Issuu on Google+

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

ATLETICA NOTO Vico Cernaia, 25 – 96017 – NOTO

Verbale di Assemblea Straordinaria dei soci dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Atletica Noto Oggi Lunedì, giorno diciannove del mese di Gennaio dell’anno Duemilaquattro (19/01/2004), presso la sede dell’Associazione, sita in Noto in Vico Cernaia, 25, si è tenuta l’Assemblea Straordinaria dei Soci della A.S.D. Atletica Noto, P.I. 92007130898, per deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO Esposizione, dibattito e approvazione modifiche allo Statuto sociale dell’Associazione a norma dell’Art. 90, comma 18 della Legge n° 289 del 27/12/2002, ( Legge Finanziaria 2003). L’Assemblea, convocata per le ore 19,00, vista l’esiguità dei convenuti è stata rinviata in seconda convocazione. Alle ore 20,00 il Presidente signor Corrado Gurrieri, constatata la presenza dei seguenti soci, Gurrieri Corrado (presidente), Meli Girolamo (vicepresidente), Salustro Salvatore (segretario Verbalizzante), Cucchiara Nicolò, Tafaro Salvatore, Macca Michele, Rizza Salvatore, (consiglieri), ed i soci ordinari Barbera Antonino, Beninato Gianluca, Cannarella Giuseppe, Finocchiaro Vincenzo, Puzzo Raffaele, Romano Paolo, Ucciardo Giuseppe e Vella Roberto, dichiara validamente costituita l’Assemblea in seconda convocazione e, pertanto, atta a deliberare su quanto indicato nell’ordine del giorno. Il Presidente, in merito all’ordine del giorno, illustra ai convenuti quanto segue: - premesso che l’Art. 90 – comma 18 della Legge n° 289 del 27/12/2002, individua una serie di regolamentazioni da introdurre nel contenuto dello statuto e nell’atto costitutivo delle associazioni sportive dilettantistiche, con particolare riferimento a: a) b) c) d) e) f) g)

assenza fini di lucro; rispetto del principio di democrazia interna; organizzazione di attività sportive dilettantistiche; disciplina del divieto per gli amministratori di ricoprire cariche sociali in altre associazioni similari; gratuità degli incarichi degli amministratori; devoluzione a fini sportivi del patrimonio in caso di scioglimento dell’associazione; obbligo di conformarsi alle norme del CONI nonché agli statuti delle Federazioni o enti di promozione sportive a cui la società è affiliata; h) modalità di approvazione dello statuto e di riconoscimento ai fini sportivi e di affiliazione ad una o più Federazioni riconosciute dal CONI; i) provvedimenti da adottare in caso di irregolare funzionamento o di gravi irregolarità di gestione o di gravi infrazioni all’ordinamento sportivo. -

-

considerato pertanto che nell’attuale Statuto dell’Associazione, registrato a Noto il 21/02/1994, al n° 3251 di Fascicolo e n° 18788 di Repertorio insieme all’Atto Costitutivo redatto dal Notaio Dottor Giovanni Battista, alcune regolamentazioni sopra citate mancano del tutto, mentre altre non sono ben specificate, i convenuti preso atto di quanto illustrato dal Presidente, deliberano all’unanimità di aggiungere le regolamentazioni necessarie per la validità dello stesso. considerato la complessità delle operazioni di aggiunta e di variazioni delle regolamentazioni stesse, l’assemblea delibera di adottare il seguente statuto redatto ex.-novo dal Presidente stesso, che viene letto, discusso e approvato all’unanimità.

Il Presidente Sig. Corrado Gurrieri

Il Segretario Sig. Salustro Salvatore 1


ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

ATLETICA NOTO STATUTO Art. 1 – Denominazione E’ costituita l’Associazione Sportiva Dilettantistica ATLETICA NOTO.

Art. 2 – Sede L’Associazione ha sede in NOTO, attualmente in vico Cernaia, 25.

Art. 3 – Scopo L’Associazione è apolitica e non ha scopo di lucro. Essa ha per finalità lo sviluppo e la diffusione dell’atletica leggera mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica e ricreativa o di ogni altro tipo di attività motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica dell’atletica leggera. L’Associazione potrà tra l’altro, svolgere l’attività di gestione, conduzione, manutenzione ordinaria di impianti ed attrezzature sportive abilitate alla pratica di detto sport, nonché lo svolgimento di attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento e il perfezionamento nello svolgimento della pratica sportiva dell’atletica leggera. L’Associazione accetta di conformarsi alle norme ed alle direttive del CONI e a tutte le disposizioni statutarie della F.I.D.A.L. e s’impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti della stessa dovessero adottare a suo carico. L’Associazione ha facoltà di aderire ad Enti e Federazioni sportive e culturali che perseguono gli scopi e gli obiettivi previsti dal presente atto. Durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto, utili, avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione e la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 4 – Durata La durata dell’Associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea Straordinaria dei Soci.

