Issuu on Google+

14-27 giugno 2012

Anno II numero 12

Quindicinale

Esce il giovedì

Copia gratuita

Mentre a Gallipoli, Torre Suda, Mancaversa, La Reggia di Galatone e altrove si preparano all'estate, ad Ugento cresce l'opposizione alla nuova tassa

Il soggiorno adesso si paga Un boomerang? Un giorno accompagnando una persona a fare degli esami, il medico mi ha chiesto se era da molto che non facevo una mammografia, e me ne ha prenotata una dopo quattro giorni. Il ritiro del referto e la consultazione con lo specialista hanno stravolto la mia vita. Ricordo che mentre il dottore mi parlava, non riuscivo a mettere a fuoco la sua figura e non mi sentivo più le gambe. Avevo tre microcalcificazioni e mi veniva consigliato di asportare un quadrante del seno. Sperando che forse ci poteva essere un errore in tutto questo, mi sono voluta sottoporre ad un esame abbastanza invasivo: la biopsia con mammotome. Nonostante il periodo pasquale, le lacrime e le preghiere, il referto non lasciava dubbi. Nove frustoli su dodici prelevati erano positivi, non si trattava piu’ di asportare un quadrante del seno, ma si parlava di asportare completamente il seno: la Mastectomia. Che parola orribile. Nonostante mi sembrasse una cosa molto più grande di me ed avevo seri dubbi di poterla superare, oggi grazie a Dio ed all’affetto dei miei famigliari, dei miei parenti e di tutti i miei amici, ho superato l’intervento e pian piano mi sto riprendendo, ma volevo ringraziare soprattutto una persona che è stato il mio “Angelo Custode”. Caro dott. Luigi Manca io le sarò grata in eterno per tutte le attenzioni che ha avuto per la mia persona. Raramente la professionalità si associa all’umiltà, disponibilità (anche d’ascolto), perfezionismo, spirito di sacrificio, scrupolosità, necessità di avere certezze confrontandosi con altri professionisti, in uno spirito di sana collaborazione e mai di competizione per il bene dell’altro. Grazie, dott. Luigi Manca, se non fosse stato per Lei e per i suoi super efficienti collaboratori, io non avrei saputo dove andare e a chi rivolgermi. Siete stati Voi che avete telefonato, prenotato per me e mi avete richiamata. Scrivo questa lettera per dire a tutte le persone che vivono o si troveranno a vivere [...] (continua a pag. 31)

Rapine a go-go «Si convive» a pag.17

Un bersaglio

a pag. 29

Torre San Giovanni di Ugento

Il tumore il calore la vita

Benzine, farmacie, negozi, persino chiese

I reparti di Ostetricia del "Ferrari" e del "Sacro Cuore" messi fuori gioco: Bari sceglie Scorrano

Alla guerra per le culle «Ma qui siamo più bravi e vi diciamo perché»: gli esclusi vanno all'attacco Sembrava uno spareggio tra gli ospedali di Gallipoli e Casarano per mantenere il punto nascita. Invece la scelta della Regione cade a sorpresa su Scorrano. La fascia jonica resta sguarnita. Sit in, assemblee e ricorsi. a pag. 16

Ma il luogo per nascere può tornare a essere la casa a pag. 16 Il "Ferrari" di Casarano

Il "Sacro Cuore" di Gallipoli

Nulla di fatto a Casarano e Gallipoli

Fioccano diffide al Consorzio di Ugento

Due città senza Giunta

Undicimila no alle cartelle

alle pag. 4 e 17

a pag. 30

I FATTI

Un'area da 61mila mq e 186 nuove case ok al piano di Alezio a pag. 8

La Gallipoli-Otranto fa ancora discutere Appello di Italia Nostra a pag. 13

Veleni abbandonati nella vecchia cantina in agro di Sannicola a pag.10

Tuglie inaugura la pista per le bici a Montegrappa a pag. 12

Tredicimila euro per un convegno polemica a Matino

SPORT

a pag. 15

Elisabetta e Giacomo sportivi da vertici a pag. 19

Motoscafi da Formula 1 sul mare di Gallipoli a pag. 7

Rischio idrogeologico Alliste nell'elenco ma i soldi non ci sono a pag.24

La poltrona che scotta Un anno da sindaci a Taurisano e Ugento a pag. 27 e 29


Offriamo l'attenzione di 160mila contatti

GALLIPOLI 14 - 27 giugno 2012

Pag. 3

La scelta del commissario Petrucci, di procedere scorrendo la graduatoria del 2010, contestata dai primi dieci classificati

Vigili estivi, scontro legale È finita davanti al giudice del lavoro di Lecce l'assunzione temporanea di dieci vigili urbani decisa a fine maggio dal commissario straordinario, uno degli ultimi atti del dottor Petrucci. Motivo del contendere l'interpretazione da dare alla graduatoria vigente ed ai suoi atti istitutivi. In altre parole, dall'elenco stilato in base ad un concorso nel luglio 2010 (sindaco Giuseppe Venneri) si devono prendere i vigili necessari a scorrimento (prima una decina, poi la successiva...) come ha stabilito il commissario Petrucci oppure, non essendo previsto esplicitamente lo scorrimento nel bando di concorso del 2010, tocca sempre ai primi classificati? Sono stati proprio questi ultimi, ovviamente, ad adire le vie legali facendosi forte di un dato: quando il sindaco Venneri rifece il concorso, bloccando di fatto la graduatoria precedente nata nel 2008 (14 i vigili da assumere per sei mesi), fu proprio perché si voleva interrompere lo "scorrimento" previsto chiaramente e per iscritto in quel precedente bando. «Lo scorrimento dell'intera graduatoria, fino agli ultimi posti - si disse - può nuocere alla qualità ed all'efficienza di un servizio così delicato ed in un periodo tutt'altro che facile (l'estate)». A ricorrere al giudice sono stati in otto della prima decina (che ha lavorato per un periodo cessato a metà del 2011), i quali hanno prima fatto presente al commissario l'errata - a loro avviso - interpretazione della norma in questione. Senza alcun successo, evidentemente. In attesa del giudice (che non si è ancora pronunciato mentre andiamo in stampa), i vigili pro tempore sono al lavoro dal primo giugno: dei dieci chiamati, tre hanno rinunciato e sono stati sostituiti.

Un'occasione importante per le vostre attività

ESTATE CALDISSIMA L'assunzione di dieci vigili per il periodo estivo da parte del commissario è sfociata in una vertenza legale davanti al giudice del lavoro: i primi dieci in graduatoria contestato lo scorrimento della stessa deciso dal commissario Petrucci, non essendo stato previsto nel bando originario

All' associazione "Spiaggetta della Purità" la pulizia e la cura del caratteristico arenile

Mura, lavori ancora bloccati da ricorsi tra le imprese Le mura davanti alla chiesa degli Angeli, il tratto vicino alla chiesa del Rosario: la riviera Diaz della città vecchia attende attenzioni che, col passare del tempo, diventano sempre più urgenti (perché non risultino tardive...). Eppure i progetti ed i fondi per realizzarli ci sono da tempo ("Piazzasalento" illustrò la situazione circa un anno fa) ma non si muove nulla: come mai? «I ricorsi, tutta colpa dei ricorsi che le ditte si fanno non appena esce la graduatoria per l'assegnazione dell'appalto...», rispondono sconsolati da Bari, sede del Genio marittimo competente in materia. Bisogna quindi aspettare - questa la desolante conseguenza - il cammino non celere della giustizia amministrativa. Non c'è altra strada per arrivare a vedere il cantiere della società "Doronzo Infrastrutture" di Barletta avviare sul versante interessato le sue attese operazioni. Come si ricorderà, dopo una serie infinita di pressioni e richieste delle varie amministrazioni cittadine che si sono sussegute negli ultimi decenni (poiché di questo lasso di tempo si tratta), si era giunti, il 21 marzo del 2011 al completamento ed all'aggiudicazione dei lavori alla dittà barlettana, che aveva operato un ribasso del 41,043% sulla somma a disposizione, pari a un milione 650mila euro. È da allora che si è bloccati dalle successive carte bollate.

Come nome comanda di Cosimo Perrone

L'associazione “Spiaggetta della Purità” anche quest’anno garantirà la fruizione, la manutenzione, la salvaguardia e la valorizzazione della spiaggia della Purità. È autorizzata, inoltre, all’utilizzo del suolo pubblico delle tre arcate poste sotto la rampa di accesso alla spiaggia per riparare le attrezzature e la macchina pulisci/spiaggia sino al 30/4/2013 prevedendo la possibilità che detta macchina, in caso di emergenza, può essere spostata per interventi su altre aree, senza oneri per il Comune. Saranno posizionati lungo tutta la spiaggia, una serie di cestini getta/rifiuti previa approvazione del modello da parte dell'ufficio Ambiente e una pe-

Il presidente Carriero: «Chiediamo collaborazione contro cattive abitudini» dana semplicemente appoggiata, per la discesa in acqua dei bagnanti portatori di handicap. Saranno collocate due docce pubbliche a gettone, dopo l’acquisizione delle autorizzazioni necessarie e da rimuovere entro il 31 settembre 2012. L’associazione aveva chiesto l’utilizzo dei cinque fornici e in uno di essi aveva previsto i servizi di WC Uomini e Donne. Ma l’atto amministrativo non prevede installazione di servizi

igienici. Franco Carriero, architetto, presidente della “Spiaggetta della Purità” ci tiene a sottolineare il fatto che l’unico obiettivo dell' associazione è quello di curare, pulire, rendere fruibile gratuitamente la spiaggia e farla rimanere pubblica aperta a tutti. Al servizio della collettività. «Noi ci rivolgiamo – egli dice – a tutti i cittadini e chiediamo loro una maggiore collaborazione. Ma in principal modo chiediamo alle forze dell’ordine che vigilino con più assiduità. Purtroppo ci sono cattive abitudini come accendere i falò sulla spiaggia e portare i cani a far fare i propri bisogni». Una maggiore attenzione, insomma secondo Franco Carriero, non guasterebbe.


14 - 27 giugno 2012

Gallipoli GAL SERRE SALENTINE QUATTRO SPORTELLI Il Gal Serre salentine ha emanato un bando per acquisire manifestazioni di disponibilità di collaborazione come addetto al front-office per

4

svolgere attività informativa negli sportelli Informa serre salentine. In particolare si tratta di fornire accoglienza, ascolto, materiale informativo, indirizzare i visitatori in itinerari turistici, allestire mostre.

Per le nomine Errico sembra aspettare che il commissario approvi il bilancio

Consiglio e Giunta, il rebus Una strana situazione di stallo permane a Palazzo Balsamo, a urne chiuse da un bel pezzo. Strana perché il sindaco Francesco Errico da tempo afferma di essere "quasi pronto". Da ultimo ha chiarito pubblicamente che nell'esecutivo ci sarà sicuramente una donna e il segretario cittadino e consigliere provinciale Sandro Quintana, del suo stesso partito. Voci accreditate dicono che il sindaco voglia attendere l'approvazione del bilancio da parte del commissario Petrucci (visto che l'ha elaborato lui) per poi schierare la sua squadra, con il vicesindaco targato Pd (in ballo Antonella Greco e, più probabile, Enzo Mariello). Presidente del Consiglio

comunale potrebbe essere Giancarlo Padovano dell'Udc. Ad un altro Udc, il supervotato Salvatore Guglielmetti, forte dei suoi 489 voti, andrebbe la presidenza dell’Ente Parco in sostituzione di Stefano Minutello. All’interno di "Gallipoli è Tua Fli-Dc" ci sarebbe un po’ di maretta: da un lato si fa il nome di Alberto Leopizzi, dall’altro c’è Roberto Cataldi, al quale andrebbe la delega Cultura, Sport e Turismo. Al di là di veri o presunti intoppi politici nella maggioranza, di sicuro c'è però la mancata proclamazione degli eletti in Consiglio comunale. L’Ufficio elettorale centrale presso la Corte d’Appello di Lecce é alle prese con l’attribuzione dei seggi alle

coalizioni nei Comuni in cui si è votato con popolazione al di sopra dei 15mila abitanti, come Gallipoli appunto. Fino ad oggi tutti davano per scontato che al candidato sindaco Francesco Errico toccassero dieci consiglieri e sei all’opposizione. Ma una sentenza del Consiglio di Stato (la numero 08783/2011) ha stabilito “quand’anche il rapporto percentuale non esprima un numero intero, le cifre decimali non potranno mai far variare in aumento il rapporto percentuale, facendo lievitare il numero dei seggi da assegnare alla coalizione collegata al sindaco vincente”. Stando a questa sentenza, “l’arrotondamento all’unità su-

Gli interventi del Piano di zona: i tecnici passano la mano

Arretrato ridotto di 2 milioni e mezzo Attenzione ai bisogni delle fasce più deboli, capacità di coordinamento degli interventi, ottimizzazione delle risorse è quanto viene fuori dalla relazione diffusa dall’ Ufficio di Piano dell’ambito sociale di Gallipoli che comprende anche i comuni di Alezio, Alliste, Melissano, Racale, Sannicola, Taviano, Tuglie, nel periodo di gestioTuglie ne commissariale, dal 1 luglio 2011 al 20 maggio di quest’anno. Una necessaria e indispensabile rendicontazione che, mentre fa il punto sulla situazione e su quanto realizzato, apre a scenari e impegni nel prossimo futuro. Gli interventi, in relazione alle varie aree (famiglie, minori, diversamente abili e anziani) sono nati dalla lettura attenta dei bisogni del territorio attraverso una concertazione con i sindaci e gli assessori dei comuni interessati, con il responsabile del distretto e quelli degli uffici di Piano e i gruppi di lavoro. Questa proficua concertazione si è tradotta in interventi a favore di minori per 920mila euro (ricoveri in strutture, prima dote, assistenza educativa domiciliare); a favore degli anziani (circa 700mila euro tra as-

Il Distretto sociosanitario di Gallipoli

A giugno dello scorso anno c'erano 6 milioni giacenti Grazie alla concertazione attivati numerosi servizi sistenza domiciliare e assistenza domiciliare integrata per anziani disabili; in aiuto ai diveramente abili (180mila euro impiegati per l’abbattimento delle barriere architettoniche, trasporti e borse lavoro). Sono stati impegnati, inoltre, 600mila euro per l’assegno di cura, e 47.529 euro a favore di 110 nuclei familiari in

condizioni di indigenza. Attenzione anche verso gli immigrati e per le politiche a loro favore per cui sono stati utilzzati 67mila euro. Si è proceduto, in quest’ultimo periodo, alla riprogrammazione ed all’approvazione da parte del Coordinamento istituzionale dei servizi già deliberati oltre alla pianificazione di nuovi servizi per un importo di 657.563 euro. Complessivamente, quindi, sono stati realizzati interventi consistenti per più di 2 milioni e mezzo di euro. Risultato da sottolineare, se a giugno dello scorso anno risultavano giacenti e non utilizzati circa 6 milioni di euro.

periore comporterebbe l’attribuzione alla coalizione collegata al sindaco vincente di un ulteriore seggio con superamento del limite invalicabile del 60% dei seggi attribuibili a detta coalizione nelle condizioni previste dalla legge”. Questo sta a significare che a guadagnare un seggio dovrebbe essere “Gallipoli 2012” che faceva capo all’ex magistrato Aldo Petrucci, con l’elezione di Luigi Suez. A perderlo sarebbe la lista “Volta la Carta”, che faceva parte della coalizione Errico, per cui non sarebbe eletto Tony Piteo, già in predicato di diventare assessore. Se così sarà, la maggioranza passerà da dieci a nove seggi (più il sindaco) mentre l’opposizione da sei a sette, assottigliando così il distacco tra i due schieramenti. CP

Antonio Barba riconfermato in Regione Antonio Barba (foto) resta a pieno titolo nel Consiglio regionale. Il Tar di Bari ha respinto il ricorso proposto da Lorenzo Caiolo dell’Idv contro le operazioni dell’Ufficio centrale regionale e della Corte di Appello di Bari per l’elezione del Consiglio regionale. Il ricorso sosteneva l’illegittimità delle operazioni elettorali in quanto, a livello circondariale, non erano stati conteggiati i voti attribuiti alle liste che non avevano superato lo sbarramento del 3%, ma solo a quelle che avevano superato tale soglia. Da qui sarebbe derivato un diverso quorum circoscrizionale con ricaduta anche sull’assegnazione dei seggi. L’Idv avrebbe avuto così un ulteriore seggio e sarebbero usciti fuori Barba e Curto. Il Tar, respingendo il ricorso, ha accolto la tesi della difesa, avvocati Ernesto Sticchi Damiani e Pietro Quinto, difensori il primo di Curto ed entrambi di. Antonio Barba, i quali hanno sostenuto l’inutilizzabilità dei voti ottenuti dalle liste che non hanno superato la soglia dello sbarramento, perché, in tal modo, i rispettivi elettori avrebbero condizionato la successiva fase della ripartizione dei seggi a livello regionale.

Saranno quattro gli sportelli interessati: Gallipoli (comprese le marine di Sannicola e Galatone) Taviano, Racale e Alliste. Il termine utile è entro il 25 giugno; Info:0833558786; info@galserresalentine.it

"Conca d'oro" e quiete: torna la guerra ai decibel Ritorna come ogni anno di questo periodo il problema dell’inquinamento acustico, problema che riguarda un po’ tutta Gallipoli. Dal centro storico al quartiere Lido San Giovanni. Ma non solo. Anche le zone più in alto della città. Nel Peep 3 dopo la mezzanotte, specialmente se soffia lo scirocco, è come se la musica assordante fosse dietro l’angolo. Quest’anno però gli abitanti della zona Lido San Giovanni non ci stanno e affiancati dalla associazione di quartiere “Conca d’Oro”, dichiarano guerra ai decibel. «Oltretutto – dice uno degli abitanti la musica si protrae oltre l’orario stabilito si continua sino alle quattro del

mattino senza che nessuno intervenga per bloccare l’abuso». Segnalazioni un’infinità! Ma interventi, a quanto riferiscono gli abitanti, nessuno. Nel mese di marzo scorso l’associazione ha fatto pervenire alla commissione comunale Pubblico e Spettacolo, una relazione dettagliata con tutti i disagi che la musica assordante provoca ai residenti sofferenti con gravi patologie. Ma anche a chi sta bene. Lettera che a quanto ci è dato sapere pare che sia introvabile. Per martedì scorso era previsto un incontro tra il presidente dell’associazione e il sindaco Errico. «Che purtroppo – dice il presidente Mario Macchia – è andato deserto». CP

Si cerca di salvare almeno il Giudice di pace

Tribunale tagliato per risparmiare Ora il rischio di soppressione del Tribunale di Gallipoli diventa sempre più tangibile. E la cittadina ionica rischia di perdere seriamente la sezione distaccata di via Quartini per i tagli previsti dal Ministero. A rischio è pure la sede del Giudice di pace. Il sindaco Francesco Errico nei giorni scorsi ha promosso un incontro per affrontare la questione legata al destino della sede gallipolina recependo una richiesta della Camera forense gallipolitana. Si è deciso di costituire una commissione di studio sul problema con il coinvolgimento dei vicini Comuni di Alezio, Sannicola, Tuglie e Parabita, che dovrebbero costituire la nuova area di riferimento degli uffici del Giudice di pace. In favore del mantenimento del Tribunale a Gallipoli si sono già espressi i parlamentari salentini. Dal canto suo Errico ha assicurato che lo stesso documento sarà portato all’attenzione del Consiglio comunale perché riceva il crisma dell’ufficialità e la condivisione da parte

La sede del Tribunale

dell’assise civica. Se il problema è quello della sede, il sindaco ha avanzato l’ipotesi (condivisa dall’assemblea dei partecipanti) di trasferire gli uffici del Giudice di pace presso l’edificio di via Pagliano attualmente occupato dai carabinieri, destinati a traslocare presso la nuova caserma di via Lecce. In un successivo incontro svoltosi a Nardò, politici e avvocati, pur ribadendo la volontà di mantenere inalterate le due sedi giudiziarie di Gallipoli e Nardò, hanno proposto, in alternativa, di integrale in un’unica sede eventualemte da individuare tra le due città. VC


14 - 27 giugno 2012

Gallipoli

FERMATA COSTRUZIONE STRUTTURA BALNEARE In località Torre Sabea, i militari della capitaneria di porto hanno fermato la costruzione di una struttura balneare con pontile la cui

Un divieto costringe le bici alla superstrada

Litoranea telecamera e pista

realizzazione avrebbe danneggiato la scogliera sottostante. Su disposizione della Procura di Lecce, i lavori sono stati interrotti e la struttura è stata sequestrata. Inoltre i responsabili sono stati denunciati all’autorità

Prende piede nella nuova amministrazione gallipoli, da quel che è dato sapere in questa fase di semiufficialità, l’idea prospettata dalla Sis di installare una telecamera per l’accesso sulla litoranea sud, in direzione Baia verde. La società perugina che ha vinto la gara per la gestione dei parcheggi aveva presentato questa ipotesi operativa, che si integra con il progetto comunale di istituire pargheggi a spina di pesce sul lato sinistro e pista ciclo-pedonale sul lato destro; il termine entro cui pagare il pedaggio sarebbe di 24 ore. Dentro Baia verde, si pensa di introdurre le strisce blu sulla strada che corre quasi parallela alla litoranea, mentre per ospiti e residenti non ci sarebbe nessun onere. Sempre in tema di parcheggi, si punta a realizzarne uno in una

5

giudiziaria. Per le indagini, che sono estese su tutta la costa, è stato impiegato un velivolo della Guardia costiera messo a disposizione dal Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto.

zona poco distante dall’ingresso Baia verde dalla supestrada: l’area è privata ma è libera da vegetazione ed è a ridosso della litoranea; da lì un mezzo-navetta trasportare alle spiagge turisti e villeggianti. Si vedrà quali saranno le decisioni finali e ufficiali. C’è intanto qualcosa che non va nel divieto di accesso installato all’altezza del canale dei Samari: bici e motorette sono costrette a prendere la via che porta allo svincolo che immette sulla superstrada direzione Gallipoli, con tutti i rischi per mezzi così lenti. «A pochi centimetri da me sfrecciano auto ad alta velocità, certe volte mi fanno sbandare - racconta un lettore costretto a fare questo giro a bordo di un cinquantino - l’anno scorso il divieto invece non riguardava anche noi».

Il divieto senza se e senza ma...

...e gli effetti sulla superstrada

di Vittorio Calosso

Mentre a Nardò è ancora viva la protesta e il tam tam virtuale del “No tub” per fronteggiare la realizzazione della condotta sottomarina sul litorale di Torre Inserraglio (per allontanare dalla costa lo sversamento dei reflui del depuratore di Porto Cesareo), proseguendo a ritroso sul litorale nord verso Rivabella, prosegue la battaglia del Comune di Gallipoli per risolvere l’annosa questione degli scarichi a mare del depuratore consortile. Se ne riparlerà il 4 ottobre prossimo dinnanzi al Tar, quando i giudici amministrativi si esprimeranno sui ricorsi e la richiesta di risarcimento danni avanzata dal legale Bartolo Ravenna per conto dell’amministrazione comunale per smuovere la risoluzione degli scarichi a mare sul litorale gallipolino e bloccare la stessa condotta di Nardò-Porto Cesareo. Con la fitodepurazione ancora in alto mare e la condotta sottomarina per il litorale nord gallipolino mai realizzata, e ora addirittura esclusa, la questione resta ancora bloccata. E per la stagione estiva già lo scorso anno l’assessore regionale Fabiano Amati aveva dato disposizione di attivare l’impianto di affinamento delle acque reflue per il riutilizzo in agricoltura per irrigare i campi. Una soluzione pur sempre tampone, e che anche quest’anno dovrebbe essere attivata con l’accordo principalmente con la Provincia e il Consorzio di bonifica Ugento-Li Foggi. Tornando alla battaglia giudiziaria lo scorso 2 febbraio la decisione del Tar era stata rinviata a fine maggio proprio per consentire al Comune di estendere l’azione di responsabilità all’Autorità idrica regionale e alla Provincia di Lecce alle quali secondo quan-

Armonauti, festa nella nuova “casa”

Lo strano colore delle acque allo sbocco della condotta del depuratore di via Scalelle

L’assessore Amati spinge per l’uso dei reflui nei campi

Tormento depuratore tra scarichi e cause to eccepito dalla Regione Puglia, sarebbero da “ascrivere l’inerzia nella risoluzione della problematica degli scarichi a mare del depuratore”. Ora la sentenza di merito è attesa per ottobre. Provincia e Autorità idrica erano già state invitate entro il tempo massimo di tre mesi, a bloccare gli scarichi

Scogliera delle “Pentite”: 23 sacchi di immondizie

La “Pinto” fa pulizia L’associazione subacquea di volontariato “Paolo Pinto” di Gallipoli ha proceduto domenica 10 giugno alla pulizia di un altro tratto di litorale. Questa volta è toccato alla scogliera e alla spiaggetta denominata “Le Pentite” sul lungomare Galilei. Ancora una volta tanti i rifiuti recuperati dai soci della “Paolo Pinto” insieme all’associazione di Protezione civile Aver di Supersano e all’associazione Crs di Copertino: bottiglie di vetro, pezzi di legno, plastica, polistirolo, una griglia in ferro arrugginita, un copertone, un tronco d’albero, per un totale di 23 sacchi. L’iniziativa è nata per restituire un adeguato decoro in una zona che sta sempre sotto gli occhi di turisti e visitatori anche in occasione del “Gran Prix Offshore” di motonautica.

a mare e a trovare un’alternativa alla condotta sottomarina che la Regione Puglia non vuole realizzare e finanziare sulla costa gallipolina, anche perché non più prevista nella programmazione delle opere territoriali. Il Comune non ci sta, ed eccepisce che in mancanza di soluzioni alternative demandate al tavolo

di coordinamento della Provincia e al quale prendono parte anche i comuni del comprensorio (oltre a Gallipoli, Alezio, Tuglie e Sannicola), quello della condotta sottomarina, realizzabile in due anni e per un costo di circa 4milioni di euro, resta pur sempre un intervento realizzabile e fattibile per arginare il danno ambientale.

“Un contenitore non convenzionale dove incontrarsi, scambiare esperienze culturali, approfondire conoscenze, iniziare percorsi, partecipare ad eventi, allestire spettacoli o, semplicemente, godere di momenti di festa”: così sarà la vecchia cantina (della cooperativa fondiaria Vinolea) di via Garibaldi ad Alezio. Lo scrivono gli animatori della compagnia teatrale gallipolina “Gli Armonauti”, una delle otto associazioni che alcuni mesi fa hanno dovuto lasciare le vecchie stanze del primo piano dell’ex convento di S. Domenico, nel centro storico. Fuori dalle virgolette, per il regista Salvatore Coluccia e il suo gruppo è la realizzazione di un sogno, in un locale scoperto quando la compagnia è stata chiamata per una rappresentazione dall’associazione aletina “Interferenze”. Da lì è nato un breve percorso che ha portato “Gli Armonauti” a trovare finalmente una casa adatta a loro (e ciò che non era già pronto è stato adattato a forza di pennelli e ponteggi). Il taglio del nastro si è avuto sere fa, alla presenza di un pubblico attento, della madrina Gegia Antonaci, nota attrice e operatrice teatrale (nella foto con Coluccia), degli ospiti Franco Ungaro degli storici “Cantieri Koreja” e Giuliano Capani, regista e documentarista. Ha condotto l’incontro il direttore di “Piazzasalento”, Fernando D’Aprile.


14 - 27 giugno 2012

Gallipoli

6 Non un semplice saggio di recitazione di fine anno, ma la festosa rappresentazione della progettualità artistica portata in scena dai ragazzi. “Forza Venite Gente!” (fra i musical italiani di maggiore successo), è stato il banco di prova con il quale si sono misurati i giovani studenti della scuola primaria e secondaria 3° Polo di Gallipoli, plesso diretto dalla dirigente Marcella Fiorini, in un laboratorio teatrale avvincente e permeato di solidarietà. Infatti, il ricavato dello spettacolo, rappresentato presso il Teatro Italia lo scorso 7 Giugno, è stato devoluto all’associazione ‘Arcobaleno’ su ‘Tanzanìa’, la quale è attualmente impegnata nella costruzione di un ospedale attrezzato a Morogoro. Gli studenti hanno fornito una sentita prova di recitazione,

NELL’AREA PORTUALE MISS MONDO Sostiene la raccolta fondi in favore dell’Emilia la finale di Miss Mondo del 16 giugno, nell’area portuale Bleu Salento per il quarto anno con-

“Forza venite gente!” ed è gran spettacolo

seguendo l’attento lavoro di rivisitazione dello spettacolo (scritto da Mario Castellacci e narrante le gesta di San Francesci D’Assisi) il quale ha rappresentato la degna conclusione delle attività laboratoriali promosse lungo tutto il corso dell’anno

scolastico appena conclusosi e incentrate sulle capacità ludicoespressive dei ragazzi, i quali hanno sviluppato una profonda esperienza sociale, carica di responsabilità e comunicazione interpersonale. FRS

Consegnato il premio del concorso di poesia

Alessia Epifani “consuma” la cena con la sorella

Alessia e Simona Epifani al “Porto Gaio”

Ha scelto la sorella per condividere il premio di Piazzasalento conquistato con la sua poesia al concorso per S. Valentino “Ti amo, ditelo in rima”. Alessia Epifani, che aveva spedito la sua poesia, in dialetto, dedicata alla festa degli innamorati, ha guadagnato una cena a “Porto Gaio”. Sua la scelta del ristorante tra una lista di tutti gli inserzionisti del settore che hanno scelto questo giornale per la loro promozione pubblicitaria. Se è possibile “leggere” le foto, allora deduciamo che la cena deve essere stata di sicuro gradimento: lo esprimoni i volti sorridenti e rilassati delle due ragazze. Crediamo però che quello che conta di più non è stata certamente la cena, nonostante la bontà, ma la soddisfazione di aver partecipato ad un concorso cimentandosi con la costruzione di una poesia. Di aver avuto, inoltre, il sostegno di una brava docente che ha incoraggiato i ragazzi e l’appoggio dei compagni di scuola che si è tradotto nel lungo applauso durante la premiazione nel salone del Liceo cittadino.

Premio Barocco a Ron, Pietrangeli e Lea Pericoli Macchina organizzativa in fermento per il 43° Premio Barocco che aggiunge nuovi tasselli alla serata di consegna della galatea salentina. In primo luogo è stata definita la data della kermesse che si svolgerà nella serata di sabato 21 luglio nell’area portuale. Orfana della diretta Rai la manifestazione ideata dal patron Fernando Cartenì, potrà essere seguita attraverso il Canale 879 di Sky “Viva l’Italia Channel” ed il Canale Satellitare 79 che comprendono una vasta area di copertura a livello internazionale. L’edizione 2012 sarà condotta dalla showgirl tarantina Rossella Brescia e da giornalista Attilio Romita. Nella lista dei premiati compaiono i primi nomi ufficiali dopo quello già annunciato per la sezione musica di Ron. Per la categoria Sport invece la galatea del maestro Ambrosetti sarà consegnata nella mani di Nicola Pietrangeli, il più grande tennista italiano di sempre con le sue quattro finali al Foro Italico e i due successi al Roland Garros. E con lui sarà premiata anche Lea Pericoli, ex tennista, giornalista e conduttrice televisiva, famosa per la sua caparbietà e apprezzata dal pubblico per la tenacia e la determinazione. Il cantautore Ron, che sarà anche in concerto insieme ai quarantotto elementi dell’Orchestra Terra d’Otranto, diretta dal maestro Antonio Palazzo, ricorderà con un tributo musicale il grande Lucio Dalla. Fissato a 20 euro il costo del biglietto unico d’ingresso: sarà comunicato nel dettaglio il luogo e l’orario per l’acquisto della prevendita. VC

secutivo. La vincitrice del concorso rappresenterà l’ Italia alla finale di Miss World 2012, in programma il 19 agosto a Ordos in Cina. La produzione televisiva è curata dalla società “PI target”, per conto dell’emittente

Per cause tuttora misteriose, continuano gli spiaggiamenti periodici di carcasse di tartarughe della specie protetta “Caretta caretta”. L’ultimo esemplare è stato rinvenuto da alcuni turisti giovedì 7 giugno in prossimità della passerella n. 4, poco dopo Lido San Giovanni. Gli ospiti si sono rivolti alla redazione di “Piazzasalento” che a sua volta ha contattato la Guardia costiera (il telefono dei vigili urbani intorno alle 14 di quel giorno risultata muto). Poco dopo sono giunti sul posto gli operatori del servizio veterinario dell’Asl, ufficio di Casarano che hanno provveduto a rimuovere la tartaruga. Alla bestiola mancava l’intero arto anteriore destro. Negli ultimi mesi, questo è il quinto esemplare trovato morto lungo il litorale jonico.

nazionale 7Gold. A sfidarsi saranno le 52 ragazze finaliste giunte a Gallipoli da tutta Italia e selezionate nel corso di una cena svoltasi tra la piscina ed il ristorante dell’Ecoresort le Sirené a Punta Pizzo.

Un’altra tartaruga trovata morta sulla riva

In graduatoria un progetto del Laboratorio urbano

Giovani “in onda” di Francesco Spadafora

Continuano le occasioni di costituzione di progettualità giovanili, grazie alla disponibilità di risorse finanziarie provenienti dalla Regione Puglia. Fra i 61 progetti ammessi in graduatoria e soggetti a valutazione, troviamo ‘Ecogiovani in Onda’, promosso dai ragazzi partecipanti alle attività formative espletate negli scorsi mesi presso il Laboratorio urbano ‘Liberalarte’ di Gallipoli, con sede nel centro storico, all’interno del chiostro di San Domenico, plesso ristrutturato negli anni or sono, da un intervento di riqualificazione, sempre con fondi regionali (Bollenti Spiriti). Se l’offerta dei corsi ha riguardato l’intera fascia della popolazione (con attività multidisciplinari inerenti l’arte, competenze ambientali, la manualità), è dai giovani che è giunta pressante la richiesta di far fronte a stabilire nuove forme aggreganti, che potessero concretizzarsi in una progettualità. Nasce così ‘Ecogiovani in Onda’, con l’intento di coinvolgere la comunità della città in un’azione di consapevolezza e comunicazione, che tenga conto del valore imprescindibile di una corretta gestione del ciclo dei rifiuti, e di quanto la sosteniblità ambientale, in una città come Gallipoli che soffre la

Giovani impegnati in un laboratorio di terracotta

La sostenibilità e il ciclo dei rifiuti per contribuire alla qualità della vita pressione antropica estiva, e il conseguente aumento della pattumiera, debba divenire cardine di un nuovo modo di intendere la comunità. La promozione del progetto sia doterà di strumenti innovativi di divulgazione, come la realizzazione di un cortometraggio (dal finale modificabile secondo il gusto dell’utente), e da tutta una serie di strumenti informatici e sociali, su piattaforma web 2.0. tenuto conto della schiacciante presenza di turismo giovanile nella Città

Bella. Seguiranno attività conoscitive, attraverso cineforum, un punto informativo circa la corretta attuazione della differenziata, un servizio di educazione ambientale rivolto ai bambini, una mediateca attrezzata sul settore ambiente, un terrario per l’osservazione dei comportamenti degli animali. ‘Ecogiovani in Onda’ è il risultato di un lavoro sinergico, che unisce le istanze dei ragazzi gallipolini con l’esperienza dei tanti formatori presenti all’interno di “Liberalarte”, fra cui Roberto Perrone, valente artista e creativo, unitamente all’esperienza di Serafino Scigliuzzo (Applehart) per la sezione informatica e all’apporto di Renato Pacella (Emys Ambiente) per ciò che concerne la sezione ambientale e progettuale delle attività formative.

