Page 1

L ’ osservatore laziale QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE Martedì 4 Giugno 2013

Anno II Numero 79

Direttore Responsabile: Chiara Rai - Editore: IG Servizi Srl - Sede legale: Roma, via C. Colombo, 440 - Tel. 3457934445 - Fax. 02700505039 - Email: info@osservatorelaziale.it

ARICCIA, COMUNE EUROPEO DELLO SPORT ENRICO INDIATI: "UN PREMIO ANOMALO"

2012,

ALLARME CORONAVIRUS

Il reportage sullo stato di abbandono degli impianti Pala Kilgour e il campo sportivo Menicocci. Angelo Parca a pagina 3

I SINTOMI VANNO DAL COMUNE RAFFREDDORE SINDROME RESPIRATORIA ACUTA GRAVE (SARS) L’editoriale

IL GRILLO FURIOSO di Chiara Rai

I l Grillo è ormai in preda ad

un folle delirio: se la prende con tutti i giornalisti, con l’Annunziata (anche se non è l’emblema dell’imparzialità) i partiti, il Governo, il presidente della Repubblica, Rodotà e persino la Gabbanelli. I due candidati usciti dalla quirinarie su internet e poi presi a pedate virtuali. Il fatto è che questo signore fomenta e basta. A piazza pulita hanno fatto vedere un siciliano al quale un giornalista non ha detto nulla ma ciò non è servito a farlo esplodere di rabbia: “te ne vai?" ha urlato, “vattene!!!” ha strillato ancora chiamando Grillo e implorando il suo aiuto. Il Grillo non è ne la medicina e neppure l’antidoto per uscire da questa crisi. Non ha fatto nulla. Adesso vorrebbe uno dei suoi in commissione vigilanza Rai (proprio la Rai che tagliò fuori l’ex comico, profuma di rivalsa). Ma come è possibile questo? I Cinque stelle non vogliono interloquire con nessuno. Non hanno voluto rappresentare il loro abbondante 25 per cento di elettorato per cambiare almeno quei tre, quattro punti essenziali che ormai conosciamo a memoria.

Continua a pagina 2

4 giugno 1944, gli alleati liberano la Capitale dall'occupazione nazista. a pagina 2

ALLA

Cos'e' il 'nuovo coronavirus', ribattezzato subito 'nuova Sars'? Si tratta, spiega il ministero della Salute, di un nuovo ceppo di coronavirus mai identificato prima nell'uomo. I Coronavirus sono una grande famiglia di virus noti per causare malattie negli esseri umani e negli animali. Negli esseri umani i sintomi vanno dal comune raffreddore alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS). La maggior parte dei pazienti affetti dal nuovo coronavirus ha presentato una sindrome respiratoria acuta grave, che ha richiesto l'ospedalizzazione con febbre, tosse, affanno e difficolta' respiratoria. Molti pazienti hanno sviluppato insufficienza renale acuta, o altri danni viscerali (pericarditi). Sebbene alcuni dei casi potrebbero aver contratto l'infezione per esposizione ad animali, le informazioni disponibili sono limitate. Non e' stato identificato il serbatoio animale e le indagini sulle fonti animali sono in corso. La stragrande maggioranza dei casi ha contratto il virus durante un viaggio nella penisola arabica senza che la sorgente sia stata specificatamente identificata. Che fare se si e' soggiornato di recente nella penisola arabica?

Continua a pagina 2

ASILI NIDO, D’ASULIO (PD): “PIENO SOSTEGNO ALLA LEGACOOPSOCIALI”

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

Roma - “Piena solidarietà ai lavoratori di Legacoopsociali che si sono mobilitati contro il bando sull’assegnazione di 8 asili nido ai privati. Alemanno e la sua amministrazione stanno operando in regime di concorrenza sleale nei confronti di operatori che hanno delle grandissime responsabilità. Non si può assegnare la gestione di un asilo con tariffe che violano palesemente il contratto collettivo di lavoro. Il Cnel ha reputato la cifra di 480 euro a bambino non sufficiente a coprire i costi del lavoro. E’ una scorrettezza grave che può influire negativamente su un servizio sociale fondamentale come quello degli asili. In un momento così grave per tutto il mercato del lavoro sarebbe inoltre molto controproducente che un ente pubblico faccia un’operazione di questo tipo. Che mina le basi stesse dell’equa retribuzione dei lavoratori che svolgono un servizio per l’intera società”: così in una nota Francesco D’Ausilio, coordinatore della segreteria Regionale del Pd.

