Page 1

SEZIONE C – SCHEDE DEI SINGOLI INTERVENTI DEL PISU SCHEDA D1.1 – “Attività di comunicazione per informare e garantire la partecipazione attiva della popolazione e di coordinamento per la gestione del PISU”

1. Descrizione dell’intervento Si descrivano le caratteristiche generali dell’intervento (tipologia, finalità, dimensione, beneficiari, ecc.) Il presente intervento si articolerà di n° 3 azioni principali: 1) le azioni e le attività di comunicazione e di informazione ai cittadini 2) le azioni e le attività finalizzate a garantire la partecipazione dei cittadini e dei soggetti beneficiari 3) l’attività di gestione, di integrazione, di monitoraggio e controllo utile all’ottimale implementazione del PISU nel suo complesso. Azione 1) Comunicazione ed informazione ai cittadini Obiettivo generale del Piano di comunicazione è valorizzare il ruolo della comunità e garantire la corretta percezione delle motivazioni e degli obiettivi dei singoli interventi. In particolare sono previste attività riguardanti: • l’informazione verso i beneficiari finali, e quindi ai vari Enti, ai privati residenti, ai cittadini alessandrini, alle associazioni di categoria e alle singole imprese, sulle possibilità offerte dagli interventi promossi • l’informazione all’opinione pubblica sul ruolo svolto dal programma. Per il perseguimento degli obiettivi individuati, la strategia che si intende attivare è quella dell’organizzazione di una campagna di comunicazione articolata sia per aree e livelli territoriali, che per tipologia di destinatari. Le iniziative del programma sono mirate in primo luogo al coinvolgimento dell’opinione pubblica cittadina e degli abitanti dell’area PISU. Le modalità e gli strumenti previsti saranno i seguenti: − predisposizione di una linea grafica unitaria e riconoscibile − cartellonistica collocata in punti strategici della città e dell’area oggetto di intervento − pubblicazioni e materiale informativo (brochure, pieghevoli, cd-rom, materiali audiovisivi, newsletter) − sito internet dedicato. In particolare a favore degli abitanti dell’area PISU, potenziali beneficiari del programma, in quanto destinatari delle misure, si prevedono: o attività di animazione: eventi pubblici di presentazione, interventi di animazione socio-culturale o predisposizione di apposita segnaletica (totem, cartelli, locandine) collocata nel territorio.

Pagina 1 di 1


Azione 2) Partecipazione dei residenti dell’area PISU Nell’ambito del Piano di comunicazione e del Piano di gestione e di integrazione degli interventi del PISU saranno previste apposite iniziative finalizzate a condividere e far partecipare i soggetti residenti nell’area PISU, alla realizzazione del Programma stesso e degli interventi / azioni che lo compongono. In particolare si prevede di: • organizzare incontri con la popolazione a scadenze temporali concordate • sviluppare attività di animazione e partecipazione guidata con i residenti ed i cittadini. Azione 3) Elaborazione di un Piano di gestione e di integrazione degli interventi del PISU La città di Alessandria procederà alla costituzione di un gruppo di lavoro, articolato in più tavoli che si occuperà di gestire gli aspetti strategici, quelli tecnici e quelli della comunicazione correlati alla realizzazione degli interventi / azioni previsti dal PISU. Tale gruppo di lavoro provvederà, in primis, ad organizzare e garantire il corretto espletamento di tutte le procedure attuative indicate nel Dossier di candidatura e la coerenza e rispondenza delle singole procedure alle normative nazionali ed europee. Inoltre, questo gruppo di lavoro avrà anche funzioni tecniche, di gestione, di attuazione, di monitoraggio e di controllo del PISU, e di comunicazione del processo di attuazione e realizzazione del programma. 2. Localizzazione dell’intervento Descrivere brevemente le caratteristiche dell’area di localizzazione dell’intervento L’intervento si svilupperà principalmente all’interno dell’area PISU, ma, per quanto riguarda in particolare l’attività di comunicazione, potrà interessare anche alcune zone adiacenti l’area PISU, ed altre aree urbane in cui veicolare messaggi o campagne di comunicazioni e/o eventi.

