Page 1

SCUOLA MEDIA STATALE “ GOFFREDO PETRASSI” RMMM514007 Distretto 028

P.O.F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA a. s. 2011-2012

DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Maria Fani Capella Tel/Fax 06 3292909 rmmm514007@istruzione.it

http://www.smsgoffredopetrassi.it rmmm514007@pec.istruzione.it

1


ORGANIGRAMMA

DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Maria Fani Capella

VICARIO

Prof.ssa Rita Pecorari

2째 COLLABORATORE

Prof.ssa Patrizia Cuppari

FUNZIONI STRUMENTALI

DIRETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI

Prof.ssa De Rosa Adele Prof.ssa Ferro Rita Prof.ssa Ligi Olga Prof.ssa Battelli M.Cristina De Iuliis F. Prof.ssa Viarengo Loretta

Sig. Guadagni Tania

2


CHE COSA E’ IL P.O.F - PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA Il POF costituisce lo strumento attraverso il quale l’istituzione scolastica rende trasparente, leggibile e verificabile ciò che fa e perché e rappresenta il progetto formativo dell’intera scuola. Obiettivo primario è rispettare le caratteristiche di ciascun alunno, valorizzandone le diversità, garantire il conseguimento di determinati livelli minimi standard di istruzione e formazione e sperimentare modalità didattico-organizzative flessibili. ♦ LA NOSTRA STORIA Nel 2000/2001, a seguito del dimensionamento previsto dall’autonomia scolastica, le due scuole medie delle zone Vigna Clara e Collina Fleming, precisamente ‹Don Orione› e ‹F.S.Nitti›, si sono fuse, assumendo provvisoriamente una denominazione che corrisponde alla via dove è ubicata la sede centrale, “ Via della Maratona, 23”. Nel 2009/2010 la scuola ha assunto il nome di “Goffredo Petrassi”, musicista di fama internazionale a richiamare la particolare attenzione dedicata ai percorsi musicali. ♦ IL CONTESTO IN CUI OPERA LA SCUOLA Gli alunni iscritti nell’a.s. 2011-2012 ammontano a 935 e provengono da scuole sia pubbliche che private del quartiere e delle zone limitrofe: Flaminio, Ponte Milvio, Vigna Clara, Fleming, Cassia, Labaro, Prima Porta. Sono distribuiti in 43 classi : 25 in Via della Maratona, 23 e 18 in Via F.S. Nitti, 61. Il contesto socioculturale è generalmente medio-alto, ma molto variegato e complesso. La maggior parte degli alunni ottiene un rendimento soddisfacente, raggiunge buoni risultati e nutre elevate aspettative nei confronti del proseguimento degli studi: dall’analisi delle iscrizioni alle scuole di 2° grado risulta, infatti, che il 90% prosegue nei licei, il 7% negli Istituti tecnici, il 3% negli Istituti professionali. La dispersione è pari a zero. Nella scuola sono inseriti positivamente alunni con difficoltà di apprendimento o con carenze nell’alfabetizzazione della lingua italiana, con handicap psicofisici o con situazioni di disagio sociale. Le famiglie rappresentano un anello fondamentale nella catena formativa, collaborando con la scuola sia sul piano professionale che culturale. 3


In relazione allo stile di vita del quartiere la scuola utilizza le opportunità offerte dall’Autonomia per rispondere con maggior efficacia alle esigenze formative dei singoli alunni e organizzare un efficace tempo scuola distribuito su cinque giorni ormai in maniera generalizzata, e si offre come centro di aggregazione nell’ambito dello sport e della musica per i ragazzi in un territorio ancora carente di strutture adeguate. Nella elaborazione dell’offerta formativa viene proposto il seguente modello:

