Page 1

ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

ArtWhere Associazione
culturale
studentesca
di
 volontariato

Attivita' ed eventi Aprile 2008 – Dicembre 2009

1


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Chi siamo? Artwhere è un’associazione di volontariato costituita dagli studenti del DAMS di Imperia che dal 2008 svolge la sua attività di promozione culturale attraverso l’organizzazione di festival e rassegne teatrali, musicali e cinematografiche operando a stretto contatto con il Polo Universitario Imperiese, i suoi docenti e la realtà artistica locale e nazionale.

“L’organizzazione si ispira ai valori ed ai principi della solidarietà, che intende promuovere attraverso la progettazione di interventi di formazione, di divulgazione culturale e di promozione e conservazione del patrimonio artistico a beneficio degli studenti del Polo Universitario Imperiese, nonché di tutto il territorio locale, rivolgendosi in particolare alle fasce deboli come ad esempio anziani e bambini e con l’intento di favorire l’integrazione sociale. Si propone perciò di organizzare: ● seminari, conferenze, mostre, dibattiti su tematiche generali riguardanti l’università e questioni etiche, socio - economiche, culturali; ● cicli di film; ● concorsi interessanti campi di attività diversi quali ad esempio letteratura, fotografia, cinema, grafica, pittura; ● attività musicali e di teatro: seminari, corsi, realizzazione spettacoli; ● corsi, seminari, incontri, conferenze attinenti ai vari campi dell’arte e della cultura quali ad esempio cinema, fotografia, grafica, pittura e scultura; ● pubblicazioni, riviste, giornali su tematiche diverse; ● promozione di altri progetti e iniziative culturali sociali ed economiche.” (Art. 4 dello Statuto – Scopi dell'Organizzazione)

Contatti: ✔ ✔ ✔ ✔ ✔

ass.artwhere@yahoo.it http://artwhere.wordpress.com http://www.flickr.com/photos/37502324@N07/ http://www.myspace.com/artwhere Facebook: gruppo ArtWhere

2


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

“CYNART - L'aperitivo cinematografico” (dal 4 al 15 aprile 2008)

L’Associazione ArtWhere ha presentato nel mese di aprile 2008 una serie di appuntamenti cinematografici che hanno visto come protagonisti giovani registi emergenti, i quali hanno mostrato al pubblico i propri lavori, all’interno di una cornice d’eccezione come la sala Eutropia dello Spazio Italo Calvino del Polo Universitario Imperiese. Il pubblico accorso alle quattro serate in programma ha avuto la possibilità di partecipare ad un evento che si è voluto differenziare rispetto alle altre numerose rassegne del settore presentando due fondamentali punti d’eccezione: – –

I lavori proiettati sono di studenti del DAMS di Imperia, o realizzati da enti e associazioni in collaborazione con gli studenti; La collocazione pre serale, da cui il sottotitolo, ha permesso di far introdurre i dibattiti connessi alle proiezioni a esperti del settore.

L'occasione ha avuto una forte valenza didattica per gli studenti coinvolti e ha permesso di disporre lavori cinematografici degli stessi studenti, alcuni già insigniti di numerosi premi, e presentarli alla fruizione gratuita del pubblico invitato a intervenire senza limiti ulteriori oltre quelli connessi alla capienza della struttura ospitante la rassegna. Gli esperti che hanno introdotto i lavori e coordinato i dibattiti a seguire sono tutti parte del corpo docenti del DAMS imperiese; in questo modo si è creato un punto d’incontro tra gli studenti e i professori, affinché si possa continuare a collaborare in un’ottica di crescente sinergia tra Associazione ArtWhere e Università. 3


