Page 1

L ’ osservatore laziale QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE Venerdì 21 Giugno 2013

WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

Anno II Numero 96

Direttore Responsabile: Chiara Rai - Editore: IG Servizi Srl - Sede legale: Roma, via C. Colombo, 440 - Tel. 3457934445 - Fax. 02700505039 - Email: info@osservatorelaziale.it

È morta Barbara De Anna, la funzionaria Oim ferita a fine maggio in un attacco dei

talebani a Kabul.

La 40enne di Firenze era stata prima curata in un ospedale di

LAZIO, SCATTA IL PIANO CALDO Emergency e poi trasferita in Germania dove è morta, all'ospedale di Ramstein.

5 MILA MEDICI PER RADDOPPIARE GLI ACCESSI DOMICILIARI L’editoriale

Operativo da oggi 21 giugno e fino al 15 settembre il piano contro le ondate di calore a tutela delle fasce di popolazione più esposte ai rischi derivanti dalle alte temperature. Nel Lazio si tratta complessivamente di oltre 40mila persone. Trentamila sono quelle affette da patologie cardiocircolatorie e respiratorie, ma il numero si amplia considerando che nel programma di sorveglianza i medici possono inserire, oltre che anziani con problemi sanitari, anche quelli in particolare difficoltà sociale. La tutela è affidata ai circa 5000 medici di famiglia operanti nel Lazio. A loro spetterà il compito di selezionare quali tra i propri assistiti dovranno essere inseriti nel programma, scelti su una più ampia platea di soggetti suscettibili, indicati dal programma elaborato dall’Osservatorio epidemiologico regionale che da sempre cura l’attuazione del progetto e che indica quattro diversi livelli di rischio. L’accordo stipulato nei giorni scorsi prevede che per ognuno dei pazienti selezionati sia compilata una scheda, quest’anno molto semplificata, e che per ognuno sia assicurato obbligatoriamente almeno un accesso domiciliare.

SINDROME IMU di Angelo Parca

E

se la ministra non paga

l’Imu, non la pago neanche io.

Questo

signora

ha

al

detto

mercato

una

mentre

accaldata mette in borsa un po’ di frutta e ad

si prepara

affrontare

giornata

di

un’altra

caldo.

Josefa

Idem della squadra di Letta

avrebbe dovuto dare il buon

esempio ma si può sbagliare e

la

pagare

ministra con

gli

è

pronta

a

interessi.

Chi è senza peccato scagli la

può

prima

certo

pietra dire

ma

che

non

si

Josefa

non avesse i soldi per paga-

re. Sarà stata una svista e

poi, si sa, che queste cose le gestiscono terze persone

quando si è impegnati a fare il

ministro.

Tranquilli,

soprattutto agli strilloni, Idem non si dimetterà perché ha

la

massima

fiducia

di

Enrico e perché errare humanum

est.

Berlusconi

docet.

speculazioni, lavorare

D'altronde

questi

Basta

facciamo

signori

poi tiriamo le somme.

e

Continua a pagina 2

ANGUILLARA - PONTON DELL’ELCE: INIZIA LA POTABILIZZAZIONE DELL’ACQUA

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

Anguillara (RM) - L’ufficio Lavori Pubblici, Manutenzioni ed Ambiente del Comune di Anguillara (RM) fa sapere che per indifferibili lavori di manutenzione dell'acquedotto, lunedì 24 Giugno 2013 verrà sospesa l'erogazione idrica nella località Ponton dell'Elce dalle ore 9.00 alle ore 13.00. I lavori sono relativi alla messa in funzione del nuovo impianto di potabilizzazione. Il Comune si scusa per il disagio.

