Page 1

e-zine

l’amico degli animali

La prima rivista multimediale sul mondo Pet

N. 02 - Febbraio 2017

L’esperto risponde

A colloquio con il veterinario

Qui Demas

Non tutto il freddo viene per nuocere

L’angolo della lettura Impronte di gatto


Sommario

.............................. Salute animale pag 4 - 6 Displasia dell’anca nel cane Stasi gastrointestinale nel conigliohinveiaAo

Salute animale

4

L’esperto risponde pag 8 - 10 Colonscopia nei pet A colloquio con il veterinario Speciale carnevale pag 12 Pensando al carnevale Angolo cane pag 14 - 16 Cane da Ferma Boemo a pelo ruvido Spazzolare il cane Comunicazione olfattiva nel cane Angolo cane

14

Angolo gatto pag 20 - 21 Tiffany/Chantilly TiragraffiABar Viaggiando pag 22 Camoglio Curiosità pag 23 - 24 A caccia del Dna per scoprire chi non è un buon cittadino I gatti alla conquista del mondo

Viaggiando

22

L’angolo della lettura pag 25 Un libro da leggere: “Impronte di gatto, nell’arte, nella letteratura, nella vita dell’uomo” Qui Demas pag 26 Non tutto il freddo viene per nuocere Pet quiz pag 27 l’amico degli animali EDITORE

Demas Srl - Cir.ne Orientale 4692 00178 - Roma - Tel. 06.41.79.05 info@demas.it - www.demas.it

Giulius E-zine - Giornale On line Punti Vendita Via Carlo Emery, 135 - 00188 Roma Tel. 06.41.79.05.500 Circonvallazione Orientale, 4692 – 00178 Roma Tel. 06.41.79.05 LUN - SAB 09.00 -19.00 Orario continuato Via del Fontanile di Mezzaluna, 401 – 00054 Fiumicino (RM) Tel. 06.41.79.05.500 LUN - SAB 09.00 - 13:00 14:00 - 18:00

2

Per visualizzare e scaricare il magazine è necessario aver installato Adobe Reader (download gratuito dal sito www.adobe.com).

LEGENDA Torna all’Homepage Clicca sulla freccia per vedere i link esterni


Leader nella distribuzione veterinaria in Italia

DOVE L’ECCELLENZA È IL VALORE PIÙ SEMPLICE

FIDUCIA PROFESSIONALITÀ DISPONIBILITÀ

WWW.DEMAS.IT

DEMAS SRL VIA DI SALONE, 132 - 00131 ROMA - SEGRETERIA: 06 417905

3


salute animale

DISPLASIA DELL’ANCA NEL CANE A. Ciorba

A

nomalia di sviluppo dell’articolazione coxofemorale, che induce la comparsa di sublussazione o lussazione della testa del femore nei cani giovani e di fenomeni degenerativi articolari, talora invalidanti e dolorosi nei soggetti più anziani. è una malattia multifattoriale in cui sia fattori ereditari sia ambientali concorrono all’anomalo sviluppo osseo e dei tessuti molli. La malattia può essere trasmessa dal genitore se portatore sano dei geni della malattia. Il patrimonio genetico dei genitori può essere considerato libero da displasia se tutta la sua parentela non è risultata displasica. Sono interessati anche i fattori ambientali quali l’alimentazione, il tipo e la quantità d’esercizio fisico, eventuali traumi e possibili malattie concomitanti.

4

Le razze a maggior rischio di displasia dell’anca sono quelle di taglia grande e gigante e in generale tutti i molossoidi e le razze giganti. Il rapido accrescimento scheletrico del cucciolo, non accompagnato da un adeguato sviluppo dei tessuti molli, è responsabile della lassità articolare che porta ad un non corretto posizionamento del femore nella cavità acetabolare. La lussazione dell’anca determina la comparsa di dolore e zoppia di vario grado ed è, inoltre, responsabile della deformazione e di possibili fratture della cavità acetabolare, essendo la cartilagine sottoposta ad un continuo ed eccessivo sforzo, che inevitabilmente porta all’insorgenza di fenomeni degenerativi della parte colpita.


salute animale La storia dell’animale ed i sintomi clinici variano in funzione dell’età del soggetto: nei cani di età compresa tra 5 e 10 mesi la sintomatologia è presumibilmente legata all’anomala mobilità della testa del femore; nei cani adulti si mette in evidenza atrofia della muscolatura della regione del bacino, aumento di volume dei muscoli della spalla per il maggior carico esercitato sugli arti anteriori, andatura a passi brevi ed ondeggiante, imputabile ai movimenti anomali degli arti posteriori, zoppia bilaterale dopo un intenso esercizio; nei cani giovani è marcata dal dolore a carico dell’arto interessato, riluttanza ed intolleranza all’esercizio, difficoltà nell’alzarsi, scarso sviluppo delle masse muscolari, comportamento aggressivo quando si manipola l’arto, zoppia intermittente o continua. La diagnosi di displasia dell’anca scaturisce da un attento esame clinico e radiografico. è effettuato sottoponendo l’arto da parte del veterinario a particolari rotazioni e movimenti.

