Page 1

Sorisole 2/2002

Informazioni dal Comune

N. 15 - 7 giugno 2002 - di Notizie dal Comune - Spedizione in abbonamento postale - Art. 2, comma 20/b, legge 622/96 - Filiale di BG Redazione ed amministrazione: IKONOS Editore - 24048 TREVIOLO - Tel. 035/200.515 - Fax 035/201.041 - Http://www.ndc.archivio.it - NdC 24 Panorama su Petosino

(448/2001) sono stati previsti due importanti articoli: Art. 29 - Misure di efficienza delle pubbliche Amministrazioni Comma 1 Le pubbliche Amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché gli enti finanziati direttamente o indirettamente a carico del bilancio dello Stato sono autorizzati, anche in deroga alle vigenti disposizioni, a : a) acquistare sul mercato i servizi, originariamente prodotti al proprio interno, a condizione di ottenere conseguenti economie di gestione; b) costituire, nel rispetto delle condizio-

Sempre più efficiente la macchina comunale Si riporta in questo articolo uno stralcio della parte introduttiva al piano esecutivo di gestione anno 2002, piano attraverso il quale la Giunta detta ai Responsabili di settore gli obiettivi necessari a realizzare quanto il Consiglio comunale, con l’approvazione del bilancio di previsione e della relazione previsionale e programmatica, ha stabilito. Si ritiene importante e necessario far conoscere a tutti i cittadini gli enormi cambiamenti in atto nella pubblica Amministrazione, in particolar modo nei Comuni, cambiamenti “imposti” e “voluti” dalla finanziaria 2002 al fine di rendere più efficiente la macchina comunale. Il Sindaco Simone Stecchetti “Il piano esecutivo di gestione relativo all’anno 2002 viene elaborato in un contesto storico molto diverso da quello in cui sono stati elaborati i precedenti piani

esecutivi di gestione. Dopo le varie rivoluzioni intervenute nei Comuni dal 1990 in poi, sembra che il cerchio si stia finalmente chiudendo: attraverso la legge finanziaria 2002 si completa il processo che dovrà portare l’Azienda pubblica ad essere più efficiente, più snella, più veloce, più accessibile e trasparente, al servizio dei cittadini e delle imprese, in grado di contribuire alla competitività dell’economia e al suo sviluppo. Già il documento di programmazione economica e finanziaria (DPEF) per il quinquennio 2001/2006 si impegnava a “ridurre il carico di compiti e funzioni che gravano sull’Amministrazione, contemplando anche l’affidamento a soggetti terzi di attività o processi per quei servizi che comportano inefficienze di gestione da parte della P.A. (outsourcing)”. Al fine di rendere operativo tale impegno, nella legge finanziaria 2002

LEGGE 675/96 ART 13 Le etichette fornite dal Comune alla Ikonos Editore SRL vengono utilizzate unicamente per l’invio del Notiziario Comunale; ogni cittadino, in qualsiasi momento, potrà richiedere la cancellazione dei suoi dati, per questo uso, con una comunicazione in Comune.

SOMMARIO • Lavori Pubblici ....................................... 4 • ICI 2002: le detrazioni............................ 4 • Il Centro Civico a Petosino..................... 5 • Ambiente: indovinato il “Pos Garbói” ... 6 • In bicicletta è meglio!............................. 6 • Il calendario della raccolta differenziata 7 • Al via i Notturni di calcio....................... 7 • Sicut cives habeantur.............................. 8 • Orificenze ai nostri cittadini ................. 10 • Servizi Sociali: contributi ..................... 11 • CRE estivo.............................................12 • Incontri sulla Montagna........................ 12 • Scuola: una promessa mantenuta.......... 13 • Il Sindaco risponde ai cittadini ............. 14 • Scheda per segnalare i disservizi.......... 15 • Orari degli uffici comunali ................... 16


2 Sorisole ni di economicità di cui alla lettera a), soggetti di diritto privato ai quali affidare lo svolgimento di servizi, svolti in precedenza; c) attribuire a soggetti di diritto privato già esistenti, attraverso gara pubblica, ovvero con adesione alle convenzioni stipulate ai sensi dell’articolo 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e successive modificazioni, e dell’articolo 59 della legge 23 dicembre 2000 n. 388, lo svolgimento dei servizi di cui alla lettera b), Comma 5 Con regolamento, emanato ai sensi dell’art. 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro interessato e con il Ministro per la funzione pubblica, si provvede a definire la tipologia dei servizi trasferibili, le modalità per l’affidamento, i criteri per l’esecuzione del servizio e per la determinazione delle relative tariffe nonché le altre eventuali clausole di carattere finanziario, fatte salve le funzioni delle regioni e degli enti locali. Art. 35 – Norme in materia di servizi pubblici locali Con questo articolo è stato riscritto completamente l’art. 113 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 relativo alle forme di gestione dei servizi pubblici. Al fine di rendere operativi detti principi e articoli di legge con l’art. 24 della legge finanziaria 2002, denominato patto di stabilità interno per Province e Comuni, viene imposto anche all’ente e agli amministratori più scettici e più “conservatori” di rivedere le proprie modalità di gestione dei servizi; infatti le norme contenute in detto articolo, vanno ben oltre la semplice rivisitazione delle regole dettate dal patto di stabilità interno in relazione all’obiettivo del miglioramento del saldo finanziario. Vengono imposti vincoli aggiuntivi, con conseguenti adempimenti, per le Province e per i Comuni con popolazione non inferiore a 5.000 abitanti, che solo lontanamente hanno a che vedere con il contenimento del differenziale di disavanzo tra riscossioni e pagamenti e che si concretizzano, invece, in un vero e proprio contingentamento degli impegni e delle erogazioni di parte corrente. Il quadro degli adempimenti si presenta, insomma, ancora più complesso e trau-

matico degli anni precedenti, con l’aggiunta che la responsabilità degli organi degli enti che devono rispettare e fare rispettare le regole è aggravata dalla pesante sanzione finanziaria imposta nel caso di mancato raggiungimento dell’obiettivo programmatico relativo ai pagamenti. Gli obiettivi stabiliti sono: a) comma 1 art. 24 – per l’anno 2002 il disavanzo di ciascuna Provincia e di ciascun Comune con popolazione superiore a 5.000 abitanti non potrà essere superiore a quello del 2000 aumentato del 2,5 per cento; b) comma 2 art. 24 – per l’anno 2002, il complesso delle spese correnti non può superare l’ammontare degli impegni a tale titolo assunti nell’anno 2000 aumentati del 6%; c) comma 4 art. 24 – la stessa limitazione percentuale di incremento prevista al comma 2 si applica anche al complesso dei pagamenti per spese correnti (competenza + residui), con riferimento ai pagamenti effettuati nell’esercizio finanziario 2000; Le sanzioni previste sono: Il mancato rispetto dell’obiettivo indicato al punto c) è sanzionato attraverso la riduzione dei trasferimenti statali in misura pari alla differenza tra il maggior saldo effettivo dei pagamenti 2002 ed il limite programmatico dei pagamenti (con un limite massimo pari al 25% dei trasferimenti statali); ciò significa che se il Comune effettua pagamenti per spese correnti in misura superiore a quelli effettuati nell’anno 2000 aumentati del 6%, tale eccedenza viene portata in diminuzione dei trasferimenti statali spettanti. Per il mancato rispetto dell’obiettivo indicato al punto a) non è stata stabilita nessuna sanzione a preventivo, ma si tenga presente che anche nella finanziaria dell’anno scorso non era prevista nessuna sanzione per il mancato rispetto