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE


pag. 2

PRIMO PIANO

dalla prima pagina LAZIO, SCATTA IL PIANO CALDO”

L’anno scorso oltre il 65% dei pazienti inclusi nel sistema ha ricevuto la visita a domicilio, il 19% ne ha ricevute due o tre. La platea è composta prevalentemente da una popolazione che va dai 64 ai 74 anni. Il programma è mirato soprattutto ad offrire una maggiore tutela alla popolazione anziana residente nella regione con particolare riferimento a quella delle aree urbane. I sistemi di allarme previsti dal Ministero nella nostra regione sono sei: Roma, Latina, Frosinone, Viterbo, Rieti e Civitavecchia che elaboreranno bollettini giornalieri di allarme, consultabili sul sito web del Ministero della salute ed a breve anche sul sito dell’Osservatorio del dipartimento di epidemiologia del Lazio. In base al piano operativo regionale l’indicazione ai medici è di programmare e potenziare gli accessi domiciliariin corrispondenza dei giorni in cui sono previste condizioni climatiche ad alto rischio. “Quest’anno - spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - a parità di risorse, circa 2 milioni di euro, puntiamo a raddoppiare gli accessi, cioè le visite a domicilio, grazie al senso e all’assunzione di responsabilità da parte dei circa 5000 medici di famiglia del Lazio che voglio ringraziare personalmente. Hanno accolto la nostra impostazione volta a ridurre al minimo necessario le risorse impegnate per la parte burocratica, e utilizzarle invece per garantire una copertura più efficace agli anziani che ne hanno bisogno e ridurre così i ricoveri”.

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

L’osservatore laziale

www.osservatorelaziale.it

SANITÀ LAZIO: ASSOTUTELA, APPELLO A MINISTRO

LORENZIN PER NOMINA SUB COMMISSARIO

“Ci appelliamo al ministro della Salute Beatrice Lorenzin per chiedere una decisione in merito alla nomina del sub commissario per la sanità del Lazio. A oggi la gestione del comparto socio assistenziali è nelle mani del presidente Nicola Zingaretti in qualità di commissario ad acta, dell’ex consigliere regionale del partito democratico Alessio D’Amato in qualità di coordinatore della cabina di regia sanitaria nonché dell’ex manager della Asl Roma B Flori Degrassi in qualità di direttore del dipartimento sociale. Manca la quarta figura”. Lo ha dichiarato il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato. “Contando che il ministro della Salute conosce bene la realtà del Lazio essendone essa stessa parte ci aspettiamo che proceda a nominare una personalità di alto profilo anche tecnico oltre che politico. Un professionista che conosca i

bisogni sanitari del territorio profondamente e che magari – precisa Maritato - in passato l’ha pure amministrato con attenzione e determinazione. E’ necessario che la nostra Regione esca non oltre il 2015 dalle vessazioni del piano di rientro dal deficit con un pareggio di bilancio prossimo allo zero che consenta alla nostra sanità un sospiro di sollievo. Negli ultimi giorni lo stesso presidente Zingaretti ha annunciato la presentazione del piano di rimodulazione dell’offerta ambulatoriale e ospedaliera prima dell’inizio della pausa estiva. Ci auguriamo che – conclude Maritato – tale dichiarazione sia foriera per il ministro Lorenzin di una veloce decisione di modo che tale rimodulazione possa approdare sui tavoli progettuali con la firma anche del sub commissario nominato dal governo”.

ASSOTUTELA: “118, GLI OPERATORI PAGANO GLI

ERRORI DEL SISTEMA”

Il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, interviene duramente sui recenti episodi di violenza a danno di operatori del servizi di emergenza 118, che hanno visto cittadini inferociti scagliarsi in modo selvaggio, con aggressioni ai soccorritori delle ambulanze. “Minacce, violenze, percosse a danno di infermieri, autisti e barellieri - sostiene Maritato -sono frutto di un sistema distorto in cui, per colpe di altri, pagano sempre i più esposti. Non è più tollerabile che, per un presunto ritardo dell’ambulanza siano aggrediti gli unici che si prodigano per aiutare e prestare soccorso, a cui va tutta la nostra solidarietà”. Il presidente continua additando i motivi che, a suo avviso, sarebbero la causa scatenante di tanto livore. “Il servi-

