Page 1

Poste Italiane S.P.A. - Sped. in A.P. 70% LO/MI - in caso di mancato recapito inviare al CMP di Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resi ANNO VII - N°5 OTTOBRE/NOVEMBRE 2021

BEAUTY

FATTURATI 2020

LE TOP AZIENDE ITALIANE

COVER BY LAURA BERGER

MAGAZINE ATTUALITÀ Cosmesi digital

e in scatola FENOMENI L’uomo trendy

si smalta le unghie

REPORTAGE

Le fiere superano la prova

PRODOTTI Beauty routine: più forza alla pelle


EDITORIALE

Profumerie in cerca della ‘febbre’ online di David Pambianco L’attuale situazione delle profumerie italiane è un esempio tangibile di quanto il successo di un canale distributivo sia oramai strettamente connesso ai comportamenti del consumatore. A livello mondiale, infatti, i dati raccontano di come il periodo della pandemia abbia scatenato una sorta di ‘febbre’ da fragranza. In alcuni mercati, si parla di ‘voglia di profumi’ per indicare come lo sviluppo di questa tipologia di prodotto cosmetico abbia superato quella di ogni altra categoria del settore bellezza. In Italia, al contrario, questa ‘voglia’ non si è proprio manifestata, anzi. La ‘febbre profumatoria’ ha contagiato sia l’Asia, che soprattutto, gli Stati Uniti, dove gli operatori sono rimasti quasi spiazzati dalla corsa alle fragranze (più 45% nel 2020), tanto da compararle ai rossetti e al famoso lipstick index, monitorato da tempo da imprese e sociologi, per capacità di diffusione tra la popolazione, in qualità di termometro del mood del mercato. Questo trend, tuttavia, in Italia non sembra essersi manifestato. Al contrario, se fino al 2019 i profumi hanno mantenuto la via della crescita nonostante i prezzi costantemente in aumento, il 2020 è stato il primo anno di contrazione del mercato in oltre un decennio, con un calo del 12,8 per cento. La chiave di lettura di questa anomalia è legata al particolare sistema distributivo italiano: la vendita delle fragranze ha sempre avuto un perno nella vasta e ramificata presenza di profumerie sul territorio. Questa struttura distributiva italiana (e, in una certa misura, francese) non solo ha pagato un salato conto ‘diretto’ al Covid, dovuto alle chiusure dei negozi. Ma ha anche pagato un salato conto ‘indiretto’, ossia l’impreparazione strutturale e culturale al commercio elettronico. Le profumerie fisiche, infatti, sono state un baluardo contro l’esplorazione digitale degli stessi brand, timorosi di avviare un processo di cannibalizzazione tra canali. Evidentemente il periodo pandemico ha ora cambiato le cose. Sono molteplici i casi di spostamento digitale degli sforzi di marketing (tra i più emblematici, quello annunciato da Bulgari), così come sono evidenti i percorsi di riassetto sul fronte negozi, a cominciare dal consistente numero di chiusure progettato da Douglas. Del resto, il consumatore sembra ormai indirizzato. Perciò, la strada delle profumerie sembra a sua volta indirizzata al consolidamento, verso le catene o i consorzi. Insomma, strutture che possano garantire forza negoziale verso i brand, ma anche la necessaria visibilità. E non solo nelle strade fisiche, bensì, e forse soprattutto, nelle ormai sovraffollate strade digitali.

4 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


SOMMARIO 10

NEWS DALL’ITALIA

16

NEWS DAL MONDO

25

DOSSIER Aziende Beauty, le top del 2020

26 Nel 2020 frena la bellezza italiana

30 Le estere soffrono. Cresce Yves Rocher

36

40

48

INTERVISTA Clinique, Aveda e Naïma in Missione Beauty SCENARI Cosmesi digital e in scatola

FENOMENI L’uomo trendy ha lo smalto sulle unghie

72

NEWS GIRO POLTRONE

74

NON SOLO BUSINESS

25 DOSSIER

AZIENDE BEAUTY, LE TOP 2020

La pandemia ha lasciato il segno anche nella bellezza. In base allo studio Pambianco sui fatturati dell’anno scorso, le principali aziende italiane e le filiali estere hanno mostrato un arresto delle vendite, con percentuali in calo anche a doppia cifra.

40

6 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

48

SCENARI

FENOMENI

COSMESI DIGITAL E IN SCATOLA

L’UOMO SI SMALTA LE UNGHIE

Complice la pandemia e lo sviluppo digitale cresce il mercato delle box a domicilio.

Smalto e nail art sulle unghie degli uomini. Da Fedez ad Achille Lauro questa è la nuova tendenza.


SOMMARIO

77

In copertina

WHAT’S NEW?

78 SKINCARE

78 Più forza alla pelle

85 Eye zone

88 Momenti di puro benessere

90 Mani da accarezzare

79 MAKE-UP

79 L’incarnato perfetto

80

FRAGRANZE

80 For Him

82 For Her

Laura Berger Two Women With Flowers Olio su tela, 20x20 cm Courtesy of the artist Cover story pag. 92

Questa rivista è stampata con inchiostri cobal free e priva di oli minerali

...ogni giorno sul web www.beauty.pambianconews.com

BEAUTYNEWS OSSERVATORIO SUL MERCATO

I dati dei consumi nelle notizie quotidiane sul sito 8 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

PARLANO LE AZIENDE

Aurino (Puig): “Nel 1°semestre 2021 ritorno a livelli pre-Covid”

SCARICA LA APP DI PAMBIANCONEWS


ITALIA

SKINLABO CHIUDE ROUND DI INVESTIMENTO DA 9,1 MLN

S

kinLabo, il brand che ha come mission quella di rendere la cosmetica di alta qualità accessibile a tutti, ha appena chiuso un nuovo round di investimento da 9.1 milioni di euro. Il brand, che dalla fine del 2016 ad oggi ha già raccolto quasi 17 milioni di euro, oggi è presente in tutta Europa con 20 store online dedicati in 15 lingue differenti e vanta numeri in continua crescita. Oltre 900 mila clienti attivi che oggi crescono al ritmo di 70 mila al mese, con una previsione di fatturato di 15 milioni per il 2021 e di oltre 1 milione di clienti in database. Tra i nuovi soci di SkinLabo ci sono il lead investor del round Vertis, SGR attiva nella gestione di fondi di private equity e venture capital, Immobiliare. it e Angelomario Moratti, attivo, tramite la holding Seven Investments, in investimenti in realtà digitali ed innovative nel panorama italiano ed internazionale. “Siamo orgogliosi che abbiano partecipato al round prestigiosi attori del venture capital italiano ed internazionale - ha dichiarato Angelo Muratore, CEO e Founder di SkinLabo - tra i quali con soddisfazione ringraziamo Vertis, Immobiliare.it e Angelomario Moratti. Grazie al loro supporto saremo ancora più determinati nel raggiungimento degli obiettivi del nostro piano industriale che prevede a fine 2025 di superare i 100 milioni di fatturato”.

10 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

BELÉN FA IL BIS CON DIEGO DALLA PALMA Belén Rodriguez e Diego dalla Palma Milano confermano la loro partnership e presentano, per il secondo anno consecutivo, il lancio della nuova Beauty Collection in limited edition. Dopo il successo dello scorso anno, che ha registrato il sold-out della collezione dopo soli pochi giorni dal lancio, è stata riconfermata la collaborazione con una nuova Capusle Collection nata dalla speciale sinergia dell’estro creativo di Belén e della forte e consolidata expertise professionale di Diego dalla Palma Milano.

Belén Rodriguez

GAM COSMETICS INCASSA 100MILA EURO Gam Cosmetics, startup specializzata nella cosmetica professionale per capelli, ha chiuso un round da 100mila euro che servirà per finanziare il lancio e lo sviluppo del suo marchio proprietario meOro, con l’obiettivo di raggiungere i 4 milioni di euro di ricavi nel 2024, circa 10 volte quelli del 2020. L’aumento di capitale e il lancio di meOro rappresenta un cambio di passo per Gam Cosmetics, nata inizialmente come distributore europeo di prodotti per capelli di alta gamma, soprattutto brasiliani, destinati al segmento dei parrucchieri, ora entra sul mercato con un proprio brand che sarà distribuito anche in profumeria, in farmacia e online, sulla piattaforma di ecommerce della stessa Gam Cosmetics.

PER BAKEL L’IMMAGINE È SEMPRE PIÙ INCLUSIVA Bakel ha presentato la nuova campagna di comunicazione a Cosmofarma con un messaggio che parla di inclusione e diversità – Be(auty) Conscious – con la volontà di escludere i pregiudizi e si è aggiudicata il premio Innovation & Research. A descrivere il concetto, l’utilizzo della parola consapevolezza, come condizione in cui la cognizione è interiore, profonda e capace di armonizzarsi con l’estetica della persona, in una versione coerente, non forzata da cliché o etichette. “Sviluppare un nuovo concetto di bellezza consapevole è ciò che desideriamo realizzare in Bakel – conferma la fondatrice Raffaella Gregoris – e vogliamo affermare il concetto di bellezza che non si riconosce nella perfezione, ma nella consapevolezza di apprezzare la propria estetica”.


ITALIA

LABOMAR ACQUISISCE UN ALTRO 17,6% IN LABIOTRE Labomar, azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionale, ha acquisito un ulteriore 17,6% del capitale di Labiotre, portando così la propria partecipazione complessiva nella società, specializzata nella produzione di estratti vegetali, dal 31,2% al 48,8 per cento. Nel dettaglio Labomar ha rilevato il 10% posseduto in Labiotre da Difass International e il 7,6% da Previfarma, esercitando il diritto d’opzione già esistente tra le parti.

L’operazione ha un valore complessivo pari a 1,2 milioni di euro. Labiotre è una società fondata nel 2011 in Toscana in località Tavarnelle Val di Pesa, nel cuore del Chianti, e produce estratti vegetali con tecniche innovative, titolati in principi attivi a documentata azione fisiologica. Labiotre ha chiuso l’esercizio 2020 con un fatturato pari a 6,1 milioni di euro, un ebitda pari a 1 milione di euro e un utile netto di 426 mila euro.

NASCE IL NUOVO BRAND DI SKINCARE YOUBE

Daniela Maffoni

Grande esordio per yoUBe #privateskin. Il brand ha lanciato infatti, i primi 3 prodotti della linea di skincare che rispondono a esigenze di inclusività e di sostenibilità, con ingredienti di origine naturale. “Da anni – rivela durante la sua presentazione la mente del progetto Daniela Maffoni – lavoro nel mondo della produzione cosmetica e con un team di esperti abbiamo progettato prodotti di successo. Era arrivato il momento di tirare fuori dal cassetto un mio sogno: un brand cosmetico che rispondesse ad alte aspettative e si distinguesse

per qualità e performance. Era arrivato il momento di far vedere il nostro ca livello di qualità firmando un progetto a marchio”. Il progetto prevede la vendita diretta tramite sito internet dedicato youbecosmetics.com che è stato aperto proprio durante l’evento. “I social media – prosegue Maffoni – saranno la finestra di dialogo e una community con il consumatore finale. Il mercato e-commerce sarà supportato da una strategia di comunicazione digitale con l’agenzia The Blonde Salad, e sostenuta dall’influencer Francesca Ferragni“.

Arval si veste di un nuovo logo

Intercos torna a parlare di IPO (per la terza volta)

A partire dal mese di settembre Arval si veste con un nuovo logo. La casa cosmetica ha deciso infatti di rinnovare il proprio logo aziendale e anche il packaging dei suoi prodotti. “Durante il corso di tutta la nostra storia, a partire dagli anni ‘50 – commenta una nota di Arval – sono stati creati loghi diversi ma con un unico registro visivo della storia dell’azienda, riflesso di tradizioni e di valori. Il nuovo logo, non abbandona le proprie radici, rappresenta un altro passo avanti per affermare in chiave più moderna la nostra identità, un’importante continuità dell’immagine che non smarrisce il consumatore ma assicura una forte riconoscibilità”.

Tornano a circolare sul mercato le voci di un possibile sbarco in Borsa di Intercos, produttore italiano di cosmetici in conto terzi. Secondo alcune fonti riportate da Reuters, Dario Ferrari presidente, CEO e primo azionista con il 44%, insieme agli altri azionisti di Intercos, cioè L Catterton (34%), il fondo pensione canadese Ontario Teachers (21%) e il fondo GIC di Singapore sarebbero al lavoro con le banche per collocare in Borsa (probabilmente tra ottobre e novembre) una quota di circa il 50% della società. Secondo quanto riporta BeBeez non si sa ancora se a titolo di vendita o se ci sarà anche un aumento di capitale. Non è certo la prima volta che il gruppo brianzolo cerca di sbarcare a Piazza Affari. Il primo tentativo fu a ottobre 2014 e il secondo tentativo, sempre a ottobre del 2019 che andò in fumo a causa dello scoppio della pandemia.

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 11


ITALIA

Culti Milano, vendite in salita a 9 mln di euro

Portobello Capital compra il 100% di Farmol Il private equity spagnolo Portobello Capital ha acquisito il 100% di Farmol, azienda bergamasca di prodotti per la cosmetica, l’igiene personale e la farmaceutica. A vendere sono stati il fondo Green Arrow Private Equity Fund 3, gestito da Green Arrow Capital sgr, che possedeva il 70% del capitale, e la famiglia Innocenti (tramite Old Mill Holding). Fondata nel 1946, con sede a Comun Nuovo (Bergamo), Farmol impiega circa 700 persone e opera attraverso sei stabilimenti produttivi situati in Italia, Ungheria, Slovacchia e Tunisia, con una capacità produttiva annuale di circa 500 milioni di unità. Nel 2020, Farmol ha fatturato più di 110 milioni di euro, lanciato diverse nuove soluzioni di prodotto e diversificato ulteriormente il proprio business entrando nel settore dell’healthcare.

Culti Milano, ha generato nel primo semestre chiuso il 30 giugno 2021, vendite complessive per 9 milioni di euro in crescita rispetto ai 4,5 milioni del primo semestre 2020 (che tenevano conto dei valori di Culti Milano Spa e Bakel Srl). L’ebitda consolidato è s tato pari a 1,7 milioni, a fronte di 0,6 milioni del primo semestre 2020. La posizione finanziaria netta è positiva per 2,2 milioni. “E’ una crescita di numeri e di brand awareness – dichiara Pierpaolo Manes amministratore delegato di Culti Milano -. I dati del primo semestre 2021 confermano l’espansione commerciale nel Sud Est Asiatico con nuovi accordi di distribuzione in India e Thailandia per Culti Milano”.

A NATURALIA TANTUM ANCHE NATURAL WAY LABORATORIES Non si ferma la corsa di Naturalia Tantum, il polo delle aziende del Naturale promosso da Assietta Private Equity insieme a Paolo Colonna. Dopo aver acquisito non più tardi di qualche settimana fa dal Gruppo Specchiasol l’azienda Togethair, attiva nel settore tricologico professionale, nei giorni scorsi ha firmato l’accordo per acquisire la Natural Way Laboratories dall’operatore finanziario Ibla Capital. Natural Way Laboratories è un’azienda di Caprino 12 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

Veronese specializzata nello sviluppo, produzione e vendita di integratori alimentari conto terzi in forma solida e liquida. L’azienda ha saputo nel tempo trovare la propria identità e attraverso una continua innovazione di prodotto è riuscita a conquistare una numerica di clienti sempre maggiore. Nel 2021 l’azienda si avvicina a grandi passi a raggiungere l’obiettivo dei 6,5 milioni di euro di fatturato e prospettive di nuovi progetti per il 2022.

SPECCHIASOL RILEVA WELLMICRO Specchiasol, società italiana attiva nella produzione e nella commercializzazione in Italia e all’estero di integratori alimentari a base naturale, ha acquisito una partecipazione di maggioranza dell capitale sociale di Wellmicro, start up operante nel settore della ricerca e dello sviluppo sperimentale nel campo delle biotecnologie. A vendere le quote sono il fondatore e CEO Andrea Castagnetti (25%), Pania Investments (20%) e TD Investments (45%). Wellmicro entra così a far parte del ‘polo degli integratori’, unione di Specchiasol con l’azienda di integratori alimentari Phyto Garda e il produttore e distributore di dispositivi medici, fitoterapici e nutracetici Named, guidato dall’AD di Specchiasol Giuseppe Giorgini.

DR. HAUSCHKA CRESCE CON LO STORE ONLINE Dal mese di settembre le linee naturali di cosmesi e make-up Dr. Hauschka e i trattamenti specifici per la pelle e l’igiene orale Dr. Hauschka Med sono disponibili anche online sul nuovo sito drhauschka.it “Il nuovo shop on line – commenta Paola Baj CEO Wala Italia – è stato progettato per offrire al consumatore un’ulteriore modalità di informazione e d’acquisto per tutte le linee prodotto Dr. Hauschka. Rappresenta infatti un ulteriore importante passo per presidiare in modo coerente e qualitativo la multicanalità, che il consumatore cosmetico ormai oggi si aspetta e che sta alla base della strategia distributiva aziendale. Il sito web fornisce inoltre servizi esclusivi di consulenza personalizzata online, che supportano il consumatore nella scelta dei prodotti più adeguati alla propria condizione di pelle”.


ITALIA

WAKEUP COSMETICS MILANO CRESCE NELL’E-COMMERCE Wakeup Cosmetics Milano aumenta ancora una volta la propria presenza nel digitale, che mai come ora è stato così importante per esprimere e diffondere i valori di un beauty brand che si rivolge ad un pubblico ampio e aperto alle nuove tecnologie. Forte di una sempre più attenta sinergia tra shopping fisico e digital, oggi Wakeup Cosmetics Milano entra nell’e-commerce Douglas Polonia (douglas.pl) e Olanda (douglas.nl).

La collaborazione con il player era già iniziata nel 2020 con la presenza sulla piattaforma italiana Douglas.it, e lo scorso giugno con l’ingresso in Germania (douglas.de), oggi si consolida e apre nuove prospettive. “La presenza e la continua espansione di Wakeup Cosmetics Milano nella piattaforma digitale Douglas – commenta il DG Gianluca De Nicola – è un passo importante per lo sviluppo del brand in Europa”.

INFLUENCER MARKETING, IL 16% DEI CONTENUTI È BEAUTY

Inclusività, sostenibilità e creatività sono le tre parole chiave che hanno caratterizzato in questo ultimo anno il settore del Beauty. Un’industry che ad oggi si colloca al secondo posto dopo il Fashion per investimenti in Influencer Marketing: circa il 16% dei contenuti sponsorizzati, infatti, realizzati dai Creator nel 2020 riguardano la bellezza. Questi sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca condotta da Buzzoole, martech company specializzata in tecnologie e servizi per l’Influencer Marketing. L’analisi si basa su un database di oltre 2 milioni di profili

e 250 milioni di contenuti monitorati a livello globale dalla piattaforma Buzzoole Discovery. In generale, in Italia sono oltre 845.000 i contenuti pubblicati sui social e i creator donne arrivano a quota 77,5%, anche se i creator uomini crescono di anno in anno. Il canale maggiormente utilizzato dai creator è Instagram dove si ritrovano l’87,5% dei post. Scatti patinati, reel, IGTV e IG story sono i format più utilizzati per questo canale. I brand beauty più attivi nel 2020 in Influencer Marketing sono stati Estée Lauder, Maybelline e Avon.

14 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

Gianluca De Nicola

Induplast passa ad Armonia e Azimut Induplast, una delle principali aziende italiane attive nel packaging rigido rivolto ai mercati del personal care, della cosmetica e della farmaceutica è stata acquisita da una cordata formata dai fondi Armònia sgr e Azimut Libera Impresa sgr, con il fondo di private equity Demos 1. Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, infatti, l’intero capitale della società di packaging è stato rilevato dalle famiglie fondatrici e dal fondo Europe Capital Partners VI. Nata come azienda artigianale nel 1958 a opera di Angelo Cortesi e Attilio Leidi, oggi alla sua seconda generazione, Induplast, è diventata una delle principali aziende italiane attive nel packaging rigido rivolto ai mercati del personal care, della cosmetica e della farmaceutica. Le famiglie Cortesi e Leidi hanno ceduto la maggioranza del capitale della holding Induplast Group srl al fondo Europe Capital Partners VI nel giugno 2018.

Fedrigoni cresce nel pack per lacosmetica Fedrigoni sigla una nuova acquisizione ed entra con il 70% nel capitale in una NewCo che produrrà vassoi interni per scatole e astucci di articoli di lusso realizzati totalmente in cellulosa termoformata, biodegradabile ed ecocompatibile, invece della consueta plastica. L’accordo appena firmato è con Tecnoform, che manterrà il restante 30% del capitale, operatore specializzato nella produzione di vassoi, espositori ed elementi interni per il packaging, in plastica e altri materiali, utilizzati in vari settori industriali come la cosmetica, la moda, i giocattoli e il food. È proprio al comparto della cosmesi e dei profumi di alta gamma che inizialmente si rivolgerà la NewCo, spin-off del business di Tecnoform dedicato allo sviluppo di prodotti innovativi per il packaging, in grado di sostituire la plastica con la cellulosa termoformata attraverso una tecnologia proprietaria di lavorazione della polpa di cellulosa e soluzioni certificate e brevettate di confezionamento con forti aspetti di innovazione e di sostenibilità.


