Issuu on Google+

i l

c o m u n e

Aut. C1/746/2012

giano dell’Umbria news i n f o r m a

città notizie n ° 1 / 2013 - giano dell ’ umbria - registrazione tribunale di perugia 38/2008 - editore : kroma editrice srl - via mario angeloni 115 - 06124 perugia d i r e t t o r e r e s p o n s a b i l e pa o l o t o s t i - s t a m pa a c u r a d e l l a k r o m a e d i t r i c e s r l - s p e d i z i o n e p o s t e i t a l i a n e s pa - p e r u g i a - p o s t a z o n e c o n t a c t

Le battaglie giuste Vendita immobili comunali. Pubblicato il nuovo bando dei Comuni con la riduzione del 15% Sblocco degli investimenti, revisione dell’Imu e rinvio della Disponibili fabbricati, terreni agricoli di varie Tares, per evitare l’ingorgo fiscale tipologie e aree edificabili. La presentazione di Paolo Morbidoni * delle domande fissata per il 10 giugno

Segue a pag 8

È

stato pubblicato nei giorni scorsi il bando per la vendita di immobili, aree edificabili e terreni agricoli di proprietà comunale predisposto sulla base del piano di valorizzazioni approvato dal Consiglio dell’Ente. Si tratta di 2 fabbricati a Bastardo e Macciano (le ex scuole), vari lotti edificabili, tra cui la nuova zona C di Colle del Gallo e di Via caduti della Miniera a Bastardo e i lotti edificabili a Giano capoluogo in loc. “La Colonia” e “Caldarello”, per un totale di oltre 40 mila mq di superficie e di 17 lotti di terreni agricoli ubicati in varie zone del territorio comunale, S. Cristoforo, Castagnola, Montecchio, Morcicchia, Camporeggiano, Fabbri, Torrinetto, Giano, Tamagnino e Petrognoni. Facendo seguito a tre procedure già esperite, il Comune ha deciso di adottare la formula con riduzione del 15% del prezzo di base d’asta, come previsto dal regolamento per l’alienazione degli immobili. Questo per favorire, soprattutto per le aree edificabili, l’avvio di comparti molto importanti per lo sviluppo del territorio ma anche per sostenere importanti investimenti che l’Amministrazione ha intenzione di portare a compimento. La gara si svolgerà con il metodo delle offerte segrete da confrontarsi con il prezzo a base d’asta. Le offerte dovranno pervenire all’ufficio protocollo del Comune entro le ore 12.30 del 10 giugno 2013. Il 14 giugno alle ore 10 nella Sala Consiliare verrà effettuata l’apertura delle buste. Il Bando è pubblicato all’Albo pretorio comunale e su quello dei Comuni limitrofi, pubblicizzato mediante manifesti e inserito nel sito internet del Comune www.giano.umbria.it. Tutta la documentazione di gara è comunque disponibile presso il Comune di Giano dell’Umbria e chiunque ne abbia interesse potrà prenderne visione presso gli uffici del Settore Urbanistica – Servizio Patrimonio – previo contatto telefonico ai numeri 0742.931943 – 0742.931924 o previa richiesta via mail all’indirizzo urbanistica@ giano.umbria.it.

c l i c c a s u : w w w. g i a n o . u m b r i a . i t

Foto: Ernesto de Matteis

Il decreto che ha sbloccato i pagamenti della PA e allenta per alcuni aspetti il patto di stabilità sugli investimenti è una (piccola, ma significativa) vittoria del mondo delle imprese e dei Comuni italiani, uniti da mesi in una battaglia di vera sopravvivenza. Un fronte solo apparentemente inconsueto, considerando che spesso si tratta di creditori e danti causa, ma comprensibile vista la rilevanza della posta in gioco. Per la prima volta, dopo anni di proposte e speranze disattese, il Governo ha deciso di accogliere alcune istanze del mondo degli Enti Locali, che - bene inteso è l’unico che in questi anni ha fatto il suo dovere sul fronte del contenimento della spesa pubblica. I numeri presentati dall’Anci sono a tale proposito molto indicativi: nel quinquennio 2007/2011 mentre il saldo di bilancio dell’intero settore della pubblica amministrazione è peggiorato di quasi 37 miliardi di euro, quello dei Comuni ha visto un miglioramento di oltre 850 milioni di euro. Questo processo di razionalizzazione non è stato indolore. Il risultato è il blocco pressoché totale degli investimenti, la drastica riduzione delle manutenzioni (basta guardare lo stato delle viabilità o, con poche eccezioni, le gestioni di alcuni servizi ridotte all’essenziale), A ciò va aggiunto l’aumento della pressione fiscale locale a fronte di tagli esponenziali dai trasferimenti erariali e un proliferare di disposizioni burocratiche opprimenti, vestite spesso della cartina di tornasole della “trasparenza” o del “controllo contabile”. Ecco che allora allentare le maglie di un rigore “tecnico”, ridare fiato ad un pezzo importante di economia che ruota intorno alle opere pubbliche e ai servizi alla persona, restituire un minimo di autonomia decisionale ai comuni, diventa un obiettivo strategico da perseguire dopo anni di incertezze e di tagli lineari che hanno colpito gli enti virtuosi più di quelli prodighi. L’auspicio è che il nuovo Governo affronti senza requie queste questioni, non tanto per l’inciden-