dell’obiettivo previsto per l’anno 2001, ma a consuntivo di fatto la sanzione c’è stata: blocco totale delle assunzioni, ad eccezione delle assunzioni di figure professionali non fungibili la cui consistenza organica non sia superiore all’unità, nonché quelle relative alle categorie protette. Il comma 8 del medesimo art. 24 “scopre le carte” sulla portata effettiva di questi vincoli: il legislatore non vuole solo la partecipazione degli enti locali all’obiettivo del miglioramento del saldo finanziario, ma di fatto ricollegandosi a quanto già previsto nel documento di programmazione economica e finanziaria 2001/2005, afferma che gli enti locali devono promuovere opportune azioni dirette ad attuare l’esternalizzazione dei servizi al fine di realizzare economie di spesa e migliorare l’efficienza gestionale. Pertanto il legislatore propone e/o impone all’ente locale l’esternalizzazione per ottenere migliori condizioni di sviluppo di un servizio a costi inferiori rispetto a quelli sostenuti direttamente. Le strategie sviluppabili dalle Amministrazioni locali per realizzare l’outsourcing (ossia affidamento a soggetti esterni di attività o servizi originariamente prodotti al proprio interno sulla base di valutazioni gestionali) devono concretizzarsi in processi di acquisto dei servizi da esternalizzare fondate su analisi valutative preliminari e parametri di selezione particolarmente rigorosi. Gli elementi di conoscenza necessari per l’impostazione di una buona strategia di esternalizzazione sono riferibili a due contesti: 1) le dinamiche interne dell’Amministrazione, rispetto alle quali è necessario rilevare: il costo dell’attività o del servizio da esternalizzare; le condizioni organizzative comportanti il ricorso all’outsourcing; 2) le dinamiche esterne interessanti le scelte dell’Amministrazione, per le quali si devono approfondire: la conoscenza dei soggetti potenziali esecutori dell’attività esternalizzabile (verifica del mercato, sue eventuali problematiche); i costi medi per la gestione da parte di terzi dell’attività o del servizio esternalizzabile (effettuando una comparazione con dati di costo differenziati); l’analisi delle condizioni di esecuzione dell’attività o del servizio esternalizzabile da parte di terzi (con enucleazione della coerenza del dato prestazionale con


Sorisole 3 quanto sviluppato tradizionalmente nelle procedure dell’Amministrazione). La composizione degli elementi di tale complesso informativo può aversi nel seguente modo: a) analizzando esperienze simili in ambito pubblico o privato; b) confrontando le dinamiche del mercato specifico (analisi dell’offerta); c) verificando i dati necessari presso i potenziali esecutori d) analizzando i vincoli e le opportunità determinati da norme e mercato per il particolare servizio da esternalizzare. A fronte di condizioni definite, la selezione del potenziale fornitore in outsourcing si deve fondare su una procedura nella quale i parametri di confronto delle proposte offerte devono risultare perfettamente coerenti con gli standard di controllo delle prestazioni e della qualità delle stesse nell’esecuzione del contratto. È evidente che l’outsourcing comporta comunque per l’Amministrazione lo svolgimento di alcune attività inerenti al servizio, non esternalizzabili (programmazione generale e progettazione del servizio; verifiche e controlli sull’esecuzione del servizio e sulle attività ad esso complementari; controllo della permanenza delle condizioni di economicità dell’esternalizzazione). Alla luce di quanto sopra esposto, è evidente che non è più rimandabile l’introduzione di un sistema di controllo di gestione, peraltro già obbligatorio da tempo anche per gli enti locali (vedi D.Lgs 286/99). Parlare di controllo di gestione senza introdurre il concetto di pianificazione strategica non sarebbe corretto. Pianificazione strategica e controllo di gestione sono due momenti di un unico processo che caratterizza l’attività manageriale. La pianificazione strategica è, in sintesi, il processo con cui si formulano e si valutano le strategie “aziendali” in vista del raggiungimento degli obiettivi di fondo della gestione e si redigono i piani operativi mediante i quali il disegno strategico viene reso concretamente realizzabile. Il controllo di gestione è il processo con cui la direzione “aziendale” si assicura che le risorse vengano acquisite e impiegate in modo efficace ed efficiente in vista del raggiungimento degli obiettivi di fondo esplicitati in sede di pianificazione strategica.

Affinché la pianificazione strategica non sia una mera espressione dei “desideri” della direzione, la pianificazione deve mettere in luce le azioni che rendono possibile il raggiungimento dei traguardi attesi, con l’enfasi sulle politiche e sui progetti da cui i “numeri” del bilancio preventivo traggono origine. Il controllo di gestione riveste, invece, importanza per i responsabili della gestione in quanto essi trovano nelle informazioni prodotte dal sistema uno strumento di guida per mantenere la corretta “direzione di marcia”. Da questa constatazione deriva l’osservazione che un sistema di controllo non deve possedere un grado di complessità superiore a quello “tollerato” dai suoi destinatari, specie se questi hanno scarsa dimestichezza con le tecniche contabili o altri strumenti di controllo. Altra tematica importante ed insieme una delle sfide strategiche per la Pubblica Amministrazione del terzo millennio, e in particolare per gli enti locali, nella nuova dimensione conferita loro dalla recente riforma costituzionale, è la necessità che le Amministrazioni producano quello che viene definito “valore pubblico”. Creazione del valore non deve essere un concetto utilizzato solo dalle aziende private, ma deve entrare anche nel linguaggio comune delle aziende pubbliche al fine di influenzare i comportamenti di chi governa gli enti e di chi svolge in essi funzioni dirigenziali, e di orientarli alla ricerca del continuo miglioramento del rapporto tra efficacia (dimensione esterna) ed efficienza (dimensione interna) delle proprie scelte. Il concetto di Amministrazione che deve produrre valore pubblico ha infatti il significato intrinseco di richiesta ai dirigenti pubblici di impegnare la propria professionalità per migliorare il rapporto tra risultati e risorse impiegate. L’azienda pubblica deve dunque produrre valore, nel senso che essa deve continuamente ricercare nuove modalità di gestione per rispondere alle esigenze delle imprese e dei cittadini senza ricorrere ad un aumento della ricchezza che

acquisisce dal sistema economico sotto forma di tributi, di prezzi richiesti per i servizi pubblici, di altri proventi. In altri termini l’azienda pubblica produce valore se a parità di tributi richiesti o con tributi decrescenti è in grado di dare a imprese e cittadini gli stessi servizi o servizi migliori rispetto a quelli precedenti. Fatte le sopraindicate opportune premesse al fine di specificare il contesto di redazione del presente piano esecutivo di gestione, è evidente che lo sforzo fatto nella redazione del piano è stato quello di procedere ad una attenta analisi di tutti i processi gestionali relativi alle diverse attività svolte all’interno dell’ente, ad una classificazione e quantificazione delle stesse. Infatti l’anello debole, in molte organizzazioni, è proprio il momento organizzativo, la gestione dei tempi e delle responsabilità, il controllo di quanto costi effettivamente svolgere un’attività e quanto sia conveniente. I responsabili di settore sono stati pertanto invitati a elaborare il PEG 2002 attraverso un sistema in uso nelle aziende private: il project management (gestione del progetto). Il project management richiede l’elencazione delle attività necessarie per conseguire l’obiettivo, la loro strutturazione in una scala cronologica o calendarizzazione, l’individuazione delle risorse necessarie (persone, finanze) e delle date di inizio e fine attività (e quindi della durata e scadenza dell’attività). Il project management consente inoltre di fissare le relazioni tra le fasi (quali fasi sono necessarie e propedeutiche alle altre), lo stato di avanzamento dei lavori, il carico di lavoro delle unità impegnate, gli orari lavorativi, i margini di flessibilità e numerose altre funzioni di analisi, previsione e monitoraggio. Il project management è competitivo solo se viene assimilata anche la filosofia della direzione per obiettivi che ne sta alla base, e se le persone nell’ente come in azienda si sentono orientate agli obiettivi e alla competitività.”

DI SORISOLE LA MIGLIOR MUCCA DELL’HINTERLAND CITTADINO Si chiama Elis ed è di proprietà dell’azienda agricola “Antonella Cometti” di Sorisole la mucca che il 4 maggio 2002 è stata eletta regina nella mostra zootecnica dei bovini di razza bruna. Erano presenti 79 capi di quattordici allevatori. Elis ha anche conquistato il titolo di “miglior mammella”.


L’assessore all’Edilizia privata, Urbanistica e Territorio, Lavori Pubblici, Claudio Ferrini

4 Sorisole

Un successo il nuovo parcheggio di via San Francesco La nuova area di sosta in via San Francesco d’Assisi ha riscosso consensi ed apprezzamenti. Progettata dall’Ufficio Tecnico comunale, ha previsto l’allargamento della sede stradale di via Cume, la realizzazione di muri in pietra a vista, un nuovo tratto di marciapiede con arretramento dei muri e degli ingressi di proprietà privata, la pavimentazione in porfido, l’illuminazione e l’arredo verde. Non appena ultimata, è stata usata da numerosi automobilisti che ne hanno lodato le caratteristiche tecniche e la posizione strategica, vicina alla piazza e comodissima per coloro che giungono da Petosino o da Azzonica. Oltre al parcheggio di via Cume, sono previste altre aree di sosta “satellite” del capoluogo: è già in fase di appalto la realizzazione di un parcheggio in via Rubbi-Agazzi.

