Page 1

BCC50_CO.qxd

23/03/2004

17.15

Pagina

I


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

18.00

Pagina

I

BCC CAPACCIO 50° ANNIVERSARIO Storia di un’istituzione Storia di un territorio a cura di Antonio Granato


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

18.00

Pagina

II

Questa pubblicazione è proprietà della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio ed è stata realizzata in occasione del 50° anniversario della fondazione della Banca.

Servizi redazionali a cura di

Capaccio-Paestum (Sa) - Tel. 0828.723722 Coordinamento: Antonio Granato - Bartolo Scandizzo Testo: Antonio Granato Illustrazione: Bruno Bambacaro Ricerca Storica e Bibliografica: Giandomenico Tanza In redazione: Paola Desiderio, Claudia Izzo, Enza Marandino, Oreste Mottola, Teresa Zerella. Progetto grafico ed impaginazione: Luca Ferroni Stampa: Tipolitigrafia Ctm - Matinella (Sa) - Tel. 0828.984351

Si ringraziano per aver messo a disposizione la documentazione fotografica: Associazione Agorà di Capaccio Consorzio di Bonifica Paestum Archivio Storico Bcc Capaccio


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

18.00

Pagina

III

A mio padre, l’avvocato Enrico Granato, uno dei Presidenti-pionieri


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

IV


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

V

Indice Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII Biografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIII

Capitolo 5 La cassa rurale ed artigiana: i pionieri . . . . . . 61 La presidenza Granato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61 La presidenza Pingaro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

Capitolo 1 La ricostruzione dopo la catastrofe bellica . . . 1 Avvenimenti del primo decennio post-bellico 1 8 settembre 1943: l’armistizio . . . . . . . . . . . . . . . 4 9 settembre 1943: lo sbarco sul litorale di Paestum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Aprile 1945: fine del conflitto . . . . . . . . . . . . . . 10

Capitolo 2 Capaccio agli inizi degli anni ’50 . . . . . . . . . . 13 Capaccio-Paestum: le origini . . . . . . . . . . . . . . . 13 Il paese nei primi anni cinquanta . . . . . . . . . . 17 La vita della comunità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 La cucina capaccese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 Le botteghe, gli artigiani e i professionisti . . . 25

Capitolo 3 La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione 31 La fondazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Il notaio Manlio De Maria . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 L’atto costitutivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 L’iter burocratico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40

Capitolo 4 L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Lotte contadine contro il latifondo . . . . . . . . . 45 L’origine del latifondo nella piana di Paestum . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 I rapporti di forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 L’assalto ai latifondi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 La colonizzazione nel comprensorio del Sele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Dati relativi ai progetti di colonizzazione del comune di Capaccio . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

Capitolo 6 L’economia di Capaccio dagli anni ‘60 agli anni ‘80 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 L’agricoltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 Il turismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 L’industria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 Il commercio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 Il credito e il risparmio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

Capitolo 7 Le trasformazioni sociali del territorio . . . . . 85 La bonifica integrale nello sviluppo della piana del Sele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85 Tendenze demografiche a partire dagli anni ’60 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89 Il decollo dell’agricoltura intensiva: le coltivazioni ortofruticole . . . . . . . . . . . . . . . . 92 I guasti ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94 Il piano regolatore generale - anno 1983 . . . . . 97

Capitolo 8 La Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 Il nuovo corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 La presidenza Palmieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105 La presidenza Guglielmotti . . . . . . . . . . . . . . 107

Capitolo 9 La Banca di Credito Cooperativo oggi . . . . . 111 Uno sguardo alle origini . . . . . . . . . . . . . . . . . 111 L’usura nella riflessione morale/religiosa e nella letteratura campana . . . . . . . . . . . . . 114 Soddisfatto l’anelito dei fondatori . . . . . . . . . 120 La presidenza Vecchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

V


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

VI

Capitolo 10 Prospettive agli inizi del nuovo millennio . 129 L’agricoltura e il turismo nel futuro di Capaccio-Paestum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 Le carenze nel settore dei servizi . . . . . . . . . . 132 Il turismo: Tendenze involutive e capacità programmatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136 Ipotesi di nuove progettualità. . . . . . . . . . . . . 139 Orizzonti della nuova imprenditorialità . . . 142 Nota conclusiva dell’autore. . . . . . . . . . . . . . . 147 Testimonianze, ricerche, documenti . . . . . . 149 Le testimonianze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Il commercio a Capaccio-Paestum dagli anni ‘50 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152 Le ricerche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155 Indagine sociologica sui soci della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio . . . . 155 I soci fondatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

VI

I soci nei primi anni della Cassa Rurale ed Artigiana . . . . . . . . . 157 La compagine sociale nel periodo dei pionieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159 La compagine sociale nel nuovo corso . . . . . 160 La compagine sociale attuale . . . . . . . . . . . . . 160 I soci attuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160 Ricerca sulla scuola e sulle associazioni nel territorio di Capaccio . . . . . . . . . . . . . . . 167 Scuole elementari e medie . . . . . . . . . . . . . . . 167 Le scuole superiori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172 L’associazionismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175 Il socio più anziano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183 La prima dipendente donna . . . . . . . . . . . . . . 183 Il primo dipendente uomo. . . . . . . . . . . . . . . . 184 Le ultime dipendenti assunte . . . . . . . . . . . . . 185 Elenco dei soci aggiornato al 23 settembre 2003. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

VII

Pr efazione Il presidente di Federcasse “Un bene acquisito per sempre”: questa celebre definizione di Tucidide si rifà alla concezione secondo la quale lo studio del passato vale come esempio per il futuro. Ma la storia è anche, forse soprattutto, storia di uomini. Del lavoro compiuto e dei risultati raggiunti. Come i buoni esiti conseguiti dalla Banca di Credito Cooperativo di Capaccio in cinquanta anni di attività. Del resto, per la vostra terra la storia e le tradizioni culturali rivestono, da sempre, un ruolo di primo piano. Gli splendidi templi e gli altri resti archeologici della zona imprimono una naturale inclinazione a comprendere il valore del passato. E’ sicuramente anche per questo che la vostra BCC ha avvertito la necessità di fissare in un testo le esperienze di mezzo secolo di operosità. Lo scopo è, infatti, quello di farne patrimonio condiviso e condivisibile con le generazioni future e con tutta la comunità. Comunità, con la quale la Banca ha da sempre stretto una fitta trama di contatti e scambi. Perché scopo di una BCC è, anche e soprattutto, quello di fornire un servizio al territorio. È questo lo spirito con il quale è andata in stampa la testimonianza dei trentanove promotori e dei primi appassionati cooperatori, che quel 17 marzo 1953, sottoscrissero l’atto di fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio.Parte da lontano l’opera dedicata alla storia della BCC. È, infatti, nel giusto riconoscimento assegnato all’Italia scossa dalle vicende belliche che si riscoprono le origini del movimento locale. E, non a caso, lo studio dà risalto a quelle drammatiche vicende storiche per comprendere il quadro epocale nel quale venne fondata la vostra BCC. La ricostruzione del passato non è, però, una mera sequenza di dati e di fatti, ma piuttosto la narrazione attenta e precisa della storia del lavoro di uomini convinti e consapevoli del ruolo sociale della vostra Banca di Credito Cooperativo. E soprattutto dell’impegno contro il tarlo dirompente dell’usura. La considerazione del significato vero del lavoro umano, espressa da Giovanni Paolo II nella lettera enciclica Centesimus Annus, torna immediatamente di attualità nella storia della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio. Dopo il capitolo dedicato alle vicende storiche del territorio l’attenzione si concentra sull’attualità della vostra BCC. E nelle ultime pagine il dato che emerge, infatti, è quello della coerenza di una Banca che in mezzo secolo di vita ha mantenuto saldi i valori radicati nel mutualismo, nel localismo e nella solidarietà. Il ritorno alle origini segna la capacità di sapersi rinnovare senza stravolgere l’anima della cooperazione di credito. La storia della vostra BCC è simbolo della continuità e al tempo stesso testimonianza di un “modo diverso di fare banca”. Il Credito Cooperativo è, infatti, prova concreta della possibilità di conciliare etica ed economia, di un modo differente di fare business che è riuscito a rompere schemi antichi. Mostrando che efficienza e solidarietà non sono un ossimoro, ma un progetto. Ambizioso forse, ma certamente realizzabile. Alessandro Azzi

VII


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

VIII

Il presidente della Bcc di Capaccio La nostra storia dimostra che l'idea stessa del credito cooperativo è vincente: una struttura creditizia radicata sul territorio, attenta alle piccole realtà locali, veloce nelle risposte, in ragione del rapporto diretto con soci e clienti. La BCC di Capaccio ha saputo, dal 1953 ad oggi, cogliere al meglio le potenzialità di tale idea e, attraverso il lavoro di tutti i presidenti ed i Consigli di Amministrazione che si sono succeduti in questi 50 anni, ha saputo evolversi di pari passo con l'evoluzione della economia. Non può sottacersi, peraltro, che molto hanno fatto gli imprenditori, i commercianti, gli agricoltori di Capaccio che, nel corso di 50 anni, sono riusciti, rischiando in proprio, talvolta molto, a trasformare l'economia sonnecchiante degli Anni Cinquanta in uno scoppiettante proliferare di iniziative che hanno trasformato Capaccio e le zone limitrofe, diventate un polo trainante della economia provinciale. Con una significativa accelerazione negli ultimi anni, ci siamo proposti di diventare una Banca che comprendesse fino in fondo le esigenze e le eventuali difficoltà dei soci e dei clienti, cercando di dare loro risposte e suggerimenti in tempi brevissimi. Una Banca aperta al dialogo, dunque, e pronta a calarsi nella realtà delle singole aziende e persone per aiutarle a crescere o a risolvere i problemi. Abbiamo. poi, tentato di capire per quale ragione molti importanti imprenditori non operassero con la Banca e, a seguito di numerosi colloqui con loro, siamo riusciti a conquistarne la fiducia, tanto è vero che quasi tutti gli imprenditori turistici hanno soddisfacenti rapporti con la nostra Banca. Abbiamo, poi, sostenuto con finanziamenti a tassi di interesse di tutto favore il comparto agricolo, da tempo in crisi. Numerose agevolazioni sono state introdotte per il mondo della scuola e della gioventù in particolare, aumentando i premi scolastici per gli studenti meritevoli, istituendo un conto studenti a costo zero, sorteggiando computers tra gli studenti, finanziando corsi di lingua inglese, di informatica e l'acquisto di computers. Un'altra idea di grande successo si è rivelata quella di istituire una "Sportello Sviluppo" che, con la collaborazione della “QS & Partners”, fornisce gratuitamente informazioni ed adeguata assistenza alle imprese già esistenti e a quelle in via di formazione. Siamo inoltre presenti come sponsor bancario in tutte le più importanti manifestazioni culturali e sociali del territorio. La solidità patrimoniale raggiunta dalla Banca ci permette di guardare con tranquillità al futuro e ci conferma nella consapevolezza dell’importanza della nostra presenza per la crescita economica e sociale del territorio. Antonio Vecchio

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

IX

Biografia Angelo Capo, Luigi Gorga, Paolo Paolino, sono figli della “nostra terra”, fanno parte della nostra comunità e sono essi stessi personaggi della nostra storia recente. Dalle loro pubblicazioni, che rievocano gli avvenimenti dell’ultimo cinquantennio di storia capaccese, ho tratto linfa vitale per questo mio modesto “lavoro”.

ANGELO CAPO Angelo Capo, nato ad Ogliastro Cilento il 5 ottobre 1942, ha frequentato il Liceo classico ad Agropoli e si è laureato, presso l’Università di Napoli in Lettere classiche, nell’anno 1965. Ha iniziato ad insegnare subito dopo ed attualmente è Dirigente Scolastico del Liceo “G.B. Piranesi” di Capaccio Scalo e collabora con la Cattedra di Storia Economica dell’Università di Salerno. E’ Segretario Nazionale di un sindacato e Segretario Provinciale di CGIL-Scuola. Ha scritto vari saggi di storia socioeconomica del Mezzogiorno, apparsi su quotidiani, riviste, periodici nazionali ed anche negli Atti di Convegni a carattere internazionale. Ha pubblicato Il decennio francese nel Regno di Napoli; Politica ed economia nel Salernitano e (con altri) Weimar, le letterature classiche e l’ Europa del 2000. E’ autore dei seguenti volumi: L’assalto ai latifondi; Leghe contadine nel Mezzogiorno; Il Mezzogiorno dal feudo al latifondo; Storia di un’azienda agraria dell’Ottocento; nonché Il Socialismo Salernitano 1892-1926 volume I, Il Socialismo Salernitano 1926 - volume II

IX


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

X

LUIGI GORGA Luigi Gorga è un autentico figlio della “nostra” terra, alla quale è profondamente legato. Nato a Capaccio nel 1946 si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Napoli. Entrato giovanissimo nel Banco di Napoli, ne è diventato uno dei massimi Dirigenti: attualmente egli è responsabile del servizio Credito Industriale. Socialista da sempre, Luigi Gorga ha avuto modo anche di distinguersi nel suo ruolo di Sindaco di Capaccio negli anni 1975-1978.

X

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

XI

PAOLO PAOLINO Paolo Paolino è nato il 20 maggio 1939, è dottore in Economia e Commercio, è coniugato; ha un figlio che esercita la professione di avvocato civilista. Da sempre in attività politica, ha ricoperto numerosi incarichi pubblici: è stato consigliere comunale di Capaccio per circa un trentennio, più volte Vice Sindaco, e poi Sindaco di Capaccio dal 10.3.1994 al 13.5.1995. E’ stato inoltre Assessore della comunità montana del Calore salernitano, Assessore alle finanze del Consorzio Acquedotti Sele Calore Montestella, Vice Presidente dell’Ente Regionale di sviluppo agricolo in Campania dal 1985 al 1990, poi Presidente dal 1990 al 1993. Attualmente ricopre i seguenti incarichi: Presidente regionale dell’Associazione Nazionale Pensionati della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA), Confederazione di cui è stato Presidente dal 2001 al 2002; Componente della Presidenza Nazionale della stessa Associazione; Presidente del Collegio Nazionale dei Garanti (Massimo organo di controllo) della Confederazione Italiana Agricoltori.

Biografia

XI


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

XII


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

XIII

Intr oduzione

L

a Cassa Rurale e Artigiana, come inizialmente si chiamava, l’attuale Banca di Credito Cooperativo di Capaccio, ha 50 anni. Essa è sorta nel 1953 ed è nata, vorrei dire, in casa mia, nel senso che la sua prima sede era costituita da due locali, al primo piano del palazzo dove io stesso sono nato, un palazzotto costruito nel 1881, nella zona centrale del paese (il “Pozzillo”) dal nonno di mio nonno, Pasquale Granato; e questo ha sempre rappresentato, per me, motivo di grande orgoglio. Ma un secondo e più importante motivo mi lega profondamente alla Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio: essa è stata fortemente voluta, insieme con altri pionieri dell’epoca, da mio padre, Enrico Granato (avvocato, come suo nonno, di cui portava lo stesso nome), che presto ne divenne sostanzialmente il primo Presidente operativo. In verità, la prima Presidenza sia pure di brevissima durata, fu ricoperta dal Notaio, don Manlio De Maria, figura di alto prestigio morale e di indiscussa professionalità, che godeva della piena fiducia di tutti i nostri concittadini e che tanto si era speso, nella opera davvero impegnativa, della fondazione dell’istituto bancario, mosso come era dal desiderio di portare un contributo importante, se non decisivo, nell’opera di riscatto della popolazione capaccese, in special modo di quel largo settore, costituito da artigiani e contadini, che vivendo in condizioni economiche veramente precarie, tanto avrebbero potuto beneficiare dell’attività della Cassa, per sfuggire al morso feroce dell’usura, allora, come purtroppo ancora oggi, piaga sociale delle più virulente.

1968 Inaugurazione della sede della Cassa Rurale ed Artigiana nei locali siti in via Nazionale a Capaccio Scalo.

Alcuni pionieri pensarono di importare e ripetere qui le esperienze positive delle Casse Rurali


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

XIV

Non bisogna dimenticare, infatti, che proprio questa fu la finalità originaria delle casse rurali, nate in Germania nel XIX secolo, ad opera di Friderick W. Raiffeisen, che costituì organismi cooperativi per realizzare il credito agrario e liberare i contadini dall’usura, diffusa in tutte le campagne europee. In Italia il primo a fondare una cassa rurale fu il padovano Leo Wollemborg, che importò il modello tedesco, ottenendo l’appoggio dei parroci veneti. Nel 1892, in un clima positivamente influenzato dall’Enciclica “Rerum Novarum” di Leone XIII, una cassa del movimento Wollemborg venne “rifondata” dal sacerdote Luigi Cerutti, che da allora in poi si dedicò a questa missione. In un anno, con l’appoggio dei cattolici organizzati dall’Opera dei Congressi, ne fondò più di trenta e già nel 1984 nacque un organismo centrale organizzato, con decine e decine di aderenti. La rapida diffusione derivava da concrete esigenze, fortemente avvertite, dei ceti rurali intermedi, dei piccoli possidenti agrari, dei contadini autosufficienti e degli agricoltori, per uscire dalle condizioni di ristrettezze economiche che li rendeva preda degli usurai. La forma cooperativa riprendeva, poi, motivi tipici delle realtà contadine più evolute, che potevano contare sulla solidarietà di villaggio, decisiva in alcuni particolari momenti dell’annata. Le casse cattoliche, in breve tempo, si diffusero nelle zone dove il mondo cattolico aveva salde radici, soprattutto nel Veneto, in Lombardia, in alcune zone del Piemonte, ma poi anche in Sicilia e gradualmente in altre regioni italiane. In Campania, in particolare nella piana del Sele le condizioni della società rurale non erano altrettanto favorevoli, per l’esistenza di grandi latifondi da un lato, e al tempo stesso di minuscole proprietà contadine troppo frazionate ed isolate, condizioni che persistevano ancora nel secondo dopoguerra. E’ già mirabile, in tale situazione, che alcuni pionieri pensassero di importare e ripetere qui le esperienze positive, che le casse rurali avevano assicurato, nelle comunità in cui esistevano. Nei primi anni cinquanta del secolo scorso, la riforma agraria stava, peraltro, rapidamente trasformando l’assetto e la struttura della proprietà terriera, anche nella pianura di Capaccio-Paestum. Cinquanta anni, dunque, pressappoco due generazioni, da quel lontano 1953, che vide la fondazione della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio; ma da allora ad oggi sono avvenuti mutamenti così profondi nel nostro territorio, Capaccio capoluogo, intendo dire, e la sua vasta pianura, meglio nota e comunemente definita allora come oggi, “la piana di Paestum”, come non ne erano avvenuti in molti secoli precedenti. Questa pubblicazione, voluta dal Consiglio di Amministrazione della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio, e in primo luogo dal suo Presidente, avv. Antonio Vecchio, per celebrare appunto i 50 anni dalla fondazione, vuole ripercorrere, insieme con le vicende dell’Istituto bancario, in questo mezzo secolo, anche quelle più vaste e più complesse sotto il profilo economico e sociale della comunità in cui l’Istituto ha operato in questo lasso di tempo.

Antonio Granato XIV

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

Introduzione

17.57

Pagina

XV

XV


BCC50_FM-i-xvi-.qxd

23/03/2004

17.57

Pagina

XVI


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

1

Capitolo 1 L a ricostr uzione dopo la catastr ofe bellica

AVVENIMENTI DEL PRIMO DECENNIO POST-BELLICO

P

er meglio comprendere le condizioni socio-economiche e culturali di Capaccio e della piana di Paestum, agli inizi degli anni ‘50 del secolo scorso, quando è nata la Cassa Rurale e Artigiana, occorre ricordare gli avvenimenti che caratterizzarono tutto l’arco del decennio precedente, gli anni ‘40, avvenimenti davvero importanti sia in campo nazionale, sia per i riflessi che ebbero sul piano locale. In particolare, occorre ricordare questi avvenimenti: ❏ l’armistizio dell’8 settembre 1943 e lo sbarco a Paestum delle forze navali alleate; ❏ la fine del conflitto in cui l’Italia era stata cacciata dalla dittatura fascista, la liberazione da quel regime e l’avvento della democrazia, nell’aprile del 1945, che ridonò agli italiani la possibilità di un libero dibattito politico; ❏ il risveglio delle lotte contadine per la terra e l’assalto ai latifondi, anche nella piana del Sele; ❏ la Riforma Fondiaria, che tanto impatto ebbe, come vedremo più avanti, sul comprensorio dell’intera pianura del Sele e, quindi, sul territorio del Comune di Capaccio, in particolare sulla piana di Paestum.

8 settembre 1943 La dislocazione delle forze navali nelle operazioni di sbarco nella piana di Paestum.

Periodo eroico, quello dell’immediato dopoguerra con i contadini che reclamavano il loro diritto alla terra…


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

La Torre di Paestum dove si erano asserragliati soldati tedeschi prima dell’inizio di “Operation Avalanche”.

2

Pagina

2

«… Periodo eroico quello dell’immediato dopoguerra con i contadini che reclamavano il loro diritto alla terra e, forse inconsapevolmente, di certo generosamente, facevano il loro ingresso nella storia; ed accese speranze ed entusiasmi nei giovani o giovanissimi, come me, che sognavano un mondo migliore e nelle lotte contadine ebbero il loro battesimo di fuoco alla vita politica. Lo scontro tra le classi sociali, appena letto sui manuali scolastici, lo verificammo sulla nostra pelle; da una parte i latifondisti, tronfi di titoli nobiliari, carichi di ricchezza e di ignoranza, tracotanti per gli appoggi politici ed istituzionali, dall’altra i contadini con il loro carico di bisogni, di fame antica e di soprusi secolari, ma forti e decisi a spezzare le catene delle ingiustizie sociali e disposti a tutto pur di vincere la loro battaglia: un esercito di uomini, donne, giovani che calava dalle colline alla pianura, l’esercito dei senza-terra ricco di entusiasmo e di passione politica, l’esercito dei senza-tutto di Capaccio, di Trentinara, di Giungano, di Eredita, di Altavilla e di Albanella.»

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

3

Così scrive Giuseppe Liuccio, nel maggio 1981, nella Presentazione del saggio di Angelo Capo, “L’assalto ai latifondi”, edito da Galzerano nel giugno dello stesso anno, che avremo modo di esaminare meglio, più avanti. E solo dopo questi terribili travagli del primo decennio post-bellico, i faticosi, contestati e controversi provvedimenti per la ricostruzione del Paese, piegato, non distrutto dalla catastrofe bellica, consentiranno infine il ritorno ad una normale e pacifica convivenza del popolo italiano. Grazie alla sua operosità, le ferite della guerra, ben presto, scomparvero in quasi tutto il nostro Paese e si poté guardare al futuro con rinnovato ottimismo. Furono queste anzi le premesse di quell’impetuoso sviluppo economico, che, a cavallo tra gli anni cinquanta e i sessanta, sarà definito “il miracolo economico italiano”. Precisamente in questo clima di rinascita economica e di riscatto di tanta parte della popolazione, nei primi anni ‘50, nacque la Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio. Di questo dovremo parlare, ampiamente, sulla base della documentazione custodita nell’Archivio storico dell’Istituto di credito e delle testimonianze di chi quegli avvenimenti li ha vissuti. Ma prima, nel prossimo capitolo, vogliamo rievocare la Capaccio degli inizi degli anni cinquanta, in cui maturarono, appunto, le condizioni per la fondazione della Cassa Rurale. Vediamo, ora, più da vicino, gli avvenimenti legati all’armistizio, allo sbarco degli americani a Paestum, alla fine del conflitto. Sull’occupazione delle terre e sulla Riforma Fondiaria, che conclusero il tormentato decennio postbellico, si ritornerà, invece, più avanti.

Capitolo 1

La ricostruzione dopo la catastrofe bellica

Le forze alleate iniziano le operazioni di sbarco sulla spiaggia di Paestum prima dell’alba del 9 settembre 1943.

3


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

4

8 SETTEMBRE 1943: L’ARMISTIZIO Occorre ripartire dunque da quel fatidico 8 settembre 1943, quando il Presidente del Consiglio Pietro Badoglio, dopo una riunione al Quirinale, per valutare la situazione con il re ed altri ministri, alle ore 19.45 lesse alla radio un comunicato in cui informava il Paese dell’armistizio: «… Il governo italiano, riconosciuta la impossibilità di continuare l’impari lotta contro la soverchiante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla nazione, ha chiesto un armistizio al generale Eisenhower, comandante in capo delle forze alleate angloamericane. La richiesta è stata accolta. Conseguentemente ogni atto di ostilità contro le forze anglo americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo. Esse però reagiranno ad eventuali attacchi di qualsiasi altra provenienza.» L’armistizio era stato preparato fin dal 31 agosto 1943 dal generale Castellano, che dopo aver trattato a Lisbona, venne inviato in Sicilia a definirne le modalità con gli anglo-americani ed era stato firmato a Cassibile, il 3 settembre, dal generale Castellano stesso e dal generale Bedel Smith, in forma “breve”; sarà poi firmato a Malta, il 29 settembre, in forma solenne, da Badoglio e Eisenhower. Ancora oggi a sessanta anni di distanza i giudizi su questi avvenimenti suscitano aspre polemiche tra chi come Ernesto Galli Della Loggia rivede e aggiorna la sua nota tesi sulla “morte della Patria”, dandogli un taglio diverso e più problematico: non più scadenzandola dall’armistizio italiano, ma dallo scoppio del secondo conflitto mondiale nel 1939, destinato a “mettere in crisi lo Stato-nazione europeo di tipo ottocentesco”; oppure come Sergio Romano, che intitola significativamente il suo editoriale, sul Corriere della Sera del 7 settembre 2003, “Parliamo anche della gente che non si schierò” e chi invece, come Vittorio Foa, ritiene, al contrario, che “Dovevamo ricostruire una patria dispersa dalle aggressioni e dalle sconfitte militari in Africa, in Africa orientale, in Africa mediterranea, in Grecia, in Russia. E anche dalla dichiarazione di guerra fascista all’America. Dovevamo ridare al nostro Paese una soggettività, la capacità di esistere, per ricomporre l’unità dell’Italia, che era per noi una cosa decisiva.”

4

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

5

9 SETTEMBRE 1943: LO SBARCO SUL LITORALE DI PAESTUM

Le forze alleate iniziano le operazioni di sbarco sulla spiaggia di Paestum prima dell’alba del 9 settembre 1943.

La notte stessa dell’8 settembre 1943, alle 3.30, agli ordini del generale Clark, gli Alleati cominciano le operazioni di sbarco su tutto il litorale del Golfo di Salerno, da Paestum a Salerno: è l’operazione “Avalanche” (Operazione Valanga), cui presero parte quasi cinquecento navi, circa 160.00 uomini ed un numero imprecisato di carri armati, mezzi anfibi ed armamenti vari, che consentì agli Alleati angloamericani di aprire un fronte militare sul suolo stesso della nostra penisola, ancora saldamente difesa dagli Eserciti dell’Asse italiano e tedesco, anche dopo che gli Alleati stessi erano sbarcati e si erano insediati sul suolo siciliano. Sono vicende ben note e rimaste impresse nella memoria di quanti, a Capaccio furono spettatori inermi di avvenimenti bellici così drammatici. Ecco come Paola Desiderio su “Il Valcalore” del 16-31 luglio 2003 rievoca quegli avvenimenti. «… Il mare si gremì di imbarcazioni. Lo specchio blu del litorale di Paestum divenne un brulicare di uomini e mezzi da sbarco. “Vengono a salvarci” pensavano in molti, “arrivano per mettere fine alla guerra, ai bombardamenti, alla fame, ai sacrifici, alle sofferenze ...” La Piana del Sele fu invasa dai soldati alleati. A Eboli gli inglesi, a Paestum gli americani. Venivano per scacciare i tedeschi. Sono trascorsi sessanta anni. Oggi i testimoni di quell’avvenimento hanno settanta, ottanta, novanta anni. Non hanno dimenticato, anzi, amano ricordare quei soldati alti e robusti, dai cognomi spesso italiani, figli e nipoti di emigrati.»

Capitolo 1

La ricostruzione dopo la catastrofe bellica

5


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

6

Racconta il sindaco di Capaccio, Pasquale Marino: «L’anno scorso, un reduce dello sbarco, un ottantanovenne, che parlava spedito in italiano, perché era italo-americano ed aveva fatto il barbiere a New York, mi disse che quando era arrivato qui ed aveva messo piede a terra fu avvicinato da un capaccese che aveva in mano un damigianella e gli offrì il primo bicchiere di vino. Voleva sapere da me chi fosse. Sono passati 60 anni e forse non è più tra noi. Ho cercato di scoprirlo. Ciò dimostra l’ospitalità che ebbero.»

Le forze alleate dopo lo sbarco nei pressi dei templi di Paestum.

6

Per parte mia di quegli anni conservo il ricordo di un episodio, che allora non mi spaventò e che oggi mi fa molto riflettere. Si era concluso da poco lo sbarco, coronato da successo per gli americani, sulla spiaggia di Paestum. I tedeschi erano in ritirata verso l’interno; io facevo parte di una comitiva di parenti ed amici, che avevano deciso di abbandonare il centro abitato di Capaccio per sfuggire ai pericoli dei combattimenti tra gli americani, che avanzavano e i tedeschi, che ripiegavano verso l’interno. In questo nostro inutile e pericoloso peregrinare, la prima notte dopo lo sbarco avevamo trovato rifugio in una grotta naturale. La mattina di buon’ora, lo ricordo molto bene, mi svegliai perché avevo

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.50

Pagina

7

Un finanziere, sotto le mura di Paestum regge lo specchietto ad un colonnello tedesco.

I soldati americani familiarizzano con la popolazione civile.

necessità di uscire dalla grotta per un piccolo bisogno fisiologico; a questo punto il mio ricordo si fa ancora più nitido e preciso: io ero davanti alla grotta accovacciato, intento alla mia funzione corporea, quando sulla strada di fronte si avvicina un’autoblindo tedesca, in ritirata; sulla torretta ci sono due soldati tedeschi, appena si avvedono di me, uno dei due soldati, quello che aveva in mano il mitragliatore posizionato sulla torretta, lo ruota nella mia direzione e mi punta; io devo la salvezza alla prontezza di riflessi dell’altro soldato che immediatamente, pose la sua mano davanti alla bocca del mitragliatore. Nella mia innocenza di bambino di poco più di cinque anni assistetti a quella scena molto incuriosito, senza comprenderne fino in fondo il significato; questo episodio, che è rimasto impresso, in maniera indelebile nella mia mente, ancora oggi mi fa però molto riflettere, appunto, sugli orrori della guerra. La foto dei soldati americani, che bivaccano, tra le colonne doriche dei templi di Paestum, resta un documento di straordinaria efficacia storico-narrativa.

Capitolo 1

La ricostruzione dopo la catastrofe bellica

7


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.51

Pagina

8

Adelaide Tanza, otto anni allora, scavando nella sua memoria ricostruisce il clima di quelle giornate, che precedettero e seguirono immediatamente, l’otto settembre del 1943 a Capaccio. «Otto anni: la guerra mi aveva separata dai miei genitori e dalla maggior parte dei miei fratelli, che vivevano a Latina (allora Littoria) e che nel periodo più caldo della guerra furono “sfollati” a Roma. Io ero rimasta a Capaccio con due dei miei fratelli maggiori Francesco Saverio ed Elvira. Ricordo i giorni che precedettero l’armistizio e lo sbarco degli americani: giorni pieni di tensione e paura. Si prevedevano bombardamenti dal cielo e dal mare da parte dei nostri nemici, che erano allora gli anglo-americani. C’era chi giurava di aver visto una mappa in cui Capaccio era indicata con una crocetta nera insieme ad altre località da distruggere. Per scongiurare questi terribili eventi chi aveva potuto si era fatto costruire un rifugio alla base di Monte Sottano, che per essere dalla parte opposta al mare sembrava più sicuro. Gli altri (quelli che rifugi non ne avevano, tra cui noi), quando suonava la sirena cercavano riparo in case ritenute più solide delle altre, per esempio casa Maida, dove ci trovammo una volta alcune famiglie amiche a pernottare nel portone. Avevano approntato per gli adulti sedie sdraio, brandine di fortuna, lettini ecc.; noi bambini non avevamo voglia di dormire: eravamo eccitati da questo fatto straordinario e felici di trovarci insieme. Correvamo su e giù per le scale disturbando non poco il tentativo di dormire dei “grandi”. Il ricordo è un po’ confuso. Una cosa che rivedo invece con molta chiarezza fu lo sbarco a Paestum, immediatamente dopo

8

l’armistizio. Fui svegliata nel cuore della notte perché dovevamo scappare. Ma scappare dove? Seppi che eravamo stati invitati a raggiungere il rifugio che si era fatto costruire l’avv. Granato. Dunque scappare significava una grotta, non meglio identifica a Monte Sottano! Molto riluttante mi vestii e “scappai” insieme alle mie due zie e ai miei fratelli. Scappavamo per un sentiero accidentato. Scendevamo verso la piana, guardando verso il mare: era uno spettacolo da sogno! Sembravano fuochi di artificio ed erano invece i fuochi dell’artiglieria da sbarco contrastati dalle forze tedesche, che cercavano di impedire agli americani di arrivare a terra. Eravamo esposti a possibili schegge di granate. Non so: forse eravamo in pericolo e forse no. So soltanto che lo spettacolo mi affascinava: il mare e la spiaggia erano illuminati da miriadi di luci scintillanti e mobili, che “esplodevano” in aria proprio come in un grandioso spettacolo pirotecnico. All’alba tornammo a casa, dopo aver constatato che i rifugi non erano poi così sicuri! Arrivavano infatti schegge di granate dovunque, perché le navi erano verso marina di Eboli e di Battipaglia (si erano spostate?) e le cannonate non avevano più il riparo di Monte Sottano che era più a sud. Risalimmo quindi a Capaccio e lo spettacolo da sogno si trasformò in un inferno:

Adelaide Tanza la piccola testimone dello sbarco americano del 1943 in compagnia del fratellino Francesco Saverio, e della mamma Giuseppina (in piedi alle sue spalle).

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.51

Pagina

9

Presso la sorgente Lupata a Paestum alcune donne lavano la biancheria dei militari americani.

le cannonate facevano tremare le mura della nostra vecchia casa e zia Albina propose allora di andare in giardino sotto gli ulivi, una zona non esposta direttamente al mare; ma proprio per lo spostamento delle navi verso Salerno, le schegge giungevano fino a noi, non trovando alcun ostacolo. Queste saltavano tra le nostre gambe e a volte colpivano i tronchi degli ulivi. Fu solo un caso fortunato se nessuno di noi rimase colpito da questi oggetti metallici delle dimensioni di un pugno. A sbarco avvenuto, a Capaccio ci fu un periodo di “bonaccia”; poi arrivarono gli americani. I tedeschi erano ormai allo sbando. Ci fu un episodio di ferocia da parte di un capaccese che uccise un giovane soldato tedesco, che cercava solo di salvarsi nascondendosi; ma a parte questo la guerra a Capaccio era finita. Ci giungevano notizie dalle parti di Italia in cui essa continuava e, naturalmente, ero in pena per i miei. Non c’era notte in cui non sognassi di aver perduto uno di loro, oppure che erano tornati a casa tutti sani e salvi. A Capaccio seguì un periodo di grande euforia: gli americani distribuivano pacchetti di caramelle, col “buco” e senza, cioccolate, sigarette, scatole di “vegetable” che noi pronunciavamo proprio come lo si leggeva in italiano. La fame c’era e questi doni erano per noi importanti. Non riuscivo a capire perché, secondo le mie zie, non avremmo dovuto ac-

Capitolo 1

cettare tutta questa grazia di Dio. Venne il giorno del ringraziamento: la grande festa degli americani. I militari ebbero libera uscita e si verificarono disordini un po’ per tutto il paese. Americani neri e bianchi si ubriacavano ed esageravano alquanto con la loro esuberanza. A Capaccio si diceva che era la festa della libertà. Così l’avevano interpretata. Tre o quattro giovani militari neri, dalle dimensioni notevoli si arrampicarono sul muro di cinta del nostro giardino e furono affrontati dall’impavida mia zia Marianna, incurante della prestanza ed esuberanza dei giovani: “Andate via, questa è proprietà privata!” Quelli, un po’ perplessi, se ne scesero dallo stesso muro dal quale erano saliti, sia pure borbottando :”Qui non c’è più proprietà privata”. Solo il giorno dopo si seppe dei disordini causati da tutti quei militari in libera uscita, nel giorno della “libertà”! Sempre il giorno dopo noi ragazzi trovammo in giardino decine di pacchetti di sigarette e di caramelle. Avevamo riempito di sigarette uno scatolo di cartone, da regalare a nostro padre, quando finalmente sarebbe venuto a riprenderci insieme a tutti gli altri, cosa che felicemente avvenne, nella primavera del 1944. Arrivarono con mezzi di fortuna, con un camion che veniva a caricare frutta: il viaggio, massacrante, durò un giorno e una notte, ma il loro arrivo fu per me, la fine di un incubo.”

La ricostruzione dopo la catastrofe bellica

9


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.51

Pagina

10

APRILE 1945: FINE DEL CONFLITTO In pochi giorni gli Alleati arrivano a stabilire una testa di ponte, lunga 100 chilometri e larga 10. Vengono conquistate posizioni strategiche importanti; poi comincia, però, la controffensiva dell’esercito tedesco. A Salerno e soprattutto a Napoli gli scontri tra i due eserciti sarà molto duro e cruento con distruzioni, lutti, perdite di vite umane. I nazisti emanano un’ordinanza per inviare in Germania, per il lavoro obbligatorio, tutti gli uomini dai 18 ai 33 anni. A Napoli, in particolare, cominciano i primi episodi di resistenza, che culmineranno poi, nell’epopea delle 4 giornate a partire dal 28 settembre. Il generale Kesserling ordina alle truppe di ritirarsi verso il nord. Ma la guerra di liberazione della penisola italiana, dai nazisti, cui partecipa anche l’esercito italiano, con lo “status” di “cobelligerante” sarà ancora molto lunga e dura, con l’esercito tedesco attestato, prima sulla linea Gustav, nell’inverno 1943-1944, poi sulla linea gotica, nell’inverno successivo. Ma il fronte di guerra si è intanto, ben presto, allontanato da Capaccio, al cui territorio e alla cui popolazione furono risparmiati lutti e distruzioni. La fine del conflitto, nell’aprile del 1945, fu accolta con grande entusiasmo anche dalla gente di Capaccio, ma la guerra fortunatamente per i capaccesi era finita molto tempo prima; durava l’occupazione alleata, che non fu sempre del tutto indolore, durava la penuria

10

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_01-001-011-.qxd

23/03/2004

16.51

Pagina

11

alimentare, durava la miseria di larghi strati della popolazione, ma si trattava di una miseria atavica, certo acuita dalle distruzioni e dalle devastazioni della guerra, resa più grave per il tributo di sofferenze e di lutti di cui anche a Capaccio si dovette soffrire, durante il lungo periodo degli eventi bellici: giovani vite stroncate (come attesta il monumento ai caduti delle due guerre del ventesimo secolo, che sorge sui giardini pubblici), reduci, dispersi, nelle campagne di guerra, che, sciaguratamente, il regime fascista aveva intrapreso, anche in Paesi lontani ed inospitali. La miseria secolare, che affliggeva il paese, in larghissimi strati della sua popolazione, aveva, dunque, radici remote e mai rimosse, né sotto il Regno borbonico, né dopo il 1861, dalla nuova monarchia Sabauda: il latifondo, la mancanza di terre da coltivare, e, nella piana di Paestum, le paludi, gli acquitrini, la malaria, avevano ridotto da secoli la società capaccese ad una condizione di società arcaica. La guerra fece, certamente, da detonatore alla rabbia repressa di sempre e alla fame di terra e si svilupperà, presto, un moto incontenibile, per il riscatto economico e sociale della gente di Capaccio, come meglio si vedrà più avanti.

Capitolo 1

La ricostruzione dopo la catastrofe bellica

11


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

12


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

13

Capitolo 2 Capaccio agli inizi degli anni ’50

CAPACCIO-PAESTUM: LE ORIGINI

I

l territorio del Comune di Capaccio - Paestum, comprendente sia la vasta pianura tra il Sele e il Solofrone, sia la zona collinare con il capoluogo situato nella ridente vallata tra monte Soprano e Monte Sottano, è stato abitato fin dai tempi più remoti dell’antichità. Le prime tracce umane risalgono al Paleolitico; recenti ritrovamenti archeologici, come la scoperta di alcune tombe a volta, con resti umani e arredi funebri nella vicina contrada del Gaudo, confermano la presenza di alcuni insediamenti preistorici nella piana di Paestum. Nel VII secolo a.C., alcuni coloni greci di Sibari fondarono una città che dedicarono al dio Poseidon, chiamandola Poseidonia. Contemporaneamente eressero il santuario di Hera Argiva alla foce del Sele (sul posto di un santuario indigeno più antico, dedicato alla DeaMadre). Poseidonia svolgeva un ruolo fondamentale di mediazione commerciale tra le comunità greche della Madrepetria e gli Etruschi installatisi nella Campania, fino alla riva destra del fiume Sele; così, in breve, divenne una florida città, ricca e famosa, grazie anche alla fertilità del suolo e alla vicinanza del Sele, tanto da diventare il più grande emporio agricolo e marittimo di tutta la piana del Sele e della Lucania. Tra il VI secolo a.C. e la metà del V furono eretti gli splendidi templi, conosciuti ed ammirati in tutto il mondo; l’abitato fu organizzato secondo la struttura urbanistica ippodamea, con tutt’intorno una cinta muraria che si estende per circa cinque chilometri.

Capaccio Il chiostro del convento dei Cappuccini in una illustrazione del maestro Bruno Bambacaro.

Agli inizi degli anni cinquanta Capaccio era un centro abitato di modeste dimensioni con circa 3.000 abitanti


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

14

Alla fine del V secolo a. C. i Lucani si impadronirono della zona e Poseidonia divenne Paistom o Paistos, città dei Lucani. Divenuta poi colonia romana, la città si distingue per la sua fedeltà a Roma, anche nel momento di grave difficoltà, dovuto alle conquiste di Annibale in Italia; per questo le sarà conferito da Romal’onore di battere moneta propria. Dopo un lunghissimo periodo durante il quale Paestum seguì le sorti di Roma, intorno al II, III secolo dopo Cristo la città cominciò a mostrare segni di decadenza: l’abitato si raccolse intorno al tempio di Cerere, trasformato, agli inizi del IV secolo, in basilica cristiana. Recenti ricerche sull’assetto dell’intero territorio, colonizzato dai greci, consentono di affermare, con assoluta certezza, che già al tempo della città di Poseidonia esistevano, in ogni caso, stretti contatti tra gli abitanti indigeni della collina e quelli della pianura, i Poseidoniati. Così avvenne che, quando cominciò la fase del lento e graduale declino di Paestum, la ricca colonia romana subentrata alla magnogreca Poseidonia, i pestani abbandonarono la loro città e la pianura, divenuta inospitale, per trovare rifugio sulle pendici del monte Calpazio (Calpatium), così denominato già in età tardo repubblicana. E’ probabile che il centro abitato che si costituì nei pressi del monte abbia derivato da questo il suo nome e che il toponimo si sia trasformato col tempo da Capatium in Capaccio: si tratta, in ogni caso, di quella che oggi viene chiamata Capaccio Vecchia. La tradizione, tuttavia, fa risalire l’etimologia di Capaccio a ‘Caput aquae’, con riferimento alle sorgenti che alimentavano le condotte d’acqua per il rifornimento idrico dell’antica città di Paestum. Il centro abitato di Capaccio capoluogo (Capaccio nuova) è sorto, invece, molto tempo più tardi,nella seconda metà del XIII secolo, ad opera di profughi di Capaccio (vecchia), che fu distrutta nel 1246 da Federico II di Svevia. Il grande imperatore, infatti, per domare una congiura, che era stata ordita contro di lui, assente per impegni di governo in Germania, fu costretto a ritornare precipitosamente nell’Italia meridionale e cingere di assedio la rocca di Capaccio Vecchia. Presala infine, dopo mesi di assedio, per fame ma soprattutto per sete, dopo un’estate torrida e secca, che aveva privato i difensori, asserragliati nella roccaforte, della indispensabile risorsa dell’acqua piovana, il Sovrano operò, come era suo costume, una atroce vendetta, uccidendo, dopo terribili torture, i capi della rivolta e distrusse interamente la città. Le vicende legate a questo assedio, che portano la città di Capaccio alla ribalta dei grandi avvenimenti storici della nostra civiltà, sono narrate in una interessante ricerca, dal titolo “Capaccio 1246”, dello studioso capaccese Vincenzo Rubini recentemente pubblicata, nella rivista dell’Università Federico II di Napoli.

14

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

15

Vincenzo Rubini (Capaccio 1898 - 1990) Una delle figure di cui la nostra terra può gloriarsi: uomo di solida cultura umanistica, appassionato di storia, di letteratura e di arte, egli è vissuto, per motivi di lavoro, in diverse città d’Italia, in particolare Firenze, che può essere considerata la sua seconda patria, dopo l’amatissima Capaccio, dove, tornato, al termine della sua carriera, si è potuto infine dedicare ai suoi studi prediletti, in particolare quelli storici, riguardanti il Cilento, pur

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

rimanendo vigile e attento animatore della vita quotidiana, amico e punto di riferimento, da tutti riconosciuto, della gioventù della nostra zona. Tra le sue pubblicazioni, oltre la ricerca sull’assedio di Capaccio Vecchia, di cui già detto, ricordiamo “Gli antichi canti di Capaccio” edito nel 1983 da Arte tipografica di A. R. Napoli e “Storie e storielle pestane” edito nel 1996 da Delta 3 Grottaminarda (AV).

15


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

16

Gli abitanti, scampati all’eccidio, decisero di spostarsi in villaggi esistenti, più ad est, i ‘casali’, che costituirono il primo nucleo del centro abitato che si chiamerà Capaccio (nuova). Morto Federico II, nel 1250, e sconfitti definitivamente gli Svevi nella battaglia di Benevento del 1266, Capaccio (nuova) ebbe vita attiva sotto gli Angioini e gli Aragonesi, divenendo poi, nei secoli successivi, ambito possedimento per ducati o principati, sia per la sua posizione strategica e la sua estensione che per le sue risorse naturali. Appartenne, in feudo, ai Sanseverino, ai Filomarino, ai Grimaldi e infine ai principi Doria d’Angri, ultimi feudatari della Pianura del Sele, di cui parleremo, più diffusamente, a proposito dei latifondi, ancora esistenti a Capaccio, prima della Riforma Agraria. Così scrive Gio Antonio Summonte nella sua “Historia della Città e del Regno di Napoli” la cui terza edizione del 1765 è presso la biblioteca Rubini a Capaccio (la prima edizione è del 1550): «La città di Capaccio, così per essere adornata da sede vescovile, come per essere antichissima, è degna di essere annoverata fra le pèrime del regno essendo figlia dell’antica Paestum… oggi è posseduta dalla famiglia Doria ed ha le seguenti famiglie nobili: Angeli, Cannicchi, Elisei, Landisi, Napoli, Tanzi, Vignati, Zappulli.» Si noti come gli Elisei, Nigli, Zappulli abbiano dato il loro nome a larghi, vicoli ed archi del paese e come, inoltre, molti cognomi abbiano perso col tempo il genitivo con la desinenza in “i”. Nel XVII secolo il centro abitato di Capaccio si presentava come è riportato nella mappa, secondo la ricostruzione derivata da ricerche accurate, condotte, qualche anno addietro, dall’eminente studioso capaccese dott. Vincenzo Rubini, con la collaborazione dell’ing. Antonio Ferrentino.

Capaccio Corso Costabile Carducci in una foto d’epoca.

16

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

17

IL PAESE NEI PRIMI ANNI CINQUANTA

Capaccio Un corteo funebre davanti al Convento dei Cappuccini.

Nei primi anni cinquanta del secolo scorso Capaccio si presentava come un centro abitato di modeste dimensioni, con circa 3.000 abitanti, che vivevano quasi esclusivamente di agricoltura, molti anche gli artigiani, pochi, anzi pochissimi i professionisti: insomma una società prettamente rurale, con scarsissime infrastrutture e servizi quasi del tutto inesistenti. Il centro abitato aveva un impianto urbanistico molto semplice: l’unica strada di accesso dalla pianura, dopo un’ultima curva (‘a vutata) immetteva in una delle due piazze del paese, il Tempone. Da qui si dipartivano due strade, che attraversando, in parallelo, una un po’ più in alto, l’altra più in basso, lungo un asse approssimativamente da ovest verso est, l’intero centro abitato si ricongiungevano, poi, nella parte alta del paese: Monteoliveto e lo Scorzello (‘u scurziello). Da qui la strada proveniente dalla pianura riprendeva il percorso verso l’interno del Cilento: Trentinara, Monteforte ecc., fino a Vallo della Lucania, che del Cilento era il centro più importante. Non era stata ancora costruita la variante, via Fratelli Arenella, che oggi consente, da piazza dei Martiri di evitare il centro urbano (per proseguire verso l’interno del Cilento). Il centro del paese era costituito dalla via S. Agostino che, in direzione approssimativamente nord-sud, collegava tra loro le due strade anzidette; su via S. Agostino si affacciavano la chiesa di S. Pietro (“il Rosario”), la casa natale dell’eroe risorgimentale

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

17


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

Capaccio

16.52

Pagina

18

Il Salone Rizzo.

Costabile Carducci, l’antico palazzo del conte di Capaccio ed altre dimore patrizie. In basso, la via S. Agostino confluiva nella seconda delle piazze esistenti, Piazza dell’orologio, dove sorgeva una torre civica, dalla cui cima, un grosso orologio batteva e batte tuttora le ore e i quarti d’ora, a beneficio (o a dispetto!) degli abitanti del contado. Ancora un poco più in basso, adiacente alla piazza dell’orologio c’era il quartiere Lauro; molto più giù l’agglomerato di Monticello. Più in là, all’inizio del paese, in basso, adiacente alla strada proveniente dalla pianura il piccolo cimitero, e sempre nella parte occidentale, ma più in alto, in una posizione dominante l’intera pianura, con il mar Tirreno in lontananza, sorgeva il convento dei Francescani. Infine, nella parte alta, alle pendici del sovrastante Monte Soprano, il “Castagneto”, cui si accedeva anche attraverso una ripida scalinata lungo l’agglomerato di Posillipo. Ma non è possibile conoscere e apprezzare Capaccio con i suoi bei palazzi, i suoi splendidi portali, i suoi vicoli, i suoi segreti, senza avere sfogliato il volume di documenti e memorie “Ritorno a Capaccio”, che nel 1998, il prof. Mario Mello volle dedicare alla memoria del dottor Vincenzo Rubini. Così scriveva, allora, il professore Mello, nell’introduzione dell’opera: «Per buona parte, le pagine che seguono hanno alla loro base i fogli di appunti che, poco tempo prima di morire, mi spedì il compianto don Vincenzo Rubini, il probo studioso ben noto ai cultori della storia della provincia di Salerno, a cui mi legò una trentennale amicizia, oltre che i comuni interessi di ricerca, che davano inesauribile materia di conversazione ai nostri frequenti incontri. Era uomo di vasta e profonda cultura, che aveva costruito in decenni di instancabile attività, frequentando archivi (sopra tutti, quello della Badia

18

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

19

di Cava, dove i frati e il dotto archivista in specie, lo accoglievano con quella cordialità che solo si concede a chi è più familiare e caro), raccogliendo documenti, leggendo e rileggendo volumi, memorie che, sino alla fine, andò selezionando, con attenzione costante e severa. […] Ho cercato di mantenere per quanto possibile inalterato il tono di conversazione che il Rubini diede al suo lavoro. Gli interventi che vi ho operato non riguardano mai i contenuti; mi sono limitato a quelli che si sono resi qua e là necessari, soprattutto per adeguare il testo alle esigenze di una qualche organizzazione interna, da me avvertita a posteriori, una volta decisa la pubblicazione. […] Sono anche certo che a lui non sarebbe dispiaciuto il titolo generale, Ritorno a Capaccio, sotto cui ho raccolto queste nostre carte. Altrettanto certo sono che mai avrebbe concepito un libro su Capaccio, che non fosse corredato di illustrazioni: tanta era la forza evocatrice che ad esse attribuiva, tale la sensibilità con cui le sapeva ricercare e guardare. L’autore non poteva che essere quello di sempre, Mario Bruno Bambacaro, l’artista amico che già per lui aveva esemplarmente rivestito di immagini gli antichi canti dei Capaccesi, aveva disegnato la severa dolcezza degli edifici rurali e aveva narrato con tratti intensi e commossi la dura vita degli uomini della piana e del colle. Anche questa volta, Bambacaro ha risposto alla prima chiamata e con contributi superiori alle attese, confermandosi interprete tra i più raffinati, penetranti ed efficaci delle sue terre e delle sue genti.» E, con il consenso dell’Autore, noi riproduciamo, qui, alcune di quelle immagini, che corredano appunto “Ritorno a Capaccio”, quelle che meglio, ci sembra, possano illustrare la Capaccio degli inizi degli anni ’50.

Bruno Bambacaro Mario Bruno Bambacaro è nato a Capaccio il 2 ottobre 1944. Diplomato presso l’Istituto di Arte di Salerno e abilitato all’insegnamento del disegno e storia dell’arte. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Artista rinomato e conosciuto, noto per la sua opera “Paestum minore” di cui la Banca di Credito Cooperativo pubblicò molte tavole per alcuni calendari. Ha illustrato molti libri, tra i quali ricordiamo in particolare “Gli antichi canti di Capaccio “ (1983) - “Ritorno a Capaccio” (1998). Alcuni disegni, ispirati a quel tema sono esposti, in mostra permanente presso il “Museo della Civiltà contadina” nella Tenuta Vannulo.

Capaccio Giardini pubblici che si affacciano sulla Valle dei Templi.

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

19


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

20

LA VITA DELLA COMUNITA’

Le due baronessine, Adelaide e Francesca De Marco, con il fratello Costantino.

20

La vita della comunità era molto semplice, come si conviene ad una società rurale: luogo di convegno per gli uomini erano ancora le cantine dove si beveva il vino paesano e si giocava a carte, e qualche bar o caffè, come allora più comunemente si diceva: il caffè storico di Nicodemo sotto uno dei due palazzi Bellelli e il bar di Leopoldo Marandino, sui giardini pubblici, dove si poteva giocare anche a biliardo. Per le donne, invece non esisteva nessun luogo dove potessero riunirsi, se non la chiesa e le proprie dimore private, naturalmente, dove ciascuna signora riceveva amiche e conoscenti, intrattenendosi con loro in conversazione, mentre solitamente continuava il consueto lavoro a maglia o all’uncinetto, che riempiva il lungo tempo che rimaneva, dopo aver sbrigato tutte le faccende domestiche. La pulizia della casa, d’altronde, piuttosto approssimativa, non richiedeva molto impegno e talora era affidata a qualche donna di servizio, che non mancava, soprattutto nelle famiglie più agiate. Questa delle donne in conversazione, è la scena a cui tante volte ho assistito da bambino, a casa Rubini, a casa Tanza o a casa Bellelli, che erano tra le famiglie più in vista del paese e abitavano in belle case sette-ottocentesche, talora un po’ malandate, perché carenti di manutenzione ma che mantenevano intatto tutto il loro antico splendore. Casa Tanza e casa Rubini, in particolare, si intrecciano nei miei ricordi d’infanzia e di prima giovinezza, così come legate sono le due famiglie alla figura delle due baronessine, Adelaide e Francesca, figlie del barone Francesco De Marco; Adelaide sposò Francesco Tanza e Francesca andò sposa ad Alfonso Rubini. La vecchia casa Tanza eternamente legata alle figure delle due sorelle nubili, Marianna e Albina vissute, da sole, fino in età recente, nella loro casa; una delle più antiche dell’abitato. Nata in origine come torre d’avvistamento su quello che probabilmente era un “castrum” d’epoca romana, ampliata e dotata di cortile nel ’600 e di stucchi nel ’700, che custodisce ancora le memorie del seicentesco abate Tanza, bella dimora patrizia, una volta la prima del centro abitato, per chi proveniva dalla pianura, al Varroncello, ora al centro del paese, con il muro di cinta immediatamente adiacente ai giardini pubblici.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

21

E casa Rubini, con quel salotto con la carta da parato fatta venire direttamente dalla Francia, nell’ ‘800, istoriata con le scene della guerra greco-turca che devastò il Partenone nel centro storico di Atene! E l’altro salotto, rosso, con le pareti ricoperte dai ritratti degli antenati, tra cui: il barone Costantino De Marco, Tullia e Achille Bellelli, Antonietta Maida. Nel paese, allora, non mancava, in verità, neanche qualche signora un po’ più stravagante (ricordo in particolare una mia zia) che, nel tempo libero, amava giocare a carte, magari con noi ragazzi, il tressette di solito, arrabbiandosi regolarmente, quando la fortuna si mostrava avversa! Di inverno la conversazione avveniva intorno all’immancabile “braciere” quasi sempre unica fonte di riscaldamento invernale insieme al caminetto (‘u fucone), che però di solito più che per riscaldare, insieme alla “fornacella” si usava, nelle grandi cucine di questi palazzi, per cuocere le vivande. Le donne del popolo avevano, in verità, una occasione per socializzare tra di loro in spazi aperti. I lavatoi pubblici, di Luca, del Lauro, di Monticello, assistevano spesso ai lavori di queste donne che gioiosamente conversavano e cantavano (il canto delle lavandaie!), mentre erano intente appunto al loro lavoro. E per gli uomini, invece, esistevano per così dire altri salotti: il salone del barbiere (il salone Rizzo, ad esempio o anche quello di Tanuccio Zerenga, o di zi’ Camillo) e la locale farmacia, dove essi si attardavano a commentare i fatti del giorno, del paese in particolare, perché di ciò che avveniva nel resto di Italia e del mondo, tranne eventi davvero memorabili, appresi alla radio o dal giornale (ma non ricordo che se ne leggessero molti, in verità), si sapeva ben poco. La televisione ancora non aveva fatto il suo ingresso nelle case di Capaccio e, del resto, in quei primi anni cinquanta essa si stava diffondendo appena in Italia, nell’Italia del nord, inizialmente, poi nell’Italia centrale, infine anche al sud. Quando arriverà a Capaccio determinerà un mutamento notevole, quasi una mutazione sociologica,

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

Lavandaie in una illustrazione del maestro Bruno Bambacaro.

21


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.52

Pagina

22

dalla quale, ricordo, rimasi molto rattristato. Perché allora, nella bella stagione, che era abbastanza lunga a Capaccio, ci si riuniva a gruppi, sulle panchine dei giardini pubblici, quelle panchine di ferro, a doppio schienale, che mettevano in condizione di ascoltare anche la conversazione di chi era seduto di spalla: non c’era molta “privacy”, per la verità, ma ora quelle vecchie panchine sono purtroppo scomparse, sostituite da altre più moderne, sicuramente meno eleganti. Ebbene, questa piacevolissima abitudine che animava il centro cittadino (i giardini pubblici), per tutta l’estate, scomparve all’improvviso, quasi del tutto, con l’arrivo della televisione. Ognuno di quelli che la possedevano si rinchiuse in casa in attenta adorazione di quella sconvolgente scatola magica che diffondeva anche immagini, oltre che suoni e parole. Quelli che non la possedevano ancora, si riunivano nei pochi locali pubblici dove essa era presente: ad esempio le Acli, adiacente proprio ai giardini pubblici, o il Dopolavoro all’angolo di via Lauro, dove la trasmissione certamente più seguita era “Lascia o raddoppia”, condotta allora dal giovanissimo Mike Bongiorno. Sono trascorsi da allora cinquanta anni, l’inossidabile Mike ancora non si è stancato del mestiere di conduttore televisivo di giochi più o meno simili (ora è la volta della “Ruota della fortuna”), ma fortunatamente si sono alla fine stancati i capaccesi, che sono ritornati ad animare d’estate i “giardinetti”, dove si affacciano oggi molti locali pubblici, a giocare a carte, a chiacchierare, insomma a stare insieme, in allegria. Infine, per noi ragazzi, allora, l’intero paese, con le sue strade, i suoi vicoli, le sue piazze, i suoi giardini, i suoi orti, l’intero paese era il nostro regno; tutto il giorno a gruppi, più o meno numerosi, più o meno chiassosi, giocavamo, discutevamo, litigavamo, liberi e spensierati come solo si è in quella età! Capaccio in una foto d’epoca.

22

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Pagina

23

LA CUCINA CAPACCESE

La trebbiatura a metà secolo scorso nella piana del Sele.

