Page 1

DIRE FARE MANGIARE

FESTIVAL

MILANO. CAPITALE DELLA FOTOGRAFIA 20 APRILE / 20 GIUGNO 2015

Con il patrocinio di

www.photofestival.it

Con il patrocinio di

Un evento


La tua è una fantastica storia da raccontare. Crediamo che ogni giorno nasconda un momento straordinario e che per trovarlo basti guardare il mondo da un altro punto di vista: così scoprirai che la tua vita è una storia fantastica da raccontare, insieme a PhotoSì.

Fotolibri, calendari, oggetti di design e regalistica. Scopri di più su: www.photosi.com

YOUR LIFE IS A SHOW


LO SPECCHIO DI UN MOVIMENTO DIFFUSO C’è un punto su cui da tempo insistiamo con orgoglio fino a farlo diventare il motto che accompagna il Photofestival: Milano è la vera capitale della fotografia italiana. Lo è per il numero di galleristi, critici, insegnanti, organizzatori che promuovono con continuità mostre di autori affermati e di giovani talentuosi, creando un indotto di operatori competenti (stampatori, corniciai, editori) e un pubblico attento e più giovane di quello che segue il mondo dell’arte. Sono aspetti che abbiamo intercettato da anni e che hanno fatto di Photofestival l’appuntamento annuale fotografico più longevo e importante di Milano grazie alla sua originale formula, che non prevede un unico luogo espositivo ma una diffusione capillare di mostre che si inaugurano nei più diversi spazi cittadini nell’arco temporale di due mesi. Per questa nona edizione contiamo ancora sul sostegno attivo della Camera di Commercio di Milano, di Unione Confcommercio Milano e di AIF-Associazione Italiana Foto & Digital Imaging, collaboriamo con Photographers.it e con AFIP/CNA, ci pregiamo del Patrocinio di Comune, Regione e di Expo Milano 2015. Diverse le novità: un nuovo sito www.photofestival.it particolarmente dinamico, l’inserimento nel programma ufficiale “Expo in città”, un ribadito, forte rapporto con Photoshow, la manifestazione dedicata all’Imaging promossa da AIF. “Dire, fare, mangiare” è quest’anno il sottotitolo della manifestazione che, pur non costituendo un vincolo, è servito come stimolo per quanti si sono voluti misurare con il tema dell’Expo. Quello che non è cambiato è il nostro rinnovato impegno che ci ha portato, grazie a un lungo lavoro fatto di incontri, contatti, discussioni, a presentare un programma di 127 mostre esposte in gallerie pubbliche e private, in spazi istituzionali, in luoghi dove la fotografia un tempo non arrivava e dove ora invece il pubblico la cerca. Non ci siamo limitati a coordinare le iniziative altrui ma ne abbiamo proposte e prodotte di nostre in qualche galleria e nelle due prestigiose sedi, inaugurate l’anno scorso, dei Palazzi della Fotografia. Come vedete continuiamo a puntare su questo ricco catalogo, lo potete trovare gratuitamente nei luoghi delle esposizioni, che con le sue 8.000 copie costituisce uno strumento di divulgazione della cultura fotografica. Infine una importate novità: quest’anno Photofestival raddoppia e propone, accanto a questa primaverile, una edizione autunnale in concomitanza con il Photoshow. Il comitato scientifico di Photofestival: Roberto Mutti, Giovanni Pelloso 1


LA FOTOGRAFIA IN UNA MILANO PROTAGONISTA “La cosa migliore di una fotografia è che non cambia mai, anche quando le persone in essa lo fanno”. Andy Warhol con questa frase sembra descrivere proprio Photofestival. Durante gli anni, questo appuntamento è cambiato nelle sue location, nei suoi protagonisti, nelle sue tematiche e nei suoi visitatori. Ma lo spirito è rimasto immutato: presentarsi come una manifestazione a tutto tondo, che abbraccia la città e allo stesso tempo la eleva a capitale della fotografia e più in generale della cultura. Le fotografie e le sale dell’esposizione sembrano dirci questo: tanto più in considerazione del prestigio e del valore storico dei luoghi in cui le mostre di Photofestival trovano casa. Non solo le più importanti gallerie milanesi, ma grazie all’iniziativa “Palazzi della Fotografia” anche quattro palazzi storici della tradizione meneghina: Palazzo Castiglioni, Palazzo Bovara, Palazzo Turati e Palazzo Giureconsulti. Una mostra nella mostra, un’occasione per scoprire in un colpo solo le bellezze architettoniche della città e l’eccellenza della fotografia nazionale e internazionale. Quest’anno Photofestival raddoppia il suo valore: l’arte della fotografia a corredo della bellezza dei Palazzi. E raddoppia il suo valore anche perché si tiene in due edizioni: la prima da aprile a giugno in Palazzo Castiglioni e Palazzo Bovara, la seconda edizione da settembre ad ottobre in Palazzo Giureconsulti e Palazzo Turati. Questo primo volume è dedicato alla prima edizione di Photofestival. È questa una doppia valorizzazione della città che acquisisce ancora più importanza nel 2015, l’anno di Expo e dell’arrivo di 20 milioni di turisti da tutto il mondo. Ecco perché quando si parla di fotografia non si deve pensare solo al suo lato artistico. Fotografia ed economia sono due lati della stessa medaglia: se da una parte sono 4mila le imprese lombarde che lavorano nel settore della fotografia, dall’altra è proprio quest’ultima che tramite eventi come Photofestival attira visitatori in città con i conseguenti vantaggi per l’economia urbana. Un evento dunque a forte impatto culturale ed economico che va ad arricchire il programma di “Expo in città”, quel palinsesto di eventi che animerà Milano durante l’Esposizione. Photofestival 2015 ci regala la fotografia di una Milano sempre più dinamica e innovativa, pronta ad avere i riflettori del mondo puntati su di sé.

Carlo Sangalli, presidente Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura 2


22 Aprile h 18. La Cavallerizza, via Carlo Foldi 2. Antonio Amaduzzi presenta con Roberto Mutti il suo libro fotografico "Oradour sur Glane, villaggio martire" sulla tragedia della cittadina francese devastata dalla furia nazista e ora museo a cielo aperto. 4 maggio h 18. Castello Sforzesco, Cortile della Rocchetta. In occasione dell'inaugurazione della mostra "AdottaMI" di Silvia Amodio, realizzata per la campagna "Alimenta l'amore" promossa dal Comune di Milano e da Coop Lombardia, la stilista per cani giapponese Yuko Tomita presenta le sue creazioni in appoggio alla campagna di denuncia di sos.levrieri sui maltrattamenti a questi cani in Spagna e nei Paesi Anglosassoni se ritenuti inadatti alle corse. Esposizione di lavori degli studenti della Scuola del Fumetto. 9 maggio h 9.30-14. Palazzo Castiglioni, Centro Congressi Promo.Ter Unione, Sala Colucci. Convegno "Estetica della fotografia oggi fra forma e contenuto". Partecipano prof. Elio Franzini, ordinario di Filosofia Estetica, l'Università Statale di Milano; Pio Tarantini, fotografo e docente di Linguaggio fotografico,   IED Milano; Cinzia Busi Thompson, critica fotografica e docente FIAF; Sandro Iovine, critico fotografico, docente, direttore di riviste; Sergio Magni presidente onorario del C.F.M.  13 maggio h 18. Palazzo Castiglioni, Sala Colucci. "Nuovi confini del fotoreportage" incontro con proiezioni coordinato da Mariateresa Cerretelli. Presentano i loro lavori Donatella Pollini ("Donni dongoma, la danza in danzabile"), Calogero Russo ("Ostalgie") e il gruppo Photoaid  di Michele Cazzani, Nicola Demolli Crivelli e Andrea Micheli ("Light, uno sguardo positivo sulla cooperazione internazionale").  20 maggio h 18. La Cavallerizza, via Carlo Foldi 2. Cesare Colombo presenta la rassegna "L'immagine della città". Intervengono Cesare Colombo ("L'occhio di Milano", 1977), Giovanna Calvenzi ("Milano e il '68", 1998), Roberta Levi e Nicola Bertasi ("Milano città Aperta", rivista on-line) e Francesco Radino che confronterà il suo libro "Milano", T.C.I., 1974 con quello sullo stesso tema appena pubblicato.   21 maggio h 18. Triennale di Milano, Sala Agorà, viale Alemagna 6. Lectio Magistralis di Fotografia e Dintorni: Efrem Raimondi "La Fotografia Non Esiste". In collaborazione con AFIP International e CNA Professioni. 28 maggio h 18. Palazzo Castiglioni, Sala Colucci. Ulderico Tramacere presenta il suo libro fotografico "Arneo" (Edizioni Grifo, 2014, prefazione di Ferdinando Scianna) con proiezione commentata di alcune immagini. 18 giugno h 18. Triennale di Milano, Sala Agorà, viale Alemagna 6. Lectio Magistralis di Fotografia e Dintorni: Gabriele Croppi "Metafisica del Paesaggio Urbano" con Mariateresa Cerretelli. In collaborazione con AFIP International e CNA Professioni. 3

gli incontri di photofestival

gli incontri di photofestival


PHOTOSHOW PER PARLARE AL GRANDE PUBBLICO Photoshow, promossa da AIF - Associazione Italiana Foto & Digital Imaging, è la più importante rassegna italiana dedicata al mondo dell’Imaging. La 15a edizione della manifestazione avrà luogo a Milano dal 23 al 25 Ottobre e sarà un evento dal format completamente rinnovato, che prevede un allargamento a tutte le espressioni dell’Imaging e un maggior coinvolgimento del pubblico e della città di Milano, anche in considerazione della concomitanza con Expo Milano 2015. Per questa ragione il progetto Photoshow 2015 è tra le iniziative selezionate dal Comune e dalla Camera di Commercio di Milano per costituire il programma di Expo in Città 2015, il palinsesto che animerà l’area metropolitana milanese durante il semestre dell’Esposizione Universale. Photoshow sarà un appuntamento capace di riflettere la straordinaria evoluzione del Digital Imaging e le diverse strade e innovazioni nel campo della fotografia, della stampa, della condivisione dei contenuti, dei workflow gestionali. Allo stesso tempo, però, Photoshow va oltre la dimensione fieristica ed espositiva per mettere in luce anche la valenza culturale e la forza emozionale delle immagini. Per sottolineare il nuovo approccio, per la prima volta nella storia Photoshow esce dagli abituali spazi fieristici e approda nel cuore della città, nel Superstudio Più di via Tortona 27, polo di riferimento per la creatività della città di Milano, con lo scopo di rendere il mondo Imaging più accessibile al grande pubblico. Nel nuovo Photoshow la fotografia e l’Imaging diverranno il pretesto per concentrare lo sguardo verso quelle eccellenze italiane per le quali il nostro Paese è ammirato e apprezzato nel mondo: Fashion, Food, Design, Art & Landscape. Photoshow 2015 fonderà le proprie attività su queste quattro aree tematiche che da sempre hanno un rapporto privilegiato con la fotografia, come con un mezzo che, da un lato, dipende da esse e, dall’altro, le ha fatte conoscere al grande pubblico e, in alcuni casi, le ha consacrate. Attraverso queste aree di eccellenza, il pubblico potrà vivere e sperimentare l’esperienza dell'Imaging in tutti i suoi aspetti, grazie a un programma culturale, formativo e di intrattenimento ricco di stimoli che affiancherà la parte espositiva. PHOTOSHOW MILANO 2015 Superstudio Più, Via Tortona 27, Milano 23-25 ottobre 2015 h 10-22 www.photoshow.it 4


Credits: Paolo Saglia

la prima litografia a basso impatto ambientale

Via A.Moro, 8 - 24035 Curno (BG) Tel. 035.462225 - commerciale@gamedit.it www.gamedit.it


I PALAZZI DELLA FOTOGRAFIA

Palazzo Bovara Luisa Pineri, Elena Santoro Traces of Food

Traccia del cibo come traccia di un rituale di quotidianità. Allargando lo sguardo in maniera globale possiamo dire che, qualunque sia il genere, la razza, l’età, lo stato sociale, la nazionalità, ogni giorno è scandito dal rapporto che le persone hanno con il momento del cibo. Che sia di fronte al fast, allo slow o al finger street food, l’uomo si rapporta con il cibo e quest’ultimo risponde lasciando tracce, residui, impronte. Questi segni-avanzi vengono sempre cancellati, ripuliti considerati sporcizia da eliminare prima  possibile  e comunque prima del nuovo momento. Il nostro intento è quello di dare valore ai quei segni-avanzo di cibo, in quanto testimonianza di un rituale che normalmente l’uomo compie quotidianamente e non solo ai fini della propria sopravvivenza.

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Bovara Scalone di ingresso Corso Venezia 51 – 02.7750504 lunedì-venerdì 8.30-18 www.unionemilano.it/circolo/index.htm circolo.commercio@unione.milano.it Come arrivare: MM1 Palestro

6


Palazzo bovara Michela Alessia Marcato Memento Consumere

Gli oggetti di cucina li conosciamo bene, ma non prestiamo loro una particolare attenzione fino a quando una fotografia non li pone al centro di una scena costruita per concentrare sguardi di sorpresa ammirazione. Con garbo e raffinatezza Michela Alessia Marcato si sofferma sul vetro di un contenitore, sull’alluminio di una caffettiera, sul bianco lucente di una zuppiera: i suoi still life, rigorose composizioni dominate dall’uso calibrato della luce, sono realizzati con preziose e originali stampe su legno che conferiscono a questi oggetti una nuova vitalità. Un tocco in più è dato dalle cornici realizzate, con interventi di pittura e collage, dalla stessa autrice.    

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Bovara Primo Piano Corso Venezia 51 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 www.unionemilano.it/circolo/index.htm circolo.commercio@unione.milano.it Come arrivare: MM1 Palestro

7


Palazzo bovara Francesca Moscheni L’estetica del rebus

Autrice rigorosa, capace di esprimersi ad altissimo livello nella difficile arte dello still life, Francesca Moscheni si è recentemente misurata con una nuova ricerca personale dove molti aspetti si intrecciano in reciproci rimandi. La rappresentazione del cibo è il tema più manifesto: l’attenta composizione evoca, soprattutto nel sapiente controllo di luci e ombre, quella cara alla pittura del Seicento, ma poi la fotografa vira decisamente verso i canoni di una estetica contemporanea dinamica, intensa, guizzante. Il risultato finale è attraversato da un che di ermetico: una carta da gioco, un dado, un elemento accostato ad altri in modo eterodosso evocano le combinazioni di oggetti cari ai rebus. Anche se qui non ci sono soluzioni, solo il fascino sottile dell’enigma.

a cura di Roberto Mutti

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Bovara Primo Piano Corso Venezia 51 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 www.unionemilano.it/circolo/index.htm circolo.commercio@unione.milano.it Come arrivare: MM1 Palestro

8


Risaia a Lomello

Palazzo Castiglioni Graziano Perotti Risaie

C’è qualcosa di antico e di modernissimo in quella piantina immersa nell’acqua che chiamiamo riso. Graziano Perotti, eccellente reporter di viaggio, indaga in questo mondo con singolare vena poetica. Nelle sue immagini a colori colpisce l’accostamento audace e piacevolissimo fra il verde brillante dell’erba e il blu intenso dell’acqua, fra il viola delle ombre e ai particolari delle zolle e dei prati che sembrano le pennellate precise e nervose dei Divisionisti. La risaia diventa un mondo fantastico dove la realtà assume sfumature oniriche: i canali attraversano i campi come arterie, i trattori lasciano segni regolari, l’acqua stagnante diviene lo specchio in cui il paesaggio si riflette, la corrente crea cascatelle che emanano un brillio metallico.

a cura di Roberto Mutti 27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Castiglioni Atrio della vetrata Corso Venezia 47 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 Come arrivare: MM1 Palestro

9


Pescheria

Palazzo Castiglioni Raoul Iacometti Botteghe. Dal produttore al consumatore

È il cibo il protagonista di questa ricerca: Raoul Iacometti ci ricorda che questo è il prodotto del lavoro dell’uomo, della sua cultura, della sua capacità di stabilire un rapporto complesso e unico con la natura: tutto ciò emerge in immagini di grande bellezza accostate in modo da creare un reportage dotato di un ritmo che si ritrova nella composizione accuratamente studiata dei pannelli tematici in cui ha suddiviso la sua ricerca. Una sola fotografia di più grandi dimensioni occupa lo spazio centrale cui fanno da corona altre più piccole, così da consentirci di osservare con un solo sguardo una intera storia che narra del rapporto che dal produttore, attraverso una serie di passaggi che definiamo filiera, arriva fino al consumatore.

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18   Palazzo Castiglioni Ingresso Corso Venezia 47 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 Come arrivare: MM1 Palestro

10


Scheletro del bovino

Palazzo Castiglioni Studio Pace 10 Looking Inside

Gianfranco Maggio e Monica Scardecchia (in arte Studio Pace 10) hanno realizzato un lavoro che, utilizzando disegno, stampa e fotografia, sfugge a definizioni precise. Alla ricerca di una prospettiva diversa da quella bidimensionale, i due autori ne hanno create nuove: il perspex che fa da vetro protettivo su cui è stampato il dettagliato profilo di un animale permette di osservare in trasparenza una composizione che riprende i cibi ingeriti. Il recupero del tono giocoso è finalizzato a un messaggio fortemente riflessivo. La natura, legata alla logica dell’armonia, è minacciata da logiche incoerenti. Così nello stomaco di un bue, notoriamente erbivoro, si ritrovano panini e hamburger, in quello di un gatto patatine fritte, in quello di un ippopotamo peperoni.

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Castiglioni Accesso sale consigli Corso Venezia 47 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 Come arrivare: MM1 Palestro

11


Mauritius Port Louis

Palazzo castiglioni Virgilio Carnisio Mercato specchio del mondo

Acuto osservatore della realtà che riprende con immediatezza nelle sue accuratissime stampe in bianconero, Virgilio Carnisio è famoso per le fotografie con cui ha immortalato la sua Milano. Ma anche nei suoi numerosi viaggi in tutto il mondo ha saputo cogliere aspetti capaci di farci riflettere: è il caso di questo reportage che accosta immagini scattate in luoghi lontanissimi fra loro ai mercati dove venditori e compratori si confrontano quotidianamente scambiandosi pesci e forme di pane, verdure, cereali, frutta. L’assunto di fondo di questa ricerca è duplice: da una parte si sostiene che in ogni mercato si possono cogliere aspetti che rimandano alla realtà sociale del luogo, dall’altra si trovano analogie così forti da far immaginare che tutti i mercati sono il riflesso del mondo intero.

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Castiglioni Accesso sale consigli Corso Venezia 47 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 Come arrivare: MM1 Palestro

12


pastaepesto

Palazzo Castiglioni Rosanna Maiolino Measure for measure daily food, daily garbage

Measure for measure è una serie fotografica in forma di dittici che pone l’accento sull’enorme quantità di imballaggi che il sistema della grande distribuzione del cibo e le sempre più diffuse consuetudini alimentari nelle società industrializzate rendono necessari. Questo è stato anche un esperimento che l’autrice ha voluto fare su se stessa: per due settimane ha tenuto in casa gli imballi dei prodotti alimentari acquistati e consumati.In questo breve periodo ha accumulato due importanti cumuli di imballaggi, ritratti in due fotografie che completano la serie dei dittici: un monito ai nostri stili di vita e alla qualità della nostra alimentazione. La mostra ha ottenuto una particolare attenzione presso la Commissione Europea di Bruxelles dove è stata esposta nel 2010 e 2011.