zio di emergenza 118, nato per decreto nel 1992, attivato nel ’94 alle dipendenze dell’Azienda San Camillo Forlanini funzionava allora molto meglio e costava, dati alla mano, tre volte meno di quanto non accada attualmente. La creazione dell’Ares - Azienda regionale emergenza sanitaria - ente autonomo con proprio bilancio e autonomia gestionale, ha significato un aumento esponenziale di poltrone dirigenziali, costi e investimenti dubbi che - continua Maritato - piuttosto che convergere in miglioramenti strutturali hanno favorito i soliti noti. Chiediamo che il tanto sbandierato nuovo corso della Regione Lazio conclude il presidente - entri nel merito sulla gestione di tale ridondante carrozzone”.

SALE CINEMATOGRAFICHE: ADDIO CARA E VECCHIA PELLICOLA.

ARRIVA IL DIGITALE

Dal primo gennaio 2014 tutti i film saranno distribuiti solo in formato digitale, la p e l l i c o l a scomparirà. Le sale cinematografiche del Lazio dovranno adeguarsi, altrimenti saranno costrette a chiudere. Per questo la Regione promuove un bando da 3 milioni e 400mila euro per aggiornare i cinema alle nuove tecnologie. Il bando prevede un contributo a fondo perduto pari al 70%, con un limite massimo di 200 mila euro. I fondi saranno erogabili tramite sportello telematico fino a esaurimento risorse, con una possibilità di anticipo fino al 50 per cento del contributo. Nel Lazio ci sono 123 cinema, per un totale di 437 schermi. Di questi, solo 245 sono digitalizzati. A Roma sono 82 i cinema con 333 schermi attivi (208 digitalizzati), a Frosinone 8 cinema con 24 schermi (8 digitalizzati), a Latina 14 con 46 schermi (12 digitalizzati) mentre a Viterbo 18 con 29 schermi (12 digitalizzati). Soddisfazione è stata espressa da Giorgio Ferrero, presidente

di Anec Lazio, aderente a Confcommercio Roma che ha chiesto alle altre Regioni di seguire l’esempio del Lazio, “le nostr problematiche sono state comprese – ha detto – e questo bando permette al Lazio di tornare al primo posto in Italia”. “Per chi amministra non c’è cosa migliore di poter dire che ha rispettato gli impegni presi”, ha commentato il presidente Nicola Zingaretti. “Nessun cinema deve chiudere, dai multisala alle piccole sale, alle sale parrocchiali. Un film visto al cinema – ha detto Lidia Ravera, assessore alla Cultura - non è uguale alla tv, è una esperienza collettiva, una qualità di emozione non sostituibile. Grazie a questo bando i cinema non chiuderanno e noi ci godremo la sensazione bellissima di aver difeso il diritto dei cittadini a godersi i film in sala e di aver salvaguardato posti di lavoro”. “Tutte quelle sale chiuse sarebbero state un disastro economico e culturale – ha spiegato Guido Fabiani, assessore allo Sviluppo Economico La crisi infatti colpisce anche la cultura, soprattutto quella che fa impresa. Sappiamo bene che per riavviare lo sviluppo bisogna puntare alle fondamenta e alla costruzione delle condizioni necessarie per mettere in moto risorse imprenditoriali e lavoro”.