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE


pag. 2

PRIMO PIANO

Dalla prima pagina l’editoriale di Chiara Rai

Si sono ghettizzati da soli e urlano contro tutti e tutto senza avere una alternativa concreta. A Leonforte, nell'Ennese, il Grillo ha ripetuto lo stesso show. "Sto girando la Sicilia inseguito dalle tv – dice il comico - dai cameraman: siete in onda su Piazza pulita. Vanno in giro con truppettine" a cercare "qualcuno che odia il Movimento e lo mandano in onda contro 5 Stelle", afferma Grillo dal palco davanti a diverse migliaia di persone. Anche qui fa "circondare" un cameraman dai presenti perché, dice, "io ho il diritto di non essere ripreso". Lui è un personaggio pubblico che ha candidato in politica il suo movimento. Lui va in giro a vendere gadget, libri e magliette trascinando con se sciami di delusi in cerca d’autore.

L’osservatore laziale

dalla prima pagina - “Allarme Coronavirus”

Se, nei giorni che seguono il ritorno, si presentano febbre e sintomi respiratori, si raccomanda di consultare il proprio medico segnalando l'avvenuto viaggio. Il trattamento e' sintomatico, non esiste un trattamento antivirale specifico, ne' un vaccino. Con l'esperienza acquisita con l'epidemia SARS nel 2002-2003, l'Oms ha affermato che la diffusione di questo nuovo coronavirus, in grado di causare una severa forma di malattia, crea qualche preoccupazione. Tuttavia, anche se imparentato alla lontana con il coronavirus della SARS, i due virus sono diversi. Sulla base delle informazioni attuali, infatti, sembra che il nuovo coronavirus, a differenza del virus della SARS, non si possa trasmettere facilmente tra le persone. La maggior parte dei casi si e' verificato in persone

che hanno soggiornato, prima della comparsa dei sintomi, in un paese della Penisola arabica e nei paesi vicini. Questa zona geografica e' dunque particolarmente esposta a tale rischio. Dopo l'identificazione del nuovo coronavirus, l'Organizzazione mondiale della sanita' e il Centro europeo per la prevenzione e controllo delle malattie (ECDC) hanno messo in atto la sorveglianza attiva per individuare i possibili casi e approfondire le conoscenze sul virus e hanno chiesto ai Paesi di fare altrettanto. L'OMS fornisce regolarmente informazioni dettagliate e raccomandazioni per il monitoraggio e la sorveglianza alle autorita' sanitarie degli Stati membri. In Italia e' attiva una rete di sorveglianza delle gravi infe-

zioni respiratorie acute (SARI) e delle sindromi da distress respiratorio acuto (ARDS). Inoltre, con l'Intesa Stato/Regioni del 5/11/ 2009, e successivo Atto di proroga del 31/7/2012, e' stata istituita la Rete nazionale per la gestione della sindrome da insufficienza respiratoria acuta grave da polmoniti da virus dell'influenza e l'eventuale utilizzo della terapia ECMO (ossigenazione extracorporea). La situazione e' costantemente monitorata dal Ministero, che e' in continuo contatto con l'OMS e l'ECDC, e pubblica tempestivamente ogni nuovo aggiornamento sul suo Portale. Le precauzioni per non essere infettati: le stesse valide per tutte le malattie infettive, tra cui il frequente lavaggio delle mani e il mantenersi a distanza dalle persone malate.

ESERCITO: INTERVENTO DEL GENERALE GRAZIANO AL CONVEGNO SUL LIBANO ORGANIZZATO PRESSO IL CASD.

