Issuu on Google+

roma •

vanza delle direttive aziendali (circolari) e/o del dirigente (ordini del giorno); controlla che l’attività lavorativa venga svolta conformemente alle norme di sicurezza, alle regole di prudenza ed igiene e in particolare si accerta che vengano usati in modo corretto e costante i DPI e i dispositivi di sicurezza su macchine, attrezzature e impianti e laboratori; ha l’obbligo di riferire al datore di lavoro/dirigente eventuali anomalie ed omissioni.

Gli obblighi stabiliti dal D.Lgs. 81/2008 derivano dalla posizione occupata e dai compiti di fatto esercitati dagli stessi; quindi la qualifica del preposto va attribuita in base alle mansioni concretamente svolte a scuola; tale posizione può essere esercitata da chiunque abbia assunto una condizione di preminenza rispetto ad altri lavoratori, tali da impartire loro direttive, ordini e istruzioni sul lavoro da eseguire. All’interno delle Istituzioni Scolastiche la definizione di preposto può essere sicuramente riferita alle seguenti figure professionali: • il DSGA (Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi) • Vice preside • il responsabile di plesso • i responsabili dei laboratori

i docenti (qualora utilizzino qualsiasi tipo di laboratorio con uso di attrezzature) Di seguito, a titolo esemplificativo, si riportano tipologie di preposti e dei relativi compiti: ■ DSGA: sovrintende il lavoro del personale amministrativo, sorveglia che il lavoro d’ufficio venga svolto secondo il piano annuale e le procedure di sicurezza definite dal RSPP; ■ Vice preside o referente del plesso: sovrintende il lavoro del personale in servizio nell’edificio scolastico, sorveglia che l’attività venga svolta secondo il piano delle attività didattiche predisposto dal Dirigente Scolastico e le procedure di sicurezza definite dal RSPP; ■ Laboratorio: in questo caso possono essere individuati due tipologie di preposto: • insegnanti tecnico pratici e docenti teorici di discipline tecniche o tecnico-scientifiche in laboratorio: il ruolo di preposto è esercitato sugli studenti che frequentano i laboratori; In questi casi i compiti possono essere: • “addestrare” gli allievi all’uso di attrezzature, macchine e tecniche di lavorazione; • sviluppare negli allievi comportamenti di autotutela della salute; • promuovere la conoscenza dei rischi e delle norme di prevenzione e sicurezza nei

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA

61


Quaderno IOroma II-2016