Nuovo look per via Fonte … Anche via Fonte è stata rimessa a nuovo, essendo una strada importante non soltanto per le passeggiate, ma in quanto consente di raggiungere il campo di calcio comunale a 7 giocatori. La sede stradale è stata allargata e ai lati sono stati costruiti bei muri in pietra a vista. Sotto di essa corre la nuova e funzionale fognatura con idoneo sfioratore. I lavori sono ora in fase di collaudo.

Il parcheggio di Sant’Anna L’area interessata alla realizzazione del parcheggio pubblico, è posta tra la via S. Anna, il vicolo che collega con via Fonte e la vecchia via Broli, proprio dirimpetto alla via San Giuseppe. Il progetto prevede l’allargamento delle tre vie circostanti, con la formazione di un tratto di fognatura lungo la via Broli. L’accesso per i veicoli avverrà esclusivamente dal vicolo, mentre per i pedoni verranno realizzati tre accessi separati di cui 2 dotati di scala ed un terzo dotato di rampa, dislocati sulla via dei Broli, sul vicolo e sulla via S. Anna. L’area a parcheggio verrà dotata di pavimentazione in lastre di porfido posate rettilinee ed in diagonale nella parte centrale. L’Amministrazione ritiene che questo parcheggio, che servirà tutta la frazione di Azzonica, sia di notevole importanza e di utilità per il tessuto urbano circostante.

IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) ANNO 2002 DETRAZIONE A FAVORE DEI SOGGETTI IN PARTICOLARI CONDIZIONI DI DISAGIO ECONOMICO-SOCIALE L’Amministrazione comunale, con apposita deliberazione consiliare n. 72 del 20.12.2001, esecutiva ai sensi di legge, ha determinato, per il corrente anno, di concedere la detrazione per abitazione principale nell’importo di Euro 258,23 (pari a £. 500.000), in favore di soggetti aventi i seguenti requisiti: a) proprietari nel cui nucleo familiare è presente un invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa pari o superiore al 90%; b) proprietari nel cui nucleo familiare è presente un cieco assoluto (L. 382/70); c) proprietari nel cui nucleo familiare è presente un sordomuto (L. 381/70); d) proprietari il cui nucleo familiare è composto da n. 2 componenti ultrasessantacinquenni; e) proprietari il cui nucleo familiare è composto da n. 1 componente ultrasessantacinquenne. I soggetti sopraindicati avranno diritto alla maggiore detrazione se il valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E) relativo al nucleo familiare stesso non risulta essere superiore ad Euro 8.250,00. Per beneficiare della detrazione in oggetto i contribuenti interessati dovranno presentare all’Ufficio Tributi del Comune, entro il termine del 31.07.2002, apposita domanda unitamente all’attestato I.S.E.E. contenente il valore dell’indicatore della Situazione Economica Equivalente che deve essere richiesto presso il Comune (Settore Servizi alla Persona), o presso i Centri di Assistenza Fiscale (C.A.F.) o presso le sedi territoriali dell’I.N.P.S., unitamente al documento comprovante di appartenere ad una delle categorie sopraccitate; la presentazione della domanda è condizione necessaria per poter usufruire del beneficio in questione. La detrazione verrà riconosciuta ai contribuenti proprietari della sola abitazione principale e relative pertinenze.


Sorisole5 Il Centro Civico a Petosino Iniziati da poche settimane i lavori per la sua realizzazione. Previsti 18 mesi di lavoro: si ipotizza il collaudo della struttura e l’apertura degli spazi con il necessario arredo verso la fine del 2003 La realizzazione di un Centro civico a Petosino riveste un’importanza strategicoamministrativa e politico-territoriale di ampio respiro sia in una logica di miglioramento quali-quantitativo dei servizi già offerti (biblioteca civica ed Ufficio anagrafe distaccato) sia quale apporto di infrastruttura ricettiva in grado di pianificare molti altri servizi (ambulatori con diverse specializzazioni o altre programmazioni di carattere sanitario, aule e ritrovi per associazioni, punto di riferimento per sistemi territoriali anche intercomunali, aula magna per incontri o momenti culturali, sociali, politici, ecc.). II progetto architettonico del Centro Civico, nasce dall’idea, verificata ai livelli di progettazione preliminare e definitiva, di recuperare il volume esistente del fabbricato dismesso delle scuole di via Martiri della Libertà, al fine di poter sfruttare l'assetto strutturale, operando, attraverso una serie di opere riconducibili alla demolizione e ricostruzione, per un riassetto planivolumetrico dell'impianto architettonico orientato alla rappresentatività pubblica che l'edificio assumerà con le nuove funzioni insediate. Il progetto così concepito, nasce dalla considerazione che, essendo il punto di incontro di culture ed attività volte allo scambio di informazioni, rappresenterà, attraverso la simbologia degli elementi architettonici, il continuo divenire della parola, della discussione, dell'enfasi rappresentativa, del contendere, del confronto; l'onda di copertura raffigura le influenze che dall'interno tendono ad uscire, a "scivolare fuori" in una sorta di continua evoluzione e sperimentazione, ed a rimanere comunque impresse nelle partiture poste al di sotto della copertura stessa, in una sorta di futura rappresentazione iconografica delle attività che si svolgeranno all'interno. Una sperimentazione che deve nascere da basi solide, che garantiscano la stabilità del "corpo architettonico"; ed ecco che entra in campo la pelle dell'edificio, in mattoni, materiale vicino alla tradizione anche produttiva dei luoghi, che in una sorta di morphing ideale assume la corposità della tradizione come base per le generazioni future. Una massa peraltro traspa-

rente, aperta alla comunicazione, attraverso ampie e fitte finestrature orientate alla necessità di dialogare con l'esterno, in una sorta di occhi, orecchie e bocca, che le varie attività interne propongono. Le scelte progettuali atte a definire la tipologia dell'intervento sono state generate dalla considerazione che l'edificio nel suo complesso, strutturato e realizzato per accogliere una scuola media, possiede già alcune caratteristiche tecnico funzionali per accogliere le nuove funzioni. Il lotto di intervento è posizionato nell'abitato di Petosino, attestato su via Martiri della Libertà, alla confluenza con via Aldo Moro e quindi in una posizione baricentrica, rispetto all'edificato. L'edifico esistente è distribuito su un piano fuori terra, un sottotetto, e un piano parzialmente interrato affacciato su un parcheggio pubblico. La progettazione definitiva ha indicato le scelte planivolumetriche ed architettoniche in rapporto al lotto ed il progetto esecutivo ne ha specificato la tipologia e modalità di intervento. Punto fondamentale del progetto è: - il mantenimento dell'ossatura dell'edificio (pilastri, travi e solai) costituita da una maglia regolare di pilastrature con passo longitudinale di 3,00 metri e trasversale variabile da 3,00 , 6,00 e 9,00 Piano seminterrato verso nord-est (via Valbondagli) Piano terra Piano primo

metri; - la demolizione del tamponamento esistente costituito da finestre e murature in blocchi cementizi e la realizzazione della muratura di tamponamento e delle finestrature secondo la scansione dei pilastri esistenti; - la demolizione della copertura esistente parte in latero cemento e parte in legno, il cui stato di consistenza si presenta in uno stato di abbandono per la parte in legno, e inflessa per la parte in latero cemento; - la realizzazione di strutture integrative in acciaio ( pilastri e travi ), al piano terra, per sopperire alle prescrizioni tecniche di sovraccarico per le funzione insediate al piano primo; - la realizzazione dell'ascensore, interno all'edificio, per collegare tutti i piani del fabbricato; - la realizzazione della copertura del piano primo, con travi in acciaio in parte calandrate per la realizzazione della copertura ad onda. - l'adeguamento della parte impiantistica. Per meglio illustrare e spiegare in modo esauriente e motivato le destinazioni d’uso dei locali in un prossimo numero de “Informazioni dal Comune” pubblicheremo le planimetrie progettuali dell’edificio.

- Ambulatori medici e un box. - Sale per Associazioni, Ufficio distaccato dell’anagrafe comunale, Biblioteca civica con sala informatica e ludoteca, Ufficio postale. - Sala espositiva e sala polivalente da 100 posti, ripostigli, aule, locali tecnici.


