Page 1

Sommario CAPITOLO 1 AREA DI LAVORO ..................................................... 1 LE MODALITÀ DI VISUALIZZAZIONE ................................................................ 3 UTILIZZO DELLA BARRA DI STATO .................................................................. 4 PANORAMICA DEL PANNELLO CONTROLLO................................................... 4 I MENÙ DI SCELTA RAPIDA ............................................................................. 5 PERSONALIZZARE I MENÙ E LE SCELTE RAPIDE DA TASTIERA ........................ 6 LA BARRA DEGLI STRUMENTI ......................................................................... 7 VISUALIZZARE L’AREA DI LAVORO .................................................................. 7 USARE L’ANTI-ALIAS PER ARROTONDARE I BORDI ......................................... 9 IMPOSTAZIONE DELLE PREFERENZE ............................................................... 9 RECUPERARE E ANNULLARE ........................................................................... 9

III


Capitolo 1

CAPITOLO 2 CREAZIONE DEI DOCUMENTI E GESTIONE DEL LAYOUT ........................................................... 11 MODIFICARE LE IMPOSTAZIONI DI MARGINI PAGINA E COLONNE PER LE PAGINE E I SET DI PAGINE AFFIANCATE ...................................................... 12 RIGHELLI E UNITÀ DI MISURA ....................................................................... 13 GRIGLIE ......................................................................................................... 13 GUIDE RIGHELLO .......................................................................................... 14 LA MODIFICA PERMANENTE DELLE GUIDE SOTTO....................................... 14 LE PAGINE E LE PAGINE AFFIANCATE ........................................................... 15 PAGINE MASTRO .......................................................................................... 16 LIVELLI........................................................................................................... 16 LAYOUT DI CORNICI E PAGINE ...................................................................... 17 UTILIZZO DI SEGNAPOSTI PER PROGETTARE LE PAGINE .............................. 17 L’ADATTAMENTO AUTOMATICO ALLA PAGINA ........................................... 17 NUMERAZIONE DI PAGINE E SEZIONI........................................................... 17 CREARE INTESTAZIONI E PIÈ DI PAGINA ....................................................... 18 CREARE VARIABILI PER INTESTAZIONI E PIÈ DI PAGINA ............................... 18

CAPITOLO 3 UTILIZZO DEI DOCUMENTI ..................................... 19 UTILIZZO DI FILE E MODELLI ......................................................................... 20 APRIRE I MODELLI IN INDESIGN ................................................................... 20 SALVATAGGIO DEI DOCUMENTI ................................................................... 20 SALVARE UN DOCUMENTO IN FORMATO INDESIGN MARKUP (IDML) ........ 21

IV


CAPITOLO 4 TESTO .................................................................... 23 CREARE CORNICI DI TESTO ........................................................................... 24 COLLEGARE UN FILE DI TESTO ...................................................................... 25 CONCATENARE CORNICI DI TESTO ............................................................... 25 ARTICOLI ....................................................................................................... 26 BRANI COLLEGATI ......................................................................................... 26 MODIFICARE E SOSTITUIRE IL TESTO............................................................ 27 GREP ............................................................................................................. 28

CAPITOLO 5 STILI DI PARAGRAFO E DI CARATTERE.................... 31 GLI STILI DI CARATTERE E DI PARAGRAFO .................................................... 32 CREARE STILI GREP ....................................................................................... 34 STILI DI OGGETTO ......................................................................................... 35

CAPITOLO 6 COMBINARE TESTO E OGGETTI .............................. 37 OGGETTI ANCORATI ..................................................................................... 38 DIDASCALIE ................................................................................................... 41

CAPITOLO 7 COMPOSIZIONE TIPOGRAFICA ............................... 43 FORMATTAZIONE DEL TESTO ....................................................................... 44 STRUMENTO CONTAGOCCE ......................................................................... 44 UTILIZZO DEI FONT ....................................................................................... 44 I FONT OPENTYPE ......................................................................................... 45 V


Capitolo 1

INTERLINEA ................................................................................................... 45 CRENATURA E AVVICINAMENTO .................................................................. 45 FORMATTARE I PARAGRAFI .......................................................................... 46 CREARE PUNTEGGIATURA ROMANA ESTERNA ............................................ 47 RIENTRI E TABULAZIONI ............................................................................... 47 ELENCHI PUNTATI E NUMERATI ................................................................... 49 COMPOSIZIONE DEL TESTO .......................................................................... 50 METODI DI COMPOSIZIONE ......................................................................... 50

CAPITOLO 8 TABELLE ................................................................. 53 CREARE LE TABELLE ...................................................................................... 54 UTILIZZO DEGLI STILI DI CELLA NEGLI STILI DI TABELLA ............................... 56

CAPITOLO 9 DOCUMENTI DI GRANDI DIMENSIONI ................... 59 FILE LIBRO ..................................................................................................... 60 GESTIRE I FILE LIBRO ..................................................................................... 60 IL SOMMARIO ............................................................................................... 62 PROPRIETÀ FINESTRA DI DIALOGO SOMMARIO: ......................................... 62 GLI INDICI...................................................................................................... 63 GLI INDICATORI............................................................................................. 65

CAPITOLO 10 DISEGNO .............................................................. 67 GLI STRUMENTI LINEA O FORMA ................................................................. 68

VI


DISEGNARE UNA FORMA SEGNAPOSTO ...................................................... 68 MODIFICARE AUTOMATICAMENTE LA FORMA DI UN TRACCIATO .............. 69 LO STRUMENTO MATITA .............................................................................. 69 OPZIONI DELLO STRUMENTO MATITA ......................................................... 69 LO STRUMENTO PENNA ............................................................................... 70 MODIFICA DEI TRACCIATI ............................................................................. 70 I TRACCIATI E LE FORME ............................................................................... 71 ELABORAZIONE TRACCIATI ........................................................................... 72

CAPITOLO 11 GRAFICA .............................................................. 73 I FORMATI GRAFICI ....................................................................................... 74 IMPORTAZIONE DI FILE DA ALTRE APPLICAZIONI ........................................ 74 INCOLLARE O TRASCINARE GLI ELEMENTI GRAFICI...................................... 76 CREARE PROVINI A CONTATTO .................................................................... 77 GESTIRE I COLLEGAMENTI AGLI ELEMENTI GRAFICI .................................... 78 PANORAMICA DEL PANNELLO COLLEGAMENTI ........................................... 78 GLI SNIPPET .................................................................................................. 80 LE LIBRERIE DI OGGETTO .............................................................................. 80

CAPITOLO 12 CORNICI E OGGETTI .............................................. 83 SELEZIONARE GLI OGGETTI .......................................................................... 84 TRASFORMARE GLI OGGETTI ........................................................................ 85

VII


Capitolo 1

SPOSTARE GLI OGGETTI................................................................................ 88 RIDIMENSIONARE GLI OGGETTI ................................................................... 88 RIDIMENSIONARE IN SCALA GLI OGGETTI .................................................... 89 RAGGRUPPAMENTO, BLOCCO E DUPLICAZIONE DEGLI OGGETTI................ 92

CAPITOLO 13 EFFETTI DI TRASPARENZA..................................... 95 AGGIUNTA DI EFFETTI DI TRASPARENZA ...................................................... 96 EFFETTI DI TRASPARENZA ............................................................................. 98 CAMBIARE L’ASPETTO SU SCHERMO DELLA GRAFICA TRASPARENTE ...... 100 FUSIONE DEI COLORI .................................................................................. 100 ISOLARE I METODI DI FUSIONE .................................................................. 101 APPLICARE LA FORATURA AGLI OGGETTI DI UN GRUPPO ......................... 101 CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA NELLA GRAFICA............................... 101 I PREDEFINITI DI CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA .............................. 102 OPZIONI DI CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA ...................................... 104 OPZIONI DI EVIDENZIAZIONE ..................................................................... 104

CAPITOLO 14 COLORE.............................................................. 105 LE TINTE PIATTE .......................................................................................... 106 I COLORI IN QUADRICROMIA...................................................................... 106 APPLICAZIONE DEL COLORE ....................................................................... 106 LO STRUMENTO CONTAGOCCE .................................................................. 107

VIII


USARE I CAMPIONI ..................................................................................... 108 TIPI DI CAMPIONI ....................................................................................... 108 LIBRERIE DI COLORI INSTALLATE CON INDESIGN ....................................... 110 TONALITÀ ................................................................................................... 111 SFUMATURE ............................................................................................... 111 USARE GLI INCHIOSTRI MISTI ..................................................................... 112

CAPITOLO 15 APPLICAZIONE DELL’ABBONDANZA AL COLORE .................................................................................................115 APPLICAZIONE DELL’ABBONDANZA A DOCUMENTI E LIBRI ....................... 116 IL TRAPPING DEGLI INCHIOSTRI ................................................................. 116 METODI DI ABBONDANZA .......................................................................... 116 L’ABBONDANZA AUTOMATICA .................................................................. 117 PREDEFINITI DI TRAPPING .......................................................................... 117

CAPITOLO 16 PDF ....................................................................................119 ESPORTAZIONE IN ADOBE PDF ................................................................... 120 PREDEFINITI ADOBE PDF ............................................................................ 120 CREAZIONE DI UN NUOVO PREDEFINITO PDF............................................ 121 PANNELLO ATTIVITÀ IN BACKGROUND ...................................................... 123 STRUTTURAZIONE DEI FILE PDF.................................................................. 123 LA RIDISPOSIZIONE DEL CONTENUTO E LA SUA OTTIMIZZAZIONE ............ 124 IX


Capitolo 1

CAPITOLO 17 DOCUMENTI INTERATTIVI .......................................127 DOCUMENTI WEB INTERATTIVI PER FLASH................................................ 128 DOCUMENTI PDF DINAMICI ....................................................................... 130 SEGNALIBRI................................................................................................. 133 COLLEGAMENTI IPERTESTUALI ................................................................... 133 GLI ANCORAGGI DI TESTO .......................................................................... 134 RIMANDI ..................................................................................................... 135 FILMATI E SUONI ........................................................................................ 135 ANIMAZIONI ............................................................................................... 136 TRANSIZIONI DI PAGINA ............................................................................. 136 PULSANTI .................................................................................................... 136

CAPITOLO 18 XML ...................................................................................137 IL LINGUAGGIO XML ................................................................................... 138 UTILIZZO DI XML ......................................................................................... 138 STRUMENTI XML ........................................................................................ 139 I FILE DTD .................................................................................................... 139 IMPORTARE I DATI XML.............................................................................. 139 IMPORTARE E AGGIUNGERE I DATI XML .................................................... 140 DISPORRE MANUALMENTE ........................................................................ 140 I CONTENUTI XML....................................................................................... 140

X


MAPPARE I TAG XML SUGLI STILI ............................................................... 141 IL LAYOUT AUTOMATICO ........................................................................... 141 APPLICAZIONE DI TAG AI DOCUMENTI PER IL FORMATO XML .................. 142 STRUTTURARE DOCUMENTI PER XML ........................................................ 143 UTILIZZO DEGLI ATTRIBUTI ......................................................................... 143 ESPORTAZIONE XML ................................................................................... 144

CAPITOLO 19 LA STAMPA DEI DOCUMENTI ..................................145 LA STAMPA ................................................................................................. 146 STAMPARE UN DOCUMENTO O LIBRO....................................................... 147 OPZIONI DI STAMPA DI UN DOCUMENTO ................................................. 147 OPZIONI PER LA STAMPA DI OGGETTI........................................................ 147 I PREDEFINITI DI STAMPA ........................................................................... 148 SEGNI DI STAMPA E PAGINE AL VIVO ......................................................... 148 STAMPA DI MINIATURE E DOCUMENTI DI GRANDI DIMENSIONI .............. 149 DIVIDERE UN DOCUMENTO IN PORZIONI .................................................. 149 STAMPA DI GRAFICA E FONT ...................................................................... 150 OPZIONI PER STAMPARE LA GRAFICA ........................................................ 150 OPZIONI PER LO SCARICAMENTO DEI FONT ALLA STAMPANTE ................ 150 OPZIONI DI STAMPA POSTSCRIPT .............................................................. 150 I PUNTI MEZZATINTA E I PUNTI STAMPANTE ............................................. 151 XI


Capitolo 1

VERIFICA PRELIMINARE DEI FILE PRIMA DELLA CONSEGNA ...................... 151 PACCHETTI DI FILE ...................................................................................... 152 STAMPA DI OPUSCOLI ................................................................................ 152 TRA QUALI TIPI DI OPUSCOLO SCEGLIERE? ................................................ 153 LO SLITTAMENTO ....................................................................................... 153

XII


L’area di lavoro

Capitolo 1 Area di Lavoro In questo capitolo verrà trattato l’argomento che descrive le varie parti che compongono l’area di lavoro e la sua personalizzazione.

1


Capitolo 1

Si possono gestire i documenti e il relativo contenuto tramite diversi elementi quali pannelli, barre e finestre. La disposizione di questi elementi è detta area di lavoro. Per nascondere o mostrare tutti i pannelli premere Tab. Per nascondere tutti i pannelli dell’area di lavoro tranne Strumenti e Controllo premere Maiusc+Tab. Per personalizzare l’area di lavoro spostare e manipolare le finestre e i pannelli a proprio piacere. •

• • •

2

Di seguito si riportano alcune operazioni possibili sui pannelli: Aggiungere un pannello scegliendolo dal menù Finestra per poi ancoralo dove si desidera. Modificare l’ordine delle schede trascinando la scheda di un documento nella posizione desiderata. Disancorare per sganciare le schede cliccando col tasto sinistro del mouse e Predefiniti dell’area di lavoro trascinandole fuori dal gruppo. Rendere mobile con Finestra > Disponi > Rendi mobile la finestra o tutte le finestre mobili. Creare finestre di documenti affiancati con Finestra > Disponi > Affianca. Rimuovere un pannello da un gruppo di pannelli puntando il mouse sulla linguetta o barra del titolo e trascinando su un altro ancoraggio o lasciarlo mobile.


L’area di lavoro

• Spostare i pannelli sulle zone di rilascio blu. • Chiudere uno o un gruppo di pannelli cliccando con il tasto destro del mouse > chiudi o chiudi gruppo pannelli. • Ridimensionare i pannelli Per ridurre o espandere un pannello eseguire un doppio clic su una scheda o agire col mouse su un lato orizzontale o verticale per aumentare o ridurre le sue dimensioni. • Salvare e cambiare area di lavoro con Finestra > Area di lavoro > Nuova area di lavoro.

Per visualizzare o cambiare l’area di lavoro Scegliere un’area di lavoro sulla destra della barra dei menù oppure tramite il menù dei comandi Finestra > Area di lavoro.

Modalità di visualizzazione dell’Area di lavoro

Per eliminare un’area di lavoro personalizzata scegliere Gestisci area di lavoro dal controllo per l’impostazione dell’area di lavoro e cliccare su Elimina. LE MODALITÀ DI VISUALIZZAZIONE Si può modificare la visibilità della finestra del documento con i pulsanti: • Modalità di visualizzazione nella parte inferiore della casella degli strumenti; • Visualizza > Modalità schermo.

Modalità di visualizzazione

3


Capitolo 1

Dai sottomenù è possibile scegliere tra: o Modalità normale Mostra la grafica, mostrando le griglie, le guide e gli oggetti non stampabili. o Modalità anteprima Mostra la grafica per come sarebbe nell’output finale, il tavolo di montaggio ha il colore dello sfondo di anteprima stabilito nelle Preferenze. o Modalità area al vivo Mostra la grafica così come verrebbe nell’output finale. o Modalità area indicazioni Mostra la grafica così come verrebbe nell’output finale. o Modalità presentazione Mostra la grafica come se fosse una presentazione di slide, senza menù, pannelli o strumenti.

UTILIZZO DELLA BARRA DI STATO La barra di stato visualizza informazioni sullo stato del file e permette di spostarsi ad un’altra pagina. Cliccando sul menù della barra di stato si possono eseguire alcune operazioni di esplorazione del file.

PANORAMICA DEL PANNELLO CONTROLLO Il pannello Controllo permette di accedere velocemente a opzioni, comandi e altri pannelli importanti per l’elemento o gli oggetti selezionati nella pagina. Per default, il pannello Controllo è Barra degli strumenti agganciato al lato superiore della finestra del dolaterale cumento; tuttavia lo si può agganciare al lato inferiore, trasformarlo in un pannello mobile o nasconderlo completamente. Le opzioni del pannello Controllo variano a seconda dell’oggetto selezionato. 4


L’area di lavoro

Per personalizzare il pannello Controllo scegliere Personalizza del menù del pannello Controllo, specificare le opzioni desiderate e cliccare su OK.

I MENÙ DI SCELTA RAPIDA Con i menù di scelta rapida si possono scegliere facilmente i comandi usati maggiormente. Posizionare il puntatore sul documento, sull’oggetto o sul pannello e cliccare con il pulsante destro del mouse. Per modificare o aggiungere comandi di scelta rapida Scegliere Modifica > Preferenze > Interfaccia e impostare le seguenti opzioni: • Opzione cursore e movimenti o Descrizione strumenti Le descrizioni si visualizzano tenendo il puntatore del mouse sugli elementi di interfaccia. o Mostra miniature per inserimento Quando si inserisce un elemento grafico, si visualizza una miniatura dell’immagine nel cursore di inserimento. Deselezionare questa opzione se non si desidera visualizzare le miniature all’inserimento di grafica o testo. o Mostra i valori di trasformazione Quando si crea, ridimensiona o ruota un oggetto, il cursore mostra le coordinate [x,y] o le informazioni di rotazione. o Attiva movimenti multi-touch selezionandola si utilizzano i movimenti dei mouse multi-touch, così ad esempio un gesto di rotazione del mouse consente di ruotare la pagina (solo col magic mouse del Mac). o Evidenzia oggetto in Strumento selezione serve ad evidenziare i bordi delle cornici degli oggetti. • Pannelli o Pannello strumenti mobile serve a stabilire se la barra degli strumenti deve essere visualizzata come colonna singola, doppia o come riga. o Riduzione automatica pannelli icone cliccando sulla fi5


Capitolo 1

nestra del documento i pannelli aperti si chiudono i n automatico. o Mostra automaticamente pannelli nascosti nasconde i pannelli premendo Tab. o Apri documenti come schede visualizza i documenti creati come finestre mobili. o Attiva ancoraggio finestra documento mobile permette di ancorare tra di loro i documenti mobili. • Opzioni o Strumento mano serve a controllare se il testo e le immagini vengono simulati durante lo scorrimento del file. o Disegno video dinamico Selezionare un’opzione per stabilire se l’immagine deve essere ridisegnata durante il trascinamento di un oggetto. Con l’opzione Immediato, l’immagine viene ridisegnata durante il trascinamento. Con l’opzione Mai, si sposta solamente la cornice e l’immagine viene spostata al rilascio del mouse. Con l’opzione Con ritardo, l’immagine viene ridisegnata solo se prima di trascinare fate una breve pausa.

PERSONALIZZARE I MENÙ E LE SCELTE RAPIDE DA TASTIERA Personalizzare i menù con i colori i comandi così da evitare confusione e mettere in risalto i comandi più usati. Per impostare le specifiche seguire quanto indicato di seguito: o Mostrare gli elementi di menù nascosti con Finestra > Area di lavoro > Mostra menù completi. o Generare un elenco di scelte rapide da stampare Selezionate Modifica > Scelte rapide da tastiera > In Set, sceglierne uno e cliccare su Mostra set. Così facendo si apre un file avente tutte le scelte rapide. Con la stessa finestra si può creare un nuovo set di scelte rapide o modificarne uno.

6


L’area di lavoro

LA BARRA DEGLI STRUMENTI La barra degli strumenti comprende gli strumenti per selezionare, modificare e creare elementi di pagina. Posizionando il puntatore su uno strumento se ne visualizzano il nome e la scelta rapida corrispondenti. Visualizzare i suggerimenti per gli strumenti con Finestra > Utility > Suggerimenti per strumenti. La barra degli strumenti è divisa in: o Strumenti testo Per creare e formattare il testo in blocchi o tracciati standard o personalizzati. o Strumenti di disegno per disegnare e definire lo stile di oggetti semplici e complessi. o Strumenti di selezione per selezionare oggetti, punti e linee. o Strumenti di trasformazione per modificare la forma degli oggetti, orientarli o ridimensionarli. o Strumenti di navigazione servono a spostarsi, controllare la visualizzazione e misurare le distanze all’interno di un documento. o Strumento forbici serve a suddividere tracciati e cornici. VISUALIZZARE L’AREA DI LAVORO

Per ingrandire e ridurre la visualizzazione del contenuto del documento presente nell’are di lavoro usare lo strumento zoom o i comandi Zoom. Zoom in o Zoom out Dopo aver selezionato lo strumento zoom ad ogni clic sul testo l’ingrandimento passa alla percentuale successiva; il punto in cui si clicca diventa il centro della visualizzazione. All’ingrandimento massimo, il centro dello strumento zoom sembra vuoto. Per ridurre la visualizzazione premere Alt e cliccare sull’area da ridurre. Gli stessi comandi sono disponibili con Visualizza >Zoom in/Zoom out. Usare lo zoom avanzato per scorrere rapidamente le pagine del

documento.

7


Capitolo 1

Lo strumento mano permette di ingrandire, ridurre e scorrere l’intero documento. Quindi è molto utile con documenti voluminosi. Per visualizzare le dimensioni effettive:

o Eseguire un doppio clic sullo strumento zoom. o Selezionare Visualizza > Dimensioni effettive. o Nella casella Livello zoom, digitare o scegliere un livello di ingrandimento pari a 100. o

Per adattare la pagina alla finestra attiva:

o Visualizza > Adatta pagina a finestra. o Visualizza > Adatta pagine affiancate a finestra. o Visualizza > Intero tavolo di montaggio. Per scorrere la visualizzazione si può regolare facilmente la posizione delle pagine e degli oggetti rispetto al centro della finestra con gli stessi comandi usati per spostarsi tra le pagine. Eseguire una delle seguenti operazioni: o Con lo strumento mano cliccare e trascinare nella finestra del documento. o Cliccare sulla barra di scorrimento orizzontale o verticale o trascinare la casella di scorrimento. o Premere il pulsante PgSu o PgGiù. o Usare la rotellina del mouse per scorrere verso l’alto o verso il basso. Per scorrere a sinistra o a destra premere il tasto Ctrl (Windows) insieme alla rotellina del mouse. Per voltare pagina in modo semplice scegliere una delle seguenti operazioni: o Layout > Indietro o Avanti. o Layout > Pagina successiva o Pagina precedente. o Layout > Prima pagina o Ultima pagina. o Layout > Vai a pagina e specificare il numero della pagina > OK. 8


L’area di lavoro

Comando nuova finestra Si possono aprire altre finestre in cui

visualizzare lo stesso documento tramite Finestra > Disponi > Nuova finestra. Per affiancare le finestre scegliere le procedure elencate:

o Finestra > Disponi > Nuova finestra. o Finestra > Disponi > Sovrapponi. o Finestra > Disponi > Affianca. Per attivare una finestra cliccare sulla relativa scheda o sulla barra del titolo. Le finestre di un documento sono numerate nell’ordine in cui sono state create. In fine, per chiudere tutte le finestre scegliere Maiusc+Ctrl+W. USARE L’ANTI-ALIAS PER ARROTONDARE I BORDI

L’anti-alias permette di arrotondare i margini del testo e delle immagini smussando le transizioni di colore tra i pixel dei contorni e quelli dello sfondo.

Per attivare l’anti-alias scegliere Modifica > Preferenze > Prestazioni visualizzazione (Windows) > Regola impostazioni visualizzazione > Impostazione di visualizzazione > Attiva anti-alias. IMPOSTAZIONE DELLE PREFERENZE Per impostare le preferenze e le impostazioni predefinite come quelle relative alla posizione dei pannelli, le opzioni delle unità di misura e le opzioni di visualizzazione scegliere Modifica > Preferenze > Generali.