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Cynart è il primo evento organizzato da Artwhere. La Sala Eutropia dello Spazio Italo Calvino del DAMS ha offerto al pubblico imperiese quattro proiezioni a ingresso libero: tre cortometraggi di artisti che hanno avuto a che fare con il Corso di Laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, e un documentario sulla Comunità Montana di Realdo. Venerdì 4 Aprile ore 21 “2008 Odissea nello spazio (Calvino)” - cortometraggio surreale diretto da Eugenio Ripepi Il Prof. Roberto Trovato presenta questo cortometraggio, prodotto e ambientato al DAMS, con il pluripremiato attore imperiese Enrico Luly e la partecipazione straordinaria dello stesso Prof. Trovato. Lunedì 7 Aprile ore 19 “Eartheart” - regia Erika Baruffaldi, prodotto da Scubi Production Il Prof. Giovanni Robbiano, docente di Tecniche della Sceneggiatura Cinematografica, ha presentato l'ultima gemma laureta DAMS Erika Baruffaldi, forte di numerosi riconoscimenti ottenuti nel corso di pochi anni con i suoi lavori. Venerdì 11 Aprile ore 21 “Yoshiwara Club” - prodotto da Antonio Cotta Nuovo lavoro del regista imperiese Emilio Audissino, reduce dall’importante successo de “La dolce Eleonora e l’amaro calice”, noir ispiratore della vicenda raccontata nel nuovo corto che ha come protagonista femminile una bravissima attrice ex – DAMS, Federica Ruggero. L’incontro è stato nuovamente introdotto dal Prof. Roberto Trovato. Martedì 15 Aprile ore 21 “La culla delle aquile” - documentario sulla Comunità Montana di Realdo prodotto da Papavero Films e realizzato dal regista Alessandro Pugno Illustrare la magia di un luogo ancestrale come Realdo con una nitidezza narrativa di altissima professionalità. La serata finale è stata presentata dal Prof. Saverio Zumbo, dal Prof. Cesare Pitto e dal Prof. Antonio Somaini, docenti rispettivamente nelle materie di Cinema documentario, Antropologia Culturale per lo Spettacolo, e Storia del Cinema Italiano.

4


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Convegno “Guy Debord e la societò dello spettacolo” (8-9 maggio 2008) Giovedì 8 maggio ore 15/19 L'ospite d'onore della giornata di studi su Guy Debord e il Situazionismo è stato il critico cinematografico Enrico Ghezzi, «papà» di Blob. Nello Spazio Italo Calvino del Polo in via Nizza 8, è stato uno degli esperti al convegno promosso dai professori Antonio Somaini e Saverio Zumbo. Gli altri relatori sono stati Leonardo Lippolis, Carmelo Marabello, Sandro Ricaldone e Marco Senaldi. ore 19 “La società dello spettacolo” regia di Guy Debord Guy Ernest Debord, lo scrittore, filosofo e regista francese scomparso nel 1994, che figura fra i fondatori dell'Internazionale Situazionista, insieme di movimenti artistici europei che promuovono una critica radicale della societa' capitalistica e dell'industria culturale. L'evento è stato organizzato dal DAMS imperiese e dall'associazione studentesca ArtWhere con il sostegno di Regione e Comune di Cosio d'Arroscia, il borgo in cui nell'aprile 1957 nacque il Situazionismo e in cui nel 2007 è stato ricordato il cinquantennale del movimento. venerdì 9 maggio ore 11/13 – 15/18,30 “Processi in scena: il caso di Verre”, incontro-dibattito Nel corso dell'incontro è stato proiettato lo spettacolo teatrale «Il governo di Verre», nella versione proposta da Renzo Giovampietro nel 1970. La riduzione teatrale, liberamente tratta dal testo delle Verrine di Cicerone, è stata realizzata dallo stesso Giovampietro e da Mario Prosperi, con la consulenza di illustri esperti della cultura e della lingua latina come Francesco Della Corte. Si sono susseguiti interventi di esperti come Bernardo Santalucia dell'Università di Firenze. L'evento, con la presenza del prof. Vito Piergiovanni, è stato organizzato dai docenti Gloria Viarengo e Marco Melluso.

5


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

DAMSplugged (14 maggio – 6 giugno 2008)

14 maggio 2008 ore 21 Gabriele Fiannacca & Giovannio Mistero

21 maggio 2008 ore 21 Chris G. and His Wonderfull Grockbanda

28 maggio 2008 ore 21 Bancok Pericolosa

6 giugno 2008 ore 21 Chrisalide & Serena Sforzi

L’Associazione ArtWhere è riuscita con DAMSplugged a vincere una difficile sfida: portare alla ribalta il cantautorato giovanile, genere musicale che purtroppo stenta a decollare all’interno dell’odierno mercato discografico. La manifestazione, divisa in quattro appuntamenti a cadenza settimanale, ha fatto sì che un pubblico eterogeneo potesse apprezzare altrettanti cantautori, tutti provenienti dal DAMS di Imperia, all’interno della Sala Eutropia del Polo Universitario Imperiese, che ha così dimostrato di essere un’interessante laboratorio artistico per i giovani. 6


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Gli artisti che si sono esibiti sul palcoscenico hanno deciso di sposare il progetto di Artwhere senza richiedere alcun cachet; questo perché la manifestazione è nata ed è stata vissuta, sia dai protagonisti che dagli spettatori, come un virtuale punto di incontro tra pubblico e ambiente universitario volto alla sincera condivisione di un’esperienza artistica. Proprio questa caratteristica è riuscita ad abbattere la convenzionale barriera tra pubblico e artista creando dei veri e propri momenti di dibattito interni agli spettacoli, che hanno naturalmente arricchito l’interesse culturale dell’evento.

