Page 1

West Antarctic Ice Sheet (WAIS): Il cambio nell'ovest Antartico indistinguibile dalla variabilità naturale. Per qualche motivo (...!) molte persone sono diventate fissate sul ghiaccio antartico, sia che esso cresca o decresca, accumulante o in fusione. Gli allarmisti del clima si sono sforzati potentemente per dimostrare che il ghiaccio ai poli è in declino, in fusione a fronte dell'aumento delle temperature globali. L'Antartide, il più grande "negozio" di ghiaccio glaciale del pianeta, è l'obiettivo primario della loro attenzione. Se gli strati di ghiaccio dell'Antartide si sciogliessero sarebbe una sciagura per l'umanità. Purtroppo, il sistema climatico della Terra contiene molte tendenze cicliche, che operano sul decennale e sui più lunghi periodi di tempo. In passato, ciò che alcuni sostenevano essere chiare tendenze, si sono rivelate essere solo di breve termine, naturali. Un nuovo rapporto, appena pubblicato on-line, conclude che non è chiaro se i cambiamenti nella circolazione atmosferica sopra l'Antartide occidentale nel corso degli ultimi decenni sono parte di una tendenza a lungo termine. Infatti, le carote di ghiaccio mostrano un aumento significativo negli isotopi di ossigeno da precipitazioni avvenute nel corso degli ultimi 50 anni, ma l'anomalia non può essere distinta dalla variabilità naturale del clima.

L'argomento di fusioni polari infuria sulle pagine di riviste scientifiche, e la sera nei telegiornali.... La gente è affascinata dai ghiacciai, quelle enormi masse di surgelato H2O che solo 20.000 anni fa copriva gran parte dell'emisfero settentrionale. Gli scienziati hanno recentemente osservato fusione nel West Antarctic Ice Sheet (WAIS), ma un ispessimento di ghiaccio altrove sul continente più meridionale. La questione importante non è se si sta sciogliendo in alcune aree o crescendo in altre, ma ciò che è la variazione netta della massa di ghiaccio in generale. Un documento pubblicato online su Nature Geoscience utilizza dati da isotopi d'acqua (δ 18 O) per misurare la precipitazione sopra l'Antartide. Si comincia con l'estratto della carta:


_____________________________________________________________ I Cambiamenti nella circolazione atmosferica negli ultimi cinque decenni hanno aumentato l'afflusso wind-driven di acqua di mare calda sulla piattaforma continentale antartica, dove si sciolgono le piattaforme di ghiaccio dal basso. Cambiamenti nella circolazione atmosferica hanno anche causato un rapido riscaldamento sopra la calotta antartica occidentale, e hanno contribuito al calo della copertura di ghiaccio marino nelle adiacenti acque dell'Amundsen-Bellingshausen. Non è noto se questi cambiamenti sono parte di una tendenza a lungo termine. Qui, usiamo isotopi dell'acqua (δ 18 O) estrapolati da una recente carota di ghiaccio prelevata dall'Antartide occidentale, per vedere i cambiamenti climatici nel contesto degli ultimi due millenni. Troviamo che lo δ 18 O nelle precipitazioni West Antarctic sia aumentato significativamente negli ultimi 50 anni, in parallelo con la tendenza della temperatura, ed era probabilmente più elevato nel corso del 1990 che in qualsiasi altro momento durante gli ultimi 200 anni. Tuttavia, anomalie di δ 18 O paragonabili a quelle degli ultimi decenni si verificano circa nell'1% del tempo nel corso degli ultimi 2.000 anni. Generali simulazioni di circolazione suggeriscono che le recenti tendenze nello δ 18 O e del clima in Antartide occidentale non possono essere distinte da decadale variabilità, che ha origine nei tropici. Concludiamo che la traiettoria incerta nella variabilità tropicale del clima rappresenta una significativa fonte di incertezza nelle proiezioni del clima West antartico, e nel cambiamento della calotta. ------------------------------------------------------------------------------------Di tanto in tanto un importante risultato scientifico, è inconcludente... Questo è il caso. Quando alcuni "global warming fan boy" sostengono autorevolmente che lo scioglimento dei ghiacci polari è una tendenza consolidata a lungo termine sta parlando di sciocchezze. La verità è che la scienza studia i cambiamenti climatici in Antartide solo da un breve periodo di tempo. Tutti gli scienziati coscienziosi sanno che non possediamo sufficienti dati che coprono un periodo di tempo abbastanza lungo per stabilire significative tendenze a lungo termine (questo poi abbinato al fatto che nell'ultimo periodo ho tradotto credo 3 o 4 ricerche che davano i ghiacci Antartici in crescita superiore rispetto alle perdite, ma non ho visto tutta questa agitazione nel riportarlo, nei media...) Non è noto se il clima e i cambiamenti glaciologici che si sono verificati in Antartide occidentale negli ultimi decenni, sono parte di una tendenza a lungo termine o associata con una forzante climatico antropogenica. Questa domanda non può essere valutata con osservazioni dirette. La temperatura antartica occidentale e le osservazioni della pressione iniziano solo nel 1957, e le osservazioni affidabili satellitari del ghiaccio marino antartico nel 1979. Osservazioni complete di dinamica dei ghiacciai nelle zone a più rapida evoluzione sono state avviate nel 1990. I dati di temperatura dal WAIS, pur confermando il recente aumento rapido della temperatura, non risolvono la variabilità su scala decadale del passato. Nel tentativo di scoprire ciò che è rimasto nascosto, questi scienziati hanno fatto un altro studio, con una metodologia diversa. Utilizzando gli isotopi di ossigeno come un proxy,da campioni estratti da carote di ghiaccio, hanno costruito una storia degli ultimi 2000 anni. Naturalmente, hanno incluso l'output di un modello climatico al computer... Che cosa hanno trovato è catturato nel grafico sotto.