27 maggio/16 giugno inaugurazione 27 maggio h. 18 Palazzo Castiglioni Scalone Corso Venezia 47 - 02.77501 lunedì-venerdì 8.30-18 Come arrivare: MM1 Palestro

13


Federico Patellani, Matera

Palazzo della ragione fotografia AA.VV. Italia Inside Out

L’Italia vista dall’occhio dei fotografi italiani. È così che si può sintetizzare una delle più grandi mostre dedicate al Bel Paese, popolo di santi, poeti e navigatori. I poeti in questione sono autori che fanno parte del Gotha della fotografia e, a partire dal secolo scorso, hanno navigato nei cambiamenti del paese degli ultimi 60 anni. Numerosi individui di diversa formazione, età, provenienza e pensiero estetico compongono una mostra che illumina un’Italia di persone, paesaggi, opere artistiche e comportamenti pittoreschi. Una dichiarazione d’amore in 250 fotografie. In realtà questa è solo la prima parte, Inside, di un progetto che prevede una seconda mostra, Out, che ospiterà in estate immagini dell’Italia realizzate dai più grandi fotografi internazionali.

a cura di Giovanna Calvenzi fino al 21 giugno Palazzo della Ragione Fotografia Piazza Mercanti 1 – 02.43353535 martedì-domenica 9.30-20.30, giovedì e sabato 9.30-22.30 Ingresso: 12€ www.palazzodellaragionefotografia.it Come arrivare: MM1/3 Duomo – Tram 2, 3, 12, 14, 19, 24, 27 – Bus 50, 58

14


Palazzo Giureconsulti Max&Douglas Wake up beautiful

Donne e risvegli: intimità e quotidianità. Un momento privato che mostra il femminile nella sua normale quotidianità fatta di piccoli riti, penombre e volti addormentati. La coppia di fotografi Max&Douglas lascia il mondo della ritrattistica pubblicitaria e, in punta di piedi, entra nelle case, osserva silenziosamente la lenta e leggera atmosfera mattutina e se ne esce per ricreare quella stessa ambientazione all’interno di Palazzo Giureconsulti. Un’atmosfera calma e semplice per riscoprire quanto la bellezza risieda nella normalità e nella quotidianità dei piccoli gesti.

fino al 26 aprile Palazzo Giureconsulti Piazza Mercanti 2 – 02.85155873 lunedì-venerdì 8.30-18 www.palazzogiureconsulti.it infogiureconsulti@mi.camcom.it Come arrivare: MM1/3 Duomo – Tram 2, 3, 12, 14, 19, 24, 27 – Bus 50, 58

15


Al bistrot, 1930-32 ©Estate Brassaï

Palazzo Morando Brassaï Brassaï. Pour l’amour de Paris

Esiste una regola del perfetto flâneur? Forse no, ma per Brassaï (vero nome Gyula Halàsz) valgono tre verità: non era parigino, conosceva la città per esplorazione e attraverso intellettuali e artisti, amava visceralmente tutta la città. Brassaï fa parte della leggenda della Parigi romantica, quella che appartiene a se stessa, ai pittori, alle prostitute e ai poeti: esce dalla storia e arriva a noi regalandoci immagini belle e universali. La mostra raccoglie 260 cartoline dal passato, lasciapassare per la leggenda raccolti dal nipote dell’autore, all’interno di una retrospettiva che unisce Comune di Milano, Fratelli Alinari, Estate Brassaï sotto il patrocinio di Ambasciata di Francia, Comune di Parigi, Institut français e Camera di Commercio e Industria francese in Italia.

a cura di Agnès de Gouvion Saint Cyr fino al 28 giugno Palazzo Morando Via Sant’Andrea 6 – 02.88453314 martedì-domenica 10-19 Biglietti: intero €10, ridotto €5 e €8,50 www.civicheraccoltestoriche.mi.it www.alinari.it/mostre/brassai c.palazzomorando@comune.milano.it Come arrivare: MM1 Duomo/Cordusio, MM3 Duomo/Montenapoleone Tram 2, 3, 16, 27, 12, 14 16


expo 2015 Gianni Berengo Gardin Paesaggi di Riso

Nella classicità dei suoi scatti in bianconero, Gianni Berengo Gardin trasmette sempre un fascino particolare. Lo si ritrova inevitabilmente in Terre di riso, la mostra che raccoglie le fotografie realizzate in luoghi lontanissimi fra di loro – la Pianura Padana, la Cina, la Francia – eppure accomunati da quella che viene definita come cultura del riso perché comprende conoscenze, abilità, testimonianze storiche. Il lavoro antico delle mondine il cui ricordo è mantenuto dalla ricostruzione delle loro stanze da letto e il panorama dei campi coltivati, l’acqua stagnante che riflette il cielo come uno specchio e i trattori che cercano di delimitarla nella geometria dei canali: tutto questo ci parla dello stretto legame che accomuna quanti al riso hanno dedicato tempo, passione e competenza.     

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Riso Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

17

expo e la fotografia

Risaia ©Contrasto


Pesco ©Contrasto

expo 2015 Irene Kung Il giardino delle meraviglie

Dopo le sue sorprendenti immagini in bianconero che avevano come soggetto architetture che sembravano emergere dal buio, Irene Kung ha intrapreso una nuova ricerca che l’ha portata a misurarsi anche con la bellezza degli alberi. L’uso di colori particolarmente delicati ha permesso alla fotografa svizzera di evocare gli antichi racconti che riferivano di intere civiltà completamente dedite, con grande cura e competenza, alla cura delle specie arboree di ogni genere. In questo suo “Il giardino delle meraviglie” legumi, e soprattutto alberi da frutta, diventano soggetti al centro della sua singolare, personalissima ricerca.  

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Frutta e Legumi Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

18


expo 2015 Joel Meyerowitz Il pane del mondo

Facile dire pane, ma basta un poco di riflessione e di ricerca per rendersi conto che in tante parti del mondo questo, pur essendo sempre presente, lo è nelle forme e nelle lavorazioni più diverse. Per raccontare questa storia di sapore antropologico il fotografo americano Joel Meyerowitz ha scelto un filtro di tipo artistico realizzando delle installazioni prodotte appositamente per questo progetto dove la varietà degli aspetti esteriori del pane allude simbolicamente ai diversi modi con cui le civiltà attraverso questo cibo si rappresentano.

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Cereali e Tuberi Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

19


Cacao ©Magnum Photos - Contrasto - Studio Trisoli Napoli

expo 2015 Martin Parr Oops…chocolate!

Da sempre guidato da una curiosità che lo spinge a indagare il mondo che lo circonda fin nelle pieghe della quotidianità, l’inglese Martin Parr, presidente di Magnum, nel corso dei suoi viaggi è stato testimone del modo con cui, nelle sue molte varietà, il cacao è presente nella vita di tutti gli abitanti del pianeta. Nei suoi scatti il cioccolato, prodotto, consumato e venduto in tutto il mondo, ha perduto il suo originale mistero di cibo degli dei e di protagonista di complessi rituali, pur conservando quel suo particolare fascino tutto da scoprire.

a cura di Magnum Photos e Contrasto Studio Trisorio Napoli 1 maggio/31 ottobre Cluster Cacao e Cioccolato Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

20


El Salvador ©Sebastião Salgado

expo 2015 Sebastião Salgado

Forse anche perché nato in una famiglia che alla cura della terra aveva dedicato tempo ed energie, il grande fotografo brasiliano Sebastião Salgado ha lavorato negli ultimi dieci anni documentando tutti i processi di coltivazione, raccolta, essiccamento, selezione e trasporto del caffè. Muovendosi in varie parti del mondo anche per scoprire il modo di vivere di tante popolazioni, il fotografo ha realizzato un racconto lirico ed epico che vede come protagonisti assoluti gli uomini e le donne grazie alle quali il caffè viene tuttora prodotto.

a cura di illy 1 maggio/31 ottobre Cluster Caffè Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

21


Vanuatu ©Magnum Photos

expo 2015 Alessandra Sanguinetti Tre oceani, storie di isole

Fin dai suoi primi e ormai famosi progetti, “On the Sixth Day” e “The Adventures of Guille e Belinda” realizzati in Argentina, la fotografa americana Alessandra Sanguinetti ha mostrato la sua capacità di usare l’immagine per raccontare storie con uno stile sognante e poetico. In questo caso ha indagato sulla vita delle famiglie nelle Isole Oceaniche, con tre storie diverse realizzate negli Oceani Atlantico, Pacifico e Indiano, facendo emergere gli aspetti di una natura primigenia dominata dall’esotismo e dalla carnalità.

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Isole, Mare e Cibo Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

22


Barca in costruzione ©Magnum Photos

expo 2015 Ferdinando Scianna Mediterraneo, un mare di storie

Se c’è un autore capace di riassumere nelle immagini, come nella sua visione, il senso stesso della mediterraneità, questo è Ferdinando Scianna. Membro della agenzia Magnum dove è entrato su segnalazione di Henri CartierBresson, fotogiornalista ma anche scrittore di notevole spessore, ha spesso raccontato le atmosfere del Mediterraneo in una complessa ricerca che, partendo dalle sue origini siciliane, è approdata all’esplorazione di altri paesi per documentarne la cultura, la vita e i riti. Lo si nota in questa mostra dove gli elementi storici si intrecciano alla visione di un paesaggio carico di elementi evocativi.

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Biomediterraneo Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

23


Zone aride © Contrasto

expo 2015 George Steinmetz In volo sui deserti

Usando un suo speciale deltaplano costruito appositamente per permettergli le riprese fotografiche da un’altezza notevole ma adatta a cogliere i particolari e perciò definita “a volo di uccello”, l’americano George Steinmetz documenta le Zone Aride del mondo realizzando immagini di una spettacolare bellezza. In volo sui deserti da un lato vuol essere un forte segnale di allarme per il pericoloso avanzare dell’aridità, ma dall’altro lo è anche di speranza perché in molti casi queste zone sono state riadattate alla fertilità e alla coltivazione di prodotti agricoli.

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Zone Aride Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

24


Spezie India ©Magnum Photos Contrasto

expo 2015 Alex Webb La Via delle Spezie

Ci voleva un grande, sognante interprete della fotografia di viaggio, uno degli autori più in vista del National Geographic e membro di Magnum come l’americano Alex Webb per raccontare nel suggestivo reportage “La Via delle Spezie” la grande varietà di questi prodotti. Lo fa ripercorrendo gli antichi cammini che collegavano il mondo occidentale a quello orientale soffermandosi con l’incanto di un tempo sui tanti suggestivi mercati dell’Asia dove le spezie dominano imponendosi per i loro accesi cromatismi e i loro intensi, acuti effluvi.

a cura di Magnum Photos e Contrasto 1 maggio/31 ottobre Cluster Spezie Sito espositivo Expo 2015 Come arrivare: MM 1 Rho Fiera – Passante ferroviario S5, S6, S14 – Treno stazione Rho Fiera Milano

25


in città

Vita protetta

acquario civico di milano AA.VV. Acqua per la vita

a A cura cura di di Giovanni Giovanni Pelloso Pelloso ed ed Elisabetta Elisabetta Polezzo Polezzo 24 aprile/10 maggio Inaugurazione: 23 aprile h 18.30 inaugurazione Acquario Civico di Milano Viale Gadio 2 – 02.88445392 Orari di apertura: martedì-domenica 9/13 – 14/17.30 martedì-domenica 9-13/14-17.30 www.acquariocivicomilano.eu c.acquario@comune.milano.it Come arrivare: Tram 4, 4, 12, 12, 14 14 –- Bus 45, 57 MM2 Lanza -– Tram

26

15 fotografi, altrettanti generi e percezioni che si focalizzano sul tema dell’acqua. Da nutrimento ed elemento primordiale a fondamento per tante tradizioni, leggende, racconti e poesie. L’acqua è un elemento vitale ma anche trasversale, in grado di sussistere sia nella realtà che nell’immaginazione tanto da definire comunque, sia nella sua assenza che nella sua presenza, l’identità, il carattere e la cultura. A ospitare la mostra un luogo connotato dall’acqua e dai suoi abitanti, l’Acquario Civico di Milano. Gli autori esposti sono: M. Bersanetti, A. Brera, A. Busci, L. Casonato, G. Crosara, L. Covi, M. Di Nonno, F. Foddai, P. Manazza, M. Mariani, M. Washington.


Monte Amiata

Ad gallery Cinzia Susca Ibridazioni Architettoniche

Quando la città sale c’è un fotografo a documentare. Ma se il fotografo in questione ha un retroterra fatto di architetture, forme, colori e luci quello che ne esce diventa manifestazione artistica. Cinzia Susca, da 20 anni fotografa pubblicitaria per importanti marchi e aziende, ha visitato la nuova Milano, quella dei palazzi moderni, degli spazi interni ed esterni che connettono tempi diversi. La Milano metafisica e modernista che strizza l’occhio agli artisti contemporanei. Allo stesso modo Cinzia Susca isola particolari di questi nuovi spazi, si concentra su di essi e ne restituisce una visione affatto nuova, illuminando così angoli che si trasformano in opere minimaliste di arte contemporanea e che circondano i nostri luoghi di vita quotidiana.

23 aprile/28 maggio inaugurazione 23 aprile h 19 AD GALLERY Via Petrella 21 – 02.36555767 9-13/14-18 e su appuntamento Facebook.com/adgallerydeplano ad@annadeplano.it Come arrivare: MM1 Lima/Loreto, MM2 Loreto/Caiazzo, Tram 1, Bus 90

27


Eclissi

Ad gallery Daniela Zedda Oggetti Astratti

Oggetti di tutti i giorni, forme quotidianamente visibili sotto i nostri occhi, i colori della banalità. Tutti questi elementi vengono messi sotto la lente (d’ingrandimento) dell’obiettivo fotografico e vengono trattati con tecnica, sensibilità artistica e istinto psicologico dalla fotografa Daniela Zedda che ha imparato a osservare il mondo circostante attraverso un filtro che tende a rendere autonomi gli elementi rispetto alla loro essenza. Così due piatti sovrapposti diventano un’eclissi e l’attenzione si sposta tutta sulle sfumature e sulla matericità. Fotografati direttamente eppure decontestualizzati e analizzati nella loro texture, i mondi esplorati da Daniela Zedda si compongono di segni urbani e naturali, artificiali e artigianali.

4/25 giugno inaugurazione: 4 giugno h 19 AD GALLERY Via Petrella 21 – 02.36555767 9-13/14-18 e su appuntamento Facebook.com/adgallerydeplano ad@annadeplano.it Come arrivare: MM1 Lima/Loreto, MM2 Loreto/Caiazzo, Tram 1, Bus 90

28


AMY-D ARTE spazio project economART Ago Panini #BACKIS

Quando il rock si è fatto largo nella musica e nella cultura ha travolto e stravolto tutto cambiando prospettive. Si potrebbe dire che il rock sia l’anima e l’essenza di molti lavori di Ago Panini, eclettico artista che ha attraversato musica, cinema, narrativa e pubblicità, facendo propri i linguaggi e le mode della contemporaneità, trasformando la cultura in controcultura e portando innovazione in tutti questi ambiti. Il suo ultimo lavoro fotografico è #BACKIS, una versione ironica, iconica e rock del ritratto, oggi declinato nel selfie. I soggetti sono ripresi di spalle, inseriti in contesti differenti a dimostrazione che non sono solo i volti a rappresentare l’io, la cultura, la razza o lo stato d’animo. L’altro lato della luna può essere altrettanto interessante, se si sa guardare.

21 maggio/11 giugno inaugurazione 21 maggio h 18.30 Amy-d Arte Spazio Via Lovanio 6 lunedì-venerdì 10-13/16-19, sabato e festivi su appuntamento www.amyd.it info@amyd.it Come arrivare: MM2 Moscova - Bus 43, 61 e 94

29


Francesca Oriani, La mangiatrice di valori

Artepassante Porta Venezia AA.VV. Gli studenti e le studentesse delle ITSOS Albe Steiner di Milano e l’IIS G.Meroni di Lissone Mangio dunque sono. Il cibo tra arte, identità e memoria

La tavola è il punto di partenza. Attorno al desco giovani studenti si sono seduti e ciascuno ha dato una propria visione della dinamica cibo/tavola in relazione con se stessi e con il mondo, ciascuno secondo il proprio linguaggio: sensualità, aggressività, impegno sociale, vulnerabilità, critica, ironia e gioco che si mescolano secondo una fresca progettualità.

fino al 30 giugno ARTEPASSANTE Vetrine del passante ferroviario di P.ta Venezia – 339.7687400 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23

30


Giulia Minetti, Cappuccetto rosso

Artepassante Porta Venezia AA.VV. Donne

Un gruppo di fotografi si incontra online, complice la piattaforma Flickr. Dalla realtà virtuale nasce una realtà che si chiama Circolo Fotografico “Osvaldo Pieroni”. Le donne del gruppo iniziano una ricerca individuale che ha come (s)oggetto di indagine le donne stesse. Donne di fantasia si mescolano a donne di paesi lontani, donne che raccontano storie e donne che rappresentano mondi. Non è casuale la scelta dello spazio espositivo: l’intento della mostra è quello di fermare lo sguardo e attirarlo verso un universo, quello della quotidianità femminile, troppo spesso ignorato. La sfida è quella di attirare i passanti frettolosi, troppo impegnati a fissare un punto nello spazio del proprio quotidiano percorso, e spingerli per una volta a “vedere” davvero verso un altro orizzonte, più vicino di quanto non si pensi.

a cura di Giulia Minetti fino al 28 aprile ARTEPASSANTE Vetrine superiori del passante ferroviario di P.ta Venezia – 347.1589478 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23 31


Artepassante Porta Venezia Roberto Besana Il Palio del Golfo

Roberto Besana ha realizzato il reportage di un evento sportivo, ma anche culturale e di costume, che da quasi un secolo si svolge in agosto a La Spezia. Si tratta del Palio del Golfo, una sfida che vede contrapporsi 13 borgate marinare che sfilano per la cittĂ e terminano la giornata gareggiando a colpi di remi. Come tante tradizioni popolari e folkloristiche italiane, anche questa si caratterizza per la ricchezza di colore, di orgoglio, di tradizione e coinvolgimento, tutti elementi che si ritrovano in un racconto visivo dalle tinte forti e appassionate.

fino al 28 aprile ARTEPASSANTE Vetrine del passante ferroviario di P.ta Venezia – 347.1589478 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23

32


Artepassante Porta Venezia Cristiano Vassalli C’ero una volta in America

Alla fine degli anni Settanta Cristiano Vassalli era un giovane che coltivava il suo animo e la sua mente con una forte passione per la fotografia e per quell’immaginario americano fatto di viaggi on the road, di sogni alla Kerouac, di beoni un po’ poeti, di larghe e sconfinate strade che portano verso quegli orizzonti fatti di skyline mozzafiato e insegne luminose. Per cinque mesi, tra il 1978 e il 1979, Vassalli può vivere il suo “sogno americano” e al suo ritorno porta con sé numerosi ricordi e altrettanti rullini. 30 anni dopo quei rullini diventano una mostra che è raccolta ed espressione di quell’iconografia letteraria e cinematografica che popola le nostre menti: strade solitarie, marciapiedi umidi e fumosi, viaggi notturni, grattacieli, vita urbana, manifestazioni.

29 aprile/28 maggio inaugurazione: 29 aprile h 18.30 ARTEPASSANTE Vetrine superiori del passante ferroviario di P.ta Venezia – 347.1589478 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23 33


Erika Arreghini

Artepassante Porta Venezia AA.VV. Gli studenti della 4D sezione multimediale del liceo Boccioni Facegang

Per i giovani è importante partire sempre da se stessi. Così hanno fatto gli allievi di una classe del liceo artistico Boccioni. Sono partiti dall’autoritratto per indagare la molteplicità delle sfaccettature che la personalità possiede intervenendo sulle foto con materiali e tecniche diverse, ciascuno secondo la propria estetica. Le fotografie, sei autoritratti per ciascun autore, si collocano a metà tra multimedialità e pittura e si aprono a una moltitudine di letture diverse, esattamente quelle cui sono soggetti i giovani nel momento della formazione del sé.

29 aprile/13 settembre inaugurazione: 9 maggio h 18.30 ARTEPASSANTE Vetrine del passante ferroviario di P.ta Venezia – 347.1589478 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23 34


Via Fratelli Zoia

Artepassante Porta Venezia Anna Ruggieri Siriani in transito

Anna Ruggieri, con un occhio attento e sensibile alla contemporaneità, ha cercato di dar volto e parola a quelle centinaia di profughi siriani che si sono trovati d’improvviso catapultati in una terra di mezzo: provenienti dalla Siria martoriata dalla guerra, sbarcati in Sicilia e diretti verso un agognato El Dorado (il Nord Europa), si sono trovati fermi a Milano. Dai mezzanini della stazione centrale ai centri di accoglienza dislocati nelle diverse zone della città, Ruggieri ha ritratto questo popolo di sans papiers che l’Unione Europea non considera: privati del diritto di circolazione e quindi della libertà di aspirare a un futuro migliore. In questo modo la storia degli individui siriani diventa il racconto e la voce di tutti gli altri profughi di guerra.

