”. L’iniziativa, giunta alla settima edizione ed organizzata dalla compagnia “Le Giravolte” di Aradeo Aradeo, si svolge, sino a tutto dicembre, nei sette paesi dell’Ambito territoriale sociale di Casarano. “Maschere in libertà”, con la compagnia “Il carro dei comici” di Molfetta, è lo spettacolo (ad ingresso gratuito) che andrà in scena a Casarano. L’obiettivo della rassegna è quello di coinvolgere bambini ed adulti in momenti di divertimento ed anche di riflessione. Come ogni anno ci sarà anche il concorso “crea un disegno per bagliori d’ombra”e lo spazio per la lettura “Fiabe con merenda” che anticipa gli spettacoli con la distribuione di una merendina ai piccoli spettatori. L’iniziativa rientra “nella rete delle politiche dei Servizi sociali del Piano di zona e si pone l’obiettivo di offrire un ulteriore momento culturale a beneficio di bambini, ragazzi e adulti”, affermano gli organizzatori. Sul palco importanti compagnie già impegnate nel circuito del Teatro pubblico pugliese alle prese con opere di autori quali Stevenson, Rodari, Perrault e i fratelli Grimm. Dopo l’esordio del 17 novembre a Ruffano, altre date sono in programma il primo dicembre al teatro “Carducci” di Parabita con “Lo strano caso del dr. Jekill e del sig. Hide”, l’8

19

scolastico del liceo “Vanini” fa appello perché voglia intervenire, nel superiore interesse della scuola e a tutela e garanzia del nostro lavoro, affinché il dirigente Pagliara possa concludere in questa sede l’anno scolastico in corso. A tale scopo, i docenti ai quali sono stati assegnati dal collegio gli incarichi aggiuntivi per l’anno in corso, rimettono l’incarico». In pensione vanno ora, malgrado fossero stati riammessi dopo i ricorsi presentati in estae, anche Giovanna Salento del Polo 2 di Casarano ed Aldo Alibrandi del Polo 2 di Taurisano. no LP

no, in coro, davanti ai cancelli della scuola. Dopo la lenzuola bianche ed i cartelloni appesi alle finestre di ogni classe sabato 23 novembre, con i genitori a protestare nella piazzetta antistante, martedì 26 (alle 17) sarà la volta del corteo verso il Municipio. Stesse dinamiche sono state vissute, lo scorso anno, dallo stesso Polo di via Ruffano che era stato “cancellato” da una delibera di Giunta poi rovesciata dalla Regione. La Giunta Stefàno ha, ora, dato il proprio benestare alla Regione per “una soluzione alternativa” tra quelle uscite fuori dai recenti incontri svoltisi nei giorni scorsi tra dirigenti e delegati dei tre Poli, i sindacati e l’Amministrazione comunale. Si tratta di scegliere tra il trasferimento della scuola dell’Infanzia di via Tagliamento (90 alunni) dal Polo 1 al Polo 3 con lo scorporo di dieci classi della Primaria del Polo 2 al Polo 1 “e la permanenza delle stesse nell’istututo di via Messina”, ovvero la creazione di due soli Poli ovvero ancora la conservazione dell’attuale situazione. «Prendiamo atto che l’Amministrazione comunale è ritornata suoi suoi passi scaricando le responsabilità su chi, non conoscendo il territorio, sarà chiamato a fare delle scelte sulla base di semplici indicazioni numeriche», tuona il movimento d’opposizione Liber@città nell’invocare, invece, “una soluzione graduale verso un riequilibrio della popolazione scolastica”. Anche quest’anno, la “guerra dei Poli” è ritornata.


Casarano

21 novembre - 4 dicembre 2013 IL CONSIGLIO DI STATO CHIUDE IL TRIBUNALE Anche il tribunale di Casarano deve chiudere. Annullando la sospensiva concessa dal Tar, il Consiglio di Stato ha, in sostanza, disposto la chiusura

20

degli uffici di viale Stazione (foto), così come già accaduto per le altre sedi distaccate della provincia (ad eccezione di maglie e Nardò). La sospensiva era stata concessa in seguito ai ricorsi presentati dalla

locale Camera forense, per prima, e dall’Amministrazione comunale in seguito. Del merito della questione, se cioè a Casarano possano ancora svolgersi le cause civili, se ne discuterà al Tar l’8 gennaio prossimo.

Prime conseguenze (positive) dell’accordo siglato a settembre

C’è la “Tecno media green”

Filanto, la Leo Shoes assume

Il prato del “Capozza” torna verde

Sono 50 gli ex lavoratori della Filanto, oggi in cassa integrazione, a dover essere riassunti dalla Leo Shoes. Le assunzioni per i primi 20 operai così come previsto dal Piano industriale presentato al ministero dello Sviluppo economico dall’azienda. La Leo Shoes ha annunciato, infatti, l’avvio di una nuova manovia di montaggio, notizia di non poco conto in un contesto di grave crisi occupazio-

nale e del settore calzaturiero in particolare. L’accordo tra le aziende interessate (Filanto spa, Zodiaco, tecnosuole, Labor e Italiana pellami) è stato sottoscritto nei giorni scorsi con i sindacati di categoria). La Leo Shoes nasce nel 2011 nell’ambito delle riorganizzazione del Gruppo Filanto ed ha già assorbito 115 dipendenti dei complessivi 600 riconducibili al cluster.

L’azienda Filanto

Il programma futuro del gruppo “Domenico Cataldo”

di Alberto Nutricati

I volontari in una foto di alcuni anni fa e l’attuale presidente Sabato

Tavola rotonda, messa e concerto gospel per l’anniversario ti mercoledì dalle 19 alle 20. Il gruppo Aido “Domenico Cataldo”, conta circa 500 soci, ma, come ribadisce il presidente Luca Sabato, “i numeri non bastano”. È necessario, infatti, che i soci partecipino attivamente alla vita dell’associazione per fare ancora di più e meglio. «Chi aderisce all’Aido –

commenta Sabato - compie un gesto lodevole e di estrema solidarietà, diventando un potenziale donatore post mortem, ma è in vita che un socio ha un ruolo importantissimo, partecipando attivamente con il proprio tempo e le proprie idee al perseguimento degli scopi dell’associazione. Il mio augurio, dunque, è che in ognuno di noi aumenti lo spirito di associazionismo e che ciò si traduca in partecipazione numerosa e attiva» Da ricordare, infine, l’importante ruolo svolto per anni nel diffondere la cultura della donazione dalla precedente presidente Carla Memmi.

“Essere donna oggi. Tra antiche paure e nuove speranze” è il titolo dell’incontro del 25 novembre promosso dalla commissione comunale per le Pari opportunità in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. L’appuntamento è alle 17.30 presso l’auditorium comunale con alcuni momenti di riflesione sul tema offerti da “Kantine teatrali”. Tra gli interventi quelli di Leda Schirinzi (foto), presidente della commissione, Giuseppe De Donno della Procura di Lecce, Cristina Martinelli, presidente dei Presidi del librio di Casarano, Mimma De Filippo e Paola Serravezza (psicologhe), Margherita Franja (mediatrice culturale), del sindaco Gianni Stefàno e di Antonella Dorelli, consigliera delegata alle Pari opportunità. Ci sarà, inoltre, anche la presentazione degli elaborati realizzati sul tema dagli istituti scolastici cittadini.

Presepe, la magia è pronta

Incetta di premi per la Nuova Yamato

Ritornerà anche quest’anno, per la 18ª edizione, il presepe vivente (foto) allestito nel centro storico dall’associazione “Amici del presepe 96”. Programma consolidato per un evento capace di attirare migliaia di visitatori tra vicoli, piazzette addobbate a festa ed i frantoi ipogei che la onlus presieduta da Mimino De Masi è stata in grado di recuperare. Anche in considerazione delle finalità benefiche dell’iniziativa (“e dell’assenza di contributi pubblici”), i volontari (oltre a ringraziare il “fondamentale contributo” della “Protezione civile-Primo intervento”) chiamano a raccolta quanti possono contribuire fattivamente all’evento. MS

Ottimi risultati per la “Nuova Yamato” che continua a mietere successi sia nella lotta grecoromana, sia nel judo. Il 16 novembre si è svolta a Bari la gara di Coppa Italia di lotta greco-romana alla quale hanno preso parte atleti provenienti da tutta Italia. Nella categoria -58 kg a vincere è stato Marco Rausa, mentre ha colto un ottimo terzo posto, nella categoria -60, Flavia Rausa ( i due nella foto), che ha recentemente conseguito la cintura nera e il grado di primo dan di judo. Positiva anche la prova di Luca Cortese e Francesco Manco alla loro prima esperienza. Sabato 9 si sono svolte, invece, a Taranto le qualificazioni per il campionato italiano Esordienti B che si svolgerà a Roma il 30 novembre. A strappare un biglietto per il campionato è stato Claudio Rausa nella categoria -40. Hanno partecipato alla qualificazione per il campionato italiano a squadre Cadetti, in programma per l’8 dicembre a Lignano Sabbiadoro, Marco Rausa, nella categoria -60, e Andrea Alfarano, nella categoria +73. Per chi fosse interessato alle attività della “Nuova Yamato”, le lezioni si tengono lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20 nella palestra dell’istituto per geometri di via Pendino. AN

La rappresentazione natalizia nel centro storico alla 18ª edizione

Calcio con l’Anspi Al via i corsi della scuola calcio per ragazzi e ragazze dai sette agli undici anni organizzati dall’ente “Santa Cecilia” presso i campi della parrocchia dei Santi Giuseppe e Pio. Il corso (iscrizione gratuita con sei euro di tassa assicurativa) si svolge il martedì e il giovedì dalle 15.

CALVARIO A NUOVO BENEDETTO DAL VESCOVO Sarà il vescovo Fernando Filograna, nella solennità dell’Immacolata, l’8 dicembre alle 11.30, a benedire le edicole del Calvario monumentale appena rimesse a nuovo. Intanto, il 24 novembre, alle 17.30 presso la sala dell’Immacolata in via Roma si terrà un convegno sul tema. BOTTE ALL’EX COMPAGNA CONDANNATO A 18 MESI Condanna ad un anno e mezzo di carcere per il 50enne A.B. di Casarano accusato di maltrattamenti (protrattisi dal 2003 al 2008) ai danni dell’allora compagna siciliana, ma residente a Taviano Taviano. L’imputato potrà ora beneficiare della sospensione della pena solo se provvederà al pagamento di una provvisionale in favore della parte civile nella misura stabilita dal giudice.

Pari opportunità contro la violenza sulle donne

Aido, 30 anni di vita solidale Il gruppo Aido “Domenico Cataldo” di Casarano taglia l’importante traguardo dei trenta anni dalla fondazione. E proprio allo scopo di celebrare nel migliore dei modi il trentennio di attività, la sede casaranese dell’Associazione italiana donatori organi ha organizzato una due giorni dal titolo «30 anni di vita in difesa della vita». Sabato 30 novembre, nell’auditorium comunale a partire dalle 19.30, ci sarà una tavola rotonda sul tema «Conoscere, capire per... Un’occasione per chiarire ogni dubbio». La domenica successiva, il primo dicembre, sarà celebrata la santa messa nella parrocchia di San Domenico alle 11. I festeggiamenti continueranno in serata, alle 20.30 nel teatro “Antonio Filograna”, dove si terrà il concerto gospel con Tyna Maria Ensemble & Black on White Gospel Choir. Il costo del biglietto di ingresso è di 5 euro. Il botteghino del teatro sarà aperto dalle 18.30. Info e prenotazione: assaidocasarano@libero.it; 3207605935. È possibile acquistare i biglietti in prevendita nella tabaccheria Leopizzi di Corso XX Settembre o nella sede Aido di via Roma tut-

Incontro in auditorium

CLICK

«Le pessime condizioni del terreno di gioco del “Capozza” non permettono di esprimere la nostra idea di calcio». Alessandro Longo, allenatore del Casarano, lanciò così l’allarme sin dai primissimi appuntamenti della sua squadra, rivelando quello che era sotto gli occhi di tutti. Quel manto verde, considerato motivo di vanto per l’intera città, non esisteva più. Complici le vicende, anche di natura giudiziaria, legate alla gestione dell’impianto, la situazione non sembrava potesse migliorare, sino a qualche giorno fa. I moniti degli addetti ai lavori, infatti, non sono stati ignorati e il presidente Eugenio Filograna ha deciso di correre ai ripari, rivolgendosi alla ditta “Techno media green” di Graziano Torsello (a sinistra nella foto accanto a Filograna e Carmine Sabato) e accollandosi le spese per gli interventi necessari. Per Torsello, che sarà affiancato da Carmine Sabato, si tratta in realtà di un ritorno, viste le precedenti collaborazioni che avevano reso il manto del “Capozza” (foto) tra i migliori dell’intera Puglia. LP

OSSERVAZIONI CON L’ASLA Occhi puntanti su Giove, ma non solo, il 23 e il 24 novembre. L’osservatorio del parco astronomico “San Lorenzo” di Casarano da la possibilità ai visitatori di ammirare le bande equatoriali color ocra rossa ed i 4 satelliti galileiani di Giove e poi la galassia di Andromeda, il doppio ammasso in Perseo, le Pleiadi e la stella doppia Albireo nel Cigno. Le osservazioni saranno precedute dallo spettacolo nel modernissimo planetario digitale 3D e termineranno con la visita guidata nel museo del cosmonauta. SEGRETARIO PDCI Nuovo segretario politico per il “Partito dei comunisti italiani” di Casarano che nei giorni scorsi ha eletto Gabriele Esposito (foto). Il coordinatore dei giovani (Figc) è Emanuele Branca ed il direttivo è composto da Giuseppe Alfarano, Silvia Cuscela, Giovanni Leopizzi e Andrea Panico.


21 novembre - 4 dicembre 2013

Simu Salentini/63

21

Il sottile modo di farsi scherno dei difetti o disgrazie altrui

Pe' rinfacciu e pe' cabbu di Mariarosaria De Lumé

I modi di dire dialettali hanno una forte carica di spontaneità, sono istintivi, ad effetto, cercano la reazione immediata. Battute rapide e stringenti, imprecazioni, immagini colorite per colpire subito l'interlocutore. Ci sono, però, due modi di dire che denotano un fondo di delicatezza, di rispetto e quasi di pudore. "Mai per rinfacciu" e "Mai pe' cabbu" intercalavano con grande frequenza il periodare salentino. Il primo veniva usato, e qualcuno la usa ancora, per sottolineare un favore che non ha trovato il dovuto riconoscimento. "Mai pe' rinfacciu, t'aggiu iutatu" oppure "Mai pe' rinfacciu, t'aggiu fattu 'nu ricalu". Il "rinfacciu" a volte, coinvolgeva anche la sfera della religiosità e della devozione verso la Madonna e santi. "Eppuru, mai pe' rinfacciu, l'aggiu ditta 'na missa; su sciuta alla nuvena, su sciuta e vvinuta te Pumpei". Come a dire ti ho rivolto preghiere, ho fatto qualche sacrificio, non per rinfacciarti niente, ma non mi hai ascoltato. Modi di dire che apparentemente non volevano rimproverare niente, ma che invece, di fatto, rinfacciavano il favore non ricambiato. Altro modo di dire comune era "Mai pe' cabbu" che significa farsi scherno di qualcosa o di qualcuno, scandalizzarsi per qualcosa. Cabbu o jabbu è il sostantivo che si rifà al verbo cabbare o jabbare, ingannare, frodare, deridere, mettere in ridicolo i difetti altrui. Ci si poteva "fare cabbu" di

Il "cabbu" o "jabbu" era ritenuto peggiore anche della stessa bestemmia

qualche difetto o deformità fisica, cosa che era considerata più grave che bestemmiare. Non "farsi cabbu" di un difetto fisico non indicava soltanto compassione e umana partecipazione, era un modo per esorcizzare e tenere lontane le disgrazie. C'è da aggiungere che chi aveva qualche difetto fisico veniva definito come "segnato da Dio", come se un dio adirato avesse voluto lasciare un segno perché altri ne traessero insegnamento. Secondo la credenza popolare era vietato "farsi cabbu" perché prima o poi il rischio della medesima disgrazia sarebbe stato dietro l'angolo. Infatti "Te lu cabbu nnu ci mori, ma nci cappi" , e gli anziani non si stancavano di ripetere ai ragazzi "Nu facitive cabbu te gnenti", detto che trovava una amplificazione in "Nu dire te quai nu passu, percé passi e te rumpi li musi". Il cabbu era ritenuto più potente della stessa bestemmia, infatti "cabbu 'ncoddha e castimata no", e "castima quanto oi, ma cabbu mai" perché "Lu cabbu ccoje e rresta, la castimata scurlisce e cate". Astenersi, quindi, dal "farsi cabbu" anche perché "Cabbu e rrogna an facce te torna" e "Ci cabbu se face, cabbu se nnuce". Un invito alla tolleranza nei confronti di chi aveva avuto la sfortuna di avere qualche guaio fisico o aveva dovuto sopportare una situazione spiacevole, ma anche quasi una espressione di autotutela scaramantica.