3. Caratteristiche tecniche Si descrivano le caratteristiche tecniche dell’intervento, nel caso di infrastrutture e opere, evidenziando anche, sotto il profilo del contenimento della pressione sull’ambiente, l’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili, materiali e procedure innovative ed ecocompatibili, integrando la descrizione con l’individuazione delle alternative tecnologiche disponibili e motivando la scelta fatta. In relazione al tipo di informazioni da veicolare ed ai soggetti target di riferimento, si sono individuate tre tipologie d’azione: informazione, comunicazione e pubblicità a) L’informazione: i. Obiettivi: conoscenza delle opportunità offerte, pari opportunità di accesso, trasparenza; ii. Strumenti: • comunicati stampa, con lo scopo di informare sulle notizie relative allo stato di avanzamento del programma • conferenze stampa • pubblicazioni • sito internet dedicato, che consentirà notevoli approfondimenti, oltre alla possibilità di mettersi in contatto con sia con l’opinione pubblica alessandrina, sia con i soggetti dell’area PISU • brochure di presentazione dei vari interventi del PISU, della sua strategia, delle problematiche che andrà ad affrontare e risolvere anche di tipo specialistico • progettazione partecipata con organizzazione di momenti di confronto e di ascolto delle istanze dei cittadini e dei residenti, al fine di sensibilizzarli ed informarli sulle iniziative promosse nell’ambito del programma; iii. Target: • Opinione pubblica cittadina • Abitanti dell’area PISU, potenziali destinatari delle misure. b) La comunicazione: i. Obiettivi: • orientamento, sostegno alla progettazione e all’attuazione di una immagine positiva ed integrata del programma, relativa ai messaggi da trasmettere all’esterno • circolazione delle informazioni verso i soggetti target cercando di creare una rete di informazioni che consenta la partecipazione e la collaborazione dei destinatari degli interventi; ii. Strumento: tavoli di concertazione e incontri periodici; iii. Target: autorità locali, altre autorità pubbliche competenti, organizzazioni professionali, parti economiche e sociali, associazioni di categoria, operatori privati.

Pagina 2 di 2


c) La pubblicità: i. Obiettivi: garantire la necessaria visibilità delle iniziative del PISU ii. Strumento: • cartelloni, che illustreranno sia in loco i singoli interventi in corso di realizzazione, sia in punti strategici della città, lo stato di avanzamento dell’intero programma • manifesti • materiale informativo (pieghevoli, cd-rom, materiale fotografico, newsletter, pubblicazioni varie) • video. Inoltre, saranno organizzati “eventi” su diversi livelli: - momenti di animazione socio-culturale, organizzati nell’area d’intervento ogni qualvolta si riterrà opportuno, per informare e coinvolgere gli abitanti ed in particolare le utenze deboli che non hanno altri mezzi o possibilità di conoscenza - convegni, con il coinvolgimento di esperti e “addetti ai lavori”, volti a garantire un’adeguata cassa di risonanza al programma in via di realizzazione e a favorire una riflessione critica sull’esperienza in corso - conferenze stampa. Target: • Autorità locali • Altre autorità pubbliche competenti • Organizzazioni professionali • Parti economiche e sociali • Associazioni • Tecnici • Residenti dell’area PISU • Opinione pubblica. Per quanto riguarda il Piano di gestione e di integrazione degli interventi del PISU, il gruppo di lavoro si occuperà delle varie fasi di programmazione, di sviluppo del PISU, nella definizione dei Piani finanziari e dei cronogrammi. Nella fase di attuazione, collaborerà con i vari settori ed uffici comunali alla definizione degli schemi e standard per la valutazione della coerenza dei progetti rispetto alla programmazione e nella individuazione di ipotesi di riprogrammazione e rimodulazione. Infine, il gruppo di lavoro collaborerà al reperimento dei dati richiesti dal sistema di monitoraggio predisposto dalla Regione.

