Issuu on Google+

roma essere inferiore a quello massimo ammissibile nella regione alta del vettore spaziale, ove sarà poi ubicato il carico pagante. Il confronto quindi di una condizione operativa in scala con una reale, permette di estendere l’insieme di risultati ottenuti sul prototipo al caso reale, con una preliminare ottimizzazione del vettore e della sua base di lancio.

Ringraziamenti Si ringrazia il Professore Roberto Camussi dell’Università Roma TRE per il contributo apportato durante la stesura della trattazione aeracustica della progettazione dei modellini in scala per mezzo dei gruppi adimensionali.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA

15


Quaderno IOroma II-2016