Page 1

Natale 2009

Anno 2009 N° 77

N

Settembre — Ottobre 2009

e felice anno nuovo

to numero: A, Nicola Mario GARZARELLI MENABUE, Lorenzo NAVONE, ro SCIUTTO.

I NOSTRI PRIMI QUARANT’AN

La nostra Associazione è stata costituita il 27 marzo 1969. Ha quindi compiuto quarant’ bre 2009, nella sede di Via Peschiera. Ci sembra doveroso ed opportuno pubblicare qui l’albo dei Presidenti, dal quale, ad in possano ricavare sereni (e forse … struggenti) ricordi e sicuramente, l’incitamento a prosegu

Redazione ed amministrazione: c/o Gruppo Lavoratori Anziani del Comune di Genova Via Peschiera, 3 canc. - 16122 Genova Tel. e Fax 010 814775 Periodico bimestrale n ° 77 Anno 2009 Stampato in proprio.

ppo Lavoratori Anziani - Comune di Genova

Dal

Al

1969

1973

1973

Presidenti

Dal

Al

Dott. G.B. Canepa

1988

1990

Geom.

1976

Dott. Rodolfo Cardinale

1991

2008

Comm.

1977

1987

Comm. Nicolao Bo

2009

1987

1988

Avv. Ivo Maria Grippaudo

Rag. Co

Si diceva dell’incitamento a proseguire. Stiamo superando come Associazione il momen rimangono senza casa. Sapevamo di dover lasciare la vecchia sede di Via Peschiera, ma non la nuova sede. Ci rattristava la mente la dura e sarcastica raffigurazione di Leo Longanesi: “E stinta in pugno, in un vicolo chiuso, che sarà demolito dal piano regolatore”. Ed invece ci conforta sapere che con il nuovo anno la nostra Associazione risiederà nei l co n. 15 (dal Mercato Orientale), per i quali sono già stati studiati e presentati progetti di agg zione sta recando impulso ad altre novità. Innanzi tutto è in corso di aggiornamento lo statuto che – a breve – un’assemblea straord a dibattere e votare. Abbiamo bisogno di rivitalizzarci perché, come si suol dire, la vita comi stia ormai maturando l’occasione per la ripresa e l’adattamento di una progettazione di attivi che e da strutturare in modo analitico. Cosicché possa risorgere concretamente l’interesse associativo tra i colleghi in servizio comunali). Accasati nella nuova sede, riprendiamo tra noi il dialogo con spirito costrutti dell’Arcivescovo di Varsavia Kazimiierz NYCZ: “L’analisi del passato non dovrebbe esse ma un’opportunità per la riconciliazione”. IL COM

Gruppo Lavoratori Anziani - Comune di G


OLAZIONI FISCALI PER LE FAMIGLIE

il risparmio energetico

Agevolazioni per la casa

el riconoscimento di una detraura del 55% sino al 2010 sulle

I contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale, stipulati o rinnovati ai sensi della legge 9 dicembre 1998 n. 431, possono usufruire di una nuova detrazione IRPEF variabile a seconda del reddito complessivo: fino a 15.493,71 euro 300,00 oltre 15.493,71 e fino a 30.987,41 euro 150,00

tica di edifici esistenti, fino ad azione di 100.000 euro (tetto); oprietà anche parziale (pareti, si, su edifici esistenti), fino ad azione di euro 60.000; olari fino a 60.000 euro; climatizzazione invernale nei i impianti dotati di caldaie a 000 euro. per fruire della detrazione

detrazione può essere ripartita nuali di pari importo non infeori a 10;

ESSERE EFFETTUATO EON BONIFICO BANCARIO

on l’esclusione degli intervenente) la certificazione energetito di qualificazione energetica

inestre compresi gli infissi in di proprietà anche parziale e nelli solari, NON E’ NECESCAZIONE ENERGETICA estato di qualificazione energe-

el 55% spetta anche per le spee di impianti di climatizzaziocalore ad alta efficienza e con ssa entalpia, a condizione che nella sostituzione integrale . Se la pompa di calore viene per integrare l'impianto esistenarziale la detrazione non è amgenzia delle Entrate n. 458/E

Restano in vigore le altre detrazioni IRPEF già previste: Contratto a canone concordato fino a 15.493,71 euro 495,80 oltre 15,493,71 e fino a 30.987,41 euro 247,90