GLI INDIRIZZI

BASE

MUSICALE

30 ore

32 ore

settimanali

settimanali

4


SCANSIONE ORARIA SETTIMANALE Materie di insegnamento

Indirizzo base

Indirizzo musicale

Italiano – Storia- Geografia

10

10

Matematica e scienze

6

6

Lingua inglese

3

3

Lingua francese / spagnolo

2

2

Tecnologia

2

2

Arte e Immagine

2

2

Musica

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

Religione cattolica

1

1

Solfeggio

1

Strumento musicale

1

Totale

30

32

5


♦ BISOGNI FORMATIVI Sono stati evidenziati i seguenti bisogni formativi degli alunni: • essere accolti e integrati valorizzando le diversità • essere aiutati a gestire il proprio processo di crescita • sviluppare conoscenze e abilità per una consapevole interazione con la realtà • essere guidati personalmente nel processo di apprendimento/insegnamento • essere orientati nelle scelte scolastiche successive ♦ OBIETTIVI FORMATIVI Il Piano dell’Offerta Formativa della SMS “ G. Petrassi” in riferimento ai bisogni degli alunni pone come traguardo il raggiungimento di competenze trasversali e disciplinari, così come fissato negli accordi di Lisbona e nel Documento Tecnico allegato al decreto 22 agosto 2007. In particolare la scuola si concentra sui seguenti obiettivi • Sviluppo delle conoscenze e delle relative abilità in funzione del raggiungimento di competenze • Sviluppo delle tre competenze fondamentali condivise a livello europeo: Imparare ad imparare, Comprendere e comunicare, Risolvere problemi. ♦ STRATEGIE FORMATIVE La scuola si prefigge di realizzare le finalità formative generali attraverso: • Unità dei Saperi • Interdisciplinarietà • Laboratori Recupero, Consolidamento, Potenziamento, con particolare attenzione agli stranieri e al superamento dello svantaggio • Continuità tra ordini di scuole • Rendere l’alunno protagonista del processo di apprendimento • Il gruppo dei pari (compagni) costruttore di conoscenze condivise ( cooperative learning) • Docente nel ruolo di facilitatore La scuola si avvale di tutte le risorse disponibili: 1. collaborazione delle famiglie rispetto a: • conoscenza dell’alunno e dei suoi bisogni 6


• coinvolgimento nelle proposte di percorsi volti al successo formativo degli alunni • consapevolezza dell’organizzazione della scuola e dell’attuazione delle proposte formative 2. competenza dei docenti, rafforzata da aggiornamenti periodici 3. utilizzo di reti tra scuole e di Enti presenti nel territorio ♦ CRITERI DI VALUTAZIONE La valutazione è intesa come acquisizione di consapevolezza del processo formativo In base a quanto introdotto in materia di valutazione dal D.L.137 del 1 Settembre 2008 la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite sarà espressa in decimi e secondo i criteri sotto riportati. CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Comportamento Facendo riferimento anche al Regolamento di Istituto, le regole convenute sia nell’ambiente scolastico che durante le uscite didattiche, sono: • Rispettare tutto il personale della scuola • Rispettare i compagni, collaborare ed imparare ad apprezzare e valorizzare le differenze personali, etniche, culturali, religiose, sociali • Utilizzare in modo corretto strutture e sussidi della scuola Impegno Nella realizzazione degli obiettivi disciplinari/interdisciplinari proposti, l’alunno/a deve: • collaborare con i compagni e gli adulti; • studiare ed eseguire con regolarità i compiti assegnati; • rispettare i tempi delle consegne • portare il materiale e averne cura

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE In relazione al conseguimento delle competenze trasversali, ovvero imparare ad imparare, comprendere e comunicare, risolvere i problemi,i criteri stabiliti sono: • Comprendere i linguaggi specifici delle discipline • Organizzare e applicare le conoscenze, collegandole tra loro • Acquisire consapevolezza del proprio percorso di apprendimento

7


PARTE II - OFFERTA FORMATIVA Alla luce dei bisogni e delle realtà sopra individuate, il P.O.F. della nostra scuola individua alcune aree fondamentali di intervento:

Supporto agli Alunni (Disagio e disabilità)

Orientamento e continuità

Attività laboratoriali

AREE Lingue straniere Sport

Musica

8


I NOSTRI PROGETTI: Supporto agli Alunni

 Potenziamento matematico-scientifico Kangourou di Matematica Il progetto mira a promuovere l’interesse per l’area matematico-logica e vedrà impegnati gli studenti delle classi seconde e terze selezionati dai docenti di matematica in base alle competenze disciplinari acquisite. Gli alunni parteciperanno a una gara nazionale di test matematici.  Matematica e Sport Il progetto consiste in una manifestazione che coinvolge i ragazzi in attività sportive mediate dalla matematica. Lo scopo è quello di far riflettere e dimostrare in quante situazioni reali si possano applicare le leggi matematiche conosciute e studiate in ambito scolastico.

