Page 1

e-zine

l’amico degli animali

La prima rivista multimediale sul mondo Pet

N. 6 - Giugno 2015

Qui Demas

Giovedì #SELFIE, il nuovo contest

Curiosità

Un gatto in affitto

L'esperto risponde Domande e approfondimenti sui nostri pet

Angolo Cane Una statua in onore di Fido


Sommario

.............................. Salute animale pag 4 - 6 Il piotorale La rogna sarcoptica Falsa gravidanza Prevenzione pag 8 - 11 Zecche sempre in guardia Attenti alla filaria

Salute animale

6

L'esperto risponde pag 13 - 15 Obesità Le esche avvelenate Angolo cane pag 17 - 19 Springer Spaniel inglese Ansia da separazione Accade in Italia Prevenzione

8

Angolo gatto pag 21 Nebelung o Blu di Russia a pelo lungo Cartoni animati pag 23 Masha e l'orso: un cartone animato di successo

Cartoni animati

23

l’amico degli animali EDITORE Demas Srl - Cir.ne Orientale 4692 00178 - Roma - Tel. 06.41.79.05 info@demas.it - www.demas.it

Giulius E-zine - Giornale On line Punti Vendita Via Aurelia, 1410 – 00166 Roma Tel. +39 06.66.90.120 LUN - VEN 09.00-13.00/14.00-18.00 / SAB 09.00-13.00 Circonvallazione Orientale, 4692 – 00178 Roma Tel. +39 06.41.79.05 LUN - SAB 09.00-19.00 Orario continuato Per visualizzare e scaricare il magazine è necessario aver installato Adobe Reader (download gratuito dal sito www.adobe.com).

Curiosità pag 26 - 30 Un gatto in affitto Il gatto nero e la sfortuna I pet nelle carceri USA Un affetto troppo...peloso L'angolo della lettura pag 32 Il libro: "Il mio cane abbaia troppo" Qui Demas pag 35 Giovedì #SELFIE, il contest di Giulius Pet Shop Pet quiz pag 37

LEGENDA Torna all’Homepage Link esterni


salute animale

Il piotorace

I

A. C.

l piotorace è l'esito di un’infiammazione caratterizzata da un accumulo di pus in ambito pleurico (pleura: membrana che avvolge ciascun polmone. È formata da due foglietti,viscerale e parietale rispettivamente adesi a polmone e gabbia toracica. Nel gatto è spesso associato alla penetrazione di batteri nel torace attraverso ferite che gli animali si provocano in occasione di lotte tra felini. Il piotorace si può osservare anche in gatti tenuti in casa come conseguenza di cause di natura infettiva.

Nel cane l’infezione è spesso conseguente alla penetrazione nella cavità toracica di corpi estranei, come i forasacchi. Le infezioni sono spesso di tipo misto e contengono specie batteriche diverse.Gli animali con piotorace presentano sintomi quali: respirazione frequente e superficiale, febbre, abbattimento, mancanza di appetito, perdita di peso, disidratazione, pallore delle mucose. Radiografie del torace possono consentire di eseguire diagnosi di piotorace.

4


salute animale

ROGNA SARCOPTICA

L

A. Ciorba

a rogna sarcoptica è una malattia dermatologica, parassitaria e contagiosa dei canidi causata dall’acaro Sarcoptes scabiei var. canis. L’acaro può infestare eccezionalmente anche i gatti venuti a contatto con cani o volpi infestate. La rogna sarcoptica colpisce cani di tutte le età, senza predilezioni di sesso e di razza. I cuccioli, i cani randagi e quelli che hanno sostato in canili o pensioni, sono maggiormente a rischio grazie all’elevata contagiosità della malattia che si trasmette prevalentemente per contatto diretto. Raramente il contagio si verifica per via indiretta attraverso l’ambiente, in quanto gli acari sono in grado di sopravvivere solo per brevi periodi al di fuori dell’ospite, sino ad un massimo di 2-3 settimane in presenza di condizioni ambientali ottimali. I segni clinici si manifestano generalmente dopo 1-3 settimane di incubazione e sono caratterizzati da prurito che, lieve nelle fasi iniziali, diventa particolarmente intenso. Si ritiene che un prurito così intenso possa essere messo in relazione con l’instaurarsi di uno stato di ipersensibilità. L’acaro sembra prediligere le aree del corpo scarsamente ricoperte da peli come la punta ed i bordi dei padiglioni auricolari, gli arti, in particolare i gomiti ed i garretti, nonché la parte ventrale dell’addome e del torace. Nelle forme croniche la malattia può interessare tutto il corpo. La lesione elementare che caratterizza clinicamente la rogna sarcoptica è rappresentata da un piccolo rilievo della pelle con una crosta giallastra sierosa o ematica. Un’altra lesione che si osserva frequentemente sulla cute di cani con rogna sarcoptica è la presenza di scaglie di dimensioni variabili e di colore bianco o giallastro. è frequente osservare, a causa dell’intenso prurito, lesioni secondarie all’auto-traumatismo. Il trattamento della rogna sarcoptica si basa sull’utilizzo di principi attivi ad attività acaricida per applicazione sia locale sia generale.