RECUPERARE E ANNULLARE InDesign protegge i dati da interruzioni o errori di sistema grazie ad una funzione di recupero automatico che salva i dati in un file temporaneo. Per trovare i documenti recuperati scegliere la seguente procedura: o Riavviare il computer > Avviare InDesign > All’apertura la parola [Recuperato] viene visualizzata accanto al nome file > Salvare il documento recuperato. Per ignorare le modifiche recuperate e usare l’ultima versione del documen9


Capitolo 1

to, chiudere il file senza salvarlo o scegliere File > Versione precedente. Per cambiare la posizione dei documenti recuperati agire con Modifica > Preferenze > Gestione file > Dati di recupero documenti > Sfoglia > Specificare la nuova posizione. Per annullare la modifica più recente scegliere Modifica > Annulla. Per ripetere l’ultima azione eseguita eseguire Modifica > Ripeti. Per annullare tutte le modifiche effettuate scegliere File > Versione precedente. Note: Il numero di modifiche che è possibile annullare al documento in uso dipendono dalla capacità di memorizzazione della RAM del computer.

10


Capitolo 2 Creazione dei documenti e gestione del Layout In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la creazione di un documento con impostazioni in base al tipo di output.


Capitolo 2 ________________________________________________________________

La progettazione grafica di una pagina inizia con l’aprire un nuovo documento, impostarne le pagine e stabilire margini e colonne o modificare le impostazioni della griglia di impaginazione. Per creare un nuovo documento scegliere File > Nuovo > Documento e specificarne le opzioni di impostazione, quindi cliccare su OK.

Finestra di dialogo Nuovo documento

Per personalizzare il tavolo di montaggio e le guide, in quanto ai colori usati, scegliere Modifica > Preferenze > Guide e tavolo di montaggio > Impostare il Colore. Per cambiare l’impostazione del documento attivare la finestra di dialogo tramite il menù File > Imposta documento > Specificare le opzioni > OK.

MODIFICARE LE IMPOSTAZIONI DI MARGINI PAGINA E COLONNE PER LE PAGINE E I SET DI PAGINE AFFIANCATE

Modificando le impostazioni della pagina Mastro queste si riflettono in tutte le pagine a cui essa è associata. Modificando, invece, i margini e le colonne per le singole pagine si variano solo le pagine selezionate nel pannello Pagine. Il comando per la modifica dei margini e colonne è disponibile in Layout > Margini e colonne.

12


Creazione e gestione del Layout

RIGHELLI E UNITÀ DI MISURA Per mostrare o nascondere i righelli passare alla visualizzazione normale (Visualizza > Modalità schermo > Normale) e procedere da menù Visualizza > Mostra o Nascondi righelli. Per modificare le unità di misura scegliere Modifica > Preferenze > Unità e incrementi. Modificare temporaneamente le unità di misura vuol dire che è possibile specificare un’unità di misura diversa da quella predefinita. Per modificare il punto zero, cioè il punto di intersezione dello zero dei righelli orizzontale e verticale che per default si trova nell’angolo superiore sinistro, cliccare col tasto sinistro del mouse e trascinare fino alla posizione desiderata. Per misurare la distanza tra due punti Accertarsi che il pannello Informazioni sia visibile (altrimenti scegliere Finestra > Informazioni) e poi attivare lo strumento misura tenendo premuto il tasto sinistro del mouse sul contagocce e trascinare fino al secondo punto.

GRIGLIE Le griglie sono utili per il corretto posizionamento e allineamento degli elementi nel documento di lavoro. Le griglie disponibili sono di due tipi: una griglia delle linee di base per allineare le colonne di testo e una griglia del documento per allineare gli oggetti. Per impostare una griglia delle linee di base scegliere Modifica > Preferenze > Griglie e specificare un colore per la griglia dal menù Colore. Per impostare una griglia del documento scegliere Modifica > Preferenze > Griglie e specificare un colore per la griglia del documento scegliendolo dal menù Colore. Per mostrare o nascondere le griglie scegliere Visualizza > Griglie e guide > Mostra/Nascondi griglia linee di base. Per allineare gli oggetti alla griglia del documento scegliere Visualizza > Griglie e guide accertandosi che sia selezionato Allinea alla griglia documento. 13


Capitolo 2 ________________________________________________________________

GUIDE RIGHELLO Le guide righello permettono di tracciare la posizione e di suddividere il documento di lavoro in porzioni logiche. Si possono creare due tipi di guide: le guide di pagina, solo per una pagina specifica, o le guide di pagine affiancate, che si applicano a tutte le pagine affiancate. Creare una guida righello in visualizzazione Normale e con la visualizzazione dei righelli attiva. Mostrare o nascondere le guide con Visualizza > Griglie e guide > Mostra/Nascondi guide.

Note: agevolare l’allineamento degli oggetti agli elementi del layout con la funzione guide sensibili. Per selezionare le guide righello con lo strumento selezione e cliccare sulla guida per evidenziarla. Per portare le guide in un’altra pagina o documento dopo aver selezionato una o più guide scegliere Modifica > Copia o Modifica > Taglia > Passare a un’altra pagina > Modifica e Incolla. Per eliminare le guide righello selezionare una o più guide righello e premere Canc oppure trascinare le guide da eliminare fino a un righello. Per bloccare o sbloccare le guide righello usare il comando Visualizza > Griglie e guide > attivare o disattivare Blocca guide. LA MODIFICA PERMANENTE DELLE GUIDE SOTTO

La modifica permanente delle guide serve a visualizzare le guide righello davanti o dietro a tutti gli altri oggetti. Per l’attivazione del comando Guide sotto seguire la procedura indicata: • Modifica > Preferenze > Guide e tavolo di montaggio > Guide sotto > OK.

14


Creazione e gestione del Layout

Disposizione delle pagine affiancate

LE PAGINE E LE PAGINE AFFIANCATE Quando s i seleziona l’opzione Pagine affiancate queste vengono disposte in set di pagine affiancate, cioè un set di pagine visualizzate insieme, ad esempio le due pagine visibili all’apertura di un libro o una rivista. Per definire un documento con due pagine affiancate scegliere File > Nuovo documento o File > Imposta documento per un documento esistente. Per le impostazioni avanzate utilizzare le Opzioni del pannello Pagine. Per spostare le pagine agire attraverso il loro trascinamento o Scegliere Layout > Pagine > Sposta pagine o scegliere Sposta pagine dal menù del pannello Pagine. Per duplicare una o più pagine scegliere una delle seguenti operazioni: o Trascinare sul pulsante Crea nuova pagina i numeri delle pagine selezionate. o Duplica pagine affiancate dal menù del pannello Pagine. o Premere Alt mentre si trascina in posizione l’icona della pagina o i numeri di pagine sotto le pagine affiancate. o Usare i menù di scelta rapida sulla pagina dopo la quale si intende creare una nuova pagina. 15


Capitolo 2 ________________________________________________________________

Per eliminare una pagina o più pagine dal documento usare il pannello Pagine, in uno dei seguenti modi: o Trascinando una o più icone di pagina sull’icona Elimina. o Selezionando una o più icone di pagina e cliccando Elimina. o Selezionando una o più pagine e scegliendo Elimina pagine.

PAGINE MASTRO Una pagina mastro è come un’impalcatura da applicare a più pagine. Tutto ciò che è incluso nella pagina mastro appare in tutte le pagine a cui essa è applicata. Per default, ogni documento creato ha una pagina mastro. Per creare le pagine mastro scegliere dal menù del pannello Pagine Nuova mastro > Specificare le opzioni desiderate > OK. Per modificare le opzioni delle pagine mastro scegliere Pannello Pagine > cliccare sul nome di una pagina mastro > Opzioni mastro > OK. Per applicare le pagine mastro ad una pagina o più pagine, trascinare l’icona della pagina mastro sull’icona di una pagina nel pannello Pagine. Per annullare l’assegnazione di pagine mastro premere il tasto destro del mouse sulla pagina interessata e scegliere Applica mastro alle pagine selezionando “nessuno” dal menù a tendina. LIVELLI I livelli sono come dei fogli trasparenti posizionati l’uno sopra l’altro. Ogni documento contiene almeno un livello con un nome. Per creare livelli scegliere il comando Nuovo > livello dal menù del pannello Livelli. Attraverso la palette livelli è possibile: o Selezionare; o Spostare o copiare oggetti; o Copiare su un altro livello gli oggetti selezionati; 16


Creazione e gestione del Layout

o o o o o o

Incollare oggetti su livelli diversi; Duplicare un livello; Mostrare o nascondere i livelli e gli oggetti; Impostare le proprietà di un livello; Eliminare i livelli; Unire i livelli di un documento.

LAYOUT DI CORNICI E PAGINE I tracciati e le cornici si possono considerare come degli oggetti contenitori di immagini e segnaposto. Per mostrare o nascondere i bordi delle cornici scegliere Visualizza > Extra > Mostra/Nascondi bordi cornice. UTILIZZO DI SEGNAPOSTI PER PROGETTARE LE PAGINE

Se il contenuto non è disponibile, è possibile usare le cornici come segnaposto. Attraverso la procedura Oggetto > Contenuto è possibile: o Convertire una cornice di testo o un tracciato in cornice grafica; o Convertire un tracciato o una cornice in cornice di testo segnaposto; o Usare la cornice grafica solo come tracciato.

L’ADATTAMENTO AUTOMATICO ALLA PAGINA Per eseguire un adattamento automatico dei contenuti alla pagina bisogna prima di tutto selezionare l’oggetto d’interesse e scegliere Oggetto > Adatta e scegliere una delle voci secondo le proprie esigenze.

NUMERAZIONE DI PAGINE E SEZIONI È possibile aggiungere il numero di pagina corrente per definire l’aspetto e la posizione del numero di pagina. Per aggiungere un indicatore di numero di pagina a una pagina mastro scegliere il pannello Pagine ed eseguire la procedura di seguito indicata: 17


Capitolo 2 ________________________________________________________________

o Fare doppio clic sulla pagina mastro pagina > creare una cornice di testo e posizionarla nel punto in cui dovrà comparire il numero di pagina (se il documento contiene pagine affiancate, creare cornici di testo distinte per le pagine mastro sinistra e destra), quindi scegliere Testo > Inserisci carattere speciale > Indicatori > Numero di pagina corrente. Per modificare lo stile della numerazione delle pagine nel pannello Pagine, selezionare la pagina dalla quale deve iniziare la sezione con il nuovo stile di numerazione e scegliere Layout > Opzioni numerazione e sezione > Specificare le opzioni > OK.

CREARE INTESTAZIONI E PIÈ DI PAGINA Intestazioni e piè di pagina sono elementi che si visualizzano nel margine superiore o inferiore delle pagine e contengono informazioni di riferimento. Per creare un’intestazione o un piè di pagina su una pagina mastro prima di tutto creare una cornice di testo > Posizionarla al di sopra o al di sotto dello spazio che verrà occupato dai contenuti > Aggiungere informazioni in base alle esigenze > Applicare la pagina mastro alle pagine del documento in cui si dovrà visualizzare l’intestazione o il piè di pagina. CREARE VARIABILI PER INTESTAZIONI E PIÈ DI PAGINA

Attraverso le variabili è possibile inserire un campo che si adatterà alle caratteristiche del documento. Ad esempio è possibile inserire una variabile di testo che descriverà l’intero percorso del file system partendo dalla radice fino alla cartella che contiene il file .indd. Per creare una variabile agire attraverso il menù Testo > Variabili di testo > Definisci > Nuovo > digitare un nome per la variabile > specificare le impostazioni desiderate.

18


Capitolo 5

Capitolo 3 Utilizzo dei documenti In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda i formati di salvataggio dei propri impaginati in base al tipo di output.


Capitolo 5 ________________________________________________________________

UTILIZZO DI FILE E MODELLI I modelli permettono di creare velocemente documenti uniformi. APRIRE I MODELLI IN INDESIGN

Quando si apre un modello di InDesign, per default si apre un nuovo documento senza titolo. I modelli disponibili hanno estensione indt. Con il comando File > Apri si possono creare file dai modelli. Per salvare un documento come modello scegliere File > Salva con nome. Per modificare un modello esistente scegliere File > Apri e Selezionare il modello. Nella sezione Apri come scegliere Originale > Apri. Finestra di dialogo Salva con nome

SALVATAGGIO DEI DOCUMENTI Tutti i file creati con Indesign hanno estensione .indd. Per salvare uno stesso documento con nome diverso scegliere File > Salva con nome > specificare la posizione e il nome > Salva. Il file nuovo salvato diventa il documento attivo.

Note: Il comando Salva con nome può diminuire la dimensione del file. Per salvare un documento con lo stesso nome scegliere File > Salva. Per salvare tutti i documenti aperti contemporaneamente scegliere Ctrl+Alt+Maiusc+S.

20


Gli stili di carattere e paragrafo

Per salvare una copia di un documento con un nuovo nome scegliere File > Salva una copia > specificare posizione e nome > Salva. La copia salvata non diventa il documento attivo.

Finestra di dialogo Esporta

SALVARE UN DOCUMENTO IN FORMATO INDESIGN MARKUP (IDML)

Quando si ha l’esigenza di aprire in InDesign un documento proveniente da altri programmi d’impaginazione, quali QuarkXPress o PageMaker, è possibile interfacciarsi col formato IDML. Per salvare un documento in un formato IDML scegliere File > Esporta > InDesign Markup (IDML) > Salva. Il file IDML salvato si può aprire in InDesign CS5 e InDesign CS4 ma non in versioni precedenti. Se nel pc non sono installati i plug-in di compatibilità con InDesign CS4 selezionare Aiuto > Aggiornamenti > seguire le istruzioni fornite.

21


Capitolo 5 ________________________________________________________________

22


Gli stili di carattere e paragrafo

Capitolo 4 Testo In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la gestione di cornici di testo, degli articoli, dei brani collegati e la ricerca di base e avanzata delle occorrente di testo.

23


Capitolo 5 ________________________________________________________________

CREARE CORNICI DI TESTO In InDesign il testo è racchiuso in contenitori chiamati cornici di testo che possono essere spostate, ridimensionate e modificate. Inserire testo segnaposto è utile per segnare l’area del documento in cui verrà inserito del testo effettivo. Il testo di prova è da inserire in uno dei seguenti modi: o Selezionare una o più cornici > Testo > Riempi con testo segnaposto. o Incollare testo con il comando CTRL+V o Menù modifica > incolla nel segnaposto del testo selezionato. Digitare del testo in un documento Per creare una nuova cornice di testo usare lo strumento testo o cliccare dentro una cornice di testo esistente, quindi procedere con l’inserimento. Digitare testo in lingue asiatiche usando l’input diretto con Modifica > Preferenze > Testo avanzato > Preferenze > Testo avanzato > Usa input diretto per testo in caratteri non latini > OK.

Note: La stessa procedura si può utilizzare per incollare del testo da un’applicazione all’altra Per importare un testo agire con il comando File > Inserisci > Mostra opzioni di importazione > OK. In fase d’inserimento si possono specificare alcune opzioni relative alla formattazione del testo importato. Per modificare le proprietà delle cornici di testo usare il comando Oggetto > Opzioni cornici di testo. Usare le opzioni per modificare alcune impostazioni come il numero delle colonne nella cornice, l’allineamento verticale del testo nella cornice o la distanza dai margini. Per conteggiare il numero di parole e caratteri collocare il cursore di testo dentro una cornice per visualizzare i conteggi della cornice o selezionare del testo per visualizzare i conteggi del solo testo selezionato e selezionare Finestra > Informazioni. Note: Per importare un testo con riempimento automatico della pagine bisogna eseguire l’importazione del testo in un documento che

24


Gli stili di carattere e paragrafo

abbia una cornice di testo nella pagina mastro e aver spuntato la voce sostituisci nella finestra di dialogo importa. COLLEGARE UN FILE DI TESTO In fase d’importazione è possibile scegliere se importare o collegare il contenuto del file esterno. Per importare un contenuto in modalità collegamento è necessario impostare le preferenze in Modifica > Preferenze > Gestione File e attivare la spunta in parte alla voce Crea collegamenti all’inserimento di testo e fogli di calcolo.

CONCATENARE CORNICI DI TESTO Per rendere visibile la visualizzazione delle cornici di testo concatenate scegliere Visualizza > Extra > Mostra sequenze di testo. Per concatenare cornici di testo scegliere lo strumento selezione e selezionare la cornice di testo > cliccare sulla crocetta rossa (che si trova in basso a destra nella casella di testo) > cliccare sulla casella di destinazione.

Caselle di testo concatenate

Note: Per estendere il testo su più caselle di testo tenere premuto il tasto shift con il tasto sinistro del mouse in fase d’inserimento. Completare la serie di combinazioni di comandi alternando i tasti ALT – SHIFT – ALT + SHIFT e vedere l’effetto provocato sull’inserimento di testo nelle pagine. Usare Ridisposizione testo avanzata per aggiungere o rimuovere le pagine durante l’immissione o la modifica del testo. Per default tale funzione è limitata alle cornici di testo mastro. Affinché essa abbia effetto, una cornice di testo deve essere concatenata al25


Capitolo 5 ________________________________________________________________

meno ad un’altra in una pagina diversa. Per attivare tale funzione scegliere il menù Modifica > Preferenze > Testo > Ridisposizione del testo e selezionare una delle opzioni disponibili.

ARTICOLI Gli articoli rappresentano un modo semplice per creare relazioni tra gli elementi della pagina dei documenti EPUB e per la creazione di tag PDF. Per creare un articolo e aggiungervi dei contenuti prima di tutto aprire il pannello Articoli da Finestra e procedere con la Selezione degli elementi di pagina da aggiungere all’articolo. Dopo la selezione procedere con la creazione di una nuova cartella di articolo tramite la voce Nuovo articolo. Modificare l’ordine degli articoli creati attraverso il pannello Articoli, agganciarli col tasto sinistro del mouse e trascinarli. Il pannello Articoli contiene delle opzioni utili per gestire i contenuti. Note: Selezionare Includi durante esportazione per aggiungere l’articolo all’output di esportazione EPUB/HTML.

BRANI COLLEGATI Per gestire più versioni di un brano in uno stesso documento ricorrere all’uso di brani collegati. Per creare un brano collegato prima di tutto disegnare una cornice di testo d’origine e inserire del testo. Mantenere la cornice selezionata e scegliere Modifica > Inserisci e collega. Per concludere, procedere con l’inserimento di una o più istante di brano collegato nel documento. Per selezionare un brano collegato nel documento cliccare sulla sua cornice oppure cliccare nel testo. Invece, per selezionare più brani, tenere premuto il tasto Maiusc e cliccare sulle cornici di testo desiderate. Note: Si può anche modificare il nome predefinito del brano collegato attraverso il pannello Livelli

26


Gli stili di carattere e paragrafo

Riquadro attività della gestione dei brani

Aggiornare un brano collegato Se un brano viene modificato tramite l’Editor brani, nel pannello Collegamenti si visualizza un’icona accanto al brano collegato. Procedere come segue per apportare un aggiornamento: o Pannello collegamenti > selezionare il brano da modificare > Aggiorna.

MODIFICARE E SOSTITUIRE IL TESTO Per modificare e sostituire parti di contenuto utilizzare gli strumenti di base e avanzati di seguito indicati: • Trovare e sostituire il testo con Modifica > Trova/Sostituisci > Testo • Trova/Sostituisci La relativa finestra di dialogo contiene delle schede che consentono di specificare ciò che si desidera trovare e sostituire. • Testo Si possono cercare e sostituire ricorrenze specifiche di caratteri, parole, gruppi di parole o testo formattato particolarmente. • GREP serve ad utilizzare tecniche di ricerca avanzate basate su pattern adatti per cercare e sostituire testo e/o formattazione. • Glifo serve a cercare e sostituire glifi mediante valori Unicode o GID/CID, è utile in particolare per le lingue asiatiche. • Oggetto Si possono cercare e sostituire effetti e attributi di formattazione in oggetti e cornici. • Ricerche con caratteri jolly per migliorare la ricerca specificando caratteri jolly (digitare can^? per ricercare qualunque ricorrenza (cane, canto, ecc.…) che finisce con qualsiasi carattere.

27


Capitolo 5 ________________________________________________________________

GREP L’uso della modalità di ricerca Grep permette di sfruttare tecniche di ricerca avanzata facilitando l’individuazione e la sostituzione di occorrenze di carattere e formato. Alcune ricerche attraverso la scheda GREP possono essere eseguite come si eseguono nella scheda Testo.

Finestra di dialogo Trova/Sostituisci in cui si indica che i metacaratteri della scheda Testo iniziano con il simbolo ^ e invece i metacaratteri della sceda GREP iniziano con il simbolo \

In linea di massima, tuttavia, non tutti i metacaratteri seguono questa regola. Ad esempio, un fine paragrafo è rappresentato da ^p nella scheda Testo e da \r nella scheda GREP. Per un elenco dei metacaratteri usati nelle schede Testo e GREP, consultate Metacaratteri per le ricerche. Nella scheda GREP, della finestra di dialogo Trova/Sostituisci, è possibile immettere manualmente i metacaratteri GREP o sceglierli dall’elenco Caratteri speciali, procedendo come segue: Modifica > Trova/Sostituisci > scheda GREP > impostare le proprietà per ricerca. Di seguito alcuni esempi che denotano le differenze di ricerche con modalità di carattere normale e avanzata: • Sostituzione del simbolo TAB con uno SPAZIO LUNGO tramite scheda TESTO e scheda GREP: 1. Posizionarsi nella scheda testo e in “Trova” selezionare dal menù con simbolo @ il pulsante TAB; 28


Gli stili di carattere e paragrafo

2. Posizionarsi nella casella “Sostituisci con” e selezionare dal menù con simbolo @ Spazio vuoto > Spazio lungo; 3. Ripetere la stessa procedura nella scheda GREP e notare le differenze. • Trovare testo tra virgoletto tramite scheda GREP: 1. Per trovare la parola lago o logo inserire nella scheda GREP l(o|a)go. L’uso delle parentesi sono utili per identificare i raggruppamenti.

29


Capitolo 5 ________________________________________________________________

30


Gli stili di carattere e paragrafo

Capitolo 5 Stili di paragrafo e di carattere

In questo capitolo verrà trattato l’argomento che riguarda la formattazione del testo attraverso l’uso degli stili carattere e paragrafo.

31


Capitolo 5 ________________________________________________________________

GLI STILI DI CARATTERE E DI PARAGRAFO Uno stile di carattere è un insieme di attributi di formattazione del carattere che si possono applicare al testo in una sola volta. Uno stile di paragrafo include attributi di formattazione per il carattere e il paragrafo e può essere applicato ad uno o più paragrafi. Per creare uno stile di paragrafo procedere come segue: Aprire il pannello Stili > Scegliere Testo > Stili di paragrafo > cliccare sulla linguetta Stili di paragrafo.

Pannello Stile di carattere a sinistra e Pannello stile di paragrafo a destra

Aggiungere stili di paragrafo e di carattere considerando quanto segue: o Per basare il nuovo stile sulla formattazione di un testo preesistente, selezionare o spostare il cursore nel testo formattato; o Se nel pannello degli stili è selezionato un gruppo, il nuovo stile farà parte dello stesso; Per creare un nuovo stile paragrafo eseguire i punti indicati: o Scegliere Nuovo stile di paragrafo dal pannello Stili di paragrafo e impostare le seguenti proprietà:  In Nome stile stabilire un nome per lo stile nuovo; 32


Gli stili di carattere e paragrafo

In Basato su, scegliere lo stile sul quale basare quello corrente.

Note: In Stile successivo bisogna specificare quale stile sarà applicato dopo quello corrente quando si premerà Invio o A-capo. Gli stili creati sono visibili solo nel documento corrente; in mancanza di documenti aperti, gli stili creati saranno utilizzabili in tutti i nuovi documenti. Per importare stili da altri documenti effettuare una delle seguenti operazioni nel pannello Stili di carattere o Stili di paragrafo: o Scegliere Carica stili di carattere o Carica stili di paragrafo dal menù del pannello Stili; o Scegliere Carica tutti gli stili dal menù del pannello Stili per caricare sia gli stili di carattere che quelli di paragrafo. Per convertire gli stili di Word in stili di InDesign Durante l’importazione è possibile mappare gli stili di Word, accanto ai quali viene visualizzata l’icona di un disco fino a che tale stile non viene modificato in InDesign. Per Applicare uno stile di carattere o paragrafo selezionare il testo da interessare e cliccare sullo stile. Per creare uno stile di carattere o paragrafo selezionare nuovo stile nella palette stile. Il nuovo stile avrà la formattazione impostata nella barra dei comandi carattere o paragrafo. Per modificare gli stili di carattere e di paragrafo cliccare due volte sullo stile nel pannello. Ridefinire uno stile in base al testo selezionato Una volta applicato uno stile se ne possono ignorare una o più impostazioni. Lo stile si può ridefinire anche in base alla formattazione del testo modificato, utilizzando la seguente procedura: strumento testo > selezionate il testo formattato con lo stile da ridefinire > Scegliere Ridefinisci stile dal menù del pannello Stili.