5/30 giugno inaugurazione: 5 giugno h 18 ARTEPASSANTE Vetrine superiori del passante ferroviario di P.ta Venezia – 347.1589478 tutti i giorni 6-24 www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia Passante ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23 35


Artespressione AA.VV. FINAL REPORTS – Mostra conclusiva del corso Teoria e pratica del reportage

Testimonianza diretta, inchiesta, memoria di viaggio: il reportage è tutto questo e altro ancora. Nel bagaglio del reporter serve coscienza, conoscenza, sguardo attento, capacità di essere abile e invisibile, anche nelle relazioni. Andrea Banzato, Marco Brioni, Patrizia Calegari, Andrea Ceppi, Francesco Dabbicco, Liliana Paoloni, Michel Noussan, Fabrizio Loiacono, Roberta Roberto, Ruggero Ughetti e Stefano Vergari. Per undici aspiranti fotoreporter la galleria Artespressione è stata la scuola dove apprendere, alimentare e attuare questi strumenti del mestiere, importanti tanto quanto il buon utilizzo della macchina fotografica. Final reports è il loro lavoro finale, la confezione di un progetto di indagine della realtà pronto a essere fruito anche dal pubblico.

a cura di Matteo Pacini 7 maggio/6 giugno inaugurazione: 7 maggio h 18 ARTESPRESSIONE Via della Palla 3 – 329.9648086 martedì-sabato 12-19 www.artespressione.com artespressione@gmail.com Come arrivare: MM1 Duomo, MM3 Duomo/Missori – Tram 2, 14

36


Abu-Dis, Palestine

Associazione apriti cielo! Bruna Orlandi Paesaggi rinchiusi: la Palestina degli archivi storici a confronto con le attuali trasformazioni

Un dialogo tra passato e presente che testimonia lo statico cambiamento di una terra martoriata come la Palestina. La voce del passato è recitata dalle fotografie della Collezione Matson e raccontano una storia datata 1898-1946 che si svolge tra pastori e agricoltori, che sa di Mediterraneo, di sabbia e lavoro, di socialità e di conquista del futuro. Il presente è impersonato dalla fotoreporter Bruna Orlandi, specializzata in reportage di guerra, e parla di una costante condanna alla frammentarietà e all’impossibilità di viaggiare verso un orizzonte unitario. Un interessante accostamento temporale che permette, con spirito critico, di affrontare da un nuovo punto di vista un argomento quanto mai attuale.

22/31 maggio inaugurazione: 22 maggio h 18.30 Associazione Apriti Cielo! Via Spallanzani 16 – 02.99203159/349.8682453 lunedì-giovedì 15-18 venerdì-domenica 18.30-20 www.apriti-cielo.it info@apriti-cielo.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Passante ferroviario Porta Venezia - Tram 9 37


BARBARA FRIGERIO CONTEMPORARY ART Maurizio Galimberti A single Polaroid journey

Pur essendo conosciuto per le sue composizioni a collage, Maurizio Galimberti non ha mai trascurato di svolgere la sua incessante ricerca anche nelle singole immagini Polaroid. Presentando una selezione di scatti originali provenienti dalla sua collezione privata, il fotografo mette in luce la capacità di esprimere la sua poetica nella sintesi suprema racchiusa nei confini di una sola opera. Qui chi sa leggere con attenzione può riconoscere gli elementi cari a Galimberti: il gusto di un equilibrio raggiunto nel confronto con l’estetica delle avanguardie storiche, il sottile gioco di rimandi capace di creare un mondo attraversato da una magica delicatezza.

7 maggio/14 giugno inaugurazione 7 maggio h 18 Barbara Frigerio Contemporary Art Via dell’Orso 12 (entrata via Ciovasso 3) 02.36593924 martedì - sabato 10-13/16-19.30 www.barbarafrigeriogallery.it info@barbarafrigeriogallery.it Come arrivare: MM1 Cairoli

38


Gabriele Basilico, Dal tetto del Duomo di Milano, 2011

Bel Vedere Fotografia AA.VV. Milano. Le più belle fotografie della città dell’Expo 2015

Un album di fotografie dedicato a Milano, 24 immagini di fotografi (milanesi e non) come Gabriele Basilico, Cosmo Laera, Annalisa Cimmino, Matteo Cirenei, Sergio Dabò, Marco Introini e Alessandro Scotti, selezionati dalla tradizionale mostra Prima Visione firmata G.R.I.N. (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale). Se Milano è il palcoscenico di Expo 2015, compito dei fotografi è allora di andare a curiosare nei meandri del teatro, di scostare il sipario e di muoversi tra gli scenari per offrire al pubblico una visione della città meneghina da un nuovo punto di vista, sotto una luce diversa, da una prospettiva conosciuta eppure insolita.

24 aprile/13 giugno inaugurazione: 23 aprile h 18 Bel Vedere Fotografia via Santa Maria Valle 5 martedì - sabato 15-19 www.belvederefoto.it info@belvederefoto.it Come arrivare: MM1/MM3 Duomo - Tram 2, 14 fermata via Torino/Santa Maria Valle

39


Via Gioia

Biblioteca sormani Gianni Maffi MILANEXPO

Il fascino del cambiamento metropolitano: perseguito e ricercato da architetti e urbanisti, studiato da sociologi e antropologi, spiato e temuto dagli abitanti, fermato dai fotografi. Gianni Maffi si è posto quale testimone dell’avanzata urbanistica che Expo 2015 porta con sé. Rogoredo Santa Giulia, Viale Monteceneri, Zona Isola sono solo alcuni degli angoli di Milano che nell’ultimo decennio hanno subito grosse modifiche, non solo architettoniche, ma anche sociali, culturali, economiche. Archi futuristici sovrastano luoghi periferici, ponti collegano quartieri dapprima isolati mentre il comune denominatore di tutto ciò è l’essere umano, inerme testimone o incuriosito spettatore di una città che evolve lasciando traccia di sé nelle immagini catturate.

21 maggio/16 giugno inaugurazione: 21 maggio h 18 Biblioteca centrale – Palazzo Sormani Corso di Porta Vittoria 6 – 800.88.00.66 lunedì-sabato 9-19.30 www.comune.milano.it/biblioteche c.bibliocentrale@comune.milano.it Come arrivare: MM1 San Babila, MM3 Missori -Tram 12, 23, 27, Bus 54, 60, 73, 84, 94

40


boffi showroom Gianni Pezzani Magnetica

Quello che si genera davanti alla macchina fotografica può essere reale e il fotografo ha il libero arbitrio di incidere su questa realtà mistificandola e modificandola. È quello che fa Gianni Pezzani fotografando oggetti che diventano altro da sé, evanescenti e di forma inesistente. Una nuova ottica per indicare quanto conti la percezione dell’osservatore combinata con l’azione dell’artista. Ne risulta un’illusione, una forma nuova e mai vista. Restituisce un’evasione. Il progetto è accompagnato da un catalogo edito da Greta Edizioni Milano e dai testi di Denis Curti e Andrea Tinterri.

a cura di Noema Gallery 4/30 maggio inaugurazione 7 maggio h 18 Showroom Boffi Via Solferino 11 – 335.5200775 lunedì 10-18 martedì-sabato 10-19 www.noemagallery.com noema@noemagallery.com Come arrivare: MM2 Moscova, MM3 Turati - Bus 43, 61, 94

41


Polittico

bottega di cecè casile Antonio Biasiucci PANE

Il pane rappresenta la base elementare e alimentare che accomuna molti popoli. Feste e ritualità, celebrazioni sacre e profane, manna per chi soffre la fame e piacevole sicurezza nella quotidiana tranquillità. Antonio Biasiucci con le sue composizioni fotografiche, il polittico, è come se volesse tornare all’origine dell’uomo. Il suo lavoro ha un retroterra quasi sacrale: dalla scelta del soggetto alla composizione polittica che ricorda i dipinti sacri, dalla rappresentazione dell’uomo nell’atto di creare il nutrimento alla raffigurazione delle sagome antropomorfe che il pane, una volta mutato nella forma e nella sostanza, assume andando a nutrire nuove vite. Una visione originale del nostro quotidiano.

13 maggio/13 luglio inaugurazione: 12 maggio h 18 Bottega Cecè Casile Via Solari 23 – 02.89401049 lunedì-venerdì 10-13/15.30-19, sabato su appuntamento cece.casile@gmail.com Come arrivare: MM2 S. Agostino – Tram 14

42


Antonio Paoletti. Cantiere della diga Aem di San Giacomo in Val di Fraele, 2 novembre 1942

casa dell'energia e dell'ambiente AA.VV. Acqua e luce. Un secolo di energia rinnovabile per lo sviluppo del territorio

Inserendosi nel grande tema universale di “Nutrire il pianeta”, la mostra Acqua e luce utilizza un binomio vitale nello sviluppo umano e urbano per raccontare l’evoluzione di una città proprio dal punto di vista di due elementi che caratterizzano Milano. Un viaggio tra foto e video per (ri)conoscere la città dalle sue luci, dai suoi scarichi di acqua, dalle fontane e dai mille lampioni. Il binomio è anche un buon pretesto per valorizzare gli archivi storici della Fondazione AEM, per imparare la storia dello sviluppo energetico in città e in Valtellina e per sottolineare la responsabilità dell’utilizzo consapevole delle risorse.

a cura di Fabrizio Trisoglio

21 maggio/31 luglio inaugurazione: 20 maggio h 18 Casa dell’Energia e dell’Ambiente – Fondazione AEM - Gruppo A2A Piazza Po 3 – 02.77203935 lunedì-venerdì 9.30-17.30 www.fondazioneaem.it fondazioneaem@a2a.eu Come arrivare: MM1 Pagano - Tram 16 - Bus 58, 61 43


castello sforzesco Silvia Amodio AdottaMI

“Gli animali vivono in un mondo parallelo che spesso si sovrappone al nostro. È un incontro che cambia la vita, allevia solitudini e a volte innesca meccanismi che portano a vere e proprie prese di coscienza. Queste fotografie di Silvia Amodio ritraggono cani anziani, quelli che nessuno ha voluto, doppiamente abbandonati. Non sono belli e glamour, ma nessuno ha perso quello sguardo di attesa, implorante e nello stesso tempo fiducioso che qualcuno li capirà e verrà a salvarli”, scrive Elio Fiorucci presentando questa mostra. Ideato e messo in atto dalla fotografa, “AdottaMI” fa parte del progetto Alimenta l’Amore realizzato da Coop Lombardia in collaborazione con il Comune di Milano per aiutare gli ospiti del Parco Canile Rifugio.

a cura di Elio Fiorucci 4/19 maggio inaugurazione: 4 maggio h 18 Castello Sforzesco Cortile della Rocchetta Piazza Castello 1 – 02.88463747 tutti i giorni 7-18 www.milanocastello.it www.comune.milano.it/cultura Come arrivare: MM1 Cairoli/Cadorna, MM2 Cadorna/ Lanza - Tram 1, 2, 4, 12, 14, 27 Bus 50, 57, 58, 61, 94 44


Alberto Dubini, Quartiere Missaglia, Milano 1975

chiamamilano negozio civico Alberto Dubini The Fabulous 70’s

Alberto Dubini negli anni Settanta era il più giovane geometra dell’Ufficio Tecnico Municipale. Armato di macchina fotografica e dello spirito di street photographer, ha saputo catturare con immediatezza e semplicità lo spirito che pervadeva la città negli anni Settanta: c’era l’influenza un po’ bohémien nel mimo alla Marceau o nei madonnari in Piazza Duomo, c’erano le avvisaglie della Milano da bere pronte a farsi largo tra le insegne luminose del centro, ma c’erano anche l’umile vita dei bottegai e la libertà degli spazi aperti in periferia conquistati dai bambini. Un salto in bianco e nero indietro nel tempo di pochi decenni che aprirà la via a un gioco di confronti e di rimandi con la città che non c’è più. O forse c’è ancora.

4/17 maggio inaugurazione: 8 maggio h 18 ChiAmaMilano Negozio Civico Via Laghetto 2 – 02.76394142 lunedì-domenica 12-20 www.chiamamilano.it negozio@chiamamilano.it Come arrivare: MM3 Missori/Duomo, MM1 San Babila/Duomo -Tram 12, 15, 23, 27 - Bus 54, 60, 73, 77, 84, 94

45


Madonna

chiamamilano negozio civico Sergio Coppola Designer Bit by bit

Come sarebbe oggi la Dama del Pollaiolo se venisse rappresentata da un moderno artista? Quali strumenti utilizzerebbe un Raffaello contemporaneo? Sergio Coppola, artista ma anche abile innovatore attento a scienza, tecnologia e comunicazione, utilizza gli strumenti digitali per dare una risposta a queste domande. Ne scaturisce l’interpretazione di quadri famosi prepotentemente trascinati nel mondo del digitale. Prerogativa di Coppola è infatti quella di rielaborare opere preesistenti traducendole nella semantica dei bit. Raffaello cambia pelle e trasmuta in una sequenza di codice alfanumerico che viene poi trattata cromaticamente per giocare su una percezione del tutto nuova. A fondersi sono tecnologia e tradizione, semantica e arte.

18/31 maggio inaugurazione: 20 maggio h 18 ChiAmaMilano Negozio Civico Via Laghetto 2 – 02.76394142 lunedì-domenica 12-20 www.chiamamilano.it negozio@chiamamilano.it Come arrivare: MM3 Missori/Duomo, MM1 San Babila/Duomo -Tram 12, 15, 23, 27 - Bus 54, 60, 73, 77, 84, 94

46


Bodies # 3, 2015

costantini art gallery Aqua Aura Illusion-Inclusion

La fotografia diventa con Aqua Aura punto di partenza e limite oltre il quale i mondi si sovrappongono e si inglobano. Grazie all’utilizzo delle più moderne tecniche e tecnologie, elementi facilmente e immediatamente riconoscibili diventano parte di composizioni dove altri elementi, stavolta sconosciuti, alterano la percezione dell’osservatore. La natura si mescola alla dimensione, reale ma invisibile, delle cellule e dei virus: l’inclusione dell’ignoto rende possibile l’illusione.

7 maggio/6 giugno inaugurazione: 7 maggio h 18 Costantini Art Gallery Via Crema 8 – 02.87391434 martedì-venerdì 10.30-12.30/15.30-19.30 www.costantiniartgallery.com costantiniartgallery@gmail.com Come arrivare: MM3 Porta Romana – Tram 9 – Bus 62, 90, 91

47


dada east Maurizio Galimberti METAMORFOSI - La città che sale

Autore poliedrico e capace di piegare la pellicola a sviluppo immediato Polaroid alle più imprevedibili declinazioni, Maurizio Galimberti presenta in questa mostra diverse sue opere, alcune delle quali inedite, che tracciano le tappe più significative del suo percorso espressivo. Sono le composizioni a collage che si esprimono nei celebri ritratti come nei paesaggi urbani a colpire per l’equilibrio delle composizioni e l’efficacia con cui ci restituiscono la realtà in una interpretazione che la modifica pur rimanendole sostanzialmente fedele.

fino al 14 giugno inaugurazione 7 maggio h. 18.30 DaDA EAST Via Varese 12 – 345.2997090 martedì-venerdì 11-19 www.dadaeast.it info@dadaeast.it Come arrivare: MM2 Moscova

48


Miniera di Montevecchia, Sardegna

Ex Fornace Nevio Doz Oblio terramarique

Nevio Doz è un fotoreporter italiano che si è fatto le ossa nel mondo della contestazione giovanile. Il suo animo è “zingaro” ed errante e l’essere nato sulla riva del mare fa sì che le acque marine siano la sua seconda casa. Oblio è l’atmosfera che pervade dunque il Mediterraneo, scenario di questi reportage, dove si perde una memoria non troppo lontana fatta di moderni Ulisse, che a bordo delle tonnare attraversavano le acque a caccia di vite da issare a bordo e riportare a riva. Rive e terre arse dal sole dove, cattedrali al contrario, si stagliano le miniere che inghiottono altri uomini. L’oblio nelle terre mediterranee è fatto di terra, acqua e sole, ma è fatto anche di uomini e di gesti, fissati dalle immagini di Doz che parlano di quell’oblio fissandolo per sempre.

a cura di Daniela Basadelli Delegà&Origine Arte 2/16 maggio inaugurazione: 2 maggio Spazio Ex-Fornace Naviglio Pavese Alzaia Naviglio Pavese 16 – 02.88458608 lunedì - domenica 16-20 www.cittametropolitana. mi.it/cultura comune.milano@cons.zona6 Come arrivare: MM2 Porta Genova - Tram 9

49


A tavola

Ex Fornace AA.VV. Cibo Sociale – la convivialità sulle tavole del Mediterraneo

Mediterraneo Fotografia è un progetto articolato in più tematiche che hanno come filo conduttore i luoghi, i popoli, la cultura mediterranea cui anche noi apparteniamo. Parte integrante della storia mediterranea è la cucina, resa speciale anche dalle persone che si uniscono per quel rito quotidiano che è il consumo dei pasti. Il cibo diventa espressione di una cultura gastronomica ma anche di un'interazione sociale che da secoli avviene, immutata e solida nonostante i contesti storici e geografici. Tradizione, accoglienza e ospitalità, cultura e forte senso di appartenenza sono tutti aspetti che possiamo trovare attorno a una tavola imbandita e che rivediamo in questi scatti frutto di una selezione tra i numerosi fotografi che hanno preso parte al progetto.

a cura di Patrizia Varone

8/20 giugno inaugurazione: 8 giugno h 18 Spazio Ex-Fornace Naviglio Pavese Alzaia Naviglio Pavese 16 – 02.88458608 tutti i giorni dalle 9 alle 19 www.cittametropolitana. mi.it/cultura www.mediterraneofotografia.eu info@mediterraneofotografia.eu Come arrivare: MM2 Porta Genova - Tram 9 50


Mercatino

Ex Fornace AA.VV. Il mercato – occasioni e socialità nelle strade del Mediterraneo

In questa collettiva di fotografi che hanno preso parte al progetto Mediterraneo Fotografia si scende in strada e ci si addentra in un luogo di vita, azione e interazione qual è il mercato. Un centro nevralgico che da tempi remoti vede vivere e sopravvivere sempre le stesse dinamiche. Colori, odori, suoni e urla, sapori e timori: Palermo, Tunisi, Barcellona, Venezia, Atene, Croazia, Aleppo, qualsiasi sia la lingua del vociare si conserva intatta un'atmosfera che forse è proprio il vento del Mediterraneo a portare con sé.

a cura di Patrizia Varone

8/20 giugno inaugurazione: 8 giugno h 19 Spazio Ex-Fornace Naviglio Pavese Alzaia Naviglio Pavese 16 – 02.88458608 tutti i giorni dalle 9 alle 19 www.cittametropolitana. mi.it/cultura www.mediterraneofotografia.eu info@mediterraneofotografia.eu Come arrivare: MM2 Porta Genova - Tram 9 51


Sofia Masini

foyer teatro litta AA.VV. GEBREK – I fotografi di IIF a teatro

Se la fotografia è un mezzo di interpretazione della realtà, allora la fotografia di scena è un’interpretazione di realtà interpretata: è il medium attraverso cui il fotografo ha la possibilità, nascosto nel buio, di studiare i dettagli degli attori, di fermare la scena e i suoi linguaggi, di vivere quello che avviene prima e dopo lo spettacolo. Gaetano Gianbusso, Sofia Masini, Gaia Mattioli, Diletta Nicosia, allievi dell’Istituto Italiano di Fotografia, hanno vissuto dal buio lo spettacolo Gebrek dove teatro, metateatro, video e comics convivono parlando idiomi diversi. I fotografi restituiscono delle immagini intense, sfaccettate e cariche di significato così come lo spettacolo vuole essere: una commistione di linguaggi che dialogano tra loro e si uniscono in un unico e corale messaggio.

12/22 maggio inaugurazione: 12 maggio h 18 Foyer Teatro Litta Corso Magenta 24 – 02.8055882/86454546 lunedì-venerdì 15-21 www.teatrolitta.it info@teatrolitta.it Come arrivare: MM1/MM2 Cadorna – Tram 16, 19 – Bus 50, 58

52


Mille Miglia

Foto Ottica Giovenzana Giuseppe Candiani Ruggiti nella leggenda

I ruggiti sono quelli dei motori, la leggenda è quella della Mille Miglia, una gara che ha attraversato l’Italia e parte del ‘900 disegnando sulle strade una mappatura di ricordi per gli appassionati delle corse automobilistiche e di Gran Turismo in generale. Da qualche anno a questa parte nel bresciano si corre una Mille Miglia che è rievocazione storica di quella terminata nel 1957. Giuseppe Candiani, dal 1996 al 2003, ha seguito e fotografato quattro edizioni restituendo la magica atmosfera della storia, della corsa e della tradizione italiana.

