Issuu on Google+

TrekkingItalia Bologna Corso di Escursionismo

NOZIONI DI PRIMO SOCCORSO Barbara Gamberi Bologna, 3/4/2014 TrekkingItalia, Bologna U.O. Ematologia – R.E.


OBIETTIVI •  Stabilizzare la situazione •  Evitare danni maggiori •  Attesa dei soccorsi

TrekkingItalia, Bologna


NECESSARIO •  Mantenere la calma •  Garantire la sicurezza dell’infortunato •  Garantire i supporti fondamentali

TrekkingItalia, Bologna


NEL DUBBIO: •  Considerare l’infortunato più grave di quanto possa sembrare •  Considerare il semplice “sospetto di lesione” come lesione •  Considerare sempre “gravi” i traumi al cranio ed alla colonna vertebrale TrekkingItalia, Bologna


ESAME - RESPIRAZIONE •  Naso e bocca sono liberi? •  Respira bene da solo? •  Non respira per niente?

TrekkingItalia, Bologna


ESAME - CIRCOLAZIONE •  Il cuore batte? •  Si sentono i polsi?

TrekkingItalia, Bologna


ESAME – STATO DI COSCIENZA •  È sveglio? •  Risponde a tono alle domande? •  Risponde agli stimoli dolorosi? •  Ricorda chi è, dov’è, cosa è successo? TrekkingItalia, Bologna


ESAME – COLONNA VERTEBRALE

•  Può muovere gli arti? •  Ha mantenuto la sensibilità agli arti?

TrekkingItalia, Bologna


ESAME - ARTI •  Ha fratture? •  Gli arti hanno posizioni strane?

TrekkingItalia, Bologna


FERITI GRAVISSIMI •  •  •  •  • 

COME STANNO Incoscienti Respirano male Cianotici Polsi periferici debolissimi o assenti Emorragie gravi

•  •  •  • 

COSA FARE Posizionarli correttamente Iniziare manovre rianimatorie Fermare le emorragie Chiamare i soccorsi

TrekkingItalia, Bologna


FERITI GRAVI •  •  •  •  •  •  • 

COME STANNO Trauma cranico Fratture multiple agli arti Lesioni colonna vertebrale Traumi interni MA Coscienti e collaboranti Respirano bene Polsi apprezzabili

•  •  •  • 

COSA FARE Posizionarli correttamente Iniziare terapia di sostegno Controllare le condizioni del tempo Chiamare i soccorsi TrekkingItalia, Bologna


FERITI LEGGERI •  •  • 

• 

COME STANNO Piccole ferite Contusioni o distorsioni Fratture semplici degli arti E Buone condizioni generali

COSA FARE •  Trattare le lesioni •  Controllare le condizioni del tempo •  Decidere se mezzi propri o soccorsi

TrekkingItalia, Bologna


SPOSTARE •  Solo se indispensabile per la sicurezza o per prestare le cure •  Almeno tre soccorritori mantenendo allineati testacollo-tronco •  Non piegare la colonna vertebrale TrekkingItalia, Bologna


POSIZIONARE •  Area larga, pianeggiante, asciutta e raggiungibile dai soccorsi •  Incosciente e non traumi: posizione di sicurezza per evitare soffocamento da vomito, muco, saliva TrekkingItalia, Bologna


POSIZIONE DI SICUREZZA I

Porsi in ginocchio a fianco del ferito e slacciargli gli abiti. Aprire la bocca e liberarla da qualsiasi cosa. Se possibile porre sotto il capo stoffa, carta o plastica TrekkingItalia, Bologna


POSIZIONE DI SICUREZZA II

Dopo avere esteso il capo, stendere lungo il corpo il braccio del lato in cui ci si trova, quindi piegare il gomito dell’altro braccio in modo che l’avambraccio e la mano si trovino appoggiati sul torace. Piegare verso l’alto il ginocchio del lato opposto a quello in cui ci si trova. TrekkingItalia, Bologna


POSIZIONE DI SICUREZZA III

Afferrare la spalla e il bacino del lato opposto e ruotare il ferito verso di sĂŠ. Se possibile fare sĂŹ che durante la rotazione qualcuno tenga il capo del ferito e segua tale movimento, in modo da evitare inopportuni movimenti del collo. TrekkingItalia, Bologna


POSIZIONE DI SICUREZZA IV

Il braccio esteso è a contatto del terreno e può rimanere sotto il corpo, mentre quello precedentemente piegato sul torace porta la mano sotto la testa. TrekkingItalia, Bologna


TRATTARE •  •  •  •  •  •  •  •  •  •  •  • 

Rianimazione Shock Ferite Emorragie Epistassi Fratture Contusioni e distorsioni Lussazioni Vesciche Fulmini Assideramento Congelamento

•  •  •  •  •  •  •  •  •  • 

Colpo di sole Mal di montagna Congiuntivite Corpo estraneo occhi Eritema solare Punture di insetto Morso di vipera Crampi Soffocamento Annegamento

TrekkingItalia, Bologna


RIANIMAZIONE

•  •  •  • 

Arresto cardiorespiratorio (lesioni cerebrali irreversibili dopo 5’): perdita di conoscenza assenza di battito cardiaco ai polsi pallore cutaneo o cianosi assenza di attività respiratoria I.  Liberare le vie aeree II.  Respirazione artificiale III.  Massaggio cardiaco TrekkingItalia, Bologna


RIANIMAZIONE Liberare le vie aeree •  Sulla schiena •  Stendere bene la testa all’indietro (una mano sostiene la nuca, l’altra, sulla fronte, inclina la testa) •  Spingere in avanti la mandibola •  Con le dita liberare la bocca da vomito, sangue, secrezioni, protesi TrekkingItalia, Bologna


RIANIMAZIONE Respirazione artificiale •  Aprire bene la bocca •  Chiudere il naso con l’altra mano •  Mettere le labbra sulla bocca del paziente (usare una garza) •  Soffiare con forza •  Controllare che il torace si sollevi •  Lasciare che espiri passivamente •  Ogni 4 secondi TrekkingItalia, Bologna


RIANIMAZIONE Massaggio cardiaco •  Superficie rigida •  Inginocchiati di fianco al ferito •  Mettere le mani sovrapposte nel punto indicato dalla figura (dita sollevate) •  Spingere energicamente, aiutandosi con il proprio peso (abbassamento dello sterno di 3-4 cm) •  30 compressioni – 2 insufflazioni •  Ripetere finchè polso e respiro non si ripristinano TrekkingItalia, Bologna


SHOCK Cause: lesioni cerebrali, emorragie, insufficienza cardiaca, perdita di liquidi, avvelenamenti •  •  •  • 

Pallore, cianosi Sudorazione fredda Battito cardiaco accelerato o rallentato Respiro ansimante TrekkingItalia, Bologna


SHOCK •  Mettere il paziente in posizione supina con le gambe alzate se cosciente, in posizione di sicurezza se incosciente •  Garantire la protezione termica •  Eseguire eventuale rianimazione •  Arrestare eventuali emorragie

TrekkingItalia, Bologna


FERITE •  Pulire e lavare con sapone ed acqua corrente •  Disinfettare con clorexidina e fasciare con materiale sterile o comunque pulito •  Antitetanica!

TrekkingItalia, Bologna


EMORRAGIA

TrekkingItalia, Bologna


EMORRAGIE – LEGATURA •  Solo se le misure precedenti non sono state sufficienti •  Solo agli arti (alla radice) •  Materiale largo e morbido (fazzoletto ripiegato) •  Togliere ogni 20 minuti; se vaso ad alta portata allentare solamente TrekkingItalia, Bologna


EPISTASSI •  Seduto con la testa leggermente in avanti •  Impacchi freddi in fronte •  Compressione con pollice e indice per almeno 15’

TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE Considerare il sospetto di frattura come frattura •  Dolore •  Tumefazione •  Deformazione •  Impossibilità a usare la parte interessata TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE •  Non muovere il ferito: soccorsi •  Non fare tentativi di comporre fratture scomposte •  Fratture esposte: arrestare l’emorragia, pulire la ferita, coprirla con tessuto sterile o pulito, tentare un’immobilizzazione TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE - immobilizzazione Bloccare l’articolazione a monte e a valle: •  Imbottire la parte con quello che si ha a disposizione •  Fasciare abbastanza stretto per bloccare il tutto, ma senza interrompere la circolazione (stecche di legno, cartone) •  Fermare la fascia su una parte sana TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE - immobilizzazione

TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE CRANICHE •  Perdita di coscienza duratura •  Perdita di coscienza dopo un periodo di lucidità •  Comparsa di sonnolenza •  Comparsa di vomito •  Asimmetria delle pupille Sempre in ospedale TrekkingItalia, Bologna


FRATTURE VERTEBRALI •  Trauma diretto e/o caduta in piedi •  Dolore alla schiena •  Paralisi non muovere il ferito piano rigido soccorsi TrekkingItalia, Bologna


CONTUSIONI e DISTORSIONI •  Contusioni: traumi a carico delle parti molli senza presenza di ferite cutanee ma con fuoriuscita di sangue all’interno dei tessuti •  Distorsioni: lesioni a carico delle articolazioni da movimenti eccessivi o bruschi TrekkingItalia, Bologna


CONTUSIONI e DISTORSIONI SINTOMI

TERAPIA

dolore tumefazione

impacchi freddi benda elastica

TrekkingItalia, Bologna


LUSSAZIONE •  Spostamento permanente dei capi articolari •  Dolore vivo, deformazione e posizione anomala dell’arto, impossibilità al movimento, posizione di difesa •  Immobilizzazione •  Non ridurre TrekkingItalia, Bologna


VESCICHE •  Disinfezione •  Praticare con un ago infilato con cotone due fori alla base della vescica ed annodare il filo (drenaggio) •  Praticare un po’ di pressione per fare uscire il liquido •  Coprire con un cerotto TrekkingItalia, Bologna


FULMINI •  Ustioni e fibrillazione ventricolare (alterazione del ritmo cardiaco che porta ad arresto) •  Medicazione delle ustioni •  Rianimazione TrekkingItalia, Bologna


ASSIDERAMENTO •  Azione della bassa temperatura su tutto il corpo •  Pallore, raffreddamento periferico, respiro superficiale, polso piccolo, intorpidimento progressivo, sonnolenza

TrekkingItalia, Bologna


ASSIDERAMENTO •  •  •  •  • 

Mantenere sveglio l’infortunato Non somministrare bevande alcooliche Non sfregare la pelle Trasportarlo in ambiente riparato e poi riscaldato Riscaldare lentamente e gradualmente il corpo, in primo luogo il petto, con coperte, sacco a pelo con un soccorritore, impacchi, foglio alluminio, vasca da bagno •  Se cosciente: bevande calde e zuccherine TrekkingItalia, Bologna


CONGELAMENTO •  Azione della bassa temperatura su parti circoscritte del corpo (arti, mani, piedi, orecchie, naso) •  Indumenti e scarpe strette possono contribuire al fenomeno TrekkingItalia, Bologna


CONGELAMENTO •  •  •  •  • 

Non massaggiare Non applicare polveri o pomate Non fare camminare se arti inferiori Eliminare indumenti stretti o umidi Riscaldare lentamente la parte congelata con impacchi a temperatura crescente (da 38 a 42°) •  Se vesciche o piaghe, coprire con compresse e fasciare senza stringere TrekkingItalia, Bologna


COLPO DI SOLE •  Esposizione + sforzo + abbigliamento non traspirante •  Malessere generale, stanchezza, nausea, dolori addominali •  Trasportare il paziente all’ombra, capo rialzato, busto eretto, raffreddare lentamente il corpo •  Spugnature di acqua fredda a inguine ed ascelle •  Bevande a temperatura ambiente TrekkingItalia, Bologna


MAL DI MONTAGNA •  Già intorno ai 2800-3000 m •  Soste a quote intermedie (2-4 giorni a 1800 e 2400 m) •  Salire lentamente al di sopra dei 3000 m (3-400 m al dì fino a 5000 m, poi 150-200 m al dì) •  Nausea, inappetenza, cefalea, difficoltà respiratoria, tosse, vomito, perdita di equilibrio, torpore, perdita di conoscenza •  Scendere di quota, diuretici, camere iperbariche portatili TrekkingItalia, Bologna


CONGIUNTIVITE •  Puntini rossi, reticolo vascolare, palpebre tumefatte, lacrimazione dolore, sensazione di sabbia •  Occhiali scuri •  Collirio (Xantervit) •  Bendaggio con garze

TrekkingItalia, Bologna


CORPO ESTRANEO OCCHI •  Non strofinare l’occhio per evitare lesioni irreparabili •  Lavaggio dell’occhio versando acqua nell’angolo interno, invitando l’infortunato a sbattere più volte le palpebre •  Protezione con garza sterile •  Specialista TrekkingItalia, Bologna


PUNTURE D’INSETTO •  Pericolose se occhi, lingua e gola o se soggetti allergici (shock anafilattico) •  Rimuovere il pungiglione con pinzette; acqua ossigenata, ammoniaca, ghiaccio •  In bocca: gargarismi con acqua salata (2 cucchiaini di sale fino per bicchiere d’acqua), ghiaccio TrekkingItalia, Bologna


PUNTURA DI ZECCA: estrazione •  Rare le zecche infette •  Probabilità di infezione bassa se rimossa entro 36-48 ore •  Afferrare l’insetto con una pinza ed estrarla completamente tirando verso l’alto con un leggero movimento rotatorio •  Se rimane nella cute il rostro va estratto con un ago sterile •  Disinfezione locale TrekkingItalia, Bologna


PUNTURA DI ZECCA: osservazione •  Comparsa di eritema migrante (30-40 giorni) •  Febbre, stanchezza, cefalea, ingrossamento linfonodale, artrite acuta •  Non terapia antibiotica profilattica •  Se è necessario instaurare una terapia antibiotica per altri motivi, informare il medico dell’avvenuta puntura (amoxicillina per 21 giorni) TrekkingItalia, Bologna


ERITEMA SOLARE •  Arrossamento, dolorabilità, vesciche, ulcerazioni •  Crema al cortisone (Nerisona) •  Se ulcerazioni pomate antibiotiche + cortisone (Gentalyn beta)

TrekkingItalia, Bologna


VIPERA •  La quantità di veleno iniettato con un morso e circa la metà della quantità che può provocare la morte di un adulto •  I sintomi si avvertono dopo circa 30’ e diventano gravi oltre le 2 ore •  Siero: frigorifero, endovena, shock anafilattico TrekkingItalia, Bologna


VIPERA •  Paziente sdraiato; evitare movimenti ed affaticamento •  Chiamare i soccorsi •  Incidere la ferita aspirando il sangue con siringa aspira veleno (mai succhiare) •  Lavare la ferita con acqua (non alcool né ghiaccio) •  Laccio moderatamente stretto 4 cm a monte •  Allentare per qualche minuto ogni 20-30’ e riapplicare un po’ più a monte •  Non somministrare alcoolici •  Trasportare il paziente senza farlo camminare TrekkingItalia, Bologna


CRAMPI •  Squilibrio elettrolitico da perdita di Sali •  Polase 1-2 buste al dì •  Brodo di carne o di dado

TrekkingItalia, Bologna


SOFFOCAMENTO •  Indurre il soggetto a tossire •  Percussione del dorso •  Menovra di Heimlich: porsi dietro al soggetto, applicare una mano stretta a pugno sotto la gabbia toracica a livello epigastrico e premerla con l’altra mano, applicando spinte veloci e ripetute verso l’alto TrekkingItalia, Bologna


ANNEGAMENTO •  •  •  • 

Valutare coscienza, respiro e polso Assicurare la pervietà delle vie aeree Eventuale rianimazione Trattare l’eventuale ipotermia

TrekkingItalia, Bologna


KIT PRONTO SOCCORSO •  •  •  •  •  •  •  • 

Cerotto telato (2 cm) Cerotti assortiti Compeed Benda elastica Benda di garza Compresse di garza sterile Forbici Coperta termica di alluminio •  Salviette disinfettanti •  Crema protettiva per il sole •  Collirio

• Ammoniaca • Bisturi • Siringa aspiraveleno

TrekkingItalia, Bologna


KIT PRONTO SOCCORSO per uscite di più giorni •  •  •  •  •  • 

Novalgina gtt, tachipirina cpr (dolore, febbre) Buscopan cpr (coliche addominali) Plasil cpr (vomito) Augmentin (infezioni) Imodium compresse (diarrea) Legederm o Polaramin crema (punture di insetti) •  Steroidi (in caso di soggetti allergici) TrekkingItalia, Bologna


AMUKINA Pura 5%

Ferite, ustioni, disinfezione 4 cucchiai/1 litro Impacchi di di acqua piaghe e ustioni

1,5%

1 cucchiaio/1 litro di acqua

Frutta ed alimenti

0,01%

1 goccia/1 litro di Potabilizzazione acqua dell’acqua TrekkingItalia, Bologna


CHIAMARE I SOCCORSI •  Numero di telefono da cui si chiama •  Esatta località (provincia, comune, punti di riferimento: baita, lago, passo, rifugio) •  Quota (se altimetro tarato) •  Cosa è visibile dall’alto (pendio, bosco,cima) •  Rispondere con calma e precisione (difficoltà respiratoria, stato di coscienza, emorragie) •  Quando è successo l’incidente TrekkingItalia, Bologna


CHIAMARE I SOCCORSI •  •  •  •  •  •  •  • 

Numero delle persone coinvolte Fornire le proprie generalità Esatta posizione del ferito Tempo di percorrenza a piedi Condizioni del terreno Presenza di vento Condizioni di visibilità Presenza di linee elettriche, funivie, teleferiche TrekkingItalia, Bologna


ALIMENTAZIONE •  Alimenti calorici: glucidi, lipidi, proteine

•  Alimenti non calorici: vitamine, sali minerali, acqua TrekkingItalia, Bologna


GLUCIDI •  Quasi esclusivamente vegetali (patate, cereali, barbabietole, frutta •  4kcal/gr •  Attività motoria inferiore ai 20 minuti e di intensità medio-elevata •  Mai esaurire le scorte

TrekkingItalia, Bologna


LIPIDI •  vegetali (olio) ed animali (burro, strutto)a •  9 kcal/gr •  Attività motoria superiore ai 20 minuti e di intensità medio-bassa

TrekkingItalia, Bologna


PROTEINE •  vegetali (legumi) ed animali (carne, pesce) •  4 kcal/gr •  Funzione strutturale ma utilizzate anche per la contrazione muscolare

TrekkingItalia, Bologna


ALIMENTI NON CALORICI •  Vitamine: attive in minima quantità; crescita ed attività cellulari •  Sali minerali: calcio, fosforo, potassio, sodio, ferro, iodio, magnesio •  Acqua: 60% della massa corporea; rapido e imponente riciclo giornaliero (2-3 litri al giorno) TrekkingItalia, Bologna


FABBISOGNO ENERGETICO •  1900-3500 kcal al dì •  Circa 2000 per la donna e 2300 per l’uomo •  Variazioni per fattori individuali (età, sesso, struttura corporea, situazione psico-fisica, livello di attività fisica, particolari patologie) ed esterni (temperatura, umidità, ambiente) TrekkingItalia, Bologna


RIPARTIZIONE CALORIE •  Glucidi: 55-60% •  Lipidi 20-30% •  Protidi 20-30%

•  •  •  • 

Colazione 20% Spuntini 10% Pranzo 40% Cena 30%

TrekkingItalia, Bologna


PASTI PRINCIPALI •  Primo piatto, verdura, frutta •  Nella settimana: 4 volte carne, pesce, legumi una volta formaggio e uova

TrekkingItalia, Bologna


GIORNI PRECEDENTI L’ESCURSIONE

•  Carboidrati complessi: pasta, riso, patate, pane •  Buona idratazione: 2-2,5 litri al dì

TrekkingItalia, Bologna


COLAZIONE •  Alimenti a basso indice glicemico, che determinano un lieve innalzamento della glicemia, in modo da evitare un’ipoglicemia di rimbalzo •  Mele, pere, pesche, latte, cioccolato fondente, arachidi, fruttosio TrekkingItalia, Bologna


DURANTE L’ESCURSIONE •  •  •  • 

Frutta fresca e secca Cioccolata Barrette e compresse energetiche Liquidi zuccherati addizionate in carboidrati ed elettroliti •  Bevande a 5-15° in estate, calde in inverno •  Bere da 150 a 250 ml ogni 10-20’ per un totale di 600-800 ml/ora TrekkingItalia, Bologna


ALLA META •  •  •  • 

Integrare i carboidrati Poche proteine (più lunghe da digerire) Frutta Bevande calde

TrekkingItalia, Bologna


DOPO L’ESCURSIONE •  Glucidi ad elevato indice glicemico: riso, patate, pane, uva, banane, miele, carote, cornflakes •  Minestrone (liquidi e minerali)

TrekkingItalia, Bologna


Prontosoccorso 2014