5


salute animale

Stasi gastrointestinale nel coniglio

L

A. C.

a stasi gastrointestinale è tra i motivi di visita più frequenti nel coniglio da compagnia. Questa condizione può riconoscere diverse cause. Nel coniglio la motilità intestinale è regolata dalla presenza di fibra alimentare. Qualunque condizione che induca dolore, causando diminuzione od assenza di appetito, riduce o annulla l’introduzione di fibra nel tratto digerente causando stasi. Tra le condizioni più comuni vi sono la malocclusione dentale, le patologie urinarie, lo stress, la paura, il dolore postoperatorio. Condizioni non dolorose possono essere la  malocclusione  degli incisivi che impediscono fisicamente all’animale di assumere l’alimento e cause rilevanti di difficoltà respiratoria, che rendono difficoltosa l’alimentazione. Causa importante di stasi è rappresentata dalla somministrazione di alimenti poveri di fibra. Una volta iniziata, la stasi si autoperpetua in quanto induce dolore e malessere, che a loro volta inibiscono l’assunzione di alimento e quindi di fibra, riducendo ulteriormente la motilità intestinale. Si instaura un circolo vizioso con scadimento progressivo delle condizioni fino alla morte. Alcuni conigli, seppure in presenza di una dieta e una gestione ottimale, sono soggetti ad episodi ricorrenti di stasi senza motivo apparente. È possibile che in questo caso vi sia alla base un problema primitivo della motilità intestinale. L’alimento che ristagna nel tratto digerente progressivamente si disidrata e può andare incontro a fermentazioni anomale con meteorismo con sviluppo di batteri patogeni, produzione di tossine, shock e morte. I conigli con stasi gastrointestinale spesso inizialmente appaiono vivaci anche se disinteressati al cibo. Progressivamente le condizioni peggiorano a causa del dolore e della disidratazione. 6


www.foschigroup.com

L’azienda Foschi è presente da più di 100 anni nel mondo del Veterinario, fornendo tutte le attrezzature necessarie per curare al meglio i nostri amici animali. Con l’obiettivo di essere il più possibile vicina alle esigenze dei Veterinari e garantire il miglior servizio.

Più di 20.000 articoli Fidelity card gratuita con importanti sconti Customer service dedicato Assistenza tecnica in tutta Italia Corsi di formazione Consegna rapida e sicura Foschi Srl Via di Salone, 132 00131 Roma Tel: +39 06 98263800 Fax +39 06 98263899 info@foschigroup.com

Per informazioni, preventivi e ordini puoi contattarci al numero +39 06 417.905.800 o inviare un’email a 7 preventivi@foschigroup.com o a ordinivet@foschigroup.com


l’esperto risponde

COLONSCOPIA NEI PET Prof. A. Ciorba

G

entile Professore, da tempo il mio pastore maremmano soffriva di perdite di sangue con le feci, per cui il veterinario mi ha consigliato di sottoporlo ad una colonscopia. Sono state trovate due piccole ulcere, responsabili del sanguinamento. Vorrei qualche informazione sulla colonscopia. Grazie Matilde F. (San Marino)

l

a colonscopia è una procedura comunemente utilizzata in veterinaria per diagnosticare lesioni di determinate porzioni dell’intestino nel cane e nel gatto. è una metodica poco invasiva e non è dolorosa, in quanto praticata in anestesia generale.

Per eseguire una colonscopia in campo animale si ricorre all’uso di endoscopi flessibili, adattati alle caratteristiche dei nostri animali da aziende specializzate. Si tratta di una sorta di tubicino, che è introdotto dall’ano, dotato di una fonte luminosa e di un oculare che trasmette l’immagine su un video. L’endoscopio prima di essere introdotto nel retto è opportunamente lubrificato. E’ anche possibile insufflare dell’aria nell’intestino per dilatarlo ed avere una migliore visione. Attraverso un piccolo canale posto all’interno del tubicino è possibile eseguire dei prelievi bioptici della mucosa dell’intestino con lo scopo di diagnosticare eventuali processi patologici in atto, quali infiammazioni, erosioni, ulcere, tumori, ecc.

