Issuu on Google+

RITRATTATA LA PROTESTA:

Lunedì 22 Aprile 2013

Anno II Numero 41

Direttore Responsabile: Chiara Rai - Editore: IG Servizi Srl - Sede legale: Roma, via C. Colombo, 440 - Tel. 3457934445 - Fax. 02700505039 - Email: info@osservatorelaziale.it

L’editoriale

C'ERA UNA VOLTA

“NO GOLPE NO PARTY”

Il commento di Angelo Parca

Armiamoci e partite. Ancora una volta, il grillo bissa e per “motivi di sicurezza” lascia migliaia di persone in piazza Santi Apostoli a Roma che intonano cori sia contro il Capo dello Stato "Napolitano non ti vogliamo", che contro Silvio Berlusconi. La differenza tra ieri e oggi? Nessuna, certo che continuare a inveire contro il presidente della Repubblica non aiuta a far arrivare a fine i mese i lavoratori ai quali sta per scadere la cassa integrazione. La piazza si allarga, le persone esauste aumentano e tra queste aumentano gli sfiduciati dal Pd, coloro che hanno distrutto la propria tessera perché rimasti inascoltati. Prima si è urlato al golpe, ma ieri è arrivata l’aggiustatina di toni da parte del grillo: «ho detto "golpe", ma intendevo "golpettino istituzionale furbo", giocato sulla semantica». Gridare al golpe è stato esagerato dunque, fa piacere che a dirlo è lo stesso urlatore. Intanto è stato partorito un altro “No” dei pentastellati: no ad un governo con Amato o Letta. Tra breve si vedrà la destrezza di Napolitano che dovrà fare dei nomi condivisi ma non credo che alla sua veneranda età si sia illuso di avere il consenso pentastelle quando ancora si invoca Rodotà.

LA POLITICA

POI VENNERO I PARTITI di Emanuel Galea

Strano ma vero. Cifre che lasciano chiunque esterrefatto e che non hanno alcun bisogno di commenti. Esprimono orrore, paura e sfiducia, nude e crude come sono. Se poi le inserissimo nel contesto generale della fiera di stracciumi, vergognosamente messa su dagli apparati partitici, la loro “vomitevole crudità” emerge ancor più prepotente. Strano ma tristemente vero che attualmente, in questa Italia, all’infuori di Giorgio Napolitano, non esista un personaggio, al di sopra di partiti e lobby varie, degno di rappresentare la nazione. Non si trova o forse non si vuole cercarlo in quanto ai partiti non interessa farlo. Loro si beccano a vicenda, mentre un milione di famiglie si trova senza reddito di lavoro. Ripicche personali e faide tra partiti ed a Chianciano Terme, a Velletri, a Pomezia, a Torino, a Bitonto (Bari) ed a Taormina ci si suicida a causa della crisi. Chi sceglie di spararsi, chi di impiccarsi. La crisi sta diventando peggio della peste nera.

Continua a pagina 2

GRILLO,

MARINO

(PD):

"ROMA

ESSERE OSTAGGIO DI TENSIONI"

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

NON

PUO'

Roma - Il candidato sindaco del Pd Ignazio Marino ha dichiarato: "Roma non può essere ostaggio di tensioni, di chi rievoca periodi bui della nostra storia. Soprattutto nella settimana in cui si celebra il 25 aprile. Non è accettabile da una forza politica che si professa democratica. Questa città ha bisogno di una guida equilibrata e competente, che sappia restituire senso di appartenenza, di solidarietà e di serenità ai romani".