7


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Discorsi Da Solo (13 novembre – 11 dicembre 2008)

La Sala Eutropia del Polo Imperiese ha ospitato dal 13 novembre all’11 dicembre 2008 la rassegna Discorsi Da Solo, che ha portato al DAMS di Imperia alcuni tra i più importanti attori monologanti del panorama nazionale, affiancati da giovani artisti emergenti. Giovedì 13 Novembre ore 21 “Non c'è musica in Finlandia” di e con Dario Benedetto È stata la Compagnia Torcigatti ad aprire la stagione. Che rapporto c'è tra la pornografia e le persone? Che risposta dare alla crescente e massiccia dose di pornografia che invade il web e tutti i canali di comunicazione? Quale parallelismo ha con la politica? Quando è nata e perché ha un successo così globale? Thomas Turbato è nato il 12 giugno 1972, giorno in cui la storia dei costumi cambiò. Per sempre. A New York si proietta per la prima volta nella storia un film a luci rosse girato con attori e attrici. La vita di Thomas Turbato viene percorsa dalla sua infanzia alla sua adolescenza e parallelamente emerge con sottigliezza la vera storia della pornografia, con le sue inquietanti contraddizioni. Registri e situazioni si alternano, grazie a un abile gioco di 8


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

luci che trasporta gli spettatori sul banco del tribunale di chi giudica, condanna, vive e soffre la pornografia. Con un linguaggio ironico e tagliente, comico e surreale, Thomas Turbato affronta l’erotismo con delicatezza e fantasia. Tutto è avvolto da musica, ritmi e melodie, attraverso un percorso di luci. Le musiche dello spettacolo sono composte ed eseguite dal vivo da Gianni Denitto. Giovedì 20 novembre ore 21 “Riccardo III” di e con Oscar De Summa Il secondo appuntamento porta a Imperia uno tra gli attori più apprezzati nel panorama del teatro di ricerca: Oscar De Summa. Un monologo dall'omonima opera shakespeariana, attento a ripercorrere la scalata al potere del Duca di Gloucester. Riccardo III non è niente in sé, e proprio per questo può diventare tutto, adattarsi alle forme, cambiare aspetto e modi, per essere esattamente ciò che serve, ciò che è necessario per conquistare il potere, per poterlo mantenere. Ma il potere per Riccardo non è una definizione astratta, un concetto, un simbolo. Per Riccardo è una cosa precisa, che si può prendere in mano, mettere sulla testa, ha un peso, una forma: è la corona. E lui la cerca, la chiede, la desidera, la supplica, “…quella corona di oro massiccio, intarsiata dai maestri orafi d’Inghilterra, con le pietre più preziose mai conosciute…”. Riccardo non desidera nient’altro. E come tutti quelli che hanno delle certezze procede, come tutti quelli che hanno degli obiettivi procede. Mette in moto il Grande Meccanismo della Storia, la Macchina Micidiale della Storia, convinto di poterla dominare fino alla fine, ma questo buffone risoluto a divenir scellerato non ha fatto i conti con una cosa, che non è fuori di lui, ma dentro: la sua coscienza, che si rivela in sogno a predirgli la fine. Venerdì 21 novembre ore 9 “Oscar De Summa e Riccardo III” Incontro nelle aule dello Spazio Calvino, coordinato dalla Prof.ssa Mariapaola Pierini dell’Università di Torino, con l’attore Oscar De Summa, che ha permesso così di approfondire la sua ricerca artistica. Venerdì 28 Novembre ore 21 “Gli Occhi al Cielo” - interpretato da Francesca Bianco, regia di Carlo Emilio Lerici (Teatro Belli – Roma) Due voci, un monologo. Le voci di due madri, lontane nel tempo, lontane nel carattere e lontane nella realtà che stanno vivendo. Una madre Giapponese che vive a Kokura nell’Agosto del 1945, la città scelta come obiettivo della prima bomba atomica e poi, a causa di un improvviso temporale, risparmiata all’ultimo istante. E una madre che vive a Manhattan e lavora alle Twin Towers nel settembre 2001. Due madri che pensano e si muovono specchiandosi nel cuore e negli occhi dei loro figli. Due madri che raccontano in modi diversi la loro esperienza resa simile, identica, dal filo sottile della paura e del dolore che attraversa gli anni e lo spazio. Un'esperienza che mischia la finzione scenica 9