Detrazione IRPEF per interessi passivi sui mutui

Il 10.12.1959 riceve il premio Nobel per la Letteratura su

Ma, soprattutto, la reazione a

candidatura proposta da Flora e Bo. Il 14 giugno 1968 muore ad

varia origine (sempre in aggua

Amalfi e viene sepolto nel famedio del cimitero di Milano.

l’innovazione) ha favorito la r

Ma cosa fu ed è l’ermetismo?

lata

Una tendenza letteraria italiana dagli anni ’30. Si definì,

consuetudine con i classici. Ed

allora, come “poesia pura”, essenziale. Via via comparsa dopo

si persegue l’ideale di una poe

Pascoli e D’Annunzio. Da subito venne però criticata perché sem-

spirito. Mai dimentica del passa

brava affidarsi più all’elaborazione tecnica che all’ispirazione. Più

Proprio per questo mi s

alle pause ed “illuminazioni” che alla strofa ed al canto disteso.

l’ultima parte della poesia ded

Più alla suggestione fonica della parola che al suo significato

negli anni imperiesi:

diretto.

―… Anche lungo il mare/ ava

Ne diede tuttavia una spiegazione più attenta lo stesso Vit-

misurato è il gesto/ di chi na

torini: “L’ermetismo è una poesia per eliminazione. Si realizza

Ma se il ligure/ alza una man

assottigliandosi, alleggerendosi. Finalmente, distaccandosi da

zia./ Carico della pazienza/ d

A decorrere dal 1° gennaio 2008 è stato aumentato da 3.615,20 euro a 4.000,00 euro l’importo massimo sul quale è possibile calcolare la detrazione IRPEF del 19 per cento per gli interessi passivi e relativi oneri accessori pagati relativamente ai mutui garantiti da ipoteca su immobili contratti per l’acquisto 1a casa.

qualcosa che la imprigionava”, così trovando il suo spazio.

stezza. E sempre il navigatore

Quella impostazione correva però il rischio già rilevato (―Ars poetica‖, 25) da Orazio: “Brevis esse laboro, obscurus

sue case per crescere la terr acque‖.

fio” (= Mi studio di essere breve, divento oscuro). Come ovviare?

Non sfugge certo ai l

Con parole e concetti di tale intensità da renderli sorprendenti e

―sempre il navigatore spinge

Detrazione per l’intermediazione immobiliare

incancellabili. L’ermetismo, quindi, rinnova dall’intimo il lin-

se‖. Ce lo ricordano i ripascim

Dal 1° gennaio 2007 è possibile detrarre dall’IRPEF il 19% degli oneri sostenuti per compensi corrisposti agli intermediari immobiliari per l’acquisto della proprietà o dell’usufrutto dell’abitazione principale.

guaggio poetico, allontanandolo dalla intonazione oratoria di certa

dei moli, pennelli e dighe for

poetica italiana. Ed evita, nel contempo, di scadere nella sciatta

progetto per la costruzione di

discorsività di altre correnti dell’epoca (crepuscolari, scapigliati,

spostare l’aeroporto genovese

ecc.).

zo Piano”).

Iscrizioni ed abbonamenti a strutture sportive Dal 2007 è possibile fruire di una detrazione di imposta per le spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine nella misura del 19% su un importo non superiore a 210,00 euro, per le spese sostenute per ciascun ragazzo (figlio od altro familiare a carico), di età compresa tra i 5 ed i 18 anni.

Lorenzo Navone

GRAZIE FRANCO Un doveroso e sentito ringraziamento lo dobbiamo al socio Franco De Barbieri, che nell’incontro del 4 giugno u.s., ci ha deliziato con la lettura di due dei suoi bellissimi componimenti. Una poesia in dialetto genovese in cui ha trattato con infinita maestria il tema dell’antipatia.

Il breve, ma intenso di vita vissuta durante il su no. La sua vena poetica è da sensibilità e sconvolgent gabile di vero talento.

