Issuu on Google+

IL MIO FUTURO PER CEREA

Come molti Cereani, ho sempre seguito con grande attenzione le vicende amministrative che hanno riguardato la nostra comunità. Mi è capitato in molte occasioni di esprimere il mio punto di vista, anche se non avevo mai pensato che le idee, le impressioni, gli stimoli potessero trasformarsi in qualcosa d’altro, diventando un progetto concreto di ‘buona amministrazione’. Da quasi un anno faccio parte del gruppo di impegno civico ‘Per la nostra Cerea’.

per una nuova Cerea

Ho creduto fin da subito nelle grandi potenzialità di questa nuova squadra fatta di persone competenti, entusiaste e disponibili a lavorare sodo ‘per la nostra Cerea’. I miei compagni mi hanno spronato a candidarmi come sindaco di Cerea alle prossime elezioni amministrative. È una scelta ‘a tempo pieno’ che ho accettato di portare avanti con impegno e passione dopo averla valutata e soppesata a lungo, stimolato dall’idea di poter condividere il bagaglio di competenze amministrative e culturali che ho avuto la fortuna di apprendere nel mio percorso professionale. «La meta è il viaggio, il cammino» recita un vecchio detto; ne sono ogni giorno più convinto. Un progetto di ‘buona amministrazione’ non punta a posti, ad incarichi, a ruoli: punta in primo luogo a porre le basi per una nuova partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa della comunità. Punta a fare in modo che il disgusto e il rifiuto per una politica che da troppo tempo continua a fallire i suoi obiettivi principali, torni ad essere interesse per quello che è ‘nostro’, dei cittadini, dei Cereani, di tutti noi.

Raccontami la ‘tua’ Cerea: la città che immagini, la città in cui ti piacerebbe vivere, la città che vorresti Contattami: perlanostracerea@gmail.com Segui il nostro gruppo Facebook: Per la nostra Cerea Chiamami: 347.8647329

con

Amministrare bene il presente per progettare meglio il nostro futuro

Andrea Ferrarese


LE MIE ESPERIENZE

Dopo il Liceo Scientifico che ho frequentato a Cerea, ho studiato all’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove mi sono laureato in Storia, dopo aver trascorso un anno di studio nel prestigioso University College di Londra (UCL).

LE MIE ‘RADICI’

Ogni volta che devo parlare di me e delle mie esperienze penso spesso alle molte strade che ho percorso per arrivare fin qui. E ogni volta mi accorgo con piacevole soddisfazione che la mia Cerea è sempre stata il punto di partenza e di arrivo di buona parte della mia vita. Ho 38 anni e sono prima di tutto un cereano, fiero di appartenere ad una famiglia che da diverse generazioni ha vissuto la storia di questo bellissimo paese. Risiedo a Cerea da quando sono nato, quasi sotto l’ombra protettiva di quella cesolina della Beata Vergine che ho sempre avuto nel cuore. Discendo da una famiglia di marangoni: mio nonno e mio padre hanno partecipato, come molti altri artigiani, a quella grande storia del mobile d’arte che ha contribuito alla crescita e allo sviluppo della nostra comunità. Nella mia casa di Cerea c’è un posto in cui mi piace ‘rifugiarmi’ quando riesco a ritagliarmi un po’ di tempo. È la vecchia bottega della mia famiglia: sui banchi coperti da strati e strati di colla, ritrovo gli utensili usati da nonno Bepi ‘bareta’. Nel silenzio, tra l’odore e la polvere del legno, sento la grande eredità dei valori che abbiamo ricevuto in dono dai Cereani che ci hanno preceduto: il senso del lavoro, dell’impegno, della serietà, il senso del risparmio e del sacrificio che non è mai fine a sé stesso ma un buon metro di misura per dare il giusto valore alle cose.

Dopo essermi specializzato per altri tre anni alla Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Verona, nel 2003 ho conseguito il dottorato di ricerca che rappresenta il più alto grado di istruzione universitaria riconosciuto dalla Repubblica Italiana. Dal 2003 al 2005 ho quindi continuato il mio percorso di perfezionamento all’Università di Padova con un diploma biennale di postdottorato; nella stessa Università patavina ho poi continuato per altri quattro anni la mia attività di ricerca e di insegnamento, entrando a far parte di un team che ha realizzato importanti progetti di ricerca in campo nazionale ed europeo.

IL

MIO IMPEGNO PER

CEREA

La storia è stata ed è la grande passione della mia vita. La storia di Cerea ha alimentato per più di dieci anni le mie ricerche nell’avvincente passato secolare della nostra comunità. Ho così avuto modo di pubblicare alcune decine di lavori, tra libri ed articoli, molti dei quali hanno avuto un’ampia diffusione.

Tra questi mi piace ricordare i volumi lumi che ho dedicato alla storia della Chiesa di S. Zeno, della Fabbrica Perfosfati, della Palude del Brusà, del Tiro a Segno di Cerea, del Ricovero ‘De Battisti’. Senza dimenticare la collaborazione con Gianfran Gianfranco Ziviani da cui sono nati i due volumi fotografici di ‘Cerea, la sua gente’ e la mostra ‘Tra due guerre’.

IL MIO PRESENTE.

Dalla fine del 2007 sono il direttore della Fondazione Fioroni di Legnago e della rete museale ‘Legnago Musei’, creata nel 2009 dalla collaborazione tra la Fondazione e l’Amministrazione Comunale di Legnago. Per me e per il team dei miei collaboratori, questa esperienza professionale ha rappresentato una grandissima sfida gestionale, amministrativa e culturale; una sfida affrontata con impegno e con dedizione che ha portato ad ottimi risultati. I nostri numeri raccontano la nostra crescita. Da poco più di 500 visitatori nel 2007, siamo riusciti a superare i 15.000 nel 2010 e prevediamo di toccare le 20.000 presenze entro la fine di quest’anno. Siamo passati dai 2 collaboratori nel 2007 ai 7 attuali, diventando di fatto il polo museale e didattico più importante della provincia di Verona. Come direttore della Fondazione Fioroni, tra il 2009 e il 2011 ho realizzato e fatto finanziare una serie di progetti per un importo complessivo di oltre 1.000.000 di € per buona parte sostenuti economicamente dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Verona, dall’Amministrazione Comunale di Legnago e dalla Fondazione Cariverona.


opuscolo per la nostra cerea