MONDO

SHISEIDO CEDE I BRAND MAKEUP A ADVENT INTERNATIONAL

S

hiseido Americas cede i suoi marchi make-up. Ad acquisirli è Advent International, uno dei più grandi investitori di private equity globali, che ha annunciato la firma di un accordo definitivo con Shiseido Americas, in base alla quale una nuova affiliata di Advent, AI Beauty Holdings, acquisirà i tre dei marchi di cosmetici bareMinerals, Buxom e Laura Mercier. I termini della transazione non sono stati resi noti. Al completamento della transazione, Pascal Houdayer, che ha 30 anni di esperienza dirigenziale nel settore della bellezza, ricoprirà il ruolo di amministratore delegato della nuova società. Janet Gurwitch, fondatore ed ex CEO di Laura Mercier, ha lavorato come consulente di Advent sulla transazione e continuerà a consigliare l’azienda e la nuova società. “Crediamo fermamente nei marchi bareMinerals, Buxom e Laura Mercier – ha affermato Tricia Glynn, CEO di Advent – perché sono leader indiscussi nella bellezza prestigeremo e sono ampiamente riconosciuti per la loro qualità, autenticità e innovazione, con prodotti differenziati e clienti affezionati. Siamo entusiasti di collaborare con Pascal come CEO della nuova società per accelerare la crescita di questi marchi continuando a sviluppare prodotti innovativi, espandendoci in nuove categorie e aree geografiche e migliorando il coinvolgimento digitale con i clienti”. 16 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

FIRMENICH ARCHIVIA L’ESERCIZIO A +10,2% Firmenich ha chiuso l’esercizio con un aumento del 10,2% del proprio fatturato, trainato dalle acquisizioni e dalla ripresa delle vendite di profumeria raffinata. Il gruppo nell’anno finanziario 2020/21 terminato a fine giugno, ha registrato infatti, un fatturato di 4,27 miliardi di franchi svizzeri (pari a circa 3,9 miliardi di euro). Escludendo gli effetti valutari, le vendite sono aumentate del 16,8%, tenendo conto delle acquisizioni, rispetto all’anno precedente, con una crescita organica del 4,7 per cento.

A BEAUTY PIE 100 MILIONI DI DOLLARI Il sito di shopping inglese Beauty Pie specializzato in make-up e skincare, ha chiuso un secondo round di investimenti per un totale di 100 milioni di dollari, co-guidato da Index Ventures e dalla società di private equity statunitense Insight Partners. Beauty Pie ha registrato una crescita costante delle vendite durante l’ultimo anno al punto che ha dovuto sospendere la commercializzazione poiché la domanda dei suoi prodotti ha superato l’offerta. Il nuovo finanziamento consentirà di acquistare più spazio di inventario e magazzino.

SEPHORA SI ESPANDE IN MESSICO Sephora punta sul Messico. Il retailer di cosmetici di proprietà di Lvmh, investirà circa 6,4 milioni di euro nella sua espansione retail nel Paese e aprirà cinque negozi entro il 2022. Inoltre, secondo Forbes Mexico, rafforzerà la sua rete e-commerce con un investimento di circa 2,9 milioni di euro inserendo nuove funzioni come la realtà aumentata. Messico e Brasile sono i mercati più importanti per Sephora in America Latina che rafforzerà innanzitutto la sua presenza a Tijuana, la città messicana chiave per l’azienda, oltre a nuove aperture dove non è ancora presente con punti vendita fisici. Sephora prevede di chiudere l’esercizio 2021 con un fatturato simile a quello del 2019, facendo affidamento sull’e-commerce.


DUA LIPA

THE EAU DE PARFUM

YSLBEAUTY.COM

PER INFORMAZIONI, NUMERO VERDE 800-922259.


MONDO

JENNIFER ANISTON SI PREPARA AL LANCIO DI LOLAVIE Jennifer Aniston, ha confermato che lancerà il suo brand beauty LolaVie. “Qualcosa sta per arrivare”, ha scritto l’attrice in post sulla sua pagina Instagram dove ha circa 38 milioni di followers, dove mostra il dietro le quinte di un servizio fotografico per la campagna. L’attrice di Friends ha anche taggato nel post il profilo ufficiale di LolaVie, che al momento ha solo poche immagini. Inoltre secondo i documenti citati da Page Six Style,

nel 2019 sarebbe stata depositata una domanda per registrare il nome LolaVie nel settore face, body lotion, shower gel, candele e prodotti di bellezza. Questa non è la prima volta che Aniston usa il nome LolaVie: il profumo che ha lanciato nel 2010 è stato inizialmente lanciato con lo stesso nome, prima di essere cambiato in ‘Jennifer Aniston’ a seguito di un conflitto con un altro marchio.

INTERPARFUMS, NEL SEMESTRE UTILE NETTO QUINTUPLICATO (+67%)

Interparfums ha chiuso il primo semestre al 30 giugno, con un fatturato di 266,3 milioni di euro, in crescita del 91% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’utile netto si è attestato a 45,7 milioni di euro. Il margine operativo è del 24,7%, ma ci si aspetta una riduzione del 15% nella seconda parte dell’anno a causa delle spese di marketing e pubblicità, soprattutto legate al lancio delle prime fragranze di Moncler. Rispetto alla prima metà del 2019, quando l’azienda non era 18 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

ancora stata colpita dallo scoppio della pandemia, Interparfums ha registrato un aumento dell’11,7% del fatturato e del 67% dell’utile.Nel dettaglio dei mercati, il Nord America, che rappresenta quasi la metà delle vendite, ha guidato la crescita nel primo semestre, con un aumento del 54% rispetto al 2019, a 101,3 milioni di euro. L’Asia Pacific, il suo secondo mercato più grande, ha segnato un rimbalzo del 5%, mentre il terzo, l’Europa occidentale, rimane al di sotto dei livelli del 2019.

Jennifer Aniston

Superfluid si espande in UK Superfluid ha stretto un accordo internazionale con Beauty Bay per la vendita dei suoi prodotti, in esclusiva per il mercato UK. La partnership con Beauty Bay, canale e-tailer, considerato la prima destination di shop online dei giovani amanti del beauty – rappresenta un’opportunità di crescita per Superfluid da un punto di vista strategico. È il primo passo importante verso l’allargamento della distribuzione con un partner consolidato nel Regno Unito per affrontare le opportunità crescenti che quel mercato offre al brand.

Estée Lauder Companies, il Q4 batte le aspettative

I ricavi di The Estée Lauder Companies superano le aspettative tra aprile e giugno, beneficiando di un rimbalzo delle vendite di prodotti cosmetici grazie alla graduale revoca delle restrizioni ai viaggi, anche se il gruppo rimane cauto di fronte all’evoluzione della variante Delta. Nel dettaglio, il fatturato ha raggiunto i 3,93 miliardi di dollari nel quarto trimestre dell’esercizio fiscale chiuso il 30 giugno, cifra superiore ai 3,75 miliardi di dollari previsti dagli analisti e in crescita del 62% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. La ripresa è avvenuta soprattutto nelle regioni America ed Emea (Europa, Medio Oriente, Africa), grazie a una progessiva diminuzione dei contagi da Covid-19 e alla prospettiva di ripresa delle attività sociali, improvvisamente interrotte lo scorso anno.


MONDO

COTY ANNUNCIA IL RILANCIO DI KYLIE COSMETICS Coty ha annunciato il rilancio di Kylie Cosmetics con formule nuove e migliorate, clean e vegane, insieme a un packaging rinnovato. “Sono così orgogliosa di rilanciare Kylie Cosmetics – ha detto Kylie Jenner – con tutte le nuove formule che sono pulite e vegane. Quando ho creato questa linea, era così importante per me impegnarmi a utilizzare ingredienti puliti senza mai sacrificare le prestazioni”. “Siamo entusiasti del rilancio di Kylie

Cosmetics – ha affermato Sue Y. Nabi CEO di Coty – con una gamma riformulata che è davvero in prima linea in tutto ciò che la Gen Z vuole. Kylie Cosmetics è seguita da molti milioni di persone in tutto il mondo. La nostra nuova piattaforma online, insieme a rivenditori selezionati, consente ai consumatori di acquistare l’intera routine di bellezza in un unico spazio, dal detergente alla crema idratante, dall’evidenziatore o dal colore delle labbra”.

EUROPEAN WAX CENTER VALUTATA OLTRE 1 MLD DI $

European Wax Center, una catena in franchising di saloni di depilazione sostenuta dalla società di private equity General Atlantic, ha si è quotata alla Borsa di New York ed è stata valutata 1,2 miliardi di dollari dopo che le azioni della catena di saloni di depilazione sono aumentate del 12% al suo debutto al Nasdaq. General Atlantic continuerà ad avere una partecipazione di controllo nella società, detenendo circa il 54,5% del potere di voto combinato. Fondata nel 2004 dai fratelli David e Joshua Coba, European Wax Center offre

servizi di depilazione e vende la propria linea di prodotti. La società ha reso noto in un comunicato di “essere il franchisor e operatore di servizi di depilazione più grande e in più rapida crescita negli Stati Uniti per numero di centri e vendite a livello di sistema di business”. European Wax Center infatti, ha registrato entrate per 107 milioni di dollari per i 12 mesi terminati il 31 marzo 2021. L’azienda ha fornito oltre 21 milioni di servizi di ceretta nel 2019 e oltre 13 milioni di servizi di ceretta nel 2020 attraverso la sua rete di store.

20 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

Kylie Jenner

Olaplex pronta a IPO da 100 mln di dollari Olaplex, marchio di bellezza con sede a Santa Barbara, in California, noto per i suoi prodotti premium per la riparazione dei capelli, ha presentato un’offerta pubblica iniziale alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti per un valore di 100 milioni di dollari. Olaplex viene così valutata 1,5 miliardi di dollari. La società ha registrato un fatturato di 270 milioni di dollari nei sei mesi chiusi al 30 giugno 2021 in aumento del 171% rispetto ai 100 milioni dello stesso periodo del 2020. Inoltre ha generato con un utile netto di 94,9 milioni di dollari, rispetto alle perdite di 22 milioni dello stesso periodo di un anno fa.

Symrise acquisisce il 25% di Kobo Products

Symrise ha effettuato un investimento strategico in Kobo Products, specialista in polveri per l’industria della bellezza. Symrise, che acquisirà una quota del 25%, afferma in una nota “che l’investimento è un passo strategico per espandere le sue attività in filtri UV inorganici e cosmetici colorati”. Ulteriori dettagli finanziari non sono stati resi noti. Costituita nel 1987 e con sede a South Plainfield, NJ, Kobo Products è uno specialista di pigmenti e polveri, che fornisce materie prime innovative e basate sulla tecnologia all’industria cosmetica. “Con questo investimento – sottolinea Jörn Andreas, presidente della divisione ingredienti cosmetici di Symrise – acceleriamo il nostro piano strategico per espanderci nei cosmetici colorati. Inoltre i nostri clienti beneficeranno di una gamma impareggiabile di prodotti per filtri UV e di uno spettro completo di formulazioni e soluzioni integrate”.


MONDO

GIVAUDAN BATTE LA CRISI E INVESTE IN MESSICO Givaudan continua a crescere e resta positivo per il futuro. “L’85% dei nostri prodotti – afferma Gilles Andrier, CEO di Givaudan – si sono rivelati resilienti durante la pandemia o sono addirittura risultati più richiesti”. L’impresa ha approfittato del fatto che anche in tempi di crisi la gente deve procurarsi cibo e articoli di cura del corpo. Ma pure nel segmento della profumeria di lusso, che è stato duramente colpito all’inizio della pandemia, le ven-

dite nella prima metà del 2021 si sono già innalzate al livello di quelle dell’anno pre-crisi 201, “inizialmente il rimbalzo era atteso solo per il 2022”, prosegue Andrier. Givaudan a luglio ha presentato i dati semestrali, mostrando un fatturato in progressione (su base annua) del 5% a 3,4 miliardi di franchi, e un utile netto in crescita del 16% a 481 milioni di franchi. L’azienda conferma l’obiettivo di un incremento annuo dei ricavi tra il 4 e il 5% sino al 2025.

THE HUT GROUP PENSA A IPO SOLO BEAUTY NEL 2022

The Hut Group ha affermato che quoterà la sua divisione di bellezza separatamente nel 2022. THG Beauty, che include marchi come Espa e Lookfantastic, ha registrato vendite per 461 milioni di sterline per i sei mesi fino al 30 giugno 2021, in netta crescita rispetto ai 296 milioni di sterline dello stesso periodo di un anno fa. “Una quotazione separata per THG Beauty posizionerà l’azienda molto bene per concentrare gli investimenti nelle sue aree di crescita chiave, inclusa l’espansione del portafoglio del proprio

marchio”, ha affermato la società in una nota. Gli analisti di Barclays citati dal Financial Times hanno stimato che la divisione di bellezza potrebbe valere circa 4 miliardi di sterline, anche se hanno aggiunto che valutare l’attività “sembra un po’ difficile senza la divulgazione dei margini separati”. omplessivamente, i ricavi di THG nei sei mesi sono stati di 958 milioni di sterline, in crescita rispetto alla media di 942 milioni di sterline previsti degli analisti. La società è stata quotata in Borsa circa un anno fa.

22 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

Puig entra nel brand cinese Scent Library Puig si rafforza nei profumi. Il gruppo catalano ha investito infatti in Scent Library, un’azienda cinese specializzata in fragranze. I termini dell’operazione non sono stati resi noti. “La collaborazione con Scent Library è stata un’opportunità molto interessante per partecipare allo sviluppo del mercato cinese dei profumi con un’azienda con sede in Cina e con un team cinese”, ha affermato Marc Puig, CEO di Puig. Scent Library è stata fondata a Pechino nel 2009 da Roseline Lou e John Han. L’azienda distribuisce profumi, articoli per la cura della persona e fragranze per la casa e gestisce 80 negozi in Cina e online. Grazie ai nuovi fondi, Scent Library accelererà lo sviluppo dei suoi prodotti e ottimizzerà e integrerà la sua supply chain internazionale.

L Catterton investe nel make-up di Merit Merit, il beauty brand minimalista lanciato da Katherine Power co-fondatrice di Who What Wear e del marchio di skincare Versed, ha chiuso un round di finanziamento di serie A da 20 milioni di dollari guidato dal private equity L Catterton. Gli altri investitori che hanno partecipato al round di finanziamento sono Marcy Venture Partners e Sonoma Brands. Courtney Nelson, VP di L Catterton, entrerà a far parte del Consiglio di Amministrazione di Merit. Merit, in una nota, ha sottolineato che “i nuovi fondi verranno utilizzati per accelerare la trasformazione del brand in un marchio omnichannel e con più categorie” processo che comprenderà l’ulteriore sviluppo della linea di make-up e l’espansione in nuove tipologie di prodotti. L Catterton nel settore del beauty ha già fatto investimenti in Tula, Il Makiage, Function of Beauty, Elemis e The Honest Company di Jessica Alba.


clessidra87.it

BELLEZZA? Con Difarco il TRUCCO c’é! DIFARCO, da oltre 40 anni distribuisce emozioni

Distribuzione farmacosmesi www.difarco.it


dossier

Aziende beauty LE TOP DEL 2020 LA PANDEMIA HA LASCIATO IL SEGNO ANCHE NELLA BELLEZZA. IN BASE ALLO STUDIO PAMBIANCO SUI FATTURATI DELL’ANNO SCORSO, LE PRINCIPALI AZIENDE ITALIANE E LE FILIALI HANNO MOSTRATO UN ARRESTO DELLE VENDITE, CON PERCENTUALI IN CALO ANCHE A DOPPIA CIFRA. LE ITALIANE COMUNQUE TENGONO MEGLIO DELLE FILIALI TRICOLORI.


DOSSIER

Nel 2020 frena la BELLEZZA ITALIANA di Chiara Dainese

PANDEMIA E LOCKDOWN HANNO CAMBIATO LE ABITUDINI BEAUTY DEGLI ITALIANI E GLI EQUILIBRI DEI CANALI DEL MERCATO COSMETICO. I FATTURATI DELLE TOP AZIENDE CALANO, MA SI CERCANO NUOVE SOLUZIONI PER CRESCERE.

26 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

L

a bellezza soffre la Pandemia, ma trova la strada per restarne sopraffatta. Le principali aziende della cosmetica in Italia, infatti hanno generato nel 2020 un calo dei propri fatturati a causa principalmente delle chiusure delle profumerie e dei lunghi periodi di lockdown che hanno tenuto a casa i consumatori senza stimoli allo shopping beauty. Le cifre elaborate da Pambianco mettono proprio in luce questo scenario all’insegna della difficoltà che, a causa appunto della Pandemia, è anche difficile mettere a confronto con quelli dell’anno precedente. Nel 2020, le prime 20 aziende italiane della cosmetica hanno realizzato ricavi per oltre 3,3 miliardi di euro, in calo del 9% sul 2019 (quando c’era stato un incremento del 4%). Nel dettaglio, più della metà delle società prese in esame dallo studio (15) hanno chiuso il 2020 con un calo di fatturato. Per 8 di queste si è trattato di una scivolata a doppia cifra. La classifica delle top italiane suggerisce alcune riflessioni: le aziende che vendono i loro prodotti principalmente in un solo canale, come negozi diretti o profumerie, sono quelle che hanno segnato un calo maggiore proprio a causa delle chiusure prolungate durante il lockdown. Per contro società che distribuiscono le proprie


DOSSIER

IL FATTURATO DELLE PRINCIPALI AZIENDE ITALIANE (mln €) Rank

Azienda

Canale

2019

2020

%

1

SODALIS GROUP (1)

GDO + PRO + FARM + PROF

551

585

6

2

EUROITALIA

PRO

363

373

3

3

KIKO

DOS

583

365

-37

4

MANETTI & ROBERTS

GDO + PRO + FARM

311

328

6

5

ALFA PARF

PROF

243

204

-16

6

MIRATO

PRO + GDO

167

167

0

7

AGF88 HOLDING

PROF

120

160

33

8

COSWELL

PRO + GDO + FARM

142

157

10

9

JUST ITALIA

DIR

158

153

-3

10

DAVINES

PROF

163

153

-6

11

GRUPPO GANASSINI

PRO + GDO + FARM

151

143

-5

12

PAGLIERI

PRO + GDO

138

135

-2

13

BOTTEGA VERDE

DOS

110

79

-28

14

KELEMATA

PRO + GDO

69

68

-1

15

COLLISTAR

PRO + FARM

85

62

-27

16

PUPA

PRO

92

58

-37

17

LUDOVICO MARTELLI

PRO + GDO

59

57

-3

18

ANGELINI BEAUTY

PRO

82

48

-41

19

FERRAGAMO PARFUMS

PRO

86

40

-54

20

DIEGO DALLA PALMA

PRO + PROF + FARM

32

28

-14

3.363

-9

(2)

TOTALE

linee di bellezza nel canale farmacia o nella grande distribuzione hanno visto le vendite crescere, in alcuni casi anche a doppia cifra. è il caso di Sodalis che nel 2020 è cresciuta del 6% diventando per prima in classifica, grazie proprio alla segmentazione della sua distribuzione. Ma non è l’unica ragione. Chi negli anni precedenti al 2020 ha fatto investimenti nel retail online è riuscito a generare un aumento delle vendite e a stare al passo con le esigenze dei consumatori che si sono trovati chiusi nelle proprie abitazioni. Oggi quindi diventa fondamentale per il settore della bellezza ripensare alle proprie logiche distributive puntando su più fronti di vendita e in particolare sull’online e sul digital, non dimenticando comunque

3.705

A guidare la classifica dei big della bellezza italiana è Sodalis Group con 585 milioni di euro di fatturato nel 2020 che derivano solo dai marchi di proprietà. In seconda posizione EuroItalia con 373 milioni di euro e in terza Kiko con 365 milioni di ricavi. Dati relativi ai soli marchi di proprietà (2) Bilancio aggregato (1)

LEGENDA: DIR: Vendite porta a porta DOS: Negozi diretti ERB: Erboristeria FARM: Farmacia GDO: Grande distribuzione PRO: Profumeria PROF: Canale professionale Fonte: Pambianco

i limiti della situazione attuale ancora compromessa degli effetti del lockdown. NON CAMBIA LA TOP TRE Andando più nel dettaglio dello studio Pambianco, a guidare la classifica dei big della bellezza italiana per dimensioni sale Sodalis Group che ha raggiunto nel 2020 quota 585 milioni di euro di fatturato in crescita del 6 per cento. Sodalis Group, è una realtà multibrand e multicanale con posizioni di forza in grande distribuzione, farmacia e profumeria. Sodalis ha messo in atto una strategia di acquisizioni importante con oltre 20 deal in 20 anni. Tra le acquisizioni più importanti ci sono BioNike, numero uno in Italia nella dermocosmesi in farmacia e Deborah Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 27


DOSSIER

LA TOP PER CRESCITA

33%

Agf88 Holding Coswell

10 %

Sodalis Group (1)

6%

Manetti & Roberts

6%

Sul primo gradino del podio, a livello di crescita di fatturato, c’è Agf88 Holding che avanza nel 2020 del 33%, seguita da Coswell con il 10 per cento. In terza posizione insieme Sodalis Group e Manetti & Roberts con un +6 per cento. (1)