5


salute animale

Falsa gravidanza

è

A. C.

possibile osservare soprattutto nella cagna, meno frequentemente nella gatta, la comparsa di un comportamento materno e di segni esteriori tipici di una gravidanza durante la fase di “riposo sessuale”. Si ritiene che tale fenomeno sia imputabile ad uno squilibrio ormonale, nel quale si determina una caduta del livello serico del progesterone ed un aumento della prolattina. Il problema può presentarsi anche in soggetti sottoposti a trattamenti con progestinici od a breve distanza da un intervento di ovarioisterectomia. L’evento è preceduto da particolari manifestazioni comportamentali da parte dell’animale, che si attiva per allestire un luogo in cui partorire, assume atteggiamenti materni nei confronti di oggetti di varia natura, diventa irrequieto e si lambisce insistentemente i capezzoli. Nella fase acuta del fenomeno l’animale presenta distensione dell’addome, abbattimento od irrequietezza (“raspa il terreno”), scarso appetito, aumento di volume delle mammelle con secrezione di liquido siero - brunastro o latte. Per contrastare tale situazione è opportuno cercare di impedire la stimolazione delle mammelle, mettendo al cane un collare elisabettiano, ed applicare degli impacchi freddi in loco. Dal punto di vista farmacologico è consigliabile l'utilizzazione di determinati farmaci dietro consiglio veterinario. Questi farmaci generalmente sono in grado di ridurre la durata delle manifestazioni correlate a questo evento patologico, che, peraltro, può risolversi spontaneamente nel giro di un paio di settimane.

6


INTERVIEWS / ART / FASHION / FOOD&DRINKS / EVENTS&LIFESTYLE

IL FREE SPRESS CHE TI RACCONTA IL MEGLIO DELL'UMBRIA www.piaceremagazine.it

7


prevenzione

ZECCHE: SEMPRE IN GUARDIA

C

A. Ciorba

ani e gatti possono essere infestati da zecche, le quali fanno parte dei così detti ectoparassiti in quanto si localizzano sulla cute dell’animale. Sono diffuse in numerose aree geografiche del nostro pianeta e sono capaci di infestare varie specie animali sia domestiche sia selvatiche. Cani e gatti sono soprattutto affetti da zecche “dure”, così dette dal momento che hanno il corpo provvisto di uno scudo dorsale, che nei maschi copre tutto il dorso e nelle femmine solo la parte anteriore dello stesso. Il resto del corpo ha un rivestimento elastico, che durante il pasto può estendersi permettendo al parassita di ingerire quantità di sangue di molte volte superiori al suo peso corporeo (sino a 100 volte). Spesso sono colorate, appiattite, dall’aspetto ovale, hanno sulla testa una specie di pungiglione, adatto a penetrare la pelle dell’ospite ed a consentire pasti di lunga durata.

Le femmine depongono nel terreno in una sola volta da 350 a 18.000 uova in ammassi, dopo di che muoiono, mentre i maschi vengono a morte subito dopo l’accoppiamento. Dalle uova dopo 30-50 giorni circa, in funzione del grado di temperatura ed umidità del terreno, escono larve che attendono sull’erba, guidate da stimoli di varia natura, il passaggio di un ospite adatto su cui trasferirsi. Esse sono costrette a nutrirsi di sangue affinché possa verificarsi il processo di metamorfosi, caratteristico del loro ciclo vitale. La durata dei pasti è variabile, ma protratta nel tempo, di solito è più breve nei primi stadi di sviluppo (larva, ninfa), varia da 7 a 30 giorni; il maschio si alimenta saltuariamente. Periodi così lunghi sono necessari, perché queste non aspirano il sangue, ma si ingorgano lentamente sfruttando la pressione sanguigna dell’ospite: compiono anche un’operazione di filtraggio, trattenendo del sangue soltanto la parte corpuscolata e rinviando all’ospite la parte liquida. è con questo meccanismo che introducono sostanze tossiche ed agenti patogeni. Le zecche restano fissate all’ospite per 3-21 giorni. grazie ad una sorta di cemento adesivo da loro stesse elaborato. Si trasformano in ninfe ed infine in adulti, che si accoppiano sull’ospite.

8


prevenzione Un’infestazione da zecche può dar luogo a tutta una serie di manifestazioni patologiche nell’animale colpito: • Infiammazioni localizzate a carico della cute, conseguenti all’azione esplicata dagli ectoparassiti • Paralisi flaccida conseguente all’inoculazione di neurotossine presenti nella secrezione salivare delle zecche. • Anemia, specialmente se i parassiti sono presenti in grande numero (una femmina adulta può assumere sino a 2 cc di sangue). • Trasmissione di agenti infettivi da un animale malato ad uno sano, ad opera delle zecche che fungono da vettori proprio a motivo della notevole quantità di sangue ingerita. Così numerose e di particolare attualità sono le malattie trasmesse da questi ectoparassiti, come ehrlichiosi, babesiosi, epatozoonosi, malattia di Lyme. Le zecche devono essere prontamente rimosse dall’animale al fine di evitare la possibile comparsa di situazioni di natura patologia, ma è estremamente importante operare in termini di prevenzione nei loro confronti. Si dovrebbe cercare di evitare luoghi in cui comune sia la loro presenza anche se ormai esse sono presenti in tutti gli ambienti suburbani. Il ricorso costante all’utilizzazione di prodotti, facilmente reperibili in commercio, particolarmente efficaci per la loro azione sia repellente sia volta a eliminare i parassiti esterni, in assenza di effetti collaterali nei riguardi dell’animale, costituisce un valido e consigliato mezzo per evitare un’infestazione.

Clicca qui per vedere il video

9


prevenzione

attenti aLLA FILARIA Alessandro Ciorba

L

e zanzare sono responsabili di un’importante parassitosi che può colpire i nostri piccoli animali: la filariosi. Presenza e numerosità delle zanzare è alla base della diffusione delle filariosi in aree particolarmente colpite del nostro Paese come la pianura Padana. Altro fattore che ha contribuito al diffondersi della malattia è costituito dal movimento dei cani, non opportunamente trattati. Una sola puntura di una zanzara infetta è sufficiente a causare la malattia e si possono ammalare anche gli animali tenuti in casa. I parassiti adulti sopravvivono a lungo negli animali arrivando ad una durata di 5-6 anni nel cane. Nel gatto la sopravvivenza dei parassiti è più breve (inferiore a un anno). Teniamo presente che si possono avere infestioni accidentali anche nell’uomo. Forme di filariosi Filariosi cardiopolmonare: quando la zanzara punge un animale parassitato assume, insieme al sangue, le microfilarie prodotte dai parassiti adulti. Nell’insetto queste maturano in circa due settimane a larve infestanti che sono trasmesse agli ospiti definitivi (cani e gatti) durante il successivo pasto di sangue. Nell’organismo degli animali le larve evolvono nelle forme giovanili e, attraverso il circolo sanguigno, raggiungono le arterie polmonari e il cuore dove si sviluppano a vermi adulti. Le filarie adulte, a loro volta,si riproducono e liberano in circolo le microfilarie chiudendo così il ciclo. 10