Giano dell’Umbria news Ampliamento dei cimiteri di Giano e Bastardo In fase di pubblicazione i bandi L’ampliamento dei cimiteri di Giano capoluogo e della frazio-

ne di Bastardo entra nella fase operativa. Dopo aver approva-

to i progetti di ampliamento di entrambi i cimiteri e, in attesa

Cimitero di Bastardo

Cimitero di Giano capoluogo

della definizione della variante urbanistica necessaria per l’approvazione del progetto esecutivo di Giano capoluogo, l’Amministrazione ha predisposto i due bandi per la concessione delle aree cimiteriali e dei loculi ai cittadini. Nel caso del cimitero di Bastardo si tratta di 20 aree cimiteriali, 120 loculi, 40 ossari e cappelline, mentre per il cimitero di Giano dell’Umbria il progetto prevede la realizzazione di 60 nuovi loculi. Tra i criteri di priorità adottati dall’Amministrazione per l’assegnazione sono previsti la residenza o nascita nel comune di Giano, la richiesta da parte di familiari di defunti in attesa di sistemazione definitiva, l’età del richiedente privilegiando la maggiore età e l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza. Potranno essere concessi in capo a ciascun richiedente non più di un’area cimiteriale, non più di due loculi, non più di una cappellina e non più di due ossari, salvo comprovate esigenze. I bandi e i moduli per la richiesta saranno presto disponibili presso gli sportelli del comune e saranno scaricabili direttamente dal sito internet del comune www. giano.umbria.it.

Prg: via libera del consiglio comunale al documento programmatico

Procede secondo i programmi l’iter di approvazione della variante strutturale al Prg del Comune di Giano dell’Umbria Un passaggio fondamentale è stato l’approvazione, lo scorso 5 febbraio 2013, da parte del Consiglio Comunale del Documento Programmatico, un atto molto articolato che contiene un quadro conoscitivo del territorio, lo stato di attuazione delle previsioni del Piano vigente, la stima delle future capacità edificatorie (dimensionamento) e l’individuazione, da parte dell’amministrazione degli indirizzi per la redazione della variante. Molto interessanti i dati di attuazione del Prg vigente che danno un quadro indicativo del processo di sviluppo che si è avuto in questi ultimi dieci anni nel territorio: come ad esempio il dato dello stato di attuazione complessiva del Prg in termini di consumo di suolo che è stato pari al 66,4%. Dal 2005 ad oggi i volumi esistenti nelle zone A, B e C sono aumentati di circa il 21%, con un incremento in termini assoluti molto rilevante, pari a 243.243 mc. Ovviamente questi dati saranno determinanti per definire il dimensionamento possibile,

2

ovvero la quantità complessiva di volumi che potranno essere incrementati (circa il 7%, a cui ovviamente andranno aggiunti i volumi recuperati per riduzione o delocalizzazione di aree esistenti). Mentre per quanto riguarda le scelte strategiche di pianificazione si segnalano le principali: la ridefinizione di alcune zone di riqualificazione urbana non attuate, la razionalizzazione degli ambiti produttivi, anche attraverso forme di co-pianificazione con enti limitrofi, la definizione delle infrastrutture strategiche, la realizzazione di una vera e propria relazione sullo stato dell’agricoltura, con il censimento degli uliveti, delle aziende agricole, degli ambiti delle produzioni certificate, etc, l’integrazione con piani di settore vigenti. Il Documento è stato presentato alla cittadinanza in una assemblea pubblica che si è tenuta lo scorso 18 aprile presso il Centro sociale San Gaspare, mentre il 7 maggio ha preso avvio la Conferenza di Valutazione Ambientale Strategica che

dovrà concludersi nei successivi 90gg, per consentire al Consiglio di adottare i contenuti della variante strutturale. L’obiettivo, ribadito in consiglio dal Sindaco e dall’Assessore all’urbanistica Marcello Bioli è quello di dotare il Comune di una pianificazione all’avanguardia in grado non solo di assecondare, ma anche di sostenere con strumenti innovativi, una ripresa economica che si spera possa arrivare nel corso del 2014.


Giano dell’Umbria news T

ecnicamente si chiama: “Intervento di efficienza energetica nella pubblica illuminazione in Giano capoluogo e frazione Montecchio”. In pratica è un intervento radicale di rifacimento di tutta la rete della pubblica illuminazione all’interno dei due principali centri storici di Giano e Montecchio, che consentirà di contenere i consumi di energia elettrica e i costi di manutenzione, migliorando sensibilmente il livello di illuminamento globale, contenendo l’inquinamento luminoso e migliorando sensibilmente l’arredo urbano mediante la sostituzione integrale dei pali e delle plafoniere esistenti ormai obsolete. Il progetto finanziato dalla Regione dell’Umbria, con le risorse dell’asse III del POR-FERS 2007-2013 e con risorse di bilancio dell’Ente prevede un investimento complessivo di 214 mila euro e un intervento su ben 138 punti luce. Molte le soluzioni tecnologiche innovative adottate a partire dall’utilizzo dei led, sorgenti luminose di lunghissima durata (quasi 6 volte in più di una lampada tradizionale a ioduro metallico) e con bassissimi costi di gestione e manutenzione. Si tratta del primo intervento di questo genere a Giano dell’Umbria e si inserisce nell’ambito delle azioni volte a migliorare l’impronta ambientale dell’Ente, che da due anni è cerificato Iso 14001. Anche la scelta degli apparecchi illuminanti è coerente con gli obiettivi del progetto. Saranno istallati infatti proiettori della Guzzini, tra i migliori sul mercato, simili per aspetto a quelli già istallati due