 Alfabetizzazione stranieri Il progetto è finalizzato all’alfabetizzazione degli alunni stranieri extracomunitari completamente o parzialmente privi della conoscenza della lingua italiana. Vengono offerte lezioni di italiano in orario curricolare con testi e materiali specifici.

 Interventi su classi con alunni diversamente abili Il progetto è finalizzato a promuovere e migliorare l’integrazione tra gli alunni e arricchirne il percorso didattico e formativo con l’offerta di ore aggiuntive di didattica mirata.  Sportello di ascolto – consulenza psicologica Il progetto si realizza con l’obiettivo di offrire un luogo “protetto” dove poter esprimere i disagi adolescenziali migliorando la qualità della vita di relazione. Gli incontri avvengono con il consenso delle famiglie e su richiesta degli alunni.

9


 Educazione alla mondialità e Intercultura Un articolato insieme di interventi formativi, volti a promuovere il confronto e l’integrazione con diverse culture e promuovere la solidarietà (Intercultura, Percorso di solidarietà con l’Ass. Sulla Strada, Educazione al mercato equo e solidale)

 Educazione alla salute (classi terze) Il progetto è volto alla prevenzione dell’uso di droghe, fumo e alcool con interventi di personale specializzato.  Educazione alimentare – Sapere i sapori (classi seconde) Un percorso di lavoro in cui si alternano momenti teorici e momenti operativi, finalizzati all’acquisizione di corretti comportamenti alimentari e alla prevenzione dei disturbi alimentari e dell’obesità. Il Progetto “ Comunicazione ed educazione alimentare” è gestito dall’IRRE LAZIO e si pone l’obiettivo di avviare i ragazzi, ad una consapevole, corretta ed equilibrata alimentazione al fine di migliorare la vita del singolo e della collettività.  Educazione ambientale –Effetto natura (classi prime) -Cum grano salis (classi seconde) Vengono svolte numerose iniziative, sia a livello di singole discipline che interdisciplinari, con l’obiettivo di ampliare la conoscenza della natura, dei parchi, della biodiversità e dei problemi di gestione energia/rifiuti.

Lingue straniere

 Preparazione al conseguimento di certificazioni europee per la lingua inglese (Ket e Pet), per la lingua francese (Delf) e per la lingua spagnola (Dele) Il progetto vuole promuovere l’interesse per le lingue e valorizzare le eccellenze attraverso esami di standard europeo. Vedrà impegnati gli studenti delle classi seconde e terze selezionati dai docenti di lingua, in base alle competenze linguistiche. Gli alunni frequenteranno un corso gratuito di preparazione all’esame in orario extra curriculare. L’esame finale sarà tenuto dagli Enti Certificatori (University of Cambridge, Saint Louis de France e Cervantes ) e conferirà un titolo linguistico riconosciuto a livello europeo sia in ambito accademico che professionale. 10


 Global partner’s junior Il progetto on line in lingua inglese, organizzato dalla New York City Commission for United Nations, coinvolgerà alcune classi della scuola. Gli alunni utilizzeranno i supporti informatici della scuola (Laboratorio informatico) per condividere in rete i loro elaborati e mettersi in contatto con gli alunni delle altre scuole nel mondo che hanno aderito al progetto.

 Madrelingua Il docente in classe verrà affiancato da un insegnante qualificato di madrelingua inglese per alcune ore in tutte le classi, con l’obiettivo di sviluppare la motivazione e potenziare le abilità audio-orali degli alunni.

 Handmade English-Just swap or drop Alcune classi aderiscono ad un percorso didattico specifico che mira all’acquisizione e all’uso dei diversi tempi della lingua inglese. Questo metodo ha ottenuto il riconoscimento Label 2009 dalla Commissione Europea.