prevenzione Filariosi sottocutanea Il ciclo biologico del parassita è analogo al precedente e la trasmissione avviene sempre tramite le zanzare. I vermi adulti si localizzano nel sottocute e intorno al muscolo. Talvolta il parassita è rinvenibile in noduli sottocutanei, indolori, freddi, mobili sul sottocute e può essere causa di infiammazione della pelle con associato prurito. Sintomi La Filariosi cardiopolmonare si presenta in forme diverse nel cane e nel gatto. Il cane generalmente contrae la malattia nel periodo che va da fine aprile-maggio ad ottobre, quando sono maggiormente presenti le zanzare. Nel cane i sintomi compaiono diverso tempo dopo l’infestazione. Il cane appare stanco, tossisce, è affannato anche dopo sforzi modesti, è inappetente e depresso. Nel gatto la Filariosi cardiopolmonare ha un decorso rapido e grave. I sintomi compaiono all’improvviso: il gatto respira male, tossisce, non mangia, vomita. Dopo la comparsa dei primi sintomi, il decorso è spesso rapido, anche di poche ore, e l’esito può essere letale. Per comprendere meglio la gravità della filariosi felina, è sufficiente tenere presente che i vermi adulti raggiungono le stesse dimensioni tanto nel gatto quanto nel cane, a fronte delle dimensioni molto più ridotte del cuore felino. Da notare che nel gatto è sufficiente la presenza di una o due filarie adulte per portare a forme patologiche acute con esito fatale. Nella lotta alla filariosi la parola d’ordine è prevenzione in quanto consente di evitare di contrarre una malattia che normalmente richiede una terapia complessa e potenzialmente molto pericolosa. La profilassi deve essere eseguita per tutto il periodo di circolazione delle zanzare mediante la somministrazione programmata di appositi farmaci (chiedi al tuo veterinario).

Clicca qui per vedere il video

11


CURIOSITà

L’azienda Foschi è presente da più di 100 anni nel mondo del Veterinario, fornendo tutte le attrezzature necessarie per curare al meglio i nostri amici animali.

Con l’obiettivo di essere il più possibile vicina alle esigenze dei Veterinari e garantire il miglior servizio, Foschi ha siglato degli accordi con prestigiosi partner tecnologici internazionali.

I nostri siti web

www.foschivet.it

www.foschilaser.it

www.foschiacademy.it

I nostri partner tecnologici

NOVITÀ E-COMMERCE

ACQUISTA ON LINE SU WWW.FOSCHIVET.IT Foschi Srl

12 scientifici per uso veterinario 12 Apparecchi 16

Via Salone, 132 13/15 Via di della Libertà,

Tel +39T 06 +399826 0513800 798 577

00131 (RM), Italy 06 9826 3899560 F +39 051 798 40064Roma Ozzano dell’Emilia (Bo) Fax +39

info@foschivet.it info@foschivet.it

www.foschivet.it www.foschivet.it


L’ESPERTO RISPONDE

Obesità Dr.ssa Debora Guidi, DVM SNT, Scuola di Nutrizione Trainer www.scuolanutrizionetrainer.it – www.novafoods.com

L

’obesità e il sovrappeso sono comuni non solo nella specie umana, ma anche tra gli animali. Essa infatti colpisce tra il 25 e il 45% dei cani ed è in continuo aumento. La responsabilità maggiore del loro sovrappeso è quasi sempre da imputare ai proprietari che gestiscono sia l’accesso al cibo che l’attività fisica del loro beniamino. L’obesità, purtroppo, è una patologia molto frequente anche nei nostri animali da compagnia. Con un aumento di peso pari o superiore al 15-20% in più rispetto al normale un animale può essere considerato obeso. Tutto ciò comporta un aumento di rischio delle patologie dell'apparato cardiovascolare in quanto il cuore, già indebolito dall'infiltrazione lipidica, è sottoposto a un carico maggiore di lavoro per irrorare una massa più abbondante di tessuto. Altre patologie che possono insorgere sono l'iperinsulinemia, l'intolleranza al glucosio e il diabete. Le conseguenze fisiche dovute all'eccesso ponderale possono contribuire all'intolleranza nei confronti dell'attività fisica e del calore, ai problemi articolari e locomotori e allo sviluppo di artrite, l’integrazione degli alimenti con sostanze condroprotettive come la perna canaliculus (cozza verde della Nuova Zelanda) ne riducono il rischio. Ci sono diversi fattori che possono contribuire all’insorgenza dell’obesità; età, razza, stato riproduttivo, patologie endocrine, livello di attività, composizione e appetibilità della dieta, ambiente e stile di vita ecc. è consigliato in questi animali un piano alimentare che porti ad un dimagramento dello 1-2% a settimana, può essere utile offrire più piccoli pasti al giorno per gestire meglio la fame e aumentare il dispendio energetico. L’alimento utilizzato deve essere completo e bilanciato formulato in modo d’ apportare una riduzione calorica ma non una riduzione di proteine, vitamine, minerali, questo per non avere delle carenze. è consigliata una riduzione di lipidi e carboidrati un aumento invece delle proteine e della fibra. In questi animali lo stress ossidativo è molto elevato per cui è consigliato un apporto maggiore di vitamine antiossidanti (vit E,vit C) o di altre sostanze con la stessa attività come i bioflavonoidi. Può essere utile integrare l’alimento con “attivatori del metabolismo”, in grado da favorire un miglior utilizzo dei grassi, glucidi e proteine come l-carnitina, cromo, zinco ecc. Sebbene l’obesità nei nostri animali può essere curata, la prevenzione deve essere sempre l’obiettivo primario. 13