A Galatone due vie Coronelle e Caldarelle dal forte sapore di antichi mestieri

IL RINFACCIO "SACRO" Le strade salentine sono punteggiate da edicole e statue dedicate alla Madonna o a vari santi secondo devozioni particolari, spesso in relazione a grazie ricevute. Il detto popolare "Mai per rinfacciu" era riferito non solo a persone che non si erano dimostrate sufficientemente grate per un favore ricevuto, ma anche alle divinità a cui erano state rivolte particolari preghiere e attenzioni. Nella foto la Madonna delle Petrose a Taurisano

Via Caldarelle alla fine dell'800

Leggere è un piacere "A VOLO DI GABBIANO" di Vincenzo Prete, Manni editore, 2013 Arrivano i primi prestigiosi riconoscimenti per la poesia di Vincenzo Prete e per il suo "A volo di gabbiano" che ha vinto il primo premio al concorso letterario "Mario Pannunzio" di Torino. La cerimonia di premiazione avverrà sabato 23 novembre, nel collegio San Giuseppe, via Andrea Doria, a Torino. Sono 193 poesie tratte dallo "scrigno segreto della memoria" in cui Prete, che è stato professore e dirigente nei licei, attraversa l'esperienza di vita nelle varie tappe che includono una intensa rete di affetti familiari cantati con pudore e tenerezza. L' esperienza di vita interseca quella letteraria che secondo Luigi Scorrano si pone "su una linea che dalla grande lezione del Petrarca e spesso, attraverso la mediazione di Leopardi, si spinge fin nel cuore del Novecento con la sua forza e con la sua autorevolezza". Scoperti i riferimenti, infatti, alla poesia di Quasimodo e Ungaretti. Il libro sarà presentato il 26 novembre ad Alezio da Antonio Errico nella sala della Biblioteca e Museo messapico, nell'ambito della rassegna "Piovono libri". "DIZIONARIO DIALETTALE DEL SALENTO" di p. Giovan Battista Mancarella, Paola Parlangeli, Pietro Salamac. ed. Grifo 2013 La prima edizione risale a due anni fa e in questi giorni viene diffuso con un'offerta promozionale dal Quotidiano. Costituisce una valida opportunità per accostarsi al dialetto salentino "originale", quello che, parlato da secoli, è stato fissato nella produzione letteraria. Attualmente il dialetto è stato "riscoperto" attraverso la musica e i nuovi media. Ma si tratta di un gergo giovanile. Come ha detto padre Mancarella in un'interista rilasciata a Piazzasalento due anni fa "Indietro non si torna" perché i valori che erano sottesi al dialetto non ci sono più. Ma "i giovani devono conoscere il dialetto e quello che c'è dietro l'uso della lingua". Se i testi raccolti fanno parte di un repertorio, è comunque giusto che si abbiano gli strumenti giusti per interpretarli.

Via Caldarelle 2013

Il fascino dei vicoli rivive oggi nei nomi di Daniele Colitta

La storia di una strada spesso è condensata nella sua denominazione. È il caso, ad esempio, di via Caldarelle e vico Coronelle, i cui toponimi lasciano intendere ciò che lì un tempo avveniva. Stando ad antiche memorie cittadine, infatti, pare che in via Caldarelle, in epoca medievale, fosse in auge la produzione di “caldare”, ossia le pentole; a partire da tale attività produttiva, appunto, sarebbe poi stato coniato il nome della stradina del centro storico. In vico Coronelle, a pochissima distanza da via Caldarelle, invece, pare venissero realizzate le corone del rosario; i semi duri ricavati dal frutto dell’“Albero del rosario” (il cui nome scientifico è Melia Azedarach) sarebbero stati sapientemente annodati uno all’altro così da costituire i diversi grani della corona. Lungo il tempo, comunque, molto è cambiato. Nelle due stradine dell’attuale centro storico – com’è chiaro ai galatonesi – non si producono più né pentole né rosari. Le due vie, un tempo abbastanza frequentate, ora sono tra le meno vissute del-

Le corone del Rosario si facevano infilando i semi di un albero

Via Coronelle

la città; molte case, infatti, sono disabitate, anche per via dei disagi che spesso le piccole vie dei nuclei antichi comportano. Nella stretta via Caldarelle, ciò che oggi cattura la vista e l’olfatto di chi ci passa è la lunga distesa di bitume che da qualche

anno ha sostituito la pavimentazione in basoli, sventrata dai sottoservizi, stando a quanto racconta Giuseppe Resta, architetto ed esperto di storia galatea. Nonostante ciò, sia via Caldarelle che vico Coronelle, come del resto tante altre strade del centro storico galateo, riescono ancora ad affascinare e a suggestionare, specialmente al tramonto e nottetempo, indifferentemente turisti e habitué. Di giorno, poi, è possibile scrutare sulle piccole abitazioni esistenti tanti dettagli architettonici, splendidi ricami in muratura che il passar del tempo non ha del tutto cancellato. Caratteristici, per esempio, sono i mignani, quei particolari balconi affacciati sulla strada e sulla corte interna, che un tempo permettevano alle donne di seguire gli avvenimenti pubblici, come le processioni, senza essere viste dalla strada. Via Caldarelle – dietro cui si cela pure un antico granaio medievale con la foggia simile a quelli dell’antico Egitto – è, fortunatamente ancora oggi, un eccezionale scrigno di importanti segni architettonici del passato. UN MIGNANO FIORITO Elemento architettonico comune nei centri antichi salentini, appare come un balcone affacciato sia sulla strada che sulla corte. Questa particolarità consentiva alle donne di prendere parte alla vita pubblica assistendo alle manifestazioni senza essere viste. Per il passaggio delle processioni era ornato con le coperte più belle


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 912300 Guardia medica: 0833 912306 Polizia municipale: 0833912305; Protezione civile: 0833 911472; Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0833 916223 fax 914365; Consultorio: 0833 914187

Ci trovate pure qui

TAVIANO 21 novembre - 4 dicembre 2013

● CIRCOLO 80 LOUNGE BAR via Enrico Mattei ● BAR CLAUDIO via Gallipoli ● TABACCHERIA JULA via Corsica ,37 ● EDICOLA GIANNI via Immacolata ,18 ● FARMACIA ZOMPĺ piazza San Martino ● FARMACIA DOTT. MIGGIANO via Barberini ● CAFFÈ PALAZZO MARCHESALE Piazza Del Popolo ● SUPERMERCATO ISSIMO via T. Campanella ● TABACCHERIA SANTORO c.so Vitt. Emanuele II,30 ● TABACCHERIA NOCCO via Reg. Margherita ● CHANTILLY CAFFÈ via Reg. Margherita,205 ● PASTICCERIA DOLCE ARTE c.so Vitt. Emanuele II,30 ● FARMACIA COMUNALE Via Bellini ,28 ● POLIAMBULATORIO via Sant’Antonio ● PROTEZIONE CIVILE

Pag. 22

Rimandati tutti i provvedimenti, anche quelli previsti dalla Regione. L’Unione europea vuole altre analisi prima di decidere Si susseguono incontri e summit a livello centrale (Osservatorio fitosanitario regionale, Università e Centro nazionale delle ricerche di Bari, adesso con la partecipazione delle associazioni degli olivicoltori) e periferico (incontri e riunioni in diversi paesi più o meno coinvolti dal problema): per gli ulivi malati, per i rimedi, per gli interventi reclamati c’è però da aspettare. E forse è meglio vederci davvero chiaro, prima di procedere verso una qualsiasi direzione. Adesso la partita guarda - oltre che ai laboratori dove proseguono analisi e verifiche - a Bruxelles. L’Unione europea, che ha catalogato il batterio Xylella fastidiosa con le sue numerose sottospecie tra quelli che fanno scattare drastiche misure di quarantena, vuole riscontri ben più corposi (2.500 almeno invece dei 300 presentati nei giorni scorsi) prima di emettere il suo verdetto. In particolare vuole prove che il resto del Salento (fascia adriatica e le province di Brindisi e Taranto) è immune dalla malattia. I tempi: fine novembre per il comitato europeo e il 15 dicembre, riunione decisiva in base ai riscontri che farà la Regione. Tutto sospeso, dunque, anche gli allarmi e le proteste accese dalla deliberazione regionale del

Ulivi malati, ricerca continua Nei laboratori studiosi al lavoro; nelle istituzioni confronti con gli olivicoltori 29 ottobre che delimitava quattro zone e in quella “focoliaio” prevedeva senza mezzi termini l’eradicamento delle piante attaccate dal batterio ed anche da un fungo e da insetti parassiti. «Quell’atto andava fatto - si giustificano i funzionari regionali a bassa voce - per dimostrare all’Ue che stiamo seguendo il problema che ormai allarma anche loro», hanno detto a mezza voce alcuni funzionari regionali durante il sopralluogo in contra-

Sul banco degli imputati restano ancora la Xylella funghi e alcuni insetti ALBERI SPETTRALI Nell’azienda di Sergio Navone (accanto con Federico Manni della coop Acli di Racale) la potatura non è servita: ulivi condannati

@ la fotogallery su piazzasalento.it

«Per loro amore da Milano fin qui Ora che si fa?» «Siamo venuti qui da Milano circa dieci anni fa, proprio attirati dagli ulivi. Ora vogliamo che si faccia qualcosa per bloccare questo flagello”: parla così Sergio Navone, già manager del gruppo Rizzoli-Corsera, mentre esperti, nazionali e stranieri, giornalisti e telecamere sciamano nel suo ormai ex uliveto in contrada “La Castellana” tra Alezio-GallipoliMatino. Nei suoi 10 ettari ci sono anche agrumi: nessun pericolo per loro, tanti e ben visibili per gli ulivi ridotti nel giro di pochi mesi a degli scheletri. «Che cosa devo fare», si chiede il dottor Navone. La produzione è crollata: dalle 1.200 piante raccoglievamo e vendevamo 1000-1500 litri di ottimo olio; quest’anno siamo a un quarto. «E pensare che quando ci siamo trasferiti qui ed abbiamo costruito una casa, abbiamo rinunciato a 15 mq previsti nel progetto perchè avremmo dovuto abbattare il ulivo secolare; non ce la siamo sentita».

I cacciatori lanciano l’allarme sullo scarico selvaggio di immondizie di cui sono testimoni

Intasato dai rifiuti il canale nella zona tra Taviano e Gallipoli

Con la pioggia le acque invadono i campi coltivati

da “la Castellana” con Rodrigo Almeida, studioso presso l’Università californiana di Berkeley ed esperto di particolari batteri infestanti come la “Xylella fastidiosa”. Quale la sua prima impressione? «It’s bad and complicated», dice, mentre si guarda intorno, tocca i rami, accompagnato dal direttore dell’Istituto di virologia vegetale del Cnr ba-

rese, Donato Boscia (foto a sinistra), e dal professore Giovanni Martelli dell’Università di Bari e dell’Accademia fiorentina dei Georgofili. Lui ha visto il batterio all’opera quando ha messo sotto attacco i vigneti della California. La versione nostrana sembrerebbe di un altro tipo, considerata la riconosciuta capacità di mutazione della Xylella. «Il quadro che abbiamo di fronte e le ricerche fin qui effettuate sul Dna del batterio - afferma il professore Boscia - conferma alcuni elementi rassicuranti: non ci sono problemi per la vite e gli agrumi. Non possiamo essere altrettanto rassicuranti per gli ulivi». Covano intanto altri interrogativi. «Questa patologia è comparsa due anni fa in territoAlezio, in circa dieci ettari. rio di Alezio Perchè lo abbiamo saputo solo ora?», si chiede il prof. Martelli. Messo in qualche misura sotto accusa, il Codile (organismo per la difesa delle colture intensive), risponde così: «Notammo la presenza anomala di alcuni colettori chil flusso linfatico. Di Xylella non si parlava allora», dice Vincenzo Parisi, coordinatore del Codile provinciale.

Non solo rifiuti, ma anche scarichi di liquami fognari ad opera di indifferenti autospurgo inquinano la terra salentina, negli agri di Matino, Alezio , Melissano e Taviano, sotto i ponti. Questa la denuncia di alcuni cacciatori tavianesi che hanno deciso di lanciare l’allarme delle discariche a cielo aperto nelle nostre campagne. «Solo perché siamo dei cacciatori – dicono Antonio D. e Gino F., cacciatori di Taviano - spesso veniamo etichettati come deturpatori del paesaggio e trattati come se fossimo terroristi. In realtà, invece, noi amiamo il nostro territorio e ci arrabbiamo molto quando, purtroppo spessissimo, ci imbattiamo in scenari che rendono davvero poca fede alla nostra terra. Assistiamo ad un trattamento fin troppo zelante nei nostri confronti e di totale disinteresse verso il problema delle discariche illecite

«Non siamo noi a rovinare l’ambiente» da parte dei corpi forestali. Questo ci fa arrabbiare”. Cumuli di rifiuti, tonnellate di pneumatici, eternit a volontà e quello che passa sotto i nostri piedi senza essere visto, né percepito e che viene scaricato illecitamente nei campi e addirittura sulle strade. «Per anni il circolo di caccia di Taviano ha eseguito le pulizie nelle campagne. Ora siamo stufi. Mi è capitato personalmente di vedere a fine ottobre – continua Antonio D. – in zona “Ore” sulla Taviano - Melissano un camion che, alle 5 del mattino, quando ancora era buio pesto, scaricava vicino alla Ora, sulla strada allagata dalla pioggia, tutto il liquame che avrebbe dovuto smaltire e per il Pneumatici abbandonati sempre più frequentemente in campagna

quale si era, con ogni probabilità, già fatto pagare». PM

L’associazione “I love corso di Taviano” ha programmato una serie di iniziative per “ripopolare” la strada principale Il canale pieno di rifiuti in zona Raho

Canale della bonifica. Il degrado vince. La bonifica perde. O meglio, non ve n’è proprio l’ombra. Al suo posto, invece, da diverso tempo, oramai, in zona Raho, nelle campagne tra Taviano e Gallipoli Gallipoli, imperversa un fiume di rifiuti che si trasforma, nei giorni di pioggia, in un tappo gigante che ostruisce il passaggio delle acque, cui è preposto il canale. L’area adiacente al canale e lo stesso diventano una discarica a cielo aperto. Sotto un cavalcavia della SS 274, all’altezza di Taviano, in occasione delle ultime piogge il canale, poco curato durante tutto l’anno, si è otturato a causa del tampone di rifiuti e della fitta vegetazione cresciuta all’interno, conseguenza della mancata manutenzione. Il risulta-

to? L’acqua ha straripato andando a finire nei campi coltivati delle aziende agricole adiacenti, creando importanti disagi ai produttori e anche alla viabilità impedita dallo sbarramento di rifiuti che si è venuto a creare in seguito allo straripamento. Come si legge sul sito del Consorzio di bonifica “La tutela del territorio e delle acque, la difesa del suolo, l’irrigazione nell’ambito del comprensorio classificato di bonifica, la salvaguardia dell’ambiente naturale e l’adeguata assistenza tecnica” spetterebbe al Consorzio Ugento e Li Foggi. Al di là delle competenze di ogni Ente, però, l’effetto è uno: canali e campagne pieni di spazzatura e rifiuti pericolosi, abbandonati da incivili. PM

“Tutta vestita a festa/la gioventù del loco/lascia le case,e per le vie si spande;/e mira ed è mirata, e in cor s’allegra”: abbiamo scomodato Leopardi per raccontare che c’era una volta (fino a qualche anno fa) il corso Vittorio Emanuele di Taviano che era il vanto sui paesi vicini. Sempre frequentato da tanta gente, soprattutto il sabato e la domenica, che passeggiava, su e giù, tra la chiesa dell’Immacolata e il convento. Non erano solo giovani, ma anche intere famiglie, non solo tavianesi ma anche dei paesi vicini, che trascorrevano la serata tranquillamente. È inutile dire che pasticcerie, gelaterie, bar e negozi restavano aperti fino a tardi. Poi è diventato di moda passeggiare sul corso di Gallipoli. poli Adesso l’associazione cul-

C’è chi ama il Corso e lo vorrebbe far rivivere

La strada animata durante una manifestazione

turale “I love corso di Taviano” vorrebbe riqualificarlo, senza alcun fine economico e politico come precisa il presidente, Oscar Peschiulli: «La nostra associazione - dichiara - nasce con l’intento di rivalutare un punto di aggregazione e socializzazione che tanto benessere ha portato al nostro territorio. Sarebbe bello, pure, riqualificare i balconi e le strade con fioriere, per rafforzare l’immagine di “Taviano, città dei fiori”. Il programma dell’associazione comprende: le “Domeniche dei bambini”; “ Mercatino del fiore”; il mercatino natalizio; “Taviano in love” per san Valentino; Carnevale tavianese; eventi, raduni e sagre. RP


Taviano

21 novembre - 4 dicembre 2013 SEQUESTRATI 56 KG DI PESCE CONGELATO I militari della Guardia costiera di Gallipoli, nell’ambito dell’operazione mirata al controllo dei prodotti ittici su tutto il territorio salentino, dopo

un’ispezione presso la ditta Gel Gross di Taviano, (grande distribuzione di prodotti ittici congelati), hanno sequestrato 56 chili di pesce e applicato al titolare una sanzione di 1500 euro. I prodotti, seppie, polpi, cala-

mari, tranci di pesce spada, polpa di riccio, filetti di merluzzo e aragoste erano sprovvisti della prevista etichettatura e data di scadenza (impossibile, quindi la tracciabilità) come stabilito dalle norme europee.