Dati relativi ai soli marchi di proprietà

Fonte: Pambianco

Milano marchio di make-up leader nel mass market italiano. Seconda in classifica EuroItalia con un fatturato 2020 pari a 373 milioni di euro. “Il 2020 è partito molto bene - ha dichiarato Giovanni Sgariboldi - con i primi due mesi in crescita del 15 per cento. Poi abbiamo avuto il lockdown e le profumerie sono rimaste chiuse e anche il canale duty free, che per noi vale il 20% del fatturato, ha risentito dello stop dei viaggi. Nonostante questo abbiamo portato avanti tantissime attività, non abbiamo bloccato nessun investimento pubblicitario, siamo andati all’attacco facendo un lancio per ogni brand. Inoltre, abbiamo tenuto e consolidato i rapporti con i clienti, facendo leva sul credito, quindi agevolandoli grazie alle nostre risorse. E poi abbiamo concluso alcuni percorsi che ci rendono un player molto forte, ad esempio il bilancio di sostenibilità. Superata la primavera il mercato ha ripreso parecchio e chiuderemo il 2020 con un calo, migliore delle attese, di circa il 10 per cento. In Cina siamo cresciuti molto bene e abbiamo generato un aumento del 20% delle vendite. La nostra azienda è molto attenta a cogliere le opportunità di crescita sia esterna che interna”. Sgariboldi è convinto che nel 2021 “ci sarà una ripresa della crescita ripartendo dai budget del 2019. Sicuramente in questa crescita ci sarà un grosso impulso sulla quota dell’e-commerce, in quanto stiamo vivendo una rivoluzione. Diamo infatti un supporto di digital marketing a tutti i nostri partner internazionali e abbiamo attivato dei canali di e-commerce diretti”. Terza in classifica è Kiko che ha visto un importante calo del fatturato proprio a causa della prolungata chiusura dei negozi e dello sbilanciamento fra i canali distributivi. “Il Covid non ha solo penalizzato i risultati 2020 28 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

La fragranza Versense di Versace In apertura, alcuni prodotti della collezione invernale di Kiko Milano

– ha sottolineato Cristina Scocchia CEO di Kiko, intervenuta al 5° Beauty Summit di Pambianco – ma anche i primi quattro mesi di quest’anno. Oggi ogni scelta è prematura, anche se mai dire mai rispetto alle diverse eventualità. Purtroppo credo che il 2021 e i primi sei mesi del 2022 saranno ancora complessi. Nei prossimi tre anni l’obiettivo è quello di trovare equilibro fra i tre canali. Il canale diretto del retail nel quale noi continuiamo a credere molto, il canale dell’e-commerce che ha avuto un’accelerazione molto forte negli ultimi anni e il canale del franchising


DOSSIER

Stabilimento Pettenon Cosmetics

che abbiamo lanciato due anni fa e che ci sta dando grandi soddisfazioni. Questo equilibrio ci permetterà anche di raggiungere molti più Paesi, nel dettaglio 15 nuovi Paesi rispetto ad oggi”. FUTURO INCERTO MA MIGLIORE Tutti i cambiamenti avvenuti nel 2021 avranno importanti conseguenze anche durante l’anno in corso. “Le prospettive sui mercati cosmetici del 2021 risentono inevitabilmente della coda della pandemia che si spera vada terminando i suoi effetti nei primi mesi del nuovo anno. Se consideriamo quanto accaduto nel 2020, a cavallo dei due episodi di picco del Coronavirus, con le relative attività di contenimento, non possiamo trascurare l’importanza della reattività del settore cosmetico e parallelamente dei consumi nazionali che hanno ripreso in maniera quasi inaspettata pur confermando saldi finali negativi, sicuramente meno critici di quanto si potesse prevedere”. Queste le parole di Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, l’associazione di categoria che ha commentato l’impatto che l’emergenza sanitaria sta avendo sul settore della bellezza made in Italy che si

continua ad affrontare un nuovo anno meno incerto, ma ancora con tante incognite. “Secondo le nostre proiezioni il fatturato in Italia a fine anno crescerà del 6,7% e quello globale del comparto del 6,2% - ha proseguito Gian Andrea Positano, responsabile Centro studi di Cosmetica Italia -. La domanda dei consumatori nel 2022 in Italia supererà i livelli pre-covid del 2019 e prevediamo un aumento del consumi interni del 4,1% nel 2022 che toccheranno i 10,912 miliardi di euro. Nel 2023 cresceranno del 3,2% rispetto all’anno precedente, attestandosi su 11,259 miliardi di euro. Cresce la nostalgia per lo shopping tradizionale, esperienziale. L’online, cresciuto del 42%, ha rivoluzionato il settore ma il digitale non sostituirà il retail, semmai si integreranno sempre di più”. C osa resterà post-pandemia? I trend trainanti saranno i cosmetici sostenibili, fatti con materiali riciclati e green. Si conferma inoltre una maggiore attenzione per l’igiene delle mani e della persona che proseguirà negli anni a venire. “Superata l’idea di un ritorno al ‘prima’, così come quella di un passaggio netto a un ‘dopo’, si affronta il cambiamento, giorno per giorno, un tassello alla volta”, ha concluso Ancorotti. Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 29


DOSSIER

Le estere SOFFRONO. CRESCE Yves Rocher di Chiara Dainese

L’ANALISI DI PAMBIANCO SULLE TOP 10 FILIALI RIVELA UNA FLESSIONE DEI RICAVI NEL 2020 PARI AL 19 PER CENTO. I NUMERI CALANO, ANCHE A DOPPIA CIFRA. SOLO YVES ROCHER CONTINUA A PERFORMARE IN POSITIVO (+11%).

30 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

A

nno da dimenticare per le principali filiali italiane della bellezza. Nove delle prime 10 filiali infatti, hanno generato nel 2020. Le cause sono principalmente le stesse delle aziende italiane, ovvero le chiusure delle profumerie e i lunghi periodi di lockdown. A queste va aggiunto il fatto che queste realtà fanno capo a multinazionali a volte molto lontane dall’Italia con l’impossibilità di fornire direttive adeguate in tempo reale. Le cifre elaborate da Pambianco mettono proprio in luce questo scenario all’insegna dell’estrema difficoltà. Nel 2020, le prime10 filiale italiane della cosmetica hanno realizzato ricavi per oltre 1,6 miliardi di euro, in calo del 19% sul 2019 (quando avevano superato i 2 miliardi. Nel dettaglio, quasi tutte le società prese in esame dallo studio (9) hanno chiuso il 2020 con un calo di fatturato. Per 8 di queste si è trattato di una scivolata a doppia cifra. Solo una quindi (Yves Rocher) mette a segno un 2020 in crescita. La classifica delle top filiali riflette le stesse problematiche del mercato italiano riportate già nel dossier precedente. Oggi quindi diventa fondamentale proprio per tutto il settore della bellezza, aziende e filiali straniere ripensare alle proprie logiche di


DOSSIER

vendita e ad una maggiore presenza nei canali online e social. LA GRANDEZZA NON AIUTA Anche nel 2020 L’Oréal Italia resta al primo posto della classifica per dimensioni con un fatturato di 633 milioni di euro. Oggi L’Oréal Italia, che vanta circa 2000 collaboratori, è presente in tutti i principali canali di distribuzione, dai saloni di parrucchieri alle profumerie, dalle farmacie alla grande distribuzione, con un’offerta di marchi leader in molti segmenti del mercato, come la cura del corpo e del viso, quella dei capelli e i profumi. L’Oréal Italia ha sedi a Milano e a Torino, un centro logistico e uno dei principali centri produttivi globali del Gruppo a Settimo Torinese. Quest’ultimo, attivo dal 1960, realizza i prodotti che vengono distribuiti in oltre 30 Paesi. Seconda in classifica Yves Rocher, unica società che ha proseguito il suo momento di crescita sul mercato italiano archiviando il 2020 a quota 233 milioni di euro. “Gli ultimi 10 anni hanno visto una crescita double digit grazie ad un continuo processo di espansione di entrambi i nostri canali distributivi, da una parte la vendita diretta che prende oggi il nome di social selling grazie ad un’estensione digitale del lavoro di oltre dei nostri 200mila consulenti di bellezza e dall’altra la distribuzione su tutto il territorio nazionale di 112 punti vendita monomarca che ogni giorno offrono prodotti e servizi atti a soddisfare le richieste dei nostri clienti, portando ad una chiusura di fatturato del 2020 con un +11%, pari a 233 milioni di euro”, ha dichiarato Carlo Bertolatti general manager di Yves Rocher Italia. Clienti che si mostrano sempre più fedeli alla marca e lo dimostrano anche i dati di Euromonitor 2020 in cui Yves Rocher si posiziona al 5° posto in Italia nel mercato cosmetico di riferimento rispetto al 24esimo posto che aveva nel 2012. E soprattutto nel mercato skincare di riferimento Yves Rocher è arrivata sul podio, ben al 2° posto in classifica e “lotteremo per mantenere ed accrescere

questo posizionamento. Il nostro modello multicanale - ha proseguito Bertolatti - è stato cruciale per garantire uno sviluppo del business in linea con gli obiettivi e per affrontare al meglio tutti gli svantaggi e le criticità che ha portato con sé la pandemia, per tutti i business. Come anticipato prima, il nostro doppio canale distributivo ci continua a garantire un’ottima flessibilità nella gestione del nostro business plan senza dover necessariamente provvedere a flessioni strategiche importanti. Per

Dall’alto, il rossetto Gucci Beauty Baume à Lèvres e la sede milanese di L’Oréal Italia In apertura alcuni prodotti della linea Elixir Botanique di Yves Rocher

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 31


DOSSIER

IL FATTURATO DELLE PRINCIPALI FILIALI ITALIANE (mln €) Rank

Azienda

Canale

2019

2020

%

1

L’ORÉAL ITALIA

GDO + PRO + FARM + PROF + DOS

869

633

-27

2

YVES ROCHER ITALIA

DIR + DOS

210

233

11

3

BEIERSORF

GDO + PRO + FARM

241

219

-9

4

COTY ITALIA

GDO + PRO + PROF

255

186

-27

5

ESTÈEE LAUDER

PRO + FARM + DOS + PROF

203

178

-12

6

SHISEIDO ITALY

PRO

126

97

-23

7

PUIG ITALIA

PRO

52

35

-34

8

LABORATOIRE NATIVE ITALIA

FARM

43

36

-17

9

SISLEY ITALIA

PRO

35

31

-11

10

LUSH ITALIA

DOS

30

23

-21

1671

-19

2064

TOTALE

A guidare la classifica dei big della bellezza italiana è L’Oréal Italia con 633 milioni di euro di fatturato nel 2020. In seconda posizione Yves Rocher Italia (233 milioni di euro) e in terza Beiersdorf con 219 milioni di euro. LEGENDA: DIR: Vendite porta a porta DOS: Negozi diretti ERB: Erboristeria FARM: Farmacia

GDO: Grande distribuzione PRO: Profumeria PROF: Canale professionale

Fonte: Pambianco

quanto riguarda il canale del social selling, confermiamo che in questi mesi non ha mai cessato di essere attivo, anzi ha portato degli straordinari risultati in doppia cifra verso l’anno precedente. Grazie alle sue caratteristiche di flessibilità e di attività principalmente digitale, ha potuto continuare, ed intensificare, la sua attività di vendita per tutto il periodo di lockdown”. Ma non solo. Yves Rocher ha una prospettiva di chiusura 2021 del 7% generata da un approccio di continuità e costante innovazione da apportare alla struttura di vendita multicanale e all’immagine e visibilità della marca. “Porteremo avanti nuovi progetti sempre più sfidanti e moderni, come lo studio di nuove piattaforme digitali per il social selling, per essere sempre un passo in avanti rispetto alla concorrenza. Lato retail, al momento non sono previste aperture, ma abbiamo scelto di 32 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

concentrare gli investimenti sui restyling dei negozi esistenti, in modo da garantire un livello di appeal e di piacevolezza degli spazi all’altezza delle attese del cliente. Non dimentichiamo la nostra posizione di Società Benefit e quindi degli obiettivi di beneficio comune che stiamo portando avanti e del quale abbiamo definito roadmap concreta, con azioni che metteremo in atto quest’anno, ma che toccheranno chiaramente anche il 2022 con l’obiettivo di diventare entro il 2025 una B Corp insieme a tutto il Gruppo Rocher”, ha concluso Bertolatti. Con un fatturato di 219 milioni di euro, al terzo posto si conferma la filiale italiana della multinazionale tedesca Beiersdorf. Quarta in classifica Coty Italia con un fatturato 2020 pari a 186 milioni di


MYSTIC HORIZON COLLECTION

MYSTIC HORIZON È UN AFFRESCO DI SFUMATURE CHE RAPPRESENTA UN INFINITO ORIZZONTE SPIRITUALE CAPACE DI ACCOGLIERE ALLO STESSO TEMPO DELICATE E ARMONICHE NUANCE CON FORTI CONTRASTI CROMATICI. LA COLLEZIONE SI COMPONE DI UNA CALEIDOSCOPICA PALETTE OCCHI E CINQUE NUOVI COLORI DI HYPNOTIZE LIQUID LIPSTICK. WWW.ASTRAMAKEUP.COM


DOSSIER

La linea Lierac Homme

euro. “L’Italia è un mercato più piccolo rispetto ad altri Paesi, ma conserva un ruolo di trendsetter per la forza dei brand italiani. Il nostro Paese fa da laboratorio di sperimentazione e sviluppo per i prodotti, la creatività e per la comunicazione”, ha dichiarato Giuseppina Violante VP marketing portfolio & business Growth divisione Luxury Emea Coty Italia, intervenuta al 5° Beauty Summit di Pambianco. Per quanto riguarda l’anno in corso Coty prevede una progressiva ripresa dei consumi. “Certo, sarà un’esperienza nuova dove il digitale avrà un ruolo di integrazione anche all’interno degli store. L’innovazione tecnologica sarà importante anche sotto altri punti di vista, con ricadute positive in termini di sostenibilità per la riduzione degli sprechi in fase di produzione”, ha concluso Violante. Un po’ più giù nella classifica, troviamo Laboratoire Native Italia che ha chiuso il 2020 a 35,7 milioni e nonostante le difficoltà del periodo pandemico, tutti brand hanno registrato delle buone performance sotto molti aspetti. “Lierac - ha sottolineato Andrea Magnaguagno general manager di Laboratoire Native Italia - si conferma numero uno dell’anti-età in farmacia e festeggeremo questo traguardo con la campagna media più forte della 34 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

nostra storia, incentrata su Premium, il nostro anti-età globale. Phyto conferma Phytophanère come referenza numero uno a volume negli integratori capelli e unghie in Farmacia e nel 2020 ha registrato un +84% di crescita a sell-out nel mercato della colorazione per capelli a domicilio. Jowaé nel 2020, in piena pandemia, è cresciuta del +22% a sell-out. Infine il Gruppo sta mettendo in atto vero e proprio rilancio del brand Roger & Gallet, in termini di offerta e di comunicazione e i primi risultati sono già evidenti. Il brand ha già conquistato 350 nuove porte in meno di 8 mesi”. Quest’anno il Gruppo cresce di oltre il 4% rispetto al budget 2021 e di quasi il 15% verso il 2020. “Credo fortemente - ha proseguito Magnaguagno - che sostenere il business dei farmacisti sia la chiave per fare bene. Rafforzare partnership, investire sul punto vendita e creare nuove logiche sell-out sono la chiave di crescita nel mercato. Dobbiamo puntare su vere innovazioni e su prodotti star che diano veri risultati, per questo motivo sono convinto che chiuderemo l’anno in linea con i nostri obiettivi di budget, anche grazie al grande successo che sta riscontrando la nostra nuova linea Lierac Homme e le campagne di Natale di Lierac e Roger&Gallet”.


INTERVISTA

36 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


INTERVISTA

LE TRE REALTÀ DELLA BELLEZZA SI SONO UNITE CON LO SCOPO DI COLTIVARE GIOVANI TALENTI, I LORO SOGNI E LE LORO ASPIRAZIONI. IL CONTENITORE È UN TALENT SHOW IN COLLABORAZIONE CON RAI PUBBLICITÀ.

CLINIQUE, AVEDA E NAÏMA IN MISSIONE BEAUTY di Chiara Dainese

M

issione Beauty non è una semplice competizione a colpi di spazzole, pennelli e rossetti. Il programma targato Clinique, Aveda e gruppo di profumerie Naïma, realizzato in collaborazione con Rai Pubblicità, vuole innanzitutto individuare e coltivare giovani talenti, i loro sogni e le loro aspirazioni. Ne abbiamo parlato con le menti del progetto Fabio Lo Prato managing director Naïma, Girolamo di Cresce brand manager Clinique, Matteo Puppi head of marketing Clinique e Gerardo Lionetti brand general manager Southern Europe di Aveda. Naïma, Clinique e Aveda insieme. Di cosa si tratta? Di Cresce: Missione Beauty è primo talent beauty che viene trasmesso sulla tv generalista in Italia. Giovani talenti provenienti da tutta Italia hanno l’opportunità di raccontare la propria storia e il proprio talento e mettersi in gioco in una vera e propria gara di bellezza. La conduttrice del talent è Melissa Satta, volto molto riconosciuto e con un’awareness altissima, accompagnata da tre giudici che abbiamo scelto e che ci sembrano perfetti per questo ruolo ovvero Manuele Mameli, celebrity fashion make-up artist e hair stylist, Elisa Rampi, celebrity hair stylist e make-up artist, e Guido Taroni, fotografo di moda e interior design. Sarà diviso in 8 puntate dove aspiranti make-up artist e Hair Stylist si metteranno in gioco in prove di trucco e acconciatura. I nostri tre brand beauty protagonisti saranno Ottobre/Novembre 2021

PAMBIANCO BEAUTY 37


INTERVISTA

Da sinistra, i giudici Guido Taroni, Elisa Rampi, la conduttrice Melissa Satta e il giudice Manuele Mameli In apertura da sinistra, Gerardo Lionetti, Matteo Puppi, Fabio Lo Prato e Girolamo di Cresce

molto presenti all’interno del contenitore, sia nella scenografia che con tantissimi contenuti sia all’interno del programma che a 360 gradi sui social dei protagonisti e delle celebrities. È un progetto che abbiamo gestito a più mani e contiene contenuti rivoluzionari per il mondo televisivo e sicuramente richiamerà una fetta di consumatori molto molto importante. Lo Prato: Sicuramente l’intenzione condivisa di tutti di tutti era quella di fare qualcosa di diverso. E in ogni caso approcciare il consumatore in maniera ‘disrupted’ e mettere all’interno di una comunicazione tv, valori importanti oltre a dare una chance di farsi conoscere a giovani talenti della bellezza. Tutto questo con l’obiettivo di raggiungere il consumatore in modo sempre più diretto grazie anche alla Naïma Room dove i nostri NaïmAngels daranno consigli sui prodotti e su come usarli. Ogni settimana, inoltre, durante la messa in onda verranno caricati sulle piattaforme social di Rai, Clinique, Aveda e Naïma, indiscrezioni, approfondimenti, tutorial con i giudici, contenuti extra e curiosità sul beauty talent show. Lionetti: Per la prima volta ci approcciamo con un tipo di progetto come questo, ma penso che sia il modo migliore per raccontare i nostri prodotti haircare, che oggi si trovano anche all’interno delle profumerie Naïma e portare il

38 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

consumatore a inserirli come step ulteriore nella propria beauty routine quotidiana. Come è nata l’idea di questa partnership? Di Cresce: In tutte le nostre strategie c’è grande interazione con le community di consumatori, professionisti e make-up artist. Il contenuto del programma e le finalità presentate al suo interno, sono in linea con i contenuti strategici dei nostri tre brand tra cui supportare la professione del make-up artist e hair stylist, non solo con i nostri prodotti ma condividendo con loro in maniera sinergica tecniche e modalità di interazione con il pubblico. Anche la scelta dei giudici incarna perfettamente i valori condivisi dai nostri brand. Inoltre volevamo già portare la nostra partnership ad un livello superiore e questa opportunità ci è sembrata proprio il momento giusto! Lo Prato: Penso proprio che siano le persone che fanno la differenza. In questo caso c’è grande spirito di imprenditorialità, una mission e un obiettivo unico che proietta tutti noi verso la scoperta di nuovi consumatori che attraverso il programma conoscono i nostri brand e entrano nei beauty store. Lionetti: Uno dei nostri obiettivi come Aveda è proprio investire sui giovani e questo talent unisce questa mission alla presenza dei nostri prodotti di haircare prestige, che fino ad ora


INTERVISTA

sono stati distribuiti per la quasi totalità nel canale professionale. La profumeria però giocherà un ruolo molto importante nel futuro di Aveda. Infatti vogliamo portare il nostro know how all’interno delle profumerie proprio per far scoprire le performance dei nostri prodotti e far tornare il segmento capelli a valori importanti vendita in questo canale come aveva anni fa. Quali sono i valori espressi dal programma e che coincidono con gli obiettivi di Naïma e Clinique? Puppi: Missione Beauty non è solo un talent show, è anche un progetto di comunicazione, che vuole valorizzare le professioni del make-up artist e dell’hair stylist. Abbiamo voluto investire su giovani talenti, provenienti da ogni parte d’Italia che si sfideranno nel corso delle 8 puntate raccontando le loro storie, i loro sogni e i loro sacrifici, che sono poi quelli di molti altri giovani. Missione Beauty è infine un inno all’individuo, uno spazio dove ognuno può esprimere se stesso pienamente, nella sua diversità celebrando la bellezza contemporanea e i suoi valori d’inclusività, diversità e sostenibilità come principi consolidati del nostro tempo. In un’epoca in cui anche gli uomini sono tornati a usare il make-up, la ‘Missione Beauty’ dei concorrenti dovrà essere globale e genderless. Dovranno essere capaci di declinare i look scegliendo texture, colori, prodotti che possono trattare tutte le tipologie di pelle e di capelli, le diverse morfologie del viso ed età. Quanto è importante sviluppare rapporti di collaborazione? Di Cresce: Per Clinique è fondamentale avere prodotti innovativi e performanti, ma l’altra metà del successo di un brand la fa chi offre soluzioni mirate al consumatore e Naïma ricettiva alle proposte di collaborazione è sempre stata una spalla ideale. Non solo per Clinique ma per tutte le marche di The Estée Lauder Companies. Lo Prato: Naïma è nata da cinque anni e abbiamo sempre ragionato “out of the box” per trovare soluzioni innovative e andare oltre le solite leve di vendita. Lo spirito di un retailer e un di un brand che si affida a

lui è proprio quello di lavorare a progetti rivolti verso il futuro. È fondamentale infatti, avere sempre nuove tipologie di offerte per stimolare i consumi. Lionetti: Per Aveda ritornare a vendere nel canale profumeria ha significato un po’ mettersi in gioco. Naïma è un partner importante che ci aiuterà al meglio ad adattarci ad un nuovo canale e portare valore aggiunto al settore. Oggi distribuiamo in 40 profumerie ma il budget a tre anni è di arrivare a 100 punti vendita con la mission di portare il know how dei saloni all’interno del canale della profumeria. Qual è l’obiettivo comune di questa partnership? Di Cresce: Con Missione Beauty vogliamo aumentare la ‘share of love’ delle persone verso la bellezza e far innamorare le persone del beauty! Per noi è sempre stato importante essere vicino alla community su Instagram o Youtube e permettere a professionisti e aspiranti di realizzare il proprio sogno, ma oggi siamo ancora più orgogliosi di poterlo fare su un palco così importante come quello di Rai. Lo Prato: Sicuramente per Naïma l’obiettivo principale è aumentare la brand awareness. Grazie alla Naïma Room e ai NaïmAngels possiamo trasmettere il nostrio key value, la professionalità, agli spettatori che guardano il programma e che rappresentano i nostri omnicustomer. Lionetti: Oggi il consumatore è sempre più esigente e mostrare le performance dei nostri prodotti a una fetta così ampia di persone ha per noi un potenziale di crescita enorme.