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE


pag. 2

PRIMO PIANO

dalla prima pagina l’editoriale di Emanuel Galea

Ma è possibile che in tutta Italia non si trova un personaggio degno di rappresentare la Repubblica e l’attuale presidente, per responsabilità verso la Patria è costretto a fare il bis? Il Presidente, fotografia perfetta del “gentleman”, uomo di 88 anni, accettando di prolungare il suo incarico, impartisce una “lettura magistrale“ di cosa vuol dire “responsabilità”, specialmente a chi, ultimamente, con questa parola amava riempirsi la bocca, mentre nulla faceva per dimostrare che stava compiendo la propria. Nichi Vendola, oltre al Movimento Cinque Stelle, naturalmente, è stato il primo ad alzare la protesta contro la scelta “Napolitano”. Non si è capito se la sta facendo come parlamentare oppure come presidente della Regione Puglia. E’ proprio così, perché Vendola, che grida tanto allo scandalo e si appella alle regole, ancora non ha regolarizzato la sua posizione. Mentre Sel e M5s cercano di acquisire visibilità, si registra un calo nei consumi, il peggiore degli ultimi 12 anni, da quando è calcolato l'indice di Confcommercio. Il Pd si è frantumato sullo scoglio “Quirinale” ed il capitano che voleva “fare l’inchino” davanti all’isola Cinque Stelle, si trova ora nella scialuppa a subire i rimproveri dei capitani di porto di turno. Il sindaco di Salerno, De Luca, definisce quanto è successo un fallimento di tutto un gruppo dirigente. La Presidente Rosy Bindi non si è trattenuta ed ha dichiarato che il partito ha dato cattiva prova di sé. Mentre qualcuno lecca le ferite, qualcun altro si strofina le mani e se la ride sotto i baffi. Un paio sbraitano e scendono in piazza . Il Fondo Monetario Internazionale nel World Economic Outlook avverte che il tasso di disoccupazione in Italia ha avuto una brusca salita e che dal 10,6% del 2012 per quest'anno è previsto al 12,0% per poi crescere ancora al 12,4% nel 2014. Per questo giungono sagge le parole di Zaia : 'Finita paralisi imbarazzante parlamento, subito incarico governo larghe intese' Riusciranno a mettersi d’accordo? Una volta c’era la Politica, poi vennero i partiti.

L’osservatore laziale

Esercito

ROMA, POLICLINICO MILITARE CELIO: DALL'IMPIEGO NEI TEATRI OPERATIVI ALLA SPERIMENTAZIONE SULLE CELLULE STAMINALI

Roma - “Testimonianza solenne di apprezzamento e di affetto per la costante, pluriennale e meritoria attività svolta da Policlinico Militare di Roma a salvaguardia della salute dei cittadini con e senza le stellette”, con questa motivazione il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha concesso oggi, in Campidoglio, la cittadinanza onoraria della Capitale al Policlinico militare “Celio”. All’evento, che si è svolto nell’ambito delle celebrazioni del 2766esimo anniversario del Natale di Roma, hanno partecipato, tra gli altri, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Claudio Graziano, l’onorevole Domenico Rossi e il Direttore del Policlinico Militare Maria Alberto Germani. “Il Policlinico Militare di Roma, costruito sul colle Celio, nel 1891”, si legge nel verbale di delibera dell’Assemblea capitolina, “in oltre centoventi anni di vita operosa e ininterrotta, sia in pace sia in guerra, ha acquisito nel corso di tanti anni un profondo radicamento nella città che lo ospita e ha continuato a essere severo custode di quelle virtù che consacrano il Soldato di Sanità”. Il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, nel suo discorso ha rivolto un particolare ringraziamento al personale del

policlinico militare Celio “per l’assistenza prestata a tutti i militari all’estero, portando per il mondo il nome di Roma”, ha continuato Alemanno, “e per l’impegno profuso nella sperimentazione delle cellule staminali”. Il Generale Graziano dopo aver ringraziato le autorità presenti e la città di Roma, che ospita dal 1891 il Policlinico militare Celio, per il prestigioso riconoscimento concesso, ha espresso la sua riconoscenza “per l’attività svolta dall’ospedale militare, in particolar modo negli ultimi anni, numerosi soldati, uomini e donne, sono vivi per la professionalità che il personale medico militare ha espresso sul terreno, sul campo e nelle sale operatorie”, ha continuato il Generale Graziano “noi stiamo investendo sulla ricerca, assieme alla componente sociale e umana del Paese per assicurare una sempre maggiore professionalità nell’interesse del Paese, di tutte le Forze Armate e della città di Roma”. Ha poi preso la parola il Direttore del Policlinico “Celio”, Generale Germani, che ha detto “il Policlinico militare Celio oltre a operare in Afghanistan , Libano e Kosovo si evolve anche dal punto di vista tecnico