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

con la realtà storica e di cronaca degli avvenimenti che fanno da sfondo alla narrazione. Dove il vero e il verosimile formano la traccia che porta gli spettatori dietro l'unica realtà oggettiva: il dolore delle vittime di tutte le guerre. Venerdì 5 Dicembre ore 21 “Elephant Underground” – rappresentato da Luca Ferri e la sua compagnia Ha portato in scena le diversità di John Merrick, il protagonista del film Elephant Man, a cui lo spettacolo è ispirato. Elephant Underground tocca il difficile tema della diversità, riscoprendo i profondi segreti della dignità dell’individuo. Il protagonista, non solo viene escluso dalla società in quanto anormale, ma vede addirittura negata la sua condizione di essere umano. Chi è diverso viene allontanato, dimenticato e nascosto. Elephant Underground idealmente ricrea una città sotterranea dove ogni individuo emarginato reinventa la sua piccola cellula vitale. La storia di Joseph Merrick è in realtà il pretesto del protagonista per porre agli spettatori domande e temi su cui riflettere: la condizione dell'individuo solo, contro la moltitudine; la diversità; l'emarginazione; la malvagità umana; la sofferenza di chi subisce in silenzio; perché John è un eroe; la forza della speranza, dei sogni e dei ricordi; i limiti degli esseri umani. La deformità del protagonista non è resa visibile dall’attore, ma ne rimane il ricordo nel suo movimento e nella sua struttura fisica. Un’accurata ricerca e approfondita analisi hanno permesso alla vicenda dell’Elephant Man di essere riscritta tra gli spazi del monologo teatrale, contestualizzandolo all’idea del progetto. Giovedì 11 Dicembre ore 21 “La Signora Dell'Acero Rosso” di Dario G. Martini, con Giorgia Brusco, regia di Eugenio Ripepi Un uomo ha scritto le parole di una donna. Lo ha fatto sollevando la polvere degli intenti. In punta di piedi. E la donna ha abbassato quesiti eterni per la mira di orecchie umane. Un bagaglio ancestrale. Una docta ignorantia, il sapere di non sapere che figlia il domandare. Implode la luce del dogma, avversario dell’indagine, si accende il buio del dubbio, unica sortita maieutica. Il testo di Martini è stato oggetto di molte polemiche per la particolarità dello spinoso tema affrontato dall’autore: i rapporti sessuali con i diversamente abili. La Signora dell’Acero Rosso è imputata in un Tribunale quasi metafisico. Come se il giudizio pendesse da un’autorità più elevata rispetto al contesto terreno. E l’Oltre non si smaschera, pirandellianamente umanizzato. La Signora è sola, l’epifania della sentenza non ci sarà: è l’arbitrio degli spettatori. Senza istinti moraleggianti, saranno chiamati uno ad uno nel loro intimo pensiero e pre-pensiero. Pure seduti gli uni accanto agli altri, si troveranno soli anch’essi di fronte all’imputata. E qualcuno forse distinguerà i contorni d’ombra dell’Acero Rosso. Gli studenti del DAMS sono coinvolti all’allestimento: le scene e le luci sono curate da Fabio Zenoardo e Francesca Cugusi, i costumi sono di Aurora Cataldo. La direzione musicale della pièce è 10


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

affidata a Claudio Lugo, direttore artistico di importanti manifestazioni internazionali e docente del DAMS di Imperia, coadiuvato dagli studenti del suo GRM, il Gruppo di Ricerca Musicale DAMS. L'evento è presentato da ArtWhere in anteprima nazionale, e per l'occasione è stato organizzato all'interno delle aule universitarie un incontro con l'autore Dario G. Martini, che risponderà sulla drammaturgia della sua controversa opera introdotto dal Presidente del DAMS prof. Roberto Trovato. Inoltre, in concomitanza con le serate delle rappresentazioni, sono state organizzate delle mostre di arte contemporanea nel foyer del teatro Eutropia, che rimaste allestite fino al termine della rassegna. Gli artisti che si sono alternati fanno parte del DAMS di Imperia e dell’Accademia di Belle Arti di Genova.

