Page 1

L ’ osservatore laziale QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE Lunedì 10 Giugno 2013

DOPO

40

WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

ANNI

TORNA

Anno II Numero 85

L'ESORCISTA

Direttore Responsabile: Chiara Rai - Editore: IG Servizi Srl - Sede legale: Roma, via C. Colombo, 440 - Tel. 3457934445 - Fax. 02700505039 - Email: info@osservatorelaziale.it

Il 19 giugno, le sale saranno di nuovo 'possedute', come 40 anni fa quando L'esorcista di William Friedkin usci' in America, provocando svenimenti, episodi d'isteria, panico, richiesta di ambulanze. La 70/ma Mostra del cinema di Venezia lo premiera' con il Leone d'oro alla carriera. Uscira' nelle sale del circuito Nexo Digital restaurato e digitalizzato nella versione Director's Cut, con 11 minuti di scene inedite. E lunedi' aprira' a Roma il Fantafestival

MARI E LAGHI LAZIALI COL VENTO IN POPPA ANCHE QUEST'ANNO NEL LAZIO CONTINUA LA TENDENZA AL MIGLIORAMENTO, ANCHE SE NESSUNA LOCALITÀ SI AGGIUDICA LE “5 VELE”.

L’editoriale

Ponza (Lt) risale la classifica e conquista le “4 vele” della Guida Blu 2013, l'annuale classifica redatta da Legambiente e Touring Club Italiano, giunta alla tredicesima edizione. A pari merito Montalto (Vt) e Sperlonga (Lt) che conservano le “4 vele” dell'anno scorso. Migliorano anche Nettuno (Rm), Ostia (Rm) e San Felice Circeo (Lt) che guadagnano una vela rispetto all'anno scorso salendo a “3 vele”, in compagnia di Ventotene (Lt), Sabaudia (Lt), Santa Marinella (Rm) e Tarquinia (Vt) che mantengono la posizione. Anzio (Rm) passa da 1 a “2 vele”. Male Gaeta (Lt), l'unica a scendere, che passa da 3 a “2 vele”. Anche quest'anno nel Lazio continua la tendenza al miglioramento, anche se nessuna località si aggiudica le “5 vele”, il riconoscimento massimo della classifica. La sezione laghi della Guida Blu continua a registrare nel Lazio un sostanziale stallo sul fronte delle acque dolci. Anguillara Sabazia (Rm), nel tratto che si affaccia sul lago di Mantignano, è l'unica che sale e si aggiudica “4 vele”. Nulla altro si è mosso. Un folto gruppo a “3 vele” con Trevignano Romano (Rm), Anguillara Sabazia (Rm) e Bracciano (Rm) sul lago di Bracciano, Nemi (Rm) sul lago omonimo;

ITALIANI A SPASSO di Angelo Parca

R oma e ben undici capoluoghi di provincia sono lo specchio dei mal di pancia degli elettori. C’è totale sfiducia e Alemanno, che contava sui voti degli astenuti per rimontare su Marino, continua a fare appelli raccolti da cittadini comprensibilmente sordi perché rimasti delusi. Il meccanismo si è spezzato. Abbiamo un Governo a dir poco “straordinario”, bizzarro, figlio di una stanchezza atavica, di un orientamento schizzofrenico e adesso si avrà un sindaco di Roma espressione a metà della volontà popolare. Alle 22 il dato nazionale e' stato del 33,87 per cento, 8 punti in meno rispetto al 42,38 del primo turno; ancora più bassa la percentuale di Roma, registrata al 32,30 per cento. Gli elettori avrebbero potuto confidare in un sindaco del Grillo ma, accortesi che i voti presi sono stati buttati a mare senza regalare una rappresentanza politica che vigili e proponga e bocci e si faccia sentire, hanno preferito andare a fare una scampagnata piuttosto che ammassarsi alle urne.

Continua a pagina 2

Continua a pagina 2

COLLEFERRO

(RM): TUTTO

PER “LE MILLE E UNA STELLA”

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE

PRONTO

Colleferro (RM) - Giovedì prossimo 13 giugno, su Corso Filippo Turati, si terrà la tradizionale sfilata “Le mille e una stella”, che vede coinvolti molti dei commercianti presenti nella zona. Organizzata dall’omonima associazione, sotto il patrocinio del Comune, assessorato al Commercio, la serata verrà incentrata come sempre sulla sfilata di moda proposta dai vari esercenti di abbigliamento, accessori, gioielli, ottica, etc, che mostreranno al pubblico le tendenze della stagione. Ma non sarà solo un, seppur ricco, defilé di moda. Gli organizzatori, al fine di movimentare ulteriormente la serata hanno pensato di inserire dei momenti di spettacolo, con esibizioni artistiche a sorpresa. Inoltre verranno anche premiati due personaggi del mondo dello sport e della televisione. Il defilé spettacolo avrà inizio alle ore 21.