33


Capitolo 5 ________________________________________________________________

Eliminare stili di carattere o paragrafo dal pannello Stili nel seguente modo: selezionare Elimina stile nel menù del pannello o cliccare sull’icona Elimina nella parte inferiore del pannello o cliccare con il tasto destro del mouse sullo stile e poi scegliere Elimina stile. Note: Dal menù opzioni della palette stili si possono eseguire maggiori operazioni come la conversione del testo puntato in testo normale. Applicare uno stile di carattere a un capolettera mediante le funzioni per capilettera con le quali si può applicare uno stile di carattere a un capolettera. Per applicare un capolettera a un singolo paragrafo dal menù del Pannello paragrafo scegliere Capilettere e stili nidificati. CREARE STILI NIDIFICATI

Si può specificare la formattazione a livello di carattere per uno o più intervalli di testo in un paragrafo o una riga. Si possono inoltre impostare due o più stili nidificati in modo che uno inizi dove termina l’altro. Si può, inoltre, nidificare uno stile di carattere in uno stile di paragrafo con la seguente procedura: doppio clic sullo stile di paragrafo > Capilettere e stili nidificati > impostare le proprietà. CREARE STILI GREP Il GREP è una tecnica di ricerca avanzata basata sui pattern ed è utile per

34

Finestra di dialogo Opzioni stile paragrafo


Gli stili di carattere e paragrafo

applicare uno stile di carattere al testo. Ad esempio, se si desidera applicare uno stile di carattere a tutti i numeri di telefono nel testo, dopo aver creato uno stile GREP, selezionare lo stile di carattere e specificare l’espressione GREP. Tutti i paragrafi che associati all’espressione GREP saranno formattati con il suddetto stile di carattere. • Eseguire una delle seguenti operazioni: o Applicare lo stile GREP a singoli paragrafi selezionandoli e scegliendo Stili GREP dal menù del pannello Paragrafo o Carattere. o Usare gli stili GREP in uno stile di paragrafo, dopo aver creato o modificato uno stile di paragrafo, cliccando sulla scheda Stile GREP nella parte sinistra della finestra di dialogo Opzioni stile paragrafo. • Scegliere Nuovo stile di carattere > definire la formattazione desiderata > cliccare su Crea nuovo stile GREP > cliccare a destra di Applica stile e indicare uno stile di carattere. Se non è ancora stato creato cliccare a destra di Al testo ed eseguire le seguenti operazioni per realizzare l’espressione GREP: o Specificare manualmente l’espressione da ricercare. o Cliccare sull’opzione Caratteri speciali per ricerca. Scegliere le opzioni dai sottomenù Posizioni, Ripeti, Con corrispondenza, Modificatori e Posix per creare l’espressione GREP. • Concludere il tutto cliccando su OK.

STILI DI OGGETTO Gli stili di oggetto sono utili per formattare rapidamente elementi grafici e cornici. Per aprire il pannello Stili di oggetto scegliere Finestra > Stili > Stili di oggetto > scegliere le proprietà. Quando s i seleziona un oggetto con una modifica locale, accanto al nome dello stile si visualizza un segno più (+). Per eliminare le modifiche locali ad uno stile oggetto Dopo 35


Capitolo 5 ________________________________________________________________

aver selezionato un oggetto o un gruppo di oggetti da modificare, nel pannello Stili di oggetto cliccare sul pulsante Elimina impostazioni locali che si trova in fondo al pannello. Importare stili di oggetto da altri documenti con Carica stili di oggetto dal men첫 del pannello Stili di oggetto, selezionare il file da cui si desidera importare gli stili e cliccare su Apri nella finestra Carica stili. Accertatevi che gli stili da importare siano contrassegnati da un segno di spunta. Usa definizione stile caricato per sovrascrivere quello esistente. I suoi nuovi attributi vengono applicati a tutti gli oggetti del documento a cui era stato applicato il vecchio stile. Le definizioni dello stile esistente e di quello caricato si visualizzano in fondo alla finestra Carica stili per consentirne il confronto.

36


Capitolo 6 Combinare testo e oggetti In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’interazione del testo con gli oggetti.


Capitolo 6

__________________________________________

OGGETTI ANCORATI Gli oggetti ancorati sono elementi quali immagini grafiche o caselle di testo, associate o ancorate, ad un punto specifico del testo. Quando il testo scorre, l’oggetto ancorato si sposta con lui.

Creazione di un Oggetto ancorato e impostazione delle relative Opzioni

Per creare un oggetto ancorato far lampeggiare il cursore dentro la casella di testo in cui inserire l’oggetto da ancorare > Scegliere la voce Oggetto dal menù > Oggetto ancorato e Inserisci. È anche possibile eseguire Copia (CTRL+C), dopo aver selezionato l’oggetto, e poi Modifica e incolla per incollare l’oggetto come ancorato. Per posizionare l’oggetto, dopo averlo selezionato, scegliere Oggetto > Oggetto ancorato > Opzioni e Impostare le proprietà desiderate. Opzioni di posizionamento personalizzate Utilizzare il pannello livelli e cliccare sulla figura del catenaccio per sbloccare l’oggetto ancorato e renderlo sbloccato Per definire la posizione personalizzata utilizzare la finestra Inserisci > oggetto ancorato o impostare le seguenti proprietà nella finestra Opzioni oggetto ancorato di seguito indicate: o Relativa al dorso stabilisce se l’oggetto viene allineato rispetto al dorso del documento o Icona di riferimento Oggetto ancorato definisce il punto dell’oggetto da allineare alla posizione. 38


Stili di carattere e di paragrafo

o Icona di riferimento Posizione ancorata Specifica la posizione nella pagina in cui volete allineare l’oggetto. o X relativo a definisce l’elemento da utilizzare come base per l’allineamento orizzontale. o Scostamento X Sposta l’oggetto sul piano orizzontale in base al punto di riferimento. o Y relativo a definisce l’elemento a con cui l’oggetto si allinea verticalmente. o Scostamento Y Sposta l’oggetto sul piano verticale. o Impedisci posizionamento manuale Impedisce lo spostamento dell’oggetto ancorato mediante trascinamento. o Anteprima Visualizza le modifiche mentre le impostate. Per ridimensionare un oggetto ancorato assicurarsi prima di tutto di aver deselezionato l’opzione Impedisci posizionamento manuale nella finestra di dialogo Oggetti ancorati. Selezionare l’oggetto da ridimensionare con lo strumento di selezione o selezione diretta e trascinarne la maniglia laterale o angolare. Per contornare con testo oggetti semplici attivare lo strumento selezione o selezione diretta > cliccare sull’oggetto da contornare > menù Finestra > Contorna con testo (Text wrap) e impostarne le proprietà. Eliminare Contorna con testo sui livelli nascosti cliccare due volte sul livello che contiene l’oggetto contornato > Elimina Contorna con testo. Per giustificare il testo accanto agli oggetti contornati selezionare Modifica > Preferenze > Composizione > Selezionare un’opzione > OK. Ignorare il contornamento in una cornice di testo talvolta può essere utile per far scorrere il testo lungo il tracciato. Per procedere selezionare la cornice di testo > Oggetto > Opzioni cornici di testo > Ignora Contorna con testo e OK.

39


Capitolo 6

__________________________________________

Per la creazione di testo su tracciato fare scorrere il testo lungo il bordo di un tracciato. Selezionare lo strumento testo sul tracciato > Portare il puntatore sul tracciato fino a visualizzare un segno più accanto al puntatore > procedere con la scrittura del testo. Eliminare il testo da un tracciato Con lo strumento selezione o selezione diretta. Dopo aver selezionato uno o più oggetti di testo su tracciato selezionare Testo > Testo su tracciato > Elimina testo dal tracciato.

Testo su di un tracciato

Restringere la spaziatura tra i caratteri lungo curve strette e angoli acuti selezionando il testo su un tracciato e scegliendo Testo > Testo su tracciato > Opzioni, o fare doppio clic sullo strumento testo su tracciato e impostare le proprietà desiderate. Regolare la posizione del testo su un tracciato in quanto alla posizione iniziale e finale, il tipo di scorrimento e la posizione. Modificare il punto iniziale o finale del testo su un tracciato selezionando il testo sul tracciato, quindi posizionare il puntatore sull’indicatore Creazione di una didascalia di inizio o di fine del testo su tracciato finché accanto al puntatore non si visualizza una piccola icona. 40


Stili di carattere e di paragrafo

Modificare le opzioni selezionando il testo sul tracciato e scegliendo Testo > Testo su tracciato > Opzioni, o eseguendo un doppio clic sullo strumento testo su tracciato e impostando le proprietà volute.

DIDASCALIE Una didascalia è un testo descrittivo collocato sotto l’immagine a cui fa riferimento. Generare una didascalia da un’immagine esistente Si può scegliere se creare una didascalia statica, che si potrà modificare solo manualmente, o una didascalia dinamica, che si aggiornerà in automatico in caso di modifica dei metadati dell’immagine accanto alla quale verrà accostata.

Nota: per usare i metadati di un’immagine come didascalia aprire Adobe Bridge > selezionare l’immagine > impostare i metadati con CTRL+I Per definire il contenuto e l’aspetto della didascalia generata selezionare Oggetto > Didascalie > Impostazioni didascalia, quindi specificare le impostazioni. Per generare una didascalia statica o dinamica selezionare Oggetto > Didascalie > Genera didascalia dinamica o Genera didascalia statica.

Finestra di dialogo Inserisci per l’attivazione dell’opzione Crea didascalie statiche

Nota: si può generare una didascalia partendo da un’immagine esistente o all’inserimento di una nuova immagine. Creare didascalie da una variabile con Testo > Variabili di testo > Definisci > Nuovo oppure Modifica e impostare le proprietà, per modificarne una esistente. 41


La composizione tipografica


Gli stili di carattere e di paragrafo

Capitolo 7 Composizione tipografica

In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la corretta definizione delle proprietà di composizione relative a parole, righe e paragrafi.

43


Capitolo 7

Barra di formattazione Carattere e Paragrafo

FORMATTAZIONE DEL TESTO Con l’uso di questi strumenti disponibili in InDesign si possono impostare le varie proprietà di formattazione del testo e dei paragrafi. Per donare al testo un aspetto interessante ed ordinato sfruttare i seguenti metodi: • Dal pannello di controllo, dopo aver selezionato lo strumento testo ed evidenziato il testo interessato, alternare l’uso di testo e paragrafo. • Tramite i pannelli carattere e paragrafo. • Con la voce di menù testo. STRUMENTO CONTAGOCCE

Per copiare gli attributi di formato da un testo ad un altro attivare lo strumento Contagocce > cliccare sul testo formattato per caricare il contagocce > trascinarlo sul testo su cui incollare gli attributi. Per scaricare il contagocce premere il tasto ALT. Per modificare le proprietà da campionare fare doppio clic sullo strumento presente nella barra degli strumenti e dalla finestra di dialogo stabilire quali attributi campionare.

UTILIZZO DEI FONT Un font è un insieme di caratteri (lettere, numeri e simboli) che condividono spessore, larghezza e stile. I tipi di carattere, detti anche famiglie di caratteri o famiglie di font, sono raccolte di font aventi lo stesso aspetto. Anteprima dei font Nel pannello Carattere e in altre aree dell’applicazione si possono vedere dei campioni del font scelto. Alcune icone vengono usate per indicare i vari tipi di font: o OpenType ; o Type 1 ; 44


Gli stili di carattere e di paragrafo

o TrueType ; ; o Multiple Master o Compositi . Per disattivare l’anteprima dei font o modificare la dimensione dei punti dei nomi di font, scegliere il menù Preferenze > Testo e dalla Opzioni del testo attivare/disattivare la relativa funzione. I font Opentype utilizzano un unico file di font sia per i computer Windows che per i computer Macintosh. I file possono essere trasferiti da una piattaforma all’altra senza problemi di sostituzione dei font. Gestire i font mancanti Aprendo o inserendo documenti che utilizzano font non installati sul sistema, appare un messaggio elencante i font mancanti. InDesign sostituisce i font mancanti con uno disponibile. I font mancanti e sostituiti vengono elencati nel menù Testo > Font > Font mancanti. Font Multiple Master sono font personalizzabili, le cui caratteristiche tipografiche sono espresse in assi di disegno variabili come spessore, larghezza, stile e dimensione ottica. Per modificare le proprietà di un font Multimaster eseguire la procedura descritta in “Formattazione del testo”. INTERLINEA La spaziatura tra le righe si chiama interlinea. Per default l’interlinea corrisponde al 120% della dimensione del testo. Per modificare l’interlinea, dopo aver selezionato il testo, attivare il pannello Carattere o Controllo e scegliere l’interlinea appropriata.

CRENATURA E AVVICINAMENTO La crenatura è il processo che permette di aumentare o diminuire lo spazio tra coppie specifiche di caratteri. L’avvicinamento è il processo che permette di allargare o comprimere il testo all’interno di un dato ingombro. Tipi di crenatura La crenatura può essere metrica o ottica. La crenatura metrica usate coppie disponibili nella maggior parte 45


Capitolo 7

dei font e contengono informazioni sullo spazio tra coppie specifiche di caratteri, quali ad esempio: LA, P., To, Tr, Ta, Tu, Te, Ty, Wa, WA, We, Wo, Ya e Yo. La crenatura ottica regola la spaziatura tra caratteri adiacenti in base alla loro forma. Applicare la crenatura scegliendo tra i due metodi indicati: o Usare la crenatura metrica stabilendo il punto di inserimento tra i caratteri a cui deve essere applicata la crenatura oppure selezionare il testo e nel pannello Carattere o Controllo, selezionare Metrica dal menù Crenatura. o Usare la crenatura ottica Impostando il punto di inserimento tra i caratteri a cui deve essere applicata la crenatura, oppure selezionare il testo e nel pannello Carattere o Controllo selezionare Ottica dal menù Crenatura. Applicare spostamenti dalla linea di base Lo spostamento linea di base sposta un carattere verso l’alto o verso il basso rispetto alla linea di base del testo. Per eseguire tale procedura selezionare il testo e attivare il pannello Carattere/Controllo e digitare o selezionare un valore numerico di Spostamento. Per definire un testo in Apice o pedice Dopo aver selezionato il testo scegliere Apice o Pedice dal menù del pannello Carattere o Controllo. Assegnare una lingua al testo determinando il dizionario da utilizzare per la sillabazione e il controllo ortografico. L’assegnazione di una lingua non modifica il testo. Per cambiare il dizionario predefinito procedere con menù Modifica > Deseleziona tutto > selezionare la lingua. Per specificare le proprietà del testo scegliere Modifica > Preferenze > Testo o Testo avanzato. Nota: ridimensionare in maniera proporzionale il testo con Modifica > Preferenze > Generali > Regola percentuale scala > OK.

FORMATTARE I PARAGRAFI Regolare la spaziatura tra paragrafi dopo aver selezionato il testo nel pannello Paragrafo o Controllo regolare i valori appropriati di Spazio prima e Spazio dopo. 46


Gli stili di carattere e di paragrafo

Usare i capilettere Si può aggiungere un capolettera ad uno o più paragrafi contemporaneamente seguendo la procedura indicata: • Con lo strumento testo cliccare sul paragrafo in cui si intende inserire il capolettera > aprire pannello Paragrafo o Controllo > Impostare le proprietà del capolettera.

Impostazione di un rientro tramite la barra Tabulazioni

Controllare le interruzioni di paragrafo con Opzioni di separazione per specificare quante righe del paragrafo successivo devono rimanere unite al paragrafo corrente quando il testo scorre in altre cornici, in modo da evitare che i titoli restino isolati dal del testo che segue. CREARE PUNTEGGIATURA ROMANA ESTERNA

I segni di punteggiatura possono far sembrare che sia presente un non corretto allineamento dei margini di una colonna. Per ovviare al problema eseguire l’allineamento ottico del margine come di seguito indicato: • Scegliere la voce di menù Testo > Brano > Allineamento ottico al margine e impostare le proprietà dimensione font. Per risultati ottimali associare la stessa dimensione del testo. Per disattivare l’allineamento ottico al margine per un singolo paragrafo disattivare l’omonima voce tramite le funzioni paragrafo del pannello o della barra dei comandi. RIENTRI E TABULAZIONI Le tabulazioni permettono di posizionare il testo in punti specifici della cornice sul piano orizzontale. Le impostazioni di base si possono modificare dalla finestra Preferenze > Unità e incrementi. Ogni modifica alle impostazioni si ripercuote sull’intero paragrafo. 47


Capitolo 7

Per l’attivazione del Pannello Tabulazioni procedere con menù Testo > Tabulazioni e impostare le proprietà. Di seguito si riportano le principali voci inerenti alla gestione delle Tabulazioni: o Per impostare le tabulazioni procedere come segue: posizionare il cursore testo nel paragrafo di interesse e:  Premere Tab;  Aggiungere le tabulazioni tramite il righello del pannello. o Per aggiungere caratteri di riempimento ossia una combinazione di caratteri ripetuti in serie (ad esempio un trattino -) scegliere menù Testo e dalla sezione inserisci, in fondo al menù, scegliere il carattere da inserire. o Menù delle opzioni del Pannello Tabulazioni Usare questo menù, posizionato in alto a destra del pannello, per trovare i comandi Cancella tutto, Elimina tabulazione, Ripeti tabulazione e Ripristina rientri. o Eliminare una o più tabulazioni utilizzando il mouse trascinando verso l’esterno la tabulazione o con la voce di menù Elimina tabulazione o usando Cancella tutto nel menù del pannello. o Ripetere le tabulazioni genera più tabulazioni basate sulla distanza tra la tabulazione e il rientro sinistro o la tabulazione precedente. Con lo strumento testo cliccare in un paragrafo > nel pannello Tabulazioni selezionarne una sul righello > scegliere Ripeti tabulazione nel menù del pannello. o Per spostare una tabulazione selezionare il paragrafo di riferimento e trascinare la tabulazione dal righello della palette Tabulazione oppure digitare una nuova posizione > Invio. o Per impostare i rientri e quindi spostare il testo verso l’interno dai bordi sinistro e destro della cornice, posizionarsi nella palette Tabulazione e trascinare i rientri.

48


Gli stili di carattere e di paragrafo

Nota: I rientri si possono impostare mediante i pannelli Tabulazioni, Paragrafo e Controllo o creando elenchi puntati o numerati. Impostare un rientro mediante il pannello Tabulazioni cliccando con lo strumento testo nel paragrafo da rientrare. Nel pannello Tabulazioni trascinare gli Indicatori di rientro per impostare: • Rientro di prima riga: sposta il rientro della prima riga. • Rientro sporgente: rientra le righe a partire dalla seconda. • Rientro dell’intero margine sinistro del paragrafo. Usare il carattere Rientra fin qui per far allineare tutte le righe di un paragrafo alla prima scegliere il menù Testo e cliccare su Inserisci carattere speciale > Altro > Rientra fin qui. ELENCHI PUNTATI E NUMERATI Si possono inserire elenchi puntati o numerati per gestire i paragrafi. Creare elenchi puntati e numerati dopo aver selezionato il gruppo di paragrafi che compone l’elenco, cliccare sul pulsante Elenco puntato o Elenco numerato nel pannello Controllo (in modalità Paragrafo).

Nota: Per visualizzare la finestra di dialogo Elenchi puntati e numerati, cliccare tenendo premuto il tasto Alt o aprire la finestra di dialogo Elenchi puntati e numerati e scegliere Elenchi puntati e numerati. Per definire un elenco esistente per i successivi usi procedere come segue: Pannello Paragrafo > Definisci liste. Oppure cliccare su Menù Testo > Elenco puntato o numerato > Definisci liste. Dal sottomenù è anche possibile impostare: • Ricomincia e continua una numerazione per ricominciare una numerazione da zero. • Convertire i punti elenchi serve a convertire i paragrafi organizzati in punti elenco in paragrafi normali. 49


Capitolo 7

• Eliminare un carattere punto elenco dalla finestra di dialogo Elenchi puntati e numerati, con menù Tipo elenco > Punti elenco > scegliere il punto elenco da eliminare > Elimina. • Per creare elenchi con più livelli e gestire gerarchicamente il contenuto come nell’esempio di seguito indicato 1) Livello 1 a) Livello 2 i) Livello 3 ed eseguire la procedura riportata di seguito: o Attivare il pannello Stili di paragrafo e aprire uno stile facendo doppio click. Scegliere Elenchi puntati e numerati > Tipo elenco > Numeri > impostare il livello gerarchico della struttura.

COMPOSIZIONE DEL TESTO Composizione del testo è ciò che determina l’aspetto della pagina e dipende dall’interazione di diverse impostazioni. METODI DI COMPOSIZIONE

In InDesign c i sono i due metodi di composizione: Composizione paragrafo Adobe (predefinito) e Composizione riga-per-riga Adobe. Entrambi calcolano le possibili fini di riga in base alle opzioni di sillabazione e giustificazione specificate per un certo paragrafo. Composizione paragrafo Adobe Calcola i possibili fine riga per un intero paragrafo così da regolare le prime righe ed evitare fine riga indesiderati. La composizione dei paragrafi rende la spaziatura più uniforme, con un minor uso dei segni di sillabazione. Composizione riga-per-riga Adobe offre un metodo tradizionale di composizione, in quanto compone il testo una riga alla volta, così da limitare le modifiche dovute a successive revisioni. Scegliere un metodo di composizione per un paragrafo con: • Pannello Paragrafo > menù opzioni > Composizione paragrafo Adobe o Composizione riga-per-riga Adobe. 50


Gli stili di carattere e di paragrafo

• Menù pannello Paragrafo o Controllo > Giustificazione > scegliere un’opzione dal menù Composizione.

Applicare la sillabazione al testo Le impostazioni di sillabazione e giustificazione influiscono sulla spaziatura delle righe e sull’aspetto del testo nella pagina. Attivare o disattivare la sillabazione automatica di un paragrafo tramite l’opzione Sillabazione nel pannello Paragrafo o Controllo. Impostare le opzioni di sillabazione automatica di un paragrafo cliccando su un paragrafo o selezionando l’intervallo di paragrafi su cui si desidera eseguire la sillabazione > scegliere Sillabazione dal pannello Paragrafo > selezionare l’opzione Sillaba > Modificare le impostazioni > OK. Impedire la divisione del testo selezionato Selezionando il testo che deve rimanere su una stessa riga e scegliendo Non dividere dal menù del pannello Carattere o Controllo.

51


Capitolo 8

__________________________________________


Capitolo 8 __________________________________________

Capitolo 8 Tabelle In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la disposizione del testo all’interno di righe e colonne.

53


Le tabelle

CREARE LE TABELLE Una tabella è formata da righe e colonne. L’intersezione di una riga con una colonna formano le celle. Ogni cella può contenere testo, cornici ancorate o tabelle nidificate. Per creare una tabella attivare lo strumento testo, scegliere Tabella > Inserisci tabella e impostare le proprietà desiderate.

Nota: per ripetere il contenuto della prima riga o dell’ultima riga in ogni nuova pagina attivare l’omonima opzione dalla finestra di dialogo tabella indicandone il numero di righe di intestazione o piè di tabella da mostrare.

Creazione di una Tabella

Per creare una tabella da testo esistente Preparare il testo con l’aggiunta di tabulazioni, virgole, ritorni a capo o altri caratteri per separare le colonne e le righe. Selezionare il testo da convertire in tabella > Tabella > Converti il testo in tabella. Per incorporare una tabella in un’altra scegliere Modifica > Taglia o Copia > Portarsi nella cella di destinazione > Modifica > Incolla. Per importare tabelle da altre applicazioni selezionare File > importa > scegliere il file > impostarne le proprietà. 54


Capitolo 8 __________________________________________

Convertire righe esistenti in intestazioni o piè di pagina Con Tabella > Converti righe > In intestazione o In piè di pagina > Opzioni tabella (per modificarne le proprietà). Per le varie parti di una tabella Con lo strumento Testo cliccare in una cella o selezionarne del testo, poi scegliere Tabella > Seleziona > scegliere su cosa intervenire.

