Page 1

N° 2 • aprile - maggio - giugno 2008 RIVISTA TRIMESTRALE DELL’ ASSOCIAZIONE NUOVI ORIZZONTI - POSTE ITALIANE S.P.A - SPEDIZIONE A.P. - DL 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/04 N. 46) ART. 1 COMMA 2 - DRCB. ROMA - AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE N° 277


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPIRITUALITÀ

AMATEVI a vicenda... affinché TUTTI SIANO UNO

Chiara Lubich, salita al Cielo il 14 Marzo scorso, è stata sicuramente un faro di luce per la Chiesa e l’umanità, fra i più illuminanti di questo ultimo periodo storico. Accogliamo nella pagina dedicata alla spiritualità il suo TESTAMENTO affinché la passione per l’UNITA’ possa essere sempre forte in noi. All’interno di questo numero di Orizzonti News, oltre a rendere omaggio a Chiara Lubich e alla sua influenza su Nuovi Orizzonti offriremo ai nostri lettori altri punti eccezionali di meditazione tratti dagli scritti di Chiara su cui si fonda il carisma suscitato attraverso di lei. Se oggi dovessi lasciare questa Terra e mi si chiedesse una parola, come ultima che dice il nostro Ideale, vi direi - sicura d'esser capita nel senso più esatto: Siate una famiglia.

Vi sono fra voi coloro che soffrono per prove spirituali o morali? Comprendeteli come e più di una madre, illuminateli con la parola o con l'esempio. Non lasciate mancar loro, anzi accrescete attorno ad essi, il calore della famiglia. Vi sono tra voi coloro che soffrono fisicamente? Siano i fratelli prediletti. Patite con loro. Cercate di comprendere fino in fondo i loro dolori. Fateli partecipi dei frutti della vostra vita apostolica affinché sappiano che essi più che altri vi hanno contribuito. Vi sono coloro che muoiono? Immaginate di essere voi al loro posto e fate quanto desiderereste fosse fatto a voi fino all'ultimo istante. C'è qualcuno che gode per una conquista o per un qualsiasi motivo? Godete con lui, perché la sua consolazione non sia contristata e l'animo non si chiuda, ma la gioia sia di tutti. C'è qualcuno che parte? Lasciatelo andare non senza avergli riempito il cuore di una sola eredità: il senso della famiglia, perché lo porti dov'è destinato. Non anteponete mai qualsiasi attività di qualsiasi genere, né spirituale, né apostolica, allo spirito di famiglia con quei fratelli con i quali vivete. E dove andate per portare l'ideale di Cristo... niente farete di meglio che cercare di creare con discrezione, con prudenza, ma decisione, lo spirito di famiglia. Esso è uno spirito umile, vuole il bene degli altri, non si gonfia... è , insomma, la carità vera, completa. Insomma, se io dovessi partire da voi, in pratica lascerei che Gesù in me vi ripetesse: Amatevi a vicenda... affinché tutti siano uno.

NOTIZIE FLASH

LA GIOIA DI GESÙ RISORTO IN TV di Franco Tobia e Francesco Candian

L’evangelizzazione sul piccolo schermo SI PUO’ FARE!! Venerdì Santo, 21 marzo, attraverso "L’Italia sul 2", il programma televisivo in onda dal lunedì al venerdì su Rai Due dalle 14 in poi, un milione e mezzo di ascoltatori (secondo l’auditel) hanno assistito a un’ ora e tre quarti di trasmissione, interamente incentrata su questa proposta affascinante di vita nuova che si chiama Gesù Cristo. Chiara Amirante e don Davide Banzato, insieme ad altri ospiti, intervistati da Monica Leoffredi e Milo Infante, erano presenti nello studio Rai di Milano, in collegamento diretto con il piccolo chiostro della Casa Madre Nuovi Orizzonti di Piglio (FR). La trasmissione, come d’altronde tutte le altre in cui Nuovi Orizzonti è stata invitata in questi primi mesi del 2008, è stata l’occasione per testimoniare la Gioia della risurrezione in un ambiente televisivo laico, raggiungendo così tante persone che magari non guarderebbero mai un programma di carattere religioso, nella speranza di trasmettere il fascino di un Amore che, se accolto, può realmente fare la differenza nella qualità della vita di molte persone. Sette ragazzi con storie difficili, segnate da sofferenza e dipendenze varie (anoressia, droga, sessualità distorta, ferite profonde…) hanno potuto testimoniare davanti alla telecamera le meraviglie compiute da Dio su di loro, i miracoli del suo Amore, in grado di rigenerare nel profondo la vita a chi sta nella morte, la gioia a chi è disperato, la pace a chi è nell’angoscia. IL BELLO E IL BRUTTO DELLA TV Quando si va in strada per evangelizzare, o anche solo quando si ha l’occasione di condurre un dialogo con qualcuno, specie se costui vive nella tristezza, spesso non sono le parole ciò che convincono, ma la passione con cui si crede a ciò che si afferma, o una luce particolare negli occhi, o un sorriso sincero. Se oggi viviamo nell’era dell’immagine, per cui la maggior parte dei messaggi che giunge ai destinatari passa attraverso gli stimoli visivi, è quanto mai urgente imparare ad abitare cristianamente i nuovi luoghi mediatici in cui si gioca il futuro di molte persone, per innestare immagini sane e positive in un mondo che rischia di morire di noia, di vuoto,di solitudine. L’aumento dello share televisivo nel corso della trasmissione stessa ha anche dimostrato che non è vero il concetto che la gente guarda la tv solo se i contenuti sono bassi, se non addirittura tendenti a banalizzare la vita, i rapporti umani, la ricerca di verità e di senso, la sessualità. Occorre semmai coraggio - come ha fatto RAI 2 in questa occasione, per inventare qualcosa di nuovo (con intelligenza e senza pesantezza), che faccia maggiormente ‘crescere’ i cittadini che usufruiscono della tv con qualcosa di più sostanzioso per la loro vita, smuovendo la ricerca di senso e la speranza in direzioni positive. Purtroppo dobbiamo riconoscere che i mass media sono in maggioranza manovrati da interessi politici, commerciali, culturali che tutto fanno tranne che servire la bellezza della vita e della verità, a danno sopratutto delle nuove generazioni, facili ai condizionamenti negativi, soprattutto quando vengono idealizzati mondi fatti di successo, immagine, emozioni che con la vita reale, fatta anche di fatica, dolore e fallimenti, non hanno niente a che vedere.ATTENTI DUNQUE A COSA VEDIAMO E A COSA PERMETTIAMO DI FAR ENTRARE NELLA NOSTRA MENTE E NEL NOSTRO CUORE! NON PERDIAMO MAI LA CAPACITA’ CRITICA DAVANTI ALLA TV! E SOPRATTUTTO STIAMO MOLTO ATTENTI SE ABBIAMO RESPONSABILITA’ EDUCATIVE!

Chiara Lubich, 25 dicembre 1973, dalla rivista Città Nuova del Movimento dei Focolari

2 orizzonti news

orizzonti news 3


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPIRITUALITÀ

AMATEVI a vicenda... affinché TUTTI SIANO UNO

Chiara Lubich, salita al Cielo il 14 Marzo scorso, è stata sicuramente un faro di luce per la Chiesa e l’umanità, fra i più illuminanti di questo ultimo periodo storico. Accogliamo nella pagina dedicata alla spiritualità il suo TESTAMENTO affinché la passione per l’UNITA’ possa essere sempre forte in noi. All’interno di questo numero di Orizzonti News, oltre a rendere omaggio a Chiara Lubich e alla sua influenza su Nuovi Orizzonti offriremo ai nostri lettori altri punti eccezionali di meditazione tratti dagli scritti di Chiara su cui si fonda il carisma suscitato attraverso di lei. Se oggi dovessi lasciare questa Terra e mi si chiedesse una parola, come ultima che dice il nostro Ideale, vi direi - sicura d'esser capita nel senso più esatto: Siate una famiglia.

Vi sono fra voi coloro che soffrono per prove spirituali o morali? Comprendeteli come e più di una madre, illuminateli con la parola o con l'esempio. Non lasciate mancar loro, anzi accrescete attorno ad essi, il calore della famiglia. Vi sono tra voi coloro che soffrono fisicamente? Siano i fratelli prediletti. Patite con loro. Cercate di comprendere fino in fondo i loro dolori. Fateli partecipi dei frutti della vostra vita apostolica affinché sappiano che essi più che altri vi hanno contribuito. Vi sono coloro che muoiono? Immaginate di essere voi al loro posto e fate quanto desiderereste fosse fatto a voi fino all'ultimo istante. C'è qualcuno che gode per una conquista o per un qualsiasi motivo? Godete con lui, perché la sua consolazione non sia contristata e l'animo non si chiuda, ma la gioia sia di tutti. C'è qualcuno che parte? Lasciatelo andare non senza avergli riempito il cuore di una sola eredità: il senso della famiglia, perché lo porti dov'è destinato. Non anteponete mai qualsiasi attività di qualsiasi genere, né spirituale, né apostolica, allo spirito di famiglia con quei fratelli con i quali vivete. E dove andate per portare l'ideale di Cristo... niente farete di meglio che cercare di creare con discrezione, con prudenza, ma decisione, lo spirito di famiglia. Esso è uno spirito umile, vuole il bene degli altri, non si gonfia... è , insomma, la carità vera, completa. Insomma, se io dovessi partire da voi, in pratica lascerei che Gesù in me vi ripetesse: Amatevi a vicenda... affinché tutti siano uno.

NOTIZIE FLASH

LA GIOIA DI GESÙ RISORTO IN TV di Franco Tobia e Francesco Candian

L’evangelizzazione sul piccolo schermo SI PUO’ FARE!! Venerdì Santo, 21 marzo, attraverso "L’Italia sul 2", il programma televisivo in onda dal lunedì al venerdì su Rai Due dalle 14 in poi, un milione e mezzo di ascoltatori (secondo l’auditel) hanno assistito a un’ ora e tre quarti di trasmissione, interamente incentrata su questa proposta affascinante di vita nuova che si chiama Gesù Cristo. Chiara Amirante e don Davide Banzato, insieme ad altri ospiti, intervistati da Monica Leoffredi e Milo Infante, erano presenti nello studio Rai di Milano, in collegamento diretto con il piccolo chiostro della Casa Madre Nuovi Orizzonti di Piglio (FR). La trasmissione, come d’altronde tutte le altre in cui Nuovi Orizzonti è stata invitata in questi primi mesi del 2008, è stata l’occasione per testimoniare la Gioia della risurrezione in un ambiente televisivo laico, raggiungendo così tante persone che magari non guarderebbero mai un programma di carattere religioso, nella speranza di trasmettere il fascino di un Amore che, se accolto, può realmente fare la differenza nella qualità della vita di molte persone. Sette ragazzi con storie difficili, segnate da sofferenza e dipendenze varie (anoressia, droga, sessualità distorta, ferite profonde…) hanno potuto testimoniare davanti alla telecamera le meraviglie compiute da Dio su di loro, i miracoli del suo Amore, in grado di rigenerare nel profondo la vita a chi sta nella morte, la gioia a chi è disperato, la pace a chi è nell’angoscia. IL BELLO E IL BRUTTO DELLA TV Quando si va in strada per evangelizzare, o anche solo quando si ha l’occasione di condurre un dialogo con qualcuno, specie se costui vive nella tristezza, spesso non sono le parole ciò che convincono, ma la passione con cui si crede a ciò che si afferma, o una luce particolare negli occhi, o un sorriso sincero. Se oggi viviamo nell’era dell’immagine, per cui la maggior parte dei messaggi che giunge ai destinatari passa attraverso gli stimoli visivi, è quanto mai urgente imparare ad abitare cristianamente i nuovi luoghi mediatici in cui si gioca il futuro di molte persone, per innestare immagini sane e positive in un mondo che rischia di morire di noia, di vuoto,di solitudine. L’aumento dello share televisivo nel corso della trasmissione stessa ha anche dimostrato che non è vero il concetto che la gente guarda la tv solo se i contenuti sono bassi, se non addirittura tendenti a banalizzare la vita, i rapporti umani, la ricerca di verità e di senso, la sessualità. Occorre semmai coraggio - come ha fatto RAI 2 in questa occasione, per inventare qualcosa di nuovo (con intelligenza e senza pesantezza), che faccia maggiormente ‘crescere’ i cittadini che usufruiscono della tv con qualcosa di più sostanzioso per la loro vita, smuovendo la ricerca di senso e la speranza in direzioni positive. Purtroppo dobbiamo riconoscere che i mass media sono in maggioranza manovrati da interessi politici, commerciali, culturali che tutto fanno tranne che servire la bellezza della vita e della verità, a danno sopratutto delle nuove generazioni, facili ai condizionamenti negativi, soprattutto quando vengono idealizzati mondi fatti di successo, immagine, emozioni che con la vita reale, fatta anche di fatica, dolore e fallimenti, non hanno niente a che vedere.ATTENTI DUNQUE A COSA VEDIAMO E A COSA PERMETTIAMO DI FAR ENTRARE NELLA NOSTRA MENTE E NEL NOSTRO CUORE! NON PERDIAMO MAI LA CAPACITA’ CRITICA DAVANTI ALLA TV! E SOPRATTUTTO STIAMO MOLTO ATTENTI SE ABBIAMO RESPONSABILITA’ EDUCATIVE!