Una società senza scopi di lucro promossa dalla Caritas per fronteggiare gravi disagi

Concluse le celebrazioni per la festa di S. Antonio

Una Onlus per dare un tetto

Sul sagrato il pane

Primi passi del progetto teso alla creazione della casa di prima accoglienza e mensa dei poveri. Dopo una prima donazione privata (pari a 70mila euro) e alla raccolta fondi, avvenuta nel periodo quaresimale, nei giorni scorsi, si è svolto un incontro conoscitivo fra tutti i componenti del gruppo operativo, composto da persone segnalate dalle varie parrocchie cittadine, il quale avrà un carattere autonomo e finalizzato alla creazione di una società Onlus, con il compito di gestire la futura struttura. Il consesso è formato dal direttore della Caritas diocesana don Camillo De Lazzari, don Piero De Santis (parroco della cattedrale di Sant’Agata), don Santo Tricario (parroco della chiesa di San Lazzaro), dal diacono Antonio Camisa (entrambi incaricati

Celebrazioni religiose e civili per festeggiare S. Antonio da Padova, di sicuro il santo più conosciuto e venerato. La parrocchia che porta il nome del santo (foto), retta da don Salvatore Leopizzi, ha dedicato particolare attenzione alla festa con i riti preparatori e con la partecipata processione. Sul sagrato della chiesa si è tenuta la sagra del pane e il concerto del gruppo “Mediterraneo”. C’è stato anche un incontro della comunità parrocchiale con il neosindaco Errico al quale il parroco ha indirizzato una lettera aperta con le emergenze del momento e del territorio in cui opera la parrocchia. Risposta rassicurante del primo cittadino che farà in modo di rendere più fattiva la partecipazione e la collaborazione dei cittadini. In occasione della festa, il “Centro di cultura globo eco-solidale, punto pace Pax Christi”, ha organizzato “Uno sguar-

dal vescovo, mons. Domenico Caliandro di coordinare l’esecuzione dell’opera), con l’aggiunta di Lucio Zacà, Laura Magliola, Mino Freddo, Lucianna Piro, Claudio Coppola, Rossana Valente, Giorgio De Donno, Pina Cassino, Franco Aiello, Mario Visconti e Agata Bruno. Il gruppo di lavoro, ha individuato nell’immobile attiguo alla chiesa di San Francesco D’Assisi, nel centro storico, il plesso dove il progetto prenderà forma, e ha affidato all’ingegnere Pedone, il compito di effettuare la valutazione tecnica dei lavori da effettuare per rendere fruibile la struttura per tutte quelle persone in sofferenza, per problemi di indigenza, solitudine e abbandono, che sono in costante aumento nella città bella. Ci sarà molto da fare, ma questo è il percorso giusto. FRS

Don Piero De Santis

do sul mondo”, serata con degustazioni etniche, prodotti del commercio equo e solidale e di Libera Terra. La manifestazione è stata allietata dalla musica e dalle voci di numerosi artisti, in collaborazione con l’associazione culturale “Fideliter Excubat” e Gmi, Gruppo musicale del “Quinto Ennio”.


14 - 27 giugno 2012

Gallipoli

LAVORATORI IN NERO: CHIUSO RISTORANTE Solo cinque lavoratori su dodici risultavano avere un regolare contratto così l'Ispettorato del lavoro ha disposto la chiusura per un noto ristorante

del borgo antico della città (foto). Il provvedimento è durato l'arco di una fine settimana, giusto il tempo concesso al proprietario di pagare la sanzione pecuniaria da 1.500 euro. Per lui l'ulteriore oltre sanzione da

Il Club nautico promuove la "tre giorni", dopo un'assenza di sei anni

Tornano i bolidi marini SPETTACOLO ASSICURATO Questo il campo di gara del Gran Prix Offshore Città di Gallipoli - Trofeo Camer, sul versante del lungomare Marconi. Le gare vere e proprie saranno domenica 17, con le prove che inizieranno sabato

di Cosimo Perrone

Fine settimana con i bolidi della motonautica. Torna, infatti, il "Gran prix offshore - Città di Gallipoli - Trofeo Camer" organizzato (dal 15 al 17 giugno) dal Club nautico, presieduto da Vincenzo Mariello, nello specchio d’acqua antistante l’area portuale. La manifestazione internazionale, valida quale terza prova del campionato italiano classe 3000, vedrà la partecipazione di 14 equipaggi con la trasmissione (in differita) su Rai sport 1 e Odeon Tv. All’ interno dell’area portuale, un villaggio con stand darà ampio risalto alla promozione dei prodotti tipici salentini mentre saranno organizzate manifestazioni canore e sarà allestita un’area paddock, con visita alle imbarcazioni e area parcheggio per i mezzi dei team. Alcuni stand saranno a disposizione del Comune di Gallipoli e della Capitaneria di porto, per attività di promozione istituzionale. Tutte le attività a mare sono curate dal Club Italia Offshore Race e dalla Federazione italiana motonautica con il coordinamento della Capitaneria di porto di Gallipoli. Il Club nautico, che cura le funzioni logistiche a terra, si avvale della collaborazione di Salento nautica e dell’associazione

Il presidente Mariello: «Superati i problemi, la città alla ribalta internazionale"

Paolo Pinto. «Dopo un'assenza dovuta a problemi economici torna la motonautica a Gallipoli - afferma Mariello - con una gara internazionale di grande impatto emotivo e spettacolare che porterà un buon ritorno d'immagine e di presenze per la città ed il territorio salentino. Diamo il benvenuto al promoter Massimo Lip-

pi, al presidente della federazione nazionale Vincenzo Iacoianni, ai team e a tutti coloro che rendono possibile questo evento. Abbiamo messo il massimo impegno perchè queste manifestazioni tornassero a svolgersi e faremo di tutto perchè altri grandi eventi possano svolgersi in questo incantevole scenario».

La squadra della scuola, guidata dal professore Boellis, si è distinta rispetto ai team degli altri 27 istituti

I "Giochi della gioventù" agli alunni del Polo 2 Tutti bravi, nessuno escluso, i 53 ragazzi del Polo 2 borgo di Gallipoli che hanno vinto i Giochi della Gioventù 2012 che si sono tenuti negli ultimi giorni di maggio e che hanno visto impegnati presso il campo scuola “L. Montefusco” di Lecce 28 istituti scolastici. “Tutti protagonisti, nessuno escluso” e tutti hanno vinto perché hanno partecipato a una manfestazione sportiva che da anni impegna ragazzi e docenti e che alla fine si traduce in una festa. I ragazzi si sono cimentati nella corsa, salto in lungo, lancio del vortez (classi 1 e 2) e lancio del peso (le 3) in un percorso ginnico scandito da sei prove tra le quali slalom in palleggio tra 4 coni, salto a piedi pari con una funicella, salto di quattro ostacoli.

Il professore Antonio Boellis con i suoi alunni

Soddisfatti dei suoi allievi, una prima, una seconda e una terza, il professore Boellis che nel corso del’anno li ha preparati ad affrontare la prova finale. «Le tre squadre composte da alunni

di prima, seconda e terza classe di scuola secondaria di primo grado - dice Boellis - si sono distinte su tutti gli altri partecipanti, accumulando il maggior punteggio nelle prove in gara:

Stefanì, stella nascente del calcio È di Gallipoli una delle nuove stelle del calcio giovanile italiano. Si chiama Luigi Stefanì, classe 1997, cresciuto nel vivaio del Montefiore e messosi in luce a suon di gol nei Giovanissimi del Lecce allenati da Luca Renna. Abile nei ruoli di prima punta e di esterno offensivo, il 15enne è ormai un talento tenuto sotto osservazione dai tecnici federali azzurri. Per lui un bottino di ben 28 reti, nella stagione appena archiviata, in altrettante gare tra campionato (24, miglior realizzatore del proprio girone) e playoff (4 contro il Benevento e l'Empoli). Purtroppo, però, i gol della pun-

ta giallorossa non sono riusciti a spalancare al Lecce le porte delle "Final eight" di Chianciano. "Stefanì ha grandissime qualità fisico-atletiche, capitalizza tutto il lavoro di una squadra formata da ragazzi leccesi e brindisini", ha commentato il responsabile del vivaio giallorosso Roberto Alberti, che lo ha prelevato dal Montefiore Gallipoli dopo che già l'Inter lo aveva visionato nel 2010. Lodi anche da parte del tecnico Renna che lo presenta come "un giocatore genuino, verace e pratico con delle particolari caratteristiche ed una grande potenza. Efficace anche perchè non bada ai ai fronzoli ma punta al concreto”.

Calcio

Gallipoli sconfitto ma andrà in alto con i suoi giovani l'obiettivo centrato. Per il presidente Barone Porte aperta per l'Eccellen- l'ulteriore gratificazione per za per l'associazione sportiva aver centrato il prestigioso ridilettantistica "Gallipoli foot- sultato già nel corso del primo anno alla guida del sodalizio ball 1909". Malgrado la sconfitta giallorosso. Quanto ottenuto ha un nel recente doppio confronvalore ancor magto di spareggio giore se si pensa con il Manduria, che la squadra era la caparbietà e la composta in prevapassione del pre- Il patron Barone lenza da giovani, i sidente Marcello quali, dopo l’espeBarone (foto) ver- fa centro rienza acquisita, ranno, comunque, all suo primo non potranno che premiate dall'anrappresentare un nunciato ripescag- tentativo valore aggiunto per gio. il futuro del calcio Questo potrà gallipolino che avvenire perché, spera di ritornare mentre dal camai fasti di un tempo pionato di Eccel(basti pensare che lenza sono approappena due anni va date in serie D il era in serie B). Monopoli (che ha Il campionato vinto il girone) e del Gallipoli, si è il Bisceglie (che concluso al terzo ha vinto la Coppa posto al termine Italia nazionale), della stagione redallo stesso torneo non è retrocessa alcuna forma- golare alle spalle del Galatina e dello stesso Manduria. Tra zione pugliese. Archiviato l'esito dello gli uomini di mister Amleto sfortunato confronto con il Massimo, in evidenza capitan Manduria (la vittoria in casa Antonio De Razza e il giovaper 3-2 è stata neutralizzata ne attaccante Mario Ferrigno, dallo 0-1 esterno), rimane, co- autore dell'ultima rete nella munque, la soddisfazione per stagione regolare a San Vito. di Rocco Schiavano

Una prova al "Montefusco" di Lecce

Classe 1997, cresciuto nel vivaio della "Montefiore", ora nei Giovanissimi del Lecce

di Pasquale Marzotta

7

15mila euro per l'impiegho di manodopera in nero. Ora dovrà, inoltre, provvedere a regolarizzare la posizione contributiva e retributiva dei dipendenti, tutti di età inferiore ai 30 anni.

Luigi Stefanì oggi al Lecce

corsa, salto, lancio, squadra e percorso». E continua: «Spirito di squadra, sana competizione, divertimento e musica hanno fatto da corollario ad una splendida giornata dedicata allo sport».

Tifosi del Gallipoli in festa per l'annunciato ripescaggio


NUMERI UTILI Carabinieri 0833 281010 – 282560 Guardia medica 0833 281691: numero verde: 800456361 Municipio: 0833 281020- 282074; fax: 0833 282340; Sito ufficiale: www. comune.alezio.le.it;

ALEZIO 14 - 27 giugno 2012

e- mail: resputc.comune. alezio@pec.rupar.puglia.it Museo messapico e Biblioteca comunale: 0833 282402; e-mail.: bibliotmuseo@alice.it Polizia municipale: 0833 281121 Protezione civile: 0833 281293 Ufficio postale: 0833 281024

Pag. 8

"Pesciolini" Nel comparto E 186 nuove case corso finito Adottato il piano di lottizzazione tra le vie Dante e S. Lucia; interessati 49 proprietari

COME SARA' IL COMPARTO E Nella zona interessata dal piano di urbanizzazione (nella foto il tratto finale di via S. Pancrazio, angolo via S. Lucia), suddivisa in 49 proprietari, potranno sorgere 186 case da 100 metri quadri ciascuna per 512 residenti. La volumetria che si può sviluppare è di 61.455 metri cubi

di Nicolas Pisanello

Edilizia e debiti fuori bilancio sono stati gli argomenti più discussi all'interno delle ultime due sedute del Consiglio comunale (31 maggio e 1 giugno). In materia di nuove costruzioni è stato adottato il piano di lottizzazione del comparto E, previsto già nel Programma di fabbricazione degli anni '70, ma reso realizzabile col Piano regolatore dei primi del 2000. La lottizzazione interessa la zona oggi rurale compresa tra l'incrocio di via Aligheri e via Rivera, fino a all'incrocio di via San Pancrazio e via Santa Lucia per una estensione di 62mila mq, di cui 39mila mq adibiti ad area residenziale, 9.500 circa per aree verdi e superfici a servizio, 12mila circa per strade e piazzette. Il nuovo comparto di lottizzazione è il più grande tra quelli previsti dal Prg in vigore dal 2002. Nel Consiglio comunale è stato anche approvato lo schema di convenzione integrativa e la determinazione del prezzo di cessione delle abitazioni ai soci della cooperativa “Edilcoop Salentina”.

L'ampia zona "liberata" dal Piano regolatore del 2002

Otto debiti da pagare il più grosso è del 2003

La controversia tra soci e cooperativa leccese, che durava da tre decenni con cause interminabili, ha trovato infine una soluzione per cui i soci che abitano in quelle case di via Pertini potranno finalmente riscattarle e divenirne proprietari. L'amministrazione comunale ha poi dovuto “fare i conti” con otto debiti fuori bilancio, per un importo complessivo di 177.784,30 euro. Due i debiti più cospicui: il primo di 149mila euro circa riguarda un contenzioso tra il Comune e il signor Luigi Della Vigna, in seguito ad un incidente stradale avvenuto nel 2003. Il giudice ha riconosciuto le responsabilità del Comune (anche se non al 100%) ed ha stabilito il risarcimento in favore dell'automobilista. Il secondo debito riguarda un pignoramento derivato da un mancato pagamento del Comune nei confronti della ditta “Gial Plast” di Taviano, che si è in passato occupata della viano raccolta di rifiuti, che è costato 22mila euro. Approvati infine il progetto di “Riqualificazione del sistema delle biblioteche” e l'atto di indirizzo sul piano di riclassificazione dei Consorzi di bonifica.

Si è concluso il progetto “Pesciolini in acqua” che ha coinvolto i bambini della prime due classi a tempo pieno della scuola primaria. Le attività sportive si sono svolte da gennaio a maggio presso il centro sportivo “Gym studio” (foto) del professor Marcello Grimaldi Taviano. di Taviano «Abbiamo dato vita a questo progetto, finanziato dagli stessi genitori degli alunni, per contrastare l'abitudine alla sedentarietà dei bambini», afferma l'insegnante Maria Elena Margari nel ringraziare, per la collaborazione, i colleghi Luana Tricarico, Anna Camisa, Maria Grazia Milauro, Luigina Coronese, Loredana Carrozza e Carmelo Maggio. NP

Andrea, 21 anni e allenamenti in una palestra di Galatone, primo negli Juniores; ok pure Aldo Stanca

Corpi da premio, Fiorito fa festa Aldo Stanca

Andrea Fiorito

Da Alezio in provincia di Taranto per portare a casa primo e terzo posto. Due giovani bodybuilder aletini sono saliti sul podio nella gara “Grande Slam Tour 2012”, organizzato dalla federazione “Natural Body's Builders Union of Italy” svoltasi a Massafra il 2 giugno scorso. Il ventunenne Andrea Fiorito si è aggiudicata la prima posizione nella categoria “Juniores”, nella quale gareggiavano dieci atleti; mentre Aldo Stanca, anche lui classe 1990, si è classificato al terzo posto nella ca-

tegoria “Body fashion”. «E' stata una bellissima esperienza – commenta Andrea Fiorito – e soprattutto un grande traguardo. Aldilà della vittoria infatti, sono contento di aver raggiunto questo obbiettivo grazie ai sacrifici sopportati in tanti mesi di duri allenamenti. Un ringraziamento particolare lo devo al mio preparatore Giorgio Terragno, che mi ha accolto e seguito passo passo nella sua palestra “Body Galatone». Evolution” di Galatone Non mancano i ringraziamenti al pro-

fessor Terragno – pluricampione nazionale insieme alla moglie Paola Pano - anche da parte di Aldo Stanca, fiero del suo terzo posto: «Essendo per me la prima gara, non ho potuto nascondere l'ansia e la tensione. Ritrovarmi sul podio è stata una grandissima emozione, spero di migliorare e di poter rivivere una simile esperienza». I due giovani atleti aletini saranno impegnati nuovamente l'8 luglio nel trofeo “La Torre” di Otranto. NP

Primo appuntamento con l'Imu, la sorellastra dell'Ici/2

Prima casa, si paga ma con lo sconto La novità più discussa e contestata dell’Imu riguarda la casa d’abitazione che rientra nel campo della nuova imposta abbandonando l’esenzione prevista per l'Ici dal 2008 al 2011. Inoltre l’Imu prevede una disciplina più rigida per individuare l’abitazione principale: è unica per ogni famiglia ed è quella in cui proprietario con i suoi familiari ha sia la residenza anagrafica sia la dimora abituale. I coniugi che hanno stabilito la residenza in due case diverse di loro proprietà possono applicare lo sconto solo per una abitazione. Più stretta anche la via delle pertinenze, che possono essere al massimo tre, una in C/2 (magazzini), una in C/6 (box) e una in C/7 (tettoie). I regolamenti comunali non possono cambiare il quadro. I rincari colpiscono anche le seconde case date dai genitori ai figli perchè la legge non consente più di trattarle come prime case come potevano decidere i singoli Comuni: era stato così a Alezio, Casarano, Matino, Parabita, Tuglie, Taurisano, Ugento. Ugento Unica eccezione ai rincari sono le case sfitte, che sfruttano il fatto che l'Imu assorbe l'Irpef che si pagava fino all'anno scorso sui redditi fondiari. Dunque Imu da pagare per la prima abitazione anche se con lo sconto. Si applica infatti un’aliquota ridotta (0,4%) e la detrazione di €. 200,00. Ma non è tutto, la legge ha previsto un’ul-

teriore agevolazione per le famiglie che vale solo per gli anni 2012 e 2013: la detrazione può essere maggiorata di ulteriori 50,00 euro per ogni figlio di età inferiore a 26 anni che risiede e dimora con i genitori. Buone notizie per le prime case con rendita catastale fino a €. 300,00. L’Imu non è dovuta, con le aliquote decise fino ad oggi, e quindi niente acconto da pagare. E se ci sono pertinenze? bisognerà sommarle alla rendita della abitazione principale e fare il calcolo. Ma anche qui se la somma è inferiore a 300,00 euro non si deve pagare IMU. Nel riquadro qui sopra alcuni esempi pratici di acconti per i fab-

bricati in base alla rendita catastale. Esempi pratici del nostro territorio: una prima casa sul lungomare (in centro) a Gallipoli di circa 70 mq paga in acconto circa 30 euro. Una abitazione per le vacanze nel centro storico gallipolino di circa 50 mq paga un acconto di 150 euro. Ma veniamo alle modalità di versamento. L’Imu in acconto può essere pagata solo con il modello F24 (si trova in banca o alla posta e può essere scaricato da internet). Un aiuto importante viene dalla rete per i cittadini che si volessero cimentare da soli con il calcolo del tributo: sul sito www.impostamunicipalepropria.it, inserendo i

propri dati anagrafici, gli elementi utili per il calcolo dell’imposta e i riferimenti del Comune a cui pagare) si può effettuare il calcolo e stampare il modello già compilato per effettuare il versamento. Nel modello vengono automaticamente suddivisi gli importi da versare allo Stato e quelli da versare al Comune. È invece già intestato al Comune il modello di versamento che si può scaricare dai siti internet di alcuni Comuni ( cliccando sul rettangolino anutel calcolo Imu); hanno aderito all’iniziativa Alezio, Casarano, Galatone, Parabita, Tuglie, Ugento (2-fine). dott.ssa Monica Laterza


NUMERI UTILI Guardia medica: 0833 231641; numero verde:8004565 Municipio: 0833 231430 fax 0833 233713; Sito ufficiale: www.comune. sannicola.le.it; E-mail: segretariogeneralesannicola.le@pec.rupar.puglia. it Polizia municipale: 0833 231430 Ufficio postale: 0833 232163

SANNICOLA 14 - 27 giugno 2012

Pag. 9

Con noi nelle case di 42mila famiglie Salite a bordo e andiamo

Il Comune invita a pagare e intanto fa cancellare le sanzioni per gli “avvisi”

Il Comune è capofila

Il progetto a rilento

La “Città policentrica” fa scuola in Regione

“Edunova” docenti ok ma guai da internet

Una tavola rotonda è stata organizzata nei giorni scorsi a Bari per fare il punto della situazione sui Sistemi ambientali e culturali (Sac) in tutta la regione e sull’esperienza della “Città policentrica”. Relatore per queste due realtà, di cui Sannicola è comune capofila, è stato il sindaco Giuseppe Nocera assieme all’assessore all’Urbanistica e ai Beni culturali della Regione Angela Barbarente (foto). «L’idea vincente di aggregare 14 Comuni, insieme al partenariato economico e sociale, ci ha permesso di accedere a fondi comunitari pari ad otto milioni di euro per la Città policentrica e a quasi 700mila euro per il Sac che permetterà la fruizione coordinata e sostenibile dei beni, lo sviluppo, la realizzazione e la qualità dei servizi e delle attività legate alla valorizzazione del patrimonio territoriale, l’occupazione e la qualità della vita nelle comunità locali», ha affermato il Sindaco Giuseppe Nocera. Il progetto “Salento di mare e di pietre”, nell’ambito del Sac, muove i primi passi nel dicembre 2010 con l’obiettivo di creare una rete di servizi di supporto al cicloturista per mettere in mostra risorse e bellezze di un territorio che, per l’occasione, raggruppa i centri di Alezio, Alliste, Aradeo, Collepasso, Gallipoli, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Seclì, Taviano, le Tuglie ed ha come partner, la Provincia e l’Associazione di promozione turistica di Lecce. L’iniziativa barese, promossa dal Corriere del mezzogiorno, si è svolta davanti ad una platea di illustri relatori tra i quali docenti e responsabili di aziende che si occupano di marketing innovativo per i beni culturali. MCT

Il progetto Edunova ha fatto un passo avanti con la formazione dei docenti, ma non procede alla velocità programmata a causa di una difficoltà tecnica sulla connessione ad internet. L’utilizzo delle più moderne tecnologie informatiche, con i tablet di ultima generazione, non può, infatti, avvenire con una velocità di navigazione ridotta e per questo Edunova procede a rilento. «Resto comunque fiducioso. Si tratta di un increscioso rallentamento dei lavori, dovuto alla connessione Internet, perchè servono 20 megabyte per la perfezione anche se 7 possono essere sufficienti per lavorare, ma a oggi non li abbiamo. A settembre, adeguata la linea, ho fondata speranza che il progetto possa ripartire a pieno ritmo», afferma il dirigente scolastico Daniele Metti (foto). La scuola di Sannicola è stata la prima in Italia ad aderire al progetto in collaborazione con l’Università del Salento e gli atenei di Foggia, Modena e Reggio Emilia, Ferrara, Milano Bicocca ed il supporto di Telefono azzurro e Global base, partner del motore di ricerca Google. Il rallentamento sulla tabella di marcia viene segnalato anche dai docenti. «Tutto è pronto, siamo in costante contatto con il professore Tommaso Minerva dell’Università di Modena, ma il problema sulle linee rallenta il progetto sino a rischiare di bloccarlo», afferma il professor Antonio Raccioppi. Piena fiducia viene, invece, espressa dall’assessore alla cultura Danilo Scorrano. «Il progetto partirà senza dubbio e supereremo ogni problema di carattere tecnico tramite un progetto di adeguamento che interesserà tutte le utenze pubbliche», afferma l’amministratore. MCT

Pignoramenti? Stop alle spese Il Comune di Sannicola alle prese con il problema del recupero dei tributi. In alto il consigliere Cosimo Piccione: è intervenuto sull’argomento seguendo da vicino la situazione

di Maria Cristina Talà

Per Sannicola si aggira il fantasma delle cartelle esattoriali. Sono centinaia i contribuenti che nelle scorse settimane si sono visti notificare atti di pignoramento dalla Cerim, la società che effettua la riscossione di tasse e tributi per conto dell’Ente. Il problema riguarda alcuni mancati pagamenti della Tassa sui rifiuti relativa al 2008. Ad essere pignorate sono state anche le pensioni con spese legali in alcuni casi vicine ai 400 euro anche per importi da riscuotere di poche decine di euro. «Non si tratta assolutamente di 500 famiglie, come riferito, ma di meno di 80 contribuenti. Il

problema, tuttavia, è stato risolto e i cittadini pagheranno senza sanzioni, né spese legali», ha affermato il sindaco Giuseppe Nocera. Anche gli uffici della Cerin confermano che il numero dei contribuenti interessati dal procedimento di riscossione coatta è minore agli 80 e che è possibile pagare il dovuto senza spese legali nè sanzioni rateizzando, se necessario, gli importi, purchè ciò avvenga entro il 19 giugno. «La Cerin – precisa il vicesindaco e assessore al bilancio Marco Bramato – ha rispettato la legge inviando gli avvisi di pagamento e proseguendo nelle azioni di riscossione dal 2010 sino a oggi. Sono stati inviati

tre avvisi prima di giungere a queste conseguenze. Tuttavia, dopo aver incontrato la società, abbiamo ottenuto che i cittadini morosi avessero a disposizione ancora 15 giorni per pagare senza incorrere in pignoramenti e spese legali». «Ho verificato con la situazione con i vertici della società anche se resto nel dubbio su come si debbano comportare i cittadini che hanno già pagato l’importo maggiorato», ha affermato il consigliere di minoranza Cosimo Piccione. In questo caso, fa sapere la Cerin, è necessario recarsi presso gli uffici e lasciare i propri dati per aver diritto alla restituzione delle cifre riguardanti le spese legali e le sanzioni.

Il lavoro e le donne convegno e mostra Appuntamento il 25 giugno, alle 19,30, presso il centro culturale di via Oberdan per il convegno e la mostra fotografica sul lavoro delle donne nei 100 anni del Comune e nei 150 dell’Unità d’Italia. «L’idea di puntare l’attenzione sul lavoro delle donne, in casa e fuori casa, ha entusiasmato molti concittadini che hanno collaborato con noi nella ricerca della foto», afferma Assuntina Mega, componente della commissione Pari oppotunuti del Comune che ha proposto e coordinato l’iniziativa. «Al progetto hanno aderito le classi quinte della scuola primaria e le medie, raccogliendo le foto e somministrando i questionari alle nonne. Con grande entusiasmo sono state raccolte più di 100 foto e altrettanti questionari», afferma la consigliera comunale Enza Nascente. Soddisfazione per il risultato conseguito è stata espressa anche dalla presidente della commissione Maria Cristina Talà e dalla consigliera delegata Annalina Petruzzi.

Dal 23 giugno spettacolo di sport

Il calcetto va in piazza Ritorna anche quest’anno il torneo di calcio a cinque organizzato in piazza della Repubblica. Avrà inizio sabato 23 giugno e si protrarrà sino a tutto luglio promettendo di animare le serate di Sannicola così come accaduto già lo scorso anno per la prima edizione. Il torneo è organizzato da Cafè noir, bar Rodogallo, caffetteria Cristina, bar La Palma, pizzeria Ragno, pizzeria Il Segreto di Pulcinella e trattoria Santi medici. L’organizzazione tecnica sarà curata dalla scuola calcio dell’associazione sportiva dillettantistica “Sannicolacalcio2010” ed è realizzata col patrocinio del Comune di Sannicola. Numerosissimi sono stati, inoltre, gli sponsor (grandi e piccoli) che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento seguito da molti appassionati, anche dai centri vicini. Per le iscrizioni c’è tempo sino al 21 giugno, ovvero pochi giorni prima dell’inizio delle gare.

«Siamo contenti di poter ripetere l’entusiasmante esperienza dello scorso anno e siamo certi che anche questa volta le gare saranno appassionanti ed avvincenti», afferma Michele Ingrosso, titolare del Cafè noir (foto in alto), la squadra capace di aggiudicarsi il torneo della passata edizione e che farà di tutto per ripetersi anche quest’anno. Tra le novità di questa edizione del torneo anche una struttura esterna al campio da gioco più ampia e complessa, per poter ospitare al meglio gli spettatori, realizzata dalla ditta Icosud, specializzata nell’impiantistica sportiva. «Ringraziamo l’amministrazione comunale ed i vari sponsor che ci sostengono. Sebbene possa sembrare solo un gioco- conclude Ingrosso - si tratta di una macchina organizzativa imponente, che ha bisogno della collaborazione di molti».

De Vita, miglior portiere 2011

Giuseppe Farina


14 - 27 giugno 2012

Sannicola

10

MOTORADUNO A SAN SIMONE IN MEMORIA DI PAOLO DE BLASI Terzo motoraduno di auto e moto d’epoca, dedicato a Paolo De Blasi, domenica 24 giugno, a partire dalle ore 10, in piazza San Biagio a San

Simone. La manifestazione è organizzata dal Circolo cittadino, con il responsabile Leo Daniele (foto), in memoria del bambino di San Simone rimasto vittima, quattro anni fa, di un incidente stradale. “Per

ammirare la meraviglia del genio umano nella meccanica, per la sensibilizzazione alla sicurezza stradale, nel ricordo di tutte le vittime della strada”, questa la motivazione scelta dagli organizatori per l’evento.

In abbandono un’azienda agricola la cui realizzazione si è fermata dopo la costruzione della “101”

Una cantina di veleni

Pozzetti senza protezione e sostanze chimiche anche tossiche e pericolose

Due recenti ordinanze a firma del sindaco Giuseppe Nocera hanno disposto la messa in sicurezza di una vecchia azienda agricola da anni in disuso lungo la Statale 101. Il provvedimento, che segue l’intervento del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Lecce, è stato notificato al rappresentante legale dell’azienda, al proprietario dell’immobile ed al professionista delegato alla vendita e alla custodia dello stesso. In seguito al rinvenimento di ogni sorta di rifiuto, anche pericoloso, la necessità è ora quella di ripristinare una situazione di sicurezza, “impedendo l’accesso con recinzioni e segnaletica di avvertimento” e di “rimuovere entro 30 giorni i rifiuti pericolosi, tossici e, anche se non tossici, comunque inquinanti che sono depositati all’interno della struttura e nella località denominata Giardinelle”, come si legge nell’ordinanza. I carabinieri avevano riscontrato la presenza di “rifiuti eterogenei pericolosi e non pericolosi” accertando che “l’intera area risultava essere pericolosa per la mancanza di balaustre all’interno degli stabilimenti (…) attualmente privi di idonei portoni, di tombini a chiusura delle numerose botole presenti sui piazzali esterni e all’interno dei locali, nonché la presenza di manufatti pericolanti dannegiati da precedenti incendi”.

Marco Andronico e Gianni Calignano

Dolci e gioielli, delizie con tanto di firme Delizie per gli occhi e per il palato con l’abbinamento di classe nella mostra dei gioielli dello stilista Gianni Calignano arricchiti dall’arte pasticcera di Marco Andronico. «Presso la casa di moda di Nardò dello stilista, in occasione dell’inaugurazione della mostra di gioielli appositamente disegnati per le spose e l’alta moda, che sarà visitabile per tutto giugno - afferma la responsabile di Calignano Simona Mosco originaria di Sannicola – abbiamo voluto dare un tocco di dolcezza». Così è stato contattato Marco Andronico, la cui arte pasticcera ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui non ultimo la prestigiosa segnalazione o inserimento all’interno della guida Gambero Rosso. «Mi sono divertito - commenta il pasticcere - a creare per l’evento biscotti e dolci a forma di vestito, scarpette, borsette e la torta a forma di abito da sposa in cioccolato bianco. Sulla base degli orecchini disegnati dallo stilista Calignano ho, poi, creato delle riproduzioni dolci al cioccolato, pasta di mandorle o di zucchero all’ultima moda, quella del cake design, cioè il creatore di torte decorate in modo artistico e dalle forme originali». Il lavoro svolto per Calignano si inserisce in una serie di eventi, tra i quali le recenti finali di Miss Mondo Gallipoli, il raduno delle Ferrari e dei Bolidi Rossi per i quali Andronico ha presentato una torta che riproduceva fedelmente le forme delle autovetture. MCT

Un campionario dei pericoli esistenti nella vecchia azienda agricola sulla Statale 101

Due ordinanze del sindaco Nocera al rappresentante legale della proprietà

Venti squadre, svettano Aquile e Aironi

Unificati due trofei dedicati a due persone scomparse

Chiesa a colori Elementariadi Le “Mute terre” i bimbi ci stanno in gara in 450 per Mauro e Biagio “Sarò un libro” presenta gli inediti Appuntamento presso “Villa Excelsa”, il 27 giugno alle 20.30, con gli inediti d’autore di “Sarò un libro”, rassegna curata dall’associazione Verbamanent, presieduta da Maddalena Castegnaro (foto) per festeggiare il decennale della nascita dei Presidi del libro. Per tutti la possibilità di un incontro con autori impegnati nella lettura dei loro scritti. Si avrà l’occasione di ascoltare, tra gli altri, Giuseppe Cristaldi (da Parabita) con “Subumani”, AnParabita namaria De Luca con i suoi “Effetti personali”, Gloria De Vitis con “Vita”, Jonathan Imperiale con “Dialoghi in do minore”, Federica Leo con “Una luce meravigliosa”, Daniela Liviello con “Il viaggio”, Anna Nocera con “Siamo vuoti pieni d’amore”, Lara Savoia con “Una notte”, Marcello Scarpa con “Riflettendo…”, Vittoria Scarpa con “I colori del tuo volto”, Gianni Seviroli con “Qual verso…Qual cosa” e Paolo Vincenti con “Prose liriche”. Infine la musica e la voce di Eleonora Pascarelli e Paola Pierri. MCT

Si è svolto in occasione del ventennale festa della Madonna della Consolazione il concorso “Dipingi la tua chiesa” che ha coinvolto i ragazzi della scuola media guidati dal docente Antonio Mitria, impegnato anche nella pittura e nella musica. Gli elaborati grafici sono stati suddivisi in tre categorie. Per prima media hanno vinto Fausto Puce, Luigi Leo e Vanessa Vaglio con una menzione speciale a Matteo Mezzi. Per le classi seconde si è classificato al primo posto Marco Donno davanti a Silvia Giaffreda e Federico Capoti con menzione speciale per Martina Pinto mentre Federico Perrone, Alessia Caputo e Miriana Simone sono stati segnalati dalla giuria. Per la terza media ha vinto Luca Stamerra davanti a Giuseppe Guido e Giulia Carluccio con menzione speciale per Sara Scarpa. La giuria di esperti era composta dai maestri Franco Ventura, Fabio De Donno e Mauro Sances. Ha presentato la serata Ada Sansone che ha ricordato la storia ormai ventennale della festa. Il ricavato della vendita dei dipinti sarà destinato all’acquisto di materiale didattico per la scuola media di Sannicola.