Il logo del programma Missione Beauty

Ottobre/Novembre 2021

PAMBIANCO BEAUTY 39


SCENARI

COMPLICE LA PANDEMIA E LO SVILUPPO DELL’ECOMMERCE CRESCE IL MERCATO DELLE BEAUTY BOX A DOMICILIO. NASCE NEGLI USA, MA CONQUISTA ANCHE IL MERCATO EUROPEO .

COSMESI DIGITAL E IN SCATOLA di Chiara Dainese

L

a bellezza sempre più digitale spinge la vendita delle dalle subscription box. Guardando i numeri infatti, dato il futuro miglioramento della situazione sanitaria e la riduzione dell’incertezza sulle prospettive economiche mondiali, si prevede una forte ripresa del settore, destinato a raggiungere un valore pari a 616 miliardi di dollari entro il 2025. In questo quadro, l’Asia rappresenta il mercato più rilevante (38%), seguita da Europa (24%) e Stati Uniti (18%). Guardando al dettaglio dei Paesi europei, quelli con i maggiori mercati del beauty sono Germania (14,9 miliardi di euro), UK (12,9 miliardi di euro) e Francia (12,5 miliardi di euro); Italia e Spagna valgono circa il 50% del mercato tedesco, ma presentano comunque opportunità di crescita interessanti in quanto penetrabili senza la necessità di ingenti investimenti in marketing. Questa la fotografia che emerge dall’analisi “Beauty & Personal Care economy report,” realizzata da Cross Border Growth Capital. Si tratta, in generale, di un mercato fortemente influenzato dall’online: ad oggi il 51% dei consumatori in tutto il mondo acquista regolarmente sul web (dati Statista) e, come è prevedibile, lo scoppio della pandemia nel 2020 ha ulteriormente rafforzato questa tendenza. La diffusione dell’e-

40 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


SCENARI

commerce riguarda quindi anche il settore beauty: in media, i brand e i retailer beauty hanno registrato un aumento del 20-30% nelle loro vendite online rispetto ai livelli preCovid-19, con anche qualche caso di raddoppio dei ricavi provenienti dell’e-commerce (dati McKinsey). “Il mercato europeo del beauty & personal care sta attraversando una fase di grande vivacità guidata dal rafforzamento della penetrazione online e l’aumento della propensione di spesa pro-capite”, spiega Lorenzo Triboli, Associate di Cross Border Growth Capital. I players del mondo del beauty dovrebbero quindi dare la priorità ai canali digitali per catturare e convertire l’attenzione dei clienti esistenti e potenziali considerando che il 34% dei consumatori è digital beauty shopper, cioè acquista regolarmente prodotti di bellezza attraverso rivenditori online (Euromonitor, 2020). In un contesto di beauty sempre più digital, un segmento ad alto potenziale è rappresentato dai modelli a subscription box, che prevedono, in cambio di un pagamento anticipato mensile o trimestrale, la consegna fisica ricorrente di una beauty box con all’interno una selezione di prodotti, pensata per offrire un’esperienza e un valore aggiunto rispetto ai prodotti venduti singolarmente al dettaglio. Nato in Usa circa un decennio fa, questo fenomeno ha presto raggiunto il successo e conquistato anche il mercato europeo: guardando i numeri, infatti, il mercato delle beauty box dovrebbe avvicinarsi agli 875 milioni di euro entro il 2024 in Europa. La Germania (120,27 milioni di euro) è attualmente il più grande mercato europeo di beauty box, seguita da Regno Unito (93,74 milioni di euro) e Francia (75,77 milioni di euro). Nonostante siano al momento realtà più piccole, il mercato italiano e quello spagnolo stanno vivendo una significativa ondata espansionistica. Infatti, il modello delle subscription ha ricevuto un’attenzione crescente da parte delle grandi aziende del mercato del beauty, le quali hanno provveduto a lanciare le loro linee di prodotti o stabilito delle partnership con gli operatori esistenti. A livello mondiale, FabFitFun e Ipsy sono i players più rilevanti, mentre in Europa emerge BirchBox. È BOOM DI SCATOLE INGLESI Il trend dei cofanetti di bellezza delivery e più o a meno a sospresa spopola in UK, patria

In alto, una beauty box di Glowria e una di Birchbox In apertura, le beauty box di Abiby

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 41


SCENARI

Da sinistra, una beauty box Abiby e una di Naturismo Discovery Box

di diverse box distribuite anche nel resto del mondo, come nel caso di Lookfantastic (abbonamento disponibile anche in Italia), forte di venticinque anni di esperienza, dapprima come boutique online. Non stupisce che i pacchetti beauty siano spesso associati ad un sito di e-commerce: è il mezzo più immediato, per la cliente piacevolmente stupita da un prodotto testato, per ritrovarlo ed acquistarlo. Attorno alle beauty box possono crearsi talvolta delle vere e proprie community. Ma non solo. Le beauty box hanno saputo interpretare la richiesta green ed ecologica che pervade la sfera della bellezza, associandola spesso a ricorrenze importanti. Per la Giornata della Terra, Naturisimo ha lanciato una Discovery box composta, come da suo Dna, di prodotti etici e sostenibili. Parte dei proventi è andata a favore dell’organizzazione di tutela ambientale The Conservation Collective. Per la giornata dell’8 marzo, il kit di The Pip Box, altra azienda inglese, era completamente al femminile, composto cioè da soli brand fondati da donne. BOX A DOMICILIO (IN ITALIA) In Italia a guidare il trend per numero di box vendute, presenza sui social e persone iscritte alla community è Abiby, che ha chiuso il 2020 con una crescita del 170% del fatturato a 2,5 milioni di euro rispetto al 2019 e un aumento del 162% in termini di box consegnate con

42 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

150mila ordini totali. “Se ci guardiamo indietro - commentano Mario Parteli e Luca della Croce fondatori di Abiby - possiamo ritenerci soddisfatti del percorso fatto fino ad oggi e della crescita in termini di vendite e community che stiamo ottenendo. Nel complesso, nonostante le difficoltà, i risultati sono e continuano ad essere positivi. Inoltre stiamo andando verso a una progressiva internazionalizzazione, il primo passo è stato l’apertura al mercato spagnolo: attualmente ci stiamo focalizzando sullabrand awareness e stiamo cercando di far conoscere al meglio la filosofia del brand alla clientela spagnola. Per i prossimi mesi stiamo lavorando ad un’ulteriore espansione e a nuovi importanti progetti anche nel mercato italiano”. Lanciata nel 2018 dai due giovani imprenditori, la piattaforma si basa su un modello in abbonamento ad una beauty box che permette ai clienti di scoprire le ultime novità del mondo beauty, secondo una modalità che negli Stati Uniti e in Europa funziona già molto bene. Il contenuto delle beauty box di Abiby non è rivelato, così da risultare una sorpresa per i clienti che le ricevono direttamente a casa. L’abbonamento costa 24,90 euro al mese e ogni scatola contiene prodotti per un valore totale superiore ai 90 euro. Ogni mese sono selezionati prodotti cosmetici all’avanguardia, grazie a collaborazioni con marchi di fama internazionale, case di produzione di cosmetici


SCENARI

esclusive e brand italiani di nicchia. Abiby ha siglato infatti numerose partnership, da Colmar a Pinterest, da Vestiaire Collective a Levi’s e Yoox, fino ad approdare alla collaborazione, che dura orami da diverse stagioni, con Cosmoprof Worldwide Bologna, la manifestazione riferimento mondiale per l’industria della bellezza. “Al momento in Italia non abbiamo competitor rilevanti – proseguono i fondatori questo perché mentre i servizi di beauty box in abbonamento si limitano a spedire i prodotti, per noi la box diventa il punto di partenza. Valorizziamo molto community e membership, offrendo ogni mese un’esperienza diversa e assicurando innovazione e qualità, senza dimenticare il fattore convenienza”. Anche Mybeautybox è un’azienda italiana, che offre abbonamenti dai trenta giorni a un anno, con box di cinque prodotti ogni mese dal tema diverso: energia, food e beauty, essenze di fiori solo... In questo caso, c’è una possibilità di spoiler: alcuni prodotti si possono scegliere in anticipo, oppure comprare in maniera tradizionale sulla sezione shop del sito. Le mystery box di MyBeautyBox sono composte da cinque tra creme, prodotti di

Un prodotto della beauty box di ottobre di Glowria

44 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

bellezza, make-up, maschere del valore di circa 50 euro. Ogni mese si ricevono a casa con la spiegazione di tutto ciò che si trova all’interno della scatola. Le beauty box sono in abbonamento al prezzo di 14 euro al mese, con spedizione gratuita e si possono richiedere anche per sei mesi, oppure per un anno a 13 euro al mese e un mese in regalo. “Pagare è molto semplice, si fa tutto online e se non si rimane soddisfatti si viene rimborsati. In più, ad ogni acquisto si accumulano dei punti con cui si possono avere dei prodotti e box in omaggio”, fanno sapere dall’azienda. Ultime ad arrivare dalla Francia in Italia, dove sono nate cinque anni fa, le beauty box Glowria. Per il suo debutto sul mercato italiano, lo scorso inverno, Glowria ha fatto un ingresso da star con una box di promozione ispirata alla Walk of Fame e alla Hollywood degli anni Quaranta. “Il progetto Glowria - commenta Charlotte Bouygues, direttrice e-commerce di Glowria - presentato in Francia nel 2015 con il nome di Beautiful Box, è approdato in Italia dopo l’operazione di rebranding, a febbraio 2021, registrando fin dai primi mesi un ottimo andamento”. Le beauty box Glowria confermano un andamento e performance “davvero stupefacenti - prosegue Bouygues - e stiamo superando quelli che erano i nostri obiettivi di vendita con una crescita esponenziale del + 45% mese su mese, un tasso di ritenzione straordinariamente alto per il nostro stadio di maturità. Siamo sicuramente stati aiutati dal fatto che abbiamo saputo interpretare e cogliere con tempestività un’esigenza del mercato e oggi ci possiamo dire soddisfatti perché i risultati dimostrano la qualità della nostra offerta, composta da numerosi prodotti meticolosamente selezionati ogni mese da un team di professionisti, e l’efficienza del nostro servizio clienti”. Consolidare i risultati e costruire nuove collaborazioni con marchi innovativi, ma anche di nicchia continuerà ad essere uno dei pillars di Glowria per il 2022. “In sinergia con la nostra filosofia di proporre una beauty routine che ruota ogni mese su un tema specifico, stiamo progettando di sviluppare box in special edition. Il mercato italiano delle box è in continua espansione e Glowria vorrebbe posizionarsi come uno dei ‘Big Players’. Le nostre carte vincenti? special gift ,cosmesi di nicchia e di qualità e prodotti realizzati solo per Glowria!”, conclude Bouygues.


#policelifestyle

CONSCIOUSNESS INTO PERFUME


INTERVISTA

AMBIZIONI profumate di Chiara Dainese

ALBERTO TANZI MANAGING DIRECTOR DI ITALART RACCONTA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI DELL’AZIENDA CHE DA POCO HA INSERITO NEL SUO PORTAFOGLIO IL BRAND JOHN RICHMOND, “MARCHIO CHE SENTIAMO MOLTO E CON IL QUALE ABBIAMO INSTAURATO FIN DA SUBITO UN OTTIMO RAPPORTO SINERGICO “.

“I

talart è una realtà nata e cresciuta più di 40anni fa, ai tempi del boom economico, del tutto facile, divertente e di successo. Oggi è un altro mondo, è cambiato tutto e quest’ultimo periodo di pandemia ha accelerato ulteriormente questo processo. Non è meglio o peggio, è solo tutto molto diverso. Sono cambiati i prodotti, il modo di comunicare e la distribuzione”. Queste sono le parole di Alberto Tanzi managing director di Italart che ha raccontato a Pambianco Beauty gli obiettivi e le strategie dell’azienda specializzata nei profumi. “La nostra filosofia per avere successo - ha proseguito Tanzi - è basata sulla diversificazione di prodotto (profumi in licenza, house brand e private label), di cliente e di distribuzione, sulla massima flessibilità e velocità di reazione. Il profumo è il nostro core business in tutte le sue forme di espressione”. Parlando di numeri, come si è chiuso il 2020, anno sicuramente penalizzato dalla pandemia Covid-19? Siamo stati molto fortunati perchè, grazie ad un progetto nuovo che ha performato molto bene, siamo riusciti comunque a chiudere con

46 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


INTERVISTA

un piccolo segno positivo in un anno che altrimenti ci avrebbe visto contrarre il fatturato di circa un 20/25%. Quali sono gli obiettivi 2021? Gli obiettivi per l’anno in corso sono confermare quanto di buono fatto l’anno precedente e grazie al lancio, nell’ultimo quadrimestre, della nuova licenza John Richmond chiudere in modo ancor più positivo. Si parla molto di sostenibilità, come gestite questa esigenza all’interno dell’azienda? Credo che ogni azienda proiettata verso il futuro debba assolutamente tenere conto di questa esigenza, pertanto anche la nostra realtà è molto sensibile all’argomento. Stiamo infatti sviluppando un progetto super sostenibile a 360 gradi: dal packaging, al modo di lavorare la fragranza, cercando anche di limitare al minimo le emissioni inquinanti grazie ad una filiera di produzione a km0. Non posso al momento raccontare di più, ma spero di farlo presto. Nel 2020 è nato il marchio iPure, con lo scopo di proporre profumi per l’ambiente. Come sta andando? Impostare e far conoscere un marchio nuovo è sicuramente una sfida a medio lungo termine che implica inizialmente sacrifici e rinunce. Siamo molto soddisfatti per quanto riguarda la risposta del prodotto e la fidelizzazione dei consumatori; la parte più complessa è trovare chi ha il tempo, la voglia e l’abilità di raccontarlo illustrandone le caratteristiche

e le specifiche più tecniche. E’ per questo motivo che le migliori performance arrivano più da canali specializzati, che dalla classica profumeria commerciale. Avete da poco siglato una nuova licenza. Ce ne può parlare? Con immenso orgoglio! John Richmond è un marchio che sentiamo molto e con il quale abbiamo instaurato fin da subito un ottimo rapporto sinergico. E’ in uscita, sul mercato italiano, proprio in questi giorni e le prime risposte dei nostri clienti profumieri sono molto molto incoraggianti. Siamo partiti rilanciando le 2 linee classiche di maggior successo ereditate dal precedente licenziatario e una linea nuova, Black Metal, che presenteremo al TFWA di Cannes. Abbiamo grandi ambizioni sia in Italia che a livello mondiale e stiamo realizzando uno shooting per la campagna pubblicitaria con un importante star del mondo della musica di livello internazionale. Ci saranno novità anche per Roccobarocco e Battistoni? Per quanto riguarda Roccobarocco abbiamo appena lanciato una nuova fragranza maschile, Last King, che si affianca al successo della linea femminile Gold Queen. Abbiamo da poco ultimato i canali social RB fragranze e punteremo pertanto su un’importante campagna digital. Con il marchio Battistoni, che ha il suo zoccolo duro nella fragranza Marte lanciata nel 1987 e che ancora oggi continua a regalarci sorprendenti soddisfazioni, abbiamo recentemente aggiunto 2 nuove fragranze alla collezione privata. Da sinistra, Black Metal di John Richmond, Good Vibes di iPure e Last King di Roccobarocco In apertura, Alberto Tanzi

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 47


FENOMENI

48 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


FENOMENI

L’uomo TRENDY ha lo SMALTO sulle unghie di Chiara Dainese

NAIL ART SULLE UNGHIE DEGLI UOMINI. DA FEDEZ AD ACHILLE LAURO A SANGIOVANNI: QUESTA LA NUOVA TENDENZA DI STAR FAMOSE, INFLUENCER E PERSONAGGI CELEBRI DELLA MUSICA E DEL CINEMA, MA ANCHE DI RAGAZZI ‘NON FAMOSI’ CHE SFOGGIANO UNGHIE COLORATE.

D

a Fedez a Sangiovanni, da Marc Jacobs a Harry Styles. L’uomo torna ad amare le mani con un tocco di colore. Il tormentone della ‘Mencure’, dove man sta per uomo, si fa sempre più importante come tratto distintivo degli uomini che amano osare con un dettaglio inaspettato. Tra i grandi fan ci sono Harry Styles, Sangiovanni, Achille Lauro, Damiano dei Maneskin, Marc Jacobs e Fedez. Simbolo di ribellione e controcultura, lo smalto sulle dita degli uomini si era già visto negli anni Settanta. Negli Novanta, rosso e scheggiato, con Kurt Cobain. Nella moda fu lo stilista Marc Jacobs nel 2014 a lanciare lo smalto da uomo, e negli ultimi tempi sempre più modelli e uomini di spettacolo amano indossare smalto sulle mani. Ecco perché, è diventato un trend sempre più diffuso e amato anche dal pubblico maschile. Attori, cantanti fino ai designer affermati come Karim Rashid, con una grande passione per gli smalti, a tal punto da creare una collezione in collaborazione Faby, elevando gli smalti ad oggetti di design. Pioniere del trend è anche il cantante Seal da anni usa lo smalto per le unghie e se andiamo ancor più in dietro bisogna considerare anche tutti i cantanti rock da Steven Tayler degli Aerosmith, fino a Mariliyn Manson e Ozzy Osbourne. Tra gli attori di Hollywood gli amanti delle nail art sono Bradi Pitt, Johnny Depp e Jared Leto, anche loro hanno fatto sfoggio di smalto sulle unghie già diversi anni fa. Di recente gli attori Zac Efron e i fratelli Chris e Liam Hemsworth si erano dipinti un’unghia per la campagna Polished Man, che invita a farlo per attirare l’attenzione sui bambini vittime di abusi. Ma non solo, anche il calciatore inglese David Beckham, considerato il principale esempio di

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 49


FENOMENI

Da sinistra, gli smalti di Gucci Beauty, Pupa, Boy de Chanel e Essence e gli smalti semipermanenti Noon by Fedez di Lyla Cosmetics e Passione Unghie In apertura, Achille Lauro per Gucci Beauty

metrosexual, si era presentato al battesimo del figlio dell’attrice Liz Hurley con uno smalto rosa acceso, coordinato con quello della moglie Victoria, e Cristiano Ronaldo, altro modello metrosexual, sfoggiò nel 2017 smalto nero sulle unghie dei piedi. CAMBIO DI PROSPETTIVA E fin qui nulla di nuovo. La novità è che, soprattutto in Regno Unito e negli Stati Uniti, lo smalto ha iniziato a comparire sulle unghie di uomini e ragazzi che non sono personalità dello spettacolo o di internet, che se lo mettono senza particolari messaggi e rivendicazioni, semplicemente per il gusto di farlo. La tendenza è stata notata da riviste maschili e di moda come Esquire che scriveva “che il 2021 sarebbe stato l’anno della Mencure”. E il Guardian in un articolo riportava che fino a un po’ di tempo prima gli uomini attenti al proprio aspetto ammorbidivano la barba con la cera apposita, si toglievano i peli dalle sopracciglia o si facevano fare un massaggio, mentre oggi invece si fanno una manicure. Lo conferma Amy Lin, fondatrice di Sundays Studio, un salone di unghie a New York che organizza i Menicure Mondays, i lunedì in cui la manicure è dedicata agli uomini.“Si

50 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

presentano il padre con la figlia di 5 anni, il consulente d’affari, gli uomini che lavorano in un’agenzia creativa”, sottolinea Amy Lin. Aldwyn Boscawen, che gestisce la prima sala di pedicure maschile del Regno Unito, Aldwyn & Sons nella Fitzrovia di Londra, ha iniziato l’attività per cambiare il modo in cui gli uomini pensano alle cure. “La pandemia ha aumentato la consapevolezza di tutti sull’igiene e sulla cura. Il senso di benessere e la cura di sé sono altrettanto importanti per gli uomini”, ha dettov Boscawen. In tempi più recenti la fluidità di genere e la mescolanza dei confini tra maschile e femminile negli abiti, negli accessori e anche nella bellezza è diventata un imperativo della moda e sempre più ragazzi e ragazze giocano a confondere la propria immagine e identità, con l’idea che una distinzione categorica non esista più e che chiunque possa utilizzare qualsiasi vestito, colore e ornamento per esprimere la propria personalità. È con questo spirito che lo smalto si è diffuso prima tra personaggi famosi e poi, su loro esempio, tra i loro follower e fan, anche eterosessuali. Faculty, un’azienda newyorkese specializzata nella cura per la pelle maschile, ha lanciato il suo primo prodotto per le unghie: uno smalto color verde muschio. “Vogliamo


T O U CH P RO O F S H I N E P ROO F L I FE P R O O F

FONDOTINTA FACEFINITY ALTA COPRENZA. LUNGA TENUTA. SPF 20.