L’ESPERTO RISPONDE

LE ESCHE AVVELENATE Prof. A. Ciorba

P

orto spesso il mio cane a spasso in un bosco , vicino ad una riserva di caccia, ma mi hanno detto che si sono verificati casi di avvelenamento in alcuni cani. Che fare? Giovanna P (Acquapendente – VT)

N

umerose sono le sostanze di natura chimica potenzialmente tossiche per il cane ed il gatto. Gli avvelenamenti possono essere il frutto del contatto accidentale con un determinato tossico o di un’azione dolosa. Non facile risulta l’opera del medico veterinario che deve essere costantemente aggiornato in merito all’azione di nuovi principi tossici che entrano in commercio, delle varie miscele o “pozioni “ cui si può far ricorso in maniera dolosa. • Per un efficace intervento di natura medica, fondamentali sono le informazioni fornite dal proprietario dell’animale circa l’eventuale uso nell’ambiente domestico di insetticidi, topicidi, erbicidi, lumachicidi , farmaci di varia natura ecc. o che riferisca di essersi recato in particolari località nelle quali possono essere state poste delle “ esche “ od essere presenti animali velenosi. Altro fattore di rilevante importanza è il poter conoscere la sintomatologia presentata dall’animale, il tempo di insorgenza e quello trascorso dalla possibile introduzione del tossico nell’organismo, gli eventuali provvedimenti di pronto intervento adottati.

14


L’ESPERTO RISPONDE

• Assai variabile è la sintomatologia clinica correlata con un avvelenamento ed il più delle volte non è correlabile esattamente all’azione di uno specifico tossico. Gli effetti del veleno sono da porre in relazione con la sua dose, cioè con la concentrazione assunta dello stesso in funzione del peso dell’animale. • I sintomi clinici possono essere relativi all’azione caustica di una sostanza chimica ad esempio a carico della mucosa orale o delle prime vie dell’apparato digerente; al potere anticoagulante di certi veleni con comparsa di versamenti emorragici all'interno delle cavità naturali o di emorragie diffuse e pallore delle mucose apparenti; all’effetto specifico sul sistema nervoso con comparsa di contrazioni spastiche muscolari ed ipereccitabilità; al blocco di determinate reazioni enzimatiche a carico di specifici organi ed apparati con conseguenti gravi compromissioni del fegato piuttosto che del rene, dell’apparato respiratorio o del cuore. • Le misure terapeutiche sono volte all’eliminazione della sostanza tossica mediante la provocazione del vomito od il ricorso ad una lavanda gastrica, all’attenuazione e diluizione degli effetti tossici del veleno attraverso l’uso di farmaci, alla sua inattivazione attraverso l’impiego di un antidoto. La scelta di un determinato tipo di intervento è in relazione al tempo trascorso tra l’ingestione del veleno ed il ricorso all’opera del veterinario, alla disponibilità di farmaci specifici, all’esatta conoscenza del tipo di tossico con cui il nostro piccolo animale è venuto in contatto. • Non è del tutto possibile scongiurare la possibilità di un avvelenamento, ma si possono certamente adottare delle opportune misure precauzionali specie in ambito domestico. Si dovrà evitare di utilizzare sostanze ad azione tossica spargendole nell’ambiente e nello stesso tempo lasciare un possibile facile accesso ai nostri piccoli amici. Qualora ci si accorga che l’animale mostra dei sintomi inconsueti, specialmente se insorti in maniera improvvisa o secondariamente alla possibile ingestione di un’eventuale sostanza tossica diffusa nell’ambiente, di un farmaco non correttamente dosato, è da evitare il fai da te ed è consigliabile rivolgersi nel più breve tempo possibile al nostro veterinario di fiducia, portando il prodotto che riteniamo essere la causa dell’eventuale azione nociva onde consentire un tempestivo e mirato intervento terapeutico.

15


URA AMA I L TU O AN I MALE, R I S P ET TA L A S UA NAT

8in1 MINIS Nuovi snack naturali SENZA GLUTINE basso contenuto calorico senza zuccheri aggiunti

formula senza glutine

senza zuccheri aggiunti

magro

www.8in1.eu


angolo cane

Springer Spaniel Inglese C. A. Ăˆ considerato dagli esperti il piĂš antico tra tutti i cani da caccia britannici. Ha un aspetto forte, energico, compatto. Cane attivo; rustico e robusto. Buono di carattere anche se vivace. Nella caccia la sua caratteristica è quella di scovare la selvaggina e farla alzare. Standard Origine: Gran Bretagna. Altezza: 51 cm c. al garrese Tronco: simmetrico e compatto. Testa e muso: presenta cranio di media lunghezza, piuttosto largo, leggermente arrotondato e muso di lunghezza proporzionata al cranio, profondo e largo. Tartufo: nero o marrone. Denti: dentatura completa e corretta. Collo: eretto e robusto. Occhi: di grandezza media; di color nocciola scuro; forma a mandorla. Orecchie: aderenti alla testa; di buona lunghezza e larghezza. Arti: robusti, con eccellenti masse muscolari. Coda: attaccata bassa, mai portata al di sopra della linea dorsale. Pelo: aderente, liscio, fitto, resistente alle intemperie. Colori ammessi: ogni colore riconosciuto per gli spaniel. Ăˆ da preferirsi il bianco e il fegato, il bianco e nero o con focature.

Clicca qui per vedere il documentario

17


angolo cane

l'Ansia da separazione A. C.