 Teatro in lingua straniera Gli alunni parteciperanno a spettacoli teatrali/musicali nelle lingue straniere studiate seguiti da workshop/laboratori linguistici tenuti dagli stessi attori.

 Francophonie Il progetto, rivolto alle classi terze, prevede incontri con musicisti e danzatori del Senegal al fine di conoscere una cultura e un paese di lingua francese. L’attività svolta in lingua, terminerà con la realizzazione di uno spettacolo teatrale il cui testo verrà scritto dagli alunni.

Musica

 Orchestra Il progetto, è volto a valorizzare il percorso musicale triennale degli alunni e si propone il potenziamento della lettura musicale, dell’intonazione, del senso ritmico. Intende inoltre migliorare la capacità degli alunni di suonare con gli altri e di controllare le proprie emozioni anche in previsione della partecipazione a concorsi musicali interni ed esterni. 11


 Laboratorio musicale con le Scuole Elementari  La scuola media da anni ha instaurato un rapporto con gli alunni della scuola elementare attraverso un percorso musicale comune e condiviso, articolato in specifici interventi.

 Coro Viene creato un gruppo corale in orario pomeridiano diretto da docenti della scuola.

Sport

 Attività sportive. Avviamento alla pratica sportiva tramite esperienze vissute nell’ambito motorio, sotto forma di giochi, competizioni ed acquisizione di tecniche sportive specifiche, al fine di promuovere nell’alunno un interesse a determinate discipline sportive piu’ congeniali alle proprie potenzialità.

Attività extrascolastiche e facoltative Per rafforzare l’offerta formativa della scuola saranno promosse le seguenti attività: • Corsi pomeridiani di lingua inglese tenuti da insegnanti di madre lingua qualificati • Settimane estive di attività e giochi curati da animatori inglesi o americani. • Viaggi-studio in Inghilterra e in Spagna proposti dalle insegnanti di lingua inglese e Spagnolo della scuola, durante il periodo estivo. • Laboratorio teatrale pomeridiano

12


♦ PIANO DI AGGIORNAMENTO Nel corso dell’anno scolastico i docenti partecipano in modo individuale a corsi di aggiornamento specifici sulle varie discipline, a corsi su tematiche relative alle innovazioni organizzative e a corsi collettivi organizzati dalla scuola stessa o da scuole del distretto su tematiche rivolte ai problemi adolescenziali. In particolare quest’anno si è affrontato il problema dei disturbi specifici dell’apprendimento con una serie di incontri tenuti da psicologi e specialisti dell’Associazione Italiana Dislessia per applicare la Legge 170/10 in favore degli alunni DSA. PARTE III – ORGANIZZAZIONE DIRIGENTE SCOLASTICO Il Dirigente Scolastico, Prof.ssa Maria Fani Capella,in caso di impedimento o contemporaneità di espletamento di funzioni, viene sostituito dai collaboratori, Prof.ssa Rita Pecorari ( vicario ) e Prof.ssa Patrizia Cuppari ( 2° collaboratore ). FUNZIONI STRUMENTALI Per la realizzazione didattica e organizzativa di quanto elaborato, si sono individuate le funzioni strumentali che collaborano in stretto rapporto con il Dirigente Scolastico e con i docenti per i singoli progetti e commissioni: Prof.ssaAdele De Rosa –DISAGIO E DISABILITA’ Prof.ssa Olga Ligi –LINGUE STRANIERE Prof.Rita Ferro - ORIENTAMENTO E CONTINUITA’ Prof.ssa Loretta Viarengo - POF Prof. M.Cristina Battelli e Filippo De Iuliis - NUOVE TECNOLOGIE DOCENTI N. 96 SEGRETERIA: - Dirigente Servizi Generali Amministrativi: Dott.ssa Tania Guadagni - Assistenti Amministrativi: n.5 COLLABORATORI SCOLASTICI: N. 11 ORGANI COLLEGIALI: Consiglio d’Istituto (rinnovato nell’a.s. 2009-2010) Collegio dei Docenti Consigli di classe R.S.U. : Rappresentanza Sindacale Unitaria – E’ un organismo di rappresentanza sindacale del personale d’Istituto. 13


