Page 39

FONTE: MACROECONOMIA

IL DIVARIO TRA I SESSI RIMANE AMPIO Tassi percentuali di partecipazione delle forze lavoro a livello mondiale 80

Forza lavoro

60

femminile 1995

40

femminile 2005

20

maschile 1995 maschile 2005

0

Mondo

Economie Europa sviluppate centro-orientale (inclusa Ue) e Cis

Asia Orientale

Sudest asiatico e area del Pacifico

Asia del Sud

America latina Medio Oriente Africa e Caraibi Nord Africa sub-sahariana

numeri

123

Più occupati produttivi ma molti disoccupati

1995 la partecipazione dei giovani al mondo del lavoro è però diA CRESCITA DELL’ECONOMIA MONDIALE ha contribuito alla minuita soprattutto per il prolungarsi della formazione scolastica. creazione di milioni di posti di lavoro in tutte le aree del Le donne sono circa il 40% della forza lavoro mondiale. Se il divaPianeta, portando il numero degli occupati a quota 2,86 rio tra le donne impiegate e gli uomini si è ridotto, il gap rimane miliardi. Ma l’incremento molto consistente della produttività e elevatissimo con il 52% delle donne adulte contro l’81% degli uol’evoluzione demografica ha nel contempo prodotto un incremenmini. Nel corso degli ultimi dieci anto percentuale dei disoccupati: l’anaPRODUTTIVITÀ MONDIALE IN CRESCITA ni, anche grazie all’innovazione teclisi del Fondo Monetario evidenzia, Produzione per lavoratore in dollari, a parità di potere d'acquisto nologica, si è assistito comunque ad infatti, che il rapporto tra popolaziouno degli incrementi più consistenti ne attiva e occupati è così scesa dal Mondo mai registrati nella produttività: nei 62,8% di dieci anni fa all’attuale Economie sviluppate paesi ricchi si è così passati da poco 61,4%. Nello stesso periodo il tasso (inclusa UE) meno di 50 mila dollari per lavoratoglobale dei senza lavoro è così creEuropa centro-orientale e Cis re ad oltre 60 mila dollari. La crescisciuto dal 6% al 6,6% del 2002 per cata della produttività non è stata, ovlare di qualche decimo al 6,3% nel Asia orientale viamente, omogenea: ad un boom 2005. Il numero dei disoccupati lo Sudest asiatico della capacità di produzione per lascorso anno è calato nei paesi ricchi, e area del Pacifico voratore nei paesi ricchi ha corrispodal 7,1 al 6,7%, ma è cresciuto nelle Asia del Sud sto una crescita piatta in Sud Amerinazioni dell’ex blocco sovietico, ragca, Oriente e Nord Africa. Inesorabile giungendo il 13,2%, in Africa e MeAmerica latina e Caraibi il declino dell’occupazione in agridio Oriente. Oriente e Nord Africa coltura, a livello mondiale scesa inQuasi la metà dei senza lavoro 1995 torno al 40% del totale, allo stesso linel Mondo sono giovani tra i 15 e i 2005 Africa sub-sahariana vello dei servizi, cresciuti di cinque 24 anni, anche se questi rappresenpunti, mentre l’industria è rimasta tano soltanto un quarto della popo0 10.000 20.000 50.000 60.000 stabile intorno al 20%. lazione in età lavorativa. Rispetto al

L

FONTE: MACROECONOMIA

cisl

.

|

ANNO 6 N.43

|

OTTOBRE 2006

| valori | 77 |

Mensile Valori n.43 2006  

Mensile di finanza etica, economia sociale e sostenibilità

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you