Page 1

L ’ osservatore laziale QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

Lunedì 7 Ottobre 2013

Direttore Responsabile: Chiara Rai - Editore: IG Servizi Srl - Sede legale: Roma, via C. Colombo, 440 - Tel. 3457934445 - Fax. 02700505039 - Email: info@osservatorelaziale.it

Anno II Numero 148

ROMA, GRAVE INCIDENTE: TRENO CONTRO TRENO, PASSEGGERI FERITI a pagina 3

BARE SULLA COSCIENZA STAMINA, DISINFORMAZIONE E BOICOTTAGGIO

Possibile che un ospedale pubblico italiano non abbia fatto alcuna valutazione sul prodotto cellulare che si iniettava ai pazienti? L’editoriale

di Davide Vannoni

CIAO CAV, HAI FATTO IL TUO

Cari amici, in questi giorni vengono rispolverate da alcuni giornalisti di riviste di 'approfondimento' le rilevanze mosse agli Spedali Civili di Brescia dai Nas con due consulenti Aifa della procura di Torino. Rapporto che fu succesivamente seguito da una visita ispettiva sempre dei Nas con Aifa (stessi due consulenti), Ministero, Centro Nazionale Trapianti, Regione Lom bardia, Asl di Brescia. Mi rendo conto che cercare di sbrogliare una matassa così complicata sia difficle e che sostanzialmente i giornalisti debbano appoggiarsi alle fonti ufficiali, presupponendo che il loro operato sia scevro da errori, ma soprattutto da posizioni faziose e di parte. Ciò che mi stupisce è il come sia stata creata una disinformazione sistematica e volutamente a senso unico solo per difendere posizioni economiche ed editoriali di parte e ovviamente solo antistamina. Leggendo questi documenti (che qualcuno ha confuso con il giudizio del comitato di medici voluto dal ministro Lorenzin), emerge un quadro drammatico e preoccupante. Possibile che un ospedale pubblico italiano non abbia fatto alcuna valutazione sul prodotto cellulare che si iniettava ai pazienti? Possibile che non venisse valutata la presenza di infezioni come l'Hiv o l'epatite virale in donatori, con il rischio di infettare i pazienti? Se così fosse l'ospedale di Brescia andrebbe chiuso immediatamente in quanto il suo comportamento sarebbe più simile a quello di un lager che non a quello di un ospedale.

TEMPO

di Chiara Rai

I l direttore della fotografia di “Gra

vity” ha fatto un ottimo lavoro. Una Sandra Bullock e George Clooney straordinari per un film che è adatto solo per gli adulti. Gli adolescenti e i bambini stentano a capire un messaggio troppo pro fondo anche per noi “grandi”. Il messaggio è la capacità di chiudere la porta del passato e dei rancori, perdonare se stessi per fatti che sarebbero accaduti a prescindere dalla nostra volontà e voltare pagina scegliendo, finalmente, di vivere fino in fondo la propria vita. Fino alla fine: o si vive o si muore ma con la consapevolezza di non aver gettato la spugna senza averle pro vate tutte. Non è proprio lo stesso messaggio lanciato dal premier Letta ma ci si av vicina. Il capitolo Berlusconi è chiuso. ''Si e' chiusa una stagione politica di vent'anni. Si e' chiusa in modo politico con un confronto molto forte. Berlusconi ha cercato di far cadere il governo e non ci e' riuscito perché il Parlamento, in sintonia con il Paese, ha voluto che si continuasse. Ho preso un rischio perché non ho accettato mediazioni''.

Continua a pagina 2

Continua a pagina 2

CALCIO, MARINO: “SCELTA PREFETTO RISPONDE ESIGENZE CITTA’”

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

“Ringrazio il Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro per aver suggerito di anticipare la partita Roma – Napoli a venerdì 18 ottobre alle ore 20.45. La sua scelta risponde alle esigenze dei cittadini, dei tifosi e soprattutto a quelle della sicurezza e della qualità della vita nella nostra città che tra venerdì 18 e sabato 19 dovrà ge stire tre difficili impegni. Mi auguro che la partita di calcio, la manifestazione dei Cobas e quella dei No Tav si svolgano pacificamente e che le migliaia di persone che vi prenderanno parte sappiano dimostrare attenzione e rispetto nei confronti di Roma e dei suoi cittadini”. Lo afferma in una nota il sindaco di Roma, Ignazio Marino.