ZOOMARINE

IL PARCO DIVERTIMENTI DI ROMA

SU WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT IL COUPON SCONTO RISERVATO AI

LETTORI DE L’OSSERVATORE LAZIALE


PRIMO PIANO

pag. 2

Dalla prima pagina l’editoriale di Angelo Parca

Gli strilli e sparate sterili rimangono sul blog e gli italiani a casa. In tutta questa storia ne esce rafforzato il Pd che tutti lo davano per spacciato ma che invece è fortemente radicato nel territorio e nonostante i franchi tiratori ha elettori fedeli anche se per certi versi un po’ increduli e sfiduciati. Probabilmente vincerà Marino. E ci si augura che da bravo medico riesca a curare delle ferite complicate che richiedono molto tempo per potersi rimarginare.

dalla prima pagina “MARI E LAGHI LAZIALI COL VENTO IN POPPA”

A “3 vele” anche Montefiascone

(Vt), Capodimone (Vt) e Bolsena (Vt),

sul

lago

di

Bolsena.

Fermi a “2 vele” Castel di Tora

(Ri) e Paganico Sabino (Ri) sul Lago

del

Ronciglione

Turano, (Vt)

oltre

e

a

Caprarola

(Vt) sul lago di Vico e Castel Gandolfo (Rm) sul Lago Albano. Guida

Blu

segnala

anche

le

spiagge più belle, tra le quali la

spiaggia

dell'Angolo

a

Sperlonga, le Dune di Sabaudia, Serapo

a

Gaeta,

Capoocotta

a

ma

Ostia

anche

e

Torre

Astura ad Anzio. Con la clas-

sifica delle località costiere italiane, Legambiente lancia a tutti

l’invito

a

scegliere

e

segnalare attraverso i social network

e

il

sito

internet

www.legambiente.it,

la

spiag-

gia più bella d’Italia. È la

nuova edizione de “La più bella sei tu”, l’originale concorso per

più

individuare

i

affascinanti,

dieci

lidi

caratteri-

stici e speciali del Belpaese, quelli

che

hanno

fatto

della

bellezza la propria principale risorsa. Insieme al nome della spiaggia

anche

Legambiente

a

motivarne

la

invita

scelta,

perché la bellezza non è solo un dato estetico. La classifica della Guida Blu è stata sti-

lata valutando la qualità dei servizi

offerti

nel

rispetto

dell'ambiente. Sono state premiate

saputo

le

località

mettere

in

che

hanno

campo

una

gestione sostenibile di territori

d’eccellenza,

vizi

nel

salvaguar-

dare il paesaggio, offrire serpieno

rispetto

del

contesto in cui sono inseriti,

promuovere l'enogastronomia di qualità.

Guida

Blu

sarà

in

libreria a partire dal 3 luglio 2013 al prezzo di 19 euro.

L’osservatore laziale

Concorsi letterari

SUCCESSO PER IL CONCORSO NAZIONALE DI POESIA “DIANA NEMORENSIS”

V.V. Associazione AENEAS Onlus “L’incanto della parola quando la poesia immagina” Si apre così la premiazione del concorso Nazionale di poesia “Diana Nemorensis” organizzata dall’Associazione culturale AENEAS Onlus, che si è svolta Sabato 8 Giugno presso la sala del Pattinaggio del Castello Ruspoli a Nemi. Un incontro ormai consolidato, giunto alla 4^ edizione, che vede partecipare poeti provenienti da tutta Italia, tutti entusiasti di trasmettere un messaggio, dei concetti e stati d’animo attraverso la poesia, appunto, che unisce le parole al suono e al ritmo che queste stesse imprimono alle frasi. La premiazione, patrocinata dalla Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune di Nemi, è da sempre inserita all’evento della Sagra delle fragole, giunta quest’anno all’ 80^ Edizione. Presenti alla manifestazione, oltre alla giuria coordinata dalla Dr.ssa Miriam Emili, il poeta Prof. Elio Pecora, la poetessa Letizia Leone, lo scrittore Paolo di Paolo (finalista con il libro “MANDAMI TANTA VITA” il prossimo 16 luglio al premio Strega), anche il Sindaco e l’assessore alla cultura del Comune di Nemi. Molti i partecipanti al premio di Poesia