11


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

“CREA Festival delle Culture Giovanili” Settore ARTI VISIVE (12 – 15 marzo 2009)

In collaborazione col Tavolo Giovani Occhi Aperti, gruppo di collaborazione dell'Assessorato alle Politiche Giovanili del comune di Sanremo, ArtWhere organizza la sezione del Festival dedicata alle Arti Visive, coinvolgendo sia contatti esterni che artisti presenti all'interno dell'associazione e dello stesso DAMS. Sono state organizzate sia esposizioni permanenti che due performance nel pomeriggio di giovedì 12 marzo. Hanno collaborato artisti di Torino, Milano, Genova. Il Festival aveva come scopo di portare alla luce qualsiasi forma d'arte (ci son stati spettacoli teatrali, presentazioni di libri e dischi, proiezioni cinematografiche) unico requisito, che gli artisti avessero meno di 30 anni. Necessità nata dall'esigenza di dare voce ai giovani nella provincia anagraficamente più anziana d'Italia. Presente al Palafiori anche RadioSanremo, che ha registrato e mandato in onda direttamente dalla postazione le interviste agli artisti. Esposizioni Permanenti: – “Music Write” di Diego Biggi / Arte contemporanea – “Le Speculazioni Invisibili” di Luca D'Addino e David Rossi / Fotografia e edilizia – “Leggi Assurde” di David Rossi / Fotografia – “Internet View” di Luigi Leagi / Fotografia – Elisa Furini / Arte contemporanea – Pierfrancesco Pezzimenti / Arte contemporanea Performances Giovedì 12 marzo – ore 16: – “Dream Factory” di Degal – “No Future For Tommy” - Gruppo OPIEMME / Video live painting 12


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

IDfest – Imperia DAMS Festival (6 – 22 maggio 2009)

Il DAMS (corso di laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) di Imperia, in collaborazione con ArtWhere e col Cineforum, ha aperto le sue porte alla città ospitando nella suggestiva cornice dello Spazio Italo Calvino un ricco cartellone di eventi nel mese di maggio 2009. Martedì 12 maggio ore 17 Lettere impossibili. Fantasmi in scena da Ibsen a Pasolini Lezione aperta con Paolo Puppa con presentazione del libro (Gremese, 2009) ore 21 Pasolini e Don Milani, Svevo e Pirandello in scena di e con Paolo Puppa (spettacolo in prima regionale) Paolo Puppa, storico, autore e attore di una vasta produzione di testi sempre più rappresentati anche all’estero, nel pomeriggio ha raccontato la sua esperienza di scrittura teatrale, fra rigoroso studio biografico e appassionata immedesimazione di attore. In serata, quindi, ha presentato in forma di monologo, fra una ampia scelta di testi di recente pubblicazione, due carteggi “impossibili”, cioè scambi di lettere (e in fondo di umanità) mai avvenuti, ma non per questo meno veri ed esemplificativi delle grandi personalità qui “evocate”: Pasolini e Don Milani, Svevo e Pirandello. Mercoledì 13 maggio ore 15 Doppio sguardo. Cinema e arte contemporanea Incontro con Marco Senaldi con presentazione del libro (Bompiani, 2009), conducono Antonio Somaini, Saverio Zumbo, Claudio Lugo (DAMS di Imperia) 13


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

ore 21 Cremaster 3 – The order (2002, 31’) Drawing restraint 9 (2005, 135’, con la partecipazione di Björk) film di Matthew Barney (proiezione in prima regionale) In questa giornata interamente dedicata al cinema e ai suoi rapporti con l’arte contemporanea, nel pomeriggio lo studioso Marco Senaldi ha presentato la sua ultima ricognizione sull’argomento; intervistato e coadiuvato da Antonio Somaini, Saverio Zumbo e Claudio Lugo, con loro specifici contributi. Alla sera sono state presentate e proiettate in anteprima regionale due pellicole di difficile reperibilità, del celebre filmaker americano Matthew Barney. Mercoledì 6 – Sabato 9 maggio VideoScenari live - Stage di scenotecnica multimediale Dalla proposta di creare un elemento di video-scenografia per il saggio di fine anno degli allievi di Composizione elettronica del Conservatorio della Spezia nasce l'idea di preparare alcuni studenti DAMS da Giacomo Verde per un laboratorio di 3 giorni con residenza a La Spezia, precisamente a Portovenere, presso il CEA, Centro di Educazione Ambientale. Il risultato del laboratorio ha dato vita al concerto multimediale del 22 maggio al DAMS. Martedì 19 maggio Ore 17 Le catene alchemiche da un canovaccio di Achiropita Scalise, direzione di Enrico Bonavera Prova aperta con gli studenti DAMS ore 21 I segreti di Arlecchino di e con Enrico Bonavera (spettacolo in prima regionale) Enrico Bonavera, il più vivace Arlecchino italiano, erede di Moretti e Soleri, con I segreti di Arlecchino ci ha guidato a un incontro divertente e appassionato con alcuni dei mitici personaggi della commedia dell’arte (Zanni, Pantalone, Capitano, Brighella, Arlecchino, Pulcinella, il Dottore), con gli “strumenti del mestiere” e, in fondo, anche con diverse realtà dell'uomo e delle sue possibili rappresentazioni. Durante il pomeriggio una lezione aperta con gli allievi del DAMS di Imperia ha offerto inoltre l’opportunità di conoscere i segreti della Commedia dell’Arte attraverso la messa in scena di un canovaccio. Mercoledì 20 maggio ore 17 Tecnologie multimediali interattive Presentazione di nuove risorse multimediali nello Spazio Calvino a cura di Francesca Cavallero e Stefania Schibeci (DAMS di Imperia) Le nuove tecnologie multimediali e interattive sono per il teatro e per l’arte in genere una nuova frontiera, ricca di risorse e insieme di domande; Francesca Cavallero e Stefania Schibeci presentano alcune delle “magie” sperimentate al DAMS, aprendo così una finestra sul futuro della rappresentazione. 14