Il generale Graziano al convegno OGMO dal titolo - la guerra santa in Siria parte dal Libano

Si è svolto, ieri mattina, presso il Centro Alti Studi della Difesa (CASD), il convegno dal titolo "La guerra santa in Siria parte dal Libano", organizzato dall'Osservatorio Geopolitico Medio Orientale (OGMO). All'evento sono intervenuti, tra gli altri, in qualità di esperti sulle tematiche geopolitiche inerenti l'attuale situazione di sicurezza nell'area mediorientale, in particolare in Libano, il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale Claudio Graziano, già Comandante della forza e capo della missione UNIFIL, in Libano, dal 2007 al 2010, il diretto-

re di Rainews 24 Monica Maggioni, il Generale Mario Mori, consulente del Comune di Roma per la sicurezza. All'incontro, moderato dal dottor Alfredo Mantici, responsabile del settore analisi di G – Risk, sono intervenuti anche l'ambasciatore Alessandro Merola, dirigente presso il DIS (Dipartimento Informazioni e Sicurezza) e l'ambasciatore Marco Carnelos, funzionario del Ministero degli Esteri. Il Generale Graziano nel suo intervento ha focalizzato l'attenzione sui compiti della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon) in Libano.

4 GIUGNO, ANNIVERSARIO LIBERAZIONE DI ROMA. FORTE BRAVETTA RACCONTATO DAI PANNELLI SUL POSTO

4 giugno 1944, gli alleati liberano la Capitale dall'occupazione nazista. Per il 69° anniversario della Liberazione di Roma le autorità capitoline partecipano alle cerimonie ufficiali che ripercorrono la memoria della giornata, fondamentale per le sorti della città e dell'intera Nazione. Storia di sacrifici e di sangue: prima del 4 giugno, e anche all'arrivo dei liberatori, si succedettero torture e fucilazioni come quelle di Forte Bravetta (77 passati per le armi tra ottobre 1943 e Liberazione) e come l'eccidio consumato – lo stesso 4 giugno 1944 – a La Storta, dove i tedeschi in fuga uccisero sbrigativamente 14 detenuti prelevati da via Tasso, tra cui il sindacalista Bruno Buozzi e il magiaro-britannico Gabor Adler / John Armstrong (la cui identità è rimasta ignota fino al 2009). La giornata – un excursus che fa tappa sui luoghi salienti della Liberazione – inizia alle 9, quando l'assessore al Patrimonio Lucia Funari depone una corona di fiori sotto il Campidoglio, sull’aiola di San Pietro In Carcere. Alle 9.30 cerimonia al Tempio Maggiore ebraico, per commemorarne la riapertura avvenuta il 4 giugno 1944.

Interviene l'assessore Funari. Alle 11 il delegato alla Sicurezza, Giorgio Ciardi, depone corone d’alloro a Porta San Paolo e sotto le Mura Aureliane e la Piramide Cestia. Alle 11.45, poi, il delegato Ciardi è a Forte Bravetta per ricordare le vittime delle fucilazioni avvenute nel ’43 e nel ’44 e deporre una corona d’alloro. Sul sito – in cui si addensa la memoria di 111 fucilazioni tra 1943 e periodo immediatamente postbellico – s’inaugurano con l’occasione i nuovi pannelli illustrativi (uno esterno al Forte e tre all’interno), messi a punto da Roma Capitale per raccontare ai visitatori l’ambiente e la storia del luogo. Nel 2009 il Campidoglio ha acquisito l’area, fino ad allora in stato di abbandono, riaprendola poi al pubblico nel 2011 come Parco dei Martiri, valorizzandone anche gli aspetti naturalistici (il parco si estende all’interno della riserva della Valle dei Casali). Alle 16.30, infine, l'assessore Lucia Funari è a La Storta, per deporre fiori sulla via Cassia al chilometro 14,300, all’angolo con via Giulio Galli; e poi, nelle immediate vicinanze, una corona d’alloro in via Antonio Labranca.


ROMA E PROVINCIA

L’osservatore laziale

Ambiente & Territorio

GALLICANO

NEL

LAZIO,

10

MOTIVI

PER

ALL'IMPIANTO DI RECUPERO ENERGETICO.