Indicazioni

8

Controindicazioni alla colonscopia

Sangue persistente nelle feci

> Paziente non adatto all’anestesia

Incontinenza fecale

> Paziente di taglia troppo piccola

Diarrea cronica

> Diarrea cronica

Stitichezza

> Paziente con turbe della coagulazione


l’esperto risponde

Preparazione del paziente Prima di procedere alla colonscopia è essenziale procedere all’esame del retto per escludere patologie ostruttive. In molti pazienti è consigliabile eseguire anche esami del sangue ed un esame radiografico. La presenza di materiale fecale impedisce l’esecuzione di un corretto test, per cui è importante preparare adeguatamente l’animale. A questo scopo si può ricoverarlo il giorno prima dell’indagine per assicurare un adeguato digiuno e la somministrazione per bocca di soluzioni di lavaggio. Il giorno della procedura si dovranno fare uno o due clisteri di acqua calda, l’ultimo dei quali una ora prima della procedura. Anestesia Anche se la colonscopia non è dolorosa ed in certi cani si possa eseguire sotto sedazione, nei gatti e nella maggioranza dei cani è necessaria l’anestesia generale. Non essendo una procedura che provoca dolore nell’animale non è richiesto il ricorso ad antidolorifici dopo la sua esecuzione.

9


l’esperto risponde

a colloquio con il veterinario A cura di A. Ciorba 1. Ho un cane pastore tedesco, di dieci anni di

età che ha problemi di artrosi. Volevo sapere quale è una corretta alimentazione. Grazie

Consiglierei l’uso di un mangime di mantenimento o per cani obesi se il cane tende ad ingrassare. Cercherei di fargli fare del moto tutti i giorni ed impiegherei a cicli dei condroprotettori Da evitare i fuori pasto sempre per evitare un aumento di peso. In alternativa sono disponibili alimenti specificamente studiati per supportare questo problema. 2. Il mio gatto dopo un intervento per rimuovere dei calcoli in vescica soffre di cistiti ricorrenti. Devo spesso trattarlo con antibiotici. Posso usare anche altri prodotti? Grazie per la risposta

Consiglierei l’uso di un mangime di mantenimento o per cani obesi se il cane tende ad ingrassare. Cercherei di fargli fare del moto tutti i giorni ed impiegherei a cicli dei condroprotettori Da evitare i fuori pasto sempre per evitare un aumento di peso. In alternativa sono disponibili alimenti specificamente studiati per supportare questo problema. 3.Il mio cane ha una ferita sotto il polpastrello della zampa anteriore destra. é sufficiente disinfettare con un prodotto generico che posso acquistare in farmacia o devo fare in un altro modo? Grazie Se si tratta di una ferita non profonda può essere sufficiente disinfettare con acqua ossigenata ed applicare un prodotto anche spray medicato (attenzione a possibili reazioni del gatto quando si usa lo spray). Se la ferita ha margini larghi sarà opportuno consultare il veterinario, valutare l’opportunità di applicare dei punti di sutura e la somministrazione di antibiotici per via generale. 10


11


speciale carnevale

pensando al carnevale

S

A.C.

e cani e gatti sono a tutti gli effetti membri della famiglia e condividono i nostri momenti felici e di svago perchÊ non seguire la moda di carnevale. Il costume di carnevale per cane e/o gatto, diventa di tendenza, anche se a volerla dire tutta il divertimento forse è solo per i proprietari. I cani sono animali estremamente giocosi, che amano trascorrere gran parte del tempo con i propri padroni. I vestiti di carnevale per cani devono essere interpretati come uno svago divertente, per festeggiare un’occasione allegra quale è il carnevale. Abitini per questa occasione sono realizzati con tessuti elasticizzati che lasciano completa libertà di movimento ai nostri amici a quattro zampe, in maniera tale che siano comodi e morbidi. Nel design e nello stile i costumi cercano sempre di riprendere le ultime tendenze di moda ispirandosi a personaggi dei cartoni animati o di film divertenti, i cui personaggi possono darci il la per simpatici travestimenti. Se poi siamo una famiglia in pieno stile carnevalesco cercheremo per il nostro quattro zampe un costume che faccia pendant con il nostro in modo da creare un gruppo omogeneo. Nei Giulius store potremo soddisfare i nostri desideri e trovare un costume in sintonia con i nostri desideri.