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE


pag. 2

www.osservatorelaziale.it

PRIMO PIANO

dalla prima l’editoriale di Chiara Rai Senza mediazioni, senza compromessi, Letta ha scelto di catapultarsi subito nel futuro: o lui o la caduta del Governo. E quello che è successo ormai è già storia. Inutile arrabbiarsi e male sarebbe rinnegare un passato memorabile che parla di un grande imprenditore e della sua

ascesa contemporanea allo sprofonda mento nella crisi di noi italiani. Qualora sentissimo la mancanza, possiamo vedere di rimediare qualche invito per partecipare ai bunga bunga del Cav, ma dovremmo lasciare fuori la porta la nostra dignità.

ROCCA DI PAPA, LARVE A MENSA. ASSOTUTELA: “LA ASL CONTROLLI DI PIÙ”

“Ė preoccupante quanto avvenuto nella mensa scolastica di Rocca di Papa: nei pasti dei bambini sono state trovate larve di coleotteri, come confermato dalle analisi rese note pochi giorni fa”. Commenta così la notizia il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato. “Da parte delle autorità, Asl in testa, si tende a sminuire – continua il presidente – ma viene spontaneo un interrogativo. Cosa fanno i dipartimenti di prevenzione delle Asl? In questo caso, perché i servizi ispettivi di alimenti e nutrizione della Roma H non si attivano con indagini a campione nelle mense di comunità? Proprio nelle ultime settimane – precisa Maritato – i genitori si erano mobilitati contro

il caro mensa, oltre al danno anche la beffa quindi. Ma ciò che stupisce è l’assoluta assenza di prevenzione. Sebbene questo capitolo di bilancio sia piuttosto scarno, gli uffici dei dipartimenti di prevenzione pullulano di ispettori di igiene e di dipendenti che potrebbero essere meglio impiegati nei ser vizi sul territorio. Ci chiediamo poi – continua il presidente – che fine ha fatto il medico scolastico, prezioso presidio sanitario, particolarmente utile in un momento in cui, vuoi per i ticket elevati, vuoi per le file e le attese interminabili, sempre meno cittadini del Lazio accedono alle cure nelle strutture pubbliche”.

ROMA, SCUOLA. GIUDICI: DISCRIMINAZIONE

DISABILI E' FATTO INTOLLERABILE

Alla De Andrè Luca mangia in classe, ma non è il primo, né l'ultimo.

Convocata seduta straordinaria.

"La discriminazione dei disabili nelle scuole dovuta alla presenza di barriere architettoniche è un fatto che dovrebbe far riflettere tutta l'amministrazione, il sindaco Marino, l'assessore Cattoi e il presidente del Municipio Maltese, su quali sono le priorità di questa città e dei nostri quar tieri. Non esiste una discriminazione peggiore di quella inferta ai ragazzi e ai bambini disabili. Il caso di Luca, un ragazzo che frequenta la scuola media De Andrè di via Fabiola ed è costretto a mangiare in classe o ad essere trasportato in braccio per l'assenza di uno scivolo o di un montascale

RIETI:

ha dell'incredibile, perché nel 2013 uno studente in carrozzella non può essere emarginato dalle istituzioni, ancor più se consideriamo che non sarà né il primo, né l'ultimo. Non è un fatto di destra o di sinistra, ma di buon senso e di rispetto verso la nostra società. Ho già convocato per giovedì una seduta della commissione trasparenza sulla situazione delle scuole. Andremo fino in fondo così come abbiamo fatto per i disservizi dei trasporti per i bambini disabili". Lo dichiara in una nota Marco Giudici, consigliere e presidente della Commissione Trasparenza del Municipio XII.

INIZIO CAMPAGNA INFORMATIVA

RICREATE LA CITTÀ CHE RICICLA

Da oggi per tutti i giorni feriali dalle 15 e 30 alle 19 il punto informativo allestito in Largo d'Iseo di fronte la Chiesa di San Francesco a Piazza Tevere a disposizione della popolazione per fornire informazioni e chiarimenti”. Nonostante il clima nettamente autunnale, i volontari, sabato 5 ottobre hanno iniziato a distribuire il materiale informativo relativo alla campagna d'informazione per l'ampliamento della Raccolta Differenziata Porta a Porta nei quartieri di Piazza Tevere e Regina Pacis. Sono state appese locandine in tutte le attività commerciali del quartiere Piazza Tevere che sarà oggetto dell'ampliamento della differenziata domiciliare e contestualmente la diffusione delle prime nozioni a riguardo. I commenti dei cittadini sono stati tutti

entusiasti e beneauguranti, abbiamo sfatato da subito alcuni miti riguardo la differenziata quali quello: 'tanto poi mettono tutto insieme' e soprattutto rassicurato che i cassonetti che verranno distribuiti a breve sono gratuiti. “Il primo passo è fatto ci rivedremo da Lunedì in poi - dichiarano - per tutti i giorni feriali dalle 15 e 30 alle 19 nel punto informativo allestito in Largo d'Iseo di fronte la Chiesa di San Francesco a Piazza Tevere a disposizione della popolazione per fornire informazioni e chiarimenti”.