scientifico grazie alle collaborazioni con le Università di Roma e con gli altri ospedali della Capitale”. “Sul territorio nazionale”, infatti, “il Policlinico militare è inserito nel circuito dell’emergenza sangue a Roma e ha curato, di recente, tanti cittadini romani che in situazioni di criticità non potevano essere ricoverati, a causa del sovraffollamento, nelle strutture pubbliche”. L’impegno del Policlinico Militare si è anche estrinsecato nella partecipazione alle missione di pace nel mondo in cui l’Italia ha fornito il suo contributo di solidarietà internazionale. Sono trascorsi ormai più di 30 anni dal suo primo intervento nella città di Beirut nel 1982. Da allora gli Ufficiali medici e i Sottufficiali infermieri del “Celio” sono periodicamente partiti per fornire la loro assistenza in molti teatri operativi, tra i quali: il Kurdistan nel 1991, la Somalia nel 1993, il Mozambico nel 1994, in Bosnia e in Albania nel 1996, in Kosovo nel 1999, in Macedonia nel 2000, in Iraq dal 2003 al 2006, nel Ciad nel 2008 ad Haiti in occasione del terremoto nel 2010. Attualmente, il “Celio” alimenta con personale sanitario l’Afghanistan, il Libano e il Kosovo.


ROMA E PROVINCIA

L’osservatore laziale

pag. 3

Cronaca

ROMA, TROVATI RAPINATORI SERIALI: NARCOTIZZAVANO ANZIANI E LI DERUBAVANO DI TUTTO, COMPRESA L’AUTO

Si tratta di una coppia di 42 e 45 anni. Lui residente nel comune di Ardea e lei a Roma.

Roma - Autori di una serie di rapine avvenute a Roma e provincia, sono stati arrestati nella serata di ieri dagli agenti del C o m m i s s a r i a t o Esposizione, diretto dal dr. Giuseppe Miglionico. Un operazione durata diversi mesi ma che alla fine ha permesso agli investigatori di porre fine ad una lunga serie di rapine e di arrestare i due malviventi. Si tratta di una coppia di 42 e 45 anni. Lui residente nel comune di Ardea e lei a Roma. Gli agenti sono arrivati a loro grazie ad una serie di indagini durate mesi. Ieri sera l’epilogo dopo l’ennesima rapina messa a segno ai danni di un anziano trovato nel suo letto ancora in stato di sonnolenza profonda. Da giorni gli investigatori gli erano alle costole. In uno dei tanti appostamenti sotto la loro abitazione, i poliziotti erano riusciti a trovare tracce del loro possibile coinvolgimento nelle rapine, dopo che la donna era scesa a buttare l’immondizia. La busta con i rifiuti, recuperata dagli agenti e ispezionata, ha permesso di rinvenire all’interno del sacchetto un flacone di un potente narcotico e un giornale di annunci per incontri, alcuni dei quali sottolineati con un evidenziatore, tutti relativi ad anziani, vedovi, in cerca di compagnia femminile. Questo particolare a destato ancora di più i sospetti degli investiga-

tori che a quel punto hanno deciso di intervenire. Sabato sera infatti, dopo l’ennesimo appostamento, i poliziotti hanno intercettato la donna a bordo di un auto mentre faceva rientro nella sua casa di Ardea. Dopo essersi incontrata con il suo compagno nelle vicinanze dell’abitazione, i due sono entrati nell’appartamento. Gli immediati accertamenti sull’auto condotta dalla donna hanno permesso di accertare che il veicolo era intestato ad una persona anziana. A quel punto gli investigatori hanno atteso che la coppia riuscisse di casa, li hanno fermati e dopo una breve colluttazione, bloccati. Messi a conoscenza del motivo per il quale erano stati bloccati, i poliziotti hanno chiesto alla donna dove si trovasse il proprietario dell’auto su cui era stata vista poco prima. La stessa, mostrandosi collaborativa, ha messo gli agenti in condizione di individuare l’appartamento e di soccorrere l’uomo che, dopo le prime cure sul posto, è stato trasportato da personale del 118 in ospedale in stato confusionale. Per i due invece, identificati per G.C. e K.P., è scattato l’arresto. Nella loro abitazione gli investigatori hanno recuperato diversi telefoni cellulari, telecamere e oggetti preziosi. Tutta roba asportata dalle abitazione delle vittime.