per l’edizione del 2013, ciò dimostra un consolidato punto di riferimento nell’ambito delle attività culturali del territorio, che sprona l’Associazione Aeneas a potenziarne la continuità. Vincitori della 4^ edizione: 1° classificata “Scansioni” di Marco Senesi (Albano Laziale); 2° classificata “A Franz Kafka, sotto il cielo di Praga” di Daria Capanna (Cecina - Livorno) 3° classificata ex aequo “L’étrange blessure” di Ruben Bocale (Genzano di Roma) e “Non ho perdu to nulla” di Stefano Peressini (Carrara). La giuria ha scelto di premiare i componimenti poetici con un linguaggio moderno e attuale, tant’è che c’è stata una forte presenza di giovani sia tra i partecipanti che tra i premiati. Sono stati consegnati riconoscimenti speciali ai componimenti riguardanti la specificità di Nemi a: Francesca Romana Mancini, David Toffoli, Alvaro Staffa e Alba Ferrara. La presidentessa dell’Associazione AENEAS, la Sig.ra Glarita RUEGA, invita chi ama scrivere ed emozionare con le parole a partecipare il prossimo anno seguendo gli sviluppi del concorso sul blog: Nemi:libero.it/AENEAS; ringrazia gli sponsor LAST MINUTE TOUR- Agenzia di Viaggi, Luciano Mastrolorenzi- scultore orafo, ANTICO BORGO- Casa Vacanze, MILU’- Orafo, il Ristorante LO SPECCHIO DI DIANA e l’Hotel VillaArtemis, che con il loro contributo hanno garantito, anche per quest’anno, l’ottima riuscita della manifestazione. L’Associazione AENEAS ONLUS opera ormai sul territorio da oltre dieci anni e quest’anno festeggia anche il decennale di rapporti di amicizia (con interscambi visite/culturali) con ERENKOY, cittadina della Turchia che nel suo territorio conserva le vestigia dell’antica città di Troia.

Rassegne cinematografiche

TUTTO PRONTO PER LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA “LADISPOLI CITTÀ APERTA”

AssoTutela, nella persona del presidente, Michel Emi Maritato,

riceverà il riconoscimento come Associazione dell'anno.

Nella città balneare tutto è pronto per la prima rassegna cinematografica “Ladispoli Città Aperta” in onore al regista Roberto Rossellini. La manifestazione è stata organizzata dalla presidente dell'Associazione culturale Tamà, Alessandra Fattoruso in collaborazione con Crazy Eventi ed Etruria Communication e con il patrocinio del Comune di Ladispoli Assessorato al Turismo e Assessorato alla cultura e di Film Commission. “Ladispoli Città Aperta” si svolgerà il 12, 13 e 14 giugno 2013 dalle ore 20 presso il cinema Lucciola in piazza Martini Marescotti con le proiezioni, in ordine, dei film “Buongiorno Papà” di Edoardo Leo,

“W l’Italia” di Massimiliano Bruno e “Outing- Fidanzati per sbaglio” di Matteo Vicino. Il 13 giugno ci sarà anche la compagnia The Beat Brothers in “The Beat goes on” di e con Davide Fontana e Stefano Iaboni. Alla tre giorni dedicata al cinema interverranno attori famosi tra i quali Massimo Bonetti, Claudio Botosso, Paola Minaccioni (madrina dell’evento), Francesco Scali, Giancarlo Ratti, Giulia Greco, Valeria Fabrizi, alcuni attori del cast di “Un posto al sole”, Emanuela Grimalda, Elena Russo, Kaspar Capparoni, Marco Giallini, Nicolas Vaporidis e tanti altri

e registi come Cristiano Celeste e Gianni Leacche.Diversi saranno i riconoscimenti che questo evento darà a chi si distingue ogni giorno per la sua attività sul territorio. AssoTutela, nella persona del presidente, Michel Emi Maritato, riceverà il riconoscimento come Associazione dell'anno.“C'è un legame molto stretto – ha detto il sindaco Crescenzo Paliotta - che lega la nostra città al cinema. Qui registi famosi del calibro di Rossellini, De Sica, Monicelli, Blasetti e Houstun hanno girato pagine importanti della storia del cinema. Questo significa che Ladispoli offriva e offre scenari naturali di grande valore”.