2 maggio/18 luglio inaugurazione: 2 maggio h 18 9 maggio h 18 incontro con l’autore e Denis Curti Foto Ottica Giovenzana Via Fontana 25 – 02.55199510 lunedì 16/19.30, martedì-sabato 10.15-13.30/16.15-19.30 giovenzana.fotografia@vodafone.it Come arrivare: MM1 San Babila – Tram 12, 23, 27

53


Still life, 2011

GALLERIA 70 Dominique Laugé Nature morte

Da secoli l’uomo si confronta con la bellezza dei frutti della natura, con la loro caducità e con i segni dello scorrere del tempo. Istantanee di questo sentire sono le nature morte, dove l’artista dona loro lo statuto di vita eterna. Anche la fotografia, a suo tempo, ha dovuto fare i conti con questo genere riuscendo a rivitalizzarlo ancora una volta. Dominique Laugé si è formato tra la Francia e gli Stati Uniti, le nazioni che hanno dato vita alla fotografia e che l’hanno fatta assurgere a stato d’arte. Ecco che allo stesso modo Laugé agisce sulla natura morta con grande rispetto della tradizione pittorica e iconografica, con matura consapevolezza della lezione fotografica e con tutto il potere innovativo e concettuale di un moderno gioco di rimandi alla contemporaneità.

fino al 4 luglio inaugurazione: 16 aprile h 19 Galleria 70 Corso di P.ta Nuova 38 –02.6597809 martedì-sabato 10-14/16-19.30 www.galleria70.eu eugeniobitetti@libero.it Come arrivare: MM2 Moscova, MM3 Turati – Bus 43, 94

55


Salita al monastero. Yushu (Jyekundo) Qunghai, Cina, 2010

Galleria Bellinzona Giovanni Spreafico Immagini dal mondo

Giovanni Spreafico ha iniziato a viaggiare per il mondo in età giovane: il suo punto di osservazione è stata la macchina fotografica, l’occhio puntato verso la vita quotidiana dei paesi visitati e la mente forte della scuola del reportage alla Cartier Bresson. Nelle sue fotografie in bianco e nero la semplicità si veste di esotismo e ci porta a osservare, viso a viso, volti messicani o nepalesi, indiani o vietnamiti. Strade e lineamenti sono diversi, ma la fotografia di “Immagini dal mondo” sembra quasi diventare un atlante universale.

a cura di Luigi Erba fino al 10 maggio

Galleria Bellinzona Via Volta 10 – 02.6598631/336.341038 martedì-sabato 16-19.30, altri orari su appuntamento www.galleriabellinzona.it info@galleriabellinzona.it Come arrivare: MM2 Moscova – Bus 94

56


Galleria Bolzani Carmen Mitrotta Death Foods for New Worlds

Cosa ma soprattutto come mangeremo: sono domande poste nonostante non ci si aspettino risposte, anche se la tentazione è quella di darne. Carmen Mitrotta lo fa utilizzando non l’ambiguità delle parole ma l’enigmaticità delle immagini che meglio si prestano a un ideale dialogo con il futuro. Da qui nascono le sue nature morte reinterpretate attraverso nature nuove, per usare la definizione che lei stessa ne dà per spiegare agglomerati culinari creati per nuove e ardite sperimentazioni sensoriali. Plastici, asciutti, alieni, sono cibi pensati soprattutto per il piacere della vista. In un immaginario menu metafisico, Carmen Mitrotta propone alimenti di cui coglie gli accostamenti inusuali, li immerge in ambienti asettici e li accompagna con sue piccole sculture.

a cura di Roberto Mutti

10/20 giugno inaugurazione 10 giugno h 18 Galleria Bolzani Via Gerolamo Morone 2 - 02.781026 martedì-domenica 10.30-13/16-19.30 www.galleriabolzani.it bolzani@galleriabolzani.it Come arrivare: MM1 Duomo MM3 Montenapoleone Tram 1 - Bus 61 57


Mads Nissen, Danimarca, Scanpix / Panos Pictures San Pietroburgo, Russia. Jonathan Jacques Louis (21 anni) e Alexander Semyonov (25), una coppia gay, durante un momento di intimità

Galleria Carla Sozzani AA.VV Word Press Photo

Dal 1955 il Word Press Photo è un'istituzione nel mondo della fotografia di reportage. Ogni anno le fotografie esposte si aprono come tante finestre sul mondo che ci circonda restituendoci immagini che forse non sempre vorremmo vedere, ma che ampliano i limiti della coscienza civile, politica e della conoscenza dei nostri tempi. Scatti realizzati da fotoreporter, agenzie, riviste che hanno sede in tutto il mondo compongono anche quest'anno la 48° edizione del WPP. La foto vincitrice dell'anno 2014 è del danese Mads Nissen e ci mostra l'intimità e la difficoltà di vivere un rapporto di amore omosessuale nell'odierna Russia.

2/31 maggio inaugurazione: 1 maggio h 15 Galleria Carla Sozzani Corso Como 10 - 02.653531 tutti i giorni 10.30-19.30, mercoledì e giovedì aperto fino alle 21 www.galleriacarlasozzani.org press@ galleriacarlasozzani.org Come arrivare: MM2 Garibaldi – MM5 Garibaldi FS – Tram 29, 30, 33

58


Maggiorino Gramaglia, Spetttralizzazione dell’Io, 1931 – Coll.Museo Nazionale del Cinema, Torino

Galleria Carla Sozzani Fotografia Futurista

Quali orizzonti ha aperto la fotografia ai futuristi? Di amore o di odio? Gli esponenti dell’italica avanguardia erano pronti a scagliarsi contro tutto ciò che di passatista e statico avrebbe potuto frenare l’avanzata del dinamismo. La fotografia si collocava sul limitare della condanna: strumento in grado di fermare l’attimo, ma le potenzialità delle lunghe esposizioni, i collage e i fotomontaggi l’hanno resa uno dei mezzi espressivi più apprezzati. Auspicando infatti un diverso utilizzo dello strumento, i futuristi sono stati in grado di esplorare le tracce di movimento, e quindi della vitalità, che si imprimeva sulla pellicola. Mezzo secolo di tracce vitali e creazioni del divenire per opera dei Bragaglia, di Depero, Tato e di tutti gli esponenti votati all’innovazione.

a cura di Giovanni Lista 11 giugno/1 novembre inaugurazione: 10 giugno h 18 Galleria Carla Sozzani Corso Como 10 - 02.653531 tutti i giorni 10.30-19.30, mercoledì e giovedì aperto fino alle 21 www.galleriacarlasozzani.org press@ galleriacarlasozzani.org Come arrivare: MM2 Garibaldi – MM5 Garibaldi FS – Tram 29, 30, 33

59


Padiglione della Repubblica Ceca a Osaka, 1970

Galleria Centro Ceco AA.VV. La Repubblica Ceca all’Esposizione Universale: da Bruxelles 1958 a Milano 2015, un viaggio lungo 60 anni

Come si vive l’Expo dal punto di vista dell’ospite? Questa retrospettiva percorre 60 anni di esposizioni universali vissute dalla Repubblica Ceca, testimonianze che raccontano anni di Expo viste dall’interno. Un viaggio nel passato e nel mondo, da Montreal a Shangai, da Bruxelles ad Aichi per vedere come cambiano i paesi, il loro modo di mettersi in mostra e le innovazioni che ne conseguono. Un viaggio che si proietta anche verso il futuro. Parte integrante della mostra, infatti, sarà l’installazione artistica “EXPO2” del designer René Roubìček dedicato a Expo 2020 di Dubai.

5/30 maggio inaugurazione 4 maggio h 19 Galleria Centro Ceco Via G.B. Morgagni 20 – 02.29411242 lunedì-giovedì 13-18, venerdì 10-16, ultimo sabato del mese 10-17 www.milano.czechcentres.cz ccmilano@czech.cz Come arrivare: MM1 Lima/Porta Venezia - Tram 9, 33, 5 Bus 81, 60 60


Torre Unicredit

galleria four points sheraton Marco Moggio Milano. Exposizioni Urbane

Le fotografie di Marco Moggio celebrano la città dell'Expo, ma quello che viene esposto di Milano è un silenzioso quanto imperioso dialogo che si tiene tra le forme architettoniche moderne e quelle ottocentesche. Fiori all'occhiello storici, artistici e di letteraria memoria appartenenti alla città, come il Castello Sforzesco, la Rotonda della Besana, la Basilica di S.Eustorgio, si ergono in un campo-controcampo dove l'altra parte del dialogo è composta dalle nuove architetture che salgono alla conquista del cielo, modificando lo skyline alla conquista di un loro pezzo di memoria futura, stagliandosi su cieli di volta in volta luminosi e illuminati da colori diversi.

a cura di Stefano Bianchi

fino al 31 ottobre inaugurazione: 20 aprile h 18 Galleria Four Points by Sheraton Milano Center Via Gerolamo Cardano 1 – 02.6674611 lunedì-domenica 9-23 www.pontixlarte.eu info@pontixlarte.eu Come arrivare: MM2 Gioia – Bus 60

61


Futbolìn, 2014

galleria l'affiche Marcelo Soulé Cityfile (l’archivio)

Marcelo Soulé è il fotografo che cerca la completezza, il totale composto da opposti. Il suo campo di ricerca è Milano, dove vive quando non si trova a Barcellona: è lì che osserva i pieni e i vuoti, il vecchio e il nuovo, la storia e la contemporaneità, il dettaglio e il complesso. Per farlo usa rigorosamente il bianco e nero e per meglio concentrarsi sui molteplici aspetti della città predilige l’immobilità, l’assenza della figura umana, ponendo poi precisa attenzione sugli strumenti di stampa e i supporti finali di ogni singola immagine. Soulé, argentino di nascita, ha preso su di sé l’antico incarico che i primi fotografi si sono assunti come impegno nei confronti di spazi, segni e tempi: documentare la città che li circonda, creando un archivio urbano infinito.

4/27 giugno inaugurazione: 4 giugno h 18.30 L’Affiche Via dell’Unione 6 – 02.86450124/02.804978 martedì-sabato 16-19 www.affiche.it gallerialaffiche@gmail.it Come arrivare: MM1 Duomo, MM3 Missori - Tram 16, 27

62


Black Boots

Galleria pisacane arte Fabrizio Capsoni FEMALES

Fabrizio Capsoni dal 2005 sta conducendo una sua personale indagine che si focalizza sulla bellezza e la sensualità del corpo femminile: le eleganti curve, le morbide armonie, le vellutate riflettenze e la precisione delle forme sono indagate ed evidenziate da un’originale ricerca delle ombre. I tagli di luce creano e modellano un’atmosfera suggestiva seducente dando la certezza che i corpi delle donne non siano esposti all’occhio dell’osservatore, ma che sia quest’ultimo a insinuarsi in un mondo femminile misterioso e di seducente armonia.

16/27 giugno - inaugurazione: 16 giugno h 18 Open day 20 giugno h 10-21 Galleria Pisacane Arte Via Pisacane 36 – 02.39521644 lunedì-venerdì 10-19, sabato 10-13/15-19 www.galleria.pisacanearte.it www.pisacanearte.it organizzata da EXPO Fine Art Photography www.expofineartphoto.blogspot.it info: 328 9564967 - info@capsoni.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Passante Ferroviario Porta Venezia -Tram 5, 23, 33, 9 63


Reflection inside

Galleria pisacane arte Yulia Kompaniets EMOTIONS. REFLECTION. INSIDE

Nata dalla visione di una performance artistica, la ricerca della fotografa Yulia Kompaniets parte dal nucleo centrale della fragilità umana. La fragilità, il dolore, la paura, tutte quelle emozioni definite “distruttive”, seguono un loro iter ben preciso: partono dal centro, dal cuore e dalle viscere della persona e, una volta svelate, crescono nell’essere umano giorno dopo giorno, infettandolo, spazzando via sicurezze ed equilibri. Ne risultano delle immagini in bianco e nero di grande impatto che ben esprimono l’insicurezza, lo squilibrio, il vacillare della realtà umana che precipita così in un illusorio, sfocato e ovattato sentore di realtà.

a cura di Fabrizio Capsoni

16/27 giugno - inaugurazione: 16 giugno h 18 Open day 20 giugno h 10-21 Galleria Pisacane Arte Via Pisacane 36 – 02.39521644 lunedì-venerdì 10/19, sabato 10-13-/15-19 www.galleria.pisacanearte.it www.pisacanearte.it organizzata da EXPO Fine Art Photography www.expofineartphoto.blogspot.it info: 328 9564967 - info@capsoni.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Passante Ferroviario Porta Venezia -Tram 5, 23, 33, 9

64


Taj Mahal, 2008

Galleria pisacane arte Flavio Tecchio Con un dito puntato verso il cielo

Per molti fotografi il reportage fa rima con pellicola e con bianco e nero. Flavio Tecchio riesce a utilizzare questa particolare declinazione della fotografia restituendoci un’immagine dell’India insolita, lontana dal calore e dai colori ma imponente nella sua graficità, nella perfezione che monumenti e gradinate disegnano. Palazzi e scenari monumentali sono lo sfondo dove l’uomo non sparisce, ma si inserisce nelle inquadrature arrivando a determinare l’atmosfera dell’intera immagine. È cifra stilistica dell’autore infatti lasciare sempre spazio alla figura umana, realizzando composizioni dove geometria ed emozione si spartiscono la scena.

a cura di Fabrizio Capsoni

16/27 giugno - inaugurazione: 16 giugno h 18 Open day 20 giugno h 10-21 Galleria Pisacane Arte Via Pisacane 36 – 02.39521644 lunedì-venerdì 10-19, sabato 10-13/15-19 www.galleria.pisacanearte.it www.pisacanearte.it organizzata da EXPO Fine Art Photography www.expofineartphoto.blogspot.it info: 328 9564967 - info@capsoni.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Passante Ferroviario Porta Venezia -Tram 5, 23, 33, 9

65


Galleria San Fedele Ivo Saglietti Cacciatori di cibo – Haiti, a noi così vicina, così lontana dal Cielo

Ivo Saglietti è stato due volte vincitore del Word Press Photo e nei tempi dell’Expo e della presa di coscienza sulla necessità di nutrire il pianeta mette al bando interpretazioni, concetti e rivisitazioni per trascinare l’attenzione su un autentico girone infernale. Il reportage di Saglietti è datato 1993 e si ambienta ad Haiti in un tempo effimero dove a scandire giorni, mesi e anni sono il susseguirsi dei disastri climatici, le dittature, le epidemie, i terremoti. Il fotografo si trova per caso in una discarica immensa dove migliaia di uomini, donne e bambini mettono in atto una guerra tra poveri alla ricerca del pane quotidiano. Quello che per noi è immondizia, per loro è manna. Saglietti è stato in un girone dantesco e ne è tornato con un lavoro dai toni attenti, sofferti, drammatici ma ricchi di pietas.

24 aprile/23 maggio inaugurazione: 23 aprile h 18.30 Galleria San Fedele Via Hoepli 3 A/B – 02.86352233 martedì-sabato 16-19 www.centrosanfedele.net sanfedelearte@sanfedele.net Come arrivare: MM1/MM3 Duomo – Tram 2, 3, 12, 14, 16

66


Block notes, collage

galleria scoglio di quarto Enrico Cattaneo Happy Hour Milano

A leggerlo il titolo della mostra sembra voler celebrare il rito meneghino per antonomasia, l'happy hour della mai sopita Milano Da Bere. Ma la prospettiva adottata da Enrico Cattaneo è affatto originale: immortalati dal suo obiettivo sono infatti artisti, pittori, scultori, esponenti della cultura e del panorama artistico milanese fermati nell'attimo di mangiare durante i vernissage. L'origine di questo lavoro si trova nel folto archivio del fotografo che, a partire dagli anni Sessanta, iniziò a lavorare proprio per gli artisti di Milano, ottenendo così un lasciapassare verso quella forma di espressione sociale che sono le inaugurazioni. Il suo lavoro offre una visione del cibo a Milano dall'ottica di chi produce cibo per l'anima e per la mente.

25 maggio/6 giugno inaugurazione: 25 maggio h 18 Galleria Scoglio di Quarto Via Ascanio Sforza 3 – 02.58317556/348.5630381 martedì-venerdì 17-19.30 www.galleriascogliodiquarto.com info@galleriascogliodiquarto.com Come arrivare: MM2 Porta Genova – Tram 9, 15

67


Schatten

galleria scoglio di quarto Barbara Barberis Il sapore dei ricordi (gli oggetti come paesaggi dell'anima)

Partire dall'individuale per toccare l'universale. È quello che fa la fotografa Barbara Barberis che punta lo sguardo in una dimensione intima e all'apparenza anonima per l'osservatore: i suoi scatti si concentrano su oggetti di vita quotidiana, privi di immediato significato, ma che si caricano di un senso ben più grande nel momento in cui si svela che tali oggetti sono quelli di tutti i giorni appartenuti ai suoi genitori. Ecco che l'oggetto anonimo d'improvviso diventa universale, diventa famigliare, un punctum che a sua volta funge da rimando anche all'occhio estraneo di chi osserva. Gli oggetti parlano di persone, alle persone si rivolgono e vi è la necessità di ritrovarsi in tutto ciò per avere coscienza di un comune linguaggio sotteso fatto di emozioni e ricordi.

25 maggio/6 giugno inaugurazione: 25 maggio h 18 Galleria Scoglio di Quarto Via Ascanio Sforza 3 – 02.58317556/348.5630381 martedì-venerdì 17-19.30 www.galleriascogliodiquarto.com info@galleriascogliodiquarto.com Come arrivare: MM2 Porta Genova – Tram 9, 15

68


Finestre

Galleria Still Gianluca Bucci Milano Noir

Quello di Gianluca Bucci è un viaggio al termine della notte, in quella manciata di ore che separa la fine della movida dei locali dal risvegliarsi lento e puntuale della città. L’inconscio di notte si fa grande e si fa largo scolpendo la realtà e trasformandola in qualcosa di altro, seppure riconoscibile. Gli scenari notturni di Bucci diventano così dei set cinematografici, famigliari perché conosciuti e perché appartenenti a un immaginario immortale, sospesi nel tempo, come fossero personaggi leggendari di qualche film noir americano, irreale e reale allo stesso tempo. Il reportage di Bucci mostra a molti quello che solo pochi fanno in tempo a vivere ogni notte.

6 maggio/9 luglio inaugurazione: 6 maggio h 18.30 Galleria STILL Via Balilla 36 - 02.36744528 lunedì-venerdì 9-18 www.stillfotografia.it info@stillove.it Come arrivare: MM2 Romolo – Bus 90,91

69


Ritratto dell’inconscio, 2014

GLI EROICI FURORI ARTE CONTEMPORANEA Tea Falco L’effetto della Causa

Tea Falco riunisce in sé molte personalità, tutte dedite all’arte e all’immaginazione. Così come l’arte oscilla spesso tra realtà e illusione, allo stesso modo la sua fotografia esplora quello spazio ambiguo che separa il reale dal sogno trovando nel secondo un punto di arrivo ed esplorazione. L’artista si autoritrae, si compone e scompone davanti all’obiettivo e poi rielabora l’immagine trovando nuovi spunti, rimandi e innesti per separare la fotografia dal suo essere specchio di realtà portandola a un livello superiore, quello surreale.

a cura di Anna Dusi e Silvia Agliotti 28 maggio/19 giugno inaugurazione: 28 maggio h 18.30 Gli Eroici Furori Arte Contemporanea Via Melzo 30 – 02.37648381/347.8023868 martedì-venerdì 15.30-19 – sabato 15-18 – la mattina su appuntamento www.furori.it silvia.agliotti@furori.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Passante Porta Venezia Tram 5, 9, 29, 30, 33 70


Piano di Volo

harlem room Giulia Di Lenarda Piano di Volo

Un famoso film insegna che nella vita bisogna saper cambiare prospettiva. Così ha fatto la fotografa Giulia Di Lenarda che ha adottato un punto di vista insolito per la sua ricerca incentrata sulle terre toscane: macchina fotografica alla mano, Di Lenarda è salita a bordo di un velivolo e dal finestrino, in volo, ha puntato l’obiettivo sulle terre, le acque, gli agglomerati urbani e le vegetazioni che si dipanavano sotto di lei. Le visioni dal finestrino sono il primo e l’ultimo legame dell’individuo nei confronti del luogo geografico durante il viaggio: spesso si tratta di un solo e fugace colpo d’occhio, ed è in questa manciata di secondi che Giulia Di Lenarda ha scelto di aprirsi e mettersi in relazione con il territorio.

fino al 29 maggio Harlem Room Via di Porta Tenaglia 1 – 02.878448 da martedì a venerdì 11-18 www.harlemroom.it hr@harlemroom.it Come arrivare: MM2 Moscova

71


Atene

HOEPLI - LIBRERIA INTERNAZIONALE Loredana Celano Urban Female

In giro per l’Europa, e non solo, mi sono spesso domandata come le donne occupassero e vivessero la loro città al di fuori dal classico contesto casalingo. Ho iniziato così a raccogliere scatti che le ritraessero in gestualità a noi tutte affini, in luoghi urbani trasformati in palcoscenici in cui si muovono libere di manifestare la loro anima e il loro sentire in un divenire lieve, serio o divertente. Come in uno specchio, le vediamo riflesse l’una nelle altre, le troviamo impegnarsi nel loro lavoro dietro una vetrina, occupare una panchina nel centro della piazza, posare per un servizio fotografico lungo la strada, attendere assorte all’interno di un negozio o preoccupate alla fermata del tram. Da Berlino a Milano, da Parigi a NewYork, le donne sono protagoniste del loro tempo.

fino al 24 aprile inaugurazione 13 aprile h 18 Hoepli - Libreria Internazionale Spazio espositivo secondo piano Via Hoepli 5 - 02.86487201 lunedì-sabato 10-19.30 hoepli@hoepli.it www.hoepli.it Twitter @Hoepli_1870 – Pinterest Hoepli – Facebook Hoepli – La Grande Libreria Online Come arrivare: MM1 Duomo/San Babila 72


Architettura di Milano

HOEPLI - LIBRERIA INTERNAZIONALE AA.VV. Architettura di Milano 1945-2015

La mostra ripercorre settant’anni di storia dell’architettura contemporanea milanese attraverso una selezione delle fotografie degli edifici più significative della città costruiti dal dopoguerra a oggi. Ne risulta un panorama che permette di riflettere sulla presenza di grandi progetti che hanno reso la città sempre molto innovativa. L’esposizione riprende le immagini pubblicate nel volume Guida all’architettura di Milano 1954 -2015 edito da Hoepli e nella versione ampliata in inglese Milan architecture guide 1945, 2015 entrambi a cura di Florencia Andreola, Marco Biraghi e Gabriella Lo Ricco.

