Issuu on Google+

ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

SHILFIELD DI BASILISK - STELLA DEL CIELO AGILE

Età: 19 Altezza: 181 cm Peso: 78 Kg Data di nascita: 20 Luglio Gruppo Sanguigno: 0 Luogo di nascita: Belgio Dipendente diretto di Rhadamanthys Stella: Cielo Agile

“ La violentissima raffica del Basilisco, l'uccello mostruoso!!” Insieme a Gordon e Alraune, cerca di raggiungere i Bronze diretti all'Elisio. E' considerato uno dei migliori guerrieri tra gli Specter, ma davanti a Shiryu, che ha esteso al massimo il suo cosmo, non ha il tempo di mostrare tutta la sua abilità in battaglia.

Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  114  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

TECNICHE: ANNIHILATION FLAP La sua tecnica mortale, l'Annihilation Flap, crea un vortice dil vento creato dalle ali del Basilisco, che spazza via lontano l’avversario utilizzando l’energia del proprio cosmo.

CARATTERE: Di carattere è prepotente, determinato, impulsivo ma allo stesso tempo freddo. Sembra essere lui a comandare i tre Spectre. Dimostra di essere molto carismatico e temibile, di sicuro il più resistente e micidiale.

IL SUO POTERE E LA SUA STORIA: E’ uno degli ultimi Spectre a comparire nella serie, precisamente tenta assieme ai suoi compagni Gordon e Queen, di impedire a Shyriu e compagni di attraversare la breccia creata dai Gold al Muro del Pianto. È l’ultimo ad utilizzare la propria tecnica segreta all’indirizzo di Dragone ma sembra essere anche quella che lo mette maggiormente in difficoltà. L'Annihilation Flap, che come esecuzione assomiglia al Garuda Flap di Aiacos, sembrerebbe la più forte fra quelle degli spectre comuni, e danneggia gravemente l'armatura del Dragone. All'inizio sembra in vantaggio, ma poi viene sconfitto dal Colpo dei 100 Draghi di Sirio. Ciononostante sopravvive e cerca di inseguire il nemico nella superdimensione, dove il suo corpo viene distrutto dalla pressione, proprio come era successo a Minos.

DELUCIDAZIONI DA TAIZEN: La sua tecnica mortale, l'Annihilation Flap, spazza via il nemico usando lo spirito combattivo. Shiryu è sopravvissuto alla tecnica di Shilfield solo grazie al Muro del Pianto non facendolo così volare via.

Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  115  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

LA SUPLICE DEL BASILISCO:

PUGNO: ?? CALCIO: ?? ARMI SPECIALI: ?? SPIRITO: ?? GITTATA: ?? Non è specificato in nessuna fonte quale sia il potere della sua Suplice. L’armatura rappresenta il leggendario basilisco, creatura mitologica dalla velocità e aggressività considerevole.

Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  116  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