Chiara Lubich, 25 dicembre 1973, dalla rivista Città Nuova del Movimento dei Focolari

2 orizzonti news

orizzonti news 3


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

NOTIZIE FLASH

NOTIZIE FLASH

NT

PENTECOSTE 2008: UNA ‘BOMBA’ DI GRAZIE! Se è vero che il Cielo è in Festa per un peccatore che si converte che per 100 giusti, allora davvero Domenica 11 Maggio lassù ci deve essere stata un’esplosione di tripudio divino! Il Palatenda di Fiuggi era veramente gremito. Quasi mille persone hanno partecipato a quella che per NUOVI ORIZZONTI è la FESTA delle FESTE: la Domenica delle CONSACRAZIONI, nella Solennità della PENTECOSTE. “FURONO TUTTI PIENI DI SPIRITO SANTO” (At 2,4) era il tema della giornata, iniziata con l’insegnamento di Chiara Amirante, che ha approfondito bene per tutti noi cosa concretamente vuol dire vivere nello Spirito Santo. Chi era presente al mattino avrà sicuramente goduto di una grazia straordinaria ascoltando tutti coloro che, dopo Chiara, ci hanno donato la loro testimonianza di vita: Marco Tecilla, primo focolarino che ha seguito Chiara Lubich, Filippo (in arte Nek), che si è messo davvero in gioco per Dio venendo da un mondo dove non sempre dominano valori cristiani,e il nostro Mirko Vucetich,che ha commosso tutti parlando della sua storia ‘salvata’ dai lacci infernali della droga, con una testimonianza veramente guidata dallo Spirito Santo. Nel pomeriggio, durante la Santa Messa presieduta da don Giovanni D’Ercole, l’emozionante rito delle consacrazioni: “Si, mi hai amato così tanto…voglio donarti la mia vita…Eccola! Fa’ di me quello che vuoi!”

PE

GRAZIE...INFINITAMENTE GRAZIE… DIO DI AMORE INFINITO… che ci fai vivere già qui su questa terra attimi di Cielo, frammenti di eternità… e allora, vale proprio la pena ripetere ogni giorno ‘IN MANUS TUAS DOMINE’!! Non la mia ma la TUA VOLONTA’

EC

O

ST

E

20

08

NEK PER LA CITTADELLA Sabato 12 aprile alle ore 20,30 nel Palasport Paganelli di Sassuolo la folla sotto il palco attende impaziente l’uscita di Nek per il secondo concerto di beneficenza per la costruzione, della Cittadella Cielo bosniaca (a Medjugorje), interamente dedicata alla formazione umana, spirituale e lavorativa dei giovani. Nuovi Orizzonti avrà il compito di gestire questa grande realtà che si sta realizzando grazie all’impegno dell’Associazione Regina della Pace, che da anni si adopera per costruire il grande complesso. Se è vero dunque che la musica parla direttamente alle corde del cuore, il concerto di Nek (e la partecipazione simpaticissima di Vanessa Incontrada) di corde del cuore ne ha smosse non poche: una festa di musica per un sogno immenso di pace e di gioia, la Cittadella Cielo, in una terra che fino a poco più di dieci anni fa era oppressa e distrutta dalla guerra.

ECCO I NUMERI DELLE CONSACRAZIONI DELLA ‘PENTECOSTE 2008: • 55 prime promesse • 10 primi voti temporanei • 14 voti perpetui

8 GIUGNO: IL FROSINONE SPALANCA IL CUORE… CANARINO!

• 374 Consacrazioni al Cuore Immacolato di Maria • 389 cavalieri della luce … ABBIAMO CONTEMPLATO, O DIO, LE MERAVIGLIE DEL TUO AMORE!

Foto: > Chiara Amirante > Marco Tecilla > Filippo, in arte Nek > Mirko Vucetich > La Santa Messa, presieduta da don Giovanni D’Ercole > Foto di gruppo delle prime promesse

4 orizzonti news

Domenica 8 Giugno, a conclusione dei festeggiamenti per l’ottimo campionato di serie B del Frosinone calcio e degli 80 anni dalla sua fondazione ufficiale, sono scese in campo per un triangolare inedito le formazioni del Frosinone calcio, i dirigenti/vecchie glorie e - udite udite!- la nazionale sacerdoti (ottimamente seconda classificata!) La società sportiva, in primis il presidente Stirpe e tutta la dirigenza, si è molto adoperata per organizzare al meglio l’evento, volendo far sì che questi festeggiamenti fossero un’occasione per ricordare che il calcio deve essere anche solidarietà. L’incasso di questa partita infatti è stato devoluto per il progetto della Cittadella Cielo. E’ stata un’occasione davvero importante per presentare ancora una volta l’iniziativa della Cittadella alla città di Frosinone.

orizzonti news 5


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

NOTIZIE FLASH

NOTIZIE FLASH

NT

PENTECOSTE 2008: UNA ‘BOMBA’ DI GRAZIE! Se è vero che il Cielo è in Festa per un peccatore che si converte che per 100 giusti, allora davvero Domenica 11 Maggio lassù ci deve essere stata un’esplosione di tripudio divino! Il Palatenda di Fiuggi era veramente gremito. Quasi mille persone hanno partecipato a quella che per NUOVI ORIZZONTI è la FESTA delle FESTE: la Domenica delle CONSACRAZIONI, nella Solennità della PENTECOSTE. “FURONO TUTTI PIENI DI SPIRITO SANTO” (At 2,4) era il tema della giornata, iniziata con l’insegnamento di Chiara Amirante, che ha approfondito bene per tutti noi cosa concretamente vuol dire vivere nello Spirito Santo. Chi era presente al mattino avrà sicuramente goduto di una grazia straordinaria ascoltando tutti coloro che, dopo Chiara, ci hanno donato la loro testimonianza di vita: Marco Tecilla, primo focolarino che ha seguito Chiara Lubich, Filippo (in arte Nek), che si è messo davvero in gioco per Dio venendo da un mondo dove non sempre dominano valori cristiani,e il nostro Mirko Vucetich,che ha commosso tutti parlando della sua storia ‘salvata’ dai lacci infernali della droga, con una testimonianza veramente guidata dallo Spirito Santo. Nel pomeriggio, durante la Santa Messa presieduta da don Giovanni D’Ercole, l’emozionante rito delle consacrazioni: “Si, mi hai amato così tanto…voglio donarti la mia vita…Eccola! Fa’ di me quello che vuoi!”

PE

GRAZIE...INFINITAMENTE GRAZIE… DIO DI AMORE INFINITO… che ci fai vivere già qui su questa terra attimi di Cielo, frammenti di eternità… e allora, vale proprio la pena ripetere ogni giorno ‘IN MANUS TUAS DOMINE’!! Non la mia ma la TUA VOLONTA’

EC

O

ST

E

20

08

NEK PER LA CITTADELLA Sabato 12 aprile alle ore 20,30 nel Palasport Paganelli di Sassuolo la folla sotto il palco attende impaziente l’uscita di Nek per il secondo concerto di beneficenza per la costruzione, della Cittadella Cielo bosniaca (a Medjugorje), interamente dedicata alla formazione umana, spirituale e lavorativa dei giovani. Nuovi Orizzonti avrà il compito di gestire questa grande realtà che si sta realizzando grazie all’impegno dell’Associazione Regina della Pace, che da anni si adopera per costruire il grande complesso. Se è vero dunque che la musica parla direttamente alle corde del cuore, il concerto di Nek (e la partecipazione simpaticissima di Vanessa Incontrada) di corde del cuore ne ha smosse non poche: una festa di musica per un sogno immenso di pace e di gioia, la Cittadella Cielo, in una terra che fino a poco più di dieci anni fa era oppressa e distrutta dalla guerra.

ECCO I NUMERI DELLE CONSACRAZIONI DELLA ‘PENTECOSTE 2008: • 55 prime promesse • 10 primi voti temporanei • 14 voti perpetui

8 GIUGNO: IL FROSINONE SPALANCA IL CUORE… CANARINO!

• 374 Consacrazioni al Cuore Immacolato di Maria • 389 cavalieri della luce … ABBIAMO CONTEMPLATO, O DIO, LE MERAVIGLIE DEL TUO AMORE!

Foto: > Chiara Amirante > Marco Tecilla > Filippo, in arte Nek > Mirko Vucetich > La Santa Messa, presieduta da don Giovanni D’Ercole > Foto di gruppo delle prime promesse

4 orizzonti news

Domenica 8 Giugno, a conclusione dei festeggiamenti per l’ottimo campionato di serie B del Frosinone calcio e degli 80 anni dalla sua fondazione ufficiale, sono scese in campo per un triangolare inedito le formazioni del Frosinone calcio, i dirigenti/vecchie glorie e - udite udite!- la nazionale sacerdoti (ottimamente seconda classificata!) La società sportiva, in primis il presidente Stirpe e tutta la dirigenza, si è molto adoperata per organizzare al meglio l’evento, volendo far sì che questi festeggiamenti fossero un’occasione per ricordare che il calcio deve essere anche solidarietà. L’incasso di questa partita infatti è stato devoluto per il progetto della Cittadella Cielo. E’ stata un’occasione davvero importante per presentare ancora una volta l’iniziativa della Cittadella alla città di Frosinone.

orizzonti news 5


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE MATRIMONI Crescono le Famiglie Nazareth in Nuovi Orizzonti. In pochi giorni 4 splendide feste

SPECIALE MATRIMONI 31/5/2008 Pistoia. Chiesa di San Paolo. Il ‘SI’ di Elena Fedi e Mirko Vucetich

“SEDOTTI DALL’AMORE…SI SONO LASCIATI SEDURRE”

Possiamo solo ringraziarti perché sei l’amore del cuore e dell’anima Possiamo solo ringraziarti per come ci stai insegnando ad amare e ad essere amati Possiamo solo ringraziarti per il dono del fratello, fonte di crescita e di insegnamento Possiamo solo ringraziarti per il viaggio che ci fai compiere ogni giorno nelle anime di chi ci sta accanto Possiamo solo ringraziarti per come entri nei cuori delle persone e trasformi le loro vite Possiamo solo ringraziarti perché sei sempre con noi, pronto a suggerire e correggere Possiamo solo ringraziarti per il dono di Maria, esempio di amore

24/5/2008 Torri in Sabina (Ri). Antica Cattedrale dei Sabini. Il ‘SI’ di Enzo Fratamico e Lucia Tognarini. 31/5/2008. Padova. Santuario Madonna Pellegrina. Il ‘SI’ di Paola Rizzo e Paolo Brigo

Percorrevamo strade diverse ma tutti e due, assetati, cercavamo la sorgente inesauribile dell’ Amore E quella sorgente eri Tu. L’ acqua trovata è Amore che ama Amore che chiede di essere amato Amore che vuole amore Sedotti dall’ Amore, ci siamo lasciati sedurre Incoraggiati dall’ Amore, abbiamo trovato la forza di seguirlo Ammaestrati dall’ Amore, abbiamo iniziato ad amare Vinti dall’ amore, ci siamo arresi e lasciati amare E’ incontrando l’ Amore che ci siamo incontrati Ed è rimanendo nell’ Amore che abbiamo conosciuto la pienezza della Gioia. Ora desideriamo che la nostra vita diventi una in Te Desideriamo che tutti i nostri sì, quelli passati e quelli che ogni giorno saremo chiamati a dire si fondano in un unico SI all’ Amore Desideriamo che la nostra casa diventi lo spazio di accoglienza in cui l’ Amore può essere amato. Tienici desti, vigilanti, pronti a partire e pronti a restare, contenti dell’ ordinario e aperti allo straordinario Aiutaci a vivere la quotidianità con gli occhi spalancati alla contemplazione della straordinarietà Donaci di essere l’uno per l’altra il tabernacolo vivente che custodisce l’ Amore. Fa’ che oggi e sempre possiamo essere, nelle Tue Mani, piccoli,i piccoli della Gioia! Infinitamente Grazie! Enzo e Lucia

6 orizzonti news

Fin dall’eternità hai chiamato i nostri nomi pronunciandoli con un infinito desiderio di amore. Hai messo nella nostra anima sete di gioia piena. Hai parlato ai nostri cuori e ci hai chiamato ad essere una sola cosa in te per cooperare alla nostra santità. Abbiamo sperimentato che le tue vie non sono le nostre vie e quando finalmente ci siamo affidati a te ci hai fatto vivere il mistero del tuo amore. Nella distanza ci siamo trovati vicini, nella separazione tu ci hai unito, nella sofferenza abbiamo incontrato la tua gioia, nel silenzio tu ci hai parlato e ci hai chiamato ad esistere nuovamente in te. Grazie per averci donato Maria come mamma e maestra di vita, con lei è stato più facile arrivare a te. Ti ringraziamo per averci donato la grazia di vivere la castità, come esperienza di purificazione del nostro amore, per la tua gloria e per un amore più grande. Ti chiediamo il dono del tuo Santo Spirito affinché rinnovi, plasmi e rafforzi ogni giorno il nostro amore in te, con te e per te. Vogliamo essere tuoi profeti per annunciare che tu sei il Dio dell’Amore e che desideri raggiungere tutto il mondo e riempirlo della tua gioia. Eccoci, ti diciamo il nostro Si, ci abbandoniamo a te nell’immensità del tuo amore, certi che in te tutto è possibile. Paolo e Paola