L A V O R I 1. MONTECCHIO, LAVORI AL GIARDINO MEDIEVALE Grazie ad un finanziamento del Gal Valle Umbra e Sibillini e del Comune di Giano di circa 50 mila euro è in corso il lavoro di riqualificazione del giardino interno alle mura della frazione di Montecchio. Il progetto ha visto attivarsi una proficua sinergia tra Enti e associazioni locali, dalla Curia che ha messo a disposizione una porzione di terreno, alla scuola, alla biblioteca comunale, al Centro handicap che ha realizzato il materiale informativo e farà lavori sulle essenze. Le associazioni locali, Pro Loco, Banda musicale e l’Università Agraria contribuiranno al mantenimento e alla cura dello spazio. Oltre al giardino prevista anche una mostra dedicata alle erbe spontanee ed officinali, frutto di una ricerca dei ragazzi dell’istituto Omnicomprensivo di Giano dell’Umbria. 2. MUNICIPIO, COMPLETATO IL RESTILING DELLA FACCIATA Sono stati restaurati i merli della torre civica del Municipio colpiti dal fulmine lo scorso anno. I lavori, per un importo complessivo di 26 mila euro, hanno permesso di sistema-

Nuova luce per i centri storici di Giano e Montecchio Grazie ad un investimento di oltre 214 mila euro saranno istallate lampade a led di ultima generazione e valorizzati i principali monumenti anni fa nel centro storico della frazione di castagnola. L’unica eccezione è prevista per la piazza del Municipio in cui la soluzione prescelta prevede il mantenimento dei lampioni artistici esistenti e la sostituzione degli apparecchi a sfera con lanterne dotate sempre di lampade a led, ma con accorgimenti tecnici per evitare la dispersione della luce verso l’alto. L’intervento prevede anche la valorizzazione, attraverso impianti integrativi, della Chiesa di San Francesco e del Palazzo del Municipio, per esaltarne pregi architettonici e funzioni, nonché del giardino e della fontana all’ingresso del capoluogo. Per quanto riguarda i risparmi con questo progetto si stimano riduzioni di costi per circa 50 mila euro di consumi energetici e 60 mila per interventi di manutenzione nell’arco dei 20 anni, che è il periodo di vita media degli impianti. A completamento dell’intervento ogni punto

P U B B L I C I

IN

re l’orologio, ritinteggiare una porzione di facciata e fare una manutenzione interna ad un pezzo di pavimentazione e ad un solaio rovinato da una infiltrazione d’acqua. Anche la piazza municipale è interessata da lavori di restyling. Dopo la manutezione della fontanella pubblica, saranno fatti ulteriori interventi sul vicolo che costeggia la Chiesa della Madonna delle Grazie, sulla rampa di scale accanto al Municipio e sulla facciata laterale dello stesso edificio. Completerà l’opera la nuova luce artistica del palazzo comunale, prevista nell’appalto della pubblica illuminazione.

3. CENTRO STORICO DI GIANO, DOPO L’ESTATE AL VIA I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DEI RAMPE DI ACCESSO Si è chiusa in questi giorni la gara realizzata dall’Ufficio tecnico per il completamento di un altro piccolo stralcio di pavimentazioni relative al centro storico di Giano capoluogo, al consolidamento delle due rampe principali di accesso e al restauro di una porzione di mura. Una volta chiuse le procedure e stipulato il contratto, sarà possibile partire con i lavori, presumibilmente subito dopo l’estate. L’in-

luce sarà dotato di una etichetta con numero identificativo e recapito telefonico per la segnalazione guasti. I lavori sono partiti da Giano capoluogo e poi si sposteranno nella frazione di Montecchio.

B R E V E tervento è stato reso possibile, per una parte, grazie allo sblocco da parte della Regione dell’Umbria di una porzione del ribasso d’asta dei lavori di pavimentazione del centro storico e, per il restante, dal riutilizzo, come cofinanziamento, da parte del Comune di alcune economie di altri lavori e di una quota derivante da un rimborso assicurativo, per un importo complessivo di 80 mila euro.

4. CASTAGNOLA, COMPLETATa la TORRe campanaria Un altro pezzo importante della riqualificazione del borgo di Castagnola è stato portato a termine dall’Amministrazione. Con un investimento di 50 mila euro, previsto sempre nell’ambito dei fondi regionali del Pir, è stato consolidata e restaurata la torre campanaria e il portale principale di accesso alla frazione. Sempre con questo intervento è stata recuperata una porzione di piazza pubblica, grazie allo smantellamento del vecchio forno comunale (compresa l’orribile canna fumaria che deturpava il campanile) e di un piccolo manufatto abusivo. Il forno smantellato verrà ricostruito in un altro spazio concordato con la popolazione.

3


Giano dell’Umbria news BANDO DI GARA PER L’ALIENAZIONE MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA (con riduzione del prezzo di base d’asta) DI IMMOBILI DI PROPRIETà COMUNALE (aree edificabili – fabbricati – terreni agricoli)

AVVISO IL RESPONSABILE DEL SETTORE Visto il vigente “Regolamento comunale per l’alienazione e l’acquisto di immobili”, approvato con atto di C.C. n.39/2008; Vista la delibera di G.C. n.27/2013; In esecuzione della propria Determinazione Dirigenziale n°15/195/2013,

