Page 51

matematici, fisici e filosofi sono stati programmati per diffondere umanità. La società deve essere amministrata dagli esseri umani. L’agricoltore produce vita, l’economista mangia carta. Un amministratore dovrebbe tener conto di questo: “nei sistemi naturali sani e prosperi è chi si adatta a viver meglio. L’adattamento implica un rapporto di interdipendenza tra l’essere vivente, l’energia e i materiali del luogo in cui si trova a vivere” 143. Questo ragionamento di buon senso poggia sulla consapevolezza di chi siamo, esseri umani. Invece, il manager pensa prioritariamente in termini materialistici e monetari e tale pensiero oggi è parte integrante dell’amministrazione pubblica, come ci insegna Latouche 144, l’economia e la moneta sono invenzioni e pertanto possiamo cambiarle tornando anche a rileggere i consigli di Aristotele che parla di economia per autoconsumo. Maurizio Pallante, co-fondatore del Movimento per la Decrescita Felice, : «una coppia di genitori che, invece di dedicare tutto il proprio tempo lavorativo alla produzione di merci per avere il denaro necessario a pagare degli estranei che si prendano cura dei propri figli, ne impegna una parte per seguirli in prima persona, contribuisce a far decrescere il pil riducendo la propria dipendenza dalla mercificazione e così facendo migliora la qualità della propria vita familiare: ha un reddito monetario inferiore ma risponde in modo più adeguato a un bisogno essenziale per la serenità dei figli e li mette in condizione di trasmettere nelle loro relazioni sociali l’empatia che hanno sperimentato in famiglia. Contribuisce a migliorare il loro benessere individuale e il benessere sociale. Il prodotto interno lordo non è un indicatore insufficiente, è un indicatore sbagliato per misurare il progresso sociale e il benessere. Ogni volta che applicando tecnologie più evolute si aumenta l’efficienza con cui si utilizzano le risorse, si riducono gli sprechi e si allunga la durata degli oggetti, i miglioramenti della qualità della vita che si ottengono comportano una decrescita del pil. Altri miglioramenti derivanti da una decrescita del pil si ottengono sostituendo l’acquisto di alcune merci con l’uso di beni autoprodotti per autoconsumo ogni volta che sia più vantaggioso in termini economici e ambientali. In termini generali, nei paesi industrializzati molti miglioramenti del benessere si possono ottenere esclusivamente con una decrescita selettiva del pil, mentre nei paesi poveri, impropriamente definiti sottosviluppati, molti miglioramenti del benessere si possono ottenere solo se si evita di far crescere il PIL mercificando la produzione agricola e si valorizza l’agricoltura di sussistenza. Una scelta di questo genere apporterebbe, del resto, miglioramenti alla qualità della vita anche nei paesi industrializzati. […] I sette bisogni irrinunciabili dei bambini individuati dai due pediatri sono: 1. Il bisogno di sviluppare costanti relazioni di accudimento; 2. Il bisogno di protezione fisica e sicurezza; 3. Il bisogno di esperienze modellate sulle differenze individuali; 4. Il bisogno di esperienze appropriate al grado di sviluppo; 5. Il bisogno di definire dei limiti, di fornire una struttura e delle aspettative; 6. Il bisogno di comunità stabili e di supporto, e di continuità culturale; 7. Salvaguardare il futuro (di tutti i bambini del mondo, cioè salvaguardare la loro possibilità di sopravvivere e dare alla luce nuove generazioni, ndr.). […] Se si ritiene che il benessere dei bambini dalla vita intrauterina ai 3 anni sia un buon indicatore di riferimento per valutare il benessere e il progresso sociale, se si ritiene che i sette bisogni irrinunciabili dei bambini indicati da Brazelton e Greenspan costituiscano validi indicatori del benessere dei bambini e si adottano adeguate misure legislative per consentire ai genitori di dedicare la maggior parte del loro tempo e delle loro energie a soddisfare quei bisogni, si riduce inevitabilmente il tempo che essi possono dedicare alla produzione di merci. Per migliorare il benessere dei bambini e dei genitori, per migliorare il benessere sociale derivante dal benessere delle famiglie, occorre ridurre il tempo che si dedica alla produzione di merci e aumentare il tempo che si dedica alle relazioni umane.

143 144

WILLIAM MCDONOUGH, MICHAEL BRAUNGART, dalla culla alla culla, Blu edizioni 2003, pag. 116 SERGE LATOUCHE, l’invenzione dell’economia, Arianna editrice

47

Profile for Peppe Carpentieri

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Advertisement