Art. 5 – Soci L’Associazione ha soltanto soci ordinari. Sono soci ordinari quelli che hanno fondato l’associazione e tutti quelli che saranno ammessi a seguito di domanda di ammissione, condizionata questa dal versamento della quota di ammissione a socio fissata annualmente dal Consiglio Direttivo. Il numero dei soci è illimitato, possono entrare a far parte dell’associazione tutti i cittadini Italiani e non Italiani, che possano contribuire con la loro attività al raggiungimento degli scopi sociali. Tutti i soci hanno diritto di partecipare alle istanze direttive dell’associazione sportiva, ma per godere dell’elettorato attivo e passivo debbono aver compiuto il diciottesimo anno di età. La partecipazione all’associazione da parte dei soci non è soggetta ad alcuna limitazione di tipo temporale. Le quote di ammissione a socio, i contributi annuali e quelli straordinari devono essere pagati a semplice richiesta del Consiglio Direttivo. Il vincolo associativo ha durata annuale. La domanda di ammissione dei candidati di età inferiore agli anni diciotto, deve essere sottoscritta da chi esercita la patria podestà, che in tal modo esonera l’associazione da qualsiasi responsabilità relativa alla partecipazione del minore alla società ed ai rischi inerenti alla pratica degli sport.

2


Art. 6 – Tesseramento Le somme versate per la tessera e/o per le quote sociali non sono rimborsabili in nessun caso. La quota, o il contributo associativo, non può essere trasferita né per atto tra vivi, né a causa morte. Il decesso del tesserato non conferisce agli eredi alcun diritto nell’ambito associativo. La quota in ogni modo non è rivalutabile.

Art. 7 - Decadenza dei soci I soci cessano automaticamente di appartenere all’associazione in caso di mancato rinnovo della adesione o per morosità protrattasi per oltre trenta giorni dalla scadenza del versamento della quota associativa annuale. Inoltre la cessazione potrà avvenire per dimissioni nonché per radiazione (deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio Direttivo ) pronunciata contro il socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori l’associazione, o che, con la sua condotta, costituisce ostacolo al buon andamento dell’associazione. Il provvedimento di radiazione dovrà essere ratificato dall’Assemblea ordinaria, alla quale deve essere convocato il socio interessato per procedere ad una disamina degli addebiti. Il socio radiato non può essere più riammesso.

Art. 8 – Patrimonio Il fondo dell’associazione è costituito dalle quote associative determinate annualmente dal Consiglio Direttivo e dai contributi di enti ed associazioni pubbliche e private e dai proventi derivanti dalle attività organizzate dall’Associazione. Esso viene utilizzato per contribuire allo sviluppo delle varie iniziative sociali, per l’eventuale retribuzione degli istruttori, del medico sociale e per le comuni spese di amministrazione e di propaganda. Il fondo viene depositato presso un istituto di credito, sul quale i poteri di firma sono attribuiti al Presidente ed ai suoi delegati. Detta delega è revocabile

Art. 9 - Esercizio sociale L’esercizio sociale va dal primo Gennaio al trentuno Dicembre di ogni anno. Alla fine di ogni esercizio sociale, il Consiglio Direttivo baderà a redigere con chiarezza e trasparenza il rendiconto economico-finanziario dell’associazione, da sottoporre all’assemblea dei soci, entro tre mesi dalla chiusura dell’anno associativo.

Art. 10 - Organi sociali Gli organi sociali sono: a) L’Assemblea Generale dei soci. b) Il Consiglio Direttivo. c) Il Presidente.

Art. 11 - Assemblea dei soci Alle assemblee sia ordinarie che straordinarie prendono parte tutti i soci dell’associazione, purchè in regola con il pagamento della quota sociale annuale. Ogni socio può rappresentare in Assemblea, per mezzo di delega scritta, non più di un associato. L’assemblea dei soci, che ha la sovranità, è il massimo organo dell’associazione, essa elegge il Consiglio Direttivo e il Presidente. La convocazione dell’assemblea ordinaria spetta al Presidente almeno una volta l’anno. L’assemblea straordinaria ha luogo ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno, ovvero su richiesta motivata della metà più uno dei soci che potranno proporre l’ordine del giorno. L’assemblea sia ordinaria che straordinaria è presieduta dal Presidente, le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro verbale, firmate dal Presidente e dal Segretario, nonché, qualora se ne ravvisasse l’opportunità da tutti i presenti. Spetta all’assemblea dei soci definire le linee generali dell’attività dell’associazione che il Consiglio Direttivo renderà operanti. 3


Tanto le assemblee ordinarie che quelle straordinarie saranno valide in prima convocazione con la presenza della maggioranza semplice ( metà più uno ) dei soci. Trascorsa un’ora dalla prima convocazione, l’assemblea è validamente costituita in seconda convocazione, qualunque sia il numero dei soci presenti.

Art. 12 - Consiglio Direttivo Il Consiglio Direttivo è composto da sette membri, si riunisce di norma due volte l’anno e comunque ogni qualvolta ne fanno richiesta metà più uno dei membri. Esso è formato da: il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario con funzioni di tesoriere, e da quattro consiglieri. Tutti gli incarichi sociali si intendono a titolo gratuito e onorifico. In relazione a specifici incarichi conferiti a taluni membri del Consiglio, dal Consiglio medesimo, potranno essere rimborsate le vive spese sostenute per la trasferta concernente l’espletamento della mansione, volontariamente e gratuitamente assolta. Il Consiglio Direttivo rimane in carica tre anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Non possono ricoprire cariche sociali coloro che ricoprono cariche sociali in altre società ed associazioni sportive dilettantistiche nell’ambito della medesima disciplina sportiva. Per la validità delle deliberazioni è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza semplice. In caso di parità prevarrà il voto del Presidente. Nel caso in cui nel corso dell’esercizio venissero a mancare uno o più consiglieri, i rimanenti convocheranno l’Assemblea dei soci per surrogare i mancanti che resteranno in carica fino alla scadenza del mandato del Consiglio medesimo. Il Consiglio Direttivo dovrà ritenersi sciolto e non più in carica in caso di dimissioni del Presidente o della maggioranza dei suoi componenti.

Art. 13 - Compiti del Consiglio Direttivo Sono compiti del Consiglio Direttivo: a) Decidere le affiliazioni alle Federazioni sportive, enti di propaganda sportiva ed associazioni culturali; b) Promuovere l’allestimento di attività agonistiche e ricreative; c) Stabilire l’importo delle quote associative annuali e fissarne i termini di pagamento; d) Redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo da sottoporre all’assemblea dei soci; e) Adottare tutti i provvedimenti disciplinari verso i soci che si dovessero rendere necessari; f) Curare l’ordinaria ed eventualmente la straordinaria amministrazione; g) Provvedere al tesseramento dei soci alla F.I.D.A.L ed agli enti di promozione sportiva entro i termini previsti; h) Attuare le finalità del presente Statuto e l’attuazione delle decisioni dell’assemblea dei soci.

Art. 14 - Il Presidente Il Presidente, per delega del Consiglio Direttivo, dirige l’Associazione e la rappresenta legalmente.

Art. 15 - Il Vicepresidente Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo ed in quelle mansioni nelle quali venga espressamente delegato.

Art. 16 - Il Segretario Il Segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, redige i verbali delle riunioni, attende alla corrispondenza e come tesoriere cura l’amministrazione dell’associazione, si incarica delle riscossioni delle entrate e della tenuta dei libri sociali contabili e provvede alla conservazione delle proprietà dell’associazione ed al pagamento delle spese su mandato del Consiglio Direttivo.

4


Art. 17 - Clausola Compromissoria Tutte le controversie insorgenti tra l’Associazione ed i soci e tra i soci medesimi saranno demandate all’esclusiva competenza di un Collegio Arbitrale costituito secondo le regole previste dalla Federazione sportiva di appartenenza.

Art. 18 - Scioglimento dell’associazione L’Associazione potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea Straordinaria degli associati, convocata su richiesta di almeno 4/5 dei soci con diritto di voto, e con l’approvazione di almeno 4/5 dei soci esprimenti il solo voto personale, con esclusione delle deleghe. L’assemblea che delibera lo scioglimento provvede alla nomina di uno o più liquidatori, conferendo loro i relativi poteri. In caso di scioglimento per qualsiasi causa, il patrimonio dell’associazione dovrà essere devoluto ad altra associazione con finalità analoga o a fine di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art.3 comma 190, della legge 23 Dicembre 1996 n° 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 19 - Modifiche allo Statuto Possono essere apportate modifiche allo Statuto, mantenendo le finalità dell’Associazione su proposta dei 2/3 del Consiglio Direttivo e con l’approvazione dei soci in apposita Assemblea Straordinaria. Tali modifiche saranno immediatamente operanti.

Art. 20 - Clausola finale Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si applicano le disposizioni dello Statuto e dei Regolamenti della F.I.D.A.L a cui l’associazione è affiliata ed in difetto di esso alle norme del codice civile in materia di associazioni sportive. I soci adottano il presente Statuto con le modifiche apportate e lo sottoscrivono. NOTO lì 19/01/2004 Il Presidente sig. Gurrieri Corrado

Il Segretario sig. Salustro Salvatore

I soci

Sig. Cucchiara Nicolò

Sig.

Meli Girolamo

Sig. Tafaro Salvatore

Sig.

Macca Michele

Sig.

Rizza Salvatore

Sig.

Cannarella Giuseppe

Sig.

Barbera Antonino

Sig.

Finocchiaro Vincenzo

Sig.

Romano Paolo

Sig.

Beninato Gianluca

Sig.

Ucciardo Giuseppe

Sig.

Vella Roberto

Sig.

Puzzo Raffaele 5


Statuto A.S.D. Atletica Noto (2003)