dalla prima "BARE SULLA COSCIENZA" di Davide Vannoni In realtà, come potete immaginare tutte queste sono menzogne ed il fatto che escano da ispettori istituzionali merita una altrettanto severa reazione (stamina e l'ospedale sono in possesso di tutte le analisi di sterilità e la caratterizzazioni svolte sulle linee cellulari e disponibili per chiunque le richieda). Le caratterizzazioni cellulari e le analisi di sterilità sono state fatte su tutte le linee cellulari coltivate, nelle quali è facilmente dimostrabile che non sono presenti alcun tipo di contaminanti, tutti i donatori sono stati monitorati con approfondite analisi su infezioni virali trasmissibili ai pazienti. Perchè, allora viene scritto il contrario in un documento ufficiale? Credo che chiunque possegga un minimo di onestà intellettuale non possa neppure immaginarsi una risposta, ad oggi mi piacerebbe dire incompetenza, ma purtroppo credo che il tutto sia più velato da malafede e necessità impellente di screditare l'operato di Stamina. Se questo post si fermasse all'opinione di Stamina sarebbe una voce di parte contro una voce istituzionale, ma per fortuna uno dei soggetti che ha partecipato all'ispezione (gli ispettori della Regione Lombardia) che si sono persino rifiutati di firmare alcune parti del rapporto in quanto discordanti, hanno fornito un quadro del come siano state condotte tali ispezioni ed hanno prodotto un documento ufficiale consegnato al Tar della Lombardia nel ricorso fatto da Stamina e dagli Spedali Civili contro il blocco delle terapie fatto dall'Agenzia Italiana del Farmaco. In questo rapporto viene specificato che: 1. Vi è stato un 'Eccesso di potere per carenza istruttoria,travisamento dei presupposti di fatto, errore di fatto'. In sintesi si è volutamente omesso di raccolgiere dati ed informazioni presenti (caratterizzazione cellulare, cartelle cliniche dei pazienti) e ciò che è stato riportato è avvenuto in modo superificiale ed incompleto. 2. Sono stati formulati giudizi sul laboratorio senza alcuna evidenza di supporto (il laboratorio lavora da 20 anni nell'ambito dle trattamento delle cellule staminali ematopoietiche), senza nessun riscontro e soprattutto senza aver neppure visionato le documentazioni relative alla manutenzione obbligatoria degli strumenti. 3. La successiva visita ispettiva ministeriale in cui vengono raccolti campioni cellulari da parte dell'Istituto Superiore di Sanità definisce le cellule di Stamina 'adatte a qual siasi uso terapeutico'. 4. La stessa Asl succesivamente a questa superficiale visita ispettiva ha ricontrollato il laboratorio definendolo adeguato e riconfermando gli standard e le certificazioni otte nute in passato. 5. Si evidenzia un errore metodolo-