12


Problemi nel testare e capire come correggere i valori dell’acqua nel vostro acquario? Da oggi Tetra vi offre la possibilità di utilizzare il vostro smartphone per valutare la qualità dell’acqua e soprattutto vi da consigli per come migliorarla e mantenere con più facilità il vostro acquario. L’app di Tetra è semplice, veloce e precisa: 1. scarica l’app dal Google Play o dall’Apple store 2. utilizza le strisce di Tetra Water Test 6in1 3. apri l’app Tetra e scatta una foto alla striscia appena usata 4. avrai immediatamente i risultati dell’analisi dell’acqua

Download dal sito: tetra.net/testapp

www.tetraitalia.net

13


Angolo cane

Cane da Ferma Boemo a Pelo Ruvido A.C.

I

l cane da ferma Boemo a pelo ruvido è una razza antica, in era Rinascimentale era prediletto dalle famiglie nobili per la caccia. Le guerre mondiali avevano quasi portato all’estinzione la razza, che in seguito è stata ricostruita. Di media taglia, a pelo duro, predisposto per la caccia. Si adatta bene ad ogni sorta di terreno, dai coperti, boscosi, intricati dalla macchia, a quelli paludosi.

Standard

Origine: Repubblica Ceca. Altezza: maschi tra 60 e 66 cm; femmine tra 58 e 62 cm.  Peso: maschi da 28 a 34 kg; femmine da 22 a 28 kg. Tronco: petto e scapola hanno forma di lira. La parte anteriore del torace è ben sviluppata. Il dorso è corto e tarchiato. Il ventre è un po’ rilevato. La groppa è leggermente inclinata. Testa e muso: abbastanza stretta e lunga, portata alta sul collo. Il muso un po’ più lungo del cranio e leggermente montanino. Il muso si assottiglia verso il tartufo. Tartufo: largo, narici ben aperte, di colore bruno scuro. Denti: mascelle potenti. Dentatura completa, ben sviluppata, con chiusura a forbice. Collo: di media lunghezza, con muscolatura ben sviluppata. Orecchie: attaccatura molto alta e larga con lunghezza che raggiunge i due terzi della guancia. Punta leggermente arrotondata. Portate aderenti alla testa. Occhi: a forma di mandorla,di colore da ambra scuro a bruno-marrone. Arti: articolazione del gomito forte, avambraccio verticale e dritto, muscolatura dritta e ben sviluppata. Carpo relativamente corto. Piede a forma di cucchiaio. Cuscinetti plantari spessi e duri. Posteriori con femore largo e muscolatura ben sviluppata. Spalla: correttamente inclinata. Muscolatura: ben sviluppata. Coda: mediamente grossa. Pelo: lungo circa 3-4 cm, abbastanza duro, ben aderente al corpo. Sottopelo morbido e fitto. Colori ammessi: bianco, interrotto da macchie brune o no; il bruno con macchie miste sulla parte anteriore del petto e sulla parte inferiore degli arti anteriori; il bruno senza macchie.

14


Angolo cane

Spazzolare il cane

S

A. Ciorba

pazzolare e cardare il cane è un’operazione piuttosto semplice, ma che richiede alcuni accorgimenti per poter essere fatta correttamente. Tra spazzolare e cardare vi sono piccole differenze. Spazzolare significa pettinare l’animale, mentre cardare significa sbrogliare il manto del cane in modo che i peli siano posti in modo parallelo, asportando il sottopelo in eccesso. Un manto spazzolato e cardato fa stare meglio l’animale. L’operazione di cardatura si può fare con minor frequenza rispetto alla spazzolatura. Almeno una volta la settimana il pelo deve essere controllato con cura, soprattutto dopo la passeggiata se il cane vive in campagna o corre nei parchi. Durante l’esame del manto va verificata la presenza di nodi del sottopelo, eventuali residui d’erba. Quando si spazzola e carda il cane si dovrà farlo con delicatezza. Per eseguire correttamente il tutto: • cardare o spazzolare una ciocca alla volta, iniziando dalle zampe; • evitare il contropelo; • fare attenzione a non far impigliare la spazzola nei nodi; • eseguire la spazzolatura cambiando direzione, a zig zag, in modo che i nodi si sbroglino più facilmente. Per spazzolare e cardare l’animale affidiamoci a cardatori e spazzole di qualità. In commercio ce ne sono di tutti i tipi: duri o morbidi, grandi o piccoli, con denti in metallo o plasticati. 15