ROMA E PROVINCIA

L’osservatore laziale

Ambiente & Territorio

FIUMICINO,

IL

COMITATO

RIFIUTI

ZERO

IN

pag. 3

AUDIZIONE

PRESSO LA REGIONE LAZIO SUL BIOGAS A MACCARESE

Fiumicino - Il 14 Giugno il Comitato Rifiuti Zero Fiumicino è invitato a partecipare all'audizione presso la Commissione Consiliare Permanente "Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa ed urbanistica" della Regione Lazio al fine di consentire alla Commissione di acquisire approfondimenti in merito all'impianto biogas che AMA vorrebbe localizzare a Maccarese. “Come Comitato siamo in grado di fornire alla Commissione tutti i dettagli relativi ai vincoli ambientali, paesaggistici, archeologici, ed agli impatti importanti sull'inquinamento dell'aria. – Dichiarano in una nota dal Comitato - D'altra parte – prosegue la nota i pareri negativi del Ministero dei Beni Culturali, dell'Amministrazione di Fiumicino, anche in qualità di Ente Gestore della Riserva naturale del Litorale, della Regione Lazio Area Urbanistica, dicono chiaramente che questo impianto non si può e non si deve fare. – La nota del Comitato conclude - Ribadiremo la richiesta di un atto formale in tempi brevi che chiuda definitivamente questo problema che da molto tempo assilla e preoccupa i 15.000 abitanti del circondario”.

Beni Archeologici & Culturali

CERVETERI: ARRIVANO QUARANTA ARCHEOLOGI NORDAMERICANI

L’Assessore Lorenzo Croci: chi vuole fare ricerca sulla storia e l’arte etrusca è sempre il benvenuto qui a Cerveteri

Cerveteri - Arrivano da 15 Università canadesi, statunitensi ed italiane e sono guidati dal Prof. Fabio Colivicchi. Sono i 40 giovani archeologi che hanno portato avanti in queste settimane a Cerveteri importanti studi archeologici in collaborazione con la Soprintendenza

dei Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale. Il progetto è stato lanciato dalla Queen’s University del Canada, molto attiva nella promozione di scambi internazionali di studio e ricerca. Una delegazione dell’Amministrazione comunale di Cerveteri composta dall’Assessore allo Sviluppo Sostenibile Lorenzo Croci, dall’Assessore alla Tutela del Territorio Andrea Mundula e dalla Consigliera comunale Federica Battafarano hanno incontrato in due diversi momenti i 40 studenti, tutti entusiasti del soggiorno trascorso a Cerveteri, per la precisione a Cerenova. Ha collaborato attivamente ad organizzare gli incontri e la presentazione del lavoro svolto sul campo, la Dott.ssa Rita Lucarini, dell’Associazione Caere Tarkna. “Chiunque vuole fare ricerca sulla storia e l’arte etrusca troverà sempre il nostro più caloroso benve-

nuto, specialmente quando si parla delle Università, con cui ci piacerebbe instaurare nuove collaborazioni, e non solo nei settori culturali – ha detto l’Assessore Lorenzo Croci – siamo felici che in nordamerica stia crescendo l’attenzione verso la cultura etrusca, questo può sicuramente avere dei risvolti positivi anche per il nostro turismo. Per questo ringrazio sentitamente il Prof. Colivicchi e tutta la sua equipe di esperti e li invito a tornare presto a Cerveteri”. Le attività di scavo, mappatura, prospezione e ricostruzione 3D sono state portate avanti anche con il supporto di strumenti altamente tecnologici come per esempio un drone che ha effettuato rilievi fotografici aerei dell’area archeologica. Il risultato delle ricerche effettuate sarà pubblicato nei prossimi mesi, dopo ulteriori studi che le Università dovranno compiere.

Eventi & Manifestazioni

NEMI: CHIUDE CON SUCCESSO L'80 ESIMA EDIZIONE DELLA SAGRA

DELLE FRAGOLE

Nemi - Grande successo, anche quest'anno perle giornate di sagra sono state ricche dilizzazione di un timbro postale e di una carla famosa Sagra delle Fragole di Nemi, tra eventi. Le visite guidate al borgo storitolina, creati ad hoc per l'occasione . È le più antiche manifestazioni dei Castelli co e al Museo delle Navi Romane, le degustato realizzato anche un profumo per l'amRomani che è arrivata al traguardo dei suoi stazioni, le esibizioni di gruppi folklobiente denominato "Aria di Nemi", recante 80 anni di storia. Oggi è calato il sipario ristici, i concorsi a tema, hanno animato anch'esso il marchio "Nemi paese delle frasulla sagra dopo una giornata, questa di i giorni della Sagra nemese. Ospiti, tra gole e dei fiori", che domenica 9 giugno, piena di eventi che ha gli altri, i comici Pablo&Pedro e Maurizio accompagnerà i prodotvisto a fine mattinata anche la bella esiBattista. Madrina d'eccezione la showgirl ti tipici del territobizione degli sbandieratori di Cori. Ancora e attrice Manuela Arcuri molto apprezzata rio su tutti i mercameravigliose le donne del paese che hanno non solo per la sua indiscutibile bellezti. Attesa la premiasfilato con il costume tipico da fragolara za ma anche bravura. Quest'anno la partzione della lotteria e che hanno regalato a Nemi una manifestanership con Poste Italiane, così come sucche ha visto ricchi zione all'insegna della tradizione. Ma tutte cede in altri Comuni, ha portato alla reapremi in regalo.