L

’ansia da separazione è segnalata soprattutto in due categorie di cani: cani giovani inseriti in famiglia in seguito ad adozione e soggetti più anziani, abituati ad un contatto continuo e protratto con l’uomo, che subiscono drastici mutamenti familiari, come l’allontanamento da casa dei figli dei proprietari per motivi di studio, di un componente della famiglia per ragioni di lavoro o più semplicemente in quanto sono lasciati per lunghi periodi della giornata da soli. Le manifestazioni legate all’ansia compaiono più frequentemente nei primi 20-30 minuti dalla partenza del proprietario o di un membro della famiglia. Esse sono fondamentalmente rappresentate da perdita di feci od urine, comportamento distruttivo, eccessive vocalizzazioni (ululato ed abbaio), ma anche da tremori, aumento della frequenza respiratoria e cardiaca, diarrea e vomito. Possono comparire episodi di autotraumatismo. è da sottolineare il fatto che punire il cane peggiora la situazione, crea i presupposti razionali della paura di essere abbandonato e predispone all’aggressività da paura. Si dovrà cercare di insegnare a questi animali a non associare le proprie reazioni ai segnali che i proprietari involontariamente inviano allorché escono (prendere le chiavi, borse, indossare giacche e cappotti), ma a rilassarsi e ad imparare che l’essere lasciati soli può essere un’esperienza piacevole. Ciò può essere ottenuto con programmi di desensibilizzazione sistematica e di contro-condizionamento. Il proprietario deve premiare il cane con cibo, carezze, fornendogli particolari attenzioni solo quando questi è tranquillo e rilassato; in caso contrario deve ignorarlo. Si devono proporre al cane azioni che avvengono in genere al momento della partenza (indossare il cappotto, prendere la borsa od il cellulare, ecc.) in momenti diversi della giornata. Sino a che il cane non è in grado di essere lasciato da solo per 30-60 minuti, è preferibile confinarlo in un posto di dimensioni limitate, ma rassicurante e reso confortevole dal fatto di lasciargli a disposizione i suoi giocattoli, acqua, cibo, lasciando accese luci e radio. Occasionalmente, nei casi più difficili, si potrà ricorrere ad una terapia farmacologica.

Clicca qui per avere utili consigli

18


angolo cane

Accade in Italia a cura di Agnese Monaco Fonti: La Repubblica – Wikipedia – Google

A

Firenze, Borgo San Lorenzo, possiamo ammirare una statua in onore di “Fido esempio di Fedeltà”. Spesso non dobbiamo andare troppo lontano per ammirare ciò che i nostri amici a quattro zampe fanno quotidianamente per noi. L'amore puro ed incondizionato che ci offrono è sempre presente. Fido era un meticcio abbandonato. Nel 1941 un operaio lo vide e decise di adottarlo. Tutte le mattine il fedele cagnolone accompagnava il suo padrone alla corriera, per aspettarlo fino al suo ritorno. Questo accadeva sotto ogni forma di intemperie. L'operaio lavorava in una fabbrica non troppo distante dalla stazione, un giorno, essa fu bombardata, proprio mentre erano a lavoro tutti gli addetti. In molti persero la vita tra cui anche il padrone di Fido. Il cane continuò ad aspettare il suo ritorno per quattordici anni, senza mai più rivederlo. Un po' una versione italiana del famoso Hachiko. Queste storie succedono veramente. Non è un caso su miliardi. Fido, morì senza poter più rivedere il suo amato padrone. A Borgo San Lorenzo onorarono la fedeltà dell'amico a quattro zampe con una medaglia d'oro e questo monumento davanti proprio al Municipio. Gironzolando per l'Italia e per il mondo ci si imbatte spesso in monumenti, targhe e storie dove i protagonisti sono i nostri amati quadrupedi. Ricordiamoci sempre che loro hanno solo noi e ci dimostrano il loro amore quotidianamente. Adotta consapevolmente non per lo sfizio di un momento. Lo sapevate che esistono anche monumenti floreali in onore dei nostri cani? Cercherò di illustrarvi le storie d'amore sparse per il mondo tra uomo ed il suo migliore amico nei prossimi numeri!

Clicca qui per scoprire la sua storia

19


Una delle novità più eclatanti di Zoomark 2015

L

'azienda americana Tropiclean leader nel proprio paese e non solo per quanto riguarda l’igiene orale del cane e del gatto ha presentato in anteprima europea a Zoomark 2015 il nuovo prodotto Fresh Breath Drops.

Si tratta di un articolo assolutamente innovativo per rendere e mantenere l’alito del cane e del gatto sempre fresco.

Considerando che 8 cani su 10 e 7 gatti su 10 hanno problemi di alitosi il nuovo prodotto Drops presentato negli stati uniti a marzo 2015 ha già ottenuto grandiosi risultati di vendita e di efficacia. La confezione di soli 52 ml con un pratico dosatore permette di dosare in modo corretto le sole 3 gocce al giorno da mettere nell’acqua da bere del cane e del gatto per ottenere dopo solo 6/7 giorni un alito fresco e un igiene del cavo orale ottimale. Il prodotto è naturalmente inodore ed insapore e va utilizzato tutti i giorni aggiungendo appunto solo 3 spruzzi alla ciotola del cane o del gatto (circa 500ml) una volta al giorno preferibilmente alla sera. Fresh Breath Drops è distribuito in Italia dalla ditta Pets Fitness e potete trovarlo solo nei migliori negozi specializzati Fresh Breath Drops ingredienti naturali. Vita del tuo cane e del tuo gatto più sana.


angolo gatto

Nebelung o Blu di Russia a pelo lungo A. C. Paese d'origine: Stati Uniti - Russia. Varietà a pelo semi - lungo del Blu di Russia. Gatto elegante, dal mantello grigio-blu e occhi verdi lucenti. è una razza tranquilla e affettuosa. Tipico gatto da appartamento. Ha voce dolce e sommessa e miagola di rado. Varietà di colore: il mantello blu deve essere omogeneo, privo di peli bianchi e sfumature di altri colori; naso e cuscinetti delle zampe grigi; occhi verdi. Corporatura: media; peso medio dei maschi 3,5-4,8 kg, delle femmine 2,5-3,5 kg; corpo lungo, elegante, ben proporzionato. Collo: lungo e poderoso. Arti: lunghi, sottili, con zampe piccole e ovali. Coda: lunga, dritta, si assottiglia all’estremità. Testa: ampia, un po' allungata; mento marcato e zigomi salienti. Orecchie: dritte, relativamente grandi e appuntite; l'interno dei padiglioni è quasi senza peli. Naso: di media lunghezza. Occhi: a mandorla, ben distanziati; verde smeraldo (da cuccioli blu scuro). Mantello: pelo semilungo, fine e soffice.