4. Contributo al Conseguimento degli obiettivi del PISU Descrivere in che modo l’intervento contribuisce al raggiungimento degli obiettivi generali e specifici del PISU (in coerenza con il quadro di tali obiettivi, riportato nel paragrafo 2.2 sezione B) Nel contesto degli obiettivi e della strategia unitaria di comunicazione, la strategia che si intende attuare è finalizzata a : − rafforzare le reti di partenariato, per raggiungere un pubblico più ampio possibile, con la collaborazione con enti ed istituzioni più vicini alle persone per competenza, prossimità territoriale o di materia − raggiungere un elevato livello di trasparenza e avviare un dialogo effettivo con i destinatari dell’informazione − assicurare la massima visibilità e riconoscibilità degli interventi. Tale scelta è dettata dalla consapevolezza che l’obiettivo delle azioni di informazione e pubblicità è quello di creare un rapporto stabile di comunicazione tra pubblico e cittadinanza, coerente con l’obiettivo operativo dell’Asse 4 punto 1, che è quello di sostenere una comunicazione diffusa, puntuale e diretta. La creazione di un gruppo di lavoro intersettoriale d interdisciplinare, consentirà di creare un’interfaccia che possa operare sui diversi aspetti e tematiche di cui si occuperà il PISU, in modo tale che si possa creare un “referente unico” a cui possano rivolgersi i vari attori locali ed i soggetti interessati. Ciò consentirà di ottenere la massima integrazione fra gli interventi e garantendo il coordinamento con i vari settori a cui dipenderanno l’implementazione e la realizzazione degli interventi / azioni del PISU.

Pagina 3 di 3


5. Dati finanziari dell’intervento Tab. 5.1 Piano finanziario dell’intervento Costo totale previsto € 500.000,00

Contributo pubblico richiesto € 500.000,00

Eventuali impegni assunti

Eventuali spese effettivamente sostenute

Tab. 5.2 Fonti di finanziamento dell’intervento Risorse proprie del soggetto proponente

Cassa DDPP

Contributo pubblico richiesto al POR FESR

Soggetti privati

Altri contributi pubblici (non del POR FESR)

Altre fonti (**)

€ 500.000,00

Totale

€ 500.000,00

(*) specificare: Spese non ammissibili (si veda dettaglio tabella 5.3)

Tab. 5.3 Piano indicativo dei costi dell’intervento Voce di spesa a) Demolizione, nuova costruzione, ampliamento, manutenzione straordinaria, restauro conservativo, riqualificazione, ristrutturazione e recupero di edifici b) Sistemazione aree degradate ed allestimento spazi esterni, comprese le opere di urbanizzazione strettamente necessarie alla funzionalità dell’area c) Opere, attrezzature ed impianti finalizzati al miglioramento della qualità ambientale e della mobilità urbana ecosostenibile d) Realizzazione o ammodernamento di impianti e reti tecnologiche e) Acquisto di macchinari, attrezzature e arredi (inclusa installazione) purché inventariabili e strettamente funzionali agli interventi f) Acquisto di attrezzature tecnologiche ed informatiche per le attività di tipo immateriale relative agli interventi ammissibili g) IVA, limitatamente ai soggetti per cui tale onere non è recuperabile h) Spese sostenute per il ricorso alle prestazioni di un soggetto attuatore1, di cui all’art. 3 del Disiciplinare i) Acquisto di aree e di edifici, purché direttamente collegato all’investimento e strettamente funzionale all’attuazione del PISU j) Progettazione (Studi di Fattibilità; progettazione preliminare, definitiva, esecutiva; direzione lavori, sicurezza dei cantieri, collaudi, ecc.)2 k) Spese sostenute per le attività e servizi volti al miglioramento della coesione sociale (sostegno al lavoro, alla qualificazione del capitale umano, immigrazione, giovani, ecc.) l) Spese sostenute per le attività di comunicazione, promozione territoriale, animazione economica ed accompagnamento sociale m) Spese per l’efficienza energetica a favore dell’edilizia privata residenziale e non residenziale di proprietà pubblica, strettamente funzionali alla realizzazione dell’intervento di riqualificazione n) [relativamente alla tipologia di interventi prevista alla lettera “g” dell’art. 6 del Disciplinare] Costi ammissibili in base alla specifica normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato o) Spese relative alle attività di formazione nel caso di interventi del Fondo Sociale Europeo3 Totale costi intervento p) Progettazione interna q) Incentivo 2% r) imprevisti Costo lordo

Importo totale (Euro)

