Page 122

Le sue opere saranno esposte alla Biennale di Firenze

É un concentrato di magia, malinconia, arcaicità e stupore lo sguardo di Giuseppe Giannoni. Proprio come la sua terra d’origine, la sua isola felice, ovvero la Sardegna e la sua passione: la pittura dove ripone la scelta dei colori, i tratti decisi delle sue pennellate e nei soggetti, sempre così viscerali e capaci di andare dritti ai sentimenti. Ma soprattutto di non lasciare indifferenti.

l' artista vive e lavora a santa maria degli angeli

Giuseppe Giannoni e il suo Nascondiglio di Adamo Testo Viola Menicali Brano Reader Meet Author — Morrisey 122 | pm*arte e dintorni

Ne sa qualcosa il maestro pittore, Giovanni Iovene, che lo ha scoperto attraverso il suo sito internet e che lo ha voluto tra gli espositori della Biennale di Firenze, fino all’8 gennaio, perché si contraddistingue per “l’entusiasmo che impiega nei colori e nei soggetti che rappresenta”. Alla Biennale sarà presente con due opere: “La Folla” e “Gli Amanti” un geniale, ricercato, emozionante intreccio di sguardi e forme particolari. Ma andiamo a conoscere meglio Giuseppe Giannoni, artista dal sangue metà sardo e metà umbro per parte di padre, dallo spiccato accento sassarese e una grande sensibilità artistica, che ha fatto del Nascondiglio di Adamo il luogo ideale per la sua espressione. Lo incontriamo a Santa Maria degli Angeli, dove vive e lavora da più di dieci anni.

Profile for PM / Piacere Magazine

Piacere Magazine n.82 / Dicembre 2013-Gennaio 2014  

Sfoglia PM n.82 / Dicembre 2013-Gennaio 2014

Piacere Magazine n.82 / Dicembre 2013-Gennaio 2014  

Sfoglia PM n.82 / Dicembre 2013-Gennaio 2014

Advertisement