Eventi & Manifestazioni

NEMI, MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA ANTICIPA LA SAGRA DELLE FRAGOLE

Nemi - Nemi grande protagonista della trasmissione Rai “Mezzogiorno in famiglia” anche questa settimana. Magnifico lo scenario della coppa stracolma di fragole con dentro la bella presentatrice Roberta Gangeri. Un’idea quella di esporre la coppa che si utilizza durante la celebre Sagra delle fragole, che è venuta in mente al vicesindaco Edy Palazzi: “Devo dire una bella scenografia – ha detto la vicesindaco Palazzi – e poi abbiamo vinto!”. Presenti, oltre agli amministratori, anche il comandante della polizia locale Gabriele Di Bella e la storica vigilessa Adalisa. Alla Polizia Locale diretta da Di Bella va un plauso per l’ottima organizzazione sotto il profilo della sicurezza. Ad affrontarsi i Comuni di Savignano sul Panaro (Modena) e Nemi (Roma) sabato 20 e domenica 21 aprile nella prima sfida dei quarti di finale. Infatti domenica scorsa la fortuna ha premiato Nemi, che casualmente era impegnata in studio nella sfida contro Sarsina. A guidare le delegazioni sono Beppe Convertini (Nemi) e Giovanna Civitillo (Savignano sul Panaro). E ancora doppia fortuna per il Paese delle fragole che è finito in semifinale. Gli aggiornamenti presto per la prossima comparsa in TV. Una puntata fantastica dove Nemi ha vinto tutte le competizioni.


pag. 4

RIETI E VITERBO

L’osservatore laziale

MORRO REATINO (RI), INAUGURATO IL SENTIERO DEI PARTIGIANI

Morro Reatino (RI) - E' stato inaugurato il Sentiero dei partigiani e della libertà tra Morro Reatino, Rivodutri e Poggio Bustone. L'iniziativa si è svolta ieri domenica 21 aprile e vede il coinvolgimento, tra gli altri, del Club alpino italino e dell'Anpi Cristiani Rieti. Partenza alle 9.30 da Morro Reatino (bivio di Rieti per Rivodutri - strada statale Morro per Leonessa , edificio Anas) passaggio per Rivodutri e arrivo a Poggio Bustone. Poggio Bustone è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stata insignita della Medaglia d'Argento al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale. Alla riscoperta degli Antichi sentieri Il piccolo Comune di Morro Reatino è posto su uno sperone di roccia all'i-

RIETI, IL COMUNE PREMIUM INPS

ADERISCE

nizio della Valle del Fuscello, ed ha lungamente rappresentato l'estremo avamposto di Rieti, ai confini con il Regno di Napoli. Già il Palmegiani faceva riferimento a dei ruderi di acquedotto e ad una moneta d'oro dell'imperatore Vespasiano rinvenuti in località Canale, a dimostrazione di una zona già abitata in epoca romana. Le prime notizie del centro fortificato risalgono comunque al XII secolo: i consoli del libero Comune di Rieti acquistarono il possesso di Morro esplicando diritti di sovranità attraverso i propri vicari, a vantaggio della Santa Sede. Delle antiche origini di forte medioevale conserva oggi la porta castellana, con arco a sesto pieno, volta a botte e resti delle mura e delle torri. Attualmente Morro è stazione climatica in quanto posta a 750 mt. sul livello del mare. Durante il periodo estivo sono in molti i villeggianti che partecipano con piacere alla Sagra della Pizzola che si svolge la prima domenica di agosto organizzata dalla Pro-Loco, alla festa in onore della Madonna del Rosario che si tiene a metà agosto ed allo svolgimento della secolare fiera annuale della Torricella ricadente l'ultima domenica di agosto. L'amministrazione di Morro da tempo si è attivata per richiedere un contributo alla Regione Lazio per la realizzazione di un progetto di valorizzazione ambientale attraverso una riscoperta di percorsi antichi, incrementando così le attività economiche tradizionali e sviluppando nuove attività di servizio al fine di valorizzare l'Eremo di S. Michele Arcangelo in località Coste Lignano. Suggestivo è l'ambiente naturale composto da boschi di castagno, roverella, cerro e quercia ideali per passeggiate e raccolta di funghi e prodotti del sottobosco, fra cui tartufaie naturali.