Per chiarimenti in merito, telefonare al numero 349 6625716 - Lorenzo Navone

FESTA DEGLI AUGURI

a lettera in allegato, quest’anno la Festa degli Auguri sarà effettuata insieme alla Festa del OVEDI’ 10 DICEMBRE alle ore 15.30, nella sede di Via Peschiera. Nell’occasione, oltre mente allo scambio degli auguri di buone feste, ad ogni Socio verrà offerto un dolce dono.

po Lavoratori Anziani - Comune di Genova

BENTORNATO ALBERTO !

Il collega Alberto Cevasco, dopo vent’anni, si è reiscritto al Siamo lieti di riabbracciare il “Figliol Prodigo” e di riaverlo nuovamen

La Red

Gruppo Lavoratori Anziani - Comune di Geno


Valore

CIAO NANDA, TI VOGLIAMO BENE

sidero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca. Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle. dero valore il vino finché dura il pasto, un sorriso involontario, anchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano. Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello che oggi vale poco. Considero valore tutte le ferite. nsidero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe, tacere in tempo, accorrere a un grido, rmesso prima di sedersi, provare gratitudine senza ricordare di che. Considero valore sapere in una stanza dove è il nord, qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato. dero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca, la pazienza del condannato, qualunque colpa sia. ro valore l’uso del verbo AMARE e l’ipotesi che esista un creatore. Molti di questi valori non ho conosciuto. Erri De Luca – “Opere sull’acqua” – Einaudi 2002

…. il Valore dell’associazione

queste profonde verità Erri de Luca ha dimenticato, a mio avviso, un importante e insieme, condividendo ore di serenità e riuscendo ad accantonare anche solo per giorno, i turbamenti, le afflizioni ed i problemi che attanagliano il nostro animo, proprie ansie in un luogo appartato, ameno e tranquillo, lontano dal caos e dagli mpre più il nostro vivere quotidiano.

i piccole e semplici cose quali un’amicizia condivisa, un affetto spontaneo e sincen rimangano soltanto aneliti dello spirito ma divengano realtà tangibili e concrete prirli in noi stessi, facendo rivivere quel “fanciullino” di pascoliana memoria che o dentro di sé, un fanciullo affamato d’amore, d’amicizia e di scambio reciproco il ed alla vita è ancora in grado di spalancare i propri occhioni mentre le sue labbra lioso, innocente ed incessante: “Ohh …!”.

iò si avvererà, tali valori espanderanno la loro intrinseca forza ed energia dall’io al che scagliato sulla superficie di uno specchio d’acqua, genera una piccola onda a espande il suo diametro sempre più andando fin quasi a lambire le sponde

La nostra collega Fernanda Merli ci ha lasciato. Sicuri di

piano) che, appassionato com’

interpretare il sentimento di tutti i soci, ci stringiamo all’amico

per approfittare della splendida

Giovanni Sardi e, con tutto l’affetto, partecipiamo al suo lutto,

che scoprii l’ufficio di Nanda,

impegnandoci a non fargli mai mancare il nostro sostegno mora-

sole: dalle finestre si spaziava

le e ricordandogli che nell’Associazione troverà sempre un con-

mare e dalla porta-finestra si en

forto e tutta l’amicizia che si è conquistato in tanti anni di attiva,

per cui il palazzo era famoso

seria e professionale collaborazione.

curati ed erano un vero spettac

L’Ufficio di Nanda (ricordi di una ex della Contabilità

Ci trovammo circondate di gro

del Personale) – Sono stata collega di Nanda solo per cinque

lega-fotografo pensò bene di f

anni. La nostra Ripartizione a quel tempo si era spostata da poco

mento indimenticabile. Indimen

nel palazzo dell’Albini ed occupava uffici al sesto, al settimo e

della natura, ma anche perché f

all’ottavo piano dove ce n’era uno solo: il suo. Per vederla oc-

ebbi modo finalmente di cono

correva andare apposta nel suo ufficio, ma il lavoro che mi era

rono altre e di Nanda mi fu po

stato assegnato non me ne offriva l’occasione, quindi mi capita-

tà, l’interesse per gli altri, la pr

va di incontrarla raramente, solo quando scendeva al sesto piano.

dopo seppi che si era sposata

E quando entrava nei nostri uffici (più tardi nel grande “salone”)

Giovanni Sardi, che proprio in

era tutto un rincorrersi di saluti, di battute spiritose a cui lei, con

tenza e con una pazienza olim

altrettanta ironia, sapeva tener testa. Aveva un portamento fiero,

piegati addetti agli stipendi (q

la voce ben impostata e arrotava la “r” alla francese in maniera

Centro Meccanografico, primo

deliziosa, ma, dal punto di vista professionale, parlava di cose

ne.

che io ancora non conoscevo, quindi rimanevo un po’ in disparte

Ho ripreso in mano quelle foto

e, anche se non mancava mai di informarsi sui miei studi, devo

in poi, quando penserò a Nan

confessare che mi faceva un po’ soggezione. Poi un giorno due

cielo terso, in un giardino pens

colleghe si offrirono di accompagnarmi a vedere l’ufficio di

te.