21


Crancy Italian Way Quello che scegliamo noi, è quello che scelgono loro.

www.giuntinipet.it

Perché nutrirli solo di cibo, quando puoi nutrirli anche di certezze? Giuntini seleziona i migliori ingredienti italiani, niente OGM, coloranti ed aromi artificiali. Ricette genuine, gustose e controlli di filiera per offrire loro solo il sapore della sicurezza. Giuntini: naturale e sincero, come il vostro amore.


cartoni animati

Masha e l’Orso

Un cartone animato di successo

U

A. C.

n altro animale sugli scudi e in pool position nelle preferenze televisive e non solo dei nostri bambini, un orso che ha come partner Masha, una bambina, un piccolo terremoto, con tante buone intenzioni, ma con esiti disastrosi. Orso vive in una casetta nei pressi di un bosco. Nonostante i disastri sono una coppia affiatata. L’orso non è il solo animale presente nel cartone animato. è in buona compagnia di lupi birbantelli e di una moltitudine di animaletti vari. Brillano per la loro assenza gli “attori” umani. L’orso ha un’andatura umanoide, sa leggere e scrivere, ma non parla. Parla con Masha soprattutto coi gesti. Ama cucinare, pescare, curare l'orto ed il giardino, guardare il calcio in TV. È molto affezionato alla bambina, sebbene cerchi spesso di evitarla o tenerla impegnata per avere un po' di tranquillità. Nei confronti di Masha è una figura quasi paterna, si prende cura di lei e ne sopporta i capricci con rassegnazione. Questo cartone è una produzione russa, scoperta sul web e poi giunta in televisione, dove realizza ascolti record che stanno offuscando altre famose serie di cartoni. Il successo televisivo anticipa un altro fenomeno, l’immissione cioè sul mercato di oggetti che sempre si accompagnano ai cartoons di successo, come dvd, libretti per bambini, piccoli quiz, gadget, adesivi, puzzle.

23


La sua partenza in tutta serenità!

EQUILIBRIA-VET un aiuto per controllare ansia e stress nei cani e nei gatti …anche in vacanza! Equilibria-vet è un alimento complementare in compresse a base di melissa, valeriana, zenzero e triptofano che, grazie all’azione combinata dei suoi preziosi elementi, contribuirà a ridurre lo stato ansioso e a controllare comportamenti eccessivi o inadeguati. Equilibria-vet aiuta il rapido adattamento dell’animale alle situazioni di stress come: ansia da separazione cinetosi o mal d’auto inserimento di nuovi individui nel nucleo familiare stress da rumore intenso (tuoni, fuochi d’artificio)  tic nervosi (leccamento/mordicchiamento compulsivi) Distribuito da Camon S.p.A. Albaredo d’Adige (VR) Italy

www.ormenaturali.it www.camon.it

È privo di effetti collaterali e può essere usato per periodi prolungati* in completa sicurezza senza rischi di ipotensione, effetti sedativi, problemi gastrointestinali. *L’efficacia del prodotto si manifesta dopo circa due settimane dall’inizio della somministrazione.


IN PARTENZA PER LE VACANZE? Attenzione allo stress… anche nei cani e nei gatti IN ATTESA DELLE VACANZE L’estate è alle porte, le temperature sono ormai propizie e il periodo delle agognate ferie si avvicina ogni giorno di più. Insomma, tutto è pronto per le vacanze. Al mare, al lago, in montagna o in una città d’arte, l’importante è essere pronti al viaggio. Ma non siamo solo noi bipedi a doverci preparare: come sa bene ogni appassionato padrone di un cane e di un gatto, il viaggio è un’occasione di stress non solo per noi esseri umani. Anche i nostri amici a quattro zampe, infatti, possono vivere con tensione gli spostamenti e l’adattamento ai nuovi contesti ambientali. LO STRESS, NON SOLO UN PROBLEMA “UMANO” Numerose recenti ricerche concordano nell’affermare che la percentuale di animali soggetta a problemi comportamentali derivanti da stress è in aumento. E tali problematiche possono influire negativamente sia sul loro stato di salute che sulla convivenza nell’ambiente domestico tra noi e loro. Si deve considerare, infatti, che i disturbi comportamentali rappresentano, purtroppo, una delle principali cause di abbandono dei quattrozampe e l’ansia è spesso alla base di tali problemi. È molto importante, quindi, prestare attenzione ai segnali il nostro animale ci trasmette, cercando nel contempo di creare le migliori condizioni perché tali stati alterati siano il più possibile limitati e controllati. DA DOVE DERIVA LO STRESS? Le situazioni che possono causare stress nel nostro animale sono molteplici. Pensiamo ad esempio all’ansia da separazione, alla cinetosi o mal d’auto, all’inserimento di nuovi individui nel nucleo familiare oppure anche allo stress causato da rumore intenso come quello prodotto da tuoni o da fuochi d’artificio. E altrettanto diverse possono essere le modalità con le quali il nostro pet friend esprime il suo malessere: tic nervosi quali il leccamento o mordicchiamento compulsivi, abbaio o miagolio continuo, turbe della senilità come insonnia e vocalizzazioni, iperaggressività, distruttività ed eliminazioni inappropriate. EQUILIBRIA-VET, UN AIUTO PER CONTROLLARE ANSIA E STRESS Per contribuire a ridurre lo stato ansioso e a controllare comportamenti eccessivi o inadeguati prodotti dal nostro cane o dal nostro gatto, un valido alleato può essere Equilibriavet, un alimento complementare a base di melissa, valeriana, zenzero e triptofano che, grazie all’azione combinata dei suoi elementi, esplica un effetto adattogeno e rilassante aiutando l’animale a far fronte a situazioni di stress di vario tipo. Equilibria-vet è privo di effetti collaterali e può essere usato per periodi prolungati in completa sicurezza senza rischi di ipotensione, effetti sedativi o problemi gastrointestinali. Grazie alle sue caratteristiche, Equilibria-vet potrà essere anche un utile coadiuvante alle terapie comportamentali previste dal nostro veterinario di fiducia che, nel caso i sintomi da stress si protraggano nel tempo, è essenziale consultare per una migliore gestione della situazione. 25