PARTE IV – SERVIZI AMMINISTRATIVI ORARIO DI APERTURA DELLA SEGRETERIA La segreteria riceve nei seguenti orari: Pubblico: lunedì

8.00 – 10.00

giovedì 12.30 – 16.00 venerdì

8.00 – 10.00

La segreteria attuerà la chiusura nei seguenti giorni prefestivi: 24/12/09; 31/12/09; 05/01/10; 07/01/11, settimana di ferragosto dal 12/08/2011 al 17/08/2011 RICEVIMENTO DELLA PRESIDENZA IL Dirigente Scolastico riceve il Lunedì e il Mercoledì dalle 9 alle 10,30 presso la sede di Via della Maratona e il Venerdì dalle 9 alle 10,30 presso la sede di Via Nitti. MODALITA’ DI ISCRIZIONE Gli alunni che si iscrivono alla prima media alla S.M.S. “G. Petrassi” devono presentare in segreteria della scuola di appartenenza, entro la data che verrà comunicata dal Ministero, la domanda di iscrizione. Dopo l’esame di licenza elementare presenteranno il titolo di studio (diploma di licenza elementare) in segreteria. MODALITA’ DI RILASCIO DEI DOCUMENTI Le schede di valutazione periodica degli alunni sono consegnate dai docenti coordinatori di classe o da altri docenti incaricati al termine delle operazioni di scrutinio. Successivamente potranno essere ritirate presso gli uffici. I certificati vengono rilasciati a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla richiesta. I libretti delle giustificazioni vengono consegnati in portineria previo deposito della firma di almeno uno dei genitori (o di chi ne fa le veci). I Diplomi di Licenza Media vengono consegnati appena resi disponibili dal Ministero della Pubblica Istruzione. 14


MODALITA’ DI COMUNICAZIONE SCUOLA – FAMIGLIA Il Dirigente Scolastico e i docenti comunicano avvisi e informazioni di carattere generale attraverso circolari e note sul diario con richiesta di firma di presa visione dei genitori. I docenti ricevono i genitori durante la mattina due volte al mese (prima e terza settimana completa) e durante il pomeriggio due volte all’anno. I rappresentanti dei genitori saranno invitati a intervenire nella seconda parte dei Consigli di Classe potendo cosi dialogare con i docenti sull’andamento generale della classe.

PARTE V – SICUREZZA E PIANO DI EVACUAZIONE L’ Istituto è equiparato a luoghi di lavoro, pertanto in esso valgono le norme riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute. Anche gli alunni sono equiparati ai lavoratori e sono di conseguenza portatori di diritti e di doveri, che hanno come obiettivo quello di tutelare la loro salute e quella degli altri.

RESPONSABILE SICUREZZA LAVORATORI: Ing. De Petrillo (EUROSERVICE) Presso ciascuna delle due sedi è depositato il Piano di Evacuazione. Due volte all’anno vengono attuate le prove di sgombero dell’edificio .

15


PARTE VI – CALENDARIO SCOLASTICO

L’anno scolastico inizia il 12 Settembre 2011 e termina il 9 Giugno 2012 Il Collegio dei Docenti ha deliberato la suddivisione dell’anno scolastico in due quadrimestri. Nel mese di marzo è prevista una terza segnalazione scritta alle sole famiglie di alunni con profitto insufficiente.

INIZIO LEZIONI 12 SETTEMBRE 2011 Vacanze natalizie

dal 24/12/11 al 08/01/12

Vacanze pasquali

dal 05/04/12 al 10/04/12

Giornata di sospensione

09/ 12/ 2011

ULTIMO GIORNO DI SCUOLA: 09 GIUGNO 2012

CALENDARIO NAZIONALE 1° novembre, festa di tutti i Santi; 8 dicembre, Immacolata Concezione; 25 dicembre Natale; 26 dicembre; 1° gennaio, Capodanno; 6 gennaio Epifania; il giorno di lunedì dopo Pasqua; 25 aprile, anniversario della Liberazione; 1° maggio, festa del Lavoro; 2 giugno, festa nazionale della Repubblica.

Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Fani CAPELLA

16

POF 2011-12  

SMS GOFFREDO PETRASSI

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you