Page 1

Scienziati individuano l'innesco per le eruzioni vulcaniche esplosive Gli scienziati dell'Università di Southampton hanno identificato un innesco per la ripetizione delle più grandi eruzioni vulcaniche esplosive sulla Terra. La caldera vulcanica Las Cañadas di Tenerife, nelle isole Canarie, ha generato almeno otto grandi eruzioni nel corso degli ultimi 700 mila anni. Questi eventi catastrofici hanno provocato colonne in eruzione di oltre 25 km ed espulso materiale piroclastico diffuso per oltre 130 km. A titolo di confronto, anche la più piccola di queste eruzioni ha espulso materiale 25 volte più dell'eruzione del 2010 all'Eyjafjallajökull, in Islanda. Analizzando i noduli cumulati di cristallo (rocce ignee formate da un accumulo di cristalli nel magma) scoperti in depositi piroclastici di grandi eruzioni, gli scienziati hanno scoperto che la miscelazione pre-eruttiva all'interno della camera magmatica, dove il magma vecchio fresco si mescola con quello più giovane caldo, sembra essere il fattore scatenante del ripetersi su larga scala delle eruzioni.

Questi noduli intrappolati conservano la parte finale del magma sotto il vulcano immediatamente prima dell'eruzione . Il Dr Rex Taylor, dell'Università di Southampton, ha esaminato i noduli e il loro magma intrappolato per vedere che cosa abbia causato le eruzioni. Ha scoperto che i noduli forniscono una registrazione dei cambiamenti che si verificano nelle tubature magmatiche fino al momento in cui il vulcano erutta.


"Questi noduli sono speciali perché sono stati strappati dalla camera magmatica prima di diventare completamente solidi, ed erano molli, come palle di grossa sabbia bagnata. I Cerchi di cristalli nei noduli sono il segno passato da un magma molto diverso, indicante un grande evento di miscelazione che si è verificato immediatamente prima dell'eruzione. Il rimescolamento del giovane magma caldo con quello più vecchio e più fresco sembra essere un evento comune prima di queste grandi eruzioni esplosive." Il co-autore dello studio, il dottor Tom Gernon, docente di Scienze oceaniche della Terra presso l'Università di Southampton, ha detto: "L'analisi dei noduli di cristallo dal vulcano documenta le procedure finali e le modifiche immediatamente prima dell'eruzione, quelle che innescano le eruzioni catastrofiche. La presenza di noduli molli nei depositi piroclastici suggerisce che la camera magmatica si svuota durante l'eruzione, e la camera poi crolla su se stessa formando la caldera."


Il vulcano Las Cañadas è per lo IAVCEI (Associazione Internazionale di Vulcanologia e Chimica degli Interni della Terra) un Decade Volcanoes,cioè uno dei 16 vulcani identificati dalla comunità internazionale come degno di studio particolare alla luce della loro storia, di grandi eruzioni distruttive e la vicinanza a centri abitati. Il dottor Gernon, del National Oceanography Centre presso il campus di Southampton, che collabora con il dottor Taylor, aggiunge: "I nostri risultati si riveleranno preziosi per un pericolo futuro e la valutazione dei rischi a Tenerife e anche altrove. La scala delle eruzioni descrive che ha il potenziale per causare devastazione sull'isola popolata di Tenerife, e ripercussioni per tutta la comunità europea " Paolo Lui http://issuu.com/paololui , https://www.facebook.com/paololuiarticoliclima

Scienziati individuano l'innesco per le eruzioni vulcaniche esplosive  

Scienziati individuano l'innesco per le eruzioni vulcaniche esplosive

Advertisement