Angolo cane

Comunicazione olfattiva nel cane

I

R. B.

n considerazione delle notevoli capacità olfattive del cane , questi può ottenere una grande quantità d’informazioni da un odore. Scopo della marcatura odorosa e tipo di odore usato per una determinata situazione possono variare. Il comportamento di marcatura può essere utilizzato per contrassegnare un determinato oggetto, il territorio, altri individui. Vi sono due modi di comunicazione olfattiva: lasciare nell’ambiente odori che durano nel tempo, come urine, feci e secrezione dei sacchi anali e l’odore “attuale” distintivo di ogni individuo emesso da una varietà di secrezioni ghiandolari. L’urina fornisce indicazioni varie, compresi dati sull’individuo coinvolto, l’identificazione, il sesso e lo stato fisiologico dell’animale. Le secrezioni dei sacchi anali sono importanti nel riconoscimento sia del territorio sia dell’individuo e sono eliminate con le feci cui conferiscono un odore caratteristico. Le ghiandole odorose apocrine sono maggiormente concentrate attorno alla testa, regione anale, superficie superiore della base della coda e al perineo e conferiscono all’individuo, insieme alle altre secrezioni, il suo odore caratteristico. Infatti, molte delle interazioni spontanee tra cani durante gli incontri includono l’investigazione olfattiva reciproca dell’area ano-genitale e a volte dell’intero corpo. Un altro curioso comportamento di comunicazione olfattiva è lo sfregamento del corpo su oggetti o altri materiali probabilmente per camuffare o coprire il proprio odore con un altro particolare o per aggiungere il suo all’oggetto.

16


artic

ini ag

zioni e cartil a l o

Artosalus & Condrosalus Prodotti naturali per il suo benessere Artosalus1, grazie ai suoi ingredienti naturali, offre un supporto lenitivo per le articolazioni, riducendo il dolore e migliorando la mobilità articolare. Condrosalus2, grazie alla sua composizione naturale, aiuta a rinforzare e proteggere le cartilagini.

Disponibili

30 e 60

zioni da

nelle confe

e compress

ARTOSALUS

CONDROSALUS

supporto terapeutico in caso di

supporto terapeutico in caso di

processo infiammatorio

prevenzione e ricostruzione

Prodotti da

*VU[PLUL!(JPKPNYHZZP(Y[PNSPV+LS+PH]VSV)VZ^LSSPH9PILZ5LYV:WPYLH<STHYPH(KH[[VHUJOL HJHUPKPWPJJVSH[HNSPH



*VU[PLUL!.S\JVZHTPUH*VUKYVP[PU:VSMH[V4:45(;Ž4PZJLSHKPLZ[YH[[PZLJJOPKP,X\PZL[V L)VZ^LSSPH:LYYH[H*VSSHNLUL(JPKV0HS\YVUPJV(KH[[VHUJOLHJHUPKPWPJJVSH[HNSPH



www.camon.it 17


Feste finite? È il momento di farlo tornare in forma

L

e festività natalizie sono effettivamente finite da qualche settimana ma i loro effetti, visibili soprattutto nei famigerati “chili di troppo”, rischiano di non essere stati del tutto ricondotti alla normalità: pasti abbondanti, sicuramente non ipo-calorici, uniti alla sedentarietà dei giorni di festa formano un mix potenzialmente nocivo per il nostro organismo e anche per quello dei nostri animali che, convivendo con noi, possono assumere pure le nostre abitudini meno salutari. Oltre a questo, i mesi invernali possono essere anche un momento delicato per il sistema immunitario, messo alla prova da condizioni climatiche e da temperature particolarmente impegnative. Per aiutare i nostri inseparabili amici quattrozampe a recuperare la migliore forma, Camon, con la sua linea Orme Naturali, offre tanti diversi prodotti efficaci e sicuri, frutto della sinergia tra estratti vegetali e preziosi ingredienti. Scopriamoli insieme! UN AIUTO PER IL CONTROLLO DEL PESO Con Chilopet, Camon offre un alimento complementare 100% naturale in compresse che, inserito in un regime dietetico controllato ed in un’attività fisica regolare, agisce nella riduzione del peso corporeo determinando prolungati tempi di assorbimento di lipidi e carboidrati, contribuendo a controllare lo stimolo della fame e a migliorare l’assetto lipidico globale e del colesterolo. Insomma, assieme a qualche sana passeggiata, Chilopet è un ideale supporto per far smaltire i chili di troppo al nostro amico quattrozampe!