Nota: si può selezionare un’intera colonna o un’intera riga posizionando il puntatore sul margine superiore di una colonna o su quello sinistro di una riga, facendo così il puntatore diventa una freccia ( o ) utile per selezionare l’intera colonna o riga. Per inserire una riga Inserire il cursore dove si vuole inserire la nuova riga > Tabella > Inserisci > Riga > Specificare il numero di righe. Per inserire una colonna Inserire il cursore dove si vuole inserire la nuoFinestra di dialogo Inserisci Tabella va riga > Tabella > Inserisci > Colonna > Specificate il numero di colonne. Per inserire più righe e colonne Inserire il cursore in una cella, scegliere Tabella > Opzioni tabella > Imposta tabella > specificare il numero di righe e di colonne > OK. Note: Si può anche modificare il numero di righe e colonne dal pannello Tabella con Finestra > Testo e tabelle > Tabella. Per eliminare righe, colonne o tabelle inserire il cursore o selezionare il testo nella tabella, quindi scegliere Tabella > Elimina > Riga, Colonna o Tabella o scegliere Tabella > Opzioni tabella > Imposta tabella. Spostarsi all’interno di una tabella col tasto Tab o le frecce o con Tabella > Vai a riga > impostare le proprietà. 55


Le tabelle

Per formattare il testo all’interno di una tabella si può usare il pannello Controllo o Carattere. Inoltre si possono utilizzare le due finestre: Opzioni tabella e Opzioni cella. Per formattare una tabella Selezionare l’intera tabella > Menù tabella > Tabella > scegliere le proprietà da modificare. Per formattare una cella selezionarla e procedere con Tabella > Opzioni cella > Righe e colonne > specificare le proprietà e cliccare su OK. Per ridimensionare l’intera tabella con lo strumento testo posizionare il puntatore sull’angolo inferiore destro finché non diventa una freccia, quindi trascinare per modificare le dimensioni della tabella; premere Maiusc per mantenere le proporzioni. Per ritagliare un’immagine in una cella, qualora si estendesse oltre i bordi della cella, portare il cursore nella cella da modificare e scegliere Tabella > Opzioni cella > Testo > Ritaglia contenuto nella cella e confermare con OK. Per applicare tracce e riempimenti alle tabelle e modificarne il bordo utilizzare la finestra Opzioni tabella o Finestra > Colore > Sfumatura. Per modificare le tracce e i riempimenti di singole celle o di celle di intestazioni/piè di pagina, utilizzare la finestra Opzioni cella o i pannelli Campioni, Traccia e Colore. Per aggiungere linee diagonali a una cella usare lo strumento testo inserire il cursore in una o più celle e scegliere Tabella > Opzioni cella > Linee diagonali > impostare le proprietà. Alternare tracce e riempimenti nelle tabelle per migliorare la leggibilità o l’aspetto di una tabella selezionando Tabella > Opzioni tabella > Tracce riga alternate o Tracce colonna alternate > impostare le proprietà o scegliere Nessuno per rimuovere il pattern già in uso. UTILIZZO DEGLI STILI DI CELLA NEGLI STILI DI TABELLA

In uno stile di tabella si possono specificare quali stili applicare alle diverse aree.

56


Capitolo 8 __________________________________________

Per stabilire la priorità della formattazione negli stili Se nella formattazione utilizzata avvengono conflitti, si applica un ordine di priorità: • Priorità dello stile della cella: 1. Intestazione/Piè di pagina 2. Colonna sinistra/Colonna destra 3. Righe del corpo della tabella. • Priorità dello stile della tabella: 1. Modifiche locali alla cella 2. Stile della cella 3. Stili di cella applicati da uno stile di tabella 4. Modifiche locali alla tabella 5. Stili della tabella.

Per aprire il pannello Stili di tabella o Stili di cella utilizzare il menù Finestra > Stili di tabella o di cella > impostarne le proprietà. Per importare stili di tabella da altri documenti utilizzare il menù del pannello Stili di cella o Stili di tabella, scegliere Carica stili di cella, Carica stili di tabella o Carica stili di tabella e cella e cliccare due volte sul documento contenente gli stili, quindi nella finestra Carica stili scegliere un’opzione in Conflitto. Per eliminare stili di tabella e di cella si può scegliere o un altro stile come sostituto o se mantenere la formattazione. Agire selezionando il nome dello stile nel pannello Stili e scegliendo tra le seguenti modalità: • Elimina stile dal menù del pannello • Cliccare sull’icona Elimina o trascinare lo stile sulla stessa. • Cliccare con il pulsante destro del mouse sullo stile e poi scegliere Elimina stile.

Per ignorare uno stile di cella applicare una modifica così da visualizzare nel pannello Stili compare un segno più (+) accanto allo stile. Per cancellare le modifiche locali selezionare la tabella o le celle che contengono le modifiche locali e nel pannello Stili cliccare sull’icona Cancella impostazioni locali nella selezione o scegliere Elimina impostazioni locali dal menù del pannello Stili. 57


Le tabelle

Per interrompere il collegamento a uno stile di tabella o di cella mantenendo la formattazione corrente selezionare le celle a cui è stato applicato lo stile e scegliere Interrompi collegamento a stile dal menÚ del pannello Stili, cosÏ che ogni successiva modifica dello stile non si riproduca sugli elementi da cui è stato scollegato.

58


Capitolo 9 __________________________________________

Capitolo 9 Documenti di grandi dimensioni In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la gestione di documenti con molto testo attraverso l’uso di file libro, sommario ed indici.


I documenti di grandi dimensioni

FILE LIBRO Un file libro è formato da un insieme di documenti che possono condividere stili, campioni, pagine mastro e altri elementi. Le pagine dei documenti di un libro si possono numerare in sequenza, stampare o esportare in PDF. Un documento può appartenere a più file libro. Uno dei documenti aggiunti al file libro è la sorgente stili che per impostazione predefinita ne costituisce il primo documento. In qualunque momento si può selezionare una nuova sorgente. In questo caso gli stili e i campioni nuovi sostituiscono quelli impostati nei documenti del libro. Per creare un file libro selezionare File > Nuovo > Libro > Salva. Il file libro viene salvato con l’estensione.indb. Quando si crea un libro, il file viene aperto nel pannello Libro da dove si possono aggiungere, rimuovere e organizzare i documenti. Per aggiungere documenti al file libro cliccare sul Sincronizzazione stili e campioni con Sorgente stili simbolo più. Note: Per definire un documento come sorgente stili, cliccare sulla casella accanto al nome del documento nel pannello. Per aprire un documento in un file libro, eseguire un doppio clic sul nome del documento nel pannello Libro. GESTIRE I FILE LIBRO

In base al tipo di icona presente nel pannello libro si può riconoscere se il documento è: o Aperto; o Mancante; o modificato o in uso.

60


Capitolo 9

Note: Per visualizzare il nome del percorso di un documento in un libro, tenere fermo il puntatore del mouse sopra il nome del documento finché non appare un messaggio di descrizione. In alternativa, scegliere Info documento dal menù del pannello Libro. Utilizzare il menù del pannello libro per: • Salvare un file libro utilizzando Salva con nome o Salva libro dal menù del pannello Libro o cliccando sul pulsante Salva in fondo al pannello; • Chiudere un file libro; • Rimuovere i documenti dal libro.

Per sincronizzare i documenti del libro chiudere tutti i file aperti appartenenti al libro > Selezionare il file di origine e i file da sincronizzare > Scegliere Opzioni sincronizzazione dal menù del pannello Libro o dalla voce Sincronizza del pannello. Quando s i sincronizzano i documenti in un libro, gli elementi specificati (stili, variabili, pagine mastro, ecc.) vengono copiati dalla sorgente stili ai documenti specificati nel libro, questo sostituisce tutti gli elementi con nome identico. La sincronizzazione delle pagine mastro avviene come per gli altri elementi, ma è utile per i documenti che si basano sugli stessi elementi di design, come intestazioni e piè di pagina continui. Per numerare pagine, capitoli e paragrafi in un libro Scegliere menù del pannello Libro o eseguire un doppio clic sui numeri di pagina nel pannello Libro > Opzioni numerazione documento > Specificate le opzioni di numerazione per pagine, sezioni e capitoli > OK. Nota: se si specifica un numero di pagina iniziale anziché usare l’opzione Autonumerazione pagine, il documento verrà numerato a partire dalla pagina specificata.

61


I documenti di grandi dimensioni

Per stampare o eseguire l’output di un file libro selezionare tutti i documenti e dal menù del pannello Libro e scegliere una voce per l’output desiderato.

IL SOMMARIO Prima di creare un sommario bisogna verificare che il libro sia completo, che i documenti siano elencati nell’ordine corretto e che tutti i titoli siano formattati con lo stile appropriato e poi procedere come descritto: • Aprire il file .indd in cui si Finestra di dialogo Sommario per la definizione delle proprietà vuole creare il sommario > Layout > Sommario > impostarne le proprietà > Ok. Facendo questo si visualizza il cursore a questo punto bisogna posizionarsi nella pagina per disegnare la casella di testo. PROPRIETÀ FINESTRA DI DIALOGO SOMMARIO:

• Stile sommario: permette di scegliere uno stile per il sommario se precedentemente definito. • Casella Titolo: permette di immettete il titolo che apparirà in testa al sommario, formattarlo poi con uno stile dal menù Stile. • Stili del sommario: serve a scegliere le voci che caratterizzeranno il contenuto del sommario • Stile: scegliere o creare lo stile per il formato del testo.

62


Capitolo 9

Per modificare un sommario apportare le modifiche ai paragrafi nel documento, quindi rigenerate il sommario.

GLI INDICI Si può creare un indice per parole chiave o una guida al contenuto del libro oppure per ogni documento o libro. La prima azione da svolgere è inserire gli indicatori indice nel testo, ciascun indicatore viene associato a una parola, detta argomento, che apparirà nell’indice. Il pannello Indice Si può creare, modificare e visualizzare in anteprima l’indice dal pannello Indice. Per attivare il pannello scegliere Finestra > Testo e Tabelle > Indice. Il pannello ha dispone di due modalità: Riferimento e Argomento. In modalità Riferimento, l’area di anteprima visualizza tutte le voci indice del documento o del libro corrente in ordine alfabetico e suddivise in sezioni per lettera. I triangoli accanto alle voci permettono di visualizzare voci secondarie, numeri di pagina e rimandi. In modalità Argomento si visualizzano solo gli argomenti, non i numeri di pagina o i rimandi ed è usata per creare la struttura dell’indice, mentre la modalità Riferimento viene usata per aggiungere le voci. Alcuni codici appaiono al posto dei numeri di pagina per indicaPannello Gestione Indice re voci non incluse nell’indice generato. Per visualizzare i codici scegliere Anteprima Aggiornamento nel pannello Indice.

63


I documenti di grandi dimensioni

Di seguito si riportano le principali voci per la gestione di un indice: o TM: indica le voci che non compariranno nell’indice generato. o LN: indica le voci indice escluse perché poste su un livello nascosto. o TN: indica che le voci indice sono nascoste. o NP: rappresenta voci che compaiono senza numeri di pagina. o Mastro: indica le voci indice su una pagina mastro che non compariranno nell’indice generato. Per creare un elenco di argomenti per un indice aggiungerli all’apposito elenco attraverso la procedura di seguito indicata: 1. Selezionare Argomento dal pannello Indice > Scegliere Nuovo argomento dal menù del pannello Indice o cliccare su Crea una nuova voce indice in fondo al pannello; 2. Inserire il nome dell’argomento nella prima casella Livelli argomento; 3. Creare una voce secondaria inserendo un nome nella seconda casella.

Note: Aggiungere un’ulteriore voce secondaria, inserendo un altro nome nella terza casella, e così via. 4. Cliccare su Aggiungi per aggiungere uno o più argomenti da visualizzare sia nella finestra Nuovo argomento che nel pannello Indice, quindi cliccare su Ok. Per importare gli argomenti da un altro documento Scegliere Importa argomenti dal menù del pannello Indice, quindi selezionare il documento avente gli argomenti da importare e scegliere Apri. Per modificare una voce indice Aprire un documento > selezionare Argomento nel pannello indice > In anteprima eseguire un doppio clic su l’argomento da modificare > Modificare a piacere > OK. 64


Capitolo 9

Per aggiungere voci indice posizionare il pannello Indice in modalità Riferimento e seguire la procedura di seguito indicata: • Selezionare lo strumento testo > posizionare il cursore o selezionare nel documento il testo da usare come base per il riferimento dell’indice > impostarne le proprietà nel pannello > cliccare su Aggiungi > Ok. Per generare un indice dopo aver aggiunto le voci indice e averle visualizzate, scegliere Genera indice dal menù del pannello Indice > impostarne le opzioni > premere Ok.

GLI INDICATORI InDesign inserisce nel testo vari indicatori che non occupano spazio e non modificano la composizione del testo e possono servire per creare segnalibri o riferimenti accurati ai numeri di pagina nel sommari.

Nota: quando si seleziona una parola, si selezionano tutti i relativi indicatori. Per visualizzare gli indicatori scegliere Testo > Mostra caratteri nascosti. Per visualizzare solo gli indicatori dei collegamenti ipertestuali scegliere Visualizza > Extra > Mostra collegamenti ipertestuali. Per visualizzare solo gli indicatori del testo con tag scegliere Visualizza > Struttura > Mostra marcatori tag. Ognuno di questi indicatori può essere selezionato e tagliato, copiato o eliminato.

65


Capitolo 10

Capitolo 10 Disegno In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’uso degli strumenti vettoriali e la corretta impostazione delle proprietà per la realizzazione di tracciati.

67


La grafica

In InDesign potete creare tracciati e combinarli in vari modi. Di seguito si riportano gli strumenti di disegno presenti in InDesign per la creazione ottimale dei propri oggetti.

GLI STRUMENTI LINEA O FORMA Per disegnare una linea o una forma Selezionare uno tra gli strumenti linea, ellisse, rettangolo o poligono > Trascinare nella finestra del documento per creare il tracciato o la cornice (tenere premuto Alt in Windows per disegnare dall’interno verso l’esterno o tenere premuto Maiusc per vincolare una linea ad angoli di 45° o vincolare le proporzioni di un tracciato.

Note: modificare il numero dei lati di un poligono, trascinando e premendo la barra spaziatrice, quindi premere il tasto Freccia su o Freccia giù. Per modificare il rientro delle punte di una stella, premere il tasto Freccia destra o sinistra.

Creazione di una forma tramite la barra degli strumenti

DISEGNARE UNA FORMA SEGNAPOSTO

Una forma segnaposto appare con una X, ad indicare che in seguito verrà sostituita da un testo o un’immagine. Si inserisce selezionando lo strumento cornice e trascinandolo nella finestra del documento per creare il tracciato o la cornice. Si possono modificare alcune opzioni di adattamento per la cornice segnaposto con: Oggetto > Adatta > Opzioni Adatta cornice.

68


Capitolo 10

MODIFICARE AUTOMATICAMENTE LA FORMA DI UN TRACCIATO

Per modificare automaticamente la forma di un tracciato scegliere il menù Tracciato > Elaborazione tracciati oppure Oggetto > Converti forma.

LO STRUMENTO MATITA Per disegnare con lo strumento matita selezionare lo strumento > posizionarlo nel punto in cui deve iniziare il tracciato e trascinare per disegnarlo. Lo strumento matita consente di disegnare tracciati aperti e chiusi proprio come una matita reale. Impostarne le proprietà tramite la finestra di dialogo Preferenze dello strumento. Per disegnare tracciati chiusi con lo strumento matita Selezionate lo strumento > Collocare il puntatore > Trascinare > Tenere premuto Alt. Per aggiungere tracce ad un tracciato con lo strumento matita Selezionare un tracciato esistente e lo strumento matita > Posizionare la punta della matita su un estremo del tracciato > Quando la piccola x accanto alla punta della matita scompare trascinare per continuare il tracciato. Per collegare due tracciati con lo strumento matita Selezionare entrambi i tracciati e lo strumento matita > Collocare il puntatore sul punto desiderato di un tracciato e trascinare verso l’altro tracciato tenendo premuto Ctrl. Nota: per chiudere un tracciato si può anche selezionare l’oggetto e scegliere Oggetto > Tracciati > Chiudi tracciato. Per rimodellare i tracciati con lo strumento matita Selezionare il tracciato da modificare > Collocare lo strumento matita sopra o vicino al tracciato da ridisegnare. OPZIONI DELLO STRUMENTO MATITA

Cliccare due volte sullo strumento matita per impostare una delle seguenti opzioni: o Fedeltà: controlla la distanza a cui bisogna spostare il mouse o la penna grafica affinché un nuovo punto di anco69


La grafica

o o o

o

raggio venga aggiunto al tracciato. Più alto è il valore, più uniforme e meno complesso sarà il tracciato. Arrotondamento: controlla l’arrotondamento applicato, più alto è il valore, più il tracciato è uniforme. Mantieni selezionato: mantiene il tracciato selezionato per default. Modifica tracciati selezionati stabilisce se modificare o unire un tracciato selezionato quando siete a una determinata distanza da esso. Entro: _ pixel Stabilisce la distanza minima del mouse o della penna rispetto al tracciato per poterlo modificare. È un’opzione disponibile solo se Modifica tracciati selezionati è attiva.

LO STRUMENTO PENNA Per disegnare con lo strumento penna scegliere lo strumento Penna > Collocarla nel punto in cui deve iniziare il segmento retto > cliccare per definire il primo punto e cliccare nel punto in cui deve terminare il segmento. MODIFICA DEI TRACCIATI Selezionare tracciati, segmenti e punti di ancoraggio per rimodellare o modificare un tracciato. Per selezionare i punti di ancoraggio utilizzare lo strumento selezione diretta. Premere il tasto Maiusc e cliccare per selezionare più punti. Dopo aver selezionato i punti di ancoraggio trascinare il mouse per creare la forma desiderata. Per eliminare un segmento utilizzare lo strumento selezione diretta, selezionare l’elemento da eliminare e premere Backspace o canc. Per aggiungere o eliminare punti di ancoraggio al fine di esercitare un maggior controllo sul tracciato o estendere un tracciato aperto. Non bisogna eccedere nell’aggiunta di punti di ancoraggio per non appesantire l’elaborazione della forma creata.

70


Capitolo 10

La casella degli strumenti possiede tre strumenti per la gestione dei punti: penna, aggiungi punti di ancoraggio ed elimina punti di ancoraggio. Per convertire i punti morbidi in punti angolo (e viceversa) utilizzare lo strumento converti punto di direzione. In corrispondenza di un punto angolo il tracciato cambia bruscamente direzione. In corrispondenza di un punto morbido, i segmenti di tracciato si uniscono in una curva continua. Per eseguire la conversione: • Selezionare il tracciato da modificare e Passare allo strumento converti punto di direzione.

Per suddividere un tracciato con lo strumento forbici selezionare lo strumento forbici e cliccare sul tracciato dove lo si vuole suddividere. Per arrotondare i tracciati Selezionarli e agire con lo strumenti arrotonda.

I TRACCIATI E LE FORME Esistono diversi tipi di tracciato: • semplici: costituiti da forme, possono essere aperti o chiusi e possono intersecarsi. • composti: sono formati da due o più tracciati semplici che si intersecano tra loro. Le forme composte sono costituite da due o più tracciati, tracciati composti, gruppi, fusioni, profili di testo, cornici di testo o altre forme che interagiscono e si intersecano tra loro. Per creare tracciati semplici utilizzare gli strumenti linea, matita, penna e forme. Per creare i tracciati composti utilizzare lo strumento selezione > selezionare tutti i tracciati da includere > scegliere Oggetto > Tracciati > Crea tracciato composto. Per creare forme composte servirsi del pannello Elaborazione tracciati. L’aspetto della forma composta dipende dal pulsante di Elaborazione tracciati scelto. 71


La grafica

ELABORAZIONE TRACCIATI

Per elaborare un tracciato scegliere il pannello Elaborazione Tracciati e procedere alle modifiche delle proprietà secondo le voci di seguito indicate: • Aggiungi: traccia il contorno degli oggetti per creare un’unica forma. • Sottrai: gli oggetti che si trovano sopra altri “forano” quelli posti al di sotto. • Interseca: genera una forma corrispondente alle aree sovrapposte tra due o più forme. • Escludi aree sovrapposte: genera una forma corrispondente alle aree che non si sovrappongono. • Sopra meno sotto: gli oggetti che si trovano sotto “forano” quelli che stanno in primo piano.

72

L’elaborazione dei tracciati tramite i pannelli Trasforma, Allinea e Elaborazione tracciati


Capitolo 12 __________________________________________

Capitolo 11 Grafica In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’importazione di formati grafici e il loro posizionamento nel documento attraverso l’uso degli Snippet e dei provini a contatto. Inoltre, verranno trattate le librerie di oggetto.


Le cornici e gli oggetti

I FORMATI GRAFICI La scelta del formato grafico in base al tipo di output è di rilevante importanza. La grafica può essere di tipo vettoriale o raster. La grafica vettoriale è formata da linee e curve costituite da oggetti matematici denominati vettori ed è l’ideale per disegni da utilizzare in diverse dimensioni e con diversi supporti di stampa. La grafica bitmap o raster è costituita da una griglia rettangolare in cui vengono allocati i punti di colore chiamati pixel. Gli oggetti grafici raster sono immagini vincolate alla risoluzione poiché hanno un numero fisso di pixel ai quali sono assegnate una posizione e un valore cromatico specifico. La risoluzione va scelta in base al mezzo di distribuzione dell’immagine. Si può scegliere tra: • Per la stampa tipografica: da 150 a 300 ppi. • Per la stampa desktop: tra i 72 ppi e 150 ppi. • Per la pubblicazione sul Web: si necessita di immagini con dimensioni in pixel adatte al monitor di destinazione.

IMPORTAZIONE DI FILE DA ALTRE APPLICAZIONI Per importare file da altre applicazioni scegliere menù File > Importa > Selezionare mostra opzioni d’importazione e stabilire quali proprietà scegliere.

Finestra di dialogo Opzioni importazione immagine

74


Capitolo 12

InDesign supporta molti formati grafici sia bitmap che vettoriale e anche filmati con formato di file SWF. Di seguito si riportano le specifiche di alcune estensioni d’immagine: • Il file TIFF (.tif) è versatile per le immagini raster ed è supportato dalla maggior parte delle applicazioni riguardanti le immagini e l’impaginazione; • Il file Graphics Interchange Format (.gif) è un formato standard per elementi grafici da visualizzare sul Web in quanto vengono compressi i dati delle immagini senza perdita di dati. È adatto per gli elementi grafici che hanno un numero limitato di colori usati in tinta unita fino ad un massimo di 256 colori per le immagini con metodo scala di colore; • Il file JPEG (Joint Photographic Experts Group) o .jpg si utilizza per visualizzare fotografie e altre immagini a tono continuo. Supporta le modalità colore CMYK, RGB e in scala di grigi. Il suo metodo di compressione è con perdita di dati in modo da ridurre efficacemente la dimensione dei file identificando ed eliminando i dati non essenziali; • Il file Bitmap (.bmp) è il formato standard di Windows, non è consigliato per documenti destinati alla stampa tipografica; • Il file Encapsulated PostScript (.eps) si usa per trasferire grafica tra diverse applicazioni ed è supportato dalla maggior parte dei programmi di grafica e impaginazione, possono contenere immagini di testo, grafica vettoriale e non; • Il file Macintosh PICT (.pict) si usa nelle applicazioni Mac OS per grafica e impaginazione, per trasferire i file. Queste immagini non supportano le selezioni colore, dipendono dalla periferica e non sono adatte alla stampa tipografica ad alta risoluzione; • Il file Windows Metafile Format (.wmf) e Enhanced Metafile Format (.emf) sono formati di Windows usati per condividere la grafica vettoriale tra diverse applicazioni Windows. InDesign considera solo le informazioni vettoriali e da un piccolo supporto per la rasterizzazione; 75


Le cornici e gli oggetti

• Il file Portable Network Graphics (.png) ha usa un metodo di compressione regolabile e senza perdita di dati per immagini a 24 bit e supporta il canale alfa. È nato come alternativa al formato GIF.

INCOLLARE O TRASCINARE GLI ELEMENTI GRAFICI È possibile copiare e incollare grafica tra diversi file di InDesign e da altri applicativi. È opportuno considerare che copiando, incollando o trascinando un elemento grafico in InDesign da altri applicativi, si potrebbero perdere alcuni attributi originali. Per incollare un elemento grafico selezionare l’elemento grafico originale quindi scegliere Modifica > Copia > spostarsi nel documento InDesign > Modifica > Incolla. Per inserire gli elementi grafici tramite trascinamento selezionare l’elemento grafico originale > trascinare sulla finestra di un documento di InDesign. Questo metodo funziona come il comando Inserisci. Inoltre, i collegamenti rimangono visibili attraverso il pannello. Per impostare le prestazioni di visualizzazione di immagini scegliere Visualizza > Prestazioni visualizzazione e scegliere la modalità di visualizzazione.