I disegni del concorso “Dipingi la tua chiesa”

Le strade di San Simone si sono animate di voci e colori per il trofeo “Mute Terre - memorial Mauro Fedele” quest’anno abbinato al trofeo in ricordo di Biagio Leo, assegnato a Fabio Massari del “Gruppo sportivo tugliese”, per essersi distinto per spirito sportivo. «In gara ci sono stati 127 partecipanti in una giornata che ha inteso ricordare Mauro e Biagio, due amici accomunati dall’amore per lo sport, portati via da un tragico destino», ha affermato Sergio Leo (foto), presidente della Polisportiva che ha organizzato le manifestazioni.

Bambini in gara per le Elementariadi

Ben 450 bambini si sono sfidati nelle “Elementariadi” a conclusione dell’anno scolastico. Mentre i ragazzi delle scuole medie si affrontavano in un’avvincente torneo di pallamano, gli allievi di elementari e materna si dividevano in venti squadre. Il trionfo è andato alla squadra “aquiledue”, per le classi prima e seconda e “aironi – uno” per le classi terza, quarta e quinta. Per la materna, la squadra “rosa – due” ha sbaragliato gli avversari. «Le attività fisiche e il sano agonismo – commenta il dirigente scoalstico Daniele Metti – sono fondamentali per il corretto sviluppo del corpo e della personalità dei fanciulli, come lo sono anche musica, danza e teatro, attività importanti anche per la socialità e il corretto vivere civile. Infatti sono stati realizzati anche il musical “Il gufo e la civetta” della materna e il recital “I promessi sposi” della elementare». MCT


NUMERI UTILI: Carabinieri: 0833 865010 Guardia medica: 0833 867190 Municipio: 0833 865053; Sito ufficiale: www.comune. galatone.le.it;e-mail: info@comune.galatone. le.it; Polizia municipale 0833 865028 Servizi sociali: 0833 880022

GALATONE 14 - 27 giugno 2012

L’assessore Giovanna Rizzo con gli operatori

Stagione turistica primo incontro “La Reggia”, la località costiera jonica tra le più frequentate dai turisti. Un incontro tra amministratori comunali e operatori del settore ha permesso di tracciare il punto della situazione in vista della nuova stagione e delle aspettative connesse

di Silvia Resta

L’avvio della stagione turistica nel Salento parla di numeri-record. Sembra ormai chiaro che la penisola salentina stia fungendo da traino al turismo dell’intera regione, come testimoniano le prenotazioni in alberghi e lidi in costante aumento anno dopo anno. Anche Galatone, come numerosi centri della costa, così come dell’entroterra salentino, svolge un ruolo importante per l’andamento complessivo del mercato turistico. «Le associazioni del settore presenti sul territorio sono numerose e tanta è la voglia di fare - spiega Giovanna Rizzo, neoassessore alla Cultura, alla Pubblica Istruzione e alla Promozione turistica - per questo abbiamo organizzato un forum programmatico con l’obiettivo di conoscerci e coordinare al meglio le iniziative personali di ognuno». Certo i problemi non mancano, e la crisi economica che ha investito l’intero territorio nazionale in ogni campo si fa sentire. Ma gli operatori del settore sono ottimisti, e nono-

stante ci sia un senso generale di cautela prima di cantar vittoria, dato che le varianti in campo sono tante e quindi tanti sono gli imprevisti che potrebbero verificarsi durante il corso della stagione, già il solo prendere atto dell’incremento avuto nel periodo dell’anno già trascorso non può che essere motivo di soddisfazione. L’incontro svoltosi alcuni giorni fa a Palazzo marchesale ha permesso di fare il punto della situazione tra i nuovi amministratori comunali e gli operatori del settore. L’obiettivo di tutti, nonostante le tante difficoltà per itinerari turistici male organizzati, trasporti pubblici carenti e strutture e servizi poco adeguati, capaci di mettere a dura prova anche il turista più affezionato, è quello di avviare a Galatone iniziative particolari ora in fase di studio. La risorsa ambiente, da sola, ormai non basta più e quel che risulta indispensabile è salvaguardarla, per realizzare a Galatone, così come nell’intero Salento, un cantiere ricco di occasioni non solo per l’estate ma per tutti i mesi dell’anno.

Sostieni il servizio che diamo a questa terra

Pag. 11

Indennità ridotte del 20% a tutti gli amministratori

Le forbici di Nisi e il peso dei debiti il sindaco Livio Nisi e il Comune. Malgrado le difficoltà economiche si è già al lavoro per l’Estate Galatea

di Daniele Colitta

Appena eletto Sindaco aveva preannunciato, tra i primi provvedimenti della nuova Amministrazione comunale, un taglio all’indennità per la sua carica e per quella degli assessori. Detto e fatto: Livio Nisi, il nuovo primo cittadino di Galatone, ha mantenuto la promessa con l’approvazione, da parte della sua Giunta nella prima riunione, di una deliberazione con la quale viene disposta la diminuzione delle indennità per il Sindaco e l’intero esecutivo pari al 20% dell’importo massimo previsto dalla normativa che regola i compensi per gli amministratori comunali. «In un momento di grave crisi economica generale e di seria difficoltà finanziaria per gli enti locali e i comuni – ha precisato il sindaco Nisi - è necessario che gli amministratori diano

per primi un segno di attenzione e grande responsabilità, ed è nostra intenzione operare fin d’ora in questa direzione». Una scelta, quella dell’abbassamento delle indennità spettanti a sindaco e assessori, certamente positiva per le cas-

Il primo cittadino alle prese col patto di stabilità e un “buco” da un milione e mezzo se comunali che attualmente, a quanto è dato sapere, non godrebbero di ottima salute. Nei giorni successivi all’elezione, Nisi stesso, in effetti, aveva già descritto pubblicamente la situazione economica

del Comune manifestando anche qualche difficoltà relativamente anche al rispetto del Patto di stabilità. Un buco finanziario, dun que che, sebbene sembri ammontare a circa un milione e mezzo di euro, sembra non scoraggiare per nulla il sindaco, tra l’altro già al lavoro con l’intera sua squadra per pianificare il cartellone degli eventi relativi all’Estate Galatea. A tal proposito l’assessorato alla Cultura ha promosso un forum ,“del dialogo permanente”, invitando tutte le associazioni galatonesi a parteciparvi: «Si tratta di un primo passo nella direzione dello sviluppo culturale della città, della partecipazione attiva e propositiva e della realizzazione del più grande obiettivo, costruire la “Città del Galateo”», come si legge nel comunicato che annuncia l’incontro.

Stapane a Palazzo a 25 anni «Una gran bella responsabilità»: questa la considerazione fatta da Giorgio Stapane (foto) per il nuovo ruolo assegnatogli dagli elettori, pur con i suoi 25 anni: dover rappresentare i giovani in Cconsiglio comunale. Primo nella lista del sindaco Livio Nisi, con 77 preferenze, Stapane anticipa il proprio impegno per un dialogo “indispensabile” con i propri coetanei: «Porterò avanti le istanze delle nuove generazioni per le quali la nuova Amministrazione intende fare molto. Tra l’altro c’è bisogno di creare per loro un luogo di ritrovo che purtroppo non abbiamo», afferma il neoconsigliere. Impegnato sin da ragazzino nel centrodestra, Stapane storce il naso davanti alla questione dei frequenti cambi di casacca visti spesso nella politica degli ultimi anni: «Sono stato da sempre nel centrodestra, anche grazie all’influenza di mio padre e sono dell’idea - afferma che certi valori non possano essere traditi, per alcun motivo». Infine un pensiero al rapporto con gli consiglieri: «Quelli del mio scheramento li conoscevo già benissimo, ma non ci sono problemi neppure con i consiglieri d’opposizione». AG

Karate, prima i 3 fratelli I fans di Casilli nel Forum La “Gira” chiude in coro poi tutta la famiglia Due serate finali con gli studenti-artisti sul palco

Note e voci sono state le protagoniste della terza edizione del concerto finale dei laboratori musicali realizzati dall’associazione musicale “Salvatore Gira” in collaborazione con il laboratorio Lab83. Nelle due serate programmate per l’evento musicale, si sono succeduti sul palco circa 100 piccoli grandi artisti (nella foto alcuni premiati), chi al pianoforte,

chi dietro una batteria e chi, invece, a soffiare vigorosamente aria nei flauti e nelle trombe piuttosto che pizzicare le corde delle chitarre o far scivolare l’arco sul violoncello. Apprezzata la direzione artistica di Diego Gira che si è detto entusiasta della partecipazione attiva di tante famiglie e tanti ragazzi. I laboratori ripartiranno il prossimo settembre. DC

Alberta, Mattia (nella foto) ed Andrea Diocleziano: tre fratelli, ognuno con il proprio kimono, sul tatami della disciplina sportiva che oramai scorre nelle loro vene. Si tratta del Karate, pratica avviata alla tenerissima età di 4 anni. Ora, tutti e tre, fanno parte dell’associazione sportiva dilettantistica “Città di Galatone, sport educazione cultura”, l’unica società sportiva in paese affiliata alla Fijilkam, la federazione ufficiale del Coni. I tre hanno accumulato non pochi traguardi e maturato tanta esperienza. Numerose, infatti, sono le competizioni alle quali hanno preso parte, da quelle a squadre a quelle universitarie, passando per le qualificazioni ai campionati italiani ed europei.

Mattia, 23enne, ora è allenatore nella stessa società con la quale si è allenato sino ad oggi e Alberta (a soli 19 anni convocata già per tre anni consecutivi nella Nazionale di Karate) è, invece, aiuto allenatore. Entrambi sono coach ufficiali con brevetto della federazione italiana. «È bello condividere questa esperienza con i propri fratelli», racconta Andrea, 15 anni, il più piccolo dei tre, da poco agonista, ma già vincitore del trofeo federale a Putignano nella specialità Kumite. Ma ad essere coinvolta è (quasi) tutta la famiglia con il padre Tonio che da tre anni ha iniziato a praticare lo stesso sport. E chissà se tra qualche tempo, dunque, non decida di salire sul tatami anche mamma Sandra.

La ritrovata unità del centrosinistra a Galatone non scompare dopo la sconfitta elettorale. L’ex comitato promotore della candidatura di Cosimo Casilli si è, infatti, trasformato in un forum allos copo di mettere a frutto lìesperienza elettorale. «Questo è un percorso lungo, che continuerà, con un coinvolgimento sempre maggiore dei cittadini, soprattutto per essere un riferimento per quanti hanno dato fiducia al progetto di un centrosinistra compatto che ha superato i contrasti e i personalismi», affermano Giulia Santi e Serena Colazzo, due giovani attiviste. Tra i punti chiave che saranno oggetto degli incontri del forum e dell’azione amministrativa dei tre consiglieri eletti in Comune, si rilevano la cultura, la partecipazione e la legalità. AG


NUMERI UTILI Centro Prelievi: mercoledì 7,45-10 Guardia medica: 0833 596663 Municipio: 0833 596521 fax 0833 597124 Sito ufficiale: www.comune.tuglie.le.it; E-mail: comunetuglie@libero.it Polizia municipale: 0833 597644 Ufficio postale: 0833 596849

TUGLIE

Segnalate i vostri eventi A pag. 31 tutti i recapiti utili

Pag. 12

14 - 27 giugno 2012

Dalle 19 all’alba le sfide al “Valentini” a cura degli Scout Progetto comune tra Fidas e istituto comprensivo “Moro” In un clima di festa e di divertimento si è svolta di recente la seconda edizione del “Torneo sotto le Stelle”, singolare sfida calcistica che dopo aver preso il via alle 7 di sera si è protratta sino all’alba del giorno seguente. La manifestazione, organizzata presso il campo sportivo “Valentini”, è giunta alle seconda edizione ed è stata organizzata dal gruppo scout “Tuglie 1- Agesci”, in cui operano anche alcuni scout di Alezio, allo scopo di raccogliere fondi per autofinanziare parte delle spese occorrenti per la realizzazione del campo estivo che coinvolge tantissimi scout tugliesi, in modo da chiedere alle famiglie dei ragazzi una quota di partecipazione inferiore rispetto al previsto. Il pensiero è andato anche all’Emilia. Se i fondi raccolti saranno sufficenti, verranno, infatti, destinati in parte dalla

Calcio sotto le stelle e poi il campo estivo comunità Capi alle popolazioni terremotate. Al torneo hanno preso parte dieci squadre, la maggior parte composte da giovani. La squadra “San Simone” si è aggiudicato il primo posto, vincendo una cena per tutti i giocatori. Al secondo posto il “Gimami” seguito dalla “Falco Impianti”, entrambe vincitrici di una coppa-ricordo. Il titolo di miglior portiere è andato a Stefano Schito (San Simone) e quello di miglior giocatore a Luigi Cuppone (Gimami) mentre capocannoniere si è laureato Giuseppe Malorgio (Falco Impianti). Per il “Fair Play” il riconoscimento è andato ai Tugliesi Doc. GP

Una delle premiazioni

Una piazza Garibaldi gremita di bambini e famiglie ha fatto da scenario alla festa conclusiva del progetto “Non soli ma solidali” (foto), promosso dall’associazione Fidas di Tuglie in collaborazione con l’Istituto comprensivo “Aldo Moro” e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. Decine di studenti con canti, recite, balli, filmati e letture hanno testimoniato il loro impegno e concluso nel migliore dei modi un progetto che li ha visti impegnati durante l’anno con ottimi risultati. Molto significativa e coinbvolgente la testimonianza di una donna diventata donatrice solo all’arrivo della lettera della nipote la quale, nell’ambito della manifestazione “Caro non donatore ti scrivo”, la esortava a donare il sangue in occasione della “Festa del donatore” organizzata dalla Fidas tra i banchi di scuola.

Donatori e alunni in una rete solidale

Piazza Garibaldi in festa con i ragazzi dell’Istituto comprensivo

«È stato un lavoro lungo e faticoso ma non privo di gioie e di soddisfazioni», afferma il presidente della Fidas Valter Giorgino. “Non Soli ma Solidali” si è concluso all’insegna della Ragazzi in bici per l’inaugurazione della nuova pista ciclabile di Montegrappa. Il percorso, lungo un chilometro, si snoda in una campagna caratteristica. Il sindaco si augura che l’impianto sia utilizza a tempo pieno

Ai neodiciottenni il sindaco Ria dà la Costituzione

«Nella società da nuovi adulti con principi sani» Il 2 giugno si festeggia in no divengono o sono diventati Italia la nascita della Repubbli- maggiorenni, quindi cittadini atca, in ricordo di quel lontano 2 tivi e responsabili anche perchè giugno 1946 quando, con un re- votanti, è stato salutato con una ferendum istituzionale indetto a significativa cerimonia svoltasi suffragio universale, gli italiani nella sala consiliare del Comune vennero chiamati alle urne per alla presenza dei diretti interesscegliere la forma di governo, sati, delle autorità e della cittaditra Monarchia o Repubblica, nanza. La consegna del libretto dare al Paese in seguito alla ca- della Costituzione italiana ai neo diciottenni è avvenuta alla preduta del Fascismo. senza non solo Da allora, del primo cittal’intera Nadino ma anche zione ricorda del prefetto di quella data Cerimonia in Comune Lecce Giuliacon numerose na Perrotta, del manifestazio- col prefetto di Lecce ni pubbliche. e il presidente Gabellone presidente della Provincia di L’importante Lecce Antonio ricorrenza è Gabellone e del stata festeggiata a Tuglie insieme ai nuovi mag- consigliere delegato alle Politiche giovanili del Comune Silvia giorenni del paese. L’Amministrazione comu- Romano. «La consegna della Conale guidata dal Sindaco Daniele Ria ha inteso consegnare stituzione deve essere per voi loro una copia della Costituzio- l’inizio di un cammino nuovo ne italiana per esaltare e ricor- nella società civile nella quale, dare quei valori rappresentati voi nuovi adulti, non potrete da principi condivisi alla base che crescere nel rispetto di quei dell’Unità nazionale. L’ingres- principi di identità e appartenenso nella vita civile del Paese za sanciti dalla Carta», ha condei tanti giovani che quest’an- cluso Ria.

I neo-diciottenni ai quali è stata consegnata la Costituzione

Sulla collina di Montegrappa inaugurata la nuova struttura sportiva

Ecco qui la pista vai con le biciclette di Gianpiero Pisanello

Un percorso lungo un chilometro che si sviluppa tra rocce, “furneddrhi” e la vegetazione tipica della macchia mediterranea. È questa la pista ciclabile inaugurata di recente sulla collina di Montegrappa nel corso di una cerimonia pubblica alla quale hanno preso parte il sindaco di Tuglie Daniele Ria, l’assessore allo Sport Massimo Stamerra, il parroco don Emanuele Pasanisi e il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone. «Con l’inaugurazione della pista ciclabile consegniamo ai cittadini un’altra opera che scaturisce da un intenso programma di riqualificazione del territorio e di realizzazione di infrastrutture. Mi piacerebbe ha affermato Ria - vedere utilizzato l’impianto a tempo pieno. Sono certo che i cittadini si rendono conto delle potenzialità di questa nuova struttura e che non mancheranno proposte di collaborazione con l’Amministrazione comunale per la sua gestione».

Situata sulla strada che da Tuglie conduce a Neviano, la pista rappresenta non solo un impianto sportivo unico nel suo genere, ma anche un luogo accogliente dove vivere momenti di relax all’aria aperta. La progettazione, infatti, ha

puntato ad azzerare l’impatto ambientale dell’opera che oggi si mostra in perfetta armonia con il paesaggio rurale circostante. L’obiettivo raggiunto è stato anche quello di evitare che l’area, così come altre, si trasformasse una discarica.

AUGURI!

Il 15 giugno festa grande e meritata per la maestra di ricamo Cosimina De Vittorio, per i suoi 97 anni. Auguri con tanto affetto dalle cinque figlie, 10 nipoti e 9 pronipoti.

festa centrando quello che era l’obiettivo principale, ovvero il coinvolgimento degli adulti, attraverso i ragazzi, sulla consapevolezza che bisogna seminare oggi per formare i donatori del domani. GP

No scuole sì Campus estivo Appena terminato l’anno scolastico, per i ragazzi tugliesi è già tempo di pensare al divertimento con momenti di svago e di socializzazione all’aria aperta. Anche quest’anno, infatti, il Comune di Tuglie ha aderito al progetto “Campus estivo 2012”, programmato dalle associazioni “Asd Active body” di Tuglie e “Asd Athletic gym” di Alezio Alezio, al fine di coinvolgere i minori in attività ricreative e sportive presso il palazzetto dello sport (foto) e nella piscina del centro Active body di Tuglie. Sino al 6 luglio, dal lunedì al venerdì e dalle ore 8.30 alle 13, i ragazzi saranno impegnati nella pratica di diversi sport tra i quali calcetto, basket, pallavolo, nuoto e, con l’ausilio di esperti professionisti, anche in attività ludico - ricreative. Il Campus estivo è riservato ai ragazzi di età compresa tra i cinque e i 13 anni che, per quattro settimane, potranno godersi le meritate vacanze passando dei momenti all’insegna del divertimento, dello sport e della socializzazione. GP


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 593010/595790 Centro Prelievi: venerdì ore 7.4510 Guardia medica: 0833 594389 Municipio: 0833 392311 fax 0833 593277; Sito: www.comune.parabita.le.it; E-mail: info@comune.parabita. le.it Polizia municipale: 0833 593109 Protezione civile: 0833 281293 Ufficio postale:0833 595421

PARABITA 14 - 27 giugno 2012

Bloccata un’automobilista «Ci hai toccato, fuori 100 €»

Uno specchietto con la truffa Ma non riesce

Dopo la Censum tributi al Comune di Daniela Palma

CLICK

Conclusasi in via definitiva la parentesi con la Censum spa, società esterna incaricata dal Comune per la gestione esterna del servizio fino al lodo arbitrale che ne ha decretato l’espulsione, il futuro dei tributi comunali è adesso tutto da scrivere. Le linee guida approntate in materia dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Alfredo Cacciapaglia (foto) hanno, infatti, stabilito una nuova internalizzazione del servizio, la cui titolarità tornerà, dunque, nelle mani del Comune. Per la gestione e la riscossione di Imu, Tarsu, Cosap, sanzioni amministrative e servizio affissioni sarà nuovamente chiamata una ditta esterna, ma cambierà la natura giuridica del rapporto che da piena concessione diventerà di supporto e collaborazione all’attività dell’ufficio comunale preposto. L’appalto, della durata di un anno, sarà affidato mediante procedura negoziata di cottimo fiduciario secondo “il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa” e prevede la consultazione di almeno cinque operatori economici, i quali saranno tenuti ora a presentare le proprie offerte al ribasso.

Al momento il Comune ha inteso acquisire “in modo non vincolante per l’Ente” la manifestazione di interesse, da parte degli operatori ecomici del settore, ad essere invitati a presentare un’offerta per il bando che dovrà seguire e che dovrà riguardare “non meno di cinque soggetti idonei”. Con la recente deliberazione, la Giunta comunale intende, inoltre, combattere l’evasione fiscale lavorando il più possibile in economia per le casse comunali. Con il risparmio che deriverà dal ribasso di gara e dalla diminuzione dell’agio (che per la Censum si aggirava intorno al 15%) il Comune stima già un risparmio annuo di quasi 143mila euro. Altro obiettivo all’ordine del giorno, poi, la salvaguardia del posto di lavoro per i sei ex dipendenti della Censum ai quali la società, dopo la risoluzione del contratto, aveva fatto pervenire una lettera di licenziamento. Espressa clausola della nuova collaborazione richiede, infatti, l’impegno di conservare i rapporti di lavoro ed i livelli economici garantiti loro in precedenza, “compatibilmente con un adeguato rapporto costi/benefici”.

NIENTE BORGO IN FESTA Non si è svolta ”Borghi fioriti”, la manifestazione in programma dal primo al 6 giugno. È stato annullato, dunque, l’intero cartellone degli eventi che prevedeva, all’interno delle stradine del centro storico, una serie di manifestazioni culturali e ludiche con campionarie di artigianato locale e agroalimentare, itinerari del gusto e workshop di turismo eco-solidale. Motivo del forfait? Il costo dell’evento che, inizialmente, doveva essere gratuito ma per il quale è stato prospettato solo in un secondo momento all’Amministrazione comunale un preventivo “salato” pari a qualche migliaia di euro.

Pag. 13

Dal Brindisino ad Alezio per far danni. Prende piede anche nei nostri centri la truffa (già in voga altrove) di simulare il danneggiamento dello specchietto dell’automobile per richiedere un pronto risarcimento al malcapitato di turno. Stava per accadere pochi giorni fa anche ad una donna di Parabita che si è vista bloccare per strada da una coppia di Oria, mentre percorreva, alla guida della propria utilitaria, via Santa Lucia ad Alezio Alezio. I due truffatori (43 anni lui, 42 lei) hanno accusato la donna di aver incautamente danneggiato la loro Mercedes classe A (di color grigio chiaro) danneggiando proprio lo specchietto. La questione avrebbe potuto considerarsi chiusa con una banconota da 100 euro. Per rendere più credibile l’ipotetico

Previsto un risparmio di 143mila euro annui

SOGGIORNI CLIMATICI IN ROMAGNA Si svolgeranno a Riolo Terme (Ravenna) dal 29 luglio all’11 agosto i soggiorni climatici per anziani promossi dall’amministrazione comunale. Verranno accolte le prime 60 richieste di partecipazione che giungeranno al Comune utilizzando il modello prestampato disponibile presso l’ufficio Servizi sociali o scaricabile dal sito istituzionale. La quota di partecipazione, pari a 585 euro rimane, comunque, a carico dei richiedenti mentre l’amministrazione comunale garantirà le spese di trasporto. Tra i requisiti richiesti l’autocertificazione della residenza e della situazione familiare ed il certificato medico attestante l’autosufficenza del richiedente.

Vieni a dire la tua su

danno, la coppia ha anche provveduto a rigare la fiancata dell’auto della donna la quale, però, non è caduta nel tranello e, dopo aver contattato telefonicamente il marito, si è opposta alla richiesta. Ma è andata anche oltre appuntandosi la sigla della Mercedes e denunciando l’accaduto ai carabinieri di Alezio che sono facilmente risaliti al proprietrio dell’auto, ovvero un pregiudicato di Oria. Alcuni mesi fa un fatto simile, con protagonista sempre una Mercedes color grigio, si era verificato a Gallipoli ai danni di un’altra signora che aveva segnalato il fatto su Facebook per mettere in preallarme altre potenziali vittime della coppia che ora dovrà rispondere di simulazione di reato, danneggiamento di autovettura e tentata truffa in concorso.

Troppe code alla Posta e il Sindaco protesta

Inascoltate finora anche le proposte di “Italia Nostra”

Nasce “No Tang” ma si va avanti «Il tempo è poco ma ancora c’è, se si vuole. Per fare cosa? Per valutare complessivamente, non a tratti o a pezzi, l’intera opera, che va fatta ma dopo aver comparato soluzioni alternative rispetto agli obiettivi, per una strada più sicura ed omogenea, una strada parco di cui il turista che si sposta da Gallipoli ad Otranto e viceversa possa godere»: non perde le speranze Marcello Seclì, storico presidente di Italia Nostra, zona Sud Salento. «Mi sono fatto tutto il percorso sulla direttrice Maglie-Gallipoli Gallipoli ed in alcuni tratti è davvero devastante - racconta - tra interventi sulla collina in zona Sferracavalli di Parabita e quelli in agro di Alezio. Si può e si deve fare qualcosa zio di meglio, sicuramente, di meno impattante, senza perdere un euro dei soldi a disposizione». Ecco pronta, per fare un esempio concreto, l’alternativa al progetto della tangenziale di Collepasso, in parte rettificata su richiesta delle amministrazioni (entrambe di centrodestra) di Collepasso e Parabita. Per “Italia Nostra” invece che a sud, bisognerebbe far passare la strada a nord: «Potrebbe così essere lunga la metà, perchè l’altra parte è già esistente e intercetterebbe anche tutti i flussi: quella progettata in via preliminare, infatti, lascerà che i flussi veciolari provenienti da Galatina, Aradeo o Tuglie e diretti alla zona industriale o a Supersano e Casarano attraversino

Seclì: «Tangenziale ok però senza scempi» per ovvia convenienza e brevità di tragitto il centro abitato. Lo stesso per la tangeziale di Alezio, il cui percorso può essere ridotto di almeno un terzo». L’appello di Seclì giunge all’indomani di un altro incontro collegiale in Provincia, con le commissioni consiliari Lavori pubblici e Ambiente, i sindaci di Collepasso e Parabita (invitato ma assente quello di Alezio Alezio) e il presidente di “Italia Nostra”. Gli amministratori provinciali non hanno fatto una piega di fron-

te alla richiesta dell’associazione che puntava a fare un esame d’insieme della Provinciale 361 in tempi rapidi, per individuare esattamente punti critici e soluzioni. C’è di più: secondo la Provincia, entro luglio verranno selezionati, con bando, i tecnici da incaricare per i progetti definitivo ed esecutivo della tangenziale di Collepasso (11 milioni la spesa prevista), mentre per quella di Alezio (9 milioni) si è un po’ più indietro nei tempi. Sul versante aletino, è nata una pagine facebook intitolata significativamente “No Tang”, curata dall’ingegnere Fabio Di NiAlezio, dell’associazione cola di Alezio “Interferenze”, che si è collegata con altri nuclei e gruppi di Parabita e Maglie.

“Aprite al pubblico tutti gli sportelli”. Nei giorni scorsi è stato il sindaco Alfredo Cacciapaglia a farsi carico delle proteste dei cittadini chiedendo ai responsabili provinciali di Poste italiane di assegnare ulteriori unità lavorative per la sede di via Ferrari. “Ricevo ogni giorno le proteste da parte dei miei concittadini che lamentano disagi non più sostenibili”, ha scritto il primo cittadino. I problemi maggiori si hanno nei primi giorni del mese, in coincidenza con il pagamento delle pensioni, quando aumenta la coda agli sportelli. “C’è continua esasperazione per le estenuanti file che si formano quotidianamente per la carenza di personale agli sportelli dove, su otto punti operativi, ne restano aperti al massimo tre o quattro. In questi ultimi giorni continua Cacciapaglia- la situazione è ulteriormente degenerata tanto da far temere problemi di ordine pubblico”. A patire i maggiori disagi, come sempre, sono gli anziani già alle prese con il problema del caldo.

Strade rimesse a nuovo dopo la banda larga Messa a nuovo la stradina (foto) di contrada Alezio) grazie ai lavori Capani (che conduce ad Alezio per la banda larga. L’intervento è stato realizzato dalla Fastweb, senza costi per le casse comunali, nell’ambito dei ripristini dopo la posa in opera dei cavi telefonici per i collegamenti Internet ad alta velocità. La stessa ditta si è impegnata a completere altri tratti stradali sia nel centro abitato che su altre strade extraurbane.

Con fondi europei via ai lavori con una impresa di Matino

Piazza e parco, il cantiere Pochi giorni ancora e piazza Regina del Cielo, insieme ad una parte del parco comunale Aldo Moro, saranno pronti a cambiare volto. Prenderanno il via, infatti, entro la fine di giugno i lavori di “permeabilizzazione e pedonalizzazione” dell’area, per un costo totale 715mila euro, finanziati per la maggior parte con fondi strutturali europei (Fers 2007-13) assegnati, dopo apposita gara d’appalto, alla ditta “Coppola Donato” di Matino Matino, che si è aggiudicata l’esecuzione del progetto offrendo un ribasso del 9,50% sul prezzo a base d’asta e la riduzione del 40% sul tempo a base di gara. Gli interventi previsti cambieranno completamente l’aspetto di tutta l’area antistante la basilica della Coltura, dalla

quale verranno rimossi i viali asfaltati, le barriere architettoniche e le murature perimetrali del parco comunale che, in parte, verrà ora incluso omogeneamente nella nuova piazza. La pavimentazione, interamente sostituita, sarà realizzata con materiali permeabili, che consentiranno il drenaggio delle superfici. Sempre per valorizzare l’area, saranno, poi, ridotti anche gli spazi carrabili, per dedicare maggior spazio all’incontro e allo svago di bambini e famiglie. Ruolo fondamentale sarà svolto anche dalla vegetazione, con la realizzazione di nuovi spazi verdi. Modifiche anche per l’impianto di illuminazione con la previsione di pali in acciaio zincato a caldo, e l’installazione di nuovi corpi illuminanti. DP

Dall’alto Parco Moro e piazza Regina del Cielo


14 - 27 giugno 2012

Parabita

14

TUTTI “ALLO SBARAGLIO” LA CORRIDA IN PARROCCHIA Torna, come ogni anno in occasione della festa di san Giovanni Battista del 24 giugno, la “Corrida: parrocchiani allo sbaraglio” organizzata

dalla parrocchia Matrice guidata da don Angelo Corvo (foto) in piazza Umberto I. Si tratta di un evento molto atteso perchè trascinante e divertente che si preannuncia, anche per quest’anno, carico di esilaranti

Polemica continua tra Cacciapaglia e Cacciatore di Daniela Palma

«La maggioranza gode di ottima salute. L’unica crisi che c’è a Parabita, semmai, è quella economica»: ad affermarlo, fugando tutte le “chiacchiere” su una, possibile caduta dell’Amministrazione guidata dal sindaco Alfredo Cacciapaglia, è stato l’assessore ai Lavori pubblici Biagio Coi, sicuro della tenuta della coalizione di cui fa parte. Eppure, tra l’Udc che ha ufficialmente comunicato la sua fuoriuscita dalla maggioranza e l’opposizione che continua la sua dura battaglia, l’atmosfera a Palazzo di città è sempre più tesa. Toni particolarmente accesi anche nel corso dell’ultimo Consiglio comunale costato l’allontanamento dall’aula a Guido Pisanello (Parabita domani) che aveva denunciato “l’imbavagliamento del dissenso”. Nella stessa seduta si è consumato anche il formale distacco dell’ex vicesindaco Alberto Cacciatore dalla maggioranza, dopo la vicenda del presunto “conflitto di interessi” dato dalla partecipazio-

Il sindaco precisa l’ex vice anche ne ad un appalto comunale dell’azienda edile da lui diretta, costatogli il ritiro delle deleghe. Proprio sulla sua destituzione e sull’aut-aut che l’avrebbe preceduta, giunge una precisazione del sindaco, in risposta a quanto riportato da Piazzasalento. “Smentisco nel modo più assoluto di aver mai chiesto a chicchessia di rinunciare alla partecipazione a qualsiasi gara, essendo diritto di ogni cittadino parteciparvi. Soluzioni di natura giuridica competevano solo ad Alberto Cacciatore e alla sua azienda”, ha scritto Cacciapaglia in una nota, che afferma di aver esternato solo il proprio imbarazzo.

Rincara la dose, invece, il diretto interessato: “La mia persona è stata oggetto di pressioni esercitate al fine di ritirare l’offerta con la quale il Consorzio stabile dei costruttori stava partecipando all’appalto. Ho cercato di far capire che non stava a me decidere in ordine alla presentazione o al ritiro dell’offerta perchè non ho mai avuto ruoli di rapprsentanza nelal società offerente. Il Sindaco faccia mente locale e si ricordi a chi ha riferito di avermi messo con le spalle al muro: “o facevo ritirare l’offerta o mi avrebbe tolto le deleghe”, ribatte con un’altra nota Cacciatore.