pag. 4

RIETI E VITERBO

L’osservatore laziale

Ambiente & Territorio

TARQUINIA (VT): PROBLEMA ARSENICO NELL’ACQUA RISOLTO

Dearsenificatore in funzione, la cittadina tirrenica batte in velocità tutte le altre

cittadine del Lazio e risolve il problema arsenico nell'acqua. Venerdì scorso l'apertu-

ra ufficiale dei rubinetti ad opera del sindaco Mauro Mazzola. Novità anche Marina Velca.

Tarquinia (VT) - “Sono veramente soddisfatto – riferisce il primo cittadino – la nostra amministrazione dimostra, ancora una volta, di essere concreta, fattiva, e di operare per il bene della sua città e dei suoi cittadini. Venerdì ho aperto personalmente i rubinetti dell'acqua dearsenificata e chiuso metaforicamente la bocca a chi parla a vanvera senza cognizione di causa. C'è chi predilige le chiacchiere, sputano veleno, e noi a tutti questi rispondiamo con le azioni ed i cittadini sanno vedere oltre le offese gratuite che arrivano da chi sa solo parlare”. Il dearsenificatore è stato installato e la miscelazione, quindi la depurazione avviene all'interno del serbatoio. L'acqua del Medio Tirreno e dei pozzi entra direttamente , men-

tre quella della Talete viene ulteriormente depurata. Il dearsenificatore sarà controllato continuamente per permettere un'alta qualità dell'acqua che esce dai rubinetti dei cittadini. “Finalmente ci siamo – continua il sindaco Mauro Mazzola - abbiamo varato un procedimento veloce per l'assegnazione dell'appalto in modo da risolvere il problema prima dell'inizio dell'estate e ci siamo riusciti. Voglio però ricordare che anche prima di questa data, grazie alla miscelazione delle tre fonti di provenienza, l'acqua risultava al di sotto dei limiti previsti dalla normativa. Tutto questo è stato possibile grazie alla grande professionalità degli uffici comunali, che hanno svolto un lavoro

egregio. Ed efficiente”. Il Sindaco comunica inoltre che è stato assegnato, tramite gara, anche il lavoro di rifacimento delle tubature che va dalla strada Litoranea fino all'incrocio con Marina Velca . “I lavori inizieranno a giorni – specifica – questo permetterà di installare presso il “fungo” di Marina Velca, già in fase di costruzione i filtri che dearsenificheranno l'acqua”. “Con estrema soddisfazione – conclude il sindaco Mazzola stiamo procedendo a vele spiegate con i programmi e con i progetti preventivati in clima elettorale. Scusate se è poco ciò che stiamo facendo: dopo la cura messa per risolvere il problema balneabilità stiamo continuando, lasciando agli altri le chiacchiere”.

Eventi & Manifestazioni

VETRALLA (VT), SUCCESSO PER IL 2° RING RULES.

Soddisfazione per la riuscita dell’evento è stata espressa dal Sindaco Sandrino Aquilani e dal Delegato allo Sport Elio Pietro Romolo Ferri che hanno sottolineato i valori dello

sport e l’importanza che riveste nella crescita fisica, culturale e umana dei ragazzi.

Vetralla (VT) - Grande serata per la manifestazione di sport da Ring “2° Ring Rules Vetralla” Giardino coordinatore del Comitato Associazioni Sportive di Vetralla ringrazia tutti gli atleti partecipanti e alla scuola di Ballo di Valentina Cincotti “Antares”, per la splendida serata che ci hanno regalato. Ottima presenza di pubblico nonostante le varie feste presenti nel territorio. Gli organizzatori del 2° Ring Rules ringraziano tutti i partecipanti alla bellissima giornata di sport. È stata una gran bella manifestazione, grazie anche alla nostra Amministrazione comunale che ci ha concesso la possibilità di utilizzare la zona della villa comunale di Cura di Vetralla, un sentito ringraziamento a tutti gli sponsor che hanno dato il loro contributo dando fiducia alla manifestazione. I miei ringraziamenti al campione mondiale di sport da combattimento Renato Sini, nonché speaker della manifestazione, all’amico Alessio De Falco che ancora una volta ha dato la possibilità di portare un vero ring a Vetralla, al Maestro Carlo Blengio per le esibizioni di Kung Fu, all’amico Stefano Smera con tutto il suo gruppo del Krav Maga Vetralla, al Maestro Luca Sabatini per la Kick Boxing dalla palestra di Vitorchiano e al Maestro Massimo Bastianini per la boxe dalla palestra di Viterno. Ma il ringraziamento più grande da parte di Giardino Gennaro va a tutti gli atleti, come sempre attivi e disponibili al massimo per la riuscita della manifestazione, per aver dato ancora una volta dimostrazione di amare lo sport sapendosi confrontare con il loro