Possiamo solo ringraziarti per essere entrato nelle nostre vite e averle trasformate Possiamo solo ringraziarti per il bellissimo disegno che hai nel cuore per le nostre anime Possiamo solo ringraziarti per come hai fatto unire i nostri fili d’oro

Possiamo solo ringraziarti per il tuo spirito che abbatte i timori e canta la tua gloria Possiamo solo ringraziarti perché hai bisogno di noi e hai dato un senso e una missione alla vita Possiamo solo inginocchiarci ed essere tuoi cavalieri per far girare quest’onda di amore che parte dal tuo cuore e lo possiamo fare con le uniche parole che hanno trasformato le nostre vite: IN MANUS TUAS! Mirko e Elena

7/6/2008 Ferentino (FR) Chiesa S.Antonio Abate. Il ‘SI’ di Donatella Anzidei e Lorenzo De Michele “Gesù ti ringraziamo per il dono della nostra vita, per averci pensato e voluto da sempre, per aver disegnato una storia per noi irripetibile e meravigliosa, ti ringraziamo per averci amato personalmente, per averci donato di incontrarti, per esserti preso cura di noi e attraverso un lungo cammino di guarigione, averci donato di risorgere dagli inferi in cui ci trovavamo. Ti ringraziamo per aver trasformato la nostra vita, per averci fatto sperimentare la Gioia vera che viene solo da Te, ed in modo particolare,per averci fatto incontrare, per aver permesso, ad ognuno di trovare nell’altro uno specchio in cui contemplare quella Bellezza che Tu ci hai donato e che riflette in noi la tua Immagine. Ti vogliamo donare le nostre vite, come singoli e come coppia; usale per farne uno strumento di Amore per i cuori che ci passano accanto, perchè possano sperimentare la gioia della tua presenza ,del tuo Amore e della tua tenerezza di Padre soprattutto coloro che non ti hanno mai conosciuto e troppo spesso ti cercano in vie di morte. Ti chiediamo di avere sempre una grande fiducia nella tua Provvidenza, contro la logica del mondo che, attraverso falsi bisogni, tende a distogliere la nostra attenzione dall’Unico Vero Bene di cui c’è veramente bisogno!

Unisci Tu le nostre vite, nel tuo Amore, affinché sia la tua Forza, nonostante la nostra debolezza,a portarle lì dove c’è più sete di Te,Infinita Sorgente di Vita! Sì, Gesù, vogliamo essere “tutti tuoi” in questo cammino a cui ci chiami, e che nulla mai possa separarci da Te! Grazie Gesù.” Donatella e Lorenzo

orizzonti news 7


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE MATRIMONI Crescono le Famiglie Nazareth in Nuovi Orizzonti. In pochi giorni 4 splendide feste

SPECIALE MATRIMONI 31/5/2008 Pistoia. Chiesa di San Paolo. Il ‘SI’ di Elena Fedi e Mirko Vucetich

“SEDOTTI DALL’AMORE…SI SONO LASCIATI SEDURRE”

Possiamo solo ringraziarti perché sei l’amore del cuore e dell’anima Possiamo solo ringraziarti per come ci stai insegnando ad amare e ad essere amati Possiamo solo ringraziarti per il dono del fratello, fonte di crescita e di insegnamento Possiamo solo ringraziarti per il viaggio che ci fai compiere ogni giorno nelle anime di chi ci sta accanto Possiamo solo ringraziarti per come entri nei cuori delle persone e trasformi le loro vite Possiamo solo ringraziarti perché sei sempre con noi, pronto a suggerire e correggere Possiamo solo ringraziarti per il dono di Maria, esempio di amore

24/5/2008 Torri in Sabina (Ri). Antica Cattedrale dei Sabini. Il ‘SI’ di Enzo Fratamico e Lucia Tognarini. 31/5/2008. Padova. Santuario Madonna Pellegrina. Il ‘SI’ di Paola Rizzo e Paolo Brigo

Percorrevamo strade diverse ma tutti e due, assetati, cercavamo la sorgente inesauribile dell’ Amore E quella sorgente eri Tu. L’ acqua trovata è Amore che ama Amore che chiede di essere amato Amore che vuole amore Sedotti dall’ Amore, ci siamo lasciati sedurre Incoraggiati dall’ Amore, abbiamo trovato la forza di seguirlo Ammaestrati dall’ Amore, abbiamo iniziato ad amare Vinti dall’ amore, ci siamo arresi e lasciati amare E’ incontrando l’ Amore che ci siamo incontrati Ed è rimanendo nell’ Amore che abbiamo conosciuto la pienezza della Gioia. Ora desideriamo che la nostra vita diventi una in Te Desideriamo che tutti i nostri sì, quelli passati e quelli che ogni giorno saremo chiamati a dire si fondano in un unico SI all’ Amore Desideriamo che la nostra casa diventi lo spazio di accoglienza in cui l’ Amore può essere amato. Tienici desti, vigilanti, pronti a partire e pronti a restare, contenti dell’ ordinario e aperti allo straordinario Aiutaci a vivere la quotidianità con gli occhi spalancati alla contemplazione della straordinarietà Donaci di essere l’uno per l’altra il tabernacolo vivente che custodisce l’ Amore. Fa’ che oggi e sempre possiamo essere, nelle Tue Mani, piccoli,i piccoli della Gioia! Infinitamente Grazie! Enzo e Lucia

6 orizzonti news

Fin dall’eternità hai chiamato i nostri nomi pronunciandoli con un infinito desiderio di amore. Hai messo nella nostra anima sete di gioia piena. Hai parlato ai nostri cuori e ci hai chiamato ad essere una sola cosa in te per cooperare alla nostra santità. Abbiamo sperimentato che le tue vie non sono le nostre vie e quando finalmente ci siamo affidati a te ci hai fatto vivere il mistero del tuo amore. Nella distanza ci siamo trovati vicini, nella separazione tu ci hai unito, nella sofferenza abbiamo incontrato la tua gioia, nel silenzio tu ci hai parlato e ci hai chiamato ad esistere nuovamente in te. Grazie per averci donato Maria come mamma e maestra di vita, con lei è stato più facile arrivare a te. Ti ringraziamo per averci donato la grazia di vivere la castità, come esperienza di purificazione del nostro amore, per la tua gloria e per un amore più grande. Ti chiediamo il dono del tuo Santo Spirito affinché rinnovi, plasmi e rafforzi ogni giorno il nostro amore in te, con te e per te. Vogliamo essere tuoi profeti per annunciare che tu sei il Dio dell’Amore e che desideri raggiungere tutto il mondo e riempirlo della tua gioia. Eccoci, ti diciamo il nostro Si, ci abbandoniamo a te nell’immensità del tuo amore, certi che in te tutto è possibile. Paolo e Paola

Possiamo solo ringraziarti per essere entrato nelle nostre vite e averle trasformate Possiamo solo ringraziarti per il bellissimo disegno che hai nel cuore per le nostre anime Possiamo solo ringraziarti per come hai fatto unire i nostri fili d’oro

Possiamo solo ringraziarti per il tuo spirito che abbatte i timori e canta la tua gloria Possiamo solo ringraziarti perché hai bisogno di noi e hai dato un senso e una missione alla vita Possiamo solo inginocchiarci ed essere tuoi cavalieri per far girare quest’onda di amore che parte dal tuo cuore e lo possiamo fare con le uniche parole che hanno trasformato le nostre vite: IN MANUS TUAS! Mirko e Elena

7/6/2008 Ferentino (FR) Chiesa S.Antonio Abate. Il ‘SI’ di Donatella Anzidei e Lorenzo De Michele “Gesù ti ringraziamo per il dono della nostra vita, per averci pensato e voluto da sempre, per aver disegnato una storia per noi irripetibile e meravigliosa, ti ringraziamo per averci amato personalmente, per averci donato di incontrarti, per esserti preso cura di noi e attraverso un lungo cammino di guarigione, averci donato di risorgere dagli inferi in cui ci trovavamo. Ti ringraziamo per aver trasformato la nostra vita, per averci fatto sperimentare la Gioia vera che viene solo da Te, ed in modo particolare,per averci fatto incontrare, per aver permesso, ad ognuno di trovare nell’altro uno specchio in cui contemplare quella Bellezza che Tu ci hai donato e che riflette in noi la tua Immagine. Ti vogliamo donare le nostre vite, come singoli e come coppia; usale per farne uno strumento di Amore per i cuori che ci passano accanto, perchè possano sperimentare la gioia della tua presenza ,del tuo Amore e della tua tenerezza di Padre soprattutto coloro che non ti hanno mai conosciuto e troppo spesso ti cercano in vie di morte. Ti chiediamo di avere sempre una grande fiducia nella tua Provvidenza, contro la logica del mondo che, attraverso falsi bisogni, tende a distogliere la nostra attenzione dall’Unico Vero Bene di cui c’è veramente bisogno!

Unisci Tu le nostre vite, nel tuo Amore, affinché sia la tua Forza, nonostante la nostra debolezza,a portarle lì dove c’è più sete di Te,Infinita Sorgente di Vita! Sì, Gesù, vogliamo essere “tutti tuoi” in questo cammino a cui ci chiami, e che nulla mai possa separarci da Te! Grazie Gesù.” Donatella e Lorenzo

orizzonti news 7


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

TESTIMONIANZE

TESTIMONIANZE

LA GLORIA DI DIO È L’UOMO VIVENTE La testimonianza di Ilaria Crescenzi E’ la voce di un Dio che è la Vita e che grida dentro il tuo cuore: “Ho sete’’. Quando ho accettato di ascoltare tali parole e finalmente ho sperimentato l’amore di un Uomo/Dio che come un amato mi ha dolcemente sussurrato:”Sei preziosa ai miei occhi …e io ti amo” (Is 43,4), è iniziata la mia risalita.

Ilaria il giorno di Pentecoste

Basta fermarmi un istante nella giornata e sentire nel mio cuore: ‘’La gloria di Dio è l’uomo vivente’’ (S. Ireneo) ‘’Il vivente, il vivente ti rende grazie come io oggi faccio…’’ (Is. 38, 19) Ho passato troppi anni chiusa in una gabbia con la paura di vivere, di assaporare la vita in tutte le sue sfumature ed ora non posso non ringraziare Colui che è la Vita per avermi donato il coraggio e la gioia di ritornare libera. Quando all’età di 13 anni ho iniziato ad avere i sintomi inequivocabili dell’anoressia, non mi rendevo assolutamente conto di avere intrapreso già da tempo una strada in discesa verso la morte e che la risalita sarebbe stata dura e soprattutto non scontata. Il cibo diventa il tuo peggior nemico perchè il tuo corpo nella sua identità di donna lo senti solo un limite rischioso che non vuoi più affrontare, e così lentamente e inesorabilmente arrivi a non mangiare più. Ti allontani da te, sei solo occupata a controllare i tuoi pensieri, la tua voce, le parole, i gesti, le situazioni e le persone; perchè hai imparato che non puoi permetterti di essere quella che sei nella verità… E’ troppo pericoloso! Ti rendi conto che la vita e gli uomini sono imprevedibili e per difesa ti metti in una gabbia fatta di regole estreme che tu stessa ti imponi credendo erroneamente di rendere te e la realtà che ti circonda il più possibile incapaci di farti del male. I tuoi pensieri diventano uno: il cibo. Le tue emozioni diventano una: la rabbia che non ti permetti mai di sentire e tanto meno di esprimere. E il tuo corpo scompare perdendo lentamente la sua identità. Sei dentro una prigione con barriere che ti sembrano insormontabili e allo stesso tempo hai il terrore di cambiare. Ma c’è una voce incontrollabile che abita nella profondità del tuo cuore e che non smette mai di chiederti: ‘’Lasciami vivere!!’’.