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Giovedì 21 maggio ore 17 Fersen o la commedia dell’arte in televisione lezione aperta con Roberto Cuppone con presentazione del libro (Gremese, 2009) ore 21 Il meraviglioso viaggio di Antonio Pigafetta intorno al mondo di e con Roberto Cuppone (spettacolo in prima regionale) Roberto Cuppone, autore e attore, per bocca del celebre navigatore Antonio Pigafetta e del suo diario di bordo, fa rivivere la prima circumnavigazione del globo al seguito di Magellano e la scoperta di miti, temi e fantasmi che ritroveremo a popolare la Tempesta di Shakespeare. Venerdì 22 maggio ore 17 Pippo Del Bono Incontro con gli studenti condotto da Roberto Trovato e Eugenio Buonaccorsi Reduce dal recente conferimento del Premio Europa per il teatro (Wroclaw 2009), Pippo Delbono è oggi uno degli artisti di teatro italiani di maggior successo all’estero, come dimostrano le sue trionfali partecipazioni al festival di Avignone; nell’incontro con il pubblico verrà intervistato da Roberto Trovato (attuale presidente del corso di laurea in DAMS) e da Eugenio Buonaccorsi (già presidente e fra i suoi fondatori storici) sul senso del teatro, sul suo lavoro con gli attori, sulle prospettive internazionali della ricerca. ore 21 Poiesis. La poesia, la musica, la Liguria Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia (corso di Composizione Elettronica), coordinamento di Andrea Nicoli , voce recitante Jole Rosa, videofondali diretti da Giacomo Verde, con la collaborazione degli studenti DAMS (spettacolo-concerto multimediale in prima assoluta) Sotto la guida del maestro Andrea Nicoli, l’ensemble degli studenti di Composizione Elettronica del Conservatorio di La Spezia ha presentato un concerto multimediale sullo sfondo dei videofondali live creati da un gruppo di lavoro di studenti DAMS coordinati dal teknoartista Giacomo Verde; un’interazione artistica, tecnologica, ma anche istituzionale fra Università e Conservatorio; il progetto, organizzato per gli aspetti logistici da Myriam Cinquepalmi, è stato ideato e coordinato da Anna Maria Monteverdi, artista multimediale e studiosa fra le prime in Italia di questa frontiera dello spettacolo.

15


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

CerchiAMO la scuola (10 novembre – 1 dicembre 2009)

ArtWhere ha deciso di creare un ciclo di eventi culturali capaci di raggiungere una scuola possibile attraverso i mondi possibili dell’arte. Il nome del progetto, "Cerchiamo la scuola", è stato scelto con l’obbiettivo di porre l’attenzione sui due elementi originari della proposta: il cercare e il cerchio. Durante gli incontri (più una proiezione cinematografica al Cinema Centrale di Imperia), basati sulla circolarità, i presenti sono stati disposti seduti in cerchio, in eguale distanza dal centro, in modo da eliminare la consueta e “scolastica” frontalità, per rifuggire dalle logiche da conferenza o da giornata di studio e favorire piuttosto quelle dell'incontro sincero tra persone. Le esperienze degli artisti invitati hanno costituito il punto d'origine del cerchio, dal quale si è partiti per ragionare e discutere insieme. Ciò che può essere considerato il denominatore comune degli ospiti del progetto è la loro capacità di aver messo in discussione attraverso l’operato artistico i processi scontati e le regole preconfezionate in cui la scuola spesso rischia di rimanere imbrigliata, riuscendo così a tracciare inediti percorsi in grado di indicare nuovi modi di fare scuola.

