Issuu on Google+


I

EB000000

XVS1100 (L) MANUALE DI ASSISTENZA 1998 Yamaha Motor Co., Ltd. 1 Edizione ottobre 1998 Tutti i diritti riservati. Sono espressamente vietati la riproduzione o l’utilizzo non autorizzato senza il previo consenso scritto di Yamaha Motor Co., Ltd.


I

EB001000

AVVISO Il presente manuale è stato redatto a cura di Yamaha Motor Company principalmente ai fini dell’utilizzo da parte dei concessionari Yamaha e del personale specializzato degli stessi. Non essendo possibile riunire in un manuale tutte le nozioni necessarie alla formazione professionale del personale di servizio, si suppone che quanti utilizzino la presente documentazione per la riparazione e manutenzione delle motociclette Yamaha possiedano già una conoscenza di base dei principi e dei procedimenti meccanici inerenti alle tecniche di riparazione di motociclette. In assenza di tali nozioni, la riparazione o la manutenzione potrebbero risultare inadeguate o pericolose. Yamaha Motor Company, Ltd. è costantemente impegnata nel miglioramento della propria produzione. Eventuali modifiche e cambiamenti significativi introdotti relativamente a specifiche e procedure verranno immediatamente portati a conoscenza di tutti i concessionari Yamaha e saranno pubblicati, se del caso, nelle future edizioni del manuale. NOTA: Yamaha si riserva il diritto di apportare modifiche alla progettazione e alle specifiche senza preavviso.

INFORMAZIONI IMPORTANTI I punti di particolare importanza sono segnalati come segue:

Questo Simbolo di Pericolo per la Sicurezza significa. ATTENZIONE! ALL’ERTA! PERICOLO PER LA SICUREZZA!

AVVERTENZA

ATTENZIONE: NOTA:

La mancata osservanza delle istruzioni precedute dalla dicitura AVVERTENZA può causare lesioni gravi o mortali all’utente della motocicletta o agli incaricati del controllo o della riparazione del mezzo. La dicitura ATTENZIONE indica la necessità di prendere particolari precauzioni al fine di evitare danni alla motocicletta. La dicitura NOTA fornisce informazioni chiave al fine di facilitare o chiarire le procedure.


I

EB002000

USO DEL MANUALE ORGANIZZAZIONE DEL MANUALE Il manuale è suddiviso in capitoli riguardanti gli argomenti principali (vedere “Simbologia”). 1 titolo 1 :

è il titolo del capitolo con il relativo simbolo nell’angolo a destra in alto di ogni pagina.

2 titolo 2 :

questo titolo indica la sezione del capitolo e appare solo nella prima pagina di ciascuna sezione. Si trova nell’angolo a destra in alto della pagina.

3 titolo 3 :

questo titolo indica una sottosezione seguita da procedure passo a passo accompagnate dalle corrispondenti illustrazioni.

SCHEMI ESPLOSI Per aiutare ad identificare le parti e a chiarire i passi delle procedure, all’inizio di ciascuna sezione riguardante un’operazione di rimozione o smontaggio viene riportato uno schema esploso della parte interessata. 1. Uno schema esploso 4 chiaro e comprensibile per gli interventi di rimozione e smontaggio. 2. I numeri 5 dello schema esploso vengono riportati in base alla sequenza dell’operazione. Un numero racchiuso da un cerchietto indica un passo di una procedura di smontaggio. 3. La spiegazione degli interventi e le relative note vengono fornite in maniera chiara mediante l’uso di simboli 6 . Il significato dei simboli è spiegato nella pagina seguente. 4. Una tabella di istruzioni 7 accompagna lo schema esploso, fornendo la sequenza degli interventi, i nomi dei componenti, le note relative agli interventi ecc. 5. Per gli interventi che richiedono maggiori informazioni, oltre allo schema esploso e alla tabella di istruzioni viene fornita una sequenza formato “passo a passo” 8 . 2

1

6

3

8

5 4

7


I

EB003000

1

SIMBOLOGIA

2

I simboli da 1 a 9 , stampati nell’angolo a destra in alto di ciascuna pagina, indicano l’argomento del capitolo. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Informazioni generali Specifiche Controlli e regolazioni periodici Motore Raffreddamento Carburazione Telaio Impianto elettrico Ricerca guasti

3

4

5

6

7

8

9

10

I simboli da 10 a 17 vengono utilizzati per identificare specifiche contenute nel testo.

11

12

10 11 12 13 14 15 16 17

13

14

15

16

17

18

19

20

21

24

22

23

25

Manutenzione possibile con motore installato Aggiungere liquido Lubrificante Attrezzo speciale Coppia di serraggio Limite di usura, tolleranza Giri del motore Ω,V, A

I simboli da 18 a 23 dell’esploso indicano il tipo di lubrificante e la localizzazione del punto di lubrificazione. 18 19 20 21 22 23

Applicare olio motore Applicare olio per ingranaggi Applicare olio al bisolfuro di molibdeno Applicare grasso per cuscinetti ruote Applicare grasso leggero al litio Applicare grasso al bisolfuro di molibdeno

I simboli 24 e 25 dell’esploso indicano dove applicare prodotti adesivi 24 e dove installare nuovi pezzi 25 . 24 Applicare un liquido di bloccaggio (LOCTITER) 25 Sostituire


I

E004000

INDICE INFORMAZIONI GENERALI SPECIFICHE CONTROLLI E REGOLAZIONI PERIODICI REVISIONE MOTORE CARBURAZIONE TELAIO SISTEMA ELETTRICO RICERCA GUASTI

GEN INFO

1

SPEC

2

INSP ADJ

3

ENG

4

CARB

5

CHAS

6

ELEC

7

TRBL SHTG

8


I


GEN INFO

1


I

GEN INFO CAPITOLO 1. INFORMAZIONI GENERALI IDENTIFICAZIONE DELLA MOTOCICLETTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-1 NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL VEICOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-1 TARGHETTA MODELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-1 INFORMAZIONI IMPORTANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PREPARAZIONE ALLE PROCEDURE DI RIMOZIONE . . . . . . . . . . . . . PARTI DI RICAMBIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GUARNIZIONI, PARAOLI E O-RING . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RONDELLE DI SICUREZZA/PIASTRINE E COPPIGLIE . . . . . . . . . . . . CUSCINETTI E PARAOLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ANELLI ELASTICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1-2 1-2 1-2 1-2 1-3 1-3 1-3

CONTROLLO DEI COLLEGAMENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-4 ATTREZZI SPECIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-5


I

GEN INFO


I

IDENTIFICAZIONE DELLA MOTOCICLETTA

GEN INFO

EB100000

INFORMAZIONI GENERALI IDENTIFICAZIONE DELLA MOTOCICLETTA EB100010

NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL VEICOLO Il numero di identificazione del veicolo 1 è stampigliato sul lato destro della testa dello sterzo.

TARGHETTA MODELLO La targhetta del modello 1 è affissa al telaio. Questi dati possono essere utili nel caso in cui sia necessario ordinare pezzi di ricambio.

1-1


I

INFORMAZIONI IMPORTANTI

GEN INFO

EB101000

INFORMAZIONI IMPORTANTI PREPARAZIONE ALLE PROCEDURE DI RIMOZIONE 1. Prima di effettuare un intervento di rimozione e smontaggio togliere tutta la sporcizia, il fango e i corpi estranei.

2. Usare solo gli attrezzi e gli strumenti di pulizia adeguati. Vedere la sezione “ATTREZZI SPECIALI”. 3. Durante lo smontaggio, tenere insieme i componenti accoppiati. Si tratta di ingranaggi, cilindri, pistoni e altri particolari che sono stati “accoppiati” in seguito alla normale usura. I componenti accoppiati devono sempre essere riutilizzati o sostituiti insieme. 4. Durante lo smontaggio, pulire tutti i componenti e sistemarli in raccoglitori secondo l’ordine di smontaggio. Questo consente di velocizzare il successivo montaggio e di installare correttamente tutti i componenti. 5. Tenere i componenti lontano da qualsiasi fiamma viva.

EB101010

PARTI DI RICAMBIO 1. Per tutte le sostituzioni, utilizzare soltanto componenti originali Yamaha. Per tutte le operazioni di lubrificazione, utilizzare gli oli e i grassi raccomandati da Yamaha. Altre marche possono infatti essere simili nella funzione e nell’aspetto ma inferiori nella qualità.

EB101020

GUARNIZIONI, PARAOLI E O-RING 1. Quando si esegue la revisione di un motore, sostituire tutte le guarnizioni, i paraoli e gli Oring. Pulire tutte le superfici delle guarnizioni, i labbri dei paraoli e gli O-ring. 2. Durante il riassemblaggio, lubrificare adeguatamente tutte le parti combacianti e i cuscinetti e ingrassare i labbri dei paraoli.

1-2


I

INFORMAZIONI IMPORTANTI

GEN INFO

EB101030

RONDELLE DI SICUREZZA/PIASTRINE E COPPIGLIE 1. Tutte le rondelle di sicurezza/le piastrine 1 e le coppiglie devono essere sostituite dopo la rimozione. Dopo avere serrato i bulloni o i dadi secondo le specifiche, piegare le linguette di bloccaggio contro una faccia del bullone o del dado.

OPPURE

EB101040

CUSCINETTI E PARAOLI 1. Installare i cuscinetti e i paraoli in modo che il marchio o i numeri del produttore siano visibili. Quando si installano i paraoli, applicare sui labbri un leggero strato di grasso a base di litio. Quando si installano i cuscinetti, oliarli abbondantemente ove opportuno. 1 Paraolio

ATTENZIONE: Non asciugare i cuscinetti con aria compressa per non danneggiarne le superfici. 1 Cuscinetto

EB101050

ANELLI ELASTICI 1. Prima di montare nuovamente gli anelli elastici di sicurezza, controllarli accuratamente e sostituire quelli danneggiati o storti. Cambiare sempre i fermagli dello spinotto dopo un’utilizzazione. Quando si installa un anello elastico 1 , controllare che lo spigolo vivo 2 sia posizionato sul lato opposto rispetto a quello della spinta 3 ricevuta dall’anello. 4 Albero

1-3


I

CONTROLLO DEI COLLEGAMENTI

GEN INFO

EB801000

CONTROLLO DEI COLLEGAMENTI Verificare la presenza di macchie, ruggine, umidità ecc. 1. Scollegare:  connettore 2. Controllare:  connettore Umidità  Asciugare ciascun terminale con aria compressa. Ruggine/macchie  Collegare e scollegare il connettore più volte. 3. Controllare:  tutti i conduttori del connettore Collegamenti allentati  Piegare verso l’alto il piedino 1 e collegare i terminali.

4. Collegare:  i terminali del connettore NOTA: Verificare che collegando i due terminali si oda uno scatto.

5. Controllare:  continuità (con un tester portatile) NOTA:  In assenza di continuità, pulire i morsetti.  Nel corso del controllo del gruppo dei cavi elettrici, eseguire i punti da 1 a 3.  Come rimedio rapido, utilizzare un dispositivo di ripristino dei contatti disponibile nella maggior parte dei magazzini di parti di ricambio.  Controllare il connettore con un tester portatile come illustrato in figura.

1-4


I

ATTREZZI SPECIALI

GEN INFO

EB102001

ATTREZZI SPECIALI I seguenti attrezzi speciali sono necessari per una regolazione e un montaggio completi e accurati. Usare solo gli attrezzi speciali appropriati per evitare danni causati dall’uso di attrezzi non opportuni o tecniche improvvisate. Gli attrezzi speciali possono differire per forma e numero di codice a seconda del paese. In questi casi, ne vengono riportati due tipi. Per l’invio di ordini, fare riferimento all’elenco sottostante per evitare errori. Attrezzo n. Contrappeso 90890-01084 Bullone 90890-01085

Nome attrezzo/uso Bullone/contrappeso del martello scorrevole

Questi attrezzi vengono utilizzati per rimuovere l’albero di supporto dei bilancieri. Attrezzo divaricatore del basamento

90890-01135 Viene utilizzato per rimuovere l’albero motore. Attrezzo ingranaggio di accoppiamento/albero intermedio 90890-01229 Necessario per rimuovere o installare il dado dell’albero pignone finale. Spessore gioco ingranaggio finale 90890-01230 Spessore gioco ingranaggio intermedio 90890-01231 Boccola di installazione 90890-01274 Bullone 90890-01275 Adattatore 90890-04130 Distanziale 90890-04060

Spessore per il gioco dell’ingranaggio finale

Necessario per misurare il gioco dell’ingranaggio finale. Boccola/bullone/adattatore/distanziale di installazione albero motore

Attrezzi utilizzati per installare l’albero motore. Estrattore per spinotti 90890-01304 Questo attrezzo è usato per rimuovere gli spinotti dei pistoni. Indicatore di livello 90890-01312 Questo indicatore è usato per misurare il livello della benzina nella vaschetta.

1-5

Illustrazione


I

ATTREZZI SPECIALI Attrezzo n. Maniglia a T 90890-01326 Supporto 90890-01460 Estrattore 90890-01362 Adattatore 90890-04131 Contrappeso 90890-01367 Adattatore 90890-01381 Chiave per ghiere 90890-01403 Chiave per dado scarico 90890-01268

Nome attrezzo/uso Maniglia a T/supporto asta dell’ammortizzatore Questi attrezzi sono usati per allentare e serrare il bullone di tenuta dell’asta dell’ammortizzatore. Estrattore/adattatore volano

Questi attrezzi vengono utilizzati per rimuovere il rotore. Contrappeso /adattatore inseritore guarnizione forcella Questi attrezzi sono usati per l’installazione della canna, del paraolio e del parapolvere della forcella. Chiave per ghiere/chiave per dado dello scarico e dello sterzo Attrezzo utilizzato per allentare e stringere la ghiera dello sterzo. Supporto puleggia

90890-01701 Utilizzato per tenere il rotore mentre si rimuove o installa il bullone del rotore. Set manometro di prova compressione 90890-03081 Questo attrezzo è usato per misurare la compressione del motore. Vacuometro 90890-03094 Questo attrezzo è usato per misurare la sincronizzazione dei carburatori. Tester portatile 90890-03112 Questo attrezzo è indispensabile per il controllo dell’impianto elettrico. Contagiri motore 90890-03113 Questo attrezzo è necessario per determinare il numero di giri/min. del motore.

1-6

GEN INFO Illustrazione


I

ATTREZZI SPECIALI Attrezzo n.

Nome attrezzo/uso Lampada di messa in fase

90890-03141 Questo attrezzo è necessario per controllare la messa in fase dell’accensione. Estrattore/inseritore guidavalvola 90890-04014 Questo attrezzo è usato per rimuovere ed installare le guide valvole. Compressore della molla valvola 90890-04019 Viene usato per rimuovere o installare la valvola e la molla della valvola Adattatore 90890-01277 Estrattore 90890-01290 Contrappeso 90890-01291

Adattatore bullone installazione albero motore/estrattore indotto/contrappeso Attrezzi necessari per la rimozione dell’albero del pignone finale. Chiave per disco portacuscinetto

90890-04137

Chiave 90890-04138 Supporto 90890-04055

Attrezzo necessario per la rimozione e l’installazione del complessivo dell’albero intermedio. Chiave dado albero intermedio/Supporto albero intermedio Attrezzi necessari per rimuovere o installare il cuscinetto dell’albero intermedio. Supporto giunti cardanici

90890-04062 Attrezzo necessario per l’installazione e la rimozione del dado del pignone condotto. Chiave per disco portacuscinetto 90890-04077 Attrezzo necessario per la rimozione e l’installazione del gruppo pignone finale. Attrezzo di bloccaggio frizione 90890-04086

Questo attrezzo è usato per tenere la frizione mentre si rimuove o si installa il dado del mozzo della frizione.

1-7

GEN INFO Illustrazione


I

ATTREZZI SPECIALI Attrezzo n.

Nome attrezzo/uso Compressore molle ammortizzatore

90890-04090 Questo attrezzo viene usato per rimuovere o installare la molla dell’ammortizzatore. Provascintille dinamico Verificatore accensione 90890-06754 Questo strumento è necessario per controllare i componenti dell’impianto di accensione. Sigillante Yamaha N. 1215 90890-85505 Questo sigillante (legante) è usato per le superfici di accoppiamento del basamento ecc.

1-8

GEN INFO Illustrazione


SPEC

2


I

SPEC CAPITOLO 2 SPECIFICHE SPECIFICHE GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-1 SPECIFICHE DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IMPIANTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2-4 2-4 2-14 2-18

SPECIFICHE GENERALI DI SERRAGGIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-20 TABELLA DI CONVERSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-20 COMPONENTI DA LUBRIFICARE E TIPI DI LUBRIFICANTE . . . . . . . . . . 2-21 MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-21 TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-22 SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-23 PERCORSO DEI CAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-26


I

SPEC


I

SPECIFICHE GENERALI

SPEC

SPECIFICHE SPECIFICHE GENERALI Standard

Elemento Codice modello:

XVS1100: 5EL1 (Europa) 5EL2 (D, A, FIN) 5EL3 (Australia)

Dimensioni: Lunghezza fuori tutto Larghezza fuori tutto Altezza fuori tutto Altezza sella Passo Altezza minima dal suolo Raggio minimo di sterzata

2.405 mm 895 mm 1.095 mm 690 mm 1.640 mm 145 mm 3.200 mm

Peso base: Con olio e serbatoio carburante pieno

274 kg (5EL2 : 275 kg)

Motore: Tipo Disposizione cilindri Cilindrata Alesaggio  corsa Rapporto di compressione Pressione di compressione (NOMINALE) Sistema di avviamento Sistema di lubrificazione: Tipo o qualità d’olio: Olio motore Temp.

A 4 tempi, raffreddato ad aria, SOHC (singolo albero a camme in testa) A V, 2 cilindri 1,063  95  75 mm 8,3 : 1 1.000 kPa (10 kg/cm2, 10 bar) a 400 giri/min Avviamento elettrico A coppa bagnata

C

Standard API: tipo SE o superiore Standard ACEA: G4 o G5

Olio ingranaggio finale:

SAE80API “GL-4” Olio per ingranaggi ipoidi

Quantità olio: Olio motore Cambio periodico olio Con sostituzione filtro olio Quantità totale Olio carter ingranaggio finale Quantità totale

3,0  3,1  3,6 

Filtro aria:

Elemento di tipo a secco

Carburante: Tipo Capacità serbatoio carburante Quantità di carburante di riserva

Benzina super senza piombo 17  4,5 

0,2 

2-1


I

SPECIFICHE GENERALI Elemento

SPEC

Standard

Carburatore: Tipo/quantità Produttore

BSR37/2 MIKUNI

Candele: Tipo Produttore Distanza elettrodi

BPR7ES/W22EPR-U NGK/DENSO 0,7 X 0,8 mm

Tipo frizione:

A umido, multidisco

Trasmissione: Sistema di riduzione primario Rapporto di riduzione primario Sistema di riduzione secondario Rapporto di riduzione secondario Tipo di trasmissione Funzionamento Rapporto marce 1a 2a 3a 4a 5a

Ingranaggio a denti diritti 78/47 (1,660) Trasmissione ad albero 44/47 19/18 32/11 (2,875) A presa continua a 5 velocità Con piede sinistro 40/17 (2,353) 40/24 (1,667) 36/28 (1,286) 32/31 (1,032) 29/34 (0,853)

Parte ciclistica: Tipo di telaio Angolo di incidenza Avancorsa

Doppia culla 33 136 mm

Pneumatici: Tipo Misura Produttore Tipo

anteriore posteriore anteriore posteriore anteriore posteriore

A pieno carico, ad eccezione del motociclo: Pressione pneumatici: 0 X 90 kg * 90 kg X pieno carico *

Freni: Freno anteriore Freno posteriore

Con camera d’aria 110/90-18 61S 170/80-15M/C 77S BRIDGESTONE/DUNLOP BRIDGESTONE/DUNLOP EXEDRA L309/K555F EXEDRA G546/K555 201 kg (5EL2 : 200 kg)

anteriore posteriore anteriore posteriore

200 kPa (2,00kg/cm2) 225 kPa (2,25kg/cm2) 225 kPa (2,25kg/cm2) 250 kPa (2,50kg/cm2) * Per carico si intende il peso totale costituito dal carico trasportato, il conducente, il passeggero e gli accessori.

tipo azionamento tipo azionamento

A disco doppio Con la mano destra A disco singolo Con il piede destro

2-2


I

SPECIFICHE GENERALI Elemento Sospensioni: Anteriore Posteriore Ammortizzatori: Anteriore Posteriore

SPEC

Standard Forcella telescopica Braccio oscillante (braccio ammortizzato) Ammortizzatore idraulico/molla elicoidale Ammortizzatore pneumatico-idraulico/molla elicoidale

Corsa ruote: Corsa ruota anteriore Corsa ruota posteriore

140 mm 113 mm

Impianto elettrico: Sistema di accensione Sistema generatore Tipo batteria CapacitĂ  batteria

T.C.I. (digitale) Magnete c.a. GT14B-4 12V 12 AH

Tipo faro:

A lampada alogena

Tensione, Watt lampada  quantitĂ : Faro Luce di posizione Luce di posizione posteriore/freno Indicatori di direzione Luce targa Luce strumenti Indicatore posizione di folle Indicatore luce abbagliante Indicatore luci di direzione Spia livello olio Spia temperatura motore

12 V 60 W/55 W  1 12 V 4 W  1 12 V 5 W/21 W  1 12 V 21 W  4 12 V 5 W  1 14 V 1,4 W  2 12 V 1,7 W  1 12 V 1,7 W  1 12 V 1,7 W  1 12 V 1,7 W  1 12 V 1,7 W  1

2-3


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE MOTORE Componente

Valori nominali

Valori limite

Testa cilindro: Limite di deformazione



0,03 mm

Cilindro: Alesaggio Punto di misurazione

95,00  95,01 mm 40 mm

95,1 mm 

Albero a camme: Metodo di azionamento Diametro interno cappello Diametro esterno albero a camme Gioco albero a camme-cappello Dimensioni camma:

A catena (destra e sinistra) 25,000  25,021 mm 24,96  24,98 mm 0,020  0,061 mm

   

39,112  39,212 mm #1: 32,093  32,193 mm #2: 32,127  32,227 mm 7,162 mm 39,145  39,245 mm 32,200  32,300 mm 7,195 mm 

39,012 mm #1: 31,993 mm #2: 32,027 mm 7,012 mm 39,045 mm 32,100 mm 7,045 mm 0,03 mm

Aspirazione

“A” “B”

“C” “A” “B” “C” Limite di eccentricità albero a camme Scarico

2-4


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

Valori nominali

Catena di distribuzione: Tipo/n. di maglie Metodo di regolazione della catena di distribuzione Bilanciere/albero di supporto bilanciere: Diametro interno cuscinetto Diametro esterno supporto Gioco bilanciere/supporto Valvola, sede valvola, guida valvola: Gioco valvola (freddo) Aspir. Scar. Dimensioni valvola:

Diam. Fungo

Diametro fungo “A” Larghezza cono “B” Larghezza sede “C” Spessore bordo “D” Diametro esterno stelo Diametro interno guida Gioco stelo-guida

Valori limite

SILENT CHAIN/98L Automatico

 

14,000 mm  14,018 mm 13,985 mm  13,991 mm 0,009 mm  0,033 mm

14,036 mm 13,95 mm 0,086 mm

0,07  0,12 mm 0,12  0,17 mm

 

Larghezza sede

Larghezza cono

Aspir. Scar. Aspir. Scar. Aspir. Scar. Aspir. Scar. Aspir. Scar. Aspir. Scar. Aspir. Scar.

SPEC

47,0  47,2 mm 39,0  39,2 mm 2,1 mm 2,1 mm 1,2  1,4 mm 1,2  1,4 mm 1,1  1,5 mm 1,1  1,5 mm 7,975  7,990 mm 7,960  7,975 mm 8,000  8,012 mm 8,000  8,012 mm 0,010  0,037 mm 0,025  0,052 mm

2-5

Spessore bordo

    1,8 mm 1,8 mm 0,8 mm 0,8 mm     0,08 mm 0,10 mm


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

Valori nominali

Limite di eccentricità stelo

Larghezza sede valvola

Aspir. Scar.

Molla valvola: Lunghezza libera

Aspir. Scar. Lunghezza di taratura (valvola chiusa) Aspir. Scar. Pressione compressa (installata) Aspir. Scar. Limite di inclinazione Aspir. Scar.

Direzione di avvolgimento (vista dall’alto) Pistone: Gioco pistone Diametro pistone “D”

Punto di misura “H” Disassamento pistone

Aspir. Scar.

SPEC Valori limite

SSS

0,03 mm

1,2  1,4 mm 1,2  1,4 mm

2,0 mm 2,0 mm

44,6 mm 44,6 mm 40 mm 40 mm 160,7 N (16,4 kg) 160,7 N (16,4 kg) SSS SSS

43,5 mm 43,5 mm SSS SSS SSS SSS 2,5_/1,9 mm 2,5_/1,9 mm

In senso orario In senso orario

SSS SSS

0,025  0,050 mm 94,960  94,975 mm

0,15 mm SSS

5 mm 0 mm

SSS SSS

2-6


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

Valori nominali

SPEC Valori limite

22,004 X 22,015 mm 21,991 X 22,000 mm

 

Tipo Dimensioni (B. T.) Luce fra le estremità delle fasce (installate) Gioco laterale tra le fasce (installate) Seconda fascia:

Rettangolare 1,5 3,8 mm 0,3 X 0,5 mm 0,04 X 0,08 mm

  0,8 mm 0,1 mm

Tipo Dimensioni (B. T.) Luce fra le estremità delle fasce (installate) Gioco laterale tra le fasce Anello raschiaolio:

Conico 1,2 3,8 mm 0,30 X 0,45 mm 0,03 X 0,07 mm

  0,8 mm 0,1 mm

Diametro interno foro spinotto Diametro esterno spinotto Fasce elastiche: Fascia superiore:

Dimensioni (B. T.) 2,5 3,4 mm Luce fra le estremità delle fasce (installate) 0,2 X 0,7 mm Biella: Gioco passaggio olio Codice colori (misura corrispondente)

 

0,044 X 0,073 mm 1 Blu 2 Nero 3 Marrone 4 Verde 5 Giallo

 

101,95 X 102,00 mm  0,320 X 0,474 mm

 0,02 mm 

Albero motore:

Larghezza gomito “A” Limite di scentratura “C” Gioco laterale testa di biella “D”

2-7


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

Valori nominali

Frizione: Spessore disco di attrito Quantità Spessore disco della frizione Quantità Spessore disco della frizione Quantità Lunghezza molla frizione libera Quantità Gioco assiale scatola frizione Gioco radiale scatola frizione Metodo di disinnesto frizione Limite di flessione asta della punteria

2,9  3,1 mm 8 2,5  2,7 mm 1 1,9  2,1 mm 7 7,2 mm 1 0,05  0,40 mm 0,010  0,044 mm Spinta interna, a vite SSS

SPEC Valori limite 2,8 mm SSS 0,1 mm SSS 0,1 mm 6,5 mm SSS SSS SSS SSS 0,5 mm

Trasmissione: Limite di scentratura asse principale SSS Limite di scentratura asse di trasmissione SSS

0,08 mm 0,08 mm

Cambio: Tipo

Barra di guida

SSS

5EL1 00 #1: #110, #2: #112,5 #55 #1: 5DL39-53-3/5, #2: 5DL40-53-3/5 P-0M #63,8 #145 1,0 #17,5 0,8 0,8 0,8 3 1,2 #42,5 0,8 #125 4  5 mm 950  1.050 giri/min 34,7  37,3 kPa (260  280 mmHg) 75  85_C

SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS

Elettrico UC-Z6M /MITSUBISHI 0,8 A 12 kPa (0,12 kf/cm2)

SSS SSS SSS SSS

Carburatore: Sigla identificazione Getto del massimo Getto aria del massimo Spillo conico Cavità spillo conico Getto aria del minimo

(M.J) (M.A.J) (J.N) (N.J) (P.A.J.1) (P.A.J.2) Uscita del minimo (P.O) Getto del minimo (P.J) Bypass 1 (B.P.1) Bypass 2 (B.P.2) Bypass 3 (B.P.3) Vite pilota (P.S) Dimensione sede valvola (V.S) Getto avviamento (G.S.1) Getto avviamento (G.S.2) Dimensione valvola a farfalla (TH.V) Livello carburante (F.L) Regime minimo del motore Vuoto aspirazione Temperatura olio motore

Pompa di alimentazione: Tipo Modello/costruttore Consumo amperaggio Pressione di mandata

<max>

2-8


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

Componente

Valori nominali

Sistema di lubrificazione: Tipo di filtro olio Tipo di pompa olio Gioco punta “A” o “B” Gioco laterale Pressione di funzionamento valvola di sicurezza

Carta Trocoide 0,03  0,09 mm 0,03  0,08 mm 450  550 kPa (4,5  5,5 kg/cm2)

  0,15 mm 0,15 mm 

Trasmissione ad albero: Gioco denti ingranaggio intermedio Gioco denti ingranaggio finale

0,1  0,2 mm 0,1  0,2 mm

 

2-9

Valori limite


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

SPEC

Valori nominali

Schema di lubrificazione: Testa di biella Alimentazione pressione A spruzzo

Albero a gomiti

Asse principale

Foro calibrato Asse motore

Pignone

Albero intermedio

Bilanciere (Scar.)

Albero a camme (Scar.)

Bilanciere (Scar.)

Bilanciere (Aspir.)

Albero a camme (Aspir.)

Bilanciere (Aspir.)

Filtro olio

Valvola di sicurezza

Coppa dellâ&#x20AC;&#x2122;olio

2-10

Pompa olio


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

Sequenza di serraggio della testa cilindri:

Sequenza di serraggio del carter:

Carter destro

Carter sinistro

2-11


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

Coppie di serraggio

Componente Testa cilindri Testa cilindri Piastra Coperchio testa cilindri Testa cilindri (tubo di scarico) Albero di supporto bilanciere Coperchio pignone albero a camme Coperchio punterie Albero di supporto bilanciere (condotto olio) Piastra di fermo (albero a camme)

Candela di accensione Cilindro Coperchio inferiore testa cilindri Coperchio superiore testa cilindri Biella Rotore Controdado di regolazione valvola Pignone albero a camme Tendicatena di distribuzione Coperchio tendicatena di distribuzione Guida catena di distribuzione Pompa olio Coperchio filtro a rete olio Coperchio filtro olio Ingranaggio pompa dell’olio Coperchio pompa dell’olio Tubo mandata olio (testa cilindri) (carter) Vite di scarico Coperchio carburatore Supporto scatola filtro aria Gruppo scatola filtro aria Giunto tubo di scarico e testa cilindri Giunto tubo di scarico e gruppo marmitta Marmitta Carter (cilindri) Carter (cilindri) Carter Carter Piastra del cuscinetto (pignone intermedio)

Dimensione filetto

Q.tà

Dado Dado Bullone Vite Prigioniero Bullone di raccordo Bullone Bullone Bullone

M12 M10 M8 M6 M8 M16

Nome componente

Coppia di serraggio Nm

mSkg

8 2 2 4 4 2

50 35 20 4 12,5 37,5

5,0 3,5 2,0 0,4 1,25 3,75

M6 M6 M16

4 8 4

10 10 38

1,0 1,0 3,8

Bullone

M8

4

20

2,0

– Bullone Bullone Vite Dado Dado Dado Bullone Bullone Bullone

M14 M6 M6 M6 M9 M16 M8 M10 M6 M6

2 2 6 8 4 1 4 2 4 2

20 10 10 5 48 175 27 55 10 8

2,0 1,0 1,0 0,5 4,8 17,5 2,7 5,5 1,0 0,8

Bullone Bullone Bullone Bullone Bullone Bullone Bullone di raccordo Bullone di raccordo – Bullone Bullone Bullone Dado Bullone

M6 M6 M6 M6 M6 M6 M16

4 3 3 5 1 1 2

10 10 10 10 12 10 20

1,0 1,0 1,0 1,0 1,2 1,0 2,0

M10

1

20

2,0

M14 M5 M6 M5 M8 M8

1 2 2 3 4 2

43 7 10 2 20 20

4,3 0,7 1,0 0,2 2,0 2,0

Bullone Prigioniero Prigioniero Bullone Bullone Bullone

M10 M12 M10 M10 M6 M8

2 8 2 3 10 3

25 24 20 38,5 10 25

2,5 2,4 2,0 3,85 1,0 2,5

2-12

Osservazioni

Usare rondella elastica di sicurezza


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Nome componente onente

Dimensione filetto

Q.tà

Coperchio carter (sinistro) Coperchio carter (destro) Morsetto Frizione unidirezionale Ingranaggio trasmissione primaria

Bullone Bullone Bullone Bullone Dado

M6 M6 M6 M6 M20

Molla frizione Registro frizione Borchia frizione

Bullone Dado Dado

Asse leva di spinta Pignone trasmissione intermedia Piastra cuscinetto (albero intermedio) Forcella (albero intermedio) Sede cuscinetto (albero intermedio) Fermo leva del cambio

Vite Dado Dado Dado Bullone Bullone

Componente

SPEC

Coppia di serraggio Nm

mSkg

13 11 1 8 1

10 10 10 12 110

1,0 1,0 1,0 1,2 11,0

M6 M8 M20

6 1 1

8 12 70

0,8 1,2 7,0

M8 M44 M88 M14 M8 M8

1 1 1 1 4 1

12 110 110 – 25 22

1,2 11,0 11,0 – 2,5 2,2

Osservazioni

Usare rondella elastica di sicurezza

Usare rondella elastica di sicurezza Presellare Presellare Presellare

Usare rondella elastica di sicurezza Fermo barra di guida Segmento tamburo selettore Braccio di innesto Registro pedale del cambio

Vite Vite Bullone Dado

M6 M5 M6 M6

2 1 1 2

7 4 10 10

0,7 0,4 1,0 1,0

Avvolgimento statore Bobina pick-up Motorino di avviamento Interruttore folle Bobina di accensione Sensore velocità

Vite Vite Bullone – Vite Bullone

M6 M5 M6 M10 M5 M6

3 2 2 1 4 1

10 7 10 20 2,5 7

1,0 0,7 1,0 2,0 0,25 0,7

2-13

Uno dei due possiede una filettatura sinistrorsa


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

TELAIO Componente

Valori nominali

Valori limite

Sistema sterzo: Tipo cuscinetto sterzo

Cuscinetto angolare



Sospensione anteriore: Corsa forcella anteriore Lunghezza molla forcella libera Lunghezza raccordo Lunghezza collare Costante elastica (K1) (K2) Corsa (K1) (K2) Molla opzionale CapacitĂ  olio Livello olio Grado olio

140 mm 356,9 mm 319,4 mm 183 mm 8,8 N/mm (0,9 kg/mm) 12,7 N/mm (1,3 kg/mm) 0  77,5 mm 77,5  140 mm No 0,464  108 mm Olio per forcelle 10 W o equivalente

 350 mm          

Sospensione posteriore: Corsa ammortizzatore Lunghezza molla libera Lunghezza raccordo Costante elastica Corsa Molla opzionale

113 mm 179,5 mm 163 mm 117,7 N/mm (12 kg/mm) 0  50 mm No

     

Fine



0 mm

radiale laterale

A raggi 18  2,15 Acciaio  

   1,0 mm 0,5 mm

radiale laterale

A raggi 15 M/C  MT4,50 Acciaio  

   1,0 mm 0,5 mm

Braccio oscillante: Limite gioco braccio oscillante Ruota anteriore: Tipo Dimensioni cerchione Materiale cerchione Limite di scentratura cerchione Ruota posteriore: Tipo Dimensioni cerchione Materiale cerchione Limite di scentratura cerchione

(K1) (K1)

2-14


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente Freno anteriore: Tipo Diametro esterno disco  spessore Limite di curvatura disco Spessore pastiglia interno Spessore pastiglia esterno

Valori nominali

SPEC Valori limite

Disco doppio 298  5 mm  6,2 mm 6,2 mm

 4,5 mm 0,15 mm 0,8 mm 0,8 mm

14,0 mm 25,4 mm 30,1 mm DOT 4

   

Freno posteriore: Tipo Diametro esterno disco  spessore Limite di curvatura disco Spessore pastiglia interno esterno Diametro interno pompa del freno Diametro interno cilindretto pinza Tipo di fluido freni

Disco singolo 282  6 mm  5,55 mm 5,55 mm 12,7 mm 42,9 mm DOT 4

 5,5 mm 0,15 mm 0,5 mm 0,5 mm  

Leva e pedale del freno: Gioco libero leva freno (estremitĂ  leva) Posizione pedale del freno Gioco libero pedale freno Gioco libero leva frizione (estremitĂ  leva) Gioco manopola acceleratore

5  8 mm 81,8 mm 0 mm 5  10 mm 4  6 mm

   

Diametro interno pompa del freno Diametro interno cilindretto pinza Diametro interno cilindretto pinza Tipo di fluido freni

2-15


I

SPEC

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Coppie di serraggio Nome componente

Componente Staffa superiore e tubo interno Staffa inferiore e tubo interno Staffa superiore e cannotto dello sterzo Ghiera filettata (cannotto dello sterzo) Supporto inferiore manubrio e staffa superiore Supporto inferiore manubrio e supporto superiore manubrio Pompa freni (freno anteriore) Bullone di raccordo (flessibile freno) Supporto tubo flessibile freno e staffa inferiore Giunto tubo flessibile freno e tubo freno Giunto tubo flessibile freno e supporto tubo flessibile freno Parafango anteriore e tubo esterno Supporto faro e staffa inferiore Supporto faro e faro Indicatore di direzione anteriore e staffa inferiore Supporto motore: Telaio e supporto (anteriore – superiore) Telaio e supporto (anteriore – inferiore) Supporto e motore (anteriore – superiore) Supporto e motore (anteriore – inferiore) Telaio e motore (posteriore – superiore) Telaio e motore (posteriore – inferiore) Tubo obliquo e telaio Bobina di accensione e supporto Supporto marmitta e telaio Ammortizzatore posteriore e braccio di collegamento Ammortizzatore posteriore e telaio Albero oscillante e braccio oscillante Braccio di collegamento e telaio Braccio di raccordo e braccio di collegamento Braccio di raccordo e braccio oscillante Scatola ingranaggio finale e braccio oscillante Estremità braccio oscillante e supporto Serbatoio carburante e rubinetto carburante Staffa serbatoio carburante e telaio Sella conducente Sella passeggero Serbatoio carburante e carenatura Staffa targa e supporto parafango posteriore Parafango posteriore e supporto parafango posteriore Parafango posteriore e luce di posizione/arresto posteriore Supporto parafango posteriore e indicatore di direzione posteriore Telaio e parafango posteriore Carenatura laterale (sinistra) Coperchio batteria Carenatura laterale (destra) Relè motorino di avviamento e fili

2-16

Coppia di serraggio Nm

mSkg

M8 M10 M22 – M12 M8 M6 M10 M6 M10 M6 M8 M6 M6 M6

20 30 110 18 32 28 10 30 10 19 10 10 7 8 7

2,0 3,0 11,0 1,8 3,2 2,8 1,0 3,0 1,0 1,9 1,0 1,0 0,7 0,8 0,7

M10 M10 M12 M10 M10 M10 M10 M5 M8 M10 M10 M16 M10 M12 M12 M10 M8 M6 M8 M6 M6 M5 M6 M5 M6 M12

48 48 74 48 48 48 48 4 30 48 40 90 48 48 48 90 23 7 23 7 7 4 7 4 6 7

4,8 4,8 7,4 4,8 4,8 4,8 4,8 0,4 3,0 4,8 4,0 9,0 4,8 4,8 4,8 9,0 2,3 0,7 2,3 0,7 0,7 0,4 0,7 0,4 0,6 0,7

M8 M6 M6 M6 M6

26 7 7 7 7

2,6 0,7 0,7 0,7 0,7

Osservazioni

Vedere NOTA


I

SPEC

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Nome componente onente

Componente

Coppia di serraggio Nm

mSkg

Poggiapiedi passeggero e telaio Staffa cavalletto laterale e telaio Cavalletto laterale e staffa cavalletto laterale Interruttore cavalletto laterale Pedale del freno/poggiapiedi e telaio Pompa dei freni posteriori e staffa della pompa dei freni Staffa della pompa freni e tubo obliquo Poggiapiedi e telaio Asse ruota anteriore Vite di bloccaggio asse ruota anteriore Pinza freno Disco freno e ruota anteriore Vite di sfiato pinza Dado asse ruota posteriore Pinza freno posteriore e staffa pinza Staffa pinza e braccio oscillante Bullone di raccordo tubo flessibile del freno Vite di sfiato pinza Borchia e smorzatore frizione Prigioniero scatola della coppia conica Prigioniero scatola della coppia conica Sede del cuscinetto (scatola della coppia conica) Sede del cuscinetto (scatola della coppia conica) Pignone conico Piastra portacuscinetto (pignone della coppia conica)

M8 M10 M10 M5 M6 M8

26 64 56 4 7 23

2,6 6,4 5,6 0,4 0,7 2,3

M8 M10 M16 M8 M10 M8 M7 M16 M10 M10 M10 M8 M10 M10 M8 M8 M10 M14 M65

23 64 59 20 40 23 6 107 40 40 30 6 62 18 9 23 40 130 115

2,3 6,4 5,9 2,0 4,0 2,3 0,6 10,7 4,0 4,0 3,0 0,6 6,2 1,8 0,9 2,3 4,0 13,0 11,5

Bullone filtro olio (coppia conica) Vite di scarico olio (coppia conica) Coperchio scatola

M14 M14 M110

23 23 42

2,3 2,3 4,2

Osservazioni

Filettatura sinistrorsa

NOTA: 1. Con una chiave dinamometrica, avvitare la ghiera inferiore applicando una coppia di circa 52 Nm (5,2 m/kg) e successivamente allentarla completamente. 2. Riavvitare la ghiera secondo specifica.

2-17


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

IMPIANTO ELETTRICO Componente

Valori nominali

Valori limite

Tensione:

12 V

SSS

Sistema di accensione: Fasatura di accensione (PPMS) Tipo di anticipo

10_ a 1.000 giri/min Tipo digitale

SSS SSS

T.C.I.: Resistenza /colore bobina pickup Modello/produttore unità T.C.I.

189  231 Ω a 20_C / grigio-nero J4T101/MITSUBISHI

SSS SSS

Bobina accensione: Modello/produttore F6T507/MITSUBISHI Resistenza su primario della bobina 3,57  4,83 Ω a 20_C Resistenza sul secondario della bobina 10,7  14,5 Ω a 20_C

SSS SSS SSS

Cappuccio candela: Tipo Resistenza

In resina 10 kΩ

SSS SSS

Sistema di carica: Tipo Modello/produttore Uscita nominale Resistenza /colore bobina statore

Magnete c.a. F4T654/MITSUBISHI 14 V 350 W a 5.000 giri/min 0,36  0,44 Ω a 20_ C / bianco-bianco

SSS SSS SSS SSS

Regolatore tensione: Tipo Modello/produttore Tensione regolata a vuoto

A semiconduttore, a cortocircuito SH650D-11/SHINDENGEN 14,1  14,9 V

SSS SSS SSS

Raddrizzatore: Modello/produttore Capacità Massima tensione applicabile

SH650D-11/SHINDENGEN 18 A 200 V

SSS SSS SSS

Batteria: Densità relativa

1,320

SSS

A presa continua

SSS

SM-13/MITSUBA 0,6 kW 0,026  0,034 Ω a 20_ C 12,5 mm 7,65  10,01 N (780  1021 g) 28 mm 0,7 mm

SSS SSS SSS 5 mm SSS 27 mm SSS

MS5F-421/JIDECO 180 A

SSS SSS

Sistema di avviamento elettrico: Tipo Motorino di avviamento: Modello/produttore Potenza Resistenza bobina indotto Lunghezza complessiva spazzola Pressione molla spazzola Diametro collettore Ribassamento mica Relè avviamento: Modello/produttore Amperaggio nominale

2-18


I

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Componente

Valori nominali

SPEC Valori limite

Avvisatore acustico: Tipo Quantità Modello/produttore Amperaggio massimo

Tipo piatto 1 YF-12/NIKKO 3A

SSS SSS SSS SSS

Relè lampeggiatori: Tipo Modello/produttore Dispositivo di arresto automatico Frequenza di lampeggiamento Potenza in watt

Completamente a transistor FE246BH/DENSO No 75 X 95 cicli/min 21 W 2 + 3,4 W

SSS SSS SSS SSS SSS

Indicatore livello olio: Modello/produttore

5EL/DENSO

SSS

Relè interruttore circuito di avviamento: Modello/produttore

G8R-30Y-B/OMRON

SSS

Relè pompa di alimentazione: Modello/produttore

G8R-30Y-B/OMRON

SSS

Fusibile

SSS

30 A 1 15 A 1 10 A 1 1 10 A 5A 1 15 A 1 30 A 1 15 A 1 10 A 1 5A 1

SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS SSS

Interruttore circuito: Tipo Amperaggio per singolo circuito PRINCIPALE FARI SEGNALATORI ACCENSIONE RETROMARCIA Riscaldatore carburatore Riserva Riserva Riserva Riserva

2-19


I

SPECIFICHE GENERALI DI SERRAGGIO/ TABELLA DI CONVERSIONE

SPEC

EB202001

EAS00028

SPECIFICHE GENERALI DI SERRAGGIO

TABELLA DI CONVERSIONE Tutte le specifiche contenute nel presente manuale sono riportate in SI e UNITÀ METRICHE. Usare questa tabella per convertire i dati decimali in unità di misura britanniche.

La seguente tabella riporta le coppie di serraggio per dispositivi di fissaggio standard con passo del filetto a norma ISO. Le specifiche di serraggio per componenti o gruppi speciali sono contenute in ogni capitolo del presente manuale. Onde evitare la deformazione dei gruppi dotati di più dispositivi di fissaggio, occorre eseguire l’avvitamento secondo uno schema incrociato e in fasi progressive, fino al raggiungimento della coppia specificata. Salvo indicazione contraria, le specifiche di serraggio si riferiscono a filetti puliti e asciutti. I componenti devono essere a temperatura ambiente.

Es. METRICO

FATTORE CONVERSIONE

BRITANNICO

** mm



0,03937

=

** poll.

2 mm



0,03937

=

0,08 poll.

TABELLA DI CONVERSIONE DA SISTEMA METRICO A SISTEMA BRITANNICO

A: Larghezza fra lati piatti B: Diametro filetto A (Dado)

B (Bullone)

Dato noto

Fattore conversione

Coppia

mSkg mSkg cmSkg cmSkg

7,233 86,794 0,0723 0,8679

libbre piede libbre pollice libbre piede libbre pollice

Peso

kg g

2,205 0,03527

libbre once

Distanza

km / h km m m cm mm

0,6214 0,6214 3,281 1,094 0,3937 0,03937

miglia / h (mph) miglia (m) piedi (ft) iarde (yd) pollici (in) pollici (in)

Volume / capacità

cc (cm3) cc (cm3) lt (litri) lt (litri)

0,03527 0,06102 0,8799 0,2199

once (oz – liquidi) pollici cubi (cu in) quarti (qt – liquidi) galloni (gal – liquidi)

kg / mm

55,997

Coppie di serraggio generali Nm

mSkg

10 mm

6 mm

6

0,6

12 mm

8 mm

15

1,5

14 mm

10 mm

30

3,0

17 mm

12 mm

55

5,5

19 mm

14 mm

85

8,5

22 mm

16 mm

130

13,0

Varie

2-20

kg / cm2 Centigradi

Risultato

libbre / pollice (lb / in) psi (lbi / in2) 14,2234 9/5 (_C) + 32 Fahrenheit (_F)


I

COMPONENTI DA LUBRIFICARE E TIPI DI LUBRIFICANTE

SPEC

EB203000

COMPONENTI DA LUBRIFICARE E TIPI DI LUBRIFICANTE MOTORE Componente da lubrificare

Simbolo

Bordi paraolio O-ring Cuscinetto Bullone/dado della biella Testa di biella e piede di biella Perno di biella Perno di banco albero motore/testa di biella Superficie pistone Spinotto pistone Cuscinetto/lobo albero a camme Albero di supporto bilanciere Stelo valvola (Aspir., Scar.) EstremitĂ  stelo valvola (Aspir., Scar.) Alberi/denti ingranaggio catena di distribuzione Girante pompa olio (interna/esterna), scatola Superficie ingranaggio di rinvio Ingranaggio motorino di avviamento Albero ingranaggio motorino di avviamento Camma unidirezionale motorino di avviamento Ingranaggio intermedio trasmissione Pignone condotto primario Asta di punteria 1, 2 Ingranaggio trasmissione (corona/pignone) Camma selettrice Barra guida/forcella di innesto marcia Gruppo albero del cambio Sfera asta di punteria Leva di spinta 2-21


I

COMPONENTI DA LUBRIFICARE E TIPI DI LUBRIFICANTE

SPEC

EB203010

TELAIO Componente da lubrificare

Simbolo

Cannotto dello sterzo (superiore/inferiore), cuscinetto Cannotto dello sterzo, labbro coperchio cuscinetto Cannotto dello sterzo, labbro paraolio Labbro paraolio ruota anteriore (destro/sinistro) Labbro paraolio ruota posteriore Area inserimento mozzo frizione Albero pedale freno posteriore Albero pedale cambio marce Bullone cavalletto laterale, superficie scorrimento cavalletto laterale Superficie interna guida tubo (manopola acceleratore) Bullone di articolazione leva del freno, superficie di contatto Bullone di articolazione leva della frizione, superficie di contatto Labbro paraolio (inferiore) ammortizzatore posteriore Superficie interna cuscinetto di imperniamento braccio oscillante Labbro paraolio articolazione braccio oscillante Cuscinetto, collare e paraolio del braccio di collegamento Scanalature albero di trasmissione Cappuccio parapolvere albero di trasmissione

2-22


I

SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE

SPEC

EB205000

SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE 1 Albero di supporto bilanciere

(aspirazione)

2 Albero di supporto bilanciere (sca-

rico) 3 Filtro olio

2-23

4 Pompa olio 5 Asse motore 6 Albero di trasmissione intermedio


I

SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE 1 Pompa olio 2 Valvola di sicurezza 3 Filtro olio

4 Albero di trasmissione intermedio

2-24

SPEC


I

SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE 1 Albero a camme 2 Albero motore 3 Asse principale

4 Albero di trasmissione intermedio 5 Asse motore 6 Testa di biella

2-25

SPEC


I

PERCORSO DEI CAVI

SPEC

EB206000

PERCORSO DEI CAVI Cavo frizione Cavo motorino di avviamento Interruttore manubrio (sinistro) Interruttore manubrio (destro) Codice alta tensione Cavo motorino di avviamento Cavo acceleratore Tubo flessibile carburante (rubinetto-filtro carburante) 9 Scatola fusibili 1 2 3 4 5 6 7 8

10 11 12 13 14 15 16 17 18

Connettore allarme Filo pompa di alimentazione Filo sensore velocitĂ  Filo interruttore cavalletto laterale Filo interruttore folle Filo bobina pickup Filo magnete c.a. Tubo flessibile di ventilazione Tubo flessibile rilevamento (AISgiunto carburatore)

2-26

19 Tubo flessibile carburante (carbu-

ratore-pompa di alimentazione) 20 Tubo flessibile freno 21 Protezione termica 22 Tubo flessibile di sfiato carburante

(serbatoio carburante â&#x20AC;&#x201C; valvola antiribaltamento) (per la California) 23 Filo del tachimetro 24 Cablaggio 25 Tubo flessibile di spurgo (carburatore- elettrovalvola) (per la California)


I

PERCORSO DEI CAVI 26 Tubo flessibile di spurgo(carbura

tore- elettrovalvola) (per la California) A Fissare i fili dell’interruttore manubrio (destro e sinistro) al manubrio con una fascetta di plastica.

B Posizionare il cavo dell’acceleratore e il cavo del motorino di avviamento come mostrato in figura, e fissarli con una fascetta. C Fissare il gruppo dei cavi elettrici con il gancio sul lato del telaio. D Quando si installa il tubo dei cavi dell’acceleratore, spingerlo all’interno. E Collegare il tubo di rilevamento (giunto del carburatore-lato AIS) con un ugello.

2-27

SPEC

F Spingere il gruppo dei cavi elettrici all’interno della piastra del vano porta-attrezzi. G Far passare il filo del cavalletto laterale all’interno della copertura del motore. H Posizionare tutti i connettori all’interno del coperchio dei connettori. I Far passare il cavo della frizione attraverso la guida dei cavi.


I

PERCORSO DEI CAVI J Fissare i fili dell’interruttore del manubrio (destro e sinistro) sotto la corona della manopola con una fascetta di plastica. Chiudere la fascetta nella quarta tacca e stringerla in modo che i fili non abbiano gioco. K Far passare ciascun tubo flessibile attraverso la guida del telaio evitando di comprimerli.

L Nell’installare la piastra di montaggio, evitare di comprimere i tubi flessibili e il gruppo dei cavi elettrici. M Fissare il filo del magnete c.a. e il filo dell’interruttore del cavalletto laterale con una fascetta di plastica. N Fissare il filo dell’allarme con una fascetta di plastica sulla copertura.