L’assessore all’Ambiente e Ecologia, Raccolta e smaltimento RSU, Sport e Tempo Libero, Politiche Giovanili, Andrea Morelli

6 Sorisole

Indovinato il “Pos Garbói” Vi ricordate l’indovinello lanciato nel precedente numero del notiziario? Ha riscosso un grande successo e chi ha partecipato si è detto entusiasta dell’iniziativa. Il luogo misterioso si trova in valle del Giongo e si chiama Pos o Poz (pozzo) Garbói. Riportiamo la parte di mappa dove si trova questa romantica cascata insieme a una bella foto inviataci dalla signora Maddalena Bresciani che ha occupato la prima delle tre posizioni previste dal concorso. Al secondo e al terzo posto sono arrivati Abramo Offredi (di cui pubblichiamo la foto di un fiore caratteristico della zona, il farfaraccio) e Agostina Zambelli. Non pensavamo di riscuotere un così grande interesse e ci scusiamo con coloro che hanno partecipato, ma per i quali non è previsto l’omaggio: avranno avuto sicuramente la soddisfazione di vedere o rivedere un angolo suggestivo del nostro territorio, un luogo nascosto e affascinante dove viene facile sognare gnomi ed elfi, fate e maghi, leggende e storie da raccontare d’inverno ai più piccoli… Mentre, quindi, sacco in spalla, scarponi e macchina fotografica, andiamo alla ricerca di un altro indovinello, perché non ci inviate qualche storia, filastrocca, leggenda… che le nonne vi hanno raccontato quando eravate bambini? Noi, persone indaffarate nell’era dei computer non abbiamo più l’abitudine di tramandare oralmente le storie e così rischiamo di cancellare parti interes-

santi del nostro passato. Potremmo vedere di lasciare uno spazio ai ragazzi delle scuole lanciando di volta in volta un tema, come l’origine

In bicicletta • meglio... Tutti discutono di traffico e di inquinamento. Beh, noi non parliamo molto, ma agiamo: esistono già alcune belle piste ciclabili, che collegano capoluogo e frazioni, permettendo a grandi e piccini di spostarsi in modo agevole e sicuro con questo mezzo sicuramente ecologico. Il nostro impegno in questo senso non è terminato: nel piano delle opere pubbliche, sugli esercizi finanziari 2003 e 2004, sono previste nuove piste e l’allargamento di quelle esistenti. Sempre nello spirito di favorire una sana fruizione dell’ambiente, abbiamo provveduto alla costruzione di una staccionata, all’inserimento dei cestini e delle panchine con tavolini; sulla pista ciclabile Va’ pensiero di Petosino abbiamo messo due porte da calcio che vengono utilizzate da numerosi ragazzi, ma anche da tanti adulti. Entro l’estate del 2003 intendiamo realizzare un vero e proprio campo di calcetto. L’obiettivo è di valorizzare il nostro territorio, abituando i cittadini a considerarlo una risorsa e un bene da rispettare.

dei nomi delle vie, i cognomi della nostra gente, i giochi di un tempo e chi più ne ha più ne metta. Rimaniamo in attesa di suggerimenti…


Sorisole 7 Il calendario della raccolta differenziata Sull’onda del successo delle passate edizioni, l’Amministrazione comunale intende realizzare anche per il 2003 il calendario della raccolta differenziata: un modo per entrare nelle famiglie e nelle aziende facendo conoscere le bellezze e le caratteristiche del nostro territorio e rimanendo in nostra compagnia tutto il prossimo anno. Con questo spirito, intendiamo coinvolgere direttamente i cittadini nella preparazione del calendario chiedendo di consegnare presso l’Ufficio tecnico, foto belle o significative di Sorisole, Petosino, Azzonica: naturalmente non tutte verran-

no pubblicate e ci scusiamo fin d’ora se qualcuno per ovvi motivi di spazio rimarrà escluso. Per premiare l’impegno dei partecipanti stiamo pensando di allestire una mostra che presenterà anche le foto del concorso fotografico riservato ai nostri studenti e organizzato dall’assessorato alla Cultura in sinergia con la Pubblica Istruzione. Le foto pubblicate sul calendario rimarranno di proprietà del Comune. Al momento della consegna vi sarà fatto firmare un foglio nel quale autorizzate il Comune ad un’eventuale pubblicazione.

Al via i notturni di calcio I tornei che le varie associazioni organizzano ogni anno diventano sempre più numerosi: questo sta a significare che la gente è affezionata a tali iniziative, partecipa numerosa, segue con interesse e, naturalmente, fa il tifo per i propri campioni. Da parte loro, gli organizzatori si sentono stimolati a programmare altre manifestazioni, ad aumentare la qualità delle proposte, a differenziare gli itinerari in modo da coinvolgere più fasce di età e più cittadini. In questo periodo, le associazioni stanno completando l’organizzazione dei tornei notturni di calcio: un grosso lavoro per i dirigenti e i tecnici, ma tanta soddisfazione per i giocatori che riescono a mettere in campo il meglio delle loro capacità e per il pubblico che si ritrova ad assistere a partite di alto livello e di grande competizione. I tornei notturni attira-

no anche spettatori non residenti in paese e permettono di trascorrere piacevoli serate in compagnia. Il Comune ringrazia i dirigenti per il loro impegno e partecipa a tali iniziative, con un contributo consistente nell’acquisto di premi, coppe, targhe e medaglie. Se i tornei delle differenti discipline sportive si sono ormai conclusi, non dobbiamo dimenticare che l’estate è il momento preferito dei ciclisti: il 2 agosto si svolgerà una gara di ciclismo su strada, mentre in ottobre sarà la volta degli appassionati di mountain bike.

Le tariffe degli impianti sportivi in vigore dal 1° gennaio 2002 e alle quali sarà applicata l’aliquota IVA del 20% Palestre comunali (annesse ai plessi dell’Istituto Comprensivo) Euro 2,00 all’ora per gruppi di Sorisole Euro 10,00 all’ora per gruppi non di Sorisole Campo di calcio di Azzonica Euro 10,00 all’ora per associazioni e gruppi sportivi i cui atleti siano in maggioranza residenti nel territorio del Comune di Sorisole Euro 15,00 all’ora per associazioni e gruppi sportivi aventi la sede nel territorio comunale Euro 30,00 all’ora per associazioni e gruppi sportivi non residenti Euro 3,00 all’ora di maggiorazione per utilizzo notturno Campi da tennis di via Paganelli (attualmente non affittabili in quanto compresi nella zona cantiere aperto per completamento strutture parco giochi e copertura campo da tennis) Euro 4,00 all’ora per associazioni e gruppi sportivi i cui atleti siano in maggioranza residenti nel territorio del Comune di Sorisole Euro 5,00 all’ora per i cittadini residenti nel territorio comunale Euro 10,00 all’ora per i cittadini non residenti e per associazioni e gruppi sportivi i cui atleti siano residenti in altri Comuni Euro 2,00 all’ora di maggiorazione per utilizzo notturno.

INFORMAZIONI SUL COMUNE DI SORISOLE Per conoscere e scaricare modulistica relativa a: Orari di ricevimento degli Amministratori; Orari di apertura al Pubblica dei diversi Uffici Comunali; Avvisi di gara; Bandi di concorso per assunzione Personale; Informazioni relative ai diversi Servizi offerti; Manifestazioni ed attivitˆ culturali e/o sportive; Notizie e curiositˆ, e altro ancora É • possibile consultare i siti:

www.valbrembanaweb.com www.sorisole.com02.com


8 Sorisole SICUT CIVES HABEANTUR Il ritrovato libro dei Privilegi di Sorisole È stata una commozione, una grande gioia, ricevere quell’antico libro e leggere su un foglio a pergamena, le parole di solenne impegno che il Doge di Venezia consegnò ai rappresentanti sorisolesi il 24 giugno 1428: “Franciscus Foscari Dei gratia Dux Venetiarum, considerantes sicut multimoda rerum experientia docuit quam provide fideliter et incessanter fidelissimi nostri Communia et homines Parochiarum sancti Petri de Surisile et sancti Allexandri de Pontranicha ...” Il libro ritrovato è “l’originale di parte” che, per quattro secoli, è stato uno dei riferimenti basilari della storia, dell’economia e della cultura sociale di Sorisole. Purtroppo, di questo libro dei privilegi, negli archivi comunali, da almeno cento anni si era persa ogni traccia. Cambiamenti epocali erano succeduti in Europa e il nostro paese, dopo quattrocento anni di pax veneta, ne aveva subìto le conseguenze: la Rivoluzione francese, le vittorie di Napoleone in Italia, la fine della Serenissima, la repubblica Cisal-

