Issuu on Google+

pagina

La

satirica non

...ma soprattutto dove andiamo?

Nel nome di Douglas Adams

negoziabile

né ricattabile

Scoop!! Vespa si appropria del video sui preti pedofili e vuole trasmetterlo Fassino: «Ma si metta a dieta, invece!»

una rubrica

Incredibile e vero! Notizie di agenzia

Le previsioni del Mago Otelma OTELMA, PRODI SARA’ MA SCONFITTO MA RESTERA’

N

Liberazione

paparazzin@liberazione.it

un’altra rubrica

di Pia Fraus

sabato 26 maggio 2007

per reclami, insulti e suggerimenti:

umerose razze sono convinte che l’universo sia stato creato da una specie di dio. Così scriveva il mai troppo lodato Douglas Adams, autore prolifico e prematuramente scomparso a 49 anni. Di lui voglio ricordare solamente il testo fondamentale per tutti noi, Guida galattica per autostoppisti, un libro senza il quale si sarebbe sopravvissuti difficilmente ai governi italiani degli ultimi 15 anni partendo dalla data fondamentale: 1992. Dunque ancora oggi siamo alla ricerca di una risposta alla Domanda Fondamentale sulla Vita l’Universo e Tutto Quanto. Ancora oggi non sappiamo perché Livia Turco continua a considerarsi una donna di sinistra e non semplicemente una donna a sinistra se dai le spalle al Campididoglio e la incontri sotto lo storico balcone. Ancora oggi ci domandiamo perché la signora Brambilla va a vendere creme anticellulite a Ballarò e perché D’Alema non si permette di parlare ad Angela Finocchiaro con quel tono sgarbato che ha usato con Bush. Le domande, in tempi di crisi di identità sono quelle che conosciamo: chi siamo, da dove veniamo, ma soprattutto: dove cazzo andiamo?

I

l Divino Maestro Otelma non ha dubbi: alle elezioni amministrative vincerà il centrodestra, ci sara’ il flop del Partito Democratico ma Prodi non si dimetterà. ”In risposta ai quesiti pervenuti a iosa dai Media d’Europa il Divino Maestro Otelma cosi’ risponde vaticinando ex cathedra col vincolo della infallibilita’. 1) I risultati elettorali delle amministrative prossime sanciranno una avanzata delle forze di centrodestra a livello nazionale: in talune regioni particolarmente significativa; 2) Pur tuttavia, il Governo Prodi (come profetizzato anche nel 2006 e come confermiamo) non si dimettera’ in ragione dei risultati predetti e - almeno sino all’estate - perdurera’; 3) La somma dei voti raccolta dal partito democratico - alla prima verifica elettorale ventura - risultera’ inferiore a quella registrata dai partiti di riferimento. In altri termini: unendosi, i partiti che daranno vita al partito democratico raccoglieranno meno voti che non separati. Il Divino Maestro Otelma ha parlato. Le questioni poste sono da considerarsi chiuse”.

filodoku

Questa settimana viene assegnato a... ...all’on. Gianfranco Fini

Chi l’ha detto? A proposito del caso Bbc, pedofili, chiesa, rai, santoro, bagnasco e molto altro ancora.

«L’impatto di qualsiasi immagine, notizia o commento su temi così sensibili richiede equilibrio e prudenza» a) Giorgio Merlo b) Livia Turco c) Piero Fassino

a b c

Un nuovo partito: La scopa nel culo di Viscontessa

D

opo la proposta di Prodi di aiutare l’incremento demografico concedendo alle donne una specie di anno sabbatico da recuperare in età pensionabile (con la conseguenza meno evidente di contribuire a risolvere il problema delle pensioni senza andare contro i sindacati) ho pensato che fosse giunta l’ora per le donne di scendere in politica con un partito che davvero le rappresenti esonerando finalmente dagli uomini dal gravoso impegno di occuparsi anche di loro. Pensateci bene, da una parte ci sono tutti quegli uomini di Chiesa che senza avere idea di cosa significhi essere donna o avere una famiglia, devono farsi carico di valorizzarci rimettendoci finalmente al centro di un lettino da travaglio. Dall’altra leader politici di tutte le razze che saldamente attaccati alle loro poltrone, ci invitano ad accomodarci. Nel mezzo un’opinione pubblica preoccupata per il calo demografico, per la scarsa occupazione femminile, per una crescente violenza contro le donne (qui si va un po’ a periodi: si passa dall’emergenza stupri dei mesi caldi, a quella anoressia

dei mesi freddi) o per la moda delle scarpe “ballerine” (in un interessante servizio del TG5 di qualche tempo fa, l’esperto sosteneva che le ballerine sono dannose per la postura). Altrove noi, sempre troppo impegnate con il lavoro, la famiglia e il suocero da accompagnare alla visita per la prostata, per renderci conto dell’enorme responsabilità che abbiamo affidato ai nostri uomini. Per questo da oggi, dopo la Rosa nel Pugno, ho pensato di fondare il partito

della Scopa nel Culo perché dopo aver litigato con il vostro capo che ha affidato l’incarico al vostro collega scemo solo perché ha più tempo da dedicare al lavoro (e non voglio pensare a cosa succederà quando invece di un anno, le donne potranno stare in maternità per due), dopo aver caricato la lavatrice, dopo aver parlato con la maestra dei bambini, aver preparato la cena e aver partecipato attivamente ad un blog al femminile, se per

accompagnare vostro suocero alla visita alla prostata vi cacciate anche una scopa nel culo, potete contribuire anche a tenere pulite le strade della vostra città aiutando così il vostro comune, ad abbassare i costi per la pulizia delle strade. Se anche tu insomma pensi che le donne siamo più gamba, più brave, più versatili e più sensibili degli uomini, aderisci a questo partito perché per dimostrarlo dobbiamo e possiamo fare sempre di più.

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

la soluzione: a) o c) a scelta


La

pagina

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Bombardato l’altare della Patria 2 giugno, Roma sotto attacco. Tutti salvi, politici e astanti erano al Family day 2 in Piazza del Popolo. Le frecce tricolori: «Credevamo fosse una missione di pace»

sabato 2 giugno 2007

Liberazione

di Alvise Spanò

R

oma, 2 giugno. Tragico errore o effetto collaterale? Sia come sia, l’altare della patria, un tempo simbolo di orgoglio nazionale, ora e’ ridotto ad un cumulo di macerie. La tragedia e’ stata sfiorata per miracolo: il rallentamento della parata provocato da un malore tra le fila del battaglione ”Uranio 238”, unito alla concomitante replica del ”Family Day” in piazza del Popolo ha impedito che il disastro assumesse proporzioni inimmaginabili. Alle 6:38 ora di New York due bombe intelligenti lanciate dalle ”Frecce Tricolori” hanno raggiunto Piazza Venezia gia’ gremita di sostenitori delle nostre missioni di pace e dell’industria areomeccanica. Immediata la solidarieta’ della Casa Bianca: il presidente degli Stati Uniti ”si complimenta per l’ottimo servizio d’ordine che ha scongiurato le azioni disturbatrici di pacifisti e dissidenti”, mentre il consiglio di amministrazione della Halliburton ha gia’ lanciato la gara d’appalto per la ricostruzione contrattando il famoso architetto Penso Piano, che modernizzera’ la struttura incastonando-

la in un efficiente centro commerciale. ”E’ stata la forza dell’abitudine - ha commentato un portavoce anonimo delle frecce tricolori -. eravamo in Afghanistan e siamo ancora condizionati dalla routine delle nostre missioni di pace”. Secondo il generale Angioma ”quelli che vengono dipinti come criminali da forze eversive sono semplicemente ragazzi sotto pressione che stavano facendo il loro lavoro con professionalita’”. L’associazione ”Libro e Moschetto”, tra i partecipanti all’iniziativa, ha avviato una raccolta di sottoscrizioni per la sostituzione delle due bombe distrutte nel corso dell’incidente, mentre l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile ha annullato tutti i progetti attualmente in corso per destinare i volontari alla ricostruzione del monumento. ”Indagare sull’incidente e’ comunque un atto dovuto”, ha prudentemente dichiarato il senatore Sergio De Gregorio, presidente della commissione Difesa, che ha gia’ affidato l’inchiesta ad un team formato dal commissario Rocca, don Matteo, la signora in giallo e gli investigatori che hanno seguito la vicenda del Cermis.

Chi l’ha detto? Taxi, benzinai, cellulari, tariffe aeree, notai, medicinali, assicurazioni, edicole....

«Liberalizzare è di sinistra» a) Bersani b) Berlusconi c) Bernocchi

a b c la soluzione: non è la c)

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi La sconfitta del centrosinistra

Fassino: «Ecco le cause» l’analisi di Angolosbocco

F

assino ha dichiarato che al Nord hanno votato a destra dopo aver visto i cumuli di immondizia a Napoli. Certo. Questo è chiaro a tutti. Bassolino lo dice da sempre: “Troviamo una soluzione, se no ad Asti perdiamo le elezioni”. E infatti il sindaco uscente di Asti (Ulivo) ha preso il 28%. Ma non tutti sanno che Fassino aveva additato anche altre cause della sconfitta, che il giornalista non ha riportato. 1) Al nord hanno votato a de-

stra perché Veltroni ha tolto i lucchetti dal ponte Milvio. Tutti d’accordo. L’immagine di quei lucchetti soli e abbandonati in una rimessa comunale ha fatto infuriare i veronesi, così attenti alla solidarietà da averla persino nei confronti degli oggetti di metallo. 2) In provincia di Genova si va al ballottaggio perché i cittadini erano delusi dall’amministrazione comunale di Todi. E si sa, i genovesi badano ai soldi. Se spendi male altrove, sanno che avranno di meno. Quindi, prima di votare, guardano uno a uno i bilanci

di tutti i comuni. E Todi proprio non gli è andato giù, eh. 3) Al nord hanno votato a destra perché al Policlinico di Bari c’è troppo clientelismo, come rivelato da Anno Zero. Ovvio. Vendola insiste ormai da tempo, inascoltato: ”O inseriamo concorsi puliti e trasparenti, o chi li tiene più i vercellesi?”. Aveva tristemente ragione. 4) Ad Agrigento hanno votato un sindaco amico di Cuffaro perché purtroppo la mafia la fa ancora da padrona in certe parti d’Italia. Chi glielo dice a Fassino che quel sindaco era candidato per l’Unione? Non diciamoglielo. Quello è capace di mettere Cutolo nel pantheon, convinto che sia il nano della ricrescita dei capelli...

Avviso ai condomini:

vietato uccidere le mogli di Viscontessa

L’

amministratore del mio condominio, preoccupato per il baccano che si è scatenato intorno al caso dell’omicida di Perugia della moglie incinta, si è affrettato ad appendere un cartello per le scale del palazzo che recita quanto segue:«Si fa assoluto divieto ai signori condomini di ammazzare la moglie nel proprio appartamento e nei locali di proprietà del condominio». D’altra parte è sempre meglio prevenire

che curare e trovarsi nella spiacevole condizione di dover ammettere di fronte ad orde di giornalisti che tutti sapevamo ma nessuno aveva fatto niente, è indegno di un paese che ambisca a definirsi civile. Noi che il sig. Rossi picchia la moglie per via di quella sporca storia dei calzini lo sappiamo benissimo e nell’ottica di una maggiore tutela dell’omertà familiare e del rispetto della privacy abbiamo quindi ritenuto doveroso intervenire con fermezza per evitare lo scandalo.

La verità, purtroppo, è che nel nostro paese l’usanza di parlare bene e razzolare male, non è mai del tutto tramontata e a fronte della necessità di ribadire con fermezza la salvaguardia della famiglia tradizionale fondata sul maschilismo, si fa eco con l’usanza tutta italiana di creare i casi di cronaca anche intorno ad

un paio di calzini perduti. Avrei capito se l’assassino fosse stato un extra comunitario, un musulmano, un adolescente ribelle o almeno un gay, allora sì che avremmo avuto il dovere di aprire un dibattito sulla crisi dei valori del nostro paese. Ma strumentalizzare il gesto di un pover’uomo che ha solo esagerato un po’ nell’esercitare un diritto garantito dall’omertà familiare è veramente indegno di un paese disposto perfino a concedere alle donne di girare a volto scoperto. Ma di ”se” e di ”ma” sono piene le fosse e al punto in cui ormai siamo arrivati non resterà purtroppo che dichiarare l’uomo un “mostro” concedendogli la semi infermità mentale.


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Durante la visita in Italia, svelato un complotto su scala globale

Bush non esiste!

La cospirazione della Nasa: un animatrone sviluppato dalla “Walt Disney” ha impersonato per sette anni il presidente USA , Wallace e Gromit: ”Se vuole lavorare deve iscriversi al sindacato pupazzi”

Liberazione

Al via la sagra dei sospetti: un tribunale internazionale obbliga Schwarzenegger e Buttiglione al prelievo di campioni di tessuto.

sabato 9 giugno 2007

Esclusivo

Chi l’ha detto? 6 giugno, al Senato, in una drammatica e farsesca seduta, si vota l’odg sul caso Visco-Speciale

«Si tratta di scegliere quale musica ascoltare: stasera la musica pop» 1) Renato Zero 2) Francesco Rutelli 3) Bono

a b c

Questa settimana viene assegnato al Ministro Fioroni che ha detto: «Lavoreremo anche sui controlli, soprattutto con un sistema di telesorveglianza collegato alle centrali delle forze dell’ordine per debellare lo spaccio di stupefacenti intorno alle nostre scuole».

Biografie illustri: Uolterino e il grande Puffo di Angolosbocco

V

eltroni nasce, ed è già un parto eccezionale. Walter manda una letterina a mamma una settimana prima per avvisare, e al momento giusto bussa, chiede scusa ed esce. Saluta con un bacino la mamma e ringrazia una ad una tutte le ostetriche. A 3 anni disegna sulla sabbia una falce e un martello che si incrociano. A 3 anni e 2 mesi spiega a tutti i suoi amichetti che il comunismo è peggio dei broccoli. A 6 anni dirige l’Unità, a 7 la Decina, a 8 il Centinaio.

Quando compie 9 anni l’algebra dichiara fallimento. A 14 anni sgrida i suoi compagni di classe dediti all’onanismo e trascorre le giornate aiutando sua nonna ad attraversare la strada. Dopo 9 mesi la nonna non ne può più e si butta sotto al primo tram che passa, sfuggendo al controllo di Walter. Lui rimane sconvolto e diventa quindi ministro della cultura. Da ministro cerca di affermare il marsismo: accarezza quadri e monumenti, riempie di complimenti le piazze storiche, aiuta un’anziana

a partecipare al palio di Siena, celebra la giornata nazionale degli Snorkey, compra un lecca-lecca a testa a tutti i bambini africani, purché dotati di diritto di voto a Roma. Diventa allora segretario dei Ds, che come reazione si sciolgono al sole.Viene eletto sindaco dietro la promessa di emigrare entro 10 anni. Emigra dopo 6 anni e 1 mese, torna dopo 6 anni 1 mese e 3 giorni. Ora è lì che cerca di fare passare una delibera per trasformare il Vittoriano in un altare di zucchero filato dedicato alla memoria del suo unico vero Dio: il grande puffo.

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

Ultim’ora! (it) Last minute! (en) Esclusivo 2

di Alvise Spanò

di Marco Vicari

I

A

l mondo è guidato da un robot. E’ questa la tremenda verità emersa dalla fortuita pubblicazione su Internet dei piani di costruzione dell’androide con nome in codice 1D1-0Ta, noto anche con il nome di George W. Bush. Il presidente USA era a colloquio dal Papa in Vaticano con Napolitano e Prodi per un megapartitone di scopone scientifico organizzato dalla comunità di S.Egidio, quando un urlo agghiacciante si è levato nella sala: «Cazzo ha perso la mano!» «Occhei Romano, vedrai che ci rifacciamo» «No, Santità, George ha proprio perso una mano...». Il coinvolgimento delle aziende nel progetto è confermato dai registri dell’anagrafe statunitense, dove la W nel nome di Bush sarebbe l’iniziale della ”Walt Disney Corporation”, che ha voluto inserire pubblicità subliminale nonostante l’estrema segretezza del progetto. Per spiegare la politica estera degli USA basta guardare i piani di costruzione di questo androide 1D1-0Ta, che fa 10 metri con un litro di benzina (da qui le guerre per il petrolio) produce sul vasino piccole pallottoline di uranio impoverito (prontamente smaltite dall’esercito con provvidenziali esportazioni di democrazia) e fa puzzette di anidride carbonica (da qui la ferma opposizione all’applicazione del protocollo di Kyoto). I piani segreti della Nasa sono stati pubblicati per errore quando i tecnici hanno provato a installare Windows Vista sul droide, che si è subito impallato collegando la memoria di sistema a vari siti porno, tra cui www.ilfoglio.it.

filodoku

Gli incontri di G.W.B (it) G.W.B’s meeting! (en)

l suo arrivo in Italia Bush ha voluto subito accellerare sull’allargamento della base di Vicenza. Prima del suo atterraggio, infatti, è stato allargato l’aereoporto militare, bombardando le zone limitrofe. Tra la Casa Bianca e Vicenza c’è ormai un rapporto di reciprocità. Ieri il Presidente ha accolto le richieste di 2 vicentini che abitano negli Usa. Anche i loro cassonetti verranno ampliati. *** Bush in Italia ha incontrato anche il Papa. Ratzinger gli ha fatto le lodi per la sua politica per prevenire gli aborti. Mandare i mariti a morire in Iraq pare infatti sia una prevenzione molto efficace. Bush ha parlato anche con il Papa del discorso di Ratisbona: Bush ha voluto una copia del discorso e sapere se il Papa disegni per caso anche vignette. *** Per la manifestazione anti Bush sono stati vietati bastoni e anche cappucci. Questo ha favorito l’ordine pubblico. Infatti alla manifestazione non si è visto nemmeno un massone.

Soluzione: b


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Il Gay Pride cambia coreografo Un casino incredibile! Se ne vedono di tutti i colori per le strade invase da folle festanti di glbtq, quaccheri, vegetariani, nonviolenti. Il sindaco Veltroni: «Altro che notti bianche! Questi si che sanno divertirsi. Lascio la politica e viaggerò su un tram chiamato Priscilla» iuuu! di Alvise Spanò

Q

sabato 16 giugno 2007

Liberazione

uando a p.zzale Ostiense si sono presentati Borghezio, Storace, De Gregorio, Rutelli e Maurizio Costanzo, cantando ”Macho Man” vestiti come i Village People, il mondo e’ cambiato nello spazio di un 45 giri. L’appello lanciato dal Cardinal Rumini per l’autoevirazione dei manifestanti e’ stato sufficiente per far impazzire la capitale: il Vaticano e’ stato preso d’assalto da drag queen che cantavano ”chi non salta regolare è-è” baciando guardie svizzere divertite e compiaciute. Le minoranze che non possono fare quello che gli pare perche’ qualcun altro ha deciso che si deve vivere diversamente sono scese in rivolta aizzate da commandos di vegetariani che hanno invaso il parlamento cavalcando mucche e vitelli sottratti ai mattatoi. Gli studi della Rai sono stati sequestrati da formazioni di Hare Krisna che hanno fatto impennare gli indici d’ascolto ripetendo per sedici ore di fila lo stesso mantra a reti unificate. Quaccheri, valdesi, musulmani e comunita’ cristiane di base hanno celebrato all’aperto sul lido di Ostia matrimoni tra le combinazioni piu’ varie di esseri viventi. Gruppi di black bloc e nonviolenti hanno preso di mira le automobili: i primi sfasciavano i motori, i secondi li sostituivano con impianti biodiesel. Mentre aspettavano la pizza al taglio, gli anarchici hanno approfittato della confusione per improvvisare un colpo di stato a Campo Dei Fiori, approvando con un governo provvisorio leggi sulle coppie di fatto e sull’abolizione delle forze armate. Il resto e’ stato un confuso scorrere di alcool, umori corporei, lacrime di gioia e starnuti liberatori. Alle 7.23 del mattino dopo, stanchi e soddisfatti, i manifestanti hanno fatto ritorno alle rispettive dimore.

Deputate e senatrici poseranno per il calendario 2008

Fox Brambilla

Dodici mesi da brivido!

filodoku dietro le quinte

Chi l’ha detto? Gravidanze, cantieri, partiti, soggetti... E’ tempo di riflettere!

Il Partito democratico sia un partito materno, capace di avere cura delle relazioni, ospitale, dove regni l’amicizia

no comment

di Marco Vicari

di Angolosbocco

E’

U

nata: “La tv delle libertà”: il nuovo canale satellitare che Sky trasmette 4 ore al giorno gratuitamente e 6 come penale per chi non paga le rate dell’abbonamento. “La tv delle liberta’” è la tv fondata da Michela Brambilla: l’erede politica di Berlusconi. (Anche se per raggiungere i suoi livelli, dovrà crescere. Per ora il suo conflitto di interessi sarebbe formato da sole 3 aziende) Presto nuove iniziative in difesa della libertà: “Il cinegiornale delle libertà”, “Il giornale radio delle libertà” e il “citofono delle libertà”. Su quest’ultimo ci stanno ancora lavorando. Perché pare non sia facile convertire i testimoni di Geova a Forza Italia

Fioroni, la storia e noi

a

Il primo giorno della “Tv delle libertà” è andato benissimo. Migliaia le telefonate di ascoltatori arrivate in diretta. Ascoltatori appassionati, ascoltatori accaldati, ascoltatori che urlavano: «Che fine hanno fatto i porno che trasmettevano su questo canale?».

C

c

Il primo giorno di trasmissione, però, è anche successo un incidente: un giovane epilettico, dopo aver visto 4 ore di trasmissione, ha avuto un attacco ed a seguito di questo è diventato comunista. Subito dopo la fine delle trasmissioni, infatti, avrebbe detto “No Dal Molin: No alla guerra senza se e senza ma”. A trovare il giovane è arrivato Don Gianni Baget Bozzo che gli ha portato un effige Santa di Berlusconi. L’effige tra l’altro pare abbia fatto un miracolo: Baget Bozzo ha dichiarato che la foto ha lacrimato phard. Oggi però il giovane pare sia un attimo migliorato: pare sia un po’ meno di sinistra. Stamattina, infatti, si è svegliato non dicendo più “No alla guerra” ma “Consorte facci sognare”.

a) Severino Antinori b) Livia Turco c) Maria Montessori

b

La scuola delle tre B: Bibbia, Bulli e Blatte il comment di Viscontessa he i libri di testo scolastici dei nostri figli avessero bisogno di una revisione lo sospettavo da quando, sfogliando quelli della mia pargoletta, ci avevo trovato la solita mamma intenta a fare la solita torta. Avevo anche pensato, a suo tempo, di protestare vivacemente per quell’immagine femminile così retrò che si forniva alle nuove generazioni ma poi, costretta a far fronte alle carenze di una scuola che non può permettersi neanche l’acquisto della carta igienica, mi era parso che le priorità dovessero essere ben altre. Istituti fatiscenti, precari così precari da aver quasi raggiunto il diritto ad un albo nazionale del precariato, materiale didattico inesistente con lotte intestine tra presidi e bidelli per il controllo dei gessetti per la lavagna, aule nelle quali respirare un’atmosfera da nuraghe e, su tutto, quel cristo in croce a imperituro ricordo che siamo nati per

soffrire; queste pensavo che fossero le priorità e quando ho saputo che si intendeva provvedere all’adozione nelle scuole di un nuovo libro di testo, mi sono illusa per un attimo che i problemi di matematica non avessero più come protagonista una mamma e le fette della sua torta, ma un preside e il suo bilancio scolastico. E invece niente, anzi, siccome il cristo in croce a qualcuno non pareva sufficiente a rammentarci che siamo nati per soffrire, un gruppo di ”intellettuali” ha proposto al Ministro Fioroni che si è dichiarato interessato all’iniziativa, l’adozione della Bibbia come testo scolastico. Non più testo religioso ma testo scolastico tanto per aiutar quel cristo in croce a rimanere appeso lì dove duemila anni fa qualcuno ce lo inchiodò perché non si pensi che a forza di vacillare venga giù. Tanto io mi domando quanto tempo ci vorrà ancora perché non si pensi di sostituire l’esame di maturità con una prova di ”Cultura Moderna”, magari con le bidelle che animano la prova con uno ”stacchetto”.

n’Ansa dell’11 Giugno racconta delle 52 parlamentari italiane che hanno deciso di posare per un calendario del 2008 (“per riavvicinare la politica ai cittadini”, attraverso le cabine dei tir). L’Ansa non dice che, tra quelle 52, sono state scelte le 12 migliori per i 12 mesi.  Gennaio. Daniela Santanché con il dito medio alzato saluta la Befana e la invita in maniera fine e cortese a mettersi il carbone un po’ dove le pare.  Febbraio. Anna Maria Carloni a casa mette ordine e pulisce dopo che il marito per Carnevale ha lasciato coriandoli ovunque, dal tinello alla cucina.  Marzo. Barbara Pollastrini e Rosy Bindi vestite da guerriere vichinghe difendono con lance e spade il disegno di legge sui DiCo, mentre Bagnasco e Pezzotta le affrontano con le clave e Fassino da dietro cerca di prenderle a sassate in testa.  Aprile. Rita Levi Montalcini consulta l’oroscopo per scoprire se arriverà a vedersi sul calendario.  Maggio. Helga Thaler Ausserhofer va in seggiovia in mezzo alla neve tipica del mese e intanto legge con aria incuriosita un vocabolario di italiano. Al contrario.

 Giugno. Gabriella Carlucci è in gita in riva al lago e cerca di pescare le trote da dentro il lago, senza però uscire dal Porsche Cayenne.  Luglio . Fulvia Bandoli in Sardegna prende il sole con un abbigliamento a lei inconsueto: un bel maglione sformato dai colori allegri (beige, grigio, verde prato inquinato).  Agosto. Paola Binetti in spiaggia con addosso un bel bikini bianco e un cilicio in tinta, attorniata da una famiglia tradizionale: mamma, papà, nonni, bambini e prete che gironzola attorno ai bambini.  Settembre. Vladimir Luxuria pesta l’uva con i piedi mentre Elisabetta Gardini cerca di tramortirla con una cassa di 6 bottiglie di prosecco.  Ottobre. Anna Maria Serafini, in una classica giornata autunnale, scrive una lettera a Nicola Latorre. Si vedono solo poche parole: “Dio quant’hai ragione...”.  Novembre. Maria Fortuna Incostante dimostra di meritare il proprio cognome. Passa infatti sotto una scala a pioli, che le crolla addosso insieme a colui che vi stava sopra: Giuliano Ferrara.  Dicembre. Livia Turco posa nuda, con un cappello da Babbo Natale, parzialmente coperta da un branco di pastori tedeschi dei Nas. Questi ultimi palesemente a disagio.

Soluzione: b


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

L’avvento del marcismo

Al marxismo cade la X, e si trasforma nella nuova ideologia marcista, che spazza via la Pace dalla marcia Perugia-Assisi. Pioggia di adesioni, da Forrest Gump a Veltroni Gum (Priebke squalificato per essersi presentato in motorino assieme al Mullah Omar) la novità di Alvise Spanò

E’

sabato 23 giugno 2007

Liberazione

deciso: la prossima marcia del 7 ottobre non sarà “per la pace”, ma semplicemente una “marcia Perugia-Assisi per i diritti umani”, con una rivoluzione semantica che permette di allargare l’orizzonte e rinfoltire le schiere dei movimenti. George Bush, impegnato a difendere i diritti umani in Iraq, ha declinato l’invito facendo comunque i complimenti agli organizzatori. Non mancheranno invece altri marciatori illustri. Massimo D’Alema marcerà da Belgrado attraversando a nuoto l’Adriatico. Veltroni marcerà a furor di popolo. D’Alema saputolo tornerà a nuoto a Belgrado. Beppe Grillo marcerà camminando all’indietro da Assisi a Perugia, Bossi, Fini e Berlusconi marceranno in gruppo per sfuggire a tutte le loro famiglie e difendere il diritto umano alla privacy. Rotondi, rotolerà. Casini: al centro del corteo, non un passo di più non uno di meno. De Gregorio, fermo un giro. Michela Vittoria Brambilla organizzerà i punti ristoro assieme ai volontari dei circoli della libertà, distribuendo caviale e salamelle per par condicio. Il battaglione Folgore gia’ allertato per radunare i dispersi negli stand per il reclutamento volontario. Prevendite abituali.

Berlusconi Bossi Fini e Rotondi

I Fantastici 4 da Napolitano tanto per fare due chiacchiere

filodoku

il problema di Marco Vicari

A

l Quirinale, per parlare con Napolitano, c’erano Berlusconi, Bossi, Fini e Rotondi. Rotondi è stato chiamato per sostituire Casini. Casini non è andato al Quirinale perché era di nuovo da Fiorello a cantare. Berlusconi ha parlato della impopolarità del Governo Prodi: «Ieri all’ingresso di casa mi ha fermato una signora e mi ha detto che non vede l’ora che torni a Palazzo Chigi. Era mia moglie». Poi Berlusconi ha fatto vedere un sondaggio secondo cui il 60% degli

Chi l’ha detto? Sos Tata, Cambio moglie, La sposa perfetta, Uno due tre ...stalla

««Basta con i reality, pensiamo all’Africa» a) padre Zanotelli b) Stefania Craxi

Le tracce dei temi sono state svelate! E quindi il ministero ha dovuto cambiarle in fretta e furia!

Maturità, ecco le tracce di riserva il problema di angolosbocco

c) Walter Veltroni

a b

L

e tracce dei temi alla maturità sono state svelate! Ma la verità è che le tracce di riserva erano già pronte da mesi, ma per qualche ignota ragione non sono state utilizzate. Eccole, le tracce di riserva che, purtroppo, sono rimaste in un cassetto del ministero!  Tema per tutti: Dopo l’11

settembre il mondo è meno sicuro. Il candidato rifletta sull’importanza che la minaccia terroristica ha attribuito all’attività di volontariato, e in particolare all’aiuto per le anziane che devono attraversare la strada.  Liceo classico: L’America in cinque secoli ci ha fatto scoprire la patata e Paris Hilton. Il candidato rifletta sulle eventuali differenze tra le due, alla luce delle figure ricorrenti nell’epica e nella lirica greche.

italiani vorrebbe il ritorno della destra al governo e il restante 80% degli italiani non crederebbe piu’ ai sondaggi di Berlusconi. (All’osservazione di Napolitano: «Ma fa il 140%!», Berlusconi ha risposto: «Gliel’avevo detto a Tremonti: dieci dita non bastano per calcolare la percentuale!»). All’uscita dell’incontro con Napolitano, i Fantastici 4 del Polo hanno fatto una conferenza stampa. Berlusconi ha detto: «Non ho chiesto elezioni anticipate», Bossi: «Io gliele ho chieste: quelle di Miss Padania», Rotondi: «Gli ho chiesto se potevo chiamarlo Giorge», Fini: «Gli ho chiesto se lui sapeva per caso chi fosse Rotondi».

 Liceo scientifico: Il candidato consideri i benefici per l’umanità derivanti dalla fusione a freddo, confrontando quelli nel campo dell’energia nucleare con quelli nel campo del partito democratico, con particolare riferimento agli studi che accomunano il neutrone a Prodi.  Liceo linguistico: Da Emily Bronte a Francesco Rutelli. Il candidato analizzi e spieghi l’evoluzione della lingua inglese.

infermiera!

c

«Entro settembre ci risposeremo. Quando ho lasciato il carcere mi sono tatuato sul braccio “Nina perdonami”. Ad oggi non è bastato, ma sono sicuro che entro settembre le cose si sistemeranno. Siamo una coppia giovane e moderna, non siamo né disperati né depressi. Ora sto cercando casa, ma so che tornerò con lei». Fabrizio Corona dopo aver firmato le carte per la separazione dalla moglie Nina Moric.

“Quarto Stato e Terza Repubblica” di Edoardo Baraldi

(soluzione: c)


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

IL TELEFONO AZZURRO DENUNCIA RIFONDAZIONE Ritirati dal mercato i pupazzi dei leader più amati dai ragazzi «Giochi al massacro che danneggiano i più giovani» l’analisi

Liberazione

di Alvise Spanò

«I

sabato 30 giugno 2007

giochi di Rifondazione sono pericolosi». E’ questo il contenuto della denuncia presentata dal Telefono Azzurro in un comunicato che definisce «altamente rischiosa per bambini, adolescenti e metalmeccanici» la nuova linea di giocattoli targata Prc. Tre milioni di euro e due chilometri di salamelle: è questo il costo della campagna promozionale dei nuovi bambolotti “Giordy Potato”, “Berti Annoluce” e “Woody Ferrara”, bocciati per la loro tendenza a muoversi in direzioni casuali. Il gioco da tavola “Oltre il partito” ha indotto al suicidio folle di adolescenti che avevano già acquistato i bambolottini di Elettra Deiana. Unica eccezione i soldatini “Hasta siempre”. «Trotzkisti, ex-Dp e Yuri Pelucca ormai sono assolutamente innocui», hanno dichiarato i laboratori chimici della Cia. I cardinali Ruini e Bagnasco appoggiano l’operazione: «Non c’è niente di meglio di questi giochi per tenere i giovani con i piedi per terra, lontani dall’estremismo e dalle scelte radicali rivoluzionarie». Sulla scia dell’iniziativa del Vaticano, è stata promossa una petizione a favore del settore giochi di Rifondazione. Primi firmatari Super Mario, Big Jim, l’omino coi baffi del Monopoli e i Pokemon.

filodoku

LE FOTOMANIPOLAZIONI DI EDOARDO BARALDI

Pensioni, minuto per minuto la trattativa governo-sindacato Chi l’ha detto? Veltroni in campo, ora sarà tutto diverso..... «è la loro ultima spiaggia: hanno preso un panchinaro bravo e lo hanno messo in campo». a) Marcello Lippi b) Maurizio Gasparri c) Claudio Ranieri

a b c

di angolosbocco

P

adoa Schioppa propone di passare dallo scalone agli scalini, ma nel 2015 perché ora non ci sono i soldi. Epifani fa notare che lo scalone è nel 2008. Bonanni dice che nel 2015 no, ma il 2010 può andare bene. Angeletti dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Padoa Schioppa dice che di colpo ha trovato i soldi per il 2008, ma comunque si fanno gli scalini “à la Rip”: nel 2008 in pensione a 58 anni, nel 2009 a 59, nel 2010 a 60, e avanti così fino al 2012. Epifani dice che deve rifletterci su. Bonanni dice che può andare, ma sarebbe meglio invertire 2009 e 2010: nel 2009 in pensione a 60 anni, nel 2010 a 59. Angeletti dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Padoa Schioppa rilascia un’intervista dicendo che c’è un clamoroso buco di bilancio di cui non si era accorto, e che quindi non si fa nulla. Epifani minaccia lo sciopero. Bonanni rimane un attimo interdetto. Angeletti dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Bonanni a questo punto reagisce e spedisce via mail due proiettili ad Angeletti. Angeletti non denuncia l’accaduto perché dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Padoa Schioppa riceve una telefonata di Prodi, riconvoca i sindacati e dice

che si era dimenticato di avere da parte un miliardino di euro per le spese minute e urgenti, per cui si può tornare agli scalini. Epifani dice che servono almeno 3 miliardi. Padoa Schioppa dice che secondo i suoi conti un miliardo basta e avanza. Epifani dice che bisogna sempre considerare che c’è anche il problema del potere d’acquisto delle pensioni. Angeletti dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Epifani gli tira una sedia in testa. Bonanni dice che un miliardo è proprio insufficiente, ma che 1,1 miliardi andrebbero benissimo. Padoa Schioppa propone scalini biennali. Epifani rilancia: scalini triennali. Bonanni dice che potrebbe esserci un’interessante via di

mezzo: uno scalino dopo due anni, quello seguente dopo tre, poi di nuovo dopo due e mezzo, eccetera. Angeletti è un attimo in bagno a mettere la testa sotto l’acqua fredda. Il suo vice, Musi, dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Bonanni lo guarda male. Epifani lo guarda male. Padoa Schioppa lo guarda male. Poi gli tira una sedia in testa. Epifani apprezza il tentativo di trovare un terreno di incontro. Padoa Schioppa dice che gli è rimasto nella tasca della giacca un pezzo di tesoretto, che potrebbe servire per aumentare le pensioni minime. Epifani chiede un aumento del 21,5%. Bonanni dice che va bene anche un goccio di meno, tipo il 21,4%.

Padoa Schioppa dice che sulle cifre sono d’accordo, che lui cambierebbe solo una virgola. Bonanni dice che finalmente parlano la stessa lingua. Epifani chiede spiegazioni sulla virgola. Padoa Schioppa risponde che il 2,14% gli pare un aumento congruo. Torna Angeletti, con la scorta. Bonanni gli spiega che stanno parlando del potere d’acquisto delle pensioni. Angeletti dice che prima bisogna parlare della riforma dello scalone. Bonanni gli spara a un piede. La scorta si complimenta. Padoa Schioppa chiede se allora c’è l’accordo. Bonanni risponde che la virgola dovrebbe stare in mezzo. Epifani dice che senza garanzie che tutti i lavoratori di tutti i settori abbiano il rinnovo del contratto secondo la piattaforma sindacale lui non firma. Padoa Schioppa si mette a piangere. Bonanni dice che va a comprare le sigarette e va a casa. Epifani spiega a Padoa Schioppa che stava scherzando. Padoa Schioppa gli fa notare, tra i singhiozzi, che ormai sono rimasti (sani) in due e che bisogna rimandare l’accordo. Epifani esce e dichiara ai giornalisti che la trattativa è saltata e che deve intervenire Prodi. Angeletti dice che prima bisogna parlare del potere d’acquisto delle pensioni. Padoa Schioppa lo finisce. Fassino, nel frattempo, continua imperterrito a non capire un tubo.

Questa settimana lo assegnamo al commissario agli Affari economici e monetari dell’Unione Europea Joaquin Almunia che si è innervosito perché l’Italia non usa i soldi del tesoretto come dice lui.

la soluzione: b)


q15

Liberazione sabato 30 giugno 2007

ARTE _SPETTACOLI

La proposta rimasta nel cassetto di Renzo Butazzi

F

inalmente il poliziotto di famiglia. Per garantire anche in famiglia la sicurezza dei cittadini, soprattutto delle donne e dei bambini, il ministero degli Interni sta pensando di creare la nuova figura del Poliziotto di Famiglia, da aggiungere al poliziotto di quartiere. Questo nuovo tutore dell’ordine avrà il compito di controllare più volte al giorno, con visite domiciliari a sorpresa, il comportamento dei membri di una famiglia, per prevenire quelle violenze che si verificano sempre più frequentemente tra le pareti domestiche.

Lingotto: Veltroni s’è fatto il film! Lo ha annunciato a Torino con un discorso di 100 minuti Il testo è stato modificato all’ultimo minuto da nuovi ghostwriter sabotatori. Eccone infatti alcuni stralci dell’originale: lo scoop di Marco Vicari

I

ntroduzione: Amazza quanta gente è venuta! Spargere la voce che la Ferilli avrebbe fatto un altro strip-tease ha funzionato! Mi spiace: era una bugia. Cmq se vi puo’ interessare, se continua questo caldo mi levo la canotta.  Tav: La costruzione della Tav mi preoccupa. Quei treni vanno troppo veloci. Che ne sara’ del futuro del cinema western

con quei treni cosi’ veloci? Come faranno gli indiani ad assaltarli? La soluzione è: prima creiamo indiani ad alta velocità. O Trenitalia faccia uno sconto sul biglietto agli indiani che montano sui treni per assaltarli. (No: non sto dicendo ai no global o ai pendolari. Solo agli indiani.)  Lo scalone: Lo scalone! Quello che mi chiedo è: Che fine farebbe la carrozzina de “La Corazzata Potemkin” se invece che cascare dagli scalini, cascasse dallo scalone? Quel bambino mi sa che non vedrebbe mai la sua pensione

 Troppi parlamentari: In Italia ci sono troppi Parlamentari. E a Cinecitta’ mancano le controfigure! Impieghiamo i parlamentari in piu’ a Cinecitta’. Per esempio con i parlamentari che fanno le risse in aula, si potrebbe rilanciare il genere “Bud Spencer e Terence Hill”. Con quelli che dormono in aula, il genere “Ultimo film di Ferzan Ozpetek”

era Bossi, Jackie Chan veniva multato perche’ scaricava la merce dal pulmino non con il carrello ma utilizzando il calcio volante. A vederlo non mi sono sentito sicuro. Specie che quel marocchino m’avesse dato una copia originale del film. Controlliamo l’immigrazione: chi viene nel nostro paese deve portarsi dietro dvd originali.

 La sicuezza: Serve piu’ sicurezza. Ieri ho visto in dvd il film “Milano a mano armata”. La pupa del poliziotto era interpretata da Letizia Moratti, il poliziotto

 Le tasse: Le tasse sono troppe. Qui in Italia non so come stiamo ma a Notthingam sono tutti messi male. Ieri sera ho avuto modo di vedere il cartone con i miei

rai_1

rai_2

rai_3

rete_4

6.10 7.00 9.35 10.05 10.25 10.30 10.35

6.35 6.45 7.00

L’avvocato per voi Rb Il mare di notte Rb Random Cartoni 8.00 Tg2 Mattina (9) 10.30 Tg2 Mattina Lis 10.35 TSP Regioni Rb 11.05 Out of Practice Tf 11.30 Ed Tf 12.20 JAG - Avvocati in divisa Tf 13.00 Tg2 Giorno 13.25 Sereno Variabile Rb 13.45 Pit Lane Rb 14.00 Automobilismo qualifiche, Gp di Francia F1 da Magny-Cours, diretta 15.30 Crimini con stile Film comm. Di S. Gillard. Con D. Chinese, K. Cuoco 17.05 Sereno Variabile Rb 18.00 Tg2 18.10 Compagni di scuola Serie Tv 20.00 PilotiSitcom 20.20 Il Lotto alle otto Gioco 20.30 Tg2 20.30 21.05 Venice Music Award 2007 Musicale 23.15 Tg2 23.25 Nastri d’Argento 2007 Attualità 0.40 Tg2 Dossier Storie Att. 1.25 Chris Isaak Show Show 2.10 Meteo 2 2.15 Appuntamento al cinema 2.25 Il caffè Talk show 3.20 Misteri notte Doc. 3.50 Corsa allo scudetto Documenti 4.15 Net.T.Un.O. Rb 5.45 Quarto potere Rb 5.50 Rainews Att.

6.00 7.00 7.55 9.00

6.10 6.25 7.20 7.50

sky_cinema1

_marcopolo

_sport1

il tempo_

6.00

6.00

6.00 8.00

_Oggi Al nord: residua nuvolosità sul settore orientale con qualche annuvolamento piu consistente sulle zone alpine, con tendenza ad ampi rasserenamenti; sereno o poco nuvoloso sul resto del settentrione; in serata aumento della nuvolosità alta e stratiforme su Piemonte e Liguria. Al centro e sulla Sardegna: sereno o poco nuvoloso salvo residui annuvolamenti in mattinata sulle Marche e lungo la dorsale appenninica; tendenza dalla serata ad un moderato aumento della nuvolosità alta e sottile sulla Toscana. Al sud e sulla Sicilia: cielo sereno o poco nuvoloso; possibili temporanei addensamenti cumuliformi durante il giorno lungo la dorsale appenninica della Calabria tirrenica. Temperature: in graduale aumento ad iniziare dalle regioni tirreniche e dalla Sardegna. Venti: deboli dai quadranti orientali al settentrione, salvo temporanei rinforzi in mattinata sul Veneto e Friuli Venezia Giulia; deboli dai quadranti meridionali sulle restanti regioni. Mari: mosso l’alto Adriatico con moto ondoso in diminuzione; calmi o quasi calmi i rimanenti mari

11.45 12.35 13.30 14.05 15.30 16.15 17.00 17.10 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 20.35 21.20 23.10 23.15 0.15 0.45 0.55 1.25 1.30 1.35 1.40 3.25 4.50 5.15 5.50

7.30 9.25 9.45 11.30 11.50 13.40 14.00 16.05 16.40

18.40 21.00 22.40 0.25 0.55

2.50

4.25

Sottocasa Teleromanzo Sabato, domenica &... estate Rb Settegiorni Parlamento Rb Giorni d’Europa Rb Appuntamento al cinema Rb Che tempo fa Incubo sull’autostrada Film dramm. Di J. Sholder. Con J. Reinhold, N. Siemaszko Lady Cop Telefilm La signora in giallo Tf Telegiornale Linea Blu Rb Quark Atlante - Immagini dal pianeta Doc. Speciale: Stella del Sud Rb Tg1 Che tempo fa A sua immagine Rb Il commissario Rex Tf L’Eredità Quiz Telegiornale Rai Tg Sport News Supervarietà Videoframmenti Ricette d’amore Film comm. Di S. Nettelbeck. Con M. Gedeck, S. Castellitto Tg1 Luglio col bene che ti voglio Musicale Music@ 2007 Musicale Tg1 - Notte L’Appuntamento Rb Che tempo fa Estrazioni del Lotto Gioco Appuntamento al cinema Brazil Film fant. Di T. Gilliam. Con J. Pryce, R. De Niro Leprechaun in the Hodd Film horror. Di R. Spera. Con W. Davis, Ice-T Stella del sud Homo Ridens Videoframmenti Che tempo fa

SpongeBob - Il film Film animazione Snow Walker Film dramm. Di C.M. Smith. Con B. Pepper, A. Piugattuk Extrlarge Rb “Scary Movie 4” Passo a due Film comm. Di A. Barzini. Con K. Kadiu, L. Chiatti Extralarge Rb “La Pantera Rosa” (20.35) Beauty Shop Film comm. Di B. Woodruff. Con Q. Latifah, A. Silverstone Extralarge Rb “Il Codice Da Vinci” (18.20) Lord of War Film azione. Di A. Niccol. Con N. Cage, E. Hawke Sky Cine News Rb “Ep. 26” Nanny McPhee - Tata Matilda Film comm. Di K. Jones. Con E. Thompson, C. Firth Underworld: Evolution Film fantasy. Con L. Wiseman. Con K. Beckinsale, S. Speedman La Pantera Rosa Film comm. Di S. Levy. Con S. Martin, K, Kline Crusader - L’informatore Film thrill. Di B. Goeres. Con A. McCarthy, M. York Harry Potter e l’Ordine della Fenice Speciale cinema I Heart Huckabees - Le strane coincidenze della vita Film comm. Di D. Russel. Con D. Hoffman, I. Huppert Evil Aliens - Preparati a scappare Film horror. Di J. West. Con E. Booth, C. Adamson A Separate Peace: un segreto inconfessabile Film dramm. Di P. Yates. Con J. Barton, J. Pitts

7.00 7.30 8.00 8.30 9.00 9.30 10.30 11.30 12.00 12.30 13.30 14.00 15.00 16.00 17.00 18.00 18.30 19.00 20.00 20.30 21.00 22.00 22.30 23.30 0.30

En un Lugar de la Mancha Salendo verso Ocana Destinazione Sudafrica, risalendo verso Johannesburg People and Places Giordania: Porta d’Oriente Terra promessa Etiopia Gondar la Camelot d’Africa Week End Magazine Ep. 28 Laguna Blu Fabian (15.30) Il continente sconosciuto La Norvegia (3.00) Antiche meraviglie Fes Destinazione Sudafrica: la vera Africa (2.00) People and Places Giordania: tra antichi regni e deserti (2.30) Ed è subito festa La Varia (1.00) Terra promessa Etiopia - I Monti Simien verso Axum Pandora Documentario Campanili Petralia Soprana (Pa) Area protetta Francia, Le Marais Poitevin Radici Spagna, le feste della primavera analusa Destinazione Galapagos, l’arcipelago protetto Travelling Rubrica viaggi Ed è subito festa Il ballo della morte Terra promessa Etiopia Axum Week End Magazine Ep. 29 Countryshire Highlanders Laguna Blu Charlie e la gente di Gran Roque Pandora Documentario (5.00) Tribù Cultural Re-Mix (4.00) Fly & Drive La Paz: capitale della Baja Sur

10.30 11.00 11.50 12.00 12.25 12.40 12.55 13.20 14.00 14.20 14.50 15.20

18.55 19.00 19.30 20.00 20.30 21.05 23.05 23.25 1.00 1.10 1.20

9.00 11.00 12.00 13.00 13.45 14.45 15.45 17.30 19.30 20.00 21.30 22.00 0.00 0.30 1.45 2.30 4.15

Fuori orario. Cose (mai) viste Rb Vietato ai minori Att. La storia siamo noi Rb I pompieri di Viggiù Film musicale. Di M. Mattoli. Con C. Dapporto, Totò Bear nella grande casa blu Il videogiornale del Fantabosco Pupazzi animati Racconti dal mondo Cartoni Le ricette di Arturo e Kiwi Cart. Tg3 - Rai Sport Notizie Meteo 3 Tg3 Saluteinforma Rb Tg3 Agenda de mondo Rb TGR Bellitalia Rb TGR Mediterraneo Rb Tg Regione - Meteo Reg. Tg3 - Tg3 Scenari Rb TGR Speciale Leonardo Rb Sabato Sport Rb 15.25 Ginnastica ritimica Campionati Europei da Azerbajan 16.30 Sportabilia Rb 16.40 Ciclismo Settimana tricolore 17.10 Pallavolo Italia-Usa 17.40 Beach Soccer 1ª tappa, campionato italiano da Rimini 18.20 Pentathlon Campionati europei di pentathlon moderno da Montelibretti Meteo Tg3 Tg Regione - Meteo Reg. Blob Attualità Colpi di sole Sitcom Gaia - Il pianeta che vive Rb Tg3 - Tg Regione The Jacket Film thriller. Di J. Maybury. Con A. Brody, K. Knightley Tg3 Appuntamento al cinema Fuori orario. Cose (mai) viste Rb 1.25 Antigone Film dramm. Di JM. Straub. Con W. Rehm, A. Hetterle

Sport Time News Speciale Permette Signora... Magazine “Ep. 2” Calcio Serie B ArezzoJuventus (R) Debora Beach Soccer una partita, 2ª tappa, 1ª parte da Budoni Debora Beach Soccer una partita, 2ª tappa, 2ª parte da Budoni Futbol Mundial Rb Speciale 100% Calcio Sabato Magazine Ep. 5 Speciale Mondo Gol Magazine di calcio Calcio Bundesliga 34ª giornata Stoccarda-Energie Cottbus (R) Calcio Campionato francese Olympique Lione-Lens (R) Sport Time News Sport Automobilismo F1 Qualifiche Gp di Francia da Magny-Cours Futbol Mundial Rb Calcio Premier League 36ª giornata Everton-Manchester United (R) Sport Time News Sport Automobilismo F1 Qualifiche Gp di Francia da Magny-Cours Automobilismo Car Racing Porsche Super Cup, qualifiche da Magny-Cours, Francia (R) Calcio Serie B 26ª giornata Juventus-Piacenza (R) Calcio Serie B 31ª giornata Juventus-Napoli (R)

8.35 9.30 11.30 11.40 13.30 13.40

15.40 16.50 17.50 18.45 18.55 19.04 19.35 21.10 23.30

1.35 1.40 3.10 3.00 4.45 5.00

Tg4 Rassegna stampa La grande vallata Tf Media Shopping Tre nipoti e un maggiordomo Telfilm La strada per Avonlea Telefilm Hornblower Miniserie Tg4 Vie d’Italia NesNews Forum Rubrica Tg4 - Meteo Maigret e l’uomo dalla doppia vita Film pol. Di F. Luciani. Con B. Cremer, A. Brasseur Balko Tf. Ieri e oggi in Tv Show Solaris - Il mondo a 360° Doc. Perry Mason Telefilm Tg4 - Meteo Tempesta d’amore Colombo Telefilm Giochi di potere Film drammatico di P. Noyce. Con H. Ford, A. Archer Heartless Visioni di un omicidio Film thriller. Di J. Vogelsang. Con L. Fletcher, M. Amick Tg4 Rassegna stampa Ieri e oggi in Tv special Show Tg4 Rassegna stampa Napoli spara Film poliz. di M. Caiano. Con H. Silva, L. Mann Mediashopping Il segreto della nostra vita Telenovela

canale_5 TELEVISONE

collaboratori. Meno male che c’è Robin Hood la volpe che prigioniero del principe, evade dal castello e va a dare i soldi ai poveri. Anche in Italia è pieno di volpi che evadono: solo che in questo caso sono i poveri a dare i soldi anche per loro.  Gli affitti: L’affitto è diventato un problema. Con il traffico che c’è a Roma, non faccio in tempo ad andare ad affittare in dvd Ocean’s 13, che è già uscito Ocean’s 27.  Le donne: Basta con questo maschilismo e questo strapotere degli

uomini.Vi faccio un esempio pratico: ma possibile che, da quando è stato istituito l’Oscar, il premio miglior attore protagonista è stato vinto sempre da un uomo?  L’ambiente: L’avete visto il film di Al Gore? Che paura! Quando l’ho visto mi sono detto: devo evitare tutto questo. Devo evitare di perdere le elezioni e finire a fare documentari. Ecco, dunque, sappiate che se perdo alle prossime elezioni, anche io mi darò al cinema ambientalista. Il film parlerà di tutt’altro ma la pellicola sarà biodegradabile

italia_1

la_7

radio_rai

6.55 Cartoni animati 10.45 Motociclismo Gp d’Olanda 125cc, Grand Prix, diretta 12.00 Studio Aperto - Meteo 12.07 Motociclismo Gp d’Olanda 250cc, Grand Prix, diretta 14.00 Motociclismo Gp d’Olanda MotoGp, Grand Prix, diretta 15.00 Grand Prix - Fuori giri Rb 15.15 All’inseguimento della pietra verde Film avv. Di R. Zemeckis. Con K. Turner, M. Douglas 17.30 Mr Olympia 18.10 Mr. Bean Comiche 18.30 Studio Aperto - Meteo 18.37 Love Bugs 3 Sitcom 19.15 Scuola di polizia 3 Film comico. Di J. Paris. Con S. Guttenberg, B. Smith 21.00 Un topolino sotto sfratto Film comm. Di G. Verbinski. Con N. Lane, L. Evans 23.00 Trappola sul treno della morte Film azione. Di Y. Wein. Con J. Anstead, B. Genesse 0.55 Tre minuti con Mediashopping 1.05 Shopping by night 1.30 Il pianeta delle scimmie Film fant. Di F. J. Schaffner. Con C. Heston, R. McDowall 3.35 Anno 2670: ultimo atto Film fant. Di J. Lee Thompson. Con R. McDowall, C. Akins 5.10 Talk Radio 5.20 John Doe 6.10 Arnold

6.00

RadioUno

il tempo_

temperature_

le altre_

_domani

Città min Alghero 13 Ancona 16 Bari 18 Bologna 17 Bolzano 18 Cagliari 16 Campob. 15 Catania 19 Firenze 13 Genova 18 Imperia 19 L’Aquila 11 Messina 22 Milano 17 Napoli 17 Palermo 21 Perugia 12 Pescara 16 Pisa 14 Potenza np Reggio C. 22 Roma Fium. 16 S. M. Leuca 21 Torino 15 Trieste 19 Udine np Venezia 19 Verona 17

Radio Città Futura

6.00 7.55 8.00 8.30 9.15 9.20 9.26 11.30 12.00 13.07 13.38 14.10 17.15 17.20 20.00 20.10 21.20 23.30 1.00 1.37 1.50 2.30 2.45 4.35 5.30

Tg5 Prima pagina Rb Traffico / Meteo 5 Viaggio in Italia Doc Superpartes Rb 3 minuti con Mediashopping Extreme animals Piccola grande Tinke Film avv. Di M. Kohlert. Con S. J. Werner, P. J. Hansen Finalmente soli Summerland Telefilm Belli dentro Sitcom Le ali della vita 2 Carabinieri Serie Tv Tre minuti con Mediashopping Un sogno una vittoria Film dramm. Di J. Lee Hancock. Con D. Quaid, J. D. Evermore Tg5 - Meteo 5 Cultura moderna Gioco L’onore e il rispetto Miniserie Basta guardare il cielo Film dramm. Di P. Chelsom. Con S. Stone, E. Henson Cultura Moderna Gioco Mediashopping Telev. Acapulco Heat Mediashopping Lo sceicco bianco Film comm. Di F. Fellini. Con A. Sordi, B. Bovo Baby Bob Miami Vice Tf

max 30 25 28 29 27 27 24 28 27 22 22 25 30 26 26 28 27 30 25 np 27 25 26 23 26 np 25 28

temperature_europa Città Amsterdam Atene Barcellona Belgrado Berlino Bruxelles Bucarest Ginevra Helsinki

min 12 23 22 14 14 13 16 12 12

max 16 30 28 25 19 17 26 22 17

Città Istanbul Lisbona Londra Madrid Mosca Parigi Praga Varsavia Vienna

min 22 12 12 16 14 12 13 11 15

max 26 27 21 33 20 17 20 20 24

7.00 9.20 9.55 12.00 12.30 12.55 13.00 14.00 17.05 20.00 20.30 21.30 23.30 1.05 1.30 2.00 4.30

Tg La7 - Meteo Traffico News Omnibus Weekend Attualità L’intervista Rb 20.000 leghe sotto la Terra Film fant. Di J. Tourneur. Con V. Price, T. Hunter Cognome & Nome Reportage Tg La7 Sport 7 News Mai dire sì Tf Vela Finale America’s Cup 6ª giornata. Diretta La notte dei generali Film dramm. Di A. Litvak. Con P. O’Toole, O. Sharif Tg La7 Speciale Tg La7 Attualità L’ispettore Barnaby Tf San Antonio Film comm. Di F. Auburtin. Con G. Lanvin, G. Depardieu Tg La7 M.O.D.A. Rb Vela Finale America’s Cup 6ª giornata. (R) CNN News Attualità

6.12 6.33 7.20 7.36 8.30 8.40 9.36 10.05 11.37 11.48 12.10 12.33 12.36 14.00

Italia, istruzioni per l’uso Radio Uno Musica Gr Regione Radio Uno Musica Gr1 Sport Inviato Speciale Radio Uno Musica In Europa Obiettivo benessere Contemporanea Gr Regione Gr Campus Radio Uno Musica Speciale Motomondiale Gp d’Olanda 14.06 Punto Sette 14.45 Motgrand Prix 19.21 Ascolta, s fa sera 19.24 Radio1 Music Club 21.08 Radio Uno Musica 23.06 Radio Uno Music Club 23.33 Demo 0.00 Il Giornale della Mezzanotte 0.23 Stereonotte Gr 6, 7, 8, 9, 9.30, 10.30, 11, 11.30, 12, 13, 14.30, 15, 18.50, 20, 21.20, 23, 2, 3, 4, 5

RadioDue 6.00

7.00 Ora di punta 9.00 Modus vivendi 9.30 Il ciclista 12.00 Tre metri sotto... 12.45 Rick’n’roll 14.00 I giradischi 15.00 Conto alla rovescia 16.30 Brasileirinho 17.30 Il Casotto 18.30 4/4 20.30 Jazz time 22.00 Newshour 23.00 Underground garage Notiziari 7, 7.30, 8.30, 10.30, 12.30, 14, 14.30, 16.30, 17.30, 18.30

Radio Popolare 8.10 Metroregione 8.30 Gr1 8.50 Conduzione musicale 9.00 Rassegna stampa 9.30 Mic. Ap 10.35 Sabato libri 11.30 Onde road 12.20 5 giri 12.45 Metroregione 13.00 Gr2 13.20 Sidecar 14.30 Passatel 16.30 Ratka piratka 17.35 Chassis 18.30 Makkaroni 19.30 Gr3 19.50 Il sabato del villaggio 22.40 The box 23.35 Oran barbes 0.30 Gr4 0.50 Notturna Gr breve 7.30. 10.30, 15.30, 17.30, 22.30

Il cammello di RadioDue 7.00 Che bolle in pentola 7.53 Gr Sport 8.45 Carpediem 10.00Perle d’Oriente 11.30 Vasco De Gama 12.48 Gr Sport 13.00 Tutti i colori del giallo 13.40 A piedi nudi 16.00 Ottovolante 18.00 Hit Parade Classifica Top 40 Singles 19.52 Gr Sport 20.00 Libro oggetto 20.35 Che lavoro fai? 21.35 I concerti di Radio2 22.30 Fegiz Files 0.00 Due di notte 2.00 RadioDue Remix Gr 6.30, 7.30, 8.30, 10.30, 12.30, 13.30, 15.30, 17.30, 19.30, 20.30, 21.30

RadioTre 6.00 7.15 9.00 9.30 10.15 10.50 12.00 13.00

Il Terzo Anello Musica Prima pagina Il Terzo Anello Musica Uomini e profeti. Letture Il Terzo Anello Musica La Via di Sigerico I concerti del mattino Il Dottor Djambe. Via dal solito tam tam 14.00 Il Terzo Anello 15.00 RadioTre Suite. Prima fila 17.00 Concerto 19.50 RadioTre Suite Festival e Festival 20.00 Il Cartellone 0.00 Esercizi di memoria 2.00 Notte Classica Gr 6.45, 8.45, 10.45, 13.45, 16.45, 18.45


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Intercettazioni: potere al popolo

06916504836: FATEVI I CAZZI NOSTRI E’ tutto vero: chiamate questo numero e ciò che direte sarà di dominio pubblico. Da oggi lo sputtanamento telefonico è un diritto per tutti. lo scoop di Alvise Spanò

L

sabato 7 luglio 2007

Liberazione

apielkann, calciatori, politici, magistrati, giornalisti, veline e preti: ormai in Italia intercettano tutti, tranne la povera gente. Per rimediare a questa ingiustizia abbiamo rischiato la vita e la galera per recuperare un numero telefonico di un oscuro ufficio d’angolo del Sismi, uno sgabuzzino dimenticato da tutti e dedicato al mobbing, dove gli impiegati vengono murati vivi come Fantozzi nel primo capitolo della saga. E’ un numero morto, utilizzato al piu’ per ordinare il caffe’ e il cappuccino di meta’ mattina, ma da domani diventera’ il bersaglio di una sollevazione popolare e al tempo stesso il cuore pulsante del sistema intercettatorio italiano. Fate presto prima che stacchino la linea: non è uno scherzo di paparazzin: il numero esiste sul serio! Chiamate lo 06916504836 e raccontate i vostri segreti piu’ inconfessabili: avete fatto razzia di mele bacate alla chiusura dei mercati rionali? Siete finiti sul lastrico col videopoker? Avete abbordato Sircana sul raccordo anulare? Non c’e’ bisogno di essere un politico di razza per fare notizia: anche la povera gente conta qualcosa. E allora fatevi sentire. Chiamate lo 06916504836 e per legge tutto quello che direte dovra’ essere protocollato. Prima o poi troveremo il modo di farvi pubblicare dai quotidiani più prestigiosi. Dopo le nostre prime chiamate ora c’e’ una segreteria che risponde a ciclo continuo. Chissa’ quanto dura, intanto proviamoci.

filodoku

Chi l’ha detto? C’è grande caos sotto il cielo del centro destra. Per arrivare ad una soluzione le provano tutte...

«Chi butto giù dalla torre tra Casini, Fini o Bossi? Ma mi ci butterei io, per disperazione...». a) Rocky Roberts b) Maria Vittoria Brambilla c) il Gabibbo

a b c

Torna la 500 Parliamo un po’ di Fiat l’analisi di Angolosbocco

P

arliamo della Fiat, di questa gloriosa azienda che giunge a celebrare il cinquantennale della 500 dopo anni di altrettanto gloriosi successi. Parliamo della Duna week-end, troppo ingombrante come lavastoviglie e troppo piccola per viverci dentro. Certo, molti avrebbero potuto pensare che fosse un’auto. Ma dato che non si muoveva l’ipotesi fu immediatamente scartata. Parliamo allora della Tempra station wagon, un parallelepipedo con quattro ruote, rigorosamente non motrici. Un’auto in cui fronte e retro erano identici, tanto che molti si sedevano nel bagagliaio e usavano la coppa dell’olio come thermos da viaggio per il caffè. E come non parlare della Tipo digital, quella con il contachilometri digitale che tutti guardavano per cercare di capire a che velocità stavano andando. E nessuno capì mai che invece si trattava di un sofisticato programma elettronico per fornire numeri random da giocare al lotto. D’altra parte non è un caso che i numeri si fermassero a novanta, mentre era noto che la Tipo era in grado di raggiungere anche i 96 km/h. In discesa. Col vento a favore. Il programma che forniva i numeri casualmente era stato studiato con attenzione a Torino, utilizzando come modello l’encefalogramma di Fassino. Da lì il nome del

software, copiato anni dopo da alcuni informatici: you-tube. E vogliamo dimenticarci della Cinquecento, quella di inizio anni ’90? Quella spaziosissima automobile in grado di ospitare comodamente quattro persone, purché non in contemporanea? Fu un successo grandioso: le prime cellule della nascitura Al Qaeda ne comprarono migliaia, dato che fungevano perfettamente da au-

tobombe senza bisogno di utilizzare esplosivo. Tornando indietro nel tempo, non si può non parlare della 126: troppo piccola per essere un’auto, venne scambiata spesso, lei sì, per una lavastoviglie. Molti clienti furono però insoddisfatti: la tendenza della 126 a ribaltarsi da sola nei parcheggi mandò in frantumi quintali di pregiati servizi di porcellana.

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

la soluzione: (b


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Nuova 500: polemiche sullo spot televisivo

E L’AVVOCATO SI INCAZZA Gianni Agnelli rompe il suo lungo silenzio stampa e attacca gli uomini del marketing lo scoop

06/916504836

di Alvise Spanò [nostro inviato]

fatevi intercettare!

P

sabato 14 luglio 2007

Liberazione

er far parlare una persona chiusa e distante come Agnelli ci vuole qualcosa capace di far resuscitare i morti. Come il delirio narcotico dei pubblicitari che hanno sfidato le leggi della fisica comprimendo nel tempo di uno spot e nell’angusto spazio di una 500 un atroce condensato di italianita’ che ci ha spinto a comprarne quattro appena spento il televisore. Ma tra queste immagini c’era un grande assente: l’Avvocato. La reazione non si e’ fatta attendere, e il telefono della redazione ha cominciato a squillare rivelando una inconfondibile erre moscia che rimbombava dall’altro capo della cornetta. ”Cevto che sono io! Se la Montalcini cammina ancova, io posso telefonave senza pvoblemi!” Ha dichiarato l’avvocato con il suo solito savoir faire. In quello spot ci sono tutti: metalmeccanici, femministe, autonomi, il Papa, Alberto Sordi, Toscanini, Falcone e Borsellino. ”Tutti tvanne me!” Si lamenta l’avvocato. ”Sono io che ho fatto la Fiat, e la Fiat ha fatto l’Italia! Mandate piuttosto uno spottone di 90 secondi con la mia faccia, e non gli opevai di Mivafiovi! E poi le Fiat sono macchine solide, pevche’ danneggiave l’immagine aziendale mettendo nello spot le macchine sfondate di Giovani Falcone?”. Dalla Fiat fanno sapere che l’omissione era inevitabile: ”avete idea di quanti sono gli Agnelli? Se ne metti uno devi metterli tutti, senno’ poi sai che casino”.

Autointercettate i vostri commenti

V

uoi dire la tua sulla nuova 500, sulla Fiat, sul settore metalmeccanico e sul simpatico Patrizia? Chiama lo 06916504836 e fatti autointercettare. Gli interventi migliori saranno pubblicati dal Sisde (sistema integrato per la sicurezza degli editori).

 Msg.0004: da Sovversiva a Paparazzin Ebbene si, lo confesso. Non mi è simpatico Ratzinger, Bush è un’idiota.Berlusconi preferirei scomparisse. Sono una no global,se avessi potuto sarei andata l g8 di genova,ero contro la guerra in Iraq... ma in maniera forte... e lo sono ancora, eh? perché penso che sia una guerra sporca e insomma sono una sovversiva.. però insomma... ora io queste cose voglio vederle pubblicate . vedete voi che potete fare, ma io voglio finire sui giornali ... perché sono una sovversiva. ok?  Msg.0001: dal siciliano a nino aaaah coso, ah nino, sta macchina che c’hai, buttala nel cesso!!!

 E(re)tica L’ingegneria genetica è inaccettabile per gli uomini di Chiesa. Anche Marcinkus giudicava immorali pratiche come la clonazione sopratutto quella delle carte di credito. (tabagista1986)

filodoku  Il mondo dell’Intelligence, ovvero: i Rispioni Io spio te, tu spii lui, lui spia noi, noi spiamo voi, voi spiate loro, loro spiano me - io rispio te, tu rispii lui, lui rispia noi, noi rispiamo voi, voi rispiate loro, loro rispiano me - io ririspio te, tu ririspii lui, lui ririspia noi..... (Renzo Butazzi)

Chi l’ha detto? Continuano gli attestati di simpatia per il sindaco di Roma...

«Io apprezzo molto Veltroni, è un grande uomo, un uomo di cultura e la cultura è qualcosa che manca in Italia. Però è un uccello in gabbia, non può muoversi» a) Alberto Angela b) Colleen McCullough c) Emanuele Filiberto di Savoia

a b c

In sala con un critico d’eccezione

Pollari e i segreti di Harry Potter di Marco Vicari

A

bbiamo mandato l’ex capo del Sismi a vedere il nuovo Harry Potter. Ecco la sua recensione: Mai andare al cinema con Pio Pompa. Prima dell’inizio del film l’ho mandato al bar a comprare i pop corn e lui ha chiamato la polizia. Dice che c’era un terrorista, che stava facendo esplodere del mais. Ma veniamo al film: purtroppo non potrei parlarne perché Prodi non ha ancora tolto il segreto. Nell’attesa riferirò solo per sommi capi quello che potrei rivelare della trama del film. Potrei rivelare che: - Negli anni 80’ Harry Potter monta su un aereo, e fa sparire dai tracciati radar un DC-9 nei pressi di Ustica - Sabato 2 Agosto 1980 Harry Potter si trova alla stazione di Bologna e la fa esplodere per sbaglio, mentre tenta di fare il suo nuovo numero magico:

estrarre dal cilindro una cellula delle Brigate Rosse - Negli anni 90’ Harry Potter è il nuovo collaboratore di Mario Chiesa. E’ Harry che gli insegna a far scomparire le tangenti buttando le mazzette nel cesso, pronunciando la parola magica: “Occupato!” alla polizia che lo attende là fuori - Sempre negli anni 90’ compie un attenta attivita’ di dossieraggio sugli 883 per conto della Cia, del Sismi e del vicino di casa che tiene troppo alto lo stereo. Grazie a questa attenta attivita’ di dossieraggio il Sismi ottiene preziose informazioni. Tra cui: Mauro Repetto non balla ma lancia messaggi subliminali tipo: «E’ vero. E’ piu’ onesto fare il muratore». - Harry Potter spia i magistrati infiltrandosi tra loro. Per fare questo si traveste mettendosi la toga, ma viene subito scoperto quando dice che gli piace la Riforma della Giustizia di Mastella

Fotomanipolazione di Edoardo Baraldi

lasoluzione: c)


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Dopo l’articolo del Financial Times

Ariciao, maschio! Anche a Liberazione una lettera di protesta. «Gli uomini politically correct non mi guardano il fondoschiena» la lettera di Rosa Mora

C

sabato 21 luglio 2007

Liberazione

aro direttore, non so se lei porta l’orecchino (non mi sembra, oppure se lo toglie quando va in tv? certo che ci va tanto in tv lei, eh?). Comunque se lo porta le sarà capitato di doversi mettere in fretta e furia il cerchietto d’oro con quel gancetto che non trova mai il buco giusto quando hai fretta, si lacera mezzo lobo e allora smadonni a destra e manca. No? no le è mai capitato? Beh, guardi è una delle cose peggiori da spiegare, è un misto di rabbia, fastidio ed impotenza che potresti strozzare anche Brad Pitt se suonasse al citofono in quel momento. Perché glielo racconto? Intanto perché voglio scrivere anch’io una lettera a un giornale per far pesare il fatto che non mi guardano mai il culo quando vado ai colloqui di lavoro. E allora Wanda, la mia amica, mi dice: ci credo, vai sempre a cercare lavoro in posti di sinistra dove i maschi non è che non ti guardano - ti guardano ti guardano - ma si vergognano di essere come gli altri. Guardi, direttore, a me che lei

filodoku

Chi l’ha detto? Donne donne... eterni dèi, ma sempre dietro ai maschi, però!

«Il nostro obiettivo è un governo dove almeno il 50% dei ministri siano donne e, soprattutto, ove le donne siano chiamate a guidare ministeri importanti». a) Brambilla

Una ricerca scientifica alla base dell’articolo del Financial Times

Le donne inglesi sono invidiose delle italiane che hanno il bidet!

b) Mary Poppins di Alvise Spanò

c) Lanzillotta

a b

U

na rigorosa ricerca scientifica dell’università di Cambridge guidata dall’astrofisico Stephen Hawking dimostra che nel

99,7 per cento delle case britanniche i cessi sono sprovvisti di bidet, con rischi gravissimi per la flora batterica delle donne indigene. Nel palazzo che ospita la redazione del Financial Times

questa percentuale sale addirittura al 100%. Le associazioni femministe italiane insorgono: “Questa è solo la punta dell’iceberg. In Inghilterra abbiamo visto anche bagni

c la soluzione: c)

L’origine del mondo di Edoardo Baraldi

con la moquette. Costringere una donna a pulirli è una ripugnante violazione dei diritti umani”. L’ordine degli architetti britannici protesta contro le ingerenze degli altri paesi membri nell’autodeterminaz ione del lavaggio intimo: “il cesso e’ mio e me lo progetto io”. Interpellato sulla validita’ scientifica delle misurazioni, Hawking afferma che «siamo più che sicuri dei nostri risultati: gli inglesi hanno delle case fatte alla cazzo, pertanto strutturalmente inadeguate all’igiene intima femminile». Nel frattempo si scopre anche che in Afghanistan il Burqa non e’ mai stato veramente abolito. «Visto che abbiamo fatto bene a rimanere?» e’ stato il commento a caldo di Sergio de Gregorio.

venda “Liberazione” utilizzando la donnina nuda non me ne frega proprio niente. Figuriamoci se non siamo abituate. Sia alle donne nude, che ormai non ci fanno né caldo né freddo, ma soprattutto siamo abituate ai maschi politically correct. Una sciagura. Il peggior lascito del femminismo, se Amato, mi consente! una teoria di occhi vacui, di menti compresse nello sforzo di capirci, per poi optare nel sempreverde: «parliamone» senza capire un tubo (mi perdoni Fassino) di quello di cui si parla. Dio ci liberi, direttore, dal politically correct mal digerito in fatto di rapporto tra i sessi (o devo dire tra i generi?): è tutto un sussurrare leggero, amicale in cui la preoccupazione maggiore è quella di non offederti senza volerlo (perché, se poi lo vogliono, sanno farlo perfettamente). Peccato che poi quando parli tu e passa la strafica, sarà pure impegnato e corretto ma lo sguardo da comprensivo si sposta e diventa immediatamente diagnostico. Allora anche voi davanti a tette e culi vi piglia ’sta cosa che non potete non guardare? Allora ci hanno ragione i pubblicitari? Caro

direttore, sono sicurissima che lei non comprerà mai una scatoletta di tonno perché è pubblicizzata da una bella figliola. E questo fa la differenza tra lei Vittorio Feltri e Roberto Calderoli. Il fatto che vado a cercare lavoro in posti di sinistra, dice la mia analista, vuol dire che cerco, incosciamente, la frustrazione della femminilità, la spensieratezza dell’infanzia in cui il sesso non esisteva e si era amate per quella bella testolina dai ricci biondi. Ma io, direttore, non voglio darmi per vinta. Del resto non vado mai a cercare lavoro troppo truccata e vestita in modo apertamente seducente: so che agli uomini corretti piacciono le donne acqua e sapone, di bell’aspetto ma soprattutto intelligenti. Metto solo una canottierina ogni tanto e mi dico che il fatto di portare una quarta coppa B potrebbe avere il suo peso. Ma loro sono inappuntabili, non guardano e non hanno istinti sessuali nei miei confronti. Possibile, mi chiedo? Sarebbe tropo bello per essere vero. Sarà vero? Lo avranno proprio interiorizzato? Allora mi prende una strana cosa, un po’ come con l’orecchino che le dicevo prima, un misto di rabbia fastidio e impotenza. Perché mi da fastidio dare ragione a Wanda e all’analista: può darsi pure che poi alla fine voi siate “veri” così e non lo fate per essere corretti politicamente. Poi di rabbia perché dopo tanto femminismo (scusi ancora Amato) stiamo ancora qui a chiederci perché comprano il tonno se nella pubblicità c’è la donna nuda: se non lo sanno loro! Infine di impotenza perché tra tante domande non so decidermi tra Massimo, rispettoso e comprensivo che dice di amarmi ma non scopiamo più da dieci mesi e che mi presenta come la donna più intelligente del mondo, e Vasco, strafottente e indifferente che non ha mai detto di amarmi ma scopiamo appena possibile e l’intelligenza non sa che cosa sia...


La

pagina

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Caccia a Ottobre Rosso

E’ iniziato per il Premier un mese durissimo: il 7, il 10, il 12, il 14, ma soprattutto il 20

domenica 7 ottobre 2007

Liberazione

Iscrizione al Pd: Offerta straordinaria! di Renzo Butazzi

E

gregio Signore, Lei ha vinto un’offerta davvero straordinaria! Il 14 ottobre, pagando solo un euro in più (sei euro invece di cinque), oltre a partecipare alle primarie per l’elezione del Segretario, potrà ricevere la tessera del Partito Democratico valida fino al 31 gennaio 2008:

quattordici mesi e due settimane al prezzo di soli dodici mesi!. Inoltre avrà facoltà di recesso nei primi sei mesi. Se in tale periodo il Pd non lo avrà soddisfatto verrà completamente rimborsato. Nessun altro Partito ha mai offerto un’occasione del genere! Ecco perché il Pd è un partito veramente NUOVO! Ds, Margherita & Soci - S.r.l.

 PARTECIPAZIONE ALLE PRIMARIE PD Prezzi del voto Intero: 5 Ridotto:3 (Militari,ragazzi, signore accompagnate) Anziani:1 Gruppi e famiglie: Sconto 10% sul totale *Prenotazioni e prevendita presso tutte le agenzie Ds e Margherita

Cronaca dell’ultima riunione del Partito democratico

«Vorrei la moglie di...» i candidati esprimono i più segreti desideri di Marco Vicari

P

artito democratico: giorni fa la riunione tra i 5 candidati sulle regole del partito. Tutti d’accordo su: «Si conta fino a 10, chi rimane a terra ha perso». Tra i presenti il blogger Adinolfi che ha messo i video della riunione su Youtube. Intanto Walter Veltroni ha fatto una proposta rivoluzionaria: «Vorrei Veronica Lario nel Partito Democratico». La proposta ha creato una più ampia maggioranza di consensi attorno al partito. Una maggioranza che va dalle mogli degli imprenditori televisivi

multimiliardari alle mogli degli imprenditori bassi e con i capelli trapiantati. Alla proposta di Veltroni, Rosy Bindi ha replicato: «Vorrei la moglie di Fini candidata con Sinistra democratica»; Enrico Letta: «Vorrei la moglie di Bossi al Festival della canzone napoletana»; Gawronski: «Vorrei una delle mogli di Casini per andare al Family Day: una qualsiasi»; e Adinolfi: «Vorrei una moglie su internet: così potrei scaricarla quando mi pare». Al di là delle previsioni, una presenza appare certa tra i parenti illustri nel prossimo Pd: sicuramente avrà un incarico il marito della moglie di Walter Veltroni.

Le cinque questioni fondamentali del nostro tempo di Angolosbocco Quando Veltroni getta il cuore oltre l’ostacolo, Bettini glielo riporta? Parisi ha le occhiaie perché dal ’98 per addormentarsi conta le pecore e gliene manca sempre una? Giornalista: «Tra Giordano e Diliberto, lei chi butta giù?» Mastella: «Io butterei giù la torre» Latorre: «Va beh ma ditelo che è una persecuzione» Intercettazioni sul caso Unipol: D’Alema: «Stai abbottonato» Fassino: «Ma è luglio!» Quando Fassino fa il punto, Migliavacca va a capo?

E’ ufficiale: Prodi non farà il presentatore, ma Veronica Lario farà la valletta

14 vendemmiaio: la grande kermesse di democrazia di Viscontessa

«A

ncora molte le incertezze che accompagnano l’elezione di Miss Pd. Le primarie sono alle porte e gli elettori sono pronti a dare il loro voto ma

tra i cittadini sono ancora molti coloro che chiedono a gran voce di poter vedere anche il lato B dei candidati. In difficoltà il comitato organizzatore: «Il fattore C per tradizione è sempre stato venduto al miglior offerente e

adesso non sarà facile trovare un accordo con gli sponsor»; affermazione alla quale ribattono con forza le liste civiche di Beppe Grillo: «Dopo il vaffanculo day siamo pronti ad applicare il bollino di qualità sui culi

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

delle miss che lo meritano». Sdegnata la reazione della candidata Rosi Bindi che replica «Non ho mai mostrato neanche il fattore F, figuriamoci se adesso metto in piazza quello C». Più minacciosa invece la posizione di Miss Roma Walter Veltroni «Farò il culo a tutti e ve lo dimostrerò» che poi aggiusta il tiro e precisa «essere presi per il culo fa parte del gioco». Mistero invece sul nome di colui che condurrà la kermesse elettorale del 14 ottobre. Prodi, il cui nome era circolato insistentemente negli ambienti ben informati della politica, pare che all’ultimo momento abbia dovuto rinunciare: «Purtroppo l’approvazione della finanziaria ha richiesto più tempo del previsto ma sono contento ugualmente perché la nostra è una finanziaria veramente giusta: più pezze al culo per tutti». Qualche indiscrezione in più invece sul nome della valletta: è notizia delle ultime ore la candidatura di Veronica Lario scelta soprattutto per il suo fascino di donna comune. «Siamo convinti - hanno infatti affermato in un breve comunicato stampa dalla sede del Pd - che lo stile acqua e sapone della signora Lario, possa ripulire i nostri culi dalla vasellina con cui per anni ci ho governato suo marito».


pagina

La

satirica non

Che cosa hanno fatto o mangiato i candidati?

La notte prima delle primarie

negoziabile

né ricattabile

Pd, ha vinto Veltroni

Contro ogni pronostico, il popolo delle primarie ha scelto il suo leader tra i volti più nuovi della politica. Bookmaker in bancarotta per la sconfitta del favorito Adinolfi

Liberazione

il retroscena

domenica 14 ottobre 2007

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Un nome scelto dalle segreterie di cpt e campi rom

Il leader nel 1985 aveva già le idee chiare (e solo 30 anni): «Non faremo l’errore degli Usa» il commento

di Angolosbocco

di Alvise Spanò

I

O

ggi a Roma si respira aria nuova: l’Italia ha un nuovo partito, e questo partito ha un leader. Per prudenza non ci siamo avventurati in azzardati pronostici, e abbiamo atteso fino all’ultimo i risultati di queste primarie giocate sul filo di lana, a conferma che il nome di Veltroni non è stato calato dall’alto delle segreterie dei partiti, ma sussurrato dal basso, tra i banchi dei pescivendoli, nelle miniere di carbone, nei Cpt, nei campi Rom e nei templi buddisti birmani, dove i monaci hanno riconosciuto in Veltroni l’unico uomo capace di imprimere una benefica sterzata alla politica internazionale. E come i buddisti, Walter rigenera il suo karma. Nel 1985, durante i lavori del comitato centrale del PCI, ci descriveva «il rischio che la sinistra italiana compia lo stesso errore dei democratici americani: l’idea di un blocco sociale tradizionale, di un partito locomotiva al quale agganciare tutti i vagoni delle minoranze, senza sintesi, in pura giustapposizione». Ma dopo i suoi viaggi africani, oggi Walter ci guida con la mente più aperta in un mondo dove non dobbiamo più avere paura degli errori degli altri, perchè in quanto a cazzate non siamo secondi a nessuno. Questo sussulto di dignità che ci riconosce il pieno diritto di sbagliare è la ragione più segreta che ha consegnato a Veltroni la meritatissima leadership del Pd in un paese dove una fredda e asettica politica senza errori ci ricorderebbe troppo dolorosamente che siamo stronzi quanto e più dei nostri leader.

eri serata di vigilia per i candidati a capo del Pd. E come in tutte le vigilie, erano tutti più buoni.  Rosy Bindi è andata alla classica messa di mezzanotte, che dopo c’è la tolta dell’una, e prima di andarci ha mandato una scatola di cioccolatini ripieni a Veltroni. Il fatto che la scatola sia esplosa pare sia una coincidenza: a chi non capita di confondere il liquore con la nitroglicerina (da cui la tequila bum bum)?  Letta, che si è candidato in quanto nipote, ha scritto “Bindi vecchia zitella” su un muro in quanto giovane, si è condannato all’ergastolo per tale gesto in quanto liberale e si è dato subito l’indulto in quanto alla vigilia si è tutti più buoni.  Adinolfi ha mangiato 98 panettoni. Dell’anno scorso, che mica ci sono già quelli del prossimo Natale.  Gawronsky ha portato Schettini al cinema a vedere Star Trek, gli ha comprato i pop corn stellari e poi – per farsi un regalo – si è comprato il celebre manuale “impara anche tu a pronunciare il tuo cognome ad alta voce”.  Veltroni era più buono (il sangue non superava il 2% nei suoi zuccheri). Ha considerato i cioccolatini esplosivi un chiaro segno della volontà di Rosy di chiarire le cose, compresa la sua faccia (di Walter). Ha poi inaugurato il nuovo Viale dei Puffi attraversandolo con in braccio una vecchina, che a sua volta portava una ciotola di riso per i bambini birmani. Prima di rincasare ha esposto dal Campidoglio una bandiera turchese in solidarietà ai fermenti lattici che ogni giorno vengono mangiati vivi.

filodoku Il premio più ambito va al senatore Gavino Angius per: «I promotori della manifestazione del 20 ottobre abbiano il coraggio di disdirla»

Chi l’ha detto? Chi l’ha detto?

«No a colpi di testa sulla riduzione dei ministri. E’ un problema che deve coinvolgere tutte strutture politiche del paese». a) Zidane b) Prodi c) il Padrino

5 copioni per un kolossal di Marco Vicari

L

a

e primarie del P. D. sono state definite: “Il piu’ grande kolossal della politica italiana”. Ma ogni candidato, a riguardo, ha un copione diverso in testa. Eccoli:

Walter Veltroni:“I 10 comandamenti” Nella nuova versione de “I dieci comandamenti”Walter si accontenta di fare la parte di Mosè.Walter ha evitato di fare Dio non solo perché non ha manie di protagonismo, non solo perché ha un carattere umile,ma anche perché Dio,durante il film, non si vede mai. La trama è semplice:Walter è il nuovo profeta Mosè che accompagna il popolo del Pd verso la terra promessa.Il

viaggio sarà pieno di pericoli ma alla fine,il nostro eroe porterà il suo popolo davanti a Palazzo Chigi.E lì si accorgerà che, causa elezioni anticipate,al Governo c’è già Berlusconi. Meraviglioso quando Mosè Walter divide le acque, creando due partecipate dal Comune per l’acqua pubblica dei romani. Rosy Bindi:“Cleopatra” Questo nuovo copione del kolossal,trasporta la nascita

del Pd nell’antico Egitto.Una strana ambientazione se si pensa che,a quei tempi, molti dei candidati delle liste nel Pd,erano ancora adolescenti. Rosy Bindi interpreta Cleopatra,donna leader,che ordina di costruire grandi opere,monumentali,in grado di essere le nuovi sedi del partito.L’ordine si traduce in caos tra i Ds che cominciano a costruire piramidi e la Margherita che comincia a costruire Chiese. Enrico Letta:“Pinocchio” Pinocchio è un giovane; un po’di legno,ma pur sempre un giovane.Assieme ad altri giovani vive nel paese dei balocchi: il paese che vedono i giovani di Confindustria.Ma una mattina Pinocchio si trasforma in un precario che guadagna 250 euro al mese. Tutto si risolverà grazie alla fata che con un incantesimo lo trasformerà da giovane di legno in tecnocrate ministeriale.

b c Soluzione: b) Prodi

Mario Adinolfi:“Matrix”.Il copione che si è fatto in testa Adinolfi prevede che anche lui,finalmente,diventi l’eroe della realtà virtuale che appassiona milioni e milioni di spettatori.Il problema è che Mentana non ha intenzione di invitarlo.

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

PierGiorgio Gawronski: “Sansone contro Ercole, Maciste e Zorro” Gawronski interpreta tutti e 4 gli eroi. Contemporaneamente.E’la loro la controfigura.


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Manifestazione di lotta e di governo pd bo di bù pd bo di jè

domenica 21 ottobre 2007

Liberazione

Storie dall’Italia di oggi

FACCIAMO CASINO, MA PIANO PIANO Come si fa a rompere le palle al governo senza farlo cadere dalla padella nella brace? Oggi protestare è più difficile che giocare a shangai, un sottile gioco di equilibrismi per evitare che lo stecchino piu’ grosso sia quello che ti raggiunge da dietro. Ma noi ce la faremo.

Domani è un altro giorno

Avanti a sinistra!

di Marco Vicari

di Rosa Mora

A

M

a che bello! C’erano tutti in piazza. Eravamo tutti lì. Avevo messo le scarpe comode, quelle da corteo, vestita a cipolla per il tempo incerto e alle 14.15 ero davanti a Feltrinelli casomai arrivasse Prodi, come aveva scritto Sansonetti. Prodi non è venuto, però in compenso c’erano altre 499 mila persone circa. Si stava stretti a piazza Esedra e tra me e me ho pensato: meno male che hanno scelto San Giovanni come piazza finale, ché almeno si sta larghi! Mi compro subito l’edizione straordinaria di Liberazione e cerco il Direttore. Neanche lui è davanti a Feltrinelli. Che stia con Prodi? No, perché dopo l’ultima volta, insomma, quelle confessioni, sembra che si siano trovati d’accordo almeno su una cosa ma, come dire, il segretario del Pd non era tra i punti in programma della manifestazione. Comunque mi sono messa dietro al corteo di un gruppetto di ravennati. Bei ragazzi con uno striscione: «Siamo qui per chiedere il contratto a tempo indeterminato per il nostro Ibrahimovic». Ma dai! Ma dite sul serio? «E’ una provocazione! per sensibilizzare il governo verso chi l’ingaggio annuo di un fuoriclasse come Ibrahimovic non lo raggiunge neanche dopo 40 anni lavoro». Giusto. Mi accodo ad un lavoratore precario con la pettorina: «No al lavoro nero». Su di lui, che è nero, è veramente tutto un programma. Domani, come diceva Rossella, è un altro giorno. Che dire? Ragazzi: avanti a sinistra!

umento del pane: una volta vedevi i piccioni correre dietro alle vecchiette per avere qualche briciola. Oggi vedi le vecchiette correre dietro ai piccioni per lo stesso motivo.  Lo scienziato nobel Watson: “I neri sono meno intelligenti dei bianchi”. Watson è famoso per essere stato uno dei primi a leggere il Dna. Poi smise, perchè si era abbonato a La Padania  La Turchia ha annunciato raid anti - PKK in Iraq. Al che Bush, resosi conto della gravità della situazione, ha annunciato il ritiro di tutti i soldati turchi dal paese  Ostia: cocaina in ospedale: ennesimo caso di malasanità. I pazienti protestano contro le liste di attesa: “Per una striscia si aspettavano anche 6 mesi”  Precariato: nuove norme nel protocollo Welfare. Dopo 36 mesi il lavoratore precario diventera’ automaticamente discoccupato a tempo indeterminato  Berlusconi: “No al dialogo sulle riforme con il Partito Democratico”. Veronica sarà costretta a scegliersi il colore della nuova moquette da sola  Psicologia: le parolacce rendono più produttivi sul lavoro. E’ vero: ogni volta che c’è un Consiglio dei Ministri, aumenta vertiginosamente il PIL

filodoku

Chi l’ha detto? Manifestazione del 20 ottobre: «Non ne capisco gli obiettivi, non so per quale motivo è stata fatta e per fare che cosa»

Dopo il ma-anchismo il si-maismo

a) James Watson b) Homer Simpson c) Luigi Angeletti

a b c soluzione: c) Luigi Angeletti LE FOTOMANIPOLAZIONI DI EDOARDO BARALDI

di Angolosbocco

Giordano dice sì agli scalini pensionistici, ma ogni 25 anni. Pecoraro Scanio dice sì al MOSE, ma al largo di Ostia. Diliberto dice sì, ma non sa a che cosa.

 Sì, ma. Dopo il Ma-anchismo di Veltroni, ecco il Sì-maismo della sinistra. Mussi dice sì al protocollo, ma con modifiche (lo vuole a quadretti).

 Simbolo. Presentato in anteprima il simbolo del Pd: occhio e croce. È perfetto: approssimativo, cattolico, strabico.


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

UN (ALTRO) ITALIANO SULLO SHUTTLE Il comandante Pamela scopre il presidente Prodi nella stiva dello Shuttle, nascosto tra le lattine di fagiolini. ”Troppo casino a Roma, avevo bisogno di una boccata d’aria”. E Pamela disse al Presidente:

Liberazione

«Uaddafakka ariu duing?!» lo scoop di Alvise ”Gagarin” Spano’ [nostro inviato cosmico ]

C

domenica 28 ottobre 2007

ome nelle migliori storie di pirati, anche lo Space Shuttle ha un clandestino a bordo. Si tratta di Romano Prodi, che schiacciato inesorabilmente tra destra e sinistra ha deciso di schizzare verso l’alto. Tutto comincia all’ora di cena, quando una democratica votazione tra l’equipaggio assegna al comandante Pamela il ruolo di chef. E lui era li’, rintanato nella stiva come un pupo, ronfando beato come non faceva da mesi col moccolone all’insu’ per la gravita’ zero. ”Uaddafakka ariu duing”? Ha esclamato Pamela nel cordiale gergo degli astronauti, ed e’ qui che le telecamere di bordo hanno colto le lacrime di un uomo distrutto. ”I giorni pari rompe Mastella, quelli dispari Di Pietro, nei weekend i No Global. Mica sono di ferro! E poi Berlusconi che gongola per la situazione e mi chiama per farmi le pernacchie anonime, come se non vedessi che il numero e’ il suo. Ma vi rendete conto? Ormai solo qui nello spazio posso allargare all’universo la mia visione dell’europeismo. Non mandatemi indietro, vi prego: ormai c’e’ Walter che manda avanti la baracca. Vi lucido le lattine di fagiolini, e poi modestamente faccio un ragu’ mica male”. Dopo una breve consultazione, Prodi e’ stato accolto nell’equipaggio, tutti lo chiamano gia’ ”Zio Romano” e ogni tanto chiede se lo fanno guidare un po’.

filodoku Il premio più ambito va all’avvocato dello Stato Ernesto de Napoli,per: «aver chiesto 100 mila euro a testa ai ragazzi del G8»

Chi l’ha detto? «I partiti, non appena vedono un giovane avvicinarsi, si affrettano a chiudere la porta con chiavistello e lucchetti»

Dietro le quinte: la settimana di paparazzin

a) Carmencita

di Marco Vicari

b) Haidi

 Berlusconi: secondo indiscrezioni Berlusconi non avrebbe più a disposizione i 5 senatori dell’opposi Giustizia: perquisita la redazione comprati recentemente. La mamma gliel’ha buttati via quando zione de “Il Campanile” il giornale ha saputo che erano prodotti Mattel dell’Udeur. Nella redazione i poliziotti hanno scovato un documen-

c) M.V.Brambilla

a

I dati Istat di Angolosbocco

Giustizia, Rai, Governo. Poteva andare peggio? No, già piove  Governo: Prodi riporta la pace tra Mastella e Di Pietro. Adesso i 2 votano allo stesso modo. Cioè: assieme all’opposizione

b

to introvabile e ai più sconosciuto: una copia del giornale  Giustizia: Clima sereno in tutta Italia per le vicende giudiziarie. Il clima è così sereno che oggi Mastella ha minacciato di non dimettersi  Rai: sfiduciato Petruccioli. Petruccioli ha detto che non si dimetterà fino alla nomina del suo sostituto. O perlomeno fino alla messa in onda de “Il treno dei desideri” dove realizzeranno il suo sogno: la nomina di Petruccioli a sostituto di Petruccioli  Sardegna:Pastori sardi strangolati dalle banche a causa dei mutui agevolati. Ieri l’ultima tosatura per pagare l’ennesima rata: i pastori si sono fatti la ceretta a vicenda.

c

 Fiat: aumento di 30 euro sul salario degli operai. Superato il Modello Ford, siamo arrivati al modellino Fiat: adesso anche gli operai Fiat potranno permettersi di acquistare il modellino dell’auto che stanno costruendo

la soluzione: c) IL SALADINO-MASTELLA LE FOTOMANIPOLAZIONI DI EDOARDO BARALDI

 Insediamento di Veltroni: Veltroni è finalmente a capo di un movimento innovativo, un movimento che muove i suoi primi passi in Italia: Scientology. Pensava che Tom Cruise gli avesse chiesto 20 autografi per stima: in realtà erano i moduli di iscrizione alla setta

D

all’ultimo rapporto Istat: “Il tasso di occupazione è più alto tra i giovani che vivono da soli rispetto a quelli che stanno ancora in famiglia, perché quando uno se ne va di casa cerca lavoro e poi lo trova”. Ma dai!?Ma va?! Ecco quello che l’Istat ancora non ha osato raccontarci (ma prima o poi lo farà).  Molte coppie con due o più bambini hanno una station wagon, perché è molto comoda per fare sesso e quindi averla aumenta la probabilità che lei rimanga incinta.  I fiumi che passano in mezzo a una zona industriale sono più inquinati, perché le aziende cercano sempre di posizionarsi lontano dall’acqua pulita che invoglierebbe i dipendenti a darsi malati e andare a pescare.  I ricchi hanno case più grandi dei poveri, perché senza una casa grande non si sa dove mettere i soldi e quindi li si butta via e si rimane pezzenti.  I tossicodipendenti compiono in media molti più reati degli altri, perché chi ruba si sente in colpa e per riprendersi comincia a drogarsi.  I bambini africani hanno una speranza di vita inferiore a quelli italiani, perché muoiono dalla paura che prima o poi arrivi Veltroni.


pagina

La

satirica non

Omosessualità e pubblicità

Reazioni a catena

negoziabile

né ricattabile

Liberazione

paparazzin@liberazione.it

Inquisizione, tre volte al giorno dopo i pasti

PINO GOLDONI, FARMACISTA ALLO SBANDO Un devoto commerciante prende sul serio l’obiezione di coscienza istigata dal Papa, e scatena nel proprio negozio la caccia ai prodotti peccaminosi.

la società

domenica 4 novembre 2007

per reclami, insulti e suggerimenti:

il testimone

di Viscontessa

di Alvise ”Doctor House” Spano’

R

P

ino Goldoni ha venduto medicine per cinquant’anni nella sua piccola farmacia di borgata. Ma oggi ha visto la luce grazie alle illuminate parole del Santo Padre, scoprendo che dietro la missione umanitaria del suo negozio si nasconde l’ombra oscura del peccato. «Da oggi - ha tuonato in preda ad un delirio mistico - eliminerò tutti i prodotti contrari alla morale cattolica». E così dagli scaffali di Pino sono scomparse le pastiglie alla menta, che favoriscono le pomiciate prematrimoniali, la vaselina, ottima per le labbra screpolate ma equivoca nei suoi secondi fini, i profilattici di tutte le forme, gusti e colori, gli antibiotici, che uccidono forme di vita come virus e batteri, create dalla infinita sapienza divina. E giù ancora senza pietà contro gli omogeneizzati che uccidono povere mucche innocenti, il Viagra, le pillole anticoncezionali, le pomate antiemorroidi che favoriscono i rapporti contronatura e la schiuma da barba al mentolo che in casi estremi puo’ essere efficacemente usata come prodotto sostitutivo dello spermicida. In serata il Vaticano ha preso le distanze da questo gesto estremo: «Noi ce l’avevamo solo con la pillola del giorno dopo», ha dichiarato Jose’ Catarro Valls a nome di Dio. Goldoni ha pianto per sei ore di fila davanti alle braci ancora calde di seimila euro di farmaci bruciati, e ora è in causa contro la Santa Sede assistito dagli avvocati della Confcommercio.

eazioni a catena un po’ ovunque dopo la recente campagna pubblicitaria dell’assessorato alla sanità della Regione Toscana che ci svela le origini dell’omosessualità. Centinaia i neo genitori che all’interno del reparto maternità di molti ospedali, hanno chiesto un braccialetto identificativo delle caratteristiche, a loro dire genetiche, del loro figlio: “calciatore” e “miss Italia” le richieste più frequenti. Soddisfazione espressa invece dalla Chiesa «Lo dicevamo noi che l’omosessualità era una malattia. Che adesso si pensi alla cura», mentre il famoso fotografo Olivero Toscani fa sapere che sta pensando di affidare all’immagine di uno spermatozoo anoressico una nuova campagna pubblicitaria per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle origini della sessualità. Reazioni anche dal mondo della politica. Mastella intervistato di recente dopo il suo no alla commissione d’inchiesta sui fatti del G8, si è giustificato sostenendo che l’orientamento politico non è una scelta. «Per anni ho dovuto nascondere la mia identità democristiana ma ora basta», mentre Di Pietro è apparso come al solito in stato confusionale, ma nessuno si è chiesto se sia così dalla nascita o lo sia diventato col tempo. Interpellato, infine, anche l’assessorato alla sanità della Regione, ideatore della fortunata campagna pubblicitaria. A domanda su cosa c’entri la salute del cittadino con l’omosessualità, ha risposto «Non potendo offrire al cittadino un orientamento sanitario certo, abbiamo pensato di disorientarlo del tutto offrendogli con le nostre campagne pubblicitarie un orientamento educativo incerto».

filodoku

Chi l’ha detto? «Di Pietro è il solito quaquaraqua e per paura di perdere la poltrona, unico scopo della sua vita, fa marcia indietro sul G8 ed è pronto al processo alla polizia»

tempi moderni di Marco Vicari

1) Clemente Mastella

 Sicurezza: Fini ha visitato le baracche rom di Tor di Quinto. Dopo la visita ha addebitato al Governo Prodi il problema delle periferie urbane: “Con Prodi l’inflazione è andata alle stelle. Avete idea di quanto costi oggi il filo spinato?”

2) Antonio Di Pietro 3) Maurizio Gasparri

a

 Inflazione: L’inflazione aumenterà i costi delle famiglie italiane di circa 400 euro. Questo significa che, da ora in poi, molti italiani ricorderanno con nostalgia i tempi migliori: quando non arrivavano alla fine del mese.

b

 Fiat: Marchionne regala un trattore al Papa. Il Papa ha ringraziato, dicendo: “Attorno al Vaticano è pieno di campi. Lo utilizzerò per seminare altri ripetitori di Radio Maria”

c

 Calabria: Muore un 12enne perchè in ospedale mancava il posto, mancava l’ambulanza e la sala operatoria non era disponibile. Indagati alcuni medici che però hanno un alibi di ferro: “Non pensavamo che quello fosse un ospedale”

la soluzione: a,b,c

 Birmania: I monaci buddisti di nuovo in piazza. Intanto il regime, per diminuire i numeri della protesta, ha espressamente vietato ai monaci di reincarnarsi  Rai: Urbani e Staderini minacciano di dimettersi. La Rai va avanti con le minacce e nessuno pensa ai contenuti. Oggi pomeriggio il mio televisore ha minacciato di accendersi su Cucuzza

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

 Marijuana: La Cassazione ha detto “Si’ alla marijuana in casa se arreda”. Cambiata la legge Fini sulle droghe: adesso si finirà in carcere, se vi trovano addosso 4 comodini


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

ENZO BIAGI VA ALL’INFERNO Il mistero G Facciamo il punto, da Fatima a Luxuria

Berlusconi si compra i giudici anche in cielo, e San Pietro condanna Biagi per giornalismo criminoso Il giornalista non perde il suo aplomb: «Alla mia età i luoghi caldi fanno bene alle ossa» di Alvise Spanò Aaldilà [nostro inviato]

la cronaca

domenica 11 novembre 2007

Liberazione

C

on una zia suora è tutto più facile, perfino comprarsi il giudizio divino. E’ così che il nano di Arcore, non contento di aver perseguitato Biagi da vivo, ha deciso di puntare in alto soggiogando il più potente tribunale del mondo. «Come si fa ad andare in Paradiso intervistando un bestemmiatore incallito come Benigni? - ha dichiarato l’ex palazzinaro di Milano 2 - oltre che criminoso, il giornalismo di Biagi era anche peccaminoso». Preso atto delle rimostranze di Berlusconi affidate ai microfoni di Radio Maria, e incassata una cospicua donazione per il convento della Zia Suora, San Pietro ha notificato un provvedimento di espulsione a Biagi, temporaneamente parcheggiato in una nuvoletta-cpt per gli immigrati dal mondo dei vivi. Sereno come sempre, il giornalista ha ripreso in mano il taccuino con gli occhi che gli brillavano all’idea di poter intervistare gente come Caino, Hitler e Nixon. «I buoni sono simpatici, ma le notizie sono all’inferno. Vuol dire che anche dall’altra parte resterò in prima linea, e poi un pò di calduccio fa bene anche alle ossa». Dopo questo riuscito blitz nelle alte sfere, Sandro Bondi si è suicidato per promuovere dalla sua nuvoletta un provvedimento di separazione delle carriere che impedirà ai beati l’accesso al ruolo di santi. Non c’è più religione.

di Viscontessa

S

velato tra l’incredulità generale il quarto segreto di Fatima. Dopo la moltiplicazione del prezzo del pane e del quantitativo di capelli in testa, Berlusconi annuncia al mondo intero di aver scoperto dove si trova il famoso punto G: «Il punto G delle donne è l’ultima lettera di shopping». Delusa Michela Vittoria Brambilla che dichiara «dopo tanta dedizione speravo si trattasse della G delle mia giarrettiera», mentre Calderoli chiede l’immediata espulsione di Fatima dal nostro paese «fuori gli stranieri pericolosi per la sicurezza dei cittadini italiani» e poi si chiede «ma che significa shopping?». Dura la condanna delle autorità ecclesiastiche «abbiamo appena riconosciuto alle donne l’anima e già chiedono il riconoscimento del punto G, se andiamo avanti di questo passo finirà che un giorno chiederanno di ragionare con la loro testa». Pronte però le rassicurazioni di Berlusconi: «In verità vi dico che ogni donna sogna di diventare una velina e io lotterò fino alla fine dei miei giorni per realizzare il loro sogno». Silenzio invece da parte degli esponenti di governo che dopo questa rivelazione si interrogano sulla possibilità di tutelare i ministeri senza portafoglio in mano alle donne. Si tratterebbe come al solito di un restyling sul nome: da ministeri senza portafoglio a ministeri senza carta credito. Soddisfatta infine la parlamentare Luxuria: «Lo dicevo io che la sessualità degli esseri umani la si deve stabilire sulla base delle proprie inclinazioni»; a cui ribatte risentita Daniela Santanchè: «Non diciamo sciocchezze, c’è una bella differenza tra il punto G di Luxuria e quello della mia borsa di Gucci».

filodoku

Chi l’ha detto? «Bisogna assolutamente recuperare quel talento di Capezzone» a) Gustave Flaubert b) Roberto Donadoni

Tempi Moderni di Marco Vicari  Finlandia : mette un video di minacce su youtube e poi fa strage a scuola. Paura anche in Italia: oggi Fioroni ha messo un video su youtube in cui minaccia nuovi aiuti alle private

Chi l’ha visto?

 Pacchetto sicurezza: Fini contrario alle azioni contro i romeni. Oggi ha sgombrato una baraccopoli con la sola forza del pensiero. Data l’emergenza, previsto l’arrivo di poliziotti romeni. Si reimpatrieranno da soli.  Hashish: Torino: 4 anni per aver venduto un grammo

di hashish. E’ l’effetto della legge Fini sulle droghe che equipara le droghe leggere alle condanne pesanti  Casini nucleare: Casini favorevole al nucleare. Casini propone una nuova tecnologia nucleare ecologica: la separazione dell’atomo mediante Sacra Rota.  Morti bianche: questa settimana altri 7 lavoratori in Italia sono morti durante il sonno. Il sonno di tutti gli altri

c) Mario Adinolfi

a

Pd: Biancaneve e Giavazzi

La nuova stagione: l’estate? Sì, ma anche l’inverno

b c

di Angolosbocco

V

la soluzione: a,b,c

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

arata la segreteria di Walter Veltroni. Le novità principali sono Biancaneve alle attività produttive (per dimostrare di essere vicini ai minatori, a differenza della Tatcher), Giavazzi all’economia (per dimostrare di essere vicini alla Tatcher, a differenza dei minatori) e l’Orso Yoghi all’ambiente (per dimostrare di essere vicini ai no global, dato il suo rapporto conflittuale con i ranger). Citazione di riguardo per il responsabile diritti civili Camillo Ruini: uno che sa il fatto suo ma si fa sempre i fatti degli altri, uno che sa bucare il video senza usare il preservativo, uno che in tema di sesso è sicuramente super partes.


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Campioni d’inverno!

IL GOVERNO PRODI RIMANE IN ZONA UEFA Ma a sinistra c’e’ mal di pancia: con la finanziaria ce ne hanno fatte mandar giù talmente tante che una cacarella stagionale era il minimo.

lla Camera la finanziaria sarà ulteriormente emendata da un provvedimento che vede d’accordo maggioranza e opposizione. E cosa vuoi di più dalla vita, un lucano? E che è, non ti bastava Donato La Morte? In ogni caso l’emendamento è stato scritto per venire incontro agli eletti all’estero, poiché in Argentina, ma anche in Antartide, non si usa dire “prendere due piccioni con una fava” e per questo si propone di abolire tale dicitura. I Verdi sono d’accordo in chiave animalista. D’accordo anche Gasparri, che ha rilasciato apposita dichiarazione: “Prendere due piccioni con una fava non è cosa semplice. Pensi che io provo sempre a prendere un piccione con una volkswagen e non ci riesco quasi mai. Prenderne due sotto in un colpo solo sarebbe un evento eccezionale, da fermarsi in mezzo alla strada con le 4 frecce, entrare in un bar e brindare con tutti quelli in coda che suonano il clacson. Questo per dire che prendere 2 piccioni con una fava è veramente un’azione degna di nota. Anche se io debbo ammettere che usare la mia fava per prendere i piccioni mi fa un po’ schifo. E ammetto pure che la mia volkswagen è più grande della mia fava. Questione di millimetri, ma comunque più grande”.

Liberazione

i fa fatica, ma siamo ancora in zona Uefa. Un accanito derby al Senato si snoda con una sequenza inarrestabile di colpi di scena: a Palazzo Madama Mastella si arrocca in difesa per proteggere i superstipendi di artisti Rai, Bankitalia, authority, 25 super-dirigenti, Platinette e suo cugino. Lamberto Dini arriva in senato lungo la fascia, lo scambiano per la Montalcini e chiamano i barellieri che lo intossicano a colpi di spray. Alla fine del primo tempo i lavori dell’aula sono sospesi per un mancato golpe militare di De Gregorio, rientrato con l’arrivo dell’amatriciana. Romano Prodi da Alghero invita a sbrigarsi senno’ si fredda la pasta. Di fronte all’ostruzionismo dell’Aula, Marini minaccia di prendere il pallone e andarsene via. Turigliatto abbandona il campo perche’ c’e’ gia’ abbastanza casino. Francesco Cossiga annuncia che voterà con la Cdl: ”Cadrò con loro come a Balaclava”. Berlusconi chiede chi e’ questa Balaclava. I nodi politici si sbloccano con un gol di nuca della Montalcini e un accordo bipartisan che prevede la sostituzione del comitato parlamentare sul G8 con una indagine piu’ approfondita sugli abusi della polizia scandinava. In cambio la sinistra radicale ottiene l’introduzione del reato di ”eccesso di mazzate”. La festa sportiva e’ funestata da un gruppo di ultras buddisti che si da’ fuoco in segno di protesta prima che qualcuno gli spari addosso.

domenica 18 novembre 2007

La Finanziaria condivisa A

S

filodoku

a) Cicciolina

Previsto un nuovo emendamento

di Angolosbocco

di nostro temerario inviato Alvise Spanò

«Non vorrei che l’autosufficienza di Veltroni nascondesse le “mani libere”. Sarebbe un errore strategico»

paparazzin@liberazione.it

l’apolitica

l’apolemica

Chi l’ha detto?

per reclami, insulti e suggerimenti:

I fatti staccati dalle opinioni di Marco Vicari  Cronaca Nera: Dopo i fatti di Perugia e il tam tam dell’informazione, ormai è psicosi Erasmus. Oggi un universitario ha chiesto ai genitori di andare in Erasmus e i genitori gli hanno risposto: “Ma non puoi uc-

b) Mussi c) Rommel

a

cidere coetanei nel tuo paese come tutti gli altri?”  Calcio: Si ferma per una settimana il campionato di calcio: manca l’accordo sui diritti televisivi degli assalti alle Questure  Senato: Prodi è ancora al Governo nonostante la campagna acquisti di Berlusconi. Questo significa solo una cosa: Dini sarà il nuovo centravanti del Milan  Ricerca: In Italia 1 lavoratore su 2 è raccomandato. L’altro è il cugino che gli ha commissionato la ricerca

b

 Al Qaeda: Ottimismo su un imminente cattura di Osama Bin Laden: secondo fonti governative Usa potrebbe essere presto arrestato. La Cia lo sta convincendo a candidarsi in Pakistan contro Musharraf

c

 Guantanamo: Diffuso in rete il regolamento segreto di Guantanamo. Molto severe le regole sui cani da guardia: i cani da guardia non possono scommettere durante i combattimenti tra detenuti

la soluzione: b)

 Delitto Moro: Grandi rivelazioni di Cossiga sul caso Moro: “1000 persone sapevano dove era il nascondiglio”. La grande rivelazione è che Cossiga non era tra quei 1000.

la fotomanipolazione di Edoardo Baraldi

 Nucleare: Ricomincia la corsa al nucleare per fermare i cambiamenti climatici. Grazie infatti agli incidenti nelle centrali nucleari non tutto il ghiaccio dei poli si trasformerà acqua. Molto di questo si trasformerà nei Gormiti


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Brambilla deposita 12.314 partiti

Irruzione in una casa popolare di Betlemme

I SAVOIA SACCHEGGIANO IL PRESEPE

Oro, incenso e mirra: tutto spazzato via. Con i re magi in cassa malattia (ormai hanno una certa eta’) e’ stato un gioco per la famiglia reale salire sui cammelli e fare man bassa. La stella cometa si dissocia dall’operazione.

Intereccettare il non voto la riflessione di Red Pascion

il fatto

L

a BMV (come Berlusconi chiama confidenzialmente la Brambilla) ha annunciato di aver registrato ieri all’ufficio brevetti di Bruxelles altri “interessantissimi ed eccitantissimi” nomi di altrettanti partiti, sempre su indicazione del Cavaliere e sempre per intercettare l’area del non voto. I nuovi partiti registrati dal notaio sarebbero 12.314 ma cinque sono maggiormente accreditati alla discesa in campo: Partito della Libertà (una, ma quale?), Partito delle Libertà (tante, tutte, anche quella di fare partiti del cazzo), Partita della Libertà (per intercettare il non voto dei tifosi), Partito delle/dalle/per le/ sulle/ nelle Libertà (per intercettare il non voto degli insegnanti in pensione di italiano), Partito della Liberta (senza accento, per insegnanti di latino). Secondo Berlusconi tutte queste formazioni non intaccheranno l’unità della cdl ma serviranno solo a pescare nell’area dell’astensionismo: “siamo convinti che ognuno dei nuovi partiti registrati dalla BMV raccimolerà almeno un 20/30 per cento di fetta di mercato”. Ai giornalisti che gli facevano notare che in questo modo i partiti notarili arriverebbero da soli a oltre il 150% dell’elettorato, Silvio Berlusconi ha risposto che la Brambilla sta depositando in queste ore una proposta di legge popolare che porta il 100 a 300. “Dobbiamo fronteggiare con vigore il pericolo comunista. Chavez sposta di 30 minuti le lancette, noi abbiamo il dovere storico di aumentare di 200 le percentuali”.

di Alvise Spanò [nostro inviato in medio oriente]

R

domenica 25 novembre 2007

Liberazione

iassunto delle puntate prededenti: prima scappano dall’Italia lasciando il paese allo sbando (vigliacchi) poi rompono le palle per anni piangendo di nostalgia per ritornare (ipocriti) poi una volta sdoganati organizzano truffe nei casinò (ladri) e non lo sanno neanche fare bene perché si fanno intercettare (coglioni) e ora vogliono saccheggiare il paese e mettersi in tasca 260 milioni di euro di soldi dei contribuenti (stronzi). Cosa chiedere di più a questa famiglia che ha già dato sfoggio di comportamenti così nobili? Quando sembrava che casa Savoia fosse una replica sbiadita e noiosa di casa Vianello, ecco un nuovo colpo di genio.“Facciamo un bel pellegrinaggio in terra santa!” Il pulmino Roma-Betlemme e’ guidato dal cardinale Pio Laghi,chehasposatoEmanueleStudioaperto, un uomo talmente Pio da aver benedetto perfino la dittatura argentina negli anni d’oro. Di fronte alla grotta del presepe, il miracolo della fede si e’ compiuto: contro la mercificazione del natale, il valore cristiano del distacco dai beni del mondo e’ stato celebrato dai Savoia con un allegro saccheggio di oro, incenso e mirra. Colti da un leggero appetito hanno anche provato a mungere il bue, con risultati che omettiamo per brevita’. Il tutto verra’ investito in cause impopolari o in case popolari, ancora non si e’ ben capito.

filodoku

Chi l’ha detto? «Quando si dà vita a queste missioni bisogna pensare che il pericolo è sempre in agguato, l’Italia sta pagando un prezzo altissimo per dare il contributo alla pace» 1) Veltroni 2) Parisi 3) Buontempo

Domani è un altro giorno...

morta. Bondi salvato per miracolo, mentre tentava di farsi imbalsamare

di Marco Vicari

 Raiset: Nuove intercettazioni: Il direttore del Tg5 si metteva d’accordo con Topo Gigio su quali favole raccontare agli italiani prima di andare a dormire

 Partito del Popolo: Berlusconi fonda un nuovo partito. Presto le primarie: il popolo sceglierà sulla scheda il nome, il logo e il premio in caso di risposta esatta  Forza Italia: Forza Italia è

 Partito Democratico: scelto il nuovo logo del Partito Democratico: c’è il tricolore con in sovrimpressione la scritta P. D.

Bocciata l’altra possibile scelta: il simbolo originale di Forza Italia.  Droga: Sono cresciuti di un milione i consumatori di cocaina in Europa. Allarme per i prezzi: 1 barile di cocaina adesso costa quanto una striscia di petrolio.  Annapolis: Olmert presenterà un nuovo accordo sul Medio Oriente. Israele si ritirera’ dalle uscite di sicurezza in modo da lasciarle libere per i palestinesi

a b c lasoluzione: c)

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Parlerete chiaro, parlerete tutto

VERIFICA POPOLARE: PARTE IL TELEVOTO SUL GOVERNO Da oggi un conteggio accurato di tutte le fregature per i precari, le promesse elettorali mancate, i favori fatti a Confindustria, le spese militari, la radioterapia nucleare di D’Alema e il conto del parrucchiere della Montalcini. Aiutaci a verificare: fai il punto della situazione allo 06916504836.

Liberazione

paparazzin@liberazione.it

La cheerleader racconta perché è stata picchiata

Prestigiacomo: «Ci invidiano!»

la verifica

la politica

di Alvise Spano’

di Viscontessa

R

E’

ipartono in grande stile le autointercettazioni di Paparazzin, che chiama a raccolta il popolo italiano per la prima verifica popolare di governo. In realtà gli ordini di scuderia del partito hanno affidato l’incarico a Ciccio Voccoli, il mitico segretario provinciale del Prc che si è gia’ messo all’opera per verificare tutto con una squadra di contabili Ferrari messa a disposizione da Montezemolo. Ma non possiamo più giocare all’antipolitica, e Ciccio Voccoli non va lasciato solo. E allora da queste pagine parte un accorato appello per la partecipazione civica: chiamate lo 06.916.504.836 e lasciateci un messaggio raccontandoci che cos’e’ che non va. Vi hanno acceso un rigassificatore in salotto? Vogliono aprire una base Usa ai giardinetti sotto casa? Vi hanno pestato al G8 mentre prendevate il traghetto per la Sardegna e ora insabbiano tutto? Il vostro condominio ha aumentato le spese militari per le barriere antipiccione? Volete sfanculare con l’impunita’ degli anonimi Giuliano Ferrara, Toto’ Cuffaro, o quel buontempone di Sergio de Gregorio? Chiamate il papanumero e lasciate la vostra traccia nel solco della storia. Il documento di sintesi della televerifica popolare verrà pubblicato sulla calzetta ufficiale senza veli e censure, dopo gli opportuni emendamenti da parte di Dini, Mastella, Di Pietro e la tata di Fassino. Dopotutto siamo pur sempre in una coalizione.

domenica 2 dicembre 2007

per reclami, insulti e suggerimenti:

soprattutto amarezza quella che traspare dalle parole di una delle cheerleader aggredite sabato scorso a Roma in occasione della manifestazione contro la violenza sulle donne. Stefania Prestigiacomo, ancora in lacrime per l’accaduto, si sfoga così sulle pagine di Barbie Magazine e annuncia «Non ci facciamo intimorire, andiamo avanti per la nostra strada. Il nostro obbiettivo non cambia e il nostro calendario è già pronto» e aggiunge orgogliosa «Io poserò per il mese di agosto». Difficile non intenerirsi di fronte alle parole di questa giovane promessa dell’intrattenimento parlamentare che dalle pagine della prestigiosa rivista ci ribadisce la sua intenzione di proteggere tutte le femmine dalla violenza con cui la sinistra pretende di considerarle donne. «E’ ora - scrive ancora asciugandosi il naso con la manica del cappottino - che ognuno si assuma le proprie responsabilità ed è proprio di questo che volevamo parlare alla manifestazione di sabato. Per l’occasione avevamo anche preparato uno slogan “l’utero è mio e me lo gestisce Dio”, ma Livia Turco per l’emozione si è confusa e ha cominciato ad urlare datemi una U, datemi una D, datemi una C, così ci hanno cacciate». Ma non è tutto miele quello che cola dal nasino della più famosa cheerleader del nostro paese che prima di dedicarsi alla lettura dell’oroscopo, conclude così il suo sfogo: «tanto c’era da immaginarselo che sarebbe finita così, quelle lì sono sempre state invidiose del nostro ruolo solo perché noi sappiamo lanciare i bastoni e far girare i pon pon mentre loro riescono solo far girare le palle e lanciare accuse».

filodoku

Chi l’ha detto? «Si può discutere di tutto ma non di una legge esagerata nel senso che non deve essere cucita come un abito sartoriale addosso al Partito democratico e al Partito di Berlusconi»

Domani è un altro giorno...

a) Miuccia Prada b) Fabio Mussi c) Clarabella

di Marco Vicari  Bin Laden: Nuovo messaggio audio di Bin Laden. In questo nuovo messaggio audio, Bin Laden ammette i suoi errori, dicendo: «Cavolo, il tappo alla telecamera!»

a

 Presepe: A Napoli vendono la statuina del presepe di Michela Brambilla… Il fatto in sé non è poi uno scandalo. Lo scandalo è che, se la metti nel presepe, al posto della capannuccia devi mettere un gazebo

b c

 Welfare: Dini, con il suo ostruzionismo, favorisce lo sfruttamento dei nuovi schiavi: i precari. Già se ne vedono gli effetti: ieri Dini ha chiamato un numero verde, gli ha risposto un precario cantando un blues

la soluzione: b)

 Milano: Indagata la Moratti per i consulenti d’oro. Ma la difesa del Comune di Milano è netta: «le nuove assunzioni servono per l’Expo 2015». Durante il quale il Comune di Milano esporrà il suo esercito di consulenti di terracotta

la fotomanipolazione di Edoardo Baraldi

 Raiset: Sospesa Deborah Bergamini, responsabile marketing Rai ed ex segretaria di Berlusconi. La decisione è stata presa dal Comitato etico Rai ma solo in via temporanea. Nell’attesa che si pronunci il comitato etico Mediaset

 Berlusconi: Nel week end ci saranno le primarie del nuovo partito di Berlusconi. Gli elettori potranno scegliere il nome del partito, disegnare il simbolo, ritagliare la sagoma di Berlusconi e colorare la scheda con i pennarelli magici

tata in un ospedale privato

 Fiction: In arrivo su Mediaset una fiction sulla sanità italiana. Sarà una storia tragica ambientata in un ospedale pubblico. Mentre, a pagamento sul digitale terrestre, sarà una commedia ambien-

 Trenitalia: Presentati i treni di ultima generazione autopulenti. Sono i vecchi. Ma hanno zecche geneticamente modificate che selezionano all’ingresso i pendolari piu’ puliti

 Aeroporti: A Viterbo nascerà un terzo aeroporto dedicato ai voli low cost. Saranno presenti anche gli aerei Alitalia. Si occuperanno del servizio navetta.

Pd al bivio

La prossima difficile scelta del nuovo partito:l’inno di Angolosbocco

S

celto il simbolo (semplice, chiaro, brutto), ora tocca all’inno del Partito Democratico. E qui ci sono diverse mozioni che si fronteggiano. Inizialmente Letta aveva provato a lanciare la mozione “Il triangolo”, ma nessuno l’aveva considerato. Letta, non il triangolo. Rosy Bindi sostiene la mozione “Vengo anch’io”, ma Bettini per contrastarla ha messo in campo la mozione “No tu no”. Adinolfi è nella mozione “Grande grande grande”. E non si riferisce al partito. Prodi per una volta si è schierato ufficialmente, e ha scelto la mozione “Caruso”: un vecchio moribondo che vuole bene assaje. Rutelli e i teodem stanno tutti nella mozione “Osanna”. Veltroni però li ha zittiti tutti: lui sta con la mozione “Bandiera Rossa”, ma anche “Adeste Fideles”, ma anche “Somewhere over the rainbow” (che poi è la collocazione europea del partito). Fassino, con il fido Migliavacca, ha infine lanciato la mozione “Rewind”, ma tra i diessini nessuno lo rivuole indietro.


pagina

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Liberazione

La

Benedetto XVI e Marx

«Ha prodotto solo speranze terrene fallite, da Veltroni a Cofferati» di Red Pescion

«D

opo il fallimento del comunismo, dopo il fallimento della scienza, dopo il fallimento della Parmalat, la Chiesa può solo dire: la speranza è l’ultima a morire, speriamo che dio ce la mandi buona», questo il concetto fondamentale su cui si basa l’ultima enciclica firmata dal papa venerdì in Vaticano. La graaaaandeeeeeee novità dell’enciclica, presto tradotta anche in italiano col titolo “La speranza è la penultima a morì ammazzata e il marxismo è morto prima, tie!”, è il rapporto tra libertà e ragione, ragione e scienza, scienza e religione, religione e libertà di ragione, ragione e scienza della religione e religione e libertà di fare quel cazzo che ci pare. Cosa ha prodotto il marxismo, si chiede il papa, se non una massa di lavoratori che pur di far valere i propri diritti terreni, pur di lavorare solo 8 ore al giorno, pur di avere più tempo libero per fare i loro porci comodi di nascosto dalla chiesa, pur di non farsi fottere da Lamberto din Dini e Montezemolo, pur di avere queste misere cose terrene hanno rinunciato a un bene più eterno che è quello di Dio” ‘Iocum non candelarum valentt’, scrive Bruno Vespa nella prefazione, ‘melius fuit lasciavit omnia cume stavas, cum bues, asinarum, madonnarum e Joseph precar faleniarus. Perques rovinares omnia cum sindacalis diricti e cum emancipationes costumes, contra dies, contra natura e contraindustria?’. Ma il Pontefice nelle sue avvincenti 77 pagine non si ferma solo al contingente; parla anche di

Kant, Adorno, Hansel e Gretel («con le pietre non si fanno le rivoluzioni») e per non annoiare il lettore elenca nel romanzo tutte le rivoluzioni della storia che hanno sbagliato tutto, dalla guerra punica alla rivoluzione copernicana, passando per la Rivoluzione Francese definita «maitresse di tout le rivolusion inutil». Scrive il papa: «per quales motivus sanculottes passant poterum da Rex a populo? Hic faciunt, c’est plus diffisil governarum scioperus trasportarum et rivoltes banliearum et sopra omnies crederes in un papam unicorum. Possumus capirem que Luigi XVI fuit merdarum pectio ipso modem de Savoiares Principorum, ma repubblicarum quarto statorum, sine papa e sine deus, cum mignottem et travestites, cum Dinis e Mastellum, ucm Buscis et Sarcosie, est forsus melium?» «Dove sono finiti i valori, si chiede il papa, e dove è finito l’Uomo, a voler indicare metaforicamente l’uomo che un mese fa ha tentato di cor-

rompere i costumi da bagno di monsignor Tommaso Stenico rubando i suoi valori, spariti nel nulla per colpa del comunismo. Un mondo che si fa giustizia da solo è un mondo senza speranza. Solo dio può fare giustizia e siccome lui non ama scrivere e dire cazzate, solo io!». Diciamolo ora in modo molto semplice, scrive Benedetto, senza dio l’uomo è fottuto e l’errore di Marx sta nell’aver creduto che bastava togliere dio per illudersi che nessuno più ti può fregare. L’errore di Marx ha prodotto solo speranze terrene fallite, daVeltroni a Cofferati. L’Encliclica si chiude con le pagine gialle dedicate al lavoro e al progresso che Benedetto XVI definisce ‘ambiguorum cumes Luxuria transgenderis; da un latus te offres benes ma da altro latus te fa males terribilis’. E con un omaggio a Dan Brown: “Gesù non fu un rivoluzionario come Spartaco. Ebbe semplicemente culo perché quella notte i motel erano pieni”.


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

SOMEWHERE OVER THE RAINBOW

UNA TERRA PROMESSA, UN MONDO DIVERSO Dove crescere i nostri pensieri-iii-i!

Rinnegato dai Savoia si consola col Senato

di Alvise Spanò a televerifica di Paparazzin si è conclusa con successo: il nostro 06916504836 ha raccolto incredibili segnalazioni di malgoverno dell’Unione, corrotta dal lato oscuro della forza. Giordano F. di Bari ci ha chiamato in preda ad un attacco di ansia per sfanculare la componente clerico/confindustriale dell’Unione, E POI CI HA COPIATO L’IDEA DELLA CONSULTAZIONE DI BASE. Fausto B. del quartiere milanese di Precotto ha sbagliato numero, e invece di chiamare noi ha lasciato tutto registrato nella segreteria de La Repubblica, costretta a edulcorare sul cartaceo le sue bestemmie da scaricatore di porto. Un rigurgito di dignità del popolo della sinistra (o forse era un RUTTO LIBERATORIO?) HA CAMBIATO LE CARTE IN TAVOLA TINGENDO IL MONDO DI ROSSO ARCOBALENO. Fanculo il politically correct, scoperchiamo gli scheletri nell’armadio della casta: amministrazioni locali filogovernative che mettono i bastoni tra le ruote ai disabili (ringraziamo l’anonima amica di Ancona per la segnalazione), senatori dell’Unione che scoreggiano al cinema, ministri DIESSINI che lanciano lacrimogeni sulle manifestazioni degli hare krisna, MUSSI CHE BRUCIA DI NASCOSTO NEL BAGNO BANDIERINE CON LA FALCE E MARTELLO. Ma grazie a noi niente resterà impunito: continuate a telefonare per dettare la linea DEL NUOVO ROSSO RELATIVO MULTICOLOR, e il vostro mal di fegato si trasformerà nel bruciore di culo di qualcun altro

domenica 9 dicembre 2007

Liberazione

L

Il principe Lambertow lo scoop di Angolo Sbocco

L

amberto Dini nasce principe: è infatti il fratello segreto di Vittorio Emanuele. Lo si capisce da alcune caratteristiche: stesso sguardo perso nel vuoto, stessa simpatia, stessa mania di sparare (uno cazzate, l’altro ai turisti). Lamberto viene tenuto segreto per non farsi ridere dietro: infatti nasce con i capelli azzurri e i Savoia hanno paura che le altre casate reali comincino a dire “Principe azzurro, dove l’hai messa la scarpetta di cristallo? L’hai cartolarizzatata?”, o “Principe azzurro, che ci dici dei 7 nani?”. Il problema si risolve da sé. A 16 anni Lamberto incontra una principessa, si baciano e lui si trasforma in rospo. Da rospo gli si aprono le porte del successo: direttore generale in Bankitalia, ministro con Berlusconi (la passione per i nani non è mai scomparsa), premier, ministro con Prodi, ministro con D’Alema, senatore spaccacoglioni. Nel frattempo Lamberto si sposa con una banana costaricana e la trasforma in Donatella Dini, anche se pare che lui volesse trasformarla in Donatella Rettore. Sarà perché rospo e cobra vanno d’accordo. Politicamente Dini si dimostra un genio: fonda Rinnovamento italiano nel ’96, entra nella margherita nel 2001 (dove crea la corrente dei diniani, composta da lui stesso oltre che da Eolo e Gongolo), entra nel Pd nel 2007 e ne esce subito per dare vita a LD (LiberalDemocratici, ma anche Libertà Difareicazzimiei, ma anche Laidamente Democristiani, ma soprattutto Lamberto Dini). Ora intende unirsi a Sinistra Democratica per fare LSD e diventare così un rospo azzurro. Sperando sempre nel bacio risolutivo di una principessa. Al momento si è offerta solo Camilla (quella che fa impressionare le diapositive tanto da essere stata ribattezzata Camilla Power Point).

filodoku

Chi l’ha detto? chi l’ha detto?

«La riforma dello Stato: questa è la priorità. Serve un primo ministro che possa mandare a casa i ministri che non funzionano, due Camere che non fanno la stessa cosa, diminuire il numero dei partiti e dei parlamentari e, perché no, una bella cancellata a Province e Comuni» 1) Veltrusconi 2) Mussolini 3) Montezemolo

a b c

10 Cose Rosse per scoprire se sei di sinistra

S

ei un tipo di sinistra cool (tipo Veltrolema lava più bianco) o uno che ancora si fa il cool perchè crede in uno straccio di qualcosa? Scopri finalmente se sei veramente di sinistra o se in tutti questi anni l’hai fatto solo per passare il tempo che fa... Ad ogni concetto metti una croce (se sei laico basta uno sgorbio) sulla risposta che più ti arrapa. 1) LAVORO a) i diritti vengono prima di tutto b) i dritti vengono prima 2) LIBERTA’ a) anche se non mi amerai, io ti amerò lo stesso b) anche se mi amerai, io ti amerò lo stesso 3) SESSO a) mi piace la figa e/o il cazzo b) e che figa sarebbe? 4) FAMIGLIA a) anche con lo stesso sesso b) anche facendo sesso con lo stesso 5) TEMPO a) libero b) fazio 6) GIUSTIZIA a) la legge è uguale per tu b) la legge è uguale per me 7) LAICITA’ a) teo b) inetti 8) UGUAGLIANZA a) mi sento uguale a b b) ci sentiamo un’altra volta 9) FRATERNITA’ a) un popolo b) un pò 10) PD a) un party b) un partito

RISULTATO Nessuna risposta a. Le ipotesi sono due: o nella tua edicola erano finiti tutti gli altri giornali o sei dissociato di brutto e da anni sei convinto di essere veramente uno di sinistra.

Insisti eh. Curati, invece di incazzarti via mail, chiedere giustizia al blog, ascoltare i problemi della gente su msn e andare alle manifestazioni solo se è una bella giornata di sole. Il tuo stile di vita è racchiudibile nella frase ’Fax, non parole’.

Quasi tutte risposte b. Sei ancora quello di prima.

Tutte risposte a Sei firmatario del referendum

che vieta l’uso della parola sinistra a cani e porci. E che prevede il risarcimento danni nel caso che qualche stronzo che hai votato in passato si ricordi 30 anni dopo di averti preso per culo e non averti mai detto che lui in effetti non era comunista, era solo un paraculo! Klaus Mondrian

(la soluzione: c)


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Totonero su La7

GIULIANO FERRARA BATTE MERDINE 4 A 0

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Napolitano e gli Animal Spirits

Chi ha fatto Non c’e’ partita: lui giocava in casa, e lui da solo ne vale almeno sei la traduzione? il fatto

il dubbio

di Alvise Spanò

di Angolosbocco

S

N

domenica 16 dicembre 2007

Liberazione

i preannunciava come la sfida dell’anno: un’ambiziosa squadretta di provincia fatta di cacchette e pisciatine arriva da Santarcangelo di Romagna guidata dal CT Luttazzi, per segnare qualche gol al complesso militare-industriale giocando di sponda sulla trippa elastica di un panzone. Ma gia’ dal fischio d’inizio si e’ capito che non c’era partita: al 15° minuto un sudato ciccione bretellato ex ”responsabile fabbriche” del PCI a Torino esordisce sulle pagine de La Repubblica con una stronzata da Champions League: ”culturalmente non sono spinoziano, sono cattolico romano”. La squadra delle cacche cerca di replicare con immagini forti, ma allo scadere del primo tempo arriva il raddoppio: un lardoso trippone ex confidente della CIA, beccato con le mani in pasta a travestirsi da giornalista, da’ lezioni di etica alla squadra avversaria dichiarando che ”quando sgarri, te ne vai secondo regole di mercato e di etica pubblica convenzionale”. Quasi allo scadere, la disfatta che travolge la merda ormai ridotta all’ombra di se stessa: un pennivendolo guerrafondaio e obeso cammina sui cadaveri dichiarando che ”ci sono criteri di valore e di vita non negoziabili” mentre denuncia la ”produzione sperimentale e assassina di embrioni” nei laboratori scientifici. Negli spogliatoi, le povere cacche e pisciatine del CT Luttazzi ammettono sportivamente la sconfitta: ”niente da fare, lui rimane sempre lo stronzo piu’ grande”.

apolitano negli Stati Uniti parla di “animal spirits”. Repubblica traduce l’espressione con “spirito animale”. INas(nucleiantisvarioni)stannoindagando. Al momento queste sono le piste battute:  Traduttore di word. Effettivamente il traduttore di word sarebbe capace di tradurre“of course” con“di corsa”,“I’ll drink a scotch” con“Io berrò un nastro adesivo” e “The ski competition? First Rocca, second me, third Raich” con “La competizione Ski? Prima Rocca,amioparere,terzoraich”.Inoltre il traduttore di word non ha una grande cultura, né economica (e per questo è indiziato), né storica (tanto da non cogliere l’inquietante terzo posto della gara di sci).  Francesco Rutelli. Anche se gli investigatori non sono molto convinti di questa pista: per scrivere le parole “spirito animale”, Rutelli avrebbe prima dovuto chiedere il permesso a Padre Georg, che difficilmente l’avrebbe concesso.  Raf. Anche in questo caso, però, i Nas sono titubanti: come è possibile che non sappiano l’inglese gli aviatori di sua Maestà il principe Charles (quello che va con Camilla Power Point, quellotantobellochequandofiniscedi andare a cavallo tutti danno la mano al cavallo e lo zuccherino a lui)?

filodoku

Chi l’ha detto? «Con la sua iniziativa (di Berlusconi n.d.r), la confusione è salita alle stelle, fino ad un limite invalicabile» a) Margherita Hack b) Ferdinando Adornato c) Indiana Jones

a b c

Domani è un altro giorno... di Marco Vicari  Morti sul lavoro: Dopo la tragedia di Torino, molte acciaierie hanno provveduto a rimuovere le irregolarità nelle loro fabbriche. Tutti cartellini degli estintori sono stati compilati come previsto dalla legge. Su ognuno è stato scritto: “Vuoto”.  Babbo Natale: tra i lavori a nero della stagione c’è quello di travestirsi da Babbo Natale: poche euro l’ora, senza pause, tutto il giorno a prendere il freddo. Questo crea confusione: ieri, davanti all’ipermercato, ho visto bambini farsi la foto con dei barboni.

gini sulla scomparsa di Terence Hill.  Corea del Sud: ennesima ingente perdita di petrolio in mare. Sulla spiaggia migliaia di piccoli imprenditori coreani stanno costruendo trivelle di sabbia.  Protesta dei tir: Le condizioni di lavoro dei camionisti sono sempre peggiori. Ieri ho visto una mozzarella alla guida di un camion: dopo 12 ore di guida, aveva dato il cambio all’autista.  Milano : Retrospettiva a Milano sui registi iracheni: oggi tocchera’ a un regista sunnita, domani a un regista sciita, e dopodomani la sparatoria tra giurati per decidere chi sarà il vincitore.

 Usa: Ennesima sparatoria negli Usa: nuove misure degli ipermercati per tutelare i propri clienti: puoi acquistare un fucile ma provarlo solo sui commessi travestiti da anatre.  Nord Italia : Al Nord panchine anti immigrato. Ai giardinetti vedi ronde di piccioni leghisti portare a spasso Calderoli e fargliela fare sulle panchine dove si siedono gli immigrati.  Fiction: Berlusconi, secondo quanto emerso dall’inchiesta della procura di Napoli, segnalava attori per le fiction Rai. In effetti qualche dubbio viene quando, in “Don Matteo”, vedi Baget Bozzo che insabbia le inda-

la fotomanipolazione di Edoardo Baraldi

la soluzione è: b


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Non c’e’ piu’ religione PROFUGHI PALESTINESI OCCUPANO CASA A BETLEMME Il sindaco Veltron-al-Kofferat: «Ho già disposto lo sgombero, la legge è uguale per tutti» di Alvise ”stillenacht” Spanò

domenica 23 dicembre 2007

Liberazione

G

esto disperato o violazione della proprieta’ privata? Sia come sia, il falegname Giuseppe S. e sua moglie Maria B.V., profughi palestinesi sfollati a Betlemme dopo un’operazione antiterrorismo, hanno occupato nottetempo una casa della Erode Immobiliaria Srl. «Era una struttura di lusso, l’avrei affittata a breve - ha dichiarato il sig. Erode – e ora l’hanno trasformata in una stalla!» La risposta delle autorità non si è fatta attendere, e il sindaco moderato Veltron-alKofferat ha già disposto lo sgombero: «Abbiamo a cuore le sorti dei migranti, ma non può esserci dialogo senza rispetto delle regole». Le indiscrezioni raccolte nel vicinato mettono in dubbio la moralità della donna, in quanto sarebbe incinta, ma non del signor Giuseppe. Sembra inoltre che la coppia sia dedita al traffico di metalli preziosi (tra cui oro), sostanze stupefacenti (tra cui incenso) e misteriosi prodotti chimici come la Mirra, che il Sismi ritiene destinati all’arsenale atomico dell’Iran. Il 24 di dicembre questa famiglia atipica ha ricevuto in casa tre extracomunitari con finti passaporti diplomatici e numerosi pastori sardi probabilmente affiliati all’anonima sequestri. Le autorità locali hanno prontamente evacuato l’edificio con lacrimogeni, incontrando la decisa resistenza di centoventisette pecore, 3 cammelli, 1 bue e un mulo.

di Klaus Mondrian

b) Antonio Polito c) Goffredo Bettini

a

M

iracolo a Roma in occasione della visita ufficiale della Vergine Maria in Campidoglio intervenuta, dopo un’assenza che risale a Porta Pia, ad una conferenza promossa dal Comune dal titolo:“Dalla laicità alla laidità, nuove prospettive per i democratici di Roma”.

di Marco Vicari  Berlusconi: Berlusconi aveva un piano per far cadere il Governo: “Il maresciallo gnocca” con Evelina Manna

 Satira: Continua il dibattito sulla volgarità della satira. Dopo la presentazione di “Natale in Crociera”, numerosi i politici che hanno portato il film come modello per i nuovi autori: “Questo film è un esempio di perfetto di come si possa essere volgari senza dover necessariamente scadere nella satira”  Roma: niente registro delle coppie di fatto. E dire che il Vaticano aveva mostrato aperture: la Santa Sede era disposta a tenere il registro e a iscriverci tutti quelli beccati in flagrante  Ospedali: Allarme medici raccomandati: anche se le autorità ridimensionano l’allarme: “Il problema negli ospedali italiani non è quello dei medici raccomandati. E’ quello dei pazienti senza raccomandazione”. Intanto oggi un primario Udc e 2 assistenti della Margherita hanno sbagliato ad operare un paziente del Partito Democratico. E’ il primo caso al mondo di trapianto di cilicio

Chi l’ha detto?

a) Giuda

Domani è un altro giorno...

 Al Qaeda: In un video Al Zawahiri attacca il Pontefice. Il video non è stato trasmesso dalle tv italiane non tanto per gli attacchi al Pontefice, quanto perché il tema era l’ultima enciclica di Ferrara

filodoku

Prodigi Divini E’ apparso alla Madonna

paparazzin@liberazione.it

 Depressione : Secondo il New York Times l’Italia sarebbe un paese depresso. E’vero ma nonostante questo c’è ancora gente con tanta voglia di fare. Gente che si arma di pazienza, va in edicola e si compra 3000 dispense settimanali di “Costruisci il tuo ponte dei suicidi”

la politica

«A Milano, nel suo discorso di insediamento, Veltroni pronunciò tre volte di seguito la fatidica frase: “Basta odio”»

per reclami, insulti e suggerimenti:

All’appuntamento,aperto da tre ave maria,due padre nostro e un atto di dolore del gruppo santomaso “Il bidè della binè”,erano presenti le maggiori associazioni laiche della capitale,dall’Opus Dei a Militia Christi che,insieme ai consiglieri di an,udc,udeur e pd, hanno votato un ordine del giorno che impegna il Comune di Roma a chiedere al Parlamento maggiore laicità dello stato: dunque pieno appoggio ai matrimoni gay purchè uno dei due sia di sesso diverso,superamento del vecchio testamento

b c la soluzione: b)

le fotomanipolazioni di edoardo baraldi

biologico per arrivare al nuovo testamento macrobiotico, regolamentazione della prostituzione in rai,libertà di ricerca sulle cellule sterminali (appena scoperte e con grandi proprietà democraticide su quelle più piccole),via libera a provvedimenti per l’omofobia (tanto nel minestrone di un decreto legge chi cazzo fa caso ad un avverbio sbagliato), possibilità di aborto per La7 anche dopo la terza settimana, una nuova legge per l’eutanasia dopo il decesso e ‘peace pissing’ per gli uomini impegnati nelle guerre di pace. Ma proprio mentre la Vergine stava illustrando le proposte ai consiglieri del conclave di Roma,Walter Veltroni le è apparso prima in bianco e nero poi solo in bianco. «Walter - ha spiegato Maria in una commovente conferenza standa nell’aula Giulio Cesare - in prima battuta non lo avevo riconosciuto,sembrava la Binetti travestita,ma poi il suo sguardo da salamandra lessa mi hanno fatto capire che era proprio lui,cazzo mi sono detta,ma è proprio lui,il segretario del pd». La Vergine,visibilmente commossa per essere stata scelta da Veltroni come depositaria dei suoi segreti di pulcinella,ha immediatamente chiamato lo stenografo del comune per verbalizzare il vaticanicinio e il cardinal Bertone per nominare beati tutti i consiglieri presenti al miracolo,comparse e giornalisti inclusi. Secondo indiscrezioni Veltroni si sarebbe lamentato con la Vergine Maria per “l’eccesso di

laicità mostrato dai santi più anziani che deve trovare nel pd un più giusto sbarramento alla tedesca”; ma resta fitto il mistero su chi sia questa ‘tedesca’di cui parla Veltroni. Tre i segreti rivelati a Maria Vergine del segretario piddì: 1)il mondo è preda del relativismo e dunque verranno subito ripristinati l’assolutismo, l’alchimia, i servi della gleba e il re sole; 2) il mondo è preda dei piccoli partiti comunisti che ancora rompono il cazzo con le morti sul lavoro che invece saranno considerate come “i migliori che se ne vanno via prima perché così ha deciso Gesù Cristo punto e basta”; 3) il mondo è preda della sinistra radicale che rischia di far scoppiare la terza guerra mondiale per difendere quattro froci e quindi sarà fermata dalla provvidenza divina con una legge elettorale “alla tresca” che prevede un moderno sistema a doppio turno secco: due mesi governa Veltroni, due mesi Berlusconi. L’apparizione si è conclusa, dopo la pubblicità, con un messaggio a reti umidificate del Presidente della Repubblica che ha ammonito tutti a ,invitando tutti a ,dopo aver esortato tutti a !


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Oroscopo 2008 politically correct

STRAGE ATOMICA IN PARLAMENTO

L’anno della Vergine

la cronaca

l’astrologa

di Alvise ”Stranamore” Spano’

Liberazione

paparazzin@liberazione.it

Botti di Capodanno. Teste di minchia all’uranio Durante i festeggiamenti per un altro anno di bagordi c’è chi si fa prendere la mano e apre al nucleare

domenica 30 dicembre 2007

per reclami, insulti e suggerimenti:

di Viscontessa

F

inalmente, dopo un 2007 di incertezze e malesseri causati dal transito di Prodi in Palazzo Chigi, ecco un 2008 che si apre sotto gli influssi positivi del passaggio di una riforma elettorale della quale beneficeranno un po’ tutti i partiti. Grandi cambiamenti in vista per i nati nel segno del Pd che nel 2008 troveranno la forza per redigere un vero programma di governo, e qualche possibilità anche per i nati sotto An che dopo aver transitato per anni nella Casa delle Libertà, potranno finalmente contare per il 2008 sugli influssi positivi del transito di Venere in grado di offrire indimenticabili momenti di felicità talare. Un anno difficile, invece, per i nati sotto il segno della Cosa Rossa che dopo aver perduto la falce e il martello non potranno più contare neanche sugli influssi cromatici del pianeta Marte rischiando così di ritrovarsi soltanto una Cosa che nessuno sa esattamente Cosa sia. Molte incertezze anche per i segni d’aria, con ascendente Alitalia costretti nel 2008 a fare i conti con i periodi di Luna Storta degli anni precedenti. Anno strepitoso poi per la Vergine: dopo le stragi familiari che hanno caratterizzato il 2007, sarà lei la protagonista assoluta di un nuovo stile di vita per molte donne, e occhio anche al transito di Uranio nel proprio segno che tutto sommato, per quanto impoverito, pare molto meno pericoloso di un’acciaieria e più sopportabile di una qualsiasi Lega. Infine, secondo l’oroscopo cinese, il 2008 sarà l’anno del Topo tanto che Lamberto Dini già rivendica una posizione di prestigio: “ad ognuno il suo, se Mastella ha impersonato l’anno del Cinghiale, quest’anno nessuno può fare meglio di me”.

T

utto era pronto per celebrare in Parlamento un altro anno di prosperità per faccendieri, peones, pianisti, traffichini, fancazzisti e vecchie volpi. Ma la situazione è sfuggita di mano dopo un giro di cocaina, diffusa nei condizionatori in segno di protesta dai portaborse pagati in nero. Durante un frenetico tuca-tuca la Santanché con l’ombelico in bella vista ha chiesto ad un Lamberto Dini visibilmente eccitato la testa di Prodi su un piatto d’argento, come Salomé con Giovanni Battista. D’Alema e Rutelli, deciso che due vicepresidenti del Consiglio sono troppi, si sono sfidati a duello lanciandosi margherite marce e rami di quercia in disuso.Vistosi soccombere, D’Alema ha giocato il tutto per tutto con un revival nucleare: un missile a corto raggio ha sorpreso Rutelli piegato a novanta gradi, mentre rovistava nel sacco della Caritas per recuperare un vecchio volantino dei Verdi, la sua tessera del partito radicale targata 1979 e una cartolina di Chernobyl. L’esplosione ha travolto in pieno il trenino brasiliano addobbato con cappellini e cotillons, fulminando all’istante Pecoraro Scanio che faceva la mano morta, la Melandri che faceva la gatta morta e la Montalcini, morta. Tra le macerie, un agonizzante Romano Prodi ha ululato bestemmie da camionista con un responsabile invito alla prudenza sull’energia atomica.

filodoku

Chi l’ha detto? «Io duro perché faccio» a) Clint Eastwood b) Rocco Siffredi c) Romano Prodi

a

Vocabolario duemilasette di Marco Vicari  Mutui: Mutui impazziti in tutto il mondo.Secondo gli economisti, con gli attuali tassi di interesse, l’unico metodo sicuro per restare nella propria casa è:farsi seppellire in giardino

b c

 Spy Story : La McLaren copia la Ferrari. Il presidente della McLaren beccato mentre teneva comizi contro gli statali fannulloni

 La Casta : Va a ruba il libro sui privilegi dei politici. Ma i politici si difendono: “Non conosco il libro. Il funzionario della Camera che tengo sul comodino, non l’ha ancora imparato a memoria”  Bamboccioni: Il Governo ha proposto un bonus per far uscire di casa i giovani che vivono con i genitori. Una buona cosa: con quella cifra molti giovani hanno potuto finalmente andarsene da casa. E per tutti è stato un week end indimenticabile.  Morti bianche: Anche quest’anno continue stragi sul lavoro.

Mancano i corsi di formazione. Per questo,nel 2008,molte aziende organizzeranno corsi di scacchi con la morte come insegnante  Popolo delle libertà: Berlusconi quest’anno ha ottenuto il copyright sul popolo. Se guardi “Il Quarto Stato” di Pellizza da Volpedo, vedi ex dirigenti Mediaset in marcia  Romeni: Allarme invasione romeni. Quest’anno i riflettori sono andati sulle baraccopoli delle periferie italiane: sporcizia, condizioni di vita precarie e sosia di Fini che facevano foto ricordo per soli 5 euro

c) Romano Prodi


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Ta-dah! E siamo ancora in sella

SUPERPIPPO SALVA IL GOVERNO PRODI Quando tutto sembra perduto, basta affidarsi al soprannaturale l’ apolitica

Domani è un altro giorno

di Alvise Spano’

I

di Marco Vicari

domenica 6 gennaio 2008

Liberazione

ncredibile ma verissimo: l’Uomo Ragno ha ridato al mondo fiducia nell’Onu, ricoprendo l’abuso del diritto di veto con un velo pietoso di tavole a fumetti annunciato dal Financial Times. E allora i cervelloni di Palazzo Chigi si sono messi al lavoro per una operazione antisputtanamento migliore di quelle made in Usa. Il lavoro sporco e’ stato affidato a Super Pippo, che ha ricondotto Lamberto Dini a piu’ miti consigli con un rilassante ”viaggio” negli spazi siderali realizzato grazie alle erbe magiche ricevute da Maga Mago’ in modica quantita’ e per uso personale. Per le primarie erano stati convocati molti personaggi dotati di poteri soprannaturali: Gesu’ Cristo, subito scartato per la sua capacita’ di trasformare l’acqua in vino e i seri problemi di etilismo che affliggono Montecitorio, Harry Potter, bocciato dai teodem per gli inevitabili doppi sensi legati alla bacchetta magica, l’incredibile Hulk, giudicato incompatibile per la sua lontana parentela con Sergio De Gregorio e Super Milingo, espulso dalla competizione dopo aver cercato di ingroppare Binetti. Da qui la strada per Super Pippo è stata in discesa, e le pippe umane presenti nei banchi del Parlamento hanno subito saputo a chi affidarsi. Il fatidico ”Yuk!” pronunciato a reti unificate da Super Pippo ha chiuso la crisi, e ora l’unico problema rimane la candidatura di Diabolik nelle file del centrodestra.

 Napoli. Emergenza spazzatura: le autorità pronte a intervenire contro i falò fai da te. La pena per chi li appicca sarà : stare davanti al falò, al tramonto, con Gigi D’Alessio che suona la chitarra. Pare che la spazzatura napoletana, per essere smaltita, venga spedita con appositi treni in Germania. Numerose le proteste da parte della spazzatura per la sporcizia dei vagoni Trenitalia.  Aborto: Giuliano Ferrara sta facendo lo sciopero della fame per una moratoria sull’aborto. La proposta ha scosso tutte le coscienze civili che subito hanno appoggiato l’idea di una moratoria dello sciopero della fame. Bondi, invece, ha detto di voler riscrivere la legge sull’aborto. Oggi, intanto, Bondi ha fatto un grande gesto per la tutela delle donne: ha scritto solo poesie su Letta.  Berlusconi: Berlusconi sta adottando il modello Sarkozy. Dopo aver visto Sarkozy in Egitto con Carla Bruni, Berlusconi ha invitato Edwige Fenech a farsi la doccia a casa sua.  Felicità: Secondo un recente sondaggio gli italiani si dichiarano felici. Questa la risposta alla domanda: «E se la smettessimo di assillarla con questi sondaggi?»

dipasquale

filodoku

Chi l’ha detto? «Una condizione per essere davvero fautori di una politica nuova, come Veltroni ritiene di essere, è quella di non rinunciare alle cose in cui si dice di credere prima ancora di aver provato ad ottenerle»

Ecco i contorni della nuova legge: l’embrione soggetto giuridico

Italiani, bravi “hello” La Fiat continua a dirci chi siamo

di Klaus Mondrian

di Viscontessa

La moratoria 194

S

i delineano finalmente i contorni della moratoria 194: l’embrione avrà soggettività giuridica e potrà fare causa a quella stronza della madre che a) Pierluigi Castagnetti non lo può tenere. Nel caso la donna sia indigente o la sua salute in pericolo è preb) Marco Cappato vista la ‘sopp-action’, la soppressione imc) Lorenzo Cesa mediata della femmina e l’affidamento dell’embrione al ‘Figlio’ di Ferrara, fino all’età in cui anche lui sia in grado di scrivere la prima cazzata. La nuova legge tiene ben presenti i progressi della scienza in cucina individuando i casi in cui sarà possibile interrompere la gravidanza con l’aiuto delle moderne tecnologie. ABORTO PRE-ABORTO E’ il metodo che la moratoria Ferrara/Ruini, appoggiata dalla neuronevole Binetti, pone come modello scientifico internazionale: consente alla donna di abortire entro 90 giorni purchè non abbia scopato nei 180 precedenti ABORTO AL PREZZEMOLO E ABORTO FELAFEL

a

b

c

La legge promuove e tutela i prodotti nazionali utilizzati per l’aborto col rito latino: consentito interrompere la gravidanza con PetroselinumHortense, Petroselinum Crispum, Petroselinum Sativum. Assolutamente vietato abortire con spezie mussulmane come cumino, curcuma, coriandolo. ABORTO CON IL FOLLETTO Il metodo della aspirazione assistita viene abrogato e sostituito dal Folletto Doppia Potenza che lo Stato regalerà ad ogni massaia evitandole perdite di tempo nei consultori e negli ospedali. Permetterà finalmente ad ogni donna di aspirare. AB ORTO COLLO Le Regioni si dovranno dotare di Commissioni Regionali Teocondom col compito di sconfiggere la piaga dell’uso dei preservativi che ogni anno non fa nascere miliardi di nuovi precari. Alle donne peccaminose che continueranno ad usarli verrà imposto un collare d’acciaio gps in grado di segnalare al prete di competenza ogni rapporto con finalità soltanto creativa.

la soluzione: (difficile, ah?) b)

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

C

lamoroso ritorno della famiglia Agnelli nella vita degli italiani. Dopo averci reso da prima tutti automobilisti e poi operai,immigrati, sindacalisti,comunisti,potenziali terroristi,e persino Alfisti,ecco che la famiglia dei Supereroi di Torino torna ancora una volta ad offrirci una nuova identità e salvarci così dal nostro solito destino di poveri stronzi. In un contesto politico che non riesce più a darci alcuna possibilità di identificazione,ecco infatti che in una recente pubblicità,la Fiat ci propone semplicemente di smettere di essere “la gente”per diventare tutti dei simpatici “hello”che nessuno ha capito ancora bene cosa siano anche se sembra siano degli adulti con le facoltà mentali di un bambino. Praticamente dei deficienti.Certo, sappiamo bene che non c’è da vantarsi di tutto quello che siamo diventati fino ad oggi grazie a loro,ma per quanto condannabile,la scelta estrema di alcuni compagni era allora forse l’unica possibile e comunque ormai è acqua passata: la Duna non è più in commercio.Per questo,mai come in questo delicato momento storico nel quale l’unico richiamo ad un orgoglio di appartenenza è quello della propria italianità,pare tanto azzeccata la loro proposta.Mai come in questo momento nel quale non ci viene offerto niente di meglio dell’essere cittadini,elettori,consumatori,utenti o contribuenti,pare indispensabile trovare qualcosa che ci identifichi e mai come in questo momento di diffuso pessimismo tra le gente,ci pare indispensabile eliminare la “gente”per diventare infine tutti degli “hello”ovvero dei deficienti. Come ci era venuto il sospetto ci trattassero ormai da tempo.


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Partono le bombe alla monnezza L’ITALIA DICHIARA GUERRA ALL’AFRICA Rifiuti e immigrazione risolti con un colpo di genio la cronaca

Liberazione

paparazzin@liberazione.it

Rai e Mediaset corrono ai ripari

Spazza-cura Tv lo scoop

di Conte Alvise Rusco Spanò

di Klaus Mondrian

M

N

anca il petrolio? Facciamo una guerra! C’è l’uranio di scarto delle centrali che avanza? Ci facciamo i proiettili! La sinistra perde consensi? Sventoliamo il tricolore in Kamchatka e Jacuzia! In fin dei conti è molto semplice uscire da un’emergenza: basta far scoppiare un casino ancora più grande dove a rimetterci è qualcun altro. Con queste profonde riflessioni geopolitiche si è riunito a Davos il gruppo Bilderberg, la lobby più potente del mondo che ha consacrato la monnezza italiana come un formidabile motore di sviluppo economico. Per farci ingoiare la spazzatura guadagnandoci sopra sono state proposte le soluzioni più varie: imbarcarla sullo Shuttle, servirla a merenda nei Cpt, cementarla nel ponte sullo stretto, riempirla di botte e denunciare i sacchetti per devastazione e “saccheggio”, ma non c’è niente di meglio di una bella guerra per far nascere fiori dal letame. A Milano hanno detto che la colpa è dei terroni, a Napoli se la sono presa con i calabresi e a Reggio hanno scaricato il barile sugli immigrati. La teoria è stata immediatamente adottata da Giuliano Ferrara, che ha dimostrato con rigore accademico il legame inconfutabile tra il colore dei sacchi neri e l’etnia che li produce. Da domani dunque siamo ufficialmente in guerra con l’Africa, per portare un messaggio di pace, civiltà e pulizia con una bella raffica di zozzerie. Amen.

domenica 13 gennaio 2008

per reclami, insulti e suggerimenti:

on solo Pianura. Ora anche a viale Mazzini e a Cologno Monzese si teme la rabbia dei telespettatori, da anni sommersi nel cumulo della telemonnezza. “Non ce la facciamo più, è da anni che chiediamo alla Rai di discaricare almeno Alda d’Eusanio ma finora solo promesse”. La Rai cerca di fronteggiare la protesta e spedisce al centro di produzione di Napoli “Il commissario De Gennaro 2”, a Mediaset si tenta la raccolta differenziata separando i tronisti dai cervelli ma rimane ancora senza soluzione la discarica abusiva di Rete4 che, da sola, produce il 60% per cento di tutta la tv spazzatura italiana. Intanto alla Regione Campania il nuovo commissario concerta con le istituzioni il piano-piano rifiuti. SPAZZATOURNE’ I rifiuti che non troveranno ospitalità o B&B nelle altre Regioni, saranno mandati in tournè con i finanziamenti dell’Unione Europea purché non tocchino le sedi dei giornali italiani già pieni delle stronzate di Ferrara. DISCARICA IVA Agevolazioni fiscali, detrazioni e derattizzazioni Iva ai single napoletani

che si offriranno di ospitare per alcuni decenni nel soggiorno di casa la spazzatura delle famiglie più numerose. Restano esclusi i figli di Bassolino che solitamente vivono a Londra. RICICLAGGIO CONDOMINIALE Anche la Jervolino fa la sua proposta: è un peccato buttare la spazzatura, meglio scambiarsela tra vicini, un tampax usato una sola volta potrebbe servire alla vicina, una lasagna avanzata può far comodo al precario del piano di sotto, vulimese bene, “simm ‘e Napule paisà”. ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE Innovativa anche la proposta del Presidente del Consiglio regionale campano, Sandra Mastella, che propone l’istituzione nel parco degli Astroni del Museo Stratigrafico Europeo. “Nel parco del wwf abbiamo di recente scoperto una metropoli dell’era bassoliniana, un patrimonio unico, reperti solidi provenienti dalle più antiche inciviltà del nord Italia e d’Europa. Speriamo che l’Ue stanzi dei sottofondi per questo progetto pilota che è l’esempio della creatività amministrativa della Campania a New York”. TERME E VALORIZZATORI E’ la “spazza-cura”, risolvere la malasanità con i rifiuti creando Stazioni Terminali con i fondi Ue. Le ceneri di diossina prodotte dagli inceneritori si potranno usare per impacchi caldi antireumatici e per inalazioni, fanghi e babà caldo. Agli ecologisti che indicano negli inceneritori una fonte sicura di tumori e sarcomi replica il governatore Bassolino: ben venga tutto quello che può ridurre il numero dei disoccupati campani.

filodoku

La settimana di Marco Vicari

Chi l’ha detto? «Per il futuro stato palestinese non può funzionare il modello del formaggio svizzero» a) Ratatouille b) Pirmin Zurbriggen c) George W. Bush

a b c

 Supercommissario: De Gennaro commissario straordinario per l’emerLe fotomanipolazioni genza rifiuti. Proteste davanti alla nuova discarica di Bolzaneto. Entusiasmo dei gatti na- Poi il binocolo è tornato nero. E Olpoletani per l’arrivo dell’esercito: si mert non aveva più monetine. è sparsa la voce che i mezzi delle forze armate sono sempre carichi di  194:Campagna choc a favore delspigole. la maternità:Giuliano Ferrara nudo con il pancione su Vanity Fair.Ferra Medio Oriente: Bush in visita. ra auspica che in tutto il mondo si Ti accorgi dell’arrivo di Bush in Me- pratichi la moratoria sull’aborto. dio Oriente quando vedi i palestine- Per questo ha invitato tutte le donne si rialzarsi il muro da soli. A Bush è incinta iraniane a fuggire dal paese. piaciuta molto la Palestina: le sue case, le sue strade, la popolazione…  Iran:Alta tensione tra Iran e Stati

di Edoardo Baraldi Uniti. La Casa Bianca ha ammonito l’Iran: “Basta con le provocazioni”. Ieri due portaerei americane che stanziavano nella vasca da bagno di Ahmadinejad, sono state provocate da 3 paperelle iraniane.  Sanremo comunista: Secondo Il Secolo d’Italia Sanremo è in mano ai comunisti. E’ vero: la Cia progetta un colpo di stato,dando lezioni di canto a Marcella Bella

la soluzione: sempre lui... c)


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Se il Papa non va all’università, l’università va in Vaticano

MARGHERITA HACK BENEDICE LE FOLLE IN PIAZZA S. PIETRO Gay, divorziati, ricercatori, pippaioli, comunisti, Veltroni e tante altre anime perse unite in un grande abbraccio mistico la cronaca

La cronaca di ciò che ci siamo risparmiati

di Alvise “Galileo” Spanò

L

giovedì 17 gennaio 2008

Liberazione

a mancata escursione universitaria del Papa ha spinto un gruppo di scienziati ribelli a celebrare il matrimonio tra fede e ragione con un rito pubblico in piazza S. Pietro. Dopo aver fatto chiudere un occhio alle guardie svizzere con introvabili figurine di Sandokan (era l’unico santo che gli mancava) Margherita Hack ha infiammato la piazza con una appassionata omelia, pronunciata nel luogo in cui Alfredo Ormando si è dato fuoco nel 1998 per protesta contro l’omofobia clericale. «I Gay sono fatti di atomi, gli atomi li ha creati Dio, Dio ha fatto cosa buona, i Gay sono cosa buona». La miscela esplosiva di visioni mistiche e leggi della fisica ha mandato la folla in delirio, e in preda all’esaltazione collettiva arzilli teologi della Liberazione si sono abbandonati all’abbraccio di prosperose attiviste Hare Krishna, mentre gruppi di divorziati in crisi di astinenza si abbuffavano avidamente con le ostie custodite nella riserva segreta del Papa, destinate a Berlusconi e Casini. L’evento è stato segretamente finanziato dalle Edizioni Paoline che hanno gettato da un elicottero migliaia di copie pirata dei documenti del Concilio Vaticano II, serbando nel cuore la speranza che il prossimo celebrante in Vaticano non sia solamente donna come la Hack, ma anche nera come la Madonna di Chestokowa, lesbica come il premio Nobel per la pace Jane Addams e comunista come Nilde Iotti.

E Giuliano mangiò il papa l’esclusiva di Angolo Sbocco

G

remita la platea che accoglie l’Imperatore Palpatine alla Sapienza. Il nome non deriva dalla somiglianza con il cattivo di guerre stellari (ovvio che si somiglino, sono la stessa persona), ma dal soprannome che Padre Georg ha dato a Ratzy nell’intimità: Uno è imperatore delle palpatine, l’altro condottiero delle strizzatine. Sulla sinistra dell’aula magna ci sono gli studenti, forniti di preservativi ripieni di polpa di pomodoro da lanciare. Il loro tentativo è bloccato da Giuliano Ferrara, che urlando “moratoria o no, 194 è il mio peso forma” li assale e mangia tutto: polpa di pomodoro, profilattici, due studenti e quattro sedie. Sulla destra sono schierati i papaboys, divisi tra le associazioni pro-patria, pro-messa e quella degli scomunicati (eretici erotici), la pro-tetta. Sono pronti, all’ingresso del Papa, a buttare in aria migliaia di coriandoli bianchi e gialli. Quando entra in sala Rita Levi Montalcini si confondono e gettano i coriandoli. Il problema è subito risolto da Giuliano Ferrara, che li mangia tutti, e già che c’è si pappa pure un papa-boy e un microfono. In mezzo le autorità. In prima fila la Binetti è elegantissima, avvolta in un vestito di Chanel (Totti) e in un cilicio di Christian (Dior); Veltroni indossa il cappello delle grandi occasioni (quello fottuto da Intini al Grande Puffo nel ’90 e regalato a Uolter per il suo primo compleanno); Rutelli è sommerso dal fard finché non arriva Ferrara a mangiarglielo e già che c’è ingoia pure il tavolo dei relatori; Prodi dorme. La trepidazione è al massimo quando il Papa esce dalla Papamobile (quella con motore ibrido, metà a benzina e metà a vin santo), sale le scale ed entra in sala. Poi si ferma a salutare Ferrara e Ferrara lo mangia.

filodoku

Chi l’ha detto? «L’unica idea universale che oggi esista a Roma, è quella che si irradia dal Vaticano» a) Giuliano Ferarra (quello neo-teo-dem) b) Camillo Ruini (l’ex-presidente della Cei e forse Vicario di Roma) c) Benito Mussolini (quello del 1921 che abbandona l’anticlericalismo della prima ora)

a b c la risposta è: c)

The Day After a reti unificate

D

opo la rinuncia a partecipare all’inaugurazione dell’anno accademico, Benedetto XVI ha comunque inviato il suo previsto intervento da leggersi a metà della cerimonia (dopo il discorso del sindaco di Roma Walter Veltroni e prima dell’esecuzione sommaria dell’astrofisica Margherita Hack, arsa viva nel piazzale

della Minerva). Intanto proseguono le polemiche.“Il papa è stato ingiustamente censurato”, denunciano tutti i telegiornali a reti unificate. Si dice “indignato” anche Maurizio Gasparri (An) che considera quella contro Ratzinger “un’incivile offesa nei confronti della democrazia e della libertà d’espressione” e bolla i contestatori come “froci

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi demmerda”.Voci critiche anche da sinistra. Peppino Caldarola si dissocia dalle proteste degli studenti contro Ratzinger e si traveste da guardia svizzera in segno di solidarietà Il sindaco di Roma,Veltroni si rammarica del mancato utile confronto con il Pontefice sui valori condivisi e propone di

invitare al suo posto Bruno Contrada, Marilyn Manson e Raffaele Sollecito. Giuliano Ferrara, autoinvitatosi, si fa portavoce di una moratoria anche contro le tabelline, subito appoggiata da Monsignor Angelo Bagnasco, che considera le tabelline “immorali e sediziose” non essendo mai riuscito a

imparare quella del sette. Tenta di spegnere le polemiche il Rettore Renato Guarini spiegando che “Benedetto XVI era stato invitato come messaggero di pace per condannare la pena di morte, legittima solo nei confronti degli scienziati comunisti che ritengono la terra sferica”. Bruno Vespa,

intanto, annuncia una puntata riparatrice di Porta a Porta con al centro il plastico della terra piatta. Ospiti della trasmissione, la salma di Padre Pio e Flavia Vento, strenua sostenitrice della teoria che sia il sole a girare intorno alla terra: lo ha visto a Panarea con i propri occhi. Francesca Fornario


La

pagina

Aforismi, frasi, frizzi e lazzi

Chiesa, papi religione... Liberazione

hanno detto

“I

o sono circondato da preti che ripetono incessantemente che il loro regno non è in questo mondo, eppure allungano le mani su tutto quello che possono prendere” Napoleone

Chi possiede scienza e arte ha una religione. Chi non ha scienza e arte deve avere una religione” Goethe

“Sopra la gente la chiesa campa, sotto la chiesa la gente crepa” Graffito romano

“E’ più facile morire per una religione che viverla assolutamente Jorge Luis Borges”

T“utti pensano che dio sia dalla loro parte. I ricchi e i potenti sanno che è così” Jean Anouilh

“In quel periodo uscivo con una ragazza e dovevamo sposarci, ma c’era un conflitto religioso. Lei era atea e io agnostico. Non sapevamo senza quale religione educare i figli” Woody Allen “Certamente la fede aiuta a vivere meglio, ma anche i soldi fanno lo stesso effetto, solo che non tutti li hanno” Carl William Brown

“Se un filosofo è un uomo cieco, in una stanza buia, che cerca un gatto nero che non c’è, un teologo è l’uomo che riesce a trovare quel gatto” Bertrand Russell

“Per te io sono ateo, ma per dio io sono una leale opposizione” Woody Allen “Non sono le parti della Bibbia che non capisco quelle che mi preoccupano, sono le parti che capisco” Mark Twain

“Se parli con Dio stai pregando. Se Dio parla con te, sei uno schizofrenico”Thomas Szasz

“Credo che ci siano due tipi di persone al mondo: quelle che hanno credenze mistiche, e quelle che non ce l’hanno. Questi ultimi credono che la vita sia tutto ciò che abbiamo, e che dobbiamo godercela e aiutare gli altri a godersela. Gli altri pensano che la vita futura sia più importante di quella presente, e temo che faranno saltare in aria il mondo” Harold Kroto (Nobel per la chimica 1996)

“Quando i missionari vennero per la prima volta nella nostra terra, loro avevano le Bibbie e noi avevamo la terra. Cinquant’anni dopo, noi avevamo le Bibbie e loro avevano la terra” Jomo Kenyatta, primo presidente del Kenya dopo l’indipendenza

“La realtà è che quando un clericale usa la parola libertà intende la libertà dei soli clericali (chiamata libertà della Chiesa) e non le libertà di tutti. Domandano le loro libertà a noi laicisti in nome dei principi nostri, e negano le libertà altrui in nome dei principi loro” Gaetano Salvemini

“La conoscenza è fatta di una materia più dura di quella della fede sicché, quando si urtano, è la fede a spaccarsi” Arthur Schopenhauer

“Se Gesù fosse stato ucciso vent’anni fa, i bambini cattolici porterebbero al collo piccole sedie elettriche e non croci” Lenny Bruce

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Le incredibili rivelazioni della Fenech

Nuova proposta del giornalista devoto

«Moratoria MONTEZEMOLO E’ IL LEADER DELLE BR Ferrara: dell’orgasmo

Metalmeccanici esasperati, scontro sociale, colpo di stato: piani eversivi nel cuore del grande capitale

femminile»

di Alvise Spanò

la religione

«S

di Viscontessa

domenica 20 gennaio 2008

Liberazione

e non c’è contratto la colpa è dei metalmeccanici, che rifiutano un aumento di ben 120 euro». L’ennesima provocazione di Luca Cordata di Montezuma ha fatto traboccare il vaso, e la sua ex, Edwige Fenech, ha vuotato il sacco. «Ho dato tutta me stessa per questo paese – ha dichiarato l’attrice - e ora non voglio vederlo soffrire». Diari, fotografie e registrazioni custoditi gelosamente nella scollatura di Edwige sembrano confermare l’impossibile: Luccio Cordoglio di Montemario è diventato presidente della Ferrari, della Fiat e di Confindustria con l’unico obiettivo di far incazzare meccanici, proprietari di auto, studenti e imprenditori, per trascinarli a forza in un aspro conflitto sociale. Gli appunti di Cordone parlano chiaro: «Conquistare leadership settore industriale - rimandare all’infinito il rinnovo del contratto - prendere per il culo gli operai – assistere compiaciuto agli scontri - far scoppiare il patatrac - dare la colpa della violenza ai sindacati - fondare un nuovo ordine mondiale sulle macerie di Mirafiori con il partito unico BR - Bande Reazionarie». Ma la vendetta di Giovannona Coscialunga ha sventato le trame oscure di Luca. Francesco Cossiga, incazzatissimo per essere rimasto all’oscuro di tutto, ha fatto propria la causa dei metalmeccanici, e il nuovo contratto sembra ormai in arrivo.

L

a proposta di Ferrara per la prossima collezione primavera estate è una moratoria sull’orgasmo femminile. «Quando ho creato questa nuova moratoria - fa sapere lo stesso Ferrara - ho pensato ad una donna al passo con i tempi, una donna morigerata, devota e timorata di Dio. Una creatura minimalista che privata dell’orgasmo, saprà sottrarsi più facilmente ai piaceri del sesso riducendo così il numero delle gravidanze indesiderate e quindi il ricorso alla 194». La proposta è stata subito accolta favorevolmente dalle Papa Girls che hanno giustificato la loro piena adesione all’iniziativa con la necessità di porre fine al senso di colpa che gli deriva dal dover immaginare Ratzinger in perizoma per raggiungere l’orgasmo e apprezzamento espresso anche dalle iscritte a CL che di questa moratoria dicono di apprezzare soprattutto la libertà concessa alle donne di non dover più fingere il piacere. Stupite invece le cattoliche più mature che ammettono di non sapere cosa sia l’orgasmo femminile mentre la frangia più oltranzista delle Bigotte Combattenti, promette di scendere in piazza al grido di «non lo fo per piacer mio ma per dare un figlio a Dio». Qualche polemica infine sull’opportunità di affidare ad un uomo la gestione dell’orgasmo femminile, è stata espressa da un gruppo di donne laiche che in una lettera indirizzata a Prodi, si lamenta per l’ambiguità con la quale i rappresentanti di uno stato laico si schierano sempre in favore della Chiesa. Ma Prodi ha tagliato corto sull’argomento liquidando come integralismo laicista la protesta delle contestatrici: «In uno stato laico - ha fatto sapere - non si può tollerare quella forma di laicismo che si rifiuta di riconoscere Dio».

filodoku

Domani è un altro giorno... di Marco Vicari  Italia: il Paese dove il Papa non può parlare all’Università. Per questo è costretto a farlo da tutti i giornali e telegiornali.  Monnezza:continua in Campania l’emergenza mondezza. Oggi un consorzio campano di raccolta rifiuti ha finalmente tolto un sacchetto dalla strada. Il sacchetto è entrato nel suo Cda grazie alla tessera dell’Udeur. L’esercito è arrivato a Napoli:rientrato l’allarme diossina. Immediatamente sostituito dall’allarme uranio impoverito.  Tg Italia: «Causa motivi sindacali questo telegiornale andrà in onda in forma ridotta. Niente notizie su stupri, omicidi e animali carini. E ora veniamo all’unica notizia di oggi: La storia di Fluffy: il barboncino immigrato che ha stuprato e ucciso la padrona».  La Sapienza: viste le contestazioni il Papa ha deciso di non andare di persona all’inaugurazione dell’anno accademico. Ma ha deciso di mandare un esorcista in ogni facoltà. Distribuito il discorso che il Papa avrebbe pronunciato in aula. Non diffuse, ancora, le smentite che avrebbe fatto il giorno dopo. Dopo Ratisbona e la tirata d’orecchi a Veltroni, molti si chiedono quale sarà la prossima gaffe del Papa.Aspettiamo la visita in Vaticano del sindaco della Mecca.  Mastellopoli: Mastella si dimette da Ministro della Giustizia e al suo posto prende l’interim Prodi. All’inizio si pensava di affidare il Ministero della giustizia a un altro esponente dell’Udeur. Ma Mastella aveva finito i parenti. Intanto la moglie di Mastella ha detto che perseguitano lei e il marito perché “sono

cattolici”. Presto verranno riorganizzati i giochi al Colosseo: Mastella e la moglie che vengono inseguiti da orde di giovani non raccomandati. Dall’inchiesta della Procura di San-

ta Maria CapuaVetere, emergono le mani della politica sulla sanità. Da cosa si distingue un ginecologo dell’Udeur? Dal fatto che, l’ultima volta che ha visto una donna spogliarsi, era ospite del Bagaglino.

Il sindaco e il primate di Klaus Mondrian

R

ministero che da domani si chiamerà ‘Ministero dell’Universo e della Ricerca Scientifica della Verità’. «Sono ateo - ha detto Mussi - ma nello spirito di Voltaire mi batterò fino alla fine perché io possa arrivare a pensarla come quelli dell’opposizione». VELTRONI, IL SINDACO DEL RIONE SANTITA’. Le Poste Vaticane intanto annullano un francobollo dell’annullamento della visita alla Sapienza. Veltroni non annulla invece l’intervento all’inaugurazione della Pontificia Università Ferrarense dove terrà

IFORMAT DELLA GIUSTIZIA. Ricevuto dopo l’Angelus di questa mattina da Benedetto XVI in udienza provata, l’ex ministro Mastella ha chiesto ed ottenuto dal papa di essere giudicato con rito latino. Berlusconi, per il processo attricettopoli, si appella invece al tribunale naturale, la giuria di Sanremo, e invoca una riformat urgente per la magistratura che consenta agli imputati di scegliersi il pm e i capi d’accusa. In linea con la richiesta dell’Udc di Cuffaro che è disponibile sulla bozza Bianco si dichiara favorevole allo “sbarramento al 5”, vale a dire niente sbarre o dimissioni per condanne sotto la soglia dei 5 anni. I PAPPA-BOYS A S. PIETRO. Al raduno dei pappa-boys della politica questa mattina presente anche il ministro Mussi che ha omaggiato il papa con un sigillo d’oro recante le nuove la fotomanipolazione insegne del suo

una lectio magistralis sulla laicità dello stato dal titolo “Non si muove Foglio che dio non voglia” e regalerà al pontefice il suo ‘ex voto comunista’. CARDIOLOGIA, L’UDEUR NOMINA IL PRIMATE. A S.Pietro anche tutta Ceppaloni con cartelli che invocavano “Sandra Subito!”. L’Udeur è infatti preoccupata della situazione nelle Asl campane dove non si smaltiscono nuove nomine da più di cinque giorni. Ultimo ad essere stato assunto dai Mastella il nuovo primate di cardiologia, laureato in matematica e dunque esperto di aritmia.

di Edorardo Baraldi


pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Il marcio su Roma

È COLPO DI STATO

Dopo la crisi in casa Udeur

Romano Prodi azzanna Mastella e fa strage tra i senatori Udeur. Neofascisti, teocon, forzisti e inquisiti proclamano un governo di emergenza

domenica 27 gennaio 2008

Liberazione

l’apolitica

Un solo grido: «Sandra subito!» lo scoop

di Alvise ”Hannibal” Spano’

di Klaus Mondrian

D

C

risi risolta! Merito di Sandra Subito, moglie dell’ex ministro Mastella, che in sole due ore è riuscita a nominare i 723 nuovi ministri e i 6432 sottosegretari, farli giurare con un sms e persino farsi portare da ognuno la fideiussione a tutela di un eventuale scioglimento anticipato del contratto. Le consultazioni telefoniche di Lady Mast erano iniziate ieri sera in piscina per concludersi poco dopo tra le sbarre della voliera di villa Mastella dove i ministri hanno solennemente giurato su una (imminente) costituzione. Sarà prima di tutto un governo di competenti. Naturale quindi che al Ministero per gli Affari della Famiglia arrivi proprio Clemente di cui esce oggi la raccolta ‘Lentamente muore…’, ispirata a una poesia concussa a Neruda. Storie vere di migliaia di pazienti morti in questi anni in Campania perché curati da veterinari sbagliati. Al Ministero dell’Ambiente il leghista Borghezio. Sua la ricetta della pulizia etnica per Napoli: far mangiare i rifiuti alle badanti rumene. Ministro del Lavoro è Camilleri, una nomina, una garanzia! Meno scontata l’indicazione del senatore Stranoamore in quota AN, alle Pari Opportunità. Il suo merito? Aver avuto l’opportunità di aprire la sua fogna e gridare ‘Checca Squallida’ alla pari di uno stronzo qualsiasi. Rimasto senza lavoro in Sicilia, Cuffaro arriva alla Giustizia (dopo che la giustizia era arrivata a lui). Infine Francesco Storace ritorna dopo tre anni come Ministro del Saluto.

iffidate dei paciocconi: se perdono la pazienza diventano delle belve. E’ quello che e’ successo a Romano Prodi dopo l’ultimo schiaffo in faccia al senato, dove lo scandalo Mastellopoli ha trascinato nel baratro un intero paese. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’ennesima provocazione di Mastella al termine dei lavori: «ti è piaciuto il finto Neruda scaricato da Internet?». Fingendo una sportiva stretta di mano, Prodi è saltato al collo dell’ex guardasigilli con una furia e uno stile degni di Mike Tyson, emulando il conte Ugolino con una serie mortale di mozzicate sulla capoccia del ceppaloide. Con la bava alla bocca, la “mortadella impazzita” si è scagliata anche contro Tommaso Barbato, sorprendendolo con un fulmineo morso alla giugulare che lo ha stroncato in pochi secondi, chiudendo così la parabola dell’Udeur in Senato. «Mi dispiace che Romano sia caduto nella provocazione delle destre - ha dichiarato a caldo Fausto Bertinotti - avrei preferito vederlo imboccare la strada della Nonviolenza assieme al nostro partito». Senza perdere tempo, una coalizione di parlamentari variamente legati a massoneria, mafia, P2, Opus Dei, Confindustria e poteri forti ha dichiarato lo stato di emergenza. Il nuovo triumvirato Ruini/Gelli/Montezemolo ha annunciato per il prossimo giovedì la pubblicazione su Tv Sorrisi e Canzoni della nuova Costituzione Repubblicana Bananiera. Da un pulpito appositamente allestito in Piazza Venezia, Veltroni ha invitato gli italiani a non demonizzare gli avversari politici stringendo nervosamente tra le mani un santino di Giacomo Matteotti.

filodoku

Domani è un altro giorno... di Marco Vicari  Spoon River. Mastella esce dal Governo Prodi e lo fa cadere. Mastella voleva più sostegno dal Governo per il suo caso personale. Dopo il suo impegno nel settore, come minimo voleva l’interim della Sanità. Bagarre in Senato durante il voto di fiducia: Marini ha chiesto più volte ai senatori di sputare uno alla volta.  Angelus. Grande successo per l’Angelus della scorsa Domenica: in Piazza c’erano numerosi politici. E molti giovani venuti apposta per chiedere una grazia: diventare primari. Numerose polemiche per la diretta concessa dalla televisione di Stato. Il più deciso è stato Gasparri secondo cui riprendere il Papa alla finestra sarebbe violazione della privacy.

Governo: le condizioni di Mastella di Francesca Fornario

L

e condizioni di Mastella. Mastella,nell’esclusivo interesse del paese (Ceppaloni) pone cinque condizioni per garantire l’appoggio dell’Udeur a un governo istituzionale: 1) Crozza,a Ballarò,deve fare l’imitazione del procuratore di santa Maria Capua Vetere,Mariano Maffei,che parla in napoletano stretto e sputa in faccia a Floris. 2) Suo nipote Ciruzzo Mastella, detto “ ‘O Torroncino”,di anni 9, deve essere nominato Primario di cardiologia all’Ospedale Sant’Anna, in quanto si è responsabilmente esercitato con “L’Allegro Chirurgo” e ha visto una puntata di “Grey’s Anatomy”. 3) Di Pietro,in segno di solidarietà, deve ingoiare una mozzarella di bufala di un chilo e cento,senza

masticare. 4) Il limite di velocità sulla strada provinciale Benevento-Ceppaloni deve essere innalzato a 180 km orari.I vigili urbani potranno multare solo le auto che si sollevano da terra,a meno che non siano blu. 5) Citando i versi del noto poeta beneventano Peppino ‘O Squalo (1312-1379),incisi sul duomo di Ceppaloni:“’N tiemo ‘e tempesta tutt’‘e strunz’sagleno a galla”, Mastella propone una rosa di nomi per la carica di Ministro della Giustizia: Ciro,Totò,Sandra, Marioantonietto e Micheluzzo.Il cognome è sempre Mastella,per alleggerire le casse dello Stato dall’onere di cambiare la targa sulla porta dell’ufficio. Alle stesse condizioni L’Udeur è pronta a garantire l’appoggio a un governo di centro-destra,a Scientology o ad Al Qaida.

 Berlusconi. Berlusconi minaccia di far pubblicare una lista di 50 amanti Rai. E, come se non bastasse, la moglie minaccia di far pubblicare 50 richieste di scuse su “Repubblica”.  Reality. Quest’anno il Grande Fratello sarà veramente uno spaccato della società italiana. Alcuni concorrenti dovranno costruire la casa. Altri le bare per i morti durante i lavori.  Cuffaro: Festeggiamenti a suon di cannoli per la sua condanna a 5 anni. Anche se i suoi avvocati smentiscono: Cuffaro non ha partecipato alla festa. Ha solo offerto cannoli e spumante a singoli collusi con i festeggiamenti. I festeggiamenti dovuti al contenuto della sentenza di condanna su Cuffaro: se la si legge bene, si capisce che Cuffaro ha combattuto la mafia, sottraendogli un sacco di beni dello stato. Nello specifico: microspie.

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi


10q

Liberazione

ARTICOLI

pagina

La

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Alleanze nazionali l’apolitica di Alvise ”Rossana” Spano’

domenica 3 febbraio 2008

Liberazione

D

opo essersi ritrovati casualmente in bagno (notoriamente in fondo a sinistra) i leader di un frullato di partiti noto come ”La Cosa Rossa” hanno messo le carte in tavola ribattezzandosi ”Partito Italiano Rivoluzionario Libertario Operaio Neocomunista Ecologico”, con l’impegno solenne di declinare ogni volta l’intero nome della formazione, senza cedere a sigle e abbreviazioni. I leader del partito multiplo rinunceranno ai personalismi indossando un passamontagna zapatista color arcobaleno e aggiungendo il cartello ”questo non è Mussi” a Mussi che e’ riconoscibile anche col passamontagna. Tutti gli iscritti scriveranno su Internet la linea del partito, mentre i segretari se la spasseranno bellamente in osteria trasmettendo ottimismo al paese. Per la sede Giordano ha montato il motore di una vecchia Guzzi sul camper di Diliberto, producendo un castello errante dove ciascuno ha il suo ufficio: una sala dei trofei per le giacche di cachemire, una riproduzione in scala 1:1 di un circolo del PCI con arredamento d’epoca, una stanza degli ospiti dove Rutelli ogni tanto si ferma per farsi qualche cannone come si deve con gli amici dei vecchi tempi. E poi le lotte per le minoranze: gay, migranti, vegetariani, Pecorari Scani. Ma purtroppo non c’e’ rimasto spazio nella pagina per loro. Ne parleremo un’altra volta.

Stasera mi butto a sinistra

Mai dire mai mai dire più

COSE ROSSE PER TE V

the politic

di Angolosbocco

Finché vedrai sventolar bandiera rossa

filodoku

eltroni non farà mai più un’alleanza con chi non è d’accordo con lui. Quindi alle prossime elezioni sarà alleato di Bettini, Franceschini e Veronica Lario. La sinistra non farà mai più un’alleanza con moderati e centristi. Quindi alle prossime elezioni la cosa rossa va da sola. Mastella non farà mai più un’alleanza con chi non si dichiara pronto a bombardare tutte le procure gettando tacchini da 2.000 metri d’altezza. Dini non farà mai più un’alleanza con chi gli dice che è brutto. Boselli non farà mai più un’alleanza con chi non vuole mettere almeno 1516 bestemmie nel programma. Mara Carfagna non farà mai più un’alleanza con Elisabetta Gardini e Gabriella Carlucci. Elisabetta Gardini non farà mai più un’alleanza con Mara Carfagna e Platinette. Gabriella Carlucci non farà mai più un’alleanza con Platinette e Mazinga. Mazinga e il Grande Puffo non faranno mai più un’alleanza con Holly e Benji. Holly e Benji non faranno mai più un’alleanza con Veltroni perché tifa per la Roma e la Juve e non per la New Team. Titti non farà mai più un’alleanza con Silvestro, dopo che l’ultima volta le ha dato una spallata e se l’è mangiata. Prodi ha proposto un accordo elettorale a Titti. Veltroni ha detto che il simbolo con cui si presenterà sarà ”Pd con Silvestro”, ma Silvestro ha deciso di candidarsi con l’Udc. Napolitano intanto cerca di varare un governo balneare, per potersene finalmente andare al mare: da 3 mesi ha in programma una bella gita con Ciampi, Scalfaro, Nemo, Shrek e Edwige Fenech.

Domani è un altro giorno... di Marco Vicari

Chi l’ha detto? «Dio è morto, Marx è morto... e anch’io non mi sento molto bene» a) Woody Allen b) card. Tarcisio Bertone c) Fabio Mussi

 Elezioni: I temi caldi delle prossime elezioni saranno giustizia e spazzatura. Berlusconi si sta preparando: ha già individuato 20 discariche per i P.M.  Napoli: Basta parlare di spazzatura. Dietro la monnezza c’è anche una città che reagisce e solidarizza: Per le strade vedi topi che aiutano le vecchiette ad attraversare la strada.  Governo Istituzionale: Marini ha fatto una serie di incontri per cercare l’intesa. E’ andato a casa Veltroni e ha chiesto a Walter le sue opinioni. E’ Andato a casa di

Casini e ha chiesto a Pierferdinando le sue opinoni. E’ andato a Palazzo Grazioli e ha chiesto a Berlusconi di richiamare i pitbull.  Recessione: Bush ha in mente grandi progetti contro la recessione americana: la costruzione di molte opere pubbliche per risollevare l’economia nazionale. Sul tema Cheney ha aggiunto:“L’Iran ha un estremo bisogno di queste opere”. Bush, intanto, si è detto ottimista: “In Iraq stiamo vincendo”. E’ vero: oggi in Iraq è morto un luogotenente di Al Qaeda. Si è tirato addosso l’olio bollente nel McDonalds dove lavorava.

 Documentari: Presentato il documentario su Craxi. E’ nello stile degli storici documentari sul corpo umano di Piero Angela: stavolta Piero Angela non è nell’intestino ma dentro una busta piena di soldi. Emozione quando si scopre a chi era indirizzata la tangente: la busta si riempe d’acqua, si sente il rumore di uno scarico e Angela urla “Dannazione: Mario Chiesa!”  Aborto: Continua il dibattito sulla moratoria, specie sull’equiparazione aborto uguale assassinio. Il Foglio in questi giorni ha in allegato un dvd scientifico sul tema. Ed è molto approfondito, per essere un episodio de “La Signora in Giallo”.

a b c b Tarciso Bertone

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi


La

pagina

satirica non

negoziabile

né ricattabile

Pirateria politica

BARACK OBAMA DENUNCIA VELTRONI PER PLAGIO

domenica 10 febbraio 2008

Liberazione

«Io mi faccio un mazzo così per le primarie e lui che le ha vinte a tavolino mi copia pure». All’azione legale si uniscono anche gli allievi di Don Milani, la famiglia Kennedy, Angelo Branduardi. l’apolitica di Alvise ”Black Power” Spanò

L

a corsa solitaria del PD parte con il piede sbagliato: una denuncia per plagio turba il sonno del piu’ democratico degli italiani. L’ufficio stampa di Barak Obama ha comunicato ieri di aver avviato una causa legale contro il Partito Democratico, rappresentato legalmente dalla Margherita, rappresentata dagli avvocati della vecchia DC, rappresentati da Gianfranco Rotondi. L’obiettivo? Farsi restituire da Veltroni lo slogan ”Si puo’ fare” (Yes We Can), indebitamente scippato nel pieno della campagna elettorale statunitense. ”E noi siamo più fessi degli altri?” hanno tuonato gli allievi di Don Milani, che hanno chiesto i danni per l’utilizzo indebito di ”I Care” da parte di uno che ormai non si cura più nemmeno degli ex compagni di partito. Da qui una reazione a catena che ha coinvolto anche Angelo Branduardi, gli eredi Kennedy e tutte le persone usate da Veltroni per dire qualcosa di intelligente. Il pizzicarolo Armando, fornitore ufficiale di bufaline e addetto stampa di Veltroni, ha ripercorso le tappe del clamoroso errore. ”Io avevo scelto ’just do it’, ma Walter lo ha bocciato per non avere grane legali. E adesso chi aveva ragione?” Veltroni, attualmente latitante in una corsa solitaria con Forrest Gump, è ricercato dalla Cia, che ha sguinzagliato sulle sue tracce l’ispettore Clouseau assieme ai colleghi Zenigata e Gadget.

Diritto di voto agli embrioni di Viscontessa

A

llarme prezzi,dopo la pasta,il pane e il suino,anche il prezzo degli anticoncezionali pare salito alle stelle ma Mister Prezzi fa sapere di essere troppo impegnato con l’impennata del prezzo delle palline da golf per chiedere spiegazioni ai produttori che comunque si dichiarano del tutto estranei alla vicenda.Tanto,dopo le abitudini alimentari,adesso sembrano a rischio anche le abitudini sessuali degli italiani costretti dalle circostanze economiche a ripiegare sulla coscetta di pollo e il salto della quaglia.Protestano invece le associazioni di consumatori che lamentano non solo l’aumento dei prezzi degli anticoncezionali ma persino una misteriosa tendenza al rialzo dei prezzi di consumo di gas ed energia elettrica soprattutto nelle ore serali ma il Ministro per le Politiche Vostre della Santa Sede, fa sapere che si tratta solo di un’impennata momentanea causata dalla errata applicazione della vecchia legge 194 già in fase di abolizione.Ferrara poi propone di cogliere al balzo l’occasione per garantire finalmente il diritto di voto anche agli embrioni che per comodità di linguaggio lui chiama “piccoli esseri umani indifesi che quelle assassine vogliono uccidere”e si rivolge poi alle donne che per comodità di linguaggio chiama “fattrici” per invitarle ad una riflessione in merito rassicurandole contestualmente sull’assistenza di un gruppo di ginecologi,pronti a riflettere per loro nel caso non ne fossero capaci.

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it


pagina

La

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Il leader della Uil salvo per miracolo

E’ MORTO ANGELETTI, MA QUELL’ALTRO

Complotto contro i sindacati sfiora la tragedia. A farne le spese un grande della satira la cronaca

domenica 17 febbraio 2008

Liberazione

di Alvise Spanò

«M

a quante volte ve lo devo dire che sono vivo?». Così Luigi Angeletti, leader di quella Uil cosi’ amata dagli italiani, ha rassicurato i giornalisti che lo hanno cercato allarmati. Un attentato contro i sindacati, la spina nel fianco che toglie il sonno a Montezemolo, si è trasformato in un clamoroso scambio di persona. La vittima di questo equivoco paradossale è Sergio Angeletti, in arte Angese, geniale e leggiadro cavaliere della satira italiana che ha donato il sorriso a intere generazioni di lettori con i suoi indimenticabili incontri a fumetti tra Eugenio Scalfari e Topolino, realizzati sfidando con orgoglio gli avvocati della Disney e un sistema editoriale che premia i leccaculo e punisce il talento. Angese ha eroicamente disegnato vignette fino all’ultimo, lanciando un pennarello affilato come ultimo gesto di ribellione verso il commando misto Br-Opus DeiConfindustria che lo ha stroncato scambiandolo per quell’altro Angeletti. Con un grande impeto di senso civico, Angese ha salvato il paese dalla guerra civile chiedendo che l’attentato venisse messo a tacere spacciando la sua morte per una semplice malattia terminale. «Sai che palle se poi mi fanno i funerali di Stato», ha detto con un filo di voce poco prima di andarsene. Ci mancherà.

filodoku

Chi l’ha detto? «Guideremo ancora il paese» a) Montezemolo e Marchionne b) Totò e Peppino c) Prodi e Veltroni

a b c

Il Dice & la Vecchia Loggia

sintetizzato dagli elettori moderati: levace l’Ice,dacce l’attrici,ardi li froci.

D

LA LOGGIA BERLUSCONI Anche se si voterà con la vecchia loggia il Dice sta valutando la possibilità di reintrodurre le sue preferenze: Mastella,Storace,Dini, Mussolini,Fisichella.

iversi gli scemari politici che in questi giorni riempono i coglioni degli italiani stanchi di rifare continuamente i calcoli elettorali: pd+idv-sd-rc? o pd+idv+sld? o pdl+udc+udeur+ln? o pdl+ln(udc+udeur)? Al momento appare certo solo il risultato: il vuoto subito! IL DICE Virile e maestoso,il Dice ha presenziato solennemente alla Cerimonia per l’Inaugurazione della Campagna Elettorale. Se eletto,promette,si appresta a concludere il Ventennio con un programma in tre punti così

LA PERSA REPUBBLICA Quella che il Dice sogna è la tersa repubblica.Si potrà votare da casa col televoto,si potrà chiedere a Valentino Rossi uno sconto dell’80% sulle cartelle fiscali,si potrà abortire solo per corrispondenza e si potrà essere eletti presidenti della repubblica se si giura davanti a un notaio di levarsi dalle palle per sempre

FALSO IN BILANCIA Due le leggi che il Dice promette di approvare nei primi cento secondi di governo: l’abolizione dell’icis (per contrastare il mercato cinese) e la depenalizzazione del falso in bilancia (saranno prescritti e archiviati i processi in cui gli imputati superano i 50 chili). EREZIONI SUBITO A Porta a Porta il Dice ha anche esortato gli italiani a far presto considerando che le urne sono vicine e, vista l’età, anche l’ombra dei cipressi. Dunque erezioni subito e una promessa agli italiani: fra trent’anni finalmente scenderà in campo, santo. klaus mondrian

soluzione: c “ma anche” a


La

pagina

satirica non

negoziabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

né ricattabile

paparazzin@liberazione.it

Corriamo anche noi, ma dall’altra parte

NASCE LA SINISTRA RADICATA Felce e Mirtillo: un partito agricolo per tornare alle radici, piantarla coi compromessi, far fiorire la giustizia sociale, coltivare i semi della speranza e far fruttare l’esperienza dei movimenti. E far rosicare Ferrara la cronaca di Alvise ”Lattuga” Spano’

domenica 24 febbraio 2008

Liberazione

P

er portare l’immaginazione al potere è nata Felce e Mirtillo, una nuova formazione agropolitica che è riuscita a salvare due piante prima che fossero catturate dalla botanica dei partiti. La quercia, l’ulivo, la margherita, la rosa nel pugno, il garofano e l’edera erano ormai perduti, assieme al girasole dei “Radicali di sinistra”, la spiga del Movimento Autonomo Agricoltori e la stella alpina del Südtiroler Volkspartei. Ma noi siamo i primi a far sposare due piante, che assieme avranno una forte connotazione simbolica ma da sole continueranno a farsi i cazzi loro: nessuno potrà più piegarle alla propria ideologia. La felce arriva dal sottobosco dei movimenti di base e dalla gente con i piedi per terra. Il mirtillo migliora la vista e allunga l’orizzonte ai grandi progetti di cambiamento. Il simbolo del partito e’ no-copyright, e può essere usato per decorare erboristerie, negozi di fiori e sagre vegetariane. Il programma è in un punto solo: il partito sei tu. Chiamate la segreteria centrale galattica allo 06916504836 e/o lasciate una traccia sul blog: paparazzin. splinder.com , e fateci sapere se la priorità del partito sarà la salvaguardia della Foca Monaca, l’estinzione del Giuliano Ferrara o la riproduzione delle Binetti in cattività. Decideremo assieme come salvare il pianeta dal grigiore del bipolarismo. Onore e gloria per chi invierà all’indirizzo:paparazzin@gmail.com i manifesti di propaganda più belli, per appiccicarli su quelli dei partiti che ci stanno antipatici. E ora la parola al popolo!

Cronache elettorali Inizia una nuova era di Marco Vicari

B

lackout: Oggi in casa Olmert erano accesi contemporaneamente il forno, il pc, la tv, il phon, lo scaldabagno ed è saltata la corrente. Olmert su tutte le furie con la moglie : “Amore! Quante volte devo dirtelo: se accendi il forno, prima devi staccare la Striscia di Gaza!!” Berlusconi: Finisce lo sciopero degli sceneggiatori ad Hollywood e inizia lo sciopero dei ghostwriter in Italia. Oggi Berlusconi ha promesso agli italiani il Ponte sullo Stretto, il taglio dell’Ici e altre 3 barzellette di Gino Bramieri. Berlusconi ha promesso anche che, con il suo Governo, la caccia all’evasione sarà meno “terrorizzante”. Gli agenti della Guardia di Finanza potranno travestirsi con la divisa solo una notte all’anno. E gli evasori avranno due opzioni di pagamento: dolcetto o scherzetto. Secondo Berlusconi, inoltre, la sinistra non voleva il Ponte sullo Stretto perchè aveva a cuore la sorte dei delfini. Ma sul tema il Cavaliere ha tranquillizzato tutti: ‘Anche a me piacciono i delfini e vi assicuro: dal Ponte si pescheranno meglio’.

Se questa lista avrà successo gli ospedali italiani saranno pieni di personale attivo, che fa il suo dovere e pronto a intervenire anche all’istante: poliziotti. Guantanamo: Secondo i progetti dei candidati alla Casa Bianca Guantanamo chiuderà. La celebre prigione, grazie alla bellezza del mare che la circonda, potrebbe diventare un resort turistico. Presto a Guantanamo vedremo migliaia di giovani sulle loro tavole solcare l’acqua, affondare e riemergere. Eh già: un posto fantastico per gli appassionati di waterboarding.

Casini: I temi in campagna elettorale di Casini saranno: “Nucleare, identità cristiana e merito”. Già pronto lo slogan Udc: ‘Bombardiamo le coppie di fatto: se lo meritano’.

filodoku

Veltroni: Veltroni ha detto che il P.D. è dalla parte dei precari. Oggi Walter mi ha telefonato all’ora di pranzo. Voleva un appuntamento per venire a casa mia e farmi una dimostrazione gratuita di come pulisce la casa Franceschini. Sinistra Arcobaleno: La sinistra arcobaleno ha cominciato “l’opposizione creativa”. Abbandonata la falce e martello, inizia una nuova era. Per la leadership previsto il tandem Bertinotti-Rosa Luxemburg. Ferrara: Giuliano Ferrara si candida con una lista pro-vita e si propone come futuro “Ministro della Sanità”.

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi


La

pagina

satirica non

negoziabile

né ricattabile

per reclami, insulti e suggerimenti:

paparazzin@liberazione.it

Camerati che sbagliano

È CENSURA: GIANFRANCO FINI CHIUDE IL SITO DI AN I gadget venduti sul web fanno incazzare il leader, che manda tutti a scuola di salamelle nelle sagre rosse. “Così imparate come si fa una vera raccolta fondi” l’editoriale di Alvise ”Postal Market” Spano’

domenica 2 marzo 2008

Liberazione

I

l signor Imperi dell’ufficio gadget è nei guai: il grande capo si è reso conto della sagra del kitsch allestita su Internet per battere cassa a nome del partito, e ora voleranno delle teste. Il bazar delle cazzate vendute su internet ai postfascisti assetati di simboli ricorda da vicino la Vanna Marchi dei tempi d’oro. «Ma non vi rendete conto che questa è roba geriatrica da ex-repubblichini rincoglioniti?», ha ringhiato Fini da via della Scrofa. «Appunto! - gli hanno risposto dall’ufficio gadget - e i tesserati la adorano». Come dar torto a chi vuole cambiare il paese con le carte da ramino targate AN, le medagliette di Almirante, i CD con le canzoni della folgore, i portachiavi “Di Fini ti Fidi”, le magliette “Grazie a Dio sono italiano”, il libro programmatico “La sconfitta del pensiero” o il “kit dell’elettore” con bandiera, portachiavi, accendino, foulard e distintivo? All’indirizzo: gadget@alleanzanazionale.it” è possibile firmare una petizione per salvare il sito dall’oscuramento annunciato, e contestualmente richiedere la produzione di gadget non ancora presenti in catalogo: serigrafie con la riproduzione delle leggi razziali, manganelli in lattice a pile, riciclabili all’occorrenza come vibratori, pupazzi in cartapesta raffiguranti Rom, migranti e tifosi della Roma da bruciare a piacimento nelle fredde serate d’inverno.

Domani è un altro giorno... di Marco Vicari  Usa: Paura in tutto il mondo per il tracollo del dollaro. “Non avremo una recessione” ha detto oggi Bush, parlando con quelle banche che volevano pignorargli l’Iraq. Intanto il petrolio è andato alle stelle. Oggi crisi diplomatica: 2 jet americani si sono persi in Siria: Stavano cercando un rifornitore di metano.  Rai: Ascolti in ribasso per Sanremo. Gli italiani erano sintonizzati su un’altra rete per seguire la cronaca di un fatto increscioso: il Grande Fratello. La Rai vuol far pagare il canone a chi ha un PC. Se non paghi e continui a vedere Domenica In sul tuo PC, vengono a casa tua e ti installano un buon antivirus.  Berlusconi: Oggi ha visitato una famiglia italiana, una di quelle che lo ritiene l’ imprenditore più simpatico del paese. Berlusconi ha suonato il campanello, è andato in cucina, ha preparato i tortellini. Poi ha riportato il costume da Giovanni Rana preso a nolo. Berlusconi ha promesso, inoltre, sgravi fiscali alle famiglie con molti figli. A riguardo il Popolo delle Libertà costruirà nuovi asili nido in Lichtestein.

La “tot” edizione a Sanremo Il Festival della Politichetta di Viscontessa

L

a formula è sempre la stessa, due conduttori, uno alto e uno basso, due vallette, una teodem e una radicale, qualche offesa da parte dei conduttori ai telespettatori che dopo il “coglioni” indirizzato agli elettori di sinistra dello scorso festival quest’anno son diventati cittadini di un paese di merda, e poi ancora i vecchi candidati e le giovani promesse della politica italiana anche questa volta scelte con un occhio di riguardo per il sociale come l’operaio, l’impiegata e la precaria. Fiumi di polemiche poi, come di consueto si sono

abbattute sui nomi dei grandi esclusi dalla competizione come Ferrara il cui pezzo “son tutte belle le mamme del mondo” è stato giudicato troppo all’avanguardia per una competizione ancora così tradizionalista come quella del Festival della Politichetta Italiana mentre alle solite accuse lanciate dal fisco di far vincere sempre i soliti raccomandati, risponde ancora una volta Di Pietro che tenta di chiedere i nomi della famosa lista Linchestein ma si inceppa nel tentativo di pronunciare il nome. Tanto i vivaisti della politica italiana, sono già all’opera

per decorare le liste di partito con i simboli dei loro fiori ma alle domande rivolte loro dalla stampa sul destino delle rose, rispondo solo con un laconico “se sono rose fioriranno” a cui fa eco la Bertè intonando “rose rosse per te” tratto dal suo pezzo inedito presentato al Festival in questi giorni. Infine per il dopo Festival condotto anche quest’anno dal solito Bruno Vespa, si punta sempre sulla solita gnocca da salotto televisivo ma che, e questa pare l’unica novità di questa edizione politica, in caso di vittoria della destra, il suo leader Berlusconi promette sarà riprodotta in serie e ad un prezzo accessibile per tutti.

 Faschic: La Santanchè si è detta “orgogliosa di essere fascista”. Il fascismo fashion della Santanchè sta facendo scuola nei locali alla moda. Prima se eri vestito male, nei locali alla moda non ti facevano entrare. Adesso ti fanno entrare ma solo per picchiarti.  Veltroni: Conclusosi il Convegno dei cattolici del Pd: i radicali non sono il demonio: secondo molti teologi, infatti, se ascolti al contrario i discorsi di Pannella, senti un editoriale di Ferrara.  Lavoro: La Ford ha messo all’asta alcuni suoi operai. L’idea sta prendendo piede anche tra i datori di lavoro italiani: oggi ho trovato 3 precari al mercatino dell’usato.

le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi


il paginone satirico non negoziabile né ricattabile

Un sondaggio casalingo

Grande opportunità per volti e voci nuovi/e Si cercano volti e voci nuovi/e per carriera politica. Superato un periodo di prova si assicura impiego di almeno cinque anni, con ottima retribuzione e vari tipi di fringe benefits.

Angolosbocco

Che pensa la ggggente? Ho fatto un’inchiesta: mi sono chiesto: “ma la ggggente come vede le elezioni?” Poi, dato che non mi ricordavo la risposta, e visto che in wikipedia non ho trovato nulla cercando “ggggente vede elezioni”, ho deciso di fare interviste per la strada. Ecco le risposte che ho ottenuto.

Requisiti richiesti: ambo sessi e assimilati, età under cinquanta; titolo di studio: basta licenza elementare; certificato penale: a piacere.

Passante 1 (donna, 95 anni): “e chi le vede? C’ho la cata rotta, io, non ci vedo quasi più”.

Qualunque esperienza precedente è OK, anche nessuna. Saranno comunque preferiti i candidati che hanno qualche esperienza come salesman, attore/a, cantautore, rapper.

Passante 2 (donna, straniera, badante della 1): “come io le vede? Bene, me piace molto, si impara e si conosce persone simpatici, io va sempre a lezione, io vede bene lezioni”.

Il provino - per appuntamento - consisterà in uno speach non inferiore alla mezz’ora su un argomento qualsiasi, purché composto in uno dei seguenti stili: - nulladicente - miracolistico - esaltatorio - vittimistico - indignato - accusatorio.

Passante 3 (uomo, giovane, con fazzoletto azzurro al collo, pantaloncini corti): “spero che prevalga un’idea laica della politica, ossia una netta divisione tra lo Stato (che amministra) e la Chiesa (che decide cosa si può fare e cosa no), perché se siamo laici allora ognuno ha il diritto di interferire e chi è più forte vince, vai papa, laico come un papa, io ti amo papa”. Passante 4 (uomo, giovane, capello biondo scuro, maglia a righe bianconere, accento pugliese, parastinchi): “Senti, non mi fare domande, che non trombo da 2 anni e sto nervoso, quindi o ci stai o ti levi”.

Per appuntamento telefonare a Partito Democratico (PD), Roma, tel. 06675471 e chiedere dell’Ufficio Managers Selection. Remember: If we can You can!

Passante 5 (donna, giovane, aria intelligente e simpatica): ”Io voto Ultima Spiaggia” (Se vi interessa trovate le candidature su http://rip.ilcannocchiale.it/post/1784452.html).

(Renzo Butazzi)

Passante 6 (uomo, mezza età, alto e magro, ex segretario di un ex partito): “non so / non rispondo / non ho capito la domanda”.

Sicurezza lavoro e 194: eliminiamole

Le fotomanipolazioni di Edoardo Baraldi

Viscontessa Sono circa 140.000 i bambini “uccisi “ ogni anno nel nostro paese a causa della legge 194 sull’aborto e sono invece circa 1.400 i lavoratori che ogni anno si “suicidano” a causa della legge 626 per la sicurezza sul lavoro. Numeri impressionanti se si pensa che la proporzione è di 1/100 e che basterebbe ridurre il numero degli omicidi per incrementare quello dello suicidi. La pensa così Giuliano Ferrara con la sua battaglia contro l’aborto, ma la pensa così anche Emma Marcecaglia, che nel suo esordio come neo presidente della Confindustria, si dichiara subito contraria ad una logica delle sanzioni in tema di sicurezza sul lavoro. La 626 infatti è una legge vecchia di oltre dieci anni che tra l’altro non tiene conto dei progressi fatti dal mondo del lavoro in quest’ultimo decennio ormai in grado per esempio di riconoscere lo status di lavoratori in regola, persino a precari con contratti

di collaborazione anche solo di pochissimi mesi. Non si parla però, almeno in questa prima fase, di abolizione, ma di applicazione integrale della legge 626 che in fatto di sicurezza prevede tra l’altro l’assunzione di importanti responsabilità anche da parte dei lavoratori a quali per esempio in presenza di queste nuove tipologie contrattuali, viene ancora negata la possibilità di essere riconosciuti pienamente responsabili della loro sicurezza. Una situazione questa che può essere risolta solo trovando finalmente il coraggio di ammettere che la legge 626 è una legge contro ai lavoratori, privati della possibilità di esprimere al meglio la loro ingegnosità per sopravvivere, ma soprattutto costretti a vedere sminuito il ruolo per il quale sono stati scelti. Le donne sono nate per essere madri e i lavoratori per lavorare, basta con queste leggi che ci impediscono di svolgere al meglio la nostra funzione.

Per reclami, suggerimenti, insulti: paparazzin@liberazione.it • Diventa un delatore satirico, vai su paparazzin.splinder.com il blog di Paparazzin, oppure segnalalo al telefono: 06916504836


,/3$*,121(6$7,5,&2 1211(*2=,$%,/( 1Ë5,&$77$%,/( 1FSSFDMBNJ TVHHFSJNFOUJ JOTVMUJ EFMB[JPOJQBQBSB[[JO!MJCFSB[JPOFJUPWBJTVQBQBSB[[JOTQMJOEFSDPNUFM

'RSR  DQQL GL UHSOLFKH LQ ,UDN DQFRUD WXWWR HVDXULWR

.2+1,"Z2,+) ,),* $ VHJXLWR GHL VXFFHVVL RWWHQXWL LQ .RVVRYR $IJKDQLVWDQ ,UDN &HFHQLD 'DUIXU 6RPDOLD %LUPDQLD H %RO]DQHWR O·LQIDWLFDELOH FRORPED GHOOD SDFH DYYLVWDWD DQFKH QHJOL XIÃ&#x20AC;FL GL $OLWDOLD H QHL FLHOL GHO 7LEHW ,O GXEELR GHJOL VFLHQ]LDWL FKH SRUWL VÃ&#x20AC;JD" 5(6855(&7,21 5($/,7<

5,)250$ 3$648$/( ',

&26( %821( '$/12112$/9,6(63$1Ã&#x2019;

9,6&217(66$

/

HSULQFLSDOLQRYLWjGHOODULIRUPDSDVTXD OHGL TXHVW·DQQRULJXDUGDQR VRSUDWWXWWROD VRUSUHVD HOHWWRUDOH GHOOH XRYD GL FLRFFROD WRFKHLOHDGHUGHLSULQFLSDOLSDUWLWLSROLWLFL KDQQRYROXWRLQYLDUHDWXWWLJOLLWDOLDQLSHU DLXWDUOL DG XQD VFHOWD FRQVDSHYROH LQ RF FDVLRQH GHOOD SURVVLPD WRUQDWD HOHWWRUDOH &RQWHUUDQQRXQPDQXDOHWWRFRQGHGLFDDX WRJUDIDWDGDOOD*UHJRUDFFLH]HSSRGLFRQ VLJOLVXFRPHVSRVDUHXQPLOLRQDULRTXHOOH LQYLDWHGD%HUOXVFRQLDWXWWHOHIDQFLXOOHLQ HWjGDPDULWRPHQWUHqGL9HOWURQLO·LGHDGHO O·DOEXPGLÃ&#x20AC;JXULQHGDFRPSOHWDUHHQWUROH HOH]LRQLFRQLYDULSHUVRQDJJLFDQGLGDWLQHO OHVXHOLVWHGHO3G*LjLQWURYDELOHSDUHOD Ã&#x20AC;JXULQDGHOODYRUDWRUHGHOOD7K\VVHQ.UXSS 2ULJLQDOHWURYDWDSRLTXHOODGL)HUUDUDHGHL VXRL2YXOLGLFLRFFRODWRDOFXLLQWHUQRVDUDQ QRFRQWHQXWLWDQWLVSHUPDWR]RLDVRUSUHVD XQRSHURJQLPDODWWLDJHQHWLFDGLFXLSRV VRQRHVVHUHSRUWDWRULHVLPSDWLFDLQL]LDWLYD DQFKHTXHOODLGHDWDGD&DVLQLFKHKDSHQVD WRSHUODVRUSUHVDDGXQDGDWWDWRUHXQLYHU VDOHGLFRVFLHQ]H XWLOLVVLPRSHUWXWWLFRORUR FKHFRPHOXLVFHJOLHUDQQRGLIDUHLGLIHQ VRULGHLYDORULFULVWLDQLGHOODQRVWUDVRFLHWj 0D QRQ VL IHUPD TXL OD PDQLD GL TXH VW·DQQR SHU OH XRYD GL FLRFFRODWR 6XO IURQWH GHOOD TXDOLWj SHU HVHPSLR LQIX ULDQR OH SROHPLFKH WUD L VRVWHQLWRUL GHO FLRFFRODWR VYL]]HUR H TXHOOL FKH LQYH FH SUHIHULVFRQR TXHOOR GHO /LFKWHQVWHLQ VROR UHFHQWHPHQWH PHVVR LQ FRPPHUFLR 0D YLVWR LO IDOOLPHQWR GHL VLQGDFDWL VL DI Ã&#x20AC;GDQR DOOH XRYD DQFKH L ODYRUDWRUL GL $OL WDOLDFKHSHUSURWHVWDUHFRQWURODSURSRVWD GL $LU)UDQFH KDQQR RUJDQL]]DWR XQ ODQ FLR GL XRYD PDUFH GL Oj GHOOH $OSL FKH LQ RFFDVLRQH GHOOD 3DVTXD IDQQR VDSHUH VD UDQQR ULJRURVDPHQWH GL FRORPED ELDQFD

,QRFFDVLRQHGHOOD3DVTXDGL5HVXUUH]LRQH0DULD'H

)LOLSSLHO·XIÃ&#x20AC;FLRVWDPSDGHO9DWLFDQRKDQQRSUHVHQWD WRLQJUDQGHVWLOHLOIRUPDWGLXQQXRYRUHDOLW\VKRZFRQ WHOHYRWRGRYHLOSXEEOLFRSRWUD·GHFLGHUHTXDOHSHUVR QDJJLRIDPRVRIDUULVRUJHUHQHOODSXQWDWDVXFFHVVLYD ,OSURJUDPPDGDOWLWRORSURYYLVRULR´/,0257$&&, 12675,µH·VWDWRYLVLRQDWRGDXQJUXSSRGLIDPLJOLH $XGLWHOWHPSRUDQHDPHQWHVRWWUDWWHDOODFDWWLYLWD·,SUL PLULVXOWDWLGHOWHOHYRWRYHGRQRLQWHVWD6DQGUR3HUWLQL 0RDQD3R]]L0DUFR3DQWDQLH:DOW'LVQH\'LIURQWH DOOHSHUSOHVVLWD·GHLVROLWLVFHWWLFLLSRUWDYRFHGHO9DWL FDQRKDQQRGLFKLDUDWRFKHODUHVXUUH]LRQHGHLYLSH·XQ JLRFRGDUDJD]]LULVSHWWRDGDOWUHLPSUHVHLPSRVVLELOL JLD·UHDOL]]DWHFRPHLIXQHUDOLUHOLJLRVLGL3LQRFKHWOD FRPXQLRQH GDWD D %HUOXVFRQL LQ VHFRQGH QR]]H R OD VDQWLÃ&#x20AC;FD]LRQHGHOIRQGDWRUHGHOO·2SXV'HL1RQVRQR PDQFDWHLQROWUHQRPLQDWLRQLQTXLHWDQWLHLPSUREDELOL FRPHTXHOOHULVHUYDWHD:DOWHU9HOWURQL0LNH%RQJLRU QR H JOL HVXEHUL GHOO·$OLWDOLD FKH KDQQR FRQIHUPDWR OD ORUR HVLVWHQ]D LQ YLWD DO GL OD· GL RJQL UDJLRQHYROH GXEELR$SDUWLUHGDSDVTXHWWDLOWHOHYRWRH·DSHUWRD WXWWLEDVWDFKLDPDUHLOVROLWRSHUHVSUL PHUHODSURSULDSUHIHUHQ]DVXOSHUVRQDJJLRGDVRWWUDU UH DOOD QRLD PRUWDOH GHOO·DOGLOD· $FFRUUHWH QXPHURVL

'20$1, Ã&#x2039; 81 $/752 *,2512 ',0$5&29,&$5,

(OH]LRQL&KLXVHOHOLVWHVLULDQLPDODSROHPLFDVXOOHTXRWH URVD,QPHGLDFDQGLGDWDXQDVRODVHJUHWDULDRJQLSRUWDERUVH

3'$OYLDODFDPSDJQDGL5XWHOOLSHUODFDULFDD6LQGDFRD 5RPD 5XWHOOL LQ TXHVWL JLRUQL SDVVDQGR OH VXH JLRUQDWH LQ PHWURKDFDSLWRDOFXQHGHOOHFRVHFKHLURPDQLYROHYDQRGDOXL 3HUODSUHFLVLRQHLOSRUWDIRJOLLOFHOOXODUHHOHFKLDYLGLFDVD 9HOWURQLLQWDQWRKDSURPHVVRFKHIDUjFRPL]LDQFKHDPH]]D QRWWH,OSURJUDPPDqTXHVWRDFHQDGDXQDIDPLJOLDGLSUHFDUL SRLDPH]]DQRWWHYLDDXQFRPL]LRSHU&RQÃ&#x20AC;QGXVWULD0DVROR LQ FDVR GL OXQD SLHQD DOWULPHQWL QRQ ULHVFH D WUDVIRUPDUVL LQ &DOHDUR 0DWWHR&RODQQLQRSURSRQHXQSUHPLRSHUFKLqLQUHJRODFRQ OHWDVVH%XRQDLGHDSHUFKLSDJDOHWDVVHUHJRODUPHQWHLQUHJD ORXQFRQWRJUDWXLWRLQ/LHFKWHVWHLQ

%HUOXVFRQL %HUOXVFRQL FRQWUDULR DOO·RIIHUWD GL $LU )UDQFH SHU$OLWDOLD%HUOXVFRQLKDXQDOWURSURJHWWRSHUULODQFLDUH$OLWD OLDDIÃ&#x20AC;GDUODDO*HQHUDOH6SHFLDOH/DFRPSDJQLDVLRFFXSHUHEEH GLXQQXRYRVHWWRUHLQFUHVFLWDLOWXULVPRGHOOHVSLJROH ,QWDQWRLOWDQGHP7UHPRQWL%RVVLYDDYDQWLFRQO·LGHDGHLGD]L VXOOHPHUFLVWUDQLHUH8QDEXRQDLGHDTXHOODGLPHWWHUHLGD]L VXJOLDELWLFLQHVL4XHVWRFUHHUjFRHVLRQHVRFLDOHDYYLFLQHUjOD FRPXQLWjGHLQXGLVWLDOODFRPXQLWjGHLSUHFDUL 2WWLPDODFDPSDJQDHOHWWRUDOHGL)LQL)LQLKDVHPSUHO·XOWLPD SDURODVX%HUOXVFRQL2JQLYROWDFKH%HUOXVFRQLIDXQGLVFRUVR LQSXEEOLFRq)LQLDGXUODUH¶$SSODXVR·

9DWLFDQR,Q9DWLFDQRSURQWDODVWDWXDGL*DOLOHR*DOLOHLSHU ULFRUGDUH LO FHOHEUHVFLHQ]LDWR /D VWDWXDVDUj PROWR UHDOLVWLFD QRQDSSHQDVLDYYLFLQHUjXQYLVLWDWRUHXQGLVSRVLWLYRIDUjSDU WLUHOHÃ&#x20AC;DPPH ,QWDQWROD&HLKDFKLHVWRDLSROLWLFLGLPRGLÃ&#x20AC;FDUHDOODOHJJHHOHW WRUDOHLWDOLDQD/·DWWXDOHOHJJHVHFRQGRLYHVFRYLFUHHUHEEHXQ ´ROLJDUFKLDµXQJRYHUQRGLSRFKL,O9DWLFDQRLQYHFHYRUUHEEH XQ·LQJHUHQ]DVXPROWL

&LQD 8OWLPH QRWL]LH GDOOD &LQD OD &LQD YXROH FKH LO 'DODL /DPDSRUWLODÃ&#x20AC;DFFRODROLPSLFD 7LPRUHSHUOHFRQWHVWD]LRQLTXDOFKHHVDJLWDWRLQVHJQRGLSUR WHVWDPLQDFFLDGLVSHJQHUHLO'DODL/DPDGXUDQWHLOWUDJLWWR ,QWDQWRLO*RYHUQRFLQHVHSHULOSHULRGRGHOOH2OLPSLDGLKD FKLHVWRTXDOFKHDFFRUJLPHQWRDJOLRVSLWLLJLRUQDOLVWLVWUDQLHUL SHUHVVHUHSLULFRQRVFLELOLGRYUDQQRWUDYHVWLUVLGDWLEHWDQL


,/3$*,121(6$7,5,&2 1211(*2=,$%,/( 1Ë5,&$77$%,/( 1FSSFDMBNJ TVHHFSJNFOUJ JOTVMUJ EFMB[JPOJQBQBSB[[JO!MJCFSB[JPOFJUPWBJTVQBQBSB[[JOTQMJOEFSDPNUFM

$OWUR FKH IDFFLD D IDFFLD D 0DWUL[

0&*, -/,+1& ) ,/-,  ,/-,

/D ULYLVWD GL FXOWXUD DQJORODWLQDLOOXPLQLVWD ´0HQV +DOWKµ GRSR DYHU PHVVR DOOD EHUOLQD 3LHU 6LOYLR % H LO VXR ILVLFR GD JUDFLOH WURQLVWD VL VFKLHUD FRQYLQWDPHQWH FRQ %HUWLQRWWL H *LRUGDQR  &RQWUR OD SHUVRQDOL]]D]LRQH GHL ´IDFFLD D IDFFLDµ FRQWUDSSRQLDPR OD IDWLFD HWLFD GHO ´FRUSR D FRUSRµ ( SRL FL PDQWLH QLDPR JLRYDQL /D UHSOLFD GL %HUOXVFRQL H 9HOWURQL D UHWL XQLILFDWH *LRYDQL" 1LHQWH YRWR XWLOH DL PLQRUL $99(/(1$72 ',

,/ %$521( 5$03,&$17( 3$5/$ $/ 021'2 /·(&2120,$

$/9,6(63$1Ò

',$1*2/26%2&&2

&

RPHLQXQPDFDEURHVSHULPHQWRGLDQD WRPLDOD'HPRFUD]LD&ULVWLDQDWDJOLDWDLQ GXHFROELVWXULGL7DQJHQWRSROLKDSURGRW WRGXHFORQLDQFRUDSLX·PRVWUXRVLLIUDWHOOL 9HOWUXVFRQLFKHORWWHUDQQRSHUFRQTXLVWDUH DPRUVLEUDQGHOOLGL,WDOLDGDFRQVHJQDUHD &KLHVD&DWWROLFD0DVVRQHULD0DÀDH&RQ ÀQGXVWULD2SHUDLFRLQRQQLSDUWLJLDQLYRWH UDQQR&RODQLQQRVXRUHDIULFDQHWUDSLDQWDWH LQ,WDOLDYRWHUDQQRVXRUGLQHGL5XLQLSDUWLWL SLHQLGLUD]]LVWL[HQRIRELHVHQ]DGLR DOOD &LDUUDSLFR  XRPLQL G·RUGLQH HOHJJHUDQQR &XIIDURHDOWULSUHJLXGLFDWLSHUIDUHGLVSHWWR DLQRJOREDO,QEUHYHLOGHJOLHOHWWR ULIDUD·UDJLRQDPHQWLVHQVDWLHUHVSRQVDELOL SHUYRWDUHTXDOFXQRFKHJOLVWDSURIRQGD PHQWH VXL FRJOLRQL ,O  q LQGHFLVR 'L IURQWHDTXHVWRGHJUDGRFKLKDYHUDPHQWH DFXRUHOHVRUWLGHOSDHVHQRQSXR·UHVWDUH D JXDUGDUH H· LO PRPHQWR GL ULPERFFDUVL OHPDQLFKHHVFHQGHUHLQFDPSRFRQWUROD ORJLFDSHUYHUVDGHOIDFFLDDIDFFLD8RPLQL H GRQQH GL VLQLVWUD VL DOOHQDQR LQ FODQGH VWLQLWD·JLD·GDPHVLSHUUHVLVWHUHFRQRJQL PXVFROR DOO·DYDQ]DWD GHOO·LPSHUR GHO PDOH PLQRUH  $LWDQWL JLRYDQRWWL FRPH %HU WLQRWWL H *LRUGDQR GDQQR JLD· LO EXRQ HVHPSLR H ODYRUDQR FRQ L ORUR SHUVRQDO WUDLQHU SHU UDJ JLXQJHUH OD WRQLFLWD· QHFHVVDULD D VXSHUDUH O·RGLVVHD GHJOL ([LW 3ROO H GHOOH SURLH]LRQL 9RFL GL FRUULGRLR SDUODQR GL XQ SLDQR VHJUHWR SHU VDERWDUH L YHOHQL GHOOD SDU FRQGLFLR VHTXHVWUDUH L IUDWHOOL 9HOWUXVFRQL H VÀGDU OL D VLQJRODU WHQ]RQH LQ GLUHWWD WHOHYLVLYD ILQR D IDUJOL FKLHGHUH VFXVD SHU WXWWH OH FD]]DWH GHWWH H IDWWH LQ DQQL GL FDUULHUD SROLWLFD

HFRQRPLD q XQD GLVFLSOLQD VHPDQWLFD H DOTXDQWR VLQRWWLFD OD FXL HYR OX]LRQHSURFHGHGLSDULSDVVRFRQORVYLOXSSRGHOOHVFLHQ]HGRFXPHQWDOLH VRFLRSOHWWLFKH/HSRVL]LRQLGL$OJLDVXOSHQVLHUROLEHULVWDVLFRQWUDSSRQJR QRFRPHXQSDUDPHQWRSHOHUULPRDOODWHRULDOLEHUDVWDHDOOHSRVL]LRQLOLEH UXVWLPRY /·HFRQRPLD LQWHVD FRPH YLVLRQH SURVSHWWLFD GL XQ·HSRFD GD XQ SXQWRGLRVVHUYD]LRQHJDOHVVLFRDQQRYHUDLQVpXQDFRVFLHQ]DFKHVLHVSOLFD LQGXHSULQFLSLEDVLOLVFKLFL,OSULPRVXFXLSRJJLDODWUDGL]LRQHGHOOHSROLWL FKHSURPHQLFKHqLOWXOHRWUDGHRII WUDHIÀFLHQ]DHGHIÀFDFLD,OVHFRQGR SL FRPSOHVVR H GXQTXH LQVLWR LQ XQD ORJLFD GL VSLQ RII GHWHUPLQDOH q OD QRWHUULPD OHJJHGHOO·LQHOXWWDELOLWjGHOODPRQHWDQHOPHGLRSHULRGR ´FRQVL GHUDWRFKHODGRPDQGDDJJUHJKHYROHqLOOXRJRGHLSXQWLRYHYLqXQGLVH TXLOLEULRDVLQWRWLFRWUDOLYHOORGHLSUH]]LFRUUHQWLHYDORUHGHOO·RXWSXWDSUH]]L FRVWDQWL XQ DXPHQWR LQÀQLWHVLPDOH R GHFLPDOH GHOOD GRPDQGD GL PRQHWD D VFRSR WUDQVHULFR SURYRFD XQD SUHVVLRQH LQÁD]LRQDWLFD VXJOL LQYHVWLPHQ WL QHWWL H TXLQGL XQD GLPLQX]LRQH GHO YDORUH UHDOH GHOOH DWWLYLWj ÀQDQ]LD YLFKH D SUH]]L FRVWDQWL VFRQWDWH VXO WDVVR (XUODERXU D WUH DQQL GLYLVR SHU GXHLQÀODSHUFLQTXHµ'DFLzVHQHGHGXFHFLzFKHVRVWHQHYDFRQLQWHJHO OH FUHDQ]D 6FKDNHOEDFK ´5LSRUWDUH OD ELODQFLD LQ SDUHJJLR q OD SULRULWj GL TXDOXQTXHSROLWLFDµ6FKDNHOEDFKG·DOWUDSDUWHVLULIHULYDDVXDVRUHOODREHVD

'20$1, Ë 81 $/752 *,2512 ',0$5&29,&$5,

6FRRS,OIDFFLDDIDFFLDDQGUjLQRQGDVXOOHUHWL0HGLDVHW%HUOXVFRQLKDDVVLFX UDWRFKHSHUO·RFFDVLRQHWXWWRVLVYROJHUjLQFRQIRUPLWjDOODOHJJH/HULVSRVWHGL 9HOWURQLSHUQRQRFFXSDUHIUHTXHQ]HDQGUDQQRLQRQGDVXOVDWHOOLWH 5HFHVVLRQH 3DXUD LQ WXWWD ,WDOLD SHU OD UHFHVVLRQH 7UHPRQWL KD VFULWWR XQ QXRYROLEURSLHQRGLRWWLPLVPRSHULVXRLHOHWWRUL6LLQWLWROD¶5LWDJOLDLQFROODH FRVWUXLVFLODWXDFDVDGLFDUWRQFLQR· $OLWDOLD'DWDODVLWXD]LRQHVXJOLDHUHL$OLWDOLDOHKRVWHVVKDQQRDJJLRUQDWROD ORURSUHVHQWD]LRQLLQL]LDOL¶*HQWLOLYLDJJLDWRULDGHVVRXQDEUHYHGLPRVWUD]LRQH ,QFDVRGLVLWXD]LRQLGLVSHUDWHVXLQRVWULDHUHLFLVRQRGXHXVFLWH GLVLFXUH]]D SHUVDOYDUVL4XHOODVXOODVLQLVWUDYLqRIIHUWDGD$LU)UDQFHTXHOODVXOODGHVWUD GDOODFRUGDWD%HUOXVFRQL4XHOODVXOODVLQLVWUDQRQVLULHVFHDGDSULUOD4XHOODVXOOD GHVWUDQRQHVLVWHFLDYHWHIUDLQWHVR$UULYHGHUFLHEXRQYROR·

2OLPSLDGL 6DUNR]\ KD GHWWR FKH SRWUHEEH ERLFRWWDUH OH 2OLPSLDGL ,QIDWWL DYHYDFKLHVWRLOSHUPHVVRGLYLVLWDUHLO7LEHWPDJOLqVWDWRQHJDWR'RYHYDDQGDUH DXQDVÀODWDGLLQWLPR ,QWDQWRLOUHJLPHFLQHVHKDFRQFHVVRDGDOFXQLJLRUQDOLVWLGLYLVLWDUHLO7LEHW1RQ qYHURFKHOD&LQDKDVFRQYROWROHWUDGL]LRQLDVFHWLFKHGHLPRQDFLEXGGLVWLGD YDQWLDOODORURJDEELDF·qVFULWWR¶9LHWDWRGDUJOLGDPDQJLDUH· ,QWDQWROD6DQWDQFKqLQGLJQDWDKDSURSRVWRLOERLFRWWDJJLRGHOOH2OLPSLDGL3RL OHKDQQRVSLHJDWRFKHO·DFTXLVWRGLERUVHÀUPDWHQRQqXQDGLVFLSOLQDROLPSLFD ,UDT/DVLWXD]LRQHYDSHULOPHJOLR6HFRQGRJOLHVSHUWLO·,UDTKDEXRQHSRV VLELOLWjGLRVSLWDUHOHSURVVLPH2OLPSLDGL0DVRORVHJOLVFRQWULFRQWLQXHUDQQR ,QWDQWRLOFRVWRGHOODJXHUUDqDXPHQWDWRLQPDQLHUDHVSRQHQ]LDOH(·DXPHQWDWR LQPDQLHUDFRVuHVSRQHQ]LDOHFKHRUDLFRQWUDFWRUVOLYHQGRQRDOEDULOH

$QWDUWLFR (QRUPH LFHEHUJ DOOD GHULYD ,Q ,WDOLD F·q JLj FKL SHQVD DL ULPHGL FRVWUXLUFLVRSUDXQDFHQWUDOHQXFOHDUH


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it o vai su paparazzin.splinder.com - tel. 06916504836

Si profila a sorpresa il sorpasso delle forze progressiste e del lavoro

LA SINISTRA verso il trionfo E’ vicino il momento della verità per le Isole Fær Øer. Gli ultimi sondaggi dicono che la Sinistra è in forte crescita. La leader Socialista Neðuroy : - Giustizia sociale, diritti, laicità la sinistra avanza in tutta Europa Politica internazionale: in un piccolo Paese dell’Unione Europea (Italia), domenica 13 e lunedi 14 si svolgeranno le elezioni politiche. Cazzi vostri.

NUOVI PARTITI, NUOVI PROGRAMMI : PRO-FIGA

I MIEI BENIAMINI

DI

RACCOLTO DA VISCONTESSA

ALVISE “PAPILLON” SPANÒ

Altro che Kunta Kinte: se cercate un

1.Promuovere legislativamente il dovere di seppellire tut-

te le velleità femminili nate nel territorio nazionale, in qualunque fase della loro gestazione e per qualunque motivo. 2.Impegnare il governo della Repubblica a costruire un’alleanza capace di emendare la Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite all’articolo 3. Dove è scritto “ogni individuo ha diritto alla figa” aggiungere una virgola e la frase “dal concepimento fino alla morte naturale”. 3.Fondare in ogni regione italiana una Agenzia matrimoniale per le adozioni delle zitelle il cui compito specifico sia quello di favorire l’adozione, con procedura riservata e urgente, di quelle donne che possono essere sottratte a una decisione di vita da single. 4.Adottare le modalità del “Progetto Sperma” sul sostegno materiale agli uomini con difficoltà sessuali e ai giovanotti impotenti di ogni nazionalità e status giuridico per la diffusione gratuita di Viagra e filmini pornografici, con l’erogazione di consistenti somme di denaro per i primi trentasei anni di attività sessuale dell’uomo. 5.Applicare la parte preventiva e di tutela della virilità. Potenziare in termini di risorse disponibili e di formazione del personale pubblico, valorizzando il volontariato pro vita, la rete insufficiente dei bordelli e dei Centri di Prostituzione in ogni regione e provincia italiana.

uomo libero che spezza le sue catene, guardate nelle liste del Partito Democratico. Tra i candidati alla Camera ci troverete Enzo Carra, uomo immagine di Mani Pulite, immortalato con ferri ai polsi e un metro di catene prima di essere condannato per direttissima con l’accusa di false dichiarazioni al PM. Per me e la mia fedina penale lunga come la Bibbia questa e’ stata una magnifica rivelazione: anch’io posso diventare senatore a dispetto delle mie condanne multiple per pirateria informatica, copie abusive di videocassette porno e vendita di schede taroccate per la tv satellitare. Mi hanno sempre sconsigliato di fare politica perche’ ho un nome del cazzo difficile da pronunciare. Che dire allora di Crisafulli Vladimiro Adolfo Benedetto Innocenti, noto anche come Mirello? E’ stato pizzicato mentre chiacchierava in albergo con il Boss di Enna, probabilmente per formare una coppia di fatto. Un sordido complotto tra Carabinieri e Vaticano ha provato a screditarlo, ma ora giustizia e’ fatta, e anche Mirello e’ candidato per il PD al Senato col nome piu’ lungo d’Italia. Antonino Papania, altro candidato PD al Senato, e’ stato perseguitato perche’ a dire dei magistrati scambiava regali con assunzioni. Da disoccupato cronico ho cominciato a spedire pacchetti dono ai consigli di amministrazione di tutta Italia, alla peggio mi fanno senatore.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Faccia a Faccia: L’audience del faccia a faccia su Raidue è stato basso. La gente cambiava continuamente canale. A forza di cambiare canale tra Raiuno e Raidue, molti, a un certo punto, hanno visto Montalbano che arrestava Berlusconi.

Inchiesta di Bari: Un professore e altri collaboratori vendevano esami all’Università di economia. Le prove erano taroccate: la prova d’ingresso consisteva nel farsi il preventivo da soli.

Innocenti evasioni: Berlusconi si è appellato al diritto naturale per giustificare

l’evasione fiscale. Poi si è appellato al diritto naturale per giustificare i futuri divieti alle intercettazioni. Poi si è appellato al diritto naturale per giustificare la sua ignoranza sul diritto naturale.

Expò: Milano si aggiudica l’Expò: il tema sarà lo sviluppo sostenibile. Prime polemiche sull’opera simbolo: c’è chi vuole costruire la torre, chi le mura, chi l’intero castello per difendersi dai paesi in via di sviluppo. Tra i vari progetti c’è chi sostiene che la torre potrebbe essere un ottimo simbolo di Milano; la Milano che tiene allo sviluppo sostenibile e evita le colate di cemento. Non a caso sarà interamente fatta di zingari acrobati. Intanto con l’Expò è già boom del valore per gli immobili a Milano. I barboni sono disperati: i giornali alla stazione ora li vendono al metro quadro.

In the navy!: In un intervista su Youtube, il Generale Del Vecchio ha detto che è

favorevole all’apertura di bordelli per i soldati al fronte. Giusto pochi giorni fa, Bush ha chiesto la massima cooperazione per l’Afghanistan: ha preteso nuovi invii di soldati, nuove armi e l’agenda telefonica di Spitzer. Sul tema Del Vecchio ha poi tessuto le lodi della missione in Iraq: dove in effetti l’amministrazione Bush ha creato il più grande bordello dai tempi del Vietnam. Ha aggiunto che “i gay non sono adatti a fare i soldati”. Secondo lui sono bravi a fare gli operai, i poliziotti, i motociclisti, gli indiani ed i cowboy ma non i soldati. Aggiungendo: ‘Non mi ha mai convinto il sesto personaggio dei Village People’.


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, eticamente sensibile, di Liberazione. Questo è il numero 38 di domenica 13 aprile 2008 Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

Elezioni 2008: a urne calde e fumanti, sappiamo già com’è finita

NOI SIAMO ITAGLIANI E VOI NON SIETE UN CAZZO

Piccola terrorista senegalese espulsa dall’Italia. A sei mesi era già pronta per rubare agli italiani il posto all’asilo-nido, mentre fabbricava clandestinamente armi chimiche e pannolini-bomba. DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Ber lusconi : Og gi Berlusconi ha chiesto le

dimissioni del Papa. In cambio Berlusconi sarebbe disposto a lasciare una Camera all’Udc. Berlusconi ha anche detto “Ormai sono una rockstar”. Oggi ha chiesto le dimissioni di Mick Jagger. In cambio sarebbe disposto ad affidare una Camera ad Apicella. Berlusconi ha poi proposto, una volta al Governo, un nuovo test psicoatttudinale sui P.M. Il test verrà pubblicato su “Il Giornale”. I primi 10 che manderanno il test compilato con le risposte esatte, riavranno la scorta. Berlusconi show al Colosseo: Prima il discorso del Cavaliere, poi lo spazio a Fini. Che ha intrattenuto il pubblico lottando contro Ciarrapico.

Ferrara: Ferrara è già pronto per diventare Ministro della

Sanità. Oggi a un comizio ha detto basta alle troppe pretese dei cittadini in corsia. Quelli più sbadati non avranno più né la pillola del giorno dopo né il rene del giorno prima.

Dell’Utri: In un’intervista Dell’Utri ha detto che, una “Il Diario di Anna Frank” versione Pdl. E ho scoperto volta al Governo, il Pdl revisionerà i libri di testo “condizionati dalla resistenza”. Non si hanno ancora notizie precise sui sussidiari made in Dell’Utri. Si sa solo che i partigiani saranno interpretati da Gargamella. Oltre ai libri di testo, il Pdl si lancerà in una revisione anche di altri libri condizionati dal comunismo. Ieri ho letto

IO NON LA DO

DI

VISCONTESSA

Sei ancora indeciso? Non sai ancora chi votare? Sei

arrivato al giorno fatidico senza sapere a chi dare la preferenza? Semplice, se anche tu vorresti darla ma non sai a chi, unisciti a noi e fai della tua indecisione un punto di forza. “Io non la do” è un movimento culturale che sull’onda della famosa affermazione di Daniela Santanchè si propone di promuovere e valorizzare la cultura del tenersela affinché questa scelta sia una scelta alla portata di tutti. Chiunque in un paese civile, democratico e laico come il nostro, ha il diritto di non darla senza per questo sentirsi un qualunquista, baciapile, o sfigato e nessuno in un paese che negli anni ci ha costretti sovente a posizioni supine con le quali abbiamo dato alla nostra classe politica ben altro, dovrà più sentirsi in obbligo di darla solo perché così fan tutti. Per questo “io non la do” non intende assolutamente riportare i suoi sostenitori in posizione eretta, la flessibilità che siamo andati conquistando negli ultimi anni è un diritto inviolabile di ogni cittadino a cui spetta la scelta di offrire il proprio deretano al miglior offerente, tuttavia una nuova consapevolezza di classe e una coscienza collettiva più sensibile alle problematiche del dare e avere, è a nostro avviso fondamentale per urlare a gran voce il nostro dissenso. “Io non la do”, sarò il nostro urlo di dolore di fronte alla sodomizzazione dei nostri ideali, “io non la do” sarà il nostro modo di dire no, io non ci sto, “io non la do” vuol essere la risposta dura al moscio panorama politico del nostro Paese. “io non la do”. Perché sarebbe l’ora che finalmente qualcuno venisse a prendersela.

CASSATE

DI

ALDO VINCENT

Certamente ricorderete che vennero scoperte maschere di Berlusco-

ni nel covo delle Nuove Brigate Rosse. Invito formalmente gli inquirenti a visionare i filmati di quest’ultima settimana per scoprire se tutte le cazzate che sono andate in onda le ha veramente dette Berlusconi o se si tratti di un’operazione eversiva del noto gruppo terroristico.

che “Anna Frank”, in italiano, si traduce: “Bridget Jones”. Dell’Utri ha poi definito Mangano, lo stalliere mafioso di Arcore, un eroe. Proposte, quindi, anche nuove fiction non condizionate dall’antimafia: in arrivo la fiction su Mangano. Va in onda sul canale satellitare a pagamento ‘Tele racket’: se non paghi, la vedi.


A R T X E IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, a tolleranzazero, di Liberazione. Questo è il numero 39 di domenica 20 aprile 2008 Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

Proviamo a reagire: scrivete a paparazzin@gmail.com e dateci cinque buoni motivi per rimanere a sinistra. Intanto,

PANICO A DESTRA: UN NEGRO ENTRA IN PARLAMENTO Alcuni voti-utili-nasoturato al PD, strappati alla sinistra, hanno premiato Jean Leonard Touadi, un congolese che per essere amico di Di Pietro e Veltroni è anche piuttosto di sinistra. Chi meglio di lui per mimetizzarsi nel governo ombra? In un impeto di orgoglio italico, Ciarrapico e Borghezio scrivono in cinque minuti una bozza di leggi razziali sul retro di una scatola di preservativi, usati con escort nigeriane

EXTRAPRIDE

DITE 5 COSE DI SINISTRA

E alla fine la porcata ha riempito il porcile:

Per non disperderci nello spazio siderale dell’extraparlamento

DI

EXTRASONDAGGIONE DI PAPARAZZIN

ALVISE “EXTRA LARGE” SPANÒ

con due anni di ritardo il piano Calderoli e’ andato a segno. La Lega canta vittoria e detta condizioni, Colaninno cerca ancora di capire come fa un padroncino come lui a ritrovarsi all’opposizione, la moglie di Emilio Fede sta gia’ facendo arredare i banchi del senato dagli scenografi Mediaset. Gli occhi scorrono atterriti la lista dei lupi che si avventano sulle poltrone da ministro, capeggiati da Sandro Bondi che punta all’istruzione, probabilmente per cominciare ad averne una. Ma in tutto questo casino c’e’ anche un Calimero che potrebbe rovinare la festa. Il primo onorevole nero, infiltrato migrante tra i banchi del potere bianco, e’ l’ultima speranza rimasta per gli extraparlamentari. A poche ore di distanza dai risultati elettorali, Jean Leonard Touadi e’ stato sequestrato da un gruppo eterogeneo di estremisti, formato da migranti, comunisti, ambientalisti, ex-partigiani, gay, lesbiche, pacifisti, valdesi, buddisti, precari e coppiedifatto pronti a tutto per trasformarlo in un “uomo-partito” e nell’ombra del governo ombra, nella speranza che li rappresenti almeno un pochino. Noi nel frattempo siamo allo sbando, resistiamo barricati in redazione e cominciamo ad esaurire i riferimenti culturali, politici e letterari che possano dare una dignita’ morale a cio’ in cui crediamo. Scrivete a paparazzin@gmail.com e raccontateci quali sono le cinque cose per cui vale ancora la pena di pensare e vivere a sinistra. Ma fate presto, che qui c’e’ gia’ chi inizia a sfogliare Donna Moderna e Panorama.

proviamo a contarci con un sondaggio. Scrivete a paparazzin@gmail.com o autointercettatevi lasciando un messaggio allo 06916504836. Il tema e’ fondamentale: raccontateci quali sono le cinque cose per cui vale ancora la pena di pensare e vivere a sinistra . I risultati in costante ag giornamento verranno pubblicati sul blog: paparazzin.splinder.com e sull’edizione pomeridiana (e gratuita) di Liberazione in uscita dal lunedì al giovedì a Roma e Milano.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

L’impero colpisce ancora: Il primo

Consiglio dei Ministri del nuovo Governo Berlusconi si svolgerà a Napoli. Lì Berlusconi prenderà il primo provvedimento contro il problema spazzatura: sposterà il Consiglio dei Ministri altrove. Sul tema dell’energia non è escluso che si torni al nucleare. Oggi, a Cologno Monzese, incontro tra Berlusconi e un autorevole esperto sul nucleare di destra. Berlusconi ha dovuto dargli retta: ‘Ok! Ok! Ma lascia stare le mie antenne, Godzilla!’. Di nuovo il via ai cantieri delle “Grandi Opere”: domani Berlusconi parteciperà alle consuete cerimonie di apertura con il taglio del nastro. Dopodomani alla consuete cerimonie di chiusura con il taglio dei fondi. Dell’Utri entusiasta della vittoria. Ha già riscritto molti libri sulla resistenza. Grandi rivelazioni: Giorgio Bocca è in realtà lo pseudonimo di Ray Bradbury.

Lega: Vittoria della Lega: Da cosa si capi-

va che la Lega aveva vinto? Radio Padania per festeggiare ha trasmesso un pezzo di Youssu N’dour: cantava in bergamasco. Stravolgimenti in Rai: dopo “X-factor”, in arrivo ‘Terron-Factor’. E’ il primo format leghista Rai: è una via di mezzo tra uno spettacolo musicale e il wrestling. Si tratta di una sfida tra cantanti napoletani e lottatori di wrestling padani.

Sicilia: Vince l’autonomista Lombardo:

ha detto: ‘Creeremo subito un comitato antiassistenzialismo. Stiamo aspettando giusto i fondi da Roma’. Lombardo, contro la dipendenza da Roma, ha in mente anche una promozione internazionale dell’isola: la Sicilia andrà in omaggio al primo paese che si compra l’Alitalia. Cuffaro eletto senatore. Stavolta Cuffaro, a scanso di equivoci, per festeggiare ha distribuito caramelle. Al gusto di cannolo alla ricotta. Le mangi, dopo ti condannano a 5 anni per favoreggiamento all’alitosi.

Hard blues: Bertinotti ha appreso i ri-

sultati elettorali all’Hard Rock Cafè. Ha capito che qualcosa non andava, quando il proprietario gli ha offerto il posto dentro la teca accanto a Elvis.


A R T X E IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, extraparlamentarlarge, di Liberazione. Questo è il numero 40 di domenica 27 aprile 2008 Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

Dalla destra radicale un appello al non voto: basta con i compromessi!

ALLARMI CAMERATI, ALEMANNO E’ UN DISERTORE! Non è degno di marciare su Roma uno che ha ritirato le nostre truppe dall’Iraq per mettere la sua trippa al Campidoglio ALL’ARMI, ALL’ARMI!

E VOI CONTINUATE A DIRCI 5 COSE DI SINISTRA

CAMERA-TIIII!!! Dov’e’ finita la destra

Grande successo del sondaggio che conferma: la sinistra non è mor-

DI ALVISE “MEIN KRAFT” SPANO’ tutta d’un pezzo, quella che nelle manifestazioni caricava con le jeep a viso aperto anziche’ manganellare no-global indifesi colti nel sonno? Dove sono il patriottismo e il tricolore, svenduti per due sorsi di Pepsi sgasata sull’altare della globalizzazione statunitense? Che fine faranno Dio, Patria e Famiglia con un capo del governo divorziato, pronto a svendere agli amici russi la compagnia di bandiera e costretto a leggere “La Repubblica” per capire cosa pensa la moglie? Tutto cio’ che ci rimane e’ l’onore delle armi. CAMERA-TIIII!!!, qualcuno vuol farvi votare Gianni e Pinotto Alemanno, un uomo che ha ritirato dalla missione “Antica Babilonia” le nostre gloriosissime truppe, costrette a voltare le spalle a Bin Laden. E’ tutto documentato: il 19 luglio 2006 la camera dei deputati e’ stata insultata con il voto vigliacco di un uomo che ora vorrebbe guidare la destra alla conquista di Roma. Un po’ di orgoglio, perbacco! Fate vedere che avete le palle, e se avete votato per Storace non mandate al potere una sua sbiadita imitazione. A sinistra hanno votato Veltroni per paura, mandando al macello le loro avanguardie piu’ nobili e combattive alla guida di un pusillanime. Volete cadere anche voi nella trappola della vilta’ e farvela sotto per paura di un Cicciobello qualunque? Meglio cadere in battaglia o fare i voltagabbana al seguito di un disertore? Insomma, fatevi un favore e restate a casa, magari picchiate qualcuno, lanciate i pitbull all’inseguimento dei rumeni ai semafori, ma lasciate perdere il panettone Alemanno.

EXTRASONDAGGIONE DI PAPARAZZIN

ta, sta solo riflettendo. Ci hanno scritto così tanti lettori all’indirizzo: paparazzin@gmail.com che è difficile pubblicare tutti (sul blog) in tempo reale. Pian piano si mette tutto, tranquilli. Voi continuate a scriverci all’email suscritta, o ad autointercettarvi lasciando un messaggio allo 06916504836. Il tema è noto: raccontateci quali sono le cinque cose per cui vale ancora la pena di pensare e vivere a sinistra. Molti risultati sono già pubblicati sul blog: paparazzin.splinder.com e sull’edizione pomeridiana (e gratuita) di Liberazione in uscita dal lunedì al giovedì a Roma e Milano.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Russia: Cambia linea editoriale il giornale

scandalistico che ha dato la notizia del flirt di Putin. Basta con i pettegolezzi, via con la storia: in questo numero “Speciale Gulag”: l’ex direttore del giornale ci spiega la loro nascita, il loro funzionamento e come ci è finito.

Sicurezza: A Bologna ci saranno studenti per la sicurezza che fanno ronde all’Università. Il Cepu si sta già organizzando: presto ci sarà il tutor/vigilante: se non studi, ti prende a manganellate.

Morti bianche: continuano le morti

bianche. In arrivo una nuova legislazione per arginare il fenomeno: sì all’inasprimento delle pene per chi muore durante l’orario di lavoro.

Roma: Sfida Rutelli-Alemanno a colpi di

sicurezza. Rutelli ha proposto per le donne il braccialetto elettronico, gli orecchini laser e la collana ad ultrasuoni. Inoltre, ha promesso che il futuro assessore alle pari opportunità sarà una donna: Wonder Woman. Alemanno ha invece proposto di dare le armi ai vigili. E magari anche agli ausiliari: sposteranno le macchine che non pagano il parcheggio a colpi di bazooka. Per Alemanno la croce celtica è un “simbolo religioso”. Alemanno è molto religioso: tempo fa è andato in Palestina per visitare il santo sepolcro. Poi si è lamentato con le autorità perchè la tomba di Mussolini non era segnalata.

Alitalia: La differenza tra un bambino

povero e un bambino ricco? Il bambino povero ha un solo amico invisibile. Perché la cordata non se la può permettere.

Padre Pio: Dopo la riapertura della tom-

ba, i commenti sulla buona conservazione della salma, il tutto esaurito negli alberghi, l’ostensione della salma, la diretta televisiva, le foto dei telefonini, i video su youtube, Padre Pio ha parlato e ha lasciato un messaggio di pace a tutti. Ha detto: ‘Vi perdono’.


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, dato sensibile di Liberazione. Questo è il numero 41 di domenica 4 maggio 2008 Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

Compagni non disperdiamo il patrimonio di sinistra! Dopo la pubblicazione web dei redditi degli italiani, un’ideuzza:

RAPIAMO BENIGNI E LA LITTIZZETTO

Roberto e Luciana, compagni che sbagliano, capiranno. I loro redditi di un anno per ricomprare Botteghe Oscure e rifare tutto da zero. Dichiarazione congiunta di Dante Alighieri ed Enrico Berlinguer: era ora che quel cazzone di Roberto ricominciasse a contribuire alla causa. Fabio Fazio disperato: eravamo d’accordo con Luciana che si sarebbe fatta sequestrare solo dal “Walter”. IL CATALOGO ON LINE

RIBELLI COME UN CALAMARO

DI ALVISE “CAPITAN FICUS” SPANÒ

DI VISCONTESSA

Il vero protagonista della settimana non

Sono preoccupata per questa nuova ondata di stupri che sta travolgendo il nostro paese. Ciò che mi preoccupa non sono questi rumeni che violentano le donne italiane, per questo, secondo le statistiche, ci sono già i nostri uomini italiani che violentano, stuprano e ammazzano le loro donne molto più di tutti gli stranieri, ma per la nuova responsabilità che ancora una volta, come donne, siamo costrette ad accollarci. Insomma, ancora dobbiamo riprenderci dalla campagna contro l’aborto ordita da Ferrara che già ci vogliono come protagoniste per una nuova campagna pubblicitaria contro l’immigrazione clandestina e se non fosse che i nostri impegni sul set sono davvero così massacranti, scommetto che ci offrirebbero un ingaggio come testimonial anche per rilanciare l’economia: “chi non lavora non fa l’amore” e la solita gnocca semi svestita abbarbicata all’operaio in tuta con la scritta “sciopero? No grazie”. Tuttavia, siccome noi oltretutto siamo già impegnate a testimoniare come massaie il rincaro dei prezzi dei generi alimentari e come madri ad esaltare le gioie della maternità per frenare il calo

e’ il Senato della Repubblica che e’ rimasto Schifato, ne’ il povero Ronaldo che ha ricevuto qualche etto di ciccia in piu’ di quella che aveva ordinato per cena, ne’ il subcomandante Marcos che ha esternato la sua umanissima simpatia per la gnocca della signora Pitt, ne’ tantomeno i Rutelli con le cotiche saltati in padella che ci sono rimasti un po’ indigesti. Il nostro doveroso tributo di quest’oggi va alla memoria del calamaro gigante ritrovato in Antartide, una creatura misteriosa che eleggiamo a icona e simbolo dell’utopia della sinistra italiana, intrappolata e vivisezionata da una umanita’ che non la capiva. Braccato per decenni e descritto come una utopia dai calamaristi di mezzo mondo, una volta avvistato e scongelato non si e’ saputo fare di meglio che distruggerlo, per evitare che si riproducesse troppo velocemente. Sono note infatti le note virtu’ amatorie dei calamari soprattutto se giganti e isolati a lungo. Assieme a lui vogliono far ammosciare e morire anche le nostre speranze, ma noi sappiamo che in Antartide, sotto tonnellate di ghiaccio, dormono calamari giganteschi che cavalcheremo verso l’avvenire non appena l’effetto serra li avra’ riportati in vita. Il neoliberismo graffiante dei falchi statunitensi e dei loro seguaci di borgata dovra’ fare i conti con l’avvolgente morbidezza del calamaro, e quando arrivera’ quel giorno saranno cali amari per tutti. State in guardia!

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Cambia Alitalia: Berlusconi: “Alitalia comprata dalle Ferrovie dello Stato”. Prime reazioni alla notizia: oggi le zecche sono entrate in sciopero.

Roma: Aumenta la sicurezza con la gestione Alemanno. Già la sera della vittoria,

per strada, non c’è stato nessun raid fascista. Erano tutti sotto al Campidoglio a festeggiare. Il primo progetto pro-sicurezza di Alemanno è creare una Festa del Cinema con soli film italiani. Gli stranieri che sgarrano si beccheranno la filmografia di Squitieri e Barbareschi. Alemanno ha poi promesso che toglierà la teca dall’Ara Pacis e la porterà in periferia. Ci metterà dentro i romani così da preservarli dagli attacchi dei romeni.

Lega: Bossi ha detto “Ho 300mila uomini pronti a scendere dal Nord”: nuovo

problema di incompatibilità tra la Lega e le Istituzioni: mancano le poltrone per sistemarli tutti.

Assisiland: Ordinanza del Sindaco per allontanare i mendicanti. Anche se il Sindaco ha precisato: non tutti verranno allontanati. Solo i sosia di S. Francesco non autorizzati.

Subprime: Le strategie globali dell’amministrazione Bush porteranno alla vittoria sul’Iran. Pare infatti che i mutui dei siti atomici in Iran siano aumentati a dismisura. C’è chi ha visto Ahmadinejad arricchire uranio in una tenda, usando un fornellino elettrico.

Cina: Allarme lavoro minorile: chiusa una fabbrica dove lavoravano 100 bambini. I responsabili sono stati subito arrestati. Ma per le autorità sono ancora molti, nel paese, i bambini delinquenti che fabbricano bandiere tibetane.

demografico, di questo potrebbero occuparsene gli uomini di governo promotori della cultura della gnocca e del celodurismo. Anche perchè noi ora s’avrebbe da scegliere sul catalogo on line delle dichiarazioni dei redditi degli italiani pubblicato da Visco, lo scapolo d’oro con cui accasarsi.


ins atte ert nzi o o con a pia infia ne! seg cer mma uen e se bil ze p nza e oli tic he Paparazzin è il paginone satirico, flambè di Liberazione. Questo è il numero 42 di domenica 11 maggio 2008 Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

E adesso, semplificateci tutti

GUH!

C i so s o n2C o c c o d r il l i e d u n O ra n g o t a n /2 p i c c ol i Se r p e n t i e l A q u il a r e a l /il Gat toil Topol Elefante/nonmanca piùnessun/solononsivedonoi2L iocor n .

LE QUATTRO MINISTRINE DEL GOVERNO MEDIASET

Per allentare il clima di tensione abbiamo deciso di immolarci

paparazzin-kamikaze Questo inserto è bruciabile a piacere senza alcuna conseguenza politica, religiosa, simbolica, sanitaria. Tanto per non spaccare teste. Vi pare poco? SUL PONTE SVENTOLA BANDIERA BIANCA

DI ALVISE “FRATELLO BANDIERA” SPANO’

Il Presidente della Camera di Rianimazione Gianfranco Fini

e’ stato dichiarato clinicamente morto dopo l’ennesimo, audace tentativo realizzato dal medico della mutua Bruno Vespa per risvegliarne i pochi neuroni rimasti attivi con un audace respirazione bocca a culo. Prima di raggiungere i suoi colleghi gia’ cadaveri, tumulati in massa l’8 maggio al Quirinale con rito solenne, il Camerata della Camera ha lanciato un grave segnale di allarme, che costituisce la sua vera eredita’ spirituale e politica. Chi salvera’ tutte le bandiere che ogni anno perdono la vita in atti di violenza estrema? Lasciamo che la Polizia si occupi delle vite umane, decidendo chi arrestare e chi educare a suon di sganassoni nelle piazze, e orientiamo la politica sui valori supremi di Dio, Patria e Famiglia. Ora, Ruini ci dice che Dio sta abbastanza bene, Cuffaro puo´garantire in parlamento per la salute della Famiglia, ma alla patria chi ci pensa piu’? Chi salvera’ le bandiere da una fine ingloriosa? E qui si rivela il genio del vero statista: come ultimo atto ufficiale prima della sua morte cerebrale, il capo della Camera Ardente ha stipulato una convenzione con il governo cinese, che portera’ da 18 a 22 ore la giornata lavorativa per produrre in tempi record milioni di bandiere di tutti i paesi e di tutte le squadre di calcio del mondo, che verranno utilizzate negli ospedali italiani per avvolgere ogni neonato, confondendo gli estremisti e scoraggiando gli incendiari. Squadre di vigilantes specializzati si occuperanno di vigilare le famiglie dissidenti che sceglieranno il parto domestico.

DI VISCONTESSA

Tutti pronti i concorrenti del Nuovo Go-

verno in onda sulla rete Italia dalla prossima settimana. Diciassette in tutto i partecipanti di questo nuovo reality show che rimarranno in gara per cinque anni e dovranno superare le molte fantasiose prove a cui saranno sottoposti dal conduttore Berlusconi affiancato per l’occasione da quattro giovani ragazze chiamate le Ministrine. “Una grande novità” fanno sapere gli autori della trasmissione “perchè le Ministrine non dovranno solo ballare e sorridere di fronte alle telecamere, ma potranno a loro volta partecipare al gioco e vincere un fine settimana ad Arcore in compagnia di Berlusconi. Tutto ovviamente, dipenderà dalla loro capacità di farsi notare il meno possibile”. Tra i concorrenti più agguerriti invece c’è sicuramente Calderoli che per facilitare i cittadini, ha già proposto di cambiare nome del nostro paese da Italia in Mediaset mentre è Mara Carfagna, neo Ministrina della Pari Opportunità, che si distingue subito dalle altre ragazze promettendo che presenterà quanto prima una proposta di legge per offrire a chiunque l’opportunità di fare un sexy calendario. D’altra parte la Carfagna non è un volto nuovo della tv anche se molti la ricorderanno, più che per il volto, per le tette generosamente offerte dalle pagine del suo calendario. Ma è proprio quando si fa sul serio che non c’è niente di più autorevole dell’immagine della sempre bella rassicurante e tradizionale mammella del sud. Neanche il nordico stacco di coscia con giarettiera della Brambilla che infatti è stata trombata dal nuovo governo. Metaforicamente parlando, ovvio.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Bondi alla cultura: Tante le novità nel nuovo Governo Berlusconi: Sandro Bondi alla cultura. Bondi

ha già un piano per promuovere la lettura in Italia: smetterla di scrivere poesie. Bondi alla cultura, primi effetti: oggi ho visto libri andarsene da una biblioteca comunale, statue uscire da un museo e la teca dell’Ara Pacis andarsene da sola verso la periferia di Roma.

Calderoli: Calderoli al Ministero taglialeggi. Primo atto di Calderoli contro l’eccessiva legificazione: è andato al Tg1, si è aperto la camicia e ha mostrato una canotta con sopra stampato il porcellum.

Verona: Dopo l’omicidio del giovane, si rafforza la domanda di sicurezza in città. In arrivo dall’Inghilterra una corpo speciale per la sicurezza. Da domani ronde di hooligans controlleranno le ronde degli skinheads. Intanto il Sindaco ha chiesto pene esemplari per i 5 skinheads. Tipo: diventare suoi capigruppo in comune.

Alemanno: Oggi ha precisato le sue ultime dichiarazioni: non ce l’ha né con la teca dell’Ara Pacis,

né con i divi hollywoodiani, né con i gay. Non a caso Roma, il prossimo anno, ospiterà una mostra all’Ara Pacis dal titolo: ‘I grandi ricchioni di Hollywood’.

P.D.: Scelti alla Camera i capigruppo Bindi e Buttiglione, come da accordi. Adesso dentro al P.D.

non resta che individuare le idee, le strategie ma soprattutto chi cazzo ha fatto gli accordi. Intanto continua il dialogo dentro al partito: oggi i dalemiani hanno detto ai bindiani, che poi hanno spiegato ai veltroniani, che poi hanno sussurrato ai fassiniani il vero significato dell’espressione: “Nel P.D. non ci saranno correnti”.


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, clandestino, di Liberazione. Questo è il numero 43 di domenica 18 maggio 2008 nato tra i deliri di: MauroBiani AlviseSpanò EdoardoBaraldi MarcoScalia RiccardoOrioles FrancescaFornario MarcoPinna MarcoDambrosio Kanjano&Ferro Viscontessa FrancescoSchietroma LeleCorvi AndreaBersani MarcoVicari BrunoBonaiuto

Per reclami, suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com

Quando i buoni si incazzano, cominciate a tremare: basta co’ tutto sto casino! Fate un cazzo di paese decente!

VI ODIAMO TUTTI, MA CON TOLLERANZA Guaglioni che sbagliano, rotture di Maroni, Schifani e i suoi amici, telestronzi e quaquaraquà: quando è troppo è troppo. UN PAESE ALLO SBANDO, MA CON CLASSE

  

DI ALVISE “KUNTA KINTE” SPANÒ

Un brivido freddo attraversa l’Italia, e i venti

oscuri del sicuritarismo trasformano perfino “La Repubblica” nella vaselina intellettuale che ammorbidise il culo del Paese per la piu’ grande supposta mai concepita dai tempi delle guerre balcaniche. Molti i segnali inquietanti: Romina Power dopo sei ore di interrogatorio ha dovuto autocertificare a due carabinieri duri d’orecchio che non si chiama “Romena Povera”. I Ricchi e Poveri hanno ottenuto a fatica dalla Siae un permesso speciale per scongiurare la scissione del gruppo. La rabbia dei napoletani e’ stata placata solo con un intervento di un mediatore della Camorra che ha sospeso per tre giorni il reclutamento di minori. Le badanti rumene di tutta Italia costruiscono barricate di pannoloni usati nei quartieri piu’ caldi di insospettabili feudi della Lega come Pantelleria e Martina Franca. Maroni ha garantito che “non ci saranno espulsioni di massa”, per non togliere alla polizia di frontiera il gusto di assaporare ogni singolo calcio in culo, e nel frattempo si e’ gia’ organizzata la nuova resistenza: 5000 neopartigiani clonati dalle prostate dei nonni sono gia’ dislocati in montagna per resistere al sicurfascismo con catapulte armate di cous cous, involtini primavera e la temibile zuppa romena alla trippa brevettata dal conte Dracula. Nel frattempo il Parlamento e’ nel caos per il dibattito sulle nuove leggi razziali. Un’eccezione via l’altra, sono stati inseriti migliaia di emendamenti per varie categorie di extracomunitari e vip, tra cui svizzeri, statunitensi, monegaschi, Kabir Bedi, Megan Gale, vario zoccolame ministeriale d’importazione e notabili stranieri come Valentino Rossi. Per moderare l’acceso dibattito e’ stato costituito un gruppo di saggi composto dal senatore Palpatine dell’impero galattico, l’eroe nazionale Bernardo Provenzano e il cantautore Apicella, una squadra che riportera’ senza dubbio un po’ di pietas e calore umano in questo clima politico cosi’ avvelenato.

  

EMERGENZA SICUREZZA: GLI STUPRATORI DENUNCIANO

DI VISCONTESSA

E’

soprattutto rabbia quella che trapela dalle parole della vittima dell’ennesimo reato sessuale consumato da una giovane donna rumena ai danni di un cittadino italiano costretto a violentarla all’interno di un call center sprovvisto di preservativi. “La sicurezza sul lavoro.” ha fatto sapere l’uomo che per motivi di sicurezza ha preferito mantenere l’anonimato “è un diritto di tutti i cittadini italiani per i quali il sesso sicuro è spesso l’unica forma di prevenzione dalla malattie professionali”. Pronta la risposta di Alemanno che in una breve nota della sua segreteria ha commentato così l’accaduto “Un fatto gravissimo per il quale ho già provveduto a richiedere l’intervento dell’Accademia della Crusca il cui compito sarà quello di far luce sulle preposizioni articolate che regolano i rapporti tra Sicurezza e Lavoro”. Dubbi sulla possibilità per l’uomo di essere riconosciuto vittima del lavoro, erano infatti stati espressi dai sindacati che di fronte ad un reato consumato all’interno di un call center si chiedevano se si potesse parlare di sicurezza del lavoro oltre che sul lavoro. Sicuro invece il provvedimento disciplinare che il neo Ministro Brunetta intende chiedere per la donna rumena: “farsi violentare da colleghi, amici e conoscenti è una perdita di tempo che non possiamo più tollerare. I fannulloni vanno licenziati”. O bruciati nei campi Rom, fate voi.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Dialogo: Berlusconi ha finalmente chiamato Veltroni; si è complimentato per il Governo ombra; ha detto di

riconoscerlo come leader. Poi ha chiesto se gli passava D’Alema. Prima riunione del Governo ombra. Già pronti i progetti per quando la sinistra tornerà al Governo. Tra cui: arresto per chi guida l’astronave ubriaco; espulsione immediata dei marziani irregolari; cordata per salvare la società teletrasporti italiana; farsi ridare il ponte sullo stretto dal Giappone, non appena Godzilla lo avrà digerito.

Curriculum: Basta parlare di Mara Carfagna solo come ex valletta de “I Fatti Vostri”. La Carfagna ha già proposto aiuti alle donne che decidono di non abortire. Potranno scegliere la busta o il vaso cinese.

Alghero: Depositata una lapide che commemora assieme sia i partigiani sia i repubblichini. Sotto la lapide sepolti migliaia di libri di storia.

Difesa: Alla Difesa: La Russa. La Russa ha promesso incentivi per l’operato dell’esercito: il contingente più efficiente andrà a portare la democrazia al Billionaire. Quello meno efficiente andrà a ballare sulle mine in Afghanistan. Ottimi i rapporti La Russa-Stati Uniti. A Vicenza la base sarà ulteriormente allargata. E il Ministro inaugurerà personalmente quella pista per ballare la salsa.

Chebruttotempochefa: Il programma di Fazio verrà ridotto. Da ora in poi andrà in onda solo la rubrica

delle scuse. Su ordine del centrodestra è poi in arrivo una puntata riparatoria: Fazio spiegherà agli italiani cosa ci faceva in un programma in compagnia di Travaglio. Intanto chiariti i fatti riportati da Travaglio: la Sicula Broker ha detto: ‘Questo è l’ennesimo tentativo di boicottare il dialogo tra noi e Schifani’.

DIALOGO SUI NOTABILI

DI RICCARDO ORIOLES

Ma Schifani è mafioso?

- No, che io sappia. - E’ un cittadino modello, tale da onorare una carica come - addirittura - la presidenza del Senato? - No, non direi. - E perché? - Perché anni fa fu socio in affari con dei tizio che dopo si scoprì essere mafiosi. - E questo che vuol dire? Mica era colpa sua, se quelli diventavano mafiosi! - No di certo. Ma tutti erano notabili siciliani della stessa mentalità, prima gli affari e i soldi e poi tutto il resto. Gente così forse va bene per farci affari, per farci politica magari, ma non certamente per rappresentare l’Italia - cioè tutti noi - a un livello così alto. - Questo lo pensi tu. - Certo: è una mia opinione. Non ti chiedo necessariamente di condividerla. Ti chiedo solo di conoscere i fatti su cui quest’opinione è basata. Poi puoi accettarla o meno. Fra l’altro, visto che io faccio il giornalista, fare conoscere i fatti è proprio il mio mestiere. - Niente affatto: non devi far conoscere i fatti che possono far fare brutta figura a qualcuno. Se costui è un importante uomo politico puoi danneggiargli la carriera. E se lo fai alla tivvù peggio ancora. - Non mi sembra molto liberale, questo. Voltaire diceva... - Che c’entra Voltaire. Io parlo di D’Avanzo, di Violante, della Finocchiaro... dei liberali d’oggigiorno, insomma. Loro la pensano come me. E mica sono Berlusconi! - No. Sono semplicemente notabili italiani con la stessa mentalità degli altri notabili, come sopra. Può darsi che il problema italiano (come in passato in Sicilia) sia tutto qua. Notabile non mangia notabile, ovvero: tutti i Vip sono fratelli.


Stipendio corto. Il ministro dell’economia riforma il fisco. Se sei un evasore totale ritira il dado. Se non hai mai evaso nulla, stai fermo un turno a riflettere su quanto sei fesso

extraparlamentari... dice “via!” uff... extracomunitari... ci non c’è cacciano pace! e ora sempre extra siamo. fate come noi! dove anche si va? da qui giusto! famose due tiri fratè!

Probabilità. Se oggi hai mangiato mozzarelle alla diossina tira di nuovo il dado e vinci un viaggio premio a Taranto

2

3

Tassa sulla Vicolo povertà. angusto I pezzenti del costano cari precariato, allo Stato, è sempre ora di farli più contribuire! Il stretto punteggio del e meno tuo prossimo asfaltato tiro è dimezzato se pari, nullo se dispari

Traforo Gran TAV. Se sei proprietario della casa in cui vivi, tira ancora il dado per celebrare la grande opera

Il Ponte di Messina si allunga, e arriva da Reggio ad Hammamet

6

5

Imprevisti giudiziari. Magistrati comunisti si accaniscono sul Nano. Crollano le borse, l’Europa ci sgrida. Canta l’inno europeo o paga pegno

8

7

4

Viale Emanuele Filiberto in vacanza sul Monte Rosa. Se hai parenti nobili tira ancora altrimenti stai al tuo posto e rispetta le gerarchie

Vialetto di case abusive alle pendici del Vesuvio. Se nella tua famiglia c’e’ almeno una casa condonata puoi tirare ancora

9

Parco della Littoria, già Villa Casati Stampa: la tana del Nano di Arcore

10

Prigione: se il tuo stalliere si chiama Mangano il tuo reato va in prescrizione eroica e tiri ancora, se sei un poveraccio qualunque stai fermo un turno e mangiati la sbobba come tutti gli altri

Corso universitario in Ateneo. Se lecchi il culo (con o senza pantaloni) di un giocatore a tua scelta potrai vincere un dottorato di ricerca e tirare ancora i dadi per vincere la lotteria della vita. Altrimenti resta pure seduto e guarda gli altri che ti passano davanti

12

11

Via Accademia di Saranno Famosi. Se tuo marito si chiama Costanzo e hai una voce da scaricatore di porto, vai avanti di cinque caselle

niente asilo politico. galera per ingresso clandestino in italia. il suo paese che la vuole morto per le sue idee progressiste... programmi futuri?

40

Ferrovie privatizzate: se hai viaggiato almeno una volta di notte in seconda classe in un espresso sulla tratta Milano/Crotone tira di nuovo il dado Via delle Vallette. Se mostri una coscia nuda agli altri giocatori puoi tirare ancora e vinci anche il ministero delle pari opportunità.

13

14

andare in vaticano e cagarci... così, per l’amplein. ...e mi ci gioco pure il jolly, tiè!

3939

Piazza Lager. Se hai almeno un amico di cittadinanza non italiana stai fermo 30 giorni nel CPT per tenergli compagnia. Qui invece paghi pegno

IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE

il paginone satirico, giocoso, di Liberazione. Questo è il numero 44 di domenica 25 maggio 2008

15

Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh)

38

La stazione Ovest è impraticabile a causa dei Rumeni venuti dall’Est. Siccome tu sei del Sud, ti becchi le botte delle ronde del Nord. Fermo due turni in ospedale

un delirio ludico di Alvise Spanò, Mauro Biani e la banda Paparazzin: Edoardo Baraldi, Andrea Bersani, Lele Corvi, Francesca Fornario, Frago e Mazza, Kanjano e Ferro, Makkox, Marco Pinna, Marco Scalia, Francesco Schietroma, Angolosbocco

Imprevisti: la capitale viene occupata da un sindaco fascista. Il prezzo delle croci celtiche sale a dismisura. Ma tu hai investito nel settore delle croci uncinate, e quindi ti pignorano la macchina, stai fermo un giro e paghi pure pegno

37

L’Alitalia sei tu, chi può darti di più? Mentre aspetti invano la cordata gli altri si burlano di te e paghi pegno

36

- Avete presente il gioco dell’oca? Si gioca uguale, ma con un dado solo. Basta col bipolarismo, ora siamo in regime di dado unico - L’obiettivo è ripartire dal via per una nuova sinistra, ma se nel frattempo uno si ferma sulla casella P2 ha vinto uguale e può farsi i cazzi suoi, tirandosi fuori dalle regole del gioco e prendendo a pernacchie chi resta a sudare lanciando il dado - Le partite sono gratuite e non soggette a IVA

Largo ai giovani: Cossiga, Andreotti, Costanzo. Se hai meno di 50 anni stai fermo due turni

35

Se protesti contro il G8, la monnezza o il governo: un fracco di botte, processo per direttissima e fermo un turno. Se fai parte del G8, della P2 o di Cosa Nostra: tutti i reati in prescrizione, tira ancora il dado, viva le ecomafie!

34

CASELLA DEL POPOLO: siccome siamo in democrazia ci siamo rotti il cazzo delle avanguardie illuminate. Stai fermo qui fin quando tutti gli altri non ti hanno raggiunto o superato

33

- Si può giocare solo se aventi diritto al voto - Bisogna completare 2 giri arrivando al via con il punteggio esatto: basta col pressapochismo e l’improvvisazione, il paese ha bisogno di efficienza. Se si fanno punti in più si torna indietro e si aspetta il prossimo turno - Per il resto fate un po’ come volete, scegliete se decidere in anticipo i pegni da pagare o fare leggi “ad personam” a seconda di chi se li becca

16 1 6

32

MontecLitorio.

La Croce Rossa e la tua ONLUS hanno ricevuto grossi finanziamenti dal governo amico, a condizione di non rompere le scatole con le solite menate su pacifismo, welfare e convenzioni di Ginevra. Approfittane e tira il dado finchè dura la legislatura

31

Centrale Nucleare di Springfield. Se sei di Cernobyl o hai votato contro il nucleare ai referendum paghi pegno per la tua arretratezza mentale, oppure canta un inno al ministro Scajola

18

31

19

20 e silvio... giovedì tu dovevi portare le pizzette. haivoglia ad aspettà!...

CASELLA NUOVA SINISTRA. Mi spiace, sei troppo idealista e ti ritrovi fuori dal Parlamento senza nemmeno aver capito il perchè. Ci faresti la cortesia di toglierti dalle balle e ripartire dal via? In alternativa puoi cancellare i tuoi peccati improvvisando un’arringa di 5 minuti sulle doti di grande statista di Piero Fassino

Palazzo Madama la Marchesa

Posteggio gratuito e tiro bonus, ma solo se hai un SUV. Se hai la Vespa stai fermo un turno e paghi pegno

cari confratelli e consorelle di questa loggia, non facciamo che con la scusa di essere stati eletti in parlamento, disertiamo la riunione settimanale...

30

Se sei Rom, Romeno, Romanista o Romagnolo: penitenza fisica decisa dagli altri giocatori. Altrimenti tiri di nuovo il dado e passi allegramente la frontiera assieme a banchieri svizzeri, trafficanti di armi statunitensi e mafiosi russi

17

CASELLA P2 - Sei il primo stron-

zo che arriva su questa casella? Complimenti! Hai vinto! Ora puoi fondare in tre mesi il primo partito italiano, fregartene delle leggi e dei tribunali, fare miliardi a palate e divertirti a picchiare nelle urne una mezza sega come Veltroni

12

24

29 Palazzo Chigi e Chigiò. Se fai parte di una coppia di fatto omosessuale: due calci in culo. Se sei in una coppia etero: un solo calcio di ammonimento. Sposati in comune: non succede nulla, nessuno si accorge di voi nè vi lancia scomuniche. Sposati in chiesa: contempla la bellezza mistica del concordato di Craxi e Mussolini e ritira il dado.

28 Tassa mafia. Versare direttamente a Cosa Nostra elimina tanta burocrazia e passaggi inutili. Se hai precedenti penali puoi tirare ancora i dadi

27 Il Palazzo di Giustizia a Milano. Dove tutto è iniziato, dove tutto finirà. Se ti chiami Ilda o Clementina sei eliminata dal gioco

26 Via le mani dal ponteggio. Perdi la presa, muori in bianco e stai fermo un turno per ritrovare il karma perduto e reincarnarti nel figlio del palazzinaro che ti ha ucciso

25

LESBO PRIDE: La Carfagna si scopre lesbica durante una riunione del Consiglio dei Ministri guardando la Prestigiacomo, e finiscono a baciarsi selvaggiamente durante un Gay Pride co-promosso dai loro ministeri. Se se l’idea ti ha eccitato stai fermo un turno. Se invece provi disgusto tira di nuovo il dado

Società acqua privatizzata. Chi ci arriva per primo è l’unico autorizzato a bere gratis fino alla fine del gioco. Gli altri giocatori prima di bere dovranno fare un brindisi inneggiando ad un ministro di loro scelta, altrimenti si paga pegno

ma... di che hanno paura ‘sti beduini?! non si vede che siamo in missione di pace, PERDIO?!

Giuliano Ferrara ha organizzato una manifestazione-flop, e i tuoi parenti teocon preferiscono invadere casa tua per vedere il filmino della riesumazione di Padre Pio. Paghi pegno. Ferrovie Nord Cadorna Milano. Covo di pendolari incalliti, anarcosindacalisti, cococo e ribelli di ogni risma. Fermo un turno per decidere l’ordine dei gruppi nel corteo

21

23 Il Quiri-Anale. Se su internet esiste un tuo video hard o hai fatto un calendario, tira ancora dopo aver mostrato la mercanzia. Altrimenti vai in bagno, riprenditi le chiappe col telefonino e passa il video a tutti col bluetooth, sperando che tutti lo cancellino alla fine della penitenza

MISSIONE DI PACE: per portare

il benessere e la democrazia a questo tavolo di gioco aumentano le spese militari e offri da bere a tutti quanti per cameratismo. E chi se ne fotte se non hai abbastanza soldi? Non fare il disfattista e onora la bandiera. In alternativa fatti disegnare sul viso un virile pizzetto con un tappo di sughero bruciato in omaggio al ministro difensivo

22


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, Tatuato, di Liberazione. Questo è il numero 45 di domenica 1 giugno 2008

Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Angolosbocco, Edoardo Baraldi, Andrea Bersani, Massimo Caviglia, Lele Corvi, Sebino Dispenza, Francesca Fornario, Kanjano e Ferro, Manlio 3, Makkox, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Marco Scalia, Francesco Schietroma, Marco Vicari, Lucio Villani, Aldo Vincent, Viscontessa, Zurum.

Lasciatemi tatuare, perchè ne sono fiero: sono un italiano, un coglionazzo vero

TATUAGGI, PESTAGGI E DEPISTAGGI Anche Walter si fa tatuare Licio Gelli sulle chiappe, e nel Paese scoppia la moda del tatuaggio politico per fare un po’ il cazzo che ci pare BODY ART ATTAK

DI ALVISE “PIRSING” SPANÒ

C.P.T. 2008

La storia del tizio con il tatuaggio del Che

Italia,

anno I

devastatore del Pigneto è una bufala situazionista, un pacco mediatico per allocchi. Gli indizi rivelatori: lui che si presenta prima ai media e poi alla polizia, sempre a favore di camera e senza nemmeno una manganellatina di striscio dei servitori del governo, il tatuaggio esibito come un reduce di Auschwitz, magari fatto 10 anni fa per trombarsi una pasionaria, le sue dichiarazioni da neurodeliri “l’ho fatto per il quartiere”, “no, l’ho fatto per una amica”. Ma quello che più conta è il nostro infallibile sesto senso per le cazzate: ne produciamo a tonnellate, ormai siamo degli esperti. L’unica cosa vera sono le reazioni al fenomeno dei tatuaggi che trasformano in semplici ragazzate le violenze ideologiche. Bernardo Provenzano si è fatto incidere sul corpo 23 immaginette dei santi per dimostrare che le sue azioni sono un fenomeno di esaltazione mistica estraneo alla cultura mafiosa. Schiere di naziskin hanno intasato i negozietti di tatuaggi per farsi decorare le parti piu’ improbabili del corpo, pescando tra le figurine del ‘900 le immagini sorridenti di Pol Pot, Ceausescu, Stalin, Mao e Ho Chi Minh. Oltre ad essere trendy, un bel tatuaggio rivoluzionario è anche un ottimo passaporto di impunità. Nei CPT c’è una inversione di tendenza: con le forchettine di plastica i detenuti si tatuano Fini, Calderoli, Almirante e Mussolini per uscire prima e stare più simpatici al governo. Una talpa della segreteria del PD ci ha rivelato il tatuaggio più angosciante: il faccione di Licio Gelli tatuato a grandezza naturale sulle chiappe di Walter Water.

nuova era Sicura.

dio volle, e non e’ dato saper perche’, che al giovane hassan toccasse l’inferno. ma egli, crepato come un cane nel cpt di torino, si giovo’ del cambiamento e chiese se fosse possibile alzare d’un pelo il riscaldamento.

Ospiti

dello Stato decorano il proprio corpo con immagini sacre per propiziarsi gli dei.

DIGITO ERGO DIVENTO CIECO

DI ANGOLOSBOCCO

Bagnasco: “Con lo sviluppo del digitale c’è il rischio che la pornografia dilaghi”.

La Cei si è preoccupata quando ha scoperto che un sacco di monasteri hanno acquistato in massa una telecamera ad alta definizione, che poi la bassa definizione di telecamera è “la roba che minchia serve a fare la tv”, mentre l’alta definizione è “macchinario elettronico di ultima generazione atto a memorizzare immagini in movimento e suoni e in grado di riprodurli all’uopo”. In particolare i vertici della Cei (Angelo e il più noto vertice, Angolo) vorrebbero vietare tutto ciò che è digitale, a partire dai cd, a maggior ragione da quando hanno beccato un cardinale che nella custodia del triplo cd “i canti gregoriani reinterpretati da Padre Georg” teneva una copia pirata di “Le avventure di Rocco Siffredi reinterpretate da Padre Georg”. Ratzinger si è molto arrabbiato, dato che non sapeva che Padre Georg avesse diffuso i loro filmini. Dunque secondo la Cei i cattolici osservanti dovranno d’ora in poi fare foto solo con apparecchi a pellicola (no stagnola dunque), ascoltare vinili e cassette, usare solo la macchina da scrivere. In più si ricorda ai cattolici osservanti che osservare è bene ma osservare la vicina che fa la doccia è peccato, che il venerdì non si mangia carne, che il giovedì chiuso, che il mercoledì happy hour fino alle 22, che il processo del lunedì, che domenica in. Avete capito: chi digita diventa cieco. E chi non digita diventa sliovacco.

POLITICHE FEMMINILI

DI VISCONTESSA

tremonti toglie anche i fondi alle ragazze madri per riempire il buco alitalia

Molte le novità contenute nel decreto fiscale del

Ministro Tremonti tra le quali il taglio dell’ici e l’eliminazione dei fondi per i centri antiviolenza: d’ora in avanti le donne potranno essere massacrate tra e io adesso... le quattro mura domestiche con un grosso rispar‘ndò vado? mio sia per i proprietari di casa che per lo Stato. a milano Soddisfazione in tal senso espressa dal Ministro malpensa con Carfagna che dopo la proposta di Alemanno di 50 euvo escluse tasse dedicare una via romana ad Almirante, ha proaevopovtuali, posto a sua volta di dedicare l’intera autostrasignovina da del sole alla gnocca .“Ognuno” ha fatto sapere in una breve nota del suo parrucchiere “ identifica la propria formazione politica dove meglio crede ed è innegabile che tutti gli italiani debbano moltissimo alla gnocca”. Tanto in parlamento si torna a discutere del famoso pacchetto sicurezza che oltre ad un decreto salva badanti dovrebbe prevedere anche un decreto salva prostitute . Tra l’altro, e questa invece è proprio una novità, per venire incontro alle difficoltà di milioni di famiglie italiane che non arrivano a fine mese, il decreto dovrebbe anche prevedere la possibilità per i clienti delle prostitute di rinegoziare le prestazioni matrimoniali con la propria consorte la quale, non accogliendo le richieste del marito, lo autorizzerà di fatto e grazie ad una norma già denominata “norma del cazzo” a spendere con le prostitute i soldi risparmiati sulla rata del mutuo.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Nucleare: L’Italia avrà centrali nucleari di ultima generazione con l’aiuto di altri paesi. La Russia è disposta a fornircene una a prezzi modici, non appena l’avrà smontata. Al vaglio anche l’ipotesi di costruire le nostre centrali in Albania. Favorevole il Ministro dell’economia albanese: questo rilancerà il loro mercato interno delle carrette e dei gommoni. Esperti coma Rubbia sostengono che il futuro non è il nucleare. Ma Scajola è deciso: ha già in mente la ditta privata a cui affidare la gestione degli impianti; il commissario a cui affidare l’emergenza sulla gestione degli impianti; e l’esercito privato a cui affidare la sicurezza dopo il disastro.

Memoria imbrattata: Imbrattata a Roma la targa che ricorda le

riprese del film “Roma Città Aperta”. La Giunta Alemanno ha promesso che farà di tutto per accertare chi è il responsabile, perchè l’ha fatto, ma soprattutto se aveva la licenza per girare il film. In onore della pacificazione, inoltre, verrà posta una targa dove è stato girato “Django sfida Sartana” di Squitieri. Poi la targa verrà imbrattata con la recensione di un critico a caso.

Reato sull’immigrazione clandestina: Una carretta piena di immigrati sta per sbarcare a Lampedusa. Ma il Governo minimizza: ‘Non sbarcano: vengono a costituirsi’. Superospiti: Il Papa leggerà la Bibbia a “Domenica In”. Un bel colpo per il suo curriculum: in Italia “Domenica In” è il primo passo per diventare Ministro.

E’ tempo di pacificazione nazionale: al via il progetto per dedicare una strada ad Almirante. In cambio verrà dedicata un’altra strada a un ebreo qualsiasi.

C ASSATE Se

DI

ALDO VINCENT

digitate Berlusconi Veltroni dialogo su Google vengono fuori 2.320.000 pagine in Italiano! Non riesco a credere che la stampa indipendente abbia calcato la mano in questo modo ma sono riuscito solo a leggere le prime 32 pagine ( per 10 uguale 320 articoli) e poi mi è venuta l’orticaria per tanta melassa. C’è qualcuno tra i miei amici, così esperto da andare a vedere a pagina mille (totale diecimila articoli) se la melassa italiana su questo kazzo di dialogo continua? Sì, insomma, vorrei rendermi conto se tanto entusiasmo è spontaneo o se c’è qualche manina dietro…


già me la vedo la scena tra un annetto... ueilà, mogambo... chiamame el tu padrùn, dàghete una mossa dai...

IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE

wow! they send me thath stupid boy! “the umberto” very very funny... can I touch him?

Paparazzin è il paginone satirico, equosolidale, di Liberazione. Questo è il numero 46 di domenica 8 giugno 2008

Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Edoardo Baraldi, Massimo Caviglia, Lele Corvi, Francesca Fornario, Andrea Frau, Kanjano e Ferro, Lele e Fante, Manlio 3, Makkox, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Marco Scalia, Francesco Schietroma, Marco Vicari, Lucio Villani, Viscontessa, Zurum.

Sconvolto il vertice sull’alimentazione. Esplode l’orgoglio padano (e le vesciche suine)

BORGHEZIO FA PISCIARE I MAIALI ALLA FAO “I morti di fame sono tutti musulmani, quelli cattolici vanno dai preti”. Magdi Allam: “anche gli atei a digiuno!” DOMANDE DA PORCI

       

DI ALVISE “SGRUFOLO” SPANÒ

Mentre si discuteva di aiuti alimentari,

il tempio dell’agricoltura mondiale è stato profanato da un uomo coraggioso, che ha rivelato la minaccia islamica nascosta dietro la retorica della fame nel mondo. Il grande Mario Borghezio ha proclamato il suo manifesto ideologico/alimentare nel palazzo della FAO, lanciando al galoppo decine di suini incontinenti. “Per produrre un chilo di carne ci vogliono 18 chili di verdure e 40mila litri d’acqua - ha tuonato Porchezio in mezzo alle ondate di piscio suino - non vorrete mica che tutte queste robe se le pappino i paesi musulmani? Molto meglio trasformarle in una bella bistecca catto-padana e continuare a mangiare quel cazzo che ci pare. Ai morti di fame cristiani ci penseranno i preti, gli altri meglio stroncarli subito, a pancia piena quegli ingrati poi vengono qui a rompere le palle”. Il gesto di Porchetto, contestato dai soliti perbenisti, ha rivelato una dose di coraggio non comune: provateci voi a far tenere la pipì a 80 maiali per due settimane. Magdi Allam ha polemizzato con Porcello dichiarando che “l’accanimento sui musulmani affamati rischia di farci dimenticare gli atei: anche loro devono stringere la cinghia per avvicinarsi all’unico Dio, e se proprio non basta, un bel paio di schiaffoni sono l’ideale per far passare l’appetito”. Water Velcro ha cercato di calmare gli animi proponendo una soluzione di compromesso, che prevede l’invio di cibo-ombra per le popolazioni più affamate. “Conosco bene l’Africa - ha detto il carismatico leader - e l’ombra è una delle cose che scarseggiano di più”. Secca la protesta di D’Alema, che reclama un posto all’ombra anche per lui, e se la mandano tutta in Africa poi non ce n’è più.

LO STORICO INCONTRO DI VISCONTESSA

Storico incontro in Vaticano tra Benedetto XVI° e Berlusconi il cui arrivo è stato accompagnato da

una stella cometa e una delegazione di re magi. Grande sintonia tra i due rappresentanti di Dio in terra il quale purtroppo, fanno sapere in una nota di Palazzo Chigi, non ha potuto accompagnare il suo prediletto in Vaticano per impegni precedentemente assunti. Stile impeccabile per il nostro presidente del consiglio che in abito scuro e tacchi alti, ha rinunciato solo al tradizionale velo sul capo per non sciuparsi il trapianto di capelli mentre Sua Santità era vestito come sempre con il consueto abito bianco lungo. Un colloquio cordiale e costruttivo quello che tra le due massime cariche dello stato laico anche se il Papa ha manifestato un po’ di preoccupazione per la proposta di Berlusconi di introdurre il reato di clandestinità per gli extra comunitari senza permesso di soggiorno trovati sul territorio italiano.“qualche volta” ha fatto sapere ad un Berlusconi visibilmente commosso ed emozionato “ vorrei che tu mi portassi fuori da queste solite quattrocento mura domestiche.” Rinnovati invece i complimenti del Pontefice per l’operato del governo: “Tuttavia, figliolo” ha aggiunto Papa Ratzinger in tono severo rivolgendosi direttamente al piccolo Silvio “niente aeroplani finchè non avrai recuperato i debiti accumulati da l’Alitalia.” Con la tradizionale partita tra cattolici laici e laici cattolici si è infine concluso l’incontro.

RI-MORSI DELLA FAME DI ANDREA FRAU

Ogni giorno quasi 16 mila bambini muoiono per problemi legati alla mancanza di cibo. La maggior parte

dei bimbi Africani conduce una vita miserabile tormentata dalla fame e solo i più fortunati vengono contattati dai maggiori stilisti italiani alla ricerca di piccoli modelli scheletrici per le loro sfilate. Ogni tanto i telegiornali ritirano fuori queste vecchie statistiche. Ho notato che in tutti i documentari sull’Africa i bambini denutriti sono circondati da mosche. Puntualmente a ora di pranzo o di cena molti italiani corrono il rischio di sentirsi in colpa o peggio di perdere l’appetito. Ieri mentre cenavo in giardino, guardavo il tg e riflettevo su questo dramma. E mi sono reso conto di una cosa altrettanto terribile: il mio zampirone non è abbastanza efficace. Stavo pensando che potrei sostituire quel vecchio aggeggio difettoso con un bambino africano. Spero di poterne adottare qualcuno al più presto, sempre che Angelina Jolie ne abbia lasciato qualcuno. Il bimbo africano starebbe fermo, immobile. Magari appeso a testa in giù. Attirerebbe mosche, zanzare e altri fastidiosissimi insetti e i miei problemi sarebbero risolti. Finalmente potrei cenare fuori in giardino in tutta tranquillità. Senza fastidi. Sono convinto che dopo un pò mi ci abituerei e riuscirei a gustarmi la cena serenamente.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

Nucleare: Vertice Fao: Il Terzo mondo ha seguito il vertice in tv sulle reti occidentali. Molto l’entusiasmo in alcuni passaggi. Specie quando apparivano pubblicità sul cibo. Al vertice si è parlato di problemi del mondo: come evitare la fame nel mondo, come evitare una guerra per il cibo e come evitare un altro vertice Fao.

Biocarburanti: Sotto accusa i biocarburanti che fanno aumentare il prezzo del cibo. Ma Bush ha promesso aiuti alle

popolazioni africane: ogni 3 pieni in regalo una ciotola di riso. Il cibo nel serbatoio delle auto è una cosa assurda. Non a caso molti americani, dopo aver fatto il pieno al Suv, si sentono in colpa: vorrebbero cambiare vita e andare a costruire autostrade in Africa.

Robin Who?!? Tremonti ha promesso la Robin Hood Tax con cui tasserà i petrolieri. Poi ha promesso la Cappuccetto Rosso Tax con cui tasserà i lupi. Poi ha promesso la Hansel e Gretel Tax con cui tasserà le case di marzapane. Poi la Peter Pan tax: colpirà gli italiani che credono ancora alle favole. Tremonti interverrà anche sui rincari di latte, pasta e riso. Tasserà le mucche, Giovanni Rana e il Dr. Scotti.

Parata del 2 Giugno: La Lega ha mandato un suo ambasciatore. E’ quello che nelle foto fa le corna a Napolitano. La Russa: La Russa ha proposto stage nell’esercito per i giovani. Una bella idea: oggi in Afghanistan uno stagista ha catturato un talebano. Il talebano è stato fotocopiato a oltranza, fino a che non ha confessato tutto.

Xenofobi: L’Onu e il Vaticano dicono che siamo diventati razzisti. Ma guardiamo i dati: oggi, per esempio, non è stata lanciata alcuna molotov. I razzisti protestavano contro il caro benzina.

ma che state diciènn’?! ma quale guerra e guerra... quella è gente nostra, gli vogliamo bene! vogliono pentirsi? e noi li aiutiamo: devi sentire come se ne pentono, all’ultimo...


 

per colpa dell’irlanda, il sogno europeo s’allontana

     

IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Angolosbocco, Edoardo Baraldi, Andrea Bersani, Massimo Caviglia, Kanjano e Ferro, Frago e Mazza, Massimo Gariano, Manlio 3, Makkox, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Marco Scalia, Francesco Schietroma, Marco Vicari, Lucio Villani, Aldo Vincent, Zurum.

L’ITALIA VA IN BIANCO In zona cesarini il ddl sulle intercettazioni autorizza le sedute spiritiche, ma solo per anime in regola col permesso di soggiorno. Il Papa: “intercettate anche Bush, quando parla non si capisce un cazzo”

Lavoro

DI ALVISE “SBIANCHETTO” SPANÒ

 

L’Italia è in lutto. L’unica salvezza dalla

depressione era il calcio, ma ora che siamo scesi dal tetto del mondo un piede storto rumeno ci ha salvato dal suicidio di massa abbandonandoci ad una più composta sensazione di sfiga. I rumeni sono dei signori, non amano la vendetta e hanno dato una lezione di clemenza regalando un filo di speranza agli alfieri della nazione che li rinchiude nei cpt, pulendosi il culo col trattato di Schengen. Mentre undici ricconi giocavano a palla anche per noi pezzenti, Fausto Serci ci ha rimesso le penne lavorando nello stadio comunale di Donori. Con un involontario colpo di teatro che ricorda il decollo di Claudio Villa negli spazi celesti durante il festival di Sanremo, Fausto si è fatto beffe in un colpo solo del calcio spettacolo per fighetti, dell’indifferenza che circonda i nomi dei morti bianchi, della nostra ipocrisia e perfino della morte, che ora se lo ritrova qui nero su bianco, consegnato alla storia e all’immortalità sulle pagine di questo giornale. Quando gli alieni verranno ad esplorare questo pianeta ormai distrutto da guerre e stupidità umana, in mezzo alle macerie troveranno anche la pagina che stai leggendo in questo momento, dove la nostra dose di morte quotidiana per un attimo ha acquistato un nome e un volto. Fausto è un grande esempio per tutti: nella vita non conta tanto come muori, ma il tempismo con cui lo fai. Il nostro sogno è quello di vedere un giorno sulla scia di Fausto anche Berlusconi che schiatta durante un duetto con Apicella, Montezemolo che tira le cuoia sul podio di un GP, Bossi che si tuffa eroicamente in una fumante piscina di polenta per l’orgoglio padano e Paparatzi che la notte di natale si getta tra le braccia dei cannibali per evangelizzarli, urlando “prendete e mangiatemi tutti!”

vabè. c’hai avuto la pensata di fare st’europa unita a partire solo da un pezzo di ferro. ma è chiaro che dopo un po’ te dicono tutti dove te la puoi infilare sta moneta...

Paparazzin è il paginone satirico, Rumeno, di Liberazione. Questo è il numero 47 di domenica 15 giugno 2008

In 90 minuti un gol annullato e quattro morti sul lavoro: è tutta colpa dell’arbitro

UNA MORTE DA MEDIANO

cazzo dici? l’irlANDA MANCO CE STAVA Al GiRONE NOSTRO!

capo, ho moglie e due figli piccoli. cerchi di capire... il lavoro in cantiere mi serve, ma potrebbe trasferirmi a fare qualcosa di meno pericoloso? tipo? tipo sminatore di bombe a grappolo in afganistan... o addestratore di murene, chessò...

OPERA SPIA

DI ANGOLOSBOCCO

La nuova legge sulle intercettazioni verrà scrit-

ta dal Ministro Al Fano (il cugino marchigiano di Al Bano), ma prenderà il nome dall’ispiratore, noto centravanti rumeno della Fiorentina. Infatti si chiamerà Legge Adrian. Con la nuova legge tutto cambierà. I bambini beccati a origliare le conversazioni di papà e mamma saranno puniti con la reclusione nello sgabuzzino da tre ore a tre mesi, più un’ammenda da 5 a 200 ovetti kinder. Le vecchiette che ascoltano cosa si dicono i vicini di casa (salvo poi confondersi con la tv e raccontare alle amiche che hanno come nuova vicina Maria De Filippi o Costanzo, che tanto la voce è la stessa) saranno reinviate a giudizio e dovranno poi riuscire a tornare indietro da sole, senza aiuto e senza soldi. Chi a scuola copia il compito dal vicino verrà punito e dovrà seguire un apposito corso di recupero tenuto da Renato Brunetta dal titolo “la decrescita è una cagata, guardate me e lo capite da voi”. Infine la pena più dura per il più atroce dei reati, la colpa di cui un vero eroe non si macchierebbe mai: fare la spia al giudice, spifferando tutto e infamando così gli amici che tanto hanno fatto per te. In quel caso la legge è molto severa: Siberia per l’infame, Antartide per il giudice, Birmania per Fassino, che anche se non lo vogliono se lo devono tenere lo stesso, o almeno facciamo un buon accordo, un anno a voi un anno a noi. Con la Legge Adrian nulla resterà impunito, per il semplice motivo che il fatto proprio non sussiste. Tié.

e poi, scusa se te lo dico, ma sti campionati “Europei”, dove me li vai a organizzà? nell’unica nazione che sta cosa dell’unione europea l’ha mandata a fanculo praticamente da subito!

heidi! chi cazzo è ‘sta gente con ’sto pallone che scorazza sui pascoli, perdio!

sono gli europei nonno

Nebbia tobia, sbrana sti stronzi!

rrowl massì, era per dire. lo sport è un momento di coesione, non l’occasione per rimarcar confini e nazionalismi. guarda che bella la francia, che a cantare la marsigliese 9 su 11 sono africani di nascita

SANTA RITA, ORA PRO NOBIS.

basta con le intercettazioni! è o non è il popolo delle libertà? eccheccazzo devi ammazzarmi quel giudice, ripeto de-vi-am-maz-zar-lo! ahhh... che bello... spè, ti mando anche un sms

  

C ASSATE

DI

dai, confessa, ladro d’un zincaro! dove ti g’ha preso sta maglietta? e soprattutto, perchè nul l’è del nostro verde nazional?

ALDO VINCENT

Una domanda: perchè le vasche con le bolli-

cine dentro, quando ci fa il bagno Berlusconi si chiamano Jacuzzi e quando ci muore una bambina annegata si chiamano vasche da idromassaggio?

arrestato

invece noi italioti, con st’andazzo de st’ultimi tempi, è ‘na fortuna che nessuno abbia fatto notare che il nostro regista andrea pirlo è d’etnia sinti o si sarebbe trovato calderoli negli spogliatoi

ci si ride per non piangere, vabè, e forse riderci solamente è quello che pian piano ci ha portato a mangiar merda con un’alzata di spalle. anzi a mangiarla mentre s’è presi dal magico spettacolo del pallone che qui tutti cattura: dal poveraccio al capo di stato (solo in visita per fortuna) fucking hell! chi #!@zzo bisogna invadere per avere altro pop corn?!

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

metà per uno del petrolio. Intanto l’Italia è disposta a trattare con l’Iran: se Ahmadinejad rinuncia al suo programma nucleare, sarà il nuovo consulente di Scajola.

insomma, economia e cartacce non sembrano essere il collante per l’unificazione dei cuori europei. forse occorreva iniziare da qualcosa di più istintivo e condiviso come il calcio.

Via di Damasco: Voci sulla conversione di Bush al cattolicesimo: impennata

ecusè muà vulevù...

Intercettazioni: Alfano: “Metà del Paese è sotto controllo”. Se n’è accorto

sgè suì fransè... zidane... materazzì michè, passame recordè? la spranga da 12, che n’ho beccato un altro...

Bush: Berlusconi e Bush hanno trovato una soluzione pacifica sull’Iran: faranno

dei futures sullo scontro di civiltà. Alle stelle il prezzo dell’acqua santa al barile.

quando Berlusconi lo ha chiamato per nominarlo Ministro della Giustizia. Per via delle risate dei carabinieri in sottofondo. Intanto è allarme privacy: questo è il paese dove l’amante di un politico non può nascondere il fatto di essere una attrice di fiction. Sotto accusa anche il danno economico delle intercettazioni: Vittorio Emanuele non usa più il telefono in Italia. A rischio l’indotto nel settore degli 899.

Clinica Santa Rita: Mai farsi operare in un ospedale in cui la macchinetta cambia soldi accetta anche organi. La proprietà smentisce l’immagine della clinica come “clinica degli orrori”. Anzi invita tutti a visitarla, montando sull’apposito trenino. Questa settimana grande offerta: se porti il polmone di un tuo amico, il tuo amico entra gratis. Tutto era regolare, secondo i medici. Appena ricoverato potevi scegliere se donare un organo alla clinica o farti asportare direttamente la carta di credito. Intanto tutti i medici indagati sono stati immediatamente espulsi dall’ordine dei commercialisti.

o no?

scusa amico, nun te capisco, de dove sei?


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE

nfine, diciamocelo, è solo il calcio che riesce a suscitare entusiasmo e orgoglio nazionale. e infatti rimandiamo a casa le fransè, che non gli era bastata la mazzata sulle mani per aver tentato di prendersi l’alitalia (che ci rimettiamo 300 milioni secchi dalle tasche nostre, ma sticazzi!)

Paparazzin è il paginone satirico, Extraterrestre, di Liberazione. Questo è il numero 48 di domenica 22 giugno 2008

Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Marco Scalia, Makkox, Edoardo Baraldi, Kanjano e Ferro, Andrea Frau, Frago e Mazza, Manlio 3, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Francesco Schietroma, Marco Vicari, Lucio Villani, Aldo Vincent, Zurum.

Clandestini, mafia, monnezza e terrorismo: con un robot multifunzione si risolve tutto

ACTARUS NUOVO LEADER DEL PD Water spazzato via dai militanti di base che acclamano alla guida dell’opposizione l’extraterrestre più famoso d’Italia. Il Vaticano appoggia la manovra: “un uomo venuto dal cielo non può che far bene alla politica”

GOLDRAKE SALVACI TU

DI ALVISE “RAZZOMISSILE” SPANÒ

Per chi mangia libri di cibernetica non c’è

problema a farsi una bella insalata di monnezza da termovalorizzare negli spazi celesti. A 30 anni dalla loro apparizione in Italia, Actarus e il suo robottone Goldrake si sono buttati in politica, e il loro programma ecoenergetico ha mandato a casa Walter Veltroni con un colpo di alabarda spaziale. L’unica eccezione nel repulisti del PD è Rosy Bindi: con un clamoroso outing ha rivelato di essere Venusia, la compagna di mille battaglie di Actarus. Appesantita dagli anni e dalla militanza in Azione Cattolica ma sempre grintosa, Rosy/Venusia ha annunciato la squadra che affiancherà Actarus nel nuovo comitato centrale intergalattico. Batman pattuglierà le città italiane al posto dei soldati con un notevole risparmio di quattrini. Superman costruirà un comitato scientifico per realizzare centrali elettriche verdi che vanno a Kryptonite. L’uomo di gomma dei Fantastici Quattro si stenderà tra Reggio e Messina stracciando gli appalti mafiosi del ponte più inutile della storia. Mazinga Zeta lavorerà come impalcatura mobile per raccogliere al volo gli operai che cadono. Jeeg Robot verrà inviato nelle zone calde del pianeta per portare la democrazia e riportare a casa tutti i soldatini di piombo. Capitan Harlock presenterà un progetto di tagli alla spesa militare che lascerà in funzione solo la sua astronave per riconvertire ad usi civili tutte le caserme. Heidi sarà incaricata delle politiche ambientali e il dolce Remì studierà il problema degli orfani e dei migranti. Ma il vero asso nella manica del nuovo Partito Democratico sarà Mario Rossi, cittadino italiano con la scuola dell’obbligo, che rivoluzionerà il paese utilizzando tre superpoteri che lo rendono superiore a tutti i parlamentari: intelligenza, dignità e memoria storica.

  

 

REALITY POLITIK

DI ANDREA FRAU

Il ministro Mara Carfagna ha vinto la sua per-

sonale battaglia. Al fondo contro la violenza sulle donne saranno destinati 20 milioni di euro. Ogni donna che subirà violenza avrà diritto ad una borsetta che si intoni al colore dei lividi. Mara Carfagna: “Per sconfiggere la violenza sulle donne occorre fare prevenzione. Dobbiamo agire alla radice del problema. Serve una massiccia campagna di informazione per far capire alle donne che non devono far incazzare i loro mariti e fidanzati”. La maggioranza, per rendere il paese più sicuro, sta lavorando a due idee: permettere la prostituzione, ma solo in casa e raddoppiare le telecamere. Ma questa non è una proposta di legge, è un format Mediaset. Il 90% delle violenze subite dalle donne avvengono per mano di mariti e fidanzati all’ interno delle mura domestiche. Ormai quando le ragazze escono di casa, padri o mariti violenti preoccupati per la loro incolumità, le dicono: “Mi raccomando, non accettare violenze dagli sconosciuti“. L’ unico made in Italy che resiste: la violenza fatta in casa, alla vecchia maniera.

e ora ci tocca la spagna! olè! l’illuminata, progressista spagna. ultimo difensore della sinistra in un’europa che sferra i suoi attacchi sulla fascia destra. ah, se si potesse fare un po’ di calciomercato... ma dai che te sto a dà uno buono. noi l’avemo usato pochissimo e solo in città. guarda che questo me lo metti a madrid e bum: te fa las nochas blancas! mica cazzi no, gracias... tengo el mio zapatero

eddai... te ce metto pure un rutello (sta dritto walte...)

DI

nun sia mas!!!

e quindi, tocca tenerci i nostri. e tocca pure starli a sentire quando ci spiegano perchè Noi abbiamo perso.

Extracomunitari CLANDESTINI

perchè il mondo è una merda e la gente sono cattivi. tutti. pure silviuccio ...(snif)... che se giocavo in spagna vincevo, o almeno andavamo ai supplementari...

LEX AND THE CITY

certo, quando eravamo al governo noi, la gente e il mondo non erano migliori di adesso, ma cazzo, con 45mila sottosegretari, alla buvette c’era una fila della madonna e ti s’incasinava la giornata... hai visto quanto sta aumentando il costo del riso e dei cereali?

C ASSATE

Nebbia

eh? l’insalata di riso dici? tocca pagarla? che stai dicendo?! facciamo una mozione, qualcosa...

ALDO VINCENT

C’è voluta luta un’autocisterna, quattro kamikaze, dieci razzi katiuscia, per liberare un migliaio di detenuti a Kandhar. Primitivi. Noi ne liberiamo molti di più con un tratto di penna su un decreto.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI

MARCO VICARI

G.I.JOE: L’esercito di notte pattuglierà le strade italiane. Ma gli ispettori Aiea bocciano l’intervento: “Non

comunque, torniamo ai problemi seri: la difesa acciaccata della nazionale azzurra. fortuna che ci ha pensato la russa..

Nuovi modelli: è in edicola la vita criminale di Totò Riina in 6 comode lezioni.

e quindi, se qualcuno s’avvicina all’area di rigore armato di un sospetto manufatto sferico in cuoio, tu che fai?

ci sono prove che le puttane abbiano l’atomica”. I militari non potranno usare le armi. In compenso a Roma Alemanno armerà i vigili: potranno usare i Carabinieri come arma contundente. Le guardie padane invece verranno spedite in Afghanistan. Tolti i cavet, andranno nel sud del paese. Panico tra i talebani terroni. Invocato l’arrivo dell’esercito anche davanti alle scuole. Gli esperti ottimisti: “C’è solo una cosa che può arginare il bullismo: il nonnismo”.

Immigrati: Si moltiplicano in Italia le voci per fermare le stragi nelle acque italiane:”Affoghiamoli a casa

loro!”. Continuano le trattative con Gheddafi perché fermi le stragi. Berlusconi in cambio gli ha promesso una nuova infrastruttura che collegherà l’Italia alla Libia: il ponte sui clandestini. Alcuni immigrati trovati attaccati alle gabbie per la pesca dei tonni. Questo ha ispirato la formazione di un nuovo CPT visitabile da tutti: attesa per il nuovo acquario di Lampedusa. Intanto, vista la sorte degli immigrati, parlano i tonni: ‘Anche noi cerchiamo una vita migliore nei supermercati italiani’.

Giustizia: Scoperta una lobby che ritardava i processi. Anche se gli imputati hanno un alibi di ferro: quel giorno non erano in Senato. Secondo un sondaggio 1 avvocato su due è a favore degli ultimi provvedimenti del Governo in tema di giustizia. L’altro ha rifiutato i 600000 dollari.

Immaturità: Dopo la gaffe su Montale e la poesia dedicata a un uomo, dal Ministero si scusano: “Non sapevamo che Montale fosse ricchione”.

sparo


IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, Bambinorom, di Liberazione. Questo è il numero 49 di domenica 29 giugno 2008

Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Marco Scalia, Makkox, Edoardo Baraldi, Gianpiero Caldarella, Kanjano e Ferro, Frago e Mazza, Massimo Gariano, Lele e Fante, Manlio 3, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Marco Vicari, Lucio Villani, Aldo Vincent, Zurum.

Va bene trombarli all’estero, ma se mendicano in Italia la misura è colma!

QUANDO I BAMBINI FANNO ROM

effettivamente little cesar non ha manco tutti i torti: un po’ perseguitato lo è! che sta cosa del codice penale, diciamocelo, ha veramente rotto il cazzo. come delinqui, te indagano sti stronzi! fortuna che ci sono gli amiki, quelli boni... quelli colla faccia come il culo

Beffa per i nemici della famiglia: padri e figli si ritroveranno nei CPT per una sana relazione educativa fatta di coccole e manganello BAMBINO IO, BAMBINO TU DI ALVISE “ERODE” SPANÒ

Da oggi l’uomo nero va in pensione: se i pargoli non dormono basta mandarli in commissariato senza documenti, e poi quando escono dal CPT vedrete come stanno tranquilli. Ci voleva un partito deciso e senza ipocrisie come la Lega per far cadere i tabù su quei rompicazzo dei bambini: all’estero si prostituiscono rubando soldi al turismo italiano, fanno i soldati, lavorano quindici ore al giorno, sono in prima linea nel business dei tappeti e gestiscono baby-gang malavitose, mentre da noi in Italia ci fanno gli occhioni dolci e i sorrisoni con le manine paffutelle, solo per produrre qualche altra tonnellata di merda appena ci giriamo. E’ ora di finirla con le prevaricazioni della gente bambina che ci entra in casa senza nemmeno presentarsi, ci toglie il sonno, ci ruba la privacy e ci manda in bancarotta, mentre i servizi sociali ci stanno sul collo per sbatterci in galera al primo scapaccione, ovviamente manipolati dalla magistratura in metastasi. Roberto Maroni passerà alla storia come l’uomo schietto e sincero che ci ha permesso di dire apertamente ciò che molti si vergognano perfino di pensare: a volte i bambini sono gli esseri più odiosi e maledetti dell’intera creazione. In loro si rispecchiano i nostri capricci, la nostra cattiveria, il nostro egoismo, ma sono più puri e naturali, e per questo ancora più tremendi. Siamo stufi di chi fa due pesi e due misure con la vita umana, e tollera che gli adulti possano schiattare di fame e di guerre, ma guai se queste cose capitano ai bambini. Altro che la xenofobia della Lega: il vero razzismo è quello dell’Unicef, che si occupa dei bimbi, salvo poi mandarli affanculo quando diventano adulti senza che loro abbiano fatto niente per meritarlo. Ma che modi sono mai questi? E allora ben venga la ricetta liberatoria di Maroni: prendiamogli le impronte, sbattiamoli nei CPT e rimandiamoli a calci nell’inferno dal quale hanno provato a fuggire. Gridiamo a squarciagola quanto può essere stronzo un bambino: è il modo migliore per guardarci allo specchio, accettare quanto siamo stronzi anche noi e capire che da bimbi non eravamo di certo migliori. Solo un po’ più spontanei.

   

  

e ormai certe scritte che campeggiano nelle aule di tribunale, più che solenni, appaiono solenni cazzate

V OSCIENZA BBENEDICA

DI

LEILOSACHISONOIO

Ma che fa non ce la dobbiamo dare un’aggiustatina a questa legge sull’im-

AD PERchè?

munità che è passata adesso? Che poi se dobbiamo dire le cose come stanno, tanto nuova mica mi pare, pare arripizzata, una cosa da Carnevale. Com’è che si chiama? “L’ode a schifìu finìu”, parte seconda, che già si vede che così com’è, non ce ne fotte niente a nessuno, pare una poesia di Bondi. Questa immunità -e solo dio lo sa quanto ce ne avessi bisogno pure io, che il medico i globuli rossi non me li trovò- mica la si può fare solo per le più alte cariche dello Stato. E che minchia significa? Ci mettessero pure l’immunità per le più alte cariche della concorrenza. Tanto, che minchia ci vuole? Un piccolo emendamento, che se è d’accordo lo possiamo chiamare “emendamento Bernardo” o “emendamento Sandokan”. Lo vede come scivola bene in bocca? Che sennò i problemi li facciamo diventare seri e scoppiano le guerre di mafia. Ma se non ci piacciono questi nomi, allora si può riscrivere tutto n’atra vota e fare “L’ode a schifìu tris”. Che tre mi pare che è pure il numero perfetto. Baciamo le mani.

a ‘sto punto era meglio farlo chessò: vescovo o poliziotto se non lo si voleva processare mai.

e facciamo lavorare quel cazzo di cervello lì a destra, ragazzi!

ehm, allora signor san pietro, ricapitolando, ci fa: 70.000 lavazza oro, 31.000 lavazza gold, 75.000 lavazza dek, 1.300 lavazza qualità rossa macchiati però! poi... spè che ho perso il filo...

C ASSATE

A

DI

ALDO VINCENT

l prossimo congresso P.S.I. tenteranno di riprendersi il vecchio nome. Sono andati avanti per un poco con un altro nome, ma li riconoscevano lo stesso per le impronte digitali.

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI MARCO VICARI

bahrein e cina 220.000 morti che ci passano in sovraimpressione così, come fossero fagioli...

Intercettazioni: In Italia ci sono P.M. che non vogliono far lavorare Berlusconi. Irresponsabili: Come se fosse un

momento facile per la fiction italiana! In arrivo il lodo Schifani: Berlusconi potrà essere processato. Ma non prima che finisca “Vivere”. Colloquio telefonico Bush-Berlusconi: tolti i caveat in Afghanistan, le amiche di Berlusconi verranno stanziate a “Beautiful”.

Caldo: Fa così caldo che gli esperti sconsigliano al Governo di violare la costituzione tra le 2 e le 4 del pomeriggio. Fa così caldo che Maroni ha annunciato di voler prende le impronte dei pinguini irregolari. Fa così caldo che Berlusconi ha chiesto al Papa l’ostia gelato per i divorziati. Fa così caldo che Berlusconi ha definito i P.M. l’ascella pezzata della democrazia. Fa così caldo che le rivolte di Napoli saranno sedate con manganelli a forma di calippo. Fa così caldo che Mara Carfagna ha concesso il patrocinio a Miss maglietta bagnata. Fa così caldo che La Russa è d’accordo con Publitalia per inserire spot nei miraggi dei soldati in Afghanistan.

Edoardo Baraldi

Inflazione: Emergenza pane: il pane è così caro che in Iran stanno arricchendo panzanella. E’ così caro che, in Piazza S. Marco a Venezia, non solo è vietato lanciare briciole ma anche accettare assegni dai piccioni.

Decreto Fiscale: Nel decreto fiscale tagli al Ministero dell’Istruzione. Abolite le tracce ministeriali. Gli studenti alla maturità porteranno uno sfondone a piacere.

Welfare: Il Ministro Sacconi ha promesso che non manderà più affanculo nessun operaio. E’ in sciopero fino a che non gli chiederanno scusa.

impunità per i reati sotto i dieci anni... in pratica come dichiarARE il fottuto carnevale di rio permanente uno stupro?! madò, n’antro? ma chi semo? chi?... pure er pantera? uff... io so‘ un po’ stanco romolè, ‘sto giro passo...

e intanto le forze dell’ordine sono tutte impegnate a prender le impronte agli zingarelli...


   



  

& Spanò

IL PAGINONE SATIRICO NON NEGOZIABILE NÈ RICATTABILE Paparazzin è il paginone satirico, Nontesserato-autoreferenziale, di Liberazione. Questo è il numero 50 di domenica 6 luglio 2008 Per suggerimenti, insulti, delazioni: paparazzin@liberazione.it - paparazzin@gmail.com o vai su paparazzin.splinder.com - segr. tel. 06916504836 (non richiamiamo eh) In delirio per voi questa settimana: Mauro Biani, Alvise Spanò, Marco Scalia, Makkox, Edoardo Baraldi, Kanjano e Ferro, Frago e Mazza, Francesca Gulmanelli , Lele e Fante, Manlio 3, Fabio Pecorari, Marco Pinna, Antonio Rivolta, Marco Vicari, Lucio Villani, Viscontessa, Zurum.

Clamorose anticipazioni dal congresso più atteso dell’estate. Ridere fa male al partito.

che l’ISTAT tutta preoccupata ci dice che l’italiano praticamente non spende più ‘na lira nemmeno per mangiare. tranne le spese per la cura della prsona e la cosmesi, quelle sono aumentate ecchè vuol dire? quello è per lavoro. metti che cercano un tronista... cheffai, ci vai colle doppie punte?

IL PRC HA DECISO: LA SATIRA HA SCASSATO LA MINCHIA Vendola e Fer rero finalmente uniti: “combatteremo i pagliacci inutili come Mauro Biani, Alvise Spanò e Water Velcro”. Petizione per bandire vignette e fotografie da “Liberazione”, Bocelli primo firmatario. L’addio di Paparazzin, rimpiazzato dal “Capitale”. A puntate. In Tedesco. NON C’È NIENTE DA RIDERE DI ALVISE “HARAKIRI” SPANÒ

TESSERA ROSSA

Diciamolo serenamente: la satira è il cancro

della sinistra. Leggendo i documenti preparatori del congresso PRC questa verità ci ha schiaffeggiato come una illuminazione zen, gettandoci nel più cupo revisionismo. A cosa sono serviti cinquanta numeri di libere pernacchie contro i potenti, prodotte dai rappresentanti più sanguigni del precariato artistico? Berlusconi ha stravinto, l’opposizione è guidata da un Water, a Roma i tatuaggi del Che prendono a pugni il proletariato e le bandiere rossoverdiarcobaleno sono state centrifugate con la candeggina e sbattute fuori dal Parlamento. Tutto questo per il vizio maledetto di riderci sopra, sempre e comunque. Berlinguer rideva pochissimo e il PCI è arrivato al 34%: un partito serissimo, musone e spaccacazzi, incapace per costituzione di ridere su se stesso e i mali del mondo era il riferimento ideologico ideale per le masse popolari che nella vita avevano avuto più calcinculo che sorrisi. Allora era la satira a essere extraparlamentare e clandestina, ma poi tra una salamella e l’altra i giullari di corte hanno trovato il modo di infiltrarsi nel partito più noioso d’Europa, ed è stato l’inizio della fine. Fino a ieri non capivamo come mai in 50 numeri di onorato servizio, dopo aver preso per il culo la Confindustria, la Mafia, il Papa, Fini, Bush e perfino l’animaccia zozza di Gianni Agnelli, gli unici a incazzarsi sono stati quelli del Partito Marxista-Leninista Italiano. Gli altri, tutti zitti: nemmeno una letterina di diffida, una quereluccia, uno sputtanamento in televisione. La dirigenza del PRC ci ha aperto gli occhi: la satira ha scassato la minchia, il paese ha bisogno di soffrire per risorgere come l’araba fenice. Per questa ragione da oggi percorreremo nuovi sentieri. L’unico modo che abbiamo per servire la causa del proletariato è praticare un ascetico silenzio, lasciando che alla domenica “la ggente” ascolti i pulpiti della chiesa dei ricchi, le cazzate che ruotano attorno alla mafia del calcio e i telegiornali di regime. La nostra allegra foglia di fico non nasconderà più le vergogne putride di questo paese. E poi sono anche finiti i soldi.

 

il fatto è che noi siamo un popolo di esteti edonisti. prima il piacersi, poi l’altri cazzi... anche lottare per i nostri diritti è secondario rispetto ad altre questioni tonino, mandocazzo vai co’ sto caldo?! facciamo ‘na cosa più bellina: dei bei gazebi freschi freschi per la raccolta firme, e intanto noi ci si ragiona con calma, al mare... tonì, cazzo, io ho già pagato ombrellone e lettino in prima fila, quelli mica me ridanno i soldi... Tonino!

 

C RONACHE DA P APEROPOLI

DI

VISCONTESSA

In edicola a partire da lunedì prossimo il nuovo settimanale di approfondimen-

to politico diretto da Paperoga che promette inchieste a tutto campo sui più scottanti temi di attualità. “Non ci fermeremo alla apparenze” promette il nuovo direttore in occasione della conferenza stampa di presentazione “già nel primo numero pubblicheremo la versione integrale delle intercettazioni telefoniche tra Berlusconi e il suo callista” e aggiunge “ma non solo” .Alitalia: che fine ha fatto la cordata di imprenditori promessa da Berlusconi? Clarabella ci racconta della bufera scoppiata tra gli imprenditori coinvolti che non riescono a trovare un accordo sul colore della corda. Impronte digitali per i piccoli rom. Mara Carfagna rilancia “e adesso pensiamo ad un archivio fotografico che documenti le dimensioni dei peni degli extracomunitari affinchè alle donne violentate vengano concesse le pari opportunità di stupro”. Lodo Schifano. Elisabetta Gregoracci in una lunga intervista curata da Super Pippo ci spiega nei dettagli di cosa si tratta. Bikini o costume intero? intero Il Ministro dell’Istruzione Gelmini dopo aver proposto il ritorno del grembiule a scuola, adesso ci aiuta a scegliere il costume più adatto a noi. E infine Napoli emergenza rifiuti. Le Giovani Marmotte ci condurranno in un lungo viaggio tra i cumuli di sporcizia più suggestivi della città.

inoltre, diciamoci la verità, la maggioranza di sto popolo, non è che percepisca un gran senso di tragedia nel vedere come il governo stia massacrando il codice penale. a noi i casini ci devono arrivare dentro casa per preoccuparci davvero mi dispiace caro signore: il premier deve darci un paio di colpetti a sua moglie. è lo ius premier noctis contenuto nel pacchetto sicurezza. almeno posso guardare?

DOMANI È UN ALTRO GIORNO DI MARCO VICARI

ennò! è violazione della privacy

Governo: Impegno del Governo sul tema degli anziani e delle quote rosa: Berlusconi, da ora in poi, segnalerà a Saccà solo tardone.

Napoli: Berlusconi: “Via la spazzatura entro Luglio”. Bertolaso annuncia l’arrivo di 300 psicologi: cureran-

no la popolazione dallo stress da bugie. Arrivano i militari ad Acerra. L’Impregilo annuncia la costruzione di nuovi termovalorizzatori di ultima generazione. La spazzatura verrà fucilata ma prima avrà diritto a una telefonata ai parenti.

Caro Pasta: La pasta è così cara che ci si chiede quale ministro israeliano abbia minacciato di bombardare

la Barilla. E’così cara che durante le feste, a Roma, gli imbucati se ne vanno masticando argenteria e con le tasche piene di spaghetti. E’ così cara che il nuovo libro di Suor Germana si intitolerà: “La pasta: come condirla, come cuocerla, come rubarla”. E’ così cara che adesso all’acquario di Genova si può visitare la vasca delle trenette. E così cara che nei bagni del Parlamento molti si fanno strisce di semolino.

Auto: Per riconquistare il mercato cinese, nel prossimo spot Fiat Richard Gere investirà il Dalai Lama. Polizia: Fondi tagliati alla polizia: 6000 agenti in meno. Istituita la figura dello scomparso di quartiere.

Manca la benzina per le volanti: il 113 verrà sostituito da un 899 a pagamento. L’operatore dirà sempre che una volante sta per arrivare; bisogna avere fiducia; perchè sui suoi tarocchi è uscito ‘l’agente maratoneta’.

CPT: Il Ministro Ronchi ha visitato questa settimana il CPT di Lampedusa. Prima la visita alle celle, poi l’incontro con gli immigrati, poi la ferma accusa viste le condizioni del luogo: ‘Fatemi uscire! Sono il Ministro!’

Afghanistan: La Russa manderà più mezzi in Afghanistan: 3 aerei, 20 carrarmati, 30 alpini, 100 psicologi.. oh, no scusate: quella è Napoli. Pregiudizi: Oggi su Libero: “Bambini rom sempre più poveri: beccati 3 neonati Rom che si rubavano tra di loro”.

e intanto il nostro amministratore unico va a farsi un giro a tokio... magari gli piace e resta lì, chenne sai? tocca sperà! ehi! ma io qui sono alto! cazzo!


Paparazzin raccolta 1-50