FENOMENI

rivolgerci ai millennials e alla generazione Z - ha raccontato Fenton Jagdeo uno dei fondatori - che hanno regole meno rigide sull’identità di genere. Aascoltano A$AP Rocky, il gruppo sudcoreano dei BTS e si divertono a dipingere i capelli di rosso, colorarsi le unghie, andare in skateboard e sono anche molto consapevoli delle tematiche ambientali e sociali”. E non solo. “It felt empowering”, ha dichiarato Kwame Onwuachi, chef e giudice di ‘Top Chef’, raccontando la sua prima volta con la manicure e le sensazioni che ha sentito indossando unghie colorate, mettendo in evidenza i sentimenti legati al desiderio di sentirsi bene con se stessi. Il celebrity chef ha lanciato poi la sua linea di smalti, Kwame Nails, tra cui un il suo nero preferito che ha chiamato ‘Chef’s Kiss’.

Dall’alto, il cantante Sangiovanni, Damiano dei Måneskin e le unghie di Fedez

52 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

UNGHIE GRIFFATE Molti uomini amano losmalto dall’effetto opaco. A intuirlo è stato Chanel Beauty, che ha ampliato la linea Boy de Chanel con una base trasparente e un black lacquer solo per uomini. Per una manicure basica, oltre ai passaggi fondamentali di rimozione delle cuticole e di limatura delle unghie, c’è proprio un tocco mat per rendere l’unghia bella e levigata. Ma non solo. Anche in Italia, la mencure, ovvero la manicure, è tornata in voga. E già nel passato avevano sfoggiato unghie laccate i componenti di vari gruppi musicali rock come Morgan e i Bluvertigo, Max Gazzè a Sanremo, nel 2013 e Damiano del gruppo musicale Måneskin, il cantante Achille Lauro, il produttore musicale Boss Doms Qualche mese fa, Fedez, cantante e marito dell’influencer Chiara Ferragni, ha lanciato una linea di smalti semipermanenti da uomo, NooN By Fedez, realizzata con Layla Cosmetics. “L’incontro con Fedez - commenta Babila Spagnolo, CEO di Layla Cosmetics nasce dal comune desiderio di creare qualcosa di unico per le appassionate e gli appassionati di smalti, un prodotto che concede a tutti di esprimere la propria personalità e giocare con lo stile e i colori, divertendosi e stupendo”.


INTERVISTA

HAIR STYLING omnicanale di Giulia Sciola

STEFANO FILIPAZZI, MANAGING DIRECTOR DI GHD ITALIA DAL 2017, RACCONTA A PAMBIANCO BEAUTY LE STRATEGIE CHE HANNO PERMESSO ALL’AZIENDA DI CRESCERE ANCHE IN ANNI COMPLESSI PER IL SETTORE PROFESSIONALE. AL CENTRO DELLA DISTRIBUZIONE NON C’È UN SOLO CANALE, MA LE ESIGENZE DEL CONSUMATORE. L’ITALIA È TRA I MIGLIORI MERCATI PER PERFORMANCE.

54 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

U

n modello di business che mette al centro il consumatore e che ambisce a soddisfarne le esigenze nei migliori saloni professionali o online, con contenuti dedicati. Ghd brinda, per il quarto anno consecutivo, a risultati in forte crescita e alla sempre maggiore centralità del mercato italiano. A confermarlo è Stefano Filipazzi, managing director di Ghd Italia, che non ha dubbi: oggi essere top of mind vuol dire sapersi ricavare spazio nel “tempo digitale” dei consumatori. Nei saloni vince invece l’alta qualità del servizio, per questo è fondamentale investire sulla formazione. Ghd ha saputo crescere anche in anni complessi per il settore professionale. Quali sono i punti di forza del vostro modello? Il mondo del professionale era piuttosto statico anche prima del Covid-19, ma con la pandemia ha vissuto ulteriori difficoltà. Negli ultimi anni abbiamo però fatto un grande lavoro sul marchio, che è passato da una strategia ‘push’ a una strategia ‘pull’: abbiamo alimentato, nel mercato, molto più desiderio di Ghd. Poi abbiamo investito sui saloni professionali, sia in termini di formazione che di presentazione del marchio Ghd, coerentemente con il posizionamento


INTERVISTA

lusso. Questo ha permesso ai saloni di intercettare la domanda che abbiamo creato sul mercato, spostando la logica dal sell in al sell out. L’obiettivo è quello di essere in ogni luogo frequentato dal consumatore e offrirgli il meglio. Abbiamo lanciato un servizio, Experience Your Style, che permette ad esempio a chi acquista i nostri prodotti in un salone di ricevere un tutorial gratuito di dimostrazione, offerto da un parrucchiere. È un arricchimento dell’esperienza che valorizza quello che il salone ha di distintivo, ovvero la competenza delle persone che ci lavorano. A questo fine, era necessario che i parrucchieri nostri partner fossero formati sui look e le tendenze Ghd. Abbiamo quindi raddoppiato il numero di seminari. Se invece pensiamo al digitale, per offrire il meglio di ciò che il digitale può offrire abbiamo rinnovato il sito, arricchendolo di molti contenuti. In quanti punti vendita fisici siete presenti? I saloni sono il canale di elezione di Ghd e, a livello mondiale, siamo sopra i 40mila saloni professionali partner di Ghd. In Italia sono circa 10mila, su un totale, nel Paese, di 65mila-70mila saloni. Volutamente siamo in un numero limitato di saloni perché siamo un brand selettivo, con una distribuzione controllata. Ci sono inoltre circa 1.500 saloni aderenti al programma loyalty su cui andiamo a investire. Lì curiamo anche le vetrine e abbiamo dei corner interni brandizzati, facciamo formazione e organizziamo eventi.

crescita per Ghd. Il mercato italiano sta rispondendo molto bene ai nostri prodotti ed è diventato il secondo mercato al mondo per il brand dopo il Regno Unito. Nel 2020 abbiamo più che raddoppiato gli investimenti. Il brand è uscito dal lockdown più forte di come vi è entrato. Tramite il digitale abbiamo tentato di dare energia positiva e di innovare. Abbiamo ad esempio lanciato un’app per i saloni professionali che permette ai saloni stessi di valorizzare al meglio i loro social media. Oggi la nostra app è utilizzata da oltre 900 saloni. Quali sono le novità in serbo per il mercato italiano nei prossimi mesi? La grande novità degli scorsi mesi è stata il lancio di Unplugged, la prima piastra senza fili. Il lancio mondiale è stato a Milano, con Chiara Ferragni. Le altre grandi novità sono la creazione di una nuova piattaforma per il nostro sito a livello mondiale, che lo renderà ancora più ricco di contenuti. In autunno lanceremo nuovi prodotti, che andranno ad ampliare le categorie della nostra offerta. Negli ultimi anni Ghd ha rinnovato il 90% del portafoglio, con nuove tecnologie. Il brand, oltre ad avere prodotti di styling con il più alto livello tecnologico al mondo, ha saputo elevarne anche i connotati di design e fashion, lavorando con le migliori maison nelle fashion week.

Quale è invece l’importanza del digitale? ‘Digital first’ è uno dei pilastri della strategia di questi anni. Quando sono arrivato, nel 2017, avevamo 65-70mila follower su Instagram. Oggi ne abbiamo quasi 700mila e siamo diventati, come Italia, il primo account mondiale di Ghd. Questo canale per noi non è solo un motore di fatturato, è anche un modo di comunicare e interagire con le persone. Abbiamo creato un network di top influencer che lavorano con noi, tra cui Chiara Ferragni. Oggi per essere top of mind bisogna guadagnare una quota del tempo digitale dei consumatori. Abbiamo un team dedicato per creare il più alto livello di ingaggio e di interesse. Il fatturato dell’e-commerce, di cui non posso rivelare l’incidenza, è cresciuto notevolmente in questi anni. Ghd ha saputo crescere in maniera costante e a doppia cifra su tutti i canali. Oggi il sito italiano è il secondo sito al mondo per Ghd, dopo il mercato d’origine. Quale è stato l’andamento nel 2020? Lo scorso giugno abbiamo chiuso il nostro quarto anno consecutivo di crescita a doppia cifra. In questi anni l’Italia è stata tra i Paesi al mondo con la più alta

In questa pagina, Stefano Filipazzi In apertura, Chiara Ferragni per Unplugged, la prima piastra per capelli senza fili di Ghd Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 55


STORYTELLING

The Longevity Suite, il network di centri Antiage, continua a crescere con un importante piano di aperture all’estero che parte dalla Spagna. I primi due centri saranno a Ibiza Botafoch e a Marbella Puerto Banus a cui seguirà l’apertura a Barcellona nel corso del 2022. Inoltre entro fine 2021 sarà inaugurato anche il centro di Lugano.

LONGEVITY, l’antiage di lusso italiano alla conquista dell’estero Parte dalla Spagna l’internazionalizzazione di The Longevity Suite, il network di centri Antiage Luxury che da Milano sta conquistando le principali location italiane e prepara lo sbarco all’estero. Il metodo Longevity è il frutto di oltre 20 anni di lavoro del team del Dott. Massimo Gualerzi, cardiologo e direttore scientifico del brand ed è basato sulla riduzione dell’infiammazione attraverso l’esposizione al freddo, il detox intermittente e la consapevolezza estetica. L’obiettivo è quello di creare il più grande Brand italiano del mercato Antiage attraverso un format consolidato e facilmente internazionalizzabile, unico nel Mercato Retail grazie all’approccio integrato di background medicale, tecnologie estetiche d’avanguardia, trattamenti manuali sinergici, prodotti nutrizionali detox e cosmeceutici high tech, il tutto racchiuso in un rilassante mood Luxury-Design ideato dal famoso architetto del Wellness di Lusso Anton Kobrinetz. “La chiave del nostro successo- spiega Luigi Caterino CEO di The Longevity Suite - è quello di aver creato una Luxury Antiage City Clinic ad elevato contenuto tecnologico, con protocolli viso/corpo ultra-performanti effettuati in un ambiente multisensoriale, per

56 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

raggiungere un perfetto equilibrio tra salute, bellezza esteriore e benessere mentale. Fino ad oggi i nostri clienti potenziali (imprenditori, manager e professionisti) avevano come unica scelta quella di prendersi cura del proprio benessere, quando ne sentivano il bisogno, attraverso periodi di vacanza o di “off” nelle principali cliniche o wellness resort sparsi per l’Italia lontano da casa, per poi ritornare alla vita quotidiana di sempre. L’obiettivo del centro è invece quello aiutare le persone, con un approccio olistico e multidisciplinare, a integrare il nostro modello di Longevità nel loro lifestyle quotidiano, nella loro città e nel loro ordinario, con protocolli da effettuare sia nei nostri centri, come ad esempio la crioterapia, che nella loro routine domestica”. Per crioterapia si intende “cura con il freddo” e si inserisce tra i nuovi e innovativi metodi di cura degli ultimi decenni. La crioterapia ricopre una parte molto importante dei nostri programmi di longevità: il trattamento prevede di immergere il corpo in una camera fredda con temperature che vanno dai - 85° ai – 95° per un intervallo di tempo che varia tra i 3 e i 5


STORYTELLING

minuti. Ciò perché il freddo a breve termine favorisce un gran numero di reazioni positive nel corpo come il ringiovanimento della pelle. Il primo centro di The Longevity Suite ha quasi 10 anni di storia ma è solo negli ultimi 3 anni che l’azienda ha deciso di intraprendere un entusiasmante piano di crescita che ad oggi conta 16 centri: tre a Milano, due a Roma, Cortina, Porto Rotondo, Capri, Forte dei Marmi, Torino, Monza, Treviso, Parma, Modena, Bologna, Prato. La strategia di sviluppo del Brand prevede di garantire la presenza diretta con centri di proprietà nelle location strategiche (grandi città e location turistiche di lusso) e assicurare al motore del franchising lo sviluppo omogeneo sul territorio nazionale ed europeo. The Longevity Suite accompagna il franchisee in tutte le attività: ricerca della location, ristrutturazione, sviluppo piani di finanziamento personalizzati, guida nella selezione e formazione del personale, realizzazione delle attività di marketing a 360°. L’investimento minimo parte da € 250.000, il fatturato medio del punto vendita è di € 500.000 con una redditività del 27/30%. Data l’innovazione che il Brand ha portato sul mercato, l’imprenditore avrà la possibilità di cavalcare il momentum della longevità per fare un business in grande ascesa, ideale per le grandi città capoluogo di provincia. “Apriremo i primi 2 centri spagnoli nelle località di Ibiza e Marbella”, prosegue Caterino. Il centro di Ibiza nascerà nei pressi di Botafoch, un’oasi del lusso di fronte alla città vecchia, tra gli yacht della Marina, le boutique della moda, i ristoranti e

i club più cool dell’isola. L’esclusività di Puerto Banus con il suo charme ospiterà invece il centro nel cuore di Marbella, perla del lusso incontrastato della Costa del Sol. “Le due aperture di Ibiza e Marbella prepareranno il successivo ingresso sul continente – sottolinea Caterino - e l’apertura a Barcellona nel corso del 2022. Abbiamo deciso di iniziare la nostra internazionalizzazione dalla Spagna, sia perché è il paese con la maggiore affinità culturale all’Italia sia perché sta vivendo un autentico boom dei mercati dell’estetica, medicina estetica e antiage. Inoltre, è un territorio praticamente vergine nel mercato della crioterapia, abbastanza diffusa ma con le tradizionali criosaune ad azoto che sono molto meno efficaci delle nostre criocamere elettriche. Queste infatti garantiscono un trattamento total body, più sicuro e dall’experience più piacevole”. I tre centri spagnoli affiancheranno l’apertura già programmata a Lugano entro la fine del 2021. Grazie al grande appeal che i settori dell’Antiage e della longevità hanno acquisito sugli investitori Longevity, la società proprietaria del brand The Longevity Suite sta ultimando il suo terzo round di investimenti che complessivamente raggiungerà la cifra di 2,5 milioni di euro. Alcuni dei nuovi soci sono già entrati nel Longevity Advisory Board, il comitato di indirizzo per lo sviluppo strategico della società: Marco Bizzarri (presidente e CEO di Gucci), Luca Poggi (advisor finanziario e membro del Cda di IMA), Tino Cennamo (ex CEO di Disney Italia e Apple Computer Italia) si aggiungono ai soci fondatori della società. L’eterna giovinezza sembra essere un business destinato a durare.

Da destra in senso orario una panoramica di Ibiza Botafoch, una criocamera e un centro di The Longevity Suite Nella pagina accanto, una criocamera The Longevity Suite

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 57


AZIENDE

Decorté CRESCE con LIFT DIMENSION di Chiara Dainese

BEAUTIMPORT LANCIA IN ITALIA LA LINEA ANTIAGE DECORTÉ LIFT DIMENSION, FRUTTO DI UNA VASTA RICERCA NEL CAMPO ELABORATA DAI LABORATORI R&D IN GIAPPONE. LA NUOVA LINEA SUBLIMA LA PELLE CON UN EFFETTO TRIDIMENSIONALE, PER OTTENERE NUOVAMENTE CONTORNI DEFINITI DEL VISO.

58 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

S

i chiama Lift Dimension la nuova linea effetto liftante tridimesionale di Decorté, brand giapponese di skincare di lusso di cui Beautimport è distributore esclusivo per il mercato italiano. “La nuova Decorté Lift Dimension - sottolinea Nicola Catelli CEO di Beautimport - ricostruisce le fondamenta della bellezza. Continene ingredienti che donano elasticità e compattezza, per sostenere la bellezza della pelle”. Decorté infatti, presta particolare attenzione alla tridimensionalità dello strato corneo profondo, lo strato dell’epidermide che risente particolarmente dell’invecchiamento. Gli studi del brand giapponese sono stati incentrati sulla riduzione della apacità della pelle di supportare l’elasticità con l’età, responsabile dei cambiamenti nell’aspetto del viso. La nuova linea di trattamento antietà Lift Dimension è proprio il frutto di una vasta ricerca nel campo elaborata dai Laboratori R&D di Decorté in Giappone. “Seguendo il rituale quotidiano di skincare mattina e sera - continua Catelli - ora con Decorté Lift Dimension è possibile sublimare la pelle con un effetto tridimensionale, per ottenere nuovamente


AZIENDE

contorni definiti, dal mento alle guance e agli occhi”. Nella pelle giovane infatti, le fibre di elastina formano una struttura tridimensionale, che sostiene compattezza ed elasticità, ma nella pelle matura la struttura tridimensionale del derma collassa e si appiattisce, con conseguente perdita di compattezza ed elasticità. La chiave per una pelle giovane sta nella bellezza della struttura tridimensionale. Le fibre di elastina svolgono un ruolo importante nell’elasticità della pelle e si ritiene che rughe e cedimenti si verifichino quando le fibre di elastina degenerano a causa dell’età e dei raggi ultravioletti. Decorté Lift Dimension contiene ingredienti che donano elasticità e compattezza, per sostenere la bellezza della pelle come l’Estratto di frutto di Rosa Multiflora che contiene polifenol, l’Estratto di radice di Panax ginseng che protegge la compattezza della pelle e l’stratto di Rosa Charles de Mills, una varietà di Rosa gallica (o Rosa francese) utilizzata per le sue proprietà cosmetiche sin dall’antichità. A questi è stato aggiunto il Tripeptide di collagene, un derivato del collagene che preserva la compattezza e la tonicità della pelle. Gli ingredienti originali di Decorté sono coltivati con cura nei terreni ricchi e fertili vicino al monte Aso in Giappone. L’obiettivo del marchio Decorté è quello di creare “decorazioni di bellezza” che si distinguano per l’elevata qualità dei loro componenti. Per questo il brand ha scelto di ideare una linea d’eccellenza, adatta a diverse esigenze, e di non limitarsi ad un solo prodotto di punta. Infatti Kozaburo Kobayashi ha creato l’azienda nel 1946, quando nel Giappone imperversavano le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e il Paese sentiva il bisogno di ritrovare il valore della bellezza autentica. Era un periodo in cui le persone volevano recuperare le abitudini della vita quotidiana e le loro routine. Nel tempo questa necessità non è mai svanita, “perché prendersi cura di sé è il primo passo per accettarci come siamo. Decorté vuole comunicare e condividere un’idea di bellezza autentica e naturale, non artificiosa, che oltrepassa i limiti temporali. La qualità unita all’efficacia della nostra linea porta a risultati reali e visibili, ma allo stesso tempo leggeri e delicati”, conclude il CEO di Beautimport.

Dall’alto, Decorté Lift Dimension Cream e Decorté Lift Dimension Cleasing Oil In apertura la nuova linea Decorté Lift Dimension

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 59


REPORTAGE

RIPARTENZA, le fiere superano la prova di Giulia Sciola

ONBEAUTY BY COSMOPROF BATTE LE ATTESE E SFIORA LE 50MILA PRESENZE. TRAINANTE, NELL’EDIZIONE VOLUTAMENTE RIDOTTA DI SETTEMBRE, L’ALLEANZA CON COSMOFARMA E SANA. TANTE LE OCCASIONI DI NEW BUSINESS, CON INCOMING DALL’EUROPA. BRAND E ORGANIZZATORI SI DANNO ORA APPUNTAMENTO A MARZO 2022.