avversario con animo sportivo finendo l’incontro con un abbraccio ed una stretta di mano, grazie di cuore, senza la vostra presenza niente sarebbe possibile. Soddisfazione per la riuscita dell’evento è stata espressa dal Sindaco Sandrino Aquilani e dal Delegato allo Sport Elio Pietro Romolo Ferri che hanno sottolineato i valori dello sport e l’importanza che riveste nella crescita fisica, culturale e umana dei ragazzi. La presenza del campione di pugilato viterbese Andrea Di Luisa oltre che da testimonial ha rappresentato un esempio concreto da seguire per quanti praticano lo sport, sia a livello amatoriale che agonistico. Presenti, tra le autorità, Il Professor Gilberto Pietrella fondatore dell’università della Tuscia che ha accettato con piacere l’invito di Gennaro Giardino. Gradita la presenza del noto attore viterbese Piermaria Cecchini, sempre presente a tutti i nostri eventi. Un sentito ringraziamento al Comandante della Stazione Carabinieri di Vetralla Adriano Marzi, al Comandante della Polizia Locale Ivo Aquilani, alla Croce Rossa per l’ottimo servizio dato alla manifestazione, al Delegato alla Cultura Michele Vittori e all’Assessore Bacocco per aver presenziato alla manifestazione ed in fine alla stampa presente per l’intera manifestazione. Vi ricordo il prossimo appuntamento per il 22 giugno “Open Day dello Sport” organizzato dal Comitato Associazioni Sportive di Vetralla, dove si riuniranno molte discipline sportive, una mini olimpiadi che già lo scorso anno ha avuto un ottimo successo.


L’osservatore laziale

FROSINONE E LATINA

pag. 5

Eventi & Manifestazioni

FROSINONE, IN ARRIVO GRANDI NOVITÀ PER I SANTI PATRONI Un’iniziativa unica nel suo genere volta a riscoprire le origini e l’identità della comu-

nità frusinate, con l’esaltazione della vita di due papi che rappresentano il simbolo del

ponte tra la chiesa d’Occidente e quella orientale.

Frosinone - Una settimana di festeggiamenti in onore dei Santi Patroni Silverio e Ormisda. Un programma ricchissimo quello allestito dall’amministrazione comunale di Frosinone per la festa più attesa dell’anno dalla comunità frusinate. Si partirà giovedì prossimo, 13 giugno, alle ore 21 con il “Concerto per Archi” a cura del Conservatorio di musica Licinio Refice in piazza Sant’Ormisda. Il giorno successivo alle 21 “Concerto Pop” sempre a cura del Conservatorio di musica Licinio Refice in piazza Madonna della Neve. Sabato 15, alle 11 e 30, alla Villa Comunale presentazione del simbolo città di Frosinone “la Torre

della Pace” in onore dei santi Patroni (il simbolo mette in stretta connessione i due patroni della città che furono anche papi) a cura dell’Accademia di Belle Arti con la presenza di sua Eccellenza il Vescovo Monsignor Ambrogio Spreafico. Un’iniziativa unica nel suo genere volta a riscoprire le origini e l’identità della comunità frusinate, con l’esaltazione della vita di due papi che rappresentano il simbolo del ponte tra la chiesa d’Occidente e quella orientale. Martedì 18 sul sagrato della Sacra Famiglia nel quartiere Scalo “Concerto per ottoni”, con musiche da film, danze barocche ed altre a cura del Conservatorio di musica Licinio Refice. Mercoledì 19 in piazzale Vittorio Veneto alle 21 la rappresentazione tetrale “Metamorphoseon” dall’opera di Ovidio con costumi e scenografie a cura dell’Accademia di Belle Arti. Giovedì 20 sarà il momento delle cerimonie religiose con le celebrazioni delle sante Messe alle ore 9 e alle 11, poi alle 19 Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da