“Art Happening” conclusa con una sfilata di moda con capi creati a scuola di Sofia Marsano

«Stiamo lavorando per realizzare il sogno di una collettività educante che vuole garantire una rete di solidarietà, proponendo politiche educative orientate alla rigenerazione del tessuto culturale»: con queste parole il dirigente del liceo artistico “Giannelli”, Cosimo Preite, ha presentato la serata conclusiva della quarta edizione di “Art happening” svoltasi di recente. Una manifestazione spalmata su quattro serate all’interno della quale si sono susseguiti una serie di eventi artistici, teatrali e musicali tra i quali le rappresentazioni de “Le Veneri” e “Si dice donna” tratta da Lisistrata di Aristofane, un intreccio di linguaggi musicali, visivo artistici e poetici. E poi ancora il “Concerto in armonia” curato dall’Orchestra Smim di Lecce, dal liceo Coreutico di Parabita e dal conservatorio Tito Schipa di Lecce con momenti che hanno permesso agli studenti di uscire fuori dai consueti binari della didattica esprimendo la propria creatività. “Art happening” si è conclusa con la consueta sfilata di moda”, risultato della stretta collaborazione tra la creatività delle alunne del corso ordinario della sezione arte del tessuto e della stampa e la competenza degli allievi della sezione moda e costume del corso serale per adulti. Ha vinto il primo premio della sezione pittura Simona Avantaggiato, dell’Accademia di Belle Arti di Lecce, mentre per la sezione scultura il primo premio è andato, in ex-aequo, a Sara Distante e Paglialunga Francesco, anche loro della stessa Accademia, mentre “Orientati all’arte” ha premiato Marta Giannelli della scuola secondaria di primo grado di Alliste Alliste. Durante al manifestazione sono stati raccolti oltre mille euro in favore delle vittime del terremoto in Emilia Romagna. «La solidarietà si insegna con l’esempio e non con le parole», ha concluso il dirigente Preite.

Evento d’arte in quattro serate per il “Giannelli” TEATRO E CONCERTO PRIMA DELLA PASSERELLA Il dirigente del liceo artistico “Giannelli”, Cosimo Preite, durante la serata conclusiva dell’Art happening con il quale è stato salutato l’anno scolastico alla presenza del sindaco Alfredo Cacciapaglia (a destra)

La strada, istruzioni per l’uso corretto “Il rispetto per la legalità è anche rispetto per se stessi”. Questo il commento della comandante della Polizia municipale Elisa Gianfreda a conclusione del corso “La strada: istruzioni per l’uso” che ha visto come protagonisti i 100 alunni delle terze classi della scuola media “Dimo”. A conclusione del corso, con le lezioni dell’agente istruttore Deliala Seclì, la consegna degli attestati nell’aula magna dell’istituto scolastico di viale Stazione con il sindaco Alfredo Cacciapaglia, la comandante Gianfreda, il consigliere

comunale delegato alle Politiche giovanili Tommaso Provenzano, la direttrice Giuseppina Arigliani insieme al referente interno del corso, il professore Pasquale Garzia. DP

novità. La manifestazione sarà visibile in diretta web su Parabitalife. com e si potrà votare il concorrente migliore (o peggiore) anche da casa, con un semplice sms o registrandosi sul sito imurales.com.

L’esempio

L’ingresso del ristorante all’interno dell’”Heffort Sport Village”

Heffort, come ti conquisto il grande “Boss” Un rapporto già esclusivo 400 dipendenti dell’azienda tee strategico, fondato sull’affi- desca operante in Ticino. La sedabilità della collaborazione rata è riuscita talmente bene che tra un’azienda salentina ed un i vertici della “Hugo Boss Ticicolosso tedesco, si è cimentato no” - Kerstin Germann e Franancora di più dopo una cena al cesco Cicognani - hanno scritto una lettera piena di elogi “gusto del Salento”. È ai signori Fabio Vinci e accaduto tutto poche Mino Fracasso di Casasettimane fa a Coldrerano, promettendo che rano rio, Canton Ticino in il “primo esperimento di Svizzera, sede dell’ulGuest Cooking” sarà sitimo “Technical Worcuramente replicato. kshop” della “Hugo Da qui “i più sentiti e Boss Ag”, il colosso calorosi ringraziamenti” dell’abbigliamento di al direttore dell’Heffort alta qualità con una Space Restaurant che è catena di 5.700 negoall’interno del villaggio zi sparsi per il mondo. sportivo, Fernando SorA tutti i propri partner rone, allo chef Gianluca produttivi internazioMele e al suo aiuto Matnali la “Hugo Boss” ha tia Gerundio (dall’alto), offerto una cena spetutti e tre casaranesi, “che ciale a base di prodotti hanno arricchito il nostro e cuochi salentini, scepersonale di ispirazioni gliendo proprio quelculinarie future”. «Andali dell’Heffort Sport re a cucinare in altre sedi Village” di Parabita, promuovendo il Salento, che fa parte del “Texil Una cena cominciando dal nostro Group”, con sede nella cliente più importante - rizona industriale di Tu- per ospiti leva Mino Fracasso - è staglie e partner italiano mondiali to il nostro modo di espor(l’unico) del famoso tare il concetto di qualità marchio con la società ed eccellenza dal settore “Texil 3” per il settore dell’abbigliamento a quello delcamiceria. Con sopralluoghi e contat- la ristorazione». Promuovendo ti durati circa un mese, lo staff contemporaneamente un nutrito dell’Heffort Village si è amalga- gruppo di produttori locali che mato con i pari grado del centro hanno animato un menù tanto ristorazione a disposizione dei speciale quanto apprezzato.

Vinto il torneo provinciale dai ragazzi di Grasso di Daniela Palma

Con i suoi meritatissimi 57 punti in classifica, l’Asd Gioventù Parabita ha conquistato il torneo provinciale juniores di calcio. I giovani gialloverdi si sono imposti con grinta e talento su tutte le squadre della caAlezio, tegoria, tra cui le vicine Alezio Ruffano e Galatone Galatone, quest’ultima la grande antagonista con la quale si è anche consumato lo scontro finale. Oltre alle vittorie sul campo, con 18 vittorie, 3 pareggi e 3 appena 3 sconfitte (nessuna delle quali nel girone di ritorno), la squadra allenata da Gianluigi Grasso e Raffaele Nocera, si è anche meritata la medaglia d’argento nella coppa Disciplina, assegnata in ogni torneo alla squadra più corretta e con meno sanzioni disciplinari a carico. «È la squadra che ogni mister vorrebbe allenare, nella quale nessuno si atteggia a fe-

Gli Juniores al top

L’Asd Gioventù Parabita festeggia la vittoria nel torneo provinciale

nomeno e non si getta discredito sugli altri per far primeggiare se stessi», ha affermato l’allenatore Grasso”. Il segreto del successo è quello di un team affiatato, con un forte attaccamento alla maglia ed un’ottima organizzazione di squadra, al timone della

quale “capitan ringhio” Andrea Tundo il quale ha aggiunto: «ringrazio i miei compagni e i due mister che mi hanno consegnato la fascia da capitano. All’inizio ero un po’ scettico ma poi ho dato il massimo per fare del mio meglio”.


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 507790 Guardia medica: 0833 506361 Municipio: 0833 519515 fax 0833519531; Sito ufficiale: www.comune.matino. le.it; e-mail: info@comune.matino.le.it Polizia municipale 0833 506557 Protezione civile: 330 413006 Ufficio postale: 0833 305611 di Maria A. Quintana

Si è svolto nel centro “Mirabilia Dei”, nei pressi della protezione civile di via Bolzano, il primo Consiglio comunale della nuova amministrazione guidata da Tiziano Cataldi. Il cambiamento è stato, però, del tutto provvisorio a causa dei lavori di restauro che stanno interessando la tradizionale sede di Palazzo marchesale. Tra i punti all’ordine del giorno ben sette erano inerenti il riconoscimento di debiti fuori bilancio per un ammontare che supera i 50mila euro. La discussione si è animata in merito ad un convegno sulla Polizia locale del marzo 2011 costato all’ente circa 13mila euro. Un costo ritenuto “eccessivo” dai consiglieri di “Matino la tua città” che hanno contestato anche il dettaglio delle spese, risultato “almeno in parte impreciso”. M a g gioranza e opposizione si sono ritrovate, invece, d’accordo nel contestare il nuovo Piano di classificazione redatto dal consorzio di bonifica “Ugento li foggi”, contro il quale si sono mobilitati tutti i Comuni salentini interessati, tra i quali anche Matino, il cui territorio è stato interamente sottoposto a tributo. Fausto Marsano e Luigi Provenzano della lista civica “Ma-

MATINO 14 - 27 giugno 2012

Pag. 15

Il centro “Mirabilia Dei” ha ospitato il primo consiglio comunale della nuova amministrazione per i lavori di restauro a Palazzo marchesale. Sotto, il sindaco Tiziano Cataldi

Per un convegno spesi 13mila € ed è bagarre

Primo Consiglio Cataldi debutta tino la tua città” hanno segnalato la necessità di attuare un’azione più concreta in difesa dei cittadini. «Bisogna predisporre un ricorso motivato e dimostrabile per documentare quali aree sono realmente interessate dai benefici della bonifica e quali invece no», ha affermato l’avvocato Provenzano, mentre Rocco Romano del Pdl nella sua relazione

Vendi? Acquisti? Scambi? Qui i tuoi annunci gratuiti

ha illustrato lo schema di ricorso tra l’altro scaricabile anche dal sito istituzionale del Comune. Tra le interrogazioni presentate quelle di Fausto Marsano (“Matino la tua città”) che ha posto l’attenzione sulla sospensione dei servizi di trasporto in favore degli anziani e dei minori e sulla necessità di attuare maggiori controlli sulla corretta

esecuzione dei lavori di rifacimento del manto stradale del ponte sulla ferrovia e della vicina rotatoria. Dal canto suo il consigliere Donato Muci (“Matino democratica”) ha, infine, sollecitato la riapertura della Biblioteca comunale che ha chiuso le porte da quando la funzionaria incaricata ha raggiunto l’età pensionabile.

Misure antincendio

Due operazioni

Il teatro è pronto o quasi

Eroina catturati in tre

Quasi risolto il “mistero” del teatro matinese. Dopo l’inaugurazione dello scorso dicembre, nella sala di piazza Primiceri (215 posti a sedere) sono stati allestiti solo pochi spettacoli per l’assenza delle necessarie misure di sicurezza. Nel recente consiglio comunale è stato il vicesindaco Johnny Toma, rispondendo all’interrogazione di Massimiliano Romano, a garantire che ora la struttura è stata dotata del gruppo di pressurizzazione antincendio, per una spesa di 14mila euro. Ora, però, manca ancora il collegamento tra il gruppo e l’impianto elettrico che, secondo quanto dichiarato da Toma: «dovrebbe essere eseguito nei prossimi mesi». MAQ

Due appuntamenti della scuola “Raffaele Gentile” dopo il progetto “Creare con la lingua italiana” La direzione didattica “Raffaele Gentile” ha terminato l’anno scolastico con due appuntamenti. Il primo ha affrontato, in chiave didattica, il tema del rispetto dell’ambiente con gli alunni della classe quarta C della primaria che hanno inteso rappresentare un mondo annientato e dimenticato, sommerso da rifiuti, che riesce però a ritrovare il suo splendore e a rinascere scoprendo la dolcezza del paesaggio e l’amore per la vita. Lo spettacolo è stato realizzato a conclusione del progetto “Creare con la lingua italiana”, che ha visto i ragazzi impegnati in un laboratorio di lettura e scrittura creativa. Il secondo appuntamento che ha celebrato la chiusura dell’anno scolastico si è ispirato ai giochi olimpici. Accompagnati dalla banda scolastica diretta dal professore Sergio Carluccio, i 500 ragazzi della scuola primaria e materna, hanno aperto le “Mini-Olimpiadi” al campo comunale seguendo il rito di accensione del tripode con la fiaccola olimpica. Subito dopo i saluti delle autorità presenti e il ricordo della giovane Melissa, vittima nell’attentato di Brindisi, si è dato il via ufficiale ai giochi. Le squadre si sono affrontate in gare di velocità, lancio del vortex, giochi di abilità, staffetta, gara di resistenza femminile e maschile. Alla fine, però, nessuna classifica e nessun podio, perchè a vincere sono stati tutti, compresi gli insegnanti che con entusiasmo hanno preparato i ragazzi. Grande soddisfazione è stata espressa dalla dirigente Giovanna Marchio per il successo e la partecipazione che hanno riscosso i due eventi. MAQ

Ambiente e Olimpiadi per chiudere

Tommaso Ria: «Vogliamo programmare subito il ritorno in Seconda»

Matino, retrocesso ma unito di Sofia Marsano

“Una retrocessione immeritata”. Così commentano giocatori e dirigenti dell’Asd Matino, la squadra di calcio appena retrocessa in Terza categoria. Dopo un anno faticoso, passato a combattere una serie di infortuni, la squadra di mister Giovanni Toma ha dovuto fare i conti con la dura realtà maturata con la sconfitta decisiva nell’ultima gara contro il Capo di Leuca giocata in trasferta alla presenza, però, di oltre un centinaio di sostenitori. Malgrado la forte delusione, ad appena un anno di distanza dall’approdo in Seconda categoria, forte è però la voglia di riscatto. « La maggior parte dei giocatori del Matino sono poco più che ventenni e sono sicuro che,

Fine dell’anno scolastico per la direzione didattica “Gentile” con lo spettacolo sull’ambiente (foto a sinistra) degli alunni della quarta C e le “Mini-Olimpiadi” al campo sportivo con i ragazzi della Materna e della Primaria

Altri tre arresti per droga nelle ultime settimane. I.M. e M.R., di 34 e 30 anni (nelle prime due foto), già noti alle forze dell’ordine, sono stati trovati in possesso di oltre un etto di eroina, materiale per il confezionamento ed oltre 1.000 euro in contanti. Per loro l’accusa è di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lecce ha, però, annullato il provvedimento cautelare disposto nei confronti del meno giovane dei due non essendo stato dimostrato il suo coinvolgimento nell’attività di spaccio. I carabinieri di Casarano hanno fermato anche il 31enne W.S. (nella terza foto dall’alto) mentre cercava di spacciare cinque grammi suddivisi in sette dosi di eroina. In casa aveva tutto l’occorrente per il confezionamento.

Baseball, Sharks sdentati Propositi di riscatto per l’Asd Matino appena retrocessa

giusto il tempo di sbollire la rabbia per la retrocessione, ripartiremo più convinti di prima», afferma il 31enne difensore Mattia Vitali. Malgrado un campionato poco fortunato, l’unità del gruppo, infatti, non è mai mancata. «Il principale obiettivo è stato

quello di allestire una squadra di soli matinesi. A breve - afferma il dirigente Tommaso Ria - faremo una riunione organizzativa con l’obiettivo di ritornare in Seconda categoria». La raccolta fondi per sostenere il progetto è già avviata.

Annaspano un po’ gli Sharks di Matino, che nella serie B di baseball, almeno per il momento, si trovano a guardare le altre squadre dal basso della classifica, con una sola vittoria in questa prima fase. «Quello che ci dispiace è che la maggior parte delle sconfitte le abbiamo subite al nono inning, poi purtroppo subentra l’inesperienza e la paura dei ragazzi e non riusciamo ad arrivare fino in fondo», afferma con rammarico il presidente Alessandro De Marco (foto) che rimane ottimista. «Questa stagione rappresenta una buona palestra per far crescere la squadra composta da molti esordienti in B», afferma ancora. Gli Sharks hanno comunque tutto il tempo per rifarsi nel girone di ritorno appena iniziato. MAQ


Far incontrare domande e offerte

CASARANO 14 - 27 giugno 2012

Qui si può. In modo diretto

Pag. 16

In quello che sembrava un derby Ferrari-Sacro Cuore, la spunta l’ospedale di Scorrano. Però non è definitivo

Qui non si nascerà più? «La fascia jonica è scoperta». Da Alliste 35 km per venire alla luce di Mauro Stefàno

“È sufficiente guardare la cartina del Salento usando il buon senso per capire che è assurdo mantenere il punto nascita di Scorrano e chiudere quello di Casarano”. Quella che per molti è “un’ovvia considerazione” trova eco su Facebook. Al di là logiche campanilistiche, l’intervento è a firma di un gruppo di Galatina. Quel che è certo è che se la Regione dovesse confermare quanto già deciso dalla Giunta, a Casarano non si nascerà più. E Gallipoli, lasciando, in neppure a Gallipoli tal modo, del tutto sguarnita l’area jonica con distanze chilometriche ben oltre i 30 chilometri (35 da Alliste) e tempi di percorrenza Alliste ben oltre i tre quarti d’ora verso il “Delli Ponti” di Scorrano o il “Panico” di Tricase, altra struttura di riferimento per le nascite nel Sud Salento. Com’era logico (ma non scontato) attendersi, tutte le forze politiche casaranesi si sono schierate, al momento senza distinguo, contro una decisione che i più hanno definito “sconcertante”, oltrechè inattesa, dopo che l’apposita commissione regionale aveva dato il via libera per la conferma del reparto di Ostetricia del “Ferrari”, ospedale dotato di rianimazione, sale operatorie esclusive per i parti, guardia pediatrica 24h

«Ostetricia ha Rianimazione, sale per parti, Guardia e Chirurgia pediatrica» e chirurgia pediatrica. Ciò che si temeva era, al massimo, la concorrenza di Gallipoli, non certo di Scorrano, al momento privo di molti reparti ancora da attivare dopo la conferma di Neonatologia. La mobilitazione ha portato, sinora, alla costituzione di un comitato, ad un sit.in davanti l’ospedale e ad una manifestazione pubblica. Dietro l’angolo un ricorso al Tar, già preannuciato dal sindaco Gianni Stefàno. Dalla sua, Casarano intende far valere quelle motivazioni di carattere tecnico “sacrificate da pressioni e ricatti politici”, come affermato in questi giorni da tutte le forze politiche casaranesi. In discussione anche il dato numerico delle 486 nascite al “Ferrari” nel 2011 (sei in più di Gallipoli). Fino Scorrano e 56 di Gallipoli al 2008 i parti erano, infatti, in media 660 all’anno, “prima che i lavori di ristrutturazione in reparto, durati ben 4 anni, riducessero i posti letto da 25 a 15”, come affermato da Lorenzo Sabato, il responsabile del reparto casaranese. La paura in città (ma anche a Gallipoli c’è lo stesso timore), è che quanto accaduto sia solo il primo passo verso la soppressione del nosocomio tagliato di 46 posti letto.

Lecce

Copertino

Galatina

Scorrano

CORTEI E RIUNIONI A Casarano (sopra un sit in col sindaco Stefano) e Gallipoli i nodi della sanità; alcuni gruppi manifestano la loro forte contrarietà. Nella cartina i punti nascita indicati dalla Regione

Tricase

Cresce la cultura del parto tra le mura domestiche

Ma c’è chi vuole tornare a nascere in casa

Si chiude il punto nascita in alcuni ospedali, come Gallipoli e Casarano, ma potrebbe diventarlo ogni casa dei futuri genitori. Si diffonde anche in Puglia la cultura del parto in casa per contrasto alla tendenza di eccessiva medicalizzazione di quello che è un evento naturale da vivere con serenità quando non ci sia la presenza di particolari patologie. È quanto mette in evidenza un gruppo di donne che stanno firmando una petizione da inviare al presidente Vendola, agli assessori regionali alla sanità e del Welfare, al presidente della commissione assistenza sanitaria. La richiesta è quella che in alcune regioni è già una realtà: un riconoscimento normativo e sociale del parto a domicilio con l’obiettivo di favorire la libertà discelta da parte della donna circa le modalità con

cui tale evento debba svolgersi. Intanto chiedono che sia varata una delibera che possa garantire un giusto contributo economico per chi desidera ricorrere al parto a domicilio con l’assistenza di liberi professionisti. In nessun caso, infatti, si può mettere a rischio la salute della donna e del bimbo. In Italia il parto domiciliare è previsto dalla normativa vigente e non mancano, a livello regionale, riconoscimenti normativi del parto extraospedaliero come legittima scelta della donna che ha diritto ad assistenza gratuita, nella duplice modalità di erogazione di un servizio pubblico o contributo per spese di assistenza privata. Il parto extraospedaliero è rimborsato di fatto in Emilia Romagna nelle Marche, in Piemonte nel Lazio, nelle province autonome di Trento e Bolzano.

L’esclusione era nell’aria ma l’ufficialità brucia e aumenta i timori sul futuro di Vittorio Calosso

La scure è arrivata, inesorabile, anche su Gallipoli. Ma la “battaglia in difesa dell’ospedale non si ferma”, parola del sindaco Francesco Errico. Al “Sacro Cuore di Gesù” non si nascerà più, e lo storico reparto di Ostetricia e Ginecologia deve segnare il passo alla dura logica dei tagli imposti dal governo prima e resi operativi dalla Regione poi. Un reparto reciso dopo anni di onorata efficienza e in base a calcoli burocratici non proprio chiarissimi. La notizia, seppur nell’aria, non scalfisce lo spirito battagliero del neosindaco Errico che rinnova il suo impegno e la sua determinazione in difesa della centralità e delle potenzialità del nosocomio cittadino. Se volontà bipartisan di lottare c’era prima, ora c’è una ragione determinante in più per non desistere: l’on. Barba chiama alla mobilitazione, dal Pd Greco, Mariello e Piccolo rilevano i “dati veri” basati anche su di un rapporto virtuoso tra medici in organico e interventi; il comitato pro ospedale ha scritto a tutti. Ma la china da risalire sembra alquanto ardua.

«I numeri dicono che qui ci sono i risultati migliori»

Il sindaco di Gallipoli Errico, il consigliere Greco e l’on. Barba

«Dopo il danno di Rianimazione, reparto nuovo di zecca (e con apparecchiature “trasferite” all’occorrenza per dar manforte ad altri ospedali) e mai attivato (per questo “visitato” nuovamente nei giorni scorsi da “Striscia la notizia”), ora anche la beffa del punto nascita», dicono al “Sacro Cuore”. Prenderà corpo perciò in questi giorni il ricorso al Tar annunciato dai sindaci e dai comuni del comprensorio

gallipolino, così come in sede regionale si cercherà di “smontare” la delibera della giunta Vendola che sebbene operativa, dovrà fare i conti ancora con la commissione consiliare e l’approvazione definitiva in Consiglio regionale. Del resto ubicazione, qualità, produttività e struttre forniscono valide carte da giocare in quello che sembrava un derby con Casarano e che invece si è rivelato un match

ininfluente ai fini della classifica. Nella sala convegni del presidio ospedaliero gallipolino si è svolto anche un incontro programmato dal primo cittadino, e aperto a tutte le componenti politiche, sociali e agli operatori del settore, per analizzare le iniziative da intraprendere per difendere l’integrità del “Sacro Cuore”. Si sono susseguite assemblee e riunioni cui hanno partecipato anche delle partorienti. Insomma lo spirito battagliero della comunità gallipolina c’è tutto. Se basterà questa mobilitazione a ribaltare la decisione lo si vedrà presto. L’incontro col sindaco ha messo in evidenza una forte coesione, alla presenza anche della vicepresidente della Regione, Loredana Capone, che ha sostenuto come la scelta del taglio di Ostetricia per Gallipoli non sia definitiva e che vi sono ancora due passaggi decisionali.

L’inizio

Dieci punti da chiudere due eccezioni I criteri per la rimodulazione dei punti nascita in Puglia sono inderogabilmente definiti dalle linee guida ministeriali e dall’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari) e nello specifico riguardano: il numero dei parti annuali di ciascuna struttura, che non deve essere inferiore ai 500 parti l’anno; la consistenza del bacino di utenza per ciascun punto nascita, per cui si prevede un punto nascita ogni 220.000 abitanti, e la territorialità. In Puglia per circa due anni ci ha lavorato su una Commissione regionale, per riorganizzare la rete, a fronte di 37.500 parti nel 2010 e 36.119 parti nel 2011, quindi con un trend in diminuzione. I punti nascita pubblici andavano ridotti di dieci unità. Uniche eccezioni ai criteri indicati, Canosa e Scorrano, quest’ultima per garantirela “copertura territoriale” della zona di riferimento, come ha affermato l’assessore regionale Attolini.

Tra i primi casi in Italia

Intervento innovativo sul cuore Un intervento innovativo in cardiologia è stato eseguito nei giorni scorsi all’ospedale “Ferrari”. L’équipe medica coordinata dal dottor Donato Melissano ha installato un defribillatore per la resincronizzazione cardiaca in una paziente cardiopatica. Fin quì nulla di nuovo perchè la novità, importante, è nella compatibilità di quanto installato con l’esame di risonanza magnetica. Si è trattato del primo intervento di questo tipo in Puglia e comunque di uno tra i primi in tutta Italia. La rilevanza è tale perchè un defribillatore “compatibile” permette di affrontare la patologia dello scompenso cardiaco con la possibilità di eseguire successivi esami di risonanza magnetica quanto mai necessari per il controllo di una patologia simile. Oltre a “risincronizzare” l’attività cardiaca, il defribillatore impiantato permette ora di controllare quotidianamente, e a distanza, il battito cardiaco prevenendo eventuali crisi. L’equipe medica del dottor Melissano intervenuta era composta dalla ferrista Marietta protopapa, dall’assistente tecnico Antonio Russo e da Nicola Rovai e Alessio Gargaro, tecnici della “Biotronik Italia”, la società leader nel campo della tecnologia biomedica che ha fornito il dispositivo. La sua attività si concentra nell’interventistica vascolare e nell’elettroterapia del cuore.


14 - 27 giugno 2012

Casarano

LITE TRA FRATELLI: UNO GRAVE L’ALTRO ARRESTATO Accoltella il fratello credendo gli abbia nascosto uno strumento musicale. È accaduto pochi giorni fa in via Adige dove il 26enne disoccupato

A.S. (foto), già noto alle forze dell’ordine, si è scagliato con un coltello contro il fratello M.S. di 22 anni ferito gravemente al torace e ricoverato in prognosi riservata al Fazzi di Lecce. Ai carabinieri il fratello maggiore

Travagli politici ma anche intoppi di natura interpretativa sulla ripartizione dei seggi frenano l’avvio

Comune, resta l’attesa Gran lavorio per bilanciare gli assessorati tra i partiti di Mauro Stefàno

È stata particolarmente travagliata, anche a Casarano, la fase preparatoria della nuova Giunta. Ai soliti problemi di equilibrio politico si sono aggiunte le difficoltà di carattere tecnico dovute alla definizione del numero dei consiglieri spettanti alla maggioranza. Una discussa interpretazione del Testo unico sugli enti locali ha fatto pensare ad una maggioranza a nove seggi (contro i sette dell’opposizione) anche se l’orientamento dell’ufficio centrale elettorale sembra essere quello di confermare la situazione delineatasi sin da subuito, con dieci consiglieri (oltre al sindaco) per la maggioranza e sei seggi per la minoranza. Il gioco dei subentri in Consiglio, per i primi non eletti, in caso di scelta di uno o più assessori è stato condizionato da questi numeri e dall’insolito braccio di ferro tra Stefàno ed il suo partito, il Pdl. L’ipotesi di un “sacrificio” chiesto dal neo sindaco proprio allo schieramento berlusconiano, il primo in termini di preferenze alle ultime alezioni, ha spinto alcuni componenti dello stesso partito a coinvolgere i vertici provinciali del Pdl segnalando “l’anomalia”. Ad essere contestata la soluzione proposta da Stefàno di far quadrare la situazione attribuendo un assessorato, e per giunta esterno al suo partito dando maggiore spazio alla lista civica che lo ha sostenuto.

I nuovi orari al Comune Nuovi orari di apertura al pubblico per gli uffici comunali. Uno dei primi provvedimenti della nuova amministrazione (adottato, però, dal segretario Claudio D’Ippolito) prevede una rimodulazione per andare incontro alle esigenze più volte manifestate dalgli utenti. degli utenti. Dal lunedì al venerdì gli sportelli aprono già alle 9 (e non più alle 10 come accadeva finora) per chiudere alle 13 (e non alle 12). Ciò viene compensato con la chiusura del giovedì mattina (una novità assoluta per Casarano). Trovano invece, conferma i due rientri pomeridiani (dalle 16.30 alle 18.30) del martedì e giovedì. Turni diversi per l’ufficio tecnico aperto solo il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 13 ed il giovedì dalle 16.30 alle 18.30.

17

(poi arrestato) avrebbe riferito di un diverbio provocato dal mancato rinvenimento di un suo strumento musicale a percussione che credeva fosse stato nascosto volontariamente dal fratello.

Allarme criminalità Lucia Semola, tra gli ultimi commercianti ad essere stata presa di mira dai rapinatori nella sua gioielleria di via Matino

Ristoratori, gioiellieri farmacisti, benzinai e chiese

L’incubo rapine si alimenta di altri due episodi PRIMA MOSSA Dal balcone di Palazzo di Città. Stefàno ha tolto la bandiera della Pace

Altro problema la presenza nell’esecutivo dei Verdi contestata dalla base del Pdl per la quale in Giunta non dovrebbe esserci spazio per chi, in passato, abbia sia stato già assessore. Il riferimento, neppure tanto velato, è per l’ex vicesindaco della giunta De Masi Marcello Torsello. In tutta questa non facile matassa, il Sindaco ha pure trovato il modo di complicarsi la vita su una questione di certo importante

e delicata ma comunque di secondo piano. Allo schieramento della sinistra “allargata” (dai Comunisti italiani all’Udc) non è parso vero, infatti, di potersi ritrovare unito nel criticarlo per aver rimosso la bandiera della Pace che da circa dieci anni (sindaco Venuti) sventolava sul balcone di Palazzo di Città: «Era logora e, comunque, nessuna legge ne prevede l’esposizione accanto agli altri vessilli istituzionali», ha detto il sindaco.

Conclusa la gara per affidare il servizio. Stefàno “difende” Equitalia

Tributi, si paga alla “Cerin” di Alberto Nutricati

A nove mesi dalla pubblicazione del bando, giunge l’aggiudicazione del servizio di riscossione e accertamento dei tributi alla Cerin srl di Bitonto che ha vinto la travagliata gara alla quale avevano partecipato altre cinque ditte. La Cerin dovrà supportare gli uffici comunali nella gestione delle entrate tributarie, extratributarie e patrimoniali e dovrà occuparsi dell’accertamento, della liquidazione e della riscossione coattiva delle entrate per la durata di tre anni. Il compenso annuo sarà calcolato in percentuale sulle riscossioni effettivamente realizzate. Nello specifico, alla Cerin andrà una percentuale pari al 2,99 % in relazione al supporto per la gestione delle entrate (compenso annuo previsto 215.169,46 euro),

Gianni Stefàno

il 5,97 % per l’attività di accertamento e liquidazione (compenso annuo previsto 11.940 euro) e il 7,18 % per la riscossione coattiva (compenso annuo previsto 14.360 euro).

Le percentuali si intendono al netto dell’Iva. Secondo le previsioni del Comune, la spesa complessiva per l’intero triennio sarà di 724.408,38 euro, su un presunto incasso di 5milioni 850mila euro. E sempre in tema di riscossioni tributi, il sindaco Gianni Stefàno ha inviato una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Mario Monti, ed ai responsabili di Equitalia, nella quale chiede che la sede casaranese dielal società di riscossione non venga soppressa. «Apprendo con dispiacere – dice il primo cittadino - della comunicazione di chiusura dello sportello di via Monti che comporterà sicuramente dei disagi per i cittadini di Casarano e dei paesi limitrofi, con un bacino di utenza di ben oltre duecentomila abitanti».

L’ultimo, in ordine di tempo, tanta. Di certo una maggiore siè stato l’agguato ai coniugi pro- curezza gioverebbe», afferma anprietari del ristorante “Il Sorriso” cora l’esercente. Per Casarano, insomma, l’inattesi sottocasa (in via Solferino), in piena notte, da due rapinatori cubo rapine continua se è vero incappucciati e armati pronti a che negli ultimi mesi non si consottrargli l’incasso della giornata. tano i colpi messi a segno. SotConsapevoli del pericolo, i to il tiro benzinai e tabaccai ma due ristoratori erano soliti far- anche farmacie, piccoli esercizi si scortare dala poliza privata e, e chiese. La tecnica è quasi semnelal sera della rapina, addirittu- pre la stessa: ad agire sono quasi ra da due dipendenti. Prima di sempre in due, muniti di moto e loro ad essere colpita era stata incappucciati, che agiscono in una gioielleria di via Matino. In pochissimi secondi sfruttando il questo caso due giovani (con il fattore sorpresa. A nulla sono serviti, sinora, capo camuffato da cappellini da baseball) hanno atteso che la ti- gli inviti ad alzare il livello di vitolare alzasse la saracinesca per gilanza malgrado l’intensificarsi del pattuglial’apertura pomento da parte meridiana per dei carabinieri. entrare in azioRimane, dunne. Chiusa in La vittima Lucia Semola: que, sempre atbagno la ragaztuale il progetto za, hanno poi «È una situazione con cui sulla video sorarruffato con- ormai conviviamo» veglianza rilantanti e gioielli ciato da ultimo per un valore dallo stesso complessivo di circa 3.500 euro, portando via la sindaco Gianni Stefàno già al cassetta con la registrazione della momento del suo insediamento. «Oltre all’area industriale, il videosorveglianza interna. Il tutto in pieno giorno e nel vivo del- cui progetto sta seguendo il suo la zona commerciale della città. iter con buone possibilità di esStessa dinamica riscontrata pochi sere finanziato, cercheremo di giorni dopo in una gioielleria di garantire la sicurezza ad iniziare dalle vie e dalle piazze del cenCalimera. «La paura è stata tanta e per tro, dalle zone commerciali e da fortuna non ci sono state conse- quelle aree di maggiore interesguenze», afferma Lucia Semo- se», afferma Stefàno per il quale la, la 32enne titolare che, subito l’argomento ha rappresentato un dopo l’episodio, ha comunque vero e proprio cavallo di battadovuto far ricorso alle cure del glia in campagna elettorale. Nel pronto soccorso per riaversi dal- suo propgraamma c’è il potenlo choc. «È una situazione con la ziamento della Polizia municipaquale ormai conviviamo anche le con la videosorveglianza “nei se la preoccupazione è sempre punti strategici” della città.

