Page 9

La vittoria a Houston lo scorso aprile

Il team al completo

ragazze (Beatrice Ligozzi, Camilla Salvagno, Maddalena Zuccato) e cinque ragazzi (Alessio Montignani, Filippo Oliosi, Paolo Venturini, Pietro Formenti e Pietro Fornalè). Tra loro le passioni sono varie: vanno dalla musica alla robotica, passando per l’informatica (uno di loro ha svolto l’alternanza scuola-lavoro al Cern di Ginevra) ma hanno trovato piena e completa sintesi in Wemit, la lavatrice spaziale che li ha fatti atterrare sulle stelle (e strisce) degli USA. Una bella lezione per la scuola italiana con a “S” maiuscola, spesso accusata di mancare l’appuntamento con il futuro. L’Istituto Don Bosco ha intonato, con la vittoria oltreoceano, il suo controcanto: «L’innovazione può partire dai banchi di scuola. Contiamo di continuare a lavorare sulla robotica, rafforzandola e creando un progetto specifico che si sta aprendo con diverse opportunità di collaborazione proprio sul territorio, con le aziende» spiega il preside dell’Istituto Michele Lauriola. Ora, per questi ragazzi i sogni si intersecano: il primo in ordine di tempo, si compirà il 30 giugno in California all’appuntamento con il Global Innovation Award visto che, in parallelo con la sfida di Houston, sono pure finiti nel novero dei venti migliori progetti scientifici mondiali. Sotto il sole americano si confronteranno con 19 squadre di avversari per ottenere il podio e i 20mila dollari che ne conseguono. Da lì tutto comincerà: il brevetto, gli sponsor, la realizzazione di quella lavatrice nata tra i banchi di scuola che, forse, un giorno useremo tutti.■ 9

Profile for Pantheon Verona Network

Pantheon 101 - Ragazzi spaziali  

In copertina l'invenzione spaziale di otto studenti veronesi: con una lavatrice per astronauti hanno vinto i Mondiali di Robotica, ora li as...

Pantheon 101 - Ragazzi spaziali  

In copertina l'invenzione spaziale di otto studenti veronesi: con una lavatrice per astronauti hanno vinto i Mondiali di Robotica, ora li as...

Advertisement