Sua Eccellenza il Vescovo Monsignor Ambrogio Spreafico, e alle 20 il momento più toccante con la solenne Processione per le vie del centro. Infine, in serata in piazza VI Dicembre alle 21 concerto del gruppo “The Gloves”, alle 22 e 30 la performance dell’artista Biagio Izzo con la presentazione di Mary Segneri e alle 24 gran finale con i fuochi pirotecnici. “Stiamo proseguendo – ha detto il Sindaco Nicola Ottaviani - il percorso, iniziato lo scorso anno, con il Conservatorio di musica e l’Accademia di Belle Arti per onorare i nostri due papi concittadini, dando un segnale tangibile dell’investimento sulla cultura e sulle tradizioni locali. La presentazione del simbolo ‘La Torre della Pace’ rappresenta la prima tappa per il recupero dell’autentica identità del frusinate, attraverso la sintesi di valori e profili laici e religiosi”. “L’amministrazione comunale ha allestito un nutrito programma – ha dichiarato l’assessore alla cultura Gianpiero Fabrizi – per la festa più sentita dai frusinati. Quest’anno in particolare abbiamo voluto dare spazio a molteplici forme artistiche e musicali coinvolgendo le diverse zone della città. Sono sicuro che il nostro sforzo sarà premiato e sarà di certo una grande festa popolare con la nostra gente fortemente orgogliosa delle proprie radici e della propria storia consapevole dell’appartenenza ad una comunità laboriosa, coesa e solidale”.

LATINA: LA NOTA DEL SINDACO DI GIORGI PER IL NUOVO INCARICO AL VESCOVO MONS. GIUSEPPE PETROCCHI

Il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, ha voluto inviare una lettera aperta di salu-

to e augurio al vescovo di Latina, Mons. Giuseppe Petrocchi, in occasione della nomina di quest’ultimo ad Arcivescovo Metropolita del L’Aquila.

Scrive il sindaco:

“Esprimo sentimenti di gioia e riconoscenza, a nome dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Latina, a Mons. Giuseppe Petrocchi, nell’apprendere dell'importante missione che gli è stata appena affidata da Papa Francesco alla guida della Chiesa de L’Aquila. E’ mia convinzione che Monsignor Petrocchi saprà illuminare la nuova comunità con la sua forza spirituale e la sua umanità, attuando la sua missione di responsabilità ed impegno con la stessa intelligenza, dedizione e vivacità pastorale con cui ha guidato la nostra Chiesa negli ultimi 15 anni. Le varie articolazioni della realtà sociale pontina, dalle istituzioni ai semplici fedeli, il mondo associativo e laicale, hanno saputo apprezzare la straordinaria capacità del nostro Vescovo di mettersi in

sintonia ed in ascolto delle complesse problematiche del territorio, affrontate con grande passione attraverso interventi sempre centrati e mai scontati, facendo così della Chiesa un prezioso punto di riferimento ed un attento interlocutore al servizio di tutti noi. Tanti episodi personali ed umani mi legano al fecondo apostolato di Mons. Petrocchi in terra pontina, sempre caratterizzato dal dialogo al servizio soprattutto della giustizia sociale, della solidarietà e della dignità dell'uomo. Le sferzanti indicazioni e i rigorosi moniti che, ad ogni pubblica occasione ed in particolare nel tradizionale discorso alle istituzioni di inizio anno, ci ha voluto trasmettere restano preziosi fari ad illuminare il nostro quotidiano operato al servizio del bene comune. Sono convinto che Mons. Petrocchi continuerà su questa strada

anche nel suo nuovo incarico, saprà moltiplicare la passione, l’impegno per il prossimo, soprattutto per i più poveri, in una città da sempre cara all’Italia intera ed ancor più dopo le terribile ferite inferte dal recente, dolorosissimo terremoto. Una città, L’Aquila, a cui mi legano anche ricordi ed affetti personali per alcuni trascorsi professionali pluriennali che hanno contribuito a formare il mio percorso lavorativo ed umano. Il popolo di Latina, quindi, si stringe attorno al suo Vescovo per essergli al fianco, con i cuori ricolmi di speranza e fiducia, anche nel nuovo cammino di fratellanza che lo attende. Rinnovo a Mons. Petrocchi l’augurio personale e della città di Latina affinché questo cammino possa essere fecondo e ricco di quei frutti spirituali di cui la nostra comunità ha potuto gode re”.