ALL’INIZIATIVA

HOME

CARE

Rieti - La Giunta, su proposta dell’Assessore alle Politiche socia-ti INPS, pensionati della Pubblica Amministrazione, e ai loro famili, Stefania Mariantoni, ha approvato una delibera che prevede l’a-liari, in condizione di non autosufficienza. Il programma Home Care desione del Comune all’iniziativa Home Care Premium della GestionePremium ha come scopo non solo il sostegno e la definizione di dipendenti pubblici dell’INPS per il finanziamento di progetti inno-interventi assistenziali diretti, ma anche il supporto per gli utenvativi e sperimentali di assistenza domiciliare. Il progetto è arti-ti nell’affrontare, risolvere e gestire le difficoltà connesse allo colato in prestazioni socio assistenziali prevalenti e prestazionistatus di non auto sufficienza proprio o dei socio assistenziali integrative. L’iniziativa è diretta agli iscrit-propri familiari.

TARQUINIA (VT), SI PREPARA LA RIETI, ZTL E ZTPP Rieti -In concomitanza con i lavori CELEBRAZIONE DEL 25 APRILE necessari a trasformare una parte

Tarquinia (VT) - Il sindaco Mauro Mazzola invita la popolazione a partecipare alla celebrazione per il 68° anniversario della Festa della Liberazione, giovedì 25 aprile. Il programma prevede, alle ore 10.30, il raduno delle autorità civili e militari, delle forze politiche, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni combattentistiche e d’arma, delle associazioni di volontariato e della banda “Giacomo Setaccioli”,

in piazza Giacomo Matteotti, per la deposizione di una corona d’alloro in memoria di Domenico Emanuelli. Alle ore 11.00, da piazza Giacomo Matteotti il corteo sfilerà in piazza Nazionale, corso Vittorio Emanuele II, piazza Cavour, via Umberto I, per giungere in viale Luigi Dasti, dove sarà deposta una corona d’alloro al Monumento ai Caduti e si svolgerà la commemorazione ufficiale della ricorrenza.

dell’attuale ZTL in ZTPP, l’amministrazione comunica che i varchi di Via dei Pini, Ponte Romano e Via Tancredi, sono stati disattivati il 12 aprile 2013 e rimarranno spenti fino al 5 maggio 2013 compreso. Dal 6 maggio 2013 partirà la fase di sperimentazione con l’attivazione dei nuovi varchi. L’amministrazione fa sapere inoltre che continuano invece ad essere attivi e quindi a svolgere funzione sanzionatoria, dal 12 aprile fino al 5 maggio 2013, i varchi di Via Cintia (altezza Piazza Marconi), Via delle Stelle e Via Garibaldi (altezza Porta D’Arce), oltre a quelli di Via del Burò e Via San Pietro Martire, mantenendo l’orario attuale.


L’osservatore laziale

FROSINONE E LATINA

Amministrazione & Giustizia

SORA (FR): CHIEDERE SUBITO PROROGA PER TRIBUNALE PUNTARE A "POLO DELLA GIUSTIZIA" A CASSINO

pag. 5

E

Senatore Scalia: “Ci sono tutte le condizioni per la richiesta di proroga”