pina, l’Impero francese, l’Impero austriaco, il Regno d’Italia, la prima e la seconda guerra mondiale, la Rsi, e ... infine la Repubblica Italiana! Che ne sarà stato di tutti gli incartamenti accumulati in quattro secoli di appartenenza allo Stato di San Marco? Rotoli di mappe confinarie, relazioni camerali, faldoni di censo, atti notarili, registri di gestione dei boschi e dei pascoli, donazioni, vendite ed elargizioni della Misericordia, liste di leva per la flotta o per le fortezze di Candia e di Morea, elenchi d’orfani e di vedove, estimi catastali, contratti pubblici e privati, note di cassa ...? Pian piano, i tarli, la polvere, i topi, l’acqua che spioveva, il fuoco del camino, i traslochi, l’oblio, l’arrivo di nuove pratiche, avranno assottigliato il deposito, l’avranno ridotto agli atti più importanti, ai volumi più resistenti, a qualche scampolo cartaceo salvato solo per curiosità. Così probabilmente sarà stato per il libro dei Privilegi, finché un giorno ... Un giorno? No, quasi una notte, una notte d’inverno di alcuni anni fa, un medico - anzi, “un medico amico” - … ma lasciamo che ce lo racconti lui stesso. “Avevo finito tardi l’ambulatorio ma, prima di tornare a ca-


Sorisole 9 sa, salii a far visita a quel mio anziano paziente che abitava nella parte alta del paese. Viveva da solo, ormai da molti anni. Era stato una persona molto conosciuta nella nostra Comunità. Quanti si sono rivolti alla sua discrezione per leggere o scrivere una lettera durante la guerra! Per anni aveva aperto e chiuso i registri della vita, incrociato sguardi di pianto o di speranza, consegnato passaporti d’emigrazione, timbrato i cartellini dei disoccupati, recapitato a casa libretti di lavoro. Andato in pensione, si era dedicato alle sue passioni: i rossi gerani che empivano la vecchia lobbia e la storia del paese. Quanto avrà lavorato a questo progetto? Non lo so. A quel tempo ormai era molto malato, una sua parente veniva ad accudirlo al mattino e fino a sera restava solo in quella stanza. Io, ogni volta che ero dalle sue parti, passavo a trovarlo. Gli ascoltavo il petto, gli misuravo il polso poi ... parlavamo. Sapeva che anch’io mi interessavo di storia locale e lui mi precisava casati, famiglie e soprannomi, località e mulattiere, arricchiva di particolari certi fatti lontani, mi spiegava modi di dire, usanze matrimoniali, religiose e di lavoro ormai perdute. Quella sera stava più male del solito, tossiva affannosamente. Quando la tosse si calmò, si girò verso il comodino, prese qualcosa. "È per lei dottore, questo lo voglio dare a lei ... perché so che è in buone mani ... l’ho salvato io questo ... l’avevano già buttato sul mucchio ... io ormai sto per morire ... ecco, tenga, ne faccia ciò che crede meglio ..." e mi consegnò questo vecchio

libro, rilegato in pelle marrone, fatto di fogli a stampa, di parti in pergamena, di ruvide carte da lettera vergate a penna d’oca. Sono passati anni da quella sera, ho conservato questo dono, l’ho studiato. Anch’io ho scritto di questo mio paese, per quel poco che la professione mi ha consentito. Ora i tempi sono cambiati, vedo nel paese molta più attenzione ai valori culturali, ambientali e storici, una più moderna ed oculata gestione. Ritengo che affidare al Comune questo Libro dei Privilegi, sia adempiere al meglio al desiderio di chi l’aveva salvato, la migliore delle collocazioni perché viene data a ciascun cittadino di Sorisole un importante testimonianza della sua Comunità, della sua Storia."

Il dottor Persiani consegna il Libro dei Privilegi al Sindaco Simone Stecchetti

G.T.

COME VALORIZZARE UN LIBRO PREZIOSO Da una prima analisi il libro dal titolo "Communi di Sorisole e Ponteranica del Bergamasco a preservazione de’ Loro Privilegi et immunità", appare come una raccolta di corrispondenza amministrativa ed una serie di atti amministrativi della Repubblica di Venezia con i quali lo Stato riconosceva al Comune di Sorisole dei privilegî: in particolare sconti sulle imposte e sui dazi o l’esonero ad inviare precettati alla leva. Lo Stato riconobbe questi famosi privilegi a Sorisole per la conclamata fedeltà a Venezia dapprima per l’aiuto prestato come parte guelfa nello scacciare i Visconti (14251428) e più tardi (1437) per la resistenza al condottiero Piccinino quando tentò di riprendere Bergamo attestandosi proprio nelle nostre zone (ovviamente perché conscio delle nostre inclinazioni filo-venete). I Sorisolesi andavano molto fieri di questi riconosciuti vantaggi e li difesero sempre con particolare gelosia tutte le volte che la Città di Bergamo tentò di intaccarli chiedendo che anch’essi partecipassero alle contribuzioni imposte dalla dominante. È possibile attingere altre spiegazioni sui fatti che ci coinvolsero nel 1400 leggendo il Capitolo terzo del libro di

Marino Paganini “Sorisole – Dal sec. VIII d.c. al XIX” edito dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Sorisole nel 1986. Il Sindaco e l’Amministrazione comunale, con entusiasmo ed a nome di tutta la cittadinanza, esprimono soddisfazione per il ritrovato libro dei privilegi, evidenziano la massima gratitudine e riconoscenza nei confronti di chi l’ha conservato e verso il dott. Cesare Persiani che in ultimo l’ha consegnato al Comune affinché lo ponesse a disposizione della Comunità. Allo stato il libro, annoverato nel seno dell’archivio storico dell’Ente, è conservato nell’armadio blindato del Sindaco insieme agli originali dello Statuto comunale e del Decreto con cui S.M. Vittorio Emanuele III ha concesso al Comune lo stemma ed il gonfalone. Non resta ora che studiare il modo migliore per rivalutare il prezioso documento organizzando, nel futuro più prossimo possibile, un’opportuna iniziativa culturale anche prevedendo l’investimento necessario per effettuare delle copie anastatiche ovvero in sinergia con delle future pubblicazioni.


10 S o r i s o l e Onorificenze ai nostri cittadini Pubblichiamo una copia degli attestati delle onorificenze conferite dallo Stato ad alcuni cittadini negli ultimi due anni, manifestando il plauso dell’intera comunità per dei riconoscimenti che evidenziano quanto i Sorisolesi si distinguano in campo sociale, lavorativo e sportivo. Cogliamo l’occasione per porgere i complimenti della comunità (il Sindaco ha già conferito il proprio encomio) al signor Marco Pasta che, in ambito scolastico, si è recentemente distinto vincendo la gara nazionale di latino.

ORA È POSSIBILE SERVIRE IN ARMI ANCHE A BERGAMO

Nella foto: il nostro concittadino Matteo Tassetti, dopo che gli è stata conferita dal Presidente della Repubblica la nomina a commendatore, ha ricevuto, il 23 gennaio 2002, dalle mani del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi il collare d’oro al merito sportivo in quanto campione olimpico 2000 nello sport disabili, staffetta 4x100


L’assessore alla Cultura e Biblioteca, Servizi Sociali, Sanità ed Assistenza Patrimonio (gestione beni ex Eca) e Vicesindaco, Gianfranco Panza

S o r i s o l e 11

Albo dei beneficiari di provvidenze di natura economica All’albo comunale è esposto l’elenco di coloro che hanno beneficiato di provvidenze economiche erogate dal Comune nello scorso anno. La pubblicazione si protrarrà per due mesi e, in tale periodo, ogni cittadino potrà prenderne visione. Conclusa la pubblicazione, l’albo dei beneficiari sarà consultabile presso il Settore Servizi alla Persona, ufficio relazioni con il pubblico, durante l’orario d’ufficio. Settore servizi alla persona: quadro riassuntivo del bilancio Settore Importo annuo in Lire Assistenza e sicurezza sociale 121.540.927 di cui 70.401.280 dalla Regione Lombardia per F.S.A. 1999/2000 Attività sportive e ricreative del tempo libero 14.100.000 Sviluppo economico Attività culturali ed educative 164.409.350 Tutela dei valori ambientali Interventi straordinari 103.552.470 di cui 16.327.276 dalla Regione Lombardia Altri benefici ed investimenti 51.843.121 Totale 455.445.868 di cui 86.728.556 dalla Regione Lombardia

CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DELLA RETTA DI FREQUENZA ALLE SCUOLE MATERNE DEL TERRITORIO Anche per quest’anno scolastico, l’Amministrazione comunale di SORISOLE intende aiutare economicamente le famiglie i cui figli frequentano le Scuole Materne del territorio. Pertanto, tutti gli interessati ad ottenere un contributo economico per il sostegno al pagamento della retta di frequenza alle Scuole Materne, possono presentare, presso gli Uffici Comunali, apposita domanda, disponibile per il ritiro presso il Settore Servizi alla Persona – Servizi Sociali, entro e non oltre la data del 21.06.2002, durante i seguenti orari di sportello: da lunedì a venerdì, al mattino, dalle ore 10.00 alle ore 12.30; martedì, al pomeriggio, dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Si riportano le soglie d’accesso I.S.E.E. per l’Assistenza Educativa Minori e le relative percentuali di partecipazione al costo dei Servizi, attualmente in vigore (vedi tabella a fondo pagina). Disposizioni integrative: 1. Sono fatte salve le disposizioni contenute nella convenzione stipulata tra il Comune di Sorisole e gli Enti gestori delle Scuole Materne del territorio, approvata con deliberazione consiliare n. 71 del 31.07.2000, ed in particolare l’articolo 8, che prevede quanto segue: “Il Comune provvederà inoltre, anche in esecuzione della L.R. 20 Marzo 1980, n. 31, sul Diritto allo Studio, ad erogare alle Scuole Materne i seguenti ulteriori contributi a sostegno del funzionamento delle Scuole Materne finalizzati al contenimento della retta a carico delle famiglie che è stabilita in Euro 98,13 mensili e che non dovrà subire aumenti per tutto il corso di validità della pre-

CONTRIBUTI PER LA RETTA DI FREQUENZA DELLA SCUOLA MATERNA Se il valore I.S.E.E. è tra i seguenti parametri

Percentuale Percentuale a carico dell’utente a carico del Comune

Da 0 A 4.650 Da > 4.650 A 6.500 Da > 6.500 A 8.350 Da > 8.350 A 10.250

50% 65% 80% 100%

50% 35% 20% 0%

sente convenzione, fermo restando il permanere del contributo regionale … omissis”. 2. Resta inteso che le spese relative all’iscrizione alla Scuola Materna prescelta, e gli eventuali oneri aggiuntivi per attività facoltative, sono completamente a carico della famiglia richiedente tale Servizio. 3. I richiedenti del predetto contributo economico devono dichiarare il costo mensile della retta, escluse le spese di cui al punto 2, e la frequenza del minore alla Scuola Materna prescelta. 4. L’erogazione di tali contributi decorre dalla data di effettiva frequenza del minore durante l’anno scolastico di riferimento.

ASSEGNO PER NUCLEI FAMILIARI NUMEROSI E ASSEGNO DI MATERNITÀ Possono essere presentate presso gli Uffici Comunali – Settore Servizi alla Persona – Servizi Sociali, le domande per: 1. L’assegno, relativo all’anno 2002, per il nucleo familiare (almeno 3 figli minori di anni 18) composto da cittadini italiani, con una situazione economica, calcolata secondo i criteri stabiliti dalla normativa vigente, NON superiore a Euro 19.904,35 (per il nucleo base, composto da 5 persone); per la presentazione della domanda e della relativa dichiarazione sostitutiva unica il termine è fissato al 31 Gennaio 2003; per il corrente anno, l’importo massimale dell’assegno mensile è pari a Euro 110,58 (per 13 mensilità); 2. L’assegno di maternità per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento in favore della madri cittadine comunitarie ed extracomunitarie, in possesso della carta di soggiorno, che non beneficiano dell’indennità di maternità (per esempio, casalinghe, disoccupate, ecc.), con una situazione economica, calcolata secondo i criteri stabiliti dalla normativa vigente, NON superiore a Euro 27.644,94 (per il nucleo base, composto da 3 persone); per la presentazione della domanda e della relativa dichiarazione sostitutiva unica il termine è fissato in 6 mesi decorrenti dalla data del parto; per il corrente anno, l’importo dell’assegno mensile è pari a Euro 265,20 (per 5 mensilità). Se ricorrono le condizioni, possono essere presentate le domande per entrambi gli assegni. Per qualsiasi chiarimento in merito, si prega di contattare questo Ufficio, al seguente numero telefonico: 035/41 25 322, nei seguenti orari: da lunedì a venerdì, al mattino, dalle ore 10.00 alle ore 12.30; martedì, al pomeriggio, dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

PRESTITO SULL’ONORE La Regione Lombardia ha reso attuativo il provvedimento relativo alla concessione dei “Prestiti sull’onore” in favore di famiglie e giovani coppie in condizioni di temporanea difficoltà economica. Gli interessati possono rivolgersi direttamente presso i seguenti Uffici, per ricevere informazioni in merito e/o per il ritiro della modulistica necessaria: 1) “Spazio Regione” di Bergamo, Via Papa Giovanni XXIII, n. 106 – 24121 – Bergamo, Tel. 035/22 39 19 – Fax 035/27 32 13, nei seguenti orari di apertura al pubblico: Da lunedì a giovedì: dalle ore 09.30 alle ore 12.30; dalle ore 14.30 alle ore 16.30; Venerdì: dalle ore 09.30 alle ore 12.30; 2) “Settore Servizi alla Persona – Servizi Sociali” del Comune di Sorisole, nei seguenti orari di apertura al pubblico: Da lunedì a venerdì: dalle ore 10.00 alle ore 12.30; Martedì: dalle ore 16.00 alle ore 18.00.


12 S o r i s o l e Direfarebaciareletteratestamento Questo il tema dei C.R.E. 2002 chegli Oratori di Petosino e Sorisole organizzano per i ragazzi e gli adolescenti Il tema proposto è quello della comunicazione avendo come prospettiva di costruire la Pace. Il tema si può così riassumere: siamo fatti per comunicare, cioè capaci di stare insieme. Questa irriducibilità dice qualcosa di profondo e di vero dell’uomo: comunicare è la stessa radice di comunione, di vivere insieme. È ciò che i ragazzi e gli adolescenti, con l’aiuto degli animatori, vivranno in questa esperienza estiva organizzata dalla due Parrocchie. Il C.R.E. dell’Oratorio di Petosino si svolgerà dal 24 Giugno al 19 Luglio circa; per informazioni e/o iscrizioni, rivolgersi a Don Pierantonio Spini – Telefono: 035 57 15 36. Il C.R.E. dell’Oratorio di Sorisole si

DOMENICA IN … BIBLIOTECA Biblioteche aperte per leggere, incontrarsi, ridere, giocare, imparare…

svolgerà dall’1 Luglio al 26 Luglio circa; per informazioni e/o iscrizioni, rivolgersi a Don Primo Moioli – Telefono: 035 41 25 710. L’Amministrazione comunale, anche per quest’anno, prevede la copertura del 90% delle spese dichiarate nel relativo conto consuntivo delle Parrocchie che gestiranno i C.R.E.. Nel caso in cui venga superato lo stanziamento disponibile in bilancio, i contributi economici saranno erogati man-

tenendo le proporzioni dei passivi dichiarati fino al raggiungimento dell’importo complessivo pari ad Euro 4.131,66. L’erogazione dei contributi economici è subordinata al rispetto di quanto stabilito dallo specifico Regolamento Comunale ed in particolare all’impegno scritto, da parte dei beneficiari, di apporre sul materiale pubblicitario la seguente dicitura: “Con il patrocinio ed il contributo del Comune di Sorisole”.

Incontri sulla montagna In occasione dell’anno internazionale delle Montagne, l’Amministrazione comunale di Sorisole ha organizzato, venerdì 15 marzo presso la sala assembleare della Banca Credito Cooperativo di Sorisole e Lepreno, un incontro con il geologo Rocco Zambelli. Il professore, nato a Sorisole nel 1916, è stato conservatore di geologia presso il Museo di Scienze Naturali Enrico Caffi e ha approfondito, in modo particolare la geologia del territorio bergamasco. Di fronte a una sala piena di persone molto interessate, il relatore ha parlato per due ore senza stancare nessuno, mostrando campioni di roccia e spiegando le trasformazioni del territorio, le evoluzioni future, le azioni dell’uomo e le sue responsabilità.