gico nell'impostazione della visita ispettiva, una non volontà di confrontarsi con gli interlocutori corretti e la volontà di non raccogliere tutta la documentazione presente. Allo stesso modo l'oncologo Dominici ha raccolto 2 provette a caso, una a fine lavorazione risultata perfetta ed una in lavorazione (c'era scritto sopra), trovando delle cellule del sistema immunitario del donatore che, come risulta dalle analisi di quanto inettato al paziente, erano completamente assenti nelle stesse cellule a fine lavorazione. Il fatto che poi non sia riuscito a far crescere e a differenziare nulla dipende dalla sua incompetenza e non certo da una carenza delle cel lule utilizzate. Comunque la grande competenza di questi ispettori ha abbassato la vitalità cellulare del 10% in tutte le provette che hanno manipolato come dimostrano le analisi di vitalità prima e dopo il loro intervento. Quindi grazie tante. Ai giornalisti che continuano a sproloquiare su questo argomento, fingendo scoop sensazionalistici e condendo di insulti e commenti da osteria i loro articoli consiglio, come dovrebbe richiedere il loro codice deontologico, di informarsi, ad esempio, sul sito del movimento prostamina (movimentoprostamina.com) dove potranno trovare molti documenti utili a chiarirsi le idee e magari prendere la corretta strada del contraddittorio tra le parti. Lo stesso comitato scientifico istituito dalla Lorenzin che ha fatto un lavoro che non gli era richiesto, ha dichiarato che non vi fosse alcun documento sulla caratterizzazione cellulare che invece Stamina ha fornito anche se non era stato richie sto. Quindi come vedete il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Di una cosa sono contento che almeno chi sta seguendo con passione e curiosità la vicenda Stamina sta capendo quanto marcio sia questo sistema, quanto superficiali e di parte siano gli 'esperti' di cui disponiamo e che, al di là delle menzogne giornalistiche e degli ispettori, si stia scoperchiando un pentolone che usa i malati come fonti di reddito, senza pietà e senza vergogna. Se qualcuno ha ancora il coraggio di confondere cure compassionevoli (Turco Fazio e non legge sui farmaci del 2003) e ricerca scientifica lo fa solo perchè dietro a tutto ciò nasconde conflitti di interesse miliardari e un'insultante di sprezzo per la vita. Se qualcuno ha il coraggio di cercare di cambiare le cose in questo paese lo faccia adesso, lo faccia con tenacia e senza compromessi o taccia per sempre portandosi sulle spalle della propria coscienza le bare che sta contribuendo a riem pire.


www.osservatorelaziale.it

ROMA E PROVINCIA

pag. 3

ROMA, MOVIDA: I CONTROLLI AD “ALTO IMPATTO” DELLA POLIZIA

DURANTE IL FINE SETTIMANA NELLE ZONE CALDE DELLA CAPITALE.

Fontana di Trevi, Trastevere, Testaccio e Ponte Milvio: controllate oltre 300 persone e 130 veicoli. due pusher in manette, sequestrate numerosi dosi di stupefacenti. arrestate due persone colpite da provvedimenti restrittivi. chiuso per carenze igienico sanitarie un esercizio commerciale del centro storico.

Roma - Fine settimana di intensi controlli, come di consueto, da parte degli uomini delle Volanti e dei Commissariati della Questura. L’ attenzione è stata rivolta soprattutto ai luoghi della “movida”, senza tralasciare comunque le zone più periferiche. Particolari controlli sono stati effettuati nelle notti di venerdì e sabato a Campo de’ Fiori, piazza Navona e piazza di Spagna nonché nelle vie più frequentate di Trastevere, Testaccio e Ponte Milvio, dove specialmente nelle ore serali si concentra un elevato numero di persone, perlopiù giovani. Oltre 300 le persone controllate, 130 i veicoli, 10 gli utenti della strada contravvenzionati per infrazioni al codice della strada. Proprio nel corso di uno dei controlli su strada effettuati, una pattuglia del Commissariato Porta Pia ha dato l’alt ad un’auto con targa straniera con tre per sone a bordo. All’interno della vettura, celati sotto uno dei sedili,

sono stati rinvenuti un navigatore satellitare, 4 autoradio e due compressori portatili per il gonfiaggio degli pneumatici, tutto materiale rubato all’interno di auto in sosta, oltre a numerosi attrezzi atti allo scasso. I tre, romeni di 29, 24 e 19 anni, uno dei quali con numerosi precedenti per furto su autovetture, condotti negli uffici del Commissariato sono stati denunciati per rispondere di ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso. Due le persone arrestate in quanto risultate colpite da provvedimenti restrittivi. Nel primo caso, gli agenti del Reparto Volanti, transitando nella zona del centro, hanno sottoposto a controllo I.I., romeno di 22 anni. Dalle indagini è emerso che il giovane era colpito da ordine di carcerazione del Tribunale di Roma per espiare la pena di un anno e due mesi di reclusione per rapina. Arrestato, è stato condotto presso la casa Circonda