2-28

SPEC


I

PERCORSO DEI CAVI 1 Batteria 2 Cavo positivo (+) batteria 3 Cavo positivo (+) motorino di av4 5 6 7 8 9 10 11

viamento Filo del tachimetro Tubo flessibile del carburante (carburatore-pompa di alimentazione) Codice alta tensione Filo interruttore principale Cavo dell’acceleratore Tubo flessibile freno Filo interruttore manubrio (destro) Filo del faro

12 Bobina di accensione 13 Tubo flessibile serbatoio pompa fre-

ni 14 Tubo flessibile di sfiato 15 Tubo flessibile di scarico del filtro 16 17 18 19 20 21 22

aria Cavo negativo (–) batteria Filo interruttore freno posteriore Tubo flessibile freno posteriore Connettore riscaldatore carburatore Raddrizzatore / regolatore Filo interruttore principale Relè lampeggiatori

2-29

23 24 25 26 27 28 29 30 31 32

SPEC

Filo interruttore manubrio (sinistro) Filo sensore posizione farfalla Filo riscaldatore carburatore Filo interruttore termico Relè di esclusione circuito di avviamento Tubo obliquo Codice alta tensione Tubo flessibile di spurgo (carburatore-elettrovalvola) (per la California) Filo riscaldatore carburatore Filo interruttore livello olio


I

PERCORSO DEI CAVI A Fissare il cavo positivo (+) della batteria alla batteria con del nastro isolante. B Collegare il connettore del filo negativo (–) della batteria e spingerlo nello spazio compreso tra il vano batteria e la batteria. C Far passare il filo del raddrizzatore / regolatore , il gruppo dei cavi elettrici e il filo positivo (+) del motorino di avviamento attraverso la parte esterna della staffa del telaio e fissarli al telaio con una fascetta di plastica.

D Collegare il tubo flessibile di spurgo (lato carburatore-lato elettrovalvola) con un giunto (per la California). E Far passare il filo degli indicatori di direzione anteriori e del faro attraverso la parte posteriore del foro del corpo del faro. F Collegare il filo della bobina di accensione al nastro rosso sul lato destro.

2-30

SPEC

G Fissare il filo dell’interruttore del freno posteriore alla staffa dell’interruttore freno con una fascetta di plastica. H Fissare il filo dell’interruttore del freno posteriore e il tubo flessibile del serbatoio della pompa freni al tubo obliquo con una fascetta di plastica. I Fissare il gruppo dei cavi elettrici, il filo positivo (+) del motorino di avviamento e il filo negativo (–) della batteria al telaio con una fascetta di plastica.


I

PERCORSO DEI CAVI J Far passare il filo del raddrizzatore / regolatore e il filo del riscaldatore del carburatore attraverso il foro del vano batteria e collegarli. K Alle pinze freno posteriore L Fissare il filo dell’interruttore manubrio (destro) e il filo dell’interruttore principale al telaio con una staffa.

M Disporre il connettore del sensore di posizione farfalla, il connettore del riscaldatore carburatore e il connettore dell’interruttore termico tra il relè di esclusione del circuito di avviamento e il codice alta tensione. N Fissare l’interruttore del freno posteriore al tubo obliquo con una fascetta di plastica.

2-31

SPEC


I

PERCORSO DEI CAVI 1 Tubo flessibile del freno 2 Cavo dell’acceleratore 3 Tubo flessibile serbatoio pompa 4 5 6 7 8 9 10

Connettore filo negativo (–) batteria Batteria Filo positivo (+) batteria Filo luce posteriore freni Codice alta tensione Relè motorino di avviamento Tubo flessibile di spurgo (carburatoFilo positivo (+) motorino di avviare-elettrovalvola) (per la California) mento Filo interruttore freno posteriore 17 Connettore filo tachimetro Tubo flessibile freno 18 Tubo flessibile di sfiato del serbaTubo flessibile rilevamento (AIStoio carburante (serbatoio carbugiunto carburatore) rante-valvola antiribaltamento) Tubo flessibile carburante (carbu(per la California) 19 Tubo flessibile di ventilazione ratore-pompa di alimentazione) Filo negativo (–) batteria 11 12 13 14 15 16

2-32

SPEC

20 Cavo del motorino di avviamento 21 Tubo flessibile del carburante (rubi22 23 24 25 26 27 28 29 30

netto carburante-filtro carburante) Filo del riscaldatore carburatore Filo dell’interruttore termico Dispositivo di accensione Filo luce posteriore Filo sensore posizione farfalla Filtro del carburante Filo del dispositivo di accensione Telaio Cablaggio

A Fissare i cavi dell’acceleratore con la fascetta.


I

PERCORSO DEI CAVI B Far passare il filo dell’interruttore freno posteriore sotto il tubo flessibile del serbatoio pompa freni. C Posizionare l’estremità nastrata della staffa del lato destro. D Posizionare l’estremità metallica verso la parte anteriore. E Posizionare l’estremità metallica verso il lato destro.

F Far passare il filo positivo (+) della batteria attraverso l’asola del vano batteria. G Fissare il filo del dispositivo di accensione al telaio con una staffa. H Al parafango posteriore. I Far passare il tubo flessibile di sfiato del serbatoio carburante sotto il filtro del carburante e collegarlo (lato serbatoio-valvola antiribaltamento) con un giunto. Posizionare l’estremità del fermaglio verso l’esterno.

2-33

SPEC

J Fissare il gruppo dei cavi elettrici con un nastro sulla piastra del vano porta-attrezzi. K Fissare il gruppo dei cavi elettrici al telaio con una fascetta di plastica. Posizionare la fascetta davanti alla saldatura.


I

PERCORSO DEI CAVI L Far passare il gruppo dei cavi elettrici fuori dalla guida del telaio. M Fissare il cavo della frizione e il cavo del motorino di avviamento con una staffa. Posizionare lâ&#x20AC;&#x2122;estremitĂ  della staffa verso il basso. N Far passare il filo del sensore di posizione farfalla e il filo del riscaldatore carburatore a sinistra del coperchio delle punterie. O Al gruppo dei cavi elettrici.

P Far passare il filo del dispositivo di accensione attraverso il foro della piastra del dispositivo di accensione fino al gruppo dei cavi elettrici. Q Fissare il filo della luce posteriore con il morsetto posto sul parafango. R Fissare il filo della luce posteriore con una staffa sul parafango.

2-34

SPEC


I

PERCORSO DEI CAVI Cavo dell’acceleratore Cavo del motorino di avviamento Cavo della frizione Filo dell’interruttore manubrio (sinistro) 5 Filo del faro anteriore 6 Tubo flessibile del freno 1 2 3 4

A Far passare il filo dell’interruttore manubrio (destro) dietro il cavo dell’acceleratore.

2-35

SPEC


I

SPEC


INSP ADJ

3


I

INSP ADJ CAPITOLO 3 CONTROLLI E REGOLAZIONI PERIODICI INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-1 MANUTENZIONE PERIODICA/INTERVALLI DI LUBRIFICAZIONE . . . . . 3-1 SERBATOIO CARBURANTE E SELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-3 RIMOZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-4 INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-4 MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE . . . CONTROLLO DELLE CANDELE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA FASATURA DI ACCENSIONE . . . . . . . . . . . . . . . MISURAZIONE DELLA PRESSIONE DI COMPRESSIONE . . . . . . . . . CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . PULIZIA DELLA CARTUCCIA DEL FILTRO DELL’ARIA . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI GIUNTI DEL CARBURATORE E DEI COLLETTORI DI ASPIRAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL TUBO FLESSIBILE DI SFIATO . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL SISTEMA DI SCARICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3-5 3-5 3-8 3-10 3-11 3-12 3-13 3-14 3-16 3-17 3-18 3-19

TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI TUBI FLESSIBILI DEI FRENI . . . . . . . . . . . . . . . . . . SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’ OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CAMBIO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO E REGOLAZIONE DELLA TESTA DELLO STERZO . . . CONTROLLO DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO E SERRAGGIO DEI RAGGI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO E LUBRIFICAZIONE DEI CAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LUBRIFICAZIONE DELLE LEVE E DEI PEDALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LUBRIFICAZIONE DEL CAVALLETTO LATERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . LUBRIFICAZIONE DELLA SOSPENSIONE POSTERIORE . . . . . . . . .

3-22 3-22 3-23 3-24

3-20 3-20 3-21

3-25 3-25 3-26 3-27 3-28 3-28 3-29 3-31 3-31 3-32 3-35 3-36 3-36 3-36 3-36


I

INSP ADJ IMPIANTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI FUSIBILI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SOSTITUZIONE DELLE LAMPADINE DEL FARO . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEI FASCI DI LUCE DEI FARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3-37 3-37 3-43 3-44 3-45


I

INTRODUZIONE/MANUTENZIONE PERIODICA/ INTERVALLI DI LUBRIFICAZIONE

INSP ADJ

EB300000

CONTROLLI E REGOLAZIONI PERIODICI INTRODUZIONE Il presente capitolo contiene tutte le informazioni necessarie ad eseguire le ispezioni e le regolazioni consigliate. Queste procedure di manutenzione preventiva, se rispettate, garantiranno un funzionamento più sicuro e una maggiore durata del veicolo. La necessità di costose revisioni, inoltre, si ridurrà notevolmente. Le presenti informazioni fanno riferimento sia ai veicoli già in uso che a quelli nuovi in preparazione per la vendita. Tutti i tecnici addetti all’assistenza devono prendere conoscenza del contenuto del presente capitolo. EB301000

MANUTENZIONE PERIODICA/INTERVALLI DI LUBRIFICAZIONE PERIODICITÀ

No.

COMPONENTE

CONTROLLI E INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Rodaggio (1.000 km)

ogni 6.000 km o 6 mesi (quale dei due giunge per primo)

ogni 12.000 km o 12 mesi (quale dei due giunge per primo)

1

*

Circuito del carburante (rubinetto manuale)

 Controllare che i tubi flessibili non siano fessurati o danneggiati.  Sostituire, se necessario.

2

*

Filtro del carburante

 Controllare lo stato.  Sostituire, se necessario.

Candele

 Controllare lo stato.  Pulire, registrare la distanza tra gli elettrodi o sostituire, se necessario.

Valvole (braccio SOHC)

 Controllare il gioco valvole.  Regolare, se necessario.

5

Filtro dell’aria

 Pulire o sostituire, se necessario.

6

Frizione

 Controllare il funzionamento.  Regolare o sostituire il cavo.

7

*

Freno a disco anteriore

 Controllare il funzionamento, il livello del fluido e verificare l’eventuale presenza di trafilamenti di fluido (vedere NOTA).  Correggere di conseguenza.  Sostituire le pastiglie, se necessario.

*

Freno a disco posteriore

 Controllare il funzionamento, il livello del fluido e verificare l’eventuale presenza trafilamenti di fluido (vedere NOTA).  Correggere di conseguenza.  Sostituire le pastiglie, se necessario.

Cerchi (raggi)

 Verificare il bilanciamento, la scentratura, il serraggio dei raggi e la presenza di eventuali segni di danneggiamento.  Stringere i raggi ed eseguire di nuovo il bilanciamento, sostituire se necessario.

10 *

Pneumatici (Europa)

 Controllare lo spessore del battistrada e la presenza di eventuali segni di danneggiamento.  Sostituire, se necessario.  Controllare la pressione dell’aria.  Correggere, se necessario.

11 *

Cuscinetti delle ruote

 Controllare che il gruppo dei cuscinetti non sia allentato o danneggiato.  Sostituire, se necessario.

12 *

Braccio oscillante (senza ingrassatore)

 Controllare il gioco nel punto di articolazione del braccio oscillante.  Correggere, se necessario.  Lubrificare con grasso a base di disolfuro di molibdeno ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi. (quale dei due giunge per primo)

13 *

Cuscinetti dello sterzo

 Controllare il gioco dei cuscinetti e la durezza dello sterzo  Correggere di conseguenza.  Lubrificare con grasso a base di sapone di litio ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi. (quale dei due giunge per primo)

14 *

Dispositivi di fissaggio del telaio

 Verificare che tutti i dadi, i bulloni e le viti siano correttamente fissati.  Avvitare ulteriormente, se necessario.

15

Cavalletto laterale

 Controllare il funzionamento.  Lubrificare e riparare, se necessario.

16 *

Interruttore del cavalletto laterale

 Controllare il funzionamento.  Riparare se necessario.

3 4

8

9

*

*

3-1


I

MANUTENZIONE PERIODICA/ INTERVALLI DI LUBRIFICAZIONE

INSP ADJ PERIODICITÀ

No.

COMPONENTE

CONTROLLI E INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Rodaggio (1.000 km)

ogni 6.000 km o 6 mesi (quale dei due giunge per primo)

ogni 12.000 km o 12 mesi (quale dei due giunge per primo)

17 *

Forcella anteriore

 Controllare il funzionamento e gli eventuali trafilamenti di olio.  Correggere di conseguenza.

18 *

Gruppo ammortizzatore posteriore

 Controllare il funzionamento e gli eventuali trafilamenti di olio dell’ammortizzatore.  Sostituire il gruppo ammortizzatore posteriore, se necessario.

19 *

Carburatori

 Controllare il regime del minimo del motore, la sincronizzazione e il funzionamento del motorino di avviamento.  Regolare, se necessario.

20

Olio motore

 Controllare il livello dell’olio e verificare la presenza di eventuali trafilamenti di olio.  Correggere, se necessario.  Effettuare il cambio (riscaldare il motore prima di scaricare l’olio).

21 *

Cartuccia filtro olio motore

 Sostituire.

22

Olio ingranaggio finale

 Controllare il livello dell’olio e verificare la presenza di eventuali trafilamenti di olio.  Fare un primo cambio d’olio a 1.000 km e quindi ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi.(quale dei due giunge per primo)

* Poiché queste operazioni richiedono attrezzi, dati e competenza tecnica specifici, si raccomanda di farle eseguire da un concessionario Yamaha. NOTA:  Il filtro dell’aria richiede interventi di manutenzione più frequenti se il motociclo viene utilizzato in luoghi eccessivamente umidi o polverosi.  Sostituzione del fluido dei freni – Quando si smonta la pompa del freno o il cilindretto della pinza, sostituire sempre il fluido freni. Controllare regolarmente il livello del fluido freni e rabboccarlo all’occorrenza. – Ogni due anni sostituire le tenute nelle parti interne della pompa del freno e del cilindretto della pinza. – Sostituire i tubi flessibili dei freni ogni quattro anni oppure se presentano fessure o danneggiamenti.

3-2


I

INSP ADJ

SERBATOIO CARBURANTE E SELLA

SERBATOIO CARBURANTE E SELLA

23 Nm (2,3 mkg) 7 Nm (0,7 mkg) 7 Nm (0,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 2 3 4

Rimozione della sella e del serbatoio del carburante Sella passeggero Staffa sella Sella conducente Tubo flessibile carburante

1 1 1 1

5 6 7 8

Piastra dispositivo di accensione Parafango Connettore filo strumenti Gruppo serbatoio carburante

1 1 1 1

NOTA: Posizionare il rubinetto del carburante su “OFF” prima di sconnettere il tubo flessibile del carburante.

Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione all’inverso.

3-3


I

SERBATOIO CARBURANTE E SELLA

INSP ADJ

RIMOZIONE 1. Rimuovere:  La piastra del dispositivo di accensione NOTA: Per rimuovere il dispositivo di fissaggio rapido, premere al centro con un cacciavite, quindi sfilare il dispositivo.

INSTALLAZIONE 1. Installare:  La piastra del dispositivo di accensione NOTA: Per installare il dispositivo di fissaggio rapido, premere il suo perno in modo che sporga dalla testa del dispositivo, quindi inserire il dispositivo nella plancia e inserire il perno a spingendolo con un cacciavite. Assicurarsi che il perno sia a filo con la testa del dispositivo.

3-4


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE

INSP ADJ

EAS0047

MOTORE REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE La procedura seguente viene applicata a tutte le valvole. NOTA:  La regolazione del gioco valvole deve avvenire a motore freddo e a temperatura ambiente.  Per la misurazione o la regolazione del gioco valvole, il pistone deve essere nella posizione di punto morto superiore (PMS) della corsa di compressione. 1. Rimuovere:  sella conducente  serbatoio del carburante Fare riferimento a â&#x20AC;&#x153;SERBATOIO CARBURANTE E SELLAâ&#x20AC;?. 2. Scollegare:  cappellotti candele 3. Rimuovere:  candele 4. Rimuovere:  scatola di aspirazione aria 1

5. Rimuovere:  coperchio testa cilindro (cilindro posteriore) 1  coperchio testa cilindro (cilindro anteriore)

3-5


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE

INSP ADJ

6. Rimuovere:  coperchio delle punterie 1

7. Rimuovere:  coperchio del pignone dellâ&#x20AC;&#x2122;albero a camme (cilindro posteriore) 1  coperchio del pignone dellâ&#x20AC;&#x2122;albero a camme (cilindro anteriore)

8. Rimuovere:  Tappo di fasatura 1  tappo diritto 2

9. Misurare:  gioco valvole Fuori specifica  Regolare. Gioco valvole (a freddo): Valvola di aspirazione: 0,07  0,12 mm Valvola di scarico: 0,12  0,17 mm

3-6


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE

A

INSP ADJ

a. Ruotare l’albero motore in senso antiorario. b. Quando il pistone si trova al PMS della corsa di compressione, allineare il foro a sulla ruota dentata dell’albero a camme con la tacca b sulla testa del cilindro. Quando il foro o la punzonatura sulla ruota dentata dell’albero a camme sono allineati con la tacca fissa, il pistone si trova al punto morto superiore (PMS). c. Allineare il contrassegno PMS c sul rotore del generatore con la tacca fissa d sul basamento

B

A Cilindro posteriore (segno “TI”) B Cilindro anteriore (segno “I”)

d. Misurare il gioco valvole con uno spessimetro 1. e. Ruotare l’albero motore di 290_ in senso orario e quindi misurare nel cilindro anteriore.

10. Regolare S il gioco valvole a. Allentare il controdado 1 . b. Inserire uno spessimetro tra l’estremità della vite di regolazione e la punta della valvola. c. Ruotare la vite di regolazione 2 nella direzione a o b fino ad ottenere il gioco valvole specificato. Direzione a

Il gioco valvole diminuisce.

Direzione b

Il gioco valvole aumenta.

d. Tenere bloccata la vite di regolazione e serrare il controdado al valore di specifica.

3-7


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE/ SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI

INSP ADJ

Controdado: 27 Nm (2,7 mkg) e. Misurare nuovamente il gioco valvole. f. Se il gioco è ancora fuori specifica, ripetere tutti i passi della procedura di regolazione fino a ottenere il gioco specificato. 11.Installare:  tutte le parti rimosse. NOTA: Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione all’inverso. Osservare i seguenti accorgimenti.  coperchi della ruota dentata dell’albero a camme 10 Nm (1,0 mkg)  coperchi della punteria 10 Nm (1,0 mkg)

 candele 20 Nm (2,0 mkg) EAS00051

SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI NOTA: Prima di sincronizzare i carburatori, occorre regolare correttamente il gioco valvole e il regime di minimo del motore e controllare la fasatura di accensione. 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale. NOTA: Posizionare il motociclo su un apposito cavalletto. 2. Rimuovere:  sella conducente  serbatoio carburante Fare riferimento a “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA”. 3. Rimuovere:  condotto aria 1 4. Rimuovere:  tappi depressione 1

3-8


I

SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI

INSP ADJ

5. Installare:  vacuometro 1  contagiri motore 2 (collegare al cavo della candela del cilindro n. #2) Vacuometro: 90890-03094 Contagiri motore: 90890-03113 6. Avviare il motore e lasciarlo riscaldare per diversi minuti. 7. Controllare:  regime di minimo del motore Fuori specifica  Regolare. Vedere la sezione “REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO”. Regime del minimo del motore: 950  1.050 giri/min 8. Regolare:  sincronizzazione dei carburatori a. Sincronizzare il carburatore n. 1 con il carburatore n. 2 ruotando la vite di sincronizzazione 1 in un senso e nell’altro fino ad ottenere un valore equivalente su entrambi i vacuometri. b. Dopo ogni passaggio, accelerare il motore due o tre volte, ogni volta per meno di un secondo, controllando nuovamente la sincronizzazione. Depressione al regime di minimo del motore: 34,7  37,3 kPa (260  280 mmHg) NOTA: La differenza di pressione di vuoto tra due carburatori non deve superare 1,33 kPa (10 mmHg).

9. Controllare:  regime di minimo del motore Fuori specifica  Regolare. 10. Spegnere il motore e rimuovere l’apparecchiatura di misurazione. 11. Regolare:  gioco cavo acceleratore Vedere la sezione “REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE”.

3-9


I

SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI/ REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO

INSP ADJ

Gioco cavo acceleratore (in corrispondenza della flangia della manopola dell’acceleratore) 4  6 mm 12. Installare:  tappi depressione  condotto aria  serbatoio carburante  sella EAS00054

REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO NOTA: Prima di registrare il regime di minimo del motore, occorre effettuare la corretta sincronizzazione dei carburatori, pulire il filtro dell’aria e fare in modo che il motore presenti la corretta compressione. 1. Avviare il motore e lasciarlo riscaldare per diversi minuti. 2. Rimuovere:  coperchio testa cilindri 1 3. Installare:  contagiri motore (collegare al cavo della candela del cilindro n. #1) Contagiri motore: 90890-03113 4. Controllare:  regime di minimo del motore Fuori specifica  Regolare. Regime di minimo del motore: 950  1.050 giri/min 5. Regolare:  regime di minimo del motore a. Ruotare verso l’interno o verso l’esterno la vite di registro del minimo 1 finché non è leggermente in sede. b. Ruotare verso l’esterno la vite di registro del minimo facendole compiere il numero di giri specificato. Vite di registro del minimo: 3 giri verso l’esterno c. Ruotare la vite di arresto acceleratore 2 nella direzione a o b fino ad ottenere il regime di minimo specificato.

3-10

Direzione a

Il regime di minimo aumenta.

Direzione b

Il regime di minimo diminuisce.


I

REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO/ REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE

INSP ADJ

6. Regolare:  gioco cavo acceleratore Vedere la sezione “REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE”. Gioco cavo acceleratore (in corrispondenza della flangia della manopola dell’acceleratore) 4  6 mm EAS00058

REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE NOTA: Prima di eseguire la regolazione del gioco del cavo dell’acceleratore, occorre effettuare la corretta regolazione del regime del minimo. 1. Controllare:  gioco del cavo dell’acceleratore a Fuori specifica  Regolare. Gioco cavo acceleratore (in corrispondenza della flangia della manopola dell’acceleratore) 4  6 mm 2. Rimuovere:  sella conducente  serbatoio del carburante Fare riferimento a “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA”. 3. Regolare:  gioco del cavo dell’acceleratore NOTA: Quando il motociclo è in fase di accelerazione, il cavo dell’acceleratore 1 viene tirato. Lato carburatore a. Allentare il controdado 2 sul cavo dell’acceleratore. b. Ruotare il controdado 3 nella direzione a o b fino ad ottenere il gioco del cavo acceleratore specificato. Direzione a

Il gioco del cavo dell’acceleratore diminuisce.

Direzione b

Il gioco del cavo dell’acceleratore aumenta.

c. Avvitare i controdadi. NOTA: Se non è possibile ottenere il gioco del cavo acceleratore specificato sul lato carburatore del cavo, utilizzare il dado di regolazione sul lato manubrio. 3-11


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE/CONTROLLO DELLE CANDELE

INSP ADJ

Lato manubrio a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare il controdado 2 nella direzione a o b fino ad ottenere il gioco del cavo acceleratore specificato. Direzione a

Il gioco del cavo dell’acceleratore aumenta.

Direzione b

Il gioco del cavo dell’acceleratore diminuisce.

c. Avvitare il controdado.

AVVERTENZA Dopo la regolazione del gioco, girare il manubrio a destra e a sinistra, accertandosi che il regime di minimo del motore non cambi.

EAS00059

CONTROLLO DELLE CANDELE La procedura seguente viene applicata a tutte le candele. 1. Rimuovere:  coperchi teste cilindri 1 2. Scollegare:  cappellotto della candela 3. Rimuovere:  candela

ATTENZIONE: Prima di rimuovere le candele, eliminare con aria compressa qualsiasi traccia di sporcizia accumulata nei pozzetti delle candele, onde evitare che penetri nei cilindri. 4. Controllare:  tipo di candela Errato  Sostituire. Tipo di candela (produttore) BPR7ES (NGK) W22EPR-U (DENSO) 5. Controllare:  elettrodo 1 Danneggiato/usurato  Sostituire la candela.  isolante 2 Colore anomalo  Sostituire la candela. Il colore normale è marrone di intensità mediochiara. 6. Pulire:  candela (con un apposito pulitore per candele o con una spazzola metallica) 3-12


I

CONTROLLO DELLE CANDELE/ CONTROLLO DELLA FASATURA DI ACCENSIONE

INSP ADJ

7. Misurare:  distanza tra gli elettrodi (con uno spessimetro con filo) a Fuori specifica  Registrare la distanza tra gli elettrodi Distanza tra gli elettrodi 0,7  0,8 mm 8. Installare:  candela

20 Nm (2,0 mkg)

NOTA: Prima di installare la candela, occorre pulire la candela stessa e la superficie della guarnizione. 9. Collegare:  cappellotto della candela

EAS00064

CONTROLLO DELLA FASATURA DI ACCENSIONE NOTA: Prima di controllare la fasatura di accensione, occorre ispezionare tutti i collegamenti dei cavi elettrici del sistema di accensione. Assicurarsi che siano tutti eseguiti correttamente e che non presentino segni di corrosione. 1. Rimuovere:  tappo di fasatura 1

2. Installare:  luce di fasatura 1  contagiri motore 2 (collegare al cavo della candela del cilindro n. 1) Luce di fasatura: 90890-03141 Contagiri motore: 90890-03113 3-13


I

CONTROLLO DELLA FASATURA DI ACCENSIONE/ MISURAZIONE DELLA PRESSIONE DI COMPRESSIONE

INSP ADJ

3. Controllare:  fasatura di accensione a. Avviare il motore, lasciarlo riscaldare per diversi minuti e farlo girare al regime di minimo specificato. Regime di minimo: 950  1.050 giri/min

b. Verificare che la freccia fissa a sia compresa nell’intervallo di accensione b sul rotore del generatore. Intervallo di accensione errato  Controllare il sistema di accensione. NOTA: La fasatura di accensione non è regolabile.

4. Installare:  tappo di fasatura 1

EAS00065

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE DI COMPRESSIONE La procedura seguente viene applicata a tutti i cilindri. NOTA: Una pressione di compressione insufficiente determina una perdita di prestazioni. 1. Controllare:  gioco valvole Fuori specifica  Regolare. Vedere la sezione “REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE”. 2. Avviare il motore e spegnerlo dopo averlo lasciato riscaldare per diversi minuti. 3. Scollegare:  cappuccio della candela 4. Rimuovere:  candela 3-14


I

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE DI COMPRESSIONE

INSP ADJ

ATTENZIONE: Prima di rimuovere le candele, eliminare con aria compressa ogni traccia di sporcizia accumulata nei pozzetti delle candele, onde evitare che penetri nei cilindri. 5. Installare:  compressometro 1 Compressometro: 90890-03081 6. Misurare:  pressione di compressione Superiore alla pressione massima  Verificare la presenza di depositi di carbonio sulla testa cilindri, sulla superficie delle valvole e sul cielo dei pistoni. Inferiore alla pressione minima  Inserire qualche goccia d’olio nel cilindro interessato ed eseguire nuovamente la misurazione.  Vedere la tabella seguente. Pressione di compressione (con applicazione di olio nel cilindro) Lettura Diagnosi Maggiore di Pistone usurato o quella senza danneggiato  Riparare olio Fasce elastiche, valvole, Uguale a quella testa cilindri, guarnizioni o pistoni possibilmente senza olio difettosi  Riparare. Pressione di compressione (al livello del mare) Nominale: 1.000 kPa (10 kg/cm2, 10 bar) Minima: 900 kPa (9 kg/cm2, 9 bar) Massima: 1.100 kPa (11 kg/cm2, 11 bar) a. Portare l’interruttore principale sulla posizione di contatto (“ON”). b. A farfalla completamente aperta, far girare il motore finché il valore rilevato dal compressometro non si stabilizza.

AVVERTENZA Onde evitare la formazione di scintille, prima di avviare il motore collegare a massa tutti i fili delle candele. NOTA: La differenza di pressione di compressione tra i cilindri non deve superare i 100 kPa (1 kg/cm2, 1 bar). 3-15


I

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE DI COMPRESSIONE/ CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO MOTORE 7. Installare:  candela 8. Collegare:  cappellotto candela

INSP ADJ 20 Nm (2,0 mkg)

EAS00069

CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO MOTORE 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale. NOTA:  Posizionare il motociclo su un apposito cavalletto.  Assicurarsi che il motociclo sia in posizione verticale. 2. Lasciare girare il motore al minimo per alcuni minuti. 3. Controllare:  livello dell’olio motore Il livello dell’olio motore deve essere compreso tra la tacca del livello minimo a e quella del livello massimo b . Inferiore al livello minimo  Rabboccare con l’olio motore consigliato fino al livello indicato. Olio motore consigliato Vedere il grafico per il tipo di olio motore più adatto alle varie temperature atmosferiche. A norma API Tipo SE o superiore A norma ACEA G4 o G5

ATTENZIONE:  Poiché l’olio motore lubrifica anche la frizione, l’uso di un tipo di olio o additivo non appropriato potrebbe provocare lo slittamento della frizione. Evitare pertanto di aggiungere additivi chimici o di usare tipi di olio motore di grado CD a o superiore e tipi contrassegnati con “ENERGY CONSERVING II” b o superiore.  Evitare di fare entrare sostanze estranee nel basamento.

3-16


I

CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO MOTORE/ SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE

INSP ADJ

4. Avviare il motore e spegnerlo dopo averlo lasciato riscaldare per diversi minuti. 5. Controllare nuovamente il livello dell’olio. NOTA: Prima di controllare il livello dell’olio motore, attendere alcuni minuti fino a che l’olio non si è depositato. EAS00075

SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE 1. Avviare il motore e spegnerlo dopo averlo lasciato riscaldare per diversi minuti. 2. Posizionare un contenitore sotto il bullone di scarico dell’olio. 3. Rimuovere:  tappo di riempimento olio motore 1  O-ring  bullone di scarico dell’olio motore 2  guarnizione 4. Scaricare:  olio motore (completamente dal basamento) 5. Se anche la cartuccia del filtro dell’olio deve essere sostituita, eseguire la procedura seguente.

AVVERTENZA La sostituzione della cartuccia del filtro olio deve essere eseguita a temperatura ambiente, con la marmitta e il tubo di scarico freddi. a. Rimuovere la marmitta 1 , il serbatoio del freno posteriore 2 , il coperchio della cartuccia 3 e il tubo di scarico (cilindro anteriore) 4 . b. Rimuovere la piastra di copertura della cartuccia del filtro olio 5 , il coperchio cartuccia 6 e la cartuccia 7 . c. Controllare l’O-ring 8 e sostituirlo se presenta crepe o danneggiamenti. d. Installare la nuova cartuccia del filtro olio e il coperchio della cartuccia. Bullone del coperchio cartuccia filtro olio 10 Nm (1,0 mkg) e. Installare il tubo di scarico (cilindro anteriore), la piastra di copertura della cartuccia, il serbatoio del freno posteriore e la marmitta. Vedere “MOTORE” al capitolo 4. 6. Controllare:  guarnizione del bullone di scarico dell’olio motore Danneggiata Sostituire. 7. Installare:  guarnizione  bullone di scarico dell’olio motore 43 Nm (4,3 mkg)

8. Riempire:  basamento (con la quantità specificata di olio motore consigliato) 3-17


I

SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE/ REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO FRIZIONE

INSP ADJ

Quantità Totale 3,6 L Senza sostituzione della cartuccia del filtro olio motore 3,0 L Con sostituzione della cartuccia del filtro olio motore 3,1 L 9. Installare:  O-ring  tappo riempimento olio motore 10. Avviare il motore e spegnerlo dopo averlo lasciato riscaldare per diversi minuti. 11. Controllare:  motore (eventuali trafilamenti di olio) 12. Controllare:  livello dell’olio motore Vedere la sezione “CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO MOTORE”. EAS00078

REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO FRIZIONE 1. Controllare:  gioco del cavo frizione a Fuori specifica  Regolare. Gioco del cavo frizione (all’estremità della leva della frizione) 5  10 mm 2. Regolare:  gioco del cavo frizione Lato manubrio a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare il dado di regolazione 2 nella direzione b o c fino ad ottenere il gioco del cavo frizione specificato. Direzione b

Il gioco del cavo frizione aumenta.

Direzione c

Il gioco del cavo frizione diminuisce.

c. Avvitare il controdado. NOTA: Se non è possibile ottenere il gioco del cavo frizione specificato sul lato manubrio, eseguire la procedura di regolazione meccanica di seguito descritta.

3. Rimuovere:  coperchio lato sinistro 1  coperchio regolazione frizione 2 3-18


I

REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO FRIZIONE/ PULIZIA DELLA CARTUCCIA DEL FILTRO DELL’ARIA

INSP ADJ

4. Regolare:  meccanismo frizione Lato motore a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare il bullone di regolazione 2 finché non è leggermente in sede. c. Svitare la vite di regolazione di 1/4 di giro. d. Stringere il controdado. e. Verificare nuovamente il gioco del cavo frizione e regolare se necessario. EAS00086

PULIZIA DELLA CARTUCCIA DEL FILTRO DELL’ARIA 1. Rimuovere:  coperchio del corpo del filtro dell’aria 1  cartuccia del filtro dell’aria 2

2. Pulire:  cartuccia del filtro dell’aria Soffiare aria compressa sulla superficie esterna della cartuccia del filtro dell’aria.

3. Controllare:  cartuccia del filtro dell’aria Danneggiata  Sostituire. 4. Installare:  cartuccia del filtro dell’aria  coperchio del corpo del filtro dell’aria

3-19


I

PULIZIA DELLA CARTUCCIA DEL FILTRO DELL’ARIA/ CONTROLLO DEI GIUNTI DEL CARBURATORE E DEI COLLETTORI DI ASPIRAZONE / CONTROLLO DEL TUBO FLESSIBILE DI SFIATO

INSP ADJ

ATTENZIONE: Non far funzionare mai il motore senza aver installato la cartuccia del filtro dell’aria. L’aria non filtrata causerebbe la rapida usura di parti del motore e il suo danneggiamento. Il funzionamento del motore senza la cartuccia del filtro dell’aria inciderebbe inoltre sul funzionamento del carburatore, riducendo le prestazioni del motore ed il suo possibile surriscaldamento. NOTA: Installando la cartuccia del filtro dell’aria nel coperchio del corpo filtro, assicurarsi che le relative superfici di tenuta siano allineate per evitare eventuali fughe di aria.

EAS00094

CONTROLLO DEI GIUNTI DEL CARBURATORE E DEI COLLETTORI DI ASPIRAZIONE 1. Controllare:  giunto del carburatore 1 Fessure /danneggiamenti  Sostituire. Vedere la sezione “CARBURATORE” al capitolo 6.

EAS00098

CONTROLLO DEL TUBO FLESSIBILE DI SFIATO 1. Rimuovere:  coperchio testa cilindri 2. Controllare:  tubo flessibile di sfiato del basamento 1 Fessure /danneggiamenti  Sostituire. Collegamento allentato  Collegare correttamente.

ATTENZIONE: Assicurarsi che il tubo flessibile di sfiato del basamento sia correttamente incanalato.

3-20


I

CONTROLLO DEL SISTEMA DI SCARICO

INSP ADJ

EAS00100

CONTROLLO DEL SISTEMA DI SCARICO La procedura seguente viene applicata a tutti i tubi di scarico, le marmitte e le guarnizioni. 1. Controllare:  tubi di scarico 1  marmitta 2 Fessure /danneggiamenti  Sostituire.  guarnizioni 3 Fughe di gas di scarico  Sostituire. 2. Controllare:  coppia di serraggio Ghiera tubo di scarico 4 20 Nm (2,0 mkg) Vite tubo di scarico e marmitta 5 20 Nm (2,0 mkg) Vite marmitta e staffa marmitta 6 25 Nm (2,5 mkg)

3-21


I

REGOLAZIONE DEL FRENO ANTERIORE

INSP ADJ

EAS00108

TELAIO REGOLAZIONE DEL FRENO ANTERIORE 1. Controllare:  gioco della leva del freno a Fuori specifica  Regolare Gioco della leva del freno (all’estremità della leva) 5  8 mm 2. Regolare:  gioco della leva del freno a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare il dado di regolazione 2 nella direzione b o c fino ad ottenere il gioco della leva specificato. Direzione b  Il gioco della leva del freno aumenta. Direzione c  Il gioco della leva del freno diminuisce. c. Stringere il controdado.

AVVERTENZA Se tirando la leva del freno si avverte una sensazione di eccessivo affondamento, significa che è presente aria nel sistema di frenatura. Prima di azionare il veicolo, occorre eliminare l’aria spurgando il sistema. L’eventuale presenza di aria nel sistema frenante riduce notevolmente le prestazioni di frenatura e il controllo del veicolo, dando origine a possibili incidenti. Pertanto, ispezionare e, se necessario, spurgare il sistema di frenatura.

ATTENZIONE: Una volta regolato il gioco della leva del freno, assicurarsi che il freno non opponga resistenza.

3-22


I

REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE

INSP ADJ

EAS00110

REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE 1. Controllare:  posizione del pedale del freno (distanza a tra la parte superiore del poggiapiedi del conducente e la parte superiore del pedale del freno) Fuori specifica  Regolare. Posizione del pedale del freno (sotto la parte superiore del poggiapiedi del conducente) 81,8 mm 2. Regolare:  posizione del pedale del freno a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare la vite di regolazione 2 nella direzione b o c fino ad ottenere la posizione del pedale del freno desiderata. Direzione b  Il pedale del freno si solleva. Direzione c  Il pedale del freno si abbassa.

AVVERTENZA Una volta regolata la posizione del pedale del freno, controllare che l’estremità della vite di regolazione 2 sia visibile attraverso il foro d . c. Avvitare il controdado 1 a specifiche. Controdado 16 Nm (1,6 mkg)

AVVERTENZA Se premendo sul pedale del freno si avverte una sensazione di eccessivo affondamento, significa che è presente aria nel sistema di frenatura. Prima di azionare il veicolo, occorre eliminare l’aria spurgando il sistema. L’eventuale presenza di aria nel sistema frenante riduce notevolmente le prestazioni di frenatura e il controllo del veicolo, dando origine a possibili incidenti. Pertanto, ispezionare e, se necessario, spurgare il sistema di frenatura.

ATTENZIONE: Una volta regolata la posizione del pedale del freno, assicurarsi che il freno non opponga resistenza.

3. Regolare:  interruttore luce freno posteriore Vedere la sezione “REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE DEL FRENO POSTERIORE”. 3-23


I

CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI

INSP ADJ

EAS00115

CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale. NOTA:  Posizionare il motociclo su un apposito cavalletto.  Assicurarsi che il motociclo sia in posizione verticale. A

2. Controllare:  livello del fluido freni Inferiore alla tacca del livello minimo a  Rabboccare con fluido freni consigliato fino al livello corretto. Fluido freni consigliato DOT4 A Freno anteriore B Freno posteriore

B

AVVERTENZA  Utilizzare solo il fluido freni specificato. L’uso di altri tipi di fluido può causare il deterioramento delle guarnizioni in gomma, provocando trafilamenti e una diminuzione dell’efficienza della frenata.  Rabboccare con lo stesso tipo di fluido freni già presente nel sistema. La miscela di tipi diversi di fluido freni può provocare una reazione chimica dannosa e una conseguente diminuzione dell’efficienza della frenata.  Quando si rabbocca, evitare di far entrare acqua nel serbatoio. L’acqua abbasserebbe notevolmente il punto di ebollizione del fluido freni e potrebbe provocare l’effetto “tappo di vapore”.

ATTENZIONE: Eliminare sempre immediatamente l’eventuale fluido freni versato su superfici verniciate e parti in plastica per evitarne il danneggiamento. NOTA: Onde garantire una corretta lettura del livello del fluido freni, assicurarsi che la parte superiore del serbatoio sia in posizione orizzontale.

3-24


I

REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE DEL FRENO POSTERIORE/CONTROLLO DEI TUBI FLESSIBILI DEI FRENI

INSP ADJ

EAS00128

REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE DEL FRENO POSTERIORE NOTA: L’interruttore della luce del freno posteriore viene azionato mediante il movimento del pedale del freno. L’interruttore è regolato correttamente se la luce si accende appena prima dell’inizio dell’effetto frenante. 1. Controllare:  sincronizzazione della luce del freno posteriore Errata  Regolare. 2. Regolare:  sincronizzazione della luce del freno posteriore a. Tenere fermo il corpo principale 1 dell’interruttore della luce del freno posteriore in modo da impedirne la rotazione e ruotare il dado di regolazione 2 nella direzione a o b fino a quando la luce del freno posteriore non si accende nel momento corretto. Direzione a  La luce del freno si accende in anticipo. Direzione b  La luce del freno si accende in ritardo.

EAS00131

CONTROLLO DEI TUBI FLESSIBILI DEI FRENI La procedura seguente viene applicata a tutti i tubi flessibili dei freni e a tutti i morsetti. 1. Controllare:  tubo flessibile freno Fessure /danneggiamenti/usura  Sostituire. 2. Controllare:  morsetto del tubo flessibile del freno Collegamento allentato  Avvitare. 3. Tenere il motociclo in posizione verticale ed azionare il freno. 4. Controllare:  tubo flessibile freno Azionare ripetutamente il freno. Trafilamenti di fluido freni  Sostituire il tubo flessibile danneggiato. Vedere la sezione “FRENI ANTERIORE E POSTERIORE” al capitolo 7.

3-25


I

SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO

INSP ADJ

EAS00134

SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO

AVVERTENZA Spurgare il sistema di frenatura idraulico nei seguenti casi:  smontaggio del sistema,  allentamento o rimozione di un tubo flessibile del freno,  livello del fluido freni molto basso,  funzionamento difettoso dei freni. NOTA:  Fare attenzione a non versare fluido freni oppure a non fare traboccare il fluido dal serbatoio della pompa del freno o dal serbatoio del fluido freni.  Quando si spurga il sistema di frenatura idraulico, assicurarsi che sia sempre presente una quantità sufficiente di fluido prima di azionare il freno. La mancata osservanza di questa precauzione potrebbe provocare l’ingresso di aria nel sistema di frenatura, prolungando notevolmente l’operazione di spurgo.  Se l’operazione di spurgo presenta difficoltà, potrebbe essere necessario lasciare depositare il fluido per alcune ore. Ripetere la procedura di spurgo una volta scomparse le bollicine nel tubo flessibile. 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale. NOTA:  Posizionare il motociclo su un apposito cavalletto.  Assicurarsi che il motociclo sia in posizione verticale.

A

2. Spurgare:  sistema di frenatura idraulico a. Rabboccare con fluido freni consigliato fino al livello corretto. b. Installare la membrana (serbatoio pompa del freno o serbatoio fluido freni). c. Collegare saldamente un tubo flessibile in plastica trasparente 1 alla vite di spurgo 2 . A :Anteriore B : Posteriore d. Inserire l’altra estremità del tubo in un contenitore. e. Azionare lentamente il freno diverse volte. f. Tirare completamente la leva oppure premere a fondo il pedale del freno mantenendo la posizione. g. Allentare la vite di spurgo. Questa operazione provoca l’allentamento della tensione e il contatto della leva del freno con la manopola dell’acceleratore, oppure la completa estensione del pedale del freno.

B

3-26


I

SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO/ REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO

INSP ADJ

h. Avvitare la vite di spurgo e successivamente rilasciare la leva o il pedale del freno. i. Ripetere i passi da (e) ad (h) fino alla completa eliminazione delle bolle d’aria dal fluido freni presente nel tubo in plastica. j. Avvitare la vite di spurgo a specifica. Vite di spurgo 6 Nm (0,6 mkg) k. Riempire il serbatoio fino al livello corretto. Vedere la sezione “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”.

AVVERTENZA Una volta eseguito lo spurgo del sistema di frenatura idraulico, controllare il funzionamento dei freni.

EAS00137

REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO NOTA: La posizione del pedale del cambio viene determinata dalla lunghezza a dell’asta di regolazione. 1. Misurare:  regolazione della lunghezza a Errata  Regolare. Lunghezza dell’asta di regolazione 114,7 mm 2. Regolare:  lunghezza dell’asta di regolazione a a. Allentare entrambi i controdadi 1 . b. Ruotare l’asta del cambio 2 nella direzione b o c fino a quando il pedale del freno non si trovi nella corretta posizione. Direzione b  Il pedale del cambio si solleva. Direzione c  Il pedale del cambio si abbassa.

3-27


I

CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE/CAMBIO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE

INSP ADJ

EAS00144

CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale. NOTA:  Posizionare il motociclo su un apposito cavalletto.  Assicurarsi che il motociclo sia in posizione verticale. 2. Rimuovere:  Vite di riempimento olio della scatola della trasmissione finale 1 3. Controllare:  il livello dell’olio nella trasmissione finale Il livello dell’olio nella trasmissione finale deve essere all’altezza del bordo inferiore 2 del foro di riempimento. Sotto il bordo inferiore  Aggiungere l’olio per trasmissione raccomandato fino a ripristinare il livello corretto. Olio raccomandato per la trasmissione finale SAE 80 – olio per ingranaggi ipoidi di grado “GL-4”, “GL-5” o “GL-6” oppure olio per ingranaggi ipoidi multigrado SAE 80W90 4. Installare:  Vite di riempimento olio della scatola della trasmissione finale 23 Nm (2,3 mkg) EAS00145

CAMBIO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE 1. Collocare un contenitore sotto la scatola della trasmissione finale. 2. Rimuovere:  Vite di riempimento olio della scatola della trasmissione finale 1  Vite di scarico olio della scatola della trasmissione finale 2 Scaricare completamente l’olio presente nella scatola della trasmissione finale. 3. Controllare:  Guarnizione della vite di riempimento olio della scatola della trasmissione finale. Danneggiata  Sostituire. 4. Installare:  Vite di scarico olio della scatola della trasmissione finale 23 Nm (2,3 mkg) 5. Riempire:  Scatola della trasmissione finale (con la quantità specificata dell’olio per trasmissione finale prescritto) 3-28


I

CAMBIO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE/ CONTROLLO E REGOLAZIONE DELLA TESTA DELLO STERZO

INSP ADJ

Quantità 0,2 L Fare riferimento a “CONTROLLO DEL LIVELLO DELL’OLIO NELLA TRASMISSIONE FINALE”.

EAS00146

CONTROLLO E REGOLAZIONE DELLA TESTA DELLO STERZO 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale.

AVVERTENZA Fissare saldamente il motociclo su un apposito supporto per evitarne la caduta. NOTA: Posizionare il motociclo su un apposto cavalletto in modo tale che la ruota anteriore risulti sollevata. 2. Controllare:  testa dello sterzo Afferrare la parte inferiore degli steli della forcella anteriore e fare oscillare dolcemente la forcella avanti e indietro. Allentamento o durezza  Regolare la testa dello sterzo. 3. Rimuovere:  vite della staffa superiore 1  dado del cannotto dello sterzo 2  staffa superiore 3

4. Regolare:  testa dello sterzo a. Rimuovere la rondella di bloccaggio 1 , la ghiera superiore 2 e la rondella in gomma 3 .

3-29


I

CONTROLLO E REGOLAZIONE DELLA TESTA DELLO STERZO

INSP ADJ

b. Allentare la ghiera inferiore 4 e successivamente avvitarla a specifica con un’apposita chiave per ghiera 5 . NOTA: Posizionare la chiave dinamometrica ad angolo retto rispetto alla chiave per ghiera. Chiave per ghiera 90890-01403 Ghiera inferiore (coppia di serraggio iniziale) 52 Nm (5,2 mkg) c. Allentare completamente la ghiera inferiore 4 , quindi avvitarla a specifica.

AVVERTENZA Non avvitare eccessivamente la ghiera inferiore. Ghiera inferiore (coppia di serraggio finale) 18 Nm (1,8 mkg) d. Controllare l’eventuale allentamento o durezza della testa dello sterzo ruotando completamente la forcella anteriore in entrambe le direzioni. In caso di eccessiva durezza, rimuovere la staffa inferiore e controllare i cuscinetti superiore e inferiore. Vedere la sezione “TESTA DELLO STERZO E MANUBRIO” al capitolo 7. e. Installare la rondella in gomma 3 . f. Installare la ghiera superiore 2 . g. Avvitare a mano la ghiera superiore 2 , quindi allineare le asole di entrambe le ghiere. Se necessario, tenere ferma la ghiera inferiore e avvitare quella superiore fino ad allineare le asole di entrambe. h. Installare la rondella di bloccaggio 1 . NOTA: Assicurarsi che le linguette della rondella a siano correttamente inserite nelle asole della ghiera b .

5. Installare:  staffa superiore  dado del cannotto dello sterzo 110 Nm (11,0 mkg)

 vite di bloccaggio della staffa superiore 20 Nm (2,0 mkg)

3-30


I

CONTROLLO DELLA FORCELLA ANTERIORE/ REGOLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE

INSP ADJ

EAS00149

CONTROLLO DELLA FORCELLA ANTERIORE 1. Posizionare il motociclo su un piano orizzontale.

AVVERTENZA Fissare saldamente il motociclo su un apposito supporto per evitarne la caduta. 2. Controllare:  tubo interno Danneggiato/graffiato  Sostituire.  paraolio Trafilamenti di olio  Sostituire. 3. Sistemare il motociclo in posizione verticale ed azionare il freno anteriore. 4. Controllare:  funzionamento Premere ripetutamente con forza verso il basso sul manubrio e controllare se la forcella anteriore rimbalza regolarmente. Funzionamento irregolare  Riparare. Vedere la sezione “FORCELLA ANTERIORE” al capitolo 7.

EAS00159

REGOLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE

AVVERTENZA Fissare saldamente il motociclo su un apposito supporto per evitarne la caduta.

ATTENZIONE: Non oltrepassare mai le posizioni di regolazione massima e minima. 1. Regolare:  precarico della molla

3-31


I

REGOLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE/CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

INSP ADJ

Chiave per ghiere 1HX-28135-00

a. Ruotare l’anello di regolazione 1 nella direzione a o b . Direzione a  Il precarico della molla aumenta (la sospensione è più dura). Direzione b  Il precarico della molla diminuisce (la sospensione è più tenera). Posizioni di regolazione Standard: 3 Minima: 1 (tenera) Massima: 7 (dura)

EB304174

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI La procedura seguente viene applicata a entrambi gli pneumatici. 1. Misurare:  pressione pneumatico Fuori specifica  Regolare.

AVVERTENZA  La pressione dello pneumatico deve essere controllata e regolata esclusivamente quando la temperatura dello pneumatico equivale alla temperatura ambiente.  La pressione dello pneumatico e la sospensione devono essere regolate in base al peso totale del veicolo (compresi carico trasportato, conducente, passeggero e accessori) e alla velocità di marcia prevista.  L’uso del motociclo in condizioni di sovraccarico potrebbe danneggiare gli pneumatici, causare incidenti o lesioni. NON SOVRACCARICARE MAI IL MOTOCICLO.

3-32


I

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

INSP ADJ

Peso base: (con olio e serbatoio carburante pieno)

274 kg

Carico massimo*:

201 kg

Pressione degli pneumatici a freddo:

Anteriore

Posteriore

Fino a 90 kg di carico*

200 kPa (2,00 kgf/cm2)

225 kPa (2,25 kgf/cm2)

90 kg  cari- 225 kPa co massimo (2,25 kgf/cm2)

250 kPa (2,50 kgf/cm2)

Marcia a velocità sostenuta

250 kPa (2,50 kgf/cm2)

225 kPa (2,25 kgf/cm2)

*: comprensivo di carico trasportato, conducente, passeggero e accessori.

AVVERTENZA È pericoloso guidare con pneumatici usurati. Quando il battistrada raggiunge il limite di usura, sostituire immediatamente lo pneumatico. 2. Controllare:  superficie dello pneumatico Danneggiata/usurata  Sostituire lo pneumatico. Spessore minimo del battistrada 1,6 mm 1 Spessore battistrada 2 Fianco 3 Indicatore di usura

AVVERTENZA  Onde evitare guasti allo pneumatico o lesioni personali dovuti a improvviso sgonfiaggio, si consiglia di non utilizzare pneumatici senza camera d’aria (tubeless) su ruote concepite per pneumatici con camera d’aria.  Se si utilizza uno pneumatico con camera d’aria, assicurarsi di installare la camera d’aria appropriata.  In caso di sostituzione di uno pneumatico con camera d’aria, sostituire sempre lo pneumatico e la camera d’aria come gruppo unico.  Per evitare di comprimere la camera d’aria, assicurarsi che la fascia del cerchione e la camera d’aria siano centrate nella scanalatura della ruota.

3-33


I

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

INSP ADJ

 Non è consigliato rappezzare una camera d’aria forata. Qualora sia assolutamente necessario, prestare grande attenzione e sostituire la camera d’aria al più presto con una nuova di buona qualità. Ruota d’aria

con

camera Ruota senza camera d’aria

Solo pneumatico con Pneumatico con o camera d’aria senza camera d’aria

 Dopo test accurati, gli pneumatici sotto elencati sono stati approvati da Yamaha Motor Co., Ltd per questo modello. GIi pneumatici anteriore e posteriore devono essere sempre di uguale fabbricazione e modello. Qualora su questo motociclo venga usata una combinazione di pneumatici diversa da quella approvata da Yamaha, non viene fornita nessuna garanzia relativa alle caratteristiche d’uso. Pneumatico anteriore: Produttore

Tipo

Dimensione

BRIDGESTONE

110/90-18 61S EXEDRA L309

DUNLOP

110/90-18 61S

K555F

Pneumatico posteriore: Produttore

Tipo

Dimensione

BRIDGESTONE

170/80-15 M/C 77 S

EXEDRA G546

DUNLOP

170/80-15 M/C 77S

K555

AVVERTENZA GIi pneumatici nuovi hanno una tenuta relativamente modesta sul fondo stradale finché non si consumano leggermente. Si consiglia pertanto di guidare per circa 100 km a velocità normale prima di procedere a velocità più sostenute.

3-34


I

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI/ CONTROLLO E SERRAGGIO DEI RAGGI

INSP ADJ

NOTA: Per gli pneumatici dotati di contrassegno del senso di rotazione 1 :  Installare lo pneumatico con il contrassegno rivolto verso il senso di rotazione della ruota.  Allineare il contrassegno 2 con il punto di installazione della valvola.