MITOLOGIA: BASILISCO: Nei bestiari e nelle leggende greche ed europee, il basilisco (greco: βασιλεύς, basileus, "re") è una creatura mitologica citata anche come "re dei serpenti", che si narra abbia il potere di uccidere con un sol sguardo diretto negli occhi. Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, il basilisco sarebbe un piccolo serpente, lungo meno di venti centimetri e nonostante questo sarebbe la creatura più mortale in assoluto. È infatti velenosissimo ed è in grado di uccidere con il solo sguardo. Qualunque essere vivente entri in contatto con il suo fiato o venga morso muore sul colpo. Secondo alcune leggende medioevali, se un cavaliere cercava di colpire il basilisco con la lancia, il veleno vi si infiltrava immediatamente uccidendo cavallo e cavaliere. Il basilisco vivrebbe nel deserto da lui stesso creato, perché ha la capacità di seccare gli arbusti oltre che con il contatto, con il solo sguardo. A Plinio si rifece Isidoro da Siviglia, che lo definiva come il re dei serpenti, i quali lo temono per il suo soffio velenoso e per il suo sguardo mortale. Alessandro Neckham (nato nel 1157) fu il primo a riferire la teoria secondo la quale non era lo sguardo del basilisco a uccidere direttamente, ma la corruzione dell'aria che esso provocava (teoria sviluppata un secolo dopo da Pietro d'Abano). Viene chiamato "re" a causa della cresta a forma di mitra che ha sulla testa oppure, secondo Plinio, a causa di un marchio biancastro sulla sommità del capo. I racconti sul basilisco lo collocano nella stessa famiglia della coccatrice. Beda fu il primo ad attestare la leggenda di come il basilisco nascerebbe da un uovo deposto di tanto in tanto da un gallo anziano (altri autori hanno aggiunto di sette anni quando Sirio sia ascendente). L'uovo deve essere sferico e deve essere covato da un serpente o da un rospo, processo, questo, che poteva impiegare fino a nove anni. Teofilo monaco, nella raccolta di ricette artigiane che hanno preso il suo nome, indicò un procedimento dettagliato per creare un basilisco, attraverso la copula di due galli rinchiusi in una cella sotterranea e tramite la covae di due rospi: la polvere del basilisco bruciato e macinato serviva a creare il cosiddetto aurus hyspanicus, ottenuto a partire dal rame. Nell'Europa dell'età medievale, la descrizione della creatura cominciò ad inglobare caratteristiche proprie dei galli. Alberto Magno nel De animalibus scriveva di credere allo sguardo assassino del basilisco, ma negava che questi morisse se un uomo lo vedeva per primo e che un gallo potesse fare un uovo; interessante è come egli indichi queste credenze come frutto nei suoi contemporanei nell'autorità di Ermete Trismegisto, il quale avrebbe pure sostenuto come le ceneri di basilisco fossero state necessarie per trasformare l'argento in oro: un'attribuzione del tutto infondata ma che dimostra come già nel XIII secolo la figura del basilisco fosse associata a interpretazioni alchemiche. Per quanto riguarda lo sguardo pestilenziale sulla vegetazione, potrebbe essere illuminante il confronto con le teorie della scuola salernitana del XII secolo: essi sostenevano che i rettili nascessero per "putrefazione" della materia causata dal calore esterno. Il periodo estivo della Canicola era infatti la stagione più propizia per i serpenti che allora uscivano in massa dalle tane sotterranee trascorrendo più Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  117  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ tempo sulla superficie; il collegamento tra calura e serpenti presto diede origine a un ribaltamento delle cause, indicando i rettili come reponsabili della corruzione dell'aria e dell'imputridimento delle acque che causavano epidemie malariche. Quindi esisteva un vero e proprio collegamento tra il re dei rettili, il periodo più caldo dell'anno e il seccare della vegetazione. Con il passare del tempo, grazie al moltiplicarsi di storie, le sue capacità letali continuarono ad aumentare, comprendendo l'abilità di sputare fiamme e quella di uccidere solo con il suono della sua voce, oltre alle sue sempre crescenti dimensioni. Alcuni scrittori affermarono che la creatura poteva uccidere anche senza un tocco diretto, ma perfino toccando qualcosa che a sua volta toccava qualcuno, come una spada. Il basilisco è anche la creatura a guardia della città svizzera Basilea.

Il basilisco della Cronaca di Johannes Janssen di Aachen (1748) Nonostante la loro apparenza invincibile, i basilischi hanno due nemici mortali: le donnole, che però morivano sempre anche se riuscivano ad ucciderlo, ed i galli, il cui canto gli era letale. Un basilisco può inoltre essere ucciso anche facendolo specchiare in modo che sia il suo stesso sguardo ad ucciderlo. La leggenda del basilisco ha goduto di continui richiami nel tempo: Geoffrey Chaucer parla di una basilicok nelle Canterbury Tales; Leonardo da Vinci incluse un basilisco nel suo bestiario, citando la sua malvagità di nascondersi in alto sui rami e di fissare le sue vittime mentre appassiscono al suo sguardo. Percy Bysshe Shelley nell'"Ode a Napoli" alluse a un basilisco. Anche Voltaire citò un basilisco nel capitolo XVI di Zadig. In Italia centrale, tra la Toscana, l'Umbria e l'alto Lazio, è diffusa nelle campagne la tradizione del "Serpente Regolo", anch'esso "piccolo re", serpente pernicioso e vendicativo, dalla testa grande come quella di un bambino, abitante fossi, campi, rovine e foreste.

Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  118  


ΤΑΙΖΕΝ ΧΗΑΡΑΧΤΕΡ ΣΤΟΡΨ ΒΟΟΚ − ΗΑΔΕΣ ΣΠΕΧΤΡΕ

IMPRESSIONI PERSONALI: Basilisk sembra uno Specter dotato di una forza fuori dal comune ed una resistenza altrettanto sorprendente, tanto da portarmi a pensare che sia quasi al livello dei tre Giganti del mondo di Ade. Il suo colpo segreto sembra essere davvero micidiale e molto spettacolare, somiglia leggermente al Garuda Flap di Aiacos. Come molti dei suoi compagni è un altro Spectre che avrebbe meritato un particolare approfondimento date le sue caratteristiche misteriose ed affascinanti ed il suo carisma innato. Nel manga fa una breve apparizione anche nel Jûnikyû-hen, mentre nell'anime la sua presenza è ristretta alla seconda parte della storia. Fonti Ufficiali e Autore: Taizen – Orion81 - Wikipedia

Opera  a  cura  di  Orion81  

Pagina  119  


Basilisk