Issuu on Google+

P ERITI INDUSTRIALI

Venerdì 15 Febbraio 2013

35

Appuntamento a Roma il 19 febbraio. Dai periti industriali le idee per la ripresa

Professional day, è tutto pronto Ordini e casse insieme per aiutare lo sviluppo economico rgogliosi di essere autonomi ma soprattutto di poter svolgere un ruolo sociale e di sussidiarietà, capace di assicurare servizi di qualità ai cittadini che lo Stato non può erogare. Sì, perché i professionisti italiani vengono spesso etichettati come casta mentre si sottovaluta, se non addirittura si dimentica, quel ruolo sociale che i 2.100.000 iscritti agli ordini svolgono a supporto dei cittadini e della pubblica amministrazione. Un ruolo che si concretizza in una serie di proposte per il futuro dell’Italia che riguardano semplificazione del fisco e del lavoro, sicurezza e poi risparmio energetico e tutela ambientale. Sarà declinato quasi tutto sul filo delle proposte, infatti, il Professional day, il meeting delle professioni previsto per il prossimo 19 febbraio a Roma e organizzato da Cup, Pat e Adepp. Perché in un momento storico in cui gli interventi legislativi stanno modificando il sistema nazionale delle professioni, è indispensabile un momento di confronto pubblico sulle prospettive di crescita del Paese e sul ruolo determinante delle professioni. «Non siamo qui a chiederci cosa il Paese può fare per noi», ha spiegato il presidente del Cnpi Giuseppe Jogna, «ma cosa noi che abbiamo fatto della specializzazione e delle conoscenze tecniche il principio ispiratore di ogni

O

I periti industriali per il sistema italia Cosa proponiamo I vantaggi per i cittadini Rottamiamo gli impianti riduzione di oltre 3 mila 500 infortuni all’anno; elettrici incremento del giro d’affari della filiera elettrica di quasi 6 miliardi di euro all’anno; crescita del numero delle imprese installatrici di circa 2 mila 800 unità; aumento dell’occupazione pari a 9 mila addetti; gettito fiscale aggiuntivo di 505 milioni di euro; Sosteniamo il lavoro, 100 milioni di euro stanziati per riqualificare aree urbane riqualifichiamo il territorio o bonificare impianti dismessi ed innescare un circolo virtuoso tra lavoro, sviluppo della produttività e tutela del territorio. At tiviamo il risparmio risparmio di circa 8 miliardi di euro l’anno di importazioni energetico di combustibili fossili; riduzione di circa 55 milioni di tonnellate all’anno l’emissione di CO2; valorizzazione del patrimonio edilizio nazionale; Acquistiamo i BTP per Circa 150 milioni di euro già investiti per l’acquisto di BTp sostenere il Paese Italia, con il fine di sostenere l’economia del Paese C o s t r u i a m o c a s e e d razionaliz zazione di tut ta la documentazione abitazioni più sicure dell’immobile; azione di messa in sicurezza degli edifici. azione, possiamo fare per il Paese. In questo senso le proposte dei periti industriali per lo sviluppo del paese da punto di vista della professione sono essenzialmente tre: la rottamazione degli impianti elettrici, il risparmio energetico e il fascicolo del fabbricato».

a previdenza privata cura e tutela gli interessa dei liberi professionisti, ma il sistema Paese è una grande Rete dove chi si illude di guardare solo al suo orticello ha sbagliato indirizzo». Così Florio Bendinelli, presidente dell’Ente di previdenza periti industriali, foto-

«L

Giuseppe Jogna

Florio Bendinelli

grafa l’impegno della categoria vero la società civile. In quale modo? Gli enti di previdenza sono delle grandi casseforti con il compito di investire i risparmi degli iscritti, accantonati per la loro futura previdenza, proteggendoli dall’inflazione e facendoli fruttare. Dunque, le Casse hanno risorse da investire a lungo termine e la scelta della loro collocazione può caratterizzare un impegno etico verso la società civile. Le due linee direttrici che l’Eppi intende proporre spingono verso la partecipazione a strumenti di investimento finalizzati alla bonifica del territorio riqualificando aree urbane e recuperando edifici dismessi, con il risultato di creare posti di lavoro e innalzare la qualità della vita. D’altro canto, l’acquisto di titoli di Stato (ad oggi nel portafoglio dell’Eppi la quota arriva a circa 150 milioni di euro) coniuga la prudenza dell’investimento con il fornire una mano concreta alla stabilità del Paese. «Proprio alle soglie della tornata elettorale, è bene far notare a tutti che anche la previdenza privata ha fatto la sua parte e la continuerà a fare, senza chiedere a nessuno favori o assegni in bianco». Certo c’è attesa per l’esito del voto e ci si chiede dove possa soffiare il vento del cambiamento: anche per questo è importante partecipare al Professional day.