60 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

“È

un sentimento di soddisfazione quello che resta al termine di questo atteso appuntamento in presenza. La versione necessariamente ridimensionata in termini di numero di espositori e di visitatori della manifestazione non ha impedito alle imprese di registrare un’ottima frequentazione di operatori qualificati e concrete occasioni di business grazie a contatti strategici e mirati. Si tratta di un segnale importante, proiettato verso la completa ripartenza del prossimo anno, con l’edizione 2022 di Cosmoprof Worldwide Bologna”. A inquadrare il risultato sopra le aspettative di OnBeauty by Cosmoprof Worldwide Bologna, manifestazione che dal 9 al 13 settembre ha riunito aziende, compratori, distributori e retailer, è Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, che conferma l’ottimismo del comparto. La sinergia


REPORTAGE

con Cosmofarma ReAzione, evento dedicato a healthcare, beauty care e ai servizi legati alla farmacia, e Sana, salone del biologico e del naturale, ha facilitato nuove progettualità tra i diversi canali distributivi. La piattaforma ha coinvolto complessivamente 1.150 brand, sfiorando le 50mila presenze. “OnBeauty by Cosmoprof è la prova che l’industria cosmetica è andata oltre le difficoltà degli ultimi mesi di pandemia:tra i corridoi si è finalmente tornati a parlare di novità e futuro”, ha sottolineato Enrico Zannini, direttore generale di BolognaFiere Cosmoprof. Il salone ha riunito in un unico appuntamento, in momenti diversi dedicati, gli attori chiave del settore, dalle aziende della supply chain ai brand del retail, dagli specialisti della cosmesi green al mondo professionale. Secondo i dati dello studio ‘Fiera e industria per la ripartenza: i driver del settore cosmetico tra sfide future e new normal’, presentato da Cosmetica Italia nei giorni della manifestazione, la cosmesi italiana dovrebbe vedere un 2021 in crescita del 6,7 per cento. Dopo il calo dei consumi del 2020, i primi sei mesi del 2021 hanno evidenziato segnali incoraggianti. “Questa fiera è un segnale positivo per l’industria - ha raccontato a Pambianco Beauty Caroline Baranes, chief marketing officer di Baralan -. Da subito abbiamo voluto partecipare per dare un messaggio di ripartenza e resilienza dopo un anno molto sfidante. È fondamentale vivere le dinamiche della fiera. Recuperiamo un gap relazionale importante. A livello di mercati c’è una buona affluenza dall’Europa, non solo dall’Italia, ma anche da Francia, Regno Unito, Est Europa e Russia”. Baralan, attiva nel settore del packaging primario per l’industria cosmetica, è stata tra le aziende protagoniste del padiglione dedicato alla supply chain. È invece attiva nel settore del make-up conto terzi Chromavis, che ha affidato il sentiment della presenza in fiera e dell’andamento del mercato a Cecilia Schena, SVP marketing & business development: “Non si può paragonare OnBeauty a Cosmoprof, tuttavia abbiamo avuto molte occasioni per fare new business. Molti dei nuovi clienti erano interessati al nostro portafoglio naturale e sostenibile di formule, su cui siamo molto forti. I nuovi clienti incontrati qui arrivano da Germania, Inghilterra, Est Europa e Francia. Dall’Italia ci sono invece clienti già acquisiti. Nel 2021 vedo ancora delle

In queste pagine, alcune aree di OnBeauty by Cosmoprof Worldwide Bologna e Cosmofarma

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 61


REPORTAGE

difficoltà in termini di andamento globale. La progettualità però non si è fermata, quindi possiamo immaginare un 2022 con una buona partenza e una ripresa sostenuta”. Alfaparf, azienda del mondo hair, tra i protagonisti delle giornate dedicate al canale professionale, ha confermato l’importanza delle manifestazioni in presenza, con il digitale che non potrà prenderne in toto il posto, ma che piuttosto funge da canale di supporto. “L’aspetto più interessante di questo evento – ha dichiarato Luca Nava, global general manager skincare division di Alfaparf - è stato il segnale di ripresa rispetto a eventi in presenza. Certamente l’affluenza non è l’elemento primario da considerare: ancora troppe incertezze, pochi espositori e difficoltà nei viaggi internazionali. Tuttavia c’erano professionisti con una forte volontà di rientrare in contatto con gli stimoli che queste manifestazioni possono portare e di rincontrare le aziende. Il settore di maggiore presenza è stato quello dei parrucchieri”. Quanto invece a Cosmofarma, per la sola edizione di settembre 2021, il salone ha voluto aggiungere alla sua denominazione il sostantivo ReAzione, così da rendere esplicita la volontà di affrontare le sfide del futuro. La ripresa sembra del resto confermata anche da Cosmetica Italia, che segnala previsioni di crescita della cosmetica in farmacia dal 2,4% al 4,2%, con l’obiettivo di tornare nel 2022 ai valori pre-pandemia. “Sapevamo che questa edizione sarebbe stata meno frequentata rispetto al passato

Alcune aree di OnBeauty by Cosmoprof Worldwide Bologna

62 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

- ha raccontato Adele Schipani, CEO e founder di Luxury Lab Cosmetics -, ma abbiamo scelto di esserci perché abbiamo tanto da raccontare e da offrire, in termini di novità, al canale delle farmacie. Per il settore, la fiera fisica è fondamentale. Presentarci attraverso un monitor non ci permette di trasferire messaggi chiave sui nostri progetti. Abbiamo chiuso un 2020 molto positivo e il 2021 confermerà il trend di crescita, sostenuto dalla buona compensazione tra i diversi brand in portafoglio”. Luxury Lab Cosmetics è distributore per il mercato italiano di marchi come Roc, Galénic, Ahava e Clineral. Descrive infine il 2021 come “anno migliore di sempre”, in termini di andamento del business, Euracom, azienda che oltre alla produzione di apparecchiature per l’estetica, ha la distribuzione esclusiva per l’Italia di numerosi marchi quali Australian Gold, RAYsistant by Australian Gold e Baija. “Siamo decisamente soddisfatti dell’affluenza - ha concluso Claudio D’Emilio, titolare di Euracom -. I visitatori che arrivano in fiera in questo momento sono molto motivati, vengono per chiudere degli ordini. Qui incontriamo soprattutto italiani, farmacie interessate a inserire novità”.


REPORTAGE

IL REGOLAMENTO EUROPEO IMPONE ALLE AZIENDE DI MONITORARE IL CICLO DI VITA DEI PRODOTTI E TUTELARE I CONSUMATORI. IL MADE IN ITALY FA DELLA SICUREZZA UN VANTAGGIO COMPETITIVO, INIZIANDO A TESTARE LA BLOCKCHAIN.

BELLEZZA TRASPARENTE E TRACCIATA di Giulia Sciola

“T

racciabilità nell’industria cosmetica: dalle esigenze della filiera all’applicabilità di soluzioni tecnologiche end-to-end”. È questo il titolo della tavola rotonda organizzata da OnBeauty By Cosmoprof Worldwide Bologna, in collaborazione con Pambianco, che lo scorso 10 settembre ha approfondito un tema cruciale per l’industria cosmetica, coinvolgendo aziende del settore ed esperti. La tracciabilità dei prodotti risponde a vincoli normativi, imponendo un sempre maggior controllo delle fasi del ciclo produttivo, dei rapporti con i fornitori e dei canali di vendita. Il Regolamento CE 1223/2009 stabilisce le prescrizioni che ogni prodotto cosmetico immesso sul mercato deve rispettare, al fine di garantire la tutela della salute e l’informazione dei consumatori, definendo restrizioni alle sostanze contenute e chiarendo i requisiti minimi per l’etichettatura dei prodotti. Tra gli scopi principali di tale regolamento, in vigore dal 2013, ci sono infatti la condivisione delle procedure di immissione dei cosmetici sul mercato comunitario, la definizione delle figure chiave e delle loro responsabilità, l’uniformità del set di informazioni riportate sui prodotti e sui rispettivi imballi e un sempre maggior livello di sicurezza dei cosmetici, con un sistema di sorveglianza anche nel post-vendita. Garantire l’integrità e la trasparenza in ogni passaggio della catena 64 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


PETTENON COSMETICS S.p.A. Società soggea a direzione e coordinamento di AGF88 Holding s.r.l.

dal 1946 al servizio della bellezza

S O C I E TÀ D E L G R U P P O

w w w. a g f 8 8 h o l d i n g . i t EAR T H

F R I END LY


REPORTAGE

produttiva e distributiva è oggi possibile grazie all’analisi dei dati, con risvolti positivi in termini di tutela della marca, tutela ambientale e tutela del consumatore. L’APPLICABILITÀ DELLA BLOCKCHAIN A molte delle problematiche e delle sfide che le aziende affrontano nel processo di implementazione del livello di tracciabilità dei loro prodotti viene in soccorso la tecnologia blockchain. L’Italia può giocare un ruolo fondamentale in relazione a questa tecnologia, anche a supporto della competitività delle filiere strategiche. Nel settore della bellezza, tuttavia, sembra trovare un’applicazione ancora limitata. “Il termine blockchain non individua solo un insieme di tecnologie – ha spiegato Rebecca Montanari, professoressa ordinaria di Sicurezza dell’Informazione di Dipartimento di Informatica, Scienza e Ingegneria dell’Università di Bologna -, ma un modello innovativo che permette un’interazione diversa tra cittadini, istituzioni e tra imprese. Il concetto, tra gli altri, di smart contract, ha permesso l’applicabilità della blockchain anche in settori diversi dalle criptovalute, come l’ambito delle filiere”. La blockchain è una particolare tecnologia di registro distribuito, in grado di registrare scambi e informazioni in modo sicuro e permanente. I dati sono resi immutabili grazie all’utilizzo di tecnologie di crittografia. “Si tratta di una tecnologia non ancora veramente sperimentata sul campo quando si considera il settore cosmetico, se non in applicazioni di nicchia. L’utilizzo della blockchain come infrastruttura tecnologica su cui costruire dei servizi per la filiera risulta, infatti, ancora poco presente”, ha concluso Montanari. L’IMPEGNO DELLE AZIENDE Attraverso la tracciabilità e la trasparenza, l’intera costellazione delle Pmi della beauty valley italiana può offrire garanzie della maggiore affidabilità delle produzioni made in Italy in ottica di traino per la ripresa. Lo conferma Ancorotti Cosmetics: “L’applicabilità della blockchain per la tracciabilità - ha precisato Graziano Fumarola, direttore operations di Ancorotti Cosmetics Spa - richiede un concerto di filiera, perchè le aziende contoterziste sono solo uno degli anelli della catena di approvvigionamento, che vede a monte produttori e distributori di materie prime, di packaging e di macchinari, e 66 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

a valle i brand, i retailer e il consumatore finale. Nella tracciabilità vediamo un’opportunità: evidenziare eventuali inefficienze permette infatti di risolverle e questo ha portato a marginalità positive e a un potere di investimento maggiore, aumentando la competitività dell’azienda nel settore”. A far luce sulle sfide a cui deve fare fronte un brand è Benedetta Suardi, technical director di Kiko, ribadendo come il Regolamento CE 1223/2009 metta al centro la responsabilità delle aziende e la tutela della sicurezza di chi acquista: “Un brand ha come missione l’onestà e la sicurezza verso il consumatore – ha spiegato la manager-. L’Italia, insieme a Francia e Stati Uniti, è uno dei Paesi più colpiti dalla contraffazione. Questo fenomeno è diventato ancora più insidioso con le vendite sul canale e-commerce e con l’esposizione dei brand sui canali social. Oggi non ci sono sistemi che impediscano, ad esempio, di aprire una pagina a nome di un marchio e vendere prodotti, fino al successivo intervento delle autorità. Fondamentale è anche la tutela ambientale, dove la tracciabilità consente di monitorare la provenienza geografica delle materie prime, la loro estrazione, con attenzione alla componente sociale”. IDENTITÀ DIGITALE Può implementare la trasparenza della filiera anche l’identità digitale, concetto approfondito con Antares Vision Group, che segue l’intero processo di protezione dei prodotti lungo tutto il loro ciclo di vita, fornendo soluzioni di track & trace. “L’identità digitale – ha precisato Monica Coffano, business development manager dell’azienda - è un codice univoco che segue una singola unità di prodotto durante tutta la sua vita. Questo codice univoco può avere forme diverse: può essere un QR code, può essere invisible, può essere un RFID o un Nfc. L’aspetto fondamentale è che non esiste un’altra unità di prodotto con la stessa identità digitale. Quest’ultima è ‘alimentata’ dalle informazioni contenute nella blockchain, relative per esempio all’orgine delle materie prime che sono state utilizzate per creare questo prodotto. Ma anche tramite i classici strumenti aziendali come Erp e MES”. In apertura, un momento del talk realizzato da OnBeauty by Cosmoprof, in collaborazione con Pambianco


IN COLLABORAZIONE CON PWC

Come si evince dal report PwCNextAtlas, tra i trend futuri della cosmetica ci sono prodotti sempre più in grado di appagare le diverse sfere sensoriali. Laura Burdese, presidente e CEO di Acqua di Parma, racconta come questo si traduce nell’offerta del brand e quali sono le frontiere di sviluppo dell’area fragranze.

Tempo di ESPERIENZE SENSORIALI In un mondo in cui la comunicazione sta evolvendo rapidamente con modalità che si adattano sempre più agli smart devices e che premiano in particolare il senso della vista e dell’ascolto, le esperienze che coinvolgono tutti i sensi diventano rare e preziose, delineando una controtendenza focalizzata su progetti e iniziative speciali multisensoriali. Coinvolgimenti sensoriali il cui valore non può essere trasmesso tramite smartphone, ma che si può vivere solo in prima persona, attraverso un’esperienza e il ricordo che essa stessa genera. “Risulta fondamentale per il mondo della profumeria differenziarsi dagli stili di comunicazione attuali, realizzando esperienze che valorizzino tutti i canali sensoriali”, spiega Erika Andreetta, partner PwC Italia. “Le imprese del settore, per rimanere competitive, dovranno sempre più essere in grado di individuare delle modalità di experience e comunicazione che coinvolgano gli utenti. In quanto consulenti di importanti realtà siamo impegnati quotidianamente a tradurre operativamente questi nuovi trend per rendere possibile una fruizione coinvolgente della marca utilizzando le opportunità che nascono dalle nuove tecnologie (Intelligenza Artificiale, Big Data, livestreaming, virtual try onetc.) che mettono insieme fisico e virtuale, e

68 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

tenendo conto le esigenze di consumatori che appartengono a generazioni diverse e vivono in maniera diversa lo store fisico e l’e-commerce. È importante non trascurare la crescente importanza che la sostenibilità riveste in quest’ambito”. Laura Burdese, presidente e CEO di Acqua di Parma, racconta come l’azienda si pone nei confronti di queste tematiche. Come si evince dal report di PwC-NextAtlas, tra i trend futuri della cosmetica ci sono prodotti sempre più in grado di appagare le diverse sfere sensoriali. Come si traduce questo nell’offerta di Acqua di Parma? Nasciamo e siamo ancora una marca di fragranze. Rispetto alle marche beauty a tre assi la nostra offerta è ancora un 70% circa incentrato sulle fragranze e un 30% fatto tra la home collection (candele, diffusori e profumazioni per il mondo della casa o della macchina) e i prodotti bath&body. Quando parliamo di multisensorialità bisogna fare dei distinguo: da anni, per esempio, cerchiamo sempre di più di innovare anche dal lato della sensorialità e non solo dell’esperienza puramente legata alla piramide olfattiva. Abbiamo sviluppato infatti diverse formule, prodotti,


IN COLLABORAZIONE CON PWC

innovazioni che andavano verso un maggior coinvolgimento di tutti i sensi dei consumatori. È vero che questo è un trend che abbiamo visto a livello globale. Nel mondo dei prodotti per il corpo ci sono formulazioni che sono in grado di cambiare: oli che sotto l’acqua diventano schiume, schiume e scrub con una sensorialità particolare. Quest’idea di prodotti che si trasformano ne abbiamo diversi ed è un’esperienza che ai consumatori piace molto, è sorprendente. Il concetto del surprising in paesi come l’Asia è fondamentale. Nel mondo delle fragranze negli ultimi anni ci siamo concentrati più sul contenuto che sul contenitore. Abbiamo creato delle esperienze olfattive a livello di sviluppo prodotto che di per sé fossero delle esperienze. Sono queste esperienze olfattive che i nostri consumatori apprezzano particolarmente, e per la nostra esperienza anche più di nuove formulazioni. Poi se parliamo dell’utilizzo della scoperta di queste fragranze, la multisensorialità anche per noi è importante. Quando raccontiamo le nostre fragranze, facciamo vivere l’esperienza ai consumatori, spesso accostiamo durante gli eventi la scoperta della fragranza al mondo del cibo o delle bevande. Quali sono le frontiere di sviluppo dell’area fragranze? Moltissime. Si sta cercando sempre di più di capire i nuovi metodi di applicazione rispetto ai normali spray, come i roll-on, gli olii, il pennello e la fragranza trasformata in una sorta di cipria quasi solida. C’è una ricerca della gestualità nel modo di applicare la fragranza che sta evolvendo molto. Una cosa nella quale crediamo molto sono tutte le formule solide, non solo le fragranze solide ma anche i vari prodotti ancillaries in formulazioni solide, ad esempio gli shampoo e i bagnodoccia.

Laura Burdese

Che ruolo hanno i social network nel segmento delle fragranze? Ovviamente un ruolo importante, è un modo per comunicare con il target. Li utilizziamo in modo focalizzato, non siamo su tutti i social, ne abbiamo scelti alcuni (come Instagram e Facebook) che secondo noi sono i più corretti per comunicare con la nostra target audience attuale e prospect e abbiamo deciso di focalizzarci su quello e di farlo bene. Acqua di Parma è una marca cross generazionale, così come siamo nati 100 anni fa con fragranze genderless, da sempre siamo stati molto trasversali anche come età di utilizzo. Li utilizziamo non tanto per il breve termine, ma anche in ottica di brand equity e brand building. Per noi è importante che questi social raccontino la nostra storia, i nostri valori, in modo corretto, con messaggi rilevanti e significativi per la nostra audience di riferimento. Mai come oggi i consumatori sono sensibili alle tematiche green. Come declinate il tema della sostenibilità? Acqua di Parma è nata come un prodotto personale oltre 100 anni fa dal suo fondatore, un pioniere e visionario che viaggiava in giro per il mondo e aveva creato una fragranza per sé stesso che comprendesse quello che più gli mancava dell’Italia. Già allora veniva fatta con ingredienti 100% italiani. La nostra supply chain è ancora, laddove possibile, principalmente intorno a Parma e Milano. Inoltre, lavoriamo con le stesse famiglie di artigiani con cui collaboriamo da decenni. Nel corso degli anni, abbiamo avuto un’accelerazione in termini di sensibilità sostenibile, cercando di eliminare tutto ciò che non era sostenibile, come la carta, la plastica, perfino i nostri tappi di bachelite che, pur essendo un materiale iconico, non erano completamente sostenibili. L’anno scorso abbiamo lanciato Acqua di Parma Futura, l’emblema del nostro programma di sostenibilità, composta al 99% da ingredienti di origine naturale. Una vera innovazione nel mercato.

Erika Andreetta

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 69


FORMAZIONE

PAMBIANCO ACADEMY tutti i Master, online di Alessia Perrino

“V

ogliamo diventare il punto di riferimento nella formazione professionale dei settori fashion, design e beauty. La necessità di orientarsi nei nuovi scenari del consumo rende necessario per i professionisti un aggiornamento costante, verticale e dal forte orientamento digital e sostenibile”, ha commentato David Pambianco, a proposito di Pambianco Academy, la piattaforma di formazione realizzata da Pambianco. Freschi di realizzazione gli ultimi Master lanciati: “Linkedin per le risorse umane” e “Startup e Growth Hacking”. Il primo ha l’obiettivo di insegnare a costruire un profilo Linkedin efficace per HR Manager e Recruiting Manager, mentre il secondo insegna a utilizzare il framework del growth hacking per la propria Start-up o per un determinato asset aziendale. Il Master in “Social Media Management e New Media” ha l’obiettivo di insegnare tutti gli strumenti necessari per poter creare un percorso di strategie social nella propria azienda, o per iniziare un percorso come libero professionista. Recentemente aggiornato, il Master “Aprire e gestire un e-commerce: come sviluppare una strategia di vendita efficace” ha l’obiettivo di far comprendere ai partecipanti 70 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

come poter avviare e utilizzare in maniera efficace questo canale di vendita, sia attraverso canali proprietari che marketplace. Affronta un tema quanto mai attuale il Master “Sostenibilità nel Fashion, Design e Beauty”, che si propone di fornire ai partecipanti gli strumenti per avviare e gestire un percorso di sostenibilità all’interno della propria azienda. Il Master più venduto continua a essere “Progettare e costruire una strategia digitale integrata”, in cui parliamo di: rivoluzione digitale, come scegliere la piattaforma e-commerce e come gestire il CRM, fondamenti di base della SEO, Content Marketing, luxury Brand Storytelling, Social Media e Community Marketing, e ancora Email Marketing, Influencer marketing, marketing automation e molto altro. La proposta si avvale di un sistema di formazione con video-lezioni sempre disponibili, docenze di professionisti qualificati e numerose testimonianze di manager delle più importanti aziende di settore. Per info e costi, potete visitare il sito academy. pambianconews.com o scrivere alla nostra Sales Manager Chiara Gentilini c.gentilini@pambianco.com.