RENDE NOTO che il giorno 14/06/2013, con inizio alle ore 10.00 avrà luogo presso il Comune di Giano dell’Umbria, Residenza Comunale – Sala Consiliare – ai sensi dell’art.6 del vigente regolamento comunale per l’alienazione e l’acquisto di immobili, e con le modalità di cui agli artt.73, lettera c) e 76 del R.D. 23 maggio 1924 n.827, un esperimento di asta pubblica con procedura ristretta per la vendita degli immobili sotto elencati di proprietà del Comune di Giano dell’Umbria, con il metodo delle offerte segrete da confrontarsi con il prezzo a base d’asta: A) AREE EDIFICABILI LOTTO N.1 – Giano dell’Umbria – Loc. Bastardo – c/o nuova lottizzazione “Colle del Gallo” – Foglio n.3 part.lle n.47-48-1182 – superficie totale mq.19.615 – Zona di PRG “C2” di nuova espansione prevalentemente residenziale – da urbanizzare previo piano di lottizzazione – indice 0,50 mq/mq – altezza massima mt 7.50 – rapporto di copertura 35% - lotto minimo mq 800. Prezzo base asta ribassato € 433.500,00 (quattrocentotrentatremilacinquecento/00) - offerta minima in aumento € 1.500,00 - cauzione provvisoria da versare € 43.350,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 5% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità e comprende anche rilievo topografico a curve di livello dell’area e progetto di piano di lottizzazione, che saranno consegnati all’aggiudicatario. LOTTO N.2 – Giano dell’Umbria – Loc. Bastardo – c/o Via Caduti della Miniera vicino lottizzazione “Via del Fungo” – Foglio n.2 part.lla n.1470 – superficie totale mq.16.743 – Zona di PRG “C1” di nuova espansione prevalentemente residenziale – da urbanizzare previo piano di lottizzazione – indice 0,40 mq/mq – altezza massima mt 6.50 – rapporto di copertura 30% - lotto minimo mq 1000. Vincolo idraulico (art.85, comma 2, area n.6, NTA PRG operativo). Prezzo base asta ribassato € 280.500,00 (duecentottantamilacinquecento/00) - offerta minima in aumento € 1.000,00 - cauzione provvisoria da versare € 28.050,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato dell’ 1% (unopercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.4 – Giano dell’Umbria – Loc. Caldarello – Foglio n.23 part.lla n.592 – superficie totale mq.587 – Zona di PRG “B1” prevalentemente residenziale di completamento – intervento edilizio diretto – indice 0,40 mq/mq – altezza massima mt 7.00 – disponibile per l’acquirente rilievo topografico e altimetrico del lotto ai fini della predisposizione del progetto edilizio. Vincolo paesaggistico per cui l’edificazione è soggetta all’autorizzazione di cui all’art.146 del D.Lgs. n.42/2004. Prezzo base asta ribassato € 18.062,00 (diciottomilasessantadue/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 1.807,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.5 – Giano Capoluogo – Loc. La Colonia – c/o lottizzazione “Montecerreto” – Foglio n.28 part.lla n.21 – superficie totale mq.3.320 – Zona di PRG “C1” di nuova espansione – da urbanizzare previo piano di lottizzazione – indice 0,40 mq/mq – altezza massima mt 6.50 – rapporto di copertura 30% - lotto minimo mq 1000. Il piano di lottizzazione dovrà essere proposto al Comune unitamente agli altri proprietari del comparto, purché titolari di una quota di almeno il 51% del comparto stesso. Vincolo paesaggistico per cui l’edificazione è soggetta all’autorizzazione di cui all’art.146 del D.Lgs. n.42/2004. Prezzo base asta ribassato € 50.719,00 (cinquantamilasettecentodiciannove/00) – offerta minima in aumento € 500,00 – Cauzione provvisoria € 5.072,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. B) FABBRICATI CON CORTE EDIFICABILE LOTTO N.7 – Giano dell’Umbria – Loc. Macciano – (“ex edificio scolastico di Macciano”) – N.C.E.U. Foglio n.14 part.lla n.715 sub 1 (corte edificabile “ente urbano” di superficie totale mq.729 su cui sorge il fabbricato – Zona di PRG “B1” prevalentemente residenziale – intervento edilizio diretto – indice 0,40 mq/mq – altezza massima mt 7.00), sub 2 (fabbricato cat. B/5 cons. 506 mc), sub 3 (fabbricato cat. C/2 cons. 101 mq), sub 4 (fabbricato cat. C/5 cons. 61 mq). Descrizione: fabbricato esistente ante 1967 realizzato su due piani (di cui uno seminterrato) per una superficie coperta lorda di mq 375,60 (piano terra mq 144 + piano seminterrato mq 231,60). Stato manutentivo scadente. 42/2004). Prezzo base asta ribassato € 32.300,00 (trentaduemilatrecento/00) oltre alla cessione al Comune, a titolo di ulteriore corrispettivo di aggiudicazione, di una porzione dell’immobile (derivante dalla realizzazione ex novo dello stesso o da una sua totale ristrutturazione) posta al piano terra o al piano seminterrato ma comunque fuori terra, avente superficie utile non inferiore a mq 50 (comprensiva di un blocco servizi igienici costituito da antibagno + 2 bagni separati di cui uno adeguato per portatori di handicap), sistemata con finiture di media qualità per essere destinata a “sala polivalente” (centro di vita associata per gli abitanti della frazione di Macciano), da consegnare al Comune, dotata di accatastamento e certificato di agibilità, entro 3 anni dalla data di acquisto dell’immobile da parte dell’aggiudicatario. La mancata consegna al Comune della porzione di immobile di cui sopra entro il termine assegnato comporterà l’applicazione di una penale pari ad un dodicesimo del 10% del prezzo di aggiudicazione per ogni mese, o frazione di mese, di ritardo, fino ad un massimo di 24 mesi di ritardo. Trascorso inutilmente detto ulteriore termine l’acquirente dovrà versare al Comune, a titolo di rimborso della mancata cessione della porzione di immobile, la somma di € 45.000,00 maggiorata del cumulo delle penali di cui sopra e degli interessi legali decorrenti dalla data di aggiudicazione. A tal fine, a garanzia di quanto sopra, l’atto di compravendita è subordinato alla costituzione da parte dell’aggiudicatario di una garanzia finanziaria di € 60.000,00 della durata di anni 5. Prezzo base asta ribassato € 32.300,00 (trentaduemilatrecento/00) oltre alla porzione di immobile di cui sopra. offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 3.230,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.8 – Giano dell’Umbria – Loc. Bastardo – c/o Via San Francesco - (“ex scuola materna di Bastardo”) – N.C.E.U. Foglio n.2 part.lla n.298 (corte edificabile “ente urbano” di superficie totale mq.535 su cui sorge il fabbricato cat. B/5 cons. 923 mc) e part.lla n.1062 (area edificabile “fu da accertare di superficie totale mq 531 su cui sono presenti campi di bocce in stato di abbandono) per una superficie complessiva di mq 1.066 – Zona di PRG “B4” prevalentemente residenziale – intervento edilizio diretto – indice 1 mq/mq – altezza massima mt 10.50). Descrizione: fabbricato esistente ante 1967 realizzato su due piani fuori terra per una superficie coperta lorda di mq 203,50 per ciascun