8 orizzonti news

Un poco alla volta ho cominciato a riscoprire di nuovo il gusto della vita, ovvero ad assaporare la gioia, la pace, la tristezza , la paura ed il dolore… tutto come espressioni di una vita vissuta realmente. Ritorni a guardare il tuo corpo come un dono di Dio, ti riscopri donna e ti commuovi davanti allo specchio perchè ti vedi finalmente per quello che sei e desideri con tutta te stessa di Ho iniziato un percorso a ritroso partendo dal recupero fisico; esserlo. infatti,permettendomi di iniziare a nutrirmi con una certa regolarità, La tua fisicità diventa espressione e testimonianza della gioia di ho interrotto lentamente la spirale di punizione che io stessa vivere. infliggevo al mio corpo e, attraversando il senso di colpa, ho deciso finalmente di lasciarlo andare. Dio,con immenso amore ha aperto le mie mani che da molto Faticosamente, attraverso l’ incontro e lo scontro costante con tempo erano serrate e, fidandosi di me, ha posto su di esse la le persone con cui vivo la quotidianità, ho scelto liberamente di mia vita. E io quest’anno, pronunciando davanti al suo altare abbassare le mie difese e di permettermi di riscoprire la bellezza i voti di consacrazione,ho voluto ringraziarlo in maniera speciale di essere amata e di amare nella semplicità. Ho accettato di e con le lacrime agli occhi, finalmente consapevole della nuovo il rischio che sta sempre nascosto dietro ogni gesto d’amore, preziosità di quella che sono, ho chiesto a Lui di fare di me un ossia la possibilità di soffrire. Grazie d’amore al suo Amore. Ma tutto questo è una lotta che non puoi vincere senza l’ aiuto di un gruppo che come te sta vivendo l’ esperienza di imparare a sentire e a dar voce alle proprie emozioni,non puoi pensare di vincere l’ossessione del cibo senza sostituire tale pensiero di morte con un comportamento per la vita che si esprime concretamente mettendoti in donazione verso le altre persone che ormai vivi e percepisci non più come nemici, ma come fratelli e sorelle di cammino. Poi,scoprendo ulteriormente la complessità delle dinamiche che mi abitavano dentro, ho iniziato un percorso di psicoterapia individuale che mi ha aiutata a rielaborare i traumi della mia storia e a darmi gli strumenti per voltare finalmente pagina e riscrivere una vita nuova. E’ così che Dio è entrato nella mia storia, in punta di piedi, con una delicatezza estrema, mi ha teso la mano e mi ha chiesto di seguirlo. Attraverso la sua Parola, l’Eucarestia e la vita di relazione nella comunità ha permesso al mio cuore di ritornare a battere. Mi ha resa protagonista dei miracoli che operava in me; mi ha fatto attraversare le mie paure per darmi la consapevolezza di essere una donna coraggiosa, mi ha lasciata libera di cadere per potermi rialzare.

orizzonti news 9


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

TESTIMONIANZE

TESTIMONIANZE

LA GLORIA DI DIO È L’UOMO VIVENTE La testimonianza di Ilaria Crescenzi E’ la voce di un Dio che è la Vita e che grida dentro il tuo cuore: “Ho sete’’. Quando ho accettato di ascoltare tali parole e finalmente ho sperimentato l’amore di un Uomo/Dio che come un amato mi ha dolcemente sussurrato:”Sei preziosa ai miei occhi …e io ti amo” (Is 43,4), è iniziata la mia risalita.

Ilaria il giorno di Pentecoste

Basta fermarmi un istante nella giornata e sentire nel mio cuore: ‘’La gloria di Dio è l’uomo vivente’’ (S. Ireneo) ‘’Il vivente, il vivente ti rende grazie come io oggi faccio…’’ (Is. 38, 19) Ho passato troppi anni chiusa in una gabbia con la paura di vivere, di assaporare la vita in tutte le sue sfumature ed ora non posso non ringraziare Colui che è la Vita per avermi donato il coraggio e la gioia di ritornare libera. Quando all’età di 13 anni ho iniziato ad avere i sintomi inequivocabili dell’anoressia, non mi rendevo assolutamente conto di avere intrapreso già da tempo una strada in discesa verso la morte e che la risalita sarebbe stata dura e soprattutto non scontata. Il cibo diventa il tuo peggior nemico perchè il tuo corpo nella sua identità di donna lo senti solo un limite rischioso che non vuoi più affrontare, e così lentamente e inesorabilmente arrivi a non mangiare più. Ti allontani da te, sei solo occupata a controllare i tuoi pensieri, la tua voce, le parole, i gesti, le situazioni e le persone; perchè hai imparato che non puoi permetterti di essere quella che sei nella verità… E’ troppo pericoloso! Ti rendi conto che la vita e gli uomini sono imprevedibili e per difesa ti metti in una gabbia fatta di regole estreme che tu stessa ti imponi credendo erroneamente di rendere te e la realtà che ti circonda il più possibile incapaci di farti del male. I tuoi pensieri diventano uno: il cibo. Le tue emozioni diventano una: la rabbia che non ti permetti mai di sentire e tanto meno di esprimere. E il tuo corpo scompare perdendo lentamente la sua identità. Sei dentro una prigione con barriere che ti sembrano insormontabili e allo stesso tempo hai il terrore di cambiare. Ma c’è una voce incontrollabile che abita nella profondità del tuo cuore e che non smette mai di chiederti: ‘’Lasciami vivere!!’’.

8 orizzonti news

Un poco alla volta ho cominciato a riscoprire di nuovo il gusto della vita, ovvero ad assaporare la gioia, la pace, la tristezza , la paura ed il dolore… tutto come espressioni di una vita vissuta realmente. Ritorni a guardare il tuo corpo come un dono di Dio, ti riscopri donna e ti commuovi davanti allo specchio perchè ti vedi finalmente per quello che sei e desideri con tutta te stessa di Ho iniziato un percorso a ritroso partendo dal recupero fisico; esserlo. infatti,permettendomi di iniziare a nutrirmi con una certa regolarità, La tua fisicità diventa espressione e testimonianza della gioia di ho interrotto lentamente la spirale di punizione che io stessa vivere. infliggevo al mio corpo e, attraversando il senso di colpa, ho deciso finalmente di lasciarlo andare. Dio,con immenso amore ha aperto le mie mani che da molto Faticosamente, attraverso l’ incontro e lo scontro costante con tempo erano serrate e, fidandosi di me, ha posto su di esse la le persone con cui vivo la quotidianità, ho scelto liberamente di mia vita. E io quest’anno, pronunciando davanti al suo altare abbassare le mie difese e di permettermi di riscoprire la bellezza i voti di consacrazione,ho voluto ringraziarlo in maniera speciale di essere amata e di amare nella semplicità. Ho accettato di e con le lacrime agli occhi, finalmente consapevole della nuovo il rischio che sta sempre nascosto dietro ogni gesto d’amore, preziosità di quella che sono, ho chiesto a Lui di fare di me un ossia la possibilità di soffrire. Grazie d’amore al suo Amore. Ma tutto questo è una lotta che non puoi vincere senza l’ aiuto di un gruppo che come te sta vivendo l’ esperienza di imparare a sentire e a dar voce alle proprie emozioni,non puoi pensare di vincere l’ossessione del cibo senza sostituire tale pensiero di morte con un comportamento per la vita che si esprime concretamente mettendoti in donazione verso le altre persone che ormai vivi e percepisci non più come nemici, ma come fratelli e sorelle di cammino. Poi,scoprendo ulteriormente la complessità delle dinamiche che mi abitavano dentro, ho iniziato un percorso di psicoterapia individuale che mi ha aiutata a rielaborare i traumi della mia storia e a darmi gli strumenti per voltare finalmente pagina e riscrivere una vita nuova. E’ così che Dio è entrato nella mia storia, in punta di piedi, con una delicatezza estrema, mi ha teso la mano e mi ha chiesto di seguirlo. Attraverso la sua Parola, l’Eucarestia e la vita di relazione nella comunità ha permesso al mio cuore di ritornare a battere. Mi ha resa protagonista dei miracoli che operava in me; mi ha fatto attraversare le mie paure per darmi la consapevolezza di essere una donna coraggiosa, mi ha lasciata libera di cadere per potermi rialzare.

orizzonti news 9


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

APPROFONDIMENTO

DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE:

APPROFONDIMENTO

è possibile uscirne?

a cura di Natalina Zanatta

L’anoressia e la bulimia – concludavamo nel primo servizio - sono un sintomo visibile di un dolore e di un disagio molto profondi e nascosti. La persona si attacca a questo sintomo fisico proprio per non sentire, per anestetizzare, per non urlare quel dolore che porta dentro la sua memoria e il suo cuore; utilizza questa malattia come difesa dal proprio dolore profondo che percepisce come un baratro nascosto dentro il corpo, un vuoto incolmabile che crea un vortice distruttivo dentro l’anima. La sua, dunque non è una malattia dell’appetito, ma del cuore e dell’anima, una malattia con la quale essa esprime il proprio disagio interiore, il proprio senso di inadeguatezza ad affrontare la vita. La malattia è un progetto di vita, è un investimento di tutte le proprie energie e capacità, ma è un progetto senza vie d’uscita, un progetto che porta dritto alla morte. E’ possibile guarire da queste malattie? C’è una terapia sicura? La via della guarigione è possibile anche se si presenta come un processo lungo e impegnativo,talvolta fallimentare o paradossale; ma ogni guarigione è possibile se scatta nella persona il desiderio di intraprenderne la strada. Le direzioni di questo percorso sono a raggera: prevedono almeno tre percorsi.

relazionale, può recuperare il dolore e riconoscerlo come suo e, in quanto ‘suo’, sentirlo altamente prezioso; riconosciuta la propria storia attraverso il dolore, la ragazza impara a permettersi di Terapia personale e gruppi di sostegno come prima fondamentale riconoscere i propri bisogni profondi; essi infatti sono possibilità di ‘fare verità’ di sé. il veicolo autentico che le permetteranno di contattare La ragazza ha bisogno di trovare una guida che la conduca la propria identità e scoprire quali siano le aspirazioni con sicurezza e tanta empatia nei meandri interiori della che innervano il suo progetto di vita; da qui, la scoperta propria realtà personale, a scendere nell’inferno del suo del proprio valore individuale e soggettivo sarà un passo passato e del suo presente. E’necessario che intraprenda rapido e relativamente facile da raggiungere. una terapia individuale che la accompagni a passare Veicolo sicuro e scopo prevalente di tutto il percorso rieducativo dalla condizione di impotenza (che lei esprime solo rimane quello di contattare, mobilitare e dialogare con i propri attraverso il sintomo) alla comprensione di quanto sentimenti ed emozioni. è accaduto agli altri e a se stessa nel corso della Un contesto relazionale sano, ricco di attenzioni capaci di suscitare propria esistenza, in anni ben più remoti dello coerenti risposte affettive è il contenitore che permetterà alla ragazza sviluppo della personalità. Proprio in quegli anni di rivisitare la propria storia e di risvegliare dolore e rabbia che sottostanno e in quegli avvenimenti per i quali ha deciso di e alimentano i suoi comportamenti distruttivi. Passerà dunque dalla tagliare il legame con le proprie emozioni e con consapevolezza del comportamento difensivo messo in atto, alla scoperta i propri sentimenti perché il dolore che si era delle profonde ragioni della propria malattia; dal decifrare la metafora annidato nelle sue viscere era troppo forte da del dolore al dare voce autentica e sincera al cuore. non poterlo sostenere. Solo se attraverserà il campo La malattia elimina le emozioni e tutti i sentimenti? La cura sarà accidentato della sua storia personale e quella di rimettere la ragazza a contatto proprio con essi.

1. Il cammino personale

10 orizzonti news

2. Il cammino della (con la) famiglia

Esso prevede:

- un cammino di autostima: La lunga incubazione di questta malattia nel corpo della ragazza trova il suo sotto il grande disagio e la malattia sta terreno fertile nel tessuto della famiglia e nel rapporto con i genitori ed è ben nascosto il sentimento della vergogna naturale che sia così. L’anoressia-bulimia è la soluzione più rapida che la e della indegnità che accompagna ogni ragazza utilizza per reagire a una realtà familiare che lei percepisce scelta e ogni pensiero. Fare un cammino di non adatta a se o addirittura intollerabile. Possiamo dire, perciò, che incontro con Dio significa scoprirsi ‘degni e la responsabilità circa la situazione di disagio della figlia viene preziosi agli occhi suoi’; che cosa può liberaci di diluita tra tutti i membri della famiglia perchè la questione riguarda più se non lo sguardo di predilezione con cui Dio ci tutti. Ma è altrettanto vero che quasi mai i genitori sono guarda? consapevoli del loro essere complici della malattia. E necessario allora che anche i genitori e la famiglia intera - un cammino di perdono: inizino il loro percorso di ‘verità’, in modo umile e cordiale. in fondo alla malattia c’è un odio terribile verso se stessa e Il percorso li obbligherà ad accettare il rischio di mettere verso il proprio corpo, sentito come ‘limite intollerabile’, tutto in discussione; a scovare dentro se stessi quel tipo di prigionia stretta e buia, fino a volersene liberare. Perdonarci incomunicabilità che si presenta come convinzione assoluta e perdonare significa scoprire se stessi e soprattutto il di aver fatto il massimo per la figlia; ad accogliere quel proprio corpo come il ‘dono’ primario che il Padre fa a possibile scompenso che nasce dalla scoperta di sentirsi ciascuno di noi, microcosmo divino che ci permette ribaltare il proprio sistema di equilibrio a lungo alimentato dai di metterci in relazione con Lui e di sperimentare la meccanismi di negazione, minimizzazione, idealizzazione; e infine sua tenerezza. “Mi hai fatto come un prodigio” ad accogliere il disorientamento che può nascere quando si grida il salmista scoprendo lo splendore del suo scopre che il sintomo non è affatto e solo ‘biologico’. essere stato disegnato già nel grembo della Solo passando attraverso questa strettoia è possibile rimettere in moto madre. Il corpo è sacro perché è vivente e un nuovo ascolto della figlia e sorella, una nuova modalità sana di relazione della stessa vita divina ma questo comporta familiare, una nuova visione delle cose e del senso delle relazioni. l’acccettazione piena di una grande responsabilità;