L’osservatore laziale

www.osservatorelaziale.it

ROMA E PROVINCIA

pag. 3

Eventi & Manifestazioni

VELLETRI, GRAN FONDO CAMPAGNOLO: I CASTELLI ROMANI SI PROMUOVONO ATTRAVERSO LA BICICLETTA AL CIRCO MASSIMO

Il sindaco di Velletri alla partenza della 2. Gran Fondo Campagnolo Roma

DA SINISTRA: MARCELLO PONTECORVI - FAUSTO

Velletri - Il territorio si può promuovere anche attraverso la bicicletta. Per il sindaco di Velletri Fausto Salvadio la 2. Gran Fondo Campagnolo Roma del prossimo 13 ottobre, in cui sono attesi al via 7.500 amatori da tutto il mondo, sarà un’occasione importante per dare visibilità ai Comuni coinvolti dalla corsa. Il primo cittadino lo ha detto in modo chiaro, appoggiato anche dall’assessore Marcello Pontecorvi, a margine dell’incontro nella sala consigliare del Comune in cui sono intervenuti il presidente del comitato organizzatore dell’evento Gianluca Santilli con il direttore generale Ivan Piol assieme agli amministratori di alcuni dei Comuni dei Castelli Romani. Un vertice fondamentale per capire come attivare sinergie e col-

laborazioni. preziose per rendere l’evento un volano di promozione turistica dei territori attraversati. “Sfruttateci per far conoscere le zone più belle della zona dei Castelli Romani accogliendo i ciclisti, mettendoli in sicurezza lungo le vostre strade ed offrendo i vostri prodotti. Gran Fondo Campagnolo Roma darà spazio e visibilità al territorio all’interno dell’Expo Village che allestiremo al Circo Massimo e che sarà centro strategico di quattro giorni di festa all’insegna del ciclismo e dell’enogastronomia”, ha spiegato Santilli. Un invito che il Comune di Velletri ha raccolto senza pensarci due volte tanto che il sindaco ha già annunciato che sarà al via della 2. Edizione della corsa e per allenarsi, in questi mesi, userà la maglia di Gran Fondo Campagnolo Roma del 2012 consegnatagli ieri dal presidente Santilli. L’impegno di Velletri e dei vicini comuni di Monte Compatri, Rocca Priora e Frascati è di garantire una maggiore attenzione ai punti critici del percorso, mentre è all’analisi la zona di passaggio di Grottaferrata. L’obiettivo e il sogno degli organizzatori è quello di arrivare alla chiusura totale del percorso, come SERVADIO già avviene in altre parti d’Italia, a garanzia della maggiore sicurezza dei partecipanti e come segnale di promozione vera del territorio attraverso la bicicletta. A quattro mesi dall’evento sono già oltre 3.000 gli iscritti alla 2. Gran Fondo Campagnolo Roma. L’evento sarà seguito da testate giornalistiche di Giappone, Francia, Germania, Spagna, Inghilterra e Sud America. L’organizzazione ha infatti già avviato rapporti diretti con le più importanti riviste internazionali, ed ha organizzato il mese scorso un sopralluogo con giornalisti provenienti da Paesi europei ed extra europei. “Siamo convinti che azioni come questa possano portare grande beneficio ai Comuni interessati – ha concluso Santilli – la promozione del territorio infatti dovrà passare sempre più da azioni come questa”.

Eventi & Manifestazioni

BRACCIANO, IL VICESINDACO GIANPIERO NARDELLI: “LETTI DI

NOTTE MARATONA CULTURALE PER LA PROMOZIONE DELLA LETTURA”

Bracciano - “Una maratona per la promozione della lettura, del libro e per la valorizzazione dell’editoria indipendente”. Così il vicesindaco con delega alle Politiche Culturali Gianpiero Nardelli commenta l’iniziativa “Letti di notte”, notte bianca del libro e della lettura proposta dalla casa editrice Del Vecchio di Bracciano in programma per il 21 giugno e ospitata dal Museo Civico presso il chiostro degli Agostiniani “La manifestazione – aggiunge Nardelli - oltre a promuovere l’attività di una importante casa editrice del territorio come la Del Vecchio, vede la partecipazione di varie realtà associative locali e mette al centro il libro, e quindi la cultura, in uno dei luoghi deputati alla diffusione culturale come il Museo Civico”. Letti di notte, che si svolge con il patrocinio del Comune di Bracciano, è anche un modo nuovo per vivere il solstizio d’estate: impegnate nelle stesse ore su tutto il territorio nazionale 40 editori indipendenti, oltre a 100 librerie e 20 biblioteche. Alle 21 la manifestazione apre con la presentazione del l romanzo "Si può fare" della scrittrice Birgit Vanderbeke (Del Vecchio Editore). Alla presentazione del libro, incentrato sul tema del riuso, del rici-