23

Presunto caso di malasanità ai danni di Roberto Venneri deceduto dopo un ricovero a Tricase

Medici sbrigativi? Avviata indagine

L'ospedale di Gallipoli

Avrebbe ricevuto un trattamento sbrigativo e poco consono alla sua patologia, nessuno si sarebbe preoccupato che il paziente non avesse consumato i pasti quotidiani, qualche infermiera non si sarebbe preoccupata più di tanto di lui, abbandonandolo, quasi, al suo destino: sono queste le accuse di malasanità che la signora Mimina Reho, 62 anni di Taviano, denuncia a carico del marito, Roberto Venneri, 65 anni, ricoverato nell’ospedale di Tricase, la notte del 22 settembre scorso e deceduto due giorni dopo. Un fatto emblematico e sconvolgente, attualmente al vaglio della Direzione sanitaria del nosocomio tricasino che avrebbe avviato un’indagine interna, dopo le denunce di Mimina Reho. Roberto Venneri, dializzato da oltre 5

Portati a termine i lavori dopo i danni dell'incendio nel maggio 2012

Palasport a nuovo di Prisca Manco

Sono stati completati i lavo- Il costo dell'intervento di ri di sistemazione del palazzetto dello sport intitolato a "William sistemazione si aggira Ingrosso", il compianto Sindaco intorno ai 50mila euro di Casarano Casarano. A distanza di un anno e sei mesi (era maggio 2012) dall’incendio divampato nel palasport, probabilmente dovuto ad un guasto elettrico, che ha incenerito gli spalti e causato danni stimati intorno ai 50mila euro, finalmente la struttura è nuovamente pronta per essere usata. L’ A m m i n i strazione comu- Così si presenta il palazzetto dello sport nale guidata dal sindaco Carlo Portaccio, con così l’utilizzo del palazzetto alle la particolare attenzione riser- associazioni sportive. vata alla questione dall’assesPrima, tra tutte, sicuramente sore allo sport Luigi Corvino, l’Asd Virtus Taviano, insieme ha portato a termine i lavori di ad altre due associazioni sportiriqualificazione della struttura sportiva, che si trova in via Pier ve pallavolistiche che frequenSanti Mattarella, consentendo tano il palasport e partecipano a diversi campionati sportivi.

«L’impegno dell’Amministrazione è stato rispettato – conferma l’assessore Corvino - Avevamo promesso di riaprire il palasport e abbiamo tenuto fede alla parola data. Tutto il palazzetto è stato riqualificato, le mura annerite dalle polveri di fumi sono state riportate a nuovo, il soffitto intaccato da infiltrazioni di acqua è stato sistemato, anche gli spogliatoi riportati a nuovo». Lavori quindi conclusi che permetteranno l'utilizzo di una struttura indispensabile per la pratica dello sport. «In questi giorni - conclude l'assessore Corvino - inoltre, si stanno ultimando anche i lavori di ripristino del muro di cinta, crollato a causa delle piogge. Il tutto per un ammontare di 50mila euro». Dimenticate, quindi, le foto del palasport di un anno e mezzo fa che avevano gettato tutti nello sconforto.

La moglie non si dà pace e vorrebbe che fosse fatta chiarezza e giustizia anni, tre volte alla settimana si recava presso l’Ospedale di Gallipoli per effettuare la terapia. La sera del 22 settembre, però, dopo il trattamento di dialisi, Roberto ha accusato un infarto: per lui sarebbe servito il ricovero in una camera intensiva di cardiologia. Poiché l’Ospedale del centro jonico ne è sprovvisto, l’ammalato è stato trasferito a Tricase. Da questo momento in poi, sarebbe iniziato, a dire

Eletto il nuovo segretario del Pd

della moglie, il calvario del marito:«Avvertita dal personale medico di Gallipoli, mi sono recata nella notte a Tricase – sono le parole di Mimina Reho – rendendomi subito conto che Roberto era poco assistito, per mancanza di personale, era presente solo un infermiere per tutta la notte, notai un trattamento assai sbrigativo, col medico non si poteva parlare». E continua «Il reparto era visitabile solo dopo le 18.30 e così il giorno seguente mi ci recai per parlare almeno con un dottore. Non mi fu dato ascolto e notai che Roberto era molto agitato e sembrava aver perso coscienza di sé. Poi tutto precipitò nella terza sera del ricovero: non mi fecero entrare in reparto e mi comunicarono che Roberto aveva cessato di vivere». RP

Vandali in azione, distrutte alcune panchine

Danni al monumento Mauro Gaetani: Il minatore non ha «Condivisione con "Città aperte"» più la sua lanterna

Dopo la frantumazione del Pd, che alle ultime amministrative si era presentato con due liste contrapposte, favorendo in questa maniera il centrodestra, rinasce il circolo con Mauro Gaetani, nuovo segretario eletto dal congresso cittadino. «Siamo agli inizi – dice – manca ancora l’adesione di molti amici e di tanti attivisti ma io mi impegnerò al massimo perché si ritorni ad essere un’unica famiglia sotto le insegne del Pd». In particolare Mauro Gaetani ha rivolto parole di apprezzamento per i componenti di “Città Aperte”: «In passato tanti sono stati gli errori ascrivibili a tutti. Però continuare a parlare del passato è una strada senza uscita. L’amicizia, la stima e il rispetto nei confronti di “Città Aperte”, la condivisione degli stessi valori, ci portano a sperare in un futuro di proficue collaborazioni con traguardi raggiungibili nell’interesse della nostra comunità». L'esecutivo è formato da: Cosimo Santacroce (vice); Franco Mosticchio, Anna Rosa Mercutello e Sabina Lecci (Sanità e scuola); Alessandro Palma (politiche giovanili); Giuseppina Trisolino (comunicazione); Maria Teresa Manni (pari opportunità); Irene Giannì (tesoriere); Laura Isernio (enti locali); Mauro Bruno (turismo); Ezio Piccolo comunicazione) e Giuseppe Casciaro (urbanistica e ambiente). RP

Ancora un’incursione di vandali al monumento dei minatori a Taviano, nel quartiere “Gallari”. In due sere consecutive sono state divelte alcune panchine in marmo e la statua del minatore è stata privata di una lanterna. «È una vergogna – dichiara il presidente del circolo minatori di Taviano, Franco Perdicchia – che ancora una volta il nostro monumento si trovi in balia di vandali. Molte famiglie che abitano nelle vicinanze hanno dichiarato di non aver visto o sentito nulla. Eppure si tratta di una zona molto trafficata e senza dubbio i vandali, per rompere delle panchine così spesse, devono aver usato attrezzature alquanto ingombranti». Non è la prima volta che il monumento viene fatto oggetto di azioni vandaliche: è già successo nel 2009, nel 2011 e anche l’anno scorso. Il sindaco Portaccio ha promesso di potenziare l’illuminazione: «L’ideale sarebbe - ha detto - introdurre un sistema di videosorveglianza - purtroppo mancano i fondi e i Comuni sono messi nelle condizioni di non poter operare”. RP

Al via i Campionati mondiali di Karate a Timisoara, in Romania, a fine novembre

Taviano premia Nocco

In pedana si parlerà salentino di Rocco Pasca

"Lu Ping pong" in testa al C2 Ancora una premiazione per il pilota Alessandro Nocco, giunto secondo in classifica generale al Campionato europeo Stock600. Questa volta la premiazione è avvenuta nel corso della festa del patrono San Martino, nella sua città. A premiarlo l’intera Amministrazione tavianese e il presidente della Provincia, il tugliese Antonio Gabellone, già sponsor con il marchio “Salento D’Amare”. «Il fatto è –ha dichiarato orgoglioso il sindaco Carlo Portaccio – che Alessandro, pur giovanissimo, ha dimostrato di avere grinta, carattere e tanta bravura da sapersi affermare anche in Europa al suo primo campionato. Sono convinto che farà molta strada e che continuerà a stupirci nei prossimi anni». Un premio è arrivato anche dall’assessore allo Sport, Luigi Corvino, per l’agonismo profuso in ogni gara. Sul palco anche i genitori del giovane pilota, che ha ereditato dal padre la passione: per loro un premio speciale dalla consigliera per le Pari opportunità Letizia Di Mattina.

Tennis tavolo Taviano-RacaRacale “Lu Ping pong” avanti tutta. Il sodalizio del presidente Sandro Lezzi sta confermando la sua imbattibilità anche nel Campionato C2: la squadra è in testa, dopo 3 giornate. «Dopo aver rinunciato alla serie B, due anni fa, per questioni economiche, siamo ripartiti dai campionati regionali - dichiara Sandro Lezzi - l’anno scorso la D1 e quest’anno la C2». Elementi di spicco della squadra sono i giocatori Luigi Boccadamo e Marcello Chetta (Taviano), poi Ugento) e Marco e Carlo Catino (Ugento Gabriele Renna (Alliste Alliste).

Ai prossimi campionati mondiali di Karate, che inizieranno il 30 novembre a Timisoara (Romania), si parlerà salentino. Sono, infatti, almeno 25 gli atleti salentini che faranno parte del Team G.i.a.k.a.m. Italia Karate. Si tratta di Mattia Vigna, Samuele Panico, Goffredo Giannelli, Flavio Pisanello, Giuseppe Casalino, Gabriele Lo Mastro, Danilo Tramacere, Lorenzo Pizzolante, Mauro Palma, Luca Manni, Gianni Napolitano, Andrea Nobile e Claudio Ferraro (tutti di Taviano), poi ci sono Simone Lecci, Fabio Scorrano, Ilenia Pecoraro e Shascia Taurisano), Luca Spennato (di Taurisano Spano, Mariangela Falconieri e Donato Baldassarre (di Nardò), Simone e Francesco Renna, Massimo e Simone Rampino e Antonio Perrone (di Trepuzzi). Con loro un esercito di maestri esperti di arti marziali che, in questi giorni, li stanno allenando, a Montesilvano in Abruzzo,

Alcuni componenti del team

a quota 1000 mt. Si tratta di maestri provenienti da ogni parte d'Italia, tra loro i salentini Salvatore Renna (Trepuzzi), Gregorio Durante (Nardò) e Alessandro Spennato (Taurisano). A Timisoara saranno presenti oltre 15 nazionali provenienti da tutto il mondo. «Comunque andrà sarà sempre un successo

- dichiara il maestro Aldo Garofalo, di Taviano, presidente nazionale, dal 2007, del Team G.i.a.k.a.m. Italia Karate - perché arrivare a misurarsi con atleti mondiali implica un impegno e una fatica notevoli. Cercheremo di portare a casa qualche trofeo per la soddisfazione nostra e dell’Italia».


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Municipio: 0833 270320 Polizia municipale: 0833 902335 Protezione civile: 0833 583999 Ufficio postale: 0833 585001

RACALE 21 novembre -4 dicembre 2013

Una corsa in rosa per dire un secco "no" alla violenza Scarpette da running ai piedi e tutte in strada per dire “no” alla violenza sulle donne. Racale si mobilita per dare un segno forte contro il femminicidio, i cui numeri sono in preoccupante e costante aumento. L’appuntamento è fissato per le ore 9 di domenica 24 novembre, presso i Giardini del Sole, per la 1ᵃ edizione della “Corsa in rosa”, manifestazione non competitiva riservata a tutte le donne organizzata dall'assessorato Pari opportunità del Comune in collaborazione con l’asd Doria Gym e l’asd Atletica Taviano ’97. «Anche sotto il segno dello sport - spiega l’assessore alle Pari Opportunità di Racale, Maria Rita

Ci trovate pure qui

I giardini del sole

Pag. 24

Vergari - ciascuno può testimoniare il proprio rifiuto ad una simile violenza, è un modo per incoraggiare a lottare per la difesa dei diritti delle donne, oggi più che mai, visto il dilagante numero di femminicidi in Italia». La “Corsa in rosa” s’inquadra nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, indetta dall’Onu per il 25 novembre. Hanno assicurato il loro impegno la Protezione civile, la Misericordia e la Fidas di Racale. Le partecipanti, dopo aver percorso le principali strade cittadine, confluiranno in piazza San Sebastiano dove le allieve della Doria Gym si esibiranno in un “flash-mob” a tema. Interverranno il sindaco Metallo, Antonio Pascali, delegato provinciale del Coni e Maria Luisa Toto, presidente del Centro antiviolenza “Renata Fonte” di Lecce. MM

Attività ricreative per gli anziani e i diversamente abili

Tutti più in forma Laboratori nell'ex nido di via Piave di Marco Montagna

Missione compiuta: il pro- Il progetto finanziato getto “Racale InForma” che riguarda attività ricreative ed dal Gal "Serre salentine" educative per anziani e diver- con 67.738 euro samente abili ha ottenuto un finanziamento da parte del Gal - Serre salentine. I laboratori si svolgeranno per un periodo di due anni in un’area dell’ex asilo nido comunale di via Piave. La somma concessa dal Gal, con provvedimento ufficializzato l’11 ottobre scorso, è di 67.738 euro. Il progetto presentato dall’Amministrazione comunale di Racale, relativo all’Asse III, Misura 3.2.1, Azione 1 “Servizi essenziali per la popolazione”, si è classificato al primo posto e L'ingresso dell'ex asilo nido prevede una serie d’iniziative mirate a far sì che “il di- la creazione di uno sportello versamente abile possa trovare informativo e di uno spazio riil suo spazio sociale in cui poter creativo e formativo con laboraesprimere e coltivare le proprie tori e attività guidate per (e con) potenzialità e capacita” e che si anziani, disabili e loro famiglie. ridiano “voce, spazio e motiva- Tra le attività previste ci saranno un laboratorio emozionale zione alle persone anziane”. La strategia operativa si di- (percorso educativo pedagogico vide in due grandi macro-aree: basato sulle stimolazioni tattili,

● SUPERMAC via Gallipoli ● SUPERMERCATO GEAS via Diaz ● STAZIONE DI SERVIZIO TOTAL ERG via Melissano ● PASTICCERIA SACHER via Quarta, 65 ● TABACCHERIA DEA BENDATA via Reg. Margherita ● BAR EMPIRE piazza Beltrano ● SUPERMERCATO CONAD MARGHERITA via San Giovanni Bosco ● SUPERMERCATO SISA via Adis Abeba ● ASSOCIAZIONE APE piazza Beltrano,33 ● ALIMENTARI MANNI via delle Puglie ● PIANETA FRUTTA di L. Manco via Pascoli

visive e uditive, del colore e della musica, riservato ai disabili), di canto, di autonomie personali e cucina (attività domestiche), di teatralità e di “Horticultural Therapy” (terapia di sostegno psico-fisico attraverso il vivere la natura e coltivare la terra). Al termine del percorso di formazione saranno realizzate attività d’integrazione sociale di tipo lavorativo. Il progetto “Racale InForma” prevede l’impiego di personale altamente specializzato e potrà interessare un numero di utenti, anziani e disabili, pari a 150 unità. La realizzazione dovrebbe essere abbastanza veloce anche perché la gestione del servizio sarà affidata a terzi nel giro di tre mesi dalla data di approvazione del finanziamento. Il servizio sarà completamente gratuito per gli utenti che faranno richiesta d’ingresso in graduatoria. Questa sarà stilata sulla base delle condizioni socio-economiche e delle capacità psico-fisiche dell’utente.

Le cure con la cannabis e il sogno di Lucia Spiri in tv Lo sguardo di Lucia Spiri (foto) a fine servizio sul suo sogno nel cassetto vale più di mille parole. La donna di Racale, affetta da sclerosi multipla, si è raccontata davanti alle telecamere de “Le Iene”, Italia1. L’inviato Matteo Viviani ha riacceso i fari sull’uso dei farmaci cannabinoidi a scopo terapeutico nella cura contro malattie come la distrofia muscolare, sclerosi multipla e così via. Lucia, insieme al marito William Verardi e ad Andrea Trisciuoglio, ha fondato “LapianTiamo”, il primo cannabis social club italiano che si pone l’obiettivo di coltivare in proprio le piante di marijuana (da cui

Bancarotta fraudolenta

Schirinzi condanna a 5 anni

L’imprenditore racalino, il 76enne Antonio Schirinzi è stato condannato a cinque anni di carcere con le accuse di bancarotta patrimoniale, preferenziale e per operazioni di grave imprudenza. Era finito sotto processo dopo una informativa della Guardia di finanza di Casarano e una consulenza tecnica del pubblico ministero. Il 76enne, secondo l’accusa, avrebbe agito come amministratore della società “General Trade s.r.l.” con sede a Parabita Parabita, dichiarata fallita dal Tribunale di Lecce nel 2007. Avrebbe distratto beni della società e somme di denaro e compiuto operazioni “di grave imprudenza” per ritardare il fallimento. Con la sentenza di primo grado, i giudici hanno riconosciuto all’imputato le attenuanti generiche equivalenti alla recidiva e disposto l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e il “cartellino rosso” per dieci anni dalla direzione di qualsiasi attività commerciale.