Il 7 aprile 2002 la Provincia di Bergamo ha aderito all’iniziativa regionale di una giornata di apertura straordinaria delle biblioteche del territorio con l’intento di catturare l’attenzione anche di chi abitualmente non entra in biblioteca e di far conoscere meglio i servizi e le opportunità offerte dalle biblioteche. Le sede di Petosino della Biblioteca comunale di Sorisole ha aderito tenendo aperti i battenti dalle 9.30 alle 12.30 e raccogliendo un buon numero di visitatori di ogni età. Nella foto: Il Sindaco presenta il relatore della serata, prof. Zambelli, dedicata a: “Il nostro territorio: alture e vallate”

ASL INFORMA Si informano i cittadini portatori della patologia identificata con i codici 031 e/o D31 che, presso il distretto di Ponteranica a partire dal 13 maggio c.m., un funzionario dell’ASL sarà a disposizione per la consegna dei cartellini definitivi di esenzione. È necessario consegnare il cartellino di esenzione già in possesso. Chi fosse impossibilitato, può autorizzare al ritiro, con delega scritta debitamente firmata e riportante gli estremi di un documento di riconoscimento in corso di validità del paziente, una persona di sua fiducia.


S o r i s o l e 13

L’assessore alla Pubblica Istruzione e Archivio Storico, Renata Rigoni

Una promessa mantenuta Per l’Amministrazione comunale la scuola è fondamentale. La sensibilità del Comune verso i servizi scolastici indica che l’istruzione pubblica è una vera e propria priorità Questo Assessorato sta già studiando ed elaborando il Piano per il Diritto allo Studio 2002-2003; strumento principe per programmare i vari servizi ed interventi, sviluppare le modalità di coordinamento e di sostegno necessarie a garantire una programmazione educativa e didattica. Per quanto riguarda, invece, la programmazione di investimenti negli edifici scolastici, da diversi anni emergeva la necessità di rivedere la localizzazione dei plessi e delle scuole al fine di razionalizzare le risorse finanziarie, umane e strumentali. Tale ottimizzazione non ha altro scopo che quello di permettere agli organi scolastici di fornire ai nostri ragazzi migliori e maggiori servizi didattici e scolastici. Oggigiorno, se vogliamo prevedere un ambiente formativo efficace, non possiamo neppure immaginare di gestire 4 edifici (parliamo soltanto di elementari e medie) a fronte di una popolazione scolastica di poco più di 650 studenti. Pertanto questa Amministrazione, fin dal suo insediamento e non appena terminata la sistemazione del seminterrato delle scuole di via Tonale, ha espresso con fermezza la necessità di giungere alla chiusura sia della scuola elementare di via San Francesco, sia della scuola elementare al Patronato San Vincenzo. La chiusura di tali edifici non comporta naturalmente una modifica o una diminuzione dei servizi erogati, ma al contrario un incremento di spazi didattici e laboratori, con maggiore sicurezza e comfort. Per questo l’Amministrazione ha program-

delle imprese, imprevista falda acquifera a monte della scuola di via Roccoli da convogliare, ecc. Non ultima va evidenziata la situazione delle riforme scolastiche: le programmazioni ed i progetti elaborati anche in base alla riforma “Berlinguer” potrebbero aver bisogno di correttivi alla luce delle indiscrezioni circa la riforma scolastica approntata dal nuovo Ministro Letizia Moratti. A tutt’oggi tale paventata riforma non ha ancora avuto la luce. Probabilmente perciò la chiusura dell’edificio di via San Francesco non potrà essere attuata a settembre in quanto è necessario terminare le opere e gli investimenti in corso e capire anche col Capo d’Istituto il delinearsi delle riforme scolastiche. Si può comunque prevedere che i nuovi locali saranno pronti per l’autunno di quest’anno.

mato idonei investimenti per potenziare gli edifici scolastici di via Roccoli e di via Tonale (vedi tabella a fondo pagina). L’Ufficio Patrimonio ha, inoltre, in corso le trattative per l’acquisizione di due prati contigui alla scuola di via Roccoli; sono previsti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria (ad esempio sostituzione recinzione nelle scuole di via Tonale verso nord e verso ovest); è stato elaborato un progetto per un’altra palestra a Petosino (inviato in Regione per richiesta di contributo), ecc. Nella fotografia il nuovo Scuolabus acquistato Il programma stabilito, an- recentemente dal Comune, per trasportare gli nunciato e “promesso” alla alunni iscritti alle scuole del territorio. cittadinanza prevedeva la Il nuovo mezzo, che può ospitare 33 alunni e chiusura delle scuole di via due accompagnatori, garantirà una maggiore efSan Francesco al giugno ficacia del servizio e consentirà una qualità di 2002 e la chiusura del ples- gran lunga migliore rispetto al mezzo precedenso al Patronato al giugno te in dotazione al parco macchine comunale da 2003. Purtroppo sono nati, circa 20 anni. durante l’iter di istruttoria e realizzazione, numerosi problemi burocratici e pratici che ne hanno compromesso la tempestiva attuazione: slittamento dell’asta dei beni immobili con cui si reperivano le risorse, tre gare deserte nella ricerca

SISTEMAZIONE PARTE AD EST SEMINTERRATA SCUOLE DI VIA ROCCOLI AMPLIAMENTO SCUOLE DI VIA TONALE AMPLIAMENTO SCUOLE DI VIA ROCCOLI ED ADEGUAMENTO IMPIANTI ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE SCUOLE DI VIA ROCCOLI ACQUISTO ARREDI PER EDIFICI SCOLASTICI SISTEMAZIONE SEMINTERRATO SCUOLE DI VIA ROCCOLI (PERIZIA) REALIZZAZIONE ALLOGGIO CUSTODE ALLE SCUOLE DI VIA ROCCOLI

Anno finanziario 1999 Anno finanziario 2001 Anno finanziario 2001 Anno finanziario 2001 Anno finanziario 2001 Anno finanziario 2002 Anno finanziario 2002

£ 700.000.000 £ 1.200.000.000 £ 1.100.000.000 £ 70.000.000 Euro 70.000,00 Euro 59.395,00 Euro 103.295,00


14 S o r i s o l e IL SINDACO RISPONDE

Egr. sig. Sindaco, ringrazio l’Amministrazione comunale per aver portato a compimento il percorso “Va’ pensiero”. Oltre alla comodità per i ragazzi che si recano a scuola, ho riscoperto il piacere di recarmi a piedi al paese, attraversando “un pezzetto” di natura. Purtroppo però devo dire che, la piacevole passeggiata, spesso si trasforma in un continuo tener d’occhio la strada o il marciapiedi a causa degli escrementi dei nostri amici cagnolini. È impossibile in certi punti (specie nei pressi della scuola, via Tonale e via A. Moro) guardarsi attorno o alzare gli occhi per salutare chi si incontra, senza correre il rischio di finire con le scarpe imbrattate e “profumate”. Forse i nostri cari concittadini, proprietari di cani, hanno bisogno che si ricordi loro l’esistenza di apposite palette per il recupero degli escrementi. Credo non faccia piacere neppure a loro finire dentro a uno di quei “mucchietti”, ... anche se si dice porti fortuna! Grazie! - firma Concordo con Lei nel successo avuto dai percorsi ciclopedonali. In programma evidenzio fin d’ora che vogliamo entro la primavera 2003 realizzare a fianco del "Va’ pensiero" un vero e proprio campo da calcetto, è prevista la urbanizzazione del percorso che sale al Castello dalla via Sottocastello e per il 2004 realizzeremo anche il collegamento con via Laxolo. La manutenzione e la cura è sempre tuttavia difficile, ma fino ad oggi, grazie al convenzionamento con la Parrocchia abbiamo garantito una buona efficacia. Il problema degli escrementi di cani è un disagio che riguarda un po’ tutto il territorio, dai Centri storici alle zone residenziale, anche se nella zona delle scuole di via Tonale è più accentuato. Non posso che concordare con Lei nel ricordare ai proprietari di cani l’esigenza di essere più rispettosi ed attenti. Già in passato su “Informazioni dal Comune” avevo cercato di sensibilizzare sull’argomento. Forse sono ormai maturi i tempi per un’Ordinanza che obblighi all’uso della paletta, ma l’emissione dell’Ordinanza presuppone l’organizzazione per farla rispettare con le dovute sanzioni. Ritengo, infine, che emettere un’Ordinanza significa prendere atto di come anche nelle nostre Comunità l’educazione la si insegni soltanto con la repressione. E sono veramente deluso...! Approfitto dello spazio che spero mi dedicherete sul giornalino per esprimere la mia delusione per alcuni servizi del nostro Comune. Abito a Petosino e sono mamma di tre bambini e con le prime belle giornate