EAS00169

CONTROLLO E SERRAGGIO DEI RAGGI La seguente procedura si applica a tutti i raggi. 1. Controllare:  raggio 1 Piegato/danneggiato  Sostituire Allentato  Stringere. Picchiettare sui raggi con un cacciavite. NOTA: Un raggio ben stretto emette una tonalitĂ  chiara e tintinnante; un raggio allentato emette un suono sordo. 2. Serrare: 3 Nm (0,3 mkg)  raggio (con una chiave per raggi 2 ) NOTA: Assicurarsi di stringere i raggi prima e dopo il rodaggio.

3-35


I

CONTROLLO E LUBRIFICAZIONE DEI CAVI/ LUBRIFICAZIONE DELLE LEVE E DEI PEDALI / LUBRIFICAZIONE DEL CAVALLETTO LATERALE/ LUBRIFICAZIONE DELLA SOSPENSIONE POSTERIORE

INSP ADJ

EAS00170

CONTROLLO E LUBRIFICAZIONE DEI CAVI La procedura seguente viene applicata a tutti i cavi e alle relative guaine.

AVVERTENZA Eventuali guaine danneggiate possono favorire la corrosione dei cavi e interferire con il loro movimento. Provvedere al più presto a sostituire gli eventuali cavi e guaine danneggiati. 1. Controllare:  guaina cavo Danneggiata  Sostituire. 2. Controllare:  funzionamento del cavo Funzionamento irregolare  Lubrificare. Lubrificante consigliato Olio motore o lubrificante per cavi appropriato NOTA: Tenendo l’estremità del cavo rivolta verso l’alto, versare alcune gocce di lubrificante nella guaina oppure utilizzare un apposito dispositivo lubrificante. EAS00171

LUBRIFICAZIONE DELLE LEVE E DEI PEDALI Lubrificare il punto di articolazione e le parti metalliche mobili delle leve e dei pedali a contatto tra loro. Lubrificante consigliato Olio motore EAS00172

LUBRIFICAZIONE DEL CAVALLETTO LATERALE Lubrificare il punto di articolazione e le parti metalliche mobili del cavalletto laterale a contatto tra loro. Lubrificante consigliato Olio motore EAS00174

LUBRIFICAZIONE DELLA SOSPENSIONE POSTERIORE Lubrificare il punto di articolazione e le parti metalliche mobili della sospensione posteriore a contatto tra loro. Lubrificante consigliato Grasso a base di disolfuro di molibdeno 3-36


I

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

INSP ADJ

EB305020

IMPIANTO ELETTRICO CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

AVVERTENZA Le batterie generano gas idrogeno esplosivo e l’elettrolito in esse contenuto è costituito da acido solforico velenoso e altamente caustico. Si consiglia, pertanto, di osservare sempre le seguenti precauzioni:  Indossare occhiali protettivi maneggiando batterie o lavorando accanto ad esse.  Caricare le batterie in ambienti ben ventilati.  Tenere le batterie lontane da fuoco, scintille o fiamme libere (ad es. saldatrici, sigarette accese, ecc.).  NON FUMARE caricando o maneggiando batterie.  TENERE LE BATTERIE ED IL RELATIVO ELETTROLITO FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI.  Evitare che l’elettrolito venga a contatto con la pelle, in quanto può provocare gravi ustioni e danni permanenti agli occhi. Interventi di pronto soccorso in caso di contatto con il corpo: Esterno  PELLE – Sciacquare con acqua.  OCCHI – Sciacquare con acqua per 15 minuti e richiedere subito l’intervento di un medico. Interno Bere grandi quantità di acqua o latte seguite da latte di magnesia, uovo sbattuto od olio vegetale. Richiedere immediatamente l’intervento di un medico.

ATTENZIONE:  La presente batteria è sigillata. Onde evitare che l’equilibrio tra le celle venga compromesso e le prestazioni della batteria si riducano, non rimuovere in nessun caso i coperchi di tenuta.  Il tempo di carica, l’amperaggio di carica e la tensione di carica per una batteria senza manutenzione sono diversi da quelli di una batteria tradizionale. La batteria senza manutenzione deve essere caricata secondo il metodo descritto nelle relative illustrazioni. Qualora la batteria venga sovraccaricata, il livello dell’elettrolito diminuirà notevolmente. Si consiglia, pertanto, di prestare sempre particolare attenzione quando si carica la batteria. 3-37


I

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

INSP ADJ

NOTA: Poiché le batterie senza manutenzione sono sigillate, non è possibile controllarne lo stato di carica misurando la densità relativa dell’elettrolito. Tale controllo deve avvenire, pertanto, mediante misurazione della tensione sui morsetti della batteria. 1. Rimuovere: S coperchio della batteria 1 2. Scollegare: S cavi della batteria (dai morsetti della batteria)

ATTENZIONE: Scollegare prima il cavo negativo 1 , quindi quello positivo 2 . 3. Rimuovere: S batteria 4. Controllare: S carica della batteria a. Collegare un voltmetro digitale ai morsetti della batteria. Cavetto positivo  Morsetto positivo del tester batteria Cavetto negativo  Morsetto negativo del tester batteria NOTA: S Lo stato di carica di una batteria senza manutenzione può essere controllato mediante misurazione della relativa tensione in circuito aperto (vale a dire della tensione rilevata con il morsetto positivo scollegato). S Non è necessario caricare la batteria quando la tensione in circuito aperto è pari o superiore a 12,8 V.

Tensione in circuito aperto

Voltmetro

13,0

b. Controllare la carica della batteria, come indicato nei grafici e nel seguente esempio. Esempio c. Tensione in circuito aperto = 12,0 V d. Tempo di carica = 6,5 ore e. Carica della batteria = 20  30%

Rapporto tra tensione in circuito aperto e tempo di carica a 20_C

12,5 12,0 11,5

5 6,5

5. Caricare: S batteria (vedere l’illustrazione relativa al metodo di carica appropriato)

10

Tempo di carica (ore) S Questo valore varia a seconda della temperatura, dello stato di carica degli elementi della batteria e del livello dell’elettrolito.

3-38


I

Tensione in circuito aperto (V)

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA AVVERTENZA

Temperatura ambiente 20_C

Non caricare la batteria velocemente.

ATTENZIONE: S Assicurarsi che il tubo flessibile di sfiato e lo sfiato della batteria non siano ostruiti. S Non rimuovere in nessun caso i coperchi di tenuta della batteria senza manutenzione. S Non utilizzare un caricabatteria ad alta velocità, in quanto questo strumento convoglia velocemente alla batteria una corrente ad elevato amperaggio e può provocarne il surriscaldamento ed il danneggiamento degli elementi. S Qualora non sia possibile regolare la corrente di carica del caricabatteria, fare attenzione a non sovraccaricare la batteria. S Rimuovere preventivamente la batteria dal motociclo per caricarla (se la carica deve avvenire con la batteria montata sul veicolo, provvedere a scollegare il cavo negativo dal morsetto). S Al fine di ridurre la possibilità di scintille, non collegare alla corrente il caricabatteria prima di aver collegato i relativi cavetti alla batteria. S Prima di rimuovere le pinze del caricabatteria dai morsetti, assicurarsi di spegnere il caricabatteria. S Assicurarsi che le pinze del caricabatteria siano completamente in contatto con i morsetti della batteria e che non siano in cortocircuito. Una pinza corrosa può generare calore nelle aree di contatto, mentre una pinza con molla allentata può provocare scintille. S Se la batteria diventa calda al tatto in qualsiasi momento durante la procedura di carica, scollegare il caricabatteria e lasciare raffreddare la batteria prima di ricollegarla. Le batterie calde possono esplodere! S Come indicato nella seguente illustrazione, la tensione in circuito aperto di una batteria senza manutenzione si stabilizza dopo circa 30 minuti dal termine della carica. Pertanto, attendere 30 minuti dopo aver terminato la carica prima di misurare la tensione in circuito aperto.

Stato di carica della batteria (%)

Tensione in circuito aperto (V)

INSP ADJ

Caricamento

Temperatura ambiente 20_C

18 17 16 15 14 13 12 11 10

0

10

20

30

40

50

60 Tempo (minuti)

Controllare la tensione in circuito aperto

3-39


I

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

INSP ADJ

Metodo di carica mediante caricabatteria a corrente (tensione) variabile Caricabatteria

Amperometro

Misurare la tensione in circuito aperto prima della carica.

Collegare un caricabatteria e un amperometro alla batteria e iniziare a caricare.

Assicurarsi che la corrente sia superiore alla corrente di carica nominale riportata sulla batteria.

NOTA: La tensione deve essere misurata 30 minuti dopo l’arresto del motociclo.

NOTA: Regolare la tensione di carica a 16  17 V (a valori inferiori, la carica risulterà insufficiente, a valori superiori, la batteria verrà sovraccaricata)

NO

Ruotando il comando di regolazione della tensione di carica, impostare la tensione di carica a 20  25 V. Regolare la tensione in modo che la corrente sia al livello di carica nominale.

Tenere sotto controllo l’amperaggio per 3  5 minuti per verificare che la corrente di carica nominale venga raggiunta. NO

Impostare il tempo in base al tempo di carica adeguato alla tensione in circuito aperto. Vedere la sezione “Operazioni di controllo dello stato della batteria”.

Se la corrente non supera la corrente di carica nominale dopo 5 minuti, sostituire la batteria.

Se la carica richiede più di 5 ore, è consigliabile controllare la corrente di carica dopo un intervallo di 5 ore. Se si sono verificate modifiche nell’amperaggio, regolare nuovamente la tensione fino ad ottenere la corrente di carica nominale.

Misurare la tensione in circuito aperto della batteria dopo averla lasciata inutilizzata per oltre 30 minuti. Pari o superiore a 12,8 V --- La carica è completa. Pari o inferiore a 12,7 V --- È necessaria la ricarica. Inferiore a 12,0 V --- Sostituire la batteria.

3-40


I

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

INSP ADJ

Metodo di carica mediante caricabatteria a tensione costante Misurare la tensione in circuito aperto prima della carica.

NOTA: La tensione deve essere misurata 30 minuti dopo l’arresto del motociclo.

Collegare un caricabatteria e un amperometro alla batteria e iniziare a caricare.

Assicurarsi che la corrente sia superiore alla corrente di carica nominale riportata sulla batteria.

Caricare fino a raggiungere una tensione di carica della batteria pari a 15 V. NOTA: Impostare il tempo di carica a 20 ore (massimo).

Misurare la tensione in circuito aperto della batteria dopo averla lasciata inutilizzata per oltre 30 minuti. Pari o superiore a 12,8 V --- La carica è completa. Pari o inferiore a 12,7 V --- È necessaria la ricarica. Inferiore a 12,0 V --- Sostituire la batteria.

NO

Questo tipo di caricabatteria non è utilizzabile per caricare batterie senza manutenzione. Si consiglia l’uso di un caricabatteria a tensione variabile.

Caricabatteria Amperometro Voltmetro

Metodo di carica mediante caricabatteria a corrente costante Questo tipo di caricabatteria non può essere utilizzato per caricare batterie senza manutenzione.

3-41


I

CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA

INSP ADJ

6. Controllare:  sfiato batteria Ostruzione  Pulire

7. Collegare:  cavi della batteria (ai morsetti della batteria)

ATTENZIONE: Collegare prima il cavo positivo 1 , quindi quello negativo 2 . 8. Controllare:  morsetti batteria Sporchi  Pulire con una spazzola metallica. Collegamento allentato  Collegare correttamente. 9. Lubrificare:  morsetti batteria Lubrificante consigliato Grasso dielettrico 10. Installare:  coperchio batteria

3-42


I

CONTROLLO DEI FUSIBILI

INSP ADJ

EAS00181

CONTROLLO DEI FUSIBILI La procedura seguente viene applicata a tutti i fusibili.

ATTENZIONE: Al fine di evitare un cortocircuito, portare sempre l’interruttore generale su “OFF” quando si esegue il controllo o la sostituzione di un fusibile. 1. Rimuovere:  sella conducente  piastra del dispositivo di accensione Vedere “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA”.  Coperchio del vano porta-attrezzi 1 2. Controllare:  fusibile a. Collegare il tester portatile al fusibile e verificare la presenza di continuità. NOTA: Impostare il selettore del tester portatile su “Ω 1”. Tester portatile 90890-03112 b. Se il tester portatile indica “∞”, sostituire il fusibile. 3. Sostituire:  fusibile bruciato a. Disinserire l’accensione. b. Installare un nuovo fusibile con amperaggio nominale corretto. c. Accendere gli interruttori per verificare l’operatività del circuito elettrico. d. Se il fusibile brucia di nuovo immediatamente, controllare il circuito elettrico. Amperaggio nominale

Quantità

Fusibile principale

30 A

1

Faro

15 A

1

Riscaldatore carburatore

15 A

1

Sistema di segnalazione

10 A

1

Accensione

10 A

1

Retromarcia

5A

1

Fusibile di riserva

30 A

1

Fusibile di riserva

15 A

1

Fusibile di riserva

10 A

1

Fusibile di riserva

5A

1

Fusibili

3-43


I

CONTROLLO DEI FUSIBILI/ SOSTITUZIONE DELLE LAMPADINE DEL FARO

INSP ADJ

AVVERTENZA Non utilizzare mai fusibili con amperaggio nominale diverso da quello specificato. L’uso di fusibili con amperaggio nominale errato può provocare gravi danni all’impianto elettrico, causare un malfunzionamento dei sistemi di illuminazione e di accensione e innescare un incendio. 4. Installare:  coperchio del vano porta-attrezzi  piastra del dispositivo di accensione  sella del conducente

EAS00182

SOSTITUZIONE DELLE LAMPADINE DEL FARO 1. Scollegare:  connettori 1 2. Rimuovere:  coperchio lampada faro 2

3. Rimuovere:  portalampada del faro 1 4. Rimuovere:  lampada del faro 2

AVVERTENZA Poiché la lampadina del faro si scalda notevolmente, si consiglia di non avvicinare le mani e di tenerla lontana da prodotti infiammabili fino a completo raffreddamento. 5. Installare:  lampadina del faro (nuova) Fissare la nuova lampadina con l’apposito portalampada.

3-44


I

SOSTITUZIONE DELLE LAMPADINE DEL FARO/ REGOLAZIONE DEI FASCI DI LUCE DEI FARI

INSP ADJ

ATTENZIONE: Evitare di toccare il vetro della lampadina del faro per non lasciarvi impronte di grasso che potrebbero comprometterne la trasparenza, la durata della lampadina e il flusso luminoso. Se la lampadina del faro si sporca, pulirla accuratamente con un panno inumidito di alcool o diluente per vernici. 5. Installare:  portalampada del faro 6. Installare:  coperchio lampada del faro 7. Collegare:  fili

EA500184

REGOLAZIONE DEI FASCI DI LUCE DEI FARI 1. Regolare:  fascio di luce del faro (in verticale) a. Ruotare la vite di regolazione 1 nella direzione a o b . Direzione a  Il fascio di luce si alza. Direzione b  Il fascio di luce si abbassa. 2. Regolare:  fascio di luce del faro (in orizzontale) a. Ruotare la manopola di regolazione 2 nella direzione a o b . Direzione a  Il fascio di luce si sposta a destra. Direzione b  Il fascio di luce si sposta a sinistra.

3-45


I

INSP ADJ


ENG

4


I

ENG CAPITOLO 4 MOTORE RIMOZIONE DEL MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MARMITTE, PEDALE DEL FRENO E COPERCHIO LATERALE . . . . . CAVI ELETTRICI, PEDALE DEL CAMBIO E CAVO FRIZIONE . . . . . . BULLONI DI MONTAGGIO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEL MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-1 4-1 4-3 4-4 4-5

TESTE CILINDRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TESTA CILINDRO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TESTA CILINDRO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLE TESTE CILINDRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE TESTE CILINDRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL TENDICATENA DI DISTRIBUZIONE . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-6 4-6 4-8 4-10 4-12 4-13 4-13

BILANCIERI E ALBERO A CAMME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEI BILANCIERI E DELL’ALBERO A CAMME . . . . . . . . . CONTROLLO DELL’ALBERO A CAMME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI BILANCIERI E DEGLI ALBERI DI SUPPORTO BILANCIERI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELL’ALBERO A CAMME E DEI BILANCIERI . . . . .

4-16 4-17 4-17

VALVOLE E MOLLE VALVOLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLE VALVOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE VALVOLE E DEI GUIDAVALVOLA . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE SEDI VALVOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE MOLLE VALVOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLE VALVOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-21 4-22 4-22 4-24 4-26 4-26

CILINDRI E PISTONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEI CILINDRI E DEI PISTONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI CILINDRI E DEI PISTONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI SEGMENTI PISTONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEGLI SPINOTTI PISTONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEI PISTONI E DEI CILINDRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-28 4-29 4-29 4-31 4-32 4-32

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELL’INGRANAGGIO CONDUTTORE DELLA DISTRIBUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE CATENE DI DISTRIBUZIONE, DEI PIGNONI ALBERO A CAMME E DEI GUIDACATENA DI DISTRIBUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA CORONA PRIMARIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEGLI INGRANAGGI CONDUTTORI DELLA DISTRIBUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-34

4-18 4-19

4-35

4-35 4-36 4-36


I

ENG FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . COPERCHIO DESTRO DEL BASAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GRUPPO FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI DISCHI CONDUTTORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL PIATTO SPINGIDISCHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL TAMBURO INTERNO FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI PUNTALINI DI DISINNESTO FRIZIONE . . . . . . . . . CONTROLLO DEI DISCHI CONDOTTI FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE MOLLE, DEL PIATTELLO E DELLO SCODELLINO PORTAMOLLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA CAMPANA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-38 4-38 4-40 4-42 4-42 4-43 4-43 4-43 4-44

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO . . . . . . BOBINA STATORE E BOBINA DI CAPTAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL GENERATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA RUOTA LIBERA DEL MOTORINO DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEL GENERATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-47 4-47 4-48 4-49

ALBERO SELETTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELL’ALBERO SELETTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA LEVA DI ARRESTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELL’ALBERO SELETTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-53 4-54 4-54 4-54

POMPA DELL’OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA POMPA DELL’OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI TUBI DI MANDATA OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL FILTRO A RETE DELL’OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA POMPA DELL’OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-55 4-57 4-57 4-57 4-58

ALBERO MOTORE E BIELLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BASAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ALBERO MOTORE E BIELLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SMONTAGGIO DEL BASAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLE BIELLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELL’ALBERO MOTORE E DELLE BIELLE . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI CUSCINETTI E DEI PARAOLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELL’ALBERO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ASSEMBLAGGIO DEL BASAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-59 4-59 4-60 4-61 4-62 4-62 4-62 4-65 4-65 4-66

4-44 4-44 4-45

4-50 4-51


I

ENG TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE FORCELLE DI INNESTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL GRUPPO TAMBURO SELETTORE . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4-68 4-69 4-69 4-70 4-71

INGRANAGGIO INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PIGNONE CONDUTTORE INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PIGNONE CONDOTTO INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SMONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO . . . CONTROLLO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO . . MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO . . INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEL GIUNTO CARDANICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ALLINEAMENTO DELL’INGRANAGGIO INTERMEDIO . . . . . . . . . . . . .

4-72 4-72 4-73 4-75 4-75 4-76 4-76 4-76 4-77 4-78 4-78 4-80 4-81


I

ENG


I

ENG

RIMOZIONE DEL MOTORE

MOTORE RIMOZIONE DEL MOTORE MARMITTE, PEDALE DEL FRENO E COPERCHIO LATERALE

23 Nm (2,3 mkg)

64 Nm (6,4 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 25 Nm (2,5 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione della marmitta, del pedale del freno e del coperchio laterale

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Posizionare la motocicletta sul cavalletto su una superficie piana.

AVVERTENZA Supportare bene la motocicletta in modo da evitare rischi di ribaltamento. Serbatoio del carburante

1 2 3 4 5 6

Vedere la sezione “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA” nel capitolo 3. Vedere la sezione “CARBURATORE” nel capitolo 5.

Gruppo corpo filtro dell’aria Gruppo carburatore Gruppo marmitta Coperchio (emblema) Vaschetta di accumulo Tubi di scarico Cavo interruttore freno posteriore Poggiapiedi/pedale freno

1 1 1 2 1 1/1 4-1

Scollegare


I

ENG

RIMOZIONE DEL MOTORE

23 Nm (2,3 mkg)

64 Nm (6,4 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 25 Nm (2,5 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ  7 8 9

Pompa del freno posteriore/staffa Coperchio batteria Cavi batteria

10 11 12 13

Coperchio laterale destro Motorino di avviamento Coperchi testa cilindri Cappellotti candele

1/1 1 2

1 1 4 4

Note

Scollegare NOTA: Scollegare dapprima il cavo negativo della batteria e quindi quello positivo.

Scollegare

Per lâ&#x20AC;&#x2122;installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-2


I

ENG

RIMOZIONE MOTORE

CAVI ELETTRICI, PEDALE DEL CAMBIO E CAVO FRIZIONE

64 Nm (6,4 mkg)

64 Nm (6,4 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Note

Rimozione dei cavi elettrici, del pedale Rimuovere i componenti nella sequenza del cambio e del cavo frizione indicata. Coperchio scomparto porta-attrezzi 1 Coperchio laterale sinistro 1 Cavo magnete in c.a. / cavo captatore/ 1/1/1 Scollegare cavo interruttore cavalletto laterale/cavo sensore di velocità Cavo interruttore di folle 1 Scollegare Poggiapiedi/pedale del cambio 1/1 Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEL MOTORE”. Cavalletto laterale 1 Coperchio regolazione frizione 1 Cavo della frizione 1 Scollegare Sensore di velocità 1 Pomelli di montaggio serbatoio 2 carburante Coperchi laterali testa di sterzo 2 Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione. 4-3


I

ENG

RIMOZIONE MOTORE

BULLONI DI MONTAGGIO MOTORE

48 Nm (4,8 mkg) 74 Nm (7,4 mkg)

48 Nm (4,8 mkg)

48 Nm (4,8 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione dei bulloni di montaggio motore

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Collocare un idoneo cavalletto di supporto al di sotto del telaio e del motore. Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO”. Vedere la sezione “AMMORTIZZATORE E FORCELLONE POSTERIORE” nel Capitolo 6.

Coperchio sinistro basamento Scomparto porta-attrezzi 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Note

Avvisatore acustico Connettore cavo di massa motore Puntone di supporto motore (inferiorelato anteriore) Tubo obliquo Bulloni di fissaggio staffa motore Bulloni di montaggio motore (superiorilato posteriore) Bullone di montaggio motore (inferiorelato posteriore) Puntoni di supporto motore (inferiori / superiori-lato posteriore) Gruppo motore

1 1 1 1 4 2 1

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEL MOTORE”.

1/1 1 Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione. 4-4


I

MOTORE

ENG

EAS00192

INSTALLAZIONE DEL MOTORE 1. Serrare i bulloni nell’ordine seguente: Bullone 1 : 48 Nm (4,8 mkg) Bullone 2 : 48 Nm (4,8 mkg) Bullone 3 : 48 Nm (4,8 mkg) Bullone 4 : 48 Nm (4,8 mkg) Bullone 5 : 48 Nm (4,8 mkg)

2. Installare  leva d’innesto 1 NOTA:  Allineare la punzonatura a sull’albero selettore con la fessura della leva d’innesto.  Registrare in lunghezza il bullone di regolazione b. Vedere la sezione “REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO”, nel Capitolo 3.

Bullone leva d’innesto 10 Nm (1,0 mkg) Quota di regolazione in lunghezza bullone 114,7 mm

4-5


I

ENG

TESTE CILINDRI

TESTE CILINDRI TESTA CILINDRO POSTERIORE

50 Nm (5,0 mkg)

35 Nm (3,5 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

55 Nm (5,5 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL MOTORE”. Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO”.

Rimozione testa cilindro Gruppo motore Coperchio sinistro basamento

1 2 3 4 5 6 7

Note

Coperchio punterie (scarico)/O-ring Coperchio punterie (aspirazione)/O-ring Connessione /guarnizione tubo di scarico Connessione /O-ring carburatore Condotti di mandata olio Coperchio pignone albero a camme/O-ring Bullone pignone albero a camme

4-6

1/1 1/1 1/1 1/1 2 1/1 1

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”.


I

ENG

TESTE CILINDRI

50 Nm (5,0 mkg)

35 Nm (3,5 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

55 Nm (5,5 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 8 9 10 11 12

Tendicatena di distribuzione/guarnizione Pignone albero a camme Testa cilindro Spine di centraggio Guarnizione testa cilindro

4-7

1/1 1 1 2 1

Note Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”. Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.


I

ENG

TESTE CILINDRI

TESTA CILINDRO ANTERIORE

35 Nm (3,5 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

50 Nm (5,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

55 Nm (5,5 mkg)

New 20 Nm (2,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL MOTORE”. Vedere la sezione “TESTA CILINDRO POSTERIORE”. Vedere la sezione “FRIZIONE”.

Rimozione testa cilindro Gruppo motore Condotti di mandata olio

1 2 3 4 5 6

Coperchio destro basamento Coperchio punterie (scarico)/O-ring Coperchio punterie (aspirazione)/O-ring Connessione /O-ring carburatore Coperchio/O-ring pignone albero a camme Deflettore/O-ring Bullone pignone albero a camme

4-8

Note

1/1 1/1 1/1 1/1 1/1 1

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”.


I

ENG

TESTE CILINDRI

35 Nm (3,5 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

50 Nm (5,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

55 Nm (5,5 mkg)

New 20 Nm (2,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 7 8 9 10 11 12

Tendicatena di distribuzione/guarnizione Piastra pignone albero a camme Pignone albero a camme Testa cilindro Spine di centraggio Guarnizione testa cilindro

4-9

1/1 1 1 1 2 1

Note Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”. Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.


I

TESTE CILINDRI

ENG

EAS00226

RIMOZIONE DELLE TESTE CILINDRI Testa cilindro posteriore 1. Rimuovere:  coperchio pignone albero a camme  coperchi punterie

2. Allineare:  Il contrassegno a “T” a (con il riferimento stazionario b ) a. Installare provvisoriamente il coperchio sinistro del basamento senza la bobina di captazione e quella dello statore. b. Ruotare in senso orario l’albero motore. c. Allineare il contrassegno a “T” a con il riferimento stazionario b sul coperchio basamento (lato sinistro) quando il pistone posteriore si trova al PMS della fase di compressione. d. Verificare che il pistone posteriore si trovi al PMS della fase di compressione. e. Il pistone posteriore si troverà al PMS della fase di compressione quando vi sarà gioco su entrambi i bilancieri. In caso contrario, ruotare di un giro completo in senso orario l’albero motore. f. Una volta allineato il contrassegno a “T” al riferimento stazionario, la punzonatura c sul pignone albero a camme dovrà risultare allineata con il riferimento stazionario d sulla testa cilindro. 3. Allentare:  bullone (pignone albero a camme) 1 NOTA: Avvalersi del supporto puleggia 2 per tenere fermo il rotore.

Supporto puleggia: 90890-01701

4-10


I

TESTE CILINDRI

ENG

4. Togliere: S tendicatena di distribuzione S guarnizione 5. Togliere: S bullone (pignone albero a camme) 1 S pignone albero a camme 2 NOTA: Per evitare che la catena di distribuzione cada all’interno del basamento, fissarla con del filo di ferro. 6. Togliere: S testa cilindro NOTA: S Allentare i bulloni ed i dadi nella sequenza corretta. S Seguire l’ordine numerico riportato in figura. Svitare ogni bullone di 1/4 di giro per volta sino ad allentarli tutti. Testa cilindro anteriore NOTA: Per la rimozione della testa cilindro anteriore, ripetere le procedure di rimozione seguite per la testa cilindro posteriore, tenendo tuttavia presenti le indicazioni qui oltre riportate. 1. Allineare: S il contrassegno a “I” (con il riferimento stazionario) Procedure di rimozione: S Ruotare in senso orario di 290_ l’albero motore. S Allineare il contrassegno a “I” a con il riferimento stazionario b sul coperchio basamento (lato sinistro) quando il pistone posteriore si trova al PMS della fase di compressione. S Una volta allineato il contrassegno a “I” al riferimento stazionario, la punzonatura c sul pignone albero a camme dovrà risultare allineata con il riferimento stazionario d sulla testa cilindro. S Il pistone posteriore si troverà al PMS della fase di compressione quando vi sarà gioco su entrambi i bilancieri.

4-11


I

TESTE CILINDRI

ENG

EAS00228

CONTROLLO DELLE TESTE CILINDRI La seguente procedura vale per tutte le teste cilindri. 1. Eliminare:  i depositi carboniosi dalle camere di combustione (con un raschietto a punta smussata)

NOTA: Onde evitare di graffiarle o danneggiarle, non usare attrezzi taglienti o affilati sulle seguenti superfici:  filettature candele  sedi valvole 2. Controllare:  la testa cilindri Danni/graffi  Sostituire. 3. Misurare:  grado di deformazione della testa cilindri Fuori specifiche  Rettificare la testa cilindri Grado di deformazione della testa cilindri Inferiore a 0,03 mm

a. Collocare un regolo guardapiano 1 e uno spessimetro 2 sulla testa cilindri. b. Misurare il grado di deformazione. c. Se la deformazione non rientra a tolleranze, rettificare la testa cilindri nel seguente modo: d. Collocare della carta vetrata a umido a grana 400  600 sulla piastra superficiale e rettificare la testa cilindri seguendo una sagoma di levigatura a forma di otto. NOTA: Per ottenere una superficie uniforme, ruotare pi첫 volte la testa cilindri.

4-12


I

TESTE CILINDRI

ENG

EB401430

CONTROLLO DEL TENDICATENA DI DISTRIBUZIONE 1. Controllare:  tendicatena di distribuzione Incrinature/danni/rigidità  Sostituire. a. Premere leggermente a mano lo stelo del tendicatena di distribuzione per inserirlo nel rispettivo alloggiamento. NOTA: Mentre si preme sullo stelo del tendicatena, avvitarlo in senso orario con un cacciavite a punta sottile 1 sino all’arresto. b. Togliere il cacciavite e rilasciare lentamente lo stelo del tendicatena di distribuzione. c. Accertarsi che lo stelo del tendicatena fuoriesca liberamente dal rispettivo alloggiamento. Nel caso in cui si rilevino difficoltà di movimento, sostituire il tendicatena di distribuzione. EAS00234

INSTALLAZIONE DELLE TESTE CILINDRI Testa cilindro posteriore 1. Installare:  spine di centraggio  guarnizione NOTA: Il contrassegno “5EL” sulla guarnizione deve essere rivolto verso il lato superiore del cilindro. 2. Installare:  dadi (testa cilindro) (M12: 1 – 4) 50 Nm (5,0 mkg)

 dado cieco (testa cilindro) (M10: 5) 35 Nm (3,5 mkg)

 bulloni (testa cilindro) (M8: 6 – 7) 20 Nm (2,0 mkg)

NOTA:  Serrare i bulloni ed i dadi nella sequenza corretta.  Seguire l’ordine numerico riportato in figura. Serrare bulloni e dadi in due passate.

4-13


I

TESTE CILINDRI

ENG

3. Installare:  pignone albero a camme a. Installare provvisoriamente il dado rotore ed il coperchio sinistro basamento senza la bobina di captazione e quella dello statore. b. Ruotare in senso orario l’albero motore. c. Allineare il contrassegno a “T” a con il riferimento stazionario b sul coperchio basamento (lato sinistro). d. Installare il pignone albero a camme con il contrassegno di fasatura c rivolto verso l’esterno. e. Ruotare l’albero a camme di quanto basta a rimuovere ogni allentamento sul lato di presa della catena di distribuzione. f. Inserire il dito nel foro di accesso al tendicatena di distribuzione e premerne la guida verso l’interno. g. Mentre si preme sulla guida del tendicatena, accertarsi che il contrassegno di fasatura c ed il riferimento stazionario b siano correttamente allineati al PMS. 4. Installare:  tendicatena di distribuzione a. Premere leggermente a mano lo stelo del tendicatena di distribuzione per inserirlo nel rispettivo alloggiamento. b. Mentre si preme sullo stelo del tendicatena, avvitarlo in senso orario con un cacciavite a punta sottile 1 sino all’arresto. c. Con il cacciavite ancora inserito sul tendicatena di distribuzione 2 , installare quest’ultimo e la guarnizione. Serrare quindi i bulloni di fissaggio del tendicatena di distribuzione 3 alla coppia prescritta.

AVVERTENZA Montare sempre una guarnizione nuova. NOTA: Il contrassegno con la dicitura “UP” sul tendicatena di distribuzione deve risultare rivolto verso l’alto.

Bullone di fissaggio tendicatena di distribuzione 10 Nm (1,0 mkg)

4-14


I

TESTE CILINDRI

ENG

d. Togliere il cacciavite, accertarsi che il tendicinghia si liberi e serrarne il dado cieco alla coppia prescritta. Dado cieco 8 Nm (0,8 mSkg) 5. Installare: S bullone (pignone albero a camme) 1 55 Nm (5,5 mSkg)

NOTA: S Assicurarsi che l’aggetto sulla piastra pignone albero a camme sia allineato con il foro nel pignone. S Avvalersi del supporto puleggia 2 per tenere fermo il rotore. Supporto puleggia: 90890-01701 6. Controllare: S contrassegni di allineamento In caso di mancato allineamento dei contrassegni  Regolare 7. Misurare: S gioco valvole Fuori specifiche  Regolare Vedere “REGOLAZIONE DEL GIOCO VALVOLE” nel CAPITOLO 3. Testa cilindro anteriore NOTA: Per l’installazione della testa cilindro anteriore, ripetere le procedure seguite per l’installazione della testa cilindro posteriore, tenendo tuttavia presenti le indicazioni qui oltre riportate. 1. Installare: S pignone albero a camme a. Ruotare in senso orario di 290_ l’albero motore. b. Allineare il contrassegno a “I” a con il riferimento stazionario b sul coperchio basamento (lato sinistro). c. Installare il pignone albero a camme con il riferimento di fasatura c rivolto verso l’esterno. d. Ruotare l’albero a camme di quanto basti a rimuovere ogni allentamento sul lato di presa della catena di distribuzione. e. Inserire il dito nel foro di accesso al tendicatena di distribuzione e premerne la guida verso l’interno. f. Mentre si preme sulla guida del tendicatena, accertarsi che il contrassegno di fasatura c ed il riferimento stazionario d siano correttamente allineati al PMS. 4-15


I

ENG

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

37.5 Nm (3,75 mkg) 27 Nm (2,7 mkg)

20 Nm (2,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “TESTA CILINDRO”.

1 2 3

Rimozione del bilanciere e dell’albero a camme Teste cilindri Piastra di arresto Boccola albero a camme Albero a camme/spina di centraggio

1 1 1/1

4 5 6

Bullone di giunzione/guarnizione Alberi di supporto bilancieri Bilancieri

1/1 2 2

7 8

Controdadi Alzavalvole

Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL BILANCIERE E DELL’ALBERO A CAMME”. Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL BILANCIERE E DELL’ALBERO A CAMME”.

2 2 Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-16


I

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

ENG

EAS00202

RIMOZIONE DEI BILANCIERI E DELL’ALBERO A CAMME 1. Rimuovere:  alberi di supporto bilancieri (lato aspirazione e scarico) 1  bilancieri 2 NOTA: Avvalersi di un estrattore inerziale 3 e di un contrappeso 4 per rimuovere gli alberi di supporto bilancieri.

Bullone estrattore inerziale (M8): 90890-01085 Contrappeso: 90890-01084 2. Togliere:  boccola albero a camme 1  albero a camme 2 NOTA: Avvitare un bullone da 10 mm 3 nell’estremità filettata dell’albero a camme ed estrarre quest’ultimo. EAS00205

CONTROLLO DELL’ALBERO A CAMME 1. Controllare:  boccole albero a camme Danni/usura  Sostituire 2. Controllare:  lobi albero a camme Scolorimento/vaiolature/graffi  Sostituire l’albero a camme. 3. Misurare:  dimensioni a e b dei lobi albero a camme Fuori specifiche  Sostituire l’albero a camme. Dimensioni limite dei lobi albero a camme Lato aspirazione a 39,012 mm b #1: 31,993 mm #2: 32,027 mm Lato scarico a 39,045 mm b 32,100 mm 4. Controllare:  condotti di lubrificazione albero a camme Ostruzioni  Pulire con aria compressa 4-17


I

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

ENG

EB401410

CONTROLLO DEI BILANCIERI E DEGLI ALBERI DI SUPPORTO BILANCIERI La seguente procedura vale per tutti i bilancieri e gli alberi di supporto bilancieri. 1. Controllare:  bilanciere Danni/usura  Sostituire  lobo bilanciere 1  alzavalvola 2 Usura eccessiva  Sostituire 2. Controllare:  albero di supporto bilancieri Scolorimento/usura eccessiva/vaiolature/graffi  Sostituire o controllare il sistema di lubrificazione 3. Misurare:  diametro interno albero di supporto bilancieri a Fuori specifiche  Sostituire Diametro interno albero di supporto bilancieri 14,036 mm 4. Misurare:  diametro esterno albero di supporto bilancieri b Fuori specifiche  Sostituire Diametro esterno albero di supporto bilancieri 13,95 mm 5. Calcolare:  gioco tra bilancieri e albero di supporto NOTA: Per calcolare il gioco, sottrarre il valore del diametro interno dellâ&#x20AC;&#x2122;albero di supporto bilancieri da quello del diametro esterno. Superiore a 0,086 mm  Sostituire il componente difettoso (o i componenti) Gioco tra bilancieri e albero di supporto 0,009  0,033 mm <Limite> : 0,086 mm

4-18


I

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

ENG

EAS00220

INSTALLAZIONE DELL’ALBERO A CAMME E DEI BILANCIERI 1. Lubrificare: S albero a camme Lubrificante raccomandato Albero a camme/boccola Olio al bisolfuro di molibdeno

2. Installare: S albero a camme 1 S boccola albero a camme 2 NOTA: S La spina di centraggio a sull’estremità dell’albero a camme deve risultare allineata con il contrassegno di fasatura b sulla testa cilindro. S Si abbia cura di installare l’albero a camme N_. 1 3 sulla testa cilindro posteriore e l’albero a camme N_. 2 4 sulla testa cilindro anteriore.

3. Installare: S piastra di arresto 1 Bullone piastra di arresto 2 20 Nm (2,0 mSkg)

4. Lubrificare: S alberi di supporto bilancieri Lubrificante raccomandato Olio motore

4-19


I

BILANCIERI E ALBERO A CAMME

ENG

5. Installare:  bilancieri  alberi di supporto bilancieri NOTA: Accertarsi che gli alberi di supporto bilancieri siano spinti a fondo nella testa cilindro.

4-20


I

ENG

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione delle valvole e delle relative molle Teste cilindri Bilancieri e alberi a camme 1

Semiconi valvole

4

2 3 4 5 6 7

Scodellini di fermo molla Molle valvola Valvola (aspirazione) Valvola (scarico) Guarnizioni stelo valvola Sede per molla valvola

2 2 1 1 2 2

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “TESTE CILINDRI”. Vedere la sezione “BILANCIERI E ALBERO A CAMME”. Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLE VALVOLE”.

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLE VALVOLE”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-21


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

EAS00237

RIMOZIONE DELLE VALVOLE La seguente procedura vale per tutte le valvole ed i componenti correlati. NOTA: Prima di rimuovere i componenti interni della testa cilindro (e cioè le valvole, le relative molle e le sedi), verificare la corretta tenuta delle valvole. 1. Controllare:  tenuta valvole Perdite in corrispondenza della sede valvola  Controllare il cono valvola, la sede valvola e la larghezza della sede valvola.Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE SEDI VALVOLE”. a. Versare del solvente pulito 1 nelle connessioni di aspirazione e di scarico. b. Verificare la corretta tenuta valvole. Non si dovranno rilevare trafilamenti in corrispondenza della sede valvola 2 .

2. Togliere:  semiconi valvola NOTA: Per la rimozione dei semiconi, comprimere la molla della valvola con l’apposito morsetto di compressione 1 .

Morsetto di compressione molle valvola 90890-04019 EAS00239

CONTROLLO DELLE VALVOLE E DEI GUIDAVALVOLA La seguente procedura vale per tutte le valvole ed i relativi guidavalvola. 1. Misurare:  gioco tra stelo e guidavalvola Gioco tra stelo e guidavalvola = Diametro interno guidavalvola a  Diametro stelo valvola b 4-22


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

Fuori specifiche  Sostituire il guidavalvola Gioco tra stelo e guidavalvola Aspirazione 0,010  0,037 mm <Limite>: 0,08 mm Scarico 0,025  0,052 mm <Limite>: 0,10 mm

2. Sostituire: S guidavalvola NOTA: Per facilitare la rimozione e l’installazione del guidavalvola e mantenerne la corretta posizione, riscaldare la testa cilindro a 100_C in un forno.

a. Rimuovere il guidavalvola con l’apposito estrattore 1 . b. Installare il nuovo guidavalvola con l’attrezzo installatore 2 e con l’estrattore 1 . c. Dopo aver installato il guidavalvola, alesarlo con l’apposito alesatore 3 fino ad ottenere il corretto gioco tra stelo e guidavalvola. NOTA: Dopo aver sostituito il guidavalvola, rettificare la sede della valvola.

Estrattore e installatore guidavalvola (8 mm) 90890-04014

3. Eliminare: S i depositi carboniosi (dal cono e dalla sede della valvola) 4. Controllare: S cono della valvola Vaiolature/usura  Rettificare il cono della valvola. S estremità stelo valvola Forma a fungo o diametro maggiore del corpo stelo valvola  Sostituire la valvola.

4-23


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

5. Misurare:  spessore al bordo valvola a Fuori specifiche  Sostituire la valvola. Spessore al bordo della valvola 0,8 mm 6. Misurare:  eccentricità dello stelo valvola Fuori specifiche  Sostituire la valvola. NOTA:  Quando si installa una valvola nuova, sostituire sempre il guidavalvola.  Quando una valvola viene rimossa o sostituita, sostituire sempre la guarnizione stelo.

Eccentricità dello stelo valvola 0,03 mm

EAS00240

CONTROLLO DELLE SEDI VALVOLE La seguente procedura vale per tutte le valvole e le sedi valvole. 1. Eliminare:  i depositi carboniosi (dal cono e dalla sede valvola) 2. Controllare:  sede valvola Vaiolature/usura  Sostituire la testa cilindri. 3. Misurare:  larghezza a sede valvola Fuori specifiche  Sostituire la testa cilindri. Limite di larghezza sede valvola Aspirazione: 1,8 mm Scarico: 1,8 mm

a. Applicare del colorante blu Mechanic (Dykem) b sul cono della valvola. b. Installare la valvola sulla testa cilindri. c. Spingere la valvola nel guidavalvola e sulla sede valvola in modo da ottenere un’impronta nitida. d. Misurare la larghezza della sede valvola. Nel punto di contatto tra la sede e il cono della valvola, il colorante blu dovrà risultare rimosso.

4-24


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

4. Lappare:  il cono della valvola  la sede della valvola NOTA: Dopo ogni sostituzione della testa cilindri, della valvola o del guidavalvola, si dovranno lappare la sede e il cono della valvola.

a. Applicare del composto a lappare a grana grossa sul cono della valvola.

ATTENZIONE: Evitare che il composto a lappare penetri nell’interstizio tra lo stelo e la guida della valvola. b. Applicare dell’olio al bisolfuro di molibdeno sullo stelo della valvola. c. Installare la valvola nella testa cilindri. d. Ruotare la valvola finché i rispettivi cono e sede non risultino levigati in modo uniforme, quindi rimuovere il composto a lappare. NOTA: Per ottenere i migliori risultati di lappatura, picchiettare leggermente sulla sede valvola facendo ruotare avanti e indietro la valvola con le dita. e. Applicare del composto a lappare a grana fine al cono della valvola e ripetere le operazioni sopra descritte. f. Dopo ogni passata di lappatura, assicurarsi di rimuovere il composto dal cono e dalla sede della valvola. g. Applicare del colorante blu Mechanic (Dykem) b sul cono della valvola. h. Installare la valvola nella testa cilindri. i. Spingere la valvola nel guidavalvola e sulla sede valvola in modo da ottenere un’impronta nitida. j. Misurare nuovamente la larghezza della sede valvola. Se è fuori specifiche, rettificare e lappare la sede valvola.

4-25


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

EAS00241

CONTROLLO DELLE MOLLE VALVOLE La seguente procedura vale per tutte le molle delle valvole. 1. Misurare: S lunghezza libera a della molla valvola Fuori specifiche  Sostituire la molla valvola. Lunghezza libera della molla valvola (aspirazione e scarico) 44,6 mm <Limite>: 43,5 mm 2. Misurare: S forza di compressione a della molla Fuori specifiche  Sostituire la molla valvola. b Lunghezza installata Forza di compressione della molla Molla valvole di aspirazione e scarico 160,7 N (16,4 kg) a 40 mm 3. Misurare: S inclinazione c della molla valvola Fuori specifiche  Sostituire la molla valvola. Limite di inclinazione della molla Molla valvole di aspirazione e scarico 2,5_ / 1,9 mm

EAS00245

INSTALLAZIONE DELLE VALVOLE La seguente procedura vale per tutte le valvole ed i relativi componenti. 1. Sbavare: S estremitĂ  stelo valvola (con una mola in bagno dâ&#x20AC;&#x2122;olio) 2. Lubrificare: S stelo valvola S paraolio New (con il lubrificante raccomandato) Lubrificante raccomandato Olio di bisolfuro di molibdeno 3. Installare: S valvola S sede molla inferiore S paraolio New S molla valvola S sede molla superiore (nella testa cilindri) 4-26


I

VALVOLE E MOLLE VALVOLA

ENG

NOTA: Installare la molla valvola con l’estremità a spire più ampie a rivolta verso l’alto. b Spire più ravvicinate

4. Installare:  semiconi valvola NOTA: Installare i semiconi valvola comprimendo la molla della valvola con l’apposito compressore 1 .

Compressore per molle valvola 90890-04019 5. Per fissare i semiconi sullo stelo valvola, colpire leggermente sulla punta della valvola con una mazzetta in materiale morbido.

ATTENZIONE: Per evitare danni alla valvola, si eviti di colpire con forza eccessiva sulla punta della valvola.

4-27


I

ENG

CILINDRI E PISTONI

CILINDRI E PISTONI

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione di cilindri e pistoni

1

Testa cilindri Guidacatena di distribuzione

1

2 3 4 5 6 7 8

Cilindro Spine di centraggio Guarnizione cilindro Anelli di sicurezza spinotto Spinotto Pistone Segmenti elastici pistone

1 2 1 2 1 1 1

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “TESTE CILINDRI”. Il contrassegno “5EL” deve essere rivolto verso la testa cilindro. Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEI PISTONI E DEI CILINDRI”. Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEI CILINDRI E DEI PISTONI”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-28


I

CILINDRI E PISTONI

ENG

EAS00254

RIMOZIONE DEI PISTONI La seguente procedura vale per tutti i pistoni. 1. Rimuovere:  anello di sicurezza spinotto 1  spinotto 2  pistone 3

ATTENZIONE: Non usare un martello per estrarre lo spinotto dal pistone. NOTA:  Prima di rimuovere l’anello di sicurezza dello spinotto, coprire l’apertura del basamento con uno straccio pulito onde evitare che l’anello possa cadere all’interno del basamento.  A scopo di riferimento per la successiva installazione, tracciare un contrassegno di identificazione sul cielo di ciascun pistone.  Prima di togliere lo spinotto, sbavare la cava per anello di sicurezza e la superficie del foro di inserimento spinotto. Se, dopo la sbavatura, lo spinotto risulta ancora difficile da estrarre, rimuoverlo con l’apposito estrattore 4 .

Estrattore per spinotti pistone 90890-01304

2. Rimuovere:  segmento superiore  secondo segmento  segmento raschiaolio NOTA: Per la rimozione dei segmenti, divaricarne la spaccatura con le dita e sfilarli facendo passare l’altra estremità sopra il cielo del pistone. EB404405

CONTROLLO DEI CILINDRI E DEI PISTONI La seguente procedura vale per tutti i cilindri e pistoni. 1. Controllare:  la parete del pistone  la parete del cilindro Rigature verticali  Rialesare oppure sostituire il cilindro, sostituire il pistone e i segmenti come un unico insieme.

4-29


I

ENG

CILINDRI E PISTONI 2. Misurare:  gioco tra pistone e cilindro

a. Misurare l’alesaggio cilindro “C” con l’apposito calibro. a 40 mm dalla sommità del cilindro NOTA: Misurare l’alesaggio “C” del cilindro effettuando la misurazione sia in senso trasversale che longitudinale. Calcolare quindi la media dei valori misurati.

Standard Alesaggio 95,00  95,01 mm cilindro C:

C=

Limite di usura 95,1 mm

X+Y 2

b. Se il valore calcolato non rientra nelle specifiche, rialesare o sostituire il cilindro, il pistone e i segmenti come un unico insieme. c. Misurare il diametro “P” del mantello del pistone con un micrometro. b 5 mm dal bordo inferiore del pistone. Dimensione P pistone Standard

94,960  94,975 mm

d. Se il valore non rientra nelle specifiche, sostituire il pistone e i segmenti come un unico insieme. e. Calcolare il gioco tra pistone e cilindro con la seguente formula. Gioco tra pistone e cilindro = Alesaggio “C” pistone – diametro “P” mantello pistone Gioco tra pistone e cilindro 0,025  0,050 mm <Limite>: 0,15 mm f. Se il valore non rientra nelle specifiche, sostituire il cilindro, il pistone e i segmenti del pistone come un unico insieme.

4-30


I

CILINDRI E PISTONI

ENG

EB404410

CONTROLLO DEI SEGMENTI PISTONE 1. Misurare: S gioco laterale segmenti Fuori specifiche  Sostituire il pistone e i segmenti come un unico insieme. NOTA: Prima di misurare il gioco laterale segmenti, eliminare i depositi carboniosi eventualmente presenti nelle cave e sui segmenti stessi.

Gioco laterale segmenti pistone Segmento superiore 0,04  0,08 mm <Limite>: 0,1 mm Secondo segmento 0,03  0,07 mm <Limite>: 0,1 mm

2. Installare: S segmento (nel cilindro) NOTA: Avvalendosi del cielo del pistone, ruotare il segmento nel cilindro in modo che risulti ortogonale all’alesaggio. a 40 mm dalla sommità del cilindro 3. Misurare: S spaccatura segmento Fuori specifiche  Sostituire il segmento. NOTA: La quota di spaccatura del segmento espansore raschiaolio non può essere misurata. Se il gioco del taglio del segmento raschiaolio è eccessivo, sostituire tutti e tre i segmenti.

Quota di spaccatura dei segmenti pistone Segmento superiore 0,3  0,5 mm <Limite>: 0,8 mm 2_ segmento 0,3  0,45 mm <Limite>: 0,8 mm Segmento raschiaolio 0,2  0,7 mm

4-31


I

CILINDRI E PISTONI

ENG

EAS00266

CONTROLLO DEGLI SPINOTTI PISTONE La seguente procedura vale per tutti gli spinotti dei pistoni. 1. Controllare:  spinotto pistone Scolorimento bluastro/scanalature  Sostituire lo spinotto del pistone e controllare il sistema di lubrificazione.

2. Misurare:  diametro esterno a dello spinotto pistone Fuori specifiche  Sostituire lo spinotto pistone. Diametro esterno spinotto pistone 21,991  22,000 mm 3. Misurare:  diametro interno foro alloggiamento spinotto b Fuori specifiche  Sostituire il pistone Diametro interno foro alloggiamento spinotto 22,004  22,015 mm 4. Calcolare:  il gioco tra spinotto e pistone Fuori specifiche  Sostituire lo spinotto. Gioco tra spinotto e pistone = Dimensioni foro di alloggiamento spinotto b â&#x20AC;&#x201C; Diametro esterno a dello spinotto Gioco tra spinotto e pistone 0,004  0,024 mm EB404701

INSTALLAZIONE DEI PISTONI E DEI CILINDRI La seguente procedura vale per tutti i pistoni e cilindri. 1. Installare:  espansore raschiaolio  taglio inferiore raschiaolio  taglio superiore raschiaolio  secondo segmento  segmento superiore NOTA: Assicurarsi di montare i segmenti pistone con i numeri o i contrassegni del costruttore rivolti verso lâ&#x20AC;&#x2122;alto. 4-32


I

CILINDRI E PISTONI

ENG

2. Installare: S pistone 1 S spinotto pistone 2 S anello elastico di sicurezza 3 dello spinotto (nuovo) NOTA: S Stendere un velo di olio motore sullo spinotto pistone. S Assicurarsi che il contrassegno “EX” a sul pistone sia rivolto verso il lato di scarico del motore. S Prima di installare l’anello di sicurezza dello spinotto, coprire l’apertura del basamento con uno straccio pulito onde evitare che l’anello possa cadere all’interno del basamento. 3. Installare: S guarnizione(nuova) S spine di centraggio 4. Lubrificare: S pistone S segmenti pistone S cilindro (con il lubrificante raccomandato) Lubrificante raccomandato Olio motore 5. Sfalsare: S spaccature dei segmenti del pistone a Segmento superiore b Taglio inferiore raschiaolio c Taglio superiore raschiaolio d 2_ segmento 6. Installare: S cilindro NOTA: S Mentre si comprimono con una mano i segmenti pistone, installare con l’altra mano il cilindro. S Far passare la catena di distribuzione ed il guidacatena (lato scarico) nella cavità della catena di distribuzione.

Bullone cilindro 10 Nm (1,0 mSkg)

4-33


I

ENG

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE

10 Nm (1,0 mkg)

110 Nm (11,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Rimozione degli ingranaggi della distribuzione Teste cilindri Cilindri Gruppo frizione Dado corona di trasmissione primaria Ingranaggio conduttore della distribuzione Spine di centraggio Molle Albero ingranaggio conduttore catena di distribuzione Pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione /Catena di distribuzione Corona di trasmissione primaria Chiavetta rettilinea Guidacatena di distribuzione

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “TESTA CILINDRO”. Vedere la sezione “CILINDRI E PISTONI”. Vedere la sezione “FRIZIONE”.