EXCLUSIVE TEACHERS DOCENTI CON UN IMPORTANTE KNOW HOW IN AMBITO DIGITAL E GESTIONALE

ONLINE LESSONS LEZIONI DISPONIBILI ONLINE E FRUIBILI EVERYTIME & EVERYWHERE

PAMBIANCO ACADEMY

è l’innovativa piattaforma di formazione online per i professionisti del fashion, design e beauty

CASE HISTORY TESTIMONIANZE DI MANAGER E IMPRENDITORI DI SUCCESSO

SCOPRI I MASTER ONLINE SOCIAL MEDIA MANAGEMENT & NEW MEDIA APRIRE E GESTIRE UN E-COMMERCE: COME SVILUPPARE UNA STRATEGIA DI VENDITA ONLINE EFFICACE DIGITAL MARKETING AND ONLINE STRATEGY PAID ADVERTISING: LE PRINCIPALI PIATTAFORME DI SPONSORIZZAZIONE SOSTENIBILITÀ NEL FASHION, DESIGN E BEAUTY LINKEDIN PER LE RISORSE UMANE START-UP E GROWTH HACKING Tutti i master sono fruibili in modalità self: inizi quando vuoi e finisci quando vuoi! I contenuti saranno visualizzabili per un anno a partire dalla data di acquisto.

INFO E ISCRIZIONI Chiara Gentilini

tel. 02.76388640 - c.gentilini@pambianco.com

academy.pambianconews.com

Pambianco srl - Corso Matteotti, 11 - 20121 Milano


GIRO POLTRONE

GOULIN PROMOSSO DG DI L’ORÉAL LUXE ITALIA L’Oréal Italia ha nominato Emmanuel Goulin nuovo direttore generale della Divisione L’Oréal Luxe Italia. Goulin è entrato in L’Oréal come product manager di Lancôme in UK nel 2000. Nel corso degli anni ha sviluppato una carriera con responsabilità crescenti e posizioni internazionali fino alla più recente direzione del Travel Retail per l’APAC dove ha generato una straordinaria crescita del business. Goulin entra a far parte anche del Comitato Esecutivo di L’Oréal Italia guidato da presidente e amministratore delegato François-Xavier Fenart.Goulin prende il posto di Luca Guillot Boschetti, che ha deciso di intraprendere un’esperienza fuori dal Gruppo.

ESTÉE LAUDER, BERNARDI DIVENTA GM CANADA

Edoardo Bernardi

Giri di poltrone in The Estée Lauder Companies. Edoardo Bernardi è stato nominato general manager Canada e membro del Nord America Leadership Team con decorrenza 1 ottobre 2021. Dopo 20 anni di collaborazione con Estée Lauder Companies Italia, nel suo nuovo incarico, avrà la responsabilità di ottimizzare la strategia di crescita e redditività in Canada, un mercato chiave per il Gruppo e sarà parte attiva del comitato di direzione del Nord America. Bernardi garantirà la transizione della filiale fino al 1 novembre 2021. A partire da gennaio 2022 Federica Polinori assumerà la carica di general manager Italia, continuando a supportare lo sviluppo strategico delle fragranze in Emea. Forte di una esperienza ventennale nel mondo della bellezza e del lusso è reduce dalla carica di Emea vice president & general manager della divisione fragranze. 72 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

SEPHORA, MOREAU A CAPO DI EUROPA E MEDIO ORIENTE Sephora nomina Sylvie Moreau presidente Europa e Medio Oriente. Moreau, a partire dal prossimo 13 settembre, lavorerà sotto la direzione del CEO e presidente di Sephora Martin Brok. Inoltre prende il posto di Motte, nominato lo scorso aprile vicedirettore generale di Fashion Group, divisione del gruppo Lvmh. In precedenza, la manager ha ricoperto la carica di presidente della divisione professionale del gruppo Coty e prima ancora ha lavorato in Procter & Gamble.

Emmanuel Goulin

LABORATOIRE NATIVE ITALIA, NUOVA CARICA PER BIANCHI Pierluigi Bianchi assume la carica di sales manager in Laboratoire Native Italia, che riunisce i brand Lierac, Phyto, Roger & Gallet e Jowaé. Dopo aver maturato esperienze nel marketing e nel commerciale nel Gruppo L’Oréal, Bianchi arriva in Laboratoire Native nel 2019 come national account manager occupandosi della strategia delle catene di farmacie, parafarmacie, profumerie e dei grossisti. Bianchi si occuperà del coordinamento del team Commerciale, Retail ed Online, del Servizio clienti e della Business intelligence. Contribuirà all’ulteriore affermazione sul mercato delle marche del Gruppo e allo sviluppo dei diversi canali di distribuzione.

Pierluigi Bianchi

Sylvie Moreau

FILORGA ITALIA, LANDI NOMINATO DIRETTORE COMMERCIALE Raffaele Landi ha assunto la carica di Direttore Commerciale di Laboratoires Filorga Cosmetiques Italia. Già Business Development Manager della filiale italiana da ottobre 2019, Raffaele Landi ha gestito l’acquisizione di nuovi grandi clienti strutturati, l‘e-retail e la forza vendita sull’ intero territorio nazionale. Landi ha precedentemente assunto posizioni di responsabilità crescente in Pierre Fabre Italia, dove, nell’ultima funzione ricoperta, è stato Responsabile Key Customers. Prima ancora ha lavorato per Bolton Group in qualità di Customer Team Manager e per L’Oreal-Cosmetique Active, come Key Account Manager. “Filorga è una marca dal potenziale ancora molto elevato. La strada è ancora lunga e con questo nuovo incarico mi pongo l’obiettivo di rafforzare sempre di più la posizione del marchio e aumentarne il peso nel mercato cosmetico italiano” , dichiara il manager.


IN COLLABORAZIONE CON YVES ROCHER

Ispirati dal complesso “Terra & Oceano”, i ricercatori Yves Rocher hanno unito le loro conoscenze specifiche nella scienza vegetale e nella biotecnologia marina per dare vita a un’innovazione 100% vegetale e di efficacia brevettata. Nasce così Elixir Botanique, la nuova linea innovativa inclusiva skincare a base di Nasturzio e Microalga Tetraselmis per una pelle luminosa e fortificata. Con una Ambassador d’eccezione: Federica Pellegrini. Federica Pellegrini e la nuova linea Elixir Botanique

Visita www.yves-rocher.it o scannerizza il QRcode per scoprire di più sulla linea:

Terra e Oceano: nasce ELIXIR BOTANIQUE È ora scientificamente provato che stare a contatto con la Natura comporta numerosi vantaggi. E Yves Rocher, marchio francese nato nel cuore della Bretagna e fondatore della Cosmétique Végétale®, sente un forte bisogno di aiutare le persone a riconnettersi ad essa. Dopo 25 anni di ricerca nella scienza del vegetale e in biotecnologia marina e ispirati dal complesso “Terra & Oceano”, i ricercatori Yves Rocher hanno dato vita a Elixir Botanique, la nuova linea a base di Nasturzio e Microalga Tetraselmis provenienti dalla Bretagna che fortifica, idrata, ritarda i segni del tempo e rende la pelle radiosa. Questi due vegetali insieme hanno permesso di dare vita ad un’innovazione 100% vegetale brevettata da un lato per stimolare l’ossigenazione della pelle convogliando l’ossigeno e aumentando l’utilizzo di quest’ultimo da parte delle cellule, dall’altro per stimolare l’azione detossinante delle cellule attivando meccanismi specifici. “Abbiamo tratto la nostra ispirazione da studi scientifici che sottolineano i benefici che la Natura ha sulle persone, compresa l’ossigenazione delle persone che vivono in luoghi dove la terra e il mare si incontrano”, ha dichiarato Philippe Msika, Direttore Innovazione & Sviluppo Yves Rocher. Sono quattro i prodotti

che compongono la linea Elixir Botanique: Siero Quotidiano Fortificante Anti-Inquinamento, Trattamento Rigenerante Anti-Inquinamento per il giorno, Sleeping Care e Roll-on Illuminante Anti-Fatica. Come ambassador è stata scelta la Divina del nuoto azzurro, Federica Pellegrini, che racconta: “L’acqua è da sempre il mio elemento, il mio habitat, la mia pace, la mia grinta. Dalla terra però prendo la mia forza, la mia energia. Sono l’incontro di questi due mondi. La Linea Elixir Botanique è perfetta per me perché nasce proprio dall’unione tra “Terra e Oceano”, da cui ricavo l’energia, la forza, l’idratazione e luminosità, un cocktail perfetto per la salute della mia pelle”. Il Siero è il prodotto preferito di Federica, in quanto “si prende cura della mia pelle, sottoposta a molto stress, in maniera davvero unica: la fortifica, ossigena e idrata, rendendola più pura e radiosa, pronta a ogni sfida”. Un passo avanti è stato fatto anche nell’eco-concezione dei packaging: le due aperture laterali, infatti, consentono non solo una resa premium del prodotto, ma soprattutto di risparmiare il 41% di cartone. Inoltre, l’azienda ha deciso di eliminare la pellicola di plastica intorno ai prodotto, che permetterà di risparmiare 1.8 tonnellate di plastica all’anno. Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 73


NON SOLO BUSINESS

TORNA LA BREAST CANCER CAMPAIGN DI ESTÉE LAUDER Nel mese di ottobre ricorre l’importante appuntamento con la Breast Cancer Campaign, ideata 29 anni fa da Evelyn H. Lauder e promossa da The Estée Lauder Companies. In Italia, anche quest’anno si rinnova la partnership con Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro. “La Breast Cancer Campaign impegna e coinvolge Estée Lauder Companies insieme ai suoi partner nella lotta contro il tumore al seno da ben 29 anni - dice Edoardo Bernardi, AD e DG di The Estée Lauder Companies Italia -. Sono orgoglioso di farmi portavoce di un messaggio così importante, ancora una volta al fianco di AIRC che è una eccellenza italiana nella ricerca sul cancro e che, come noi, persegue l’obiettivo amb zioso di regalare a ogni donna un mondo finalmente libero dal tumore al seno. Questo stesso proposito se lo pose Evelyn H. Lauder nel 1992, quando ideò il nastro rosa, oggi simbolo universale della lotta contro il tumore al seno”.

ALAMA PROFESSIONAL SPONSOR DI PINK RUN

La corsa ha avuto in questi anni un vero e proprio boom, apportando grandi benefici a livello fisico ed è stato dimostrato essere anche un vero toccasana per la mente ed un booster di autostima. Pare che questo succeda soprattutto alle donne, che infatti si stanno avvicinando sempre più numerose a questo sport. Ed è proprio dedicata alle donne la  Pink Run, una corsa non competitiva di 8 km in rosa, il cui ricavato è devoluto a diverse Onlus selezionate. Alama Professional, brand haircare che coniuga qualità professionale totalmente made in Italy con una forte attenzione alla sostenibilità grazie ai propri prodotti con ingredienti di origine naturale, formulazioni biodegradabili e packaging riciclato, ha deciso anche quest’anno di rinnovare il suo sostegno allo sport femminile e alla missione di Pink Run. 74 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

LANCÔME CONTRO L’ANALFABETISMO In occasione della Giornata Internazionale dell'Alfabetizzazione, Lancôme celebra le 50.000 donne che entro quest’anno avranno beneficiato del programma filantropico Write Her Future; in tutto il mondo, dal suo lancio nel 2017. Lancôme estende ulteriormente la sua missione dall'alfabetizzazione al tutoraggio per iniziative imprenditoriali con l'obiettivo di raggiungere oltre 100.000 donne entro la fine del 2022. Il programma Write Her Future incarna l'impegno di Lancôme nel fornire alle donne l'accesso all'alfabetizzazione, al tutoraggio e all'imprenditorialità, per supportarle nella scrittura del proprio futuro più felice e nel raggiungimento dell’autorealizzazione. “In Lancôme - commenta Françoise Lehmann, Lancôme Global Brand President - continuiamo ad accelerare la nostra trasformazione globale espandendo ulteriormente la nostra missione di tutoraggio e imprenditorialità".

Repêchage sostiene Pink is good Per il terzo anno consecutivo Repêchage sostiene Pink is good: progetto di Fondazione Umberto Veronesi dedicato ai tumori femminili. Sostenerlo significa dare un aiuto concreto alla ricerca scientifica sposando quel concetto di prevenzione assolutamente fondamentale che passa anche per la pelle: l’organo umano più grande del nostro corpo che funge da naturale barriera contro le aggressioni esterne. Prendersene cura non rappresenta un mero “vezzo estetico” bensì un gesto importante nei confronti della salute. Come sostenere Repêchage e Pink is good concretamente? Acquistando i prodotti domiciliari della linea Hydra Dew Pure oppure effettuando in Istituto un Trattamento da Cabina Hydra Dew Pure: l’esclusiva linea dedicata a pelli secche e compromesse che sfrutta ingredienti di origine botanica avanzati tra cui Mastica e Camellia Japonica.


IN COLLABORAZIONE CON ADAMIS GROUP

My Beauty Whisper è l’app di consulenza beauty professionale, personalizzata e gratuita, immediata o su appuntamento nata a ottobre 2020. Accessibile sette giorni su sette, dalle ore 8 alle 24 tramite chat, telefonata o videochiamata senza obbligo di acquisto. Ora nasce il palinsesto di eventi live e classroom My Beauty Whisper.

MY BEAUTY WHISPER si espande My Beauty Whisper™ è la prima Intelligenza Artificiale di consulenza beauty personalizzata e gratuita accessibile tutti i giorni senza obbligo di acquisto, che si avvale di uno speciale Algoritmo – proprietario MIIA™- in grado di suggerire in base alla profilazione dell’utente i migliori consulenti e i brand più adatti alle reali esigenze e necessità del consumatore. La piattaforma digitale alla quale hanno già aderito rinomati brands delle più grandi maison cosmetiche, tra i quali Dior, Elizabeth Arden, Cartier, Elie Saab, Dermalogica, Korff, Gucci, Biotherm, Olaplex, Aveda e tanti altri, è stata lanciata dall’imprenditore romano Mario Conti nell’ottobre 2020, AD e Founder nel 2008 di Adamis Group, top player nel fornire personale altamente qualificato e soluzioni su misura ad aziende e punti vendita del settore beauty, lifestyle e luxury. My Beauty Whisper si afferma oggi come un modello di business del tutto innovativo, che mette al centro la persona: inizia dalla consulenza digitale offerta dagli esperti di bellezza, tramite una telefonata, videochiamata o chat, per concludersi fisicamente sul punto vendita, solo se l’utente desidera, dove riceverà l’assistenza in presenza dei professionisti Adamis Group per una shopping experience live, personalizzata ed

appagante. “La formula triangolare di My Beauty Whisper, che lega i tre principali asset del mercato del beauty digitale, aziende e punti vendita - con la riapertura graduale del retail ha iniziato da subito a portare un over boost al nuovo modello di acquisto”, dichiara Conti. “Più si utilizza l’app, più l’algoritmo affinerà i risultati in linea con le esigenze del consumatore, che verrà accolto in negozio da chi conosce già nei dettagli le sue abitudini di consumo, guidandolo con professionalità e dedizione alle migliori scelte di acquisto”. Una volta creato il profilo basterà rispondere a semplici domande per delineare le proprie esigenze, nel pieno rispetto della privacy, affinché l’algoritmo inizi a lavorare sulla profilazione utente. A settembre My Beauty Whisper ha presentato la versione aggiornata con grandi novità che puntano all’intrattenimento proattivo e stimolante della propria community: si tratta dell’entertainment channel, il più coinvolgente palinsesto beauty di eventi live e classroom. L’app ospita dirette con esperti e celebrità del beauty in esclusiva per oltre 50.000 utenti. Non rimane che registrarsi e entrare nel Mondo Beauty.

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 75


OMAGGIO

*


WHAT’S NEW? Spunti di bellezza

di Anna Gilde

Formule potenziate e trattamenti SOS rafforzano la barriera cutanea e migliorano l’attività delle cellule, favorendo la rigenerazione della pelle. Se i nuovi stili di vita e il crescente utilizzo dei dispositivi digitali, rendono i nostri occhi più affaticati, è l’intera Eye-Expanding Zone quella su cui va concentrata la massima attenzione, per comprendere contorno occhi, tempie e fronte. Anche le mani sono tra le parti più esposte agli agenti esterni, e per questo richiedono trattamenti mirati e particolare cura.


SKINCARE/VISO

PIÙ FORZA ALLA PELLE LANCÔME. Absolue The Serum ha una nuova formula potenziata, che accelera il rinnovamento cellulare dell’epidermide e rafforza la barriera cutanea, regalando una pelle visibilmente più giovane, soda, rimpolpata e radiosa in poche settimane. L’ingrediente chiave è Lancôme Absolue Perpetual Rose, derivato da una rosa che possiede una vitalità eccezionale e fiorisce quasi continuamente; è un attivo ricco di composti vegetali, che ha la capacità di attivare l’AMPK, molecola nota tra gli scienziati come “l’interruttore della longevità”, perché controlla tre importanti funzioni della pelle: energia, rigenerazione e difesa cellulare, contrastando così molti dei processi legati all’invecchiamento. (30ml, € 317) HELENA RUBINSTEIN. Replasty Profiller fa parte della linea skincare mirata per rispondere ai bisogni delle donne di prolungare gli effetti dei trattamenti di medicina estetica e accelerare la rigenerazione cutanea. Questo siero istantaneo anti-età ritorna con una nuova formula potenziata con un complesso di 5 acidi ialuronici, ognuno con un’azione specifica mirata ai differenti strati dell’epidermide, per idratare fino in profondità; in aggiunta contiene ingredienti riparatori, leviganti e lenitivi. (50ml, € 390) YVES ROCHER. Elixir Botanique Siero Fortificante Anti-Inquinamento include un complesso di principi attivi dall’efficacia unica, combinando una miscela speciale di piante semplici a evidenziare l’unione Terra & Oceano, per una migliore attività cellulare: l’estratto di Nasturzio, tra i più grandi produttori di ossigeno del pianeta, è in grado di rinvigorire la pelle, aumentando l’ossigenazione delle cellule, e l’estratto di Microalga Tetraselmis, pianta marina dal potere detossinante, combatte i fattori ambientali negativi causati dall’inquinamento che accelerano l’invecchiamento cutaneo. (50ml, € 24,95) FILORGA. NCEF-SHOT è un trattamento d’urto che promuove il rinnovamento della pelle in soli 10 giorni; si utilizza al posto del siero e prima della crema, nei momenti in cui la pelle è stanca o stressata, durante i cambi di stagione o in vista di un’occasione speciale; contiene una elevata concentrazione di attivi che favorisce la rigenerazione cellulare e l’attivazione di nuove cellule, per una pelle visibilmente migliorata, un incarnato uniforme e luminoso, rughe levigate, tono ed elasticità ritrovati. (15ml, € 86)

78 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


MAKE-UP/FONDOTINTA

L’INCARNATO PERFETTO PUPA. Wonder Me, Fondotinta Perfezione Istantanea Leggerezza Assoluta Waterproof è leggero e confortevole, dona un aspetto naturale e rimane perfetto a lungo; la formula è scorrevole e impercettibile, rimanendo inalterata e fedele nel tempo anche a contatto con acqua e umidità. (30ml, € 24) COLLISTAR. Il Fondotinta Compatto Levigante Waterproof SPF10 diventa sostenibile, con una nuova trousse in plastica riciclata e carta riciclabile per astucci e refill. Ha una texture “cream to powder”, che si trasforma in polvere non appena applicato; la formula coniuga la coprenza di un fluido, l’effetto idratante, protettivo e levigante di una crema, la leggerezza di una polvere e la funzionalità di un correttore. (€ 34) SHISEIDO. New Synchro Skin SelfRefreshing Tint ha una formula ibrida che protegge contemporaneamente la pelle e il finish; formulato con il 70% di ingredienti skincare, dona alla pelle idratazione immediata, che dura tutto il giorno, mentre regala luminosità e copertura waterproof ad alto comfort. (30ml, € 48) SISLEY. Phyto-Teint Nude combina trattamento e colore: è un fondotinta impercettibile, a base d’acqua, che illumina e leviga la grana della pelle, per una bellezza naturale; la formula trattiene l’acqua idratando per tutto il giorno, mentre l’estratto di kiwi, ricco di minerali e vitamine migliora la vitalità della pelle, e l’estratto di acerola, ricco di acidi organici, ne esalta la luminosità. (30ml, € 75)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 79


FRAGRANZE/FOR HIM

Him f o r

Il modello americano Brian Shimansky è protagonista della campagna di Eros, realizzata dai fotografi Mert & Marcus, che celebra l’energia e la perfezione della forma maschile.

BVLGARI MAN. Terrae Essence È una fragranza calda, ricca, con note legnose di vetiver, che cattura la magnificenza della terra, la forza vitale e la generosità della natura, ispirandosi al suolo fertile della Toscana, ricco di piaceri genuini. (100ml, € 111)

VERSACE. Eros Parfum Fragranza passionale, eroica e romantica, ha note olfattive che esprimono sensualità, sicurezza e forza interiore, un cuore aromatico dal profilo orientale, note legnose ricche e sensuali e un filo conduttore luminoso per contrastare i legni misteriosi. (100ml, € 125)

80 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


FRAGRANZE/FOR HIM

CAROLINA HERRERA. Bad Boy Una nuova avventura per una fragranza ispirata all’eterno ribelle, che osa infrangere le regole, è forte ma sensibile e ha il coraggio delle proprie idee e dei propri sentimenti. Il suo claim è “It’s so good to be bad”. Aromatica orientale, unisce note opposte: la luminosità di salvia, bergamotto verde e pepe si fonde con l’oscurità sensuale di fava tonka, cacao e legno ambrato. (100ml, € 103)

COSTUME NATIONAL. Secret Woods Un viaggio solitario nella natura selvaggia, dove il mistero e il fascino del bosco rapiscono il cuore: risveglia i sensi l’incontro di note frizzanti di pompelmo con quelle energiche del bergamotto, che lasciano gradualmente il posto a un delicato sentore aromatico di ginepro; note di legni affumicati si fondono con le note profonde e misteriose di zafferano e pelle, per esprimere al massimo sofisticatezza ed eleganza. (100ml, € 90) L’attore britannico Ed Skrein è il protagonista della campagna di Bad Boy.