DIRE

pag. 3

NO

Il Comitato per Gallicano fa sapere che si opporrà con qualunque mezzo lecito per fer-

mare la costruzione di tale impianto.

Gallicano nel Lazio - Lo scorso 5 Aprile la Direzione Regionale Ambiente del Lazio ha approvato con determinazione n. A02651 la Pronuncia di Compatibilità Ambientale per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (fotovoltaico e biomasse) nel Comune di Gallicano nel Lazio, in località Colle degli Zecchini. L'area interessata è situata nella Tenuta di Passerano, nei pressi della strada statale Prenestina. L'impianto di recupero energetico nasce con l'obiettivo di effettuare il recupero da un totale di 40.000 (quarantamila) tonnellate l'anno di biomasse (fanghi, verde, forsu). Le biomasse conferite all'impianto, dopo una fase di pretrattamento, vengono alimentate ai due digestori anaerobici previsti in progetto. In tale stadio le condizioni di anaerobiosi determinano la produzione di combustibile gassoso che viene gradatamente prelevato e inviato ad un motore per la produzione combinata di energia elettrica e termica. Nell'allegato alla determina si evidenzia, nella descrizione delle aree esterne, la descrizione delle essenze arbustive in funzione di "schermatura" dagli effetti negativi dovuti agli odori residui e al materiale particellare presente nell'aria. Si sottolinea che l'area ricade in Zona E2 Agricola; nel PTPR della Regione Lazio, tavola A, è descritto come paesaggio agrario di rilevante valore; nella tavola B,

l'area oggetto rientra nell'ambito vincolato come Area agricola identitaria dell'Agro Tiburtino-Prenestino; nella tavola C, parco archeologico e culturale, vicinanza di percorsi panoramici storici (via Prenestina) e non (autostrada). Il Comitato per Gallicano fa sapere che si opporrà con qualunque mezzo lecito per fermare la costruzione di tale impianto. Ecco i motivi dell’opposizione alla costruzione dell’impianto: • L’area interessata risulta paesaggio agrario di rilevante valore • L’area interessata rientra nell’ambito vincolato come “Area identitaria dell’Agro Tiburtino-Prenestino” (PTPR tavola B) e parco archeologico e cultura le (PTPR tavola C) • L’area è attraversata dal percorso panoramico storico della Via Prenestina Antica. • L’area si trova in zona di salvaguardia delle sorgenti Acqua Vergine, Torre Angela, Finocchio, Pantano Borghese. • L’agricoltura, i capi di bestiame e di conseguenza noi cittadini potremmo essere avvelenati. • Perché secondo le linee guida per l’approvazione di tali impianti non bisogna essere in prossimità di zone con certifi cazione BIO, DOC, DOCG, ecc.. • Perché l’area interessata è prossima a

rilevanti scoperte archeologiche di età romana e pre-romana (ponte sodo, fosso di Passerano). • Perché temiamo che l’impianto, sorgendo sulla tenuta di Passerano, in futuro possa diventare luogo di stoccaggio di rifiuti alimentari e agricoli per alimentare la centrale con la possibilità di un even tuale altro ampliamento. • Considerando la ricerca di siti e discariche da parte della Regione Lazio e della Provincia di Roma, per gli abitanti della zona e dei Comuni limitrofi si potrebbero prevedere notevoli disagi. • Creare un precedente può trasformare irrimediabilmente il territorio ed i comu ni limitrofi. “Chiediamo aiuto in questa battaglia che riteniamo di civiltà – Scrive in una nota Mario Galli Consigliere Comunale a Gallicano nel Lazio - Ben comprendiamo le difficoltà che ci sono nello smaltimento dei rifiuti, ma riteniamo devastante per questo territorio l'installazione di un impianto del genere. – La nota conclude - Riteniamo opportuna una riflessione adeguata in tema di smaltimento dei rifiuti. Siamo per la politica dei rifiuti zero, del riciclo e dei riuso. Ogni combustione provoca giocoforza delle sostanze tossiche (nanoparticelle) che inevitabilmente incidono sulla salute degli esseri umani e degli animali.

