Page 37

INTERSETTORIALE

IL PRIMO PASSAGGIO, CHE TROPPO SPESSO VIENE TRALASCIATO NEL PROJECT MANAGEMENT, CONSISTE NELL’EFFETTUARE UNA ULTERIORE SUDDIVISIONE DEI WORK PACKAGE DELINEATI NELLA WBS (WORK BREAKDOWN STRUCTURE).

U

no degli errori più comuni che si commettono quando si pianificano i tempi di un progetto è quello di utilizzare il software di Project Management come strumento di pianificazione, senza sapere che si tratta di un oggetto che supporta il Project Manager ma non sostituisce il processo di analisi e raccolta di informazioni necessario per il successo del progetto. il primo passaggio, che troppo spesso viene tralasciato, è quello di effettuare un’ulteriore suddivisione dei Work Package delineati nella WBS (Work Breakdown Structure). gli oggetti di più basso livello ottenuti durante la fase di definizione dell’ambito sono soltanto delle macro attività il cui risultato è un deliverable, in questa fase quello che è necessario per analizzare le tempistiche sono i passaggi che ci permettono di ottenere il risultato finale del Work Package (il deliverable). gli elementi ottenuti da questa scomposizione sono chiamati attività e devono rappresentare nel dettaglio i singoli

passi necessari ad ottenere il risultato previsto dal Work Package. per fare un esempio, si consideri la WBS di progetto per la costruzione di un edificio, come Work Package si otterrebbero: “realizzare le fondamenta”, “realizzare la struttura portante”, ecc. per gestire correttamente i tempi è necessario andare a suddividere ulteriormente i singoli oggetti. ad esempio, considerando “realizzare le fondamenta”, i deliverables ottenuti saranno le fondamenta costruite e pronte a sostenere il peso dell’edificio che poi andrà edificato, per definire i tempi è però necessario capire come giungere a questo risultato. perciò le singole attività saranno: “effettuare lo scavo”, “preparare il terreno”, ecc. Questo passaggio è il più delicato di tutto il processo di gestione dei tempi poiché tralasciare alcune attività in questo momento, può portare a pericolose complicazioni durante la realizzazione del progetto. in questa fase è necessario impiegare molto lavoro per giungere ad un risultato sufficientemente dettagliato, per questo se non si ha molto tempo a disposizione, si può utilizzare il metodo di pianificazione a finestra mobile (Rolling wave planning), ovvero il lavoro da svolgere a breve termine viene pianificato nel dettaglio, mentre le attività più lontane nel tempo sono pianificate ad un livello più alto. man mano che ci si avvicina alle attività queste vengono analizzate sempre più a fondo. una volta creata la lista delle attività è necessario definire le dipendenze tra queste ultime, per effettuare questa operazione solitamente il gruppo di lavoro si riunisce ed analizza le singole lavorazioni decidendo il tipo di relazione che le lega e se queste dipendenze sono obbligatorie o discrezionali. da questa analisi si ottiene un grafo che collega tra loro tutte le attività, questa rappresentazione grafica è chiamata “Metodo del Diagramma di Precedenza” (PDM-Precedence Diagram Method); per

35 ordine degli ingegneri della provinCia di roma

Rivista IORoma III-2016  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you