Definizione delle Prestazioni di visualizzazione

76


Capitolo 12

Le opzioni di visualizzazione sono: o Veloce: mostra le immagini come un riquadro grigio; è utile per sfogliare rapidamente le pagine; o Tipica: mostra le immagini a bassa risoluzione; è utile per identificare e posizionare un’immagine o un elemento vettoriale; o Qualità alta: mostra le immagini ad alta risoluzione. Ciò permette una qualità migliore, ma più lentamente. È da usare per la messa a punto di un’immagine; Per impostare le preferenze di prestazioni di visualizzazione utilizzare il comando Modifica > Preferenze > Prestazioni visualizzazione > Visualizzazione predefinita e scegliere le proprietà desiderate.

CREARE PROVINI A CONTATTO I provini a contatto sono costituiti da una griglia di miniature di immagini e sono utilizzati per verificare le immagini in fase di prestampa. Per generarlo eseguire la seguente procedura: • Cliccare sul menù File > Inserisci > selezionare più file e cliccare su Apri > determinare il numero di righe e di colonne tramite la pressione contemporanea di SHIFT+CTRL > cliccare o trascinare il mouse sul documento e rilasciare appena raggiunte le dimensioni delle immagini desiderate.

Griglia visibile in fase di trascinamento del mouse

77


Le cornici e gli oggetti

GESTIRE I COLLEGAMENTI AGLI ELEMENTI GRAFICI In fase d’importazione un oggetto grafico può essere collegato o incorporato.

• La grafica collegata è indipendente dal documento, non aumentando la dimensione del file; • La grafica incorporata viene collocata all’interno del file, aumentandone le dimensioni;

Dal pannello Collegamenti si può capire di che tipologia è la grafica. PANORAMICA DEL PANNELLO COLLEGAMENTI

Tutti i file presenti in un documento sono elencati nel pannello Collegamenti attivabile cliccando sul menù Finestra > Collegamenti. Un file collegato si può visualizzare con una icona che indichi come stato: o Aggiornato: dunque vuoto nella colonna Stato. o Modificato: indica che la versione del file su disco è più recente di Pannello Collegamenti quella del documento. o Mancante: L’icona punto interrogativo in rosso indica che l’elemento grafico non è più nella cartella dalla quale è stato importato, ma potrebbe trovarsi altrove. o Incorporato: in questo caso la gestione del collegamento è sospesa. Gli elementi del pannello Collegamenti sono: o Informazione collegamento; o Ricollega; 78


Capitolo 12

o Vai a collegamento; o Aggiorna collegamento.

Le opzioni (attivabile dal menù in alto a sinistra del pannello) del pannello Collegamenti prevedono la visualizzazione delle informazioni sui collegamenti, la visualizzazione dei metadati mediante e l’annullamento dell’incorporamento di un file collegato. È inoltre possibile: o Ricollegare; o Aggiornare, ripristinare e sostituire i collegamenti; o Sostituire un collegamento con un diverso file sorgente; o Ripristinare i collegamenti mancanti.

Per trovare i collegamenti mancanti effettuare la ricerca dei collegamenti mancanti tramite la procedura automatica dei collegamenti mancanti all’apertura di un documento. Trova collegamenti mancanti prima di aprire il documento è un comando non disponibile se è disattivata l’opzione Verifica collegamenti prima di aprire il documento. Cerca collegamenti mancanti è utile se è stata disattivata l’opzione per la verifica di collegamenti mancanti all’apertura di un documento. InDesign risolve i collegamenti mancanti attraverso il comando: Utilità > Cerca collegamenti mancanti, presente nel menù del pannello Collegamenti. Per specificare una cartella di ricollegamento predefinita eseguire: Preferenze > Gestione file > Cartella ricollegamento predefinita > scegliere un’opzione. Per copiare i collegamenti in un’altra cartella selezionare i collegamenti ai file da copiare, quindi eseguire: Utilità > Copia collegamento in/dal menù del pannello Collegamenti > Specificare la cartella > Selezionare. Per copiare il nome del percorso del collegamento selezionare un collegamento > scegliere Copia informazioni/percorso completo/percorso in stile piattaforma > Incolla il percorso. 79


Le cornici e gli oggetti

Per modificare la grafica originale utilizzare Modifica originale per aprire la maggior parte della grafica nell’applicazione in cui è stata creata. Per Modificare la grafica originale con un’altra applicazione selezionare l’immagine > Modifica > Modifica con… GLI SNIPPET Uno snippet è un file che contiene oggetti con descrizione della posizione. Creare uno snippet salvando gli oggetti in un file con estensione.IDMS. Per creare uno snippet dopo aver selezionato uno o più oggetti eseguire: File > Esporta > Salva Snippet di InDesign > assegnare un nome > Salva. Per aggiungere gli snippet a un documento eseguire: File > Inserisci > Selezionare uno o più file snippet.

LE LIBRERIE DI OGGETTO Le librerie di oggetti permettono di organizzare gli elementi grafici, il testo e le pagine usate più spesso.

Modifica della visualizzazione della miniatura

Per creare una libreria di oggetti scegliere File > Nuovo > Libreria. Per aprire una libreria esistente eseguire: File > Apri > selezionare una o più librerie > trascinare l’oggetto nella posizione desiderata. 80


Capitolo 12

Per aggiungere un oggetto o una pagina a una libreria: • Trascinare uno o più oggetti dalla finestra del documento a un pannello Libreria; • Selezionare uno o più oggetti in una finestra del documento e cliccare su Nuovo elemento libreria nel pannello Libreria di oggetti; • Selezionare uno o più oggetti e scegliere Aggiungi elemento dal menù del pannello Libreria di oggetti; Per copiare o spostare un oggetto da una libreria all’altra trascinare la scheda di una libreria fuori dal gruppo del pannello, quindi effettuare una delle seguenti operazioni: • Trascinare l’oggetto dalla scheda di una palette libreria all’altra; • Spostare un oggetto tra librerie premendo Alt (Windows) o Opzione (Mac OS) e trascinando l’elemento. Per eliminare un oggetto da una libreria di oggetti selezionarlo ed effettuare una delle seguenti operazioni: • Cliccare sul pulsante Elimina; • Trascinare l’elemento sul pulsante Elimina; • Scegliere Elimina dal menù del pannello Libreria di oggetti. Per modificare la visualizzazione della libreria di oggetti scegliere dal menù: o Visualizzazione miniature; o Visualizzazione elenco; o Ordina elementi. Per visualizzare tutti gli oggetti utilizzare il pulsante Mostra tutti dal menù del pannello Libreria di oggetti. Per visualizzare, aggiungere o modificare le informazioni delle librerie aprire il pannello libreria di oggetti e modificare le opzioni come: o Nome elemento; o Tipo di oggetto o Descrizione. 81


Le cornici e gli oggetti

82


Capitolo 12

Capitolo 12 Cornici e oggetti In questo capitolo verrà trattato l’argomento che riguarda la gestione degli oggetti grafici quali la selezione, la trasformazione, la posizione, il ridimensionamento e il raggruppamento.

83


Le cornici e gli oggetti

SELEZIONARE GLI OGGETTI Gli strumenti della barra degli strumenti permettono di selezionare gli oggetti da modificare nel seguente modo: • Usare lo strumento selezione per selezionare il riquadro di un oggetto ed eseguire il posizionamento e il ridimensionamento degli oggetti; • Usare lo strumento selezione diretta per selezionare il contenuto di un contenitore o i punti di un tracciato per il ridimensionamento, il disegno e la modifica dei tracciati e del testo. Per selezionare testo all’interno di una cornice usare lo strumento testo e far lampeggiare il cursore nel punto in cui apportare le modifiche. Per selezionare un oggetto all’interno di una cornice usare una delle seguenti tecniche: o Strumento selezione diretta > cliccare sull’oggetto da spostare. o Selezionare una cornice > Seleziona > menù Oggetto > Contenuto. o Avendo una cornice selezionata, cliccare sul pulsante Seleziona contenuto nel pannello Controllo. Per selezionare più oggetti usare lo strumento selezione e tenere premuto Maiusc cliccando sugli altri oggetti. Per deselezionare tutti gli oggetti Modifica > Deseleziona tutto o cliccare su una parte vuota del documento. Per selezionare oggetti nidificati, raggruppati o sovrapposti con lo strumento selezione diretta cliccare sull’oggetto nidificato o raggruppato. Per selezionare più oggetti nidificati con lo strumento selezione diretta cliccare sull’oggetto nidificato. Le Opzioni di selezione presenti nel menù Oggetto permettono di selezionare gli oggetti sovrapposti, nidificati o raggruppati. In base all’oggetto su cui si lavora, si troveranno le seguenti voci: 84


Capitolo 12

o Primo oggetto sopra si riferisce all’oggetto in cima alla sovrapposizione. o Oggetto appena sopra si riferisce all’oggetto appena sopra l’oggetto corrente. o Oggetto appena sotto si riferisce all’oggetto appena sotto l’oggetto corrente. o Ultimo oggetto sotto si riferisce all’oggetto in fondo alla sovrapposizione. o Contenuto si riferisce al contenuto della cornice grafica. Si può anche cliccare sul pulsante Seleziona contenuto del pannello Controllo. o Contenitore si riferisce alla cornice che racchiude l’oggetto selezionato o al gruppo che lo contiene. Oggetto precedente/Oggetto successivo si riferisce all’oggetto precedente o successivo nel gruppo. o Disporre gli oggetti in una sovrapposizione sovrappone gli oggetti nell’ordine in cui sono creati o importati. o Per spostare avanti o indietro un oggetto rispetto ad un altro selezionare l’oggetto desiderato, quindi eseguire: Oggetto > Disponi > Porta in primo pino/sotto/ avanti/indietro.

Disposizione degli oggetti grafici rispetto a quelli sovrastanti o sottostanti

TRASFORMARE GLI OGGETTI Per trasformazione degli oggetti utilizzare il pannello Trasforma attivabile tramite Finestra > Oggetto e layout > Trasforma.

85


Le cornici e gli oggetti

Il punto di riferimento degli oggetti selezionati Tutte le trasformazioni iniziano da un punto fisso detto punto di riferimento. Il punto di origine è identificato dall’icona se è attivo uno strumento di trasformazione.

Per apportare la variazione al punto di riferimento Selezionate lo strumento ruota, ridimensionamento o inclinazione e fare clic su uno dei nove punti dell’indicatore del punto di riferimento nel pannello Trasforma o Controllo. Dopodiché provare a trasformare un oggetto; l’elaborazione avverrà con riferimento al nuovo punto. Per misurare la posizione degli oggetti selezionati utilizzare il comando Mostra offset contenuto per attivare i valori X e Y nel pannello Trasforma. La posizione degli oggetti selezionati si misura da tre posizioni: o Della cornice ossia il contenitore rispetto al punto zero del documento; o Dell’oggetto nidificato rispetto al punto zero del documento; o Dell’oggetto nidificato rispetto al punto zero della cornice contenitore. Per includere o escludere lo spessore della traccia nelle misurazioni tramite il menù del pannello Trasforma o Controllo, effettuare una delle seguenti operazioni: • Selezionare lo Spessore della traccia per far sì che le misurazioni del pannello si riferiscano al bordo esterno della traccia; • Disattivare lo spessore della traccia affinché le misure nei pannelli non tengano conto dello spessore della traccia. Per trasformare gli oggetti utilizzare la casella degli strumenti che include quattro strumenti di trasformazione: ruota, ridimensiona, inclina e trasforma. Note: I pannelli Trasforma e Controllo consentono le trasformazioni e la riflessione con precisione.

86


Capitolo 12

Per trasformare gli oggetti con il pannello Trasforma Selezionare l’oggetto da trasformare e nel pannello Trasforma o Controllo indicare il punto di riferimento per la trasformazione, quindi immettere le proprietà desiderate e confermare. Per trasformare gli oggetti con lo strumento selezione selezionare un oggetto ed eseguire una delle operazioni indicate: • Spostare gli oggetti cliccando all’interno del riquadro di selezione e trascinare; • Ridimensionare gli oggetti premendo Ctrl e trascinando una maniglia del riquadro di selezione fino a ottenere le dimensioni desiderate. Premere anche Maiusc per mantenere le proporzioni; • Ruotare gli oggetti posizionando il puntatore all’esterno di una maniglia del riquadro di selezione, quando il puntatore assume le sembianze di, trascinare fino a ottenere la posizione desiderata; • Per riflettere gli oggetti trascinare le maniglie oltre il bordo o la maniglia opposta fino a ottenere la posizione desiderata. Per trasformare gli oggetti con lo strumento trasformazione libera eseguire una delle procedure indicate di seguito: • Spostare gli oggetti cliccando all’interno del riquadro di selezione e trascinando; • Ridimensionare gli oggetti trascinando una delle maniglie del riquadro di selezione fino a ottenere le dimensioni desiderate. Tenendo premuto Maiusc si mantengono le proporzioni originali; • Ridimensionare gli oggetti dal centro del riquadro di selezione trascinando e tenendo premuto Alt; • Ruotare gli oggetti posizionando il puntatore fuori dal riquadro di selezione. Quando il puntatore si trasforma in, trascinare fino a ottenere l’angolo di rotazione desiderato; • Riflettere gli oggetti trascinando una delle maniglie del riquadro di selezione oltre il bordo o la maniglia opposta; 87


Le cornici e gli oggetti

• Inclinare gli oggetti trascinando una maniglia, quindi premete Ctrl (Windows) o Comando (Mac OS).

Note: premendo Alt+Ctrl si inclina l’oggetto da entrambi i lati. Per ruotare un oggetto con lo strumento ruota Selezionare l’oggetto da ruotare > Selezionare lo strumento ruota > posizionarsi in un angolo della forma e ruotare col mouse Per ruotare un oggetto con il pannello Trasforma o Controllo selezionare lo strumento selezione > cliccare sulla forma da ruotare > impostare le proprietà desiderate. Per ruotare un oggetto con il comando ruota selezionare l’oggetto da ruotare > Oggetto > Trasforma > Ruota > impostarne le proprietà.

SPOSTARE GLI OGGETTI Per spostare gli oggetti selezionare un oggetto da spostare e utilizzare i comandi copia/incolla attraverso la tastiera o cliccando sul menù modifica. Per spostare sia la cornice che il suo contenuto utilizzare lo strumento selezione. Per spostare il contenuto e non la cornice eseguire la selezione diretta dell’oggetto o cliccare sull’elemento di acquisizione dei contenuti. Per spostare una cornice e non il suo contenuto utilizzare Modifica > Taglia o Modifica > Copia, quindi eseguire Modifica > Incolla. Per spostare oggetti di una distanza precisa selezionare un oggetto da spostare > Oggetto > Trasforma > Sposta oppure eseguire un doppio clic sull’icona dello strumento selezione o selezione diretta nella casella degli strumenti e impostarne le proprietà. RIDIMENSIONARE GLI OGGETTI Quando si trascina la maniglia di una cornice il suo contenuto rimane invariato. La funzione Guide sensibili agevola il ridimensionamento di oggetti basati su altri elementi del layout. Al ridimensionamento di 88


Capitolo 12

un oggetto è possibile visualizzare le guide temporanee a t te a d indicare che l’oggetto viene allineato al bordo o al centro della pagina o alla stessa altezza o larghezza di un altro oggetto. Per ridimensionare una cornice basta trascinarne una maniglia con lo strumento selezione tenere premuto Ctrl durante il trascinamento, sia la cornice che il suo contenuto vengono ridimensionati; premendo anche Maiusc il ridimensionamento sarà proporzionale. Con l’opzione Adatta automaticamente al ridimensionamento della cornice si ridimensiona anche l’immagine al suo interno. Note: affinché le proporzioni originali dell’oggetto siano conservate mentre usate il pannello Controllo, assicuratevi che l’icona Mantieni proporzioni sia attiva.

Strumenti per adattare il contenuto presenti nella barra delle Opzioni

Una volta ridimensionata una cornice o un oggetto si può usare un’opzione di adattamento (Oggetto > Adatta) per adattare il contenuto alla cornice o viceversa, lo stesso si può fare utilizzando i comandi della barra. RIDIMENSIONARE IN SCALA GLI OGGETTI

Il ridimensionamento di un oggetto agisce in orizzontale (lungo l’asse x), in verticale (lungo l’asse y) o in entrambe le direzioni rispetto al seleziona contenuto punto di riferimento. Per default, InDesign ridimensiona anche le tracce. Si può modificare il comportamento delle tracce deselezionando Regola spessore traccia durante il ridimensionamento nel menù del pannello Trasforma o Controllo. Per ridimensionare un oggetto e una cornice simultaneamente dopo la selezione tenere premuto Ctrl e Maiusc per ridimensionare l’oggetto proporzionalmente. 89


Le cornici e gli oggetti

Per ridimensionare un oggetto con lo strumento ridimensionamento dopo la selezione usare lo strumento selezione per selezionare la cornice e agire sia su essa che sul suo contenuto. Per ridimensionare il contenuto e non la cornice effettuare la selezione diretta dell’oggetto, poi utilizzare il comando seleziona contenuto della barra dei comandi o selezionare lo strumento ridimensionamento e trascinare. Ridimensionare in scala un oggetto con il pannello Trasforma mantenendo le proporzioni originali dell’oggetto accertandosi che l’icona mantieni proporzioni sia selezionata. Il menù oggetto della barra contiene tutte le operazioni possibili da svolgere sugli oggetti tra cui: o Trasforma; o Trasforma di nuovo; o Disponi; o Seleziona; o Raggruppa; o Separa; o Blocca; Riadattare il contenuto dal menù delle Opzioni dal pannello Trasforma o Adatta. Per stabilire il tipo di rilevamento del ridimensionamento utilizzare Modifica > Preferenze > Generali, da lì scegliere: o Applica a contenuto: i valori tornano al 100%. o Regola percentuale scala: i valori di ridimensionamento restano come specificati (ad esempio 125%).

Per ripristinare le percentuale di scala su 100% selezionare Ridefinisci scala al 100% nel menù del pannello Trasforma o Controllo. Per regolare lo spessore della traccia quando gli oggetti vengono ridimensionati utilizzare l’opzione Regola spessore traccia nel menù del pannello Trasforma o Controllo. 90


Capitolo 12

Per Riflettere o Invertire gli oggetti lungo un asse invisibile che attraversa il punto di riferimento, (che appare di colore bianco contornato di nero quando un oggetto viene riflesso), selezionare l’oggetto e scegliere tra le seguenti opzioni: o Per riflettere lungo l’asse orizzontale cliccare sul pannello Rifletti in orizzontale nel pannello Controllo. o Per riflettere lungo l’asse verticale cliccare sul pannello Rifletti in verticale nel pannello Controllo.

Note: è anche possibile riflettere gli oggetti con lo strumento selezione o trasformazione libera o specificando valori negativi di Percentuale scala X e Percentuale scala Y. Per inclinare/piegare gli oggetti lungo l’asse orizzontale o verticale, selezionare l’oggetto e lo strumento inclinazione quindi trascinare anche tenendo premuto il tasto Maiusc. Per ripetere le trasformazioni selezionare l’oggetto o gli oggetti che sono stati trasformati e scegliere Cancella trasformazioni nel menù del pannello Trasforma o Controllo. Disposizione degli oggetti tramite Per allineare e distribuire il menù dei comandi Oggetto gli oggetti agire mediante il pannello Allinea (Finestra > Oggetto e Layout > Allinea) e allineare o distribuire gli oggetti in orizzontale o in verticale lungo la selezione, i margini, la pagina o le pagine affiancate. Per allineare o distribuire oggetti selezionare gli oggetti da allineare o distribuire > Finestra > Oggetto e layout > Allinea > scegliere se allineare o distribuire secondo: o Spaziatura con distribuzione verticale gli oggetti selezionati sono distanziati dall’alto verso il basso, partendo dall’oggetto più in alto. 91


Le cornici e gli oggetti

o Spaziatura con distribuzione orizzontale gli oggetti selezionati sono distanziati da sinistra a destra, partendo dall’oggetto più a sinistra.

Per allineare gli oggetti con lo strumento spazio procedere selezionando lo strumento spazio, collocare il puntatore tra due oggetti ed eseguire una delle seguenti operazioni:

o Trascinare per spostare lo spazio e ridimensionare tutti gli oggetti allineati lungo lo spazio. o Tenere premuto il tasto Maiusc e trascinare per spostare solo lo spazio. o Tenere premuto Ctrl e trascinare per ridimensionare lo spazio senza spostarlo. Tenere premuto anche Maiusc per ridimensionare lo spazio tra i due oggetti più vicini. o Tenere premuto il tasto Alt e trascinare per modificare sia lo spazio sia gli oggetti. Tenere premuto anche il tasto Maiusc per muovere solo i due oggetti più vicini. o Tenere premuti i tasti Ctrl+Alt e trascinare per ridimensionare lo spazio e spostare gli oggetti, aggiungendo il tasto Maiusc si ridimensiona lo spazio e si spostano solo i due oggetti più vicini.

Per distribuire gli oggetti mediante la distribuzione dinamica e per ridimensionare proporzionalmente lo spazio tra gli elementi, selezionare gli oggetti e trascinare una maniglia di selezione tenendo premuta la barra spaziatrice.

RAGGRUPPAMENTO, BLOCCO E DUPLICAZIONE DEGLI OGGETTI Per raggruppare o separare gli oggetti Unire più oggetti per gestirli come singola unità. Gli oggetti uniti formano i gruppi che a loro volta possono essere nidificati, cioè appartenenti a gruppi più grandi. Selezionare più oggetti da raggruppare o separare e scegliere Oggetto > Raggruppa o Oggetto > Separa, è anche possibile 92


Capitolo 12

utilizzare il pannello Livelli per aggiungere o rimuovere oggetti da un gruppo. Per bloccare e sbloccare gli oggetti utilizzare il comando Blocca per specificare gli oggetti da non spostare nel documento, agendo come segue: selezionare l’oggetto o gli oggetti da bloccare ed effettuare una delle seguenti operazioni: o Bloccare gli oggetti con Oggetto > Blocca; o Sbloccare un oggetto mediante l’icona di blocco; o Sbloccare gli oggetti della pagina o del set di pagine con Oggetto > Sblocca tutto sulla pagina.

93


Capitolo 14

Capitolo 13 Effetti di trasparenza In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’applicazione degli effetti di trasparenza e della loro conversione.

95


Il colore

AGGIUNTA DI EFFETTI DI TRASPARENZA Qualsiasi effetto applicato a un oggetto grafico permette di creare una personalizzazione stilistica di alto livello. Quando si crea un oggetto esso ha un’opacità pari al 100%. Ad esso è possibile applicare effetti mediante le funzioni di opacità e fusione. Per aprire il pannello Effetti scegliere tra: • Finestra > Effetti e impostare le proprietà di seguito indicate: o Metodo di fusione: per specificare come i colori trasparenti interagiscono con quelli sottostanti. o Opacità: per determinare l’opacità di un oggetto, una traccia, un riempimento o un testo. o Livello: per indicare le impostazioni di opacità relative a oggetto, traccia, riempimento e testo. o Isola fusione: serve ad applicare un metodo di fusione ad un gruppo di oggetti selezionato. o Fora nel gruppo: fa sì che gli attributi di opacità e fuGestione degli effetti tramite sione forino gli oggetti sottoil Pannello Effetti stanti nel gruppo. o Pulsante Cancella tutto: toglie gli effetti da un oggetto, porta l’opacità al 100% e imposta il metodo di fusione su Normale. o Pulsante Effetti: mostra un elenco di effetti di trasparenza. o Per visualizzare le opzioni del pannello Effetti scegliere Finestra > Effetti > Mostra opzioni. o Per applicare gli effetti di trasparenza selezionare un oggetto > pannello Effetti > selezionare un livello, quindi:

96


Capitolo 14

Oggetto: modifica l’intero oggetto. Elemento grafico: applica solo all’elemento grafico selezionato con lo strumento selezione diretta.  Gruppo: applica a tutti gli oggetti e al testo del gruppo.  Traccia: modifica solo la traccia dell’oggetto.  Riempimento: applica solo al riempimento.  Testo: agisce solo sul testo contenuto nell’oggetto e non sulla cornice di testo. Eseguire una delle seguenti operazioni per aprire la finestra degli Effetti: • Dal menù Finestra > pannello Effetti o Controllo. • Cliccando col tasto destro sull’oggetto su cui applicare l’effetto. • Da Oggetto > Effetti.  