1 1 6 6 1 1/1 1 1 1

Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEGLI INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE”.

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEGLI INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione. 4-34


I

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE

ENG

RIMOZIONE DELL’INGRANAGGIO CONDUTTORE DELLA DISTRIBUZIONE Cilindro anteriore 1. Raddrizzare la linguetta di fermo della rondella di sicurezza. 2. Togliere:  dado corona di trasmissione primaria 1 NOTA: Tenendo fermo il rotore del generatore con il supporto puleggia, allentare il dado della corona di trasmissione primaria. 3. Togliere:  ingranaggio conduttore della distribuzione 2  spine di centraggio  molle NOTA: Nel rimuovere l’ingranaggio conduttore della distribuzione fare attenzione a non lasciar fuoriuscire e cadere le spine di centraggio e le molle e a non perderle. Cilindro posteriore NOTA: Per la rimozione degli ingranaggi della distribuzione del cilindro posteriore ripetere le procedure seguite per il cilindro anteriore, tenendo tuttavia presenti i punti sotto elencati. 1. Rimuovere:  gruppo rotore  spine di centraggio  molle  ingranaggio conduttore della distribuzione Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO”. EB401422

CONTROLLO DELLE CATENE DI DISTRIBUZIONE, DEI PIGNONI ALBERO A CAMME E DEI GUIDACATENA DI DISTRIBUZIONE La seguente procedura vale per tutte le catene di distribuzione, i pignoni albero a camme ed i guidacatena di distribuzione. 1. Controllare:  catena di distribuzione 1 Danni/rigidità  Sostituire la catena di distribuzione e i rispettivi pignoni albero a camme come un unico insieme. 2. Controllare:  pignone albero a camme Danni/usura  Sostituire come un unico insieme i rispettivi pignoni albero a camme e catena di distribuzione. 3. Controllare:  guidacatena di distribuzione (lato di scarico) 1  guidacatena di distribuzione (lato di aspirazione) 2 Danni/usura  Sostituire i componenti difettosi 4-35


I

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE

ENG

EAS00292

CONTROLLO DELLA CORONA PRIMARIA 1. Controllare:  corona di trasmissione primaria  ingranaggio condotto primario Danni/usura  Sostituire come un unico insieme la corona di trasmissione e l’ingranaggio condotto primari. Rumorosità eccessiva durante la marcia  Sostituire come un unico insieme la corona di trasmissione e l’ingranaggio condotto primari. 2. Controllare:  gioco libero tra corona di trasmissione e ingranaggio condotto primari Si riscontra gioco libero  Sostituire come un unico insieme la corona di trasmissione e l’ingranaggio condotto primari.

INSTALLAZIONE DEGLI INGRANAGGI CONDUTTORI DELLA DISTRIBUZIONE 1. Installare:  catena di distribuzione (sul pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione) NOTA: Per evitare che la catena distribuzione cada sul basamento, fissarla con del filo metallico. 2. Installare:  pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione  albero ingranaggio conduttore catena di distribuzione NOTA: Accertarsi che il pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione che reca stampigliato il contrassegno “2” venga installato sul cilindro posteriore e che il pignone che reca stampigliato il contrassegno “3” venga installato sul cilindro anteriore. 3. Installare:  piastra di arresto 1  bullone per piastra di arresto 10 Nm (1,0 mkg)

NOTA: Ruotare l’albero ingranaggio di comando catena di distribuzione sino a che la piastra di arresto non si inserisca correttamente nella scanalatura e quindi fissare la piastra con il relativo bullone. 4-36


I

INGRANAGGI DELLA DISTRIBUZIONE

ENG

Cilindro anteriore 1. Installare: (cilindro anteriore)  molle 1  spine di centraggio  ingranaggio conduttore della distribuzione 2 NOTA:  Inserire la spina indicata 3 nel foro del pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione e coniugare i denti degli ingranaggi.  Premere gli aggetti a dell’ingranaggio conduttore della distribuzione negli spazi b .  Allineare la punzonatura c sull’ingranaggio conduttore della distribuzione, la punzonatura d sul pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione con la cava per chiavetta e , come mostrato in figura. 2. Installare:  rondella ondulata  rondella di sicurezza 1 New  dado corona di trasmissione primaria 2 110 Nm (11,0 mkg)

NOTA: Mantenendo il rotore del generatore con il fermo per pulegge, serrare il dado corona di trasmissione primaria. 3. Rilasciare la linguetta di fermo della rondella di sicurezza lungo il lato piano del dado. Cilindro posteriore NOTA: Per l’installazione degli ingranaggi della distribuzione della testa cilindro posteriore, ripetere le procedure seguite per l’installazione degli ingranaggi della distribuzione della testa cilindro anteriore, tenendo tuttavia presente le indicazioni qui oltre riportate. 1. Installare:  molle  spine di centraggio  ingranaggio conduttore della distribuzione  gruppo rotore Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO”.

4-37


I

ENG

FRIZIONE

FRIZIONE COPERCHIO DESTRO DEL BASAMENTO

New

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione del coperchio destro della frizione

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Posizionare la motocicletta sul cavalletto su una superficie piana.

AVVERTENZA Supportare bene la motocicletta in modo da evitare rischi di ribaltamento. Olio motore

1 2 3 4 5

Vedere la sezione “SOSTITUZIONE DEL FILTRO DELL’OLIO” nel Capitolo 3.

Gruppo marmitta Tubi di scarico Pedale freno/Poggiapiedi Pompa del freno posteriore/staffa Piastra di copertura filtro dell’olio Coperchio filtro dell’olio O-ring Filtro dell’olio Coperchio destro del basamento

Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL MOTORE”. 1 1 3 1 1 4-38


I

ENG

FRIZIONE

New

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ  6 7

Spine di centraggio Guarnizione coperchio basamento

Note

2 1 Per lâ&#x20AC;&#x2122;installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-39


I

ENG

FRIZIONE

GRUPPO FRIZIONE

70 Nm (7,0 mkg)

8 Nm (0,8 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

Rimozione della frizione 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Note

Bulloni per molla frizione Piattello Molla a diaframma frizione Scodellino portamolla Piatto spingidischi Cuscinetto/puntalino corto di disinnesto Dischi conduttori Dischi condotti Anello elastico in filo metallico Disco condotto frizione Smorzatore Scodellino smorzatore Dado/rondella di sicurezza Tamburo interno frizione

6 1 1 1 1 1/1 6 5 1 1 1 1 1/1 1

4-40

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLA FRIZIONE”.

Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLA FRIZIONE”.


I

ENG

FRIZIONE

70 Nm (7,0 mkg)

8 Nm (0,8 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ  15 16 17

Note

1 1 1

Rondella di spinta Campana Puntalino lungo di disinnesto

Per lâ&#x20AC;&#x2122;installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-41


I

FRIZIONE

ENG

EAS00278

RIMOZIONE DELLA FRIZIONE 1. Raddrizzare la linguetta della rondella di sicurezza. 2. Allentare:  dado 1 tamburo interno frizione NOTA: Tenendo fermo il tamburo interno frizione 2 con il supporto universale per frizioni 3 , allentare il dado del tamburo.

Supporto universale per frizioni 90890-04086 3. Rimuovere:  dado tamburo interno frizione 1  rondella di sicurezza 2  tamburo interno frizione 3 NOTA: Tra il tamburo interno frizione 3 ed il disco condotto frizione 4 è inserito uno smorzatore. A meno che non si rilevino forti vibrazioni nella frizione, non sarĂ  necessario togliere lâ&#x20AC;&#x2122;anello elastico in filo metallico 5 e smontare lo smorzatore.

EAS00281

CONTROLLO DEI DISCHI CONDUTTORI La seguente procedura vale per tutti i dischi conduttori. 1. Controllare:  disco conduttore Danni/usura  Sostituire i dischi conduttori come un unico insieme. 2. Misurare:  lo spessore dei dischi conduttori Fuori specifiche  Sostituire i dischi conduttori come un unico insieme. NOTA: Misurare il disco conduttore in quattro diversi punti.

Spessore del disco conduttore 2,9  3,1 mm <Limite>: 2,8 mm

4-42


I

FRIZIONE

ENG

EAS00286

CONTROLLO DEL PIATTO SPINGIDISCHI 1. Controllare:  piatto spingidischi Incrinature/danni  Sostituire.  cuscinetto Danni/usura  Sostituire.

EAS00285

CONTROLLO DEL TAMBURO INTERNO FRIZIONE 1. Controllare:  scanalature tamburo interno Danni/vaiolature/usura  Sostituire il tamburo interno frizione. NOTA: La presenza di vaiolature nelle scanalature del tamburo interno induce difetti di funzionamento nella frizione. EAS00288

CONTROLLO DEI PUNTALINI DI DISINNESTO FRIZIONE 1. Controllare:  puntalino corto di disinnesto frizione 1  puntalino lungo di disinnesto frizione 2 Incrinature/danni/usura  Sostituire i componenti difettosi. 2. Misurare:  limite di flessione puntalino lungo di disinnesto frizione Fuori specifiche  Sostituire il puntalino lungo di disinnesto frizione. Limite di flessione puntalino lungo di disinnesto frizione 0,5 mm

4-43


I

FRIZIONE

ENG

EAS00281

CONTROLLO DEI DISCHI CONDOTTI FRIZIONE La seguente procedura vale per tutti i dischi condotti della frizione. 1. Controllare:  disco condotto frizione Danni  Sostituire i dischi condotti della frizione come un unico insieme.

2. Misurare:  grado di deformazione del disco condotto frizione (con un piano di riscontro e uno spessimetro 1 ) Fuori specifiche  Sostituire i dischi condotti della frizione come un unico insieme. Limite di deformazione del disco condotto frizione Inferiore a 0,1 mm EAS00283

CONTROLLO DELLE MOLLE, DEL PIATTELLO E DELLO SCODELLINO PORTAMOLLA FRIZIONE 1. Controllare:  piattello frizione Danni  Sostituire. 2. Controllare:  scodellino portamolla frizione Danni  Sostituire. 3. Misurare:  lunghezza libera molla frizione Fuori specifiche  Sostituire la molla frizione. Lunghezza libera molla frizione 7,2 mm <Limite>: 6,5 mm

EAS00284

CONTROLLO DELLA CAMPANA FRIZIONE 1. Controllare:  denti campana frizione Danni/vaiolature/usura  Sbavare i denti o sostituire la campana frizione. NOTA: La presenza di vaiolature nei denti della campana induce difetti di funzionamento nella frizione.

4-44


I

FRIZIONE

ENG

EAS00295

INSTALLAZIONE DELLA FRIZIONE 1. Installare:  campana frizione 1 NOTA:  Se è stato rimosso lâ&#x20AC;&#x2122;anello elastico 2 in filo metallico, installarne con attenzione uno nuovo come mostrato in figura.

2. Stringere:  rondella di sicurezza New  dado tamburo interno frizione 1 70 Nm (7,0 mkg)

NOTA: Tenendo fermo il tamburo interno frizione con il supporto universale per frizioni 2 , serrare il dado del tamburo.

Supporto universale per frizioni 90890-04086 3. Piegare la linguetta della rondella di sicurezza sul piano per chiave del dado. 4. Lubrificare:  puntalino lungo di disinnesto frizione  puntalino corto di disinnesto frizione (con lubrificante del tipo raccomandato) Lubrificante raccomandato Grasso a base di sapone al litio 5. Lubrificare:  dischi conduttori  dischi condotti (con lubrificante raccomandato) Lubrificante raccomandato Olio motore 6. Installare:  dischi conduttori  dischi condotti  puntalino lungo di disinnesto frizione  puntalino corto di disinnesto frizione  cuscinetto  rondella

4-45


I

FRIZIONE

ENG

NOTA: Assicurarsi che la scanalatura semicircolare a nel disco conduttore risulti allineata con il contrassegno b sulla campana frizione.

7. Installare:  piatto spingidischi  scodellino portamolla  molla (a diaframma) frizione 1  piattello 2  bulloni per molle frizione 3 NOTA: Serrare o bulloni per molle frizione in pi첫 passate e secondo uno schema incrociato.

Bullone per molla frizione 8 Nm (0,8 mkg)

4-46


I

ENG

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO BOBINA STATORE E BOBINA DI CAPTAZIONE

7 Nm (0,7 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE”, nel Capitolo 3.

Rimozione della bobina statore Olio motore

1 2 3 4 5

Note

Coperchio laterale sinistro Cavo magnete in c.a. / cavo captatore/ cavo interruttore cavalletto laterale Poggiapiedi/pedale del cambio Cavalletto laterale Coperchio di regolazione frizione/cavo frizione Coperchio sinistro del basamento Spine di centraggio Guarnizione Bobina statore Bobina di captazione

Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL MOTORE”.

1 2 1 1 1 Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-47


I

ENG

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

12 Nm (1,2 mkg)

175 Nm (17,5 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Rimozione del generatore e della ruota libera motorino di avviamento Rotore Spine di centraggio Molle Linguetta Alberino Pignone folle motorino di avviamento Anello elastico Pignone conduttore ruota libera motorino di avviamento Gruppo ruota libera motorino di avviamento

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 6 6 1 1 1 1 1 1

Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL GENERATORE”.

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEL GENERATORE”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-48


I

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

ENG

EAS00347

RIMOZIONE DEL GENERATORE 1. Togliere:  coperchio pignone albero a camme  coperchi punterie Vedere la sezione “TESTA CILINDRO POSTERIORE”.

2. Allineare:  Il contrassegno a “T” a (con il riferimento stazionario b ) a. Installare provvisoriamente il coperchio magnete in c.a. senza la bobina di captazione e quella dello statore. b. Ruotare in senso orario l’albero motore. c. Allineare il contrassegno a “T” a con il riferimento stazionario b sul coperchio basamento (lato sinistro) quando il pistone posteriore si trova al PMS della fase di compressione. d. Verificare che il pistone posteriore si trovi al PMS della fase di compressione. e. Il pistone posteriore si troverà al PMS della fase di compressione quando vi sarà gioco su entrambi i bilancieri. In caso contrario, ruotare di un giro completo in senso orario l’albero motore. f. Una volta allineato il contrassegno a “T” al riferimento stazionario, la punzonatura c sul pignone albero a camme dovrà risultare allineata con il riferimento stazionario d sulla testa cilindro. 3. Togliere:  dado rotore generatore 1  rondella NOTA:  Tenendo fermo il rotore generatore 2 con il supporto puleggia 3 , allentare i dado del rotore.  Evitare che il supporto puleggia entri a contatto con l’aggetto sul rotore del generatore.

Supporto puleggia 90890-01701 4. Rimuovere:  rotore generatore 1 (con il gruppo estrattore volano 2 e l’adattatore 3)  linguetta

4-49


I

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

ENG

NOTA:  Togliere il rotore spingendolo all’indietro con l’estrattore volano 2 ed il relativo adattatore 3 .  Installare i bulloni per l’estrattore volano e stringere il bullone centrale, accertandosi che il corpo dell’attrezzo rimanga parallelo al rotore. Se necessario, allentare leggermente un bullone di fissaggio per riallineare correttamente l’attrezzo.  Una volta rimosso il rotore, fare attenzione a non lasciar fuoriuscire e cadere le spine di centraggio e le molle e a non perderle.

Supporto puleggia 90890-01701 Estrattore volano 90890-01362 Adattatore: 90890-04131

EAS00349

CONTROLLO DELLA RUOTA LIBERA DEL MOTORINO DI AVVIAMENTO 1. Controllare:  pignone folle 1 del motorino di avviamento  pignone conduttore 2 del motorino di avviamento Bave/scheggiature /rugosità/usura  Sostituire i componenti difettosi. 2. Controllare:  funzionamento ruota libera motorino di avviamento a. Ruotando il pignone conduttore del motorino di avviamento in senso antiorario b , la ruota libera ed il pignone conduttore si devono innestare. Se non si innestano, significa che la ruota libera è difettosa e deve pertanto essere sostituita. b. Quando ruotato in senso orario a , il pignone conduttore del motorino di avviamento deve girare liberamente. Se non gira liberamente, significa che la ruota libera è difettosa e deve pertanto essere sostituita.

4-50


I

GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO

ENG

INSTALLAZIONE DEL GENERATORE 1. Installare:  gruppo ruota libera motorino di avviamento NOTA: Allineare il foro a sull’alloggiamento ruota libera con il foro b sul rotore.

Bullone di fissaggio ruota libera motorino di avviamento: 12 Nm (1,2 mkg) LOCTITE 2. Installare:  ingranaggio conduttore della distribuzione 1  molle 2  spine di centraggio 3 NOTA:  Allineare la punzonatura a sull’ingranaggio conduttore della distribuzione con la chiavetta b .  Premere gli aggetti c dell’ingranaggio conduttore della distribuzione negli spazi d .

3. Installare:  gruppo rotore NOTA:  Inserire la spina indicata 1 nel foro del pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione e coniugare i denti degli ingranaggi.  Allineare la punzonatura a sull’ingranaggio conduttore della distribuzione 2 , la punzonatura b sul pignone ingranaggio conduttore catena di distribuzione con la cava per chiavetta c , come mostrato in figura.  Nell’installare il rotore, accertarsi che la linguetta venga inserita correttamente in sede nella rispettiva cava sull’albero motore. 4. Stringere  dado (rotore) 1

175 Nm (17,5 mkg)

NOTA: Serrare il dado rotore 1 mentre si tiene fermo il rotore magnetico con un supporto per pulegge 2 .

Supporto puleggia: 90890-01701 4-51


I

GENERATORE E RUOTA FOLLE MOTORINO DI AVVIAMENTO

ENG

4. Controllare:  PMS nella fase di compressione In caso di mancato allineamento dei contrassegni  Registrare. a. Allineare il contrassegno a “T” a con il riferimento stazionario b sul coperchio sinistro basamento. b. Una volta allineato il contrassegno a “T” al riferimento stazionario, la punzonatura c sul pignone albero a camme dovrà risultare allineata con il riferimento stazionario d sulla testa cilindro.

4-52


I

ENG

ALBERO SELETTORE

ALBERO SELETTORE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “SOSTITUZIONE DELL’OLIO MOTORE”, nel Capitolo 3. Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA FOLLE MOTORINO DI AVVIAMENTO”.

Rimozione dell’albero selettore e della leva di arresto Olio motore

1 2 3 4 5 6

Coperchio sinistro basamento Gruppo rotore Albero selettore Anello elastico Molla di torsione (leva di arresto) Leva di arresto Anello elastico Molla di torsione (albero selettore)

Note

1 1 1 1 1 1

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELL’ALBERO SELETTORE”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-53


I

ALBERO SELETTORE

ENG

EAS00328

CONTROLLO DELL’ALBERO SELETTORE 1. Controllare:  albero selettore 1  leva d’innesto 2 Piegature/danni/usura  Sostituire.  molla leva di innesto 3 Danni/usura  Sostituire.

EB408410

CONTROLLO DELLA LEVA DI ARRESTO 1. Controllare:  leva di arresto Piegature/danni  Sostituire Difficoltà di rotazione rullo  Sostituire la leva di arresto.

EAS00331

INSTALLAZIONE DELL’ALBERO SELETTORE 1. Installare:  leva di arresto 1  molla per leva di arresto 2  leva d’innesto 3 NOTA:  Agganciare le estremità della molla della leva di arresto sulla leva di arresto stessa e sulla sporgenza del basamento.  Ingranare la leva di arresto sul gruppo segmenti del tamburo selettore.

4-54


I

ENG

POMPA DELL’OLIO

POMPA DELL’OLIO

10 Nm (1,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg)

12 Nm (1,2 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA FOLLE MOTORINO DI AVVIAMENTO”. Vedere la sezione “FRIZIONE”.

Rimozione della pompa dell’olio Gruppo rotore

1 2 3 4 5

Coperchio basamento (lato destro) Coperchio ingranaggio condotto Ingranaggio condotto (pompa olio) / Catena di trascinamento pompa olio Gruppo pompa dell’olio O-ring /spina di centraggio Tubo di mandata olio

Note

1 1/1 1 2/1 1 Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-55


I

ENG

POMPA DELL’OLIO

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

Smontaggio della pompa dell’olio 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Note

1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 1 1

Coperchio pompa dell’olio Corpo filtro pompa dell’olio Rotore pompa dell’olio (interno) Rotore pompa dell’olio (esterno) Spina Carcassa pompa dell’olio Rotore pompa dell’olio (interno) Rotore pompa dell’olio (esterno) Spina Spine di centraggio Alberino pompa dell’olio Rondella Anello elastico Filtro a rete

Vedere la sezione “MONTAGGIO DELLA POMPA DELL’OLIO”.

Vedere la sezione “MONTAGGIO DELLA POMPA DELL’OLIO”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione. 4-56


I

POMPA DELL’OLIO

ENG

EAS00364

CONTROLLO DELLA POMPA DELL’OLIO 1. Controllare:  ingranaggio condotto pompa olio  carcassa della pompa olio  coperchio ingranaggio condotto pompa olio Incrinature/danni/usura  Sostituire i componenti difettosi. 2. Misurare:  gioco di estremità tra rotore interno e rotore esterno a  gioco laterale tra rotore esterno e carcassa pompa b  gioco tra carcassa pompa, rotore interno e rotore esterno c Fuori specifiche  Sostituire la pompa dell’olio. 1 Rotore interno 2 Rotore esterno 3 Carcassa pompa olio Gioco di estremità tra rotore interno e rotore esterno 0,03  0,09 mm <Limite>: 0,15 mm Gioco laterale tra rotore esterno e carcassa pompa 0,03  0,08 mm <Limite>: 0,15 mm Gioco tra carcassa pompa, rotore interno e rotore esterno 0,03  0,08 mm <Limite>: 0,15 mm EAS00367

CONTROLLO DEI TUBI DI MANDATA OLIO La seguente procedura vale per tutti i condotti di mandata dell’olio. 1. Controllare:  tubi di mandata olio 1 Danni  Sostituire Ostruzioni  Lavare e pulire con aria compressa. EAS00368

CONTROLLO DEL FILTRO A RETE DELL’OLIO 1. Controllare:  filtro a rete dell’olio 1 Danni  Sostituire. Agenti contaminanti  Pulire con olio motore.

4-57


I

POMPA DELL’OLIO

ENG

EAS00376

MONTAGGIO DELLA POMPA DELL’OLIO 1. Montare:  pompa dell’olio 10 Nm (1.0 mkg)

ATTENZIONE: Dopo aver stretto i bulloni, assicurarsi che la pompa dell’olio ruoti senza impedimenti. NOTA: Allineare la spina a con le cave b del rotore interno.

4-58


I

ENG

ALBERO MOTORE E BIELLE

ALBERO MOTORE E BIELLE BASAMENTO

38,5 Nm (3,85 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

20 Nm (2,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL MOTORE”. Vedere la sezione “TESTE CILINDRI”. Vedere la sezione “CILINDRI E PISTONI”. Vedere la sezione “FRIZIONE”. Vedere la sezione “GENERATORE E RUOTA LIBERA MOTORINO DI AVVIAMENTO”. Vedere la sezione “ALBERO SELETTORE”. Vedere la sezione “POMPA DELL’OLIO”.

Rimozione del gruppo albero motore Gruppo motore

1 2 3

Testa cilindro Cilindro e pistone Gruppo frizione Magnete in c.a. e ruota libera motorino di avviamento Albero selettore Gruppo pompa dell’olio Indicatore di livello dell’olio Interruttore di folle Piastra di arresto albero selettore

1 1 1

4

Basamento (lato destro)

1

5 6

Spine di centraggio Valvola di massima

3 1

Vedere la sezione “MONTAGGIO DEL BASAMENTO”. Vedere la sezione “MONTAGGIO/ SMONTAGGIO DEL BASAMENTO”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-59


I

ENG

ALBERO MOTORE E BIELLE

ALBERO MOTORE E BIELLE

48 Nm (4,8 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione albero motore e biella 1

Gruppo albero motore

1

2 3 4 5 6 7 8

Pignone conduttore pompa olio Cuscinetto Dadi (cappelli di biella) Bulloni di biella Bielle Cappelli di biella Semicuscinetti

1 1 4 4 2 2 4

4-60

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELL’ALBERO MOTORE”.

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELL’ALBERO MOTORE”. Vedere la sezione “RIMOZIONE DELLE BIELLE / INSTALLAZIONE DELL’ALBERO MOTORE”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

EAS00386

A

SMONTAGGIO DEL BASAMENTO 1. Rimuovere:  bulloni del basamento NOTA:  Allentare ciascun bullone di 1/4 di giro alla volta, con passate successive e secondo uno schema incrociato. Dopo che tutti i bulloni sono stati allentati, rimuoverli.  Allentare i bulloni in ordine numerico decrescente (facendo riferimento ai numeri riportati nellâ&#x20AC;&#x2122;illustrazione).

B

A Lato destro basamento B Lato sinistro basamento

2. Togliere:  lato destro del basamento NOTA: Per la rimozione, si potrĂ  inserire nel basamento un cacciavite a nel modo mostrato in figura.

ATTENZIONE: Picchiettare su un lato del basamento con un mazzuolo in materiale morbido. Picchiettare solo sulle parti rinforzate del basamento, non sulle superfici di accoppiamento. Lavorare lentamente e con attenzione, assicurandosi che le due metĂ  del basamento si separino in modo uniforme.

4-61


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

EB412111

RIMOZIONE DELL’ALBERO MOTORE 1. Togliere:  gruppo albero motore 1 NOTA:  Rimuovere il gruppo albero motore avvalendosi dell’apposito attrezzo separatore 2 .  Assicurarsi che l’attrezzo separatore sia centrato rispetto al gruppo albero motore.

Attrezzo separatore per albero motore 90890-01135 EB412121

RIMOZIONE DELLE BIELLE 1. Rimuovere:  bielle 1  semicuscinetti di biella NOTA: Contrassegnare la posizione di montaggio di ciascun semicuscinetto di biella in modo da poterlo reinstallare nella posizione originale. EB413404

CONTROLLO DELL’ALBERO MOTORE E DELLE BIELLE 1. Misurare:  eccentricità albero motore Fuori specifiche  Sostituire l’albero motore Eccentricità dell’albero motore Inferiore a 0,02 mm 2. Controllare:  superfici perni di banco albero motore  superfici dei perni di biella  superfici dei semicuscinetti Graffi/usura  Sostituire l’albero motore. 3. Misurare:  gioco tra perno e cuscinetto di biella Fuori specifiche  Sostituire i cuscinetti di biella. Gioco tra perno e cuscinetto di biella 0,044  0,073 mm La seguente procedura vale per tutte le bielle.

4-62


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

ATTENZIONE: Non scambiare i cuscinetti di biella. Per ottenere il corretto gioco tra perni e cuscinetti di biella e prevenire possibili danni al motore, i cuscinetti devono essere installati nelle rispettive posizioni originali. a. Pulire i cuscinetti ed i perni di biella e le rispettivi superfici di appoggio sulla testa di biella. b. Installare il semicuscinetto superiore di biella nella testa di biella ed il semicuscinetto inferiore di biella nel cappello. NOTA: Allineare le sporgenze a dei cuscinetti di biella con le tacche b sulla biella e sul cappello di biella. c. Mettere un pezzo di Plastigauge 1 sul perno di biella. d. Assemblare i due elementi della testa di biella. NOTA:  Non muovere la biella o l’albero motore fino a misurazione del gioco ultimata.  Applicare del grasso al bisolfuro di molibdeno sui bulloni, le filettature e le sedi dei dadi.  Assicurarsi che il contrassegno “Y” 2 sulla biella sia rivolto verso il lato sinistro dell’albero motore.  Assicurarsi che i caratteri 3 sulla biella e sul cappello di biella siano allineati. e. Stringere i dadi della biella.

ATTENZIONE:  Per il serraggio dei dadi di biella avvalersi di una chiave dinamometrica ad F.  Senza interruzioni, serrare i dadi di biella alla coppia prescritta. Serrare di continuo nel portarsi dai 4,3 ai 4,8 mkg. Una volta raggiunta la coppia di 4,3 mkg NON INTERROMPERE L’OPERAZIONE DI SERRAGGIO sino a che non si raggiunga il valore prescritto di coppia. Se si interrompe l’operazione di serraggio tra i 4,3 e i 4,8 mkg, allentare il dado di biella sino a portarlo di nuovo alla coppia di 4,3 mkg e ripetere l’operazione di serraggio senza interruzioni.

4-63


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

Vedere “INSTALLAZIONE DELLE BIELLE”. Dado biella 48 Nm (4,8 mSkg) f. Rimuovere la biella e i semicuscinetti di biella. Vedere “RIMOZIONE DELLE BIELLE”. g. Misurare la larghezza 1 del PlastigaugeR compresso su ogni perno di biella. Se il gioco è fuori specifiche, selezionare dei cuscinetti di biella sostitutivi. 4. Selezionare: S cuscinetti di biella (P1, P2) NOTA: S I numeri 1 stampigliati sul braccio di manovella e i numeri 2 stampigliati sulle bielle servono per determinare le dimensioni dei semicuscinetti di biella di ricambio. S I numeri “P1,P2” fanno riferimento ai cuscinetti mostrati nell’illustrazione dell’albero motore.

Ad esempio, se i numeri “P1” sulla biella ed i numeri “P1” sul braccio di manovella sono rispettivamente “4” e “1” , la dimensione del cuscinetto “P1” sarà: Dimensione cuscinetto P1: “P1” (biella ) – “P1” (braccio manovella) = 4 – 1 = 3 (marrone)

Semicuscinetto inferiore cilindro posteriore / semicuscinetto superiore e inferiore cilindro anteriore. CODICE COLORE SEMICUSCINETTI 1 blu 2 nero 3 marrone 4 verde 5 giallo Semicuscinetto superiore cilindro posteriore CODICE COLORE SEMICUSCINETTI 1 nero 2 3 marrone 4 verde 5

4-64


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

EB412440

CONTROLLO DEI CUSCINETTI E DEI PARAOLI 1. Controllare:  cuscinetti Pulire e lubrificare i cuscinetti, quindi ruotarne la pista interna con la mano Rigidità di movimento  Sostituire. 2. Controllare:  paraoli Danni/usura  Sostituire. INSTALLAZIONE DELL’ALBERO MOTORE 3. Installare:  cuscinetti di biella 1 NOTA:  Allineare l’aggetto a dei semicuscinetti della testa di biella con le tacche b del cappello di biella.  Installare ogni cuscinetto sulla rispettiva posizione originaria.

4. Installare:  bielle 1 NOTA:  Assicurarsi che il contrassegno “Y” a sulla biella sia rivolto verso il lato sinistro basamento.  Installare ogni biella nella rispettiva posizione originaria.

5. Installare:  cappello di biella 1 NOTA: Assicurarsi che i caratteri a sulla biella e sul cappello di biella siano allineati.

6. Stringere:  dadi (cappello di biella) 48 Nm (4,8 mkg)

NOTA: Applicare grasso al bisolfuro di molibdeno sulle filettature dei dadi e dei bulloni di fissaggio dei cappelli di biella.

4-65


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

ATTENZIONE: S Per il serraggio dei dadi avvalersi di una chiave dinamometrica ad F. S Senza interruzioni, serrare alla coppia prescritta. Serrare di continuo nel portarsi dai 4,3 ai 4,8 mSkg. Una volta raggiunta la coppia di 4,3 mSkg NON INTERROMPERE L’OPERAZIONE DI SERRAGGIO sino a che non si raggiunga il valore prescritto di coppia. Se si interrompe l’operazione di serraggio tra i 4,3 e i 4,8 mSkg, allentare il dado sino a portarlo di nuovo alla coppia di 4,3 mSkg e ripetere l’operazione di serraggio senza interruzioni. 7. Installare: S attrezzo installatore per albero motore NOTA: Fissare il distanziale alla pista interna del cuscinetto.

Manicotto attrezzo installatore albero motore 1 90890-01274 Bullone attrezzo installatore albero motore 2 90890-01275 Adattatore 3 90890-04130 Distanziale 4 90890-04060 8. Installare: S albero motore 1 NOTA: Allineare la biella di sinistra con il foro per manicotto cilindro posteriore. ASSEMBLAGGIO DEL BASAMENTO 1. Applicare: S olio motore (sui cuscinetti di banco) S sigillante (sulle superfici di accoppiamento del basamento) Sigillante Yamaha Bond N_. 1215 90890-85505

4-66


I

ALBERO MOTORE E BIELLE

ENG

2. Stringere:  bulloni basamento (osservando la prescritta sequenza di serraggio) NOTA: I numeri stampigliati in rilievo sul basamento indicano la sequenza di serraggio dello stesso. 4 X 6 (M10) 1 X 3 , 7 X 19 (M6)

38,5 Nm (3,85 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

NOTA:  Stendere un velo di olio motore sui filetti dei bulloni.  Serrare i bulloni in ordine numerico crescente. M6

30 mm

M6 30 mm (cromati)

1 X 3 , 10 X 14 , 17 X 19 15

, 16

M6

55 mm

M6

80 mm

M10

60 mm

5

M10

70 mm

4

M10

100 mm

6

8 7

, 9

19 : con cavo di massa motore

3. Installare:  piastra di arresto albero selettore 1 NOTA: Installare la piastra di arresto albero selettore come mostrato in figura.

4-67


I

ENG

TRASMISSIONE

TRASMISSIONE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “ALBERO MOTORE”.

Rimozione della trasmissione

1 2 3 4 5 6 7 8

Note

Smontaggio del basamento Asta per forcelle Forcella di innesto 1 R Forcella di innesto 2 C Forcella di innesto 3 L Tamburo selettore Gruppo albero primario Gruppo albero secondario Ingranaggio intermedio di rinvio

1 1 1 1 1 1 1 1

Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DELLA TRASMISSIONE”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.

4-68


I

TRASMISSIONE

ENG

EAS00421

CONTROLLO DELLE FORCELLE DI INNESTO La seguente procedura vale per tutte le forcelle del cambio e i relativi componenti. 1. Controllare:  rullo di punteria della forcella del cambio 1  denti di presa della forcella del cambio 2 Deformazioni/danni/rigature/usura  Sostituire la forcella di innesto 2. Controllare:  asta per forcelle Far rotolare l’asta di guida su una superficie piana. Asta piegata  Sostituire.

AVVERTENZA Se piegata, non si tenti di raddrizzare l’asta per forcelle.

3. Controllare:  il movimento delle forcelle d’innesto (montate sulla relativa asta) Rigidità di movimento  Sostituire la forcella di innesto e la relativa asta come un unico insieme.

EAS00422

CONTROLLO DEL GRUPPO TAMBURO SELETTORE 1. Controllare:  scanalature tamburo selettore Danni/graffi/usura  Sostituire il tamburo selettore  segmento 1 tamburo selettore Danni/usura  Sostituire.  cuscinetto 2 tamburo selettore Danni/vaiolature  Sostituire.

4-69


I

TRASMISSIONE

ENG

EAS00424

CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE 1. Misurare:  grado di eccentricità albero primario (con un dispositivo di centraggio e un comparatore) Fuori specifiche  Sostituire l’albero primario. Limite di eccentricità dell’albero primario 0,08 mm 2. Misurare:  grado di eccentricità dell’albero secondario (con un dispositivo di centraggio e un comparatore) Fuori specifiche  Sostituire l’albero secondario. Limite di eccentricità albero secondario 0,08 mm 3. Controllare:  rotismi della trasmissione Scolorimento/vaiolature/usura  Sostituire gli ingranaggi difettosi.  i denti dei rotismi della trasmissione Incrinature/danni/bordi smussati  Sostituire gli ingranaggi difettosi.

4. Controllare:  Rigidità di movimento  Sostituire i componenti difettosi. 5. Controllare:  rondelle Danni/piegature/laschità  Sostituire.

6. Controllare:  cuscinetti Non scorrevoli  Sostituire

4-70


I

TRASMISSIONE

ENG

EAS00430

INSTALLAZIONE DELLA TRASMISSIONE 1. Installare:  gruppo tamburo selettore NOTA: Ruotare il gruppo tamburo selettore sulla posizione di folle.

2. Installare:  gruppo albero primario 1  gruppo albero secondario 2  forcella d’innesto L 3  forcella d’innesto C 4  forcella d’innesto R 5  aste per forcella 6 NOTA:  I contrassegni in risalto sulle forcelle d’innesto dovranno essere rivolti verso il lato destro motore e disposti nella seguente sequenza: “R”, “C”, “L”.  Nell’installare l’ingranaggio intermedio di rinvio 7 , allinearlo con la lamatura a dell’asta per forcelle.

AVVERTENZA Installare sempre anelli elastici sostitutivi. 3. Controllare:  trasmissione Rigidità di movimento  Riparare NOTA: Lubrificare accuratamente con olio tutti gli ingranaggi, gli alberi ed i cuscinetti.

4-71


I

ENG

INGRANAGGIO INTERMEDIO

INGRANAGGIO INTERMEDIO PIGNONE CONDUTTORE INTERMEDIO

110 Nm (11,0 mkg)

110 Nm (11,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione del pignone conduttore intermedio Smontare il basamento

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “ALBERO MOTORE E BIELLA”. Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO/INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO”.

1

Anello di fermo cuscinetto

1

2 3 4 5 6 7 8 9

Segmenti di fermo molla Scodellino di appoggio molla Molla smorzatore Camme smorzatore Dado Cuscinetto Spessori Albero pignone conduttore intermedio

2 1 1 2 1 1 1 1

Vedere la sezione “SMONTAGGIO/ MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO”.

Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione. 4-72


I

ENG

INGRANAGGIO INTERMEDIO

PIGNONE CONDOTTO INTERMEDIO

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5

Rimozione del pignone condotto intermedio Bulloni Anelli elastici Cuscinetti Forcella condotta Dado

3 2 2 1 1

6

Forcella conduttrice

1

7 8 9

Piastra portacuscinetto/O-ring Rondelle Collarino

1/1 3 1 4-73

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO/INSTALLAZIONE DEL GIUNTO CARDANICO”. Vedere la sezione “RIMOZIONE DELL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO/INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO”. Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO”.


I

ENG

INGRANAGGIO INTERMEDIO

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 10 11

Collarino collassabile Albero condotto intermedio

1 1

12 13 14

Paraolio Cuscinetto Cuscinetto

1 1

4-74

Note Vedere la sezione “INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO”. Vedere la sezione “MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO”. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione.


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO 1. Togliere:  anello di fermo cuscinetto  gruppo albero conduttore intermedio a. Raddrizzare la filettatura sull’anello di fermo cuscinetto. b. Fissare la chiave per anelli di fermo cuscinetto 1. Chiave per anelli di fermo cuscinetto: 90890-04137 c. Togliere l’anello di fermo cuscinetto ed il gruppo albero conduttore intermedio. SMONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO 1. Togliere:  segmenti di fermo molla 1 NOTA: Togliere i segmenti di fermo mentre si comprime la molla con l’apposito compressore per molle smorzatore 2 .

Compressore per molle smorzatore 90890-04090 2. Raddrizzare la filettatura sul dato albero conduttore intermedio. 3. Togliere:  dado albero conduttore intermedio 1  cuscinetto 2  albero conduttore intermedio 3 a. Fissare il supporto 4 sull’albero conduttore intermedio come mostrato in figura. Supporto albero conduttore intermedio 90890-04055 b. Serrare in morsa il supporto albero conduttore intermedio. c. Allentare con l’apposita chiave 5 il dado dell’albero conduttore intermedio. Chiave per dado albero conduttore intermedio 90890-04138 d. Togliere il dado albero conduttore intermedio ed il cuscinetto. 4-75


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

RIMOZIONE DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO 1. Togliere:  giunto cardanico a. Togliere gli anelli elastici 1 . b. Collocare in una pressa il giunto cardanico. c. Con uno spezzone di tubo di diametro adeguato posizionato tra la forcella condotta del giunto cardanico nel modo illustrato in figura, calettare il cuscinetto nel tubo per estrarlo. NOTA: Per l’operazione potrà essere necessario colpire leggermente la forcella condotta del giunto. d. Ripetere le procedure sopra riportate per estrarre il cuscinetto sul lato opposto. e. Separare le forcelle giunto cardanico. 2. Allentare:  dado albero condotto intermedio 1 NOTA: Allentare il dado albero condotto intermedio 2 tenendo ferma con l’apposito supporto 3 la forcella condotta del giunto cardanico.

Supporto per giunto cardanico 90890-04062

EAS00438

CONTROLLO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO 1. Controllare:  superficie camma smorzatore Graffi/usura  Sostituire la camma smorzatore 2. Controllare:  molla Incrinature/danni  Sostituire EAS00439

CONTROLLO DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO 1. Controllare:  ingranaggio conduttore intermedio 1  ingranaggio condotto intermedio 2 Scheggiature/vaiolature/usura  Sostituire il gruppo albero condotto intermedio. 2. Controllare:  cuscinetti Danni/vaiolature  Sostituire il gruppo piastra portacuscinetto albero conduttore intermedio.

4-76


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

3. Controllare:  O-ring  paraolio Danni  Sostituire i componenti difettosi. 4. Controllare:  movimento giunto cardanico RigiditĂ  di movimento  Sostituire il giunto cardanico

EAS00441

MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDUTTORE INTERMEDIO 1. Stringere:  dado albero conduttore intermedio 1 110 Nm (11,0 mkg)

NOTA:  Posizionare la chiave dinamometrica ortogonalmente alla chiave di serraggio del dado albero conduttore intermedio 2 .  Bloccare i filetti del dado albero conduttore intermedio fermandoli con un bulino.

Chiave per dado albero conduttore intermedio 2 90890-04138 Supporto per albero conduttore intermedio 3 90890-04055 2. Installare:  segmenti di fermo molla 1 NOTA: Installare i segmenti di fermo mentre si comprime la molla con lâ&#x20AC;&#x2122;apposito compressore per molle smorzatore 2 .

Compressore per molle smorzatore 90890-04090

4-77


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

MONTAGGIO DEL GRUPPO ALBERO CONDOTTO INTERMEDIO NOTA: Le seguenti istruzioni procedurali sono di importanza cruciale ai fini del corretto montaggio degli ingranaggi intermedi:  Il collarino collassabile deve essere sostituito ogni volta che si rimuoverà il gruppo albero condotto intermedio dalla relativa piastra portacuscinetto.  Nell’eseguire la presente procedura per la prima volta, accertarsi di avere a disposizione almeno un ulteriore collarino collassabile di ricambio. 1. Installare:  pista esterna cuscinetto (nella piastra portacuscinetto dell’albero condotto intermedio)

AVVERTENZA Non premere sulla pista esterna del cuscinetto. In fase di installazione, premere sempre con cautela sulla pista interna del cuscinetto. 2. Installare:  dado albero condotto intermedio NOTA: Stringere per il momento solamente a mano il dado.

INSTALLAZIONE DEL GRUPPO INGRANAGGIO INTERMEDIO E REGISTRAZIONE DEL GIOCO DI LAVORO NOTA: Nell’installare il gruppo ingranaggio intermedio, si abbia cura di sostituire i seguenti componenti: - collarino collassabile.

1. Installare:  gruppo albero condotto intermedio 1 25 Nm (2,5 mkg)

4-78


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

2. Installare:  spessore  gruppo albero conduttore intermedio

3. Installare:  anello di fermo cuscinetto Procedure di installazione:  fissare la chiave per anelli di fermo cuscinetto 1 Chiave per anelli di fermo cuscinetto: 90890-04137  Serrare l’anello di fermo cuscinetto. Anello di fermo cuscinetto 110 Nm (11,0 mkg)  Bloccare i filetti dell’anello di fermo cuscinetto fermandoli con un bulino. 4. Registrare:  gioco di lavoro ingranaggio intermedio Gioco di lavoro ingranaggio intermedio 0,1  0,2 mm a. Installare il supporto per giunto cardanico 1 e la fascetta di registrazione gioco dell’ingranaggio intermedio 2 come illustrato in figura. Supporto per giunto cardanico 90890-04062 Fascetta registrazione gioco ingranaggio intermedio 90890-01231 b. Accertarsi che il puntalino del comparatore sia posizionato sulla fascetta come mostrato in figura. a Punto di contatto per il puntalino comparatore: 68,2 mm. c. Togliere il dado pignone condotto intermedio e applicarvi sopra della LOCTITE. d. Reinstallare il dado pignone condotto intermedio. e. Mentre si misura il gioco di lavoro dell’ingranaggio intermedio, serrare il dado del pignone condotto intermedio sino a far rientrare il gioco a specifiche. 4-79


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

ATTENZIONE: Non serrare eccessivamente il dado pignone condotto intermedio. In caso contrario, si dovrà sostituire il collarino collassabile e procedere di nuovo alla registrazione del gioco di lavoro. f. Puntellare il filetto dell’albero pignone condotto intermedio. INSTALLAZIONE DEL GIUNTO CARDANICO 4. Installare:  forcella condotta giunto cardanico/crociera 1 (nella forcella conduttrice giunto cardanico)

ATTENZIONE: Onde evitare di deformare il collarino collassabile, non colpire con un martello la forcella conduttrice del giunto cardanico. In caso contrario si varierebbe l’entità del momento torcente standard e sarebbe pertanto necessario provvedere alla sostituzione del collarino collassabile ed al rimontaggio dell’albero condotto intermedio. 2. Installare:  cuscinetti 2 (sulla forcella condotta del giunto cardanico/crociera)

ATTENZIONE: Dal momento in cui i rullini possono facilmente uscire dalle piste, controllare con cura ogni cuscinetto. Far scorrere avanti ed indietro sui cuscinetti il gruppo forcella condotta giunto cardanico. Se un rullino esce di posizione, la forcella non potrà scorrere completamente sui cuscinetti. 3. Calettare ogni cuscinetto sul gruppo forcella condotta giunto cardanico avvalendosi di una chiave a tubo di idonee dimensioni. NOTA: Inserire i cuscinetti nel gruppo forcella condotta giunto cardanico per quanto necessario a consentire l’installazione degli anelli elastici 3 .

4-80


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

EAS00452

ALLINEAMENTO DELL’INGRANAGGIO INTERMEDIO NOTA: In caso di sostituzione dei seguenti componenti si dovrà procedere all’allineamento dell’ingranaggio intermedio:  basamento  albero conduttore intermedio 1. Selezionare:  spessore (o spessori) ingranaggio conduttore intermedio 1 NOTA: Selezionare lo spessore (o gli spessori) per l’ingranaggio conduttore intermedio 1 calcolando la misura dello spessore per ingranaggio conduttore intermedio e quindi misurando il gioco di lavoro di tale ingranaggio.

a. Posizionare l’ingranaggio conduttore intermedio con l’idoneo spessore (o gli spessori) 1 della misura calcolata ricavandola dalle informazioni contrassegnate sul basamento e sull’estremità dell’ingranaggio conduttore intermedio. b. Per estrapolare la misura “A” dello spessore per ingranaggio conduttore intermedio avvalersi della seguente formula: Misura per spessore ingranaggio conduttore intermedio “A” = a – c a = “43,00” b = un numero sul lato superiore basamento in prossimità dei numeri di selezione dei cuscinetti di banco e che viene aggiunto alla misura nominale 42. Esempio: a è pari a 43,00 Se il lato superiore basamento reca il contrassegno “46” b c è pari a 42,46 (e cioè 42,00 + 0,46 = 42,46) “A” = 43,00 – 42,46 = 0,54 Arrotondare il valore centesimale e selezionare lo spessore della misura adeguata. NOTA: Nell’esempio sopra riportato, il numero calcolato è pari a 0,54. La tabella indica di arrotondare in tal caso il valore centesimale 4 a 5, dando di conseguenza la misura spessore di 0,55 mm.

4-81


I

INGRANAGGIO INTERMEDIO

ENG

Centinaia

Valore arrotondato

0, 1, 2

0

3, 4, 5, 6

5

7, 8, 9

10

Sono disponibili spessori delle seguenti misure. Spessore pignone conduttore intermedio: Misura (mm)

4-82

0,10 ; 0,15; 0,20


CARB

5


I

CARB CAPITOLO 5 CARBURAZIONE CARBURATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI CARBURATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MONTAGGIO DEI CARBURATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEI CARBURATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MISURAZIONE E REGOLAZIONE DEL LIVELLO CARBURANTE . . . CONTROLLO E REGOLAZIONE DEL SENSORE DI POSIZIONE FARFALLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5-1 5-4 5-6 5-6 5-7

SISTEMA DI INDUZIONE DELL’ARIA (AIS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INDUZIONE DELL’ARIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VALVOLA DI ESCLUSIONE DELL’ARIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ISPEZIONE DEL SISTEMA DI INDUZIONE ARIA . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5-10 5-10 5-10 5-11

5-8


I

CARB


I

CARBURATORE

CARB

CARBURAZIONE CARBURATORE

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione dei carburatori

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere la sezione “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA” nel capitolo 3.

Serbatoio del carburante 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Note

Gruppo corpo filtro aria Condotti dell’aria Flessibile di sfiato testa cilindri Camera di aspirazione Coperchio Cavo sensore di posizione farfalla Cavo riscaldatore carburatore Flessibili del carburante Gruppo carburatore Cavo motorino di avviamento Cavi acceleratore

1 3 1 1 1 1 1 2 1 1 2

Scollegare Scollegare Scollegare Scollegare NOTA: dopo aver tolto il gruppo carburatore, togliere il cavo motorino di avviamento ed i cavi acceleratore. Per l’installazione, eseguire in senso inverso la procedura di rimozione

5-1


I

CARBURATORE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

10 11

Note Smontare i componenti nella sequenza indicata.

Smontaggio del carburatore 1 2 3 4 5 6 7 8 9

CARB

2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Cavi riscaldatore carburatore Riscaldatori carburatore Vaschetta/guarnizione Galleggiante Gruppo valvola a spillo Getto del massimo Portagetto Getto del minimo Getto di avviamento Gruppo polverizzatore Gruppo valvola di avviamento

5-2

12V 30W

Vedere la sezione “MONTAGGIO DEL CARBURATORE”.


I

CARBURATORE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 12

Gruppo membrana

1

13

Sensore di posizione farfalla

1

14 15 16 17 18

Vite di registro del minimo Getto aria del massimo Getto aria del minimo 1 Getto aria del minimo 2 Gruppo vite di arresto gas

1 1 1 1 1

CARB

Note Vedere la sezione “MONTAGGIO DEI CARBURATORI”. Vedere la sezione “CONTROLLO E REGOLAZIONE DEL SENSORE DI POSIZIONE FARFALLA (TPS)”.

Per il montaggio, eseguire in senso inverso la procedura di smontaggio.

5-3


I

CARBURATORE

CARB

EB600031

CONTROLLO DEI CARBURATORI La seguente procedura vale per tutti i carburatori. 1. Controllare:  corpo carburatore  vaschetta  portagetto Incrinature/danni  Sostituire. 2. Controllare:  passaggi carburante Ostruzioni  Pulire. a. Lavare il carburatore in solvente a base di petrolio. Non impiegare soluzioni detergenti caustiche. b. Pulire con aria compressa tutti i passaggi ed i getti.

3. Controllare:  corpo vaschetta Sporco  Pulire. 4. Controllare:  guarnizione in gomma corpo vaschetta Screpolature/danni/usura  Sostituire. 5. Controllare:  galleggiante Danni  Sostituire. 6. Controllare:  valvola a spillo 1  sede valvola a spillo 2  O-ring 3 Danni/ostruzioni /usura  Sostituire lâ&#x20AC;&#x2122;insieme valvola a spillo, sede valvola a spillo e O-ring.

7. Controllare:  valvola a stantuffo 1 Danni/rigature/usura  Sostituire.  membrana in gomma 2 Screpolature/lacerazioni  Sostituire.

5-4


I

CARBURATORE

CARB

8. Controllare:  coperchio camera a depressione 1  molla valvola a stantuffo 2  tappo in plastica 3  O-ring 4  molla 5 Incrinature/danni  Sostituire.

9. Controllare:  spillo conico 1  polverizzatore 2  getto del massimo 3  vite di registro del minimo 4  getto del minimo 5  getto aria del massimo 6  getto di avviamento 7 Piegature/danni/usura  Sostituire. Ostruzioni  Pulire Pulire i getti con aria compressa. 10. Controllare:  movimento valvola a stantuffo Inserire la valvola a stantuffo nel corpo carburatore e spostarla verso lâ&#x20AC;&#x2122;alto e verso il basso. RigiditĂ   Sostituire la valvola a stantuffo.

11. Controllare:  tubi di alimentazione carburante  giunto tubo flessibile Screpolature/danni  Sostituire. Ostruzioni  Pulire. Pulire i tubi con aria compressa.

12. Controllare:  tubi flessibili di alimentazione carburante  tubi flessibili del carburante Screpolature/danni/usura  Sostituire. Ostruzioni  Pulire. Pulire i tubi flessibili con aria compressa.

5-5


I

CARBURATORE

CARB

EB600042

MONTAGGIO DEI CARBURATORI La seguente procedura vale per tutti i carburatori.