riale di Rebibbia. A S. Lorenzo, invece, la pattuglia del Commissariato di zona ha effettuato in serata un controllo in via dei Volsci, accertando che il fermato, H.B., marocchino di 39 anni, era colpito da ordine di carcerazione per espiare quattro anni di reclusione, derivante da un cumulo di pene per vari reati. Anche per lui, per tanto, è scattato l’arresto. E sempre a S. Lorenzo, ieri sera, nuovo arresto, questa volta per detenzione al fine di spaccio di mari juana. Ad effettuarlo anche in questo caso gli agenti del Commissariato di zona, che transitando nei pressi del parco caduti 19 luglio 1943 hanno notato un giovane che alla loro vista ha cercato di occultare un in volucro in un calzino. Nel corso del controllo l’involucro è risultato contenere circa 8 grammi di marijuana. Nascosti dietro un muretto, sono stati poi rinvenuti altri involucri dello stesso tipo, uno, più grande, contenente altri 7 grammi di stupefacente e 5 bustine, a chiusura ermetica, contenenti dosi già pronte per essere spacciate. Indosso al giovane, identificato per N.J., tunisino di 25 anni, è stata rinvenuta una somma di danaro in banconote di piccolo taglio, probabile provento del l’attività di spaccio. Al termine degli accertamenti è stato arrestato. E sempre per violazione della normativa sugli stupefacenti è stato arrestato stanotte un cittadino del Mali di 29 anni. Anch’egli, nel corso di un controllo effettuato questa volta dagli uomini del Commissariato Viminale in via Daniele Manin, è stato trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana suddivisa in dosi, pronte per essere spacciate. I controlli degli uomini della Questura hanno interessato anche vari esercizi commerciali. Nel corso di un accertamento effettuato dagli agenti del Commissariato Trevi e da quelli delle Volanti in un locale di vendita di kebab di Trastevere, sono state riscontrate gravi carenze igienico – sanitarie, che ne hanno determinato la chiusura, fino al ripristino di condizioni idonee. Il proprietario è stato multato.

ROMA, CASILINA, GRAVE INCIDENTE: TRENO CONTRO TRENO, PASSEGGERI FERITI Roma - Intorno alle ore 9.30, all'incrocio tra via Casilina e via Tobagi un treno della ferrovia Termini-Giardinetti, per cause da accertare ha urtato il convoglio che lo precedeva diretto a

Termini. Alcuni passeggeri sono rimasti contusi in maniera lieve e sono stati soccorsi dai sanitari del 118. Sul posto e' presente una squadra di assistenza ai clienti Atac. Sono in corso i rilievi tecnici e le procedure di rimozione dei treni, la linea e' quindi interrotta nella

tratta Centocelle-Giardinetti e viceversa. Per ridurre i disagi e' stata potenziata la linea di bus 105. L'Atac ha aperto un'indagine amministrativa interna per accertare le cause del tamponamento ed even tuali responsabilità.

LIBERA CASTELLI ROMANI PARTECIPA ALLA MANIFESTAZIONE "COSTITUZIONE: LA VIA MAESTRA"

Roma - Sabato 12 ottobre si svolgerà a Roma, in piazza della Repubblica, la manifestazione nazionale "Costituzione: la via maestra". L'evento è stato promosso da un appello firmato da Lorenza Carlassare, Don Luigi Ciotti, Maurizio Landini, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, con l'intento di difendere la Costituzione e soprattutto di rivendicarne l'applicazione. Sono tantissime le adesioni e decine le iniziative che

si stanno organizzando. Anche le volontarie e i volontari del presidio dei Castelli Romani di LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie parteciperanno alla manifestazione. L'appuntamento con il presidio dei Castelli è alla stazione di Pavona alle 13:15. Il treno partirà da Velletri alle 12:59 ed effettuerà le seguenti fermate: Sant'Eurosia 13:03 - San Gennaro 13:06 - Lanuvio 13:12 Cecchina 13:17 - Cancelliera 13:21 - Pavona 13:25 -

Santa Maria delle Mole 13:31 - Casabianca 13:34 Ciampino 13:40 - Capannelle 13:45 - Roma Termini 13:59. A Roma l’appuntamento è alle 14 in piazza della Repubblica. Il corteo raggiungerà piazza del Popolo dove, alle 15:30, inizieranno gli in terventi dal palco. Anche noi abbiamo le nostre “ineludibili riforme”. Ma, sono quelle che servono per attuare la Costitu zione, non per cambiarla.


pag. 4

www.osservatorelaziale.it

RIETI E VITERBO

POGGIO MIRTETO (RI): PROSEGUE CON SUCCESSO, IL PROSSIMO

FINE SETTIMANA, LA MANIFESTAZIONE "RISORGIMIRTETO" Domenica 13 ottobre la quarta edizione del Palio della Stella

