Issuu on Google+

FOCUS

miche, economico-finanziarie, giuridico amministrative; - la definizione di un “quadro delle compatibilità”, ovvero dei margini all’interno dei quali costruire i possibili Concept del progetto, e la conseguente individuazione degli scenari alternativi; - la definizione dello scenario giudicato “ottimale” dall’amministrazione procedente; - le valutazioni/impatti dello scenario “ottimale”, secondo le quattro componenti tecnico-ambientali, socio economiche, economico-finanziarie, giuridico amministrative; - la documentazione base di output dell’iniziativa: Concept funzionale, prestazionale e dimensionale delle opere da realizzare, valutazione del costo delle opere, piano economico-finanziario e stima dell’eventuale tariffa/ contributo pubblico, descrizione e livelli prestazionali del/i servizio/i connesso/i all’iniziativa, cronoprogramma in fase di realizzazione e di gestione, analisi del rischio, bozza del bando di gara e della bozza della convenzione. inoltre, dovrebbe arricchirsi di un livello di progettazione, e quindi anche di determinazione dei costi

58 ordine degli ingegneri della provinCia di roma

d’intervento, pari, sembrerebbe a quello di un progetto preliminare e, almeno nello spirito della norma, di tutte le approvazioni/autorizzazioni preventive necessarie alla realizzazione delle opere. Queste due ultime “innovazioni” del processo di fattibilità non sono irrilevanti perché presuppongono due fattori determinanti: il progetto di fattibilità ha anche l’obiettivo di “costruire” le condizioni di fattibilità, il dettaglio della elaborazione progettuale contenuta nel Progetto di Fattibilità diventa rilevante anche per ottenere preventivamente le necessarie autorizzazioni. un fattore, quello delle autorizzazioni preventive, che, se effettivamente consolidato, dovrebbe avere un effetto positivo nell’aiutare a superare le diffidenze che i privati hanno rispetto alle tempistiche dei processi pubblici e, quindi, favorirne la partecipazione. Il Progetto di Fattibilità, dunque, diventa a pieno titolo il “cuore” di un PPP, perché non solo definisce l’intero perimetro dell’operazione e del processo, dal progetto fino alla gestione, ma dovrebbe costruire, appunto, le condizioni per la sua riuscita; condizioni che non sono solo autorizzative ma anche di tipo gestionale e di garanzia degli esiti.


Rivista IORoma III-2016