4


Giano dell’Umbria news piano). Stato manutentivo medio-basso. Prezzo base asta ribassato € 139.400,00 (centotrentanovemilaquattrocento/00). - offerta minima in aumento € 1.000,00 - cauzione provvisoria da versare € 13.940,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. C) TERRENI AGRICOLI LOTTO N.9 – Giano dell’Umbria - Loc. San Cristoforo – Foglio n.1 part.lla n.31 – superficie totale Ha. 1.51.70 – Seminativo con vocazione a vigneto – attualmente concesso in affitto ma in caso di alienazione scatterà la clausola contrattuale di recesso al termine del raccolto della coltura della corrente annata agraria. Prezzo base asta ribassato € 45.373,00 (quarantacinquemilatrecentosettantatre/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 4.538,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.10 – Giano dell’Umbria - Loc. San Cristoforo – Foglio n.1 part.lla n.576 – superficie totale Ha. 0.97.87 – Seminativo – attualmente concesso in affitto ma in caso di alienazione scatterà la clausola contrattuale di recesso al termine del raccolto della coltura della corrente annata agraria. Prezzo base asta ribassato € 14.017,00 (quattordicimiladicissette/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 1.402,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.13 – Giano dell’Umbria - Loc. Petrognoni – Foglio n.4 part.lla n.126 – superficie totale Ha. 0.33.30 – Seminativo. Prezzo base asta ribassato € 4.841,00 (quattromilaottocentoquarantuno/00) - offerta minima in aumento € 100,00 - cauzione provvisoria da versare € 485,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.14 – Giano dell’Umbria - Loc. Montecchio – Foglio n.7 part.lla n.172 – superficie totale Ha. 0.04.20 – Seminativo. Prezzo base asta ribassato € 1.275,00 (milleduecentosettantacinque/00) - offerta minima in aumento € 100,00 - cauzione provvisoria da versare € 128,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.15 – Giano dell’Umbria - Loc. Montecchio – Foglio n.8 part.lle n.124-388 – superficie totale Ha. 0.59.80 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 11.475,00 (undicimilaquattrocentosettantacinque/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 1.148,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.16 – Giano dell’Umbria - Loc. Tamagnino – Foglio n.12 part.lla n.50 – superficie totale Ha. 0.27.00 – Bosco. Prezzo base asta ribassato € 1.845,00 (milleottocentoquarantacinque/00) - offerta minima in aumento € 100,00 - cauzione provvisoria da versare € 185,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.17 – Giano dell’Umbria - Loc. Camporeggiano – Foglio n.13 part.lla n.40 – superficie totale Ha. 0.50.20 – Seminativo. Prezzo base asta ribassato € 4.335,00 (quattromilatrecentotrentacinque/00) - offerta minima in aumento € 200,00 - cauzione provvisoria da versare € 434,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.18 – Giano dell’Umbria - Loc. Torinetto – Foglio n.15 part.lla n.163 – superficie totale Ha. 0.12.60 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 1.020,00 (milleventi/00) - offerta minima in aumento € 100,00 - cauzione provvisoria da versare € 102,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.19 – Giano dell’Umbria - Loc. Fabbri – Foglio n.16 part.lla n.55 – superficie totale Ha. 1.94.30 – Seminativo con vocazione a vigneto – attualmente concesso in affitto ma in caso di alienazione scatterà la clausola contrattuale di recesso al termine del raccolto della coltura della corrente annata agraria. Prezzo base asta ribassato € 29.189,00 (ventinovemilacentottantanove/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 2.919,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 3% (trepercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.21 – Giano dell’Umbria - Loc. Castagnola – Foglio n.20 part.lla n.29 – superficie totale Ha. 0.53.50 – Uliveto – attualmente concesso in affitto con scadenza del contratto 31/10/2013. Prezzo base asta ribassato € 9.350,00 (novemilatrecentocinquanta/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 935,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.22 – Giano dell’Umbria - Loc. Castagnola (Voc. I Monti) – Foglio n.20 part.lla n.51 – superficie totale Ha. 0.79.90 – Bosco. Prezzo base asta ribassato € 5.130,00 (cinquemilacentotrenta/00) - offerta minima in aumento € 200,00 - cauzione provvisoria da versare € 513,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.23 – Giano dell’Umbria - Loc. Montecerreto – Foglio n.22 part.lla n.122 – superficie totale Ha. 0.40.80 – Seminativo (in parte boscato). Prezzo base asta ribassato € 4.675,00 (quattromilaseicentosettantacinque/00) - offerta minima in aumento € 200,00 - cauzione provvisoria da versare € 468,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.24 – Giano dell’Umbria – Giano Capoluogo (Loc. Fontevecchia) – Foglio n.23 part.lla n.142 – superficie totale Ha. 0.40.10 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 7.225,00 (settemiladuecentoventicinque/00) - offerta minima in aumento € 200,00 - cauzione provvisoria da versare € 723,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.25 – Giano dell’Umbria – Loc. Morcicchia – Foglio n.32 part.lla n.75 – superficie totale Ha. 0.30.80 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 4.191,00 (quattromilacentonovantuno/00) - offerta minima in aumento € 100,00 - cauzione provvisoria da versare € 420,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.26 – Giano dell’Umbria – Loc. Morcicchia – Foglio n.33 part.lle n.69-155 – superficie totale Ha. 0.45.00 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 5.695,00 (cinquemilaseicentonovantacinque/00) - offerta minima in aumento € 200,00 - cauzione provvisoria da versare € 570,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.27 – Giano dell’Umbria – Loc. Morcicchia – Foglio n.33 part.lle n.144-169 – superficie totale Ha. 0.89.50 – Uliveto. Prezzo base asta ribassato € 11.900,00 (undicimilanovecento/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 1.190,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità. LOTTO N.28 – Giano dell’Umbria – Loc. Morcicchia – Foglio n.40 part.lla n.8 – superficie totale Ha. 0.65.20 – Uliveto - attualmente concesso in affitto con scadenza del contratto 31/10/2013. Prezzo base asta ribassato € 10.200,00 (diecimiladuecento/00) - offerta minima in aumento € 500,00 - cauzione provvisoria da versare € 1.020,00. Il prezzo di aggiudicazione sarà maggiorato del 4% (quattropercento) per spese tecniche, di gara e di pubblicità.