Poggio Mirteto (RI) - Prosegue anche nel prossimo fine settimana la IV edizione di RISORGIMIRTETO, rievocazione storica di epoca risorgimentale a cura della Proloco di Poggio Mirteto con il patrocinio del Comune di Poggio Mirteto, della Regione Lazio e della Provincia di Rieti. La manifestazione si svolgerà nelle piazze principali della cittadina con sfilate in costume. Ecco i prossimi eventi in programma: Venerdì 11 Ottobre ore 18,30 Spettacolo Folkloristico ore 20,00 Apertura Osterie

Sabato 12 Ottobre ore 18,30 Spettacolo Folkloristico con giochi popolari ore 20,00 Apertura Osterie Domenica 13 Ottobre ore 12,00 Banda Nazionale Comunale Garibaldina cerimonia del sorteggio abbinamento cavalli ore 15,30 Apertura della sfi-

lata in Costume ore 17,00 presso il campo sportivo di valle Tonda QUARTA EDIZIONE DEL PALIO DELLA STELLA ore 18,30 Premiazione del Palio in Piazza Martiri della Libertà ore 20,00 Apertura delle Osterie

VITORCHIANO (VT): SUCCESSO PER “PULIAMO IL MONDO” Si è rinnovata la collaborazione tra il Comune di Vitorchiano e Legambiente Vitorchiano (VT) - Successo per la manifestazione promossa da Comune e Legambiente. Protagonisti scuole e associazioni Si è rinnovata la collaborazione tra il Comune di Vitorchiano e Legambiente per “Puliamo il mondo”: la manifestazione, che si è svolta nel centro cimino gli scorsi venerdì 27 e sabato 28 settembre, ha visto come protagonisti, nella prima giornata, i ragazzi della Scuola primaria impegnati nella pulizia e nella sistemazione del primo tratto del percorso naturalistico. Sono intervenute tre classi della con i relativi insegnanti ed un gruppo di genitori volontari, insieme alla dirigente dell’Istituto Comprensivo “Pio Fedi” Maria Assunta Mezzanotte, sempre attenta alle tematiche ambientali e sostenitrice di iniziative simili a questa. Sabato 28, invece, si sono formati due gruppi di volontari: uno che ha effettuato l’intero percorso naturalistico e panoramico di San Michele

e l’altro che è sceso dalla Porta di Valle per ripulire il primo tratto di sentiero e sistemare panchine e ta voli. “Una manifestazione ben riuscita - afferma l’assessore all’Ambiente Rosario Cecala - che ha coinvolto un buon numero di persone e che riproporremo il prossimo anno. Voglio ringraziare pubblicamente quanti hanno dato il loro contributo, principalmente Umberto Cinalli di Legambiente e in modo particolare le associazioni presenti sul nostro territorio: la Banda Musicale Fedeli di Vitorchiano, che durante il percorso ha allietato il cammino con canti, l’Age (Associazione Genitori) di Vitorchiano, l’Istituto Comprensivo "Pio Fedi", la Pro Loco, il Comitato San Michele che hanno offerto una ricca colazione a tutti i partecipanti, i Cavalieri del Soccorso che erano presenti con un presidio sanitario e l’Asd Real Vitorchiano. Un encomio, infine, è riservato agli

instancabili e competenti impiegati dell'ufficio tributi che hanno coordinato la manifestazione: Emilio Basili e Valentina Egidi".

VITORCHIANO (VT): CONCORSO FOTOGRAFICO ONLINE: “LA MIA VITORCHIANO: PULITA… È PIÙ BELLA”

I partecipanti possono inviare le proprie fotografie entro il 7 novembre 2013 attraverso la casella di posta elettronica concorsofotografico2013@comune.vitorchiano.vt.it.

Vitorchiano (VT) - Promuovere il territorio di Vitor chiano attraverso la fotografia. “La mia Vitorchiano: pulita… è più bella” è titolo del concorso fotografico bandito dal Comune, con cui si

vuole coinvolgere e sensibilizzare la popolazione sia sulla valorizzazione del territorio, in tutte le sue particolarità paesaggistiche, sia sulla realizzazione di iniziative volte a riscoprire luoghi di particolare in teresse. La partecipazione è rivolta ai residenti di Vitorchiano, è gratuita e si svolge esclusivamente on line. I partecipanti possono inviare le proprie fotografie entro il 7 novembre 2013 attraverso la casella di posta elettronica concorsofotografico2013@comune.vitorchiano.vt.it. La premiazione è prevista per il 15 novembre. Il concorso è suddiviso in due gruppi: gruppo “A”,

