Page 141

uno agevolato ed uno calmierato a seconda dei redditi dichiarati per evitare che i cittadini, costretti dal libero mercato, debbano lasciare la città. Funziona proprio così, nuove case popolari nel centro di Parigi per garantire un giusto prezzo, il Comune deve soddisfare ben 115.000 domande per gli alloggi e l’Assessore competente dichiara di aver soddisfatto 30 mila nuovi alloggi lo scorso mandato mentre consegnerà altri 45 mila nel mandato in corso. L’ultimo anno hanno acquisto altri 12 mila appartamenti da ristrutturare e consegnare. I cassetti degli uffici tecnici comunali sono pieni di progetti sostenibili, di buon senso. L’architetto italiano Paolo Soleri è stato, nel periodo contemporaneo ed industriale, uno dei primi tecnici a progettare e realizzare una città sostenibile: Arcosanti, in Arizona (1970). Nel volume "Arcologia: la città ad immagine d'uomo", Soleri descrive le soluzioni per comprimere e compattare le strutture urbane verso il tridimensionalismo e combattere l'espansione urbana bidimensionale 393. Nel 1962 il Ministro Fiorentino Sullo propose una soluzione radicale sul problema della rendita e del regime dei suoli per evitare la speculazione edilizio, quella proposta fu scartata. In precedenza, Hans Bernoulli pubblicò Die Stadt und ihr Boden (La città e il suolo urbano) nel 1946 denunciando i guasti dovuti alla privatizzazione e all'eccessivo frazionamento dei suoli urbani, proponendo la gestione collettiva del suolo attraverso l'uso generalizzato del diritto di superficie. Il tema della città sostenibile torna di moda, ma la questione non è di natura tecnica, cioè il problema non è saper progettare spazi adeguati e rispettare l’ecologia, ma la questione è di natura politica ed economica. Anziché tutelare paesaggio ed ambiente attraverso la tradizione urbana rinascimentale, l'innovazione tecnologica, la rigenerazione urbana, lo studio della "scienza della sostenibilità", come ad esempio i modelli di Paolo Soleri, accade che i politici locali pianificano speculazioni edilizie firmate anche dalle “archi-star” (usare l’autorità mediatica dei personaggi per manipolare la percezione pubblica). Nel corso degli anni siamo passati dagli “standard minimi quantitativi” 394 a principi di "eco-densità", raramente applicati. Articolo 9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Applicando l'articolo nove della nostra Costituzione possiamo risolvere buona parte dei problemi occupazionali del nostro Paese. Secondo le stime dell'Unesco l'Italia possiede fra il 60 e il 70% dei beni culturali mondiali (rapporto Eurispes 2006), mentre il paesaggio nostrano fu definito il giardino d'Europa395. Pertanto è del tutto ridicolo credere che una Nazione del genere possa ritenersi in crisi o che non ci siano opportunità di lavoro, perché la ricchezza reale circonda i cittadini italiani, forse incapaci di guardare e capire la bellezza che è intorno a loro. Tutti i Governi che si sono succeduti hanno provveduto a smantellare la ricerca per favorire istituti stranieri, e le SpA hanno potuto inquinare siti naturali recando danni biologici e morti per tumori e neoplasie. Per pianificare una politica nazionale sui temi della prevenzione primaria, riduzione del rischio sismico, il riuso, il recupero e la conservazione dei beni culturali è necessario riprendersi la politica monetaria e industriale. Pubbliche amministrazioni, ingegneri strutturisti, architetti, geologi, agronomi, biologi e contadini moderni sanno bene che è necessario tutelare il territorio, ma l'usurpazione della sovranità monetaria, l'invenzione dell'economia del debito ed il sistema di creazione della moneta, l'invenzione della spending review 396, l'artificio mentale dell'efficienza economica, lo spread, le borse telematiche sono maschere ben progettate e propagandate per distrarre i cittadini sui problemi reali della Nazione.

393

http://it.wikipedia.org/wiki/Arcologia D.M. 1444/68 395 JOHANN WOLFGANG GOETHE, Viaggio in Italia 396 revisione della spesa pubblica 394

137

Profile for Peppe Carpentieri

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Qualcosa che non va  

Testo sulla società odierna, com'è e come dovrebbe essere. Analisi, proposte, documenti, inchieste, fatti, opinioni sulla moneta, democrazia...

Advertisement