3. Il percorso di guarigione spirituale

- un cammino di recupero della propria sessualità e identità di genere: come ritrovata espressione personalissima dell’amore, come capacità di apprendere l’arte di amare e di essere amati;

E’ chiaro che questa malattia coinvolge la profondità del nostro essere, il senso del nostro vivere, la motivazione primaria dell’essere-al-mondo. Essa è il grido di un DESIDERIO DI PIENEZZA DI VITA totalmente svuotato, deluso e umiliato da un vuoto di prospettive e di progetti, dalla mancanza di esempi positivi e di guide di riferimento, dal distorcimento di alcuni valori - un cammino che aiuta la ragazza a passare sociali che sono più preoccupati di far apparire, ma che non danno dalla grande trasgressione di cui la malattia respiro al cuore. è simbolo (onnipotenza dell’io) all’obbedienza E’ l’anima che soffre e grida un insaziabile bisogno di vita autentico alla vita e alle sue regole (adorazione a Dio). e genuino. Ecco la necessità di prendere per mano l’anima profonda di ogni ragazza e condurla a riscoprire il senso del vivere e dell’essere Solo un cammino che unisce in profonda armonia se stessi. Solo un cammino spirituale può scardinare a fondo corpo, psiche e spirito può aiutare le giovani donne quei meccanismi inconsci di morte che alimentano la malattia a riprendere in mano la propria vita; tale cammino e ridare alla ragazza un senso e un orizzonte di vita nuovi. le porta a scoprire via via che l’origine della propria Tale percorso si muove su alcune direttive che coinvolgono dignità sta in quel soffio vitale che lo Spirito ha infosp, il cuore e lo spirito nelle loro reali necessità di nutrimento all’inizio, nelle pieghe più recondite della propria persona. e di crescita cui può rispondere in modo pieno solo un patto d’amore con in Cuore infinitamente buono di Dio.

orizzonti news 11


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

APPROFONDIMENTO

DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE:

APPROFONDIMENTO

è possibile uscirne?

a cura di Natalina Zanatta

L’anoressia e la bulimia – concludavamo nel primo servizio - sono un sintomo visibile di un dolore e di un disagio molto profondi e nascosti. La persona si attacca a questo sintomo fisico proprio per non sentire, per anestetizzare, per non urlare quel dolore che porta dentro la sua memoria e il suo cuore; utilizza questa malattia come difesa dal proprio dolore profondo che percepisce come un baratro nascosto dentro il corpo, un vuoto incolmabile che crea un vortice distruttivo dentro l’anima. La sua, dunque non è una malattia dell’appetito, ma del cuore e dell’anima, una malattia con la quale essa esprime il proprio disagio interiore, il proprio senso di inadeguatezza ad affrontare la vita. La malattia è un progetto di vita, è un investimento di tutte le proprie energie e capacità, ma è un progetto senza vie d’uscita, un progetto che porta dritto alla morte. E’ possibile guarire da queste malattie? C’è una terapia sicura? La via della guarigione è possibile anche se si presenta come un processo lungo e impegnativo,talvolta fallimentare o paradossale; ma ogni guarigione è possibile se scatta nella persona il desiderio di intraprenderne la strada. Le direzioni di questo percorso sono a raggera: prevedono almeno tre percorsi.

relazionale, può recuperare il dolore e riconoscerlo come suo e, in quanto ‘suo’, sentirlo altamente prezioso; riconosciuta la propria storia attraverso il dolore, la ragazza impara a permettersi di Terapia personale e gruppi di sostegno come prima fondamentale riconoscere i propri bisogni profondi; essi infatti sono possibilità di ‘fare verità’ di sé. il veicolo autentico che le permetteranno di contattare La ragazza ha bisogno di trovare una guida che la conduca la propria identità e scoprire quali siano le aspirazioni con sicurezza e tanta empatia nei meandri interiori della che innervano il suo progetto di vita; da qui, la scoperta propria realtà personale, a scendere nell’inferno del suo del proprio valore individuale e soggettivo sarà un passo passato e del suo presente. E’necessario che intraprenda rapido e relativamente facile da raggiungere. una terapia individuale che la accompagni a passare Veicolo sicuro e scopo prevalente di tutto il percorso rieducativo dalla condizione di impotenza (che lei esprime solo rimane quello di contattare, mobilitare e dialogare con i propri attraverso il sintomo) alla comprensione di quanto sentimenti ed emozioni. è accaduto agli altri e a se stessa nel corso della Un contesto relazionale sano, ricco di attenzioni capaci di suscitare propria esistenza, in anni ben più remoti dello coerenti risposte affettive è il contenitore che permetterà alla ragazza sviluppo della personalità. Proprio in quegli anni di rivisitare la propria storia e di risvegliare dolore e rabbia che sottostanno e in quegli avvenimenti per i quali ha deciso di e alimentano i suoi comportamenti distruttivi. Passerà dunque dalla tagliare il legame con le proprie emozioni e con consapevolezza del comportamento difensivo messo in atto, alla scoperta i propri sentimenti perché il dolore che si era delle profonde ragioni della propria malattia; dal decifrare la metafora annidato nelle sue viscere era troppo forte da del dolore al dare voce autentica e sincera al cuore. non poterlo sostenere. Solo se attraverserà il campo La malattia elimina le emozioni e tutti i sentimenti? La cura sarà accidentato della sua storia personale e quella di rimettere la ragazza a contatto proprio con essi.

1. Il cammino personale

10 orizzonti news

2. Il cammino della (con la) famiglia

Esso prevede:

- un cammino di autostima: La lunga incubazione di questta malattia nel corpo della ragazza trova il suo sotto il grande disagio e la malattia sta terreno fertile nel tessuto della famiglia e nel rapporto con i genitori ed è ben nascosto il sentimento della vergogna naturale che sia così. L’anoressia-bulimia è la soluzione più rapida che la e della indegnità che accompagna ogni ragazza utilizza per reagire a una realtà familiare che lei percepisce scelta e ogni pensiero. Fare un cammino di non adatta a se o addirittura intollerabile. Possiamo dire, perciò, che incontro con Dio significa scoprirsi ‘degni e la responsabilità circa la situazione di disagio della figlia viene preziosi agli occhi suoi’; che cosa può liberaci di diluita tra tutti i membri della famiglia perchè la questione riguarda più se non lo sguardo di predilezione con cui Dio ci tutti. Ma è altrettanto vero che quasi mai i genitori sono guarda? consapevoli del loro essere complici della malattia. E necessario allora che anche i genitori e la famiglia intera - un cammino di perdono: inizino il loro percorso di ‘verità’, in modo umile e cordiale. in fondo alla malattia c’è un odio terribile verso se stessa e Il percorso li obbligherà ad accettare il rischio di mettere verso il proprio corpo, sentito come ‘limite intollerabile’, tutto in discussione; a scovare dentro se stessi quel tipo di prigionia stretta e buia, fino a volersene liberare. Perdonarci incomunicabilità che si presenta come convinzione assoluta e perdonare significa scoprire se stessi e soprattutto il di aver fatto il massimo per la figlia; ad accogliere quel proprio corpo come il ‘dono’ primario che il Padre fa a possibile scompenso che nasce dalla scoperta di sentirsi ciascuno di noi, microcosmo divino che ci permette ribaltare il proprio sistema di equilibrio a lungo alimentato dai di metterci in relazione con Lui e di sperimentare la meccanismi di negazione, minimizzazione, idealizzazione; e infine sua tenerezza. “Mi hai fatto come un prodigio” ad accogliere il disorientamento che può nascere quando si grida il salmista scoprendo lo splendore del suo scopre che il sintomo non è affatto e solo ‘biologico’. essere stato disegnato già nel grembo della Solo passando attraverso questa strettoia è possibile rimettere in moto madre. Il corpo è sacro perché è vivente e un nuovo ascolto della figlia e sorella, una nuova modalità sana di relazione della stessa vita divina ma questo comporta familiare, una nuova visione delle cose e del senso delle relazioni. l’acccettazione piena di una grande responsabilità;

3. Il percorso di guarigione spirituale

- un cammino di recupero della propria sessualità e identità di genere: come ritrovata espressione personalissima dell’amore, come capacità di apprendere l’arte di amare e di essere amati;

E’ chiaro che questa malattia coinvolge la profondità del nostro essere, il senso del nostro vivere, la motivazione primaria dell’essere-al-mondo. Essa è il grido di un DESIDERIO DI PIENEZZA DI VITA totalmente svuotato, deluso e umiliato da un vuoto di prospettive e di progetti, dalla mancanza di esempi positivi e di guide di riferimento, dal distorcimento di alcuni valori - un cammino che aiuta la ragazza a passare sociali che sono più preoccupati di far apparire, ma che non danno dalla grande trasgressione di cui la malattia respiro al cuore. è simbolo (onnipotenza dell’io) all’obbedienza E’ l’anima che soffre e grida un insaziabile bisogno di vita autentico alla vita e alle sue regole (adorazione a Dio). e genuino. Ecco la necessità di prendere per mano l’anima profonda di ogni ragazza e condurla a riscoprire il senso del vivere e dell’essere Solo un cammino che unisce in profonda armonia se stessi. Solo un cammino spirituale può scardinare a fondo corpo, psiche e spirito può aiutare le giovani donne quei meccanismi inconsci di morte che alimentano la malattia a riprendere in mano la propria vita; tale cammino e ridare alla ragazza un senso e un orizzonte di vita nuovi. le porta a scoprire via via che l’origine della propria Tale percorso si muove su alcune direttive che coinvolgono dignità sta in quel soffio vitale che lo Spirito ha infosp, il cuore e lo spirito nelle loro reali necessità di nutrimento all’inizio, nelle pieghe più recondite della propria persona. e di crescita cui può rispondere in modo pieno solo un patto d’amore con in Cuore infinitamente buono di Dio.

orizzonti news 11


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE CHIARA LUBICH

SPECIALE CHIARA LUBICH

GRAZIE CHIARA! Chiara Lubich con Papa Giovanni Paolo II

Ti ringraziamo perché il tuo SI ha lasciato nella Chiesa e nel mondo una scia di luce che illuminerà ancora le tenebre di molti. Quanti cuori potranno ancora abbeverarsi a questa via antica e sempre nuova, quella del Vangelo, presentata da te con così tanta semplicità, profondità, fascino, sempre con una

Chiara Lubich con Madre Teresa di Calcutta

fedeltà massima alle sue esigenze radicali! Noi di Nuovi Orizzonti sentiamo di dirti ‘Grazie’ in un modo tutto speciale per come Dio si è servito di te

Chiara Lubich con i giovani

per trasmettere a Chiara Amirante quell’ Amore per Gesù senza il quale l’Opera di Nuovi Orizzonti non sarebbe nata (o almeno così in questo modo) e cresciuta nel tempo. Grazie per averci partorito spiritualmente Chiara, cosicché tutti noi ci sentiamo un po’ discendenti da te. Oltre a continuare, da lassù, a ispirare quest’ opera meravigliosa per i nostri tempi come è il Movimento dei Focolari, veglia anche su questa giovane Associazione, su Chiara, sul progetto delle Cittadelle, sui

Vangelo vissuto

Sapiente è chi muore per lasciar vivere in sé Dio! L’unità anzitutto!

Centri, sulle missioni, su tutti i consacrati e cavalieri della Luce, affinché il carisma della Gioia, così legato

«Le parole del Vangelo forse sembrano semplici,

Poco contano le discussioni,le questioni anche più sante,se non diamo

a quello dell’Unità, possa risplendere a gloria di Dio per la salvezza di tanti.

ma quale mutamento richiedono!

vita a Gesù fra noi.

Il Venerdì Santo, Chiara, commentando per noi il mistero dell’Amore smisurato di Gesù nella sua passione,

Quanto sono lontane dal nostro usuale modo di pensare e di agire! Ma

ci rivelava il proprio segreto di vita,che aveva scoperto e fatto suo da quell’incontro speciale (a 11 anni)

coraggio! Proviamo.

Amare….unica occupazione

con te. Questo segreto, ci diceva, si chiama Gesù crocifisso e abbandonato, da accogliere, abbracciare,

Una giornata così spesa vale una vita.

C'è un comando che Gesù dice 'mio' e 'nuovo':

fino a farne l’unico Sposo.

E alla sera non riconosceremo più noi stessi.

"Questo è il mio comandamento, che vi amiate gli uni gli altri, come

Aiutaci a innamorarci un po’ di più di Colui che è la fonte di ogni vera felicità. Aiutaci a far nostre,

Una gioia mai provata ci inonderà.

io vi ho amato.

meditandole attentamente, tutte queste linee della spiritualità dell’unità, perle preziose per rinnovare

Una forza ci investirà. Dio sarà con noi, perché è con coloro che amano.