83.333,33

416.666,67

500.000,00

500.000,00

Pagina 4 di 4


50.000,00

40.000,00

500.000,00

2014 2015 TOT II III IV I 60.000,00

I

40.000,00

2013 II III IV

50.000,00

I

40.000,00

2012 II III IV

50.000,00

I

30.000,00

2011 II III IV

30.000,00

I

40.000,00

Pagamenti che il soggetto proponente prevede di sostenere (in €)

2010 III IV

30.000,00

II*

40.000,00

Tab. 5.4 Cronoprogramma previsionale di spesa (pagamenti) dell’intervento

Totale della spesa sostenuta a partire dal 1° gennaio 2007

Pagina 5 di 5


Tab. 5.5 Cronoprogramma (GANNT) Titolo intervento

2007 I II

III

2008 IV

I

II

III

2009 IV

I

II

III

2010 IV

I

II

III

2011 IV

I

II

III

2012 IV

I

II

III

2013 IV

I

II

III

2014 IV

I

II

III

IV

Realizzazione sito internet Produzione materiale informativo Organizzazio ne convegni Organizzazio ne conferenze stampe Organizzazio ne tavoli concertazione Produzione materiale pubblicitario, fotografico e divulgativo Tavoli del gruppo di lavoro

Pagina 6 di 6


6. Inquadramento amministrativo-urbanistico dell’intervento 6.1 Presenza di vincoli: L’intervento non è soggetto a vincolo URBANISTICO: / NON è soggetta a Vincolo ambientale (PAI, PTCP ) / NON è soggetta a Vincolo paesaggistico (PTO – Piano d’area, PPR) / Tale aspetto non interessa l’intervento / azione in oggetto.

6.2 Conformità a norme di carattere territoriale/urbanistico: L’operazione NON ha ricadute su: Denominazione sito Sito di interesse comunitario ………………/…………….. Zona di Protezione Speciale ………………/……………. Riserva naturale ………………/……………. Altro ………………/……………. L’intervento è conforme al Regolamento Urbanistico/Edilizio: Tale aspetto non interessa l’intervento / azione in oggetto.

6.3 Quadro di sintesi degli atti amministrativi/procedure – di competenza di enti terzi – necessari all’avvio dell’intervento: Atto

Soggetto competente

Emanato

Da emanare (data prevista)

Tale aspetto non interessa l’intervento / azione in oggetto.

7. Descrizione degli impatti dell’intervento Descrivere l’impatto ambientale dell’intervento, evidenziando l’eventuale grado di miglioramento ambientale indotto. Evidenziare, se presenti, specifiche modalità volte a ridurre l’impatto ambientale dell’intervento. Tale iniziativa si collega anche con l’asse socio – culturale, poiché attraverso la comunicazione diretta con i cittadini si cercherà di stimolare la partecipazione al programma del PISU, tutte le diverse fasce sociali, favorendo la integrazione sociale e generando impatti al ungo periodo che andranno oltre il tempo di durata del PISU stesso.

Pagina 7 di 7


8. Principali risultati attesi Presentare i risultati dell’intervento e il suo impatto sul sistema economico, sociale ed ambientale, nel contesto del PISU nel quale l’intervento è inserito. Aumentata la comunicazione tra istituzioni e cittadini e l’organizzazione di eventi ed incontri per stimolare la partecipazione attiva della cittadinanza

9. Indicatori fisici dell’intervento Strumento Sito internet del PISU

Indicatore di realizzazione Numero utenti che accedono alla pagina

Unità di misura

Valore atteso a conclusione del PISU

10.000

Newsletter, brochure, opuscoli

Cittadini raggiunti con questi strumenti

9.000 (2.500 dell’area PISU e 6.500 dell’area alessandrina)

Partecipazione degli abitanti agli eventi del PISU

Eventi organizzati

15

10

25

Comunicati stampa/conferenze Gruppo di lavoro

Comunicati stampa emessi /conferenze stampa effettuate Tavoli ed incontri del gruppo di lavoro

Data

Alessandria lì, 31 gennaio 2011

Firma legale rappresentante

____________________________

Pagina 8 di 8

Scheda 14 d1 1  
Advertisement