Una volta aperto il pannello Effetti cliccare sul triangolo per visualizzare le impostazioni dei livelli ed eseguire un doppio clic sull’impostazione di un livello per applicare una personalizzazione Applicazione degli effetti tramite il menù dei comandi Oggetto ombra, bagliore o contorno ad un tratto, riempimento, testo od oggetto. Per modificare un effetto di trasparenza selezionare l’oggetto a cui è stato applicato l’effetto e tramite pannello Effetti o Livelli cliccare due volte sull’icona d’interesse per modificare l’effetto. Per copiare gli effetti di trasparenza scegliere tra le procedure di seguito indicate: • Selezionare l’icona Effetti dell’oggetto e trascinarla sull’altro oggetto. • Usare lo strumento contagocce. 97


Il colore

• Usare lo strumento Alt e trascinare l’icona Effetti da un livello.

Note: Spostare gli effetti da un livello all’altro trascinando l’icona Effetti. Inoltre, è possibile trascinare gli effetti solo tra oggetti dello stesso livello. Per cancellare gli effetti di trasparenza da un oggetto utilizzare il pulsante Annulla tutti gli effetti o Cancella tutta la trasparenza attraverso il pannello Effetti oppure trascinandoli sull’icona del cestino. Inoltre, dal pannello livello è possibile cancellare l’effetto selezionando l’icona degli effetti relativi alla Traccia, Riempimento e Testo e spostandolo nel cestino.

EFFETTI DI TRASPARENZA InDesign dispone di nove effetti di trasparenza. Di seguito sono elencate alcune delle opzioni disponibili: o Ombra esterna: crea un’ombra dietro gli elementi; o Ombra interna: crea un’ombra all’interno degli elementi; o Bagliore esterno e Bagliore interno: crea un bagliore che si emana dai bordi esterni o interni degli elementi; o Smusso ed effetto rilievo: crea varie combinazioni di luci e ombre per creare un effetto tridimensionale; o Finitura lucida: crea un’ombreggiatura interna che fa ottenere un aspetto lucido; o Contorno sfocato di base/ direzionale /sfumatura: mitiga i contorni di un oggetto rendendoli man mano più trasparenti.

Per ogni singola opzione su citata si elencano di seguito le impostazioni e opzioni; alcune sono identiche per tutti gli effetti, di trasparenza: o Angolo e Altitudine: per definire l’angolo di illuminazione di un effetto di luce. 0 corrisponde al livello del terreno, 90 a una sorgente di collocata sopra il livello. Luce 98


Capitolo 14

o o

o o o o o

globale va utilizzata per ottenere un angolo di illuminazione uniforme. Metodo fusione: definisce come i colori degli oggetti trasparenti interagiscono con quelli sottostanti. Abbondanza negativa: con l’impostazione Dimensioni, stabilisce quanta parte dell’ombra o del bagliore è opaca e quanta è trasparente. Distanza: definisce lo scostamento dagli oggetti per alcuni effetti. Disturbo: indica la quantità di elementi casuali nell’opacità di un effetto. Opacità: indica l’opacità di un effetto. Dimensione: definisce la quantità di ombra o bagliore. Abbondanza positiva: definisce la trasparenza della sfocatura. Una percentuale alta rende la sfumatura più opaca.

Finestra di dialogo Effetti per la definizione delle proprietà per Effetto

Tecnica: determina come il bordo di un effetto trasparenza interagisce con i colori di sfondo. Per gli effetti Bagliore esterno e Bagliore interno sono disponibili le impostazioni Più tenue e Preciso: o Più tenue: crea una sfocatura al bordo dell’effetto; o Preciso: segue esattamente il bordo dell’effetto; 99


Il colore

o Usa luce globale: usa le impostazioni di luce globale sull’ombra; o Scostamento X e Y: aggiunge all’ombra lo scostamento desiderato sugli assi x e y.

CAMBIARE L’ASPETTO TRASPARENTE

SU

SCHERMO

DELLA

GRAFICA

Nella finestra Prestazioni visualizzazione si possono impostare le preferenze di trasparenza che stabiliscono la qualità su schermo degli oggetti trasparenti. Definirlo con: • Modifica > Preferenze > Prestazioni visualizzazione quindi Selezionate un’opzione: o Veloce: disabilita la trasparenza e imposta la risoluzione su 24 dpi; o Tipica: mostra gli effetti a bassa risoluzione e la imposta a 72 dpi; o Alta qualità: migliora la visualizzazione di ombre esterne e contorni sfocati, imposta la risoluzione a 144 dpi; • Concludere l’elenco delle operazioni trascinando il cursore Trasparenza e premendo OK.

Definizione della trasparenza degli oggetti tramite la finestra di dialogo Opzione Effetti

100


Capitolo 14

FUSIONE DEI COLORI Per fondere i colori di due oggetti sovrapposti, dopo aver selezionato uno o più oggetti o un gruppo effettuare una delle seguenti operazioni: • Scegliere un metodo di fusione; • In trasparenza nella finestra Effetti, scegliere un metodo di fusione. ISOLARE I METODI DI FUSIONE

Applicando un metodo di fusione a un oggetto, i suoi colori si fondono con gli oggetti sottostanti. Per limitare la fusione a oggetti specifici raggrupparli e applicare al gruppo l’opzione Isola fusione. Per applicare i metodi di fusione e le impostazioni di opacità ai singoli oggetti attivare lo strumento selezione > selezionare gli oggetti da isolare e scegliere dal menù Oggetto la voce Raggruppa e Isola fusione.

Note: Se questa opzione non dovesse essere visibile, selezionare Mostra opzioni dal menù del pannello Effetti. APPLICARE LA FORATURA AGLI OGGETTI DI UN GRUPPO

L’opzione Fora serve a far sì che gli attributi di opacità e fusione di ogni oggetto del gruppo selezionato forino, ossia escludano visivamente, gli oggetti sottostanti. Inoltre, l’opzione Fora nel gruppo viene applicata al gruppo. Applicare i metodi di fusione e l’opacità ai singoli oggetti da forare attraverso l’uso dello strumento Selezione. Dopo aver selezionato gli oggetti da forare scegliere Oggetto > Raggruppa e nel pannello Effetti, selezionare Fora nel gruppo. Note: Se l’opzione non è visibile, selezionate Mostra opzioni dal menù del pannello Effetti.

CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA NELLA GRAFICA La trasparenza, prima dell’output, deve essere sottoposta ad un processo denominato conversione della trasparenza che divide il disegno con trasparenza in aree vettoriali e rasterizzate. 101


Il colore

La conversione della trasparenza, una volta conclusa, è un’operazione irreversibile. I PREDEFINITI DI CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA

Se viene eseguita la stampa o l’esportazione di documenti con trasparenze, si può automatizzare il processo di conversione della trasparenza salvandolo in un Predefinito di conversione della trasparenza. È possibile scegliere un predefinito di conversione della trasparenza attraverso una delle seguenti procedure: • Attraverso il menù dei comandi File > Stampa; Finestra dei Predefiniti • Attraverso il menù di conversione trasparenza dei comandi Modifica > Predefiniti di conversione trasparenza.

Le impostazioni dei predefiniti sono progettate per combinare la qualità e la velocità della conversione della trasparenza, con una risoluzione adeguata per le aree trasparenti rasterizzate in base alla funzione del documento: o Alta risoluzione: per output su macchine da stampa o prove di alta qualità; o Media risoluzione: per prove di stampa desktop e stampa su richiesta con stampanti a colori PostScript; o Bassa risoluzione: per stampe di bozze. Per creare o modificare i predefiniti di conversione della trasparenza salvarli in un file separato. L’estensione di questi file è

102


Capitolo 14

“.flst”. Per gestire i predefiniti presenti in InDesign scegliere il menù Modifica > Predefiniti di conversione trasparenza > Nuovo.

Note: Per basare un predefinito su uno preimpostato, selezionarlo e cliccare su Nuovo. Inoltre, non si possono modificare i predefiniti di conversione della trasparenza preimpostati. Per esportare e importare un predefinito di conversione della trasparenza personalizzato scegliere Modifica > Predefiniti di conversione trasparenza > Selezionarne uno ed eseguire la procedura di esportazione/importazione. Per rinominare o eliminare un predefinito di conversione della trasparenza utilizzare Modifica > Predefiniti di conversione trasparenza > Selezionarne uno > Elimina/Modifica. Per applicare la conversione a singole pagine visualizzare le pagine affiancate quindi scegliere Conversione trasparenza pagine affiancate, dal menù del pannello Pagine, e utilizzare una delle seguenti opzioni: o Predefinita: usa il predefinito; o Nessuno: Ignora la trasparenza per Percorso per l’attivazione della conversione trasparenza pagine affiancate queste pagine; o Personale: permette di specificare le impostazioni.

Per ignorare il predefinito di conversione trasparenza su singole pagine affiancate selezionare Ignora impostazioni pagine affiancate da una delle seguenti posizioni: o Pannello Anteprima conversione; o Area Avanzate della finestra Stampa o Esporta Adobe PDF. 103


Il colore

OPZIONI DI CONVERSIONE DELLA TRASPARENZA È possibile impostare le opzioni di conversione della trasparenza alla creazione, alla modifica o alla visualizzazione in anteprima dei predefiniti di conversione della trasparenza.

OPZIONI DI EVIDENZIAZIONE • Nessuno: per disabilitare la visualizzazione in anteprima. • Aree complesse rasterizzate: per evidenziare le aree che saranno rasterizzate per migliorare le prestazioni. • Oggetti trasparenti: serve a evidenziare gli oggetti con trasparenza metodi di fusione e maschere di opacità. • Tutti gli oggetti interessati: serve ad evidenziare tutti gli oggetti coinvolti nella trasparenza che saranno interessati dal processo di conversione della trasparenza. • File EPS collegati interessati: serve ad evidenziare tutti i file EPS collegati interessati dalla trasparenza. • Grafica influenzata (solo InDesign): permette di evidenziare tutti i contenuti importati interessati dalla trasparenza o dagli effetti di trasparenza. • Pattern espansi: permette di evidenziare i motivi che verranno espansi se coinvolti nella trasparenza. • Tracce convertite in contorni: serve ad evidenziare tutte le tracce che saranno convertite in contorni se interessate da una trasparenza. • Testo con contorni: permette di evidenziare tutto il testo che sarà trasformato in contorno se interessato da una trasparenza o se l’opzione Converti tutto il testo in contorni è selezionata. • Testo e tracce con riempimenti rasterizzati: per evidenziare testo e tracce con riempimenti rasterizzati. • Tutte le aree rasterizzate: serve ad evidenziare gli oggetti e le intersezioni che saranno rasterizzati perché non esistono altri modi per rappresentarli in PostScript o perché sono più complessi della soglia specificata dal cursore Raster/vettoriale.

104


Capitolo 14

Capitolo 14 Colore In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la corretta definizione di colore da usare nel proprio impaginato.

105


Il colore

LE TINTE PIATTE Una tinta piatta è un inchiostro premiscelato che prevede l’uso di una lastra specifica nella macchina da stampa. Le tinte piatte permettono di riprodurre alcuni colori che non rientrano nella gamma dei colori in quadricromia.

I COLORI IN QUADRICROMIA Un colore in quadricromia si stampa combinando i quattro inchiostri Cyan, Magenta, Giallo e Nero (CMYK). InDesign permette di mescolare colori quadricromia e tinta piatta formando colori globali che corrispondono ai campioni. I colori di InDesign sono legati ai campioni del pannello Campioni, q u i n d i se si modifica un campione, le modifiche vengono apportate anche a tutti gli oggetti a cui è applicato quel colore.

APPLICAZIONE DEL COLORE InDesign ha una serie di strumenti per l’applicazione del colore. Nell’applicare un colore a un oggetto è possibile specificare se applicarlo alla traccia o al riempimento. Per applicare un colore bisogna selezionare l’oggetto da colorare con lo strumento selezione o selezione diretta, in base alle vostre esigenze. Considerare che la formattazione applicata ha effetto sul testo o sul contenitore. Procedere come di seguito indicato per l’applicazione del colore desiderato: • Barra degli strumenti > sezione colore tratto o riempimento; • Barra delle opzioni > sezione colore tratto e riempimento; • Pannello Campioni; • Pannello Colore. Per la gestione del colore, invece, utilizzare il selettore colore come indicato: • Per selezionare un colore con il Selettore colore eseguire un doppio clic sulla casella Riempimento o Traccia nella casella degli strumenti o nel pannello Colore per aprire il Selettore colore, quindi cliccare su una lettera: R (rosso), G (verde) o B (blu) > definire un colore e salvarlo come campione.

106


Capitolo 14

• Per rimuovere il colore del riempimento o della traccia selezionare il testo o l’oggetto dal quale si desidera rimuovere il colore > cliccare su Riempimento o Traccia > Nessuno. • Per applicare un campione colore o sfumatura dopo aver eseguito la selezione aprendo il pannello Campioni e scegliendo Finestra > Colore > Campioni > Riempimento o Traccia > modificare il colore. • Per modificare il colore del riempimento o della traccia selezionare l’oggetto o il testo da modificare > pannello Colore > scegliere Riempimento o Traccia > selezionate la casella Contenitore o Testo quindi, cambiare il colore. • Per creare un campione da un colore del pannello Colore controllare che la casella Riempimento o Traccia abbia il colore che si vuole aggiungere, quindi scegliere Aggiungi ai campioni dal menù del pannello. • Per passare da un metodo colore all’altro nel pannello Colore, cliccare sulla barra colore premendo Maiusc oppure nella finestra Nuovo campione colore o Opzioni campione, premere Maiusc e cliccare sulla casella del colore. In alternativa nella finestra Nuovo campione sfumatura o Opzioni sfumatura, selezionare un punto sfumatura quindi tenere premuto Maiusc e cliccare sulla casella del colore.

LO STRUMENTO CONTAGOCCE Lo strumento contagocce permette di copiare degli attributi di formato da un oggetto all’altro. • Per applicare i colori usando lo strumento contagocce copiando gli attributi di riempimento e traccia, compresa la grafica importata. • Per applicare i colori selezionare uno o più oggetti > selezionare lo strumento contagocce > cliccare sull’oggetto con gli attributi di riempimento e traccia da copiare. • Per caricare nuovi attributi quando lo strumento contagocce è già carico: 107


Il colore

1. Scaricare lo strumento contagocce, qualora risulti nero a metà, premendo Alt affinché cambi direzione e risulti vuoto e dunque pronto per caricare nuovi attributi; 2. Caricare gli attributi cliccando su un oggetto, affinché il contagocce adesso appaia metà nero; 3. Cliccare su uno o più oggetti per applicare gli attributi caricati.

Note: Per variare le opzioni di campionamento, fare doppio clic sullo strumento contagocce e stabilire, dalla finestra di dialogo Opzioni contagocce apertasi, quali proprietà dell’oggetto grafico d’origine campionare. USARE I CAMPIONI Con il pannello Campioni si possono assegnare nomi a colori, sfumature, tonalità e applicarli al documento. I campioni sono come gli stili di paragrafo e di carattere: ogni modifica apportata a un campione si riflette su tutti gli oggetti ai quali è applicato. TIPI DI CAMPIONI

• Colori: le icone nel pannello Campioni identificano i tipi di colore tinta piatta e quadricromia e le modalità colore LAB, RGB, CMYK e Inchiostro misto. Pannello Campioni • Tonalità: è un valore percentuale accanto a un campione che indica la tonalità di un colore. • Sfumature: è un’icona che indica se la sfumatura è radiale o lineare. • Nessuno: elimina la traccia o il riempimento dall’oggetto. • Carta: è un campione che simula il colore della carta di stampa. Modificare il colore Carta, facendo un doppio clic su di esso nel pannello Campioni.

108


Capitolo 14

• Nero: corrisponde al colore nero 100%, non può essere né modificato, né eliminato. • Registro: è un campione incorporato che sarà stampato in tutte le selezioni da una stampante PostScript.

Per personalizzare la visualizzazione dei campioni nel menù del pannello Campioni, scegliere una delle seguenti opzioni: o Nome: per visualizzare un piccolo campione accanto al nome. o Nome ridotto: serve a ridurre la dimensione delle righe. o Campione piccolo e Campione grande: serve a visualizzare solo il campione. Per stabilire quali campioni visualizzare, in fondo al pannello Campioni, cliccare su uno dei seguenti pulsanti: o Mostra tutti i campioni per visualizzare tutti i campioni colore, tonalità e sfumatura; o Mostra campioni colori per visualizzare solo i campioni dei colori quadricromia, delle tinte piatte, degli inchiostri misti e delle tonalità. o Mostra campioni sfumature per visualizzare solo i campioni delle sfumature. Per creare un campione basato sul colore di un oggetto selezionare l’oggetto > selezionare la casella Riempimento o Traccia > cliccare sul pulsante Nuovo campione nel pannello Campioni. Per duplicare un campione scegliere Duplica campione dal menù del pannello Campioni o trascinare il campione sul pulsante. Per modificare un campione selezionare un campione > cliccare due volte sul campione o scegliere Opzioni campione > modificare le impostazioni > OK. Per eliminare i singoli campioni selezionarli > scegliere Elimina campione o cliccare sull’icona Elimina > specificare se sostituire il campione con un altro nel caso in cui sia utilizzato nel documento. 109


Il colore

Per unire i campioni duplicati aprire il pannello campioni > selezionare due o più campioni duplicati > scegliere Combina campioni nel menù del pannello. Per salvare i campioni e usarli in altri documenti salvarli in un file Adobe Swatch Exchange (.ase) nel seguente modo: • Selezionare i campioni da salvare > scegliere Salva campioni nel menù del pannello, specificare un nome e una posizione per il file, quindi cliccare su Salva.

Per importare campioni di colori e sfumature caricare i campioni da file di InDesign (.indd), modelli di InDesign (.indt), file di Illustrator (.ai o.eps) e file Adobe Swatch Exchange (.ase) creati in InDesign, Illustrator o Photoshop nel seguente modo: • Scegliere nuovo Campione colore > Altra libreria > selezionare il file da cui importare i campioni > Apri > Selezionare i campioni e OK. Per caricare i campioni dalle librerie di colori personalizzate predefinite scegliere: • Nuovo campione colore > Scegliere il file > selezionare i campioni > Aggiungi > Fine. LIBRERIE DI COLORI INSTALLATE CON INDESIGN

Le librerie di colore presenti in InDesign permettono di scegliere delle colorazioni che rispecchiano gli standard di valori dal punto di vista professionale. Di seguito si riportano le specifiche dei nomi di librerie di colore presenti: o Colore ANPA: contiene 300 colori selezionati dall’ANPA (American Newspaper Publishers Association), si usano soprattutto come tinte piatte nei quotidiani. o DIC Color: contiene 1280 colori tinta piatta CMYK. o Focoltone: contiene 763 colori CMYK. o HKS: va usata solo quando si richiedono colori nel sistema HKS. o PANTONE: sono i colori standard mondiali per le tinte piatte.

110


Capitolo 14

o Toyo Color Finder: sono i 1050 colori più comuni per la stampa in Giappone. o Trumatch: fornisce corrispondenze di colori CMYK per oltre 2000 colori ottenibili con il computer. o Web: contiene 216 colori RGB utilizzati dalla maggioranza dei browser per le immagini a 8 bit. o Il pannello Kuler: fa accedere a gruppi di colori (o temi) creati da una comunità online di grafici.

Per attivare le librerie di colore scegliere Nuovo campione colore > Modalità colore.

TONALITÀ Le tonalità sono le versioni retinate (più chiare) di un colore. Per creare e modificare le tonalità utilizzare il cursore Tonalità. Più il valore è basso, più la tinta è chiara. Per creare un campione tonalità con il pannello Campioni selezionare un campione colore > selezionare la freccia accanto alla casella Tonalità > trascinare il cursore > cliccare sul pulsante Nuovo campione o scegliere Nuovo campione tonalità. Per creare un campione tonalità con il pannello Colore selezionare un campione > trascinare il cursore o immettete un valore > cliccare su Aggiungi ai campioni. Per modificare un campione di tonalità o di colore base eseguire un doppio clic sul campione tonalità e modificare il valore. SFUMATURE La sfumatura è la fusione di due o più colori o tonalità dello stesso colore. Per creare un campione sfumatura scegliere Nuovo campione sfumatura > specificare un nome > In

Creazione Nuovo campione colore tramite le Opzioni del pannello Campioni

111


Il colore

Tipo scegliere se Lineare o Radiale > Selezionare il primo punto colore e lì effettuare una delle seguenti operazioni: o Scegliere un colore già presente nell’elenco. o Specificare i valori del colore o trascinate i cursori per usare un colore nuovo.

Dopo aver impostato le proprietà desiderate cliccare su OK o Aggiungi. Per aggiungere colori intermedi a una sfumatura eseguire un doppio clic su un campione sfumatura > cliccare in un punto qualsiasi sotto la barra sfumatura per definire un nuovo punto colore > regolare il nuovo punto colore. Per rimuovere un colore intermedio da una sfumatura selezionarlo e trascinarlo oltre il limite del pannello. Per invertire la progressione del colore di una sfumatura attivare una sfumatura e cliccare sul pulsante Inverti. Per modificare una sfumatura con gli strumenti sfumatura selezionare la casella Riempimento o Traccia > selezionare lo strumento campione sfumatura o controllo sfocato sfumatura e portarlo sul punto desiderato per l’inizio sfumatura > trascinare sull’oggetto nella direzione in cui si desidera applicare la sfumatura. Note: Tenere premuto Maiusc per vincolare il trascinamento a multipli di 45° e Rilasciare il pulsante del mouse in corrispondenza del punto finale in cui applicare la sfumatura. USARE GLI INCHIOSTRI MISTI Gl’inchiostri misti sono il risultato della mescolanza di inchiostri CMYK e tinta piatta affinché si venga a generare una combinazione di colore personalizzata. Per creare un campione di inchiostro misto scegliere Nuovo campione inchiostro misto in Modalità colore > digitare un nome deselezionando la casella in parte a Denomina secondo i valori cromatici> regolare la percentuale di ogni inchiostro trascinare il cursore o digitare un valore nella casella della percentuale > Aggiungi o OK. 112


Capitolo 14

Per convertire un singolo campione di inchiostro misto in colore quadricromia al fine di ridurre i costi di stampa, convertire gli inchiostri misti in colori quadricromia. Per farlo eseguire un doppio clic sul campione di inchiostro misto da convertire, poi in Tipo colore, selezionare Quadricromia e cliccare su OK.

113


Capitolo 16

Capitolo 15 Applicazione dell’abbondanza al colore In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’applicazione dell’abbondanza a documenti e libri.

115


Il colore

APPLICAZIONE DELL’ABBONDANZA A DOCUMENTI E LIBRI IL TRAPPING DEGLI INCHIOSTRI

Quando si usano più inchiostri sulla stessa pagina, ogni inchiostro va stampato a registro, vale a dire perfettamente allineato con gli altri inchiostri, al fine di eliminare gli spazi in cui inchiostri diversi si toccano. Un’errata messa a registro potrebbe produrre spazi vuoti indesiderati.

Nota: la stampa offset è una tecnica di stampa che permette di stampare il foglio ponendolo a diretto contatto con la pietra o la lastra di alluminio microgranito. Tale tipo di stampa si realizza mediante l’impiego di tre cilindri che stanno a contatto tra loro. Il vantaggio di questa tipologia di stampa è l’alta risoluzione della qualità di stampa invece, lo svantaggio è dato della bassa copertura degli inchiostri. Si possono compensare le imprecisioni di messa a registro allargando leggermente un oggetto fino a sovrapporlo ad un altro adiacente di colore diverso; facendo questo si realizza il processo chiamato abbondanza. Per default la sovrapposizione di due inchiostri comporta la foratura o rimozione degli inchiostri sottostanti, evitando così miscelazioni indesiderate. Nonostante ciò il trapping richiede la sovrastampa degli inchiostri per ottenere una sovrapposizione almeno parziale. Nelle abbondanze l’oggetto più chiaro si diffonde sull’oggetto più scuro, in quanto il colore più scuro definisce il bordo visibile dell’oggetto o del testo; applicando l’abbondanza al colore più chiaro si rispettano quindi l’effetto visivo e i bordi originali. METODI DI ABBONDANZA Si può applicare l’abbondanza a un documento utilizzando una fra le diverse soluzioni applicabili: • Usare colori in quadricromia senza abbondanza. • Applicare la sovrastampa del nero. • Applicare la sovrastampa manuale di tracce o riempimenti.