Nanda e le seguii. Vi trovammo un collega (anche lui del sesto

ADDIO AD UN AMICO Nel luglio scorso è mancato l’amico e collega Alfonso

Caro Alfonso, hai com

Trepiccione. Uomo di una esemplare fede religiosa che lo aiutò a

stro pensionamento: ricordi quan

sopportare con dignità lunghi periodi di avversità che avrebbero

occasioni di divertimento se non h

senz’altro messo a dura prova l’equilibrio psico-fisico di qualsiasi

e alla nostra Associazione se i singoli “sassetti” scagliati al suo interno recheranno l bene comune, della convivialità partecipata ed entusiasta, della felicità nel condigno al fine di prender un po’, anche sulle proprie spalle, le ansie altrui: attraverso iato avrà modo di sentirsi parte integrante, viva e partecipe di un tutto e ciò sicuraon funzionamento dell’intera associazione sia al singolo, il quale membro di una glia potrà avanzare e portare avanti progetti, azioni e perché no ..... sogni, rice di chi opera, non soltanto col cervello ma anche con il cuore. V. N.

po Lavoratori Anziani - Comune di Genova

altra persona.

Ormai non ho più speran telefono!

Caro Alfonso, nel corso del nostro lungo rapporto di la-

Mi sono accorto che pe

voro e di amicizia ho potuto constatare, in più di una occasione, la

Alfonso, prima mi piaceva chiam

tua disponibilità nell’aiutare il prossimo, fosse egli un amico o

che persino il cognome hai “sgram

semplicemente un conoscente. In questo momento mi vengono in mente tante di quelle pseudo-offese che ci scambiavamo a tavola durante i pasti in tratto-

Addio, vecchio amico, s

darti un caro abbraccio e per cont solito spirito goliardico.

ria.

Gruppo Lavoratori Anziani - Comune di G


2

Fiocchi rosa e fiocco azzurro (LIETI EVENTI 2009)

cono d’ oMBra Nel 1930 il cognato può così introdurlo nell’ambiente let-

l poeta Salvatore Quasimodo

bel. Era nato a Modica (Ragusa)

terario fiorentino. Vi conosce Loria, Montale, Bonsanti.

capostazione delle ferrovie, era

Proprio quest’ultimo gli apre le porte della rivista

iorni successivi al terremoto del

―Solaria‖ che gli édita il volume ―Acque e terre‖, recensito con grandi consensi.

e Reggio Calabria alle ore 5,20

Nel 1931 viene trasferito al Genio Civile di Imperia. A

,5. Oltre alla scossa – che causò

Genova stringe amicizia con Barile, Grande e Sbarbaro che lo fa

che gli incendi ed un devastante

collaborare alla rivista ―Circoli‖, con la quale pubblicherà nel

morti: il 40% della popolazione

1932 ―Òboe sommerso‖. L’opera, nell’ambiente letterario del

di Reggio Calabria.

tempo, viene indicata come uno dei manifesti dell’ermetismo poe-

abitò a lungo in un carro merci

tico.

a distrutta stazione di Messina. Il

Lavora nel 1934 al Genio Civile di Milano e matura di

mpre il ricordo delle macerie e

dedicarsi completamente alle lettere. Si dimette nel 1938 dal Ge-

li sorpresi a rubare. Trasferirà,

nio Civile ed entra come redattore nel settimanale ―Il Tempo‖.

nso di primo giorno dopo il dilu-

Collabora in vario modo con Cesare Zavattini. Nel 39-40 traduce i

appena emersa dalle acque e su

LIRICI GRECI (frammenti da opere antiche) con consenso di

he uno strazio di uccelli mari-

pubblico, ma non accademico. Per i tradizionalisti si trattava sol-

o nel 1932 ―Òboe sommerso‖

tanto di una traduzione. Quando invece, con freschezza giovanile,

voro”).