clo e della decrescita, parteciperanno diverse realtà locali. Saranno proposti ai partecipanti una caccia al tesoro incentrata sul romanzo intervallata da letture drammatizzate dal TeatrodiTalia, un piccolo rinfresco offerto dalla condotta Slow Food di Bracciano, un "Elogio della bicicletta" composto dallo scrittore Fabio Napoli, presente all'evento, ed informazioni su come realizzare un orto casalingo. In occasione di “Letti di notte” è previsto inoltre l'ingresso gratuito al Museo Civico, che sarà aperto per tutta la durata della manifestazione. Tra gli appuntamenti inoltre Il Pane buono si può fare: la condotta SLOW FOOD di Bracciano racconta come fare il pane buono e organizza uno spaccio di pasta madre; La Nuova Agricoltura nel Rispetto della Terra: I Figli della Terra raccontano come realizzare e curare un orto sinergico; Liberiamoci: il Presidio del Lago di Libera e il GAS di Anguillara raccontano come promuovere legalità e giustizia e consumare in maniera critica e solidale; I Quattro Punti: Il Gruppo Agesci Bracciano racconta come lasciare il mondo migliore di come lo si è trovato. Presenta la serata: Andrea Ballarini.


RIETI E VITERBO

pag. 4

L’osservatore laziale

www.osservatorelaziale.it

Viabilità

RIETI, ZTL. LEGAMBIENTE: SÌ ALLA CHIUSURA DEL CENTRO PER RILANCIARE LA CITTÀ

Per dare un preciso segnale in questa direzione, il circolo Legambiente di Rieti ha voluto rimboccarsi le maniche sabato pomeriggio scorso con la pulizia ai giardini della Loggia del Vignola.

Rieti - “Il progetto di sperimentazione della ZTL e della nuova viabilità che ha avviato l'Amministrazione comunale va portato avanti senza indugio, per tutelare, valorizzare e anche rilanciare lo splendido centro storico di Rieti –lo dichiarano Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Gabriele Zanin, presidente di Legambiente Centro Italia-. Per troppi anni il centro è stato un po' dimenticato, ora discutere è utile se serve a migliorare i provvedimenti ma non si può perdere tempo, la cinta muraria e i rioni medievali, i palazzi e le piazze sono un valo-

re per tutta Italia. In questo contesto, è del tutto certo che in una crisi economica devastante, le attività commerciali potranno avere solo giovamento da una città più vivibile che favorisce il flusso di turisti e reatini a piedi o in bicicletta nelle piazze e nelle strade senza il rumore e lo smog delle auto.” Legambiente apprezza la scelta ecostostenibile dell'amministrazione reatina per ripensare il centro storico del capoluogo laziale e ricorda che uno studio sul commercio e la qualità urbana, realizzato già una decina di anni fa dal Cresme per Confcommercio e Legambiente in quattro grandi città italiane compresa Roma, aveva rivelato che il 55% dei negozianti intervistati affermava di aver tratto 'notevoli benefici economici' grazie a misure di limitazione del traffico. L'esperienza di Napoli nella zona di Piazza del Plebiscito lo conferma: dopo un iniziale periodo di discussione, i negozianti oggi sarebbero contrari alla riapertura al traffico delle vie oggetto oggi della ZTL. Del resto, chi vorrebbe andare a fare lo shopping in strade ridotte a camere a gas dallo smog e costipate di auto incolonnate? In tal senso, bisogna seguire il modello delle principali capitali europee che vantano chilometri e chilometri di ZTL con ottimi risultati (quella di Londra è grande 25 Kmq). Secondo Legambiente sarebbe piuttosto utile valutare nel corso dell'attuazione del provvedimento, la necessità di eventuali misure di adeguamento della rete e degli orari del trasporto pubblico urbano, così come quelli dei parcheggi di scambio, oltre che continuare a potenziare le iniziative culturali nell'area, come sta già avvenendo, e prevedere interventi per migliorare il decoro urbano. Per dare un preciso segnale in questa direzione, il circolo Legambiente di Rieti ha voluto rimboccarsi le maniche sabato pomeriggio scorso con la pulizia ai giardini della Loggia del Vignola.