CURIOSITà

UN GATTO IN AFFITTO

L

e notizie sugli animali e le iniziative ad essi correlate non finiscono mai di stupire. Un’idea che giunge dalla lontana Australia. Il lancio di un’applicazione che permetterà di ordinare un gattino presso il proprio ufficio o la propria abitazione e di poterlo coccolare per quindici minuti prima di “darlo indietro”.

Secondo la ditta statunitense autrice dell’iniziativa non si tratta di un progetto negativo per gli animali, ma di un tentativo di valorizzare i tanti rifugi per gatti sparsi nel Paese e portare loro delle risorse aggiuntive. Il costo del servizio “micio a domicilio” sarà di quaranta dollari australiani a chiamata, quasi ventotto euro. La procedura prevede di scaricare l’applicazione, scegliere un gattino e attendere. Secondo l’azienda se questa iniziativa avrà successo e contribuirà a far entrare altri gatti nelle case anche se per periodi limitati pur tuttavia potrà costituire un cavallo di Troia, nel senso che molti si affezioneranno al nuovo arrivato e potranno chiedere un’adozione permanente.

26

A. C.


CURIOSITà

IL GATTO NERO E LA SFORTUNA A. C.

è

un’antica credenza che si perde in uno dei periodi così detti bui per l’umanità, il Medioevo. A quei tempi un gatto nero era considerato il compagno diabolico delle streghe. Questo a motivo del fatto che i gatti hanno l’abitudine di uscire di notte e per il colore del mantello: il colore nero si associava all’inferno e al lutto. L’origine della diceria della sfortuna legata al fatto che un gatto nero attraversa la strada risale invece all’epoca in cui gli spostamenti dell’uomo avvenivano a cavallo. Se all’improvviso un gatto attraversava la strada il cavallo poteva spaventarsi e disarcionare il cavaliere. In non tutti i paesi però è invalsa questa strana credenza. Infatti in Francia e in Inghilterra i gatti neri sono considerati positivamente come apportatori di fortuna. In Italia l’associazione Aidaa ha indetto il Gatto nero day: il 17 novembre (una data scelta non a caso...). Questa è la giornata a difesa della dignità del gatto nero e della difesa della sua vita.

Clicca qui per scoprire le più diffuse superstizioni

27


28


CURIOSITà CURIOSITà

I PET NELLE CARCERI USA

G

A. C.

ià a partire dal 1981 era partito negli Usa un programma per coniugare animali e detenuti. Come ha evidenziato il Wall Street Journal da allora ad oggi numerosi sono stati gli istituti di pena che hanno adottato questo progetto. L'idea fondante è far incontrare cani sottratti a canili sovraffollati o abbandonati con carcerati con storie difficili alle spalle. I cani possono iniziare nel carcere una seconda esistenza dando aiuto ai detenuti, soprattutto donne, che si occupano di loro, accudendoli e addestrandoli. I carcerati possono entrare nel programma se non hanno commesso alcuna infrazione durante il periodo trascorso dietro le sbarre e per la loro opera ricevano una paga oraria di 1,41 dollari. I benefici apportati dai cani nelle strutture carcerarie sono evidenti. Ma anche per qualche cane il carcere può essere una chanche come ad esempio per Pax, un Golden Retriever, mandato via da un carcere del Wisconsin in quanto ritenuto incorreggibile. Pax in un altro istituto di pena ha trovato la sua "anima gemella", una condannata per omicidio che lo ha fatto divenire un cane di sostegno per i disabili. Il carcere di Gig Harbor poi per una cifra competitiva offre servizi spa per i cani che vivono al di fuori del carcere come bagno, unghie e taglio così come programmi di addestramento per i quali c’è una lista d'attesa di due anni. Nel nostro Paese stanno iniziando a prendere luce iniziative similari anche se ancora in chiave molto ridotta. 29


CURIOSITà

un affetto troppo...peloso A. C.

U

na società di assicurazioni statunitense specializzata nel settore animali da compagnia ha fatto conoscere i dati relativi alla cifra spesa nel corso del 2011 per interventi correttivi od estetici praticati su cani e gatti. La bella cifra di 62 milioni di dollari. Una tendenza davvero incredibile per la quale si fa ricorso a impianti al silicone, lifting alle palpebre, rinoplastiche per nasi troppo schiacciati o lunghi. In alcuni casi si tratta di interventi necessari sotto il profilo sanitario in quanto indicati per correggere situazioni patologiche, altre volte le motivazioni risentono probabilmente più di particolari esigenze modaiole dei proprietari. Si può ad esempio giustificare il caso del lifting alle palpebre, cadenti, ma piene di rughe, che in determinate razze di cani impediscono loro di vedere bene e possono essere una sorta di riserva di germi pericolosi e potenziale causa di infezioni. Un opportuno intervento impedisce che la palpebra si rivolga verso la parte interna dell’occhio con conseguente insorgenza di infiammazione dello stesso. Diventa invece più difficile comprendere la necessità di ricorrere ai testicoli al silicone per cani, che possono essere applicati durante la castrazione. Una soluzione che sembra vivere un vero e proprio boom se è vero come è vero che più di 500mila animali domestici sono stati sottoposti a tale intervento da quando tali “articoli” sono stati immessi sul mercato.