ATTENZIONE:  Prima di montare i carburatori, lavare tutti i componenti con un solvente a base di petrolio.  Usare sempre guarnizioni nuove. 1. Installare:  membrana valvola di arricchimento  molla valvola di arricchimento  coperchio valvola di arricchimento NOTA:  Allineare i fori a della membrana valvola di arricchimento con le sporgenze b sul corpo del carburatore.  Nell’installare la valvola di arricchimento, posizionare la leva di comando farfalla 1 come mostrato in figura. 2. Installare:  bulloni di connessione NOTA: Dopo avere installato i bulloni di connessione, verificare il corretto funzionamento della leva di comando farfalla e dell’articolazione valvola di avviamento. EB600051

INSTALLAZIONE DEI CARBURATORI 1. Regolare:  sincronizzazione dei carburatori Vedere “SINCRONIZZAZIONE DEI CARBURATORI” nel capitolo 3. 2. Regolare:  regime minimo del motore Regime minimo del motore 950  1.050 giri/min. Vedere “REGOLAZIONE DEL REGIME DEL MINIMO” nel capitolo 3. 3. Regolare:  gioco del cavo acceleratore Gioco del cavo acceleratore (sulla flangia della manopola acceleratore) 4  6 mm Vedere “REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE” nel capitolo 3. 5-6


I

CARBURATORE

CARB

EB600063

MISURAZIONE E REGOLAZIONE DEL LIVELLO CARBURANTE 1. Misurare:  livello del carburante a Fuori specifiche  Regolare. Livello del carburante (al di sopra della linea sulla vaschetta) 4  5 mm a. Posizionare la motocicletta su una superficie piana. b. Posizionare la motocicletta su un apposito cavalletto per garantire che rimanga diritta. c. Inserire l’asta di livello del carburante 1 nel tubo di scarico del carburante 2 . Asta di livello del carburante 90890-01312 d. Allentare la vite di scarico del carburante 3 . e. Tenere verticalmente l’asta di livello del carburante in prossimità della superficie superiore vaschetta 4 . f. Misurare il livello del carburante a . NOTA: I valori di livello del carburante rilevati devono essere uguali su entrambi i lati del gruppo carburatore.

2. Regolare:  livello del carburante a. Rimuovere il gruppo carburatore. b. Controllare la sede della valvola a spillo e la valvola a spillo. c. In presenza di usura, sostituirle in blocco. d. In assenza di problemi, regolare il livello del galleggiante piegandone leggermente la linguetta 1 . e. Installare il gruppo carburatore. f. Misurare nuovamente il livello del carburante. g. Ripetere le operazioni da (a) ad (f) finché il livello del carburante non rientra a specifiche.

5-7


I

CARBURATORE

CARB

EB600071

CONTROLLO E REGOLAZIONE DEL SENSORE DI POSIZIONE FARFALLA NOTA: Prima di registrare il sensore di posizione farfalla, regolare correttamente il minimo motore. 1. Esaminare: S sensore di posizione farfalla a. Scollegare l’attacco del sensore di posizione farfalla. b. Collegare il tester tascabile (Ω 1k) al sensore di posizione farfalla. Cavo positivo del tester  blu 1 Cavo negativo del tester  nero 2 c. Controllare il valore di resistenza “R1” del sensore di posizione farfalla. Fuori specifiche  Sostituire il sensore di posizione farfalla. Valore di resistenza “R1” del sensore di posizione farfalla 4 X 6 kΩ a 20_C (blu – nero) d. Collegare il tester tascabile (Ω re di posizione farfalla.

1k) al senso-

Cavo positivo del tester  giallo 3 Cavo negativo del tester  nero 2 e. Aprendo lentamente l’acceleratore, controllare che il valore di resistenza “R2” del sensore di posizione farfalla rientri nell’intervallo di specifica. Fuori specifiche  Sostituire il sensore di posizione farfalla. Valore di resistenza “R2” del sensore di posizione farfalla da 0,56 X 0,84 kΩ a 3,01 X 4,51 kΩ a 20_C (giallo–nero) 2. Regolare: S angolazione sensore di posizione farfalla a. Allentare le viti 1 del sensore di posizione farfalla. b. Ruotare il sensore di posizione farfalla nel senso a o b sino a che sul tester tascabile non compaia il valore prescritto di resistenza per la condizione farfalla chiusa. 5-8


I

CARBURATORE

CARB

Valore di resistenza a farfalla chiusa 0,56  0,84 kΩ a 20_C (giallo – nero) c. Serrare le viti del sensore di posizione farfalla. NOTA: Togliere i conduttori del tester tascabile e collegare all’attacco il sensore di posizione farfalla.

5-9


I

SISTEMA DI INDUZIONE DELL’ARIA (AIS)

CARB

EB601000

SISTEMA DI DELL’ARIA (AIS)

INDUZIONE

INDUZIONE DELL’ARIA Il presente sistema provvede alla combustione dei gas di scarico incombusti iniettando aria esterna (aria secondaria) in corrispondenza della connessione di scarico. In tal modo si riducono le emissioni di idrocarburi in atmosfera. In presenza di condizioni di depressione sulla connessione di scarico, la valvola a lamelle si apre facendo affluire l’aria secondaria su tale connessione. La temperatura richiesta per la combustione dei gas di scarico incombusti va all’incirca da 600 a 700_C.

VALVOLA DI ESCLUSIONE DELL’ARIA La valvola di esclusione dell’aria è pilotata dalla pressione di aspirazione dei gas attraverso la membrana. Normalmente, tale valvola si apre per consentire l’afflusso di aria esterna sulla connessione di scarico. Alla rapida chiusura della farfalla, viene a generarsi una condizione di depressione che attua la chiusura della valvola per evitare postcombustioni. VISTA 1 (ASSENZA DI FLUSSO) In fase di decelerazione (e cioè di chiusura della valvola a farfalla), la valvola si chiude. VISTA 2 (CONDIZIONE DI FLUSSO) A condizioni normali di marcia, la valvola risulta aperta.

VISTA 1

A B C 1

VISTA 2

5-10

Dal filtro aria Alle teste cilindri Alla connessione carburatore Valvola a lamelle


I

SISTEMA DI INDUZIONE DELL’ARIA (AIS)

1 2 3 4 A B C D E

CARB

ISPEZIONE DEL SISTEMA DI INDUZIONE Valvola a lamelle ARIA Filtro aria 1. Verificare: Foro calibrato Connessione carburatore (in prossimità del cilindro)  connessioni tubi flessibili Connessioni lente  Collegare correttamente. Alla testa cilindro anteriore  tubi flessibili Alla testa cilindro posteriore  valvole a lamelle Al foro calibrato  valvola esclusione aria Alla connessione carburatore (cilindro posteriore)  filtro aria Alla valvola AIS Incrinature/danni  Sostituire. Intasamento  Pulire. NOTA: Il foro calibrato 3 dovrà essere installato con il contrassegno a freccia rivolto verso il lato valvola AIS. 5-11


I

CARB


CHAS

6


I

CHAS CAPITOLO 6 TELAIO RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA RUOTA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI DISCHI DEI FRENI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DELL’EQUILIBRATURA STATICA DELLA RUOTA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6-1 6-3 6-3 6-5 6-7

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MARMITTA E PINZA DEL FRENO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLA RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL MOZZO DI COMANDO DELLA RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DELL’EQUILIBRATURA STATICA DELLA RUOTA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6-10 6-10 6-11 6-13 6-13

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE . . . POMPA DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . POMPA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE POMPE DEI FRENI ANTERIORE E POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . PINZE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PINZA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLE PINZE DEI FRENI ANTERIORE E POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . .

6-16 6-16 6-17 6-18 6-20 6-22 6-24 6-26 6-26

FORCELLA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . . . SMONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . CONTROLLO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . . MONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . . INSTALLAZIONE DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE . . .

6-8

6-14 6-14 6-15

6-27 6-28 6-30 6-32 6-34 6-36 6-36 6-37 6-38 6-40 6-43 6-46 6-46 6-47 6-48 6-51


I

CHAS MANUBRIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL MANUBRIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL MANUBRIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEL MANUBRIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6-52 6-54 6-54 6-55

STERZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELLA STAFFA INFERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLO STERZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELLO STERZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6-58 6-60 6-60 6-61

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE . . . COPERCHIO DESTRO E VANO BATTERIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . COPERCHIO SINISTRO E VANO PORTA-ATTREZZI . . . . . . . . . . . . . . AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TRATTAMENTO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SMALTIMENTO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL FORCELLONE OSCILLANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE . . . . . . . . . . . . . .

6-63 6-63 6-64

TRASMISSIONE AD ALBERO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RICERCA ED ELIMINAZIONE DEI GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO PER EVENTUALI CONTAMINAZIONI DELL’OLIO DELL’INGRANAGGIO FINALE E PERDITE DELLA TRASMISSIONE AD ALBERO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MISURAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA . . . . . . . . . . GRUPPO INGRANAGGIO FINALE E ALBERO DI TRASMISSIONE . . INGRANAGGIO FINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SMONTAGGIO DEL GRUPPO INGRANAGGIO FINALE . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE E INSTALLAZIONE DEI CUSCINETTI DELLA CORONA DENTATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ALLINEAMENTO DELLA CORONA DENTATA E DEL PIGNONE DELL’INGRANAGGIO FINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELL’ALBERO DI TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DELL’ALBERO DI TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . .

6-65 6-66 6-66 6-67 6-68 6-69 6-69 6-70 6-70 6-72 6-72

6-75 6-76 6-77 6-79 6-80 6-81 6-82 6-83 6-87 6-87


I

CHAS

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

TELAIO RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

59 Nm (5,9 mkg)

20 Nm (2,0 mkg)

40 Nm (4,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione della ruota anteriore e dei dischi dei freni

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Posizionare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. 1 2 3 4 5 6

Pinze dei freni Bullone di serraggio dell’asse della ruota anteriore Asse della ruota anteriore Gruppo ruota anteriore Collari distanziatori Dischi dei freni

6-1

2 1 1 1 2 2

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE”. Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ  1 2 3

CHAS

Note Smontare i componenti nellâ&#x20AC;&#x2122;ordine indicato.

Smontaggio della ruota anteriore Paraoli Cuscinetti Collare distanziatore

2 2 1 Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-2


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

EAS00521

RIMOZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota anteriore. 2. Rimuovere:  pinze dei freni 1 (destra e sinistra) NOTA: Non azionare la leva dei freni mentre si smontano le pinze dei freni. 3. Allentare:  bullone di serraggio (asse della ruota anteriore) 1  asse della ruota anteriore 2 4. Sollevare:  ruota anteriore NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota anteriore. EAS00526

CONTROLLO DELLA RUOTA ANTERIORE 1. Controllare:  asse della ruota Far ruotare l’asse della ruota su una superficie piana. Curvature  Sostituire.

AVVERTENZA Non tentare di raddrizzare un asse della ruota piegato. 2. Controllare:  pneumatico  ruota anteriore Danni/usura  Sostituire. Consultare i paragrafi “CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI” e “ CONTROLLO DELLE RUOTE”, al capitolo 3. 3. Controllare:  raggi Curvature /danni  Sostituire. Raggi lenti  Serrare i raggi. Picchiettare leggermente i raggi con un cacciavite. 6-3


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

NOTA: Picchiettando con un cacciavite, si ottiene un suono chiaro e squillante se il raggio è correttamente serrato, e un suono sordo se il raggio è lento. 4. Serrare:  raggi

3 Nm (0,3 mkg)

NOTA: Una volta serrati i raggi, misurare l’eccentricità della ruota anteriore. 5. Misurare:  eccentricità radiale della ruota anteriore 1  eccentricità laterale della ruota anteriore 2 Oltre i limiti specificati  Sostituire. Limite di eccentricità radiale della ruota anteriore 1,0 mm Limite di eccentricità laterale della ruota anteriore 0,5 mm 6. Controllare:  collari distanziatori Danni/usura  Sostituire.

AVVERTENZA  Gli pneumatici nuovi hanno una presa relativamente ridotta sulla superficie stradale finché non si usurano leggermente. Prima di condurre la motocicletta a velocità elevate, è quindi necessario percorrere circa 100 km a velocità normale. 7. Controllare  cuscinetti della ruota La ruota gira a scatti o è presente gioco nei cuscinetti  Sostituire i cuscinetti della ruota.  paraoli Danni/usura  Sostituire. 8. Sostituire:  cuscinetti della ruota (Nuovi)  paraoli (Nuovi)

6-4


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

a. Pulire esternamente il mozzo della ruota anteriore. b. Rimuovere i paraoli 1 con un cacciavite a punta piatta. NOTA: Per evitare danni alla ruota, inserire uno straccio tra il cacciavite e la superficie della ruota. c. Rimuovere i cuscinetti della ruota con un estrattore universale per cuscinetti 2 . d. Installare cuscinetti e paraoli nuovi, seguendo l’ordine inverso di smontaggio.

ATTENZIONE: Evitare qualsiasi contatto con la pista centrale 4 o le sfere dei cuscinetti 5 della ruota. Il contatto può unicamente avvenire con la pista esterna 6 dei cuscinetti. NOTA: Utilizzare un attrezzo 3 appropriato in base al diametro della pista esterna dei cuscinetti e dei paraoli.

EAS00531

CONTROLLO DEI DISCHI DEI FRENI La seguente procedura è applicabile ai dischi di entrambi i freni. 1. Controllare:  disco del freno Danni/usura  Sostituire. 2. Misurare:  deflessione del disco del freno 1 Fuori specifiche  Correggere la deflessione del disco o sostituire il disco del freno. Limite di deflessione del disco del freno (max.) Anteriore: 0,15 mm Posteriore: 0,15 mm a. Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota. b. Prima di misurare la deflessione del disco del freno anteriore, ruotare il manubrio verso destra o verso sinistra per assicurarsi che la ruota anteriore rimanga ferma. 6-5


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

c. Rimuovere la pinza del freno. d. Mantenere il comparatore ad angolo retto rispetto alla superficie del disco del freno. e. Misurare la deflessione a una distanza di 2  3 mm al di sotto del bordo del disco del freno.

3. Misurare:  spessore del disco del freno 1 Misurare lo spessore del disco del freno in vari punti. Fuori specifiche  Sostituire. Limite di spessore del disco del freno (min.) Anteriore: 4,5 mm Posteriore: 5,5 mm 4. Regolare:  deflessione del disco del freno a. Rimuovere il disco del freno. b. Ruotare il disco del freno di una distanza pari a un foro del bullone. c. Installare il disco del freno. NOTA: Serrare i bulloni del disco del freno in modo graduale e seguendo uno schema incrociato.

Bullone del disco del freno 23 Nm (2,3 mkg) LOCTITE d. Misurare la deflessione del disco del freno. e. Se la deflessione è al di fuori dei limiti specificati, ripetere le operazioni di regolazione finché il valore di deflessione rientra nei limiti specificati. f. Se non è possibile riportare il valore di deflessione entro i limiti specificati, sostituire il disco del freno.

6-6


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

EAS00544

INSTALLAZIONE DELLA RUOTA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile ai dischi di entrambi i freni. 1. Lubrificare:  asse della ruota  bordi dei paraoli Lubrificante consigliato Grasso a base di litio 2. Installare:  gruppo ruota anteriore NOTA: Il simbolo della freccia a sullo pneumatico deve essere rivolto nel senso di rotazione della ruota.

3. Serrare: 59 Nm (5,9 mkg)  asse della ruota 1  bullone di serraggio dell’asse della ruota 2 20 Nm (2,0 mkg)

ATTENZIONE: Prima di serrare il dado dell’asse della ruota, spingere il manubrio ripetutamente e con forza verso il basso per accertare il regolare rimbalzo della forcella anteriore. 4. Installare:  pinza del freno

40 Nm (4,0 mkg)

AVVERTENZA Assicurarsi che il tubo del freno segua il percorso corretto.

6-7


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

EAS00549

REGOLAZIONE DELL’EQUILIBRATURA STATICA DELLA RUOTA ANTERIORE NOTA: S Una volta sostituito lo pneumatico, la ruota o entrambi, è opportuno regolare l’equilibratura statica della ruota anteriore. S L’equilibratura statica della ruota anteriore si regola con i dischi dei freni installati. 1. Rimuovere: S peso(i) di equilibratura NOTA: Collocare la ruota anteriore su un supporto di equilibratura appropriato. 2. Individuare: S punto di peso della ruota anteriore a. Far girare la ruota anteriore. b. Quando la ruota anteriore si arresta, applicare in fondo alla ruota il simbolo “X1”. c. Ruotare la ruota anteriore di 90_ in modo che il simbolo “X1” venga a trovarsi nella posizione indicata in figura. d. Rilasciare la ruota anteriore. e. Quando la ruota si arresta, applicare in fondo alla ruota il simbolo “X2”. f. Ripetere alcune volte le operazioni descritte ai punti da (b) a (d), finché tutti i simboli vengono a trovarsi sullo stesso punto. g. Il punto in cui vengono a trovarsi tutti i simboli rappresenta il punto di peso della ruota “X”. 3. Regolare: S equilibratura statica della ruota anteriore a. Installare un peso di equilibratura 1 sul cerchio, in posizione esattamente opposta rispetto al punto di peso “X”. NOTA: Iniziare con il peso più leggero. b. Ruotare la ruota anteriore di 90_ in modo che il punto di peso venga a trovarsi nella posizione indicata. c. Se il punto di peso non rimane nella stessa posizione, applicare un peso superiore. d. Ripetere le operazioni descritte ai punti (b) e (c), finché la ruota anteriore è correttamente equilibrata.

6-8


I

RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO

CHAS

4. Controllare:  equilibratura statica della ruota anteriore a. Ruotare la ruota anteriore e assicurarsi che rimanga ferma in tutte le posizioni indicate in figura. b. Se la ruota non rimane ferma nelle varie posizioni indicate, ripetere lâ&#x20AC;&#x2122;operazione di equilibratura.

6-9


I

CHAS

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO MARMITTA E PINZA DEL FRENO

20 Nm (2,0 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

40 Nm (4,0 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

25 Nm (2,5 m kg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4

Rimozione della marmitta e della pinza del freno Marmitta Puntone della marmitta Supporto del tubo del freno Pinza del freno

6-10

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 1 1 1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.


I

CHAS

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

RUOTA POSTERIORE 23 Nm (2,3 mkg) 40 Nm (4,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

90 Nm (9,0 mkg) 107 Nm (10,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione della ruota posteriore

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. Olio della trasmissione

Scaricare Consultare il paragrafo “SOSTITUZIONE DELL’OLIO DELLA TRASMISSIONE”, al CAPITOLO 3. Consultare il paragrafo “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA”, al CAPITOLO 3. Allentare

Serbatoio del carburante e sella 1 2 3 4 5 6 7

Gruppo parafango posteriore Bullone sulla staffa della pinza del freno Bulloni Rondella/ dado dell’asse posteriore Dadi di estremità dell’asse posteriore/ Supporto dell’asse Gruppo ruota posteriore Rondella Collare distanziatore

1 4 1/1 2/1 1 1 1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE / INSTALLAZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE”.

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione. 6-11


I

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

CHAS

62 Nm (6,2 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ 

1 2 3 4 5 6 7 8

Smontaggio della ruota posteriore Smontaggio della ruota posteriore Rondelle di sicurezza Mozzo della frizione Smorzatori O-ring Paraolio Cuscinetto Collare /distanziatore Cuscinetto

Note Rimuovere i componenti nellâ&#x20AC;&#x2122;ordine indicato.

2 1 6 2 1 1 1/1 1 Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-12


I

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

CHAS

EAS00562

RIMOZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota posteriore. 2. Rimuovere:  bulloni di fissaggio della scatola dell’ingranaggio posteriore 3. Rimuovere:  pinza del freno 1  bullone della staffa della pinza del freno NOTA: Non azionare il pedale del freno mentre si smonta la pinza del freno. 4. Rimuovere:  dado dell’asse della ruota  rondella 5. Rimuovere  dado di estremità dell’asse posteriore 2 6. Rimuovere:  supporto dell’asse posteriore 3 7. Rimuovere:  ruota posteriore EAS00566

CONTROLLO DELLA RUOTA POSTERIORE 1. Controllare:  asse della ruota  ruota posteriore  cuscinetti della ruota  paraoli Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”. 2. Controllare:  pneumatico Danni/usura  Sostituire. Consultare i paragrafi “CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI” al capitolo 3. 3. Controllare:  raggi Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”. 4. Misurare:  eccentricità radiale della ruota posteriore  eccentricità laterale della ruota posteriore Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”.

6-13


I

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

CHAS

EAS00567

CONTROLLO DEL MOZZO DI COMANDO DELLA RUOTA POSTERIORE 1. Controllare:  mozzo di comando della ruota posteriore Incrinature/danni  Sostituire.  smorzatori sul mozzo di comando della ruota posteriore Danni/usura  Sostituire.

EAS00572

INSTALLAZIONE DELLA RUOTA POSTERIORE 1. Lubrificare:  scanalature dell’albero di trasmissione Lubrificante consigliato Grasso al bisolfuro di molibdeno 2. Lubrificare:  asse della ruota  cuscinetti della ruota  bordi dei paraoli Lubrificante consigliato Grasso a base di litio 2. Installare:  gruppo ruota posteriore a. Installare il gruppo ruota posteriore 1 con la staffa della pinza del freno posteriore 2 , quindi fissare la staffa nella posizione specificata. b. Una volta installato l’albero dell’asse posteriore 3 , far scorrere in avanti il gruppo ruota. c. Assicurarsi che la staffa della pinza vada sul forcellone oscillante, quindi fissare provvisoriamente il supporto del forcellone oscillante. NOTA: Il supporto va installato con la punzonatura a rivolta verso l’alto. d. Serrare i bulloni della scatola dell’ingranaggio posteriore alla coppia di serraggio specificata. Bullone della scatola dell’ingranaggio posteriore 90 Nm (9,0 mkg) e. Serrare il dado dell’albero dell’asse posteriore alla coppia specificata. Dado dell’asse della ruota 107 Nm (10,7 mkg) 6-14


I

RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO

CHAS

f. Serrare il supporto dell’asse posteriore alla coppia specificata. Dado di estremità dell’asse posteriore 23 Nm (2,3 mkg) g. Serrare il bullone sulla staffa della pinza del freno posteriore alla coppia di serraggio specificata. Bullone sulla staffa della pinza del freno 40 Nm (4,0 mkg) h. Installare la pinza del freno posteriore sulla staffa, quindi serrare i bulloni alla coppia di serraggio specificata. Bullone della pinza del freno 40 Nm (4,0 mkg)

EAS00575

REGOLAZIONE DELL’EQUILIBRATURA STATICA DELLA RUOTA POSTERIORE NOTA:  Una volta sostituito lo pneumatico, la ruota o entrambi, è opportuno regolare l’equilibratura statica della ruota posteriore.  L’equilibratura statica della ruota posteriore si regola con il disco del freno e il mozzo di comando della ruota posteriore installati. 1. Regolare:  equilibratura statica della ruota posteriore Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”.

6-15


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE

23 Nm (2,3 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione delle pastiglie del freno anteriore Bullone di ritenuta Pinza del freno Pastiglie del freno Molla delle pastiglie

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4

1 1 2 1

Consultare il paragrafo “SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-16


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00578

PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE

40 Nm (4,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione delle pastiglie del freno posteriore Marmitta Puntone della marmitta Supporto del tubo del freno Pinza Coperchio Fermi Perni delle pastiglie Molla delle pastiglie Pastiglie del freno

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4 5 6 7

Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”. 1 1 1 2 2 1 2

Consultare il paragrafo “SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE”.

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-17


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00579

ATTENZIONE: I componenti dei freni a disco raramente necessitano di smontaggio. Adottare sempre le seguenti precauzioni:  Non smontare i componenti dei freni se non è assolutamente necessario.  Se si interrompe un collegamento idraulico, è necessario smontare, scaricare, pulire, riempire correttamente e spurgare l’intero sistema dopo il rimontaggio.  Non utilizzare solventi sulle parti interne dei freni.  Per la pulizia dei componenti, usare solo liquido dei freni nuovo o pulito.  Il liquido dei freni può causare danni alle superfici verniciate e alle parti in plastica. Pulire immediatamente eventuali spandimenti di liquido.  Non lasciare che il liquido dei freni venga a contatto con gli occhi, per evitare infortuni e lesioni gravi. Misure di pronto soccorso da adottare in caso di contatto con gli occhi:  Lavare gli occhi con abbondante acqua per 15 minuti, e ricorrere immediatamente alle cure di un medico.

EAS00582

SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE La seguente procedura è applicabile alle pinze di entrambi i freni. NOTA: Quando si sostituiscono le pastiglie dei freni, non è necessario scollegare il tubo del freno o smontare la pinza del freno. 1. Rimuovere:  supporto del tubo del freno  bullone di ritenuta 1

6-18


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

2. Rimuovere:  pastiglie dei freni 1 (insieme agli spessori delle pastiglie dei freni)

3. Misurare:  limite di usura delle pastiglie dei freni a Fuori specifiche  Sostituire le pastiglie dei freni in gruppo. Limite di usura delle pastiglie dei freni 0,8 mm 4. Installare:  spessori delle pastiglie dei freni (sulle pastiglie dei freni)  pastiglie dei freni  molla delle pastiglie dei freni NOTA: Le pastiglie del freno, gli spessori delle pastiglie e la molla delle pastiglie vanno sempre sostituiti in gruppo.

a. Collegare un tubo di plastica trasparente 1 alla vite di spurgo 2 , e collocare l’altra estremità del tubo in una bacinella. b. Allentare la vite di spurgo, e con il dito premere i pistoncini alle pinza del freno. c. Serrare la vite di spurgo. Vite di spurgo 6 Nm (0,6 mkg) d. Insieme alle pastiglie del freno, è necessario sostituire anche gli spessori delle pastiglie. e. Insieme alle pastiglie del freno, è necessario sostituire anche la molla delle pastiglie. 5. Installare:  pinze dei freni  bullone di ritenuta

6-19

23 Nm (2,3 mkg)


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

6. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 7. Controllare:  funzionamento della leva dei freni Sensazione “molle o cedevole” della leva dei freni  Spurgare il sistema frenante. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3.

EAS00583

SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE NOTA: Quando si sostituiscono le pastiglie del freno, non è necessario scollegare il tubo del freno o smontare la pinza del freno. 1. Rimuovere:  supporto del tubo dei freni 1  pinza dei freni 2 2. Rimuovere:  coperchio delle pastiglie del freno  fermi delle pastiglie del freno  perni delle pastiglie del freno  molla delle pastiglie del freno 3. Rimuovere:  pastiglie del freno (insieme agli spessori delle pastiglie)

4. Misurare  limite di usura delle pastiglie del freno a Fuori specifiche  Sostituire le pastiglie del freno in gruppo. Limite di usura delle pastiglie del freno 0,5 mm

6-20


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

5. Installare:  spessori delle pastiglie del freno (sulle pastiglie del freno)  pastiglie del freno  molla delle pastiglie del freno NOTA: Le pastiglie del freno, gli spessori delle pastiglie e la molla delle pastiglie vanno sempre sostituiti in gruppo.

a. Collegare un tubo di plastica trasparente 1 alla vite di spurgo 2 , quindi collocare l’altra estremità del tubo in una bacinella. b. Allentare la vite di spurgo, e con un dito premere i pistoncini nella pinza del freno. c. Serrare la vite di spurgo. Vite di spurgo 6 Nm (0,6 mkg) d. Insieme alle pastiglie del freno, è necessario sostituire anche gli spessori delle pastiglie. e. Insieme alle pastiglie del freno, è necessario sostituire anche la molla delle pastiglie. NOTA: Le linguette più lunghe a sulla molla delle pastiglie devono essere rivolte nel senso di rotazione del disco.

6. Installare:  perni delle pastiglie del freno  fermi delle pastiglie del freno  coperchio delle pastiglie del freno  pinza del freno 40 Nm (4,0 mkg) 7. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 8. Controllare:  funzionamento della leva dei freni Sensazione “molle o cedevole” della leva dei freni  Spurgare il sistema frenante. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3.

6-21


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

POMPA DEL FRENO ANTERIORE

10 Nm (1,0 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione della pompa del freno anteriore. Liquido dei freni Specchietto retrovisore (destro) Leva dei freni/molla di compressione Interruttore del freno anteriore Bullone di unione Rondelle in rame Tubo del freno Staffa della pompa del freno Pompa del freno

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4 5 6 7 8

Scaricare 1 1/1 1 1 2 1 1 1

6-22

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE”. Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ 

Note

Smontaggio della pompa del freno anteriore Coperchio parapolvere Anello elastico Ghiera conica della pompa del freno Molla

Rimuovere i componenti nellâ&#x20AC;&#x2122;ordine indicato.

1 2 3 4

1 1 1 1 Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-23


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00586

POMPA DEL FRENO POSTERIORE

64 Nm (6,4 mkg) 30 Nm (3,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4 5 6 7

Rimozione della pompa del freno posteriore Liquido dei freni Connettore dell’interruttore del freno Copiglia/rondella Perno Bulloni Gruppo pedale del freno Bullone di unione Rondelle in rame/tubo del freno

1 1/1 1 2 1 1 2/1

8 9 10

Fermi/tubo del serbatoio Gruppo pompa del freno Serbatoio

2/1 1 1

Scaricare Scollegare

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE”.

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-24


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tĂ 

Note

Smontaggio della pompa del freno posteriore Coperchio parapolvere della pompa del freno Anello elastico Ghiera conica della pompa del freno Molla

Smontare i componenti nellâ&#x20AC;&#x2122;ordine indicato.

1 2 3 4

1 1 1 1 Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-25


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00588

RIMOZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE NOTA: Prima di rimuovere la pompa del freno anteriore, scaricare il liquido dei freni dall’intero sistema frenante. 1. Rimuovere:  specchietto retrovisore (destro)  leva dei freni/molla di compressione  interruttore del freno 1 2. Rimuovere:  bullone di unione 2  rondelle in rame  tubo del freno 3 NOTA: Collocare una bacinella sotto la pompa del freno e all’estremità del tubo del freno per raccogliere il liquido dei freni residuo. 3. Rimuovere:  staffa della pompa del freno  pompa del freno EAS00589

RIMOZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE NOTA: Prima di rimuovere la pompa del freno posteriore, scaricare il liquido dei freni dall’intero sistema frenante. 1. Rimuovere:  connettore dell’interruttore del freno  copiglia/rondella  perno  bullone/gruppo pedale del freno 2. Rimuovere:  bullone di unione 1  rondelle in rame 2  tubo del freno 3 NOTA: Collocare una bacinella sotto la pompa del freno e all’estremità del tubo del freno per raccogliere l’eventuale liquido dei freni residuo. 3. Rimuovere:  fermi/tubo del serbatoio  gruppo pompa del freno

6-26


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE A

B

A

B

CHAS

EAS00592

CONTROLLO DELLE POMPE DEI FRENI ANTERIORE E POSTERIORE La seguente procedura è applicabile alle pompe di entrambi i freni. 1. Controllare:  pompa del freno 1 Danni/rigature/usura  Sostituire.  condotti di mandata del liquido dei freni 2 (corpo della pompa) Ostruzione  Pulire con aria compressa. A Anteriore B Posteriore 2. Controllare:  kit della pompa del freno 1 Danni/rigature/usura  Sostituire. A Anteriore B Posteriore

A

3. Controllare:  serbatoio del liquido dei freni 1 Incrinature/danni  Sostituire.  membrana del serbatoio del liquido dei freni 2 Incrinature/danni  Sostituire.

B

A Anteriore B Posteriore

4. Controllare:  tubi dei freni 1 Incrinature/danni/usura  Sostituire.

6-27


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00598

INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO ANTERIORE

AVVERTENZA  Prima dell’installazione, tutti i componenti interni dei freni devono essere puliti e lubrificati con liquido dei freni nuovo o pulito.  Non utilizzare solventi sui componenti interni dei freni. Liquido dei freni consigliato DOT 4 1. Installare:  pompa del freno 1  staffa della pompa del freno 2 10 Nm (1,0 mkg)

NOTA:  Installare la staffa della pompa del freno con l’indicazione “UP” rivolta verso l’alto.  Allineare l’estremità del supporto della pompa del freno con la punzonatura a del manubrio.  Serrare per primo il bullone superiore, quindi il bullone inferiore. 2. Installare:  rondelle in rame (Nuove) 1  tubo del freno 2  bullone di unione 3 30 Nm (3,0 mkg)

AVVERTENZA Il percorso corretto dei tubi dei freni è essenziale per il funzionamento sicuro della motocicletta. Consultare il paragrafo “PERCORSO DEI CAVI”. NOTA:  Afferrando il tubo del freno, serrare il bullone di unione come indicato in figura.  Ruotando il manubrio a destra e a sinistra, assicurarsi che il tubo del freno non tocchi altre parti (ad esempio il mazzo di cavi, i cavi e i conduttori). In caso contrario, adottare i necessari provvedimenti. 3. Riempire:  serbatoio della pompa del freno (con la quantità prescritta del liquido dei freni consigliato) Liquido dei freni consigliato DOT 4 6-28


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

AVVERTENZA  Utilizzare esclusivamente liquido del tipo specificato, per evitare che le guarnizioni in gomma si deteriorino, causando perdite e compromettendo la funzionalità dei freni.  Rabboccare con liquido dello stesso tipo. La miscelazione di liquidi diversi può produrre una reazione chimica pericolosa e compromettere la funzionalità dei freni.  Prestare attenzione affinché non entri acqua nella pompa del freno durante il riempimento. L’acqua abbassa notevolmente il punto di ebollizione del liquido e può causare tamponi di vapore.

ATTENZIONE: Il liquido dei freni può danneggiare le superfici verniciate e le parti in plastica. Pulire immediatamente eventuali spandimenti di liquido. 4. Spurgare:  sistema frenante Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3. 5. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 6. Controllare:  funzionamento della leva dei freni Sensazione “molle o cedevole”  Spurgare il sistema frenante. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3.

6-29


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00610

INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE 1. Installare:  rondelle in rame (Nuove)  tubo del freno Bullone di unione 30 Nm (3,0 mkg)

AVVERTENZA Il percorso corretto dei tubi dei freni è essenziale per garantire il funzionamento sicuro della motocicletta. Consultare il paragrafo “PERCORSO DEI CAVI”.

ATTENZIONE: Quando si installa il tubo sulla pompa del freno, assicurarsi che il tubo del freno venga a contatto con le sporgenze a , come illustrato in figura. 2. Riempire:  serbatoio del liquido dei freni (fino al segno di livello massimo) Liquido dei freni consigliato DOT 4

AVVERTENZA  Utilizzare esclusivamente liquido del tipo specificato, per evitare che le guarnizioni in gomma si deteriorino, causando perdite e compromettendo la funzionalità dei freni.  Rabboccare con liquido dello stesso tipo. La miscelazione di liquidi diversi può produrre una reazione chimica pericolosa e compromettere la funzionalità dei freni.  Prestare attenzione affinché non entri acqua nella pompa del freno durante il riempimento. L’acqua abbassa notevolmente il punto di ebollizione del liquido e può causare tamponi di vapore.

ATTENZIONE: Il liquido dei freni può danneggiare le superfici verniciate e le parti in plastica. Pulire immediatamente eventuali spandimenti di liquido. 3. Spurgare:  sistema frenante Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3. 4. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 6-30


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

5. Regolare:  posizione del pedale del freno a Consultare il paragrafo “REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE”, al capitolo 3. Posizione del pedale del freno (sotto la parte superiore della pedana poggiapiedi) 81,8 mm 6. Regolare:  ritardo di attivazione della luce di stop Consultare il paragrafo “REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE DI STOP”, al capitolo 3.

6-31


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

PINZE DEL FRENO ANTERIORE

6 Nm (0,6 mkg)

30 Nm (3,0 mkg) 23 Nm (2,3 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

Rimozione delle pinze del freno anteriore Liquido dei freni 1 2 3 4 5 6

Note

Scaricare 1 1 2 1 1 1

Supporto del tubo del freno Bullone di unione Rondelle in rame Tubo del freno Bullone di ritenuta Gruppo pinze del freno

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE”

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-32


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5

CHAS

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

Smontaggio delle pinze del freno anteriore Molla delle pastiglie Pistoncini delle pinze del freno Parapolvere Tenute dei pistoncini delle pinze Vite di spurgo

1 2 2 2 1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE”. Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-33


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00616

PINZA DEL FRENO POSTERIORE

40 Nm (4,0 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

Rimozione della pinza del freno posteriore Marmitta Puntone della marmitta Liquido dei freni Supporto del tubo del freno Bullone di unione Rondelle in rame Tubo del freno Gruppo pinze

Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”. Scaricare 1 1 2 1 1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE”. Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-34


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5 6 7 8 9

CHAS

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

Smontaggio della pinza del freno posteriore Coperchio Fermi Perni delle pastiglie Molla delle pastiglie Pastiglie del freno Pistoncini delle pinze Parapolvere Tenute dei pistoncini Vite di spurgo

1 2 2 1 2 2 2 2 1

Consultare il paragrafo “SMONTAGGIO DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE”. Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-35


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00624

RIMOZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE La seguente procedura è applicabile alle pinze di entrambi i freni. NOTA: Prima di rimuovere le pinze del freno, scaricare il liquido dei freni dall’intero sistema frenante.

1. Rimuovere:  supporto del tubo del freno  bullone di unione 1  rondelle in rame 2  tubo del freno NOTA: Collocare l’estremità del tubo del freno in una bacinella, avendo cura di scaricare tutto il liquido dei freni. 2. Rimuovere:  pistoncini delle pinze del freno 1  tenute dei pistoncini delle pinze del freno 2 a. Soffiare aria compressa nell’apertura del giunto del tubo del freno per forzare l’uscita del pistoncino dal corpo della pinza.

AVVERTENZA  Coprire i pistoncini delle pinze con uno straccio, e prestare attenzione per evitare infortuni durante l’espulsione dei pistoncini dalle pinze.  Non tentare di estrarre i pistoncini facendo leva. b. Rimuovere le tenute dei pistoncini delle pinze.

EAS00628

RIMOZIONE DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE NOTA: Prima di rimuovere la pinza del freno, scaricare il liquido dei freni dall’intero sistema.

6-36


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

1. Rimuovere:  bullone di unione 1  rondelle in rame 2  tubo del freno NOTA: Collocare l’estremità del tubo del freno in una bacinella, avendo cura di scaricare tutto il liquido dei freni.

2. Rimuovere:  pistoncini delle pinze del freno 1  tenute dei pistoncini delle pinze 2

a. Con un pezzetto di legno a , bloccare il pistoncino destro della pinza del freno. b. Soffiare aria compressa nell’apertura del giunto del tubo b per forzare l’uscita del pistoncino sinistro della pinza.

AVVERTENZA  Non tentare di estrarre i pistoncini facendo leva.  Non allentare i bulloni. c. Rimuovere le tenute dei pistoncini delle pinze. d. Ripetere le operazioni precedenti per forzare l’uscita del pistoncino destro della pinza. EAS00633

CONTROLLO DELLE PINZE DEI FRENI ANTERIORE E POSTERIORE Frequenza consigliata per la sostituzione dei diversi componenti dei freni: Pastiglie dei freni

Se necessario

Tenute dei pistoncini Ogni due anni

6-37

Tubi dei freni

Ogni due anni

Liquido dei freni

Ogni due anni e ogni qualvolta si smontano i freni


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

1. Controllare:  pistoncini delle pinze dei freni 1 Ruggine/rigature/usura  Sostituire il gruppo pistoncini delle pinze dei freni.  cilindretti delle pinze dei freni 2 Graffi/usura  Sostituire le pinze dei freni.  pinze dei freni 3 Incrinature/danni  Sostituire.  condotti di mandata del liquido dei freni (corpo della pinza) Ostruzione  Pulire con aria compressa.

A

B

AVVERTENZA Sostituire le tenute dei pistoncini ogniqualvolta si smontano le pinze dei freni. A Anteriore B Posteriore

2. Controllare:  staffe delle pinze dei freni Incrinature/danni  Sostituire.

EAS00638

INSTALLAZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE La seguente procedura è applicabile alle pinze di entrambi i freni.

AVVERTENZA  Prima dellâ&#x20AC;&#x2122;installazione, tutti i componenti interni del freno devono essere puliti e lubrificati con liquido dei freni nuovo o pulito.  Non utilizzare solventi sui componenti interni del freno. I solventi provocano rigonfiamenti e deformazioni delle guarnizioni.  Sostituire le tenute dei pistoncini ogniqualvolta si smontano le pinze dei freni.

Liquido dei freni consigliato DOT 4

6-38


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

1. Installare:  pinze dei freni 1 (provvisoriamente)  rondelle in rame (Nuove) 2  tubo del freno 3  bullone di unione 4 30 Nm (3,0 mkg)

AVVERTENZA Il percorso corretto dei tubi dei freni è essenziale per garantire il funzionamento sicuro della motocicletta. Consultare il paragrafo “PERCORSO DEI CAVI”.

ATTENZIONE: Quando si monta il tubo sulla pinza del freno 1 , assicurarsi che il tubo tocchi la sporgenza a della pinza. 2. Installare:  bullone di fissaggio della pinza del freno 23 Nm (2,3 mkg)

 supporto del tubo del freno Consultare il paragrafo “PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE”. 3. Riempire:  serbatoio della pompa del freno (con la quantità prescritta del liquido dei freni consigliato) Liquido dei freni consigliato DOT 4

AVVERTENZA  Utilizzare esclusivamente liquido del tipo specificato, per evitare che le guarnizioni in gomma si deteriorino, causando perdite e compromettendo la funzionalità dei freni.  Rabboccare con liquido dello stesso. La miscelazione di liquidi diversi può produrre una reazione chimica pericolosa e compromettere la funzionalità dei freni.  Prestare attenzione affinché non entri acqua nella pompa del freno durante il riempimento. L’acqua abbassa notevolmente il punto di ebollizione del liquido e può causare tamponi di vapore.

6-39


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

ATTENZIONE: Il liquido dei freni può danneggiare le superfici verniciate e le parti in plastica. Pulire immediatamente eventuali spandimenti di liquido. 4. Spurgare:  sistema frenante Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3. 5. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 6. Controllare:  funzionamento della leva dei freni Sensazione “molle o cedevole”  Spurgare il sistema frenante. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3.

EAS00642

INSTALLAZIONE DELLA PINZA DEL FRENO POSTERIORE

AVVERTENZA  Prima dell’installazione, tutti i componenti interni dei freni devono essere puliti e lubrificati con liquido dei freni nuovo o pulito.  Non utilizzare solventi sui componenti interni dei freni. I solventi provocano rigonfiamenti e deformazioni delle guarnizioni.  Sostituire le tenute dei pistoncini ogniqualvolta si smontano le pinze dei freni.

Liquido dei freni consigliato DOT 4

6-40


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE 1. Installare:  pinze del freno 1 (provvisoriamente)  rondelle in rame New  tubo del freno 2  bullone di unione 3

CHAS

30 Nm (3,0 mkg)

AVVERTENZA Il percorso corretto dei tubi dei freni è essenziale per garantire il funzionamento sicuro della motocicletta. Consultare il paragrafo “PERCORSO DEI CAVI”.

ATTENZIONE: Quando si monta il tubo sulla pinza del freno 1 , assicurarsi che il tubo del freno a tocchi la sporgenza b sulla rondella in rame. 2. Installare:  pinze dei freni 40 Nm (4,0 mkg)  supporto del tubo del freno Consultare il paragrafo “PASTIGLIE DEL FRENO POSTERIORE”. 3. Riempire:  serbatoio della pompa del freno (con la quantità prescritta del liquido dei freni consigliato) Liquido dei freni consigliato DOT 4

AVVERTENZA  Utilizzare esclusivamente liquido del tipo specificato, per evitare che le guarnizioni in gomma si deteriorino, causando perdite e compromettendo la funzionalità dei freni.  Rabboccare con liquido dello stesso tipo. La miscelazione di liquidi diversi può produrre una reazione chimica pericolosa e compromettere la funzionalità dei freni.  Prestare attenzione affinché non entri acqua nel serbatoio del liquido dei freni durante il riempimento. L’acqua abbassa notevolmente il punto di ebollizione del liquido e può causare tamponi di vapore.

6-41


I

FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

ATTENZIONE: Il liquido dei freni può danneggiare le superfici verniciate e le parti in plastica. Pulire immediatamente eventuali spandimenti di liquido. 4. Spurgare:  sistema frenante NOTA:  Collocare la motocicletta su un supporto adeguato.  Assicurarsi che la motocicletta sia in posizione verticale. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3. 5. Controllare:  livello del liquido dei freni Al di sotto del segno di livello minimo a  Rabboccare al livello appropriato. Consultare il paragrafo “CONTROLLO DEL LIVELLO DEL FLUIDO FRENI”, al capitolo 3. 6. Controllare:  funzionamento della leva dei freni. Sensazione “molle o cedevole” della leva dei freni  Spurgare il sistema frenante. Consultare il paragrafo “SPURGO DEL SISTEMA DI FRENATURA IDRAULICO”, al capitolo 3.

6-42


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

FORCELLA ANTERIORE

20 Nm (2,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

40 Nm (4,0 mkg)

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione della forcella anteriore Ruota anteriore 1 2 3 4 5 6 7 8

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”.

2 2 1 2 2 2 2 2

Supporti del tubo del freno Gruppo pinze del freno Parafango anteriore Bulloni degli indicatori di direzione Bulloni della staffa superiore Bulloni ciechi Bulloni della staffa inferiore Aste della forcella anteriore

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-43


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

23 Nm (2,3 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Smontaggio della forcella anteriore Bullone cieco O-ring Distanziatore Sede della molla Molla della forcella Parapolvere Fermo del paraolio Bullone dello stelo ammortizzatore Rondella in rame Stelo ammortizzatore/molla di rimbalzo Paraolio

Smontare i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1/1 1

6-44

Consultare il paragrafo “SMONTAGGIO/MONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE”.


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

23 Nm (2,3 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 12 13 14 15 16

Distanziatore di tenuta Boccola del tubo esterno Tubo interno/boccola del tubo interno Elemento paraolio Tubo esterno

1 1 1/1 1 1

Note Consultare il paragrafo “SMONTAGGIO/MONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE”. Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-45


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

EAS00649

RIMOZIONE DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile a tutte le aste della forcella anteriore. 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota anteriore. 2. Allentare:  bullone di serraggio della staffa superiore 1  bullone cieco 2  bullone degli indicatori di direzione 3  bullone di serraggio della staffa inferiore 4

AVVERTENZA Prima di allentare i bulloni di serraggio delle staffe superiore e inferiore, collocare un sostegno sotto le aste della forcella anteriore. 3. Rimuovere:  aste della forcella anteriore

EAS00653

SMONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile a tutte le aste della forcella anteriore. 1. Rimuovere:  bullone cieco  O-ring  distanziatore  sede della molla  molla della forcella 2. Scaricare  olio delle forcelle 3. Rimuovere:  parapolvere 1  fermo del paraolio 2 (con un cacciavite a punta piatta)

ATTENZIONE: Non graffiare il tubo interno.

6-46


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

NOTA:  Non rimuovere la protezione per le aste della forcella anteriore dal tubo esterno.  Se è necessario rimuovere la protezione, sostituirla con una nuova. 4. Rimuovere:  bullone dello stelo ammortizzatore  rondella in rame NOTA: Bloccando lo stelo ammortizzatore con una maniglia a T 1 e un supporto 2 , allentare il bullone dello stelo ammortizzatore 3 .

Maniglia a T 90890-01326 Supporto dello stelo ammortizzatore 90890-01460 6. Rimuovere:  tubo interno a. Mantenere lâ&#x20AC;&#x2122;asta della forcella anteriore in posizione orizzontale. b. Spingere lentamente il tubo interno nel tubo esterno A , e ritirarlo rapidamente prima che fuoriesca dal fondo B . c. Ripetere questa operazione fino a separare il tubo interno dal tubo esterno. EAS00657

CONTROLLO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile a tutte le aste della forcella anteriore. 1. Controllare:  tubo interno 1  tubo esterno 2 Curvature /danni/rigature  Sostituire.

AVVERTENZA Non tentare di raddrizzare un tubo interno piegato, per evitare di comprometterne pericolosamente le caratteristiche. 2. Misurare:  lunghezza libera della molla a Oltre il limite specificato  Sostituire. Limite di lunghezza libera della molla 350 mm 6-47


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

3. Controllare:  stelo ammortizzatore 1 Danni/usura  Sostituire. Ostruzione  Pulire tutti i condotti dell’olio con aria compressa.  elemento paraolio 2 Danni  Sostituire.

ATTENZIONE: Quando si montano e smontano le aste della forcella anteriore, prestare attenzione per evitare l’ingresso di corpi estranei nella forcella anteriore. 4. Controllare:  bullone cieco  O-ring Danni/usura  Sostituire. EAS00659

MONTAGGIO DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile a tutte le aste della forcella.

AVVERTENZA  Assicurarsi che vi sia un eguale livello dell’olio nelle due aste della forcella.  Eventuali differenze di livello dell’olio possono compromettere la maneggevolezza della motocicletta e comportare una perdita di stabilità. NOTA:  Quando si montano le aste della forcella anteriore, sostituire i seguenti elementi: – boccola del tubo interno – boccola del tubo esterno – paraolio – parapolvere  Prima di montare le aste della forcella anteriore, assicurarsi che tutti i componenti siano puliti. 1. Installare:  stelo ammortizzatore 1  elemento paraolio 2

AVVERTENZA Utilizzare sempre rondelle in rame nuove.

ATTENZIONE: Infilare lentamente lo stelo ammortizzatore nel tubo interno 3 fino a farlo sporgere dal fondo del tubo interno. Prestare attenzione a non danneggiare il tubo interno. 6-48


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

2. Lubrificare:  superficie esterna del tubo interno Lubrificante consigliato Olio per forcelle e ammortizzatori Yamaha 10 W o equivalente 3. Serrare:  bullone dello stelo ammortizzatore 1 30 Nm (3,0 mkg)

NOTA: Bloccando lo stelo con una maniglia a T 1 e un supporto 2 , serrare il bullone dello stelo ammortizzatore 3 .

Maniglia a T 90890-01326 Supporto dello stelo ammortizzatore 90890-01460 4. Installare:  bussola del tubo esterno 1  distanziatore di tenuta (con il peso di introduzione del paraolio nella forcella 2 e lâ&#x20AC;&#x2122;adattatore 3 ) Peso di introduzione del paraolio nella forcella 90890-01367 Adattatore 90890-01381 5. Installare:  paraolio 1 (con il peso di introduzione del paraolio nella forcella e lâ&#x20AC;&#x2122;adattatore)

ATTENZIONE: Assicurarsi che il lato numerato del paraolio sia rivolto verso lâ&#x20AC;&#x2122;alto. NOTA:  Prima di installare il paraolio, applicare sui bordi un velo di grasso a base di litio. 6. Installare:  fermo del paraolio 1 NOTA: Regolare il fermo del paraolio in modo che si inserisca nella scanalatura del tubo esterno.

6-49


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

7. Installare:  parapolvere 1 (con il peso di introduzione del paraolio nella forcella) 8. Riempire:  aste della forcella anteriore (con la quantità prescritta dell’olio per forcelle consigliato) Quantità (per ogni asta della forcella) 0,464 L Olio consigliato Olio per forcelle e ammortizzatori 10W o equivalente

ATTENZIONE:  Utilizzare esclusivamente olio per forcelle del tipo specificato. L’uso di oli diversi può alterare le prestazioni della forcella anteriore.  Quando si montano e smontano le aste della forcella anteriore, prestare attenzione per evitare l’ingresso di corpi estranei nella forcella. 9. Dopo aver rifornito di olio le aste della forcella, azionare il tubo interno per almeno dieci volte in alto e in basso per distribuire adeguatamente l’olio. NOTA: Azionare il tubo interno lentamente per evitare la fuoriuscita dell’olio. 10. Misurare:  livello dell’olio della forcella anteriore a Fuori specifiche  Correggere. Livello dell’olio della forcella anteriore (misurato dalla sommità del tubo interno, con il tubo interno totalmente compresso e senza la molla) 108 mm NOTA: Mantenere la forcella in posizione verticale.

6-50

11. Installare:  molla della forcella  sede della molla  distanziatore  O-ring  bullone cieco


I

FORCELLA ANTERIORE

CHAS

NOTA:  Installare la molla della forcella con il passo più piccolo rivolto verso l’alto.  Prima di installare il bullone cieco, applicare un velo di grasso sull’O-ring.  Serrare provvisoriamente il bullone cieco.

EAS00662

INSTALLAZIONE DELLE ASTE DELLA FORCELLA ANTERIORE La seguente procedura è applicabile a entrambe le forcelle. 1. Installare:  aste della forcella anteriore Serrare provvisoriamente i bulloni di serraggio delle staffe superiore e inferiore. NOTA: Assicurarsi che il tubo interno della forcella sia a filo con la sommità della staffa superiore. 2. Serrare:  bullone di serraggio della staffa inferiore 1 30 Nm (3,0 mkg)

 bullone degli indicatori di direzione anteriori 2 7 Nm (0,7 mkg)

 bullone cieco 3 23 Nm (2,3 mkg)  bullone di serraggio della staffa superiore 4 20 Nm (2,0 mkg)

AVVERTENZA Assicurarsi che i tubi dei freni seguano il percorso corretto.

6-51


I

CHAS

MANUBRIO

MANUBRIO

28 Nm (2,8 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

32 Nm (3,2 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione del manubrio

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. 1 2 3 4 5

Fascette di bloccaggio in plastica Cavo della frizione Filo dell’interruttore della frizione Cavo del motorino di avviamento Interruttore sul manubrio (sinistro)

4 1 1 1 1

6

Manopola (sinistra)

1

Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DEL MANUBRIO”. Consultare il paragrafo “RIMOZIONE DEL MANUBRIO”.

7 8 9 10 11

Gruppo leva della frizione Staffa della pompa del freno Gruppo pompa del freno Interruttore sul manubrio (destro) Cavi dell’acceleratore

1 1 1 1 2

Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DEL MANUBRIO”.

6-52


I

MANUBRIO

CHAS

28 Nm (2,8 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

32 Nm (3,2 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 12 13 14 15 16

1 2 1 1 2

Gruppo manopola dell’acceleratore Supporti del manubrio (superiori) Manubrio Guida del cavo Supporti del manubrio (inferiori)

Note Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DEL MANUBRIO”.

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-53


I

MANUBRIO

CHAS

EAS00666

RIMOZIONE DEL MANUBRIO 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta.

2. Rimuovere:  manopola sul manubrio (sinistra) 1 NOTA: Soffiare aria compressa tra il manubrio e la manopola, quindi sfilare gradualmente la manopola dal manubrio.

EAS00668

CONTROLLO DEL MANUBRIO 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. 2. Controllare:  manubrio 1 Curvature /incrinature /danni  Sostituire.