16


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

“Cerchiamo la scuola” è una rassegna di eventi rivolta agli studenti, gli insegnati e la popolazione tutta, con lo scopo di discutere insieme sulle necessità e le problematiche della scuola di oggi, avvalendosi delle testimonianze reali di chi si è impegnato e ha fatto della sua ragione di vita affrontare il problema dell'educazione, attraverso il procedimento artistico. Si sono alternati una serie di incontri, svolti in totale intimità ed informalità all'interno del Polo Universitario Imperiese, attraverso i quali è stato possibile confrontare i propri bisogni e le proprie esperienze di utenti finali del sistema educativo assieme a grandi artisti.

Martedì 10 novembre ore 21.00 Giuliano Scabia Artista a tutto tondo, è stato uno dei pionieri del lavoro teatrale a scuola, con la creazione di azioni teatrali volte a coinvolgere i ragazzi attraverso la ricerca, il lavoro, il gioco, l’immaginazione, la riflessione, in grado così di rivitalizzare l’apparato scolastico, riconnettendolo con il tessuto sociale e riscoprendolo come luogo di esplorazione della comunicazione. Grazie alla sua attività hanno preso vita molte altre esperienze di teatro a scuola che hanno saputo, soprattutto negli anni ’70, rinnovare totalmente il linguaggio didattico e, in un interessante scambio creativo, anche quello teatrale. Il punto di partenza dell’incontro è stato la discussione di alcune testimonianze sul mondo della scuola raccolte nel corso di un’azione teatrale denominata “L'ultimo della classe”, svoltasi all’interno delle scuole superiori imperiesi da parte di un gruppo di studenti del DAMS nei giorni precedenti l'evento. L’incontro è stato coordinato congiuntamente dagli studenti del DAMS e dalla professoressa dell’Università di Torino Mariapaola Pierini. “L'ultimo della classe” L’operazione ha previsto l’ingresso a sorpresa (a parte per il docente, che era stato informato prima dell’intervento) di due attori/studenti DAMS all’interno di una classe di scuola media superiore (liceo scientifico Viesseux, Istituto Statale d'Arte) durante l’orario di lezione. Il primo degli attori indossava un vistoso cappello con le orecchie d’asino ed era trainato dal secondo tramite un guinzaglio che lo stringeva al collo. Durante l’intervento il primo attore non poteva parlare e si è limitato ad eseguire gli ordini del secondo: – Saluta! (fare un inchino e un cenno di saluto) – Consegna i foglietti! (consegnare agli studenti i volantini dell'evento e dei foglietti bianchi sui quali scrivere un pensiero sulla scuola) – Ritira i foglietti! (farsi consegnare dai ragazzi i foglietti all'interno del cappello) – Saluta! (inchini, e magari una giravolta, in segno di saluto) L’intero intervento è durato sempre un massimo di 10 minuti per non gravare troppo sul corretto svolgersi delle lezioni. I foglietti raccolti sono diventati la scenografia degli incontri in cerchio, nonché i primi spunti di discussione e riflessione, appesi al soffitto, ogni spettatore ne aveva almeno un paio davanti al naso. 17