"Lapiantiamo" per davvero

estrarre il principio attivo curativo) cedendola gratuitamente ai malati. Così facendo, i malati avrebbero meno problemi nel curarsi e lo Stato risparmierebbe sui costi per l’importazione

dall’Olanda del farmaco necessario, il “Bedrocan”. Con i contributi dei circa 250 soci, è stato acquistato un terreno di seimila mq sulla RacaUgento su cui si dovrebbero le-Ugento coltivare le piantine di marijuana, previa autorizzazione e sotto il controllo delle autorità. «E se non ci daranno le autorizzazioni - ha dichiarato Verardi - noi ci autorizzeremo da soli, perché non bisogna chiedere a qualcun altro il permesso di fare qualcosa che ti fa stare bene». Il servizio è andato in onda il 19 novembre scorso. MM

In Consiglio interrogazioni e pendolari

Energia nuova ok al piano Cinque i punti all’ordine del giorno discussi nel Consiglio comunale dell’8 novembre. Il consigliere Lorenzo Ria (“X la Città Nuova”) ha continuato ad argomentare l’interrogazione promossa dal suo gruppo sulla “querelle” che vede protagonisti il Comune di Racale e la Gial Plast, ditta appaltatrice del servizio di nettezza urbana. Ria ha utilizzato per intero l’ora a sua disposizione, facendo, di fatto, slittare il secondo punto in calendario sull’”ingiustificata assenza alle sedute di Giunta dell’assessore Maria Rita Vergari”. All’unanimità è stato approvato il Paes (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) che punta alla riduzione del 20% delle emissioni di Co2 entro l’anno 2020, anche se, da quanto ha affermato il sindaco Donato Metallo, “l’obiettivo potrebbe già essere raggiunto nel 2015”. Dall’opposizione, Francesco Cimino si è detto soddisfatto anche perché il Sindaco “ha riconosciuto il lavoro compiuto dall’Amministrazione Basurto” e ha espresso qualche perplessità sulla scelta dei progettisti: «Senza mettere in dubbio la professionalità degli ingegneri incaricati mi chiedo perché non vi siete avvalsi dell’appoggio della Provincia nella scelta dei professionisti, affidando, tra l’altro, i lavori a due tecnici non racalini». Metallo, ha replicato che “si è voluto, comunque, incentivare giovani e bravi ingegneri”. È stato approvato all’unanimità il regolamento per il Consiglio comunale dei ragazzi. Il vicesindaco Manni ha relazionato sui disservizi degli autobus delle Ferrovie Sud-Est nel trasporto degli studenti a scuola. Cimino ha riferito che nei prossimi giorni l’Ente convocherà l’amministratore delegato della società Ferrovie del Sud-Est e ha invitato a partecipare al confronto sia una delegazione MM del Consiglio, sia una degli studenti racalini.

Azzurra Melissano e Amici dello sport Racale, qualche tensione sotto la pioggia

Una racalina doc allenatrice (e non da ora) della Salento Women Soccer in serie B

L'atteso derby finisce con un pari

Vera Indino, quando si dice passione

Tanta pioggia, un po’ di tensione di troppo, due reti, una traversa colpita e un punto a testa. Questo il sunto del derby tra Azzurra Melissano e Amici dello Sport Racale (nella foto di Studio ritratti-Melissano) giocato il 16 novembre scorso in casa di Azzurra, per la 6ᵃ giornata del campionato amatori. La gara è sempre molto sentita sia perché nella rosa degli Amici militano molti calciatori melissanesi, sia perché, in passato, ci sono stati diversi “cambi di maglia”. La rivalità, sinora, si è sempre limitata ad uno sfottò reciproco, con qualche eccesso di agonismo, fisico e verbale che, di solito, nasce e muore in campo. Nel primo tempo il match è stato combattuto, equilibrato e ben giocato da entrambe le squadre. Si segnala un’occasione per Azzurra con Vulcano che colpisce una traversa e due per gli Amici con Greco che perde l’attimo buono per il gol. Nell’intervallo, i rispettivi allenatori cercano dei rimedi tattici per portare a casa l’intera posta in palio, ma il diluvio che si abbatte su Melissano a inizio ripresa fa saltare tutti i piani, trasformando il terreno in un pantano impraticabile. Quando ormai la partita si sta trascinando verso lo 0-0 finale, arriva il vantaggio de-

Una passione che dura da una vita e che non accenna a spegnersi. È quella di Vera Indino (foto), allenatrice-calciatrice della Salento Women Soccer, squadra di calcio femminile che milita in Serie B e che, da tredici anni, porta in giro per l’Italia i colori del nostro territorio. Vera ha origini racaline e gioca a pallone da quando aveva quindici anni: «Una passione nata ai tempi dell’università a Ferrara - racconta - giocando nel Padova, prima da esterno di centrocampo, poi da terzino. Ora, invece, sono arretrata a centrale difensivo». Da due stagioni, l’allenatrice dirige (sia dalla panchina, sia in campo) una ventina di calciatrici, agguerrite e ben affiatate, provenienti dalle province di Lecce, Brindisi e, in un caso, anche da Bari. Il campionato ha già consumato le prime sei giornate. La Sws, che giocherà tutte le gare interne sul terreno del “Basurto” di Racale su idea del consigliere con delega allo Sport Daniele Renna, ha esordito nel girone

gli Amici con un bel pallonetto di Emanuele Nassisi. Azzurra, però, non ci sta a perdere. E, in fondo, non lo merita. Ci pensa allora Pirretti, con una splendida parabola mancina su punizione, a riequilibrare il punteggio per l’1-1 definitivo. Nota a margine: ha arbitrato la partita l’ex sindaco di Racale, Massimo Basurto. In classifica, Azzurra passa a quattro punti, gli Amici salgono a 13. Nei prossimi due turni Azzurra giocherà a Scorrano e contro il Maglie, gli Amici a Cursi e

Palmariggi.

MM

D battendo per 3-0 il Tufara. Poi sono arrivate due sconfitte con le big del girone e due pareggi esterni. Il sorriso, in casa giallorossa, è tornato nell’ultimo turno con il successo sul Neapolis per 2-0, reti di Valenzano e Paolo. Le note negative, però, non mancano. Per due anni, a causa dell’assenza di sponsor, la società ha rinunciato a disputare il torneo di A2: «Anche quest’anno - spiega Indino - stiamo coprendo le ingenti spese di tasca nostra. Nonostante siamo da anni l’unica realtà che permette alle ragazze di praticare calcio ad alti livelli, continuiamo a fare i salti mortali perché non c’è nessuno disposto a darci una mano». Un supporto, almeno morale, lo potrà dare il pubblico che accorrerà al campo sportivo di Racale: dopo la trasferta di Palermo di domenica 24, la Sws ospiterà la Pink Bari per un derby che si preannuncia colorato, vissuto e combattuto. L’appuntamento è fissato MM per le ore 14.45 di sabato 30 novembre.


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Protezione Civile: 389 6815612 Comune: 0833 902711 Polizia municipale: 0833 584337

ALLISTE 21 novembre - 4 dicembre 2013

Sotto inchiesta tre medici del “Panico” per la morte di A.Manni

Alla Procura la posizione del cardiologo

Ci trovate pure qui

Sono tre i medici dell’ospedale “Panico” di Tricase sotto inchiesta per la morte di Antonio Manni, il 69enne macellaio di Felline deceduto l’8 ottobre dello scorso anno. Si tratta di due anestesiste e di un cardiologo. A dare avvio all’inchiesta la denuncia, presentata dai familiari dell’uomo, in cui si evidenziavano presunte negligenze che avrebbero causato la morte. Il paziente quell’8 ottobre di un anno fa era stato ricoverato per affrontare un intervento di vene varicose. Una

● SUPERMERCATO SISA via Alliste,30 (Felline) ● TABACCHERIA PAIANO LUIGI via Vittorio Veneto,74 ● OTTICA TOMA via Roma,7 ● ROSA CAFÈ via Alliste,2 (Felline) ● MAGAZZINI EURO via Matteotti,33 ● PROFUMO DI PANE via Racale,37 ● MILANO CAFFÈ via Milano,3 (Felline) ● SUPERMERCATO SIDIS via Gabriele D'Annunzio,19

Pag. 25

ventina di giorni prima si era sottoposto ad un check-up completo in preparazione dell’operazione che viene considerata di routine e non desta preoccupazioni particolari. Non è andata così per il 69enne che subito dopo l’anestesia cominciò ad avere qualche problema che si è rivelato fatale. Sul registro degli inagati risultano i nomi delle due anestesiste e ora il giudice per le indagini preliminari Alcide Maritati ha chiesto alla Procura di esaminare la

posizione del medico cardiologo. Nella perizia redatta dal medico legale si legge che Manni è morto per “un infarto acuto in soggetto diabetico con malattia coronarica trivasale” e che l’ ecocardiogramma a cui era stato sottoposto, pur se interpretato erroneamnete, non aveva avuto alcuna influenza sulla morte dell’uomo. Non ne sono convinti i familiari con i loro consulenti e avvocati per cui ora toccherà alla Procura stabilire se l’arrata interpretazione è stata determinante.

L’ospedale di Tricase

A Torre Sinfonò è crollato il ponte sulla litoranea Gallipoli-Leuca. Preoccupazione e proposte

Quando riaprirà la via del mare? di Roberta Rahinò

Quando i Diavoli avevano la proboscide I nomi dei luoghi sono sempre legati in qualche modo alla storia di chi un tempo vi risiedeva, oppure richiamano leggende o eroi del passato per nobiltarne le origini. Così è avvenuto per la zona di Torre Sinfonò o Sinforo, torre di avvistamento come tante sparse sulla costa salentina la cui etimologia ci riporta al mondo greco. La costa poco distante prende il nome “I Diavoli”, denominazione legata alla storia, in particolare al tempo della lotta tra Taranto e Roma. Nel terzo sec. a.C Taranto era la più potente colonia greca che non poteva fare a meno di preoccuparsi del dominio dei Romani con i quali era venuta a patti: i futuri dominatori del “mare nostrum” non sarebbero avanzati nel mare Ionio con le loro navi da guerra oltre il Capo di Hera Lacìnia (ora Capo Colonna). Ma si sa, i Romani non erano abituati a rispettare i patti e i Tarantini affondarono alcune loro navi innescando un periodo di guerra. A

questo punto Taranto chiese aiuto a Pirro, re dell’Epiro, valente condottiero del mondo ellenistico, che sbarcato in Italia nel 280 a. C. sconfisse il console Publio Valerio Levino presso Eraclea con l’uso degli elefanti che allora erano sconosciuti. Fin qui la storia. Si racconta che una nave di Pirro fece naufragio nello Ionio proprio lungo la costa di Torre Sinfonò là dove il mare è profondo e la costa alta. Gli elefanti, ai residenti, fecero una paura enorme, non li avevano mai visti e pensavano che fossero diavoli. E Diavoli si chiama ora quella costa. Il resto della storia è noto: Pirro si ostinò a combattere contro i Romani a più riprese finché nel 275 fu sconfitto a Maleventum che d’allora si chiamò Benevento. Anche Taranto fu costretta poi ad arrendersi. Ma sulla costa salentina, tra storia e leggenda c’è un tratto di costa che ricorda quel frammento di storia.

L’arcobaleno dopo la tempesta, la rigenerazione dopo il crollo. Se lo augurano, il sindaco Antonio Renna e i cittadini, che lo sfortunato cedimento del ponte sulla litoranea, avvenuto lo scorso 13 novembre in località Torre Sinfonò, possa ora diventare il pretesto per una riqualificazione totale dell’area, che ne aumenti l’attrattività turistica e non il contrario. Purtroppo, allo stato attuale delle cose, il rischio c’è, ed è concreto: la litoranea è stata interrotta il giorno stesso del rovinoso evento, lo hanno predisposto i tecnici della Provincia (a cui appartiene il tratto crollato) per permettere i lavori di consolidamento. Ci potrebbe volere tanto, e sarebbe un duro colpo per il turismo allistino arrivare in estate in simili condizioni. Da qui la soluzione che il primo cittadino ha ipotizzato e argomentato, giovedì 14, nell’incontro in Provincia: «Si tratterebbe di ripristinare la vecchia “strada del mare” - afferma Renna - che corre internamente al ponte ed è preesistente ad esso. Andrebbe adeguata alla doppia corsia e messa in sicurezza, rendendo contemporaneamente pedonale il tratto di Torre Sinfonò interessato dal crollo. Ma quella strada potrebbe anche diventare una soluzione definitiva, eliminando così il ponte». Intanto l’assessore alle Po-

Il crollo del ponte nella foto fornita gentilmente dalla Protezione civile

Il Sindaco: «Riapriamo la vecchia strada interna la litoranea solo pedonale» litiche ambientali Renato Rizzo ha eseguito i rilievi, necessari per stabilire quanto occorre per realizzare l’idea del sindaco, dopodiché si chiederà il cofinanziamento dell’opera alla Provincia.

In realtà, l’appello del primo cittadino è rivolto anche alla Regione e a tutti gli altri Enti “perché prendano a cuore la situazione - spiega - Puntiamo a dare alla zona un nuovo volto”. Di certo, a cuore la sorte dell’area l’hanno presa tutti i cittadini, come dimostrano i numerosi commenti a caldo su Facebook e sugli altri social network: «Lottiamo insieme per una cosa nostra!» scrive, esortando, più di qualcuno, mentre è certo che l’avvenimento ha lasciato smarriti, e senza parole, molti altri.

CLICK ESPULSO DAL CAMPO, STUDENTE ALLISTINO FUORISEDE SI DENUDA Un giovane di Alliste, studente presso la facoltà di scienze motorie e Chieti, giocatore nella squadra del Pianella, espulso dall’arbitro nella partita contro il Manoppello, non ha accettato l’espulsione e in segno di scherno si è denudato dopo aver inveito contro i sostenitori della squadra avversaria. Ne è seguita una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. DAVIDE STAMERRA CONFERMATO SEGRETARIO PD Si riconferma segretario del Pd cittadino il consigliere d’opposizione Davide Stamerra. Rieletto all’unanimità nel congresso dello scorso 5 novembre, Stamerra, che porta avanti questo incarico fin dal 2007, commenta così: «Sono orgoglioso e grato agli amici di sempre per aver riposto nuovamente in me la loro voglia di fare politica e di fare qualcosa per la nostra comunità. In questi anni abbiamo condiviso tanto e tante campagne elettorali, oggi siamo presenti in Consiglio comunale con due consiglieri – l’altro è Daniele Fersini (ndr) - ma molte altre sfide ci attendono per dare risposte e supporto ai problemi della nostra gente».

Istituto comprensivo “Calvino”, classi I A e I B, e il progetto di robotica

Inaugurata la palestra nell’edificio scolastico di via Montello

Auguri di Natale davvero speciali

Uno spazio in più per lo sport di tutti

Sarà un Natale “robotizzato” quello che alcuni allievi dell’istituto comprensivo “Calvino”, diretto dalla professoressa Filomena Matino), stanno Giannelli (di Matino preparando: i bambini della scuola primaria, frequentanti le classi 1A e 1B, già da tempo sono alle prese con la realizzazione di speciali biglietti d’auguri, la cui particolarità è d’essere animati. L’iniziativa, che s’inserisce nell’ambito del corso di robotica tenuto dall’ingegnere elettronico Viviano Causo (di Racale Racale)), è anche legata ad un simpatico concorso: gli autori dei quattro bigliettini più originali verranno premiati con un orologio realizzato unendo piccoli mattoncini. La gara avrà un giudice a tema: le

opere di tutti gli alunni, infatti, saranno valutate dall’aiutante robot di Babbo Natale. Prima delle vacanze natalizie, inoltre, anche da casa si potranno

ammirare i lavoretti delle due classi, che verranno pubblicati sul sito web della scuola. Piccoli informatici crescono, dunque: il corso di Causo si rivolge quest’anno ai più piccoli, mentre l’anno scorso è stato seguito dalla classe VC, guidata alla realizzazione di un ebook animato sul tema dell’educazione ambientale (edito da Youcanprint. it di Tricase ad ottobre 2013). Il libro, intitolato “Il vascello di Sony”, è stato anche presentato alla “Città della scienza” di Napoli, dal 9 all’11 ottobre. Chissà che anche per i bambini di prima non arrivino presto dei riconoscimenti per il lavoro svolto, come questo meritato dai loro compagni più grandi. RR

L’attesa, durata oltre quattordici anni, è finita sabato 9 novembre: il sindaco Antonio Renna, insieme agli assessori e al capogruppo Amleto Petracca, ha tagliato il nastro della nuova palestra comunale, situata all’interno dell’edificio scolastico di via Montello. Di fronte ai lavori conclusi, che hanno riguardato l’area gioco e la zona degli spogliatoi, si sono dimostrati entusiasti i cittadini che hanno preso parte all’inaugurazione, soprattutto genitori e bambini. Soddisfatto anche il Sindaco che ha commentato così il buon esito dell’opera: «Questo dimostra che, anche in una fase di pesante crisi economica e finanziaria, quando i soldi pubblici sono ben amministrati si riescono a fare interventi importanti. Quella di Alliste è un’Amministrazione che continua ad investire nelle scuole, confortata dai livelli di eccellenza raggiunti dalle stesse e dimostrati dal continuo aumento degli iscritti, soprattutto dai paesi limitrofi, e dall’attività del dirigente scolastico, la professoressa Filomena Giannelli». Presente alla cerimonia, la Giannelli ha annun-

ciato che l’istituto comprensivo “Calvino” attiverà per quest’anno corsi di pallavolo e di tennis, che si svolgeranno nella nuova struttura. Ma non saranno le uniche iniziative che la palestra fresca d’inaugurazione ospiterà: al suo interno, si giocheranno le partite di campionato dell’Alliste volley, si terranno i corsi gratuiti di ginnastica dolce per anziani e, ovviamente, spazio alle attività dei bambini della scuola elementare. RR


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 587171 Comune: 0833 586211 fax 586244 Guardia medica: 0833/581163 Ufficio postale: 0833 971711 Polizia municipale: 0833 587982