AVVERTENZA Non tentare di raddrizzare un manubrio piegato, per evitare di comprometterne pericolosamente le caratteristiche. 3. Installare:  manopola sul manubrio

6-54


I

MANUBRIO

CHAS

a. Applicare un leggero strato di adesivo a base di gomma sul lato sinistro del manubrio. b. Infilare la manopola all’estremità sinistra del manubrio. c. Asportare la quantità di adesivo in eccesso con uno straccio pulito.

AVVERTENZA Non toccare la manopola del manubrio finché l’adesivo non si è completamente asciugato.

EAS00670

INSTALLAZIONE DEL MANUBRIO 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta.

2. Installare:  manubrio  supporti superiori del manubrio 28 Nm (2,8 mkg)

ATTENZIONE:  Serrare per primi i bulloni sul lato anteriore del supporto del manubrio, e quindi i bulloni sul lato posteriore.  Ruotare completamente il manubrio verso destra e verso sinistra. Se il manubrio tocca il serbatoio del carburante, regolare la posizione del manubrio. NOTA:  I supporti superiori del manubrio devono essere installati con la punzonatura a rivolta in avanti A.

6-55


I

MANUBRIO

CHAS

 Allineare i segni di accoppiamento b del manubrio con la superficie superiore dei supporti inferiori del manubrio. 3. Installare:  manopola dell’acceleratore  cavo dell’acceleratore

AVVERTENZA Assicurarsi che il perno a sull’alloggiamento del cavo dell’acceleratore sia in linea con il foro b del manubrio. 4. Installare:  pompa del freno Consultare il paragrafo “FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE”. 5. Installare:  supporto della leva della frizione 1 NOTA: Allineare la fessura del supporto della leva del freno con la punzonatura a del manubrio.

6. Installare:  interruttore sul manubrio sinistro 1 NOTA: Allineare la superficie di accoppiamento degli interruttori sul manubrio con la punzonatura a del manubrio. 7. Installare:  cavo della frizione 8. Collegare:  connettore dell’interruttore della frizione NOTA: Applicare un leggero strato di grasso a base di litio all’estremità del cavo della frizione.

6-56


I

MANUBRIO

CHAS

9. Regolare:  gioco del cavo della frizione Consultare il paragrafo “REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELLA FRIZIONE”, al capitolo 3. Gioco del cavo della frizione (all’estremità della leva della frizione) 5  10 mm 10. Regolare:  gioco del cavo dell’acceleratore Consultare il paragrafo “REGOLAZIONE DEL GIOCO DEL CAVO DELL’ACCELERATORE”, al capitolo 3. Gioco del cavo dell’acceleratore (sulla flangia della manopola dell’acceleratore) 4  6 mm

6-57


I

CHAS

STERZO

STERZO

1o 2o

52 Nm (5,2 mkg) 18 Nm (1,8 mkg)

110 Nm (11,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà Rimozione della staffa inferiore

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. Aste della forcella anteriore 1 2 3 4 5 6 7 8

Manubrio Gruppo vetro del faro Fili (nel corpo del faro) Luce degli indicatori di direzione (sinistro /destro) Corpo del faro Supporto del giunto del tubo del freno Staffa superiore Rondella di serraggio Ghiera superiore

Consultare il paragrafo “FORCELLA ANTERIORE”. Consultare il paragrafo “MANUBRIO”. 1 – 1/1 1 1 1 1 1 6-58

Scollegare


I

CHAS

STERZO

1o 2o

52 Nm (5,2 mkg) 18 Nm (1,8 mkg)

110 Nm (11,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 9 10 11 12 13 14 15

1 1 1 1 1 1

Rondella in gomma Ghiera inferiore Coperchio del cuscinetto Staffa inferiore Cuscinetto (superiore) Guarnizione in gomma Cuscinetto (inferiore)

Note Consultare il paragrafo “RIMOZIONE DELLA STAFFA INFERIORE/ INSTALLAZIONE DELLO STERZO”.

Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-59


I

STERZO

CHAS

EAS00677

RIMOZIONE DELLA STAFFA INFERIORE 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere la motocicletta in modo sicuro per impedirne la caduta.

2. Rimuovere:  ghiera superiore 1  ghiera inferiore 2 NOTA: Rimuovere la ghiera superiore con la chiave per ghiere, trattenendo la ghiera inferiore con la chiave per il dado della testa di sterzo e lo scarico.

Chiave per il dado della testa di sterzo e lo scarico 90890-01268 Chiave per ghiere 90890-01403

AVVERTENZA Sostenere saldamente la staffa inferiore per impedirne la caduta.

EAS00681

CONTROLLO DELLO STERZO 1. Lavare:  cuscinetti  piste dei cuscinetti Solvente di pulizia consigliato kerosene

2. Controllare  cuscinetti 1  piste dei cuscinetti 2 Danni/vaiolatura  Sostituire. 3. Sostituire:  cuscinetti  piste dei cuscinetti

6-60


I

STERZO

CHAS

a. Rimuovere le piste dei cuscinetti dal tubo della testa di sterzo, utilizzando un’asta lunga 1 e un martello. b. Rimuovere la pista del cuscinetto dalla staffa inferiore, utilizzando uno scalpello 2 e un martello. c. Installare una guarnizione in gomma nuova e piste dei cuscinetti nuove.

ATTENZIONE: Un’errata installazione delle piste dei cuscinetti può provocare danni al tubo della testa di sterzo. NOTA:  I cuscinetti e le piste vanno sempre sostituiti in gruppo.  La tenuta in gomma va sostituita ogniqualvolta si smonta lo sterzo. 4. Controllare:  staffa superiore  staffa inferiore (insieme al cannotto dello sterzo) Curvature /incrinature /danni  Sostituire.

EAS00683

INSTALLAZIONE DELLO STERZO 1. Lubrificare:  cuscinetto superiore  cuscinetto inferiore  piste dei cuscinetti Lubrificante consigliato Grasso a base di litio

2. Installare:  ghiera inferiore 1  rondella in gomma 2  ghiera superiore 3  rondella di serraggio 4 Consultare il paragrafo “CONTROLLO E REGOLAZIONE DELLO STERZO”, al capitolo 3. 3. Installare:  staffa superiore  dado del cannotto dello sterzo 6-61


I

STERZO

CHAS

NOTA: Serrare provvisoriamente il dado del cannotto dello sterzo. 4. Installare:  aste della forcella anteriore Consultare il paragrafo â&#x20AC;&#x153;FORCELLA ANTERIOREâ&#x20AC;? NOTA: Serrare provvisoriamente i bulloni di serraggio delle staffe superiore e inferiore.

6-62


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE COPERCHIO DESTRO E VANO BATTERIA

7 Nm (0,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Collocare la motocicletta su una superficie piana. Consultare il capitolo “SERBATOIO CARBURANTE E SELLA”, al CAPITOLO 3. Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”.

Rimozione del coperchio destro e del vano batteria. Selle Gruppo marmitta 1 2 3

Coperchio della batteria Coperchio destro Batteria

1 1 1

4

Vano batteria

1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE” Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-63


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

COPERCHIO SINISTRO E VANO PORTA-ATTREZZI

7 Nm (0,7 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

1 2 3 4 5 6 7

Rimozione del coperchio sinistro e del vano porta-attrezzi Coperchio del vano porta-attrezzi Coperchio sinistro Dotazione attrezzi Connettore Supporto del tubo del carburante Tubi del carburante Vano porta-attrezzi

Note Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 1 1 – 1 2 1

Scollegare Scollegare Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-64


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

40 Nm (4,0 mkg)

48 Nm (4,8 mkg) 90 Nm (9,0 mkg)

48 Nm (4,8 mkg)

48 Nm (4,8 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione dell’ammortizzatore posteriore e del forcellone oscillante Ruota posteriore

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato.

1 2 3 4 5 6 7

Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”. 2 2 1

Bulloni dei bracci di collegamento Bracci di collegamento Bullone inferiore dell’ammortizzatore posteriore Ammortizzatore posteriore Supporto di collegamento Perno di articolazione Forcellone oscillante

1 1 1 1

Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE”. Consultare il paragrafo “RIMOZIONE/ INSTALLAZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-65


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

EAS00687

TRATTAMENTO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO

AVVERTENZA L’ammortizzatore posteriore e il cilindro pneumatico contengono gas di azoto altamente compresso. Prima di manipolare l’ammortizzatore posteriore o il cilindro pneumatico, leggere attentamente le seguenti istruzioni. Il costruttore non può essere ritenuto responsabile per eventuali danni a cose o lesioni a persone che derivino da un’errata manipolazione dell’ammortizzatore e del cilindro pneumatico.  Non manomettere o tentare di aprire l’ammortizzatore posteriore o il cilindro pneumatico.  Non esporre l’ammortizzatore o il cilindro pneumatico a fiamme libere o altre fonti di calore elevato, per evitare esplosioni dovute a un’eccessiva pressione del gas.  Non deformare o danneggiare in qualsiasi modo l’ammortizzatore posteriore o il cilindro pneumatico. Eventuali danni all’ammortizzatore, al cilindro pneumatico o a entrambi, possono compromettere le prestazioni del sistema ammortizzatore.

EAS00689

SMALTIMENTO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO a. Prima di eliminare l’ammortizzatore posteriore e il cilindro pneumatico, è necessario scaricare la pressione del gas, praticando un foro di 2  3 mm a una distanza di circa 15  20 mm dall’estremità del cilindro, come illustrato in figura.

AVVERTENZA Indossare idonee protezioni per gli occhi, per evitare lesioni dovute alla fuoriuscita di gas o all’espulsione di frammenti di metallo.

6-66


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

EAS00694

RIMOZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota posteriore. 2. Scollegare:  conduttori della batteria (dai morsetti della batteria)

ATTENZIONE: Scollegare per primo il conduttore negativo 1 , e quindi il conduttore positivo 2 . 3. Rimuovere:  bullone del braccio di collegamento (sul lato del forcellone oscillante) 1  bullone inferiore del gruppo ammortizzatore posteriore NOTA: Mentre si rimuove il bullone del braccio di collegamento (sul lato del forcellone oscillante), trattenere il forcellone oscillante per impedirne la caduta. 4. Rimuovere:  bullone superiore dellâ&#x20AC;&#x2122;ammortizzatore posteriore  ammortizzatore posteriore

6-67


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

EAS00702

RIMOZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota posteriore. 2. Rimuovere:  ammortizzatore posteriore

3. Controllare:  gioco laterale del forcellone oscillante  movimento verticale del forcellone oscillante a. Controllare la coppia di serraggio dei perni di articolazione e del dado di bloccaggio del forcellone oscillante. Dado di bloccaggio 90 Nm (9,0 mkg) b. Controllare il gioco laterale del forcellone oscillante A , muovendo il forcellone da lato a lato. c. Se il gioco laterale del forcellone oscillante è al di fuori dei limiti specificati, controllare i distanziatori e i cuscinetti. Gioco laterale del forcellone oscillante (all’estremità del forcellone) 0 mm d. Controllare il movimento verticale del forcellone oscillante B , muovendo il forcellone in alto e in basso. Se il movimento verticale del forcellone oscillante non è regolare, controllare i distanziatori e i cuscinetti.

6-68


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

EAS00696

CONTROLLO DELL’AMMORTIZZATORE POSTERIORE E DEL CILINDRO PNEUMATICO 1. Controllare:  stelo dell’ammortizzatore posteriore Curvature /danni  Sostituire il gruppo ammortizzatore posteriore.  ammortizzatore posteriore Fughe di gas/perdite di olio  Sostituire il gruppo ammortizzatore posteriore.  molla Danni/usura  Sostituire il gruppo ammortizzatore posteriore.  cilindro pneumatico Danni/fughe di gas  Sostituire.  boccole Danni/usura  Sostituire.  parapolvere Danni/usura  Sostituire.  bulloni Curvature /danni/usura  Sostituire. EAS00708

CONTROLLO DEL FORCELLONE OSCILLANTE 1. Controllare:  forcellone oscillante Curvature /incrinature /danni  Sostituire.

2. Controllare:  perno di articolazione Danni/usura  Sostituire.

3. Controllare:  collari distanziatori 1  paraoli 2  cuscinetti 3 Danni/usura  Sostituire.

6-69


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

EAS00698

INSTALLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE 1. Installare:  forcellone oscillante Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE”. 2. Lubrificare:  distanziatori  cuscinetti Lubrificante consigliato Grasso al bisolfuro di molibdeno 3. Installare:  gruppo ammortizzatore posteriore Gruppo ammortizzatore posteriore dado superiore 40 Nm (4,0 mkg) Gruppo ammortizzatore posteriore dado inferiore 48 Nm (4,8 mkg) Dado tra il supporto di collegamento e il telaio 48 Nm (4,8 mkg) NOTA:  Per installare il gruppo ammortizzatore posteriore, sollevare il forcellone oscillante.  Installare i bulloni dei bracci di collegamento dal lato destro. 4. Collegare:  conduttori della batteria (ai morsetti della batteria)

ATTENZIONE: Collegare per primo il cavo positivo 1 , e quindi il cavo negativo 2 .

EAS00712

INSTALLAZIONE DEL FORCELLONE OSCILLANTE 1. Lubrificare:  cuscinetti  distanziatori  paraoli Lubrificante consigliato Grasso al bisolfuro di molibdeno 6-70


I

AMMORTIZZATORE POSTERIORE E FORCELLONE OSCILLANTE

CHAS

2. Installare:  supporto di collegamento  braccio di collegamento sinistro  braccio di collegamento destro Gruppo ammortizzatore posteriore dado inferiore 1 48 Nm (4,8 mkg) Dadi dei bracci di collegamento 2 48 Nm (4,8 mkg) Dado tra il supporto di collegamento e il telaio 3 48 Nm (4,8 mkg) 3. Installare:  ammortizzatore posteriore Consultare il paragrafo “INSTALLAZIONE DEL GRUPPO AMMORTIZZATORE POSTERIORE”. 4. Installare:  ruota posteriore Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”.

6-71


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

TRASMISSIONE AD ALBERO EAS00715

RICERCA ED ELIMINAZIONE DEI GUASTI Le seguenti condizioni possono segnalare la presenza di danni nei componenti della trasmissione: A

Sintomi

B

1. Pronunciata esitazione o movimento a scatti in fase di accelerazione e decelerazione o a velocità sostenute (da non confondere con eventuali irregolarità di funzionamento del motore o movimenti associati alla trasmissione). 2. Rumore di rotolamento avvertibile alle basse velocità, sibilo acuto o rumore metallico proveniente da un elemento della trasmissione 3. La trasmissione ad albero è bloccata o non vi è trasmissione di potenza dal motore alla ruota posteriore.

Possibili cause

A. Danni nei cuscinetti B. Errato gioco degli ingranaggi C. Danni nei denti degli ingranaggi D. Rottura nell’albero di trasmissione E. Rotture nei denti degli ingranaggi F. Grippaggio per assenza di lubrificazione G.Introduzione di piccoli corpi estranei tra le parti in movimento o da componenti vicini alla trasmissione.

NOTA: Le cause A, B e C possono essere estremamente difficili da individuare. I sintomi sono alquanto sottili e difficili da distinguere dai rumori che la motocicletta produce normalmente durante la marcia. Se vi è motivo di credere che vi siano danni nei suddetti componenti, è opportuno rimuoverli per ispezionarli singolarmente.

6-72


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

Note per l’ispezione 1. Accertare la causa di eventuali rumori anomali. I seguenti rumori possono segnalare la presenza di un difetto meccanico: a. Rumore di rotolamento durante la marcia a motore spento e in fase di accelerazione o decelerazione (il rumore aumenta con la velocità della ruota posteriore, ma non con la velocità del motore o della trasmissione). Diagnosi: Possibili danni ai cuscinetti della ruota. b. Sibilo acuto che varia con l’accelerazione e la decelerazione. Diagnosi: Possibili errori di montaggio o gioco insufficiente degli ingranaggi.

AVVERTENZA La presenza di un gioco insufficiente è estremamente dannosa per gli ingranaggi. Se si evidenziano tali sintomi durante il collaudo in marcia successivo al montaggio, arrestare immediatamente la motocicletta per ridurre al minimo i danni agli ingranaggi. c. Leggero rumore metallico avvertibile alle basse velocità (da non confondere con il rumore che la motocicletta produce normalmente durante la marcia). Diagnosi: Possibili rotture nei denti degli ingranaggi

AVVERTENZA Arrestare immediatamente la motocicletta se si sospettano rotture nei denti degli ingranaggi. Tale condizione potrebbe provocare il blocco della trasmissione ad albero, la perdita di controllo del mezzo e incidenti con possibili lesioni del conducente.

6-73


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

EAS00716

Schema per la ricerca ed eliminazione dei guasti Qualora vengano individuate le cause A e B inizialmente descritte nel paragrafo “RICERCA ED ELIMINAZIONE DEI GUASTI”, procedere ai seguenti controlli: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenerla sollevata e azionare la ruota anteriore. Il cuscinetto della ruota è danneggiato?

Sostituire il cuscinetto della ruota. Consultare il paragrafo “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”.

NO

NO Collocare la motocicletta su un supporto adeguato in modo da mantenerla sollevata e azionare la ruota posteriore. Il cuscinetto della ruota è danneggiato?

I cuscinetti della ruota posteriore e i cuscinetti della trasmissione ad albero probabilmente non sono danneggiati. Ripetere la prova o rimuovere e controllare i componenti.

Rimuovere la ruota posteriore. Il cuscinetto della ruota è danneggiato?

NO

Rimuovere e ispezionare i componenti dell’albero di trasmissione.

6-74

Sostituire il cuscinetto della ruota posteriore. Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”.


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

EAS00717

CONTROLLO PER EVENTUALI CONTAMINAZIONI DELL’OLIO DELL’INGRANAGGIO FINALE E PERDITE DELLA TRASMISSIONE AD ALBERO 1. Scaricare:  olio dell’ingranaggio finale (dalla scatola dell’ingranaggio finale) Consultare il paragrafo “RIFORNIMENTO DELL’OLIO DELL’INGRANAGGIO FINALE”, al capitolo 3. 2. Controllare:  olio dell’ingranaggio finale Elevata quantità di particelle metalliche  Verificare la presenza di grippaggi dei cuscinetti. NOTA: È normale che vi sia una piccola quantità di particelle metalliche nell’olio dell’ingranaggio finale. 3. Controllare:  scatola della trasmissione ad albero (per verificare se vi sono perdite di olio) a. Pulire e asciugare con cura l’intera motocicletta. b. Applicare sulla trasmissione ad albero un composto cercafughe o uno spray secco. c. Mettere in marcia la motocicletta per il tempo necessario alla localizzazione di eventuali perdite. Perdita di olio  Riparare o sostituire il(i) componente(i) difettoso(i). 1 Paraolio 2 O-ring 3 Avanti NOTA:  Quella che potrebbe apparire come una perdita di olio su una motocicletta nuova o quasi nuova, può in realtà derivare dall’applicazione di un prodotto antiruggine o da un’eccessiva lubrificazione dei paraoli.  Pulire sempre la motocicletta e ricontrollare la zona da cui si sospetta che provenga la perdita.

6-75


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

EAS00719

MISURAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA 1. Bloccare il gruppo trasmissione in una morsa. 2. Rimuovere:  bullone di scarico dell’olio dell’ingranaggio finale 3. Scaricare:  olio dell’ingranaggio finale (dal gruppo ingranaggio finale) 4. Misurare:  gioco della corona dentata Fuori specifiche  Regolare. Gioco della corona dentata 0,1  0,2 mm

1,5 mm

a. Installare un bullone 1 delle dimensioni specificate nel foro di riempimento dell’olio dell’ingranaggio finale. b. Serrare il bullone con le dita fino a bloccare il movimento della corona dentata.

25 mm 11 mm 14 mm

NOTA: Non serrare eccessivamente il bullone.

100 mm

c. Installare lo spessore 2 e il comparatore 3 di misurazione dell’ingranaggio finale. Spessore di misurazione dell’ingranaggio finale 90890-01230 a Punto di contatto comparatore-stantuffo: 54,5 mm d. Ruotare delicatamente l’accoppiamento a ingranaggi da un punto di presa all’altro. e. Registrare il valore di lettura del comparatore. f. Rimuovere il comparatore, l’attrezzo speciale e il bullone.

a 6-76


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

g. Ruotare di 90_ il pignone dellâ&#x20AC;&#x2122;ingranaggio finale. h. Reinstallare il bullone, lâ&#x20AC;&#x2122;attrezzo speciale e il comparatore. i. Ripetere altre tre volte le operazioni descritte ai punti da (d) a (h), per un totale di quattro misurazioni. j. Se si rilevano valori al di fuori dei limiti specificati, regolare il gioco della corona dentata.

EAS00720

REGOLAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA 1. Rimuovere: S dadi della sede di cuscinetto della corona dentata S bulloni della sede di cuscinetto della corona dentata NOTA: Procedendo a schema incrociato, allentare ogni dado di 1/4 di giro. Rimuovere i dadi insieme ai bulloni, dopo averli completamente allentati. 2. Rimuovere: S sede di cuscinetto della corona dentata 1 S corona dentata 2 S rondella di spinta 3 S spessore per la corona dentata 4 3. Regolare: S gioco della corona dentata a. Utilizzare la seguente tabella per scegliere gli spessori e la rondella di spinta appropriati.

6-77

Spessore stretto

Il gioco della corona dentata aumenta

Spessore largo

Il gioco della corona dentata diminuisce


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

b. Se si rende necessario aumentare il gioco della corona dentata di oltre 0,2 mm, ridurre la larghezza della rondella di spinta di 0,2 mm per ogni incremento di 0,2 mm nella larghezza dello spessore per la corona dentata. c. Se si rende necessario ridurre il gioco della corona dentata di oltre 0,2 mm, aumentare la larghezza della rondella di spinta di 0,2 mm per ogni riduzione di 0,2 mm nella larghezza dello spessore per la corona dentata. Spessori per la corona dentata Larghezza (mm)

0,25; 0,30; 0,40

Rondelle di spinta Larghezza (mm)

6-78

1,2; 1,4; 1,6; 1,8; 2,0


I

CHAS

TRASMISSIONE AD ALBERO

GRUPPO INGRANAGGIO FINALE E ALBERO DI TRASMISSIONE 23 Nm (2,3 mkg)

115 Nm (11,5 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

130 Nm (13,0 mkg)

42 Nm (4,2 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

Rimozione del gruppo ingranaggio finale e dell’albero di trasmissione.

Rimuovere i componenti nell’ordine indicato. Sistemare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. Gruppo ruota posteriore

Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”.

1 2 3

Collare distanziatore Gruppo albero di trasmissione Gruppo pignone dell’ingranaggio finale

1 1 1

4

Gruppo ingranaggio finale

1

Consultare il paragrafo “SMONTAGGIO DEL GRUPPO INGRANAGGIO FINALE/ ALLINEAMENTO DELLA CORONA DENTATA E DEL PIGNONE DELL’INGRANAGGIO FINALE”. Per l’installazione, invertire la procedura di rimozione.

6-79


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

INGRANAGGIO FINALE

23 Nm (2,3 mkg)

40 Nm (4,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà

Note

1 2

Smontaggio dell’ingranaggio finale. Bulloni (sede di cuscinetto) Dadi (sede di cuscinetto)

Smontare i componenti nell’ordine indicato. NOTA: Procedendo a schema incrociato, allentare ogni dado e bullone di 1/4 di giro. Rimuovere tutti i dati e i bulloni, dopo averli allentati.

3 4 5 6

Sede di cuscinetto/O-ring Corona dentata Spessore(i) Rondella di spinta

2 6

1/1 1 1 1 Per il montaggio, invertire la procedura di smontaggio.

6-80


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

EAS00724

SMONTAGGIO DEL GRUPPO INGRANAGGIO FINALE 1. Rimuovere:  dadi della sede di cuscinetto della corona dentata  bulloni della sede di cuscinetto della corona dentata NOTA: Procedendo a schema incrociato, allentare tutti i dadi e i bulloni di 1/4 di giro. Rimuovere tutti i dadi e i bulloni, dopo averli completamente allentati. 2. Rimuovere:  dado autobloccante  accoppiamento a ingranaggi (con l’attrezzo speciale 1 ) Attrezzo per alberi intermedi/ ingranaggi di accoppiamento 90890-01229 3. Rimuovere:  gabbia di cuscinetto 2 (con l’attrezzo speciale 3 ) Chiave per gabbie di cuscinetto 90890-04077

ATTENZIONE: La gabbia di cuscinetto presenta una filettatura sinistrorsa. Per allentare la gabbia, ruotarla in senso orario. 4. Rimuovere:  pignone dell’ingranaggio finale (con gli attrezzi speciali) Adattatore per attrezzo di installazione dell’albero motore 1 90890-01277 Estrattore per indotto 2 90890-01290 Peso 3 90890-01291

AVVERTENZA Utilizzare sempre cuscinetti nuovi.

ATTENZIONE: Il pignone dell’ingranaggio finale va unicamente rimosso se si rende necessario sostituire la corona dentata. 6-81


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

EAS006725

RIMOZIONE E INSTALLAZIONE DEI CUSCINETTI DELLA CORONA DENTATA 1. Rimuovere: S collare distanziatore 1 S paraolio 2 S cuscinetto 3 (con un attrezzo di compressione appropriato 4 e un supporto idoneo per la scatola dell’ingranaggio finale) 2. Controllare: S cuscinetto Danni  Sostituire. 3. Rimuovere: S cuscinetto 1 a. Riscaldare la scatola dell’ingranaggio finale, portandola a circa 150_C. b. Rimuovere le piste esterne dei cuscinetti con un punzone di forma appropriata 2 . c. Rimuovere la pista interna dal pignone dell’ingranaggio finale. NOTA: La rimozione del cuscinetto del pignone dell’ingranaggio finale è un’operazione difficoltosa e raramente necessaria.

4. Installare: S cuscinetto (Nuovo) a. Riscaldare la scatola dell’ingranaggio finale, portandola a circa 150_C. b. Installare le piste esterne dei cuscinetti con un attrezzo appropriato in base al diametro delle piste. c. Installare la pista interna sul pignone dell’ingranaggio finale.

6-82


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

5. Installare:  collare distanziatore 1  paraolio 2 New  cuscinetto (con un attrezzo di compressione 3 appropriato) NOTA: Il cuscinetto rimosso può essere riutilizzato, ma Yamaha consiglia di sostituirlo con uno nuovo.

EAS00726

ALLINEAMENTO DELLA CORONA DENTATA E DEL PIGNONE DELL’INGRANAGGIO FINALE NOTA: L’allineamento della corona dentata e del pignone dell’ingranaggio finale si rende necessario quando si sostituiscono i seguenti componenti:  scatola dell’ingranaggio finale  uno qualsiasi dei cuscinetti 1. Selezionare:  spessore(i) del pignone dell’ingranaggio finale 1  spessore(i) della corona dentata 2 a. Posizionare il pignone dell’ingranaggio finale e la corona dentata con gli spessori 1 e 2 . Calcolare le rispettive larghezze in base alle indicazioni fornite sulla scatola e sul pignone dell’ingranaggio finale. 1 Spessore per il pignone dell’ingranaggio finale 2 Spessore per la corona dentata 3 Rondella di spinta b. Per individuare la larghezza dello spessore per il pignone dell’ingranaggio finale A, applicare la seguente formula: Larghezza dello spessore per il pignone dell’ingranaggio finale A = (84 + a /100) – b 6-83


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

Dove: a = numero (positivo o negativo) riportato sulla corona dentata, da dividere per 100 e aggiungere a “84” b = numero riportato sulla scatola dell’ingranaggio finale. Esempio: Se il pignone riporta “+01” e la scatola delll’ingranaggio finale riporta “83,50”: A = (84 + 1/100) – (83,50) = (84 + 0,01) – (83,50) = 84,01 – 83,50 = 0,51 Pertanto, la larghezza dello spessore per il pignone dell’ingranaggio finale è pari a 0,51 mm. Gli spessori sono disponibili nelle seguenti misure. Spessore per il pignone dell’ingranaggio finale Spessore (mm)

0,30; 0,40; 0,50

Poiché gli spessori per il pignone dell’ingranaggio finale sono unicamente disponibili in misure per incrementi di 0,10 mm, è opportuno arrotondare le cifre al centesimo. Centesimi

Valore arrotondato

0, 1, 2, 3, 4

0

5, 6, 7, 8, 9

10

Nell’esempio precedente, la larghezza dello spessore per il pignone dell’ingranaggio finale è pari a 0,51 mm. In base alla tabella, l’1 va arrotondato allo 0. Si dovrebbe pertanto utilizzare uno spessore per il pignone di larghezza pari a 0,50 mm. c. Per individuare la larghezza dello spessore per la corona dentata “B”, applicare la seguente formula: Larghezza dello spessore per la corona dentata B = c + d – [(35,40 + e /100) + f ] Dove: c = numero riportato sulla scatola dell’ingranaggio finale. d = numero generalmente riportato all’esterno della sede di cuscinetto della corona dentata. e = numero (positivo o negativo) riportato all’interno della corona dentata, da dividere per 100 e aggiungere a “35,40”.

6-84


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

f = costante di larghezza del cuscinetto della corona dentata Larghezza del cuscinetto della corona dentata “ f ” 13,00 mm Esempio: Se la scatola dell’ingranaggio finale riporta “45,51”, la sede di cuscinetto della corona dentata riporta “3,35”, la corona dentata riporta “–05” e “f” è pari a 13,00: B = 45,51 + 3,35 – [(35,40 – 5/100) + 13] = 45,51 + 3,35 – [(35,40 – 0,05) + 13] = 48,86 – [35,35 + 13] = 48,86 – 48,35 = 0,51 Pertanto, la larghezza dello spessore per la corona dentata è pari a 0,51 mm. Gli spessori sono forniti nelle seguenti misure. Spessore per la corona dentata Spessore (mm)

0,30; 0,40; 0,50

Poiché gli spessori per la corona dentata sono unicamente disponibili in misure per incrementi di 0,10 mm, è opportuno arrotondare le cifre al centesimo. Centesimi

Valore arrotondato

0, 1, 2, 3, 4

0

5, 6, 7, 8, 9

10

Nell’esempio precedente, la larghezza dello spessore per l’ingranaggio finale è pari a 0,51 mm. In base alla tabella, l’1 va arrotondato allo 0. Si dovrebbe pertanto utilizzare uno spessore per la corona dentata pari a 0,50 mm.

2. Installare  spessore(i) (secondo i calcoli indicati)  pignone dell’ingranaggio finale  gabbia di cuscinetto 115 Nm (11,5 mkg) (con la chiave per gabbie di cuscinetto)

ATTENZIONE: La gabbia di cuscinetto presenta una filettatura sinistrorsa. Per serrare la gabbia, ruotarla in senso antiorario. 6-85


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

Chiave per gabbie di cuscinetto 90890-04077 3. Installare: S accoppiamento a ingranaggi S dado autobloccante 130 Nm (13,0 mSkg) (con l’attrezzo speciale 1 ) Attrezzo per alberi intermedi/ ingranaggi di accoppiamento 90890-01229

ATTENZIONE: Applicare LOCTITE sul dado autobloccante. 4. Installare: S sede di cuscinetto della corona dentata (con la corona dentata ma senza la rondella di spinta) 5. Regolare: S gioco della corona dentata Consultare i paragrafi “MISURAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA” e “REGOLAZIONE DEL GIOCO DELLA CORONA DENTATA”. 6. Misurare: S distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta a. Rimuovere la sede di cuscinetto della corona dentata (con la corona dentata). b. Inserire quattro segmenti PlastigaugeR tra la rondella di spinta originale e la corona dentata. c. Installare la sede di cuscinetto della corona dentata, quindi serrare i dadi e i bulloni ai valori specificati. Bullone della sede di cuscinetto della corona dentata (M10) 40 Nm (4,0 mSkg) Dado della sede di cuscinetto della corona dentata (M8) 23 Nm (2,3 mSkg) NOTA: Non ruotare il pignone dell’ingranaggio finale e la corona dentata mentre si misura la distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta con i segmenti Plastigauge. d. Rimuovere la sede di cuscinetto della corona dentata. e. Misurare la larghezza del segmento PlastigaugeR appiattito 1 . Distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta 0,2 mm f. Se la distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta rientra nei limiti specificati, installare la sede di cuscinetto della corona dentata (con la corona dentata). 6-86


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

g. Se la distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta è al di fuori dei limiti specificati, selezionare la rondella di spinta appropriata. h. Selezionare la rondella di spinta appropriata in base alla seguente tabella. Rondella di spinta Larghezza (mm)

1,2; 1,4; 1,6; 1,8; 2,0

i. Ripetere le operazioni di misura finché la distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta rientra nei limiti specificati. Distanza tra la corona dentata e la rondella di spinta 0,2 mm

EAS00727

CONTROLLO DELL’ALBERO DI TRASMISSIONE 1. Controllare: S scanalature dell’albero di trasmissione Danni/usura  Sostituire l’albero di trasmissione.

EAS00728

INSTALLAZIONE DELL’ALBERO DI TRASMISSIONE 1. Lubrificare: S scanalature dell’albero di trasmissione Lubrificante consigliato Grasso al bisolfuro di molibdeno 2. Applicare: S sigillante (sulle superfici di accoppiamento della scatola dell’ingranaggio finale) Sigillante Yamaha N_ 1215 90890-85505 3. Installare: S albero di trasmissione (al pignone dell’ingranaggio finale)

6-87


I

TRASMISSIONE AD ALBERO

CHAS

4. Serrare:  dadi della sede di cuscinetto dell’ingranaggio finale 42 Nm (4,3 mkg) 5. Installare:  gruppo ruota posteriore Consultare il paragrafo “RUOTA POSTERIORE E DISCO DEL FRENO”.

6-88


ELEC

+

7


I

ELEC CAPITOLO 7 SISTEMA ELETTRICO COMPONENTI ELETTRICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-1 INTERRUTTORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-2 CONTROLLO DELLA CONTINUITÀ DEGLI INTERRUTTORI . . . . . . . 7-2 CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-3 CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA . . . . . . . . . . TIPI DI LAMPADINE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLO STATO DELLE LAMPADINE . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DELLO STATO DEI PORTALAMPADA . . . . . . . . . . . . . .

7-5 7-5 7-5 7-7

SISTEMA DI ACCENSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-8 SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-8 RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-9 SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FUNZIONAMENTO DEL CIRCUITO DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MOTORINO DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7-13 7-13 7-14 7-15 7-19

SISTEMA DI CARICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-23 SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-23 RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-24 SISTEMA DI ILLUMINAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . .

7-26 7-26 7-27 7-28

SISTEMA DI SEGNALAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEL SISTEMA DI SEGNALAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . .

7-31 7-31 7-33 7-34

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FUNZIONAMENTO DEL CIRCUITO DELLA POMPA DEL CARBURANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TEST POMPA DEL CARBURANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7-39 7-39 7-40 7-41 7-43

RISCALDATORE DEL CARBURATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-44 SCHEMA DEL CIRCUITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-44 RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-45


I

ELEC AUTODIAGNOSTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-48 RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-49


I

COMPONENTI ELETTRICI EB800000

SISTEMA ELETTRICO COMPONENTI ELETTRICI Interruttore principale 8 Centralina di accensione Interruttore termico 9 Interruttore cavalletto laterale Relè lampeggiatori 10 Interruttore della posizione di folle Relè di esclusione circuito di av- 11 Raddrizzatore / Regolatore 12 Relè spia dell’olio viamento 5 Bobina di accensione 13 Batteria 6 Relè motorino di avviamento 14 Interruttore freno posteriore 7 Fusibile 15 Avvisatore acustico 1 2 3 4

7-1

ELEC


I

INTERRUTTORI

ELEC

EAS0010

INTERRUTTORI CONTROLLO DELLA CONTINUITÀ DEGLI INTERRUTTORI Con un tester portatile, controllare la continuità di ogni interruttore. Se il valore rilevato non è corretto, controllare i collegamenti elettrici e, se necessario, sostituire l’interruttore.

ATTENZIONE: Non inserire mai i cavetti del tester nelle scanalature 1 del terminale del connettore. Inserirli sempre dal lato opposto del connettore, facendo attenzione a non allentare o danneggiare i cavetti.

Tester portatile 90890-03112 NOTA:  Prima di verificare la presenza di continuità, impostare il tester portatile sullo “0” e sulla gamma “Ω 1”.  Durante il controllo della continuità, passare alcune volte da una posizione all’altra dell’interruttore.

B

B

I collegamenti dei terminali degli interruttori (es. interruttore principale, interruttore di arresto motore) vengono riportati in una figura simile a quella di sinistra. Le posizioni a dell’interruttore sono indicate nella colonna di sinistra, mentre i colori b dei relativi cavetti sono riportati nella fila superiore della figura dell’interruttore stesso. NOTA: Il simbolo “ ” indica la continuità elettrica tra i terminali degli interruttori (cioè un circuito chiuso in corrispondenza della relativa posizione dell’interruttore). La figura esemplificativa a sinistra indica che: Vi è continuità tra i fili blu/rosso e rosso quando l’interruttore è impostato su “ ”. Vi è continuità tra i fili blu/rosso e blu, marrone/blu e rosso e blu/giallo e nero quando l’interruttore è impostato su “ON”.

7-2


I

ELEC

CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI EAS00731

CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI Per ogni interruttore, verificare la presenza di eventuali segni di danneggiamento o usura, di collegamenti non corretti e di continuità tra i terminali. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLA CONTINUITÀ DEGLI INTERRUTTORI”. Danneggiamento/ usura  Riparare o sostituire l’interruttore. Collegamento non corretto  Collegare correttamente. Continuità non corretta  Sostituire l’interruttore.

*1

*2

7-3


I

CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI 1 2 3 4 5 6 7 8

Interruttore frizione Interruttore lampeggiatore Interruttore avvisatore acustico Commutatore luci Interruttore indicatori di direzione Interruttore principale Interruttore freno anteriore Interruttore luci (per l’Europa)

Interruttore arresto motore Interruttore di accensione Fusibile Interruttore freno posteriore Interruttore cavalletto laterale Interruttore posizione di folle *1: per l’Europa *2: per l’Australia 9 10 11 12 13 14

7-4

ELEC


I

CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA

ELEC

EAS00732

CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA Controllare ogni lampadina e ogni portalampada per verificare la presenza di danneggiamento, usura, collegamenti non corretti e continuità tra i terminali. Danneggiamento/usura  Riparare o sostituire la lampadina, il portalampada o entrambi. Collegamento non corretto  Collegare correttamente. Continuità non corretta  Riparare o sostituire la lampadina, il portalampada o entrambi.

TIPI DI LAMPADINE Le lampadine utilizzate su questo motociclo sono illustrate nella figura a sinistra.  Le lampadine di tipo A e B vengono utilizzate per il faro e, di norma, prevedono un portalampada che deve essere scollegato prima della rimozione della lampadina. La maggior parte di queste lampadine vengono rimosse dai relativi portalampada mediante rotazione in senso antiorario.  La lampadina di tipo C viene utilizzata per gli indicatori di direzione e per la luce di posizione posteriore /del freno e viene rimossa dal relativo portalampada mediante pressione e rotazione in senso antiorario.  Le lampadine di tipo D ed E sono usate per l’illuminazione strumenti e per le spie e vengono rimosse dai relativi portalampada mediante rotazione D ed estrazione E .

CONTROLLO DELLO STATO DELLE LAMPADINE La procedura seguente viene applicata a tutte le lampadine. 1. Rimuovere:  lampadina

7-5


I

CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA

ELEC

AVVERTENZA Poiché la lampadina del faro diventa molto calda, si consiglia di non toccarla e di non metterla a contatto con prodotti infiammabili fino a completo raffreddamento.

ATTENZIONE:  Rimuovendo la lampadina, tenere fermo saldamente il portalampada. Non tirare mai il cavo per evitare che esso esca dal terminale del connettore.  Non toccare la parte di vetro della lampadina del faro per evitare di lasciarvi tracce di grasso, che potrebbero compromettere la trasparenza del vetro, la durata della lampadina e il fascio luminoso. Se la lampadina del faro si sporca, pulirla accuratamente con un panno inumidito di alcool o solvente per vernici. 2. Controllare:  lampadina (continuità) (con il tester portatile) Discontinuità  Sostituire. Tester portatile 90890-03112 NOTA: Prima di controllare la continuità, impostare il tester portatile su “0” e sulla gamma “Ω 1”.

a. Collegare il cavetto positivo del tester al terminale 1 , il cavetto negativo del tester al terminale 2 e verificare la continuità. b. Collegare il cavetto positivo del tester al terminale 1 , il cavetto negativo del tester al terminale 3 e verificare la continuità. c. Se in entrambi i casi non si rileva continuità, sostituire la lampadina.

7-6


I

CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA

ELEC

CONTROLLO DELLO STATO DEI PORTALAMPADA La procedura seguente viene applicata a tutti i portalampada. 1. Controllare:  portalampada (continuità) (con il tester portatile) Discontinuità  Sostituire. Tester portatile 90890-03112 NOTA: Controllare ogni portalampada per verificare la presenza di continuità nel modo descritto nella sezione relativa alle lampadine, tenendo presente tuttavia quanto segue.

a. Installare nel portalampada una lampadina di buona qualità. b. Collegare i cavetti del tester portatile ai relativi cavi del portalampada. c. Controllare il portalampada per verificare la presenza di continuità. Se in nessun caso si rileva continuità, sostituire il portalampada.

7-7


Bobina pickup Interruttore principale Sistema di allarme (opzionale) Fusibile di accensione Batteria Fusibile principale Relè di esclusione circuito di avviamento Centralina di accensione Bobina di accensione Candela Interruttore posizione di folle Interruttore cavalletto laterale Interruttore arresto motore Diodo

SISTEMA DI ACCENSIONE

7-8

16 17 18 20 29 38 60

1 4 5 6 7 8 13

I

ELEC

EB802000

SISTEMA DI ACCENSIONE

SCHEMA DEL CIRCUITO


I

SISTEMA DI ACCENSIONE EAS00737

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria S Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

Il sistema di accensione non funziona (mancanza di innesco o innesco intermittente). Controllare: 1. Fusibili (principale e di accensione) 2. Batteria 3. Candele 4. Distanza di innesco 5. Resistenza cappellotto candela 6. Resistenza bobina di accensione 7. Resistenza bobina pickup 8. Interruttore principale 9. Interruttore arresto motore 10. Interruttore della posizione di folle 11. Interruttore cavalletto laterale 12. Diodo 13. Relè di esclusione circuito di avviamento (diodo) 14. Cavi elettrici (intero sistema di accensione)

Tensione minima in circuito aperto: pari o superiore a 12,8 V a 20_C S La batteria è in buone condizioni? SÌ

NO S Pulire i morsetti della batteria. S Ricaricare o sostituire la batteria.

EAS00741

3. Candele

NOTA: S Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperture laterali testa dello sterzo 5) coperchio vano porta-attrezzi 6) coperchio laterale sinistro 7) coperchi teste cilindri S Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

La procedura seguente è valida per tutti i tipi di candela. S Controllare lo stato delle candele. S Controllare il tipo di candela. S Misurare la distanza tra gli elettrodi. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE CANDELE” al capitolo 3. Candela standard BPR7ES W22EPR-U Distanza tra gli elettrodi 0,7  0,8 mm

Tester di accensione 90890-06754 Tester portatile 90890-03112

S La candela è in buone condizioni, è del tipo corretto e la distanza tra gli elettrodi è conforme alle specifiche? SÌ

NO

EAS00738

1. Fusibili principale e di accensione

Ridefinire la distanza tra gli elettrodi o sostituire la candela.

S Verificare la continuità dei fusibili principale e di accensione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3. S I fusibili principale e di accensione sono in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire i fusibili. 7-9


I

SISTEMA DI ACCENSIONE

ELEC

EAS00743

Resistenza del cappellotto della candela 10 kΩ a 20_C

4. Distanza di innesco La procedura seguente è valida per tutti i tipi di candela. S Scollegare il cappellotto della candela. S Collegare il tester dell’accensione 1 come indicato. S 2 Cappellotto della candela S Portare su “ON” l’interruttore principale. S Misurare la distanza di innesco a . S Avviare il motore premendo l’interruttore di avviamento e aumentare la distanza di innesco fino ad ottenere un’accensione difettosa.

S Il cappellotto della candela è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire il cappellotto della candela.

EAS00747

6. Resistenza della bobina di accensione La procedura seguente è valida per tutti i tipi di bobina di accensione. S Scollegare i connettori delle bobine di accensione dai morsetti. S Collegare il tester portatile (Ω 1) alla bobina di accensione come indicato. Cavetto positivo del tester  rosso/nero Cavetto negativo del tester  arancione (grigio)

Distanza di innesco minima 6 mm S La candela e la distanza di innesco sono conformi alle specifiche? NO

SÌ Il sistema di accensione è in buone condizioni. S Misurare la resistenza sull’avvolgimento primario della bobina di accensione.

EAS00745

5. Resistenza del cappellotto della candela La procedura seguente è valida per tutti i tipi di cappellotto della candela. S Rimuovere il cappellotto della candela. S Collegare il tester portatile (Ω 1k) al cappellotto della candela come indicato. S Misurare la resistenza del cappellotto della candela.

Resistenza sull’avvolgimento primario della bobina 3,57  4,83 Ω a 20_C S Collegare il tester portatile (Ω 1k) alla bobina di accensione come indicato. S Misurare la resistenza sull’avvolgimento secondario della bobina di accensione. Cavetto positivo del tester  cavetto della candela 1 Cavetto negativo del tester  cavetto arancione (grigio) 2

7-10


I

SISTEMA DI ACCENSIONE

ELEC

EAS00749

8. Interruttore principale S Verificare la presenza di continuità sull’interruttore principale.Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”. S L’interruttore principale è in buone condizioni? SÌ

Sostituire l’interruttore principale.

Resistenza sull’avvolgimento secondario della bobina 10,7  14,5 kΩ 20_C

EAS00750

9. Interruttore arresto motore

S La bobina di accensione è in buone condizioni? SÌ

NO

S Verificare la presenza di continuità sull’interruttore di arresto motore. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”. S L’interruttore di arresto motore è in buone condizioni?

NO Sostituire la bobina di accensione.

EAS00748

7. Resistenza bobina pickup S Scollegare il connettore della bobina pickup dal cablaggio. S Collegare il tester portatile (Ω 100) al terminale della bobina pickup.

NO Sostituire l’interruttore destro manubrio.

EAS00751

10. Interruttore della posizione di folle

Cavetto positivo del tester  grigio 1 Cavetto negativo del tester  nero/blu 2

S Verificare la presenza di continuità sull’interruttore della posizione di folle. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”. S L’interruttore della posizione di folle è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire l’interruttore della posizione di folle.

S Misurare la resistenza della bobina pickup.

EAS00752

11. Interruttore cavalletto laterale

Resistenza bobina pickup 189  231 Ω a 20_C (tra grigio e nero/blu)

S Verificare la presenza di continuità sull’interruttore cavalletto laterale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”. S L’interruttore cavalletto laterale è in buone condizioni?

S La bobina pickup è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire la bobina pickup.

7-11

NO Sostituire l’interruttore cavalletto laterale.


I

SISTEMA DI ACCENSIONE :

ELEC

Cavetto (+) del tester  Azzurro 1 Cavetto (–) del tester  Blu/Giallo 2

12. Diodo

Cavetto (+) del tester  Blu/Giallo 2 Cavetto (–) del tester  Azzurro 1

S Rimuovere il diodo dal cablaggio. S Verificare la presenza di continuità nel modo seguente: Cavetto (+) del tester  Blu/Bianco 1 Cavetto (–) del tester  Blu/Giallo 2

Continuità

Cavetto (+) del tester  Blu/Giallo 2 Cavetto (–) del tester  Blu/Bianco 1

Discontinuità

Continuità

Discontinuità

NOTA: Invertendo i cavetti “–” e “+” del tester digitale portatile, anche i valori della tabella sopra riportata risulteranno invertiti.

NOTA: Invertendo i cavetti “–” e “+” del tester digitale portatile, anche i valori della tabella sopra riportata risulteranno invertiti.

S Il relè di esclusione del circuito di avviamento (diodo) è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire il relè di esclusione del circuito di avviamento.

S Il diodo è in buone condizioni? SÌ

EAS00754

NO

14. Cavi elettrici S Controllare tutti i cavi elettrici del sistema di accensione. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”. S I cavi elettrici del sistema di accensione sono correttamente collegati e privi di difetti?

Sostituire il diodo.

13. Relè di esclusione circuito di avviamento (diodo) S Rimuovere l’unità relè dal cablaggio. S Verificare la presenza di continuità nel modo seguente: Azzurro – Blu/Giallo 2

NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema di accensione.

7-12

SÌ Sostituire la centralina di accensione.


Interruttore principale Sistema di allarme (opzionale) Fusibile di accensione Batteria Fusibile principale Relè di avviamento Motorino di avviamento Relè di esclusione circuito di avviamento Interruttore della posizione di folle Interruttore cavalletto laterale Interruttore frizione Interruttore di avviamento Interruttore arresto motore Diodo

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

7-13

20 29 36 37 38 60

4 5 6 7 8 9 10 13

I

ELEC

EB803000

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

SCHEMA DEL CIRCUITO


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

ELEC

EB803010

FUNZIONAMENTO DEL CIRCUITO DI AVVIAMENTO Il circuito di avviamento di questo modello è costituito dal motorino di avviamento, dal relè del motorino di avviamento e dal relè di esclusione del circuito di avviamento. Se l’interruttore di arresto motore è nella posizione “RUN” e l’interruttore principale è su “ON” (entrambi gli interruttori sono chiusi), il motorino di avviamento può funzionare solo nei seguenti casi: La trasmissione è nella posizione di folle (l’interruttore di folle è chiuso). Oppure La leva della frizione è premuta verso il manubrio (l’interruttore della frizione è chiuso) ed il cavalletto laterale è sollevato (l’interruttore cavalletto laterale è chiuso). Il relè di esclusione circuito di avviamento impedisce che il motorino di avviamento entri in funzione quando nessuna delle suddette condizioni è soddisfatta. In tal caso, il relè di esclusione circuito di avviamento è aperto, in modo da non consentire alla corrente di raggiungere il motorino di avviamento. Quando almeno una delle suddette condizioni è soddisfatta, il relè di esclusione circuito di avviamento è chiuso e il motore può essere avviato premendo l’interruttore di avviamento. CON LA TRASMISSIONE NELLA POSIZIONE DI FOLLE CON IL CAVALLETTO LATERALE SOLLEVATO E LA LEVA DELLA FRIZIONE PREMUTA VERSO IL MANUBRIO 1 Batteria 2 Fusibile principale 3 Interruttore principale 4 Fusibile accensione 5 Interruttore di arresto motore 6 Relè di esclusione circuito di avviamento 7 Diodo 8 Interruttore frizione 9 Interruttore cavalletto laterale 10 Interruttore della posizione di folle 11 Interruttore di avviamento 12 Relè motorino di avviamento 13 Motorino di avviamento

7-14


I

ELEC

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO EAS00757

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria S Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

Il motorino di avviamento non funziona. Controllare: 1. Fusibili principale e di accensione 2. Batteria 3. Motorino di avviamento 4. Relè di esclusione circuito di avviamento 5. Relè di esclusione circuito di avviamento (diodo) 6. Relè motorino di avviamento 7. Interruttore principale 8. Interruttore arresto motore 9. Interruttore della posizione di folle 10. Interruttore cavalletto laterale 11. Interruttore della frizione 12. Interruttore di avviamento 13. Diodo 14. Cavi elettrici (intero sistema di accensione)

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20_C S La batteria è in buone condizioni? SÌ

NO S Pulire i morsetti della batteria. S Ricaricare o sostituire la batteria.

EAS00758

3. Motorino di avviamento

NOTA: S Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperture laterali testa dello sterzo 5) coperchio laterale sinistro S Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

S Mediante un cavallotto 3 , collegare il morsetto positivo 1 della batteria e il cavo 2 del motorino di avviamento.

Tester portatile 90890-03112

AVVERTENZA

EAS00738

S La sezione del filo del cavallotto deve essere almeno equivalente alla sezione dei cavi della batteria, altrimenti il cavallotto rischia di bruciare. S Poiché questo test può provocare scintille, evitare di effettuarlo in presenza di gas o liquidi infiammabili.

1. Fusibili principale e di accensione S Controllare la continuità dei fusibili. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3. S I fusibili principale e di accensione sono in buone condizioni? SÌ

NO

S Il motorino di avviamento funziona correttamente?

Sostituire i fusibili. SÌ

NO Riparare o sostituire il motorino di avviamento.

7-15


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO EAS00759

ELEC

EAS00760

5. Relè di esclusione circuito di avviamento (diodo)

4. Relè di esclusione circuito di avviamento  Rimuovere l’unità relè dal connettore.  Collegare il tester portatile (Ω 1) e la batteria (12 V) ai terminali dell’unità relè, come indicato.

 Rimuovere dal connettore il relè di esclusione circuito di avviamento.  Collegare il tester portatile (Ω 1) ai terminali dell’unità relè, come indicato.  Verificare la presenza di continuità nel relè di esclusione circuito di avviamento, come segue.

Morsetto positivo batteria  rosso/nero 1 Morsetto negativo batteria  nero/giallo 2 Cavetto positivo del tester  blu 3 Cavetto negativo del tester  nero 4

Cavetto positivo del tester  azzurro 1 Cavetto negativo del tester  nero/giallo 2

Continuità

Cavetto positivo del tester  nero/giallo 2 Cavetto negativo del tester  azzurro 1

Discontinuità

 Si rileva continuità tra il filo nero e quello blu/bianco del relè di esclusione circuito di avviamento? SÌ

NO Sostituire l’unità relè.

NOTA: Invertendo i cavetti “–” e “+” del tester digitale portatile, anche i valori della tabella sopra riportata risulteranno invertiti.  I valori rilevati dal tester sono corretti? SÌ

NO Sostituire l’unità relè.