coglieva lo spirito ellenico, staccandosi dalla piatta monotonia

ompie gli studi medio-superiori.

scolastica del tempo.

crive alla Facoltà di Agraria. Le

Nel 1941 ottiene per chiara fama la cattedra di Letteratura

e lo costringono a svariati lavori

Italiana al Conservatorio di Milano. La manterrà sino alla morte

gato alla Rinascente) e non rie-

nel 1968. Finalmente, nel 1942, esce ―ED È SUBITO SERA‖:

re libere e di notte lo studio del

raccolta definitiva delle sue poesie.

blica qualche poesia in periodici

Durante la guerra civile (1943-45), che ci torturò all’interno dell’ultimo periodo della 2^ Guerra Mondiale, traduce

L.PP. lo assume come geometra

il Vangelo di San Giovanni, brani di Odissea ed alcuni Canti del

i Reggio Calabria. Per risolvere

mio amato Catullo (poeta lirico latino). Nel dopoguerra scrive

é “Carmina non dant panem” (=

ancora (―Giorno dopo giorno‖ – ―La vita non è sogno‖ – Il

e poesie e, incoraggiato dal co-

la sorella), le raccoglie nel 1929

falso ed il vero verde‖), ma la vena è affievolita. È però l’epoca dei “fasti”. Viene tradotto e premiato ovunque. Premi: Taormina, Viareggio. Lauree: Messina e Oxford.

‖.

ppo Lavoratori Anziani-Comune di Genova

Il nostro socio Vincenzo Zucca, consigliere delegato al volontariato, è diventato di nuovo nonno, nel mese di maggio di una bella bimba di nome Viola così pure il nostro socio Giorgio Jaffe, consigliere delegato alla parte tecnica, è diventato di nuovo nonno nel mese di luglio di un’altra bella bambina di nome Giovanna.

Anche il nostro neo Presidente di luglio è diventato per la seco maschietto di nome Luca. Felicitazioni ed auguri dente, ai Soci consiglieri ed a della Redazione!

°°°°°°******°°°°°°

L’ANGOLO DEI CONSIGLI Riservato a chi ama Genova ed è appassionato della storia del nostro Risorgimento:

―COSÌ SCRIVEVANO I N

―GENOVA ALL’APERTO:

Lettere, autografi e curiosità Risorgimento: Mazzini, Gariba

l’arredo urbano di fine Ottocento tra realtà e progetti”

OVVIAMENTE LE NOST

MOSTRA ORGAN MOSTRA ORGANIZZATA DALLO ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI GENOVA Palazzo Ducale, entrata da Piazza De Ferrari, primo ascensore a destra. La Mostra resterà aperta al pubblico dal 22 Ottobre 2009 al 26 febbraio 2010 nei seguenti giorni: martedì, mercoledì, giovedì dalle ore 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17 e venerdì dalle 9 alle 12,30. Ingresso gratuito.

MUSEO DEL RIS

Casa di Mazzini, Vi

La Mostra resterà aperta al 2009 al 27 Febbraio 2010 co martedì a venerdì, dalle ore 9 alle 19. Ingresso gratuito.

°°°°°°°°°°°°******°°°°°°°°°°°°

Abbiamo chiesto alle amiche della Commissione Cultura di inaugurare questo nuovo spazio, ma, dato che sono un po’ “fanatiche”, se non ci date una mano, continueranno a consigliarci Mostre, Musei e Conferenze. Chissà quanti preziosi consigli ciascuno di voi potrebbe condividere con gli amici del Gruppo !!!!! Su quali argomenti??? Siete assolutamente liberi ….. vi va l’arte culinaria? o il risparmio energetico, l’ultimo film che avete visto, la cura degli animali domestici …. e che ne dite di qualche consiglio per togliere le macchie dal bucato?

Graditissimo come il ca E ci sarebbe anche da na sul funzionamento del mo come mantenerla sempre eff piccoli elettrodomestici … benissimo ….. prendete carta per darci la vostra collabora

Gruppo Lavoratori Anziani-Comune di Ge

noti  

notiziere gruppo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you