Issuu on Google+

E i giovani? Un giovane fino a 30 anni gode di un accantonamento previdenziale agevolato, perché sta avviando la professione ed ha dunque molte spese. In sostanza, nel sistema Eppi un giovane accantona per la futura pensione solo la metà di quanto dovrebbe, con uno sconto del 50% per 5 anni. In più, se il suo reddito nel 2012 è molto basso (meno di 4.750 euro), lo sconto arriva al 70% e accantona la cifra fissa di 313,50 euro. E un pensionato che continua a lavorare? Anche lui è agevolato e accantona solo il 50% di quanto dovrebbe. Va detto che una legge dello stato ha abolito il regime precedente, grazie al quale chi aveva 65 anni poteva scegliere se versare o meno il contributo soggettivo. Da oggi, chi produce reddito, deve destinarne in ogni caso una parte alla pensione.

PER MAGGIORI INFO VAI AL SITO www.eppi.it


agevolazioni%20giovani