Reportage

ARICCIA, COMUNE EUROPEO DELLO SPORT 2012, ENRICO INDIATI: "UN PREMIO ANOMALO"

Il reportage sullo stato di abbandono degli impianti Pala Kilgour e il campo sportivo

Menicocci

A. P.

Ariccia - A volte certi meriti stridono di fronte alla realtà quotidiana. Un esempio? A segnalarlo è Enrico Indiati, consigliere di opposizione di Patto Sociale per Ariccia il quale mette in evidenza il contrasto tra il bel titolo acquisito e la realtà di due impianti in stato di abbandono. "Ariccia Comune Europeo dello Sport 2012" questo è quello che si può leggere sul sito istituzionale del Comune http://www.ariccia.rm.gov.it/. "Insieme a molti cittadini - dice Indiati - ritengo che tale premio sia molto "ANOMALO", visto lo stato di abbandono in cui versano gli impianti Pala Kilgour e il Campo sportivo "A. Menicocci" come si evidenzia dalle foto". Il Pala Kilgour risulta carente delle norme di sicurezza, in quanto alle porte di emergenza mancano i maniglioni antipanico. Una di queste è addirittura sbar-

rata, mentre ad altre ci sono catene con i lucchetti. Le porte degli spogliatoi sono letteralmente devastate ecc. ecc. "Il Campo sportivo "A. Menicocci", tanti anni fa fiore all'occhiello di Ariccia - prosegue Indiati - in quanto tra i primi campi d'erba dei Castelli Romani è in totale stato di abbandono". A questo punto, è essenziale non solo conoscere i motivi di tale degrado ma anche il perché nell'onorarsi di tale titolo, il Comune non abbia pensato anche a mettere in sicurezza e restituire decoro ai due impianti.


pag. 4

RIETI E VITERBO

L’osservatore laziale

Eventi & Manifestazioni

CURA DI VETRALLA (VT), GRANDE ATTESA PER IL 2° RING RULES L’appuntamento: 8 giugno ore 19,00 alla pista di pattinaggio della Villa Comunale

Cura di Vetralla (VT) - E allora... via! Si comincia. Tutti pronti ai loro posti di combattimento: pugili, maestri, arbitri, commissario di riunione, staff sanitario, scuola di ballo, organizzatori. Al centro della pista di pattinaggio all’interno della villa comunale di Cura, sarà collocato per la prima volta un vero ring professionistico su cui si confronteranno atleti di Vetralla già conosciuti per la loro caparbietà e atleti provenienti da

Eventi & Manifestazioni

RIETI,

CONCLUSA

LA

AMICA DEI BAMBINI”

Rieti - Si è conclusa domenica "Rieti Città amica dei bambini", la manifestazione dedicata all’infanzia organizzata dal Comune sotto l’egida dell’Unicef. Nei giardini di Villa Reatina si sono radunate tante famiglie e i rappresentanti delle associazioni, delle scuole e delle società sportive che con la loro partecipazione hanno contribuito alla realizzazione dell’evento. La tappa di Quartieri in gioco, iniziativa dell’Arci, realizzata in

altri comuni della provincia. L'evento sportivo è patrocinato dall'assessorato allo Sport e organizzato, in qualità di referente del comitato Associazioni Sportive di Vetralla, Gennaro Giardino in stretta collaborazione per la parte tecnica con i noti Campioni Renato Sini e Alessio De Falco. Le associazioni che prenderanno parte alla manifestazione saranno le seguenti: Scuola della Tigre del M. Renato Sini per la “Kick Boxing”, Invictus Boxe Lazio del M. Alessio De Falco, Palestra K2O del M. Carlo Blengio per il “Kung Fu e Sandà”, M. Stefano Smera per il “Krav Maga”, M. Luca Sabatini Palestra Dimensione Fitness di Vitorchiano per Kick Boxing, Scuola di Boxe di Viterbo del M. Massimo Bastianini, Scuola di Ballo Antares della M. Valentina Cincotti. La serata sarà coreografata dalla scuola di ballo di Valentina Cincotti con le sue bravissime allieve. Ospiti d’onore della manifestazione oltre alle Autorità locali, il grande campione di boxe viterbese, Andrea Di Luisa, il Professore Gilberto Pietrella fondatore dell’università della Tuscia, il noto attore Viterbese Piermaria Cecchini, Alessio Sarri medaglia oro olimpica per il fioretto e la spada, Marco Cima Paraolimpico Nazionale per il fioretto 4° paraolimpico di Londra 2012. “Ringraziamo i privati che hanno sponsorizzato e permesso di realizzare questo evento e invitiamo tutti a seguirlo, - è l'invito espresso dagli organizzatori dell’evento. - Un doveroso ringraziamento a tutta l’Amministrazione Comunale, dagli impiegati, che hanno seguito la parte burocratica, alla giunta, che ha dato la massima fiducia rilasciandoci il patrocinio e un contributo per la parte economica, al nostro caro amico Delegato allo sport Elio Pietro Romolo Ferri."