7-16


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO EAS00761

ELEC

EAS00750

6. Relè motorino di avviamento

8. Interruttore di arresto motore

 Scollegare dal connettore il relè del motorino di avviamento.  Collegare il tester portatile (Ω 1) e la batteria (12 V) al connettore del relè del motorino di avviamento.

 Verificare la presenza di continuità sull’interruttore di arresto motore. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore di arresto motore è in buone condizioni?

Morsetto positivo batteria  rosso/bianco 1 Morsetto negativo batteria  blu 2

NO Sostituire l’interruttore destro del manubrio.

Cavetto positivo del tester  rosso 3 Cavetto negativo del tester  nero 4 EAS00751

9. Interruttore della posizione di folle  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore della posizione di folle. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore della posizione di folle è in buone condizioni? SÌ

 Tra il cavetto rosso e quello nero si rileva continuità? SÌ

NO Sostituire l’interruttore della posizione di folle.

NO EAS00752

10. Interruttore cavalletto laterale

Sostituire il relè del motorino di avviamento.

 Verificare la presenza di continuità sull’interruttore cavalletto laterale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore cavalletto laterale è in buone condizioni?

EAS00749

7. Interruttore principale  Verificare la presenza di continuità nell’interruttore principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore principale è in buone condizioni?

NO Sostituire l’interruttore cavalletto laterale.

EAS00763

NO

11. Interruttore frizione  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore della frizione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore della frizione è in buone condizioni?

Sostituire l’interruttore principale.

7-17

NO Sostituire l’interruttore della frizione.


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO EAS00764

12. Interruttore di avviamento  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore di avviamento. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore di avviamento è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire l’interruttore destro manubrio.

13. Diodo  Verificare la presenza di continuità sul diodo. Vedere la sezione “SISTEMA DI ACCENSIONE”.  Il diodo è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire il diodo.

EAS00766

14. Cavi elettrici  Controllare tutti i cavi elettrici del sistema di accensione. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del sistema di accensione sono correttamente collegati e privi di difetti? NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema di accensione.

SÌ Il circuito del sistema di accensione è in buone condizioni.

7-18

ELEC


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

ELEC

MOTORINO DI AVVIAMENTO

10 Nm (1,0 mkg)

Ordine Operazione/Denominazione dei componenti Q.tà 1 2

Rimozione del motorino di avviamento Cavetto motorino di avviamento Gruppo motorino di avviamento

Note Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 1 Per l’installazione eseguire la procedura di rimozione all’inverso. Smontare i componenti nella sequenza indicata.

1 2 3

Smontaggio del motorino di avviamento Anello elastico Ingranaggio conduttore motorino di avviamento Coperchio posteriore motorino di avviamento

1 1 1

4 5

Serie di rondelle Coperchio anteriore motorino di avviamento

1 1

6 7

Serie di rondelle Supporto terminale

1 1

8 9 10 10 11

Ingranaggi planetari Gruppo indotto Portaspazzole / spazzola Manicotto del motorino di avviamento

2 1 1/1 1

7-19

Vedere la sezione “Montaggio del motorino di avviamento”. Vedere la sezione “Montaggio del motorino di avviamento”. Vedere la sezione “Montaggio del motorino di avviamento”. Vedere la sezione “Montaggio del motorino di avviamento”. Per il montaggio, eseguire la procedura di smontaggio all’inverso.


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

ELEC

EAS00769

Controllo del motorino di avviamento 1. Controllare: S Collettore Sporco  Pulirlo con carta vetrata di grana 600. 2. Misurare: S Diametro collettore a Fuori specifica  Sostituire il motorino di avviamento. Diametro minimo collettore 27 mm 3. Misurare: S ribassamento mica a Fuori specifica  Rettificare la mica fino alla misura corretta mediante una lama di seghetto rettificata in modo da adattarla al collettore. Ribassamento mica 0,7 mm NOTA: L’isolamento mica del collettore deve essere ribassato per garantire il corretto funzionamento del collettore.

4. Misurare: S Resistenze gruppo indotto (collettore e isolamento) Fuori specifica  Sostituire il motorino di avviamento. a. Con il tester portatile, misurare le resistenze del gruppo indotto. Tester portatile 90890-03112 Gruppo indotto Resistenza bobina dell’indotto 1 0,026  0,034Ω a 20_C Resistenza dell’isolamento 2 Superiore a 1 MΩ a 20_C b. Se la resistenza è fuori specifica, sostituire il motorino di avviamento 7-20


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

ELEC

5. Misurare:  Lunghezza spazzola a Fuori specifica  Sostituire le spazzole in blocco. Lunghezza minima spazzola 5 mm

6. Misurare:  forza molla spazzola Fuori specifica  Sostituire le molle spazzole in blocco. Forza molla spazzola 7,65  10,01 N (780  1.020 g)

7. Controllare:  denti ingranaggio Danneggiati/usurati  Sostituire lâ&#x20AC;&#x2122;ingranaggio. 8. Controllare:  paraolio Danneggiato/usurato  Sostituire le parti difettose.

EAS00772

Montaggio del motorino di avviamento 1. Installare:  portaspazzole 1 NOTA: Allineare la linguetta a sul portaspazzole con la scanalatura sul coperchio posteriore del motorino di avviamento.

2. Installare:  manicotto 1 del motorino di avviamento  supporto terminale 2  coperchio anteriore 3 del motorino di avviamento NOTA: Allineare la sporgenza a sul coperchio anteriore con la tacca b sul coperchio terminale e sul manicotto del motorino di avviamento. 7-21


I

SISTEMA DI AVVIAMENTO ELETTRICO

ELEC

3. Installare:  Coperchio posteriore 1 del motorino di avviamento NOTA: Allineare le tacche di riferimento a sul coperchio posteriore con le tacche di riferimento b sul coperchio anteriore.

7-22


I

SISTEMA DI CARICA

ELEC

EB804000

SISTEMA DI CARICA SCHEMA DEL CIRCUITO

2 3 7 8 7-23

Magnete c.a. (bobina statore) Raddrizzatore / regolatore Batteria Fusibile principale


I

SISTEMA DI CARICA EAS00774

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria S Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

La batteria non si carica. Controllare: 1. fusibile principale 2. batteria 3. tensione di carica 4. resistenza bobina statore 5. cavi elettrici (tutto il sistema di carica)

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20_C S La batteria è in buone condizioni? SÌ

NOTA: S Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) coperchio laterale sinistro S Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

NO S Pulire i morsetti della batteria. S Ricaricare o sostituire la batteria.

EAS00775

3. Tensione di carica

Contagiri induttivo 90890-03113 Tester portatile 90890-03112

S Collegare il contagiri induttivo al cavo della candela del cilindro n. 1. S Collegare il tester portatile (20 V c.c.) alla batteria, come indicato. Cavetto positivo del tester  morsetto positivo batteria Cavetto negativo del tester  morsetto negativo batteria

EAS00738

1. Fusibile principale S Verificare la presenza di continuità sul fusibile principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3. S Il fusibile principale è in buone condizioni?

S Avviare il motore e farlo funzionare a circa 5.000 giri/min S Misurare la tensione di carica.

NO Sostituire il fusibile.

Tensione di carica 14 V a 5.000 giri/min

7-24


I

SISTEMA DI CARICA

ELEC

EAS00779

5. Cavi elettrici

NOTA: Accertarsi che la batteria sia completamente carica.

 Controllare tutti i collegamenti elettrici del sistema di carica. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del sistema di carica sono correttamente collegati e privi di difetti?

 La tensione di carica è conforme alle specifiche? NO

NO

Il circuito di carica è in buone condizioni.

Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema di carica.

EAS00776

4. Resistenze gruppo bobine statore  Rimuovere il coperchio del generatore.  Collegare il tester portatile (Ω 1) al connettore del gruppo bobine statore. Cavetto positivo del tester  bianco 1 Cavetto negativo del tester  bianco 2 Cavetto positivo del tester  bianco 1 Cavetto negativo del tester  bianco 3

 Misurare le resistenze del gruppo bobine statore. Resistenza bobine statore 0,36  0,44 Ω a 20C  Il gruppo bobine statore è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire il gruppo bobine statore.

7-25

SÌ Sostituire il raddrizzatore/regolatore.


7-26

posteriore/freno 52 Fusibile faro

49 Luce ausiliaria 50 Luce di posizione

48 Faro

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE

44 Commutatore luci 46 Interruttore lampeggiatore

39 Interruttore luci

27 Indicatore luci abbaglianti

25 Luce strumenti

8 Fusibile principale

7 Batteria

4 Interruttore principale

I

ELEC

EB805000

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE

SCHEMA DEL CIRCUITO


I

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE EAS00781

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria  Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

Il faro, l’indicatore luci abbaglianti, la luce di posizione posteriore, la luce ausiliaria (per l’Europa) o la luce strumenti non si accendono.

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20C

Controllare: 1. fusibili principale e faro 2. batteria 3. interruttore principale 4. interruttore luci (per l’Europa) 5. commutatore luci 6. interruttore lampeggiatore 7. cavi elettrici (tutto il sistema di carica)

 La batteria è in buone condizioni? SÌ

NO  Pulire i morsetti della batteria.  Ricaricare o sostituire la batteria.

NOTA:  Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperture laterali testa dello sterzo 5) gruppo riflettente faro 6) coperchio vano porta-attrezzi  Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

EAS00749

3. Interruttore principale  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore principale è in buone condizioni? SÌ

Tester portatile 90890-03112

NO Sostituire l’interruttore principale.

EAS00738

1. Fusibili principale e del faro  Controllare la continuità dei fusibili principale e del faro. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3.  I fusibili principale e del faro sono in buone condizioni? SÌ

EAS00783

4. Interruttore luci (per l’Europa)  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore luci. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore luci è in buone condizioni?

NO

Sostituire i fusibili.

NO L’interruttore luci è difettoso. Sostituire l’interruttore destro del manubrio.

7-27


I

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE EAS00784

ELEC

EAS00788

CONTROLLO DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE 1. Il faro e l’indicatore luci abbaglianti non si accendono.

5. Commutatore luci  Verificare la presenza di continuità sul commutatore luci. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  Il commutatore luci è in buone condizioni? SÌ

1. Lampadina e portalampada del faro  Verificare la continuità della lampadina e del portalampada del faro. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada del faro sono in buone condizioni?

NO Il commutatore luci è difettoso. Sostituire l’interruttore destro del manubrio.

Sostituire la lampadina o il portalampada del faro o entrambi.

EAS00786

6. Interruttore lampeggiatore  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore lampeggiatore. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore lampeggiatore è in buone condizioni? SÌ

NO

2. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) ai connettori del faro e dell’indicatore abbaglianti, come indicato.

NO

A Quando il commutatore luci è su “ B Quando il commutatore luci è su “

L’interruttore lampeggiatore è difettoso. Sostituire l’interruttore destro del manubrio.

Faro Cavetto positivo del tester  giallo 1 o verde 2 Cavetto negativo del tester  nero 3 Spia indicatore luci abbaglianti Cavetto positivo del tester  giallo 4 Cavetto negativo del tester  nero 5

EAS00787

7. Cavi elettrici

Connettore faro (lato cablaggio)

 Controllare tutti i cavi elettrici del sistema di illuminazione. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del sistema di illuminazione sono correttamente collegati e privi di difetti?

G Y

SÌ Controllare lo stato di tutti i circuiti del sistema di illuminazione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE”.

” ”

NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema di illuminazione.

7-28


I

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE B

ELEC

2. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V) al connettore del quadro strumenti (lato cablaggio), come indicato. Cavetto positivo del tester  blu 1 Cavetto negativo del tester  nero 2

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore luci su “ ”.  Portare il commutatore luci su “ ”o su “ ”.  Misurare la tensione (12 V) dei fili giallo 1 o verde 2 sul connettore del faro (lato faro).  Misurare la tensione (12 V) del filo giallo 4 sul connettore della luce strumenti.  La tensione è conforme alle specifiche? NO

SÌ Il circuito non è difettoso.

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore luci su “ ” o su “ ”.  Misurare la tensione (12 V) del filo blu 1 sul connettore del quadro strumenti (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche?

Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore del faro è difettoso. Provvedere a ripararlo.

SÌ Il circuito non è difettoso.

EAS00789

2. La luce strumenti non si accende. 1. Lampadina e portalampada.

Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore del quadro strumenti è difettoso. Provvedere a ripararlo.

EAS00790

3. La luce di posizione posteriore/del freno non si accende.

 Verificare la continuità della lampadina e del portalampada. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  Le lampadine e i portalampada sono in buone condizioni? SÌ

NO

1. Lampadina e portalampada  Verificare la continuità della lampadina e del portalampada della luce di posizione posteriore/del freno. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”  La lampadine e il portalampada della luce di posizione posteriore/del freno sono in buone condizioni?

NO Sostituire la lampadina o il portalampada del quadro strumenti o entrambi.

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della luce di posizione posteriore /del freno o entrambi.

7-29


I

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE

ELEC

2. Tensione

2. Tensione

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore della luce di posizione posteriore/del freno (lato cablaggio), come indicato.

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) ai connettori della luce ausiliaria (lato cablaggio), come indicato.

Cavetto positivo del tester  blu 1 Cavetto negativo del tester  nero 2

Cavetto positivo del tester  blu/rosso 1 Cavetto negativo del tester  nero 2

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore luci su “ ” o su “ ”.  Misurare la tensione (12 V) del filo blu/rosso 1 sul connettore della luce di posizione posteriore/del freno (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche?

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore luci su “ ”o su “ ”.  Misurare la tensione (12 V) del filo blu/rosso 1 sui connettori della luce ausiliaria (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche?

SÌ Il circuito non è difettoso.

NO

Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore della luce di posizione posteriore/del freno è difettoso. Provvedere a ripararlo.

Il circuito non è difettoso.

EB5413

4. La luce ausiliaria non si accende (per l’Europa). 1. Lampadina e portalampada della luce ausiliaria  Verificare la continuità della lampadina e del portalampada della luce ausiliaria. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada della luce ausiliaria sono in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della luce ausiliaria o entrambi. 7-30

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e i connettori della luce ausiliaria è difettoso. Provvedere a ripararlo.


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE EB806000

SISTEMA DI SEGNALAZIONE SCHEMA DEL CIRCUITO

7-31

ELEC


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE 4 Interruttore principale 6 Fusibile di accensione 7 Batteria 8 Fusibile principale 11 Indicatore livello olio 12 Relè spia livello olio 20 Interruttore della posizione di folle 22 Spia livello olio 24 Luce indicatori di direzione 26 Luce indicatore di folle 30 Relè lampeggiatori 31 Interruttore indicatori di direzione 32 Indicatore di direzione posteriore D 33 Indicatore di direzione posteriore S 34 Indicatore di direzione anteriore D 35 Indicatore di direzione anteriore S 40 Interruttore freno anteriore 42 Avvisatore acustico 43 Interruttore avvisatore acustico 45 Interruttore freno posteriore 50 Luce di posizione posteriore / del freno 53 Fusibile segnalatori

7-32

ELEC


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE EB806010

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria  Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione CONTROLLO DELLA BATTERIA al capitolo 3.

 La luce degli indicatori di direzione, la luce del freno o gli indicatori non si accendono.  L’avvisatore acustico non suona. Controllare: 1. fusibili principale e del sistema di segnalazione 2. batteria 3. interruttore principale 4. cavi elettrici (tutto il sistema di segnalazione) NOTA:  Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperture laterali della testa dello sterzo 5) gruppo riflettente faro 6) coperchio vano porta-attrezzi 7) coperchio laterale sinistro  Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20C La batteria è in buone condizioni? SÌ

 Pulire i morsetti della batteria.  Ricaricare o sostituire la batteria. EAS00749

3. Interruttore principale  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore principale è in buone condizioni?

Tester portatile 90890-03112

EAS00738

NO Sostituire l’interruttore principale.

1. Fusibili principale, del sistema di accensione e di segnalazione  Verificare la continuità dei fusibili principale, del sistema di accensione e di segnalazione. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DEI FUSIBILI” al capitolo 3.  I fusibili principale, del sistema di accensione e di segnalazione sono in buone condizioni? SÌ

NO

EAS00795

4. Cavi elettrici  Controllare tutti i cavi elettrici del sistema di segnalazione. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del sistema di segnalazione sono collegati correttamente e privi di difetti?

NO

Sostituire i fusibili.

Controllare lo stato di ogni circuito del sistema di segnalazione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEL SISTEMA DI SEGNALAZIONE”.

7-33

NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema di segnalazione.


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE

ELEC

EAS00796

CONTROLLO DEL SISTEMA DI SEGNALAZIONE 1. L’avvisatore acustico non suona. 1. Interruttore avvisatore acustico  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore dell’avvisatore acustico. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore dell’avvisatore acustico è in buone condizioni? SÌ

3. Avvisatore acustico  Scollegare il connettore nero sul terminale dell’avvisatore acustico.  Collegare un cavallotto 1 al terminale dell’avvisatore acustico e metterlo a massa.  Portare l’interruttore principale su “ON”.  L’avvisatore acustico suona? Br

NO Sostituire l’interruttore sinistro del manubrio.

2. Tensione

NO

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore dell’avvisatore acustico in corrispondenza del relativo terminale, come indicato.

SÌ L’avvisatore acustico non è difettoso.

Cavetto positivo del tester  marrone 1 Cavetto negativo del tester  terra 4. Tensione Br

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore dell’avvisatore acustico sul terminale nero, come indicato.

P

Cavetto positivo del tester  nero 1 Cavetto negativo del tester  terra Br

P

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Misurare la tensione (12 V) del filo marrone in corrispondenza del terminale dell’avvisatore acustico.  La tensione è conforme alle specifiche? SÌ

NO  Portare l’interruttore principale su “ON”.  Misurare la tensione (12 V) del filo nero 1 sul terminale dell’avvisatore acustico.  La tensione è conforme alle specifiche?

Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore dell’avvisatore acustico è difettoso. Provvedere a ripararlo.

SÌ Riparare o sostituire l’avvisatore acustico.

7-34

NO Sostituire l’avvisatore acustico.


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE

ELEC

EAS00797

3. Tensione

2. La luce di posizione posteriore/del freno non si accende.

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore della luce di posizione posteriore/del freno (lato cablaggio), come indicato.

1. Lampadina e portalampada della luce di posizione posteriore/del freno

Cavetto positivo del tester  giallo 1 Cavetto negativo del tester  nero 2

 Verificare la continuià della lampadina e del portalampada della luce di posizione posteriore/del freno. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada della luce di posizione posteriore/del freno sono in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della luce di posizione posteriore /del freno o entrambi.

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Premere verso l’interno la leva del freno, oppure abbassare il pedale del freno.  Misurare la tensione (12 V) del filo giallo sul connettore della luce di posizione posteriore/del freno (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche?

2. Interruttori luce dei freni

 Verificare la presenza di continuià sugli interruttori luce dei freni. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore della luce del freno è in buone condizioni? SÌ

Il circuito non è difettoso.

NO

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore della luce di posizione posteriore/del freno è difettoso. Provvedere a ripararlo.

EAS00799

3. La luce dell’indicatore di direzione o la relativa spia oppure entrambe non lampeggiano.

Sostituire l’interruttore della luce dei freni.

1. Lampadina e portalampada della luce dell’indicatore di direzione  Controllare la continuità della lampadina e del portalampada della luce dell’indicatore di direzione. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada della luce dell’indicatore di direzione sono in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della luce dell’indicatore di direzione oppure entrambi.

7-35


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE

Cavetto positivo del tester  marrone/bianco 1 Cavetto negativo del tester  terra

2. Interruttore indicatori di direzione  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore degli indicatori di direzione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore degli indicatori di direzione è in buone condizioni? SÌ

ELEC

NO Sostituire l’interruttore sinistro del manubrio.  Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore degli indicatori di direzione su “ ”o “ ”.  Misurare la tensione (12 V) del filo marrone/bianco sul connettore del relè lampeggiatori (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche?

3. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore del relè lampeggiatori (lato cablaggio), come indicato. Cavetto positivo del tester  marrone 1 Cavetto negativo del tester  terra

NO Il relè dei lampeggiatori è difettoso. Provvedere al sostituirlo.

5. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) ai connettori della luce degli indicatori di direzione o al connettore del quadro strumenti (lato cablaggio), come indicato.

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Misurare la tensione (12 V) del filo marrone 1 sul connettore del relè lampeggiatori (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche? SÌ

A Luce indicatori di direzione B Spia indicatori di direzione Luce indicatore di direzione di sinistra Cavetto positivo del tester  color cioccolato 1 Cavetto negativo del tester  terra Luce indicatore di direzione di destra Cavetto positivo del tester  verde scuro 2 Cavetto negativo del tester  terra A B

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore del relè lampeggiatori (lato relè lampeggiatori) è difettoso. Provvedere a ripararlo.

4. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore del relè lampeggiatori (lato cablaggio), come indicato. 7-36


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE  Portare l’interruttore principale su “ON”.  Portare l’interruttore degli indicatori di direzione su “ ”o“ ”.  Misurare la tensione (12 V) del filo color cioccolato 1 o verde scuro 2 sul connettore della luce degli indicatori di direzione (lato cablaggio).  La tensione è conforme alle specifiche? SÌ Il circuito non è difettoso.

3. Tensione  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore del quadro strumenti (lato cablaggio), come indicato. Cavetto positivo del tester  marrone 1 Cavetto negativo del tester  azzurro 2

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore degli indicatori di direzione e il connettore della luce degli indicatori di direzione è difettoso. Provvedere a ripararlo.  Portare l’interruttore principale su “ON”.  Misurare la tensione (12 V) dei fili marrone 1 e azzurro 2 sul connettore del quadro strumenti.  La tensione è conforme alle specifiche?

EAS00800

4. La spia di folle non si accende. 1. Lampadina e portalampada della spia di folle  Controllare la continuità della lampadina e del portalampada della spia di folle. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada della spia di folle sono in buone condizioni? SÌ

SÌ Il circuito non è difettoso.

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della spia di folle oppure entrambi.

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore della lampadina di illuminazione strumenti è difettoso. Provvedere a ripararlo.

EAS00802

5. La spia livello olio non si accende. 1. Lampadina e portalampada della spia livello olio  Controllare la continuità della lampadina e del portalampada della spia livello olio. Vedere la sezione “CONTROLLO DELLE LAMPADINE E DEI PORTALAMPADA”.  La lampadina e il portalampada della spia livello olio sono in buone condizioni?

2. Interruttore della posizione di folle  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore della posizione di folle. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI“.  L’interruttore della posizione di folle è in buone condizioni? SÌ

ELEC

NO Sostituire la lampadina o il portalampada della spia livello olio oppure entrambi.

NO Sostituire l’interruttore della posizione di folle.

7-37


I

SISTEMA DI SEGNALAZIONE

ELEC

2. Interruttore livello olio

4. Tensione

 Scaricare l’olio motore e rimuovere l’interruttore livello olio dalla coppa dell’olio.  Controllare la continuità dell’interruttore livello olio. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore livello olio è in buone condizioni?

 Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore del quadro strumenti (lato cablaggio), come indicato.

Cavetto positivo del tester  rosso/bianco 1 Cavetto negativo del tester  nero/bianco 2

NO Sostituire l’interruttore livello olio.

3. Relè spia dell’olio  Scollegare dal connettore il relè spia dell’olio.  Collegare il tester portatile (Ω  1) e la batteria (12 V) ai terminali del relè spia dell’olio, come indicato.

 Portare l’interruttore principale su “ON”.  Misurare la tensione (12 V) dei fili marrone 1 e nero/rosso sul connettore del quadro strumenti.  La tensione è conforme alle specifiche?

Morsetto positivo batteria  rosso/bianco 1 Morsetto negativo batteria  nero/rosso 2 Cavetto positivo del tester  nero/bianco 3 Cavetto negativo del tester  nero 4

SÌ Il circuito non è difettoso.

 Il relè spia dell’olio presenta continuità tra i fili nero/bianco e nero? SÌ

NO Sostituire il relè spia dell’olio.

7-38

NO Il circuito elettrico tra l’interruttore principale e il connettore del quadro strumenti è difettoso. Provvedere a ripararlo.


7-39 Interruttore principale Fusibile di accensione Batteria Fusibile principale Relè di esclusione circuito di avviamento Pompa del carburante Centralina di accencione Interruttore di arresto motore 7

38

16

14

13

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE

8

6

4

I

ELEC

EB808000

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE

SCHEMA DEL CIRCUITO


I

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE

ELEC

EB808010

FUNZIONAMENTO DEL CIRCUITO DELLA POMPA DEL CARBURANTE 1 Batteria Il circuito della pompa del carburante è costituito 2 Fusibile principale dal relè pompa del carburante, dalla pompa del 3 Interruttore principale carburante, dall’interruttore di arresto motore e 4 Fusibile di accensione dalla centralina di accensione. 5 Interruttore di arresto motore Quest’ultima comprende l’unità di controllo della 6 Centralina di accensione pompa del carburante. 7 Relè pompa del carburante 8 Pompa del carburante

7-40


I

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE EAS00781

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria  Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

La pompa del carburante non funziona. Controllare: 1. fusibili principale e di accensione 2. batteria 3. interruttore principale 4. interruttore di arresto motore 5. relè di esclusione circuito di avviamento (relè pompa del carburante) 6. pompa del carburante 7. cavi elettrici (tutto il sistema di carica)

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20C  La batteria è in buone condizioni? SÌ

NO  Pulire i morsetti della batteria.  Ricaricare o sostituire la batteria.

NOTA:  Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperchio vano porta-attrezzi 5) coperchio laterale sinistro  Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

EAS00749

3. Interruttore principale  Verificare la continuità sull’interruttore principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore principale è in buone condizioni?

Tester portatile 90890-03112

NO

EAS00738

Sostituire l’interruttore principale.

1. Fusibili principale e di accensione  Controllare la continuità dei fusibili principale e di accensione. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3.  I fusibili principale e di accensione sono in buone condizioni? SÌ

EAS00759

4. Interruttore arresto motore  Verificare la continuità sull’interruttore arresto motore. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore arresto motore è in buone condizioni?

NO Sostituire i fusibili.

NO Sostituire l’interruttore destro del manubrio.

7-41


I

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE EB803023

ELEC

EB808021

5. Relè di esclusione circuito di avviamento (relè pompa del carburante)

6. Resistenza pompa del carburante

 Rimuovere l’unità relè dal cablaggio.  Collegare il tester portatile (Ω 1) e la batteria (12 V) ai terminali dell’unità relè.

 Scollegare il connettore pompa del carburante dal cablaggio.  Collegare il tester portatile (Ω 1) ai terminali del connettore pompa del carburante.

Morsetto positivo batteria  Terminale Rosso/Nero 1 Morsetto negativo batteria  Terminale Blu/Rosso 2

Cavetto positivo del tester  Terminale Blu/Nero 1 Cavetto negativo del tester  Terminale Nero 2

Cavetto positivo del tester  Terminale Rosso/Nero 1 Cavetto negativo del tester  Terminale Blu/Nero 3

 Misurare la resistenza della pompa carburante. Resistenza pompa del carburante: 1,6 X 2,2Ω a 20C La pompa del carburante è in buone condizioni?  Il relè pompa del carburante presenta continuità tra i fili rosso/nero e blu/nero?. SÌ

NO Sostituire la pompa del carburante

NO Sostituire il relè di esclusione circuito di avviamento.

7. Cavi elettrici  Controllare tutti i cavi elettrici del sistema pompa del carburante. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del sistema pompa del carburante sono correttamente collegati e privi di difetti? NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del sistema pompa del carburante.

7-42

SÌ Sostituire la centralina di accensione.


I

SISTEMA POMPA DEL CARBURANTE

ELEC

EB808030

TEST POMPA DEL CARBURANTE

AVVERTENZA Dato l’elevato grado di infiammabilità della benzina, in particolari condizioni, può sussistere il pericolo di esplosione o combustione. Prestare estrema attenzione e osservare i seguenti accorgimenti:  Arrestare il motore prima di fare rifornimento.  Non fumare e tenersi lontano da fiamme libere, scintille o altre sostanze infiammabili.  Fare attenzione a non rovesciare benzina. In caso di rovesciamento accidentale, provvedere immediatamente ad eliminarla con uno straccio asciutto.  In caso di contatto del motore ancora caldo con la benzina, sussiste il pericolo di combustione. Prima di eseguire il test seguente, assicurarsi che il motore sia completamente raffreddato. 1. Controllare:  Funzionamento della pompa del carburante a. Riempire il serbatoio del carburante. b. Inserire l’estremità del tubo del carburante in un contenitore aperto. c. Collegare la batteria (12 V) ai terminali del connettore pompa del carburante. Morsetto (+) batteria  Terminale Blu/Nero 1 Morsetto (–) batteria  Terminale Nero 2 d. Se il carburante fuoriesce dal tubo, significa che la pompa carburante è in buono stato. In caso contrario, sostituire il gruppo pompa carburante.

7-43


Interruttore principale Batteria Fusibile principale

8

57 Riscaldatore carburatore 1 58 Riscaldatore carburatore 2 59 Terra riscaldatore carburatore

56 Relè riscaldatore carburatore

55 Interruttore termico

54 Fusibile riscaldatore carburatore

20 Interruttore della posizione di folle

7

4

I

RISCALDATORE DEL CARBURATORE

RISCALDATORE DEL CARBURATORE

SCHEMA DEL CIRCUITO

7-44

ELEC


I

RISCALDATORE DEL CARBURATORE EAS00781

ELEC

EAS00739

RICERCA GUASTI

2. Batteria  Controllare lo stato della batteria. Vedere la sezione “CONTROLLO E CARICA DELLA BATTERIA” al capitolo 3.

Il riscaldatore del carburatore non funziona. Controllare: 1. riscaldatore principale e del carburatore 2. batteria 3. interruttore principale 4. interruttore della posizione di folle 5. relè riscaldatore del carburatore 6. interruttore termico 7. riscaldatore del carburatore 8. cablaggio (intero sistema di carica)

Tensione in circuito aperto pari o superiore a 12,8 V a 20C  La batteria è in buone condizioni? SÌ

NO  Pulire i morsetti della batteria.  Ricaricare o sostituire la batteria.

NOTA:  Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) coperchio batteria 2) sella conducente 3) serbatoio carburante 4) coperture laterali testa dello sterzo 5) coperchio vano porta-attrezzi  Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

EAS00749

3. Interruttore principale  Verificare la presenza di continuità sull’interruttore principale. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore principale è in buone condizioni?

Tester portatile 90890-03112

EAS00738

1. Fusibili principale e del riscaldatore del carburatore

Sostituire l’interruttore principale.

 Verificare la continuità dei fusibili principale e del riscaldatore del carburatore. Vedere la sezione “CONTROLLO DEI FUSIBILI” al capitolo 3.  I fusibili principale e del riscaldatore del carburatore sono in buone condizioni? SÌ

NO

EAS00751

4. Interruttore della posizione di folle  Controllare la continuità dell’interruttore della posizione di folle. Vedere la sezione “CONTROLLO DEGLI INTERRUTTORI”.  L’interruttore della posizione di folle è in buone condizioni?

NO Sostituire i fusibili.

NO Sostituire l’interruttore della posizione di folle.

7-45


I

RISCALDATORE DEL CARBURATORE

ELEC

5. Relè del riscaldatore del carburatore S Scollegare dal cablaggio il relè del riscaldatore del carburatore. S Collegare il tester portatile (Ω  1) e la batteria (12 V) ai terminali del relè, come indicato. Morsetto (+) batteria  marrone/giallo 1 Morsetto (–) batteria  azzurro 2 Cavetto (+) del tester  marrone/nero 3 Cavetto (–) del tester  nero/giallo 4 S Immergere l’interruttore termico nell’acqua 3 . S Controllare la continuità dell’interruttore termico.Mentre si riscalda l’acqua, annotare le temperature rilevate con il termometro 4 .

S Il relè riscaldatore carburatore presenta continuità tra i fili marrone/nero e nero/giallo? SÌ

NO Sostituire il relè.

Fasi del test

Temperatura dell’acqua

Buona condizione

1

Inferiore a 23 ± 3_C

f

2

Superiore a 23 ± 3_C



3

Superiore a 12 ± 4_C



4

Inferiore a 12 ± 4_C

f

Fasi 1 e 2: riscaldamento Fasi 3 e 4: raffreddamento f : Continuità  : Discontinuità

6. Interruttore termico

OFF (disattivato)

S Rimuovere l’interruttore termico dalla relativa piastrina. S Collegare il tester portatile al cavetto dell’interruttore termico.

ON (attivato) Interruttore termico 12 ± 4_C

Cavetto (+) del tester  marrone/giallo 1 Cavetto (–) del tester  nero/giallo 2

Interruttore termico 23 ± 3_C

S L’interruttore termico è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire l’interruttore termico.

7-46


I

RISCALDATORE DEL CARBURATORE 7. Riscaldatore del carburatore  Rimuovere il riscaldatore del carburatore dal corpo del carburatore.  Collegare il tester portatile al riscaldatore del carburatore. Cavetto (+) del tester  Terminale del riscaldatore 1 Cavetto (–) del tester  Corpo del riscaldatore 2

 Misurare la resistenza del riscaldatore. Resistenza del riscaldatore del carburatore: 12 V 30 W : 6 X 10 Ω a 20C  Il riscaldatore del carburatore è in buone condizioni? SÌ

NO Sostituire il riscaldatore del carburatore.

EAS00766

8. Cavi elettrici  Controllare tutti i cavi elettrici del riscaldatore del carburatore. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  I cavi elettrici del riscaldatore del carburatore sono correttamente collegati e privi di difetti? NO Collegare correttamente o riparare i cavi elettrici del riscaldatore del carburatore.

SÌ Il circuito del riscaldatore del carburatore è in buone condizioni.

7-47

ELEC


I

AUTODIAGNOSTICA

ELEC

AUTODIAGNOSTICA Il modello XVS1100 si avvale di funzioni di autodiagnostica. Portando sulla posizione di contatto “ON” l’interruttore principale, i seguenti componenti vengono controllati e i codici di condizione vengono visualizzati sulla spia motore (indipendentemente dal fatto che il motore sia in funzione o meno). NOTA: Il modello XVS1100 si avvale di un sistema di autodiagnostica. Quando l’interruttore principale è su “ON”, la “spia motore” sul tachimetro si accende per 1,4 secondi e poi si spegne. In caso di malfunzionamento, tuttavia, essa si accende per 1,4 secondi, si spegne e quindi inizia a lampeggiare (è comunque accesa a motore in funzione).

Componente Com onente

Condizione

Reazione

Codice condizione visualizzato A motore fermo

A motore in funzione

Sensore di posizione farfalla (TPS)

Scollegato In cortocircuito Bloccato

 Consente il funzionamento del motociclo con fasatura di accensione fissa a farfalla completamente aperta.  Visualizza il codice condizione sulla spia motore.

Lampeggia Codice di guasto: 3

Spia accesa

Sensore velocità

Scollegato In cortocircuito

 Visualizza il codice condizione sulla spia motore.

Lampeggia Codice di guasto: 4

Spia accesa

Sequenza di visualizzazione sulla spia motore

1 2 3 4

Spia accesa (secondi) . . . . . . . . 0,5 secondi Spia spenta (secondi) . . . . . . . . . 0,5 secondi Numero di lampeggiamenti . . . . Codice di guasto Spia spenta (secondi) . . . . . . . . . 3 secondi

Spia accesa

Spia spenta

1

Ripetizione

2 3

4

7-48


I

AUTODIAGNOSTICA

ELEC

EAS00835

1. Cablaggio

RICERCA GUASTI

 Verificare la continuità del cablaggio. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  Il cablaggio è in buone condizioni?

La spia motore inizia a visualizzare la sequenza di autodiagnostica. Controllare: 1. sensore di posizione farfalla 2. sensore di velocità

NO Riparare o sostituire il cablaggio.

NOTA:  Rimuovere le parti seguenti prima di procedere alla ricerca guasti: 1) sella conducente 2) serbatoio carburante 3) corpo filtro dell’aria 4) coperchio laterale sinistro  Per questa ricerca guasti utilizzare i seguenti attrezzi speciali.

EB812401

2. Sensore di posizione farfalla  Controllare la continuità del sensore di posizione farfalla. Vedere la sezione “CONTROLLO E REGOLAZIONE DEL SENSORE DI POSIZIONE FARFALLA” al capitolo 6.  Il sensore di posizione farfalla è in buone condizioni?

Tester portatile 90890-03112

EAS00836

1. Sensore posizione farfalla SCHEMA DEL CIRCUITO

Sostituire la centralina di accensione.

15 Sensore di posizione farfalla 16 Centralina di accensione

7-49

NO Sostituire il sensore di posizione farfalla.


I

AUTODIAGNOSTICA

ELEC

2. Sensore di velocità SCHEMA DEL CIRCUITO

 Impostare l’interruttore principale su “ON”.  Ruotare lentamente la ruota posteriore.  Controllare la tensione del tester (0 V  5 V  0 V)  Il sensore di velocità è in buone condizioni? SÌ Sostituire la centralina di accensione.

16 Centralina di accensione 19 Sensore di velocità

1. Cablaggio  Controllare la continuità del cablaggio. Vedere la sezione “SCHEMA DEL CIRCUITO”.  Il cablaggio è in buone condizioni? SÌ

NO Riparare o sostituire il cablaggio.

2. Sensore di velocità  Sistemare il motociclo su un apposito cavalletto in modo che la ruota posteriore risulti sollevata.  Collegare il tester portatile (20 V c.c.) al connettore del sensore di velocità. Cavetto (+) del tester  terminale bianco 1 Cavetto (–) del tester  massa della scocca

7-50

NO Sostituire il sensore di velocità.


TRBL SHTG

8


I

TRBL SHTG CAPITOLO 8 RICERCA GUASTI GUASTO ALL’AVVIAMENTO/DIFFICOLTÀ DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . SISTEMA DI ALIMENTAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SISTEMA ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SISTEMA DI COMPRESSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8-1 8-1 8-1 8-2

SCARSE PRESTAZIONI DEL MOTORE AL REGIME DI MINIMO . . . . . . . 8-2 SCARSE PRESTAZIONI DEL MOTORE AL REGIME DI MINIMO . . . . 8-2 SCARSE PRESTAZIONI ALLE MEDIE E ALTE VELOCITÀ . . . . . . . . . . . . 8-2 SCARSE PRESTAZIONI ALLE MEDIE E ALTE VELOCITÀ . . . . . . . . . . 8-2 CAMBIO DELLE MARCE DIFETTOSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . DIFFICOLTÀ DI CAMBIO DELLE MARCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IL PEDALE DEL CAMBIO NON SI MUOVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MANCATO INNESTO DELLE MARCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8-3 8-3 8-3 8-3

SLITTAMENTO/TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . 8-3 SLITTAMENTO DELLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-3 TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-3 SURRISCALDAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 SURRISCALDAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 FRENATURA DIFETTOSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 SCARSE PRESTAZIONI DI FRENATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 TRAFILAMENTO DI OLIO E MALFUNZIONAMENTO DELLA FORCELLA ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 MALFUNZIONAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 TRAFILAMENTO DI OLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-4 INSTABILITÀ DI GUIDA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-5 INSTABILITÀ DI GUIDA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-5 SISTEMI DI ILLUMINAZIONE E DI SEGNALAZIONE DIFETTOSI . . . . . . IL FARO NON SI ACCENDE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LAMPADINA BRUCIATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IL LAMPEGGIATORE NON SI ACCENDE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IL LAMPEGGIATORE LAMPEGGIA LENTAMENTE . . . . . . . . . . . . . . . . IL LAMPEGGIATORE RIMANE ACCESO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IL LAMPEGGIATORE LAMPEGGIA VELOCEMENTE . . . . . . . . . . . . . . L’AVVISATORE ACUSTICO NON FUNZIONA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8-5 8-5 8-5 8-5 8-5 8-5 8-5 8-5


I

TRBL SHTG


I

GUASTO ALL’AVVIAMENTO/DIFFICOLTÀ DI AVVIAMENTO

TRBL SHTG

EB900000

RICERCA GUASTI NOTA: La seguente guida per la ricerca dei guasti non copre tutte le possibili cause dei problemi, ma dovrebbe tuttavia risultare utile come riferimento. Vedere le relative procedure nel presente manuale per l’ispezione, la regolazione e la sostituzione dei componenti.

GUASTO ALL’AVVIAMENTO/DIFFICOLTÀ DI AVVIAMENTO SISTEMA DI ALIMENTAZIONE Serbatoio del carburante  Vuoto  Filtro carburante intasato  Filtro a rete carburante intasato  Tubo flessibile di scarico del serbatoio carburante intasato  Valvola antiribaltamento intasata  Tubo di sfiato valvola antiribaltamento intasato  Carburante contaminato o deteriorato Rubinetto del carburante  Tubo flessibile di alimentazione intasato

Carburatore  Carburante contaminato o deteriorato  Getto del minimo intasato  Passaggio aria del minimo intasato  Aria aspirata  Galleggiante deformato  Valvola a spillo usurata  Tenuta non corretta sede della valvola  Regolazione non corretta livello del carburante  Regolazione non corretta getto del minimo  Getto avviamento intasato  Pistone a tuffo motorino di avviamento difettoso  Regolazione non corretta cavo motorino di avviamento Filtro dell’aria  Elemento del filtro dell’aria difettoso Pompa del carburante  Pompa del carburante difettosa  Unità relè difettosa (relè pompa carburante)

SISTEMA ELETTRICO Candela  Distanza tra gli elettrodi non corretta  Elettrodi usurati  Conduttore fra i morsetti tranciato  Grado termico non corretto  Cappellotto della candela difettoso Bobina di accensione  Avvolgimento primario/secondario interrotto o in cortocircuito  Cavo della candela difettoso  Corpo bobina rotto Sistema completamente a transistor  Centralina di accensione difettosa  Bobina pickup difettosa

Interruttori e cavi elettrici  Interruttore principale difettoso  Interruttore di arresto motore difettoso  Cavi elettrici interrotti o in cortocircuito  Interruttore posizione di folle difettoso  Interruttore di avviamento difettoso  Interruttore cavalletto laterale difettoso  Interruttore frizione difettoso Motorino di avviamento  Motorino di avviamento difettoso  Relè motorino di avviamento difettoso  Unità relè difettosa (relè di esclusione circuito di avviamento)  Frizione motorino di avviamento difettosa

8-1


I

GUASTO ALL’AVVIAMENTO / DIFFICOLTÀ DI AVVIAMENTO / SCARSE PRESTAZIONI DEL MOTORE AL REGIME DI MINIMO / SCARSE PRESTAZIONI ALLE MEDIE E ALTE VELOCITÀ

SISTEMA DI COMPRESSIONE Cilindro e testa del cilindro  Candela allentata  Testa del cilindro o cilindro allentati  Guarnizione testa del cilindro difettosa  Cilindro usurato, danneggiato o grippato  Tenuta valvola non corretta  Contatto sedi valvola – valvola non corretto  Messa in fase valvole non corretta  Molla valvola difettosa

TRBL SHTG

Pistone e anello elastico  Installazione non corretta anello elastico  Anello elastico usurato, troppo sollecitato o rotto  Anello elastico grippato  Pistone grippato o danneggiato Basamento e albero motore  Basamento non correttamente in sede  Albero motore grippato

EB901000

SCARSE PRESTAZIONI DEL MOTORE AL REGIME DI MINIMO SCARSE PRESTAZIONI DEL MOTORE AL REGIME DI MINIMO Carburatore Sistema elettrico  Batteria difettosa  Ritorno non corretto del pistone a tuffo del moto Candela difettosa rino avviamento  Centralina di accensione difettosa  Getto del minimo allentato  Bobina pickup difettosa  Getto aria del minimo intasato  Sincronizzazione non corretta dei carburatori  Bobina di accensione difettosa Treno valvole  Regolazione non corretta regime del minimo  Regolazione non corretta gioco valvole (vite di arresto farfalla) Filtro dell’aria  Gioco cavo dell’acceleratore non corretto  Elemento del filtro dell’aria intasato  Carburatore ingolfato

EB902000

SCARSE PRESTAZIONI ALLE MEDIE E ALTE VELOCITÀ SCARSE PRESTAZIONI ALLE MEDIE E ALTE VELOCITÀ Vedere ”GUASTO ALL’AVVIAMENTO/DIFFICOLTÀ DI AVVIAMENTO (sistema di alimentazione, sistema elettrico, sistema di compressione e treno valvole) Filtro dell’aria  Elemento del filtro dell’aria intasato Pompa del carburante  Pompa del carburante difettosa

Carburatore  Membrana difettosa  Regolazione non corretta livello del carburante  Getto principale intasato o allentato

8-2


I

CAMBIO DELLE MARCE DIFETTOSO/SLITTAMENTO/ TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE

TRBL SHTG

EB903000

CAMBIO DELLE MARCE DIFETTOSO DIFFICOLTÀ DI CAMBIO DELLE MARCE Vedere ”TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE”.

IL PEDALE DEL CAMBIO NON SI MUOVE Albero di innesto  Regolazione non corretta articolazione pedale del cambio  Albero di innesto piegato Camma di innesto, forcella di innesto  Scanalatura intasata da sporcizia  Forcella di innesto grippata  Barra di guida forcella di innesto piegata

Trasmissione  Ingranaggio del cambio grippato  Intasamento dovuto a impurità  Montaggio errato della trasmissione

MANCATO INNESTO DELLE MARCE Albero di innesto  Regolazione non corretta posizione leva del cambio  Ritorno non corretto leva di arresto Forcella di innesto  Forcella di innesto usurata

Camma di innesto  Gioco assiale non corretto  Scanalatura camma di innesto usurata Trasmissione  Dente di ingranaggio usurato

EB904000

SLITTAMENTO/TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE SLITTAMENTO DELLA FRIZIONE Frizione  Regolazione non corretta cavo della frizione  Molla della frizione allentata  Molla della frizione eccessivamente sollecitata  Disco attrito/frizione usurato  Montaggio errato della frizione

Olio motore  Livello dell’olio non corretto  Viscosità non corretta (bassa)  Deterioramento

TRASCINAMENTO DELLA FRIZIONE Frizione  Piatto spingidisco deformato  Tensione non uniforme delle molle della frizione  Asta della punteria piegata  Borchia della frizione rotta  Boccola ingranaggio condotto primario bruciata  Disco della frizione piegato  Disco di attrito dilatato  Tacche di accoppiamento non allineate

Olio motore  Livello dell’olio non corretto  Viscosità non corretta (bassa)  Deterioramento

8-3


I

SURRISCALDAMENTO/FRENATURA DIFETTOSA/TRAFILAMENTO DI OLIO E MALFUNZIONAMENTO DELLA FORCELLA ANTERIORE

TRBL SHTG

EB905000

SURRISCALDAMENTO SURRISCALDAMENTO Sistema di accensione  Distanza tra gli elettrodi delle candele non corretta  Grado termico delle candele non corretto  Centralina di accensione difettosa Sistema di alimentazione  Regolazione non corretta getto principale del carburatore  Livello del carburante non corretto  Elemento del filtro dell’aria difettoso

Sistema di compressione  Forte accumulo carbonioso Olio motore  Livello dell’olio non corretto  Viscosità dell’olio non corretta  Olio di qualità inferiore Freno  Trascinamento del freno

EB906001

FRENATURA DIFETTOSA SCARSE PRESTAZIONI DI FRENATA Freno a disco  Pastiglia del freno usurata  Disco usurato  Aria nel fluido per freni  Trafilamenti di fluido per freni  Guarnizione di tenuta pistone del freno difettosa  Guarnizione di tenuta pinza del freno difettosa  Bullone di raccordo allentato  Tubo flessibile del freno rotto  Disco del freno/pastiglia del freno unti o grassi  Livello non corretto del fluido per freni

EB907000

TRAFILAMENTO DI OLIO E MALFUNZIONAMENTO DELLA FORCELLA ANTERIORE MALFUNZIONAMENTO  Tubo interno piegato, deformato o danneggiato  Tubo esterno piegato o deformato  Molla della forcella danneggiata  Canna in metallo usurata o danneggiata  Stelo dell’ammortizzatore piegato o danneggiato  Viscosità dell’olio non corretta  Livello dell’olio non corretto

TRAFILAMENTO DI OLIO  Tubo interno piegato, danneggiato o arrugginito  Tubo esterno danneggiato o fessurato  Labbro paraolio danneggiato  Installazione non corretta paraolio  Livello dell’olio non corretto (troppo alto)  Bullone di fermo stelo dell’ammortizzatore allentato  O-ring bullone rotto  Bullone di scarico allentato  Guarnizione bullone di scarico danneggiata

8-4


I

INSTABILITÀ DI GUIDA/SISTEMI DI ILLUMINAZIONE E DI SEGNALAZIONE DIFETTOSI

TRBL SHTG

EB908000

INSTABILITÀ DI GUIDA INSTABILITÀ DI GUIDA Manubrio  Installato non correttamente o piegato Sterzo  Installazione non corretta corona del manubrio  Cannotto dello sterzo piegato  Installazione non corretta cannotto dello sterzo (serraggio non corretto della ghiera)  Cuscinetto a sfere o pista del cuscinetto danneggiati

Forcella anteriore  Livelli dell’olio non uniformi sui due lati  Tensione delle molle non uniforme (posizione non corretta del regolatore forza ammortizzatore)  Molla rotta  Forcella anteriore contorta

Braccio oscillante  Cuscinetto o boccola usurati  Piegato o danneggiato Sospensione posteriore  Molla difettosa  Trafilamento di olio e gas Pneumatico  Pressione degli pneumatici non uniforme sui due lati  Pressione degli pneumatici errata  Usura non uniforme degli pneumatici

Ruota  Equilibratura ruote errata  Cerchione deformato  Cuscinetto danneggiato  Asse ruote piegato o allentato  Eccentricità eccessiva ruota  Raggio allentato Telaio  Piegato  Tubo testa dello sterzo danneggiato  Installazione non corretta pista dei cuscinetti

EB909000

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE E DI SEGNALAZIONE DIFETTOSI IL FARO NON SI ACCENDE  Lampadina non corretta  Troppi accessori elettrici  Difficoltà di carica (cavo bobina dello statore rotto, raddrizzatore/regolatore difettoso)  Collegamento non corretto  Messa a terra non corretta  Contatti scadenti (interruttore principale o luci)  Lampadina esaurita

LAMPADINA BRUCIATA  Lampadina non corretta  Batteria difettosa  Raddrizzatore /regolatore difettoso  Messa a terra non corretta  Interruttore principale e/o luci difettoso  Lampadina esaurita

IL LAMPEGGIATORE NON SI ACCENDE  Messa a terra non corretta  Batteria scarica  Interruttore indicatori di direzione difettoso  Relè lampeggiatori difettoso  Cablaggio difettoso  Attacco allentato  Lampadina bruciata  Fusibile difettoso IL LAMPEGGIATORE LAMPEGGIA LENTAMENTE  Relè lampeggiatore difettoso  Interruttore principale e/o degli indicatori di direzione difettoso  Lampadina non corretta

IL LAMPEGGIATORE RIMANE ACCESO  Relè lampeggiatore difettoso  Lampadina bruciata IL LAMPEGGIATORE LAMPEGGIA VELOCEMENTE  Lampadina non corretta  Relè lampeggiatore difettoso  Lampadina bruciata L’AVVISATORE ACUSTICO NON FUNZIONA  Batteria difettosa  Fusibile difettoso  Interruttore principale e/o dell’avvisatore acustico difettoso  Regolazione errata avvisatore acustico  Avvisatore acustico difettoso  Cablaggio interrotto

8-5


I

TRBL SHTG


SCHEMI ELETTRICI MODELLO XVS 1100 (per l’Europa)

CODICI COLORE B ...... Br . . . . . Ch . . . . Dg . . . . G ..... Gy . . . .

Nero Marrone Color cioccolato Verde scuro Verde Grigio

L ...... Lg . . . . . O ..... P ...... R...... Sb . . . . .

Blu Verde chiaro Arancione Rosa Rosso Azzurro

W ..... Y ...... B/L . . . . B/W . . . B/Y . . . . Br / B . . .

Bianco Giallo Nero / blu Nero / bianco Nero / giallo Marrone / nero

Br / L . . . Br / W . . Br / Y . . . L/B . . . . L/R . . . . L/W . . .

Marrone / blu Marrone / bianco Marrone / giallo Blu / nero Blu / rosso Blu / bianco

L/Y . . . . R/B. . . . R/G . . . R/W . . . R/Y. . . .

Blu / giallo Rosso / nero Rosso / verde Rosso / bianco Rosso / giallo

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60

Bobina pickup Magnete c.a. Raddrizzatore / regolatore Interruttore principale Sistema di allarme (opzionale) Fusibile di accensione Batteria Fusibile principale Relè motorino di avviamento Motorino di avviamento Indicatore livello olio Relè spia dell’olio Relè di esclusione circuito di avviamento Pompa carburante Sensore di posizione farfalla Centralina di accensione Bobina di accensione Candela Sensore di velocità Interruttore posizione di folle Spia motore Spia livello olio Tachimetro Luce indicatori di direzione Luce strumenti Luce indicatore di folle Indicatore luci abbaglianti Interruttore automatico Interruttore cavalletto laterale Relè lampeggiatori Interruttore indicatori di direzione Indicatore di direzione posteriore (destro) Indicatore di direzione posteriore (sinistro) Indicatore di direzione anteriore (destro) Indicatore di direzione anteriore (sinistro) Interruttore frizione Interruttore di avviamento Interruttore arresto motore Interruttore luci Interruttore freno anteriore Interruttore destro del manubrio Avvisatore acustico Interruttore avvisatore acustico Commutatore luci Interruttore freno posteriore Interruttore lampeggiatore Interruttore sinistro del manubrio Faro Luce ausiliaria Luce di posizione posteriore / del freno Fusibile backup Fusibile faro Fusibile dei segnalatori Fusibile riscaldatore carburatore Interruttore termico Relè riscaldatore carburatore Riscaldatore carburatore 1 Riscaldatore carburatore 2 Terra riscaldatore carburatore Diodo


SCHEMI ELETTRICI MODELLO XVS 1100L (per l’Australia)

CODICI COLORE B ...... Br . . . . . Ch . . . . Dg . . . . G ..... Gy . . . .

