Page 61

non può essere subordinato alla produzione destinata all’export. “Aristotele insiste sul fatto che il senso dell’economia è la produzione per il proprio fabbisogno, non quella a fini di lucro. Ma una produzione destinata all’esportazione, secondo il filosofo, non mette in pericolo l’autosostentamento fintanto che i prodotti destinati alla vendita, per esempio il grano o il bestiame, vengono comunque coltivati nell’ambito di un’economia dell’autosussistenza; la vendita delle eccedenze pertanto non deve distruggere la base dell’economia nazionale”. 155 Le tecnologie di oggi consentono di progettare la "civiltà contadina modernizzata", cioè comunità libere perché autonome grazie alla sovranità alimentare ed energetica con fonti alternative e per mezzo dell'economia della sussistenza, la politica delle risorse in maniera razionale. Sembra che non ci sia alcuna differenza fra l’immediato dopoguerra, quando con “emendamenti temporanei” si decise di mettere da parte la legge urbanistica del 1942 con piani di ricostruzione. Ma questa prassi non è particolarità italiana, l’economia dello shock 156, è una strategia per assicurare appalti e favori in deroga alle regole che prevedono maggiore trasparenza. L’idea stessa di “commissariare” pezzi di amministrazione pubblica persegue lo scopo di eliminare la democrazia e questo avviene secondo uno schema preciso, elementare ed efficace: problema-reazionesoluzione. Questo schema è del tutto coincidente col modus operandi delle associazioni per delinquere (mafia, camorra, ‘ndrangheta). Il caso più evidente è stato l’11 settembre 2001 dove si è deciso di demolire tre edifici a New York, dare la colpa a dei fantasmi (terrorismo: problema) ed occupare l’Iraq (reazione) per rubargli il petrolio ed instillare un sistema con Banca centrale per produrre debito pubblico (esportare democrazia: soluzione). Negli USA giornalisti indipendenti hanno pubblicato ed indagato a fondo la vicenda ed è emerso il piano PNAC 157 dei neoconservatori amici di Bush. In Italia c’è stata la “crisi” rifiuti (problema), commissariamento (reazione), termovalorizzatore (soluzione). Le cronache giudiziarie hanno dimostrato che la crisi conveniva all’Impregilo SpA di Romiti e del gruppo Fiat e, che il caos ha favorito anche la nascita di discariche abusive volte ad occultare lo scarico di scorie radioattive nucleari proveniente dal Nord Italia. I media italiani hanno creato un enorme danno economico e di immagine contro i cittadini salernitani, avellinesi e beneventani, perché i giornalisti hanno fatto credere che Napoli e la sua politica coincidesse con la Campania intera, e quindi la criminale gestione governativa ha causato una crisi turistica senza precedenti danneggiando l’immagine di tantissimi piccoli paesi modello di accoglienza e qualità della vita perché i tour operator preoccupati hanno disdetto prenotazioni internazionali. Ancora una volta le SpA del Nord (Impregilo) sono causa di danni con l’aiuto dei politici nazionali e locali (Sindaci). Lo stesso schema si sta perseguendo a livello globale e soprattutto in Europa: crisi finanziaria (problema), crisi occupazionale (reazione), spostare poteri (soluzione): Trattato di Lisbona. Totalitarismo per gradi. Consideriamo la politica dello shock quanto influenzi la sfera emotiva delle persone – clima di incertezza - e quindi stili di vita, capacità di scegliere e di vivere una vita serena. L’elevazione della competitività e della ricerca incondizionata del massimo profitto al rango di criteri fondamentali (e persino monopolistici) di distinzione tra l’agire corretto e scorretto, giusto e sbagliato, è in ultima istanza il fattore responsabile della «paura ambientale» che permea l’esistenza della maggioranza degli uomini e delle donne della nostra epoca, del loro diffuso, forse universale, sentimento di insicurezza. La società non garantisce più, e nemmeno promette, una risposta collettiva alle disgrazie individuali. Agli individui è stata offerta (o, per meglio dire, assegnata) una libertà senza precedenti, ma al prezzo di un’insicurezza altrettanto senza precedenti. E quando c’è l’insicurezza, rimane poco per occuparsi di valori che si innalzino al di sopra del livello delle preoccupazioni quotidiane o, quanto a questo, di qualsiasi cosa che possa durare più di un attimo 155

WUPPERTAL INSTITUT, per un futuro equo, Feltrinelli, 2007 pag. 112 NAOMI KLEIN, shock economy, Rizzoli 2007 157 http://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_per_un_nuovo_secolo_americano 156

57

Profile for Peppe Carpentieri

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Advertisement