MELISSANO 21 novembre - 4 dicembre 2013

● BAR CARIOCA via Casarano ● TABACCHI SCOZZI via Casarano ● SUPERMERCATO CONAD via Racale ● SUPERMERCATO METÀ via Racale 136 ● BAR EUROPA via Crispi,2 ● MACELLERIA MARSANO via Palermo ● SUPERMERCATO SIDIS via Trento,35 ● PIS.COBAR via F.lli Cervi,23 ● IPERFRUTTA via Palermo,140 ● CAFFE' DEL CENTRO via Racale

Pag. 26

Da Lecce a Melissano: proposta di Stefano Cortese «Adotta un cane e se tutto sarà in regola, pagherai meno tasse». Sulla scia della proposta formulata qualche tempo fa dall’assessore alle Politiche ambientali e al randagismo del Comune di Lecce, Andrea Guido, l’originale idea si fa strada e trova eco anche a Melissano per bocca dell’archeologo e attivista di “Progetto Melissano” Stefano Cortese (foto). «Rispolverando un vecchio articolo dell’allora consigliere Stefano Scarcella - spiega Cortese - e analizzando la proposta che giunge in questi giorni dal Comune di Lecce, nonché dal consigliere del Comune di Ugento, Angelo Minenna, ho approfondito la tematica del randagismo a Melissano. Per il canile “Dog’s House”, il Comune paga ben 3.778,76 euro dovuti alla prestazione di ricovero e mantenimento di 73 cani. Ogni cane, quindi, costa al cittadi-

Ci trovate pure qui

Nell'atelier di Spennato

Con un cane meno tasse Una docufiction no 50 euro al mese, circa 620 euro l’anno». Ed ecco la proposta: «Se si adotta un cane si avrà uno sgravio di duecento euro annuali sulle esose tasse comunali, Tares in primis, per i prossimi tre anni. Ogni rilascio di questo “buono” sarà solo subordinato alla regolare “microchippatura” dell’animale e al controllo di un addetto incaricato dal Comune che, a sorpresa, monitorerà le condizioni del cane adottato». I vantaggi, secondo Cortese, sarebbero questi: «Il Comune risparmierebbe, in tre anni, oltre 1.250 euro per ogni cane adottato, ci sarebbe maggiore rispetto e sensibilità per gli animali e le famiglie melissanesi ne guadagnerebbero sia in termini economici, che in termini affet-

tivi». La società affidataria del servizio ha preannunciato che non rinnoverà la convenzione col Comune, a partire dalla scadenza naturale del 30 novembre prossimo. Il problema del randagismo, soprattutto in estate, raggiunge livelli di guardia a causa di branchi di cani che creano pericolo e intralcio per la viabilità e disagi di vario tipo rovistando nei bidoncini della spazzatura e riversandone il contenuto per strada alla ricerca di cibo. MM

Alla scuola media "Merenda della solidarietà" e tutta al naturale

Com'è buona la puccia Il ricavato, 435 euro, per lavori urgenti di Marco Montagna

«No, mamma. Oggi la me- L'iniziativa ha trovato renda non mi serve. La compriamo direttamente a scuola». E così ampio consenso anche tra ben 16 classi della Secondaria di i genitori e sarà riproposta primo grado dell’Istituto comprensivo di Melissano, guidato dalla dirigente scolastica Paola Apollonio, hanno rinunciato alla tradizionale merendina da consumare durante la ricreazione per gustarsi delle ottime fette di pane e pomodoro e delle pucce prodotte con grano biologico. L’iniziativa, che si ripete ormai da diversi anni, prende il nome di “Merenda della solidarietà” e si è svolta durante la mattinata del 7 novembre scorso. Ovviamente, i ragaz- Le mamme intente a preparare la merenda zi delle medie hanno accolto il tutto con grande entu- campo della solidarietà e del vosiasmo, acquistando il pane (al lontariato (“Arcobaleno su Tanvalore simbolico di un euro a fet- zania”, per esempio), quest’anno ta) al fine di raccogliere fondi per si è deciso, di comune accordo, di uno scopo importante e urgente. utilizzare il denaro raccolto dalla Se nelle scorse edizioni i proven- vendita del pane e pomodoro per ti dei manicaretti preparati dalle contribuire alle spese necessarie mamme degli alunni erano stati per la realizzazione di alcuni ladevoluti ad associazioni attive nel vori di manutenzione ordinaria

che non possono essere rimandati. La somma raccolta, pari a circa 435 euro, è stata simbolicamente consegnata da una delegazione degli studenti al professore Flavio Vitali, principale organizzatore della manifestazione nonché produttore del grano biologico di tipo “Cappelli” con cui è stato elaborato il pane per la merenda solidale. L’evento si è svolto in un clima di festa e di grande partecipazione, sia da parte dei docenti, che, soprattutto, da parte degli alunni che si sono sentiti chiamati in causa in prima persona, seppur con un piccolo gesto, per risolvere un problema esistente nella loro scuola. La “Merenda della solidarietà”, dato il gradimento raccolto in quest’occasione, sarà ripetuta prima della chiusura delle scuole per le vacanze natalizie. D’altronde, cosa c’è di più buono di una fetta di pane e pomodoro se alla bontà dell’alimento ci si aggiunge anche uno scopo nobile?

Dal congresso Marco Piscopiello segretario Il "Presepe in famiglia" numero 22

Nuova guida Pd Via alle iscrizioni Il congresso ha deciso: è Marco Piscopiello (foto) il nuovo segretario del Partito democratico di Melissano. Analista sistemista, 36 anni, Piscopiello ha ottenuto 146 voti vincendo la concorrenza dell’altro candidato, Luciano Piscopiello, che ne ha raccolto 107. Il neo eletto succede ad Antonella Tenuzzo, dimissionaria dopo la sconfitta elettorale del partito nelle Comunali del 2011. Entrano a far parte del direttivo cittadino: Sergio Macrì, Martina Piscopiello, Antonio Margari, Matilde Surano, Salvatore Rimo, Giovanna Galati, Daniele Marsano, Giovanna Palma, Antonio Manco, Sabina Schito, Mattia Margarito, Anna Rita Bruni, Tommaso Manco, Barbara Greco, Donato Caggiula, Elena Spennato e Vincenzo Perdicchia. Tredici i membri della lista perdente: oltre a Luciano Piscopiello, Antonella Tenuzzo, Angelo Fasano, Rita Renni, Ferruccio Piscopiello, Silvana Scarcella, Enrico Palma, Martina Moschetti, Luigi Margari, Claudia Orlando, Antonio Renni, Alessandra Manni e Quintino Pignari.

Per il 22° anno si rinnova l’appuntamento con “Presepe in famiglia”, il tradizionale evento organizzato dal Centro turistico giovanile che premierà il presepe più originale tra quelli presentati alla giuria. Il concorso è riservato alle famiglie residenti nell’area di Alliste e Felline Felline, Melissano, Racale e Taviano ed è patrocinato dal Comune di Melissano. L’anno scorso fu l’”artista” tavianese Tullio Chetta a vincere il primo premio davanti alla coppia ex-aequo formata da Fabio Rizzo di Taviano e Rocco Francioso di Racale, terzo il presepe di Giuseppe De Giorgi di Melissano (foto). Il regolamento del concorso è consolidato: una giuria visionerà e filmerà tutti i presepi in gara che saranno presentati al pubblico la sera dell’Epifania, presso il centro culturale “Q. Scozzi”, dove si svolgerà la cerimonia di premiazione. Le iscrizioni,

già aperte, entro il 22 dicembre. Info al numero 333-1286740.

dida

per tagliare e cucire L’arte sartoriale di creare, tagliare e cucire e gli antichi mestieri artigianali insegnati alle giovani generazioni attraverso una docufiction. L’atelier di Gilda Spennato (nella foto con l'allieva Federica Caputo) è stato una delle tre location scelte dal progetto “Inter Company generation”, promosso dalle Province di Pescara e Lecce, Confartigianato di Lecce con altri enti e associazioni, in collaborazione con il Ministero della Gioventù. Il documentario illustrerà i metodi di lavorazione della pietra leccese (location a Cavallino), della cartapesta (a Lecce) e la moda (a Melissano). Le scene del “corto”, che sarà integrato nella docufiction “Antichi mestieri e paradisi di carta”, sono state girate nei giorni scorsi presso il laboratorio sartoriale di Spennato, sotto la direzione di Pascal Pezzuto, attore, regista originario di Squinzano, già allievo della scuola di Vittorio Gassman a Roma. La troupe ha lavorato ininterrottamente per 14 ore. Il documentario sarà distribuito presso alcune scuole della provincia per la fase didattica, e poi commercializzato anche a livello nazionale. È entusiasta Gilda, formatasi con gli insegnamenti delle sue maestre Rosalba Maroccia e Teresa Tenuzzo e premiata nel 2007 dalla Confartigianato per meriti imprenditoriali. La sarta parla di un’esperienza gratificante e utile ad avvicinare le nuove leve al mondo della moda: «Il nostro - commenta - è un lavoro che coniuga tradizione e innovazione, fatto per chi vuole distinguersi nel vestire. Nonostante la crisi, nel 2013 ho notato dei piccoli segnali di crescita che potrebbero anticipare la ripresa economica. Speriamo sia di buon auspicio per le giovani generazioni, che noto essere più attente e impegnate a imparare e a specializzarsi». L’evento sarà celebrato con una sfilata di moda che si terrà la sera del 1° dicembre presso il centro culturale “Q.Scozzi”, alla presenza delle telecamere della troupe di Pezzuto che ha girato la docufiction. MM


NUMERI UTILI Biblioteca: 0833 621964 Carabinieri: 0833 622010, 623535 Consultorio familiare: 0833 625967 Guardia medica: 0833 622386 Municipio: 0833 626411; Sito ufficiale: www.comune.taurisano.le.it; E-mail: info@ comune.taurisano.le.it Polizia municipale: 0833 622014 Protezione civile: 0833 623965 Ufficio postale 0833 626311

TAURISANO Pag. 27

21 novembre - 4 dicembre 2013

Il racconto dei ragazzi di Taurisano di ritorno da Agros, nell’isola di Cipro

«Un confronto molto utile con scoperte»

«Esperienza entusiasmante e molto positiva». Al ritorno da Cipro, i dieci ragazzi di Taurisano che hanno partecipato al progetto europeo «Giovani e democrazia» raccontano analogie e differenze tra la piccola città di Agros (800 abitanti) e il loro paese. «Ci siamo immersi in una cultura diversa dalla nostra - racconta Evangelista Leuzzi, referente dell’associazione “Fattoria pugliese diffusa” - ed abbiamo notato le tante cose in comune e quelle, invece, diverse». Il viaggio è iniziato il 17 ottobre ed è durato cinque giorni. I ragazzi, come racconta Leuzzi, sono rimasti molto colpiti dalla divisione della capitale Nicosia nella parte greco-cipriota e turco-cipriota.

Opportunità per la creatività. C’è una music zone

«Lo scopo del progetto era quello di avvicinare le pubbliche amministrazioni e le fasce giovanili. Dopo la visita degli amici ciprioti a Taurisano, siamo stati noi ad andare alla scoperta del loro modo di rapportarsi con i problemi del posto. Ed abbiamo scoperto che anche loro riscontrano carenze di condivisione». Il confronto ha riguardato, tra l’altro, gli aspetti legati alla cultura, all’ambiente e all’economia locale. «Ad Agros non si svolge la raccolta differenziata - spiega Liuzzi - ma i ragazzi hanno costituito dei gruppi che si impegnano al riutilizzo dei materiali per l’abbellimento del paese. Gli amici ciprioti, poi, ci hanno chiesto come mai a Taurisano ci si-

Ci trovate pure qui ● FARMACIA PALESE via A. De Gasperi ● SUPERMERCATO PUNTO SPESA p.zza Libertà,27 ● SUPERMERCATO SISA via Eroi D’Italia,162/a ● POLLARA CAFE’ via Macchia,20 ● SUPERMERCATO L’ ESSENZA viale Eroi D’Italia,21 ● ANTICA PANETTERIA SCORDELLA via SS. Crocefisso,8 ● BAR GIULIA presso stazione Q8 via Casarano,34 ● SANI SAPORI via Eroi D’Italia,50 ● ACCONCIATURE ANTONIO CIULLO via M. D’ Otranto,146 ● BAR PASTICCERIA LA PARMENTE c.so L. Da Vinci ● MAGAZZINI EURO via San Donato ,7

ano, in proporzione, meno negozi e nemmeno un albergo. A differenza nostra, per gli acquisti loro scelgono i piccoli negozi, facendo così girare l’economia». Il viaggio è stato caratterizzato anche dalla visita alla sede dell’Unione Europea di Nicosia. L’intera esperienza confluirà in un ebook di prossima pubblicazione. Il progetto è stato finanziato dall’Unione europea con 28mila euro ed è stato organizzato dall’associazione “Fattoria pugliese diffusa” e dall’assessorato alla Cultura del Comune con la collaborazione di “Consulta giovanile”, “Movimento giovani Taurisano” e “Arte in terra”. PT

Inaugurato il tempio dedicato ai santi Pietro e Paolo

Nasce un’Officina La chiesa nuova per gli artisti

ma chi lo sapeva?

dovuta solo ai “tempi stretti”: la data dell’inaugurazione, infatPiù volte rimandata, alla Presenti vescovo e sindaco ti, sarebbe stata decisa solo due fine l’inaugurazione della nuova giorni prima. E poi promette che chiesa parrocchiale di Taurisano Il parroco: «Fatto tutto l’appuntamento più importante, c’è stata. Ma in molti, in paese, in fretta, però ripareremo» quello della “dedicazione” delnon hanno gradito la scarsa inla chiesa sarà sicuramente reso formazione intorno ad un evento noto: «Stiamo attendendo la fine comunque impordi tutti i lavori per tante nella vita della organizzare questa comunità dei fedeli: importante cerimonon un manifesto e nia, nella quale tutti neppure un invito saranno coinvolti». per le tante imprese La costruzione e maestranze che si della chiesa parsono occupate della rocchiale, che sorcostruzione, della ge all’incrocio tra fornitura di marmi la Provinciale per e loro lavorazione, Casarano e via Cadegli infissi e degli nova, è iniziata nel impianti elettrici, 2005, quando sulla tutte di Taurisano cattedra vescovile e che affermano di di Ugento sedeva aver lavorato “ai monsignor Vito De limiti del recupero Grisantis. Quella appena delle spese dei Santi Apostoli è e per il prestigio la terza nuova chiedi contribuire alla sa costruita a Tauriedificazione della La nuova chiesa che sorge in periferia in direzione Casarano sano nel corso degli chiesa”. ultimi anni (dopo L’apertura al quelle di Maria Ausiliatrice e dei culto della chiesa dei Santi Apo- circa 20 sacerdoti della diocesi. Santi Martiri Giovanni Battista stoli Pietro e Paolo è comunque Al rito erano presenti i fedeli del- e Maria Goretti). I lavori, che avvenuta giovedì 7 novembre, la parrocchia e diverse autorità, dovevano terminare nel 2008, con una cerimonia presieduta dal tra cui il sindaco Lucio Di Seclì. hanno subito forti ritardi, anche a Il parroco risponde alle cri- causa della carenza di fondi. I covescovo di Ugento monsignor Vito Angiuli e concelebrata dal tiche spiegando che la scarsa sti complessivi oscillano intorno parroco don Paolo Congedi e da diffusione della notizia è stata ai 3 milioni di euro. di Pierangelo Tempesta

L’interno dell’Officina

di Rocco Schiavano

L’“Officina degli Artisti” in corso Vanini è la proiezione operativa dell’associazione omonima costituitasi a Taurisano il 15 ottobre scorso per iniziativa di Marco Puzzello, giovane musicista taurisanese già da qualche tempo impegnato e noto nella scena musicale salentina. Il perché di “Officina” ce lo spiega lo stesso Puzzello: «Il posto dove ha sede l’associazione è stato per anni l’officina dove mio papà ha lavorato su motocicli di ogni tipo, per cui sin da piccolo il ritornello ‘andiamo in officina’ era una sorta di parola d’ordine familiare. La scelta è stata conseguente, da officina meccanica siamo passati ad officina musicale, l’obiettivo rimane comunque quello di lavorare seriamente e creare a Taurisano una realtà nuova, in grado di rivolgersi positivamente a tutto il territorio non solo quello locale ma salentino in modo più

generale». Questi gli obiettivi: diffondere la cultura musicale tra il mondo giovanile, ma non solo; organizzare corsi ed attività per ampliare la conoscenza della cultura musicale; proporsi come luogo di incontro e di aggregazione, rivolto ai cittadini diversamente abili, ai quali rivolgere percorsi specifici di musico terapia. Ma le attività riguardano altro come ci tiene a precisare Marco: «“Oda” sarà un nuovo punto di riferimento per tutti gli artisti di Taurisano e non, per i musicisti che non hanno luoghi dove esprimersi. Un riferimento per l’organizzazione di eventi musicali e culturali, un vero e proprio Centro di musica moderna, corsi musicali per tutte le età di alto livello mirati alla preparazione accademica e a quella da palcoscenico. In più una Music Zone per la promozione musicale nel nostro territorio ossia Laboratorio creativo e artigianale per lo sviluppo dell’Arte in senso ampio».