Conclusa l’inchiesta a carico dell’imprenditore Adelchi Sergio, di due figli e di due amministratori L’accusa è di aver sottratto oltre 8 milioni di euro all’Inps. Sul banco degli imputati c’è Adelchi Sergio, l’imprenditore di Casarano a capo di un gruppo di aziende del calzaturiero che, fino a non molti anni fa poteva contare (nell’area del tricasino) circa 2.500 dipendenti. Quando la crisi del settore si è acuita, altrettanto avrebbe fatto l’ingegno, almeno stando alle conclusioni dell’inchiesta condotta dai finanzieri Gallipoli. della Compagnia di Gallipoli Alla base del meccanismo un giro di finti licenziamenti e nuove assunzioni (ma sempre per gli stessi lavoratori) con relativo raggiro per l’Istituto di previdenza al quale non sarebbero stati versati contributi per 8,4 milioni di euro. Se di truffa si tratta lo stabilirà il processo che inizierà il prossimo

«Sottratti all’Inps 8 milioni di euro» Sotto accusa una serie di licenziamenti “fasulli”

La difesa: «Ha agito a tutela dei lavoratori»

17 ottobre. Nei giorni scorsi il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Casarano ha disposto il rinvio a giudizio non solo per il 67enne imprenditore, ma anche per due dei suoi figli (Sergio Adelchi Sergio e Cinzia, di 30 e 41 anni) e due suoi stretti collaboratori (Eugenio Scarnera, 35enne di Tricase ed Ippazio PreMatino). te, 48enne di Matino L’inchiesta venne avviata nel 2007 in seguito ad una segna-

lazione della sede di Casarano dell’Inps. Incrociando i dati a disposizione venne fuori che le due aziende principali del gruppo, la “Nuova Adelchi spa” e “Calzaturificio Adelchi srl”, erano solite licenziare in maniera fittizia i dipendenti (circa 1.500) per poi farli riassumere, pochi giorni dopo l’iscrizione nelle liste di mobilità, in alcune società satellite create ad hoc. Il “giochetto” permetteva un

Contenzioso milionario con l’Inps per Adelchi Sergio e le sue aziende

corposo sgravio contributivo facendo risultare riassunto come “apprendista” l’operaio appena licenziato. Da verificare anche il gioco dei prestanome che l’accusa ritiene di aver smascherato dimostrando come, malgrado le diverse sigle, la gestione dell’intera “galassia” Adelchi sia rimasta sempre in mano alle stesse persone. Già lo scorso anno, nel corso delle indagini, venne disposto un sequestro (oggi al vaglio del tribunale del Riesame) per circa 17 milioni di euro tra terreni, fabbricati e quote sociali. “Abbiamo sempre agito nell’interesse dei lavoratori”, hanno affermato i legali difensori dell’imprenditore le cui fortune hanno fatto seguito quelle dello zio Antonio Filograna, presso la cui azienda lo stesso Adelchi iniziò a collaborare.


14 - 27 giugno 2012

Casarano

18

CONTRADA BOTTE IN FESTA PER IL CUORE IMMACOLATO Coinvolge l'intera città la festa del "Cuore Immacolato di Maria" in programma il 16 e 17 giugno nel quartiere Botte (foto). Ai riti religiosi,

molto seguiti, fa seguito un nutrito programma civile con la fiaccolata artistica di sabato 16 giugno (alle 21.30 dopo la processione) e l'attesa sagra dei piatti tipici del giorno dopo, giunta ormai alla nona edizio-

I "Paladini della differenziata" sono loro

ne con i piatti tipici della cucina casaranese. Sempre domenica (alle 21) spettacolo musicale con il concerto degli Aria Frisca, gruppo di Felline noto per la riproposizione di canti e musiche popolari salentine.

Il patrono

San Giovanni conquistò il cuore e gli occhi dei fedeli

Sono loro i "Paladini della differenziata". Gli alunni delle sezioni A e B delle quinte classi della scuola primaria di via Messina hanno vinto il premio nazionale bandito dal Consorzio obbligatorio degli oli usati in collaborazione con Legambiente ed i ministeri dell'Istruzione e dell'Ambiente. Hanno realizzato un video promozionale (già su You Tube) per il corretto uso della raccolta differenziata. Ha colpire la giuria "la fantasia, l'originalità e la serietà mostrate dagli alunni nell’affrontare in tema" Il Babbo Natale finlandese con Andrea Antonaci

Tour europeo di Andrea Antonaci col progetto "Non sparate sulla fantasia" ispirato a Nobel Ha coinvolto anche Babbo Natale il progetto “Non sparate sulla fantasia” sulla scia del quale il giornalista e produttore televisivo Andrea Antonaci ha intrapreso un suggestivo tour europeo. Lo scopo è quello di realizzare un video, destinato al mercato internazionale, che metta in relazione la vita di Alfred Nobel ed i bambini del Salento sul prosupposto dell'abbandono di ogni forma di violenza. «L'incontro di Rovaniemi, in Finlandia, con il personaggio che più di tutti stuzzica la fantasia dei più piccoli, ha rappresentato, simbolicamente, l`avviso di aver cambiato gioco insieme ad un approfondimento in uno dei paesi che ha già abolito la vendita di questo tipo di giocattoli», afferma il giovane autore casaranese. Il viaggio tra Svezia, Russia, Norvegia e Francia è stato anticipato da un incontro presso la Fondazione Filograna a Casarano, ed in piazza Primi-

«Ora addio alle armi»

ceri, a Matino per la presentazione del progetto "Cambia gioco" che ha coinvolto i bambini delle scuole. In Svezia, Antonaci si è avvalso della collaborazione della Fondazione Nobel e dall'Istituto di cultura italiana a Stoccolma. Prossimo obiettivo, per Natale, sarà la creazione in città di un punto di raccolta permanente di armi giocattolo con un laboratorio-gioco per bambini. Significativo anche il luogo scelto per l'esordio del progetto (con alcuni autori della trasmissione Rai "La melevisione"), ovvero piazzetta Bastianutti, all’ombra del monumento "Le due Ali" realizzato dall'artista giapponese Hidetoshi Nagasawa, ed alla presenza di Claudio Bastianutti, l'artefice della fondazione destinata all'accoglienza dell'infanzia. MS

Andrea Antonaci, a destra nella foto, illustra il progetto contro le armi giocattolo presso la Fondazione Bastianutti dedicata da Claudio Bastianutti (secondo da sinistra) alle figlie Daniela e Paola, vittime di un attentato

Piazze in festa per san Giovanni Elemosiniere

Con un programma tutto concentrato nelle piazze del centro, la festa patronale in onore di san Giovanni Elemosiniere ha fatto il "botto". Tanta gente ha assistito ai concerti e tutti gli altri eventi in cartellone, culminati con il concerto degli "Alla bua", dimostrando di apprezzare la scelta del comitato feste patronali. In piazza anche le giostre ed i fuochi d'artificio che hanno concluso i festeggiamenti ricordati, quest'anno, anche per lo slittamento di due settimane dovuto alle elezioni amministrative.

Piano Sicurezza, Piedibus ed esibizioni allo stadio degli alunni dei tre poli

PER RESTARE ANCORA INSIEME Finita la scuo la è tempo del gioco e del divertimento nei gruppi estivi allestiti presso le parrocchie. Nella foto il Grest dello scorso anno nel teatro parrocchiale del Cuore Immacolato di Maria in contrada Botte. Altri campi scuola anche per le parrocchie dei Santi Giuseppe e Pio, a Pietrabianca, e della chiesa matrice in centro

Tutti in giro, per sport Si è concluso in bici l'anno scolastico avviato con la prima giornata di lezione trascorsa al mare. Dopo i "Castelli di sabbia" di settembre, il Polo 2 ha mandato in archivio libri e quaderni con una salutare passeggiata su due ruote intorno all'edificio di via Messina. Protagonisti i ragazzi del "Progetto sicurezza", coordinato dalla maestra Maria Rosaria Parisi, con le classi primarie che hanno dapprima preso parte al "Piedibus", raggiungendo tutti insieme a piedi la sede di via Messina, e poi inforcato le biciclettine. All'insegna della pratica sportiva anche la chiusura delle attività scolastiche per gli altri due istituti comprensivi della città. Il Polo 1 e 3, così come in precedenza lo stesso Polo 2, hanno concluso l'anno allo stadio "Capozza" in una vera e propria festa dello sport con i piccoli alunni impegnati nei vari progetti di educazione motoria. "Gioco sport: sport amico mio" ha visto le scuole di piazza San Domenico e via Ruffano insieme nell'allestimento di spettacoli di danza, percorsi ginnici e sfide sportive tutte all'insegna del gioco e del divertimento più puro. Per tutti l'appuntamento è ora con le vacanze. Ai libri si tornerà a pensare a settembre.

Le parrocchie in campo per riempire i giorni dei piccoli dopo la chiusura delle scuole

Ecco i Grest, tre campus per dare un senso all'estate Conclusione dell'anno scolastico all'insegna dello sport. In alto la biciclettata del Polo 2, guidata dal nonno-vigile Virgilio Giorgino; al centro il Piedibus (con il maestro Bruno Papaleo) e le esibizioni sportive allo stadio anche dei Poli 1 e 3

Terminati gli impegni scolastici, anche per i ragazzi di Casarano è tempo di godersi le meritate vacanze. E cosa c’è di meglio di giorni all’insegna di giochi, canti, balli e laboratori? È questo quanto propongono le parrocchie cittadine Santi Giuseppe e Pio, Cuore Immacolato di Maria e Maria SS. Annunziata, con l’organizzazione del Grest, il gruppo estivo per ragazzi. Il primo a prendere il via, in ordine di tempo, il campo scuola allestito dall’Anspi Santa Cecilia in collabora-

zione con la parrocchia Santi Giuseppe e Pio guidata da don Tommaso Sabato nel quartiere Pietrabianca. L’Azione cattolica del Cuore Immacolato di Maria propone, invece, il “Grest 2012”, il più longevo tra i campus cittadini, che si svolgerà dal 18 giugno al 6 luglio. Giunto alla nona edizione, il gruppo estivo si sviluppa sul tema della “Fantasia” dei cartoni della “Disney”, un mondo così caro ai piccini, ma che colpisce anche i più grandi. «Partecipando al Grest, un bambino impara a socializza-

re, ad aprirsi, ad essere leale. Impara, inoltre, che il rispetto verso gli altri è la cosa più importante. Non è solo un gioco, ma un’esperienza fantastica in un ambiente sano ed equilibrato», afferma Matteo Reho, responsabile del gruppo estivo del Cuore Immacolato. L’ultimo a prendere il via è il Grest organizzato dalla Parrocchia Maria SS. Annunziata, in programma dal 25 giugno al 7 luglio. Il tema sarà “Passpartù”, con un’attenzione particolare rivolta al mondo della comunicazione nei ragazzi. LP


14 - 27 giugno 2012

Casarano

MEMORIAL FILOGRANA AL TENNIS CLUB Il “Tennis club casarano” ha organizzato il torneo nazionale open maschile “Memorial Antonio Filograna- 40 anni per lo sport ”. L’appun-

tamento, sui campi in terra battuta del circolo di via Ruffano, ha inteso ricordare il Cavaliere che con il marchio Filanto è stato tra i primi sostenitori delle attività sportive in città. L’evento (finale il 17 giugno)

19

ha fatto seguito al torneo internazionale di tennis femminile svoltosi lo scorso anno. L’attività del circolo è stata rilanciata dal nuovo presidente Sergio Stefanelli (nella foto a sx accanto a Corrado Barazzutti).

Nella società casaranese uno scalatore su due ruote Campionessa italiana di sollevamento pesi con 91 kg

A 15 anni arriva Il sesso debole? in Nazionale Non ditelo a Elisabetta con la mountain bike tutta grinta e sorrisi di Lucio Protopapa

Melissano continua a confermarsi terra fertile di talenti nell’affascinante mondo delle biciclette. Dopo Fabio Piscopiello, unico ciclista professionista pugliese, gli occhi degli addetti ai lavori, e non solo, sono ora puntati su Giacomo Colona, tesserato nella categoria Allievi della Mtb Casarano. Ad appena quindici anni (classe ’96), Giacomo è stato convocato in rappresentanza della regione Puglia per la terza delle cinque prove di coppa Italia specialità “Cross country mtb” svoltasi di recente a Vermiglio, in provincia di Trento. Malgrado fosse la sua prima esperienza nazionale, il giovane talento ha ottenuto un buon 29esimo piazzamento su 57 partecipanti. E pensare che l’avvicinamento a questa disciplina da parte di Giacomo è stato quasi frutto del caso. «Ho praticato ciclismo su strada per quattro anni, ma sono stato costretto a lasciare per gli impegni scolastici. Ho, poi, iniziato ad interessarmi al mondo della mountain bike afferma Colona - pedalando con alcuni amici di mio padre. In seguito mi sono iscritto all’associazione Mtb di Casarano per mettermi alla prova ed è così che ho iniziato a gareggiare». Ma cosa porta un ragazzo di 15 anni a praticare uno sport del genere? La risposta è ancora nelle parole di Giacomo: «È una disciplina che richiede molta costanza e tanto impegno, ma le soddisfazioni ripagano ogni sforzo. Può sembrare una banalità, ma anche riuscire a superare una salita particolarmente difficile o percorrere una discesa tecnica regala grandi soddisfazioni. Inoltre il ciclismo in genere - continua - è uno sport che crea occasioni per stare insieme, portandoti in luoghi di straordinaria bellezza». «Speriamo sia la prima convocazione di una lunga serie perchè Giacomo merita queste soddisfazioni», afferma il pre-

di Alberto Nutricati

In alto Giacomo Colona e in basso i giovani della Mtb Casarano

Il patron Manganaro: «La convocazione? La prima di una serie» sidente Alfredo Manganaro. Il grande lavoro svolto da Giovanni Baronetti e da Fernando Panico, i responsabili dell’Mtb che seguono gli allievi più piccoli dell’associazione, fa sì che i risultati di

Colona siano solo parte di una lunga serie. Dopo appena un anno di lavoro, infatti, l’associazione casaranese può diversi titoli di campioni regionali. La società partecipa, infine, anche quest’anno ai campionati giovanili con la squadra composta da Benedetta Margari, Aurora Baronetti, Andrea Micaletto, Leonardo D’Aquino, Marco Panico, Mattia Marsano, Daniele Baronetti, Francesco Laporta, Alberto Mrzano e Pierpaolo Giannelli.

Ping pong in archivio il torneo

Promesse Under 13 che sfide nel volley Il Palatensostatico di Casarano è stato teatro della recente Final four del campionato provinciale under 13 di volley femminile. Vi hanno preso parte Magic volley Galatina, Volley Salento Lecce, NeoFilanto Casarano (foto) e Soundmaster Falchi Ugento Ugento, ovvero le prime classificate dai quattro gironi. Proprio le ragazze ugentine, guidate dal coach Renato Urso, si sono laureate campionesse provinciali, in virtù dei successi (per 2-0) contro Lecce e Galatina, rispettivamente al secondo e terzo posto, con le giovani casaranesi sconfitte in entrambe le gare. Ma al di là del risultato è bene sottolineare l’importanza degli investimenti nel settore giovanile. «Sin dal 2010 abbiamo un’attenzione particolare per i nostri ragazzi che sono parte integrante del nostro progetto. Lavorare coi giovani è indice di vera passione, ma richiede sforzi economici e professionali. L’obiettivo è quello di creare una scuola volley destinata ai nostri piccoli atleti e a quelli del circondario», afferma, infatti, la presidente della NeoFilanto Enza Ratta. LP

Ma chi lo dice che quello femminile è il sesso debole? Provate a dirlo a Elisabetta Pellegrino della “Isla del sol”, 36enne già record mondiale femminile nella categoria +90kg per la federazione internazionale Wdfpf, che, pochi giorni fa, a Bitetto, nel Barese, ha stracciato il precedente record italiano di “Bench press” (portandolo da 85 chili a 91 chili sollevati). Ma dove nasce questa passione per una pratica sportiva che qualcuno potrebbe ritenere poco femminile? «Me l’ha passata mio marito. A furia di vederlo allenarsi e vincere competizioni, mi è venuto spontaneo il desiderio di provare a cimentarmi anche io con questa disciplina», afferma Elisabetta riferendosi a Davide De Giovanni, compagno di vita e pluricampione responsabile della “Isla del Sol”. Già titolare di diversi record, Elisabetta non si pone limiti intendendo, però, confrontarsi soprattutto con se stessa. «Per il futuro vorrei semplicemente migliorare, anche perché non si finisce mai di farlo. Tra l’altro, il mio obiettivo è quello di battere me stessa, non tanto gli altri, e questo è possibile solo con la forza di volontà», afferma Elisabetta. In questo suo sforzo è arrivato, intanto, il record nazionale che l’ha gratificata ed aiutata in un momento particolarmente difficile. «Il record è stato particolarmente sudato, anche perché vengo da una situazione delicata in famiglia e l’allenamento è servito a staccare mentalmente. Diciamo che mi ha aiutato ad uscire fuori da una situazione difficile», continua la campionessa. Tra i suoi prossimi obiettivi il Criterium a Città di Castello, il 23 giugno, dove conta di arrivare prima di categoria per guadagnare il primato assoluto. «Spero che il mio esempio, quello di mio marito e di tutti i ragazzi che stanno facendo be-

Le ragazze della NeoFilanto volley

Grance successo per il secondo torneo di tennistavolo organizzato dall’Asd Bluestone Casarano. Tra i partecipanti (foto) anche atleti da Gallipoli Gallipoli, con il 1° ed il 3° posto di Pasquale Martignano e Pasquale Fedele, e di Vernole, capaci di vincere il doppio. Per i padroni di casa, invece, gara sottotono con Massimo Primiceri, Francesco Primiceri, Gianni Scorrano, Giacomo De Filippi, Lorenzo Morgante, Johnny Ferrari, Gabriele Parrotto, Gianni Nardelli, Salvatore Cito, Fernando Stefanelli e Antonio De Nuzzo che non riescono ad arginare gli avversari. LP

SPECIALITA’ BENCH PRESS Elisabetta Pellegrino in azione (in alto) e in borghese (accanto). Il suo duro lavoro è stato coronato con il nuovo record italiano di Bench press risuscendo a sollevare bel 91 chilogrammi. Grande la soddisfazione per la Isla del Sol, la sua società, sempre alle prese con le difficoltà economiche che le hanno impedito di prendere parte ai recenti mondiali di Parigi

«La passione ereditata da mio marito» nissimo serva per far comprendere al grande pubblico che non esiste solo il calcio. Stiamo lavorando anche per preparare atleti alla pesistica olimpica, visto che le nostre discipline non sono an-

noverate tra quelle presenti alle Olimpiadi, a differenza dello strappo e dello slancio. Certo, non è facile. Tutti noi facciamo grandi sacrifici economici, in quanto ci autofinanziamo. Basti pensare che il 24 saremmo dovuti andare in Francia a disputare i mondiali, ai quali ci qualifichiamo per il terzo anno consecutivo, senza mai riuscire a disputarli a causa della mancanza di fondi. Noi, però, non ci arrendiamo e continuiamo per la nostra strada».


14 - 27 giugno 2012

20

LE TRADIZIONI E L'IDENTITA' SALENTINA I riti che si rinnovano mantenendo il legame con il passato, le tradizioni che vengono rilette e riproposte, ma

coniugate con il tempo presente, contribuiscono a rafforzare l’identità di un territorio e a potenziare il senso di appartenenza dei suoi abitanti. E questo senza derive di alcun tipo,

né regionalistiche né populistiche. Matrimoni, feste patronali, sagre, musica etnica, un patrimonio che periodicamente “Simu salentini” vuole continuare a indagare.

Simu S Salentini alentini/25 Il pranzo di nozze una cinquantina di anni fa

Dolci, confetti e la sposa di Mariarosaria De Lumé

I gesti erano quasi furtivi e velocissimi: con il palmo della mano ben aperta si arraffavano quanti più dolcetti o confetti era possibile, poi si mettevano subito nella borsetta che veniva chiusa accuratamente. Una volta tornate a casa (il femminile è d’obbligo perché questa abitudine era quasi esclusivamente delle donne) quei dolcetti e quei confetti avrebbero fatto la gioia dei bambini o degli anziani impossibilitati a partecipare all’evento. Scene di un “ricevimento” dopo le nozze del secolo scorso prima che arrivasse il boom economico degli anni Sessanta, l’agiatezza diffusa, il mito del benessere da sottolineare nelle cerimonie ufficiali. Prima di tutte, quella del matrimonio che sanciva non solo l’unione affettiva di due persone, ma anche l’incontro economico di due famiglie. Le condizioni generali presentavano una omogeneità di fondo, si usciva fuori da anni difficili di guerra, di lutti, si ricostruivano piano piano le famiglie e i beni. La sobrietà non era una scelta snob, ma una necessità. Chi poteva non rinunciava al pranzo di nozze che era riservato però agli stretti familiari, e gli animali del cortile ne avevano paura perché galline, conigli, tacchini finivano inevitabilmente sulla tavola. Si iniziava a volte con i piatti forti, panini con la mortadella (il pane bianco era per le grandi occasioni perché ogni giorno c’era quello d’orzo, e le friselle), uova bollite venivano sgusciate in quantità e si accompagnavano al pane e a un bicchiere di vino, pezzetti di carne al sugo, polpette fritte. Al ricevimento allargato, invece, si invitavano i parenti, i compari, i vicini di casa. Si iniziava con il caffè, si passava poi ai dolci e ai liquori, i rosoli, il bianco, il verde, il rosso e il giallo. Uno pensa che da qualche parte nella casa fosse allestito un buffet e che ognuno vi si accostasse per servirsi liberamente. Non era così. Gli invitati prendevano posto sulle sedie che erano sistemate tutte intorno al perimetro della stanza, in attesa che “passassero i cumplimenti”, cioè i liquori serviti in minuscoli bicchieri e la “cupeta” cioè quei dolcetti che si fanno ancora oggi e che hanno conservato il nome di “dolcetti della sposa”, pasta di mandorla con in cima frutta candita, rivestiti da una glassa di zucchero. Prima di accomodarsi gli invitati avevano consegnato il regalo agli sposi, una busta con un biglietto di auguri e le lire che era stato possibile stralciare dal bilancio familiare. Spumante e torta? Solo più tardi quando i panini cominciarono a essere sostituiti da piccoli pezzi di focaccia, da arancini di riso, poi accanto ai dolcetti della sposa furono servite le paste secche.Quando le case cominciarono a diventare strette si affittavano oratori o locali adiacenti alle chiese dove venivano celebrati i matrimoni. Un massimo di tre ore e il ricevimento aveva termine. Dai ricevimenti degli anni 2000, dai pranzi luculliani e raffinati, un abisso lungo appena 50 anni.

Scene di un ricevimento di nozze a metà degli anni Cinquanta. Un vassoio colmo di dolcetti della sposa viene fatto passare tra gli invitati. (Foto dalla pagina Facebook "Storica Sannicola")

La storia della gallipolina Adina e Federico di Racale La poesia dei grandi poeti Leopardi incontra il dialetto Voglia di dialetto, di far parlare nella primissima lingua, quella "te lu tata" anche i grandi poeti. Se Leopardi fosse stato salentino avrebbe sentito così il senso dell'infinito? Avrebbe definito parole poetiche anche "muntagnedda"(colle), sapale (siepe)? Certo anche nella versione del dialetto aletino la poesia del Leopardi conserva il suo fascino. Come non apprezzare, infatti, "e comu sentu u ientu/ca ruscia a 'menzu 'e chiante..." Quel "rusciare" è proprio onomatopeico e fa sentire il passaggio del vento tra le piante e quindi il valore del tempo vivo e presente che è poi l'ancora che rende dolce il naufragare. L'autore è un docente e traduttore. L'Infinito salentino Sempre l’amai dhra muntagneddrha solitaria, e stu sapale ca na bona parte te dr’orizzonte luntanu te llea la vista. Ma ci me ssettu e cuardu, mundi senza fine te l’addrha vanda, e silenzi ca nu ‘sù de sta terra, e na tranquillità completa me ‘mmagginu ca ‘ncete, tantu ca quasi me mintu paura. E comu sentu u ientu ca ruscia a ‘menzu e chiante, dhru silenzio senza fine lu confrontu a quiddrhu: e pensu all’eternità e a lu tiempu ca nun è chiui e a quiddru te moi ca è ‘ncora viu e lu sienti. E cusì intra st’immensità li pansieri mei se ‘ffucane: e me piace cu me sprufundu intra stu mare. Aldo Magagnino - Alezio

AVETE GIÀ PRONUNCIATO IL VOSTRO SÌ? RACCONTATE IL VOSTRO AMORE CON PAROLE E FOTO

VI FARÀ UN’ALTRA

FESTA

redazione@piazzasalento.it

Un luogo per due "sì" di Maria Cristina Talà

Nella splendida cornice della cattedrale di Sant’Agata nel centro storico, resa ancora più sontuosa con l’addobbo floreale della “Fioreria del corso” di Gallipoli, ha preso forma il soGallipoli gno d’amore di Adina Congedo della “Città Bella” e Federico Racale. Dicono sì proTroisi di Racale prio a Gallipoli che aveva visto il loro amore: Federico, serio e compunto e Adina, accompagnata dal padre vistosamente emozionato, fasciata in un abito, creato da "Emozioni Sposa" di Melissano, che ne esalta la meMelissano diterranea bellezza. «Nello stesso luogo, una strada di Gallipoli, e con le stesse parole – racconta la sposa – Federico mi ha chiesto di fidanzarci e, sei anni dopo, di sposarci, aggiungendo questa volta “per sempre”». Una storia d’amore, la loro, vissuta sempre circondati dagli amici: «Abbiamo entrambi un carattere molto socievole – conferma Federico – e non ci siamo mai isolati dal gruppo, anzi entrambi trovavamo l’idea spaventosa: Adina ha un carattere meraviglioso e sempre sorridente, anche se spesso è testarda, fa sempre delle buffe scenette. Vivere queste gioie con gli amici ne amplifica il divertimento». Da parte loro anche gli amici confermano questa tendenza a fare gruppo «Con Federico – racconta il testimone di nozze Andrea Contaldi – ci conosciamo sin dalla prima elementare e abbiamo vissuto insieme l’adolescenza. Abbiamo conosciuto Adina e la sorella Emanuela grazie ad un amico comune e subito sono rimasto colpito dalla sua bellezza e dal suo sorriso, così ho cercato di corteggiarla, ma è stato il mio amico Federico che ha rubato il suo cuore». La confessione di Andrea continua: «All’inizio ero geloso di entrambi, anche perché avevo paura di perdere l’amicizia di lui, per me molto importante, ma poi nel gruppo abbiamo costruito una grande e solida amicizia, tant’è che sono divenuto

Nella stessa viuzza di Gallipoli la richiesta di fidanzamento e, dopo 6 anni, quella di matrimonio testimone di nozze e del loro amore. Tutte le sere avviene un episodio divertente. Durante la cerimonia di nozze, nella sontuosa Villa Hollivood di Ruffano, quattro amici si sono vestiti da donna e io e lo sposo ne siamo rimasti vittime». Quanto è forte il legame di gruppo lo testimoniano tutti gli amici: «Conosco Federico e Adina da meno tempo – aggiunge Stefano Falconieri di Racale – ma da loro e da tutto il gruppo

degli amici ho imparato il valore dell’amicizia che si manifesta come fratellanza e come forza per affrontare le avversità della vita». Sempre tanti amici intorno ma tutto questo non ha reso meno intenso né meno romantico il rapporto amoroso. Come i momenti importanti dell'innamoramento e del fidanzamento: «Tra noi non c’è stato bisogno di molte parole – aggiunge la sposa - ma quando Federico mi rivelò i suoi sentimenti, rimasi dubbiosa: pensavo che saremmo rimasti amici per sempre. La mattina successiva venne a prendermi e, durante una passeggiata lungo il mare, ci fidanzammo. Mi chiese di sposarlo la sera della mia laurea: mentre cenavamo da soli al "Costa Brada", spuntò la scatolina con l’anello».

DA ASPIRANTE FIDANZATO A TESTIMONE DI NOZZE Andrea Contaldi (sopra, primo a sinistra) rivela un particolare che, se non ci fosse una solida e collaudata amicizia, sarebbe ancora oggi imbarazzante. Prima di Federico, ci stava pensando lui a corteggiare Adina... Accanto, la sposa con la sorella Emanuela


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 912300 Guardia medica: 0833 912306 Polizia municipale: 0833912305; Protezione civile: 0833 911472; Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0833 916223 fax 914365; Consultorio: 0833 914187

TAVIANO 14 - 27 giugno 2012

Siamo anche su

Pag. 21

Finite nella Rete le immagini delle strade di periferia e di campagne sommerse da immondizie di ogni tipo di Rocco Pasca

Inciviltà, incuria, maleducazione: non ci sono parole per denunciare tutti quei cittadini che continuano a buttare la propria spazzatura per le strade di campagna. Un segno di inciviltà inaudito. Una vergogna a cielo aperto. Una campagna ferita a morte. Nessun rispetto per il decoro della natura, per la salute umana e per le stesse leggi che pure cercano di punire i trasgressori. Forse un controllo più assiduo non sarebbe male. Così una passeggiata in campagna diventa l’occasione per una galleria di sconcezze inaudite: campagne imbrattate da rifiuti di ogni genere, muretti a secco sommersi da mobili, giocattoli in disuso, tavoli di legno semi bruciati, ruote e pezzi di carrozzeria arrugginita. Bottiglie vuote, di vetro e di plastica, un’infinità. Reti e materassi in disuso. Sversamento di liquido oleoso e nauseabondo. Tutto in sfregio anche ai cartelli dell’Anas e del Comune “Divieto di discarica”. I profanatori della natura non li ferma nessuno. Per non parlare dei rifiuti ingombranti e pericolosi, tipo eternit, magari sbriciolati e nascosti sotto filari di vigne. Un campionario di queste sconcezze è stato postato su You Tube al sito www.nclive.it. È il risultato di cittadini, giovani soprattutto, che amano la natura e la vorrebbero vedere e ammirare nel suo splendore più arcaico. Rammaricato il sindaco, Carlo Portaccio, per questi rifiuti che attanagliano, nel suo grigiore, tutte le vicine periferie di campagna. «Non ho parole per esprimere il mio disappunto per questo spettacolo che ci offende nel profondo – afferma il primo cittadino – e che mi addolora, in quanto, durante la mia campagna elettorale, ho rimarcato la massima attenzione sul problema dei rifiuti. Con i due dirigenti scolastici, scuola elementare e scuola media, ab-

Vergogna a cielo aperto Il sindaco: «Non ho parole per esprimere il mio disappunto» Nasce il fronte comune Regione-forze ambientali Una convenzione e 800mila euro per mettere insieme le forze, coordinare le conoscenze e le competenze con l’obiettivo di contrastare e prevenire crimini ambientali come l’abbandono indiscriminato di rifiuti che violano il territorio. L’accordo tra Regione Puglia, Guardia di finanza, carabininieri del Nucleo di tutela ambientale di Bari e Lecce, l’Agenzia regionale per per la protezione ambientale, il Corpo forestale dello Stato, l’Istituto per la ricerca sulle acque del Consiglio nazionale delle ricerche, è stato rinnovato e firmato nei giorni scorsi. Notevole il lavoro fatto finora e lo dimostra il numero dei siti inquinati sequestrati dal 2007 ad oggi: sono ben 1745. Nei prossimi due anni sarà completato il censimento delle grotte e delle cavità carsiche che spesso vengono utilizzate per smaltire rifiuti anche pericolosi e sarà costituita un’anagrafe dei siti da bonificare. C’è un altro problema che incombe sul pianeta rifiuti: a gennaio del 2013 ci sarà la privatizzazione dei servizi pubblici locali e c’è il rischio messo in evidenza dal presidente Vendola che “il ciclo dei rifiuti possa precipitare nelle mani delle organizzazioni mafiose”. biamo organizzato, nello scorso anno scolastico, una serie di conferenze sull’importanza del ritiro dei rifiuti porta a porta, cercando di educare in questo senso i cittadini di domani». E i ragazzi si sono dimostrati sensibili, infatti, continua il sindaco «hanno partecipato ad un concorso disegnando il proprio punto di vista e questi disegni sono stati attaccati ai muri della città, a testimoniare un impegno da parte di tutti». Il sindaco non demorde e non perde la speranza. «A settembre –conclude – torneremo nelle scuole a parlare di questi argomenti e allargheremo il raggio di azione anche alle famiglie. Non dimentichiamo che siamo la “Città dei fiori”».

Così si presentano le strade di campagna nei dintorni di Taviano

Due progetti per manutenzione delle arterie comunali e rurali

Fiamme improvvise nell’impianto sportivo. Dolo o corto circuito?