Sorisole Informazioni dal Comune Direttore responsabile: Carlo Baruffi Redazione: Santina Coppetti Responsabile impaginazione, controllo qualità: Cecilia Modi Redazione, amministrazione e stampa: IKONOS srl - Via C. A. Dalla Chiesa, 13- 24048 Treviolo Tel. 035 200 515 - Fax 035 201 041 IKONOS Editore - Bergamo Aut. n° 9 del 10/2/1986 Tribunale di Bergamo Periodico associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

di primavera son dovuta ricorrere ai parchi giochi dei Comuni vicini perché il nostro è ancora inagibile dopo tre anni dall’inizio dei lavori, anche se Ella si era scusato già due anni fa con i bambini della scuola materna perché non ne avevano potuto fare uso durante l’estate, a causa dei ritardi nei lavori. Sempre ai Comuni vicini mi sono dovuta rivolgere per poter usufruire dello “spazio gioco” riservato ai bambini di età inferiore ai tre anni (e quindi non frequentanti la scuola materna), luogo di incontro con i coetanei con buone opportunità per instaurare i primi rapporti sociali e, per le mamme, per scambiarsi consigli e pareri sull’educazione e la cura dei propri figli. Questa lettera non vuole essere solo una lamentela, ma una richiesta di prendere atto di quanto si potrebbe fare, magari chiedendo agli stessi abitanti del Comune, oppure “curiosando” su cosa propongono i nostri paesi vicini. Cordiali saluti - firma – La Sua lettera mi sembra un po’ polemica in quanto l’Amministrazione comunale ultimamente ha approntato degli spazi verdi anche attrezzati nella zona di Petosino (zona Cosbe e “percorso Va’ pensiero”) oltre a mantenere in efficienza il Parco giochi di via San Giovanni Bosco e di via Paganelli. Che il nostro territorio sia carente di infrastrutture non è una novità; tuttavia mi sembra che negli ultimi tre anni l’Amministrazione abbia dimostrato di saper “correre” per recuperare il tempo perduto negli anni ’90. Il nuovo Parco giochi di via Aldo Moro non è più una chimera ed ho già spiegato più volte le problematiche sorte in corso di lavori non dipese dalla nostra volontà. Questa voglia d’esilio che ravviso nelle sue parole rattristerebbe qualsiasi concittadino. Le posso dire che chiunque può trovare mille argomentazioni, cento servizi, diecimila aspetti in cui Sorisole è migliore di altri Comuni; ringraziamo il Signore per essere di Sorisole ed ognuno faccia quello che può per migliorarlo. Ogni Comunità ha le sue esigenze e le sue aspettative che la Pubblica Amministrazione deve saper soddisfare seguendo una scala di priorità. Per gli “spazi gioco” La informo che sul territorio alcune genitrici come Lei si stanno già organizzando per approntare un servizio simile a quello da Lei auspicato. D’altronde per erogare qualsiasi servizio occorrono spazi e risorse finanziarie, umane e strumentali: vedrà che fra meno di due anni quando avremo il Centro civico, quando ristruttureremo gli immobili in via Piave, ecc. potremo agevolmente programmare tante altre proposte, senza, mi creda, il bisogno di “curiosare”!

VUOI INVIARE SUGGERIMENTI O PROPOSTE? VUOI LAMENTARE UN DISSERVIZIO? … utilizza il modulo della pagina seguente e inseriscilo nelle cassette postali ubicate all’esterno dell’Ufficio Anagrafe di Petosino, della Biblioteca comunale di via Piave e nell’atrio del Municipio.



16 S o r i s o l e ORARI DI APERTURA DEGLI UFFICI COMUNALI 1° SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI AFFARI GENERALI: Segreteria – Protocollo - Concessioni cimiteriali - Notifiche dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle ore 10.00 alle ore 12.30 MARTEDÌ dalle ore 16.00 alle ore 18.00 DEMOGRAFIA E COMMERCIO:Anagrafe – Stato Civile – Elettorato – Leva Militare – Commercio dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle ore 09.00 alle ore 12.30 MARTEDÌ dalle ore 16.00 alle ore 18.00 UFFICIO DI PETOSINO Anagrafe – Stato Civile dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle ore 09.15 alle ore 12.30 GIOVEDÌ dalle ore 16.000 alle ore 18.00 POLIZIA MUNICIPALE: Vigilanza Urbana - Commerciale - Vigilanza Zooiatrica - Amministrativa dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle ore 11.30 alle ore 12.00 MARTEDÌ e GIOVEDÌ dalle ore 17.00 alle ore 17.30

Tel. 035 4125234 Fax 035 4125245 Tel. 035 4125246 Fax 035 4128064 Tel. 035 571526 Fax 035 571526 Tel. 035 4125249 Fax 035 4125249

2° SETTORE GESTIONE RISORSE RAGIONERIA E TRIBUTI dal LUNEDÌ al VENERDÌ MARTEDÌ

dalle ore 10.00 alle ore 12.30 dalle ore 16.00 alle ore 18.00

Tel. 035 4125248 Fax 035 4125244

3° SETTORE GESTIONE TERRITORIO SPORTELLO INFORMAZIONI E RILASCIO ATTI AMMINISTRATIVI da LUNEDÌ a VENERDÌ dalle ore 10.00 alle ore 12.30 Tel. 035 4125247 MARTEDÌ dalle ore 16.00 alle ore 17.50 Fax 035 4125281 URBANISTICA - EDILIZIA PRIVATA - SPORTELLO UNICO LUNEDÌ e MERCOLEDÌ dalle ore 11.00 alle ore 12.30 Tel. 035 4125247 MARTEDÌ per Professionisti previo appuntamento dalle ore 14.00 alle ore 15.30 Fax 035 4125281 MARTEDÌ per Cittadini previo appuntamento dalle ore 16.00 alle ore 17.30 LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE – AMBIENTE ED ECOLOGIA - PATRIMONIO E MANUTENZIONI LUNEDÌ e MERCOLEDÌ dalle ore 11.00 alle ore 12.30 Tel. 035 4125247 MARTEDÌ dalle ore 16.00 alle ore 17.50 Fax.035 4125281 SPORTELLO INFORMAZIONI SQUADRA OPERAI dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle ore 11.00 alle ore 12.00 STAZIONE ECOLOGICA Via Roccoli LUNEDÌ e SABATO dalle ore 09.00 alle ore 11.50 MERCOLEDÌ e GIOVEDÌ dalle ore 14.30 alle ore 16.50 CIMITERI PERIODO ESTIVO dal 1° APRILE al 31 OTTOBRE dalle ore 08.00 alle ore 20.00 PERIODO INVERNALE dal 1° NOVEMBRE al 31 MARZO dalle ore 08.00 alle ore 18.00 PARCHI COMUNALI Via Paganelli e Via S. Giovanni Bosco PERIODO ESTIVO dal 1° MARZO al 30 SETTEMBRE dalle ore 09.00 alle ore 21.00 PERIODO INVERNALE dal 1° OTTOBRE al 28 FEBBRAIO dalle ore 09.00 alle ore 17.00

4° SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI INFORMATIVI – U.R.P. - SERVIZI SCOLASTICI - SERVIZI SOCIALI - SERVIZI SPORTIVI SERVIZI CULTURALI da LUNEDÌ a VENERDÌ dalle ore 10.00 alle ore 12.30 Tel. 035 4125322 MARTEDÌ dalle ore 16.00 alle ore 18.00 Fax 035 4128221 BIBLIOTECA COMUNALE SEDE DI SORISOLE Via Piave, 9/B LUNEDÌ LUNEDÌ GIOVEDÌ

Tel. 035 577252 dalle ore 09.00 alle ore 12.30 per le visite delle classi delle Scuole dalle ore 14.00 alle ore 18.00 dalle ore 09.00 alle ore 12.30 e dalle ore 14.00 alle ore 19.00

SEDE DI PETOSINO Via Martiri della Libertà, 65 MARTEDÌ MARTEDÌ VENERDÌ

Tel. 035 577450 dalle ore 09.00 alle ore 12.30 per le visite delle classi delle Scuole dalle ore 14.00 alle ore 18.00 dalle ore 09.00 alle ore 12.30 e dalle ore 14.00 alle ore 19.00

Sorisole 2-2002  

Bollettino Comune Sorisole 2-2002

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you