Comunicazione, il Comune usa Facebook e Twitter

I Consigli sul computer Da qualche giorno anche il Comune di Taurisano ha attivato i propri profili web su Facebook e Twitter. Se inizialmente qualcuno sembrava poco convinto dalla scelta, dati e numeri alla mano hanno smentito clamorosamente ogni perplessità. In poco meno di 15 giorni, infatti, le richieste di partecipazione alla “rete” comunale sono state quasi 500, dato significativo, considerata la provenienza e l’identità delle richieste “di amicizia” pervenute all’istituzione cittadina. Si tratta di studenti e lavoratori fuori sede, in Italia come all’estero, professionisti, associazioni, organismi istituzionali con i quali il Comune può interloquire e trasmettere in

tempo reale le news pubblicate sul sito istituzionale. Più che una rete sociale si è innescata una rete amministrativa vera e propria, che, con il passare del tempo non potrà che essere perfezionata e migliorata. Nel discorso della comunicazione sempre più accentuata verso cittadini va inserita la trasmissione in diretta streaming sul sito istituzionale dei Consigli comunali. La “prima” in assoluto si è svolta giovedì 31 ottobre 2013, quando il Comune ha di fatto inaugurato questo nuovo percorso comunicativo. La diretta del Consiglio comunale è visibile anche su dispositivi mobili come Android, iPad e iPhone. RS

CLICK REGISTRO COPPIE DI FATTO Il Comune istituisce il registro delle coppie di fatto. Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale è passata, con la sola astensione del sindaco Lucio Di Seclì, la proposta del consigliere di opposizione Salvatore Rocca, di Rifondazione Comunista. Il primo cittadino ha deciso di non votare per «motivi religiosi».Potranno iscriversi al registro le coppie di maggiorenni legate non da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione e tutela ma da vincoli affettivi e di reciproca assistenza. I richiedenti dovranno coabitare da almeno un anno nel territorio comunale. «Per la prima volta - è stato il commento di Rifondazione - la maggioranza Pd ha votato una proposta avanzata da noi». AVVELENATI TRE CANI Avvelenati tre cani nelle campagne di Taurisano. Gli animali si trovavano nel giardino di una casa di campagna tra Taurisano e Miggiano, in contrada “Acquadolce”. Il sistema usato è stato quello delle polpette altamente tossiche. OMICIDIO LEZZI: 10 ANNI Vito Daniele De Carlo, nipote del boss della scu Giovanni Maiorano, è stato arrestato e accompagnato al carcere di Lecce dagli agenti di polizia giudiziaria del commissariato di Taurisano, dove risiede. De Carlo, 29enne, è stato condannato a 10 anni , 8 mesi e 10 giorni per concorso anomalo nell’omicidio di Marco Lezzi che fu ucciso a marzo del 2004 a S. Cesareo.

Al Centro anziani di via Roma una serata dedicata alle nonne della città Le nonne del paese a raccolta per una festa dedicata tutta a loro. Il 14 novembre, nel Centro anziani di via Roma, si è svolta la serata dedicata alle donne anziane di Taurisano. Un momento di condivisione che avrà il suo seguito in numerose attività in programma, come spiega l’assessore ai servizi sociali Luana Calogero: «È stata una serata molto bella e divertente, le nostre signore hanno ballato e cantato, trasmettendo a tutti il loro entusiasmo. È stato l’inizio di un percorso che ci vedrà impegnati nell’organizzazione di convegni su diversi temi, dalla medicina al confronto con le nuove generazioni. Inoltre molte signore hanno manifestato l’intenzione di volersi impegnare nel volontariato». La serata è stata animata dagli istruttori della palestra Dancer’s club e dal karaoke del dipendente comunale Antonio Manco e dalla “Comunità San Francesco” di Ugento che ha messo a disposizione personale e mezzi per il trasporto e l’accompagnamento delle persone con difficoltà deambulatorie. PT

Si balla e la vita è più leggera

Due immagini della serata


NUMERI UTILI: Municipio: 0833 557001; Uff. Sindaco: 0833 555031; Polizia Municipale: 0833 555770; Carabinieri: 0833 555010 - 0833 556767; SOS mare T.San Giovanni: 0833 931100; Uff. servizi Sociali: 0833 556460; Museo: 0833 555819

UGENTO Pag. 28

21 novembre - 4 dicembre 2013

Ci trovate pure qui • BAR OZAN largo S. Nicola,1 • TABACCHI LA DEA BENDATA via Messapica,63 • CAFFÈ CENTRALE p.zza Colonna ,20 • BAR PASTICCERIA L'ANGOLINI DOLCE via F.lli molle,60 • SUPERMERCATO SIGMA p.tta Ozan,1 • SUPERMERCATO CONAD p.zza Italia,11 • BAR PIAZZA ITALIA via Trieste,30 • PASTA FRESCA FANTASIA via Marina,189 • SUPERMERCATO GEAS via Marina,325 • FRUTTA E FRUTTA di Molle Roberto via Napoli,17 • PRO LOCO UGENTO p.zza San Vincenzo • TABACCHERIA via Ripamonti,47 • TABACCHI PASSASEO CINZIA via Fiume,70 • BAR ZANZIBAR (Gemini) Via Martiri Di Belfiore,6 • BAR GREEN SQUARE (Gemini) via Reg. Elena,6 • SALI E TABACCHI (Gemini ) p.zza Monumento ai caduti,8 • BAR DA DONATO (T.S. Giovanni) c.so Annibale,138 • BAR JONIO (T. San Giovanni ) c.so Auxentum • PASTICCERIA DOLCI SENSAZIONI (T.S. Giovanni) c.so Auxentum • SUPERMERCATO ADRIANA (T.S. Giovanni) c.so Auxentum • SUPERMERCATO PUNTO MARKET (T. S. Giovanni) via Colaianni,122

Casa salute, ora ci siamo Centro di igiene mentale inaugurazione il 2 dicembre donna in crisi crea tensione È prevista per lunedì 2 dicembre l'apertura della nuova "Casa della salute", la struttura in cui avranno sede gli uffici e gli ambulatori della Asl. Il direttore generale dell'azienda sanitaria Valdo Mellone e il sindaco di Ugento Massimo Lecci hanno annunciato possibili disagi durante la fase di spostamento di materiali e attrezzature presso la nuova sede di via Vincenzo Armida (ex carcere). Nell'edificio, che negli ultimi anni è stato sottoposto a ristrutturazione, troveranno posto il poliambulatorio specialistico distrettuale (che fino ad ora si trovava nella sede di via Edison), il centro prelievi (che lascerà la sede di via Corfù), il centro di igiene mentale, il Ser.T., la postazione del 118, il consultorio familiare, la sede della guardia medica e gli uffici amministrativi. Inevitabili cambiamenti anche per le altre sedi Asl. In Via Edison saranno dislocati gli uffici del servizio di igiene pubblica e quelli delle commissioni per gli invalidi civili. L'ex centro dialisi di via Marina, infine, ospiterà i servizi di medicina veterinaria e di igiene degli alimenti e della nutrizione. Dall'inizio di questa settimana si

stanno svolgendo le operazioni di trasloco e di riorganizzazione di uffici e ambulatori. Proprio in tale fase, Asl e Comune hanno chiesto ai cittadini di comprendere le difficoltà che si potrebbero creare. Lo stabile dell'ex carcere, di proprietà comunale, è stato concesso in comodato d'uso alla Asl. I lavori hanno avuto un costo di quasi un milione e 200mila euro (in parte provenienti dalla Asl, in parte dalla Regione). PT

Paura la settimana scorsa al centro di igiene mentale di via Bolzano, quando una donna di Alliste che ricorre alle cure dei medici della struttura, ha perso il controllo e ha dato in escandescenze fermando le auto e chiedendo ripetutamente e con forza di essere riportata a casa. La crisi della donna, che aveva perso il controllo delle sue azioni, ha spaventato non poco quelli che transitavano in zona che hanno chiesto subito aiuto. Sono intervenuti immediatamente i vigili urbani e un’ambulanza del 118 che hanno posto fine al disagio della paziente e dei cittadini loro malgrado testimoni della crisi. Quello che è seguito fa parte del protocollo che viene applicato in questi casi. La donna è stata bloccata dal personale medico che l’ha sottoposta al trattamento

Dal prefetto la soluzione del travagliato problema dei confini con Ugento

Traslocano 88 famiglie Godono dei servizi locali ma sono dell'ente vicino di Pierangelo Tempesta

Finalmente una svolta nella "storica" questione della ridefinizione dei confini tra Ugento e Taurisano? È quanto potrebbe accarisano dere nei prossimi mesi. Le acque, infatti, iniziano a muoversi, dopo l'incontro tra i sindaci Massimo Lecci e Lucio Di Seclì con il prefetto Giuliana Perrotta e il successivo incontro tra quest'ultima e il Consiglio comunale di Taurisano. Come è noto, una parte del centro abitato di Taurisano fa parte del territorio di Ugento: sono circa 350 cittadini, per un totale di 88 nuclei familiari, coloro che, pur avendo la residenza a Taurisano, abitano in case ricadenti nel "feudo" del comune vicino. Si sentono e sono di Taurisano e da Taurisano ricevono servizi come la raccolta della spazzatura e la consegna della posta, mentre il Comune confinante, del cui territorio fanno parte le loro abitazioni, non fornisce loro quasi nessun servizio. Non si tratta

Una zona di Taurisano interessata alla definizione dei confini

solo di zone di campagna, ma anche di contrade entrate a far parte ormai a pieno titolo del centro abitato (Fumusa, Donna Francesca, Varano, Serra, Cazzanoci, Tore,

Un percorso ciclopedonale fino alle "Pazze"

Firmano in 280 Un percorso ciclopedonale come quello della Alliste. È quanto chiedono i cittadini di marina di Alliste Torre San Giovanni al Comune di Ugento per i due tratti di costa che vanno rispettivamente dal confine con la vicina località balneare fino a località "Pazze" e da quest'ultima fino al lungomare. Nei giorni scorsi al sindaco Lecci e ai consiglieri comunali è stata consegnata una petizione firmata da circa 280 persone. Per i firmatari, la pista permetterebbe di ammirare la costa e la macchia mediterranea che cresce a ridosso del mare, favorendo anche la pulizia dai rifiuti. Inoltre, con questa infrastruttura le persone residenti in periferia potrebbero raggiungere facilmente il centro della marina senza il rischio di essere investite dalle auto che percorrono la litoranea. «Già da tempo - sottolineano i firmatari - il Comune di Alliste ha costruito un'analoga pista, intervento che ha trovato la soddisfazione e l'apprezzamento da parte di tutti gli abitanti, i quali vivono la struttura non solo nel periodo estivo». Dell'argomento potrebbe discutersi in una delle prossime sedute di Consiglio comunale. Il consigliere di opposizione Angelo Minenna (foto) ha scritto al presidente dell'assise Biagio Marchese per chiedere l'inserimento PT all'ordine del giorno della petizione.

Chiausi, solo per citarne alcune). Con gli incontri dei giorni scorsi - durante i quali il prefetto ha chiesto ai due sindaci di trovare presto una soluzione condi-

visa, addirittura entro il 30 prossimo - qualcosa deve muoversi. Il passaggio obbligato per la ridefinizione dei confini sarebbe il trasferimento di residenza delle famiglie interessate da Taurisano a Ugento. Ciò potrebbe avvenire già prima delle elezioni europee, previste per la prossima primavera. Gli stessi nuclei familiari, poi, dovrebbero scegliere con un referendum di quale Comune far parte. Se la maggioranza sceglierà Taurisano, Ugento dovrà privarsi di quella parte di territorio. Forse, però, in cambio di un "pezzo" di Taurisano a ridosso della stazione ferroviaria. I due Comuni, infatti, starebbero valutando l'opzione dello scambio. Il sindaco di Ugento non si è tirato indietro, ed ha affermato di voler esaminare la questione in sede di adeguamento del Piano urbanistico generale. «Bisogna valutare tutti gli aspetti - ha detto Licci - perché la volontà politica deve essere supportata tecnicamente».

CLICK BANCAROTTA FRAUDOLENTA; FATTI SPARIRE DUE MILIONI DI EURO DI LEGNAME Sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta un 63enne e un 42enne di Ugento rispettivamente rappresentante legale e amministratore di un’azienda specializzata nella produzione e commercializzazione all’ingrosso di legname. In vista del fallimento dell’azienda avrebbero fatto sparire, probabilmente vendendola senza regolare fattura, circa due milioni di euro di legname. L’indagine è stata portata a termine dai finanzieri della tenenza Casarano e dalla compaGallipoli. Al termine delle indagini la Procura di Lecce ha gnia di Gallipoli disposto la denuncia dei due uomini per aver commesso gravi indempienze fiscali . Si RIBALTA CON LA SUA MOTOAPE IN UN CANALE In una zona di campagna tra Ugento e Torre S. Giovanni un agricoltore si è ribaltato in curva con la sua motoape cadendo nel canale di bonifica. Per fortuna è riuscito ad uscire da solo dal mezzo e se l’è cavata con qualche ferita. Poteva andare molto peggio, in suo aiuto sono accorsi subito i familiari che l’hanno accompagnato in ospedale.

La sede del Centro di igiene mentale in via Bolzano

sanitario obbligatorio. Successivamente è stata ricoverata presso l’ospedale di Scorrano per essere sottoposta alle cure del caso. Nell’ultimo periodo si sono verificati casi similari che pongono a

rischio la sicurezza sia del malato sia delle persone che si trovano a subire gli effetti di una crisi. A rischio il personale dei Pronto soccorso e dei Centri di igiene mentale che chiedono maggiore tutela.

Canali intasati e i bacini straripano: i problemi in Consiglio comunale

Polemiche dopo l'esondazione del bacino “Suddenna” (foto) e gli allagamenti registrati domenica mattina a Torre San Giovanni. Durante il Consiglio comunale di lunedì, i consiglieri Molle e Minenna hanno abbandonato l'aula in segno di protesta dopo il rifiuto da parte della presidenza di discutere, in via straordinaria, di quanto accaduto nella marina. All'alba di domenica, a causa del muro di alghe presente ormai da mesi nel canale “Risetani-Colatisi” (foto sotto), le forti precipitazioni hanno fatto esondare il bacino. Lungomare Quinto Ennio, le strade circostanti e qualche scantinato sono stati allagati. Per risolvere temporaneamente il problema è stato necessario l’intervento di una draga, che ha creato un passaggio per l’acqua nel canale spostando le alghe. Molle e Minenna con gli altri tre consiglieri di minoranza (Lisi, Scarcia e Coppola) hanno firmato una dichiarazione in cui rimarcano «l'insensibilità dell'Amministrazione comunale e del Consorzio di bonifica» e ritengono necessario «denunciare alle autorità preposte quanto accaduto ad Ugento, coinvolgendo tutta la cittadinanza, le organizzazioni politiche, economiche, culturali e ambientali presenti sul territorio al fine di imporre ai responsabili una sana gestione ambientale ed igienica dei bacini». Il consigliere Minenna, poi, ha inviato un telegramma in Regione per chiedere un incontro urgente e ha scritto un'interrogazione al sindaco Lecci e all'assessore all'ambiente Ponzetta per chiedere il rispetto del protocollo di intesa tra Comune e Consorzio per la manutenzione e la pulizia dei bacini.