A nuovo vie e stradine A fuoco il Palazzetto Sono già pronti due importanti progetti per le infrastrutture urbane: manutenzione straordinaria delle strade comunali e miglioramento e sviluppo delle infrastrutture connesse allo sviluppo e all’adeguamento dell’agricoltura e silvicoltura. Sulla manutenzione straordinaria delle strade comunali e della marina di Mancaversa sono puntati gli occhi dei cittadini che, da tempo, chiedevano agli amministratori di migliorare il manto stradale, eliminando avvallamenti, cedimenti e deterioramenti vari. Molti, negli anni scorsi, i ricorsi di automobilisti inviperiti per i danni causati al proprio mezzo. L’Amministrazione comunale sta facendo di tutto per venire incontro alle esigenze dei cittadini. «È sotto gli occhi di tutti che stiamo risolvendo il problema –assicura l’assessore ai Lavori pubblici e Giuseppe Tanisi – proprio in questi giorni chiudendo le bu-

Via vicinale Innesti n. 37 e Giuseppe Tanisi

che, gli avvallamenti e le fessurazioni di tutte le strade. Stiamo utilizzando, per l’occasione, 25mila euro, fondi rinvenienti da economia di gare precedenti. Se sfugge qualche via i cittadini posso farlo presente telefonando agli uffici comunali». L’assessorato ai Lavori pubblici sta intervenendo anche sull’ammodernamento delle strade rurali pubbliche di collegamento con le arterie di comu-

nicazione comunali, provinciali e statali. «Le strade sulle quali interverremo - conclude Giuseppe Tanisi – sono la strada “Innesto” n°35, “Aparo” n° 36 e “Vicinale Innesti” n°37. Questi lavori permetteranno di adeguare le strade al traffico veicolare, allargando la rete stradale fruibile e facilitando la circolazione soprattutto dei mezzi agricoli a beneficio delle tante aziende agricole operanti a Taviano».RP

Colpo al cuore alla Taviano sportiva: incendio nel glorioso “William Ingrosso”, il palazzetto dello sport che ospita le gare di tutte le associazioni sportive tavianesi e in particolare le gare di volley. Il fatto è accaduto nelle primissime ore del pomeriggio di martedì 11 giugno, intorno alle 15:30, come racconta Sandro Noira, responsabile cittadino della Protezione civile, che come da prassi transitava nei paraggi della struttura sportiva. «Ho notato del fumo nero che fuoriusciva dagli infissi del palazzetto” – afferma Noira – e ho allertato alcuni miei collaboratori, il comandante del corpo di Polizia municipale, Luisa Tunno, che ha inviato una pattuglia, i carabinieri della locale stazione, prontamente intervenuti e i vigili del Fuoco che sono arrivati immediatamente per spegnere le fiamme». Fondamentale l’apporto fornito dai volontari della Protezione civile in un momento di notevole affluenza al “William Ingrosso”, ed è ancora Noira a raccontare quanto accaduto: «Giungevano ragazzi delle giovanili della Virtus Taviano, con alcuni familiari, che attendevano l’arrivo dei mezzi per andare a disputare una partita di campionato. Ci siamo

Il pavimento sporco di cenere e fuliggine

attivati per metterli in una posizione di sicurezza evitando che interferissero con il lavoro dei vigili del Fuoco». Spente le fiamme si indaga sulle cause che hanno potuto dar vita a questo incendio. In piedi le due ipotesi: cortocircuito o incendio doloso. Il dirigente del settore Lavori pubblici, Mimino Mosticchio, ha dichiarato inagibile la struttura e stimato in circa 30mila euro i danni subiti. CAP


14 - 27 giugno 2012

Taviano

22

L'UNIONE DEI COMUNI PER IL VERDE PUBBLICO L’Unione dei Comuni dell’Arco Jonico salentino ha ottenuto un importante finanziamento, di circa 50.000 euro, per la manutenzione del verde pub-

blico e la pulizia dei centri urbani. Al Comune di Taviano sono già in corso lavori per un importo di 10mila euro, sia nel capoluogo, con rimonda di alberi e cura del verde, che nella marina con la pulizia del Parco

Hanno colorato le strade con creatività a allegria

Jonico e della litoranea. «Siamo soddisfatti del lavoro svolto - afferma l’assessore all’Unione dei Comuni, Antonino Manni – l’Unione dei Comuni può ancora essere importante nelle nostre realtà cittadine»

Aspettando l'estate

di Carlo Pasca

Appuntamento in piazza Lombardo Radice, tutti armati di gessetti e soprattutto tante idee cui dare forma. È iniziata così la domenica di 40 ragazzi che domenica 10 giugno hanno colorato le strade del centro della città, riportando in auge i “Giò Madonnari”. Erano gli anni 70 quando il Centro turistico giovanile lanciava questa iniziativa, trasformando per una mattinata i ragazzi delle scuole in artisti di strada. L’iniziativa ebbe un grande successo e si protrasse per diversi anni, fino alla sua lenta ma inesorabile scomparsa. Fino a quest’anno, quando su impulso dei consiglieri Antonino Manni, delegato al Turismo e Di Mattina, delegata alle Politiche giovanili, l’Amministrazione comunale ha rilanciato i “Giò Madonnari”, con il coinvolgimento del preside della scuola media Fernando Calò. Il tema principale quest’anno era “Turismo e avvicinamento delle culture: tanti amici…tante storie” e i ragazzi hanno avuto una bozza del disegno da realizzare. Le categorie in corsa erano ben 3, i ragazzi sono stati divisi per età, dai più piccoli ai più grandi, e sono andati a premi i primi tre di ogni categoria. Questo l’ordine di classifica nella fascia dai 5 ai 7 anni: primo posto Daniele Coronese, secondo Marco PorTre

Da sin. Lina Parlati, Marcella Reho, Emiliano Lannocca, Eliseo Perchia

Tre momenti della manifestazione nelle strade del centro (nella foto in basso la coppia Briganti - Rainò)

Un giorno d'artisti taccio, terzo Francesco Rainò. Nella categoria dagli 8 ai 10 anni, invece: primo posto per Gabriele Grimaldi, secondo Matteo Alfarano, terzo Raffaele Nocera. Per il raggruppamento dei ragazzi compresi tra gli 11 e 13 anni, infine: primo posto per Mattia Arnò, secondo la coppia Briganti – Rainò, terzo posto per Alessio Torsello. I primi classificati di ogni categoria hanno vinto un libro offerto dalla libreria “Antica Roma; i secondi invece una pizza e bibita al Vico degli Scettici, i terzi invece andranno a vedere un bel film al Cinema Fasano. «Voglio ripristinare questa iniziativa e farlo diventare un appuntamento fisso, vista anche l’ottima partecipazione dei ragazzi» afferma Antonino Manni.

Motoraduno in memoria di Alberto

La giornata ecologica ha visto l'impegno di tanti volontari come è visibile dalle foto. Ma all'appello non sono mancate le istituzioni: nella foto a sinistra il neosindaco di Racale Donato Metallo con l'assessore Mauro Gaetani

Si è svolto il 17 giugno il 5° Memorial per ricordare Alberto Orazzo, prematuramente scomparso nel 2007 in un tragico incidente sulla Casarano-Taviano, provocato da un automobilista distratto. I suoi amici centauri, tanti amici simpatizzanti e soprattutto la sua famiglia lo ricordano con n Motoraduno che quest'anno si è mosso da Largo san Giuseppe Artigiano per il giro lungo la costa jonica salentina. Doppia esibizione della Danger Farm.

In tanti all'iniziativa lanciata da "Cuoresalentino" per rendere più belle e pulite i litorali

Tutti al lavoro, questo patrimonio è nostro Due spiagge unite per salvaguardare l’ambiente: Torre Suda e Mancaversa a braccetto per pulire i litorali e le spiagge ma anche i fondali per ridare splendore al nostro profumatissimo e limpidissimo mare. Una scelta azzeccata con tanti volontari a dare una mano in maniera disinteressata. A dare il via all’iniziativa il portale di informazione turistica “Cuoresalentino” che ha coniato il motto “L’ambiente ringrazia se tu lo rispetti”. A questo richiamo sono stati in molti a rispondere. Così domenica 10 giugno si sono dati appuntamento a Torre Suda (di fronte alla Chiesa) e a Mancaversa (in piazza S. Anna). Alla manifestazione hanno partecipato molte associazioni di volontariato tra

cui i “Boy-Scout di Racale e Taviano, le Pro loco, “Diving sub” professionisti e speleologi Gallipoli, “Css Centro sub di Gallipoli Salento”, “Virtus Volley Taviano”, Gial plast”, “Reho mare”, “Protezione civile” Racale e Taviano, “Radio Skylab” , amministratori comunali e tante famiglie. «Non potevamo stare a guardare. Anche noi ci teniamo all’ambiente e desideriamo salvaguardarlo» è il commento del neo sindaco di Racale, Donato Metallo. Dal canto suo, Carlo Portaccio, primo cittadino di Taviano, ha aggiunto: «Dobbiamo dare forza a tutti questi volontari che impegnano il proprio tempo alla salvaguardia dell’ambiente che ci circonda». RP

Rifiuti raccolti e insaccati

Mancaversa, c'è chi ha già aperto Mancaversa prova a rifarsi il look in questi giorni di giugno, in attesa della nuova stagione estiva e soprattutto, dei turisti che da queste parti sono una merce rara, tranne che per le due prime settimane di agosto. «È stato sempre così e, credo, continuerà ad esserlo –dichiara Lina Parlati che gestisce l’albergo “Europa”, due stelle, 60 posti letto, proprio all’inizio di Mancaversa – abbiamo il pieno di turisti a cavallo di ferragosto. Ci aspettiamo un luglio positivo. Chiediamo, da tempo, maggiore attenzione per le spiagge e poiché le nostre sono dotate di scogliera non sarebbe male che si ponessero delle passerelle in legno, per raggiungere il mare». Emiliano Lannocca punta sui giovani con il suo pub “Molo 80” che è lo sdoppiamento della trattoria. «Da noi i giovani ma anche i meno giovani –assicura Emiliano – potranno sedere fuori, sotto i gazebo che stiamo allestendo

sulle stradine e assaggiare i nostri numerosi aperitivi, freschi e allettanti». Anche Eliseo Perchia, giovane imprenditore, con il suo Bar “Barocco”, proprio sulla litoranea che gestisce insieme al cognato Giuseppe Papa – punta sui giovani. «Siamo fiduciosi - sono le parole di Eliseo – e già qualche turista, anche se di passaggio, ha fatto capolino. Sembra una stagione positiva. I nostri assi nella manica sono musica live in sottofondo e una vasta gamma di cocktail e aperitivi, che prepariamo all’istante, dal tardo pomeriggio alla notte inoltrata». Chi ha già aperto e lavora a pieno regime è la panetteria-gastronomia di Marcella Reho: «Quest’anno abbiamo preferito aprire prima per offrire un servizio più completo anche a coloro che hanno aperto la seconda casa alla marina in questi giorni. La speranza che si possa lavorare bene è sempre vi va». RP

Alla marina inizia il 23 giugno l'atteso torneo di calcetto

Si giocherà sull'erba Sale la febbre dell’attesa per il Torneo di calcetto che prenderà il via il 23 giugno sulla piazzetta delle rose, a Mancaversa. Il Torneo è voluto dall’Amministrazione comunale per animare le serate estive dei villeggianti ma anche, per venire incontro a tanti giovani che amano cimentarsi in sfide sportive. «Credo che supereremo alla grande le 35 iscrizioni –commenta divertito l’assessore allo sport. Luigi Corvino – e pertanto stiamo valutando la possibilità di prolungare lo svolgimento del Torneo fino ad agosto, per dare a tutti la possibilità di giocare». Largo, dunque, ad una vera e propria scorpacciata di partite di sano agonismo sportivo. Già l’anno scorso il torneo guadagnò la simpatia di molti spettatori che seguivano con entusiasmo le varie gare sportive in notturna. Ci fu qualche inconveniente perché le partite furono giocate direttamente sui mattoni della piazza. Quest’anno, invece, l’Amministrazione ha deciso di investire 10mila euro per acquistare un bel prato sintetico e i giocatori, in questa maniera, potranno deliziarsi a competere sull’erba. «Si erano create molte aspettative da parte soprattutto dei giovani giocatori – dichiara il primo cittadino – per il torneo di quest’anno e pertanto abbiamo deciso di accontentarli per farli giocare su un bel prato di erba sintetica. Il terreno di gioco, naturalmente, servirà per i tornei dei prossimi anni». RP

Coppola & partners al Bollenti Spiriti Camp 2012

Vincenti i loro progetti Hanno partecipato alla quinta edizione dei Bollenti Spiriti Camp 2012 Chiara (foto) e Luigi Coppola, titolari dello studio Coppola & Partners e vincitori nel 2008 del bando “Principi attivi. Giovani idee per una Puglia migliore” con il progetto “Ysn- Young social network” nato dall’idea progettuale di costituire uno studio di consulenza su azione pensate e sviluppate dai giovani e per i giovani. L’attività dello studio non si è esaurita nei 12 mesi previsti dal bando, anzi si è potenziata nel corso del tempo. Sono 55 i progetti attivati nel settore delle politiche giovanili, tre edizioni del festival del cinema Offf-Otranto Film Fund festival, il premio nazionale “Amico della famiglia” vinto con un progetto curato per il comune di Corigliano d’Otranto. Il 2 giugno il gruppo Coppola & partners ha anche partecipato alla “Giornata della cittadinanza” con una testimonianza diretta nella sezione Pensatoio “Il Servizio civile ti cambia la vita. Esperienze di cittadinanza a confronto” nel corso del quale sono stati presentati le esperienze di due progetti curati dallo studio.


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Municipio: 0833 270320 Polizia municipale: 0833 553316 Protezione civile: 0833 583999 Ufficio postale: 0833 585001

RACALE 14 - 27 giugno 2012

14 comuni con un’unica

grande “Piazza”

Pag. 23

Flavia Carlino della I A del Polo 1 ha vinto il concorso “Poetando”

Polo 1, premiati quattro alunni della III A al “Didamatica 2012”

“Strano destino” trionfa

La mia scuola tecnologica

“Imbratterò il muro bianco… / candido… / di pensieri che rischiarano la mia mente. / Prometto di non cercare di capire come ero ieri, / di non fermarmi a vedere come sono oggi, / ma di provare a migliorarmi per un nuovo domani”. Si chiude così la poesia “Strano destino”, con la quale Flavia Carlino, della I A del “Primo polo” di Racale, ha vinto il concorso provinciale “Poetando”. La premiazione si è svolta a Vernole, ed ha visto arrivare tra i finalisti anche l’alunna della III A Francesca Cacciatore. La poesia di Fla-

Piccoli geni della tecnologia: gli alunni della III A del primo polo Cristian Consenti, Francesca Cacciatore, Francesca Palese e Claudia Palumbo sono stati premiati, insieme alla docente Paola Vitale, nel corso del congresso nazionale “Didamatica 2012”, che si è svolto il 16 maggio a Taranto. Gli studenti sono risultati vincitori del concorso “It’s mine”, indetto dall’Ufficio scolastico regionale dall’Associazione italiana per l’informatica e il calcolo automatico. L’invito era quello di immaginare e descrivere il proprio ideale di scuola tecnologica. La scelta degli alunni e della docente è stata quella di realizzare un sito web (http://myssracale. weebly.com), nel quale la scuola è stata descritta come un ambiente in cui attuare i principi di sostenibilità ambientale che l’istituto sta portando avanti attraverso i propri progetti.

via ha colpito, così come si legge nella motivazione della giuria premiante, per il “collage di pensieri che riflettono tanti stati d’animo. Belle le espressioni che illustrano le

emozioni dell’autrice, che sembra voglia mischiarli senza un filo conduttore, come se fossero altri, e diversi, a parlare. Uno stato d’animo è presente in modo evidente: un grido d’aiuto rivolto a tutti, una confessione, sembra, di impotenza. Di volontà di fare mentre c’è la constatazione della propria incapacità”. Soddisfatti per il premio il dirigente scolastico, professor Riccardo De Iaco, e la professoressa Orsolina Fontò (nella foto con Flavia), referente del progetto poesia, orgogliosa della sua alunna. PT

Soddisfazione da parte della docente Paola Vitale: «Devo ringraziare il nostro dirigente, il professor Riccardo De Iaco, per la sensibilità e l’attenzione con la quale ha sempre supportato e incoraggiato le nostre attività educative e didattiche. PT

Torre Suda si prepara ad accogliere i turisti con una serie di manifestazioni La festa del patrono S. Sebastiano

La cuccagna regina In programma convegni, musica, sport e fiere MARE E DINTORNI L’immagine si riferisce ad una delle più seguite manifestazioni dell’estate scorsa, la cuccagna a mare. Considerato il successo, c’è grande attesa per l’edizione 2012. A parte la competizione, è il mare e i bagnanti che rendono tutto più spettacolare (nella foto Giuseppe Renna di Alliste guadagna la bandierina del terzo premio)

di Marco Montagna

L’estate è ufficialmente “scoppiata” e Torre Suda si prepara ad accogliere turisti e visitatori nel miglior modo possibile, offrendo una serie d’iniziative culturali e ludico-sportive per accontentare tutti i palati. Il cartellone degli eventi per la stagione turistica 2012 è ancora in via di definizione e bisogna fare i conti con le esigue risorse delle casse comunali. Cosa che, di certo, non facilita il lavoro. Tuttavia, le associazioni e la Pro loco, coordinate con la nuova Amministrazione comunale, stanno lavorando alacremente per approntare assortito cartellone a favore dei tanti che sceglieranno di trascorrere qualche giorno di vacanza nell’incantevole marina di Racale. Qualche appuntamento già definito, comunque, c’è già. Il 19 luglio, per esempio, a Torre Suda si parlerà di lotta alla mafia. Previsti un convegno (cui presenzierà, tra gli altri, il giudice Roberto Tanisi, presidente della Corte d’Assise di Lecce) e uno spettacolo a tema organizzato da una compagnia locale. Per gli sportivi ecco l’iniziativa “Un mare di sport” con i tornei di pallavolo, tennistavolo, badminton e l’esibizione degli allievi di alcune palestre locali. Già predefiniti sia due festival musicali, sia la quinta edizione del “Memorial Gabriele Toma” con la gara di aquiloni e un concerto di musica lirica. Dal 10 al 12 agosto, a Torre Suda sbancherà “Salento Expo”, la fiera dell’enogastronomia e dell’artigianato salentino e non poteva mancare l’edizione 2012 della “Cuccagna a mare”, che dopo lo strepitoso successo dell’anno scorso sarà riproposta quest’anno, il 19 agosto, fortemente voluta dall’associazione “Giuseppe Sasso” dedicata a tutte le vittime della strada. La “Cuccagna” si terrà nella caletta di Canale della Volpe. In serata le premiazioni con fuochi d’artificio, animazione, la musica dei “Vega 80” e tanto divertimento.

Tre titoli provinciali per i ragazzi del Polo 2 alla “Festa dello sport”

È stato un anno sportivo da incorniciare quello dell’Istituto Comprensivo II Polo di Racale, che nei giorni scorsi, in occasione della “Festa provinciale dello sport salentino” organizzata a Lecce dal Coni, è stato premiato per gli ottimi risultati riportati nei Giochi studenteschi. I ragazzi coordinati dal docente Roberto D’Alessandro hanno conseguito ben tre titoli provinciali (nel badminton, tennistavolo e orienteering). «Ringrazio tutti i ragazzi che si sono impegnati con entusiasmo nelle varie attività sportive - dice D’Alessandro - il merito della scuola è stato solo quello di andare incontro alle loro esigenze, spostando i corsi negli orari pomeridiani. Grazie anche alla dirigente Giovanna Anna Gambardella che ci è sempre stata vicina».

Tutto come tradizione processione, musica luminarie e fuochi

Lo spettacolo sempre incantevole delle luminarie

Memorial “Marzano” ma non è solo calcio Si è svolta a Racale, nei giorni 9 e presenti il dr. Roberto Vergaro, direttore 10 giugno, la terza edizione del “Me- generale del distretto Asl di Gallipoli, il prof. Massimo Federico, primario morial dr. Renato Marzano”, quadran- li golare di calcio dedicato alla categoria oncologo del Policlinico di Modena Esordienti in memoria dell’amatissimo ma tavianese d’origine, il sindaco di medico racalino, scomparso nel 2010, Racale, Donato Metallo, e il dr. Silper tumore, all’età di 56 anni. Il figlio vio Laterza, responsabile provinciale dell’associazione Luca, nel corso “Angela Serra”. del suo intervento, Si è parlato, tra ha voluto dedicare l’altro, della chiul’evento sopratsura dei reparti di tutto “a chi ha Ostetricia degli sofferto e soffre ospedali di Casaper malattia”. Il rano e Gallipoli. torneo si è giocato «Meglio fare dieci sul terreno dello chilometri in più e stadio “Basurto” avere un ospedale e ha visto la par- Da sinistra: Orazio Bellanti, Massimo completo - è stato tecipazione delle Federico, Donato Metallo,Silvio Laterza il parere del prof. rappresentative di Lecce, Racale, Casarano e Palermo. Federico, cui ha garbatamente risposto Sugli spalti, durante le gare, si è anche il dr. Bellanti - contrario al provvediintravisto il bomber salentino del Paler- mento - secondo cui «chi ha la responmo Fabrizio Miccoli. La manifestazio- sabilità deve darci una mano per far ne, curata dal dr. Orazio Bellanti, è stata funzionare le strutture esistenti». Dibatpresentata il 9 giugno presso la Sala tito che, sembra, non finirà a breve. MM consiliare del Comune di Racale. Erano

Una festa davvero da ricordare quella di quest’anno dedicata al patrono S. Sebastiano, E non solo perché è durata quattro giorni, ma per la partecipazione della gente che in gran numero ha preso parte sia alle celebrazioni religiose sia a quelle civili. Lo sottolinea con soddisfazione il presidente del comitato della festa, Roberto Russo: «È stata molto seguita- dice - la concelebrazione della messa dei parroci della città in piazza e quella del martedì sera celebrata dal vescovo» Si è festeggiato, ma senza dimenticare quelli che in questo periodo soffrono la situazione del disagio provocato dal terremoto in Emilia. Il 4, lutto nazionale per le vittime del terremoto, è stato fatto un minuto di silenzio. Tutto bene, quindi ma «Ciliegina sulla torta – continua il presidente Russo - è stata l’esibizione di Emanuela Aureli che ha divertito davvero tutti». E come ogni festa patronale che si rispetti bellissime luminarie e fuochi d’ artifico hanno completato la festa. Come tradizione comanda e i cittadini, devoti o no, apprezzano.


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 552727 Guardia medica: 0833 552776 Protezione Civile: 389 6815612 Comune: 0833 902711 Polizia municipale: 0833 584337

ALLISTE 14 - 27 giugno 2012

In questa piazza molto frequentata puoi fare l'incontro che cercavi

Pag. 24

Un cittadino di Felline scrive a "Piazzasalento" e lamenta la mancanza di loculi nel cimitero «A Felline, dobbiamo emigrare anche da morti». Si legge così nel testo di una mail anonima inviata alla redazione di “Piazzasalento” da un cittadino di Felline che lamenterebbe il “tutto esaurito” all’interno del cimitero della frazione: «Gli ultimi due morti nel mese di maggio non in possesso di cappella – spiega - sono stati seppelliti nel cimitero di Alliste, perché qui non ci sono più posti disponibili». Il sindaco Renna, però, nega l’esistenza del problema: «Non è assolutamente vero. L’unico caso è stato quello di

«Emigranti pure da morti»

L'ingresso del cimitero

una salma che, non disponendo di una cappella privata nel cimitero di Felline, su richiesta della famiglia contraria alla tumulazione in un loculo comunale, è stata seppellita nella tomba di alcuni parenti allistini». Ad ogni modo, è certo che l’Amministrazione sta progettando l’ampliamento del cimitero sotto accusa, ma anche di quello allistino: «Recuperare spazio a favore del cimitero di Felline è più semplice – spiega il primo cittadino – perché il

terreno confinante è di proprietà comunale, mentre non lo è la zona accanto a quello di Alliste, dove il lavoro sarà un po’ più complicato». Ma la protesta dell’anonimo fellinese non si arresta qui: «Ad Alliste più opere, a Felline meno, anzi niente. Solo una piazza e due passaggi a livello», si legge nel testo della mail. Il riferimento, com’è chiaro, è alle due barre telecomandate poste a chiusura del centro storico al traffico veicolare. RR I bambini dello Zecchino d'oro (foto di Biagio Franchetti di Taviano)

Per l'Anbi il pericolo di dissesto geomorfologico è medio-alto di Roberta Rahinò

Rischio frane e alluvioni ad Alliste? Sembrerebbe di sì, almeno stando ai dati forniti dal ministero dell’Ambiente che ha inserito la località tra quelle a pericolosità geomorfologica medio-alta (le altre salentine sono Melendugno, Porto Cesareo, CaGallipoli strignano del Capo e Gallipoli). Ma in Comune non si sta con le mani in mano. Del pericolo si è parlato sul “Corriere del Mezzogiorno” poco tempo fa, all’indomani di un convegno nella Capitale promosso dall’Anbi, l’Associazione nazionale bonifiche, irrigazioni e miglioramenti fondiari. In quella sede, la dirigenza della sezione pugliese di Anbi ha suggerito la necessità di 104 interventi a favore dei 50 comuni pugliesi a rischio, per un costo di 255,2 milioni. In risposta, l’assessorato regionale alle Opere pubbliche avrebbe messo in evidenza la non urgenza degli interventi, rivendicando per la Puglia l’unico piano completo per l’assetto idrogeologico. In ogni caso, a detta dell’assessore pugliese Fabiano Amati, in mancanza di risorse è preferibile puntare sugli interventi immediati della Protezione civile. Ma, con la cartina “del rischio” davanti, “zoommiamo” su Alliste, dove il rischio idrogeologico esiste e dipende soprattutto dal suo essere una zona depressa (più bassa, cioè) rispetto ai paesi

Fuochi finali dell'istituto comprensivo "Calvino"

E l'anno scolastico si chiude con teatro Ma la Regione non lo ritiene urgente musica e acrobazie

Rischio sì, soldi no

Intervento della Protezione civile in via S. Anna; a destra via Grandi

Il paese è in una zona In passato si sono ripetuti depressa e riceve le acque allagamenti: notevoli di Racale e Melissano quelli del 1992 e 2010 limitrofi. Per accorgersene, basta notare quel che succede durante un acquazzone: le acque piovane di Racale confluiscono ad Alliste, quelle di Melissano a Felline. D’altra parte, la storia dei

Partono le selezioni per "Talent baby Italia" Il 15 giugno, presso l’hotel “Jonico” alla marina di Alliste, l’associazione “Mauro Carratta” di Ugento (in collaborazione con “Vipanimation”) ha organizzato un casting gratuito per “Talent baby Italia” aperto a chiunque, di un’età compresa fra i 5 e i 14 anni, voglia esibire la propria bravura in canto, musica, danza, recitazione e fotogenia. Chi supera questa fase, può concorrere alle selezioni regionali, in vista della finale nazionale di “Talent baby”. Al vincitore del concorso pugliese, intanto, andranno 1.000 euro in contratti di lavoro. Chi pensa di avere un’ugola d’ora, ha approfittato del Master Day del 16 e 17 giugno, per un totale di 12 ore, organizzato dall’associazione ugentina “Gli amici di Mauro” in collaborazione con l’Università della musica (Ums). Le lezioni sono tenute dal direttore artistico Ciro Barbato e da Mario Brancaccio (regista, attore, autore di programmi televisivi e scrittore). Per informazioni sul concorso e altre eventuali si può contattare l’associazione al numero 349/2950286.

due paesini la dice tutta: chi non ricorda la grande alluvione del ’92-’93 a Felline, quando ci si è dovuti servire di gommoni per portare le famiglie in salvo? L’evento più tragico, forse,

ma non di certo l’unico: al 2010 risalgono gli allagamenti di via Sant’Anna, via Grandi, e soprattutto quello senza precedenti di via Antonaci (nel mese di marzo), dove è stata poi rimessa a nuovo la fognatura pluviale. «Proprio in quell’occasione – ha ricordato il sindaco Antonio Ermenegildo Renna – abbiamo realizzato l’adeguamento del recapito finale delle acque piovane sotto la collina, su via Longa, recuperando e potenziando le vasche. Da parte nostra, posso dire che nel nuovo Piano urbanistico generale stiamo facendo uno studio idrogeologico coinvolgendo anche i paesi limitrofi, e se dovessero arrivare pure fondi regionali non esiteremmo ad usarli, naturalmente».

La grande “bottega dell’arte” che è l’istituto comprensivo “Calvino” di Alliste, come lo ha definito la dirigente scolastica Filomena Giannelli (foto in alto), ha chiuso l’anno scolastico 2011/2012 con una duplice mostra dei suoi “manufatti” più preziosi. Proprio così, perché da un lavoro minuzioso, come quello artigianale, sono venuti fuori sia l’opera teatrale “La boutique fantasque” (il 29 maggio, al teatro “Italia” di Gallipoli Gallipoli)), sia la gara canora “Zecchino d’oro Kallistos” (il 1° giugno, al cinema “Oriente” di Alliste). Sul palco gallipolino è andato in scena il capolavoro di Rossini, frutto del progetto sperimentale “Musica 2020” (promosso dall’Ansas e dal Miur, realizzato quasi a costo zero grazie alla solidarietà di alcuni musicisti locali): se i ragazzi della scuola media sono stati attori, coristi o musicisti d’orchestra per una sera, i piccoli studenti della scuola primaria hanno danzato e sfilato in una parata acrobatica.

Proprio questi ultimi non hanno avuto molto tempo per riposarsi, giusto un paio di giorni per scaldare le ugole d’oro, pronti a calcare il palcoscenico del cineteatro “Oriente” che ha ospitato la terza edizione del minifestival musicale a cura dell’insegnante Vincenza Portoghese (foto in basso). Più che in una gara canora, i baby partecipanti (dai 3 ai 10 anni) sono stati impegnati in una esibizione del loro talento, se la giuria ha confessato di aver avuto grande difficoltà a selezionarne i vincitori ed ha suggerito, per il prossimo anno, di mettere da parte la competizione a favore del puro piacere di ascoltare quelle candide voci. Per ora, è calato il sipario sullo “Zecchino d’oro” e sull’anno scolastico, ma c’è da scommettere che più di qualcuno, se avesse potuto, sarebbe rimasto in platea, ansioso di veder riaprirsi quelle tende e svelare quello che riserverà, di spettacolare, la prossima stagione del “Calvino”. RR

Festa dello sport con i piccoli campioni under 11 e la biciclettata Felline- Torre S. Giovanni Sono infaticabili i piccoli campioni allenati dal mister Emiliano Serio e da Marcello Pierri. Dopo il primo posto al torneo internazionale “Italia Super Cup 2012” di Rimini gli allievi under 11 della scuola calcio dell’associazione sportiva di Felline (presieduta da Deodato Casto) puntano a far bene anche nella competizione che si sta giocando in casa. L’accoglienza trionfale ricevuta al ritorno non li fa assolutamente dormire sugli allori, anzi è un ulteriore stimolo per continuare ad essere l’orgoglio di Felline. Così, ogni pomeriggio, il piccolo campo sportivo alla periferia del paese diventa teatro del torneo di calcetto che vede coinvolti i pulcini, gli esordienti (tra i 12 e i 13 anni) e i giovanissimi (14enni e 15enni). Ad andare in scena sul

Tutti su due ruote ma anche senza

Due immagini delle iniziative all'interno della "Festa dello Sport": in alto la biciclettata e accanto il tiro alla fune

manto erboso, per un paio d’ore, sono i sogni e la grinta dei piccoli partecipanti alla “Festa dello sport”. Patrocinato dal Comune di Alliste e dalla Us Acli provinciale, l’evento è stato segnato anche da un’altra tappa: la biciclettata di domenica 3 giugno, partita da Felline e diretta alla pineta comunale di Torre San Giovanni. Il prossimo appuntamento è per il 23 giugno sulla piazzetta di via Milano, con le coreografie allestite dall’insegnante Esmeralda Lampis di Taviano. In quell’occasione, protagoniste saranno le “quote rosa” di quell’associazione che, da ben 13 anni, organizza la “Festa dello sport”, tanto attesa da tutti i cittadini. RR


NUMERI UTILI Carabinieri: 0833 587171 Comune: 0833 586211 fax 586244 Guardia medica: 0833/581163 Ufficio postale: 0833 971711 Polizia municipale: 0833 587982

MELISSANO 14 - 27 giugno 2012

Pag. 25

Con un giornale come questo la tua proposta arriva a destinazione e ci rimane

Si è concluso con uno spettacolo in piazza Garibaldi il corso di educazione stradale delle classi A, B, C della scuola primaria di Attilio Palma

Si è tenuto nei giorni scorsi lo spettacolo conclusivo del “Progetto di educazione stradale” in piazza Garibaldi presentato dagli alunni delle classi seconde A-B-C della scuola primaria “Don Quintino Sicuro”. Un percorso formativo di grande importanza con l’obiettivo di fare dei bambini degli accorti pedoni e ciclisti oggi e disciplinati automobilisti domani. Il progetto ha avuto successo grazie al lavoro e all’impegno dei docenti Antonella Coronese, Franca Corvaglia, Natalizia De Lorenzis, Olimpia De Micheli in collaborazione

Pedoni e ciclisti corretti, ora si può con l’insegnante Fernanda Paiano Bavone, dell’esperto esterno, il sottotenente della Polizia municipale Giovanni Schirinzi, e dell’esperta di musica e regia Paola Toma. Questi tutti i nomi dei bambini protagonisti dello spettacolo: Clarissa Arcuti, Francesco Michele Caporale, Federica Caputo, Flavio Caputo, Filippo Casciaro, Mattia Causo, Lara Maria Coletta, Joseph Longo, Sofia Maggio, Giacomo Manco, Pierpaolo Cosimo Manni, Chiara Assunta Margari, Francesco Giuseppe Margari, Giada

Marzano, Bruna Nassisi, Silvia Nassisi, Luca Palma, Aurora Portaccio, Alessia Rimo, Sasha Alessandra Spennato, Giuseppe Pio Talema, Martina Tanese, Sara Tenuzzo, Giulia Xhafa, Lorenzo Biasco, Giorgio Maria Caputo, Diego Casto, Francesco Ciampa, Sirya Antonia Coletta, Alessandro Cortese, Giorgia Cortese, Federica Cugino, Davide Esposito, Lorenzo Greco, Edoardo Imperiale, Ludovica Lacatena, Federico Lanza, Christian Manco, Gabriele Marino, Andrea Mercurio, Desirè Mitrucci, Mattia Napolitano,

Alessio Parisi, Loris Luigi Pindinello, Samuele Troisi, Aurora Caggiula, Anna Caputo, Daniel Caputo, Davide Cavalera, Sophie Fatima Colona, Gaya Conte, Lorenzo Cortese, Giorgia D’Amilo, Vittoria De Lorenzis, Chiara Del Fino, Melany Silvia Gregori, Elisa Librando, Michele Macrì, Edoardo Brian Manco, Michela Manni, Ana Ylli Pergjoka, Lorenzo Pio Perrone, Marscia Piscopiello, Simone Protopapa, Anastasia Reho, Axel Sambati, Michael Scarcella, Yuri Roberto Scozzi e Simone Turco.

Un tappeto di fiori per il passaggio della processione del Corpus Domini a Melissano e Tuglie

Infiorati 60 metri Iniziativa del Gtg e della parrocchia Notte e giorno 30 persone al lavoro dal venerdì mattina alla domenica, festa del Corpus Domini per un tappeto di fiori lungo 60 metri su via Casarano. Per la seconda volta il Centro turistico giovanile, col suo presidente Mario Siciliano, hanno curato la realizzazione dell’Infiorata. Migliaia di fiori offerti dai floricoltori di Taviano e Leverano, impegno senza sosta dei volontari e il risultato è sotto gli occhi di tutti, documentato dalle foto che pubblichiamo. I motivi che i fiori disegnano sono quelli tradizionali tratti dall’iconografia religiosa. Infiorata anche a Tuglie organizzata dalla parrocchia Maria SS Annunziata col parroco don Emanuele Pasanisi. La compongono 5000 garofani rossi e l’artista è Franco Boccadamo. L’abitudine di gettare petali di fiori sulle statue dei santi portati in processione è antichissima L’infiorata, invece, l’arte di comporre con i fiori quadri a vari soggetti per fare da tappeto a processioni è nata nel 1625. La notizia è contenuta nel “De florum coltura” del ge-

Qui sopra il gruppo dei volontari che hanno composto la strada di fiori a Melissano (a destra, foto di Alberto Caputo). A sinistra l’Infiorata nel centro di Tuglie

suita Giovan Battista Ferrari che descrive la prima Infiorata in Vaticano, appunto il 29 giugno di quell’anno in occasione della festa di S. Pietro e Paolo. L’artista era Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, con l’aiuto del figlio Pietro. Da Roma la tradizione si diffuse rapidamente sui colli Albani soprattutto per gli stretti legami che il Bernini, che era successo al Drei, aveva con quel territorio.