Sora (fr) - Il tribunale di Sora può ancora essere mantenuto in vita. A chiedere l’impegno di tutte le forze politiche è il Senatore Francesco Scalia, convinto dell’importanza che riveste la Sezione Distaccata di Sora, non solo per tutti i cittadini della provincia, ma anche per coloro che lavorano in ambito giudiziario, che si vedrebbero costretti a subire gravi disagi. “Con il decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 155 che ha riscritto la geografia della sedi giudiziarie, sono stati soppressi quasi 1000 uffici giudiziari in tutta Italia. Più di duecento le sezioni distaccate dei tribunali delle quali è prevista la chiusura, e tra queste anche quella di Sora, le cui funzioni verranno accorpate al

Tribunale di Cassino, rimasto in vita, si ricorderà, grazie all’azione congiunta di tutte le forze politiche presenti sul territorio e in Parlamento. Oggi è necessario rimettere in campo la stessa determinazione e sollecitare il Presidente del Tribunale di Cassino a procedere con la richiesta di deroga, disciplinata dall’art.8 della citata legge, tenendo anche in considerazione la possibilità che a breve la Consulta dichiari la incostituzionalità dell’intero decreto”. “Qualche tempo fa – aggiunge Scalia – il Ministro Severino ha invitato a procedere nel più breve tempo possibile alla dismissione delle strutture soppresse. Ciò al fine di evitare strumentali richieste di deroga non giustificate da casi eccezionali quali quelli contemplati nel sopra citato articolo 8. Nel caso di Sora, invece, le condizioni per la richiesta ci sono tutte. L’amministrazione comunale si è già mossa in questa direzione, ora spetta al Presidente del Tribunale di Cassino, con la collaborazione degli enti locali interessati e del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, avviare il procedimento per la richiesta. Sarebbe un grave errore non percorrere questa strada che, ci tengo a sottolineare, non crea costi aggiuntivi per la macchina pubblica, ma anzi consentirebbe di ottenere significativi risparmi dei fondi destinati alla ristrutturazione di una nuova sede a Cassino. La sede di Sora consentirebbe, non da ultimo per importanza, di dare alle amministrazioni coinvolte il tempo necessario ad una seria programmazione e realizzazione di un unico “Polo della Giustizia” a Cassino, con evidenti benefici anche per tutta la provincia”.

FORMIA (LT), WINDSURF SLALOM: PRIMA CASSINO (FR), ARRESTATO IL TAPPA DEL CIRCUITO REGIONALE DEL LAZIO Formia (LT) - Nello spot di PIROMANE DEI CASSONETTI Vindicio si è disputata la Cronaca

Cassino (FR) - Autore di circa un centinaio di incendi a cassonetti che si sono verificati negli ultimi due mesi nel centro di Cassino. L’altra notte i carabinieri di Cassino lo hanno fermato poco dopo aver innescato altri cinque roghi. Si tratta di un 59enne di Cassino che per cause ancora al vaglio degli investigatori, da alcuni mesi, incendiava più cassonetti per volta nel centro della città martire impegnando per ore i vigili del fuoco. Per lui sono scattate le manette con l'accusa di danneggiamento aggravato.

prima tappa del circuito regionale del Lazio che ha visto vari atleti sfidarsi nella disciplina slalom del windsurf, presso il circolo velico L’Officina dei Venti. Tra i partecipanti, diversi atleti di calibro, che hanno portato in auge questo sport, tra cui Robert Hoffman, che per gli appassionati di windsurf non ha bisogno di alcuna presentazione. A raccontarci della tappa in una full immersion post- gara, è proprio un atleta formiano che vi ha partecipato, giovane promessa del windsurf, Gianmarco Meschino, che così descrive la competizione: “Le hit disputate sono state quattro, con condizioni di vento che oscillavano tra i 10 ed i 12 nodi sud ovest, mura a destra, la competizione si è protratta per circa un’ora, il campo di regata era nello specchio d’acqua antistante l’officina dei Venti. I risultati della prima tappa hanno visto classificarsi al primo posto Robert Hoffman, seguito da Sbrdoni, ed Enzo Esposito. C’è fermento per l’attesa delle prossime tappe del circuito, che vedranno i windsurfisti sfidarsi ancora una volta a Vindicio per fine giugno, poi a Ladispoli, ancora a Trevignano, per chiudere il circuito a Foce Verde.


22 APRILE 2013