Page 1

Artico, il "punto di non ritorno" non può essere raggiunto... Gli scienziati dicono che le attuali preoccupazioni su un "punto di non ritorno" nella scomparsa della banchisa artica possono essere fuori luogo.Questa affermazione nasce dall'analisi di pezzi di legno antichi che ricercatori danesi hanno trovato in Groenlandia settentrionale, che si dice possa essere un modo preciso di misurare l'entità della perdita del ghiaccio antico. Da quel che appare sulla rivista Science, il team ha trovato prove che i livelli di ghiaccio marino erano circa il 50% inferiori rispetto ad oggi, quando le temperature si erano riscaldate circa 5.000 anni fa. Essi sostengono che un punto di svolta in presenza dei scenari correnti è improbabile, con i cambiamenti nei sistemi di ventilazione che possono rallentare il tasso di fusione. Mentre le moderne osservazioni da nave e via satellite ci danno un quadro molto preciso dello stato recente del ghiaccio, le informazioni storiche sono limitate. Il ghiaccio viene e va senza lasciare una traccia permanente. Ma un team danese ritiene di aver trovato un metodo indiretto che dà un quadro chiaro della perdita di ghiaccio risalente a 11.000 anni. Il Dr Svend Funder, dal Museo di storia naturale della Danimarca, condusse diverse spedizioni in regioni inospitali della Groenlandia settentrionale. Su queste sponde congelate la squadra danese ha notato diversi pezzi di legni antichi. Conclusero che poteva essere un metodo importante di sbloccare i segreti del ghiaccio antico. "Questi pezzi di legno non possono galleggiare sull'acqua, devono essere traghettati attraverso l'oceano sul ghiaccio, e questo viaggio richiede diversi anni, il che significa che i legni sono in realtà un segnale della banchisa pluriennale nell'oceano, ed è questo ghiaccio che è a rischio, in questo momento", ha detto il Dr Funder. La datazione al carbonio è stata utilizzata per determinare l'età del legno, e capire le sue origini, ricevendone importanti informazioni. "Il legno alla deriva dalla Siberia è principalmente di larice e dal Nord America è principalmente di Abete rosso. Così se vediamo che non c'era più larice o abete, possiamo scoprire che era cambiato il sistema dei venti, e in alcuni periodi c'era poco abete rosso e in altri periodi, era abbondante ". Sarà

la

ventilazione?

Così come i legni, gli scienziati hanno mappato zone di spiagge per 500 km lungo la costa. Questo dimostra che in una sola volta le onde avevano raggiunto la riva senza essere ostacolate dal ghiaccio.


Il Dr Funder e il suo team affermano che loro dati mostrano una chiara connessione tra la temperatura e la quantità di ghiaccio marino. I ricercatori hanno concluso che, per circa 3.000 anni, durante un periodo chiamato l'Optimum climatico dell'Olocene, c'erano zone di acqua più aperte e molto meno ghiaccio, rispetto a oggi, probabilmente inferiori al 50% del ghiaccio marino Artico del minimo registrato nel 2007. Ma il ricercatore dice che anche con una perdita di queste dimensioni, il ghiaccio marino non raggiungerà un punto di non ritorno. "Credo che possiamo dire che con la perdita del 50% del ghiaccio attuale, non è stato raggiunto il punto di non ritorno". L'idea di un Artico ad punto di svolta è stata evidenziata da molti scienziati negli ultimi anni. Essi hanno sostenuto che quando abbastanza ghiaccio viene perso potrebbe provocare un effetto incontrollato con conseguenze disastrose. "Non diciamo che le preoccupazioni attuali non sono giustificate, ma penso che ci sono fattori che funzioneranno per ritardare l'azione, in relazione ad alcuni dei modelli che ci sono stati in media". I ricercatori sono ora impostati per esaminare il DNA da fossili di orsi polari, per cercare di scoprire come è andata agli animali quando le temperature erano superiori, e c'era molto meno ghiaccio. Dal E

sito a

proposito

web dei

cambi

nella

della ventilazione

BBC. citato

nell'articolo....

Nuova studio trova la banchisa artica fortemente connessa all'attività variabile delle tempeste. JOURNAL

OF

GEOPHYSICAL

RESEARCH,

VOL.

116,

D15105,

10

PP.,

2011

Attività delle tempeste estive collegate agli anormali drammatici cambiamenti interannuali del


ghiaccio James

perenne

nel A.

mare

Artico. et

al.

Estratto: La copertura di ghiaccio marino Artico (settembre) perenne esibisce una grande variabilità interannuale, con cambiamenti di oltre un milione di chilometri quadrati da un anno a quello successivo. Qui esploriamo il ruolo dei cambiamenti nell'attività ciclonica artica e fattori correlati, nella guida di questi cambiamenti pronunciati di anno in anno nella copertura di ghiaccio perenne marina. Forti relazioni si sono rivelate tra i cambiamenti del ghiaccio marino a settembre e il numero dei cicloni nella precedente tarda primavera e all'inizio dell'estate.

In particolare, meno cicloni sopra la parte centrale dell'Oceano Artico durante i mesi di maggio, giugno e luglio sembrano favorire una zona di ghiaccio marino basso alla fine della stagione di fusione. Anni con grandi perdite dei ghiacci marini sono caratterizzate da distribuzioni cicloniche anormali: manca al massimo la normale attività ciclonica sopra l'Oceano Artico centrale, e i cicloni che partono dall'Eurasia in Artico centrale sono in gran parte assenti.

Meno tempeste sono associate con pressione al livello del mare al di sopra della media, venti anticiclonici rafforzati, un'intensificazione del flusso della corrente transpolare e copertura nuvolosa ridotta, tutti elementi favorevoli alla fusione dei ghiacci. Si è anche dimostrato che un rafforzamento del ciclone artico centrale conserva la copertura del ghiaccio, sebbene l'associazione sia più debole di quella fra attività bassa del ciclone e banchisa in riduzione.


I risultati suggeriscono che le modifiche nell'occorrenza ciclonica durante la tarda primavera e all'inizio dell'estate hanno precondizionamenti sugli effetti della copertura del ghiaccio marino, ed esercitano una forte influenza sull'importo della banchisa che sopravvive alla stagione di fusione. Paolo Lui.

Artico, il "punto di non ritorno" non può essere raggiunto...  

Artico, il "punto di non ritorno" non può essere raggiunto...