116


Capitolo 16

• Usare l’abbondanza incorporata di Adobe InDesign o Adobe In-RIP Trapping disponibile nelle periferiche di stampa. L’ABBONDANZA AUTOMATICA

Con InDesign si può applicare l’abbondanza dei colori utilizzando un sistema incorporato nel programma oppure ci si può avvalere del sistema Adobe In-RIP Trapping disponibile nelle periferiche di stampa Adobe PostScript che supportano Adobe In-RIP Trapping. Per applicare l’abbondanza a un documento o un libro Selezionare un predefinito di stampa > assegnare il predefinito di abbondanza a un intervallo di pagine > File > Stampa > selezionare Output dall’elenco a sinistra > in Colore scegliere Selezioni o Selezioni In-RIP, a seconda che le selezioni siano create sul computer host o nel RIP > in Abbondanza, scegliete una delle seguenti opzioni: o Incorporato nell’applicazione: per utilizzare il sistema di abbondanza presente in InDesign. o Adobe In-RIP: se la periferica di stampa utilizzata supporta Adobe In-RIP Trapping.

Nota: evitare di modificare le impostazioni di abbondanza predefinite.

PREDEFINITI DI TRAPPING Un predefinito di abbondanza comprende un insieme di impostazioni da applicare a una pagina o a un intervallo di pagine. Per visualizzare le impostazioni dei predefiniti di abbondanza scegliere Finestra > Output > Predefiniti di abbondanza > effettuare una delle seguenti operazioni: o Eseguire un doppio clic sul predefinito. o Selezionare il predefinito e scegliere Opzioni di predefinito dal menù del pannello.

117


Il colore

Per creare o modificare un predefinito di abbondanza usare il pannello Predefiniti di abbondanza e scegliere Nuovo predefinito o cliccare due volte su un predefinito per modificarlo. Concludere l’operazione specificando le seguenti opzioni e cliccare su OK: o Nome: digitate un nome per il predefinito; o Ampiezza dell’abbondanza: digitare i valori per specificare la quantità di sovrapposizione per gli inchiostri; o Aspetto abbondanza: indicare le opzioni che permettono di controllare la forma delle abbondanze; o Immagine: definire le impostazioni che determinano come sarà applicata l’abbondanza alle immagini bitmap importate; o Soglie abbondanza: inserire i valori per definire le condizioni in cui viene applicata l’abbondanza.

Gestire i predefiniti di abbondanza duplicandoli, eliminandoli, importandoli e personalizzandoli come di seguitoindicato: • Per duplicare un predefinito di abbondanza selezionare un predefinito e trascinarlo sul pulsante Nuovo predefinito in fondo al pannello. • Per eliminare un predefinito di abbondanza selezionarlo, cliccare sul pulsante Elimina o scegliere Elimina predefiniti dal menù del pannello. Pannello Predefiniti di abbondanza • Per importare i predefiniti da un altro documento InDesign scegliere Carica predefinito di abbondanza dal menù del pannello Predefiniti di abbondanza, selezionare il file InDesign e cliccare su Apri.

118


Capitolo 16

Capitolo 16 PDF In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’esportazione del proprio contenuto attraverso l’uso del formato PDF e della corretta definizione delle proprietà.

119


Il colore

ESPORTAZIONE IN ADOBE PDF Il PDF è un formato universale in grado di mantenere i font, le immagini ed il layout di documenti creati con un’ampia gamma di applicazioni e piattaforme. È il formato standard a livello mondiale per la distribuzione e lo scambio affidabile e sicuri di documenti elettronici e moduli. Per esportare un documento aperto in PDF per la stampa scegliere File > Esporta > definire un nome e una posizione > Salva come Adobe PDF > Salva. Per esportare un libro in PDF scegliere Esporta libro come PDF nel menù del pannello Libro, dopo aver deselezionato tutti gli elementi. Per creare il PDF di un documento contenuto in un libro selezionare il documento nel pannello Libro > scegliere Esporta documenti selezionati in PDF dal menù del pannello > definire nome e posizione per il file PDF > Salva. Per ridurre le dimensioni dei PDF utilizzare la voce Dimensioni file minime dal menù Gestione dei Predefiniti Adobe PDF Predefinito Adobe PDF, quindi nell’area Compressione eseguire il downsample delle immagini a 72 pixel per pollice, scegliere la compressione automatica e selezionare una qualità immagine bassa o media.

PREDEFINITI ADOBE PDF I predefiniti PDF sono un insieme raggruppato di impostazioni che influiscono sul processo di creazione di un PDF. I predefiniti so120


Capitolo 16

no utili per bilanciare dimensioni e qualità di un documento. Per utilizzare i predefiniti accedere al menù File e scegliere tra le voci di seguito indicate: o Stampa di alta qualità serve a creare PDF per la stampa di qualità che possono anche contenere tag. Questo comando esegue il downsampling delle immagini a colori e in scala di grigi a 300 ppi e delle immagini monocromatiche a 1200 ppi. I PDF ottenuti si possono aprire in Acrobat 5.0 e versioni successive. o PDF/X-1a (2001 e 2003) necessita l’incorporamento di tutti i caratteri, la specifica dei segni di stampa e le pagine al vivo e che il colore sia in CMYK, a tinte piatte o entrambi. I file compatibili devono avere informazioni sulle condizioni di stampa per cui sono stati preparati. Questi file si possono aprire con Acrobat 4.0 e versioni successive. o PDF/X-3 genera un PDF basato sullo standard ISO PDF/X-3:2002apribile in Acrobat 4.0 e successive. o PDF/X-4 (2008) produce file ISO PDF/X-4:2008 e supporta sia la trasparenza dinamica che la gestione del colore ICC. o Qualità tipografica crea PDF per stampe di alta qualità, non compatibili con PDF/X. Qui la qualità del contenuto ha la massima importanza ed è fondamentale conservare tutte le informazioni del file che potrebbero servire per stampare il documento correttamente. Questo predefinito converte i colori in CMYK, esegue il downsampling delle immagini a colori e in scala di grigi a 300 ppi e delle immagini monocromatiche a 1200 ppi, incorpora sottoinsiemi di tutti i caratteri e mantiene la trasparenza.

CREAZIONE DI UN NUOVO PREDEFINITO PDF Per creare un nuovo predefinito di esportazione PDF scegliere menù File > Predefiniti ADOBE PDF > Definisci > Nuovo. Nella finestra di dialogo che si pare impostare le opzioni considerando le specifiche di seguito indicate: 121


Il colore

o Standard che specifica il formato PDF/X del file. o Generali che definisce le opzioni di base per il file; o Compressione per indicare se al disegno devono essere applicate compressione e downsampling; o Indicatori e pagina al vivo definisce i segni di stampa e le aree di pagina al vivo. Fa dei calcoli leggermente differenti dalla finestra di dialogo Stampa; o Output gestisce il colore e i profili di output PDF/X nel file PDF; o Avanzate gestisce il salvataggio nel file PDF delle istruzioni relative ai font, alle specifiche OPI, alla conversione della trasparenza e ai file JDF; o Protezione inserisce protezione per il file PDF; o Riepilogo mostra un riepilogo delle impostazioni PDF attuali, che si può conservare cliccando su Salva Riepilogo. Cliccare sulla freccia accanto a una categoria Creazione di un nuovo Predefiniti Adobe PDF per visualizzare le singole impostazioni.

Gestione i predefiniti Adobe PDF La gestione di un predefinito riguarda l’insieme delle operazioni inerenti alla creazione, modifica ed eliminazione. Attraverso il percorso File > Predefiniti Adobe PDF > Definisci è possibile scegliere tra: • Creazione di un nuovo predefinito: Per crearne uno nuovo deselezionare ogni predefinito esistente e cliccare sulla voce Nuovo. Per creare un nuovo predefinito basato su uno esistente selezionare il predefinito con le opzioni di origine e poi Nuovo. 122


Capitolo 16

• Modifica di un predefinito personale: Selezionare il predefinito da modificare e cliccare su Modifica. • Eliminazione di un predefinito Selezionare il dispositivo da eliminare e cliccare su Elimina. • Per salvare un predefinito in una posizione diversa dalla cartella predefinita scegliere Impostazioni nella cartella Adobe PDF, selezionarlo e cliccare su Salva con nome.

PANNELLO ATTIVITÀ IN BACKGROUND Adobe InDesign è progettato per la gestione delle attività in background ossia continuare a lavorare sul documento senza aspettare che l’esportazione di un altro sia ultimata.

Visualizzazione del Pannello delle Attivi-

Note: Si possono anche creare tà in background delle code di elaborazione per esportare in background più file PDF. Per verificare le attività in background scegliere in Adobe PDF > Finestra > Utility > Attività in background.

STRUTTURAZIONE DEI FILE PDF In fase di esportazione di un PDF, nella sezione Generali della finestra di dialogo Esporta Adobe PDF, è presente una voce Crea PDF con tag. Lasciando attiva la spunta Crea PDF con tag, permette di associare una serie di tag di struttura al contenuto atti a facilitare la ricerca di informazioni basata su parole chiave. I vantaggi dell’uso dei tag consistono nel poter eseguire una delle seguenti opzioni: • Mappare i nomi degli stili di paragrafo di InDesign; • Contrassegnare e nascondere i segni di stampa, testo e imma123


Il colore

• • • • • • •

gini affinché non vengano visualizzati in Acrobat mentre vengono ridisposti; Aggiungere testo alternativo alle figure affinché il testo possa essere letto correttamente dal software per ipovedenti. Sostituire lettere grafiche con lettere leggibili; Fornire un titolo ad una serie di articoli o raggruppare brani e figure in articoli; Riordinare brani e figure stabilendo un ordine di lettura; Riconoscere tabelle, elenchi e sommari; Riconoscere blocchi di contenuto appartenenti a brani diversi; Includere informazioni sulla formattazione del testo, come i valori dei caratteri Unicode e la spaziatura tra parole.

LA RIDISPOSIZIONE DEL CONTENUTO E LA SUA OTTIMIZZAZIONE

Si può ridisporre il contenuto di un documento PDF per la lettura su display di piccole dimensioni o per l’ingrandimento su monitor standard senza scorrere il file orizzontalmente per leggere le righe. Per visualizzare il pannello Tag scegliere Finestra > Utility > Tag. Per applicare i tag agli elementi di pagina utilizzare il riquadro Struttura da dove è possibile modificare l’ordine della pagina trascinando gli elementi in una nuova posizione all’interno della gerarchia. Per visualizzare il riquadro Struttura selezionare Visualizza > Struttura > Mostra struttura. Per applicare i tag agli elementi di pagina automaticamente con Aggiungi elementi senza tag dal menù del riquadro Struttura. Per applicare i tag agli elementi pagina manualmente dal Menù riquadro Struttura scegliere: o Aggiungi elementi senza tag > Selezionare un elemento di pagina > Selezionare un tag nel pannello Tag. 124


Capitolo 16

• • •

Di seguito sono elencati alcuni consigli d’uso per tag importati: Artefatto è il tag che consente di nascondere elementi di pagina. É u n a funzione particolarmente utile per visualizzare i file PDF in dispositivi palmari o altri lettori di file PDF. Cella è utile per le celle di tabelle. Figure va utilizzato per gli elementi grafici inseriti. Tag di paragrafo (P, H, H1–H6) non hanno effetto sul testo PDF, tuttavia possono essere utili per l’esportazione di un file PDF in formato HTML. Brano serve per i brani.

125


Capitolo 17 ________________________________________________________________


Capitolo 17 ________________________________________________________________

Capitolo 17 Documenti interattivi In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda l’esportazione di documenti interattivi per Flash. Inoltre, si affronteranno gli argomenti relativi alla creazione di Segnalibri, Collegamenti ipertestuali, Ancoraggi di testo, Rimandi, Filmati e suoni, Animazioni, Transizioni di pagina e pulsanti.

127


I documenti interattivi ________________________________________________________________

DOCUMENTI WEB INTERATTIVI PER FLASH Per creare presentazioni da riprodurre in Flash Player è necessario esportare i documenti come file SWF o FLA. SWF è un formato pronto per la visualizzazione con Adobe Flash Player e può contenere elementi interattivi quali le transizioni di pagina, i collegamenti ipertestuali, i filmati, le clip audio, le animazioni e i pulsanti di navigazione. FLA è un formato che contiene solo alcuni elementi interattivi e consente l’apertura in Flash Pro per l’aggiunta di effetti avanzati. Creare file interattivi SWF (Flash) per il Web attraverso la seguente procedura: • File > Esporta > Swf. È consigliabile esportare, da InDesign, in formato SWF perché esso mantiene interattivi e vettoriali i pulsanti, le transizioni di pagina, i filmati e file audio, le animazioni e i collegamenti ipertestuali che sono stati aggiunti al documento. Dunque, Il formato SWF permette di creare una presentazione interattiva o un libro scorrevole.

OPZIONI DI ESPORTAZIONE SWF

Di seguito si riportano le opzioni disponibili in fase di esportazione di un SWF: o Esporta serve a specificare se esportare la selezione corrente, tutte le pagine del documento o un intervallo di pagine;

128

Finestra di dialogo Esportazione SWF


Capitolo 17 ________________________________________________________________

o Genera file HTML genera una pagina HTML in cui si riproduce il file SWF, ed è utile per visualizzare un’anteprima del SWF nel browser Web; o Mostra SWF dopo l’esportazione riproduce il file SWF nel browser Web predefinito, ma funziona solo se viene generato un file HTML; o Dimensione (pixel) permette di specificare se il file SWF deve essere ridimensionato in base a un valore percentuale, adattato a una dimensione di schermo o ridimensionato in base ai valori specifici; o Sfondo definisce se lo sfondo del SWF deve essere trasparente o del colore Carta definito nel pannello Campioni; o Interattività e file multimediali selezionando Includi tutto i filmati, l’audio, i pulsanti e le animazioni saranno interattivi nel file SWF esportato. Selezionando Solo aspetto si include lo stato normale dei pulsanti e le animazioni vengono esportate così come appaiono nel layout al momento dell’esportazione; o Transizioni di pagina permette di definire una transizione di pagina da applicare a tutte le pagine; o Includi effetto angolo pagina interattivo consente agli utenti che riproducono il file SWF di trascinare un angolo della pagina per girare pagina, come si fa con un libro reale; o Frequenza fotogrammi permette di ottenere animazioni più fluide, aumentando la dimensione del file; o Testo indica il metodo di output usato per il testo di InDesign. Con Testo classico Flash si ottiene del testo in cui è possibile effettuare ricerche. Con Converti in contorni si riproduce il testo come una serie di linee. Scegliendo Converti in pixel si riproduce il testo come un’immagine bitmap; o Rasterizza pagine permette la conversione in bitmap di tutti gli elementi di pagina di InDesign; 129


I documenti interattivi ________________________________________________________________

o Converti trasparenza serve a rimuovere gli effetti di trasparenza dinamici dal file SWF; o Compressione impostata su Automatico consente che la migliore qualità per immagini a colori e in scala di grigio sia determinata da InDesign. Ciò produce buoni risultati nella maggior parte dei casi. JPEG è indicato per immagini in scala di grigi e a colori. L’opzione PNG permette di esportare il file senza applicare alcuna compressione con perdita di dati; o Qualità JPEG indica il grado di precisione dei dettagli nelle immagini esportate. Più alta è la qualità, maggiore sarà la dimensione del file; o Risoluzione definisce la risoluzione delle immagini bitmap nel file SWF esportato. Utilizzare alti valori di risoluzione implica l’aumento della dimensione del file.

DOCUMENTI PDF DINAMICI I PDF dinamici consentono la creazione di una presentazione interattiva che abbia pulsanti, filmati e clip audio, collegamenti ipertestuali, segnalibri e transizioni di pagina. Per creare documenti interattivi per PDF scegliere File > Esporta > Indicare nome e posizione > scegliere Adobe PDF (interattivo) > Salva > OK. È possibile esportare un documento Adobe PDF che abbia le seguenti funzioni interattive: o Segnalibri: che sono visualizzati nella scheda Segnalibri, a sinistra della finestra di Adobe Acrobat o Adobe Reader. Ciascun segnalibro permette di spostarsi su una pagina, un testo o un elemento grafico del file PDF esportato. o Filmati e clip audio Si possono aggiungere filmati e clip audio a un documento o inserire collegamenti a file video in streaming da riprodurre nel file PDF esportato. o I collegamenti ipertestuali, cliccandoci sopra, permettono di spostarsi su un’altra sezione dello stesso o di un altro documento o ad un sito Web. 130


Capitolo 17 ________________________________________________________________

o I rimandi permettono al lettore di spostarsi ad un’altra sezione del PDF esportato e sono utili soprattutto nelle guide utenti e nei manuali di riferimento, tali elementi si comportano come collegamenti ipertestuali interattivi. o Le transizioni di pagina producono un effetto decorativo, come dissolvenza o comparsa quando si cambia pagina in un documento.

Di seguito si riportano le principali voci presenti in fase di esportazione di un PDF interattivo: o Pagine permette di scegliere se esportare tutte le pagine del documento o un intervallo di pagine; o Visualizza dopo l’esportazione Apre il file PDF appena creato; o Incorpora miniature pagine genera una miniatura di anteprima per ogni pagina esportata o affiancata se è selezionata l’opzione Pagine affiancate; o Crea livelli Acrobat permette di salvare i livelli di InDesign come livelli Acrobat nel PDF. I livelli sono navigabili permettendo così agli utenti di generare più versioni del file da un unico PDF; o Crea PDF con tag genera automaticamente tag degli elementi presenti nel brano, come la formattazione di base del testo, gli elenchi e le tabelle; o Visualizza contiene Impostazioni per la visualizzazione iniziale del documento PDF; o Layout definisce il Layout iniziale del documento PDF all’apertura; o Presentazione: con Apri in modalità schermo intero si attiva la visualizzazione con lo scorrimento automatico delle pagine, da lì con Cambia pagina ogni si può specificare l’intervallo di tempo tra una pagina e quella successiva; o Transizioni di pagina serve a definire una transizione di pagina da applicare a tutte; 131


I documenti interattivi ________________________________________________________________

o Pulsanti e file multimediali: con Includi tutto i filmati, l’audio e i pulsanti diventano elementi interattivi nel file PDF esportato. Con l’opzione Solo aspetto si include lo stato normale dei pulsanti e i poster dei vide come elementi statici; o Compressione: scegliere JPEG per rimuovere i dati immagine. Con l’opzione Automatico si lascia che la migliore qualità per immagini a colori e in scala di grigio sia determinata da InDesign; o Qualità JPEG Indica il grado di precisione dei dettagli nelle immagini esportate; o Risoluzione: indica la risoluzione delle immagini bitmap nel file PDF esportato.

Per l’anteprima dei documenti interattivi selezionare Finestra > Interattività > Anteprima > Per visualizzare in anteprima gli effetti interattivi e di animazione, eseguire una delle seguenti operazioni: • Cliccare su pulsante Imposta modalità anteprima selezione per un’anteprima della selezione corrente. • Cliccare sul pulsante Imposta modalità anteprima pagina per un’anteprima della pagina o del set di pagine affiancate corrente. • Cliccare sul pulsante Imposta modalità anteprima documento per un’anteprima del documento corrente. • Cliccare su Riproduci l’anteprima per avviare l’anteprima. Per l’anteprima del documento in un browser Web selezionare Prova nel browser dal menù del pannello Anteprima > cliccare sugli elementi interattivi del documento per verificarne il funzionamento. Per modificare le impostazioni di anteprima scegliere Modifica impostazioni anteprima dal menù del pannello Anteprima.

132


Capitolo 17 ________________________________________________________________

SEGNALIBRI Un segnalibro è un collegamento con testo rappresentativo per la navigazione dei documenti esportati. Per creare un segnalibro eseguire da menù Finestra > Interattivo > Segnalibri; quindi cliccare sul segnalibro sotto cui inserire quello nuovo > indicare il punto per cui creare il segnalibro > cliccare su Crea nuovo segnalibro. Per gestire i segnalibri cliccare sul segnalibro e scegliere una delle voci presenti per rinominare, eliminare e disporre i segnalibri. COLLEGAMENTI IPERTESTUALI Si possono creare collegamenti ipertestuali per consentire all’utente che apre il documento di cliccare su un collegamento per spostarsi al suo interno, in altri documenti o in siti Web. Per aprire il pannello Collegamenti ipertestuali scegliere il menù Finestra > Interattività > Collegamenti ipertestuali. Per ordinare i collegamenti ipertestuali nel pannello Collegamenti ipertestuali selezionare Ordina nel menù del pannello Collegamenti ipertestuali e scegliere una o più delle seguenti opzioni: o Manualmente: li visualizza così come aggiunti al documento; o Per nome: li visualizza in ordine alfabetico; o Per tipo: li visualizza in gruppi in base al tipo di collegamento. Per creare collegamenti ipertestuali selezionare il testo, la cornice o l’elemento grafico che deve fungere da sorgente per il collegamento ipertestuale, poi nel pannello Collegamenti ipertestuali, utilizzate uno dei seguenti metodi: • Nella casella di testo URL: digitare o incollare il nome dell’URL > Nuovo collegamento ipertestuale > Scegliere URL dal menù Collega a > OK. • Dal menù del pannello Collegamenti ipertestuali scegliere 133


I documenti interattivi ________________________________________________________________

Nuovo collegamento Collega a > OK.

ipertestuale

>

URL

dal

menù

Note: Creando un collegamento ipertestuale a una pagina o un ancoraggio di testo in un altro documento, accertarsi che i file esportati si trovino nella stessa cartella. Per creare un collegamento ipertestuale verso un file esistente selezionare l’elemento di partenza > Nuovo collegamento ipertestuale o cliccare sul pulsante Crea nuovo collegamento ipertestuale > Collega a > selezionare Destinazione collegamento ipertestuale condivisa > definire l’aspetto della sorgente > OK.

GLI ANCORAGGI DI TESTO È possibile creare un collegamento ipertestuale o un rimando a un punto specifico di un testo tramite un ancoraggio di testo. Per creare un ancoraggio di testo cliccare nel testo o selezionare la porzione di testo da usare come ancoraggio > Scegliere Nuova destinazione collegamento ipertestuale > Scegliere Ancoraggio testo dal menù Tipo > Specificare un nome. Creare un collegamento ipertestuale a un ancoraggio di testo nel seguente modo: scegliere Nuovo collegamento ipertestuale o cliccare sul pulsante Crea nuovo collegamento ipertestuale > scegliere Ancoraggio testo dal menù Collega a > selezionare il documento contenente la destinazione > scegliere la destinazione di ancoraggio di testo creata > definire le opzioni grafiche > OK. Opzioni di aspetto per i collegamenti ipertestuali Le opzioni di aspetto definiscono l’aspetto del collegamento ipertestuale o della sorgente nel file PDF o SWF esportato, si possono definire mediante Visualizza > Extra > Mostra collegamenti ipertestuali. Di seguito si riportano alcune voci delle opzioni legate all’aspetto per i collegamenti ipertestuali: o Stile di carattere definisce lo stile del carattere. o Tipo per scegliere tra Rettangolo visibile e Rettangolo invisibile. o Evidenzia determina l’aspetto del collegamento ipertestuale al clic su di esso. 134


Capitolo 17 ________________________________________________________________

o Colore per scegliere il colore da applicare al rettangolo visibile del collegamento ipertestuale. o Larghezza determina lo spessore del rettangolo del collegamento ipertestuale. o Stile determina l’aspetto del rettangolo del collegamento ipertestuale.

Per gestire i collegamenti ipertestuali usare il pannello Collegamenti ipertestuali attivabile dal menù Finestra > Interattività. RIMANDI Quando si scrive un manuale o un documento di riferimento, è opportuno inserire dei rimandi per consentire al lettore di passare a sezioni correlate. Di seguito un esempio di rimando: “Per approfondire, consultare “Cibi sani” a pagina 29”. Per inserire i rimandi usare il pannello Collegamenti ipertestuali. Posizionare il cursore nel punto in cui desiderate inserire il rimando ed effettuare una delle seguenti operazioni: o Scegliere Testo > Collegamenti ipertestuali e rimandi > Inserisci rimando. o Scegliere Finestra > Testo e tabelle > Rimandi > Inserisci rimando dal pannello Collegamenti ipertestuali. o Cliccare sul pulsante Crea nuovo rimando. o Dal menù “Collega a” scegliere Paragrafo o Ancoraggio testo > impostare le proprietà desiderate > Specificare l’aspetto > OK. Nota: per visualizzare gli indicatori degli ancoraggi scegliere Testo > Mostra caratteri nascosti.