Nessuno ha un amore più grande di questo:

dal profondo ogni cammino per il Cielo.

Le giornate si susseguiranno piene.

dare la vita per i propri amici." (Gv 15,12-13).

A volte forse rallenteremo, saremo tentati di scoraggiarci, di smettere.

Chi comincia a viverlo con radicalità, avverte un cambiamento

E vorremmo tornare alla vita di prima…

qualitativo nella propria vita interiore: viene arricchita di forza nuova,

Ma no! Coraggio! Dio ci dà la grazia.

di ardore, di coraggio.

Ricominciamo sempre.

L'attuazione di questo comandamento produce una reale conversione.

Perseverando, vedremo lentamente cambiare il mondo attorno a noi.

Ha effetto anche sul mondo che ci circonda:

Capiremo che il Vangelo porta la vita più affascinante, accende la luce

testimonia Cristo.

nel mondo, dà sapore alla nostra esistenza, ha in sé il principio della

"Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore

risoluzione di tutti i problemi.

gli uni per gli altri "(Gv, 13,35).

E non avremo pace, finché non comunicheremo la nostra straordinaria

L'amore fra cristiani è un piccolo riflesso della vita di Dio-Amore nei

esperienza ad altri: agli amici che ci possono comprendere, ai parenti,

rapporti tra gli uomini.

La grande attrattiva

Dio è Amore. Dio è Padre

Ecco la grande attrattiva

Dio è amore, Dio è Padre!

del tempo moderno:

Il nostro cuore si apre e si unisce a Colui che lo ama, che pensa a tutto, che conta persino i

penetrare nella più alta contemplazione

capelli del capo.

a chiunque ci sentiamo spinti a darla. Rinascerà la speranza».

Gesù abbandonato unico sposo Rivivere Maria

Ho un solo sposo sulla terra: Gesù crocifisso e abbandonato. Non ho

Maria è monumento di carità maestra di tutte le virtù.È il nostro modello.

altro Dio all’infuori di Lui.

Non immagineremo mai quanto è grande Maria! È tutta rivestita della

In Lui è tutto il paradiso con la Trinità e tutta la terra con l’umanità. Perciò

Parola di Dio.

il Suo è mio e null’altro. E suo è il dolore universale e quindi mio.

Quel conservava tutte le Parole nel suo cuore (cf. Sal. 119,11) significa

Andrò per il mondo cercandolo in ogni attimo della mia vita. Ciò che

che le viveva.

mi fa male è mio. Mio il dolore che mi sfiora nel presente.

Vorrei dire di più:

Maria era tutta Parola, solo Parola.

Mio il dolore delle anime accanto (è quello il mio Gesù). Mio tutto

fatti partecipi dei disegni di Dio

Essere Parola viva significa rivivere sulla terra Maria. Se, cercando

ciò che non è pace, gaudio, bello, amabile, sereno… in una parola: ciò che non è paradiso.

e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo. Vorrei dire di più: perdersi nella folla, per informarla del divino, come s’inzuppa un frusto di pane nel vino.

Le circostanze gioiose e dolorose acquistano un nuovissimo significato: tutto è previsto o permesso dall'amore di Dio. Nulla può farci più paura. Si fanno strada una speranza, una forza, una sicurezza mai sperimentate, sentendo l'Amore di Colui che segue con la sua provvidenza la grande storia come la piccola storia di ciascuno. È un dono di Dio che ci fa gridare: Noi abbiamo creduto all'amore.

sull’umanità, segnare sulla folla ricami di luce

‘Sì’ a Dio…facendo la Sua Volontà

d'amare, l'amore diventa reciproco, Cristo regna fra due o più.

e, nel contempo, dividere col prossimo

Come rispondere con l'amore all'Amore di Dio?

Allora riusciamo a dare Gesù spiritualmente al mondo come Maria

Poiché anch’io ho il mio paradiso, ma è quello nel cuore dello sposo

l’onta, la fame, le percosse, le brevi gioie.

Nella nostra mente si è inchiodata la frase: Non chi dice: Signore, Signore entrerà nel Regno

lo ha dato fisicamente.

mio. Non ne conosco altri.

Perché l’attrattiva del nostro,

dei Cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio... (Mt 7,21)

come di tutti i tempi,

Dunque fare la volontà di Dio: questo è amare Dio.

L'unità anzitutto

disperazioni, di malinconie, di distacchi, di esilio, di abbandoni, di strazi,

è ciò che di più umano e di più divino

Questo non significa rassegnazione, come spesso si intende, ma la più grande avventura

Se noi resteremo fedeli alla nostra consegna – ‘Ut unum sint’ – il mondo

di… tutto ciò che è Lui.

si possa pensare:

divina che può toccare ad una persona: quella di seguire non la propria meschina volontà,

vedrà l’unità.

Così prosciugherò l’acqua della tribolazione in molti cuori vicini e per

non i propri limitati progetti, ma Dio. Realizzare il disegno che lui ha per ogni suo figlio: disegno

Tutti saranno uno, se noi saremo uno.

la comunione con lo sposo mio onnipotente, lontani.

il Verbo di Dio, figlio d’un falegname,

divino, impensabile, ricchissimo. La volontà di Dio è la perla preziosa. È la scoperta di una

E non temiamo di cedere tutto all’unità.

Passerò come Fuoco che consuma tutto ciò che ha da cadere e

la sede della Sapienza, madre di casa.

via fatta per tutti: tutti la possono vivere, in qualsiasi luogo, situazione, vocazione.

Senza amare oltre ogni misura, senza perdere il giudizio proprio, senza

lascia in piedi solo la Verità. Ma occorre essere come Lui: essere Lui

È la carta d'accesso delle folle alla santità.

perdere la propria volontà, i propri desideri, non saremo mai uno!

nel momento presente della vita.

Gesù e Maria,

Chiara Lubich

12 orizzonti news

Così per gli anni che mi rimangono: assetata di dolori, di angosce, di

orizzonti news 13


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE CHIARA LUBICH

SPECIALE CHIARA LUBICH

GRAZIE CHIARA! Chiara Lubich con Papa Giovanni Paolo II

Ti ringraziamo perché il tuo SI ha lasciato nella Chiesa e nel mondo una scia di luce che illuminerà ancora le tenebre di molti. Quanti cuori potranno ancora abbeverarsi a questa via antica e sempre nuova, quella del Vangelo, presentata da te con così tanta semplicità, profondità, fascino, sempre con una

Chiara Lubich con Madre Teresa di Calcutta

fedeltà massima alle sue esigenze radicali! Noi di Nuovi Orizzonti sentiamo di dirti ‘Grazie’ in un modo tutto speciale per come Dio si è servito di te

Chiara Lubich con i giovani

per trasmettere a Chiara Amirante quell’ Amore per Gesù senza il quale l’Opera di Nuovi Orizzonti non sarebbe nata (o almeno così in questo modo) e cresciuta nel tempo. Grazie per averci partorito spiritualmente Chiara, cosicché tutti noi ci sentiamo un po’ discendenti da te. Oltre a continuare, da lassù, a ispirare quest’ opera meravigliosa per i nostri tempi come è il Movimento dei Focolari, veglia anche su questa giovane Associazione, su Chiara, sul progetto delle Cittadelle, sui

Vangelo vissuto

Sapiente è chi muore per lasciar vivere in sé Dio! L’unità anzitutto!

Centri, sulle missioni, su tutti i consacrati e cavalieri della Luce, affinché il carisma della Gioia, così legato

«Le parole del Vangelo forse sembrano semplici,

Poco contano le discussioni,le questioni anche più sante,se non diamo

a quello dell’Unità, possa risplendere a gloria di Dio per la salvezza di tanti.

ma quale mutamento richiedono!

vita a Gesù fra noi.

Il Venerdì Santo, Chiara, commentando per noi il mistero dell’Amore smisurato di Gesù nella sua passione,

Quanto sono lontane dal nostro usuale modo di pensare e di agire! Ma

ci rivelava il proprio segreto di vita,che aveva scoperto e fatto suo da quell’incontro speciale (a 11 anni)

coraggio! Proviamo.

Amare….unica occupazione

con te. Questo segreto, ci diceva, si chiama Gesù crocifisso e abbandonato, da accogliere, abbracciare,

Una giornata così spesa vale una vita.

C'è un comando che Gesù dice 'mio' e 'nuovo':

fino a farne l’unico Sposo.

E alla sera non riconosceremo più noi stessi.

"Questo è il mio comandamento, che vi amiate gli uni gli altri, come

Aiutaci a innamorarci un po’ di più di Colui che è la fonte di ogni vera felicità. Aiutaci a far nostre,

Una gioia mai provata ci inonderà.

io vi ho amato.

meditandole attentamente, tutte queste linee della spiritualità dell’unità, perle preziose per rinnovare

Una forza ci investirà. Dio sarà con noi, perché è con coloro che amano.

Nessuno ha un amore più grande di questo:

dal profondo ogni cammino per il Cielo.

Le giornate si susseguiranno piene.

dare la vita per i propri amici." (Gv 15,12-13).

A volte forse rallenteremo, saremo tentati di scoraggiarci, di smettere.

Chi comincia a viverlo con radicalità, avverte un cambiamento

E vorremmo tornare alla vita di prima…

qualitativo nella propria vita interiore: viene arricchita di forza nuova,

Ma no! Coraggio! Dio ci dà la grazia.

di ardore, di coraggio.

Ricominciamo sempre.

L'attuazione di questo comandamento produce una reale conversione.

Perseverando, vedremo lentamente cambiare il mondo attorno a noi.

Ha effetto anche sul mondo che ci circonda:

Capiremo che il Vangelo porta la vita più affascinante, accende la luce

testimonia Cristo.

nel mondo, dà sapore alla nostra esistenza, ha in sé il principio della

"Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore

risoluzione di tutti i problemi.

gli uni per gli altri "(Gv, 13,35).

E non avremo pace, finché non comunicheremo la nostra straordinaria

L'amore fra cristiani è un piccolo riflesso della vita di Dio-Amore nei

esperienza ad altri: agli amici che ci possono comprendere, ai parenti,

rapporti tra gli uomini.

La grande attrattiva

Dio è Amore. Dio è Padre

Ecco la grande attrattiva

Dio è amore, Dio è Padre!

del tempo moderno:

Il nostro cuore si apre e si unisce a Colui che lo ama, che pensa a tutto, che conta persino i

penetrare nella più alta contemplazione

capelli del capo.

a chiunque ci sentiamo spinti a darla. Rinascerà la speranza».

Gesù abbandonato unico sposo Rivivere Maria

Ho un solo sposo sulla terra: Gesù crocifisso e abbandonato. Non ho

Maria è monumento di carità maestra di tutte le virtù.È il nostro modello.

altro Dio all’infuori di Lui.

Non immagineremo mai quanto è grande Maria! È tutta rivestita della

In Lui è tutto il paradiso con la Trinità e tutta la terra con l’umanità. Perciò

Parola di Dio.

il Suo è mio e null’altro. E suo è il dolore universale e quindi mio.

Quel conservava tutte le Parole nel suo cuore (cf. Sal. 119,11) significa

Andrò per il mondo cercandolo in ogni attimo della mia vita. Ciò che

che le viveva.

mi fa male è mio. Mio il dolore che mi sfiora nel presente.

Vorrei dire di più:

Maria era tutta Parola, solo Parola.

Mio il dolore delle anime accanto (è quello il mio Gesù). Mio tutto

fatti partecipi dei disegni di Dio

Essere Parola viva significa rivivere sulla terra Maria. Se, cercando

ciò che non è pace, gaudio, bello, amabile, sereno… in una parola: ciò che non è paradiso.

e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo. Vorrei dire di più: perdersi nella folla, per informarla del divino, come s’inzuppa un frusto di pane nel vino.

Le circostanze gioiose e dolorose acquistano un nuovissimo significato: tutto è previsto o permesso dall'amore di Dio. Nulla può farci più paura. Si fanno strada una speranza, una forza, una sicurezza mai sperimentate, sentendo l'Amore di Colui che segue con la sua provvidenza la grande storia come la piccola storia di ciascuno. È un dono di Dio che ci fa gridare: Noi abbiamo creduto all'amore.

sull’umanità, segnare sulla folla ricami di luce

‘Sì’ a Dio…facendo la Sua Volontà

d'amare, l'amore diventa reciproco, Cristo regna fra due o più.

e, nel contempo, dividere col prossimo

Come rispondere con l'amore all'Amore di Dio?

Allora riusciamo a dare Gesù spiritualmente al mondo come Maria

Poiché anch’io ho il mio paradiso, ma è quello nel cuore dello sposo

l’onta, la fame, le percosse, le brevi gioie.

Nella nostra mente si è inchiodata la frase: Non chi dice: Signore, Signore entrerà nel Regno

lo ha dato fisicamente.

mio. Non ne conosco altri.

Perché l’attrattiva del nostro,

dei Cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio... (Mt 7,21)

come di tutti i tempi,

Dunque fare la volontà di Dio: questo è amare Dio.