Per le CONDIZIONI PER PARTECIPARE ALLA GARA E PER LA VENDITA Comune di Giano dell’Umbria Piazza Municipale, 1- 06030 Giano dell’Umbria (PG) Italy - Tel. centralino: +39 074293191- Fax: +39 074290137 comune.gianodellumbria@postacert.umbria.it http://www.giano.umbria.it

5


Giano dell’Umbria news

Il sesto centenario del Santuario del Fosco L’ultima domenica di giugno fissata l’apertura dell’anno giubilare di Don Giulio Martelli*

C

ome non salutare con calore il seicentesimo anniversario dell’apparizione di Santa Maria ad un fanciullo nel luogo detto “fosco” presso il Castello di Castagnola in territorio gianese? Tutta la comunità cristiana, da secoli non cessa di raccogliere i frutti di una devozione che la nutre e la promuove. È un centenario del passato, quanto all’avvenimento dell’apparizione della Vergine, ed è al tempo stesso un centenario del presente, quanto alla sua attualità nella vita del cristiano. Se dimenticassimo l’avvenimento e le espressioni devote del popolo nella vita di generazioni e generazioni si svuoterebbe di significato l’apparizione e la devozione stessa a Santa Maria del Fosco con il rischio di rimuovere il dolce peso che esercita nel quotidiano vivere la fede in Cristo e l’appartenenza alla Chiesa di Dio. C’è tutta una tradizione, al riguardo, che noi abbiamo ricevuto e che dà fervore nuovo al presente. All’origine dell’apparizione della Vergine ad un fanciullo vi fu la grande afflizione del popolo di Castagnola, “travagliato dalla peste” che “più cresceva” e “faceva strage anche nei paesi confinanti”. Al fanciullo che “pascolava le greggi” Particolare dell’affresco del XV sec. la Vergine promise la liberazione dalla peste, chiedendo l’erezione di una chiesa in suo onore. Era l’anno del Signore 1413, ultima domenica di giugno, quando la storia di questa terra registrò l’intervento “straordinario”. Un intervento per nulla “marginale” autenticato dal Vescovo e portato all’attenzione della comunità cristiana perché “costruisse” se stessa come Chiesa di Cristo che salva. È questo il vero e profondo senso della costruzione di un edificio-chiesa in un luogo determinato, e anche del pellegrinaggio che educa ad essere sempre “più Chiesa” viva! Il pellegrinaggio voluto dalla tradizione è una forma di appartenenza amorosa alla Chiesa e alla sua missione nel tempo e nello spazio. Con “Maria pellegrina nella fede” e con i Santi nostri protettori, camminiamo ogni anno verso il Santuario del Fosco, fedeli all’impegno che la tradizione custodisce con cura e puntualmente consegna. L’obiettivo del centenario è suscitare nel nostro popolo il desiderio di voler essere e fare sempre più Chiesa, impegnandoci tutti a riesprimere in modo nuovo tutto il nostro sentire e vivere la tradizione. Per raggiungerlo i Padri Missionari del preziosissimo Sangue dell’Abbazia di San Felice, con i parroci di Giano, Di BastardoMontecchio-Castagnola e di Massa Martana e di Viepri, aprono un “cantiere” di lavoro, individuando iniziative e componendole in progetto celebrativo, che coinvolga tutti. L’apertura ufficiale dell’anno giubilare è fissata per l’ultima domenica del giugno di quest’anno, con la celebrazione della Eucarestia alle ore 18 nel Santuario del Fosco, presieduta da S.E. L’Arcivescovo di Spoleto-Norcia Renato Boccardo. Nel proseguimento dell’anno non mancheranno altre forme espressive dell’Evento, quali concerti mariani, raduni di preghiera, pellegrinaggi di categoria, soprattutto in coincidenza delle feste maggiori di Santa Maria, ed altre attività. Il Calendario è in fase di elaborazione. Fin d’ora siamo grati alle Autorità Comunali interessate al centenario, e ai Carabinieri e ai Vigili per il loro puntuale, prezioso servizio d’ordine. *Missionario CPPS, Responsabile Abbazia di San Felice

6

Il comune sbarca su facebook

Attivata dal 3 aprile scorso la pagina per condividere informazioni, eventi e notizie sull’attività amministrativa e sulla vita della comunità gianese