18


UN SOSTEGNO PER FEGATO E RENI E per favorire la depurazione di fegato e reni, ecco Detoxivet, un alimento complementare anch’esso completamente naturale che, grazie alla Ceratonia siliqua (carrube), all’Acacia e al Cardo mariano, è molto utile per cooperare al ripristino della sua migliore funzionalità renale ed intestinale. Questi estratti, infatti, svolgono un’importante attività epatoprotettrice e rigenerante gli epatociti, contribuendo a mantenere la normale attività renale ed intestinale dell’animale. UN SUPPORTO PREZIOSO PER IL SISTEMA IMMUNITARIO Un sistema immunitario forte è in grado di rispondere in modo più efficace alle sollecitazioni esterne e ai possibili mali di stagione. Questo vale per noi esseri umani ma è altrettanto importante per i nostri quattrozampe. Proprio a questo scopo è stato creato Immun, un alimento complementare a base di Echinacea, Guaranà (Paullinia Cupana), Cola Acuminata ed Enterococcus Faecium pensato per aiutare il sistema immunitario. Grazie a questi preziosi estratti, Immun aiuta a mantenere la normale funzione del sistema immunitario. FACILI DA SOMMINISTRARE, OTTIMI NELL’UTILIZZO QUOTIDIANO I prodotti della linea Orme Naturali si distinguono per la loro composizione, per l’appunto, naturale che ne permette un utilizzo continuativo senza controindicazioni. La loro formulazione in compresse li rende inoltre facilmente somministrabili, sia nella ciotola dell’animale che lontano dai pasti. Scopri di più su questi prodotti e su tutti gli altri rimedi naturali di Camon collegandoti al sito www.camon.it!

19


angolo gatto

Tiffany/Chantilly A. Ciorba

D

al carattere dolce, si affeziona molto al padrone, che segue in giro per casa e dal quale ama farsi coccolare a lungo. Ha bisogno di ricevere costanti attenzioni e ama giocare giornalmente; soffre se lasciato solo per troppo tempo. A causa del loro fitto e lungo mantello deve essere spazzolato e pettinato ogni giorno. Varietà di colore Diversi i colori ammessi, tra cui cioccolato, blu, cannella, marron-glacé e lilla, sia in tinta unita sia chiazzati. Il più conosciuto è il color cioccolato.

Standard Nome: Tiffany/Chantilly Paese d’origine: Stati Uniti. Aspetto generale: gatto di media taglia, elegante e muscoloso. Orecchie: medie, arrotondate. Occhi: rotondi, color oro. Testa: rotonda. Corpo: di taglia media, muscoloso. Mantello: lungo. Zampe: lunghe e magre. Piedi: ovali e rotondi. Coda: media, molto folta.

20


angolo gatto

Tiragraffi

è

A. C.

un elemento utile per evitare danni all’arredamento di casa. Detto anche graffiatoio o grattatoio, è di solito una struttura a sviluppo verticale, rivestita di materiali come corda o tessuti ruvidi, sulla quale il nostro amico a quattro zampe può sfogarsi graffiando e marcando il territorio. Spesso sono piuttosto complessi, su più piani e con diversi giocattoli e accessori, diventando quindi vere e proprie palestre-gioco con le quali il felino si mantiene in forma, si arrampica e riposa. Il tiragraffi deve svilupparsi in verticale per permettere al gatto di stirarsi in tutta la sua lunghezza. Più piani e accessori avrà, più sarà in grado di attirare il gatto, deve anche essere sufficientemente stabile da non rovesciarsi ai primi attacchi ed il materiale di rivestimento deve permettere al gatto di lasciare segni evidenti. Esistono vari modelli per forma e prezzi, disponibili presso i negozi Giulius od acquistabili online su Demas. Oltre ai classici modelli a colonna esistono a soffitto, a casa di marzapane e anche da parete, in sostanza dei riquadri di legno coperti di corda o materiali simili. Dovrebbe essere posizionato nella zona giorno della casa, vicino dove il felino riposa, così da dargli la possibilità di graffiare appena sveglio.