VITERBO, MARCELLO MEROI NOMINATO PRESIDENTE DELL’UPI LAZIO.

Meroi:

“Subito al lavoro per far sentire la voce dei territori”

Viterbo - Il presidente della Provincia Marcello Meroi è stato nominato presidente dell’Upi Lazio. La nomina è avvenuta nella giornata di mercoledì da parte del consiglio regionale dell’Upi del quale fanno parte, oltre allo stesso Meroi, il presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, e i commissari straordinari U m b e r t o MARCELLO MEROI Postiglione, per la provincia di Roma, Giuseppe Patrizi per quella di Frosinone e Giancarlo Felici per Rieti. L’assemblea provvederà poi a ratifi-

care la nomina e a eleggere i due vicepresidenti. “E’ un onore per me ricoprire questo ruolo – ha affermato il presidente Meroi – anche se questa nomina arriva in periodo decisamente nero per le sorti delle Province italiane. Tra tagli e difficoltà generali, gli enti Provincia proseguono il loro servizio ai cittadini, un servizio importante, spesso fondamentale la cui utilità spesso non viene colta a dovere. Inoltre le amministrazioni provinciali ricoprono un ruolo di raccordo di vitale importanza che se dovesse venire meno lascerebbe i comuni, specialmente quelli più piccoli, abbandonati a se stessi”. Quindi, la situazione non consente nessun tipo di esitazione. Proprio per questo, già dalla prossima settimana, il presidente Meroi sarà al lavoro per trovare soluzioni condivise che possano portare dei benefici alle amministrazioni provinciali laziali. “Il primo impegno sarà in Regione – ha specificato Meroi – dove porterò, unitamente ai colleghi dell’Upi nazionale, le istanze delle Province laziali e proveremo a trovare proprio con l’amministrazione regionale soluzioni per le tante problematiche che stanno attraversando tutte le Province. In seguito – ha aggiunto Meroi – prenderò parte al tavolo nazionale, con l’obiettivo di far sentire la voce proveniente dai territori, di cui le Province sono una importante cassa di risonanza”.


L’osservatore laziale

www.osservatorelaziale.it

FROSINONE E LATINA

pag. 5

Ambiente & Agricoltura

GIULIANELLO (LT): I BAMBINI CONTINUANO LA COLTIVAZIONE DELL’ORTO MEDITERRANEO

Un’iniziativa di stampo ricreativo volta a favorire la socializzazione di grandi e piccoli e contribuire a riqualificare un’area verde comunale

Giulianello (LT) - Dopo la semina, la cura delle piante, in vista del raccolto. Continua l’esperienza dei piccoli contadini di Giulianello, tornati nell’orto sociale urbano da loro avviato un mese fa presso il parco pubblico l’«Accampamento» gestito dall’Associazione Culturale «Libero Pensiero». Un’altra giornata dedicata all’agricoltura e all’ambiente, alla partecipazione e alla formazione degli alunni delle scuole locali. Accompagnati dai loro genitori ed insegnanti, guidati dal Presidente Gianluca Giansanti e dalle animatrici Aurora, Rachele e Marica, hanno potuto osservare e analizzare, correggendolo in qualche caso, lo stato di avanzamento di quel processo di crescita naturale e biologica