Clicca qui per l'approfondimento

30


31


angolo della lettura

Il mio Cane Abbaia Troppo Un manuale pratico per educare cani troppo rumorosi Autore: Florence Desachy Editore: De Vecchi Edizioni Descrizione Una guida pratica che può rappresentare un valido aiuto per la rieducazione di cani rumorosi, invadenti, maleducati e aggressivi. Si possono ricavare pratici consigli per comprendere le cause piÚ comuni di un abbaiare continuo e per prevenire comportamenti fastidiosi che possono innervosire i vicini di casa o spaventare inutilmente persone intorno a lui AUTORE Florence Desachy - è medico veterinario. Esercita la professione a Parigi e si interessa in modo specifico delle relazioni tra uomini e animali domestici. Collabora su queste tematiche con emittenti televisive e numerosi periodici specializzati

32


Insufficienza renale cronica nel cane e nel gatto Dr.ssa Debora Guidi, DVM - SNT, Scuola di Nutrizione Trainer www.scuolanutrizionetrainer.it – www.novafoods.com L’insufficienza renale cronica è una malattia frequente nei nostri animali soprattutto nel gatto, è caratterizzata dalla perdita graduale, progressiva e irreversibile della funzionalità renale. I segni clinici sono legati alla diminuita capacità dei reni di svolgere le sue normali funzioni di regolazione e di escrezione. Tra i più frequenti troviamo: poliuria, polidipsia, depressione, diarrea, vomito, anoressia, perdita di peso, anemia. La dieta in questi animali svolge un ruolo fondamentale, controlla i segni clinici e, cosa ancora più importante, controlla la progressione della malattia. Fornire un moderato apporto di Proteine di elevata qualità, riduzione del fosforo e sodio, integrazioni con acidi grassi omega 3, calcio, vitamina D, potassio, vitamine idrosolubili e soprattutto antiossidanti sono, fondamentali. Uno degli obiettivi principali della dieta è quello di limitare l’accumulo di cataboliti proteici nel sangue fornendo nello stesso tempo un ridotto ma adeguato livello di proteine, molto digeribili e di elevato valore biologico per il fabbisogno di mantenimento dell’animale. è importante fornire calorie con nutrienti non proteici per impedire il consumo dei tessuti corporei e delle proteine alimentari per scopi energetici. Per questo vengono utilizzati carboidrati e soprattutto lipidi che aumentano anche l’appetibilità della dieta. Deve essere controllato il livello di fosforo nel sangue, se lievemente aumentato può bastare la sola restrizione dietetica se di entità elevata sarà necessario utilizzare anche agenti leganti il fosforo a livello gastrointestinale aggiunti all’alimento come ad esempio l’idrossido di alluminio. In fine è possibile controllare l’acidosi metabolica sistemica che può instaurarsi in questi animali in stadi avanzati con l’utilizzo di diverse sostanze ad azione alcalinizzante come il citrato di potassio o il bicarbonato di sodio aggiunte all’alimento. è Importante verificare prima di effettuare qualsiasi integrazione se l’alimento che si sta utilizzando sia già integrato soprattutto quando si usa una alimentazione preconfezionata.


Qui demas

giovedì selfie

Il contest di Giulius Pet Shop è partito da qualche settimana il contest fotografico "Giovedì #SELFIE!" presente sulla pagina Facebook di Giulius Pet Shop. COME FUNZIONA? Condividete la foto con il vostro amico a 4 o 2 zampe sulla nostra bacheca segnalando il vostro nome e il nome del vostro amico. Ogni giovedì verrà creato un album dove potrete votare la vostra foto preferita: IN PALIO UN BUONO DA 50 EURO SPENDIBILE DA GIULIUS! Il vincitore verrà nominato il giorno 15 giugno. Prendete il vostro cellulare...e via al GIOVEDÍ #SELFIE.

35


DOVE L’ECCELLENZA È IL VALORE PIÙ SEMPLICE È nato Demas, il nuovo sito italiano rivolto al mondo veterinario. Demas vuole rappresentare un valido ed utile strumento di servizio per il professionista. Il sito si presenta ricco di rubriche di varia natura e sarà costantemente aggiornato sulle novità del mercato e della professione veterinaria.

FIDUCIA, PROFESSIONALITÀ, DISPONIBILITÀ. Le qualità di un vero

VETERINARIO

www.demas.it 36


PET QUIZ

Pet quiz Per ernia di un viscere si intende :

a

7

12

virus

c

b fungo

parassita

c

b ansiolitiche

antimicotiche

Nel leone la durata della gravidanza è mediamente pari a giorni : 80

b 100

c

150

Il collagene è un :

a

carboidrato

b proteina

c

enzima

Il popliteo è un muscolo di : arto

7)b

c

b addome

6)b

8)a

spalla

Le risposte corrette:

5)a

a

3)c 4)a

8

un tumore

La passiflora è usata prevalentemente per le sue proprietà :

a 7

c

b 9

a antibatteriche 6

b una parassitosi c

L'influenza equina è causata da :

a 5

un'emorragia

Nel furetto le vertebre cervicali sono :

a 4

degenerazione

Il meningioma è :

a 3

c

b infiammazione

2)c

2

cambiamento di posizione

1)a

1

37


38

E zine giulius Anno 3 N° 6  

Magazine dedicato al mondo degli animali.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you