MANIFESTAZIONE

questa occasione con i giochi tradizionali costruiti fuori scala da Tiziana Guadagnoli e Manuele Ciaramelletti, per animare i quartieri periferici della Città, è stata l’occasione per festeggiare la conclusione della settimana di eventi cominciata il 20 maggio scorso con l’apertura dello Spazio Famiglia di Quattro Strade. Sul prato di via Mitrotti, tantissimi bambini hanno giocato tra loro e con i propri genitori. Il gruppo Topazio di Rieti, guidato da Daniele Mariantoni, ha tenuto sul prato una lezione di capoeira ed acrobatica, coinvolgendo tutti i presenti al ritmo delle musiche brasiliane. Il bus della tratta urbana messo a disposizione dalla ASM - al cui interno era stata allestita la mostra "la città che vorrei" con i lavori realizzati dalle scuole che da questa settimana trova fissa

“RIETI

CITTA’

dimora allo Spazio Famiglia di via Martiri delle Fosse Reatine - è stato ultimato con i graffiti realizzati dai bambini sotto l’occhio esperto dell’artista Santina Eleuteri di Graffiti & School. Il sindaco Simone Petrangeli, l’Assessore alle Politiche Sociali, Stefania Mariantoni, promotrice della manifestazione, insieme a Matteo, il Baby Sindaco dell’Istituto Comprensivo di Villa Reatina, hanno consegnato gli attestati di ringraziamento alle organizzazioni che si sono date da fare per costruire l’evento. "Quest’anno abbiamo finalmente avuto l’opportunità di vivere una settimana dedicata a noi ragazzi per richiamare l’attenzione sui diritti dell’infanzia - ha affermato il Baby Sindaco - una settimana piena di colori, musica, arte che ci ha fatto provare tante emozioni e sentire protagonisti. Vogliamo ringraziare il Sindaco, la Giunta e tutti quelli che hanno collaborato e permesso la realizzazione della settimana "Città amica dei bambini" riconosciuta a livello nazionale dal Ministro dell’integrazione Kyenge. Ci auguriamo fortemente che questa iniziativa venga riproposta ogni anno. Un diritto fondamentale dei ragazzi è quello di essere interpellati, di poter dire la loro, di essere protagonisti nel difendere e progettare le cose che li riguardano. Grazie ancora a tutti gli adulti che credono nei bambini perché essi saranno gli adulti del domani".


L’osservatore laziale

FROSINONE E LATINA

pag. 5

ANAGNI, VIDEOCON VERSO L’ACCORDO DI PROGRAMMA Bianchi (Pil)”Ora manca solo la firma del ministero”