PT


NUMERI UTILI Comune 0833 721106 www.comune.acquaricadelcapo.le.it Polizia Municipale 0833 727603 Ufficio postale 0833 721170 Guardia medica 0833 727531 Pro loco 0833 726071

ACQUARI QUARICA CA C. 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pag. 29

A "Porta a porta" parlano gli emigranti di Acquarica

Inizialmente quando nella mattinata di sabato 9 novembre si era sparsa la notizia che intorno alle undici sarebbe arrivata una troupe di “Porta a porta”, la trasmissione televisiva condotta da Bruno Vespa su RaiUno, c'era diffidenza e l’incredulità tra coloro che sostarono in piazza dell’Amicizia. Ma all'arrivo di Mauro Giliberti, già direttore di Telerama e attualmente inviato per la trasmissione di Vespa, c'era un capannello di persone che in comune avevano alle spalle l’esperienza dell’emigrazione. L’argomento della trasmissione, infatti, era la mancanza di lavoro e l’incidenza delle rimesse degli emigrati nell’economia dei piccoli paesi del Meridione. E così davanti alla telecamera si sono alternati volti e voci che hanno raccontato storie che avrebbero meritato uno spazio ben più ampio di quello concesso poi all’interno della puntata di “Porta a porta” dell’11 novembre scorso. Tutti gli interventi legati da un filo conduttore, quello dell'emigrazione, realtà che interessa Acquarica del Capo e tantissimi paesi del Salento e del Sud. GC

Società "evasore totale" beccata dalle Fiamme gialle

Mauro Giliberti intervista una signora di Acquarica nel servizio che è stato mandato in onda nella trasmissione "Porta a porta" di Bruno Vespa

Una “dimenticanza” non da poco, più di 1 milione e 400mila euro di ricavi non dichiarati al fisco. Questo il risultato di un controllo condotto dai finanzieri della tenenza di Tricase che hanno scoperto che i proprietari di un un calzificio non hanno comunicato le entrate evadendo l’Iva per circa 300mila euro. Le verifiche hanno riguardato due anni, dal 2008 al 2012. Nel dettaglio la società ha omesso di presentare la dichiarazione dei redditi relativi al 2011 sicché è risultata “evasore totale". Sono state evidenziate al controllo vendite in nero dall’analisi della contabilità del magazzino in cui sono state tro-

Scoperta maxievasione La Guardia di finanza è impegnata in controlli che mirano a contrastare l'evasione fiscale

vate in giacenza merci dal valore di 500mila euro non trovate all’avvio del controllo. I due amministratori sono stati segnalati all'autorità giudiziaria per i reati di dichiarazione

Simone: «Una delle mie opere più riuscite»

Il nome all'oratorio La comunità lo ricorda con affetto di Daniela Casciaro

rio parrocchiale. L’oratorio, da lui fortemente voluto aderendo al meIl 17 novembre nella chiesa Nel 1991 andò come todo educativo di don Bosco, era Madre di Acquarica del Capo, il e doveva essere uno spazio “vivo” Ugento, missionario in Rwanda vescovo della diocesi di Ugento per la comunità, in esso sorgevamons. Vito Angiuli, ha presieduto no numerose iniziative orientate dove è morto nel 2002 la messa in suffragio di don Tito alla solidarietà. Nel 1978, ideò Oggioni Macagnino da Taurisail foglio di collegamento no, ex parroco di Acquano “Insieme per crescere”, rica del Capo dal 1962 al ancora oggi distribuito 1991, scomparso il 19 noogni quindici giorni alle vembre del 2002, mentre famiglie acquaricesi. Il svolgeva la sua missione foglio aveva l’obiettivo “fidei donum” in Rwandi mantenere un quotida. In omaggio alla sua diano dialogo attraverso personalità umile, che in insegnamenti religiosi vita ha disdegnato onori e ma anche riflessioni su ha ricercato la semplicità, avvenimenti della società, la comunità di Acquarica, toccando temi importanti come annuncia il parroco come la famiglia, il lavodon Antonio Morciano, ro, l’istruzione, la politidedica a don Tito Oggioca. Acquarica del Capo, in ni Macagnino l’oratorio quegli anni, diventò una parrocchiale, la cui inaudelle sedi in cui si svolgurazione, a seguito dei gevano dibattiti e confelavori di ristrutturazione, renze con personalità note avverrà il prossimo anno. come Italo Mancini e LuIl ruolo di don Tito nella igi Bettazzi (vescovo di comunità acquaricese è Il complesso chiesa parrocchiale e oratorio Ivrea). Nel 1991 abbracstato incisivo: abbracciò pienamente lo spirito innovato- che determinarono il passaggio ciò la chiamata missionaria “fire del Concilio Vaticano II, pro- dall’idea di una Chiesa “piramida- dei donum” partendo per l’Africa muovendo iniziative pastorali che le” al concetto di Chiesa “popolo nonostante l’età e la malattia. Nel coinvolgessero e attivassero la di Dioˮ. Don Tito lascia in eredità Rwanda, lacerato dalla povertà, collaborazione e la partecipazione segni indelebili come la realizza- dalle guerre e dalla mancanza d’idei laici all’interno della Chiesa. zione negli anni Settanta dell’in- struzione, il suo ruolo fu di guida, Il suo impegno fu orientato alla tero complesso costituito dalla maestro e fratello, rischiando la vitale trasmissione di quei valori chiesa “Cristo Risorto” e l’orato- vita come nel genocidio del 1994.

Ritorna "L'antenna di Celsorizzo" Dopo un anno di assenza è tornata “L’Antenna di Celsorizzo”, il foglietto d’informazione locale, strumento di collegamento del centrosinistra e del gruppo consiliare di opposizione, con la distribuzione porta a porta. In questo numero: un intervento di Tommaso Ventura sulle promesse non mantenute dall’attuale Amministrazione; uno dell’exsindaco Carlo Rovito che è un invito ai giovani a partecipare alle scelte che interessano il proprio paese; un' amara riflessione di Valentina Gennaro, una ventenne che per i suoi coetanei vede solo la possibilità di “preparare una valigia e andare via”; uno schema sulle tasse deliberate dal Comune; l’angolo della satira che prende di mira l’assessore Tatiana Turi, nominata presidente della “Lupiae Servizi”.

«Avevo in mente di realizzare questo progetto già da diversi anni - afferma soddisfatto Franco Simone - e credo sia una delle opere più riuscite della mia carriera artistica. Non c'è stata fatica nel comporre le musiche, mi sono uscite con facilità, avevo un'idea precisa di quello che volevo. Ho messo tutto quello che avevo dentro: il mio passato, la mia terra di emigrazione e i colori più drammatici che evocano bellezza e allo stesso tempo malessere per non poterla contenere tutta». Il primo video dell'opera "Stabat Mater", sul testo originale del XIII secolo di Jacopone da Todi, è stato presentato in anteprima a Roma in occasione della conferenza stampa del Premio Videoclip 2014 “Il cinema incontra la musica”, e verrà premiato come miglior video il 2 dicembre, presso il Nuovo Cinema Aquila, con la motivazione della commissione selezionatrice “Il cinema incontra la cultura in musica”. «Il mio intento era quello di generalizzare il dolore della Madonna - segue -. Sto ricevendo molti complimenti e consensi e questo non può che farmi piacere». Simone ha composto le musiche interamente da solo e si è

Polisportiva G. Acquarica

Al castello medievale il 26 novembre

Rinnovata la squadra, si mira in alto

Due Miscellanee per monsignor Palese consiglio direttivo vanno aggiunti Fausto Anastasia, Luigi Fiesole, Carlo Grezio, Carlo Lecci, Cesario Ratano, Daniele Scarcella, Giuseppe Scupola, Fabio Giannotta e Giuseppe Scorrano. Ad allenare la squadra quest'anno sarà Adamo Verardo, che non nasconde le ambizioni della società che proprio per questo quest'anno ha infoltito la rosa di giocatori così composta: Daniele Scarcella e Simone Rizzo (portieri), Carlo Grezio, Danilo Turi, Carlo Cazzato, Gabriele Petese, Francesco Scotti (difensori), Francesco Maiorano, Sergio Piave,

Diego Pizzolante, Giuseppe Scorrano, Alessandro Verdicchia, Salvatore Viola, Andrtea Monsellato, Mattia Normanno (centrocampisti), Enrico Bleve, Valentino Giunca, Giovanni Pacella, Luca Pepe, Patrick Tempesta (attaccanti). La formazione guidata da Adamo Verardo al momento in classifica ha solo due punti.«Sono due punti pesanti - ha dichiarato Marco Bleve - perché ottenuti in due partite combattute che hanno delineato la personalità di questa squadra che non nasconde le proprie ambizio-

ni»

infedele e omissione di dichiarazione. L’azienda è stata poi segnalata all’Agenzia delle entrate per l’applicazione delle sanzioni e per il recupero degli importi sottatti alle casse dello Stato.

"Stabat Mater" di Franco Simone si segnala a Roma

Ricordato l'XI anniversario della morte di don Tito

La Polisportiva G. Acquarica ha rinnovato il suo organigramma ed infoltito la rosa dei giocatori puntando alla promozione in Seconda categoria. Nuovo presidente della società è stato eletto Roberto Sancesario che sarà affiancato dal vice-presidente Claudio Stefanachi. Del gruppo dirigente fanno parte anche Sandrino Colella, vecchia gloria dell'Acquarica calcistica e del Casarano calcio, insieme a Carlo Scarcella (accompagnatore e addetto stampa), a Renato Corlianò (medico sociale) e a Marco Bleve (segretario). A questi nel

Benvenuti ai nuovi arrivati in questa “Piazza”

GC

Autore di numerosissime publicazioni, tra cui “Finis Terrae, Preti del ‘900”, Monsignor Salvatore Palese pur tornando appena può nella sua Acquarica, dove è nato e continua a far casa, da sempre per il suo spessore culturale ha vissuto una dimensione nazionale. Attualmente dirige l’Archivio storico diocesano di Ugento ed è responsabile dell’Archivio della Conferenza episcopale pugliese presso il Pontificio seminario regionale a Molfetta. In suo onore martedì 26 novembre alle ore 18, presso la sala conferenze del castello medioevale di Acquarica verranno presentate due Miscellanee, “Ministerium Pauperum” a cura di Mario Spedicato e “Solus Amor hic me tenet” a cura di Luciano Lotti. Dopo i saluti del parroco don Antonio Morciano, del sindaco Francesco Ferraro e dell’onorevole Rocco Palese, interverranno Mario Spedicato (Università del Salento), don Angelo Panzetta (pre-

side della Facoltà teologica pugliese) e mons. Vito Angiuli (vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca).

affidato poi alla collaborazione di due artisti del calibro di Michele Cortese, rocker salentino già vincitore con gli Aram Quartet della prima edizione di X Factor, e Gianluca Paganelli, tenore di livello internazionale che, a detta dei critici, ricorda il timbro di Pavarotti. Il video è stato girato alle "Tajate", le cave abbandonate di Acquarica del Capo. «È stata mia moglie a suggerirmi la location, Michele invece, che ha un fiuto per i talenti, mi ha fatto conoscere il regiAlezio, Federico sta di Alezio Mudoni per la Springo Film, - continua Simone - ci siamo capiti subito ed è stato bravissimo a cogliere quello che volevo esprimere». Ora le dieci parti dello "Stabat" più delle riprese orchestrali sono in mano dell'arrangiatore, Alex Zuccaro. «Un’altra cosa bella che mi è capitata è che sono ritornato a lavorare con un mio vecchio produttore, Maurizio Dinelli». Un fiume di idee in piena, Franco Simone, in primavera 2014 l’opera uscirà in cd e dvd e poi in programma ci saranno anche concerti con i suoi compagni di viaggio. «Le cose belle nascono con le collaborazioni, bisogna essere generosi anche in quello che si fa».

La sagra del dolce In occasione della festa del patrono S. Carlo Borromeo, lo scorso 9 novembre, presso l’asilo delle suore si è svolta “La sagra del dolce”, una manifestazione di beneficenza organizzata dal gruppo di Volontariato vinceziano. Anche quest’anno l’evento si è concluso con successo grazie alla generosità di molti cittadini acquaricesi che hanno acquistato i dolci e le prelibatezze preparate dall’impegno operoso delle volontarie. «Il ricavato - affermano le volontarie - verrà devoluto alle famiglie più bisognose del paese».


NUMERI UTILI Comune 0833 726405 www.comune.presicce. le.it Carabinieri 0833 726010 Ufficio postale 0833 722557 Guardia Medica 0833 727531

PRESICCE 21 novembre - 4 dicembre 2013

Pag. 30

L'Acquedotto pugliese sollecita l'allaccio alla rete idrica delle abitazioni che ne sono prive. Pena sanzioni pesanti

«Collegati, o dovrai andartene»

I lavori già effettuati a Presicce per realizzare la rete fognaria

Un mezzo potente per farti conoscere

L'Acquedotto pugliese sta recapitando nelle abitazioni che non risultano allacciate alla fognatura pubblica una lettera per "Verifica degli standard igienicosanitari della fornitura idrica". In pratica, la missiva vuole sollecitare, chi ancora dovesse farlo, all'allaccio alla rete idrica, così come prescritto dalla Direttiva europea (91/271/CEE). Atto necessario, perché, come viene spiegato, proprio per la mancanza di un'adeguata copertura "della rete urbana di fognatura nera", lo Stato italiano è stato deferito alla Corte di giustizia europea. Nella lettera è spiegato che il mancato allaccio che potrebbe essere fonte di condizioni igieniche precarie, verrà sanzionato e gli immobili che ne sono privi saranno ritenuti inagibili. «La richiesta è ineccepibile - afferma uno dei tanti destinatari della missiva ciò che mi lascia perplesso sono le modalità usate dall'ente per la verifica: attraverso una comunicazione telefonica al

numero verde al quale risponde una voce guida e le operazioni da seguire non sono nemmeno tanto semplici». Nella lettera è specificato il percorso da fare, le opzioni da scegliere e le informazioni da dare al risponditore automatico (codice cliente, numero contratto idrico e altro). Poi per richiedere l'allaccio ci sono più formule da usare: via web, tramite telefono o con una richiesta in cartaceo da consegnare al Comune o ad un ufficio Aqp. «Penso alle tante persone anziane che si trovano a dover risolvere la questione da sole - continua - e che potrebbero trovare difficoltosa la segnalazione. Inoltre il tutto deve essere fatto entro trenta giorni dalla ricezione della lettera altrimenti si rischia la sospensione della fornitura idrica e una sanzione. Si può costringere una famiglia in questo momento di crisi a sostenere questa spesa senza proroghe? Non potevano studiare un metodo più semplice per le comunicazioni?». IL

Associazione "Amici della musica"

Jazz creativo fiato alle fantasie dal 2 dicembre

A destra il maestro Francesco Protopapa, docente di tromba

Definiti anche i particolari: tutto pronto per la tradizionale festa patronale del 28-30 novembre di Giancarlo Colella Quest’anno Presicce per la festa di Sant’Andrea, da sempre protettore del paese, non s’è fatto mancare proprio niente. Musica, fuochi d’artificio, focareddha, tammurredhu, sagra del pesce e grande fiera saranno motivo di attrazione anche per tantissima gente di altri comuni salentini nei giorni 29 e 30 novembre. Nel settore religioso i festeggiamenti avranno inizio giovedì 21 novembre con la novena che prevede ogni giorno la recitazione del rosario alle ore 17 e la celebrazione della messa alle ore 17,30. Il giorno della vigilia (venerdì 29) dopo la messa delle 17,30 è prevista la processione con la statua del santo portata in giro per le strade del paese. Il giorno della festa poi (sabato 30) sono previste le celebrazioni solenni con la celebrazione di 3 messe, una alle ore 8,00 presso la chiesa della Madonna del Carmine, le altre due (alle 11 ed alle 17,30) nella chiesa madre dedicata appunto a Sant’Andrea. Altrettanto ricco anche il programma civile. Durante la novena, dal 21 al 29 novembre, è previsto “Lu tammurredhu”. Una piccola formazione musicale allestita dall’associazione “Amici della

Sant'Andrea arriva con le nenie di notte Precessione e poi sagra del pesce, fiera e concerti musicali Musica” si esibirà nelle ore notturne per le strade del paese. Gli abitanti delle zone dove la piccola banda porterà l’allegria della musica abitualmente ospitano i musicisti offrendo loro dolci accompagnati da caffè e latte caldo. La tradizione de “lu tammurreddhu” si perde nella notte dei tempi e si vorrebbe farla risalire a quando i pescatori di Presicce venivano svegliati di notte (per andare a pescare) col suono di un tamburello che attraversava le strade dove

I musicisti del tradizionale "Tammurreddhu" che nei giorni della novena, secondo tradizione, suoneranno di notte per le vie del paese

Mondiale di karate in Romania: pochi soldi e in 12 restano a casa

abitavano. La mattina della vigilia a portare la musica anche nelle strade di periferia sarà il concerto bandistico “Amici della Musica”, che accompagnerà la processione la sera, prima dell’accensione della “focareddha” (falò preparato con legna e fascine offerte volontariamente dai presiccesi) e dello spettacolo piromusicale. Durante la sagra del pesce sarà il gruppo dei “Marea” ad allietare il pubblico con la sua musica. La mattina del 30 è prevista la tradizionale fiera mercato. Alle ore 16 è programmata l’esibizione del Gran concerto “Città di Racale Racale”, mentre alle ore 20 sarà il gruppo "Ionica Aranea" ad esibirsi ed alle 21 avrà inizio il concerto dei "Papà Chango", affermato gruppo musicale equadoregno nato a Quito (capi-

tale dell’Equador) nel 2004.

Partirà il 2 dicembre prossimo il laboratorio di Jazz creativo organizzato dall’associazione “Amici della musica e delle tradizioni popolari”. L’iniziativa è aperta a tutti coloro che “vogliono fare jazz” e punta a diffondere un genere musicale che da sempre coinvolge e appassiona molti musicisti. A curare il laboratorio sarà Francesco Protopapa, docente di tromba nei laboratori musicali che l’associazione organizza ogni anno e che registrano la frequenza di allievi provenienti da diversi comuni della zona. «Per questa nuova esperienza l' associazione è felice di collaborare con un jazzista di fama come Fulvio Palese, salentino doc e raffinato saxofonista che da anni si esprime nel panorama jazzistico con collaborazioni nazionali e internazionali, da Gegè Telesforo a Xavier Girotto solo per citarne alcuni» ha dichiarato Francesco Protopapa. Le lezioni affronteranno tecniche teoriche e pratiche di improvvisazione. «Inoltre tutti i partecipanti al corso - continua Protopapa - prenderanno parte ai laboratori di musica d’insieme affrontando i repertori e gli stili tipici delle big-band. I laboratori avranno inizio lunedi 2 dicembre 2013 e avranno cadenza quindicinale». L’associazione è aperta al pubblico ogni pomeriggio dal lunedì al venerdì, per qualsiasi informazione, in via Cattaneo a Presicce o sulla pagina Facebook. «Tra i corsi per diversi strumenti musicali dice il presidente dell'associazione Donato Ratano - ci sarà anche un corso di propedeutica musicale per bambini fino a 6 anni».

