Issuu on Google+

ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

ZELOS DI FROG - STELLA DELLA TERRA SINISTRA

Età: 34 Altezza: 149 cm Peso: 55 Kg Data di nascita: 13 Marzo Gruppo Sanguigno: A Luogo di nascita: Cambogia Subalterno di: Rhadamanthys Stella: Terra Sinistra

“ La rana velenosa vestita di nero, che gracida nell'oscurità!” E' uno Specter cauto, che, oltre ad essere un sottoposto di Rhadamanthys, gode del favore di Pandora comportandosi nei confronti dei due in modo scaltro. Ha un carattere estremamente vendicativo.

TECNICHE: JUMPING SMASH Frog si lancia sull’avversario riempendolo di calci. Presente solo nel Manga.

Opera  a  cura  di  Orion81    

Pagina  17  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

CARATTERE: Ha una personalità abietta e si comporta in modo servile con i suoi superiori, e in modo pomposo e arrogante con tutti gli altri. Gode delle disgrazie altrui come dimostrato dalle sadiche risate che compie mentre Lady Pandora punisce il suo superiore Rhadamanthys, oppure mentre prende a calci senza alcun rispetto i tre Gold Saint resuscitati, prossimi alla morte. Viscido e inutile essere non ha poteri particolari, il suo compito è più che altro quello di portare notizie tra le più alte cariche nel castello oscuro e di sentire le lamentele dei suoi superiori.

IL SUO POTERE E LA SUA STORIA: Compare al castello di Pandora ed il suo compito è quello di portavoce tramite tra le alte cariche a palazzo. Lo si vede discorrere spesso con Rhadamanthys e addirittura osare dargli dei consigli che naturalmente il comandante non rispetta. Molto simile ad un viscido verme, striscia per le stanze del palazzo ridacchiando e godendo delle atroci sventure altrui, come durante l’esemplare punizione che Rhadamanthys riceve da Lady Pandora per aver disobbedito agl’ordini di Lord Hades. Mostra di esser ancor più vile quando si accanisce contro Camus moribondo a terra riempiendosi la bocca di minacce sterili che presto vengono messe a tacere dal Diamone Dust di Hyoga. In punto di morte non esita a strisciare nuovamente viscidamente in direzione di Lady Pandora invocandone l’aiuto.

DELUCIDAZIONI DA TAIZEN: Ha una personalità abietta e si comporta in modo servile con i suoi superiori, e in modo pomposo e arrogante con tutti gli altri.

Viene ucciso da Hyoga con l'Aurora Execution per aver osato colpire Camus.

Opera  a  cura  di  Orion81    

Pagina  18  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

LA SUPLICE DI FROG:

PUGNO: ?? CALCIO: ?? ARMI SPECIALI: ?? SPIRITO: ?? GITTATA: ?? Non è specificato in nessuna fonte quale sia il potere della sua Suplice. L’armatura rappresenta una rana viscida dalla corazza marmorea.

Opera  a  cura  di  Orion81    

Pagina  19  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

MITOLOGIA: ZELOS Zelos era Figlio di Stige, una delle Oceanine, e del Titano Pallante, fratello di Nike (la vittoria), di Bia (la violenza) e di Cratos (il potere, la potenza). Nella mitologia greca era la personificazione dell'ardore. In italiano, appunto, lo zelo è sinonimo di ardore.

HUG: Huh era l'aspetto maschile di una divinità primordiale mentre la forma femminile, o paredra, era Huhet. Insieme formavano una delle quattro coppie primigenie dell'Ogdoade ermopolitana ed entrambi rappresentavano l'infinito, inteso più come concetto di tempo che di spazio. Huh era raffigurato, in un primo momento come rana oppure come uomo con testa di rana ma successivamente assunse aspetto completamente umano. La caratteristica che lo distingueva da gli altri dei, era che veniva rappresentato genuflesso, con le braccia alzate e con un ramo di palma in entrambe le mani e raramente, solo uno. Aveva un piccolo ramo anche come copricapo. Rappresentati di profilo secondo i canoni artistici, questi rami simboleggiavano il trascorrere del tempo e le dentellature indicavano gli anni trascorsi. Terminavano con il glifo di un girino, che significava "centinaia di migliaia" e un anello denominato shen, simbolo dell'illimitato scorrere del tempo, ossia l'eternità, e precursore del cartiglio come simbolo di protezione. Essendo dio dell'infinito, Huh rappresentava, con le braccia alzate, il glifo hehindicante "milioni", in senso specifico ed in senso generico "un'infinità di cose" e per questo motivo gli è stato dato l'appellativo di "dio dei milioni di anni". Con questo significato è stato riprodotto, inginocchiato, nel vaso di alabastro del giubileo reale ritrovato nei magazzini della piramide di Saqqara. Opera  a  cura  di  Orion81    

Pagina  20  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ Le braccia sollevate lo possono fare confondere con Shu dal quale si distingue perché, quest'ultimo, ha come copricapo una piuma. Ma assimilato a lui, Huh, è stato rappressentato, in piedi, mentre tiene sollevata Nut e Mehetueret. Numerose sono le rappresentazioni di Huh, in particolare sugli oggetti del corredo funebre del re Tutankhamon. Almeno tre le più significative: • nella lampada ad olio in alabastro a forma di loto è inginocchiato in un cesto posto sulle piante di papiro ed il ramo di palma che tiene in mano, incornicia l'intaglio; • nel bellissimo portaunguenti con la forma del doppio cartiglio, Huh è invece raffigurato con il geroglifico neb cioè oro, sulla testa, con Khepri e il disco solare. Il significato era Nebkheperura nome di incoronazione di Tutankhamon. Il dio è inginocchiato sul simbolo del giubileo e sul ramo di palma sono incisi gli anni del regno del giovane faraone; • sul contrappeso di una collana, è rappresentato mentre regge l'occhio di Horus come augurio di salute, é affiancato da due urei, ed ha alle spalle il tiet o nodo di Iside. Vi sono i rami di palma, i glifi di centinaia di migliaia e gli anelli shen. Lo splendido oggetto, dalla complicata lavorazione per le modeste dimensioni, aveva funzione apotropaica ed augurava al re "un milione di anni di regno", esclusiva caratteristica dei sovrani egizi.

IMPRESSIONI PERSONALI: Come più volte riportato nella scheda Zelos ha una personalità abietta e si comporta in modo servile con i suoi superiori, e in modo pomposo e arrogante con tutti gli altri. È viscido e gode delle disgrazie altrui, si nutre della sua malignità e, nonostante il suo orrido aspetto, sembra essere anche narcisista. Non è dotato di alcun potere particolare degno di essere sottolineato. Fonti Ufficiali e Autore: Taizen – Orion81 - Wikipedia

Opera  a  cura  di  Orion81    

Pagina  21  


Zelos