Anagni (FR) - -La Regione Lazio finanzierà l’accordo di programma per lo sviluppo industriale della provincia di Frosinone con i fondi europei POR-FERS 20072013 e questo consentirà di intervenire sulla continuità lavorativa del personale della Videocon, che ormai si trova vicino alla scadenza del periodo di cassa integrazione- Ad annunciarlo è Daniela Bianchi del gruppo “Per il Lazio” intervenuta all’assemblea dei lavoratori della VDC, riuniti stamattina presso il salone della Provincia di Frosinone” -Questo perché la Regione guidata da Zingaretti ha riconosciuto la validità del lavoro svolto fino ad oggi dal Comitato per lo Sviluppo,con il quale siamo riusciti a portare avanti una proposta concreta – spiega Bianchi - diversamente dai tanti piani annunciati negli scorsi anni che hanno solo consumato risorse senza creare alcuno sviluppo-“. Ma la consigliera Bianchi invita anche a mantenere alta l’attenzione sulla vicenda –“Resta però un ultimo passo affinché l’accordo diventi realtà, la firma presso il Ministero allo Sviluppo Economico. Per questo, pur con la consapevolezza di aver intrapreso tutte le migliori azioni, non possiamo ancora abbassare i livelli di impegno sulla vicenda che potrebbe arrivare aun lieto fine nell’arco di poche settimane-. -Il lavoro portato avanti in questo periodo permetterà alla provincia di Frosinone di essere una delle prime in Italia ad avere la possibilità di siglare un accordo di programma- ricorda Bianchi : Grazie a questo accordo sento di poter dire che si aprirà una nuova era industriale. Con il Bando del Comitato per lo Sviluppo

abbiamo suscitato l’attenzione di oltre 150 aziende, tra cui 10 multinazionali, per un investimento complessivo di 380 milioni e una ricaduta occupazionale di oltre 2000 posti” I risultati di questo lavoro sono collegati anche alle prime misure prese dall’”Assessorato Regionale alle Attività Produttive” lo sblocco dei 150 milioni di euro per il sostegno alle piccole e medie imprese è un primo tassello di una politica industriale ben precisa – chiarisce la consigliera del gruppo “Per il Lazio”. Il provvedimento coinvolgerà anche la Provincia di Frosinone e ha l’obiettivo di creare un futuro, abbandonando le misure tampone dal corto respiro” - Sono felice che i lavoratori abbiano compreso la linea e che i sindacati abbiano fatto una scelta ben precisa, preferendo esplicitamente lo sviluppo a nuove manovre di cassa integrazione che portano verso un vicolo cieco è l’unica risposta non solo al reimpiego degli operai della Videocon, ma anche alla crisi occupazionale che sta colpendo la Provincia- prosegue la consigliera regionale - Il progetto costruito è anche una risposta a chi maliziosamente dice “Daniela Bianchi? Lasciamola giocare…” come se l’impegno e il fare fossero una cosa alternativa, e non compatibile, col fare politica. Si, stiamo giovando, ma stiamo giocando una partita fondamentale per la vita di 1000 famiglie. Con buone possibilità di portare a casa un risultato positivo.- -Con questa iniziativa la provincia di Frosinone sta riconquistando una voce forte e autorevole – conclude la consigliera- permettendo di sostenere azioni di rilancio industriale veramente percorribili e capaci di generare sviluppo economico e benessere diffuso. Così facendo si è anche riconsegnato alla politica il ruolo di vigilanza e garanzia che le spetta, impedendo che si ripetesse il consumato copione della corsa ai fondi senza alcuna progettualità.-

FROSINONE, NUOVA GESTIONE GAS: RIVOLUZIONE IN VISTA

Ottaviani: “Con la gestione integrata del metanodotto che insiste sulla zona nord della

provincia, si potrebbero risparmiare risorse con l’utilizzo delle economie di scala,

attraverso l’abbattimento dei costi di gestione comune”.