In comune con Acquarica la squadra Amatori "Preacqua"; 28 giocatori

In pedana solo il maestro Corsano «Per noi è importante divertirci» Ai campionati mondiali di karatè in programma dal 29 novembre al 2 dicembre, in Romania, a Timisoara, in rappresentanza della scuola di Presicce, la "Karate Kai", purtroppo ci andrà solo il maestro Vito Corsano. La crisi economica non ha permesso di trovare sponsor che fossero in grado di sovvenzionare il viaggio ai campioni, perché tali sono essendo stati scelti dal Coni sul territorio nazionale, in base ai risultati raggiunti nelle tante competizioni alle quali hanno partecipato. Le famiglie, poi, oberate da altre spese fanno fatica a far fronte da sole. In più, a detta dei genitori, la scuola non prevede nessun permesso speciale, gli insegnanti non chiuderebbero un occhio giusto per quei tre giorni d'assenza:«Che i loro studenti siano validi sportivi

UN PO' DI DELUSIONE Le difficoltà economiche e la mancanza di sponsor non permettono a 12 atleti selezionati di andare in Romania

tanto da rappresentare la nazione, a loro pare importi ben poco. Però, se si trattasse di calcio...» lancia una frecciata un genitore, con l'amaro in bocca. «Mi dispiace tantissimo - afferma il maestro Corsano - erano stati selezionati 12 miei atleti, si perderanno un'esperienza importante,

che non capita spesso. Gareggerò solo io nel karate singolo e in squadra e con me ci sarà il maestro Aldo Garofalo di Taviano Taviano». «Spero che nei prossimi mondiali i miei allievi possano partecipare - conclude il maestro - intanto, di questi rimarrà solo un amaro ricordo» IL

di Ilaria Lia

Dal '99, anno della sua nascita voluta dal presidente Antonio Urso, la squadra amatori "Preacqua Presicce", chiamata così per evitare ogni campanilismo, visto che a giocarci ci sono calciatori tanto di Presicce quanto di Acquarica, è stata sempre molto competitiva, ottenendo ottimi risultati. «L'anno scorso ci siamo classificati secondi - afferma l'allenatore Luigi Biasco - e comunque ci siamo sempre piazzati tra i primi posti». Il campionato provinciale Aics Capo di Leuca è iniziato da poco e partecipano 18 squadre tutte del Capo. Nell' ultima partita contro il Corsano hanno perso 2 a 3, ma avranno modo di riscattarsi, ne sono sicuri. La "PreAcqua" è composta da 28 giocatori, di tutte le età e professioni, si ritrovano due volte a settimana per gli allenamenti e il sabato c'è la partita. La maggior parte di loro ha giocato in passato, militando anche in diverse categorie e ora, dopo anni,

si sono ritrovati per continuare la loro passione. Ad appendere le scarpe al chiodo non se ne parla proprio. «Per noi è importante divertirci - afferma Biasco - ma affrontiamo gli allenamenti seriamente con una preparazione tecnica accurata, poi andiamo tutti a mangiare". La tavola momento di aggregazione per eccellenza, per continuare a parlare di calcio. Per questo modo di stare insieme il gruppo è in aumento».


Utilità

21 novembre - 4 dicembre 2013 LA FARMACIA APERTA? BASTA UN SMS Per conoscere la farmacia di turno inviare un Sms con scritto «farmacia di turno» e il nome della località a cui si è interessati al numero gratuito

NUMERI UTILI

Emergenze • 112 - Carabinieri • 113 - Polizia Soccorso Pubblico • 114 - Telefono Azzurro • 115 - Vigili del fuoco • 116 - Soccorso stradale • 117 - Guardia di Finanza • 118 - Emergenza sanitaria • 118 - Guardia Medica • 1530 - Soccorso in mare Guardia Costiera • 1515 - Gruppo forestale dello Stato Servizio Antincendi • 1518 - CCISS Viaggiare informati • 1522 - Servizio Antiviolenza Donna

Cup Le prenotazioni per le visite mediche presso i Distretti socio sanitari si effettuano attraverso il Centro unificato prenotazioni della Asl Lecce al n. 0836 460001 (per le Mammografie al n. 800 426060) ovvero recandosi direttamente presso gli sportelli del Cup o presso le farmacie che svolgono il servizio.

Ospedali Gallipoli: “Sacro Cuore di Gesù”: centralino 0833 270111 Pronto soccorso 0833 270430 - 0833 270431 Casarano: “Francesco Ferrari”: centralino 0833 508111 Pronto soccorso: 0833 508290 Galatina: “Santa Caterina Novella”: centralino 0836 529111 Pronto soccorso: 0836 529202; 0836 529203

Consultori Casarano: vico Araldo, tel. 0833508312 - 0833 599612 Gagliano del Capo: via San Vincenzo 1, tel. 0833540437; 0833540565 Galatone: via M. D’Azeglio, tel. 0833568473 Gallipoli: lungomare Marconi 1, tel. 0833270813-14 Matino: via Malta 5, tel. 0833506361 Parabita: via Ferrari, tel. 0833594389 Presicce: via Toscanini 7, tel. 0833727531 Racale: via Quarta, tel. 0833270321 Taurisano: via Giardini d’infanzia 2, tel. 0833625967 Taviano: via S. Antonio da Padova, tel. 0833270304-5-6 Ugento: piazza Italia, tel. 0833954340 - 0833 954336 - 0833 954311

Collegamenti Ferrovie del Sud Est: www.fseonline. it; N. verde: 800079090 dal lunedì al sabato dalle 7 alle 17. Pullman Società trasporti pubblici stplecce.it;N. verde: 800447472. Per reclami fax: 0832-224423

333 8888 188 e nel giro di 30 secondi sul display del cellulare comparirà il nome, il numero di telefono e l’indirizzo della farmacia aperta più vicina. Si tratta di un servizio offerto dalla Federfarma Lecce, l’associazio-

ne sindacale dei titolari di farmacie in provincia, di grande aiuto non solo per i turisti nel periodo estivo, ma anche per i residenti soprattutto nei giorni festivi alla ricerca della farmacia di turno.

31

Ci scrivono TROPPO AMORE SBAGLIATO ECCO IL 25 NOVEMBRE Al Direttore di “Piazzasalento” Grande sensibilità e molta attenzione al problema del “femminicidio” ha manifestato la Regione Puglia in occasione dell’incontro (intitolato “troppo amore sbagliato”) di informazione e sensibilizzazione tenuto presso l’Università degli Studi di Bari con Serena Dandini e Maura Misiti lo scorso ottobre. L’incontro (organizzato dall’assessorato regionale alle Pari opportunità con l’apporto degli Assessorati al Turismo e Cultura, al Welfare e alla Parità), al quale hanno tenuto parte il presidente della Regione Nichi Vendola, la docente universitaria Patrizia Calefato e la giornalista di “Giuliagiornaliste” Marilù Mastrogiovanni, è consistito nella rielaborazione scenica di fatti di cronaca realmente accaduti nella nostra Regione; al termine è stato assegnato all’attrice drammaturga e regista Teresa Ludovico il “Premio Talento Donna” 2013, premio istituito proprio dall’Ufficio regionale di Parità e quest’anno dedicato al mondo delle Arti e dello Spettacolo dal vivo. L’incontro ha preceduto di un giorno lo spettacolo “Ferite a Morte” inscenato presso il Teatro Petruzzelli. La convention “Troppo amore sbagliato” è compresa nel più vasto percorso previsto dalla legge regionale contro la violenza di genere ed il femminicidio che, senza attendere la ratifica e l’entrata in vigore dei trattati internazionali, ha già avviato con l’apporto di psicologhi esperti in materia un programma per arginare il deprecabile fenomeno mettendo in campo una serie di provvedimenti ad hoc destinati, dalla garanzia di un alloggio, all’indipendenza economica, all’inserimento lavorativo e fino alla messa a regime di un vero e proprio monitoraggio del fenomeno su scala territoriale. Comunque ponendo in rilievo che in Italia muore una donna ogni due/tre giorni per mano del marito, dell’amante, del fidanzato o dell’ex compagno e che alcuni episodi testimoniano che violenza sul genere femminile viene perpetrata sia dentro che fuori le famiglie. In poco più di un anno lo spettacolo è andato in scena in 15 grandi teatri sparsi per Italia e sono in programma rappresentazioni in altre 40 città; alla città capoluogo pugliese non può essere negato però il ruolo di trampolino di lancio, considerato che precede una fase internazionale della rappresentazione la quale culminerà il 25 novembre (giornata dedicata in tutto il mondo al contrasto alla violenza sulle donne) con uno spettacolo

VIA VICO, CON LE AUTO MESSE COSÌ IL BUS NON PASSA Al Direttore di “Piazzasalento” In via Giovanbattista Vico, le auto vengono parcheggiate a spina di pesce e la Circolare non riesce a passare. Ci vorrebbe la striscia bianca e qualche contravvenzione. Questa

foto l’ho fatta lo scorso agosto e per tutto il mese la Circolare non è passata. Ho chiamato tante volte i vigili (294219, 294221, 294222) e non mi hanno mai risposto. Questo si chiama assenza ingiustificata di mezzo pubblico. Saluti. Lettera firmata - Gallipoli

a New York. Un’encomiabile peculiarità della rappresentazione scenica tenuta a Bari è che il ricavato dello spettacolo sarà devoluto al Fondo regionale per il sostegno ai Centri antiviolenza. Valeria Leopizzi - Alezio

dovevano stare tranquilli perchè si era varato un piano di sicurezza in quelle zone dove sorgevano questi problemi di allagamento. Signor direttore lei mi crede se le dico che non ho mai visto l’auto della Protezione civile se non in occasione di biciclettate o in qualche processione? Vorrei chiedere al responsabile della Protezione civile: con quale assessore ha varato il piano di sicurezza se e in grado di dirmelo...Per concludere signor direttore, il finale è sempre lo stesso, poveri quei cittadini come me che hanno a che fare con persone ignoranti che magari abbiamo pure dato la preferenza quando abbiamo fatto il nostro dovere di votare questa maggioranza. Li aspetto tutti al varco e spero che quando verranno a chiedermi il voto, perchè lo faranno, ci sarà tanta di quell’acqua vicino a casa mia da non poter entrare... La ringrazio sin da ora per la sua attenzione. Lettera firmata - Taviano

INVERNO DOPO INVERNO I PROBLEMI NON CAMBIANO Carissimo direttore, siamo in prossimità dell’inverno e puntualmente il problema che da 15 anni si ripresenta in via Castelforte è sempre quello. Come potrà ben vedere dalle foto la situazione è peggiorata, l’acqua ora-

mai ristagna per giorni e non le dico la difficoltà che ho nell’entrare a casa. Ho avuto un danno meccanico all’auto per colpa di questa situazione, il cancello non e più automatico ma nel periodo delle pioggie diventa solo manuale, e poi per finire quel palo di pubblica illuminazione che di continuo è a bagno con il rischio che qualche giorno possa cadere. Andrò al Comune per l’ennesima volta per vedere se qualcuno mi darà ascolto; sinceramente ci credo poco. Quando le scrissi l’ultima volta, ci fu un altro articolo riguardante la Protezione civile dove si diceva che i cittadini

TAVIANO E IL TEATRO UN AMORE LUNGO SECOLI “A Taviano c’è il Teatro! Evviva il Teatro!”: così scriveva il compianto Gino Trianni a proposito della concessione dell’agibilità teatrale, rilasciata il 28 novembre del 1930, alla vecchia sala cinematografica “Iride” (ribattezzata poi, nel 1934, “Maria Pia”, in onore della primogenita del re Umberto II). Finalmente Taviano poteva vantare una struttura stabile dedicata alle attività teatrali: una conquista per una comunità che da sempre aveva manifestato un interesse particolare per la cultura del teatro. Da uno studio effettuato presso l’Archivio di Stato di Lecce, si evince infatti come già nella seconda metà del Settecento a Taviano fosse usuale organizzare ed allestire

spettacoli teatrali pubblici, anche a carattere profano (il documento più antico in merito rinvenuto è un atto notarile del 1775, del notaio Giuseppe Maria Spiri). Un vero, grande, amore, quello tra il Teatro e la Città dei Fiori. E proprio questo è stato e sarà il filo conduttore del Festival Teatro Pensiero Parlante - manifestazione organizzata dall’associazione culturale “Vittorio Bachelet”, in collaborazione con il C.T.G. “San Martino”, con Tèmenos Recinti teatrali, con la Società Operaia “G. Garibaldi” e con l’Amministrazione comunale di Taviano - in svolgimento dal 16 novembre. Elemento centrale dell’iniziativa è una mostra fotografico-documentale che narra la storia di un dialogo mai interrotto tra la città e il Teatro, proprio a partire da quell’antico documento del 1775, passando poi per i primi anni del ‘900, quando la popolazione tavianese godeva spesso di rappresentazioni di rilievo, con le “Compagnie di giro” (si ricorda ancora, fra le altre, la celebre Compagnia Rossi-Girola), formate da attori professionisti, che arrivavano nel nostro comune, spesso da molto lontano, e vi si fermavano per alcuni giorni. L’intensa attività teatrale dei primi anni del Novecento è testimoniata anche da una serie di documenti conservati dall’Archivio storico comunale, che sono stati gentilmente messi a disposizione dell’iniziativa. Il clima di fervente attività culturale e teatrale aveva portato anche alcuni giovani tavianesi ad intraprendere la strada del teatro come impegno lavorativo: era tavianese l’attrice Lilia d’Ambrosio, che entrò a far parte della compagnia del famoso Angelo Musco, recitando, oltre che in tutta Italia, anche in America più volte. Si pensi, anche, ad Enzo Scategni, che dopo aver mosso i primi passi sui palchi dei teatri tavianesi, approdò al mondo del cinema, diplomandosi presso il Centro sperimentale di Cinematografia di Roma. Fare Teatro come uno strumento privilegiato di crescita: si pensi all’intensa attività delle parrocchie, fin dagli anni Quaranta e Cinquanta, o a quella dei gruppi teatrali di giovani universitari e, più di recente, al fiorire di compagnie e scuole di teatro. Lo stretto legame tra la città e questa nobile arte si è consolidato, nel 1981, con l’adesione al Consorzio del Teatro pubblico pugliese, e con l’organizzazione di grandi Stagioni teatrali del circuito nazionale (quest’anno sarà la XXIX). Tutto questo ha raccontato la mostra “Teatro... Lavori in corso”, presso Palazzo Mauro (già Moschettini). Paola Ria - Taviano

Do, prendo, scambio VENDO

celeste, ribaltaqbile, anno 2006 km 50000. Come nuovo visibile a Racale (Le) Tel. 349 4034263

Vendo tavolo in vetro temprato con gamboni inox nuovo, ancora imballato; misure cm. L. 140 P. 90 H. 75. € 140,00 tratt. Cell. 345 6839668 ore pasti

Matino vendo abitazione indipendente di mq80 su due livelli con cantina e terrazzo + rustico di mq70 con garage di mq80 indipendente. Per info 347 2845060 sig. Marsano

Gallipoli - vendesi appartamento su Corso Italia, piano terra rialzato. 95mq con 2 stanze da letto, soggiorno, cucina abitabile, doppi servizi, 2 terrazzini. 140mila €. Cell. 328 8762357

Fabbricato di ampia metratura,vicino Gallipoli con vista mare,terreno,uliveti,frutteti.Vendesi 347 5831707

Vendo in Alezio appartamento luminosissimo pieno centro storico con volte a stella 113mq+ spazi esterni.Indipendente, da ristrutturare.EURO 70,000 Contatti 340 6170926 Sannicola, vendesi al miglior offerente circa 200 bottiglie di vino, varie marche, per liberare spazio. Inoltre olio di oliva, ottima qualità, ottimo prezzo, possibile assaggio. 0833 232782 ore serali

Vendo ad Alezio locale commerciale 100mq, quattro vetrine, con area fabbricabile. Euro 129.000. Tel 340 6268031 ore serali

CERCO-OFFRO Cerco lavoro come lavapiatti, aiuto cucina nei ristoranti. Ho tanta esperienza nel settore. Disponibile per i fine settimana e gli extra. Disponibilità immediata, massima serietà. Tel. 320 4855527

Vendo Ape a tre ruote modello 703 con volante tipo auto, diesel, Direttore responsabile: Fernando D’Aprile fdaprile@piazzasalento.it

Editrice: Indra srl sede legale: corso XXII Marzo, 8 20135 Milano

Signora rumena 43 anni, residente in Gallipoli cerca lavoro a ore come badante anche di notte o aiuto in casa per pulizie. Ottimo italiano, cucina italiana, massima affidabilità, referenze, prezzi modici. Solo proposte serie. Astenersi perditempo o con proposte non di lavoro. Cell. 389 4751412 Laureata in Lingue e Letterature Straniere (110 con lode) e abilitata all’insegnamento, impartisce ripetizioni di inglese e francese a studenti di scuola media e superiore. Tel. 328 0995780 Eseguo lavori edili e di ristrutturazione, iscritto soc. coop. Tel. 392 6587057 Salvatore

*

Siamo costretti a cestinare annunci personali che vanno al di là dell’educazione e del rispetto verso i lettori.

Periodico associato all’Unione Stampa: Martano Editrice srl Viale delle Magnolie, 23 - Z.I. Bari Stampa Periodica Italiana Tessera n.15603 tel. 080 5383820

Iscritto al N. 1072 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 6 dicembre 2010 Chiuso in redazione alle ore 12,00 del 21.11.2013 Redazione: via S. Castromediano, 4- 73014 Gallipoli (Le) tel.0833 1823575 fax 0833 1823573 - www.piazzasalento.it - e-mail: redazione@piazzasalento.it - info@piazzasalento.it - per le inserzioni: pubblicita@piazzasalento.it


Piazzasalento n25  

Piazzasalento n25 anno III

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you