L'unità anzitutto

disperazioni, di malinconie, di distacchi, di esilio, di abbandoni, di strazi,

è ciò che di più umano e di più divino

Questo non significa rassegnazione, come spesso si intende, ma la più grande avventura

Se noi resteremo fedeli alla nostra consegna – ‘Ut unum sint’ – il mondo

di… tutto ciò che è Lui.

si possa pensare:

divina che può toccare ad una persona: quella di seguire non la propria meschina volontà,

vedrà l’unità.

Così prosciugherò l’acqua della tribolazione in molti cuori vicini e per

non i propri limitati progetti, ma Dio. Realizzare il disegno che lui ha per ogni suo figlio: disegno

Tutti saranno uno, se noi saremo uno.

la comunione con lo sposo mio onnipotente, lontani.

il Verbo di Dio, figlio d’un falegname,

divino, impensabile, ricchissimo. La volontà di Dio è la perla preziosa. È la scoperta di una

E non temiamo di cedere tutto all’unità.

Passerò come Fuoco che consuma tutto ciò che ha da cadere e

la sede della Sapienza, madre di casa.

via fatta per tutti: tutti la possono vivere, in qualsiasi luogo, situazione, vocazione.

Senza amare oltre ogni misura, senza perdere il giudizio proprio, senza

lascia in piedi solo la Verità. Ma occorre essere come Lui: essere Lui

È la carta d'accesso delle folle alla santità.

perdere la propria volontà, i propri desideri, non saremo mai uno!

nel momento presente della vita.

Gesù e Maria,

Chiara Lubich

12 orizzonti news

Così per gli anni che mi rimangono: assetata di dolori, di angosce, di

orizzonti news 13


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE NUOVI CENTRI

CASA MAGNIFICAT A PADOVA: UNO SPLENDIDO DONO NEL SEGNO DI MARIA Il Signore continua ad arricchire la famiglia di Nuovi Orizzonti di nuove case e iniziative per andare incontro a tanti suoi figli “che muoiono per mancanza d’Amore”. ‘Casa Magnificat’ a Padova è per l’Associazione la prima‘comunità di famiglie Nazareth’ le cui attività sono principalmente dedicate al sostegno e all’evangelizzazione dei giovani e delle famiglie.

“Inaugurazione di Casa Magnificat” con la partecipazione del vescovo di Padova, Antonio Mattiazzo e Don Severino Trentin, parroco del Santuario “Madonna Pellegrina” a Padova, che ha accolto la comunità nella sua

parrocchia Il progetto che sta nascendo in‘Casa Magnificat’ si chiama “Dare Ali alla vita” e prevede: • comunità di famiglie Nazareth: due famiglie Le famiglie che vivono in risiedono nel centro e accolgono minori e madri casa “Magnificat” in difficoltà. Il progetto punta anche sul coinvolgimento di famiglie‘esterne’che desiderano condividere il cammino di Nuovi Orizzonti facendo l’esperienza della gioia della Risurrezione; • consultorio familiare d’ispirazione cristiana: uno spazio dove le famiglie possono essere aiutate a prevenire o a superare le proprie difficoltà grazie a corsi di formazione e alla consulenza di un’equipe di professionisti (psicologo,ginecologo,assistente sociale,consulente etico,avvocato,pedagogista…); • punto d’incontro giovani uno spazio d’incontro dedicato ai giovani con l’attivazione di corsi di formazione all’evangelizzazione e al volontariato e di laboratori creativi: pittura,fotografia,ceramica,decoupage,teatro,canto,musica,giornalismo,informatica…; • spiritualità; • evangelizzazione.

Per noi Piccoli della Gioia di Padova la tanto sospirata apertura di questo centro è un meraviglioso segno della Provvidenza.. Infatti sono passati più di dieci anni da quando il carisma di Nuovi Orizzonti ha messo le sue radici nella nostra città. Da allora sono molti i padovani che hanno scelto di seguire le orme di Chiara: alcuni si sono trasferiti in comunità, altri invece, specialmente coppie, hanno continuato a vivere e a portare la gioia della resurrezione nel loro ambito familiare e lavorativo e là dove lo Spirito ha chiamato ciascuno a rispondere al grido di tanti fratelli. Grazie a un amico sacerdote, don Severino Trentin, il gruppo ha potuto riunirsi per il Cenacolo di preghiera e per la formazione, ma purtroppo ancora mancava una casa nella quale poter ‘fare comunità’ nel vero senso della parola. L’attesa è stata lunga ma ne è valsa la pena! Infatti, il nostro desiderio si è coronato quando la parrocchia del Cuore Immacolato di Maria dove ci ritroviamo solitamente, ci ha messo a disposizione una bellissima palazzina appositamente ristrutturata. Diversi benefattori ci hanno generosamente aiutato per apportarvi importanti migliorie, arredarla, pulirla, ordinarla... Insomma, la Provvidenza non sta mancando di sorprenderci giorno dopo giorno. Domenica primo giugno, in occasione dell’inaugurazione ufficiale della Casa c’è stata una meravigliosa festa alla quale hanno partecipato con entusiasmo numerosi amici, parrocchiani e il vescovo di Padova, Antonio Mattiazzo, il quale ha dato la sua benedizione agli abitanti della casa, alla cappellina e a due immagini sacre: una gigantografia del Volto dell’Uomo della Sindone e una statua della Vergine Maria proveniente da Medjugorie. Ora chiediamo a tutti voi, amici di ‘Orizzonti News’, di sostenerci con la vostra preghiera perché quest’opera cresca e porti frutto secondo i piani del Signore. Chi volesse conoscerci per ricevere sostegno o contribuire alla crescita di questo progetto può contattarci: Associazione Veneta Insieme verso Nuovi Orizzonti Onlus: Via Tre Garofani 65, 35124, Padova. Tel. 049605147 - Cell. 3497779557 padova@nuoviorizzonti-onlus.com - www.nuoviorizzonti-onlus.com

14 orizzonti news

ACQUISTANDO LE NOSTRE PUBBLICAZIONI

NOVITà Il nuovo CD di Francesca Picollo “Gocce di cielo”

• Stazione Termini, i dialoghi di Chiara con i ragazzi della stazione, 1994 (XIV ed.) Città Nuova. Euro 7,00 • Nuovi Orizzonti, l’autobiografia di Chiara e la storia della Comunità 1997 (XI ed.) Città Nuova. Euro 8,00 • Il regno della gioia, una parabola sul “Viaggio della vita”, 2000 (V ed.) Shalom. Euro 7,00 • Alzati e rivestiti di luce, meditazioni di Chiara per ricominciare ogni giorno 2005 (III ed.) Città Nuova. Euro 8,00 • Gioia Piena, esercizi per non essere mai tristi, 2007 (I ed.) Città Nuova. Euro 10,00

È STATA REALIZZATA INOLTRE UNA COLLANA DI SPIRITUALITÀ NUOVI ORIZZONTI IN COLLABORAZIONE CON LA CASA EDITRICE OCD: • Pregare é amare, esercizi spirituali, (IV ed.) 2005. Euro 9,00 • Il Paradiso non può attendere, vivere adesso la gioia del cielo, (III ed.) 2006. Euro 9,00 • Il sole nell’abisso, colorare di gioia le tenebre del mondo, (I ed.) 2006. Euro 10,00 • Fuoco dal cielo, volare con le ali dello Spirito Santo, (I ed.) 2007. Euro 9,00 • Davide Banzato, Evangelizzazione di strada, l’esperienza di evangelizzazione di Nuovi Orizzonti 2006 (II ed.) Città Nuova. Euro 10,00

Il CD di Francesca Picollo “il suono dell’Anima”

Il CD di Francesca Picollo che contiene anche le canzoni del Musical “Nuovi Orizzonti”

Musiche per meditare composte ed arrangiate da Marco Guadin

Meditazioni di Chiara Amirante in versione CD e cassetta

RICHIEDI ORIZZONTI NEWS E DIVENTA AMICO SOSTENITORE

SOSTIENI NUOVI ORIZZONTI CON IL 5 X 1000

Vuoi ricevere sempre a casa tua le notizie riguardanti la vita di Nuovi Orizzonti e arricchirti con le nostre pagine di spiritualità, di testimonianze, di approfondimenti vari riguardanti i problemi e la vita di oggi? Vuoi, in poche parole, abbonarti al nostro trimestrale e diventare così, se non lo sei già, un amico sostenitore? Versa allora un offerta libera sul c/c postale indicato nella pagina finale,specificando la causale:“amico sostenitore”e telefonando poi al centro di Piglio per fornire il tuo nome e indirizzo.

Anche quest'anno hai una possibilità unica per aiutare la nostra Associazione: destina il 5xmille dell'IRPEF a Nuovi Orizzonti ONLUS. La finanziaria 2008 ha confermato infatti la possibilità di destinare una quota delle imposte (5xmille) alle Organizzazioni ONLUS.

SITI WEB Per aggiornamenti quasi ‘giornalieri’ su NUOVI ORIZZONTI:

www.nuoviorizzonti-onlus.com http://www.korazym.org/archivio.asp?IdSez=284 Se vuoi saperne di più sulla nostra realtà e sul progetto CITTADELLACIELO consulta i nostri siti:

www.cittadellacielo.com www.cavalieridellaluce.net

Il 5xmille non sostituisce l'8xmille (destinato alle confessioni religiose) e non costa nulla per il cittadino contribuente. È una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit per sostenere le loro attività. Trasforma la tua dichiarazione dei redditi in una grande azione di concreta solidarietà. Ci aiuterai a sostenere le numerose attività che l’associazione porta avanti a favore di moltissime persone in difficoltà nei suoi numerosi centri in Italia e all’estero. Ecco come puoi fare: riporta il codice fiscale dell’Associazione ONLUS Nuovi Orizzonti:

96218850582 orizzonti news 15


ORIZZONTI NEWS

ORIZZONTI NEWS

SPECIALE NUOVI CENTRI

CASA MAGNIFICAT A PADOVA: UNO SPLENDIDO DONO NEL SEGNO DI MARIA Il Signore continua ad arricchire la famiglia di Nuovi Orizzonti di nuove case e iniziative per andare incontro a tanti suoi figli “che muoiono per mancanza d’Amore”. ‘Casa Magnificat’ a Padova è per l’Associazione la prima‘comunità di famiglie Nazareth’ le cui attività sono principalmente dedicate al sostegno e all’evangelizzazione dei giovani e delle famiglie.

“Inaugurazione di Casa Magnificat” con la partecipazione del vescovo di Padova, Antonio Mattiazzo e Don Severino Trentin, parroco del Santuario “Madonna Pellegrina” a Padova, che ha accolto la comunità nella sua

parrocchia Il progetto che sta nascendo in‘Casa Magnificat’ si chiama “Dare Ali alla vita” e prevede: • comunità di famiglie Nazareth: due famiglie Le famiglie che vivono in risiedono nel centro e accolgono minori e madri casa “Magnificat” in difficoltà. Il progetto punta anche sul coinvolgimento di famiglie‘esterne’che desiderano condividere il cammino di Nuovi Orizzonti facendo l’esperienza della gioia della Risurrezione; • consultorio familiare d’ispirazione cristiana: uno spazio dove le famiglie possono essere aiutate a prevenire o a superare le proprie difficoltà grazie a corsi di formazione e alla consulenza di un’equipe di professionisti (psicologo,ginecologo,assistente sociale,consulente etico,avvocato,pedagogista…); • punto d’incontro giovani uno spazio d’incontro dedicato ai giovani con l’attivazione di corsi di formazione all’evangelizzazione e al volontariato e di laboratori creativi: pittura,fotografia,ceramica,decoupage,teatro,canto,musica,giornalismo,informatica…; • spiritualità; • evangelizzazione.