pag. 6

RUBRICA

L’osservatore laziale

Curiosando per Roma e dintorni la rubrica di Emanuel Galea

LA SERRATURA DEL TEMPIO DEL DIVO ROMOLO

Emanuel Galea Siamo giunti alla terza puntata della nostra rubrica, “Curiosando Roma e dintorni”. Sentiamo sia ancora doveroso specificare che non abbiamo alcuna pretesa di svelare fatti inediti. Crediamo solo di accendere una luce su pillole di curiosità di cui, pensiamo, pochi siano a conoscenza. Il nostro unico scopo è quello di solleticare la curiosità dei giovani, e non solo, svegliare l'interesse e l'amore per questa Città, così caotica e bistrattata eppure così bella, così ricca di storia, arte e radici culturali. Quest’oggi ci soffermiamo su un particolare del Tempio del Divo Romolo. Un dettaglio che alcuni, forse, trovano di scarso interesse. Di per sé non si può certo affermare che sia il massimo della scoperta. Ciò che suscita interesse è la storia dell'ingegno e le vicende che ad esso ruotano intorno. Questo tempio lo troviamo nell'area del Foro Romano. Si trova precisamente laddove la via Sacra comincia a salire sulla Velia, tra l'Arco di Tito e la Piazza dello stesso Foro Romano. La via Sacra è l'asse stra dale più antico e più importante del Foro stesso. Il Tempio del Divo Romolo, in origine, costituiva parte integrante del complesso Tempio della Pace . Quest'ultimo fu abbandonato agli inizi del IV secolo. Nel 309 d. C., Massenzio , in memoria della prematura perdita di suo figlio Valerio Romolo, dopo morto divinizzato, in suo onore riutilizzò e dedicò il vestibolo. Si pensa che fu proprio in quell'epoca che il portale bronzeo del Tempio del Divo, riccamente ornato, con ai lati due ali di mura e altri elementi decorativi, fu inaugurato. Nello scorrere del tempo, il Tempio dovette mutare la sua funzione in più di qualche occasione. Per citarne una: Nel 527 Papa Felice IV ricevette in dono da Amalasunta, figlia di Teodorico il grande, una Sala del Tempio della Pace, poi trasformata nella basilica dedicata ai Santi Cosma e Damiano. Di seguito questa basilica, tramite l'apertura di una porta, fu unita al Tempio del Divo Romolo che così divenne il vestibolo della chiesa. L’edificio venne terminato da Costantino che probabilmente ne cambiò la destinazione d’uso. Oggi la struttura originaria del Tempio si può meglio osservare dall'interno della basilica. Per diversi periodi il Tempio fu erroneamente confuso come il tempio dei Penati. Altri lo volevano identificare con il tempio di Giove Statore, fondato da Romolo.

Tralasciando il contesto del portale bronzeo dell'epoca imperiale, età della Serratura del Tempio del Divo Romolo. La nostra curiosità si è soffermata su questo particolare e di questo ora parliamo. L'evoluzione della serratura romana (sera) ha avuto origine dal primordiale arresto di legno per poi svilupparsi, a mano a mano, nel congegno metallico a mandata di chiave, con il sussidio di molle. Nell'età imperiale i romani giunsero a fabbricare anche serrature minuscole e la relativa chiave, altrettanto minuscola, si portava attaccata agli anelli delle dita. Secondo Plinio (VII,198) l'inventore e costruttore della serratura fu Teodoro di Samo. Nei versi omerici, Iliade XIV,168, Odissea XXI, 6-7, troviamo l'allusione alla chiave di bronzo. Ciò sta a dimostrare che il mondo greco, già prima era a conoscenza della serratura di metallo. A Pompei sono state rinvenute numerosissime chiavi e diverse serrature in condizioni tali da potere essere ricostruite. Ma la serratura più affascinante e che desta curiosità è quella del Tempio del Divo Romolo. La sua singolarità consiste nel fatto che questa funziona ancora perfettamente dopo tanti secoli. Il portale di bronzo, nonostante la sua venerabile età, ancora si apre e si chiude per mezzo di un complicato meccanismo che a distanza di tanti secoli, si presume inaugurato nell'anno 309 d. C., funziona ancora per fettamente. Racconta Gabriella Serio nel libro “Una Serratura di Altri Tempi” che Luciano Zeppegna così descrisse il marchingegno:“Quando una maniglia a forma di pera si mette in movimento una ruota dentata che agisce sugli ingranaggi di un catenaccio; a questi va a infilarsi nell'apposito foro praticato nel battente di sinistra. Allora scende un paletto che si conficca in un foro della soglia. E ancora: La serratura si può anche azionare spingendo il battente a mano e facendo cadere il saliscendi per forza di gravità; cosicché – collocandosi nel suo alloggiamento- la caduta provoca giri della ruota dentata che sistema il catenaccio nell'altro battente” Il portale da solo già affascina per la dovizia dei particolari. L'opera incanta per la sua perfetta conservazione nel tempo. Non è sentimentalismo oppure nostalgia del passato. Quella serratura invece, sembra volerci tramandare un messaggio. Fa venire in mente Matteo 7, 21-28 : < Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia >. ¬Fa bene fare bene le cose.

10 giugno 2013  

QUOTIDIANO INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE - WWW.OSSERVATORELAZIALE.IT

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you