LE PROPOSTE DELLA CATEGORIA Rottamiamo gli impianti elettrici Tra le proposte dei periti industriali c’è innanzitutto il tema della rottamazione degli impianti. Il dato di partenza è che sono più di 8 milioni (un terzo delle abitazioni totali) le unità abitative nelle quali l’impianto elettrico non è a norma. E ogni anno si registrano più di 241 mila incidenti per cause elettriche. Si è allora provato ad individuare una strategia sostenibile ed efficace per promuovere un piano ad hoc e mettere in sicurezza gli ambienti domestici. Nel modello di simulazione costruito insieme agli esperti del Censis è emerso come un’agevolazione pari al 45% dei costi relativi al rifacimento o miglioramento dell’impianto elettrico possa portare a un serie di benefici: da una riduzione di oltre 3.500 infortuni all’anno a una crescita dell’occupazione del settore pari a 9 mila addetti fino a un gettito fiscale aggiuntivo di 505 milioni di euro.

Sosteniamo il lavoro, riqualifichiamo il territorio La bonifica di impianti dismessi va sicuramente a tutela della qualità del territorio dove tutti abitiamo e lavoriamo. Per questo, l’impegno dell’Ente di previdenza periti industriali è quello di utilizzare una quota delle risorse

previdenziali disponibili per innescare nuovi investimenti a beneficio di opere di valore pubblico e sociale. A novembre 2011 è stato lanciato un Fondo «Green» infrastrutture per la progettazione, il finanziamento e la conduzione di opere pubbliche e private, aprendo la porta anche alle fonti alternative. L’obiettivo è quello di individuare edifici dismessi o aree da riqualificare, lanciare una potente operazione di riprogettazione in cui siano coinvolte le categorie professionali tecniche (ingegneri, geologi, geometri e periti industriali) relative alle Casse di previdenza finanziatrici del Fondo e innescare così un circolo virtuoso.

Attiviamo il risparmio energetico La terza proposta invece punta a rafforzare il piano nazionale per la riduzione dei consumi energetici. Secondo quanto riportato dal Rapporto annuale sull’efficienza energetica dell’Enea l’obiettivo si raggiungerà, tra l’altro, se nel 2020 si sarà registrato un livello di consumi inferiore del 25% rispetto allo scenario di riferimento europeo e se si sarà ottenuto un risparmio di circa 8 miliardi di euro l’anno di importazioni di combustibili fossili. E tenuto conto che buona parte del potenziale di risparmio individuato dall’Enea sono

relativi a interventi da realizzarsi nel residenziale e terziario, diventa essenziale non lasciar decadere al 30 giugno 2013 la norma che prevede (legge 07/08/2012) la detrazione del 55% per le spese per interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

bile alla speculazione. A fine novembre 2011 lo spread toccava i 575 punti, oggi viaggia intorno ai 360.

Costruiamo case e abitazioni più sicure

I periti industriali per primi hanno sperimentato un prototipo di «fascicolo del fabbricato» su un edificio storico. Anche qui sono i numeri a parlare: quasi La Cassa periti industriali ha destinato l’80% delle famiglie italiane possiede un terzo delle sue risorse disponibili in la casa in cui abita. Ma non la chiave titoli di Stato a sostegno della stabilità per conoscerla realmente. Il fascicolo del paese e intende fare da battistrada. del fabbricato rappresenta una straorIl grido di allarme fu dato dal governo dinaria opportunità per dare ai cittaMonti appena insediato che si trovò dini l’effettivo possesso della propria a fronteggiare lo spread alle stelle, il casa, conoscendone finalmente virtù che disincentivava gli investimenti su e difetti e mettendo il proprietario in titoli pubblici con il pericolo di innesca- condizione di intervenire con efficacia re un pericoloso effetto Grecia per il per la sicurezza e la valorizzazione del nostro Paese. Allora come oggi la previ- proprio bene immobiliare. Nascerà così dal basso, attraverso la denza privata intende partecipazione dei citmetterci la faccia: tadini, un’anagrafe iml’acquisto di Btp Itamobiliare finalmente lia ha tranquillizzato aggiornata e online che i mercati, anche per consentirà l’ottimizmerito delle Casse di Pagina a cura zazione dei progetti di previdenza dei profesDELL’UFFICIO STAMPA modernizzazione, come sionisti come l’Eppi DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DELL’ENTE DI PREVIDENZA degli interventi di mesche hanno garantito P ERITI INDUSTRIALI DEI sa in sicurezza sismica una parte del debito pubblico, rendendolo E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI e dei progetti di risparwww.cnpi.it - www.eppi.it mio energetico. quindi meno vulnera-

Acquistiamo i Btp per sostenere il Paese


Periti%20industriali%20su%20Italia%20Oggi%2015_02_2013