da loro precedentemente innescato con la piantumazione di diverse erbe aromatiche di stagione che potranno cogliere tra qualche settimana. Un’iniziativa di stampo ricreativo volta a favorire la socializzazione di grandi e piccoli e contribuire a riqualificare un’area verde comunale, già oggetto di un’intensa opera di bonifica e ristrutturazione da parte dei gestori, culminata con la realizzazione di un chiosco e un parco giochi per bambini, col sostegno di tanti cittadini. Un progetto che guarda oltre, alla qualità della vita in senso lato, e vuole stimolare la conservazione e la diffusione di alcune pratiche agresti tipiche del territorio, sia di produzione che di consumo, affinchè in futuro, con l’ausilio anche di altri operatori e strumenti, possano essere adeguatamente valorizzate per sostenere lo sviluppo rurale ecocompatibile della comunità locale. Ciò partendo dalla sensibilizzazione dei potenziali agricoltori di domani. L’evento rientrava nel «Giugno da Accampamento» che vede protagonista del mese la zona antistante piazzale XI Settembre con un ricco calendario di manifestazioni. Domenica altro appuntamento con la natura ed il paesaggio. Grazie ad Antonio Tora sarà possibile effettuare una passeggiata a cavallo e in bicicletta lungo l’antica via della Transumanza, percorrendo i tratturi che un tempo portavano da Giulianello a Torrecchia Vecchia. Sempre a Giulianello, il 23 giugno, Legambiente, «Il Grido» e l’Associazione Culturale «Chi Dice Donna» daranno inizio al progetto «Adotta un Giardino», con la pulizia del Pratone di Piazza della Fontanaccia.

Leggi & Regolamenti

FROSINONE, REGOLAMENTO VERDE PUBBLICO: SODDISFATTO IL CONSIGLIERE IGINO GUGLIELMI Frosinone - “Esprimo piena soddisfazione per la stesura del Regolamento Comunale del Verde Pubblico e Privato, un atto da me fortemente voluto che ha ottenuto piena approvazione da parte dell’ Assessore al ramo Fulvio De Santis e dell’intera commissione ambiente. Tale atto è in perfetta sintonia con la rivoluzione copernicana apportata meno di un mese fa nell’ambito della raccolta differenziata. Nonostante IGINO GUGLIELMI debba ancora passare al vaglio della Polizia Locale e della Giunta per l’analisi degli articoli di propria competenza, e seppur debba ancora venir approvato in

Consiglio Comunale, dopo essere stato dibattuto per lunghi anni senza alcuna applicazione, il suddetto Regolamento è finalmente giunto in fase di approvazione. Ancora una volta Frosinone risulterebbe essere un virtuoso modello da seguire, in quanto tale regolamento è stato elaborato in conformità alla recentissima Legge n.10 del 14 gennaio 2013. In un contesto in cui vi sono sempre meno risorse per realizzare grandi infrastrutture, preservare e rendere quanto migliore possibile il contesto naturale che circonda la nostra terra assume rilevanza fondamentale. Ciò è possibile soltanto attraverso una campagna di sensibilizzazione del singolo cittadino, affinché tutti lavorino per mantenere sempre pulito il verde ed a sentire proprio ogni angolo della città, invogliando anche i privati ad ‘adottare’ quelle zone che con difficoltà ed estremo sacrificio il Comune si impegna quotidianamente a migliorare.La grande novità interessa l’apertura verso la costituzione di nuove figure mai istituite prima, ovvero quelle degli Ispettori Ambientali Volontari, che non dovranno assumere un aspetto puramente repressivo in caso di violazioni ma saranno chiamati a svolgere forme d'intervento più complesse che consentano un effettivo controllo del territorio comunale, come ad esempio la segnalazione tempestiva di situazioni di degrado e/o di potenziale pericolo. Compito principale di tali Ispettori sarà quindi quello di sensibilizzare quanto più possibile il cittadino e l'utente anche sulle regole del conferimento dei rifiuti”.

21 giugno 2013  

QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE - WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you