Issuu on Google+

Al Sig. Presidente del Consiglio Casamassima

INTERPELLANZE PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE: 22.03.2013

DELIBERAZIONE G.C. N. 30 DEL 12.03.2013 – CONCESSIONI CIMITERIALI Con la delibera di G.C. n. 30 del 12.03.2013 sono stati prorogati i termini, in favore di diversi concessionari, per il completamento di costruzione di cappelle gentilizie con relativo adeguamento all’art. 15 del TU dell’Edilizia nonché di rinnovo di concessione di area cimiteriale per la loro realizzazione. Negli scorsi mesi, alla fine del 2011, il NOPE di Casamassima ha accertato una serie di abusi edilizi nell’area cimiteriale relativi alla costruzione di alcune cappelle di famiglia con conseguente adozione di provvedimenti amministrativi di sospensione dei lavori e trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica per l’accertamento dei reati edilizi. Tutti i soggetti interessati avevano stipulato con il Comune di Casamassima contratti di concessione delle aree cimiteriali, uno nell’anno 1994, altri nell’anno 2007 ed altri ancora nell’ano 2009. Per i contratti di concessione stipulati nel 2007 e nel 2009, vigente il nuovo regolamento di polizia mortuaria approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del 23.03.2005, per la costruzione delle cappelle sulle aree ricevute in concessione erano previsti i seguenti termini: - il progetto doveva essere presentato entro giorni 90 e la costruzione dell’opera doveva avvenire entro 12 mesi dalla stipulazione del contratto di concessione, pena la decadenza. Per il contratto di concessione stipulato nell’anno 1994 era previsto che “i lavori per la costruzione dovranno iniziare entro e non oltre 90 giorni dalla data del rilascio dell’autorizzazione edilizia e devono essere ultimati entro un anno dalla data della suddetta autorizzazione”. Nessuno dei concessionari aveva rispettato i termini per l’inizio dei lavori e per l’ultimazione delle opere. Con la citata deliberazione, nel tentativo, comprensibile ed auspicabile di consentire ai concessionari di sanare gli abusi edilizi commessi, la Giunta Comunale ha ritenuto di prorogare per sei mesi, in favore dei sigg.ri Lucarelli Raffaella, Gentile Maria Grazia, Episcopo Leonardo, Favale Domenico, Franco Luisa, di sospendere la concessione in uso in favore di Gargaro Giuseppe in quanto sussistono rilevanti motivi di interesse pubblico, anche se non meglio specificati, di dichiarare decaduta la concessione in uso a carico del sig. Pastore Michele.


Orbene, poiché nessun concessionario ha rispettato i termini per la costruzione delle cappelle gentilizie previsti dal regolamento comunale di polizia mortuaria, dal contratto di concessione delle aree e dai permessi di costruire rilasciati dal Responsabile del Ufficio Tecnico del Comune di Casamassima, stante le non proprio chiare motivazioni riportate nella deliberazione e, comunque, la discrezionalità della decisione adottata dalla Giunta Comunale, non si comprende perché la decadenza sia stata pronunciata soltanto per il sig. Pastore Michele. E’ un fatto grave, molto grave. Un cittadino viene trattato diversamente dagli altri concittadini. Poiché si vuole procedere ad una vera e propria “sanatoria” che, si ribadisce, viene auspicata da questo gruppo politico anche in relazione alla natura delle concessioni, ci chiediamo se non sarebbe stato meglio mettere un punto e a capo e, trattando tutti i cittadini allo stesso modo, individuare percorsi diversi da quello intrapreso per consentire a tutti i concessionari, interessati dai provvedimenti sanzionatori, nessuno escluso, di riprendere i lavori, indipendentemente dalle loro responsabilità civili, penali e amministrative? Con l’atto in questione non riteniamo che tale obiettivo di “uguaglianza” possa essere raggiunto. Vorrà, altresì, l’Amministrazione fornire spiegazioni in merito nonché maggiori delucidazioni sul contenuto, non molto chiaro, della delibera di Giunta Comunale oggetto della interpellanza . PD – LIBERACASAMASSIMA Il capogruppo Alessio Nitti I consiglieri comunali Loiudice Michele Rella Giovanni


Interpellanza Consiglio Comunale 22 Marzo: Concessioni cimiteriali