Madonnari in erba Vi hanno partecipato in trenta, felici di potersi mettere alla prova con gessetti colorati e dare libero sfogo alla loro creatività con un soggetto a loro tanto caro e familiare. L’appuntamento annuale - come da tradizione perché ormai si sussegue da vent’anni, con la festa dei Giò Madonnari, ha visto la partecipazione di un folto gruppo di bambini e ragazzi, 17 delle scuole elementari e 13 della media. Arduo il lavoro della giuria, chiamata a individuare e segnalare il lavoro più significativo; il compito gravoso è stato sulle spalle della pittrice Caterina Mauro di Taviano e da Giuseppe Arseni, docente presso il Liceo artistico “Ciardo “ di Lecce. A tutti i partecipanti è stato comunque consegnato un diploma di partecipazione .

La carica dei trenta

Bambini e ragazzi in azione, armati di gessetti

Il paese piange “u Dante” La morte è sempre traumatica, soprattutto per chi rimane in vita a piangere chi non c’è più. A qualsiasi età essa arrivi. Ma quando vanno via personaggi come Dante Micheli, pensionato, senza dubbio la persona più amata di Melissano, il trauma colpisce profondamente e in maniera trasversale una cittadina intera. “U Dante” si è spento nella notte tra il 10 e l’11 giugno all’età di 64 anni dopo una lunga malattia che aveva minato il suo trascinante sorriso, la sua spontaneità, la sua simpatia senza confini. Dante era un pezzo di memoria storica di Melissano. Era l’amico di tutti, era il “monumento” vivente della piazza, era la persona sempre pronta a raccontare i suoi irresistibili aneddoti, impreziositi da un inaspettato senso comico che ogni volta ti lasciava a bocca aperta, come fosse un cabarettista nato. Dante era anche un grande appassionato di calcio, tifosissimo del Lecce che spesso e volentieri seguiva al “Via del Mare”. La fede giallorossa prevaricava oltremodo la sua “simpatia” interista che, ogni tanto, sfociava in sferzanti e sarcastici sfottò con i tifosi juventini e milanisti. Dante lascia un vuoto incolmabile nella cittadina melissanese, che vive il lutto come fosse morto un proprio parente. Con Dante va via un ultimo genuino pezzo della comunità melissanese. MM

Concluso il Pon “Matelandia” per gli alunni delle seconde classi della scuola primaria

Tutti bravi a fare conti, pure difficili Termina con la fine dell’anno scolastico il modulo Pon dal titolo “Matelandia” al quale hanno partecipato gli alunni delle classi seconde dell’Istituto comprensivo statale di Melissano scuola primaria “Don Quintino Sicuro”, il cui dirigente è Giuseppe Cassini. La scorsa settimana si è tenuta una lezione aperta all’interno della palestra con l’esperto esterno Paola Gravili, la tutor d’azione Franca Corvaglia, il referente per la valutazione Anna Paola Legittimo, il facilitatore Ettore Reho. I bambini corsisti sono Aurora Caggiula, Francesco Michele Caporale, Giorgia Maria Caputo, Mattia Causo, Davide Cavalera, Francesco Ciampa, Lara Maria Coletta, Sophie Fatima Colona, Gaya Conte, Alessandro Cortese, Federica Cugino, Chiara Del Fino, Davide Esposito, Lorenzo Greco, Edoardo Imperiale, Federico Lanza, Elisa Librando, Cristian Manco, Giada Marzano, Bruna Nassisi, Luca Palma, Axel Sambati, Yuri Roberto Scozzi e Simone Turco. AP

L’istituto “Don Quintino Sicuro”


14 - 27 giugno 2012

Melissano

26

ACARI A SCUOLA INTERVENUTA L’ASL L’allarme è scattato da parte dei genitori quando hanno visto i loro bambini, al ritorno da scuola, presentare quelle che con termini medici

sono chiamate “lesioni eritematopapulose pruriginose al dorso e agli arti con edema duro”. La scuola è quella elementare “Don Quintino Sicuro”(foto) e i bambini quelli di una quinta che erano stati nell’aula

Tv per la visione di un audiovisivo. I “colpevoli” sarebbero stati gli acari annidati nella tenda. Pronto l’intervento del dirigente, del responsabile comunale del settore Servizi sociali e dell’Asl.

Diploma di merito all’Unione agricola

Celebrazioni religiose e civili per San Luigi

Il rosato melissanese ora punta ai mercati esteri

«Le radici di questa festa nell’animo dei melissanesi»

Il vino melissanese si conferma d’eccellenza. Ne è testimonianza il prestigioso diploma di merito conseguito dall’Unione Agricola, premiata per il miglior vino rosato Igp (Indicazione geografica protetta) nel corso del primo “Concorso enologico nazionale dei rosati d’Italia” organizzato a Bari dalla Regione Puglia con il vaglio del Ministero delle Politiche Agricole. Alla competizione enologica hanno partecipato circa 2300 aziende vinicole su scala nazionale. La premiazione si è tenuta i primi di maggio nel Castello di Otranto, alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Mario Catania e dell’omologo Assessore regionale Dario Stefàno. Ancora una soddisfazione, quindi, per la cantina cooperativa nata nel 1959 che oggi conta circa 900 soci. La visita alla “ProWein” di Dusseldorf, una delle fiere

enologiche più importanti del mondo, ha spinto l’azienda presieduta da Luigi Caputo a puntare forte anche sui mercati esteri che, nonostante la crisi economica, continuano a richiedere vino italiano. «Ma non un vino qualsiasi - spiegano gli addetti ai lavori dell’Unione agricola - bensì un vino di qualità come, per esempio, il nostro rosato, composto per l’85% da negroamaro e non da incroci di uve rosse e bianche come comunemente si crede». Qualità, quindi, e diversificazione dell’offerta, insieme alla capillarizzazione della proposta sul territorio. Questi i punti cardini della cooperativa melissanese i cui prodotti, come da diversi anni a questa parte, faranno bella mostra di sé in occasione dell’annuale appuntamento con “Vinimmagine”; la tradizionale sagra che si terrà a Melissano, a ridosso di Ferragosto. MM

Dopo le celebrazioni religiose per Sant’Antonio da Padova, patrono della cittadina, la comunità melissanese si appresta a vivere i due giorni di festeggiamenti religiosi e civili in onore di San Luigi Gonzaga (protettore della gioventù), la cui ricorrenza è fissata per il 20 e 21 giugno. Il comitato festa ha svolto un lavoro straordinario per offrire ai fedeli un cartellone di eventi che unisce fede, tradizione e divertimento. «Tutti coloro che ci sono stati vicini nei momenti di preparazione dell’evento - spiega il presidente del comitato festa Gianfranco Chezza - ben conoscono le difficoltà e i sacrifici richiesti per allestire la festa. Tuttavia, l’entusiasmo e la fede che ci hanno accompagnato in questo percorso, hanno permesso di proseguire una tradizione le cui radici affondano nella storia e nell’a-

La sede dell’Unione agricola

Accolto dal Tar di Lecce il ricorso della famiglia Sasso contro il Comune che deve risarcire di Attilio Palma

Hanno diritto alla restituzione delle aree occupate poiché non è stato concluso, entro i termini, il procedimento espropriativo da parte del Comune di Melissano. Non solo: hanno anche diritto ad ottenere il risarcimento del danno subito. La prima sezione del Tar di Lecce ha accolto il ricorso presentato da Francesco Sasso, Adele Sasso e Rosalba Sasso, difesi dall’avvocato Ernesto Sticchi Damiani, contro l’ente i cui interessi sono curati dagli avvocati Arianna Stefano e Antonio Francioso, quantificando il danno nella misura di € 266mila 762,61. Il Comune avrà ora novanta giorni di tempo per la formulazione della proposta risarcitoria. La vicenda risale al 1998 e riguarda un suolo di oltre settemila mq di proprietà della signora Anna Fachechi in località Cellini dove era avviata un’attività di produzioni ortaggi e di allevamento di animali da cortile ed erano ubicati due fabbricati. Sulla parte restante, ulivi e seminativo e un laghetto alimentato dalle precipitazioni meteoriche e da acque risorgive. Nel 1998 il Comune approvava il progetto preliminare relativo al recupero e valorizzazione ambientale del laghetto e delle aree circostanti località Cellini all’interno delle quali ricadeva l’intera proprietà della signora Fachechi. Nel 2000 avveniva l’occupazione d’urgenza e “il termine per pervenire alla definitiva ablazione del bene con l’emanazione del relativo decreto di esproprio risultava fissato in anni 5 dalla data di immissione in possesso del bene”. Nel termine fissato dalla stessa Amministrazione comunale, però, il 31 luglio 2005, non veniva emanato alcun provvedimento definitivo di esproprio. Gli eredi della signora Fachechi chiedevano così nell’aprile del 2000 il ristoro dei danni senza poi ottenere alcun riscontro. Da lì, il ricorso al Tar.

Esproprio dimenticato Il Comune deve restituire anche le aree occupate SEGNO DEI TEMPI Il sindaco Roberto Falconieri fa anche il giardiniere: eccolo mentre aiuta un operaio a piantare dei fiori vicino alla chiesa della Vergine del Rosario

A breve un ecocentro Differenziare, ridurre il volume dell’indifferenziato in discarica, ed infine avere dei vantaggi che si traducono non solo in un ambiente più sano e vivibile, ma anche in un considerevole risparmio. In quest’ottica è fondamentale disporre di un ecocentro. La Giunta di Melissano ha individuato un terreno adatto allo scopo, l’ufficio Tecnico comunale ha redatto il progetto definitivo per una spesa complessiva di 106mila euro (6mila il cofinanziamento comunale) e la Giunta l’ha approvato. Ora la realizzazione dell’ecocentro è stata inserita nel programma triennale delle opere pubbliche.

Gianfranco Chezza

nima di tutti noi melissanesi, che non hanno esitato a dare il proprio contributo per la festa». Il programma delle celebrazioni religiose s’inaugurerà lunedì 18 giugno con il triduo in chiesa Madre e culminerà con la processione e la celebrazione delle messe. Per i giorni 22, 23 e 24, il comitato festa organizza una gita a Tivoli, Roma e Fiuggi. Per informazioni, 3343272729 o 347-4977496. MM

Strade rurali, approvato il progetto La Giunta comunale ha approvato il progetto preliminare per i lavori di ammodernamento delle strade rurali pubbliche di collegamento con le arterie di comunicazione comunali, provinciali e statali. Il progetto, che fa parte del Programma di sviluppo rurale 20072013 ha un costo totale di 562.943,76 euro. L’opera, di primaria importanza, è stata inserita nel Programma triennale delle opere pubbliche.

Bilancio un po’ amaro per il Melissano che resta in Seconda Categoria

Tanto impegno per poco di Marco Montagna

Si chiude con tanto rammarico la stagione calcistica dell’Asd Melissano nel girone D di Seconda categoria. Nonostante un buon girone d’andata e la costante presenza nell’élite della classifica, la formazione allenata da mister Salvatore Pirretti ha fallito sia la promozione diretta in Prima categoria, sia l’obiettivo che sembrava quello minimo, il più facilmente raggiungibile: la qualificazione ai play-off. Il calendario è stato beffardo nel mettere di fronte, nell’ultimo turno di campionato, proprio Melissano e Taurisano Taurisano, le due squadre in lotta per il residuo posto nella griglia play-off. Ed è stato pareggio sul terreno del Comunale melissanese: 1-1 con le reti di D’Amore per i locali e di Leuzzi per gli ospiti. Un pari che, allo stato delle cose, lasciava immutata la classifica (50 punti per entrambe). A far pendere la bilancia dal piatto taurisanese, a parità di punti negli scontri diretti, era la miglior differenza reti generale che condannava il team del presidente Donato Caggiula all’esclusione dagli spareggi promozione. Eppure la squadra dei fratelli Nassisi (Antonio, Emanuele e Marco) e dei vari Stamerra, Colitti, D’Amilo e Corsano aveva avuto una partenza sprint vincendo sei delle prime sette partite, tra cui quella con il Minervino, futuro trionfatore nel

INVESTE Volete lavorare con noi?

FATEVI AVANTI. Asd Melissano (foto di Alberto Caputo)

torneo. Poi arrivava il passaggio a vuoto con le sconfitte subite da Marittima e Stella Del Colle e i tre pareggi consecutivi, a cavallo del nuovo anno. Il tris di vittorie di marzo contro Andrano, Don Bosco e Matino sembravano rilanciare la candidatura del Melissano verso le zone alte della classifica ma i soli due punti racimolati nelle ultime cinque gare di campionato, alla fine, sono stati deleteri. Ora, dopo un po’ di meritato riposo, si penserà alla programmazione e alla campagna acquisti. I dirigenti melissanesi dovranno lavorare per rinforzare una squadra che potrebbe perdere qualche “pezzo da novanta”.

Ora servono agenti per la pubblicità inviate una mail a info@piazzasalento.it oppure chiamate lo 0833 1823575


NUMERI UTILI Biblioteca: 0833 621964 Carabinieri: 0833 622010, 623535 Consultorio familiare: 0833 625967 Guardia medica: 0833 622386 Municipio: 0833 626411; Sito ufficiale: www.comune.taurisano.le.it; E-mail: info@ comune.taurisano.le.it Polizia municipale: 0833 622014 Protezione civile: 0833 623965 Ufficio postale 0833 626311

TAURISANO

Usa questo mezzo capillare per la tua pubblicità

Pag. 27

14 - 27 giugno 2012

Rassegna di manifestazioni in tema ambientale

Opere pubbliche realizzate, iniziative nell’ambito sociale e culturale, attenzione all’ambiente i temi principali presenti nella relazione del sindaco (nella foto piazza Castello con la sede del Comune)

Riciclare, riusare e rinnovare tre verbi “verdi”

Rapporto pubblico del sindaco, con una triste sorpresa

La conferenza stampa, da sinistra Damiano, Capone, Di Seclì

«Il mio primo anno ma quanti poveri»

di Pierangelo Tempesta

Il 24 giugno, presso la Circolare di Giotto, si svolgerà la Chi l’ha detto che fare la rac- giornata ludico-ricreativa «Giocolta differenziata sia noioso? A chiamo riciclando», organizzata Taurisano ci pensano il Comune in collaborazione con le associae le associazioni a rendere il ri- zioni «Lavori in corso», «Fuori spetto per l’ambiente divertente di zucca» e «Nuvole». Il 17 lue istruttivo, grazie alle tante ma- glio appuntamento con il «Teatro nifestazioni organizzate nell’am- ambientale per i piccoli», a cura bito di «Riciclo Riuso Rinnovo» dell’associazione «Aldo Sabaper sensibilizzare la cittadinanza to».Tanti gli appuntamenti anche sui temi dell’educazione ambien- dopo l’estate. Ne anticpiamo altale. Il progetto è stato presen- cuni: l’1 e il 2 settembre ci sarà tato in una conferenza stampa la rassegna «Arte Terra Ambienalla presenza del sindaco Lucio te», a cura del comitato «Arte in Di Seclì, dell’assessore all’Am- terra»; dal 3 all’8, poi, «Messaggi biente Francesco Damiano, del- necessari», esposizione artistica la vicepresidente di Antonella De della Regione Pietro nella biLoredana Capoblioteca comunane, del presidente Coinvolti nel progetto le, a cura di «Nudi Italia Nostra gruppi, scuole vole»; il 9 sarà Marcello Seclì e l’ora del cinema, del dirigente sco- e “Italia Nostra” con la proiezione lastico Aldo Alidi un cortomebrando. traggio sulla tutela Nei giorni ambientale a cura scorsi si sono già svolti i pri- della Consulta Giovanile; il 16 mi appuntamenti: il 28 maggio settembre la Protezione Civile, «L’ambiente a scuola», creativi- la Pro Loco e la Consulta Giotà giovanile ed educazione tra i vanile presenteranno la giornata banchi dei due poli scolastici; il 7 di volontariato ambientale per la giugno «Ambiente ed energie rin- pulizia e il recupero dei luoghi novabili», convegno informativo pubblici. in collaborazione con Acast e Pro Una serie di appuntamenti, Loco; il 10 giugno la «Passeg- quindi, che presentano un valore giata ecologica», con percorsi tra altamente educativo. L’attenzioambienti rurali e le stradine del ne è rivolta soprattutto alle nuove centro, in collaborazione con la generazioni che sono stimolate ad Pro Loco e la Consulta giovanile. agire e a seguire esempi virtuosi.

di Mariarosaria De Lumè

A un anno dal suo insediamento al palazzo di Città, il sindaco Lucio Di Seclì fa il punto della situazione in una relazione in cui ringraziando la sua Giunta e i consiglieri per l’impegno, l’entusiasmo e l’abnegazione con cui hanno condiviso il suo percorso, ribadisce gli obiettivi e illustra le attività più significative. Non senza prima aver sottolineato una realtà che pensava non potesse essere così evidente: la povertà che è “da carenza di lavoro, da scarsità di mezzi di sostentamento, una povertà diffusa, specie tra le giovani coppie di sposi con figli in tenera età”. E ancora malattie, crisi depressive, persone non autosufficienti, Un quadro che lascia turbati e che viene mitigato “dalla vivacità delle numerose associazioni che investono diversi campi che interessano la cultura, lo sport e lo spettacolo”. Tra gli obiettivi occupa il primo posto la realizzazione del programma triennale delle opere pubbliche, tra le quali assume un posto prioritario l’ampliamento del cimitero per un importo previsto di 675mila euro. Numerose le attività avviate nel campo culturale, delle politiche sociali, dell’ambiente e qualità della vita. Per le prime vanno sottolineati l’approvazione

Sversamento dei reflui al confine con il feudo di Acquarica del Capo

Un lago, ma non è d’acqua Un lago di liquami di un chilometro quadrato nella campagna al confine con Acquarica del Capo: è questo l’indecoroso spettacolo a cui si assiste nei pressi del depuratore di Taurisano. Una situazione che rischia di causare danni all’ambiente, ma che è già giunta all’attenzione della Procura di Lecce. Claudio Stefanachi - proprietario del terreno che confina con il depuratore, invaso dalle acque che fuoriescono dalle vasche dell’impianto - per tramite del suo legale Giovanni Chiffi ha chiesto all’autorità giudiziaria di sequestrare l’intera struttura. La vicenda è iniziata nel mese di settembre 2011; Il 15 dicembre l’avvocato Chiffi ha chiesto all’Aqp di fermare lo sversamento entro 15 giorni, mentre, il 20 dicembre, è stato lo stesso Stefanachi a recarsi dai carabinieri per presentare una denuncia-querela e per chiedere il sequestro dell’impianto di depurazione. L’Acquedotto pugliese, qualche giorno dopo, ha spiegato che dei 3.000 allacci previsti, in paese ne sono stati realizzati solo 1.500 e che, quindi, l’ec-

Il sindaco Lucio Di Seclì

La “vivacità di tante associazioni” mitiga un contesto sociale sofferente

del progetto per una Bibliomediateca multiculturale in collaborazione con le biblioteche di Tuglie e Aradeo e l’Università del Salento e il progetto “Giulio Cesare Vanini nella cultura europea”. Per l’ambito sociale, l’approvazione del progetto esecutivo del Centro sociale polivalente per anziani e del Centro educativo giovani minori protagonisti; per una città più vivibile il progetto esecutivo delle ciclovie, la bonifica del sito contaminato “Marasculi”, la riqualificazione degli spazi urbani e impianti fotovoltaici sugli edifici scolastici delle scuole elementari di via Corsano,di via Addis Abeba e via Lecce. Una disamina realista, quindi, quella del sindaco Di Seclì, con i piedi ben saldi nella realtà del paese ma con lo sguardo rivolto al futuro con l’impegno esplicito che “occorre proseguire con il massimo impegno e la massima determinazione per il raggiungimento degli obiettivi contenuti nelle linee di mandato”.

Il Consiglio dice no agli aerei militari Il Comune di Taurisano si dichiara contrario alla scelta del governo italiano di aderire al programma internazionale “Joint Strike Fighter”. Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità una mozione presentata dall’opposizione per opporsi formalmente a quello che il consigliere comunale Emanuele Rizzello ha definito “uno dei più grandi progetti internazionali aeronautico - militari della storia, con l’Italia che inizialmente aveva previsto l’acquisto di 131 cacciabombardieri F-35, ma che ora ha ridimensionato il tutto a 90 aerei”. «Il programma - dice Rizzello - ad oggi ci è già costato 2,7 miliardi di euro, e ce ne potrebbe costare circa 10 con la riduzione a 90 velivoli, arrivando complessivamente ad un impatto tra i 15 e i 20 miliardi nei prossimi anni. Senza contare il mantenimento successivo di tali velivoli». Mentre altri paesi hanno già scelto di rivedere la loro posizione all’interno del programma, spiega il consigliere, in Italia l’argomento è in fase di discussione alla Camera dei Deputati. «La mozione presentata - continua - ha un carattere dichiarativo e simbolico, ma anche una funzione pedagogica». PT

Sostenete il servizio che rendiamo a questa terra

Un modo per tenerci in contatto e per darci una mano

Contributo per ricevere Piazzasalento:* 6 mesi 12 mesi

Euro 35,00 (12 numeri + edizioni speciali) Euro 65,00 (24 numeri + edizioni speciali)

Intestato a (indicare il destinatario della spedizione): Nome Via

Cognome Cap Città

Il pagamento è stato effettuato da (compilare solo se diverso dal destinatario): Nome Via

Cognome Cap Città

Per il periodo scelto ho effettuato il pagamento come ricevuta allegata:* Liquami ben visibili

cesso di reflui non può essere imputato a problemi relativi alla rete fognaria. La causa, invece, sarebbe l’acqua piovana che, dalle condutture di fogna bianca, andrebbe a finire in quelle di fogna nera, intasando l’impianto. «Se non ci saranno risvolti nei prossimi giorni - conclude il legale - promuoveremo un’azione civile per chiedere il sequestro d’urgenza della struttura». PT

- a mezzo c/c postale nr. 8168644 a favore di Indra srl - Magenta (MI) - a mezzo assegno bancario barrato e non trasferibile a favore di “Indra srl” - a mezzo bonifico bancario a favore di Indra srl iban: IT 74 H 02008 79671 000101272821 * Barrare con “X” la scelta

Inviate questo coupon via fax allo 0833.1823573 oppure tramite e-mail a sostenitori@piazzasalento.it


14 - 27 giugno 2012

Taurisano

28

QUATTRO AULE PER UN PROGETTO La Giunta comunale ha autorizzato l’uso di quattro aule situate al piano terra dell’Istituto “Don Tonino Bello” di Via Negrelli (foto), compresi i

laboratori esistenti e la sala congressi, per la realizzazione del progetto per lo sviluppo di “attività professionali e non” proposto dal 1° polo “G.C. Vanini” in collaborazione con Ennedi Service S.r.l., esperta in informatica

In un incidente stradale ha perso la vita Gigi Urso, manovale di Pierangelo Tempesta

Se n’è andato poco dopo l’alba, mentre si stava recando, come ogni mattina, a fare il manovale. Lo attendeva una giornata di duro lavoro in cantiere, e invece Cosimo Luigi Urso - conosciuto da tutti con il diminutivo Gigi - su quella strada ha trovato la morte. Erano circa le 5.30 del 31 maggio e il giovane 30enne stava percorrendo la provinciale che collega Supersano a Scorrano. In contrada «Vignanova» ha perso improvvisamente il controllo della sua Renault Megane ed è andato a finire contro un albero d’ulivo. L’urto è stato violentissimo, e la scena che si è presentata ai soccorritori agghiacciante. Nell’impatto l’auto si è letteralmente spaccata in due, e Gigi è morto sul colpo. Ai medici del 118 non è restato altro da fare che trasportare il corpo, estratto dalle lamiere con l’aiuto dei vigili del fuoco, all’obitorio dell’ospedale di Scorrano. Così tutto il paese si è ritrovato, purtrop-

Se n’è andato a 30 anni Tutto il paese sgomento po per l’ennesima volta, a vivere giorni di sgomento. In tanti si sono stretti intorno alla famiglia dello sfortunato ragazzo, composta dal papà Giuseppe - molto conosciuto in paese per il suo lavoro di salumiere in un supermercato del centro -, dalla madre Gina Rattazzi, dal fratello Oliviero, dalla sorella Ilaria e da due nipotini. Gigi, da poco separato dalla moglie, era conosciuto da tutti come un ragazzo con la testa sulle spalle, sempre gentile ed educato. Un giovane che, tra le sue passioni, aveva quella per le moto. Faceva parte di un gruppo di centauri che si riuniva per condividere l’amore per i motori e e che gli ha dato l’ultimo saluto accompagnandolo con due lunghe file di bolidi.

Scomparso nel Veneto un 38enne di Taurisano Al momento di andare in stampa, non si conoscono ancora gli sviluppi della scomparsa di Cosimo Carangelo, il 38enne che da Taurisano si era trasferito a Buttapietra, un piccolo centro in provincia di Verona. È dal 4 giugno scorso che non si hanno notizie. La sua auto è stata trovata sulla riva dell’Adige nella zona di Ponte S. Pancrazio. All’interno gli effetti personali e a poca distanza dall’auto i poliziotti hanno trovato alcuni capi di abbigliamento, il cellulare e il portafoglio. Tutto farebbe pensare ad un gesto estremo. L’uomo fino a qualche tempo fa gestiva con un socio un ristorante, nell’ultimo periodo, però, aveva trovato lavoro in un magazzino. L’allarme della scomparsa è scattato subito le la Prefettura di Verona ha coordinato le ricerche che, a causa delle forti piogge e dell’ingrossamento dellAdige, sono state interrotte al terzo giorno. I famigliari, come è comprensibile stanno vivendo ore di terribile angoscia. Sono partiti per il Veneto e hanno raggiunto un altro fratello di Cosimo che abita lì e seguono da vicino le ricerche.

Decima edizione del Memorial “Gianmarco Ponzetta”

Tutto il campo per gli Juniores Ha trionfato la squadra del Copertino

e l’Università Georges Lapassade di Galatina. L’obiettivo del progetto la realizzazione delle attività che vanno dal comparto socio-educativo, all’artigianato, alla formazione professionale sia di base che specializzante.

Foto alla Hunziker pena confermata Il “Coraggio” di Fusaro e Vanini Il prossimo 22 giugno si tornerà a parlare del figlio più illustre della città, Giulio Cesare Vanini (nella foto la casa restaurata recentemente) e lo si farà attraverso la presentazione dell’ultimo lavoro del giovane filosofo Diego Fusaro che si intitola “Coraggio”. Il coraggio è quello di quanti, filosofi e intellettuali in genere, si sono ribellati al potere, rimettendoci anche la vita. Nel saggio di Fusaro si parla di Vanini come “eroe della filosofia”, tra quei “martiri del pensiero” che “hanno legato le proprie sorti personali alla verità di cui hanno offerto la più vivida testimonianza, opponendosi alle costellazioni di potere e alla persecuzione da essa operata, a ogni latitudine e in ogni epoca, della libera ricerca del vero” L’appuntamento è presso la casa natale di Giulio Cesare Vanini.

È stata confermata la condanna ad un anno e mezzo di reclusione (con pena sospesa) per la guardia del corpo di Michelle Hunziker che nel luglio del 2006 inseguì e minacciò Roberto Rocca (foto), il fotografo professionista di Taurisano che aveva cercato di sorprendere la soubrette sulla sua barca ormeggiata nel porto di Gallipoli Gallipoli. I giudici della corte d’Appello del tribunale di Lecce hanno stabilito che il 48enne Maurizio Uzzi, originario di Taranto, si rese autore di una tentata rapina per aver minacciato Rocca al fine di farsi consegnare la sua macchinetta digitale. Dal diverbio tra i due scaturì un’inseguimento lungo 15 chilometri sulla superstrada per Leuca. L’auto del fotografo venne più volte speronata ed il bodyguard si arrese solo dopo che Rocca riuscì a chiamare i carabinieri.

Soddisfazione degli organizzatori e gioia dei vincitori del “Memorial” di clacio

Quindicesimo appuntamento con la musica classica

di Rocco Schiavano

Ad aggiudicarsi la decima edizione del Memorial Gianmarco Ponzetta è stata la società di calcio Asd Copertino, che, nella finale disputata sul terreno del Comunale di Taurisano domenica 3 giugno, ha battuto con il risultato di 1 a 0 la formazione della Juventina Lecce, rivelazione della interessante rassegna giovanile taurisanese. L’appuntamento di quest’anno, infatti, per volere degli organizzatori è stato riservato a compagini della categoria “Juniores”, che, una volta in campo, hanno onorato al meglio la manifestazione, giocando con determinazione e sportività e offrendo, al contempo, un più che apprezzabile spettacolo di gioco. Il torneo si è svolto nel fine settimana compreso tra giovedì 31 maggio e domenica 3 giugno sui campi di gioco di Taurisano e Racale. Nella sala consiliare di di Racale Taurisano, invece, c’era stata la presentazione della manifestazione, condotta da Ettore Romano, e il relativo sorteggio per gli accoppiamenti, nel corso della quale, oltre al responsabile organizzativo Rocco Ponzetta, erano intervenuti anche il presidente della

Mendelsshon Festival la musica è d’autore Provincia, Antonio Gabellone, e il sindaco del Comune di Taurisano, Lucio Di Seclì. Le società di calcio partecipanti sono state otto: Capo di Leuca, Asd Taurisano, Juventina Lecce, Copertino, Racale, Virtus Casarano e Pro Italia Galatina, che hanno messo in mostra il meglio del calcio giovanile salentino e la selezione Ogliastra (Sardegna), stuzzicando la curiosità di molti osservatori interessati ai giovani talenti. La finalissima del 3 giugno ha premiato, seppur di misura, il Copertino di mister Lepore, grazie al gol siglato dall’attaccante

Calabrese al minuto 23 del primo tempo. I rossoverdi hanno saputo difendere con padronanza e sicurezza il vantaggio sino al fischio finale dell’arbitro, portandosi così in bacheca l’ambito e prestigioso trofeo. Gli altri premi sono stati assegnati ai giocatori Calabrese e Franco, entrambi del Copertino, migliori marcatori (4) del torneo, a Russo della Juventina Lecce, quale miglior portiere, mentre il premio fair play, posto in palio dal Comune di Taurisano e consegnato dal Vice Sindaco Claudio Scordella, è stato assegnato alla società Virtus Casarano.

È in corso di svolgimento presso la sala consiliare di Taurisano, il 15° Mendelsshon Festival, appuntamento internazionale con la musica classica, organizzato dall’Istituto pianistico superiore “F. B. Mendelsshon” diretto dal maestro Ippazio Ponzetta. La manifestazione, comprendente ben otto concerti di altissimo livello artistico, ha avuto inizio il 27 marzo scorso e proseguirà, secondo calendario, sino a domenica 8 luglio 2012. L’apertura della rassegna musicale del 27 marzo ha visto in scena il concerto del Trio composto da Pavel Ione-

scu (fagotto), Elisabeth Ganter (clarinetto) e Tatiana Levitina (pianoforte), mentre il 28 marzo c’è stato il recital pianistico di Katheryna Levchenko, artista proveniente dall’Ucraina, il 29 marzo è toccato al pianista Scipione Sangiovanni, il 30 marzo al pianista Stefano Guarascio. La ripresa degli appuntamenti musicali c’è stata domenica 29 aprile con il recital pianistico di Gaia Federica Caporicchio, a cui ha fatto seguito il concerto della giovanissima pianista veronese Ilaria Loatelli. Gli ultimi due appuntamenti sono programmati per il 24 giugno con il

duo tromba – pianoforte composto dai musicisti calabresi Gino Santo e Daniela Gentile e per l’8 luglio con il doppio piano dei maestri Filippo Arlia e Valentina Currenti. Indubbiamente, anche quest’anno l’Istituto “F. B. Mendelsshon” malgrado la critica congiuntura economica in atto, che ha fatto venire meno l’apporto per certi versi determinante degli enti pubblici ha saputo organizzare una rassegna musicale di caratura eccellente, come dimostra la presenza a Taurisano di musicisti appartenenti al top della tradizione classica.


NUMERI UTILI: Municipio: 0833 555091; Uff. Sindaco: 0833 555031; Polizia Municipale: 0833 555770; Carabinieri: 0833 555010 - 0833 556767; SOS mare T.San Giovanni: 0833 931100; Uff. servizi Sociali: 0833 556460; Museo: 0833 555819

UGENTO Pag. 29

14 - 27 giugno 2012

Scoperto l'ennesimo caso di abusivismo edilizio. La Regione Puglia vara una legge per contrastare il diffuso malcostume di Lucio Colavero

Se tra il dire e il fare, come recita un comune detto popolare, c’è di mezzo il mare, tra le carte e la realtà qui c’è un macroscopico caso di abusivismo edilizio. Un immobile per la produzione e la trasformazione dei prodotti agricoli e deposito di attrezzi: questo sulla carta, nei fatti una villa con piscina e campo da tennis completamente abusivi. Il tutto del valore di un milione di euro. A fare l’incredibile scoperta la Guardia di finanza di Casarano che ha provveduto

Piscina e tennis col trucco al sequestro dell’immobile la cui proprietaria, una 41enne di Melissano, è stata denunciata Melissano all’autorità giudiziaria per violazione delle norme in materia edilizia. I controlli che sono seguiti alla scoperta hanno rilevato come la villa, di circa 750 metri quadrati, disposta su due livelli,circondata sui quattro lati da un porticato, era stato realizzata in modo difforme da quanto stabilito dai permessi. Completamente abusivi poi la piscina di 230 metri quadrati e

il campo da tennis di 800 metri. Si registra così un ennesimo caso di abusivismo in barba alle leggi esistenti. C’è però una buona notizia: nei giorni scorsi la Regione Puglia ha approvato la legge che fornisce strumenti operativi anche agli enti locali. In particolare si prevede l’utilizzo di moderne tecnologie aerofotogammatiche l’implementazione di banche dati, supporto ai Comuni nell’attività di vigilanza e di repressione. Istituito anche un fondo di rotazione per le spese di demolizione. Per il 2012 è di 150mila euro.