21


viaggiando

CAMOGLI

t

ipico borgo marinaro, centro turistico noto per il suo porticciolo e per i palazzi variopinti sul lungomare. È anche chiamata la “Città dei mille bianchi velieri”. Camogli occupa la vallata a ponente del monte di Portofino, si affaccia sul Golfo Paradiso all’estremità occidentale del promontorio portofinese, nella riviera ligure di levante. Appartiene a Camogli la parte più ampia del parco naturale regionale di Portofino. Tipico lo stemma comunale di Camogli,con al centro rappresentato un’ imbarcazione a tre vele, elemento che vuole ricordare l’importanza dell’attività nautica e di pesca. Numerose le attrazioni turistiche come Castel Dragone, il Cristo degli abissi, l’Abbazia di San Fruttuoso. Da Camogli è possibile eseguire interessanti escursioni nei dintorni. In un’ora di cammino si può raggiungere la vetta del monte Portofino per godere della splendida vista del Golfo di Genova o si può scendere verso Porto Pidocchio, affascinante minuscolo porticciolo presso Punta Chiappa, lingua di pietra sul mare, meta di turisti durante tutto l’anno. Da gustare Camogli è famosa soprattutto per le sue acciughe, di qualità freschissima. Ottime le acciughe sotto sale e il pesce pescato nella “tonnara”, storica postazione di pesca. Da provare i piatti tipici della cucina ligure (trofie al pesto, pansotti al sugo di noce, focaccia col formaggio) e quelli tipici di Camogli: la zuppa di pesce con le ‘gallette del marinaio’ di San Rocco, le lasagne impastate col vino bianco di S. Fruttuoso. Oltre ai prodotti tipici che contraddistinguono questa cittadina, meritano una citazione i “camogliesi al rhum”, baci di cioccolato preparati con l’impiego del famoso liquore. La Liguria,grazie alla sua posizione geografica ed al suo clima mite, ha una buona tradizione vitivinicola dovuta soprattutto all’ influenza del mare. I vini liguri più conosciuti sono, nel Levante, il Cinque Terre ed il famoso Sciacchetrà, piuttosto raro, mentre nel Ponente i più noti e rinomati vini sono il Rossese di Dolceacqua, il Rossese della Riviera di ponente e l’ Ormeasco, per i rossi, il Vermentino, il Pigato ed il Lumassina (o Mataòssu), per i bianchi. A testimonianza dell’amore e del rispetto per gli animali è possibile soggiornare nella località menzionata con i nostri amici a quattro zampe. Buona vacanza da Alessandro Ciorba

22


curiosità

a caccia del Dna per scoprire chi non è un buon cittadino

I

A. Ciorba

l sindaco di Beziers, città nel sud della Francia, dichiara guerra ai proprietari di cani che non raccolgono le feci in strada. Per concretizzare tale iniziativa il primo cittadino ha deciso di creare un database canino con cui raccogliere il Dna dei quattro zampe in modo da poter identificare coloro che non rispettano le regole. Si potrà quindi, raccolto l’oggetto del misfatto, analizzarlo per cercare di individuare il cane di provenienza ed applicare una multa di 38 euro al suo proprietario. Gli abitanti si sono dichiarati favorevoli all’iniziativa che consentirà di avere una città più pulita e di risparmiare denaro pubblico. A sfavore una minoranza della popolazione che ritiene esagerata questa operazione e l’opera di criminalizzazione del proprietario del cane. Un giudice ha definito il sistema come non proporzionato rispetto alle esigenze della salute e della sicurezza pubblica, ma non certamente illegale. è stata autorizzata la costituzione di questa banca dati del Dna canino, da applicarsi alle feci dei cani rinvenute in città. 23


curiosità

I gatti alla conquista del mondo

L

A. C.

a scienza consente di svelare tanti misteri e così un ampio studio sul DNA di antichi felini consente di comprendere come si diffuse la loro domesticazione. Inizialmente il gatto conquistò una posizione di prestigio accanto all’uomo grazie alla sua attività di tenere lontano i roditori dal raccolto. è stato anche possibile mettere in luce come si sia realizzata la diffusione da un’area geografica all’altra in base a studi compiuti su resti di 209 gatti presi da oltre 30 siti archeologici di Europa, Africa e Medio Oriente e vissuti tra 15 mila anni fa e il 1700. Le popolazioni di gatti domestici crebbero in due successive ondate. I gatti del Medio Oriente si espansero verso il Mediterraneo orientale assieme alle prime comunità agricole a partire da 12 mila anni fa. La seconda ondata, migliaia di anni più tardi, vide i gatti originari dell’Egitto diffondersi velocemente in Africa ed Eurasia, complice lo sviluppo di traffici commerciali e navali. Evento particolarmente sorprendente è stata la scoperta che navigatori vichinghi dovettero tenere i gatti nelle loro stive per proteggere le provviste dai topi, portandoli fino al nord Europa. 24


l’angolo della lettura

un libro da leggere: “impronte di gatto nell’arte, nella letteratura, nella vita dell’uomo”

I

• Detlef Bluhm • EdizioniCorbaccio • 160 pagine

C. A.

mpronte di gatto è un’analisi a trecentosessanta gradi del felino domestico. Le prime testimonianze di un rapporto tra uomo e gatto risalgono almeno al 9000 a.C. e da allora si è sviluppata una storia straordinaria, che ha portato i gatti a ricoprire diversi ruoli, spesso in contraddizione tra loro. Il gatto è stato adorato e odiato, accolto o cacciato, è stato considerato divino o demoniaco, in virtù del suo stesso carattere: indipendente, altezzoso, sornione, impertinente, ma anche regale, furbo, affascinante e buffo allo stesso tempo. Così è stato divinizzato dagli egizi, sfruttato dai romani, demonizzato nel medioevo, comunque amato in tutte le epoche. Impronte di gatti si trovano in tutte le forme artistiche e l’autore le segue con passione nella pittura, nella letteratura, nel cinema e nella musica, dando vita a una serie di aneddoti curiosi e spassosi, scritti con tale abilità che sembra di veder balzare i protagonisti dalla pagina. Una vera storia dei gatti e del loro rapporto con l’uomo, divertente e completa, per tutti gli amanti di questo animale che non vogliono fermarsi a una conoscenza superficiale del loro amico felino.