27 aprile/16 maggio inaugurazione 27 aprile h 18 Hoepli - Libreria Internazionale Spazio espositivo secondo piano Via Hoepli 5 - 02.86487201 lunedì-sabato 10-19.30 hoepli@hoepli.it www.hoepli.it Twitter @Hoepli_1870 – Pinterest Hoepli – Facebook Hoepli – La Grande Libreria Online Come arrivare: MM1 Duomo/San Babila 73


Milano

HOEPLI - LIBRERIA INTERNAZIONALE Giuseppe Giudici De Architectura. L’enigma delle linee

In questo progetto mi sono inoltrato nelle diversità degli schemi geometrici delle facciate, dove convivono proporzioni e ritmi, funzioni ed estetica, continuità e discontinuità, geometrie, tessiture e trasparenze. Ho puntato il mio obiettivo sulle architetture costruite nell’ultimo decennio a Milano, opere di grandi maestri, spettacolari e affascinanti realizzate con le più moderne tecnologie; involucri complessi, imponenti per grandezza e innovativi per tipologia di materiali. Il taglio compositivo vuole evidenziare il rigore formale, linee curve e rette, in cui i volumi si perdono, sottolineare ombre e trasparenze fino definire segni grafici. È il mio personale punto di osservazione che rispecchia la mia visione: non racconto le architetture nel loro insieme, non indago i diversi linguaggi stilistici, ho scelto di non rappresentare il tutto.

18/30 maggio inaugurazione 18 maggio h 18 Hoepli - Libreria Internazionale Spazio espositivo secondo piano Via Hoepli 5 - 02.86487201 lunedì-sabato 10-19.30 hoepli@hoepli.it www.hoepli.it Twitter @Hoepli_1870 – Pinterest Hoepli – Facebook Hoepli – La Grande Libreria Online Come arrivare: MM1 Duomo/San Babila 74


Milano nello sport

HOEPLI - LIBRERIA INTERNAZIONALE Lorenzo De Simone Milano nello sport

Che Milano sia una città particolarmente attenta alla dimensione sportiva è risaputo ma è l’analisi puntuale della sua storia e dei suoi impianti a stupire. Le fotografie particolarmente spettacolari di Lorenzo De Simone (utilizzate per illustrare il ricco e intrigante volume di Gino Cervi e Sergio Giuntini Milano nello sport edito da Hoepli) non si soffermano solo su luoghi noti come lo stadio di San Siro, il Tennis Club Milano o le piste del Trotter, ma ricordano anche quelli meno visitati oppure ormai scomparsi come il Velodromo Vigorelli, lo Sferisterio, il Tiro a Segno e le attività di nobili società storiche come la ProPatria e la Forza e Coraggio.

1/14 giugno inaugurazione 1 giugno h 18 Hoepli - Libreria Internazionale Spazio espositivo secondo piano Via Hoepli 5 - 02.86487201 lunedì-sabato 10-19.30 hoepli@hoepli.it www.hoepli.it Twitter @Hoepli_1870 – Pinterest Hoepli – Facebook Hoepli – La Grande Libreria Online Come arrivare: MM1 Duomo/San Babila 75


Cinzia Naticchioni Rojas, La pelle

in argento veritas AA.VV. Il fattore A. Fotografia e materia

Il fattore A è l’argento, radice e materia primordiale della fotografia. Fino a non molti anni fa, la fotografia era materica e il lavoro che ne derivava era soprattutto artigianale. Una lunga disquisizione si è aperta con l’avvento del digitale, discussione che ha portato ad asserire quanto la fotografia oggi sia “immateriale”, composta com’è da strisce numeriche. Tuttavia la materia e il fattore A sono ancora ben presenti quando l’immagine digitale si trasforma in una stampa. La materia come origine e come fine aiutano ad approfondire il concetto di linguaggio fotografico, soprattutto grazie all’utilizzo di tecniche di stampa tradizionali, in questo contesto affrontato attraverso le immagini di Cinzia Naticchioni Rojas, Roberto Rosso, Amedeo Tosi ed Emma e Giovanni Pelloso.

7/16 maggio inaugurazione: 6 maggio h 18

In Argento Veritas Via Apelle 2 – 347.8871240 mercoledì - sabato 16-19 inargentoveritas@gmail.com Come arrivare: MM1 Gorla

76


Esposizione Internazionale di Milano, 1906

kasa dei libri 1906: quando i bisnonni andavano in Expo

Dopo il grande successo dell’Esposizione Nazionale del 1881 Milano ospitò la sua prima Esposizione Internazionale che nel 1906 vide la partecipazione di 25 Paesi con 10 milioni di visitatori. Questa mostra raccoglie una inedita testimonianza dell’epoca: 36 stampe all’albumina ricavate da lastre 10x13 e raccolte in un elegante album di cuoio raccontano la bellezza dei padiglioni costruiti appositamente nell’area attorno al Castello Sforzesco (è rimasto solo quello che ora ospita l’Acquario) e della ferrovia sopraelevata che sottolineava il tema della manifestazione: i trasporti. Alcune di queste immagini, riprodotte in grande formato per meglio apprezzarne i particolari, ci trasmettono la meraviglia positivistica che i nostri progenitori provavano per le novità della tecnica indotte dalla rivoluzione industriale.

a cura di Roberto Mutti

4/19 giugno inaugurazione 4 giugno h 18 Kasa dei libri largo Aldo De Benedetti 4 - 02.66989018 lunedì-venerdì 15-19 www.facebook.com/KasaLibri mostre@lacasadeilibri.it Come arrivare: MM2 Gioia

77


laVerdi durante la "Passione secondo Giovanni" di Bach nel concerto di Pasqua nel Duomo di Milano diretta dal M° Ruben Jais. 16 aprile 2014

La casa di vetro Paolo Dalprato DAL PALCO. Paolo Dalprato. Due anni con laVerdi

La Verdi è un’istituzione musicale milanese radicata da ormai 20 anni. Un’orchestra vitale, aperta alle sperimentazioni, attenta alle tradizioni, pronta a riscoprire repertori inascoltati e a presentare bacchette di fama internazionale. Paolo Dalprato, fisico che dall’analisi del particolare giunge alla fotografia grazie al suo pensiero fatto soprattutto di immagini, da anni collabora con musicisti di varia provenienza. Due anni fa tra i due avviene l’incontro. Sono due anni di vita trascorsi nel mondo della cultura e della musica classica in tempo di crisi, due anni su e giù dal palco, tra fotografia e musica: a fronteggiarsi e a dialogare con strumenti diversi ci sono da un lato chi esprime la perfezione attraverso gesti e note e dall’altro chi cattura la perfezione con segni e immagini.

a cura di Alessandro Luigi Perna – History & Photography fino al 3 maggio La Casa di Vetro Via Luisa Sanfelice 3 – 02.55019565 15-19.30, chiuso il giovedì www.effeci-facciamocose.com federica.candela@ effeci-facciamocose.com Come arrivare: MM3 Lodi - Passante ferroviario Porta Vittoria - Tram 12 Bus 66, 84, 90, 91, 92, 93 78


Soldati unionisti trincerati lungo la riva occidentale del fiume Rappahannock a Fredericksburg, Virginia, tra il 29 aprile e il 2 maggio del 1863. Foto di Andrew J. Russell - Courtesy Library of Congress

La casa di vetro AA.VV. Nordisti contro Sudisti

150 anni fa oltreoceano terminava una sanguinosa lotta che contrapponeva due fronti di uno stesso popolo. Numerosi fotografi immersi in quei tempi di guerra avevano documentato i luoghi e i volti di lontane pagine di storia. Alcuni di loro erano professionisti, altri volontari tra comuni cittadini, altri ancora erano nell’esercito con una mansione diversa da quella di fotografo, ma avevano con sé una macchina fotografica per dare testimonianza di trincee e campi di battaglia, di generali e di cospiratori. La mostra si colloca all’interno del progetto History&Photography che permette di dare vita, attraverso l’immagine fotografica, a fatti di storia lontani nel tempo e nello spazio.

a cura di Alessandro Luigi Perna 9 maggio/28 giugno inaugurazione: 9 maggio h 15 La Casa di Vetro Via Luisa Sanfelice 3 – 02.55019565 15-19.30, chiuso il giovedì www.effeci-facciamocose.com federica.candela@ effeci-facciamocose.com Come arrivare: MM3 Lodi - Passante ferroviario Porta Vittoria - Tram 12 Bus 66, 84, 90, 91, 92, 93 79


Ernesto Fantozzi, Sala d’aspetto medico, 1963

La cavallerizza - fai AA.VV. del Circolo Fotografico Milanese Milano 1955-2015, sessant'anni di fotografie

60 anni di fotografie milanesi compongono un album di famiglia. L'osservatore che si appresterà a spalancarlo e a sfogliarne le pagine proverà le più diverse emozioni: malinconiche, arrabbiate, stupite, divertite. Non importa quale sia la sua generazione di appartenenza. C'è la Milano del centro e della periferia, la città degli individualisti e delle compagnie, delle manifestazioni politiche e sociali, del lavoro e della quotidianità. Sono tutte testimonianze di una Milano di ieri e di oggi, fatta di luoghi ma soprattutto di gente. 80 autori in mostra, 7 capitoli attraverso i quali si snoda la vita di una città che tanto è mutata, ma che in fondo mantiene un'anima sempre uguale a se stessa.

fino al 22 maggio La Cavallerizza Via Carlo Foldi 2 – 02.4676151 martedì-giovedì 10-13/14-18, venerdì 10-13/14-16 Aperture straordinarie 9 e 16 maggio orario continuato 10-16 www.fondoambiente.it cavallerizza.braidense@fondoambiente.it Come arrivare: MM1 San Babila - Tram 9, 12, 27 - Bus 60, 73

80


m77 gallery McDermott & McGough Cyan Light and Abstract

Due gentiluomini inglesi del secolo scorso, un po’ dandy e un po’ bohémien. Hanno i mezzi per dedicarsi alla neonata cianotipia, hanno gli spazi e gli arredi per concentrarsi sulle composizioni della quotidianità: libri, quadri, cippi marmorei, poltrone, oggetti in vetro. Questa la realtà artistica di David McDermott e Peter McGough che nascono rispettivamente a Hollywood e a New York negli anni Cinquanta del Novecento. La realtà che i due hanno creato è una ricostruzione perfetta delle prime cianotipie, ovvero le prime stampe fotografiche caratterizzate da un colore blu, lo stesso che oggi contribuisce a fare da filtro e trasportare l’osservatore in una dimensione onirica e rarefatta, lontana da noi e dai nostri sensi. La magia del supporto, delle immagini e dei loro contenuti è unica.

fino al 15 maggio M77 Gallery Via Mecenate 77/13 – 02.84571243 martedì-sabato 11-19 www.m77gallery.com info@m77gallery.com Come arrivare: Tram 27

81


Purgatorio Canto V

M4A Made4art Sergio Visciano Nella selva oscura

È insito nell’artista il desiderio di spingersi a confrontarsi con l’archetipo: per emulazione, per contrasto, per imitazione. Dante e la sua Commedia, è innegabile, rientrano in una sorta di archetipo della nostra cultura ed è dunque altrettanto inevitabile per un fotografo giungere a un confronto. Sergio Visciano, veronese, da qualche anno ha scelto di addentrarsi nella selva oscura dantesca per confrontarsi col “poema universale” e restituire così una sua personale interpretazione. Ne emerge una resa iconografica istantanea, che sa di tradizione classica ma che conserva immediatezza espressiva. La mostra è accompagnata dal volume La Divina Commedia per immagini, Edizioni Valdonega, Verona.

a cura di Paola Riccardi 23 aprile/2 maggio inaugurazione: 23 aprile h 18.30 M4A Made4Art Via Voghera 14 (ingresso da Via Cerano) 02.39813872 10-13/16-19, sabato e festivi su appuntamento www.made4art.it info@made4art.it Come arrivare: MM2 Porta Genova - Tram 2, 9, 14, 19 Bus 47, 59, 74 82


Un upward displacement

Marcorossi artecontemporanea Rune Guneriussen Resound with an echo

Rune Guneriussen è un’artista norvegese che ha fatto del paesaggio naturale d’origine il protagonista delle sue fotografie. Le sue immagini sono prive di presenza fisica umana, ma nonostante ciò l’elemento umano si inserisce nel paesaggio grazie a installazioni e composizioni di oggetti di uso quotidiano, creando così un dialogo metafisico e surreale allo stesso tempo. Telefoni, abat-jour, libri e mappamondi diventano tronchi, si trasformano in luminosi fiori di arbusti inventati, creano scogli variopinti mescolandosi alle acque del nord, alle foreste e ai fiordi. Non solo fotografia dunque, ma anche scultura e installazione nel rispetto di un paesaggio naturale unico e lussurreggiante.

a cura di Walter Guadagnini fino al 2 maggio Marcorossi artecontemporanea Corso Venezia 29 - 02.795483 martedì-sabato 11-19 www.marcorossiartecontemporanea.com milano@marcorossiartecontemporanea.com Come arrivare: MM1 San Babila/Palestro

83


Monsoon, 2013

MC2 GALLERY Julia Fullerton-Batten Korea

La fotografa tedesca Julia Fullerton-Batten, acclamata in tutto il mondo, pone la sua straordinaria tecnica da mondo “fluttuante” a servizio di una ricerca sulla figura femminile. Abbandonati i lidi conosciuti del mondo occidentale, Fullerton-Batten punta l’obiettivo sulla Corea, paese di contrasti reali, sociali e politici. Le donne coreane protagoniste delle sue immagini sono abbigliate nel folkloristico abito delle feste, lo Hanbok, e compiono azioni connotate da simboli e legami con la tradizione ma si inseriscono in uno spazio privo di personalità geografica. Le donne coreane di un mondo e un tempo immobili sono dei moderni Ukiyoe, lasciate fluttuare nell’immensità architettonica di un indefinito spazio fortemente radicato nella contemporaneità.

fino al 30 aprile mc2gallery Via Malaga 4 –02.87280910 martedì-venerdì 14-20 sabato su appuntamento www.mc2gallery.com mc2gallery@gmail.com Come arrivare: MM2 Romolo - Bus 47, 74, 90, 91

84


Remember

MC2 GALLERY Liu Xiaofang Solo Show

L’estetica di Liu Xiaofang si potrebbe porre in quel filone che in pittura si chiama pop surrealismo. Le sue sono rappresentazioni insieme tangibili eppure magiche e surreali. Il desiderio che suscita nell’osservatore è quello di entrare a far parte di quell’atmosfera affacciandosi su quel mondo e immergendosi nell’osservazione. Cifra stilistica è quella di rappresentare una porzione di paesaggio all’interno di un’inquadratura circolare. Le sue immagini sono come tante bolle di sapone, ciascuna delle quali si apre su un universo dai colori pastello, insieme tangibile eppure effimero, illuminato di poesia, un universo nel quale l’essere umano si inserisce nell’ambiente con puro spirito di contemplazione.

26 maggio/16 luglio inaugurazione: 26 maggio h 18 mc2gallery Via Malaga 4 –02.87280910 martedì-venerdì 14-20 sabato su appuntamento www.mc2gallery.com mc2gallery@gmail.com Come arrivare: MM2 Romolo - Bus 47, 74, 90, 91

85


Da sinistra. Lucia Covi. Renzo Chiesa, lo chef spagnolo Ramon Roteta

mediateca santa teresa AA.VV. ALIMENTA LA MENTE! Shots of bread

Un gruppo di fotografi, tra cui Renzo Chiesa, Chiara Paderi, Lucia Covi, Bill Hornaday, Andrea Rovatti, mette a fuoco il pane. Il progetto “Alimenta la mente” dedica infatti quest’anno il suo tema al pane, cibo presente sulle tavole, nella memoria letteraria, gastronomica, sociale, artistica e storica da secoli. Davanti a qualcosa di tanto semplice e comune, l’analisi dei fotografi assume declinazioni variegate partendo dalla storia dell’alimentazione nei secoli, passando per i grani antichi, giungendo alle reinterpretazioni delle nature morte sino ai ritratti fortemente connotati. A dimostrazione che la luce della semplicità può svelare prospettive nascoste.

a cura di Susanna Vallebona organizza SBLU_spazioalbello 5/30 maggio inaugurazione: 5 maggio h 18

Mediateca Santa Teresa Via della Moscova 28 – 02.48000291/02.366159 lunedì, mercoledì, venerdì 9.30-13.30 martedì e giovedì 9.30-18.10 sblunondisolpane.tumblr.com www.mediabrera.it spazioalbello@esseblu.it info@beniculturali.it Come arrivare: MM2 Moscova - Bus 94

86


Tavole della legge

Museo diocesano Giovanni Chiaramonte Giovanni Chiaramonte. Jerusalem

Giovanni Chiaramonte osserva la città Santa di Gerusalemme da strumenti e prospettive diverse rispetto a quelle cui siamo abituati. Il suo punto di osservazione è una macchina fotografica analogica in formato 6x6, strumento che consente l'attesa, la riflessione e la scoperta della composizione. Nello spazio di quel quadrato prende forma però una città che non è quella dei simboli conosciuti e riconosciuti in tutto il mondo: Chiaramonte infatti ricerca una Gerusalemme dagli angoli nuovi, dalla vita tranquilla e quotidiana, una città luminosa dove il sole illumina strade, case, mura antiche e insieme azioni contemporanee, giochi di bambini, attese di giovani che vanno a costruire una memoria diversa da quella storica dei riti.

fino al 17 maggio Museo Diocesano Corso di P.ta Ticinese 95 – 02.89420019 martedì-domenica 10-18 www.museodiocesano.it info.biglietteria@museodiocesano.it Come arrivare: MM2 S. Ambrogio – Tram 3, 9 – Bus 94

87


LIE, 2002

mymicrogallery Benedetta Falugi Lost in Elements

Una volta, davanti al romantico Sublime, l'uomo osservava il paesaggio con stupore e atterrimento, sentendosi infinitamente più piccolo e insignificante davanti al potere della Natura. Nelle fotografie di Benedetta Falugi l'uomo e il paesaggio diventano un'unità inscindibile, non può esistere l'uno senza l'altro. E così la figura umana, rigorosamente ripresa di spalle per far sì che anche l'osservatore vi si possa identificare, si staglia di volta in volta su paesaggi diversi, elementi che sono personaggi principali di un dialogo uomo-natura in continuo scambio.

a cura di Roberta Valtorta 28 aprile/8 maggio inaugurazione: 28 aprile h 18 MyMicroGallery Via Giovanni Boccaccio 24 – 338.4305657 solo su appuntamento www.mymicrogallery.com stefaniacarrozzini@gmail.com Come arrivare: MM1 Cadorna/Conciliazione, MM2 Cadorna Tram 16, 27

88


noema gallery Marco Lanza Velatura

Marco Lanza, casualmente, ha messo in atto un processo che ai surrealisti sarebbe piaciuto molto: mentre riordinava lastre e pellicole del suo archivio si è reso conto che la sovrapposizione delle stesse andava a creare nuove immagini, nuovi accostamenti cromatici e compositivi, e si avvicinava d'un balzo alla pittura. Che cos'è la pittura se non luce e colore? Ecco che questa fortunata scoperta diventa il fulcro dell'indagine di Lanza che inizia a comporre dei “mosaici” fotografici creando di volta in volta accostamenti curiosi, analogie immediate e armonici contrasti.