Per noi Piccoli della Gioia di Padova la tanto sospirata apertura di questo centro è un meraviglioso segno della Provvidenza.. Infatti sono passati più di dieci anni da quando il carisma di Nuovi Orizzonti ha messo le sue radici nella nostra città. Da allora sono molti i padovani che hanno scelto di seguire le orme di Chiara: alcuni si sono trasferiti in comunità, altri invece, specialmente coppie, hanno continuato a vivere e a portare la gioia della resurrezione nel loro ambito familiare e lavorativo e là dove lo Spirito ha chiamato ciascuno a rispondere al grido di tanti fratelli. Grazie a un amico sacerdote, don Severino Trentin, il gruppo ha potuto riunirsi per il Cenacolo di preghiera e per la formazione, ma purtroppo ancora mancava una casa nella quale poter ‘fare comunità’ nel vero senso della parola. L’attesa è stata lunga ma ne è valsa la pena! Infatti, il nostro desiderio si è coronato quando la parrocchia del Cuore Immacolato di Maria dove ci ritroviamo solitamente, ci ha messo a disposizione una bellissima palazzina appositamente ristrutturata. Diversi benefattori ci hanno generosamente aiutato per apportarvi importanti migliorie, arredarla, pulirla, ordinarla... Insomma, la Provvidenza non sta mancando di sorprenderci giorno dopo giorno. Domenica primo giugno, in occasione dell’inaugurazione ufficiale della Casa c’è stata una meravigliosa festa alla quale hanno partecipato con entusiasmo numerosi amici, parrocchiani e il vescovo di Padova, Antonio Mattiazzo, il quale ha dato la sua benedizione agli abitanti della casa, alla cappellina e a due immagini sacre: una gigantografia del Volto dell’Uomo della Sindone e una statua della Vergine Maria proveniente da Medjugorie. Ora chiediamo a tutti voi, amici di ‘Orizzonti News’, di sostenerci con la vostra preghiera perché quest’opera cresca e porti frutto secondo i piani del Signore. Chi volesse conoscerci per ricevere sostegno o contribuire alla crescita di questo progetto può contattarci: Associazione Veneta Insieme verso Nuovi Orizzonti Onlus: Via Tre Garofani 65, 35124, Padova. Tel. 049605147 - Cell. 3497779557 padova@nuoviorizzonti-onlus.com - www.nuoviorizzonti-onlus.com

14 orizzonti news

ACQUISTANDO LE NOSTRE PUBBLICAZIONI

NOVITà Il nuovo CD di Francesca Picollo “Gocce di cielo”

• Stazione Termini, i dialoghi di Chiara con i ragazzi della stazione, 1994 (XIV ed.) Città Nuova. Euro 7,00 • Nuovi Orizzonti, l’autobiografia di Chiara e la storia della Comunità 1997 (XI ed.) Città Nuova. Euro 8,00 • Il regno della gioia, una parabola sul “Viaggio della vita”, 2000 (V ed.) Shalom. Euro 7,00 • Alzati e rivestiti di luce, meditazioni di Chiara per ricominciare ogni giorno 2005 (III ed.) Città Nuova. Euro 8,00 • Gioia Piena, esercizi per non essere mai tristi, 2007 (I ed.) Città Nuova. Euro 10,00

È STATA REALIZZATA INOLTRE UNA COLLANA DI SPIRITUALITÀ NUOVI ORIZZONTI IN COLLABORAZIONE CON LA CASA EDITRICE OCD: • Pregare é amare, esercizi spirituali, (IV ed.) 2005. Euro 9,00 • Il Paradiso non può attendere, vivere adesso la gioia del cielo, (III ed.) 2006. Euro 9,00 • Il sole nell’abisso, colorare di gioia le tenebre del mondo, (I ed.) 2006. Euro 10,00 • Fuoco dal cielo, volare con le ali dello Spirito Santo, (I ed.) 2007. Euro 9,00 • Davide Banzato, Evangelizzazione di strada, l’esperienza di evangelizzazione di Nuovi Orizzonti 2006 (II ed.) Città Nuova. Euro 10,00

Il CD di Francesca Picollo “il suono dell’Anima”

Il CD di Francesca Picollo che contiene anche le canzoni del Musical “Nuovi Orizzonti”

Musiche per meditare composte ed arrangiate da Marco Guadin

Meditazioni di Chiara Amirante in versione CD e cassetta

RICHIEDI ORIZZONTI NEWS E DIVENTA AMICO SOSTENITORE

SOSTIENI NUOVI ORIZZONTI CON IL 5 X 1000

Vuoi ricevere sempre a casa tua le notizie riguardanti la vita di Nuovi Orizzonti e arricchirti con le nostre pagine di spiritualità, di testimonianze, di approfondimenti vari riguardanti i problemi e la vita di oggi? Vuoi, in poche parole, abbonarti al nostro trimestrale e diventare così, se non lo sei già, un amico sostenitore? Versa allora un offerta libera sul c/c postale indicato nella pagina finale,specificando la causale:“amico sostenitore”e telefonando poi al centro di Piglio per fornire il tuo nome e indirizzo.

Anche quest'anno hai una possibilità unica per aiutare la nostra Associazione: destina il 5xmille dell'IRPEF a Nuovi Orizzonti ONLUS. La finanziaria 2008 ha confermato infatti la possibilità di destinare una quota delle imposte (5xmille) alle Organizzazioni ONLUS.

SITI WEB Per aggiornamenti quasi ‘giornalieri’ su NUOVI ORIZZONTI:

www.nuoviorizzonti-onlus.com http://www.korazym.org/archivio.asp?IdSez=284 Se vuoi saperne di più sulla nostra realtà e sul progetto CITTADELLACIELO consulta i nostri siti:

www.cittadellacielo.com www.cavalieridellaluce.net

Il 5xmille non sostituisce l'8xmille (destinato alle confessioni religiose) e non costa nulla per il cittadino contribuente. È una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit per sostenere le loro attività. Trasforma la tua dichiarazione dei redditi in una grande azione di concreta solidarietà. Ci aiuterai a sostenere le numerose attività che l’associazione porta avanti a favore di moltissime persone in difficoltà nei suoi numerosi centri in Italia e all’estero. Ecco come puoi fare: riporta il codice fiscale dell’Associazione ONLUS Nuovi Orizzonti:

96218850582 orizzonti news 15


... SE VUOI PUOI SOSTENERCI • CON LE TUE PREGHIERE • CON I TUOI TALENTI E LE TUE PROPOSTE • CON OFFERTE E CONTRIBUTI ECONOMICI Versamento (offerta non deducibile dal reddito) su c/c bancario intestato a: Ass. Nuovi Orizzonti c/c 000001075811 - codici: IBAN IT89 - CIN S - ABI 03002 - CAB 74520 - BANCA DI ROMA Filiale di Piglio (Fr) Nel caso, invece, si volesse usufruire della deducibilità(*) (per chi non ha necessità di dedurle, si chiede gentilmente di fare il versamento sul conto corrente bancario indicato sopra), occorre effettuare il versamento tramite: versamento sul C/C postale a Associazione Nuovi Orizzonti Onlus, Via Prenestina 95, 03010 Piglio (Fr), CC/P 59604009, mettendo come causale “offerta” o “donazione”. (*) I contributi economici all’Ass. Nuovi Orizzonti ONLUS (ove specificato) sono deducibili dal reddito fino al 10% del reddito complessivo dichiarato e con il limite massimo di Euro 70000 annui (Art. 14 D.L. 14/03/2005 n. 35 – L. 14/05/2005 n. 80). Il documento giustificativo da conservare é: la ricevuta del c/c postale. Non sono ammessi versamenti in contanti.

• CON LE ADOZIONI A DISTANZA IN BRASILE: Se vuoi aiutare anche tu i consacrati di Nuovi Orizzonti a togliere dalla strada molti altri bambini sostenendo i progetti di sviluppo a Quixadà, puoi rivolgerti all’Ufficio Brasile italiano dell’Associazione al tel. 0775-502353 o al cell. 335-7052428 Email: ufficioadozioni@nuoviorizzonti-onlus.com • AIUTANDOCI A DIFFONDERE I NOSTRI SPETTACOLI (MUSICAL E CABARET): Puoi contattare i “Giullari dell’Amore” al n° 333/1200295 (Maurizio) • USUFRUENDO DEI SERVIZI OFFERTI DALLA NOSTRA COOPERATIVA SOCIALE “ALI BLU” Giardinaggio, articoli vivaistici, lavori vari di artigianato, pulizia, ristrutturazione di immobili, falegnameria, restauro di mobili, creazione e divulgazione materiale informativo e preventivo, lavori di assemblaggio per conto terzi.

GLI INDIRIZZI DEI NOSTRI CENTRI PRINCIPALI Piglio (FR): Sede Centrale - Via Prenestina 95, 03010 Piglio (FR) Tel/Fax 0775 502353 • E-mail piglio@nuoviorizzonti-onlus.com • Ferentino: Casa di formazione al presbiterato “Emmanuel” Tel: 3393281385 • Roma: centro di prima accoglienza, “Centro Arcobaleno”: Via Portoferraio 9, 00182 • Roma (RM) - Tel/Fax 0670305159 E-mail arcobaleno@nuoviorizzonti-onlus.com • Roma: P. le Clodio, 00100 Roma (RM) (Tel 0775 502353) • Marino (RM): “Casa Gioia”, P.za Garibaldi 8, 00047 Marino (RM) Tel/Fax 06 93803113 • E-mail casagioia@nuoviorizzonti-onlus.com • Grottaferrata: centro accoglienza, Via colle delle Ginestre 69, 00046 Grottaferrata Tel/Fax 06 94315460 • Frosinone: Centro di ascolto “Rejoyce” - Tel 331/9253951 (Elena) Msn: nuoviorizzontipiglio@hotmail.com - Skype: nuoviorizzontipiglio • Guidonia (RM): Comunità Città della Gioia, via delle Molette fnc, 00012, Guidonia, Tel 0774 304158 • Montevarchi: centro di accoglienza “casa Alleluja” Via Pestello Campagna 7, 52025 Montevarchi (AR), Tel 055 984819, Fax 055 9850807 E-mail montevarchi@nuoviorizzonti-onlus.com • Pistoia: centro di accoglienza “casa S. Francesco”, Via Castellina 20, 51030 Casore del Monte (PT) - Tel/Fax 0572 618067 • E-mail pistoia@nuoviorizzonti-onlus.com

• Belpiano (GE): centro di formazione e di evangelizzazione Via Belpiano 10, 16041 Borzonasca (GE) Tel. 0185 340591 E-mail no.belpiano@libero.it • Sito www.belpiano.net • Padova: casa famiglia “Magnificat” Via Tre garofani, 65/67, 35124, Padova (PD) Tel 049 605147 • E-mail padova@nuoviorizzonti-onlus.com • CEI (TN): “Ass. trentina Nuovi Orizzonti onlus”, località Bellaria di CEI 38060, Villalagarina (TN) Tel 0464 800002 Fax 0464 800291 • E-mail nuoviorizzonti.tn@gmail.com • Rovereto (TN): centro di ascolto e formazione e centro di pronta accoglienza “casa Isacco”, Via Portici 32, 38068 Rovereto (TN), Tel 0464 435034 • E-mail casaisacco@gmail.com • Ischia (NA): “centro Giovanni Paolo II”, Via Purgatorio snc, 80055 Forio d’Ischia (NA), Tel 081 998813 • E-mail nuoviorizzontiischia@alice.it ESTERO • Medjugorje: Casa di spiritualità “Stella del mattino” Tel 00387/63433592 - medjugorje@nuoviorizzonti-onlus.com CENTRI IN BRASILE: • Quixada: Missione “Raina do Serto” (Regina del deserto) Tel 0055/8899681742 - quixada@nuoviorizzonti-onlus.com • Fortaleza: Centro di evangelizzazione - Tel 0055/8532894257 fortaleza@nuoviorizzonti-onlus.com

RUBRICA APPUNTAMENTI 2008 TOUR "JOYMIX" ESTATE 2008 Per informazioni: Maurizio Fratamico (Cell: 333-1200295) LUGLIO • 6: Riviera Ligure (GE) • 19: Pompei (NA) AGOSTO • 1,2,3: ESTATE GUIDONIANA a Guidonia (Roma) LA PINETA ore 21:00 Viale Roma • 13, 14, 15: Spettacoli a Riccione durante la Missione estiva • 16: Boiano (CAMPOBASSO) • 17: Pompei (NA), S. MARIA ASSUNTA IN CIELO ore 21:00 Via Nolana 452 GIORNATE DI SPIRITUALITÀ CON CHIARA AMIRANTE A ROMA • Riprenderanno dopo la pausa estiva ogni prima domenica del mese a partire dal 5 Ottobre INCONTRI DI FORMAZIONE Riprenderanno dopo gli esercizi di Settembre.

ALTRI APPUNTAMENTI • 11-17 agosto 2008: Missione di spiaggia e di strada Riccione 2008 "Chi ha sete venga a me! Jesus". • 20 settembre 2008 alle ore 16, presso la Chiesa del Sacro Cuore di Frosinone: ORDINAZIONE SACERDOTALE DI Tonino Catalano e Roberto Di Chiera.

• 21-25 settembre 2008: Esercizi spirituali con Chiara Amirante a Piglio (PRENOTARSI IN TEMPO). • 28 settembre - 6 ottobre: MISSIONE GESU' al CENTRO con il Vicariato di Roma e la Pastorale Giovanile di Roma MATRIMONI (info 0775/502353 Piglio) 7 Settembre a Pistoia: Grazia Staffetta e Massimo Pisano 4 Ottobre a Roma: Elena Martelli e Marco Guadin

DIRETTORE RESPONSABILE: Franco Tobia GRUPPO REDAZIONALE: Silvia Piacentini, Natalina Zanatta, Pia Salmaso, Francesco Candian AUTORIZZAZIONE: Trib. Frosinone n° 277 del 29/03/2000 FOTO: Ragazzi di Nuovi Orizzonti - ARTDIGITALSTUDIO

PROPRIETÀ: Comunità “Nuovi Orizzonti” Via Prenestina 95 - 03010 Piglio (Fr) Tel./Fax 0775.502353 - e-mail: piglio@nuoviorizzonti-onlus.com www.nuoviorizzonti-onlus.com IMPAGINAZIONE E STAMPA: Happy News (Francesca Moscetta) Tipolitografica Trullo - Tel. 06.65793309

Orizzonti News n.2 2008  

AMATEVI a vicenda... affinché TUTTI SIANO UNO

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you