DOLCE & GABBANA. The One For Men Gold Una Eau de Parfum Intense dalle note legnose e speziate, per un uomo dal magnetismo naturale e dallo stile unico; un accordo di agrumi succosi e zenzero, che aggiunge un caldo tocco speziato, un cuore energetico di salvia sclarea ed essenza di geranio egiziano, vivacizzato dalle note speziate di cardamomo, una nota di fondo di misterioso patchouli accompagnata dalla ricchezza di vetiver e legni ambrati. (100ml, € 117)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 81


FRAGRANZE/FOR HER

Her f o r

Natalie Portman è il volto di Miss Dior, una ragazza moderna, affermata e volitiva.

DIOR. Miss Dior Eau de Parfum Luminosa e leggera, è un’esplosione di fiori multicolori, che unisce rosa, iris nobile, con un tocco poudré, e peonia sensuale, per inventare un bouquet Millefiori fresco e vivace; nel fondo muschi e vaniglia si mescolano a un pizzico di benzoino e di fava tonka con un cremoso legno di sandalo. (100ml, € 143)

POLICE. Potion Love For Her Ispirato al magico mondo delle pozioni, e racchiuso in un flacone che ricorda le antiche ampolle, è un elisir radioso e irresistibile, che esordisce con una frizzante esplosione di agrumi e accordi marini; il cuore estremamente femminile ha note di tuberosa, fiori d’arancio e rosa, su un fondo cremoso ed energico di pesca, muschio e ambramone. (100ml, € 52)

82 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


FRAGRANZE/FOR HER

L’attrice Adria Arjona, volto di My Way Intense, incarna la filosofia della fragranza con la sua personalità aperta e il suo spirito libero.

JULIETTE HAS A GUN. Lili Fantasy Dedicato ad una donna spensierata, frivola, tentatrice e disobbediente, è un bouquet stravagante di fiori bianchi con gelsomino e tuberosa, note ambrate e leggeri accenti seducenti e gourmand di bubble gum. (100ml, € 110)

GUCCI. Flora Gorgeous Gardenia Questa Eau de parfum, racchiusa in un flacone dalla nuova stampa Flora, celebra la gardenia attraverso una fragranza insolita, sensuale e intensa. La nota splendente della gardenia bianca si mescola con la solarità dell’assoluta di gelsomino grandiflorum, mentre un festoso accordo di fiore di pero sottolinea il senso di gioia esuberante della fragranza, e lo zucchero di canna aggiunge dolcezza. (100ml, € 135,50)

GIORGIO ARMANI. My Way Intense Ha un cuore floreale amplificato, con note ricche e opulente di assoluta di tuberosa indiana, ed evoca una fusione di culture, mettendo in luce alcuni dei migliori ingredienti naturali provenienti da tutto il mondo. Si apre con note luminose di bergamotto italiano e fiori d’arancio egiziani; il cuore di tuberosa si combina con il gelsomino per accentuare le note femminili, mentre svela una scia sensuale di legno di sandalo e vaniglia bourbon del Madagascar. (90ml, € 109)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 83


FRAGRANZE/FOR HER

MUGLER. Alien Goddess EdP La nuova fragranza è un manifesto per un nuovo tipo di femminilità, inclusivo ed ottimista; reinventa e modernizza le tradizionali note floreali, con una formula incandescente di essenza di bergamotto e super-infusione di gelsomino grandiflorum coltivato in India, con foglie di eliotropo, note di base di vaniglia bourbon del Madagascar e cashmeran. (90ml, € 120)

Musa attraente dal fascino magnetico, l’attrice Rooney Mara è il volto di L’Interdit nella campagna pubblicitaria scattata dal fotografo di moda David Sims. Alien Goddess è impersonata da Willow Smith, musa moderna e magnetica della nuova era, cantante dalle vibrazioni neo-soul, attrice, scrittrice, produttrice e figlia di Will Smith e Jada Pinkett.

GIVENCHY. L’Interdit Eau De Parfum Rouge Il rosso incendia l’interno del flacone con una sensualità incandescente e, attraversato dalla luce, sembra infiammarsi. All’interno il bouquet di fiori originale si lascia trascinare dal calore esplosivo di un’arancia sanguinello, che si unisce alle note afrodisiache e fresche di zenzero, per esplodere con peperoncino e un accordo speziato sensuale; le note di fondo legnose e fumè si combinano con la dolcezza di legno di sandalo. (80ml, € 117,50)

84 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


SKINCARE/OCCHI

EYE ZONE L’ESPRESSIVITÀ DEL VISO È MINACCIATA DAI SEGNI DELL’ETÀ, DALLA STANCHEZZA, MA ANCHE DAL NOSTRO STILE DI VITA; CON L’USO COSTANTE DEI DISPOSITIVI DIGITALI, GLI OCCHI SONO SOTTOPOSTI AD UN GRANDE AFFATICAMENTO CHE, SOMMATO AD UNA CARENZA DI RIPOSO ADEGUATO, PUÒ CREARE GONFIORE E OCCHIAIE AL MATTINO E PESANTEZZA ALLA SERA. ECCO I NUOVI TRATTAMENTI ANTI-ETÀ PER RIPRISTINARE LA BELLEZZA IN QUESTA AREA CHIAVE

ASTRA Skin

DEL VISO.

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 85


SKINCARE/OCCHI

SENSAI. Trattamento dalla doppia azione, Total Eye Treatment comprende un siero e una crema, associando texture diverse per donare energia all’area del contorno occhi. In perfetta sinergia, il siero setoso dall’effetto rinfrescante, Refreshing Eye Essence, grazie all’applicatore a sfera in acciaio inossidabile, distende e migliora la compattezza, mentre la crema perlata Melty Rich Eye Cream, dall’effetto riscaldante, illumina e risveglia la vitalità dello sguardo, attenuando il colorito spento. (€ 220) CLARINS. Trattamento anti-età intensivo, Double Serum Eye ha una formula in due fasi, che si uniscono soltanto al momento dell’applicazione, combinando l’effetto tensore di un gel al comfort di una crema; ha il 96% di ingredienti di origine naturale, in cui concentra 13 potenti estratti di piante, per levigare le rughe, attenuare visibilmente borse e occhiaie, rafforzare la pelle del contorno occhi e illuminare e proteggere lo sguardo con il complesso antinquinamento. (20ml, € 69) ASTRA. Eye Patch Energizzante Decongestionante illumina e distende lo sguardo spento grazie a una formula ultra-fresca idratante, che riduce i segni della stanchezza; nella formula ci sono caffeina, che drena gli accumuli su borse e occhiaie, acido ialuronico, per l’elasticità e la tonicità della pelle, oltre a ingredienti protettivi e idratanti. (€ 2,50) YUZEN. È un concentrato di attivi botanici e antiossidanti il Contorno Occhi Intensivo Giorno, che rassoda e nutre, regalando uno sguardo fresco e disteso; è ideale anche per le pelli più sensibili e ha una formula rigenerante e anti-gravità arricchita con l’esclusivo complesso Tanensankai, che aiuta ad alleviare le rughe d’espressione. (15ml, € 85)

86 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


SKINCARE/OCCHI

TEAOLOGY. Rose Quartz Vibrating Roller utilizza oltre 6.000 vibrazioni al minuto per una pelle tonica, scolpita e luminosa. Tenuto in frigorifero e applicato sotto gli occhi, crea un immediato effetto crio anti gonfiore, che stimola la microcircolazione; usato sul viso, rassoda e solleva, aumentando l’elasticità della pelle. (€ 50) KORFF. Eye Zone è il nuovo contorno occhi che riduce le rughe levigandole con un’azione lifting; grazie alla sua tinta di colore beige, è progettato per illuminare all’istante e correggere il colore del contorno occhi, riducendo otticamente le occhiaie. (15ml, € 55) FILORGA. Optim-Eyes agisce intensamente sui segni di stanchezza: grazie ad una nuova formula potenziata che minimizza le occhiaie, riduce i gonfiori suboculari e distende le linee sottili, supportando il rinnovamento cutaneo, l’idratazione e il microcircolo; si usa mattina e sera e si può conservare in frigorifero per ottimizzare l’effetto criolevigante. (15ml, € 45) DIOR. Prestige Micro-Sérum De Rose Yeux Advanced ha una formula ancora più innovativa ed efficace per ripristinare l’espressione della giovinezza: alla forza energizzante dei 22 micronutrienti originali si aggiunge il potere riparatore della linfa, l’attivo con la concentrazione fitochimica più elevata della Rosa di Granville, di cui vengono sfruttati tutti benefici del fiore, del frutto e dello stelo, per una formula super concentrata e un’azione anti-età che rinvigorisce, illumina il contorno occhi e migliora le linee d’espressione; l’applicatore amplifica il potere levigante per un massaggio ancora più efficace. (15ml, € 200)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 87


DETERSIONE

MOMENTI

DI PURO BENESSERE EFFICACE MA NON TROPPO AGGRESSIVA, PER EVITARE L’IMPOVERIMENTO DEL MICROBIOMA CUTANEO, LA DETERSIONE È UNO STEP FONDAMENTALE DELLA BEAUTY ROUTINE: È IL PRIMO GESTO DELLA CURA DI SÉ, QUELLO CON CUI DIAMO INIZIO ALLA GIORNATA, E ANCHE UNO DEGLI ULTIMI, CHE NE SIGILLA LA CONCLUSIONE. ESFOLIAZIONE, DETERSIONE E RIMOZIONE DEL MAKE-UP SONO GESTI CHE PURIFICANO A FONDO, SCIOLGONO LE TRACCE DI INQUINAMENTO E RIATTIVANO IL NATURALE PROCESSO DI IDRATAZIONE DELLA PELLE, AIUTANDO A RIPRISTINARE UNA BARRIERA CUTANEA PIÙ EFFICACE E POTENZIANDO QUINDI GLI EFFETTI DEI TRATTAMENTI SUCCESSIVI.

Con una semplice pressione del dosatore, il liquido si trasforma in una mousse dalla consistenza sorprendente e piacevole; delicata e avvolgente sulla pelle, rimuove impurità, particelle di inquinamento, filtri UV, eccesso di sebo e cellule morte. COLLISTAR. La nuova Mousse Detergente Illuminante ha una texture-nuvola che deterge il viso con delicatezza lasciando la pelle morbida e luminosa, ed è arricchita con attivi emollienti, illuminanti e lenitivi. (180ml, € 26) DR JART+. Cicapair Tiger Grass Enzyme Cleansing Foam è un detergente delicato in schiuma a base di glicerina idratante, che rimuove delicatamente tutte le impurità, per una pelle morbida e lenita. (100ml,€ 23) CHANEL. L’Eau De Mousse, vellutata e avvolgente ha una formula micellare priva di sapone e di tensioattivi, che rispetta il delicato equilibrio cutaneo, grazie a due principi di origine marina: la microalga blu, efficace contro l’inquinamento, e l’estratto di salicornia marina, dal potere fortificante. (150ml, € 47) CLÉ DE PEAU. Softening Cleansing Foam ha una schiuma ricca e generosa, arricchita con amminoacidi, che rende la pelle elastica, luminosa e levigata. (125ml, € 60)

88 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


DETERSIONE

Regalano una pulizia profonda le maschere esfolianti, in grado di disintossicare la pelle e liberare i pori da inquinamento, cellule morte ed impurità, eliminando l’eccesso di sebo. CLINIQUE. A base di polvere di carbone di bambù, che purifica e disintossica, argilla caolino, che aiuta ad assorbire il sebo in eccesso, e perle di silice dall’azione esfoliante, All About Clean 2-in-1 Charcoal Mask è una maschera da applicare e lasciare agire per qualche minuto sul viso, si massaggia sulla pelle con acqua calda, in modo che i granuli si attivino per un’esfoliazione delicata, prima di risciacquarla. (100ml, €41,50) SEPHORA. Migliora, liscia, uniforma la pelle e riduce i pori Resurfacing Peel Mask, formulata con il 96% di ingredienti naturali e un concentrato al 13% di acido lattico e citrico, per esaltare la luminosità e lisciare la pelle, acido salicilico, per purificare e poliidrossiacidi per esfoliare. (50ml, € 19,99) WASO. A base di Satocane, una canna da zucchero giapponese che agisce sul sebo per prevenire la formazione di ostruzioni nella pelle, Pore Purifyng Scrub Mask è una maschera detox all’argilla minerale che rimuove impurità e punti neri, mentre gli esfolianti vegetali eliminano le cellule morte con un’azione micro- abrasiva, lasciando la pelle liscia e uniforme. (80ml, € 40) MIAMO. Ha una azione 2 in 1, che ossigena ed esfolia Enzyme Peel O2 Masque, da lasciare agire per 5-10 minuti; ha una texture in gel che diventa mousse per un peeling enzimatico che migliora la grana della pelle, rinnova e la illumina, grazie alla papaia, ingrediente che accelera la desquamazione superficiale della pelle senza irritare o disidratare. (50ml, € 49)

Cremoso o in gel, il detergente si applica sul viso asciutto o umido, si massaggia con i polpastrelli e si rimuove con una spugnetta, un panno di cotone o microfibra, o si risciacqua con acqua, per una detersione profonda ma delicata. PUPA. SOS Mask Fluido Detergente Viso è studiato per la detersione efficace della pelle stressata anche dall’uso della mascherina; ha un alto potere idratante, protettivo e lenitivo e, grazie all’attivo prebiotico, ripristina il naturale equilibrio cutaneo aumentando l’effetto barriera. (100ml, € 13,90) MEDITERRANEA. Everyday Gel Detergente, al contatto con l’acqua, si trasforma in un latte leggero e fluido; la formula, con il 99% di attivi naturali, ha un mix di oli in grado di donare alla pelle elasticità, morbidezza e nutrimento, burro di karitè per un’azione protettiva, e vitamina E che contrasta la formazione dei radicali liberi. (100ml, € 10,30) L’ERBOLARIO. Della linea La Canapa, il Detergente Viso Delicatezza Straordinaria è un gel che si rivolge alle pelli più spente e stressate, per togliere stress e impurità dal viso grazie al Bioliquefatto di semi di canapa biologica, in grado di mantenere l’idratazione cutanea; il succo di aloe biologico è idratante e protettivo, mentre l’acqua distillata di zenzero addolcisce e rinfresca. (100ml, € 12,90) DERMOPHISIOLOGIQUE. Aqualife Fluido Detergente Viso Multiattivo pH 5, ideale per la pelle secca e disidratata, è leggero e cremoso, privo di saponi ed acrilati, ed ha una formulazione innovativa che associa la detersione per affinità con la pelle ad un’azione protettiva, idratante, nutriente ed antiossidante di 5 oli fermentati attivi. (200ml, € 39)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 89


SKINCARE/MANI

MANI

DA ACCAREZZARE

Sono tra le parti più esposte agli agenti esterni, e per questo richiedono particolare cura e attenzione.

ROGER & GALLET. I Saponi Liquidi per le Mani, a base di estratto di fico, estratto di fiori d’arancio, estratto di melagrana, sono arricchiti con estratti naturali dalle proprietà benefiche, per detergere le mani con dolcezza, senza seccare la pelle. (250ml, € 12,90)

ACQUA DI PARMA. La Crema per le Mani della collezione Le Nobili è in versione Vellutata, con note di Rosa, Sublime, con note di Magnolia, e Lussuosa, con note di Peonia; la formula contiene olio di Jojoba dalle proprietà emollienti, acido ialuronico ad azione idratante e vitamina E, che aiuta a proteggere dalle aggressioni esterne. (30ml, € 34)

90 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021

MAX FACTOR. Nailfinity è la nuova linea di smalti effetto gel, che assicurano un colore pieno e intenso a lunga tenuta. (€ 8,90)

JUVENA. Miracle AntiDark Spot Hyaluron Hand Cream riduce visibilmente le macchie pigmentarie sulle mani e ne previene la formazione di nuove; la formula intensiva contiene acido ialuronico costituito da due componenti con effetto sbiancante, pigmenti delicatamente luminosi e oli pregiati. (100ml, € 36)

PASSIONEUNGHIE. Per una nail art sparkling, il set Autumn Glitter Mix è caratterizzato da un raffinato mix di piccole paillettes, filamenti e brillantini in 4 tonalità. (€ 15,99)


SKINCARE/MANI

L’ERBOLARIO. Gel Detergente Viso & Mani e Crema Corpo & Mani sono arricchiti dall’estratto e dall’infuso di Tè Oolong, ricchi di antiossidanti, per mani vellutate. (Gel 250ml, € 8,90; Crema 250ml, € 19,90)

YVES ROCHER. La gamma manicure Go Green DI Yves Rocher è una collezione vegan, composta con minimo l’80% di ingredienti di origine naturale. La maschera solvente unghie, in una texture gel, va lasciata in posa un minuto e massaggiata, per rimuovere lo smalto con un batuffolo di cotone.

NATURE’S. La Crema Mani Nutriente contiene acqua unicellulare di Kiwi bio, ricca di vitamina C, amido di riso, dall’effetto emolliente e lenitivo, ed estratto biofermentato di agrumi, vitamina E ed estratto di margheritina bio, che contrasta la comparsa delle macchie; ha una texture fondente che penetra rapidamente lasciando le mani subito più morbide, vellutate e lisce. (75ml, € 10) PUPA. Winter Blooming Nail Polish è il nuovo smalto effetto 3D, dalla formula innovativa ricca di resine, delicatamente profumato alla rosa. (€ 7,70)

ASTRA. S.O.S Nail Care Coconut Rich Oil contiene olio di mandorle dolci, olio di cocco, olio di jojoba, per unghie e cuticole; ammorbidisce, idrata, nutre e rinforza. (€ 4,90)

CATRICE. Nail Repair Strengthening è uno Smalto Effetto Filler in tonalità nude, che aiuta a rafforzare le unghie ed ha un effetto protettivo; la formula è arricchita con acido glicolico e olio di semi di yuzu. (€ 2,99)

Ottobre/Novembre 2021 PAMBIANCO BEAUTY 91


Cover STORY

VASI COMUNICANTI. LE DONNE UNIVERSALI DI LAURA BERGER

Languide figure femminili abitano lo spazio onirico della tela: un tranquillo sentimento di fluidità è emanato dalle loro membra elegantemente distese, come fossero motivi ornamentali. Solitarie presenze o grovigli di corpi dalle tonalità spesso argillose; in mano frutta, rami e fiori di grandi dimensioni, assunti a conforto e nutrimento per l’anima. “Sono interessata alla ricerca umana di un senso di appartenenza e di significato, e al modo in cui questa ricerca interagisce con le nostre preoccupazioni esistenziali”, rivela Laura Berger, che si avvale della pittura per scandagliare gli abissi della spiritualità e dell’emozione. “Gran parte della mia attenzione è dedicata all’esplorazione dei concetti alternativi di famiglia e connessione - attraverso i nostri legami con la comunità globale, con le nostre storie personali, la natura e l’ignoto”, aggiunge l’artista di Chicago. A tal fine, le donne dai lunghi capelli neri e i profondi occhi a mandorla che campeggiano su larghe distese di colore sono elette archetipi di un’umanità somigliante, animata dalle medesime domande. Il lavoro di Berger è stato presentato in esposizioni collettive e personali negli Stati Uniti e all’estero. A dicembre 2020 Hashimoto Contemporary le ha dedicato una mostra, segnando il suo debutto individuale sulla scena newyorkese.

Courtesy of the artist

92 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


COLOPHON

MAGAZINE

BEAUT Y N U M E R I , FAT T I E P RO TA G O N I S T I D E L L A C O S M E T I C A

Direttore Responsabile David Pambianco Redazione e Collaboratori Chiara Dainese, Anna Gilde, Giorgia Ferrais, Giulia Sciola, Alessia Perrino Grafica e Impaginazione Mai Esteve, Lucrezia Alfieri Cover Project Anna Gilde Coordinamento e Pubblicità Cristina Tana Contatti beauty@pambianco.com adv@pambianco.com abbonamenti@pambianco.com Telefono 02.763.886.00 Tipografia Starprint Srl - Bergamo Registrazione Tribunale di Milano n. 136 del 7/05/2015 Proprietario ed Editore Pambianco Srl Corso Matteotti 11 - 20121 Milano Costo dell’abbonamento annuale: 69 euro Abbonamento (spedizione con corriere espresso) Per abbonarti alla rivista cartacea vai su: magazine.pambianconews.com

Gli altri magazine

94 PAMBIANCO BEAUTY Ottobre/Novembre 2021


Per informazioni scrivere a info.cosnovaitalia@cosnova.com


Profile for Pambianco Magazines

PambiancoBeauty_n5_2021  

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded