Page 1

PANE E TULIPANI (SILVIO SOLDINI, 1999)

SCHEDA DEL FILM Regista: Silvio Soldini Soggetto e Sceneggiatura: D. Leondeff, Silvio Soldini Genere: commedia Produzione: Italia, 2000 Durata: 112 Interpreti principali: Licia Maglietta, Bruno Ganz, Antonio Catania, Marina Massironi.

LA TRAMA Rosalba, una casalinga di Pescara, durante una gita in pullman viene inavvertitamente dimenticata in un autogrill. Un pò risentita per l'accaduto, invece di aspettare che il marito e i figli tornino a prenderla, accetta un passaggio da uno sconosciuto e arriva a Venezia. Qui, mentre suo marito ingaggia un improbabile investigatore privato per cercarla, stringe amicizia con un variopinto gruppo di persone: Eliseo, un anziano fiorista che le dà un lavoro, Grazia, una simpatica massaggiatrice olistica, Fernando, un cameriere che le offre una casa e - come non accadeva da tempo - attenzioni e affetto. Grazie a questo viaggio inaspettato, Rosalba riscoprirà se stessa e la felicità.

A)

Motivazione: l’immagine che diamo di noi.

Analizzate i tre poster dello stesso film, nella versione inglese, italiana e

francese. Analizzate il titolo

e le eventuali traduzioni e riflettete sullo stile delle

traduzioni (letterale o libera) e le possibili conseguenze dell’impatto sugli spettatori. In seguito si possono analizzare le immagini usate nei vari poster per promuovere il film e le differenze che si possono rilevare (nei poster stranieri – a,c,d – compare il paesaggio veneziano, contrariamente al poster italiano del film – b –). Perché secondo voi?


a)

b)

c)

d)

B) Globalità: il fenomeno del mammismo. Qui di seguito proponiamo alcune attività per sfruttare il contenuto del film Pane e tulipani (2000) di Silvio Soldini, in cui è presente uno degli stereotipi più tipici del popolo italiano , quello della mamma italiana e della relazione iperprotettiva che quest’ultima stabilisce con i figli maschi. La scena in cui Costantino saluta sua madre prima di intraprendere il viaggio a Venezia alla ricerca di Rosalba è un insieme di clichè sulla relazione materno filiale di quei giovani che in Italia vengono soprannominati mammoni, cioè figli che rimangono dopo i trent’anni a casa dei genitori e mantengono una relazione di stretta dipendenza dalla madre.


Guardate la scena senza audio e fate ipotesi sul tipo di dialogo che

mantengono madre e figlio.

Riguardate la stessa scena con l’audio e completate la seguente tavola, in cui

compaiono alcuni atteggiamenti e sentimenti che provano la madre e il figlio. Bisogna assegnarli all’uno o all’altra.

Madre o Figlio? Paura Sollecitudine Raccomandazioni Rassicurazioni Orgoglio Impazienza Rispetto per le convenzioni sociali Controllo Protezione 

Guardate la scena una terza volta e descrivete fisicamente i due personaggi

(vestiti, aspetto fisico, caratteristiche del linguaggio).


C) Riflessione: la famiglia italiana.

Dal seguente dialogo abbiamo tolto alcune parole che definiscono la scena e

danno indicazioni sul tipo di rapporto tra madre e figlio (come si chiamano tra di loro, quali sono le aspettative della madre riguardo al futuro del figlio, quali sono le cose a cui tiene di più la madre, ecc.). Completate con le parole mancanti:

Madre: Purtroppo la pellicola è finita e allora guarda che ho fatto... Effe ----------------------, esse ---------------------------, emme ------------------------------. Se poi ne vuoi un paio col -------------------------di Milano, ci mettiamo esse emme. Costantino: Mamma, vado a Venezia. Vado a Venezia, non in campeggio a Margherita di Savoia. Madre: E quanto dura questo "-------------------------"? Eh, ----------------------? Costantino: Una decina di giorni, te l'ho detto. E poi ho il telefonino, no? Io posso chiamare solo il dottor Barletta, ma tu mi puoi chiamare quando vuoi. Questa volta è il -----------------------------, uno e sette al mese coi ---------------------------------------------------. Madre: Ma perché proprio Venezia? Costantino: E' una città con grossissimi problemi idraulici. Hanno chiamato apposta un ingegnere dall'Olanda. Ma', perdo il treno. Madre: Hai preso lo --------------------------------- per l'asma? Costantino: Sì. Madre: Hai messo i soldi dentro i ---------------------------------? Costantino: Mamma, lo devo perdere il treno? Madre: Falle almeno un saluto a Silvia. Costantino: Non siamo fidanzati. Madre: Dai, ---------------------------------------. Costantino: Ciao, -------------------------------. Madre: Buon viaggio, figlio mio. "Statte accuorto"!


D) Espansione: indagare sulle cause del fenomeno (aula di informatica) 

Qui di seguito riportiamo una serie di siti internet nei quali gli studenti possono

navigare e fare ricerche sulle cause del mammismo (economiche, culturali, storiche. geografiche, politiche, ecc.)

http://www.roberto-vincenzi.com/intervista_mammismo.htm http://laclasseintv.blogspot.com/2006/11/ma-il-mammismo-esiste-anche-allestero.html http://lnx.papaseparati.org/psitalia/cronache-notizie-e-attualit-/in-italia-il-mammismo-siavvia-alla-pandemia-2.html http://totentanz.wordpress.com/2005/02/10/mamma-o-il-fenomeno-matriarcalenapoletano/ http://www.graziagiordani.it/articoli/Siamo%20ancora%20un%20paese%20di%20mam moni.htm http://adgwiki.wikispaces.com/La+famiglia+italiana

Pane e tulipani  

Film Soldini

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you