21/30 aprile inaugurazione: 22 aprile h 18 Noema Gallery Via Solferino, ang. Via Castelfidardo 335.5200775 11-19.30 www.noemagallery.com noema@noemagallery.com Come arrivare: MM2 Moscova, MM3 Turati – Bus 43, 61, 94

89


John Lennon e Paul McCartney, 1965 ®David Bailey

pac - padiglione d'arte contemporanea David Bailey Stardust

Siamo negli anni Sessanta e dall’altra parte dell’obiettivo, bravo come pochi e sfrontato come può esserlo un trentenne nato in un sobborgo povero di Londra e passato dagli studi interrotti a quindici anni ai servizi di moda pubblicati su Vogue, ci stava David Bailey. La “swinging London” era il suo brodo di coltura: genio e sregolatezza, l’amore per le rockstar, il cinema della nouvelle vague, il jazz e le belle donne. Ma Bailey ha sempre lavorato con un rigore assoluto, come dimostra questa mostra accompagnata da un catalogo Skira che in oltre duecento fotografie rappresenta un omaggio a un autore capace di passare dal ritratto di cui è un autentico maestro al nudo, dal bianconero al colore, dai reportage di viaggio ai servizi di moda alle ricerche personali.

fino al 2 giugno Padiglione d’Arte Contemporanea via Palestro 14 - 02.92800917 martedì - domenica 9.30-19.30 giovedì 9.30-22.30 Ingresso 8 euro www.pacmilano.it Come arrivare: MM1 Palestro

90


Photo Discount AA.VV. Gli occhi di Milano sul Carnevale di Venezia

Ci vuole costanza e determinazione: tutte doti che non mancano al gruppo di appassionati fotografi milanesi che da vent’anni documenta uno dei soggetti che è entrato con più facilità nel mirino di tanti fotoamatori e professionisti: il Carnevale di Venezia. L’idea di fondo è stata quella di andare alla ricerca degli elementi di discontinuità cercando contemporaneamente di trasformare le maschere in enigmi tutti da scoprire.

a cura di Gabriele Tano

21 aprile/9 maggio inaugurazione 21 aprile h 18 Spazio Espositivo Club Photo Discount piazza De Angeli 3 - 02.4690579 lunedì-venerdì 9.30-12.30/15.30-19.30 sabato 10-13/15,30-19.30 www.photo-discount.org photo.discount@tiscali.it Come arrivare: MM1 De Angeli 91


Photo Discount Adelio Bajardi La Milano che cambia

Milano, che per tanti anni è rimasta sostanzialmente e in larga misura simile a se stessa, negli ultimi tempi ha subito una brusca accelerata verso il cambiamento. Così è successo che interi quartieri hanno modificato il loro aspetto: vecchi edifici, piazze dimenticate, angoli trascurati sono stati rimpiazzati da interventi urbanistici che si sono caratterizzati per le loro proposte innovative. Come è nella sua natura di città capace di sperimentare nuovi audaci confini, Milano ha così assunto una nuova veste che il fotografo ha colto con immediatezza.

12/30 maggio inaugurazione 12 maggio h 18 Spazio Espositivo Club Photo Discount piazza De Angeli 3 - 02.4690579 lunedì-venerdì 9.30-12.30/15.30-19.30 sabato 10-13/15,30-19.30 www.photo-discount.org photo.discount@tiscali.it Come arrivare: MM1 De Angeli

92


Photo Discount Antonio Marcioni, Stefano Schiorlin Terra, cielo, acqua, riso

Siamo così abituati a vedere certi paesaggi che, senza neppure rendercene conto, li trascuriamo. Eppure basta che un fotografo concentri la sua attenzione su quei luoghi per destare in noi una rinnovata curiosità. Antonio Marcioni e Stefano Schiorlin si sono soffermati sulla bellezza dell’acqua, del cielo e della terra come volessero evocare gli elementi che sono indispensabile alla nascita e allo sviluppo del riso. Nelle loro immagini sembra di ricostruire tutto il percorso che porta questa pianta a diventare il dono prezioso che tutti conosciamo.

3/23 giugno inaugurazione 3 giugno h 18 Spazio Espositivo Club Photo Discount piazza De Angeli 3 - 02.4690579 lunedì-venerdì 9.30-12.30/15.30-19.30 sabato 10-13/15,30-19.30 www.photo-discount.org photo.discount@tiscali.it Come arrivare: MM1 De Angeli

93


Amazonia multicolor

polifemo fotografia AA.VV. Armonia 20

Nella ricorrenza del ventesimo anno dalla presentazione del vaso Amazonia realizzato dal designer Gaetano Pesce, già autore di numerose icone del design italiano, Polifemo e Corsi Design rendono omaggio mettendo in mostra le varie versioni dei pezzi unici accompagnate da immagini che valorizzano e interpretano le particolarità di quest’opera di design: pluralità di materie sintetiche, colore e sovrapposizioni unite in un’unica armonia di forme e cromie.

fino al 30 aprile Polifemo fotografia Via Procaccini 4 c/o la Fabbrica del Vapore 02.36521349 lunedì-venerdì 10-18 www.polifemo.org info@ polifemo.org Come arrivare: MM2 Moscova/Porta Garibaldi - Tram 12, 14 – Bus 37

94


Marisa Berenson

ponti per l'arte Lorenzo Capellini Amici

Quali sono i vantaggi di essere un fotografo che ha saputo documentare il ‘900 entrando in contatto con personaggi del calibro di Hemingway, Pasolini, Berenson o Buzzati? Se il fotografo ha un indiscusso talento, sensibilità, “occhio speciale, mano ferma e buone gambe” e risponde al nome di Lorenzo Capellini, ne risulta un archivio fotografico dal quale spuntano splendidi ritratti di personaggi celebri. Non ritratti iconici, immagini catturate sotto i riflettori: grazie a un animo umano in linea con le sua capacità, Capellini ha saputo instaurare solidi legami di amicizia con le personalità immortalate creando un susseguirsi di ritratti, un album di famiglia di tanti anni prima che torna a riaprirsi. Un album che contiene fotografie di amici e di tempi vissuti con energia, poesia e profondità d’animo.

a cura di Stefano Bianchi 28 aprile/20 giugno inaugurazione: 28 aprile h 18 Ponti x l’arte Studio dr. Guido Delli Ponti Via Luigi Vitali 1 – 02.798500/335.6926106 lunedì-venerdì 10.30-18.30 mercoledì chiuso www.pontixlarte.eu info @pontixlarte.eu Come arrivare: MM1 Palestro – Tram 9, 23

95


Miki

sabrina raffaghello arte contemporanea Silvia Amodio Womenportraits

Attorno hanno solo un set volutamente essenziale, eppure lo sanno riempire con i loro sguardi intensi, i loro gesti equilibrati, i loro sorrisi discreti: sono le donne che hanno trovato in Silvia Amodio la fotografa capace di condurle alla non semplice realizzazione di un ritratto concentrandosi sui soggetti che ha di fronte. Non per imporre una sua personale visione ma per cogliere la profondità e l’autenticità del loro essere. Con grande maestria la fotografa mette in atto una riflessione sulla determinazione, sul coraggio, sul senso stesso di essere donna, trasformando queste figure femminili nelle protagoniste di quella complessa scena che è la vita. I ritratti sono stati realizzati appositamente per questa mostra in un set organizzato in galleria l’8 e il 9 maggio.

a cura di Roberto Mutti 14 maggio/14 giugno inaugurazione 14 maggio h 19 Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea via Gorani 7 - 02.39831137 lunedì-venerdì 11-19 www.sabrinaraffaghello.com info@sabrinaraffaghello.com Come arrivare: MM1 Duomo/Cordusio, MM3 Duomo – Tram 16, 27

96


Franco Fontana, Sunset mediterraneo 1986, courtesy Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea

sabrina raffaghello arte contemporanea AA.VV. Floods

Franco Fontana, Alex Vieth, Michael Kenna, Franco Donaggio, Rosetta Messori, Occhiomagico, Giovanni Sesia, Pietro Privitera, Michel Kirch, Gianluca Beccari e Gianluca Chiodi puntano la macchina fotografica verso l’orizzonte e navigano cedendo al richiamo del viaggio, dell’esplorazione e dell’ispirazione. Il mare e le acque sono dunque il tema di questa mostra che annovera nomi di grandi fotografi, italiani e stranieri. Ciascuno di loro, con la forza e l’immediatezza del proprio stile, si abbandona a questa ricerca di esistenza che ha nell’acqua il suo elemento primario e conduttore.

14 maggio/14 giugno inaugurazione 14 maggio h 19 Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea via Gorani 7 - 02.39831137 lunedì-venerdì 11-19 www.sabrinaraffaghello.com info@sabrinaraffaghello.com Come arrivare: MM1 Duomo/Cordusio, MM3 Duomo – Tram 16, 27

97


Scuola del fumetto Camilla Cerea Thinking Underground

Un altro mondo quello della metropolitana che si muove nelle viscere della città, eppure sembra un po’ sfuggire alla sua logica. Sono le due del pomeriggio, i vagoni poco affollati invitano i passeggeri a cercarsi un loro angolo dove, se devono fare poche fermate, preferiscono stare in piedi. Non c’è campo per il telefono né tempo per aprire un libro così sono in molti a prendersi una pausa dalla vita frenetica di New York: non lo sanno, ma Camilla Cerea è lì vicina e li riprende mentre sono concentrati su se stessi con la sua macchina fotografica che sembra dotata della dote magica di dar vita, attraverso i ritratti e le posture, anche ai loro pensieri.

fino all’8 maggio/25 maggio-5 giugno Scuola del Fumetto Via Savona 10 - 02.8393267 lunedì-giovedì 10-13/14.30-18 www.scuoladelfumetto.com info@scuoladelfumetto.com Come arrivare: MM2 S. Agostino

98


Solidi

Scuola del fumetto Giorgia Boschi Urban Soul

Una New York davvero insolita quella che Giorgia Boschi coglie con sguardo originale. È il taglio geometrico quello scelto dalla fotografa che, invece di puntare l’obiettivo verso il cielo seguendo lo svettare dei grattacieli (una tentazione a cui pochissimi resistono e hanno resistito), ha preferito guardare vicino a sé. Ha così messo in luce uno spirito diverso della città fatto di molti particolari tratti dalla quotidianità: così anche la serranda sollevata di un box, i gradini di una scalinata, lo scorcio di un marciapiedi diventano l’occasione per illustrare una realtà urbana di cui cogliere un aspetto sorprendentemente poetico.

fino all’8 maggio/25 maggio-5 giugno Scuola del Fumetto Via Savona 10 - 02.8393267 lunedì-giovedì 10-13/14.30-18 www.scuoladelfumetto.com info@scuoladelfumetto.com Come arrivare: MM2 S. Agostino

99


Il dio denaro - Captain Dollar e i Doni del Capitalismo

Scuola del fumetto Simone Zanatta Il figlio dell’uomo: il XXI secolo, verso l’utopia e oltre

Simone Zanatta propone una galleria di eroi e personaggi rubati alla cultura pop contemporanea, li spoglia del loro ruolo, e li riveste di allegorie dei tempi moderni. Capitalismo, iconoclastia, maschilismo, mercificazione, ragione, omologazione vengono simboleggiati da personaggi che si riscoprono a loro volta riflesso di ideologie, scelte politiche e meccanismi della nostra società votata alla cultura dell’effimero. La critica, perpetrata attraverso immagini ben riconoscibili, prese a prestito anche dalla storia dell’arte oltre che dal cinema e dai fumetti, si avvale anche dell’apposizione di titoli espliciti.

a cura di Occhiomagico (Giancarlo Maiocchi) fino all’8 maggio/25 maggio-5 giugno Scuola del Fumetto Via Savona 10 - 02.8393267 lunedì-giovedì 10-13/14.30-18 www.scuoladelfumetto.com info@scuoladelfumetto.com Come arrivare: MM2 S. Agostino

100


Alessio Larocchi, Cartografia acquatica, 1985

Seicentro a.fois AA.VV FIGURA AQUA

Ai tempi dell'Expo dedicata al nutrimento del pianeta, una mostra il cui tema è l'acqua non può che fare da connettore universale. I fotografi coinvolti in questa mostra collettiva partono dal tema dell'acqua, archè primordiale, per sviluppare ciascuno secondo il proprio sentire la visione di un elemento comune. Si va dal materico al concettuale, dal pittorico alla manifestazione della tecnica fotografica in bianco e nero, in unico scorrere di immagini che dimostra come sia possibile dare diverse prospettive perché, come diceva Eraclito, “non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume”.

organizzata da Dieci.due! international research contemporary art a cura di Maria Rosa Pividori in collaborazione con Pino Dieci.due! 7/16 maggio inaugurazione: 7 maggio h 18 Seicentro A.Fois Via Savona 99 – 02.88446330/366.8624821 lunedì-venerdì 15-19 mariarosapividori@alice.it Come arrivare: MM2 S. Agostino – Tram 14

101


One

Spazio Cortile Tortona 12 Julia Betz Unit Gender

Julia Betz parte da un compito affidatole dall’Istituto Italiano di Fotografia: realizzare un progetto di fotografia di nudo. La sua riflessione procede allora per intersezioni, con un occhio attento alla realtà, non solo sociale. A una progressiva mascolinizzazione della donna è pur vero che corrisponde una femminilizzazione dei tratti maschili. Il progetto ricalca tre fasi. Una prima fase che mette in scena la figura femminile nei suoi aspetti più forti ma armoniosi; una seconda in cui l’uomo è dolce e scultoreo allo stesso tempo. La terza fase vede questi generi, con le loro caratteristiche, unirsi e diventare qualcosa di unico e completo: uomo e donna ritrovano la vera essenza e l’unità.

21 aprile/1 maggio inaugurazione: 21 aprile h 18 Spazio Cortile Tortona 12 Via Tortona 12 – 348.7654429 lunedì-venerdì 9-18 sabato e domenica 9.30-21 www.rvondesign.it info@rvondesign.it mostrami@rvondesign.it Come arrivare: MM2 Porta Genova/S. Agostino – Tram 2, 9, 14, 29, 30 – Bus 68, 90, 91

102


SPAZIO KRYPTOS GALLERY Carlo Orsi Dark Room Project

Dark Room Project vede una camera oscura e due uomini che si divertono nell'utilizzare un procedimento chiamato “gomma bicromata”, utile per trasformare e rendere le immagini più pittoriche. Carlo Orsi è l'autore della mostra ma il progetto è legato molto anche a Ivan, suo assistente che in camera oscura diede il suo importante contributo mostrandogli ciò che aveva imparato negli anni trascorsi a New York, la città dove il passato diventa l'innovazione del presente. La tecnica della gomma bicromata ha origine a metà dell'Ottocento e prevede l'utilizzo dei sali di cromo, della gomma arabica e di pigmenti solubili in acqua, ma ognuno può sviluppare la sua personale ricetta creando, grazie a persone e contesto, un'alchimia unica come questa.

21 aprile/30 maggio inaugurazione: 21 aprile h 18 Spazio KRYPTOS Gallery Via Panfilo Castaldi 26 - 02.91705085 mattina su appuntamento pomeriggio 15.30-19.30 www.kryptosmateria.it spazio@kryptosmateria.it Come arrivare: MM1 Porta Venezia, MM3 Repubblica Tram 1, 11, 29, 30

103


In coda per l’acqua in una via di Napoli, ottobre 1943 - Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum

SPAZIO OBERDAN Robert Capa Italia 1943-1944

Lui era simpatico, coraggioso e quando c’era da scegliere da che parte stare non aveva esitazioni: con i repubblicani nella guerra civile spagnola, con gli Alleati in quella contro il nazifascismo. Robert Capa, pseudonimo di Endre Friedman, mito del fotoreportage ma anche modello di impegno civile e politico, ha seguito da vicino le vicende belliche di quella travagliata epoca. I reportage realizzati in Italia fra il 1943 e il 1944 fanno parte di una mostra voluta dal Museo Nazionale di Budapest da cui provengono le opere e dalla Fondazione Fratelli Alinari che co-producono il catalogo. Si parte dallo sbarco in Sicilia per arrivare a quello degli Alleati ad Anzio con immagini in bianconero di una immediatezza suggestiva.

fino al 26 aprile Spazio Oberdan Viale Vittorio Veneto 2 – 02.77406302 martedì–domenica 10-19.30 www.cittametropolitana.mi.it/cultura Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Tram 9

104


Eard

SPAZIO OBERDAN FOYER Elisabeth Ardouin La falaise

La prima cosa che colpisce in queste immagini è l’immediatezza e la garbata bellezza. Bisogna osservarle con più attenzione per accorgersi che a quella prima impressione altre se ne aggiungono, perché qui i particolari sanno parlare. Elisabeth Ardouin fa ricorso alla classicità del bianconero, ma le fotografie da lei stessa stampate con cura possiedono la vivacità di uno stile decisamente contemporaneo. L’occhio si posa sulla superficie scabra di una scogliera per leggervi i segni lasciati dall’antichità mentre se lo sguardo si allarga fino a cogliere le figure che si muovono sulla spiaggia è per misurare la piccolezza dell’uomo di fronte all’imponente spettacolo della natura. Quella stessa che disegna sulla sabbia misteriosi e affascinanti segni di una geometrica astrazione

5/13 maggio inaugurazione 5 maggio h 18 Foyer Spazio Oberdan Viale Vittorio Veneto 2 - 02.77406302 martedì-domenica 10-19.30 www.cittametropolitana.mi.it/cultura Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Tram 9

105


Nizza

SPAZIO OBERDAN FOYER Roby Schirer Photo Ridens

Secondo i dettami, peraltro mai scritti, della collaudata e nobile scuola della street photography, Roby Schirer non si aggira per la città alla ricerca di quanto vuole riprendere ma aspetta che questo gli venga inaspettatamente incontro. Uomo dotato di un marcato sense of humor, lo riporta spesso nel suo modo di fotografare, ma in questa ricerca mostra i risultati più eclatanti raggiunti: bisogna osservare la realtà per saperne sottolineare gli aspetti buffi, grotteschi, sorprendenti. Il segreto di un buon risultato consiste nel cogliere la serietà con cui quasi tutti i protagonisti si ammantano senza rendersi conto che è proprio questa solennità a costituire, per il fotografo che lo sa cogliere e per l’osservatore che se lo trova di fronte, un'ulteriore occasione per sorridere.  

14/23 maggio inaugurazione 14 maggio h 18 Foyer Spazio Oberdan Viale Vittorio Veneto 2 - 02.77406302 martedì-domenica 10-19.30 www.cittametropolitana.mi.it/cultura Come arrivare: MM1 Porta Venezia - Tram 9

106


Murale, Colonnella, 2007

spazio ostrakon Pio Tarantini Logografie

A volte la fotografia ci parla di qualcosa che a sua volta racconta di sé, degli individui e dei loro dialoghi con gli spazi. Pio Tarantini, artista prolifico nella realizzazione dei suoi progetti, concentra la sua indagine sui muri delle città, quelle porzioni di pietra e cemento sui quali altri uomini e altre storie raccontano di sé, dei tempi, del paese, della politica o dell'arte. L'inquadratura immobile su una parete dipinta o illustrata può quindi aprire a multiformi racconti di valenza simbolica o narrativa, eccentrica o critica, decorativa o istituzionale. Il progetto Logografie si colloca ovunque in Italia, in qualsiasi luogo o città dove ci sia un muro pronto a raccontare una storia.

fino al 9 maggio Spazio Ostrakon Via Pastrengo 15 – 331.2565640 martedì-sabato 15.30-19.30 www.spazioostrakon.it info @spazioostrakon.it Come arrivare: MM2 Garibaldi

107


Spazio Porpora Pietro Rovida Café

Fotografo da sempre specializzato nell’immagine del nudo, Pietro Rovida in questo caso si è fatto affascinare dai temi suggeriti da Expo. Ha quindi lavorato con la sua modella preferita Michela Maridati creando atmosfere delicate che alludono al mondo del caffè. Per ottenere i risultati che si era prefisso ha creato un ambiente caratterizzato dalla presenza dei tipici sacchi di juta che definiscono il palco riservato alla scena, quindi ha realizzato immagini rese accattivanti dai toni caldi della stampa. Ne è risultato un lavoro che punta tutto sulla sensualità di un corpo femminile che si muove sinuoso, si misura con lo spazio, si fa sfiorare dalla luce, si confronta con uno specchio in un gioco carico di antiche suggestioni.

a cura di Roberto Mutti 4/13 giugno inaugurazione 6 giugno h 16.30 Spazio Porpora Via Porpora 16 - 02.49759824 martedì-venerdì 15.30-20 sabato 10.30-12.30/15.30-20 www.spazioporpora.it you@spazioporpora.it Come arrivare: MM1/MM2 Loreto

108


Same step different life style

Spazio Tadini Johnny Pixel Istant from the world

Istant è l’essenza della fotografia, quell’attimo che cattura la mente del fotografo e che lo spinge a isolarlo, bloccarlo e riproporlo. Johnny Pixel, nome d’arte di Johnny Papagni, guarda con ironia gli angoli della città: siano essi persone, architetture, ombre, figure geometriche, tutte vengono isolate e ne viene restituita una nuova interpretazione che si avvale di volta in volta di un titolo affatto originale. Il confine fisico viene così superato, viene visto per qualcosa di altro da sé in favore di nuove e irriverenti prospettive.