Nero Marrone Color cioccolato Verde scuro Verde Grigio

L ...... Lg . . . . . O ..... P ...... R...... Sb . . . . .

Blu Verde chiaro Arancione Rosa Rosso Azzurro

W ..... Y ...... B/L . . . . B/W . . . B/Y . . . . Br / B . . .

Bianco Giallo Nero / blu Nero / bianco Nero / giallo Marrone / nero

Br / L . . . Br / W . . Br / Y . . . L/B . . . . L/R . . . . L/W . . .

Marrone / blu Marrone / bianco Marrone / giallo Blu / nero Blu / rosso Blu / bianco

L/Y . . . . R/B. . . . R/G . . . R/W . . . R/Y. . . .

Blu / giallo Rosso / nero Rosso / verde Rosso / bianco Rosso / giallo

1 2 3 4 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 40 41 42 43 44 45 46 47 48 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60

Bobina pickup Magnete c.a. Raddrizzatore / regolatore Interruttore principale Fusibile di accensione Batteria Fusibile principale Relè motorino di avviamento Motorino di avviamento Indicatore livello olio Relè spia dell’olio Relè di esclusione circuito di avviamento Pompa carburante Sensore di posizione farfalla Centralina di accensione Bobina di accensione Candela Sensore di velocità Interruttore posizione di folle Spia motore Spia livello olio Tachimetro Luce indicatori di direzione Luce strumenti Luce indicatore di folle Indicatore luci abbaglianti Interruttore automatico Interruttore cavalletto laterale Relè lampeggiatori Interruttore indicatori di direzione Indicatore di direzione posteriore (destro) Indicatore di direzione posteriore (sinistro) Indicatore di direzione anteriore (destro) Indicatore di direzione anteriore (sinistro) Interruttore frizione Interruttore di avviamento Interruttore arresto motore Interruttore freno anteriore Interruttore destro del manubrio Avvisatore acustico Interruttore avvisatore acustico Commutatore luci Interruttore freno posteriore Interruttore lampeggiatore Interruttore sinistro del manubrio Faro Luce di posizione posteriore / del freno Fusibile backup Fusibile faro Fusibile dei segnalatori Fusibile riscaldatore carburatore Interruttore termico Relè riscaldatore carburatore Riscaldatore carburatore 1 Riscaldatore carburatore 2 Terra riscaldatore carburatore Diodo


PREMESSA Questo manuale di officina supplementare è stato redatto per presentare nuove procedure e specifiche di manutenzione e riparazione relative al modello XVS1100A. Per le procedure di officina complete, oltre a questo manuale di officina supplementare occorre consultare anche il manuale seguente: MANUALE DI OFFICINA XVS1100: 5EL1-AI1

EB000000

XVS1100A MANUALE DI OFFICINA SUPPLEMENTARE  1999 Yamaha Motor Co., Ltd. Prima edizione, dicembre 1999 Tutti i diritti riservati. Sono espressamente vietate la riproduzione o l’utilizzazione non autorizzate senza previo consenso scritto di Yamaha Motor Co., Ltd.


EAS00003

AVVISO Il presente manuale è stato redatto da Yamaha Motor Company, Ltd. principalmente ai fini dell’utilizzo da parte dei concessionari Yamaha e del personale specializzato degli stessi. Non è possibile riunire in un manuale tutte le nozioni necessarie alla formazione professionale del personale di servizio. Si suppone quindi che quanti utilizzino la presente documentazione per la riparazione e la manutenzione delle motociclette Yamaha possiedano già una conoscenza di base dei principi e dei procedimenti meccanici inerenti le tecniche di riparazione delle motociclette. In assenza di tali nozioni, la riparazione o la manutenzione potrebbero risultare inadeguate o pericolose. Questo modello è stato progettato e costruito per rispondere a determinati requisiti in termini di prestazioni e di emissioni. Per garantire che il veicolo funzioni come previsto in fase di progetto è quindi essenziale che gli interventi di manutenzione e riparazione siano effettuati correttamente e con l’attrezzatura adatta. In caso di dubbi relativamente ad una procedura di manutenzione o riparazione, contattare immediatamente un concessionario Yamaha per venire a conoscenza di eventuali nuove informazioni di servizio riguardanti questo modello. Questa politica ha lo scopo di ottenere la massima soddisfazione del cliente e di rispettare gli obiettivi federali per quanto concerne la qualità ambientale. Yamaha Motor Company, Ltd. è costantemente impegnata nel miglioramento della propria produzione. Eventuali modifiche e variazioni significative introdotte relativamente a specifiche o procedure verranno immediatamente rese note a tutti i concessionari ufficiali Yamaha e saranno pubblicate, se pertinenti, nelle future edizioni del manuale. Questo manuale di officina contiene informazioni sulla manutenzione periodica del sistema di controllo delle emissioni. Leggere attentamente questo materiale.

NOTA: Yamaha si riserva il diritto di apportare modifiche alla progettazione e alle specifiche senza preavviso.

INFORMAZIONI IMPORTANTI In questo manuale le informazioni particolarmente importanti sono evidenziate dalle seguenti notazioni:

Questo simbolo di pericolo per la sicurezza significa ATTENZIONE! ALL’ERTA! PERICOLO PER LA SICUREZZA!

AVVERTENZA

La mancata osservanza delle istruzioni precedute dalla dicitura AVVERTENZA può causare lesioni gravi o mortali all’utente della motocicletta o agli incaricati del controllo o della riparazione del mezzo.

ATTENZIONE:

La dicitura ATTENZIONE indica la necessità di adottare particolari precauzioni al fine di evitare danni alla motocicletta.

NOTA:

La dicitura NOTA fornisce informazioni chiave al fine di facilitare o chiarire le procedure.


EB002000

USO DEL MANUALE ORGANIZZAZIONE DEL MANUALE Questo manuale è suddiviso in capitoli riguardanti gli argomenti principali. (Vedere “Simbologia”) 1 titolo 1 : pagina.

Questo è il titolo del capitolo con il relativo simbolo nell’angolo superiore destro di ogni

Questo titolo indica la sezione del capitolo e appare solo nella prima pagina di ciascuna 2 titolo 2 : sezione. Si trova nell’angolo superiore destro della pagina. 3 titolo 3 : Questo titolo indica una sottosezione ed è seguito da procedure passo-passo accompagnate dalle corrispondenti illustrazioni. SCHEMI ESPLOSI Per facilitare l’identificazione dei componenti e chiarire i passi delle procedure, all’inizio di ciascuna sezione riguardante un’operazione di rimozione o smontaggio viene riportato uno schema esploso della parte interessata. 1. Uno schema esploso 4 chiaro e comprensibile per gli interventi di rimozione e smontaggio. 2. I numeri 5 dello schema esploso sono riportati in base alla sequenza delle operazioni. Un numero racchiuso in un cerchietto indica un passo di una procedura di smontaggio. 3. La spiegazione degli interventi e le relative note sono fornite in maniera chiara mediante l’uso di simboli 6 . Il significato dei simboli è spiegato nella pagina seguente. 4. La tabella di istruzioni 7 che accompagna lo schema esploso riporta la sequenza degli interventi, i nomi dei componenti, le note relative agli interventi, ecc.. 5. Per gli interventi che richiedono maggiori informazioni, oltre allo schema esploso e alla tabella di istruzioni è prevista una sequenza passo-passo 8 . 2 1 6

3

8

5 4

7


EB003000

1

SIMBOLOGIA

2

GEN INFO

SPEC

3

4

CHK ADJ

ENG

5

6

CHAS

CARB 7

8

TRBL SHTG

ELEC

11

12

13

14

15

16

20

23

I simboli da 9 a 16 indicano quanto segue. 9 Operazione possibile con motore installato

10

9

17

I seguenti simboli possono non riguardare tutti i veicoli. I simboli da 1 a 8 indicano lâ&#x20AC;&#x2122;argomento del capitolo. 1 Informazioni generali 2 Specifiche 3 Ispezioni e regolazioni periodiche 4 Motore 5 Carburatore 6 Telaio 7 Impianto elettrico 8 Ricerca guasti

18

10 11 12 13 14 15 16

19

21

22

24

Aggiungere liquido Lubrificante Attrezzo speciale Coppia di serraggio Limite di usura, tolleranza Regime del motore Dati elettrici

I simboli da 17 a 22 negli schemi esplosi indicano il tipo di lubrificante e la localizzazione del punto di lubrificazione. 17 18 19 20 21 22

Olio motore Olio per ingranaggi Olio al bisolfuro di molibdeno Grasso per cuscinetti ruote Grasso leggero al litio Grasso al bisolfuro di molibdeno

I simboli 23 e 24 negli schemi esplosi indicano quanto segue: 23 Applicare un sigillante (LOCTITER) 24 Sostituire il componente


INDICE SPECIFICHE SPECIFICHE GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SPECIFICHE DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IMPIANTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PUNTI DI LUBRIFICAZIONE E TIPI DI LUBRIFICANTE . . . . . . . . . . . . TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PERCORSO DEI CAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1 2 2 4 5 6 6 7 8

ISPEZIONI E REGOLAZIONI PERIODICHE INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MANUTENZIONE PERIODICA E TABELLA DI LUBRIFICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SERBATOIO CARBURANTE E SELLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TELAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IMPIANTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . REGOLAZIONE DELL’ORIENTAMENTO DEL FARO . . . . . . . . . . . . . . .

19 19 21 22 22 23 23 26 26

TELAIO FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . POMPA DEL FRENO POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PINZE DEL FRENO ANTERIORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . RIMOZIONE DEI GAMBI DELLA FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SMONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CONTROLLO DEI GAMBI DELLA FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . INSTALLAZIONE DEI GAMBI DELLA FORCELLA . . . . . . . . . . . . . . . . . STERZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27 27 28 29 31 35 35 36 37 40 42


SPECIFICHE GENERALI

SPEC

SPECIFICHE SPECIFICHE GENERALI Elemento

Standard

Codice modello:

XVS1100: 5KS4 (Europa) 5KS5 (Australia)

Dimensioni: Lunghezza complessiva Larghezza complessiva Altezza complessiva Altezza sella Interasse Altezza minima dal suolo Raggio minimo di sterzata

2.465 mm 945 mm 1.095 mm 710 mm 1.645 mm 145 mm 3.300 mm

Tipo e gradazione olio: Olio motore

C

Temp.

Telaio: Tipo di telaio Angolo di incidenza Avancorsa Pneumatici: Tipo Misura Marca Tipo

Standard API: SAE 20W40 SE o SAE 10W 30 SE Standard ACEA: G4 o G5

Doppia culla 33 132 mm

anteriore posteriore anteriore posteriore anteriore posteriore

Carico massimo - motociclo escluso: Pressione pneumatici (a freddo): 0  90 kg di carico * anteriore posteriore 90 kg  carico max. * anteriore posteriore

Con camera d’aria 130/90-16 67S 170/80-15M/C 77S DUNLOP DUNLOP D404F D404G 200 kg

225 kPa (2,25 kgf/cm2, 2,25 bar) 225 kPa (2,25 kgf/cm2, 2,25 bar) 225 kPa (2,25 kgf/cm2, 2,25 bar) 250 kPa (2,50 kgf/cm2, 2,5 bar) * Per carico si intende il peso totale del carico trasportato, del conducente, del passeggero e degli accessori.

–1–


SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE MOTORE Elemento Carburatore: Sigla di identificazione Getto del massimo Getto aria del massimo Spillo conico Getto spillo conico Getto aria del minimo

(M.J) (M.A.J) (J.N) (N.J) (P.A.J.1) (P.A.J.2) Uscita del minimo (P.O) Getto del minimo (P.J) Bypass 1 (B.P.1) Bypass 2 (B.P.2) Bypass 3 (B.P.3) Vite del minimo (P.S) Dimensione sede valvola (V.S) Getto starter (G.S.1) Getto starter (G.S.2) Dimensione valvola a farfalla (Th.V) Livello carburante (F.L) Regime minimo motore Vuoto di aspirazione Temperatura olio motore

Standard 5KS4 00 #1: #110, #2: #112,5 #55 #1, #2: 5DL44-53-3 P-0M #63,8 #145 1,0 #17,5 0,8 0,8 0,8 3 1,2 #42,5 0,8 #125 45 mm 950  1.050 giri/min 34,7  37,3 kPa (260  280 mmHg) 75  85C

â&#x20AC;&#x201C;2â&#x20AC;&#x201C;

Limite                     


SPEC

SPECIFICHE DI MANUTENZIONE Elemento

Standard

Schema di lubrificazione:

Cuscinetto ad aghi (avviamento)

Testa di biella Albero primario Albero a gomiti

Albero secondario

In pressione Pignone

A spruzzo Foro calibrato

Bilanciere (Scar.)

Albero a camme (Scar.)

Bilanciere (Scar.)

Albero intermedio

Bilanciere (Asp.)

Albero a camme (Asp.)

Bilanciere (Asp.)

Filtro olio

Valvola limitatrice

Coppa olio

–3–

Pompa olio


SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

TELAIO Elemento

Standard

Limite

Sospensione anteriore: Corsa forcella Lunghezza libera molla forcella Lunghezza di montaggio Lunghezza collare Costante elastica (K1) (K2) Corsa (K1) (K2) Molla opzionale Capacità olio Livello olio Gradazione olio

140 mm 361,9 mm 324,4 mm 183 mm 8,8 N/mm (0,9 kg/mm) 12,7 N/mm (1,3 kg/mm) 0  77,5 mm 77,5  140 mm No 0,464 L 108 mm Olio per forcelle 10W o equivalente

 350 mm          

Sospensione posteriore: Corsa ammortizzatore Lunghezza libera molla Lunghezza di montaggio Costante elastica Corsa Molla opzionale

50 mm 179,5 mm 163 mm 117,7 N/mm (12 kg/mm) 0  50 mm No

     

Ruota anteriore: Tipo Misura cerchio Materiale cerchio Limite di scentratura cerchio radiale laterale

A raggi 16  MT3,00 Acciaio  

   1,0 mm 0,5 mm

Leva freno e pedale freno: Gioco leva freno (estremità leva) Posizione pedale freno Gioco pedale freno Gioco leva frizione (estremità leva) Gioco manopola acceleratore

5  8 mm 98,5 mm 0 mm 5  10 mm 4  6 mm

    

(K1) (K1)

–4–


SPECIFICHE DI MANUTENZIONE

SPEC

IMPIANTO ELETTRICO Elemento Bobina di accensione: Modello/marca Resistenza avvolgimento primario Resistenza avvolgimento secondario Sistema di avviamento elettrico: Tipo Motorino di avviamento: Modello/marca Potenza Resistenza bobina indotto Lunghezza complessiva spazzola Pressione molla spazzola Diametro collettore Ribassamento mica Relè di avviamento: Modello/marca Amperaggio nominale

Standard

Limite

F6T541/MITSUBISHI 3,57  4,83 Ω a 20_C 10,7  14,5 kΩ a 20_C

SSS SSS SSS

Sempre in presa

SSS

SM-13/MITSUBA 0,6 kW 0,026  0,034 Ω a 20_C 10 mm 7,65  10,01 N (780  1021 g) 28 mm 0,7 mm

SSS SSS SSS 5 mm SSS 27 mm SSS

MS5F-421/JIDECO 180 A

SSS SSS

Coppie di serraggio Dimensione filetto

Componente Supporto tubo flessibile freno e piastra inferiore Supporto faro e piastra inferiore Corpo faro e unità faro Supporto faro e faro Gancio appendicasco e telaio Sella passeggero Staffa sella passeggero

M6 M8 M5 M6 M6 M8 M6

–5–

Coppia di serraggio Nm

mSkg

7 23 4 7 7 7 7

0,7 2,3 0,4 0,7 0,7 0,7 0,7

Osservazioni


PUNTI DI LUBRIFICAZIONE E TIPI DI LUBRIFICANTE

SPEC

PUNTI DI LUBRIFICAZIONE E TIPI DI LUBRIFICANTE EB203010

TELAIO Punto di lubrificazione

Simbolo

Paraolio ingranaggio accoppiatore albero di trasmissione

–6–


SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE

SCHEMI DI LUBRIFICAZIONE 1 Albero a camme 2 Albero a gomiti 3 Albero primario

4 Albero intermedio 5 Albero secondario 6 Testa di biella

–7–

SPEC


PERCORSO DEI CAVI

SPEC

EB206000

PERCORSO DEI CAVI 1 Cavo frizione 2 Cavo starter 3 Cavo blocchetto elettrico manubrio 4 5 6 7

(sinistro) Cavo blocchetto elettrico manubrio (destro) Cavo alta tensione Cavo acceleratore Tubo flessibile carburante (rubinetto-filtro carburante)

8 Tubo flessibile di sfiato carburante

9 10 11 12 13 14 15 16 17

(serbatoio carburante-valvola roll over) (per la California) Scatola fusibili Connettore allarme Filo pompa carburante Filo sensore velocità Filo interruttore cavalletto laterale Filo interruttore folle Filo bobina pickup Al motore Filo magnete c.a.

–8–

18 Tubo flessibile di ventilazione 19 Tubo flessibile di rilevamento (AIS-

giunto carburatore) 20 Tubo flessibile carburante (carburato21 22 23 24 25 26

re-pompa carburante) Fermaglio Tubo flessibile freno Protezione termica Filo tachimetro Cablaggio Tubo flessibile di spurgo (carburatore-elettro-valvola) (per la California)


PERCORSO DEI CAVI 27 Piastra di montaggio 28 Tubo flessibile carburante (entrata) (fil-

tro carburante-pompa carburante) 29 Tubo flessibile carburante (uscita)

(carburatore-pompa carburante) 30 Filo connettore allarme 31 Cablaggio

A Fissare il cavo del blocchetto elettrico (sinistro e destro) al manubrio con una fascetta in plastica e tagliare l’estremità della fascetta.

B Posizionare il cavo dell’acceleratore e il cavo dello starter come illustrato e fissarli con il supporto. C Fissare il cablaggio con il gancio sul lato del telaio. D In fase di installazione del tubo del cavo dell’acceleratore, spingerlo all’interno. E Fissare i tubi flessibili del carburante al telaio con la fascetta. F Sostituire il tubo del carburante (lato rubinetto carburante) e il tubo del

–9–

SPEC

carburante (lato carburatore) tra la guida del telaio e la fascetta. (lato carburatore in alto) G Collegare il tubo di rilevamento (giunto carburatore-AIS) con un ugello. H Spingere il cablaggio all’interno del coperchio laterale. I Spingere il tubo flessibile di rilevamento all’interno del coperchio vano portattrezzi, senza piegare il tubo di rilevamento.


PERCORSO DEI CAVI J Attraverso il cablaggio dell’elettrovalvola tra condotto AIS e tubo flessibile del carburante (per la California). K Fissare il filo dell’allarme con una fascetta in plastica sul coperchio vano portattrezzi. L Fissare il filo dell’interruttore del cavalletto laterale alla staffa del coperchio vano portattrezzi con una fascetta in plastica.

M Fissare il filo con una fascetta vicino al coperchio laterale. N Posizionare tutti i connettori all’interno del coperchio dei connettori. O Far passare il cavo della frizione attraverso la guida. P Fissare i fili dei blocchetti elettrici (sinistro e destro) sotto la piastra superiore della forcella con una fascetta in plastica. Chiudere la fascetta alla quarta tacca e stringerla in modo che il cablaggio non abbia gioco.

–10–

SPEC

Q Far passare ciascun tubo flessibile attraverso la guida del telaio, evitando di pizzicarli. R Nell’installare la piastra di montaggio, evitare di pizzicare i tubi flessibili e il cablaggio. S Durante l’installazione del sistema AIS, spingere indietro il cablaggio.


PERCORSO DEI CAVI 1 Batteria 2 Cavo positivo (+) batteria 3 Cavo positivo motorino di avviamen-

to 4 Filo tachimetro 5 Tubo flessibile carburante (carbura6 7 8 9 10

tore-pompa carburante) Cavo alta tensione Filo interruttore di accensione Cavo acceleratore Tubo flessibile freno Cavo blocchetto elettrico manubrio (destro)

11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Filo faro Bobina di accensione Tubo flessibile di sfiato Tubo flessibile di spurgo (carburatoreelettro valvola) (per la California) Interruttore freno posteriore Tubo flessibile riserva Tubo flessibile di scarico filtro aria Relè di ritardo Cavo negativo (–) batteria Cavo positivo (+) motorino di avviamento Filo interruttore livello olio

–11–

22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33

SPEC

Filo interruttore freno posteriore Connettore riscaldatore carburatore Relè di attenuazione luci Raddrizzatore / regolatore Supporto. 1 Tubo inferiore Telaio Supporto. 2 Vano batteria Filo riscaldatore carburatore Filo relè di attenuazione luci Relè lampeggiatori


PERCORSO DEI CAVI 34 Cavo blocchetto elettrico manubrio 35 36 37 38 39 40 41

A Fissare il cavo positivo (+) della batte(sinistro) ria alla batteria con la cinghia della batteria. Silenziatore B Collegare il cavo negativo (–) della Filo sensore posizione farfalla batteria e spingerlo nello spazio Filo riscaldatore carburatore compreso tra il vano batteria e la Filo interruttore termico batteria. Relè di esclusione circuito di avviaC Spingere il cablaggio nello spazio mento tra il telaio e il relè del motorino di avAvvisatore acustico viamento. Filo raddrizzatore / regolatore e luci (relè di attenuazione)

–12–

SPEC

D Far passare il filo del raddrizzatore / regolatore, il cablaggio elettrico e il filo positivo (+) del motorino di avviamento attraverso la parte esterna della staffa del telaio e fissarli al telaio con una fascetta in plastica. Il punto di fissaggio deve essere compreso tra 0 mm e 10 mm dall’estremità superiore del punto divergente del filo sul lato cablaggio che si collega al cavo negativo (–) della batteria.


PERCORSO DEI CAVI E Collegare il tubo flessibile di spurgo (lato carburatore-lato elettrovalvola) con un giunto, bottone fuori dal telaio. F Far passare il filo del lampeggiatore / luce di posizione e il filo del faro attraverso il foro posteriore sul corpo del faro. G Collegare il filo della bobina di accensione al nastro rosso sul lato destro. H Bottone del fermaglio dietro il corpo.

I Fissare il filo dell’interruttore del freno posteriore alla staffa dell’interruttore del freno posteriore con una fascetta in plastica e tagliare l’estremità della fascetta, all’interno del telaio. J Fissare il cablaggio, il filo positivo (+) del motorino di avviamento e il cavo negativo (–) della batteria al telaio con una fascetta in plastica. K Dal motore. L Circa 70 mm

–13–

SPEC

M Fissare il filo dell’interruttore del freno posteriore e il tubo flessibile del serbatoio della pompa del freno al tubo inferiore con una fascetta in plastica, tagliare l’estremità della fascetta e posizionarla all’interno del telaio. N Circa 20 mm (dall’estremità della saldatura). O Posizionare la fascetta nella parte anteriore del tubo inferiore.


PERCORSO DEI CAVI P Far passare il filo del raddrizzatore/re- U Fissare il filo del sensore livello olio golatore e il filo del riscaldatore del al vano batteria con una fascetta. carburatore attraverso il foro nel vaFissare al vano batteria con la fano batteria e collegarli. scetta. Inserire la fascetta nel fondo Q Al freno posteriore. del foro del vano fissando il filo sul laR Fissare il filo dell’interruttore del freto posteriore del vano (dentro il corno posteriore al tubo inferiore con po). La parte tagliata sul bordo della una fascetta. (quattro punti) fascetta va verso il lato anteriore del S Parte da tagliare sul bordo della facorpo. scetta. T Circa 30  45

–14–

SPEC

V Fissare il cavo del blocchetto elettrico (destro) al telaio con un fermaglio. La parte che serve ad aprire e chiudere il fermaglio è fuori dal corpo. W Disporre il connettore del sensore posizione farfalla, il connettore del riscaldatore del carburatore e il connettore dell’interruttore termico tra il relè di esclusione del circuito di avviamento e il cavo ad alta tensione. X Inserire il filo del relè di attenuazione luci e il filo del riscaldatore del carburatore nel fondo della scanalatura.


PERCORSO DEI CAVI 1 Tubo flessibile freno 2 Cavo acceleratore 3 Tubo flessibile serbatoio pompa fre-

no 4 Cavo alta tensione 5 Tubo flessibile di spurgo (carburatore6 7 8 9 10 11

elettro valvola) (per la California) Filo interruttore freno posteriore Tubo flessibile carburante (carburatore-pompa carburante) Relè di ritardo Cavo negativo (–) batteria Connettore cavo negativo (–) batteria Batteria

12 13 14 15 16

17 18 19 20 21

Cavo positivo (+) batteria Filo luce posteriore Relè di avviamento Cavo positivo (+) motorino di avviamento Tubo flessibile di sfiato carburante (serbatoio carburante valvola rollover) (per la California) Uscita Entrata Tubo flessibile di ventilazione Cavo starter Tubo flessibile di rilevamento (AISgiunto carburatore)

–15–

SPEC

22 Tubo flessibile carburante (rubinet23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

to-filtro carburante) Filo sensore posizione farfalla Filo riscaldatore carburatore Coperchio punterie Cavo frizione Filo interruttore termico Cablaggio Telaio Centralina di accensione Coperchio centralina di accensione Parafango Filtro carburante Coperchio vano portattrezzi


PERCORSO DEI CAVI 35 Filo centralina di accensione 36 Connettore filo tachimetro

A Fissare i cavi dell’acceleratore con il fermaglio. Posizionare l’estremità del fermaglio verso il basso. B Far passare il filo dell’interruttore del freno posteriore sotto il tubo flessibile del serbatoio della pompa freno. C Posizionare la fascetta all’estremità della staffa destra. D Posizionare l’estremità della fascetta metallica verso la parte anteriore.

E Posizionare l’estremità della fascetta metallica verso il lato destro. F Far passare il cavo positivo (+) della batteria attraverso la fessura del vano batteria. G Fissare il filo della centralina di accensione al telaio con un fermaglio. H Al parafango posteriore. I Collegare il cablaggio alla centralina di accensione attraverso il foro nel coperchio centralina di accensione.

–16–

SPEC

J Far passare il tubo flessibile di sfiato del serbatoio del carburante sotto il filtro del carburante e collegarlo (lato serbatoio carburante – lato valvola roll-over) con un giunto. Posizionare l’estremità del fermaglio all’esterno. K Posizionare la fascetta metallica con il segno verso il lato anteriore.


PERCORSO DEI CAVI L Fissare il cablaggio con una fascetta sul coperchio del vano porta-attrezzi. M Fissare il cablaggio al telaio con una fascetta in plastica. Posizionare la fascetta davanti al supporto. N Far passare il cablaggio fuori della guida sul telaio. O Fissare il cavo della frizione e il cavo dello starter con un fermaglio. Posizionare l’estremità del fermaglio verso il basso.

P Far passare il filo della centralina di accensione attraverso il foro del coperchio della centralina fino al cablaggio. Q Al cablaggio. R Fissare il filo della luce posteriore con il fermaglio posto sul parafango. S Fissare il filo della luce posteriore con il supporto sul parafango. T Posizionare la fascetta rivolta verso l’alto.

–17–

SPEC

U La direzione anteriore del corpo orizzontale.


PERCORSO DEI CAVI Cavo acceleratore Cavo starter Cavo frizione Cavo blocchetto elettrico manubrio (sinistro) 5 Filo faro 6 Tubo flessibile freno 7 Cavo blocchetto elettrico manubrio (destro) 1 2 3 4

A Far passare il filo del blocchetto elettrico (destro) dietro il cavo dell’acceleratore.

–18–

SPEC


INTRODUZIONE/MANUTENZIONE PERIODICA E TABELLA DI LUBRIFICAZIONE

CHK ADJ

EB300000

ISPEZIONI E REGOLAZIONI PERIODICHE INTRODUZIONE Questo capitolo contiene tutte le informazioni necessarie per eseguire le ispezioni e le regolazioni consigliate. Queste procedure di manutenzione preventiva, se rispettate, garantiranno un funzionamento più sicuro e una maggiore durata del veicolo; la necessità di costose revisioni, inoltre, si ridurrà notevolmente. Queste informazioni fanno riferimento sia ai veicoli già in uso sia a quelli nuovi in preparazione per la vendita. Tutti i tecnici addetti all’assistenza devono prendere conoscenza del contenuto del presente capitolo.

MANUTENZIONE PERIODICA E TABELLA DI LUBRIFICAZIONE N N.

COMPONENTE

CONTROLLI E INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dopo i primi 1.000 km

Ogni 6.000 km

12.000 km

1

*

Circuito del carburante

 Controllare che i tubi flessibili non siano crepati o danneggiati.  Sostituire, se necessario.

2

*

Filtro del carburante

 Controllare lo stato.  Sostituire, se necessario.

Candele

 Controllare lo stato.  Pulire, registrare la distanza tra gli elettrodi o sostituire, se necessario.

Valvole

 Controllare il gioco valvole.  Regolare, se necessario.

5

Filtro dell’aria

 Pulire o sostituire, se necessario.

6

Frizione

 Controllare il funzionamento.  Regolare o sostituire il cavo.

3

4

*

Controllo annuale √

7

*

Freno anteriore

 Controllare il funzionamento e il livello del liquido, e verificare che non ci siano trafilamenti di liquido.  Correggere di conseguenza.  Sostituire le pastiglie, se necessario.

8

*

Freno posteriore

 Controllare il funzionamento e il livello del liquido, e verificare che non ci siano trafilamenti di liquido.  Correggere di conseguenza.  Sostituire le pastiglie, se necessario.

9

*

Ruote

 Controllare l’equilibratura, la scentratura, il serraggio dei raggi e la presenza di eventuali segni di danneggiamento.  Stringere i raggi e rieseguire l’equilibratura; sostituire, se necessario.

10

*

Pneumatici

 Controllare lo spessore del battistrada e che gli pneumatici non siano danneggiati.  Sostituire, se necessario.  Controllare la pressione.  Correggere, se necessario.

11

*

Cuscinetti delle ruote

 Controllare che i cuscinetti non siano allentati o danneggiati.  Sostituire, se necessario.

12

*

Forcellone oscillante

 Controllare se il perno del forcellone oscillante presenta del gioco.  Correggere, se necessario.  Lubrificare con grasso al bisolfuro di molibdeno ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi.

13

*

Cuscinetti dello sterzo

 Controllare il gioco dei cuscinetti e verificare che lo sterzo non sia duro.  Correggere di conseguenza.  Lubrificare con grasso a base di sapone di litio ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi.

14

*

Fissaggi del telaio

 Verificare che tutti i dadi, i bulloni e le viti siano correttamente serrati.  Serrare, se necessario.

Cavalletto laterale

 Controllare il funzionamento.  Lubrificare e riparare, se necessario.

15

16

*

Interruttore del cavalletto laterale

 Controllare il funzionamento.  Sostituire, se necessario.

17

*

Forcella

 Controllare il funzionamento e verificare che non ci siano trafilamenti di olio.  Correggere di conseguenza.

–19–


MANUTENZIONE PERIODICA E TABELLA DI LUBRIFICAZIONE N N.

COMPONENTE

CONTROLLI E INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dopo i primi 1.000 km

CHK ADJ Ogni

6.000 km

12.000 km

Controllo annuale

18

*

Gruppo ammortizzatore posteriore

S Controllare il funzionamento e verificare che l’ammortizzatore non presenti trafilamenti di olio. S Sostituire l’ammortizzatore, se necessario.

19

*

Carburatori

S Controllare il regime minimo del motore, la sincronizzazione dei carburatori e il funzionamento dello starter. S Regolare, se necessario.

20

Olio motore

S Controllare il livello dell’olio e verificare che non ci siano trafilamenti. S Correggere, se necessario. S Sostituire. (Scaldare il motore prima di scaricare l’olio).

21

Cartuccia del filtro dell’olio motore

S Sostituire.

22

Olio della trasmissione finale

S Controllare il livello dell’olio e verificare che non ci siano trafilamenti. S Effettuare un primo cambio olio a 1.000 km e successivamente sostituire l’olio ogni 24.000 km oppure ogni 24 mesi.

23

Parti mobili e cavi

S Lubrificare, se necessario.

√ √

24

*

Sistema di induzione dell’aria

S Controllare che la valvola di intercettazione dell’aria e la valvola lamellare non siano danneggiate. S Se necessario, sostituire l’intero sistema di induzione dell’aria.

25

*

Luci, spie e interruttori

S Controllare il funzionamento. S Correggere, se necessario. S Se necessario, regolare l’orientamento del faro.

* Poiché queste operazioni richiedono attrezzi, dati e competenze tecniche specifiche, si raccomanda di farle eseguire da un concessionario Yamaha.

NOTA: D I controlli annuali vanno eseguiti ogni anno, a meno che non si esegua invece uno dei tagliandi di manutenzione prescritti ogni 6.000 o 12.000 km. D Il filtro dell’aria richiede interventi di manutenzione più frequenti se il motociclo viene utilizzato in luoghi eccessivamente umidi o polverosi. D Manutenzione dei freni idraulici S Controllare regolarmente il livello del liquido dei freni e all’occorrenza rabboccarlo. S Ogni due anni sostituire i componenti interni delle pompe e delle pinze e sostituire il liquido dei freni. S Sostituire i tubi flessibili dei freni se presentano crepe o danni e in ogni caso ogni quattro anni.

–20–


SERBATOIO CARBURANTE E SELLE

CHK ADJ

SERBATOIO CARBURANTE E SELLE

23 Nm (2,3 mkg) 7 Nm (0,7 mkg)

Sequenza

Intervento/Componente

Q.tà

7 Nm (0,7 mkg)

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 2 3 4

Rimozione del serbatoio del carburante e delle selle Sella passeggero Staffa sella passeggero Sella conducente Tubo flessibile carburante

1 1 1 1

5 6 7 8

Piastra centralina di accensione Parafango Connettori cablaggio strumentazione Gruppo serbatoio carburante

1 1 1 1

NOTA: Posizionare il rubinetto del carburante su “OFF” prima di scollegare il tubo flessibile del carburante.

Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–21–


REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE

CHK ADJ

TELAIO EAS00110

REGOLAZIONE DEL FRENO POSTERIORE 1. Controllare:  posizione del pedale del freno (distanza a tra la sommità della pedana poggiapiedi del conducente e la sommità del pedale del freno) Fuori specifica  Regolare. Posizione del pedale del freno (sotto la sommità della pedana del conducente) 98,5 mm 2. Regolare:  posizione del pedale del freno a. Allentare il controdado 1 . b. Ruotare il bullone di regolazione 2 nella direzione b o c fino ad ottenere la corretta posizione del pedale del freno. Direzione b  Il pedale del freno si solleva. Direzione c  Il pedale del freno si abbassa.

AVVERTENZA Una volta regolata la posizione del pedale del freno, controllare che l’estremità del bullone di regolazione 2 sia visibile attraverso il foro d . c. Serrare il controdado 1 alla coppia prescritta. Controdado 16 Nm (1,6 mkg)

AVVERTENZA Se premendo sul pedale del freno si avverte una sensazione di eccessivo affondamento o il comando risulta spugnoso, significa che è presente dell’aria nell’impianto frenante. Prima di utilizzare il veicolo occorrerà eliminare l’aria spurgando l’impianto. L’eventuale presenza di aria nell’impianto frenante riduce notevolmente la potenza dei freni e il controllo del veicolo, dando origine a possibili incidenti. Pertanto ispezionare e, se necessario, spurgare l’impianto frenante.

ATTENZIONE: Una volta regolata la posizione del pedale del freno, assicurarsi che il freno non trascini. 3. Regolare:  interruttore luce stop freno posteriore Vedere “REGOLAZIONE DELL’INTERRUTTORE DELLA LUCE STOP DEL FRENO POSTERIORE”.

–22–


REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO/ CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

CHK ADJ

EAS00137

REGOLAZIONE DEL PEDALE DEL CAMBIO

NOTA: La posizione del pedale del cambio è determinata dalla lunghezza del bullone di regolazione a . 1. Misurare:  regolazione della lunghezza a Errata  Regolare. Lunghezza del bullone di regolazione 114,9 mm 2. Regolare:  lunghezza del bullone di regolazione a a. Allentare entrambi i controdadi 1 b. Ruotare il bullone di regolazione 2 nella direzione b o c fino a quando il pedale del cambio risulta nella posizione corretta. Direzione b  il pedale del cambio si solleva. Direzione c  il pedale del cambio si abbassa.

EB304174

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI La procedura seguente è valida per entrambi gli pneumatici. 1. Misurare:  pressione pneumatico Fuori specifica  Regolare.

AVVERTENZA  La pressione degli pneumatici deve essere controllata e regolata esclusivamente quando la temperatura dello pneumatico equivale alla temperatura ambiente.  La pressione degli pneumatici e la sospensione devono essere regolate in base al peso totale del veicolo (compresi carico trasportato, conducente, passeggero e accessori) e alla velocità di marcia prevista.  L’uso del motociclo in condizioni di sovraccarico potrebbe danneggiare gli pneumatici o causare incidenti. NON SOVRACCARICARE MAI IL MOTOCICLO.

–23–


CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

CHK ADJ

Peso base: (con olio e serbatoio 288 kg carburante pieno) Carico massimo*:

200 kg

Pressione degli pneumatici Anteriore a freddo:

Posteriore

Fino a 90 kg di carico*

225 kPa (2,25 kgf / cm2, 2,25 bar)

225 kPa (2,25 kg f/ cm2, 2,25 bar)

90 kg – carico massimo*

225 kPa (2,25 kgf / cm2, 2,25 bar)

250 kPa (2,50 kgf / cm2, 2,5 bar)

Marcia a velocità sostenuta

225 kPa (2,25 kgf / cm2, 2,25 bar)

250 kPa (2,50 kgf / cm2, 2,5 bar)

*: comprensivo di carico trasportato, conducente, passeggero e accessori

AVVERTENZA E’ pericoloso guidare con pneumatici usurati. Quando il battistrada raggiunge il limite di usura, sostituire immediatamente lo pneumatico. 2. Controllare:  superficie dello pneumatico Danneggiata/usurata  Sostituire lo pneumatico. Spessore minimo del battistrada 1,6 mm 1 Spessore del battistrada 2 Fianco 3 Indicatore di usura

AVVERTENZA  Onde evitare guasti agli pneumatici o incidenti dovuti a un improvviso sgonfiaggio degli stessi, non utilizzare pneumatici senza camera d’aria (tubeless) su cerchi concepiti esclusivamente per pneumatici con camera d’aria.  Se si utilizza uno pneumatico con camera d’aria, assicurarsi di installare la camera d’aria appropriata.  Quando si sostituisce uno pneumatico con camera d’aria, sostituire sempre anche la camera d’aria.  Per evitare di pizzicare la camera d’aria, assicurarsi che la fascia del cerchio e la camera d’aria siano centrate nella scanalatura della ruota.

–24–


CHK ADJ

CONTROLLO DEGLI PNEUMATICI

 Si sconsiglia di rappezzare una camera d’aria forata. Qualora fosse assolutamente necessario, guidare con la massima cautela e sostituire la camera d’aria al più presto con una nuova di buona qualità. Ruota con camera d’aria

Ruota senza camera d’aria

Solo pneumatico con camera d’aria

Pneumatico con o senza camera d’aria

 Dopo prove approfondite, per questo modello sono stati approvati da Yamaha Motor Co., Ltd. Gli pneumatici sotto elencati, Io pneumatico anteriore e quello posteriore devono sempre essere della stessa marca e dello stesso modello. Qualora su questo motociclo si utilizzi una combinazione di pneumatici diversa da quella approvata da Yamaha, non si garantisce il mantenimento delle caratteristiche di guida originali del motociclo. Pneumatico anteriore: Marca DUNLOP

Tipo

Misura

130/90-16 67S

D404F

Pneumatico posteriore: Marca DUNLOP

Tipo

Misura

170/80-15 M/C 77S

D404G

AVVERTENZA  Gli pneumatici nuovi offrono un’aderenza relativamente modesta finché non si consumano leggermente. Si consiglia pertanto di guidare per circa 100 km a velocità normale prima di procedere a velocità più sostenute.

–25–


REGOLAZIONE DELL’ORIENTAMENTO DEL FARO

CHK ADJ

IMPIANTO ELETTRICO EAS00184

REGOLAZIONE DELL’ORIENTAMENTO DEL FARO 1. Regolare:  orientamento del faro (verticale) a. Ruotare la vite di regolazione 1 nella direzione a o b . Direzione a  Il fascio luminoso si alza. Direzione b  Il fascio luminoso si abbassa.

2. Regolare:  orientamento del faro (orizzontale) a. Ruotare il pomello di regolazione 2 nella direzione a o b . Direzione a  Il fascio luminoso si sposta verso destra. Direzione b  Il fascio luminoso si sposta verso sinistra.

–26–


FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

TELAIO FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE

23 Nm (2,3 mkg)

Sequenza

1 2 3 4

Intervento/Componente Rimozione delle pastiglie del freno anteriore Bullone di ritenuta Pinza Pastiglie Molla pastiglie

Q.tà

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 1 2 1

Vedere “SOSTITUZIONE DELLE PASTIGLIE DEL FRENO ANTERIORE”. Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–27–


FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

EAS00586

POMPA DEL FRENO POSTERIORE

64 Nm (6,4 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

Sequenza

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Intervento/Componente Rimozione della pompa del freno posteriore Liquido freni Connettore interruttore freno Coppiglia/rondella Perno Bulloni Gruppo pedale freno Bullone di unione Rondelle in rame/tubo flessibile freno Fascette/tubo flessibile serbatoio Gruppo pompa freno Serbatoio

Q.tà

1 1/1 1 2 1 1 2/1 2/1 1 1

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Scaricare Scollegare

Vedere “RIMOZIONE/INSTALLAZIONE DELLA POMPA DEL FRENO POSTERIORE”.

Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–28–


FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

CHAS

PINZE DEL FRENO ANTERIORE

6 Nm (0,6 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg)

Sequenza

1 2 3 4 5 6

Intervento/Componente Rimozione delle pinze del freno anteriore Liquido freni Supporto tubo flessibile freno Bullone di unione Rondelle in rame Tubo flessibile freno Bullone di ritenuta Gruppo pinza freno

Q.tà

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Scaricare

1 1 2 1 1 1

Vedere “RIMOZIONE/INSTALLAZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE”.

Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–29–


FRENO ANTERIORE E FRENO POSTERIORE

Sequenza

1 2 3 4 5

Intervento/Componente Smontaggio delle pinze del freno anteriore Molla pastiglie Pistoncini pinza Parapolvere Tenute pistoncini Vite di spurgo

Q.tà

CHAS

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata.

1 2 2 2 1

Vedere “RIMOZIONE DELLE PINZE DEL FRENO ANTERIORE”. Per il montaggio, eseguire la procedura di smontaggio in ordine inverso.

–30–


FORCELLA

CHAS

FORCELLA

110 Nm (11,0 mkg)

23 Nm (2,3 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg) 30 Nm (3,0 mkg)

40 Nm (4,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

Sequenza

Intervento/Componente

Q.tà

Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Vedere “RUOTA ANTERIORE E DISCHI DEL FRENO”.

Rimozione della forcella Ruota anteriore 1 2 3 4 5 6 7 8

Supporti tubo flessibile freno Gruppo pinza freno Parafango anteriore Bulloni piastra superiore Tappi forcella Bulloni piastra inferiore Dado cannotto di sterzo Piastra superiore con manubrio

Osservazioni

2 2 1 2 2 2 1 1

–31–

Vedere “RIMOZIONE/INSTALLAZIONE DEI GAMBI DELLA FORCELLA”.


FORCELLA

110 Nm (11,0 mkg)

CHAS

23 Nm (2,3 mkg) 20 Nm (2,0 mkg)

7 Nm (0,7 mkg) 30 Nm (3,0 mkg)

40 Nm (4,0 mkg) 10 Nm (1,0 mkg)

Sequenza

9 10 11 12 13

Intervento/Componente Copriforcella superiori Distanziali copriforcella superiori Rondelle copriforcella superiori Gambi forcella Copriforcella inferiori

Q.tà

Osservazioni

2 2 2 2 2 Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–32–


FORCELLA

CHAS

23 Nm (2,3 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Sequenza

Intervento/Componente

Q.tà

Smontare i componenti nella sequenza indicata.

Smontaggio della forcella 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Tappo forcella O-ring Distanziale Sede molla Molla forcella Parapolvere Fermo paraolio Bullone pistone Rondella in rame Pistone/molla di ritorno Paraolio

Osservazioni

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1/1 1

–33–

Vedere “SMONTAGGIO/MONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA”.


FORCELLA

CHAS

23 Nm (2,3 mkg)

30 Nm (3,0 mkg)

Sequenza 12 13 14 15 16

Intervento/Componente Distanziale di tenuta Boccola fodero Stelo/boccola stelo Elemento paraolio Fodero

Q.tà 1 1 1/1 1 1

Osservazioni

Vedere “SMONTAGGIO/MONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA”. Per il montaggio, eseguire la procedura di smontaggio in ordine inverso.

–34–


FORCELLA

CHAS

EAS00649

RIMOZIONE DEI GAMBI DELLA FORCELLA La procedura seguente è valida per entrambi i gambi della forcella. 1. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta. NOTA: Collocare la motocicletta su un supporto adeguato per mantenere sollevata la ruota anteriore. 2. Rimuovere:  piastra superiore Vedere “STERZO” 3. Allentare:  bullone di serraggio della piastra inferiore 1

AVVERTENZA Prima di allentare i bulloni di serraggio della piastra superiore e della piastra inferiore, collocare un sostegno sotto il fodero della forcella. 4. Rimuovere:  gambo della forcella

EAS00653

SMONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA La procedura seguente è valida per entrambi i gambi della forcella. 1. Rimuovere:  tappo della forcella  O-ring  distanziale  sede della molla  molla della forcella 2. Scaricare  olio della forcella 3. Rimuovere:  parapolvere 1  fermo del paraolio 2 (con un cacciavite a punta piatta)

ATTENZIONE: Evitare di graffiare lo stelo.

–35–


FORCELLA

CHAS

4. Rimuovere:  bullone del pistone  rondella in rame NOTA: Bloccando il pistone con la leva a T 1 e il supporto per il pistone della forcella 2 , allentare il bullone del pistone della forcella 3 .

Leva a T 90890-01326 Supporto per il pistone della forcella 90890-01460 5. Rimuovere:  stelo a. Mantenere il gambo della forcella in posizione orizzontale. b. Spingere lentamente A lo stelo nel fodero e ritirarlo B rapidamente prima che raggiunga il fondocorsa. c. Ripetere questa operazione fino a separare lo stelo dal fodero.

EAS00657

CONTROLLO DEI GAMBI DELLA FORCELLA La procedura seguente è valida per entrambi i gambi della forcella. 1. Controllare:  stelo 1  fodero 2 Curvature /danni/rigature  Sostituire.

AVVERTENZA Non tentare di raddrizzare uno stelo piegato, per evitare di comprometterne pericolosamente le caratteristiche. 2. Misurare:  lunghezza libera della molla a Oltre il limite specificato  Sostituire. Limite di lunghezza libera della molla 361,9 mm

â&#x20AC;&#x201C;36â&#x20AC;&#x201C;


FORCELLA

CHAS

3. Controllare:  pistone 1 Danni/usura  Sostituire. Ostruzione  Pulire tutti i passaggi dell’olio con aria compressa.  elemento paraolio 2 Danni  Sostituire.

AVVERTENZA In fase di smontaggio e montaggio dei gambi della forcella, evitare l’ingresso di corpi estranei nella forcella. 4. Controllare:  tappo della forcella  O-ring Danni/usura  Sostituire. EAS00659

MONTAGGIO DEI GAMBI DELLA FORCELLA La procedura seguente è valida per entrambi i gambi della forcella.

AVVERTENZA  Assicurarsi che il livello dell’olio sia identico in entrambi gli steli.  Eventuali differenze di livello dell’olio possono compromettere la maneggevolezza della motocicletta e ridurne la stabilità.

NOTA:  Durante il montaggio dei gambi della forcella, sostituire i seguenti elementi: –boccola dello stelo –boccola del fodero –paraolio –parapolvere  Prima di montare il gambo della forcella, assicurarsi che tutti i componenti siano puliti. 1. Installare:  pistone 1  elemento paraolio 2

AVVERTENZA Utilizzare sempre delle rondelle in rame nuove.

ATTENZIONE: Infilare lentamente il pistone nello stelo 3 fino a farlo sporgere dal fondo dello stelo. Fare attenzione a non danneggiare lo stelo.

–37–


FORCELLA

CHAS

2. Lubrificare:  superficie esterna dello stelo Lubrificante consigliato Olio per forcelle e ammortizzatori Yamaha 10 W o equivalente 3. Serrare:  bullone del pistone 1 30 Nm (3,0 mkg)

NOTA: Bloccando il pistone con la leva a T 1 e il supporto 2 , serrare il bullone del pistone della forcella 3 .

Leva a T 90890-01326 Supporto per il pistone della forcella 90890-01460 4. Installare:  boccola del fodero 1  distanziale di tenuta (con il battitoio per paraolio forcella 2 e l’adattatore 3 ) Battitoio per paraolio forcella 90890-01367 Adattatore 90890-01381 5. Installare:  paraolio 1 (con il battitoio per paraolio forcella e l’adattatore)

ATTENZIONE: Assicurarsi che il lato numerato del paraolio sia rivolto verso l’alto. NOTA:  Prima di installare il paraolio, applicare sui labbri un velo di grasso a base di litio. 6. Installare:  fermo del paraolio 1 NOTA: Regolare il fermo del paraolio in modo che vada a inserirsi nella scanalatura del fodero.

–38–


FORCELLA

CHAS

7. Installare:  parapolvere 1 (con il battitoio per paraolio forcella) 8. Riempire:  gambo della forcella (con la quantità prescritta di olio per forcelle del tipo consigliato) Quantità (per ogni stelo) 0,464 L Olio consigliato Olio per forcelle e ammortizzatori Yamaha 10W o equivalente

ATTENZIONE:  Utilizzare esclusivamente olio per forcelle del tipo consigliato. L’uso di altri tipi di olio potrebbe alterare le prestazioni della forcella.  In fase di smontaggio e montaggio dei gambi della forcella, evitare l’ingresso di corpi estranei nella forcella. 9. Dopo aver versato l’olio nel gambo della forcella, pompare lentamente lo stelo nel fodero (almeno dieci volte) per distribuire uniformemente l’olio. NOTA: Pompare lentamente sullo stelo per evitare spruzzi d’olio. 10. Misurare:  livello dell’olio negli steli della forcella a Fuori specifica  Correggere. Livello dell’olio negli steli della forcella (misurato dalla sommità dello stelo, con lo stelo totalmente compresso e senza la molla) 108 mm

NOTA: Mantenere la forcella in posizione verticale. 11. Installare:  molla della forcella  sede della molla  distanziale  O-ring  tappo della forcella

–39–


FORCELLA

CHAS

NOTA:  Installare la molla della forcella con l’estremità avente il passo minore in alto.  Prima di installare il tappo della forcella, ingrassare l’O-ring.  Serrare provvisoriamente il tappo della forcella.

INSTALLAZIONE DEI GAMBI DELLA FORCELLA 1. Installare: Copriforcella inferiori 1  Gambi della forcella Serrare provvisoriamente i bulloni di serraggio della piastra inferiore.

2. Serrare:  Piastra superiore  Dado del cannotto di sterzo 110 Nm (11,0 mkg)

NOTA:  Durante l’allineamento dei gambi della forcella, non installare i copriforcella superiori.  Assicurarsi che l’estremità dello stelo sia a filo con la sommità della piastra superiore. 3. Serrare:  Bulloni di serraggio della piastra inferiore 30 Nm (3,0 mkg)

 Tappi della forcella 23 Nm (2,3 mkg)

4. Rimuovere:  Dado del cannotto di sterzo  Piastra superiore

5. Installare:  Rondelle dei copriforcella superiori 1  Distanziali dei copriforcella superiori 2  Copriforcella superiori 3

–40–


FORCELLA

CHAS

6. Installare:  Piastra superiore 1  Dado del cannotto di sterzo 2 110 Nm (11,0 mkg)

7. Serrare:  Bulloni di serraggio della piastra superiore 20 Nm (2,0 mkg)

–41–


CHAS

STERZO

STERZO

1_ 2_

52 Nm (5,2 mSkg) 18 Nm (1,8 mSkg) 110 Nm (11,0 mSkg)

23 Nm (2,3 mSkg)

Sequenza

Intervento/Componente

Q.tà

Rimozione della piastra inferiore

Osservazioni Rimuovere i componenti nella sequenza indicata. Collocare la motocicletta su una superficie piana.

AVVERTENZA Sostenere saldamente la motocicletta per impedirne la caduta.

1 2 3 4 5 6 7

Gambi forcella Manubrio Gruppo vetro faro Fili (nel corpo del faro) Lampeggiatore anteriore/luce di posizione Corpo faro Piastra superiore Rondella di sicurezza Ghiera superiore

Vedere “FORCELLA”. Vedere “MANUBRIO”. 1 – 1 1 1 1 1

–42–

Scollegare


CHAS

STERZO

1_ 2_

52 Nm (5,2 mSkg) 18 Nm (1,8 mSkg) 110 Nm (11,0 mSkg)

23 Nm (2,3 mSkg)

Sequenza

8 9 10 11 12 13 14

Intervento/Componente Rondella in gomma Ghiera inferiore Coperchio cuscinetto Piastra inferiore Cuscinetto (superiore) Guarnizione in gomma Cuscinetto (inferiore)

Q.tà 1 1 1 1 1 1 1

Osservazioni Vedere “RIMOZIONE DELLA PIASTRA INFERIORE/INSTALLAZIONE DELLO STERZO”.

Per l’installazione, eseguire la procedura di rimozione in ordine inverso.

–43–