Questo brano è tratto da una ricerca di Adelaide Tanza, sulla Capaccio degli anni ‘50. “Quasi tutti i palazzi, e le case patrizie del paese, avevano il forno dove si cuocevano periodicamente pane e biscotti di grano ma, nelle grandi occasioni, anche torte rustiche, timballi di pasta o di riso, carni di capretto ed anche dolci; i dolci semplici ma buoni, della cucina capaccese. Il forno, in verità, esisteva anche nelle case più povere, perché era la fonte principale dell’alimentazione capaccese: la ‘panella’ era la regina indiscussa di tutte le tavole. Il forno era così importante che, quando in una famiglia nasceva una figlia femmina (che allora voleva dire: dote, corredo, meno braccia per lavorare, ecc.; insomma una vera disgrazia!) gli amici prendevano in giro lo sfortunato padre: “ T’è carutu lu furnu! “ (Ti è caduto il forno!). Il pane veniva fatto ogni dieci, quindici giorni, ma prima di farlo bisognava procurarsi una porzione di pasta ‘levata’ dalla massa e conservarla in una ciotola, che fermentando, diventava lievito. Così c’era un giro organizzatissimo di ‘levati’ che non venivano mai perduti, ma che passavano di mano in mano per chi doveva panificare. Erano le usanze rituali di una civiltà contadina, di cui oggi, forse, si è perduto il sapore, ma erano anche il segno di una concreta solidarietà che animava l’intera comunità e tornava a beneficio di tutti. Altra fonte di sostentamento importante era il maiale. Allora, a Capaccio, non esistevano certo le macellerie fornite di oggi: si macellava solo in particolari occasioni, oppure quando occorreva abbattere un animale, pecora, capra o bovino che fosse, rimasto vittima di un incidente, che ne comprometteva le possibilità di vita normale. Molti allevavano polli, per il fabbisogno familiare, non tanto per la carne che restava comunque un lusso, almeno sulla mensa di tutti i giorni; ma per poter disporre, a buon mercato, almeno di uova fresche.

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

23


BCC50_02-012-029-.qxd

Capaccio

24

23/03/2004

16.53

Fontana dei delfini.

Pagina

24

Anche il maiale veniva allevato in quasi tutte le famiglie, perché quasi tutte le case avevano una piccola stalla o un pezzo di giardino, in cui allevarlo, per lo più con residui della sia pur parca mensa. E il maiale forniva carne e salumi per tutto l’anno: si cominciava a consumare il fegato (con la “ ’nzeppa”) e le altre interiora con le quali si preparava un ottimo soffritto, con peperoncino piccante. Si otteneva anche uno straordinario ragù con le ‘crocchiolelle’ (costolette) e con il sangue si preparava un gustosissimo budino al cioccolato: insomma, quando si ammazzava il maiale (in modo assai cruento, per la verità!) c’era la festa dell’abbondanza per l’intera famiglia. Di questa abbondanza beneficiavano anche i parenti più stretti e gli amici più intimi, poiché c’era la tradizione del “grato” ( ‘u ‘ratu), segno anche questo di grande solidarietà. ‘ ‘U ‘ratu’ era il dono di alcune parti del maiale da consumare presto (non c’erano frigoriferi, allora!), come quelle di cui si è parlato poco fa. Naturalmente amici e parenti, quando si ammazzava il loro maiale, restituivano il favore, donando il “grato” a coloro da cui l’avevano ricevuto. Per effetto di questa consuetudine così cortese, nel mese di gennaio, c’era carne fresca di maiale per tutti. Nel mese di febbraio si cominciavano a consumare le salsicce e la “‘nnoglia”(sorta di salsiccia molto saporita, fatta con carni rosse e meno pregiate). Salsicce e “nnoglia” essiccavano facilmente, strette di diametro come erano, appese ad una pertica insieme agli altri salumi, in una cucina col focolare, perché il fumo le insaporisse essiccandole. A maggio, giugno c’erano da consumare pancette e guanciale (“‘u vucculare”), che a Capaccio si usa mangiare insieme alle fave fresche. C’erano poi, molto pregiati, capicolli e soppressate, e infine il prosciutto, che chiudeva la serie dei salumi, fino all’anno successivo. Di fruttivendoli nella Capaccio dei primi anni cinquanta ne ricordo solo uno, in un stambugio, all’ingresso del rione Lauro: “Peppinella ‘a lauritana”; tuttavia la frutta compariva in quasi tutte le mense, perché quasi tutti ne avevano di propria, nell’orto vicino casa. Un alimento molto poco usato era, invece, il pesce: a Capaccio arrivava, raramente un furgoncino che portava alici. Questi arrivi erano annunciati dal banditore, che, ne ricordo uno, in particolare, diceva pressappoco: “E’ arrivato al Tempone un bastimento

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Pagina

25

carico di alici: a cinquanta “liricedde”(con cinquanta lirette), ‘nu miezzo chilacchione!”. L’annuncio, come si capisce chiaramente, veniva affidato alla fantasia e vivacità del banditore, cieco, accompagnato da uno o due dei suoi figlioletti, che lo faceva precedere da uno squillo di trombetta. Figura davvero interessante e di notevole utilità: oggi i manifesti, che lo sostituiscono, sono largamente inefficaci e nessuno sa mai che cosa sta per accadere!”

LE BOTTEGHE, GLI ARTIGIANI E I PROFESSIONISTI Negli anni quaranta e nei primi anni cinquanta Capaccio era ancora un paese ricco di artigiani e di piccoli commercianti. Chi percorre oggi le strade e stradine del centro, soprattutto la via S. Agostino, si può rendere conto di quanti laboratori di artigiani e quante botteghe si aprissero un tempo su queste strade: oggi purtroppo al loro posto esiste infatti una lunga e desolante teoria di locali chiusi ed in gran parte sbarrati, anzi, da porte cadenti. Ma come erano vivi e frequentati a quel tempo! Ricordo, ad esempio, il via-vai degli acquirenti che si rifornivano di pane al forno delle sorelle Di Foggia; il mio ricordo di quel forno è associato anche alla distribuzione razionata, che di pane si faceva in tempo di guerra, attraverso le “tessere annonarie”: quante volte mi sono recato, in quel periodo, inviatovi da mia madre, a ritirare le razioni di pane che si ottenevano consegnando i “tagliandi” di quelle tessere! Altro negozio, che frequentavo in quell’epoca per approvvigionare di generi alimentari la mia famiglia, sempre su commissione di mia madre, era la bottega di “Vertoccia”, dove mi incuriosivano i banconi di legno, che lasciavano intravedere la merce attraverso i vetri. Oggi non saprei indicare neanche esattamente il cognome di “Vertoccia”, ma il mio ricordo di quegli anni mi accompagna sempre vivo; e credo che

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

Capaccio Piazza orologio, la torre campanaria.

25


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Capaccio Portale Bugnato nel rione Monticello.

Pagina

26

il negozio fosse esattamente quello, dove oggi è il ristorante “Lo scugnizzo”. Sulla stessa strada, e non lontano dalla bottega di “Vertoccia”, si apriva il laboratorio di falegname di Ernesto Arenella, che ricordo sempre “intento all’opra”, come si capiva dal rumore stridulo della sua sega a nastro; a volte interrompendo il suo lavoro egli si affacciava sulla soglia del suo laboratorio, io credo anche per respirare aria più pulita di quella dell’interno, che non aveva altre aperture se non la porta di ingresso. Lo osservavo spesso dai balconi e dalle finestre della mia abitazione che era, al Pozzillo, proprio di fronte al suo negozio. E come mi incuriosiva il salone di “Tanuccio Zerenga” con tutti quegli specchi, e quelle poltrone da barbiere e quella fotografia, di formato gigante, lunga e stretta, con una veduta panoramica di Costantinopoli. Da ragazzino, monello di strada come diventavo quando mi associavo ai miei compagni di gioco (spesso redarguito e castigato al rientro a casa da mio padre, per questo), frequentavo la forgia di Peppe “‘u forgiaro” dove si ferravano asini e cavalli e dove, soprattutto, ci attirava, spinti dalla crudeltà tipica dell’infanzia, quella infelice creatura che tutti chiamavamo “Celardo”. Ho sotto mano una copia di “Menabò” - il quindicinale di informazioni di Capaccio-Paestum, che, purtroppo, oggi non si stampa più - che riporta in un “articolo” di Pietro Cursaro, sulla “Capaccio del tempo che fu”, un elenco dettagliato di negozi e laboratori di artigiani che mi aiuta a ricordare la Capaccio di quel tempo, che Cursaro definisce questa insospettabile e per certi aspetti intrigante cittadina. Vi sono elencate, tra l’altro: ❏ la sartoria di Ferdinando Marandino, in corso Vittorio Emanuele; quella di Pasquale Di Fiore, sulla strada del convento; ❏ il salone di barbiere di Angelomaria Marandino (“zì Camillo”) in via Carducci; quello di Giuseppe Marino (“Peppe ‘u barbiere”) già salone Rizzo, in piazza dell’orologio;

26

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Pagina

27

❏ la falegnameria di Ferdinando e Cosimo Chiumiento in via Vaudano; quelle di Vincenzo Taddeo e Vincenzo Petillo allo “Scorzello”; ❏ il negozio di calzolaio di Pietro Maffeo, in via Carducci; quello di Raffaele De Rosa, in corso Vittorio Emanuele; quello di Francesco, Raffaele e Domenico Milo (“i scarparielli”) in piazza dell’orologio; ❏ le cantine di Vito Desiderio e Carmine Sapere, in via Roma; quella di Emma Torre in via Carducci. Ma l’elenco sarebbe veramente lungo, perché è incredibile immaginare quante botteghe, quanti negozi, quanti laboratori artigiani esistevano a Capaccio, in quegli anni: mi racconta Giuseppe Marino che esercitavano il suo mestiere ben 10 barbieri, a Capaccio, in quell’epoca! Cursaro nel numero 187 di “Menabò”, del 26 aprile 1997, ne ricostruisce un elenco pressocchè completo, “seguendo uno schema descrittivo articolato per attività economiche e per aspetti sociali considerati più rilevanti”. I professionisti dell’epoca erano veramente pochi: il farmacista, qualche medico, alcuni avvocati, tra cui mio padre, il veterinario e il notaio, il notaio Manlio De Maria che, come vedremo, avrà una parte importante nella fondazione della banca. Di medici ne ricordo quattro; forse c’erano soltanto loro, almeno qui a Capaccio capoluogo. Credo che tutti ricordino il dottore Vaudano, con il suo carico di umanità e abnegazione. Era il medico condotto e morì povero, così come era vissuto. Ricordo che “non aveva orari” come si dice: poteva arrivare a qualunque ora quando lo si chiamava e a qualunque ora poteva andarsene, perché conversava volentieri, ma le sue diagnosi erano precise e le sue cure efficaci. Quasi tutti avevano fiducia in lui e cercandolo accettavano i suoi peccati veniali di cui sopra. Non era sposato e viveva con una sorella vedova e con i suoi figli. C’era poi il dottore Giuseppe D’Alessio, al quale Capaccio ha dedicato un busto bronzeo su un’aiuola sempre curata e piena di fiori: tutto merito di Giuseppe Marino, erede e “custode” del bellissimo salone Rizzo, che se ne occupa a titolo amatoriale. Ho avuto occasione di leggere a casa di un nipote le cartoline che il dottore D’Alessio inviava ai familiari dal fronte: aveva combattuto nella seconda guerra mondiale e vi era stato molto tempo, come medico militare. Quando fece ritorno felicemente a Capaccio trovò che sua madre, la signora Amelia, aveva fatto una promessa al Signore, un “voto”: suo figlio avrebbe esercitato la professione, senza farsi mai pagare da nessuno. I D’Alessio erano ricchi ed il dottore poté mantenere fede al “voto” fatto da sua madre: il dottore giungeva puntualmente ad ogni chiamata, anche se non esercitava ufficialmente la professione. Era una persona estremamente gentile e le sue visite non erano frettolose: discuteva a lungo con il paziente e con i suoi familiari della patologia o dell’indisposizione riscontrata.

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

Capaccio Scorcio di un vicolo con la Torre campanara.

27


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Capaccio Ricostruzione di una mappa del 1679: rispetto alla pianta attuale (pagina 29) si può notare che il paese non si è ancora sviluppato verso occidente, come avverrà molto più tardi, dopo che sarà sorto il Convento dei Cappuccini. Ancora agli inizi del 1900 la Casa Tanza rimaneva isolata e segnava il confine del paese stesso verso occidente: non erano state ancora edificate tutte le costruzioni, dalle famiglie Guazzo e Marandino, che gravitano oggi, su piazza Tempone e sui giardini pubblici.

28

Pagina

28

Il dott. Nicolino Ragni era un ottimo medico che, però, non amava fare il medico. L’attività che prediligeva era l’insegnamento del latino agli studenti capaccesi, in un periodo in cui a Capaccio esisteva soltanto la scuola elementare e gli studenti erano costretti a presentarsi agli esami da privatisti. Anche il dottore Ragni era brillante e divertente. Si dice che ci sia in giro una raccolta di sapide osservazioni, che non avuto modo di leggere; ricordando la sagacia del dottore, penso che essa sia certamente divertente. Era già anziano e malandato in salute quando nel ’56 morì il suo amico e parente don Alfonso Rubini. Il dottore volle a tutti i costi accompagnarlo all’ultima dimora. A tutti i costi, dicevo; gli costò la vita! Il dottore Giuseppe Bellelli era un mio lontano parente: lo chiamavo infatti “zio Peppino”. Zio Peppino era l’ufficiale sanitario di Capaccio ed era una persona brillante e divertente. Non aveva la meticolosità e forse l’esagerata prudenza che caratterizza la maggior parte dei medici e questo lo rendeva ancora più simpatico. Se dopo una visita ad un ammalato contagioso gli si chiedeva se desiderava dell’alcool per disinfettarsi, egli rispondeva: “basta la saponetta americana”. Era il periodo del “dopo sbarco” e gli americani, oltre a sigarette e cioccolate, regalavano anche saponette.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_02-012-029-.qxd

23/03/2004

16.53

Pagina

29

Soleva raccontare la storiella, che ho sentito raccontare anche altre volte: “Se un ammalato guarisce, i familiari dicono che è stato S. Antonio a fare il miracolo; ma se l’ammalato muore è stato sicuramente il medico a farlo morire.” Per quanto riguarda gli avvocati i miei ricordi sono legati naturalmente all’attività professionale di mio padre ed anche all’ambiente fisico in cui essa si svolgeva, nello studio di Capaccio, adiacente e collegato con la nostra abitazione. In quello studio, che diventerà presto la prima sede della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, ricordo di aver visto muovere i primi passi nella professione, avviati e guidati appunto da mio padre, l’avv. Vincenzo Di Sirio, che era nostro parente, e l’avv. Raffaele Spirito, che sarà Sindaco di Capaccio. Dello studio di mio padre ricordo, in particolare, la macchina da scrivere, una vecchia Underwood, sulla quale imparavo anche io, ragazzino ma già in grado di dare un piccolo aiuto a mio padre come dattilografo, a “battere a macchina”; mi sono rimasti impressi nella mente i caratteri di quella vecchia, cara macchina da scrivere, che ho riconosciuto immediatamente, con emozione, nel consultare molti dei documenti dell’Archivio storico della Cassa Rurale.

Capitolo 2

Capaccio agli inizi degli anni ’50

29


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.58

Pagina

30


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.58

Pagina

31

Capitolo 3 L a Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

LA FONDAZIONE

I

n data 17 marzo 1953 il Direttore della Succursale di Salerno della Banca d’Italia, scrive al dottor Manlio De Maria - Componente il Comitato Promotore della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio: “La informo che il Comitato Interministeriale per il credito ed il risparmio, nella seduta del 12 corrente, ha manifestato il proprio assenso alla costituzione in Capaccio di una Cassa Rurale ed Artigiana.” E’ la comunicazione, a lungo attesa dai primi promotori della iniziativa, in particolare il Comm. Dott. Manlio De Maria, notaio in Capaccio, persona integerrima, molto stimata da tutti i suoi concittadini, che, dell’iniziativa, è stato il primo e fondamentale sostenitore. Il 16 agosto 1951, infatti, egli ha fatto affiggere un manifesto-proclama in cui si appella ai “Cittadini e Cooperatori del Comune di Capaccio!” osservando che, mentre in tutta l’Italia Settentrionale esiste un fervore sempre crescente per la costituzione di società cooperative, a Capaccio manca una CASSA RURALE ED ARTIGIANA, che possa esercitare la funzione creditizia a favore degli agricoltori ed artigiani. Il momento è stato scelto con particolare attenzione, perché il manifesto possa essere letto dal maggior numero di persone interessate alla iniziativa: il mese di agosto, il giorno 16, a ridosso di un giorno da sempre festivo nel nostro Paese, dal momento che già il divo Augusto aveva istituito duemila anni fa la consuetudine di festeggiare il ferragosto (“Feriae Augusti” ne sembra, in effetti, la probabile etimologia). E da allora le popolazioni pestane, in particolare, il 15 di agosto, hanno iniziato a venerare Hera Argiva, patrona delle messi e dell’abbondanza, con la simbologia fin troppo eloquente di Signora, assisa in trono, con una melagrana nella mano sinistra.

Lo Statuto della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, adottato nell’atto di fondazione, il 18 ottobre 1953.

L’anno millenovecentocinquantatre, il giorno diciotto del mese di ottobre a Capaccio, nel mio studio notarile…


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.58

Capaccio Corso Costabile Carducci; a destra il palazzo Granato che fu la prima sede della Cassa Rurale ed Artigiana.

Pagina

32

La stessa tradizione si è tramandata poi, nei secoli, ed ha portato, poco dopo l’anno mille dell’era cristiana, alla costruzione di un santuario, sullo sperone del Monte Calpazio, dedicato appunto alla Madonna del Granato, meta di pellegrinaggio, da parte di moltissimi fedeli, proprio il giorno 15 di agosto. Animato dal proposito di allargare la sfera di attività industriale (ma forse intendeva dire artigianale) e commerciale, il Comm. De Maria, nel suo manifesto, invitava quanti, agricoltori e artigiani, singoli o riuniti in cooperative, concordassero nella utilità della progettata Cassa Rurale ed Artigiana, a sottoscrivere la domanda da indirizzare alla Spett.le Amministrazione Centrale della Banca d’Italia per ottenere l’autorizzazione prescritta dalle leggi in materia. Nell’invitare, presso il suo studio in Via S. Agostino n. 36, tutti coloro che intendessero aderire alla costituenda Cassa, a prendere visione dello schema di statuto, predisposto dall’Ente Nazionale delle Casse Rurali e Artigiane, approvato dal Ministero del Tesoro, e firmare la relativa domanda, il notaio De Maria concludeva esprimendo “fiducia che non mancherà alla presente iniziativa l’appoggio della operosa classe degli agricoltori e degli artigiani della nostra fiorente Città”. Le sue generose speranze non andavano deluse: il 25 febbraio 1952, infatti, si poteva indirizzare alla “Spett. BANCA D’ITALIA - Amministrazione Centrale - Servizio Vigilanza sulle Aziende Credito - via Panisperna n. 32 ROMA”una richiesta di questo tenore: «Ai sensi dell’art. 8 del Testo Unico delle leggi sulle Casse Rurali ed Artigiane, pubblicato nella Gazzetta del12 ottobre 1937, n. 238 i sottoscritti richiedono a codesta Amministrazione l’autorizzazione a costituire una CASSA RURALE ed ARTIGIANA con sede in Capaccio (Provincia di Salerno).» I promotori, trentanove cittadini di Capaccio, dichiaravano di aver sottoscritto un capitale sociale iniziale per un ammontare complessivo di lire 347.000 per costituire una Società nella forma di Società Cooperativa per azioni, nella quale il socio è responsabile per il pagamento dei debiti sociali per una somma uguale a dieci volte l’importo delle azioni sottoscritte da lire mille ciascuna. A sostegno della loro domanda, essi facevano presente che il Comune di Capaccio com-

32

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.58

Pagina

33

prendeva una vasta zona agricola con la estesa pianura di Paestum, dove esistevano varie cooperative dedite alla raccolta, lavorazione e manipolazione di prodotti della terra ed un’industria specialmente attrezzata per la manipolazione e conservazione di pomodori, verdura, carciofi, melloni, latticini, cereali, patate ecc. Inoltre dichiaravano che gli agricoltori del comune di Capaccio, riuniti in Cooperativa od in altra forma di associazione, oppure operanti come ditte individuali, avendo rapporti commerciali, anche per cifre importanti, con grossisti ed importatori dei prodotti peculiari della regione, necessitavano fortemente della concessione di crediti. E, si sa, non sempre riuscivano ad ottenerli dalle banche, inclini, allora forse anche più di oggi, a concederlo con grande difficoltà e ad interessi molto onerosi. D’altra parte, essi sostenevano, non saprei con quanta fondatezza, ma per una evidente “captatio benevolentiae”, che ingenti risparmi giacevano presso famiglie di piccoli e grossi possidenti, che sarebbero stati molto ben disposti a depositarli in un Istituto, di cui essi stessi avessero fatto parte, come soci o amministratori, piuttosto che depositarli a basso interesse presso gli ordinari istituti di credito. A giudicare dalle enormi difficoltà che la Cassa incontrerà, nei suoi primi anni di vita, l’affermazione sembra davvero improntata a grande ottimismo. Insomma, essi concludevano, una Cassa Rurale ed Artigiana, per la intrinseca funzione che la legge attribuisce a questi Enti, sarebbe stata della massima utilità per la raccolta del risparmio e la concessione di piccoli prestiti agli agricoltori e agli artigiani, in un Comune dell’estensione di circa 14.000 ettari, con fiorenti industrie casearie, di pomodori, bietole, carciofi, cereali, melloni, ecc., che già allora contava più di 8.000 abitanti. Molto interessante appare, infine, l’ultima considerazione della richiesta: l’autorizzazione a costituire una Cassa rurale ed artigiana sarebbe stata, essi speravano, sprone ed esempio alle popolazioni locali per sviluppare, con gran vantaggio individuale e collettivo, i principi e la pratica della Cooperazione.

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

Capaccio

Piazza Tempone.

33


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

34

Mi sembra di poter dire che questi auspici siano andati quasi del tutto delusi, dal momento che in fatto di associazioni e cooperative i nostri conterranei restano tuttora, purtroppo, tanto indietro rispetto ad altre regioni d’Italia. Ed è questa una pecca grave, che pesa moltissimo sulle possibilità di sviluppo economico, ma anche di progresso sociale della nostra comunità; sono certo che, quando si potrà rimuoverla, Capaccio-Paestum sarà matura per quel salto di qualità che ne potrebbe fare, davvero, e definitivamente uno dei territori più apprezzati, in campo nazionale ed internazionale, nel cuore dell’antica “Campania felix”. La Banca di Credito Cooperativo di Capaccio potrà svolgere un ruolo primario, in questa opera, realizzando così, anche in questo campo, quelli che furono i sogni dei suoi generosi e lungimiranti pionieri di mezzo secolo fa!

34

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

35

IL NOTAIO MANLIO DE MARIA Il giornalista Oreste Mottola traccia il profilo del notaio Manlio De Maria: “Pensiamo al grande, perché al piccolo già ci siamo”, questo motto era la regola di vita del notaio Manlio De Maria. Proprio questa sua filosofia rese possibile la nascita della prima Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, proprio quella che è, adesso, la Banca di Credito Cooperativo. Ma già diversi decenni prima, come si legge in un libretto del giudice Baldassarre Coccorullo: “Il notar De Maria con la sua intelligente operosità, donò a Capaccio i benefici dell’energia elettrica, foriera di benessere e progresso”. In via S. Agostino, 36, nel cuore della vecchia Capaccio, De Maria cominciò a dare le fondamenta ad uno dei più importanti istituti creditizi campani. In quella grande e moderna casa c’era anche il suo studio notarile. Ex podestà, ispettore onorario delle belle arti, frequentatore del bel mondo aristocratico che girava intorno a Paestum, fu uomo di cultura (praticò il teatro e suonava molto bene il pianoforte), il notaio De Maria aveva anche uno spiccato ingegno pratico. “Mio padre fu sempre un precursore, in perenne anticipo sui tempi. Aveva grande dimestichezza finanche con l’ingegneria”, racconta la figlia Giuseppina. “Aveva ideato un citofono senza fili per collegare lo studio con la casa, così come aveva adattato una radio che aveva reso potente come quella che usavano i grandi esploratori. Da Roma, fece venire l’ingegner Tanzarella, per costruire una modernissima concimaia brevettata”. Poi venne la guerra. E l’episodio centrale fu lo sbarco alleato dell’8 settembre 1943, sulle spiagge di Paestum, quasi sotto casa. L’Italietta fascista si sfalda. Finisce così l’epoca dei balletti tra i templi, delle Panatenee, le rappresentazioni di tragedie antiche, delle visite del principe Umberto e delle sfilate delle giovani contadinotte abbigliate col costume tradizionale. Nella storia di Capaccio adesso entrano, di prepotenza, le lotte contadine e bracciantili, che ebbero come epicentro proprio quella stessa campagna pestana dove erano arrivati i soldati del generale Alexander.

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

35


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

36

Furono anche, per dirla con le parole del poeta Giuseppe Liuccio: “storie belle di battaglie antiche”. Il notaio De Maria, che pure votò per la monarchia, s’adattò subito ai tempi nuovi. “Era molto amico di Gaetano Paolino, il padre di Salvatore Paolino. L’aiutò a costituire le cooperative dei contadini che andarono all’assalto dei latifondi. Ed al movimento cooperativo guardò sempre con favore”. I vasti territori nei dintorni di Paestum diventarono, dopo le operazioni di bonifica, così testimonia lo scrittore Guido Piovene: “una campagna divenuta fertile. Un misto di remota dolcezza virgiliana e di dolcezza tropicale”. Ma solo pochi anni prima il “Lago Pestano” o “palude lucana” erano vicino alle mura di Paestum, poco oltre c’era il “Lago Grande”. La regolazione del flusso, e del ristagno delle acque, creò un mondo nuovo. Le necessità finanziarie del mondo dei contadini e degli artigiani del tempo si fecero ancora di più pressanti. “Mio padre attraverso la gestione delle cambiali se ne rendeva conto. Quante volte - racconta la figlia - si sentì chiedere aiuto e non potette adoperarsi! E, com’era suo costume, si mise a studiare il problema. Arrivò alla conclusione che urgeva dare vita ad una piccola banca locale che potesse sopperire, nella trasparenza, a quei bisogni”. Lo scrisse nel manifesto con il quale annunciò il suo proposito: “Ho fiducia che non mancherà alla presente iniziativa l’appoggio dell’operosa classe degli agricoltori e degli artigiani della nostra fiorente città”. E così fu. Per portare a termine questo suo proposito mobilitò tutte le sue amicizie. “Ebbe tutte le complesse autorizzazioni necessarie per l’apertura della Banca, semplicemente, servendosi dei suoi ex compagni di studi alla Badia di Cava”. In questa fase pionieristica tutto si svolse all’interno del suo studio notarile. Accanto a lui ebbe uomini come Giovanni Di Sirio, Candido Arenella, Antonio Nicodemo e Fasano. Alla presidenza fu allora chiamato l’avvocato Granato. Il notaio rimase nell’ombra, non avendo voluto rivestire alcuna carica. Il primo sportello fu collocato in un negozietto di via Costabile Carducci e poi si passò proprio nel palazzo dei Granato. L’esplosione produttiva della pianura pestana determinò la necessità di spostare l’attività verso il piano. De Maria credette sempre allo sviluppo agricolo, turistico e culturale della nostra pianura. Per questo volle salvare dalle mani degli speculatori la vecchia residenza dei vescovi pestani. E’ quel grande edificio tardo - settecentesco, con qualche eco vanvitelliana, posto accanto alla chiesa paleocristiana, dove ha anche sede l’azienda di soggiorno, che oggi tutti conoscono come Palazzo De Maria. Qui, ma è un’altra storia, dove è cominciata l’avventura della cristianità tra Sele e Cilento.

36

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

37

L’ATTO COSTITUTIVO Il Comm. Dott. Manlio De Maria, in data 3 ottobre 1953, rivendicando orgogliosamente il merito dell’iniziativa, indirizzava agli aspiranti soci una apposita comunicazione scritta, del seguente tenore: «Mi è gradito informarvi che per mia esclusiva iniziativa e giusto manifesti stampati, a mia firma, affissi in tutte le strade del paese, nella borgata di Paestum e nei centri rurali del comune, ed a seguito di mio personale interessamento tramite al Banca d’Italia - Succursale di Salernno - che per oltre un anno ha portato a termine la lunga e delicata pratica il Comitato Interministeriale, nella seduta del 12/3 c.a., ha dato l’autorizzazione per la stipula dell’atto costitutivo della CASSA RURALE ED ARTIGIANA in CAPACCIO,approvandone la bozza di istrumento e statuto. L’istrumento sarà stipulato il 18 ottobre 1953, ore 10, nello studio in via S. Agostino, dal Notaio dr. De Chiara Carmelo di Capaccio. La S.V. è invitato ad intervenire per accettare lo statuto, procedere alla nomina dei dirigenti (in numero di sette, compreso il presidente) e del collegio sindacale (in numero di cinque), versare l’importo delle azioni sottoscritte. Sicuro del vostro intervento, vi prego di gradire distinti saluti. IL PROMOTORE Comm. Dott. Manlio De Maria.» E così, finalmente, tutti i Soci fondatori, che aderirono alla iniziativa, nella data e all’ora fissata si riunirono presso il Notaio De Chiara che redasse l’atto costitutivo della Società Cooperativa. “L’anno millenovecentocinquantatre, il giorno diciotto del mese di ottobre, in Capaccio, nel mio studio notarile. Innanzi a me Dottor De Chiara Carmelo fu Enrico, Notaio residente in Capaccio, con lo studio ivi alla Via S.Agostino n° 32, iscritto nel ruolo del Collegio Notarile del Distretto di Salerno. Si sono personalmente costituiti i signori: ARENELLA Ernesto fu Giovanni, falegname; GAROFALO Dante fu Francesco, muratore; ARENELLA Candido fu Cosimo, pittore; PATELLA Amodio di Vincenzo, agricoltore; DI SIRIO Giovanni fu Vincenzo, orafo; DI SIRIO Vincenzo di Giovanni, avvocato; DI SIRIO Gaetano di Giovanni, insegnante; DI FOGGIA Maria fu Michele, agricoltore; BELLO Filomena di Vincenzo, operaia tabacchina; DI FOGGIA Giuseppe fu Michele, operaio; MARANDINO Angelo di Raffaele, barbiere; CRISCUOLO Pasquale fu Vincenzo, muratore; LA TEMPA Giovanni di Pietro, calzolaio; SCARIATI Vincenzo di Giovanni, muratore; PECORA Sabato fu Gennaro, agricoltore; ARENELLA Italo fu Giovanni, operaio; GAROFALO Carlo di Ercole, muratore; BARLOTTI Giovanni di Vincenzo, agricoltore; BARLOTTI Nunziante di Vincenzo, agricoltore;

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

37


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

38

FASANO Mario di Giovanni, commerciante; GRANATO Enrico fu Pasquale, agricoltore; SABIA Giuseppe fu Pietro, agricoltore; MOLLICA Maria fu Roberto, agricoltore; FERRENTINO Emilio fu Raffaele, agricoltore; GUAZZO Francesco fu Antonio, agricoltore; VECCHIO Domenico di Ferdinando, agricoltore; RUBINI Antonio di Alfonso, agricoltore; PETRAGLIA Luigi di Francesco, insegnante; D’ ALESSIO Carmine fu Giuseppe, agricoltore; FRANCO Matteo di Crescenzo, agricoltore; DI NAPOLI Donato fu Giuseppe, agricoltore; NAPOLI Mario fu Michele, operaio specializzato; MARINO Carmela in Napoli di Vincenzo, sarta; MARINO Vincenzo fu Raffaele, muratore; MUCCIOLO Vincenzo fu Luigi, agricoltore; POLITO Francesco di Vincenzo, agricoltore; MARINO Vincenzo fu Giuseppe, agricoltore FRANCO Angelo di Crescenzo, panettiere; FRANCO Angelo di Vito, agricoltore; FRANCO Vito di Angelo, agricoltore; DI MASI Luciano fu Pasquale, commerciante; MAIO Vincenzo di Ferdinando, agricoltore; TAFORI Giuseppe fu Pasquale, falegname; D’ ALESSlO Biagio di Giuseppe, agricoltore; DI MASI Vincenzo di Luciano, operaio specializzato; BAVOSO Antonio di Amedeo, costruttore carri agricoli; BARLOTTI Antonio di Luigi, agricoltore; FRANCO Angelo fu Francesco, agricoltore; SABIA Angelo di Pasquale, agricoltore; D’ANZILIO Giuseppe di Francesco, agricoltore; MARANDINO Domenico fu Giuseppe, pasticciere; DI BARTOLOMEO Angelo di Raffaele, mugnaio; MILO Francesco di Cristofaro, calzolaio; MILO Raffaele di Cristofaro, calzolaio; MILO Cristofaro fu Francesco, muratore; VORIA Domenico di Giuseppe, calzolaio; TADDEO Raffaele fu Giovanni, commerciante; GUARINO Luigi fu Pasquale, agricoltore; GAROFALO Mariano fu Francesco, costruttore; DANIELE Pietro di Nunziante, panettiere; D’ANGELO Gerardo di Francesco, agricoltore; COCCO Pasquale fu Carmine, agricoltore; INUZZI Anna fu Luigi, agricoltore; ACAMPORA Raffaele, agricoltore; ZOCCOLI Antonio di Pasquale, agricoltore; PALMIERI Nicola fu Antonio, agricoltore; D’ ANGELO Matteo fu Domenico, agricoltore; Dott. DE MARIA Manlio fu Nicola, agricoltore; CAMPITELLO Francesco di Michele, agricoltore; CAMPITELLO Domenico di Francesco, agricoltore; CAMPITELLO Carmine di Francesco, agricoltore; MARRAZZA Aniello fu Francesco, beccaio; POLVERINO Giovanni fu Antonio, autista; D’ANGELO Giuseppe fu Alfonso, agricoltore; DESIDERIO Ferdinando di Vito, meccanico; RAGNI Antonio fu Nicola, impiegato azienda agricola; D’ANGELO Francesco fu Domenico, agricoltore; GRIPPA Raimondo fu Vincenzo, pittore; D’ANGELO Raffaele di Giuseppe, agricoltore; DI MASI Gennaro di Luciano, commerciante; GALLO Donato fu Francesco, agricoltore; CAIAZZO Rocco fu Michelangelo, contadino; FERRENTINO Ing. Antonio fu Raffaele, professionista; MEROLA Antonietta fu Luigi, contadina; ANGAROLA Giovanni fu Nicola, coltivatore della terra; D’ALESSANDRO Andrea fu Gennaro, contadino; MEOLA Vito di Salvatore, autista; NICODEMO Antonio di Michele, commerciante

38

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

39

I detti comparenti mi dichiarano di voler costituire, come con il presente atto effettivamente costituiscono, una Società Cooperativa a responsabilità limitata sotto la denominazione “Cassa rurale ed artigiana di Capaccio”, con sede nel Comune di Capaccio, Prov. Di Salerno. La Società ha lo scopo di procurare il credito in primo luogo ai propri soci e di compiere le operazioni e i servizi di banca, consentiti dalla legge e dall’unito Statuto prevalentemente a favore degli agricoltori e degli artigiani, il miglioramento delle condizioni morali ed economiche dei quali, costituisce la sua principale ragione di essere. La durata della Società è fissata fino al trentuno dicembre millenovecentottantatre, con facoltà di sciogliersi anche prima di detto termine, nonché di prorogarsi una o più volte dopo lo stesso. .... L’esercizio sociale va dal Primo Gennaio al trentuno dicembre di ogni anno; il primo esercizio sociale si chiuderà al trentuno Dicembre 1953 (millenovecentocinqantatre). Tutti gli altri patti risultano dallo Statuto, che, previa lettura da me datane ai costituiti, viene allegato a questo atto, perché ne faccia parte integrante e sostanziale. I costituiti, riuniti in Assemblea Generale, procedono alla nomina delle cariche sociali, con votazione a schede segrete. .... Risultano eletti: Presidente - Dott. Manlio De Maria, con voti ottantasette; Vice Presidente - L’avv. Enrico Granato, con voti ottantasei. Consiglieri: 1) Barlotti Giovanni di Vincenzo, con voti ottantacinque; 2) Di Sirio Giovanni, con voti ottantaquattro; 3) Barlotti Antonio di Luigi, con voti ottantatre; 4) Palmieri Nicola, con voti ottantatre; 5) Arenella Ernesto, con voti ottantatre. Sindaci effettivi: 1) Guazzo Francesco, con voti ottantadue; 2) Taddeo Raffaele, con voti settantasette. Sindaci supplenti: 1) Garofalo Mariano fu Francesco, con voti sessantotto. Tutti i votati hanno accettato le rispettive cariche. Timbro e firma del Notar Carmelo De Chiara fu Enrico.”

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

39


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

40

L’ITER BUROCRATICO Lo statuto approvato, parte integrante dell’atto costitutivo, ricalcava molto da vicino quello predisposto, per le Casse Rurali di nuova istituzione, a cura dell’Ente Nazionale Casse Rurali, Agrarie ed Enti Ausiliari. Rispetto al modello tipo, venivano precisati essenzialmente: ❏ la durata della Società (fino al 31 dicembre 1983, anche se con possibilità di una o più proroghe), si ipotizzava pertanto un periodo di trenta anni, almeno inizialmente, ed anzi si prevedeva perfino la possibilità che lo scioglimento avvenisse prima del periodo trentennale; si può ben dire, dunque, che, in questo, i promotori non peccarono certo di eccessivo ottimismo ! ❏ il valore delle azioni si stabiliva in lire 1.000; non proprio quello più basso consentito dalla legge, ossia 500 lire; ❏ i limiti di responsabilità per il pagamento dei debiti sociali (fino ad una somma pari a 10 volte il valore nominale delle azioni sottoscritte); in questo i promotori si mantennero molto cauti; era questo, infatti, il limite minimo consentito dalla legge. Immediate giunsero le congratulazioni al “Comm. Dott. Manlio De Maria - Presidente della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio”, già in data 19 ottobre 1953 da parte del Presidente, dott. A. Tancredi, dell’Ente Nazionale delle Casse Rurali Agrarie ed Enti Ausiliari: “Abbiamo appreso con piacere che è stato stipulato l’atto costitutivo legale per la Cassa Rurale e Artigiana di costà, con la partecipazione di 88 soci promotori, formanti un capitale sociale iniziale di L. 362 mila. Ci è giunta anche gradita la Sua nomina a Presidente e, nel formulare i migliori auguri, esprimiamo la certezza che la nascente istituzione, sotto la saggia Sua guida e con l’attiva collaborazione degli altri amministratori eletti e la oculata vigilanza dei sindaci, raggiungerà ben presto l’incremento desiderato, al fine di venire incontro alle esigenze di cotesta laboriosa popolazione.” La Cassa Rurale non è però ancora operativa: l’iter burocratico è ancora lungo e tortuoso! Il 12 novembre 1953 la Banca d’Italia - Amministrazione Centrale di Vigilanza sulle Aziende di credito concede il nullaosta alla omologazione della costituzione della Società a condizione che vengano sanate alcune discordanze formali riscontrate nello Statuto della Società stessa. Inoltre il successivo e definitivo provvedimento di autorizzazione all’esercizio del credito e d’iscrizione all’Albo delle Aziende di credito, resta subordinato anche al versamento integrale delle azioni sottoscritte dai Soci. Il 14 dicembre successivo, il Comm. De Maria invita pertanto i Soci a provvedere sollecitamente a tale versamento.

40

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

41

Il 7 febbraio 1954 alle ore 10, nella sede di via Carducci in Capaccio, si tiene la prima riunione del Consiglio di Amministrazione. Presenti tutti gli Amministratori, il Presidente De Maria comunica che non si è ancora ottenuta la richiesta omologazione da parte dell’Autorità tutoria per alcune discordanze ed inadempienze verificatesi nella compilazione dell’atto costitutivo e dello statuto. Il Consiglio esprime voti che l’inizio della gestione, dopo aver sanato la parte formale, abbia sollecita effettuazione. Il 2 marzo 1954 alle ore 10, nella sede di via Carducci in Capaccio, si tiene la seconda riunione del Consiglio di Amministrazione. Presenti ancora tutti gli Amministratori, il Consiglio approva le modifiche formali proposte dal Presidente per sanare le discordanze riscontrate; il Comm. De Maria informa, altresì, che tramite il notaio Carmelo De Chiara è stato espletato il versamento integrale delle azioni sottoscritte per un importo complessivo di L. 362.000; che è stato redatto il libro dei Soci che risulta composto da 88 azionisti infine che la Cassa ha già provveduto alla scorta dei libri contabili, obbligatori, regolarmente bollati e vidimati, per l’inizio della gestione.

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

41


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

42

Il 27 aprile 1954 il Dott. De Chiara presenta al Tribunale di Salerno copia autentica dell’atto costitutivo del 18 ottobre 1953, debitamente registrato ad Agropoli il 30.10.53, unitamente allo statuto e chiede che il Tribunale ne voglia ordinare la trascrizione e la pubblicazione. Il 13 maggio 1954 il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale - Direzione Generale della Cooperazione - Bollettino Ufficiale delle Società per Azioni (Società Cooperative) attesta che la Società Cooperativa Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio ha depositato l’atto costitutivo e il decreto di omologazione del Tribunale per la pubblicazione nel Bollettino Ufficiale delle Società per Azioni. Il 21 maggio 1954 sul Foglio Annunzi Legali della Prefettura di Salerno viene pubblicata l’avvenuta costituzione della Società; si fornisce sintetico un resoconto delle sue finalità, si rende nota la compagine dei suoi organi sociali e si elencano nominativamente i suoi primi Amministratori. Il 26 maggio 1954 il Tribunale di Salerno attesta che la Società Cooperativa a r.l. “Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio” è stata iscritta nel Registro delle Società del Tribunale stesso. Il 21 giugno il V. Presidente della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio, avv. Enrico Granato, chiede al Signor Prefetto della Provincia di Salerno che la predetta Cooperativa venga iscritta nel Registro Prefettizio delle Cooperative. La Cassa Rurale è finalmente operativa, a tutti gli effetti, ma nel frattempo ha smarrito per strada il suo primo Presidente eletto, che ha presentato le dimissioni irrevocabili da Presidente e da Consigliere. Così, il 16 luglio 1954, la prima Assemblea ordinaria dei Soci viene presieduta dal Vice Presidente, Avv. Enrico Granato. Presenti 52 soci su 88 iscritti, l’Assemblea procede, per scheda segreta, alla nomina di un componente del Consiglio di Amministrazione. Viene eletto il Sig. Vito Franco di Angelo, il quale dichiara di accettare. Successivamente si procede, con lo stesso sistema alla nomina del Presidente del Consiglio di Amministrazione, alla quale carica viene eletto, con 48 voti favorevoli l’Avv. Enrico Granato fu Pasquale, che dichiara di accettare. Si è consumata così, in soli nove mesi la prima Presidenza della Cassa Rurale: il Comm. Manlio De Maria, che solo pochi mesi prima, il 3 ottobre 1953, rivendicava orgogliosamente il suo ruolo di promotore della costituzione della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio e che alla stipula dell’atto costitutivo, il 10 ottobre 1953, veniva eletto primo Presidente della Società appena costituita, quando questa iniziava la sua operatività aveva già rassegnato le sue irrevocabili dimissioni, per motivi di salute. Gli subentrava alla Presidenza, l’Avv. Enrico Granato, che pure si era tanto speso, per la costituzione della Cassa Rurale.

42

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_03-030-043-.qxd

23/03/2004

16.59

Pagina

43

Ma il notaio De Maria si era, davvero, dimesso per motivi di salute e perché appagato, per aver visto la sua creatura muovere i suoi primi passi ? Si vorrebbe credere così, ma da certe ostinate reticenze, da parte di chi potrebbe confermare o meno questa tesi, si è anche indotti a pensare il contrario. La mia personale convinzione è che il notaio sia stato assalito dal timore che, nella compagine di Amministratori, che era stata eletta, all’atto della costituzione della Società, fosse ‘gattopardescamente’ entrato qualche personaggio, di cui egli non aveva nessuna stima!

Capitolo 3

La Cassa Rurale ed Artigiana: la fondazione

43


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

44


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

45

Capitolo 4 L’occupazione delle ter r e e la rifor ma fondiaria

LOTTE CONTADINE CONTRO IL LATIFONDO

A

ngelo Capo, nostro conterraneo e storico rigoroso del movimento contadino meridionale, ha approfondito in particolare gli avvenimenti legati alle lotte contadine e alla occupazione delle terre, nel saggio: “L’assalto ai latifondi”, di cui abbiamo già avuto modo di parlare. Ecco come egli rivive, sul filo della memoria l’epopea di quelle lotte contadine, nella “nostra” terra, la stessa che lo ha ospitato da bambino: la piana di Paestum. Il filo della sua memoria si riannoda ai momenti drammatici dello sbarco degli americani, nel settembre del 1943, ed ai giorni immediatamente successivi: uno scenario da “day after”. «…Quando finalmente le armi tacciono intorno ai maestosi templi dorici, per tanti secoli mai disturbati nel loro religioso silenzio, la rovina e la distruzione appaiono in tutta la loro drammatica evidenza. Nei campi, al posto del granone o dei pomodori, si vedono carri armati ancora fumanti e su una necropoli, mai fino ad allora profanata da persona vivente, ci sono 70.000 tonnellate di pietrisco servito a creare le piste, tracciate in fretta dagli alleati, per far decollare i propri aerei da combattimento. Mentre si va spegnendo l’eco delle armi alleate, che spingono verso Salerno il nemico tedesco, ecco che i miei concittadini lasciano i propri rifugi e riappaiono nelle piazze per far risorgere dalle macerie ancora fumanti

Manifestazione di contadini all’epoca della Riforma Fondiaria

La storia civile e sociale del Mezzogiorno è storia di rivolte popolari, di sollevazioni contadine per il possesso della terra.


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

46

tutte quelle organizzazioni di vita civile, sociale e politica messe in piedi con tanta fatica negli anni precedenti e destinate ad essere poi spazzate via tutte dal regime fascista. Con l’emanazione dei decreti Gullo, nei primi mesi del 1944, la cooperativa ‘L’aratro’ si trova nelle condizioni di potere avere in concessione la terra da coltivare. In poco tempo vengono redenti dall’acquitrino, o strappati ai cardi ed ai rovi, oltre 500 tomoli di terra appartenenti alle famiglie Bellelli, Salati, Ricciardi ed Agnetti. In breve si raggiunge la produzione annuale di 7.300 quintali complessivi di pomodori, di granone, di fagioli, di ceci e di grano, con un bilancio che diventa pari a quello dell’Amministrazione Comunale; ed il miracolo compiuto dalla cooperativa dei nostri contadini viene additato, non solo nel salernitano, come esempio da seguire Quello agricolo risulta l’unico settore ad avere le potenzialità sufficienti a far decollare l’intera economia capaccese, anche perché la proprietà terriera del comune, uno dei più estesi d’Italia con i suoi 11.102 ettari di superficie, rimane in gran parte sotto utilizzata. Dell’intero patrimonio terriero, ben 7.187 ettari sono ubicati in pianura, l’82% dei quali appartiene ad appena 14 famiglie, di cui cinque con più di 500 e nove con più di 100 ettari ciascuna. La proprietà fondiaria, concentrata nelle mani di pochi notabili, e la sproporzione ancora forte tra forza-lavoro e superficie coltivabile continuano ad essere la causa prima del degrado ambientale della Piana. Le paludi, anche per mancanza di braccia, ancora occupano buona parte della superficie pianeggiante. La malaria, da secoli vera regina di queste terre invase dalle acque, dove allignano solo cardi e rovi, non si stanca di falcidiare a centinaia gli abitanti che, di norma, non superano i 50 anni di vita. L’unico essere vivente a resistere in queste condizioni, proibitive per tutti gli altri, è tuttora il bufalo, vero dominatore degli acquitrini, “tonzi” e “procuiali”, che costituiscono il vero habitat di questo animale. Perciò la sua presenza è stata sempre vista come il labaro della miseria. Non sono, invero, pochi i coloni che per sopravvivere sono costretti a coltivare a vario titolo le terre dei cosiddetti “galantuomini”. Provenienti non solo da Capaccio ma anche da Trentinara, da Giungano e da Eredita, sono in tanti a compiere la liturgia quotidiana che li vede ogni giorno comporsi in una “processione” di uomini, donne e bambini, a piedi oppure a dorso di mulo o di asino, attraverso sentieri mal tracciati e pietrosi, per raggiungere i loro posti di lavoro, distanti dagli 8 ai 10 km, dopo ore di estenuante cammino, per poi fare ritorno, al tramonto, alle proprie case con passo più lento e più pesante.» Anche io ricordo perfettamente di avere assistito a queste scene, da ragazzo a Capaccio, ed ogni volta ricordo che, interrompendo i miei giochi, rimanevo a contemplarli, dal muraglione del “Pozzillo”, questi contadini, uomini, donne, bambini, con i loro asini, a volte una

46

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

47

donna con in braccio un neonato, quasi sempre con il cercine e un carico sulla testa, rientrare a casa sull’imbrunire, a Capaccio o ancora più su, a Trentinara o chissà dove, dopo una dura giornata di lavoro nei campi. Eppure io li ricordo persino ciarlieri e sorridenti, per niente affaticati, in queste lente e lunghe ‘processioni’ che noi bambini rimanevamo a contemplare, finché sparivano alla nostra vista ! Ma da quanto tempo durava questa situazione di estrema indigenza dei nostri contadini? E come era nato il latifondo, nella piana di Paestum ? E’ quel che ci ripromettiamo di scoprire, ritornando un po’ indietro nei tempi.

L’ORIGINE DEL LATIFONDO NELLA PIANA DI PAESTUM La struttura della proprietà fondiaria nella Pianura del Sele, così come si presentava ancora nell’immediato dopoguerra aveva, in realtà, origini molto remote, risalendo addirittura al regime feudale e post-feudale, quando la proprietà fondiaria a Capaccio, Eboli e Giungano era concentrata nelle mani dell’ex feudatario, il principe Doria d’Angri, di altri nobili e di enti religiosi. All’ombra dei feudi si andava affermando proprio allora, però, il ceto sociale della borghesia emergente; non pochi borghesi di varia estrazione seppero infatti conquistarsi la fiducia dei baroni, di cui amministravano le grandi proprietà e, approfittando del loro sostanziale assenteismo, seppero crearsi solidissime posizioni personali. Emblematica a tal proposito la vicenda di Pasquale Bellelli, appartenente ad una famiglia borghese, da poco stabilitasi a Capaccio, proveniente da Buccino, il quale divenuto amministratore del principe d’Angri, riuscì in pochi anni, nella seconda metà del Settecento, a diventare proprietario di ben 1.000 tomoli di terreno che, sommati ai 600 dei suoi familiari, raggiunsero il 15% dell’intero territorio comunale. Inizialmente questi borghesi non avevano particolari ambizioni politiche: il loro orizzonte quasi mai travalicava i confini del comune o della provincia, né aspiravano all’acquisizione di un titolo nobiliare o di un feudo, ma molto più concretamente puntavano alla sola proprietà, come nota il Villani: “mettere insieme un bel patrimonio, strappando un pezzo qui al feudatario, là al demanio ed ancora ai beni della Chiesa, rimaneva l’aspirazione di tutti” La rivoluzione del 1799 avviò un processo che presto avrebbe causato la rottura, a favore della borghesia, di quell’equilibrio instabile che si era creato negli ultimi tempi. Il primo attacco contro i feudatari lo sferrò proprio la monarchia restaurata, con la soppressione

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

47


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

48

dei Sedili di Napoli, che erano il simbolo dell’antica potenza feudale. Ma, in maniera molto più decisiva, per la “eversione della feudalità”, agirono le innovazioni legislative introdotte dai francesi, nei primi anni del secolo XIX, durante il periodo della dominazione napoleonica. L’applicazione di queste leggi comportò un profondo processo di trasformazione della struttura della proprietà fondiaria, con uno spostamento di potere dai feudatari alle classi borghesi. La nuova borghesia terriera continuò, però, ad esercitare un tipo di conduzione precapitalistica; crebbe così sempre più il malessere delle popolazioni rurali, che versavano in condizioni di povertà, di indigenza e di grande arretratezza, oppresse e sfruttate dalla borghesia agraria in modo non meno pesante della vecchia classe feudale. Né, d’altronde, ebbe successo il tentativo di creare uno spazio per la piccola proprietà contadina, attraverso l’assegnazione delle terre demaniali; molti i motivi di questo esito del tutto deludente di una iniziativa, che aveva sollevato all’inizio tante speranze. Delle quotizzazioni preventivate ben poche andarono in porto subito, poche a distanza di decenni, ma sia le une che le altre fecero registrare risultati complessivamente deludenti.

48

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

49

Nel Comune di Capaccio, le pratiche per l’assegnazione delle quote ebbero un iter tortuosissimo trascinandosi, per lunghissimi anni, tra inesauribili liti giudiziarie e perizie tecniche, nell’ultimo periodo borbonico,e nel periodo post-unitario. Esse si conclusero solo nel giugno del 1881: interessarono 476 ettari e 302 contadini, cui furono attribuite quote nelle località Licinella, Laura, Cerzagallara, e Codiglioni. Rimane, pertanto, pienamente accettabile il giudizio storicopolitico di Giustino Fortunato il quale, nel suo famoso saggio del 1879 sulla questione demaniale nel Mezzogiorno, sosteneva che le quotizzazioni servirono a creare nel Sud pochi grossi latifondisti, sempre pronti ad impadronirsi con ogni mezzo delle quote che i contadini erano costretti a lasciare. Nella seconda metà dell’Ottocento, la struttura fondiaria di Capaccio subisce un ulteriore assestamento dovuto essenzialmente alla vendita dei beni ecclesiastici ed al dissolvimento delle proprietà terriere, appartenenti all’ex feudo Doria d’Angri, che si determinò dopo la morte del principe Francesco Doria, conte di Capaccio e principe di Centola, avvenuta il 9 maggio 1874. Si consolidò, così, definitivamente il processo di trasformazione del latifondo baronale in latifondo borghese: dalle ceneri del vecchio padronato post-feudale emerse infatti una ristretta cerchia della ricca borghesia agraria, in gran parte nuova sulla scena di Capaccio Paestum, che con una accorta politica di acquisizioni e di matrimoni divenne, in pochi decenni la classe dominante dei latifondisti agrari nella piana di Paestum. La stessa che nel secondo dopoguerra subirà, non certo passivamente, l’assalto ai latifondi e l’esproprio conseguente alla riforma agraria.

I RAPPORTI DI FORZA I decreti emanati nel 1944, dal Ministro dell’Agricoltura Gullo, pur avendo avuto scarsa applicazione nella Piana del Sele, per l’accanita resistenza, opposta dai latifondisti locali, costituiscono comunque uno strumento di lotta, efficacemente utilizzato dalle organizzazioni sindacali e dai partiti della sinistra. «Ma la superficie di terra, che i latifondisti sono disposti a cedere, risulta assolutamente insufficiente al fabbisogno dei contadini i quali, proprio per questo motivo, appaiono molto decisi ad ottenere in concessione qualsiasi tipo di terreno incolto, persino quello non ancora prosciugato e bonificato dal Consorzio di Bonifica. Il gruppo egemone rimane quello del vecchio P.S.I. che, con una lunga storia alle spalle ed una buona struttura organizzativa, si mostra anche

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

49


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

50

in grado di accettare la collaborazione non solo del P.C.I., ma di tutte le forze che si riconoscono nel Comitato Nazionale di Liberazione. A questo schieramento a Capaccio, non diversamente da quanto avviene altrove, si contrappone il vecchio gruppo liberal-fascista del notabilato locale, che cerca di riciclarsi in un partito forte disposto ad accoglierlo. Ad offrirsi non è la D.C. di ispirazione popolare-sturziana, che a Salerno è rappresentata da Carlo Petrone, ma quella di Carmine De Martino, proveniente dal blocco di liberali, ex fascisti e monarchici dell’U.D.N. Il confronto tra i due blocchi a Capaccio rimane sempre serrato sul piano sociale ed incerto su quello più prettamente politico, come testimonia il risultato delle elezioni del 17 marzo 1946.» A conferma del fatto che il confronto tra i due blocchi rimane incerto sul piano politico si riportano a lato i risultati elettorali delle prime quattro consultazioni amministrative del dopoguerra nel comune di Capaccio: si può notare che ad ogni nuova consultazione si ribaltano i risultati di quella precedente. «[…]Viene eletto sindaco l’esponente del gruppo più forte presente nella lista vincente, cioè il socialista, il quale, nelle successive votazioni per il Referendum, riporta un nuovo successo. Il gruppo socialista rimane a lungo la punta di diamante nel salernitano per tutte le battaglie in cui è in gioco la crescita sociale e civile delle masse contadine, mentre l’obiettivo per i senza-terra di Capaccio, come per gli altri del resto d’Italia, resta pur sempre quello di una riforma agraria generale, su cui inizialmente converge anche la parte cattolico-popolare della D.C. Quando, però, agli inizi del 1947, De Gasperi accetta il diktat americano di estromettere dal governo i partiti di sinistra, le forze popolari e contadine, già rappresentate dal comunista Gullo al Ministero dell’agricoltura, subito capiscono che ora, con l’agrario Grasso al posto del precedente ministro, non possono avere più le stesse prospettive di successo. Ed anche quelli che ancora si illudono di poter diventare protagonisti del proprio destino e sconfiggere gli agrari, unitamente alle forze moderate alle quali si appoggiano, sono costretti a ricredersi di fronte al fatti del I° maggio a Portella delle Ginestre dove, come è noto, vengono massacrati inermi contadini, intenti a celebrare la festa del lavoro, dalla banda di Giuliano assoldata dalla mafia del latifondo. Con l’intento di raggruppare non solo i rappresentanti dei contadini ma tutta la popolazione, giacché tutta la popolazione è interessata, sia direttamente che indirettamente, alla riforma agraria, nascono i primi Comitati della Terra. Dovunque si punta ad ottenere la terra: in concessione temporanea, come chiedono i contadini associati in cooperativa a Capaccio, oppure ricorrendo, all’occupazione diretta dei fondi che si vogliono coltivare, come fanno i braccianti di Colliano e di Palomonte.

50

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

51

ELEZIONI COMUNALI 1946 Elettori: 2.120

ELEZIONI COMUNALI 1952

Votanti: 1.922

Lista dell “Orologio” (sinistre)

Lista della “Bilancia” (centro-destra)

Risultarono eletti tutti i 16 candidati nel seguente ordine:

Risultarono eletti tutti i 16 candidati nel seguente ordine:

Santomauro Amleto (1.095 voti), Di Fiore Pasquale (1.068), Carducci Samuele (1.056), Troncone Pietro (1.055), Marandino Giovanni (1.049), Marino Vincenzo (1.042), Angarola Giovanni (1.039), Franco Crescenzo (1.039), Garofalo Carlo (1.035), Maffeo Paolo (1.035), Paolino Salvatore (1.035), Mauro Giuseppe (1.034), Bavoso Alfonso (1.032), Barattucci Giuseppe (1.023), Sangiovanni Antonio (1.018), Agresti Alfonso (984).

Ferrentino Roberto (1.344 voti); Marandino Giovanni (1.342); Carducci Giuseppe (1.339); Torre Salvatore (1334); Franco Vito (1.325); Di Sirio Vincenzo (1.320); Bellelli Alberto (1.318); Barlotti Giovanni (1.314); Nicodemo Gerardo (1.297); Grattacaso Attilio (1.294); Mari Francesco (1.291); Fasano Mario (1.289); Barlotti Antonio (1.285); Merola Francesco (1.280); Voza Angelo (1.268); Santomauro Aniello (1.260).

***

***

Lista del “Campanile” (centro-destra)

Lista della “Spiga” (sinistre)

Risultarono eletti i primi 4 candidati nel seguente ordine:

Risultarono eletti i primi 4 candidati nel seguente ordine:

Guida Donato (965 voti), Rubini Antonio (963), Palumbo Vincenzo (955), D’Alessio Guido (954).

Paolino Salvatore (1.181); Maffettone Domenico (1.023); Sabia Angelo (1.011); Marino Michele (1.009).

Venne eletto sindaco l’avv. Amleto Santomaro; successivamente, dopo le sue dimissioni presentate pochi mesi dopo, gli subentrò come sindaco Salvatore Paolino.

Venne eletto Sindaco il dott. Roberto Ferrentino, che sarà poi il primo Direttore della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio.

ELEZIONI COMUNALI 1956

ELEZIONI COMUNALI 1960

Votanti 4.751 (2.244 uomini e 2.507 donne) Lista dell’ “Orologio” (sinistre)

Lista delle “Tre torri” (centro-destra)

Risultarono eletti tutti i 16 candidati nel seguente ordine:

Risultarono eletti tutti i 16 candidati nel seguente ordine:

Paolino Salvatore (2.196 voti); Sabia Angelo (2.195); Spirito Antonio (2.187); Marandino Luigi (2.165); Marino Raffaele (2.160); Di Crisci Rosario (2.158); Maffettone Domenico (2.155); De Rosa Raffaele (2.153); Longo Ercole (2.133); Marino Giuseppe (2.131); Gregorio Francesco (2.130); Sacco Giovanni (2.118); Franco Angelo (2.114); Palladino Pasquale (2.113); Agresti Alfonso (1.810); Capo Lucido (1.723).

Spirito Raffaele (2.515 voti); Mastandrea Nicola (2.484); Di Lascio Francesco (2.481); Marandino Antonio (2.472); Di Lascio Enrico (2.467); Barlotti Giacomo (2.463); Franco Vito (2.462); Taddeo Vincenzo (2.461); Di Lucia Gennaro (2.456); Torre Antonio (2.456); Noce Giuseppe (2.453); Arenella Giuseppe (2.446); Voza Antonino (2.444); Vertullo Raffaele (2.435); Voza Aniello (2.430); Palma Matteo (2.426).

***

***

Lista della “Campana” (centro-destra)

Lista dell’ “Orologio” (sinistre)

Risultarono eletti i primi 4 candidati nel seguente ordine:

Risultarono eletti i primi 4 candidati nel seguente ordine:

Rubini Antonio (1.553 voti); Granato Ottavio (1.530); Taddeo Vincenzo (1.526); Franco Vito (1.522).

Paolino Salvatore (2.157 voti); Sabia Angelo (2.087); Spirito Antonio (2.083); Marino Raffaele (2.081).

Venne eletto Sindaco Salvatore Paolino

Capitolo 4

Venne eletto Sindaco l’avv. Raffaele Spirito

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

51


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

52

Capaccio La fontana dei Delfini in una foto d’epoca.

Le elezioni politiche del 18 aprile del 1948, che vedono l’affermazione netta della D.C. dappertutto in Italia, come pure a Capaccio, non fanno altro che acuire lo scontro tra i due blocchi e mobilitare maggiormente i contadini a favore della riforma agraria. Il 20 ed il 21 febbraio dell’anno successivo si tiene a Modena l’Assemblea Nazionale dei Comitati della Terra, con la delegazione dei contadini capaccesi in prima fila, in cui si dà l’avvio alla mobilitazione generale, con l’impegno di tutti a contribuire allo sviluppo del movimento ed a prepararsi alla lotta senza, peraltro, escludere la possibilità di invadere direttamente le terre incolte.»

L’ASSALTO AI LATIFONDI La storia civile e sociale del Mezzogiorno è storia di rivolte popolari, di sollevazioni contadine per il possesso e la coltivazione della terra. Lotte dure, per lo più spontanee, per togliere la terra feconda al latifondo improduttivo e parassitario. Ma la storia ha dei vuoti e delle lacune, non sempre e solo casuali: la cultura ufficiale ha snobbato per troppo tempo episodi, fatti, personaggi scomodi e poco funzionali al sistema. Come questo, appunto, di cui i contadini capaccesi, uomini, donne, ma anche esponenti sindacali e politici locali, audaci e generosi, si resero protagonisti durante gli anni del dopoguerra, nella nostra piana di Paestum. Angelo Capo racconta:

52

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

53

«Di fronte all’ostinato silenzio del governo e delle forze moderate non si intravede via diversa dall’azione e così avviene che dappertutto, a partire dalla fine dell’estate, si verificano occupazioni di terre incolte a nome collettivo di gruppi, di cooperative o di interi villaggi. Dovunque, però, si registra una forte solidarietà, che si va creando intorno ai contadini ed ai braccianti da parte di altre forze sociali, rappresentate da negozianti, artigiani, impiegati ecc. Ma dopo la sorpresa giunge presto la risposta del governo, sollecitato ad intervenire dagli agrari, ed il ministro Scelba non si lascia pregare molto e subito invia la Celere nelle campagne occupate con l’ordine persino di sparare, se necessario, sui manifestanti. Si cominciano a contare i primi morti. Il 30 ottobre, a Melissa, sotto il piombo degli scelbini, cadono tre inermi contadini, tra cui una donna, Angelina Mauro, morta dopo otto giorni di straziante agonia: sul feudo del barone Berlingieri lascia la vita anche un ragazzo di appena 15 anni, Giovanni Zito. L’impressione è enorme in tutto il Paese ed unanime risulta la condanna della polizia e del governo, che tace mentre in tutto il Mezzogiorno la lotta divampa, diventando sempre più anarchica, più atomizzata e quindi più violenta. Di fronte alla protesta contadina, che si va allargando a macchia d’olio in tutto il Sud, il governo è costretto ad intervenire ed il 15 novembre vara un disegno di legge che prevede una parziale riforma agraria, limitata alla sola zona della Sila calabrese. Per i contadini di tutto il Mezzogiorno questa è una vera e propria provocazione alla quale essi rispondono accentuando e moltiplicando le azioni dimostrative con l’occupazione di numerosi altri latifondi. I primi a partire sono proprio i capaccesi i quali, già all’indomani, 16 novembre, appena apprendono la notizia proveniente da Roma, vanno ad occupare il demanio denominato Montagna, in attesa che anche gli altri comuni della piana del Sele si organizzino per compiere un’azione unitaria più incisiva. La scelta della data cade sulla domenica successiva, 20 novembre.» E Paolo Paolino così ne descrive l’ avvenimento: «La preparazione dell’assalto ai latifondi della Piana del Sele fu curata nei minimi particolari sia a Capaccio che a Eboli. A Capaccio qualche giorno prima della data stabilita per l’occupazione, al fine di mascherare i veri obiettivi dei responsabili del movimento contadino e operaio, furono occupate alcune zone della montagna demaniale denominata Monte Soprano che era stata, sin dal primo dopoguerra, già richiesta in assegnazione da parte degli ex reduci e combattenti. Lo schieramento capaccese si presentava molto articolato e lasciava intravedere una grande convergenza popolare di massa verso la riforma fondiaria, la rivendicazione della terra e la conseguente occupazione dei

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

53


BCC50_04-044-059-.qxd

Capaccio popolare.

54

23/03/2004

La biblioteca

17.00

Pagina

54

latifondi che per secoli avevano rappresentato la principale causa di oppressione e di povertà. A parte l’impegno degli esponenti dei partiti della sinistra, le leghe sindacali e in particolare la Federbraccianti, la Federmezzadri e la lega degli operai delle bonifiche, diedero tutto il loro appoggio diretto, di uomini e mezzi, per garantire la riuscita dell’occupazione. La spinta dei braccianti e dei contadini senza terra, dei mezzadri che erano in parte anche soci della cooperativa L’aratro, convinse i responsabili del progetto di occupazione che i tempi erano maturi per sferrare l’offensiva definitiva contro la grande proprietà latifondista. L’organizzazione era stata curata nei minimi dettagli, le riunioni si tenevano durante la notte nella segreteria della camera del lavoro poco distante dalla centrale Piazza Tempone. Erano stati da tempo segretamente designati i capi nuclei responsabili delle singole zone che sarebbero state teatro dell’occupazione ai quali erano state impartite precise istruzioni operative con il vincolo della segretezza. Le responsabilità operative furono assegnate ai massimi dirigenti politici e sindacali locali, Luigi Criscuolo, Giuseppe Paolino, Sabato Desiderio, Mariano Bello, Raffaele Russo, Gaetano Landi, Nicola Palladino, Angelo Antonio Maffeo, Carmine e Michele Leo e Michele Marino, che con grande coraggio ed impegno guidarono oltre tremila tra uomini e donne assicurando la riuscita del Piano di occupazione. Le forze di polizia, all’indomani (21 novembre 1949), della invasione dei latifondi della piana di Paestum, nel tentativo di bloccare il grande movimento popolare di occupazione, con l’inganno trassero in arresto Salvatore Paolino sindaco di Capaccio ritenuto il principale esponente ed ispiratore del movimento contadino di occupazione della piana di Paestum. Sempre con l’inganno dopo qualche ora vennero tratti in arresto anche il bracciante Carlo Santalucia ed i Presidenti delle cooperative agricole, Giuseppe Di Lucia della “Poseidonia”, Goffredo Bavoso dell’ “Unità” e Giuseppe Palombo de “Il Contadino”. Evidentemente le forze di polizia erano state messe al corrente dell’impostante ruolo che il Santalucia e gli esponenti delle cooperative svolgevano

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

55

nel movimento di occupazione. A seguito degli arresti il coordinamento del movimento di occupazione venne affidato a Pasquale Palladino – amministratore della cooperativa “L’Aratro” e ad Anglitto Franco. Il giorno successivo all’assalto dei latifondi della piana di Paestum, Silvano Levrero, giovane e valoroso intellettuale, esponente della camera del lavoro di Salerno, guidò nella rivolta contadini poveri e braccianti all’occupazione del latifondo ebolitano in località Ciuffi. Anche Levrero venne arrestato dalle forze di polizia. Il movimento di occupazione continuò per alcuni giorni e vide la partecipazione attiva del movimento contadino e popolare di Albanella, Pontecagnano, Altavilla, Serre, Buccino, Montecorvino Pugliano, Roccadaspide, Trentinara, Giungano, Montecorvino Rovella e Sicignano degli Alburni. Salvatore Paolino e gli altri dirigenti arrestati furono rilasciati dopo che lo sciopero generale indetto dalla camera del lavoro di Salerno venne revocato a conclusione dell’incontro tenuto in Prefettura tra i rappresentanti degli agrari e gli Onorevoli Pietro Amendola, Pietro Grifone e Francesco Cerabona, dal quale emersero assicurazioni sulla concessione delle terre demaniali di Persano e sulla estensione della Riforma Fondiaria nella Piana del Sele […] Il Sindaco Paolino, i Presidenti delle cooperative Di Lucia, Bavoso, Palombo ed i dirigenti Carlo Santalucia, Carmine Leo, Emilio Paolino, Biagio Conforti, Anglitto Franco, Luigi Criscuolo e Raffaele Voza furono processati con l’imputazione prevista dall’art. 414 del Codice Penale “per avere istigato gli altri imputati a commettere il delitto di occupazione arbitraria di terre”. Mentre Carmelo Leo, Goffredo Bavoso, Giuseppe Di Lucia, Carlo Santalucia, Giuseppe Palombo, Giuseppe Paolino, Donato Parente, Enrico Palladino, Domenico Marino, Antonio Giglio, Alfonso Bavoso, Domenico D’Angelo, Nicola Palladino, Salvatore Buccella, Vincenzo Palladino, Angelo Bavoso, Mariano Bello, Antonio Buccino, Raffaele Russo, Angelo Antonio Maffeo, Vincenzo Desimone, Pasquale Palladino e Pasquale Vecchio furono processati con l’imputazione prevista dall’art. 633 del C. P. “per avere in concorso tra loro occupato arbitrariamente terreni appartenenti al Comune di Capaccio – Società Anonima Fondi Rustici, Bellelli Ernesto, Ricciardi Roberto, Agnetti Gioacchino e Scaramella Luigi”. Il processo venne celebrato davanti al tribunale di Salerno che con illuminata sentenza del 6 marzo 1952, mandò, con motivazioni di grande significato sociale e giuridico, assolti tutti gli imputati.» «Le lotte contadine -racconta Angelo Capo- non si fermano, però, con la decapitazione del movimento della Piana del Sele e continuano per tutto l’inverno in quasi tutte le regioni meridionali con un bollettino di guerra che, oltre ad alcune migliaia di feriti, annovera anche varie decine di morti, con il numero più elevato a Torremaggiore ed in provincia di Foggia. Le notizie che provengono da tutto il sud della penisola sono così allarmanti

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

55


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

56

che il governo non può ignorarle ulteriormente ed è costretto a superare ogni incertezza sul tipo di riforma agraria da attuare. Finalmente il 17 marzo viene portato in discussione alla Camera dei deputati un disegno di legge governativo che prevede di estendere anche alle altre regioni meridionali, ivi compresa la piana del Sele, quanto già proposto per la Sila. Il provvedimento viene successivamente trasformato in legge dello Stato dal Senato il 21 ottobre del 1950, col nome di Legge Stralcio, in quanto considerata uno stralcio ed un’anticipazione della futura legge generale di riforma più volte promessa ma, come si sa, mai più approvata in seguito.»

Goffredo Bavoso in tenuta da militare.

56

La testimonianza Goffredo Bavoso, classe 1918. “Sono nato con la spagnola e sono riuscito a sopravvivere una prima volta” ci racconta, lucido ed arguto nella sua abitazione, in via Italia 61 a Capaccio Scalo. L’8 settembre 1943, dopo anni di campagne di guerra è di stanza in Piemonte, insieme ad un fratello, con il suo reparto militare. “Sbandato” insieme a quasi tutti i suoi commilitoni, sfugge ai rastrellamenti tedeschi trovando rifugio nelle campagne torinesi. Unitosi, ben presto ad una colonna partigiana, sopravvive, insieme al fratello, un seconda volta ad una rappresaglia di fascisti e tedeschi, che uccidono tutti i suoi compagni: trentasette partigiani, sorpresi nel sonno e crudelmente assassinati. Si commuove nel raccontare questi episodi salienti della sua vita e ci mostra il suo corpo devastato dalle cicatrici di operazioni chirurgiche che ha dovuto subire, nel corso della sua lunga e tormentata esistenza. Rientrato a Capaccio ottiene un buon posto di lavoro, ben retribuito, presso il Consorzio di Bonifica di Paestum, grazie alla sua specializzazione di carpentiere. Presidente di una delle tre cooperative agricole “L’unità” (e sorride mentre lo dice), nel 1949 è uno dei capi, in prima fila

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

57

nell’occupazione delle terre. Nonostante la difesa passiva opposta alle cariche di polizia e Carabinieri dagli inermi occupanti, Goffredo viene individuato come uno dei capi e trasferito al carcere di Salerno, insieme al Sindaco Paolino ed altri 11 compagni. Vi resterà insieme a loro tre giorni e sarà poi assolto dall’accusa di istigazione all’ invasione di terre. -”Ma un carpentiere, che non aveva bisogno di terre perché ha partecipato così attivamente all’occupazione delle terre?” - “Perché non sopportavo l’ingiustizia sociale dei pochi latifondisti della Piana, che negavano un pezzo di terra da coltivare a poveri contadini affamati” è la disarmante e prevedibile risposta. Goffredo Bavoso, umile e fiero al tempo stesso, è un personaggio che merita rispetto, capace di combattere contro le ingiustizie sociali senza interesse personale, in un mondo di furbi! I poderi furono poi assegnati, in gran parte, non ai suoi compagni di lotta, ma ad amici e clienti di quei personaggi politici che seppero manovrare bene le leve del potere che gli era stato conferito; ma così va il mondo, purtroppo! Goffredo è ancora capace di indignazione quando osserva: “Adesso vendono a 6-700 milioni quei poderi!”

LA COLONIZZAZIONE NEL COMPRENSORIO DEL SELE “Paolo Paolino non è uno storico, né un giurista, né aspira a tale qualificazione” come scrive il sen. Gaetano Fasolino nella prefazione del saggio “Lotte per la terra e riforma fondiaria nella piana del Sele”, edito da Boccia nel 1991. Egli ha inteso “stendere semplicemente un “racconto” di quel che fu, per ricordare a se stesso, e a chi lo voglia, le sofferenze, i sacrifici, la volontà di riscatto insopprimibili delle nostre genti; ma senza enfasi, con lucido e appropriato tecnicismo, con date e con cifre. E tanto gli si conviene, essendo egli figlio e nipote di Salvatore Paolino e Gaetano Paolino, che rispettivamente negli anni ‘20 e ‘30 (il secondo) e negli anni ‘40 e ‘50 (il primo) furono l’anima di quelle lotte su quelle terre.” Dal suo saggio, dall’abbondante messe di date e di cifre, che lo corredano, ne riprendiamo alcune che ci sembrano particolarmente significative. La Riforma Agraria riguardò diverse regioni italiane, quelle dove esistevano comprensori con vasti latifondi: il Delta padano, la maremma tosco-laziale, il bacino del Fucino, Puglia-LucaniaMolise, Calabria, Sardegna, Sicilia, Campania. Il territorio della piana del Sele fu interessato ad interventi di espropri nei comuni di Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia, Capaccio, Serre, Eboli, Pontecagnano: la superficie effettivamente assegnata fu di 7.274 ettari divisa in 1.002 poderi e 713 quote.

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

57


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

58

«Con l’estensione della Riforma Stralcio in Campania, il Legislatore si proponeva di creare, previo esproprio di parte della proprietà latifondista, unità poderali autosufficienti, capaci di soddisfare le esigenze delle popolazioni rurali e contadine del comprensorio di Riforma. La Sezione Speciale per la Riforma Fondiaria in Campania, presso l’Opera Nazionale Combattenti, elaborò, per il comprensorio di Riforma del Sele, un progetto di colonizzazione per ogni comune del comprensorio. Le prime iniziative intraprese dall’O.N.C. per delineare una concreta opera di colonizzazione e per creare condizioni di vivibilità nelle zone di Riforma furono: ❏ la messa a coltura dei terreni incolti assegnati per una superficie di 5.500 ettari; ❏ la realizzazione di opere di sistemazione idraulica e agraria, per una superficie di 6.500 ettari; ❏ la creazione di idonee reti irrigue; ❏ l’impianto di fasce frangivento. Realizzate queste opere primarie si pose finalmente mano alla realizzazione dei nuovi ordinamenti produttivi. Di pari passo l’Ente si rese promotore della introduzione delle lavorazioni meccaniche, delle moderne tecniche di coltivazione, della concimazione e dei trattamenti antiparassitari.»

Il ministro Rumor inaugura il Borgo di Gromola; presenzia il sindaco Paolino.

58

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_04-044-059-.qxd

23/03/2004

17.00

Pagina

59

DATI RELATIVI AI PROGETTI DI COLONIZZAZIONE DEL COMUNE DI CAPACCIO Con la colonizzazione fu espropriata una superficie di 3.278 ettari su una superficie territoriale complessiva del comune di 11.108 ettari raggiungendo i seguenti obiettivi: ❏ ❏ ❏ ❏ ❏

assegnazione di 308 poderi assegnazione di 126 quote costruzione di un borgo rurale: Gromola costruzione di un centro servizio: Spinazzo trasferimento al Consorzio di bonifica di una superficie per la costruzione di un villaggio rurale

In ogni podere trovò impulso lo sviluppo dell’allevamento soprattutto bovino e suinicolo. L’Ente introdusse oltre 2.000 capi bovini, circa 400 suini ed oltre 10.000 riproduttori avicoli. I risultati si manifestarono in breve tempo: ❏ il prodotto lordo vendibile (P.L.V.) relativo ai terreni della Riforma passò dagli 855 milioni del 1953 a ben 4.226 milioni nel 1962; ❏ in un decennio la produzione si era quintuplicata e il P.L.V. per ettaro di terreno passò da 154.000 lire a 584.000 con un incremento del 370%; ❏ nella zootecnia, l’incremento degli allevamenti nel periodo 19501960 fu del 50%; il bovino passò da 8.430 capi a ben 16.450 capi, mentre l’allevamento bufalino rimase stazionario, ma si avviò dalle forme di conduzione brada e semibrada a forme di stabulazione fissa; ❏ la meccanizzazione agricola, nelle aree della Riforma ebbe un incremento del 370%, mentre nelle altre zone della provincia di Salerno fu solo del 210%. Questi dati da soli sono sufficienti a mostrare l’importanza dei risultati conseguiti, nel campo della produzione e dell’economia agricola del comprensorio del Sele, ad opera della colonizzazione dei terreni espropriati e della successiva introduzione dei nuovi ordinamenti produttivi indirizzati verso il mercato e verso l’industria di trasformazione. Il nuovo assetto fondiario, scaturito dalla Riforma Fondiaria, non solo aveva rotto le secolari catene della arretratezza dell’economia latifondistica, ma aveva sconvolto, con i nuovi ordinamenti produttivi introdotti in funzione dell’economia di mercato, i vecchi equilibri nelle campagne, promuovendo il fiorire di un moderno sviluppo dell’agricoltura che grande influenza esercitò sullo sviluppo delle altre attività industriali, artigianali e di servizi.

Capitolo 4

L’occupazione delle terre e la riforma fondiaria

59


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.03

Pagina

60


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.04

Pagina

61

Capitolo 5 L a Cassa Rurale ed Artigiana: i pionieri

I

l giornalista Oreste Mottola traccia il profilo della presidenza di Enrico Granato, mio padre, e di quella di Rosario Pingaro.

LA PRESIDENZA GRANATO «La presidenza del notaio De Maria durò un giorno solo. Il suo compito fu quello di dare l’avvio alle attività della Cassa Rurale. Il bastone del comando, o meglio, l’onere della ciclopica azione di dare, ogni giorno, testa e gambe all’impresa che si proponeva di riscattare contadini ed artigiani di Capaccio e Paestum da una condizione assai difficile, passò subito sulle spalle dell’avvocato Enrico Granato. Sei figli, di modi cordiali, d’indole assai pratica, dalla ricca inventiva, Granato faceva il civilista ma era anche attivo nell’industria boschiva e nell’edilizia. E’ ancora ricordato per la sua battaglia affinché Capaccio avesse una scuola media. Gli fu sempre chiaro come, senza lo sviluppo dell’istruzione, non ci potesse essere avanzamento economico. “De Maria era un’autorità morale indiscussa ma senza l’impegno di Granato la banca non si sarebbe avviata”, racconta il figlio. La prima sede era a Capaccio capoluogo, nel Palazzo dei Granato, tra le vie Vaudano e Guazzo. Alla direzione c’era Roberto Ferrentino, colui che successe a Salvatore Paolino come sindaco di Capaccio. L’unico impiegato era il giovanissimo Francesco Amodio Patella, che negli anni successivi sarebbe diventato un apprezzato veterinario e poi sindaco del paese. “Le nostre uniche attrezzature erano una calcolatrice a mano, che funzionava con delle sfere”, ricorda Patella.

Foglio d’inventario al 31 dicembre 1954 della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio.

Bisognava misurasi con le esigenze di una stentata economia post-bellica che faticava ad ingranare


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.04

L’avvocato Enrico Granato.

Capaccio Scalo Il Consorzio di Bonifica ospitò, per un breve periodo, la Cassa Rurale e Artigiana quando la sede si trasferì da Capaccio capoluogo alla “piana”.

62

Pagina

62

I primi anni d’attività della Cassa Rurale furono molto difficili. “Si trattava di misurarsi con le esigenze di una stentata economia post bellica che faticava ad ingranare”, ricorda. L’istituto bancario non aveva ancora una propria sufficiente capitalizzazione. Il primo punto di svolta fu nell’assistenza ai tanti piccoli proprietari pestani che vennero espropriati dei pezzi di terreno necessari al passaggio del secondo binario della ferrovia. “Non so come fece e quali leve usò. Ma si dette talmente da fare che i pagamenti per gli indennizzi degli espropri passarono quasi tutti attraverso di noi. E quella raccolta - dice ancora Patella - ci diede una marcia in più...”. Ma dopo due, tre anni sarebbe arrivato un brusco stop. Nei dintorni di Paestum due clienti importanti, noti commercianti d’elettrodomestici, lasciarono uno “scoperto” di cinque milioni di lire. Eccessiva fiducia? Gestione malaccorta? La cifra, per i tempi e per le dimensioni che aveva allora la banca, ne appannò la credibilità, generò apprensione e determinò le dimissioni di qualche dipendente. Urgeva chiudere il buco, in gioco c’era la sopravvivenza stessa dell’impresa. “Mio padre ci rimise anche dei soldi suoi”, rivela oggi il figlio, ed un’altra parte fu recuperata attraverso la provvidenziale maturazione di buoni fruttiferi che erano stati “accesi” negli anni precedenti. Fu una storia che si trascinò per anni ma che non impedì l’ascesa della Cassa Rurale. Negli anni Sessanta la società e l’economia si misero a correre in maniera tumultuosa. La svolta storica della liberazione del latifondo, è la tesi dell’economista Luigi Gorga, fa da propulsore al successivo boom dell’economia turistico - alberghiera. “Più case, più alberghi, più commercio, più produzione agricola. Lo sviluppo dell’economia locale - spiega Gorga - si è sempre caratterizzato in termini quantitativi”. Cominciò l’era dei campeggi nei quindici chilometri della zona litoranea e ci si mise alle spalle la gloriosa storia del ristorante “Nettuno” e dell’osteria di Ciccio D’Anzilio a Foce Sele, già in attività da prima della guerra; del “Lido delle Sirene” aperto da Vincenzo Pannullo nell’immediato dopoguerra e dell’Autostello dell’Aci vicino alle mura di Paestum. I pionieri di questa fase sono il “Lido Cascate” ed il “Villaggio” nonchè il “Lido Cinzia”. Successivamente verranno “Nonna Sceppa”, il “Clorinda” di Giovanni Di Sirio ed il “Nettuno” dei Capo. Da quel momento in poi Capaccio - Paestum diventò una delle principali piazze economiche della Campania. Diventò anche una “città nuova”, di quelle dove è prevalente l’arrivo di genti provenienti da diversi luoghi, e qui, com’evidenziano i sociologi, c’è il dato comune del carattere particolare degli abitanti, con la

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.04

Pagina

63

prevalenza delle personalità sveglie ed operose. Ed il fulcro di questa vera e propria nuova frontiera fu la “vecchia” Cassa Rurale fondata dal notaio De Maria e guidata dall’avvocato Granato. Diventarono clienti della Banca anche alcuni noti vip dell’economia provinciale. Ci fu Gagliardi, presidente della Salernitana Calcio, il figlio di Filippo Gagliardi, l’emigrante di Montesano sulla Marcellano, che partito da semplice muratore aveva fatto fortuna in Venezuela. Arricchitosi con il petrolio, la lottizzazione e la vendita dei terreni in Sud America era pronto a riscattare la sua misera condizione di un tempo con azioni eclatanti. Fondamentale fu l’apporto dato, in questa fase, da Rosario Pingaro, don Rosario per tutti, riconoscimento all’imprenditore che fondò, non lontano dall’area archeologica, la fabbrica che poi ha ceduto a Cirio. Finisce la fase eroica della banca ed inizia quella del consolidamento di una delle più importanti realtà creditizie campane.

Capaccio Scalo Nella piazza Santini questo edificio fu sede della Cassa Rurale ed Artigiana.

LA COMPOSIZIONE DEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DURANTE LA PRESIDENZA GRANATO 16 luglio 1954 Presidente: Granato Enrico Vice presidente: Franco Vito

29 aprile 1956 Collegio sindacale Presidente: De Palma Giacomo Sindaci effettivi: Calenda Enrico, D’Alessio Guido Sindaci supplenti: Guazzo Francesco, Ragni Antonio

28 aprile 1957 Consiglieri: Arenella Ernesto, Barlotti Antonio, Barlotti Giovanni, Di Sirio Giovanni, Palmieri Nicola

29 marzo 1958 Presidente: Granato Enrico Vice presidente: Di Sirio Giovanni Consigliere: Franco Vito Sindaco effettivo: Marandino Giovanni fu Giuseppe (al posto di Calenda Enrico)

25 aprile 1959 Collegio sindacale Presidente: Ruggi D’Aragona Ettore Sindaci effettivi: Lordi Gregorio, Marandino Giovanni Sindaci supplenti: Casabella Giovanni, Guazzo Francesco

21 aprile 1963 Vice presidente: Barlotti Giovanni Consiglieri: Barlotti Enrico, Sabia Angelo, Spirito Vincenzo, Stromillo Donato

25 aprile 1960 Vice presidente: Barlotti Giovanni Consiglieri: Barlotti Antonio, Sabia Angelo, Stromillo Donato, Voza Vincenzo, (più Franco Vito in carica) Sindaco effettivo: Casabella Giovanni al posto di Marandino Giovanni Sindaci supplenti: Sorrentino Filiberto, Nicodemo Gerardo

23 aprile 1961 Presidente: Granato Enrico Consiglieri: Consalvo Giovanni, Di Sirio Vincenzo, Franco Vito

14 aprile 1962 Collegio sindacale Presidente: Ruggi D’Aragona Ettore

Capitolo 5

Sindaci effettivi: Lordi Gregorio, Persico Mario

La Cassa Rurale ed Artigiana: i pionieri

25 aprile 1964 Presidente: Granato Enrico Consiglieri: Consalvo Giovanni, Di Sirio Vincenzo, Franco Vito

25 aprile 1965 Presidente: Granato Enrico Vice presidente: Pingaro Rosario Consiglieri: Barlotti Enrico, D’Amato Carmine, Di Sirio Vincenzo, Franco Vito, Pisani Arnaldo, Sabia Angelo, Stromillo Donato Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Casabella Giovanni, Lordi Gregorio Sindaci supplenti: Ragni Antonio, Vitolo Marcellino

63


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.04

Pagina

64

LA PRESIDENZA PINGARO

Il presidente Pingaro all’inaugurazione della sede di Via Nazionale a Capaccio Scalo.

64

Un vero pioniere, un grande imprenditore, sempre in anticipo sui tempi. Questo è stato Rosario Pingaro, presidente della Cassa Rurale di Capaccio dal 1965 al 1987. Gran parte delle realizzazioni edilizie di Capaccio Scalo portano la sua firma. “Era un vulcano, non stava mai fermo, difficilissimo stargli dietro”, ricorda il figlio Vincenzo, ingegnere. “La sua religione era il lavoro. All’infuori di questo non vedeva altro”. Fu anche un vero e proprio “self made man”, un uomo che si era fatto tutto da solo. Nato a Fonte di Roccadaspide nel 1911, era l’ultimo figlio di otto fratelli e sorelle. Il padre fu emigrante in Argentina, ma ritornava spesso a casa, ed appena l’età lo permetteva si prendeva un figlio e lo portava con sé fino a sistemarlo adeguatamente nella fertile terra argentina. Le due femmine, con il piccolo Rosario, rimasero in Italia. Il ragazzo ebbe un’istruzione sommaria, fino alla terza elementare. “Per la mentalità del tempo - racconta il figlio Vincenzo - bastava saper leggere, fare la propria firma e cavarsela con le quattro operazioni aritmetiche”. Sotto le armi il giovane Rosario s’accorge che non ha un’istruzione sufficiente. Fu così che si rimise a studiare da privatista, per corrispondenza, e sostenne tutti i vari esami. Alle soglie delle superiori dovette però arrendersi. Quando tornò a casa il lavoro dei campi lo riassorbì e non ci fu il tempo di tornare ad applicarsi sui libri. I problemi ora erano altri e così cominciò a prendere altro terreno in fitto per coltivarlo. L’obiettivo era quello di avere un’azienda agricola più grande. Andrà, come vedremo, molto più lontano. Nel 1957, a causa delle grandi difficoltà nel vendere il latte prodotto nell’azienda Pingaro ebbe l’intuizione di impiantare una piccola centrale per pastorizzare ed imbottigliare il latte per uso alimentare. Nel 1963 Pingaro trasferì la sua attività a Capaccio Scalo, l’ampliò e cominciò ad usare anche le buste di cartone. Alle soddisfazioni economiche fecero da contrappeso le amarezze dei due figli persi, in poco più di un decennio, in circostanze tragiche. Nel 1970 costruì lo stabilimento che è stato poi ceduto alla Parmalat. “In quel periodo ebbe un serio incidente automobilistico.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.04

Pagina

65

L’azienda aveva, a seguito degli investimenti per la costruzione, qualche difficoltà finanziaria e dalle stalle non arrivava latte di buona qualità per i tempi lunghi di trasporto. I refrigeranti non c’erano. La concorrenza era troppo spietata e preferimmo passare la mano”, racconta l’ingegnere Vincenzo. Ma l’uscita dal settore alimentare non frena la voglia d’imprenditoria di Rosario Pingaro. Fonda la Later Cap (Laterizi Capaccio) che si impianta a Campagna (in società con la Rdb) solo perchè non troverà a Capaccio un suolo a prezzi abbordabili. Nel dopo terremoto altra iniziativa ad Oliveto Citra, dove fonda le “Terrecotte del Sele”. Nel 1986 passa a Battipaglia dove avvia l’Aristea, piatti e bicchieri monouso in plastica, oltre 260 addetti tra diretti ed indotto. “E’ una delle prime cinque aziende del settore a livello nazionale”, sottolinea il figlio.

Capitolo 5

La Cassa Rurale ed Artigiana: i pionieri

65


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.05

Capaccio Scalo Inaugurazione della sede di Via Nazionale.

66

Pagina

66

Nessuno più di lui ha mai creduto tanto nell’importanza della cooperazione. Anche nelle sue aziende ha sempre voluto altri soci. Ha sempre predicato per avere associazioni, cooperative, società. Non ha mai creduto all’utopia della tradizione cilentana che vede col fumo negli occhi ogni forma di cooperazione tra pari. L’individualismo non gli è mai appartenuto. La sua soddisfazione era quella di dare il via ad iniziative che fossero poi capaci di camminare da sole”. Rosario Pingaro approda all’interno della Cassa Rurale: “Voluto dall’avvocato Granato, che lo fece diventare suo vice”, racconta il figlio. C’è un’intera comunità in movimento. La bonifica è finita, l’agricoltura capaccese comincia a diventare redditizia, sullo sfondo c’è lo straordinario boom economico italiano degli anni Sessanta e a Paestum il turismo diventa un’altra voce importante dell’economia locale.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_05-060-067-.qxd

23/03/2004

17.05

Pagina

67

La sua ricetta era semplice: “La banca doveva aiutare chi aveva buone idee e dimostrava serietà d’intenti e non dare i soldi a chi già ce li aveva. Sulla consistenza del patrimonio prevalevano le valutazioni sulle capacità imprenditoriali. Tante solide realtà aziendali di oggi sono state alimentate dai primi soldi avuti in prestito dalla Cassa Rurale gestita con questa sua idea”. Anche per questo la nostra banca è diventata la maggiore delle banche di credito cooperativo campane.» LA COMPOSIZIONE DEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DURANTE LA PRESIDENZA PINGARO 30 aprile 1966

Il 24 aprile 1971 viene integrato il consigliere Guglielmotti Giuseppe

Presidente: Pingaro Rosario Vice presidente: D’Amato Carmine Consiglieri: Cursaro Vincenzo, D’Anzilio Giuseppe, Ferraro Giuseppe, Franco Vito (dimissionario delibera n°150 del 15/06/66), Palmieri Antonio (dimissionario delibera n°161 del 06/12/66), Sabia Angelo (dimissionario delibera n°162 del 20/12/66), Voza Eustachio

Presidente: Pingaro Rosario Vice presidente: D’Amato Carmine Consiglieri: Cafasso Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, Cursaro Vincenzo, D’Anzilio Giuseppe, Ferraro Giuseppe, Guglielmotti Giuseppe, Voza Eustachio

Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Granato Ottavio, Lordi Gregorio Sindaci supplenti: Garofalo Emilio, Nevola Cesare

Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Granato Ottavio, Lordi Gregorio Sindaci supplenti: Garofalo Emilio, Nevola Cesare

Il 22 aprile 1967 vengono integrati il consigliere Petraglia Antonio ( con delibera consiliare n°161 del 06/12/66), Fasolino Raffaele (dimessosi per incompatibilità delibera n°182 del 12/12/67) e Cafasso Antonio. Il 27 aprile 1968 viene integrato il consigliere: Capozzoli Rizzi Giovanni

25 aprile 1969 Presidente: Pingaro Rosario Vice presidente: D’Amato Carmine Consiglieri: Cafasso Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, Cursaro Vincenzo, D’Anzilio Giuseppe, Ferraro Giuseppe, Petraglia Antonio (dimessosi per incompatibilità delibera n°223 del 23/06/70), Voza Eustachio Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Granato Ottavio, Lordi Gregorio Sindaci supplenti: Garofalo Emilio, Nevola Cesare

Capitolo 5

30 aprile 1972

13 aprile 1975 Presidente: Pingaro Rosario Vice presidente: D’Amato Carmine Consiglieri: Cafasso Antonio, Capo Lucio, Capozzoli Rizzi Giovanni, Cursaro Vincenzo, Ferraro Giuseppe, Guglielmotti Giuseppe, Palmieri Antonio, Sabia Angelo, Voza Eustachio Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Granato Ottavio, Petrone Silvio Sindaci supplenti: Di Sirio Gaetano, Nevola Cesare

8 aprile 1978 Presidente: Pingaro Rosario Consiglieri: Capozzoli Rizzi Giovanni, Cursaro Vincenzo, Desiderio Giuseppe, Di Sirio Gaetano, Guglielmotti Giuseppe, Palmieri Antonio, Sabia Angelo, Sacco Antonio, Salati Antonio, Voza Eustachio (con delibera consiliare n°440 del 14/04/78 furono eletti vice presidenti Cursaro Vincenzo e Sabia Angelo)

La Cassa Rurale ed Artigiana: i pionieri

Collegio sindacale Presidente: Vecchio Mario Sindaci effettivi: Granato Ottavio, Petrone Silvio Sindaci supplenti: Cerullo Carmine, D’Anzilio Giuseppe

4 aprile 1981 Presidente: Pingaro Rosario Consiglieri: Barlotti Giacomo, Cursaro Vincenzo, Desiderio Giuseppe, Di Lascio Domenico Angelo, Di Sirio Gaetano, Guglielmotti Giuseppe, Palmieri Antonio, Sabia Angelo, Sacco Antonio, Salati Antonio (con delibera consiliare n°569 del 15/04/81 furono eletti vice presidenti Guglielmotti Giuseppe e Sabia Angelo) Collegio sindacale Presidente: Vecchio Antonio Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, D’Anzilio Giuseppe Sindaci supplenti: Palma Alfredo, Scariati Cosimo

8 aprile 1984 Presidente: Pingaro Rosario Vice presidenti: Sabia Angelo, Guglielmotti Giuseppe Consiglieri: Barlotti Vincenzo, Capo Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, D’Angelo Domenico, D’Anzilio Giuseppe, Desiderio Giuseppe, Di Lascio Domenico Angelo, Di Sirio Gaetano Collegio sindacale Presidente: Vecchio Antonio Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, Tanza Remo Sindaci supplenti: Bellelli Enrico, Palma Alfredo

67


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

68


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

69

Capitolo 6 L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

L

uigi Gorga è un altro dei figli della “nostra” terra che ha dato buona prova di sé, sia in campo professionale, sia nell’impegno politico. Il suo forte radicamento alle proprie origini è legato anche al ricordo di una figura, quella del nonno, che è stato certamente un importante riferimento affettivo nella sua infanzia. Non è un caso che anch’egli, come Angelo Capo, abbia questo tratto familiare (la figura paterna nel caso di Capo), che li accomuna: due vite parallele, vissute nell’amicizia, nella stessa militanza politica, e perché no? anche nella reciproca stima ed emulazione. Sentite con quale delicatezza ed acutezza, di accenti e di sentimenti, Luigi Gorga dedica al nonno il suo saggio, sull’economia di Capaccio-Paestum nella Piana del Sele (1961 - 1984). «A nonno Mauro, classe 1898, fante della Grande Guerra, contadino dalla nascita. Interprete autentico della sua condizione umana e di quell’insieme di valori, sentimenti e tradizioni che affermano una concezione del mondo ‘possibile’ e fanno della cultura contadina la cultura madre, come la terra, perché più vera e più coerente, più dolce e più violenta, perché sintesi nel tempo e nello spazio di una funzione pacificatrice intimamente risolutiva della contraddizione apparente tra i fatti della Natura e quelli dell’Umanità.» In realtà, di questa contraddizione, Luigi Gorga si è fatto audace ed autorevole interprete, nel suo saggio, che, come egli stesso avverte è

La bufalara in un’opera del Maestro Bruno Bambacaro.

L’analisi demografica ed economica condotta da Luigi Gorga è un esempio abbastanza raro nel nostro panorama culturale


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

70

uno studio “orientato in modo particolare all’acquisizione ed alla riesposizione della maggiore quantità di dati riconducibili all’osservazione dei fatti economici che hanno interessato il Comune di Capaccio-Paestum tra il 1961 ed il 1984, riservando uno spazio congruo al commento degli stessi ed evidenziando per linee essenziali le ‘inevitabili’ opinioni dell’autore.” E, per comprenderne a fondo la singolarità, nonché la grande utilità, per quanti, Amministratori pubblici o privati imprenditori, vogliano attrezzarsi seriamente ad una programmazione sul territorio, basterebbe leggere quanto ne scrive il prof. Giovanni Somogyi, Ordinario di Programmazione Economica nell’Università “La Sapienza” di Roma: In questa e nelle successive illustrazioni strumenti e attrezzi dei contadini capaccesi conservati nel “Museo della civiltà contadina” di Vannulo.

70

«La cultura italiana, intesa come produzione e circolazione di idee, si è spesso distinta per aver attribuito il primato alla teoria rispetto allo studio applicato, alla elaborazione di sistemi globali rispetto alle analisi puntuali, all’astratto rispetto al concreto, alla speculazione umana e letteraria rispetto all’indagine tecnica e scientifica. Naturalmente non ci può essere pratica senza teoria, analisi specifiche senza modelli generali di riferimento, né è il caso di condividere le esagerazioni di coloro che esaltano la tecnologia e la scienza contro la letteratura, la filosofia e l’arte. Ciò non toglie però che quei connotati della cultura italiana che abbiamo ora ricordato, oltre ad essere in sé indicatori sintomatici di ritardo intellettuale, hanno avuto ed hanno ancora una funzione di conservazione politica e sociale. In materia economica, il nostro Paese vanta tradizioni di gran rilievo nel campo della teoria pura; ben diversa è la situazione degli studi applicativi. Siamo lontani dal possedere un vasto patrimonio di ricerche e di analisi sulle assai numerose realtà territoriali e settoriali, che costituiscono il tessuto dei moderni sistemi socioeconomici; un patrimonio analogo a quello che è stato accumulato ad esempio nei Paesi anglosassoni.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

71

L’analisi demografica ed economica condotta da Luigi Gorga sul Comune di Capaccio-Paestum e sulla Piana del Sele è quindi un esempio abbastanza raro del nostro panorama culturale; sarebbe opportuno che simili progetti di ricerca si moltiplicassero, per infittire la maglia ancora rada degli studi oggi disponibili sui sistemi territoriali locali. […] Mi sembra che questi studi siano la premessa di un impegno politico nuovo, serio e responsabile a livello locale. La programmazione di cui tanto si parla, come se fosse qualcosa di mitico, è in realtà, secondo un approccio moderno, un processo caratterizzato da una struttura logica facilmente comprensibile. E’ un processo articolato su quattro fasi; una fase di analisi della realtà sulla quale intervenire, analisi che consente di cogliere i dati del problema e le prospettive possibili; una fase progettuale, nella quale si formulano gli obiettivi e si identificano le risorse e le azioni strumentali atte a conseguirli; una fase informativo- partecipativa, essenziale in un sistema democratico per verificare l’adesione che le forze sociali e anche i singoli individui (nella loro molteplice veste di lavoratori, di consumatori, di risparmiatori, di contribuenti, ecc.) possono garantire ai fini dell’ultima fase, quella realizzativa. E’ chiaro che tutto il processo programmatico si basa sulla disponibilità di analisi adeguate. L’impegno politico, per condurre ad autentici progressi, deve fondarsi su un serio lavoro di ricerca e di analisi della realtà nella quale si opera. Il libro di Luigi Gorga è un buon esempio di questo genere di lavoro.”

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

71


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

72

Naturalmente, la ricerca andrebbe completata ed aggiornata con i dati demografici ed economici di Capaccio-Paestum, relativi ai due decenni che ci separano dal quel 1984, in cui il saggio si conclude; ma l’impostazione del lavoro esiste già ed anzi sarebbe interessante confrontare le estrapolazioni possibili dai dati di allora, con i risultati realmente riscontrati. Noi ci limiteremo ad una esposizione sintetica del lavoro di Luigi Gorga, con qualche riscontro qualitativo delle previsioni di allora, quando possibile.

L’AGRICOLTURA Lo studio viene condotto per ciascun comparto dell’economia (Agricoltura, Turismo, Industria, Commercio, Credito e Risparmio) iniziando dall’agricoltura. «Il settore agricolo rappresenta, insieme con quello turistico, un settore trainante per l’economia locale, indubbiamente il primo settore per volume di produzione annua vendibile, sia perché consente il continuo e pieno impiego dei fattori produttivi sia perché accoglie il maggiore numero di addetti (ed in termini di micro-sistema il maggior numero di ‘consumatori’ nell’accezione economica del termine).» Gorga osserva, anzitutto, che nel decennio 1961/70 a Capaccio è venuta consolidandosi, rispetto alla totalità della Piana la forma di conduzione “indiretta”, cioè a dire quella che si avvale del lavoro di salariati e/o compartecipanti. «Ciò è dovuto, a mio avviso, sia allo sviluppo di nuove colture industriali e/o destinate all’esportazione e comunque realizzate con tecniche innovative (fragole, frutta in genere) sia al persistente accorpamento delle più grandi aziende agricole locali che hanno giocato un ruolo in positivo nella salvaguardia della superficie coltivabile.» Per quanto riguarda l’incidenza di Capaccio sulla Piana del Sele, nel ventennio 1961/1982 si evidenzia una sostanziale conferma del numero delle aziende

72

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

73

locali rispetto all’ “universo” della Piana, mentre il rapporto in termini di superficie coltivata fa registrare una riduzione dal 29,3% al 26,7% del 1982. Nel comune di Capaccio, nel 1970 si contavano 1.185 aziende nelle varie forme di conduzione, con una superficie complessiva di 9.312 ettari di cui 7.356 classificabile come superficie agricola utilizzata (SAU). Nel 1982 il numero delle aziende è cresciuto a 1.222 mentre la superficie totale si è ridotta a 7.574 ettari e parallelamente pure quella classificabile come SAU si è ridotta a 6.885 ettari. Complessivamente, quindi, tra il 1970 ed il 1982 nel Comune di Capaccio si sono registrate 37 aziende agricole in più mentre la superficie totale si è ridotta di 1.738 ettari e quella classificabile come SAU pure si è ridotta di 471 ettari. Gorga ne trae questa conclusione:

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

73


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

74

«Risulta chiaramente evidente che la crescita delle aziende e la riduzione della superficie è solo un’apparente contraddizione in quanto confluiscono nel fenomeno da una parte la maggiore frammentazione aziendale (basti pensare soltanto agli effetti successori o divisori, nell’ambito familiare) e dall’altra la progressiva restrizione della superficie agricola come effetto opposto a quello dell’ampliamento dei centri urbani esistenti e della proliferazione di seconde case anche su terreni in precedenza stabilmente impegnati nelle produzioni agricole.» Per quanto riguarda il rapporto Comune di Capaccio/Piana del Sele, nel ventennio esaminato (1970-1982) risulta più o meno stazionaria, intorno al 25%, l’incidenza percentuale delle aziende di Capaccio, rispetto alla totalità delle aziende della Piana, mentre è in diminuzione l’incidenza della superficie (dal 28,4% al 26,7%). «Ciò sta a significare che - fermo restando tutto quanto innanzi rilevato in termini di andamento assoluto delle cifre indicative della tendenza in atto (riduzione della superficie agricola) - per quanto riguarda il dato SAU nel rapporto Capaccio/Piana del Sele questo si evidenzia “meno negativo”per Capaccio in quanto al maggior “frazionamento” delle aziende agricole non corrisponde un “esodo” dal mondo rurale, e ciò molto probabilmente è da imputare alla già accennata redistribuzione della terra nell’ambito della famiglia contadina originaria. In altre parole, nell’insieme del fenomeno di restrizione della superficie agricola coltivabile, le famiglie contadine giocano un ruolo di sostanziale “freno” alla restrizione della superficie, i cui fattori negativi vanno invece ricercati nelle zone e nelle fasce di popolazione “non contadina”.»

IL TURISMO Nel quadro di un profilo strutturale del Settore turistico viene anzitutto valutato il “peso” che Capaccio può vantare rispetto ad altri ambiti territoriali affini, nel caso specifico tutti i comuni della fascia costiera salernitana da Positano a Sapri e, più in generale, nel contesto dell’intera provincia di Salerno. L’indagine viene effettuata sulla base di dati relativi all’anno 1984 desunti essenzialmente da una pubblicazione ufficiale dell’Ente Provinciale del Turismo di Salerno, per una valutazione delle strutture turistiche esistenti: alberghi, pensioni, campeggi e villaggi turistici. Si perviene (anche attraverso l’integrazione con dati ottenuti dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Paestum) ad una valutazione della capacità ricettiva globale pari a 10.379 posti letto che pongono Capaccio al primo posto assoluto nella Provincia di Salerno,

74

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

75

con una quota che rappresenta oltre il 20% della ricettività globale dell’intera provincia. Più in particolare il Comune di Capaccio, nel 1984 può contare su circa il 7% delle strutture alberghiere e circa il 30% dei campeggi e villaggi turistici della intera provincia di Salerno. In contrasto con questi dati, estremamente positivi delle strutture alberghiere ed extra-alberghiere del Comune di Capaccio, il flusso turistico registrato nell’anno 1983 presenta invece dati molto deludenti, almeno per quanto riguarda gli esercizi alberghieri: il “peso” di Capaccio (14.212 arrivi su 649.707 dell’intera provincia) rappresenta appena il 2,2%. Molto meglio, ma comunque al di sotto delle aspettative anche il flusso turistico nei campeggi e villaggi turistici che con 24.135 arrivi su 128.623 dell’intera provincia assegna a Capaccio un “peso” del 18,8%. Il netto contrasto tra le basse percentuali del flusso turistico rispetto al dato provinciale e l’elevata incidenza delle strutture ricettive di Capaccio viene ricondotto da Gorga ad una serie di fattori concomitanti: ❏ un primo, di natura “soggettiva”, legato alla veridicità delle segnalazioni; ❏ un secondo, di natura “collettiva “, quale effetto dello scarso coordinamento tra gli Enti, gli organismi e le associazioni di categoria per realizzare un effettivo allungamento della stagione turistica, stante la mancanza assoluta di programmazione e la debole sensibilità alla tutela del “prodotto” turistico nonché alla salvaguardia dell’“immagine” di Paestum;

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

Spiaggia di Paestum Lido delle Sirene in una foto d’epoca.

75


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

76

❏ un terzo, non trascurabile fattore, di natura “oggettiva” rappresentato da un’eccessiva dimensione delle strutture in termini globali ovverosia da un’eccedenza di impianti rispetto all’effettiva capacità di utilizzo degli stessi. Occorre considerare poi il fenomeno delle cosiddette seconde case, cioè degli alloggi privati fruiti direttamente dai proprietari o dati in fitto ai villeggianti. Secondo i dati ISTAT relativi al censimento dell’anno 1981, a Capaccio esistevano 3.483 abitazioni non occupate, con un numero complessivo di 12.540 stanze. Ed osserva, in proposito, Gorga: «Anche se si considera un utilizzo di sole 10.000 stanze, limitatamente a 60 giorni e con una sola persona per stanza si ricava una “presenza” di 600.000 unità su base annua; tale presenza costituisce la riprova che tra le strutture ricettive le seconde case, pur essendo entità “non professionali” hanno costituito, per il passato il maggior “fattore” produttivo. La crisi nell’impiego di tale fattore (già latente nel 1983 e nel 1984 e rivelatasi gravissima nel 1985) - nonostante gli inascoltati allarmi allorquando si sviluppò la corsa all’edificazione negli anni addietro - costituisce, pertanto, crisi delle strutture così come sono venute formandosi e merita una riflessione per l’adozione delle misure più idonee atte a favorire il pieno utilizzo del parco esistente.» Occorre uscire, egli sostiene, dalla logica operativa di una insostenibile esosità dei prezzi, per adottarne una nuova che punti alla utilizzazione delle risorse esistenti, ma sappia però tenere nel debito conto la maggiore e più qualificata domanda di servizi che viene dall’utente. «Solo in tale direzione si può evitare il deserto e l’abbandono del parco edilizio sovrabbondante, beninteso ponendo in essere le conseguenti azioni di gestione ai vari livelli di responsabilità.»

L’INDUSTRIA I dati disponibili, in questo comparto dell’economia, confermano la tenue “vocazione” industriale del Comune di Capaccio, nel quale, al di là del comparto agro-alimentare, permane inconsistente il tessuto industriale complessivo. Osserva infatti Gorga: «Se si escludono le due strutture “storiche” - lo stabilimento ‘CIRIO’ di Paestum ed il tabacchificio ‘SAIM’ di Cafasso, entrambe legate alla

76

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.07

Pagina

77

trasformazione di prodotti agricoli - l’economia di Capaccio non ha mai avuto un comparto industriale connotato sotto il profilo ‘manufatturiero’. Le citate aziende, entrambe con attività strettamente stagionale, furono negli anni ‘50 e ‘60 fortemente accentratrici dal punto di vista delle rispettive lavorazioni nell’ambito della zona. Successivamente, la crisi tabacchicola prima ed il proliferare delle industrie conserviere del pomodoro poi ne hanno ridotto progressivamente il ruolo ed il peso specifico nel comprensorio, determinandone l’estinzione, pur se non motivata da ragioni di carattere economico (come il recente illuminante caso della ‘CIRIO’ ha insegnato!) bensì da forti carenze nella conduzione da parte dei Gruppi pubblici che alcuni anni addietro si erano sostituiti, nel controllo di tali iniziative, ai Gruppi privati. Negli anni ‘70 l’insediamento ‘Parmalat’ mediante l’acquisizione dell”’Industria Pingaro” sembrò voler segnare un punto di svolta, soprattutto nel comparto dell’industria alimentare. Ma l’interesse non varcò i confini dell’industria del latte in senso stretto e, almeno per quanto riguardava le altre produzioni a carattere alimentare, l’economia agricola di Capaccio continuò ad essere tributaria di altre zone, a cominciare da quella di Battipaglia, dell’agro SarneseNocerino e di Napoli per i riflessi industriali, mentre veniva confermato il flusso mercantile, con finalità direttamente alimentari, per i mercati del Centro-Nord.

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

In questa e nelle successive illustrazioni documenti, assegni, “libretti” della Cassa Rurale ed Artigiana.

77


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

78

Varie iniziative produttive ‘minori’ sono poi rimaste ad un livello pressoché artigianale ed hanno interessato settori dalla limitata capacità espansiva ovvero caratterizzati da produzioni prevalentemente destinate al mercato locale (.le piccole aziende per l’estrazione della sabbia e del pietrisco, quelle della lavorazione dei marmi, di materiali in terracotta), talvolta anche da mercati più ampi, oltre la circoscrizione regionale (per i manufatti in ferro ed in legno per l’edilizia). Considerazioni a parte andranno svolte per l’ edilizia mentre per il settore della lavorazione del latte notevoli risultati sono stati acquisiti sia sul piano commerciale, con vendite diffuse anche al Nord ed all’estero, sia sul piano precipuamente strutturale, con il consolidarsi delle nascenti aziende di trasformazione e l’esaltazione del ruolo delle stesse nell’ambito dell’economia locale.» Viene preso in esame il decennio 1971-1981, che è per molti aspetti significativo perchè l’anno iniziale, il 1971, è ancora quello delle grandi illusioni di industrializzazione della Piana e quello finale, il 1981, segna il momento più acuto della crisi economica attraversata dall’Italia, agli inizi degli anni ’80. In questo decennio a Capaccio si registra un incremento di 20 unità nel numero di aziende e parallelamente un incremento occupazionale complessivo di soli 45 addetti: si tratta, con tutta evidenza, di piccole aziende artigianali, con un livello occupazionale molto basso (poco più di 2 addetti per azienda). Per quanto riguarda l’incidenza di Capaccio rispetto alla Piana del Sele, nel decennio considerato, si registra un incremento dal 9,6% al 12,3% nel rapporto relativo al numero delle aziende, e però una corrispondente diminuzione dal 5% al 3,8% in quello relativo al numero di occupati, che è certamente il dato più significativo, in senso negativo. Gorga ne trae, infatti, questa giusta conclusione: «In sintesi, a fine decennio, Capaccio ha conseguito il risultato di aver dilatato il numero delle aziende operanti nel settore estrattivo e manifatturiero (che sono cresciute più velocemente rispetto alla totalità della Piana) senza apprezzabili risultati, però, in termini di occupazione.»

78

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

79

Ed al comparto industriale riserva questa considerazione finale: «In prospettiva, per quel che riguarda lo sviluppo del settore industriale - oltre alle opportunità consentite dal comparto agro-alimentare - appare conveniente auspicare soltanto iniziative ad elevato contenuto tecnologico e che comunque non introducano fattori perturbativi nell’equilibrio ambientale che regola positivamente la combinazione dei settori agricolo e turistico.»

IL COMMERCIO L’indagine viene condotta, questa volta, sulla base di dati ISTAT, relativi al decennio 1971 - 1981. Il Comune di Capaccio presenta un incremento veramente elevato, nel decennio considerato, sia per quanto riguarda il numero di aziende che alla fine del decennio è più che doppio di quello iniziale ( le 299 aziende iniziali diventano 620 alla fine del decennio con un incremento percentuale del 107%) sia per quanto riguarda il numero degli addetti che fa registrare addirittura un incremento percentuale del 175% nell’arco del decennio: dai 437 addetti del 1971 si arriva a contarne 1.204 nel 1981. Con questi valori Capaccio fa registrare nel decennio 1971 - 1981 le maggiori percentuali di crescita nell’ambito della Piana. Il suo “peso” rispetto alla Piana si è quasi raddoppiato nell’arco di dieci anni, passando da una percentuale iniziale di poco più del 10% del 1971 ad un valore prossimo al 20% del 1981, sia in termini di numero di aziende, che di numero di addetti. Numerose e concomitanti le condizioni favorevoli che Gorga individua per dar conto di questa “esplosione” del settore commerciale di Capaccio nel decennio considerato. Più precisamente: ❏ il notevole sviluppo edilizio della zona pianeggiante del Comune con l’espansione progressiva ed il potenziamento dei Centri urbani già riconosciuti tali con il Programma di Fabbricazione del 1971 (Capaccio Scalo, Rettifilo, Ponte Barizzo, in particolare); ❏ il forte impulso conferito alla commercializzazione dei prodotti agricoli dall’avvio (1975/76) faticoso ma sicuro, dell’importante struttura in Capaccio Scalo del Mercato Ortofrutticolo all’ingrosso: in tale struttura operano oggi oltre 35 aziende commerciali sotto forma di commissionarie e/o del commercio in proprio le quali occupano mediamente non meno di 1 addetto oltre al titolare; ❏ lo sviluppo registratosi nel comparto per la vendita di fertilizzanti, antiparassitari e vari materiali ausiliari in agricoltura;

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

79


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

80

❏ il buon livello del reddito pro-capite dei cittadini; ❏ l’accresciuta domanda nei mesi estivi soprattutto nel settore dei beni di largo consumo - la popolazione “globale” (residenti + turisti) sfiora in tali mesi le 150.000 unità - ed il discreto flusso dei pendolari del week-end anche fuori della stagione balneare in senso stretto. «In definitiva, fattori essenziali per lo sviluppo del settore commerciale sono individuabili nell’effetto di coinvolgimento del settore turistico, nell’elevato sviluppo dei centri urbani nella parte pianeggiante del Comune e, quale elemento fondamentale, nella consistente quota di reddito spendibile riveniente in larga parte dal settore agricolo».

80

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

81

IL CREDITO E IL RISPARMIO L’analisi dei dati relativi al comparto credito e risparmio risente di notevoli limitazioni connesse alla organizzazione delle strutture operanti sul territorio (Banche, Uffici Postali): non sono infatti disponibili dati disaggregati delle aziende di credito che operano con proprie filiali, alcune delle quali non godono neppure di autonomia contabile. Per quanto attiene alle strutture bancarie, vengono, pertanto, presi in considerazione unicamente i dati delle aziende di credito che operano localmente, ossia le Casse Rurali, per le quali il reperimento dei dati non presenta particolari difficoltà. Per quanto riguarda invece il risparmio postale una diversa limitazione deriva dal modo in cui è organizzata la contabilità degli Uffici Postali, che non consente di rilevare separatamente il flusso dei risparmi e quello dei prelievi, bensì solo il movimento netto annuale dei due flussi, ossia il loro “saldo” annuale. Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio Nel periodo 1971 - 1983 vengono analizzati, aggregati per quadriennio, sia i dati relativi al risparmio (depositi e conti correnti) sia quelli relativi agli impieghi nelle diverse forme del portafoglio (sconto di effetti), dei conti correnti e dei mutui. Sia per il risparmio che per gli impieghi si registra una forte crescita nel primo quadriennio considerato (1971-1975); nel quadriennio successivo (1975-1979) viene confermato l’andamento fortemente crescente per il risparmio, mentre la crescita degli impieghi è più attenuata; nell’ultimo quadriennio, infine, risulta decisamente decelerante il tasso di crescita di entrambi. Per il periodo 1966 - 1983 viene poi analizzata la serie storica del risparmio affidato alla Cassa; essa presenta un notevole grado di affidabilità e risulta particolarmente significativa, in particolar modo attraverso una sua rappresentazione grafica, dalla quale Gorga trae queste considerazioni:

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

81


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

82

«... si evince una diversa progressione nella crescita delle due forme tecniche in cui si articola il risparmio amministrato dalla Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio. Difatti, a parte il divario, che è fisiologico, tra la consistenza dei depositi e quella dei c/c, ciò che preme osservare è la divaricazione sempre più marcata tra le due curve; inoltre la ‘proiezione’ dello sviluppo tra le due curve lascia intravedere una ‘forbice’ sempre più ampia. In sostanza, la Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio manifesta sia dalla struttura delle disponibilità di denaro acquisite sia dal rapporto disponibilità/impieghi in termini globali, la propria “vocazione” di Istituto di raccolta, laddove una politica più incisiva ed aperta sul versante degli impieghi conferirebbe alla sua azione nel comprensorio una più accentuata funzione al servizio dell’economia locale.»

Nel decennio 1971 - 1981 vengono, infine, analizzate le variazioni intervenute nel settore bancario per la intera Piana del Sele sia in valore assoluto, per unità locali e per addetti, sia relativamente al grado di presenza di Capaccio. Le conclusioni non sono positive per Capaccio: si riscontra infatti “l’evidente crescita per i centri di Battipaglia ed Eboli del numero delle unità locali e di addetti dal 1971 al 1981: il maggior dinamismo ( o se si vuole la minore “stagionalità”) delle economie industriali ha dato impulso all’apertura di nuovi sportelli bancari nel decennio col conseguente accrescimento di occupazione nel settore.” E poiché la quota di partecipazione di Capaccio rispetto alla Piana del Sele risulta in diminuzione nel decennio considerato, le conclusioni di Gorga sono tutt’altro che lusinghiere per Capaccio: «In definitiva, per il settore del credito, l’arretratezza dell’indice di sviluppo rispetto agli altri centri della Piana costituisce un elemento di “raffreddamento” che non asseconda la crescita dei settori trainanti dell’economia di Capaccio. Tale situazione finisce, così, col rappresentare una evidente “strozzatura” per l’economia nel suo complesso, in quanto il settore

82

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_06-068-083-.qxd

23/03/2004

17.08

Pagina

83

creditizio è di fondamentale importanza per l’introduzione di elementi accelerativi dello sviluppo ed è a sua volta fortemente influenzato dal dinamismo dell’economia reale.» Il risparmio postale A motivo delle limitazioni legate alla organizzazione della contabilità, di cui si è già detto, è possibile rilevare soltanto il movimento netto annuale dei flussi di risparmio e, pertanto, la “consistenza” delle risorse finanziarie giacenti presso gli sportelli postali può essere soltanto oggetto di stima. L’indagine viene condotta per tutti gli sportelli postali della Piana, distinti per Comune, in un periodo di 12 anni (1972 - 1983); per tale periodo sono stati acquisiti i dati relativi ai depositi ed ai rimborsi sulla base dei libretti e della emissione ed estinzione di Buoni Fruttiferi. L’andamento del risparmio è legato fondamentalmente alla struttura economica di ciascun Comune. Per Battipaglia ed Eboli la presenza di una forte componente industriale determina una spiccata vivacità del ciclo economico, con escursioni notevoli nella capacità di risparmio in dipendenza delle fasi espansive o recessive del ciclo stesso: risulta pertanto molto evidente la caduta quasi verticale del risparmio per gli anni dal 1979 al 1983, che furono tra gli anni “più travagliati dell’apparato industriale nel dopoguerra, alle prese con una profonda esigenza innovativa di carattere tecnologico, di mercato, di produttività e relazionale con l’ambiente esterno e ncon il sindacato in particolare.” Per quanto riguarda Capaccio, invece, la struttura economica con prevalente influenza del comparto agricolo determina una forte componente di stabilità e di invarianza. «In termini globali l’economia di Capaccio resta influenzata da un fattore di relativa “sedentarietà” rappresentato dalla componente agricola che se da un lato non consente slanci eccessivi del ciclo, dall’altro costituisce un “ammortizzatore” notevole nelle fasi congiunturali avverse e, in ogni caso, una costante di sicura affidabilità (pur se non priva di problemi) nella soluzione della equazione economica complessiva.»

Capitolo 6

L’economia di Capaccio dagli anni ’60 agli anni ’80

83


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

84


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

85

Capitolo 7 L e trasfor mazioni sociali del ter ritorio

LA BONIFICA INTEGRALE NELLO SVILUPPO DELLA PIANA DEL SELE

L

a piana del Sele, ed in particolare il Comune di CapaccioPaestum, nel corso del secolo scorso, hanno subito profonde trasformazioni demografiche, economiche e sociali, che affondano la loro radice già nel periodo tra le due guerre mondiali, ma che “esplodono” a partire dagli anni ‘60, dopo che era stata completata la Riforma Fondiaria. Un primo importante contributo al riscatto di terre, in cui ormai da secoli, si era estesa la palude e imperversava la “mala aria” si ebbe con la istituzione, avvenuta già negli anni 1925/1930, dei consorzi di bonifica: come prima opera, fondamentale, il Consorzio di Bonifica in “Destra Sele” e l’analogo Consorzio di Bonifica in “Sinistra Sele”, portarono a termine, in collaborazione, la realizzazione della diga sul Sele, capace di un invaso di un milione di metri cubi, sufficienti per irrigare circa 12.000 ettari in destra Sele e circa 10.000 in sinistra Sele, mediante la utilizzazione delle acque provenienti dal Sele e dai suoi affluenti, che presentavano notevoli portate da poter sfruttare anche nei periodi estivi. La successiva realizzazione delle opere di bonifica comportò il prosciugamento degli acquitrini, la regolazione delle acque superficiali, il livellamento del terreno e il suo completo risanamento: furono rimosse, così, in massima parte, le cause che impedivano una idonea utilizzazione del terreno per scopi agricoli produttivi e la piana del Sele cambiò radicalmente il suo volto.

Capaccio Veduta aerea del territorio con i Templi e la Torre di Paestum.

L’attività dell’Ente di riforma fondiaria ha disegnato una nuova “geografia agraria” del territorio con l’incremento dell’insediamento umano


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

86

L’azione di bonifica trovò, poi, il suo naturale completamento nelle attività dell’Ente di Riforma Fondiaria, che diede corso ad una serie di iniziative volte a realizzare, oltre che il completamento della rete principale di adduzione, anche la realizzazione di tutte le opere complementari di irrigazione e la costruzione della rete secondaria di distribuzione, che rappresentò, all’epoca, un vero e proprio evento rivoluzionario nella instabile economia agricola di quel periodo, per la profonda trasformazione che introdusse nei tradizionali sistemi di conduzione agricola. La concezione limitativa, che collegava l’azione di bonifica alla semplice necessità di combattere il flagello della malaria, veniva, così, completamente sovvertita, in un’ottica di bonifica integrale, realizzata attraverso un ampio programma di opere di trasformazione del territorio, che rappresentò, per l’economia agricola locale, la fase di decollo e di evoluzione verso forme più progredite e moderne di agricoltura attiva ed intensiva. Scrive Paolino:

Le illustrazioni di questo capitolo, prive di didascalia, fanno parte dell’Archivio fotografico del Consorzio di Bonifica di Paestum.

86

«In tal modo, dall’incolto, dalla palude e dagli acquitrini, nei quali ristagnavano solamente alcuni allevamenti bufalini presenti nella Piana, si passò ad una razionale sistemazione colturale realizzando un moderno ordinamento produttivo ad indirizzo cerearicolo e, di lì a poco, man mano che si realizzavano gli insediamenti, ad un indirizzo zootecnico-industriale-cerearicolo, con continui miglioramenti nelle tecniche di coltivazione, sia per i cerearicoli che per le foraggere, il cui incremento favorì,

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

87

dal canto suo, lo sviluppo e la razionalizzazione di buona parte degli allevamenti zootecnici della Piana. Successivamente, gli indirizzi colturali furono orientati verso lo sviluppo delle colture orticole quali pomodori, tabacchi, barbabietole, ecc. e comunque verso tutte quelle produzioni che potessero assicurare una destinazione a carattere industriale, dal momento che, subito dopo la guerra, si era andata sviluppando una rapida ripresa di tutte le attività industriali, che nella zona erano ampiamente rappresentate.» Mi pare giusto precisare che le attività industriali erano sviluppate in special modo nell’area di Battipaglia e, in genere, nella pianura di Destra del Sele. Nei Comuni di Capaccio e Albanella, ed in genere nelle zone della Sinistra Sele, le aziende non erano appoderate ed erano prevalentemente rappresentate da grandi e medie masserie organizzate per l’allevamento bufalino, forma di conduzione dominante della zootecnia estensiva. Nella pianura di Destra del Sele, invece, pur essendo presente l’allevamento bufalino, l’attività agricola era stata orientata maggiormente verso il settore orticolo-industriale che ebbe, dopo il 1924, un grande sviluppo con la creazione della rete irrigua. Questo tipo di attività agricola molto più avanzata

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

87


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

88

di quella estensiva zootecnica della Sinistra Sele, aveva determinato la creazione di dieci conservifici, nove tabacchifici e circa trenta caseifici, nell’area della Destra Sele. In Sinistra Sele, invece, la più lenta propensione allo sviluppo delle colture orticole-industriali aveva determinato l’insediamento di appena due conservifici e due tabacchifici localizzati a Paestum e a Scanno.Naturalmente la bonifica integrale, così intesa e realizzata, comportò riflessi positivi sul ripopolamento delle Piana del Sele, dove si registrarono, in pochi anni, notevoli incrementi demografici ed ulteriori insediamenti abitativi con tutta la conseguente dotazione di infrastrutture e di collegamenti con le zone limitrofe. Venne pertanto potenziata la rete viaria di collegamento con i centri vicini nonché la viabilità interpoderale e vicinale e si portarono a completamento le altre infrastrutture primarie, attraverso la costruzione di acquedotti, elettrodotti, ed altre infrastrutture senza le quali un processo di avanzamento del mondo rurale non sarebbe stato praticabile. Nel quadro di completamento dell’attività di riforma agraria, la Sezione Speciale di Riforma Fondiaria predispose, poi, la realizzazione delle borgate residenziali e dei centri di servizio, attorno ai quali si svilupparono le comunità contadine: furono realizzate n. 2 borgate a carattere residenziale in Sinistra Sele e n. 7 centri di servizio, di cui 5 in Sinistra Sele e 2 in Destra Sele. I centri di servizio furono dotati delle infrastrutture secondarie atte ad assicurare i servizi necessari: asilo, scuole, chiese, botteghe e negozi di rivendita, circoli sociali e ambulatori, così da assecondare le esigenze di carattere sociale, culturale, religioso, assistenziale. I borghi a carattere residenziale erano costituiti da un nucleo di edifici pubblici attorno ai quali sorsero le abitazioni coloniche dei contadini favorendo, in tal modo, lo sviluppo degli attuali agglomerati agricoli. Successivamente, oltre il vecchio Centro di Capaccio Capoluogo e la frazione di Paestum, si sono sviluppate varie contrade determinando una vera e propria costellazione di nuclei abitativi: Ponte Barizzo, Gromola, Laura, Rettifilo, Borgo Nuovo, Cafasso, Torre di Paestum, Licinella, S.Venere, Spinazzo, Capo di Fiume, e, il più rilevante per densità urbanistica, Capaccio Scalo. L’attività svolta dall’Ente di riforma Fondiaria ha, insomma, disegnato una nuova “geografia agraria” del territorio, con l’incremento dell’insediamento umano, che, accanto alla fondamentale attività agricola, ha condotto in breve al sorgere e rifiorire delle complementari attività artigianali, industriali, e terziarie, che costituiscono il tessuto di una più completa comunità civile. Questo contesto di rinascita economica e sociale ha costituito un terreno di coltura per lo sviluppo di imprese agricole efficienti ed organizzate in maniera razionale, finalizzate all’incremento della produttività ed all’adeguamento di tutte le produzioni agricole alle richieste dei mercati interni ed internazionali.

88

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

89

TENDENZE DEMOGRAFICHE A PARTIRE DAGLI ANNI ‘60 Nel brano che segue il dott. Luigi Gorga illustra, in maniera esemplare, i flussi di migrazione che, negli anni ‘60 e ‘70 portarono ad un imponente radicamento abitativo e demografico nella Piana di Paestum e ne spiega lucidamente la genesi sotto gli aspetti economici e sociali. «La oggettiva bellezza paesaggistica e la unicità dei complessi monumentali hanno concorso a fare di Paestum e del suo territorio una meta ambita sin dall’immediato dopoguerra allorquando le ripristinate relazioni internazionali favorirono il diffondersi della fama di Paestum e della sua civiltà millenaria. Sin dagli inizi degli anni ‘60 verrà, poi, montando un fenomeno di sempre più accentuata residenza “non indigena” e da questi anni prenderà il sopravvento un moto crescente di assalto e di infiltrazione nel litorale e nelle zone adiacenti l’area archeologica. Agli inizi degli anni ‘60 il centro storico del Capoluogo sulla collina assolveva ancora il compito di residenza principale per gran parte della popolazione mentre era già in atto da diversi anni nella Piana (1952-’53’54) l’insediamento dei contadini in virtù della Riforma Agraria seguita ai moti di occupazione delle terre (1949).

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

Immagine emblematica di “emigranti”

89


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

90

In definitiva, fu dagli inizi degli anni ‘60 che prese sostanzialmente avvio un fenomeno di reinsediamento nella pianura sia per motivi strettamente legati alla condizione produttiva della popolazione locale, prevalentemente contadina, che per effetto del richiamo di Paestum in quanto entità archeologica, turistica e balneare. L’economia cominciava a gravitare maggiormente nell’ambito della parte pianeggiante del Comune, anche se i cittadini di Capaccio preferivano in larga parte mantenere ancora la propria residenza nel Comune Capoluogo prolungando il quotidiano fenomeno di pendolarismo, già vigente per le masse bracciantili prima della riforma agraria. Fenomeno, peraltro, tuttora residuale per quanti, ancora residenti nel Comune Capoluogo, hanno un’occupazione nell’agglomerato urbano di Capaccio Scalo o in altra parte della pianura. In effetti, il frazionamento e l’assegnazione delle terre ha dato impulso ad una vera e propria redistribuzione progressiva delle residenze dal Comune Capoluogo verso la pianura, ha scatenato cioè una forza centrifuga sulla più rappresentativa classe sociale, quella contadina e bracciantile, ed ha determinato l’insorgere di un insediamento tipicamente rurale, con case coloniche al servizio della piccola proprietà contadina. Tale reinsediamento si è attuato soprattutto nei primi anni dopo l’assegnazione dei “poderi” e delle “quote” con una certa gradualità sicché molti contadini, una volta braccianti, continuarono nel vecchio pendolarismo almeno sino a quando non venne ultimata la costruzione della casa, non furono in grado di realizzarla con le proprie forze (come nel caso delle “quote”) o non vennero assicurate fondamentali infrastrutture di base (acqua ed energia elettrica). Al reinsediamento della popolazione di Capaccio va poi aggiunto quello dei braccianti assegnatari di quote e poderi provenienti dai Comuni limitrofi (Trentinara, Giungano, Altavilla). Inoltre, impercettibile nei primi anni ‘60 ma via via sempre più visibile, venne affermandosi una tendenza immigratoria da parte di contadini provenienti da altri Comuni del Salernitano, in specie dalle terre attigue di Battipaglia e Pontecagnano e da quelle più lontane (pressocché esauste) dell’agro Nocerino-Sarnese. Tale flusso migratorio a carattere permanente e legato a motivazioni di vera e propria sussistenza di intere famiglie contadine venne, poi, col passare degli anni, incrementato da uno “stillicidio” di altri trasferimenti a carattere promiscuo da Comuni viciniori nei quali artigiani e piccoli commercianti non avevano trovato sufficiente spazio per le loro attività. A consolidare, poi, ulteriormente tale tendenza immigratoria contribuì l’insediamento originato dalla corrente turistica che diventava sempre più consistente e generava nuovi residenti, ancorché limitatamente alla stagione balneare ed ai periodi più o meno prolungati di festività. La tendenza dell’andamento demografico della Piana del Sele nei due decenni ‘61-’71 e ‘71-’81 è sintonizzata su quella osservabile per l’intera Provincia di Salerno e per tutta l’Italia Meridionale.

90

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

91

In sostanza anche la Piana del Sele, come tutte le altre zone del Sud, contribuì - pur se in maniera più contenuta - a quella grande migrazione interna che caratterizzò l’economia italiana degli anni sessanta con la conversione “forzata” di migliaia di braccianti e contadini in operai al servizio delle grandi aree industriali del Nord che rappresentavano la locomotiva di quello che fu poi chiamato il “miracolo economico” dell’Italia subito dopo la ricostruzione post-bellica. La migrazione non fu soltanto, un fatto interno perché notevole si rivelò anche l’esodo verso quei paesi del Centro Europa, quali la Svizzera e la Germania Occidentale, dove l’economia industriale denunciava forti carenze di mano d’opera ed assicurava salari ben più elevati di quelli corrisposti mediamente nell’area piemontese e lombarda. Tale fenomeno non svuotò di energie attive - così come accadde per le zone interne - la Piana del Sele, ma certamente finì col depauperare anche qui il giovane impianto delle forze produttive che andava proprio allora verso le prime verifiche e le sperimentazioni delle leggi economiche. A Capaccio furono numerosi i casi di giovani e giovanissimi che abbandonarono i poderi così duramente conquistati dai loro padri per inseguire l’appetibile maggiore opportunità di guadagno offerta al Nord o all’Estero. Né furono rari i casi di veri e propri trapianti di intere comunità familiari alcuni rivelatisi, poi, alla distanza, non definitivi e successivamente rientrati. Certamente il prezzo più alto fu pagato da Capaccio Capoluogo in quanto lì risiedeva la parte bracciantile ed operaia della popolazione la cui condizione di vita appariva senza dubbio in quegli anni notevolmente precaria a confronto di quella della Piana dove i contadini potevano contare almeno su un livello di reddito di sussistenza. L’andamento del flusso migratorio si invertì agli inizi degli anni ‘70 allorquando il ciclo economico di tutti i Paesi capitalisti accusò il colpo del primo shock petrolifero. E fu l’inizio della crisi economica che, salvo brevi congiunture favorevoli, si è trascinata fino ai primi anni ‘80. Nel trascorso decennio si determinò, quindi, un fenomeno di segno opposto a quello verificatosi nel corso degli anni ‘60 ma con caratteristiche profondamente diverse. Infatti, nel mentre la migrazione interna ed esterna si manifestò per il Mezzogiorno con dimensioni di massa - di vero e proprio esodo concentrato in un intervallo di tempo relativamente contenuto - il rientro al Sud si è in parte realizzato mano a mano che esplodeva la crisi dell’apparato industriale del Nord, via via che ogni struttura produttiva denunciava segni di irreversibile declino in termini di redditività e quindi di accumulazione capitalistica. Non solo. Per quanto riguarda l’estero i rientri sono stati anche indipendenti dalla varianza del ciclo perché solitamente sono avvenuti in

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

91


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

92

relazione al conseguimento dell’obiettivo che il lavoratore si era assegnato: il denaro necessario per costruire la casa o l’officina o per avviare un’attività in paese. Nel complesso, sotto tale aspetto, la Piana del Sele rispetta fondamentalmente - fatte le debite proporzioni e con le peculiarità gìà accennate il trend osservato per l’intero Mezzogiorno.»

IL DECOLLO DELL’AGRICOLTURA INTENSIVA: LE COLTIVAZIONI ORTOFRUTICOLE Sempre il dott. Luigi Gorga, nel brano che segue, delinea invece i caratteri della profonda evoluzione che ha portato l’agricoltura della Piana di Paestum, accanto ad una componente tradizionale di conduzione agricola, ad un decollo verso forme di imprenditorialità organizzata su basi tecniche e finanziarie più moderne e dinamiche. «La piana di Paestum ha evidenziato, sin dai primi anni successivi alla bonifica del comprensorio, la propria vocazione orticola e frutticola. Sin dagli inizi degli anni ‘60 erano vaste le superfici coltivate a carciofi, a pomodori ed altre colture erbacee di tipo orticolo, data la natura alluvionale del terreno che esalta le potenzialità produttive delle varietà coltivate. Con gli anni ‘70 si è venuta consolidando una destinazione prevalente verso questo tipo di colture, ma accanto ad essa sono iniziate le prime sperimentazioni di colture alternative, anche del tipo arboreo (pesche e pere in genere) nonché di quelle colture erbacee di grande mercato (fragole, lamponi) direttamente collegate con la “industria del freddo”. A metà degli anni ‘80 la situazione colturale in genere appare orientata verso la più intensiva utilizzazione delle risorse del terreno sia per le colture tradizionali che per quelle di più recente introduzione: la discriminazione tra le due forme coesistenti sembra passare più attraverso i conduttori dei terreni, le loro specifiche attitudini, la loro “filosofia”, i mezzi finanziari di cui dispongono, che non attraverso un puro calcolo di convenienza tecnico ed economico. In generale, è possibile affermare che mentre da una parte permane una componente tradizionale di conduzione delle piccole aziende e di coltivazione della terra come per il passato, con i soli aggiornamenti introdotti dai nuovi concimi e dai nuovi antiparassitari e con lievi modificazioni nelle metodologie di lavoro, nella classi più giovani prevale l’orientamento verso l’innovazione, la sperimentazione e la ricerca di una maggiore redditività della gestione in un contesto di diffusa meccanizzazione. Discorso a parte merita invece la nuova imprenditorialità agricola, organizzata su basi tecniche e finanziarie notevoli ed impegnata nella

92

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

93

coltura delle fragole sotto serra, comparto nel quale, a fronte di un elevato valore aggiunto, sono da menzionare gli elevati rischi economici rivenienti da un mercato prevalentemente a dimensione mitteleuropea. Le iniziative per la coltivazione delle fragole sono venute, comunque, sempre più intensificandosi negli ultimi anni, pur in un processo di inevitabile selezione delle aziende che intendevano percorrere tale itinerario produttivo considerate le già richiamate esigenze tecnico-finanziarie e commerciale necessarie per il buon fine dell’attività. Alcune aziende si sono notevolmente consolidate, altre - meno dotate hanno continuato a produrre per conto di terzi. In definitiva, però, può convenirsi sulla estensione del fenomeno innovativo e sulla buona “assimilazione” di un processo che è prima di tutto “culturale” nel senso dell’ “imprenditorialità”: esso rappresenta emblematicamente una linea da percorrere anche per altre produzioni, per portare la nostra agricoltura in Europa anziché assistere allo “spiazzamento” delle nostre aziende in un mercato le cui linee direttrici (politica agricola CEE) restano saldamente in mani altrui (Belgio, Olanda, Germania, Francia, Danimarca). Dalle analisi effettuate emerge che sotto il profilo strutturale il settore agricolo si caratterizza per un elevato numero di addetti, un notevole frazionamento delle aziende agricole, tempi di attività su base annua e un discreto valore aggiunto con tendenza all’accrescimento per le produzioni più innovative. Questa linea evolutiva delle produzioni agricole potrà svilupparsi soltanto su solidi presupposti di carattere tecnico, organizzativo, commerciale e finanziario. Per quanto concerne gli aspetti tecnici e, più in dettaglio le capacità professionali di gestione delle colture e di adeguamento delle strutture aziendali alle nuove esigenze, l’evoluzione procede ad andatura moderata in quanto è necessario rispettare ineliminabili tempi di verifica (il “feed-back” dei risultati tecnico-economici, al di là delle conferme sperimentali). Gli aspetti organizzativi, peraltro, assumono rilevanza in funzione delle dimensioni delle aziende e presentano notevoli interdipendenze con quelli di carattere commerciale sia per i rapporti con i punti mercantili destinatari che, più in generale, per le relazioni con la clientela. Elemento fondamentale, inoltre, per la vitalità delle funzioni aziendali sopra richiamate è l’aspetto finanziario della gestione. La inadeguatezza dei mezzi finanziari costituisce un elemento di potenziale crisi aziendale che può manifestare i suoi effetti “deflagranti” sia nella fase tecnica, influendo sulla capacità delle aziende di assicurare un soddisfacente grado di produttività, sia nell’azione organizzativa sia, infine, su quella della commercializzazione particolarmente “vitale” per tali tipi di produzioni. In definitiva, per quanto concerne l’agricoltura possono delinearsi le seguenti linee di tendenza: ❏ il settore è sempre più orientato al mercato in quanto la “disinibizione” commerciale degli operatori agricoli e la possibilità di coltivare

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

93


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.09

Pagina

94

una vastissima varietà di specie orticole e frutticole spingono sempre più a capovolgere la tradizionale impostazione delle fasi “produzione-vendita” ed a sensibilizzare le aziende verso il mercato (aziende, quindi, “marketoriented”, anche col ricorso alla “linea del freddo”); ❏ il punto critico per molti produttori agricoli “innovatori” è rappresentato dalle risorse finanziarie modeste. Occorre, perciò, stimolare l’aggregazione degli operatori nelle forme cooperativistiche che meglio possono trovare soddisfacimento alle loro esigenze finanziarie e sottrarsi, così, all’egemonia delle aziende maggiori operanti nella Piana del Sele; ❏ la commercializzazione di buona parte della produzione agricola deve potersi realizzare nel Mercato Ortofrutticolo di Capaccio Scalo per il quale è necessario disegnare in tempi brevi una realistica strategia per il potenziamento, l’ammodernamento ed il rilancio operativo; ❏ lo sviluppo strategico dell’agricoltura di Capaccio-Paestum, come quello di tutta la Piana del Sele, è legato in prospettiva alla trasformazione e conservazione in forme nuove dei prodotti agricoli in quanto quelle tradizionali hanno ormai conseguito la saturazione del mercato.»

I GUASTI AMBIENTALI Accanto a queste dinamiche tutte di segno positivo, relativamente alle trasformazioni economiche, demografiche e sociali che il territorio di Capaccio Paestum ha subito, in questi ultimi cinquant’anni, occorre, però, ricordare i guasti ambientali che hanno deturpato e continuano a deturpare ancora gran parte dello stesso territorio. Un saggio del prof. Mario Mello, scritto nel 1978, mi induce a riflessioni pessimistiche, considerando che, pur essendo migliorata da allora l’offerta turistica in generale, il degrado ambientale mi sembra ancora peggiorato: basti guardare alcune località della “piana”, dove accanto a piccole casette con giardino sorgono palazzoni con decine di appartamenti, senza nessun criterio o piano urbanistico. Eppure Mello confidava fortemente nel Piano Regolatore Generale, a cui tutti sembravano tendere all’epoca in cui egli scrive: «Ma malgrado tutto, è ancora molto quel che rimane e che può essere salvato. La via per una risalita esiste ed è percorribile; a condizione che la si imbocchi subito, decisamente e senza farsi illusioni, perché essa è lunga e faticosa, come ogni via che deve segnare un’inversione di tendenza, una correzione di costumi facili, di abitudini al lassismo, alle clientele, alle confusioni tra pubblico e privato.»

94

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.10

Pagina

95

Purtroppo quella via non è stata imboccata nè allora nè dopo e non so se è ancora lecito sperare. I Capaccesi collinari che Mello chiama argutamente “paleocapaccesi” si sono discosti da sempre dagli abitanti della piana ed hanno ritenuto la zona delle spiagge, con le adiacenti terre, arida e infruttuosa (“sterpina” è detta la fascia costiera, un po’ più a monte della spiaggia). La piana, un po’ più nell’interno, è stata scoperta dapprima dagli agricoltori dell’agro nocerino, che l’hanno coltivata, anche dove era piena di rovi e di sterpi; l’hanno riempita di nuove colture, tra cui quella importantissima dei carciofi; vi hanno inoltre insediato “bazar” nei punti più strategici, ottenendovi grossi profitti. «Sono arrivati poco dopo i pionieri del commercio e del turismo, gli innamorati e poi gli sfruttatori della spiaggia. Tedeschi e Altitaliani hanno costruito i primi alberghi presso il mare, le prime case, hanno occupato i primi pezzi di pineta. Era permesso o quasi; chiunque avrebbe potuto farlo.» Ma i guai peggiori sono arrivati quando c’è stata una vera invasione dalla Campania e dalle regioni limitrofe, “Avellinesi, Beneventani, Napoletani, Lucani, famiglie dell’entroterra che cercavano uno sbocco al mare e che, in alcuni casi, trovavano anche occasioni propizie per guadagni consistenti, per attività stabili e durature.”

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

Località Cannito, Estate 2003 Manifestazione a difesa del sito dal pericolo che diventasse deposito di “ecoballe”

95


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.10

Pagina

96

Naturalmente tutto questo ha comportato un notevole incremento di ricchezza, ma i danni ambientali sono stati enormi: sono sorte disordinatamente case, casupole, ville e villette, senza alcun criterio. C’erano più case di quante se ne potessero abitare: esse venivano infatti affittate d’estate a prezzi esosi. I Capaccesi della collina sono rimasti a guardare dapprima increduli, poi arrabbiati, ed hanno dovuto prendere atto della situazione. Ma parecchi di loro si sono calati verso la piana; “i più intraprendenti si sono gettati sulla spiaggia e sulla pineta con violenza, con avidità, per abborracciarne lidi e campeggi, abusivamente, sconfinando, deturpando, come in un’ansia inconscia di rivalsa per un passato di stenti e di isolamento. Negli ultimi anni la corsa all’arricchimento selvaggio è diventata costume di troppi, d’ogni provenienza. I ribelli al freno delle leggi, gli insensibili alla riprovazione morale, gli abusivi, gl’ideatori d’intrighi incistati nei partiti, gli sciacalli del viver civile son diventati legioni. A lungo trascurata la terra di Paestum conservava almeno l’incanto semplice, ingenuo e un pò selvatico della sua verginità, che la rendeva tanto più cara ai pochi che ne apprezzavano il valore. Ora, scoperta, frugata nei segreti, subisce la violenza quotidiana e il vergognoso mercimonio di profittatori insaziabili, tra i quali c’è chi non arretra davanti a nulla e non rifiuta di dar mano al primo che per denaro gliela chieda.” Mario Mello Originario della Puglia, Mario Mello vive a Capaccio da moltissimi anni. Professore di Storia romana all’Università di Salerno, noto studioso di epigrafi e di storia della romanità, ha operato anche nel campo archeologico con studi sulla Paestum romana, particolarmente sulle iscrizioni latine di cui sono pregevoli alcune sue pubblicazioni. Punto di riferimento culturale del nostro territorio, ha prodotto importanti scritti sulla Magna Grecia e innumerevoli pubblicazioni che spaziano dal mondo antico fino al cristianesimo e al medio-evo.

96

In questa appassionata denuncia il prof. Mello accomuna, nella condanna, amministratori ed amministrati: «Colpe certo non lievi, per i destini della piana, quelle dei vecchi abitanti: distacco, scetticismo, inerzia, poi compartecipazione diretta ai guasti: atteggiamenti derivati, l’uno e l’altro, nella loro apparente contraddittorietà, da quell’eccesso di tradizionalismo chiuso e un po’ sussiegoso che le vicissitudini storiche aiutano a spiegare, ma non giustificano che in parte. Gli Amministratori, cui istituzionalmente competeva curare la salvaguardia e il corretto sviluppo della terra che fu una delle matrici della storia dell’Italia antica e che ne rappresenta uno dei più preziosi sacrari, assurto a patrimonio universale, gli Amministratori, si diceva, salvo limitate eccezioni, non sono stati migliori dei loro amministrati: imprecisa coscienza delle potenzialità del territorio e della necessità di una programmazione organica, scarsa sensibilità per i valori culturali e paesaggistici, debolezza, ignavia, latitanza di fronte alle violazioni via via cresciute a dimensioni e gravità di pestilenza endemica.” Si è indotti necessariamente al pessimismo, come dicevo, considerando tutto questo e ciò che è stato fatto ancora di scempio, in questi ultimi venticinque anni, fino a rischiare, nell’estate 2003, di avere in una splendida zona collinare, Cannito, un enorme deposito di rifiuti, il cui fetore sarebbe giunto fino ai templi. Tanto da suscitare

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.10

Pagina

97

l’indignazione del mondo dell’arte e della cultura; così Vittorio Sgarbi commenta l’accaduto: «Ricordiamo tutti l’emergenza per lo smaltimento dei rifiuti, in cui la Regione è incorsa nella scorsa primavera. In quella circostanza il commissario straordinario, il Presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, ha intrapreso l’attuazione di un piano di urgenza, che prevedeva, fra l’altro, l’individuazione di alcune aree di deposito per le cosiddette “ecoballe”, rifiuti già trattati in processi di riciclaggio e destinati alla distruzione definitiva in altra sede. Un piano che per la Campania costituisce certamente un avanzamento, ma a cui la scelta del luogo che avrebbe dovuto ospitare una delle discariche stava togliendo molta serietà. Non c’è bisogno di ricordare l’importanza dell’area archeologica di Paestum, patrimonio dell’intera umanità secondo quanto riconosciuto dall’Unesco. Forse è meno noto il fatto che il sito sorge su un’area di grande pregio ambientale, vicino al Parco nazionale del Cilento e Vallo de Diano; anche dal punto di vista agricolo il territorio di Capaccio Paestum è uno dei più pregiati della piana del Sele, caratterizzato dai tipici allevamenti delle bufale (dal cui latte si ricava la celebre mozzarella) e dalla coltivazione di un particolare tipo di carciofo. Ebbene, in questo paradiso archeologico, ambientale e agricolo, oltre che zona turistica di primaria importanza per la Campania meridionale, si era deciso di aprire una discarica per “ecoballe”. E così sarebbe stato se il Sindaco e la popolazione di Capaccio non si fossero ribellati, presidiando Cannito, in modo da evitarne l’utilizzo improprio. Solo davanti alla rivolta spontanea e all’intervento della Magistratura c’è stato il “no” del commissario.»

IL PIANO REGOLATORE GENERALE – ANNO 1983 Dalla pregevole Tesi di Laurea dell’Arch. Roberto Paolillo su “La tutela dell’identità storica come paradigma della progettazione – il caso di Capaccio Paestum” (Anno Accademico 1988-89) ricaviamo informazioni e giudizi sul Piano Regolatore Generale, che nel 1983 fu affidato all’architetto Luigi Airaldi, dal Consiglio Comunale di Capaccio. Scrive Paolillo: «Lo studio parte con considerazioni preliminari che riguardano le “testimonianze culturali di interesse rilevante” presenti sul territorio, e della possibilità di “delineare aree di rispetto, o di tutela, che connettano tra loro più beni culturali e insieme si configurino come aree “ambientali”, formulando un “…modello di assetto e di tutela che non contenga soltanto indicazioni di “vincolo” ma suggerisca invece opportuni modi di fruizione…” (Airaldi, 1983, p. 7).

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

97


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.10

Pagina

98

Secondo il PRG il sistema dei beni culturali va considerato unitariamente con quello dei beni ambientali, anche nelle loro manifestazioni non immediatamente riconoscibili. Se le vicende storiche hanno portato ad un insediamento sparso, bisogna puntare ad un radicale riordino individuando gli aggregati nei quali è possibile unificare e concentrare servizi di livello adeguato. Essi sono: ❏ Capaccio capoluogo – Monticello ❏ Capaccio Scalo – Rettifilo – Borgonuovo – Cafasso ❏ Paestum – Torre – Licinella – Santa Venere Viene poi toccato il problema dell’abusivismo… “L’analisi del sistema insediativo parte dall’arenile, evidenziando come esso sia in più punti impegnato da costruzioni recenti in mattoni e cemento armato, per poi riscontrare tale tipo di occupazione del suolo pubblico anche nella pineta, che però è giustamente considerata danneggiata di più dal massiccio fenomeno dei campeggi, “che ne occupano 25 ettari”, e valuta in 15.000 unità la popolazione turistica che li occupa. […]Viene quindi constatato il trend degli insediamenti edilizi della Riforma – triplicati rispetto a quelli iniziali – e dei “borghi” Gromola, Spinazzo e Capaccio Scalo; sono ricordate le case coloniche antiche, le masserie, per poi concentrare l’attenzione su Capaccio Capoluogo. Essa, secondo la relazione del P.R.G.: […] conserva ancora la struttura originaria costituita da tre nuclei contigui […] Le caratteristiche edilizie sono state in gran parte alterate di recente, mediante interventi con i quali i residenti hanno creduto di adeguare le antiche strutture alle esigenze nuove. Il nucleo che ha subito maggiori alterazioni è quello di S. Antonio […] i prospetti degli edifici sono stati tormentati da nuove aperture, finestre, balconcini di laterizio o di cemento armato, parapetti di fantasia, serramenti di alluminio. […] la maggior parte degli interventi è dovuto all’iniziativa singola, presumibilmente con i modi dell’ “autocostruzione” e appare come la conseguenza distorta del miglioramento del tenore di vita, che sembra aver imposto alle singole famiglie il bisogno psicologico di cancellare dalle proprie case i segni di quell’antico che sembravano identificarsi con la vecchia povertà. Più grave è invece il caso degli interventi pubblici, come quello della trasformazione di una casa patrizia per ricavarne una scuola media (op. cit. pp. 20-21)” Si parla di Palazzo Bellelli, in cui tra l’altro i “lavori” continuano, avendo di recente trasformato la corte interna in palestra, coperta da una tettoia metallica rivestita di tegoloni in asfalto. Lo sdegno maggiore lo suscita la costruzione dell’edificio scolastico che da poco tempo, dopo un generale adeguamento e ristrutturazione, è stato

98

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_07-084-099-.qxd

23/03/2004

17.10

Pagina

99

adibito a casa comunale, definito come “elemento di estraneità irreparabile (a menio di una sua demolizione o di un attentissimo adeguamento)” nel tessuto storico di Capaccio. Che dire allora della recentissima costruzione del nuovo ufficio postale, proprio lì vicino?» Da questo piccolo stralcio della Tesi di Laura dell’arch. Roberto Paolillo, con i giudizi severi dell’estensore del Piano Regolatore Generale, architetto Luigi Airaldi, emerge tutta la pesante responsabilità diretta degli Amministratori locali sul degrado ambientale in Capaccio Capoluogo. Non credo che occorra aggiungere altro su questo argomento.

Capitolo 7

Le trasformazioni sociali del territorio

99


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

100


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

101

Capitolo 8 L a Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso

IL NUOVO CORSO

C

on la Presidenza Pingaro si chiude il periodo dei pionieri, che, dopo la fondazione voluta dal notaio Manlio De Maria nel 1953, ha permesso alla Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio di funzionare e crescere, in quel difficile periodo iniziale, che abbiamo definito appunto il periodo dei pionieri. Non a caso i due Presidenti che hanno guidato la Cassa, in questo lasso di tempo, mio padre, l’avv. Enrico Granato, e don Rosario Pingaro, come tutti erano abituati a chiamarlo, da tempo ormai non sono più tra noi. Con la Presidenza Palmieri inizia per l’istituto bancario un “nuovo corso”, contraddistinto anche dalla giovane età dei due Presidenti che si alternano alla sua guida: Antonio Palmieri e Giuseppe Guglielmotti, che appartengono ad una generazione successiva a quella dei Presidenti “pionieri”, la generazione nata nel periodo bellico e post bellica. In amichevoli incontri con entrambi ho potuto approfondire le vicende che hanno portato la Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, sorta in un contesto economico molto povero, in quel lontano 1953, ad affermarsi come importante punto di riferimento per la prosperosa economia di oggi, nell’intero territorio della piana di Paestum. Non si può cogliere il senso e la portata della trasformazione del territorio se non si analizzano i fenomeni che l’hanno influenzata a partire dall’immediato dopo guerra.

Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Interno della sede attuale.

Si chiude il periodo dei pionieri che ha permesso alla Cassa Rurale ed Artigiana di crescere in quel difficile periodo iniziale


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

102

La generazione nata in quel periodo ha avuto la possibilità e la fortuna di registrare una evoluzione in senso globale che nessuna altra generazione ha mai vissuto. Si è passati, in questo mezzo secolo, dalla radio e dal telegrafo, unici mezzi di comunicazione diretta degli anni ’40, alla moderna informatica, passando attraverso la televisione e Internet; dalla locomozione privilegiata alla motorizzazione di massa, fino alla conquista dello spazio. Anche nel nostro territorio abbiamo potuto vivere ed accompagnare una profonda trasformazione a partire dall’attività agricola che, da struttura arcaica, economicamente debole, è passata ad un più razionale sfruttamento delle aree contadine con l’insediamento di moderne aziende di tipo zootecnico e di trasformazioni colturali: con l’agricoltura si sono poi sviluppate l’attività artigianale, il terziario e da ultimo, con prepotente e competente sicurezza il settore turistico ha fornito una connotazione di rilievo per il territorio specie dal punto di vista economico-finanziario. Fu proprio la ristrettezza economica, con le conseguenti piaghe sociali che la accompagnavano (bisogno, indigenza, subcultura, usura) a sollecitare l’intuito del notaio De Maria, il quale pensò, nei primissimi anni ’50, ad uno strumento operativo che riscattasse la popolazione con la utilizzazione delle risorse locali. Il modello Raiffeisen, già positivamente sperimentato nelle aree del Nord Italia, era il più idoneo ad assicurare le disponibilità economiche a risorse di tipo umano e naturale di cui il territorio di Capaccio godeva. Lo strumento cooperativistico avrebbe garantito il reimpiego del risparmio nella zona di produzione, avrebbe scoraggiato la emigrazione, avrebbe favorito la utilizzazione delle risorse in loco ed avrebbe combattuto il cancro dell’usura favorendo lo sviluppo. Così il notaio De Maria scosse la sensibilità di molti capaccesi e, superando anche la diffidenza di tanti altri, costituì la Cassa Rurale ed Artigiana, con sede nel capoluogo. La nuova istituzione, però, all’inizio, soffrì un ritardo nel suo sviluppo economico e bancario perchè il capoluogo non offriva grosse potenzialità agricole. Di contro la pianura manifestava un fermento sempre più diffuso, agevolato dalla riforma agraria e dalle opere irrigue che il Consorzio di Bonifica andava realizzando. Occorreva un nuovo atto di fede e gli amministratori dell’epoca, Presidente l’avv. Enrico Granato, lo attuarono e trasferirono la sede operativa della Cassa nella pianura, nonostante le resistenze degli abitanti del Capoluogo. Gli uffici trovarono ospitalità presso la sede del Consorzio di Bonifica di Paestum e poi furono trasferiti in piazza Santini. Fu un momento esaltante, decisivo per la Banca perchè intorno ad essa incominciò a manifestarsi un grande interesse e la laboriosità della gente potette incontrare le dovute facilitazioni nei prestiti.

102

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

103

Piccoli operatori, nuovi poderisti, contadini, potevano finalmente ottenere le risorse economiche indispensabili per la conduzione dei loro poderi. Lo sviluppo fu immediato e la banca registrò un incoraggiante trend di crescita in parallelo con la evoluzione del settore agricolo che passava organicamente da un sistema arcaico di conduzione dei fondi ad un sistema meccanizzato. La Cassa divenne un riferimento necessario, anche perchè iniziò ben presto una proficua opera di coordinamento della attività agricola con le altre attività economiche che si andavano affermando. La società piano piano andava trasformandosi nel senso che le attività artigianali incominciavano ad essere fiorenti e competitive, mentre il turismo si affermava sempre di più favorendo le attività ricettive e gli insediamenti abitativi con conseguente occupazione nei settori connessi. Purtroppo la crescita del territorio e l’impiego delle risorse economiche portarono anche dei rischi creditizi per la banca. Nel primo periodo qualche disattenzione, dovuta più che all’inesperienza, alla necessità e alla volontà di sostenere delle iniziative economiche, causò delle perdite che avevano fatto temere per il futuro dell’Azienda. La ferma determinazione degli imprenditori locali, però, seppero coordinarsi e superarono il momento difficile con impegni di tipo anche personale. Con la presidenza Pingaro, gli amministratori dell’epoca credettero una seconda volta nella istituzione cooperativistica e continuarono l’opera voluta dal notaio De Maria e proseguita dall’avv. Granato impegnandosi a sostenere le attività produttive secondo i principi cattolici enunciati da Raiffeisen e sperimentati dal Wollemborg.

Capitolo 8

La Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso

Capaccio Scalo “Posa della prima pietra” della sede attuale della Banca di Credito Cooperativo.

103


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Capaccio Scalo Cerimonia per la “posa della prima pietra” della sede attuale.

104

Pagina

104

Si era alla fine degli anni ’60 quando si registrava la crescita del territorio in termini di popolazione, con le frequenti immigrazioni, e di qualità della vita; con il miglioramento delle condizioni socio-economiche cresceva anche la Cassa Rurale che poteva così ampliare l’offerta di credito e capitalizzare le risorse. Nel corso degli anni ’70 il consolidamento dell’Azienda garantiva al meglio risparmiatori ed operatori economici con una crescita costante e continua tanto da rendere necessaria la realizzazione di una nuova sede. Il Consiglio di Amministrazione dell’epoca, ritenne, così, necessario costruire una sede operativa moderna, dignitosa ed efficiente, che fosse simbolo della operosità dei cittadini di Capaccio, che infondesse fiducia nella clientela e soprattutto assicurasse una razionale e funzionale attività di servizio. La realizzazione dell’opera non fu indolore. I contrasti e le opposizioni che si susseguirono furono molti. La convinta determinazione di alcuni consiglieri, tra cui soprattutto i futuri Presidenti Antonio Palmieri e Giuseppe Guglielmotti, fece però coronare da successo l’iniziativa sicchè nell’anno 1989 la nuova sede divenne operativa. Con la presidenza Palmieri, eletto nel 1987, la Cassa ha conosciuto la prima significativa trasformazione. Infatti allora furono riorganizzati i servizi interni, fu dotata l’Azienda di una efficiente informatizzazione e fu imposta una linea di correttezza formale nei rapporti che fece acquistare maggiore credibilità nel sistema bancario ed anche al di fuori di esso. Chiamato alla presidenza, l’avv. Guglielmotti continuò l’opera del predecessore e profuse ogni possibile impegno per il consolidamento patrimoniale della cassa e per la diffusione del credo cooperativistico sul territorio di competenza. Fu proprio all’inizio degli anni ’90 che i cittadini di Capaccio poterono salutare con entusiasmo il ritorno nel capoluogo della loro Cassa, anche se solo attraverso una filiale a piena operatività. In quegli anni l’attività bancaria non era ancora liberalizzata e l’apertura di uno sportello bancario era soggetto a prescrizioni di notevole portata. La tenacia del Presidente Guglielmotti, però,

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

105

riuscì a dimostrare la opportunità del servizio bancario nel capoluogo e grazie alla sana e prudente gestione attuata la Banca d’Italia autorizzò la apertura dello sportello. Nel contempo si procedette alla ristrutturazione della Filiale di Matinella con il trasferimento in una sede più ampia e funzionale. Intanto aumentava la raccolta e parallelamente aumentavano le posizioni di rischio creditizio; si incrementava il personale ed il patrimonio, che nel 1990 ammontava a 13 miliardi, superò alla fine degli anni novanta la ragguardevole cifra di 40 miliardi. Nello stesso periodo la compagine sociale raddoppiò la sua consistenza con la adesione di oltre 500 nuovi clienti, operatori economici e famiglie, che potettero partecipare più attivamente alla vita aziendale consolidando il loro rapporto di fidelizzazione all’istituzione locale. Il giornalista Oreste Mottola traccia anche il profilo della presidenza di Antonio Palmieri e di quella di Giuseppe Guglielmotti:

LA PRESIDENZA PALMIERI «Antonio Palmieri è un protagonista delle vicende della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio da quasi quarant’anni: aveva da poco compiuto 21 anni, la maggiore età d’allora, quando venne eletto, nel 1965, nel consiglio d’amministrazione, nell’ultimo anno di presidenza Granato. “Un’esperienza breve. Solo una prima presa di contatto con la realtà del credito locale. Lasciai, a causa della mia inesperienza, dopo pochi mesi”. Antonio Palmieri, classe 1945, dal 1988 ha rivoluzionato l’economia rurale della Piana del Sele mettendo il turbo alla produzione bufalina. La svolta nella produzione della mozzarella di qualità, quella che sta sulle tavole dei vip dello spettacolo e dei potenti della terra, è iniziata partendo dalle terre di Vannulo, tra il Rettifilo, la ferrovia e la Statale 18. Sono i suoi titoli di merito, insieme con il grande pregio ambientale e culturale della sua attività aziendale.

Capitolo 8

La Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso

Il presidente Antonio Palmieri consegna il premio ad uno studente meritevole.

105


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

106

La sua carriera pubblica comincia dal Consorzio di Bonifica di Paestum, l’istituzione che ha guidato la rivoluzione agricola della zona, già a partire dai primi anni Sessanta. Il successivo ingresso negli organismi direzionali della banca è naturale. Alla presidenza è eletto nel 1987, succedendo a Rosario Pingaro. “Avevo cominciato stando nel consiglio d’amministrazione con l’animare la battaglia affinché la Banca avesse una sede propria, da costruire vicino al Consorzio di Bonifica. Questo mi mise in contrasto con Pingaro, che voleva una sede più modesta, magari in un edificio già pronto. Si crearono così dei gruppi, una vera e propria divisione”. Il braccio di ferro andò avanti per quasi tre anni e fu Palmieri a spuntarla. La nuova sede sarebbe nata vicina al Consorzio e a progettarla sarebbe stato un grande architetto: Nicola Pagliara. “L’intento era di dare alla nuova sede un forte valore simbolico. Il risparmiatore doveva - dice Palmieri - percepire la grande solidità della banca”. Come fu scelto Pagliara? “Pagliara aveva costruito già a Santa Venere la bella casa di Nino Salati. E fu proprio quest’ultimo a proporlo. Ci informammo su chi fosse e tutte le referenze furono più che lusinghiere. Nella delibera d’incarico decidemmo pure di lasciargli la massima libertà progettuale”. La costruzione cominciò nei primi anni Ottanta. Alla presidenza c’era ancora Rosario Pingaro. “I lavori andavano però a rilento”, constata Palmieri. L’ascesa alla presidenza di Palmieri fu favorita da tutto ciò? “La questione della sede ruppe degli equilibri consolidati”. Un’altra disputa si accese sulla richiesta di Palmieri di avere una direzione più “professionalizzata” della Banca. “Si procedeva, quando si doveva concedere il credito, sulla base della conoscenza personale. Non avevo niente contro il direttore Arenella, persona di specchiata onestà. Io sostenevo però che la crescita della banca, come la crescente complessità dell’economia locale, c’imponesse di dotarci di un professionista esterno con competenze più diversificate”.

LA COMPOSIZIONE DEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DURANTE LA PRESIDENZA PALMIERI 25 aprile 1987 Presidente: Palmieri Antonio Vice presidenti: Sabia Angelo, Guglielmotti Giuseppe Consiglieri: Barlotti Vincenzo, Capo Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, D’Angelo Domenico, D’Anzilio Giuseppe, Desiderio Giuseppe, Di Lascio Domenico Angelo, Di Sirio Gaetano Collegio sindacale Presidente: Vecchio Antonio

106

Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, Tanza Remo Sindaci supplenti: Palma Alfredo, Santomauro Antonio

8 aprile 1990 Presidente: Palmieri Antonio Vice presidenti: Sabia Angelo, Guglielmotti Giuseppe Consiglieri: Capo Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, D’Angelo Domenico, D’Anzilio Giuseppe, Desiderio Giuseppe, Di Lascio Domenico

Angelo, Di Sirio Gaetano, Pisani Arnaldo Collegio sindacale Presidente: Vecchio Antonio Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, Tanza Remo Sindaci supplenti: Palma Alfredo, Santomauro Antonio Antonio Palmieri non portò a termine il mandato di tre anni e nel 1991 fu sostituito dal vice presidente Giuseppe Guglielmotti.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

107

Fu così che Pietro Vecchione, già all’ufficio fidi della sede centrale del Banco di Napoli, fu prima affiancato ad Arenella e successivamente ne prese il posto. Nel 1987 ci fu l’avvento alla presidenza di Antonio Palmieri e con l’allora direttore Pietro Vecchione venne dato il via alla svolta gestionale. “Abbandonammo la gestione familiare e paternalistica che fino a quel momento aveva permeato la banca. Pur permettendole di crescere in maniera sana quella strategia aziendale era inadeguata ai tempi. Introducemmo così anche la valutazione sulle potenzialità del cliente guardando al patrimonio ed al fatturato. Il tempo ci ha dato ragione. La svolta manageriale, allora d’avanguardia, ha poi caratterizzato tutta l’attività della Banca”. Nel 1991 Antonio Palmieri lascerà volontariamente la presidenza della Banca. “Durante il mio primo anno di presidenza avevo costruito il caseificio Vannulo. L’azienda cresceva a vista d’occhio e già reclamava tutto il mio tempo. Avevo i figli piccoli e non gli stavo vicino. Raramente potevo mangiare insieme a loro. Così scelsi: andai via dalla Banca. Io poi sono uno che alle poltrone non ci tiene: anche al Consorzio di Bonifica lasciai anzitempo. Sono stato oggetto di molte dietrologie, ma voglio rassicurare tutti: mi è bastato vedere le mie idee diventare realtà”.

LA PRESIDENZA GUGLIELMOTTI

Il presidente avv. Giuseppe Guglielmotti.

Con la presidenza di Antonio Palmieri si tracciò il solco, ovvero vennero messe le basi dell’avvio dell’attività bancaria secondo i dettami adatti ai tempi, mentre è nella successiva gestione affidata alla guida di Giuseppe Guglielmotti che l’istituto di credito, incrementando considerevolmente raccolta del risparmio e numero dei soci, incamera i frutti dei nuovi orizzonti aperti all’azione della banca dalle innovazioni apportate. Il ciclo dello sviluppo del territorio capaccese e del suo hinterland arriva così ai suoi picchi massimi. Avvocato, 63 anni, Giuseppe Guglielmotti, ha cumulato quasi tre decenni, dal 1970 al 1999, di dirigenza del locale credito cooperativo. Fino al 1984 è membro del consiglio d’amministrazione con Rosario Pingaro, successivamente è vicepresidente con Pingaro (dal 1984 al 1987) e poi è il “secondo” anche di Antonio Palmieri. Dopo la rinuncia del noto imprenditore agricolo, c’è un breve interregno di tre mesi dove Guglielmotti assicura l’interim, dopo di che i soci sono chiamati al voto. Verrà così eletto alla presidenza. Traccia subito un primo bilancio della sua lunga esperienza. “La mia esperienza di dirigente del credito cooperativo risale all’anno 1970 ed ha avuto termine senza soluzione di continuità nell’anno 1999. Durante questo periodo della mia vita ho vissuto momenti esaltanti che hanno arricchito la mia formazione professionale ed umana, e sono stato coinvolto

Capitolo 8

La Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso

107


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Il presidente Guglielmotti con il presidente di Federcasse, Azzi.

108

Pagina

108

dalle esperienze e dall’affetto di amministratori capaci, attenti e fortemente determinati al rilancio della banca perché consapevoli del ruolo indispensabile che avrebbe potuto svolgere sul territorio della Sinistra Sele”. Mezzo secolo di vita dell’istituzione creditizia rappresenta un primo traguardo che permette anche di tracciare un bilancio. “La crescita economica e sociale del nostro Comune è dovuta - aggiunge Guglielmotti - in buona parte alla banca locale che con i suoi interventi ha favorito la meccanizzazione degli agricoltori e la razionalizzazione delle colture. Gli artigiani hanno trovato in essa un approdo sicuro per la valorizzazione e la diffusione delle loro attività. Il terziario ha avuto un riferimento sicuro ed ha potuto ampliare la gamma dei prodotti commerciabili, sia sul piano quantitativo che qualitativo. Da ultimo, e non certo per importanza, va sottolineata la imponente crescita della imprenditorialità turistica, dovuta soprattutto alla tenacia di tanti operatori del settore, ma anche al contributo determinante della banca locale”. “La Banca era diventata la Casa di tutti, doveva assicurare servizi adeguati ad una clientela sempre crescente in numero e in qualità. C’era anche una pressione concorrenziale che già all’epoca si avvertiva con fermenti sempre più pressanti. Occorreva, insomma, una sede funzionale e moderna, con un’organizzazione coordinata ed efficiente”. La sede nuova era una necessità, non un capriccio e nemmeno un’inutile dimostrazione di grandezza. “Con notevoli sacrifici, anche personali, e superando inevitabili contrasti, gli amministratori dell’epoca, tra cui il sottoscritto, programmarono la realizzazione della nuova sede. Ne affidammo la progettazione all’architetto Pagliara e la realizzammo con convinta e ferma determinazione”. L’altro fatto nuovo fu la nuova organizzazione del lavoro bancario. “Dividemmo in due i settori di lavoro: il primo l’affidammo al direttore Antonio Arenella, artefice del primo rilancio dell’azienda, mentre il secondo andò al direttore Pietro Vecchione, che curò in maniera brillante la formazione del personale e la razionalizzazione del credito”. I benefici dei due interventi non si fecero attendere. Nella zona di competenza la banca acquistava sempre nuovi ambiti di intervento e nuove fasce di mercato fino a raggiungere nell’anno 1999 il numero di oltre 24.000 anagrafiche (posizioni contabili), mentre all’esterno aumentava il credito e la credibilità dell’azienda.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_08-100-109-.qxd

23/03/2004

17.11

Pagina

109

LA COMPOSIZIONE DEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DURANTE LA PRESIDENZA GUGLIELMOTTI 7 aprile 1991 Presidente: Guglielmotti Giuseppe Vice presidenti: Sabia Angelo, Di Lascio Domenico Angelo (delibera consiliare n°1115 del 19/04/91) Consiglieri: Capo Antonio, Capozzoli Rizzi Giovanni, D’Angelo Domenico, D’Anzilio Giuseppe, Desiderio Giuseppe , Di Sirio Gaetano, Palma Alfredo (per cooptazione delibera n°1117 del 03/05/91), Pisani Arnaldo Collegio sindacale Presidente: Vecchio Antonio Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, Tanza Remo Sindaci supplenti: Santomauro Antonio Il 29 marzo 1992 vengono eletti il consigliere Palma Alfredo ed il sindaco supplente Petraglia Antonio

(a seguito delle dimissioni di Santomauro Antonio)

Il 25 maggio 1995 viene cooptato il consigliere Lettieri Antonio

28 marzo 1993 Presidente: Guglielmotti Giuseppe Vice presidente: Sabia Angelo Consiglieri: Capo Antonio, D’Angelo Domenico, Desiderio Giuseppe , Domenico Angelo Di Lascio, Palma Alfredo, Petraglia Antonio, Pisani Arnaldo, Tanza Remo, Vecchio Antonio Collegio sindacale Presidente: Nevola Cesare Sindaci effettivi: Cerullo Carmine, Desiderio Fortunato Sindaci supplenti: Marino Domenico, Mitrano Francesco

14 aprile 1996 Presidente: Guglielmotti Giuseppe Vice presidente: Sabia Angelo Consiglieri: Capo Antonio, Cerullo Carmine, D’Angelo Domenico, De Palma Giulia, Di Lascio Domenico Angelo, Palma Alfredo, Petraglia Antonio, Tanza Remo Luigi, Voza Benedetto Collegio sindacale Presidente: Cursaro Pietro Sindaci effettivi: Desiderio Fortunato, Nevola Cesare Sindaci supplenti: Bernardi Gerardo, Raeli Donatella

Il 12 aprile 1995 si dimette dalla carica di consigliere Vecchio Antonio

Il patrimonio, con l’esercizio finanziario del ‘98, superava il ragguardevole importo di 39 miliardi di lire, mentre le posizioni del rischio creditizio non presentavano anomalie. Significativa importanza assume nei primi anni ‘90 il notevole incremento della compagine sociale. Fu durante la presidenza Guglielmotti che il consiglio d’amministrazione ne deliberò l’ampliamento rispondendo positivamente alle aspirazioni di tanti clienti dell’allora Cassa Rurale che chiedevano di partecipare attivamente alla vita aziendale. “In meno di un anno il numero dei soci aumentò di oltre 500 unità fino a superare quota mille con soddisfazione piena di tanti operatori economici e tante famiglie che rafforzavano il loro rapporto di fidelizzazione alla Cassa”, commenta conlcudendo l’avvocato Guglielmotti.»

Capitolo 8

La Cassa Rurale ed Artigiana: il nuovo corso

109


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

110


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

111

Capitolo 9 L a Banca di Cr edito Cooperativo oggi

UNO SGUARDO ALLE ORIGINI

I

n cinquanta anni di attività la Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio, ora divenuta Banca di Credito Cooperativo, ha conseguito successi davvero ragguardevoli. Non c’è dubbio che, in questi cinquanta anni, essa abbia contribuito, in maniera decisiva, in particolare negli anni iniziali, allo sviluppo economico imponente, che ha trasformato questo nostro territorio da un lembo dell’Italia arcaica, povera, landa desolata nella sua parte pianeggiante, preda della palude e della malaria, in una comunità baciata dal benessere diffuso e ricca di nuove e vivaci imprenditorialità, che si affermano ormai, ben al di là dei suoi confini geografici. Ma gli inizi sono stati davvero duri. Seguiamo le vicende iniziali, nel racconto di Antonio Arenella, che ha operato nella Banca per quaranta anni (dal 1956 al 1996) come impiegato, poi funzionario, infine Direttore della Banca. E’ persino divertente il racconto del Direttore Arenella sui primissimi passi della Banca; sul suo movimento di denaro veramente irrisorio, tanto che bastava venisse meno ad un pagamento uno solo dei suoi clienti per mettere in crisi la Cassa. Gli impiegati tenevano, per qualche giorno in tasca il loro stipendio, per usarlo in caso di bisogno; per esempio se un “buon cliente” voleva prelevare e la Cassa non aveva disponibilità. L’importo degli assegni bancari era finanche di 50-60 lire; i più grossi erano al massimo di 2-3 mila lire; qualche socio pagava con

La sede attuale della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio.

In questi 50 anni il nostro territorio da un lembo dell’Italia arcaica è divenuto una comunità del benessere diffuso


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

112

un assegno la prestazione del suo barbiere. La carta degli assegni era molto più scadente di quella in uso oggi. Dietro ciascun assegno si doveva applicare una marca da bollo di 5 lire. Racconta Arenella: «I primi due impiegati furono “Ciccio” Patella (il dottor Francesco Amodio Patella) ed Elio Guida; Enzo Vecchio faceva il corrispondente non bancario, nei locali del Consorzio di Bonifica: incasso di effetti. Direttore era il dottor Roberto Ferrentino. Ricordo ancora quei primi anni in cui cercavamo di acquisire clienti, convincendoli ad uno ad uno, quando si presentavano, ad esempio per prelevare l’incasso di una cambiale, da noi effettuato. Ma non avevamo fondi; avevamo una liquidità molto ridotta, al massimo il Banco di Napoli ci scontava 2 milioni. Nel 1960 la Cassa Rurale lasciò la sua prima sede in Capaccio, al “Pozzillo”, per trasferirsi in piazza Santini, al “Villaggio”. Sì, perché alla Piana c’erano più clienti. Però il primo movimento importante la Cassa Rurale l’aveva avuto negli anni ‘58-’59 durante la costruzione del Getsemani, perché, essendo la sola Banca della zona, passava di lì tutto il flusso di denaro occorrente. Finita la costruzione del Getsemani, anche al Villaggio le cose non andavano bene; ma il turismo con il suo apporto di ricchezza faceva la sua prima apparizione e, grazie alla nuova disponibilità della Cassa, l’economia della zona andava man mano decollando: gli

112

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

113

agricoltori diventavano imprenditori agricoli, gli artigiani incrementavano la loro attività a tassi agevolati, concessi appunto dalla Cassa Rurale, con i contributi dell’Artigiancassa. Inoltre i contributi, che la Regione conferiva, come credito agrario, favorivano gli agricoltori. La Cassa Rurale era anche aiutata dalla Federazione di Salerno e dall’Istituto da cui dipendeva, a Roma. Essa, inoltre, non avendo scopi di lucro, poteva concedere finanziamenti a basso costo. Nei primi anni settanta, ci fu nella Piana il “boom” delle costruzioni; esse furono molto richieste e aumentarono di prezzo in poco tempo: la Piana si andava popolando. Divenni Direttore della Cassa Rurale di Capaccio nel 1967, sotto la Presidenza Pingaro. Pingaro veniva dalla gavetta; aveva imparato a leggere e scrivere sotto le armi; però aveva saputo crearsi una ragguardevole una posizione economica (beni immobili, terreni ecc.) e la sua Presidenza dava fiducia ai clienti della Cassa. Il Credito Salernitano aprì uno sportello bancario a Paestum, ma dovette desistere perché la Cassa Rurale, che non ha fini di lucro poteva offrire ai clienti condizioni più vantaggiose, che mettevano fuori mercato le altre banche. Oggi invece si sono impiantate a Capaccio Scalo tante altre banche, io ritengo perché la Cassa Rurale non ha più seguito quella politica, ma ha voluto inseguire piuttosto criteri di imprenditorialità in concorrenza con le altre banche: in questo modo ritengo che abbia rinunciato a perseguire gli obbiettivi nobili dell’origine, in particolare combattere l’usura. Oggi l’usura è più diffusa nella nostra piana e poi anche la stessa presenza di finanziarie è un indice che il credito nella zona non offre grandi disponibilità. Il notaio De Maria ha utilizzato le sue amicizie personali per creare la Cassa Rurale, ma si proponeva nobili obbiettivi, che si sono perduti per strada.» Ad uno dei suoi più accorti Amministratori del recente passato, Antonio Palmieri, chiediamo di illustrarci la chiave del successo iniziale della Cassa Rurale e poniamo il quesito: “Davvero, allo stato attuale, la Banca sembra abbia smarrito i nobili scopi per cui essa era nata: combattere l’usura, aiutare le piccolissime imprese agricole e artigiane?” Palmieri fa un “excursus” dell’attività della Cassa Rurale e Artigiana di Capaccio fin dalla sua nascita. Essa ha potuto superare il periodo indubbiamente delicato dell’inizio della sua attività grazie sì alla sua buona amministrazione, alla fedeltà agli scopi sociali per i quali era sorta; ma anche grazie al temperamento fiero ed allo spirito di sacrificio dei nostri contadini (l’economia di Capaccio era sostanzialmente agricola e povera): essi, per tener fede agli impegni presi, sono stati capaci di sacrifici immani,

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

113


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

114

per restituire il prestito ricevuto. C’era dunque una specie di rapporto fiduciario fra la Banca e i suoi clienti. La Banca, all’inizio della sua attività, ha dato poco a molti, privilegiando, appunto, gli scopi istituzionali per i quali era sorta, ma con occhio sempre vigile al rientro delle somme erogate. Indubbiamente il suo successo iniziale è stato favorito anche dalla conoscenza diretta dei beneficiari dei piccoli prestiti da parte degli amministratori bancari. Altre Casse Rurali ed Artigiane, anche vicine, ad esempio nel cuore del Cilento, non hanno avuto lo stesso successo; anzi esse hanno dovuto associarsi per sopravvivere, ma anche così, sommando le loro passività non hanno avuto vita facile. D’altra parte esse insistevano su un territorio diverso, con popolazione diversa, costituita per buona parte da impiegati e pensionati, che arricchivano i depositi della Banca; ma questi non trovavano utili impieghi per mancanza di un adeguato contesto economico. Oggi l’attività della Banca è certamente diversa: non ci sono più piccolissime imprese che richiedono piccoli finanziamenti. Comunque la Banca di Credito Cooperativo di Capaccio fa da calmiere alle altre banche, riducendo al minimo le spese di commissioni e servizi che incidono notevolmente sul costo del denaro e tenendo più basso il tasso di interesse, cosa che naturalmente favorisce lo sviluppo economico della zona.

L’USURA NELLA RIFLESSIONE MORALE/ RELIGIOSA E NELLA LETTERATURA CAMPANA Giandomenico Tanza Nato a Latina nel 1960, dopo gli studi classici si laurea in Economia presso la LUISS di Roma. Dottore commercialista, già docente di materie economiche e giuridiche nella scuola secondaria superiore, attualmente lavora, a Roma, in ICCREA BANCA, l’Istituto centrale delle Banche di Credito Cooperativo. Ritorna spesso a Capaccio, di cui è innamorato, durante i periodi di vacanza, con la sua famiglia: moglie e due figlioletti.

114

Intorno al tema dell’usura mi piace inserire un intervento del professore Giandomenico Tanza di ICCREA Banca, Istituto Centrale delle Banche di Credito Cooperativo. «L’ undicesimo canto dell’inferno della Divina Commedia di Dante ha un forte carattere didascalico ed è “…obbediente piuttosto alle ragioni della struttura che non a quelle della poesia” (1). In esso è con chiarezza descritto lo scheletro della costruzione fantastica dell’Inferno dantesco. Nel suo viaggio nel ventre della terra Dante incontra varie specie di peccatori: nella categoria aristotelica dell’incontinenza si raccolgono i lussuriosi, gli avari, gli iracondi, tutti coloro cioè che non ebbero, nella vita terrena, senso della misura, facendosi trascinare dalle passioni, per loro natura non gravemente riprovevoli. Il peccato, in questi casi è determinato piuttosto dalla smodatezza dei comportamenti che dall’intrinseca gravità del male compiuto. La categoria dei peccatori più prossima a Lucifero è quella di coloro che peccarono per frode: sono quelli maggiormente col-

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

115

pevoli, poiché utilizzarono la qualità peculiare dell’essere umano, vale a dire la ragione, impiegandola al servizio del male. Dante frappone una terza categoria, quella di coloro che peccarono per violenza. Questi ultimi sono nel settimo cerchio “ordinati secondo il grado di gravità dell’offesa, violenti contro il prossimo nelle persone e nelle cose; violenti contro se stessi; suicidi e scialacquatori ed infine violenti contro Dio e contro la natura e l’arte rispettivamente figlia e nipote di Dio (bestemmiatori, sodomiti, usurai)”(2). La visione cristiano-medioevale dell’usura viene nettamente esplicitata nel canto menzionato quando (è Dante che parla) si dice “là dove di ch’usura offende la divina bontade, e’l groppo solvi”(3) in cui s’evidenzia come il peccato di usura offenda direttamente Dio e non sia, come potrebbe di primo acchitto apparire, un’ingiuria verso il prossimo. E d’altra parte la posizione cristiana su questo punto è inequivocabile: “…con il sudore della fronte mangerai il pane”(4) . Solo la ricchezza frutto del lavoro e della fatica dell’uomo è lecita, ogni altra forma d’arricchimento è al di fuori dell’etica cristiana. L’usuraio opera una violenza contro Dio poiché il tempo appartiene a Dio e non è lecito all’uomo trarne profitto. Non è quindi ammesso, ed è anzi espressamente condannato dalla Chiesa il percepimento d’interessi sul denaro. Questa ha sempre esaltato i valori di povertà ed umiltà e purtuttavia non s’estraniano da essa “…i ricchi degni della loro ricchezza per la purezza delle sue origini e le virtù manifestate nella sua utilizzazione”(5). La società cristiana, nel condannare l’usura, nobilita la rinascita di questi valori umani di purezza. Nonostante il disprezzo per il denaro, quest’ultimo è sempre stato presente in ogni manifestazione speculativa. Nel XII sec. Il denaro era considerato estraneo alla tradizionale concezione cristiana della vita dell’uomo : “La moneta intesa quale invenzione, artificio umano utile alla semplificazione degli scambi, proprio

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

115


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

116

perché simboleggia la merce e ne prende il posto, quantificandone il valore, equivale alla merce ma non ne possiede la vitalità naturale”(6). Non si può fare a meno d’inquadrare il denaro che quale mezzo di pagamento, con l’andar del tempo, andò soggetto ad un ordinamento riconosciuto per legge e forzatamente accettato da tutti. Il problema nasce dal fatto che questo valore poteva essere fissato indipendentemente dagli oggetti. Il denaro, adatto alla mediazione, si oppone al concetto di “proprietà” che nella tradizione cristiana, a differenza della concezione ebraica, è identificato con il possesso di oggetti immobili. Sarà questo un motivo di discussione nei concilii papali che si susseguirono nel Medioevo, ribadito dal fatto che:”l’usuraio sarà, in ogni senso, l’estraneo eretico presente nella società commerciale italiana”(7). Così il denaro, essendo un mezzo di scambio, non può avere valore di merce e quindi non può essere messo in commercio. La possibilità di prestarlo e ricavarne un guadagno è considerata un’azione illecita: ogni tipo di profitto che si differenzia da intese di precisi accordi precedenti è da condannare. In questo la “moderna consapevolezza economica cristiana”(8) si contrappone al mondo del prestito ebraico. Quindi nella concezione economica del mondo cristiano il prestito può essere accettato solo come compravendita e gli interessi possono essere chiesti come anticipo della somma mentre è illecito far pagare come interessi il tempo trascorso fino alla restituzione della somma. Un’azione decisiva contro la mentalità mercantilistica esaltata dalla concezione ebraica inizia grazie all’attività dell’Ordine Francescano nel XIV secolo che contrappone ai valori materiali i principi cristiani di povertà e umiltà. Il movimento francescano di S. Bernardino da Siena riesce a dar vita ad Istituti capaci di tradurre nei fatti il monito evangelico “mutuum date nihil inde sperantes”(9). Comunque il prestito, se finalizzato al bene comune, viene accettato a prescindere dall’interesse richiesto. E’ da ricordare poi l’attività di S. Bernardino da Siena che si adopererà per la fondazione dei Monti di Pietà (10) e che, nel 1493 ottiene il riconoscimento della rispondenza alla morale e alla dottrina cattolica, la richiesta di un determinato interesse sui prestiti. I Monti erano destinati erano destinati a difendere la povera gente e a difendere i cristiani dal peccato di usura. Ai Monti di Pietà i prestiti duravano sei mesi, decorsi i quali, se non si provvedeva al riscatto il pegno veniva venduto in un’asta pubblica. La maggior somma ricavata dalla vendita veniva restituita al proprietario del pegno, a differenza dei banchi privati degli Ebrei e questo era “impegno morale di grande rettitudine che ammiccava al precedente strozzinaggio per cui l’indigente veniva messo nella condizione di perdere l’intero valore del pegno venduto”(11). San Bernardino da Siena aveva avuto modo di evidenziare che un capitale monetario poteva dare frutti legittimi se fecondato dall’industria umana, cioè anche dal più umile lavoro. I Monti di Pietà furono inizialmente contrastati dagli Ebrei, che avevano creato banchi privati per le loro attività di commercio ma, in seguito, furono addirittura finanziati da questi che in cambio ottenevano l’autorizzazione

116

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

117

a esercitare la loro attività (12). Insomma, la funzione di questi istituti era duplice: prima di tutto sopperire alla immediata urgenza di denaro di coloro che, nei momenti di più impellente bisogno dovevano sottostare alla ingordigia usuraria di chi esercitava questo mestiere, ed, in secondo luogo contrastare il troppo facile arricchimento degli Israeliti alle spalle dei cristiani(13). Nella ricca società cinquecentesca l’accrescimento dell’avidità per le ricchezze produce un forte distacco fra le classi ricche ed il popolo e favorisce il dilagare della piaga dell’usura(14). Si deve alla tenacia del parroco Luigi Cerrutti (15) se sulle orme dell’impegno profuso quattro secoli prima dal Beato Bernardino da Feltre, per contribuire alla soluzione del grave problema sociale, prende le mosse in Italia il movimento di Credito delle Casse Rurali ed Artigiane, con la costituzione della prima Cassa Rurale nel Veneto nel 1883. Se arriviamo poi agli inizi del novecento l’usura interessa tutto il tessuto sociale del nostro paese e l’ambiente che propaga questo triste flagello è lo stato di miseria delle popolazioni rurali. Nelle persone colpite c’è un senso di falsa timidezza che fa nascondere accuratamente le proprie sofferenze finanziarie(16). “Se fosse possibile tracciare una carta geografica d’Italia, chiazzando in nero la terra colpita dall’ipoteca usuraia , la nostra bella Italia, al pari di un giardino, l’alma parens frugum, verrebbe ad essere uno sgorbio nauseabondo che segna l’impero schifoso dell’usura” (17). Parole del teologo Giovan Battista Sardi piemontese di S. Damiano d’Asti. Effettivamente il fenomeno riguardava tutta l’Italia non risparmiando né le città né, tantomeno, le campagne. Anche la nostra regione ne era colpita con virulenza. Se la letteratura è, in qualche misura, anche un termometro della vita reale è d’uopo ricordare i numerosi ed autorevoli scrittori campani che hanno dedicato alla piaga dell’usura pagine efficacissime. Il casertano Federigo Verdinois nel romanzo “Papà ha ragione”(18) rappresenta in maniera chiara la situazione creatasi in una famiglia dove il padrone di casa pratica l’attività di usuraio. C’è qui la figura d’una fanciulla, Ernesta, che non si rende conto del disonore provocato dal comportamento del padre, anzi, ella sembra giudicare il padre, soprannominato Orco Giallo, come un benefattore che aiuta le persone bisognose. Significative sono le parole dette da Ernesta ad un’amica :”Ma dalli e dalli, s’è stancato pover’omo, non vuole dar più niente e non vuole nemmeno più rinnovare fino a che non sia rientrato del suo”(19). Il padre di Ernesta è così descritto: ”Era un uomo ampio, solido, ben piantato sui suoi scarponi dal doppio suolo, bene apposto con le spalle quadre, ben insaccato, diciamo così, nei vestiti che davvero lo vestivano tutto e che gli toccavano gelosamente tutta la superficie del corpo. Il soprabito aperto sul petto, lasciava cedere in bella mostra – che in verità era una mostra fastidiosa ed oscena – una grossa catena d’oro che si incurvava da una parte e dall’altra del panciotto e diceva a tutti il suo valore intrinseco e il suo peso”(20).

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

117


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

118

Questa descrizione si contrappone a quella del povero debitore rappresentato con queste parole “…né aveva età, potendo essere giovane o vecchio, e perché c’era in certe condizioni di vita una età indeterminata che è data dalle sofferenze dello spirito e del corpo e che quasi arresta il corso degli anni fermando un uomo in un solo momento di dolore immutabile”(21). Partendo da un approccio strettamente letterario all’argomento è inevitabile riscontrare come siano somiglianti, anche in autori molto dissimili fra loro, le eterne maschere degli sfruttati e degli sfruttatori. Altrettanto efficace, nella Napoli di Matilde Serao(22) nel romanzo “Il paese di Cuccagna(23) la descrizione dell’usuraia donna Concetta:”Era una popolana alta e robusta dal viso bruno fortemente colorito, dai capelli castani tirati su, pettinati con molta cura e la cui frangetta, sulla breve fronte, aveva anche un’ombra di cipria, i pesanti orecchini di scaramazze, rotondi, biancoverdastri, le tiravano le orecchie tanto che aveva dovuto assicurarli sopra l’orecchio con un cordoncino di seta nera, temendo che dovessero spezzare il lobo, una collana d’oro, con un grosso medaglione d’oro, posava sul giubbetto di mussola bianca tutto richiami e gale di merletto”(24). Si noti la precisione e l’ordine di questa donna, che non ha altri problemi se non quello di non farsi spezzare l’orecchio dall’orecchino d’oro pesante e quello, forse più gravoso di riscuotere soldi dai debitori. Rimanendo a Napoli non si può non citare Francesco Mastriani (25) in cui c’è la continua protesta contro i vizi e le ingiustizie sociali e non c’è invece “…nessuna adulazione verso il popolo presentato com’è nella sua rozzezza e ignoranza e spesso nella sua abiezione e perversività”(26). Mastriani fu grande descrittore della plebe napoletana specialmente nel suo romanzo più conosciuto cioè “I vermi” (27). Lo sguardo di Mastriani è, per taluni versi illuminante, anche perché consente di ripensare in maniera critica, attraverso la letteratura, a certi luoghi comuni della storiografia corrente più accreditata circa le vicende del mezzogiorno d’Italia (28). Questo autore evidenzia, forse inconsapevolmente, le accresciute differenze fra le classi sociali, con una borghesia rampante e faccendiera, amante dei privilegi e del lusso ed un “terzo stato” rappresentato in una condizione d’estrema miseria, ben peggiore di quella sofferta in epoca borbonica. ”E’ noto che il lusso e i comodi della vita accrescono da una parte i bisogni dell’amor fisico e dall’altra il bisogno del denaro, madre-arteria della vita sociale” (29). Nel romanzo I misteri di Napoli (30) l’autore è spietato pur nell’ambito d’un intento moralistico : “Quando uno è povero non trova più parenti: si sconoscono i più sacri vincoli del sangue. Invece, quando uno è ricco, sorgono di sotto terra i parenti, e specialmente in occasione di morte”(31).»

118

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

119

NOTE (1) (2) (3) (4) (5) (6)

(7) (8) (9) (10)

(11) (12) (13) (14) (15) (16) (17) (19) (20) (21) (22) (23) (24) (25) (26) (27) (28) (29) (30) (31)

Natalino Sapegno in DANTE ALIGHIERI, La Divina Commedia, Firenze, La Nuova Italia, vol. I, pag.122 nota ai versi Ibidem pag. 121 Inferno, XI, 95 Genesi, 3, 19 J. Le Goff, La borsa e la vita dall’usuraio al banchiere, Roma, Laterza, 1987, p. 35 G. Todeschini, La ricchezza degli Ebrei – merci e denaro nella riflessione ebraica e nella definizione cristiana dell’usura alla fine del Medioevo, Spoleto, Centro italiano di studi sull’alto Medioevo, 1966 p.124. Ibidem, pag 126 Ibidem, pag 122 Luca, 6, 34-35 cfr. Rosa M. Gelpi – Labruyere, Quel Monte contro l’usura, in Sole 24 Ore 1994 n. 281. Con il Concilio di Trento nel 1545 si conferma sia l’impostazione data ai Monti sostenuta da Bernardino da Feltre sia l’invito ai vescovi ad accordare la facoltà di percepire un interesse utile a coprire le spese. L. Sarnari, Il Credito popolare innovazione dei Francescani in Prospettive nel Mondo, Miani, Anno XVI, Gen/feb 1991, pag 49. cfr. Rosa Gelpi- Labruyere, Quel monte contro l’usura, op. cit. cfr L. Sarnari, Il credito popolare innovazione dei francescani in Prospettive nel Mondo, pag. 50 cfr L. Sarnari, op. cit, pag. 49 Luigi Cerrutti (Venezia 1865 – 1932) cfr. L. Trezzi e M. Gallo, Cooperazione cattolica (1863 – 1963) Roma, ECRA pag.330 cfr L. Trezzi e M. Gallo op cit. pag 243 (18) Federigo Verdinois, Papà ha ragione, Napoli, Tocco, 1887 op. cit., pag. 179 Ibidem pag. 177 Ibidem Matilde Serao (Patrasso 1856 – Napoli 1927) Il paese di cuccagna, Milano, Treves, 1891 Matilde Serao, op.cit. pag. 10 Francesco Mastriani (Napoli 1819 – 1891) Benedetto Croce, La letteratura della nuova Italia, Bari, Laterza, 1942, vol.IV p. 319 F. Mastriani, I vermi, Studi storici sulle classi pericolose in Napoli, Napoli, Gargiulo tipografo 1867 Cfr. a questo proposito Massimo Viglione, Le insorgenze, Il minotauro, Roma, 1999 e Nicola Zitara Nascita di una colonia Il Minotauro 2002 F. Mastriani, op. cit. pag 98 I misteri di Napoli, appendice al quotidiano Roma ibidem

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

119


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

120

SODDISFATTO L’ANELITO DEI FONDATORI Nella sua recentissima opera “La solidarietà efficiente”, edita nel 2003 da La Terza, Pietro Cafaro ripercorre la storia del credito cooperativo, partendo dalla prima “Cassa cooperativa di prestiti” fondata da Leone Wollemborg il 20 giugno 1883, a Loreggia in provincia di Padova. Questa prima esperienza italiana seguiva iniziative già felicemente avviate, fin dai primi anni dell’ 800 in Germania, Austria, Francia e nelle Isole Britanniche. Le prime esperienze italiane si richiamavano esplicitamente alle Casse Raiffeisen “che nei Paesi di lingua tedesca, facendo leva sulla coesione sociale delle piccole comunità rurali, avevano realizzato un modello intermediario in grado di mobilitare risorse finanziarie, in ambiti strettamente locali”, come scrive il Governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio, nella sua prefazione all’opera di Cafaro. Lo spirito che animava lo sviluppo della cooperazione era essenzialmente religioso: infatti lo sviluppo in Italia delle Casse Rurali divenne enorme, grazie all’impegno civile espresso nell’enciclica papale “Rerum novarum” del 1891 di Leone XIII. Molti sacerdoti si impegnarono fortemente per la creazione di Casse Cooperative, atte a combattere la piaga dell’usura e favorire le piccole imprese rurali ed artigianali locali: a promuovere, insomma, sviluppo sociale e civile nelle zone più povere del Paese. La diffusione delle Casse Rurali fu grande dapprima nel Nord Italia (le prime nacquero nel Veneto); poi in Sicilia e in altre regioni del Sud fino a raggiungere complessivamente in Italia il numero di 3.347 nel 1920. Il successo delle Casse Rurali fu indubbiamente favorito dal rapporto di fiducia fra operatori bancari e piccoli imprenditori a cui veniva erogato un prestito: tale rapporto poteva essere possibile solo in ambito strettamente locale, basando la fiducia sulla conoscenza diretta del cliente socio e non su lunghe e costose ricerche patrimoniali, a volte inefficienti, delle grandi banche. Tuttavia l’andamento e il volume complessivo della raccolta bancaria del Credito Cooperativo non fu sempre in espansione; il settore risentì molto della grande crisi degli anni ‘30, tanto da ridursi notevolmente: nel 1936 il numero delle Casse Rurali era sceso a 1.202. Il Governo dell’epoca aveva posto dei limiti per arginare l’eccessivo proliferare delle Banche, esercitando un controllo su tutte, anche sulle Casse Rurali, il cui credito a favore dell’agricoltura fu esteso a favore dell’artigianato. Il numero degli Istituti bancari, comunque alto, comportò una competitività più spinta che coinvolse anche le Banche di Credito Cooperativo; queste incontrarono maggiori difficoltà a fronteggiare la riduzione degli utili.

120

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

121

Le altre banche poterono, infatti, allargare la gamma dei servizi offerti e ridurre i costi dei servizi in modo più efficace trattandosi di grandi entità. Ma soprattutto un fattore di crisi per le piccole, tra cui quelle di Credito Cooperativo, era costituito dal fatto che esse non erano pronte alla crescente industrializzazione, che richiedeva grandi finanziamenti, ed inoltre, non erano ancora organizzate a indirizzare i clienti a finanziamenti a lungo termine, elemento determinante nell’erogazione di grossi prestiti; cosicché la redditività delle Banche di Credito Cooperativo era scesa ad un livello più basso della media complessiva del sistema bancario. Occorre inoltre ricordare la mancanza di coesione di cui soffrivano fin dalla loro nascita le Banche di Credito Cooperativo, in conseguenza delle continue ed estenuanti lotte ideologiche del clero che mirava ad occupare un posto di prima linea contro l’insorgere del socialismo militante senza doverlo dividere con i liberali. I religiosi inoltre richiedevano il controllo e l’organizzazione delle cooperative secondo un assetto diocesano (particolarmente determinata fu, in tal senso, l’azione del Sacerdote Cerutti, che apparteneva alla frangia più ortodossa dei cattolici) mentre la tendenza dei liberali mirava ad organizzare le Banche Cooperative secondo divisioni provinciali, con un Istituto Centrale (ora ICCREA Banca) risiedente a Roma: dopo molte occasioni perdute, quest’ultima fu la soluzione vincente. Per fronteggiare la concorrenza degli altri istituti bancari le Banche di Credito Cooperativo, sono state comunque indotte recentemente ad ingrandirsi, associarsi, e ad offrire prestiti anche al di fuori del ristretto ambito locale, con ciò tralasciando inevitabilmente, almeno in parte, il loro indirizzo iniziale, che era fortemente improntato a valori civili, morali e religiosi, ma necessariamente rivolto ad un ristretto ambito locale. Tuttavia in virtù della loro grande diffusione, risiedendo in 2.100 comuni italiani con circa 30 milioni di cittadini, si può essere pienamente certi che “il sistema del credito cooperativo contribuisce a ridurre l’area di potenziale diffusione dell’usura” e considerare, come afferma a conclusione della sua prefazione, il Governatore Antonio Fazio che sia stato “soddisfatto l’anelito dei fondatori”.

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

Il Governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio.

121


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

122

LA PRESIDENZA VECCHIO

Il Vice presidente Antonio Vecchio con i due vice presidenti.

122

Professionista affermato, allevatore ed uomo di cultura impegnato nel sociale. Sono le tre vesti di Antonio Vecchio, 50 anni, laureato a 23 anni, avvocato a 27, a 41 è patrocinante in Cassazione. Ha fondato la “Rivabianca”, l’importante cooperativa pestana specializzata nella produzione di latticini bufalini. Fa il suo “ingresso” in Banca nel 1981, come presidente del Collegio Sindacale, incarico che reggerà fino al 1993. Nei due anni successivi fa il salto dall’altra parte della barricata: è nel consiglio d’amministrazione. Fino al 1999 c’è la sua parentesi politica. Si candida, con una coalizione di centrosinistra al Comune e, fino al 1999, quand’è chiamato alla presidenza del consiglio comunale. - Antonio Vecchio, com’è che si “avvicina” alla presidenza del nostro istituto di credito? L’avvocato mette avanti a tutto la discussione che investiva la base sociale, dove, soprattutto l’imprenditorialità più legata al settore turistico dava segni d’insofferenza. “Nel periodo in cui sono stato spettatore della vita della Banca notavo che mentre la situazione della stessa era florida, c’erano segni di malessere tra i soci, molti di essi non avevano più alcun rapporto con la Banca stessa. I più distaccati erano gli operatori turistici, soprattutto questi intrattenevano, per lo più, rapporti con altri istituti di credito”. S’imponeva una svolta, ragionano così alcuni soci, sono quelli che vanno da Vecchio per chiedergli di presentare la candidatura. La compagine societaria torna così, com’è già capitato in altri momenti, a scegliere tra due liste diverse. “Quelli furono per me giorni di terribile indecisione, poichè nulla avevo di personale contro l’allora Presidente e stringevo ottimi rapporti con tutti i Consiglieri in carica. Alla fine, sempre più pressato, decisi di candidarmi ed il 25 aprile 1999 fui eletto con una manciata di voti in più di quelli ottenuti dall’uscente Guglielmotti. Con la mia lista furono eletti: Benedetto Voza, Enrico Di Lascio e Arginto Petraglia. Gli altri sette consiglieri eletti rappresentavano la lista avversa, di modo che di fatto, il mio

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

123

gruppo era in minoranza. Tuttavia devo rendere pubblico omaggio e doveroso ringraziamento “all’opposizione”, con Angelo Sabia, che fu nominato Vice Presidente, e poi Gerardo Bernardi, Antonio Capo, Carmine Cerullo, Damiano D’Angelo, Giulia De Palma e Nicola Di Spirito. Sin dal primo Consiglio, dimostrarono di avere il solo interesse di lavorare per il bene della Banca, rifuggendo da sterili polemiche e da tattiche ostruzionistiche. Fu anche grazie a loro che il trienno 1999-2002 fu costellato da continui successi e miglioramenti nei rapporti con la base sociale”. Si ricompone così la sostanziale unità della base associativa. E’ in questa capacità di riunirsi intorno ad un fine comune che Antonio Vecchio individua la marcia in più dell’istituzione – banca. “La BCC di Capaccio ha saputo, dal 1953 ad oggi, cogliere al meglio le potenzialità di tale idea e, attraverso il lavoro di tutti i presidenti ed i Consigli d’Amministrazione che si sono succeduti in questo mezzo secolo, ha saputo evolversi di pari passo con l’evoluzione dell’economia. Non può sottacersi, peraltro, che molto hanno fatto gli imprenditori, i commercianti, gli agricoltori di Capaccio che, nel corso di 50 anni, sono riusciti, rischiando, talvolta, molto, a trasformare l’economia sonnecchiante degli Anni Cinquanta in uno scoppiettante proliferare d’iniziative che hanno trasformato Capaccio e le zone limitrofe, diventate un polo trainante dell’economia provinciale”. - Ogni presidente, con i collaboratori che lo hanno affiancato, ha portato un po’ della sua impronta nell’attività bancaria. Tra il segno dei tempi e specifiche scelte decisionali. Quali ritiene siano i passaggi più significativi dell’attività della Banca durante la sua Presidenza? “Innanzi tutto ci siamo proposti di diventare una Banca che comprendesse fino in fondo le esigenze e le eventuali difficoltà dei soci e dei clienti, cercando di dare loro risposte e suggerimenti in tempi brevissimi. Una Banca aperta al dialogo, dunque, e pronta a calarsi nella realtà delle singole aziende e persone per aiutarle a crescere o a risolvere i problemi. Abbiamo. poi, tentato di capire per quale ragione molti importanti imprenditori non operassero con la Banca e, a seguito di numerosi colloqui con loro, siamo riusciti a conquistarne la fiducia, tanto è vero che quasi tutti gli imprenditori turistici oggi hanno soddisfacenti rapporti con la nostra Banca. Abbiamo, poi, sostenuto con finanziamenti a tassi d’interesse di tutto favore il comparto agricolo, da tempo in crisi. Numerose agevolazioni sono state introdotte per il mondo della scuola, della gioventù in particolare, aumentando i premi scolastici per gli studenti meritevoli, istituendo un conto studenti a costo zero, sorteggiando computer tra gli studenti, finanziando corsi di lingua inglese, d’informatica e l’acquisto di computer.

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

123


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

124

Un’altra idea di grande successo si è rivelata quella di istituire una “Sportello Sviluppo” che, con la collaborazione della “QS & Partners”, fornisce gratuitamente informazioni ed adeguata assistenza alle imprese già esistenti e a quelle in via di formazione. Nel rispetto dello spirito mutualistico e cooperativo affidiamo gli incarichi professionali e tecnici a tutti i soci (figli di soci che abbiano richiesto di sottoscrivere la convenzione professionale) secondo un rigido criterio di distribuzione.

124

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

23/03/2004

17.13

Pagina

125

Siamo presenti – conclude Vecchio - come sponsor bancario in tutte le pù importanti manifestazioni culturali e sociali del territorio, quali la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, il Premio Charlot. Siamo inoltre sostenitori della Fondazione Paestum”. Ma c’è un sogno, al quale Antonio Vecchio non vuole rinunciare, un “we have a dream”, alla maniera di Martin Luther King: “Costruire, con nostri fondi, una piscina. Per farne usufruire tutti gli abitanti del territorio. Ci riusciremo”, garantisce Vecchio.

Capitolo 9

La Banca di Credito Cooperativo oggi

125


BCC50_09-110-127-.qxd

126

23/03/2004

17.13

Pagina

126

BCC Capaccio

50째 Anniversario


BCC50_09-110-127-.qxd

Capitolo 9

23/03/2004

17.13

Pagina

127

La Banca di Credito Cooperativo oggi

127


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

128


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

129

Capitolo 10 Pr ospettive agli inizi del nuovo millennio

L’AGRICOLTURA E IL TURISMO NEL FUTURO DI CAPACCIO-PAESTUM

L

e considerazioni conclusive del saggio di Luigi Gorga mi appaiono ancora oggi, all’inizio del nuovo millennio, di grande attualità; in particolare, per quanto riguarda il ruolo decisivo che il binomio agricoltura-turismo è chiamato a svolgere, anche in futuro, nel contesto economico del nostro territorio. Evidenti sinergie possono e debbono svilupparsi e crescere tra questi che rimangono i due fondamentali comparti della nostra economia. Rileggiamo quanto scriveva allora Gorga: «L’economia di Capaccio-Paestum si configura, quindi, con caratteristiche bipolari per il peso prevalente dell’agricoltura e del turismo che rappresentano dal punto di vista dell’autonomia propulsiva i “vettori” dell’intero sistema economico ed al cui sviluppo si aggrega il comparto commerciale pur se in una posizione di successivo adattamento alle proporzioni acquisite dai due settori principali. L’industria - attività edilizia a parte - rimane relegata in ambito modesto a prevalente dimensione artigianale; anche per questo comparto, comunque, ed in particolare per l’attività delle costruzioni, si registra l’effetto di trascinamento determinato dalla consistenza del reddito globale il cui livello resta prevalentemente influenzato dalla dinamica dei settori-base. In tale situazione, e considerati i fattori limitativi per una diffusa espansione delle iniziative industriali, peraltro da circoscrivere in ambiti ben de-

Paestum Particolare del Tempio di Nettuno.

Gli imprenditori della nuova generazione contribuiscono in maniera decisiva allo sviluppo economico e sociale della comunità


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

130

limitati, una tendenza naturale allo sviluppo sembra potersi individuare nel comparto dei servizi più direttamente legati alla gestione ed alla crescita delle aziende operanti nei settori-base. In sostanza, ai “vettori” economici innanzi citati è auspicabile che venga ad affiancarsi un “terziario” che agevoli ed affini ulteriormente le potenzialità inespresse; un terziario non genericamente “avanzato” bensì “sintonizzato” sulle problematiche dei comparti trainanti per assicurare l’affidabilità dei due momenti essenziali della funzione assolta nel microsistema economico di Capaccio-Paestum: quello dell’orientamento e della velocità dello sviluppo. La storia economica insegna - difatti - che se non attentamente seguiti tali momenti possono indurre in erronei convincimenti sulla direzione di marcia e sull’effettivo “trend” di sviluppo di un sistema economico denotando sintomi di involuzione o decadenza proprio mentre si registra una illusoria “sensazione” di benessere e di maturità. D’altronde le condizioni per lo sviluppo di un terziario razionalizzatore, e per certi versi promotore, di una nuova fase di crescita dell’economia di Capaccio-Paestum risiedono nei limiti e nelle distorsioni che il precedente corso ha evidenziato, nonché nella esigenza di adeguare il “ritmo” in un contesto economico sempre più dominato dalla velocità tecnologica. In tale comparto, oltremodo, risiedono, a mio avviso, anche tutte le speranze dei giovani (e meno giovani) in cerca di prima occupazione, di quanti La tenuta Vannulo.

130

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

131

non possono e non devono restare ai margini dello sviluppo “degli altri” ma contribuire a costruire una nuova fase dello sviluppo di Capaccio-Paestum ove tutti - consapevoli delle grandi risorse di questa terra - possano interpretare un ruolo giusto ed adeguato alle proprie aspirazioni ed alle personali capacità.» Angelo Capo, da parte sua, nel breve saggio “Capaccio-Paestum negli ultimi cinquant’anni”, inserito nell’ “Annuario 1944-1994” del Liceo Classico “D. Alighieri” di Agropoli, dove aveva studiato in gioventù, osservava: “Le strutture ricettive, che per il passato hanno dato lavoro ad un numero non elevato di persone soltanto nel periodo estivo, ora si vanno attrezzando sempre di più con sale destinate a cerimonie e convegni, il cui utilizzo quasi continuo nei 12 mesi consente di occupare ormai stabilmente una gran quantità di personale specializzato proveniente dal locale Istituto Professionale Alberghiero. Di pari passo si sono andate sviluppando le strutture ricettive (alberghi, che sono in numero di 33, dei quali 1 a cinque stelle e 3 a quattro stelle, nonché villaggi turistici e campeggi; capaci di ospitare 15.000 persone), le quali, col 20% complessivo del totale provinciale di posti disponibili, fanno collocare Capaccio-Paestum al primo posto nel salernitano per capacità di accoglienza turistica. La varietà tipologica delle strutture ed una loro più razionale dislocazione sul territorio, oltre a risolvere definitivamente il grave handicap dell’utilizzo solo temporaneo delle strutture stesse, consentono, in questo modo, di superare anche il vecchio dilemma del turismo di massa o di élite. A trarre vantaggio dall’apertura per tutto l’anno di alberghi e pensioni e dall’allungamento dei tempi di attività per campeggi e villaggi turistici, si sa, non è soltanto l’occupazione in genere, ed in particolare quella giovanile, quanto piuttosto i consumi di prodotti locali e più in generale l’intera economia. Più cresce il flusso turistico, infatti, più aumenta la richiesta dei prodotti della terra e dell’allevamento del bestiame con la conseguente crescita del binomio agro-turistico che a Paestum ha ancora potenzialità inespresse.» Antonio Palmieri è un punto di riferimento di fondamentale importanza nel panorama economico e sociale della nostra comunità; le sue vaste esperienze prima come Presidente del Consorzio di Bonifica, poi come Presidente della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, ma soprattutto la sua attività di manager avveduto e lungimirante della propria azienda agro-zootecnica, nota ormai non solo in ambito locale, ne rendono particolarmente interessanti osservazioni, giudizi ed analisi sul livello di sviluppo dell’economia agricola e zootecnica del nostro territorio e sulle sue prospettive di sviluppo.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

131


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

132

Quanto alle potenzialità del binomio agro-turistico della nostra zona egli osserva che, nell’ultimo decennio, è stata migliorata enormemente la qualità del prodotto e il turista trova molto positivo questo aspetto. Ai prodotti tradizionali dell’allevamento zootecnico (mozzarelle, ricotte, provole), se ne sono aggiunti altri come gelati e yogurt, ampliando così l’offerta. Non soltanto la sua azienda (che pure è stata la prima ad avviare con convinzione un discorso qualitativo) ma anche molti altri operatori nel campo della zootecnia mirano, ora, alla qualità del prodotto, rendendo la mozzarella di Paestum sempre più apprezzata in Italia e all’estero. E in generale, in campo agricolo, le aziende ortofrutticole si sono rivolte, da tempo ormai, ai prodotti più richiesti, in modo da soddisfare le esigenze del mercato e quelle del turismo in continua evoluzione. Insomma nell’ultimo decennio a cavallo del millennio, ormai trascorso, si sono validamente espresse, in gran parte, a giudizio di Palmieri, quelle potenzialità agro-turistiche di cui parlava Capo nel 1994. Palmieri si dimostra, perciò, ottimista sul futuro dell’economia locale: i risultati positivi dell’ultimo decennio fanno, infatti, ben sperare anche per l’avvenire; l’ottimismo è d’altronde giustificato anche dalla considerazione che fino a poco tempo fa i vecchi agricoltori si erano improvvisati albergatori e operatori turistici; ma ora ci sono i figli e i figli dei figli che hanno imparato a gestire e dirigere alberghi ed altre strutture turistiche. Le cose non potranno che migliorare ancora, in avvenire. Su un punto però Palmieri non si dimostra ottimista: l’amministrazione pubblica locale non ha saputo valorizzare l’enorme patrimonio culturale di cui il Comune di Capaccio-Paestum è in possesso; la vasta e suggestiva area archeologica con gli splendidi templi sono visitati da chi li conosce per averne letto sui libri di storia e storia dell’arte; ma nulla è stato fatto, da parte delle Amministrazioni locali, per attirare l’attenzione su di essi.

LE CARENZE NEL SETTORE DEI SERVIZI In stretta dialettica con le considerazioni di Luigi Gorga, prima riportate, Angelo Capo, a metà degli anni ‘90 denunciava le carenze nel settore dei servizi che rimandano a gravi responsabilità delle Amministrazioni locali. Così egli scriveva: «…Il futuro del comune non può che svilupparsi sul comparto economico agro-turistico, che ha la possibilità di fungere da volano per l’intera economia a patto, però, che cresca in modo adeguato anche il terziario

132

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

133

che, in una società dinamica di sviluppo, può e deve fare da supporto indispensabile ai comparti trainanti con i quali, appare evidente, deve sintonizzarsi. Per ora ciò non è avvenuto, ed è questo il punctum dolens, un vero e proprio neo, per la nostra comunità, anche per una serie di fattori e contingenze non certo favorevoli. La vastità e la varietà del territorio, da una parte, erronei convincimenti sulla direzione di marcia e sull’effettivo trend dello sviluppo del sistema, dall’altra, hanno favorito, infatti, una crescita non omogenea ed in qualche modo anche distorta del nostro comune. Il terziario, insomma, non è riuscito a seguire il ritmo di evoluzione che ha fatto registrare il contesto economico nel quale viviamo, ed invece di razionalizzare e per certi versi, promuovere una nuova fase di crescita dell’economia di Capaccio-Paestum, viceversa, è rimasto indietro e tuttora arranca e perde colpi. I trasporti pubblici in ambito comunale ed intercomunale, ad eccezione di quelli che insistono sulla direttrice Paestum-Salerno, sono inesistenti. Per uffici e servizi di primaria importanza, quali ASL, INPS, Scuole Superiori, Uffici Imposte, ecc. abbiamo perso il treno ed il nostro comune, che pure ha una posizione topo-geografica centrale rispetto a quelli limitrofi, ha finito con l’essere relegato ad un ruolo subordinato e periferico rispetto a tutti gli altri. Abbiamo perduto persino quello che avevamo nel secolo scorso: la sede arcivescovile, tanto per fare un esempio. I servizi esistenti sono allocati in locali precari e fatiscenti, come le scuole di ogni ordine e grado e, salvo qualche rara eccezione, sempre allogati in sedi improprie, come avviene sia per le due scuole medie che per i tre istituti superiori presenti. Addirittura inesistente è l’altro settore, il sanitario, che con quello dell’istruzione costituisce l’elemento indispensabile per far qualificare ‘civile’ una società: non un ospedale, non una clinica privata, non un ambulatorio degno di tal nome, non un servizio di pronto soccorso o dove si possa nascere. É cosa veramente triste per una città, infatti, il dovere prendere atto che i suoi abitanti, negli ultimi 15 o 20 anni, sono tutti ‘forestieri’, nel senso che nessuno dei propri figli è nato nell’ambito territoriale del comune. Lo stesso Credito, fondamentale in una realtà in via di rapido sviluppo, che fino ad ieri contava sulla presenza di una sola Banca, a carattere locale per giunta, nonostante abbia fatto registrare ultimamente l’apertura di nuovi sportelli, attualmente non appare in grado di svolgere pienamente il ruolo assai delicato ad esso richiesto.» Si può osservare che oggi il Comune di Capaccio ha finalmente una scuola secondaria superiore tutta sua, il Liceo Scientifico “G.B.Piranesi”; ma sostanzialmente le amare considerazioni di Angelo Capo rimangono ancora valide, per quanto riguarda in particolare il settore sanitario, ma più in generale per tutto il settore dei servizi.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

133


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

134

Personalmente ribadisco, infatti, a conferma di quanto egli scriveva nel 1994, che il punto dolente del Comune di Capaccio-Paestum è ancora la carenza dei servizi. Possibile che a Capaccio non ci sia una struttura ospedaliera? E se elimineranno, come si dice, le guardie mediche, a chi dovrà rivolgersi un cittadino bisognoso di cure immediate? Capaccio Paestum è una realtà comunque in espansione ed è veramente assurdo che presenti così importanti carenze. E ancora nel campo dei servizi: arrivando a Paestum in treno, si ha la sorpresa di non trovare autobus, nè taxi; a volte neanche un telefono funzionante: i treni con i turisti fermano a Paestum, ma non c’è purtroppo nessun raccordo con il territorio. Naturalmente la carenza dei servizi, già messa in evidenza da Capo, è da mettere in relazione al basso profilo dell’attività svolta da quasi tutte le Amministrazioni che si sono succedute, nel passato, alla guida del nostro Comune. Un’importante occasione mancata, per quanto riguarda il settore sanitario, di cui ancora oggi si pagano le gravi conseguenze, fu quella che si presentò a metà degli anni sessanta, quando l’ospedale “S. Luca” di Vallo della Lucania aveva programmato di dislocare una sezione distaccata a Capaccio Scalo. Il Consorzio di Bonifica, nell’occasione, si attivò lodevolLA GIUNTA mente per mettere a disposizione uno stabile di sua proprietà per Premesso: questa iniziativa, ma il progetto andò a monte perché l’Ammini- che nel centro dei Servizi di Capaccio Scalo sono stati costruiti, a cura strazione Comunale dell’epoca del Consorzio di Bonifica di Paestum, dei locali da adibire a Poliambulavi si oppose tenacemente. Riportorio, allo scopo di destinarli ad infermeria comunale; tiamo a lato il testo integrale - che il Consorzio ha comunicato che sin dal 15 marzo 1966 quel considella deliberazione della Giunta glio di Amministrazione ha deliberato la consegna dei locali predetti alcomunale di Capaccio del 5 nol’Ospedale Civile S. Luca per destinarli a Sezione ospedaliera allo scopo di vembre 1966 su questo argocreare l’assistenza mutualistica alla popolazione del comprensorio di Bomento. nifica; Quali i motivi di questa dura a voti unanimi espressi nei modi di legge opposizione ad un’iniziativa che avrebbe potuto dar luogo a sviDELIBERA luppi molto positivi per il nostro Far voti al Consorzio di Bonifica di Paestum affinché i locali di cui alla territorio, in campo sanitario? narrativa vengano ceduti al Comune di Capaccio; Ne parliamo con il dottor Giacomo De Palma, che è stato Far voti al Ministero della Sanità e al Ministero dell’Agricoltura e FoSindaco di Capaccio negli anni reste affinché intervengano presso il Consorzio per la revoca della cessio1970-1974 ed è stato anche Presine dei locali fatta a favore dell’Ospedale Civile San Luca. dente del Collegio Sindacale della Cassa Rurale.

134

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

135

Il dottor De Palma all’epoca aveva seguito molto bene queste vicende, alle quali era fortemente interessato, per i riflessi che esse avrebbero potuto comportare sulla sua professione di medico. E dunque ricorda bene che Mons. Gugliemotti di Vallo della Lucania desiderava che il “suo” ospedale “S. Luca” potesse installare, nei locali messi a disposizione dal Consorzio di Bonifica, a Capaccio Scalo un piccolo reparto di ginecologia ed un “pronto soccorso”. «Se fosse stata colta al volo quella occasione - racconta il dottor De Palma - sono certo che oggi il Comune di Capaccio avrebbe il suo ospedale, come lo ha Agropoli, come lo ha Roccadaspide e lo stesso ospedale di Vallo della Lucania non avrebbe avuto quello sviluppo che ha avuto in seguito. E’ stato un vero delitto lasciar cadere quella opportunità; si è trattato di visione miope, indubbiamente, ma anche di brighe di chi, nella compagine stessa della Amministrazione Comunale di Capaccio, non aveva nessun interesse a far sorgere un ospedale nella Piana di Paestum, che certamente avrebbe avuto uno sviluppo notevole, a motivo della centralità geo-topopgrafica del territorio rispetto a quasi tutta la parte meridionale della Provincia di Salerno, ed avrebbe finito con il togliere spazio, invece, ad altre strutture ospedaliere,in particolare di Battipaglia, che evidentemente stavano più a cuore a chi si opponeva a quel progetto di Mons. Gugliemotti, assecondato dal Consorzio di Bonifica.» E’ stato per questi cinici calcoli di interesse privato, contrastanti con le esigenze pubbliche della comunità che Capaccio non ha, né avrà mai un ospedale, mentre lo ha Agropoli e lo ha anche Roccadaspide! Vicende completamente diverse sono invece quelle che (è sempre il dott. De Palma che ce le chiarisce), hanno dato vita col tempo al Liceo Scientifico “G.B. Piranesi”, di cui si è appena parlato. L’Istituto Superiore di cui Capaccio aveva bisogno, nacque proprio durante il mandato amministrativo del dottor De Palma, che, coadiuvato anche dal professore Angelo Capo, (che oggi ne è Preside, ed allora agiva nella veste di Assessore nonchè di “esperto”, in quanto docente di Scuola Superiore), colse l’ultima occasione offerta dal Ministero dei Lavori Pubblici per far nascere a Capaccio Scalo una Sezione distaccata dell’istituendo III Liceo Scientifico di Salerno, che a partire da quell’anno, 1971, staccandosi dal Liceo Scientifico “Da Procida” sarebbe diventato autonomo come Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”. La primissima sede fu costituita da pochi locali del Palazzo Galardi: tanto bastò ad Amministratori sagaci ed attenti alle esigenze della comunità per dar vita ad una iniziativa, che con il tempo ha avuto sviluppi veramente positivi per il nostro Comune.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

135


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

136

IL TURISMO: TENDENZE EVOLUTIVE E CAPACITA’ PROGRAMMATORIE Ancora una volta mi sorprende la valenza di piena attualità che conservano, pur a distanza di quasi venti anni, le analisi sulla valorizzazione delle risorse turistiche del Comune di Capaccio, svolte da Luigi Gorga nel suo saggio più volte citato. Questa considerazione mi induce a riflettere, però, sul lungo tempo trascorso, quasi del tutto inutilmente, da quando nel 1984 appunto Luigi Gorga lucidamente indicava le strade da percorrere per cogliere le opportunità notevoli di tutto il territorio, che sono rimaste a tutt’oggi ancora scarsamente utilizzate; né peraltro ha fatto registrare ampi progressi la valorizzazione delle altre zone, in particolare la collina e lo stesso centro urbano di Capaccio, che ancora attende inutilmente un “rilancio” di cui tanto si parla, ma che tarda ad arrivare se si escludono poche ed isolate iniziative, come la realizzazione di un “Museo del Gran Tour”, nei locali del convento dei Cappuccini, iniziativa lodevole peraltro legata all’impegno dell’Associazione “Giambattista Vico” di Vatolla e alcune manifestazioni interessanti promosse dalle due vivaci Associazioni, sorte in questi ultimi anni nel capoluogo: l’ “Agorà” ed il “Leonardo”. Alcuni segnali confortanti, in verità, si possono cogliere anche nella cura che l’Amministrazione Comunale in carica ha riservato al riattamento della viabilità interna del territorio comunale e alla realizzazione di nuovi spazi ecologici molto piacevolmente fruibili, come parchi pubblici, piste ciclabili ecc. Particolare plauso merita poi, a mio avviso, l’ammodernamento dei giardini pubblici di Capaccio capoluogo, che sono divenuti un salotto sempre più accogliente e suggestivo, con il bellissimo panorama che da essi si può ammirare. Un discorso a parte merita infine la Borsa archeologica del Turismo, che da sei anni, ad ogni nuova edizione, trasforma Paestum in capitale del turismo culturale. Scriveva allora Gorga: «Il settore turistico, con un numero di addetti relativamente contenuto ed una marcata stagionalità, si distingue per il notevole valore aggiunto rispetto a tutti gli altri settori di attività e per la cospicua contribuzione al reddito globale. Esso mantiene vaste ed articolate connessioni con il comparto commerciale fondando i presupposti del suo sviluppo in una serie di condizioni particolarmente favorevoli di carattere paesaggistico, ambientale, logistico e ovviamente, data la presenza di Paestum - per la rilevanza storica, archeologica e culturale del territorio nella sua totalità (Paestum, Hera Argiva, Gaudo, le varie necropoli, ecc. per gli insediamenti più remoti; Capaccio vecchia per la storia più recente). La rara bellezza dei complessi monumentali di Paestum, per certi versi l’assoluta originalità, se non l’esclusività, di taluni ritrovamenti, il

136

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

137

vastissimo numero di reperti, lo stato di conservazione di gran parte delle strutture riemerse dagli scavi (i templi, le mura, l’anfiteatro, le strade) hanno alimentato un “naturale” flusso turistico di provenienza nazionale ed internazionale sin dai primi anni ‘50. Tale flusso è venuto poi sempre più incrementandosi nel corso degli anni ‘60 e ‘70 determinando, per contro, collaterali effetti di “dequalificazione” delle presenze. Gli organi amministrativi preposti alla funzione di programmazione di tutela e di gestione del patrimonio in discorso (Comune, AAST, Sovrintendenza ai Beni Archeologici) non hanno armonizzato i rispettivi ruoli, esaltando le loro specifiche funzioni né hanno “interpretato” una realtà peculiare quale quella di Paestum in senso stretto in un più complessivo contesto delle potenzialità di sviluppo offerte dal territorio. Sicché, mentre per la componente “balneare” del flusso turistico venivano allestite strutture in eccesso o si lamentava l’assenza di servizi a supporto delle strutture più impegnate (alberghi, camping), per quella più strettamente archeologico-culturale veniva a determinarsi una confusionaria promiscuità i cui effetti immediati erano quelli di un progressivo depauperamento della “qualità” degli arrivi, in particolare degli stranieri ed un veloce scivolamento dello “standard turistico” verso forme di tipo mediobasse caratterizzate da una notevole intensità di presenza nell’arco dei 40/50 giorni estivi. Le gravi carenze gestionali evidenziate per l’entità “Paestum” non sono state, naturalmente, foriere di diversi risultati per quanto concerne le altre componenti territoriali quali la collina, Capaccio capoluogo, le fasce lungo il corso del Sele e la sua foce. Per tali realtà non sono state adottate iniziative valorizzatrici in quanto la mancanza di un piano organico dell’offerta ha finito col relegare tali luoghi a “sistema passivo” circostante la realtà più ‘vendibile’ di cui si disponeva. Anzi, lungo la collina di Capaccio il tentativo operato anche di recente da qualcuno è quello della vecchia e fallimentare logica delle seconde case col risultato di allungare così ulteriormente i tempi del “rilancio” di Capaccio capoluogo che in quanto entità urbana andrà recuperata lungo un itinerario storico-culturale da percorrere “a ritroso” rispetto a tutto quanto praticato dagli inizi degli anni ‘60. Laddove, è opportuno precisare, se ce ne fosse bisogno, che tale percorso “a ritroso” non è un percorso antistorico quanto piuttosto un modo di riaccostarsi alla propria storia, né è un percorso antieconomico in quanto consente di conferire funzione vitale a quello che resta pur sempre il punto di riferimento storico, civile ed amministrativo dell’arcipelago Capaccio. In definitiva, le potenzialità turistiche del territorio sono enormi e di varia graduazione e peculiarità: continuare a soffermarsi soltanto sulla componente più rilevante per importanza e notorietà vuol dire, in fondo,

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

137


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

138

adagiarsi su una posizione di “rendita”. E poiché la “rendita” è una nozione economica passiva in quanto non riviene da una combinazione dinamica di fattori ma soltanto da uno “status” privilegiato del soggetto (nel nostro caso di un soggetto collettivo) è evidente che il solo decorso del tempo in un’economia ad alto grado di competitività determina lo svilimento della “rendita” e la sua retrocessione verso livelli di puro mantenimento. Segnali del superamento di tale logica possono, peraltro, individuarsi nella iniziativa recentemente promossa dal Fondo Mondiale per la Natura (W.W.F.) per la creazione di un parco naturale che dalla foce del Sele arrivi fino alla confluenza col Tanagro - d’intesa coi Comuni interessati - e nel quale dovrebbe, in particolare, realizzarsi un’area protetta per la sopravvivenza della lontra. Ma altri segnali, anch’essi confortanti, possono essere individuati nella più diffusa consapevolezza della esigenza di una corretta gestione delle risorse da una parte sempre più vasta dell’opinione pubblica, nella minore ospitalità attribuita nell’ambito delle varie categorie di operatori professionali alle “tesi dell’arrembaggio” tipiche degli anni ‘60 e ‘70, nel maturato convincimento che una economia aperta “impone” una corretta gestione pena la estromissione dell’azienda dal mercato. In effetti, basta riflettere poco per accettare il principio che la “gestione” del turismo va inquadrata in una logica aziendale: e ciò non è riduttivo in quanto non riconduce tutto in termini di profitto ma spinge ad interpretare le risorse date (ambientali, storiche, archeologiche, paesaggistiche) con le variabili individuali e collettive (imprenditorialità, associazionismo, funzione del Comune, dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, della Sovrintendenza alle Antichità) per combinarle nella direzione della massima produttiyità ed economicità. Tale “equazione”, peraltro, va risolta tenendo presente che non trova riscontro la tesi di una “vocazione unidirezionale” del turismo a CapaccioPaestum: la polemica tra chi ha voluto accreditare un turismo di elìte contrapposto ad un turismo di massa è superata prima ancora che sotto il profilo culturale sotto quello logistico-territoriale ed economico. In sostanza, vuoi per la dislocazione logistica (vasto retroterra di utenti) vuoi per le caratteristiche territoriali (ampia capacità di assorbimento) è necessario coniugare queste due “anime”, renderle compatibili ed entrambe finalizzate allo stesso scopo con politiche appropriate e con flessibilità di intervento degli Enti preposti. In una parola con una interpretazione differenziata delle varie realtà (fascia costiera, zone urbanizzate, area archeologica, Capaccio capoluogo, i corsi d’acqua, le montagne) perché varia è la struttura territoriale che in quanto tale esige una risposta duttile ed articolata. Occorre entrare - e subito - in questa logica se si vuole evitare in particolare che Paestum continui ad allontanarsi dal circuito internazionale (il rapporto italiani/stranieri si è notevolmente squilibrato a danno di

138

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

139

questi ultimi), che il degrado dell’area archeologica proceda inarrestabile, che le opportunità ancora notevoli di tutto il territorio rimangano scarsamente utilizzate e che la valorizzazione delle altre zone sia relegata a fenomeno residuale; che il tutto, cioè, sia ancora affidato alla logica della “rendita” e non a quella, moderna ed efficace, della “produttività”. Il momento dell’articolazione e quello della sintesi sono, in definitiva, i due tempi dell’azione programmatoria soltanto con la quale è possibile poter gestire il presente ed affinare un progetto per il nuovo millennio. La esigenza di programmazione da parte pubblica di interventi integrati per le zone archeologiche (Paestum, Gaudo, Hera Argiva, Capo di Fiume) è ormai largamente avvertita, la revisione degli spazi turistici e commerciali operativi all’interno della cinta muraria di Paestum, l’arredo e la finalizzazione degli insediamenti adiacenti (via Tavernelle), la eliminazione del traffico degli autoveicoli all’interno, la realizzazione di un sistema di collegamenti tra tutte le componenti territoriali del Comune e la definizione di una rete di trasporti con le altre zone di approdo dei turisti nella Provincia di Salerno rappresentano, poi, altrettante tappe nell’ottica della crescita qualitativa e quantitativa del turismo di CapaccioPaestum Invero, l’ideazione di un parco archeologico può uscire definitivamente dall’ambito del dibattito culturale soltanto se si riesce a rendere credibile tale progetto facendolo diventare “conveniente” per tutti; inserendolo, cioè, in un contesto di compatibilità tali da conseguire al più presto l’obiettivo di una dimensione internazionale di Paestum che merita di essere definitivamente consegnata alla sensibilità dei cittadini del Mondo.»

IPOTESI DI NUOVE PROGETTUALITA’ Finora, parlando di turismo nella zona di Capaccio-Paestum, sono stati messi in rilievo soprattutto gli aspetti agro-zootecnici che, creando un notevole sviluppo economico, lo hanno favorito e fatto crescere. Ora, però, mi sembra giusto allargare il discorso a quello che è l’aspetto più consono al grande patrimonio culturale di cui è in possesso il nostro territorio. La presenza dei templi e dei musei (quello già famoso di Paestum e quello modernissimo, quanto mai suggestivo di Hera Argiva a Gromola) crea turismo da sola; ma come giustamente rilevava Antonio Palmieri, questo aspetto culturale del territorio non è stato incrementato, né reclamizzato adeguatamente. Eppure le potenzialità sono enormi e tante le iniziative che potrebbero valorizzarle: ho sottomano una “ipotesi di progettualità” di Giuseppe Liuccio che propone, appunto, una serie di iniziative, alcune delle quali particolarmente suggestive ed interessanti, atte,

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

139


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Giuseppe Liuccio Giuseppe Liuccio è nato a Trentinara (Salerno) e vive e lavora a Roma. Dopo essere stato docente di latino e greco nei licei di diverse città italiane, da circa quarant’anni ha pubblicato libri, saggi e raccolte, e lavorato come autore televisivo e radiofonico. Tra le raccolte di poesie da lui scritte ricordiamo “Chesta è la terra mia”, “Chianto r’amore”, “Tanno e mo” (Galzerano Editore) e “Miti di Terra e di Mare” (Edizioni dell’Ippogrifo). Giuseppe Liuccio è stato tradotto in spagnolo ed in altre lingue.

140

Pagina

140

anzitutto, a “destagionalizzare” l’offerta turistica e “diversificarla” in “un processo di feconda sinergia”. Esattamente sono dodici le iniziative, proposte da Liuccio, che vanno dalla creazione di un “salotto letterario Pestano” ad un “osservatorio permanente del Turismo”. La presentazione di libri, recitals di poesie, mostre di pittura, proiezioni di video e films dovrebbero avere come tema la “mediterraneità” così che Paestum possa diventare “nell’immaginario turistico-culturale il naturale ponte di raccordo tra l’Europa ed il Mediterraneo”. Paestum ha, infatti, una felice posizione geografica che ne arricchisce la candidatura alla sua funzione di “tramite” e molte delle iniziative proposte da Liuccio sono tese, appunto, alla speranza che Paestum diventi un tramite della cultura Italo-Greca; ad esempio la proposta di promuovere una “Fiera del Libro Italo Greco” che coinvolga enti culturali e turistici italiani e greci e ancora quella di istituire un gemellaggio Paestum-Atene. Liuccio insiste molto anche sulla “mediterraneità” di Paestum, proponendo di inserire in un premio letterario internazionale “PaestumMediterraneo”, la premiazione per la migliore traduzione di un’opera di autore mediterraneo o ancora la pubblicazione delle migliori opere letterarie greche e mediterranee, più in generale, con traduzione in italiano. Altre proposte suggestive e interessanti sono quella di “recuperare quanto di letterariamente valido è stato prodotto su Paestum” e quella di creare o ripristinare, forse, il Roseto Pestano giacché antichi poeti, tra cui Virgilio, hanno cantato “le rose pestane in fiore tutto l’anno”. Il roseto pestano sarebbe un’attrattiva turistica di per sé; ma potrebbe divenire persino una spinta alla fabbricazione di una linea di profumi “Città delle Rose” promuovendo nuove attività economiche ed occupazionali. Liuccio propone inoltre una “Fiera-Espositiva-Mercato dei Sapori e Saperi della Mediterraneità” partendo sì dai nostri prodotti più tipici di cui siamo veramente ricchi (mozzarella, carciofi, olio, fichi); ma anche confrontandoli di anno in anno coi prodotti di altri paesi mediterranei, a partire dalla Grecia. Egli auspica infine una particolare attenzione alla sacralità delle acque, di cui è così ricco il nostro territorio, motivo questo non ultimo della scelta di questo sito da parte degli antichi coloni greci, che vennero a fondarvi una nuova città: fin dalla più remota antichità le acque del territorio furono oggetto di culto, come attestano le rovine di edifici sacri, sommerse, ma chiaramente individuabili nelle acque dell’antica Trabe a Capodifiume. Analoga attenzione è auspicabile che venga riservata al culto della fecondità, di cui Hera Argiva è simbolo universalmente riconosciuto,

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

141

che si ricollega altresì all’immagine del melograno, altro frutto mediterraneo, da sempre coltivato, che andrebbe opportunamente valorizzato. La promozione dell’immagine di Paestum va, comunque seguita, in ogni caso, con occhio vigile all’evoluzione del turismo “non affidata al caso e allo spontaneismo”; ma quello che conta soprattutto, conclude Liuccio è “volare alto”. In linea con questi auspici di un turismo di “qualità” possono annoverarsi gli incontri letterari dell’estate 2003 a Villa Salati di Paestum, che hanno visto la partecipazione di personaggi prestigiosi della cultura italiana come Maria Luisa Spaziani, Dacia Maraini, Francesco Agresti. Il merito della iniziativa, oltre che a Giuseppe Liuccio, va riconosciuto alla Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Paestum, che va incoraggiata e stimolata sempre più verso una programmazione annuale che sappia cogliere soltanto manifestazioni di uno spessore culturale adeguato alla cornice prestigiosa dei templi e dell’intero parco archeologico che fanno di Paestum un “unicum” nel panorama turistico culturale non solo nazionale, ma a livello mondiale. In questa direzione vanno certamente i concerti, che potrebbero organizzarsi nelle ville antiche e nelle chiese, seguendo la stimolante proposta del maestro Mario Bruno Bambacaro, che ormai da tempo, rappresenta il punto di riferimento più qualificato per la valorizzazione delle radici culturali della nostra comunità. Un campo in cui Paestum sembra già aver realizzato appieno la sua funzione di “tramite”, di raccordo tra l’Europa ed il Mediterraneo è quello della Borsa archeologica del turismo culturale. La manifestazione, che è già alla sesta edizione, “continua a registrare un’attenzione sempre maggiore ed è ormai accreditata tra gli addetti ai lavori, presso la Comunità scientifica internazionale e nel mondo dell’Informazione” osserva con soddisfazione Alfonso Andria Presidente della Provincia a cui si deve il merito di aver ideato ed organizzato questo importante evento. “La Borsa - continua Andria - ha una sua peculiarità in quanto promuove l’incontro tra domanda e offerta nel settore del turismo archeologico e costituisce una vetrina delle varie destinazioni mediterranee.” L’iniziativa, in definitiva, ha il merito di porre all’attenzione dei “media” il ricco patrimonio archeologico del nostro Paese, che esercita, in questo settore, un meritato ruolo di “leader”, nell’area mediterranea, come osserva, con compiacimento, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, nel saluto inaugurale fatto pervenire ai partecipanti e agli organizzatori dell’iniziativa: «Il processo del dialogo euro-mediterraneo, avviato a Barcellona nel 1995, pone infatti le basi, tra l’altro, per la crescita dei flussi turistici verso il Nord Africa e il Vicino Oriente, a vantaggio non solo delle economie

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

141


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

142

dei Paesi di queste regioni, ma anche degli operatori che sapranno offrire a turisti sempre più sensibili agli aspetti culturali gli strumenti per godere degli splendidi tesori artistici e archeologici custoditi in queste terre. L’Italia può cogliere una grande opportunità per due ordini di motivi: da un lato i nostri operatori turistici sono forti di una sensibilità maturata dallo sviluppo del turismo culturale nel nostro territorio, dall’altro lato gli archeologi italiani esercitano da molto tempo un ruolo determinante nella tutela e nella valorizzazione di importanti siti in questi Paesi.»

ORIZZONTI DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA’ Non si può iniziare il capitolo delle nuove frontiere dell’imprenditorialità nella piana di Paestum senza parlare di Alberto Barlotti, che è stato il primo nella nostra comunità, a cavallo tra la vecchia e la nuova generazione a “volare alto” per riprendere l’espressione di Giuseppe Liuccio: la nuova generazione di imprenditori di successo, del nostro territorio, ha in lui essenzialmente uno dei propri progenitori più qualificati. Quella che segue non vuole certo costituire una “mappa” completa dei nuovi imprenditori del nostro territorio che, con il successo delle loro iniziative hanno contribuito e contribuiscono in maniera decisiva allo sviluppo economico e sociale della comunità. Si vuole invece, partendo proprio da Alberto Barlotti fornire un ristretto campionario di alcune delle iniziative di successo più rappresentative, che però possano dare anche, nello stesso tempo, il senso della portata di questo successo, vasto ed esteso a molti settori dell’economia, in particolare a quelli sul cui sviluppo maggiormente si può contare oggi, così come nel prossimo futuro, vale a dire il turismo, l’agricoltura e la zootecnia. L’Hotel Ariston Alberto Barlotti nasce il 9 settembre 1938, sedicesimo di sedici figli; a 12 anni rimane orfano di entrambi i genitori, a 16 inizia a lavorare, a 18 anni gli si presenta già la grande occasione: ottiene in fitto una grande Azienda, l’Azienda D’Anzilio, davvero un segno di grande fiducia in un imprenditore così giovane. E di lì Barlotti prende il volo per un itinerario che lo porta a realizzare un piccolo impero economico, che ha le sue basi sui due settori ricorrenti della economia della piana di Paestum: l’agricoltura ed il turismo. La coltivazione del carciofo è il suo primo trampolino di lancio, un’attività che non ha mai abbandonato fino a diventare oggi leader nazionale nella produzione del carciofo romanesco, una varietà

142

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

143

importata dalla campagna romana, in particolare da Sezze Romano in provincia di Latina, che la sua Azienda agricola produce, con tecniche organizzative e di coltivazione di avanguardia, ed esporta in tutta Europa: Francia, Austria, Germania, Svizzera, Olanda. La strada attraverso cui raggiunge altri successi , in campo agricolo, è sempre quella della coltivazione di “primizie”: inizialmente fragole, ma poi scarole, cavolfiori, pomodori, asparagi. Oggi la coltivazione si concentra su tre prodotti: carciofi su 250 ettari di terreno; finocchi, su 110 ettari ed asparagi su 20. L’Azienda agricola oggi conta solo 150-160 dipendenti, ma è arrivata ad averne fino a 3.000, nel passato quando la coltivazione delle fragole, estremamente intensiva, richiedeva grandi risorse di manodopera, fino a 30 operai per ettaro di coltivazione. L’Hotel Ariston è l’altra sua grande realizzazione: la sua storia, lunga e costellata di successi, inizia nel 1970 quando nasce come piccolo albergo. Forte della sua esperienza acquisita girando il mondo, Barlotti dà un’impronta internazionale all’albergo, che, inizialmente a conduzione familiare, si ingrandisce grazie all’afflusso di turisti, soprattutto tedeschi, e si distingue ben presto per l’imponenza degli spazi, creati attraverso una politica di investimenti continua che tende ad una lunga serie di ristrutturazioni ed espansioni. Nel 1990 l’albergo inaugura una nuova ala dedicata ai ricevimenti ed ai banchetti con ben sei Sale ristoranti; due anni dopo viene aperto un moderno Centro Benessere a cui si affianca un attrezzato Centro Sportivo che viene ampliato nel corso degli anni fino a comprendere quatto campi di calcio regolamentari in erba. Grande attenzione l’Albergo ha sempre prestato alla cucina: per sottolineare l’impegno nel controllo diretto di tutti i processi produttivi, l’Hotel si è dotato, nel corso degli anni, di una propria pasticceria, panetteria, pastificio, gelateria e dal 1999 di un proprio caseificio per la produzione di prodotti caseari. Infine, a complemento di una struttura polifunzionale viene aperto un Centro Congressi con cinque sale ed un teatro da 1.000 posti. Ultima in ordine di tempo, ma non per questo meno importante, l’apertura di padiglioni fieristici adiacenti il Centro Congressi: gli stessi dove si tiene ogni anno la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, che nel 2003 ha visto la partecipazione di ben 23 Paesi di tutto il mondo, oltre la Siria che quest’anno è stata, tra i Paesi dell’area mediterranea, l’ospite d’onore. L’Hotel Ariston è divenuto uno dei simboli più prestigiosi di Paestum: attori, scrittori, industriali e personalità del jet-set internazionale lo frequentano abitualmente e non si può non attribuirgli un ruolo di primissimo piano per l’intero comparto turistico della zona.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

143


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

144

I prodotti tipici dei giovani imprenditori Ira Meyer, nato a New York, si è laureato in arti culinarie al “Culinary Institute of America”, una vera e propria università per chef. Ha un’esperienza pluriennale come gourmet, food stylist, insegnante di cucina e consulente di vari club gastronomici. Da diversi anni è executive chef del famosissimo “Woodlands Market” in California, frequentato da molti divi di Hollywood. Ira Meyer è ritornato a Paestum e nel Cilento per conoscere ed apprezzare da vicino quei prodotti tipici locali che fanno parte di quella che è ormai conosciuta, nel mondo intero come la “dieta mediterranea”; ed Ira Meyer è un cultore appassionato di questo nostro modo di mangiare semplice e genuino e ne fa convinta ed autorevole promozione negli Stati Uniti d’America. Nella sua breve visita egli è stato accompagnato dal giornalista e critico cinematografico Marcello Garofalo che è tra i più noti esperti di cinema disneyano, ed insieme ad Ira Meyer ha scritto un libro “Ricette da fiaba” che raccoglie 101 ricette ispirate appunto ai più bei film di Disney. Ira Meyer ha così potuto incontrare uno stuolo di imprenditori locali che hanno presentato i loro prodotti tipici, già degustati a tavola dallo chef californiano. La rassegna spaziava su tutto l’arco delle specialità “nostrane”, dalla produzione e trasformazione artigianale di ortaggi, alla pizza di pane e “vicciddu alla vampa” cotti naturalmente in forno a legna, dalla famosa mozzarella al “casocavaddo”, dalla produzione artigianale di pasta fresca, che rievoca gli antichi sapori, alla carne bufalina con la sua qualità e i suoi pregi nutrizionali, dal rinomato olio ottenuto per “percolamento” ai vini di pregio legati ad una lavorazione di uve accuratamente selezionate. Gli imprenditori che hanno voluto presentare questi loro prodotti erano quasi tutti giovani o giovanissimi, molte le donne, a testimonianza di una nuova imprenditoria disinvolta e dinamica, cresciuta di recente ma già in grado di confrontarsi, anche in produzioni di “nicchia” necessariamente di piccole dimensioni, sui mercati di tutto il mondo. Il Vivaio Cerrato E’ una delle aziende in forte espansione affermata sul territorio e sul mercato nazionale e divenuta, in particolare, punto di riferimento per i mercati campani e soprattutto pugliesi, ai quali è destinato circa l’80% della intera produzione, comprendente, tra l’altro, cento milioni di quintali di pomodori, quaranta di finocchi, quindici di broccoli. L’Azienda nata nel 1984, ad opera dal padre degli attuali titolari, Vincenzo e Michele Cerrato, si è sviluppata ed è cresciuta da allora fino a diventare una delle realtà economiche più interessanti del territorio, con oltre quaranta dipendenti, che costituiscono, in qualche

144

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

145

modo, il vero “patrimonio” dell’azienda, che ha bisogno di personale specializzato, esperto di ogni aspetto del lavoro di un vivaio. Pochi possiedono infatti quella esperienza che i dipendenti del vivaio Cerrato hanno acquisito attraverso anni di lavoro continuo fino a divenire difficilmente sostituibili; sembra quasi paradossale in un contesto economico che fa registrare ancora alti tassi di disoccupazione, ma una delle difficoltà maggiori dell’Azienda, che ne limita anche le possibilità di ulteriore espansione, è proprio la carenza di personale che abbia i requisiti adatti per lavorare in un vivaio: ossia la conoscenza appunto di tutte le fasi del lavoro. D’altra parte i giovani, sebbene non riescano a trovare lavoro se non con grande difficoltà e spesso costretti ad imboccare strade che li portano lontano da Capaccio Paestum, non sempre sono disponibili ad accettare le opportunità, che nel campo dell’agricoltura specializzata, vengono offerte sul nostro territorio. Dal 1984, anno di nascita del vivaio Cerrato fino ad oggi il settore agricolo si è evoluto moltissimo: oggi il vivaio si avvale del supporto di modernissime tecnologie, che consentono di impiantare porte elettroniche, di installare climatizzatori computerizzati, di governare apparecchiature in grado di controllare costantemente la temperatura e l’umidità dell’ambiente interno alle serre: tutte innovazioni che fino a qualche decennio fa erano impensabili. La tenuta Vannulo “Nel caseificio di Antonio Palmieri nel sud d’Italia, le bufale più che pascolare si rilassano. Passano molto tempo stese su materassi di gomma, come se fossero sulla spiaggia. Si nutrono di insalate di erbe miste. Nessuna di loro ha bisogno di crogiolarsi nel fango per rinfrescarsi; d’estate Palmieri le bagna ogni mezz’ora sotto delle docce costruite appositamente. Palmieri, nei suoi eleganti pantaloni di velluto a coste, camicia a quadri e gemelli d’oro, sembra più un magnate dell’industria in vacanza che il proprietario di una fattoria.” Questo scrive, tra il brillante e il divertito per le sue stesse descrizioni paradossali delle bufale, Daniel Williams sul “Washington Post” del 12 novembre 2003 in una corrispondenza da Capaccio Scalo, Italia, che costituisce il sesto di una serie di articoli sulle abitudini alimentari degli italiani.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

145


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

146

Ed è solo l’ultimo “servizio”, in ordine di tempo, non certo di importanza, sulla Tenuta Vannulo la cui fama ha da tempo ormai varcato anche i confini dell’oceano. Il giornalista statunitense, che è il capo della redazione romana del “Washington Post”, ammirato per la tenuta Vannulo, tanto che come egli ritiene non sarebbe fuori posto affianco ai maneggi eleganti della Virginia, afferma che la missione di Palmieri è quella di produrre “quella semplice, cremosa mozzarella biancoperlata per la quale la regione è famosa”. Ed è proprio vero che la nostra regione, ma la piana di Paestum soprattutto, offre in questo campo una produzione di primissima qualità, che si è affermata proprio per l’impegno e la serietà con cui molti caseifici della nostra zona tengono, ormai da qualche tempo, sempre alto lo standard di una produzione così particolare, per la quale la qualità è davvero un requisito essenziale. Uno dei misteri nella storia, come ricorda Daniel Williams, è il come la bufala e quindi la mozzarella siano arrivate in Italia dalla lontana India. Alcuni studiosi pensano perfino che il ritrovamento di un marmo raffigurante una testa di bufala tra le rovine della villa Adriana a Tivoli, suggerisce che siano stati gli antichi romani a portare la mozzarella dall’Egitto, appena conquistato.

146

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_10-128-147-.qxd

23/03/2004

17.14

Pagina

147

NOTA CONCLUSIVA DELL’AUTORE Abbiamo cercato di racchiudere in uno spazio necessariamente contenuto le vicende della trasformazione epocale che ha contraddistinto l’ultimo cinquantennio dello sviluppo economico demografico e sociale del nostro territorio, praticamente dal secondo dopoguerra ai giorni nostri. Chiaramente la trattazione completa di queste vicende avrebbe richiesto ben altri spazi e ben altri mezzi; noi abbiamo inteso però collegarle ad un filo unico che lega questi avvenimenti stessi e li lega anche alle vicende dell’istituto bancario di cui quest’anno si festeggia il cinquantenario, in maniera che ne renda più facile la fruizione. A tale fine ci siamo limitati a raccogliere le tessere di un mosaico già esistenti e reperibili in saggi, studi, ricerche che sulla materia sono stati prodotti, da personaggi che fanno parte della storia stessa di questo territorio come Angelo Capo, come Luigi Gorga e Paolo Paolino, nel campo della ricostruzione storica e come Bruno Bambacaro, Giuseppe Liuccio e Mario Mello nel campo della valorizzazione delle nostre radici culturali. In questo modesto lavoro artigianale che ci siamo prefissati, chiaramente qualche angolo, qualche parte del mosaico risulterà meno “leggibile” e definita di quanto si possa desiderare, per le inevitabili lacune ed omissioni che purtroppo bisogna mettere nel conto quando si affronta un argomento così vasto e complesso. Chiediamo ovviamente scusa ai lettori di queste lacune e saremmo grati a chi volesse segnalarne la portata, sperando di avere comunque contribuito sia pure in piccolissima parte a far conoscere meglio gli avvenimenti di questo cinquantennio di storia della “nostra” terra. Così come saremmo veramente lusingati ed orgogliosi se a qualcuno la lettura di questo volume potesse stimolare il desiderio di approfondimenti e completamenti, che noi auspichiamo.

Capitolo 10

Prospettive agli inizi del nuovo millennio

147


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

148


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

149

Testimonianze, ricer che, documenti LE TESTIMONIANZE Il senatore Gaetano Fasolino La Cassa rurale ha svolto un ruolo di grande rilievo nello sviluppo di Capaccio. Ora si chiama Banca di Credito Cooperativo ma a me piace sempre ricordarla come Cassa rurale. L’epoca del notaio De Maria appare nebulosa nei miei ricordi, forse perché ero troppo giovane e in tutt’altre faccende affaccendato. Ricordo invece i tempi eroici dell’avvocato Granato, la sede di Piazza Santini, come dire, i tempi eroici di Capaccio e di Paestum. Le grandi lotte contadine e bracciantili cui è indelebilmente legato il nome di Salvatore Paolino ma anche di tanti capaccesi come il professore Troncone, i fratelli Bavoso ed altri ancora, avevano da poco segnato la prima rivoluzione economico-sociale del territorio. Spezzato il latifondo, era partita la riforma fondiaria con una serie di difficoltà logistiche ed ambientali oltre che di ordine tecnico; molti assegnatari si ritrovarono soli nonostante l’esistenza dell’ente riforma e, soprattutto, si ritrovarono senza soldi. In quei tempi la Cassa rurale ha svolto un ruolo di grande sostegno alla nuova economia che cominciava a delinearsi. E’ di quei tempi, fine anni Cinquanta, la nascita della seconda rivoluzione, legata al turismo. Sull’onda del richiamo della città archeologica gli stranieri cominciarono a scoprire il mare e le mille altre bellezze naturali: il Sele, le sue golene e l’estuario mozzafiato, le sorgenti di Capodifiume, le altre

Capaccio Una classe della scuola elementare nei primi anni cinquanta

I soci inizialmente erano agricoltori ed artigiani, oggi sono in gran parte commercianti e operatori turistici


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

150

disseminate nella pianura, il Salso, il Ponte di Ferro, l’incomparabile spettacolo di monte Soprano e del Sottano, le tempe, le aree dunali. E così è venuto fuori un turismo, probabilmente fuori dagli schemi, in gran parte spontaneo, nascente da iniziative singole cui il Comune e gli altri enti pubblici hanno corrisposto con servizi complessivamente efficienti: l’acqua, la luce, le strade, l’assistenza sanitaria territoriale. Alberghi e ristoranti, lidi e campeggi sono numerosissimi e danno ospitalità ad un numero crescente di visitatori. Il cambiamento è stato sostenuto anche dalla Cassa rurale poi diventata Banca di Credito Cooperativo con le presidenze di Rosario Pingaro, tra l’altro egli stesso imprenditore coraggioso e determinato, di Antonio Palmieri che ha ricoperto altresì la carica di presidente del Consorzio di Bonifica ed è diventato famoso per la sua inimitabile azienda casearia, dell’avvocato Pino Guglielmotti valente e apprezzatissimo avvocato e, infine, di Antonio Vecchio, anch’egli avvocato e già presidente del consiglio comunale di Capaccio. La nostra comunità deve essere grata anche ai consigli di amministrazione dell’Istituto perché hanno sempre seguito lo sviluppo dell’economia con amore ed impegno. Capaccio e Paestum ora affrontano una nuova rivoluzione, legata ad una società in tumultuosa trasformazione e sempre più aperta a contributi esterni, tecnologicamente avanzata, ricca di nuovi fermenti nei settori chiave dell’agricoltura, del commercio, dell’artigianato e del turismo con accenni significativi ad attività industriali. Sono sicuro che, ancora una volta, la Cassa rurale, ora Banca di Credito Cooperativo, fungerà da sostegno e propulsione. Oggi le attività si svolgono nella nuova sede nata dal genio artistico di Pagliara. Sede bellissima. Ma, che volete, quando passo per Piazza Santini la memoria corre agli anni Cinquanta, all’avvocato Granato, ai soci di allora, a mio padre Antonio che si recava a quello sportello per la sua attività commerciale e il tempo perduto mi stringe inesorabilmente la gola.

150

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

151

Il sindaco di Capaccio Pasquale Marino Un manipolo di sognatori, ma coi piedi ben piantati per terra, pensarono un giorno di guardare lontano. Nella situazione di arretratezza economica degli anni ’50 vi è stato chi tenacemente ha voluto costruire un futuro più florido per le future generazioni. Questo il motivo di fondo che caratterizza la fondazione della Cassa Rurale di Capaccio Scalo. E’ stato cambiato, attraverso l’opera fattiva della Cassa, il tessuto sociale e lo stesso tessuto urbano e rurale del nostro paese. Eravamo una serie di contrade sperdute sul territorio della piana, siamo diventati una città - Capaccio Scalo - con tanti satelliti che viaggiano in consonanza coi tempi moderni. Siamo diventati anche per opera della cassa Rurale, che ha saputo sempre ben interpretare le istanze delle amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo, un grande richiamo per il comprensorio territoriale circostante. L’opera della Cassa Rurale ancora oggi si proietta nel futuro con impegni finanziari a favore degli artigiani, commercianti e delle famiglie. Bisogna ringraziare quel manipolo di professionisti, lavoratori, artigiani, commercianti, che fecero di Capaccio il loro far west, creando con la Cassa Rurale lo sviluppo dell’intera zona.

Testimonianze, ricerche, documenti

151


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

152

IL COMMERCIO A CAPACCIOPAESTUM DAGLI ANNI ’50 Antonio Santomauro, Presidente dell’Associazione “Capaccio-Paestum”, per il Commercio, il Turismo, le Attività del terziario e dell’Artigianato ripercorre i primi anni di sviluppo del commercio negli anni cinquanta e sessanta, fino ai giorni nostri. «Analizzando quello che è stato lo sviluppo e l’evoluzione del commercio dagli anni ‘50 ai giorni nostri dobbiamo constatare non senza una punta d’orgoglio che la presenza di attività commerciali sul nostro territorio si distingueva già in quell’epoca per la loro impronta manageriale. A tal proposito è d’obbligo citare degli esempi che confermano la valutazione fatta, nel campo delle stoffe e degli ori: io personalmente, anche se allora ero ancora ragazzino, ricordo la bottega del signor Gerardo Nicodemo in Capaccio via Carducci il quale improntava il suo ruolo ad una professionalità non comune. E devo ricordare pure il mitico e storico salone Rizzo di via Dottore D’Alessio di cui angelo custode è il mio caro amico Giuseppe Marino al quale va sicuramente riconosciuto il suo accanito impegno nel voler conservare quell’importante parte di storia del nostro capoluogo. E come non ricordare il bar pasticceria e gelateria del signor Leopoldo Marandino, personaggio storico di grande professionalità per la sua esperienza americana, che trasmise ai suoi figli; come pure il bar Antonio Nicodemo, anch’egli valente pasticciere il quale dedicò tutta la sua attenzione, come quasi tutti i commercianti e artigiani dell’epoca alla Cassa Rurale e Artigiana. E il tenace Raffaele De Rosa artigiano del settore delle calzature poi titolare delle ricevitoria totocalcio, nonchè insieme a Mimì Marandino titolare del celebre bar Nazionale di Capaccio Scalo. E Ferdinando e Mario Marandino titolari dell’omonima sartoria. Nel settore della ferramenta e dei colori vanno ricordati i signori Ignazio Palumbo e il signor Quaglia detto “Tanuccio”.

152

Per i grandi artigiani del legno ricordiamo la famiglia Petillo e la famiglia Chiumiento e la stessa famiglia Santomauro a cui mi onoro di appartenere. La famiglia Di Fiore si è sempre fatta valere nel campo musicale, anche se la professione principale era quella di sarti. E sempre nel campo musicale come non ricordare il professore Tufano grande insegnante di musica. La famiglia Franco possedeva trebbie per la raccolta del grano. Alberto Sapere era un grande lavoratore e camionista poi socio del Super Sele in Ponte Barizzo, azienda che pure ha avuto un ruolo importante nell’ economia nella piana del Sele. Inoltre bisogna ricordare il signor Garofalo, primo imprenditore nel campo delle bevande. Si distinguevano in quell’epoca Marco Di Filippo, Lucio Capo, Desiderio Raffaele e il fratello Costantino, primi e vivaci autotassisti. Il signor Capo fu anche titolare di una piccola stazione di servizio della società Agip proprio nella centrale piazza Tempone. L’economia commerciale e artigianale nella piana si è poi sviluppata nel centro di Capaccio Scalo. Bisogna tuttavia ricordare, che in quegli anni poche erano le attività avviate, tra cui corre l’obbligo ricordare il primo vero negozio d’alimentari del signor Antonio Fasolino e della sua infaticabile compagna signora Gilda, quello del signor Lucio Di Masi apprezzato orafo nonchè venditore di stoffe e corredi qualificati. Ricordo non senza commozione anche ovviamente mio padre Enrico Santomauro che in quelle epoche si inventò il mestiere di riparatore di gomme delle prime auto e camion presenti in zona perchè impegnati nella costruzione del secondo binario della linea ferroviaria BattipagliaReggio Calabria. Prima di questa attività svolta a Capaccio Scalo, mio padre era stato per diversi anni autista dei pullman della ditta Stromillo. A Paestum va poi ricordato il primo cinema gestito dal signor Raffaele Taddeo e il bar Voza, il negozio di stoffe nella caratteristica via Tavernelle del signor Luigi Petrillo e gli alimentari del signor Emiddio Di Lascio nonchè il servizio di

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

153

noleggio di auto il quale raccoglieva i primi turisti, del mio antico zio Enrico Santomauro omonimo di mio padre, e ancora Aniello Santomauro valente barbiere ed estroso produttore di statuette invecchiate da proporre ai primi turisti. E’ doveroso ricordare nelle attività agricole il commendatore Salati, se non erro a bordo di una mille e cento, il barone Bellelli simpaticissimo con il suo pacchetto di sigarette americane, Don Pietro D’Alessio presidente del consorzio di bonifica, il signor Nicola Palmieri persona di grande lealtà: li ricordo clienti di mio padre. E come non ricordare anche il compianto avvocato Mario Vecchio, promotore della prima vera squadra di calcio a Paestum, la “Poseidon”, che ha dato poi tantissime soddisfazioni ai tifosi di calcio del nostro paese. L’avvocato va ricordato per questa sua immensa passione per il gioco del calcio che seppe trasferire a noi tutti, giovani dell’epoca che militammo in quella squadra. Mi piace ricordare poi l’infaticabile don Rosario Pingaro, primo vero industriale della nostra zona, inizialmente nel settore lattiero-caseario, poi in altri settori di attività, infine Presidente della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, uno dei Presidenti-pionieri. Inoltre mi preme citare il commendatore Donato Sangiovanni che insieme al cognato Umberto Impemba diede vita alla prima e vera organizzazione commerciale, sfruttando anche il veicolo pubblicitario, raro per quei tempi, prima nel settore delle moto e poi nel campo dei mobili. Ricordo Donato, mio predecessore come presidente dell’ associazione commercianti, con affetto e simpatia. E certamente ci sarebbero altri personaggi e altre attività da citare: sarebbe opportuno approfondire con una ricerca più precisa questi passaggi della nostra storia. Queste attività furono sicuramente quelle che gettarono le fondamenta del nuovo e recente sviluppo commerciale. L’avvento del turismo inventato da pochi personaggi, tra cui il signor Giovanni Di Sirio primo titolare dell’ hotel Clorinda che insieme al dinamico avvocato Granato e al commendatore Donato Stromillo incominciarono a promuovere il turismo. Anche senza alcuna

Testimonianze, ricerche, documenti

esperienza nel settore, diedero inizio a importanti attività in questo campo: ne è scaturita poi l’economia turistica dei nostri giorni. Bisogna pur dire che questo fenomeno imprenditoriale non è stato accompagnato da una programmazione politica e territoriale adeguata, e ancora oggi non ci sono chiari indirizzi per fronteggiare le esigenze del mercato. Bisogna dare atto agli imprenditori presenti sul territorio che pur barcamenandosi fra mille difficoltà prodotte da un sistema burocratico farraginoso e inquinato sono riusciti a dare un’ identità al nostro territorio creando comunque occupazione e benessere. In questo contesto un grosso ruolo ha avuto la Cassa Rurale e Artigiana ora Banca di Credito Cooperativo la quale anche se con alti e bassi nella conduzione, ha assistito questa classe imprenditoriale nell’affrontare gli impegni economici che derivarono dai propri investimenti.» IL RISTORANTE NETTUNO DI PAESTUM L’architetto Luigi Pisani fornisce indicazioni “di prima mano”sulla storia del Ristorante Nettuno di Paestum, che inizia nel lontano 1929. Cenni storici Il nucleo originario era una casa colonica con torre colombaia sorta sui resti dell’antica porta della Giustizia verso la fine dell’ottocento. Negli anni venti con la bonifica della piana del Sele e la rivalutazione dell’antica città di Paestum si sentì il bisogno di dare al viaggiatore del tempo un posto di ristoro dignitoso. Con un sapiente intervento il corpo di fabbrica fu ampliato riutilizzando, come era uso del tempo, materiali appartenuti già alle mura poste a difesa dell’antica città. Rimaneggiando i possenti blocchi di travertino furono costruite arcate e ornate le finestre appartenenti già al vecchio edificio, i pavimenti del primo piano furono decorati dalle sapienti mani dei maestri della ceramica di Vietri. Curati furono gli arredi e le

153


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

154

suppellettili (ahimè andati perduti quasi totalmente nell’ultimo evento bellico presenti in documentazione fotografica). Non poche volte è stato frequentato da ospiti illustri: ricordiamo nel ’32 Sua Altezza il Principe Umberto di Savoia e Consorte (a lui fu dedicata la strada prospiciente il Ristorante), Benito Mussolini; nel ’54 Luigi Einaudi allora capo dello Stato, alti prelati, ambasciatori, personaggi famosi del cinema e della politica, etc.. Re Gustavo di Svezia, noto per i suoi interessi archeologici, più volte fu nostro ospite affascinato dalla stupenda vista su i meglio conservati templi della Magna Grecia. Il Presidente della Repubblica Ciampi è stato al ‘’Nettuno’’ il 4 Gennaio 2000. La gestione Da sempre il Ristorante Nettuno è stato gestito dalla famiglia Pisani: mio nonno Luigi, originario della Costiera Amalfitana, fu pioniere dello sviluppo turistico della nostra zona, poi mio padre Arnaldo che in giovanissima età dal ’48 ha condotto l’azienda con molte soddisfazioni. Dal ’99 il Ristorante è gestito da mia sorella Pina, con lo stesso amore per questa attività che ha contraddistinto i predecessori adeguando la struttura agli attuali standard di confort. IL SALONE RIZZO DI CAPACCIO Giuseppe Marino racconta la storia del Salone Rizzo di Capaccio, definito, a buon diritto, “la più bella barberia della Regione”. «Antonio Rizzo (meglio conosciuto da tutti come ‘Nduccio) nacque a Capaccio nel 1873, figlio di un calzolaio capaccese, che aveva sposato una Farro. Il locale che ancora oggi tutti possiamo ammirare fu arredato con mobiletti funzionali al mestiere di barbiere nell’ultimo decennio dell’ ’800. Molti artigiani di Capaccio, in più riprese, vi lavorarono per ornarlo di deliziosi cassetti, casset-

154

tini, vetrinette, specchi, tutto laccato in bianco con ripiani in marmo bardiglio: certamente vi lavorò Ferdinando Chiumiento, ma insieme a lui penso che vi abbiano lavorato altri artigiani di Capaccio, e tra questi i Santomauro e i Taddeo. Nei cassettini numerati che ancora oggi spiccano, inseriti nell’arredamento del Salone, venivano conservati con cura gli arnesi personali dei clienti più facoltosi: rasoi, forbici, pettini ecc. che venivano usati esclusivamente per il legittimo proprietario e poi risposti e conservati con cura, nel proprio cassettino. Nel 1907 il Barone Ferdinando Bellelli, che era uno dei clienti “speciali”, volle donare al Salone Rizzo una statua raffigurante Venere al bagno, che dal Palazzo baronale di via Verdi (“Santa Rosa” come più comunemente è conosciuta dai capaccesi) fu trasferita direttamente nel locale a far bella mostra di sé e lì è sempre rimasta fino ai giorni nostri. ‘Nduccio, che era un uomo piuttosto ambizioso, si fece costruire anche uno stemma in legno, che avrebbe dovuto essere lo stemma della famiglia Rizzo e che egli si inventò completamente con la sua fantasia: come si può vedere nel Salone, lo stemma che è stato realizzato seguendo fedelmente le sue indicazioni è costituito da una foglia di alloro, una foglia di quercia, uno scudo, un riccio (che sta ad indicare l’origine della famiglia Rizzo) ed un’aquila con le ali spiegate. Antonio Rizzo aveva sposato una capaccese, in prime nozze, poi rimasto vedovo si era risposato, questa volta con una napoletana; dai due matrimoni però non aveva avuto figli e poiché desiderava ardentemente che il “suo” Salone continuasse a rimanere in funzione anche dopo la sua morte, pensò bene di fare in modo che io, Giuseppe Marino (Peppe ‘u barbiere, come tutti a Capaccio mi conoscono) potessi rilevarlo dalla moglie, rimasta vedova e desiderosa di tornarsene a Napoli, dopo la morte di ‘Nduccio. Così avvenne e dal 1951, anno della morte di Antonio Rizzo io ho continuato ad esercitare la mia professione di barbiere nel Salone Rizzo. Quando poi nel 1996, dopo ben quarantacinque anni di lavoro, ho smesso anch’io, mi sono ado-

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

155

perato perché il “Salone Rizzo” continuasse a vivere. A tale scopo, insieme ad altri amici ed estimatori del glorioso Salone, abbiamo costituito un’Associazione di cui io sono il Presidente, che si prefigge appunto lo scopo di conservare intatto questo Salone che costituisce un piccolo patrimonio della storia capaccese, che merita di essere tramandato anche alle nuove generazioni. Naturalmente a sostenere questa nostra iniziativa, che si regge esclusivamente sul volontariato, mio in particolare, è intervenuto il Comune di Capaccio, che si è accollato le spese di fitto del locale, che appartiene alla famiglia D’Alessio e di fornitura di acqua, luce ecc. In cambio la nostra Associazione assicura l’apertura del locale, dove viene offerto per i visitatori un servizio di informazione turistica. Conto di svolgere questa attività ancora a lungo personalmente, e spero che essa possa poi essere continuata da altri dopo di me, perché il Salone Rizzo rimanga sempre vivo, a testimonianza della ricerca del bello che fu alla base della sua realizzazione.»

LE RICERCHE INDAGINE SOCIOLOGICA SUI SOCI DELLA CASSA RURALE E ARTIGIANA DI CAPACCIO Una ricerca sociologica, condotta dalla dottoressa Teresa Zerella, con ricchezza di dati statistici e percentuali che ne quantificano la portata, mette in evidenza le enormi trasformazioni che la Banca di Credito Cooperativo di Capaccio ha subito in questi primi cinquant’anni. La sociologa indaga su tutti gli aspetti, connessi a tale trasformazione e, al di là dei suoi tabulati, ricchi di dati e di percentuali, pure eseguiti con grande precisione e professionalità, emergono dalla sua indagine dati sostanziali che riguardano il numero e la tipologia dei soci e la trasformazione stessa dell’attività bancaria.

Testimonianze, ricerche, documenti

Il numero dei soci è pressocchè decuplicato e, se inizialmente essi erano soprattutto agricoltori e artigiani, ora sono in gran parte commercianti ed operatori turistici. Soprattutto è cambiata l’attività della Banca che, crescendo, si è rivolta anche ad una clientela più ricca: non più piccoli prestiti a piccoli imprenditori rurali o, almeno, non solo questi, ma grandi finanziamenti a lungo termine, come il mercato richiede e come la concorrenza con le altre banche esige, in un contesto economico profondamente mutato.

I SOCI FONDATORI La Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, oggi Banca di Credito Cooperativo, festeggia i suoi primi 50 anni. Essa era nata con l’intento di dare una risposta concreta ai bisogni degli agricoltori e degli artigiani. La forma cooperativa era particolarmente adatta alle loro esigenze. Lo spirito cooperativo si basa sul lavorare insieme per un unico obiettivo “quello di creare valore economico, sociale e culturale a beneficio dei soci e della comunità locale” e “fabbricare fiducia”. Questo è ciò che è scritto nella Carta dei Valori, documento che esprime i valori su cui si fondano l’azione e la strategia del credito cooperativo. Gli aspetti fondamentali del credito cooperativo sono l’attenzione ai soci che ne rappresentano il fondamento, la “ragione d’essere” e il legame con la comunità locale di cui promuove lo sviluppo. Come è noto dal punto di vista sociologico per comunità si intende una collettività in cui i membri agiscono reciprocamente anteponendo, più o meno consapevolmente i valori, le norme e i costumi, gli interessi della collettività, considerata come un tutto, a quelli personali o del proprio sottogruppo. Per i membri della comunità la coscienza di interessi comuni, il senso di appartenere ad un’entità socio-culturale positivamente valutata, diventano fattori operanti di solidarietà. Questa è una premessa importante per capire il legame della Cassa Rurale ed Artigiana con

155


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

156

la comunità locale. Infatti l’Istituto ha avuto un ruolo fondamentale per lo sviluppo del territorio con iniziative di sostegno non solo nel settore economico ma anche in altri come quello sociale e culturale. La Carta dei valori si sofferma anche sull’impegno dei soci nel contribuire allo sviluppo della Banca “promuovendone lo spirito e l’adesione presso la comunità locale e dando chiaro esempio di controllo democratico, uguaglianza di diritti, equità e solidarietà tra i componenti la base sociale. Fedeli allo spirito dei fondatori, i soci credono ed aderiscono a un codice etico fondato sull’onestà, la trasparenza, la responsabilità sociale, l’altruismo”.La Cassa Rurale ed Artigiana è nata a Capaccio nel 1953 e precisamente l’atto costitutivo è del giorno 18 ottobre. I soci fondatori erano 88 di cui 82 erano uomini e solo 6 le donne (Tab.1). Tab.1 Soci fondatori in base al sesso. Sesso

Valore Assoluto

Valore Percentuale

Uomini Donne Totale

82 6 88

93,2 6,8 100

La forte motivazione dei cittadini capaccesi a dare vita a un’istituzione che sarebbe diventata un punto di riferimento per la comunità si evince chiaramente dal fatto che quasi tutti risiedevano nel comune di Capaccio (Tab.2). Tab.2 Residenza dei soci fondatori. Residenza Capaccio Battipaglia Lucera Totale Dati mancanti

Valore Assoluto

Valore Percentuale

84 1 1 86 2

97,6 1,2 1,2 100

Anche i dati relativi al luogo di nascita attestano come i soci fondatori fossero ben integrati e

156

radicati nella comunità locale: si rileva infatti che più del 70% dei soci, una percentuale molto rilevante, erano nati a Capaccio. (Tab.3). Tab.3 Luogo di nascita dei soci fondatori. Luogo di nascita Capaccio Roccadaspide Trentinara Altri comuni in provincia (Sa) Altri comuni italiani Totale Dati mancanti

Valore Assoluto

Valore Percentuale

41 2 2 7

70,7 3,4 3,4 12,1

6

10,4

58 30

100

In relazione all’età dei soci fondatori si rileva un dato interessante: tra i soci fondatori c’erano molti giovani, più del 7% aveva un’età compresa tra i 20 e i 25 anni, il 41% aveva meno di 35 anni, più di due su tre aveva meno di 45 anni. Solo il 5% aveva un’età superiore ai 55 anni (Tab.4). Tab.4 Età dei soci fondatori. Valore Assoluto

Età 20-25 26-35 36-45 46-55 56-65 Totale Dati mancanti

6 26 20 22 4 78 10

Valore Percentuale 7,7 33,3 25,7 28,2 5,1 100

Il fatto che tra i soci fondatori molti erano giovani dimostra che Capaccio era una realtà dinamica e in crescita, con persone motivate a creare qualcosa di nuovo. Se consideriamo la professione dei soci fondatori, si rileva che, naturalmente, la gran parte di essi erano agricoltori (46,6%) e artigiani (31,8%): circa quattro soci su cinque apparteneva a queste due categorie (Tab.5).

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

157

Tab.5 Professione dei soci fondatori. Età Agricoltori Artigiani Professionisti Insegnanti Commercianti Operai Impiegati Altro Totale

Valore Assoluto

Valore Percentuale

41 28 2 2 2 8 4 1 88

46,6 31,8 2,3 2,3 2,3 9,1 4,5 1,1 100

La Banca poteva consentire, così, a tanti giovani che lavoravano nel settore agricolo e nelle botteghe artigiane di avere un sostegno per creare le loro piccole imprese, per avere la concessione di prestiti e soprattutto per sfuggire al pericolo incombente dell’usura. Pochi dunque i soci che lavoravano in altri ambiti: soprattutto operai ma anche professionisti, insegnanti, commercianti, impiegati. Un altro dato da considerare relativamente alla professione dei soci fondatori è che delle sei donne iscritte 4 erano contadine e 2 erano impiegate. Anche se, in questi cinquanta anni, ci sono stati molti cambiamenti, 14 dei soci fondatori che oggi sono ancora in vita partecipano alle attività sociali della Banca. Questo fa riflettere e pensare a come queste persone hanno visto nascere, crescere e svilupparsi un Istituto di cui hanno vissuto le vicende maturando nel tempo nei suoi confronti un senso di fiducia e di appartenenza.

I SOCI NEI PRIMI ANNI DELLA CASSA RURALE ED ARTIGIANA I soci della Cassa Rurale ed Artigiana entrati al 1954, primo anno di operatività della Banca, erano 127 quasi tutti uomini (93,7%), poche le donne (Tab.1).

Testimonianze, ricerche, documenti

Tab.1 Soci del 1954 in base al sesso. Sesso

Valore Assoluto

Uomini Donne Totale

119 8 127

Valore Percentuale 93,7 6,3 100

I soci erano nella stragrande maggioranza uomini anche perché ad entrare a far parte della Banca era quasi sempre una sola persona del nucleo familiare, di solito il capofamiglia; quasi tutti i soci risiedevano nel comune di Capaccio (Tab.2). Tab.2 Residenza dei soci del 1954. Residenza

Valore Assoluto

Valore Percentuale

121 1 1 123 4

98,4 0,8 0,8 100

Capaccio Battipaglia Lucera Totale Dati mancanti

Anche tra i soci entrati nel 1954 in numero molto rilevante (73,2%) erano i nativi di Capaccio (Tab.3). Tab.3 Luogo di nascita dei soci del 1954. Luogo di nascita Capaccio Roccadaspide Trentinara Altri comuni in provincia (Sa) Altri comuni italiani Totale Dati mancanti

Valore Assoluto

Valore Percentuale

60 4 2

73,2 4,9 2,4

9 7

11,0 8,5

82 45

100

Se consideriamo i dati relativi all’età dei soci si può notare anche in questo caso una grande presenza di giovani e giovani adulti: il 6,4% dei soci

157


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

158

aveva un’età compresa tra i 20 e i 25 anni; più di un terzo di essi aveva meno di 35 anni; quasi due terzi meno di 45 (Tab.4). Tab.4 Età dei soci del 1954. Valore Assoluto

Età 20-25 26-35 36-45 46-55 56-65 Più di 65 Totale Dati mancanti

7 32 34 31 5 1 110 17

Valore Percentuale 6,4 29,0 30,9 28,2 4,6 0,9 100

In relazione alla professione gli agricoltori continuavano ad essere la categoria maggiormente rappresentata (48,8%) insieme agli artigiani. Le altre professioni erano presenti solo in minima parte. Se consideriamo la professione dei soci del 1954 in base al sesso, tra le 8 donne 4 lavoravano nel settore dell’agricoltura, 2 come operaie, 1 come artigiana e 1 come casalinga (Tab.5). Negli anni successivi al 1954 la compagine sociale cresce notevolmente: il numero dei soci

passa da 127 nel 1954 a 320 nel 1963. Dai dati relativi alla professione dei soci negli anni dal 1954 al 1963, si rileva che la maggior parte di essi erano occupati nel settore agricolo (come coltivatori diretti o braccianti agricoli). Nel 1955 la percentuale di agricoltori diminuisce lievemente rispetto al 1954, ma rimane insieme a quella degli artigiani la categoria più numerosa. Anche dal 1956 al 1963 gli agricoltori e gli artigiani continuano ad essere la maggioranza. Tuttavia mentre la percentuale degli agricoltori dal 1954 al 1963 rimane stabile, quella degli artigiani nel corso degli anni diminuisce leggermente (nel 1954 era del 27,6%, nel 1963 è del 24,4%) e di conseguenza aumenta il peso di altre categorie professionali come quella dei commercianti (3,2% nel 1954, 8,4% nel 1963). Evidentemente altri settori, come quello del commercio cominciano ad affermarsi nell’economia locale. Tale sviluppo socioeconomico del nostro territorio va inquadrato nella storia politico economica del dopoguerra. Infatti la crescita della Cassa Rurale ed Artigiana a Capaccio si colloca proprio negli anni del boom economico, in quegli anni che gli economisti hanno definito “i trent’anni gloriosi della nostra storia”.

Tab.5 Confronto tra le distribuzioni di frequenza delle professioni dei soci tra il 1954 e il 1963. (Valori percentuali)

Agricoltori Artigiani Professionisti Insegnanti Commercianti Operai Impiegati Casalinghe Pensionati Altre attività Totale Numero soci

158

1954

1955

1956

1957

1958

1959

1960

1961

1962

1963

48,8 27,6 2,4 2,4 3,2 6,3 6,3 0,7 0,7 1,6 100 (127)

46,6 29,0 1,9 2,5 4,4 5,0 5,0 2,5 0,6 2,5 100 (159)

45,8 28,7 2,3 2,3 5,5 3,7 4,2 2,8 0,5 4,2 100 (216)

47,0 26,2 2,0 2,0 6,5 4,5 4,9 2,4 0,8 3,7 100 (245)

46,9 25,8 1,9 1,9 7,1 5,1 4,7 2,3 0,8 3,5 100 (256)

46,9 25,8 1,9 1,9 7,1 5,1 4,7 2,3 0,8 3,5 100 (256)

47,7 26,0 1,8 1,8 6,4 4,6 5,3 2,1 0,7 3,3 100 (281)

48,1 24,7 2,3 2,0 7,7 4,2 5,1 1,9 0,6 3,3 100 (303)

48,6 24,4 2,2 2,0 7,7 4,2 5,1 1,9 0,6 3,3 100 (311)

48,4 24,4 2,2 1,9 8,4 4,1 5,0 1,9 0,6 3,1 100 (320)

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

159

LA COMPAGINE SOCIALE NEL PERIODO DEI PIONIERI

Tab.1 Serie storica dei soci durante le presidenze De Maria e Granato (16/07/54 - 30/04/66) e saggi di variazione. Anno

Il primo presidente della Cassa Rurale ed Artigiana fu il notaio Manlio De Maria. La sua presidenza fu di breve durata, dal 18 ottobre 1953 al 16 luglio 1954. Tra il 1953 anno della fondazione, e il 1954, primo anno di operatività della Banca, il numero dei soci aumenta da 88, che erano i soci fondatori, a 127 con un balzo in avanti del 44,3%. Il secondo presidente fu l’avvocato Enrico Granato, la cui presidenza durò dal 16 luglio 1954 al 30 aprile 1966. In questi anni la compagine sociale cresce notevolmente seguendo un andamento crescente e raggiungendo le 360 unità (Tab. 1). L’incremento più alto è tra il 1955 e il 1956 (35,8%). Il rapporto tra i soci e l’istituto comincia a consolidarsi nel tempo. La presidenza dell’imprenditore Rosario Pingaro è la più lunga di tutte in questi primi cinquant’anni della Cassa Rurale e Artigiana; essa è durata ben 21 anni, dal 30 aprile 1966 al 25 aprile 1987. In questo periodo importante per lo sviluppo socioeconomico di Capaccio, era fondamentale l’esistenza di un istituto bancario che concedesse prestiti a chi aveva progetti ed idee nuove da realizzare. La compagine sociale è in crescita attraversando fasi alterne. I soci alla fine della presidenza Pingaro sono 693 (Tab.2). L’incremento più alto è tra il 1973 e il 1974 (17,8%) mentre tra il 1982 e il 1983 c’è un lieve decremento (- 3%).

Testimonianze, ricerche, documenti

1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959 1960 1961 1962 1963 1964 1965 Al 30/04/1966

N. Soci 88 127 159 216 245 256 256 281 303 311 320 330 348 360

Saggi di Variazione 1953 - 1954 1954 - 1955 1955 - 1956 1956 - 1957 1957 - 1958

44,3% 25,1% 35,8% 13,5% 4,5%

1959 - 1960 1960 - 1961 1961 - 1962 1962 - 1963 1963 - 1964 1964 - 1965 1965 - 30/04/66

9,7% 7,8% 2,6% 2,9% 3,1% 5,4% 3,5%

Tab.2 Serie storica dei soci durante la presidenza Pingaro dal 30/04/66 al 25/04/87 e saggi di variazione. Anno 1966 1967 1968 1969 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1985 1986 Al 25/04/87

N. Soci 383 422 434 432 432 474 458 471 555 557 614 653 649 688 716 736 754 731 730 694 694 693

Saggi di Variazione 1965 - 1966 1966 - 1967 1967 - 1968 1968 - 1969 1970 - 1971 1971 - 1972 1972 - 1973 1973 - 1974 1974 - 1975 1975 - 1976 1976 - 1977 1977 - 1978 1978 - 1979 1979 - 1980 1980 - 1981 1981 - 1982 1982 - 1983 1983 - 1984 1984 - 1985 1986 - 25/04/87

10% 10,2% 2,9% 0,5% 9,7% 3,4% 2,8% 17,8% 0,4% 10,2% 6,3% 0,6% 6% 4,1% 2,8% 2,4% 3% 0,1% 4,9% 0,1%

159


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

160

LA COMPAGINE SOCIALE NEL NUOVO CORSO

Tab.5 Serie storica dei soci durante la presidenza Vecchio tra il 25/04/99 e il 2003 e saggi di variazione. (Dati aggiornati al 23/09/03).

Durante la presidenza dell’imprenditore Antonio Palmieri, dal 25 aprile 1987 al 7 aprile 1991, il numero dei soci diminuisce lievemente da 693 a 663 (Tab.3). Con la presidenza Palmieri continua lo sviluppo della Banca con la scelta di una strategia aziendale di tipo manageriale, come risposta alle mutate esigenze dell’economia locale. Il nuovo corso della Banca di Credito Cooperativo prosegue con la presidenza dell’avvocato Giuseppe Guglielmotti che dura dal 7 aprile 1991 al 25 aprile 1999 (Tab.4). In questo periodo il numero dei soci riprende ad aumentare e arriva a 1.023 unità. L’incremento più alto è tra il 1993 e il 1994 (28%). Nel 1993 entrano 94 nuovi soci, mentre nel 1994 ne entrano ben 244. Questo incremento è dovuto ad una precisa politica di incentivazione all’allargamento della compagine sociale voluta dall’avv. Gugliemotti. Essa diventa sempre più diversificata in relazione alle categorie professionali riflettendo i cambiamenti socio-economici del territorio.

Anno

Tab.3 Serie storica dei soci durante la presidenza Palmieri dal 25/04/87 al 07/04/91. Anno 1987 1988 1989 1990 Al 7/04/91

N. Soci 691 692 680 667 663

1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 Al 25/04/99

160

N. Soci 654 675 739 946 963 993 995 1010 1023

1050 1067 1132 1182 1179

Saggi di Variazione 1998 - 1999 1999 - 2000 2000 - 2001 2001 - 2002 2002 - 2003

4% 1,6% 6,1% 4,4% 0,2%

LA COMPAGINE SOCIALE ATTUALE Dal 25 aprile 1999 a tutt’oggi, con la presidenza dell’avvocato Antonio Vecchio, il numero dei soci continua a crescere, in particolare tra il 2000 e il 2001 con un incremento del 6,1% (Tab. 5). La capacità di gestire le necessità del cliente, l’alta qualità dei servizi offerti che nel tempo sono sempre più diversificati, le numerose iniziative a favore dei soci, la fattiva collaborazione con il Comune di Capaccio e gli altri enti del territorio, sono alcuni dei motivi che hanno portato tanti clienti della BCC a diventarne anche soci.

Saggi di Variazione 1986 - 1987 1987 - 1988 1988 - 1989 1989 - 1990 1990 - 7/04/91

0,4% 0,1% 1,7% 1,9% 0,6%

Tab.4 Serie storica dei soci durante la presidenza Guglielmotti dal 7/04/91 al 25/04/99. Anno

1999 2000 2001 2002 2003

N. Soci

Saggi di Variazione 1990 - 1991 1991 - 1992 1992 - 1993 1993 - 1994 1994 - 1995 1995 - 1996 1996 - 1997 1997 - 1998 1998 - 25/04/99

1,9% 3,2% 9,5% 28% 1,8% 3,1% 0,2% 1,5% 1,3%

I SOCI ATTUALI In questi 50 anni la Banca di Credito Cooperativo, pur rimanendo fedele ai suoi valori di riferimento, è cambiata e con essa la comunità che rappresenta. Si è visto che il numero dei soci nel tempo è cresciuto costantemente: i soci fondatori erano 88, nel 1954 primo anno operativo della Cassa Rurale ed Artigiana, essi erano divenuti 127, oggi sono 1.179: in dieci anni il loro numero si è pressoché decuplicato. Questo grande incremento è dovuto a molti fattori tra cui certamente contano l’efficienza dei servizi offerti e le numerose iniziative a favore dei soci, ma più di ogni altro fattore pesa il fatto che la Banca è un’istituzione nella quale molti abitanti di Capaccio e dei comuni limitrofi hanno ritenuto e ritengono di poter avere fiducia.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

161

Negli ultimi decenni sia in Italia che negli altri paesi del mondo, gli studiosi hanno rilevato una tendenza alla diminuzione della fiducia in diverse aree; come è noto i sociologi distinguono tra la fiducia di tipo personale, che nasce dalla conoscenza diretta dell’altro e la fiducia impersonale rivolta non a singoli individui ma ad istituzioni, gruppi, categorie sociali. La fiducia è considerata una forma di “capitale sociale”, una risorsa insita nelle relazioni tra gli individui, importante per il funzionamento della società: dalla fiducia dipendono forme di collaborazione che altrimenti non potrebbero realizzarsi e che accrescono l’efficienza dei meccanismi economici, delle istituzioni, delle relazioni tra gli attori sociali e la fiducia nelle istituzioni riflette quella che Erikson ha definito “fiducia di base”, un orientamento collegato a caratteri della personalità acquisiti nel corso della socializzazione. Di qui l’ipotesi che proprio la fiducia possa essere il fattore che, più di ogni altro, ha determinato la crescita della Banca di Credito Cooperativo e dei suoi soci. I soci attuali, in riferimento ai dati aggiornati al 23 settembre 2003 sono 1.179. Quattro su cinque (80,9%) sono uomini, il resto sono donne (18,8%) ma anche società (0,3%) (Tab.1).

Tab.1 Distribuzione di frequenza dei soci in base al sesso (Dati aggiornati al 23/09/03). Sesso

Valore Assoluto

Uomini Donne Società Totale

953 222 4 1179

Se consideriamo la variabile età (Tab. 2): ❏ i soci di età inferiore a 35 anni che erano più di uno su tre nel 1954 ora si sono ridotti al 7%; ❏ quelli con età inferiore a 46 anni che erano due su tre nel 1954 ora si sono ridotti a uno su quattro; ❏ i soci con età superiore a 55 anni dal 5% del 1954 sono invece più del 37% nel 2003; ❏ infine i soci con età superiore a 75 anni allora inesistenti ora sono più del 7%. Insomma si è registrato nel cinquantennio un notevole invecchiamento della compagine sociale, come era del resto da attendersi ed oggi i soci sono per la maggior parte persone adulte e anziane. Dall’analisi della distribuzione di frequenza dei soci per età non si rilevano particolari differenze tra uomini e donne (Tab.3). I soci della BCC risiedono soprattutto (77,3%) nel comune di Capaccio (Tab.4). Gli altri risiedono nei comuni in cui esistono filiali della Banca: a Roccadaspide (5,7%), ad Albanella (5,4%), a Trentinara (3%). Un numero minore di soci risiede nei comuni di Agropoli, Salerno, o in altri comuni. Anche in questo caso, dall’analisi della distribuzione di frequenza per residenza risulta che non ci sono differenze di rilievo tra uomini e donne.

Tab.2 Età dei soci nel primo anno (1954) e nell’anno corrente (2003). (Valori assoluti e percentuali)

Valore Percentuale 80,9 18,8 0,3 100

Testimonianze, ricerche, documenti

Anno 1954 Situazione iniziale Età Fino a 35 anni Da 36 a 45 anni Da 46 a 55 anni Da 56 a 65 anni Da 66 a 75 anni Più di 75 anni Totale Dati mancanti

V.A. 39 34 31 5 1 110 17

% 35,4 30,9 28,2 4,6 0,9 100

Anno 2003 Situazione attuale V.A. 81 259 318 244 193 84 1.179

% 6,9 21,9 27,0 20,7 16,4 7,1 100

161


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

162

Tab.3 Distribuzione di frequenza per sesso ed età dei soci al 23/09/03. (Valori percentuali)

Fino a 35 anni Da 36 a 45 anni Da 46 a 55 anni Da 56 a 65 anni Da 66 a 75 anni Più di 75 anni Totale Base

Uomini

Donne

Società

Totale

6,6 21,1 26,7 21,0 17,5 7,1 100 (953)

6,3 26,1 28,9 19,8 11,7 7,2 100 (222)

100

6,9 21,9 27,0 20,7 16,4 7,1 100 (1179)

Tab.4 Residenza dei soci al 23/09/03. Residenza Capaccio Roccadaspide Albanella Trentinara Agropoli Salerno Altri comuni in proincia (Sa) Altri comuni italiani Totale

Valore Assoluto

Valore Percentuale

912 67 64 35 27 16 40

77,3 5,7 5,4 3,0 2,3 1,4 3,4

18

1,5

1179

100

Una variabile importante da considerare in questa analisi dei soci è la data d’ingresso, il momento in cui si entra a far parte della Banca come soci (Tab.5). Tab.5 Soci in ordine di ingresso al 23/09/03. Data Ingresso Soci fondatori Dal 1954 al 1963 Dal 1964 al 1973 Dal 1974 al 1983 Dal 1984 al 1993 Dal 1994 al 2003 Totale

162

Valore Assoluto 13 34 104 225 172 631 1179

Valore Percentuale 1,1 2,9 8,8 19,1 14,6 53,5 100

100 (4)

Dei soci attuali 14 (1,1% della compagine sociale attuale) sono soci fondatori: è già singolare che, dopo cinquant’anni, vi siano ancora dei soci fondatori, segno inequivocabile che essi erano entrati a far parte del manipolo di soci fondatori in giovane età. Nel decennio 1994-2003 entra nella compagine sociale il maggior numero di soci: più della metà dei soci attuali sono entrati in questo ultimo decennio. In particolare è proprio il 1994 l’anno record per quanto riguarda i nuovi ingressi: ben 221 soci entrano in quell’anno nella Banca di Credito Cooperativo, in conseguenza di una precisa politica di incentivazione all’apertura della compagine sociale. Se consideriamo la distribuzione di frequenza dei soci per sesso e data d’ingresso, si rileva che circa il 58% delle donne e il 53 % degli uomini sono diventati soci nel decennio dal 1994 al 2003 (Tab.6). Per quanto riguarda le 4 società, 2 sono entrate nel decennio 1974 - 83, e 2 dal 1994 al 2003. La Tabella 7 mette in evidenza come è mutato lo spettro delle varie categorie professionali dall’inizio dell’attività della Cassa Rurale ed Artigiana all’anno corrente. Come si può notare, tra i soci attuali è diminuita la percentuale di agricoltori e artigiani ed è aumentata quella degli occupati nel settore terziario; si è poi molto ingrossata quella dei pensionati, come era del resto lecito attendersi, perché molti soci, entrati in un periodo in cui essi erano in attività, con il passare degli anni sono divenuti pensionati.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

163

Tab. 6 Distribuzione di frequenza per sesso e data d’ingresso dei soci al 23/09/03. (Valori percentuali)

Soci fondatori Dal 1954 al 1963 Dal 1964 al 1973 Dal 1974 al 1983 Dal 1984 al 1993 Dal 1994 al 2003 Totale Base

Uomini

Donne

1,2 3,3 9,3 20,3 13,3 52,6 100 (953)

0,4 0,9 6,8 13,5 20,7 57,7 100 (222)

Società

50,0 50,0 100 (4)

Totale 1,1 3,1 13,2 15,1 32,7 34,8 100 (1179)

Tab.7 Professione dei soci nel primo anno (1954) e nell’anno corrente (2003). (Valori assoluti e percentuali) Anno 2003 Situazione attuale Professione

V.A.

Imprenditori e società 38 Liberi professionisti 95 Dirigenti 12 Insegnanti 43 Impiegati 127 Commercianti 85 Artigiani 128 Operai 29 Agricoltori/allevatori 180 Operatori turistici 33 Casalinghe 44 Studenti 20 Pensionati 293 Altre attività 52 Totale 1179

Testimonianze, ricerche, documenti

% 3,2 8,1 1,0 3,6 10,8 7,2 10,9 2,4 15,3 2,8 3,7 1,7 24,9 4,4 100

Anno 1954 Situazione iniziale V.A.

%

3

2,4

3 8 4 35 8 62

2,4 6,3 3,2 27,6 6,3 48,8

1

0,7

1 2 127

0,7 1,6 100

163


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

164

Ed infatti la situazione cambia notevolmente se si considerano i dati relativi alla professione che i soci avevano alla data d’ingresso (Tab.8) Come si può osservare aumenta il peso delle altre categorie professionali: la categoria in cui l’aumento è più evidente è quella degli agricoltori (25,8%), ossia molti dei soci che oggi sono pensionati sono entrati nella compagine sociale da agricoltori. La distribuzione di frequenza dei soci per sesso e professione induce ad alcune riflessioni (Tab.9): ❏ se prendiamo in considerazione i dati relativi alla professione dell’insegnante, viene confermato che essa è una professione più tipicamente femminile: si rileva infatti che l’11,8% delle donne e solo l’1,8% degli uomini sono insegnanti; ❏ il 19,8% delle donne sono casalinghe ed è una percentuale abbastanza rilevante; ❏ c’è una scarsa presenza di donne imprenditrici ma, nella categoria dei liberi professionisti, le donne rappresentano il 7,2% mentre gli uomini l’8,3% quindi non ci sono differenze di rilievo tra i due sessi.

Tab.8 Professione dei soci in relazione alla data d’ingresso al 23/09/03. Valore Valore Assoluto Percentuale

Professione Imprenditori e società Liberi professionisti Dirigenti Insegnanti Impiegati Commercianti Artigiani Operai Agricoltori/allevatori Operatori turistici Casalinghe Studenti Pensionati Altre attività Totale

53 105 12 47 147 104 186 31 304 39 44 20 34 53 1179

4,5 8,9 1,0 4,0 12,5 8,8 15,8 2,6 25,8 3,3 3,7 1,7 2,9 4,5 100

Tab. 9 Distribuzione di frequenza dei soci attuali per sesso e professione. (Valori percentuali) Uomini Imprenditori e società 3,5 Dirigenti 1,0 Liberi professionisti 8,3 Insegnanti 1,8 Impiegati 12,0 Commercianti 7,9 Artigiani 12,4 Operai 2,9 Agricoltori/allevatori 15,7 Operatori turistici 3,0 Casalinghe Studenti 1,5 Pensionati 25,6 Altre attività 4,4 Totale 100 Base (953)

164

Donne

Società

Totale

0,4 0,9 7,2 11,8 5,9 4,5 4,5 0,4 13,5 1,8 19,8 2,7 22,1 2,5 100 (222)

100

3,2 1,0 8,1 3,6 10,8 7,2 2,4 10,9 15,3 2,8 3,7 1,7 24,9 4,4 100 (1179)

100 (4)

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

165

Tab. 10 Distribuzione di frequenza della professione dei soci al 23/09/03 in relazione alla data d’ingresso. (Valori percentuali) 1953—64 Imprenditori Dirigenti Liberi Professionisti Insegnanti Impiegati Commercianti Artigiani Operai Agricoltori/allevatori Operatori turistici Casalinghe Studenti Pensionati Altre attività Totale Base

1965—74

1975—84

4,0

3,2

3,9

6,0 4,0 10,0 8,0 18,0

6,4 1,3 10,3 7,1 25,6

0,6 0,6 3,9 1,1 35,9

48,0

39,7 1,3 4,5

52,8 0,6

2,0

0,6 0,6 100 (50)

100 (156)

Posto, dunque, che lo status occupazionale di una persona dipende da vari fattori e il sesso è ancora uno di questi, nella compagine sociale femminile della Banca di Credito Cooperativo si riscontra una situazione ambivalente: da un lato le donne socie seguono modelli occupazionali tradizionali, dall’altro esse mostrano la tendenza ad avviarsi verso altri percorsi e professioni. Per studiare l’andamento nel tempo dello status occupazionale dei soci della BCC è interessante considerare le loro professioni in base alla data di ingresso (Tab.10). Il peso di alcune categorie è rimasto sostanzialmente stabile nel tempo, mentre quello di altre è cambiato ed anche in maniera rilevante: il cambiamento più vistoso riguarda le categorie degli agricoltori e degli artigiani cioè proprio quelle categorie di lavoratori, a beneficio dei quali inizialmente era stata fondata la Cassa Rurale ed Artigiana. Tra i soci entrati a far parte della Banca dal 1953 al 1964 il 48% erano agricoltori e il 18% artigiani; la situazione non varia molto fino al decennio 1975 - 84; tra i soci entrati in quegli anni, il 52,8% erano ancora agricoltori e il 35,9% artigiani: in totale il peso di queste due sole categorie era pros-

Testimonianze, ricerche, documenti

100 (178)

1985—94

1995—2003

2,9 0,8 7,8 6,5 15,3 12,1 11,2 2,4 20,0 4,7 3,6 2,8 3,9 6,0 100 (385)

6,8 2,2 14,9 4,1 14,6 9,8 7,3 5,4 11,5 4,4 5,4 1,9 4,4 7,3 100 (410)

Totale 4,5 1,0 8,9 4,0 12,5 8,8 15,8 2,6 25,8 3,3 3,7 1,7 2,9 4,5 100 (1179)

simo al 90% dei nuovi soci; molto minore, quasi residuale il peso delle altre categorie. Dal 1985 al 1994 e soprattutto dal 1995 ad oggi, c’è una netta inversione di tendenza collegata alla politica di incentivazione della Banca ad ampliare la compagine sociale. Tra i soci entrati nel decennio 1985 - 94 solo il 20% sono agricoltori e dal 1994 ad oggi, la percentuale degli agricoltori diminuisce ulteriormente (11,5%). Anche per quanto riguarda gli artigiani, si riscontra la stessa tendenza. Tra i soci entrati dal 1995 ad oggi, è invece particolarmente significativo l’aumento dei liberi professionisti, degli impiegati (14,6%), degli imprenditori (6,8%), e degli operatori turistici (4,4%). In generale si può dire che la struttura occupazionale dei soci attualmente è abbastanza diversificata. Il mutamento nel contenuto delle occupazioni riguarda alcuni settori che nel nostro territorio hanno un ruolo fondamentale come quello della trasformazione lattiero-casearia e quello del turismo. Queste trasformazioni nel mondo del lavoro sono caratterizzate da vari fattori come

165


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

166

lo sviluppo del terziario avanzato, lo sviluppo di nuove attività, nuove professionalità. Si tratta di cambiamenti propri della società post-industriale, termine usato per la prima volta dal sociologo Daniel Bell, per indicare il passaggio da una civiltà industriale ad una società nella quale la maggior parte delle persone sono occupate non nel settore agricolo (settore primario) o nel settore industriale (settore secondario), ma in quello dei servizi, che appunto viene genericamente indicato come il “terziario”.. Anche alla luce delle analisi, qui condotte, la vecchia Cassa Rurale ed Artigiana della fondazione ha perso, dunque, le caratteristiche iniziali di cassa di prestiti a beneficio di una società contadina, come era quella degli anni ‘50 , nel Comune di Capaccio Paestum, per acquisire sempre più i connotati di una Banca di credito cooperativo in una società del tutto diversa, come è quella attuale in particolare nella “piana” di Paestum, in cui i settori fondamentali dell’economia sono l’agricoltura avanzata, la lavorazione del latte e il turismo. Come già detto, d’altra parte, i motivi per cui negli ultimi anni molti nuovi soci sono entrati a far parte della cooperativa sono molteplici, basti pensare alle numerose iniziative a favore dei soci, come la realizzazione dell’assemblea, un momento importante in cui i soci possono esprimere le loro idee, la “Festa del socio” durante la quale vengono distribuiti i premi agli studenti più meritevoli, le gite sociali che costituiscono un importante momento di aggregazione. Un’altra lodevole iniziativa adottata di recente è l’istituzione di una Consulta dei soci, composta da 30 rappresentanti delle diverse zone di operatività, espressione delle varie realtà economiche della comunità, che ha l’incarico di esaminare periodicamente l’attuazione dei programmi della Banca

166

e di recepire i bisogni e le proposte che vengono dal territorio e dai soci. Anche la comunicazione ha un ruolo importante: è stata creata la rivista “BCC Capaccio Notizie” che ha cadenza trimestrale e informa soci e clienti sulle attività e i servizi della Banca. Inoltre da poco è stato creato il sito Internet della BCC di Capaccio dove esiste anche l’Area Soci cui i soci possono accedere digitando la loro password personale. Il Bilancio sociale invece ha lo scopo di fornire notizie sull’assetto istituzionale dell’azienda e sui suoi valori di riferimento. Per i soci sono molte le incentivazione di carattere bancario e numerose sono le opportunità per il tempo libero. La Banca di Credito Cooperativo ha sempre promosso e continua a promuovere lo sviluppo sociale e culturale della comunità locale in vari modi. E’ da segnalare il sostegno attraverso l’erogazione di contributi alle organizzazioni del terzo settore (associazioni di volontariato, cooperative sociali, enti non profit). Ma la BCC ha anche realizzato direttamente attività e iniziative di tipo sociale e culturale. Nel settore socio-sanitario la Banca ha assunto iniziative a favore di famiglie in difficoltà e ha fornito finanziamenti agevolati e sostegno finanziario in situazioni di urgenza e di calamità naturali. Nel settore culturale ha contribuito all’organizzazione di mostre, convegni, concerti, ha avuto un ruolo importante nella valorizzazione del patrimonio artistico-culturale, ha contribuito all’organizzazione di feste patronali e ad altre manifestazioni del territorio. In conclusione, la Cassa Rurale ed Artigiana, oggi Banca di credito cooperativo, è un’istituzione che, tra modernità e tradizione, si è affermata sempre di più diventando un punto di riferimento per la comunità capaccese.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

167

RICERCA SULLA SCUOLA E SULLE ASSOCIAZIONI NEL TERRITORIO DI CAPACCIO Enza Marandino traccia una storia delle scuole di Capaccio: scuole elementari, scuole medie e scuole superiori, a partire dagli anni ‘50; inoltre, attraverso un paziente lavoro di ricerca, fornisce un vero e proprio censimento delle Associazioni che operano sul nostro territorio.

SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE Le Scuole Elementari negli anni Cinquanta - Sessanta Nei primi anni Cinquanta Capaccio offriva la possibilità di accedere ad una cultura minima per una popolazione dedita all’agricoltura e all’artigianato. L’asilo infantile era ospitato nell’edificio Beatrice Bellelli, che aveva spazi ampi per giocare ed era affidato alle suore. La scuola elementare, invece, si trovava nel vecchio palazzo vescovile, dov’è ancora oggi. Solo in pochi arrivavano in quinta elementare. A Capaccio, nell’anno scolastico 1952/53, c’erano tre classi prime, quattro seconde, due terze, due quarte ed una sola quinta. C’erano circa trenta alunni per classe, e ben pochi raggiungevano il traguardo della quinta elementare. Spesso c’erano tre alunni nei banchi di legno in particolare nelle ultime file, dove venivano relegati i più asini e disinteressati. I maestri, costretti a insegnare fino alla fine della guerra la dottrina fascista, ad organizzare sfilate e manifestazioni, si trovarono nel dopoguerra a voltare pagina. C’erano le sorelle Vaudano: Lina, severissima, e Claudia (moglie del notaio che aveva fondato la banca), che amava molto le manifestazioni patriottiche, e voleva sempre le sue alunne con fiocchi sui capelli e al colletto, Anna Bertoldo direttrice dei cori, Gino Stabile e la dolcissima sorella Lina, che amava gli alunni fino a farli andare a

Testimonianze, ricerche, documenti

casa sua per approfondire le lezioni, ma guai a non mostrarsi attaccati alle pratiche religiose! C’erano Giovanni Marandino, che cercava sempre il metodo per interessare i suoi alunni, la moglie Michelina Di Lorenzo, Giuseppe Noce, futuro preside della scuola media, e Filomena Salerno, che svolgeva il ruolo di fiduciaria. Rilevante era la figura di Giuseppe Carducci, per la sua passione per la storia. I suoi alunni ancora ricordano che avevano un quaderno dove scrivevano pagine ben strutturate dettate dal maestro. Con una solenne cerimonia l’aula della V mista di Capaccio, di cui era maestro, venne intitolata, nell’anno scolastico 1954/55, alla medaglia d’argento tenente “Michele Vaudano”. D’inverno le aule erano freddissime e Rosariella, la bidella, prima dell’apertura, accendeva il braciere in ogni aula. Ogni insegnante aveva premura di piazzarselo vicinissimo, perché, secondo loro, i bambini non soffrivano il freddo. Invece le loro manine si gonfiavano o addirittura si rompevano per i geloni. Non mancava a nessuno la bacchetta e spesso era usata quando l’alunno, che il giorno prima era andato a bottega per imparare il mestiere e nel poco tempo a disposizione aveva preferito giocare in strada, non leggeva bene o dimostrava di non aver imparato la poesia. Intanto la pianura iniziava a popolarsi ed erano presenti una pluriclasse a Scigliati (I -II e III) con l’insegnante Raffaella Rinaldi, una a Tempa S. Paolo, con Maria Immacolata Ricca, una a Crispi con l’insegnante Ercole Longo e una scuola elementare a Paestum, dove insegnò Michele Petrocelli, che ci ha lasciato un diario appassionato di un anno di scuola (1949/50) nelle classi IV e V, di 24 e 11 alunni. Petrocelli fu nominato fiduciario di quella scuola, inoltre di Capaccio Scalo, Ponte Barizzo, S.A.I.M (Cafasso), Laura, Ponte Barizzo, “Reginella”. (Le notizie inerenti queste ultime sono meno dettagliate perché l’archivio era in uno scantinato che durante un’alluvione si allagò. Non furono salvati che pochi registri, in realtà non meglio custoditi.)

167


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

168

I programmi del ‘55 indussero gli insegnanti delle scuole elementari a rendere il loro insegnamento più attivo, a valorizzare il territorio e ad avvicinare gli alunni alla propria storia. Nel 1964/65 il I circolo di Capaccio comprendeva venti plessi: Trentinara, Capaccio Capoluogo, costituito da 15 classi e tre corsi, maschile, femminile e misto, Borgo Nuovo, Capofiume, Capaccio Scalo, Cortigliano, Feudo La Pila, Gromola, Laura, Licinella, Macchia d’Olmo, Precuiali, Saim (Cafasso), Scigliati, Spinazzo, Paestum, Tempa di Lepre, Tempa S. Paolo, Torre di Paestum, Vannulo. Era diretto dal 1957/58 dalla direttrice Silvia Avagliano. Molte erano ancora le pluriclassi. Nelle località più disagiate con pochi alunni, come Crispi e Scigliati, venivano di anno in anno istituite le scuole sussidiate, similmente le scuole popolari per gli adulti analfabeti o semianalfabeti. La scuola cercava di raggiungere tutti. Un centro di lettura nel Capoluogo era gestito dal Comune ed affidato ad un insegnante nominato dalla scuola. Svolgeva un importante servizio culturale per la popolazione. Le 14 classi delle scuole elementari di Capaccio Capoluogo, ospitate nell’edificio a Piazza Orologio, nell’anno scolastico 1966/67 vennero sloggiate per far posto al municipio. D’altro canto l’edificio nuovo, terminato nel 1966, si rivelò al collaudo inagibile. Le classi vennero sistemate in locali di fortuna, sparsi un po’ ovunque, con grave danno per alunni e insegnanti che si trovarono isolati e privi di ogni sostegno. Nell’ottobre del 1972 in seguito alla proposta di destinare alle scuole elementari i locali dell’ex carcere ci fu una protesta popolare che costrinse la giunta alle dimissioni. La “Scuola Avviamento Professionale Agrario e Industriale femminile” Terminate le scuole elementari, a Capaccio molti frequentavano la “Scuola Avviamento Professionale Agrario e Industriale femminile”, nata nel 1938. Oltre alle materie fondamentali comuni a tutte le scuole, c’erano la calligrafia (si usava la

168

penna ad inchiostro di china), la zootecnia e l’agraria per i maschi. L’insegnamento era molto pratico, infatti, gli alunni venivano portati nel campo sperimentale di circa 4.000 metri quadri, che si trovava di sotto al macello comunale (oggi piazzetta Pasquale Vaudano), per zappare, seminare grano e favette, potare, innestare, curare alberi da frutto e imparare tutto quanto è indispensabile per divenire un provetto agricoltore. Non c’erano palestre, né i ragazzi avevano tute e scarpette, ma l’educazione fisica era praticata ugualmente nel piazzale davanti al cimitero. Questo non impediva di organizzare le gare e i saggi di fine anno scolastico. Le ragazze non studiavano agraria, ma economia domestica. Non soltanto imparavano ad essere delle perfette massaie, ma apprendevano anche cucito, ricamo, merletti, cucina, ed era una scuola così efficiente che le donne di Capaccio che l’hanno frequentata sono oggi delle ottime sarte, ricamatrici, e abilissime nella produzione di lavori ad uncinetto. Inoltre, quando alla fine dell’anno scolastico esponevano in mostra i loro lavori, preparavano a scuola dei dolci che poi offrivano a chi andava a vederli. L’Istituzione della scuola Media Nell’anno scolastico 1957/58 era stata istituita la I classe della scuola media, quale sezione staccata della scuola media statale di Agropoli. Per accedervi era necessario superare un severo esame di ammissione, per cui aumentò di una sola classe l’anno seguente. Dall’anno scolastico 1959/60 la scuola divenne autonoma. Fu un passo importante in quanto, fino ad allora, chi aveva intenzione di studiare doveva già ad undici anni lasciare il paese o fingere una vocazione, per avere la possibilità di frequentare il ginnasio nei seminari. Ne sono una prova le molteplici vocazioni non portate a termine. La scuola media era diretta dal preside Italo Rocco, che fu un vero pioniere. Pretendeva da alunni e professori impegno ed efficienza. Ogni trimestre gli insegnanti dovevano ricevere le famiglie prepa-

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

169

rando un’opportuna accoglienza, cioè una piccola manifestazione, canti, recitazione, spettacoli. Ogni fine anno scolastico c’era la rappresentazione teatrale ed una mostra didattica nella quale erano esposti i lavori femminili, ricerche didattiche per ogni materia, disegni e pitture. Precorse i tempi pretendendo accanto ai voti il giudizio. Rocco era affiancato dal professore Ciccarelli, giovane dai capelli sempre lucidi. Era sempre presente, anche di pomeriggio nei periodi in cui la scuola diveniva per gli alunni come la casa per preparare la manifestazione di fine anno. Regalava i libri in francese e curava la pubblicazione di un giornalino “La voix de l’école” con l’albo d’onore. Le classi erano quattro nel 1959/60. Nel 1960/61 la scuola media divenne unificata e fu soppresso l’esame di ammissione, per cui le classi divennero otto e fu aperta una succursale a Capaccio Scalo. Aumentarono a 11 nel 1961/62. Nello stesso anno fu organizzato un corso CRACIS (Corso di Richiamo e Aggiornamento culturale di Istruzione Secondaria) per adulti dai 14 ai 40 anni. In quegli anni Italo Rocco fondò un giornale, il Silarus. Sui primi numeri c’erano le foto delle classi di Capaccio e articoli di alunni ed insegnanti. In seguito divenne un’importante rivista culturale. La scuola di avviamento continuò la sua attività fino all’ultimazione dei corsi per gli ultimi iscritti. Negli anni settanta e ottanta la Scuola con i decreti delegati apre le porte ai genitori Nel 1970/71, intanto, era stato istituito il II circolo di Capaccio. Mentre il primo comprendeva, oltre al Capoluogo e Trentinara, le scuole di Scigliati, Borgo Nuovo, Capo di fiume, Macchia d’Olmo, Vannulo, Scigliati, Spinazzo, Tempa di Lepre, Tempa S. Paolo, il II Circolo comprendeva le scuole di Capaccio Scalo, Laura, Licinella, Gromola, Paestum, Precuiali, Ponte Barizzo, Torre di Paestum. Alcuni edifici erano stati edificati grazie all’opera del Consorzio di Bonifica di Paestum, altri dall’Ente Riforma e dal Comune, ma ancora molte scuole venivano ospitate in case pri-

Testimonianze, ricerche, documenti

vate e in condizioni poco idonee. La scuola con i decreti delegati del 1974 e l’istituzione degli Organi Collegiali fu spinta ad uscire dal guscio e ad entrare maggiormente in relazione con i genitori, che entravano di diritto nella scuola nei Consigli d’Interclasse e soprattutto nei Consigli di Circolo, un vero e proprio organo deliberante composto da docenti, genitori, direttore didattico o preside, e personale non insegnante. I problemi relativi all’organizzazione e al funzionamento delle scuole venivano affrontati insieme. Le scuole medie presenti nel territorio del Comune erano due: La “Carducci” con sede a Capaccio - Capoluogo dalla quale dipendevano le due sezioni staccate di Vannulo e Tempa S. Paolo. La sezione di Tempa S. Paolo era ubicata in un fabbricato per civile abitazione; l’edificio scolastico di Capaccio - Capoluogo nel ristrutturato Palazzo Bellelli, dotato di aule spaziose, un salone, adoperato per attività ricreative, laboratori, mostre, palestra coperta e area scoperta parzialmente attrezzata; a Vannulo fu realizzato un edificio abbastanza funzionale, privo di palestra. Fu retta da vari presidi, ma le funzioni di vicepreside vennero svolte per sette anni dal prof. Giuseppe Noce, che, divenuto preside, dopo alcuni anni fuori sede, tornò e resse la scuola per quindici anni dall’anno scol. 1978/79 all’anno scol.1992/93. L’atmosfera era serena, “fu un fratello per i docenti e un padre per gli alunni” per dirla con l’ins. Francesca Rubini, insegnante di musica dal ‘60 per circa quarant’anni. “Nella mia scuola” egli dice “gli alunni si sono sempre distinti in tutti i concorsi, tanto che chiesi un armadio dove esporre coppe e targhe”. Un’importante iniziativa fu l’avvio di un nucleo di museo delle tradizioni, furono raccolti numerosi oggetti del mondo contadino, artigiano, prima di restituirli, furono fotografati e il prof. Franco, vicepreside, curò la produzione di un album, con foto e didascalie. Gli oggetti venivano esposti nella mostra di fine anno insieme ai lavori artistici prodotti dagli alunni, e una ragazza, in costume capaccese, accompagnava gli ospiti.

169


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

170

La Scuola Media di Capaccio - Scalo, dalla quale dipendeva sezione distaccata di Torre, divenuta autonoma dal 1964/65, assunse la denominazione “Zanotti Bianco”, per un anno ebbe come preside Italo Rocco, dal 1965 al 1975 fu retta da Salvatore Torre, che curò la pubblicazione del giornale “Caciucco” (Piatto misto genovese), attraverso il quale alunni e insegnanti avevano la possibilità di comunicare, scrivere sugli argomenti più disparati. L’anno scolastico 1987/88 ebbe un triste inizio, in diverse scuole del comune si registrarono attentati, croniche deficienze strutturali e malesseri. La scuola di Capaccio Capoluogo il 21 settembre, primo giorno di scuola, si trovò ad affrontare una situazione di grave disagio, che culminò in scioperi e doppi turni. All’alba del 21 settembre a Capaccio Scalo, presso la scuola media “Zanotti Bianco”, bombe molotov esplosero devastando due aule e danneggiandone altre. Anni Novanta: la riforma delle elementari abolisce la figura del maestro unico Le scuole elementari erano divise in tre circoli didattici. Il I comprendeva: Capaccio Capoluogo, Vannulo, Tempa S.Paolo, Scigliati (Trentinara e Monteforte fuori comune); il II circolo comprendeva Capaccio Scalo, Laura, Gromola, Precuiali, Ponte Barizzo; il terzo, istituito nel ‘91, era costituito da Licinella, Borgo Nuovo, Paestum, Spinazzo (Giungano fuori Comune). Numerose anche le scuole materne. Persisteva la mancanza di edifici scolastici. Esistevano edifici a Laura, Licinella, Gromola, Capaccio Scalo, mentre molte scuole come Santa Venere, Tempa S. Paolo (in costruzione), Capaccio Capoluogo, Spinazzo, erano ancora ospitate in case private. Gli anni Novanta segnarono l’inizio di una nuova era: finiva la figura del maestro unico per dare il via alla riforma e all’attuazione dei moduli. Ogni scuola ebbe referenti alla salute e all’ambiente che coordinavano il lavoro sui progetti. Le mostre di Circolo, le rappresentazioni teatrali di fine anno, i giochi della gioventù, gli

170

scambi di lettere e di visite, permettevano ai bambini dei tre circoli di socializzare e di conoscere il proprio comune. Nell’anno scolastico 1997/98, in base al piano di razionalizzazione, venne soppresso il III circolo. Anche le scuole medie si impegnarono in mostre sul territorio, saggi, mostre sui lavori artigianali prodotti durante le ore di educazione tecnica e artistica, giornalini. Si creò l’interdisciplinarità tra gli insegnanti, non solo nella realizzazione di progetti, ma anche nelle attività curriculari. Con il “Progetto genitori” le due scuole organizzarono incontri e dibattiti, corsi di informazione/formazione, relativi ai rapporti degli adolescenti con la scuola, la famiglia, la società, sondaggi sulle abitudini che incidono negativamente sulla qualità della vita, affrontando i temi della droga, dell’alcolismo, del tabagismo, al fine di perseguire il benessere fisico, mentale, sociale e morale dei ragazzi. La scuola nel nuovo millennio diventa autonoma Il DPR 275/99 dà il via alla Scuola dell’autonomia. Ogni scuola all’inizio dell’anno deve redigere il POF (Piano dell’Offerta Formativa) che delinea le scelte didattiche ed organizzative, propone percorsi, progetti che tendono a valorizzare la propria offerta formativa. Insieme alle attività curriculari vengono prospettate attività integrative e aggiuntive. Le scuole di ogni ordine e grado delineano progetti relativi all’educazione ambientale, alla salute, in particolare all’alimentazione, alla legalità, alla sicurezza e allo sport, propongono attività aggiuntive inerenti teatro, laboratori creativi, seconda lingua, musica. La partecipazione ad Expo-scuola nel 2003 vede coinvolte scuole materne, elementari e medie e superiori del Comune e di paesi limitrofi. Il tema è “Frontiere” e in particolare il tavolo tematico affidato al gruppo è il turismo scolastico. Ogni scuola ha preparato un percorso inerente il pro-

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

171

prio territorio, esposto a novembre all’Expo-Scuola a Fisciano; potrà in seguito così scambiare delle visite con altre scuole. I due Circoli didattici di Capaccio dall’anno scol. 2000/01 lavorano in rete; essi anche quest’anno hanno voluto rafforzare la collaborazione già in atto. Nel 1° Circolo, diretto da Celeste Saponara, funzionano 5 plessi di scuola elementare (CapaccioCapol., Spinazzo, Vannulo, Borgo Nuovo, Tempa S. Paolo) con 26 classi e 490 alunni, e 5 di scuola materna con 10 sezioni e 222 alunni: Nel 2° Circolo, diretto da Enrica Paolino, funzionano 5 plessi di scuola elementare con 36 classi (Capaccio-Scalo , Gromola, Laura, Licinella, Ponte Barizzo) e 700 alunni e 3 di scuola materna con 10 sezioni e 252 alunni. Gli edifici scolastici non dispongono di particolari infrastrutture (laboratori didattici, sala mensa, palestra ecc.). Si nota che il numero dei plessi è diminuito sia per la bassa natalità, sia per la razionalizzazione che ha portato all’accorpamento e alla soppressione delle scuole con un numero esiguo di alunni, ultimo in ordine di tempo nel 2002 è stato soppresso il plesso di Paestum, così la città della cultura non ha più una scuola. Nel plesso di Capaccio Capoluogo, ancora ubicato nel vecchio Palazzo vescovile, è stato allestito un laboratorio di informatica e nel 2° Circolo è in fase di riallestimento dopo il furto subito; la Scuola di Capaccio-Scalo, purtroppo, è spesso vittima di atti vandalici inspiegabili. I due Circoli hanno realizzato e progettato alcune attività particolarmente rilevanti oltre alle già citate: nell’anno scol. 2000/01 un interessante progetto sulla valorizzazione dell’area antropologica, che ha consentito agli alunni di conoscere meglio il proprio territorio e di farlo conoscere con scambi epistolari e di visite, gemellaggi, la pubblicazione, giunta al V anno, di due giornalini di Circolo “Circolandia” per il I Circolo e “Il deltaplano” per il II, progetto “Cineforum” dall’anno scol. 01/02, in accordo con Giffoni Film Festival, l’animazione che nel maggio 2001 ha visto per due giorni la spiaggia di Paestum inva-

Testimonianze, ricerche, documenti

sa da bambini che rappresentavano le bandiere europee, il Concorso di Scrittura Creativa “Hera” di Paestum, giunto alla III edizione, che oltre agli alunni dei due Circoli si rivolge a quelli del secondo ciclo delle scuole elementari della Provincia con una manifestazione finale che è la conclusione di un percorso didattico formativo importante, “I percorsi della memoria” con la realizzazione di una pubblicazione sulle tradizioni ritrovate La Scuola Media Carducci dall’anno scol. 1999/2000 è diventata Istituto Comprensivo C. Carducci, incorporando la Scuola materna ed Elementare di Trentinara. Comprende inoltre la Scuola media Statale di Capaccio-Capoluogo (6 classi) , la sede staccata di Vannulo (3 classi) che ha un edificio non dotato di palestra, ma di un campetto polivalente, la Succursale di Scigliati (3 cl.), situata in un edificio che fu della Scuola Elementare, la sezione staccata di Trentinara (4 classi) in un edificio dotato di sala professori, biblioteca, un impianto sportivo di pallavolo, utilizza la palestra della Scuola Elementare. Numerosi i progetti integrativi e aggiuntivi. Si propone prioritariamente di attivare tutti gli interventi atti a prevenire la dispersione scolastica intesa come fenomeno per cui la frequenza è del tutto formale. Attualmente è diretta da Michele Santopietro, il quale a tal fine si è attivato a redigere un progetto ottenendo i finanziamenti PON, fondi strutturali europei. Il Piano si articola in tre moduli per gli alunni (Capaccio - Vannulo - Trentinara), per dare loro una prospettiva più ampia sull’offerta formativa e una conoscenza del territorio, e un modulo diretto ai genitori per sensibilizzarli alle problematiche scolastiche e per dare l’opportunità ai non scolarizzati di avvicinarsi alla scuola per poter proseguire e continuare; per i genitori è previsto un servizio di assistenza per i figli in tenera età, un incentivo economico e per i ragazzi un servizio mensa. Parte da una conoscenza del territorio che ha le potenzialità produttive, con un occhio particolare ai problemi ambientali.

171


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

172

Vi saranno due incontri settimanali di due ore in prosecuzione, con un tutor esperto delle varie problematiche, un tutor docente interno e docenti che collegheranno le attività ai curricoli. Vi saranno lezioni in aula, ma anche molta presenza sul territorio con visite ai siti di interesse storico, ambientale e produttivo. Saranno svolte attività multimediali per produrre materiale cartaceo e CD, per operare in rete con altre scuole, in particolare del territorio, che vorranno far parte di questo progetto. Il concetto di dispersione è inteso in senso lato in quanto tutti i ragazzi e gli adulti sono potenzialmente a rischio per cui il progetto non è rivolto a un gruppo ristretto ma a tutti. La Scuola Media “Zanotti Bianco”, diretta da Rosa Esposito, comprende la sede centrale a Capaccio Scalo con 19 classi, la sede staccata di Torre di Paestum con 6 classi, per un numero complessivo di 542 alunni. L’aggiunta di sei aule al vecchio edificio ha reso più confortevole la situazione edilizia, 17 classi hanno aule spaziose, solo due hanno aule troppo piccole per il numero di alunni, manca ancora la palestra, vi è un’aula polifunzionale, aula multimediale, laboratorio scientifico ed uno per le attività artistiche. Torre ha un nuovo edificio funzionale, ma privo di palestra. Numerosi i progetti tra i quali rilevante “Il laboratorio di idee”. Gli alunni hanno realizzato un mazzo di carte dove le varie figure sono accompagnate da battute ironiche e pungenti contro i problemi più gravi che affliggono l’umanità: guerra, droga, razzismo; similmente un calendario; “Melpomene”, creazione di un coro che si è fatto apprezzare classificandosi ai primi posti in diversi concorsi, è alla IV edizione; “Laboratorio turistico H”, destinato agli alunni diversamente abili, che sono stati portati sul territorio in ristoranti, per attivare anche competenze gastronomiche, e nei luoghi più belli di Capaccio, con produzione di videocassette; Progetto ambiente GEA con realizzazione di una produzione multimediale, orientato ai temi dell’educazione ambientale e alimentare.

172

LE SCUOLE SUPERIORI L’Istituto Professionale ad indirizzo agrario Nel 1954 fu istituito un Istituto Professionale ad indirizzo agrario, con sede a Napoli, da cui dipendevano due scuole: una a Capaccio, nella zona Borgo Gromola, frequentata da 36 allievi; l’altra a Battipaglia, con sede staccata ad Eboli. La sede di Gromola, ubicata in un podere, era diretta dal professore Ferdinando Verderame e comprendeva l’abitazione del direttore e due o tre aule. Il percorso degli studi si articolava in un corso preparatorio per coloro che non avevano un titolo di studio; due anni del corso di qualifica maschile di meccano-operatore agricolo; un corso femminile per la formazione della massaia agricola; terzo anno di specializzazione in floricoltura. L’istituto possedeva anche bestiame (bovini, suini, animali da cortile). Nell’anno scolastico 1962/63 si staccò da Napoli ed entrò a far parte di un gruppo di sette scuole coordinate; fu istituito un corso di “esperto coltivatore”. Dall’anno scolastico 1967/68 gli alunni più promettenti dell’Istituto Professionale ad indirizzo agrario di Gromola al momento del conseguimento della qualifica, al III anno, venivano indirizzati per il proseguimento degli studi presso l’Istituto Tecnico Agrario di Eboli o all’Istituto Professionale per l’Agricoltura di Lamia - Salerno, nato nel 1961, dove conseguivano il diploma di “agrotecnico”. Gli alunni che provenivano da sedi lontane erano ospitati, a spese dello stato, in pensionati ubicati in prossimità della scuola. L’Istituto ha cercato sempre di guardare ai paesi trainanti in campo agricolo ed ha realizzato visite istruttive e guidate in Olanda, Israele ed Inghilterra. Fu sede delle Olimpiadi Verdi fino al 1975/76. Nel 1991 il “Concorso Nazionale per Operatore Agricolo”, tenuto a Brescia, fu vinto da un allievo dell’Istituto, premiato con attestato di merito e borsa di studio. Dal 1992 la scuola si articola in un biennio in cui si privilegia l’insegnamento di materie atte a garantire una formazione culturale di base, segue

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

173

un anno professionalizzante al termine del quale si consegue la qualifica di operatore agricolo. Un ulteriore biennio consente di conseguire il diploma di agrotecnico, di iscriversi all’albo, e di poter svolgere attività di amministrazione, direzione, gestione di aziende agricole e zootecniche. Informatica ed ecologia sono state introdotte come materie culturali di base al terzo anno di approfondimento, in convenzione con le imprese. Nel 1995 fu celebrato il “Quarantennale” della fondazione dell’Istituto, con spettacoli culturali, teatrali e sportivi. Attualmente è presieduto da Carmela Bove. Responsabile della sezione di Gromola è Patrizia Campagna, ha una sede provvisoria sulla statale 18, dall’aspetto ultra moderno ma poco adatto alle finalità della scuola che è in fase di ristrutturazione, mentre si ipotizza la costruzione di un polo per gli istituti professionali. La scuola organizza percorsi formativi validi a fornire competenze indispensabili all’inserimento nel mondo del lavoro. Per l’anno scolastico 2003/04, nell’ambito del programma di prevenzione e recupero della dispersione dà il via al progetto “Laboratorio per la tutela del patrimonio naturalistico”. Nel 1971/72 nasce il liceo come sede distaccata del Da Vinci di Salerno La storia del Liceo scientifico iniziò nel 1971, quando la giunta comunale con Angelo Capo, allora assessore, oggi preside del liceo, si recò a Roma per chiederne l’istituzione. Nello stesso anno aprì come sede distaccata del Liceo Scientifico Da Vinci di Salerno, con 35 alunni, una sola classe. La scuola fu ubicata in appartamenti per abitazioni civili, angusti e poco idonei, però collocati in una zona centrale, Capaccio Scalo. Albarosa Petti fu responsabile della scuola nei primi anni. Nel 1974/75 il liceo fu aggregato al nuovo liceo scientifico di Battipaglia. L’incremento della popolazione e l’affluenza di alunni da Trentinara, Monteforte e Matinella consentirono l’avvio del corso B. Intanto emergevano i problemi rela-

Testimonianze, ricerche, documenti

tivi ai locali e al collegamento con i paesi. I presidi si alternarono ma in realtà a reggere la scuola dal 1975 fu il responsabile professore Angelo Capo, che si impegnò per ottenere una scuola più idonea e riuscì ad ottenere almeno un’aula per riunioni e dibattiti vari, dove furono organizzati i giovedì culturali, incontri degli alunni con esperti sui temi di volta in volta individuati. Nel 1976/77 il liceo scientifico di Agropoli acquistò l’autonomia e assunse il nome del poeta da poco scomparso “Alfonso Gatto”. Il liceo di Capaccio venne aggregato a tale scuola. Nonostante il boom edilizio, il liceo rimase in locali angusti ed assolutamente inidonei. Nel 1995 il liceo scientifico “Alfonso Gatto” di CapaccioScalo versava ancora in condizioni precarie e venerdì 24 novembre gli studenti trovarono quattro loro compagni legati ai termosifoni per protesta contro l’indifferenza dei cittadini alle loro ovvie richieste. Il professore Angelo Capo, responsabile del liceo, ritenne tale gesto inconsulto, in un momento in cui si era adoperato per dotare la scuola di un’aula multimediale, purtroppo. Il 14 dicembre, con una tavola rotonda tra Presidente della Provincia, sindaco e genitori, si assicurò che entro il 2000 il liceo avrebbe avuto una nuova sede grazie ai 4 miliardi già stanziati. (Nel 2003 siamo alla prima pietra simbolica). Nel 1996 festeggiò i 25 anni di vita con la pubblicazione di un annuario che raccoglie la sua storia, foto e scritti di docenti e allievi redatto dal professore Angelo Capo, con la collaborazione dei redattori professori Dino Baglivo, Luisa De Maio, Antonio Pepe e Anna Maria Sabia. Dal 20 febbraio del 1997 finalmente la scuola ha una sede più idonea, la struttura privata di proprietà di Giuseppe Pace in via Magna Graecia. Dall’anno scol. 2000/01 il liceo scientifico è diventato autonomo ed ha un nome: Gian Battista Piranesi. Dal 2002/03 è preside Angelo Capo, il quale si è impegnato subito per dare prestigio al liceo: così l’area all’aperto è divenuta uno spazio didattico, decorato dagli stessi alunni. Nella scuola ci sono 20 aule, un’aula magna modernamente attrezzata per riunioni e conferenza, una palestra attrezzata,

173


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

174

tre laboratori multimediali, un laboratorio fisicochimico, una biblioteca, un’aula polifunzionale. Il POF propone un’offerta formativa differenziata: corso tradizionale, corso di sperimentazione seconda lingua, corso sperimentazione con Informatica e Fisica. Sono stati attivati percorsi formativi flessibili e variegati che vanno dal diritto all’economia, dalla storia locale al giornalismo, attivazione di laboratori teatrali e musicali. E’ stato istituito un premio poesia FELMA dalle iniziali di cinque ragazzi del liceo tragicamente scomparsi, a cui hanno partecipato tutti i licei della provincia. Tutti questi fattori hanno contribuito alla crescita del liceo che nel 2003/2004 ha determinato la formazione di ben 5 prime classi. Era stato inoltre avanzata la proposta di istituire una sezione di liceo classico ed un’altra di tecnico per il turismo, tenuto conto della vocazione turistica del territorio e del grande attrattore che è la zona archeologica di Paestum, patrimonio dell’Unesco. La proposta è stata accettata da solo sette studenti. L’Istituto Alberghiero Roberto Virtuoso di Gromola Data la necessità di trovare personale qualificato, presso gli alberghi venivano istituiti dei corsi per i giovani che potevano trovare un’opportunità di lavoro presso i numerosi alberghi che stavano aprendo in zona. Nel 1986 fu fondato l’Istituto Alberghiero “Roberto Virtuoso di Gromola” sede staccata dell’I.P.S.A.R. di Salerno, con tre classi prime che poi divennero tre corsi completi. L’istituto si propose di preparare personale qualificato per i servizi di alberghi a cinque stelle. Esso si articolava in un triennio, a sua volta diviso in tre sezioni per il conseguimento della qualifica di addetto ai servizi di “sala e bar”, “cucina”, “segreteria”, e in un successivo biennio comune per il conseguimento del diploma di “tecnico delle attività alberghiere”.

174

Dal 1992 presso l’Istituto Alberghiero lo studente accede ad un biennio comune in cui si curano anche le materie culturali comuni a tutte le scuole e tutti i ragazzi frequentano i corsi pratici di alimentazione, cucina, sala e ricevimento. Solo in terza si sceglie una specializzazione. Questo, se da un lato favorisce il livello culturale, dall’altro, pur restando la scuola altamente specializzata, comporta meno ore a disposizione per la parte pratica. Nel triennio i ragazzi sono impegnati per 40 ore settimanali già dal primo anno devono avere libretto sanitario e tre divise: di cucina, sala e ricevimento. Il corso biennale post-qualifica comprende lingue, materie di economia politica e turistica, sociologia e psicologia del turismo, sono previste 1000 ore di terza area, cioè esercitazioni con docenti su attività specifiche dei vari settori e stage presso alberghi. L’edificio ha un ampio ingresso, dove a turno operano i ragazzi del corso di ricevimento, una palestra, laboratori di cucina e sala. Attualmente è diretto da Aurelio Di Matteo, responsabile della sezione di Gromola è da molti anni il professore Nicola Russomando, coadiuvato dal professore Domenico Landi. Gli studenti già dal primo anno in estate trovano facilmente lavoro presso alberghi della zona, molti ex alunni hanno raggiunto obiettivi notevoli e la professionalità dei docenti e dell’impostazione è attestata dalle numerose targhe, coppe vinte in concorsi nazionali e internazionali. Nel mese di ottobre 2003 il responsabile, infatti, era in Danimarca con un’allieva per ritirare un premio vinto in un concorso internazionale. Presso la scuola si organizzano inoltre corsi sull’alimentazione che coinvolgono le scuole di ogni ordine e grado (dalle materne alle scuole secondarie superiori). Pur sottolineando la buona volontà delle Istituzioni scolastiche di camminare al passo con i tempi si rileva che un territorio come quello del Comune di Capaccio avrebbe meritato un’attenzione maggiore alla scuola e alle sue strutture perché è sulla cultura che si può fondare il progresso di un paese.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

175

L’ASSOCIAZIONISMO Associazionismo anni Cinquanta - Sessanta Le associazioni negli anni Cinquanta e Sessanta erano legate alla vita religiosa. L’Azione Cattolica era ospitata per le sue attività nella casa delle suore d’Ivrea, dove si trovava anche l’asilo. Le suore davano un grande apporto alla vita religiosa del paese. C’erano le sezioni da angioletti, piccolissime, aspiranti, giovanissime, effettive e donne cattoliche. Ogni sezione aveva la sua delegata che ne curava il cammino spirituale e presiedeva l’adunanza settimanale, che era anche un’occasione d’incontro e di svago per le bambine e le giovani donne, meno libere dei maschi di giocare per strada. Si giocava nel cortile, ma c’erano anche molte manifestazioni e rappresentazioni teatrali. Molta cura ovviamente era data alla preparazione di canti religiosi, feste o visite pastorali. L’Azione Cattolica maschile agiva distinta da quella femminile. In quel periodo, presso il convento francescano operava il Terzo Ordine Francescano con una ministra eletta ogni tre anni. Curava la formazione spirituale dei giovani (la Gifra) e dei bambini (gli araldini). C’era un assistente laico per ogni sezione e l’assistente spirituale che era un frate francescano. Si organizzavano recite, presepi viventi, mostre, il convento era anche un luogo per incontrarsi e giocare. Nel 1897, sotto la direzione dei maestri Federico Fasano e Antonio De Maria, era nata la banda musicale “Città di Capaccio”, che aveva avuto molto successo in tutto il meridione. Negli anni Cinquanta era diretta dal maestro Pasquale Di Fiore e aveva il compito di allietare le manifestazioni civili e religiose Di vecchia data era anche “L’Associazione Nazionale combattenti e reduci - sezione di Capaccio”, nata nel 1919, all’indomani della I guerra mondiale, per iniziativa del tenente Anacleto Stabile, affiancò il Comitato di assistenza, che durante la guerra aveva operato soccorrendo le fa-

Testimonianze, ricerche, documenti

miglie dei richiamati, nell’edificazione del monumento ai caduti sui giardini pubblici di Capaccio Capoluogo. Dopo l’armistizio e la fine della II guerra mondiale nell’associazione confluirono quanti vi avevano preso parte e l’obiettivo primario divenne il reinserimento dei reduci nella società. Nel 1945 ne era presidente Salvatore Paolino, nel 1946 Salvatore Scudiero, titolare della farmacia. Nel 1947, con l’inserimento dei giovani, fu eletta un’amministrazione che ne curò la riorganizzazione, era presieduta da Arturo Garofalo e composta da Giovanni Marandino, Giuseppe Voza, Pasquale Franco e Attilio Taddeo. Nel 1953/54 era composta da Mariano Bello, Mattia Valletta, Gaetano Butrico, Raffaele Sarnicola, Giovanni Di Sirio, Raffaele Desiderio, Francesco Valoroso, Carmine Mangino, Ermanno Salzano. Molto vivaci, in quegli anni di ripresa della vita economica e politica, erano anche le sezioni dei partiti che rappresentavano per tanti cittadini un’opportunità di discussione e di crescita sociale. Tra gli anni ‘55 e ‘56 nasceva il Circolo Francescano culturale, ricreativo e sportivo, presso il Convento S.Antonio. C’era la sezione dei ragazzi presieduta da Giovanni Petillo e quella dei giovani, presieduta da Enrico Fasano. I saloni del convento ospitavano i soci che qui avevano la possibilità di vedere la televisione, soprattutto incontri sportivi di pugilato o calcio, e potevano giocare a bigliardino. Nel 1957 fu inaugurato il campo sportivo S. Antonio dove si organizzarono delle partite di calcio. Allenatore era il professore di educazione fisica Angelo Arenella, detto “la volpe”. Se qualcuno disertava la messa era severamente punito: niente scarpette e maglietta (erano soltanto 11), quindi niente partita.Responsabile del gruppo dei giovani e quindi della Capaccese nel 1957 era il francescano padre Eugenio Scotognella da Gragnano. Ne derivò la fondazione della Calpazio il 20 ottobre 1963 fondata da Vincenzo Guazzo e qualche anno più tardi dell’Atletica Capaccese calcio, sempre presso il convento S. Antonio.

175


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

176

A partire dagli anni Settanta proliferano le associazioni culturali Negli anni Settanta si formarono associazioni culturali tra giovani che sentirono la necessità di crescere culturalmente insieme e di operare per la rinascita del territorio. Nei primi anni settanta, fondato e presieduto da Luigi Barlotti, nacque il circolo culturale “Athena”, divenuto successivamente “Oikos” (dal greco casa in senso lato) si occupò soprattutto di difesa e valorizzazione dell’ambiente e del territorio. Nel 1970 a Capaccio-Capoluogo si formò il “Comitato Cittadino Capaccese”, che si propose di stimolare l’amministrazione comunale ad affrontare e risolvere i numerosi problemi che affiggevano il paese. Su questa scia nel 1973 nacque il “Circolo Culturale Noi”, si proponeva la promozione della vita civile dei soci e del paese ed esercitava tutte le attività atte a migliorare culturalmente, civilmente e fisicamente l’ambiente, la collettività ed i singoli. Organizzò numerose manifestazioni ricreative e culturali, mostre, coppa di bar, estate capaccese. Nel 1976 i soci del Circolo fondarono la sezione di “Italia Nostra”, per difendere dalla distruzione il patrimonio archeologico - culturale e per porre un freno alle costruzioni abusive. Nell’estate del ‘76 le due associazioni nel settecentesco Chiostro del Convento Francescano, allestirono una mostra fotografica sul Centro storico di Capaccio, su “Il Mattino” del 21 agosto 1976 venne elogiata la “ricerca minuziosa e attenta, penetrante di tutti gli architravi, i portali, gli stemmi, scolpiti da artigiani del luogo” dal 1400 al 1800. Nel dicembre dello stesso anno vide la luce la pubblicazione di “Capaccio bella”, sintesi delle notizie storiche e alcune foto del Centro storico, preziosa perché ha permesso di conservare i ricordi di un patrimonio distrutto dalle modifiche post - terremoto dell’80. Contemporaneamente a Capaccio Scalo, in una casetta alle dipendenze del Consorzio di Bonifica, nel luogo dove ora sorge la sede della BCC di

176

Capaccio, alcuni giovani studenti universitari fondarono “La Nuova Paestum”, presieduta da Enrico Bellelli, un luogo d’incontro, un veicolo di scambi culturali a largo raggio e di socializzazione. A Paestum nasceva la “Pro - Paestum”, fondata da Nunzio Daniele, per far conoscere Paestum e il suo patrimonio storico nel mondo, sviluppare la cultura dell’accoglienza e dell’ospitalità. A partire dall’anno scolastico 1975-1976 nella sede della biblioteca comunale di Capaccio Scalo, ogni giorno s’incontravano studenti e studentesse per studiare e discutere di storia, economia e condizione giovanile. Una distribuzione capillare di volantini sui pullman degli studenti che andavano verso Salerno e Agropoli servì per raccogliere gli aderenti: così nasceva “ L’associazione per la riapertura della biblioteca”. I promotori furono Luigi Di Lascio, Marilisa De Palma, Carmine Antonio Miglino, Aradia Apolito, Maria Pia Bavoso. Qualche politico preoccupato che “gli studenti studiavano” fece in modo che Luigi Di Lascio fosse denunciato per scasso e furto nella biblioteca. Il giudice di turno (avvocato Vecchio), dopo indagini e interrogazioni, saggiamente archiviò per inesistenza del reato la denuncia. La biblioteca fu richiusa in attesa di un regolamento di utilizzo. Non possiamo non riportare in anni in cui la donna capaccese partecipava poco alla vita pubblica la fondazione ad opera di Aradia Apolito e Marilisa De Palma nel 1979 dell’associazione “La Casa delle Donna”, raccoglieva oltre cinquanta donne di ogni età e condizione sociale, che dibattevano sui temi della condizione femminile. Si deve alla loro azione la copertura del canale delle acque salse che attraversava Capaccio Scalo da nord a sud. Fu necessario anche una vera e propria occupazione del Consorzio di Bonifica di Paestum. L’uncinetto, i problemi di cucina e le riflessioni sulla condizione della donna, in chiave storica generale e locale, si intrecciavano tra loro in un’atmosfera irripetibile”. Solidarietà, aiuti reciproci, ascolti di casi difficili: ecco le attività principali del movimento. Organizzava la festa della

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

177

donna dell’8 marzo, “senza pranzi né lustrini o altre scimmiotterie televisive”. Nel 1976 a Capaccio, presieduto da Gaetano Puca, iniziava la sua attività il circolo Acli Caput Aquae per promuovere lo sviluppo socio-economico del paese con iniziative sociali, manifestazioni, convegni tematici, mostre. In particolare, nel 1978 a Capaccio e nel 1979 a Capaccio e Paestum, organizzò una mostra su lavori eseguiti con l’uncinetto. L’Associazione Nazionale dei Carabinieri ebbe la sua sezione a Capaccio - Paestum, nata il 27 ottobre 1977, presieduta dall’anno della sua fondazione fino ad oggi da Carmine Cerullo. Si propose di promuovere e cementare i vincoli di cameratismo e solidarietà tra le forze armate. Nel giugno del 1979 organizzò la manifestazione d’inaugurazione di via Salvo D’Acquisto con l’esibizione della banda dell’Arma dei carabinieri nella zona archeologica. Esibizione che si è ripetuta il 28 giugno 1992 durante la cerimonia d’intitolazione di una via cittadina al generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa. Altre Associazioni culturali si aggiunsero negli anni ottanta e novanta Lo “Studio d’arte Vairo” sorse nel 1980 per riunire gli artisti motivati dalla voglia di scambiarsi esperienze e crescere professionalmente e socialmente insieme, perché “senza unione non c’è evoluzione”. Dagli anni Novanta è divenuto “Centro artistico Culturale Paestum”. L’Archivio storico di Paestum fu costituito nel 1981, il promotore fu Sergio Vecchio. Contava vari volontari che contribuivano alla raccolta e catalogazione di documenti e foto dal ‘700 ai giorni nostri. L’associazione, dopo qualche anno terminò l’attività perché senza sede. Giugno 1985, un gruppo di persone, pur essendo di diversa estrazione politica, sociale e culturale, si accorsero che stavano bene insieme, che la passione per il teatro consentiva loro di comporre “un unico e policromo disegno, appunto un Mosaico” così nasceva, fondata da Alfonso

Testimonianze, ricerche, documenti

Rubini, la prima Associazione teatrale a livello amatoriale”Il mosaico”. Dopo il debutto, la sera del 3 agosto con “Lo spione della scala C” di Samy Fayad, il quale rinunciò ai diritti d’autore, non solo, ma li guidò nella regia (avrebbe voluto anche pagare l’accademia ad una delle attrici, Marisa Sabia, per la sua bravura, ma questa scelse il matrimonio), calcò i palcoscenici del Cilento divenendo un punto di riferimento per chi amava cultura e teatro. Qualche anno dopo stavano preparando “Alleluia brava gente” ospitati nella sede della Biblioteca; un incendio distrusse costumi e scene. Attualmente dopo aver avuto temporaneamente una sede a Laura ed una ad Agropoli sono in cerca di un posto in cui poter continuare a coltivare la loro passione. Per la rivalutazione del Paese e delle proprie tradizioni si costituirono a Capaccio Capoluogo le associazioni culturali: “S. Antonio”, fondata dall’avvocato Vincenzo Rubini nel 1987, intorno al convento dei Frati Minori, le cui manifestazioni tendevano a coinvolgere nelle attività tutto il paese, come il concorso “Angoli, portoni e balconi fioriti”in estate, “Il presepe in famiglia” in inverno, mostre fotografiche, nell’atrio di Palazzo Tanza, rassegne pittoriche, concerti. “Costabile Carducci”, fondata da Gaetano Puca nel 1988, per la valorizzazione storica dell’eroe dei moti del 1848. In occasione dei 140 anni dalla morte organizzò le manifestazioni celebrative che culminarono con l’inaugurazione di una lapide accanto al portone della casa natale e del monumento eretto sui giardini pubblici di Capaccio. “Nuova Accademia pestana - Vincenzo Rubini”, nata nel 1992 dopo la morte del grande studioso, si proponeva di diffondere lo studio delle lettere, delle arti, dell’archeologia, della storia e delle tradizioni della terra cilentana in generale, e dell’antica città di Paestum e di Capaccio in particolare. Nel Giugno 1996 la “Caputaquensis”si proponeva di salvaguardare l’ambiente e tutelare il patrimonio artistico, storico e architettonico. Nel 1997 l’associazione culturale “Salone Rizzo”, presieduta da Giuseppe Marino, nasceva

177


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

178

presso l’omonima sala da barba per salvare l’arredo particolarmente bello, realizzato da un artigiano ebanista dell’800, e custodire con cura libri e riviste inerenti il territorio e tanti piccoli tesori della memoria. A Paestum, invece, nel 1987 il docente universitario Mario Mello fondò l’associazione “Torre Laura”, che si propose di creare una biblioteca con una specializzazione mirata al territorio. Tra i soci Antonio Palmieri, Giuseppe Guglielmotti e i compianti notaio D’Amato e Vincenzo Rubini. Grazie ai finanziamenti dei soci, dalla BCC di Capaccio e dall’Azienda, la sede fu ammobiliata, i volumi cominciarono a riempire gli scaffali, furono organizzati conferenze e salotti letterari, vi furono spiacevoli atti vandalici, vennero rotti vetri e manomesse le serrature. La torre divenne sede anche di Legambiente ma la convivenza non durò a lungo e i libri furono ceduti all’Università e alla Soprintendenza. L’associazione “Legambiente Paestum Circolo Freewheeling” si era costituita nel 1988 tesa alla sensibilizzazione sui problemi dell’inquinamento e alla difesa del patrimonio artistico. Il gruppo locale, attualmente presieduto da Pasquale Longo, gestisce un’area protetta “Oasi dunale Torre di Mare”, organizza campi estivi nazionali ed internazionali, ospita volontari impegnati in attività di recupero e riqualificazione ambientale, svolge attività di educazione ambientale sul territorio, campagne nazionali e locali. Pubblica il periodico Ambient. Nel settembre del 1988, i soci del Club “Lions Paestum” promosso da Vincenzo Mallamaci, si ponevano solennemente a servizio della comunità locale ed internazionale. Hanno organizzato convegni sull’ambiente, sul territorio e la sua storia, premi di poesia, incontri sui problemi emergenti. Intanto nel 1993 era nata la “Fondazione Paestum”, voluta da Emanuele Greco, docente universitario e storico, con lo scopo di promuovere incontri, dibattiti, tavole rotonde, produzioni a stampa e multimediali relative agli avvenimenti più significativi che caratterizzano il Mezzogior-

178

no d’Italia. L’attività editoriale fu inaugurata con la pubblicazione del volume “I lucani a Paestum”. Sempre a Paestum il MMMAC (Museo Materiali Minimi Arte Contemporanea), nato nel 1993, di cui è presidente Nuvola Lista ogni anno inaugura una mostra d’arte contemporanea. L’associazione “Paestum Hotel” si è costituita il 31 gennaio 1997. Il principale obiettivo è la promozione turistica italiana ed estera. Ha svolto programmi didattici per le scuole elementari e medie della regione Campania, con la presenza annua di circa 10.000 studenti. A Capaccio-Scalo nel 1996 si costituì l’A.G.E. Associazione genitori, presieduta da Mario Puca, con lo scopo di impegnarsi e di attivarsi nella soluzione delle problematiche della famiglia e della scuola, contribuire al miglior compimento dell’opera educativa dei genitori, in rapporto alle situazioni scolastiche, promuovendo corsi, incontri, conferenze, dibattiti. La nascita della stampa locale Intanto nascevano alcuni giornali locali divenuti per i capaccesi una fonte di informazione culturale, sportiva ed economica: il quindicinale “Menabò”, fondato il 17 aprile 1987, che aveva come direttore responsabile Samy Fayad, stampato fino al 1998, “Il Sud” dal 1991 diretto da Nicola Nigro, “Nuova solidarietà” dal 1991 diretto da Pietro Comite ,”Il Granato” dal 1994 diretto da Nico Piro, “La Stazione” dal 1997 diretto da Nico Piro, “Il Valcalore” dal 1998 diretto da Bartolo Scandizzo. Le associazioni sportive Nacquero per coinvolgere i ragazzi in attività utili alla sana crescita fisica, alla formazione di dinamiche sociali e di gruppo formative, ad impegnarli in modo da evitare che essi potessero disperdersi in gruppi devianti. La Polisportiva Libertas, fondata da Mario Napoli, di Capaccio Paestum, nata nel 1975, si occupava di tennis, atletica leggera, vela, palla tamburello, ciclismo e

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

179

pallavolo. Riportò successi in campo nazionale, nel 1982 la squadra femminile di palla tamburello divenne campione d’Italia a Fano. Quasi parallelamente iniziò la sua attività l’associazione sportiva e culturale A.I.C.S, fondata e presieduta da Raffaele Fasolino, attuale presidente. Oltre alle discipline sportive, prevalentemente pallavolo, ha avuto un’attività variegata, occupandosi di turismo, ambiente, cultura. A Capaccio Capoluogo nascevano: nel 1977 l’A.S. Karatè-Centro Studi Arti marziali Cultura e sport, diretta da Riccardo Buccella, che nel corso della sua attività durata fino la 2002 ha ottenuto un paio di titoli italiani, tre secondi posti e numerosi altri successi, nei primi anni Ottanta il Centro Olimpia CONI, presieduto da Elena Tortorella, si occupava di ginnastica artistica e ritmica e nel 1983 l’A. S. Tennis Club Oasi, presieduta da Raffaele Merola, presso il campo S. Antonio. Il Club Magna Grecia, presieduto da Domenico Tambasco, aveva sede al villaggio “El Pueblo. Dall’ottobre del 1990 fino al 1993 organizzò tornei di ping pong, calcetto maschile e femminile, serate danzanti ogni sabato, manifestazioni per ogni grande festa e gite. La polisportiva “L’Avvenire”, nata nel 1995 presso il convento S.Antonio, ha organizzato tornei di calcetto, pallavolo, bocce, tennis, saggi di ginnastica artistica. Il “Club sport e vita”, dal 1997, a Capaccio, promuove attività sportive e manifestazioni di sensibilizzazioni ambientali. L’associazione “Ecobici”, fondata da Emilio Quaglia nel 1997, aveva lo scopo di insegnare la salvaguardia dell’ambiente e di far conoscere il territorio. Ogni domenica alcuni ragazzi partivano in bici, guidati dal presidente, imparavano ad osservare, capire, amare il proprio paese e a fare scoperte inaspettate. Altre, invece erano dedicate a una disciplina prevalente: a parte le numerose Società calcistiche, presenti in ogni contrada, segnaliamo l’associazione “Taekwondo” in via Rettifilo, nata nel 1990, ha ottenuto numerosi successi in campo regionale e nazionale. La “Line Armonic Club”, a

Testimonianze, ricerche, documenti

Capaccio Capoluogo, dal 1990 al 1998 si è occupata di ginnastica ritmica e artistica, l’Okey-Club, durato dal 1990 al 2000 e il Kung-Fuwu-shu a Spinazzo. Associazioni umanitarie Formate da gruppi di volontari profondono amore e solidarietà dando quell’aiuto e quel sostegno a persone disagiate che le istituzioni non riescono ad offrire e, soprattutto, aiutano a superare solitudine e disperazione L’associazione “Croce Azzurra Città di Capaccio”, nata nel 1975 con sede a Capaccio Scalo, nel 1985 divenuta Asi (Associazione Samaritana Italiana) con sede in via Petrale nei locali dati in comodato d’uso dal Consorzio di Bonifica di Paestum. Trasporta infermi in situazione di emergenza, disabili con personale specializzato. L’Unitalsi, sottosezione di Capaccio Scalo, vide la luce nel 1978, voluta da don Fortunato Ceccardelli, ha sempre cercato di aiutare gli handicappati, di provvedere al trasporto, di compiere e organizzare qualsiasi iniziativa che riuscisse a sostenere chi era in difficoltà. Negli anni ottanta si tenne il primo corso di formazione di crocerossini e crocerossine. Tra i promotori c’erano: Gerundo Biagio, Paolo Mirarci, Luigi Bosco. L’ambulanza era stata messa a disposizione della Cri di Salerno. La Cassa Rurale di Capaccio diede un contributo. Il corso di formazione fu tenuto gratuitamente da alcuni medici locali. I primi crocerossini erano artigiani, studenti, contadini e un docente di scuola superiore, Luigi Di Lascio. Entusiasmo, grande senso civico e molta soddisfazione morale: una delle esperienze più ricche di passione umana avviata a Capaccio. Negli anni Novanta venne costituito il gruppo di Agropoli-Capaccio di aderenti ad “Amnesty International”, (movimento internazionale per la difesa dei Diritti Umani, nata nel 1961, da un’idea dell’avvocato inglese Peter Benebson, convinto della forza che può esprimere l’opinione pubblica mondiale quando esprime la propria indignazione).

179


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

180

Amnesty ha organizzato concerti, incontri nelle scuole, conferenze, collaborando attivamente alle lotte contro ogni sopruso. Durante l’anno scolastico 1994/95 gli attivisti di Amnesty International lavorarono sulla drammatica situazione dei diritti umani nel Sud con un progetto che coinvolse le scuole elementari di Laura di Capaccio e le I medie di Agropoli. La sezione “Agesci Scout” nata nel 1991 si è occupata fino al 2000 dell’educazione sociale e cattolica dei ragazzi dai 6 ai 21 anni, del sostegno a famiglie bisognose, collaborando con l’Unitalsi. “L’Associazione della Pace” costituita nel febbraio 1991, collegata come programma e come ideali con analoghe associazioni nazionali, nacque per iniziativa di Luigi Di Lascio, e fu attiva durante la prima guerra del Golfo (1991), quando il papa Giovanni Paolo II invitava (non ascoltato) i parroci a tenere aperte le chiese e a suonare le campane contro la guerra. La “Croce Rossa” di Capaccio nel 1993 ebbe una nuova sede, presso la quale opera la sezione Andos di Capaccio-Paestum (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) per la prevenzione del cancro mammario e la riabilitazione fisica, psicologica e sociale. Nel 1993 iniziò la sua attività anche l’Humanitas di Ponte Barizzo. Le ambulanze dell’associazione, dislocate a Ponte Barizzo, Capaccio Scalo e Santa Venere, giorno e notte sono pronte ad intervenire con ambulanze di tipo A, con un reparto di rianimazione per gli interventi definiti di codice rosso, e di tipo B per interventi non gravissimi. Il 16 gennaio 1995 si costituiva l’associazione “Don Bosco”, con sede a Capaccio Scalo, con lo scopo di promuovere occasioni di socializzazioni mediante organizzazione del tempo libero, di promuovere attività di formazione rivolte a chi è alla ricerca del primo lavoro. Dal 1994 la “Lega per i diritti degli handicappati”, presieduta da Maria Palmieri, promuove tutte le iniziative necessarie per rendere effettivi i diritti delle persone handicappate, come quelli alla salute, alla cura e riabilitazione degli handicap, all’assistenza, allo studio, al lavoro, al tempo libero, alla mobilità.

180

Problemi emergenti dell’epoca contemporanea come droga e immigrazione hanno trovato valido aiuto in Associazioni quali: “Verso la vita”, presieduto da Fausto Sabia, un centro ascolto che dal 1996 opera con l’obiettivo di fornire un sostegno ed un orientamento al recupero a tutti coloro che fanno uso di sostanze stupefacenti e alle loro famiglie. Dopo un primo percorso il giovane tossico dipendente viene guidato nella delicata scelta di un cammino più ampio entro la Comunità terapeutica quali San Patrignano, Exodus o altre dove di fatto avverrà la sua riabilitazione ed il suo recupero. Da Verso la Vita è derivata la cooperativa “Faro Vero” che si prefigge di aiutare tutti i ragazzi che dopo aver vinto la loro personale battaglia devono allora far fronte al problema del reinserimento sociale. Novembre 1994 a Ponte Barizzo nasceva l’associazione culturale italo-magrebina “El Bader” (aurora), presieduta da Fai El Miadi, associata all’Arci solidarietà, con lo scopo di ottenere la sanatoria delle sanzioni legate alla scadenza dei permessi di soggiorno, la composizione del conflitto razziale e l’attenuazione dell’intolleranza e realizzare una casa d’accoglienza per gli extracomunitari. Casa non solo come “house” edificio, ma soprattutto come “home” focolare. “El bader” vuole essere il luogo dove incontrarsi, conoscere e farsi conoscere dagli amici italiani. Dal 1997 “MetaZeta”, presieduta da Lucio Capo, con sede in via Magna Grecia, pubblica il periodico “La Stazione”, svolge servizi per la tutela sociale con particolare riferimento alla solidarietà internazionale. Organizza attività culturali (tavole rotonde, convegni, seminari, mostre), ricreative (teatro, musica, proiezioni cinematografiche), ambientali (studi ed iniziative per la tutela delle risorse naturale e del patrimonio storico culturale). Nel 2000 le due associazioni, per rafforzare l’impegno a favore degli immigrati, si sono fuse dando vita a Metazeta/El Bader promuovendo corsi di formazione e partecipando alla consulta provinciale sull’immigrazione istituita dalla provincia di Salerno. Dal 1994 la “Lega per i diritti degli handicappati”, presieduta da

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

181

Maria Palmieri, sezione staccata di un’associazione a livello nazionale con sede a Napoli, promuove tutte le iniziative necessarie per rendere effettivi i diritti delle persone handicappate, come quelli alla salute, alla cura e riabilitazione degli handicap, all’assistenza, allo studio, al lavoro, al tempo libero, alla mobilità. Associazioni per rivalutare le contrade Promuovono attività culturali, ricreative, si occupano della salvaguardia e tutela del patrimonio, curano i rapporti con le scuole e la Chiesa, soprattutto vogliono prevenire fenomeni di isolamento, favorendo l’aggregazione. I soci sono destinatari e protagonisti, sperano di poter far sentire la loro voce e contribuire a risolvere i problemi delle loro contrade. Per Carnevale preparano il carro, i costumi e i balletti per la manifestazione a Paestum, coordinata dall’Associazione Comitato Permanente Carnevale, presieduta per anni da Enrico Bisantis, sostituito nel 2002 da Alfonso Rubini. Sono: “Diogene”, a via Torre di Paestum riunisce Torre di Mare, Licinella, S.Venere, “Assemblea di Paestum”, “l’Associazione delle contrade di Feudo Tempa S. Paolo - Scigliati - Seude - Crispi”, costituita nel ‘94, il “Paestum Club 97” di Cortigliano, il “Gruppo Giovani Scigliati”, gli “Amici di Gromola”, “Santa Venere” , “Rinascita” nata nel 1992 a Spinazzo, “Progetto Futuro”, nata nel ‘98 a Vannulo, “Circoli Acli”a Capofiume. Associazioni tra persone che esercitano la stessa professione Sorsero per volontà di alcuni professionisti al fine di attivare una maggiore collaborazione e avere l’opportunità di scambi di esperienze. “Techné”, presieduta attualmente dall’architetto Carlo Guida, nacque nell’anno 1992 dall’unione di un gruppo di giovani tecnici, residenti nel Comune di Capaccio-Paestum, con il preciso intento di suscitare maggiore attenzione intorno ai problemi urbanistici ed ambientali del nostro

Testimonianze, ricerche, documenti

territorio, di sviluppare in tutti i soci l’impegno a diffondere una maggiore coscienza della tutela ambientale. “Paestum medica” si costituì nel gennaio del 1996 , presieduta da Giacomo De Palma, con sessanta iscritti, aperta a tutti i laureati in medicina e chirurgia, nati e/o residenti, oppure domiciliati nel Comune di Capaccio, con obiettivo la promozione culturale e scientifica dei soci nel rispetto della comune deontologia professionale. Associazionismo nel nuovo millennio Anche nel nuovo millennio c’è chi continua a credere fermamente nell’importanza dell’Associazionismo per la crescita culturale e anche per combattere la solitudine che mass media e computer hanno determinato. Va inoltre sottolineato che mentre le Associazioni degli anni settanta erano prevalentemente formate da giovani, quelle del 2000 tendono a ristabilire un legame tra le generazioni, e, spesso, ritroviamo la presenza dei giovani di allora. Nascono nuove Associazioni sportive in genere legate a discipline specialistiche: “Polisportiva Capaccio-Paestum”, erede della polisportiva Libertas; “Arti marziali”, A KS Associazione Karatè Club” a Torre di Mare; “Arcieri di Paestum” a Torre di mare; “Ottonero”, organizza manifestazioni motociclistiche”; “Centro Ippico L’Olmo”, a Ponte Barizzo; “Club Mary Joe Dance”, “Mary Dance”, per gli amanti del ballo. Umanitarie Nel 1999 sulla scia dell’Unitalsi è nata l’associazione di solidarietà “Disabili e non”, con lo scopo di organizzare attività tendenti a coinvolgere i disabili ed i disadattati, permettendo loro di svolgere attività che consentano di sentirsi capaci e di socializzare con tutti. Paestum Life pro C.R.I. 2001, presidente Germano Pecoraro, ha l’obiettivo di contribuire a rendere operativa la delegazione della Croce Rossa, fornendo mezzi e strumenti alla sezione locale attivando attività sociali attraverso convegni, feste, coinvolgendo la popolazione, in particolare le categorie più vulnerabili.

181


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

182

Culturali Nel 2000 a Capaccio Capoluogo si sono costituite: l’associazione “Leonardo”, impegnata nella rinascita del capoluogo, nella riscoperta delle proprie origini, ha pubblicato un giornalino, ha organizzato in estate itinerari lungo le strade del centro storico, con la presenza di antiquariato, artigianato, musica e piatti tipici. Il gruppo teatrale composto da giovani “I Tre Delfini”, presieduta da Ivan De Rosa. Dall’esordio in Piazza Tempone con “Non Ti Pago” di Eduardo De Filippo, ha presentato al pubblico locale una serie di commedie di una certa rilevanza culturale. Nell’estate 2003 ha organizzato la II rassegna teatrale dedicata a Samy Fayad, con la partecipazione di altre compagnie teatrali della provincia di Salerno. Infine nel giugno 2002 è sorta “L’Agorà dei Liberi di Capaccio-Paestum”, presieduta da Angelo Fasano. Traendo spunto dalle radici della nostra civiltà, si è voluto creare un luogo dove incontrarsi e coltivare insieme l’orgoglio di essere cittadini dello stesso paese, come avveniva nell’Agorà greca. Si propone anche di raccogliere documenti inediti, foto, libri, giornali per ricostruire la storia del Novecento del proprio territorio. A Capaccio-Scalo è sorta nel 2001 l’associazione “Erica Fraiese”, per una precisa volontà dei genitori di una quattordicenne tragicamente scomparsa in un incidente stradale, che scriveva favole dall’età di 7 anni e che amava ogni forma di solidarietà e di volontariato, si pone due obiettivi: quello di stimolare i giovani e gli adolescenti a lavorare con fantasia e creatività per la tutela e la promozione dell’ambiente e quello di favorire la solidarietà e l’amicizia attraverso il rispetto e l’amore per la natura. Alle Associazioni delle contrade si unisce “Licinella 2000”, presieduta da Doroteo Pastena, costituita con l’obiettivo di contribuire alla crescita culturale, sociale ed economica di Licinella. “Paestum Friendly”, presieduta da Biancaluna Bifulco, fondata nell’aprile 2001 ha come scopo la promozione del comparto turistico e la valorizzazione e divulgazione del patrimonio culturale e artistico della città di Paestum. Similmente “La Rosa di Pesto”, presidente Stefania Cola, a Capaccio Scalo, è un’associazione che ha per scopo la promozione della cultura a Capaccio-Paestum. Ciò viene fatto attraverso appuntamenti pe-

182

riodici, tra cui la presentazione di libri di autori locali e di fama nazionale, si propone, inoltre, di ripiantare lungo via Magna Grecia e lungo la recinzione degli scavi la vera rosa di Paestum. La “Fondazione Archivio Laboratorio di Capaccio - Paestum” di Sergio Vecchio si propone di realizzare a Paestum un laboratorio/ricerca ove raccogliere le opere pittoriche inerenti il territorio dal Grand Tour, dai primi maestri della fotografia ai giorni nostri “un archivio in cui far confluire, organizzandola con rigore scientifico la storia antropologica e artistica di questo territorio”. “Vivere il mare”, presieduta da Mauro Guazzo, è nata nel 2001 per la salvaguardia del mare e dei suoi fondali, di tutti gli ambienti fluviali come risorse naturali e per far crescere la coscienza ecologica in chi lavora a contatto con questi ambienti. Tante le associazioni che sono nate e scomparse, le più recenti sono state di breve durata, ma troviamo ancora le associazioni dei primi anni ‘50. L’Azione Cattolica che ha alcune sezioni anche a Capaccio-Scalo (dov’è stata fondata nel 1986 grazie all’impegno profuso per i giovani dal parroco di allora, don Alfonso Anzivino e da suor Cornelia), il Terz’Ordine Francescano, presente anche questo sia a Capaccio Capoluogo che a Capaccio Scalo. I due gruppi ogni anno organizzano una mostra favolosa di lavori femminili: uncinetto, chiacchierino, tombolo e ricamo, il cui ricavato va per le missioni. Ci sono poi la banda musicale diretta da Francesco Di Fiore, nipote di colui che la dirigeva nel 1953, l’Associazione Nazionale Combattenti sezione di Capaccio, presieduta da uno dei giovani di allora, Mariano Bello, che non ha perso l’entusiasmo e ogni anno organizza per il IV novembre manifestazioni commemorative degne degli anni del dopoguerra. Da questa analisi sembra emergere un Comune di persone che si incontrano, discutono e affrontano insieme i problemi, in realtà resta ancora alta la percentuale di persone sole o poco sensibili ai problemi culturali e umanitari, infatti spesso troviamo presenti le stesse persone in più associazioni. Una voce sola non si sente più voci diventano un coro, unirsi è importante in una società che rischia di trasformarci in soggetti passivi che recepiscono tutto ciò che i mass media ci propongono per cui futilità e apparenza fanno da padroni.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

183

IL SOCIO PIÙ ANZIANO

LA PRIMA DIPENDENTE DONNA

Nel 1953 a Capaccio-Paestum l’attività principale era l’agricoltura. “Era necessario creare una banca per gli agricoltori che avevano bisogno di soldi in prestito per avviare le loro attività” racconta l’ingegnere Ferrentino, il più anziano tra i fondatori della Cassa Rurale ed Artigiana di Capaccio, che oggi vive a Monza. Pur non vivendo a Capaccio da circa trent’anni, non ha mai spezzato, quel cordone che fin dall’infanzia lo lega a Capaccio-Paestum, dove torna ogni estate. “Fu il notaio Manlio De Maria a contattarmi e coinvolgermi. Non c’era nessuna banca qui. All’inizio vollero partecipare anche alcuni avventurieri”. La loro presenza finì per rallentare lo sviluppo iniziale, perché provocò perplessità tra gli agricoltori, molto diffidenti verso la novità, soprattutto in un periodo in cui lo sviluppo economico di Capaccio stava muovendo i primi passi. “Poi questi avventurieri compresero che non avrebbero tratto alcun vantaggio e si ritirarono” continua Ferrentino. Fu allora che aumentò la fiducia, in tanti compresero che si trattava di un organismo serio. “Ognuno guardava gli altri, e man mano che alcuni si affidavano alla banca, altri li seguivano”. Sono trascorsi gli anni, ed oggi, che ne sono passati cinquanta, pur vivendo a tanti chilometri di distanza, l’ingegnere è ancora socio dell’attuale Banca di Credito Cooperativo di Capaccio. “L’inizio fu fumoso, poi la banca andò crescendo fino a divenire ciò che è oggi, una banca forte, con profonde radici nel territorio. E’ la “Banca di Capaccio” per tanta gente che con il suo aiuto è riuscita a mettere su una piccola attività. “Nella mia famiglia divennero soci anche mia madre e mio fratello. Io ci entrai perché la ritenni una cosa buona per il territorio”. Ferrentino decise di entrare in quel gruppo di 88 persone che sottoscrissero il capitale iniziale per incentivare la crescita del territorio in cui erano nati e cresciuti. “Non l’ho più lasciata. In tutti questi anni sono rimasto socio. Un po’ per una questione affettiva, e poi perché, se è una cosa buona, che funziona, perché lasciarla?” Un pensiero sicuramente condiviso dagli altri 13 soci che da cinquant’anni fanno parte della Bcc.

“Ho fatto l’ultimo concorso non riservato ai figli dei soci, nel 1978. Sono stata assunta l’1 maggio 1979. La sede non era ancora questa”. Maria Cristina Grattacaso, 46 anni, è la prima assunta tra le dipendenti donna che nel 2003 lavorano alla Banca di Credito Cooperativo di Capaccio. “Allora la banca era più piccola, eravamo pochi dipendenti. Io ero la tredicesima assunta. C’era solo un’altra donna, Cosima Mucciolo, che purtroppo non c’è più”. Nata in Argentina, da papà capaccese, in due mesi di vacanza a Capaccio Maria Cristina rimane affascinata dall’Italia. E non solo. Nel paese del papà incontra anche l’uomo che poi diverrà suo marito. “Sono tornata nel 1975. Io e mio fratello dovevamo iniziare gli studi universitari. Mi sono iscritta all’università di Salerno e ho iniziato ad imparare la lingua. Ho fatto tre anni di università poi ho saputo del concorso. Studiavo lingue e letteratura, per cui mi sono dovuta preparare molto per il concorso. Ma sono contenta perché il lavoro si è rivelato appassionante”. Viene assunta a 22 anni e, oltre a essere una delle uniche due impiegate donne, è anche la più giovane. “Il rapporto con i colleghi maschi è sempre stato bello, anche allora. Non posso lamentarmi di nulla. Mi è sempre piaciuto lavorare, sebbene con il matrimonio ed i figli la vita e gli impegni siano cambiati. Ma dopo loro, al primo posto c’è stato sempre il lavoro”. Un rapporto di crescita per Maria Cristina, quello con la Bcc. “Ricordo particolarmente il passaggio dalla vecchia sede, accanto al bar Nazionale, a questa di oggi, si migliorava e c’era molta voglia di fare e di rinnovarsi. Ma sono stati tanti i momenti belli e im-

Testimonianze, ricerche, documenti

183


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

184

portanti in questi anni”. La Bcc punta all’integrazione, con i propri soci, e con i dipendenti. Questo il motivo delle occasioni di svago organizzate dall’istituto bancario di Capaccio alle quali Maria Cristina partecipa sempre con piacere. “Abbiamo istituito il Cral ed ogni tanto ci organizziamo per fare delle cose assieme. In questi anni sono anche stata presidente. Ritengo importanti queste occasioni di incontro”. E’ la dipendente più anziana, ma solo per quanto riguarda gli anni di servizio, e ne va orgogliosa. In ventiquattro anni ha visto crescere la Bcc di Capaccio ed oggi ne è senza dubbio, e inevitabilmente, uno dei dipendenti più affezionati.

IL PRIMO DIPENDENTE UOMO “Sono stato assunto l’1 aprile del 1970. Ho partecipato al primo concorso bandito dalla Cassa Rurale”. Carmine D’Angelo, classe 1941, nel 2003 è il dipendente che lavora da più anni nella Bcc di Capaccio. Evoluzioni e cambiamenti che hanno portato dalla Cassa Rurale ed Artigiana, a ciò che è oggi la Banca di Credito Cooperativo di Capaccio, sono tutti racchiusi nel suo libro dei ricordi. “Era un concorso per un impiegato di prima categoria, un contabile, ed uno di terza. Dal 1973 sostituii il contabile che andò in pensione, Vito Granato, fratello di un ex presidente. Eravamo pochi: Arenella, Infante, Marandino, Petraglia, io e Paradiso, quest’ultimo assunto con me”. La banca cresce, gli impiegati aumentano,

184

nel 1975 ci fu un nuovo concorso. “Lo spazio cominciò ad essere poco, per cui furono presi due appartamenti nello stesso palazzo, al secondo piano: uno per la parte amministrativa, l’altro per la segreteria fidi. Siamo stati lì fino al 1989”. In quell’anno avviene il trasferimento nell’attuale sede, una struttura avveniristica. “All’inizio è stato strano trovarci in questa sede. Poi siamo riusciti ad ambientarci. Si pensò di dare alla banca una sede moderna, importante. Nella zona si stavano insediando altre banche. Ed in effetti, ancora oggi, molti cittadini si danno appuntamento davanti alla “banca” ed intendono senza dubbio questa. E’ la banca dei capaccesi”. Cambiano i tempi, arrivano nuovi e più veloci sistemi di lavoro. D’Angelo ricorda ancora quando la maggior parte dei conti avveniva senza i moderni personal computer. “Le macchinette per fare la quadratura erano manuali, spesso la sera si faceva tardi. Una sera particolare era il 31 dicembre, quando tutti cercavamo di fare presto perché era Capodanno, e invece occorreva contabilizzare gli interessi. Nei primi anni Ottanta è iniziato a cambiare il sistema informatico”. Cambia il lavoro, cambiano anche i rapporti tra gli impiegati. “E’ come il passaggio dal piccolo paese alla città. Prima eravamo di meno, stavamo più a contatto. Oggi molti dipendenti lavorano in filiale. E’ stata comunque un’importante crescita, abbiamo diverse filiali, e ora stiamo potenziando anche i Bancomat”. Il Credito Cooperativo, rispetto alle altre banche, ha una dimensione più familiare nei confronti di soci e clienti. “Conosciamo meglio le persone, i clienti sono persone del posto, è più facile capirne le esigenze ed instaurare con loro un rapporto di fiducia. Abbiamo sempre cercato di mettere a loro agio le persone e di essere chiari”. Un rapporto, quello tra D’Angelo e la Bcc, che in 33 anni è cresciuto, facendo di lui una colonna portante del Credito Cooperativo di Capaccio.

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

185

LE ULTIME DIPENDENTI ASSUNTE Prima figlie di soci, poi dipendenti della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio. L’idea che per prima s’imprime nei loro ricordi è quella delle annuali feste del socio a cui prendevano parte da ragazzine assieme ai genitori. Occasione in cui gli studenti più meritevoli per i risultati scolastici conseguiti, ricevevano dalla banca una borsa di studio. Chiara Catarozzo, 24 anni, Carmen Sabia, 25 anni e Paola Torre, 27 anni, il concorso lo hanno fatto nell’autunno del 2002. Un concorso ormai riservato esclusivamente ai figli di soci, a cui hanno partecipato comunque in tanti. “Abbiamo ricevuto la notizie del concorso attraverso una lettera inviata dalla banca - ricorda Paola - l’1 ottobre abbiamo sostenuto l’esame scritto, dopo circa un mese l’orale. A dicembre ho appreso di averlo superato. Prima ero una studentessa di economia e commercio. Oggi lavoro, mi sento più indipendente, e continuo a studiare”. Per tutte e tre l’assunzione è arrivata il 2 gennaio del 2003. “Quando ho fatto il concorso studiavo giurisprudenza e continuo anche ora - spiega Chiara - la mia vita, in meno di un anno di lavoro, è cambiata da tutti i punti di vista, dagli orari al senso di responsabilità”. Una coincidenza del destino quella capitata a Carmen: “ho saputo di aver vinto il concorso lo stesso giorno in cui mi sono laureata. Per me il cambiamento è stato rivoluzionario. Infatti ero titubante a fare il concorso perché studiavo lettere e le materie bancarie non le conoscevo affatto. Ho dovuto studiare sodo. Sono stati i miei genitori ad insistere perché tentassi il concorso, ed ora sono contenta di averlo fatto”. “Mi piace molto il contatto con la gente continua Paola - l’esperienza è molto positiva, sia perché un lavoro ti rende indipendente, sia perché cambiano anche le responsabilità. Mi sono integrata bene.

Testimonianze, ricerche, documenti

Le ultime dipendenti assunte Da sinistra Carmen Sabia, Paola Torre e Chiara Catarozzo.

Di sicuro c’è un abisso tra ciò che studi a scuola e all’università, e ciò che impari facendo pratica”. Un bilancio decisamente positivo anche per Chiara: “la realtà bancaria mi ha sempre incuriosita e il lavoro mi ha fatta crescere, anche nei miei rapporti con i colleghi e con la gente”. “Di sicuro questo lavoro m’impegna molto - conclude Carmen - mi rimane pochissimo tempo libero, ma ne vale la pena”.

185


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.19

Pagina

186

ELENCO DEI SOCI AGGIORNATO AL 23 SETTEMBRE 2003 Nominativo

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Acanfora Pasquale Accarino Caterina Annunziata Acito Olimpia Acito Tommasina Adinolfi Carmine Adinolfi Domenico Adinolfi Elisabetta Adinolfi Giuseppe Adinolfi Vincenzo Agresti Giuseppe Agresti Immacolata Alberico Pasquale Alessandri Maria Alessio Angelo Alessio Matteo Alfano Angelina Alfano Vincenzo Altieri Mario Amato Giuseppe Amatruda Alfredo Andreioli Angela Angarola Claudio Angarola Domenico Angarola Giovanni Angarola Giuseppe Annunziata Giovanni Annunziata Marco Antico Carminantonio Antico Carmine Antonio Aquino Michele Arenella Alberto Arenella Antonio Arenella Cosimo Arenella Francesco Arenella Pompeo Arpino Matteo Astore Marisa Atrigna Bruno Attanasio Adelmo Attanasio Angelo Attanasio Consiglia Aulisio Nicola Auricchio Antonio Avagliano Thomas Domenico Avallone Pasquale Bacco Paola Bambacaro Mario Bamonte Ermenegildo Bamonte Giuseppe Bamonte Patrizia Baratta Cecilia Barbarulo Alberico Barlotti Antonella Barlotti Antonio Barlotti Antonio Barlotti Fabio

Barlotti Luigi Barlotti Luigi Barlotti Maria Barlotti Mario Barlotti Nunziante Barlotti Nunziante Barlotti Nunziante Barlotti Raffaele Barlotti Raffaele Barlotti Vincenzo Barlotti Vincenzo Barra Ernesto Bavoso Angelo Bavoso Cesarina Bavoso Maria Pia Norma Bavoso Ruggiero Bavoso Ruggiero Bavoso Vito Bellelli Elvira Bellelli Enrico Bellelli Ettore Bellelli Federica Bellelli Federico Bellissimo Anna Belmonte Amelia Belmonte Domenico Belmonte Donato Benvenuto Vincenzo Bernardi Dalgisio Bernardi Gerardo Bernardi Giorgio Bifulco Giuseppe Bifulco Mario Bitonte Generoso Giuseppe Bonora Giovanni Bonora Roberto Borello Costantino Borrelli Ciro Bortone Carmela Bosco Michele Bottiglieri Angelo Bove Cosimo Brenca Domenico Brenca Gabriele Brenca Luciana Bressan Angelo Bressan Francesco Bruno Albertina Bruno Antonio Bruno Emilia Bruno Gaetano Bruno Giuseppe Bruno Giuseppe Buccella Pasquale Buccino Giuseppe Buccino Raffaele

Buccino Silvestro Buonora Filomena Butrico Domenico Butrico Sergio Cafaro Carmine Cafasso Alberico Cafasso Giorgio Cafasso Giovanni Caiazzo Vito Caliendo Luigi Caliendo Nicola Cammarano Francesco Cammarano Ida Cammardella Italia Campitiello Domenico Cannata Francesco Maria Cantalupo Maria Cantiello Raffaele Capo Angelo Capo Antonietta Capo Antonio Capo Carmine Capo Cosimo Capo Franco Capo Giovanni Capo Liliana Teresa Capo Lucido Capo Lucio Capo Sofia Salvina Capo Vincenzo Capozzoli Domenico Capozzoli Filomena Capozzoli Francesco Capozzoli Francesco Capozzoli Massimo Capozzoli Vito Capranelli Guglielmo Capuano Lidia Caramante Giovanni Carione Anna Maria Carione Guido Antonio Caroccia Giuseppe Mauro Carola Cosimo Carola Teresa Casabella Teresa Cassese Francesco Cassese Salvatore Castellari Faliero Castelli Gustavo Castoro Matteo Catania Eduardo Catarozzi Rosario Catarozzo Camillo Catarozzo Elisabetta Catauro Ezio Cavaliere Rosa

Cavallaro Alfonso Cavallo Angelo Cavallo Gabriele Cavallo Gabriella Cavallo Giuseppe Cavallo Vito Ceccia Pasquale Cerrato Giovanni Cerrato Michele Cerrato Vincenzo Cerruti Matteo Cerruti Vito Cerullo Carmine Cerullo Vincenzo Cesaro Carmine Chiacchiaro Antonio Raffaele Chiacchiaro Bruno Chirico Angelo Chiumiento Luigi Chiumiento Nicola Ciancio Antonio Ciancio Rinaldo Cicalese Annamaria Ciliberti Luigi Cirillo Antonio Cirillo Vincenzo Cirillo Vincenzo Cirone Donato Ciuccio Angela Ciuccio Antonio Cola Mariano Colangelo Pasqualino Compagnone Angelantonio Conforti Biagio Conforti Mario Conforto Francesco Conio Luigi Consalvo Gerardo Coppola Italo Coppola Natale Corradino Domenico Corradino Michele Cortazzi Pasquale Costantino Vito Costanza Giuseppina Coviello Anna Maria Coviello Amedeo Coviello Francesco Criscuolo Pasqualina Crocamo Clementina Crocamo Cosimo Cucco Antonia Cuomo Domenico Curcio Giovanni Cursaro Ilario Cursaro Mariangela

186

BCC Capaccio

50째 Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.20

Pagina

187

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Cursaro Pietro Cursaro Rosangela Cursaro Vincenzo D’adamo Giuseppe D’agosto Mario D’alessandro Alessandro D’alessandro Andrea D’alessandro Carmine D’alessandro Germano D’alessandro Luigi Gerardo D’alessio Assunta D’alessio Biagio D’alessio Carmine D’alessio Ferdinando D’alessio Francesco D’alessio Francesco D’alessio Gennaro D’alessio Giuseppe D’alessio Guido D’alessio Guido D’alessio Luigi D’alessio Mario D’alessio Pietro D’alessio Pietro D’alessio Rita D’alessio Vincenzo D’amato Gabriella D’ambrogio Antonio D’ambrogio Antonio D’amico Carmelo D’angelo Alfonso D’angelo Angelina D’angelo Annunziata D’angelo Antonietta D’angelo Antonio D’angelo Antonio D’angelo Beniamino D’angelo Carmine D’angelo Carmine D’angelo Claudio D’angelo Damiano D’angelo Domenico D’angelo Domenico D’angelo Gabriele D’angelo Giovanni D’angelo Giuseppe D’angelo Giuseppe D’angelo Maria D’angelo Michele D’angelo Raffaele D’angelo Rosanna Daniele Antonio Daniele Emiliano Daniele Ernesto Daniele Giovanni Daniele Giovanni Angelo

Daniele Mario Daniele Massimo Daniele Pasquale Daniele Pasquale D’anzilio Antonio D’anzilio Aurora D’anzilio Luigi De Angelis Michele De Carli Carlo De Feo Giovanna De Feo Nicola De Gregorio Ivonne De Luca Ilario De Lucia Antonio De Marco Felice De Marco Elia Donato De Marco Giuseppe De Marco Giuseppe De Marco Rina Pasqualina De Maria Rosa De Martino Salvatore De Nigris Giovanna De Palma Giulia De Riccardis Salvatore De Rosa Angela De Rosa Antonio De Rosa Carmine De Rosa Egidio De Rosa Francesco De Rosa Franco De Rosa Gabriele De Rosa Maria De Rosa Michele De Rosa Pasquale De Rosa Pasquale De Rosa Vito De Rosa Vittorio De Santi Tonio De Santis Adele Antonietta De Santis Carmine De Santis Domenico De Santis Pasquale De Simone Gianpaolo De Simone Piero De Simone Roberto De Vivo Gennaro Del Fatto Giuseppa D’elia Angelina Della Corte Assunta Della Corte Rosanna Della Monica Vincenzo Della Sala Antonio Della Sala Carminantonio Della Sala Ottavio Delli Priscoli Annunziata Delli Priscoli Luigi Gino

Delli Santi Nicola Delli Santi Vincenzo Desiderio Antonio Desiderio Ferdinando Desiderio Fortunato Desiderio Giuseppe Desiderio Maria Assunta Desiderio Mario Desiderio Mario Desiderio Nicola Desiderio Raffaele Desiderio Sabato Desiderio Valerio Desiderio Vincenzo Desiderio Vito Desimone Angela Desimone Ezio Di Bartolomeo Giuseppe Di Bartolomeo Raffaele Di Biasi Eugenio Di Biasi Sergio Di Canto Arturo Di Canto Baldo Di Crisci Francesco Di Dario Nicola Di Filippo Antonio Di Filippo Cosimo Di Filippo Domenico Di Filippo Francesco Di Filippo Giuseppe Di Filippo Giuseppe Di Filippo Lezieri Di Filippo Marco Di Filippo Pasquale Di Filippo Pasquale Di Filippo Pietro Di Filippo Vincenzo Di Filippo Vincenzo Di Filippo Vincenzo Di Fiore Giuseppe Di Fiore Modesto Di Flora Giuseppe Di Gaeta Domenico Di Giovanni Antonio Di Iaconi Angelo Di Iaconi Domenico Di Lascio Aldo Di Lascio Aldo Di Lascio Davide Di Lascio Domenico Angelo Di Lascio Enrico Di Lascio Enrico Di Lascio Francesco Di Lascio Luigi Di Lascio Luigi Di Lascio Luigi

Di Lascio Renato Di Lascio Vincenza Di Luccio Luigi Di Lucia Cosimo Di Lucia Gennaro Di Lucia Gerardo Di Lucia Giuseppe Di Lucia Leopoldo Di Lucia Sofia Di Lucia Antonio Di Lucia Vincenzo Di Lucia Vito Di Masi Vincenzo Di Mauro Gerardo Stefano Di Muro Immacolata Di Nome Pietro Di Palma Enrico Di Perna Franco Di Ruocco Bianca Di Santi Massimo Di Sessa Antonio Di Sessa Domenico Di Sirio Gaetano Di Sirio Gaetano Di Spirito Nicola Di Spirito Nicola Di Stasi Luigi Di Stasi Antonio Di Verniere Giuseppe Diana Luigi D’onofrio Arnaldo Esposito Benito Esposito Delfina Esposito Gennaro Esposito Giuseppe Esposito Vincenzo Farro Eleonora Farro Luciano Farro Maria Rosaria Farro Pietro Farro Sergio Farro Vito Fasano Amelia Fasolino Raffaele Federico Giovanni Fedone Antonio Ferrara Anna Ferrara Donato Ferrara Luigi Ferrara Mauro Ferraro Giuseppe Ferrentino Antonio Ferri Antonio Ferruzzi Alfonso Foglia Antonio Forrisi Giuseppe

Testimonianze, ricerche, documenti

187


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.20

Pagina

188

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Forte Isaia Forte Mauro Fraiese Berardino Fraiese Francesco Fraiese Gaetano Fraiese Giovanni Fraiese Giovanni Fraiese Rosario Fraiese Vincenzo Francia Anna Francia Carmine Francia Rosario Francione Maria Franco Agostino Franco Amedeo Franco Angelo Maria Franco Angelo Maria Vincenzo Franco Anna Franco Antonia Franco Antonio Franco Carmine Giuseppe Franco Crescenzo Franco Crescenzo Franco Ferdinando Franco Francesco Franco Francesco Franco Francesco Franco Giacomo Franco Luigi Franco Marcello Franco Maria Carmela Franco Maria Maddalena Franco Matteo Franco Matteo Franco Maurizio Franco Nicola Franco Rosario Franco Vincenzo Franco Vito Franco Vito Franco Vito Franco Vito Frunzo Pasquale Gaglione Annunziata Galardi Giovanni Galardi Giuseppe Galardo Arcangelo Galardo Pasquale Gallo Carmine Gallo Francesco Gallo Pasquale Galzerano Raffaele Gambardella Giovanni Garofalo Anna Maria Garofalo Corrado Garofalo Ercole

Garofalo Landa Garofalo Mauro Garofalo Rosa Giannatiempo Rosario Giannone Giovanni Antonio Giannone Rocco Gioia Giuseppe Giordano Emilia Giordano Iolanda Giudice Umberto Giudice Valentino Giuliani Nicoletta Giuliano Giacomo Gnarra Ariosto Gorga Giuseppe Gorga Luciano Gorga Nicola Luigi Gorrasi Ida Gorrasi Maria Gorrasi Massimo Gorrasi Vera Granato Aldo Granato Caterina Granato Gigliola Granato Rita Grattacaso Francesco Grattacaso Giovanni Grattacaso Giuseppe Grattacaso Guido Grattacaso Lucia Grattacaso Maria Maddalena Grattacaso Pasquale Grattacaso Vito Grattacaso Vittorio Graziuso Maria Graziuso Pasquale Graziuso Vincenzo Gregorio Salvatore Grippa Vincenzo Grippo Mario Grompone Annunziata Grompone Fiorenzo Guadagno Marilena Guadagno Pietro Riccardo Guariglia Attilio Guariglia Carmine Guarino Anna Guarracino Giovanni Guarracino Giovanni Guarracino Michele Guarracino Sofia Guarracino Teresa Guazzo Maria Lucrezia Guazzo Giovanni Guazzo Teresa Guazzo Vincenzo

Guerra Raffaele Guglielmotti Giuseppe Gugliemotti Giuseppina Maria Guida Caio Guida Carlo Guida Filippo Guida Pasquale Iannacco Anna Iannacco Antonio Iannacco Francesco Iannelli Antonio Iannelli Carmine Ianniello Michele Iannone Carmine Iannone Giuseppe Iannone Michele Iannuzzi Francesco Iannuzzi Francesco Iannuzzi Giovanni Iasi Anna Imbriaco Dante Impemba Umberto Iuliano Armando Iuliano Assunta Maria Iuliano Gabriele Iuliano Giovanni Iuliano Vincenzo Izzo Lina Lamanna Aniello Lamanna Aniello Lambiase Bruno Landi Donata Lanza Concetta Lanzara Domenico Laurito Teresa Lembo Gerardo Leone Gaetano Leone Sinforosa Lettieri Antonio Lettieri Grazia Lettieri Roberto Angelo Licinio Arturo Liguori Luigi Limone Cosimo Damiano Lo Presti Mauro Lo Schiavo Giuseppe Lo Schiavo Maria Carmela Lodato Michela Lombardi Aldo Lombardo Nicola Lombardo Pasquale Longo Alfonso Longo Anna Longo Francesco Longobardi Antonio Longobardi Giancarlo

Longobardi Giovanni Longobardi Romeo Lopez Marilena Lotoro Antonio Luciano Fiore Lupo’ Francesca Maffia Angelo Maffia Anna Maglio Michele Maida Raffaella Maiellaro Romeo Mainardi Luigi Mainardi Salvatore Maio Ferdinando Maio Pasquale Maio Pietro Maio Vincenzo Maisto Michele Malangone Guglielmo Malangone Nunzio Malangone Silvana Malfeo Ubaldo Mallamaci Vincenzo Mandetta Angelo Mandetta Dante Mandetta Dante Manganelli Carmelo Manzo Giovanni Manzo Vincenzo Marandino Anna Marandino Anna Maria Marandino Dario Marandino Immacolata Marandino Leopoldo Marandino Leopoldo Marandino Luigi Marandino Luigi Marandino Pasqualina Marandino Renato Marandino Rosario Marandino Vincenza Marano Giuseppe Marano Pasquale Maratea Elvira Mari Rocco Marino Amerigo Marino Angelina Marino Anna Marino Anna Marino Anna Maria Marino Camillo Aniello Marino Carmela Marino Carmine Marino Corrado Marino Cosimo Marino Domenico

188

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.20

Pagina

189

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Marino Domenico Marino Donato Marino Donato Marino Francesco Marino Francesco Marino Francesco Antonio Marino Giovanni Marino Giovanni Marino Giovanni Marino Lorenzo Marino Luciano Antonio Marino Luigi Marino Mario Marino Pasquale Marino Pasquale Marino Pasquale Marino Pasquale Marino Pietro Giovanni Marino Raffaele Marino Raffaele Marino Raffaele Marino Remo Marra Antonio Marra Pasquale Marrazzo Donata Marsicano Giuseppe Marsico Antonio Marsico Mario Martorano Domenico Martucciello Vincenzo Mastandrea Diodoro Mastrandrea Carmelina Mastrandrea Giovanna Mastrandrea Vito Matonte Giovanni Matrone Alfonso Mauro Adriano Mauro Anella Mauro Angelo Mauro Donato Mauro Donato Mauro Gabriele Mauro Gabriele Mauro Giuseppe Mauro Mario Mauro Pasquale Mauro Pasquale Mauro Pasquale Mauro Tommaso Mazza Giuseppe Mazza Pasquale Melella Armando Mello Mario Meola Salvatore Meola Vincenzo Merola Alessandro

Merola Almerindo Merola Angelo Merola Cosimo Merola Vincenzo Merola Vittorio Messano Piero Miano Antonio Miano Antonio Miano Lorenzo Miano Rosario Migliaccio Fiorina Migliaccio Franco Miglino Alfredo Miglino Giocondo Miglino Giovanni Milo Domenico Milo Raffaele Miniaci Evangelista Miniaci Giovanni Minichino Angelo Donato Minichino Francesco Minopoli Annunziata Miranda Giangerardo Mirarchi Antonio Mirarchi Davide Monaco Giovanni Monaco Luigi Monaco Mario Ferdinando Monte Alessandro Montechiaro Giuseppe Monzo Anna Monzo Antonio Monzo Giovanni Monzo Giovanni Monzo Vincenzo Monzo Vincenzo Morlano Giuseppe Morlano Lucio Mosca Pietro Mottola Carmela Mottola Elio Mucciolo Angela Mucciolo Angela Mucciolo Angela Mucciolo Anna Mucciolo Anna Mucciolo Carmine Mucciolo Luigi Mucciolo Maria Nicolina Mucciolo Nicolina Musco Ettore Musto Bruno Napoletano Achille Napoli Amelia Napolitano Antonio Napolitano Biagio

Napolitano Pasquale Nappo Gaetano Nappo Gelsomina Nappo Lazzaro Nese Domenico Antonio Nese Maria Teresa Nevola Cesare Nevola Ornella Nicodemo Gaetano Nicodemo Gerardo Nicodemo Nicola Nicodemo Oscar Nicoletti Pasquale Nigro Francesco Nisi Luigi Noce Aldo Noce Donato Noce Fausto Noce Pietro Odierna Arturo Orlando Angelo Orlotti Alfonso Francesco Paestum Soc. Coop. A.R. Pagano Adamo Pagano Antonietta Pagano Giuseppe Paladino Carmine Palladino Antonio Palladino Donato Palladino Raffaele Palladino Vito Palma Alfredo Palma Antonio Palma Iolanda Palma Renato Palmieri Antonio Palumbo Alfonso Palumbo Gennaro Pannullo Alberto Pannullo Antonio Pannullo Italo Pannullo Marino Pannuto Antonio Pannuto Giuseppe Paolillo Maurizio Paolino Anna Paolino Antonio Paolino Antonio Paolino Arturo Paolino Giovanni Paolino Luigi Paolino Mariantonio Paolino Teresa Paradiso Michele Paraggio Nicola Parisi Giovanni Di Domenico

Parisi Palma Parisi Santina Parmisciano Emilio Passaro Raffaele Albino Patella Amodio Patella Amodio Francesco Patella Emiddio Pazzanese Antonio Pazzanese Pasquale Peccianti Nello Pecora Antonio Pecora Francesco Pellegrino Giuseppe Peluso Antonio Pennacchio Giuseppantonio Pepe Anna Maria Pepe Antonio Pepe Antonio Pepe Maria Perez De Vera Antonio Perillo Nicola Petillo Alfonso Petraglia Alessandro Petraglia Angelantonio Petraglia Antonio Petraglia Antonio Petraglia Arginto Petraglia Francesco Petraglia Luigi Piano Filomena Piano Mario Picariello Luigi Picilli Angelo Picilli Erasmo Picilli Erasmo Fu Giovanni Picilli Gabriele Pico Antonio Pierro Donato Pierro Raffaele Pingaro Francesco Pingaro Grazia Pingaro Rosario Pingaro Vincenzo Pingaro Vincenzo Pinto Antonio Salvatore Pipolo Carmine Pipolo Maria Rosaria Pisacane Pasquale Pisani Luigi Pizza Guido Pomposelli Luigi Poto Donato Prearo Antonio Prearo Emilio Prearo Emilio Prearo Osvaldo

Testimonianze, ricerche, documenti

189


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.20

Pagina

190

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Prearo Silvio Puca Gaetano Puca Raffaele Quaglia Alessandro Quaglia Angelo Quaglia Domenico Quaglia Emilio Quaglia Francesco Quaglia Impero Quaglia Luigi Quaglia Maria Rosaria Quaglia Pasquale Quaglia Pasqualina Raeli Francesco Ragni Nicola Rago Massimo Ragone Michele Raia Fortunata Antonietta C. Rainone Felicetta Raito Ciro Raito Enrico Ranno Francesco Rega Gerardo Renna Alfredo Renna Antonio Renna Domenico Ricco Albino Ricco Antonio Ricco Giuseppe Ricco Raffaele Rinaldi Antonio Rinaldi Gennaro Rinascita Agricola S.C.R.L. Rispoli Giuseppe Rivabianca Coop. A R.L. Rizzo Candida Rizzo Costantino Rizzo Domenico Rizzo Giuseppe Rizzo Mariano Rizzo Rosario Rizzo Vincenzo Rocco Antonia Romano Fulgenzio Ronca Domenico Ronca Raffaele Rossi Pasquale Rossomando Fiorentino Rubini Vincenzo Rufo Vito Ruggiero Vittorio Ruocco Aniello Russo Albino Russo Alessandro Russo Anna Russo Antonio

Russo Arturo Russo Francesco Russo Maria Teresa Russo Matilde Russo Pasquale Russo Raffaele Russomando Franco Sabetta Angelina Sabetta Franco Sabetta Giuseppe Sabia Angelo Sabia Antonio Sabia Giuseppe Sabia Luciano Sabia Mattia Sabia Mattia Sabia Pasquale Sabia Pietro Sabia Pietro Sabia Vincenzo Sacco Antonio Sacco Gerardina Sacco Mario Sacco Pasquale Salati Iannitti Antonio Salati Iannitti Evelina Salati Iannitti Giovanni Salviuolo Michele Salviuolo Michele Salviuolo Michele Salzano Domenico Sanfilippo Calogero Sanfilippo Rosalia Sangiovanni Donato Sangiovanni Pietro Sannino Luigi Santalucia Antonio Santalucia Giuseppe Santalucia Rosalba Santomauro Aldo Santomauro Alfonso Santomauro Anna Santomauro Antonio Santomauro Cosimo Santomauro Diomira Santomauro Enrico Santomauro Mario Santomauro Pasquale Santomauro Pasquale Santoro Antonio Santoro Domenico Santoro Giuseppe Sapere Alfonso Sapere Bruno Sapere Teresa Sarno Vincenzo

Savarese Anna Scairati Vito Scalzone Carlo Scalzone Carmela Scanavino Annarita Scarano Catello Scarano Giovanna Scarfo’ Teodora Scariati Giovanni Schiavone Antonio Scovotto Antonio Scovotto Antonio Scovotto Antonio Scovotto Carmine Scovotto Dario Scovotto Giuseppe Scovotto Lucio Scovotto Pasquale Scovotto Raffaele Scovotto Raffaele Senatore Elvino Senatore Vincenzo Sergio Alfonso Sergio Vincenzo Serra Anna Maria Serra Domenico Serra Francesco Serra Vincenzo Serra Vincenzo Serrapede Liberato Serrone Domenico Severino Gabriele Sgangarella Valvano Mario Siano Alfonso Siano Sante Benedetto Sica Donato Sica Gerardo Sica Maria Somma Carmine Sorgente Marino Sorrentino Salvatore Sparano Carmela Sparano Umberto Spiotta Carmelo Spiotta Margherita Spiotta Rosetta Spirito Angelo Spirito Giuseppe Spirito Raffaele Squecco Gaetano Mario Stabile Giuseppe Stabile Luigi Stabile Maria Stabile Maria Stabile Rocco Stabile Rosaria

Starace Giuseppe Stasi Luigi Stellato Carmela Stellato Donata Carmela Stellato Francesco Saverio Stellato Francesco Saverio Stellato Stefania Anna Maria Stromilli Bianca Stromillo Antonino Stromillo Leopoldo Tabano Gaetano Tabano Guido Tabano Lucia Taddeo Anna Taddeo Antonio Taddeo Franco Taddeo Giuseppe Taddeo Giuseppina Taddeo Maria Antonia Taddeo Mario Taddeo Raffaele Tafuri Angela Tafuri Luigi Tafuri Luigi Tafuri Pasquale Tambasco Mario Tanza Remo Luigi Tanza Adelaide Tanza Domenico Tardio Danilo Tardio Esterino Tata Elena Taurone Domenico Tedesco Alfonso Tedesco Giovanni Tedesco Mario Tempa Pezzuta - S.C.R.L Terlizzi Antonio Tesauro Pasquale Tierno Geremia Tolomeo Peppino Tomeo Pasquale Tommasini D’angelo Antonio Torlo Emilio Torre Angelo Torre Domenico Torre Mario Torre Umberto Torre Vittorio Torrusio Angelo Torrusio Franco Torrusio Giuseppe Torrusio Luigi Torrusio Sabato Tortora Alfonso Tortora Vincenzo

190

BCC Capaccio

50° Anniversario


BCC50_RM-148-192-.qxd

15/12/2003

17.26

Pagina

191

Nominativo

Nominativo

Nominativo

Tortorella Elena Tortorella Leonardo Trellizzi Mario Trippa Massimo Trippa Vincenzo Troncone Giuseppe Truono Rosanna Tufano Francesco Urti Gabriele Vairo Anna Maria Vairo Silvana Vecchio Antonio Vecchio Domenico Vecchio Vincenzo Venosa Michele Vernieri Angela Vernieri Luigi Verrone Antonio Verrone Domenico Verrone Lorenzo Verrone Nicola Verticchio Severo Vertullo Carmine Vicedomine Ferdinando

Vicedomini Giuseppe Vicidomini Ciro Vicidomini Ferdinando Vicidomini Gerardo Vignola Giuseppe Vigorito Rocco Vigorito Umberto Villecco Anna Vitale Domenico Vito Edoardo Vitolo Cosimo Vitolo Luigi Vitolo Pasquale Vitolo Rodolfo Vitolo Vittorio Vitrone Fulvio Volpe Giuseppe Volpe Melia Volpe Pasquale Vona Carmine Vona Fiorenza Voza Aldo Voza Alessandra Voza Angelamaria

Voza Antonino Voza Antonio Voza Benedetto Voza Carmine Voza Dalmazio Voza Eustachio Voza Eustachio Voza Francesco Voza Francesco Voza Francesco Saverio Voza Francesco Saverio Voza Gaetano Voza Genoveffa Voza Gianpaolo Voza Italo Voza Marco Voza Maria Grazia Voza Roberto Voza Vincenzo Vuto Edoardo Zambrano Giuseppe Zerenga Anna Zerenga Raffaele

ELENCO DEI SOCI ISCRITTI DOPO IL 23 SETTEMBRE 2003 Nominativo

Nominativo

Nominativo

Apadula Lorenzo Capo Giuseppe Caruso Damiano D’Amato Marisa Desiderio Maria Teresa Di Canto Iolanda Di Giovanni Monica

Esposito Pasquale Francia Giuseppe Imbriaco Marco Landi Antonetta Mandetta Gianluca Marano Anna Maria Marzucca Angela

Nicastro Vincenzo Petraglia Pasquale Riccio Stefano Scovotto Luigi Sergio Angelo

Il Presidente Antonio Vecchio con alcuni nuovi Soci.

Testimonianze, ricerche, documenti

191


BCC50_RM-148-192-.qxd

23/03/2004

17.20

Pagina

192

BIBLIOGRAFIA PAOLO PAOLINO: Lotte per la terra e Riforma Fondiaria nella piana del Sele - Boccia Salerno 1991 LICEO SCIENTIFICO: “A. GATTO” CAPACCIO SCALO - Annuario 1996 - C.G.M: Agropoli (SA) 1996 ROBERTO ZIGLIOLI: Caravaggio Cento anni di storia per la crescita di una comunità - Press R3 Almenno San Bartolomeo (BG) 2003 LUIGI BANDIERA: 75 anni della Cassa Rurale ed Artigiana di Palestrina - Storia di una istituzione, storia di una città - I.T.L. Palestrina 1984 MARIO MELLO - VINCENZO RUBINI: Ritorno a Capaccio - Documenti e Memorie - Un itinerario fra le terre della piana e le vie del centro collinare - EDISUD Salerno 1998 VINCENZO RUBINI: La Coppola di Don Ciccillo ed altre Storie e Storielle Pestane - DELTA 3 Grottaminarda (AV) 1996 LUIGI GORGA: L’ECONOMIA DI CAPACCIOPAESTUM NELLA PIANA DEL SELE (1961 1984) - DE LUCA Salerno 1985 ANGELO CAPO : L’ASSALTO AI LATIFONDI Lotte contadine e riforma agraria a CapaccioPaestum - Galzerano Casalvelino Scalo (SA) 1984

ANGELO CAPO: IL MEZZOGIORNO DAL FEUDO AL LATIFONDO - Proprietà terriera e struttura sociale a Capaccio-Paestum (17901914) - Poligraf Arti Grafiche Salerno 1989 BARBARA LAZZARO: L’USURA NELLA NARRATIVA ITALIANA DELLA SECONDA META’ DELL’OTTOCENTO - Università degli Studi di Roma “LA SAPIENZA” Anno Accademico 1994-95 ROBERTO PAOLILLO: LA TUTELA DELL’IDENTITA’ STORICA COME PARADIGMA DELLA PROGETTAZIONE. IL CASO DI CAPACCIO-PAESTUM POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Architettura Anno Accademico 1988-89 MARIO MELLO: Capaccio e Paestum tra storia e cronaca - FORTUNA E INFELICITA’ DI UN COMUNE - Estratto da “La scuola di domani” Anno IV - n. 6 - marzo 1978 VINCENZO RUBINI: CAPACCIO 1246 - Rivista storica dell’Università FEDERICO II Napoli ANGELO CAPO: CAPACCIO-PAESTUM NEGLI ULTIMI CINQUANT’ANNI ANNUARIO 1944-1994 LICEO CLASSICO “D. ALIGHIERI” - AGROPOLI ANGELO PESCE: SALERNO 1943 – “Operation Avalanche” – Ermanno Alberelli Parma, dicembre 2000.

PIETRO CAFARO: LA SOLIDARIETA’ EFFICIENTE - Storia e prospettive del credito cooperativo in Italia (1883 - 2000) - Editori Laterza 2001

192

BCC Capaccio

50° Anniversario


la storia della banca di capaccio  

la storia della banca di credito cooperativo di capaccio paestum con diversi scritti di oreste mottola

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you