Il pagamento del soggiorno in vigore dal 15 giugno al 15 settembre di Pierangelo Tempesta

Dal 15 giugno è in vigore l’imposta di soggiorno a Ugento e nelle sue marine di Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini. I turisti che soggiorneranno in queste località fino al 15 settembre dovranno versare una quota giornaliera che andrà da 50 centesimi a 2 euro a persona; sono esenti i minori di 13 anni, gli studenti in viaggio di istruzione, gli autisti di pullman e gli accompagnatori di gruppi organizzati, i proprietari di abitazioni in multiproprietà che utilizzano direttamente gli immobili, i portatori di handicap non autosufficienti. Secondo i consiglieri di opposizione - Giulio Lisi, Carlo Scarcia, Gianfranco Coppola, Pasquale Molle e Angelo Minenna - a queste esenzioni ne andrebbero aggiunte delle altre: per il personale dipendente delle strutture, per chi alloggia nelle strutture a seguito di provvedimenti adottati per situazioni di emergenza o per calamità, per coloro che assistono i degenti ricoverati in strutture sanitarie del territorio, per gli appartenenti alle forze di polizia che pernottano per esigenze di servizio. A tal proposito è stata chiesta la convocazione di un Consiglio comunale che, come assicura l’assessore al bilancio Daniela Specolizzi, sarà convocato nei tempi previsti. È sempre l’assessore Specolizzi a rispondere ad alcune perplessità del Caru (Consorzio attività ricettive Ugento), che nei giorni scorsi, in una nota, ha scritto di temere che i turisti del 2012, oltre a non vedere niente di nuovo rispetto al passato, non usufruiranno nemmeno del servizio navetta di collegamento tra le marine. Il Caru lamenta l’assenza di pulizia delle spiagge, di disinfestazione e derattizzazione e di cartellonistica stradale ordinata. Specolizzi risponde: «Quelle dell’imposta sono somme a destinazioni vincolate, che sarà possibile spendere solo dopo averle incassate. Solo in considerazione delle richieste degli operatori saranno anticipate delle somme per la segnaletica stradale a Torre San Giovanni, Lido Marini e Torre Mozza». L’assessore assicura anche che il Comune sta valutando l’istituzione del servizio navetta e l’attuazione di interventi per arredo urbano, manto stradale nelle zone particolarmente trafficate e pulizia spiagge e il cofinanziamento per uno sportello Bancomat.

Tassa, soldi e obiezioni Critici i consiglieri d'opposizione e gli albergatori Così nelle città dell'uno e l'altro mare Il primo Comune salentino a introdurre la tassa di soggiorno è stato Otranto: da uno a due euro per un massimo di sette notti. L'incasso della scorsa estate è stato di circa 500mila euro. Tricase e Castrignano del Capo ci stanno pensando, ma per questa estate soggiorno esentasse, Sullo Ionio il primo è stato il Comune di Salve, da 90 centesimi a 1,80 euro con una leggera riduzione dallo scorso anno. Nelle quattro marine del suo territorio la tassa è già in vigore e durerà fino a settembre. Gallipoli ci sta pensando e forse sarà per il prossimo anno. Torre San Giovanni, la principale marina di Ugento

Si sono spesi ben 23.600 euro

Scoperto ladro di infissi di alluminio Operatori ecologici in agitazione

Centro colonico Se non c'è l'oro Stipendi arretrati liberato dai rifiuti occhio alle porte e solidarietà

Niente più rifiuti vicino al vecchio centro colonico, sulla strada che da Torre San Giovanni porta a Felline. La "Cf Ambiente" di Castiglione d’Otranto ha liberato la zona dall’immensa quantità di spazzatura depositata nel corso degli anni. Costati 23.600 euro, i lavori hanno permesso di rimuovere quasi 250 chili di materiale da imballaggio di varia natura: 3.400 chili di lastre di eternit, 280 chili di rifiuti ingombranti, 108 chili di apparecchiature elettroniche, 160 chili di pneumatici e 40 chili di apparecchi contenenti clorofluorocarburi. L’area, ampia circa 10 ettari, era stata sequestrata dalla Guardia di finanza di Casarano. A coordinare le operazioni di bonifica, sono stati gli agenti del nucleo di vigilanza ambientale del Comune, guidati dal maresciallo Chiara Verter. PT

Benvenuti in “Piazza”

È finito agli arresti domiciliari Luca Antonio Macagnino, 29enne di Ugento scoperto a rubare gli infissi di alluminio di una villetta a Torre Suda (foto) di proprietà di una famiglia di Racale Racale. L’allarme è scattato quando una pattuglia dell’ “Istituto consociazione vigilanza” di Torre Suda ha segnalato ai carabinieri movimenti sospetti intorno ad un’auto. I militari del reparto operativo mobile di Casarano sono subito intervenuti in tempo per verificare che già sull’auto erano stati caricati gli infissi. Dopo i frequenti furti di rame, si segnalano ora quelli di alluminio che probablmente è rivenduto al mercato nero. Gli infissi sono stati restituiti ai proprietari della villetta che hanno rischiato di vedersi accolti per le vacanze estive “a porte aperte”.

Alcuni consiglieri di opposizione scendono in campo al fianco dei lavoratori della raccolta dei rifiuti, che da mesi reclamano il rispetto dei propri diritti e il pagamento degli stipendi arretrati. Secondo quanto riportano, in due distinti documenti, i consiglieri Angelo Minenna del Pdci e Gianfranco Coppola dell’Idv, la Geotec Ambiente, titolare dell’appalto nel territorio di Ugento dal 1° settembre 2011 al 9 marzo 2012, sarebbe in debito con i lavoratori del Tfr, della tredicesima mensilità, degli scatti di anzianità e dei premi di produzione. Minenna ha inviato un’interrogazione al sindaco Lecci e all’assessore all’Ambiente Antonio Ponzetta per chiedere chiarimenti in merito, mentre Coppola ha affidato le sue perplessità ad una nota. Analoghi disagi in questi giorni Tuglie. per i netturbini operanti a Tuglie

A un anno dall' elezione

Il sindaco: le cose fatte quelle da fare ma insieme

Qualche settimana fa la Giunta di Massimo Lecci ha spento la prima candelina. Abbiamo chiesto al primo cittadino un bilancio del primo anno di amministrazione e quali sono i progetti futuri per il paese. «I risultati raggiunti in quest’anno - afferma Lecci - sono stati tanti: si va dal recupero e rifunzionalizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata (via Tasso, località Fontanelle e località Paduli) al restauro di Palazzo Rovito; dal recupero della chiesa della Madonna del Rosario alla realizzazione dei percorsi cicloturistici con l’allestimento di 5 postazioni di bike sharing; dall’esecuzione dei lavori di rigenerazione urbana a Torre San Giovanni agli interventi di pianificazione del territorio che hanno riguardato il conferimento degli incarichi di redazione del piano del Parco e del piano comunale delle coste. Inoltre abbiamo istituito la figura del “nonno-vigile” e, tramite lo strumento dell’autotutela amministrativa, siamo riusciti a risparmiare circa 60mila euro sulle spese legali». Insomma, Lecci sostiene di essere al passo con gli obiettivi programmatici presentati al momento dell’insediamento, «seppur tra molteplici difficoltà e lungaggini burocratiche». E per il futuro? «A breve ci saranno l’istituzione dell’ufficio di Piano per la redazione del nuovo Pug e la posa in opera delle targhette di numerazione civica e toponomastica. C’è, poi, una serie di progetti già finanziati, tra cui: la realizzazione dell’asilo nido, la prosecuzione degli interventi di ammodernamento degli edifici scolastici, la riqualificazione della zona industriale, il recupero dell’area archeologica di Torre San Giovanni, il completamento dei Pirp, la realizzazione di due “Zone 30” e di una rotatoria in contrada Fontanelle, di infrastrutture sportive a Ugento e Gemini, della rete pluviale di fogna bianca e di un ecocentro comunale, l’ampliamento del cimitero e la ristrutturazione del mercato coperto di Gemini». PT


14 - 27 giugno 2012

Ugento

30

TENTATIVO DI FURTO ALLA STAZIONE DI SERVIZIO In pochi giorni due tentativi di furto ai danni della medesima stazione di servizio, “I Coloni” sulla provinciale Ugento Casarano e con le medesime

Orto dei Tu’rat E dalle pietre venne fuori pure l’acqua

Ugento-Li Foggi in migliaia contestano la nuova tassa Sono ben 11mila le osservazioni al Piano di classifica che sono pervenute al consorzio Ugento Li Foggi entro il termine prorogato di 10 giorni che è scaduto il 5 giugno scorso. Il Piano era stato pubblicato all’albo del medesimo consorzio e dei Comuni interessati il 20 aprile e già dalla prima ora aveva provocato immediate contestazioni dei sindaci (che hanno avuto un incontro con il presidente della Provincia di Lecce) e dei cittadini, tanto che sono stati concessi 10 giorni di proroga alla scadenza fissata per il 26 maggio. Gli stessi sindaci hanno invitato i loro cittadini a produrre le osservazioni al Piano verificando se nel loro caso fosse rispettato quanto definito dalla legge regionale n. 4 del marzo scorso, il principio cioè che la tassa si paga quando realmente si gode di un beneficio. In realtà la contestazione è più profonda e mette in dubbio la necessità non solo della tassa ma dello stesso consorzio. Non si contano le prese di posizione di associazioni che sono sfociate poi nelle migliaia di contestazioni al Piano. Se i numeri hanno un senso, l’entità della mobilitazione è stata consistente. Sono infatti 7500 le firme e raccolte dall’Unione provinciale agricoltori che chiede alla Regione Puglia l’esclusione di tutto il Salento

modalità di azione. Per fortuna ambedue i tentativi sono falliti. I malviventi sono riusciti a rompere il vetro di una finestra attraverso la quale introdursi nel locale. Ma sono stati costretti a fermarsi. A interrompere il “lavoro”, in-

La sede del consorzio

11000 “no” Preoccupati anche gli 80 dipendenti dei due consorzi salentini dal comprensorio di bonifica e quindi dal pagamento delle cartelle. Non solo l’Upa, anche i Comuni si sono mossi e hanno raccolto firme per chiedere una revisione del Piano di classifica. Situazione identica per l’altro consorzio di bonifica confinante, l’Arneo. Anche per i 48 Comuni che ne fanno parte è stato redatto il Piano di classifica per l’individuazione dei terreni

e dei proprietari da assoggettare a contribuzione per il riparto delle spese consortili e scadrà il 16 giugno il termine utile per produrre le osservazioni. Anche qui si sono mossi i Comuni, come Sannicola la cui Giunta, rilevando l’impropria inclusione dell’intero territorio, ha attivato tutte le procedure necessarie per interrompere i termini prescrittori del Piano. Altri Comuni si sono riuniti a San Donaci e ne hanno chiesto il ritiro. Intanto cresce anche la preoccupazione dei dipendenti dei due consorzi: 30 effettivi più 50 stagionali per Ugento-Li Foggi e 60 effettivi più 50 stagionali per l’Arneo.

Ricavare l’acqua dalle pietre in modo naturale e quasi spontaneo, per dissetare un territorio da sempre quanto mai avido di questo prezioso elemento. È questa l’idea, un po’ bizzarra ma sicuramente innovativa, che sta alla base di “E stati sènza estate”, un’iniziativa che l’associazione culturale “Orto dei Tu’rat” organizza il 23 giugno. Un’intera giornata di festa per immergersi nella natura e stare a diretto contatto con gli alberi, l’aria aperta e tutto ciò che fa del nostro territorio una perla unica nell’ecosistema della flora e della fauna pugliese e italiana, a cui si potrà partecipare recandosi alla sede dell’”Orto”, sulla provinciale Felline-Torre San Giovanni. Durante la giornata verrà proiettato il documentario “Le acque di Chenini”, di Elisa Mereghetti e Marco Mensa, ma l’incontro verterà soprattutto sul progetto di recupero idrico alternativo. L’associazione “Orto dei Tu’rat” prende il nome dalle strutture di pietre a secco chiamate “Tu’rat”, muretti dalla forma tondeggiante che ricorda un’onda: l’intenzione è quella di utilizzare tali costruzioni per ottimizzare le zone umide e convogliare opportunamente le nebbie mattutine a beneficio delle specie arboree autoctone, per consentire la formazione e il mantenimento di un giardino botanico. LPR

fatti, l’allarme che è scattato e ha fatto intervenire i vigilantes della “Folgore”. Arrivati immediatamente sul posto, hanno accertato l’avvenuto tentativo di furto che hanno subito denunciato ai carabinieri.

Sicurezza stradale Un tratto della strada che collega Ugento a Casarano, normalmente molto trafficata, teatro di numerosi incidenti anche mortali.

Ancora due incidenti, per fortuna non gravi, rilanciano il problema

«Strada provinciale 72 la segnaletica non basta» Se si percorressero le strade salentine a piedi o in bicicletta, si avrebbe la sensazione di camminare in un cimitero lineare, con fasci di fiori, spesso legati a un palo, a segnare e a ricordare un incidente mortale. Dopo ogni tragedia si ripetono gli stessi scenari: l’emozione che coinvolge interi paesi, la ricerca di una causa che possa dare una spiegazione, la richiesta di intervento alle istituzioni. Strade salentine, quindi, con fiori non spontanei sui cigli. Non fa eccezione la provinciale 72 che collega Ugento a Casarano, teatro di incidenti a ripetizione alcuni dei quali avrebbero potuto avere esiti letali. L’ultimo ha visto coinvolta Vanessa Casto, una giovane mamma che si recava a Casarano per trovare la sua bambina ricoverata in ospedale. Sarà stata la velocità, sarà stato l’asfalto bagnato, non si sa: l’auto, una Fiat Bravo, è andata a sbattere contro il recinto di legno che circonda l’area della cripta del Crocifisso e poi

si è ribaltata. La donna, ricoverata in ospedale, ne avrà per un mese. Solo pochi giorni prima era finita fuori strada un’auto con tre donne di Casarano. per fortuna anche qui senza gravi conseguenze. E non sbiadisce il ricordo di quel tragico incidente del 12 marzo scorso in cui perse la vita Chiara Urso, di Ugento, rimase ferita la figlia e in modo molto grave, per fortuna in via di miglioramento, Eugenio Memmi di Casarano. Ancora una volta, dopo gli ultimi casi, si invoca sicurezza per la provinciale 72. Lo fa nuovamente Angelo Minenna, consigliere di opposizione, che ricorda la mozione approvata all’unanimità dal Consiglio comunale subito dopo l’incidente di marzo. Ora il consigliere sottolinea come a tre mesi di distanza da quella mozione non sono stati presi provvedimenti “a parte qualche ripasso della segnaletica orizzontale”. Il problema rimane insoluto.

Celebrato l’appuntamento nazionale all’insegna di “Sport...vivamente”

La “Giornata” è arrivata Anche convegni e dibatti su salute e valori di Laura Primiceri

Maricoltura - Profonde eccellenze! I consumatori sono sempre più attenti alla sicurezza alimentare, tanto che si registra un continuo aumento delle vendite dei prodotti biologici e contraddistinti da un’eco-etichetta, dando un notevole impulso ad un mercato di nicchia emergente.

I principi: a) Una grande attenzione agli aspetti etici e di salvaguardia ambientale; b) Pari attenzione verso pratiche di allevamento che salvaguardino il benessere degli animali;

È quanto si sta verificando anche nel c) La qualità e la naturalità come elemento centrale della producaso dell’acquacoltura biozione. logica, un settore che lascia presagire brillanti prospetParticolare attenzione è potive, come dimostra la tensta ai parametri fisico-chimidenza all’aumento della proci dell’acqua, e dell’ambiente, duzione e dell’offerta. Logo prodotti biologici sino ad arrivare perfino alla velocità delle correnti marine I consumatori dimostrano di preferire l’acquacoltura biologica so- sotto le gabbie. Tra i primi casi di conprattutto perché non prevede l’uso di creta applicazione si evidenzia la nostra farmaci e antibiotici che potrebbero azienda, la maricoltura della Reho Srl, comportare dei rischi per la salute, ma con una particolarità che ha reso unico anche perché fanno un uso limitato del- il sito di produzione e la qualità del pele farine di pesce e rispettano i principi sce: La qualità delle acque del Mar Jonio Salentino. biologici in fase di trasformazione.

REHO Srl - Z.I. - Gallipoli (Le) - Tel. 0833 201511 info@rehomare.it - www.rehomare.it

Lo sport inteso non solo come attività ludica, ma anche come esaltazione e tutela della salute fisica e psicologica. In una stagione, quella appena conclusa, che ha assunto tinte drammatiche con le cronache che hanno dovuto registrare più di una scomparsa di giovani atleti nel fiore degli anni, l’assessore allo sport del Comune di Corigliano d’Otranto Tommaso Condò ha voluto porre l’accento sull’aspetto della sicurezza, in una nota di presentazione dell’edizione 2012 della “Giornata nazionale dello Sport”, a cui anche Ugento ha partecipato il 2 e 3 giugno scorsi, nell’ambito di un progetto di divulgazione e informazione che ha coinvolto numerosi Comuni (in totale 17) dell’area salentina. Proprio per rimarcare questo fondamentale aspetto l’intera manifestazione ha preso il nome di “Sport...vivamente”, perché lo sport sia e resti sempre sinonimo di vitalità, integrità fisica e soprattutto prevenzione. Perciò alle dimostrazioni pratiche di attività anche poco conosciute come il tiro con l’arco e le arti marziali, che si sono svolte nelle piazze dei paesi che hanno partecipato, si sono affiancati convegni e dibattiti sulla sicurezza e sul valore medico dell’attività sportiva. In particolare, Ugento ha ospitato un incontro in collaborazione con le Asd locali sull’importanza dei valori dello sport.

La squadra campione di correttezza

Meritata Coppa disciplina ai “Lions don Bosco” Rispettare le regole paga e si traduce, oltre che in soddisfazione di aver usato comportamenti corretti, anche in premi. È successo ai “Lions don Bosco” per i quali la correttezza in campo è di casa e che per questo hanno meritato un prestigiso riconoscimento per il valore etico. Nel campionato appena trascorso hanno militato nel girone C di terza categoria e hanno giocato così “bene” da vedersi aggiudicata la «Coppa disciplina», riconoscimento che viene assegnato alle squadre e alle società che si distinguono per il rispetto delle regole. Soddisfatta la squadra, presieduta da Cosimo Forte e allenata da Carmelo Brigante: «Il nostro “quartier generale” è l’Oratorio di Ugento, un luogo dall’alto valore sociale ed educativo. Vincere la “Coppa disciplina”, quindi, ci riempie ancora di più di soddisfazione. Cerchiamo di trasmettere anche alle giovani generazioni il senso del rispetto per le regole». PT


14 - 27 giugno 2012 NUMERI UTILI E PER LE NECESSITÀ Ecco le coordinate per chi avesse bisogno di contattare enti, uffici, servizi sanitari e non. Naturalmente ci sono anche le indicazioni per eventuali

Emergenze • 112 - Carabinieri • 113 - Polizia Soccorso Pubblico • 114 - Telefono Azzurro • 115 - Vigili del fuoco • 116 - Soccorso stradale • 117 - Guardia di Finanza • 118 - Emergenza sanitaria • 118 - Guardia Medica • 1530 - Soccorso in mare Guardia Costiera • 1515 - Gruppo forestale dello Stato Servizio Antincendi • 1518 - CCISS Viaggiare informati • 1522 - Servizio Antiviolenza Donna

Gallipoli Acquedotto: 0833 264711 Agenzia delle dogane: 0833 266116 Agenzia delle Entrate: 0833 262554/266274/266494 Capitaneria di Porto: 0833 263924/266862 Centro per l’impiego: 0833 261766/261145 Comando Compagnia Carabinieri: 0833 267400 Guardia di Finanza, Compagnia: tel/fax 0833 266112, Sezione operativa navale tel/fax 0833 266281 Guardia medica: 0833 266250 Municipio: 0833 26 0111(Palazzo Balsamo) 0833 275601(uffici via Pavia) fax 0833 263130; sito ufficiale: www.comune.gallipoli.le.it Museo: 0833 264224 Ospedale S. Cuore di Gesù: 0833 270111 Polizia municipale: 0833 275545 fax 0833 275546 Polizia: 0833 267711 Pronto soccorso: 0833 273787 Protezione civile: 0833 201354 Guardia costiera: 0833 26 6862 Ufficio postale Centro: 0833 267511 Ufficio postale via Genova 0833 261776 Vigili del Fuoco: 0833 202222 DISTRETTO SOCIO SANITARIO Poliambulatori CUP Centro unificato prenotazioni: 0833 270272/0833 270271, dal lunedì al venerdì ore 8.15-12; martedì e giovedì ore15.30-18. Poliambulatorio di Gallipoli 0833 270270 fax 0833 264053.Cardiologia: 0833 270208, lunedì e mercoledì ore 8.3014. Dermatologia: 0833 270205, lunedì e mercoledì ore 8.30-14. Gastroenterologia: 0833 270207, lunedì ore 9.30-13.30. Endocrinologia: 0833 270204, dal lunedì al venerdì ore 8.30-14; giovedì ore1518. Fisiatria: 0833 270202, lunedì ore 8-13. Medicina dello sport: 0833 270203, martedì e giovedì ore 8-14. Neurologia: 0833 270202, mercoledì e venerdì ore 8.30-14. Oculistica: 0833 270207, martedì ore 8-13; mercoledì ore 8-14; venerdì ore 8-14. Otorinolaringoiatria: dal lunedì al venerdì ore 9-13. Ortopedia: 0833 270202, martedì e giovedì ore 8-14/15-18. Pneumologia: 0833 270275, martedì ore 8-14/15-18; mercoledì ore 8-14; giovedì ore 8-14. Centro Prelievi: 0833 270201, martedì, giovedì, venerdì ore 8-9.30. Consultorio familiare-Assistenza psicologica: dal lunedì al venerdì, ore 8.30-13.30; martedì e giovedì ore 15.30-17.30. Ostetricia: dal lunedì al venerdì, ore 8.30-13.30; martedì e giovedì ore 15.30-17.30. Ginecologia: 0833 270813/0833 270814, martedì ore 8.30-13.30; 15.30-17.30; venerdì ore 8.30-13,30. Protesi: 0833 270825, martedì ore 9-12; giovedì ore 9-12/16-18. Relazioni con il pubblico: 0833 270273, dal lunedì al venerdì ore 8-14; giovedì ore 1618. Convenzioni: 0833 270280, dal lunedì al venerdì ore 8.30-12; martedì e giovedì ore 16-18. Veterinario: 0833 264425. Sert: 0833 264827

Casarano Acquedotto: 0833 330915/330916 Agenzia delle Entrate 0833 516511/502114 Biblioteca: 0833

Utilità malaugurate emergenze. Non è stato facile metterle insieme e neppure verificarne l’efficacia nel concreto (in un caso di indirizzo di un servizio pubblico con tanto di brochure il numero stampato corrispondeva ad

Farmacie IMPORTANTE: Per conoscere la farmacia di turno inviare un Sms con scritto «farmacia di turno» e il nome della località a cui si è interessati al numero gratuito 333 8888 188 e nel giro di 30 secondi sul display del cellulare comparirà il nome, il numero di telefono e l’indirizzo della farmacia aperta più vicina. 514242 Camera di commercio: 0833 502442/505239 Centro per l’impiego 0833 502004 (Via S. Domenico) 0833 330945 (Via S. Giuseppe) Comando Stazione e Compagnia Carabinieri: 0833 516200 Tenenza Guardia di Finanza: 0833 501257 Guardia medica: 0833 508466 Municipio: 0833 514111 fax 0833 512103; sito ufficiale: www.comune.casarano.le.it; E-mail: info@comunedicasarano. com; PEC: comune.casarano.le@pec. rupar.puglia.it Polizia municipale: 0833 502211; E-mail: poliziamunicipale@comunedicasarano.com Ospedale Ferrari: centralino 0833 508111 Poste italiane: 0833 334011 Pronto soccorso: 0833 505204 Ufficio postale: 0833 591498 DISTRETTO SOCIO SANITARIO Poliambulatori CUP Centro unificato prenotazioni: 0833 508521 Poliambulatorio di Casarano: 0833 508529; Campimetria: 0833 508501, dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore15-18. Cardiologia: 0833 508529, dal lunedì al venerdì ore 8-12; martedì e giovedì ore 15-17. Dermatologia: 0833 508437, lunedì, martedì, mercoledì ore 8-12. Neurologia: 0833 508509 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore15-17. Oculistica: 0833508502, dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 1518. Odontoiatria: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Ortodonzia: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Otorino: 0833508566, dal lunedì al venerdì ore 8-12, ore martedì e giovedì 15-17. Pneumologia: 0833 508300 dal lunedì al venerdì ore 8-12 martedì e giovedì ore 15-17. Protesi dentale: 0833 508534 dal lunedì al venerdì ore 8-12, martedì e giovedì ore 15-17. Reumatologia: 0833.508437 giovedì ore 15-18, venerdì ore 8-14 Consultorio familiare: tel-fax 0833 508312 Centro di salute mentale : 0833 508425 / 0833.501314 Fax: 0833 512324 Sert-Servizio tossicodipendenze: 0833.508425 / 0833.501314 fax: 0833 512324;Veterinario tel.fax 0833 513283; Convenzioni: 0833 508533

Collegamenti Ferrovie del Sud Est Info: www.fseonline.it; Numero verde: 800-079090 dal lunedì al sabato dalle 7 alle 17. Direzione di Bari: tel 080 5462111/ fax 080 5462376; Sezione di Lecce: tel. 0832 668111/fax 0832668211. Pullman Società trasporti pubblici Info: stplecce.it;Numero verde: 800447472, dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 14.00, utilizzabile solo da numero fisso e dal distretto telefonico di Lecce. Negli altri casi utilizzare: 0832-228441. Per segnalazioni e reclami: fax: 0832-224423

31

una abitazione privata!). Pertanto, per rendere quanto più perfetto possibile questo servizio pubblico, vi chiediamo di segnalarci eventuali difficoltà ed errori. Ve ne saremo e ve ne saranno grati gli interessati.

Ci scrivono (continua dalla prima) [...] una situazione del genere di non catapultarsi subito in uno dei tanti viaggi della speranza chissà dove, perche’ accanto a tanti casi di malasanità, esistono anche tanti casi non di buona, ma di ottima sanità, ed e’ giusto dare merito ad alcune stutture sanitarie che sono un fiore all’occhiello della nostra realtà salentina. È questo che io ho trovato nella clinica Petrucciani di Lecce, dove efficienza, organizzazione, puntualità e tempestività, ma soprattutto attenzione nei confronti del malato (sia del personale medico e non) sono le regole all’ordine del giorno. Grazie dott. Luigi Manca (in foto), grazie dott. Cardone Patrizio (chirurgo plastico), grazie dott. Carriero Antonio (sezione senologica dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce), che vedendomi sfinita dopo la biopsia mi ha accarezzato il viso, dicendomi che ero stata bravissima (io bravissima?), grazie dott. Bonvicini Ciro (anestesista della clinica Petrucciani), che vedendomi piangere prima di entrare nella sala operatoria perche’ avevo paura di non svegliarmi dopo l’intervento per un mio precedente problema, mi ha accarezzato i capelli dicendomi di non preoccuparmi che la sala operatoria stava per essere preparata proprio per me. Grazie, grazie a tutti gli infermieri, io con Voi mi sono sentita veramente coccolata ed al sicuro ed invito tutti coloro che conoscono persone che vivono una situazione del genere a star loro vicini con affetto, ad incoraggiarli ad essere positivi ed ottimisti, perche’ la cosa peggiore di queste malattie, non e’ tanto la sofferenza ed il dolore, ma l’essere presi dallo sconforto nel sentirsi emarginati e soli. Grazie a tutti Graziella Marra - Alezio TANGENZIALE E MOVIMENTI Leggo, incredulo, che l’argomento è più dibattuto fuori dal Salento che nel gal-

lipolino stesso. Fermate questo scempio pianificato, che serve solo ad ingrassare vacche già grasse ma sempre fameliche, e a deturpare un angolo di paradiso. Rudy Nicoletti - Gallipoli APPREZZAMENTO PER LA SALENTINITA’ Da molto tempo pensavo di scriverLe. Mi congratulo per la splendida salentinità del Suo giornale. Scrivo poesie in vernacolo partecipo spesso ai concorsi con risultati buoni. Trovo la rubrica “ Simu Salentini” bellissima, importantissima e interessantissima. Tanti saluti da Gallipoli e avanti tutta. Giorgio Tricarico - Gallipoli IL PUNTO NASCITA DI GALLIPOLI Egr. Direttore, mi permetta di rubarle un po’ del suo tempo prezioso che,sicuramente, potrebbe dedicare con più profitto alle sue faccende; ma vedrà che l’argomento di cui tratterò merita sicuramente la sua attenzione. Sono venuto a conoscenza che ieri presso l’ospedale in oggetto c’è stata una lunghissima e frequentatissima assemblea con la quale si sta cercando di risolvere il problema. Mi è stato riferito che il motivo che si adduce per giustificare tale provvedimento sia la mancanza a Gallipoli del reparto di rianimazione. Sarà vero? Io non ci credo! Il reparto di Ostetricia a Gallipoli esiste sin dal lontano anno 1947,creato dal Prof. Luigi Coppola quando in tutti gli ospedali della Provincia escluso il capoluogo l’Ostetricia e la Ginecologia venivano “praticate”, nel vero senso della parola dai primari o facenti funzioni di Chirurgia. Tale Reparto, fondato da Luigi Coppola, è stato il fiore all’occhiello dell’O.C. di Gallipoli fino a circa un ventennio fa. Ci venivano a partorire o a subire interventi operatori di Ginecologia non solo dall’interland di Gallipoli (Taviano, Racale Alliste, Felline, Sannicola, Tuglie, Alezio, Parabita, Matino e altri Comuni),ma anche dalle Provincie limitrofe di Brindisi e Taranto.

Il degrado della Divisione di Ostetricia e Giecologia è dovuto a numerose cause,non solo di politica Sanitaria mal condotta, ma, direi sopratutto, di inefficienza tecnica e menageriale di chi tale reparto ha gestito. Potrei parlare a lungo dell’argomento,ma non posso e non voglio dire altro! Ora mi rivolgo a lei perchè si faccia promotore,tramite il suo Giornale, di un movimento d’opinione avente lo scopo di impedire tale dannoso provvedimento, non solo per il prestigio della Città di Gallipoli, ma per la perdita di numerosi posti di lavoro,che in questo periodo di crisi generale sarebbe bene non perdere. Mi perdoni caro Direttore se mi permetto di suggerirle un chicca! L’attuale sindaco di Gallipoli è figlio di uno dei precedenti Primari della Divisione di Ginecologia. Quale migliore occasione per lui di dimostrare che vuole fare veramente il bene dei suoi amministrati? La ringrazio se ha avuto la pazienza di leggermi fin quì e,se lo ritiene opportuno, può pubblicare questa mia mail, perchè son sicuro che, avendo detto solo il vero, non posso aver offeso nessuno. Carlo Verardi - Alezio PIAZZASALENTO, GUAI A CHI ME LO RUBA!

Tra lettori che “accusano” i vicini di far sparire il giornale e lettori che - per evitare pericoli di questo genere - si abbonano, ci mancava questo: un nostro sostenitore che ammonisce “chi di dovere” a non toccare la sua posta e il giornale in particolare (il cartello è stato fotografato a Gallipoli in via Galatina). A ogni famiglia il suo Piazzasalento.

Se non trovate il giornale Se non trovate il giornale nella vostra buca delle lettere, potete chiederne copia o ritirarlo in redazione. Il servizio presso alcune edicole è sospeso. Vi aspettiamo.

Do, prendo, scambio scuole elementari e medie in zona Tuglie e limitrofi. Per info: 3406924710

VENDO Privato vende caldaia GAVINA 28 G.T.I. - Roca - gasolio hl. 24.000 - come nuova, € 300 cell. 348.7392804 Privato vende camion Ford Transit centinato, gomme gemellate q3500 turbo diesel anno 2000 in ottime condizioni. €5000. No perditempo. Tel 0833.597539-389.5877794 Privato vende carrello elevatore Linde q18.00, ruote elettrico in ottime condizioni. Tel 0833.597539-389.5877794 Privato vende carrello elevatore diesel q25.00 €7000 in ottime condizioni. Tel 0833.597539-389.5877794 Privato vende Ape 4 ruote diesel ribaltabile. Cell. 3494034263 Vendo lampara per arredo ville o locali, originale, smaltata nera e bianca.vero affare.3928550815 Vendo ampio congelatore in ottime condizioni € 150. Stanza da letto seminuova colore nero lucido: letto, 2 comodini, comò e armadio grande con specchi esterni moderno. Prezzo da concordare: 328.8762357 Vendo prezzatrice et50 a 7 cifre. Cell. 3397855398

CERCO Cerco piccola abitazione tra Casarano e Taurisano, offro max 180€ mensili. cell. 342.8116175

Offresi assistenza ospedaliera/domiciliare diurna, notturna e festiva. Massima serietà, disp. immediata. Chiedere di Rita cell. 340.5212667

INCONTRI Sono un ragazzo 31enne di bella presenza e generoso. cerco ragazza 18-35enne snella e non fumatrice su lecce e provincia. tel. 338/7646865 (wind) Uomo con casa propria e reddito autonomo cerca donna 35-40 anni, seria e libera per una eventuale convivenza.Tel. 389.1025074 33enne dinamico imprenditore,intelligente,dolce,educato cerca ragazza max 30 anni. Tel 345.1702943 30enne bel ragazzo, dolce, simpatico, sincero e sportivo conoscerebbe bella ragazza, dolce, sincera e passionale di età 20-35 per amicizia e storia d’amore. Cell. 3285397800 43enne educato, riservato, infelice cerca donna sincera per piacevoli incontri. Se esisti e merito fiducia contattatami! Cell. 366.2804703. Grazie! 34enne dolce, carino cerca ragazza/donna per vivere insieme una bella storia d’amore. Cell. 382.5196934

Si impartiscono lezioni e ripetizioni di inglese per ragazzi di

Direttore responsabile: Fernando D’Aprile fdaprile@piazzasalento.it

Editrice: Indra srl sede legale: Corso XXII Marzo, 8 20135 Milano

Stampa: Martano Editrice srl Periodico associato all’Unione Viale delle Magnolie, 23 - Z.I. Bari Stampa Periodica Italiana tel. 080 5383820 Tessera n.15603

Iscritto al N. 1072 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 6 dicembre 2010 Chiuso in redazione alle ore 15,45 del 13/06/2012 Redazione: via G.B. Vico, snc - 73014 Gallipoli (Le) tel.0833 1823575 fax 0833 1823573 e-mail: redazione@piazzasalento.it - info@piazzasalento.it - per le inserzioni: pubblicita@piazzasalento.it - sito: www.piazzasalento.it



Piazzasalento n12 14-27 giugno 2012