25


Qui demas

Non tutto il freddo viene per nuocere

F

Pamela Sales

reddo, freddo e ancora freddo! Abbiamo cominciato il nuovo anno con temperature polari, ma per fortuna i nostri fans sono sempre più caldi e condividono le foto dei loro pelosetti alle prese con l’inizio dell’anno. Questo è un mese dove abbiamo cercato di dare voce alle ONLUS che provano ad aiutare i nostri amici animali ad affrontare l’inverno che sembra non voglia lasciare spazio al sole. Come per gli umani, anche fido, micia, e tutti gli altri animali di affezione soffrono il freddo e molte volte non hanno un’alimentazione adeguata e un posto dove scaldarsi. Come riusciamo ad aiutarli? Dando voce alle associazioni che raccolgono soldi, coperte e pappa per poi distribuirli ai meno fortunati. Ci sono delle zone meno raggiungibili, ma con l’aiuto dei social media riusciamo ad aiutare anche i paesi di montagna, con strade ghiacciate o rese inagibili dallo scorso terremoto. Il 2017 è partito con tante promozioni sia sul web che nei 3 punti vendita. Per partire con una marcia in più, tante novità e saldi per rendere le giornate allegre fin dall’inizio.

Apriamo una parentesi che ha fatto capire tramite i social come certi comportamenti tipici della famiglia italiana si siano trasmessi agli animali. Ci sono pervenute richieste sull’alimentazione dei cani sovrappeso, questo perché noi padroncini tendiamo a pensare che benessere significhi tanto cibo e soprattutto premi tralasciando la parte fondamentale: Un animale è contento se il rapporto con il suo padroncino è stretto e costante a prescindere dal cibo. Un animale sovrappeso ha gli stessi problemi di un umano sovrappeso. Lasciamo che l’affetto prevalga sul cibo per rendere la vita di Fido e Micia più lunga e sana. Tenetevi sempre aggiornati mettendo mi piace sulla pagina FB giuliuspetshop. Vi spettiamo numerosi e soprattutto SOCIAL. 26


PET QUIZ

Pet quiz 1. La polipnea è un anomalia della frequenza: a cardiaca b respiratoria c urinaria

2. La taurina è un aminoacido indispensabile per: a gatto b coniglio c pappagallo

3. Lo scafoide è un osso di: a spalla b arto anteriore c zampa

4. L'otoematoma è un processo patologico che colpisce: a occhio b orecchio c milza

5. Il ferro è assorbito a livello di: a cute b milza c intestino

6. Nel gatto il numero dei denti da adulto è pari a: a 42 b 30 c 24

7. La paratubercolosi è un processo patologico di: a intestino b muscoli c cute

8. Il mal della coda bagnata può colpire: a cane b gatto c criceto

Le risposte corrette: 1)b 2)a 3)c 4)b 5)c 6)b 7)a 8)c 27


gli eventi di febbraio nei nostri negozi

3.2 ROYAL CANIN - (Appia) 4.2 SANYPET sanypet - (Appia) 4.2 QIBO - (Saxa rubra) 10.2 HILL’S Hill’s - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 10.2 UNION BIO - (Appia) 11.2 TRAINER - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 11.2 UNION BIO - (Saxa rubra) 15.2 SANYPET - (Saxa rubra) 16.2 Agras AGRAS - (Appia) 17.2 ROYAL CANIN - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 18.2 MARPET - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 23.2 SANYPET - (Appia) 24.2 FARMINA - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 25.2 VALPET - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 11.3 MARPET - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 18.3 ROYAL CANIN - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) 24.3 FARMINA - (Appia - Testa di Lepre - Saxa Rubra) - Le date potranno subire variazioni Appia: Circonvallazione Orientale, 4692 - Roma Testa di Lepre: Via del Fontanile di Mezzaluna, 401 - Fiumicino (RM) Saxa Rubra: Via Carlo Emery, 135 - ROma 28

E zine giulius Anno 5 N° 2  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you