composto dalle foto inviate dalle singole persone; gruppo “B”, composto dalle foto inviate dalle classi scolastiche. Il vincitore del gruppo “A” sarà premiato con una fotocamera digitale compatta; il vincitore del gruppo “B” sarà premiato con una fotocamera digitale compatta da donare alla scuola di appartenenza della classe, oltre che con una targa di riconoscimento alla classe stessa. "Con questa iniziativa - dichiara l'assessore all'ambiente Rosario Cecala interamente dedicata ai cittadini di Vitorchiano, vogliamo sottolineare l'importanza di conoscere, scoprire e promuovere il nostro territorio, in modo tale che una sua più approfondita conoscenza possa sensibilizzare ancor di più i suoi abitanti su tematiche fondamentali quali la tutela dell'ambiente e del paesaggio. Confidiamo in una massiccia partecipazione, anche sulla scia positiva della recente iniziativa 'Puliamo il mondo' in cui tutto il paese si è mobilitato per la salvaguardia ambientale".


www.osservatorelaziale.it

FROSINONE E LATINA

pag. 5

FERENTINO (FR): LA ASD PROCALCIO FERENTINO SI AGGIUDICA

LA GESTIONE DELL’IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI CALCIO

Ferentino (FR) - Il Comune di Ferentino ha provveduto ad aggiudicare l’affidamento del servizio di gestione dell’impianto sportivo comunale di calcio per un periodo di cinque anni, alla A.S.D. Procalcio Fe rentino. L’assessore allo sport, Luca Bacchi: “Tra gli impegni specifici del Concessionario, oltre le manutenzioni ordinarie dell’impianto e delle strutture concesse, incluso il terreno di gioco, e manutenzione straordinaria, in caso d’uso, la pulizia dei locali dello spogliatoio, dell’area interessata alla pratica sportiva e relative pertinenze; la cura dell’impianto, delle attrezzature e dei materiali in esso esistenti, la tutela sanitaria di tutti i praticanti l’attività sportiva ai sensi

CECCANO (FR) - PRIMA GIORNATA DEL VOLONTARIATO

Scalia (Pd): “Il Volontariato E’ una risorsa preziosa della nostra società”

Ceccano (FR) - “Sono ben 25 le associazioni di volontariato che operano a Ceccano e da oggi potranno lavorare in rete ed in sinergia tra di loro”. Questo il commento del Senatore Francesco Scalia ospite a Ceccano alla 'Prima Giornata del Volontariato' promossa dall'amministrazione comunale ed interamente dedicata al sociale e alle associazioni di volontariato presenti sul territorio. “ I volontari sono una risorsa della nostra comunità – ha continuato Scalia - e questa manifestazione ha permesso loro di raccontarsi e raccontare le tante attività che svolgono silenziosamente e gratuitamente per aiutare gli altri”.“Faccio i miei complimenti per la manifestazione al Sindaco Maliziola, all'assessore alle politiche sociali Maurizio Cerroni e soprattutto alle associazioni presenti. Il volontariato rappresenta un'esperienza di fondamentale importanza per la nostra società, sia perché la migliora, formando cittadini migliori, sia perché integra le risposte che le amministrazioni danno ai bisogni sociali, arrivando spesso dove le istituzioni non possono arrivare. Compito, quindi, dall'amministrazione pubblica è creare la condizioni perché il volontariato possa esprimere appieno tutte le proprie potenzialità, valorizzandone l'apporto e non disperdendone le risorse. Il Comune di Ceccano ha raggiunto oggi pienamente questo obiettivo – conclude Scalia - e in questa direzione vanno le linee guida presentate dall'Assessore Regionale alle Politiche sociali Rita Visini”.

di quanto previsto dal D.M. 18.02.1982 e la scrupolosa osservanza delle norme vigenti, o che in seguito dovessero essere emanate, in materia igienico-sanitaria, di sicurezza degli impianti, di personale e di prevenzione degli infortuni e degli incendi, sollevando il Comune da ogni responsabilità relativa ai rapporti fra la Concessionaria medesima e i propri collaboratori. Naturalmente la Società garantirà la massima collaborazione per iniziative tese a promuovere lo sport di massa che il Comune proporrà di attuare, e concederà libero accesso al pubblico per assistere a manifestazioni che saranno eventualmente organizzate dal Comune. Sarà consentito l’uso gratuito delle strutture sportive da parte del Comune in favore degli istituti scolastici che non posseggano impianti propri, secondo tempi e modi che saranno concordati fra le parti interessate; inoltre metterà a disposizione dei servizi sportivi comunali l’impianto, se non utilizzato per gare di campionato e altre manifestazioni sportive, per la programmazione di livello cittadino delle attività relative ad altri campionati ufficiali e manifestazioni a carattere cittadino, nazionali e internazionali, secondo accordi e programmi assunti d’intesa fra le parti”. IL sindaco Antonio Pompeo: “Dopo la gestione di questi ultimi anni dell’Associazione Sportiva ASD Pro Calcio, che ringraziamo per il grande lavoro svolto