FILMATI E SUONI Per aggiungere filmati e file audio ai documenti scegliere File > Inserisci ed eseguire un doppio clic sul filmato o sul file audio. 135


I documenti interattivi ________________________________________________________________

Attivare il pannello File multimediali per visualizzare in anteprima i file multimediali e modificarne le impostazioni. Per inserire un file video da un URL selezionare una cornice vuota o un video da sostituire > scegliere Video da URL > specificare l’URL > OK.

ANIMAZIONI Per animare il contenuto di un documento inserire nel documento l’oggetto da animare > Nel menù del pannello Animazione scegliere un predefinito di movimento > Specificare le opzioni. Per modificare il tracciato di movimento usare gli strumenti penna e selezione diretta. Invece, utilizzare il pannello Tempo per stabilire l’ordine degli effetti di animazione e il pannello Anteprima per visualizzare l’animazione in InDesign. TRANSIZIONI DI PAGINA Le transizioni di pagina producono un effetto decorativo, come dissolvenza o comparsa, al cambiamento di una pagina. Per applicare le transizioni di pagina selezionare le pagine a cui si desidera applicarla > Scegliete una transizione dall’apposito pannello.

PULSANTI Per creare i pulsanti utilizzare lo strumento penna o uno strumento disegno. Con lo strumento selezione selezionare l’immagine, la forma o la cornice di testo da convertire e cliccare sull’icona Converti oggetto in pulsante nel pannello Pulsanti. A questo punto scegliere Oggetto > Interattività > Converti in pulsante > impostare le proprietà desiderate. Con il pannello Anteprima verificare il funzionamento del pulsante prima dell’esportazione.

136


Capitolo 18 XML In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la creazione di una struttura XML per facilitare la gestione del proprio impaginato con applicativi diversi da InDesign.


La stampa dei documenti

__________________________________________

IL LINGUAGGIO XML Utilizzando XML (Extensible Markup Language) è possibile riadattare i dati in un file. È inoltre possibile automatizzare il processo di sostituzione dei dati di un file con quelli di un altro file. XML adopera i tag che contrassegnano i dati in modo da poter essere salvati in un file XML e gestiti in modo appropriato quando esportati. I tag XML catalogano i contenuti per permettere alle applicazioni di riconoscere e presentare i dati. L’XML è considerato un linguaggio estensibile poiché permette di creare i propri tag XML. UTILIZZO DI XML Dopo aver applicato i tag è possibile salvare ed esportare il file come XML, per poterlo riutilizzare in InDesign o in un’altra applicazione e viceversa.

Gestione dei Predefiniti Adobe PDF

138


Capitolo 19

Nello schema Struttura XML si può visualizzare la gerarchia e la sequenza degli elementi. In una struttura XML gli elementi principali contengono gli elementi subordinati.

STRUMENTI XML InDesign dispone del riquadro Struttura e del pannello Tag per lavorare con i contenuti XML. Nel riquadro Struttura si visualizzano tutti gli elementi disposti in base alla loro struttura gerarchica, identificabili mediante un’icona che indica il tipo di contenuto e le prime parole del testo di un elemento, cioè uno snippet di testo. Nel riquadro Struttura è possibile visualizzare, modificare, aggiungere e gestire gli elementi XML ad esempio trascinandoli. Invece, il pannello Tag elenca i tag presenti e ne consente la gestione. I FILE DTD Per condividere i dati XML con altri utenti, bisogna concordare un set standard di nomi di tag e attributi di elementi, così che tutti usino e applichino i tag alla stessa maniera. Attraverso dei file DTD (Document Type Definition) è possibile cercare e contrassegnare gli errori di struttura in un file di InDesign; questo processo che è definito convalida.

IMPORTARE I DATI XML Pannello Struttura Dopo l’importazione i dati XML vengono visualizzati come elementi del riquadro Struttura. Si possono importare i dati XML con uno dei due metodi disponibili: o Aggiunta: lascia invariati i nuovi contenuti XML; o Unione: confronta la nuova struttura XML con quella già presente nel documento. Se gli elementi corrispondono, i 139


La stampa dei documenti

__________________________________________

dati importati sostituiscono quelli esistenti. Gli elementi senza un nome e un grado gerarchico equivalente vengono collocati nel riquadro Struttura, così da poter essere inseriti manualmente.

IMPORTARE E AGGIUNGERE I DATI XML Importando contenuti XML, i nuovi elementi vengono visualizzati nel riquadro Struttura, da dove è possibile trascinare gli elementi per inserirli nel documento. Aprire un documento InDesign o crearne uno nuovo > Aprire il riquadro Struttura > File > Importa XML > selezionare il file > Selezionare Mostra opzioni di importazione XML > Aggiungi contenuto > Apri. Collegare i contenuti XML al file originale con Crea collegamento. DISPORRE MANUALMENTE I CONTENUTI XML I contenuti XML si possono inserire nel layout del documento trascinando gli elementi dal riquadro Struttura alla pagina o alle cornici esistenti. Gli elementi non inseriti vengono associati all’icona di elemento non inserito. Aprire il riquadro Struttura e selezionare l’elemento da collocare > Eseguire una delle seguenti operazioGestione del contenuto XML ni per ciascun elemento da inserire tramite il menù del pannello Struttura nel documento: • Trascinare l’elemento sulla pagina. • Trascinare l’elemento su una cornice esistente.

Per formattare gli elementi procedere come segue: o Mappare i tag a stili di paragrafo, carattere, tabella e cella;

140


Capitolo 19

o Applicare gli stili agli elementi; o Formattare il contenuto scegliendo le opzioni di testo nel pannello Controllo.

MAPPARE I TAG XML SUGLI STILI I tag XML sono semplici descrizioni di dati senza informazioni di formattazione, per questo bisogna formattare i contenuti XML dopo inseriti. Tale operazione consiste nel mappare i tag XML sugli stili di paragrafo, carattere, tabella o cella, ciò rende più semplice e veloce la formattazione dei contenuti XML. Per applicare la formattazione, procedere come segue: scegliere Mappa tag su stili dal menù del pannello Tag o del riquadro Struttura ed eseguire una delle seguenti operazioni: • Importare stili, tag e definizioni di mappatura da un altro documento cliccando su Carica e scegliendo il documento da aprire; • Mappare i tag sugli stili uno a uno cliccando sulla colonna Stile adiacente a un tag e scegliendo uno stile di paragrafo o di carattere dal menù a comparsa; • Mappare in automatico i tag sugli Il pannello Tag visualizza un elenco stili che hanno gli stessi nomi, clicdi tutti i tag disponibili. cando su Mappa per nome. Se un nome di stile è presente in due gruppi, il comando Mappa per nome non funziona ed è necessario rinominare uno dei due stili. IL LAYOUT AUTOMATICO Con InDesign è possibile inserire automaticamente i contenuti XML importati in un layout. In questo caso bisogna prima creare cornici o tabelle segnaposto, a cui assegnare tag con gli stessi nomi degli elementi XML da inserire al loro interno. Quindi, importare i contenuti XML attraverso il metodo Unione. 141


La stampa dei documenti

__________________________________________

Per creare i segnaposto per il layout automatico Creare cornici o tabelle segnaposto affinché InDesign unisca automaticamente il file XML importato nel layout.

APPLICAZIONE DI TAG AI DOCUMENTI PER IL FORMATO XML Per creare un tag XML: aprire il pannello Tag > scegliere Nuovo tag > Digitare un nome > Selezionare un colore per il tag > Ok. Per assegnare tag agli elementi prima di esportare il contenuto in un file XML, applicare i tag al testo e agli altri elementi e assegnargli un nome. Tali elementi appariranno come nel riquadro Struttura. Creare (o caricare) i tag per identificare ciascun elemento da esportare o importare, quindi applicare i tag mediante una delle seguenti tecniche: • Applicazione manuale dei tag: selezionare una cornice o un testo > cliccare su un tag o trascinare un tag dal pannello Tag a una cornice di testo o grafica. • Applicazione automatica dei tag: selezionare un elemento > cliccare sull’icona Tag automatico nel pannello Tag. • Mappatura dei tag sugli stili: consiste nell’associare i tag agli stili di paragrafo, carattere, tabella o cella, per poi applicarli automaticamente agli elementi. • Per applicare tag al testo nelle tabelle creare un elemento tabella e un elemento cella per ciascuna cella della tabella. Eseguire l’operazione agendo come segue: cliccare nella tabella e selezionarla, quindi selezionare un tag per la tabella dal pannello. • I marcatori tag sono parentesi quadre presenti intorno al testo con tag. Visualizzare i marcatori tag per verificare la posizione di titoli. • Le cornici con tag indicano la posizione di alcuni elementi con tag. Per visualizzare le cornici con tag a colori selezionare Visualizza > Struttura > Mostra cornici con tag. Per nascondere il colore delle cornici con tag selezionare Visualizza > Struttura > Nascondi cornici con tag. 142


Capitolo 19

Per visualizzare parentesi colorate attorno al testo con tag selezionare Visualizza > Struttura > Mostra marcatori tag. Per nascondere le parentesi colorate attorno al testo con tag selezionare Visualizza > Struttura > Nascondi marcatori tag. Per eliminare un dal pannello Tag trascinarlo sull’icona Elimina tag in fondo al pannello >OK.

STRUTTURARE DOCUMENTI PER XML Per visualizzare tutti gli elementi a cui sono associati i tag XML usare il riquadro Struttura. Ogni elemento ha un’icona che rivela il tipo e il nome del tag associato. Di seguito si riportano i simboli che permettono di fornire diverse informazioni: • Rombo blu per indicare che l’elemento è collegato a qualcosa nella pagina. • Sottolineato indica che il componente è s e l e z i o n a t o nella pagina a cui è collegato. • Frammento di testo corrisponde ai primi 32 caratteri del testo con tag, chiamati frammento di testo e permettono di identificare il componente della pagina a cui corrisponde l’elemento. • Punti e attributi forniscono i metadati relativi ad un elemento mediante la visualizzazione di un punto nero.

UTILIZZO DEGLI ATTRIBUTI Un attributo dà informazioni aggiuntive su un elemento XML, mediante un nome e un valore; vanno inclusi agli elementi per favorire i file e le applicazioni che dovranno utilizzare i file XML creati con InDesign. Applicando un tag ad un’immagine si crea automaticamente un attributo href, che definisce la posizione sul disco del file immagine e permette agli altri file e applicazioni di individuare l’immagine e visualizzarla. Per aggiungere un attributo selezionare un elemento > Aggiungere un attributo dal riquadro struttura o dal menù di scelta rapida > Aggiungi attributo > OK. 143


La stampa dei documenti

__________________________________________

Per la gestione degli attributi scegliere Mostra o Nascondi attributi dal menù del riquadro Struttura. Modificare gli attributi href dal riquadro Struttura con un doppio clic sull’attributo href, quindi in Valore, digitare il nuovo percorso dell’immagine. Aggiungere commenti e istruzioni di elaborazione in un file XML, aiutando gli altri utenti a comprendere la struttura e i tag XML usati mediante il riquadro Struttura dove possono essere spostati, modificati ed eliminati. Per aggiungere un commento selezionare l’elemento > Nuovo commento > Digitare il commento. Usare i file DTD per convalidare il codice XML Per caricare un file DTD utilizzare il menù del pannello Struttura o Carica DTD dal menù del pannello Tag > Selezionare il file DTD da importare > Apri. Per eliminare la copia di un file DTD presente in un documento Scegliere Elimina DTD dal menù del riquadro Struttura. ESPORTAZIONE XML Per esportare il contenuto di un documento in XML eseguire File > Esporta > Salva come XML > Salva > scegliere una delle seguenti opzioni: • Includi dichiarazione DTD: esporta il riferimento al DTD insieme al file XML; • Mostra XML con: apre il file esportato in un browser; • Esporta da elemento selezionato: avvia l’esportazione dell’elemento selezionato; • Esporta tabelle senza tag come CALS XML: esporta le tabelle senza tag in formato XML CALS.

144


Capitolo 19

CAPITOLO 19 LA STAMPA DEI DOCUMENTI In questo capitolo verrà tratto l’argomento che riguarda la stampa del proprio impaginato e la definizione delle opportune proprietà in base al tipo di output che si vuole raggiugere.

145


La stampa dei documenti

__________________________________________

LA STAMPA L’apprendimento di alcuni principi fondamentali semplificherà l’approccio alla stampa dei documenti. La stampa può avvenire inviando i file ad una periferica di stampa per la Stampa su carta o su una macchina per la stampa digitale. Di seguito alcune specifiche tecniche: • Tipi di immagini Le immagini più semplici, come il testo, usano un solo colore e un livello di grigio. Un’immagine con diverse tonalità di colore, è definita immagine a tono continuo. • Mezzetinte servono a creare l’effetto del tono continuo scomponendo le immagini in una serie di punti, in un processo chiamato retinatura mezzetinte. • Dettagli I dettagli di un’immagine nascono dalla combinazione di risoluzione e frequenza di retino. Più alta è la risoluzione di una periferica di output, più alta sarà la frequenza di retino da poter essere usata. • Stampa fronte/retro è una funzione disponibile cliccando sul pulsante relativo alla stampante nella finestra di dialogo Stampa, se supportata dalla stampante. • Oggetti trasparenti: le aree trasparenti sara nno convertite in base alle impostazioni del Finestra di dialogo Stampa predefinito di conversione trasparenza scelto. • Il file PPD (PostScript Printer Description) permette di personalizzare il funzionamento del driver della stampante PostScript in uso.

146


Capitolo 19

STAMPARE UN DOCUMENTO O LIBRO Per stampare un documento o un libro scegliere File > Stampa > Indicare la stampante > Scegliere il predefinito di stampa o personalizzarlo.

OPZIONI DI STAMPA DI UN DOCUMENTO Di seguito si riportano alcune opzioni relative alla stampa di un documento: o Intervallo: specifica l’intervallo di pagine del documento da stampare, scrivendo i numeri separati da un trattino o con virgole o spazi per separare più pagine o intervalli. o Sequenza: permette di scegliere tra tutte le pagine da stampare o Solo pagine pari o Solo pagine dispari. o Pagine affiancate Stampa le pagine affiancate sullo stesso foglio. o Stampa pagine mastro Stampa solo tutte le pagine mastro.

OPZIONI PER LA STAMPA DI OGGETTI Nella finestra di dialogo Stampa nell’area Generali è possibile notare la presenza di alcune opzioni per la stampa di elementi visibili solo sullo schermo come griglie e guide. Le opzioni disponibili sono: o Stampa livelli: permette di indicare i livelli da stampare. o Stampa oggetti non stampabili: stampa tutti gli oggetti. o Stampa pagine vuote: stampa anche le pagine che non contengono testo né oggetti. o Stampa guide visibili e griglie linee di base: stampa le guide e le griglie visibili con lo stesso colore del documento. o Stampare su stampanti non PostScript per stampare un documento su stampanti non PostScript. o Stampare come bitmap stampando con una stampante non PostScript, si può scegliere di rasterizzare tutta la gra147


La stampa dei documenti

__________________________________________

fica durante la stampa. Eseguire File > Stampa > Avanzate > Stampa come bitmap > Specificare una risoluzione. Per l’anteprima dei documenti eseguire: File > Stampa > anteprima, che include tre viste: o Standard: che mostra la relazione tra pagina del documento e supporto di stampa; o Testo: elenca i valori per alcune impostazioni di stampa; o Pagina personalizzata/Foglio ritagliato: mostra gli effetti di varie impostazioni di stampa in base al formato della pagina.

I PREDEFINITI DI STAMPA È possibile automatizzare i processi di stampa salvando tutte le impostazioni di output come predefiniti di stampa, in modo da velocizzare la stampa. I predefiniti di stampa possono anche essere esportati e caricati. Per usare predefiniti di stampa scegliete tra le due possibilità di seguito indicate: o File > Stampa > Salva predefinito > OK. o File > Predefiniti di stampa > Nuovo. Per applicare predefiniti di stampa scegliere menù File > Stampa. Per gestire un predefinito di stampa scegliere File > Predefiniti di stampa > Definisci. SEGNI DI STAMPA E PAGINE AL VIVO Risulta molto importante specificare i segni di stampa per preparare un documento alla stampa. La selezione dei segni di pagina implica l’aumento delle dimensioni di pagina per l’inserimento dei segni di stampa, della pagina al vivo (la smarginatura del testo o degli oggetti oltre il bordo della pagina per prevenire eventuali imprecisioni durante il rifilo) o dell’area indicazioni (l’area oltre la pagina e la pagina al vivo in cui è possibile stampare istruzioni di stampa o informazioni di produzione).

148


Capitolo 19

Per applicare i segni di stampa scegliere File > Stampa > Cliccare su Indicatori e pagine al vivo > Selezionare Tutti i segni di stampa o i singoli segni. STAMPA DI MINIATURE E DOCUMENTI DI GRANDI DIMENSIONI Per avere un’anteprima delle pagine è possibile creare delle miniature. Nella finestra di dialogo Stampa, nella sezione Configurazione, attivare la voce Miniature e scegliere il numero di miniature per pagina.

DIVIDERE UN DOCUMENTO IN PORZIONI Stampando un documento di grandi dimensioni, esso viene diviso in uno o più rettangoli o porzioni. È possibile impostare la divisione automatica in porzioni o specificarne direttamente le dimensioni. La divisione manuale permette di impostare il punto di origine dell’angolo superiore sinistro della porzione e la posizione della pagina sulla carta. Per dividere automaticamente un documento in porzioni scegliere File > Stampa > Affianca e sceAnteprima documento gliere uno dei seguenti comandi dal con indicatori di stampa attivi menù Porzione: o Auto: calcola automaticamente il numero di porzioni necessarie; o Giustificazione automatica: aumenta la sovrapposizione così che i lati destri delle porzioni più a destra siano allineati con il lato destro del documento e i lati inferiori delle porzioni inferiori al lato inferiore della pagina del documento. 149


La stampa dei documenti

__________________________________________

Per dividere manualmente un documento in porzioni procedere come indicato: Trascinare l’intersezione dei righelli per reimpostare il punto zero sull’angolo superiore sinistro della porzione da stampare > Scegliere File > Stampa > Imposta > Affianca > Manuale. STAMPA DI GRAFICA E FONT

OPZIONI PER STAMPARE LA GRAFICA

Per impostare l’output della grafica, scegliere nell’area Grafica della finestra di dialogo Stampa, tra le seguenti opzioni: o Invia dati: definisce la quantità di dati immagine delle bitmap importate da inviare alla stampante o al file; o Tutti: invia i dati alla più alta risoluzione; o Subsampling ottimizzato: invia dati sufficienti per stampare la grafica con la risoluzione migliore per la periferica di output. OPZIONI PER LO SCARICAMENTO DEI FONT ALLA STAMPANTE

I font residenti nella stampante sono registrati nella memoria della stampante o in un’unità disco rigido connessa alla stampante. In InDesign i font installati nel disco rigido del computer vengono scaricati se necessario. Impostare la modalità di scaricamento dei font alla stampante scegliendo tra le seguenti opzioni nell’area Grafica della finestra Stampa: o Nessuno: comprende un riferimento al font nel file PostScript, che indica al RIP o al post-elaboratore dove includere il font; o Completo: scarica tutti i font necessari; o Sottoinsieme: scarica solo i caratteri (glifi) usati nel documento; o Scarica font PPD: scarica tutti i font usati nel documento. OPZIONI DI STAMPA POSTSCRIPT

Per specificare la modalità di invio dei dati PostScript alla stampante, scegliere tra:

150


Capitolo 19

o PostScript: definisce il livello di compatibilità con gli interpreti di periferiche di output PostScript; o Formato dati: definisce la modalità di invio dei dati dal computer alla stampante.

I PUNTI MEZZATINTA E I PUNTI STAMPANTE Tenere in considerazione quanto di seguito indicato nel caso in cui durante le impostazioni di stampa si trovino davanti le opzioni legate ai punti mezzatinta. Infatti, la maggioranza delle stampanti realizza il grigio tramite punti mezzatinta disposti a griglia. Ogni punto mezzatinta è formato da punti stampante. Più la cella mezzatinta viene riempita da punti stampante, più il punto mezzatinta si ingrandisce e produce un grigio più scuro. VERIFICA PRELIMINARE DEI FILE PRIMA DELLA CONSEGNA Attraverso il pannello Verifica preliminare è possibile, Prima di stampare un documento, verificarne la qualità ed eventuali problemi che impediscono la stampa attraverso la visualizzazione di un’icona rossa circolare. Si possono configurare le impostazioni di verifica preliminare per definire le condizioni da rilevare, anche creando profili di verifica preliminare personalizzati o importarne alcuni generati dal vostro stampatore. Percorso di visualizzazione per Per attivare il pannello Verifica l’attivazione del pannello Preliminare scegliere il menù Finestra > Verifica preliminare Output oppure doppio clic nella barra di stato. Attraverso il menù del pannello è possibile scegliere tra: • Definisci profili; • Opzioni verifica preliminare; • Salva resoconto;

151


La stampa dei documenti

__________________________________________

• Limita numero di righe per errore; • Attiva verifica preliminare per tutti i documenti.

Usare ogni singola voce per impostare le proprietà desiderate.

Opzioni del pannello Verifica preliminare

PACCHETTI DI FILE Tramite i pacchetti file si possono raccogliere i file usati, inclusi i font e la grafica collegata, in un’unica cartella e consegnarla al service di stampa. Per creare un pacchetto di file per la stampa scegliere il menù File > Pacchetto e Selezionare le opzioni desiderate.

STAMPA DI OPUSCOLI Attraverso le istruzioni di seguito indicate è possibile scegliere l’imposizione di un documento per la stampa a libretto. L’uso della funzione Stampa opuscolo permette di creare fogli di stampa per la stampa professionale. Il processo di creazione dei fogli di stampa viene detto imposizione. Durante l’imposizione delle pagine è possibile scegliere le proprietà desiderate. Per creare un opuscolo scegliere File > Stampa opuscolo > Indicare il predefinito di stampa > Definire le impostazioni di stampa > specificare le altre opzioni di configurazione > Stampa.

152


Capitolo 19

Finestra di dialogo Stampa opuscolo

TRA QUALI TIPI DI OPUSCOLO SCEGLIERE?

Si può scegliere tra tre tipi di imposizione: 2 ante cucito, 2 ante rifilato e Pieghevole. • 2 ante cucito: crea fogli di due pagine l’una accanto all’altra. Questi fogli di stampa permettono su entrambi i lati la rilegatura, la piegatura e la pinzatura. InDesign aggiunge le pagine vuote necessarie alla fine del documento finito. • 2 ante rifilato: crea fogli di stampa di due pagine l’una accanto all’altra. Si dispongono alla stampa su entrambi i lati, al taglio e alla rilegatura con una copertina con colla sul dorso e aggiunge le pagine vuote necessarie alla fine del documento. • Pieghevole: crea un pannello di due, tre o quattro pagine adatto a un opuscolo o una brochure pieghevole.

LO SLITTAMENTO Lo slittamento è la distanza progressiva delle pagine dal dorso di rilegatura, dovuta allo spessore della carta e alla piegatura nei documenti cuciti e rifilati. Il termine foglio rappresenta due fogli di stampa: il fronte e il retro. L’incremento dello slittamento si calcola dividendo il valore di slittamento specificato per il numero totale di fogli meno uno. Se il valore di slittamento è di 24 punti, l’incremento dello slittamento sarà di 8 punti per foglio (24 diviso 3). Lo slittamento applicato al foglio interno è di 24 punti, quello applicato al terzo foglio è di 153


La stampa dei documenti

__________________________________________

16 punti e quello applicato al secondo è di 8 punti. Nessuno slittamento viene applicato al primo foglio esterno. Quindi ciascuna pagina sul foglio interno viene spostata di 12 punti (metà di 24 punti) rispetto al dorso, tutte le pagine sul terzo foglio saranno spostate di 8 punti (metà del valore di 16 punti) rispetto al dorso e ogni pagina sul secondo foglio viene spostata di 4 punti (metà del valore di 8 punti) rispetto al dorso.

154

Adobe Indesign  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you