27 aprile/6 maggio inaugurazione: 1 maggio h 15 Spazio Tadini Via Niccolò Jommelli 24 – 02.26829749 15.30-19 www.spaziotadini.com ms@spaziotadini.com Come arrivare: MM1/MM2 Loreto, MM2 Piola – Bus 62, 81

109


[Still] Life #5

Spaziofarini6 Fausto Meli [STILL] LIFE

Il lavoro fotografico di Fausto Meli rende tributo ala grande tradizione artistica fiamminga della natura morta. Di quella tradizione riprende le tecniche di luce ma, con la sua interpretazione e con un piccolo gioco di parole in inglese, trasforma la natura morta in una natura ancora ricca di vita. Gli [STILL] LIFE di Meli infatti sono singoli elementi, ritratti uno a uno, come fossero soggetti ricchi di vita. Se nella formula “still life” la prima parola sottolinea la seconda, allo stesso modo nelle foto di Meli il tempo agisce sugli elementi sottolineando la vitalità e la bellezza insita nei soggetti.

fino al 28 maggio SPAZIOFARINI6 Via Farini 6 – 02.62086626 martedì-venerdì 16-19 o su appuntamento www.spaziofarini6.com info@spaziofarini6.com Come arrivare: MM2/MM5 Garibaldi – Passante ferroviario Garibaldi - Tram 2, 4, 12, 14, 33 – Bus 37, 94

110


Napoli, 2014

Spaziofarini6 Gianni Maffi Italian Memories

Italian Memories, il progetto che Gianni Maffi da anni porta avanti, si compone di una serie di cartoline dall’Italia e sull’Italia. Con il suo linguaggio stilistico fatto di cromie desaturate, Maffi propone una trentina di scatti da alcuni luoghi delle principali città italiane: piazze, strade, piccoli centri e monumenti, tutti conosciuti, riconosciuti, vissuti dai residenti e fotografati sia da questi ultimi che dai turisti di passaggio. Nelle composizioni architettoniche ineccepibili di Maffi si colloca quasi sempre l’essere umano: a volte in transito, altre volte in ammirazione, quasi sempre non è connotato e assurge così a dimensione universale e metafisica. Lo spazio acquista un valore in più grazie alla presenza vitale e l’osservatore si sente attirato all’interno dello stesso.

fino al 28 maggio SPAZIOFARINI6 Via Farini 6 – 02.62086626 martedì-venerdì 16-19 o su appuntamento www.spaziofarini6.com info@spaziofarini6.com Come arrivare: MM2/MM5 Garibaldi – Passante ferroviario Garibaldi - Tram 2, 4, 12, 14, 33 – Bus 37, 94

111


La piattaforma gialla

spaziogmarte Enrico Pozzoli Sfumature di momentanea realtà

Le sfumature di Enrico Pozzoli catturano immagini di persone che attraversano la realtà lasciando intorno sé un riverbero di colori. Tali frammenti di vita quotidiana, cittadina e non solo, attraggono l’attenzione del fotografo che, armato di macchina fotografica caricata a pellicola istantanea a colori, fa sì che la vita fermata in uno scatto assuma forme e soprattutto sfumature diverse.

2/30 maggio inaugurazione 2 maggio h 18 SPAZIOGMARTE Via Settembrini 60/P – 02.6695327 lunedì- sabato 14.30-19 www.spaziogmarte.it spaziogmarte@libero.it Come arrivare: MM1 Lima, MM2 Caiazzo – Tram 1 – Bus 90, 91, 92

112


spaziogmarte Enrico Civeriati Scoprire una città

A Enrico Civeriati piacciono i dialoghi che le architetture e gli angoli di Milano sanno instaurare tra loro. Un gioco di rimandi in cui un manifesto può essere contrasto o completamento di una via, dove una strada può vedere sbucare all’improvviso un elemento futuristico e dove la presenza dell’essere vivente crea contrasto e attraversa il campo visivo in un lampo. Riflessi, movimenti, folle, deserti, cieli, asfalto e palazzi. È Milano, una moltitudine di vite e di immagini mai uguali a se stesse.

6/30 giugno inaugurazione: 6 giugno h 16 SPAZIOGMARTE Via Settembrini 60/P – 02.6695327 lunedì- sabato 14.30-19 www.spaziogmarte.it spaziogmarte@libero.it Come arrivare: MM1 Lima, MM2 Caiazzo – Tram 1 – Bus 90, 91, 92

113


Atonzu (f-36 1-8 sec. Scirocco WNV nodi 6,4 )

SPAZIORAW Nadia Cadeddu Entu – ritratti al vento

Nadia Cadeddu è una celebre ritrattista, molti personaggi dello spettacolo si sono avvicendati di fronte al suo obiettivo. Il lavoro Entu rientra a suo modo in questo filone: a essere ritratto è infatti il vento, e con lui gli effetti che genera quando muove elementi e sensazioni. Un vero esercizio progettuale che si compone di immagini e visioni, come sempre succede quando ci si ritrova a doversi confrontare con ciò che non si vede. Un’applicazione di tecnica, di esplorazione del mondo con le sue luci, i colori e i sogni filtrati. La macchina fotografica diventa lo strumento per dare corpo a qualcosa di spirituale.

9/30 maggio inaugurazione: 8 maggio h 19 SpazioRAW Corso di P.ta Ticinese 69 – 02.49436719 lunedì-venerdì 15-19.30 www.spazioraw.it info@spazioraw.it Come arrivare: MM2 S. Ambrogio – Tram 2, 3, 14, 15 – Bus 94

114


Multan, 2012

SPAZIORAW Marco Introini MULTAN Pakistan – La città murata/The walled city

L’unione di genti, professionalità e intenti può essere all’origine di esperienze uniche. In Italia 60 anni fa, ad esempio, la troupe capitanata da Ernesto De Martino svelò agli occhi degli italiani le tradizioni degli italiani stessi. Oggi i confini della conoscenza sono molto più estesi ma è altrettanto necessario varcarli. Marco Introini, fotografo documentarista e di architettura, si è recato con un gruppo di ricercatori del Politecnico di differente provenienza in Punjab, nella millenaria città pakistana di Multan. Si tratta di una ricerca volta a indagare la conversione del debito tra Italia e Pakistan e l’importanza dell’intervento sulle infrastrutture. Con sguardo privo di interpretazione ma carico di descrizione, Introini presenta la città in tutta la sua materia, nel suo realismo, nell’imponente, intricata e decadente fisicità.

4/21 giugno inaugurazione: 3 giugno h 19 SpazioRAW Corso di P.ta Ticinese 69 – 02.49436719 lunedì-venerdì 15-19.30 www.spazioraw.it info@spazioraw.it Come arrivare: MM2 S. Ambrogio – Tram 2, 3, 14, 15 – Bus 94

115


statuto 13 Tatiana Brodatch Fil Rouge

Tatiana Brodatch crea da zero le sue fotografie. Di più: la fotografia non è il punto di partenza, ma è l’arrivo. Brodatch modella sculture di plastilina che vanno a creare storie autonome complete (ad esempio le Tre Sorelle di Cechov), narrazioni preesistenti e riproposte in miniatura con uno stile nuovo, elegante e femminile. La rappresentazione infine viene immortalata e anche la fotografia viene utilizzata con lo stile personale della fotografa. Ne risulta un lavoro dove arti differenti (letteratura, narrativa, scultura, pittura, fotografia) si compenetrano e dialogano tra loro, un linguaggio il cui fil rouge è composto dal sentire e dal sentimento.

a cura di Massimiliano Bisazza 23 aprile/5 maggio inaugurazione: 22 aprile h 18.30 STATUTO 13 Galleria d’Arte Contemporanea Via Statuto 13 – 02.36559443 martedì-sabato 11-19 www.statuto13.it info@statuto13.it Come arrivare: MM2 Moscova, MM3 Turati – Bus 94, 43

116


STUDIO CERNIGLIARO Elena Tagliapietra W.Instinct

Elena Tagliapietra affronta il tema della maternità e di come gli istinti primordiali si facciano avanti in quel particolare e unico frangente nella vita di una donna. Per farlo utilizza la fotografia e l’arte del body painting, ai quali aggiunge luci e colori, foto e video. L’utilizzo delle pitture e l’uso delle luci di wood crea effetti e cromie che rimandano a un mondo tribale, fatto di contatti con la parte più profonda, e forse animale, di sé. È l’eterno femminino che mette in scena l’aggressività e la forza che la maternità porta con sé. Sono gli istinti più naturali, ma al tempo stesso più difficili da raccontare.

12/26 maggio inaugurazione: 12 maggio h 18 Studio Cernigliaro Via Melzo 9 – 349.5939305 lunedì-venerdì 9.30-12.30/15-18.30 www.elenatagliapietra.it tagliapietra.elena@gmail.com Come arrivare: MM1 Porta Venezia – Passante Ferroviario Porta Venezia – Tram 9, 23

117


La luce di Claude Monet

STUDIO MARIA CILENA Pina Inferrera Dalla luce nell'acqua

Ci sono paesaggi che si legano in modo inscindibile a opere d’arte e arrivano a esistere, prima ancora che nella realtà, nell’immaginario. In Normandia, lungo la Senna, tanti paesaggi naturali richiamano alla memoria la luce e i colori di Monet. Durante lunghe passeggiate in questi luoghi la fotografa Pina Inferrera ha sentito la necessità di concentrare la sua ricerca su quegli effetti cromatici, sulle riflettenze della luce, del cielo e degli alberi sulla superficie acquatica. L’acqua nelle foto di Inferrera è specchio, in cui il fotografo, moderno Narciso, non ricerca le sue sembianze, ma si concentra sull’elemento vitale, sui colori, sulle connessioni tra tutti gli elementi naturali sino a creare delle composizioni uniche. È una riva dalla quale prende avvio la sua esplorazione per poi ritornare al medesimo punto di partenza.

21 aprile/29 maggio inaugurazione: 21 aprile h 18.30 Studio Maria Cilena Via C. Farini 6 – 02.89071612 lunedì-venerdì 15.30-19 www.mariacilena.it info@mariacilena.it Come arrivare: MM2/MM5 Garibaldi – Tram 3, 4, 7, 11, 12, 14, 33 - Bus 43, 61, 94

118


Mario Schifano, Senza titolo, 1990

The Lone T Art Space AA.VV La fotografia dipinta

Nella seconda metà del Novecento, l’epoca delle performance artistiche e degli happening, autori come Peter Beard, Christo, Anselm Kiefer, Youssef Nabil, Shirin Neshat, Luigi Ontani, Arnulf Rainer, Gerhard Richter e Mario Schifano iniziano a produrre testimonianze artistiche di una commistione in grado di creare un nuovo genere. La fotografia dipinta è una sorta di fotografia sulla quale incide una grafia fatta di pittura a olio, acquarello, graffi, segni. È un punto di arrivo di un’antica diatriba che vedeva contrapporsi fotografia e pittura ma è anche punto di partenza per nuove esplorazioni: l’immagine subisce una trasformazione, una “vestizione” per opera di un altro linguaggio che arriva a connotarla come ibridazione da artificio e artigianato.

fino al 15 maggio The Lone T Art Space Via Senato 24 – 344.0559982 lunedì-venerdì 10-13.30/14.30-19 www.thelonet.it info@thelonet.it Come arrivare: MM3 Montenapoleone/Turati, MM1 Palestro – Bus 61, 94

119


Luigi Ghirri, Modena

Valeria Bella AA.VV. Arte fotografia

La Galleria Valeria Bella per il quarto anno apre la sue porte a un’antologia di storia della fotografia. Capa, Ghirri, Lartige, Clergue, Cartier Bresson: ogni nome è icona, e ogni icona è una pagina di storia che si schiude. Celebri fotografi del dopoguerra saranno in mostra accanto a una parte di immagini realizzate da fotografi contemporanei: questo il ricco menu presentato dalla galleria per consentire ad appassionati, cultori e neofiti di vedere da vicino fotografie che hanno abbandonato il loro stato di semplice immagine per entrare in un immaginario iconografico universale e senza tempo. Tra i contemporanei saranno presentati Bruno Cattani e Marco Maria Zanin, rispettivamente con un lavoro dedicato alle giostre e uno ambientato in Sicilia.

13 maggio/15 giugno Valeria Bella Via Santa Cecilia 2, ingresso da via San Damiano – 02.76004413 lunedì 15-19, martedì-venerdì 10-19 www.valeriabella.com photo@valeriabella.com Come arrivare: MM1 San Babila - Bus 94

120


artepassante abbiategrasso Camilla Gramegna Bianco&Nero

Bianco&Nero non è solo la tecnica con cui questo reportage è stato realizzato. È anche il racconto di un incontro: quello tra la giovane fotografa, Camilla Gramegna e le genti, soprattutto bambini, del villaggio zambese di Lusito. L’occasione per il viaggio è stato il desiderio di vivere un’esperienza di volontariato in Africa che si è presto rivelata un percorso di scoperta del mondo dei bambini da entrambe le parti. Attraverso la macchina fotografica Camilla Gramegna ha cercato di porsi al loro livello, confrontandosi e permettendo loro di riscoprirsi bambini in una società che non considera questa fase della vita dell’individuo.

2/17 maggio inaugurazione: 2 maggio h 18 ARTEPASSANTE Castello Visconteo, P.zza Castello, Abbiategrasso – 339.7687400 nei weekend 10-18, in settimana su prenotazione www.artepassante.it info.lebellearti@fastwebnet.it Come arrivare: Trenord Stazione Porta Genova linea Milano-Mortara-Alessandria – In auto strada statale Vigevanese 121

FUORI CITTà

Lusito, Zambia, 2014


Stefano Parisi

Biblioteca – Centro Culturale Cascina Grande Ermanno Barchiesi, Stefano Parisi Obiettivi sull’Islanda

Ad accomunare i due fotografi Ermanno Barchiesi e Stefano Parisi sono l’Islanda e il fattore umano. Entrambi hanno infatti esplorato la terra delle aurore boreali da un punto di vista paesaggistico che presentasse però un elemento di approdo umano. Tuttavia, mentre Barchiesi predilige il bianco e nero e si muove in uno scenario dove la natura ha ancora la predominanza sull’uomo (siamo infatti negli anni Novanta), Parisi realizza il suo reportage a colori, in tempi recenti, giocando proprio sul contrasto che l’artificio umano impone sul paesaggio naturale. L’accostamento delle due diverse visioni porta così a un effetto straniante attraverso il quale osservare il rimbalzo continuo tra uomo e natura, con predominanza dell’uno sull’altra e viceversa.

6/27 giugno inaugurazione: 6 giugno h 16 Biblioteca – Centro Culturale Cascina Grande Via Togliatti, Rozzano – 02.8925931 lunedì-sabato 9-18 www.cascinagrande.it biblioteca@comune.rozzano.mi.it Come arrivare: Tram 15 - Bus 220 (dal capolinea del tram 15)

122


Civica Fototeca Città di Sesto San Giovanni Paola Rizzi Letto 425

Un brutto incidente costringe una persona in un letto di ospedale per giorni, settimane, mesi con il costante spettro di un rivolgimento di vita. Chi gli sta accanto teme la fine di una quotidianità e decide di ricominciare da quel punto per raccontare le fragilità della vita, perché è insito nell’animo umano il voler conoscere ciò che più si teme. Paola Rizzi in questo racconto di immagini autobiografiche ha rivolto l’obiettivo verso il marito e il suo lungo percorso tra reparti, degenza, riabilitazione, ricerca di normalità e paura del futuro. Un reportage che non nasconde nulla, che mostra l’incertezza del quotidiano ma allo stesso tempo la forza insita in ognuno.

6/27 giugno inaugurazione: 6 giugno h 17 incontro con l’autrice, h 18 apertura mostra Galleria Civica Fototeca Città di Sesto San Giovanni “Tranquillo Casiraghi” – Galleria FIAF Via Dante 6 –02.36574350/42/45/24 martedì-venerdì 10.30-18, sabato 10.30-17.45 www.sestosg.net fototeca.sesto@csbno.net Come arrivare: MM1 Sesto Rondò 123


I gemelli

Museo d'arte Contemporanea - lissone Paolo Ventura D’arte e d’uomini

Paolo Ventura è celebre per le sue mise en scène: mondi plastici e onirici ci trasportano in atmosfere quasi tangibili, se non fosse che questi universi sono un retaggio degli ottocenteschi diorami ricostruiti nel suo studio di New York con manichini, fondali dipinti, modellini, costumi. In occasione dell’anniversario della dichiarazione di guerra dell’Italia ad Austria e Ungheria, l’autore riempie con la fantasia i vuoti iconografici lasciati dalla storia. La Grande Guerra si compone di fotografie d’epoca, oggetti originali, tessere di riconoscimento, prime edizioni futuriste e testi. Nelle fotografie di Ventura si respira ironia e malinconia e, nonostante un velo di surrealismo, si avverte il senso di impellenza bellica che queste piccole storie universali trasmettono.

fino al 26 aprile Museo d’Arte Contemporanea Viale Padania 6, Lissone (MB) – 347.8871240 mercoledì-venerdì 10-13, giovedì 16-23, sabato e domenica 10-12/15-19 www.museolissone.it museo@comune.lissone.mb.it Come arrivare: Treno da Milano Centrale, in auto SS36 (Milano-Lecco-Sondrio)

124


Tricarico, serie Interni Mossi, 1979

museo di Fotografia Contemporanea Mario Cresci Racconti privati. Interni 1967-1978

“Roba mia, vientene via con me” diceva il Mazzarò di verghiana memoria. È innegabile quanto spesso gli oggetti che ci circondano contribuiscano a scrivere e definire la nostra identità. Mario Cresci racconta gli spazi privati di vita delle genti della Basilicata nel periodo in cui anche lui ci ha vissuto. In quel lasso temporale Cresci realizzò diversi progetti legati al ritratto e alla sua forza di indagine identitaria: il fotografo si recava nelle case, ritraeva le persone circondate dai loro oggetti quotidiani, nei loro spazi intimi, tra le loro foto e, con precisa scelta stilistica e tecnica, faceva in modo che i visi risultassero mossi. Lo spazio si faceva così voce e volto della persona raccontando di tradizione, semplicità, memoria e storia dei territori.

a cura di Roberta Valtorta fino al 6 settembre

Museo di Fotografia Contemporanea Via Frova 10, Cinisello Balsamo – 02.6605661 mercoledì-venerdì 15-19, sabato e domenica 11-19 www.mufoco.org info@mufoco.org Come arrivare: MM5 Bignami - Tram 31

125


Vetrinetta Agostino Pirania

museo di Fotografia Contemporanea Paolo Riolzi Vetrinetta

Le case degli italiani, con la loro geografia domestica dell’intimità e la toponomastica dei riti quotidiani, possono prestarsi a svariate ricerche antropologiche. Il Mufoco ha deciso di avviare un progetto fatto di fotografie, ricerca, interviste e censimenti, che si focalizza su un oggetto in particolare: la vetrinetta. Questo piccolo tempietto domestico risulta spesso essere una biografia di ricordi. Il progetto ha permesso di tracciare una linea immaginaria fatta di fotografie che dalla sfera del privato arriva alla rappresentazione universale. Una mostra realizzata con fotografie di vetrinette in scala 1:1 per addentrarsi nelle biografie degli altri, ritrovare se stessi e, perché no, per dare il proprio contributo. La mostra, infatti, può essere implementata in corso d’opera grazie al contributo dei cittadini.

fino al 6 settembre Museo di Fotografia Contemporanea Via Frova 10, Cinisello Balsamo – 02.6605661 mercoledì-venerdì 15-19, sabato e domenica 11-19 www.mufoco.org info@mufoco.org Come arrivare: MM5 Bignami - Tram 31

126


Palazzo Pirola Gianluca Micheletti Sandland – Sharm el Sheikh

Gianluca Micheletti è un fotografo che si è avvicinato da pochi anni alla fotografia, ma nonostante questo ha dimostrato sin da subito di possedere ottimo sguardo e precisa progettualità. Sandland è il nome, dal sapore immaginario, che ha dato a Sharm El Sheikh. Durante il suo viaggio in Egitto ha notato quanto fosse ampio il divario tra i paesaggi vacanzieri della Sharm che tutti conoscono e il paese vero e proprio, una terra dove gli egiziani vivono solo per necessità lavorative. La Sandland di Micheletti è un paesaggio post apocalittico, un deserto nutrito di rifiuti che a suo tempo hanno nutrito i turisti.

23 maggio/7 giugno inaugurazione: 23 maggio h 18 Palazzo Pirola P.zza Repubblica 1, Gorgonzola – 335.8156302 lunedì-venerdì 17-19, sabato e domenica 10-12/16-19 www.palazzopirola.it info@palazzopirola.it Come arrivare: MM2 Gorgonzola

127


Giovane contadino riposa su un sacco di patate. Guana Guana, Monagas, Venezuela

Palazzo Pirola Gino Begotti El Buen Hombre

A Nord di Santo Domingo esiste un piccolo paese di pescatori che Gino Begotti, fotografo giramondo e reporter di razza, è andato a cercare incuriosito dal suo nome, El Buen Hombre. La storia locale racconta che così venne chiamato dagli abitanti Cristoforo Colombo che qui si sarebbe fermato. Ne è nata così una ricerca, poi estesa fra il 1989 e il 1990 anche al Venezuela, che il fotografo ha realizzato raccontando la vita della popolazione locale, il loro modo di incontrarsi, lavorare, divertirsi. Impreziosito da un bianconero molto espressivo che ha permesso di realizzare raffinate stampe al bromuro d’argento, questo lavoro sa cogliere con immediatezza il sottile fascino della quotidianità.     

23 maggio/7 giugno inaugurazione 23 maggio h 18 Palazzo Pirola P.zza Repubblica 1, Gorgonzola – 335.8156302 lunedì-venerdì 17-19, sabato e domenica 10-12/16-19 www.palazzopirola.it info@palazzopirola.it Come arrivare: MM2 Gorgonzola

128


Bimbo, Tehran

Palazzo Pirola Leonardo Siligato Tappeti a parte. L'Iran sfuggito alle trame della stampa

Negli ultimi anni l’interesse della stampa occidentale per l’Iran è molto cresciuto per via di questioni delicate: il nucleare, il prezzo del petrolio, il fondamentalismo islamico, la condizione femminile, la pena di morte. Questa attenzione spesso esclude la quotidianità degli iraniani: ne risulta un'informazione parziale che alimenta stereotipi e rinsalda il pericoloso muro culturale tra Occidente e Medio Oriente. Per tentare di capire cosa è davvero l’Iran ho voluto andare a guardare di persona: al ritorno ho accostato quanto ho visto a quanto letto su giornali e agenzie per evocare contrasti che inducessero a riflettere sulla complessità di questa civiltà che il mio lavoro fa solo intuire, facendo magari venire voglia di chiudere i giornali e partire per Teheran.

23 maggio/7 giugno inaugurazione 23 maggio h 18 Palazzo Pirola P.zza Repubblica 1, Gorgonzola – 335.8156302 lunedì-venerdì 17-19, sabato e domenica 10-12/16-19 www.palazzopirola.it info@palazzopirola.it Come arrivare: MM2 Gorgonzola

129


Palazzo Pirola Angelo Mereu La Grande Moschea

Entrare in una struttura architettonica può essere un’esperienza unica, soprattutto se questa è la Grande Moschea Sheikh Zayed di Abu Dhabi, la più imponente degli Emirati Arabi per la sua capacità di ospitare, in un edificio nobilitato dal tappeto più grande del mondo (costruito e annodato a mano in Iran) e dai preziosi marmi bianchi di Carrara, fino a 40.000 fedeli. Angelo Mereu esalta la bellezza degli spazi, sfrutta con sapienza il fascino dei giochi di luce, si sofferma sulle decorazioni di muri e colonne, si sorprende di fronte ai riflessi creati dai grandi specchi d’acqua per realizzare una ricerca dotata di sorprendente attrattiva. Con queste immagini il fotografo ci restituisce l’antico incanto che la grande architettura islamica ha sempre saputo creare.    

23 maggio/7 giugno inaugurazione 23 maggio h 18 Palazzo Pirola P.zza Repubblica 1, Gorgonzola – 335.8156302 lunedì-venerdì 17-19, sabato e domenica 10-12/16-19 www.palazzopirola.it info@palazzopirola.it Come arrivare: MM2 Gorgonzola

130


Palazzo Pirola Alvise Crovato In itinere. L’abile Viaggio

Fabrizio Marta, meglio conosciuto come Rotex, ha fatto della sua malattia, la “viaggite”, l’occasione di scoperta ed esplorazione del mondo. Una scoperta che nei suoi limiti non conosce freni. Rotex vede, conosce, prova, partecipa. Lui e la sua carrozzella sono la dimostrazione che prima ancora di un viaggio ne esiste la percezione attraverso il cuore e la mente. Il viaggio è un mondo che arricchisce, e allo stesso modo la fotografia è in grado di raccogliere questa ricchezza e condividerla con chi non può o non è in grado di provarla. Alvise Crovato ha accompagnato in diversi viaggi Fabrizio Marta e in questa mostra possiamo sfogliare l’album di avventure di un Ulisse a noi contemporaneo, desideroso di spingersi sempre più in là in cerca di nuovi paesaggi.

23 maggio/7 giugno inaugurazione: 23 maggio h 18 Palazzo Pirola P.zza Repubblica 1, Gorgonzola – 335.8156302 lunedì-venerdì 17-19, sabato e domenica 10-12/16-19 www.palazzopirola.it info@palazzopirola.it Come arrivare: MM2 Gorgonzola

131


Enrico Cattaneo, Cartiera abbandonata, 1980

pentacolor AA.VV. HTTP. Hyper Text Transfer Photography

In questa mostra – che vede opere di Enrico Cattaneo, Alan Maglio, Crop Collective, Carla Sedini, Enzo Bellini, Daniela Chelo – l’oggetto dell’indagine è l’immagine, ma non nella sua natura di tecnica o composizione o, ancora, di risultante di un’azione pianificata da parte del fotografo. Si indaga e si espone il tema dell’ipertestualità assunta dalle immagini nel mondo della multimedialità, proponendo così un’indagine semantica che si muove su livelli diversi. La mostra è allestita all’interno di uno spazio industriale e, pertanto, una parte delle opere esposte è dedicata all’architettura industriale (molte sono le immagini tratte dall’archivio del Museo Autobianchi): un racconto che parla di metamorfosi, di uomo e spazio, e di come la trasformazione industriale incida su entrambi questi elementi.

a cura di – DROMA | Studio 23 maggio/6 giugno inaugurazione: 23 maggio h 18 PENTACOLOR Via Lavoratori Autobianchi 1, c/o Polo tecnologico Brianza, Pal 9, Desio (MB) – 340.8501713 lunedì-venerdì 16-19 (su appuntamento) www.hyper.droma.it droma.studio@gmail.com Come arrivare: Passante Ferroviario S9 da stazioni Milano S.Cristoforo, Porta Romana, Lambrate, Greco Pirelli in direzione Seregno-Saronno

132


Giovanni Chiaramonte / Giovanni Chiaramonte. Jerusalem / Museo Diocesano

87

AA.VV. / Italia Inside Out Palazzo della Ragione Fotografia

14

Max&Douglas / Wake up beautiful Palazzo Giureconsulti

David Bailey / Stardust Padiglione d'Arte Contemporanea

90

15

Brassaï / Brassaï . Pour l'amour de Paris Palazzo Morando

AA.VV. / Armonia 20 Polifemo Fotografia

94

16

Camilla Cerea / Thinking Underground Scuola del Fumetto

98

Giorgia Boschi / Urban Soul Scuola del Fumetto

99

AA.VV. Gli studenti e le studentesse delle ITSOS Albe Steiner di Milano e l'IIS G. Meroni di Lissone / Mangio dunque sono. Il cibo tra arte, identità e memoria / Artepassante Porta Venezia 30 AA.VV. / Donne Artepassante Porta Venezia

31

Simone Zanatta / Il figlio dell'uomo: il XXI secolo, verso l'utopia e oltre / Scuola del Fumetto

100

Roberto Besana / Il Palio del Golfo Artepassante Porta Venezia

32

Robert Capa / Italia 1943-1944 Spazio Oberdan

104

Cristiano Vassalli / C'ero una volta in America Artepassante Porta Venezia

33

Pio Tarantini / Logografie Spazio Ostrakon

107

Fausto Meli / [STILL] LIFE SPAZIOFARINI16

110

Gianni Maffi / Italian Memories SPAZIOFARINI16

111

AA.VV. / La fotografia dipinta The Lone T Art Space

119

Paolo Ventura / D'arte e d'uomini Museo d'Arte Contemporanea Lissone

124

AA.VV. Gli studenti della 4D sezione multimediale del liceo Boccioni / Facegang Artepassante Porta Venezia

34

Anna Ruggieri / Siriani in transito Artepassante Porta Venezia

35

Dominique Laugé / Nature morte Galleria 70

55

Giovanni Spreafico / Immagini dal mondo Galleria Bellinzona

56

Giulia Di Lenarda / Piano di Volo Harlem Room

71

Loredana Celano / Urban Female Hoepli - Libreria Internazionale

72

Paolo Dalprato / DAL PALCO. Paolo Dalprato. Due anni con la Verdi / La Casa di Vetro

78

AA.VV. del Circolo Fotografico Milanese / Milano 1955-2015, sessant'anni di fotografie / La Cavallerizza FAI

80

McDermott & McGough / Cyan Light and Abstract / M77 Gallery

81

Rune Guneriussen / Resound with an echo Marcorossi Artecontemporanea

83

Julia Fullerton-Batten / Korea MC2 Gallery

84

Mario Cresci / Racconti privati. Interni 1967-1978 Museo di Fotografia Contemporanea 125 Paolo Riolzi / Vetrinetta Museo di Fotografia Contemporanea

126

dal 20 aprile

Marco Moggio / Milano. Exposizioni Urbane Galleria Four Points Sheraton

61

dal 21 aprile

AA.VV. / Gli occhi di Milano sul Carnevale di Venezia / Photo Discount

91

Julia Betz / Unit Gender Spazio Cortile Tortona 12

102

Carlo Orsi / Dark Room Project Spazio KRYPTOS Gallery

103

Pina Inferrera / Dalla luce nell'acqua Studio Maria Cilena

118

indice delle mostre

mostre inaugurate prima del 20 aprile


indice delle mostre

dal 22 aprile

Ferdinando Scianna / Mediterraneo, un mare di storie / Expo, Cluster Biomediterraneo

23

Marco Lanza / Velatura Noema Gallery

89

Tatiana Brodatch / Fil Rouge STATUTO 13

George Steinmetz / In volo sui deserti Expo, Cluster Zone Aride

24

116

Alex Webb / La Via delle Spezie Expo, Cluster Spezie

25

AA.VV. / Word Press Photo Galleria Carla Sozzani

58

dal 23 aprile

AA.VV. / Acqua per la vita Acquario Civico di Milano

26

Cinzia Susca / Ibridazioni Architettoniche Ad Gallery

27

AA.VV. / Milano. Le più belle fotografie della città dell'Expo 2015 / Bel Vedere Fotografia 39

Johnny Pixel / Istant from the world Spazio Tadini

109

dal 2 maggio

Ivo Saglietti / Cacciatori di cibo - Haiti, a noi così vicina, così lontana dal Cielo / Galleria San Fedele 66

Nevio Doz / Oblio terramarique Ex Fornace

49

Giuseppe Candiani / Ruggiti nella leggenda Foto Ottica Giovenzana

53

Sergio Visciano / Nella selva oscura M4A Made4Art

Enrico Pozzoli / Sfumature di momentanea realtà / SPAZIOGMARTE

112

Camilla Gramegna / Bianco&Nero ARTEPASSANTE

121

82

dal 27 aprile

AA.VV. / Architettura di Milano 1945-2015 Hoepli - Libreria Internazionale

73

dal 28 aprile

Benedetta Falugi / Lost in Elements MyMicroGallery

88

Lorenzo Capellini / Amici Ponti per l'Arte

95

dal 1 maggio

Gianni Berengo Gardin / Paesaggi di Riso Expo, Cluster Riso

17

Irene Kung / Il giardino delle meraviglie Expo, Cluster Frutta e Legumi

18

Joel Meyerowitz / Il pane del mondo Expo, Cluster Cereali e Tuberi

19

Martin Parr / Oops…chocolate! Expo, Cluster Cacao e Cioccolato

20

dal 4 maggio

Silvia Amodio / AdottaMI Castello Sforzesco

44

AA.VV. / La Repubblica Ceca all'Esposizione Universale: da Bruxelles 1958 a Milano 2015, un viaggio lungo 60 anni / Galleria Centro Ceco

60

dal 5 maggio

AA.VV. / ALIMENTA LA MENTE! Shots of bread / Mediateca Santa Teresa Elisabeth Ardouin / La falaise Spazio Oberdan Foyer

86 105

dal 6 maggio

Gianluca Bucci / Milano Noir Galleria Still

69

AA.VV. / Il fattore A. Fotografia e materia In Argento Veritas

76

Sebastião Salgado Expo, Cluster Caffè

21

dal 7 maggio

Alessandra Sanguinetti / Tre oceani, storie di isole / Expo, Cluster Isole, Mare e Cibo

22

AA.VV. / FINAL REPORTS - Mostra conclusiva del corso Teoria e pratica del reportage / Artespressione

36


38

Gianni Pezzani / Magnetica Boffi Showroom

41

Aqua Aura / Illusion-Inclusion Costantini Art Gallery

47

Maurizio Galimberti / METAMORFOSI La cittĂ che sale / Dada East

48

AA.VV. / FIGURA AQUA Seicentro A.Fois

101

dal 8 maggio

Alberto Dubini / The Fabulous 70's ChiamaMilano Negozio Civico

45

Nadia Cadeddu / Entu - ritratti al vento SpazioRAW

114

dal 9 maggio

AA.VV. / Nordisti contro Sudisti La Casa di Vetro

79

dal 12 maggio

Antonio Biasucci / PANE Bottega di Cecè Casile AA.VV. / GEBREK - I fotografi di IIF a teatro Foyer Teatro Litta

dal 18 maggio

Giuseppe Giudici / De Architectura. L'enigma delle linee / Hoepli - Libreria Internazionale

AA.VV. / Acqua e luce. Un secolo di energia rinnovabile per lo sviluppo del territorio / Casa dell'Energia e dell'Ambiente

43

Sergio Coppola Designer / Bit by bit ChiamaMilano Negozio Civico

46

dal 21 maggio

Ago Panini / #BACKIS Amy-D Arte Spazio Project Economart

29

Gianni Maffi / MILANEXPO Biblioteca Sormani

40

dal 22 maggio

Bruna Orlandi / Paesaggi rinchiusi: la Palestina degli archivi storici a confronto con le attuali trasformazioni / Associazione Apriti Cielo!

42

Gianluca Micheletti / Sandland Sharm el Sheikh / Palazzo Pirola

127

52

Gino Begotti / El Buen Hombre Palazzo Pirola

128

129 130

92

Elena Tagliapietra / W.Instinct Studio Cernigliaro

Leonardo Siligato / Tappeti a parte. L'Iran sfuggito alle trame della stampa / Palazzo Pirola

117

Angelo Mereu / La Grande Moschea Palazzo Pirola

dal 13 maggio 120

dal 14 maggio

Silvia Amodio / Womenportraits Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea

96

AA.VV. / Floods Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea

97

Roby Schirer / Photo Ridens Spazio Oberdan Foyer

37

dal 23 maggio

Adelio Bajardi / La Milano che cambia Photo Discount

AA.VV. / Arte fotografia Valeria Bella

74

dal 20 maggio

106

Alvise Crovato / In itinere. L'abile Viaggio Palazzo Pirola

131

AA.VV. / HTTP. Hyper Text Transfer Photography PENTACOLOR 132 dal 25 maggio

Enrico Cattaneo / Happy Hour Milano Galleria Scoglio di Quarto

67

Barbara Barberis / Il sapore dei ricordi (gli oggetti come paesaggi dell'anima) / Galleria Scoglio di Quarto

68

indice delle mostre

Maurizio Galimberti / A single Polaroid journey Barbara Frigerio Gallery


indice delle mostre

dal 6 giugno

dal 26 maggio

Liu Xiaofang / Solo show MC2 Gallery

85

dal 27 maggio

Luisa Pineri, Elena Santoro / Traces of Food Palazzo Bovara

6

Michela Alessia Marcato / Memento Consumere Palazzo Bovara

7

Francesca Moscheni / L'estetica del rebus Palazzo Bovara

8

Graziano Perotti / Risaie Palazzo Castiglioni

9

Raoul Iacometti / Botteghe. Dal produttore al consumatore / Palazzo Castiglioni

10

Studio Pace 10 / Looking Inside Palazzo Castiglioni

11

Virgilio Carnisio / Mercato specchio del mondo Palazzo Castiglioni

12

Rosanna Maiolino / Measure for measure daily food, daily garbage / Palazzo Castiglioni

13

dal 28 maggio

Tea Falco / L'effetto della Causa Gli Eroici Furori Arte Contemporanea

70

dal 1 giugno

Lorenzo De Simone / Milano nello sport Hoepli - Libreria Internazionale

75

Pietro Rovida / Café Spazio Porpora

108

Enrico Civerati / Scoprire una città SPAZIOGMARTE

113

Ermanno Barchiesi, Stefano Parisi / Obiettivi sull'Islanda / Biblioteca - Centro Culturale Cascina Grande

122

Paola Rizzi / Letto 425 / Civica Fototeca, Città di Sesto San Giovanni

123

dal 8 giugno

AA.VV. / Cibo Sociale - la convivialità sulle tavole del Mediterraneo / Ex Fornace

50

AA.VV. / Il mercato - occasioni e socialità nelle strade del Mediterraneo / Ex Fornace

51

dal 10 giugno

Carmen Mitrotta / Death Foods for New Worlds Galleria Bolzani 57 Fotografia Futurista / Galleria Carla Sozzani

59

dal 16 giugno

Fabrizio Capsoni / FEMALES Galleria Pisacane Arte

63

Yulia Kompaniets / EMOTIONS. REFLECTION. INSIDE / Galleria Pisacane Arte

64

Flavio Tecchio / Con un dito puntato verso il cielo / Galleria Pisacane Arte

65

dal 3 giugno

PHOTOFESTIVAL

Antonio Marcioni, Stefano Schiorlin / Terra, cielo, acqua, riso / Photo Discount 93

Daniela Zedda / Oggetti Astratti Ad Gallery

28

Marcelo Soulé / Citylife (l'archivio) Galleria L'Affiche

62

Un evento di AIF - Associazione Italiana Foto & Digital Imaging Con la collaborazione di Unione Confcommercio Milano, Camera di Commercio Milano Media Partner Aifotoweb.it, Photographers.it Comitato scientifico: Roberto Mutti, Giovanni Pelloso Coordinamento e segreteria: Pierluigi Mutti Testi: Roberto Mutti, Stefania Ciocca Ufficio stampa: Cristina Comelli Grafica: Francesca Todde, Sara Tessari Stampa: GAMEDIT srl

1906: quando i bisnonni andavano in Expo Kasa dei libri

77

www.photofestival.it www.facebook.com/photofestivalmilano

Marco Introini / MULTAN Pakistan - La città murata-The walled city / SpazioRAW

115

dal 4 giugno


50&Più è il grande Sistema Associativo e di Servizi (nato e cresciuto all’interno di Confcommercio - Imprese per l’Italia) per rispondere alle richieste di consulenza, assistenza e benessere sociale delle persone, attraverso l’opera di 2.200 professionisti e più di 1.000 punti operativi in Italia, tutti al tuo servizio.

• vita associativa • eventi • patronato • assistenza fiscale • turismo • editoria • università • assicurazioni

50&Più Milano Corso Venezia, 47 Tel. 0276013399 mail: enasco.mi@enasco.it

www.50epiu.it/milano


Photofestival 2015 issuu  

il catalogo dell'edizione 2015 del Photofestival primavera estate

Photofestival 2015 issuu  

il catalogo dell'edizione 2015 del Photofestival primavera estate

Advertisement