per le fasce giovanili, il Consiglio Comunale aveva dato mandato agli uffici per una nuova procedura per individuare soggetti privati cui concedere la gestione dell’impianto sportivo: - associazioni e società sportive dilettantistiche, regolarmente e legalmente costituite, riconosciute dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) ai sensi dell’art.7 del D.L. 28/5/2004, n.136, convertito con modificazioni nella legge 27/7/2004, n.186, affiliate alla Federazione Italiana Gioco Calcio e/o a un “ente di propaganda sportiva” per la disciplina sportiva del calcio; - enti di promozione, regolarmente e legalmente costituiti, attivi nello sport del calcio e riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) come “enti di propaganda sportiva”. E’ chiaro che Il Comune per la durata dell’accordo resta esonerato da ogni qualsiasi spesa occorrente per l’utilizzo ordinario dei beni e affidati, compresi i costi del personale, quello per i consumi energetici, acqua, gas, telefono e altro, ma l’’amministrazione è interessata al potenziamento della pratica sportiva, chiede alla Società di impegnarsi che l’apertura e la partecipazione alle attività sia garantita soprattutto alla fascia dei giovanissimi, chiede alla Società di farsi parte attiva per promozione e incremento delle attività stesse con una politica di agevolazioni per le famiglie. Garanzia di libero accesso e uso sociale del bene in giorni e orari compatibili con i calendari e gli impegni dei campionati”.

CORI (LT): EN SPADSERETUR I DET ANTIKKE CORI

Cori raccontata da uno straniero venuto dalla terra dei Vichinghi Continua l’opera di valorizzazione e promozione della Città d’Arte da parte dei danesi

Cori (LT) - La città d’Arte vista da uno straniero venuto dalla terra dei Vichinghi. L’ha raccontata sabato pomeriggio al pubblico corese l’intellettuale danese Jan Dybdahl. Presso la Sala Conferenze del Museo della Città e del Territorio di Cori ha presentato la sua guida sul paese lepino, disponibile online (www.cori-vista.com) anche in inglese e danese. Oltre all’autore sono intervenuti il Sindaco Tomaso Conti e l’organizzatrice dell’evento Diletta Ferri, giovane membro dello staff alla cultura del Comune, che ha contribuito alla redazione finale del testo insieme a Billie Fraser, Ivana Ferri e Mette Brandt. Un agile manualetto scaricabile anche in formato tascabile, scritto con la semplicità e l’attendibilità di colui che dal 2005 è solito trascorrere le sue vacanze in paese,

informandosi sulla storia millenaria ed apprezzandone le risorse monumentali, architettoniche e paesaggistiche, puntualmente descritte ed illustrate a mano, in ciascuna delle quattro passeggiate proposte. La dovizia di particolari elencati evidenzia non solo un’acuta osservazione, ma anche un forte attaccamento tipico di chi i luoghi li vive intensamente e con amore dopo averli sco perti. Camminando da est oppure da nord, partendo dal monte o dalla valle, tutti i tragitti portano all’antica Cora, custode dei reperti più importanti del passato, con il suo caratteristico reticolo di viuzze e piazzette. Una predilezione

che la colonia di danesi coresi, cresciuta nel tempo grazie alla loro stessa promozione turistica in patria, ha avuto fin dal suo arrivo. Dopo le prime isolate avanscoperte, iniziò l’insediamento stagionale sul territorio, accompagnato da un autonomo processo di rivitalizzazione e valorizzazione dei centri storici, acquistando e ristrutturando vecchie case disabitate rispettando la simbiosi con l’ambiente circostante. Il quartiere di San Michele ne è l’esempio: praticamente abbandonato, è stato ri messo a nuovo e ripopolato.

7 ottobre 2013  

L'OSSERVATORE LAZIALE - QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE - WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT