Issuu on Google+

Al Sindaco Assessore Bilancio Consiglieri Comunali Gruppo Consiliare

.

Oggetto: false od errate comunicazioni al Consiglio Comunale

I sottoscritti consiglieri comunali, viste le comunicazioni fatte dall’assessore al bilancio e da altri componenti della giunta, nel Consiglio Comunale del 28 luglio 2010 relativamente alla 2° variazione di bilancio e nel Consiglio del 24 settembre relativamente alla 3° variazione di bilancio; constatato che le medesime non corrispondono alla realtà, ma sono palesemente errate e non corrispondenti agli atti amministrativi depositati presso il comune; esprimono tutto il loro disappunto e la loro disapprovazione per la superficialità con cui si gestiscono le risorse della nostra comunità; ritengono che gli assessori che hanno effettuato queste errate comunicazioni al Consiglio debbano motivare per iscritto cosa li abbia indotti nell’errore e, contestualmente, chiedere scusa al Consiglio Comunale, che si è trovato a deliberare importanti variazioni di bilancio sulla base di informazioni errate e non complete. Ciò anche in considerazione della circostanza per la quale se, nel primo caso, si è rimediato all’errore con una ulteriore variazione correttiva di bilancio, nel secondo caso si sono utilizzati, a finanziamento di un’opera, i soldi dei cittadini invece di utilizzare contributi da tempo esigibili e derivanti da un accordo unilaterale sottoscritto da una azienda. Pur nella diversità di opinioni e di scelte politiche, non si può prescindere da una corretta amministrazione e da una corretta informazione; i rapporti fra maggioranza e opposizione devono basarsi su una reciproca fiducia. Da parte nostra, fino ad oggi, questa non è mai venuta meno, abbiamo sempre ritenuto che le risposte alle nostre domande fossero tecnicamente corrette e fondate: se, ad esempio, assessori e/o sindaco ci dicono che le opere di illuminazione sono a carico del comune perché così è previsto dagli accordi stipulati con la provincia, noi ci crediamo. Non ci sembra concepibile scoprire, dopo mesi, che quanto affermato dagli amministratori non corrisponda a quanto riportato negli atti, e tanto meno ci pare corretto scoprirlo a seguito di un’altra variazione di bilancio. Questo fatto, pur essendo un gravissimo errore ed una imperdonabile negligenza – soprattutto perché ci pone nel dubbio di quante altre volte sia accaduto o possa accadere - una volta appreso e verificato che non ci fosse danno per i cittadini, lo abbiamo archiviato, raccomandandoVi solo maggior attenzione. Ciò è segno di una opposizione responsabile e paziente.


Con il ripetersi dell’errore - ovvero una ulteriore, palese, disattenzione nella lettura degli accordi (vogliamo sperare e credere che non vi sia dolo), che ci ha fatto utilizzare 300.000€ di avanzo di amministrazione (soldi dei cittadini), a copertura di un’opera già da noi ritenuta inutile ma comunque a carico di altri - questa pazienza, così come la fiducia, si è quasi completamente esaurita. Ci aspettiamo quindi da Voi una risposta scritta ed esaustiva, oltre che le dovute scuse al Consiglio Comunale, perché tutti i consiglieri sono stati tratti in inganno dalle suddette errate comunicazioni. Vorremmo poter continuare a credere che le Vostre risposte alle nostre domande non siano di fantasia ma verificate e basate su atti amministrativi concreti. Cogliamo l’occasione per augurarVi buon lavoro e porgere distinti saluti I Consiglieri Comunali della Lista Civica “San Zeno è di tutti”


Tratto dal verbale N. 11 C.C. del 28 luglio 2010, 2 variazione di bilancio spese verbale Sentito il Consigliere Comunale Frisoni Giuseppe, Assessore alle Politiche Finanziarie e Bilancio, il quale procede all’illustrazione delle variazioni e, ………..€ 60.000,00 per ampliamento e manutenzione straordinaria impianto illuminazione pubblica, con particolare riferimento agli impianti delle due rotonde. Odelli Fabio – pur dichiarandosi d’accordo con la tecnologia led non riesce a comprendere perché l’illuminazione non sia stata prevista nel progetto; Serana Vincenzo – Consigliere Comunale della Lista “Con Noi per San Zeno” ed Assessore all’Urbanistica, Edilizia Pubblica e Privata, Infrastrutture e viabilità - specifica che nella variante del 2004, con riferimento alle rotatorie, è stato previsto che il verde e l’illuminazione fossero a carico del Comune; Serpelloni Angiolino – Sindaco-Presidente – sottolinea che per la rotatoria nei pressi dell’Agricar, la Provincia aveva richiesto la compartecipazione dei Comuni di Borgosatollo, San Zeno Naviglio e del Comune di Brescia, di fatto la predetta compartecipazione, oltre che da San Zeno, si è avuta solo da parte del Comune di Brescia e, per tanto, variando il costo complessivo a carico dei compartecipanti, si è giunti all’accordo che il verde e l’illuminazione rimanesse a carico del Comune;

Tratto dal verbale N. 30 C.C. del 24 novembre 2010 Il Consigliere Comunale Odelli chiede informazioni sullo stanziamento di meno € 20.000,00 sull’illuminazione pubblica; Il Vice Sindaco, Bertelli Omar, nella sua qualità di Assessore delegato ai servizi tecnologici e manutenzioni, fa presente che erano stati previsti per la rotatoria, ma in realtà i lavori sono di competenza della Provincia. Informa che alcune vie del paese verranno illuminate con lampade a risparmio energetico; Il Consigliere Comunale Molteni fa rilevare che in altre occasioni l’Assessore competente aveva detto che in convenzione era previsto che il costo dell’illuminazione era a carico del Comune; L’Assessore Serana, con delega al territorio, fa presente che è stato riletto l’accordo di programma e sentita la Provincia, la quale ha confermato la competenza ad eseguire le opere con i relativi costi;

Verbale N.17 del cc del 24 settembre 2010 L'Assessore Frisoni inizia la sua relazione, precisando che verrà realizzata la rotatoria di San Zeno 2 con l'avanzo di amministrazione dell'anno 2009 … Il Consigliere comunale Odelli chiede se la convenzione della DUFERDOFIN prevede il pagamento successivo alla realizzazione dell'opera; L’Assessore Frisoni chiede all'Assessore Serana un aiuto tecnico per fornire spiegazioni; L'Assessore Serana precisa che si tratta solo di un atto unilaterale d’obbligo con il quale la DUFERDOFIN si impegna a versare il contributo previsto, solo dopo la realizzazione delle


opere di viabilità.

Tratto dall’atto unilaterale d’obbligo 4) La somma verrà versata in un'unica soluzione .a semplice richiesta dell' Amministrazione Comunale e comunque non appena l’ eventuale disciplina urbanistica diverrà definitiva a seguito della conclusione dell' iter di approvazione dello strumento urbanistico secondo le procedure di legge.


San Zeno è di tutti - CC 28 aprile 2011 segnalazione comunicazioni errate assessori