D

al 3 aprile il Comune di Giano è ufficialmente su Facebook. Un modo nuovo per comunicare con i cittadini e anche per promuovere il territorio attraverso lo strumento del social network più popolare al mondo, uno strumento potentissimo di condivisione di informazioni e notizie. “In molti casi – spiega il sindaco Paolo Morbidoni – e soprattutto in situazioni di emergenza (mancanza d’acqua, chiusura delle scuole etc) il canale della rete diventa un formidabile strumento per veicolare informazioni utili o dare risposte con il carattere dell’immediatezza.” Ovviamente non saranno eliminati i sistemi ‘tradizionali’ di comunicazione (manifesti, assemblee pubbliche, etc) anche perché non tutti hanno la possibilità o la capacità di frequentare luoghi virtuali. Ma di certo la pagina in rete può rappresentare uno strumento di relazione impensabile fino a qualche anno fa. A differenza del sito internet, la pagina Facebook offre anche una opportunità di interagire, di discutere e commentare fatti della comunità o iniziative dell’Ente. Un passo in avanti sul coinvolgimento della popolazione nella gestione del bene comune. La pagina Fb dell’Ente può essere raggiunta e condivisa da ogni utente del social network cercando “Comune di Giano dell’Umbria” nel riquadro in alto riservato alle ricerche. Poi, cliccando su “mi piace” sarà possibile aggregarsi alla comunità virtuale dei gianesi e rimanere aggiornati sulle attività promosse dalla pagina.


Giano dell’Umbria news S

aranono completati a breve i lavori di sistemazione idraulica del torrente Pugliola; un corso d’acqua che nasce sui monti Martani e attraversa buona parte del Comune di Giano, un tratto del Comune di Montefalco per poi confluire nel fiume Puglia, a valle dell’abitato di Cavallara, nel Comune di Gualdo Cattaneo, con un bacino idraulico di circa 24 kmq. Il torrente interessa una delle zone a vocazione agricola e con prodotti di pregio fra le più importanti della Regione dell’Umbria, con particolare riguardo ai vitigni di sagrantino e agli oliveti dei colli martani. L’opera è stata progettata e realizzata dalla Comunità Montana Monti Martani Serano e Subasio, con un investimento complessivo di 250 mila euro. I lavori, realizzati con tecniche di ingegneria naturalistica, hanno consentito di bonificare un alveo fortemente degradato, di mettere in sicurezza le sponde e migliorare la “naturalità” del corso

In fase di ultimazione i lavori di sistemazione idraulica del torrente Pugliola Investiti 250 mila euro del Piano di Sviluppo Rurale. Le opere realizzate dalla Comunità Montana dei Monti Martani Serano e Subasio d’acqua demaniale. Tra gli interventi più significativi, il taglio della vegetazione all’interno dell’alveo del fosso e interventi puntuali di difesa e consolidamento spondale con scogliere e palizzate o tramite graticciate, semine e messa a dimora di talee, il recupero e smaltimento di materiale plastico, ferroso e di risulta delle lavorazioni edilizie presente in alveo, al fine della salvaguardia ambientale e idrologica della zona relativa all’asta principale; la formazione di argini e rilevati con materiale proveniente dagli

“Un Molino per Cremisan”, solidarietà nel segno dell’olivo e dell’olio

È

stato inaugurato lo scorso mese di dicembre il molino ad olio donato all’azienda agricola dei Salesiani a Cremisan (Betlemme) in Palestina, grazie ad un progetto di solidarietà internazionale promosso da Vis (l’Ong dei salesiani), in cui il Comune di Giano è stato il capofila degli enti pubblici insieme all’Associazione Nazionale “Città dell’Olio” e l’azienda Farchioni il “main sponsor”. Sempre nell’ambito del progetto lo scorso 7 maggio una delegazione di operai palestinesi dell’azienda ha fatto tappa a Giano, visitando il territorio e alcune aziende.

scavi e opere di sistemazione e consolidamento del profilo di fondo del fosso, di tipo trasversale, quali soglie e briglie con relativo attraversamento a raso del torrente Rustichino – Torinetto, in prossimità degli abitati di Rustichino e Villa Fabbri. Il finanziamento dell’intervento di 250.000 euro è stato garantito dai fondi del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Umbria 2007 – 2013 – ASSE 1. MISURA 1.2.6. Azione B, Interventi per prevenire i danni alle attività produttive a seguito di calamità naturali.

notizie in breve

Sarà istallata in piazza del Popolo la fontana pubblica di acqua frizzante e naturale refrigerata Anche Giano dell’Umbria avrà il suo erogatore di acqua frizzante e naturale refrigerata. L’impianto, sarà collocato in piazza del popolo a Bastardo, un luogo centrale e facilmente accessibile, consentirà ai cittadini un significativo risparmio economico nel consumo di acqua potabile e una riduzione sensibile nello smaltimento delle bottiglie di plastica. Come negli altri comuni dell’area vasta in cui il servizio è stato attivato, l’impianto sarà gestito da Vus e il costo dell’acqua sarà parametrato a quello degli altri: 3 centesimi di euro per ogni litro e mezzo. L’investimento è stato possibile grazie al contributo dell’Ati 3.