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Mercoledì 18 novembre ore 21.00 Diario di un Maestro di Vittorio De Seta, realizzato nel 1973. Si tratta di un documentario grazie al quale la macchina da presa è riuscita ad entrare a scuola per offrirci uno sguardo diverso. In un istituto elementare del Tiburtino è stata formata una classe e un nuovo insegnante, Bruno D’Angelo, ne ha preso la guida. Si evince fin dai primi giorni di scuola come i metodi del nuovo maestro siano in disaccordo con quelli tradizionali e infatti le iniziative vengono definite dal Direttore e dai colleghi inadatte e troppo “personali”. Tutto ciò contribuisce però a rendere sempre più saldo il legame fra D'Angelo e i ragazzi e ad abbattere le barriere che normalmente dividono insegnante e alunno. Grazie alla collaborazione col Cineforum di Imperia e con l’associazione “Apertamente” si è potuto assistere alla proiezione della pellicola al Cinema Centrale di Porto Maurizio. Giovedì 19 novembre ore 21.00 Angelo Bernardini e Alberto Pezza Vicepresidente e operatore attivi all’interno del Centro Metaculturale di Roma fondato da Boris Porena. L’attività di Porena è partita negli anni ‘70 dalla messa in crisi dei tradizionali metodi d’insegnamento musicale per arrivare a investire la totalità della formazione dell’individuo. Il Centro lavora ad una serie di ipotesi metodologiche in ambito pedagogico-didattico e nelle politiche di promozione sociale e culturale ed è' intervenuto in progetti di formazione e di aggiornamento per insegnanti e operatori sociali in tutta Italia illustrando i risultati della sua ricerca, sia quella artistica (in particolare musicale e delle arti visive) sia quella pedagogica. L’occasione è stata proficua per esplorare il lavoro del Centro Metaculturale grazie alla diretta testimonianza dei protagonisti e a filmati che ne documentano l’impatto sul mondo della scuola. Nel pomeriggio inoltre gli studenti del DAMS hanno avuto modo di sperimentare praticamente gli insegnamenti di Bernardini e Pezza insieme a loro, all’interno della lezione di Storia della musica moderna e contemporanea del prof. Claudio Lugo. Martedì 1 dicembre ore 14/20 "La teatralità dal corpo alla maschera" - Laboratorio sulla maschera neutra L'occasione di incontrare Marco Miglionico, operatore teatrale che si occupa di teatro come esperienza formativa integrale per e con la persona. Lavora insieme al CRT di Milano a stretto contatto con scuole medie e università. La finalità è quella di sviluppare nel teatro, e tramite esso, una consapevolezza del proprio io e della propria creatività. Si tratta di un percorso di "Educazione alla teatralità". Nel laboratorio si è sperimentato il proprio corpo espressivo attraverso l'uso della maschera neutra che, azzerando i canali di comunicazione quotidiani (la parola e l'espressione facciale) si è rivelata potente strumento per la riscoperta della propria capacità di comunicare attraverso forme semplici. 18


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Il laboratorio si è svolto in Aula Eutropia dalle 14 alle 20, gratuito e aperto ad un massimo di 12 studenti DAMS. Mercoledì 2 dicembre ore 21.00 Eraldo Affinati Scrittore e giornalista che ha dedicato un libro alla propria attività svolta come educatore all’interno della Città dei Ragazzi di Roma, un centro di accoglienza che si occupa, come recita l’art. 3 dello statuto, di “provvedere all’assistenza, all’educazione sociale e professionale dei ragazzi” privi di un valido supporto familiare ed esposti a rischi di devianza. Le finalità educative della Città dei Ragazzi sono espresse nel sogno stesso del suo Fondatore, Mons. John Patrick Carroll-Abbing: incarnare un ambiente in cui il principio degli antichi Maxima debetur puero reverentia (Al fanciullo si deve il massimo rispetto) fosse una realtà. Lo strumento pedagogico che caratterizza questa realtà fin dalla sua fondazione è l’Autogoverno, che regolamenta la vita comunitaria. Il libro “La Città dei ragazzi” ci ha permesso quindi di riflettere con Affinati sulla figura dell’insegnante e sui suoi metodi educativi. L’incontro è stato coordinato congiuntamente dagli studenti del DAMS e dalla professoressa dell’Università di Genova Simona Morando.

19


ArtWhere – Dal 2008 a oggi...

Altre collaborazioni: “Un Treno Carico Di...” 3/10 dicembre 2008 – Sanremo, ex magazzini FS Collettiva d'arte “Giovani Artisti per la Libera Espressione” “Rien à signaler” di Simone Gandolfo e Fabio Beccacini 31 marzo, 1 e 3 aprile 2008 – Università di Genova, Polo Universitario di Imperia Incontro con gli autori e il regista (Simone Gandolfo) per la presentazione del testo teatrale tratto dal romanzo di Izzo, in debuto al Festival Teatrale di Borgio Verezzi 2008. Appello contro la chiusura del cinema Centrale Maggio 2008 – Imperia “Giorgio Paludi, 44 anni il giorno dei Santi” di Fabio Beccacini 12 giugno 2008 – Polo Universitario di Imperia/Aula Teatro Eutropia Presentazione del noir e incontro con lo scrittore e sceneggiatore Fabio Beccacini. “Il Circo e la memoria – sulle vie di Civezza” di Erika Baruffaldi 21 aprile 2009 - Polo Universitario di Imperia/Aula Teatro Eutropia Presentazione del documentario prodotto dalla Scubi Production. In contemporanea, mostra fotografica “Un giorno al Circopaese” di Silvia Chiesa nel foyer del teatro.

20

Dossier ArtWhere  

Tutte le attività dell'associazione dal 2008 ad oggi.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you