Frosinone - Si lavora alacremente per la costituzione dell’Ambito Territoriale Minimo per la gestione del gas. Dopo la prima riunione operativa del costituendo ATEM FR1 OVEST (Ambito territoriale minimo per la gestione del gas) si entra nel vivo del progetto. Come è noto l’articolo 46 bis del D. L. 1/10/2007 n. 159 convertito in legge dall’articolo 1, comma 1 della legge 29/11/2007 n. 222 al fine di garantire al settore della distribuzione del gas naturale maggiore concorrenza e livelli minimi di qualità dei servizi essenziali, ha disposto che i Ministri dello Sviluppo economico e per gli affari regionali e le autonomie locali, determinino gli ambiti territoriali minimi per lo svolgimento delle gare di affidamento del servizio di distribuzione del gas, a partire da quelli tariffari, secondo l’identificazione di bacini ottimali di utenza, in base a criteri di efficienza e di riduzione dei costi. Il Comune di Frosinone, in base a quanto previsto dalla normativa, è stato individuato come stazione appaltante per la gestione della gara di affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale, in forma associata, del bacino denominato Frosinone I – Ovest, di cui fanno parte oltre al capoluogo altri 29 comuni: Acuto, Alatri, Amaseno, Anagni, Boville Ernica, Castro dei Volsci, Collepardo, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Fumone, Giuliano di Roma, Guarcino, Monte San Giovanni Campano, Morolo, Paliano, Patrica, Piglio, Serrone, Sgurgola, Strangolagalli, Supino, Torre Cajetani, Torrice, Treivigliano, Vallecorsa, Veroli, Vico nel Lazio e Villa Santo Stefano. Nella prima riunione operativa sono state illustrate le finalità progettuali e gli adempimenti tecnico-burocratici da adempiere per giungere nel minor tempo possibile alla costituzione dell’ATEM. Ad illustrare in modo più dettagliato i termini del progetto è l’ingegner Antonio Zompanti consulente tecnico per l’Ambito Territoriale Minimo: “Come è noto il settore della distribuzione del gas è stato oggetto, a partire dall’anno 2000, di significativi interventi legislativi conclusisi con la determinazione di effettuare le gare d’ambito. Nella fattispecie i valori economici più significativi riguardanti la gara dell’ambito FR1 OVEST possono essere così ipotizzati e riassunti: 52.000 circa utenti interessati, estensione della rete di

circa 1050 km, per un valore economico annuo della distribuzione d’ambito: 6,5-7,5 milioni di euro per una durata dell’affidamento di 12 anni e un valore economico totale relativo all’affidamento della distribuzione di circa 100 milioni di euro. I canoni previsti per i comuni interessati sono di circa 15-25% del valore economico totale, corrispondenti a circa 15-25 milioni di euro. L’ipotesi di riduzione tariffaria per gli utenti per effetti sinergici sul bacino di circa il 10%, mentre gli ampliamenti delle reti sono di 5-8 km/ per comune, per un totale complessivo di circa 150-240 km. Il costo degli ampliamenti a km sarà di 80.000 - 100.000,00 euro, per un totale di circa 20 milioni di euro, da effettuarsi, probabilmente in massimo 5 anni. I tempi di realizzazione di nuovi allacciamenti con contestuali rifacimento degli impianti interni (a carico dell’utente) sono: nuovi allacciamenti ipotizzabili n. 10.000, costo rifacimento impianti pari a circa 2.000 – 3.000 euro per impianto, per un totale di circa 25 milioni di euro, con le ovvie ricadute in termini di ricchezza sul territorio. Il valore economico degli interventi di risparmio energetico, efficienza energetica, produzione energie rinnovabili, da inserire nel bando di gara, sono valutabili in 150.000,00 euro per comune per un totale di circa 5 milioni di euro. Il servizio sarà gestito con il vincolo di carte dei servizi controllate dall’Autorità per cui migliorerà la qualità e la sicurezza del trasporto e fornitura del gas. Infine da sottolineare che il nuovo gestore sarà sottoposto all’attività di controllo di un Comitato tecnico di Monitoraggio (di soli 15 soggetti, come previsto dalla normativa)”. “Con la gestione integrata del metanodotto – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani – che insiste sulla zona nord della provincia, si potrebbero risparmiare risorse con l’utilizzo delle economie di scala, attraverso l’abbattimento dei costi di gestione comune. Per centrare questo obiettivo, naturalmente, dovremo prima far tesoro delle esperienze e delle problematiche generate dalla gestione del servizio idrico integrato, poiché in entrambi i casi è sopraggiunta una nuova normativa nazionale, che ha bisogno di essere conciliata con le differenti esigenze dei comuni che comporranno l’ambito territoriale di riferimento”.

4 giugno 2013  

QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE - WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you