Il Sindaco Paolo Morbidoni consegna la spilla e la bandiera di “Città dell’Olio” al Sindaco di Betlemme Vera Baboun

Il gruppo di operai dell’azienda di Cremisan davanti al Municipio

Domenica 9 giugno torna la Giornata ecologica sui Monti Martani Si svolgerà il prossimo 9 giugno la tradizionale “Giornata Ecologica” sui Monti Martani, organizzata da Federcaccia, Sia e Comune, in collaborazione con l’associazione Ekoclub international, per proseguire l’opera di ripulitura dei boschi da rifiuti cominciata nove anni fa e che ha consentito di bonificare decine di siti di grande valore ambientale e paesaggistico. Il programma prevede, come di consueto, il ritrovo dei partecipanti in Piazza del Popolo a Bastardo alle 7.15 per la formazione delle squadre e per la scelta delle destinazioni. Al termine degli interventi di pulizia, tutti i partecipanti converranno in località “Prati Gialli” dove è previsto il saluto del Sindaco e del Presidente della sezione gianese di Federcaccia Claudio Venturini e una merenda offerta dall’Associazione.

7


Giano dell’Umbria news

Segue dalla prima pagina

Una lente sui servizi sociali e sanitari Le battaglie Il 20 aprile si è svolta la 4° Conferenza Comunale sui servizi sociali e Sanitari. giuste dei Comuni Cresce l’assistenza domiciliare e l’aiuto verso famiglie in difficoltà

e ai servizi alla persona, restituire un minimo di autonomia decisionale ai comuni, diventa un obiettivo strategico da perseguire dopo anni di incertezze e di tagli lineari che hanno colpito gli enti virtuosi più di quelli prodighi. L’auspicio è che il nuovo Governo affronti senza requie queste questioni, non tanto per l’incidenza che hanno sul gradimento di questa o quella Amministrazioni pro tempore, quanto più in generale sul rapporto di fiducia tra amministratori ed amministrati, che vede i Comuni come ultimo baluardo di una credibilità dello Stato e dei suoi apparati intermedi ridotta ai minimi termini. Se timidi segnali si intravedono sul fronte dell’Imu, previsioni non altrettanto ottimistiche ci sono per altre questioni fondamentali richieste dai Comuni: lo sblocco del patto di stabilità per far ripartire gli investimenti (calati in cinque anni di quasi un quarto), il rinvio dell’entrata in vigore della Tares, che è un’altra spada di Damocle che pende minacciosa su famiglie e imprese, e il rifinanziamento del fondo Sociale per il 2014, che rischia di azzerare le politiche sociali dei comuni nel momento di picco della crisi e quindi di massimo bisogno. Nel nostro caso (simile a quello degli oltre 6700 comuni Italiani in regime di Tarsu) la situazione è aggravata dallo sfasamento temporale che aveva la vecchia tassa rifiuti (cioè ogni anno si pagava la tassa relativa all’anno precedente), che creerà nel 2013, se non interverranno modifiche legislative, un vero ingorgo fiscale per la concomitanza di due adempimenti (Tarsu 2012 e Tares 2013) nello stesso anno d’imposta. Un ulteriore esempio di come si stiano privando i comuni di ogni forma di autonomia e flessibilità, imponendo norme dall’alto che cozzano con la situazione drammatica in cui versano le famiglie e le imprese. Abbiamo denunciato da tempo il rischio che viene dall’applicazione senza correttivi della nuova Tares, sia per l’incremento ingiustificato degli importi, sia per questa rigidità applicativa. Speriamo che il nuovo governo, che presenta nella compagine di ministri molti ex amministratori, sia più sensibile verso queste istanze legittime provenienti dai territori e indirizzi i tagli verso altri pezzi della PA, la cui attività ha meno implicazioni con la vita delle persone. Del resto il comparto dei comuni in pochi anni (dal 2007 al 2013) ha contribuito al risanamento del bilancio dello Stato con tagli di oltre 15 miliardi. Oltre questo limite, veramente, non si può andare. * Sindaco di Giano dell’Umbria

8

A

umentano i fabbisogni sociali e sanitari e diminuiscono le risorse. La crisi vista dal basso è anche questo. Territori che si trovano ad affrontare vere e proprie emergenze sociali con disponibilità economiche sempre più esigue. La questione è stata uno dei temi cruciali della quarta conferenza comunale sui servizi sociali e sanitari che si è svolta lo scorso 20 aprile, alle ore 10, presso la Sala riunioni del Centro di Salute in Piazza Matteotti a Bastardo. L’iniziativa, a cui ha partecipato il Direttore generale della neonata Usl Umbria2 Sandro Fratini, ha fornito un quadro aggiornato della rete e del funzionamento dei servizi attivi a Giano dell’Umbria. Sono intervenuti, oltre al Sindaco Paolo Morbidoni, la Responsabile del Distretto di Spoleto Simonetta Antinarelli, il Responsabile del Centro di Salute di Bastardo Giorgio Flamini, il Responsabile dei Centri di Salute Mentale di Foligno, Spoleto e Valnerina Silvio D’Alessandro, la Coordinatrice dei medici di medicina generale dei comuni di Giano, Gualdo, Montefalco e Bevagna Iole Propersi, il Direttore della centrale operativa del 118 Silvano Lolli, la Responsabile del Piano di Zona sociale n.9 Cinzia Calef e l’Assistente sociale Paola Bartoli. “Non è solo la spending rewiew a spaventare, anzi per alcuni versi la razionalizzazione delle spese è pure opportuna - spiega l’assessore alla sanità e alle politiche sociali Vittorio Terenzi, che ha coordinato gli interventi di tutti i relatori. - La preoccupazione principale è l’aumento delle situazioni critiche a livello sociale ed economico, che rischia di scardinare quell’equilibrio che fino ad oggi ha retto, fondato sulla preziosa collaborazione fra pubblico, privato sociale e volontariato laico e cattolico. Anche per questo abbiamo pensato di ripetere questo momento di riflessione insieme a soggetti impegnati sul campo come Caritas, associazioni e medici di base.”


Giano dell'Umbria news - Maggio 2013