L'ombreggiatura grigia mostra 2 sd attorno alla media decennale, sulla base dei primi 100 anni del multi-core δ18O composito, fornendo una stima del campo di confidenza del 95%. La linea tratteggiata mostra la percentuale del 97,5 rispetto alla tendenza lineare media. Le frequenti escursioni sopra la linea sono facilmente visibili. Di seguito è riportato un confronto dei risultati per gli anni 1880-2009. Nei grafici uniti sottostanti: A, Differenza nella simulata media decadale/significativa del δ 18 O nelle precipitazioni in Antartide tra il 1991 e il 2000 e nei tre precedenti decenni, B, gamma del Modello (2 sd, grigio ombra) della simulata δ 18 O media annuale delle precipitazioni sull'Antartide occidentale rispetto alle anomalie osservate di δ 18 O (linea nera). In entrambi, A e B, le simulazioni del modello sono estrapolate da ensemble di 10 membri di simulazioni ECHAM costretti dalla SST tropicali globale con l'oceano extratropico; C, anomalie medie della temperatura superficiale del mare (SST) oltre la zona centrale tropicale della regione del Niño Pacifico (sottile linea continua), e sull'intero tropico (linea spessa).


"Quindi, i valori anomali di δ18 O degli ultimi decenni in Antartide occidentale non sembrano essere senza precedenti, ma sono in prossimità del limite superiore del range di variabilità naturale," concludono. Una conclusione simile è stata raggiunta per il nord della penisola antartica. La causa speculativa della variazione è stata identificata come "la variabilità originaria del Pacifico tropicale."


Che dire di tutto ciò con la perdita di massa di ghiaccio dall'Antartide di cui tanto si parla? "Proiezioni del contributo della WAIS al futuro innalzamento del livello del mare che si basano su attuali tassi di perdita di massa di ghiaccio devono essere trattati con cautela," Steig et al. "avverte". La "scienza" (evidentemente quella buona, a seconda di quella che è stata la cassa di risonanza di questa ricerca...) dice "che la perdita di ghiaccio non è provata." In altre parole, non c'è nulla di strano o spaventoso. Come sottolineato prima, il clima si è riscaldato in questi ultimi anni, ma non è né insolito né senza precedenti. I "pericolosi cambiamenti climatici" sono solo nella mente dei ricercatori senza senso proprio della storia, o del sistema che studiano, e che riassumono sempre il tutto con "il tirar di dadi". Pensieri e considerazioni di Paolo Lui. Testo tradotto da Doug L. Hoffman.

(WAIS): Il cambio nell'ovest Antartico indistinguibile dalla variabilità naturale.  

West Antarctic Ice Sheet (WAIS): Il cambio nell'ovest Antartico indistinguibile dalla variabilità naturale.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you